Sei sulla pagina 1di 31

Ministero dell'istruzione, dell'universit e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia - Direzione Generale

Accompagnamento al riordino dellIstruzione Tecnica, aprile 2009

Umberto Vairetti

OBBIETTIVO
SVILUPPARE UNA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA CHE PERMETTA DI FAR ACQUISIRE AGLI STUDENTI LE COMPETENZE RICHIESTE DAL PROFILO EDUCATIVO, CULTURALE E PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO
Umberto Vairetti 2/

Per competenza intendiamo: una caratteristica intrinseca individuale che causalmente collegata a una performance efficace o superiore in una mansione o in una situazione, e che misurata sulla base di un criterio prestabilito (Spencer e Spencer, 1995). La competenza non risiede nelle risorse (conoscenze, capacit...) da mobilizzare, ma nella mobilizzazione stessa di queste risorse... Qualunque competenza finalizzata (o funzionale) e contestualizzata: essa non pu essere separata dalle proprie condizioni di messa in opera... La competenza un saper agire (o reagire) riconosciuto. Qualunque competenza, per esistere, necessita del giudizio altrui... La competenza non si riduce alla singola prestazione singolare, ma non si d competenza al di fuori delle prestazioni (Le Boterf, 1994).
Umberto Vairetti 3/

Competenze, abilit, capacit, attitudini? Competenze di base, specialistiche, trasversali? Competenze professionali, di cittadinanza, disciplinari?

La precisione linguistica un fantasma e i problemi legati al significato o alla definizione delle parole sono privi di importanza. Le parole sono importanti soltanto come strumenti per la formulazione delle teorie e i problemi di carattere terminologico dovrebbero essere evitati ad ogni costo.
Karl Popper, Le fonti della conoscenza e dellignoranza
Umberto Vairetti 4/

CONOSCENZA
QUELLO CHE LA PERSONA SA

COMPETENZA
QUELLO CHE LA PERSONA FA

PRESTAZIONE
Umberto Vairetti 5/

Competenza:

capacit di applicare un sapere in un contesto dato, riconoscendone le specifiche caratteristiche e adottando comportamenti funzionali al conseguimento del risultato
Da: Umberto Vairetti e Isabella Medicina, Le mani nella testa, Franco Angeli 2005

6/

SUL LAVORO
Da una ricerca condotta da Assolombarda (2008) risulta che i giovani diplomati devono essere capaci di: prendere decisioni in autonomia e assumersene la responsabilit. pianificare, organizzare e tenere sotto controllo il proprio lavoro impiegare le conoscenze, teoriche e tecniche, riconoscendone il campo dapplicazione e valutandone lutilizzabilit adattare il proprio comportamento alle caratteristiche del contesto gestire le informazioni, le relazioni, i problemi
Umberto Vairetti 7/

IN APPRENDIMENTO
dal progetto SCUOLA-UNIVERSITA-IMPRESE:
quali capacit deve possedere un diplomato per affrontare con successo gli studi universitari? quali capacit occorre sviluppare durante gli studi per avere successo nella professione? le conoscenze sono importanti ma non sufficienti: bisogna saperle utilizzare per costruirsi un know-how ben organizzato per operare in funzione del conseguimento di un risultato per riuscire nei diversi contesti di vita e di lavoro

A scuola: imparare ad assumere consapevolmente comportamenti efficaci non ripetere, ma applicare le conoscenze alla soluzione di problemi Vairetti 8/ Umberto

Processo:

Cambia il contesto (sono diversi i processi di lavoro e di apprendimento)e perci cambiano le prestazioni: le competenze cui fare riferimento sono per le stesse
Umberto Vairetti 9/

INPUT

PROCESSO

OUTPUT

Il processo un insieme organizzato di operazioni che trasformano i fattori in ingresso (input) in un prodotto in uscita: il risultato da produrre (output) che determina ci che sta dentro il processo. Semplificando, ogni processo di lavoro pu essere cos descritto: definire gli obiettivi (assumere e comprendere il compito assegnato) organizzare le operazioni progettare, pianificare, programmare eseguire fare, realizzare controllare verificare la rispondenza delle operazioni eseguite e dei risultati (intermedi o finali) prodotti

sono le fasi in cui si sviluppa il processo di lavoro.


