Sei sulla pagina 1di 17

DOMENICA XXVIII del TEMPO ORDINARIO ANNO A

A cura di Angelo Cannata sugli insegnamenti dell'Ing. Luigi Lazzaro Il presente libretto divulgato a soli fini liturgici vietata ogni forma di commercializzazione

La lettura del profeta Isaia un brano sommamente consolatore. Ci mostra l'intenzione salvfica di Dio che prepara per i tempi messianici un sontuoso banchetto sul monte Horeb. Dio asciuga le lacrime da ogni volto, e allontana ogni bruttura e sofferenza. La promessa della salvezza sar perfettamente compiuta (prima lettura). Anche il vangelo ci parla di un banchetto, ma toni e circostanze sono ben distinti. Si tratta della parabola degli invitati scortesi, che non accettarono l'invito a partecipare al banchetto nuziale (Vangelo). Nel testo del profeta Isaia si sottolineava, specialmente, il dono che Dio prepara per i tempi messianici, invitando tutti i popoli della terra. Nella parabola evangelica, invece, sono poste in rilievo la libert e la responsabilit degli invitati al banchetto. Il matrimonio era pronto, ma gli invitati non lo meritavano. Vergognosamente, avevano alzato le mani sui servi, e li avevano percossi, fino ad ucciderli. Che strano modo di ricambiare qualcuno che ha appena offerto un invito ad un banchetto! Quanto tragica e drammatica la fine di quegli invitati scortesi: le truppe del re incendiarono la loro citt e stermin gli assassini! Si tratta, dunque, di una parabola correlata con quella che abbiamo letto domenica scorsa (quella dei vignaioli omicidi), e che mostra chiaramente che coloro che erano stati scelti per partecipare al banchetto si sono comportati in modo spregevole, non hanno riconosciuto la propria condizione di invitati o di contadini prediletti. Hanno voluto arricchirsi delle propriet del re, hanno voluto sostituirsi a lui, disprezzandolo, e hanno perduto se stessi, divenendo degli assassini. Dio, in Ges Cristo, invita l'uomo al banchetto eterno, offrendogli la salvezza. Da parte di Dio, tutto compiuto; ma l'uomo che, liberamente e generosamente deve accorrere al banchetto. Come san Paolo, bisogna far esperienza di Cristo e del suo amore, per poter affrontare qualunque difficolt della vita: "tutto posso in colui che mi d forza" (seconda lettura). Totustuus www.lachiesa.it

INDICE:

Canto d'ingresso (L. Lazzaro - G. Liberto) ..............................pag. 4 Salmo Responsoriale (V. Tarantino) .............................................. 7 Salmo Responsoriale (alternativo)(M. Visconti) ........................... 8 Canto al Vangelo (G. Liberto - L. Lazzaro) ................................... 9 Canto alla presentazione dei doni (L. Lazzaro - D. Morganti) ...... 10 Antifona di Comunione (A. Cannata) ........................................... 13 Canto di Comunione (G. Liberto) .................................................. 14 Canto Di ringraziamento (ginevrino)............................................. 17

Canto d'ingresso
2 &b 4 2 U &b 4 W W ?b 4 W 2 j j W
3

Se con - sideri

j j j j j j j j
le no - stre col - pe, Si - gno - re,

Luigi Lazzaro - Giuseppe Liberto

W
chi potr

j j J j J

re -

W W W W

j J j J

j J

W W W W

j 3 j j, &b J
si - ste - re;

&b ?b

j J j J

j J j J

ma

, j j n J J J J J J J J J J J
3 4

j j
U

pres-so di

te

il per - do - no,

Di - o

d'Is - ra - e - le.

j J j J

j J j J

n J J j j

j J j J

j J j J

> b j J . &
Ri - al

movendo (donne)

, (uomini) r j j j j J.
za - ci, Si - gno - re, ri al -

, (donne) r j j j j
za - ci, Si - gno - re, ri -

j b & J ? b

j J J

&b J
al -

J
za -

ci,

j
o

Di

n J
o

j
de -

j
gliIe -

j
ser -

j
ci -

j, j
ti; fa

(Schola) rall

&b ?b j

j J J

& b A J & b A ? b

j
reIil

j
tuo

vol -

j j J
to e noi

splen - de

sa - re - mo

sal -

vi;

b b

- - - - & b .. j j J J J J
(Schola poi Tutti) (potente - rall) fac - ci vi - ve - re,

Si - gno

, j j j j j j
re, e noi

(largo)

j . .
mo.

t'in - vo - che - re

& b .. b ? b ..

j .. J j .. J

prosegue il solista..

