Sei sulla pagina 1di 49

ANNO 17 - N.

246 - 1,20

Direzione: via Rossini 2/A - 87040 Castrolibero (CS) Telefono 0984 4550100 - 852828 Fax (0984) 853893 Amministrazione: via Rossini 2, Castrolibero (Cs) Redazione di Reggio: via Cavour, 30 - Tel. 0965 818768 - Fax 0965 817687 - Poste Italiane spedizione in A.P. - 45% - art. 2 comma 20/B legge 662/96 - DCO/DC-CS/167/2003 Valida dal 07/04/2003

Mercoled 7 settembre 2011


www.ilquotidianodellacalabria.it

Senza paga da sette mesi si rivolgono alla Madonna


Reggio, i dipendenti delle Onlus della Diocesi
C. TRIPODI a pagina 14

Per il Papa a Lamezia il 9 ottobre attesi in 100mila


Cosenza si prepara alla beatificazione di suor Elena Aiello
ACETO e RETTURA a pagina 15
Benedetto XVI

Quando lOccidente si scopr vulnerabile


L11 settembre visto a distanza di dieci anni
V. DELLUVA alle pagine 50 e 51

Nello sport

Super Pazzini nel finale d allItalia gli Europei


Firenze incorona gli azzurri: piegata con fatica la Slovenia
Giampaolo Pazzini, 27 anni

Le ultime decisioni del Governo nel giorno dello sciopero della Cgil

Aumento dellIva al 21%


La fiducia per lennesima bozza di manovra: La crisi grave
Donne in pensione a 65 anni dal 2014 nel privato Rispunta il prelievo ai ricchi Sar del 3% sui 300mila Iniziative nella regione per lappello lanciato dalla Camusso
ALBERIO, BERGAMO, FURCI MOLLO, PIRRI e VINCELLI alle pagine 4, 5, 6 e 7
Un momento della manifestazione di Cosenza per lo sciopero della Cgil (Foto M. Tosti)

Marijuana? Non lo sviluppo che vogliamo


di PIETRO MOLINARO IL 27 AGOSTO u.s. in un articolo di Tonino Perna apparso su Il Quotidiano della Calabria a pag. 20 dal titolo E se la
continua a pagina 16

Catanzaro

Arrestato un avvocato per una vicenda di estorsione


Il professionista posto ai domiciliari in attesa che la Procura svolga accertamenti
SAVERIO PUCCIO a pagina 14

Per la Calabria urgenti pi che mai le riforme


di MARIO MAIOLO L'ATTUALE crisi economico-finanziaria globale, la pi grave dal 1929 a oggi, continua, purtroppo, a dimostrare di non
continua a pagina 17

Mobilitazione a Reggio

Storia di Franco Corbelli

La sei giorni di Emergency per Azzar


S. GERACE e C. TRIPODI a pagina 9
Francesco Azzar

Ecco chi il salvatore di Kate


MASSIMO CLAUSI a pagina 10
Franco Corbelli

Dalle banche una truffa colossale


di ANTONINO DE MASI IN questo periodo di fine estate sono stato attratto da un articolo pubblicato dal New York Times e ripreso poi dai maggiori
continua a pagina 17

Bufera sullalto magistrato per le dichiarazioni sulla liberalizzazione delle droghe e sui voti mafiosi
Sombrero

Giovanardi invoca il Csm contro il procuratore Macr


IL sottosegretario Carlo Giovanardi ha chiesto lintervento del Csm dopo le dichiarazioni del procuratore generale di Ancora Macr sulle droghe. GIUSEPPE BALDESSARRO a pagina 12

Cinema
BENVENUTI al Sud stato un trionfo al botteghino, e in tv ha segnato il record di Sky. Il film il rifacimento di una commedia francese (l i terroni sono la gente del Nord, perch i pregiudizi sono ribaltati). Ora arriva nelle sale da Venezia Cose dell'altro mondo, che narra di un'improvvisa sparizione di tutti gli immigrati, che, con buona pace dei leghisti, fa capire quanto sono importanti. Solo che l'idea la stessa di una commedia americana: l a sparire sono i messicani, i loro mal sopportati immigrati. Il cinema italiano conferma la sua brillante originalit.

Siderno

Sequestrati dalla polizia beni per un milione


P. VIOLI a pagina 12

2 In Italia e nel Mondo


Brevi

Mercoled 7 settembre 2011

Il gip sicuro che non fu lui a uccidere la piccola. Voleva proteggere i familiari

Haiti, soldati Onu stuprano ragazza


MONTEVIDEO La missione Onu a Haiti al centro di polemiche dopo la diffusione di un video shock con presunti abusi sessuali commessi da un gruppo di cinque militari uruguaiani contro una giovane di 18 anni. Centinaia di haitiani hanno manifestato a Port Salut sostegno della vittima e della sua famiglia, chiedendo giustizia.

Sarah, archiviata laccusa a Michele Misseri


TARANTOMichele Misseri non pi accusatodi aver ucciso la nipote quindicenne Sarah Scazzi il 26 agosto dello scorso anno. Il gip del Tribunale di Taranto Martino Rosati ha firmato il decreto di archiviazione nei confronti dellagricoltore per il reato di omicidio. Era stata la stessa procura della Repubblica di Taranto a chiedere l'archiviazione per questo reato, depositando sul tavolo di Rosati la richiesta alla fine di luglio in contemporanea con quella, consegnata al giudice delludienza preliminare Pompeo Carriere, di rinvio a giudizio per 13 imputati. Su 'zio' Michele restano dunque le accuse di soppressione del cadavere (in concorso con la moglie e la figlia, Cosima Serrano e Sabrina Misseri, un fratello, Carmine, e un nipote, Cosimo Cosma), danneggiamento seguito da incendio (la distruzione degli effetti personali di Sarah) e furto aggravato (il telefonino della quindicenne). Del delitto sono accusate Cosima Serrano e Sabrina, le sole persone attualmente detenute. Con larchiviazione, per lui, dallaccusa di omicidio, Michele Misseri pu davvero considerarsi una figura di secondo piano nel panorama istruttorio del procedimento, cos come aveva gi scritto il gip Rosati nellordinanza di custodia cautelare firmata neiconfronti diCosima e Sabrina il 26 maggio scorso. Nel decreto di archiviazione provvedimento di una pagina in fase di notifica alle parti interessate il gip sottolinea che 'zio' Michele non ha saputo indicare con esattezza larma del delitto n lha fatta ritrovare, al contrario di gran parte degli effetti personali di Sarah. L'agricoltore inizialmente aveva detto agli inquirenti di aver strangolato la nipote con una corda; poi aveva parlato di una cintura, fino a tornare ad indicare, pi di recente, ancora una corda. Ma n Michele Misseri questa n la presunta cintu- del delitto e lora in cui sarebra sono state trovate. Il gip fa be stato commesso il delitto. proprie anche le motivazioni Michele Misseri, insomma, contenute nella richiesta di si sarebbe addossato la rearchiviazione depositata ol- sponsabilit del delitto solo tre un mese fa dalla Procura. per proteggere i famigliari. Tra queste, il luogo presunto Paolo Melchiorre sto larresto di Tarantini, di sua moglie Angela Devenuto e del direttore e editore dellAvanti ValterLavitola per una presunta estorsione ai danni del premier e che ipotizzerebbero a carico di magistrati baresi i reati di abuso ufficio e di violazione del segreto dufficio. Il tutto si basa su intercettazioni tra Tarantini e Lavitola, come quella in cui l'imprenditore barese,commentando unintervista al Giornale in cui Patrizia DAddario racconta di essere stata strumento di un complotto ai danni di Berlusconi,spiega che tutto stato organizzato (l'ha fatto apposta Laudati)per rinviare la chiusura dellinchiesta. Unaccusa respinta dal procuratore di Bari, cos come quelle che gli ha rivolto il pm Scelsi, che tra l'altro nellesposto al Csm ha accusato Laudati di avergli impedito di leggere la relazione conclusiva della Guardia di Finanza sull'indagine, depositata pochi giorni prima il suo trasferimento alla procura generale di Bari, e ha segnalato come anomala la richiesta di una relazione sullo stato dellinchiesta che Laudati gli avrebbe rivolto prima di insediarsi a capo della procura di Bari, in unincontro alla presenza di vari ufficiali della Gdf, alcuni dei quali oggi indagati. Claudia Greco

Da uno sperma 150 figli


NEW YORK Sono 150, ed incredibile, quando li vediamo insieme, sembrano tutti uguali: sono tutti fratelli, figli di uno stesso donatore di sperma. A raccontare la storia al New York Times la signora Cynthia Daily, madre di una bimba di sette anni nata con laiuto di una banca del seme. Pensando di dar vita ad una sorta di moderna famiglia allargata, la signora Daily qualche anno fa assieme al marito ha avviato una ricerca per vedere se il 'suo' donatore aveva avuto altri figli e ha cos creato un sito web, con lanonimo numero di identificazione del padre biologico di sua figlia. Il risultato stato davvero sorprendente: nel corso del tempo, il numero delle famiglie che si registravano nel suo sito continuava a crescere. Oggi sono 150, e il suo gruppo certamente il pi significativo, ma non certo lunico. Ne sono sorti molti altri.

Antonio Laudati dovr dare spiegazioni sullinchiesta

Ricatto al premier, il Csm convocato il procuratore di Bari


ROMA La convocazione il 22 settembre del procuratore di Bari Antonio Laudati, e tre giorni prima, il 19, del pm Giuseppe Scelsi che ha indagato per primo sul giro di escort portate nelle residenze private di Silvio Berlusconi tra il 2008 e il 2009 dallimprenditore barese Gianpaolo Tarantini e che ha accusato il suo ex capo (ora il magistrato alla procura generale) di averlo estromesso dallinchiesta e di averne di fatto ritardato la conclusione. Dopo la procura di Lecce, anche il Csm mette sotto la lente di ingrandimento modalit e tempi di conduzione dellinchiesta su Tarantini, per accertare, con unistruttoria, se vi sono stati anomalie o rallentamenti. Al centro dellattenzione della Prima Commissione di Palazzo dei marescialli c' il procuratore di Bari Antonio Laudati, la cui audizione, come quella di Scelsi, avverr presumibilmente dopo che la procura di Lecce avr risposto alla richiesta dei consiglieri di inviare tutte le notizie e informazioni consentite sulla sua inchiesta. L'obiettivo finale verificare se ci siano stati comportamenti, che pur non rilevanti da un punto di vista penale, possano giustificareun trasferimento dufficio per incompatibilit ambientale o funzionale. Linchiesta della procura del capoluogo salentino nata dalla trasmissione di atti da parte dei pm napoletani che hanno dispo-

Giuseppe Scelsi

Mercoled 7 settembre 2011

In Italia e nel Mondo 3


Yara, un taglierino da muratore larma del delitto
BERGAMO Uccisa con un taglierino appuntito da muratore, di quelli che di solito vengono utilizzati per ripulire i bordi delle piastrelle. E lultima indiscrezione sullomicidio di Yara Gambirasio, ancora senza colpevole. Larma sarebbe stata individuata da Cristina Cattaneo, lanatomopatologa alla quale la Procura di Bergamo ha affidato lautopsia. Il medico legale infatti ha scoperto su tutte le ferite un materiale particolare: i residuati delle piastrelle quando vengono ripulite con il taglierino.

Perugia. La difesa di Sollecito parla di procedure non corrette. Furiosi i pm

Scontro sul Dna, forse una nuova perizia


PERUGIA Il consulente della difesa di Raffaele Sollecito parla di procedure non corrette seguite dalla polizia scientifica nellesame delle tracce di Dna e a suo avviso pi che forte il sospetto di una contaminazione del gancetto del reggiseno di Meredith Kercher. Nessuna contaminazione e risultati esatti, replicano i consulenti del pm. Uno di loro, Giuseppe Novelli va oltre, sostenendo che le tracce sul coltello potrebbero essere nuovamente analizzate utilizzando i kit di ultima generazione. C' bisogno di una nuova perizia dice da parte di un esperto che abbia esperienza dalla biostatistica alle analisi di laboratorio. Se chiederla o meno dovr deciderlo la procura generale. La possibilit che i magistrati possano sollecitare altri accertamenti appare comunque unipotesi pi che concreta. Listanza potrebbe essere presentata gi nelludienza di oggi, al termine della deposizione dei consulenti della difesa di Amanda Knox. Un ultimo scontro, forse, tra pm e difese prima che la Corte dichiari chiuso il dibattimento per dare avvio a requisitoria e arringhe, approdando quindi alla sentenza. Ieri intanto la biologa della polizia scientifica Patrizia Stefanoni tornata adifendere illavoro svoltonelle indagini, escludendo la contaminazione come fatto oggettivo. Per poi ribadire quindi che provata la presenza del Dna di Sollecito sul gancetto del reggiseno. Niente sottolinea - stato portato dallesterno nellacamera dovevenne uccisala Kercher. Riguardo allipotesi dei periti della polvere come origine della contaminazione rivendica che questa si posa dovunque ma sulle 133 tracce analizzate non sono mai stati trovati altri profili se non quelli degli imputati e della vittima mentre nella casa abitavano anche altre ragazze. Casa tornata, ora, ad essere abitata da una famiglia di stranieri mentre quattro studenti marchigiani hanno preso in affitto quella sottostante. Per la contaminazione ribadisce intanto in aula il professor Novelli va sempre dimostrata lorigineechi lha provocata. Il docente,

Amanda Knox ieri in Aula

di genetica umana allUniversit di Tor Vergata, spiega poi di avere esaminato uno a uno le centinaia di Dna lavorati nei laboratori della scientifica nei giorni delle analisi sul delitto di Perugia ma di non avere mai trovato evidenza di contaminazione.

Visti 200/250 camion. Ma nessuno ci crede davvero

Libia, convoglio fantasma con il ras e il suo oro verso il Niger


TRIPOLI Negoziati da qualche parte nella regione della citt-oasi di Bani Walid, combattimenti in avvicinamento alla citt portuale di Sirte, un 'convoglio fantasma' di oltre 200 automezzi militari e blindati che attraversa il deserto e entra nel Niger portando il tesoro di Gheddafi, alcuni suoi fedelissimi e forse lo stesso rais. La giornata di ieri della guerra di Libia lascia ancora molte incertezze e molti punti interrogativi, probabilmente molti morti e un gran numero di feriti. La vicenda del 'convoglio fantasma' avvistato in Niger e diretto nel Burkina Faso dopo aver attraversato il Sahara, ha visto per lintera giornata il moltiplicarsi di segnalazioni e smentite. Prima stato detto che era in Niger: 200-250 camion e mezzi militari carichi di oro e denaro che Gheddafi, alcuni suoi figli e alcuni tra i suoi fedelissimi avrebbero portato con s nella loro fuga da un Paese ormai perso. Poi che era diretto nel Burkina Faso visto che una decina di giorni fa questo Paese aveva offerto asilo politico al rais. Il Niger ha smentito. Il Burkina Faso pure, aggiungendo di non avere alcuna intenzione di dare asilo politico a Gheddafi. Non vogliamo problemi, ha affermato un portavoce. Che Gheddafi fosse a bordo di uno dei mezzi poi, a tarda sera nessuno sembra credere. Non gli americani, non i francesi. E neppure gli insorti, secondo i quali il Colonnello avrebbe avuto un ictus nei giorni scorsi e, viste le sue condizioni di salute non pu aver lasciato il Paese. Gheddafi in Libia, aveva detto la notte scorsa anche il suo portavoce Moussa Ibrahim. Ma con un distinguo sostanziale: Il rais sta bene e il suo morale alto. Sul terreno, ieri i combattimenti sono stati registrati solo sul fronte orientale, in direzione di Sirte. Qui gli insorti del Consiglio nazionale di transizione (Cnt) hanno guadagnato altri otto chilometri portandosi cos a circa 80 chilometri dalla citt natale del Colonnello. Secondo varie fonti si sono quindi fermati in quanto lartiglieria dei combattenti fedeli a Gheddafi ancora attiva e contrasta con una certa efficacia l'avanzata dei ribelli. Nel frattempo sono entrati in azione gli aerei della Nato che hanno compiuto diversi raid, bombardando le postazioni dei gheddafiani, con lintento di aprire agli uomini del Cnt la strada verso la citt portuale. In serata non venivano segnalati altri scontri. Situazione di stallo anche nella regione di Bani Walid, 170 chilometri a sud-est di Tripoli, data a pi riprese come conquistata dai ribelli, in realt ancora arroccata su posizioni che non contemplano la resa senza che venga garantita unamnistia ai fedeli di Gheddafi che vi si sono rifugiati. Poche decine di uomini, secondo gli insorti, la cui resistenza armata potrebbe per portare a uccisioni di civili e saccheggi indiscriminati. I rivoluzionari e personalit della regione di Bani Walid ha riferito da Bengasi il presidente del Cnt, Mustapha Abdel Jalil sono in riunione da qualche parte per trattare. E se Dio lo vorr, questi negoziati saranno coronati da successo. Nella citt intanto, sarebbe interrotta lerogazione dellenergia elettrica e dellacqua. Acqua che, invece, tornata a Tripoli da quindici giorni in mano agli insorti: i loro tecnici sono riusciti a riparare hanno riferito gli abitanti le condotte danneggiate da combattimenti e bombardamenti. Secondo lUnione Europea, la capitale libica sta tornando gradualmente alla normalit ... C' la volont di ristabilire condizioni di sicurezza. Ma solo la riapertura dellaeroporto internazionale riporter Tripoli alla vita: tra 10-15 giorni, auspica lUe. Ahmed Buzher

Ribelli in perlustrazione, ma del ras nessuna traccia

Rottura di ogni rapporto militare e commerciale e minaccia: In settimana andr a Gaza

Israele-Turchia, Erdogan alza il livello della crisi


ANKARA Militarmente alleata con Israele fin dal 1996, la Turchia a un passo dalla rottura formale di ogni relazione con lo Stato ebraico. Il primo ministro turco, Recep Tayyip Erdogan, ha annunciato ieri la sospensione totale dei rapporti militari e commerciali, ha accusato Israele di avere nei confronti dei palestinesi un atteggiamento da bambino viziato e non ha escluso lintenzione di recarsi personalmente a Gaza, a margine di una visita che lui far la prossima settimana in Egitto. Si tratta, agli occhi degli israeliani, di una chiara provocazione, visto che Gaza retta da Hamas, gruppo considerato da Israele unorganizzazione terroristica. Da parte sua, Israele ha evitato di replicare. Fonti governative si sono limitate a riferire che lo Stato ebraico non intende rispondere alle ultime dichiarazioni di Erdogan. Resta il fatto che il premier turco non ha affatto digerito le mancate scuse israeliane per i nove turchi uccisi a maggio 2010 nel corso di un raid israeliano in acque internazionali contro una flottiglia filopalestinese. Nel raid, portato contro la nave Mavi Marmara in rotta verso Gaza, morirono 9 attivisti turchi. Quei morti continuano a lasciare il segno: finch Israele non chieder formalmente scusa, la Turchia non solo cesser di essere alleato di Israele, ma sar esplicitamente contro. E ieri Erdogan, che gi nei giorni scorsi aveva espresso posizioni sempre pi dure nei confronti Israele, ha irrigidito ulteriormente i toni: Sospendiamo totalmente i nostri legami commerciali, militari e nellindustria della difesa, ha detto parlando ai giornalisti. Ai quali ha aggiunto che la prossima settimana, a margine di una sua visita in Egitto, potrebbe anche recarsi a Gaza. solo lultimo atto di una escalation tra Turchia e Israele che sembra ormai essere sull'orlo di una rottura irreversibile. La Turchia infatti il 2 settembre scorso aveva gi provveduto allespulsione dellambasciatore israeliano ad Ankara, e aveva reso noto di essersi rivolta alla Corte internazionale di Giustizia per contestare la legalit del blocco israeliano di Gaza. Le navi turche saranno viste sempre pi frequentemente in quelle acque, ha detto ieri Erdogan riferendosi appunto alle acque del Mediterraneo orientale antistanti la Striscia.

ilLotto
Bari Cagliari Firenze Genova Milano Napoli Palermo Roma Torino Venezia Nazionale

estrazione del 6 settembre 2011

1 33 30 65 37 12 55 12 39 85 41

38 63 11 75 66 77 71 18 66 1 54

31 77 80 29 5 50 12 77 74 22 57

65 89 40 4 71 57 35 25 76 37 20

77 23 77 7 65 80 18 11 87 61 37

Ges Cristo superstar Sindrome da sconto su facebook: 4 milioni di fan compriamo pi del necessario
GES Cristo 'superstar' su Facebook. Grazie allintuizione di un dietologo della North Carolina, anche il Nazareno ha la sua pagina sul pi noto social network del mondo. Si chiama Jesus Daily, e sembra il nome del giornale locale stampato dal paradiso. Sorto nellaprile del 2009, ha raggiunto la quota record di 8,2 milioni di 'fan', con un picco di 3-4 milioni di contatti nelle ultime settimane, tantissimi se comparati con le 630mila 'interazioni' della pagina di Justin Bieber che per di 'fan' ne ha 35 milioni. Il suo 'creatore' Aaron Tabor, 41 anni, cresciuto seguendo le prediche nelle megachiese del sud, tra lAlabama e la North Carolina. Il suo lavoro 'ETERODIRETTI'e inconsapevoli ci muoviamo tra gli scaffali del supermercato alla ricerca del prodotto in sconto: a guidarci non pi la lista della spesa scritta prima di uscire e quindi la nostra capacit decisionale, ma le offerte che si moltiplicano, spesso proponendo lo sconto sull'acquisto di una quantit di prodotto superiore a quella necessaria. E quando la sindrome da sconti ci contagia finiamo per spendere pi di quanto avremmo fatto con una spesa ragionata e portiamo a casa prodotti che non ci servono. Il fenomeno, che quasi una compulsione allo sconto, pu essere accentuato dalle paure e dal clima di incertezza della crisi economica,

I NUMERI VINCENTI DEL "10 e LOTTO"

1 - 11 - 12 - 18 - 29 - 30 - 31 - 33 - 37 - 38 39 - 55 - 63 - 65 - 66 - 71 - 75 - 77 - 80 - 85

ilSuperEnalotto

Conc. n 107 jolly

Montepremi 2.656.050,19 euro

14 - 15 - 21 - 41 - 60 - 63

37

punti 6 jackpot 58.592.306,83 punti 4 421,59 20,03 punti 5+1 - punti 3 punti 5 49.800,95 Num. Superstar 8

facile: 'posta' tre o quattro volte al giorno la parola di Ges su Facebook. E la cosa sembra piacere moltissimo al popolo della rete. Il mio scopo racconta il dottore al New York Times dare coraggio alla gente. E penso che ci sono riuscito dando alla pagina questo sito che d l'idea di un giornale.

spiega lo psichiatra Ferdinando Pellegrino dirigente medico del Dipartimento di Salute Mentale della Asl di Salerno. Lo psicoterapeuta ha affermato: ci sono persone che girano per i supermercati a caccia di sconti,comprano sololamerce scontata, la loro quasi una compulsione alla sconto.

4 Primo piano

Mercoled 7 settembre 2011

Mercoled 7 settembre 2011


Il presidente del consiglio Berlusconi, il ministro Tremonti e il presidente della Repubblica Napolitano

Primo piano 5

Crisi e politica
Rivoluzionato il provvedimento dopo un vertice di maggioranza

LINTERVENTO

Per la manovra serve la fiducia


Tra gli aspetti rivisti nella quarta versione Iva pi cara di un punto e tassa per i super - ricchi
di MANUELA TULLI ROMA Iva pi cara di un punto e tassa sui super-ricchi. Stretta sulle pensioni delle donne; si comincer il percorso di innalzamento dellet dal 2014. La risposta non positiva dei mercati alla manovra licenziata domenica sera dalla Commissione Bilancio del Senato e il richiamo, luned, del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, ha portato ad un nuovo pacchetto di misure che saranno presentate in Senato come maxi-emendamento sul quale il governo porr la fiducia, con lobiettivo di chiudere subito la partita. Critici i sindacati, questa volta non solo la Cgil, mentre plausi arrivano dalla Confindustria. Ritocco in vista poi per la norma della manovra secondo la quale non pu essere chiesta la sospensione condizionale della pena nel caso di evasione superiore ai 3 milioni di euro. Non solo levasione deve ammontare a questa cifra, per far scattare subito le manette, ma deve corrispondere, secondo quanto si apprende, anche al 30% del fatturato. La misura, che di fatto allenterebbe la portata della norma, potrebbe entrare nel nuovo pacchetto (il maxi-emendamento alla manovra) atteso in Senato. PACCHETTO IVA - Il grosso del pacchetto riguarda lIva: un punto in pi sull'aliquota del 20%, che passa cos al 21%. Una misura che fa cassa subito, andr a miglioramento dei saldi ma che non potr essere pi spesa per la riforma fiscale. E che pesar su moltissimi beni: dalle auto alle scarpe, dal vino ai cd, dal parrucchiere ai giochi. TASSA SUPER-RICCHI - Arriva poi una tassa sui super-ricchi. In un primo momento la platea di coloro che sarebbero stati chiamati a pagare un contributo di solidariet del 3% era stata individuata negli 11.000 paperonidItalia con un reddito superiore a mezzo milione di euro. Ma poi nel consiglio dei ministri di questo pomeriggio, convocato per autorizzare la richiesta di fiducia sul decreto, c stato un ripensamento e la platea stata ampliata: lo pagheranno tutti coloro che hanno un reddito superiore a 300.000 euro lanno. In tutto circa 34.000 contribuenti. Riguarder tutti, anche i lavoratori pubblici gi sottoposti al taglio dello stipendio (5% oltre i 90.000 euro e 10% oltre i 150.000), e peser sul reddito complessivo: da lavoro dipendente ed autonomo o di impresa, da capitale e anche da reddito fondiario, fatta eccezione per la prima casa. PENSIONI DONNE Nuovo colpo daccelerazione poi per linnalzamento a 65 anni dellet pensionabile delle donne nel settore privato. Il graduale innalzamento non partir pi dal 2016, come era stato deciso correggendo la norma di luglio che segnava come inizio del timing addirittura il 2020, ma dal 2014. Tutti contro i sindacati. Intanto in Senato ancora atteso il maxi-emendamento. Oggi il voto di fiducia e il via libera per un passaggio, che si preannuncia rapidissimo e soprattutto blindato, alla Camera. Silvio Berlusconi non ha dubbi: Bisogna fare in fretta, avrebbe detto durante la riunione dellesecutivo. Un concetto ribadito da un comunicato diffuso dopo il Cdm in cui si parla della fiducia come di uno strumento regolamentare necessitato per conseguire una celere conversionedel decreto-legge,come imponela gravit del contesto internazionale di crisi finanziaria. LE OPPOSIZIONI BOCCIANO LA MANOVRA - In piazza, al fianco della Cgil, hanno sfilato solo i leader del centrosinistra. Ma in Parlamento, alla luce della nuova versione della manovra, anche il Terzo Polo boccia come inique e inefficaci le misure anti-crisi del governo e la decisione diblindareildecreto conlafiducia.E per Pd e Terzo Polo la soluzione per rassicurare i mercati e l'Europa ormai solo una: le dimissioni del governo e un nuovo esecutivo di discontinuit mentre Antonio Di Pietro chiama in causa il Colle chiedendo di sciogliere le Camere. Nel giorno dello sciopero generale della Cgil, Pier Luigi Bersani, sfidando le critiche interne, e Antonio Di Pietro avevano gi scelto di stare dalla parte della protesta totale alla manovra. Se, per, l'ex pm annuncia in Aula ostruzionismo contro un decreto distruttivo, il segretario Pd raccoglie l'appello del Colle a fare in fretta e meglio e si dice pronto a ridurre al minimo gli emendamenti a patto per che la manovra venga rafforzata e corretta accogliendo le proposte del Pd e togliendo l'articolo 8 che non c'entra niente. Una disponibilit nella convinzione che la maggioranza tirer dritta sulla sua strada, chiudendo spazi mai veramente aperti di confronto. Come dimostra anche la scelta di mettere la fiducia al decreto. inutile far presto se non si fa bene, se su questa manovra non si fa bene rischiamo di fare una manovra alla settimana, sostiene Bersani per il quale le fiducie sono fatte per far crescere la sfiducia il giorno dopo, sono segno di debolezza. Il vertice di Palazzo Grazioli per le opposizioni non altro che una conferma di un governo allo sbando . Una posizione sulla quale si allinea il Terzo Polo, in genere pi aperturista rispetto alle scelte della maggioranza e convinta che il fattore tempo sia essenziale. L'Udc si chiama fuori, pur chiedendo di fare in fretta: questa manovra non ci piace e non la voteremo.

Il blitz del Colle supera lo stallo in extremis


di ALBERTO SPAMPINATO ROMA Giorgio Napolitano ha sperato fino allultimo che i suoi accorati appelli alla ragionevolezza, i richiami ripetuti Infinite volte lultima volta sabato a Cernobbio sarebbero stati accolti. Aveva messo nel conto una contrattazione politico-elettorale spinta fino allestremo sulle scelte pi incisive della manovra finanziaria, per arrivare a un testo condiviso. Ma ieri il tempo era ormai scaduto e le paralizzanti incomprensioni e le pregiudiziali insostenibili erano rimaste. Perci il capo dello Stato ha deciso di alzare la voce, di lanciare lallarme con il massimo clamore. Con quel richiamo, in poche ore, ha rovesciato la partita.Nella manovra sono entrate lIVA, le pensioni, ilcontributo disolidariet. Un risultato per certi versi insperato, anche se ancora da verificare nero su bianco, e che non cancella alcuni contenuti del decreto legge che anche per il Quirinale sono difficili da digerire. Il presidente della Repubblica probabilmente soddisfatto del risultato della sua ultima offensiva, ma non vuole manifestare il suo umore e tanto meno esprimere un giudizio mentre la vicenda ancora da definire. Napolitano, per spingere governo e maggioranza a prendere misure ancora pi energiche, ha usato degli argomenti semplici ma incisivi: Quelli che si usano per convincere tutti a cooperare quando la casa comune brucia. Non c un minuto da perdere, il governo agisca, senza ambiguit e incertezze. Servono misure adeguate, serie, forti, concrete, quantificabili, in grado di ridurre veramente la spesa pubblica e di riaprire il ciclo della crescita, ha insistito il Capo dello Stato nelle ultime ore, e in diversi contatti con governo, maggioranza e opposizione. Le misure devono essere in campo gioved, quando la Banca Centrale Europea, che finora ha steso un ombrello protettivo sul valore dei BTP italiani, decider se protrarre omeno l'acquisto deititoli pubblici italiani. Lopposizione faccia la sua parte, dica la sua, ma senza mettersi di traverso, sarebbe stato anche lappello del Quirinale. Con richiami di questo tenore Giorgio Napolitano ha determinato la svolta decisionista con cui oggi lesecutivo ha riempito la manovra di contenuti pi forti. Il capo dello Stato aveva lanciato lennesimo appello sabato, con il video-intervento al seminario di Cernobbio. Ma le sue prediche non avevano trovato subito orecchie attente. Ieri le preoccupazioni di Napolitano si sono aggravate. Come si temeva, i mercati hanno inflitto una giornata nera ai titoli italiani. E un rapido giro dorizzonte con i massimi esperti a livello bancario e finanziario ha fatto capire che poteva essere il preludio di perdite ben pi gravi. Del resto, ieri anche Mario Draghi e Jean-Claude Trichet hanno fatto pubblicamente e quasi allunisono previsioni nerissime, invitando a non dare per scontato che la BCE avrebbe continuato a dissanguarsi per l'Italia senza che il nostro paese facesse seriamente la sua parte di sacrifici. Al Colle la situazione si delineata in tutta la sua drammaticit, e da l partito il pressing sul governo, sul presidente del Consiglio, sul ministro del tesoro, affinchriempissero dimisurecerte ed efficaci il decreto in discussione al Senato. e sui leader delle opposizioni a non creare eccessive difficolt al varo di misure che hanno ormai un carattere di vera e propria emergenza. I MALDIPANCIA NEL PDL - Si voti la manovra, ma poi si lavori ad un nuovo esecutivo perch questo governo ha perso la sua forza propulsiva ed necessario aprire una pagina diversa. E' questo il ragionamento alla base del malcontento di un gruppo di senatori e di deputati del Pdl che gi domani, in occasione del voto sul provvedimento a palazzo Madama, potrebbero sottolineare la necessit di pensare ad un esecutivo di larghe intese. quanto si apprende da fonti parlamentari del partito di via dellUmilt. Tra i malpancisti ci sarebbero ex esponenti di Forza Italia come Giuseppe Pisanu ma anche altri membri che hanno finora votato per la maggioranza come Lamberto Dini. Ci sono pi di dieci senatori e molti deputati pronti a chiedere una fase nuova, spiegano le stesse fonti. Il premier nei giorni scorsi non aveva nascosto i timori per un possibile agguatoin Parlamento dopo lapprovazione della manovra. Anche durante il vertice di maggioranza, riferisce chi ha partecipato allincontro a palazzo Grazioli, il Cavaliere tornato a ribadire che a guidare lesecutivo solo il presidente del Consiglio.

Ladeguamento porter 4 miliardi

Gioved sar approvato il ddl costituzionale sulla loro abolizione

Pensione a 65 anni per le donne nel privato


ROMA Viene anticipato di ulteriori due anni ladeguamento delle pensioni di vecchiaia delle donne nel settore privato. Lultima modifica introdotta alla manovra prevede che ladeguamento progressivo della pensione di vecchiaia delle donne a 65 anni scatti nel privato a partire dal 2014 fino al 2026. Lequiparazione dellet per la pensione di vecchiaia tra uomini e donne a 65 anni porter a regime risparmi per quasi 4 miliardi di euro lanno. Lanticipo della partenza del percorso dal 2016 al 2014 deciso ieri porter landata a regime della misura dal 2028 al 2026 con un risparmio per quellanno valutato in 3,9 miliardi e 334 mila donne in pi al lavoro rispetto alla normativa attuale. Con la manovra di luglio lallineamento partiva dal 2020 (fino al 2032) e nella manovra bis di agosto si era gi deciso di spostarlo al 2016 (fino al 2028). La manovra prevedeva un incremento di un mese per accedere alla pensione nel 2016 per poi crescere negli anni successivi (due mesi nel 2017 con un cumulato di tre mesi, tre mesi nel 2018 con un cumulato di 6 mesi ecc). Con lanticipo alla misura deciso ieri laumento dellet necessaria per la pensione di vecchiaia partir nel 2014 con la stessa velocit (si aggiungeranno 6 mesi lanno a partire dal 2019 invece che dal 2021). Naturalmente allaumento dellet necessaria per la pensione di vecchiaia va poi aggiunto quello previsto per il miglioramento delle aspettative di vita gi previsto nella manovra del 2010. Nei primi quattro anni, secondo i calcoli dei tecnici i risparmi dovrebbero essere crescenti ma comunque scarsi (circa 700 milioni complessivamente tra il 2015 e il 2017) per poi superare un miliardo lanno dal 2018 e crescere rapidamente negli anni successivi. Nel 2021, sempre secondo i calcoli dei tecnici supereranno i 2,3 miliardi, per salire nel 2022 a 2,7 miliardi e nel 2023 a 3,1 miliardi. Se nel primo anno della misura (2014) non sono previsti risparmi n riduzione delle uscite a regime (nel 2026) lincremento dellet per laccesso alla pensione di vecchiaia delle donne dovrebbe bloccare al lavoro 334.000 persone. Nel 2015 previsto un calo di uscite di 9.000 unit mentre nel 2016 dovrebbero essere circa 23.000. Si supereranno le 100.000 unit bloccate nel 2019 per poi crescere rapidamente e superare le 300.000 unit nel 2024.

Province pronte alla lotta


Presidenti sul piede di guerra: Che fine faremo?
ROMA Questa volta non si salvano neanche le pi grandi. Tutte le Province saranno abolite. Le loro competenze passeranno alle Regioni. Il diktat non arriva dalla manovra, ma da un ddl costituzionale, che sar approvato gioved prossimo in Consiglio dei ministri come annunciato ieri. Doccia fredda dunque per le Province, che non comprendono i motivi di questa accelerazione del Governo e che ora chiedono di essere convocate subito per conoscere il loro destino. Il presidente dellUnione delle Province, nonch presidente della Provincia di Catania, Giuseppe Castiglione, avverte che scelte calate dallalto saranno respinte, perch su un tema cos importante, su cui ogni errore di valutazione pu gettare il Paese nel caos, chiediamo di essere ascoltati e consultati. Un appello gi lanciatoluned scorso da Regioni, Province e Comuni e che stato ieri ulteriormente ribadito, in una nuova nota unificata: le autonomie chiedono listituzione entro 15 giorni di una Commissione mista paritetica con poteri e compiti straordinari alla quale affidare entro 3 mesi la funzione di proporre e approvare un disegno di legge che contenga un piano di riordino istituzionale nazionale e territoriale. Senza contare, aggiunge Castiglione, che Regioni, Province e Comuni avevano annunciato la volont di presentare una proposta di autoriforma delle istituzioni locali. Ma, a detta dellUpi, lannuncio del governo ha anche un altro risvolto negativo: se il Governo pensa di risparmiare spostando le competenze da Province a Regioni, si sbaglia. Laumento dei costi sar elevatissimo dice il vicepresidente dellUpi e presidente della Provincia di Torino, Antonio Saitta. Una spesa che il Governo conosce perch lo ha gi messo in guardia in tal senso anche lufficio studi del Senato. Tanto per cominciare, dice Antonio Saitta, il contratto di lavoro dei circa 60 mila dipendenti delle Province italiane passando alle Regioni avr un costo maggiorato del 20%. Per non parlare poi delle funzioni delegate che svolgiamo da anni per conto proprio delle Regioni a un costo di molto inferiore. Anche questa spesa tornerebbe a crescere. Insomma, per le Province si tratta di un altro boccone amaro da mandar gi. A Ferragosto, con la manovra, era stata paventata la loro riduzione: via tutti gli enti con meno di 300 mila abitanti la cui superficie complessiva risultasse inferiore a 3 mila chilometri quadrati. Solo una manciata di giorni fa larticolo era stato stralciato, anche se era rimasto il comma che dimezzava il numero dei consiglieri provinciali. Ora, con il ddl costituzionale annunciato oggi tutte le province rischiano di sparire. Tutte tranne quelle autonome di Bolzano e Trento, che non posso essere eliminate con un ddl costituzionale perch vincolate da un ancoraggio internazionale. Una clausola che non piace allUpi del Veneto, che proprio oggi ha proposto l'abolizione delle Regioni a statuto speciale e delle Provincie autonome, perch godono di privilegi oggi insostenibili da parte di tutti.

Berlusconi Fare presto Opposizioni sulle barricate

I loro ruoli dunque passeranno alle Regioni

Intanto cresce la fronda nel Pdl

Plauso degli industriali che auspicano che il decreto venga approvato rapidamente

Confindustria dice s. I sindacati compatti: no


ROMA Le ultime novit sulla manovra hanno lapprovazione di Confindustria che ne sollecita unapprovazione rapida, mentre sono bocciate senza appello dai sindacati che si ricompattano sul fronte del no, che si allarga a commercianti e consumatori. Cgil, Cisl e Uil dunque, inaspettatamente unite, respingono laumento dellIva e ladeguamento delle pensioni delle donne nel settore privato dal 2014. Plauso degli industriali invece allintroduzione di alcune misure che vanno nella direzione di rafforzare lefficacia della manovra. Viale dellAstronomia auspica che il decreto venga approvato rapidamente e che subito dopo si possa aprire una nuova stagione per procedere speditamente verso lobiettivo del risanamento strutturale della finanza pubblica e varare le indispensabili misure per la crescita. Dopo le ultime notizie sulla manovra da palazzo Madama, la leader della Cgil Susanna Camusso definisce il governo in evidente stato confusionale, sordo di fronte al paese e sempre pi condizionato dagli umori dei mercati. La manovra iniqua, sbagliata, produce effetti depressivi e non in grado di raggiungere gli obiettivi di sviluppo e di crescita dice ancora Camusso. Sulle pensioni si vuole fare cassa, costringendo le donne a cambiare in due anni la loro prospettiva di vita, e lo 'stop' della Lega sulle pensioni si traduce alla fine in un accanimento sulle lavoratrici. Quanto allaumento dellIva, si interviene per la seconda volta, dopo laumento dellaccise con la manovra di luglio, sulla benzina, con gravi effetti inflazionistici e sui consumi. Sul contributo del 3% sopra i 300.000 euro, il segretario della Cgil, auspica abbia caratteristiche di solidariet e riguardi tutti i lavoratori (pubblici, privati ed autonomi) e che il reddito sia calcolato tenendo anche conto di rendite finanziarie e patrimoni. Bocciatura anche dal segretario generale della Uil Luigi Angeletti: Lemergenza finanziaria non pu giustificare l'aumento dellIva, soprattutto delle aliquote pi basse, n laccelerazione dellequiparazione dellet per il pensionamento delle donne afferma spiegando che ne subir conseguenze anche a chi sino ad ora ne era stato risparmiato. Altol anche da Raffaele Bonanni. Il numero uno della Cisl suggerisce al Governo un intervento equo e condiviso socialmente con lintroduzione di una patrimoniale, escludendo la prima casa e ripristini il contributo di solidariet a partire da chi non ha la ritenuta alla fonte, facendo pagare chi guadagna di pi e possiede di pi. Per la Confcommercio lincremento dellIva una scelta errata e piuttosto occorrerebbe agire con pi determinazione sullintero spettro della spesa pubblica. E Confesercenti sottolinea che laumento dellimposta sul valore aggiunto non farebbe altro che allontanare la crescita, deprimendo ancora di pi i consumi. Per il Codacons una scelta irresponsabile. Il Governo preferisce tassare tutte le famiglie italiane, invece di colpire ricchi ed evasori.

Borse sotto pressione con lo spread Evitato il tracollo grazie a Wall Street
MILANO Resta alta la tensione sui mercati finanziari. Al termine di una seduta nervosa, che a met pomeriggio ha fatto temere il peggio, le borse europee hanno evitato un nuovo tracollo solo grazie a Wall Street. Qui il dato migliore delle attese dellindice Ism servizi ha ridato, seppur temporaneamente, un p di ossigeno ai listini, tenuti ancora sotto pressione dai timori sulla tenuta dellItalia, con gli spread sempre in tensione, e dellintera eurozona. A fine giornata solo Zurigo (+4,36%) che ha fissato a 1,20 il livello minimo del cambio euro/franco per evitare un ulteriore rafforzamento della valuta elvetica, e Londra (+1,06%) sono riuscite a mettere a segno rialzi. Il resto del Vecchio Continente ha visto invece prevalere ancora una volta le vendite: Francoforte ha perso l1%, Parigi l1,13%, Madrid l'1,61%. Milano, osservata speciale, ha lasciato sul terreno l'1,98%, per nulla aiutata dalle novit introdotte nella manovra di aggiustamenti dei conti pubblici. Nel complesso sulle borse europee sono andati in fumo quasi 40 miliardi in capitalizzazione con banche e auto nel mirino. Sui mercati dei titoli di stato il rinnovato intervento delle banche centrali con la Bce in testa, segnalato anche ieri dagli operatori, riuscito solo in parte a ridurre il differenziale dei rendimenti dei Btp decennali rispetto ai Bund tedeschi: schizzato a 370 punti base in avvio, si sono ridotti verso i 352 a met giornata per poi risalire verso i 365 in chiusura. Sul fronte dei cambi leuro scivolato sotto 1,40 dollari arrivando a 1,3991. In precedenza la divisa unica era balzata fino a 1,4247 dopo lannuncio della Banca nazionale svizzera di interventi contro il francorecord. Tornando alle borse le performance peggiori sono state quelle di assicurazioni (2,05% il Dj stoxx settoriale) e banche (-2,09%), queste ultime anche per le prospettive deboli fino al 2012 individuate da Standard & Poors.

Il governo spagnolo attacca lItalia Non rispetta gli obiettivi, crea sfiducia
ROMA - Il governo spagnolo attacca lItalia: Crea sfiducia. Secondo il portavoce dellesecutivo iberico, Jos Blanco, lItalia e la Grecia non stanno rispettando gli obiettivi di risanamento dei conti, creando cos sfiducia nei mercati. Stiamo attraversando una turbolenza economica che evidente ogni giorno, dichiara Blanco intervistato da Telecincuo. Siamo molto preoccupati perch alcuni paesi sono in una brutta situazione e non stanno rispettando i loro obiettivi: la Grecia e lItalia, che si rimangiata in pochi giorni il suo piano di aggiustamento, prosegue. Ci - secondo il portavoce influisce sulla decisione dei mercati che devono acquistare il nostro debito e ci dirige verso una fase caratterizzata da una certa instabilit. Per il presidente di Telecom Italia, Franco Bernab la situazione veramente seria, quello che manca e che serve una guida sicura. Il manager sottolinea che il costante stimolo del capo dello Stato perch vengano affrontati i problemi con coerenza, rigore e in unottica di solidariet, rappresenta uno stimolo straordinariamente importante. Spero che seguano il capo dello Stato perch lo sforzo da fare importante. Secondo lamministratore delegato di Unicredit Federico Ghizzoni, lItalia vive una fase di fragilit politica ma non c alcun rischio di default per il Paese. Se guardo allItalia, che vive giorni difficili, mi sento di escludere dice il banchiere ogni rischio di default. LItalia un Paese ricco e il debito pubblico, assolutamente troppo alto, comunque il 23% della ricchezza totale delle famiglie. Viviamo una fase di fragilit della politica, ma quando la manovra sar approvata il Paese sar in condizione di azzerare il deficit rispetto al Pil. Per Ghizzoni il vero problema che si pone quello di tagliare la spesa pubblica per liberare risorse per la crescita.

Emma Marcegaglia

6 Primo piano

Mercoled 7 settembre 2011

Mercoled 7 settembre 2011

Primo piano 7

Sciopero generale
Manifestazioni in tutto il Paese Sotto accusa anche larticolo 8

In Calabria in molti luoghi di lavoro lastensione ha superato il 50%

Genco: Forte adesione


Cinque iniziative nei cinque capoluoghi di provincia
di ADRIANO MOLLO COSENZA Cinque manifestazioni nei capoluoghi di provincia per dire no alla manovra del governo nazionale, ancora nemmeno definitiva. La Cgil calabrese ha fatto sentire forte la voce per il clima di forte incertezza che vivono migliaia di famiglie. Una crisi che negli ultimi anni - ha spiegato intervendnedo a Vibo il segretario generale Sergio Genco - ha fatto perdere 82 mila posti di lavoro e con 2.700 aziende che hanno chiesto lavvio di procedure di mobilit e di cassa integrazione, assume una valenza ancora pi forte e determinante. Ma la protesta ha coinvolto anche altre organizzazioni. LUsb ha piantato per un ora le proprie bandiere sui binari della stazione di Lamezia Terme, occupandoli dalle 11.10 alle 12.10, e determinando lo stop di unora del traffico ferroviario. Con questa manifestazione ha detto Aurelio Monte, del sindacato autonomo il governo, oltre a penalizzare tutta lItalia, si accanisce sul sud e sulla Calabria. Da Cosenza e Reggio, passanUn momento dello sciopero di ieri a Torino

Noi contro le iniquit


La Cgil (con il Pd) in piazza per protestare contro la manovra La Camusso: Irresponsabile, ingiusta, incivile e depressiva
ROMA La Cgil scende in piazza, in cento piazze italiane, per dire che unaltra manovra possibile. Per cambiare questa manovra iniqua, assolutamente ingiusta, totalmente irresponsabile, incivile, depressiva e che lItalia non merita. Per dire che larticolo 8 una vergogna e va cancellato. Che il governo inadeguato e inaffidabile e deve andare a casa perch fa male al Paese, che gi sullorlo dellabisso. Susanna Camusso attacca sfilando per il corteo di Roma e parlando dal palco allestito tra il Colosseo e larco di Costantino, a conclusione della manifestazione per lo sciopero generale di 8 ore. Giudizio che rincara alla luce delle novit annunciate nel pomeriggio, dopo il vertice di maggioranza, con la stretta sulle pensioni e laumento dellIva: Il governo in evidente stato confusionale e rafforza liniquit della manovra, che resta non credibile. Con lei per le strade della capitale scende anche la sinistra: il segretario del Pd, Pierluigi Bersani, i leader di Idv e Sel, Antonio Di Pietro e Nichi Vendola. Per parte del corteo, Camusso e Bersani sfilano uno accanto allaltro (al suo fianco anche lex leader di Corso dItalia Guglielmo Epifani), dietro allo striscione Cambiare la manoSusanna Camusso vra per dare un futuro al Paese;pi crescita,pioccupazione, pisviluppo. Egiusto esserci, cos come siamo stati accanto alla Cisl, alla Uil e agli enti locali, afferma Bersani. Anche il leader del Pd chiede lo stralcio dellarticolo 8, con cui si inserisce la possibilit per i contratti aziendali e territoriali di derogare ai contratti nazionalied allalegge,a partiredalloStatuto deilavoratori e dallart.18. Non se ne parla proprio, risponde seccamente il ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi. Lo deve stralciare, senn dimostra di essere il peggior ministro della Repubblica, replica dal palco Camusso, accusandolo anche di essere un professionista delle divisioni del sindacato. Con Cisl e Uil, Camusso respinge le accuse di uno sciopero irresponsabile o demenziale: Mi sembra che il segretario generale della Cisl sia sullorlo di una crisi di nervi. La Cisl ha i nervi saldi e con grande senso di responsabilit si sta mobilitando per cambiare la manovra, replica Bonanni. Camusso anche dal palco parla delle altre due sigle: dalla piazza si leva qualche fischio, ma subito interviene e chiede: Non fischiate. Bisogna rispettare il pluralismo. Ma non risparmia il suo pensiero sullo sciopero: Se dite che non mai il momento, ci viene il dubbio che non avete capito cosa sta succedendo in questo Paese. Se non ora quando?. Per lorganizzazione di Corso dItalia, ladesione al 60%, ha fermato trasporti (con lo stop di metro, bus e treni e centinaia di voli cancellati) e servizi. Per il ministero della Funzione pubblica guidato da Renato Brunetta nella Pa ladesione stata al 7%. Per la Cgil il quinto sciopero generale in questa legislatura, il secondo per Susanna Camusso alla guida. Il sindacato di Corso dItalia conferma la linea di non dare cifre ufficiali sulla partecipazione allemanifestazioni, maalcunicalcolida fontilocali indicano la somma delle 100 piazze in un milione circa. Sul palco allestito davanti al Colosseo campeggia lo slogan della Cgil: Paghi di pi chi ha di pi e chi non ha mai pagato. Una formula semplice su cui basare una manovra strutturale pi equa: Non ci vuole il Nobel delleconomia - ironizza Camusso Ci vuole solo la volont di fare una tassazione progressiva ed equa. Ci vuole solo la volont politica di voler rinunciare a difendere i privilegiati. Il leader della Cgil rivendica, dunque, la possibilit di una manovra alternativa a saldi invariati, partendo da una tassa sulle grandi ricchezze (con un gettito potenziale di 15 miliardi lanno) e sui grandi immobili (12 miliardi), insieme alla lotta allevasione ed al sommerso. Perch - scandisce Camusso dal palco - non si pu pi fare cassa sui lavoratori dipendenti e sulle pensioni. A Confindustria, Cisl e Uil, infine: Scegliete, o ce laccordo sindacale o c la legge. Tutte e due non sono possibili, dice rispetto allart.8. Assicura che ricorreremo alla Corte Costituzionale su tutte le norme anticostituzionali. E promette battaglia: Se il Parlamento approver la manovra cos, noi non ci rassegneremo. Saremo nelle piazze ancora al fianco dei lavoratori. Non rinunciamo a volere un Paese migliore.

do per Crotone, Catanzaro e Vi- Valentia, il 35% della Sicurtranbo, il sindacato chiede una forte sport di Vibo Valentia dove ladeinversione di rotta. Troppi i pre- sione stata superiore del 16% cari, poco il lavoro con una disoc- rispetto ai nostri iscritti. Secondo la Cgil, buona la riucupazione giovanile che dilaga. Alla fine della giornata dalla scita dello Sciopero in tutta la segreteria regionale arrivano i numeri delladesione. Secondo l'organizzazione, hanno incrociato le braccia il 57 per cento dei lavoratori dei trasporti: alla Coopmar Impresa Portuale di Gioia Tauro ladesione stata del 100%, alle Ferrovie della Calabria (Catanzaro) del 50%, alla Sacal aeroporto di Lamezia Terme del 56%; alta lastensione nel settore dellindustria e del terziario da segnalare Il momentaneo blocco della stazione di Lamezia l86% della Cosmic di Crotone, il 65% di De Masi SpA di Funzione Pubblica: il 45% della Gioia Tauro, il 91% dellAcem Provincia di Cosenza; il 77% delCostruzioni Porte di Reggio Ca- la Coop. Sociale Magnolia di labria, l88% della Fimet Cantieri Rossano, il 40% dellInps di RegA3, il 92% della Monier di Cosen- gio Calabria, il 60% del Comune za,chiusa lEuropack di Castro- di Satriano, il 100% della Comuvillari, il 43% dellAfor di Vibo nit Montana Malvito di Cosenza

e della Cooperativa sociale Vita Si di Corigliano.Migliaia sono stati i lavoratori e le lavoratrici, assieme ai tanti precari, ai pensionati, ai giovani disoccupati, ai sindaci scrive la Cgil Calabria che hanno partecipato alle manifestazioni tenutesi nei cinque capoluoghi di provincia. Ladesione allo sciopero e le imponenti partecipazioni alle manifestazioni confermano la giustezza della giornata di lotta per modificare una manovra economica iniqua, ingiusta, sbagliata, che colpisce il lavoro, i diritti e le fasce pi deboli della societ italiana. La Cgil continuer lazione di lotta per non permettere la cancellazione dellarticolo 18 dello Statuto dei lavoratori e l'abolizione del Contratto Nazionale del Lavoro e per impedire che questo Governo continui a produrre danni al nostro Paese. Dalle piazze della Calabria una sola richiesta conclude la nota che il Governo Berlusconi, approvata la manovra, si dimetta immediatamente.