Umberto Vairetti

10/

fattori

a ort mp co

nti me

fasi

Dimensioni del processo


Da: Umberto Vairetti e Isabella Medicina, Le mani nella testa, Franco angeli 2005

11/

Ma chi lavora deve poter disporre delle informazioni (dati, istruzioni), alcune delle quali sono prodotte dallo stesso processo e vengono riutilizzate in fasi successive; dei mezzi (materiali, tecnologie e strumenti di produzione); delle collaborazioni necessarie:

utilizza cio una serie di fattori di produzione


Per gestire il processo di lavoro regolarmente (operando secondo le prescrizioni, le regole della professione, a regola darte), in modo efficiente (utilizzando al meglio i fattori di produzione) ed efficace (conseguendo il massimo del risultato possibile) occorre gestire i problemi che possono verificarsi e assumere atteggiamenti costruttivi.

Esaminando un processo di lavoro, emergono dunque anche i comportamenti funzionali alla sua gestione.
Umberto Vairetti 12/

la struttura del processo


5. gestire le informazioni 6. gestire le risorse 7. gestire le relazioni

fattori

r po m co
8. gestire se stessi 9. gestire problemi

ti en tam

fasi
1. definire obiettivi e risultati attesi 2. organizzare le attivit 3. eseguire 4. controllare 13/

Da: Umberto Vairetti e Isabella Medicina, Le mani nella testa, Franco Angeli 2005

Lanalisi del processo ci porta a quattro conclusioni importanti: 1.ogni processo si realizza in una serie di operazioni (fasi), utilizza risorse (fattori), richiede di gestire problemi e atteggiamenti (comportamenti): il processo ha 3 dimensioni; 2.le risorse si usano, i problemi e i comportamenti si gestiscono mentre si realizzano le operazioni: le diverse dimensioni del processo sono compresenti; 3.se osserviamo una persona al lavoro, notiamo che quasi mai essa fa una sola cosa alla volta; 4.qualsiasi processo, anche molto semplice, implica limpiego di conoscenze.

Umberto Vairetti

14/

Le prestazioni e le competenze Astraendo dal contesto, passiamo da ci che la persona fa a ci che la persona sa fare. Definire le prestazioni agganciandole alla struttura del processo e prescindendo dalle caratteristiche specifiche di questo o quel contesto particolare, facilita la sintesi delle diverse esperienze professionali e il loro riferimento alle competenze (prestazioni-tipo).

Umberto Vairetti

15/

IN APPRENDIMENTO

Processo:

I processi dapprendimento
Umberto Vairetti 16/

RILEVAZIONE DI PRESTAZIONI E CONOSCENZE


PERITO CHIMICO il perito chimico ha competenze di conduzione e controllo dei prodotti finiti negli impianti di produzione industriale; ha compiti di operatore nei laboratori di analisi dalle pi svariate applicazioni, dal biomedico alla ricerca; in grado di saper valutare le problematiche di processo. processo prestazioni ANALISI CHIMICA ED ELABORAZIONE DATI 1 SCEGLIERE LA TECNICA DI ANALISI PI IDONEA 2 IMPOSTARE IL METODO DI ANALISI 3 PIANIFICARE LE ATTIVIT 4 ESEGUIRE L'ANALISI 5 VALIDARE IL METODO E CONTROLLARE LE PRESTAZIONI STRUMENTALI conoscenze

