Sei sulla pagina 1di 9
Una tale crescita nell’essenza e te nascita di un’anima comporteranno wn cambia- ‘mento dell'intero essere dell'uomo, wn accumulo intemo di energia e di forzs, E co- ‘me il riflesso delle percezioni come personalit& & stato trovato analogo alla Iuce ri- flessa che viene dalla luna, cosi la trasformazione interna delle impression. per ezea- re un'anima rassomigliera al processo per mezzo del quale un corpo risplende di luce propria. Esso sara analogo al Sole. IL IL RICORDO DI SE, LA CONSAPEVOLEZZA, LA MEMORIA Se il ricordo di se & cosi desiderabile, perché & tanto difficile da ottenere? Per rispondere a questo bisogna parlare pid dettagliatamente dell’attenzione. Poi- ché la possibilita di stati superioni di consapevolezza nell’ uomo dipende proprio da al- cune materie fini prodotte dal corpo che viene sottoposto all’attenzione. Il processo di digestione nell’uomo consistaznella progressiva rarefazione del ei: bo, dell’aria e delle percezioni che egli assume, ¢ la materia fine di cui parliamo pad ‘essere considerata come il prodotto finale di questa rarefazione in condizioni ordina- rie. A differenza della came e del sangue che sono costituiti da cellule, questa mate- ria pud essere visualizzata in uno stato molecolare, cio’ in uno stato simile a quello dei gas o dei profumi. Infatti 2 straordinariamente volatile, instabile ¢ difficile da con- tenere. Tuttavia nel caso dell’uomo, essa& sottoposta a controllo psicologico, e questo con- trollo psicologico é Pattencione, Controllata dall'attenzione questa materia diventa il potenziale veicolo dell auto-consapevolezza. ‘Nell’ordinario stato dell’uomo — cio’ dell’womo che agisce come una macchina, quando i suoi processi interni vanno avanti del tatto indipendentemente dalla sue vo~ ont o dal suo desiderio — questa materia fine segue le leggi che governano tutte Je materie libere allo stato molecolare. Si diffonde da lui in ogni direzione, o nella dire- zione che “cattura Ja sua attenzione”. Appena formata o poco dopo, questa materia fi- ne esce da Iui, in un modo o nell’ altro, Per trattenerla o per accumulria ci vuole ta volonta che egli normalmente non possiede, ed essa produce una tensione interna che ‘pud essere mantenuta solo con grande auto-conoscenza ed auto-controllo. Questa diffusione dall'uomo delle sue energie pit fini prende molte forme. Questa pub uscire da lui in modo sano come energia sessuale; esplodere in modo malsano co- ime rancore o irvitazione; sfuggire da lui come invidia 0 anto-commiserazionc. Molto pill spesso si dffonde semplicemente da lui per create quel curioso stato psicologico di “fascino” nel quale un uomo perde completamente la sua identité in una conversa zione, un compito, un amico, un nemico, un libro, un oggetto, un peasiero 0 una sen- sazione. Questo “fascino” ® semplicemente Veffetto della materia fine che fuoriesce dall’uomo in una direzione determinata dal suo tipo e dalla sua personalita, ¢ che tra- scina con sé Ia sua attenzione. In casi estremi questo risucchio dell’attenzione pud es- sere cosi completo che il corpo dell’ tomo al momento viene privato perfino dei rudi- rmenti della sua individualita psichica. Questo “fascino” il modo pitt comune di usa re la materia fine del!’energia creativa dell’ uomo. Costituisce infatti lo stato normale dell’uomo e per questo motivo & completamente isticonoscibile ed ordinariamente in- visibile, 208 Per eseguire ilavori pit difficili e pid produttivi, un womo impare, per mezzo dell uso éell’aitenzione, a mantenete questo “fascino” in una certa direzione. Per esempio, un buon calzolaio per un’ ora simane “affascinato” dalla fabbricazione di un paio di scar- pe, un politico rimane “affascinato” mentre pronancia un discorso, una donna rimane “affascinata” dalla lettera che sta scrivendo ad un amico. Senza questo modo elemen- tare di mantenere T'attenzione in una direzione, non pud essere prodotto nessun buon lavoro, neppate il pid semplice. Cosi ci sono tre categorie di questa ordinaria spesa o diffusione della materia fine. IL flusso verso Pesterno pud indirizzarsi semplicemente da oggetto ad oggetio, dalla vista al suono, al pensiero, a seconda che l'uno o Valtro fenomeno cattun Pattenzio- ne. Oppare il fusso verso 'estemo pud essere attratto da qualeosa che esercita una forte presa sull’attenzione: una persona di cui si & innamorati, una persona che ei irri ‘a, un libro interessante, un suono irritante e cosi via. Ed infine, con un semplice sfor- zo dellattenzione, il flusso pud essere mantenuto per un