Sfila lItalia che protesta Colore, indignazione e un arresto a Napoli


di DOMENICO PALESSE ROMA Bandiere rosse, foulard della pace, magliette di Ernesto Che Guevara, maschere da film dellorrore e anche lavoratori in mutande stile Full Monty. Sfila lItalia della protesta targata Cgil alla manovra economica, unItalia trasversale che ha visto sfilare insieme pensionati e studenti, operai e impiegati statali. Ironia e vetriolo per slogan pungenti e farsi lapidarie sintetizzate nel maxi striscione che ha coperto il Colosseo, anche questo chiuso per sciopero: Tutelano i ricchi, svendono lItalia. Fermiamoli. E nel mirino dei manifestanti finisce non solo il premier Berlusconi ma anche il gotha politico-economico europeo: Merkel, Trichet e Sarkozy, la vostra Europa finisce qui, gridano dal corteo del sindacato di base che in molte citt ha dato vita a cortei separati dalla Cgil. Bersagli prediletti nelle cento piazze italiane colorate dalla protesta del sindacato della Camusso anche i ministri Brunetta e Sacconi, senza tralasciare il titolare delle Finanze Fazio, la cui maschera stata indossata da un manifestante vestito da macellaio. Sfilano a lutto le maestre dasilo di Roma, che si sono presentate in piazza con la corona di fiori fatta recapitare al sindaco Gianni Alemanno ma respinta al mittente. Le educatrici e le famiglie annunciano la scomparsa del nido pubblico. Roma, 6 settembre 2011, recita il necrologio. Nota horror da alcuni ragazzi che hanno indossato anche la maschera del film dellorrore Scream e lo slogan: Un governo da paura. Uova, fumogeni e vernice colorata sono stati lanciati, invece, contro la sede dellAbi in via delle Botteghe Oscure e contro il Dipartimento della Funzione pubblica della presidente del Consiglio in corso Vittorio Emanuele. Tende da campeggio e sacchi a pelo sono stati srotolati dallUsb a Piazza Navona, davanti alla strada che porta

CATANZARO

REGGIO

COSENZA

CROTONE

VIBO

Vedo gente disperata


di ROSANNA BERGAMO NORMA Farag consigliere comunale del comune di Zagarise, membrodel direttivoprovinciale del PSI, ma soprattutto donna lavoratrice che, in questi giorni incerti,v ede il suo posto di lavoro insidiato dai tagliimposti dal Ministero della Pubblica Istruzione. Impiegata da anni nel settore, ha manifestato con i colleghi, rendendo pubblico tutto il biasimo per la mancata stipula del contratto al personale non docente della scuola. Ormai un fatto tristemente assodato che il Ministero non abbia volont di investire nel potenziamento della scuola pubblica. In tre anni, il governo Berlusconi ha effettuato,in questo senso, tagli per 155.000 posti di lavoro. Oggi (ieri, ndr), partita da Sersale, partecipando alla manifestazione di Catanzaro, ho toccato con mano quanto siano troppi i precari, come me, in attesa di una stabilit occupazionale. Sono orgogliosa di aver frequentato una scuola pubblica, lo hanno fatto anche i miei figli, lo dovranno fare le generazioni future, anche per questo siamo qui. Sono stata testimone di scene di disperazione,c olleghi che dopo 12 anni di lavoro resteranno a casa, costretti ad iscriversi nelle liste dellUfficio per limpiego. La mia preghiera rivoltasoprattutto alministroGelmini,: riveda le sue posizioni, prenda per una volta, le distanze dal ministro Tremonti.

Niente ateneo per mio figlio


di WALTER ALBERIO ABBIAMO tagliato il telefono; ci costringeranno anche a togliere la luce?. E la semplice e drammatica storia di un uomo che lotta contro le asperit della vita. Un padre che cerca di destreggiarsi tra le mille difficolt economiche per poter assolvere ai compiti essenziali di genitore e marito; ma per un pensionato, oggi, anche mandare i figli alluniversit diventato un lusso, cos come pagare la bolletta telefonica. A parlare con questuomo ci si scontra con la ferrea crudelt della quotidianit che interi pezzi del Paese reale stanno subendo. Mia moglie non lavora; percepiamo solo la pensione e con questa non riusciamo a pagare le tasse universitarie ai nostri figli. Uno di loro stato costretto a ritirarsi. Tra laltro, diventa sempre pi arduo, per i giovani meridionali trovare una occupazione, mentre noi famiglie siamo costretti a pagare tasse su tasse che adesso, da parte dei Comuni, saranno sempre pi ingenti, visto il taglio alle risorse destinato agli Enti locali. Chiaramente in opposizione alla manovra finanziaria, questuomo di 65 anni adesso si chiede quale futuro spetter ai suoi figli, come potr mantenere il sostentamento della propria famiglia. Domani un altro giorno. Un altro giorno di sacrifici.

A 50 anni fuori da tutto


di FRANCESCA PIRRI MIGLIAIA ivolti dellaprecariet anche a Cosenza, ognuno a raccontare la sua storia. Come una coppia di Trebisacce, Pasquale Basile e Mirella Abonante, giunti a Cosenza per urlare la propria disperazione. Una favola, la loro, di un amore sbocciato in tenera et, una vita serena e tre figli, ormai adulti. Entrambi hanno prestato dieci anni di servizio nella scuola pubblica e ora, da due, sono rimasti senza lavoro. In famiglia siamo cinque, fin quando lavoravamo riuscivamo ad arrangiarci, adesso non possiamo neppure permetterci il pane. Viviamo alla giornata, facendo tantissimi sacrifici. Il primo anno abbiamo percepito lassegno di disoccupazione, di 240 euro mensili, adesso neppure quello. Ma noi, a cinquantanni chi ci prede a lavorare? Non ci vuole nessuno, perch vogliono solo i giovani. Che prospettive mai potremmo avere? Il governo ci costringer ad andare a rubare. Siamo qui perch crediamo di poter lanciare un segnale forte, ma se non riceviamo delle risposte stiamo seriamente pensando di incatenarci davanti al Provveditorato. Dei nostri 3 figli, 2 sono allUniversit, noi stiamo cercando di fare carte false per riuscire a mandarli avanti, purtroppo per se le cose non cambieranno saremo costretti a farli ritirare. E degradante, ci hanno tolto il diritto di essere genitori.

Senza mangiare Tre bambini sul lungomare da mantenere


di MARINA VINCELLI CERA anche Mario Galea dietro uno striscione del corteo. La sua storiasimile aquelladialmeno altre 1.000 persone di questa citt. Eun operaio cassaintegrato, di 38 anni, che si definisce un Ex- Sasol, lindustria chimica, ultimo presidio rimasto del polo industriale crotonese, venduta ad un imprenditore, Roberto Spaggiari, e fallita dopo circa due anni dalla cessione, esattamente il cinque luglio scorso. Ora c la curatela fallimentare racconta Galea - e noi operai, siamo in 50 in queste condizioni, faremo la richiesta per ottenere la cassa integrazione straordinaria per 12 mesi. E poi? Continueremo a lottare per il lavoro, per poter dare alle nostre famiglie un minimo. Lanno scorso ad agosto - continua loperaio io ed altri cinque colleghi, che come gli altri 50 , non percepivamo nessuno stipendio da alcuni mesi, ad agosto, abbiamo inscenato una forma di protesta pacifica, sul lungomare cittadino. Abbiamo fatto lo sciopero della fame per cinque giorni. Un collega si sentito male ed stato portato allospedale con lambulanza, anche perch faceva molto caldo e noi stavamo l, sul marciapiede, in piedi tutto il giorno, sotto un ombrellone. Poi, grazie allintervento del prefetto, dellarcivescovo Graziani e delle istituzioni, siamo riusciti ad ottenere un anticipo. di ANTONELLA FURCI SONO 15 anni che lavoro come collaboratore scolastico, ma ora sono senza lavoro. Sono queste le dure e drammatiche parole di Francesco Scardamaglia, 44 anni, padre di tre bambini. Una famiglia, tra laltro, a monoreddito. Ha avuto lincarico a tempo determinato fino allanno scorso. Ma per me inizia, adesso, il secondo anno senza incarico. Per cui mi trovo a vivere in una situazione di totale precariet, ha confidato luomo, tra i circa 200 precari del personale Ata della provincia di Vibo. Una situazione difficile la sua, che si prospetta ancora pi buia per gli anni a venire. Sul futuro - aggiunge - non sono per niente tranquillo poich dalle tabulazioni sindacali si evince che nei prossimi anni pochi saranno i pensionamenti e quindi difficile sar lo scorrimento della graduatoria. Inoltre ha affermato ancora mi devo sobbarcare di grosse spese, come la ristrutturazione della casa, per la quale ho chiesto dei prestiti, che dovr restituire per fortuna a familiari, poich non avendo una busta paga non ho potuto chiedere un prestito alla banca. Spero - ha concluso tuttavia con una vena di fiducia - che in qualche modo la situazione si risolva.

Un manifestante a Bari

Ma a Palermo bandiere bruciate al grido: Bonanni e Angeletti infami

Cisl e Uil: Inutile populismo


ROMA Si alza lo scontro tra la Cgil e il Governo mentre sono sempre pi tesi i rapporti con gli altri sindacati. Ieri lorganizzazione guidata da Susanna Camusso ha protestato in particolare contro larticolo 8 che prevede la possibilit per i contratti aziendali in alcuni casi di derogare in materia di lavoro alle leggi e ai contratti nazionali definendo la norma una vergogna e chiedendone la cancellazione. Il ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi ha chiarito a stretto giro che di stralciare la norma non se ne parla proprio. E se la Cgil parla di grande partecipazione allo sciopero, Sacconi ha risposto citando una partecipazione bassissima, cos come il ministro della Funzione pubblica, Renato Brunetta, che ha parlato di masochismo italico riferendosi al sindacato e allopposizione. Abbiamo unopposizione - ha detto - che pur di far cadere il Governo si spara sui piedi e un sindacato che fa uno sciopegioni di altri sindacati, contenute nelle parole della segretaria generale della Cgil, Susanna Camusso, ottengono un solo risultato: questo sciopero sbagliato della Cgil indebolisce le ragioni del cambiamento della manovra, ha detto ancora la Cisl. Non c nulla da commentare per il numero uno della Uil, Luigi Angeletti che nei giorni scorsi aveva parlato di sciopero inutile e inefficace per risolvere i problemi. Sciopero inutile e dannoso anche perla Federmeccanicache conil presidente dellassociazione, Pierluigi Ceccardi ha diffuso stime di adesione del 23,5%. A Palermo, intanto, un gruppo di autonomi del sindacato di base Usb e della sigla Spezzone sociale ha dato fuoco alle bandiere di Cisl e Uil (nella foto) lanciando improperi allindirizzo dei segretari generali delle due organizzazioni: non c posto per gli infami Bonanni e Angeletti, lo slogan.

ro di cui nessuno sentiva il bisogno e che ha avuto unadesione molto bassa.. Ancora pi duro il commento del segretario generale della Cisl, Raffaele Bonanni che considera lo sciopero un segnale negativo per i mercati, una protesa che ha avuto come unico effetto quello di peggiorare la situazione dellItalia. Lo scontro frontale, il linguaggio massimalista, il populismo irridente alle ra-

al Senato. Dormiremo qui, annunciano gli organizzatori. A Milano sono spuntati segnali stradali che ironizzavano sulla manovra economica: Divieto di futuro, Divieto di pensione ma anche Divieto di speranza e dignit. Alcuni manifestanti sono scesi in piazza vestiti da schiavi. Alcuni dei partecipanti al corteo hanno poi raggiunto Piazza Affari, sede della Borsa, dove ieri si sono verificati violenti scontri con la polizia. Questa volta, per, la protesta rimasta pacifica. A Torino il corteo stato caratterizzato da una gigantesca piovra viola, scelta dai dimostranti per rappresentare la finanza, con le sagome di Obama, Berlusconi, Tremonti, Merkel, Sarkozy e Draghi. Il vostro conto non lo paghiamo, cambiate men, era stato scritto su uno striscione. Tensione invece a Napoli dove stato arrestato un manifestante dellUsb di 22 anni. Tra le iniziative pi curiose c quella organizzata a Bari, dove in segno di protesta alcuni manifestanti si sono presentati con solo gli slip indosso ed il cartello: Nuova categoria: lavoratore ridotto in mutande. E uno slip gigante stato consegnato direttamente alla Banca dItalia.

Mercoled 7 settembre 2011

Mercoled 7 settembre 2011

Primo piano 9

Liniziativa

Sei giorni di incontri e convegni. Cecilia Strada: Non c nulla da festeggiare, non abbiamo notizie, aspettiamo

Emergency per Azzar


FIRENZE E dedicato a Francesco Azzar lincontro nazionale di Emergency che, per il terzo anno consecutivo, si tiene a Firenze. Lappuntamento ha preso il via ieri e terminer domenica. La decima edizione della manifestazione stata presentata in Palazzo Vecchio da Cecilia Strada, presidente di Emergency. Non abbiamo niente da festeggiare - ha detto -, siamo angosciati per il nostro logista rapito in Darfur il 14 agosto. La nostra speranza avere la bella notizia e che possa essere qui con noi per festeggiare davvero. Di Francesco non abbiamo notizie - ha detto Cecilia Strada - n quelle che si possono dire e purtroppo nemmeno quelle che non si possono raccontare. Siamo ancora senza novit e non ci resta che essere fiduciosi. Le autorit sudanesi stanno seguendo costantemente il caso e anche noi, facendo di tutto e di pi, stiamo distribuendo volantini in arabo con la foto di Francesco anche dei mercati della regione per dire chi e cosa fa. Aspettiamo. Speriamo di poter avere presto la bella notizia e magari di vederlo alla festa di Emergency qui a Firenze. Lo stesso augurio lo fa il sindaco di Firenze Matteo Renzi: Spero di vederlo presto, anche se sar difficile. La presidente di Emergency ha ricordato anche che Firenze stata la prima citt ad esporre fuori dal Comune lo striscione Liberate Francesco, seguita poi da altre citt, soprattutto in Calabria: Milano, che la nostra citt, non lha ancora fatto - ha aggiunto Lo dir al sindaco Pisapia che domani sera (stasera, ndr) sar qui a Firenze per un nostro incontro. Alla presentazione, dunque, sono intervenuti, tra gli altri, il sindaco Matteo Renzi e Sonia Spacchini, assessore provinciale alle pari opportunit. Lincontro di Firenze, al quale parteciper il fondatore di Emergency Gino Strada, proporr sei giorni di con-

La manifestazione di Firenze dedicata al giovane calabrese rapito in Darfur | LA MOZIONE | La Provincia pronta anche a costruire una scuola in Darfur
ferenze e dibattiti per raccontare attivit e progetti futuri di Emergency. Ma non mancheranno musica, mostre e spettacoli: fra gli ospiti Stefano Bollani, Erri De Luca, Fiorella Mannoia, Elio e le Storie Tese, Serena Dandini. Tra i vari incontri, che si svolgeranno al Palacongressi, al teatro Verdi e al MandelaForum, ci sar oggi un dibattito con Renzi, il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia e Gad Lerner. Discuteremo anche di come la cultura della guerra permea la nostra esistenza ha detto Cecilia Strada. Lultima manovra ha tagliato tutto - ha aggiunto -, tranne le spese militari. La presenza di Emergency a Firenze - ha affermato Renzi - una straordinaria provocazione per riflettere sui grandi temi internazionali. di CATERINA TRIPODI REGGIO CALABRIA- C anche limpegno totale della Provincia di Reggio Calabria per riportare a casa Francesco Azzar, loperatore di Emergency, nativo di Motta San Giovanni, di cui non si hanno notizie dalla vigilia di Ferragosto quando venne drammaticamente rapito a Nyala , capitale del Sud Darfur. 23 giorni di totale ed angoscioso silenzio sui quali chiede uno squarcio adesso, pubblicamente e formalmente, attraverso una specifica deliberazione anche il consiglio provinciale di Reggio Calabria che ha approvato allunanimit il documento. Un impegno assunto formalmente mentre uno striscione a cui hanno volto lo sguardo tutti i consiglieri chiede la liberazione del 35enne reggino, la cui unica colpa stata quella di trovarsi in missione umanitaria in una delle zone pi difficili del mondo. In particolare a farsi portavoce delliniziativa del consiglio provinciale, stato il vicepresidente dellassise Giovanni Verduci, gi sindaco proprio del comune di residenza del giovane mottese. Proprio Verduci si fatto quindi interprete del sentimento di unanime trepidazione avvertito dalla popolazione ed ha assunto il compito, come recita la deliberazione, di assumere ogni iniziativa utile ed efficace a sostegno di una immediata liberazione delloperatore di Emergency, Francesco Azzar. Tra i compiti che il consiglio provinciale si dato in merito alla delicata vicenda anche quella di effettuare i dovuti passaggi istituzionali nei confronti degli Organismi nazionali ed internazionali finalizzati allavvio di concrete iniziative ritenute pi opportune mirate alla immediata liberazione di Francesco Azzar ed alla necessaria ininterrotta informazione sugli sviluppi delle trattative in corso organizzate dal Ministero degli Affari Esteri. Non mancher ovviamente anche lobiettivo della sensibilizzazione da parte del consiglio provinciale dellopinione pubblica con la finalit di tenere alta e vigile lattenzione sulla vicenda, con lauspicio di una prossima immediata liberazione di Francesco Azzar. Tra i gesti di apertura, definiamoli cos, che si sussurr lamministrazione provinciale potrebbe compiere nei prossimi giorni potrebbe anche esserci quello dellapertura di una scuola proprio nel Sud del Darfur. Un gesto (da qualche decina di migliaia di euro) che potrebbe essere apprezzato dai feroci ribelli che tengono prigioniero Francesco.

Francesco Azzar

A CINQUEFRONDI

Manifesto in Mediateca
di SIMONA GERACE CINQUEFRONDI - Anche il Comune di Cinquefrondi ha accolto l'appello di Emergency per la liberazione di Francesco Azzar, il volontario che operava nel centro pediatrico aperto da Emergency nel sud di Darfur e che il 14 agosto scorso stato rapito. Per dimostrare solidariet alla famiglia Azzar, e per auspicare, al contempo, che questo giovane possa presto tornare a riabbracciare i propri cari, l'assessore alle Politiche Giovanili del Comune di Cinquefrondi, Car- Il manifesto affisso nella Mediateca di Cinquefrondi lo Misiti,di concertocon l'amministrazione comunale e coadiuvato dai volon- Misiti - ma soprattutto una presa di posiziotari del Servizio Civile, ha esposto sulla fac- ne delle istituzioni che chiedono, accoglienciata della Mediateca Comunale Creazzo, do l'appellodi Emercency, laliberazione di cos come stanno facendo ormai diversi cen- un giovane che ha lasciato casa e affetti per tri d'Italia, una gigantografia di Francesco, dare sostegno ai meno fortunati. Pensare manifestando l'intenzione di mantenere alta che un volontario che rappresenta l'emblel'attenzione su quanto accaduto, almeno fi- ma dell'impegno civile, dell'altruismo e della no al momento in cui il volontario non sar li- solidariet stato rapito, ci fa rabbrividire. La foto di Francesco Azzar sar quindi, berato. La nostra iniziativa non solo finalizzata almeno fino al momento della liberazione, ad esprimere vicinanza alla famiglia di que- pubblicata sul sito istituzionale del Comune sto volontario che in si trova a dover affronta- di Cinquefrondi ed esposta sulla facciata delre una situazione drammatica - ha affermato la Mediateca.

Sarebbe un eventuale gesto di apertura

10 Primo piano

Mercoled 7 settembre 2011

Il personaggio

Dal Superenalotto alla condizione delle carceri dalla rissa con Sgarbi allintervista con Biagi

Fenomenologia di Corbelli
Chi il leader del movimento Diritti Civili che ha fatto liberare la giovane Kate

Fra i banchi del consiglio provinciale di Cosenza

A una manifestazione a difesa dellospedale di Rogliano

Con Kate Omoregbe alluscita del carcere di Castrovillari

di MASSIMO CLAUSI COSENZA - LA foto di Kate in ginocchio davanti ad un imbarazzato Franco Corbelli rimbalzata su tutti i giornali nazionali. Unaltra iniezione di popolarit per il vulcanico leader del movimento Diritti Civili che dalla presenza sui mediatrae linfa per le sue numerose battaglie a difesa degli ultimi. Lotta che conduce con caparbiet da oltre trentanni. Non c ingiustizia che non lo interessi, non c situazione di disagio a cui non accorra. Con i suoi pregi e i suoi eccessi. Fra i pregi, certamente, quello di conoscere bene il mondo della comunicazione, inondando le redazioni con le suemail. I suoi colleghi giornalisti magari lo sfottono bonariamente. arrivata unaltra corbelleria, ma alla fine lo pubblicano quasi sempre. Una storia, quella di Corbelli, che parte oltre trentanni fa, quando il nostro inizia a fare il corrispondente dalla Calabria per Locchio, il giornale fondato e diretto da Maurizio Costanzo. Un foglio molto battagliero che d a Corbelli una mission precisa e in linea con lo show che per tanti anni andato in onda dal teatro Parioli: trovare casi umani da raccontare. Corbelli, che docente di economia aziendale,si appassionaa scovare le tante situazioni di disagio che ci sono in Calabria. Pi scova storie, pi si rende conto che raccontarle solo una parte del problema. Il suo vero obiettivo diventa quello di risolverle. Cos nel 1980 conosce una famigliadi RotaGreca.Le duepiccole figlie sono nate quasi cieche e hanno bisogno di un intervento chirurgico molto costoso. Corbelli chiama subito Costanzo, fa avviare una sottoscrizione attraverso le colonne del giornale. In poco tempo racimola cinque milioni delle vecchie lire che consegnaal papdellepiccole. lasua prima vittoria. La sua prima copertina di giornale. Il resto viene da solo. La solidariet come una valanga: una volta partita difficile da fermare. Lo stesso Corbelli dice che la scelta di campo del dolore lo ha sopraffatto, travolto, anche al punto da sacrificare la sua vita personale. Kate una sorta di caso scuola. La ragazza nigeriana ha conosciuto il leader di Diritti Civili attraverso le sue gesta. Tre mesi prima lui si era occupato del caso di Alexandrina, la ragazza rumena i cui figli erano morti nel rogodella suaabitazione. Leiera venuta in Italia per dimenticare questa vicenda, ma le autorit rumene lepisodio non lavevano affatto scordato e avevano spiccato un mandato di cattura inter-

Corbelli davanti al carcere di Napoli agli inizi degli anni 90

La mia una lucida follia, risponde a chi gli chiede che cosa lo muova davvero Ma il suo vero segreto la capacit di apparire
nazionale per omicidio colposo. Anche in questo caso Corbelli con la sua propaganda martellante era riuscito ad evitare lestradizione. Cos anche Kate ha pensato di rivolgersi a lui. Ma Corbelli nella sua lunga carriera non si interessato solo di situazioni disperate. suo il primo vero attacco frontale contro la tv spazzatura. Sulle reti Mediaset in quel periodo va in onda LIstruttoria di Giuliano Ferrara, trasmissione che per molti rappresenta uno spartiacque della nostra televisione. Il nostro Franco si indigna per lo schiaffo di Vittorio Sgarbi a Roberto DAgostino. Comincia a tampinare Ferrara con una campagna violentissima lanciata dai microfoni di Radio Sound, di cui era direttore responsabile. Ferrara decide di farlo intervenire in diretta sulle reti Mediaset e Corbelli ne approfitta per un attacco durissimo contro la tv spazzatura, la tv violenta e, naturalmente, contro Sgarbi. Dopo la trasmissione il critico darte chiama Corbelli. Discutono a lungo di diritti civili. Siamo nel 93, la stagione violenta di Tangentopoli. I due si trovano sul piano del garantismo ed inizia una lunga collaborazione. Sgarbi lancia le sue battaglie dalla tv, Corbelli va ad organizzare sit-in davanti i cancelli delle maggiori carceri italiane, per protestare contro la situazione invivibile delle nostre strutture. Una battaglia, questa della situazione delle carceri, che ha

portato avanti con grande costanza. Quando nel 2005 il parlamento italiano discute di amnistia, Corbelli, in aula come visitatore, interrompe il discorso della Finocchiaro lanciando volantini in aula e gridando ai quattro venti Occupatevi dei bambini in carcere. Ovviamente viene cortesemente invitato dai commessi a lasciare laula. Questo gesto per, lo porta addirittura sulle colonne del New York Times, intervistato dal corrispondente a Roma del prestigioso giornale statunitense. Ancora nulla rispetto alla notoriet che gli deriva dalla vicenda del Superenalotto. La nuova lotteria di Stato uscita da poco e diventa subito popolarissima per lalto montepremi in gioco. Corbelli, per, viene a sapere che, in base ad alcuni calcoli matematici, centrare il sei significa azzeccare una probabilit su 622 milioni; il 5+1 una su 103 milioni e grida subito alla truffa di Stato. La sua battaglia ovviamente viene riportata da tutti i media nazionali. C addirittura il sottosegretario alle Finanze, tal Grandi del Pd, che promette una accurata indagine. Corbelli intanto passa dalla copertina di Panorama allintervista con Enzo Biagi al Fatto. Circostanza curiosa, cinque giorni dopo lintervista il sei che non era mai uscito fa la sua apparizione in provincia di Mantova. Corbelli a quel punto non lo tiene pi nessuno, tanto che lo convoca addirittura la Sisal per capirne di pi. A partire dal 2000 Corbelli decide anche di tentare la strada della politica. Prima si presenta come Governatore della Calabria, ma la sua lista viene rigettata per un errore formale e lui avvia uno sciopero della fame che rischia di costargli davvero caro. Poi nel 2004 ci riprova come presidente della Provincia di Cosenza e la sua lista raccoglie un risultato lusinghiero. Da qui parte la sua battaglia sul garante della salute. Riesce a confezionare una proposta di legge, recepita e approvata (allunanimit) dal Consiglio regionale calabrese il 30 giugno 2008. Ma il Garante non stato mai nominato. Grazie alle sponde istituzionali nel 2003 addirittura riesce a fittare un cargo, lo riempie di derrate alimentari e lo consegna allambasciatore italiano in Etiopia. Insomma Corbelli sempre pronto a ricevere richieste di aiuto, ad intraprendere battaglie civilicome quellasullaliberazione della Sgarella. A chi gli d del pazzo, Corbelli risponde che la sua una lucida follia. A chi mi chiede chi me lo fa fare rispondo con unaltra domanda: perch non lo dovrei fare? Perch gli altri non lo fanno?.

VERSO LA LIBERT

Kate per ora a Roma LUnical: Venga a studiare da noi


STATA portata nel Centro Cie di Ponte Galeria, a Roma, Kate Omoregbe, la nigeriana di 34 anni che ieri ha lasciato il carcere di Castrovillari dopo avere finito di scontare una condanna per spaccio di droga e che ha chiesto asilo politico in Italia per evitare la lapidazione nel suo Paese. Kate rester nel Centro fino a quando la sua richiesta di asilo non sar valutata sul piano giudiziario ed amministrativo. A esaminare il primo aspetto sar il giudice di sorveglianza di Roma, che dovr decidere, in particolare, se sospendere la pena accessoria prevista dalla sentenza di condanna della giovane nigeriana emessa dalla Corte dappello di Roma e confermata dalla Cassazione che stabilisce la sua espulsione dallItalia. La decisione del giudice si baser, in particolare, sulla valutazione dellattuale pericolosit sociale della giovane. Sul piano amministrativo la richiesta di asilo politico avanzata da Kate Omoregbe sar valutata dalla Commissione nazionale per il diritto di asilo del Ministero dellInterno. I tempi di valutazio- Kate Omoregbe ne della richiesta di asilo politico, comunque, non sono brevi. Nel frattempo, secondo quanto hanno riferito fonti investigative, Kate Omoregbe rester nel Cie di Roma e non potr tornare in Calabria malgrado lospitalit offertale dal presidente della Regione, Giuseppe Scopelliti. Il Dipartimento Politiche Sociali della Regione ha, infatti, gi individuato la struttura per offrire accoglienza e sostegno psicologico alla giovane, in attesa delle decisioni degli organi preposti. Per questo gesto La Lega di donne Calabresi in Argentina, sotto la presidenza di Imma Rizzuti, ringraziano il governatore. Ma non solo la Regione a muoversi il rettore dellUnical ha infatti offerto alla giovane nigeriana di studiare allUniversit della Calabria. Ho comunicato a Franco Corbelli, che ha seguito la vicenda di Kate Omoregbe afferma Latorre - la disponibilit del nostro Ateneo a dare la possibilit alla giovane nigeriana di iscriversi allUnical, come ha dichiarato di voler fare. Nei prossimi giorni cercheremo di capire in che modo questa nostra volont pu trasformarsi nella opportunit auspicata dalla signorina Omoregbe e segnare linizio, anche sotto questo profilo, di una nuova fase della sua vita.

La Regione ribadisce Resti qui

Mercoled 7 settembre 2011

Italia / Mondo

Economia 11

Intervento shock per la sopravvalutazione della valuta diventata un bene rifugio

Il Franco corre, Berna tira il freno


La Banca nazionale svizzera: A rischio la crescita e pericolo deflazione
di TITO GIABARRI BERNA La crisi globale provoca un altro scossone agli assetti finanziari mondiali e riaccende la guerra delle valute: la Svizzera, porto sicuro per i capitali in fuga dal rischio, promette interventi illimitati per fermare il franco-record che mette a rischio la crescita e minaccia una pericolosa deflazione. La Banca nazionale svizzera (o Snb) non nuova a interventi sul mercato monetario. Ma laver quantificato un cambio minimo delleuro contro il franco, a 1,20 franchi per euro, da perseguire con la massima determinazione da parte di una banca centrale che si dice pronta a comprare valuta estera in quantit illimitata un fulmine a ciel sereno per i mercati. Un annuncio shock, con un linguaggio mai sentito in tempi recenti da una grande banca centrale, che d la misura della gravit della crisi che i mercati attraversano. L'attuale massiccia sopravalutazione del franco scrive la Snb in una nota pone una viva minaccia per leconomia svizzera e comporta il rischio di sviluppi deflazionistici. Si tratta insomma di evitare una possibile recessione legata al super-franco (ne soffrono le esportazioni) e una spirale deflazionistica come quella del Giappone, di cui ad agosto si sono intravisti alcuni segnali con un calo mensile dei prezzi dello 0,3%. Inevitabile il contraccolpo sui mercati, che dal crollo di Lehman Brothers nel 2008 hanno visto il franco apprezzarsi di un terzo: il franco crollato dell8,5% contro leuro dopo l'annuncio, a 1,203, e di quasi l8% sul dollaro a 0,848: l'oscillazione pi forte che abbia mai visto sul mercato valutario, roba da far impallidire i tremori visti l11 settembre, giura leconomista Jeremy Cook di World First. L'euro ne uscito temporaneamente rafforzato, con un balzo improvviso a 1,4247 dollari da 1,41 precedente lannuncio. Ma poi la divisa unica piombata sotto 1,40 dollari in una seduta iper-volatile. Le imprese esportatrici elvetiche plaudono allannuncio della Snb, a partire dal settore degli orologi. Ma c' chi parla diuna mossa disperata, che potrebbe non funzionare nel lungo termine. La Swiss National Bank sembra in preda al panico, sparando la sua ultima cartuccia, dicono gli economisti della svizzera Julius Baer. I rischi legati a questa politica sono impressionanti, soprattutto perch essendo una banca centrale di piccole dimensioni piuttosto isolata e non in grado di controllare i fattori esterni. La Snb ha gi fatto gonfiare a 253,4 miliardi di franchi le sue riserve in valuta estera nel solo mese di agosto per cercare di fermare la corsa della divisa nazionale. Listituto pu stampare moneta, ma alla lunga il rischio quello di ritrovarsi con uninflazione galoppante. Intanto, con la Svizzera che mette uno scudo contro gli acquisti eccessivi del suo franco, i riflettori si spostano sul Giappone. Anche il suo yen stato scelto come valuta-rifugio dagli investitori in fuga dal dollaro declinante e dal caos che regna sull'area euro. E ora c' chi scommette che Tokyo possa prendere contromisure contro il prevedibile afflusso di soldi deviati da Berna.

Pesano le nuove regole internazionali sul capitale

Prospettive fosche per le banche europee a rischio declassamento


Intanto peggiora leconomia reale con lindustria dellauto che potrebbe risentirne oltre ogni previsione
di BEPPE COLONNA ROMA Si fanno pi fosche le prospettive per le banche in Europa alle prese con la crisi del debito sovrano, le nuove regole internazionali sul capitale e il peggioramento delleconomia reale che peser peraltro anche sul settore dellauto, come rileva Moody's. Timori che si sono riversati sui mercati e su Piazza Affari dove i titoli delle banche e di Fiat Industrial (-5,4%) hanno guidato i ribassi dellindice. In una giornata gi negativa per i listini azionari, sul comparto bancario si abbattuto un report di Standard and Poor's secondo cui il modesto rimbalzo del comparto europeo dalla crisi del 2008-2009 in stallo e bisogner ulteriormente rafforzare il capitale. Per S&P le prospettive per le banche europee sono deboli per tutto il resto del 2011, fino al 2012. L'instabilit nel mercato del debito sovrano e le incertezze sull'adeguatezza del capitale delle banche e il futuro regime di risoluzione per le banche che falliranno hanno eroso la fiducia del mercato, incrementato i costi di finanziamento e bloccato laccesso al mercato per alcune banche. Anche lIIf, lassociazione che raggruppa i grandi gruppi e che ha ridiscusso il debito privato con la Grecia, teme forti conseguenze dalle nuove regole sul capitale che avranno ripercussioni sull'economia nei prossimi anni (3,2% del Pil entro il 2015 e 7,5 milioni di posti di lavoro in meno). Non un caso che lo stesso Comitato di Basilea, che pure ha sempre definito modesto limpatto sull'economia delle regole, abbia intenzione di valutare se le regole sulla liquidit per gli istituti di credito abbiano effetti indesiderati. Per Credit Suisse linstabilit attuale pu portare a un parziale credit crunch. Ma non solo il comparto bancario a soffrire dei timori di una nuova recessione. Secondo Moody's lindebolimento dei fondamentali macroeconomici condizioner la domanda di veicoli leggeri nei prossimi 12-18 mesi, rallentando il passo dei profitti nel settore. Moody's ritiene che i fondamentali creditizi delle case automobilistiche a livello globale siano pi stabili che positivi e ha modificato di conseguenza le relative previsioni. Abbiamo riformulato in negativo le nostre previsioni riguardo alla crescita della domanda globale dal 5,1% al 3,5% per lanno in corso e dal 7,4% al 6,5% per il prossimo anno spiega Falk Frey, senior vice president di Moody's Corporate Finance Group. Inoltre la domanda di veicoli leggeri in Europa occidentale sia destinata a scendere di una percentuale inferiore all1% rispetto allanno precedente, attestandosi a 14,3 milioni di unit, ossia 110.000 unit in pi rispetto a quanto Moody's stessa aveva previsto a inizio anno: questo principalmente a causa della forte domanda in Francia e Germania, che controbilancia e supera quella inferiore alle aspettative di Italia e Spagna. Intanto venerd stato annunciato un vertice tra il presidente di Unicredit, Dieter Rampl, e le fondazioni azioniste della banca. Dopo la pausa estiva, riprendono i contatti tra i soci dellistituto e il management della banca: lincontro viene definito di routine, dal momento che il numero uno di Unicredit incontra periodicamente i soci italiani, ma pare sia legato alle mosse di Moodys.

Il Giappone teme un afflusso anomalo

Allarme Ocse: nel mondo mancano camici bianchi

Sos: servono 4 milioni di medici e di infermieri


MILANO Medici, infermiere e ostetriche stanno sempre di pi diventando una risorsa rara. Nel mondo ci sono 60 milioni di lavoratori della salute, ma non basta. In particolare in 57 Paesi, la maggior parte dei quali distribuiti da Africa e Asia, ne mancano almeno 4,2 milioni. Ma la carenza di lavoratori della salute non solo un problema del terzo mondo, ma anche dei paesi ricchi, non ultimo il nostro, dove nei prossimi 10 anni si prevedono 40mila medici in meno. A richiamare lattenzione su quella che ormai unemergenza globale lOrganizzazione mondiale della sanit, in occasione della sua conferenza di settembre a New York. Fare il medico o linfermiera oggi non certo facile. Con la popolazione che invecchia, nuove malattie e lincremento di quelle attuali, una sempre maggiore conflittualit e violenza, quelle mediche sono professioni ad altro stress. Per questo bisogna, secondo lOms, rafforzare la forza-lavoro sanitaria. A partire dai 57 paesi dove i medici sono pochissimi, meno di 23 ogni 10mila persone, il minimo richiesto per garantire una copertura dell80% per i parti seguiti da infermieri specializzati o per i programmi di vaccinazione del morbillo. La situazione pi grave nellAfrica Sub-Sahariana, dove si registrano il 25% dellemalattie globalima cisono solo il 3% dei professionisti della salute. Per colmare la lacuna servirebbero almeno 4.250.000 operatori del settore. Nei Paesi sviluppati invece la crescita delle malattie croniche tra la popolazione che invecchia e linvecchiamento degli stessi operatori della salute ha portato ad una domanda crescente di questi lavoratori. Richiamando cos ogni anno moltissimi operatori stranieri. Il maggior tasso di emigrazione si ha dalle Filippine per gli infermieri (110mila) e dallIndia per i medici (56mila). In Italia invece non c' una carenza cos forte di medici e infermieri, ma le previsioni per i prossimi anni non sono rosee.Si calcolache neiprossimi 10-15 anniandranno in pensione 115 mila medici, che oggi hanno tra i 51 e i 59 anni, pari al 38% di tutta la popolazione medica attiva. Da dati recenti della Federazione nazionale degli Ordini dei medici chirurghi e odontoiatri (Fnomceo), emerge che vi sar una particolare carenza di alcune specialit. Andranno infatti in pensione il 48% dei medici occupati in regime di dipendenza dai servizi sanitari regionali e dalluniversit, il 62% dei medici di medicina generale, il 58% dei pediatri di libera scelta e il 55% degli specialisti convenzionati interni. Crescono invece i 'camici bianchi' stranieri che lavorano nel nostro Paese, dentisti compresi. In 10 anni il loro numero cresciuto del 30%, passando dai 10.900 del 2001 fino a sfiorare quota 15mila (14.737). Tuttavia il ministro della Salute, Ferruccio Fazio, lo scorso giugno ha assicurato che adesso in Italia siamo in sovrannumero come medici, perch abbiamo 4,1 medici per mille abitanti, contro una media Ocse di 3,3.

12

Mercoled 7 settembre 2011

24 ore
in Calabria
Bufera contro il procuratore Macr dopo le dichiarazioni sulla liberalizzazione delle sostanze stupefacenti

Droga, Giovanardi invoca il Csm


E anche il leghista Volpi chiede lintervento dei vertici della magistratura
di GIUSEPPE BALDESSARRO IN un colpo solo riuscito a far arrabbiare buona parte del centrodestra nazionale. Toccando corde sensibili, evidentemente, ma tutto sommato lanciando solo provocazioni basate su dati di fatto. Gli ultimi, in ordine di tempo, a scagliarsi contro il Procuratore generale di Ancona Vincenzo Macr sono stati Maurizio Gasparri e Carlo Giovanardi, indispettiti dalle dichiarazioni del magistrato sulla liberalizzazioni delle droghe. Tema tra laltro affrontato dallo stesso Procuratore in pi occasioni pubbliche. Per Macr il proibizionismo non servito a combattere il business della ndrangheta, che cresciuto a dismisura. Questa strada non porta da nessuna parte. Da qui per proporre scelte pi coraggiose. A aprire un confronto sulla liberalizzazione delle droghe. Tesi, che il capogruppo al senato del Pdl Maurizio Gasparri ha definito da brividi. Gasparri afferma che: Da un procuratore antimafia ci saremo aspettati ben altre riflessioni. Dopo di lui anche il sottosegretario alla presidenza del consiglio Carlo Giovanardi passato allattacco: Se il dottor Macr non ha paura ad esprimere i suoi pensieri su droga e criminalit organizzata noi invece siamo terrorizzati che magistrati in servizio pensino di combattere la ndrangheta favorendo la libera diffusione di quel killer micidiale che la droga per chi la consuma e per chi ne subisce gli effetti (basti pensare agli incidenti stradali). E ancora: Ritenere poi che la ndrangheta possa sparire e non riciclarsi in traffici altrettanto sordidi, sacrificando alla droga milioni di persone, una follia che nessuno Stato al mondo ha mai lontanamente preso in considerazione. Unoccasione, le dichiarazioni del magistrato, che hanno portato Giovanardi a sollecitare il Csm: Il Consiglio superiore della Magistratura dovrebbe valutare con quale mentalit e con quale professionalit, tra laltro citando numeri a casaccio totalmente infondati e condendo il tutto con stravaganti affermazioni sulla Lega e sui Servizi, certi magistrati ritengono di poter combattere la criminalit organizzata nel nostro Paese. Lorgano di autogoverno della magistratura stato invocato anche dal deputato della Lega Raffaele Volpi che ha chiesto lintervento del Consiglio superiore della magistratura, dopo che Macr aveva spiegato come, potenzialmente, il progetto separatista della lega potrebbe interessare anche alle mafie. Il magistrato aveva affermato: Non mi stupirei se scoprissi che nell'elettorato leghista ci fosse anche una componente mafiosa. La mafia ha tutto da guadagnare nella scelta separatista, perch favorirebbe il controllo delle regioni meridionali. Un ragionamento supportato da una valutazione oggettiva, ossia facendo un semplice due pi due. Linteresse mafioso - ha argomentato Macr - compatibile con quello leghista. Non si pu quindi escludere che la mafia spinga per il separatismo. I progetti delle mafie guardano allevoluzione di un progetto separatista. Il magistrato aveva quindi citato lintervento di Leonardo Messina, che fu uno dei pi lucidi collaboratori di giustizia siciliani in commissione Antimafia: Noi cerchiamo il separatismo del sud dal resto del Paese, cos la mafia si fa Stato. Secondo il procuratore, questa la strada a cui loro non hanno mai rinunciato. Tesi, anche in questo caso, che ha fatto montare su tutte le furie leuroparlamentare Mario Borghezio, il quale con lo stile che lo contraddistingue ha affermato: il procuratore Macr questestate ha preso troppo sole.

I boss potrebbero votare il Carroccio

Il procuratore Vincenzo Macr

Sequestro da 1 milione di euro alluomo considerato prestanome della cosca Longo

Sigilli ai beni di Luigi Gandolfo


Nel mirino della polizia societ di compravendita delloro e una villa a due piani
di PASQUALE VIOLI SIDERNO - Blitz della Polizia a Siderno e sigilli a beni per oltre un milione di euro al patrimonio di Luigi Gandolfo. Il provvedimento di sequestro trae origine da una proposta patrimoniale presentata dal Questore di Reggio Calabria Carmelo Casabona, a seguito di attivit del Commissariato di Polizia di Siderno guidato dal vice questore Stefano Dodaro. Secondo l'attivit di indagine tutti i beni formalmente intestati a Roberta Nesci, sarebbero di fatto gestiti dal marito Luigi Gandolfo, finito nelle carte dell'inchiesta Scacco Matto coordinata dalla Dda di Reggio Calabria. A finire sotto sigilli tutti i beni di Gandolfo che sitrovavano a Siderno, in particolare quote sociali e patrimonio aziendale della Oro Bank Europe srl, con sede a Siderno in via Amendolaecon filialinellastessaSiderno e ad Ardore per un valore di 500 mila euro. Sotto sequestro anche una villa a due piani e il 50% di un immobile nel pieno centro cittadino di Siderno per un valore di 350 mila euro. Nel mirino delle misure di prevenzione anche due conti correnti per un ammontare di 50 mila euro, 6 polizze assicurative del valore di 150 mila euro e circa 11 mila euro contanti trovati nell'abitazione di Gandolfo. Luigi Gandolfo era finito in manette il 15 marzo scorso nell'ambito dell'operazione contro il clan Longo di Polistena denominata Scacco Matto e coordinata dalla Dda di Reggio Calabria. Oltre ad essere arrestato all'imprenditore era gi stata sequestrata la societ Denude srl, con sede a Siderno, e con la quale gestiva un night club a Cinquefrondi e altre attivit. Secondo l'accusa Luigi Gandolfo aveva adoperato una intestazione fittizia di beni al fine di favorire la cosca Longo, motivo per cui gli era stato contestata l'aggravante mafiosa dell'articolo 7 che ne ha determinato l'arresto. Ma a fine giugno Tribunale del riesame di Reggio Calabria in accoglimento dell'istanza presentata dal legale dell'indagato aveva scarcerato Luigi Gandolfo. Di fatto un prestanome che secondo le indagini del Commissarito di Siderno per evitare ulteriori problemi aveva intestato tutto alla moglie Roberta Nesci. Il suo ruolo di prestanome stato dimostrato nella gestione, per conto dei fratelli Squillace, legati ai Longo, di una filiale della Euroro Italia S.r.l., con sede a Polistena di cui, Gandolfo era socio maggioritario e amministratore unico, nonch della Denude S.r.l., con sede legale a Siderno. L' attivit poste in essere dal Commissariato di Siderno guidato dal vice questore Dodaro, compendiate nella Proposta di Sequestro del Questore di Reggio Calabria Casabona, avrebbero accertato che lo stesso Gandolfo, per il tramite della moglie Roberta Nesci, gestiva di fatto altres la societ Oro Bank dedita alla compravendita di oro usato, con due filiali a Siderno ed una ad Ardore, filiali che per la Questura erano sempre frutto di copertura per eludere controlli patrimoniali.

La societ Oro Bank

Grave incidente stradale a Rossano Scalo

Sbanda con lo scooter ragazzo di 20 anni muore


Consorzio di Bonifica Integrale Dei Bacini Settentrionali del Cosentino c/da Carbonia 87026 Mormanno (CS)
Tel. 091 80351/80352 Fax 0981 841053 C.F. 83000370789 Ai sensi dellart. 65 del D.Lgs 163/2006 si rende noto che i Lavori di Riconversione delle Reti in cemento amianto Impianto Irriguo Pantano in Comune di Mormanno I stralcio per limporto a base dasta di Euro 950.453,00 di cui Euro 19.671,10 per oneri di sicurezza, sono stati aggiudicati con delibera consortile n. 317 del 09/08/2010 allA.T.I. C.A. COSTRUZIONI SRL PELLICANO VERDE SPA con sede a Rotonda (Pz) che ha offerto limporto di Euro 694.828,69. Laggiudicazione avvenuta ai sensi dellart. 86 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Dott. Ing. Biagio Forte

ROSSANO Un giovane di 20 anni, Danilo Repice, morto in un incidente stradale accaduto ieri mattina a Rossano. Repice era alla guida di uno scooter ed ha perso, per cause in corso daccertamento, il controllo del mezzo, finendo sull'asfalto dopo avere compiuto un volo di alcune decine di metri durante il quale ha anche subito lamputazione di un braccio. Trasportato durgenza presso il pronto soccorso del presidio ospedaliero Nicola Giannettasiodi Rossano, dopo le prime cure del caso veniva trasferito subito nel reparto di rianimazione, ma purtroppo non c stato nulla da fare, dopo circa unora dallincidente stradale deceduto.

Danilo Repice

Mercoled 7 settembre 2011

24 ore
CALABRESE A MILANO RENDE

Calabria 13
Sventato il furto in una gioielleria
I carabinieri hanno sventato un furto in una gioielleria di Rende, riuscendo a mettere in fuga i due banditi che lo stavano compiendo. I militari della Compagnia di Rende sono intervenuti dopo una segnalazione fatta al 112 da un cittadino.

ROSARNO

BREVI

Rapina ai danni di un camionista


E' di circa 600 euro il bottino di una rapina compiuta ai danni di un autotrasportatore sull'autostrada Salerno Reggio in direzione nord, nei pressi di Rosarno, da due persone, una delle quali armata di pistola. I due malviventi sono fuggiti a bordo di una moto.

Deruba un turista americano, arrestata


RAPINA un turista americano sul treno Roma-Milano, ma viene arrestata alla Stazione centrale del capoluogo lombardo dai carabinieri. In manette finita Donatella Furfaro di 23 anni, calabrese, che insieme al figlio di due anni stata trasferita al carcere con laccusa di rapina.