6 ELABORARE E PRESENTARE I DATI ANALITICI


Umberto Vairetti 17/

per classificare le prestazioni

LA MATRICE COMPETENZE/PROCESSI
PRESTAZIONE 1

PROCESSO

Umberto Vairetti

COMPETENZA

PRESTAZIONE 2

PRESTAZIONE 3
18/

CLASSIFICAZIONE DELLE PRESTAZIONI


PERITO CHIMICO PROCESSO COMPETENZ A definire obiettivi A2 PRESTAZIONE identifica i risultati da produrre in relazione agli obiettivi specifici assegnati stabilisce lordine e definisce in dettaglio le operazioni necessarie alla produzione del risultato; predispone il programma di lavoro (programma) seleziona tra pi opzioni le operazioni da eseguire, i metodi da applicare e le risorse da utilizzare (pianifica) ANALISI CHIMICA ED ELABORAZIONE DATI Inquadra il problema dal punto di vista non solo strettamente chimico ma anche merceologico, legislativo, ambientale, ecc.; Sceglie la strategia di analisi Stende un protocollo di analisi seguendo lo schema prescelto; Pianifica le attivit legate al controllo della strumentazione (controlli, manutenzione, valutazione delle prestazioni); Organizza le attivit di laboratorio nelle condizioni di sicurezza personale e ambientale in base alle norme di legge Sceglie la metodica analitica in funzione dei risultati richiesti, in termini di sensibilit/ precisione/ accuratezza e in termini economici / temporali; Sceglie gli strumenti e la vetreria, per realizzare unanalisi chimica classica o strumentale;

B1 organizzare

B2

eseguire le operazioni

C1

Prepara i reagenti e gli standard; Prepara soluzioni esegue le operazioni nel (per pesata e diluizione ) effettuando i relativi calcoli; tempo assegnato e nel Monta la strumentazione per effettuare i vari tipi di rispetto dei margini di errore analisi; Applica le procedure antinfortunistiche e di consentiti smaltimento 19/

Umberto Vairetti

la matrice non uno strumento prescrittivo; ma rigorosa la logica: dallosservazione delle prestazioni nei diversi processi di lavoro alla loro classificazione per competenze.
La matrice presenta alcuni vantaggi: 1.classifica le prestazioni mediante un casellario in cui raggrupparle per tipo e competenza 2.permette di confrontare le competenze di lavori diversi 3.Comparando processi di lavoro e di apprendimento, permette di riconoscere come un percorso formativo pu allenare le persone allesercizio delle competenze professionali 4.Propone una nomenclatura delle competenze semplice e condivisa, per favorire lo scambio tra realt diverse.
20/

Umberto Vairetti

RILEVAZIONE DI PRESTAZIONI E CONOSCENZE LA NUOVA TECNICA


PERITO IN CHIMICA, MATERIALI E BIOTECNOLOGIE Il Perito in Chimica, Materiali e Biotecnologie ha competenze specifiche negli ambiti chimico, merceologico, biologico, farmaceutico, tintorio, conciario, cartario, materie plastiche, metallurgico, minerario, ambientale, biotecnologico e microbiologico, nelle analisi chimico-biologiche e ambientali, relative al controllo igienico-sanitario e al controllo e monitoraggio dellambiente. Nei contesti produttivi dinteresse, collabora alla gestione e al controllo dei processi, alla gestione e manutenzione di impianti chimici, tecnologici e biotecnologici. Ha competenze per lanalisi e il controllo dei reflui, nel rispetto delle normative per la tutela ambientale. Ha conoscenze specifiche in merito alla gestione della sicurezza degli ambienti di lavoro, del miglioramento della qualit dei prodotti, dei processi e dei servizi. Ha competenze per la pianificazione, gestione e controllo delle attivit di laboratorio di analisi .Lindirizzo si articola nelle aree opzionali di approfondimento: Chimica e materiali, Chimica e biotecnologie ambientali e Chimica e biotecnologie sanitarie. processo prestazioni conoscenze programmazione, gestione e controllo di 1 processi 2 3 4 gestione e manutenzione di impianti chimici, tecnologici e biotecnologici pianificazione, gestione e controllo delle attivit di laboratorio di analisi gestione degli interventi per la tutela ambientale e la sicurezza

