Sei sulla pagina 1di 1

user: 3333348625 mail: napolirossonera@hotmail.it ip: 151.77.174.

199

Domenica 18 settembre 2011

Il Mattino

Primo piano Napoli 43

I rifiuti, il caso

Stipendi gonfiati, 13 dirigenti doro al Comune


Aumento record alla Napoliservizi, lazienda del decoro urbano: cinquemila euro in pi al mese
Luigi Roano
MentrelallorasindacoRosaRussoIervolino,piomeno8mesifa,criticavalaFinanziaria del premier che tagliava al Comune 138 milioni di euro epiangeva lacrime napoletaneperchaddirittura lassistenza ai pi poveri era in dubbio, alla Napoliservizi, azienda interamente di Palazzo San Giacomo, assessore di riferimento Nicola Oddati pupillo dellex ministro dellInterno, attuale presidente della Fondazione Forum delle culture del 2013, vistava aumenti di stipendi per centinaia di migliaia di euro a beneficio di alti funzionari dellazienda che ha come mission il decoro urbano. Iervolino sapeva gi allepoca che non poteva essere ricandidata ed era aglisgocciolilasuaavventuradaprimocittadino. Oddati dal canto suo stava battagliandopervincereleprimariedelcentrosinistra poi finite a carte quarantotto con lacertezzaquasimatematicadinonpoterle vincere e nemmeno di essere riconfermato come assessore dal successore della Iervolino. Questo lo scenario dentro al quale sono calati gli aumenti. Chi sono i fortunati? 13 uomini doro che portano a casa la bellezza di 1,7 milioni di euro allanno di qui alleternit se non verranno rimossi. Il tesoro in una parola composta: superminimo.Dicosasitratta?unavocedellaretribuzione concordata tra datore di lavoro e dipendente in sede di assunzione e che esuladalcontratto.Nellasostanzasiaccordano aumenti di stipendiche nelle aziendevirtuosevannodati Il cda a chi ritenuto di un Il blitz certo spessore. I diridei funzionari genti di Napoliserizi scattato che, giova ricordarlo, si occupano di decoro mentre urbano, sono stati cola giunta sbravi,secondolaIerIervolino volinoeOddati,daessmobilitava sere premiati anche invigenzadiemergenza rifiuti. Ebbene loro nonostante la spazzatura a terra hanno mantenuto alto il decoro di Napoli. Senza trascurare che il direttore generale FerdinandoBalzamoerapresidentedellasociet, con tre anni di contratto. Come tale si fattoassumerenelruolo didirettoregenerale con contratto a tempo indeterminato. Una vicenda ancora oggi sotto la lente dellaProcuraedellamagistraturacontabile denunciata alla Iervolino dal consigliere comunale di Prc Raffaele Carotenuto in uninfuocatoconsigliocomunale.Lazienda non gode di grande salute finanziaria, con bilanci difficili e il ricorso sistematico ai debiti fuori bilancio. Al punto che il sindaco Luigi de Magistris intenzionato a sciogliere la societ o a farla confluire in Asa per creare una unica azienda per la pulizia. Tagliando cos stipendi e poltrone. Per capire lentit degli stipendi dei 13 basta pensare che allepoca degli aumenti, i 55 manager di tutte le partecipate del Comune non arrivavano a 1,4 milioni di allanno di remunerazione! Chi sono i 13 fortunati? Il direttore generale Balazamo, ex assessore al Patrimonio, ex presidente

Gli stipendi dei dirigenti


Ferdinando Ciro

Napoli Servizi

Stipendio mensile

Superminimo luglio 2011

Stipendio annuo

Angelo

Mario

Giuseppe

Claudia

Rosario

Balzamo

Turiello

Peritore

Baggio

Oreto

Tomasino

Tarallo

La societ

Dal verde alligiene ambientale


La Napoli Servizi SpA gestisce, in regime di house providing, il patrimonio immobiliare ad uso strumentale ed il patrimonio urbano del Comune di Napoli. In particolare, come recita il sito web: Progetta e fornisce servizi integrati di facility management sollevando il committente da tutte quelle incombenze non strettamente connesse allesercizio delle proprie attivit strategiche. Manutenzione del verde, manutenzione edile ed impiantistica, progettazione e realizzazione di spazi e postazioni di lavoro, servizi di custodia, vigilanza, trasporto persone, facchinaggio, igiene ambientale e pulizie si affiancano ad attivit di gestione delle pratiche relative al condono edilizio ed a quelle di supporto agli uffici dellente.