Il sindaco Perrotta riconosce alla magistratura il merito di aver evitato il peggio

Paola, task force per il mare


Il consiglio comunale affida il controllo alla commissione ambiente
di PAOLO VILARDI PAOLA - Poca partecipazione, nonostante la gravit di un problematica che se non verr risolta affonder leconomia turistica della fascia del Tirreno cosentino. Di mare sporco qualcuno rammentando una differenza sostanziale ha detto che non inquinato - se n parlato tanto negli ultimi mesi. Ieri che il confronto poteva essere serrato e costruttivo la citt ha letteralmente disertato laula. Al consiglio comunale aperto sullinquinamento marino, tenutosi a partire dalle 17:30 nella sede municipale del SantAgostino, hanno partecipato in pochi, ovviamente in riferimento alla platea, ma non sono mancati numerosi gestori dei lidi. Sindaco, consiglieri e assessori sono stati invece quasi tutti presenti. Lassemblea stata riunita per quasi quattro ore, non sapendo delle dichiarazioni del governatore della Calabria Giuseppe Scopelliti, rilasciate a Reggio Calabria poche ore prima, a riguardo dellindividuazione delle fonti inquinanti. In chiusura di lavori, dopo le varie proposte, si deciso di allargare la commissione consiliare Ambiente agli operatori turistici, su input del consigliere Di Natale e accolto dal primo cittadino, che tratter largomento mare almeno una volta al mese. Lidea verr ad ogni modo ratificata e ben definita nei prossimi giorni dalla conferenza dei capigruppo. Hanno preso parte allassemblea, tra gli altri, il capogruppo provinciale Mario Russo e il sindaco di Falconara Albanese, Ercole Conti. Il primo, nel suo intervento, ha rassicurato che laspetto batteriologico non allarmante, ma che sua intenzione predisporre una task force di controllo dintesa con il Dipartimento ambiente, e con la collaborazione delle amministrazioni comunali. Lex sindaco di Scalea ha chiuso lintervento nel modo meno brillante, generando equivoci

Crotone e Cosenza in testa

Sono il 3% le auto ecologiche


CATANZARO Il 97,08 per cento del parco di autovetture circolanti in Calabria allinizio del 2011 era costituito da modelli alimentati a benzina o a gasolio. Solo il restante 2,92%, quindi, era costituito da auto ecologiche, e cio alimentate a metano, a gpl o elettriche. Tra le province calabresi quella con la percentuale maggiore di autovetture ecologiche Crotone (3,14%), seguita da Cosenza (3,10%), Catanzaro (2,90%), Reggio Calabria (2,73%) e Vibo Valentia (2,70%). Sempre ad inizio 2011 in Italia, delle 36.651.669 autovetture circolanti, il 93,58% era costituito da modelli con alimentazione tradizionale, cio a benzina o a gasolio. Nonostante gli incentivi alle soluzioni ecologiche del 2009 - commenta lOsservatorio Metanauto (struttura di ricerca sul metano per autotrazione) che ha reso nota una sua analisi condotta su dati Acila presenza di auto con alimentazioni alternative sulle strade italiane ancora marginale. Le vetture a metano costituiscono l1,80% del parco, quelle a gpl sono il 4,62%, mentre per le auto elettriche la quota praticamente nulla (0,003%), dato che, secondo lAci, gli esemplari circolanti allinizio del 2011 erano soltanto 1.279. Veramente pochi se si pensa al gran parlare che si fa da anni delle virt taumaturgiche dellauto elettrica e se si pensa ai consistenti investimenti fatti da molti Stati per favorire la mobilit elettrica. La coscienza ecologica delle persone sta crescendo sostiene lOsservatorio Metanauto ma se si vuole affrontare veramente la questione ambientale occorre che ci sia anche un sistema di premi (incentivi) per chi sceglie lauto verde. I dati degli ultimi anni sono illuminanti in proposito. Se poniamo a confronto la situazione delle vendite di auto a metano con incentivi e senza incentivi emerge con grande chiarezza limportanza degli aiuti pubblici alle scelte ecologiche. Nel 2008 la quota delle vetture a metano sulle immatricolazioni era del 3,66%, nel 2009 con gli incentivi passata al 5,92%, nel 2010 scesa a 3,34% e nei primi cinque mesi del 2011 scesa ulteriormente all1,92%.

La strana schiuma comparsa nei giorni scorsi nel mare a Paola

per la pubblicazione della foto del mare di Paola inquinato in prima pagina nelledizione di ieri del Quotidiano, proprio il giorno del consiglio comunale ad hoc, ad alimentare il mistero dellinesistente boicottaggio della testata con le sue denunce agli operatori turistici, che per insospettisce gli stessi. La scarsa presenza tra i banchi stata risaltata dal primo cittadino di Falconara Albanese, Ercole Conti: Dobbiamo essere tutti uniti di fronte a questa problematica, ma oggi (ieri, ndr) dove sono i miei colleghi sindaci?. Le inchieste del Quotidiano e della stampa in genere che ha manifestato sensibilit alla problematica, sono state invece risaltate dalla consigliera Franca Arlia: Questi articoli sono posti allattenzione di tutti e mettono a nudo una situazione reale; serviranno quindi per risolvere la problematica nel minor tempo possibile. Sulla stessa linea donda il giornali-

sta Alessandro Pagliaro: Occultando la realt il problema non si risolve. A condurre questa battaglia non dovremmo essere noi, bens gli operatori turistici a partire dai mesi invernali. Nella sua relazione lassessore comunale ai Lavori pubblici, Roberto Cataldo, ha evidenziato lefficienza e la massima funzionalit del depuratore di Paola, nonch i controlli con esito negativo delle acque antistante limpianto. Poco convincenti sono state invece le spiegazioni di personale della Smeco, la societ che gestisce diversi impianti sulla costa, in particolare a riguardo dei controlli. Per il resto hanno evidenziato lefficienza dei depuratori. Ha concluso il primo cittadino Roberto Perrotta La situazione ad ogni modo migliorata rispetto allo scorso anno, in quanto la Procura vigile, pertanto i sindaci sono molto pi attenti nei controlli degli impianti.

Scopelliti svela i motivi del mare inquinato sul Tirreno cosentino

Spegnevano i depuratori di notte e sversavano i liquami in acqua


REGGIO CALABRIA - Il mare sporco a luglio non era uninvenzione giornalistica del Quotidiano, ma dovuto ai depuratori che non funzionavano. Lo ha svelato ieri il presidente della Regione Giuseppe Scopelliti intervenendo alla presentazione del rapporto delle Capitanerie di porto calabresi. Abbiamo controllato costantemente i punti critici ha detto Scopelliti - ed i controlli eseguiti ci permettono di dire che il nostro mare fruibile nel 92% dei casi. Questo non significa non tenere conto delle criticit emerse dalla filiera della depurazione, come a Paola, lo scorso 12 luglio, quando i dati ci fecero capire che il depuratore l non funzionava. Ed allora abbiamo anche scoperto che taluni gestori, per risparmiare energia elettrica, di notte chiudevano limpianto e scaricavano tutto in mare. Abbiamo constatato anche la presenza di schiuma ed i controlli ci hanno detto che si trattava di mucillagine e non di inquinamento, un fenomeno per noi comunque nuovo che vogliamo affrontare con lattenzione dovuta. Passando al rapporto, un lavoro durato Due anni di ri- ni indirizzi di programmaziocerche e di confronto di dati su ne della Giunta regionale, co821 chilometri di coste, sul- me la proposta di potenziare l'ambiente marino, sulle atti- lofferta di portualit a fini tuvit dei 117 comuni costieri ristici intervenendo su dieci della Calabria, condensate in porti, mentre saranno realizseimila pagine, sedicimila fo- zati altri nove scali e sara svitografie. Il capitano di va- luppare la crocieristica. La poscello Vincenzo litica ha detto il De Luca ha spiepresidente ha gato che sono lonere della restati censiti 288 sponsabilit di relitti, e, allo stato pianificare le attuale, non vi azioni utili per il traccia di presenfuturo sviluppo. za di navi affonNoi lo stiamo fadate con sostanze cendo per Gioia pericolose. PeralTauro, lavorantro, in collaborado assiduamente zione con lArpacon il ministro cal, abbiamo efMatteoli, avendo fettuato prove consapevolezza sottocosta senza Giuseppe Scopelliti che in questa fase riscontrare rastorica molto didioattivit. pende dalle nostre capacit e Il presidente della Giunta dalle risorse che sapremo regionale, Giuseppe Scopelli- mettere in campo. E' auspiti, ha sottolineato positiva- cabile ha aggiunto Scopelliti mente l'esito della ricerca, il che perspeculazioni dinatuconfronto ed il riscontro delle ra politica non si verifichino azioni messein campotra isti- pi situazioni come quella di tuzioni con diversa responsa- Cetraro, con quella devastanbilit, ma con lunico obiettivo te comunicazione secondo cui di salvaguardare il mare e le il mare di quel centro presencoste della Calabria. Scopelli- tava tracce di radioattivit. ti, inoltre, ha anticipato alcu- Non era vero, ma tutto servito per mettere paura ai turisti, con gravissimi danni per gli operatori. Nelle prossime settimane ha conclusoil presidente della Giunta regionale avvieremo interventi per un valore di 28 milioni di euro in 50 dei 117 comuni costieri per contenere i danni della mancata depurazione, un primo passo da cui contiamo di avere efficaci risposte efficaci, anche se molto c' ancora da fare. Nel corso dellincontro sono intervenuti il comandante generale della Capitanerie di Porto, ammiraglio Marco Brusco, ed il sottosegretario allAmbiente, Elio Belcastro, il quale ha dato atto del grande lavoro svolto dalla Capitaneria e dellottimo livello di sinergia emerso tra lo Stato e le sue articolazioni ed i poteri locali e il presidente del consiglio regionale Francesco Talarico, il presidente del Consiglio regionale, Francesco Talarico, nel suo indirizzo di saluto, ha sottolineato l'importanza del documento della Guardia costiera, da cui possibile trarre utili indicazioni per costruire azioni di governo e politiche di sviluppo del territorio.

14 Calabria

24 ore

Mercoled 7 settembre 2011

Catanzaro. Il legale ha intascato 30mila euro per conto di due persone che minacciavano la loro sorella

Estorsione, arrestato un avvocato


Cristiano Nuzzi, 45 anni, finito ai domiciliari per una presunta tangente
di SAVERIO PUCCIO CATANZARO - Una commerciante vittima delle richieste estorsive del fratello e della sorella. Spalleggiati a loro volta da un avvocato che, da ieri, agli arresti domiciliari. La vicenda emersa ieri dalle indagini dei carabinieri della Compagnia di Sellia Marina ha diversi contorni ancora da chiarire, con il procuratore aggiunto Giuseppe Borrelli che ha seguito direttamente l'evolversi dell'inchiesta e con gli inquirenti che mantengono il pi stretto riserbo. Di certo, da ieri, l'avvocato Cristiano Nuzzi, 45 anni, con studio legale a Soverato, si trova agli arresti domiciliari dopo essere finito in manette. Al centro della presunta estorsione, una commerciante residente a Cropani, R.C., 47 anni, il fratello R.C, 43 anni, e la sorella G.C., 49 anni, con gli ultimi due che dovranno rispondere di estorsione in concorso. I due congiunti avrebbero chiesto alla commerciante del denaro per evitare che potessero divulgare documenti che avrebbero dimostrato l'evasione fiscale compiuta dalla stessa. Lei, per, ha deciso di rivolgersi ai militari dell'Arma della Compagnia diretta dal capitano Giovanni De Nuzzo, organizzando l'incontro per il pagamento della presunta tangente. I carabinieri, in abiti civili, si sono nascosti tra gli scaffali dell'esercizio commerciale e hanno atteso lo scambio. Nel negozio entrato, quindi, l'avvocato Nuzzi che ha intascato due assegni dalla commerciante, per l'importo complessivo di quasi trenta mila euro, che erano stati precedentemente fotocopiati dagli investigatori. Sempre secondo quanto trapelato, il legagato personalmente l'avvocato Nuzzi, difeso da Salvatore Staiano, per comprendere fino in fondo i contenuti del fatto. Dopo due ore, l'uomo avrebbe reso, secondo il proprio legale, dichiarazioni ampiamente liberatorie. Ma solo oggi, il giudice per le indagini preliminari potr pronunciarsi nell'udienza di convalida. Sapendo che la Procura si riservata, nel disporre la misura restrittiva, le richieste da presentare al gip. Secondo quanto trapelato, l'avvocato Nuzzi si sarebbe giustificato sostenendo che avrebbe semplicemente seguito per la sua attivit professionale una transazione legittima tra i tre congiunti, senza compiere, quindi, alcun reato. Una tesi che, oggi, dovr essere valutata dal giudice che dovr decidere se convalidare l'arresto e disporre, eventualmente, anche una misura restrittiva. Chiarendo in maniera definitiva i ruoli delle persone coinvolte e, soprattutto, l'atteggiamento tenuto dal legale rispetto al modo in cui avrebbe gestito la pratica.

I dipendenti delle Onlus dellArcidiocesi

Senza stipendio da 7 mesi si rivolgono alla Madonna di Reggio


di CATERINA TRIPODI REGGIO CALABRIA Quando i santi a cui votarsi sembrano essere finiti, resta da fare solo una cosa: rivolgersi alla Madonna. Facile umorismo a parte (e ci perdonino davvero i diretti interessati della vicenda) quello che, per, in qualche modo devono avere pensato i 25 lavoratori delle comunit di accoglienza Onlus dellArcidiocesi di Reggio Calabria, a secco, ed apparentemente senza spiegazioni, di ben sette mensilit arretrate. Si tratta di padri e madri di famiglia, quasi tutto monoreddito e che quindi hanno a carico le sorti e le bocche da sfamare di tutto il proprio parentato, che svolgono unormai trentennale servizio residenziale di assistenza e di sostegno alle fasce deboli del nostro territorio. I lavoratori lasciati senza stipendio, per intenderci dallo scorso Carnevale, si occupano di donne in difficolt con minori, ragazze madri, disabili mentali, anziani. Stremati e davvero ridotti alla canna del gas, i venticinque lavoratori e le loro famiglie hanno deciso di partecipare alla cittadinanza reggina lo stato di gravissimo disagio in cui ormai sono costretti a vivere davvero da mesi. Ad essere chiamati in causa, manco a dirlo, per il mancatro pagamento ci sarebbe il Comune di Reggio Calabria e della Regione che non hanno versato il dovuto pagamento delle rette di ricovero dellutenza, innescando il dannoso meccanismo che lascia senza il becco di un quattrino i lavoratori. Ciononostante i lavoratori stanno continuando, responsabilmente, come sempre e nonostante non riescano a far fronte alle difficolt economiche dei propri nuclei familiari, ad assicurare il delicato servizio a cui sono chiamati con immutato impegno e dedizione a favore delle tante persone accolte nelle varie strutture residenziali. Lo stato di bisogno, per e lindifferenza di coloro ai quali in questi giorni si sono rivolti, spinge i dipendenti delle comunit di accoglienza onlus a compiere un ultimo passo. Complici gli imminenti festeggiamenti mariani che in citt avranno inizio la notte di venerd con la veglia allEremo, e forse un p anche lambito lavorativo di provenienza, gli operatori hanno deciso di rivolgere le loro preghiere proprio alla Patrona della citt, la Madonna della Consolazione: Madre di tutte le madri illumina le menti ed i cuori degli amministratori locali - scrivono ed inviano alla stampa affinch servizi cos importanti continuino a tutelare le fasce deboli della nostra societ e consentano a tanti padri e madri di famiglia di poter offrire risposte ai bisogni dei loro figli. E che Dio, pardon, la Madonna, ascolti la loro supplica.

Laggiunto Giuseppe Borrelli

Il capitano Giovanni De Nuzzo

le avrebbe anche rilasciato alla presunta vittima le dichiarazioni firmate dal fratello e dalla sorella che la vicenda relativa ai presunti reati fiscali non sarebbe mai stata resa nota. A quel punto, sono intervenuti i carabinieri che

hanno fermato il legale, con gli assegni in tasca, e hanno acquisito le dichiarazioni firmate e la registrazione di quanto avvenuto. Nel pomeriggio di ieri, il procuratore aggiunto Giuseppe Borrelli ha interro-

Pubblicato il bando sul bollettino della Regione

Due milioni per i teatri


CATANZARO E stato pubblicato sul Burc del 26 agosto scorso il bando che promuove il sistema delle residenze teatrali. La Regione ha commentato il presidente Scopelliti ha investito ulteriori due milioni e centomila euro per dare impulso al sistema teatrale calabrese e promuovere la produzione teatrale di qualit. Si tratta di un contributo significativo per il rilancio del settore e di tutta leconomia regionale nellambito culturale. Lavviso, con scadenza prevista per il prossimo 15 ottobre, riferisce ancora la nota, rivolto ad associazioni e fondazioni di produzione di teatro operanti in Calabria dal gennaio 2008. Il sistema prevede un accordo tra compagnie e enti proprietari o gestori degli spazi teatrali. Le compagnie in questo modo hanno la possibilit di utilizzare e gestire stabilmente spazi adatti alle attivit teatrali e allo stesso tempo si impegnano a valorizzarli con una serie di attivit. In particolare il bando prevede la presentazione di un progetto culturale che si muova secondo la triplice direttiva della produzione teatrale, dellospitalit e dellattivit di laboratorio teatrale.

Pallagorio. Nel mirino lazienda di Lorecchio

Secondo incendio in due giorni ai danni del sindaco Laratta replica a Bruno: Non nelle condizioni di dettarci la linea

Si apre il dibattito nei democratici. Mancuso: Impegnati nella ricostruzione

Pd, congressi subito


Decisivo, allora, il rientro in Calabria del senatore e commissario, Adriano Musi, il quale torner ad occuparsi delle vicende calabresi soltanto al termine del tour de force sulla manovra finanziaria a palazzo Madama. In questi mesi - aggiunge Laratta - in cui abbiamo lavorato per costruire un partito dal basso, sono emerse figure gfiovani e Laratta, Franceschini e Mancuso brillanti che possoterno del suo partito di ap- no essere il futuro della Calapartenenza e la costruzione bria e insieme a loro c' una di una valida e attrezzata generazione che ha ancora classe dirigente. Questo - molto da dire e c' una classe sostiene Laratta - il mo- dirigente che ha un passato mento di una svolta vera nel e l'intelligenza per costruire Pd calabrese. O nasce un il futuro. Congressi subito e partito forte e aperto, basato non di conta di tessere ma di su un dialogo generazionale progetti. Spinta in avanti anche da che guardi al futuro, oppure rischia di essere un partito parte di Pasqualino Manin cui perfino l'ex Franco cuso, coordinatore provinBruno ci detta la linea, ci in- ciale del Pd catanzarese Lo dica il percorso e stabilisce sforzo di questi mesi duplipure chi e come deve agire in ce - spiega il dirigente - costruire il gruppo dirigente nome del Pd.

di ANTONIO ANASTASI PALLAGORIO - Secondo incendio in due giorni. I soliti ignoti sono tornati sulla scena del crimine e hanno riappiccato il fuoco lungo diversi ettari di terreno nell'Alto Crotonese mandando in fumo, tra l'altro, anche una parte di bosco ricadente nel fondo, compreso nel territorio comunale di Umbriatico, di Umberto Lorecchio, sindaco della vicina Pallagorio, consigliere provinciale con delega all'Agricoltura e coordinatore provinciale del Pdl. E' la lingua di terreno, allinterno dellazienda agricola di Lorecchio, che soltanto il giorno prima era stata risparmiata dal rogo. Oggi Lorecchio, che ieri ha incassato una fitta serie di attestati di solidariet, sar in Prefettura per una riunione del Comitato provinciale per l'ordine. Un caso seguito con particolare attenzione dal prefetto di Crotone, Vincenzo Panico, che ieri ha institito perch un canadair mandato a spegnere un incendio nel Cirotano effettuasse lanci d'acqua anche a Umbriatico. Ringrazio il prefetto, ringrazio le

centinaia di abitanti di Umbriatico che hanno contribuito alle operazioni di spegnimento delle fiamme, ringrazio i vigili del fuoco, la Protezione civile e il Corpo forestale dello Stato, ha detto Lorecchio che, per, non sa darsi una spiegazione dell'accaduto non sapendo se collegarlo ad un atto amministrativo che possa aver dato fastidio a qualcuno. Tra le ipotesi al vaglio del capitano Paolo Nichilo, che comanda i carabinieri della Compagnia di Cir Marina, ci sono anche quelle che riconducono i due incendi all'attivit istituzionale svolta da Lorecchio. Il precedente c' e risale al marzo 2010: una lettera minatoria con proiettile recapitata contestualmente ance all'ex coordinatore provinciale del Pdl, Giuseppe Esposito, senatore, e all'ex vicepresidente del consiglio provinciale Gianluca Bruno. Entrambi i roghi sono di origine dolosa. Quello dello scorso luned, che ha distrutto un querceto e un'area adibita a pascolo, partito da diversi punti di accensione due dei quali all'interno del fondo di Lorecchio.

di GIULIA VELTRI CATANZARO - Buon lavoro con Scopelliti, siamo lieti che ora il senatore Franco Bruno stia andando nel centrodestra ma lo preghiamo di non fornire pareri non richiesti sul futuro del Partito democratico. E' querelle con l'ex dentro ai democratici calabresi. Al parlamentare Franco Laratta, infatti, non sono piaciuti i suggerimenti dati da Franco Bruno, coordinatore regionale di ApI e senatore eletto sotto il simbolo del Pd per poi transitare nella forza politica del Terzo polo, sui futuri assetti dirigenti del Pd. Marco Minniti e Nicodemo Oliverio padri della ricostruzione e Nicola Adamo di nuovo dentro? La reazione del deputato originario di San Giovanni in Fiore fra l'ironico e il perplesso: Non accettiamo di certo consigli - afferma riferendosi ancora alle dichiarazioni di Bruno - da chi oggi ha deciso di svoltare a destra. Piuttosto l'attenzione del parlamentare concentrata sul superamento della fase commissariale all'in-

che guider il Pd e fornire una piattaforma programmatica che sappia incrociare i bisogni dei cittadini. Per questo, inesausti, ci occupaimo di sanit al punto pi acuto della sua condizione per effetto di provvedimenti che attuano il Piano di rientro e che hanno per conseguenza uno spaventoso abbassamento dei livelli essenziali di assistenza, dell'emergenza rifiuti e depurazione, sulla quale da pi di un anno avevamo lanciato responsabili allarmi e sulla quale andrebbero diffuse conclusioni unitarie ed illuminanti della commissione Pecorella e sulle quali il centrodestra regionale tace, sui trasporti, quello locale gestito da Fdc ormai collassato. E' chiaro che davanti a un'evidente emergenza sociale - afferma in ultimo Mancuso - occorre mettere in campo uno schieramento di forze solido e un Pd che ne sia anima e motore: ecco perch tutto il percorso che a breve ci porter alla celebrazione dei congressi dovr avere questi due campi di azione.

Mercoled 7 settembre 2011

24 ore

Calabria 15
Verso la beatificazione

Un gruppo di giovani a piedi con la fiaccola dal Vaticano a Lamezia

Per il Papa in 100.000


Iniziati i lavori di sistemazione dellimmensa area
di PASQUALINO RETTURA LAMEZIA TERME - L'area industriale di Lamezia, il prossimo 9 ottobre, sar il luogo centrale della visita del Papa. Prima la celebrazione della Santa Messa alle ore 10 e, a seguire, la recita dell'Angelus Domini. La Santa Messa di Papa Benedetto XVI a Lamezia Terme sar interamente trasmessa da Rai 1. La visita pastorale a Lamezia Terme proseguir, poi, nel centro storico della Citt. Subito dopo, infatti, il Santo Padre lascer l'area industriale ex Sir e, insieme al suo seguito, attraverser le vie del centro, passando davanti all'ospedale Giovanni Paolo II, per recarsi in Episcopio nei pressi della storica Cattedrale dei Santi Pietro e Paolo. Nel pomeriggio, infine, ripartir dallo stadio Guido D'Ippolito dove in elicottero raggiunger la Certosa di Serra San Bruno. Questo il programma ufficiale reso noto dagli organizzatori. In attesa dell'arrivo di Benedetto XVI, anche se con notevole ritardo visto che in un primo momento era stata prescelta un'altra area per la visita del Papa poi rivelatasi insufficiente (localit Rotoli) sono iniziati i lavori (aggiudicati a una ditta di Lamezia su otto offerte pervenute al Comune di Lamezia per l'importo che supera di poco le 200.000 euro) per attrezzare la vasta area in cui si prevedono circa 100.000 persone provenienti non solo da tutta la Calabria ma anche da tante altre regioni del Sud. Del resto, l'area prescelta, condizioni di afflusso e deflusso ideali. Nella parte dell'area antistante al palco saranno allestite opportune zone per disabili e malati. E stamattina, sempre in occasione della visita del Papa, una cinquantina di giovani di Conflenti, ma anche di altre parrocchie della diocesi lametina, saranno ricevuti in udienza dal Santo Padre Benedetto XVI che, in Vaticano, benedir la fiaccola della fede per poi ritornare a casa a piedi, con una staffetta il cui testimone sar rappresentato da una fiaccola. I giovani infatti percorreranno 750 chilometri a piedi con la fiaccola accesa dal Papa. Dopo l'incontro in Vaticano, i giovani impiegheranno quattro giorni per raggiungere Lamezia Terme e, successivamente, Conflenti. La marcia della fede infatti, dopo aver fatto tappa a Roma, Anzio, Capua, Capaccio scalo, Santa Maria del Cedro, arriver a Lamezia domenica 11 settembre intorno alle 19.30 alla Cattedrale di Lamezia. Il fuoco di Pietro girer poi per le parrocchie della diocesi che alimenteranno la fiamma viva della fede, in attesa della venuta del Pontefice in Calabria. Il conto alla rovescia insomma per larrivo del Papa iniziato dal momento che la marcia della fede la prima di una lunga serie di iniziative che la curia vescovile ed il Comitato organizzatore diocesano per la visita di Papa Benedetto XVI, hanno organizzato per questo mese di settembre.

Monsignor Nunnari Suor Elena Aiello una carezza di Dio per la nostra chiesa
di TIZIANA ACETO SUOR ElenaAiello una carezzadi Dio per la nostra Chiesa. Una visione leggera per parlare di unanima pura. Sono queste le parole che il vescovo di Cosenza Salvatore Nunnari usa per descrivere la suora che il 14 settembre sar dichiarata beata. La cerimonia, presieduta dal cardinale Angelo Amato, si svolger a Cosenza, nello stadio San Vito, per dare modo ai tanti fedeli di partecipare al rito. Fino ad oggi sono stati richiesti pi di diciottomila pass. Larcivescovo di Cosenza nel ripercorrere la vita di suor Elena, nata a Montalto nel 1895 e morta a Roma nel 1961, nel suo messaggio in occasione della beatificazione ne fa emergere la calabresit, racchiusa nel coraggio di osare, nella tenerezza e nella forza e nella completa fiducia in Dio. Il presule ricostruisce le tappe della sua opera come fondatrice della Congregazione delle suore minime della Passione di Cristo. Nel 1928, suor Elena assieme a Luigina si dedicher alleducazione dei figli del popolo nel centro storico di Cosenza. Ma ci vorr il 1956 per celebrare il primo Capitolo della Congregazione nel corso del quale Elena verr eletta prima madre generale. Da allora diventa inarrestabile e continua lopera di accoglienza e di carit. Attraverso Elena, gi chiamata in vita a Monaca santa da quanti ebbero il dono di conoscerla e di apprezzarne lopera - sostiene ancora l'arcivescovo - in mezzo al travaglio e alle ferite, tra tante sofferenza, Dio ci carezza con il dono di questi preziosi fiori che nel giardino della Chiesa spandono il profumo di Cristo.

Larea dove il 9 ottobre il Papa celebrer la messa e lAngelus

si presta ad essere raggiunta senza nessun tipo di difficolt poich l'area industriale di Lamezia (la pi estesa del Mezzogiorno) si trova al centro della Calabria, a un tiro di schioppo dall'aeroporto internazionale di Lamezia, dallo svincolo autostradale di Lamezia Terme e dalla stazione centrale ferroviaria. L'organizzazione tecnica dell'evento a Lamezia Terme, curata dal promoter Ruggero Pegna, ha ufficializzato l'orario della Santa Messa e delll'Angelus a Lamezia Terme che si effettueranno in un'area immensa, unica appunto in Calabria per le sue dimensioni e le caratteristiche di sicurezza, centralit e grande comunicazione. Il progetto di allestimento della vasta distesa prescelta, situata di fronte al Centro ex

Agroalimentare ora Fondazione Terina, prevede la possibilit di ospitare oltre centomila persone. L'area sar dotata di quanto necessario per una presenza cos rilevante di fedeli. Dai bagni chimici con relativa assistenza tecnica, al servizio medico e di pronto soccorso, a impianti audio-video adeguati allo spazio. L'area, inoltre, sar dotata di spazi idonei per il parcheggio delle centinaia di pullman previsti. Per l'organizzazione la sua posizione strategica, al centro del principale nodo di comunicazione della Regione, tra le uscite autostradali di Lamezia e Pizzo, la confluenza della superstrada dei Due Mari e della statale 18 nei due sensi di marcia Nord/Sud, la vicinanza ad aeroporto e stazione Centrale di Lamezia Terme, consente

La cerimonia il 14 settembre nello stadio di Cosenza

16 La Posta

Mercoled 7 settembre 2011

Citt vuote solo ad agosto: ma quanti paesi sono tristemente desolati per undici mesi
Risponde

Pietro De Luca
Potete inviare la vostra posta allindirizzo: Via Rossini 2, 87040 Castrolibero (Cs) fax 0984 853893 ilquotidiano.lettere@finedit.com

aro De Luca, la citt si ripopola, i negozi tornano aperti, le ferie sono finite e si ricomincia. il ritorno alla normalit. Io quest'anno, per molti motivi, soprattutto economici, me ne sono rimasto a casa. Le confesso che quasi quasi la mia citt era meglio prima. Prima cio quando non c'era traffico, quando si poteva trovare facilmente un parcheggio, quando insomma si poteva fare una passeggiata tranquilla senza essere appestati dalla puzza delle auto. Ho scoperto che Caro De Stefano, lei ha potuto saggiare l'altra faccia della medaglia. Che sempre bella perch, soprattutto, altra. La sua citt, d'estate, si potuta permettere il semipieno, perch d'inverno piena. Quando presto ritorner, sono sicuro, sar festa per tutti. La inviterei a pensare ai nostri paesi che d'inverno soffrono il semivuoto, e solo d'estate e di anno

la citt vuota ha un suo fascino, s. E poi con i centri commerciali sempre aperti si risolve il problema delle ferie dell'alimentari sotto casa e c' sempre una buona boccata d'aria condizionata che concede una tregua dall'afa. Il fatto che la citt o troppo piena o troppo vuota. Una via di mezzo non credo che esista. O no? Marco De Stefano Cosenza a star male. Ad agosto prossimo torneremo tutti meglio: i paesi pieni (o semipieni) e le citt semipiene (o semivuote). Con un augurio, per: che la crisi demografica e quella economica non continuino ad affliggerci, perch di questo passo (non) sar festa tutto l'anno, sia pure come adesso solo a turno.

in anno sempre meno, raggiungono il semipieno. Quando arriva settembre, se va bene si torna al semivuoto, se va male - e male va di anno in anno - quel semivuoto si assottiglia sempre pi e stringe una grande malinconia perch a scappare sono soprattutto i giovani e con i giovani la speranza di vedere bambini. E mentre lei a settembre torna a star bene, altri, nello stesso mese cominciano

Marijuana? Non lo sviluppo che...

segue dalla prima marijuana si coltivasse legalmente in Aspromonte dopo una serie di considerazioni penali, di repressione, produttive e sociali, lo stesso chiamava direttamente in causa la Coldiretti chiedendo, proditoriamente, un impegno a schierarsi nella sacrosanta battaglia per far coltivare la marijuana in Aspromonte. Perentoriamente e a carte scoperte affermo che questa non in modo assoluto la nostra missione e mai lo sar! La Coldiretti crede in un altro sviluppo che fatto di eticit, di scelte coerentemente produttive con le vocazioni del territorio che guardano al bene comune e questo indica di per s la direzione di marcia. Il mito del troppo facile guadagno impoverisce e rende sterili. Non ci mai interessata una Calabria n della rendita improduttiva e giammai del facile profitto; anzi eventuali nostri soci che dovessero sciaguratamente avventurarsi in questo tipo di malefica e nefanda attivit, sappiano che sono automaticamente fuori dall'organizzazione. Quella che considero una provocazione bella e buona di Tonino Perna, fine e appassionato cultore delle dinamiche di sviluppo, mi permette di ribadire la necessit di difesa del reddito delle imprese agricole, della dimensione produttiva e sociale del rapporto tra uomo e terra, fra citt e campagna, fra alimentazione e qualit della vita. Sono certo che possiamo trovarci fianco a fianco nel costruire dinamiche di sviluppo duraturo e sostenibile che sappiano guardare in positivo alle ricchezze del territorio, senza mettere in campo scorciatoie che sono il pungiglione del male e che portano le persone a distruggere sino a distruggersi. Di cosa parlo allora? Di pi agricoltura e di investimenti per l'agroalimentare, la pastorizia, l'ambiente, il turismo, l'artigianato, la filiera del legno e i giacimenti culturali, che in un tutt'uno possono innescare uno sviluppo veloce, perch, come sta accadendo, quando si pattina su ghiaccio sottile la nostra salvezza essere veloci. Recuperare poi i centri storici di buona parte dell'Aspromonte - ci sono esempi mirabili - pu portare a quella sana contaminazione di una equilibrata crescita economica e sociale che diventa esempio da emulare per l'Italia. Insomma una cultura reale, utile a costruire e non a distruggere tra l'altro le coscienze - alimentando il circuito negativo del malaffare. Coldiretti sta portando avanti il proprio progetto quello della filiera tutta agrico-

la e italiana, con una serie di iniziative economiche e sociali capaci di rilanciare un modello di agricoltura che punta sulla tipicit, sullo stare insieme che salvaguarda un equilibrato rapporto tra uomo e natura con prospettive vere di lavoro non degradante ma di effettivo sviluppo umano per le giovani generazioni. Per questa Calabria noi ci battiamo e non sulle esternazioni-provocazioni di Perna Zar pro-marijuana, che scatenerebbero tremendi malesseri sociali, fra cui una economia sommersa che genera assuefazione, crimine e violenza, in realt marginali dove invece bisogna dedicarsi a occupazioni lecite. Ci interessa, questo s molto, assicurare reddito legale e profitti alle imprese agricole e agroalimentari togliendo quel doppio furto di immagine e valore che subiamo e fare in modo che le produzioni agricole siano ben remunerate. Non una sfida da poco conto, ma una sfida a cui insieme ad altri noi non ci sottrarremo. Pietro Molinaro *presidente Coldiretti Calabria

Se la sanit pubblica non conviene


CON spirito costruttivo, essendo io un elettore di questo governo regionale, che voglio esprimere il mio disappunto e nello stesso tempo essere uno stimolo per un cambiamento nella nostra realt locale, per un fatto a me successo emblematico di come vanno le cose nella sanit pubblica. Vengo al dunque: dovendo rinnovare la patente in mio pos-

sesso in scadenza ad agosto 2011, mi reco all'ufficio informazioni del Distretto sanitario di Lamezia Terme e mi viene dato un modello informativo con la sigla dell'U.o. di Medicina Legale in cui oltre ai versamenti da effettuare si precisa che bisogna portare un certificato del visus rilasciato solo dallo specialista oculista. Fatti i conti sommando il ticket di dieci euro, di recente istituzione, vado a spendere la somma di 79 euro contro i 65 che mi chiedono a un agenzia di pratiche automobilistiche da me interpellata. Chi spenderebbe 14 euro in pii per una stessa prestazione dove non c' una differenza di qualit della stessa? Chi si rivolger alla sanit pubblica? Decido ovviamente per l'agenzia e recatomi il giorno indicato per il disbrigo della pratica con mia grande meraviglia mi viene rilasciato un certificato da un medico che il direttore della Saub di Lamezia Terme e che non mi risulta essere oculista. Allora, compatibilit a parte, mi chiedo perch in una struttura pubblica necessario un certificato specialistico mentre in una struttura privata non necessario? Dove sta il marcio? Cosa poter fare per cambiare le cose? A me in qualit di cittadino il compito di segnalare le anomalie, a voi in qualit di gestori della cosa pubblica l'arduo compito di regolarizzarle o almeno sforzarsi di farlo. Amedeo Curatola professore in pensione

ANCHE questanno sono costretta a raccontare ai miei amici il solito ritornello sulle mie vacanze: ho rivisto tanti amici, ho passato tante serate tra discoteche e cene luculliane, ho visto tramonti da favola, ho una collezione sterminata di foto nelle quali ho tenuto a immortalarmi in contesti naturali mozzafiato. E come ogni anno mi aspetto che mi venga rivolta la stessa domanda: e il mare comera? E comera? Sporco. Una vergogna. In diverse giornate stato addirittura impossibile farsi il bagno. Ho letto sul vostro giornale che il problema ha interessato diverse zone della fascia tirrenica cosentina. Mi chiedo: ma perch non si riesce a pensare a questo problema per tempo? Se il nodo della vicenda sono i depuratori o le condotte, perch non si fa una verifica in primavera o magari durante linverno? Potrebbe essere un primo passo per dare un senso a una stagione turistica che, altrimenti, rischia di diventare una solenne delusione per tutti coloro i quali scelgono la Calabria per le loro vacanze estive. Maria Martino

La Sacro Cuore un vanto per la Calabria


CARO direttore, sono un ragazzo di ventiquattro anni che come molti altri giovani calabresi, ama profondamente questa nostra terra. Ho deciso di scrivervi questa lettera per sostenere una realt che anche voi del Quotidiano della Calabria conoscete. Una realt che si rispecchia in quella Calabria che vuole crescere percorrendo la strada dellaltruismo e della fede. Quel-

Il mare sporco Ci si pensi dinverno

DIRETTORE Matteo Cosenza DIRETTORE RESPONSABILE Emanuele Giacoia VICE DIRETTORE EDITORIALE Gianni Cerasuolo REDATTORE CAPO CENTRALE Cristina Vercillo VICE REDATTORE CAPO CENTRALE Rocco Valenti EDITRICE: Finedit srl PRESIDENTE Francesco Dodaro AMMINISTRATORE DELEGATO Antonella Dodaro Consiglieri: Carlo De Rose, Iolanda Russo, Maria Gabriella Dodaro Pubblicit: Publifast srl Sede: via Rossini, 2 - 87040 Castrolibero (Cs) Tel. 0984-4550300 - Fax 0984-851041
Sede legale e amministrativa Via Rossini, 2 - Castrolibero (Cs)

Direzione e Redazioni Cosenza: Via Rossini 2 - 87040 Castrolibero (Cs) Tel. 0984.4550100 - 852828 - fax 0984.853893 Catanzaro: Piazza Serravalle, 9 - 88100 Catanzaro Tel.0961.792164 - fax 0961.792168 Crotone: Via Vittorio Emanuele, 32 - 88900 Crotone Tel.0962.901334 - fax 0962.905185 Reggio Calabria: Via Cavour, 30 - 89100 Reggio Calabria Tel. 0965.818768 - fax 0965.817687 Vibo Valentia: Corso Vittorio Emanuele III, 58 - 89900 Vibo Valentia Tel. 0963.471595 - fax 0963.472059 STAMPA: Finedit srl - Castrolibero (CS) - Via M. Preti Pubblicit nazionale: A. Manzoni & C S.p.a. Sede: via Nervesa, 21 - Milano Tel. (02) 57494211 Fax (02) 57494973
Modulo mm 40x21 - Tariffe a moduli: commerciale 80,00; ricerca di personale 40,00; finanziaria 120,00; legale 120,00; necrologie, partecipazioni, anniversari e ricorrenze 60,00. Manchette prima pagina 155,00 cadauna; finestrella prima pagina 595,00. Festivi pi 20%; posizioni di rigore pi 20%; colore pi 20%.

UFFICI: Reggio Calabria 89100 Via Cavour, 30- Tel. 0965.23386 - fax 0965.23386 Catanzaro 88100 Piazza Serravalle, 9 Tel. fax 0961.701540 Vibo Valentia 89900 corso Vittorio Emanuele III, 58 Tel fax 0963.43006 E-mail: ilquotidiano@finedit.com
Registrazione Tribunale di Cosenza N. 566 DEL 26-01-1995 REGISTRO NAZIONALE DELLA STAMPA N. 7886 DEL 15-03-1999
Certificato N. 4387

Abbonamenti:

La tiratura di marted 6 settembre stata di 20.353 copie

Italia annuo 6 mesi 7 giorni 348 192 6 giorni 300 168 Estero (Europa) 7 giorni 732 468 Pagamento tramite bonifico su c/c Banca Carime intestato a Finedit Srl, Via Rossini n.2, Castrolibero (CS) - IBAN IT 93 K 03067 16203 000000052671

la Calabria che con il suo amore, non conosce barriere sociali, culturali o religiose. Insomma, quella Calabria al quale io mi sento di appartenere. Questa realt lAssociazione del Sacro Cuore di Ges che da circa dieci anni a questa parte, si sempre schierata in difesa dei sofferenti e dei diversamente abili. Era il 2002 quando don Pietro Cutuli decise di fondare in localit Salvatore tra i comuni di Gerocarne e di Das, questa straordinaria associazione. Da allora sono state tantissime le iniziative dedicate ai diversamente abili, ai bambini e ai ragazzi, ai malati e a tutte quelle famiglie che hanno bisogno di aiuto. Tra le varie attivit che annualmente sono organizzate dallAssociazione del Sacro Cuore di Ges, sono presenti anche i campi scuola estivi per bambini e ragazzi. Questi campi hanno registrato una forte partecipazione coinvolgendo circa 200 bambini con lobiettivo di farli crescere in un ambiente sano e costruttivo. Inoltre, un sogno di don Pietro, sarebbe anche quello di allungare la durata di questi campi a tutto il periodo estivo e non solamente a una settimana nel mese di giugno. Questi campi scuola a mio parere, hanno una meravigliosa finalit; ovvero quella di combattere il grave fenomeno della dispersione scolastica che come se non bastasse, spesso conduce molti ragazzi verso la strada della devianza. Fino a oggi, i campi estivi hanno principalmente coinvolto tutti quei bambini che vivono nelle varie comunit dellAlto Mesima. Sarebbe fantastico se a questi campi partecipassero non solo i bambini dei centri vicini al territorio di Gerocarne, ma anche quelli provenienti dalle varie province della Calabria. A tal proposito, vorrei invitare tutte le persone che leggeranno questa mia lettera e quindi anche a lei, a visitare la localit Salvatore per stare a stretto contatto con la fede e per ammirare uno dei tanti volti puliti di questa nostra Calabria. Con riferimento agli articoli pubblicati sul vostro giornale il 28 agosto e l1 settembre 2011, volevo ringraziarvi per esservi ricordati anche questa volta, della tradizionale Giornata del Disabile che si svolta in localit Salvatore lo scorso 28 agosto. Vorrei terminare questo mio scritto con uno speciale ringraziamento diretto a Don Pietro Cutuli e a tutte quelle persone che nel corso di questi anni lhanno sempre sostenuto. Grazie a lui ho compreso quanto sia bello offrire il proprio amore agli altri rimanendo costantemente illuminati dalla fede. Pasquale Scordamaglia Santa Domenica di Ricadi

Mercoled 7 settembre 2011

La Tribuna 17

Dalle banche una truffa...


Segue dalla prima pagina

IN VENA

media italiani. Uno dei titoli era: Usa, il governo fa causa alle banche, non sono state trasparenti sui mutui mentre un altro era Mutui subprime, gli Usa fanno causa alle banche. Contenuti poi esplicitati anche dall'Ansa che spiegava come il Governo degli Stati Uniti stesse preparando un'azione legale nei confronti di pi di dodici banche, accusate di aver distorto la qualit dei titoli legati ai mutui confezionati e venduti all'apice della bolla immobiliareNell'azione legale le autorit puntano a mostrare come le banche non abbiano seguito la due diligence necessaria, non verificando come i redditi di alcuni mutuatari fossero in verit del tutto falsi Ci ha portato aduna perdita di oltre 30 miliardi di dollari, coperta in parte dai contribuenti americani con un incremento del carico fiscale. Tanto per chiarezza mi permetto di semplificare quanto accaduto, senza troppi tecnicismi finanziari. La bolla speculativa, che stato l'innesco e la causa della crisi mondiale tutt'ora in corso, ha avuto origine negli Usa dove, con i mutui subprime ed i cosiddetti derivati, il sistema bancario si spinto moltooltre innescando dei meccanismi infernali di premialit e benefits per i manager. Tali meccanismi hanno portato alla violenta corsa al profitto, senza tener conto degli enormi danni che si stavano facendo. Abbiamo letto e visto le immagini provenienti dall'America di banche che fallivano e dei dipendenti che venivano messi alla porta, mentre i manager delle stesse banche incassavano premi (benefits) per diverse decine di milioni di dollari. Le semplice domanda che chiunque si pone come sia possibile che se da un lato la banca fallisce per le perdite dall'altro gli autori di questi disastri vengano premiati? La risposta sta proprio nei contenuti degli articoli e nell'azione penale che verr intentata. La banca ha come mestiere principale quello di lucrare dalla compravendita di danaro, obiettivi spinti dal meccanismo dei premi (che ovviamente aumentano in maniera progressiva risalendo la struttura gerarchica). Ci ha portato, da un certo momento storico, a concedere credito anche a chi non aveva sufficiente merito creditizio, non valutando le conseguenze viziose di una simile strategia. Da qui bilanci ed utili stratosferici con successivi incrementi del valore delle proprie azioni sul mercato, e correlativi enormi premi distribuiti ai manager. Questo giocattolo si per rotto nel momento in cui chi doveva alla fine pagare il debito (l'impiegato e l'operaio americano) non pi stato in grado di pagare o di indebitarsi ulteriormente. Ci per non sarebbe stato sufficiente ad innescare questa crisi perversa, se la diabolica finanza creativa non avesse ideato lo strumento dei derivati con i quali le banche hanno confezionato il prodotto mutuo insieme ad altri prodotti finanziari creando un ulteriore prodotto rivenduto poi ad altre banche e, dopo diversi passaggi, collocato anche a risparmiatori (tra i quali diversi enti pubblici anche Italiani). Ecco quindi che alla fine quel mutuo non pagato in America ha avvelenato il sistema finanziario mondiale, in quanto a cascata i mutui impagati si sono trascinati a ruota tutto il castello di carte creato intorno, con la perdita di ingenti capitali, risparmi e posti di lavoro. Molto semplicisticamente questo quanto avvenuto, ed ora che il Governo americano ha deciso di avviare un'azione legale nei confronti delle banche perch si evidenzino le re-

sponsabilit di quanto accaduto, la domanda da porsi se quanto accaduto sia da limitarsi ai soli Stati Uniti. Per ragioni storiche e di cultura quello italiano un popolo di risparmiatori, che pensa prima di tutto a mettere da parte per poi investire, creando in tal modo una massa di capitali affidati alle banche. Anche se non si arrivati alle degenerazioni del sistema americano, occorre valutare come si comporta il nostro sistema bancario: a) In Italia abbiamo il costo dei servizi bancari pi cari del mondo industrializzato:vi sonoimportanti enumerosissime indagini italiane ed europee che confermano ci. Una rilevazione della Cgia di Mestre evidenzia come il sistema delle aziende italiane, per gli stessi servizi bancari, paga circa 3 miliardi di euro in pi rispetto alle altre aziende europee. b) L'Autorit Antitrustin una dettagliata indagine (IC36) afferma che in Italia il sistema finanziario in mano ad un ristretto numero di persone chedi fattobloccano econdizionano il libero mercato. L'indagine parla di comportamenti che privano il mercato della libera concorrenza e degli stimoli alla competizione, affermando pure che tali fatti rendono i servizi prestati molto costosi e non competitivi.

c) Nei bilanci delle banche una parte rilevante degli utili sono frutto di azioni fatte dalle banche in violazioni delle leggi vigenti. Sono norme chiare e di pacifica applicazione come il divieto di addebitare gli interessi maturati sugli interessi (anatocismo) o il rispetto dei limiti di tasso stabiliti dalla legge antiusura, norme che vengono puntualmente aggirate. Sono ormai innumerevoli le sentenze civili e penali che vedono

le banche soccombenti e condannate al ristoro delle somme illegalmente addebitate. Sono cose ben conosciute in quanto nelle stesse relazioni di approvazione dei bilanci i presidenti intimano di non rimborsare le somme ma di attendere che i clienti facciano le proprie rivendicazioni nei tribunali (in sostanza: noi abbiamo preso illegalmenteiloro soldi,selirivogliono indietro ci facciano causa)!

Per la Calabria urgenti...


