Sei sulla pagina 1di 1

Corriere del Mezzogiorno Luned 7 Aprile 2008

11
NA

ABITARE CON LARTE

ECLETTISMO & FANTASIA


Mescolare pezzi antichi e contemporanei per una casa che sembra un teatro

a casa come scenografia della propria vita. Per abitare uno spazio ricco di sorprese, che esalta pezzi darte sapientemente distribuiti. Il tutto vissuto con ironia e leggerezza. questo il segreto di Sergio Cappelli, collezionista napoletano ricco di intuizioni e dotato di un occhio felice negli abbinamenti tra stili diversi. Ha fatto quasi tutto da solo, nel suo grande appartamento a Chiaia, e si divertito un mondo. Soprattutto a collocare nelle varie stanze i pezzi della sua collezione di arte contemporanea, che si armonizzano alla perfezione con arredi antichi e mobili di modernariato, in particolare degli anni Settanta. Non manca, per, qualche tocco Ikea, a dimostrazione che non sempre la spesa elevata a dare il massimo risultato. Casa Cappelli si apre al visitatore proprio come una quinta teatrale: lampio salone di rappresentanza, con vista mozzafiato sul mare, svela a poco a poco i suoi segreti al visitatore, che qui il benvenuto. Mi piace ricevere, conferma il padrone di casa, cos ho lasciato molti spazi adatti allo scopo, mentre la zona notte pi riservata e nascosta, sul soppalco. Ma anche da l occhieggiano opere darte contemporanea e installazioni luminose, visibili da chi sta di sotto. Appena si entra, gi dalla prima sala, riconoscibile con forza la cifra stilistica della casa, ovvero leclettismo, senza preoccupazione di eccessivi rigori filologici. Sulla parete dipinta di un bel nero opaco c un quadro astratto di Mimmo Paladino preso alla galleria Scognamiglio; davanti al divano fa bella mostra di s una scagliola marchigiana di fine Settecento acquistata dallantiquario Maurizio Brandi. Ma, soprattutto, nel luminosissimo ambiente giganteggia una impo-

A fianco, il salone con il Batman sulla parete in fondo; sotto, da sinistra, la cucina con la statua di Gormley e la biblioteca con linstallazione di Raffaela Mariniello (foto Rispoli)

nente copia ottocentesca della testa del David di Michelangelo posta su di un tavolo in plexiglas e circondata da vasi liberty provenienti dalle isole borromee. Se per lantiquariato Cappelli va a caccia in tutta Italia e molti pezzi provengono dal Nord, per larte contemporanea i fornitori sono quasi tutti napoletani. Mi fido delle nostre gallerie, ho un bel rapporto con i galleristi partenopei e compro quasi sempre da loro, rivela il collezionista. Tra lui e lope-

Galleristi napoletani Il collezionista Cappelli: Compro quasi esclusivamente a Napoli, ci sono ottimi professionisti di cui mi fido

ra di solito amore a prima vista, come nel caso del Batman di Ivan Tranquillo che letteralmente sbuca fuori da una parete. Per installare questo lavoro, che nero, ho dipinto di nero il muro, poi mi piaciuto e ho esteso questo colore a una grande parte di parete. Il nero, il rosso, il viola, i colori accesi. La casa deve avere carattere, per Cappelli. Magari anche a costo di appendere in cucina una mega-frusta luccicante di Rosy Rox acquistata da Guido Cabib o gli intensi ritratti fotografici scattati da Salvino Campos, o, ancora, installando tra due vani-finestra la statua di un uomo a grandezza naturale firmata Antony Gormley e ricoperta di piccole superfici riflettenti. Sempre in cucina, al centro della quale campeggia unisola supertecnica in acciaio su pavimento dello stesso materiale (non il massimo della praticit ammette Cappelli), trova posto un fascinoso mobile antico con una collezione di bicchieri in bella vista. Il mobile viene da casa di mia madre, probabilmente era la parte di un organo poi usata come libreria; io ci ho aggiunto un fondo laccato rosso e ci ho messo dentro le stoviglie. Cos si crea uno stile: mescolando insieme gli ingredienti pi disparati. Ma saperlo fare non da tutti. Nella grande sala biblioteca, con scaffalature disegnate su misura, trova posto anche un divanetto zebrato anni Quaranta, di fronte alla sorprendente installazione video (e audio) di Raffaela Mariniello Over and over che perfettamente inserita in una nicchia della parete. Abbiamo trovato questa collocazione studiando un po insieme, lartista e io racconta Cappelli. Composta da tanti video che scorrono in contemporanea, lopera in bianco e nero stata comprata da Laura Trisorio e, come molte altre presenti in casa, gi stata esposta al Pan. Insomma, Cappelli sembra esperto nellarte di contrapporre oggetti del tutto diversi, senza effetti stridenti ma con il risultato di una piacevole armonia. E riesce a ottenere il massimo da quello che acquista, per esempio dal prezioso mobile di Paul Evans degli anni Cinquanta che appare a proprio agio, con i suoi riquadri argento e ottone, anche a pochi passi da un mobile di plexiglas e dai divani anni Settanta acquistati da Bachelite di Francesco Santochirico. In altre parole, buon gusto e fantasia e il gioco fatto. Pronti a cambiare tutto (disposizioni e pezzi) per ricominciare daccapo.

