Sei sulla pagina 1di 40

Le Immobilizzazioni Immateriali secondo i principi contabili internazionali

Acquisizione, valutazione e rappresentazione

Le immobilizzazioni immateriali
IAS 38
Definizione Valutazione

IFRS 3
Le immobilizzazioni immateriali ottenibili in seguito ad una business combination

Immobilizzazioni Immateriali
Anche nell'ambito dei principi IAS i problemi sono relativi a: Rilevazione iniziale Valutazione Vendita

Immobilizzazioni Immateriali: la definizione secondo i principi IAS


Lo IAS 38 stabilisce tre criteri identificativi di una Immobilizzazione Immateriale:
un'attivit non monetaria identificabile e priva di consistenza fisica controllata dall'impresa separabile dallazienda nel suo complesso produce benefici economici futuri

Immobilizzazioni immateriali
Per ci che riguarda la prima iscrizione esistono due differenze fondamentali con i principi nazionali: costi capitalizzati gli intangibili acquisiti in una business combination

I costi di ricerca e sviluppo: un approfondimento

Il Codice Civile non fornisce indicazioni precise se non la generica indicazione che possono essere rappresentati in BI2
Il documento n. 24 stabilisce che i costi capitalizzabili sono relativi alla Ricerca applicata ed allo sviluppo Lo IAS 38 stabilisce che sono capitalizzabili solo quelli relativi alla fase di sviluppo

I costi di ricerca e sviluppo: un approfondimento


Ricerca di base: linsieme delle indagini non precisamente finalizzati verso determinati risultati Ricerca applicata: si caratterizza per lesistenza di uno specifico progetto verso il quale sono diretti gli sforzi dellazienda Sviluppo: consiste nellapplicazione dei risultati di ricerche precedenti o di altre conoscenze per pianificare o progettare per la produzione nuovi materiali, strumenti, prodotti, processi, servizi, sistemi fino al momento nel quale sia iniziata la produzione destinata alla vendita o lutilizzo interno del risultato (IAS 38)

Capitalizzazione dei costi delle attivit sviluppate internamente

Fase di ricerca Fase di ricerca

Divieto di capitalizzazione Divieto di capitalizzazione

No
E distinguibile dalla fase di ricerca?

No Si
Sono rispettate le Condizioni IAS 38 ?

Si
Fase di sviluppo Fase di sviluppo Obbligo di capitalizzazione Obbligo di capitalizzazione

Le Immobilizzazioni immateriali: la generazione interna Unattivit immateriale derivante dallo sviluppo (o dalla fase di sviluppo di un progetto interno) deve essere rilevata se, e solo se, lentit pu dimostrare quanto segue: la fattibilit tecnica la sua intenzione a completare lattivit immateriale per usarla o venderla. la sua capacit di usare o vendere lattivit immateriale. i probabili benefici economici futuri. la disponibilit di risorse tecniche, finanziarie e di altro tipo adeguate per completare lo sviluppo e per lutilizzo o la vendita dellattivit immateriale. la sua capacit di valutare attendibilmente il costo attribuibile allattivit immateriale durante il suo sviluppo

Le Immobilizzazioni immateriali: la generazione interna


Esempi di attivit di sviluppo sono: la progettazione, la costruzione e la verifica di prototipi o modelli che precedono la produzione o lutilizzo degli stessi; la progettazione di attrezzi, prove, stampi e matrici concernenti la nuova tecnologia; la progettazione, la costruzione e lattivazione di un impianto pilota di dimensioni non economicamente idonee per la produzione commerciale; la progettazione, la costruzione e la prova di prestabilite alternative per materiali, strumenti, prodotti, processi, sistemi o servizi, nuovi o migliorati.

Le Immobilizzazioni immateriali: la generazione interna

Le spese sostenute per generare internamente marchi, testate giornalistiche, anagrafiche clienti e altri elementi simili nella sostanza non possono essere distinte dal costo sostenuto per sviluppare lattivit aziendale nel suo complesso. Perci, tali elementi non vengono rilevati come attivit immateriali.