Segue dalla prima pagina

essere pi nei prevedibili e fisiologici meccanismi ciclici di caduta e rimbalzo della ripresa. Tra le principali cause, sicuramente, sono da ascrivere le debolezze e i limiti di strategie politiche dei governi europei che non hanno attuato il rigore dei conti e lo stimolo alla crescita. La stessa sovranit degli Stati europei dal 2000 a oggi, in materia finanziaria e fiscale, stata utilizzata non per rafforzare una governance globale, ma per assicurare arbtri politici. Infatti, dal presidente uscente della Bce, JeanClaude Trichet, arriva il monito ai governi europei a fare di pi per fermare la crisi. un imperativo assoluto giungere a una vigilanza comune sui conti pubblici nazionali dei Paesi dell'Eurozona, rendendo pi stringente la governance dell'area, per cui se non si corre subito ai ripari, attuando le riforme strutturali, in primis a favore di occupazione e crescita, non si uscir dalla recessione. Per quel che riguarda il sistema economico italiano, gli analisti confermano sempre pi la sua fragilit, attestata dalla perdita di competitivit; siamo, infatti, agli ultimi posti in Europa nell'innovazione e nella ricerca, ai primi posti nel debito pubblico, e l'andamento della produttivit totale dei fattori ha accusato nel nostro Paese un preoccupante arretramento in questi ultimi dieci anni, ulteriormente aggravatosi nel periodo pi recente. La cancelliera Merkel, confermando un'esclusiva esigenza di parlare ai tedeschi e non agli europei, ha annunciato che l'Italia come la Grecia. E' un'affermazione preoccupante, non gi e non solo perla situazionefinanziariaitaliana, ma perch vuole rassicurare i tedeschi che la Germania non butter via soldi in Italia per come stato fatto in Grecia. Si conferma cos una Germania molto resistente a una governance fiscale e finan-

ziaria unica per i paesi europei. Il progressivo rallentamento dello sviluppo economico ha contribuito ad aggravare le gi precarie condizioni economiche del nostro Mezzogiorno, frutto dell'eterno e irrisolto dualismo Nord-Sud di cui soffre l'economia italiana. In questo quadro, che definire drammatico non eccessivo, le regioni deboli come la Calabria rischiano un collasso totale a ogni livello. Nella crisi globale le regioni a ritardo di sviluppo sembrano allinearsi alleregioni pistrutturate, ma quest'apparente somiglianza nasconde un futuro, dopo la crisi, ancora pi difficile per le regioni deboli. E allora come uscirne? Innanzitutto ripensare e riorganizzare meglio il sistema Regione, attuando una vera riforma radicale istituzionale nella direzione dell'efficienza e della sobriet, attraverso il rilancio dell'autonomismo che sfrutti le potenzialit dei territori. Non dobbiamo dimenticare che l'impianto istituzionale comunale calabrese fatto soprattutto da piccoli comuni (80%), che garantiscono alle comunit amministrate, pur nell'estrema difficolt dei mezzi, servizi che vanno considerati diritti inalienabili di cittadinanza. Dare subito, dunque, efficacia alla legge sull'esercizio associato di funzioni e servizi fra Comuni, a oggi inattuata, e completare il quadro normativo dal processo di decentramentodelle funzioni da parte della regione nei confronti degli enti locali: questo potrebbe essere un buon inizio. Ripartire dalle identit comunali per organizzare, anche territorialmente, le province, che dovranno rappresentare l'unico organismo di governo di area vasta, prevedendo, invece, la soppressione di tutti gli altri enti in sovrapposizione per tali competenze territoriali. La regione deve affrontare con decisione il tema dell'autogoverno, ancor prima del federalismo, tagliando definitivamente la ge-

stione diretta sia palese che occulta dai commissariamenti settoriali, e ripartendo da un modello organizzativo che sia efficiente ed economico, prevedendo un'unica sede istituzionale di Giunta e Consiglio, a Germaneto di Catanzaro, e poli territoriali nei cinque comuni capoluoghi. Occorre riavviare la definizione della citt metropolitana di Reggio Calabria, e promuovere la fusione dei comuni, attraverso fasi intermedie di cooperazione pi stringente, delle principali aree urbane della Calabria a iniziare da Cosenza e Rende. Solo la Politica che sar capace di riformare l'impianto istituzionale e amministrativo potr recuperare credibilit e autorevolezza verso i cittadini, e anche verso il sistema economico e sociale con il quale occorre riprendere una concertazione vera per affrontare il tema dei servizi. E', infatti, urgente confrontarsi per creare un processo organico di miglioramento dei servizi collettivi nella regione, con scelte coraggiose nel settore dei servizi pubblici locali, con la fine del commissariamento nel settore dei rifiuti e un'effettiva gestione unitaria del sistema idrico integrato regionale attraverso il pieno coinvolgimento dei comuni. La stessa sanit deve uscire dal tunnel della logica finanziaria, e riorganizzare l'impianto dei servizi ripartendo dai territori e dal sistema delle eccellenze. Cos facendo, si attuerebbe una razionalizzazione dei processi amministrativi essendo molto pi snelli, efficienti e trasparenti con una notevole riduzione della spesa regionale, creando sviluppo e crescita in un territorio che chiede lavoro, equit sociale, e dignit per i suoi cittadini, i quali vogliono far parte di un'Europa, che tutti ci auguriamo esca pi forte dalla crisi. Mario Maiolo Presidente Legautonomie Calabria

In documenti ufficiali di alcune tra le maggiori banche nazionali, si afferma che stato possibile raddrizzare le ingenti perdite grazie alle 4 manovre sui tassi, augurandosi che i clienti non se ne accorgano per chiederne la restituzione. Vi sono in particolare dei verbali sindacali in cui tutti , managers e rappresentatisindacali, siauguranoche icolleghisiano bravi a non far chiudere i conti ai clienti, per poi discutere il sistema di ripartizione dei premi di risultato. Di queste circostanze sono piene le cronache, basti ricordare il caso della BPI nel quale la banca ha effettuato degli addebiti ai propri correntisti per procurarsi la liquidit necessaria a tentare la scalata ad Antonveneta. Ancora le letture degli atti penali sui crack Cirio, Parmalat, eccetera. Sarebbe impossibile vista la drammaticit di tali fatti elencarli tutti, ma voglio far presente ai molti distratti un dato molto importante. In Italia vi sono 85 milioni di conti correnti, per ogni 10 euro che le banche applicano trimestralmente ai propri clienti, ottengono un ricavo annuo di 3,4 miliardi di euro in pi, dato poi che va messo in relazione al fatto che il costo dei servizi bancari in Italia maggiore di circa 140 euro rispetto ai paesi europei e che circa 3 gruppi bancari detengono il 50% del mercato. Questa cruda realt di cui molti distratti fannofinta dinon vederee capire porta a: a) che quasi tutti i bilanci delle banche sono falsi, in quanto drogati da ricavi frutto di attivit illegali; usura, anatocismo e spese inesistenti. b) che il nostro sistema finanziario non basato sulla libera competizione ma su lobby e concentrazioni di potere che bloccano il libero mercato. c) che tali comportamenti hanno portato e portano le aziende, soprattutto in periodi drammatici come questi, a non poter essere pi competitive. Tante altre sono le analisi e le conseguenze causate da questo sistema bancocentrico, e visto che, come afferm il prof. Mario Monti, i banchieri rappresentano il governo occulto del paese, dubito seriamente che qualche cosa cambier. Ma mi chiedo per: Perchla magistraturainpresenza di tali gravi reati non alza la testa ed indaga sul sistema illegale? Perch la magistratura ciecamente guarda il dito e non la luna; dove vi la presenza di decine di migliaia di vertenze contro le banche e ci si ostina ancora a trattarle singolarmente come il risultato di episodi a loro dire sporadici e non di una strategia pi complessa e generalizzata che punta all'illecito profitto attraverso la truffa ed una miriadi di altri reati, che quanto prima denuncer in un mio esposto alle Procure di tutta Italia? Basterebbe a ci analizzare i software bancari di controllo come Alms ed i database riservati (Dipo), per rilevarelavolont elaconsapevolezza da parte dei vertici delle banche ad utilizzare strumenti e procedure che, come affermano innumerevoli sentenze, servono ad aggirare le leggi e quindi a violarle? Perch la magistratura non vuole alzare il tiro e capire che siamo in presenza di una delle pi grandi truffe mai fatte in Italia? Certamente l'Italia non l'America e la sensibilit nei confronti di chi commette delle illegalit finanziare certamente differente; difatti oltreoceano chi ha commesso reati finanziari, sia esso potente o meno, va in galera, mentre da noi si gode di tutele pi o meno lecite. Il mio dovere di cittadino e studioso della materia, oltre che di imprenditore vittima di tali reati, comunque quello di combattere sui tavoli della giustizia a pari dignit con tali potentati lobbysti(espressione daintendersidegenerativa), con la speranza di riuscire prima o poi a dimostrare che in Italia, come altrove, la legge uguale per tutti, potenti e normali cittadini. Antonino De Masi

18

Mercoled 7 settembre 2011

Reggio
Mercoled 7 settembre 2011

19

REDAZIONE: via Cavour, 30 - 89100 Reggio Calabria - Tel. 0965.818768 - Fax 0965.817687 E-mail: reggio@ilquotidianodellacalabria.it

Scopelliti inaugura il reparto di Pschiatria dei Riuniti e annuncia il ritorno di Mazzitelli

Tre buone notizie per la sanit


E dal Tavolo Massicci lok per un mutuo da 428 milioni di euro per pagare i privati
di DOMENICO GRILLONE TRE notizie importanti per la sanit reggina e calabrese: linaugurazione dei nuovi locali del reparto di psichiatria allinterno dei Riuniti; il ritorno del chirurgo Riccardo Mazzitelli e il via libera da parte del cosiddetto Tavolo Massicci per accendere un mutuo con la Cassa depositi e prestiti di 428 milioni di euro. Risorse che andranno quasi interamente a favore di tutti coloro che vantano un credito nei confronti della Regione nel periodo che va dal 2001 al 2008 nel campo della sanit privata. Ci consentir, secondo le parole del governatore Giuseppe Scopelliti, di chiudere la partita del debito che riguarda un lungo periodo, ma anche una boccata di ossigeno per la sanit calabrese. Prima della conferenza stampa svoltasi ieri nellaula Spinelli dei Riuniti per illustrare queste novit, il direttore generale dellazienda ospedaliera reggina, Carmelo Bellinvia, affiancato dal governatore, ha inaugurato i nuovi locali del reparto di psichiatria. Si tratta di un altro tassello per un ammodernamento che prevede la ristrutturazione di tutte le divisioni mediche, soprattutto dal punto di vista della ricettivit alberghiera, e quindi delle degenze. Locali nuovi e dignitosi, quelli della psichiatria, non pi angusti e quasi disumani per malati che invece hanno bisogno di unattenzione particolare. Una novit salutata con grande entusiasmo anche dai familiari dei pazienti per le nuove soluzioni logistiche applicate allinterno del reparto e sottolineate dallo stesso Governatore. Grande anche soddisfazione per il rientro allazienda del chirurgo Riccardo Mazzitelli, salutato dal direttore generale dellazienda come punto di riferimento della chirurgia dellItalia meridionale. Rafforzer la squadra chirurgica con la sua esperienza ha aggiunto Bellinvia perch si tratta di un autentico fuoriclasse in questo campo che si adoperer nei casi particolari che necessitano di una sua supervisione. Il dottore Riccardo Mazzitelli, secondo lintesa stipulata con lazienda, non percepir alcun compenso per la sua consulenza. Perch a muoverlo in questa direzione stato solo lamore per la citt. Da sottolineare il fatto che Mazzitelli ha formato circa 22 chirurghi, molti dei quali lavorano allinterno dellazienda reggina ed stato sempre un punto di riferimento per i casi pi complessi e delicati in chirurgia. Oltre al gradito ritorno del chirurgo reggino, nuovi professionisti arriveranno in riva allo Stretto, anche se per adesso sui loro nomi vige il massimo
LA SODDISFAZIONE

E un riconoscimento alla mia carriera per ci che ho fatto in citt e in provincia


CREDO sia un riconoscimento alla mia carriera, per tutto quello che ho fatto in citt e in provincia, esordisce Riccardo Mazzitelli a margine dellincontro e riferendosi alla richiesta di Carmelo Bellinvia. Perch stato il direttore generale, suo grande amico e collega di lavoro durante nove anni lavorando in ospedale, a chiedergli di tornare. Trentacinquemila operazioni chirurgiche effettuate in tutta la sua carriera e la stima di migliaia di persone che gli riconoscono, oltre alle indiscusse capacit professionali, una grande carica umana. Questa cosa lho vissuta con emozione ed orgoglio, dice il chirurgo. Che, a questo punto diverr luomo squadra, il fuoriclasse che ritorna a casa per riformare lo spirito di gruppo, quello dei chirurghi reggini molti dei quali usciti proprio dalla sua scuola. Adesso lattende una nuova sfida in un ambiente diverso e tecnologicamente messo meglio rispetto al passato. Il chirurgo migliore quello che riesce ad ottenere grandi risultati utilizzando quando giusto le tecnologie di ultima generazione. Il che significa anche coniugare lefficienza con il risparmio perch giusto ricordare gli sperperi in sanit e la necessit diporre rimedioin questo.Tutto importante per Riccardo Mazzitelli. Ma come in qualunque squadra di lavoro, di calcio o di qualsiasi altro settore, quello che conta, oltre alla professionalit, quel quid in pi

Riccardo Mazzitelli

La conferenza stampa di Scopelliti

riserbo. Lazienda ospedaliera reggina rappresenta un grande hub, ovviamente riferito alla sanit dice il governatore della Calabria Scopelliti ed occorre irrobustire la branca della chirurgia. Abbiamo la necessit di guardare val futuro, un grande ospedale ha richieste enormi e tutto questo grava sulla squadra chirurgica. Tutto questo consentir delle performance migliori e con una squadra

ancora pi ricca ci saranno meno errori rispetto alla casistica generale. Felice anche lallievo di Riccardo Mazzitelli, e cio lattuale primario della chirurgia durgenza Salvatore Costarella. Fu lui ad aprirmi le porte 24 anni addietro alla professione. E stato il mio maestro e non c un chirurgo in provincia che non sia stato cresciuto professionalmente da lui.

che riesce a far quadrare tutto in maniera meravigliosa. E importante tutto, certo. Ma la cosa che ricordo pi volentieri del passato in questa struttura ospedaliera era proprio lentusiasmo,la straordinaria voglia di fare. Credo che Bellinvia mi abbia chiamato anche per questo. Dimenticate le incomprensioni del passato con qualche manager ospedaliero oggi Mazzitelli, con lassenso del Governatore, ritorna in ospedale, sia pure in un ruolo diverso, con lo stesso spirito che per anni lo ha spinto a dare agli altri il meglio di se stesso. E farlo senza ricevere alcun compenso sottolinea ancora di pi la sua voglia ancora intatta di spendersi per la citt. d.g.

IN CITT

La replica del dg alla denuncia dei consumatori

Contro la manovra

No alle minacce

La protesta Cigl in piazza Italia

La Provincia traccia la linea

Il nodo delle liste dattesa Bellinvia: Interverremo


LISTE di attesa: ancora emergenza, in citt e in quasi tutta la regione. Lultima denuncia viene dallUnione nazionale consumatori Calabria, smentita poi ufficialmente dal direttore generale dellazienda ospedaliera reggina Carmelo Bellinvia, che in nota stigmatizza i ritardi per le visite specialistiche in reumatologia al Morelli e per effettuare una mammografia. Sia per luna che per laltra il Cup Centro unico prenotazioni ha candidamente ammesso, secondo quanto denuncia il presidente regionale dellassociazione Saverio Cuoco, che per questanno non c alcuna possibilit di prenotazione per tali visite, quindi se ne parla il prossimo anno ed in ogni caso non possiamo neanche procedere adesso allavvio delle prenotazioni per il prossimo anno, poich non abbiamo il calendario dei giorni prestabiliti per tali visite. La smentita arriva a stretto giro di posta. Perch dopo un rapido controllo effettuato dallo stesso direttore generale negli uffici del Cup, i tempi di attesa per la visita reumatologica di circa60 giorni, come pure lesame di mammografia. Tempi ancora lunghi, certo, ma non biblici come prospettato dallassociazione dei consumatori. Il
Lavvocato Saverio Cuoco dellUnione consumatori

PENSIONATI e giovani davanti alla prefettura per dire no alla manovra del Governo
alle pagg. 20-21

CONSIGLIO contro le intimidazione nei confronti di amministratori e giornalisti.


a pag. 22

IN PROVINCIA

Villa San Giovanni

San Lorenzo

Pd, sullo Stretto prove di unit

Consiglio urgente dopo due mesi

PARTE domani e durer tre giorni la Festa Democratica dellarea dello Stretto a Villa.
a pag. 32

LA MINORANZA aveva chiesto un consiglio urgente. Il sindaco ci mette due mesi.


a pag. 33

problema resta in ogni caso in tutta la sua gravit. Ed per questo che Bellinvia ha predisposto un piano particolare. La nuova organizzazione del Morelli va nella direzione di incrementare tutta lattivit ambulatoriale di prestazioni esterne con lapertura di tutti i servizi ogni giorno per dodici ore. C da aggiungere il rinnovo delle strutture tecnologiche, molte di quelle esistenti sono obsolete, con lacquisto di una nuova risonanza, due tac e una pet. Lapporto di nuove tecnologie consentir di aumentare lattivit diagnostica, sia per le urgenze, sia per tutti i cittadini che a tal modo non dovranno aspettare molto tempo per effettuare un esame. Lintenzione della direzione genera-

le dellazienda anchequella di incentivare i medici dal punto di vista economico per aumentare il volume degli esami e ridurre cos i tempi. Una struttura speciale conclude Bellinvia - si occuper di monitorare le liste di attesa affinch non si superino quei limiti considerati insostenibili. Applicheremo le nuove direttive del ministero della Sanit che prevedono di dividere gli esami richiesti secondo i codici, cio quelli che debbono essere assolutamente effettuati entro 72 ore ed esami che invece possono essere effettuati con pi calma.I risultatili vedremo a breve, solo qualche mese ed anche questo problema potr essere senzaltro ridimensionato. d. g.

24 Reggio

Mercoled 7 settembre 2011

Intensa attivit di controllo per la Polizia di Stato nellarea di piazza Garibaldi e nel centro

Volanti, un arresto e 4 denunce


Fermata una giovane nigeriana accusata di oltraggio e aggressione
PARTICOLARMENTE intenso il fine e linizio della settimana per gli uomini delle volanti della polizia di Stato, nellambito dellattivit di prevenzione e controllo del territorio disposta dal questore di Reggio Calabria, Carmelo Casabona per il periodo estivo. Diverse le zone cittadine monitorate, con una particolare attenzione a fenomeni criminali di natura predatoria. E a conclusione delle diverse operazioni i risultati sono emblematici. Infatti nel giro di 24 ore si sono registrati un arresto e quattro denunce a piede libero, oltre a numerosi controlli e perquisizioni di autovetture. Nel bilancio c una donna extracomunitaria tratta in arresto per resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale, due cittadini italiani e due cittadini di nazionalit straniera deferiti per vari reati oltre i numerosi controlli su persone e veicoli. Nello specifico, nella tarda mattinata di luned, stata tratta in arresto I.V., 21 anni, cittadina nigeriana gi nota per reati contro la persona, lesioni personali e destinataria del divieto di dimora a Prato e Cadenzano. A Reggio si resa responsabile del reato di resistenza, violenza e lesioni personali a pubblico ufficiale. La donna, durante un controllo dei documenti identificativi, secondo laccusa ha ostacolato un intervento assolutamente di routine, durante il quale avrebbe avuto una reazione inconsulta inveendo contro gli agenti con calci e pugni. Una scena che si ripeteva anche in questura dove la donna stata accompagnata. I.V, infatti ha continuato nel suo atteggiamento simulando anche atti di autolesionismo. Per questo stata tratta in arresto in attesa del rito della direttissima previsto nella giornata di ieri. Sempre luned stato deferito allautorit giudiziaria N.G., 68 anni, il quale, nel corso di un controllo effettuato in piazza Garibaldi, stato trovato in possesso di unascia custodita allinterno della propria autovettura. Altra denuncia ha riguardato S.G., 60 anni, di nazionalit bulgara, che dovr rispondere di rifiuto di indicazioni sulla propria identit personale, molestie e disturbo alle persone. Nella circostanza la Volante intervenuta a seguito delle ripetute proteste di alcuni residenti. Un cittadino rumeno, L.I., 24 anni, stato, invece, deferito perch trovato in possesso ingiustificato di un coltello a molla di genere vietato. Lo stesso, peraltro. si rifiutato di fornire indicazioni sulla propria identit. Infine, ancora una volta in piazza Garibaldi, stato denunciato G.R., 41 anni, gi noto per furto, estorsione e reati contro la persona, anchegli trovato in possesso di un coltello di genere vietato. Dalle indagini emerso che luomo, poco prima, aveva minacciato con la stessa arma un sessantacinquenne reggino. Piazza Garibaldi, tra laltro si dimostra ancora una volta una zona della citt frequentata da disperati e balordi dogni genere.

Sequestrati unascia e due coltelli

La Questura di Reggio Calabria

Prefettura e centro regionale Istat impegnati a preparare il personale nella raccolta dei dati

Corsi di formazione in vista del censimento


IN vista dellavvio del XV Censimento della popolazione e delle abitazioni 2011, previsto per il prossimo 9 ottobre, la Prefettura di Reggio Calabria in collaborazione con lUfficio regionale dellIstat ha organizzato un corso di formazione destinato ai responsabili e componenti degli uffici di censimento dei comuni della provincia. Il programma prevede lo svolgimento delle attivit formative in sede decentrata presso i Comuni di riferimento Reggio Calabria, Palmi e Locri delle tre macro aree in cui stata suddivisa la provincia. Secondo le indicazioni contenute nel Piano generale di Censimento, le predette attivit che hanno avuto inizio luned e si concluderanno il prossimo giorno 21, sono articolate in moduli dedicati allapprofondimento di temi specifici quali lorganizzazione della rete territoriale, il piano delle operazioni censuarie, le attivit di rilevazione, il funzionamento degli Uffici Comunali di Censimento, il confronto censimento-anagrafe, lobbligo di risposta e le norme a tutela della privacy. Particolare attenzione inoltre dedicata alla trattazione degli aspetti operativi concernenti i centri comunali di raccolta e le fasi di rilevazione. Gli operatori saranno messi nelle condizione di svolgere il proprio ruolo tenendo conto delle norme in vigore con particolare cura per la raccolta dei dati generali, ma anche con della necessaria tutela delle informazioni che risultassero particolarmente sensibili sotto il profilo dei dati sensibili.

La Prefettura di Reggio

Il movimento in piazza Italia per la manifestazione organizzata per domani sera

BREVI
ESPIAZIONE PENA

Snoq a sostegno di chi collabora


Se non ora quando?: Siamo vicine alle persone che stanno con la giustizia
ANCHE il movimento Se non ora quando?, di Reggio Calabria parteciper alla manifestazione di domani a sostegno delle donne che decidono di collaborare con la giustizia. Il movimento ha infatti aderito alliniziativa emblematicamente intitolata Chi collabora non deve morire di acido muriatico. Le donne di ndrangheta - affermano nella nota di adesioni baricentro dellassetto familiare e affaristico, nel silenzio, voluto o imposto dal contesto, affiancano i mariti, crescono i figli, collaborano alle attivit illecite. Urlano solo, davanti agli uffici della Questura, quando viene arrestato il boss: un uomo di pace!. Fa parte, questo, della modalit di essere donne di ndrangheta. Vittime e carnefici, succube e complici. Noi donne del Se non ora, quando? di Reggio Calabria, in percorso da tempo su questi temi, oggi pi che mai vogliamo urlare, parlare! Urlare per dire che la ndrangheta una montagna di merda, che morte; parlare insieme alle altre donne per ribadire che lisolamento ammazza pi dellacido muriatico. Per questi motivi l8 - spiegano Snoq pensiamo che la solidariet e la vicinanza di donne e uomini che rifiutano le logiche delle caste istituzionali e dei loro grandi elettori mafiosi siano le vere armi contro queste logiche aberranti. Non lasceremo sola Elisabetta Tripodi, non lasceremo sole tutte le donne che hanno il coraggio di parlare e con dignit fare normalmente, onestamente, il proprio lavoro. Invitiamo tutti, donne e uomini ad essere con noi l8 settembre a piazza Italia di fronte alla Prefettura per pretendere che questo Stato, troppo attento ai loschi affari di pochi delinquenti che lo governano, ritrovi la forza di essere quello che dovrebbe, e cio unistituzione sana che contrasta i poteri criminali e tutela donne e uomini che a ci collaborano. Lintenzione quella di evitare che la manifestazione sia solo la solita passerella istituzionale. Facciamo - dicono - che sia linizio di un vero percorso comune, con le donne calabresi sul territorio, contro i poteri forti che uccidono le menti oltre che i corpi. Il Snoq di Reggio Calabria gi impegnato sul tema, oggi pi che mai, invita tutte le donne e gli uomini interessati a partecipare alla lotta contro la ndrangheta, contro le lobbies e contro questa cultura mafiosa che ammazza pi dell'acido. Insieme.

Arrestato un trentenne
LUNED scorso, i Carabinieri della Stazione di RC-Principale, hanno arrestato, a seguito di un ordine di carcerazione delautorit giudiziaria A.A.A., di 30 anni. Luomo secondo lordine di arresto deve espiazione pena di un anno e mesi 8 di reclusione, per reati in materia di stupefacenti. Il trentenne stato recluso nel carcere di Reggio Calabria.

Donne di mafia Vittime e carnefici

GALLICO

Incendiata una Lancia Y


ANCORA un incendio dauto in un quartiere della citt. Questa volta i piromani sono entrati in azione nella zona di Gallico, dove ignoti hanno dato alle fiamme lautovettura Lancia Y di propriet B.V., 26 anni. Sullepisodio stanno indagando i carabinieri della locale stazione, impegnato a definire il movente del danneggiamento.

Una manifestazione di Snoq

- (domani per chi legge, ndr) saremo di nuovo in piazza per aderire al sit in Chi collabora no deve morire di acido muriatico. Le donne che parlano, specialmente quelle coinvolte in affari loschi, sono donne da eliminare. Non sono funzionali alle organizzazioni criminali, anzi sono pericolose. meglio suicidarle, e nel modo pi atroce, per dare un segnale a quelle che vorrebbero seguirne lesempio: se parli, suicideremo anche te.

Queste donne vivono nellisolamento, una condizione che le uccide dentro, forse, ancor pi dello stesso acido. Cos Orsola Fallara a Reggio Calabria - concludono - Maria Concetta Cacciola a Rosarno, Tita Buccafusca a Nicotera. Una morte che, se volontaria, sarebbe assolutamente impensabile ed anacronistica nella sua atrocit. Colpirne alcune per educarle tutte, questo che viene in mente leggendo di queste morti. Noi donne del

Mercoled 7 settembre 2011

Reggio 25

Inaugurata in via Miraglia unesposizione di documenti sul rapporto tra fede e citt

Le Poste celebrano la patrona


Stampata per loccasione una cartolina commemorativa da distribuire
ANTICHI documenti, cartoline depoca, foto, per raccontare la storia dellintenso rapporto che lega la citt di Reggio Calabria alla sua Patrona, la Madonna della Consolazione. E quanto propone la mostra La Consolatrice degli afflitti, inaugurata ieri mattina presso la filiale di Poste di via Miraglia. La mostra, il cui titolo tratto da unopera del XVIII secolo di Padre Enrico Nava da Reggio, frate dellEremo, realizzata in collaborazione con lAssociazione Culturale Anassilaos, e curata dal collezionista reggino Giuseppe Diaco, con una ricostruzione storica di Tito Tropea, presidente di Anassilaos Giovani. Presenti alla manifestazione il Direttore della Filiale, Carolina Picciocchi, lassessore provinciale alla Cultura, Edoardo Lamberti Castronuovo, il curatore della mostra Giuseppe Diaco, il Presidente di Anassilaos Stefano Iorfida, silaos Giovani pea, monsignor Antonino Iachino, Vicario generale dellArcidiocesi di Reggio Calabria, e il Provveditore agli Studi, Vincenzo Geria. In uno dei documenti esposti, di Monsignor Lanza, che fu Arcivescovo di Reggio dal 1943 al 1950 si legge che la storia di Reggio, nei suoi molteplici aspetti individuali e comunitari, intimamente legata a quella del Quadro della Madonna della Consolazione e del Suo Santuario, in una continua vitale e ineffabile fusione di patrocinio, di culto e di opere, che, se fa di Reggio la Citt di Maria, fa anche dellEremo il Santuario di Reggio. La storia di questo quadro non potrebbe essere compresa senza la storia della nobile Civitas Regina, delle sue vicende, dei suoi lutti, delle sue suppliche, dei suoi voti, delle sue pubbliche dichiarazioni e dei suoi solenni impegni, cos come la storia di Reggio non avrebbe completo e verace significato se non fosse valutata nella luce del Quadro della Madonna della Consolazione. Le parole di monsignor Antonio Lanza bastano da sole ad indicare il profondo legame che unisce i fedeli reggini al Quadro della Vergine ha detto Iorfida. Nella lunga storia della citt, e almeno dal 1576-77, tra pestilenze ed epidemie di varia natura, tra incursioni, occupazioni e guerre, tra terremoti e ricostruzioni, i Reggini allorquando ed era molto spesso non riuscivano a trovare interlocutori istituzionali, sovrani e governi, si sono sempre rivolti allunico Interlocutore che ritenevano potesse proteggerli e difenderli, e ci avvenuto anche in tempi recenti, se pensiamo alla giornata del 31 luglio del 1970, quando il Quadro fu dal popolo, a forza, portato in processione in Citt. Questa esposizione storico-documentale ha affermato lassessore Lamberti ci offre una lettura appassionata di una festa di fede e di popolo il cui rinnovarsi nel tempo contribuisce a radicare sempre di piin noi quel sensodi appartenenza ad una comunit senza il quale saremmo uomini senza radici. Grande compiacimento per liniziativa stato espresso da monsignor Iachino che ha sottolineato come la festa dedicata alla Madonna della Consolazione sia tra le pi importanti feste religiose dItalia, le cui celebrazioni richiamano migliaia di fedeli anche dalla Sicilia. La sua imponente processione un evento particolarmente sentito dai devoti reggini e ne ha sempre caratterizzato la cultura e le usanze. La mostra ha concluso Carolina Picciocchi vuole essere un omaggio sentito alla Patrona della nostra citt, a cui stata dedicata, per loccasione, anche una speciale cartolina che tutti i visitatori potranno richiedere gratuitamente al nostro sportello filatelico

LINIZIATIVA

Quando la musica preghiera


Il Cis affronta il tema trattato da tanti artisti della spiritualit nella grande opera lirica
bria, con il patrocinio del comitato feste patronali del comune ha presentato presso il chiostro della chiesa di San Giorgio al Corso, in onore della Madonna della Consolazione, lincontro la Spiritualit nellopera LA PROPOSTA UDC lirica e i grandi interpreti con il relatore Nicola Sgro e Corso Garibaldi venga intitolato don Antonio Santoro, parroco della alla Madonna della Consolazione il presidente Anaschiesa di san GiorTito Trogio. A suggellare la E con immenso piacere che intendiamo intervenire in meserata la consegna di rito linteressante dibattito che si sta registrando in riva allo due targhe ai relatoStretto attorno allidea di intitolare unarteria della citt alla ri, dopo lintroduzioMadonna della Consolazione. Una discussione che assune curata dal presime un ruolo ancor pi significativo in considerazione dente Loreley Rosita dellapprossimarsi delle festivit mariane, che, come conBorruto ed il ricordo suetudine, animano di fede e devozione il settembre reggidel tenore di fama inno. E quanto dichiarano il vicesindaco Demetrio Porcino, ternazionale Salvalassessore alla Pubblica Istruzione Vincenzo Nociti ed i tore Licitra, morto consiglieri comunali Bruno Bagnato, Andrea Crupi e Roberdopo nove giorni di to Leo, in altre parole gli esponenti dellUnione di Centro a coma. Don Nuccio Palazzo San Giorgio. Riteniamo precisano i due assesSantoro ha invitato sori e i consiglieri che, sulla scia dei valori religiosi che hanil pubblico presente no contraddistinto lo spirito fondatore del nostro partito dapalla conoscenza delpartenenza, di dover sostenere qualsiasi iniziativa o propola storia delle feste sta venga assunta in tale direzione, poich crediamo fermapatronali, sia dal mente che sia di rilevante interesse sociale intitolare una via punto di vista civile alla Patrona della pi grande citt della Calabria. Questo che religioso, in aggiungono - per sottolineare ulteriormente il legame che quanto legato alla da sempre esiste tra il popolo reggino e Maria Santissima storia della vita di un della Consolazione. Proprio alla luce di una tale devozione popolo. Limpegno conclude lintero gruppo dellUdc sarebbe opportuno condella chiesa vuole dividere lidea di dedicare alla Madonna una delle strade pi che la tradizione sia emblematiche della nostra citt, il corso Giuseppe Garibaldi IN occasione delle prossime Festivit Mariane 2011, il centro internazionale scrittori della Calache rappresenta il cuore pulsante di Reggio, nonch larteria sulla quale prende puntualmente vita, ogni anno, labbraccio dei fedeli alla Sacra Effigie.

di CLAUDIA BOVA

Una lettura della festa del popolo

mantenuta e che diventi ancora pi spirituale, ha aggiunto. Attraverso il contributo di filmati tratti da concerti, sono stati illustrati dal compositore e direttore dorchestra Nicola Sgro, gli aspetti culturali e religiosi di opere liriche interpretate dai pi grandi cantanti della lirica mondiale. Nella religiosit infatti - ha sostenuto Sgro - ci sono sfaccettature che diventano nella musica elementi di spettacolo non perdendo il carattere trascendente e cristiano; tutto si svolge in un ambiente profano, il palcoscenico. Si comincia non con lo Stabat Mater o con il coro del Nabucco, il V pensiero, come si soliti pensare, ma con laria tratta dal Macbeth cantata da Luciano Pavarotti, Ah, la paterna mano. Quella condotta da Sgro stata unanalisi stilistica e tecnica puntuale, con la presentazione dei personaggi, la storia dellopera trattata insieme ai grandi interpreti, quali Renata Scotto in Senza mamma tratta da Suor Angelica, Carlo Tagliabue in Dio possente, Dio damor o la famosa La vergine degli angeli eseguita da Maria Callas, in una registrazione del 1954. Ma altrettanto conosciute Ingerisco tratto dal Requiem di Verdi cantata da Renata Tebaldi. Voci straordinarie, momenti mistici, preghiere che dimostrano il divino segno di protezione.

A tanto ammonta il debito del Comune con le scuole materne per lo scorso anno

Sportelli attivati anche a Reggio

La Fism chiede un milione di euro


Manti: La politica cittadina lo considera un problema di serie B
di SILVIA PELLICANO AMMONTA ad oltre un milione di euro il debito globale che lamministrazione comunale reggina ha maturato nel corso dellanno scolastico 2010/2011 nei confronti delle scuole paritarie aderenti alla Federazione Italiana Scuole Materne. Ad annunciarlo, ieri mattina in una conferenza stampa tenutasi presso lUfficio delle comunicazioni sociali della Curia arcivescovile di Reggio, il presidente della sezione reggina della Fism, Leonardo Manti. La Fism un organismo a cui attualmente fanno riferimento oltre 8 mila scuole paritarie dellinfanzia gestite da congregazioni religiose, parrocchie, enti morali e associazioni diffuse su tutto il territorio nazionale attraverso una rete di circa 4.800 comuni. Nella sola Reggio sono sessantuno le scuole materne aderenti alla Fism, molte delle quali garantiscono servizi di mensa,trasporto enei casisegnalati dal Comune, anche un servizio di accoglienza per quei bambini che vivono in famiglie con gravi difficolt economiche. In queste strutture convenzionate infatti vengono applicate delle rette agevolate in proporzione agli indicatori economici Isee, cos che per i redditi inferiori ai 2.500 euro vige lesenzione totale dal pagamento dei servizi, mentre fino alla soglia massima di 17 mila euro annui le famiglie possono beneficiare di tariffe proporzionalmente ridotte per fasce di reddito grazieal contributodelle cassecomu-

Sos energia elettrica un progetto a tutela delle tasche dei consumatori


AVVIATO anche a Reggio Calabria il progetto Energia: Diritti a Viva Voce promosso da 17 associazioni dei consumatori (Federconsumatori, Acu, Adoc, Adiconsum, Altroconsumo, Assoconsum, Assoutenti, Casa del Consumatore, Centro Tutela consumatori e utenti, Cittadinanzattiva, Codacons, Codici, Confconsumatori, Lega consumatori, Movimento Consumatori, Movimento difesa del Cittadino e Unione Nazionale Consumatori) e finanziato dalla Cassa conguaglio per il settore elettrico su disposizione dellAutorit per lenergia elettrica e il gas con lobiettivo di rendere i consumatori pi informati e consapevoli in materia di energia e gas. Lesigenza di promuovere questo progetto nata dalla situazione sopravvenuta alla liberalizzazione del settore energetico, che ha visto lingresso di nuovi operatori e quindi di un mercato pi movimentato favorevole al consumatore ma che in molti casi ha creato criticit, come ad esempio comportamenti commerciali scorretti, situazioni di doppie fatturazioni o semplicemente difficolt nel passaggio da un venditore allaltro. Ed per questo e per una semplificazione e trasparenza sempre maggiore che ha preso vita il Progetto Energia: Diritti a Viva Voce attivando: sportelli di assistenza ed informativi, call center, campagne informative sul territorio nazionale e via web e una Applicazione (App) per i-Phone dedicata. A Reggio Calabria lo sportello, unico per tutta la provincia, gestito dal Movimento Difesa del Cittadino, dal luned al gioved, dalle ore 9:30 alle ore 12:30 e dalle ore 15:00 alle 17:00 e il venerd dalle ore 9:00 alle ore 13:00 (tel. 0965 22478 - fax 0965 1870455).

Il Municipio di Reggio Calabria. A destra Leonardo Manti

nali. Secondo il rapporto proposto dalla Fism, nel periodo che va dal 1 settembre 2010 al 30 giugno 2011, sono stati 1733 i bambini che hanno usufruito gratuitamente del servizio mensa, 1136 del servizio trasporto e 259 del servizio di accoglienza, per un totale di 1.058.029,00 euro di debiti accumulati dal Comune e non ancora corrisposti alle scuole. La politica forse considera il problema dellinfanzia un problema di serie B tuona Leonardo Manti con in mano una lettera inviata al sindaco via fax lo scorso 29 agosto. Sono gi iniziate le attivit didattiche ed il servizio mensa in molti casi gi attivo, il

prossimo 8 settembre ci sar una riunione con tutte le scuole in apertura dellanno scolastico mentre ancora non sono state versate le somme spettanti per le attivit svolte nellanno passato. Attualmente negli altri comuni della provincia non ci sono problemi di questo genere. Noi abbiamo ununica richiesta, il pagamento del milione di euro di arretrati che spettano alle scuole convenzionate e che altrimenti finiranno per gravare sulle famiglie. La situazione gi stata esposta al sindaco, ma dallamministrazione comunale sono arrivati solo silenzi. Gi lo scorso 4 agosto, infatti, in un incontro tra la delegazione

Fism e ilsindaco Demetrio Arena, si era a lungo dibattuto sul problema ed era stata consegnata una documentazione dettagliata relativa alle somme che il Comune si era impegnato a versare nella Convenzione numero 21 del 22 dicembre 2010. In occasione di questultimo incontro, secondo quanto sostiene Manti, il sindaco si impegn personalmente in merito alla questione, promettendo che entro il 20 agosto avrebbe per lo meno dato delle notizie sui pagamenti maturati. Notizie che a due settimane di distanza, anche dopo ripetuti solleciti, non sono arrivate e che adesso la Fism rivendica a gran voce.

26 Reggio
APPUNTAMENTI

Agenda
Rileggiamoci Dante appuntamento a Catona
DOPO la pausa estiva riprende il progetto Rileggiamoci Dante con la lettura e il commento del settimo canto del Purgatorio, che avverr oggi dalle ore 19.30 alle ore 20.30 nei locali della vecchia sede Agen di via Collegiata a Catona. E come al solito, leggeranno i versi quanti dei presenti vorranno collaborare. Iniziativa organizzata da Franco Catalano e Antonello Musolino.

Mercoled 7 settembre 2011

La facolt di Agraria presenta lofferta


OGGI alle 10.30 presso la Sala Consiglio della facolt di Agraria delluniversit Mediterranea, il preside Santo Marcello Zimbone terr una conferenza stampa di presentazione della nuova offerta formativa per lanno accademico 2011/2012. Allincontro parteciper anche il responsabile Ufficio stampa e comunicazione della facolt che sorge sulla collinetta di Feo di Vito, Carlo Taranto.

Al Museo diocesano la mostra sulla Madonna


UNA NUOVA iniziativa arriva nelle ricche sale del Museo diocesano di Reggio Calabria. Dal 10 al 13 settembre, infatti, nel Museo Diocesano intitolato a Monsignor Aurelio Sorrentino si terr una mostra didattica dal titolo Arte e devozione a Reggio Calabria: il culto della Madonna della Consolazione. Il museo attivo con corsi e laboratori.

ENIGMI

TANTI AUGURI
Tanti auguri a te che sei la miaRegina. Buon compleanno meraviglia mia. Tu che da quando sei entrata nella mia vita mi regali emozioni a pi non posso e sensazioni uniche. Tu che non perdi un momento per dimostrarmi il tuo amore, oggi voglio essere io a stupirti. E nel giorno del tuo compleanno e onomastico, ti faccio tanti auguri sempre al mio fianco. Tuo per sempre, Vittorio

AL CINEMA

Torneo di Sudoku la prima volta al Sud nel weekend a Palazzo S. Giorgio


DALLESPERIENZA di Argio-Logic, unita alla voglia di fare dellassociazione Filarmonica San Demetrio, e dellassociazione culturale Attivamente, entrambe con sede in Mosorrofa, nasce SUdDOKU, torneo dedicato a quella che ormai diventata una delle sfide pi accattivanti della moderna enigmistica. E la prima volta che un torneo nazionale dedicato al popolare gioco si tiene al sud dItalia, e ci avverr proprio a Reggio il 10 e 11 settembre, tanto che levento stato inserito nel programma ufficiale dei festeggiamenti in onore della Madonna della Consolazione. Per loccasione diversi professionisti e appassionati provenienti da varie regioni italiane si sfideranno a Palazzo S. Giorgio, che ha patrocinato levento, affrontando una selezionedi sudoku classici e di varianti che renderanno la competizione varia e avvincente. A rendere il tutto pi notevole, il fatto che al torneo parteciperanno alcuni dei pi importanti sudoker italiani, gi protagonisti con ottimi piazzamenti dei campionati italiani del gioco tenutisi negli ultimi anni. Proprio per questo la competizione pu essere vista come una sorta di preparazione al Cis (campionato italiano di sudoku) che si dovrebbe tenere in autunno. Le iscrizioni al torneo sono aperte a tutti e sono completamente gratuite. Le stesse si possono effettuare online sulla relativa pagina ufficiale di Facebook, o sul sito di Argio-Logic (www.argio-logic.net), dove gli interessati potranno allenarsi al torneo attraverso contest e schemi di varia natura. In alternativa le iscrizioni si potranno effettuare direttamente a Palazzo S. Giorgio a partire dalle 15 di sabato 10 settembre.

Se avete da segnalare un lieto evento (ricorrenze, lauree, nozze, nascite) da pubblicare in questa rubrica, inviate un fax al numero 0965/818768 oppure una mail allindirizzo reggio@ilquotidianodellacalabria.it

ARTE

Nuova Pergola tel. 0965 21515 Kung Fu Panda 2 (in pellicola) ore 18.00-20.00-22.00 Odeon tel. 0965 898168 Cose dellaltro mondo ore 18-20-22 Cinema Teatro Aurora Tel. 0965 45373 Solo per vendetta ore 18.30-20.30-22.30 Multisala Lumieretel. 0965 51036 Kung Fu Panda 2 in 3D ore 17.30 - 19.30 - 21.30 Come ammazzare il capo e vivere felici ore 21-23 Horror Movie ore 18 - 19,45 I pinguini di mr. Popper ore 17.40-19.30 Le regole della truffa ore 21,15-23 Flight night, il vampiro della porta... ore 18.30-20.30-22.30 Don Bosco - Bova M. 0965 766208 chiuso per ferie Gentile - Cittanova 0966 661894 chiuso per ferie

Mostra iconografica alla Biblioteca comunale


IN OCCASIONE delle prossime Feste Mariane e in onore della Madonna della Consolazione, con il patrocinio del Comitato Feste Patronali del Comune, oggi alle ore 11, presso la Biblioteca comunale - villetta P. De Nava (foto), sar inaugurata, a cura del Centro Internazionale Scrittori della Calabria, la mostra iconografica dellartista Loredana La Capria. Interverranno il presidente del Comitato Feste Patronali Giuseppe Agliano, lo scrittore Domenico Minuto, Loreley Rosita Borruto, presidente del Cis della Calabria e lartista Loredana La Capria. La mostra rester aperta al pubblico fino al 16 settembre. La Capria vive e opera a Palmi e tiene contatti con il mondo dellarte bizantina, greca e russa da oltre 20 anni. Nutre profondo interesse artistico e spirituale per tutto ci che riguarda le forme e le rappresentazioni religiose conservate presso monasteri e laboratori artistici ellenici. Lartista, nelle sue opere, usa la tecnica delliconografia bizantina realizzata con uovo, aceto, pigmenti naturali e oro zecchino su tavola e la tecnica a secco sulla tela e sul muro per la decorazione di spazi sacri.

FARMACIE
SERV. DIURNO dalle 8.30 alle 20.00
StaropoliVia Demetrio Tripepi, 64 - Tel. 0965 27982 StadioViale Aldo Moro, 4 - Tel. 0965 54552 Gioffr Via Cardinale Portanova, 90965 25041 Igea Berti Via Sbarre Inferiori, 371 - Tel. 0965 55977 Labate Via De Nava, 123 - Tel. 0965 21053 Lagan Corso Garibaldi, 573 - Tel. 0965 28032 Lazzaro Via Nazionale, 11Archi - Tel. 0965 42368 Liotta Via Demetrio Tripepi, 30 - Tel. 0965 22991 Monteduro - Stadio Viale Aldo Moro, 4 - Tel. 0965 54552 Pellican Viale Calabria, 78 - Tel. 0965 52022 Postorino Via De Nava, 116 - Tel. 0965 891753 Sant'Agata Bova Via Ravagnese, 2 - Tel. 0965 643174 San Pietro Battaglia Via Sbarre C.li, 28 - Tel. 0965 56045 Scerra Via Reggio Campi, 113 - Tel. 0965 811587 Sorgon Via Sbarre Centrali, 308/a - Tel. 0965 52114 Staropoli Via Demetrio Tripepi, 64 - Tel. 0965 27982 Bova Brescia Caridi Catalano Catalano Crea Cuzzocrea Infantino Marra Megale Pardeo Pellican Pugliatti Ragusa Romeo Salus Neri Stilo Zema Via Nazionale, 163 - San Leo - Tel. 0965 675180 Via Reggio Campi, 67 - Terreti - Tel. 0965 681028 Via Provinciale - Ort - Tel. 0965 336098 Via Nazionale, 110 - Gallico - Tel. 0965 370043 Via Cozzupoli - Mosorrofa - Tel. 0965 341095 Tr. Fasc, 1 - Saracinello - Tel. 0965 643980 Via Provinciale - Mosorrofa - Tel. 0965 341019 Villa San Giuseppe - Tel. 0965 679010 Via De Marco, 9 - Podargoni - Tel. 0965 740302 Trunca C.da S.Anna - Tel. 0965 346727 Via Cagliostro, 1 - Sambatello - Tel. 0965 344048 Via Nazionale, 695 - Bocale - Tel. 0965 677420 Via Minniti,1 - Serro Valanidi - Tel. 0965 346043 Via Nazionale, 301 - Catona - Tel. 0965 302531 Via Anita Garibaldi, 73 - Gallico - Tel. 0965 370132 Via Nazionale, 28 - Pellaro - Tel. 0965 359468 Via Statale, 181 - Catona - Tel. 0965 302641 P.zza Chiesa Nuova - Rosal - Tel. 0965 679037

Politeama - Gioia Tauro 0966 51498 chiuso Vittoria - Locri 339 7153696 chiuso Garibaldi - Polistena 0966 932622 chiuso Nuovo Cinema - Siderno 0964 342776 Kung fu panda 2 in 3D ore 18-20-22 Golden - Roccella 0964 85409 Come ammazzare il capo... ore 18-20-22 Cinemax Arena lungomare Siderno I pinguini di Mr. Popper ore 20,30 - 22

SERV. NOTTURNO dalle 20.00 alle 8.30


Centrale Caridi Corso Garibaldi, 455 - Tel. 0965 332332 Corso Garibaldi, 327 - Tel. 0965 24013

Zona centro
Arcudi Corso Garibaldi, 372 - Tel. 0965 24471 Aschenez Via Aschenez, 137 - Tel. 0965 899194 Branca Via S. Caterina, 144 - Tel. 0965 46077 Calarco Piazza S. Marco, 15 - Tel. 0965 896188 S. Brunello Via Manfroce, 39 - Tel. 0965 47581 Castello Romeo Piazza Castello - Tel. 0965 27551 Catalano Via Reggio Modena, 39 - Tel. 0965 51128 Centrale Marrari Corso Garibaldi, 455 - Tel. 0965 332332 Costa Via Spirito Santo - Tel. 0965 27811 Fata Morgana Caridi Corso Garibaldi, 327 - Tel. 0965 24013

Periferia
Abenavoli Barilla Borruto Via Riparo, 77 - Cannav - Tel. 0965 673777 Via Sabuada, 67/A - Salice - Tel. 0965 600060 Via Carlo Alberto - Gallina - Tel. 0965 682818

GUARDIA MEDICA
REGGIO/EX ECA REGGIO/EX VIGILI ARCHI ARGHILLA' CALANNA CAMPO CALABRO CARDETO CATAFORIO CATONA GALLICO LAZZARO MODENA ORTI PELLARO RAVAGNESE 0965 347052 0965 347432 0965 48483 0965 600773 0965 742336 0965 751560 0965 343771 0965 341300 0965 600940 0965 370804 0965 713355 0965 347432 0965 336436 0965 358385 0965 644379 Accad. dei Micenei A.C.I. soccorso stradale Acqua - Segn. guasti Acquedotto A.D.M.O. Aeroporto AGAPE A.GE.DI. AIDS Linea Verde A.I.D.O. A.I.L. A.I.S.M. Alcolisti Anonimi A.T.A.M. A.N.F.F.A.S. Onlus A.N.O.L.F. A.P.T. A.P.T. A.P.T. 0965 621189 116 0965 892944 0965 21313 0965 397465 0965 642232 0965 894706 0965 894545 167 017319 0965 813250 0965 24341 0965 643520 0965 811348 0965 620121 0965 590519 0965 891200 0965 21171 0965 898496 0965 24996 A.R.C.I. A.S.L. 11 A.S.L. 11 Ass. Servizi Sociali Assotur - Gambarie A.V.I.S. Capitaneria di Porto C.A.I. - Club Alpino It. Carabinieri Casa di riposo "Dimora degli Ulivi" CE.RE.SO. Centro Antiveleni C. Cons. Tossicodip. C. Prevenz. Tumori C. di Salute Mentale C. Orientamento Fam. Centro Studi Bosio Centro Tutela Minori 0965 330518 0965 347654/5 167 281518 0965 362602 0965 743061 0965 813250 0965 656111 0965 898295 112 0965 677813 0965 357110 0965 811624 0965 42523 0965 331864 0965 347724 0965 312301 0965 813012 0965 25423

NUMERI UTILI
CODACONS Comunit Emmanuel Cons. Tur. Gambarie Consult. familiare Croce Italiana Croce Rossa Italiana Drogatel Droga - Linea Verde Elettricit serv. guasti E.N.P.A.S. ENELTEL ESSOS Ferrovie dello Stato Ferrovie dello Stato Fisco in Linea Guardia di Finanza InformaGiovani InformAffido I.N.P.S. 0965 331017 0965 23240 0965 744002 0965 890004 0965 29993 0965 24444 167 011222 167 019899 800 538833 0965 811820 16444 0965 24353 0965 898123 147 888088 164.74 117 0965 21865 0965 894706 167 551717 Kronos 1991 LegAmbiente L. It. Lotta ai Tumori Motorizzazione Civile Municipio Museo Magna Grecia Numero Blu Num. Verde Sanitario Opera Nomadi Poste Italiane Polizia - Emergenza Prefettura Premio Nosside Pronto Soccorso Polizia Municipale Polizia Stradale Provincia RC Questura S.A.D.M.A.T. 0965 650700 0965 811142 0965 331864 0965 43696 0965 362111 0965 812255 167 090090 167 434211 0965 51010 0965 24606 113 0965 3881 0965 813012 118 0965 53004 0965 812666 167 299000 0965 4111 0965 397292 SER.T. Soccorso in Mare Soccorso in Mare Ass.zione Alzheimer Sportello Donna Telecom Telecom segn. guasti Telefono Amico Telefono Amico Telefono Antiusura Telefono Azzurro Telegrammi - Dettatura T.I.M. Servizio Clienti Trib. Diritti Malato UPPI Unione Italiana Ciechi Universit Mediterr. Vigili del Fuoco Vigili Urbani 0965 397354 0965 650090 0965 42530 0965 892541 0965 811010 197 182 800848444 0965 812000 0965 331637 19696 186 119 0965 397113 0965 20501 0965 27505 0965 332202 115 0965 53991

Mercoled 7 settembre 2011

Sport

Reggio 31

Tennis. Entra nel vivo oggi lOpen nazionale al circolo di Societ in corso dall1 all11 settembre

Termocasa, il fascino del duro


Oltre 70 iscritti ai tre tabelloni. Pomeriggio in campo la terza categoria
di ANDREA IACONO NON SAR certo il sintetico degli Us Open di Flashing Meadows, ma il mateco del Circolo di Societ quanto a fascino non secondo a nessuno. E lo dimostra ogni settembre con il tradizionale appuntamento con la Coppa Termocasa che questanno mette il vestito buono e piazza la prima edizione dellOpen nazionale da 4.000 euro di montepremi. Dopo lannullamento del torneo lo scorso anno, quando lesclusivo circolo di Archi fu letteralmente devastato dal nubifragio che si abbatt su Reggio, dal primo settembre sui due campi in cemento del sodalizio del presidente Antonio Ramirez in scena quello che pu considerarsi lappuntamento tennistico di maggior rilievo della stagione a Reggio e dintorni. Oltre 70 gli iscritti distribuiti in tre tabelloni dal giudice arbitro e fiduciario provinciale Maurizio Mundo, coadiuvato dal maestro e storico direttore di gara Pino Barreca. Esauriti i turni che hanno visto battagliare 16 giocatori nc e 41 quarta categoria, con quattro qualificati per tabellone, scendono oggi dalle 16.30 sul veloce del Societ i terza cato (4/6 6/3 6/4 ad Alessandro Modafferi), Dario Vadacca (6/2 6/3 ad Alessandro Dattilo) eilvincente traSandroRomano e Salvatore Caroleo. Un sentito ringraziamento non pu non andare a tutti gli sponsor che ci hanno sostenuto e in particolar modo a Termocasa di Angelo Frascati che da oltre 15 anni lega il nome della sua azienda al nostro circolo e al torneo che si impone sempre come uno dei pi importanti in Calabria, grazie anche allambiente molto gradevole e alle strutture esclusive di cui dotato - le parole del direttore di gara, Pino Barreca - Notevole limpegno prodotto dal circolo con in testa il presidente Antonio Ramirez, il direttore sportivo Fabio Falzea e il consiglio direttivo tutto, che non puche essere soddisfatto per la risposta ottenuta dai giocatori che stanno dando vita ad un torneo di buon livello tecnico. E malgrado ci saremmo aspettati qualcosa in pi dalla seconda categoria, vista la contemporaneit con altri tre grossi tornei Open, a Bologna, San Giorgio e Caltagirone. Ma nonostante i forfait allultimo minuto di Munzone, Di Pietro e Accardo, possiamo dire che i numeri ci danno ragione.

