Sei sulla pagina 1di 22

SALENTO

LECCE

SALENTO - LECCE
non esiste terra pi estrema del salento: di qui non si passa, bisogna venirci di proposito. ma di qui son passati tutti, dagli uomini primitivi ai greci, dai romani ai bizantini e via via tutte le dominazioni che hanno segnato QUESTE TERRE. ognunA ha lasciato traccia di s ed accattivante oggi riuscire a riconoscerne i segni. lecce e i suoi monumenti, il mosaico di otranto, la riviera di gallipoli, le coste, ora alte e imponenti, ora basse e accoglienti, la campagna, le masserie, la gente... siete pronti a scoprire un posto... alla fine della terra? THERES NO MORE ISOLATED PART OF ITALY THAN THE SALENTO PENINSULA. NO ONE HERE IS JUST PASSING THROUGH: PEOPLE COME ON PURPOSE. AND SALENTO HAS HAD THE WORLD COME HERE: PRIMITIVE MAN, the GREEKS, the ROMANS, the BYZANTINES AND ALL THE OTHER RACES THAT HAVE DOMINATED THIS LAND. EACH ONE OF THEM HAS LEFT THEIR MARK, AND TODAY ITS ENTHRALLING TO FIND THEM. LECCE AND ITS STUNNING ARCHITECTURE, OTRANTO AND ITS FAMOUS MOSAIC, THE GALLIPOLI RIVIERA, THE COUNTRYSIDE, THE COUNTRY HOMES, THE PEOPLE, AND THE COASTLINE THATS SOMETIMES ROCKY AND DRAMATIC, AND OTHER TIMES SANDY AND INVITING ARE YOU READY TO DISCOVER A PLACE AT THE END OF THE WORLD?
3

San Cataldo
A14 89 89 16 S16 A14 160

Lecce

S89

S17

159 A14 545 160 S98 S90 161 S16 16

A14

170 170 A16 170 378 98 A16

170

S96

100

97

A14 171 604 172 16 379

16

S99 S7 7 A7 613

581

603 106 S7

605

664 174 101

A16

Melendugno
359 101
4

101

S275 S274

367

1 2 3

Nard

Otranto Maglie Santa Cesarea Terme Casarano


S275 S274

Santa Maria al Bagno


3

Lecce Lecce Otranto e la costa adriatica Otranto and the Adriatic coast Gallipoli e la costa ionica Gallipoli and the Ionian coast Campagne, masserie, castelli Countryside, country homes, castles

p. 8 p. 20 p. 34 p. 48

Gallipoli

Castro Andrano
2

MAR ADRIATICO

MAR IONIO

Corsano

Marina di Leuca

LECCE

LECCE

10

Su Lecce stato detto e scritto di tutto: Atene delle Puglie, Firenze del Sud, perla del Barocco, ma niente rende pi giustizia alla citt che visitarla di notte, quando, spentisi i riflettori turistici, lilluminazione enfatizza ghirigori e bizzarrie di chiese e palazzi in unatmosfera dorata e quieta. Di giorno Lecce pi sprezzante nel mostrarsi, orgogliosa dietro le sue facciate barocche. Partite dalla chiesa dei Santi Niccol e Cataldo, appena fuori le mura, con il suo splendido doppio chiostro e il pozzo centrale. Varcate Porta Rudiae, imboccate via Libertini e vi ritroverete in un piccolo universo barocco, in cui ogni chiesa e ogni dimora ha la sua storia da narrare: il Rosario, SantAnna, SantIrene. E poi la scenografia sbalorditiva di Piazza del Duomo con laltissimo Campanile, il Duomo, il Palazzo Episcopale e il Seminario con il leggiadro pozzo barocco. Ancora oltre Piazza SantOronzo con il grande Anfiteatro romano e i suoi tavolini allaperto. Alle spalle emerge il Castello di Carlo V. Ma non finita qui: barocche sono ancora le chiese di Santa Chiara e di San Matteo, ma tra tutte la pi spettacolare la Basilica di Santa Croce. Non ci si stancherebbe mai di ammirare la sua facciata, sulla quale sembrano prendere vita e danzare decine di personaggi fantastici. E sono tutti scolpiti in una pietra morbida e friabile, che vento e sole assottigliano a ogni passaggio. La malia di Lecce proprio qui, nellinfinito trasformarsi della pietra, come raccontano ormai da secoli le cariatidi di Palazzo Marrese su via Palmieri. The Athens of Puglia, The Florence of the south everything that can be said about Lecce has been said. But nothing can do more justice to this city than visiting it at night, when, with the tourist signs dimmed, spotlights bring out the swirling decorations of the churches and buildings, creating a silent, golden atmosphere. During the day, Lecce shows itself off more boldly, proud behind its Baroque faades. Begin your visit at the church of Santi Niccol e Cataldo just outside the city walls, with its superb double cloister and central well. Pass through Porta Rudiae and head down Via Giuseppe Libertini. Youll find yourself in a miniature Baroque universe, where every church and home has a story to tell. Next youll come to the breathtaking Piazza del Duomo, with its high bell tower, cathedral, Palazzo Episcopale and the seminary with its intriguing Baroque well. A little further on is Piazza SantOronzo, with its imposing Roman amphitheatre and sidewalk cafs. Looming behind you is the castle of Carlo V. But there are also the Baroque churches of Santa Chiara, San Matteo and the most spectacular the Santa Croce Basilica. It would be impossible to ever tire of admiring the basilica, whose beautiful faade seems to be alive with dozens of fantastic figures. Each one is sculpted in soft stone and is now being shaped a second time by the wind and rain. Its this never-ending transformation of stone that gives Lecce its magic, as the carved figures in the faade of Palazzo Marrese in Via Palmieri tell.
11

