Sei sulla pagina 1di 5

-Raggi x: I raggi X sono radiazione elettromagnetica ,analoga alla luce o alle radioonde, con una lunghezza donda compresa

tra 10^-12 e 10^-8 metri. Furono scoperti casualmente da Rontgen nel 1895 e sono dovuti a transizioni di elettroni atomici interni da livelli energetici superiori a livelli energetici inferiori oppure da elettroni frenati dalla materia. Raggi X con una lunghezza d'onda superiore a 0,1 nm sono chiamati raggi X molli. A lunghezze minori, sono chiamati raggi X duri. In genere questa radiazione non presente in natura , ma pu essere facilmente prodotta grazie al tubo radiogeno ideato da Coolidge (1912).

-Tubo radiogeno: Questo tubo consta di una coppia di elettrodi (catodo e anodo ) , contenuta in un involucro di vetro al fine di evitare le interazioni con le molecole d'aria .Il catodo un filamento metallico (perlopi tungsteno), lungo 2-3 cm avvolto a spirale, che, riscaldato elettricamente a temperature di qualche migliaio di gradi (2200-2500 C), emette elettroni per effetto termoionico. Maggiore la temperatura a cui il catodo riscaldato maggiore sar la quantit di elettroni emessi per unit di tempo (corrente di elettroni) che pu quindi essere regolata agendo sullintensit della corrente circolante nel filamento. L'anodo (polo positivo) invece, situato al polo opposto dell'ampolla, costituito da un disco obliquo di metallo pesante (tungsteno per i tubi diagnostici tradizionali, molibdeno o rodio per i tubi usati in diagnostica senologica ) ed anche detto nel linguaggio dei raggi X anticatodo. Il tubo alimentato da una tensione alternata rettificata (in modo da non far variare la polarit degli elettrodi) che permette di accelerare gli elettroni che vanno cos a colpire l'anticatodo-bersaglio emettendo radiazioni.

I raggi X come gi detto possono formarsi in 2 modi:

1) -Bremsstrahlung o radiazione di frenamento : Questa la radiazione emessa quando una particella carica soggetta ad una accelerazione, ovvero ad una variazione di velocit, in modulo o in direzione. Ci avviene principalmente quando gli elettroni vengono scagliati contro un bersaglio metallico. Secondo le equazioni di Maxwell le cariche accelerate produrranno una radiazione elettromagnetica : particolarmente, quando un elettrone incide su un materiale subisce uno scattering (variazione della traiettoria ) ad opera del campo coulumbiano di un nucleo atomico e quindi si pu pensare che questo venga frenato. Se lenergia degli elettroni sufficientemente elevata la radiazione pu appartenere allo spettro dei raggi X . La perdita di energia media per unit di percorso si pu calcolare approssimativamente, e risulta:

dove Na il numero di atomi per unit di volume, Z il numero atomico del materiale, la costante di struttura fine e me la massa dell'elettrone. Si vede quindi che per particelle con massa pi grande la perdita di energia minore. Il termine logaritmico dovuto alla parziale schermatura della carica nucleare da parte degli elettroni atomici. La radiazione di bremsstrahlung caratterizzata da una distribuzione continua di radiazione che diviene pi intensa e si sposta verso le frequenze maggiori con l'aumentare dell'energia degli elettroni bombardanti.

2)-Effetto Auger: Quando un atomo viene colpito da un elettrone di energia sufficientemente elevata pu avvenire che un elettrone degli strati pi interni (elettrone di core) venga espulso originando una vacanza elettronica (effetto fotoelettrico). La configurazione che si viene a creare corrisponde a un sistema atomico di tipo metastabile . Successivamente un elettrone appartenente a un livello energetico superiore va ad occupare la vacanza creatasi con conseguente emissione dell energia in surplus rispetto a quella dellelettrone emesso. Questa energia pu essere emessa in forma radiativa sotto forma di raggi X, in quanto il fotone prodotto appartiene a tale parte dello spettro. Non sempre per l'energia rilasciata viene convertita nella produzione di un fotone in quanto pu anche accadere che questa energia venga ceduta ad un terzo elettrone, del guscio pi esterno, che riesce cos a raggiungere il livello di vuoto e a fuoriuscire dalla materia.