Partenza in giro per lItalia

Il maestro Pino Barreca al Circolo di Societ

Una recente manifestazione del Csi

tegoria. Ilmain drawsi avvale della leadership del 2.1 Stefano Cobolli, romano e portacolori dello Sport Village Catona, che non ha resistito alle sirene del circolo pi esclusivo della citt, snobbando altri tornei in corsodi svolgimento in sedi forse pi prestigiose e con montepremi pi ricchi. A contendere la vittoria finale allatleta che questanno guider la formazione del presidente Francesco Violante nel-

la sua prima stagione in serie B, sar il napoletano Giacomo Pirozzi, 2.3del CtLe RocceCatania. Outsider la testa di serie numero tre Germano Giacalone, palermitano 2.4 del Circolo tennis e vela Messina. In totale dodici gli iscritti al tabellone principale (quindi, seconda e terza categoria) ai quali si aggiungono i quattro qualificati del seeding di quarta: Luigi Romano (6/0 6/4 su GianniIann), RoccoAma-

Csi, settembre da campioni


SETTEMBRE, mese della riapertura per il territorio. Grande fermento nelle societ sportive alle prese con i primi allenamenti e con il formare le squadre. Nei comitati il momento delle iscrizioni, del tesseramento, dellinizio delle attivit. A fine agosto siamo stati presenti al Meeting di Rimini, per gestire un intero padiglione dello sport facendo giocare pi di 10 mila persone. Subito dopo lappuntamento con il Congresso Eucaristico Nazionale, ad Ancona. Al Congresso ci saremo in modo permanente grazie ad un grande lavoro svolto dai nostri dirigenti delle Marche. In particola- Paolo Cicci re il 7 settembre, a Falconara Marittima, tutta lAssociazione chiamata a partecipare al Convegno Leucaristia nel tempo delluomo: gioco e trascendenza, promosso dallufficio della Cei presieduto da don Mario Lusek, che vedr tra gli altri la presenza del Presidente del Coni Petrucci. Il Csi avr lonore di moderare i lavori. Il 10 settembre, ad Ancona, si riunir il Consiglio Nazionale (aperto a tutti) per partecipare alla veglia presieduta dal Cardinale Bagnasco e, il giorno dopo, alla Santa Messa con il Papa. Contemporaneamente saremo impegnati a Rimini (dal 9 all11 settembre) per la prima fiera nazionale dello sport promossa dal Coni. Clinic per allenatori, gran premio nazionale di atletica leggera (con circa 1500 partecipanti), animazione di un intero padiglione con campi di varie discipline, stand espositivo, conferenze stampa ecc... segneranno la presenza dellAssociazione. Una novit riguarda la presentazione della stagione. Questanno non ci incontreremo fisicamente ma andremo a casa di tutti i Comitati e di tutte le societ sportive con una presentazione multimediale che vi sar inviata ai primi di settembre e che conterr tutte le indicazioni per affrontare nel migliore dei modi la stagione 2011-2012. Ad ottobre conferenza stampa di presentazione della stagione del Csi (il 13 ottobre a Roma) e poi partenza per la Terra Santa (21-25 ottobre), considerando che hanno gi confermato la loro presenza pi di 10 Federazioni e molti esponenti delle istituzioni e dello sport. A settembre inizier anche la campagna Un gruppo sportivo in ogni Parrocchia. Come sapete lobiettivo quello di raddoppiare la nostra presenza negli Oratori e nelle Parrocchie nel giro di 5 anni. Qualcuno dice che c il rischio di scottarsi con una partenza di stagione di questo tipo. Pu darsi. Resta il fatto che per noi osare e pensare a cose grandi naturale ed inevitabile. Per questo non abbiamo paura di scottarci. Anzi, ogni tanto proprio bello farsi ustionare dallamore per le cose che viviamo. Info su www.csireggiocalabria.it (3476841762). Comitato provinciale Centro sportivo italiano

Reggina Primavera. Sabato il campionato: gli amaranto ripartono da Ascoli

Venuto: Lobiettivo? Vincere


Il mister indica la strada: Spirito di squadra e giusta mentalit
Calcio a 5 - serie A

Pro Reggina arriva anche Mezzatesta

Federica Mezzatesta

FEDERICA Mezzatesta, classe '92, a tutti gli effetti una giocatrice della Pro Reggina, da questanno impegnata nel campionato di serie A femminile di calcio a 5. La ragazza ha iniziato regolarmenteil ritiro con la squadra in quel di Mannoli. Dopo aver disputato campionati Csi con il Prater e il S.Caterina, per la prima volta Federica parteciper ad un campionato nazionale. "E' una scommessa, dopo aver disputato il campionato Csi, ho voluto mettermi in gioco e confrontarmiin realt ben pi importanti come il massimo campionato nazionale femminile - le prime parole della neo giocatrice amaranto - - Ho immediatamente accettato l'invito di mister Tramontana, dar tutta me stessa alla causa Pro Reggina in modo da raggiungere insieme alle mie compagne l'obiettivo salvezza.

LESORDIO della Reggina di Antonio Venuto alle porte: sabato 10 settembre, infatti, la Primavera amaranto far visita allAscoli di una vecchia conoscenza della societ di via delle Industrie. Si tratta del marchigiano Aloisi, in campo nella stagione 1996-1997, in panchina (Allievi) dal 2008 al 2010. Aloisi lanno scorso ha guidato gli Allievi dellAscoli e questanno stato promosso alla guida della Primavera bianconera. Venuto, invece, negli ultimi tre anni ha allenato il Milazzo. Ecco le sue parole, pubblicate dal sito ufficiale della Reggina. PERCORSO - Da 22 anni consecutivi mi dedico con passione al mestiere dellallenatore. Era la stagione 1990-1991 quando ho conseguito il patentino di terza categoria, da quellanno ho allenato parecchie squadre tra cui Orlandina Calcio, Due Torri, Spadaforense e S.Agata Militello. Negli ultimi tre anni ho allenato il Milazzo, unesperienza davvero importante e formativa oltre che gloriosa e ricca di soddisfazioni. La Reggina rappresenta per me una novit assoluta che mi riempie di orgoglio. A dire la verit i miei progetti prevedevano una squadra in Lega Pro per continuare il processo di crescita graduale della mia carriera ma lentusiasmo del direttore sportivo Giacchetta e la presenza al primo incontro del Presidente Foti mi hanno subito convinto a scegliere la Reggina. La storia di questa societ e il lavoro svolto finora parlano da soli. Ritengo che la Reggina sia un'espe-

Antonio Venuto

rienza utile e formativa. SANTAGATA - E' un centro sportivo di altissima qualit con professionisti in ogni settore. Un'accademia formativa per tutti gli amanti del calcio. PREPARAZIONE - Abbiamo svolto la prima fase della stagione a Melia di Scilla. E stato un mese in cui i ragazzi hanno potuto fare gruppo e conoscersi meglio. Sono soddisfatto del lavoro svolto perch abbiamo lavorato con la massima serenit. ROSA - Ci sono parecchi calciatori importanti nelle giovanili amaranto con ottime capacit tecnico-tattiche. Il mio obiettivo quello di far maturare i ragazzi e completare la loro formazione agonistica. Punter dunque sulla maturazione tecnico-tattica dei miei calciatori e su quella mentale. E chiaro

che il mio obiettivo quello di vincere e anche a Reggio cercher di portare questa mentalit. Un modulo preferito? Durante la mia carriera, ho adottato tutti i moduli. Il modulo sar dettato dalle caratteristiche dei calciatori a mia disposizione. La mia sar una squadra che fa dellanimus pugnandi la sua forza. Lo spirito di squadra insieme alla giusta mentalit deve accompagnare la mia Reggina fino al termine della stagione. ESORDIO - LAscoli unottima squadra allenata da un giovane e preparato allenatore Antonino Aloisi, ex amaranto. Ritengo per che la mia Reggina, se riuscir ad esprimere in campo le qualit e capacit tecniche mostrate finora, potr mettere in difficolt la formazione marchigiana. s.v.

Da Rimini a Roma passando per Ancona fino in Terra Santa

Tirrenica
-

Mercoled 7 settembre 2011

32

REDAZIONE: via Cavour, 30 - 89100 Reggio Calabria - Tel. 0965.818768 - Fax 0965.817687 E-mail: reggio@ilquotidianodellacalabria.it

Parte domani la Festa democratica promossa dai circoli di Villa, Scilla, Bagnara, Campo e Fiumara

Pd, prove dunit sullo Stretto


La tre giorni in piazza Valsesia tra dibattiti, appuntamenti sportivi e musicali
di FRANCESCA MEDURI VILLA SAN GIOVANNI Lanciare una serie di proposte concrete di soluzione dei problemi che attanagliano il Meridione. Questo lobiettivo primario della Festa Democratica dellArea dello Stretto, che ha visto i Circoli del Pd di Villa, Bagnara, Campo, Fiumara e Scilla mettere insieme forze e risorse per dare vita ad un partito forte e coeso, che sia alternativa vera ad un centrodestra che ha fallito ad ogni livello. Ultimi giorni di preparativi per levento, che si terr nella strategica Villa, precisamente in piazza Valsesia, dal 9 all11 settembre. Una tre giorni di dibattiti politico-programmatici ma anche di momenti ludici, sportivi e musicali. La Festa Democratica, con cui il Pd, ripartendo dal territorio e dai circoli, intende muoversi sul triplice asse rinnovamento-credibilit-radicamento, stata presentata ieri mattina nella sede del Pd di Villa, dove sono intervenuti alcuni rappresentanti dei 5 Circoli coinvolti. Obiettivi e messaggi della manifestazione cos Domenico Idone, sindaco di Campo sono riassunti nel tema dellultima giornata, quello sulle nostre proposte per il Sud. Perch, per salvare lItalia, bisogna prima salvare il Meridione. Ed il Pd la sola forza politica con le precondizioni necessarie a farlo. Le proposte che emergeranno dalla Festa saranno racchiuse in un documento finale che verr inviato a Roma, per far sentire la voce della Calabria. Nel mirino del Pd lazione del Governo nazionale, reo nente commissione lavoro Camera dei Deputati) e di diversi sindacalisti, e le conclusioni di Nino Castorina (segreteria nazionale Giovani democratici). Sabato 10 si parla di Infrastrutture, servizi di trasporto, logistica e mobilit nel Mezzogiorno: videointervista a Gianni Pittella (vicepresidente del Parlamento Europeo), interventi di professori universitari e di rappresentanti dei pendolari, conclusioni dellonorevole Sandro Principe. Infine, domenica 11, Il Sud nelle proposte del Pd per lItalia, con il consigliere provinciale del Pd Gregorio Frosina, lonorevole Marco Minniti, il senatore Adriano Musi e il capogruppo Pd al Comune di Villa Tot Calabr. A ribadire limportanza della Festa, nel corso della conferenza stampa di ieri, anche Francesco Catalano (Pd Scilla), Vincenzo Crupi (Pd Campo), Giuseppe Iann (Pd Fiumara) e il consigliere comunale di Villa Salvatore Ciccone, coordinatore della seconda giornata.

Iann, Rappocciolo, Idone, Ciccone, Crupi

Giuseppe Spoleti

di aver abbandonato il Sud e di non saper porre rimedio alla crisi del Paese. Paese che vive un momento drammatico, secondo lex sindaco di Scilla Gaetano Ciccone, che auspica un grande sforzo di carattere culturale, in modo che la gente prenda coscienza di questa situazione gravissima. E toccato quindi ad Alberto Rappocciolo (Direttivo Pd villese) illustrare il programma della Festa,

non senza aver prima sottolineato lo sforzo eccezionale compiuto dai cinque circoli del Pd. Appuntamenti sportivi, ludici e musicali precederanno o seguiranno le iniziative clou delle tre giornate, tutte con inizio alle 19:00. Venerd 9 dibattito pubblico sul tema Il lavoro e i giovani, con i saluti di Giuseppe Falcomat (capogruppo Pd al Comune di Reggio), la partecipazione dellonorevole Giuseppe Berretta (compo-

Bagnara. Spoleti a Gramuglia

Telefoni tagliati? Venga al Comune


di FRANCESCO IERMITO BAGNARA CALABRA Continua, colpo su colpo, il botta e risposta tra il vicesindaco Giuseppe Spoleti, e il consigliere di Energia Pulita, Salvatore Gramuglia. Lo stesso Gramuglia, rispondendo ad alcune dichiarazioni di Spoleti che bollavano le sue previsioni come tendenziose, ha elencato una serie di contingenze, tra le quali il taglio delle linee telefoniche comunali e le sollecitazioni di pagamento da parte dellEnel, chiedendo al pidiellino di confutarle e chiosando: Mi chiedo se tendenzioso catastrofismo allertare chi ci amministra e i cittadini sul rischio che questo modo di governare porti al dissesto finanziario. Ritengo di essere facile profeta nellaffermare che il prossimo anno le tasse comunali saranno tutte notevolmente aumentate per poter sopravvivere. Il vicesindaco, attraverso un comunicato, manifesta decisione e lancia una stoccata al leader di Ep dichiarando: I cittadini di Bagnara hanno concesso un angolino negli scranni del consiglio comunale al consigliere Gramuglia che, privo di proposta politica, ha avuto il merito di aver fatto scomparire la sinistra, isolandosi nel panorama politico. Per chi, come il consigliere Gramuglia, non frequenta il comune, non a conoscenza che i telefoni e la luce funzionano regolarmente. In delicati momenti come lestate, non si fanno annunci di catastrofe finanziaria con il solo scopo di danneggiare i commercianti e il paese nellimmagine e nelleconomia. Il capogruppo Pdl continua difendendo a spada tratta lazione della sua giunta: I numeri che caratterizzano il bilancio di previsione saranno messi a confronto nei prossimi giorni nella sede istituzionale. Da capogruppo posso affermare, senza essere smentito, che Bagnara diventata una cittadina apprezzata oltre i confini provinciali e si presenta pulita e ordinata come non mai. Il lavoro svolto dallAmministrazione Zappia ha raggiunto i risultati sperati, senza spreco di risorse, intraprendendo tagli notevoli rispetto agli anni precedenti. Laccoglienza turistica, lo sviluppo economico, la cultura che nelle varie sue forme sempre viva, sono elementi concretiche vanno oltre le enunciazioni di catastrofe per lannuncio del taglio dei telefoni e della luce. Lamministrazione orgogliosa del fatto che tutti ci invidiano il sistema gratuito del Wi-Fi sul lungomare, quello delle webcam e linnovazione tecnologica avanzata, pregi presentati, peraltro, come modello da seguiredaparte dirivisteatiratura nazionale e dalluniversit Mediterranea. Inoltre, un comune che si presenta con proposte politiche votate allunanimit, cos come avvenuto nellultimo consiglio comunale per ci che concerne lapprovazione del Codice Etico e del regolamento per la videosorveglianza, dimostra di lavorare bene. Linstallazione delle telecamere, alcune iniziative che riguardano i Beni culturali, i nostri monumenti, la Festa delTorrone, attivit produttiva di eccellenza, altre iniziative che garantiscono i servizi, hanno bisogno di fondi per essere realizzati. Se la Sinistra vuole tagliare i contributi alle due associazioni presenti nel Bilancio 2011, cio lAssociazione Cultura e Spettacolo e la Pro Loco, presenti ufficialmente questa proposta, motivandola, e la valuteremo con attenzione in consiglio comunale. Se la crisi c tutti siamo tenuti a lavorare per uscirne, qualsiasi sia il ruolo che esercitiamo nellinteresse di Bagnara. Per concludere Spoleti si rivolge direttamente ai cittadini: Stiate tranquilli poich lamministrazione attenta alla crisi finanziaria che interessa lItalia: cos come abbiamo tagliato le manifestazioni estive di oltre il cinquanta per cento, faremo le dovute manovre finanziarie per garantire i servizi essenziali, nella convinzione che il paese sia in prima linea nella promozione, in particolare, dellarea portuale, delle attivit produttive, della cultura e della crescita economica.

A Fiumara un incendio distrugge unauto. Indagano i carabinieri

Piantagione di canapa a S. Stefano


SANTO STEFANO IN ASPROMONTE - Scoperta una piantagione di canapa indiana in Aspromonte (foto). Sono stati i carabinieri della Stazione di Santo Stefano, nel corso di appositi servizi di controllo finalizzati alla ricerca di coltivazioni di canapa indiana, ad individuare ieri su unarea demaniale, una piantagione di circa 30 mq, composta da 65 piante di canapa con altezza media 180 centimetri. A Fiumara, invece, unauto stata data alle fiamme. Si tratta di una Fiat Punto di propriet di G.S., 59 anni. Su entrambi gli episodi indagano i carabinieri.

Dalla giunta comunale lok alla dichiarazione dintenti contro la criminalit

Scilla, la svolta della legalit


Accolta la proposta di collaborazione del consorzio Piana Sicura
SCILLA Punta dritto sulla legalit lAmministrazione comunale guidata dal sindaco Pasquale Caratozzolo. Dopo il s unanime del civico consesso al Codice calabrese del buon governo, dalla Giunta municipale ecco lok ad una dichiarazione dintenti per migliorare il rispetto della legalit e la prevenzione dei fenomeni criminosi. LEsecutivo scillese, sottoscrivendo e approvando tale documento, ha accolto la proposta di collaborazione avanzata al Comune di Scilla dal Consorzio Piana Sicura, il cui compito precipuo quello della diffusione della legalit, intesa soprattutto come sviluppo culturale, sociale, economico e dimmagine del territorio, oltre che della realizzazione e della gestione di progetti di sicurezza. LAmministrazione municipale scillese ha, pertanto, stabilito di avanzare richiesta di collaborazione, per tutte le azioni rientranti nella dichiarazione dintenti, al Consorzio Piana Sicura. Un protocollo dintenti, in sostanza, quello con cui le due parti (senza costi per il Comune di Scilla) si accingono ad operare in sinergia sui temi connessi al rispetto della legalit. Secondo quanto si evince nella delibera approvata dalla Giunta scillese, con la sottoscrizione della dichiadi maggiore sicurezza da parte dei cittadini e che non possono provenire esclusivamente dalle Forze di Polizia, bens richiedono un impegno che, accanto alle Autorit di Pubblica Sicurezza, veda lo stretto coinvolgimento dello stesso Comune. Che si impegna altres, sempre stando alla delibera approvata, a mantenere e sviluppare forme di coordinamento tra Forze dellOrdine e Polizia Municipale e Provinciale, nonch ad avviare azioni e strategie finalizzate alla progettazione e realizzazione, su tutto il territorio, di programmi rivolti al rispetto della legalit e di un sistema di videosorveglianza tecnologicamente avanzato, per il controllo ed il monitoraggio delle aree dinteresse. Insomma, lEsecutivo del sindaco Caratozzolo lancia un segnale forte di lotta contro gli episodi di criminalit e dillegalit diffusa che, negli ultimi anni, hanno spesso fatto perdere la tranquillit alla Scilla perbene. f.m.

Pasquale Caratozzolo

razione dintenti, il Comune si impegna a: intensificare la collaborazione in atto a livello istituzionale nellambito delle specifiche competenze e responsabilit, contribuendo cos ad accrescere la fiducia e la credibilit nelle istituzioni pubbliche; migliorare la conoscenza dei fenomeni che incidono sulla sicurezza dei cittadini, attraverso uno scambio costante di informazioni che permetta il reperimento, il monitoraggio e lanalisi dei dati; dare risposte significative alle richieste

Grecanica
-

Mercoled 7 settembre 2011

33

REDAZIONE: via Cavour, 30 - 89100 Reggio Calabria - Tel. 0965.818768 - Fax 0965.817687 E-mail: reggio@ilquotidianodellacalabria.it

E di 400mila euro la spesa complessiva per lintervento di sistemazione del versante in localit Leina

Lotta alle frane, Motta investe


Fondi regionali per contrastare il rischio idrogeologico del centro jonico
di PAOLO VACALEBRE MOTTA SAN GIOVANNI Pi sicurezza per gli abitanti di Motta San Giovanni. Infatti, di 400mila euro la spesa complessiva per lintervento di sistemazione del versante in frana di localit Leina - parco minatori. Si tratta di unopera rilevante che si inserisce nelle azioni volte a fronteggiare il rischio idrogeologico del territorio comunale. Lintervento garantisce sicurezza ai cittadini, preservando nel contempo gli storici rioni di Motta centro da inevitabili fenomeni di dissesto. Il sindaco Paolo Lagan ripercorre le tappe che hanno portato progressivamente alle opere di messa in sicurezza. A seguito degli eventi alluvionali del dicembre 2008 e del gennaio-febbraio 2009 spiega il primo cittadino il paese di Motta sub gravissimi danni riconducibili in gran parte alla fragilit del proprio territorio con unesposizione a rischio idrogeologico particolarmente diffusa sul versante collinare. Con lordinanza 3741 del 18 febbraio 2009 il Governo centrale dispose la ricognizione dei danni subiti dagli enti locali e dai privati cittadini che ancora oggi, per, attendono le risorse promesse dallo Stato a copertura dei lavori di pronto intervento e dei danni subiti alle abitazioni e alle cose. Nelloccasione dellevento alluvionale aggiunge il sindaco - lamministrazione comunale mise a punto i primi interventi per favorire il ritorno alle normali condizioni di vita, rimuovendo in primo luogo i rischi immediati, anche grazie al fattivo e solidale contributo delle imprese del posto, predisponendo un organico piano dinterventi mirato a dare risposte concrete alle attese della gente che chiedeva sicurezza per le proprie abitazioni esposte tanto alle intemperie del mare, sul fronte litorale Lazzaro, quanto al movimento franoso del versante sovrastante il rione Leina di Motta centro. Si rendeva dunque necessaria lanalisi delle aree a rischio. S, pi che necessaria direi fondamentale, sottolinea Lagan. E spiega: Gli importanti e funzionali interventi a mare che da l a breve vennero realizzati a protezione della costa e delle abitazioni poste sul fronte mare, rincuorarono lazione dellamministrazione comunale che avvi, in parallelo e sul versante in collina, una seria campagna dindagine delle aree a rischio e dei fronti in frana da cui scatur una progettazione lunga e complessa posta a base dellodierno appalto dei lavori di sistemazione del versante in frana di localit Leina- parco minatori. Si giunge, cos, al bando per la sistemazione del versante in frana di questa zona e il sindaco di Motta entra nel dettaglio dellintervento: I lavori di messa in sicurezza, per la cui realizzazione sonoprevisti 120giorninaturali e consecutivi, comprenderanno una serie di opere di contenimento, di cantierizzazione, di sistemazione dei canaloni e raccolta delle acque meteoriche, oltre che di natura ambientale. Il 3 ottobre sar il termine ultimo per la presentazione delle offerte alla Suap. Infine, il sindaco Paolo Lagan evidenzia che la spesa delle opere non incider sulle casse comunali, perch limporto complessivo dellintervento (400mila euro) a totale carico regionale con risorse assegnate al Comune di Motta San Giovanni quale ente attuatore.

IL CASO A SAN LORENZO

Consiglio urgente? La convocazione dopo due mesi


testuose e non rispondenti di GIUSEPPE CILIONE alle sue prerogative e doveSAN LORENZO Ed alla fi- ri, come capo dellamminine la minoranza ha vinto il strazione; che la succitata braccio di ferro per la convo- norma, larticolo 39 del cazione del consiglio comu- Tuel, pone come unica connale, ma che fatica per i cin- dizione alla richiesta de que consiglieri che hanno quo, che la stessa venga prodovuto sudare le proverbia- posta da 1/5 dei consiglieri e li sette camicie prima che il riguardi argomenti di percivico consesso avesse luo- tinenza e competenza go nei giorni scorsi con una dellattivit amministratiseduta fiume iniziata a me- va dellEnte e non impone t mattinata e terminata so- come condizione per laccettazione della stessa, da parlo nel pomeriggio. La telenovelas inizia il 30 te Sua, lo svolgimento ad giugno scorso quandoi cin- opera dei richiedenti, di atque consiglieri di minoran- tivit amministrativa come za, Palmino Mangiola, Ber- la ridicola richiesta di elabonardo Russo, Giuseppe An- razione di deliberazioni e daltro canto, tadrea Nucera, le condicio sine Giuditta Manqua non non glaviti e Antonio statuita dalle Mangiola prenorme per la sentano la risemplice ragiochiesta di convone che lattivit cazione del conda noi pretesa, siglio comunale tocca di dovere con diversi punti dufficio ad orda discutere gani tecnici del allordine del Comune e non giorno fra cui i ad organi politicanoni idrici e di ci, quali noi siadepurazione remo, non potenlativi ad alcune do lorgano polifrazioni. tico fare atti di Il 5 luglio il prigestione che somo cittadino di Pasquale Sapone no prerogativa San Lorenzo, Pasquale Sapone, fa presente degli uffici comunali. Gli scriventi diffidavano i che la richiesta non integra i presupposti previsti destinatari della missiva a per la convocazione del Con- voler procedere alla convosiglio aggiungendo che cazione del consiglio comugli argomenti proposti, ne- nale ed avvertendo che quacessitano, ciascuno, di una lora la presente dovesse esspecifica proposta mirata a sere nuovamente derisa ed consentire lespressione del ignorata, come gi in preceparere di competenza da denza, in abuso di qualsivoparte dei responsabili dei glia potere () lintera doservizi. La replica dei cin- cumentazione verr traque non si fa attendere e, smessa, senza indugio alquesta volta, scrivono non cuno, alla Procura. A questo punto intervenisolo al sindaco, ma anche al presidente del Consiglio co- va il Prefetto il quale evidenmunale, Emilia Cannizza- ziava come le uniche ipotero, ed al Prefetto di Reggio si per le quali lorgano che presiede il consiglio comuCalabria, Luigi Varratta. I consiglieri firmatari fa- nale pu omettere la convocevano presente di aver cazione dellassemblea sochiesto ai sensi di legge la no la carenza del prescritto convocazione in via urgen- numero di consiglieri opte e straordinaria del Consi- pure la verificata illiceit, glio comunale, onde discu- impossibilit o manifesta tere di argomenti di interes- estraneit delloggetto alle se pubblico della collettivit competenze del consiglio, che richiedono interventi dando di fatto ragione agli immediati anche a tutela istanti. Arrivava, quindi, la condelligiene pubblica e della pubblica incolumit, (il rife- vocazione del consiglio corimento alla richiesta del- munale per i primi di setla delimitazione dei centri tembre che, se da un lato si abitati sulla SS 106 allaltez- chiudeva con i buoni propoza del comune laurentino ed siti di istituire delle comalle condizioni del serbatoio missioni per affrontare i idrico di Marina di San Lo- problemi del territorio, non risparmiava momenti di renzo). Che la S.V. rispondeva- aspra polemica con il consino, rimarcando, i cinque gliere Bernardo Russo soconsiglieri al sindaco ne- lerte nel rivendicare maggava il riconoscimento del giore impegno ed attenziodiritto spettante alla scri- ne per il paese da parte del vente minoranza, per come, primo cittadino. E fu cos invece, tutelato dalle norme che dopo lunga attesa, il vigenti eponeva a basedi ta- consiglio comunale a San le diniego, motivazioni pre- Lorenzo si riun.

Paolo Lagan

Motta, via ai lavori allo stadio


MOTTA SAN GIOVANNI Da luned via ai lavori per il rifacimento degli spogliatoi del campo sportivo Leandro Azzar di Motta. Le caratteristiche generali dellopera riguarderanno lavori edili, e gli impianti idrico, fognario ed elettrico. Il tempo utile per lultimazione dei lavori fissato in 60 giorni, e la spesa complessiva dellopera di quasi 33mila euro. Il campo di gioco dello stadio Azzar, costruito nel 1977, agli inizi degli anni 2002 stato dotato anche della tribuna coperta, concepita in forma moderna e polifunzionale, capace di ospitare circa 600 posti a sedere. Il rifacimento degli spogliatoi dellimpianto sportivo (che vede, tra laltro, allinterno, il campo di calcetto in sintetico realizzato lo scorso autunno dalla Provincia), la conferma - spiega lassessore comunale allo Sport, Fortunato Ped - di un sempre maggiore interesse dellamministrazione a mantenere e migliorare le strutture sportive oggi presenti nel territorio, consapevole della primaria funzione che lo sport esercita sui giovani. p.v.

Grande successo per lallestimento nella casa depoca di Mina Varese

Artisti locali a Bova Marina


Esposizione dedicata allintreccio tra fotografia, grafica ed ecologia
BOVA MARINA Parliamo darte stato questo il titolo della fortunata esposizione di artisti locali presso una casa depoca ottocentesca a Bova Marina e promossa dalla padrona di casa: Mina Varese. Uniniziativa che ha riscosso notevole successo, ammirazione ed apprezzamento da parte dei numerosi visitatori che sia durante la Notte Bianca che nelle altre serate di apertura hanno assiepato la mostra di Via Dalmazio DAndrea. Lintento dellorganizzatrice (autrice, fra laltro, di alcune delle opere esposte) stato quello di coniugare arte ed ecologia ovvero di riciclare in arte. Mina Varese ha proposto una pittura informale ma schematica e geometrica con un figurativismo accennato a tratti. Mario Festa ha proposto degli acquerelli ispirati al sogno ed al mondo dellinteriorit. Qui, levanescenza della tecnica e della resa dellacquerello sono in diretto contatto con levanescenza dellanima ragion per cui lambiente risulta essere un pretesto per trasmettere sensazioni pi astratte. Anche Ivan Zavettieri ha presentato degli acquerelli, questi, per, sono sganciati dalla realt esterna ma costituiscono delle vere e proprie fughe coloristiche, spunti che partono da dentro e che la mano segue nel loro percorso. Piccole miniature in porcellana e pasta di mais costituiscono lopera di Anna Foti che ha messo in vetrina ovetti di faberg,

Mina Varese curatrice della mostra di Via D'Andrea a Bova Marina

tegole fiorate e angioletti sognanti, il tutto come avvolto in un afflato magico. Parte della mostra, poi, dedicata alle diapositive di Carlo Fiuman, unintersezione fra larte fotografica e quella grafica: si tratta di diapositive 35 mm velate di colore e graffiate a mano con un ago. Le velature, allatto della stampa, diventano sgargianti mentre i personaggi e gli ambienti perdono la loro connotazione per assurgere a disegni surreali. Tempere su tela ha proposto, invece, Marcello Renzi con opere imponenti, colori vivaci ed unimpron-

ta mediterranea. Infine, ma non meno importanti, le opere di Marco Salvadori che sfociano nella pop art: grandi quadri figurativi dalle tinte sfumate, con cornici fatte in casa, risultanti dallutilizzo di vecchie tavole o cassette da frutta e decorate da reti da pesca. Ed ancora tavole dalla sagoma vagamente triangolare con lapplicazione di sassolini, conchiglie ed altri materiali od addirittura di stampo politico con stralci di articoli e foto estratti da giornali storici che richiamano epoche pregresse. g. c.

Locride
di PINO ALBANESE SIDERNO - Rifiuto. Opinione contraria. Un nuovo immondezzaio a Siderno? Assolutamente, no. Per farlo devono venire con l'esercito. Il sindaco della citt, Riccardo Ritorto, categorico e boccia l'idea di costruire, a Siderno, una nuova area per la raccolta dei rifiuti che, pare, sia stata proposta da Graziano Melandri, il commissario delegato per il superamento dell'emergenza rifiuti in Calabria. Il sindaco fa presente che Siderno ha gi tre discariche, due di rifiuti solidi urbani e una di rifiuti speciali, che hanno esaurito la capacit di abbanco, ed un impianto di selezione del pattume al servizio dei quarantadue comuni della Locride, utilizzato anche per la spazzatura di altre province. La citt ha dato tanto e la possibilit di una nuova discarica - afferma perentorio - , assolutamente negata. Vadano a trovare il luogo di conferimento dell'immondizia nei territori di altri enti del comprensorio. Siderno, infatti, il comune pi popoloso, e meno esteso della Locride e dell'intera provincia di Reggio Calabria. Sar difficile, pertanto, collocare una nuova area di raccolta di scarti sul suolo comunale senza creare danni ambientali. Il Piano regionale dei rifiuti dell'Ato 5 di Reggio Calabria prevede la costruzione di tre nuove discariche sul territorio provinciale. Il bacino di raccolta della tirrenica stato individuato a Rosarno, ed in progettazione, con una volumetria di un milione e 500mila metri cubi. Nel basso reggino in appalto la costruzione di un'area di raccolta della capienza di 450mila metri cubi a Melicucc, mentre nella jonica si , an-

Mercoled 7 settembre 2011

34

Redazione: via D. Correale, 13 - 89048 Siderno (Rc) - Tel/Fax 0964.342451 - E-mail: locride@ilquotidianodellacalabria.it

A Siderno alta la preoccupazione tra i cittadini per la realizzazione dellarea di raccolta

Nessuno vuole la discarica


Il Piano dei rifiuti prevede la costruzione di tre nuovi siti in provincia
bientale gestito dal commissario Graziano Melandri, ritiene indispensabile la costruzione di nuove discariche di servizio ai tre impianti tecnologici di selezione biomeccanica di Siderno, Gioia Tauro e Sambatello perch, la mancanza di discariche di servizio, determina la non autosufficienza dell'ambito di raccolta del territorio provinciale. E' fondamentale - afferma il sindaco di Siderno avviare politiche finalizzate ad incrementare la raccolta differenziata dei rifiuti e trovare soluzioni che non mettono in crisi i territori, mentre, invece, vedo che si sta procedendo senza una soluzione equa. In ogni modo ci opporremo con forza alla costruzione di nuove discariche a Siderno. In citt, intanto, alta lattenzione verso questo argomento che preoccupa lopinione pubblica cittadina.

LOCRI

Il generale Capolupo ha visitato la Giorlieri

Riccardo Ritorto e un camion per la raccolta dei rifiuti

cora, nella fase screening, ma certo che sar costruita una area di deposito dell'immondizia di un milione 500mila metri cubi. Troppo grande - dichiara Riccardo Ritorto - per poter essere considerata una discarica di servizio dell'impianto di San Leo. E l'allarme in citt ai livelli massimi con la popola-

zione pronta alle barricate. Nell'ambito reggino la produzione dei rifiuti urbani riferita al 2008 si attesta a 296.155,83 tonnellate con un valore pro capite pari a 522,7 kg per abitanti, mentre la raccolta differenziata pari al 6,50% equivalente ad una produzione di 46,6 kg per abitanti. La produzione di rifiuti

solidi urbani nella Locride, riferita al 2008, di 5.651,641 tonnellate. Le tre aree reggine di raccolta forniscono contributi differenti. L'area del basso reggino si attesta al 41% della raccolta differenziata, l'area jonica contribuisce con il 29% e il restante 30% assicurato dall'area tirrenica. Ora l'ufficio am-

Per tutto il mese di settembre saranno smaltiti allimpianto sidernese

A San Leo i rifiuti di Catanzaro


Il capoluogo calabrese ha avuto lautorizzazione dal commissario
SIDERNO - Rifiuti da tutte le parti. Da Paola e, adesso anche da Catanzaro. Per tutto il mese di settembre a Siderno, difatti, stato autorizzato dal commissario per l'emergenza ambientale in Calabria, Graziano Melandri, a scaricare il pattume anche Catanzaro. I rifiuti smaltiti all'impianto di selezione di contrada San Leo, tutti classificati come non pericolosi, sono prevalentemente costituiti da organico stabilizzato e da materiale vario considerato non nocivo. Certo che l'arrivo della spazzatura catanzarese crea molti disagi alla raccolta dell'immondizia sul territorio distrettuale che per tutto il periodo estivo andata avanti a rilento. E, nel frattempo, le strade di quasi tutti i comuni del comprensorio continuano ad essere piene di spazzatura, con la gente che furibonda e mette sotto accusa la gestione amministrativa degli enti locali. Al momento la situazione ferma e questo preoccupa la popolazione. E sicuramente, salvo sorprese, non sar svincolata nei prossimi giorni, con successivo aggravamento della condizione igienico sanitaria in alcuni paesi. Nei comuni di Locri, Bovalino, Ardore, Marina di Gioiosa Jonica, ad esempio, gi crisi e si temono i roghi di rifiuti. Per scaricare all'impianto di Siderno necessario sostare diverse ore e osservare il piano di scarico del commissario ambientale che ha fissato i giorni in cui i comuni devono portare la spazzatura all'impianto. p.a.

Il generale Capolupo

Graziano Melandri

Attimi di paura a Bovalino. Una persona con passamontagna si fatta consegnare lincasso di 2mila euro

Rapina a mano armata nellazienda di Canale


di DOMENICO AGOSTINI BOVALINO - Alle 12,30 una figura snella con passamontagna si avvicina alla cassa entrando dalla porta cheaccede aiservizi deglialimentari della coop. Agricola Canale 4c, ai limiti territoriali tra Ardore e Bovalino, accanto alla fiumara Pintammati. L'ingresso principale, sempre aperto frequentato da molte persone che non si rendono conto di quanto sta accadendo. Ha una pistola in pugno; solo un attimo di esitazione -e vedremo perch- e con voce ferma intima al cassiere di consegnarli l'incasso. Di solito alla cassa c' sempre una signorina o una signora indiana Kaul che in attesa di un bimbo. Il rapinatore probabilmente credeva di trovarsi di fronte una delle ragazze e non Giovanni Schirripa, ragioniere: un ragazzone che incute timore per la sua stazza, armonica rapportata all'altezza. Giovanni non muove ciglio ed apre la cassa. Dietro al giovane delinquente c' Paolo Canale, il proprietario. Si trova nella posizione esatta per poterlo afferrare bloccandolo. Attimi di ragionamento misto a rabbia. Ma il giovaostacolato da un'altra autovettura, gi ferma davanti al negozio, che gli fa perdere secondi preziosi. L'autista alla guidadella Pandaaccelera epercorre una stradella sterrata e piena di buche. Paolo Canale segue la pista. La corsa tra sterrato ed asfalto prosegue per cinque minuti poi un groviglio di incroci gli fa perdere le tracce. Intanto dal megacenter agricolo viene informato il 113 della rapina e dieci minuti dopo, al rientro del proprietario, ci sono gi gli uomini del Commissariato di PS di Bovalino e del Dirigente Capo Giovanni Arcidiacono che a seguito del racconto del Canale invia una pattuglia nella direzione indicata e in pochi minuti riescono a rintracciare la Panda in localit Quercia Grande che gi avvolta dalle fiamme. Dei rapinatori si perda la pista. Con ogni probabilit un altro complice doveva attenderli proprio nel luogo del ritrovamento della Panda per proseguire sulla via Dromo II di Bovalino. Posti di blocco sono stati da subito istituiti nei punti strategici che si innescano con le provinciali e le Statali 106 e112 d'Aspromonte, ma a tutt'ora non si sono ottenuti risultati positivi.

Lingresso dellazienda agricola Canale

ne che intanto ha porto la borsa al cassiere tiene ferma la pistola puntata sul petto di Giovanni. Potrebbe partire un colpo e fulminarlo all'istante. Paolo Canale si ferma: Potevo bloccarlo sicuramente ma ho ragionato in fretta; poteva accadere l'irreparabile solo per una manciata di euro. Ho avvertito un senso di rabbia ma anche di compassione per chi stava offendendo la mia propriet. Ed ho desistito lasciando che Gio-

vanni, il cassiere, gli mettesse l'incasso della mattinata nel borsone. Consegnato l'intero incasso, il rapinatore ritorna sui suoi passi e dirigendosi alla porta, a piede lesto si avvia verso la stradella che va sulla fiumara del Pintammati. Un percorso di circa cento metri. Paolo Canale, dopo alcuni secondi di smarrimento esce e sale sulla sua Jeep, intravede il giovane che affretta il passo ed anche la macchina che lo attende, ma viene

SIDERNO - Il Generale di Corpo d'Armata Saverio Capolupo, Comandante Interregionale dell'Italia Sud-Occidentale, accompagnato dal Comandante Regionale Calabria Generale di Divisione Michele Calandro, dal Comandante Provinciale uscente Alberto Reda e dal Comandante Provinciale subentrante Cosimo Di Ges ha fatto visita ieri mattina alla Compagnia di Locri. A riceverlo presso la caserma Giorlieri di via Trieste, il Comandante della Compagnia Maggiore Ferdinando Mazzacuva. Il Comandante Interregionale ha incontrato il personale alla sede, e i Comandanti della Tenenza di Roccella Jonica e Bianco. Nel salutare i militari presenti, ha tracciato un bilancio dell'attivit svolta, formulando progetti e linee d'azione per il futuro, non tralasciando parole di compiacimento per le numerose attivit operative in corso, nonch per i brillanti risultati ottenuti. In particolare, l'Alto Ufficiale, atteso anche il momento che sta attraversando il Paese, si soffermato con i finanzieri chiedendogli di essere ancora pi presenti sul territorio, per il contrasto alle illegalit che minacciano la sicurezza economica dei cittadini e delle imprese. Positivo comunque il bilancio dei risultati ottenuti nei controlli dai militari delle Fiamme Gialle. I finanzieri hanno effettuato controlli in diversi settori, dallevasione fiscale al contrasto al traffico di rifiuti pericolosi fino ai controlli in merito di sicurezza sul lavoro e lavoro nero in tutta la Locride.

Mercoled 7 settembre 2011

Locride

Reggio 35

Nasce un comitato di cittadini che chiede un intervento per il centro sportivo

Riaprite la piscina di Siderno


Lappello principale viene rivolto allamministrazione comunale
SIDERNO - Non si arrendono gli atleti che frequentano la piscina nel comune della Locride. La paventata chiusura della struttura ubicata a Siderno presso il Centro sportivo di via Macr diventata purtroppo un'amara realt, troppo dura da digerire per tutti quelli che la frequentano e per chi poteva ancora contare su un posto di lavoro. Dopo anni di difficolt economiche in cui versa la struttura sportiva a causa della cattiva gestione da parte delle societ coinvolte nell'attivit , dal mese di settembre gli amanti del nuoto ma anche i bisognosi di terapie alla rieducazione funzionale ed alle terapie riabilitative, non potranno pi contare sull'esistenza di questo servizio indispensabile per tutta la popolazione del comprensorio locrideo. La data storica di riapertura del primo settembre ormai saltata e chi attendeva di poter ricominciare le terapie o gli allenamenti di nuoto per la preparazione ai campionati della prossima stagione sportiva si ritrova senza servizi. Per far fronte a questo disagio sorto un comitato spontaneo per la riapertura della Piscina Siderno che ha promosso una petizione depositata presso il Comune sidernese affinch l'amministrazione locale, secondo quanto si legge nella lettera protocollata, in quanto proprietaria della struttura, possa assumere direttamente ed in via straordinaria l'attivit della piscina, confermando la locazione del settore con la relativa attivit della palestra, gestita fino alla chiusura della stagione sociale 2010-11 dalla societ Sporting club Leon, e quello della Fisiokinesiterapia, gestita dallo Studio radiologico, riconfermando comunque l'organico presente nell'ultima stagione . L'intervento del comune sarebbe indispensabile secondo il Comitato promotore della petizione poich si eviterebbe di lasciare all'abbandono ed al deterioramento l'infrastruttura e tutte le attrezzature sportive e didattiche che sono collocate all'interno; con tutte le conseguenze che ne possono scaturire. Per non parlare delle aspettative di quegli atleti, giovani e adulti, che per anni hanno inse- La piscina di Siderno guito il loro sogno di salire sul podio del trionfo, rischia- r raccolto e se effettivamente no ora di frantumarsi davanti al- lamministrazione comunale di la negligenza di chi ha persegui- Siderno a questo punto potr into solo gli interessi privati o peg- tervenire nella questione. Rimagio ancora ci si ritrova davanti ne certo il fatto che una struttura all'immmobilismo o al solito at- che avrebbe potuto significare teggiamento vittimistico che fa posti di lavoro e professionalit tanto di meridionale rassegnato per il territorio ha la necessit di essere valorizzata per il bene di sempre al peggio. Naturalmente bisogner ve- tutti i cittadini di Siderno e non dere se lappello del comitato ver- solo.

La maggioranza guidata dalla Lanzetta guarda al futuro dopo il bilancio Mercato della Badia Importante vetrina a Bivongi per gli artigiani Superato un primo importante teste per tutta Monasterace della Locride

Ora serve una vera svolta


di VINCENZO RACO pia dell'assessore Bucchino che ha fotografato alla perfezione la situazione contabile dell'ente comunale e soprattutto su come dev'essere improntata in futuro la stessa visto le nuove norme vigenti . Insomma tutti contenti in sostanza nella fila della maggioranza, il primo passo importante superato e adesso si possono gestire al meglio le spese correnti in attesa del riequilibrio di bilancio del prossimo 30 settembre un altro appuntamento importante in un mese quello di settembre prossimo che dovrebbe vedere anche l'approvazione di diversi regolamenti comunali. Poi appuntamento al 2012 al consuntivo 2011 che dovr essere approvato a quanto pare visto le nuove disposizioni sugli enti locali entro giugno 2012, insomma c' tanto tempo.

MONASTERACE - Cinquanta minuti di discussione pacata, tranquilla e serena in cui non sono mancate le osservazioni della minoranza consigliare e alla fine lo scoglio del bilancio di previsione 2011 stato superato. La maggioranza della giunta monasteracese guidata dal sindaco Maria Carmela Lanzetta ha superato il primo tassello impegnativo della sua prima gestione, approvando luned scorso un bilancio decisamente ingessato vista la situazione non florida delle casse comunali monasteracesi. Unbilanciocon oltreottomilioni tra entrate e uscite, molte di questi sono relativi a prestiti e debiti da pagare per un ente la cui situazione cantabile non florida ed oggetto negli ultimi anni ad un piano gestionale improntato sull'oculatezza al fine anche di ridurre i vari disavanzi, l'ultimo nel 2007 colmato con un triennio di grandi sacrifici economici. Al momento bene precisarlo lontano lo spettro del tanto temuto disseto finanziario che sarebbe il secondo per l'ente ionico dopo quello del 1993. Un bilancio preceduto dall'ottima relazione da parte dell'assessore al ramo Teodoro Bucchino che ha illustrato ai presenti delle caratteristiche di un piano come quello del bilancio di previsione nel quale all'ente si chieder un sacrificio economico ingente anche perch le nuove disposizioni sul federalismo fiscale ormai di prossima attuazione prevedono una gestione municipale improntata ad un criterio di autogestione, sul quale i comuni in poche parole dovranno provvedere a mantenere alti i ricavi e bassi i costi, come in una sorta di far play finanziario di ispirazione calcistica. Un discorso quello di Bucchino che stato approvato anche dal consigliere d'opposizione Cesare Deleo poi astenutosi insieme al giovane Nicola Gara sulle votazioni del bilancio di previsione. Deleo ha anche sollevato alcune questioni sul recupero dell'evasione tributaria chiedendo altres delucidazioni sul ruolo svolto dalle societ di riscossione credito presenti in comune e sui debiti fuori bilancio votati all'unanimit nel secondo punto. Sull'approvazione del bilancio di previsione 2011 abbiamo chiesto un parere al primo cittadino di Monasterace Maria Carmela Lanzetta che si dice sodisfatta dell'approvazione e loda il giovane assessore e a detta dei pi futuro delfino del sindaco Teodoro Bucchino per la relazione sul bilancio: Sono soddisfatta dell'approvazione del bilancio che un punto molto importante per la nostra amministrazione. Tutta la maggioranza si riconosciuta e ha approvato la relazione molto bella e am-

Un momento del consiglio comunale

Alcune zone di Siderno senza luce per due giorni


SIDERNO - L'Enel, al fine di effettuare lavori sugli impianti, interromper la regolare fornitura di energia elettrica nei seguenti giorni e nelle seguenti zone della Citt : gioved 08/09/2011 dalle ore 08:00 alle ore 16,00 ( via Dromo Nord, Via Dromo sn, Via Einaudi, Via Nazionale civ.da 173)venerd 09/09/2011 dalle ore 08:00 alle ore 16,00 (Via Monaca di Bello civ. da 11 a 19, Via Pietro Nenni civ.da 24 a 26, Via Torrente Garino sn, Vico 4 Dromo civ. da 4 a 14, civ.da 7, contrada Latticugna sn, contrada Lenza civ.da 24 a 80 sn, contrada civ.da 39 a 43, traversa Bello civ.da 2, civ.da 1 a 7 sn, via Atene civ. da 2 a 4, civ. da 3 sn, via Bello sn, via Conciliazione civ.da 80 sn, via Benedetto Croce civ.da 2 a 6, civ. da 67, via De Gasperi civ.da 20 a 40, civ. da 27 a 39 sn, via del Baco civ.da 2 a 16, civ.da 9 a 35 sn, via Dromo civ.da 72 a 116, civ.da 69 a 111 sn, via Cimato civ.da 102, civ.da 53 a 63 sn, via Galileo Galilei civ. da 7 sn, via Luigi Misuraca da 57 a 63, via Lenza civ.da 8 a 82 civ.da 15 a 59 sn, via Michele Bello civ da 8 a 122, da 55 a 169 sn. L'Enel raccomanda di non utilizzare ascensori durante i lavori ed avverte che la corrente potrebbe essere riallacciata momentaneamente per prove tecniche, pertanto si invita la cittadinanza a mantenere un atteggiamento prudente.

BIVONGI - Appuntamento al 2012 anche se c' gi chi parla della seconda edizione del mercato invernale della Badia dopo l' incredibile successo per la diciottesima edizione de Il Mercato della Badia a Bivongi che ha avuto un crescendo di emozioni e piacevoli sorprese in un'ambientazione naturale quella del centro storico bivongese che per due giorni ha ospitato spettacoli di vario tipo, uniti alle arti antiche e all'inconfondibile sapore delle prelibatezze eno gastronomiche. Migliaia di visitatori ad osservare la bellezza degli spettacoli con prestigiatori, illusionisti e trapezisti Un occasione tutta da vivere e da gustare che ha visto Bivongi essere ancora una volta una vetrina importante dell'artigianato, dell'arte e dei prodotti locali. Il Comitato Mercato della Badia, con la collaborazione dell'amministrazione comunale bivongese ha fatto le cose in grande riuscendo a rendere ancora una volta accattivante il percorso che si snoda nel centro storico del paese con viuzze, vichi, strettoie, piazzette, cantine e quant'altro. Gli espositori e i visitatori hanno vissuto un momento di grande soddisfazione i primi interloquendo con gli stessi visitatori e i secondi gustando le prelibatezze della pi antica tradizione della cucina tipica locale. Molto belle come le produzioni artigianali, con dei vasai pronti a costruire vasi di terrecotte e persino creazioni artistiche di artisti locali come gli orecchini di Carmen Calabrese e quelli di Giovanna Bucchino.