&b W &b W W W ? W b

(solo)

j
mi,

j
Si -

- gno

re,

Non abbandonar

&b W
mio Dio da me non

()
sta -

j
re

lon

ta

no;

&b W W W ? W b

&b &b ?b

W
vieni presto in mio aiuto, Signore

j
mi

W W

j
sal -


vez -

U
za!

W W

#
u

(Tutti ripetono): "Se consideri le nostre colpe..."

Salmo Responsoriale
# 3 j j & # 4 j j j A - bi - te - r per ## 3 j & 4 ? ## 4 3
Salmo 22 1. Il Signore il mio pastore: non 2. Mi guida per il giusto cammino a mo 3. Davanti a me tu pre man ti pa ran vo co di del suo riIu - na no com nul - la. no - me. men - sa pa gne

Andante

2 4

2 3 4 4 2 4 . . 3 4

sem - pre

3 j 4 j j j j j
nel - la ca - sa del Si

Vincenzo Tarantino

gno - re

&

##

4. S, bont e fedelt mi sa

? ## W W
3. sotto gli occhi dei 4. tutti i giorni

W W

.
ne mi - a

1. Su pascoli erbosi mi 2. Anche se vado per una valle oscura, non temo alcun male per

fa ch tu mie -i del - la

ri - po - sa - re. sei con me. mi - ci; vi - ta,

# & # W W ? ## W W


mi tu o - lioIil ca - sa con o vin mi - o del Si du ca ca gno ce. stro po. re 1. Rinfranca 2. mi 3. Il mio 4. per l'a dan -no ca - li lun -


a. za. ca. ni.

## W & W W ? ## W

1. Ad acque tranquille 2. Il tuo bastone e il 3. ungi di 4. abiter ancora nella

ni - ma mi si - cu - rez ce tra - boc ghi an -

W W W

. J

Salmo Responsoriale
alternativo

# 3 j j j j & # 4 j f A - bi - te - r per sem ## 3 & 4 . J f ? ## 3 . 4


Moderato Salmo 22

pre

j j
nel - la ca sa

del Si - gno

j j

Mauro Visconti

re.

j . . J J J j j w
Rinfranca la -

& w F Il Signore il mio pastore: non man ## & w w F ? ## w w ## w & ## w &


ad acque tranquille

##

Solo

w
Su pascoli erbosi mi fa

- co di nul - la.

j j

ri - po-sa - re,

w w w w

J J

mi con - du - ce.

j j
ni - ma mi -

a.

? ## w w

w w w w


S, bont e fedelt mi saranno compagne tutti i giorni della mia vita, abiter ancora nella casa del Signore per lunghi giorni.

Mi guida per il giusto cammino a motivo del suo nome. Anche se vado per una valle oscura, non temo alcun male, perch tu sei con me. Il tuo bastone e il tuo vincastro mi danno sicurezza. Davanti a me tu prepari una mensa sotto gli occhi dei miei nemici. Ungi di olio il mio capo; il mio calice trabocca.

Canto al Vangelo
2 j j , n &b 4 J J
Al - le - lu ia,

ia,

, ,

Alleluia: Giuseppe Liberto Versetto: Luigi Lazzaro


al -


le lu ia.

2 &b 4 ?b 4 2

al - le - lu

b n j j b

j j & b j j JJ J
Il

Pa - dre del Si - gnore no - stro

j j

Ge-s Cri - sto

il - lu - mi - ni gliIoc - chi del

j j J J

& b j ? b

b n j jj j jj n J & JJ J JJJJ J
no-stro cuo - re per far ci com - prende-re a

j & b n J #n n ?b # n #n

qua-le spe - ran-za ci ha chia - ma - ti.

10

Canto alla presentazione dei doni


## & & ## j j j j J j a J R J J j j a J J
te,

J
nei

Por - ta - teIof - fer

en - tra - te

j j a tri,

Luigi Lazzaro

suoi

pro -

? ## . ## . & J

a
U

stra

te - viIal

Si

gno - re

j j j 3j j in

san - tiIor - na - men

ti!

j j J j J

## . a & . a ? ## . A n

Musica di Padre Domenico Morganti

& &

## ##

Rit: Da - teIal Si - gno - re, o

j j

j j j J
Fi - gli di

Di - o,

. J J

da - teIalSi - gno

re

j j j J J
glo-ria e

po -

? ##

. J

. j

11

& &

## ##

. .

da -

ten - za;

j j j j j j j J teIal Si - gno - re la glo - ria del suo no .

