Sei sulla pagina 1di 24

Gioved 29 settembre 2011 | anno XLIV (nuova serie) | numero 34 | euro 1,20 | contiene I.R.

Speciale
Don Lino Mancini, un prete in prima linea

Prolusione
Dal cardinale Bagnasco parole chiarissime

11

Cesena
Macfrut, per tre giorni ortofrutta protagonista
fiera si svolge a L7aottobre condal 5 Pievesestina al proposte su come superare la crisi

13

Parrocchie
Continuano le feste nelle comunit
in ASan MartinoseFiume una rata con il ritrovo degli alunni delle classi elementari

12,15,17

dieci anni dalla morte la pubblicazione di un volume con la sua biografia

La questione morale al centro dellattenzione del discorso davanti al Consiglio della Cei

EDITORIALE Risvegliare la speranza


di Francesco Zanotti

Stanno per iniziare i corsi alla Scuola che ha sede a Panighina di Bertinoro
Un allievo della Scuola edile della Provincia di Forl-Cesena

Il cardinale Angelo Bagnasco entrato subito in argomento. Il suo stato un vero e proprio tackle (cfr. sintesi dellintervento a pag 11). Luned scorso al Consiglio permanente della Cei ha parlato del clima generale, del senso di insicurezza diffuso nel corpo sociale e di attonito sbigottimento a livello culturale e morale. Subito dopo ha aggiunto che la crisi economica e sociale era in realt pi vasta e potenzialmente pi devastante di quanto potesse di primo acchito apparire. Questa crisi sembra produrre un oscuramento della speranza collettiva che si nota in unamarezza dichiarata, un risentimento talora sordo, un cinismo che denuncia una sconfortata rassegnazione. E sul degrado morale della politica che larcivescovo di Genova si soffermato in maniera particolare, senza mezzi termini. C da puricare laria, perch le nuove generazioni, crescendo, non restino avvelenate. Poi ha richiamato al principio di equit che va assunto con rigore e applicato senza sconti. Occorre combattere la corruzione, piovra inesausta dai tentacoli mobilissimi. Ha messo in guardia dai comitati di affari e da un discredito generalizzato del sistema della rappresentanza, senza dimenticare levasione scale, cancro sociale che soffoca leconomia. Tornando allo scenario generale evocato in apertura di prolusione, il cardinale ha detto che lesibizione che colpisce. Come colpisce lingente mole di strumenti di indagine messa in campo su questi versanti. Poi ha distinto i piani e la gravit di situazioni diverse: La responsabilit morale ha una gerarchia interna che si evidenzia da s, a prescindere dalle strumentalizzazioni che pur non mancano. I comportamenti licenziosi e le relazioni improprie sono in se stessi negativi e producono un danno sociale a prescindere dalla loro notoriet. Fino allaffondo nale: ammorbano laria e appesantiscono il cammino comune. Pi chiari di cos, si potrebbe concludere, non si pu essere. Intendiamoci: nessuno pu chiamarsi fuori, ma chi ha responsabilit pubbliche e ai massimi livelli non pu ignorare il fortissimo richiamo che il cardinale presidente, in sintonia con larghissima parte del Paese a cui ha inteso dare voce ed espressione, ha manifestato in maniera inequivocabile. Come uscire da questa situazione? Occorre risvegliare la speranza, troppo assopita da un contesto negativo che inibisce anche i pi coraggiosi e reagire con freschezza di visione e nuovo entusiasmo. La strada tracciata. Resta solo da imboccarla per il verso giusto.

Una scuola per ledilizia


Di fronte a un settore in crisi, come quello delledilizia, qualcuno potrebbe chiedersi a cosa pu servire un corso per la formazione di operatori specializzati. Invece, insegnare ai giovani un mestiere, come fa la scuola edile della Provincia di Forl-Cesena, costituisce una risorsa che il mondo del lavoro chiede, soprattutto nel campo delle ristrutturazioni, della messa a norma e dellisolamento termico-acustico dei vecchi edifici. Il comparto sta attraversando momenti di difficolt: negli anni scorsi si costruito troppo e oggi, in tempo di crisi, c molto invenduto. Primo Piano a pag. 5

Cesena 13 In preoccupante crescita il numero dei furti in casa Solidariet 18 Forl-Cesena: le giornate dedicate al volontariato

Savignano 16 Via Selbelle, una strada da migliorare Cesena 19 Un fine settimana con tanti eventi culturali

Opinioni

Gioved 29 settembre 2011

Obiettivo crescita: dellItalia o degli italiani?


a crescita, la crescita... La parola d'attualit. Una volta, negli anni del dopoguerra, ai bambini e alle bambine delle elementari, per aiutare la crescita, la scuola (lo Stato) somministrava l'olio di fegato di merluzzo. Ogni scolaro si portava da casa il cucchiaio per ricevere la sua dose quotidiana (gli schizzinosi aggiungevano mezzo limone per ripulirsi la bocca). Non si poteva proprio dire una medicina, ma neanche una bont. Aveva inevitabilmente un odore, e altrettanto il sapore, di pesce andato a male. Tutt'altro che gradevole. Ma si mandava gi, aiutava la crescita. Adesso altro che cucchiai! Di olio di fegato di merluzzo ce ne vorrebbero bidoni, tonnellate. Per aiutare la crescita, dell'Italia, e degli italiani. Perch qui occorre precisare, occorre distinguere. Tutti invocano la crescita dell'Italia (crescita di che, poi? Degli investimenti? Dei consumi? Dell'occupazione?) ma nessuno pensa che parimenti dovrebbero crescere gli italiani. Crescere di numero, innanzitutto, visto che anche in questo settore siamo carenti, se non ci fossero - pure qui - gli immigrati a supplirci, a darci una mano, anzi non solo la mano, ma bambini interi, i quali rappresentano, checch ne pensino i fautori delle teorie malthusiane, la forza motrice, la vera spinta all'economia di un Paese.

LAVORO: VARIAZIONI DELLE RETRIBUZIONI E CONFRONTO CON LINFLAZIONE MESE PER MESE NEGLI ULTIMI 13 MESI (CENTIMETRI)

Di olio di fegato di merluzzo ce ne vorrebbero bidoni, tonnellate. Per aiutare la crescita, dellItalia e degli italiani

Donna... chi? Intercettazioni e pensare comune, occorre un sussulto di dignit delle coscienze
volte siamo tentati di credere che ci sia un qualche limite al peggio. Purtroppo, per, ci troviamo a dovere constatare che molto spesso questo limite non c o, se cera in passato, oggi comunque non c pi. In questi giorni siamo stati sommersi di informazioni su fatti che, ancor prima di essere immorali, sono inumani: raccontano di donne trattate da mi perdonino i lettori la citazione pat.... da fare girare; due le porto io e due le porti tu. Poi ce le scambiamo. Tutti i giornali ci presentano la foto di una gentile si fa per dire signora della politica che si presenta con una maglietta sulla quale sta scritto Senza la t-shirt sono ancora meglio. Cito solo questi due esempi per dire, per, che non si tratta di casi isolati, bens di una cultura disumanizzante diffusa in certi ambienti, che non sono propri di quella che un tempo era considerata la bassa plebe, il popolino ignorante. No, questo modo di pensare la donna, questo modo di concepire la sua essenza umana viene dai piani alti, da gente delle istituzioni, persone colte che hanno fatto strada, molta strada. Dovremmo aggiungere forse... troppa strada. Il triste poi che tali modi di concepire la donna vengono giustificati a volte anzi addirittura santificati per motivi di schieramento, come se si potesse barattare per appartenenza partitica anche la dignit della coscienza e la verit profonda delle persone. Senza dimenticare che anche alcuni credenti giungono a legittimare tali modi di pensare e di agire con laffermare che insomma, una persona a casa sua avr ben il diritto di fare quello che vuole. Fingendo di non sapere che il male male anche se lo fai a casa tua. Oscurando pure le parole di Ges che ti condanna come Satana se non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini! (Matteo 16,23). necessario e urgente un sussulto di dignit delle coscienze. Il problema non votare questo o votare quello; si tratta invece di non vendere la coscienza a nessuno, da una parte o dallaltra, per motivi di appartenenze partitiche. Occorre soprattutto una ribellione delle donne a questo modo

La Vignetta

osceno di concepire la loro dignit e la loro vita, che le trasforma in oggetti, corpi senzanima, da usare, vendere e comprare. Insieme alle donne, necessario che tutti gli uomini di retta coscienza, dotati di libert di spirito e di intelletto, combattano decisamente questo modo di pensare e di vivere che non n cristiano n umano. Vincenzo Rini

E poi crescere nel senso di maturare, considerato che, stando alle valutazioni del povero PadoaSchioppa e del sempre vegeto ministro Brunetta, tra gli italiani sono ancora molti i bamboccioni. Termine che a nostro modesto parere non necessariamente dovrebbe essere riferito solo ai soggetti compresi entro una determinata fascia d'et e nella condizione, per intenderci, di figli di famiglia, ma dovrebbe estendersi a tutti quegli italiani che - se semplici cittadini - pensano di continuare a spendere pi di quanto guadagnano, e - se pubblici amministratori - di continuare bellamente a sperperare denaro pubblico, tanto poi... c' ; Pantalone che paga. Dove si vede che la crescita, nel senso di maturazione, dovrebbe riguardare molti di questi bamboccioni ancora immaturi e perci pericolosi. Anche il presidente Giorgio Napolitano ha parlato di crescita (dell'Italia, ovviamente) e proprio davanti agli studenti, al Quirinale, per la consueta cerimonia di inaugurazione dell'anno scolastico. Non sappiamo se il Capo dello Stato abbia mai preso l'olio di fegato di merluzzo. Osiamo pensare di s, a meno che ai suoi tempi di ragazzino delle elementari questa sorta di purga, pardon, di toccasana per la crescita, era ancora di l da venire. E se oggi si riproponesse nelle scuole, e non solo, per aiutare la crescita? S, d'accordo, i nostri bambini sono oggi fin troppo ben pasciuti, se non panciuti, per aver bisogno dell'olio di fegato di merluzzo. Per un ricostituente, un qualche nuovo corroborante, un integratore di nuova formula, studiato apposta per la crescita degli italiani, nel senso della maturazione, in questi tempi di crisi, non potrebbe che far bene. A tutti. Non solo ai bambini. Perch non provare? Piero Isola

PARROCCHIA SACRO CUORE DI GES - MARTORANO

F E S TA D E L L A M A D O N N A DEL ROSARIO
2-9 OTTOBRE 2011

Dio tiene per mano il suo popolo


PROGRAMMA RELIGIOSO
Domenica 2 ottobre ore 11 Mercoled 5 ottobre ore 20,30 Venerd 7 ottobre Sabato 8 ottobre ore 15 ore 20,30 ore 15-18 S. Messa con gli anziani e malati Celebrazione penitenziale comunitaria Adorazione eucaristica vocazionale PROCESSIONE con la statua della Madonna In chiesa, confessioni

Domenica 9 ottobre GIORNO DELLA FESTA ore 8,30 ore 11 ore 14,15 S. Messa Messa solenne, animazione della corale parrocchiale, conferimento del mandato ai catechisti ed educatori ACR recita del Rosario e litanie; benedizione eucaristica

PROGRAMMA RICREATIVO
Sabato 8 ottobre Ore 21 Commedia brillante dialettale: La nota ad San Lurenz a cura della compagnia filodrammatica parrocchiale Dria larnaz de fium;
-in precedenza, alle 20,30, trailer della compagnia Quinte strappate

Domenica 9 ottobre Ore 15,15

FESTA INSIEME con attrazioni varie: stand dei fiori, stand gastronomico, presenza di artigiani del riciclo, giochi per i ragazzi, musica col complessino parrocchiale Happy Band; premiazione del torneo di bocce

Mercatino della Solidariet: per la missione di P. Bruno e Suor Claudia Sottoscrizione a premi: lestrazione ha luogo domenica 9 ottobre alle 18; Dono del Compasso ai ragazzi di 1 media da parte di Banca Romagna Cooperativa. Stand dei fiori: il ricavato sar devoluto per la missione di P. Bruno e Suor Claudia
Veduta aerea di Martorano con, al centro, il Santuario del Sacro Cuore (foto Giuseppe Mariggi)

Primo piano
Aperte le iscrizioni al Corso biennale della Scuola edile della Provincia Ne direttore Giordano Conti

Gioved 29 settembre 2011

Edilizia in stasi
Lallarme della Confartigianato
Settore edile e manifatturiero: in provincia il 2010 ha evidenziato timidi segnali di ripresa. Solo ledilizia ha perso ancora terreno. In provincia le attivit manifatturiere rappresentano circa il 10 per cento del totale delle imprese attive, ma ben il 25 per cento degli addetti impiegati. Secondo quanto rilevato dallindagine congiunturale curata dallUfficio studi della Camera di Commercio di ForlCesena, gli effetti della crisi internazionale si sono manifestati in misura rilevante anche nel comparto provinciale a partire dalla ne del 2008 no agli inizi del 2010. Dal secondo trimestre 2010 si sono intravisti timidi segnali di ripresa, seppure non ancora sufficienti a recuperare i livelli persi. Il settore delle costruzioni ha chiuso il 2010 con una contrazione del fatturato superiore al 3 per cento rispetto al 2009. Continua, pertanto, il trend discendente avviatosi nel secondo trimestre del 2007, seppur moderato dagli effetti ciclici indotti dalla stagionalit. Del settore edile ha parlato anche la Confartigianato durante una serie di incontri organizzati fra gli imprenditori e i sindaci del territorio. "Il settore delle costruzioni - ha affermato il segretario Stefano Bernacci - rappresenta il 7,5 per cento del valore aggiunto prodotto nella nostra provincia, occupa 11.160 addetti ed costituito principalmente da imprese di piccole dimensioni pari a 5.519 imprese artigiane. E tra quelli che stanno risentendo maggiormente della crisi e il comparto che presenta allo stato attuale le peggiori previsioni per il futuro". La contrazione della domanda di abitazioni, anche a fronte di unofferta importante accumulata negli anni scorsi, la riduzione degli appalti pubblici, lallungamento dei tempi di pagamento da parte della clientela (pubblica e privata), la contrazione del credito concesso dalle banche, i costi diretti ed indiretti creati dalla burocrazia pubblica e la mancanza di un adeguato ricambio generazionale negli occupati "rappresentano fattori che pregiudicano drammaticamente la tenuta ed il futuro del settore - dice Bernacci -. Un settore che nonostante i processi di riorganizzazione e essibilizzazione aziendale adottati gli anni scorsi che hanno trasformato in buona parte lavoro dipendente in lavoro indipendente, oggi precipitato in una crisi rispetto alla quale diventa difficile intravedere prospettive senza ladozione di politiche straordinarie di supporto e rilancio". Cr

Un mestiere che si impara con studio e pratica


Francesco Zanotti
iente libri, niente compiti per casa. Duemila ore di lezione in due anni. In questi dati si riassume il Corso biennale della Scuola edile della Provincia di Forl-Cesena. Dal 1985 il direttore di questo istituto professionale Giordano Conti, architetto ed ex sindaco di Cesena. La Scuola sostenuta per lo pi da imprese del Cesenate, sia artigiane che di grandi dimensioni come la Trevi. Nel consiglio di amministrazione siedono sindacati e imprenditori, a dimostrare linteresse di tutte le categorie ad esserci. "Il Corso per operatore edile delle strutture - dice Conti - va da ottobre a giugno. Le iscrizioni, del tutto gratuite, si chiudono il prossimo 30 settembre. I due anni si rivolgono a tutti quei ragazzi che vengono qualificati come "coloro che non hanno voglia di studiare". Sono i giovani che sviluppano meglio lintelligenza manuale. Nella nostra scuola raccogliamo tutte queste persone, spesso non accolte nella giusta maniera dalla scuola. Da noi trovano il loro punto di riferimento". Non costituita solo da manualit la Scuola edile. "La teoria un presupposto indispensabile aggiunge larchitetto Conti - perch domani questi giovani dovranno essere in grado di saper leggere i disegni. Archi, volte, marmorino,

cuci-scuci, carpenteria, il legno tornato di gran moda per la sua sostenibilit ambientale: sono tecniche che oggi occorre conoscere". Alla scuola che ha sede a Panighina di Bertinoro non ci sono unicamente i due anni di studi. "Sono 133 i corsi diversi che mettiamo in piedi, rivolti in maniera particolare - sottolinea ancora Conti anche a chi deve frequentare numerosi corsi base, da quelli per la sicurezza sul lavoro, a quelli per i capi-cantiere o per chi si avvia alla professione in aziende edili. Sono circa duemila le persone coinvolte ogni anno, di cui il 50 per cento stranieri. In diversi casi i muratori diventano artigiani in proprio, con una loro professionalit da spendere sul mercato. Il lavoro manuale va di certo rivalutato" e su questo versante la Scuola edile da anni si sta spendendo. La crisi economica attanaglia tutta ledilizia, oltre a numerosi altri settori. "Le imprese migliori continuano a investire - precisa lex sindaco di Cesena - per essere pronte alla ripresa che prima o poi arriver. C tutta unopera di riqualificazione delle costruzioni realizzate durante gli anni del boom, dalla fine del Cinquanta ai primi anni Settanta, che richiede numerosi interventi di riqualificazione. Penso agli isolamenti termico-acustici e alla sostituzione degli infissi. Certo, potrebbero arrivare anche degli incentivi. Questa sar una notevole opportunit di occupazione in un settore oggi molto depresso". Per informazioni: Nuova Scuola edile, via Campolongo, 69 - Panighina di Bertinoro (Fc) - Tel 0543/448330.

Il manuale
"E come un manuale di cucina. Contiene 27 schede che sono come 27 ricette. In pi nel libro si trovano 73 voci, un vero e proprio glossario figurato, che spiegano gli attrezzi e gli strumenti di misurazione utilizzati nei cantieri edili". Lex sindaco di Cesena e architetto Giordano Conti (nella foto) illustra in questo modo il senso del suo volume uscito da poco e pubblicato dalla riminese Maggioli dal titolo "La pratica dellarchitettura", un manuale sulle tecniche costruttive tradizionali, come spiega il sottotitolo. "Mi interessava recuperare le tecniche di restauro - spiega Conti che anche il direttore della Scuola edile della Provincia - che stavano diventando pi distratte rispetto a quelle tradizionali". Ad esempio oggi, dopo troppo abuso, si dice di no al cemento in favore di un maggior utilizzo della calce. Il manuale affronta la pratica che da oltre duemila rappresenta lidentit stessa dellarchitettura e ha lobiettivo di essere semplice. Illustra gli utensili necessari e si definiscono, passo a passo, le modalit duso per ottenere il risultato migliore, avvalendosi anche di un originale apparato illustrativo. Si passa cos dalle murature, agli archi e alle volte, dai solai alle coperture e alle pavimentazioni, fino agli intonaci, alle tinteggiature e alle opere di finitura.

Ponte Giorgi

Piatti tipici romagnoli, accompagnati da pizzichi di novit e voglia di scoprire sapori particolari. Pasta fatta in casa e dolci scrupolosamente secondo le ricette delle nostre nonne

Ristorante Albergo Bar


47020 Cella di Mercato Saraceno (Fc) Tel. 0547 96581-96563 - fax 0547 96636 pontegiorgi2004@libero.it Facebook: Pontegiorgi Risto

Gioved 29 settembre 2011

Vita della Diocesi

NOTIZIARIO DIOCESANO

Lettorato del seminarista Fabrizio Ricci


Gioved 29 settembre a Pievesestina di Cesena
Il vescovo Douglas Regattieri, gioved 29 settembre alle 20, nella chiesa parrocchiale di Pievesestina, presieder la Liturgia della Parola durante la quale conferir il Lettorato al seminarista Fabrizio Ricci, che da qualche mese presta servizio presso la comunit di Pievesestina. A seguire, processione alla celletta e affidamento della parrocchia alla Madonna.

