Sei sulla pagina 1di 6

Sabina, doppiatrice cinematografica, sposata con Franco, attore in cerca di ruoli migliori.

. bella, il suo compagno la ama e conduce una vita serena... Ma davvero felice? Da qualche tempo, strani incubi la tormentano. Quando scopre di aspettare un bambino, anzich informare il marito, preferisce trascorrere il Natale negli Stati Uniti, ospite del fratello Daniele, docente universitario di lettere classiche. Ha bisogno di tempo per riflettere sul suo passato, sulle rigide abitudini borghesi della sua famiglia. In quelle brevi ma intense settimane, i due fratelli si parlano come non si sono mai parlati prima. Una finestra di ricordi si apre sul mondo interiore di Sabina: l'infanzia, la famiglia, i riti di una borghesia severa e rassicurante al tempo stesso. Ma questa soltanto la superficie. Pi in fondo si agita qualcosa di oscuro e inquietante... La bestia nel cuore parla di sentimenti indicibili, di dolori che ci portiamo dentro e non trovano forma verbale, di sogni che sconvolgono le nostre notti, dell'essere umano sommerso che cerchiamo di evitare per paura. E parla della verit, che porta con s una strada nuova, che s'apre all'improvviso e che non avevamo visto Comencini)
(adattato da: www.cineclick.it/dvd/default.asp)

in

precedenza. (Cristina

Regia: Cristina Comencini Sceneggiatura: Francesca Marciano, Cristina Comencini, Giulia Calenda Genere: Drammatico Produzione: Italia, Gran Bretagna, Francia, Spagna - 2005 Durata: 120 minuti Interpreti principali: Giovanna Mezzogiorno (Sabina), Alessio Boni (Franco), Luigi Lo Cascio (Daniele), Stefania Rocca (Emilia), Angela Finocchiaro (Maria), Giuseppe Battiston (regista Negri), Valerio Binasco (padre), Simona Lisi (madre) Fonte letteraria: Cristina Comencini, La bestia nel cuore, Feltrinelli, 2004.

LA REGISTA
Cristina Comencini nasce a Roma nel 1956. Figlia del grande cineasta Luigi, collabora a lungo col padre in veste di sceneggiatrice. Nel 1988 fa il suo esordio nella regia con Zoo. Tra gli altri suoi film: I divertimenti della vita privata, La fine nota, Matrimoni, Va dove ti porta il cuore (dal romanzo di Susanna Tamaro), Liberate i pesci, Il pi bel giorno della mia vita. La Comencini anche una apprezzata scrittrice di romanzi. Nel 2006 esordisce nella regia teatrale con la messinscena di un suo testo, Due partite.
(adattato da: http://www.feltrinelli.it/SchedaAutore?id_autore=207682)

I PROTAGONISTI
Giovanna Mezzogiorno nasce a Roma nel 1974. Figlia darte, debutta nel cinema nel 1997 con Il viaggio della sposa di Sergio Rubini. Da allora la ritroviamo protagonista in molti film di successo che le valgono numerosissimi premi, tra cui: Del perduto amore di Michele Placido (1998), LUltimo bacio (2001), di Gabriele Muccino, La finestra di fronte (2003) di Ferzan Ozpetek. Nel 2004 nel film di Sergio Rubini, Lamore ritorna e nel 2005 Sabina nel film La bestia nel cuore di Cristina Comencini. Il 2006 la vede protagonista del nuovo film di Francesca Archibugi, Lezioni di volo.
(adattato da: http://it.wikipedia.org/wiki/Giovanna_Mezzogiorno)

Luigi Lo Cascio nasce a Palermo nel 1967. Artista di grande cultura, inizia la sua carriera come attore di teatro. Il debutto nel cinema avviene nel 2000 con il film I cento passi di Marco Tullio Giordana con il quale si aggiudica il David di Donatello come migliore attore protagonista. Nel 2001 vince la Coppa Volpi a Venezia per Luce dei miei occhi di Giuseppe Piccioni. Lo Cascio tra i protagonisti dei maggiori successi della stagione 2002-2003 con La meglio giovent di Marco Tullio Giordana, Buongiorno Notte di Marco Bellocchio e Mio cognato di Alessandro Piva. Nel 2004 protagonista di Occhi di cristallo, un thriller di Eros Puglielli. Nel 2004, Piccioni lo dirige in La vita che vorrei e lanno dopo Cristina Comencini nel film La bestia nel cuore.
(adattato da: http://www.skylife.it/showactor.do?id=24680)