La frequenza massima della radiazione legata all'energia cinetica degli elettroni da : hmax = E. Tutte le radiazioni emesse dallanticatodo possiedono una lunghezza donda maggiore o uguale a un valore minimo definito come : (m)=(h c )/Emax Con linvenzione della macchina a raggi x si sviluppata una nuova branca della medicina :la radiologia ,la quale si occupa di fornire immagini (vere, ricostruite o virtuali) dell'interno del corpo umano, allo scopo di fornire informazioni utili alla diagnosi. Per citare alcune tecniche : Radiografia ossea , Mielografia, Mammografia ,stratigrafia o tomografia.

-Creazione immagine: Pellicola radiologica: i componenti principali delle pellicole sono: Emulsione: sensibile a raggi x e alla luce visibile che registra limmagine radiologica. Composta da cristalli dalogenato dargento e da una matrice di gelatina nella quale sono sospesi i cristalli (bromuro, ioduro, argento). Lo ioduro dAg aumenta la sensibilit dellemulsione. La matrice durante lo sviluppo assorbe le soluzioni e permette ai chimici di reagire con i cristalli. Materiale adesivo aggiunto alla base per assicurare ladesione con lemulsione. Base: la sua funzione di supporto dellemulsione, deve essere perci flessibile (spessore 0.18 mm), trasparente, resistente allo sviluppo .

realizzata in poliestere polietilene tereftalato. Si pensa che una base nelle tonalit del blu migliori la visione dei dettagli diagnostici Qualit: caratteristica soggettiva secondo il clinico dellaspetto di una radiografia. Rivelazione dellimmagine: Limmagine si forma perch i cristalli fotosensibili contenenti bromuro dargento intrappolano gli elettroni generati quando lemulsione irradiata. Quando i cristalli alogeni vengono irradiati, i fotoni interagiscono primariamente con gli ioni bromuro attraverso l effetto compton e leffetto fotoelettrico rimuovendo un elettrone . Lo ione bromuro cos convertito in atomo di bromo neutro. Gli elettroni liberi si muovono fino a quando non incontrano un sito in grado di accettarli e l sono intrappolati impartendo una carica negativa. Il sito di sensibilit caricato cos negativamente attrae gli ioni argento (positivi) liberi negli interstizi. I siti contenenti gli atomi di Ag neutri sono chiamati siti di immagine latente. Pi sono grandi gli aggregati di Ag neutro, pi sensibili sono i cristalli alleffetto dello sviluppo. Lo sviluppo converte i cristalli di bromo con depositi di atomi neutri dAg nei siti di immagine latente in granuli di Ag solido scuri, che bloccano la luce. Il fissaggio rimuove i cristalli di bromo non esposti o non sviluppati (senza siti di immagine latente), lasciando la pellicola chiara nelle aree non esposte. Perci limmagine radiologica composta da aree radiopache (chiare), dove pochi elettroni hanno raggiunto la pellicola, e da zone scure (radiotrasparenti) dove la pellicola stata colpita da vari elettroni.

-Danni biologici: Nonostante lutilit dei raggi x per scopi diagnostici necessario limitarne l assorbimento. Essi infatti in base alla quantit assorbita possono provocare diversi disturbi. Sono per malattie stocastiche. Cancerogenicit: Gli organi pi frequentemente interessati da tumori radioindotti sono il seno in et giovanile, la tiroide, i polmoni, il midollo osseo, lo stomaco, il cervello. Ci sono due teorie che spiegano lazione dei rx nella cancerogenesi: quella virale (attivazione virus preesistenti nelle cellule) e quella mutagena. Danni al cavo orale: Mucosite , ulcere , produzione di saliva pi acida con conseguente decalcificazione dello smalto dei denti , infiammazione ghiandolare ecc Possono sopraggiungere danni genetici : Rottura filamento DNA, cross-linking di basi, cambio o perdita di una base, rottura di legami idrogeno fra due filamenti. La rottura dei filamenti non in s grave, ma se la riparazione errata produce una mutazione. Sindrome acuta da radiazioni : Inizia con 1-2 Gy (misura raggi x assorbiti) che producono diarrea ,nausea ,anoressia e astenia. Con 2-4 Gy compaiono sintomi ematopoietici granulocitopenia trombocitopenia ed anemia . Da 7 a 15 sintomi gastrointestinali come : diarrea e disidratazione per perdita di villi della mucosa intestinale, setticemia per proliferazione flora intestinale . Infine a 50Gy compaiono manifestazioni cardiovascolari e del SNC come collasso cardiocircolatorio per necrosi miocardio