Sei sulla pagina 1di 19

- "Nella televisione pubblica c' una fetta di cultura laica profondamente anticattolica e legata alla massoneria.

Nella Rai c' un corridoio privilegiato per tutto quanto appartiene ad una sinistra egemonizzata al PDS. Questa sinistra, come si vede nell'Usigrai non disposta a cedere nemmeno un pezzetto dell'egemonia: tutte le volte che sentono che se ne sta erodendo una minima parte gridano alla dittatura". Franco Cardini - Avvenire 10/12/1994 - pag. 18

- "Nel 1888, Bossane, vecchio esattore delle poste a Saint-Flicien, nell'Ardche, diede la sua dimissione da membro della Loggia degli Amici degli Uomini d'Annonay. Con un raro coraggio volle che la sua dimissione fosse pubblicata, e per farla conoscere scrisse una lettera al "Courrier de Tournon". Egli disse: "Stanco d'aver assistito a riunioni tenute a Annonay, a Lione, a Valenza, a Vienna (Francia), a Ginevra, a Losanna, senza aver imparato nulla, e non volendo entrare nei gradi supremi per non aver giuramenti da custodire, ho potuto mettermi in relazione con alti dignitari di differenti nazionalit. Quello che ho appreso e che mi si lasci indovinare spaventevole. Il culto massonico il culto di Satana!". dal libro "La Massoneria, i suoi segreti - autori vari, pag. 83

Lettera di Padre Pio al Suo Padre spirituale P. Agostino - Ges, purtroppo, ha ragione di lamentarsi della nostra ingratitudine! Quanti disgraziati nostri fratelli corrispondono all'amore di Ges col buttarsi a braccia aperte nell'infame setta della Massoneria! Preghiamo per costoro acciocch il Signore illumini le loro menti e tocchi il loro cuore ()"

- Pochi anni prima della venuta del mio nemico, Satana far sorgere falsi profeti che annunceranno che lAnticristo il vero Messia e cercheranno di distruggere tutte le nostre credenze cristiane. Io far profetare i bambini e i vecchi. Pi ci avvicineremo al regno dellAnticristo, pi le tenebre di Satana si diffonderanno sulla terra e pi i suoi satelliti aumenteranno i loro sforzi per far cadere i fedeli nelle loro reti. XVIII secolo, dichiarazione di Ges a Suor della Nativit, Fougres Francia

- Il mondo si divide in tre categorie di persone: un piccolissimo numero che fanno produrre gli avvenimenti; un gruppo un p pi importante che veglia alla loro esecuzione e assiste al loro compimento, e infine una vasta maggioranza che giammai sapr ci che in realt accaduto. Cos si espresse Nicholas Murray Butler. Giova ricordare chi era questo personaggio. Il Dr. Nicholas Murray Butler stato presidente dellUniversit di Columbia, presidente della Carnegie Endwment for International Peace, membro fondatore, presidente della Pilgrims Society e membro del Council on Foreign Relations (CFR) e capo del British Israel.

- Il 17 febbraio del 1950 il banchiere James Warburg, alla Commissione Esteri del Senato, era stato fin troppo chiaro quando aveva affermato: "Che vi piaccia o no, avremo un governo mondiale, o col consenso o con la forza". Anche con le stragi.

- Il 28 marzo 1994, lAssemblea Legislativa dello Stato dellOklahoma pass una risoluzione che colpiva quello che veniva percepito come un programma di governo mondiale. Fu il primo e forse il solo Stato ad approvare tale legislazione. Decisione dellAssemblea Legislativa dellOklahoma: "Risoluzione N. 1047: Una risoluzione in relazione alle forze militari degli Stati Uniti e alle Nazioni Unite; si presenta una petizione al Congresso affinch cessi determinate attivit concernenti le Nazioni Unite... Considerato che non c appoggio popolare per linstaurazione di un "nuovo ordine mondiale" o di una sovranit mondiale di qualsiasi tipo, sia sotto le Nazioni Unite o sotto qualsivoglia organismo mondiale in qualsiasi forma di governo globale; Considerato che un governo globale significherebbe la distruzione della nostra Costituzione e la corruzione dello spirito della Dichiarazione di Indipendenza della nostra libert e del nostro sistema di vita. ...sia deliberato dalla Camera dei Rappresentanti della seconda Sessione della 44ma legislatura dellOklaoma: Che al Congresso degli Stati Uniti sia con la presente rammentato di: (...). Cessare ogni supporto per linstaurazione di un "nuovo ordine mondiale" o qualsiasi altra forma di governo globale. Che al Congresso degli Stati Uniti con la presente rammentato di astenersi dal prendere qualsiasi ulteriore iniziativa verso la fusione economica o politica degli Stati Uniti in un organismo mondiale o qualsiasi altra forma di governo mondiale. (Newsgroup alt. conspiracy, via Pegasus computer networks, Australia)

- La rivista americana "Eir" scriveva: "Il 2 aprile 1993... il capogruppo Dc alla Camera, Gerardo Bianco, e il suo collega al Senato, Gabriele De Rosa, presentano un esposto alla procura di Roma, chiedendo di appurare se c una cospirazione politica per distruggere lordine costituzionale italiano (...) Gli scandali rappresentano un tentativo da parte delle forze Anglo-Americane, segnatamente la Fra Massoneria, di orchestrare una generale destabilizzazione della nazione italiana per distruggere il sistema politico esistente e insediare un nuovo ordine, a loro pi gradito". - Il lato occulto della storia contemporanea complesso e, oltremodo, variegato. Insospettabili VIP. del mondo che conta sono affiliati ad oscuri ordini esoterici. Il presidente americano George Bush un 33 grado della Massoneria di Rito Scozzese, lo ha rivelato Giuliano Di Bernardo, Gran Maestro della Massoneria italiana, al quotidiano "La Stampa" (23 marzo 1990). Bush sarebbe stato iniziato, nel 1943, alla setta "Skull and Bones" (Teschio e Ossa) dellUniversit di Yale, fondata nel 1832. George Bush ha diretto anche la Cia. La Skull and Bones assieme a societ come il Rhodes Trust, secondo lautorevole rivista inglese "Economist" (25 dicembre 1992), sono la moderna risorgenza degli "Illuminati di Baviera" di Jean Adam Weisshaupt (1748-1830). Anche suo padre Prescott sarebbe stato membro della setta "Skull and Bones". Di essa farebbero parte le pi potenti famiglie degli Stati Uniti. Tra queste vale la pena di menzionare "la famiglia Harriman, della Morgan Guaranty Trust, Skull and Bones da generazioni.