certo tempo nella direzione desiderata, Come abbiamo detto, questi modi diversi nei quali la materia fine viene normal- ‘mente consumata rappresentano aspetti diversi della particolare funzione che sta lavo- rando: ua aspetto automatico, un aspetto emozionale, un aspetto intenzionale. Inolire essi sono caratteristici di tre distinti processi, e danno tre tipi di risultati completa- mente divers. [Nello stesso tempo essi sono tutti meceanici,¢ la loro principale caratteristica & che Yattenzione & sufliciente solo a permettere alla materia fine che porta la consapevo- lezza di attaccarsi ad una cosa alla volta. Questo & lo stato ordinario dell’ uomo. Fgli pud essere consapevole solo di una cosa alla volta. Fgli pub essere consapevole della persona alla quale sta parlando, o delle sue proprie parole; egli pud essere consape- vole delle angosce di qualcuno o di un dolore nel suo corpo; egli pud essere consape- vole di una scena 9 dei suoi propri pensieri, Ma eccetto che in occasion molto rare, egli non & consapevole contemporaneamente delle sue parole e della persona alla qua le le sta indixizzando; del suo dolore ¢ di quello di qualcun altro; di una scena e dei suoi pensieri st di essa, Cost la consapevolezza di tutti gli uomini nel loro stato ordi- nario pud essere classificata come “fascino”. Poiché sé un uomo diventa consapevole di qualche fenomeno estemo, egli perde la consapevolezza di se stesso; o se diventa. consapevole di qualche cosa in se stesso, cgi perde la consapevolezza del mondo ester- 1no, cio? egli diventa “affascinato” da una sola cosa, interna o estema, ed esclude tut- te le altre, ‘Certamente I'esperienza di ogni uomo contiene istanti di attenzione divisa, e se co- i non fosse, noi non avremmo nessuna indicazione su come procedere. Per esempio, una delle ragioni dello straordinario potere che hanno sull’ uomo le sensazioni d’amo- re ¢ di sesso & che in certe circostanze esse datino un’intensa consapevolezza di sé e di un altro nello stesso momento, Questo & uin vero anticipo del successivo stato di consapevolezza. Ma se questa sensazione artiva ad uomini del tutto impreparati, essa & accidentale oltre il loro controllo, Una delle cose principali che viene insegnata nelle scuole della Quarta Via & /'in tenzionale divisione dell’attenzione fra se stesso ed il mondo esterno. Per mezz0 di tuna Iunga pratica e di un costante esercizio della volonta, alla materia fine della con- sapevolezza non viene permesso di scorrere ininterrottamente in una direzione, ma es- sa viene divisa, una parte viene trattenuta in se stesso, mentre l’altra viene diretia all'esterno, verso quello che uno sta studiando o facendo, Per mezzo della divisione 200 snsky | tanica incipi fee il schio | | jemen- jnisteri te del- Inside. the lo ©, dal re un { 1947, Savan E SelVatenzione, ‘0 studente impara ad essere consapevole di se stesso che parla ad un pony 90 itn un crt scot se ness ce agisce, sente 0 pensa in "PROMO at mong exe ie > eS Modo es i L’inizio solo per qualche istan- esl impara a ricordare se stesso, al’ We SP sempre Bi request Bva via che ol impara eordare ge tes, consaperct ®Suntang om signficate ed una consiteaza che pana, quando Ta sve “Ta ca22 Si muovee dan fssino al ato, ese non avevano, cae sono mati ttica di questo secondo stato, del ricordo di sé, I aitenzione div Ci Du rene S88 Sane questo sat. Primo, per aleune raion cosmict,nesino ieee mo me i c iene viene perlato © non gi vi tedo in pratica fino a che non glicn Y oe $20, quando li viene spiegato, ogni persona ronal, con sient ora et isione di cid che significa. Infatti se lo de- sidera a, av18 una momentanea vision: - oa esti pud, nel moment in cui ne sente parlare, diventare consapevole a Cod ‘een? a sedi, che sta leggendo di una nu deg, "M0 Ombiente, di se stesso seduto su una sedia, che sia legg rs esto 10, Se non con un suo Fondo i sé non pud essere ripetto o mantenuto, ° 020 COascio, Non viene da solo. Non pud niai diventare un’ abitudine. Nel momen Bnet conto 9 onereione sven, vie dent tut gi sfor Soe oT quanto sinceri, degenerano ancora una volta nel “seo 18 ele em a i s1® necessario notare che una forte atten- una cosa alla volta. Cosi & necessar rea 88 conga ata consapeolezea fins del pope sop mei non cogtb © dello, in vision 0 visualizarion, perno in profonde emo- 7oni, non Costinsee ‘sé. Poiché tutto questo pud essere fatto con Patien- vole 95 ce ug pu vente aflasraao™ d im compita dlls conse- ae i "emozione; ed uno diventerd imman- ‘abilmente nee ‘Un esercizio mentale, o da un’em« 8