IL GIORNO DEL SIGNORE


La vigna del Signore la casa dIsraele
luva selvatica, laridit del nostro cuore. Si pu applicare anche a noi il lamento del Signore sulla sua vigna che non produce frutti buoni. Ritorniamo al profeta Isaia. A tanto amore, Israele ha risposto con linfedelt e la ribellione. a Parola di Dio di questa I frutti che il Signore si attendeva domenica ci parla ancora della erano la fedelt allalleanza, la vigna del Signore. Lo fa Isaia nella giustizia sociale, laiuto al povero, prima lettura con un bellissimo canto allorfano, alla vedova. Invece ha con cui descrive lamore di Dio per la trovato oppressione, menzogna, odio, sua vite che era il popolo eletto. Viene una religione rituale, senza descritto un amore senza limiti da conversione del cuore. parte del Signore. Si aspettava uva, Ritornando al Vangelo, evitiamo invece ha prodotto acini acerbi. lerrore dei capi e dei farisei che Il Vangelo ci presenta Ges che pensavano che Ges parlasse con loro, racconta ai capi e agli anziani una mentre invece parlava di loro. Forse parabola sulla vigna. anche noi siamo convinti che parla Unimmagine e un linguaggio di facile con noi e non di noi; siamo certi di comprensione per i suoi ascoltatori. Il essere a posto, sicuri e tranquilli, con padrone, Dio, mand i suoi profeti, la tessera aggiornata e fedele del buon che furono maltrattati e uccisi. cristiano. Magari pensiamo ad altri Infine mand il Figlio, ma uccisero che avrebbero bisogno anche Lui. Il riferimento chiaro: di un bellesame di coscienza. Ges parla di se stesso e del rifiuto che Facciamoci ferire dalla Parola di Dio, gli sar riservato dal suo popolo. La facciamoci mettere in crisi. vigna sar data a un altro popolo che Ripensiamo alle nostre scelte e non produca i frutti e la pietra intraprendiamo un serio e deciso scartata; il Figlio diventer la pietra cammino di conversione. La Messa di angolare. oggi che posto occupa nella mia vita e La vigna oggi siamo noi, le nostre nella mia settimana. solo un rito comunit, amati dal Signore senza religioso o molto di pi? misura. Ma non manca anche oggi Sauro Rossi

La Parola di ogni giorno


luned 3 ottobre San Gerardo abate Gn 1,1-2,1.11; Cant Gn 2,3-5.8; Lc 10,25-37 marted 4 san Francesco dAssisi Gal 6,14-18; Sal 15; Mt 11,25-30 mercoled 5 san Placido m. Gn 4,1-11; Sal 85; Lc 11,1-4 gioved 6 san Bruno Ml 3,13-20a; Sal 1; Lc 11,5-13 venerd 7 Madonna del Rosario At 1,12-14; Cant Lc 1,46-55; Lc 1,26-38 sabato 8 san Simeone Gl 4,12-21; Sal 96; Lc 11,27-28

Festa di San Francesco, patrono dItalia


Celebrazione in Cattedrale, marted 4 ottobre
Nella Cattedrale di Cesena, marted 4 ottobre alle 18, solenne celebrazione della Festa di San Francesco, patrono dItalia. Presieder la solenne liturgia il vescovo di CesenaSarsina monsignor Douglas Regattieri. Saranno presenti le famiglie religiose della diocesi. In preparazione alla festa, nella chiesa delle Clarisse Cappuccine di Cesena, sabato 1, domenica 2 e luned 3 ottobre alle 7: messa con triduo. Luned 3 ottobre alle 20,30, celebrazione del Transito. Marted 4 ottobre alle 10, messa solenne.

Domenica 2 ottobre XXVII Domenica Tempo Ordinario Anno A Is 5,1-7; Salmo 79; Fil 4,6-9; Mt 21.33-43

Convegno diocesano dei catechisti e degli educatori


Domenica 9 ottobre, in seminario a Cesena
Sensi chi parla. LIncarnazione di Cristo al centro della Catechesi il tema del convegno dei catechisti e degli educatori che si terr dalle 9 di domenica 9 ottobre in seminario a Cesena. Promosso dallUfficio Catechistico diocesano, sar guidato dalle riflessioni di padre Alfredo Feretti. Alle 17 celebrazione finale della Liturgia del Profumo con il vescovo Douglas. Prenotazioni pranzo (entro il 5 ottobre): Bruna e Mauro, 338 8765775, mauroebruna@alice.it

A MESSA DOVE
8.45 9.00 Tipano, San Cristoforo, Ruffio, Roversano San Giuseppe (corso U. Comandini) Santo Stefano, San Bartolo, San Paolo, San Domenico, Diegaro, Pievesestina, Ponte Pietra, chiesa Benedettine, Santa Maria Nuova, San Vittore, San Carlo, Macerone, Bulgaria, San Tomaso, Diolaguardia, Valleripa San Martino in Fiume Madonna delle Rose, Osservanza, Boccaquattro, SantEgidio, Villachiaviche, Santuario dellAddolorata, San Mauro in V., Bagnile, Casale Rio Marano, Bulgarn Cattedrale, Case Finali, San Rocco, Cappella del Cimitero, Santa Maria della Speranza, Torre del Moro, San Pio X, Cappuccini, Basilica del Monte, Istituto Lugaresi, SantAndrea in Bagnolo, Carpineta Santuario del Suffragio, Cappella del cimitero, Casalbono, Borello Ronta Santo Stefano, San Paolo, San Bartolo, San Pietro, San Giovanni Bono, Villachiaviche, Addolorata, San Domenico, SantEgidio, Calabrina, Calisese, Capannaguzzo, Gattolino, Bulgaria, Madonna del Fuoco, San Giorgio, San Demetrio, San Mauro in V., Martorano, Pievesestina, Pioppa, Ponte Pietra, Santa Maria Nuova, San Martino in Fiume, Borello, San Carlo, San Vittore, Tipano, Macerone, Ruffio Torre del Moro Diegaro, Madonna delle Rose, Sorrivoli Cattedrale, Osservanza, San Rocco, Santa Maria 17.00 17.30 18.00 18.30 19.00 della Speranza, Case Finali, San Pio X, Basilica del Monte, Istit. Lugaresi Cappella del Cimitero Cappella osp. Bufalini Cattedrale, San Rocco San Domenico, San Pietro, Cappuccini Osservanza, San Bartolo Mare; 8.30 Bagnarola, Sala, Boschetto; 9.00 Cappuccini di Cesenatico; 9.30 Villalta; 10 San Giacomo, Valverde; 10,30 Cappuccini di Cesenatico, San Giuseppe; 11.00 Bagnarola, Santa Maria Goretti, Sala, Cannucceto; 11.15 San Giacomo, Boschetto, Gatteo a Mare; 17.30 Santa Maria Goretti, Cappuccini di Cesenatico; 18 San Giacomo Longiano Sabato:18.00 Santuario SS. Crocifisso; 20.00 Crocetta; 20,30 Budrio Festivi:ore 7,30 Santuario SS. Crocifisso; 8.00 Budrio; 8.45 LongianoParrocchia; 9,30 Budrio, Santuario SS. Crocifisso; 10.00 Badia, Balignano; 10.15 Montilgallo; 11.00 Budrio, LongianoParrocchia, San Lorenzo in Scanno; 11.15 Crocetta; 18.00 Santuario Santissimo Crocifisso. Gatteo ore 20.00 (sabato); 9 / 11.15 / 18.00 SantAngelo: 20.00 (sabato); 8, 45 Casa di riposo, 9,30 - 11. Istituto don Ghinelli: 18,30 (sabato), 7,30. Gatteo a Mare: ore 17.00 (sabato); 8.00 / 11.15. Villamarina: 16.00 (sabato), 10. Gambettola chiesa SantEgidio abate: 8.30 / 10 / 11.15 / 18.00 Consolata: 19.00 (sabato); 7,30 / 9,30. Montiano ore 20.00 (sabato); 9 / 11. Montenovo: ore 20.00 (sabato, chiesina del castello), 8,30 / 11. Mercato Saraceno 10.00; Cella: 8.30, 11.00; San Damiano: 11.30; San Romano: 11.00; Taibo: 10.00; Montejottone: 8.30; Montecastello: 11.00; Montepetra: 8.30; Linaro: 18.00 (sabato), 11; Piavola: 17.00 (sabato, chiesa San Giuseppe), 10.00 (chiesa parrocchiale); Ciola: 8.30 Sarsina Casa di Riposo: ore 16 (sabato). Concattedrale: 18 (sabato), 7.00 / 9.00 / 11.00 / 17.00; Tavolicci: 16.00 (sabato); Ranchio: 20,30 (sabato), 8.00 / 11.00; 9.30; Sorbano: 9.30; Turrito: 17 (sabato), 10; San Martino: 9.30; Quarto: 10.30; Romagnano: 11,15; Pagno: 16 (seconda domenica del mese, salvo variazioni); Corneto: 11.00; Pereto: 10 Civitella di Romagna Giaggiolo 16 (sabato), 9.30; Civorio 9.30 San Piero in Bagno chiesa parrocchiale ore 17 (sabato); 8.30 / 11 / 17.00. Chiesa San Francesco: 7 / 10 / 15,30. Bagno di Romagna ore 17.30 (sabato); 11.15 / 18.30; Selvapiana: 11,15; Acquapartita: 16 (sabato) Alfero ore 18 (sabato); 11.15 / 17.30; Riofreddo: 10.00. Verghereto ore 16 (sabato), 9.15; Balze: 16 (sabato), 11.30; eremo di SantAlberico: 16.00; Montecoronaro: 17 (sabato), 10.30; Ville: 9.30; Trappola 9.30; Capanne: 11.00

Messe feriali a Cesena

7.00 Cattedrale, San Rocco, Cappuccine, Cappella dellospedale; 7.30 Basilica del Monte; 7.45 Chiesa Benedettine; 8.00 Cattedrale, San Pietro, San Bartolo, San Paolo, Santuario dellAddolorata; 8.30 Madonna delle Rose, San Domenico, San Rocco, Santo Stefano, Case Finali, Cappella cimitero; 9.00 Suffragio, Addolorata; 9.30 Boccaquattro, Osservanza; 10.00 Cattedrale; 17.00 Cappella dellospedale (no al sabato); 17.30 Istituto Lugaresi 18.00 Cattedrale, Madonna delle Rose, San Domenico, San Rocco, Osservanza, SantEgidio; 18.30 San Pietro, Santa Maria della Speranza, San Bartolo, Cappuccini 20.00 San Giovanni Bono (Ponte Abbadesse) 20.30 San Pio X (Vigne), San Giuseppe Artigiano (Villachiaviche)

Sabato e vigilie
15.30 Macerone (Casa Lieto Soggiorno) 16.00 Formignano 17.00 Cappella del cimitero, Luzzena (1 sabato ), Bora (2 sabato) 17.30 Santuario del Suffragio, Istituto Lugaresi 18.00 Cattedrale, Santuario dellAddolorata (chiesa dei Servi), San Rocco, Osservanza, Santo Stefano, Diegaro, Madonna delle Rose, San Paolo, San Vittore, Borello 18.30 San Pietro, San Domenico, Cappuccini, SantEgidio, Case Finali, Santa Maria della Speranza, San Bartolo, Bulgarn 19.00 San Giorgio 20.00 Tipano, Calisese, Bulgaria 20.30 San Pio X, San Giovanni Bono, Villachiaviche, Ponte Pietra, Ruffio, Torre del Moro, Santa Maria Nuova, Pievesestina, Gattolino, San Cristoforo, Pioppa

9.15 9.30

9.45 10.00

10.30 10.45 11.00

DIOCESI DI CESENA|SARSINA - SETTIMANALE DI INFORMAZIONE FONDATO NEL 1911

Messe festive
7.00 Cattedrale 7,30 Santuario dellAddolorata, Cappuccine, Cappella dellospedale Bufalini, Calabrina, San Mauro in Valle, Ponte Pietra, Macerone, San Giuseppe Artigiano 8.00 San Pietro, Santa Maria della Speranza, San Giorgio, Gattolino, San Pio X, San Giovanni Bono, SantEgidio, Basilica del Monte, Calisese, Torre del Moro, Capannaguzzo, Ronta, Borello 8.30 Cattedrale, San Rocco, Case Finali, Martorano, Cappella del cimitero, Madonna del Fuoco,

Direttore editoriale Piero Altieri Direttore responsabile Francesco Zanotti Vicedirettore Ernesto Diaco
Membro della Federazione Italiana Settimanali Cattolici Associato allUnione Stampa Periodica Italiana

Comuni del comprensorio


Cesenatico Sabato: ore 16 San Giuseppe; 17 Gatteo a Mare; 17,30 Santa Maria Goretti, Cappuccini di Cesenatico; 18 San Giacomo; 20,30 Villalta, Sala Festivi: 8.00 Santa Maria Goretti, San Giacomo, Gatteo a

11.10 11.15 11.30

Testata che fruisce di contributi di cui allart. 3 comma 3 della legge n. 250 del 7/8/1990 Giornale locale ROC (Registro degli operatori di comunicazione)

Redazione via del Seminario, 85, 47521 Cesena (Fc) tel. 0547 300258, fax 0547 328812, www.corrierecesenate.it Segreteria e Amministrazione corso Sozzi, 39, Palazzo Ghini, Cesena, tel. e fax 0547 27234. Orario: feriali ore 9-11,30. Conto corrente postale n. 14191472 E-mail: redazione@corrierecesenate.it Abbonamenti annuo ordinario euro 45; sostenitore 70; di amicizia 100; estero (via aerea) 80. Settimanale dinformazione Autorizz. Trib. Forl n. 409, 20/2/68 Iscrizione al Registro nazionale della stampa n. 4.234 Editore e Propriet Diocesi di Cesena-Sarsina Stampa Galeati Industrie Grafiche spa www.galeati.it via Selice, 187/189 - 40026 Imola

Tiratura del numero 33 del 22 settembre 2011: 8.000 copie Questo numero del giornale stato chiuso in tipografia alle 18 di marted 27 settembre 2011

Vita della Diocesi

Gioved 29 settembre 2011

Due proposte Con il mese di ottobre iniziano la tradizionale Scuola di preghiera e gli incontri di formazione missionaria

In breve
Online il nuovo sito della diocesi
on line il nuovo sito della diocesi di Cesena-Sarsina, www.cesenasarsina.it. ancora attivo il precedente accessibile da www.cesena.chiesacattolica.it. Voluto dal vescovo Douglas, il nuovo sito diocesano snello, agile e di facile fruizione da parte di tutti. Riporta le notizie relative alla diocesi e al vescovo e sar completato nelle prossime settimane con linserimento di ulteriori contenuti.

Percorsi di preghiera e spiritualit con i frati francescani di Longiano


llinizio del nuovo anno pastorale, i frati francescani di Longiano propongono due itinerari di formazione con inizio nel mese di ottobre. Il primo lormai tradizionale Scuola della Parola che questanno seguir il cammino del Vangelo di Marco. Il secondo una nuova iniziativa a cura del Centro di Animazione Missionaria della Provincia dei frati minori conventuali dellEmilia Romagna: si tratta di un cammino di formazione e spiritualit missionaria. Entrambe le proposte, aperte ai giovani e ai giovani-adulti, avranno inizio il 9 ottobre. La Scuola della Parola programmata per ogni seconda domenica del mese, fino a marzo, dalle 17 alle 19,30. A partire dalla lettura meditata e pregata del Vangelo di Marco, fra Mirko Montacuti accompagner i presenti in un itinerario verso lincontro con la persona di Ges. Una proposta per giovani e adulti che intendono confrontarsi seriamente con la Parola di Dio e lasciarsi da essa interrogare. Per ogni appuntamento previsto lincontro di formazione e meditazione sulla Parola di Dio, un tempo di pausa in fraternit e un tempo di silenzio ed esperienza di preghiera insieme guidata. In alcuni appuntamenti, prevista anche una sessione di laboratorio a gruppi sul testo biblico. Il cammino di formazione e

Entrambe le proposte, aperte ai giovani e ai giovani-adulti, avranno inizio domenica 9 ottobre

spiritualit missionaria rivolto a tutti i giovani e giovani-adulti che vogliono riscoprire lesperienza missionaria nel loro cammino di fede. La proposta si pone come finalit quella di aiutare ciascuno a riscoprire gli strumenti per imparare a discernere la grazia di Dio e decidere quale orientamento missionario intraprendere. In particolare il percorso si basa sullAscolto della Parola, laccompagnamento personale di ciascun giovane, esperienza di fraternit e formazione sui temi di giustizia, pace, salvaguardia del creato e bioetica. Gli incontri, coordinati da fra Valerio Folli, si terranno una domenica al mese dalle 9,30 alle 18,30. Le date sono le seguenti: 9 ottobre, 13 novembre, 11 dicembre, 6- 8 gennaio, 12 febbraio, 11 marzo, 31 marzo-1 aprile, 13 maggio, 10 giugno. Gli incontri di scuola della parola e formazione missionaria si terranno presso il Santuario del Santissimo Crocifisso di Longiano. A partire dal mese di ottobre, ogni luned sera alle 21, i frati francescani tornano a proporre il consueto appuntamento dellAdorazione Eucaristica, che si tiene presso la Cappella delladorazione del Convento di Longiano. Per informazioni: Scuola della Parola, Fr. Mirko 0547.665025 framirk@yahoo.it; Cammino missionario, Fr. Valerio valeriofolli@libero.it. Elisa Romagnoli

Incontro di preghiera del Roveto Ardente


Sabato 1 ottobre dalle 21 alle 24, presso il convento dei Frati Cappuccini, a Cesena, Roveto Ardente: preghiera di adorazione e supplica. Lincontro animato dal Rinnovamento nello Spirito Santo.

Percorso per divorziati risposati e separati conviventi


Anche questanno lufficio per la pastorale della famiglia propone un percorso di formazione e riessione umana e spirituale per chi si trova divorziato-risposato o separato-convivente. Ciascuno una perla preziosa nella Chiesa del Signore, con un proprio posto e uno specico compito. Ci si trova a cadenza mensile a partire da sabato 1 ottobre, a Cesena presso listituto Lugaresi, dalle 16,30 alle 18, aiutati da padre Mauro Peserico dei padri Giuseppini. Per info: Delvecchio Andrea e Sabrina cell. 338 1424377, andreasabri@alice.it

Itinerario per fidanzati


Amare, il fascino del tesoro il tema conduttore degli incontri mensili promossi dallUfficio per la pastorale della famiglia. Gli incontri si tengono presso il seminario, a Cesena, la domenica dalle 16,30 alle 19, con cena insieme. Primo appuntamento domenica 9 ottobre, con lincontro Il tesoro nascosto. La chiamata allamore. Per informazioni e adesioni: Chiara e Francesco Tappi, tel. 0547 671869, ftappi@libero.it

Milizia dellImmacolata
Si terr mercoled 5 ottobre alle 15,30, presso la parrocchia di San Domenico, a Cesena, lincontro mensile Maria, Madre, Maestra. Lappuntamento, aperto a tutti, rivolto a chi desidera conoscere meglio la spiritualit kolbiana mariana.

Solo vescovi e presbiteri possono celebrare la Messa


Una precisazione dalla Curia diocesana
on riferimento a quanto pubblicato nei giorni scorsi su un quotidiano locale, al fine di chiarire lautentica dottrina e la corretta prassi della Chiesa cattolica, si precisa quanto segue: Solo i ministri ordinati (Vescovo e presbitero) possono celebrare la santa Messa. Il diacono e laccolito istituito (cio il laico che ha ricevuto listituzione rituale dal vescovo), qualora il parroco, dopo aver ricevuto lapprovazione del Vescovo, ne ravvisa la necessit, in mancanza di un sacerdote che possa celebrare la santa Messa, possono alla domenica essere incaricati a guidare una liturgia della Parola e distribuire la santa Comunione. Nella nostra Diocesi da tempo in alcune zone alcuni diaconi svolgono questo servizio presso comunit un po disperse nel territorio e piccole. Queste celebrazioni esprimono il desiderio e limpegno della Chiesa di non far mancare lEucaristia nel Giorno del Signore. Bisogna per non confondere n equiparare queste celebrazioni con la santa Messa. In qualche modo questi momenti liturgici dovrebbero alimentare il desiderio di poter partecipare attivamente e pienamente al sacrificio e alla mensa eucaristica, alimento spirituale cos necessario per la vita del

singolo fedele e della comunit. Il sacerdote che ha ricevuto la dispensa dagli impegni sacerdotali, avendo egli stesso chiesto liberamente e consciamente di essere sollevato dal ministero, deve osservare la normativa vigente riguardante i diritti e i doveri dei fedeli laici. Anche in caso di necessit pertanto nessun laico fedele che non sia istituito accolito o ministro straordinario della Comunione, come detto sopra, potr guidare una liturgia della Parola e distribuire la santa Comunione alla domenica. Solo il caso di pericolo di morte pu giustificare e rendere persino necessario lintervento di un sacerdote ridotto allo stato laicale ad assolvere dai peccati. Lordinazione sacerdotale conferita a uomini sposati (i cosiddetti probi viri) che permetterebbe loro di esercitare la presidenza della celebrazione eucaristica, non per ora prassi indicata dalla Chiesa. LEucaristia il tesoro pi grande che il Signore ha lasciato alla sua Chiesa. Non permesso a nessuno, ministro ordinato o laico, manipolare a proprio piacimento un dono cos prezioso consegnato nelle nostre mani.