La notizia emersa durante una riunione dellAutorit nazionale per la sicurezza

Rai: scoperta una struttura a difesa del Segreto di Stato


Marco Marsili - tratto da La Voce (un esempio sullInformazione Globale, pilotata) Ne farebbero parte 50 giornalisti con potere di censura. Roma, 22 mag. - La notizia clamorosa: secondo quanto appreso da fonti dellintelligence militare, in Rai sarebbe attivo un organo esecutivo sicurezza (Oes), alle dirette dipendenze del ministero delle Comunicazioni, con il compito di vagliare le notizie da diffondere. Stando a quanto scoperto dalla Voce, farebbero parte di questa struttura segreta circa 50 giornalisti - tra cui alcuni caporedattori - che avrebbero il potere di autorizzare il Nulla osta di sicurezza (Nos) sulla divulgazione di notizie sulle reti della tv pubblica. La rivelazione dellesistenza di un organo preposto alla tutela del segreto di Stato in Rai, sarebbe stata fatta la settimana scorsa, durante una riunione dellAutorit nazionale per la sicurezza (Ans), da parte del rappresentante del dicastero delle Comunicazioni - attualmente guidato da Paolo Gentiloni della Margherita -, dal cui Organo centrale di sicurezza (Ocs) dipenderebbe la struttura di viale Mazzini. LAns alle dirette dipendenze del Presidente del Consiglio dei ministri, al quale, secondo la legge n. 801 del 24 ottobre 1977 sullIstituzione ed ordinamento dei servizi per linformazione e la sicurezza e disciplina del segreto di Stato, demandato il potere di decidere la secretazione delle informazioni. La materia stata poi ulteriormente regolata dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 3 febbraio 2006 contenente le Norme unificate per la protezione e la tutela delle informazioni classificate (Berlusconi lo aveva usato per coprire labuso edilizio di villa Certosa in Sardegna). Tuttavia, il regolamento attuativo emanato da Palazzo Chigi stato classificato come riservatissimo, e, quindi, occultato allopinione pubblica. La scoperta ha lasciato stupefatti anche gli uomini del reparto Informazione e sicurezza del Centro intelligence interforze dello Stato maggiore della Difesa, che partecipavano allincontro: persino i militari ne erano alloscuro. La Voce ha riscontrato in ambienti governativi che le indiscrezioni sullesistenza di questo filtro sulle notizie circolano da tempo nella Capitale. Lo stesso ex ministro delle Comunicazioni del governo Berlusconi, Maurizio Gasparri, si sarebbe tenuto costantemente in contatto con lorgano esecutivo di sicurezza della Rai. Il rilascio del nulla osta di sicurezza consente alla pubblica amministrazione, allente, o allorganismo, gi legittimati alla trattazione di informazioni classificate, di poter impiegare una persona in attivit che comportano la necessit di trattare informazioni classificate segretissimo, segreto, riservatissimo (le classifiche di segretezza sono quattro - alle tre citate bisogna aggiungere riservato - e variano in funzione dellentit del danno che sarebbe arrecato allintegrit dello Stato in caso di rivelazione non autorizzata). La Voce ha tentato inutilmente di ottenere un commento da parte del ministro delle Comunicazioni e dal presidente della Commissione parlamentare di vigilanza Rai, lex ministro Mario Landolfi, mentre alla Rai non risulterebbe una simile struttura. La scoperta di un centro preposto alla censura delle notizie da parte dellemittente pubblica - se confermata - apre scenari inquietanti, soprattutto se si pensa ai legami con il ministero vigilante, il governo, ed il potere politico in generale, in spregio alla par condicio, al diritto di cronaca che i giornalisti dovrebbero garantire, ed al diritto dei cittadini ad essere informati. Si spiegherebbe cos il meccanismo denunciato ieri da Pippo Baudo contro ogni censura preventiva in Rai in seguito alla polemica sollevata per la richiesta di Michele Santoro di acquistare della Bbc il documentario su alcuni casi di preti pedofili per la sua trasmissione Annozero. Evidentemente la richiesta di Santoro era temporaneamente sfuggita al controllo dellorgano esecutivo di sicurezza di viale Mazzini, obbligando le istituzioni preposte ad un tardivo, quanto goffo, intervento, per cercare di bloccarne la messa in onda. Vedremo che impatto avr questa clamorosa

scoperta sulle proposte di legge del governo sulla riforma della Rai e dei servizi segreti. E se la Rai si trasformer definitivamente da servizio pubblico a servizio segreto. L'impianto di Microchip in ogni neonato in USA e Europa in atto secondo l'ex Ufficiale Medico in Capo Finlandese. Di Greg Szymanski - 11 Maggio 2006

Esiste la tecnologia per creare un Nuovo Ordine Mondiale totalitario e vi sono piani sinistri per farne uso su soggetti pubblici ignari con la copertura degli uomini politici USA. Siete preparati all'eliminazione totale della privacy e alla robotizzazione dell'umanit, nonch all'esame di ogni pensiero che vi passi per la testa? Siete pronti a vivere in un mondo in cui ogni neonato viene micro-chippato? E, infine, siete pronti ad avere ogni vostro movimento, tracciato registrato e posto nel data base del Grande Fratello? Per quanto sembri impossibile, ci sono piani bene avviati per controllare ogni mossa e ogni pensiero della popolazione americana non appena il Nuovo Ordine Mondiale ponga fine al periodo di prolungata violenza, una fase di assunzione del controllo che il paese sta ora sperimentando. E poich nei compiacenti media USA si trova pochissimo, stata una storia apparsa nel giornale Spekula, Finlandese, a raccontare agli americani quanto prossimi siamo ad entrare nel totalitario Nuovo Ordine Mondiale. Secondo l'articolo Finlandese, distribuito a medici e studenti in medicina, si sta esaurendo il tempo a disposizione per poter cambiare la direzione della medicina militare e della tecnologia di controllo mentale, e assicurare il futuro della libert umana. "La tecnologia per creare un Nuovo Ordine Mondiale esiste di gi", dice il dott. Rauni-Leena Luukanen-Kilde, gi officiale medico in capo finlandese. "Sistemi di comunicazione neurologica nascosti sono in funzione per annullare il pensiero indipendente e controllare l'attivit sociale e politica a vantaggio degli egoistici interessi militari e privati." "Quando le nostre funzioni cerebrali saranno gi state connesse ai supercomputers tramite impianti radio e microchips, sar troppo tardi per protestare. Questa minaccia pu essere sconfitta solo educando il pubblico, utilizzando la letteratura disponibile sulla biotelemetria e gli scambi d'informazione nei congressi internazionali." Nel suo articolo, intitolato Microchip Implants, Mind Control, and Cybernetics, il dott. Kilde afferma che gli USA sono il principale responsabile dell'uso segreto di strumentazione e armamenti elettronici, dicendo che "una ragione per cui questa tecnologia rimasta un segreto di stato risiede nel diffuso prestigio del Manuale di Statistica Diagnostica IV psichiatrico stilato dalla statunitense. American Psychiatric Association (APA) e stampato in 18 lingue." "Senza dubbio gli psichiatri assoldati dalle agenzie di intelligence USA hanno contribuito alla stesura e alla revisione di questo manuale. Vera "bibbia" psichiatrica, essa occulta lo sviluppo segreto delle tecnologie di Controllo Mentale (MC) etichettandone alcuni loro effetti come sintomi di schizofrenia paranoide." Il dott. Kilde aggiunge che i media hanno mantenuto il riserbo sui veri intenti e propositi che stanno dietro il micro-chipping, affermando che il perfetto cyber-soldato pu essere creato con gli stessi equipaggiamenti e armamenti sofisticati che sono stati usati in certe nazioni della NATO fin dagli anni '80.

