Sei sulla pagina 1di 6

Regolamento

della Associazione Culturale cento giovani Abruzzo

ASSOCIAZIONE CULTURALE CENTO GIOVANI ABRUZZO ^^^^^^^^^^ Articolo 1


Soci

Possono diventare Soci dellAssociazione Culturale cento giovani Abruzzo, di seguito denominata Associazione, le persone fisiche tutti gli Enti Pubblici e Privati che ne condividano le finalit statutarie e gli scopo sociale. Articolo 2
Tipologia di Soci

I Soci si distinguono in: a) Soci fondatori b) Soci onorari c) Soci ordinari d) Soci sostenitori Articolo 3
Dei Soci

Tutti i soci hanno pari dignit sociale, eguali diritti e doveri. Ogni socio ha il dovere di collaborare per lo sviluppo ed il progresso dellAssociazione e lobbligo di osservare le norme statutarie e quelle incluse nel presente Regolamento, nonch di uniformarsi alle deliberazioni prese dagli organi sociali. Tutti i soci hanno il diritto/dovere di partecipare alle attivit sociali e, qualora persone fisiche, allelettorato attivo e passivo delle cariche sociali. Articolo 4
Soci fondatori

Sono Soci Fondatori coloro che risultano dallAtto Costitutivo dellAssociazione e coloro che, trascorsi dieci anni dalla loro iscrizione allAssociazione, e dietro loro domanda al Presidente, sono ammessi a tale categoria con delibera del Consiglio di Presidenza. Articolo 5
Soci Onorari

Il Presidente, su delibera del Consiglio di Presidenza, pu conferire il titolo di Socio Onorario a Persone Fisiche o Giuridiche che abbiano acquisito fama e meriti particolari nei vari campi della cultura e dalla societ civile. I soci onorari hanno tutti i diritti e doveri degli altri Soci. Articolo 6
Soci Ordinari

Sono Soci Ordinari le Persone Fisiche o Giuridiche, che per loro richiesta, sono ammessi a far parte dellAssociazione, con delibera del Presidente.

Articolo 7
Soci sostenitori

Sono Soci sostenitori le Persone Fisiche o Giuridiche, che per loro richiesta, sono ammessi a far parte dellAssociazione, con delibera del Presidente, e che , su loro richiesta, scelgano di corrispondere un contributo ordinario pari ad almeno cinque volte quella prevista per un Socio Ordinario. Articolo 8
Modalit di associazione

La richiesta di adesione di una persona, controfirmata da almeno due Soci Fondatori, deve essere presentata al Segretario Generale che la trasmette al Consiglio di Presidenza. Il Consiglio di Presidenza, verificata la compatibilit della richiesta stessa con lo scopo dellAssociazione, costituita essenzialmente dalla comprovata non appartenenza del Richiedente a gruppi, movimenti od associazioni con scopi contrastanti con quelli dellAssociazione, esprime il proprio parere, che sottopone al Presidente per la decisione definitiva. La procedura di cui sopra vale anche per le persone giuridiche, le quali sono tenuti a farsi rappresentare da un proprio delegato che non sia Socio a titolo individuale. Articolo 9
Perdita della qualit di Socio

La qualifica di Socio pu venir meno, oltre che per i casi previsti dalla legge, per i seguenti motivi: a. per decesso b. per dimissioni da comunicarsi per iscritto; c. per delibera motivata di esclusione firmata dal Presidente, sentito il Consiglio di Presidenza. Sono considerate cause di esclusione degli Soci: a. lindisciplina, lindegnit da chiunque accertata; b. il mancato pagamento dei contributi associativi; i Soci morosi possono essere invitati, anche per iscritto, a regolare la propria posizione, trascorsi inutilmente trenta giorni, si considerano automaticamente esclusi; c. ladesione a qualsiasi gruppo, movimento od associazione il cui scopo sociale, nominale o di fatto, sia in contrasto con quelli perseguiti dallAssociazione; d. loperare secondo idee, scopi, principi e metodi in contrasto con quelli che animano lAssociazione; e. la mancata partecipazione, continuata ed ingiustificata, alla vita associativa. Articolo 10
Dichiarazione di esclusione e riammissione dei Soci