Gioved 29 settembre 2011

Speciale
Volendo documentare con rigore e arricchire i dati di partenza pi conosciuti, era arduo affidare a una sola persona un compito del genere Le notizie e le testimonianze raccolte, messe oggi a disposizione di tutti, costituiscono una fonte ricca e preziosa

Dopo la pubblicazione dei tre volumi delle Omelie, la biografia di don Lino costituiva lobiettivo primario dellassociazione dei suoi amici

Don Lino Mancini, la biografia


Il volume, edito dalla Stilgraf di Cesena, sar presentato venerd 7 ottobre alle 20,45 nella chiesa di SantAgostino, a Cesena
l redattore di una biografia come quella di don le stagioni della vicenda umana di don Lino Lino simile a un padrone di casa che estrae Mancini sono state varie, talora complesse, a volte dal suo tesoro cose nuove e cose antiche (Mt sfumate nei passaggi, altre volte invece 13.52) e il lettore che si trova tra le mani un volume caratterizzate da sterzate brusche o da eventi cos ampio e articolato destinato a fare la stessa imprevisti, semplicemente registrati se non esperienza. addirittura subiti. Cose antiche sono le notizie e i dati acquisiti da La scelta di ricostruire e narrare a pi voci la tempo, sono le caratteristiche di una persona e di biografia di don Lino risponde innanzi tutto a una esistenza note da decenni. Cose nuove sono i questa consapevolezza di complessit: diversi particolari, i risvolti inediti, le scoperte perfino punti di osservazione sono inevitabili ma sorprendenti, talora risalenti ad anni lontani, soprattutto giusti. Resta vero comunque che magari riguardanti quel Lino Mancini non ancora volendo anche documentare con rigore e arricchire preceduto dal don, dal prof o dal mons, aspetti i dati di partenza pi essenziali e conosciuti, era perfino troppo ovvi per qualcuno e fonte di arduo affidare a una sola persona un compito del meraviglia per altri. genere. Il 26 ottobre 2007, introducendo Dopo la pubblicazione dei tre volumi delle Omelie, il primo convegno promosso dallassociazione don la biografia di don Lino costituiva lobiettivo Lino Mancini costituitasi formalmente appena primario dellassociazione dei suoi amici. La quattro giorni prima, mi chiedevo: Cosa direbbe ricorrenza del decennale della morte (2 ottobre lui di questa assemblea?. Quel pensiero che mi 2001 - 2 ottobre 2011) si impose subito come data incuriosiva allora ritornato puntualmente in per il suo conseguimento. Se quattro anni fa i questi giorni, in termini di forte analogia, di fronte margini di tempo sembravano abbastanza ampi, il ai vari capitoli della sua biografia ormai stilati: Si comitato di redazione ha dovuto abbastanza presto ritroverebbe don Lino in queste pagine?. possibile che qualcun altro colga di me un lato o una dimensione che mi Domenica 2 ottobre sfuggono, e questo talmente risaputo ore 15,30: al cimitero di Gambettola, da non meritare pi di un accenno. visita alla tomba di don Lino vero inoltre che lo scorrere del tempo con preghiera di suffragio insieme a uno sfocarsi dei contorni alle 18: in Cattedrale a Cesena, consente un recupero delle proporzioni; Messa presieduta ogni lontananza sa privare e arricchire di dal vescovo Douglas qualcosa in base al medesimo e Regattieri simultaneo meccanismo. Il declino dellesistenza umana, infine, toglie talora a qualcuno la piena consapevolezza di ci che gli sta accadendo, come accaduto anche a don Lino. Un uomo si conosce veramente alla fine sentenzia il Siracide (11,28). Non vorremo essere cos presuntuosi da collocarci sulla sommit di un osservatorio privilegiato, tanto pi che

Venerd 7 ottobre
alle 20,45: nella chiesa
di SantAgostino (Cesena)

Presentazione della biografia di don Lino

fare i conti con gli imprevisti, i recuperi e le accelerazioni. Siamo certi che le notizie e le testimonianze raccolte, messe oggi a disposizione di tutti, costituiscano una fonte ricca e preziosa. Se qualcosa, inevitabilmente o per distrazione, a lavoro ultimato manca ancora, potr essere recuperato dal lavoro di ricognizione che continua - ed bene che continui - nei mesi che verranno. Sono gi a disposizione, ad esempio, vari testi di conferenze e lezioni che attendono di essere pubblicati e che andranno a completare la significativa materia, ampia e profonda, di contenuto magistrale presente nelle pagine delle 459 omelie date alle stampe fino ad oggi. Desidero esprimere la mia gratitudine a tutti coloro che in questi anni si sono resi disponibili a raccontare e a testimoniare in diversi modi il loro incontro con don Lino e a fornire materiale documentario di ogni sorta, dagli scritti alle registrazioni, dalle foto ai filmati, dai registri darchivio agli appunti estemporanei. Ringrazio tutti gli iscritti allassociazione, i membri del Consiglio direttivo e quelli del Comitato redazionale che hanno pi direttamente contribuito alla stesura della biografia di don Lino. Ringrazio infine la Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena che ha sostenuto anche questa volta i costi della pubblicazione del volume e della sua presentazione. La mia personale esperienza di questa rivisitazione ha confermato e ulteriormente radicato il senso di stima, apprezzamento e meraviglia per ci che don Lino stato nella storia della nostra chiesa particolare e della nostra citt, per ci che ha significato per tanta gente di ieri e di oggi, per ci che ancora pu dire la memoria di lui a coloro lo conosceranno soltanto in modo indiretto e grazie alla testimonianza di quelli che lo hanno fatto di persona. Walter Amaducci

Per quanto si possa pensare alla morte, non si pu pensare la morte


Dieci anni passano in fretta. Poi, quando sono passati, ci si volta indietro e ci si accorge, con sorpresa (e forse anche con sgomento), che sono tanti. In dieci anni il mondo cambiato (o forse no: dipende da quanto in profondit lo si guarda), ma soprattutto siamo cambiati noi. Per chi ha raggiunto una certa et, poi, dieci anni vogliono dire anche una lunga teoria di volti che non ci sono pi, una folla di assenze a cui abbiamo ormai fatto labitudine, ma che talvolta ci balzano davanti agli occhi angosciosamente. Il bosco che diventa radura e poi sar un deserto, se avremo vita a campare. Questo esattamente il punto su cui la fede cristiana sfida pi audacemente, quasi sfrontatamente direi, non solo il mondo ma anche noi stessi, in quella che la nostra naturale percezione delle cose. La morte si presenta a tutti noi, a tutti, nessuno escluso, come unincomprensibile assenza: qualcuno, il nostro caro, fino a un attimo prima cera, era qui. Ora non c pi. Un vuoto, inspiegabile e assurdo. Per quanto si possa pensare alla morte, non si pu pensare la morte. Le commemorazioni, gli anniversari avrebbe detto don Lino con quel tratto spicciativo e un po impaziente che usava in questi casi (tirandosi su le maniche della tonaca, come per meglio lottare con i pregiudizi di chi lo ascoltava) - al di fuori del cristianesimo sono un rito inutile, una cerimonia triste e in fondo un po sciocca. Se la morte la fine di tutto, se la vita non che uninesorabile corsa verso labisso e sin dalla nascita si incomincia a morire - come lui ricordava sempre, sin dalle prime ore di religione, a noi liceali che lo guardavamo sconcertati e, nostro malgrado, feriti da quel brusco richiamo alla realt - che cosa vale tutta la retorica del ricordo, alla Foscolo, con cui ci imbottivano la testa nelle altre ore di lezione? Ma se Cristo risorto, tutto cambia. Il cristianesimo, come don Lino ce lo ha insegnato, alla radice questa cosa semplicissima e assurda: Ges non morto, ma vivo. la sintesi folgorante che aveva saputo fare gi quasi duemila anni fa un intelligente magistrato romano, davanti al quale i Giudei avevano portato san Paolo: Avevano con lui alcune questioni riguardanti un certo Ges, morto, che Paolo sosteneva essere ancora vivo (Atti 25,19). Oggi la questione la stessa: il cristiano, prima di ogni altra cosa, uno che crede che Ges vivo. Ma non solo lui: anche la sua mamma, a cui - come tanto spesso ripeteva don Lino nelle sue omelie - Ges ha voluto cos tanto bene da farle il regalo pi grande, quello di risparmiarle la morte; e i suoi amici. Anche i suoi amici sono vivi, per quanto nella forma misteriosa di unattesa della resurrezione della carne. La carne gloriosa e santa, come dice Dante in un passo del Paradiso dove immagina che i beati, al sentir parlare della resurrezione finale, siano pieni di desiderio dei corpi, forse non pur per lor, ma per le mamme, / per li padri e per li altri che fuor cari. Il volto dei nostri cari non perduto. Per questo credo che, dette queste poche indispensabili parole (di pi non ne vorrebbe), il modo migliore per fare memoria di ci che don Lino stato sia quello di guardare le fotografie riprodotte in questa pagina. Non sono le sbiadite larve di un passato che il nostro ricordo, per quanto affettuoso, non pu far rivivere: sono il volto di un uomo vivente. E, come dice santIreneo con unaltra geniale sintesi del pensiero cristiano, la gloria di Dio luomo vivente. Leonardo Lugaresi

Vita della Chiesa

Gioved 29 settembre 2011

In ricordo di Wangari Maathai, prima donna africana a vincere il Nobel per la Pace
na donna africana delle donne ha incarnato i valori delchedei diritti civililaequarantaalla e Udifesa dellambiente, ha dedicato I sua vita milioni che suo continente. di alberi che lei ha piantato sono lesempio di una lotta per la vita che non solo per lAfrica, ma per il mondo intero. Cos

Guido Barbera, presidente del coordinamento di ong Solidariet e Cooperazione Cipsi, ricorda Wangari Maathai, prima donna africana a vincere il Nobel per la Pace nel 2004, morta domenica 25 settembre a Nairobi, in Kenya. Oggi, in Africa aggiunge - ci sono milioni di donne che combattono silenziosamente come lei per preservare la natura e mantenere la biodiversit. Wangari era convinta che le donne non sono solo vittime di minacce ambientali, ma anche e soprattutto i principali agenti che possono generare soluzioni durature per le molte crisi

ecologiche che il mondo deve affrontare. Wangari Maathai, che ha fondato il Kenyas Green Belt Movement ed era deputata al parlamento kenyota, lascia uneredit importante per le sue battagli in difesa dellambiente, dei diritti civili e delle donne. Il testimone di una donna sottolinea Eugenio Melandri, coordinatore di ChiAma lAfrica viene oggi raccolto da tutte le donne dellAfrica, che in silenzio combattono ogni giorno a difesa dellambiente, con il suo stesso entusiasmo, forza e determinazione.

pa gelus del Pa An

Benedetto XVI si recato per la terza volta in visita in Germania


si rivolge alla Chiesa tedesca, la quale superer le grandi sfide del presente e del futuro e rimarr lievito nella societ, se i sacerdoti, le persone consacrate e i laici credenti in Cristo, in fedelt alla propria vocazione specifica, collaborano in unit. La Chiesa, ha spiegato ancora il Papa, continuer a vivere nella societ tedesca se le parrocchie, le comunit e i movimenti si sostengono e si arricchiscono a vicenda; se i battezzati e cresimati, in unione con il vescovo, tengono alta la fiaccola di una fede inalterata e da essa lasciano illuminare le loro ricche conoscenze e capacit. Un messaggio chiaro, in una nazione che in questi anni sta vivendo le difficolt degli abbandoni e la crisi delle vocazioni, la diminuzione della pratica religiosa. Certo la caduta del muro, ventidue anni fa, la riunificazione della Germania hanno messo in evidenza quanto profonda sia stata lopera compiuta nella parte est del Paese per impedire alla Chiesa di essere forza viva nella societ. Dalla parte occidentale invece il secolarismo a scavare un solco profondo che ha offuscato la testimonianza dei credenti. Esiste, dunque, un bisogno di cambiamento, ma questo soprattutto interno, personale. Ed ecco che torna la parola umilt, una virt che oggi non gode di grande stima. Ma questa virt, afferma ancora il Papa, , per cos dire, lolio che rende fecondi i processi di dialogo, facile la collaborazione e cordiale lunit. Le persone umili stanno con ambedue i piedi sulla terra. Ma soprattutto ascoltano Cristo, la parola di Dio, la quale rinnova ininterrottamente la Chiesa e ogni suo membro. Con Paolo il Papa dice: non fate nulla per rivalit o vanagloria; con umilt ognuno consideri laltro superiore a se stesso. Ciascuno non cerchi linteresse proprio, ma anche quello degli altri. Fabio Zavattaro

Libert e umilt, due parole imprescindibili per un cristiano


ibert e umilt. Due parole che in questa ultima domenica di settembre accompagnano la riflessione che il Papa offre a conclusione della sua visita in Germania, la terza volta nella sua patria. La nostra libert limite che il Signore mette al suo potere, perch lo esercita in modo diverso dagli uomini. dono la libert, che non pu essere disgiunta dallumilt, ricorda il Papa nellomelia pronunciata alla messa a Friburgo, davanti a una folla che stata calcolata in cento mila persone; lesistenza cristiana un esserci per laltro, un impegno umile per il prossimo e per il bene comune. Soprattutto un abbandonarsi nelle sue mani in tempi di pericolo e di cambiamento radicale, quando vediamo le cose tremende che a causa della libert avvengono. Da parte nostra quel chinarsi del Signore verso di noi, e donarci la sua misericordia, chiede la disponibilit di abbandonare il male, di alzarsi dallindifferenza e di dare spazio alla sua parola. Dio rispetta la nostra libert. Egli non ci costringe. In definitiva si tratta di fidarsi di Dio, il cui potere si manifesta, soprattutto nella misericordia e nel perdono. Ecco dunque lumilt, la disponibilit ad aprire i nostri cuori, perch nel nostro rapporto con il Signore non contano le parole, ma lagire, le azioni di conversione e di fede. No dunque a una fede tiepida, a una religiosit di routine, che non inquieta pi luomo: gli agnostici, che a motivo della questione su Dio non trovano pace e le persone che soffrono a causa dei nostri peccati - come dire, persone

Nel rapporto con il Signore non contano le parole, ma lagire, le azioni di conversione e di fede . No dunque a una fede tiepida, a una religiosit di routine, che non inquieta pi luomo

BERLINO, 22 SETTEMBRE: BENEDETTO XVI PRESIEDE LA SANTA MESSA NELLOLYMPIASTADION (FOTO AFP/SIR)

colpite come vittime o semplicemente scandalizzate da casi come quello della pedofilia - e hanno desiderio di un cuore puro, sono pi vicini al Regno di Dio di quanto lo siano i fedeli di routine, che nella Chiesa vedono ormai soltanto lapparato, senza che il loro cuore sia toccato dalla fede. Nelle parole del Papa, a commento della parabola dei due figli inviati dal padre a lavorare nella vigna, c linvito a lasciarci inquietare, scuotere dalla fede; a interrogarci sul rapporto personale con Dio: Il rinnovamento della Chiesa pu realizzarsi soltanto attraverso la disponibilit alla

conversione e attraverso una fede rinnovata. Gi ai giovani, incontrati nella veglia di preghiera alla Fiera di Friburgo sabato sera, aveva spiegato che il maggior danno per la Chiesa non viene dai suoi avversari, ma dai cristiani tiepidi. Cristo pur essendo nella condizione di Dio, ha ricordato Benedetto XVI, non ha usato questo privilegio, ma ha assunto una condizione di servo, diventando simile agli uomini; e con la sua morte in croce ci ha redenti dalla nostra superbia e caparbiet. In questa riflessione domenicale entra un terzo termine: unit. Il Papa

via Marinelli, 6 - 47023 CESENA (Fc) tel. +39 0547 29730 - fax +39 0547 21141 e-mail: comce@comce.it Web: www.comce.it

Progettazione e fornitura chiavi in mano Impianti:

PETROLCHIMICI

AGROALIMENTARI ECOLOGIA DEPURAZIONE ACQUEDOTTI METANODOTTI

in ITALIA... nel MONDO

20-22 ottobre 2011 Cesena, Palazzo del Ridotto

Territorio e internet, due luoghi da abitare


Convegno nazionale della Federazione italiana settimanali cattolici

Con il patrocinio del Senato della Repubblica, della Regione Emilia-Romagna, della Provincia di Forl-Cesena, del Comune di Cesena, del Comune di Longiano e dellOrdine nazionale dei giornalisti

Attualit

Gioved 29 settembre 2011

11

Di stretta attualit gli argomenti trattati dal cardinale Bagnasco nella prolusione al Consiglio Cei. Nuova consapevolezza per i cattolici in politica

SuperAbile di Arianna Maroni


BARRIERE SUI BANCHI DI SCUOLA
Bagni per persone con disabilit adibiti a ripostiglio, aule sovraffollate, barriere architettoniche. Non una scuola per disabili quella che emerge dal 9 Rapporto di Cittadinanzattiva, presentato nei giorni scorsi a Roma. Lindagine ha preso in esame 88 scuole appartenenti a 13 province e 12 regioni, rilevando che nel 13 per cento degli edifici scolastici esistono barriere architettoniche che rendono impossibile lo spostamento in vari luoghi dello stabile. In particolare le barriere si trovano nei cortili (17 per cento), nelle palestre (15 per cento), allingresso (13 per cento), seguiti dai laboratori scientifici, le mense, le segreterie, le aule degli studenti e i bagni. Solo l11 per cento delle scuole dispone di unapposita entrata priva di ostacoli. Le barriere architettoniche sono presenti ovunque, anche nei cortili, e questa una situazione critica in caso di emergenza - sottolinea Adriana Bizzarri, responsabile per il settore Scuola di Cittadinanzattiva -. C inoltre una sproporzione tra gli insegnanti di sostegno e gli alunni disabili. In totale su 29.128 studenti iscritti nelle scuole prese in esame, 545 sono disabili. Il numero degli insegnanti di sostegno pari a 270 su un totale di 3.248 docenti, con un rapporto tra alunni disabili e docenti di 2.1 al Nord, 2.7 al Centro e 1.5 al Sud e le isole. A destare ulteriore preoccupazione, secondo Bizzarri, che sia stato rivisto anche il rapporto tra alunni disabili e normodotati. una situazione inquietante e grave - afferma - perch in caso di unuscita di emergenza molto pericoloso che ci siano pi alunni con disabilit in una classe gi affollata. Il rapporto sottolinea inoltre che gli edifici situati a piano terra sono solo l8 per cento, quelle che dispongono di ascensore il 61 per cento anche se nel 7 per cento dei casi lascensore non funziona. E sul fronte della sicurezza la situazione non rosea. Il numero degli incidenti a scuola in aumento, come denunciano i dati Inail: nel 2010 gli infortuni hanno coinvolto 98.429 studenti (nel 2009 erano 92.060) e 14.735 insegnanti (nel 2009 erano 14.239). Anche dal IX Rapporto di Cittadinanzattiva emergono dati allarmanti: i responsabili del servizio di prevenzione e protezione di 55 scuole hanno segnalato 445 incidenti, di cui 396 accorsi a studenti. Tra le cause pi importanti, in ordine di frequenza: le cadute durante le attivit sportive, le cadute accidentali, malori improvvisi o legati a patologie, le cattive condizioni di arredi e mobili, le cattive condizioni degli infissi, luso improprio o scorretto delle attrezzature. A proposito di incidenti, l'indagine rivela che le scuole non sempre sono attrezzate per rispondere alla prima emergenza: il 24 per cento dei laboratori scientifici e il 22 per cento delle palestre sprovvisto delle elementari cassette di pronto soccorso. Le nostre scuole fanno proprio acqua da tutte le parti.

tione morale Crisi e ques

Apprensione e insicurezza
ROMA, 26 SETTEMBRE: li eventi ecclesiali vissuti di recente e il GMG, CORNO DAFRICA, protagonismo dei giovani nelle manifestazioni CATTOLICI IN POLITICA TRA scoppiate sullo scacchiere internazionale, GLI ARGOMENTI DISCUSSI attraverso le quali essi manifestano la loro DAL CARDINALE BAGNASCO NELLA PROLUSIONE incomprimibile esistenza. Una globalizzazione che sempre DEL CONSIGLIO EPISCOPALE pi tende ad agire dispoticamente prescindendo dalla PERMANENTE politica e la necessit di correggere abitudini e stili di vita. (FOTO SICILIANILa questione morale nella politica italiana, lattenzione GENNARI/SIR) della Chiesa ai poveri e a quanti sono colpiti dalla crisi, la presenza dei cattolici nella societ comprensiva delladorazione civile e nella politica (cfr. editoriale in Nuova consapevolezza per i cattolici eucaristica a scena aperta. Ma come prima). Altre questioni italiane e in politica. I cattolici anche quando sinseriscono questi eventi unattenzione internazionale (dal non risultano sugli spalti, sono dove eccezionali nella vita quotidiana? Corno dAfrica al Sud Sudan, dalle vita e vocazione li portano, ha Essi, ha evidenziato, devono primavere del Nord Africa al raduno rimarcato, parlando della presenza dei concorrere alla rigenerazione del interreligioso di Assisi). Molteplici gli cattolici nella societ civile e nella soggetto cristiano. argomenti che il presidente della Cei, politica. Il porporato ha fatto cardinale Angelo Bagnasco, ha riferimento ai percorsi diversi, Un patto intergenerazionale. affrontato nel pomeriggio di luned 26 a livelli molteplici, per quanti Guardando al nostro Paese, se non si settembre nella prolusione al intendono concorrere alla vitalit e alla riescono a far scaturire, nel breve Consiglio episcopale permanente, a modernit della polis. periodo, le condizioni psicologiche e Roma. Anche se hanno dato talora un senso culturali per siglare un patto anche di dispersione, tuttavia si intergenerazionale che, considerando La rigenerazione dei cristiani. trattato di una sorta dincubazione in anche lapporto dei nuovi italiani, sia in vista di una crescita della Riferendosi al 25esimo Congresso grado di raccordare fisco, previdenza e eucaristico nazionale, il cardinale ha partecipazione e di una nuova pensioni avendo come volano ricordato che i cinque ambiti consapevolezza che la fede cristiana unefficace politica per la famiglia, esistenziali trattati nelle giornate non danneggia in alcun modo la vita lItalia - ha ammonito Bagnasco - non hanno messo in risalto losmosi sociale. A politici e amministratori si potr invertire il proprio declino. In possibile, ma anche esaltante, tra il poi rivolto, allinizio dellanno apertura della prolusione, il porporato mistero che celebriamo e le scolastico, chiedendo di dare ragione aveva fatto riferimento al senso dimensioni dellesistenza quotidiana. della centralit della scuola, dinsicurezza diffuso nel corpo sociale Per la Gmg, invece, il presule si valorizzando anche il patrimonio per la crisi economica e sociale, seguita della scuola cattolica e sostenendo il soffermato sulla massiccia affluenza, con apprensione dai vescovi per le come pure sulla qualit della diritto dei genitori di scegliere pesanti conseguenze sulla vita della partecipazione. In Spagna si leducazione per i propri figli. gente e gli effetti interiori, laddove registrata unondata giovanile per Infine, un pensiero tra gli altri sembra produrre un oscuramento gran parte nuova, ma non ripetitiva allAfrica e ai quindici ostaggi italiani, della speranza collettiva. LItalia - ha delle precedenti. la generazione al prossimo raduno interreligioso di poi puntualizzato - non si era mai giovanile scaturita dalle Gmg di Assisi e alla legge sulle dichiarazioni trovata tanto chiaramente dinanzi alla Benedetto XVI, il quale ha impresso anticipate di trattamento, verit della propria situazione. Il che alle Giornate una particolare cura oggi ferma al Senato, provvedimento significa, tra laltro, correggere nella preparazione personale e necessario per salvaguardare il diritto abitudini e stili di vita. nellesperienza sacramentale, di tutti alla vita.