Ascoltiamo come il dott. Kilde spiega la sinistra natura che si trova dietro l'uso governativo degli armamenti elettronici come mezzi di controllo politico: Questa tecnologia segreta stata usata dalle forze militari in alcuni paesi della NATO sin dagli anni '80 senza che le popolazioni civili e accademiche ne avessero mai sentito parlare. Pertanto, pochissima informazione su questi invasivi sistemi di controllo mentale disponibile nelle riviste accademiche e professionali. Il gruppo Signals Intelligence della NSA riesce a monitorare l'informazione dei cervelli umani decodificando i potenziali evocati (3.50HZ, 5 milliwatt) emessi dal cervello. Sui detenuti usati come cavie, tanto a Gotheborg, Svezia che a Vienna, Austria, sono state trovate evidenti lesioni cerebrali e si constatata una ridotta circolazione sanguigna e una mancanza di ossigeno nei lobi temporali frontali destri dove gli impianti cerebrali sono usualmente operativi. Una cavia finlandese stata soggetta ad atrofia cerebrale e intermittenti attacchi di incoscienza causati da mancanza d'ossigeno. Le tecniche di controllo mentale possono essere impiegate per fini politici. Oggi l'obbiettivo dei controllori mentali di indurre persone o gruppi bersaglio ad agire contro le proprie convinzioni e interessi. Gli individui zombificati possono perfino essere programmati ad uccidere e dopo non ricordare nulla del loro crimine. Allarmanti esempi di questo fenomeno possono essere trovati negli USA. Questa guerra silenziosa viene condotta contro civili e soldati ignari da parte di agenzie militari e di intelligence. Dal 1980, la stimolazione elettronica del cervello (ESB) stata usata in segreto per controllare persone bersagliate senza esserne informate e senza consenso. Tutti i trattati internazionali sui diritti umani proibiscono la manipolazione non consensuale degli esseri umani anche se prigionieri, per non parlare delle popolazioni civili. Il bersagliamento delle funzioni cerebrali con campi e raggi elettromagnetici (da elicotteri e aeroplani, satelliti, camion parcheggiati, case di vicini, centri telefonici, dispositivi elettrici, telefoni cellulari, TV, radio, ecc.) fa parte del grande problema della radiazione che dovrebbe essere dibattuto nei contesti governativi democraticamente eletti. Oltre al Controllo Mentale elettronico, sono stati sviluppati anche metodi chimici. Farmaci psicotropi e diversi gas da inalare che influenzano negativamente la funzione cerebrale possono essere introdotti nei condotti d'aria o negli acquedotti. Anche alcuni batteri e virus sono stati utilizzati in questa maniera in diverse nazioni. A proposito dei piani per microchippare i neonati, il dott. Kilde ha detto che gli USA si stanno muovendo in questa direzione "in segretezza." Ha aggiunto che in Svezia, il primo ministro Olof Palme nel 1973 diede il permesso per mettere gli impianti sui detenuti, e l'ex direttore generale di Data Inspection, Jan Freese, rivel che malati curati a casa furono oggetto di impianto a met degli anni '80. La tecnologia descritta nel documento 1972:47, Statens Officiella Utradninger (SOU). "Gli esseri umani con l'impianto possono essere seguiti dappertutto. Le loro funzioni cerebrali possono essere controllate remotamente dai supercomputers e anche alterate mediante la variazione delle frequenze," ha affermato il dott. Kilde. "Come cavie per gli esperimenti segreti sono stati usati detenuti, soldati, pazienti psichiatrici, bambini handicappati, persone sordomute, omosessuali, donne single, anziani, scolari, e ogni gruppo di persone considerato "marginale" dagli sperimentatori dell'elite. I report pubblicati sulle esperienze dei detenuti nel penitenziario dello Utah State Prison, per esempio, scuotono la coscienza.

"Gli odierni microchips si attivano tramite onde radio a bassa frequenza che li bersagliano. Con l'aiuto dei satelliti, l'individuo impiantato pu essere seguito ovunque sul globo. Questa tecnica una di quelle che sono state testate nella guerra in Iraq, dice il dott. Carl Sanders, colui che invent l'intelligence-manned interface (IMI) biotico, che viene iniettato nelle persone. (A suo tempo, nella guerra del Vietnam, ai soldati veniva iniettato il Rambo chip, progettato per aumentare il flusso di adrenalina nel sangue.) I supercomputers da 20-miliardi-bit/secondo presso la NSA (National Security Agency) possono ora "vedere e udire" quello che sperimentano i soldati sul campo di battaglia con un sistema di monitoring remoto (RMS). "Quando un microchip di 5-micromillimetri (il diametro di un capello di 50 micromillimetri) viene posto sul nervo ottico dell'occhio, riesce a tracciare i neuro-impulsi del cervello che rappresenta le esperienze, gli odori, la vista, e la voce della persona impiantata. Appena trasferiti e memorizzati in un computer, questi neuro-impulsi possono essere inviati indietro al cervello della persona tramite il microchip per essere rivissuti. Usando un RMS, un operatore di computer sul campo pu inviare messaggi elettromagnetici (codificati in segnali) al sistema nervoso, influenzando il comportamento del bersaglio. Con l'RMS, si possono indurre allucinazioni visive e sonore in persone del tutto sane. "Ogni pensiero, reazione, suono, e osservazione visiva determina un certo potenziale neurologico (spike) e configurazioni nel cervello e i suoi campi elettromagnetici, che possono ora essere decodificati in pensieri, visioni e voci. La stimolazione elettromagnetica pu pertanto alterare le onde cerebrali di una persona e influenzarne l'attivit muscolare, generando crampi muscolari dolorosi vissuti come tortura."

- John Davison Rockefeller, grande capitalista e industriale americano, fu il riformatore mondiale dell'industria petrolifera e la port ad una espansione senza precedenti, in questo settore fond la Standard Oil, una delle pi grandi compagnie finanziarie di sempre. E stato il primo uomo ad avere un patrimonio superiore al miliardo di dollari ed tuttora considerato l'uomo pi ricco della storia Grazie alla sua immensa fortuna J.D. Rockefeller controllava circa l' 1,53 % del Prodotto Interno Lordo americano, anche questo costituisce un record netto e praticamente insuperabile. Da Le mie Memorie: Ci stiamo avvicinando a un cambiamento globale, l'unica cosa di cui abbiamo bisogno la crisi delle super-potenze che, poi si dilagher in tutto il mondo e sar accettato un unico governo mondiale. Alcuni credono che la mia famiglia sia correlata all'occulto e alla cospirazione, azioni atte a far cadere il governo statunitense, io e la mia famiglia siamo accusati di volere sviluppare una struttura socio-economica e politica per controllare il mondo. Se questa l'accusa, mi dichiaro reo confesso.

- Thomas Woodrow Wilson stato un politico statunitense. Fu il 28 presidente degli Stati Uniti. Al New Freedom, 1913:

Una grande nazione industriale controllata dal relativo sistema di accreditamento. Il nostro sistema di accreditamento ben concentrato. Lo sviluppo della nazione e delle nostre attivit sono nelle mani di alcuni uomini. Siamo venuti ad essere regolati da un sistema difettoso, uno dei governi pi controllati e "dominati" del mondo" un governo dalla libert d'opinione un governo convinto e votato per la maggioranza, mentre un governo dalla ristretta libert opinionistica la relativa coercizione di piccoli gruppi dominanti Da quando sono entrato nella politica, principalmente ho ricevuto molti punti di vista privati da molti uomini, sono impauriti di qualcuno, sono impauriti di qualcosa. Sanno che c' un'organizzazione segreta in qualche luogo, cos sottile, cos ignota, cos collegata al mondo, cos completa, cos dominante, che non dovrebbero parlarne, perch sanno della condanna che riceveranno da esso.

- "Nel marzo del 1915, per volere di J. P. Morgan, le sue organizzazioni e i suoi investimenti hanno ottenuto 12 uomini delle alte sfere del mondo, comprando i giornali pi potenti e maggioritari influendo nel giornalismo e controllare la vita quotidiana e la politica degli Stati Uniti... Essi hanno creduto necessario l'acquisto delle precedenti azioni. stato raggiunto un accordo; la politica del quarto potere stata comprata, ed pagata ogni mese; ogni redattore fornito affinch ogni giornale ed articolo sia correttamente sorvegliato e pubblicato seguendo le informazioni riguardanti la preparazione, il militarismo, le politiche finanziarie e altre cose di natura nazionale ed internazionale considerate vitali per gli interessi degli acquirenti." (Discorso del 1917, di un membro del Congresso degli Stati Uniti, Oscar Callaway)

- Henry Ford, un imprenditore statunitense. Fu uno dei fondatori della Ford Motor Company, societ produttrice di automobili, ancora oggi una delle maggiori societ del settore negli USA e nel mondo. Sono felice di sapere che i nostri cittadini non hanno la minima percezione delle azioni avvenenti nel nostro sistema finanziario, dato che noi svolgiamo centinaia di azioni prima di ogni alba. Meno male che la popolazione non capisce il nostro sistema bancario e monetario, perch se lo capisse, credo che prima di domani scoppierebbe una rivoluzione.

- "La Banca della Federal Reserve di New York ansiosa per la sua futura partecipazione con la Banck for International Settlements, impossibile mettere d'accordo il Ministero del Tesoro degli Stati Uniti con il sistema bancario dell'Europa per creare un unico governo indipendente e sovranazionale... Gli Stati Uniti, nelle condizioni attuali la nazione pi avanzata in ogni campo, in futuro diventer una nazione vitale per il commercio e l'economia mondiale." Louis McFadden - Presidente del Committee on Banking and Currency, al New York Times (giugno 1930)

- Otto Eduard Leopold von Bismarck, fu il fondatore e primo cancelliere dell'Impero Germanico.