Le Immobilizzazioni immateriali: lacquisizione nellambito di una aggregazione

In conformit allIFRS 3-Aggregazioni aziendali, se unattivit immateriale acquisita in unaggregazione aziendale, il suo costo il fair value (valore equo) alla data di acquisizione. Secondo quanto previsto dal presente Principio e dallIFRS 3, un acquirente alla data di acquisizione rileva unattivit immateriale dellacquisita separatamente dallavviamento se il fair value (valore convenzionale) pu essere determinato attendibilmente, a prescindere dal fatto che lattivit sia stata rilevata dallacquisita prima dellaggregazione aziendale. Il problema: come stimare il valore degli intangibili specifici?

Le Immobilizzazioni immateriali: lacquisizione nellambito di una aggregazione

Lacquisizione degli intangibili nellambito di aggregazione aziendali pu avvenire se lasset presenta le seguenti caratteristiche: separtamente identificabile controllata dallimpresa Ha una utilit futura Il suo fair value stimabile in modo attendibile

Le Immobilizzazioni immateriali: lacquisizione nellambito di una aggregazione


Il punto di partenza per determinare il valore degli intangibili specifici il prezzo pagato nella transazione

Il maggior prezzo pagato in una transazione pu essere scomposto in 4 fattori

Prezzo Valore contabile del Patrimonio Netto = W

Le Immobilizzazioni immateriali: lacquisizione nellambito di una aggregazione


W: pu essere legato al maggior fair value delle immobilizzazioni aziendali W: pu essere legato ad intangibili specifici non contabilizzati dallacquisita ma che rispettano i requisiti per la contabilizzazione W: pu essere legato: a) ad intangibili non contabilizzabili b) possibili sinergie W: pu essere legato a possibili errori di sopravvalutazioni

Devono essere Rivalutate Devono essere contabilizzate al fair value

Avviamento

Il valore degli intangibili specifici


Livello 1: prezzi osservati sul mercato

Livello 2: prezzi per operazioni simili

Livello 3: utilizzo di tecniche che consentono di stimare il fair value

Le immobilizzazioni immateriali: lacquisizione in seguito a business combination

Lazienda Vaccaro & figli acquista lazienda della famiglia Lombardo al prezzo di 1.000.000 . Lo stato patrimoniale della societ acquisita il seguente, in esso non figurano le abilit dei dipendenti il cui valore stimato 800.000 e il marchio generato internamente il cui valore 500.000 :

STATO PATRIMONIALE
A) B) I) B II) Impianti e macchinari Terreni e fabbricati C) Attivo Circolante Prodotti in magazzino Crediti v/clienti 0 0 1.000 900 350 150

Migliaia di

A) Patrimonio Netto D) Mutui passivi Debiti v/ forn.ri

100

1.000 1.300

Totale

2.400

TOTALE

2.400

Le immobilizzazioni immateriali: lacquisizione in seguito a business combination

Lazienda Vaccaro & figli acquista lazienda della famiglia Lombardo al prezzo di 1.000.000 . Lo stato patrimoniale della societ acquisita il seguente, in esso non figurano le abilit dei dipendenti il cui valore stimato 800.000 e il marchio generato internamente il cui valore 500.000 :

STATO PATRIMONIALE
A) B) I) B II) Impianti e macchinari Terreni e fabbricati C) Attivo Circolante Prodotti in magazzino Crediti v/clienti 0 0 1.000 900 350 150

Migliaia di

A) Patrimonio Netto D) Mutui passivi Debiti v/ forn.ri

100

1.000 1.300

Totale

2.400

TOTALE

2.400

Le immobilizzazioni immateriali: lacquisizione in seguito a business combination

Debiti V/ Forn Debito per acquisizione A quanto ammonta Il valore 1.300.000 1.000.000 dellavviamento secondo i VFN VFN principi internazionali?
Impianti e Macch.
1.000.000 VEN
Terreni e Fabb.

Marchi 500.000 VEN

Mutui Passivi 1.000.000 VFN

900.000 VEN Rim. Fin 350.000 VEN

Avviamento
Crediti v. Cl

150.000 VPN

400.000 VEN

Ed il valore residuo rispetto al prezzo di acquisto?