Il sindaco Mario Mazza ritrova lintesa con il gruppo Avanti Gioiosa

Cala il sipario sulla crisi politica


terlocutorie ed oltre quattro mesi di rapporti conflittuali, hanno valutato la necessit di procedere, con spirito di servizio e nell'esclusivo interesse del paese, al superamento delle divergenze ed alla ricomposizione della maggioranza, provvedendo a ripristinare il dialogo ed il clima propositivo che aveva portato all'originaria composizione della lista. Alla fine, hanno convenuto che opportuno ripristinare la Giunta con sei assessori, dei quali cinque uscenti riconfermati ed uno di nuova nomina, su espressa richiesta dell'uscente Giuseppe Demasi. Il documento prevede che si pattuito di confermare le stesse deleghe assegnate all'inizio della legislatura, per la professionalit dimostrata dagli stessi e per la quantit e qualit dei risultati raggiunti. Di conseguenza, l'organigramma della Giunta prevede Rocco Giuseppe Mazzaferro vicesindaco e deleghe al bilancio, programmazione economica, tributi, finanze, cimitero, regolamenti, controllo di gestione, economato, Domenico Depino alle attivit produttive e sviluppo economico, Pip, industria, artigianato, politiche ambientali, nettezza urbana, protezione civile, manutenzione strade, polizia municipale, segnaletica ed arredo urbano, energie alternative, pubblica illuminazione, Elio Napoli che ritrova le deleghe della cultura, sport e turismo, grandi eventi, organizzazione amministrativa, servizi comunali, rapporti con i sindacati, toponomastica, rapporti con le associazioni, personale, Domenico Calvi ai lavori pubblici, urbanistica, fondi comunitari, viabilit e parcheggi, Pit, verde pubblico, agricoltura, Nicola Tropea ai beni storici e patrimonio artistico, pubblica istruzione, edilizia scolastica, valorizzazione centro storico, sanit ed igiene pubblica, famiglia, disabili, anziani, immigrati, collegamento sportello unico ed infine aldo Rossi al commercio, mercato domenicale, piano per il commercio a posto fisso, mercati e fiere. Rispetto alla Giunta scaturita dopo le elezioni rimane fuori per sua scelta Giuseppe Demasi, mentre rispetto al governo balneare che ha guidato Gioiosa negli ultimi tre mesi rimane fuori, sempre in modo condiviso dall'interessato, l'ex vicesindaco Rocco Lobianco.

Il sindaco di Gioiosa Jonica Mazza

di MAURIZIO ZAVAGLIA GIOIOSA JONICA - Accordo ritrovato e crisi politico-amministrativa conclusa. Gli undici consiglieri comunali ed il sindaco Mario Mazza, eletti nel 2008 nella lista civica Unit e Partecipazionesonousciti ierisera tardi da una riunione con un documento sottoscritto da tutti quanti. Dopo una serie di riunioni in-

36 Reggio

Locride

Mercoled 7 settembre 2011

In funzione lo sportello per la valorizzazione della lingua greca di Calabria

A Monasterace

Una lingua da tutelare


A Brancaleone un progetto per la cultura del territorio
di AGOSTINO BELCASTRO BRANCALEONE - Lo Sportello Linguistico per la valorizzazione della lingua greca di Calabria funzionante presso il comune di Brancaleone sta producendo ogni sforzo al fine di tenere vivo un idioma che rappresenta un grande patrimonio culturale in una vasta area della provincia di Reggio Calabria, culla secolare della grecit. Infatti, la responsabile dello sportello, signora Antonella Maisano, di Gallician, centro indiscusso della parlata grecanica, con grande passione e molta dedizione mette a disposizione del pubblico tutto il materiale bibliografico al fine di diffondere meglio la lingua grecocalabra che affonda le sue radici in epoche lontane. Per questi motivi, la Responsabile dello Sportello, diffonde materiale divulgativo con la speranza che possa essere oggetto di studio e approfondimento, specialmente tra le nuove generazioni. Un po' di storia, quindi, estrapolata dal libro Gli Ellenofoni del 2000 in Calabria a cura di Filippo Condemi, aiuta a capire ancora meglio la storia di un popolo che, con la sua cultura e le sue tradizioni, ha scelto questo lembo di terra di Calabria. Scrive Condemi, tra l'altro, nel suo libro: Nella parte pi meridionale della nostra penisola, in alcuni paesi montani che sorgono a met strada tra Locri e Reggio Calabria, gli anziani agricoltori ed i pastori parlano ancora un arcaico dialetto greco che, giunto fino a noi attraverso una i suoi anticorpi sono in parte di natura esoterica identificandosi nei simboli e nella semantica della fede e dello spirito greco. Anche lo scrittore piemontese Cesare Pavese, confinato a Brancaleone per motivi politici negli anni 1935-1936 nelle lettere scritte dal confino alla sorella Maria evidenziava come gli usi, i costumi e le tradizioni facevano riferimento al mondo greco esaltandone con molta enfasi questo lembo di terra grecanica per formazione geografica e per spessore storico. Il mondo greco (o il mondo greco-arcaico) stato per Pavese un riferimento, le cui radici hanno matrici ancora indelebili sia per ci che concerne i processi artistici sia per una visione culturale d'assieme. Giova a proposito ricordare qualche frase scritta da Pavese alla sorella Maria:La gente di questi paesi di un tatto e di una cortesia che hanno una sola spiegazione:qui una volta la civilt era greca. Persino le donne che, a vedermi disteso in un campo come un morto, dicono este u confinatu, lo fanno con una tale cadenza ellenica che i mi immagino di essere Ibico e sono bell' contento. Sono frasi che la dicono lunga sulla visione che Pavese aveva del territorio di Brancaleone dove ogni cosa aveva riferimenti magno-greci. L'augurio, quindi, che lo Sportello possa fungere da stimolo per non disperdere un patrimonio linguistico di inestimabile valore storico-culturale.

Partir a ottobre la mensa scolastica per le scuole del comprensorio


di VINCENZO RACO MONASTERACE - Ad ottobre inizier la mensa scolastica nelle scuole monasteracesi. Il comune ionico tramite il responsabile d'area amministrativa Francesca Papaleo ha indetto il bando per la gestione del servizio di refezione scolastica a favore degli alunni della scuola dell'infanzia, della seconda classe della primaria, prima e seconda classe della scuola secondaria di primo grado del Comune di Monasterace per l'anno scolastico 2011/2012, in esecuzione della propria determinazione n. 110 del 02 settembre 2011. Il servizio consister nella fornitura di un pasto giornaliero per cinque giorni la settimana, dal luned al venerd, per la scuola dell'infanzia e seconda classe della Primaria e per due giorni settimanali per la prima e seconda classe della scuola secondaria di Primo Grado. Il costo di un pasto di 4,50 euro (solo una parte sar a carico degli alunni). I pasti saranno forniti nei soli giorni di effettive lezioni nella scuola, esclusi il sabato e le festivit previste dalla legge, nonch le vacanze natalizie, pasquali ed eventuali giorni che l'Amministrazione comunale monasteracese comunicher per tempo. Il servizio comprende anche la cura dell'igiene e della pulizia dei locali di preparazione dei pasti, del refettorio, la fornitura degli alimenti e del materiale igienico e sanitario e con criteri specifichi. Il contratto verr stipulato in forma pubblica amministrativa, con spese ad esclusivo carico della ditta appaltatrice, per un importo presunto di 54.000 euro iva inclusa.

Una veduta di Brancaleone

tradizione puramente orale..sembra non avere mai avuto un suo passato e una sua storia. Sono profondamente d'accordo perch la verit proprio questa: i Grecanici e la loro lingua non sono esistiti per nessuno, dimenticati da Dio, dai governi e dalla classe cosiddetta colta, per secoli e secoli, sono riusciti a sopravvivere con le loro sole forzegrazie appunto, all'istinto di sopravvivenza, insieme alle credenze, alle tradizioni ed alla lingua degli antichi avi. Infatti, - rileva Condemi - il mondo scientifico-culturale, pur essendone a conoscenza, si accorto della nostra esistenza soltanto nel 1821, quando uno studioso tedesco, Karl Witte, pubblic una nostra, ormai diventata famosa canzone glio ti olo ton cosmo parpatse/sole

che tutto il mondo percorre. A proposito il prof. Franco Mosino precisa che il Barrio nel 1571 scrisse dei grecofoni dell'Aspromonte e dopo di lui altri storici dei sec. XVII e XVIII. Dopo il Witte molti altri studiosi si interessarono della nostra lingua(Rohlfs,Karanastasis. Morosi, Comparetti ed altri). I greci cominciarono a giungere nelle nostre terre dell'VIII secolo in poi, e la loro civilt feconda pot perpetuarsi in maniera fiorente e specifica fino all'avvento dell'et romana. Condemi, dopo aver evidenziato che nel corso dei secoli sono avvenute delle trasformazioni linguistiche a causa dell'arrivo di altri popoli che si sono mescolati nell'area di riferimento intende evidenziare che nonostante tutto ci questa lingua arrivata fino a noi perch le sue difese,

E stato indetto il bando da parte del Comune

A Locri

Il sindaco di Ardore Giuseppe Campisi lancia lallarme sicurezza per lalta velocit

La Giunta aderisce al progetto agricoltura


di EMANUELA ALVARO LOCRI - Locri, con delibera di giunta, aderisce alla Carta di Matera. Un documento quest'ultimo con il quale si cerca di dare attuazione ad un vero e proprio patto con la societ dell'agricoltura italiana, che abbia a riferimento le funzioni produttive, di tutela ambientale e salutistica che il settore agricolo svolge. La distintivit - si legge nella Carta - della produzione agroalimentare italiana ha pochi eguali nel mondo. Occorre salvaguardare e conservare la produzione di prodotti tipici, organizzarla con adeguate forme di tutela e farne strumento di sviluppo economico per imprese e comunit locali. Per questi motivi l'amministrazione comunale di Locri s'impegna a sostenere e valorizzare l'agricoltura locale, in quanto risorsa inestimabile per uno sviluppo equilibrato e sostenibile, connesso alle molteplici implicazioni di natura economica, sociale e territoriale che ne deriva per le comunit locali, cos come per l'insieme del sistema Paese. Impegno istituzionale teso a costruire rapporti di collaborazione con i vari soggetti locali, attraverso una consapevolezza di gestione programmata del territorio.

Un tratto di statale 106 ad alto rischio


Larteria presa di mira da automobilisti e motociclisti per corse a tutto gas
di NATALINO SPATOLISANO ARDORE - Il tratto di statale 106 che taglia in due la frazione Marina torna al centro dell'attenzione per l'alta velocit che si registra nel centro abitato. L'arteria, infatti, percorsa, ogni giorno, da un estremo all'altro del paese, da pseudopiloti che sentendosi padroni della strada dominano l'area di uso pubblico, forzando l'acceleratore con troppa facilit e spregiudicatezza. Chi corre, ovviamente, non teme il controllo dei vigili urbani, eternamente assenti, al massimo, ma di rado, di qualche pattuglia dei carabinieri posizionata davanti alla dismessa stazione ferroviaria. Una problematica questa portata, soventemente, alla ribalta, al fine di porre un freno all'indisciplina e all'incoscienza di quanti, automobilisti e motociclisti, spavaldamente, transitano a forte velocit in pieno centro abitato, ma, puntualmente, rimasta lettera morta, quasi fosse una bega famigliare da risolvere in privato. Gi di buon mattino, lo scenario inquietante si pone sotto gli occhi di quanti si alzano presto. Via Piani d'Area, corso Carducci e, soprattutto, via Foscolo, si presentano ai primi mattinieri come tratti di pista veicolare, dove salvarsi la pelle diventa difficile. Ma mano che passano le ore, tuttavia, le cose peggiorano. La violazione sistematica della velocit massima consentita ai mezzi di trasporto circolanti nel centro di Ardore rappresenta una piaga che affligge la nostra comunit, afferma il sindaco Giuseppe Campisi. L'alto livello di rischio caratterizza, pertanto, zone nodali e svincoli cruciali del paese, in netta violazione di principi basilari dettati in materia di sicurezza della circolazione. Il codice della strada, infatti, stabilisce, tra l'altro, che la sicurezza delle persone, nella circolazione stradale, rientra tra le finalit primarie di ordine sociale ed economico perseguite dallo Stato. Basta, tuttavia, osservare, per qualche ora, la condotta di guida di quanti percorrono la strada che attraversa la frazione Marina da un capo all'altro, per capire come i pi se ne sbattono delle formule codificate in materia di limiti di velocit nel centro abitato. Ci vorrebbe, sicuramente, una presenza costante e permanente delle forze di polizia. In assenza, invece, di posti di controllo, guidatori inesperti, ogni giorno, in un paese dove gli agenti in divisa sono un miraggio, mettono in atto gravi imprudenze, probabilmente, anche con l'ottusa convinzione d'essere immuni da qualunque rischio di incidente stradale.

Lappello alla coscienza dei cittadini

Un tratto di statale 106

Lincontro organizzato dalla sezione calabrese dellordine si terr a Roccella Jonica

Un convegno per i ragionieri degli enti


di ILARIO CAMERIERI CAULONIA - Ardel l'acronimo dell'Associazione nazionale dei Regionieri degli Enti Locali. Tra le sue finalit, la cura degli interessi funzionali della categoria dei ragionieri dipendenti degli enti locali. Altres, curare lo scambio di idee e proposte tra i vari soci per il perfezionamento della categoria, curare a mezzo di appositi organi di stampa e mediante periodici incontri l'informazione tecnica per tutti i soci, curare la consulenza e l'assistenza professionale tra gli iscritti, collaborare al governo della cosa pubblica, prospettando al potere decisionale proposte e soluzioni alternative ai problemi tecnico-economici e finanziari che investono gli Enti locali; occuparsi dell'organizzazione di corsi di formazione, seminari, convegni, incontri studio e della stampa e la distribuzione di studi, ricerche, atti di convegni. Il 14 dicembre 2009, nel muncipio di Gerace stata costituita la sezione calabrese dell'associazione. La stessa, rappresentata dal dott. Pino Curciarello e supportata dalla vicina sezione Ardel Sicilia, organizza, con il patrocinio del Comune di Roccella Jonica, il 43 Convegno Nazionale dell'associazione. All'ordine del giorno, il federalismo nei bilanci e nella gestione degli Enti Locali, che si svolger proprio Roccella Jonica del 15 al 17 settembre prossimi. Il tema del convegno di particolare interesse perch, per gli operatori, c' l'esigenza di fare chiarezza su temi complessi, quali quello del federalismo e la sua concreta attuazione. L'appuntamento una vetrina importante per tutta la regione, in quanto vedr la partecipazione di molti amministratori, segretari, dirigenti e operatori degli enti locali provenienti da ogni parte d'Italia.

Mercoled 7 settembre 2011

Locride

Reggio 37

Il sindaco di Benestare replica alle interrogazioni del consigliere di minoranza Vincenzo Rocca

E polemica sullaccoglienza
Il primo cittadino: Mai fatto riferimento a nessun tipo di finanziamento
BENESTARE - Se c' qualcosa che, oggi, questa nuova generazione alla guida del nostro paese possa rivendicare sicuramente il primato morale che l'ha contraddistinta. Pensiamo di avere le gambe abbastanza solide da non accettare provocazioni, n tantomeno lezioni da parte di nessuno. E' questo uno dei passaggi delle dichiarazioni del sindaco di Benestare Rosario Rocca in replica alle accuse del consigliere di minoranza Vincenzo Rocca sul progetto di accoglienza di 15 minori africani. Il primo cittadino ha tenuto a precisare che Benestare un paese di accoglienza e di impegno civile. L'arrivo di 15 nuovi concittadini dal continente africano stato salutato dalla gente e dalle associazioni del territorio con uno straordinario senso di solidariet e di collaborazione stando alle parole del sindaco. Sono orgoglioso dei miei concittadini che - dice Rosario Rocca - anche in questo frangente, non hanno dimenticato di essere figli di una civilt migrante, perci predisposta all'accoglienza e all'integrazione. Il progetto di accoglienza che ci vede protagonisti insieme ai comuni di Caulonia, interroga la mia amministrazione sulle generalit e sulle analisi cliniche dei ragazzi africani che girano liberamente a Benestare. Forse a qualcuno da fastidio? E che dovremmo mandarli forse in quarantena come hanno fatto con i nostri nonni in Australia 60 anni fa? Fortunatamente siamo figli di una societ diversa, dove il senso di solidariet e di uguaglianza sono un fatto assodato, se non per una minoranza accecata dall'odio politico che ricorre nientedimenoch a stereotipi razzisti per attaccare la controparte politica. Infine il sindaco fa riferimento alle risorse impiegate dall'Amministrazione per le manifestazioni aggregative di quest'estate. Nello specifico il consigliere di minoranza Vincenzo Rocca - conclude il primo cittadino - dichiara di non aver mai, in dieci anni di amministrazione, letto di spese presunte. Vorrei ricordare che ogni atto di indirizzo emanato da una Giunta comunale non pu che fare riferimento ad una spesa presunta, in quanto poi il Responsabile del Servizio a comparare eventuali offerte e preventivi ed approvare la spesa certa. re.lo.

Monasterace

Ussia visita la realt Citt futura di Riace


di VINCENZO RACO MONASTERACE - Una vista a citt futura a Riace una realt importantissima in fatto di accoglienza. Il presidente della pro Loco il tempio Andrea Ussia ha visitato sabato scorso la struttura sita a Riace Centro. Citt futura che l'associazione creata anni orsono da Mimmo Lucano primo cittadino di Riace che ha saputo creare strutture che danno lavoro a circa settanta persone e primeggiano in materia di accoglienza. Il presidente della Pro loco stato accompagnato nella sua visita da l'assessore del comune di Riace Giuseppe Gervasi, primo cugino e omonimo del rappresentante dell'Idv di Monasterace, che l'ha guidato nell'interessante visita guidata. Il presidente Ussia rimasto estremamente soddisfatto e per molti versi sorpreso dalla realt che andato a vedere. Queste le impressioni del presidente Pro Loco: Quella di Riace una bella realt, che va presa come esempio per essere una realt pura in fatto di accoglienza. Esprimo tutta la mia soddisfazione e ringrazio l'assessore Gervasi, il sindaco Lucano e tutta l'amministrazione riacese per aver creato un bacino di solidariet e di grande accoglienza in una realt piccola. Ussia ritiene quello riacese un esempio da seguire: la cittadina riacese all'avanguardia da ogni punto di vista, una realt da cui debbono prendere spunto anche le altre realt del comprensorio per poter rilanciare l'economia dei vari centri.

Rosario Rocca e una veduta di Benestare

Monasterace e Riace ha portato dei notevoli benefici al nostro territorio sia in termini di crescita sociale, visto che tanti ragazzi e le diverse associazioni culturali del territorio stanno vivendo con entusiasmo questa bellissima esperienza di integrazione, sia sotto il profilo occupazionale, infatti pi di dieci giovani benestaresi oggi lavorano per il

Consorzio Goel cui abbiamo affidato la gestione del progetto. Poi le attenzioni del primo cittadino si spostano su delle dichiarazioni riprese da quelli che definisce avversari politici, dichiarazioni che riferiscono di una retta pro-capite che il Ministero dell'Interno corrisponder per questo progetto. Secondo Rocca

una pura invenzione dedita alla strumentalizzazione politica finalizzata solo alla delegittimazione dell'avversario. Non abbiamo infatti ne io - dice il sindaco - ne altri amministratori fatto riferimento a finanziamenti o quant'altro, bens ci siamo solo preoccupati di riservare ai 15 minori un'accoglienza dignitosa. Si vergogni chi con arroganza

Successo per la stagione estiva del borgo della Locride

Mammola ha fatto il pieno di turisti e manifestazioni


di NICODEMO BARILLARO MAMMOLA - Cala il sipario sull'estate Mammolese.Boom di visitatori durante il mese di agosto nel paese di Mammola, la cittadina della vallata del torbido risultata tra le mete preferite dei tanti turisti che hanno visitato il Museo Santa Barbara, il Santuario di San Nicodemo e l'incantevole borgo antico, e degustato nei tanti punti di ristorazione lo stocco piatto clou insieme al fungo porcino e alla ricotta affumicata della cucina Mammolese. Da tempo Mammola, cittadina medievale posta sul versante Jonico della Calabria, considerata il punto di riferimento turistico e gastronomico della regione. Durante queste ferie estive mammola ha visto aumentare esponenzialmente il numero dei suoi abitanti, infatti,oltre aiMammolesi che emigrati per lavorare sono tornati in estate a godersi un periodo di relax nel paese natale, Mammola , risultato tra lemete preferite diun flusso notevole di turisti provenienti da ogni localit Italiana e del mondo. L'assessore alla cultura Pino Agostino a conclusione della stagione estiva fa un bilancio sulle manifestazioni estive proposte dalla locale amministrazione comunale: Quello predisposto dall'amministrazione comunale stato un cartellone con momenti di aggregazione sociale per tutti gusti e tutte le fasce di et. Cultura, , musica, spettacolo, e teatro nel segno della tradizione e del rinnovamento e vacanzieri e nostrani hanno risposto presente. Nelle nostre Piazze si sono esibite diverse band musicali che hanno calamitato le attenzioni di un numeroso pubblico che ha partecipato con grande entusiasmo alle varie iniziative. L'estate a Mammola aggiunge l'assessore Agostino iniziata a fine luglio con la la fe-

Alcune vedute di Mammola

sta della ricotta affumicata che si e confermata insieme alla sagra dello stocco alla festa del fungoe quella del cinghialetra le iniziative pi importanti organizzate nel nostro paese durante la stagione estiva, in quanto abbiamo dato ancora una volta grande ri-

salto ai nostri ottimi prodotti locali. Di enorme successo si e rivelata l'estemporanea di pittura Tra storia, arte e tradizioni che ha visto la presenza dei pi conosciuti pittori Calabresi che hanno invaso il nostro borgo antico, e ancora l'ottima

serata di folkore organizzata in contrada Reito che ha visto la partecipazione di tantissima gente e la prima festa del borgo . Mi preme ricordare la scarsit di fondi che sono diminuiti ulteriormente dopo i tagli del governo che continuano a

penalizzare il nostrocomune , siamo riusciti a proporre un discreto programma per i nostri concittadini per animare il loro soggiorno nel nostro paese cercheremo il prossimo anno di renderericco il nostro programma delle iniziative con tantissime altre novit.

Ennesimo riconoscimento per lartista di Gioiosa Jonica

Larte poetica di Papandrea


di CAMILLO MAZZONE GIOIOSA JONICA - La giuria del premio letterario Fantasmino d'Oro, presieduta da Evelina Lunardi, ha deciso all'unanimit di assegnare allo scrittore di Gioiosa Jonica, Ernesto Papandrea, gi Premio della cultura riconosciutogli dal Consiglio dei Ministri, il Premio di Finalista per l'opera Ideando un diverso avvenire. Il riconoscimento nazionale organizzato dalla sezione del Cenacolo Accademico Europeo Poeti nella Societ di Imperia con il patrocinio del Comune di Saliceto nella provincia di Cuneo. La cerimonia di premiazione avverr nella sala delle conferenze dentro il Castello del Carretto di Saliceto, nel fondovalle alla destra della Bormina di Millesimo luogo storico per la battaglia di Bonaparte contro gli Austro Piemontesi nel 1796. Papandrea definito dalla critica L'Autore pi originale e controcorrente che esista in Calabria, a cui va il merito di aver modernizzato la poesia utilizzando il linguaggio della vita quotidiana con semplicit, pur se possiede una straordinaria propriet di linguaggio. Le nostre pagine hanno spesso scritto di lui. Va ricordato, che negli anni 80, ha collaborato alla Biblioteca di lavoro, su invito del suo amico editore di Firenze Luciano Marzuoli, insieme a Mario Lodi, Tullio De Mauro, e Gianni Rodari. In seguito, prodotto una Una panoramica di Gioiosa Ionica grande mole di libri di poesia, occupandosi anche di narrativa, saggistica e to: Non inseguo titoli, i quali alla fine in cielo canzoni (quale Autore SIAE), ricevendo l'una- non servono, non ci vengono richiesti. Prefenime apprezzamento dall'allora deputato Et- risco semplicemente rimanere un libero pentore Mesina, di David Maria Turolod, di Mario satore. Resta un nuovo riconoscimento per larte di Luzi e di Padre Ernesto Balducci che lo ha incoraggiato a scrivere, cosa che ha fatto sor- Papandrea, un riconoscimento da condivideprendendo tutti. Ernesto Papandrea, ci ha det- re con tutta la Locride.

Piana
di KETY GALATI GALATRO - E' polemica a Galatro sulla costruzione di un nuovo collettore fognario sul fiume Fermano. A denunciare l'irregolarit dei lavori in corso con gravi conseguenze per l'incolumit dei cittadini Alfredo Distilo, responsabile dei servizi tecnici e termali del Comune di Galatro, in pensione. Ricorda all'attuale amministrazione guidata da Carmelo Panetta ed alle autorit l'inutilit di questa opera costata 250 mila euro, visto che le fogne del rione Montebello e quella delle terme, perfettamente funzionabili sono collegate da sempre al collettore principale che le porta al depuratore di Gioia Tauro. L'esperto tecnico tiene a precisare: non un'opinione personale ma un dato di fatto riscontrabile sia all'ufficio tecnico comunale, che direttamente sul posto. Basta aprire - spiega Distilo - alcuni pozzetti in via Aldo Moro e vedere il liquame che scorre regolarmente. All'inefficacia dell'opera secondo il parere di Distilo si aggiunge, il fatto che, l'immissione dell'acqua del fiume in piena in un solo punto del collettore, cosa che prima o poi avverr, la render definitivamente inutilizzabile, portando con se la cospicua somma di 250 mila euro, tolta dalle tasche dei contribuenti. Distilo, nell'esprimere ancora contrariet in merito illustra tecnicamentele conseguenze relative alla realizzazione del collettore, spiegando che allo stato attuale, in caso di un'eventuale esondazione a monte della parte di fiume messa in sicurezza, le acque torrenziali con tutto il loro impeto, prima di potersi immettere nell'alveo naturale dovranno superare e inondare le abitazioni adiacenti di via Aldo Moro. Ed inoltre:

Mercoled 7 settembre 2011

38

Ufficio di Corrispondenza: Piazzetta 21 Marzo, 9 - 89024 Polistena Tel/Fax 0966.935320 E-mail: ilquotidianopiana@finedit.com

Scoppia la polemica a Galatro sulla costruzione di un nuovo collettore fognario sul fiume Fermano

Unopera inutile e costosa


Servono invece adeguati controlli per la messa in sicurezza dei torrenti
all'indebolimento dei muri d'argine, sia in elevazione che in fondazione, il notevole restringimento della sezione idraulica di oltre due metri su una larghezza totale di dieci metri dovuta alla realizzazione di due manufatti a tutta altezza sotto il ponte di via Moro, notoriamente punto molto critico durante le piene che a Galatro purtroppo si verificano annualmente. Infine, Distilo, invita gli organi competenti a procedere con adeguati controlli, completando le opere di messa in sicurezza dei torrenti Fermano, Rio secco e Metramo realizzate cinque anni fa dalla Comunit montana di Cinquefrondi. Da allora - conclude - nessuna autorit preposta alla sicurezza si adoperata per ottenere ulteriori finanziamenti per la sistemazione idraulica dei torrenti.

Lavori in corso a Galatro

Il cantiere sul fiume

In visita a Palmi il consigliere comunale di Roma delegato ai rapporti con la Calabria

Naccari incontra la Societ operaia


Stiamo progettando un evento in sinergia con le associazioni capitoline
di VIVIANA MINASI PALMI - Nei giorni scorsi l'onorevole Domenico Naccari, consigliere comunale di Roma delegato ai rapporti con la Calabria, ha fatto visita alla Societ Operaia di Palmi, accompagnato dal vicepresidente del consiglio provinciale Giuseppe Saletta. L'incontro si aperto con il saluto iniziale del presidente della Soms di Palmi, Saverio Saffioti, che ha detto: E' per noi una presenza importante quella di Nacarri, che ci permette di immaginare orizzonti nuovi degni della prestigiosa storia della Societ Operaia. Mi piacerebbe realizzare un evento a Roma nei prossimi mesi, coinvolgendo le Soms calabresi e capitoline. A seguire Giuseppe Saletta ha ringraziato l'onorevole Naccari per la visita dicendo che un punto di riferimento prestigioso per la comunit palmese. Lo stretto legame che, suo tramite, si creato tra Roma e Palmi ci riempie di orgoglio. Alla presidenza della Soms di Palmi, sono andati i complimenti di Naccari: grazie all'impegno di Saverio Saffioti, la Societ Operaia oggi attiva protagonista e cuore pulsante di una parte di questa importante citt. L'onorevole Naccari si soffermato sul legame tra la Calabria e Roma, cogliendo l'occasione per presentare la Fondazione Calabria-Roma-Europa, di cui presidente. Noi calabresi romani percepiamo con fervore ed intensit il rapporto con la terra natia, e ritengo per questo che sia necessario donare il proprio contributo per la valorizzazione ed il rilancio di ci che calabrese. La Fondazione ha proprio questo compito e si pone l'obiettivo di rafforzare i rapporti tra Roma e la Calabria, coinvolgendo associazione ed istituzioni, in modo che facciano da ponte tra le due realt. Occorre generare - ha detto ancora Naccari - una vera e propria rete che concorra alla creazione di relazioni ed attivit socio-culturali, che sia da sprone alle politiche sociali e familiari e valorizzi le tradizioni del territorio calabrese. Al termine dell'incontro, lo stesso Domenico Naccari si detto soddisfatto per la collaborazione con la Soms di Palmi, augurandosi che possa divenire sempre pi proficua tramite manifestazioni di pregio.

Il segretario Calogero alla manifestazione di Reggio

BREVI
GIOIA TAURO

E una terra senza lavoro Lurlo della Cgil-Piana


di ALESSANDRO TRIPODI GIOIA TAURO - Non poteva mancare il sigillo della Cgil della Piana di Gioia Tauro sullo sciopero generale, contro la manovra finanziaria del Governo Berlusconi. Il sindacato ha fatto sentire la propria presenza nella citt di Reggio, punto nevralgico della manifestazione antimanovra svoltasi su tutto il territorio nazionale. La Provincia pi meridionale della Calabria ha funzionato da bacino di raccolta per le migliaia di lavoratori, ma anche cittadini in senso lato, che si sentono danneggiati da un provvedimento economico campato in ariae soprattutto contraddittorio, bocciato anche dall'Unione Europea. Per questi motivi, il segretario della Cgil della Piana di Gioia Tauro, Antonino Calogero, definisce la finanziaria una manovra lacrime e sangue

Scapp dopo lincidente manette a un giovane


Era fuggito facendo perdere le proprie tracce dopo un incidente stradale, dopo accurate indagini, per, stato individuato e fermato dalle forze dell'ordine. A finire in manette R.A., di 25 anni, tratto in arresto ieri mattina dai Carabinieri della Stazione di Gioia Tauro, intervenuti in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Palmi, in quanto ritenuto responsabile dei reati di lesioni personali e omissione di soccorso commessi a seguito di sinistro stradale.

La disperazione forte a causa di tutti gli effetti della crisi

che acuisce il divario tra Nord e Sud. Quella di oggi - ha detto Calogero - stata una giornata importante per le moltissime adesioni giunte dalle istituzioni, da tanti partiti politici e dal mondo delle associazioni. La Cgil, quindi, si dice soddisfatta dall'atteggiamento dei cittadini che hanno risposto in massa alla chiamata della segretaria generale Susanna Camusso. Il sindacato ha inoltre avanzato delle proposte alternative per cambiare il decreto di ferragosto, condivise anche dalle forze politiche di centrosinistra e dal Terzo Polo. La cosiddetta contromanovra, un unico emendamento di riforme strutturali che tocca quattro principali temiriguardanti lariduzione delle tasse, l'impegno concreto contro l'evasione fiscale, la giustizia sociale e la crescita occupazionale. Occorre cambiare il sistema

fiscale per combattere le evasioni - ha ribadito il segretario della Cgil pianigiana, Antonino Calogero - per far pagare i sacrifici a tutti, per colpire le grandi rendite e le speculazioni, nonch i facili profitti. Infatti, serve investire in settori strategici (infrastrutture, istruzione e ricerca) per avviare lo sviluppo e favorire un piano Lintervento di Nino Calogero straordinario per il lavoro. Lo sciopero di oggi - ha ri- pi incisiva, i propri tentacoli. badito l'esponente sindacale - la Nella Piana la disperazione sintesi di una crisi durissima forte perch insieme agli effetti che vede la Piana di Gioia Tauro negativi sta emergendo, in modo soffrire come non mai per la dirompente, un pericolosissimo mancanzadilavoro, peritantili- declino civile; prova ne la pecenziamenti, e per le mancate sante escalation di azioni criminali e intimidazioni. I tagli e l'iaspettative di crescita. Calogero convinto, inoltre, nefficacia della manovra di piache se venissero applicate le nor- nificare un progetto occupaziome contenute nella finanziaria nale reale - ha concluso il segredi che trattasi, la criminalit or- tario - potrebbero aggravare la ganizzata, nel nostro territorio, condizione di malessere degli verrebbe agevolata e troverebbe abitanti del nostro territorio, maggiore spazio per espandere, terreno fertile, questa, per i setra la societ, in maniera ancora midella malavita organizzata.

ROSARNO

Ricettazione ed estorsione arrestato dai carabinieri


Ricettazione, estorsione in concorso e riciclaggio. Questi i reati per i quali ritenuto responsabile G:A., 64enne residente a Rosarno. L'uomo stato tratto in arresto dai carabinieri della Tenenza della citt medmea in esecuzione di un ordine di arresto di pene concorrenti. L'uomo dovr espiare la pena residua di sei anni e otto mesi di reclusione. Sulla vicenda avevano indagato i carabinieri del comando provinciale di Reggio Calabria sotto il coordinamento dei magistrati della Procura della Repubblica di Palmi.

Mercoled 7 settembre 2011

Piana

Reggio 39

A Cinquefrondi riunione interlocutoria tra le due forze che sostengono lamministrazione comunale

Slitta lintesa tra Udc e Pdl


Cascarano: Confronto politico mirato a valutare il rilancio della citt
di SIMONA GERACE CINQUEFRONDI - Fumata grigia per l'interpartitica tra il Pdl e l'Udc a Cinquefrondi. La riunione convocata luned sera dal sindaco, Marco Cascarano, con lo scopo di valutare l'eventuale rientro in giunta dell'ex assessore alla Cultura, Anselmo Scappatura, si risolta con un nulla di fatto. Dopo due ore di discussione tra l'attuale primo cittadino, Marco Cascarano l'assessore alle Attivit Produttive, Alfonso Condoluci, Mario Versaci, (vicesegretario regionale dell'Udc), Anselmo Scappatura, Maria Cristina Sinopoli (passata di recente dagli scanni di Risveglio Popolare a quelli del partito di centro), Salvatore Leva e Santo Montalto, la riunione stata rimandata a data da destinarsi. C' stato un confronto politico mirato a valutare le condizioni necessarie per il rilancio della cittadina. - ha affermato Cascarano alla fine dell'incontro. - Entrambi riporteremo nelle sedi dei partiti quanto si detto, poi si decider come procedere. Per ora le situazioni di natura organigrammatica sono state messe in secondo piano. Queste le considerazioni a caldo, del coordinatore della locale sezione Pdl (oltre che sindaco), Cascarano, il quale ha preferito mantenere la bocca ben cucita sui particolari delle questioni affrontate dai due partiti che un tempo si erano tanto amati, mentre oggi stanno valutando se continuare un percorso condiviso o separarsi definitivamente. La crisi tra Pdl e Udc, due gruppi politici che si sono uniti a Cinquefrondi in occasione della competizione amministrativa del 2010, si originata all'indomani delle scorse elezioni provinciali che hanno visto due espressioni della maggioranza, l'allora assesstrative, magari con l'affidamento dell'incarico di vicesindaco. Incarico che Cascarano fino ad oggi non ha voluto cedere all'Udc. Nella riunione dei giorni scorsi, stando alle voci ufficiali, questi argomenti non sono stati affrontati. Secondo indiscrezioni, invece, l'incontro sembrerebbe non aver sortito alcun risultato proprio perch il primo cittadino pur dichiarandosi disponibile a riconsegnare a Scappatura le vecchie deleghe aggiungendone qualche altra strategica e ad consegnare nuove deleghe a un altro rappresentante dell'Udc, sembrerebbe non essere stato disponibile ad aprire discussioni sulla poltrona del vicesindaco. Voci di detrattori o verit nascoste? Per il momento non dato saperlo. Sembra comunque - sempre secondo fonti non ufficiali - che dalla possibile rottura di Cascarano con Scappatura possano originarsi malcontenti in qualche esponente della maggioranza. Primo tra tutti il consigliere Angelo Macedonio che potrebbe valutare un eventuale passaggio all'interno del gruppo misto.

Antonello Valenzise

Incidente sul lavoro a Cinquefrondi

I membri dell'Udc al termine della riunione

sore Scappatura e l'attuale vicesindaco, Maurizio Bellocco, candidarsi per la poltrona di consigliere provinciale. Dopo l'esito della tornata elettorale, Scappatura aveva, il 23 maggio scorso, restituito le deleghe nelle mani del primo cittadino,

continuando a garantire l'appoggio esterno alla maggioranza, sollecitando, al contempo, l'amministrazione a rivalutare alcuni punti programmatici e auspicando un pi rilevante coinvolgimento del suo gruppo nelle scelte ammini-

Cade dal terrazzo grave un giovane


CINQUEFRONDI - Tragico incidente, ieri mattina a Cinquefrondi. Erano da poco trascorse le 10, quando Antonello Valenzise, un artigiano di 33 anni, mentre stava prendendo delle misure per un lavoro su un terrazzo di un'abitazione situata in una strada parallela alla centralissima via Vittorio Veneto, caduto, schiantandosi sull'asfalto. Non si sa se alla base del drammatico infortunio ci sia stato un capogiro o un'inaspettata perdita d'equilibrio. Il giovane, dopo il brusco e improvviso contatto con l'asfalto, ha perso immediatamente conoscenza, gi prima di essere trasportato, con la massima urgenza, da un'ambulanza del118, presso l'ospedale Santa Maria degli Ungheresi di Polistena. Valenzise stato sottoposto aduna seriedi esamipreliminari, poi operato in fretta e furia. Un intervento durato diverse ore e volto soprattutto a verificare la presenza di eventuali lesioni interne in grado di intaccare le funzioni vitali. Al termine dell'operazione, riuscita, secondo i medici, - soprattutto grazie alla straordinaria forza che ha dimostrato l'artigiano stato immediatamente trasferito nel reparto di Terapia Intensiva. La caduta sembrerebbe aver comportato la frattura di circa 6 costole e la frantumazione di un polmone. A tarda serata dall'ospedale di Polistena, Valenzise stato trasferito a Catania. Mai solo a combattere tra la vita e la morte: accanto a lui c'erano la famiglia e gli amici, ma c'era soprattutto il primo cittadino, Marco Cascarano, a sostegno del quale il giovane, nel 2010, si era candidato a consigliere, risultando poi uno dei non eletti dell'attuale maggioranza di Uniti per il Popolo. si. ge.

Scoperta dei carabinieri in contrada Cheppi a Rosarno

Piantagione di canapa indiana


ROSARNO - Procede senza sosta l'azione di contrasto alla coltivazione di sostanze stupefacenti da parte delle forze dell'ordine. Ieri mattina, intorno alle 8, i Carabinieri dello Squadrone Eliportato Cacciatori Calabria, unitamente ai militari della Compagnia di Gioia Tauro e della Tenenza di Rosarno, nell'ambito di servizi di controllo del territorio, hanno rinvenuto in contrada Cheppi a Rosarno, a pochi chilometri di distanza dal raccordo autostradale della A3, l'ennesima un piantagione composta da 160 piante di canapa indiana. L'erba, in avanzato stato di maturazione e dell'altezza media di circa 2 metri, poteva godere di un impianto di irrigazione alimentato da un pozzo artesiano. I Carabinieri stanno effettuando ulteriori indagini per accertare la propriet del terreno su cui era coltivata la marijuana. A nulla sono valsi invece gli appostamenti effettuati con l'intento di sorprendere chi si occupava della piantagione. Le piante, dopo le rituali operazioni di campionatura di effettuate al fine di determinare il principio attivo contenuto, sono state distrutte dai militari dell'Arma.

Iniziativa del consigliere Giovanni Nucera

Interrogazione a Talarico a difesa della coltivazione degli agrumi e dei kiwi Appuntamenti religiosi, musica e giochi pirotecnici
di KETY GALATI ROSARNO - Continua la battaglia del consigliere regionale Giovanni Nucera a sostegno del comparto agricolo della Piana di Gioia Tauro. A questo proposito, il pidiellino ha presentato nei giorni scorsi al presidente della Giunta regionale, Francesco Talarico e all'assessore all'Agricoltura Michele Trematerra due interrogazioni, nelle quali, invita gli organi competenti ad attivare precise iniziative a sostegno dei coltivatori di agrumi e di kiwi. Due piantagioni colpite dal virus della Tristeza degli agrumi e dal cancro batterico. Le interrogazioni hanno uno scopo preciso, rilanciare un settore importante per la nostra regione, qual l'agricoltura, che in questi anni ha subito le ripercussioni della crisi economica oltre all'invasione sul mercato da parte di produttori di altri paesi, spiega Nucera, aggiungendo che l'agrumicoltura rappresenta un settore produttivo fondamentale per il reddito agricolo calabrese. Ragion per cui, lo stesso, ritiene che sia importante sostenere delle politiche di crescita, non solo per la sopravvivenza dello stesso settore, ma anche per la sua funzione di tutela del territorio e di salvaguardia del tessuto sociale ed economico. E' questo l'appello che Nucera lancia al presidente del consiglio regionale, sollecitandolo a definire l'iter legislativo per l'approvazione delle mozioni riguardanti l'etichettatura, la promozione e la salvaguardia dei prodotti italiani. Non solo. Il consigliere regionale berlusconiano invita la giunta regionale ad un serio intervento presso il Governo italiano al fine di innalzare dal 12% al 16%, il contenuto dei succhi d'agrumi contenuti nelle bevande analcoliche, nonch l'istituzione di un logo nazionale per le bibite analcoliche a base di frutta di provenienza italiana, considerato che la provincia di Reggio Calabria la principale area produttiva d'arance. di RAFFAELE LOPRETE TAURIANOVA - Tutto pronto per la tradizionale festa patronale a Taurianova, dedicata alla Madonna della Montagna. La manifestazione, iniziata giorno 29 agosto in Piazza Macr con l'accensione dei luppinazzi, ha visto la partecipazione di autorit provinciali e regionali, dell'arciprete don Antonio Spizzica e del sindaco della citt Domenico Romeo, stata possibile grazie alla stessa amministrazione comunale e all'azienda Aesthetis di Taurianova, leader nei settori della cosmesi. La festa, che si aprir oggi e durer fino a venerd, giorno in cui si ricorder il miracolo del 9 settembre 1894 quando, verso le ore 19 - raccontano le cronache del tempo - entr in chiesa un forestiero, certo Ambrogio Incarnato, napoletano, commerciante di stoffe, che non aveva mai prima veduto l'immagine, si mise a guardarla con particolare attenzione, quando si accorgeva che i bellissimi occhi si muovevano e guardavano i fedeli in preghiera. Prima pens che si poteva trattare del riflesso delle candele accese e cambi posto, ma con stupore vide che gli occhi si muovevano ancora. La Madonna, subito dopo, fu portata in processione ed appena arriv davanti alla Chiesa Parrocchiale di Iatrinoli, sopra la luna apparve una grande croce luminosa che poi piano piano spar mentre gli occhi della Madonna la fissavano. Ieri mattina, alle ore 9 la statua della Madonna stata discesa, tra le emozioni dei presenti, tanto che don Antonio Spizzica subito dopo dichiarava che ancora una volta stato emozionante leggere negli sguardi delle centinaia di persone presenti alla discesa della statua della nostra amata Patrona, l'immenso amore che si nutre nei confronti della Madonna, momento intenso che va razionalizzato e trasformato in autentica testimonianza di

A Taurianova in onore della Madonna della Montagna

A Rosarno

Ecco la festa patronale


fede. Questa sera, alle ore 22 sempre presso Piazza Macr si esibiranno Napoli in musica, mentre domani sera alle ore 18 partir dalla stessa piazza la solenne processione della Madonna per le vie della citt, alle ore 22 si esibir il famoso complesso bandistico Tiriolo - Citt dei due mari, fondato nel 1923 dal Maestro cremonese Rossi. Venerd alle ore 21:30 serata conclusiva divisa in due parti: la prima dedicata al cabaret dei Ditelo voi direttamente da Colorado Caf (programma in onda su Italia 1. La seconda parte, sar dedicata alla taranta, tanto di moda oggi e inizier alle ore 22:30, con il gruppo Zona Briganti. Concluderanno i festeggiamenti spettacolari fuochi pirotecnici. Senza dubbio la ricorrenza principale e quella meglio radicata nel tempo, grazie alla passione del comitato feste e dell'amministrazione comunale, che tanto ha fatto per la realizzazione della stessa.

Rapinato camionista Bottino di 600 euro


ROSARNO - Non sembrano diminuire le rapine messe in atto da malviventi sulle strade della Piana di Gioia Tauro. Fatti che avvengono ormai con una certa frequenza, nonostante gli sforzi e le ripetute azioni di contrasto e prevenzione da parte delle forze dell'ordine. Questa volta toccato ad un autotrasportatore originario di Rende, S.P., di 40 anni, essere vittima di una rapina ad opera di ignoti avvenuta ieri su un tratto in direzione nord dell'autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria, poco dopo lo svincolo di Rosarno. L'uomo stato raggiunto da due malviventi a bordo di una moto di grossa cilindrata, entrambi a volto coperto e di cui uno armato di pistola, che si sono avvicinati al furgone guidato dall'autotrasportatore e dopo aver fatto fermare il veicolo sotto la minaccia dell'arma da fuoco si sono fatti consegnare la somma contante di seicento euro. Sull'episodio sono state avviate indagini da parte dei Carabinieri della Tenenza di Rosarno.

40 Reggio

Piana

Mercoled 7 settembre 2011

Cala il sipario a Cittanova sulla kermesse Tradizionandu: bilancio di Cosimo Papandrea

La cultura della tarantella


Era la musica della malavita, abbiamo sradicato questo preconcetto
di ANTONINO RASO CITTANOVA - Il Tradizionandu, dopo tre giorni di immersione totale nella cultura popolare calabrese, chiude i battenti. Ma quello che si lascia alle spalle un vortice di emozioni. A Cittanova stato il successo di una manifestazione che ha da anni, come obiettivo dichiarato, la rivalutazione della cultura pop. Cosimo Papandrea, colonna portante dei Taranproject, compagno imprescindibile di Mimmo Cavallaro, ci ha aiutato a capire qualcosa in pi di questo fenomeno impetuoso che proprio i Taranproject. Quella che sembrava una musica desueta, si trasformata, grazie al vostro contributo, in un fenomeno. La tarantella, per motivi che vanno ricercati all'alba delle comunit contadine calabresi, stata, e probabilmente ancora, la musica della malavita. Noi per primi abbiamo avuto l'intuizione, ed il coraggio, di sradicare questo genere da quell'idea, depurandolo da ogni preconcetto, e portandolo su un terreno maggiormente fruibile e alla portata di tutti. Contaminazioni con il jazz, la bossa nova, a volte il rock, aggiunte all'esperienza dei componenti del nostro gruppo, lo hanno poi dotato di quel fascino indefinito, come a ricordare qualcosa che viene da lontano, ma che sa guardare alle esigenze della societ che cambia. Ma cos' stata la tarantella per la nostra cultura? E stata un perno imprescindibile nella vita delle comunit. I contadini, nei loro momenti di ritrovo collettivo, soprattutto in quei rituali rurali cos importanti per gli equilibri paesani, seguivano la musica dell'organetto e del tamburello con movenze molto simili alle gestualit degli animali domestici o dell'aia. Movenze spesso compulsive che rimandano alla danza del gallo in amore, o al difendersi del gatto dalla mano dell'uomo. Un ballo, che fungeva da catalizzatore di sentimenti e dissidi interni alle famiglie, o alla societ stessa. Oggi, per forza di cose, l'approccio ed il significato sono diversi. Noi stiamo lavorando perch la tarantella non venga dimenticata. Gli strumenti l'organetto e la lira. L'organetto , per me, un contenitore di ricordi legati a varie fasi della mia vita. La lira, invece, la suono da circa diecianni.La vidiperlaprima volta tra le mani sapienti di Pasquale Iervasi. Lui, alla sera, si sedeva vicino al focolare, e suonava per ore, fino a quando non si addormentava accasciato sullo strumento. Rimasi folgorato da quel rapporto cosi diretto tra mio zio ed il suono evocativo di quelle corde. cosi che ho deciso che il canto della lira, con quella voce quasi di zampogna, per certi versi natalizia, doveva essere portato al pi presto su un palco. Compagno di avventure Mimmo Cavallaro. Com' nato il progetto Taranproject? Mimmo ed io, fino a qualche anno fa, lavoravamo con due gruppi diversi. Erano i tempi dei Sonu Divinu quando decidemmo di incontrarci per qualche sporadica collaborazione. Con il tempo abbiamo intrapreso una strada comune, prima formando i Bassa Marea, quindi i Karacolo Full. Poi l'intuizione di Mimmodei Taranproject, ed il boom. Eugenio Bennato ha detto: Cavallaro e Papandrea sono bravi musicisti, ma insieme sono una bomba atomica. Spagna il pezzo pi conosciuto del vostro repertorio. Estato un colpo di genio. Il testo, ricercato ed eseguito da Otello Profazio, aveva bisogno di una musica che fosse maggiormente coinvolgente. Per la chitarra ho pensato ad un giro dalle tinte spagnoleggianti, che ho scritto di getto. Poi, per, per l'organetto il lavoro stato pi complesso. Non poteva essere metricamente un giro di tarantella. E con Domenico Coradi, per un intero pomeriggio, seduti sotto un albero, abbiamo provato e riprovato senza sosta, lui con la chitarra ed io con l'organetto. Creando uno stile.

