Sei sulla pagina 1di 11

14 novembre ore 9.10: perché Buffett ha già venduto?

Cominciamo con una e-mail:

.... e' vero che W. Buffett sta vendendo tutti i titoli petroliferi che possiede per oltre 3
miliardi di dollari ? e perche' mai poi ?

Non so se sia vero ........ ma è quello che dicono i giornali.

Il motivo?

Il petrolio è ormai in fase di distribuzione ..........

.......... e Buffett non è tra quelli che pensano di riuscire a vendere un istante prima
del massimo ........
........ sicché, giudicando ormai alle spalle il "meglio" dei petroliferi, preferisce
lasciarli in mano a quelli che "se la contano su", nella fantomatica convinzione di
poter avere ancora delle altre soddisfazioni dal petrolio.

Buffett è uno della vecchia scuola, quella di Ben Graham, che compra solo se i titoli
sono sottovalutati di (almeno) il 30%, e vende non appena sono sopravvalutati di
oltre il 30%.

La figura sotto mostra che PetroChina (il titolo petrolifero N.1 al mondo per
capitalizzazione) è già da tempo oltre la linea 30% (Sell).

Altra e-mail:

.... ho cercato nel sito della Banca d'Italia ma non capisco dove hai trovato il dato sull'incremento
medio annuo negli ultimi cinque anno della massa monetaria del 6,52% e gradirei capire anche dove
rilevi l'aumento del Pil dello 0,8% annuo. Puoi essere piu' preciso sulla fonte di questi dati?

Alla pagina http://www.bancaditalia.it/statistiche/indica si trovano i links a tutti gli aggregati monetari,


tra cui M0, M1, M3, etc....
L'andamento del Pil (e degli altri aggregati economici, inflazione compresa) si trovano al sito
dell'Istat (www.istat.it).

Le media degli ultimi 5 anni le ho, ovviamente, costruite io facendo la media semplice degli ultimi 60
mesi disponibili.

La linea blu di figura sotto, mostra la media a 60 mesi della massa M3.

Veniamo al trading.

E' scattato lo short sul Bund.....


..... chiuderemo il trade sul break-out di 114.15.
Nessuna novità (rispetto a quanto noto) sull'euro Fx e, quindi, aspettiamo (per
entrare long) il primo minimo superiore al precedente (che al momento attuale è
quello delle 17.30 del 12 novembre).
E' cominciato (e siamo al Fib), come previsto, lo scorso lunedì il ciclo tracy+1 in
corso ..........
.......... ed oggi, dunque, a meno di variante 4, dovrebbe essere Short day.......
....... ed il Taylor a medio termine che si presenta come in figura sotto .....
..... e, quindi, ci indica che, a cavallo del fine settimana, sul future italiano dovrebbe
esserci uno "stop&reverse" (chiusura del long ed apertura dello short), mentre sul
Dax (figura sotto), dovremmo arrivare a fine mese.
Notizie flash:
Unicredit ha chiuso il terzo trimestre con un calo dei profitti netti del 23% rispetto allo stess
mesi terminati a settembre gli utili netti si sono così attestati a 1,12 miliardi di euro dagli 1,46
beneficiava dell’incidenza di voci straordinarie). Su base comparabile si tratta comunque di una
è inoltre superiore alle stime degli analisti, che erano poste a 995 milioni.

Si sono fatti sentire i riflessi delle turbolenze sul mercato dei crediti e della debolezza d
dell’operatività corrente della divisione Markets & Investment Banking è sceso a 123 milioni,
“impattato negativamente – si legge nella nota di presentazione dei risultati -dalla valutazione m
ma controbilanciato dal contributo positivo di tutte le altre aree di business”. Nel trimestre
copertura e fair value è stato negativo per 11 milioni “a causa della crisi innescata dai risch
benché il gruppo abbia solo un’esposizione marginale su tali asset, il più alto costo del fun
l’effetto della mancanza di liquidità hanno impattato negativamente sulla linea Structured Credi

Tornando alle principali voci del conto economico, sopra le attese anche il risultato di gestione
contro attese a 2,31 miliardi. In linea con le stime invece il margine di intermediazione, attesta
miliardi). A livello di ratio, il Core Tier 1 a fine settembre era pari al 5,98% contro il 5,82% di fin

I profitti netti di Capitalia, la cui fusione con Unicredit ha avuto efficacia solo dall’1 ottobre, o
risultati pari a 82 milioni, contro i 241 di un anno fa.
I dati pro forma del gruppo Unicredit e Capitalia nei primi nove mesi del 2007 evidenziano un m
miliardi, un risultato di gestione di 10, 369 miliardi, un utile lordo dell’operatività corrente
pertinenza del gruppo di 5,334 miliardi. Il Core Tier 1 di gruppo è pari al 6,03%.

L’amministratore delegato del gruppo, Alessandro Profumo, terrà, a partire dalle 9.00 una pres
comunità finanziaria.