il Periscopio

di Zeta

per laccoglienza della gente e della terra. Innanzitutto l'estate ancora piena, col sole alto a scaldare i corpi e i cuori. Poi l'affetto di chi si dannato per settimane per preparare a puntino un'ospitalit che non sempre facile trovare altrove. Siamo stati in provincia di Messina, a Patti, in riva a un mare che ha di fronte l'isola di Vulcano. Il santuario di Tindari ha vegliano sempre sulle altra faccia della Sicilia. Quella che la televisione non nostre giornate di studio e di amicizia, con la sua racconta mai. Quella che non finisce sulle prime Madonna nera venerata con tanto amore dai pagine dei grandi quotidiani. Quella che uno non si siciliani. Ce ne ha parlato con entusiasmo aspetta di incontrare appena mette piede nell'isola pi contagioso il vescovo di quella terra, monsignor grande d'Italia. Ignazio Zambito. Come accade ogni anno da un po' di tempo a questa Sulle pendici dei Monti Nebrodi siamo stati colti parte, la scorsa settimana sono stato ospite della di sorpresa. Il comune di Montagnareale, che delegazione siciliana della Fisc, la Federazione italiana conta solo 1800 abitanti e si affaccia sul golfo di settimanali cattolici (Fisc), quella che raggruppa 189 Patti che rimira dai sui 320 metri di quota, ha spalancato le testate nel Paese. Da oltre vent'anni monsignor Alfio porte agli ottanta giornalisti della Fisc. Il sindaco Anna Inserra, il direttore di Cammino, il periodico della diocesi Sidoti e i suoi assessori (in maggioranza donne) hanno di Siracusa, organizza una cinque giorni che mette dato dimostrazione di come si pu amministrare con insieme corsi di aggiornamento e un po' di sano turismo. passione un piccolo territorio collinare. L'ingegnere-primo Come accade sempre, siamo rimasti tutti sbalorditi, cittadino ha dato impulso alla conoscenza del territorio e ancora una volta, nonostante le tante 'discese' in Sicilia. gli studenti delle Medie hanno realizzato un video sui Anche in questa occasione ci sono stati sorpresa e stupore gioielli di Montagnareale: i boschi di castagni, il mulino di

Di ritorno da un viaggio in Sicilia, oltre i luoghi e le solite notizie

Un territorio che non finisce di stupire

CHIESA DI SAN SEBASTIANO, A MONTAGNAREALE, IN PROVINCIA DI MESSINA (FOTO A. CAPRISTO)

capo, la chiesa di san Sebastiano, la festa del patrono. Il sindaco ha in mano un sogno: quello di fare comprendere che il buon governo possibile anche in questa terra, nonostante i luoghi comuni, i continui scandali e la casta della politica che di certo non abita qui, in questo angolo di Italia dove il tricolore ha fatto da coreografia a una giornata che rester difficile da dimenticare. (716)

12

Gioved 29 settembre 2011

Cesena
La chiesa di San Vittore

Tanti appuntamenti nel fine settimana

Incontro
Democrazia e Vangelo
Nel salone di Palazzo Ghini, la scorsa settimana, Giorgio Campanini ha presentato il suo ultimo libro, "Testimoni nel mondo. Per una spiritualit della politica" (nella foto Claudio Furi). Punto di partenza per un discorso che, partito dai principi, non poteva non toccare la situazione politica che ci sta inquietando drammaticamente. Lincontro, promosso dalla "Associazione Zaccagnini", si caratterizzato per gli interventi molto vivaci ed efficaci dei giovani presenti, che hanno animato il dibattito. Per il professore di Parma, uno dei maestri sul tema del rapporto fra fede e politica, declinato con la viva sensibilit del tempo presente, il valore di fondo, irrinunciabile, il primato della coscienza, la riserva etica che fa della politica un servizio alla comunit, non la ricerca ad ogni costo del

Continua il momento delle feste parrocchiali


San Martino in Fiume La comunit di San Martino in Fiume in festa. Gioved 29 settembre, per le vie del paese, si tiene la processione. Venerd 30 settembre dalle 19 saranno attivi gli stand gastronomici e, alle 21, si terr la commedia dialettale "A no savela giosta" a cura della compagnia "Quii ad San Zili". Sabato 1 ottobre alle 20,30 un momento originale: la rimpatriata degli alunni che hanno frequentato le scuole elementari. Alle classi pi numerose sar dato un premio. Dalle 22 musica dal vivo. Domenica 2 ottobre alle 11 sar celebrata la messa e ci sar la benedizione delle auto. Nel pomeriggio intrattenimento con il mago Cotechino, tradizionale lancio dei palloncini e cena allo stand. In serata spettacolo del gruppo Amici della Danza. San Vittore San Vittore festeggia la beata vergine del Rosario. Venerd 30 settembre alle 21 si tiene un incontro con testimonianze dei ragazzi che hanno partecipato alla Gmg di Madrid. Domenica 2 ottobre alle 15,30 si terr la solenne processione per le vie Settecrociari, Perugia, Tessello. Non mancano i momenti ricreativi: sabato 1 ottobre alle 20,30 concerto per giovani. Domenica 2 ottobre alle 16 inizia la festa ricreativa con musica dei Lennon Kelly. In serata Festa tricolore con Cesenarmonica, corale Vox Anime e i ballerini Mariposa. Ruffio La parrocchia di SantAndrea apostolo in Ruffio in festa. Gioved 29 settembre alle 20 la messa sar celebrata da don Firmin Adamon. Venerd 30 si terr la processione mariana per le vie del paese. Seguir un momento conviviale. Sabato 1 ottobre, dopo la cena comunitaria, si terr una serie di spettacoli e giochi, compresa unasta delle torte. Domenica 2 ottobre, giorno della festa, dopo la messa solenne delle 11, il pomeriggio sar movimentato da diversi giochi. In serata spettacolo dei ballerini di Settecrociari.

San Paolo Entra nel vivo la festa parrocchiale a San Paolo. Sabato 1 ottobre, alle 14,30, ci sar la fiorita dei ragazzi del catechismo. Domenica 2 ottobre, giorno della festa, la messa sar celebrata alle 9 e alle 11. Il programma ricreativo prevede, venerd 30 settembre, la rustida di pesce. Sabato 1 ottobre, dopo la cena preparata dai genitori degli scout, ci sar il Cantinsieme, gara musicale fra gruppi parrocchiali. Domenica 2 alle 9,30 ci sar lapertura degli stand, mentre il pomeriggio sar animato dai gruppi musicali giovanili della parrocchia. Alle 21 sono previsti giochi e scketch con Roberto&friend.

Stanziati nellultimo biennio dalla Fondazione Cassa di Risparmio

Un milione di euro per gli anziani


Foto C. Pagliarani

i di un milione di euro: la somma che la Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena ha stanziato negli ultimi due anni per finanziare servizi a favore degli anziani. La XVIII giornata mondiale dellAlzheimer, il 21 settembre scorso, stata loccasione per la Fondazione di fare il punto sulle iniziative assunte a sostegno dellassistenza agli anziani e delle loro famiglie, e valutare quanto stato fatto negli ultimi due anni per trarre indicazioni utili alla definizione dei programmi futuri. E emerso un impegno di grande rilievo, soprattutto alla luce della grave crisi economica in atto, che conferma il ruolo importante svolto dalla Fondazione a favore di progetti rivolti alla popolazione anziana. Si tratta di iniziative che si sono moltiplicate nel tempo e che, da una parte hanno preso corpo con costanti investimenti a favore delle strutture residenziali e dei centri diurni - mediante contributi finalizzati al miglioramento delle strutture, al-

lacquisto di beni ed attrezzature, di mezzi di trasporto o altro - e, dallaltra, attraverso il concorso alla realizzazione di progetti finalizzati ad offrire possibilit di incontro e di relazioni. "La Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena - ha detto il presidente della Commissione assistenza agli anziani della Fondazione, Arturo Alberti - da sempre dedica molta attenzione al mondo degli anziani in unottica di valori fondata sulla centralit della persona. La Fondazione opera per consentire agli anziani di vivere nella propria casa senza essere dimenticati e mantenendo vivo il contatto con la propria comunit, sul piano delle relazioni umane e della necessaria assistenza". Uno degli obbiettivi prioritari della Fondazione in questo ambito consentire alle persone anziane, specialmente i sofferenti di demenze senili, la permanenza quanto pi a lungo possibile nel proprio domicilio anche tramite lassistenza alle famiglie su cui ricade quotidianamente un grande carico assistenziale ed emotivo.

successo e del potere. Non si pu rimpiangere lo Stato o il partito cristiano, ma i cristiani hanno una parola decisiva da dire, se "la democrazia ha il fondamento nel Vangelo" (Maritain). Una societ delluomo a misura duomo (Lazzati) ha bisogno urgente della presenza dei cristiani. I quali respirano a due polmoni: nella vita della Chiesa e nell umanizzazione del mondo, cio nel debellare la povert con la creazione di strutture giuste. Come diceva Simone Weil, radicati nella terra e sradicati dalle realt mondane. Si pensi ai grandi cristiani politici del 900, da De Gasperi a La Pira. Se rileggiamo la Gaudium et Spes, lassenza dei cristiani dalla politica in questi anni non pu non apparirci come leffetto di una visione distorta del Cristianesimo, monco della sua dimensione pubblica. Occorre, dunque, creare nuovi luoghi di elaborazione culturale e politica. La nostra la religione del Verbo incarnato, non del devozionalismo. I giovani sono stati gli assoluti protagonisti del dibattito: vengono da esperienze vissute con impegno nei loro gruppi, ma con una vivace apertura alla dimensione del "mondo da cambiare". Ha parlato con particolare passione una vicesindaco giovanissima. Il vescovo Douglas ha concluso lincontro con parole che hanno riecheggiato efficacemente le sollecitazioni della Chiesa di oggi a una rinnovata presenza pubblica dei cristiani. Giovanni Maroni

Cesena

Gioved 29 settembre 2011

13

Serata sulla sicurezza promossa dal Rotary club


Da sinistra Ivan Piraccini, Domenico Procopio, Antonio Venturi

Crisa Dance
Scuola di ballo
Arrivata la ne dellestate desiderio di molti iniziare attivit in grado di fare dimenticare i grigiori delle nebbie ormai alle porte. Cosa di meglio allora che seguire un corso di ballo? Nata nel 2005, la scuola di ballo Crisa Dance, che svolge le proprie attivit nei locali della parrocchia di Ronta, propone danze romagnole, caraibiche e moderne. I maestri Cristian Saccomandi e Isabelle Budrini, entrambi diplomati allAnmb (Associazione nazionale maestri di ballo) e fondatori della scuola, dal 2008 sono anche ideatori dellomonimo gruppo spettacolo, formato da 20 elementi, impegnato in feste e appuntamenti in piazza. La scuola di ballo vanta uno staff di 9 giovani insegnanti suddivisi per ogni disciplina: dal folk romagnolo ai balli caraibici, dai latino americani all hip hop, dalla danza del ventre alla frusta romagnola. Novit della stagione 2011 lAcrosport, proposto da Samantha Tombini e Silvia Farabegoli. LAcrosport una ginnastica di tipo acrobatico, eseguita su una base musicale che prevede la combinazione di movimenti, elementi coreograci e complessi elementi di acrobatica attraverso un preciso lavoro posturale. Il gruppo di ballo nel 2010 ha partecipato, classicandosi al primo posto, al programma La sda trasmesso da Teleromagna. Prossimo appuntamento del gruppo spettacolo il 7 ottobre al centro commerciale Monteore. Per info sulle lezioni di ballo: 338.3417553 e www.crisadance.net. Giusy Riciputi

Cesena: furti in crescita del 33 per cento in un anno


a sicurezza in citt, problematiche e strategie. Questo il tema dellintervento di Aldo Domenico Procopio, primo dirigente del Commisariato di pubblica sicurezza di Cesena, alla conviviale del Rotary Club Cesena, presieduto da Antonio Venturi Casadei, e tenutasi la scorsa settimana presso lhotel Casali. "Nei primi otto mesi del 2011 - ha detto Procopio abbiamo registrato un aumento della

cosiddetta criminalit predatoria, ovvero dei furti al patrimonio che hanno raggiunto quota 430. I furti nelle abitazioni sono aumentati, nei primi otto mesi del 2011 rispetto allo stesso periodo del 2010, di oltre il 33 per cento passando da 90 a 148 furti. Le aree pi colpite dal fenomeno restano quelle periferiche come le frazioni di Calisese, Martorano, Ronta, San Giorgio, San Martino in Fiume, Pievesestina e SantAndrea in

Bagnolo". Impegnativa la lotta a questa nuova criminalit che a differenza del passato non risulta pi stanziale ma nomade. "I ladri di oggi - ha spiegato Procopio sono principalmente nomadi, provenienti dai paesi dellEst, che al loro passaggio studiano il territorio da colpire, mettendo in atto i loro crimini e poi fuggono rapidamente spesso senza lasciare alcuna traccia. Le nostre armi migliori per combattere questo tipo di criminalit non stanziale la collaborazione della cittadinanza ed unadeguata prevenzione". Da rilevare che nei 430 furti, come sottolineato dallo stesso Procopio, sono compresi anche i piccoli furti come quelli di autoradio. "Il nostro territorio - ha detto Ivan Piraccini, Assessore del Comune di Cesena alla promozione delle sicurezze, anchegli ospite della serata rotariana - ha ancora un alto spirito civico e questo fa s che anche i piccoli furti vengano denunciati a differenza di ci che accade nelle grandi metropoli italiane dove, certamente, questo non avviene e i furti cosiddetti minori non rientrano nelle loro statistiche. Credo inoltre - ha proseguito Piraccini - che i vigili urbani del Comune di Cesena debbano essere sempre pi vicini ai cittadini seguendo il modello dei poliziotti e carabinieri di quartiere che tanto apprezzamento hanno ottenuto da parte della cittadinanza." Maurizio Cappellini

Ritrovo

La festa dei Biguzzi di San Vittore

rano almeno una settantina, domenica 25 settembre in via Braghittina a San Vittore, per un "fermo immagine" dei discendenti della famiglia Biguzzi (nella foto Giuseppe Mariggi). Giuliano Biguzzi ha presentato la Storia della famiglia di San Vittore, I Camiln dla Vantna, andando indietro nel tempo fino al 600. Il libro, scritto in occasione del centenario di nascita dei propri genitori, riferisce: "Fissare sulla carta la genesi della famiglia Biguzzi il primo traguardo di uno studio che prosegue da diversi anni. Le varie fasi della ricerca si sono sviluppate tra larchivio della parrocchia di San Vittore, quello di Calisese e lArchivio Vescovile. Alle fonti documentarie si affianca il prezioso contributo di tutti i cugini, pi volte interpellati per chiarimenti, notizie e precisazioni. Il valido supporto di don Giancarlo (fratello dellautore) alla soluzione di alcune lacune, attraverso una approfondita analisi di fonti e documenti, rende per ora esaustivo il nostro albero genealogico" e ancora " il lavoro di ricerca per ricostruire le origini della nostra famiglia, al di l della sequenza di nomi e date, stato per me anche un motivo di riflessione. Dietro i legami che uniscono tutti i vari componenti, si respira forte il valore della famiglia, della sua unit, lautosufficienza per la forza lavoro e il cospicuo numero di figli per assicurarne la continuit". La festa proseguita nei locali della parrocchia di Lizzano dove stata anche celebrata la messa in memoria dei familiari defunti.

VIAGGI DI GRUPPO E SOGGIORNI VENERI ROBINTUR 2011-2012


VIAGGI ESCLUSIVI FIRMATI VENERI ROBINTUR, DI GRUPPO, CON ACCOMPAGNATORE. 12 PARTENZE PREVISTE PER IL 2012, SONO GI DISPONIBILI DUE PROGRAMMI: - Tour Argentina Natura Infinita, 15 giorni, dal 17 gennaio da 3.895 euro - Tour Vietnam e Laos, laltro Oriente, 14 giorni dall8 febbraio da 2.790 euro MAR ROSSO, voli speciali da Rimini, Forl, Bologna
8 giorni, ottimi Hotel Club a gestione italiana. Soggiorni nel periodo pi bello: ottobre e novembre 2012. All inclusive da 640 euro

Cari futuri sposi,


vi invitiamo a visitarci per offrirvi le nostre splendide proposte per la vostra LUNA DI MIELE: viaggi, soggiorni, crociere. Sconti fino a 400 euro a coppia e la vostra lista di nozze da noi gestita gratuitamente. Vi aspettiamo in agenzia per ritirare il nostro bel catalogo a voi dedicato! VIAGGI VENERI ROBINTUR CESENA SIAMO SPECIALISTI IN VIAGGI DI NOZZE

VIAGGI DI CAPODANNO (in Italia e allestero)


In pullman da Cesena, oppure aereo e crociere! Richiedeteci i programmi dettagliati

VIAGGI VENERI

- CESENA - via S. Quasimodo, 256 Tel. 0547 610990 - veneri@robintur.it - www.robintur.it


PER LE NOSTRE OFFERTE DI VIAGGI, SOGGIORNI, CROCIERE (AUTUNNO-INVERNO 2011-2012)

VI INVITIAMO A VISITARE IL NOSTRO SITO INTERNET WWW.ROBINTUR.IT

14

Gioved 29 settembre 2011

Cesena
Il settore viene da unannata negativa Un confronto con il sistema francese

Si svolge dal 5 al 7 ottobre

Macfrut ai nastri di partenza Ortofrutta in cerca di riscatto


opo settimana di chiacchiere su dove sar allestito il Macfrut nei prossimi anni, finalmente si passa al concreto: dal 5 al 7 ottobre il quartiere fieristico di Pievesestina ospita la rassegna dellortofrutta. "Dopo unannata di forte crisi per la frutta estiva - commenta Domenico Scarpellini, presidente di Cesena Fiera - occorre porre mano al settore in maniera decisa. Diverse sono le cose da fare: comunicare meglio limportanza a 360 gradi del settore ortofrutticolo senza delegare. Puntare sullinnovazione di processo e di prodotto, in quanto oggi occorre rispondere in modo nuovo alle esigenze del consumatore. E torna il solito discorso, ma importantissimo, della concentrazione dellofferta per rafforzare il potere commerciale della produzione. Macfrut, anche nel 2011, cercher di focalizzare queste prospettive con la convinzione di contribuire alla crescita del reddito dei produttori e di salvaguardare il consumatore".

LItalia il primo produttore europeo di ortofrutta, un settore che nel 2010 ha significato esportazioni di prodotto fresco per 3,9 miliardi di euro, di cui circa il 50 per cento in Germania. Anzi, sommando fresco e conserve, lortofrutticoltura italiana ha raggiunto un export di 6 miliardi, rappresentando il principale veicolo del Made in Italy nel mondo. LItalia, pur essendo la prima produttrice in Europa, al mondo viene dopo Cina, India, Usa. E per proseguire in tale azione di valorizzazione, si terr la seconda edizione dell "Oscar Macfrut". "Il premio Oscar - aggiunge Luigi Bianchi, coordinatore di Macfrut - parte integrante di quel processo di valorizzazione dellinnovazione e della ricerca di macchine e tecnologie sempre pi avanzate che abbiamo da tempo intrapreso per stimolare il comparto, per far avanzare il know how Made in Italy nel mondo e mettere in grado le nostre imprese di soddisfare le esigenze della filiera e quelle del consumatore. Non a caso

in questa edizione abbiamo una maggior partecipazione delle aziende leader nelle attrezzature e nellapplicazione delle pi avanzate tecnologie, rispetto alle edizioni precedenti". Allappuntamento di ottobre a Cesena si potrebbero delineare situazioni e prospettive di quei Paesi mediterranei che stanno acquisendo una notevole rilevanza nel panorama mondiale dellortofrutticoltura. Proprio queste attivit hanno consentito a Macfrut di crescere e di diventare un importante momento di incontro sulle prospettive internazionali del settore, dove si analizzano problemi e aree emergenti e dove, allinterno della filiera e con lapporto di tutte le sue componenti, si elaborano soluzioni e "linee guida". Cos a Macfrut 2011 ci si confronter sullesperienza francese per affrontare in maniera decisa e lungimirante il problema delle ricorrenti crisi della frutta estiva, che da troppo tempo (in maniera quasi ciclica) riduce i redditi degli

FOLLA FRA GLI STAND DI MACFRUT

agricoltori e mortifica una delle punte di diamante del settore stesso. Negli ultimi anni Macfrut, oltre ad aver sottolineato limportanza dellinnovazione (di prodotto e di processo), ha affrontato con forza le problematiche che hanno una maggior attinenza con il mangiar sano. Si partiti da una considerazione: Macfrut, rassegna di filiera, deve spaziare anche sul piano delluso corretto del prodotto, nelle sue molteplici forme.

