Sei sulla pagina 1di 5

MANUALE OPERATIVO POWER POINT 2003

CAPITOLO 3 Creazione di oggetti grafici Raramente una presentazione composta da diapositive contenenti solo testo. Il pi delle volte si avranno degli schemi, delle forme, delle immagini che compariranno a corredo del testo e a supporto del parlato (non si dimentichi che una presentazione, in genere, non muta. Essa deve supportare l'oratore e difficilmente lo pu sostituire. PowerPoint, a ogni modo, permette di inserire anche un commento audio associato alla presentazione). Disegno e modifica di linee e frecce Sulla barra degli strumenti Disegno (Figura 10) sono inseriti tutti i pulsanti per l'inserimento e la modifica degli oggetti grafici. Figura 10 - La barra degli strumenti Disegno L'inserimento degli oggetti avviene in tutti i casi secondo le medesime procedure: selezionare l'oggetto da inserire, fare clic e trascinare per inserirlo nella diapositiva. Per esempio, se si vuole inserire una forma particolare, si deve fare clic sul pulsante Forme che apre un elenco di forme divise in categorie, dalle quali si pu scegliere una categoria e una forma. La Figura 11 mostra le forme disponibili. Facendo clic sulla diapositiva si inserisce il punto iniziale della forma e trascinando se ne stabilisce la dimensione. Quando viene rilasciato il pulsante del mouse, la forma appare selezionata, con gli ormai familiari pallini bianchi alle estremit o ai contorni. Per mezzo di questi possibile spostare la forma in un'altra posizione o modificarne la dimensione. Si noti che la barra degli strumenti Disegno di Microsoft Word del tutto identica, come pure le relative funzionalit.

Figura 11 - Il pulsante Forme e il menu delle forme disponibili in PowerPoint Attraverso la voce di menu Formato/Forme che appare solo se la forma selezionata, possibile visualizzare la finestra di dialogo mostrata nella Figura 12, grazie alla quale ancora possibile modificarne la forma.

Figura 12 - La finestra di dialogo Formato forme La scheda Colori e linee, visualizzata nella figura precedente, permette di definire un colore di riempimento delle forma. L'opzione Nessun riempimento significa che la forma completamente trasparente. Tuttavia, possibile stabilire, tramite punti percentuali, la trasparenza di una forma colorata, intervenendo sulla barra Trasparenza, o sulla casella di testo a fianco. Inoltre possibile attribuire uno spessore, un colore e un tipo di linea (tratteggio) ai contorni delle forme e, se si tratta di frecce, di impostarne dimensione e tipo. La scheda Dimensioni e la scheda Posizione permettono di definire con molta precisione le dimensioni e la posizione della forma all'interno della diapositiva. Dal momento che poi possibile posizionare le forme sopra a qualsiasi oggetto, si pu attirare l'attenzione su un qualsiasi oggetto testuale o grafico, disegnandoci sopra un riquadro o un cerchio, come nell'esempio della Figura 13.

Figura 13 - Utilizzo di forme in una diapositiva L'inserimento di forme, linee, frecce, rettangoli e ovali, e la loro modifica, avviene nella stessa maniera. Ovviamente un rettangolo sar allungabile e accorciabile e potr diventare un quadrato, cos come un ovale potr diventare un cerchio. Se si agisce sulla finestra di dialogo delle loro propriet, nella scheda Dimensioni, basta impostare un'altezza e una larghezza identiche e il gioco fatto. Quando si seleziona una forma, si pu fare clic con il tasto destro del mouse per visualizzare il menu contestuale. Questo menu elenca i comandi che consentono di eseguire le operazioni relative all'oggetto selezionato: molto comodo perch riunisce in un unico menu tutte le attivit ammesse. Anche le caselle di testo si possono inserire e modificare nella stessa identica maniera, occorre per essere precisi nella selezione: una casella di testo contiene testo e per selezionarla occorre fare clic non al suo interno, ma sul bordo della stessa. Aggiunta di un'ombreggiatura o di un effetto 3D Le modifiche possibili non si fermano a quanto visto sui colori e le dimensioni delle linee che compongono le forme. PowerPoint mette a disposizione anche degli "effetti speciali". Gli ultimi due pulsanti della barra Disegno, infatti, permettono di inserire un'ombreggiatura o un effetto tridimensionale. Come al solito, occorre selezionare una forma e fare clic sul pulsante Ombreggiatura. Come mostrato nella Figura 14 questo mostrer un'ampia scelta di tipi di ombreggiatura tra i quali scegliere.