5 gestione della qualit Umberto Vairetti 21/

CLASSIFICAZIONE DELLE PRESTAZIONI LA NUOVA TECNICA


PERITO IN CHIMICA, MATERIALI E BIOTECNOLOGIE PROCESSI pianificazione, gestione e gestione e programmazi manutenzione di controllo delle PRESTA one, gestione impianti chimici, attivit di ZIONE e controllo di tecnologici e laboratorio di processi biotecnologici analisi A1 A2 A3 B1 B2 B3 C1 D1 D2 D3 E1 E2 E3 22/ gestione degli interventi per la gestione della tutela ambientale e la qualit sicurezza

COMPETENZA

definire obiettivi

organizzare eseguire le operazioni controllare

gestire informazioni

Umberto Vairetti

I PROFILI DELLA TECNICA SONO MOLTO SINTETICI:

per sviluppare i profili per competenze, bisogna andare a vedere cosa richiesto sul lavoro
Umberto Vairetti 23/

RILEVAZIONE DI PRESTAZIONI E CONOSCENZE IN AZIENDA


PROCESS ENGINEER [inserire una descrizione sintetica [inserire l'elenco delle principali conoscenze dell'attivit svolta personalmente] utilizzate nello svolgimento dell'attivit]

PROCESSI AZIENDALI

- Conoscenza dell'inglese scritto e parlato - Capacit di cernita dei documenti: nel A fronte della documentazione del FEED sono presenti documenti afferenti tutte Offerta tecnica per la le discipline Front End Engineering Design 1 possibile ingegneria di - Senso critico nell'analisi dei dati (le (FEED) ricevuta dal cliente, dettaglio di un impianto specifiche tecniche vanno analizzate con l'attivit consiste... cura per individuare incongruenze e problemi) - Conoscenza teorica della termodinamica chimica L'attivit di simulazione di un - Conoscenza dei principi di ingegneria impianto di processo una fase Simulazione di impianto importante dell'ingegneria perch chimica 2 di processo consente di costruire i cosiddetti - Conoscenza approfondita dell'ambiente Process Flow Diagrams (PFD)... software di simulazione - Capacit di schematizzazione Stesura di specifiche tecniche di processo per 3 apparecchiature di impianto (ingegneria di dettaglio) Umberto Vairetti In seguito alla stesura dei bilanci materiali e di energia rappresentati dai Process Flow Diagrams (PFD), si utilizzano i dati delle correnti materiali per stendere delle specifiche tecniche - Conoscenza teorica dei fenomeni chimicofisici che avvengono nelle apparecchiature. - Conoscenza dei principali pacchetti software (tipo Excel) e dei programmi tecnici specifici (simulatori o software commerciali specifici) 24/

RISULTATO

LE COMPETENZE OBBIETTIVO DI SETTORE


quali prestazioni deve essere capace di rendere il diplomato, quali conoscenze deve possedere per la riuscita professionale
Umberto Vairetti 25/

Una volta analizzata la domanda, si tratta di passare agli obbiettivi dapprendimento:


1. Senza tralasciare nessuna delle competenze necessarie (le competenze sono un sistema) 2. Contestualizzandole rispetto allambito di applicazione (ad esempio, il chimico ambientale oppure il chimico tintore) e alle caratterizzazioni locali della domanda 3. Integrandole con le competenze chiave di cittadinanza (anchesse descritte per prestazioni e conoscenze) 4. Raccordandole agli indirizzi e alle scelte del Piano dellOfferta Formativa delle singole scuole, in considerazione delle diverse condizioni operative

Umberto Vairetti

26/

Le competenze sono definite nel caso specifico come un insieme di conoscenze, abilit e atteggiamenti appropriati al contesto (knowledge, skills and attitudes appropriate to the context; ensemble de connaissances, d'aptitudes et d'attitudes appropries au contexte).