Lavviamento

Supponendo che:
La societ acquirente sia stata appositamente costituita I suoi debiti ammontano a 2.000.000 e non considerando per ora la problematica dellammortamento

Le differenze in Stato Patrimoniale Principi Nazionali Stato Patrimoniale


B) I) Avviamento II) Materiali Patrimonio Netto 900.000 1.300.000 1.900.000

Principi Internazionali Stato Patrimoniale

C) Attivo circolante 500.000 Totale attivo 3. 300.000

B) Patrimonio Netto I) Avviamento 400.000 1.300.000 Marchio 500.000 II) Materiali 1.900.000 C) Attivo circolante Debiti 2.000.000 Debiti 2.000.000 500.000 Totale passivo e Netto Totale attivo 3.300.000 Totale passivo e Netto 3.300.000

3.300.000

La valutazione dopo la rilevazione iniziale


Valutazione

Costo

Rideterminazione del valore

Dopo la rilevazione iniziale, unattivit immateriale deve essere iscritta in bilancio al costo al netto dellammontare complessivo degli ammortamenti e delle perdite per riduzione durevole di valore accumulati

La valutazione degli elementi contenuti nella classe di attivit immateriali rideterminata simultaneamente per evitare valutazioni selettive di attivit ed evitare che gli importi rilevati in bilancio siano composti da una combinazione di costi e valori riferiti a date differenti.

La valutazione dopo la rilevazione iniziale: la rideterminazione del valore


Dopo la rilevazione iniziale, unattivit immateriale pu essere iscritta in bilancio allimporto rideterminato: fair value (valore equo) - ammortamenti - perdite per riduzione durevole di valore Il fair value (valore equo) deve essere misurato esclusivamente facendo riferimento a un mercato attivo
Le rideterminazioni devono essere effettuate con una regolarit tale da far s che alla data di riferimento del bilancio il valore contabile dellattivit non si discosti significativamente dal suo fair value (valore equo)

La rideterminazione: il problema del mercato attivo


insolito che esista un mercato attivo per unattivit immateriale, sebbene ci si possa verificare. Per esempio, in alcune giurisdizioni, possono esistere mercati attivi per il libero trasferimento di licenze per taxi, licenze di pesca o quote di produzione. Tuttavia, non possono esistere mercati attivi per marchi, giornali, testate giornalistiche, diritti editoriali di musica e film, brevetti o marchi di fabbrica, perch ognuna di queste attivit unica nel suo genere. Conseguenza: per le immobilizzazioni di cui sopra non possibile utilizzare la valutazione al fair value

Le immobilizzazioni immateriali: la valutazione


Immobilizzazione immateriale

Con vita indefinita Con vita definita


Immobilizzazioni per le quali non prevedibile un consumo a seguito dellappartenenza allazienda

Iscrizione al costo Eventuale rivalutazione Impairment test annuale Non si effettua lammortamento

Iscrizione al costo Eventuale rivalutazione Ammortamento Eventuale impairment test

I beni immateriali

Prima Iscrizione in bilancio

Classificazione

Beni immateriali: licenze, brevetti, marchi, concessioni

Costo di acquisto

Beni a vita definita

Fair value se acquisiti nellambito di una business combination

Beni a vita indefinita

Avviamento

Prezzo di acquisto valore del patrimonio netto rivalutato

Le immobilizzazioni immateriali a vita definita la valutazione al costo

IAS 36 precisa: in presenza di una delle seguenti condizioni occorre effettuare limpairment test:
Condizioni esterne:

Il valore di mercato di un asset si ridotto significativamente Cambiamenti di mercato significativi Il valore totale delle immobilizzazioni superiore alla capitalizzazione di borsa

Le immobilizzazioni immateriali a vita definita la valutazione al costo


IAS 36 precisa: in presenza di una delle seguenti condizioni occorre effettuare limpairment test: Condizioni interne:
Danneggiamento o obsolescenza di una immobilizzazione I report interni evidenziano significative riduzione dei ricavi provenienti da detto asset Cambiamenti ambientali indurranno un utilizzo diverso di una immobilizzazione

Le attivit immateriali a vita indefinita


Unattivit immateriale con una vita utile indefinita non deve essere ammortizzata. Secondo quanto previsto dallo IAS 36-Riduzione durevole di valore delle attivit, unentit deve verificare se unattivit immateriale con una vita utile indefinita ha subito una riduzione durevole di valore confrontando il suo valore recuperabile con il suo valore contabile. La verifica deve avvenire annualmente, e ogniqualvolta vi sia unindicazione che lattivit immateriale possa avere subito una riduzione durevole di valore.

