Sei sulla pagina 1di 15

Che cosa la Biomimesi?

La biomimesi o biomimetica (da greco bio e mimesis) la disciplina che indaga la fenomenologia biologica per trarre intuizioni, ispirazioni, soluzioni tecnologiche e progettuali per luomo. La biomimetica, termine coniato nel 1968 dal sico multidisciplinare Otto Schmitt, nasce come evoluzione della bionica, ed una disciplina che simula le strutture biologiche per realizzare prodotti pi efcienti. Rispetto alla bionica la biomimetica non si limita ad imitare le forme e le strutture degli organismi, ma trae spunto dalle strategie e dalle logiche che sono alla base del successo evolutivo dei sistemi biologici.

La Natura, in 3,8 miliardi di anni, ha avuto la possibilit di migliorare le proprie capacit, attraverso un percorso di trial and error, che si offrono alla cultura del progetto come un enorme bagaglio di soluzioni progettuali a cui ispirarsi. Uno degli aspetti principali che caratterizza le creature viventi il principio del minimo investimento per il massimo rendimento, lo dimostra il fatto che gli organismi utilizzano la quantit minima di energia possibile per le loro attivit al ne di garantire la perpetuazione della specie, e il contesto contemporaneo mostra come con ogni probabilit il risparmio energetico dovr essere considerato tra le principali fonti di preoccupazione del progettista dei prossimi anni.

I principi della natura

La natura
Utilizza i rifiuti come una risorsa Diversifica e coopera per utilizzare
pienamente l'habitat

Raccoglie

e utilizza l'energia in

modo efficiente

Ottimizza piuttosto che massimizza Utilizza materiali con parsimonia Non spreca le risorse Limita gli eccessi dallinterno Rimane in equilibrio con la biosfera Utilizza il potere dei limiti Esegue su informazioni Utilizza le risorse a livello locale Adatta la forma alla funzione
Janine Benyus, biologa e fondatrice del The Biomimicry Institute (TBI)

de Mo
Mi su ra Me nt e or

ali, on nzi ca e i, fu mi la ral chi per ttu la tru to, ioni li, s get raz ma pro spi for il ne i r li ( no ura rda tra nat rigua e di n elli od che al i m ici) mi, tti. lati teg ste mu stra osi roge ico etto o e i e li ec i e p log og s co il pr gon ativ deg ces e. d e er Ven anizz e ar i p tar egi pro ie org strat e di nd tativ por ter on sta uali rap le ma he uzi no e q ve le ole c te, sol a u ivi i de re g rar re cien ent itat a s est cipi e ef res ant ttist ui app qu ge a c rin ione . a r nti il pro o e d ti, p luz tur ime ale ent en so luom Na fer l org nam la La e ri al qu e s nseg per ali de com etto com e, i ida ettu risp olo ide e gu prog n s le no e del com tiche ta t a ula en ero em em sorg ovv robl p e to a tur a com oget delle r Na e La me, m il p iginal pri irano e or isp ativa cre

llo

come Natura La

La natura come mentore di sostenibilit


Leonardo da Vinci nel Codice Altantico Tutto proviene da tutto; tutto fatto di tutto; tutto si trasforma in tutto; poich tutto ci che esiste negli elementi fatto di tali elementi .

Come sostiene Victor Papanek:

La progettazione se vuole essere ecologicamente responsabile e socialmente rispondente, deve essere rivoluzionaria e radicale nel senso pi vero dei termini. Deve votarsi al principio del minimo sforzo adottato dalla natura, in altre parole al massimo della variet con il minimo delle invenzioni, ovvero ad ottenere il massimo con il minimo. Ci signica consumare meno, usare di pi, riciclare i materiali.

Come sostiene Janine Benyus, biologa e fondatrice del The Biomimicry Institute (TBI)

laspetto principale che caratterizza tutte le creature viventi senzaltro il principio del minimo investimento per il massimo rendimento [ovvero] consumare la quantit minima di energia possibile per le proprie attivit, al ne di garantire maggiori prestazioni per la perpetuazione della specie

Forma
Ecosistema
Processo
LIVELLI OMOLOGICI

Principi applicativi della Natura

_livelli di astrazione

I principi applicativi della Biomimesi/Bionica, il cui contesto dazione sperimentale, sono estrapolati dalle leggi che governano il mondo naturale nella sua globalit. Philip Steadman sosteneva che per poter applicare la metodologia del mondo biologico per la progettazione di oggetti e componenti necessario che il designer adotti un livello di astrazione.
(Steadman P., Levoluzione del design. Lanalisi biologica in architettura e nelle arti applicate, Liguori Editore, 1988.)

Livello architettonico: lanalogia si riferisce a esempi di strutture costruite dagli organismi viventi come gli alveari, le tane degli animali, la rete del ragno;

Livello morfologico-strutturale, nel quale viene imitata la morfologia delle biostrutture (cellule, ossa, tessuti biologici, gusci dei mitili) per ottenere strutture e materiali con speciche prestazioni;

Livello biochimico, nel quale vengono trasferiti i meccanismi biochimici osservati nei sistemi biologici come i meccanismi di mimetizzazione, leffetto di luminescenza delle lucciole, la fotosintesi clorolliana;

Principi applicativi della Natura

_livelli di astrazione

Livello funzionale, rispetto al quale vengono imitate le logiche poste alla base dei sistemi biologici come le funzioni anti-attrito della pelle degli squali, i meccanismi di termoregolazione degli animali (pinguino e orso) in condizioni ambientali estreme e i processi di crescita come i denti, le ossa e le corna;

Livello comportamentale, che si riferisce al trasferimento di modalit comportamentali, come quella reattiva o protettiva di membrane cellulari, impiegato nella realizzazione di nuovi materiali e strutture per la realizzazione di ltri e dispositivi di separazione

Livello dellorganizzazione, che costituisce lo stadio pi elevato di astrazione e consiste nel trasferire strategie organizzative proprie dei sistemi biologici come ridondanza, auto-adattamento, autonomia, autoorganizzazione.

Espediente Naturale | la pelle dello squalo

Sphyrna
La pelle riduce lattrito: lo squalo
Mentre la forma grossolana di uno squalo notoriamente idrodinamico, la pelle di squalo tutt'altro che liscio. La pelle dello squalo coperta da squame simili a denti chiamate denticles a forma di V. Mentre lo squalo nuota i denticles riducono l'attrito, o resistenza dell'acqua, consentendo un pi rapido fluire dell'acqua sulla pelle dello squalo. All'interno delle scanalature l'acqua si incanala seguendo un percorso a spirale che crea dei microvortici che riducono la resistenza dell'acqua producendo un vantaggio idrodinamico e facilitando lo scorrimento del corpo

Dal nano al macro


Vernice nanotecnologica
Azienda: Istituto Fraunhofer per l'ingegneria di produzione e la ricerca sui materiali IFAM

Automobile
Azienda:Fast Skinz

na
micro
Costume
Azienda:Speedo Fastskin

no
m ac ro

Pesce scatola

Farfalla Morpho

Mercedes bionic car

Tejin Morphotex Fiber

Scale di intervento_ dal nano al macro

Scale di intervento_ dal nano al macro

Janine Benyus
Biomimetica in azione
July2009 | OXFORDENGLAND

TED
Ideas worth spreading http://www.ted.com/talks/janine_benyus_biomimicry_in_action.html