La scissione degli Stati Uniti nelle federazioni di eguale forza stata decisa molto prima dello scoppio della guerra civile dai potenti finanzieri europei. Questi banchieri erano impauriti degli Stati Uniti, perch se questi si trasformerebbero in un'unica nazione, un unico blocco, raggiungerebbero l'indipendenza economica e finanziaria, che deciderebbe le sorti del dominio economico del mondo. La voce dei Rothschild prevalsa... Di conseguenza i loro messi sono giunti sul campo per sfruttare la domanda sulla schiavit e creare un abisso fra le due sezioni degli Stati Uniti. - Dichiarazione del 1975 di Gerald Ford (38 presidente degli Stati Uniti d'America) registrata poi dallo storico Henry Steele Commager: Dobbiamo unirci per costruire un nuovo ordine mondiale [] Al meschino concetto di sovranit nazionale non devessere permesso di distoglierci da questobiettivo.

- Sono molto riconoscente ai direttori del Washington Post, del New York Times e del Time Magazine, per aver presenziato alle nostre riunioni e aver rispettato la promessa di assoluta discrezione e riservatezza a riguardo per quasi quarant'anni... Sarebbe stato impossibile lo sviluppo della nostra societ sotto la luce dei riflettori in tutti questi anni. Sono certo che il mondo odierno sia pronto a progredire verso un unico e unanime cammino per la creazione di un solo grande governo mondiale. Si tratter di un'entit sovranazionale controllata da un'lite intellettuale e imprenditoriale accuratamente scelta, la gestazione sar in mano alle banche. John Davison Rockefeller al Convegno del Gruppo Bilderberg del giugno 1991 a Baden (Germania)

- John Kenneth Galbraith stato un economista canadese, fra i pi celebri e influenti del suo tempo. Lo studio dei soldi, sviluppatosi come economia, solamente un complesso usato per nascondere o eludere la verit... a noi.

- Presidente degli Stati Uniti Franklin D. Roosevelt in un lettera scritta al colonnello E. Mandell House, il 21 novembre 1933: La reale verit di ogni disciplina e/o materia , come voi e me sapete, che un elemento finanziario ha posseduto dalle elezioni di Andrew Jackson (7Presidente degli Stati Uniti) il governo degli Stati Uniti."

Sistema Finanziario e Potere - Testo di Antonella Randazzo - 5 marzo 2007 Molte persone credono che le banche siano istituzioni che investono i risparmi dei clienti per produrre profitti. Non immaginano neppure lontanamente la vera natura dell'istituzione bancaria. Non associano affatto le crisi economiche, la disoccupazione o le guerre, al sistema finanziario, e quindi non comprendono la vera natura del potere che oggi vessa il mondo intero. Per giungere alla verit basterebbe sapere che il denaro prestato dalle banche non esiste, moneta virtuale, che pur non esistendo viene caricata di interessi.

La banca crea denaro semplicemente scrivendo la cifra sullo schermo del computer, ma i pagamenti del debito devono essere puntuali, altrimenti si impadronisce dell'automobile o della casa, che sono beni reali. Le banche hanno il potere di stampare denaro. Tale potere viene esercitato in segretezza. I mass media utilizzano parole e concetti per nascondere tale realt. Ad esempio, parlano della Banca Europea come fosse legata all'Europa, e non dicono che essa un'istituzione controllata da pochi privati. Lo stesso avviene per la Federal Reserve, il cui presidente viene nominato dal presidente americano, per dare ad intendere che si tratta di un'istituzione governativa. E invece essa nelle mani di un gruppo di banchieri privati. Oggi le banche hanno lo scopo principale di saccheggiare i paesi, fornendo banconote con su scritto Pagabile a vista al portatore, che in realt non hanno alcun valore, ma producono debito. L'lite finanziaria ha acquisito questo enorme potere attraverso i secoli, utilizzando tutti i mezzi possibili, compresi la guerra, lo sterminio e la criminalit. Con le guerre, le banche acquisiscono ulteriore potere, perch possono concedere prestiti ai paesi in guerra, e dopo la guerra finanzieranno la ricostruzione, ricavando altri profitti. L'economia reale si basa sulla quantit di denaro in circolazione. Se c' poco denaro la gente deve ridurre la spesa, le industrie riducono la produzione e licenziano, e questo riduce ancora di pi il denaro da spendere. In questo modo si apre una crisi. I grandi banchieri decidono se creare una crisi oppure no. Nel 1929, fecero aumentare i prezzi delle azioni, fino a quando raggiunsero livelli molto elevati. L'aumento vertiginoso doveva servire ad attrarre molte persone. A met del 1929, ben nove milioni di americani avevano investito in borsa. A questo punto, i banchieri avevano tutto l'interesse a provocare la crisi. Il crollo sarebbe servito ad impossessarsi di una quantit enorme di beni (negozi, industrie, piccole banche, case, automobili ecc.) di coloro che non avrebbero pi potuto pagare i debiti. L'aumento o il ribasso azionario sono dovuti ad elementi di natura informativa o psicologica, e i banchieri possono controllare e condizionare le notizie che riguardano la Borsa. Nell'ottobre del 1929, la caduta del valore delle azioni, provocata dai banchieri di Wall Street, produsse effetti devastanti. Le banche esigevano i pagamenti e i clienti non potevano pagare. Le industrie cessarono la produzione, e molte persone rimasero disoccupate. Piccole banche e industrie diventarono propriet dei grandi banchieri che avevano innescato la crisi. Milioni di persone rimasero disoccupate o andarono in bancarotta, e alcune di esse si suicidarono. La truffa del crollo del 1929 era stata compresa da Emile Moreau, governatore della banca di Francia, che l'8 febbraio del 1928 aveva scritto nel suo diario: "Le banche avevano ritirato improvvisamente dal mercato diciottomila milioni di dollari, cancellando le aperture di credito e chiedendone la restituzione". I banchieri avevano agito in modo da bloccare l'economia, e questo si sarebbe riversato anche sul mercato borsistico. Sarebbe inevitabilmente scoppiata una grave crisi, che si ebbe il 29 ottobre del 1929. La quantit di denaro da mettere in circolazione viene decisa dalle banche. Le banche possono alzare o abbassare il tasso di sconto, e cos favorire o impedire i prestiti.