In piazza larte e la cultura popolare

Cosimo Papandrea

Inaugurato un nuovo corso per la storica associazione Al lavoro per la citt

Al Guerrisi di Palmi

Taurianova, apre i battenti la Pro loco


di FEDERICA LEGATO TAURIANOVA - Si apre una nuova pagina per la Pro Loco di Taurianova che, in altri tempi, ha vissuto momenti di crescita alternati a momenti di stasi. Si dice che il futuro nasce dalle radici del passato ed il passato glorioso delle tradizioni di Taurianova rifulger, rispolverando e rinnovando la storia del passato che si accrescer di nuovi avvenimenti. Si aperta cos, con le parole del neo PPresidente, Rocco Cosentino, l'inaugurazione della Pro Loco di Taurianova, che, nel suo intervento ha inteso sottolineare, anche a nome del comitato direttivo, l'intenzione di attivare un percorso di crescita socio-culturale, che veda coinvolti i rappresentanti della politica, senza per questo, politicizzare l'associazione - ma, affinch si attivino a sostegno delle iniziative che la Pro Loco si prefigge di realizzare, ai fini di un rinnovamento socio-culturale della citt. Il parroco Don Alfonso Franco ha celebrato una cerimonia di benedizione dei locali in cui avr sede la Pro Loco, siti in via Tommaso Campanella, alla presenza di un numeroso pubblico, nonch dei rappresentati del mondo istituzionale e politico, tra cui, il sottosegretario di Stato all'ambiente, Elio Belcastro, i consiglieri regionali Luigi Fedele e Candeloro Imbalzano, il dirigente regionale al Turismo, Pasquale Anastasi, il Presidente dell'Unpli di Reggio Calabria, Massimo Cogliandro, il sindaco di Cinquefrondi, Marco Cascarano e l'ex sindaco di Taurianova, Rocco Biasi. La serata stata allietata dall'evento Notteprog, con l'esibizione, in piazza Italia, della band Prospettive di gioia sulla luna che ha aperto il magnifico concerto della storica rock band progressive Made in Naples degli Osanna, - che ha festeggiato i 40 anni di attivit live, - con il contributo della special guets Gianni Leone. Il concerto di Taurianova ha fatto parte di un ampio progetto, finalizzato ad incrementare il turismo locale, a cura dell'amministrazione provinciale di Reggio Calabria, sotto la direzione artistica di Fulvio D'Ascola. A cornice dell'evento, inoltre, aziende locali hanno allestito vari stand, dove stato possibile degustare prodotti tipici.

Scuola darte pronta al nuovo anno scolastico


di GIUSEPPE PARRELLO PALMI - Mancano pochi giorni all'apertura delle scuole ed ogni istituto si prepara ad accogliere gli studenti. Un impegno particolare stato messo in atto dallaScuola d'Arte Michele Guerrisi di Palmi che, finito quest'ultimo ciclo scolastico assumer la dizione di Liceo Artistico secondo le disposizioni dell'ultima riorganizzazione ministeriale. Negli ampi locali della struttura i visitatori possono visionare secondo un percorso culturale ed artistico, le creazioni dei giovani artisti: manufatti, tele, ceramiche, dipinti, lavori d'oreficeria ed una messe notevole di oggettistica che trasforma i corridoi della scuola in una vera e propria galleria d'arte autogestita. Non a casa tra gli ospiti i rappresentanti istituzionali e le autorit civili e militari hanno tenuto a sottolineare la valenza culturale, istruttiva e di inserimento nel mondo del lavoro. Unanimi i consensi dal Presidente della Pro-loco palmese Rocco Deodato al consigliere provinciale Giovanni Barone che ha voluto ricordare come tra qualche mese la struttura sar dotata anche di palestra per le attivit ginniche e Nunzio Lacquaniti gi assessore alla Pubblica istruzione. Pare che quest'anno la Scuola avr una unica Dirigenza con l'Istituto Tecnico a causa degli accorpamenti funzionali previsti dalla legge in relazione al numero di studenti iscritti ma il lavoro svolto dagli insegnanti e verificabile dalla ampia produzione artistica garanzia di un sempre migliore inserimento della Scuola nel mondo cittadinoe pianigino. A tal fine saranno proposti dei bonus per la riduzione dei costi di trasporto ed altre opportunit che possano intervenire positivamente in questo momento di particolare crisi economica aiutando i giovani allievi.

Cerimonia di avvio del nuovo anno scolastico presso la sede di Gioia Tauro

Allistituto Severi gi scuola


I progetti del dirigente e i saluti della politica provinciale e comunale
di NICOLA ORSO GIOIA TAURO - L'avvio dell'anno scolastico presso l'istituto Francesco Severi stato segnato da presenze di eccezione. Il dirigente scolastico , Giuseppe Gelardi, prima dell'insediamento del collegio docenti, ha ricevuto le massime cariche amministrative della citt ed una significativa rappresentanza della Provincia di Reggio Calabria. In particolare sono stati presenti e si sono intrattenuti con gli oltre 100 docenti che formano l'organo collegiale del Severi, il sindaco Renato Bellofiore, con il suo vice, Iacopo Rizzo e gli assessori Monica Della Vedova e Salvatore Nardi, gli assessori provinciali Giovanni Calabrese e Gaetano Rao, il vicepresidente del Consiglio provinciale, Giuseppe Saletta, nonch i consiglieri della massima assise reggina Raffaele D'Agostino, Giovanni Arruzzolo e Rocco Sciarrone. Lo stesso dirigente scoalstico dellistituto Francesco Severi, Giuseppe Gelardi, nel porgere i suoi saluti, ha sottolineato l'importanza di questa qualificata presenza delle massime cariche struttura e delle dotazioni, in quanto - ha affermato - l'istituto, per la sua centralit, unicit, imponenza strutturale ed ottimo livello di gestione e manutenzione, dovr avere ci che necessita per soddisfare i bisogni dell'utenza cittadina e del comprensorio. Dello stesso tenore l'impegno del sindaco di Gioia Tauro, Renato Bellofiore. Questo istituto ha detto il primo cittadino - ha l'arduo compito di formare i giovani in un contesto difficile ma pieno di risorse intellettuali, che vanno incentivate e coadiuvate, per espletare al meglio gli indirizzi di studio che la comunit scolastica del Severi porta avanti, sino ad essere, oggi, un volano per il futuro, con il fiore all'occhiello di Trasporti e Logistica-ex nautico ed aeronautico. Il consigliere provinciale Raffaele D'Agostino - al quale sono state rivolte parole di solidariet per quanto occorsogli, da parte di tutti i presenti - e, successivamente, il consigliere Rocco Sciarrone, hanno inteso evidenziare come l'attenzione verso l'unica scuola superiore cittadina sia tra le loro priorit in agenda. E' stato un incontro, dunque, nel quale ognuno dei presenti ha voluto assumere impegni precisi per quanto di propria competenza.

Ecco un polo distruzione a 360

Lincontro al Severi

elette a livello comunale e provinciale, espressione evidente - ha detto - di quelle vitali sinergie tra scuola ed enti territoriali, cos fortemente invocate dall'autonomia scolastica. Questi - ha proseguito - non sono momenti di circostanza, ma rappresentano una forte attenzione verso il Severi che, con i suoi cinque diversificati indirizzi di studio, tra cui Trasporti e Logistica, avvia il suo percorso proprio con l'anno scolastico 2012 e si pone come polo

di istruzione e formazione a 360 gradi. Tutti gli interventi delle autorit presenti hanno sottolineato l'attenzione speciale che le istituzioni, ciascuna per le sue competenze, nutrono nei confronti del Severi. L'assessore provinciale Giovanni Calabrese, nel porgere i saluti del presidente Raffa, ha ribadito la ferma volont della Provincia di investire energie e risorse per il potenziamento della

HIDDINK ALLANZHI?
MOSCA - Acquistato un fuoriclasse come Eto per il campo, allAnzhi vogliono un fuoriclasse anche per la panchina. E la scelta, riporta Tvoi Den, sarebbe ricaduta su Hiddink, candidato numero uno a prendere il posto di Gadzhi Gadzhiev.

Sport
Mercoled 7 settembre 2011

SOCRATES: NUOVI PROBLEMI


RIO DE JANEIRO - Nuovi problemi per l'ex calciatore della nazionale brasiliana Socrates, ricoverato ancora in ospedale a San Paolo, con sanguinamento nel sistema digestivo, motivo per cui era gi stato ricoverato per otto giorni.

41

REDAZIONE: via Rossini, 2 - 87040 Castrolibero (CS) - Tel. (0984) 852828 - Fax (0984) 853893 - E-mail: ilquotidiano.sport@finedit.com

Euro 2012 Non stato facile battere la Slovenia ma nella sua Firenze il ct Prandelli corona i tredici mesi doro in azzurro

Pazzini, gol che vale lEuropeo


Entra al posto di Cassano e nel finale regala la qualificazione aritmeticamente
ITALIA SLOVENIA 1 0

Il caso

ITALIA (4-3-1-2) Buffon; Cassani, Ranocchia, Chiellini, Balzaretti; De Rossi, Pirlo, Thiago Motta (1' st Marchisio); Montolivo (31' st Balotelli); Rossi, Cassano (16' st Pazzini). In panchina: De Sanctis, Criscito, Bonucci, Nocerino. Allenatore: Prandelli SLOVENIA (4-4-2): Handanovic; Brecko, Cesar, Suler, Jokic; Birsa (12' st Ilicic), Koren, Radosavljevic, Vrsic (31' st Pecnik); Kirm (42' st Dedic), Novakovic. In panchina: Belec, Ilic, Dedic, Mavric, Matavz. Allenatore: Kek ARBITRO: Svein Oddvar Moen (Norvegia) MARCATORE: 40' st Pazzini NOTE: serata calda, terreno in buone condizioni. Spettatori: 18.000 circa. Ammoniti: Koren, Balzaretti, Brecko, Pecnik. Angoli: 3-2 per lItalia. Recupero: 0'; 4'40". FIRENZE Il solito "Pazzo" nella "sua" Firenze. Pazzini ci ha tolto le castagne dal fuoco, trovando il gol della vittoria in finale di partita e spedendo lItalia a Euro2012. Anche contro la Slovenia la squadra azzurra non riuscita a mostrare il meglio di s: la vittoria sulla Spagna aveva fatto ubriacare tutti. Si era parlato di gioco modello-Barcellona, ora la brutta vittoria contro le Far Oer e questo risultato ci hanno fatto tornare sulla terra. Ma quale Barcellona? Lo aveva sottolineato Prandelli nei giorni scorsi. E ha avuto ragione. Per fortuna lingresso dellex Fiorentina, Pazzini, ha cambiato il volto della partita e il risultato nel finale, quando anche Balotelli ha dato un buon contributo alla causa azzurra. Cos, raggiunto lobiettivo della qualificazione, la Nazionale nelle partite che rimangono (Serbia fuori casa e Irlanda del Nord in casa) e nelle amichevoli, potr tranquillamente collaudare schemi e uomini in vista degli Europei. Sappiamo che non sar semplice perch ci sar sempre qualcosa di traverso (infortuni, problemi con i club), ma Prandelli nonostante qualche prova poco convincente come a Torshavn sa bene quel che vuole. Se ha fatto meglio di Trap e Lippi e se la nostra difesa (un gol al passivo) la pi forte dEuropa, vuol dire che nonostante la sbandierata pretesa di imitare linimitabile Barcellona - inconsciamente il nostro calcio tornato alla vecchia base di partenza, costruendo il proprio gioco sulla solidit della difesa che tuttavia anche contro la Slovenia ha ballato un po'. BALOTELLI. La strana giornata dell'attaccante del Manchester City che ieri a Firenze ha ricevuto la lettera di una convocazione della Procura di Napoli, per essere ascoltato come teste nellambito di uninchiesta di camorra. Lepisodio che ha attirato lattenzione del pm la passeggiata che il giocatore fece lo scorso anno nel malfamato quartiere di Scampia, accompagnato da uno dei principali indagati nellinchiesta in corso, Marco Iorio, e da alcuni esponenti della criminalit organizzata, tra cui lattuale collaboratore di giustizia Biagio Esposito.

Forlan Io non conoscevo le regole


MILANO Il caso Forlan un pensiero fisso in casa Inter. Mentre il presidente nerazzurro Massimo Moratti ancora ieri non ha voluto commentare pubblicamente lesclusione del giocatore uruguaiano dalla Champions fino a gennaio, lo stesso bomber neo interista a parlare della vicenda, intervistato da una radio spagnola. La verit ha detto Forlan che non conoscevo il regolamento Uefa e mi sono basato su quello che mi hanno comunicato, ossia che bastava non giocare contro il Viktoria Guimaraes. Tutto questo nonostante sapessi che lintenzione dellAtletico Madrid era quella di vendermi. Insomma, il giocatore mette le mani avanti e d la sua versione di una storia che ha messo in imbarazzo la societ di corso Vittorio Emanuele. Mi avevano avvisato racconta Forlan- della possibilit di andare allInter. Erano i giorni in cui stavamo preparando la partita contro il Viktoria Guimaraes e con l'allenatore avevamo discusso dellipotesi di non giocare per poi essere disponibile per la Champions. Se tutti dicevano che ero sul mercato e che avrei lasciato lAtletico, sarebbe stato meglio rendermi disponibile per la Champions senza complicare le cose. Alla fine per questo motivo non giocai prima di sapere, venerd sera, che non c'era possibilit di inserirmi nella lista. A non lasciare tranquillo Gasperini, poi, sono le notizie che arrivano dalla Spagna su un interessamento, avvenuto in estate, di Moratti nei confronti di Vicente Del Bosque, attuale ct della nazionale iberica. Del Bosque, stando a quanto riferisce As, avrebbe rifiutato.

La strana giornata di Balotelli tra Procura e campo

Pazzini festeggiato dai compagni dopo il gol che ha piegato la Slovenia e deciso la qualificazione a Euro 2012

Bella vittoria in Ungheria della Under 21 di Ferrara

Gabbiadini (due gol) e Borini fanno volare gli azzurrini


UNGHERIA ITALIA 0 3
UNGHERIA (4-4-1-1): Gulacsi 6; Szokol 5, Fodor 5, Kadar 5 (27' st Kainoki-Kis sv), Svab 5.5; Kiss 5, Tajthy 6, Bodi 6 (38' st Gyurcso sv), Balazs 5.5 (1' st Bertus 6); Gosztonyi 5; Futacs 5. In panchina: Megyei, Szelecski, Hidi, Nagy. Allenatore: Roth 5.5. ITALIA (4-4-2): Pinsoglio 6; Santon 6.5, Capuano 6, Caldirola 6, Crescenzi 6.5; Saponara 6 (37' st Donati sv), Marrone 6, Fausto Rossi 6, Florenzi 6.5; Borini 7 (40' st Paloschi sv), Gabbiadini 7.5 (30' st Destro 6.5). In panchina: Bardi, Antei, Bertolacci, Soriano. Allenatore. Ferrara 7. ARBITRO: Soares (Por) RETI: 1' st, 21' st Gabbiadini, 37' st Borini NOTE:Giornata di sole, terreno in discrete condizioni. Spettatori 200 circa. Espuslo: 45' st Futacs per doppia ammonizione. Ammoniti: Caldirola, Kadar, Futacs, Gabbiadini, Tajthy, Bodi. Crescenzi. Angoli: 4-2 per lItalia. Recupero: 1'; 3'. SZEKESFEHERVAR - Una doppietta di Gabbiadini e un gol di Borini consegnano allUnder 21 di Ciro Ferrara i primi punti che contano dopo tanti test di avvicinamento. Gli azzurrini vincono in casa dellUngheria per 230 e festeggiano nel migliore dei modi lesordio nel gruppo 7 di qualificazione agli Europei del 2013 in Ungheria. Un successo limpido al termine di una partita nella quale gli azzurri evidenziano una netta superiorit tecnica e soprattutto una buona condizione fisica . Ottima lintesa dei due attaccanti Borini-Gabbiadini che si trovano alla perfezione. LItalia passa in vantaggio a inizio ripresa: cross di Florenzi e stacco di testa vincente di Gabbiadini. Al 21' il raddoppio ancora con Gabbiadini che raccoglie una corta respinta di Szokol e dal limite infila il pallone alla sinistra del portiere. Al 37' il terzo gol dellItalia: Destro abile a sorprendere la difesa magiara e a vincere il contrasto con il portiere, quindi da sinistra mette in mezzo per Borini che deve solo appoggiare in rete.

Ciro Ferrata, ct della Nazionale Under 21

42 Sport

Mercoled 7 settembre 2011

Negozi e il museo allinterno. Agnelli: Adesso siamo allaltezza dei grandi club europei

La nuova casa della Juventus


Domani linaugurazione dello stadio di propriet della societ bianconera
I NUMERI

Investimenti per 105 milioni di euro per 41.000 posti a sedere di 3.600 Premium Seats, compresi 4 Suites e 62 Sky Boxes

Ecco lo Juventus Stadium: il nome potr prendere, di volta in volta, il nome di uno sponsor

di FILIPPO BONSIGNORE TORINO, I due pennoni tricolore sono ormai parte integrante dello skyline torinese e fanno capolino tra i tetti da grande distanza. Ancora poche ore e poi si alzer il sipario su quello che sorreggono i due pennoni: il nuovo stadio della Juventus. Sar un momento storico per la societ bianconera e per il calcio italiano, la svolta tanto attesa. La Juve il primo club ad avere uno stadio di propriet, unarena moderna, sicura, tecnologica, pensata e realizzata per far vivere al meglio ai tifosi lo spettacolo sportivo (la prima fila di poltrone dister dal campo soltanto 7,5 metri) e non solo. Perch nella concezione che la Juve intende mutuare dalle esperienze estere, (inglesi, americane, tedesche in primis) lo stadio sar un luogo di intrattenimento a tutto tondo, aperto

tutta la settimana. Nei giorni delle partite, i fan potranno usufruire di servizi di elevato standard per vivere lattesa e il post-gara. Durante i giorni feriali, le possibilit saranno ampie: i tour guidati, lo store dei prodotti ufficiali, il museo del club (dalla prossima primavera), larea commerciale adiacente (34mila metri quadrati con ipermercato e 54 negozi). Le aziende potranno organizzare gli eventi societari nei propri sky box. Sport pi entertainment, ecco la formula per riportare famiglie e bambini allo stadio. Ora siamo allaltezza dei grandi club europei, ama ripetere il presidente della Juve, Andrea Agnelli. E ha ragione perch la nuova via intrapresa dalla societ bianconera apre a una nuova visione. Quella di rendere unica lesperienza dei tifosi, unopportunit per trascorrere serenamente il tempo libero, unendo al cal-

cio il divertimento, lo shopping, la festa. Una visione da cui dipende laltra innovazione: permetter infatti al club di diversificare i ricavi, ora incentrati sui diritti televisivi, facendo diventare lo stadio una preziosa fonte di introiti derivanti dalle attivit legate al giorno di gara, alle sponsorizzazioni, ai naming rights. Lo stadio infatti avr il nome di uno sponsor per il quale sono ancora in corso le trattative. Di certo un asset ormai diventato imprescindibile per le societ italiane, strette fra perdita di appeal, anche tecnico, a livello internazionale, budget in progressivo calo e strutture obsolete e poco confortevoli. Strutture di conseguenza poco popolate e non remunerative. La Juve cos stacca tutti, con la ragionevole certezza che, l'aver realizzato un progetto nato a met degli anni '90 (e passato attraverso vicissitudini e modi-

fiche) avr a medio termine effetti positivi. I primi riguardano il tessuto urbano e sono gi visibili nella riqualificazione completa che ha interessato la zona della Continassa, ai confini tra Torino e Venaria Reale. Fondamentale nel portare avanti liniziativa lex presidente juventino JeanClaude Blanc, manager capace di perseguire una scelta lungimirante. Della quale beneficeranno anche i conti del club. Le stime parlano, per la stagione 2011/12, di un incremento del peso dei ricavi da stadio sul totale dallattuale 7% al 19,6%, e di una crescita complessiva del 13% del fatturato. Durante la cerimonia di inaugurazione, domani sera, succeder qualcosa di magico e speciale, promette Marco Balich, presidente di K-Events, ideatore dellevento. Non resta che attendere linizio della nuova era.

7,5 i metri tra la prima fila dal campo di gioco; 49 i metri tra lultima fila di tribuna e il campo; 86 metri laltezza dei due pennoni in acciaio

A luglio 2009 lanno linizio dei lavori di costruzione, preceduti (dal novembre 2008) dalle demolizioni della vecchia struttura del Delle Alpi

LALLENATORE DEL MANCHESTER UNITED ALLA LUISS

SPONSOR Il logo sulle maglie non conosce la crisi


ROMA Il calcio, almeno in Serie A, attrae ancora gli sponsor, nonostante la crisi. In un anno nero per l'economia e i mercati finanziari, gli investimenti per i marchi sulle maglie risultano finora cresciuti del 16% rispetto alla scorsa stagione. Secondo il bilancio tracciato dallistituto di ricerca SportEconomy, il valore globale delle sponsorship di maglia di 68,85 milioni di euro, non lontano dai 75 milioni di due anni fa, cui segu poi una flessione del 20% circa nel 2010/11. Squadra leader ancora il Milan, che da Emirates incassa 12 milioni lanno; vengono poi lInter con i 9,2 mln versati da Pirelli e il Napoli con i 9 assicurati da Lete e Msc Crociere (nuovo). Fanalini di coda il Cesena e il Lecce (750 mila euro ciascuno da Technogym e da Banca Apulia), mentre Genoa e Lazio iniziano il campionato senza sponsor sulla maglia. Dieci club su 20 presentano un secondo sponsor, con lUdinese calcio che ne vanta addirittura due: Tipicamente friulano per le gare in casa e Q.Bell per le trasferte.

Sir Alex: Bianconeri presto in Champions


ROMA - Dopo esser stato premiato luned a Tor Vergata la seconda e ultima giornata di Sir Alex Ferguson, lallenatore del Manchester United, il pi titolato al mondo e il pi longevo su una panchina, lo ha visto confrontarsi con gli studenti delluniversit privata Luiss di Roma. Un faccia a faccia con i ragazzi incuriositi di sapere quale sia la differenza tra i club italiani e inglesi, come si gestiscono le bandiere come Giggs, ma anche cosa ne pensa di un collega bravo ma sfacciato come Mourinho. Alex Ferguson firma autografi alla Luiss ieri a Roma Unora di domande e risposte sul calcio dopo aver italiano. In Italia c' una pianto contro il Notts Counricevuto la maglia della grande sproporzione fra i ty: E' una squadra con una squadra della Luiss. La dif- costi e i ricavi dei club. In grande tradizione e una ferenza tra il calcio italiano questo momento ovvio che grande storia. Ha nella sua e quello inglese lassenza non possono essere al top. squadra giocatori, come Del Lunica squadra italiana Piero, che rappresentano il di stadi di propriet per le vostre societ, che causa che giocher nel suo stadio presente e il futuro della anche una delle cause della sar la Juventus, che doma- squadra. stata penalizzacrisi del mondo del pallone ni inaugurer il nuovo im- ta dalla retrocessione ma torner presto in Champions League. Per quel che riguarda il presente dei suoi Red Devils ha spiegato che Sneijder, a lungo corteggiato, non sarebbe comunque il sostituto di Paul Scholes, ritiratosi alla fine della scorsa stagione: E' un giocatore fantastico ma non il sostituto di Scholes, non lo cercavamo per questo visto che occupa una posizione diversa in campo. Penso che solo Xavi e Iniesta possano essere paragonati a lui e comunque in squadra abbiamo giocatori bravi come Yuong. Altro calciatore per cui stravede il tecnico scozzese l'italiano Federico Macheda: Diventer un top player. Ha avuto poche possibilit di giocare con noi, purtroppo ha gi cambiato due volte il tecnico da quando andato via ma molto giovane e siamo sicuri che crescer. Per quel che riguarda i suoi colleghi, italiani e non, ha elogi per tutti: Capello sta facendo un buon lavoro, Mourinho una persona intelligente, dotato di grande autoironia e un buon allenatore. Non falso e questo al giorno doggi una qualit rara. Tornando alle squadre italiane, possibili avversarie in Champions vede difficile il cammino: Il Napoli inserita in un girone molto molto complicato anche se la squadra ha grinta e i tifosi sono appassionati, ma anche per il Milan non sar facile visto che si scontrer contro il Barcellona. Dopo questo secondo appuntamento Ferguson torner dai suoi ragazzi impegnati nella lotta contro i cugini del City, uniche due squadre in Premier a punteggio pieno, e alla prossima sfida fuori casa contro il Bolton.

Mercoled 7 settembre 2011

Sport 43

Serie B. Lattaccante della Reggina vuole tornare al gol dopo la doppietta contro il Modena

Campagnacci scalda il cuore


Gubbio a 60 chilometri da casa sua: Che emozione, ci saranno tanti amici
di RINO TEBALA REGGIO CALABRIA - Alessio Campagnacci vuole ritrovare la via del gol. Dopo il promettente avvio di campionato che lo ha visto protagonista contro il Modena, autore di una splendida doppietta, l'attaccante della Reggina spera che sia l'aria di casa a rimetterlo sulla strada giusta. Fare gol il suo mestiere ma nella seconda e terza giornata, lo ha solo sfiorato, cadendo in... depressione: Depressione no, ma sono rammaricato. Gli episodi non mi sono stati favorevoli, ma mi hanno ricaricato a tal punto da avere tanta voglia di tornare incampo esegnare, nella mia bella Umbria. Campagnacci, in effetti, torner a casa, visto che nato a Spello, a soli sessantuno chilometri da Gubbio: Sar una giornata di grande emozione per me, verranno a vedermi amici e parenti. Sono arrivato a questo punto a suon di sacrifici, ma so che devo farne ancora tanti per affermarmi. Sono pronto a dare tutto me stesso. L'attaccante amaranto ormai diventato l'idolo del Granillo, ma a Gubbio avr anche il tifo contro per novanta minuti, a parte parenti e amici: Sentire l'affetto della gente un'emozione enorme, mi fa piacere che i tifosi apprezzino il mio impegno. Sono orgoglioso di essere a Reggio, vesto una maglia importante, sto proprio bene. Tutto quello che devo fare continuare a dimostrare il mio valore in campo. A Gubbio l'emozione sar maggiore, ma non tradir i miei tifosi. E se i tifosi del Gubbio mi fischieranno, mi caricher ancora di pi.

Bonazzoli e Viola di nuovo col gruppo


REGGINA - Buone nuove per Breda che ieri ha condotto una doppia seduta di allenamento con quasi tutti i suoi giocatori a disposizione. Bonazzoli e Nicolas Viola sono tornati in gruppo. Il primo torna disponibile avendo anche scontato il turno di squalifica. Anche Sarno praticamente recuperato, per Ruggeri solo qualche giorno ancora. La squadra si sta preparando per la gara di Gubbio dove spera di tornare alla vittoria.Illavorosettimanale sifaintensoconla seduta tattica di ieri mattina e la partitella a met campo, oltre la conclusiva a un solo tocco. Il lavoro per reparti, soprattutto per la difesa ha completato la mattinata. Aiutato dai suoi collaboratori, l'allenatore ha insistito anche sulla fase di possesso palla. Tanti i movimenti per andare in profondit, tante le soluzioni per chiudere gli spazi in difesa. Non hanno lavorato con il gruppo Emerson, Ruggeri e Burzigotti di mattina. Ragusa ha partecipato solo ad una parte di allenamento con il resto della squadra. Di pomeriggio il gruppo stato compatto. Oggi ancora porte aperte, domani i cancelli del Sant'Agatasaranno chiusi. r. t.
Alessio Campagnacci, 24 anni (Foto Adriana Sapone)

CALCIO E SCANDALI

Biancolino in Procura
di MICHELE INSERRA COSENZA - Ordine del clan D'Alessandro di Castellammare di Stabia: calciatori in mutande per la sconfitta, la quinta consecutiva. Dovevano essere ridicolizzati pubblicamente i giocatori della Juve Stabia dopo l'uno a zero di Pistoia. E sulla quella vicenda di due anni fa l'inchiesta al confine tra calcioscommesse e violenze sta prendendo sempre pi consistenza negli ultimi mesi. Un avviso a comparire, come persone informate sui fatti, stato notificato, su ordine della Procura di Napoli, a due calciatori che nella stagione 2008/2009 militavano nelle fila delle Vespe. Si tratta di Raffaele Biancolino, l'ex attaccante del Cosenza, e di Gaetano Grieco, l'altra ex punta dei giallobl. Teppisti travestiti da tifosi attesero la squadra al rientro dalla trasferta a Pistoia, costrinsero i giocatori a lasciare il bus della societ, a togliersi la maglia. Tutti restarono in mutande. Era il 29 marzo del 2009, al termine del match perso dalla Juve Stabia a Pistoia per uno a zero. Da allora, su questa storia di calcio e violenza, c' una svolta investigativa, quanto basta a convocare in Procura, come persone in-

Raffaele Biancolino

L'inizio di stagione stato travolgente, poi una sconfitta e un pareggio interno hanno frenato la corsa: Abbiamo raccolto quattro punti nelle prime tre giornate, avremmo potuto fare meglio con un pizzico di fortuna in pi. Siamo partiti esattamente come l'anno scorso, ma strada facendo, cercheremo di migliorare la performance della passata stagione. Abbiamo un conto in sospeso da saldare.... A Gub-

bio, quindi, sar una gara particolare: Per me un derby, gioco vicino casa e sentir questa partita probabilmente pi di tutte le altre. E' un match da interpretare bene, se saremo concentrati e giocheremo con cognizione di causa, potremo portare via i tre punti, anche per riscattare la sconfitta di Padova e il mancato successo contro il Grosseto. BIGLIETTI. Sono in vendita da oggi e fino alle ore 19 di ve-

nerd, i biglietti relativi al Settore Ospiti per la quarta gara diCampionato, GubbioReggina, di Sabato prossimo. Potranno essere acquistati presso tutti i punti vendita del circuito nazionale di Bookingshow, al costo di euro 13 pi i diritti di prevendita, solo dai possessori della Tessera del Tifoso. Nella provincia di Reggio: Tabacchi Scappatura Grazia, diramazione Rausei, via Cardinale Portanova 118.

formate dei fatti e potenziali parti offese due calciatori un tempo militanti nella Juve Stabia. C' una ipotesi, una pista da battere: quella rappresaglia offensiva fu organizzata grazie a presenze di esponenti del clan D'Alessandro - ben disposte tra le fila del tifo organizzato. Un pasticcio esplosivo: tifo, teppisti e camorra. Quella rappresaglia - il ragionamento investigativo - non fu un travaso di bile, ma una mobilitazione organizzata a tavolino. Quanto basta ad ascoltare due calciatori vittime della rappresaglia consumata a Castellammare, Biancolino e Grieco appunto.

Il boemo e i torti subiti a Modena Serie B. Dal caldo ai corvi fino al polline... e qualche partita di troppo

Pescara, Zeman attacca larbitro


PESCARA - A Pescara qua- Pro. Non mi sembrato rantotto ore non sono suffi- pronto per il salto di categocienti per sbollire la rabbia ria, almeno a giudicare da dopo i presunti torti arbitra- quanto ha fatto vedere nel li subiti a Modena (espulsio- corso del match. Ho sempre ne di Anania e rigore netto detto che i direttori di gara non concesso per fallo di possono sbagliare, ma Perna su Immobile). In vista quando gli errori sono a della gara di sabato contro il senso unico, il discorso diCrotone, i sostenitori pesca- verso. Lallenatore boemo ne ha resi sono gi al lavoro per inanche per scenare la Federuna pittocalcio e per resca pala Lega, in nolada, lo particolasventolio di re disapfazzoletti prova la bianchi scelta di molto in vofissare le ga in Spapartite in gna per concomiesternare tanza con un dissengli impeso verso degni delle cisioni arsquadre bitrali sbanazionali: gliate, ma Si ripete anche per allinfinito mandare di dover un segnale forte a cal- Zedenek Zeman, allenatore del Pescara puntare sui giovani ciatori o diafferma Zeman e di dar lorigenti. Serafico e pungente al ro ampio spazio nei vari tortempo stesso, Zdenek Ze- nei, poi si stilano i calendari man spera che si tratti sol- e le date delle gare di camtanto di episodi isolati, ma pionato coincidono con c' chi giura che la sua men- quelle della Nazionale. Non te sia gi attraversata, dopo un discorso che riguarda sole tre giornate, da cattivi soltanto il Pescara, se si pensieri: L'arbitro di do- commettono questi errori menica scorsa, Marco Viti, quasi tutte le squadre sono un esordiente, stato appe- penalizzate e il campionato na promosso dalla Lega risulta falsato.

Il Crotone e il dramma Scida


La quotidiana battaglia degli addetti per mantenere verde lerba
di LUIGI SAPORITO CROTONE Anche per questanno la mannaia della calura si abbattuta sul terreno dello Scida. Come ogni anno, verrebbe voglia di dire. Non c pace per il manto erboso del terreno di gioco dei rossoblu che puntualmente allinizio di luglio subisce il processo di desertificazione. Lerba esistente si brucia sotto il sole cocente grazie anche ad un sottofondo che non tiene pi lumidit e che andrebbe rizollato. La battaglia personale degli addetti allo stadio Franco Alessie GiuseppeFalbo inizia il giorno dopo lultima partita ufficiale del campionato. da allora che i due si mettono anima e corpo alla cura del manto erboso in vista della prossima stagione. Ma spesso devono fermarsi per qualche settimana visto che c sempre qualche dilettante molto influente che vuole provare il brivido di giocare allo Scida. Poi comincia il gran caldo E per noi cominciano i problemi perch dobbiamo restare vigili quasi 24 ore su 24, annaffiare nelle ore prestabilite e tenere sempre sotto controllo il tutto ci spiega Franco Alessi. Ma spesso, visti i risultati, i due Don Chisciotte combattono contro la natura che li sovrasta sempre. Purtroppo qui il caldo vince sempre. Adesso stiamo riseminando ma vi posso assicurare che qui

Franco Alessi e Giuseppe Falbo al lavoro allEzio Scida

spesso e volentieri si sfiorano i 50 gradi e onestamente per come strutturato il nostro terreno di gioco c poco da fare. Inoltre ci si mettono anche altri fattori esterni. Abbiamo una collina che sovrasta la curva Manzulli che per noi unautentica iattura spiega Alessi perch una fabbrica inesauribile di erbacce parassite. Il vento solleva il polline che si deposita sul terremo di gioco infestandolo. Alla fine troviamo una variet di erba davvero eterogenea ma non certo ideale per preparare un terreno di gioco. E dopo la

flora anche la fauna. Purtroppo nei pressi dellospedale hanno nidificato centinaia di corvi che al mattino presto e al tramonto banchettano sul terreno di gioco. Si cibano dei semi e mettono in crisi la crescita dellerba e non si trova un rimedio per allontanarli. Ma non tutto cos negativo perch Alessi e Falbo ci assicurano che nel giro di un mese il terreno di gioco torner come tutti vogliono. Questo sicuro anche se andrebbe fatta unopera di rizollatura in quando lultima datata 2006 e ancora prima 2000. Quindi

diciamo che i tempi sono scaduti e andrebbe rimesso mano al fondo. Domani (oggi per chi legge, ndr) avremo anche la visita dellagronomo della Lega Castelli che ci dar qualche consiglio in merito. E infatti nei giorni scorsi arrivata anche una missiva della Lega che ha apertamente contestatoildisgraziato statodisalute dello Scida e ha ammonito la societ a rimediare al pi presto. Ecco perch da luned scorso sono ricominciati i lavori di risemina. Ma se non si placa il caldo c poco da stare allegri.

44 Sport

Mercoled 7 settembre 2011

Seconda divisione. Alla ripresa lavoro differenziato per Papasidero, Accursi, Figliomeni e Masini

Non era il mio Catanzaro


Cozza ancora deluso per la partita di Melfi: Abbiamo buttato due punti
di ANTONIO CIAMPA CATANZARO E un Cozza visibilmente nervoso quello che attende i giornalisti per spiegare il mezzo passo falso di Melfi. Vittima di un disguido tecnico dovuto ad una comunicazione societaria ancora da rodare che rischia di farlo deragliare dalla rigida tabella dei tempi che si prefisso, nei pochi minuti che il tecnico dedica allargomento vibrano pi le corde della delusione che quelle della fredda analisi tecnica: A Melfi non ho certamente visto il Catanzaro che ho in mente. Mi sta bene che la prima trasferta del campionato sia sempre difficile da affrontare per siamo consapevoli di avere buttato via due punti importanti contro un Melfi che certamente non una grande squadra. Purtroppo non siamo riusciti a concretizzare la nostra superiorit contro una squadra che ci proponeva difficolt a creare gli spazi giusti. Cozza confida naturalmente nei nuovi innesti per presentare un Catanzaro diverso: Il vero Catanzaro lo si vedr solo tra due-tre settimane quando ci sar finalmente la disponibilit di tutti gli effettivi. In questi giorni siamo impegnati a rodare al meglio tutto il gruppo e quando finalmente ci saranno le varie alternative a qual punto credo che uscir fuori la squadra che hop in mente e che sar in grado di giocarsela con chiunque NOTIZIARIO: Con un piccolo gruppo che diversifica i

Finora circa 300 le tessere vendute

Campagna abbonamenti Prorogata la chiusura


CATANZARO - Estata prorogata la chiusura della campagna abbonamenti del Catanzaro per venire incontro - come recita un comunicato della societ - alle esigenze e alle istanze dei tifosi. Al momento sono state poco pi di 300 le tessere di fidelizzazione alle gare interne delle Aquile vendute. Nonostante una prevedibile impennata nelle ultime ore, dovuta al lavori di collazione di adesioni portata avanti dai club (in particolare si segnala il Club Palanca con oltre 100 tessere che oggi saranno sottoscritte), si tratta comunque di numeri decisamente lontani rispetto a quanto sperato dal presidente Cosentino. In realt, tali numeri, oltre che ad una congiuntura economica decisamente sfavorevole, sembrano essere frutto dalla mancanza, nel pacchetto delle proposte di abbonamento, della disponibilit di un settore intermedio dellimpianto di Via Paglia (quello dei Distinti) che interessato da ampi lavori di ristrutturazione che dovrebbero terminare a ottobre e soprattutto dalleccessiva onerosit della stessa campagna (curata dallo studio marketing Polimeno di Reggio Calabria), cui si cercato di porre un freno in corso dopera con gli abbonamenti scontati per le famiglie e per quelli acquistati tramite il filtro dei club organizzati.
Cozza a Melfi domenica scorsa nel dopo partita

Carmine Cerchia

Seconda divisione. Parla il mediano

Vigor, Cerchia frena Non esaltiamoci dopo una vittoria


di PASQUALINO RETTURA LAMEZIA TERME - Clima disteso nel pomeriggio di ieri alla ripresa degli allenamenti. La Vigor ha iniziato infatti a lavorare con serenit in vista della trasferta di domenica prossima a Celano. Segno che la prima vittoria in campionato proprio allesordio e per giunta davanti ai proprio tifosi, ha tranquillizzato un p tutti. Ma c la consapevolezza che ancora si alla prima giornata di un lungo ed estenuante campionato. Soprattutto se si pensa che da domenica prossima fino al 2 ottobre (la domenica successiva la Vigor infatti riposer) i biancoverdi sono attesi da sei partite visto che in questo periodo sono previsti i primi due turni infrasettimanali. Per cui preparare con la mente serena il primo dei prossimi sei turni prima del riposo non un aspetto di poco conto, senza per dimenticare che la squadra ha ancora i suoi problemi, anche di tipo strutturale poich necessiterebbe non solo lelemento di centrocampo di cui si sempre detto (e confermato dallarea tecnica) ma anche un difensore under 20 (un esterno) visto che pure Tomassoni, classe 1992, ha lasciato la Vigor senza che per, allo stato, sia arrivata comunicazione ufficiale. Per cui in difesa Costantino si ritrova numericamente in difficolt per quanto riguarda lunder 20 di cui tre in campo devono essere schierati per tutti i 90 minuti per i benefit economici della Lega. Insomma, dopo Cane e Bonasia e il portiere Forte, dal 1991 in gi non c pi nessuno in organico. A Costantino, dunque, il compito di inventarsi lalternativa che non pu che essere schierare, in caso di necessit, qualche centrocampista in difesa. CERCHIA. I tre punti ottenuti domenica sicuramente sono un'iniezione di fiducia: cos il centrocampista ex Teramo ha analizzato il dopo Fano, aggiungendo che a proposito dei risultati negativi di coppa, non penso che sia stata solo una questione di centrocampo ma quella di trovare gli equilibri e la mentalit giusta. Ci voleva un po' di tempo, diciamo che ce la siamo presa comoda e forse non abbiamo affrontato la coppa con la giusta determinazione anche se penso che in coppa Italia siano stati gli episodi a penalizzarci perch comunque si era vista una squadra sicuramente non al meglio, ma che non aveva sofferto contro nessuna squadra del girone di coppa. E sottolinea ancora che ci tenevamo a vincere per coltivare entusiasmo e fare crescere il numero dei nostri sostenitori. Questo per noi la priorit perch con loro in casa possiamo fare la differenza. Cerchia in ogni caso frena: non c' bisogno di esaltarci per una vittoria, tra l'altro alla prima di campionato, sicuramente lavoreremo con il mister per preparare la prossima di campionato, poi partita dopo partita sapremo dire qualcosa in pi nel merito. Quello che certo e che la mentalit sar sempre quella determinata a portare i punti a casa, tutti vogliamo far bene.

propri orari di allenamento rispetto alla rosa degli attuali titolari in particolare tutti i sudamericani, per i cui transfert i tempi sono ancora lunghi, pi il veterano Di Meglio in attesa di trovare laccordo per la rescissione del contratto si stanno allenando in questa fase a parte ancora sul terreno princi-

pale del Ceravolo che si stanno svolgendo le sedute di allenamento della prima squadra. Non si intravede, almeno al momento, alcuna soluzione praticabile nel breve periodo per un campo alternativo e cos la speranza che la pioggia continui a rimanere lontana dai Tre Colli per evitare di stressare ulte-

riormente quello che al momento lunico campo disponibile nellintero perimetro del capoluogo di regione. Alla seduta, lavoro differenziato per linfortunato Papasidero,per Accursi e Figliomeni alle prese con piccoli acciacchi e per Masini alla ricerca della migliore condizione di forma.

Seconda divisione. Patania: Ci aspettavamo pi partecipazione

Vibonese tra gioia e amarezza Ok in campo, delusione tifosi


di ANTONINO SCHINELLA VIBO VALENTIA Gioia e amarezza. La gioia di chi, domenica scorsa, ha messo lo zampino consentendo alla Vibonese di conquistare il primo punto in campionato e lamarezza di chi si trova, invece, a sostenere notevoli sacrifici permantenere lasquadradella citt tra i professionisti, non riscontrando, per, la necessaria partecipazione dei vibonesi. Insomma, animi contrastanti in casa rossoblu. Siamo soddisfatti per il punto conquistato e sarebbe stato un peccato uscire sconfitti da Frattamaggiore, perchnon lavremmo meritato. Marco Puntoriere, autore della rete del definitivo 2-2, ritorna poi sullazione che lha portato a far gol: E stato bravo Doukara a mettermi in condizione di battere a rete. Poco prima avevo fallito una ghiotta chance, ma mi ero fermato convinto di essere in fuorigioco. Per fortunami sono rifatto in extremis. Al debutto, subito in rete. Lattaccante reggino non poteva aspettarsi esordio migliore. In effetti mi andata di lusso. Ci tenevo ad esordire in maniera positiva. Il fatto di essermi subito sbloccato mi ha fatto naturalmente piacere. Daltronde sono qui per aiutare la squadra e per ripagare la fiducia del ds e della societ. Sugli obiettivi futuri, il giovane attaccante non ha dubbi: La prima cosa la salvezza. A livello personale conto di farmi trovare pronto ogni qual volta sar chiamato in causa e di segnare tanti altri gol per la Vibonese. Anzi, mi sbilancio e dico che voglio arrivare a quota dieci. Se Puntoriereesprime gioia per un esordio da incorniciare, il vicepresidente Francesco Patania rivolge un appello ai tifosi e non nasconde un pizzico di amarezza. Il motivo? La dirigenza ritiene fondamentale il supporto della tifoseria, in termini di calore, di presenze allo stadio e di abbonamenti. Masotto questultimo aspetto, si registra una nota dolente e dalla societ parte linvito a sottoscrivere la tessera. Finora soltanto trenta persone si sono abbonate - dice - e questo unnumero benaldi sottodelle attese, che francamente non ci aspettavamo. Io e gli altri soci ci siamo imbarcati in questa nuova avventura con tanto entusiasmo,convinti chenonsaremmo stati lasciati soli. In tal senso abbiamo registrato con gioia laiuto fornitoci dalla Edil Arena e dagli altri sponsor, ma dalla tifoseria non c statala rispostache ciaspettavamo. Con 30 abbonamenti non si va da nessuna parte. Il vicepresidente rinnova, di conseguenza, linvito ad abbonarsi: Abbiamo fissato i prezzi tra i pi bassi dItalia. Ci auguriamo, pertanto, che in questi ultimi giorni aumenti il numero degli abbonati. La squadra ha bisogno di calore, la societ ha invece bisogno di non sentirsi sola. Infine, Patania, rivolge lennesimo invito ad acquistare i biglietti in prevendita: Que-

Il vicepresidente rossobl, Francesco Patania

sto un aspetto fondamentale e non mi stancher mai di ribadirlo, perch vogliamo evitare ai nostri tifosi quelle spiacevoli code che, purtroppo, si possono verificare il giorno della partita davanti ai botteghini. E consigliabile, pertanto, munirsi in anticipo del tagliando, che pu essere tranquillamente acquistato in prevendita nei giorni antecedenti la partita, ma anche la mattina stessa della gara, ai botteghini dello stadio.

ARBITRI 2 GIORNATA - ORE 15


Arzanese - Gavorrano Colarossi di Roma 2 Campobasso - Giulianova DIasio di Matera Catanzaro - Neapolis Zappatore di Taranto Celano - Vigor L. Vallorani di San Benedetto Ebolitana - L'Aquila Sacchi di Macerata Fano - Melfi Romani di Modena Isola Liri - Aversa N. Illuzzi di Molfetta Milazzo - Paganese Todaro di Palermo Perugia - Chieti Mangialardi di Pistoia Vibonese - Fondi Ferrari di Mestre

CLASSIFICA
Aversa Normanna 3 Giulianova 3 Gavorrano 3 Paganese 3 Vigor Lamezia 3 Chieti 3 Neapolis 1 Vibonese 1 Melfi 1 Campobasso 1 Catanzaro 1 Arzanese LAquila Fondi Perugia Ebolitana Celano Fano Isola Liri Aprilia Milazzo
1 1 1 0 0 0 0 0 0 0

Mercoled 7 settembre 2011

Sport 45

Serie D. Continuano ad arrivare calciatori in prova e Patania aspetta ancora un attaccante

Cosenza, fatta per Romano


Il centrocampista ha rescisso col Sud Tirol e ieri si aggregato ai rossobl
di ALESSANDRO CHIAPPETTA COSENZA - Per il termometro i gradi erano 35. Il sole picchiava sul Sanvitino e sulle teste dei giocatori del Cosenza che ieri hanno ripreso la preparazione dopo il brutto esordio in campionato contro la Nuvla San Felice. Per fortuna che un leggero venticello, di tanto in tanto, ha reso pi piacevole correre e sudare. Tutti in campo qualche minuto dopo le 15 e dopo l'annuncio dell'addetto stampa Daniele Mari: Mister Patania non parler con i giornalisti. Pazienza. Il tecnico siracusano ha prima affidato la squadra al preparatore Michele Bruni e poi ha diviso il gruppo in due alternando lavoro di scarico e di palleggio. Gli occhi dei tifosi, una quindicina riparati dal sole sotto la tettoia del settore loro riservato, e degli addetti ai lavori hanno fatto un po' di fatica per cercare di mettere a fuoco qualche volto nuovo e che ieri, come ormai prassi di questi giorni, non mancato. Iniziamo dalle notizie ufficiali o quasi. Alfredo Romano ormai un giocatore del Cosenza anche se l'ufficialit arriver soltanto nella giornata di oggi. Oggi perch, come ha spiegato prima dell'allenamento Aristide Leonetti, bisogna attendere, per regolamento, che passino 24 ore dalla rescissione del contratto che lo legava all'Alto Adige Sud Tirol al nuovo tesseramento col Cosenza. Operazione, per la verit, effettuata e annunciata ieri anche dal sito della societ trentina che ricorda come il neo centrocampista rossoblu abbia rinunciato a un altro anno di contratto trovando una rescissione consensuale al termine di una stagione che lo ha visto mettere insieme 25 presenze e tre gol. Il giocatore luned sera arrivato in citt e ieri ha svolto il primo allenamento con i nuovi compagni. E', di fatto, disponibile per la trasferta di Caltanissetta ed pure in buone condizioni fisiche visto che, a quanto sembra, ha fatto finora la preparazione con la sua ex squadra. Se quella di Romano un'operazione che pu dirsi conclusa, non si pu dire lo stesso di quelle che dovrebbero portare in rossoblu Veronese e Caputo. I due continuano ad allenarsi agli ordisto Cosenza non pu proprio prescidere e che dovrebbe far coincidere le caratteristiche tecniche con un ingaggio adeguato alle casse della societ rossobl. Ieri al San Vito qualcuno ha chiesto notizie di Alessandro Pellicori ma lattaccante che ha lasciato il Queens Park Rangers non si visto. Patania aspetta notizie, insomma e, sicuramente, avr visto dibuon occhio, ieri, Biondo e Alassani che hanno ripreso a correre. In societ si continua a lavorare ma non solo sul mercato: decisa infatti la partecipazione del Cosenza ai campionati Juniores (con squadra allenata da Luca Altomare) e Allievi. Da limare infine qualche problema di natura organizzativa: ieri apparso il nastro bianco e rosso che ostruisce il passaggio verso gli spogliatoi. Operatori tv e fotografi sono stati invitati a non entrare in campo perch - come ha detto Stefano Fiore - vorrei evitare quello che successo lanno scorso, cio lassembramento dei giornalisti addosso allallenatore. Il nuovo corso, evidentemente, passa anche da qui.
LA CURIOSITA

Sulla maglia con le parole del Papa


ROMA - Lattivit sportiva favorisca sempre i valori dellamicizia, del rispetto e della solidariet. questa la citazione di Papa Benedetto XVI che sar scritta sulla manica della nuova maglia Royal della Pelli Santacroce, squadra che milita in serie D. La nuova maglia sar indossata dai giocatori della squadra toscana gi nella partita contro il Ravenna che si svolger sabato alle 13,30 (diretta su Rai Sport 1). La frase inserita nella manica della maglia stata pronunciata da Sua Santit Benedetto XVI in occasione della visita dei rappresentanti della Lega Calcio lo scorso 30 marzo. La nuova maglia sar presentata domani alle ore 12 presso la Diocesi di San Miniato.