Agricoltura I dati della cooperativa Agrintesa delineano il quadro per la Romagna

Vendemmia: ottima qualit, in calo le quantit raccolte


niziata gi a fine agosto con le prime variet di vitigni precoci, in pieno svolgimento presso le proprie cantine ed i vigneti dei soci la vendemmia 2011 in casa Agrintesa. Lannata in corso caratterizzata da un certo anticipo della raccolta delle uve dovuta al particolare andamento climatico - commenta il direttore Gianni Amidei - e da un quantitativo complessivo di prodotto inferiore allo scorso anno e alle aspettative iniziali. Tuttavia ci sono buone prospettive per la qualit del vino che ne deriver. Soprattutto elevati sono il tenore zuccherino e la sanit delle uve in raccolta. Anche per la produzione romagnola si sta delineando una produzione ai minimi storici, in linea coi dati nazionali. E quanto emerge dalla ricognizione dei vigneti effettuata congiuntamente da Ismea e Unione italiana vini nella prima settimana di settembre, dove si attesta

che la produzione poco al di sopra dei 42 milioni di ettolitri, il 10 per cento in meno rispetto ai 46,7 milioni registrati dallIstat per il 2010. Questo dato non solo riporterebbe lItalia al secondo posto tra i Paesi produttori, dopo la Francia che stima circa 49 milioni di ettolitri (+8 per cento), ma se confermato potrebbe segnare anche uno dei record negativi per la produzione italiana da mezzo secolo a questa parte: dal 1957 infatti si scesi sotto soglia 43 milioni solo due volte, in quellanno e nel 2007. Gi dallinizio dellestate si era prospettata una lieve riduzione che si fatta per ben pi significativa con il passare delle settimane e con la colonnina di mercurio che ha segnato temperature record. Il caldo, unitamente alla prolungata assenza di piogge, che le irrigazioni di soccorso non sono riuscite a compensare, ha causato stress idrico ai grappoli inne-

scando un processo di maturazione molto anticipato rispetto alla norma e una maggiore concentrazione degli zuccheri dovuta essenzialmente alla disidratazione delle uve, che mostrano pertanto una resa in vino minore dello scorso anno. Oltre ai fattori meteo, a condizionare la campagna vinicola stato anche il ricorso alle estirpazioni con premio e abbandono definitivo, che ormai stanno portando a una riduzione strutturale delle produzioni. Basti ricordare che nella campagna scorsa sono state accolte in Italia domande di estirpazioni per complessivi 9.288 ettari, che si vanno ad aggiungere ai 22.312 delle due campagne precedenti. Il ricorso maggiore a tale misura stato fatto nel complesso da Puglia, Sicilia ed Emilia Romagna rispettivamente con quote sulla superficie pari al 12, al 6 e al 5 per cento.

viale Carducci, 49 47521 Cesena tel. e fax 0547 22211 cell. 336 548370

VIA FIORENZUOLA appartamento in palazzina da 6 unit unico al piano composto da soggiorno-angolo cottura, studio, 2 letto, bagno con vasca e doccia, terrazzo, 3 balconi, cantina, garage. Utenze autonome, doppi vetri, condizionamento. 180.000 tratt. / Rif. 0707

info@agenziamedri.com

maurizio@agenziamedri.com

CALISESE Villetta dangolo mq. commerciali 222, composta da ampio salone, cucina abitabile, camera matrimoniale con cabina armadio, 1 camera doppia, 1 singola, 3 bagni, 2 balconi, garage, lavanderia, sottotetto uso ripostiglio. Giardino e ingresso indipendente. Ottime condizioni e rifiniture. Info in ufficio / Rif. 1081 VIGNE Appartamento al 1 piano in piccola palazzina ottimamente conservato composto da sala da pranzo, cucinotto, letto matrimoniale, bagno, terrazzo, cantina, posto auto 160.000 euro / Rif. 1047 ADIACENZE PARCO DI SANTEGIDIO in piccola palazzina di recente costruzione, appartamento composto da soggiorno-angolo cottura, 3 letto, 3 balconi, 2 bagni, garage. Impianti autonomi, riscaldamento a pavimento, condizionamento. 315.000 euro

CASE FINALI appartamento nuovo al secondo e ultimo piano di mq. 150 commerciali disposto su due livelli, composto da soggiorno, cucina, 3 letto, studio, 2 bagni, balcone, cantina, garage.

MADONNA DELLE ROSE appartamento di notevoli dimensioni in palazzina da 6 unit posto al primo piano composto da ingresso, soggiorno, cucina, 3 letto, 2 bagni, veranda, balcone. Ampie cantine e garage. Da rivedere. 370.000 euro / Rif. 1091

LOCAZIONI
ZONA OSPEDALE villetta a schiera di nuova costruzione con ingresso indipendente composta da salotto con angolo cottura, 2 letto, 2 bagni, tavernetta, lavanderia, portico, giardino, posto auto. NON ARREDATA. 1.100 euro ZONA OSPEDALE appartamento al 1 piano ristrutturato finemente disposto su due livelli composto da soggiorno con angolo cottura, camera matrimoniale, bagno con finestra, terrazzo. ARREDATO CON STILE. 600 euro

Cesenatico

Gioved 29 settembre 2011

15

Incontro organizzato da Confartigianato

Sala
Festa in parrocchia
Una grande festa, caratterizzata da un ricco programma liturgico e momenti ricreativi per tutta la comunit parrocchiale, che va avanti no al 9 ottobre. Da alcuni anni a questa parte a Sala di Cesenatico in occasione della festa della parrocchia si cerca di dare molta pi importanza e spessore alle iniziative di carattere liturgico, ma non mancano anche iniziative ludicoricreative che completano una festa molto partecipata da tutta la comunit. Venerd 30 settembre si celebra la solennit della dedicazione del santuario della Madonna del Rosario con vespri cantati dal coro parrocchiale a 4 voci e, durante la presieduta dal vescovo Douglas Regattieri si ricorda la morte della Serva di Dio Angelina Pirini. Sabato 1 ottobre alle 17 il vescovo amministrer il sacramento della confermazione ai ragazzi. Domenica 2 ottobre, giorno clou della festa della Madonna del Rosario, la messa sar celebrata alle 8,30 e alle 11. Nel pomeriggio festa comunitaria con animazione e, in serata, musica dal vivo con lorchestra di Mirco Gramellini. Venerd 7 ottobre, alle 20, si terr la processione per le vie del paese. Domenica 9 ottobre alle 11 durante la messa ci sar lamministrazione del sacramento dellunzione degli infermi. Seguir il pranzo preparato dai volontari e poi la festa nel teatro.

Le imprese chiedono tagli alla burocrazia


li artigiani di Cesenatico vogliono essere coinvolti nei grandi progetti dellAmministrazione comunale e nel futuro di Cesenatico Servizi, la societ che si occuper di strade, verde, cimiteri, pubblica illuminazione e manutenzione degli edifici pubblici. Lo hanno chiesto i funzionari di Confartigianato nel corso di un incontro svoltosi nella sala riunioni di Edilsalces, una delle imprese edili pi importanti di Cesenatico. Alliniziativa, organizzata nellambito dellevento "Essere Impresa", sono intervenuti il presidente di Edilsalces, Patrizio Vincenzi (il quale anche presidente della Bcc di Sala), il sindaco di Cesenatico Roberto Buda, Lucio Sacchetti, Lorena Fantozzi e un nutrito gruppo di imprenditori. Gli artigiani hanno posto laccento sul progetto della Citt delle Colonie e i maggiori interventi urbanistici e di edilizia pubblica e privata, perch, in un momento di crisi, possono rappresentare unottima occasione per

"Le aziende del settore edile vanno aiutate, perch attorno ad esse pu ruotare la ripresa dello sviluppo"
rilanciare, oltre al turismo, anche le imprese artigiane. A gran voce richiesto lo snellimento della burocrazia e una serie di azioni virtuose, mirate a creare sinergie tra pubblica amministrazione, banche e imprese. Lucio Sacchetti, presidente di Confartigianato Cesenatico, ha centrato il suo intervento sul sostegno alle piccole imprese: "Le aziende del settore edile vanno aiutate, perch attorno ad esse pu ruotare la ripresa dello sviluppo, attraverso politiche innovative che si prefiggano di accompagnare le imprese in sofferenza, nella dura sfida del mercato in questa fase prolungata di crisi". Patrizio Vincenzi ha criticato la politica urbanistica delle precedenti amministrazioni e chiede alla nuova interventi precisi: "Ai nuovi amministratori chiediamo una svolta, di sbloccare le autorizzazioni e trovare la soluzione per ridare fluidit ai progetti". Nel suo intervento il sindaco Roberto Buda ha voluto rimarcare che la nuova amministrazione libera da qualsiasi lobby di interessi e dar risposte ai problemi: "Condivido molti aspetti sollevati durante questo incontro. Lo snellimento della burocrazia sar un nostro punto cardine e faremo tutto ci che in nostro potere per dare lavoro alle imprese del territorio". Giacomo Mascellani

Villalta in festa La chiesa compie 100 anni


La chiesa di Villalta compie 100 anni e nellambito della festa parrocchiale questo avvenimento sar degnamente ricordato. Sabato 1 ottobre alle 20,30 la messa di anniversario sar presieduta dal vescovo Douglas Regattieri, cui seguir il concerto del coro terra promessa e apertura della mostra di foto e oggetti storici nella sala parrocchiale. Domenica 2 ottobre alle 15 anziani e ammalati sono invitati in chiesa per lunzione degli infermi. Venerd 7, in serata, si terr la processione per le vie del paese. Sabato 8 ottobre grande festa con i ballerini del gruppo Le sirene danzanti. Domenica 9 alle 11 sar celebrata la messa solenne. In serata musica con lorchestra di Roberta Cappelletti.

Parrocchia di Santa Maria Goretti

Sala | Si ritrovano dopo 60 anni

Una settimana ricca di iniziative e concerti


Comunit di santa Maria Goretti in festa no al 2 ottobre. Il comitato parrocchiale, coordinato dal parroco don Sauro Bagnoli, ha organizzato una serie di eventi di grande richiamo. Al centro di tutto, come ha scritto don Bagnoli nella lettera ai parrocchiani, vi il concetto di fare festa perch si incontrato. Se non si mette al centro il suo insegnamento, la festa si svuota di contenuti. Il programma religioso prevede, venerd 30 settembre, la veglia di preghiera e ladorazione eucaristica. Domenica 2 ottobre, alle 10,45 ci sar la benedizione degli automezzi e, alle 11, la messa solenne. Nel programma ricreativo vi la cena comunitaria gioved 29 settembre. Sabato 1 ottobre Stefano del Testa e la Cd vertiamo band allieteranno il pomeriggio dei giovanissimi. Alle 18,30, in chiesa, si terr il concerto jazz del compaesano Karsten Braghittoni. Alle 21,30 grande musica con il concerto di Chicco Capiozzo. Sar in funzione lo stand gastronomico. Domenica 2 ottobre, giorno della festa, nel pomeriggio ci saranno giochi per i bambini. Alle 17,30 concerto del coro Terra promessa. Alle 20,30 spettacolo di danza con il gruppo Kriterion.

Si sono ritrovate, dopo 60 anni, a Lourdes. Gabriella Buda, originaria di Sala di Cesenatico, durante un viaggio di qualche mese fa a Lourdes ha incontrato, fra i pellegrini, la maestra di prima elementare, Ines Sintini. A seguito di quellincontro sono ripresi i contatti e poche sere fa la classe del 1951 (nella foto) si ritrovata con la maestra ed erano quasi tutti presenti.

16

Gioved 29 settembre 2011

Valle del Rubicone


il Lions Club Rubicone attivo dal 1976 su un vasto territorio della Romagna. Per questo come primo incontro dellanno Lionistico ho pensato di invitare tutti i sindaci dei vari Comuni della nostra zona. Tutto - ha proseguito Ricci - partito da semplici costatazioni come ad esempio unaffermazione di Tonino Guerra il quale, in un intervento, disse che uno dei primi problemi delle amministrazioni comunali che non dialogano fra loro, aggiungendo che i sindaci dovrebbero avere nella loro agenda un incontro inderogabile con i colleghi vicini per lo meno una volta al mese. Che dire poi del fatto che un tipico mercatino delle pulci viene organizzato ogni prima domenica del mese a Savignano sul Rubicone e lo stesso viene fatto a soli tre chilometri di distanza a Santarcangelo?" La serata ha visto la partecipazione di dieci sindaci del Rubicone, i presidenti di Provincia Massimo Bulbi (ForlCesena) e Stefano Vitali (Rimini) e il comandante della Compagnia dei Carabinieri di Cesenatico, Emanuele Spiller. Una serata che ha visto la partecipazione attiva di tutti gli invitati e nella quale emerso in maniera precisa e puntuale la necessit di una maggior integrazione del nostro territorio in particolare per ci che concerne i servizi quali ad esempio il trasporto pubblico locale. Altra priorit emersa dagli interventi dei sindaci la necessit di un maggiore collegameto tra le attivit turistiche della Riviera con lentroterra. Maurizio Cappellini

Serata Lions

Il Lions Club Ribicone incontra i sindaci e i presidenti di Provincia del territorio. Levento si svolto la scorsa settimana, alla conviviale presieduta da Clemente Ricci, presso il ristorante Antiche Macine di Montalbano. "Da poco - ha detto Ricci - ho lonore di rappresentare

"Arrivano dal mare" lascia Cervia per Gambettola, Longiano e Montiano

Gambettola
Cinema per tutti
Riprenderanno gioved 6 ottobre, nel cine-teatro Metropol, della multisala Abbondanza, in corso Mazzini a Gambettola, le proiezioni dei lm di qualit scelte per "Metrofestival", edizione speciale del 90 anniversario di attivit dei proprietari AbbondanzaBiondi. La rassegna cinematograca, che si avvale del patrocinio del Comune di Gambettola, prevede le proiezioni nelle serate del gioved e venerd, a partire dal 6 ottobre, con inizio alle ore 21. Il costo dellabbonamento di 7 euro per 7 lm e, in occasione dello speciale 90 anniversario, con ogni abbonamento si ricever un ingresso omaggio per la visione del lm del marted sera. Questo il programma dei lm di ottobre-novembre. Gioved 6 e venerd 7 ottobre "Il ragazzo in bicicletta" di Jean Pierre DardenneLuc Dardenne. Gioved 13 e venerd 14 ottobre "Il gioiellino" di Andrea Modaioli. Gioved 20 e venerd 21 ottobre "Le donne del 6 piano" di Philippe Le Guay. Gioved 27 e venerd 28 ottobre "Habemus Papam" di Nanni Moretti. Gioved 3 e venerd 4 novembre "Sorelle mai" di Marco Belloccio. Gioved 10 e venerd 11 novembre "Per sfortune che ci sei" di Nicolas Cuche. Gioved 17 e venerd 18 novembre "London Boulevard" di William Monakan. Tra le iniziative di questo periodo abbinate allo speciale 90 anniversario, per i bambini che andranno alla proiezione della domenica pomeriggio un simpatico omaggio. Per info 0547/53249; 0547/58991; 0547/45338. Ps

I burattini preferiscono la collina


opo trentacinque anni, il Festival internazionale dei burattini e delle figure lascia la sua sede di Cervia e si trasferisce nel Rubicone". Cos ha detto Stefano Giunchi, presidente di "Arrivano dal Mare", alla presenza dei sindaci di Gambettola, Iader Garavina e di Longiano, Sandro Pascucci. Saranno i Comuni di Gambettola, Longiano e Montiano a fornire la logistica e i nuovi scenari alla compagnia "Arrivano dal Mare", organizzatrice dellevento, che si svolger nei giorni dal 29 settembre al 2 ottobre, dove si alterneranno trenta compagnie che offriranno quaranta spettacoli. In questo primo anno nel Rubicone, il festival verr cos dislocato: gioved 29 settembre inizio a Gambettola, venerd 30 settembre a Montiano e Longiano, sabato 1 ottobre a Longiano e domenica 2 ottobre la

"D

conclusione a Gambettola. "E stata una scelta presa a malincuore, ma dettata da forze di causa maggiore - ha affermato il presidente Giunchi -. Non potevano sussistere pi gli elementi che sin dallesordio ci hanno visti come protagonisti a Cervia dove la collaborazione del Comune venuta a mancare sia in tagli di fondi che in richieste di affitto dei locali occupati dai nostri laboratori e dal museo dei burattini. Ora ritroviamo nuovo slancio, grazie alla sensibilit verso questa manifestazione dimostrata dai comuni di Gambettola, Longiano e Montiano, con i quali c gia in atto una collaborazione". Cos il Festival abbandona il mare per approdare lungo le rive del Rubicone, Rigossa e Piscialtello, alla ricerca di nuovi luoghi storici nascosti e meno conosciuti, piazzette, chiostri, castelli, teatri o aziende agricole.

"Nel Teatro Comunale di Gambettola, restaurato e riaperto dopo oltre cinquantanni di inutilizzo -ha precisato il sindaco di Gambettola Iader Garavina- la Compagnia "Arrivano dal Mare", ha gi trasferito la "Baracca dei Talenti" (dedicato ad esperienze teatrali delle diverse-abilit), lAtelier della Figura (attraverso il laboratorio di creazione e restauro dei burattini che si avvale della collaborazione dellartista catalano-cesenate Anton Roca) e presto trasferir il Museo dei Burattini e delle Figure di Villa Inferno". Tutti gli spettacoli che si svolgeranno in questi luoghi sono a pagamento e i costi del biglietto sono intero 5 euro, ridotto 3 e gratis i bambini fino a quattro anni. Tutti gli spettacoli allaperto sono gratuiti. Per informazioni telefonare: 0544/971958 o 0547/665113. Piero Spinosi

A Gatteo corsi di lingue straniere


A Gatteo riprendono in autunno i corsi di lingue straniere. Da met ottobre presso la biblioteca due occasioni per imparare divertendosi. Sono aperte le iscrizioni per i due corsi che lassociazione onlus "Centro Donne Arcobaleno" propone; lingua e cultura inglese e lingua e cultura spagnola. I corsi si terranno presso la biblioteca di Gatteo e prevedono ununica lezione settimanale di due ore dalle 20,30 alle 22,30 per un totale di 36 ore. Verranno proposti, come gi da diversi anni, corsi di primo livello e corsi avanzati; inoltre questanno lassociazione organizza anche un gruppo di conversazione per chi ha gi una buona conoscenza della lingua inglese. I corsi verranno attivati al raggiungimento di un numero minimo di partecipanti. Per informazioni e iscrizioni: Paola 347 2382730 o Milena 340/6812596 Cf

Buche pericolose per i ciclisti

ANNIVERSARIO

Via Selbelle a Savignano necessita di nuovo asfalto


uche, asfalto malmesso in pi punti, mancanza di segnaletica orizzontale, nessuna banchina: questo lo stato in cui versa via Selbelle terza a Savignano sul Rubicone, la strada che dalla provinciale Sogliano attraversa la campagna per arrivare al confine territoriale del comune. Meta preferita dei cicloamatori, dopo un bel tratto di salita, oggi dissestata anche a causa di mezzi pesanti che trovano in quella via una scorciatoia per giungere verso il riminese. Frequentata dai residenti sino ad una decina di anni fa, il traffico durante gli anni aumentato, ma la manutenzione stata davvero scarsa se non inesistente. Qualche capitombolo di ciclisti c gi sta-

to, soprattutto negli ultimi tempi; incappati nella banchina dissestata o nelle buche che costellano lasfalto di tutta la strada - e queste ultime sono davvero tante finendo a ruote allaria e procurandosi varie escoriazioni. V anche da dire che normalmente due veicoli in senso opposto di marcia, incontrandosi non possono che fermarsi per darsi il cambio nella marcia, vista la strettezza della carreggiata. Forse occorrerebbe che lamministrazione rimettesse mano al piano dei lavori pubblici previsti per la manutenzione delle vie. Ciclisti e automobilisti meritano maggiore attenzione. Cristina Fiuzzi

27 settembre 1997 27 settembre 2011

Zamagni Pio Alfredo


Nel 14esimo anniversario della morte i familiari lo ricordano con preghiere e immenso affetto

I bambini di Castelvecchio hanno la nuova scuola


A Savignano inaugurato il nuovo plesso che sfrutta le pi moderne tecnologie
Nelle scorse settimane stata inaugurata la nuova scuola dellinfanzia di Castelvecchio. Un taglio del nastro festoso, alla presenza di molti dei piccoli ospiti che da luned 19 settembre sono entrati nella loro casa fatta in materiali naturali ed

eco-compatibili, come ha spiegato Silverio Piolanti, con copertura in legno a vista, e al muro pannelli in materiale fonoassorbente con serigrafati i disegni dei bambini che conferiscono allegria e calore agli ambienti. Oltre ai bambini e alle loro famiglie erano presenti al taglio del nastro il sindaco di Savignano sul Rubicone Elena Battistini, il nuovo dirigente scolastico dellIstituto Comprensivo di Savignano sul Rubicone Gianpaolo

Ceccarini. Invitati speciali al taglio del nastro i 75 bambini iscritti alla nuova scuola e le loro famiglie. Nel momento inaugurale il sindaco Elena Battistini ha detto: Questo un momento epocale, in questo momento di crisi forte la scuola aperta e rimarr negli anni un luogo importante per la nostra comunit. Una comunit che investe in una scuola una comunit in crescita.