Claudio

Renato

Salvatore

Daniela

Mario

Fabio

Augusto

Amendola

Iodice

Balletti

Passannanti Ruggiero

della circoscrizione di San Giovanni a Teduccio,cognatodiAntonioBorrielloexcapogruppo del Pd e attuale consigliere comunale dei democratici che porta a casa 152mila 199,96 euro allanno. Stipendio mensile 10mila 657 euro, superminimo da sogno di 6857,14 euro! Un paio di anni scritto ai primi posti della nomenclatura bassoliniana.Poilexgovernatoreharibadito di non conoscere chi fossero i bassoliniani scaricando parecchi usurpatori. Al secondo posto Ciro Turiello, ex manager di Asa con 134mila 645 euro allanno, stipendio mensiledi 9400 euro esuperminimo da 4690; Turiello con Massimo Paolucci era la punta di diamante di Antonio Bassolino quando era commissario per lemergenza rifiuti nella lotta ai sacchetti. AngeloPeritoreilterzo,conaumentosostanzioso. Ogni mese portava a casa a 6370 euro con un superminimo di 3705. A Luglio hapensato cheera troppo pococos il superminimo arrivato a 4105 e ogni 12 mesi nel suo portafogli entrano 92 mila euro. Oddatiani di ferro Rosario Tarallo, che fa gli editoriali nel giornalino interno 5339 euro al mese, il superminimo da 2700 a 3400n (pi 26%) e 77mila euro allanno.EMarioBaggiodirettoredelpersonale stipendio mensile 6072 superminimo da 3641 a 4401 (pi 11%). Scorrendo il bilancio di Napoliservizi si scopre che c una consulenza da 87mila euro, e, soprattutto alla voce prestazioni di servizio spese per 330mila. Le prestazioni di servizio non possono superare i 5000 a prestazioneperarrivarea330milabastafareunpiccolocontopercapirechealmenouncentinaio di persone hanno dato una mano allazienda per il decoro urbano.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Blitz in pieno allarme-monnezza ora la societ confluir nellAsa


La fusione
Servizi di pulizia e igiene ambientale verso una super-azienda alle dirette dipendenze del sindaco
Napoliservizi stata costituita nel dicembre 1999 quale soggetto addetto ai servizi di pulizia del patrimonio immobiliare ad uso strumentale del Comune di Napoli, la societ ha progressivamente ampliato la gamma dei servizi offerti, fino a caratterizzarsi quale vero e proprio gestore in regime di Global Service del patrimonio immobiliare affidatole. Sul sito istituzionale cos viene presentata lazienda che pu contare sulla bellezza di 1400 addetti. In Napoliservizi sono stati collocati molti lsu in attesa di sistemazione dopo anni di precariato. La societ cambia pelle a sette anni dalla sua costituzione: La fusione con Seterna, avvenuta nel maggio 2006, ha esteso il campo di azione dellasocietaisettoridellinformatizzazione e della gestione dei dati. Attualmente - con i suoi oltre 1400 dipendenti e le consistenti commesse gestite Napoliservizi una delle societ multiservizi pi importantidelMezzogiorno.Insomma il lavoro non manca e sempre dalsitosipossonoattingerealtreinformazionisignificative:LaNapoliservizi SpA gestisce, in regime di house providing, il patrimonio immobiliare ad uso strumentale ed il patrimonio urbano del Comune di Napoli. Progetta e fornisce servizi integrati di facility management