Figura 14 - Scelta di un tipo di ombreggiatura Il pulsante Impostazioni ombreggiatura permette di visualizzare una Barra degli strumenti altrimenti non visualizzabile, attraverso la quale eseguire le seguenti operazioni: attivare o disattivare l'ombreggiatura applicata; spingere l'ombreggiatura verso l'alto; spingere l'ombreggiatura verso il basso; spingere l'ombreggiatura verso sinistra; spingere l'ombreggiatura verso destra; modificare il colore dell'ombreggiatura (altrimenti visualizzata in grigio). Per modificare il colore si deve fare clic sulla freccetta verso il basso posta accanto all'ultimo pulsante (Colore ombreggiatura) e quindi scegliere un colore tra quelli proposti, o fare clic su Altri colori per scegliere tra tutti i colori possibili. Analogamente, possibile selezionare una forma e fare clic sul pulsante Stile 3D. Viene cos mostrato graficamente un campionario di effetti tridimensionali tra cui scegliere. Premendo il pulsante Impostazioni 3D si visualizza una Barra degli strumenti che rende possibile: attivare o disattivare l'effetto tridimensionale applicato; ruotare in basso, in alto, a sinistra o a destra l'effetto; modificarne la profondit; modificarne la direzione; modificarne la luminosit; modificarne la superficie; modificarne il colore. Le modifiche vengono applicate semplicemente facendo clic sul pulsante relativo. La scelta di un colore alternativo viene fatta secondo le modalit gi esposte. L'effetto tridimensionale elimina l'ombreggiatura, e viceversa: sono effetti non cumulabili. La disponibilit dei singoli effetti dipende dalle forme grafiche selezionate (sono applicabili a forme, riquadri, caselle di testo, WordArt, ClipArt o immagini, ma non sono sempre tutti disponibili). Gestione degli oggetti grafici Una volta inseriti disegni (forme o oggetti grafici in generale) in una diapositiva, questi si possono raggruppare (PowerPoint cos li considerer un oggetto unico), riordinare, o in generale gestire, per mezzo dei comandi presenti nel menu che compare facendo clic sul pulsante Disegno nella Barra degli strumenti.

Figura 15 - Il menu Disegno nella barra degli strumenti Disegno Dopo aver creato un oggetto grafico per mezzo di una forma predefinita, per esempio, possibile sostituirlo con un'altra forma selezionandolo e poi utilizzando il comando Disegno/Trasforma oggetto selezionato. Se si intende modificarne l'orientamento, si utilizzer il comando Disegno/Ruota o capovolgi e uno dei sottocomandi del menu. Un comando utile quello che permette di creare un gruppo di oggetti, in quanto in questo modo possibile applicare modifiche a pi oggetti contemporaneamente, dato che selezionandone uno verr selezionato l'intero gruppo. Per creare un gruppo occorre selezionare gli oggetti e quindi usare il comando Disegno /Raggruppa. Se si cambia idea possibile separarli per mezzo del comando Disegno/Separa. Ogni oggetto inserito viene posizionato su un livello diverso. Questi livelli non sono visibili e in qualche modo sono formali, in quanto vengono utilizzati "dietro le quinte" dal programma per poter gestire le sovrapposizioni. proprio in questo campo che l'utente pu intervenire. Normalmente, gli oggetti vengono posizionati man mano che si creano, su livelli sovrapposti, per cui l'ultimo oggetto creato quello che si vede per primo. Gli oggetti dei livelli superiori possono coprire quelli dei livelli pi in basso, e spesso necessario modificare questo ordine per ottenere gli effetti desiderati. Nel menu Disegno compare il comando Ordine che apre un sottomenu che permette di riposizionare l'oggetto o gli oggetti selezionati sia rispetto agli altri oggetti sia rispetto al testo. I comandi Porta in primo piano e Porta in secondo piano servono appunto a visualizzare completamente o nascondere in parte un oggetto. I comandi Porta avanti e Porta indietro, invece, vengono utilizzati quando si ha la necessit di impostare l'ordine di sovrapposizione di parecchi oggetti, visto che permettono di spostare gli oggetti di un livello per volta. Per quanto riguarda la distribuzione del testo intorno a un oggetto, esiste un comando apposito anche per questo: Disegno/Distribuzione testo. Esso permette, dopo la selezione di un oggetto, di posizionarlo in molti modi rispetto al testo che si vuole gli scorra accanto. Inserimento e gestione di immagini ClipArt e WordArt L'inserimento e la gestione di immagini, ClipArt e WordArt avviene come negli altri applicativi della suite, quindi si rimanda al relativo paragrafo del manuale. La barra degli strumenti Disegno e la barra Immagini sono analoghe a quelle presenti in Word. Le ClipArt utilizzano il riquadro attivit ClipArt o la finestra della raccolta multimediale. Analogamente le operazioni sulla raccolta WordArt restano le stesse per le applicazioni che comprendono questa funzionalit.