I banchieri sono guidati da logiche di potere e di profitto. Il crollo di Wall Street doveva servire anche a mettere in crisi alcuni paesi europei, come la Germania, in modo tale da portare la popolazione alla disperazione, e aumentare le probabilit di un governo dittatoriale. Nel 1979, nacque il sistema monetario europeo, che imponeva ai paesi membri di versare il 20% delle riserve in oro e il 20% delle riserve in dollari in cambio di Ecu, che poi diventeranno Euro. Di tutto questo beneficiava un sistema finanziario centrale, che era gestito da privati. Firmando il trattato di Maastricht., anche l'Italia si sottomessa a questo sistema, che oggi costa gran parte del nostro Pil, e impedisce al nostro paese un reale progresso economico. Nel 1992, il governo Amato, per privatizzare la Banca d'Italia si rivolse alle tre grandi banche americane: la Merril Lynch , la Goldman Sachs e la Salomon Brothers. Il nostro paese venne messo nelle mani dei centri del potere finanziario, con tutto quello che ne sarebbe derivato. I banchieri americani sono disposti a fare nuove guerre per impedire il crollo definitivo di un'economia basata sul debito. Essi hanno trasformato l'economia in un sistema assurdo e irreale, in cui le speculazioni permettono l'accumulazione di denaro, che non corrisponde a nessuna ricchezza reale e non stato prodotto dal lavoro. L'lite dominante ha cancellato il valore del lavoro e ha distrutto ogni riferimento economico e finanziario reale, per poter esercitare senza limiti un potere basato sull'arbitrio e sul crimine. Il sistema finanziario oggi ha accentrato il potere come mai prima, distruggendo il potere dei governi nazionali, e acquisendo potenzialit distruttive enormi. Le banche hanno interesse a indebitare gli Stati e i singoli cittadini, per poter incassare il guadagno sul denaro prestato, e per avere il potere di condizionare le scelte politiche ed economiche. Per realizzare questi obiettivi, l'lite finanziaria ha messo in pratica una serie di strategie per indurre a privatizzare i beni pubblici. Ad esempio, utilizza le Borse per attuare speculazioni attraverso le quali controllare le aziende pubbliche, per farle crollare e rilevarle. La logica sempre la stessa: prima indebolisci, rendi una societ assai mal ridotta, fai in modo da indebitarla, infine la rilevi, e nel giro di alcuni anni puoi trarre profitti. E se i profitti non dovessero arrivare, puoi sempre chiedere denaro pubblico. Le grandi banche hanno nelle loro mai il potere speculativo della Borsa. Il sistema borsistico irrazionale e senza regole certe. La prevedibilit di questo sistema nelle mani di chi lo controlla dall'alto, cio dei grandi istituti bancari. Il 70% del credito speculativo mondiale nelle mani di tre grandi banche: Morgan Stanley, Goldman Sachs e Ubs. Queste banche si valgono di conoscenze di natura sociologica e psicologica per condizionare i mercati e controllare l'economia. Il loro obiettivo principale quello di accrescere ancora di pi i loro capitali, spogliando i cittadini e le istituzioni. Come osserva lEconomist, i banchieri hanno sempre pi ragioni per far si che il potere "torni nellombra". Le esigenze di accrescimento del capitale si accaniscono contro i salari, contro lo Stato Sociale e contro gli stessi risparmiatori. Le guerre nel Terzo Mondo hanno avuto (e hanno) la funzione di seminare disperazione e miseria, per fare in modo che le Corporation si appropriassero delle materie prime e della manodopera a basso costo.

Il settore finanziario non deve essere separato da quello produttivo, perch in realt si tratta delle stesse persone, che posseggono denaro per investire nell'industria, o produrre beni e servizi. La globalizzazione neoliberista era il progetto delle banche di accentrare nelle loro mani la ricchezza del mondo. Negli ultimi secoli, le regole su cui l'intera economia si basata sono state stabilite dai grandi banchieri. Ad esempio, nei primi decenni dell'Ottocento, i governi inglesi approvarono una serie di leggi che permettevano di espropriare i contadini per favorire lo sviluppo industriale, come avevano richiesto i banchieri e la Corona. Migliaia di contadini finirono in miseria o nelle galere, istituite appositamente per rinchiudere coloro che si sarebbero impoveriti e che costituivano manodopera in eccesso. Nel 1914, il ministro inglese Edward Grey disse ai Comuni: "E' nostro dovere sostenere, nella misura dei nostri mezzi, l'autentico capitale inglese, dovunque esso ricerchi concessioni e si espanda nel mondo". Gi da allora c'era il progetto di espansione nel mondo intero. La crisi economica viene creata dalle banche, che cercano di fare in modo che vi sia quanto meno possibile denaro in circolazione. Ci serve ad accrescere il loro potere, e ad indurre le persone ad avere uno stato d'animo depresso o assorbito dai problemi economici. Una tale condizione assoggetta ancora di pi gli individui al sistema. Negli ultimi decenni, con la liberalizzazione, il settore finanziario si rafforzato, permettendo ad alcuni alti guadagni, che in altri settori pi difficile avere. Per questo motivo, molti industriali hanno preferito abbandonare la propria attivit per dedicarsi alle speculazioni finanziarie. Le fusioni e le acquisizioni di gruppi multinazionali o banche, hanno prodotto guadagni per miliardi di dollari, e hanno concentrato la ricchezza nelle mani di poche famiglie. Oggi, l'80% delle ricchezze del mondo sono nelle mani del 2% delle famiglie. Attraverso le guerre e le crisi finanziarie, le banche hanno ricolonizzato il Terzo Mondo, e hanno ridotto in miseria milioni di persone. Il controllo delle banche soltanto apparentemente esercitato dai direttori delle banche, come il presidente della Federal Reserve Ben Bernanke. In realt dietro di essi ci sono i proprietari, che decidono le politiche da imporre. Si tratta delle famiglie dei grandi banchieri europei, come i Rockefeller o i Rothschild. Sono persone che non appaiono mai nei media, nemmeno quando riviste come Forbes fanno la classifica dei pi ricchi. Queste persone sono talmente ricche e potenti da dover rimanere nascoste, perch se i popoli scoprissero le loro responsabilit sulla morte o sulla miseria di milioni di persone, il loro potere sarebbe in pericolo. L'lite finanziaria sceglie anche l'assetto economico e lo modifica a proprio piacimento. Decide su cosa e come investire. Decide cosa produrre e dove. Sono i banchieri di Wall Street a decidere le guerre americane, e questo spiega anche perch si accaniscano cos ferocemente contro gli arabi, che oggi sono gli unici a poter contrastare efficacemente il loro sistema di potere, attraverso l'alternativa delle banche islamiche. Per garantirsi un potere duraturo, i banchieri controllano anche il settore energetico e bellico. Le guerre imperiali anglo-americane (sostenute da altri paesi europei come l'Italia), servono a distruggere la cultura islamica, ritenuta nemica del sistema bancario occidentale, e ad impedire ai popoli di scegliere un sistema alternativo che li liberi dalla schiavit del sistema imposto dall'lite.

Le banche hanno un ruolo assai importante anche per quanto riguarda l'esistenza e la forza della criminalit organizzata. Il sistema bancario internazionale ricicla giornalmente almeno 300 milioni di dollari provenienti dal mondo del crimine organizzato. Le banche considerano questo denaro allo stesso modo del denaro ricavato da attivit lecite. Come osserva Jean Ziegler, c' ormai una "simbiosi pressoch totale tra capitali accumulati in maniera criminale e capitali legali". Grazie al facile riciclaggio del denaro sporco, negli ultimi decenni, le mafie internazionali si sono notevolmente rafforzate ed estese. Le banche sottraggono ai popoli le ricchezze materiali, il valore del lavoro e i vantaggi delle attivit produttive. Rendono l'esistenza umana sempre pi soggetta al problema della sopravvivenza, impedendo lo sviluppo culturale e umano dei popoli. Le banche di Wall Street, come la Carlyle Group o la Goldman Sachs, finanziano e organizzano le campagne elettorali dei politici, e scelgono soltanto quei candidati che appoggeranno le loro politiche. Negli ultimi decenni le banche non hanno pi trovato ostacoli nell'imporre la loro linea politica, che vede tagli nella spesa sociale, e privilegi di ogni genere soltanto per la classe ricca. A causa di ci, la qualit della vita della maggior parte della popolazione peggiorata. La disoccupazione aumentata, e questo ha fatto abbassare i salari. La classe media si impoverita, a causa della precarizzazione del lavoro e della disoccupazione. Nel mondo di oggi, la pi grave minaccia proviene dall'attuale sistema finanziario, che permette ad un gruppo di persone di agire senza alcun limite morale o legislativo. Oggi queste persone vorrebbero colpire l'Iran per estendere la guerra in Asia e a tutto il mondo islamico. L'obiettivo distruggere coloro che avversano il loro sistema economico-finanziario, e avere nelle loro mani tutto il potere possibile. Lo stretto connubio fra banchieri, produzione bellica e politici, concentra un potere distruttivo mai avuto prima. Le banche acquisiscono maggiore potere e ricchezza imponendo occupazioni militari o sistemi dittatoriali. Ad esempio, la Esso Mobil ha aumentato nel 2006, del 26% i suoi profitti grazie allo sfruttamento dei pozzi del Kuwait e dell'Arabia Saudita, paesi in cui sono state imposte dittature. I maggiori azionisti della Esso Mobil sono le grandi banche come J.P. Morgan & Co., Barclays e Mellon. La Total-Fina -Elf, gruppo petrolifero che sta producendo profitti in Iraq, controllato da grandi banche come Mellon e Citygroup. La qualit della vita di tutti i lavoratori tende ad abbassarsi, e le istituzioni sono sempre meno centrate sul cittadino, dovendo pagare buona parte dei guadagni nazionali alle banche. I tagli alla spesa pubblica incidono sulla qualit dell'istruzione e dell'assistenza medica, e producono differenze fra chi pu permettersi servizi a pagamento e chi no. Le banche, dunque, esercitano oggi un potere enorme su tutta la popolazione mondiale, e intralciano in vari modi lo sviluppo culturale, morale, materiale e spirituale dei popoli. Nel Terzo Mondo fomentano guerre per produrre profitti, mentre nel Primo Mondo impediscono un maggiore benessere e reggono le redini della situazione economica. I politici sono subordinati a questo assetto, e oggi la loro abilit non consiste nel governare bene, ma nell'ingannare i popoli facendo credere di essere a loro servizio. Le banche non sono istituzioni asettiche e neutrali come ci hanno fatto credere. Esse sono un canale attraverso cui un gruppo di