Valle del Savio

Gioved 29 settembre 2011

17

Festa liturgica a Turrito


n ottobre alcune parrocchie rosario, prima Ifesteggiano la Madonna del del sarsinate fra tutte la comunit di Turrito. La festa, esclusivamente religiosa, avr il culmine domenica 2 ottobre alle 10 con la messa solenne a cui seguir la processione con la statua della Madonna per le vie del paese. Lultimo momento ci sar alle 20,15 con il rosario e il canto delle litanie. Turrito, il cui toponimo signica luogo forticato, ha origini anteriori al Mille, sebbene il primo documento che lo menzioni datato 1182. Il parroco attuale, don Ezio Ostolani, nei suoi 37 anni di ministero si adoperato per un rinnovamento generale della struttura, iniziando con la ristrutturazione della canonica e la creazione del Circolo Acli. Turrito una delle pochissime parrocchie di zona che ha avuto un incremento degli abitanti nel dopoguerra, no ai 300 attuali. Daniele Bosi

Bagno di Romagna
Balena in mostra
A Bagno di Romagna, presso il Palazzo del Capitano, in corso dal 10 settembre la personale del pittore cesenate Gino Balena. La mostra, dal titolo "DallAfrica alla pittura - Peregrinazioni", nata dalla collaborazione fra lassessorato alla Cultura del Comune di Bagno di Romagna e lassociazione culturale Benigno Zaccagnini. Il pittore negli anni Sessanta ottiene il diploma di perito elettronico e quindi frequenta il Liceo artistico di Ravenna, avendo come insegnante il maestro Ruffini e dando prova delle sue brillanti capacit. Inizia poi unintensa attivit artistica partecipando con successo a collettive e tenendo mostre personali con lapprezzamento di critici e galleristi. Improvvisamente interrompe questa attivit per dedicarsi con dedizione allinsegnamento di Educazione artistica nella scuola media statale. Solo ora, dopo trentacinque anni e dopo aver svolto varie attivit, in seguito a vari soggiorni in Africa, Balena ritorna a dipingere con forza ed entusiasmo sentendo lesigenza di essere testimone della tragica realt in cui vive il mondo africano. Nellattuale mostra sono esposte opere di grandi dimensioni, tele come stendardi e un lavoro monumentale eseguito su una tela di 26 metri di lunghezza e 2,2 di altezza sistemata a forma di cilindro da visionare internamente ed esternamente per una supercie totale di 114 metri quadrati. Sono opere dai forti chiaroscuri e dai colori rossi, ocra, gialli dalle tonalit spente. Gli intenti umanitari di questa pittura sono chiari, eppure questi grandi volti dagli sguardi malinconici, queste scene a volte tragiche, superano il limite di un programma puramente sociale per trasformarsi in celebrazione dolente e commossa che lascia trasparire evidente lamore di Balena per queste terre e per i suoi umili ma eri abitanti, protagonisti inermi di un dramma che sembra non aver ne. Le opere, realizzate con straordinario senso della misura e grande severit di espressione, rivelano il temperamento umanitario di questo artista e la sua sensibilit ai problemi e alle miserie degli umili, dei sofferenti, dei diseredati. La mostra, curata da Orlando Piraccini, corredata di un esauriente cataloghi, rimarr aperta no al 16 ottobre con il seguente orario: dal marted al sabato 1618; 20,30-22; festivi 10-12;16-18. Enrico Guidi

Iniziative per rilanciare il settore

Turismo in valle Serve una strategia


comuni e le strutture ricettive dellAppennino cesenate, in genere, per le dimensioni limitate e per il numero altrettanto limitato di strutture ricettive e di posti letto, fanno fatica ad inserirsi nei circuiti regionali delle Unioni di Prodotto e della promocommercializzazione organizzata attraverso i canali di Regione ed Azienda di promozione turistica. Ma la partecipazione di qualche aggregazione di operatori e la possibilit per i Comuni di partecipare a questi organismi magari tramite lUnione dei Comuni, potrebbe far uscire anche lAppennino cesenate da una difficolt di presenza e partecipazione a fiere, serate promozionali, newsletter e portali dellUnione Appennino e della Regione. Se ne parlato a margine di un incontro di enti locali e operatori turistici dellAppennino. Presente anche la presidente Apt Liviana Zanetti. E la Comunit Montana - Unione dei Comuni del Cesenate dovrebbe a questo punto verificare con i comuni soci la possibilit di aderire allUnione. Intanto sono stati presentati programmi

Fra le proposte la rivalutazione della montagna a piedi, in bici e a cavallo


e progetti che coinvolgeranno lAppennino dellEmilia-Romagna per la stagione 2012. Tra i progetti pi consistenti torna la "campagna neve", per promuovere lAppennino durante tutto lanno e "contrattaccare" le campagne promozionali delle grandi localit alpine. In questo ambito potranno trovare spazio le iniziative legate allarea del Monte Fumaiolo e dei suoi impianti sciistici. Un altro progetto riguarda il cosiddetto "slowtourism", cio un Appennino da gustare a piedi, in bici e a cavallo. Col progetto "Vacanza attiva e turismo giovanile" il turismo locale vuole promuovere la permanenza di gruppi sportivi per attivit di "camp" e preparazione, ma anche le attivit di trekking, bici, equiturismo, facendo leva su strutture ed eventi specifici. Con "Enogastronomia ed identit" si intendono sviluppare itinerari e soggiorni legati agli eventi enogastronomici del territorio, ricercando il collegamento ed il lavoro comune tra tutti i soggetti che si occupano della valorizzazione enogastronomica del territorio. Dal punto di vista dei "mezzi" di comunicazione si proseguir sulla strada dellinnovazione, coinvolgendo i soci nella raccolta di materiale multimediale e realizzando un Tg turistico dellAppennino da mandare in onda sulla Web tv.

Bagno di Romagna Bandiera Arancione


agno Romagna conferma Arancione Touring Club Italiano tutto il Bdelaverdiconseguitosiquestono aBandiera2013. Dopo "marchio" di qualit ambientale e turistica per la prima volta nel 2005 e dopo averlo confermato nel 2008, ora giunge la terza conferma. Con questa attestazione di qualit il Touring Club, lassociazione turistica pi blasonata dItalia,

premia i paesi dellentroterra che si distinguono per la qualit della vita e per latteggiamento di benvenuto che riservano ai visitatori. Per ottenere il rinnovo Bagno di Romagna ha nuovamente superato l"esame", e cio le veriche con le quali il Touring Club esamina le caratteristiche del comune. Il Tci, in particolare, ha misurato attraverso una lunga serie di indicatori la qualit dei servizi di informazione al turista, le caratteristiche del sistema ricettivo e della ristorazione, gli elementi di attrazione ambientale, le politiche di gestione dei riuti e la manutenzione del verde. Alberto Merendi

Mercato Saraceno Grande festa domenica scorsa nella parrocchia di Cella

Don Clemente, fra i suoi fedeli da 50 anni


ozze doro con la comunit, a Cella di Mercato Saraceno, per don Clemente Matassoni, che la segue dal settembre 1961. Domenica scorsa i parrocchiani della piccola frazione si sono stretti attorno al loro pastore, da qualche tempo provato da problemi di salute, ma che continua ad essere presente per le messe domenicali. Nato a Ciola di Mercato Saraceno, ha frequentato i seminari di Sarsina e Bologna. Viene ordinato il 27 giugno 1948 in Cattedrale a Sarsina insieme a don Enrico Fantuz, don Francesco Castellani e al cugino don Mario Matassoni. Fu lultima ordinazione cos numerosa per la piccola diocesi viciniana. Gi una

Don Clemente poco prima della messa in cui ha ricordato i 50 anni di servizio a Cella

parrocchia lo attendeva, Massa, tra Quarto e Monteriolo. La popolazione era ancora presente, era alle porte lesodo delle campagne che a Massa fu velocissimo, forse pi che in ogni altra parrocchia della zona fintanto che, nel 1954 il vescovo trasfer don Clemente a Sarsina, non essendo pi necessaria la presenza di un parroco residente a Massa. A Sarsina, con residenza nel vecchio seminario, diviene padre spirituale del seminario e delle suore, direttore diocesano delle opere missionarie. Dal 1957 al 60 frequenta la scuola di formazione sociale per il clero a Faenza. Nel settembre 1961 il vescovo Carlo Bandini lo trasferisce alla "bassa",

in una delle parrocchie pi a valle della diocesi sarsinate, Cella, andando a risiedere nella canonica. Nel 1978 si trasferisce presso unabitazione privata a Cesena insieme ai fratelli, continuando il servizio. "In questi cinquantanni sei stato un punto di riferimento per tutti noi - scrivono i parrocchiani - per la disponibilit con la quale hai sempre accolto generazioni di giovani e adulti, e un esempio per la completa dedizione, anche nella malattia, alla vita parrocchiale". Negli anni 90 ha inoltre svolto, per quasi un decennio, le benedizioni a San Vicinio al santuario di Sarsina in alcuni pomeriggi della settimana. Db

18

Gioved 29 settembre 2011

Solidariet
Abbiamo fame!: un container in partenza per lEritrea
bbiamo fame!. Lassociazione cesenate AAmici dei bambini in Eritrea, causa, che dal 2005 sta sostenendo questa prepara in questi giorni linvio di un sesto container di aiuti alimentari di primissima necessit. C una richiesta urgente di farina, riso, pasta, latte in polvere, zucchero, legumi, olio, scatolame e altro da inviare a pi presto - entro il mese di ottobre - nel Paese africano. Questo appello rivolto a tutti gli uomini e donne di buona volont, sicuri che si tratta di una goccia nelloceano, ma convinti, secondo le parole di Madre Teresa di Calcutta, che se questa goccia non ci fosse, alloceano mancherebbe. Fin dora lassociazione esprime profonda gratitudine a tutti quelli che vorranno collaborare. Il container si trova nel cortile della chiesa parrocchiale di Ponte Pietra di Cesena. Per informazioni: Concetta, 338 9658619; Carmela, 339 1643741; Elena, 329 5922306.

Tanti gli appuntamenti a Cesena e a Forl, da gioved 29 settembre a domenica 2 ottobre

Giornate provinciali dedicate al volontariato


Unione Europea ha stabilito che il 2011 sia Anno Europeo del Volontariato, con questa motivazione: LAnno Europeo del volontariato una celebrazione, ma anche una sfida. innanzitutto una celebrazione di quei milioni di persone che in Europa si impegnano ad aiutare gli altri senza alcun compenso; di coloro che donano tempo e sforzi ai loro quartieri, alle loro citt, alle scuole, agli ospedali, ai centri sportivi, alla tutela dellambiente, ai servizi sociali, al soccorso umanitario in altri Paesi. Le nostre vite non sarebbero ci che sono senza il loro operato e quello delle migliaia di organizzazioni di volontariato esistenti in Europa. I volontari fanno la differenza! Ma il 2011 vuole anche essere una sfida, rivolta a coloro che non si occupano di volontariato. Anche loro possono cominciare a operare per un mondo migliore. Si terranno nei giorni gioved 29 settembre, sabato 1 e domenica 2 ottobre, nella provincia di Forl-Cesena, le Giornate provinciali del volontariato. Gioved 29 settembre alle 20,30, a Forl nellauditorium della Cassa dei Risparmi (via Flavio Biondo, 16), ci sar il convegno pubblico Il ruolo del volontariato nel nuovo Welfare. Il volontariato fa la differenza. Dopo i saluti del prefetto Angelo Trovato e del vice sindaco di Forl Giancarlo Biserna, interverranno: Gilberto Bagnoli, presidente Assiprov; Nello Musumesi, sottosegretario di Stato del Lavoro e delle Politiche Sociali; Paola Binetti, deputato, 12esima Commissione parlamentare Affari

LUnione Europea ha stabilito che il 2011 siaAnno Europeo delVolontariato. A Cesena incontro sabato 1 ottobre Giovani e volontariato: esperienze, possibilit, riflessioni a confronto

sociali; Antonio Miglio, vicepresidente Acri (Ass. Fondazioni Casse di Risparmio Italiane); Edoardo Patriarca, agenzia nazionale Terzo settore; Piergiuseppe Dolcini, presidente Fondazione Cassa di Risparmio di Forl; Guglielmo Russo, vice presidente provincia Fc. Conduce Antonio Farn, giornalista del Tg3. A Cesena, sabato 1 ottobre dalle 9,30 alle 12,30 presso la laula della Facolt di Psicologia (piazza Aldo Moro, 90), Arturo Alberti, presidente della Fondazione Romagna Solidale, condurr lincontro Giovani e volontariato: esperienze, possibilit, riflessioni e confronto. Apriranno i lavori i saluti di: Paolo Lucchi, sindaco di Cesena; Maria Elena Baredi, assessore allIstruzione e Cultura del Comune di Cesena; Laura Bianconi, senatrice della Repubblica; Raffaella Alessandrini, dirigente Ufficio scolastico provinciale; Bruno Piraccini, presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena. Seguir la relazione introduttiva di Gilberto Graffieti, presidente del Comitato paritetico del Volontariato, e verranno presentate esperienze di volontariato europeo (Coop. Kara Bobowski, Consorzio Solidariet Sociale, Coop. Uniser). Relatori dellincontro: Marco Sermarini, presidente associazione Beato P. G. Frassati, Ascoli Piceno; Mario Dupuis, presidente del gruppo Edimar di Padova; monsignor Douglas Regattieri, vescovo della diocesi di Cesena-Sarsina. La giornata di domenica 2 ottobre sar interamente dedicata al rendere visibile le attivit del volontariato nei

diversi Comuni della provincia. A questo fine le associazioni di volontariato organizzano un momento di incontro con i cittadini (con banchetti espositivi nelle piazze, incontri pubblici, o altre modalit). Durante il pomeriggio prevista la partenza di cortei delle associazioni con gli stendardi, le bandiere e gli striscioni del volontariato. A Forl, in piazza Saffi, alle 16 inaugurazione del nuovo automezzo di Assiprov acquistato grazie al contributo della Fondazione Cassa dei Risparmi di Forl. Lancio della Lotteria di Forl-Citt della Solidariet. A Cesena, in piazza del Popolo, lancio del premio per i giovani delle scuole superiore Uno slogan per il volontariato. A Modigliana, banchetti espositivi delle diverse realt di volontariato e associative della zona. Per informazioni: Assiprov Cesena (Centro di servizi per il volontariato della provincia di Forl-Cesena), via Serraglio, 18, tel. 0547 612612; www.assiprov.it, info@assiprov.it

Cisl Forl-Cesena sul Trasporto Pubblico Locale


Tra i tanti frutti avvelenati che arrivano dalla manovra governativa, c il taglio pesante alle risorse per il trasporto pubblico locale. Un settore che gi in forte sofferenza. In questi anni, abbiamo appoggiato il processo di aggregazione in area vasta romagnola delle tre aziende di gestione del trasporto pubblico locale, quelle di Forl-Cesena, Ravenna e Rimini, a condizione che si realizzi un reale miglioramento dellefficienza dei servizi e siano salvaguardati i livelli occupazionali. Il processo sta andando avanti. in fase di costituzione Start Romagna spa a cui far seguito la ricerca di un partner privato attraverso gara pubblica. Tutto questo avviene allinterno di un contesto pesantissimo dovuto alla crisi delle nanze pubbliche, ed per questo che al di l dellesito del braccio di ferro in atto tra le regioni e il governo sul trasferimento dei soldi destinati al trasporto pubblico locale, necessario che comuni e provincia non facciano errori ingiusticabili durante il percorso. A nessuno pi consentito mantenere in essere orticelli e rendite di posizione; si deve innovare, sradicando tutto quanto non indispensabile allinteresse dei cittadini che si rivolgono al trasporto pubblico e alla salvaguardia dei posti di lavoro, che siano essi dipendenti delle aziende pubbliche o delle aziende private. Ci chiediamo, dunque, se proprio necessario dotare la nuova societ di trasporto di una nuova sede a Cesena quando ognuna delle attuali ha sedi proprie funzionanti. Qual il motivo: lapparire, gli equilibri di campanile tra

NOTIZIARIO PENSIONATI
i grandi comuni? Pensiamo che ai cittadini interessi che ci siano linee di autobus efficienti, non il luogo dove sieder il board dei futuri manager. Come Cisl diciamo agli amministratori pubblici, che nel momento in cui si va allaggregazione delle aziende di gestione romagnole, si deve andare anche e contestualmente allunicazione delle agenzie romagnole. Se c un gestore unico, basta un unico controllore. Nel caso di Forl-Cesena, stiamo parlando di Atr , lagenzia preposta al Governo del sistema per conto degli enti locali a cui negli anni provincia e comuni avevano assegnato, a nostro giudizio sbagliando, molti compiti anche di gestione diretta, gonandola di funzioni ben oltre quanto fatto in tutti gli altri territori de lEmilia Romagna. Non sono pi tollerabili in questi anni di pesanti ristrettezze, duplicazioni di funzioni, di poltrone, di consigli di amministrazione, proliferazione di dirigenti, che poi abbisognano necessariamente di sedi, e di apparati amministrativi che sottraggono le poche risorse che ci sono peraltro calanti, al servizio vero e proprio destinato al cittadino. Quando poi le risorse del sistema non bastano, si ricorre ai comuni soci che devono ripianare; dunque necessario dimagrire, altrimenti anche le lamentazioni dei Comuni sui soldi che mancano per far fronte ad altri servizi, perdono quote di credibilit.

a cura del Sindacato Pensionati FNP CISL (tel. 0547 644611 - 0547 22803) e per il Patronato INAS CISL (tel. 0547 612332) via R. Serra, 12 - Cesena

Autocertificazione ticket Ultimi giorni


C tempo fino al primo ottobre per consegnare lautocertificazione della propria fascia di reddito lordo del nucleo fiscale di appartenenza e ricevere cos le indicazioni sull'esenzione ticket. Dopo il primo ottobre, per tutti coloro che non sono esenti totali, sar necessario presentare lautocertificazione al momento della prenotazione delle prestazioni o al ritiro dei farmaci; in caso contrario sar applicata la quota massima dei ticket prevista. Lautocertificazione dei figli minori di coppie separate e di coppie di fatto (non coniugate) spetta al genitore che ha il figlio integralmente a carico o, nel caso in cui il figlio sia a carico di entrambi, al genitore individuato di comune accordo. Ora - ha sottolineato di recente lassessore regionale per la salute Carlo Lusenti - lintenzione quella di identificare uno strumento, a partire dallIsee, che garantisca maggiore equit e che tenga conto del nucleo familiare.

milione di malati di Alzheimer. necessario migliorare al pi presto i servizi creando una rete assistenziale intorno al malato e alla sua famiglia, promuovere corsi di formazione per medici e altri operatori sanitari, per sapere individuare prontamente la demenza. Inne, necessario dare vita a network di centri diagnostici, specialisti in grado di formulare piani di cura.

Censimento 2011: attenzione alla compilazione del modulo


Da qualche giorno i postini stanno consegnando a casa dei cittadini il modulo per il 15esimo censimento generale della popolazione. Le persone che hanno ricevuto il modulo Istat per posta stanno iniziando a rivolgersi agli uffici Cisl per la compilazione. importante richiamare tutti alla precisione. Il censimento sar effettuato indicativamente il 9 ottobre e quindi il modulo dovr essere compilato solo in quel momento, dovendo rappresentare una fotograa di quel momento specico. Nella data prescelta i Comuni di Cesena e Forl organizzeranno una serie di sportelli informativi diffusi sul territorio per la raccolta dei questionari e aiutare chi avesse difficolt nella compilazione. Laspetto pi importante da ricordare che non si deve assolutamente compilare il modulo in anticipo, ma la data del 9 ottobre che sar poi confermata nei prossimi giorni.