Lesclusione dei Soci accertata dal Collegio dei Probiviri (qualora costituito) o dal Consiglio di Presidenza, e sancita dal Presidente; essa inappellabile. E consentito ai Soci esclusi di produrre una nuova domanda di ammissione, previa eliminazione delle cause che ne avevano in precedenza provocata lesclusione. Articolo 11
Quote Associative

I contributi si distinguono in ordinari, straordinari e volontari: a) sono ordinari quelli fissati come quota associativa annuale; b) sono straordinari quelli fissati una tantum dallassemblea c) sono volontari quelli versati volontariamente dai Soci. Tutti i contributi non sono ripetibili nel caso di dimissione o espulsione del Socio. I contributi ordinari o straordinari sono determinati annualmente. Essi sono proposti dal Presidente, sentito il Consiglio di Presidenza, ed approvati dallAssemblea dei Soci. I soci fondatori e Sostenitori sono tenuti al solo versamento dei contributi ordinari, i Soci Ordinari sono tenuti al versamento dei contributi ordinari e straordinari, i Soci Onorari sono esenti da ogni contributo. I contributi ordinari devono essere versati dal Socio allatto delliscrizione gli permettono di essere regolarmente iscritto allAssociazione per un anno a partire dal loro versamento. Il Consiglio di Presidenza regola le modalit per la retrocessione allAssociazione Culturale Cento Giovani di una parte delle quote associative. Gli Soci di et inferiore al ventiquattresimo anno versano i contributi nella misura del 50 %. Gli eventuali contributi straordinari devono essere corrisposti entro 30 giorni dalla delibera dellAssemblea. Di questultima deve essere data notizia a tutti i Soci mediante comunicazione scritta esposta nei locali della sede sociale. Articolo 12
Svolgimento dei lavori dellAssemblea

LAssemblea Ordinaria e Straordinaria si riunisce su convocazione del Presidente a mezzo di comunicato scritto affisso nei locali della sede sociale almeno 8 giorni prima. LAssemblea presieduta dal Presidente o da un Vice Presidente o, in assenza di entrambe le figure, dal Consigliere pi anziano di et presente nel Consiglio di Presidenza. Il Presidente dellAssemblea nomina, fra gli Soci presenti, un segretario e se lo ritiene opportuno due scrutatori. Il Presidente dellAssemblea ha il compito di: - accertare la regolarit della convocazione e della costituzione dellAssemblea, la validit ed il numero previsto delle deleghe; - regolare il diritto di intervenire. I membri del Consiglio di Presidenza, nonch i membri del Collegio dei Revisori e dei Probiviri non possono detenere deleghe. LAssemblea pu essere presieduta, su proposta del Presidente dellAssemblea ed in sua assenza dal Presidente Onorario. DellAssemblea redatto un verbale, a cura del segretario, da inserire nellapposito Libro dei Verbali delle Assemblea degli Soci; tale verbale firmato dal Presidente dellAssemblea e dal Segretario Generale. Articolo 13
Consiglio di Presidenza

LAssociazione amministrata dal Consiglio di Presidenza, che ne rappresenta lorgano di governo, e si riunisce almeno una volta ogni tre mesi. Esso costituito dal Presidente dellAssociazione, che lo presiede, da due Vice Presidenti, dal Tesoriere, dal Segretario Generale e dal Segretario Aggiunto. Il Tesoriere cura lamministrazione dellAssociazione, provvede ad effettuare incassi e pagamenti correnti e quantaltro il Consiglio di Presidenza ritenga di delegargli.