Stefania Rocca nasce a Torino nel 1971. A Roma frequenta il Centro Sperimentale di Cinematografia e successivamente segue presso l'Actor's Studio di New York una serie di corsi. Ha dimostrato negli anni di essere una delle attrici pi interessanti del nuovo cinema italiano. Ottiene il primo grande successo con Nirvana di Gabriele Salvatores. Attrice assai attiva anche in teatro e in televisione, negli ultimi anni ha lavorato con numerosi registi tra cui Dario Argento nel film Il cartaio (2003).
(adattato da: www.kataweb.it/cinema/biografia.jsp?idContent=183099)

Alessio Boni nasce in provincia di Bergamo nel 1966. Gli esordi professionali sono a teatro dove viene diretto da Luca Ronconi e Giorgio Strelher. Verso la met degli anni '90 arrivano le prime parti televisive in fiction di successo (Un prete fra noi, Incantesimo) e i primi ruoli cinematografici; ma nel 2002 con La meglio giovent di Marco Tullio Giordana che Boni s'impone come uno degli attori pi interessanti della sua generazione. Nel 2005 partecipa al film La bestia nel cuore di Cristina Comencini e nel 2006 al film Arrivederci amore, ciao di Michele Soavi.
(adattato da: www.mymovies.it/dizionario/biblio.asp?a=53488)

IL BRUTO
Ricostruite il brano tratto dal capitolo iniziale del romanzo La bestia nel cuore di Cristina Comencini, da cui stato successivamente tratto il film.

punto, guaiti, piacere, bruto, corpo, colonna, lingua, specie, dubbio, voce, cespuglio, sensi
Le inquadrature del volto deformato del -1-, del corpo della ragazza dietro il -2- del parco, del viso di lei che perde i -3-, si bloccano sempre nello stesso -4-, un istante prima che lui venga, steso sul -5- inanimato di lei. Dopo ci sono solo -6- umani e sono gi sulla -7- internazionale, non vanno doppiati, pu restare la -8- dellattore americano. In qualsiasi -9un guaito resta un guaito e i mugolii di -10- sono uguali per tutti gli esseri umani. E non c -11- che anche un violentatore appartiene alla -12-.

IL PIACERE DI LEGGERE
Cristina Comencini, La bestia nel cuore, Feltrinelli. LETERNO INTERROGATIVO SULLAMBIGUIT CHE VIVE IN NOI di Grazia Giordani Il romanzo ha un incipit sconvolgente, espresso con linguaggio volutamente scurrile: la scena di stupro che Sabina, la protagonista, sta doppiando. Un modo, questo, da parte dellautrice, di farci entrare subito nella pienezza violenta della narrazione, metafora della violenza latente, della bestialit sotterranea che secondo la sua visione filosofico-letteraria sembra vivere nel profondo della psiche umana.

LETTERA DALLAMERICA
Completate con le parole mancanti la prima lettera che Sabina invia a Franco da Charlottesville in Virginia, dove abita e lavora il fratello Daniele.

Amore, sto passando delle bellissime -1-, ma non sai quanto mi -2e spero che tu -3- perdonarmi se -4- cos difficile ultimamente. Ma ci sono tante cose che non -5- e di cui ti -6- al mio -7-. Una, in particolare, ci -8-.
IL POETA NASCOSTO
Da ogni riga della colonna di destra cancellate le lettere che corrispondono alla definizione della colonna di sinistra. Le lettere rimaste daranno il nome di un grande personaggio della letteratura italiana del XIX secolo citato nel film. 1. Cre il mitico personaggio di Ulisse. 2. Il lavoro di Sabina. 3. Il contenitore stradale per la raccolta delle immondizie. 4. Lo un piatto un po rotto lungo il bordo. 5. Loggetto che Daniele da bambino lancia contro il padre per evitarne gli abusi. OGMEIRAO DOCPOPIATRIMOCE CASLESONETOTO SBEPCACATO PORSACENDERIE

Il poeta italiano _ _ _ _ _ _ _

________

SIETE SPETTATORI ATTENTI?