Alzheimer, 36 milioni di malati nel mondo. Un milione in Italia


Secondo il rapporto mondiale 2011, circa lAlzheimer, la diagnosi arriva troppo tardi, con pesanti ricadute su societ e sistema sanitario. Con pi prevenzione, il risparmio sarebbe di 10 mila dollari per malato lanno. Prevenire lAlzheimer possibile: quanto emerge dal rapporto mondiale Alzheimer 2011 presentato a Milano, Londra e New York. Secondo questo studio almeno tre quarti dei 36 milioni di persone affette da demenza avrebbero potuto avere una vita migliore con la giusta diagnosi precoce. La ricerca rivela infatti che in quasi tutti i casi di demenza, i cui

sintomi sono lalterazione della memoria, pensiero, ragionamento, linguaggio, orientamento, personalit e comportamento severo, sono stati curati con grave ritardo. Da qui, il peggioramento dei sintomi del paziente, dello stress dei familiari, pesanti ricadute nella societ e nel sistema sanitario. La percentuale maggiore, seppure del 20-50 per cento, dei casi diagnosticati in tempo si concentra negli Stati ricchi, mentre in quelli poveri ci accade soltanto per il 10 per cento delle situazioni. Farmaci e trattamenti psicologici migliorano le capacit cognitive, lautonomia e la qualit di vita dei soggetti nella fase iniziale della patologia. In Italia si contano un

Cultura&Spettacoli
rescere con la piccini. Ripartono Cconservatorio imusicadinaidabambini dai 3 ai 6 al corsi ritmica strumentale, violino e violoncello, rivolti anni, con il metodo Suzuki: una losoa educativa musicale elaborata dal maestro giapponese Shinichi Suzuki. Il 30 settembre alle 18 al Maderna si terr un incontro informativo per i genitori interessati (per info, tel. 0547 28679). Il metodo si basa sulla convinzione che tutti i bambini nascano con enormi potenzialit da sviluppare. Pertanto, anche lapprendimento della musica, come del linguaggio parlato, se opportunamente stimolato, pu avvenire in modo naturale n dalla pi tenera et - spiega Teresa Tondolo, 34enne violinista, unica abilitata in citt a insegnare il Suzuki -. La metodologia d grande importanza allambiente in cui si educa il bambino, e di conseguenza diventa essenziale per il percorso educativo, la presenza attiva dei genitori. Per chi volesse vedere allopera i bambini Suzuki, lappuntamento domenica 2 ottobre alle 17 nel parco della Rocca Malatestiana, a Cesena, nellambito del Piccolo itinerario festival, organizzato dalle associazioni Aidoru e Katrim. Fs

Gioved 29 settembre 2011

19

Cinema di Filippo Cappelli


Uci Savignano, Eliseo

AlMaderna corsi di ritmica per bambini

LALBA DEL PIANETA DELLE SCIMMIE - di Ruper Wyatt


Voi uomini lavete distrutta! Maledetti per leternit, tutti! esclamava il protagonista Taylor sul finire di Il pianeta delle scimmie. Il riferimento era per lamata Terra, dopo avere compreso che tutta la sua avventura, la prigionia e la fuga, era comunque resa inutile dallimpossibilit di un futuro per il pianeta. E ora si torna agli inizi. La trama: San Francisco. Lo scienziato Will Rodman, in cerca di una cura per lAlzheimer, sperimenta un nuovo farmaco sulle scimmie. Con esiti (im)prevedibili. Mentre si avvia verso la conclusione anche lepoca del postmoderno, il cinema continua nella sua epoca doro per remake, prequel e reboot. E anche la datata saga del Pianeta Delle Scimmie (1968) pu da oggi contemplare il suo episodio fondativo che, con un bel po di pelo sullo stomaco, prende tre scimmioni con una banana: un po remake (1999 Conquista della Terra, Ep.IV, 1972), un po prequel (del remake di Tim Burton), un po reboot (di fatto, un riavvio alternativo della vicenda). Diciamo subito che il film scritto maluccio: la sceneggiatura il difetto pi evidente. Ancora una volta sono scienziati che giocano a fare dio ad aprire lennesimo vaso di Pandora. Poche facce e meno sfaccettature, qualche fracassonata e un bel po di inverosimiglianze. Ma nonostante tutto Lalba del pianeta delle scimmie ha il suo perch. Prima di tutto, girato con garbo e maestria. Le sequenze di evoluzioni scimmiesche sono una gioia per gli occhi (la digitalizzazioni WETA mostra i muscoli), mentre Wyatt opta per il piano sequenza come sintagma privilegiato. E fa bene. Vero protagonista comunque il primate Cesare: Andy Serkis dota lo scimpanz di modulazioni umorali davvero inquietanti, con mimica facciale e linguaggio del corpo perfetti a segnare il passaggio di crescita e attitudine rivoluzionaria delle scimmie intelligenti. Spettacolare resta inoltre lo scontro finale tra animali e uomini, sul mitico ponte Golden Gate di San Francisco: cornice simbolica per suggerirci che il pianeta Terra ben presto passer ad altri padroni. Pi pelosi, ma migliori di noi. Perlomeno questo quel che penser qualcuno, visto che il male assoluto nel film sembra incarnato da esseri umani bianchi, americani e di sesso maschile. A far calare un bel po la tensione sono le troppo svelate interpretazioni sociologiche e metafore antirazziste evidenti. Pi volte quindi, quel che sarebbe potuto diventare un dignitosissimo film fantascientifico, drammatico, e apocalittico, finisce per rivelarsi poco pi di un blockbuster dazione, dai grandi effetti speciali, che alterna a sequenze sinceramente toccanti, alcune cadute di tono che suscitano ilarit laddove si pretende pathos (la scimmia a cavallo che si lancia contro le linee nemiche col pugno progressista alzato in aria). Il film stato di grandissimo successo al botteghino doltreoceano, mentre il solito finalino sui titoli di coda gi preannuncia sequel e cloni vari. Per adesso, tutto sommato, meritati. Ovviamente il vecchio Pianeta delle scimmie rimarr insuperato.

Un fine settimana allinsegna della cultura


A Cesena, da venerd 30 settembre a domenica 2 ottobre, tanti gli appuntamenti alla Malatestiana, alla Rocca, al Bonci, in piazza del Popolo, al chiostro di San Francesco, al teatro Comandini
ESTERNO DELLINGRESSO ALLA BIBLIOTECA, NELLALA NON ANCORA INTERESSATA DAI LAVORI DELLA GRANDE MALATESTIANA (FOTO A. GIANGRASSO)

Per ledizione di questanno, lAmministrazione comunale punta a coinvolgere le realt del territorio che ogni giorno lavorano con la cultura e la fanno vivere

na maratona culturale con spettacoli, concerti e incontri con lautore, il cui tema conduttore il libro associato alla Biblioteca Malatestiana. Dal 30 settembre al 2 ottobre il centro storico di Cesena si anima con Fine settimana per la cultura, appuntamento promosso dal Comune che in questa edizione ha deciso non tanto di proporre eventi grandi, quanto di coinvolgere le realt del territorio che proprio ogni giorno lavorano con la cultura e la fanno vivere, come ha spiegato il sindaco Paolo Lucchi. La manifestazione ha un costo di quasi 44mila euro, quasi interamente copert0 dagli sponsor (2.400 euro limpegno economico del Comune, destinato alle 17 associazioni coinvolte). Si parte venerd alle 17 in piazza del Popolo, sotto il loggiato del Palazzo comunale, con Vito che presenta pronto in tavola. Le mie ricette e quelle di famiglia: un libro dove il comico si rivela anche appassionato gourmet. La sera alle 21,30 al chiostro di San Francesco la giornalista e scrittrice Lidia Ravera, con Marco Fusi Ensemble, presenta il

monologo Comprami! Storie di donne che non si rassegnano: Sabato alle 20 sotto il loggiato comunale Mario Perrotta presenta Emigranti Esprss, un libro dove lattore e regista racconta le storie degli emigranti pugliesi sulla tratta Lecce-Milano-Zurigo-Stoccarda. Sul fronte musicale, da segnalare lo spettacolo Francesco Baccini canta Luigi Tenco (chiostro di San Francesco alle 21) e il concerto al teatro Bonci domenica alle 21 (a pagamento) del folksinger canadese Dallas Gree con il suo progetto City and the colour. Ampio lo spazio dedicato al teatro, dautore e di ricerca. Tra le proposte, sabato alle 20 al teatro Comandini di scena Esercizi per uno studio di Macbeth in collaborazione con Socetas Raffaello Sanzio e alle 22,30 al teatro Bonci, Csar Brie racconta il suo lavoro su I fratelli Karamazov; a seguire Claudio Longhi presenta Tutto su Arturo. Nel parco della Rocca e al museo di Scienze naturali sabato e domenica in programma Ossigeno per la cultura, rassegna dedicata al contemporaneo in collaborazione con le associazioni Aidoru e Katrim: due giorni di spettacoli per grandi e piccini con letture di fiabe, laboratori per bambini, danza, proiezioni, racconti e letture, concerti e una performance del Teatro delle Albe che presenta Aria pubblica, dallomonimo volume di Patrizia Cavalli. Immancabile il riferimento ai 150 anni dellUnit dItalia. Tra le iniziative, sabato alle 11 nella sala Lignea della Biblioteca Malatestiana presentazione della ristampa del volume di Federico Comandini Una favola vera. Cera una volta un tintore, dove lautore, attraverso le vicende del suo casato, ripercorre tappe e momenti fondamentali della storia dItalia. Alle 12 inaugurazione del nuovo allestimento della storica biblioteca Comandini, che dalla fine degli anni Sessanta andata ad arricchire il patrimonio della Biblioteca Malatestiana ( situata nei locali dellex refettorio del convento di San Francesco), in virt del lascito testamentario di Federico Comandini e del fratello Giacomo. Fs

alla libreria cattolica SAN GIOVANNI


IL CRISTO E IL LAVANDINO. EDUCARE PARTIRE DALLA REALT

via Isei 15, Cesena (tel. 0547 29654)


monogamico, la famiglia, la casa intesa come focolare domestico, il pudore e la castit matrimoniale, un modo nuovo di vivere tutti i dettagli, lamore per la realt e la passione per lumano, perch, come afferma san Paolo la realt il corpo di Cristo? E la realt tutto, veramente tutto. Proprio per questo il cristianesimo la vita, al culmine dellumanit, il punto fermo e il sapore di tutto ci che si vive e si fa. Il cristiano luomo che vive in ginocchio guardando il cielo e, di conseguenza, muovendosi rapidamente nel cammino della vita. Questo il senso del lavoro e del gusto per esso, ci che si costruisce per leternit. Se noi pastori educassimo veramente a vivere il cristianesimo come lincontro con una Presenza eccezionale, perfino il manto stradale brillerebbe e non esisterebbero quella sporcizia, quel disordine e quel disinteresse che offendono la Gloria di Dio e la nostra dignit umana (p. 144).

calli sulle ginocchia (preghiera), calli nella testa (studio e osservazione della realt). (..) di Aldo Trento Allinterno di tale lavoro personale Ed. Lindau, collana I libri di Tempi, 12,50 euro nasce la catechesi che troverete in Le edizioni Lindau, dopo avere fatto uscire lo scorso anno I questo libro, il quale raccoglie dieci comandamenti dove don Aldo Trento, missionario in alcune riflessioni che ero solito Paraguay dal 1989, alle pp. 63-64 li definisce come dono che inserire nel bollettino della Dio ha dato alluomo, suggellandone la natura umana, [in parrocchia e che poi ogni domenica quanto] sono il modo con il quale Dio permette durante la Messa delle 8,30, la alluomo di godere di ci di cui gode Dio stesso nel suo Messa dei bambini, commentavo rapporto trinitario che un rapporto libero e di conseguenza usando esempi tratti dalla loro vita. amoroso. Di fatto, se noi uomini ubbidissimo a ci che Tuttavia con il tempo, mi sono accorto iscritto da Dio stesso nella nostra natura umana, la vita, che anche gli adulti desideravano che parlassi loro allo luniverso, sarebbero un paradiso, sarebbero levidenza delle stesso modo. Perch questa pedagogia, bellezza divina che si crea in ogni momento. questo modo di presentare il cristianesimo? la natura umana e divina delluomo che, La fede ha bisogno di essere verificata per manifestarsi nella sua totalit e bellezza, esige una vita nella vita, perch solo cos acquisisce consistenza conforme a ci che esprimono i Dieci Comandamenti, e crea una nuova civilt. questanno ha pubblicato dello stesso autore Cristo e il Infatti a p. 59 leggiamo: Prima di Cristo luomo si nutriva lavandino. Educare partire dalla realt. come un animale. Limportante era riempire lo stomaco. Nella nota introduttiva alle pp. 12 e 13 padre Trento scrive: La Solo con Cristo comincia a cambiare anche la valutazione regola che imposi a me stesso per educarmi a rimanere in della realt. Solo con Cristo la creatura nuova contatto con la realt e a ubbidire a essa fu molto dura e che nasce dallincontro con Lui categorica: calli sulle mani (lavoro manuale e di scrittura), mostra i segni di questa novit. Nascono il matrimonio

20

Gioved 29 settembre 2011

Cesena & Comprensorio


Cesena

Cesena

Osvaldo Piraccini
Giunto al traguardo degli 80 anni, il pittore cesenate Osvaldo Piraccini stato festeggiato alla Biblioteca Malatestiana dalle autorit comunali, da esponenti del mondo della cultura e dellarte, da colleghi e amici. Ha portato il suo saluto Marilena Pasquali che ha curato la pi recente monograa dellartista.

Politica e bene Comune


Il Forum delle persone e delle associazioni di ispirazione cattolica organizza un incontro su Buona politica e bene comune per gioved 29 settembre alle 17 nella sala Cacciaguerra della banca di Cesena, in viale Bovio. Dopo il saluto del vescovo Douglas Regattieri, interverr Carlo Battistini, presidente della cdo di Forl-Cesena. A seguire tavola rotonda con Raffaele Bonanni (foto), segretario Cisl, Franco Ragonesi, della Confartigianato regionale, Pierlorenzo Rossi di Confcooperative.

Gambettola

Corso di canto corale


Sono aperte le iscrizioni alle attivit del coro polifonico"Voci bianche di Gambettola" diretto da Mauro Rediano Cacchi. Si ricevono il mercoled dalle 20 presso il centro "Federico Fellini"in corso Mazzini. Per informazioni contattare il presidente del coro, Sanzio Zamagni allo 0547 52672.

Notizie flash Bagno


Ottobre selvapianese
A Selvapiana nelle domeniche di ottobre si svolger la 65esima edizione delle sagre dedicate ai prodotti locali e del sottobosco. Domenica 2 ottobre alle 12 si potr pranzare nella sede della Pro loco. Alle 14 la festa si sposter al campo sportivo dove ci saranno animazioni, stand gastronomici. Poi giro podistico, competitivo e non.

Sapore, a Cesena un week end gastronomico


friselle al pomodoro. La Campania e Napoli porteranno la vera pizza con fior di latte di Montella, i mangia maccheroni, gli spaghetti in tempura, il fritto di strada napoletano (mozzarella in carrozza, panzarotto-crocch di patate e palla di riso-arancino) e i bab. La Sicilia proporr: Palermo con panelle, "pani ca meusa", arancine, caponata di melanzane, cannoli; Trapani con "pani cunsatu", sfincione e caciotto; Messina ed Enna con i formaggi siciliani, i fichi dIndia, luva il melone, lacqua e zamm; Catania e Agrigento con sarde a beccafico, polpo bollito, casarecce alla Norma, involtini di melanzane; Caltanissetta "stigghiole" e salsiccia. Non sono da meno i "mangiari" dellEmilia Romagna: dalla piadina al pesce fritto al cono, dal tortello alla lastra, al castagnaccio, allo "zambudello", al "guson fret", al "bustrengo", dalla crescentina o tigella modenese al borlengo fino alla "vecchia" e alla torta fritta di Parma. Sabato si potranno apprendere i segreti delle cucine di strada regionali: quella palermitana (ore 11.30), quella pugliese (15.30) e quella napoletana (17.30), mentre domenica alle 17.30 la volta della "Evoluzione della caffettiera in Europa da fine Ottocento a oggi". Levento organizzato da Confesercenti Cesenate, Slow Food Cesena e Conservatoire des Cuisines Mditerranennes. Per info: tel. 0547.622602, ww.cibodistrada.com. Fs

Cesena
Opera lirica e film
Al Victor di San Vittore, marted 4 ottobre alle 20, sar trasmessa in diretta satellitare europea la "Turandot" di Giacomo Puccini dal festival di Torre del Lago. Ingresso 10 euro. Gioved 8 ottobre alle 21 sullo schermo il lm "Oltre il mare". Ingresso 3,50 euro.

Cesenatico
Mostra fotografica
In esposizione no a domenica 2 ottobre alla galleria comunale "Leonardo da Vinci" gli scatti di Claudio Bocchini, Ilona Pawlowska, Fabio Panzavolta e Maria Vodarich, dedicati come in 200 citt italiane al 150esimo dellUnit dItalia. Visite dalle 16 alle 19 e nei giorni festivi anche dalle 10 alle 12.

Pippofoto

Unesplosione di gusti e sapori da tutta Italia


apori, culture e atmosfere mediterranee: sono gli ingredienti di "Sapore", il festival del cibo di strada che insieme a Emilia Romagna vede protagoniste Puglia, Sicilia e Campania in un gustoso gemellaggio gastronomico e culturale. Dal 30 settembre al 2 ottobre piazza della Libert ospita le isole gastronomiche con le prelibatezze culinarie di queste terre, le regioni che pi di altre vantano una ricca tradizione

Cesena
Sagra del minatore
Si terr domenica 2 ottobre, a Borello, la sagra del minatore, animata da spettacoli, mostre fotograche e visite guidate alla miniera, mercatini e stand gastronomici, voli in elicottero sullarea degli scavi. E allo studio un progetto per recuperare le aree della miniera chiusa nel 1960 a cui sar dedicato il Parco museo di Formignano.

del cibo povero venduto per strada. La Puglia sar presente con Alberobello e la Murgia, con il tradizionale Fornello composto da bombette, salsiccia a punta di coltello, zampina e gnumarieddi; Crispiano con le Polpette pugliesi fritte e al sugo; la Valle dItria con le orecchiette con passata di Torre Guaceto e cacio ricotta della Comunit del Cibo del grano Senatore Cappelli; Manfredonia con i panzerotti pomodoro-mozzarella, pomodorini saporiti-pecorino e le

Cesena
Lezioni allUte
Sar don Dante Piraccini, venerd 30 settembre alle 15,30 nella sala Fantini in via Renato Serra, a tenere la lezione sul tema "La pittura moderna? Ve la spiega Matisse". Nella sala Vaienti, marted 4 ottobre Giampaolo Venturi parler della "Dissoluzione dellimpero Ottomano tra Otto e Novecento".

Cesena

La spada di Domokos
Promossa dalla Fondazione Cassa di Risparmio, venerd 30 settembre alle 18, alla Biblioteca Malatestiana, viene inaugurata la mostra La spada di Domokos a cura di Antonio Faeti. A seguire, la presentazione del libro "Il sillabario e la baionetta. Tre testi per lunit degli italiani".

Cesena

Corso per mediatori delle controversie


Lavvocato cesenate Andrea Sirotti Gaudenzi il coordinatore del corso di alta formazione per mediatori delle controversie che si svolge a Rimini nel mese di ottobre. Queste gure, se valorizzate, danno la possibilit di sgravare di cause i Tribunali. Il corso ha una durata totale di 54 ore. La partecipazione al corso e il superamento della verica nale consentono di acquisire lattestato di Mediatore professionista. Per info: www.infcon.it; tel. 800.864688.

Cesena

Mercatissimo dellusato
Una nuova vita a oggetti oramai non utilizzati, con spirito di solidariet e un tocco vintage. La prima edizione del Mercatissimo dellusato, promosso dalla parrocchia di SantEgidio, a Cesena, si svolge sabato 1 e domenica 2 ottobre, dalle 8,30 alle 12 e dalle 15 alle 19,30. Si pu acquistare mobilio, oggetti curiosi, libri, vestiario e tanto altro.

Forl
Larte in Romagna
Ai Musei San Domenico sar presentato, sabato 1 ottobre alle 9,45, il libro "Larte in Romagna dal Rinascimento allEccletismo. Scritti scelti (1978-2006) di Mariacristina Gori, a cinque anni dalla sua morte, gi docente darte al liceo classico Vincenzo Monti di Cesena. Il volume curato da Ulisse Tramonti.

A Cesena nasce unassociazione sullo storico lunario faentino

"Luneri di smembar", ecco gli amici


Chi non conosce lo storico Luneri di Smembar, antico calendario-lunario che si stampa a Faenza dal 1845 e diffuso in tutta la Romagna? Da poche settimane a Cesena sorta unassociazione di promozione sociale dedicata al lunario: JAmigh di smembar. Il sodalizio sar presentato ufficialmente venerd 30 settembre, al Bar Roma (piazza della Libert a Cesena ) a partire dalle 19, in concomitanza del festival del Cibo di strada. "Lidea partita - esordisce il presidente Giuseppe Mariggi - da una passione che stavo coltivando da anni, cio collezionare i lunari. In pratica sono riuscito a raccoglierli tutti e, insieme ad alcuni amici, venuta lidea di fondare lassociazione per far conoscere questo pilastro della tradizione romagnola". Prima di tutto lassociazione ha messo in piedi un sito internet, www.smembar.it, curato dal cesenate Simone Medri. Nel sito, oltre ad esserci continui aggiornamenti con opinioni e fatti legati alla Romagna, vi anche la sezione con tutti i lunari, dal 1845 al 2011. Il fotografo Mauro Domenichini si occupato della riproduzione di tutti i lunari i quali finiranno in un catalogo con tanto di zirudele sia in dialetto, sia tradotte in italiano. "Il 30 settembre e l1 ottobre - prosegue il presidente - faremo la presentazione ufficiale al Bar Roma. E non potevamo scegliere momento migliore dato che in centro citt a Cesena si svolge il Festival del cibo di strada. Di fianco al bar Roma, nella galleria di fronte a piazza della Libert, alle 19 inizieremo la presentazione con la lettura di alcune antiche zirudele tratte dai lunari con la voce recitante di Valter Salvi. Si alterner con il tenore Renato Bartolini accompagnato dal maestro Pier Giulio Comandini. Al termine degustazioni a cura della cantina Podere dal Nespoli". Dal mese di ottobre lassociazione disponibile per allestire mostre e tenere serate divulgative sullo sconfinato mondo del lunario faentino.

Bagno
Concerto in basilica
Luca Scandali allorgano e Annalisa Martella al clavicembalo, domenica 2 ottobre alle 21 nella basilica di Santa Maria Assunta, eseguiranno musiche di Zucchinetti, Soler, Mozart e Blanco. Lingresso libero.

Cesena
Porte aperte alla Crc
Anche questanno la Cassa di Risparmio di Cesena presenta lappuntamento autunnale di "Invito a Palazzo", aprendo le porte per lintera giornata di sabato 1 ottobre alla visita del suo patrimonio artistico. La "Galleria dei dipinti antichi" negli spazi museali di corso Garibaldi pu considerarsi una delle collezioni pi importanti a livello regionale e nazionale.