Il Segretario Generale cura la tenuta dei libri sociali, il loro aggiornamento e quantaltro il Consiglio di Presidenza ritenga di delegargli. Il Consiglio di Presidenza convocato dal Presidente o da almeno tre altri componenti. La convocazione fatta con avviso da recapitare ai componenti il consiglio, almeno 7 giorni prima di quello fissato per ladunanza, nei modi che si ritengono opportuni. Il Consiglio di Presidenza delibera a maggioranza. In caso di parit di voti si riapre la discussione o si rinvia. Se nella seduta successiva non fosse possibile raggiungere la maggioranza il voto del Presidente decisivo. Il Consiglio di Presidenza propone al Presidente dellAssociazione il conferimento della qualifica di Socio Onorario, da porre allapprovazione dellAssemblea. Il consiglio di Presidenza, inoltre, propone al Presidente dellAssociazione, per la loro successiva nomina, alcuni soci particolarmente competenti nel settore, quali responsabili dellapplicazione e della tenuta delle norme UNI EN ISO 9001-2000. Il Consiglio di Presidenza, infine, liquida ai Soci e non Soci le spese, regolarmente documentate, di rappresentanza, viaggio, vitto ed alloggio, sostenute per svolgere attivit connesse con gli scopi dellAssociazione, in sede e fuori sede, ovvero in territorio menzionale ed estero. Per ogni seduta del Consiglio di Presidenza redatto un verbale a cura del Segretario Generale, da inserire nellapposito Libro dei Verbali del Consiglio di Presidenza; tale verbale firmato dal Presidente e dal Segretario Generale. Articolo 14
Collegio dei Sindaci

Il Collegio dei Sindaci composto di tre membri effettivi, pi due supplenti, eletti dallAssemblea dei Soci. I membri del Collegio dei sindaci sono scelti tra i Soci; qualora non fosse possibile reperire tra i Soci coloro che hanno i titoli e la professionalit per svolgere questo incarico possibile lelezione di membri non soci. Articolo 15
Collegio dei Probiviri

Il Collegio dei Probiviri ha il compito di esaminare le controversie tra gli Soci, tra questi e lAssociazione o i suoi organi sociali, tra i membri di ogni organo sociale e tra i membri dei diversi organi e tra i diversi organi. Il Collegio giudica ex bono et aequo , senza formalit di procedure ma in modo inappellabile. Il Collegio dei probiviri composto di tre Soci effettivi. Per ogni seduta del Collegio dei Probiviri redatto un verbale a cura del Probiviro meno anziano, da inserire nellapposito Libro dei verbali del Collegio dei Probiviri; tale verbale firmato dal Presidente del Collegio dei Probiviri. Articolo 16
Delle cariche Sociali in generale

Tutte le cariche sociali sono gratuite e durano 5 anni; i soci eletti sono rieleggibili. Articolo 17
Bilancio sociale e reportistica periodica

Lesercizio sociale si chiude al 31 dicembre di ogni anno. Entro 6 mesi dalla fine di ogni anno sar redatto un rendiconto economico e finanziario delle entrate e delle spese nonch una relazione sulle attivit dellAssociazione, che

dovranno essere sottoposte allapprovazione dellAssemblea ed inviate allAssociazione Culturale Cento Giovani. Ogni tre mesi lAssociazione si impegna a comunicare per iscritto allAssociazione Culturale Cento Giovani lattivit sociale svolta e quella che si intende programmare. Il rendiconto economico e finanziario, le relazioni e comunicazioni in genere, sono redatte e inviate a cura del Tesoriere e sottoscritte dal Presidente nel rispetto delle disposizioni di legge in vigore e di sani e corretti principi contabili. Articolo 18
Impegno sullOnore

LAssociazione, attraverso il suo rappresentante legale, si impegna ad osservare quanto dichiarato nellatto Costitutivo, nello Statuto e nel presente Regolamento e a far osservare dai propri Soci anche quanto espresso nella Carta dei Valori dellAssociazione Culturale Cento Giovani. Articolo 19
Clausola compromissoria

Qualora lAssociazione Culturale Cento Giovani riscontrasse la violazione di quanto allarticolo 17 e 18 del presente regolamento ha facolt di affiancare al legale rappresentante per un periodo massimo di sei mesi - un proprio delegato per la produzione dei quanto allarticolo 17 o la verifica di quanto all18 articolo. Nel caso non fosse possibile lottenimento della documentazione di cui allarticolo 17 e losservanza di quanto allarticolo 18 facolt dellAssociazione Culturale Cento Giovani diffidare dallutilizzo della denominazione Cento Giovani, dal logo sociale e ritirare qualsiasi patrocinio o affiliazione concessa. ^^^^^^^^^^^^^^^
Per tutto quanto non previsto dal presente Regolamento valgono le disposizioni di legge vigenti.