persone ci controlla e crea una realt funzionale ai loro interessi. La realt attuale condizionata in modo inimmaginabile da queste strutture, che dettano leggi e valori. Dal sistema finanziario deriva l'intera realt economica, politica e sociale. Una realt distorta, disumana, in cui le risorse umane trovano blocchi nei disvalori che producono estraneazione da se stessi. Una realt in cui tutto dovrebbe ruotare intorno al profitto e all'interesse materiale, come se la vita umana potesse essere ridotta al meccanicismo e al materialismo. Il sistema finanziario stato creato da un gruppo di persone che hanno l'obiettivo di dominare sui popoli. Questo gruppo di persone ha creato le regole di base e le ha poste come assiomi, in modo tale che noi fossimo indotti a capire "come" funziona il sistema e non "chi lo ha creato cos e perch". Coloro che pongono le regole e i parametri da cui non si potrebbe prescindere, sono anche coloro che ci inducono ad assumere i valori della realt messa in gioco, condizionandoci attraverso presupposti impliciti, assunti come immodificabili. Il sistema maggiormente condizionante quanto pi se ne assumono i parametri di base in modo inconsapevole. Per questo necessario capire questo sistema di dominio, imposto con la disinformazione e l'inganno. Un sistema che nessuno sceglierebbe liberamente.

La confessione del banchiere americano testo di Maurizio Blondet Che un banchiere intitoli le sue memorie Confessioni di un sicario delleconomia gi clamoroso. Ma ci che il banchiere John Perkins rivela nel suo libro, Confessions of an economic hit man (1) spaventoso: racconta di essere stato arruolato dal governo Usa allo scopo di risucchiare a favore degli Stati Uniti le ricchezze di paesi poveri, e ci attraverso manipolazioni economiche, tradimenti, frodi, attentati e guerre. Le rivelazioni di Perkins gettano una luce del tutto nuova anche sulle motivazioni dellinvasione dellIrak. John Perkins dice di essere stato reclutato quando era ancora studente, negli anni 60, dalla National Security Agency (NSA), lentit pi segreta degli Stati Uniti, e poi inserito dalla stessa NSA in una ditta finanziaria privata. Lo scopo: Per non coinvolgere il governo nel caso venissimo colti sul fatto. Quale fatto? Abbastanza semplice. Come capo economista della ditta privata Chas. T. Main di Boston con 2 mila impiegati, Perkins decideva la concessione di prestiti ad altri paesi. Prestiti che dovevano essere molto pi grossi di quel che quei paesi potessero mai ripianare: per esempio un miliardo di dollari a stati come lIndonesia e lEcuador. La condizione connessa con il prestito era che in massima parte venisse usato per contratti con grandi imprese americane di costruzioni e infrastrutture, come la Halliburton e la Bechtel (strutture petrolifere). Queste ditte costruivano dunque reti elettriche, porti e strade nel paese indebitato; il denaro prestato tornava dunque in Usa, e finiva nelle tasche delle classi privilegiate locali, che partecipavano allimpresa. Al paese, e ai suoi poveri, restava lo schiacciante servizio del debito, il ripagamento delle quote di capitale pi gli interessi. LEcuador, dice Perkins, oggi costretto a

destinare oltre met del suo prodotto lordo - cio di tutta la ricchezza che produce - per il servizio dei debiti contratti con gli Usa. Ma questo solo il primo passo. Gli Usa, indebitando quei paesi, vogliono in realt renderli loro schiavi, dice Perkins. AllEcuador, non pi in grado di ripagare, Washington chiede di cedere parti della foresta amazzonica ecuadoriana per farla sfruttare da imprese americane. E questa la logica imperiale. Tra i massimi successi dei sicari economici, Perkins rievoca laccordo riservato fra gli Usa e la monarchia saudita ai tempi della prima crisi petrolifera negli anni 70. Per gli Stati Uniti, era necessario tramutare il rincaro del greggio da sciagura a opportunit. La famiglia dei Saud, del resto, affogava nei petrodollari: le fu proposto di investirli in titoli Usa e in grandi opere. La Bechtel (chi scrive fu in Arabia allepoca e pu testimoniarlo) ricopr il reame desertico di nuove citt e di impianti di raffinazione per lo pi inutili; la famiglia Saud accett di mantenere il greggio entro limiti di prezzo desiderabili per gli Usa, in cambio dellassicurazione americana che Washington avrebbe sostenuto il loro potere per sempre. E questo il motivo primo della prima guerra allIrak, dice Perkins, e dellintreccio privilegiato di affari e finanza tra i sauditi e i Bush. Secondo Perkins, gli Usa cercarono di ripetere laccordo con Saddam Hussein, ma lui non c stato. Da qui la sua rovina. Perch, dice Perkins, quando noi sicari economici falliamo il bersaglio, entrano in gioco gli sciacalli. Sono gli uomini della Cia, che cercano di fomentare un golpe; se nemmeno questo funziona, ricorrono allassassinio. Ma nel caso dellIrak, gli sciacalli non sono riusciti ad arrivare a Saddam: lui aveva delle controfigure, la sua guardia era troppo attenta. Perci si decisa la terza soluzione: la guerra. Perkins ha conosciuto personalmente Omar Torrijos, il generale e dittatore di Panama degli anni 70, morto in un incidente aereo nel 78. Torrijos fu ucciso, spiega Perkins, perch aveva stilato un accordo coi giapponesi per la costruzione di un secondo canale di panama, ed aveva ottenuto dallOnu nel 1973 una risoluzione che obbligava gli Usa a restituire alla sovranit panamense il vecchio Canale. Le multinazionali americane erano estremamente arrabbiate con Torrijos. Per questo scopo, quando Reagan divenne presidente, gli furono fatti scegliere come ministri due alti funzionari della Bechtel, Caspar Weinberger alla Difesa e George Schultz - il che rivela molto sul ripugnante potere degli affari nella politica Usa - per costringere Torrijos con le minacce a rompere i negoziati coi giapponesi (che stavano soffiando alla Bechtel laffare del secolo) e di rinnovare il trattato del Canale di panama, riconsegnandolo agli americani. Torrijos rimase sulle sue posizioni: furono mandati in azione gli sciacalli. Laereo di Torrijos, dice Perkins, cadde per un magnetofono che era stato riempito di esplosivo. La stessa fine di Enrico Mattei. Conclude Perkins: il denaro che gli Usa adoperano per indebitare i paesi poveri non neppure denaro americano. Sono la Banca Mondiale e il Fondo Monetario a fornirlo, e a fornire ai poveri la corda per impiccarsi. Note. 1) Hit man il sicario prezzolato, il bastonatore assoldato dalla Mafia e dalle ditte americane per picchiare gli scioperanti. Il libro acquistabile su Amazon. Pare essere auto-edito da Perkins.