- me, la

j j J J J J

ma - e - st nei


Solo

? ##

# j j & # J j
se - co - li dei

se - co - li.

j j j j J J J J J
La - ma - e - st nei se - co - li dei

se - co - li.

. . . .. .

Can-

&

##

()

()

? ##

## j j j j J & R R J J
ta - te al


nuo - vo,

Si - gno - re un can - to

j j j j j j J J J
la ter - ra tut - ta can-ti

al Si -

&

##

? ##

12

## &
gno

j j
re,

can - ta

J
-

gno

j j
re,

teIal Si

can - ta

te,

## & ? ##

## j j & J # # j & ? ##
e

be - ne - di

teIil

j J

no

suo

meIin e

J
-

ter -

U
no

Ai popoli narrate la sua gloria a tutti annunziate i suoi prodigi. Cantate al Signore... La terra esulti, il cielo si rallegri, il mare fremi e quanto esso contiene. Cantate al Signore ...

13

Antifona di Comunione
j &b
Il re -


gno dei

Angelo Cannata


si - mi - leIa un

.
re

cie - li

che

& b j J ?b

j . #

&b
fe -


di

ceIun ban - chet - to

noz - ze


per

fi -

glio

j j J j J

suo

&b

?b

Segue il Canto di Comunione... eventualmente l'antifona pu sostituire o alternarsi al ritornello del canto di comunione

14

Canto di Comunione
&b
Gu -

sta -

te

j j
e ve - de -

te

j j
quant'

buo

Giuseppe Liberto

noIil

Si -

&b ?b

&b
gno -

re;

j
be

3 4
a -

to,

j
be -

&b ?b

3 4 3 4

&b
a -

to,


be -

j J J J
a - to chi

2 4
lui

in

J J
si

gia.

ri - fu

& b b ?b

2 4 b 2 4

15

&b J J J &b ? b

(Solo)

Be - ne - di - r

j j J
il

Si - gno - reIin

j j
o gni

tem - po,

j j j j
sul - la mi - a

b j j j j j j &
boc - ca sem - pre la sua

lo -

de.

j J

Nel Si - gnor si

glo - rie -

& b ?b

& b n J J J J
r l'a - ni - ma

mi - a,

j j j j J A j J
l'u - mi - leIa - scol - tiIe si

ral - le

U
-

gri.

& b n ?b

u
(Tutti): Ritornello

16

&b J J J
Ma - gni - fi

(Solo)

ca -

j j
te con me

j j
il

Si - gno - re,

j
e sal

j j j j j & b j
tia - moIin sie - meIil su - o

no -

me.

j J
Ho

cer - ca - to

J J J J
il

Si -

J & b n J J
gno - re

miIha ri - spo - sto

j j j A J J
daIo-gni ti - mor

miIha li - be - ra

U j j
-

to.

(Tutti): Ritornello

&b

(Solo)

Guar - da - teIa

lui

j j j j
e sa - re te

rag - gian - ti,

j
non sa -

j 3j j j j j j &b
ran - no con fu - siIi vo - stri

j J
Que - sto

vol - ti.

J J
U
-

po - ve - ro

J & b n J J J
gri - da,

Dio l'a - scol - ta, lo

3 j j j j j j j j J J J

li - be - ra da

tut - te le su - eIan - go

sce.

(Tutti): Ritornello

17

Canto di Ringraziamento

Gioioso (

hk- )
vo - glio ren - de - re

Ginevra 1562
Repertorio Nazionale N. 280 - ELLEDICI

&b C

1.Gra - zie ti


nel tuo

w
il

del do - no

che

w
che

mi

fai.

#
mi dai.

w w w w

? C w b &b ?b
qui,

w w

.
me - di - to

be - ne

# b

tem - pio,

w w

w #

w w w w w

2. Tu mi rallegri l'intimo di sante realt, dinanzi a me fai splendere l'eterna verit. 3. Ora e per tutti i secoli dir la tua bont; s, o Signore altissimo, sei somma carit.