Le immobilizzazioni immateriali a vita indefinita

IAS 38: unattivit immateriale a vita indefinita non deve essere ammortizzata ma sottoposta ad impairment annualmente IAS 36: Limpairment test (test di deperimento) consiste nel verificare annualmente se unattivit immateriale ha subito una perdita di valore confrontando il valore contabile con il suo valore recuperabile

Le attivit immateriali a vita indefinita


Il valore contabile di una attivit immateriale a vita indefinita non deve eccedere il maggiore tra il valore recuperabile mediante lutilizzo ed il fair value

Valore contabile Valore recuperabile il maggiore tra Valore recuperabile mediante lutilizzo

Non deve eccedere

Valore recuperabile Mediante vendita

Le immobilizzazioni immateriali a vita indefinita

Il valore recuperabile mediante la vendita, deve essere calcolato:


Con riferimento ad un mercato attivo Con riferimento a transazioni similari

Le immobilizzazioni immateriali a vita indefinita

Il valore recuperabile mediante lutilizzo, deve essere calcolato: A partire dai budget approvati dal consiglio di amministrazione Le previsioni non possono riguardare un periodo superiore a 5 anni

Le immobilizzazioni immateriali a vita indefinita Il valore recuperabile mediante lutilizzo, deve essere calcolato: I dati di budget devono essere depurati dal margine di errore che si verificato negli anni precedenti I dati non possono comprendere gli effetti di future ristrutturazioni Scontando i flussi futuri di cassa con un opportuno tasso espressivo della rischiosit dellinvestimento

Le attivit immateriali a vita indefinita

Valore recuperabile mediante utilizzo

Genera autonomi flussi di cassa

Non genera autonomi flussi di cassa es. Avviamento

I flussi di cassa netti sono ricavati dai budget approvati dalla direzione

I flussi di cassa netti vanno stimati con riferimento alla unit generatrice di cassa pi piccola al cui interno si trova il bene oggetto di valutazione

Esempio di impairment test

Durante il 2005 lazienda belle idee acquista un brevetto (costo di acquisto: 2000) la cui vita utile pari a 5 anni (2005-2009) Alla fine del 2006 il valore residuo contabile pari a 1200, per il quale esistono seri dubbi circa il mantenimento del valore Si deve, quindi, procedere con limpairment test
Occorre stimare I flussi di cassa scaturenti dal brevetto fino alla fine della vita utile (2007-2008-2009) Le fonti a cui attingere sono i piani ed i budget approvati dal management Il tasso di sconto pari al 10% e riflette la rischiosit specifica dellinvestimento

Esempio di impairment test


Coefficienti di attualizzazione 0,90909 0,82644 0,75131 Flusso di cassa scontato 209,1 209,1 205,2 623,4

Anno 2007 2008 2009

Flusso di cassa 230 253 273 value in use

Value in use = 230 x (1 + 0,1)^-1 + 253 x (1+0,1)^-2 + 273 x (1+01)^-3 Di conseguenza occorre svlutare = 1200 623,4 = 576,6

Esempio di impairment test

Lazienda compra e innova ha iscritto in bilancio un avviamento per un importo pari a 100. Lavviamento attribuito ad una cash generating unit contenente in aggiunta beni ti tipo A per un valore contabile di 400 e beni di tipo B per 200. Il valore netto contabile la somma dei tre beni ed pari a 700. La valutazione dellavviamento avviene in due fasi:
Confronto del valore della CGU con il Fair value
Ipotesi Fair value < valore contabile

Occorre procedere alla valutazione del value in use


Stima dei flussi di cassa e tasso di attualizzazione

Esempio di impairment test

Ipotesi 1: value in use > = valore contabile

[NON SVALUTO]

Ipotesi 2: value in use < valore contabile (esempio 650) [SVALUTO SOLO AVVIAMENTO] Ipotesi 3: value in use < valore contabile (esempio 550) [SVALUTO ANCHE I BENI ]
PER 100 SI SVALUTA LAVVIAMENTO PER 50 SI SVALUTANO IN PROPORZIONE AL LORO VALORE CONTABILE IL BENE A E B Valore contabile di A = 400 e di B = 200 quindi il peso di A pari a 400 / 600 e di B = 200/600

Le immobilizzazioni immateriali a vita indefinita: esempio


Bilancio consolidato Pirelli & C. SPA 2005