Verso una nuova religione universale? (anno 2007) Un nuovo passo nell'intento di costruire una nuova religione planetaria al servizio del Nuovo Ordine Mondiale. L'eretico, ex frate francescano Leonardo Boff (sposato con una ex suora) insieme all'arcivescovo di Brasilia, Mons. Joo Braz de Aviz, sono tra i relatori al 1 Forum Espiritual Mundial che si riunir a Brasilia tra il 6 e il 10 dicembre... Il tema dell'incontro "Valorizzare la diversit per la costruzione di una solidariet planetaria". Tra i partecipanti si annoverano Nestor Masotti, presidente della Federazione Spiritista Brasiliana; Ricardo Lindemann, presidente della Societ Teosofica in Brasile, Hlio Pereira Leite, Gran Maestro del Grande Oriente; l'ex frate francescano e teologo eretico Leonardo Boff, - attivo propagandista della Carta della Terra (2) - e l'arcivescovo di Brasilia, Mons. Joo Braz de Aviz (3). Il cinquantanovenne arcivescovo introdurr i lavori del Forum con una conferenza che ha per titolo: "La costruzione di una societ planetaria". In preparazione a questo incontro si svolto il Forum Spirituale Interreligioso in Spagna a EstrellaLizzara, dal 23 al 29 giugno scorso, a cui hanno partecipato anche due sette virulentemente anticattoliche, la Comunidad Baha'i e Brahma Kumaris. Gli organizzatori del Forum di Brasilia sono la Unione Planetaria, che un'associazione di cui fa parte la URI (Iniziativa delle Religioni Unite) e la UNIPAZ. La URI stata creta nel 2000 da Kofi Annan, segretario generale dell'ONU, e da Ted Turner, apertamente anticattolico, uno dei finanziatori pi in vista sia delle iniziative interreligiose, sia dei programmi dell'ONU per il controllo della popolazione. Ted Turner il padrone non soltanto della Cnn, ma anche il magnate della Time-Warner. I principi fondamentali della URI sono: la condanna della nozione tradizionale di evangelizzazione cristiana e il rifiuto di qualsiasi principio morale immutabile, ossia della legge morale naturale. Considera l'evangelizzazione come una forma di proselitismo, che non tollera, perch la ritiene una forma di dominazione. E' favorevole all'aborto, all'abolizione della patria potest, perch gli adolescenti possano avere piena libert sessuale, alla legalizzazione delle unioni omosessuali. Tutto ci stato inserito nel documento finale dell'Incontro dei Leader Religiosi del 2000, che stato chiamato Dichiarazione per la Pace nel Mondo. Naturalmente il rappresentante della Santa Sede, il Cardinale Arinze, non ha firmato questo documento. Tra le istituzioni-partner che hanno dato il loro appoggio al Forum si annoverano anche: FEB Federao Esprita Brasileira; WAMY - Assemblia Mundial da Juventude Islmica; Sociedade Teosfica do Brasil; ABRAWICCA - Associao Brasileira de Arte e Filosofia da Religio Wicca; MAONARIA - Grande Oriente do Distrito Federal - GODF/GOB; Organizao Brahma Kumaris; Comunidade Bah'i; Rotary de Braslia; ONU Brasil; Programa das Naes Unidas para o Desenvolvimento - Brasil. Dopo questa sintetica panoramica non ci si meraviglia tanto della presenza dell'ex francescano Leonardo Boff, di cui conosciamo le "performances", ma ci che lascia allibiti - a dir poco - la presenza dell'arcivescovo di Brasilia.

Si comprende allora meglio perch da un decennio almeno a questa parte i vescovi brasiliani abbiano perso almeno il 10 per cento dei fedeli NOTE: (2) Carta della Terra secondo il suo principale ispiratore, il russo Michail Gorbachev, il nuovo Decalogo che porr fine ai Dieci Comandamenti. Questi hanno fatto il loro tempo. E' nato, il nuovo Decalogo, nelle parole delle Nazioni Unite "per essere il paradigma di una nuova etica in un nuovo mondo". I suoi autori si riferiscono a questo come "Il Decalogo della Nuova Era". Oltre Gorbachev, le menti della Carta della Terra, sono Maurice Strong, uomo del Club Bilderberg, del Forum di Davos, e soprattutto ideologo delle Nazioni Unite e del Nuovo Governo Mondiale. Insieme a lui, la pi grande fanatica dell'aborto e uno dei peggiori nemici della razza umana: l'ex primo ministro norvegese e segretaria generale dell'Organizzazione Mondiale della Sanit, sig.ra Gro Brundtland. Nello stesso tempo, tra i creatori figurano lo spagnolo Federico Mayor Zaragoza, e personaggi come l'ex presidente della Banca Mondiale James Wolfensohn, Steven Rockefeller, altro nome imprenscindibile nel Nuovo Ordine Mondiale, e colui che richiama di pi, il fondatore del Forum di Davos e leader del nuovo capitalismo mondiale, Klaus Schwab. Questi richiama di pi, perch la Carta della Terra nata dallo spirito dell'Assemblea di Rio, celebrata nel 1992, sullo sviluppo sostenibile, da dove sorse poi quella di Porto Alegre, presunta antitesi del Forum di Davos. Si suppone che Porto Alegre di sinistra e dei diseredati, mentre Davos dei ricchi. Ma sbagliato: ambedue, progressismo capitalista e progressismo socialista, confluiscono nella nuova religione mondiale, la Carta della Terra. Sono due facce della stessa medaglia. (3) Mons. Joo Braz de Aviz, cinquantanovenne, stato nominato Vescovo ausiliare di Victoria nel 1994, nel 1998 viene nominato Vescovo diocesano di Ponta Grossa, solo quattro anni dopo, nel 2002, viene trasferito a Maring e nel 2004 nominato Arcivescovo Metropolitano di Brasilia, sede cardinalizia. Una carriera veramente fulminante FONTE: Noticias Globales

- ("Il Manifesto", 3 dicembre 2003): Il 3 maggio del 2004 viene approvata in via definitiva la cosiddetta "Legge Gasparri" che ridefinisce la materia di assetto del sistema radiotelevisivo e della RAI - Radiotelevisione italiana s.p.a. - nonch delega al Governo per l'emanazione del testo unico della radiotelevisione. Interrogato sul nucleo centrale della legge, Vittorio Dotti (ex avvocato di Berlusconi ed ex capogruppo di Forza Italia), afferma L'espediente a cui ricorre la legge terribile, quello di identificare un mercato rilevante, di proporzioni talmente enormi che le quote da cui ciascun operatore pu attingere sono altissime e quindi prosciugano tutte le risorse che ci possono essere sul mercato, impedendo che soggetti terzi possano entrarci. La gravit sta proprio in questo meccanismo perverso: se i tetti vengono fissati su un mercato cos largo sar difficile che, ad esempio, gli editori della carta stampata non siano penalizzati. Con questo scherzetto viene in sostanza preclusa ogni forma di pluralismo a favore di interessi di parte.