sollevando il committente da tutte quelle incombenze non strettamente connesse allesercizio delle proprie attivit strategiche. Manutenzionedelverde,manutenzione edile ed impiantistica, progettazione e realizzazione di spazi e postazioni di lavoro, servizi di custodia, vigilanza, trasporto persone, facchinaggio, igiene ambientale e pulizie si affiancano ad attivitdigestionedellepraticherelativealcondonoedilizioedaquelle di supporto agli uffici dellente. Il prossimo futuro della societ dovrebbeesserequellodiessereinglobata in Asa per fare una unica societ che si occupa esclusivamente di tenere Napoli pulita e dignitosamente decorosa. Ne nascerebbe una superazienda da circa 3600lavoratoridirettamentealledipendenzedelsindaco.Attualmente la societ presente su oltre 450 complessi immobiliari ed urbani della citt e a 1,7 milioni di mq di giardini pubblici. Fra questi vi sono la sede del Consiglio Comunale, Palazzo San Giacomo, lo stadio San Paolo, il Maschio Angioino, il Palazzo delle Arti di Napoli, Piazza delPlebiscitoemoltialtrisitiartistici e monumentali del centro antico classificato dallUnesco patrimonio mondiale dellumanit. lu.ro.
RIPRODUZIONE RISERVATA

La svolta

Benefit e assunzioni facili: le partecipate nel mirino


Tagli per 50 milioni, accorpamenti e risparmi su stipendi e manager La linea dura di De Magistris
Il primo bilancio previsionale del leader degli arancioni Luigi de Magistris edellassessorealramoRiccardoRealfonzo a giugno ha fatto segnare la primaesensibilesvoltanellagestionedella cosa pubblica. Tagli per 50 milioni dieuroallepartecipate,accorpamenti e risparmi su stipendi e manager. Basta pensare che da giugno a oggi hannocambiatopellelArin,lAsa,MetronapolieAnm.Inquestepartecipatesono stati tagliati i cda al loro posto lamministratore unico con 20 che ha il compito di riorganizzare in ciascuna conti e mission. Contestualmente Realfonzo ha messo mano a una delibera destinata a far cambiare ancora di piilclimanelleaziendedelComune. Il dito ficcato nella piaga: assunzioni

La strategia La scure gi caduta su Metronapoli, Arin, Asa e Anm Nuove regole contro gli sprechi

troppofacili ebenefit.Che hannoportato a indebitamenti record,si parla di 320 milioni, e dal 2006 fino al termine della consiliatura Iervolino, la bellezzadi9000assunzioninessunaeffettuataconconcorso,lametattraversosocietinterinalielaltrametconlastabilizzazione di precari attinti da liste nonmeglioidentificate.Lamagistratura ci sta lavorando sopra da un anno. Tre gli step della delibera: laccorpamento delle societ che si occupano dellamobilit,valeadireAnm,Napolipark e Metronapoli. Poi 5 milioni a disposizioneperfavorireilprepensionamento volontario, atteso che con laccorpamento ci sar la riduzione di molti uffici e compiti fotocopia. Il secondo lassoggettare tutte le aziende al 100 per 100 comunali alle regole di Palazzo San Giacomo e appunto le nuove modalit di gestione e reclutamento. Le societ sono assimilabili a strutture organizzative interne del-

lEntesileggenelladelibera.Percapire dove si annida lo spreco basta scorrereildocumento.Iltrattamentoeconomicocomplessivodeisingolidipendenti, anche di qualifica dirigenziale, ivi compreso il trattamento accessorio, non pu superare, in ogni caso, il trattamento ordinariamente spettante per lanno 2010. E ancora: I trattamentieconomicideisingolidipendenti, anche di qualifica dirigenziale, superiori a 90mila euro lordi annui sono ridotti del 5% per la parte eccedente il predetto importo, fino a 150mila euro del 10%. Per i costi di funzionamento vengono tagliate queste voci: Le societnon possonoeffettuarespeseper relazioni pubbliche, convegni, mostre, pubblicit e di rappresentanza per una ammontare superiore al 20% dellaspesasostenutanel2009;stopalle sponsorizzazione e alle missioni; le societ non possono effettuare spese di ammontare superiore all80% della spesa sostenuta nel 2009 per lacquisto, la manutenzione, il noleggio e lesercizio di autovetture, nonch per laquisto di buoni taxi. lu.ro.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Composite IL_MATTINO - CITY - 43 - 18/09/11 ----

Time: 18/09/11

00.33