le competenze sono un sistema


Le competenze chiave sono considerate tutte egualmente importanti, nella misura in cui ciascuna di esse pu contribuire al successo dellindividuo nella societ della conoscenza. Molte competenze si sovrappongono e si collegano: aspetti essenziali in un campo rafforzano le competenze necessarie in un altro. Per essere in grado di apprendere, essenziale padroneggiare le competenze di base nelle lingue, la scrittura e la lettura, il calcolo e le tecnologie dellinformazione; apprendere ad apprendere sostiene tutte le attivit di apprendimento.
(Raccomandazione del Parlamento e della Commissione UE, 18 dicembre 2006). 27/

RISULTATI DI APPRENDIMENTO E COMPETENZE


PERITO CHIMICO PROCESSO ANALISI CHIMICA ED ELABORAZIONE DATI PRESTAZIONE PRESTAZIONE Inquadra il problema dal punto di vista non solo chimico ma anche identifica i risultati da produrre in relazione agli merceologico, legislativo, ambientale; Sceglie la strategia obiettivi specifici essenziale per la messa a punto di assegnati un metodo di analisi seleziona tra pi opzioni Sceglie la metodica analitica in le operazioni, i metodi e funzione dei risultati, in termini di le risorse da utilizzare sensibilit/ precisione/ accuratezza e in termini economici / temporali (pianifica) verifica che le modalit Valuta le caratteristiche principali di unanalisi in termini di parametri con cui stato analitici quali accuratezza, limite di organizzato il lavoro siano efficaci e efficienti rivelabilit, sensibilit, riproducibilit utilizza le caratteristiche utilizza la strumentazione pi adatta delle risorse per in funzione della accuratezza migliorare efficacia e richiesta efficienza del lavoro assume comportamenti interviene individualmente e in adatti alla situazione in gruppo per eliminare o ridurre i cui si trova ad agire rischi Umberto Vairetti

risultati di apprendimento NUOVA TECNICA - PECUP comprendere le interdipendenze tra scienza, economia e tecnologia e le relative modificazioni intervenute, nel corso della storia, nei settori di riferimento e nei diversi contesti, locali e globali utilizzare modelli appropriati per simulare fenomeni e interpretare dati sperimentali;utilizzare procedure e tecniche per trovare soluzioni innovative e migliorative utilizzare il tessuto concettuale e i fondamentali strumenti della matematica per comprendere la realt ed operare nel campo delle scienze applicate; padroneggiare luso di strumenti tecnologici con particolare attenzione alla sicurezza, alla tutela della persona, dellambiente e del territorio; applicare le normative con riferimento alla sicurezza e alla tutela dellambiente e del territorio; 28/

A2

B2

D2

F2

H1

IL PRODOTTO DELLE SCUOLE gli obiettivi dapprendimento, in termini di competenze acquisite in esito del percorso formativo, che la scuola si impegna a garantire
Umberto Vairetti 29/

e poi il progetto prevede


1. Validazione dei prodotti delle scuole nei gruppi di settore 2. Declinazione delle competenze obiettivo per anno di studio 3. Mappatura dei processi di apprendimento e incrocio con le discipline (aree disciplinari, attivit interdisciplinari) 4. Scelta degli anni e delle aree su cui applicare la didattica per competenze 5. Descrizione per ogni processo selezionato delle prestazioni e delle conoscenze attese, in riferimento alle competenze obiettivo dellanno, e individuazione delle modalit di accertamento 6. Progettazione didattica delle applicazioni
Umberto Vairetti 30/

Tutta la mia concezione del metodo scientifico si pu riassumere dicendo che esso consiste di questi tre passi: 1.Inciampiamo in qualche problema; 2.Tentiamo di risolverlo, ad esempio proponendo qualche nuova teoria; 3.Impariamo dai nostri sbagli, specialmente da quelli che ci sono resi presenti dalla discussione critica dei nostri tentativi di risoluzione.

Karl Popper, Problemi, scopi e razionalit della scienza

grazie per lattenzione


Umberto Vairetti 31/