Indicate con una X se le seguenti affermazioni riguardanti il film sono vere o false: 1. I genitori di Sabina e Daniele erano entrambi insegnanti. VERO FALSO 2. Il sogno del regista Negri di girare un film sul ritrovamento di un cadavere in un cassonetto per la raccolta dei rifiuti urbani. VERO FALSO 3. Maria, la donna abbandonata dal marito per una ragazzina, usa lo shopping come terapia nei momenti tristi. VERO FALSO 4. Franco accetta volentieri di lavorare per la televisione perch gli interessa comparire davanti a milioni di spettatori. VERO FALSO 5. Anna, la moglie americana di Daniele, segue un corso di lingua italiana alluniversit. VERO FALSO 6. Alcuni edifici delluniversit della Virginia ricordano il Partenone o Delfi. VERO FALSO 7. Emilia, la giovane cieca, non acquista stoviglie nuove perch preferisce maneggiare oggetti che conosceva prima di perdere la vista. VERO FALSO 8. Daniele provoca la morte del padre iniettandogli di nascosto una dose eccessiva di morfina. VERO FALSO

ALLA SCOPERTA DEL BELPAESE


Il presepio una tradizione natalizia tipicamente italiana, sviluppatasi nel XIII secolo grazie a San Francesco dAssisi. In particolare, il presepe napoletano rappresenta una delle tradizioni pi consolidate e seguite che si mantenuta inalterata per secoli. Il secolo d'oro del presepe napoletano il Settecento. I committenti non sono pi solo gli ordini religiosi, ma anche i ricchi e i nobili. La scena si sposta sempre pi al di fuori del gruppo della Sacra famiglia e pi laicamente s'interessa dei pastori, dei venditori ambulanti, dei re Magi, dell'anatomia degli animali. La vera portata e il lascito culturale del presepe napoletano risiedono nel realismo delle sue rappresentazioni. Si potrebbe forse dire che il presepe napoletano stato e rimane un veicolo di identifiicazione della "gens napoletana" e l'antesignano di quel realismo che ha caratterizzato le rappresentazioni teatrali e le produzioni cinematografiche napoletane. Via San Gregorio Armeno, nel centro storico di Napoli, famosa in tutto il mondo per la produzione artigianale di presepi.
(adattato da: http://it.wikipedia.org/wiki/Presepe)

Per saperne di pi: www.presepio.it (il sito dell Associazione Italiana Amici del Presepio)

Il glossario spiega le parole ed espressioni contenute nei dialoghi del film o nei testi del presente fascicolo.

GLOSSARIO

Abuso = uso eccessivo di qualcosa; atto violento nei confronti di una persona in genere pi debole. Accondiscendente = accomodante, arrendevole, conciliante. Antesignano = precursore, pioniere, persona che prima di altri sostiene idee, teorie, tecniche ecc. Bruto = maniaco, persona violenta e perversa. Clangore = rumore assordante e prolungato. Committente = chi d un lavoro o chi ordina della merce. Doppiare = recitare per sostituire la voce originale di un attore. Educanda = ragazza pudica, che si vergogna facilmente. Fasullo = falso, non autentico. Guaito = gemito, lamento emesso da un essere maltrattato. Incipit = (voce latina) le parole con cui inizia un testo. Indicibile = che non si pu descrivere con le parole. Indomito = combattivo, ribelle, che non si sottomette facilmente. Ineluttabile = qualcosa contro cui non si pu combattere. Lascito = eredit, insieme di valori e sentimenti trasmessi alle generazioni future. Latente = nascosto, non manifesto. Mansuetudine = bont, dolcezza, mitezza. Mugolo = guaito, gemito, suono ripetuto in modo lamentoso. Netturbino = spazzino, operatore ecologico, persona addetta alla pulizia delle vie cittadine e alla rimozione dei rifiuti urbani. Presepio (o presepe) = rappresentazione della nascita di Ges e della venuta dei Magi per mezzo di statuine poste in un paesaggio che ricorda quello originale di Betlemme. Puntata = ciascuna delle parti di un programma televisivo. Puzza = odore molto sgradevole. Rantolo = respiro affannoso e lamentoso. Ripiego = rimedio a cui si ricorre quando non possibile altra e migliore soluzione. Rizzarsi = alzarsi, levarsi, mettersi in posizione eretta. Sbeccato = di vaso o recipiente scheggiato lungo il bordo. Scurrile = volgare, licenzioso, che non rispetta la moralit.

SOLUZIONI ALLE ATTIVIT Il bruto: 1. bruto, 2. cespuglio, 3. sensi, 4. punto, 5. corpo, 6. guaiti, 7. colonna, 8. voce, 9. lingua, 10. piacere, 11. dubbio, 12. specie. Lettera dallAmerica: 1. giornate, 2. manchi, 3. possa, 4. sono stata, 5. sai, 6. parler, 7. ritorno, 8. riguarda. Il poeta nascosto: 1. Omero, 2. doppiatrice, 3. cassonetto, 4. sbeccato, 5. posacenere. Il poeta italiano Giacomo Leopardi. Siete spettatori attenti?: 1/V, 2/F, 3/V, 4/F, 5/F, 6/V, 7/V, 8/F.