Mirella Armiero

Keller in via Foria

A casa della Ragione la sapiente capacit di armonizzare larredamento e le preziose opere darte

METTI SALVATOR ROSA IN SALOTTO


Achille della Ragione
arlando di residenze partenopee in cui il collezionismo di casa non si pu fare a meno di menzionare quella abitata da Achille ed Elvira della Ragione. A racchiudere la preziosa collezione darte antica e moderna introdotta nel 1975 dalleclettico ginecologo napoletano Villa della Ragione, sua dimora su cinque livelli nella collina del quartiere residenziale di Posillipo e in cui ogni dettaglio, o quasi, pensato in funzione dellamore per larte, in particolare per il secolo doro della pittura napoletana, come recita una serie di volumi da lui scritti e dedicati allespressione artistica e pittorica del 600 napoletano. Le opere abbracciano nel complesso lampio periodo storico-artistico che va dal quattrocento al novecento, riferendosi quindi alle et antica e moderna, con alcune sculture otto-novecentesche e un selezionato nucleo di dipinti del sei e settecento. Fra i principali pezzi posseduti figurano alcuni paesaggi di Salvator Rosa, il grande maestro della pittura di epoca barocca cui il Museo di Capodimonte dedica a breve (dal 18 aprile al 30 giugno 2008) la mostra monografica Salvator Rosa tra mito e magia in cui saranno esposti circa sessanta dipinti del pittore nato a Napoli nel 1615 o, passando a produzioni di maestri pi recenti, la scultura in bronzo Pescatorello firmata da Vincenzo Gemito. Ma trovano posto anche opere di Giuseppe Recco e di Luca Forte, questultimo definito dagli storici il pi antico pittore di natura morta napoletano, insieme a nature morte e scene di cucina di Adriaen van Utrecht (Anversa 1599 - 1652) e a un olio su tela di Antoon Sminck Pitlo (detto Pitloo) raffigurante la costiera amalfitana. Limpegnativa collezione di dipinti si snoda in spazi caratterizzati dallampia metratura e per i quali non si scelto uno stile

Se larchitetto sceglie lo studio-abitazione


Ha sede in uno storico palazzo settecentesco di via Foria a Napoli lo spazio Keller dellarchitetto Antonio Martiniello & partners . Una scelta topografica non casuale visto che la citt rappresenta per lui uno scenario di grande fermento della vita artistica e culturale ancora intatto dalla standardizzazione del gusto. Affatto standardizzati sono anche gli arredamenti dello studio - abitazione di Martiniello che, per i suoi interni, disabitati da circa novantanni e di cui non ha voluto alterare linterpretazione ottocentesca preesistente, ha scelto di coniugare volte e affreschi con elementi darredo minimal e vintage, tutti rigorosamente di design. Lampia metratura e la passione per larte contemporanea, di cui colleziona ed espone opere, rendono lo Studio Keller una perfetta location per condividere feste e cocktail. Non solo luogo di progettazione architettonica e abitazione, quindi, ma anche momento di incontro e di generazione di idee nella spontaneit creativa del dialogo. (f.m.)

concesso A pochi
il privilegio di vivere in eterno nella memoria degli altri, per le opere darte invece normale sfidare i secoli, fino a quando sar vivo il gusto del bello

Interno di casa della Ragione

darredo prevalente ma si puntato, piuttosto, su di una differenziazione in base alla zona della casa. Non sarebbe stato possibile, infatti, optare per arredamenti del tutto contemporanei alle opere esposte, dal momento che, prima di sette e ottocento, gli arredi non erano molto ricchi e la mobilia si sarebbe rivelata adeguata solo in rari casi. Il settore pranzo si caratterizza, cos, con uno stile tipico dell800 inglese, mentre la zona letto rinuncia a riferimenti antichi per sposare un arredo pi contemporaneo e funzionale. I primi due piani della villa sono interamente dedicati alla quadreria, mentre ai livelli quarto e quinto prende vita una prestigiosa biblioteca, suddivisa in circa quindici punti differenti e che include oltre 15mila volumi, di cui due-tremi-

la riferiti esclusivamente allarte, grande passione del patron Achille della Ragione insieme alla lettura e al gioco degli scacchi. Nel salone dellabitazione di circa 800 metri quadri larredamento non carico ed anzi ridotto al minimo per lasciare spazio e respiro ai numerosi quadri esposti. Pavimento in marmo, una divina controsoffittatura attribuita allarchitetto napoletano Ponte, una dormeuse originale del XVI secolo, un divano e sedie in stile inglese. La collezione della Ragione racchiusa in un catalogo da lui stesso redatto per le Edizioni Napoli Arte non cede, insieme alla Villa che ne scrigno, alla facile moda del contemporaneo per restare fedele allo stile che la caratterizza e che ne fa la grandezza.

Fuani Marino

Interessi correlati