12

13

14

15

16 Lecce

Lecce 17

18

19

SALENTO - LECCE Coordinamento editoriale Giovanni Simeone Testo William Dello Russo Traduzione inglese Chris Turner Grafica ed impaginazione Jenny Biffis Controllo qualit Fabio Mascanzoni Fotografi Guido Baviera Massimo Borchi Ferruccio Carassale Matteo Carassale Colin Dutton Johanna Huber Ugo Mellone Aldo Pavan Giovanni Simeone Riccardo Spila Stefano Torrione
ISBN 978-88-95218-32-8 2011 SIME SRL - WWW.SIMEBOOKS.COM TUTTI I DIRITTI RISERVATI Non consentita la traduzione, la riproduzione, la memorizzazione, ladattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo e su qualsiasi supporto di questo libro, senza previa autorizzazione scritta dellagenzia SIME. Leventuale autorizzazione scritta soggetta al pagamento di un diritto di utilizzo. ALL RIGHTS RESERVED All photography presented in this book is protected by copyright and belongs to SIME srl and its contributing photographers. No part of this book may be reproduced in ay form or stored in any retrieval system without written permission from the publisher or from one of its authorized agents.

non esiste terra pi estrema del salento: di qui non si passa, bisogna venirci di proposito. ma di qui son passati tutti, dagli uomini primitivi ai greci, dai romani ai bizantini e via via tutte le dominazioni che hanno segnato QUESTE TERRE. ognunA ha lasciato traccia di s ed accattivante oggi riuscire a riconoscerne i segni. lecce e i suoi monumenti, il mosaico di otranto, la riviera di gallipoli, le coste, ora alte e imponenti, ora basse e accoglienti, la campagna, le masserie, la gente... siete pronti a scoprire un posto... alla fine della terra?

THERES NO MORE ISOLATED PART OF ITALY THAN THE SALENTO PENINSULA. NO ONE HERE IS JUST PASSING THROUGH: PEOPLE COME ON PURPOSE. AND SALENTO HAS HAD THE WORLD COME HERE: PRIMITIVE MAN, THE GREEKS, THE ROMANS, THE BYZANTINES AND ALL THE OTHER RACES THAT HAVE DOMINATED THIS LAND. EACH ONE OF THEM HAS LEFT THEIR MARK, AND TODAY ITS ENTHRALLING TO FIND THEM. LECCE AND ITS STUNNING ARCHITECTURE, OTRANTO AND ITS FAMOUS MOSAIC, THE GALLIPOLI RIVIERA, THE COUNTRYSIDE, THE COUNTRY HOMES, THE PEOPLE, AND THE COASTLINE THATS SOMETIMES ROCKY AND DRAMATIC, AND OTHER TIMES SANDY AND INVITING ARE YOU READY TO DISCOVER A PLACE AT THE END OF THE WORLD?
ISBN 978-88-95218-32-8

9 788895 218328

SIME BOOKS - www.simebooks.com

E 5,90