Loggia massonica P2 La scoperta del caso della P2 fece conoscere in Italia l'esistenza, in altri sistemi ed in altri Paesi, del lobbismo, cio di un'azione di pressione politica sulle cariche detenenti il potere affinch orienti le scelte di conduzione della nazione di appartenenza in direzione favorevole ai lobbisti. In altri Paesi il lobbismo si applicava e si applica in modo pressoch palese, e nemmeno - d'ordinario desta scandalo; per l'Italia il fenomeno, almeno in questa forma e con questa evidenza, era inusitato. In pi, la circostanza che l'associazione fosse segreta, ha immediatamente evocato allarmanti spettri che le conclusioni dell'inchiesta della commissione parlamentare non hanno fugato. Il caso della P2 ha certamente lasciato uno spunto di attenzione costante circa la formazione e lo sviluppo delle scelte politiche e verso le eventuali suscettibilit del potere di risentire influenze di gruppi non democraticamente introdotti a dirette forme di dialogo politico. Altrettanta attenzione stata posta, nel tempo, sul destino dei piduisti, qualcuno dei quali ha avuto pubblico successo, in politica o nello spettacolo, mentre altri si sono morbidamente confusi nell'anonimato; ad alcuni stato revocato l'esilio, altri si sono fatti notare in proprio per meriti di Tangentopoli. Tra tutti per, il piduista che ha avuto maggior successo, senza ombra di dubbio Silvio Berlusconi. (tessera n 1816, codice e.19.78, gruppo 17, fascicolo 0625, 26 Gennaio 1978) E similmente accaduto ai personaggi politici menzionati nel famoso programma: Bettino Craxi crebbe sino a divenire il pi importante esponente del suo partito (del quale ebbe il richiesto "predominio", anche grazie all'appoggio degli USA, che finanziarono il suo partito in chiave anti-PCI, come scriver poco prima di morire nel suo memoriale consegnato al cognato Paolo Pillitteri, ex sindaco di Milano) e strinse con Andreotti e Forlani un famoso patto di alleanza politica. Ad altri, come Antonio Bisaglia, non and altrettanto bene. Nemmeno l'onorevole Tina Anselmi ebbe in seguito una lunga vita politica. Nel 2007, Licio Gelli ha 88 anni ed agli arresti domiciliari nella sua Villa Wanda di Arezzo dove sconta la pena di 12 anni per la bancarotta dell'Ambrosiano. In un'intervista rilasciata a la Repubblica il 28 settembre 2003, durante il Governo Berlusconi II, racconta: Ho una vecchiaia serena. Tutte le mattine parlo con le voci della mia coscienza, ed un dialogo che mi quieta. Guardo il Paese, leggo i giornali e penso: ecco qua che tutto si realizza poco a poco, pezzo a pezzo. Forse s, dovrei avere i diritti d'autore. La giustizia, la tv, l'ordine pubblico. Ho scritto tutto trent'anni fa in 53 punti. Sera del 16 marzo 1981, un luned come altri. Nell'ambito dell'inchiesta sul presunto rapimento del banchiere siciliano Michele Sindona, due magistrati di Milano, Giuliano Turone e Gherardo Colombo, affidano al colonnello della Guardia di Finanza Vincenzo Bianchi il compito di far irruzione in alcune propriet di Licio Gelli. L'ordine tassativo: il colonnello non deve informare nessuno, non deve avere alcun contatto con le autorit locali (i carabinieri, la polizia, la magistratura del posto e neppure i comandi della Guardia di Finanza). I suoi finanzieri, arrivati in Toscana, non passano la notte nella caserma di Arezzo, ma si disperdono in diverse localit l attorno. All'alba di quel 17 marzo scatta l'operazione. In una delle propriet di Licio Gelli, la fabbrica "Gioele" di Castiglion Fibocchi, la G.d.F. rinviene in una cassaforte i registri della loggia massonica P2, con i membri e le posizioni di ciascuno (una lista di 962 nomi): tra questi spicca il nome del Generale Orazio Giannini (tessera P2 n 832), all'epoca dei fatti Comandante Generale proprio della Guardia di Finanza. Tutti i documenti sequestrati vengono portati a Milano. Nel carteggio vi erano alti ufficiali delle forze armate, tutti i capi dei servizi segreti italiani (sia di derivazione politica sia di carriera), funzionari pubblici, magistrati, industriali e giornalisti. L'intero apparato politico viene investito dallo scandalo: era ormai indiscutibile che nel Bel Paese vi fosse una struttura segreta il cui scopo fosse quello di controllare le leve del potere in Italia. Nel giugno del 1981 Arnaldo Forlani fu costretto a dimettersi per aver ritardato la pubblicazione della lista.

Nel luglio del 1982 viene sequestrato a Maria Grazia Gelli (figlia di Licio Gelli) il "Piano di rinascita democratica" in 53 punti della loggia P2. Da questi ritrovamenti partono diverse inchieste, sia parlamentari che giudiziarie che non porteranno a nulla. Tra i punti pi significativi del memorandum, vi era quello di portare il Consiglio Superiore della Magistratura ad "essere responsabile verso il Parlamento", separare le carriere dei magistrati, "nuove leggi elettorali, per la Camera, di tipo misto (uninominale e proporzionale secondo il modello tedesco) riducendo il numero dei deputati e senatori", rompere l'unit sindacale e abolire il monopolio della Rai per arrivare ad avere il controllo dei mezzi di comunicazione. Gli uomini "da reclutare" nei partiti, dovevano ottenere il "predominio" (testuale) sulle proprie organizzazioni, mentre i giornalisti "acquisiti" avrebbero dovuto "simpatizzare" per gli uomini segnalati dalla loggia. Il programma non faceva altro che preannunciare una serie di pressioni e di azioni che avrebbero mirato a conquistare il potere per conferirlo a fidati iscritti della loggia, o loro simpatizzanti. Il 10 Dicembre 1981 il Parlamento ha ufficialmente sciolto la P2. Si tratta per solo di un atto formale, in realt Gelli, nonostante i molti anni di carcere a cui stato condannato, ancora a piede libero e ha a disposizione un enorme patrimonio per continuare a tessere i suoi intrighi. N.B. Il "piano di rinascita democratica" sequestrato a Maria Grazia Gelli nel Luglio 1982, che rappresenta la "carta programmatica per l'Italia" della P2, divenuto il programma di Silvio Berlusconi, in gran parte attuato. LISTA ISCRITTI DETTAGLI E SETTORI LAVORATIVI COINVOTI da notare il capillare radicamento della struttura P2 nel territorio italiano con 2-3 iscritti per 35 delle attuali 110 provincie italiane: Torino, Milano, La Spezia, Roma, Bari, Ravenna, Firenze, Pistoia, Cosenza, Palermo, Cagliari, Siena, Brescia, Ancona, Venezia, Catanzaro, Genova, L'Aquila, Trieste, Potenza, Novara, Arezzo, Bologna, Piacenza, Udine, Messina, Pisa, Reggio Emilia, Reggio Calabria, Forl, Savona, Brindisi, Trapani, Perugia. A conferma del radicamento nel territorio la presenza in 13 delle 20 regioni italiane: Piemonte, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Liguria, Toscana, Emilia Romagna, Lazio, Marche, Molise, Calabria, Sicilia, Sardegna. Nota: Secondo la commissione parlamentare d'inchiesta, l'elenco completo degli iscritti alla P2 era all'incirca di 2500 nomi; ne mancano 1650.

Elenco per categorie lavorative degli iscritti: Militari e forze dell'ordine: 208 Uomini politici: 67 Dirigenti ministeriali: 52 Banche: 49 Industriali: 47 Medici: 38 Docenti universitari: 36

Commercialisti: 28 Avvocati: 27 Dirigenti industriali: 23 Giornalisti: 27 Magistrati: 18 Imprenditori: 18 Liberi professionisti: 17 Societ private (presidenti): 12 Societ pubbliche (dirigenti): 12 Attivit varie: 12 Segretari particolari (politici): 11 Associazioni varie: 10 Enti assistenziali e ospedalieri: 10 Funzionari regionali: 7 Dirigenti comunali: 8 Societ pubbliche (presidenti): 8 Notai: 4 Antiquari: 6 Alberghi (direttori): 4 Sindacalisti: 2 Diplomatici: 9 Provveditori agli studi: 2 Commercianti: 1 Consulenti finanziari: 4 Compagnie aeree: 8 Editori: 4 Dirigenti editoriali: 6 Scrittori: 3 Dirigenti rai-tv: 10 Compagnie di assicurazione: 6 Architetti: 7

Potrete ingannare tutti per un p. Potrete ingannare qualcuno per sempre. Ma non potrete ingannare tutti per sempre.
(Abramo Lincoln)