Sei sulla pagina 1di 2

Comunicato –Relazione sulla Conferenza Interreligiosa in Nanded (India) -25/28 sett.

2008

Una delegazione della Fondazione Onlus”Il Mandir della pace”, composta dalla Dr.ssa Gabriella
Lavorgna (Presidente Fondazione e membro dell’Ass.ne mondiale Religions for Peace, in
rappresentanza della sezione italiana ) ,da Padre Ernesto Piacentini(teologo Francescano), dalla
Dr.ssa Lucia Di Spirito (giornalista ),dalla Dr.ssa Marina Caroli(giornalista),e dalla Dr.ssa Rosalba
De Vita(socio sostenitore Mandir ), e' stata invitata a partecipare alla Conferenza internazionale
interreligiosa , promossa dal Guru Gobind Singh Institute, of engineering&tecnology, dal 25 al 28
settembre 2008 in Nanded (India), per celebrare il terzo centenario di Gurtagaddi (ordination of
Guru Granth Sahib as Eternal Guru of the Sikhs).
Lo scopo della stessa e' stato quello di promuovere il dialogo interreligioso, per lo sviluppo e
l'approfondimento della conoscenza dei vari credo religiosi, per favorire l’apertura delle porte alla
comprensione degli stessi.
Il messaggio di fondo, inteso non come un tentativo di fusione delle religioni ma come modo di
apprezzare le similitudini , valutandone le differenze, non e' stato indirizzato solamente alla
Comunita' Sikh ma all'umanita' intera.
“Queste iniziative tendono a ridurre i conflitti globali e promuovere la Pace”, ha detto BHAI Sahib
MOHINDER Singh, Chairman, Guru Nanak Nishkam Sewak Jatha UK.
La Conferenza internazionale ha riunito accademici, capi spirituali e rappresentanti della societa'
civile ed è servita da prologo dell'evento futuro che si svolgera' nel dicembre 2009 in Australia ,
Melbourne , promossa dal WCRP.(World Conference Religions For Peace)
Speakers e delegati da tutti i continenti e paesi come Usa, Canada, Inghilterra, India, East Africa,
Australia, Dubai, e rappresentanti Europei delle religioni, incluso Induismo, Islam, Buddismo,
Giudaismo, Cristianesimo , Bahai e Sikh hanno partecipato alla manifestazione in programma ed i
loro interventi hanno incoraggiato i governi e la societa' civile a rispettare le Sacre Scritture di tutte
le tradizioni in maniera obiettiva.
Una suggestiva cerimonia ha caratterizzato l’inaugurazione dei lavori della Conferenza con
l’accensione della lampada votiva, evocativa dell’incontro interreligioso, convocato ad Assisi da
Giovanni Paolo II il 24 gennaio 2002, donata per l’occasione dal custode del Sacro Convento di
Assisi P. Vincenzo Coli, accompagnata dal suo messaggio beneaugurante, espresso tramite P.
Ernesto Piacentini , e dalla preghiera , esaltante lo spirito di Francesco.
Gabriella Lavorgna , Pres. della Fondazione “Il Mandir della Pace”, dopo aver trasmesso alla
Comunità Sikh il saluto del Dr .Luigi De Salvia(Segretario della Sez .italiana dell’Ass.ne Religions
for Peace”), intonando con il suo gruppo l’inno”Fratello sole, sorella luna”, ha proseguito sulla
stessa onda , invitando i rappresentanti delle differenti fedi a pregare , ciascuno nella propria
religione, mentre la “Torcia della Fratellanza universale”, recante l’immagine di San Francesco ed
i simboli di tutte le religioni, scorreva tra le loro mani , quale tangibile testimonianza di “Unità
nella diversità”.
La Conferenza internazionale ha costituito un preludio di una serie di celebrazioni e conferenze che
verranno organizzate in tutto il mondo ed i Sikh sperano che il messaggio delle loro scritture venga
recepito da tutto il mondo .
Numerose le testimonianze di apprezzamento all’iniziativa, provenienti da rappresentanti di governi
e di Comunità spirituali di tutto il mondo.
Sua Santita', il 'Dalai Lama, ha commentato, circa il tema della Conferenza, che la religione
dovrebbe costituire il basamento dell’umanità vivente , determinato da princìpi di Unità e
Fratellanza , tra figli di un unico Dio.
“Noi incoraggeremo la diffusione dei contatti secondo i seguaci delle differenti religioni e a visitare
i luoghi di preghiere e di pellegrinaggio,” ha affermato il Sindaco della citta'di Nanded, Sri Hazur ,
sostenendo che il dialogo attivo puo'costituire un reciproco arricchimento di pratiche spirituali ed
etiche ed ha invitato quindi tutti gli speakers e i delegati, partecipanti alla Conferenza , a visitare
la citta' e i luoghi sacri Sikh .