Sport

Gioved 29 settembre 2011

21

Contro il Milan la solita sterilit in fase dattacco

Per iniziare a vincere il Cesena parte dal Chievo


l piatto piange: 4 partite e La lotta per la salvezza lunga altrettante sconfitte devono e difficile: il Cesena ha un tasso iniziare a preoccupare. Con la casella ancora ferma a quota tecnico elevato, ma rischia di non zero, il Cesena targato Gianpaolo avere quei giocatori abituati il fanalino di coda di questo campionato. Solo soletto in fondo al a lottare per le posizioni di bassa Pippofoto gruppo, il cavalluccio marino classifica chiamato a invertire la rotta subito da questa domenica contro il gi qualche segno di insofferenza. Dietro le cose Chievo, dove la vittoria diventata pi che mai possono man mano aggiustarsi con linnesto del dobbligo. centrale uruguaiano Rodriguez, destinato a far coppia I giallobl veronesi, allenati da Domenico Di Carlo, sono reduci dalla bella vittoria casalinga in rimonta sul con Von Bergen. A San Siro sabato scorso contro il Milan, lex giocatore del Penarol ha mostrato grande Genoa, firmata da Pellissier e dallex cesenate Moscardelli. Sono gi 7 i punti in classifica per i veneti. sicurezza al suo esordio in casacca bianconera. I rossoneri di mister Allegri, in formazione largamente I numeri bianconeri invece, impietosi, non stanno rimaneggiata, sono riusciti a venire a capo delle certo infondendo fiducia al progetto a medio-lungo velleit romagnole, con un gol di Seedorf dopo appena termine della formazione del presidente Campedelli. 5 minuti di gioco. La traiettoria disegnata con un tiroCerto, il tempo per recuperare c tutto, ma qualcosa cross dallolandese ha ingannato lestremo difensore va riveduto e presto. Soprattutto dal punto di vista cesenate Ravaglia, chiamato per la quarta volta dellapproccio mentale alle gare e da quello della consecutiva a sostituire lindisponibile Antonioli. concretezza in zona gol. Un reparto, quello avanzato, che doveva essere il fiore allocchiello dei bianconeri, e Occasione persa per cominciare a far punti, perch quello era un Milan non certo trascendentale, privo tra che, invece si sta rivelando lanello mancante della gli altri di Ibrahimovic, Gattuso, Ambrosini, Nesta e catena. Solo due infatti i gol segnati e ben 7 quelli Boateng. Non resta che rimboccarsi ulteriormente le subiti nelle prime 4 partite di campionato. maniche e lavorare sodo per il raggiungimento In attacco Mutu non riesce a incidere e inizia a dare

dellobiettivo salvezza. Se poi lo si raggiunger anche attraverso il bel gioco, tanto di guadagnato, ma il Cesena deve assolutamente tornare a ragionare da provinciale, aggredendo con grinta lavversario e facendo di necessit virt. Solo attraverso queste armi si potr riprendere il cammino verso lidi pi sicuri. I tanti volti nuovi di un mercato sontuoso da parte del sodalizio di Corso Sozzi non hanno ancora trovato il giusto amalgama allinterno dei dettami tattici di mister Gianpaolo. La lotta per la salvezza si preannuncia lunga e difficile: il Cesena ha tasso tecnico elevato, ma rischia di non avere quei giocatori abituati a battagliare per le posizioni di bassa classifica. Laugurio quello che il progetto griffato Campedelli-Gianpaolo decolli quanto prima, altrimenti potrebbe essere gi troppo tardi. Eric Malatesta

Premiato Cipollini
A seguito di una carriera da professionista lunga 19 anni e 189 vittorie stato riconosciuto il premio alla carriera "Citt di Longiano" a Mario Cipollini. Nato a Lucca nel 1967 il Re leone e in seguito Supermario, cos soprannominato dai tifosi, nel 2002 si aggiudicato una splendida vittoria in volata nel campionato del mondo di ciclismo su strada in Belgio. La cerimonia si svolta nelle scorse settimane al Petrella di Longiano alla presenza, fra gli altri, del sindaco Sandro Pascucci, del presidente del Panathlon di Cesena Dionigio Dionigi, degli ex ciclisti Gianni Motta, Edi Mazzoleni, Andrea No, Roberto Conti, i fratelli Savini e dellex direttore sportivo Alfredo Martini. Durante la cerimonia, presentata dal giornalista Giorgio Martino, stato trasmesso un video con le 40 volate pi belle della carriera di Cipollini. Giusy Riciputi

Domenica parte il campionato Romagna Rugby Rfc Debutto contro lAmatori Catania
Tutto pronto per il debutto in serie A del Romagna Rugby Rfc. I galletti esordiranno domenica 2 ottobre alle 15.30, presso lo stadio del rugby di Cesena, contro lAmatori Catania. Ai ranghi di partenza il Romagna Rfc si presenta con una squadra parzialmente rinnovata. La societ ha optato per una riconferma sostanziale del gruppo che ha conquistato la serie A nellultimo campionato, cercando di inserire alcuni innesti di qualit anche a fronte di alcune defezioni in rosa. Sono da segnalare le partenze di Maccieri, Martinelli, Pirona e Qeli, oltre al ritiro dal rugby giocato di Scozzatti. A rinfoltire il reparto dei tre quarti si segnalano gli arrivi di quattro giocatori, fra cui spicca il nome del veneto Gregnanin Alessandro, proveniente dal Modena Rugby Club. Innesto dalla grande esperienza nel campionato di serie A che dar sicuramente maggiori sicurezze alla linea arretrata romagnola. Per quello che concerne gli avanti e i reparti delle prime e seconde linee, importante il ritorno a casa di Gabriele Turroni che dopo due stagioni passate al Colorno ed al Gran Ducato, ha scelto di ritornare alle origini e di vestire nuovamente la maglia del Romagna Rfc. A conclusione della preparazione estiva, i galletti sono usciti sconfitti dal doppio test amichevole che li ha visti impegnati, domenica 18 settembre, nel triangolare contro Modena e Rovigo. Gli incontri non hanno dato ai ragazzi di coach Urbani la soddisfazione di una vittoria, ma hanno mostrato una squadra grintosa e sicuramente in unottima forma fisica in vista allesordio in campionato del 2 ottobre. Mg

Memorial Pantani
Il memorial Marco Pantani giunto alla ottava edizione. La corsa dedicata al Pirata verr disputata il primo ottobre con partenza da Cesena e arrivo a Cesenatico con 150 corridori partecipanti fra i quali Ivan Basso e Alessandro Petacchi. Nella cerimonia di presentazione della scorsa settimana a Ponte Giorgi, nello stesso locale dove nel 1998 Pantani annunci la partecipazione al Tour de France, hanno presenziato fra gli altri il presidente del Panathlon club di Cesena Dionigio Dionigi, il sindaco di Cesenatico Roberto Buda e lassessore allo sport Vittorio Savini, lorganizzatore Adriano Amici del gruppo GS e il patron della Sidermec Pino Buda. Gr

Calcio a 5, continua il cammino della compagine cesenate nel campionato di serie C

Unaltra vittoria: la Futsal seconda in classifica


econda vittoria consecutiva per la Futsal Cesena. Nella terza giornata di campionato, nel palazzetto amico di via Fausto Coppi, i ragazzi di mister Castellani (nella foto) hanno dominato e battuto con un perentorio 7-1 la Montanari Modena. Dopo la bella vittoria per 5-1 di settimana scorsa sul campo del Bagnolo, i cesenati bissano il successo ripresentando un calcio brillante e grintoso. Un risultato che non lascia dubbi sulla netta superiorit dimostrata dai ragazzi di coach Castellani, apparsi determinati in ogni zona del campo grazie anche a unottima condizione fisica. Match winner di giornata lindomito capitan Ionetti, trascinatore dei suoi grazie ad una tripletta. Reti cercate con grinta e in due occasioni con un pizzico di fortuna. Una gara dominata sin dalle prime battute di gioco e virtualmente chiuso dopo il primo tempo grazie ad un netto 3-0. Prima frazione di gioco perfetta da parte dei cesenati, con il solito Buda e Ionetti sugli scudi. Nella ripresa il

copione non cambiato. Si vista una Futsal sempre aggressiva su ogni pallone, mentre la squadra ospite apparsa distratta e soprattutto fuori condizione. Nel finale gli uomini di coach Castellani hanno aumentato il ritmo e allungato sugli avversari, andando a bersaglio due volte negli ultimi minuti grazie ad una doppietta del neo acquisto Forlesi. Lunica nota negativa della giornata riguarda lespulsione di Deluigi nella ripresa, reo di aver protestato in maniera vivace contro gli arbitri per un fallo subito. Seconda espulsione della partita, perch nelle battute finali del primo tempo anche il modenese Diagne aveva dovuto lasciare anzitempo il match per una doppia infrazione di gioco. Con

questa meritata vittoria i cesenati si portano a quota sette in classifica. Seconda piazza dietro la capolista San Pietro, in testa a punteggio pieno dopo tre turni. Nella quarta giornata di campionato la Futsal sar di scena a Imola, contro la neopromossa Young Line. Le due squadre si sono gi affrontate questanno nel primo turno di coppa. In quelloccasione, complice il robusto turnover applicato da mister Castellani, gli imolesi avevano espugnato il campo cesenate con il risultato di 7-5. La vittoria comunque alla portata della Futsal, che dovr fare tesoro degli errori passati e ripetere le belle e convincenti prestazioni delle ultime giornate. Mirko Giordani

22

Gioved 29 settembre 2011

Sport Csi

Pagina a cura del Centro Sportivo Italiano Comitato di Cesena

Insieme per unattivit a favore dei carcerati


Il Comitato cesenate del Centro Sportivo collabora con la San Vincenzo de Paoli allinterno del carcere di Forl
A colloquio con Luigi DallAra (Societ San Vincenzo) e Giuseppe Degli Angeli (Centro Sportivo)
bbiamo avuto loccasione di intervistare Luigi DallAra, attuale coordinatore regionale dellassociazione San Vincenzo de Paoli e membro dellUfficio di presidenza cesenate della stessa associazione e Giuseppe Degli Angeli, responsabile di varie attivit sportive del Csi Cesena, in merito alla bellissima esperienza che hanno vissuto nellambito di una proposta sportiva realizzata allinterno del carcere di Forl. Abbiamo avuto un interessante colloquio con Luigi DallAra e Giuseppe Degli Angeli. Quali iniziative mette in campo la San Vincenzo cesenate nei confronti dei carcerati di Forl? La San Vincenzo della nostra diocesi collabora da anni con la direzione dellistituto penitenziario forlivese e ha instaurato un buon rapporto sia con la direttrice che con le guardie carcerarie. In particolare, settimanalmente i nostri volontari consegnano indumenti e prodotti per ligiene, incontrano gli assistenti sociali, organizzano cineforum, allo scopo di evitare che la permanenza in carcere sia un parcheggio e di cercare di reinserirli, a partire dalla situazione di non libert, gradualmente nella societ. Prossimamente il nostro vescovo svolger allinterno del carcere tre incontri di catechesi. In che cosa consistita lattivit sportiva proposta in collaborazione con il comitato cesenate del Csi? Sono stati realizzati questanno due tornei di tennis tavolo con la partecipazione complessiva di sessanta detenuti, mentre negli ultimi due anni si sono svolti un altro torneo di tennis tavolo e un torneo di biliardino. La valenza di queste attivit per loro estremamente significativa, in quanto escono da una situazione di chiusura, respirano un clima diverso, familiare e nella relazione con gli operatori nostri e del Csi iniziano ad aprirsi, parlando della loro condizione e chiedendo aiuto per le loro situazioni familiari. Nel prossimo mese di novembre vi sar a Cesena unimportante iniziativa pubblica. Di che cosa si tratta? Domenica 6 novembre presso lAbbazia del Monte della nostra citt si terr per tutta la giornata un convegno diocesano, cui parteciper anche il nostro vescovo, sul tema Consolazione e speranza-Cristo oggi viene accanto alle ferite delluomo versandovi olio di consolazione e vino di speranza. Liniziativa trae lo spunto dal famoso passo del Vangelo di Matteo, in cui il Signore nel giorno del giudizio ci chieder conto delle nostre azioni, ponendo il problema in modo interrogativo: Ero carcerato, mi siete venuti a trovare?. Come si sono svolti i due tornei di tennis tavolo? Abbiamo cercato sin dal primo anno di non calare liniziativa dallalto, ma di coinvolgere attivamente i partecipanti, facendo assieme a loro il calendario delle partite, stilando con loro le classifiche finali e consentendo loro di fungere anche da arbitri. Laspetto educativo fondamentale consiste nellaccettazione piena delle norme regolamentari e nellimparare a saper perdere, anche se molti di essi hanno sfoderato una grinta e una voglia di vincere insospettabili. Quali ricadute positive avete registrato nellorganizzazione di questa attivit? Innanzitutto linstaurazione di un clima sereno che favorisce le relazioni e il dialogo prima di tutto fra loro stessi e poi con i nostri operatori, le guardie e la direzione. Due fatti ci sembrano al riguardo rilevanti e degni di nota: durante il torneo, nel momento in cui vi erano alcuni tavoli liberi, guardie e detenuti giocavano assieme e, alla fine della premiazione, i carcerati si sono fermati a parlare con la direzione dei loro problemi e a sollecitare soluzioni agli stessi, portando in modo sereno le loro ragioni. In secondo luogo i carcerati durante lo svolgimento di queste attivit si scoprono diversi e migliori rispetto alla vita quotidiana che trascorrono in prigionia e si chiedono stupiti del perch questi volontari, che sono per loro perfetti sconosciuti, entrano nellistituto di detenzione, si mettono a loro disposizione e si interessano dei loro problemi. Marco Fiumana

Csi Cesena | Un po di storia

Pattinaggio artistico
anno agonistico 2011-2012 Luned 19 settembre sono iniziate le attivit
Sedi: palestra Oltresavio e palestra della parrocchia di Case Finali. Per prenotazioni pattini e informazioni: Giuseppe Degli Angeli, 339 6258311

Corsi di autodifesa
La foto degli anni Settanta, quando il neonato gruppo arbitri del Csi Cesena si cimentato in un triangolare di calcio a 9 contro i colleghi del Csi di Imola e Ravenna. Da sx, in piedi: Paolo Giovannini, Aride Brighi, Spadoni, Giorgio Ridolfi (ancora in attivit), Giuseppe Degli Angeli. Accosciati: Antonio Battistini, Cecchetti, Franco Onofri, Maurizio Montalti.

Krav Maga, da dieci anni a Cesena, propone corsi di autodifesa per bambini, ragazzi e adulti. Asd Difesa Italia, affiliata Csi Cesena, iscritta registro Coni via c. Menozzi, 49 (vicino al Ponte Nuovo), Cesena tel. 339 2509161

ROMAGNA INIZIATIVE
per lo sport e il sociale

Pagina Aperta

Gioved 29 settembre 2011

23

Il direttore risponde

LOcchio indiscreto

Tre coppie di fidanzati ricevuti dal Papa ad Ancona: Unesperienza che ha toccato i nostri cuori

aro direttore, siamo reduci dallincontro con fatte sino a quel momento e sulle tappe del loro papa Benedetto, al termine del Congresso cammino di fidanzamento. Guidati da un eucaristico svoltosi ad Ancona, avvenuto sacerdote della diocesi di Ancona-Osimo, le domenica 11 settembre. Grazie al Corriere Cesenate coppie di fidanzati hanno ricevuto stimoli e vorremmo condividere la nostra intensa esperienza. motivi per riflettere e rinnovare il loro Sono lieto di concludere questa intensa giornata, sentimento, per essere testimoni alla societ e ai culmine del Congresso Eucaristico Nazionale, loro coetanei del dono di amore reciproco che il incontrando voi, quasi a voler affidare leredit di Signore ha fatto loro. questo evento di grazia alle vostre giovani vite. Due coppie di fidanzati della nostra diocesi, Con queste parole di saluto il Santo Padre Benedetto accompagnati da una coppia di animatori, XVI ha accolto le coppie di fidanzati intervenute in hanno partecipato a questincontro voluto dal piazza del Plebiscito per un incontro che ha voluto Pontefice: unesperienza di gioia e forte dedicare totalmente a loro e nel quale ha speso testimonianza per questi ragazzi che hanno parole di consiglio e rassicurazione per le giovani trovato nelle parole di Benedetto XVI la forza e il coppie che si apprestano a compiere scelte sul loro sostegno per realizzare questo disegno damore, futuro. nella certezza di non essere soli nel difficile Gi allinizio della sua catechesi, il Santo Padre ha compito che il cammino pone loro davanti. voluto esprimere in modo chiaro la necessit da Grazie per lospitalit. parte delle giovani coppie di affrontare le sfide che il Anna e Damiano mondo pone loro davanti, in particolare in questo periodo storico-economico molto controverso, Carissimi Anna e Damiano, sono io che vi rimanendo saldi nella fede e nella certezza che ringrazio per la vostra testimonianza a cui lAmore di Dio non li abbandona mai. Il Pontefice ha diamo molto volentieri lo spazio che merita. continuato rassicurando le giovani coppie riguardo Ora tocca a voi prendere il largo, consapevoli al cammino che dovranno percorrere, indicando la che la risposta alla chiamata di Dio sar il fedelt, lindissolubilit e la trasmissione della vita meglio che vi potr accadere. Fidatevi e vedrete quali pilastri su cui formare le nuove famiglie, che anche le difficolt, inevitabili, risulteranno quando il Signore li chiamer a questa meravigliosa pi abbordabili. Non ci sono pesi che non si vocazione, ed esortando a non bruciare le tappe, possono portare. In bocca al lupo. come vuole la mentalit diffusa nella societ, Francesco Zanotti toccando cos anche il delicato argomento delle zanotti@corrierecesenate.it convivenze pre-matrimoniali. Infine il Santo Padre ha colto una metafora sublime affidando ai giovani fidanzati le parole di Maria alle nozze di Cana: Qualsiasi cosa vi dica, fatela (Gv 2,5), con linvito ad essere vino della festa nellaffidarsi a Lui ed essere vino nuovo testimone di un amore immenso, nella consapevolezza che il Santo Padre e la Chiesa li sostengono e guidano in questo cammino di gioia e di nuova scoperta dellamore sponsale. Prima dellarrivo del Papa stato proposto ai fidanzati, in preparazione allincontro, uno spettacolo composto da canti, musiche, letture e danze LE DUE COPPIE DI FIDANZATI (E LA COPPIA GUIDA) attraverso il quale hanno CHE HANNO PARTECIPATO AL CONGRESSO EUCARISTICO DI ANCONA, A INIZIO SETTEMBRE potuto riflettere sulle scelte

Una rigogliosissima vegetazione... fluviale. Eh s, sotto a questo bel canneto passa il Rio Donegallia. Siamo in zona Case Castagnoli di Cesena, e come ci ha segnalato un affezionato lettore, cos si presenta il letto del rio. Si spera in una imminente ripulitura, in attesa delle forti piogge che, prima o poi, arriveranno... (foto A. Giangrasso)

non vanno meglio: non hanno un'aula insegnanti (spesso si radunano nei corridoi), non hanno un proprio armadietto e sono quindi costretti a portarsi registri e libri sempre dietro, come del resto anche noi.. e i nostri zaini pesano. Il caos e il disagio sono aumentati quando abbiamo scoperto che le nostre ex aule pare siano in realt vuote, chiuse a chiave. Domanda: un'impressione, oppure la Provincia usa due pesi e due misure? Ci avevano assicurato che avrebbero sistemato ogni cosa entro una settimana, ma gi passata. Lultima proposta stata quella di dividere la classe e fare lezione per met la mattina e per met il pomeriggio. Non una soluzione al momento praticabile. () Dopo questi esempi, chiedo il suo aiuto per richiamare l'attenzione dei responsabili. Cordiali saluti. Una studentessa dellIris Versari Carissima, la carenza di aule un problema che ogni anno si ripresenta puntuale, con lavvio delle lezioni. Passiamo a chi di dovere la questione che tu poni, sperando che si possa trovare una soluzione nel pi breve tempo possibile. Se posso aggiungere qualcosa, direi di non alimentare una guerra tra poveri, cio tra le diverse scuole superiori. Ogni istituto ha problemi: chi non ha le aule, chi non ha i laboratori, chi non sa cosa sia la sala insegnanti o la palestra. In questa situazione di carenze generalizzate, chi pu cerca di ottenere qualcosa in pi, ma non certo con lintento di scontentare i vicini, chiunque essi siano. Ai miei tempi si facevano i doppi turni, le aule erano strapiene e le succursali erano allordine del giorno. Sono passati tre decenni da allora, ma noto che i problemi restano. Mi piace la tua passione per la tua scuola: questo ti fa molto onore e ti assicura una esistenza piena, densa di significato. Speriamo che questa tua lettera serva a smuovere le acque. Magari quando la leggerai sar gi tutto sistemato. Sempre in gamba. Fz

Anno scolastico al via Solita carenza di aule


Carissimo direttore Zanotti, vorrei parlarle di un grosso problema che quest'anno ho trovato nella mia scuola. Frequento l'Iris Versari di Cesena e questa scuola (professionale) ha una piccola sede, per cui alcune classi si trovano all'interno del Liceo scientifico Righi. Venerd 16 settembre alle 13 la Provincia ha comunicato che la succursale dell'Iris Versari sarebbe stata chiusa e i locali riservati solo ed esclusivamente agli alunni del liceo.

Il sabato e la domenica la Provincia rimasta chiusa. Luned 19, una parte delle classi professionali si sono ritrovate nel caos: aule minuscole, per pi di venti alunni che non hanno nemmeno lo spazio fisico per muoversi. Nella mia classe, ad esempio, mancano addirittura due banchi e due sedie che non ci hanno ancora fornito. E anche se arrivassero, non abbiamo lo spazio necessario per aggiungerli. Muri di cartongesso, finestre bloccate, nessun bagno, nessuna campanella (tranne quella del liceo che suona in continuazione..). Anche per gli insegnanti di queste classi le cose