Aniello Parisi corre insieme ad Alfredo Romano durante lallenamento di ieri

ni di Patania e per mettere nero su bianco dovrebbe bastare lasciar passare qualche altro giorno. Il via vai di giocatori in prova, inoltre, non si ancora concluso: ieri arrivato qualche altro giovane di belle speranze tra i quali un centrocampista argentino del Colon di Santa F, classe 1992, Novello, di chiarissime origini italiane

in cerca di una squadra in Italia. Presente anche Nicola Pisano, figlio di Giovanni, indimenticato bomber rossoblu dal 1999 al 2001: ha alle spalle esperienze con la Primavera del Livorno, con l'Atletico Nola e con il Rovigo. Difficile dire se si possa concludere qualcosa, e questo riguarda anche il resto del gruppo che cerca di met-

tersi in evidenza anche perch Patania ha la necessit di allenare la squadra vera e propria - ha detto ieri Leonetti - e ha poco tempo per concentrarsi sul resto. In ogni caso siamo sempre vigili perch qualcosa di buono potrebbe sempre capitare. Lesigenza primaria resta quella dellattaccante, un elemento del quale que-

Serie D. Il capitano bianconero indica lHinterreggio fra le favorite per la promozione

La Nissa dei giovani sulla strada dei Lupi Avola: Ce la giocheremo senza timori
di ROBERTO SAVERINO COSENZA Bandiera e capitano. Questo , da dieci anni, per la Nissa, Salvatore Tot Avola, esperto centrocampista classe 81 della formazione bianconera, prossimo avversario del Cosenza. In casa nissena, quando stato formulato il calendario, non hanno potuto fare a meno di considerare che la sorte li aveva messi, nelle prime due gare, contro le formazioni pi blasonate del campionato, vale a dire Messina e Cosenza. Domenica al San Filippo andata male, ma la squadra ha fatto la sua parte. Adesso si cerca il riscatto con il Cosenza, ma Avola non si fida della squadra rossobl, nonostante l'organico ancora troppo giovane. Abbiamo grande rispetto per il Cosenza - dice il capitano della Nissa - e sebbene sia un vantaggio giocarci subito, perch ancora incompleto, vi da dire che pure noi siamo un team molto giovane, per cui sar una sfida aperta ad ogni risultato. Entrambi siamo alla ricerca di punti, per cui ci affronteremo a viso aperto. E comunque, anche se ringiovanita, io credo nella mia squadra. Il capitano nisseno parla pure del Messina e della gara di domenica scorsa. Anche se erano assenti alcuni big, la formazione peloritana senza dubbio la principale candidata per la vittoria finale, ma io dico che anche l'Hinterreggio pu vincere il campionato. Noi, per, abbiamo retto il confronto alla grande e devo dire che, nonostante la sconfitta, siamo usciti dal campo a testa alta e questo mi fa ben sperare per il futuro. Centrocampista col vizio del gol, specialista dei calci da fermo, che tira in maniera sublime (e ha punito, fra le tante, anche diverse squadre calabresi), due stagioni addietro Avola risult il miglior centrocampista della Serie D in base alla media voto del Quotidiano della Calabria. E qui da noi ci sono due persone che ricorda con piacere, vale a dire l'attuale tecnico dell'Hinterreggio, Di Maria, ed il suo vice Periti. Sono due ottime persone, alle quali mi lega un rapporto speciale ed a cui auguro molta fortuna. A Caltanissetta hanno lasciato un ottimo ricordo. Anche per questo Avola ha indicato l'Hinterreggio quale squadra favorita per la vittoria finale. Conosce bene, infatti, come lavora Di Maria. L'ultimo pensiero il capitano nisseno lo rivolge al match di domenica con il Cosenza: Confido molto nell'aiuto del nostro pubblico. Ha accolto con titubanza questo nuovo progetto, ma lo faremo ricredere. Per battere i rossobl, tuttavia, avremo bisogno dei nostri sostenitori.

Salvatore Avola, capitano della Nissa

Serie D. Lallenatore fiducioso in vista del big match di domenica con il Messina

Promozione. Riunione nella sala consiliare del Comune

Ferraro applaude lAcri e si regala Viteritti


di MARCELLO GENCARELLI ACRI Dopo la prima uscita stagionale, in casa del Marsala, la squadra di Ferraro ieri si data appuntamento la ripresa degli allenamenti. La gara di domenica ha messo in mostra vizi e virt dellundici rossonero. Un Acri partito per disputare una stagione tranquilla e che a detta dello stesso tecnico pu e deve ancora migliorare. Dobbiamo tenere duro in questo avvio di stagione tutto in salita ha affermato il trainer . Sulla gara di domenica, credo che il risultato pi giusto sarebbe stato il pareggio, purtroppo non andata cos e dobbiamo comunque essere fiduciosi ed avere pazienza.
Il nuovo acquisto Orlando Viteritti, classe 1994

C. Alto Tirreno, stasera parte la nuova avventura


di ANDREA POLIZZO TORTORA - previsto per oggi alle 20 e 30 presso la sala consiliare l'incontro per formare la nuova societ della Ssd Comprensorio Alto Tirreno di Tortora. L'appuntamento segue alla costituzione del direttivo pro tempore che ha seguito la transizione del cambio di societ che con il Comprensorio Alto Tirreno affronter il campionato di Promozione, che inizier domenia prossima, come stabilito dal Comitato regionale calabrese della Lega Nazionale Dilettanti, presieduto da Saverio Mirarchi. Il C. Alto Tirreno riparte da alcune certezze come la guida tecnica affidata a Damiano Tripodi e la prima ossatura della formazione costituita da giocatori come Di Lascio, Martino, Iorio, Tiesi, Orsini e altri. Una squadra da approntare in poco tempo e con l'obbiettivo salvezza ben scolpito nella testa come di recente confermato dal direttore sportivo Antonio De Filippo. L'anno prossimo - ha anche aggiunto il direttore sportivo del club tirrenico torneremo a chiamarci Ssd Tortora perch il nuovo corso non crede nel concetto di comprensorio avviato dalla precedente gestione. Ora restiamo concentrati per completare la rosa e iniziare questa nuova avventura sperando di fare bene.

Ferraro ha ricevuto i complimenti per come ha disposto la squadra in campo ma, anche e soprattutto, per non aver protestato in occasione del gol subito. Con un uomo dellAcri a terra, il Marsala ha proseguito lazione ed passata in vantaggio. E un fatto importante e

mi fa piacere che sia stato notato e messo in evidenza dagli organi di stampa. Episodi del genere sono importanti e mi piacerebbe che nel calcio fosse sempre cos. Tutto ci fa parte di una cultura che ho e che voglio trasmettere ai miei ragazzi. Domenica, intanto, arriva

il Messina, squadra additata da molti come principale candidata alla vittoria finale. Pubblico che si prevede numeroso con circa trecento sostenitori (o forse pi) che arriveranno dalla Sicilia. La societ rimane alla ricerca di un forte attaccante. Intanto stato ingaggiato il centrocampista esterno, anno 1994, Orlando Viteritti. un ragazzo di Acri, calcisticamente cresciuto nelle giovanili del Cosenza. Questione stadio: lamministrazione comunale sta procedendo con lesecuzione dei lavori di adeguamento della struttura del citt di Acri. Interventi che riguardano principalmente gli ingressi e la recinzione del terreno di gioco.

46 Sport

Mercoled 7 settembre 2011

Serie D. Intanto arriva la firma del giovane Simone Scarnato. Squadra gi proiettata al Palazzolo

Sambiase e Porpora ai dettagli


Manca poco per la risoluzione positiva della trattativa con il difensore
di GIANLUCA GAMBARDELLA LAMEZIA TERME - Si aspettava la quadratura del cerchio con un nuovo arrivo in difesa, ma in casa Sambiase i nuovi volti per la linea arretrata da ieri potrebbero essere due. Alla ripresa degli allenamenti dopo la sconfitta di Reggio Calabria si sono aggregati al gruppo allenato da Alessandro Erra sia il giovane Simone Scarnato, giocatore nato il 26/10/1993 lo scorso campionato nel gruppo del Cosenza in Prima divisione (e fratello di Marco, lo scorso anno in giallorosso fino a dicembre e poi passato alla Valle Grecanica), che il pi esperto Gennaro Porpora, che dopo i 6 campionati nella Vigor tra D e C2, e le due stagioni in C1 con il Real Marcianise, tornerebbe cos a Lamezia ma sulla sponda giallorossa. Per il centrale napoletano mancherebbero alcuni dettagli, mentre ufficiale l'ingaggio dell'ex rossoblu classe '93. Probabile che adesso qualche altro elemento della rosa decida di cambiar aria per trovare maggiore spazio per giocare con pi continuit, permettendo cos anche di poter rimodellare le uscite dalle casse societarie. Mercato a parte, per, al Gianni Renda gli allenamenti sono ripresi pa) contro l'Hinterreggio stata una sconfitta che non ci voleva, perch perdere di misura non stato il modo migliore di iniziare il campionato. L'Hinterreggio ha sfruttato al massimo le occasioni avute, ed anche noi ci abbiamo messo del nostro. Forse il pareggio per quanto visto in campo sarebbe stato un risultato pi giusto. Risultato a parte, per, in casa giallorossa si soddisfatti della prestazione, ed anche De Sio ammette come nonostante affrontassimo la squadra favorita del campionato abbiamo tenuto bene il campo, quindi la prestazione offerta fa morale, ma non si sofferma troppo sulla prestazione n sua n degli altri compagni singolarmente: Tutta la squadra ha cercato di giocare al meglio, e ogni piccola distrazione ci costata cara. Non si pu colpevolizzare un singolo per un errore, si sbagliato tutti insieme. Sguardo cos gi a domenica quando si esordir in casa contro il Palazzolo, ambiziosa matricola siciliana, ed oltre alla prestazione il pubblico amico sperer di avere anche un risultato positivo. Chiusa una parentesi se ne apre un'altra - glissa il giovane numero uno De Sio - speriamo positiva questa volta.

Eccellenza. Figliomeni torchia il gruppo

Comincia in casa il cammino del Roccella


Domenica il debutto con la Palmese
di PINO ALBANESE ROCCELLA JONICA - Domenica alle ore 16 parte la nuova avventura del Roccella. La squadra affidata, anche quest'anno, alle cure di mister Antonio Figliomeni, gioca in casa contro la Palmese. Una gara difficile perch l'undici allenato da Dal Torrione si rinforzato negli ultimi giorni con gli arrivi dell'attaccante Savino, le ultime due stagioni con la Gioiese, e di Rosario De Marco, esterno di centrocampo, l'anno scorso all'Hinterreggio. Un gruppo quello tirrenico, che annovera tra le sua fila anche gente del calibro di Trunfio e di Babuscia. Insomma una squadra da non sottovalutare. Il Roccella, per, un team di alto livello con elementi come Di Maggio, Saffioti, Parisi, Pascu e Lombardo, costruito per rimanere nelle alte sfere della graduatoria e, pertanto, ha tutte le qualit tecniche per vincere l'incontro di domenica pomeriggio sul terreno in erba artificiale dello stadio Ninetto Muscolo. Figliomeni, gi da ieri, ha messo sotto torchio, i suoi uomini che hanno risposto con la consueta professionalit. Per la gara di esordio l'allenatore di Siderno dovrebbe schierare la squadra con il consueto 4-4-2 in grado di diventare un 4-2-4 nel momento in cui il Roccella in possesso palla, con i due esterni di attacco che, salvo sorprese, dovrebbero essere Pascu a sinistra e Carr a destra pronti a stringere verso l'a-

Porpora si allena al Renda col Sambiase

anche all'insegna dell'analisi della partita di domenica. Per Tommaso De Sio, piplet classe 94 degno sostituto di Andreoli (in panchina per precauzione dopo il fastidio al ginocchio accusato in Cop-

Tonino Figliomeni

Promozione. Dopo la partita di coppa, ecco la sfida alla prima di campionato

Amantea, c il bis con la Promosport


AMANTEA - Si replica domenica. Sempre la Promosport, sempre in casa, sempre a caccia dei tre punti. Per lAmantea non cambia lavversario e non mutano le intenzioni, perchanche stavolta si va a caccia di una vittoria, per debuttare positivamente davanti al proprio pubblico. Domenica scorsa la Promosport finita ko, ma per la formazione di Suriano stato un successo dolceamaro. Da un lato, infatti, i blucerchiati hanno conquistato la seconda vittoria, su altrettante gare, contro avversarie di pari rango, ma dallaltro il successo non servito per passare al secondo turno di Coppa Italia. A parit di gol fatti e subiti nella classifica avulsa, il regolamento ha premiato la Promosport per la miglior differenza reti generale. E stato un vero peccato ha detto il tecnico Vittorio Suriano - perch la qualificazione era ad un passo. Mi restano, per, segnali positivi. La squadra, infatti, oltre ad aver vinto, ha interpretato bene la gara e dimostra di seguirmi e questo mi fa piacere. Domenica c il bis. E sar unaltra storia - conclude lo stratega di Amantea - anche se ci teniamo, ovviamente, a debuttare in campionato con una vittoria. ro. s.

rea a sostegno di Saffioti e Di Maggio. A Centrocampo gioca Lombardo e avr al suo fianco Iacopetta. Nel caso in cui dovesse essere schierato Calabrese, sar sacrificato uno tra Pascu e Carr e uno tra Iacopetta e Panaria giocher esterno di attacco. In difesa Figliomeni schierer Curtale a destra e Sainato a sinistra, mentre Parisi e Seminara saranno i due centrali davanti al portiere Carobene. Un gruppo molto forte che sembra in grado di lottare per il vertice anche se, a prima vista, manca un elemento aggressivo in mezzo al campo con spiccate attitudini a recuperare i palloni e capace di sostenere il play maker Lombardo nell'azione di costruzione. Ad ogni modo le risposte ai dubbi le dar il campo.

Vittorio Suriano, allenatore dellAmantea

Serie D. Il dg Rappoccio predica umilt

LHinterreggio recupera Trentinella


Rimane in dubbio solo Crucitti
di GIUSEPPE CILIONE REGGIO CALABRIA - Trentinella s, Crucitti forse. Sono queste le principali novit alla ripresa degli allenamenti dell'Hinterreggio, dopo il derby vinto con un pizzico di sofferenza, ma con merito, nei confronti di un coriaceo Sambiase. Il giovane esterno offensivo aveva preso un colpo nella partitella del gioved e mister Di Maria ha preferito non rischiarlo nella prima di campionato ma ieri si stava gi allenando col gruppo come anche Giuseppe Sinicropi che aveva abbandonato il campo alle prese con dei crampi. In vista della trasferta a Vallo della Lucania, contro il Serre Alburni, pertanto, non dovrebbero esserci dubbi sulla disponibilit di Trentinella mentre qualche interrogativo rimane per quanto riguarda Antonio Crucitti: il poliedrico centrocampista di Taurianova ha subito un colpo durissimo durante le prime fasi della sfida di Coppa Italia al San Filippo. Addirittura, nell'immediato si era temuto per una frattura del perone ma gli accertamenti hanno escluso questo eventualit. Sebbene Crucitti proceda con lavoro differenziato, non escluso che possa essere fra i convocati per domenica. Intanto, c' entusiasmo in casa biancoazzurra come apprendiamo dalla voce del dg Carmelo Rappoccio. Quando si vince - ha chiosato il dirigente reggino - si sta sempre bene ma dobbiamo rimanere con i piedi per terra perch non sar certo un campionato facile. Se andiamo a leggere gli organici delle squadre che compongono il girone non ve ne nemmeno una che non si all'altezza della categoria. Sulla cartasono tuttesquadreforti. La differenza la faranno gli episodi, gli infortuni e la buona sorte. Squadre compatte e ostiche come il Sambiase, daqui alla fine dunque sulla strada dell'Hinterreggio. Contro i lametini - ha concluso Rappoccio - stata la gara che ci attendevamo. Cisiamo trovatidavanti un avversario difficile con un tecnico molto preparato.

Serie D. Il ds soddisfatto. Domenica si gioca a Siderno

Ventra si gode lInterpiana baby I ragazzi hanno carattere


di ROBERTO SAVERINO CITTANOVA - Dimenticare Licata. lobiettivo che si dato lInterpiana dopo l'exploit in terra siciliana. Alla ripresa della preparazione visi sereni, ma nessun gesto di trionfo e di gioia. Al contrario i discorsi del gruppo erano tutti orientati sulla Battipagliese esu come fare per batterla. Il tecnico Mommo Mesiti, pertanto, sa di avere a disposizione una squadra di carattere che, nonostante la giovane et, non si monta la testa, ma continua a lavorare come pretende il suo trainer, ovverosia con applicazione massima e tanta umilt. Questi concetti sono stati ribaditi, ieri pomeriggio, dal direttore sportivo Francesco Ventra. Raggiante per il successo, ilds biancoverde ritornatosulla garadi Licata: I ragazzi non si sono fatti intimorirenonostanteil numerosopubblicosugli spalti e hanno dato vita ad una gran bella partita. Sarei presuntuoso se dicessi che alla vigilia sarei stato sicuro di un nostro successo, ma devo dire che in campo l'Interpiana ha fatto la sua gara e che non abbiamo rubato nulla. A sorprendere stata anche la grinta del gruppo, nonostante la numerosa presenza di giovani. Infatti - conferma Ventra - con piacere abbiamo registrato che la squadra ha carattere, segno che il gruppo c' e a dimostrazione che segue le direttive del tecnico. La nostra una squadra che se non viene punita subito, col passare dei minuti diventa un avversario ostico per tutti e sar cos anche con la Battipagliese. Al riguardo, dimenticata la sfida di Licata i ragazzi - sottolinea il ds - pensano gi al prossimo avversario e questo indicativo di tante cose, si punta alla blasonata formazione campana, anche se resta il problema del campo sportivo. Sapevamo fin dall'inizio che questo sarebbe stato il nostro handicap, quantomeno nelle fasi iniziali del torneo. Io temo molto di pi le gare interne che quelle in trasferta. Con la Battipagliese, per, mi aspetto un'altra prova positiva da parte dei ragazzi. Ieri la squadra ha ripreso la preparazione in palestra, mentre oggi prevista una doppia seduta a San Martino di Taurianova. Gioved, invece, vi sar un'amichevole contro un avversario da definire e lo stesso dicasi per la sede. Domenica, infine, con la Battipagliese si giocher a Siderno. Il patron del club, Condomitti, ha sbrigato le ultime pratiche per avere il nulla osta, mentre a giorni dovrebbeiniziare lagara d'appaltoper l'esecuzione dei lavori al "Proto e Morreale" diCittanova dovel'Interpiana contadi poter giocare, sul sintetico, nel mese di novembre.

Francesco Ventra, ds dellInterpiana

Mercoled 7 settembre 2011

Sport 47

Il personaggio. Ho tanta voglia di giocare e di dimostrare il mio valore. Aspetto la chiamata giusta

Fiorino allontana il ritiro


Il bomber reggino, nonostante le 40 primavere, si dice pronto a ripartire
di SAVERIO ALBANESE PALMI - Quando nei tornei dilettantistici si parla dell'eterno bomber Mimmo Fiorino gli aggettivi si sprecano: le sue cifre sono a dir poco superlative con otto tornei vinti scanditi tra Promozione, Eccellenza e serie D con le casacche della U.S.Palmese, Trani, Altamura, Rosarnese e Bagaladi, cinque volte ha vinto la classifica marcatori. Al di l dei roboantinumeri, il bomber palmese Mimmo Fiorino non sembra ancora stanco di gonfiare le reti avversarie; difatti, il suo score complessivo di 605 partite ufficiali e 285 reti, esclusi playoff, spareggi e Coppa Italia. Nell'ultima stagione ha militato, dal mese di novembre, nelle file del Roccella dove ha disputato 22 partite e realizzato nove reti (senza rigori), risultando il cannoniere della squadra. Nonostante ci, Mimmo Fiorino oggi non indossa la casacca del Roccella. E il bomber di Palmi spiega subito il perch. Vorrei evidenziare il fatto che col presidente Achille Giannitti c'era un accordo verbale anche per la prossima stagione ma - sostiene Fiorino - evidentemente, per una scelta tecnica con ogni probabilit del mister Tonino Figliomeni non si concretizzata. Mi dispiace perch, comunque, ho vissuto una bella esperienza in questa giovane ed ambiziosa societ ha continuato il goleador palmese- con una delle tifoserie pi corrette e passionali della categoria, con la quale ho instaurato un ottimo rapporto. Quindi, con un pizzico di amarezza, aggiunge: La vita fatta di scelte: il tecnico Figliomeni ha fatto la sua; io, invece, spero di poter dimostrare il contrario e togliermi numerose soddisfazioni con la mia prossima squadra. Dando uno sguardo al prossimo futuro, stimoli, voglia, integrit fisica sono alcuni dei validi motivi che spingono il formidabile goleador (40 anni compiuti lo scorso 8 agosto) a posticipare il momento nel quale appender le fatidiche scarpe al chiodo. Finch mi sento cos bene, non mi sfiora minimamente il pensiero di dover appendere le scarpette al fatidiMimmo Fiorino co chiodo. Al contrario - sostiene con orgoglio e caparbiet lesperto bomber reggino - aspetto la partita domenicale con gioia: quando riesco a segnare, il boato del pubblico mi regala sempre grandissime emozioni. Adoro il calcio, ed proprio grazie allo sport pi popolare che sono riuscito a trovare una dimensione ideale anche nella vita di tutti i giorni. Sono diversi i contatti con diversi club di Eccellenza calabrese, siciliana e pugliese, ma anche con qualche squadra di serie D, ma un giocatore della sua immensa classe pu permettersi di scegliere con calma serafica anche perch, il suo intento prioritario quello di restare vicino alla sua meravigliosa famiglia. Nelle ultime stagioni mi sono preso tutto il tempo per scegliere la squadra e la societ che aveva un progetto interessante. Non affatto una questione economica: il mio unico pensiero per accettare la nuova destinazione sar quella di restare vicino alla mia meravigliosa compagna Caterina e i miei quattro meravigliosi gioielli Angelo, Kevin, Giulia ed Enrico. Quando gli parliamo del figlio Angelo, promettente cannoniere del Settore giovanile della Reggina con il quale disputa il torneo degli Allievi nazionali, il fuoriclasse palmese Mimmo Fiorino riesce a mantenere il suo proverbiale aplomb: Non sono uno di quei pap che dispensano consigli, o addirittura hanno dei battibecchi con gli allenatori; sono fiero del mio Angelo, che molto apprezzato dallo staff tecnico amaranto, ma a 16 anni, penso, che debba vivere il calcio solo come un bel giocoQuindi aggiunge: So quali sono i suoi sogni, e gli auguro di riuscire a realizzarli tutti. Ma quello che mi rende pi orgoglioso, sono i suoi voti elevati in pagella, nonostante i tanti sacrifici ai quali si sottopone durante l'arco della stagione. E queste sono le cose che pi mi gratificano. Lo sport viene dopo. In attesa di poter essere ammesso al corso da direttore sportivo a Coverciano, alle porte c' l'avvio del torneo di Eccellenza al via domenica prossima, senza tema di smentita il pi equilibrato dell'ultimo decennio. Anch'io sono convinto che sar un torno all'insegna dell'incertezza e del costante equilibrio fino al termine della stagione -dice il bomber palmese - con cinque, sei squadre in grado di centrare la promozione diretta in serie D. A mio avviso il Montalto e la Nuova Gioiese (squadre dove ci sono tre amici fraterni come Natino Varr, Graziano Nocera ed Enzo Giacco), Rossanese e Guardavalle, partono in pole position, seguiti da Roccella e Palmese. Non sottovaluterie, per, lIsola Capo Rizzuto. E comunque il girone molto competitivo. Negli anni giovanili della carriera a Mimmo Fiorino mancato, forse, quel quiddi imponderabile per far pendere il piatto della bilancia dalla parte giusta: ma nel momento in cui decider di mettere la parola the end, nei numerosi supporters delle squadre nelle quali ha militato, ci sar un pizzico di nostalgia per le sue prodezze balistiche, che resteranno, comunque, indimenticabili. Lo testimoniano le sue numerose reti, con le quali ha fatto esaltare tante tifoserie, che a seconda di quale maglia indossasse, lo hanno a volte portato in trionfo, a volte fischiato, proprio perch, da avversario, temevano che potesse fargli gol. La sua avventura continuer ancora: lo ha detto e cos sar. La storia, invece, lha gi scritta e non la cancella nessuno.

Non sono rimasto a Roccella per una scelta tecnica

Mimmo Fiorino esulta dopo lennesimo gol realizzato nella sua lunga carriera

Eccellenza. Domani la presentazione ufficiale della squadra

Il Montalto punta in alto


Spizzirri: Diremo la nostra in un torneo equilibrato
di MARCO DALESSANDRO MONTALTO UFFUGO - Il Montalto calcio domani sar ufficialmente presentato alla tifoseria ed alla stampa, nella sede istituzionale del municipio. Davanti alsindaco della cittUgo Gravina, alle diciotto, i bianco azzurri, unitamente al tecnico Franco Giugno ed a tutto lo staff dirigenziale, potranno meglio farsi conoscere da quegli sportivi che attendono il campionato ed i successi che non sono arrivati lo scorso anno. Continua questo rapporto di collaborazione - ha dichiarato il co-presidente montaltese Franco Spizzirri - avviato con l'amministrazione comunaleguidata da Ugo Gravina che anche nel campionato che sta per cominciare ha garantito il proprio sostegno. Il fiore all'occhiello saranno i lavori per la ristrutturazione dello stadio in localit Taverna che cominceranno molto presto: La societ al completo orgogliosa di presentare la nuova squadra proprio nella casa del sindaco. Spizzirri,per quantoriguardal'imminente inizio del campionato, si cos espresso. Abbiamo costruito una squadra ambiziosa - ha commentato - competitiva e affidata a un allenatore, Franco Giugno, sicuramente di categorie superiori. E' chiaro che il giudice supremo sar sempre il campo, per ci conforta il fatto di avere allestito un organico dove ci sono tanti giovani molto bravi, i quali rappresentano il nostro orgoglio. Quindi ha aggiunto: In questa fase della Coppa Italia Dilettanti tutti hanno parlatodicorazzata Montaltomainrealt le formazioni schierate dal nostro allenatore erano tutte imbottite di giovani: la qualificazione al turno successivo esclusivamente merito dei nostri under, bravi a mettersi in mostra e a confermare l'ottimo lavoro svolto in tal senso dai responsabili tecnici. C, poi, un pensiero anche per gli esperti del gruppo: Gli over in squadra sono di categorie superiori e daranno l'apporto che noi tutti ci aspettiamo in vista di una stagione dove, oltre al Montalto, ci sono tante altre squadre sicuramente sullo stesso livello nostro. Sono certo che assisteremo a un campionato molto pi equilibrato rispetto alla passata stagione. Ormai l'inizio del campionato imminente ed il Montalto, anche per quanto dichiarato pi volte dalla societ, parte con i favori del pronostico. Una rosa altamente competitiva, l'ingaggio di un tecnico esperto e la prossima realizzazione del nuovo impianto di gioco, oltre ad una struttura societaria economicamente importante, sono tutti elementi fondamentali per fare del Montalto una realt calcistica di primo piano nel panorama calcistico regionale.
Franco Spizzirri presidente del Montalto si aspetta un torneo di vertice

Eccellenza. il nuovo team manager. Tante le iniziative in cantiere

Promozione

Antonio Dattilo riparte dal Siderno


SIDERNO - Ricomincia dallEccellenza. E da Siderno riparte lavventura di Antonio Dattilo nei campionati dilettantistici calabresi. La societ ha individuato nellex arbitro di Serie A luomo giusto per fare da tramite fra la dirigenza e la squadra e per portare a compimento tutta una serie di iniziative tese ad avvicinare il club alla gente e a dargli un tocco di managerialit e professionalit. Ringrazio la societ - queste le prime parole di Antonio Dattilo - per lopportunit che mi viene data. Sono grato al presidente Salerno, a Gattuso, a Leonardo per avermi voluto con loro e tutti assieme possiamo fare grandi cose, sotto molteplici punti di vista.

Il San Calogero fa il suo esordio con tre assenti


SAN CALOGERO (VV) - Sabato pomeriggio, in casa del Real Catanzaro, fa il suo ritorno in Promozione la matricola San Calogero. La formazione del tecnico Romano, che in coppa ha destato una buona impressione, sar per incompleta, visto che mancheranno lesperto portiere Graci e il difensore Campenn per squalifica. Allo stesso tempo lallenatore vibonese non potr contare su Giuseppe Fanelli, che si sta riprendendo da un lungo infortunio e che potrebbe essere disponibile fra un mese. In attacco si punter molto su Tamburro e su Monteleone. ro. s.

Antonio Dattilo team manager del Siderno

Fra le tante cose in cantiere ci sar la riapertura del sito internet, si punter molto sullimmagine e verranno realizzate tante attivit che Dattilo ha gi illustrato alla societ. Mi metto al lavoro con il so-

lito scrupolo - dice - e con grande voglia di far bene. C bisogno di tutti per centrare gli obiettivi e sono felice di far parte di un club blasonato e di grandi tradizioni. ro. s.

48 Sport

Mercoled 7 settembre 2011

Basket. Dopo la cocente eliminazione dagli Europei il presidente della Fip traccia un bilancio

LItalia riparte da Pianigiani


Meneghin: Migliorer la nostra pallacanestro perch sta lavorando bene
ROMA Dopo la sconfitta contro Israele e l'eliminazione della Nazionale dagli Europei 2011, tempo di bilanci. Il presidente Fip, Dino Meneghin, analizza il momento della squadra e dellintero movimento cestistico italiano. A partire dalla posizione del coach, Simone Pianigiani. Pianigiani stato scelto con lobiettivo di migliorare la nostra pallacanestro dice Meneghin sta facendo un buon lavoro ed quello di cui abbiamo bisogno. Trovo ammirevole che lui si metta in discussione, ma alla Federazione non passa neanche per lanticamera del cervello lidea di privarsi di Simone Pianigiani. Ha il contratto fino al 2013 e rester assolutamente fino alla sua scadenza. Poi lui decider se rinnovare o meno; bisogner anche vedere chi sar alla presidenza. La squadra spiega Meneghin ha let anagrafica per poter crescere ancora. I ragazzi hanno bisogno di lavorare tanto dal punto di vista fisico e mentale. Molti non hanno esperienza internazionale: si sono trovati di fronte ad un arbitraggio pi europeo e si sono resi conto che gli avversari non sono solo Francia e Germania, ma anche squadre sconosciute ai pi ma che giocano una buona pallacanestro. Quelle giocate in Lituania rileva Meneghin non sono state partite disastrose, non abbiamo preso 30 punti da tutti ma ce la siamo giocata fino in fondo contro squadre pi forti di noi come Serbia, Francia e Germania. Questo denota una voglia di fare positiva. Il presi-

Parla lex allenatore azzurro

Recalcati duro Avevo previsto leliminazione


MILANO Non mi ha sorpreso l'eliminazione dellItalia agli Europei perch poteva starci di essere inferiori a Francia e Serbia, ma dobbiamo recriminare sulla partita con la Germania che si poteva vincere o perdere al 50 per cento ma non perderla di 14 punti, perch questo significa non darsi una dote in caso di classifica avulsa. Immaginate se avessimo vinto con la Francia e ci avrebbero eliminato i 14 punti contro la Germania. Questo significa mancanza di esperienza. Carlo Recalcati, allenatore di Varese ed ex coach della Nazionale nonch della Viola Reggio Calabria tra il 1990 e 1996, analizza, in collegamento telefonico con Sky Sport24, leliminazione dellItalbasket agli Europei. Simone non sta dicendo niente di diverso da quello che dicevo io, anche se sono passati anni e la situazione diversa. Lui parla di impotenza, io parlai di difficolt del nostro movimento dopo un bronzo ed un argento agli Europei. Io avvertii che se andiamo avanti cos questo sar lultimo successo, dice Recalcati riferendosi alle dichiarazione del ct azzurro Simone Pianigiani che ha parlato di impotenza davanti alla prestazione della Nazionale. Prima di me lo disse anche Tanjevic che vinse loro nel 1999. Disse Stiamo raschiando il fondo del barile e se non facciamo qualcosa pagheremo, ed adesso stiamo pagando. Questa lespressione del nostro movimento.

Pianigiani e Meneghin il giorno della presentazione; a destra: Bergnani cerca di bloccare Eliyahu in Italia-Israele

dente del Coni Petrucci mi ha ribadito di essere contento del lavoro di Pianigiani. dispiaciuto per non andare ai Giochi Olimpici, ma lo sono anche i giocatori che ci hanno messo lanima fin dallinizio del raduno. Li ringrazio, cos come ringrazio tutto lo staff. Per il presidente Fip questa una lezione salutare per capire quanto ancora ci sia bisogno di lavorare. La squadra non fatta solo da tre giocatori e non si pu pretendere che i nostri tre Nba risolvano da soli tutti i nostri problemi. Ci vuole la squadra intera. Dietro questo gruppo non c' il deserto.

E la nazionale rimane a terra causa sciopero

Non ci sono 100 Bargnani prosegue ma abbiamo del buon materiale umano su cui lavorare. I tre Nba (Bargnani, Belinelli e Gallinari, ndr) sono fondamentali per questa squadra ed importante che ci siano anche nel 2012 per le qualificazioni al prossimo Campionato Europeo. Conto che loro vengano, assolutamente. Abbiamo un buon gruppo su cui lavorare. Bisogna solo avere pazienza. I nostri avversari stanno raccogliendo i frutti di un lavoro iniziato anni fa. Quello che deve essere chiaro che da noi c' sempre entusiasmo. Penso che la squadra, nei prossimi an-

ni, abbia margini di miglioramento, conclude Meneghin. CONTRATTEMPO. L'Iralbasket rimasta bloccata a Riga. Tutti i voli per lItalia dalla capitale lettone, tranne quello per Milano, sono stati cancellati per lo sciopero generale che si tenuto ieri in Italia. Di rientro dallEuroBasket in Lituania, la Nazionale aveva scelto di ripartire da Riga perch pi vicina geograficamente a Siauliai, sede del girone di qualificazione, rispetto a Vilnius, capitale della Lituania. Solo alcuni giocatori e parte dello staff, sul volo per Milano, sono riusciti a partire per lItalia. La gran parte dei componenti della Nazionale rientrer soltanto nella giornata di oggi a Roma alle 13.00 ora italiana.

Domenica torna la Formula Uno

A MONZA

Rugby. Domenica lesordio nella Coppa del Mondo

Gp pi tricolore Festa per il 150 dellUnit dItalia


MILANO In ballo ci sono i soliti preziosi punti per il titolo iridato (per la verit sempre pi nelle mani di Vettel). Ma per gli organizzatori del GP dItalia, questa edizione 2011 sar un po pi speciale delle altre. La gara rientra tra le manifestazioni ufficiali per festeggiare il 150 anniversario dellUnit dItalia - ha detto ieri nella conferenza stampa di presentazione del GP il presidente dellAci, Enrico Gelpi - una targa celebrativa della Presidenza della Repubblica e una speciale bandiera tricolore, inviate dal presidente Napolitano allAutomobile Club dItalia, saranno esposte nella sala ospitalit dellAci in autodromo. Un evento che si porter dietro anche il solito appetitoso carico di introiti derivanti dall'indotto. QueFernando Alonso stanno ci si attende una crescita tra il 5% ed il 10% rispetto allo scorso anno, quando si raggiunse una cifra stimata di oltre 35 milioni di euro in un eventi capace di creare 360 posti di lavoro in Brianza. Lo studio della Camera diCommercio locale. Solo per la settimana del GP lindotto per laccoglienza turistica pari a oltre 31 milioni di euro, a cui vanno aggiunti quasi 4,5 milioni di euro di benefici per il comparto degli allestimenti, comunicazione, spedizioni, allestimento impianti e facchinaggio della Brianza. Poi ci sono gli eventi collaterali della settimana dai quali, sostiene lo studio, circa 10,3 milioni derivano dallo shopping dei turisti, 10,4 dagli alloggi del popolo dei motori, circa 8,5 dalla ristorazione e 2,4 milioni di euro da parcheggi e trasporti. A livello territoriale, il giro di affari rimane per 16,2 milioni di euro a Monza e in Brianza, mentre a Milano vanno 9,6 milioni e oltre 4 milioni tra Como e Lecco. Il valore del marchio Gran Premio dItalia di Monza stato stimato dallente camerale in 3,8 miliardi di euro.

Lurlo di Geldenhuys Italia, possiamo farcela


La Nazionale piloti sfida la rappresentativa Ferrari
MONZA La Nazionale piloti torna a Monza per sfidare la squadra composta da una rappresentativa dei vari Scuderia Ferrari Club sparsi in tutta Italia: appuntamento stasera alle ore 20 allo Stadio Brianteo di Monza. Scenderanno in campo, tra gli altri, il campione del mondo in carica Vettel (nella foto), il russo Petrov, il messicano Perez, il padrone di casa Liuzzi sostenitore accanito della squadra, DAmbrosio e il brasiliano Di Grassi.

NON SOLO SPORT

Sorpresa con il rapper Marteria Ralf Schumacher lascia la moglie


BERLINO Ralf Schumacher si separa: il fratello di Schumi avrebbe deciso di lasciare la moglie Cora dopo la diffusione di un video che la ritrae in tenera intimit con il rapper ventottenne Marteria, sulla terrazza di un hotel di Berlino. A rivelarlo la Bild.Il 36enne ex pilota tedesco di Formula 1, che attualmente gareggia nel Campionato Gran Turismo, avrebbe fatto ormai l'abitudine alle scappatelle della consorte, di due anni pi giovane.

NELSON Ultima giornata di allenamento a Nelson per lItalrugby che domani mattina voler ad Auckland in vista dellesordio nella Rugby World Cup Nuova Zelanda 2011, fissato per le 15.30 di domenica 11 settembre (5.30 del mattino in Italia, diretta SkySport2 HD) al North Harbour Stadium contro lAustralia, due volte campione del mondo e vincitrice in agosto del Tri-Nations. Ieri lItalia si divisa tra una seduta in palestra in mattinata ed una seduta collettiva sul prato del Saxton Oval nel pomeriggio: Quintin Geldenhuys, seconda linea degli Mps Aironi infortunatosi al ginocchio il 13 agosto a Cesena contro il Giappone, tornato a lavorare con il gruppo dopo tre settimane di differenziati mentre il solo giocatore che continua a svolgere sedute specifiche dopo le noie muscolari dellultimo periodo il pilone Salvatore Perugini. Proprio Geldenhuys, capitano degli Mps Aironi nella passata stagione, ha preso parte al quotidiano incontro con i media nella sala stampa del Rutherford Hotel, quartier generale dellItalia in terra neozelandese: Sono molto contento di essere tornato ad allenarmi con il gruppo, anche lo staff medico contento di come ho recuperato ed io mi sento al massimo della condizione. Io mi alleno per poter essere in campo contro lAustralia, poi vedremo. La Nuova Zelanda per-

La seconda linea azzurra Quintin Geldenhuys

fetta per ospitare il Mondiale, non si parla di altro che di rugby, molto bello essere qui: io ho trentanni, questa sar probabilmente la mia unica occasione di prendere parte ad un evento di questa portate e di questo non posso che ringraziare lItalia. ha detto il seconda linea di origini sudafricane. LAustralia ha dichiarato Geldenhuys concentrandosi sul primo impegno iridato degli Azzurri una squadra forte con molte skills individuali, ha vinto il Tri-Nations ma noi dobbiamo pensare alla nostra prestazione. A Firenze lo scorso novembre contro di loro (vittoria 14-32 dei Wallabies, ndr) la partita stata segnata dai nostri tanti errori in touche, ci siamo fatti rubare il 50% delle rimesse su nostri lan-

ci, questo non deve succedere e non succeder domenica a North Harbour. Difesa, disciplina e possesso in rimessa saranno le basi della nostra performance ha concluso il trentenne seconda linea. Una gara per volta, inutile guardare allIrlanda quando prima ci sono tre partite ed il primo avversario lAustralia, intervenuto il flanker della Benetton Treviso, Robert Barbieri. Siamo molto concentrati per la sfida con i Wallabies, forse manca ancora un poco di ritmo partita dopo la preparazione ma domenica saremo al 100%, siamo molto in forma e anche sar una gara difficile ce la giocheremo sino in fondo. AllIrlanda penseremo quando sar il momento. a. r.

Mercoled 7 settembre 2011

Sport 49

Il sub milanese a caccia del record mondiale di profondit in apnea: lobiettivo superare il -84

Soverato spinge Leuci


Ho scelto la Calabria per il clima, la qualit del mare e le sue profondit
di PIETRO MOSELLA SOVERATO Sar la splendida cornice della Baia di Soverato ad ospitare i tentativi di record mondiale di profondit in apnea, in assetto variabile ed in assetto costante, dellatleta Homar Leuci, nei giorni 9 e 11 settembre alle ore 14. Un evento sicuramente di portata internazionale che potrebbe scrivere la storia di questo sport e, di conseguenza, inserire anche Soverato nellalbo doro mondiale di questa disciplina. Organizzato da Blu Word, con la collaborazione di CalabriApnea, Amost Blu Diving Center e Blue Eyes Dive Vessel, la prestazione vedr anche lomologazione ufficiale da parte del Cmas (organo supremo riconosciuto dal Cio) e sar certificata anche dalla Fipsas (Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attivit Subacquee). La rilevante portata della manifestazione stata sottolineata nella conferenza-stampa di presentazione svoltasi presso lacquario comunale di Soverato: davanti ad un pubblico folto ed interessato, sono intervenuti proprio il protagonista, Homar Leuci, lassessore allo sport del comune di Soverato, Francesco Gualtieri, il presidente della Baia di Soverato, Salvatore Mazzotta, ed il vice-presidente di CalabriApnea, Nicola Mari. Homar Leuci nel suo intervento ha prima spiegato il perch stato scelto Soverato come teatrodi questo tentativo di record mondiale: In una telefonata dello scorso dicembre con Camillo Viscomi, presidente di Cabraccia lungo il cavo guida con le proprie forze. Come lo stesso Leuci ha sottolineato, si tratta comunque di un lavoro di squadra, in quanto sar tutto lequipaggio a determinare la riuscita o meno della prestazione: dagli apneisti di CalabriApnea di Camillo Viscomi, ai subacquei profondisti di Almost Blu Diving Center Soverato di Oreste Montebello e del Blue Eyes Dive Vessel condotto da Franco Lo Giudice. Lassessore allo sport, Gualtieri, nel suo intervento, oltre ad esprimere la sua soddisfazione per la possibilit che Soverato avr di ospitare questo evento internazionale, ha rimarcato limportanza di far crescere i giovani allinsegna dei sani valori dello sport, non solo di quelli classici ma anche di sport come questo, che richiedono tanti sacrifici e disciplina sotto tutti gli aspetti. Soddisfazione stata anche espressa da Nicola Mari per CalabriApnea, associazione che ha creduto con entusiasmo alla fattibilit di questa manifestazione sin dallinizio. Infine il presidente della Baia di Soverato, Salvatore Mazzotta, ha affermato che deve essere un onore ospitare un evento di tale portata augurandosi che sia il primo di una lunga serie di manifestazioni che devono portare alla valorizzazione di questa splendida Baia che merita il giusto riconoscimento. La speranza di tutti adesso che le condizioni metereologiche possano favorire, nel weekend, la riuscita di entrambi i tentativi di record mondiale.

Basket. Primi test

una Viola che piace


di MARIO VETERE REGGIO CALABRIA Il caldo stenta ad abbandonare lo Stretto, condizione che per non ferma la preparazione della nuova Viola, impegnata gi da qualche settimana nel ritiro precampionato. La squadra di coach Fantozzi, dopo i primi giorni dedicati agli allenamenti atletici ha iniziato anche atestare iprimi movimenti, complice unamichevole giocata proprio centro sportivo. Avversari, nei giorni scorsi, i siciliani del San Filippo, occasione utile anche per i tifosi neroarancio per vedere Alessandro Fantozzi allopera i nuovi. Non dispiaciuta questa Viola, nuovamenteinseritatra lemiglioridellacategoria e protagonista di un mercato di assoluto livello. Partite come queste risultano fondamentali per una buona preparazione. Piccoli intoppi permettendo, con le assenze di Paparella, Gambolati e Lagan, fermi per problemi fisici, coach Fantozzi ha dato spazio a Politi, Coronini, Grilli, Caprari, Grasso e Sereni, ai quali si sono aggiunti i giovanissimi Marengo, Smorto e Pot.

Homar Leuci durante la conferenza stampa di Soverato

labriApnea, abbiamo deciso dincontrarci a Soverato per valutare le reali possibilit tecniche per tentare di realizzare questi record. Il clima, la qualit del mare e le sue profondit sono tutti elementi che ben si coniugano con i nostri intenti per realizzare tutto ci, per cui sono stato ben lieto di arrivare a Soverato, bellissima cittadina, dove per altro, sono stato accolto benissimo e, soggiornando qui ormai da un mese, mi sento a casa. Dopo i ringraziamenti di rito per il patrocinio di: Comune di Soverato, Provincia di Catanzaro, Protezione Civile Calabria,

Coni provinciale di Catanzaro, Prefettura di Catanzaro, Parco Marino regionale Baia di Soverato e Vigili del Fuoco direzione regionale Calabria, latleta Homar Leuci passato alla spiegazione tecnica di entrambi i tentativi di record mondiale. Nel primo tentativo in assetto costante, il record da battere sar di -84 metri ed detenuto proprio da Homar Leuci; questultimo utilizzer una monopinna per le fasi di discesa e risalita. Nel secondo tentativo, in assetto variabile, nel quale il limite da battere di -131 metri, latleta nativo di Milano, scender con una zavorra di 30 kg per poi risalire a

Tennis. Open Usa

La pioggia ferma il sogno Pennetta

Il trionfo di Esposito nella 1/5 di maratona a Cassano allo Jonio


di ANDREA TRAPASSO CASSANO ALLO JONIO Cassano si riscopre amante dellatletica e vive una straordinaria giornata sportiva in concomitanza con la Notte Tricolore. Con la terza edizione di 1/5 di Maratona della Sibaritide, manifestazione di corsa su strada, la cittadina tirrenica stata teatro, lo scorso 3 settembre, di uno di quegli eventi che, oltre a favorire la crescita dello sport nel territorio, diventa un vero e proprio veicolo promozionale e di sviluppo dello stesso. Ad aggiudicarsi la corsa stato Agostino Esposito, tesserato per lAsd Cosenza K42, la societ che, insieme allAsd Misasi e in collaborazione con il Gsc Gatto di Cassano, stata lorganizzatrice di questa manifestazione. Al secondo, terzo e quarto posto si classificano rispettivamente Scarfone Balduino (Team Basile di Cetraro), Amedeo De Marco (Hobby Marathon di Catanzaro) e Giuseppe Iuliano (Centro Sportivo Catanzaro Lido). Inserita nel calendario regionale della Fial, la kermesse ha interessato inoltre le categorie Allievi, Assoluti, Amatori e Master maschili (distanza di di 8 Km) e femminili (6,4 Km). La Cosenza K42 fa incetta di premi, aggiudicandosi anche le categorie M40, con Pietro Porco, M50, con Carmelo Pastura e M60 con Benedetto Andreoli. Le societ consentine protagoniste anche nelle altre categorie federali maschili. Leonardo

A Rossano da venerd 9 settembre

Stage nazionale di Arti marziali

I campi

Agostino Esposito

Un momento della manifestazione dello scorso anno a Rossano

NEW YORK Alle 13.45 locali, le 19.45 di ieri in Italia, gli organizzatori hanno annunciato che lintero programma della nona giornata degli Us Open, compresa la sessione serale, stata cancellata a causa della pioggia che cade da questa mattina su New York. Le previsioni meteo sono pessime anche per oggi: secondo gli esperti meteo il sole dovrebbe tornare solo gioved. Il match di quarti di finale di Flavia Pennetta contro la tedesca Angelique Kerber era programmato come secondo sul Louis Armstrong Stadium. Gi negli ultimi due anni il maltempo ha condizionato il torneo costringendo a giocare la finale maschile al luned. Un passo indiertro. Roger Federer bello di notte. Lo svizzero, entrato in campo alle 23.45 locali (lalba di ieri

in Italia) vuole andare a dormire e chiude ben presto la pratica con largentino Juan Monaco. Lo svizzero, con il pericolo della pioggia incombente, ci ha messo appena unora e venti minuti per qualificarsi ai quarti di finale. Il 30enne di Basilea ai quarti affronter il francese Jo-Wilfried Tsonga, undicesima testa di serie, che ha battuto al quinto set lo statunitense Mardy Fish. Promosso ai quarti anche il favorito numero uno del torneo, Novak Djokovic, che battendo lucraino Alexandr Dolgopolov (n.22) ha centrato la vittoria numero 61 sui 63 match giocati nel suo fantastico 2011. Nei quarti lo attende un derby in famiglia contro il connazionale Janko Tipsarevic (n.20), che a 27 anni ha conquistato per la prima volta i quarti in un torneo dello Slam.

Selvaggi (Rinascita Cosenza) si aggiudica la categoria Allievi; doppio trionfo per il Team Basile di Cetraro con Daniele Facciolo (amatori) e Giovanni Martucci (M35); ai lametini della Libertas va invece la categoria M45 con il successo di Massimo Ragusa. Successo pugliese, invece, per la sezione femminile, con Fausta Bianco, tesserata per lAtletica Locorotondo (Ba), che vince la competizione per il secondo anno consecutivo. Alla cerimonia di premiazione, che ha idealmente dato il via alla Notte Tricolore, presenti lAssessore allo Sport del Comune di Cassano Mimmo Lione, il Vice Presidente del Gsc Armando Gatto Graziano Martino, e, ospite deccezione, Maurizio Leone, campione di atletica pi volte maglia azzurra.

ROSSANO Per il secondo anno consecutivo si svolger a Rossano, presso le splendide strutture dei villaggi Itaca e Nausicaa di Orovacanze, lo Stage Nazionale di Arti Marziali organizzato dal Centro sportivo educativo nazionale (Csen), primo ente di promozione sportiva riconosciuto dal Coni in Italia, che vedr coinvolti oltre duecentocinquanta praticanti provenienti dal Centro-Sud nelle discipline dell'Aikido, Jujitsu, Karate, Liu Bo e Tdkm. Lo Stage, patrocinato dal Comitato regionale FijlkamConi Calabria,si svolger a partire da venerd 9 settembre prossimo, la mattina e il pomeriggio, fino alle ore 13 di domenica 11. Una vera e propria full immersion di tre giorni. Alla presenza del coordinatore nazionale per le Am

Csen Giuliano Clinori molti i docenti nazionali che dirigeranno le lezioni in svolgimento presso i locali della discoteca Odissea 2000, sempre a Rossano. Attesissimi gli ospiti internazionali: il Maestro Fernand Capizzi , allenatore della Nazionale francese di Ju Jitsu e la Maestra Keiko Wakabayashi, Aikido e Ju Jitsu, famosa per essere la pi longeva (79 anni ) Maestra di Arti marziali giapponesi in Europa. Il programma, oltre alle lezioni in svolgimento per tutti e tre i giorni, prevede sabato mattina alle ore 9 l'apertura ufficiale della manifestazione e alle ore 22 presso l'anfiteatro del Villaggio Nausicaa un gal con esibizione di arti marziali; la domenica i Campionati italiani 2011 di Liu Bo, disciplina marziale italiana sull'uso del bastone siciliano.

50 Idee e societ

Mercoled 7 settembre 2011

Mercoled 7 settembre 2011

Idee e societ 51
IL FILM

Dieci anni dopo l11/9 Il mondo dei talebani osservava compiaciuto dallAfghanistan

Quando lOccidente si scopr vulnerabile


Erano bastati 19 uomini disposti al martirio e poche decine di migliaia di dollari per mettere in ginocchio gli Usa
di VITTORIO DELL'UVA LE prime immagini diffuse in diretta sembrarono da film disastro. Piombarono nelle case del mondo, lasciandolo pi incredulo che atterrito di fronte alla tempesta di morte che si annunciava. Quello che stava accadendo era troppo persino per i fantasisti dell'orrore. New York aveva appena acceso i motori dell'ennesima giornata che si prevedeva, non meno di altre, convulsa; la burocrazia di Washington, pi pigra, si era messa al lavoro seguendo ritmi adeguatamente pacati. Nessuno, nemmeno nei bureaux non sempre accessibili della sicurezza nazionale, poteva pensare che un nemico, in grado di tenere a lungo un profilo underground, stesse per portare, con pochi mezzi e con un pugno di uomini fattisi arma, un atto di guerra tanto micidiale e sanguinoso quanto poco convenzionale. Il rombo dei motori di un jet che aveva preso a volare, assumendo un inspiegabile assetto diagonale ad una quota pericolosamente bassa sui tetti di Manhattan, annunci d'improvviso un disastro imminente e chiss quante volte temuto, da quando le autostrade del cielo che conducono al Kennedy international airport corrono poco al di sopra di grattacieli orgoglio di molti architetti. Mancavano pochi minuti alle 9. Era l'undici settembre dell'anno 2001. Tra una preghiera e l'altra, a migliaia di chilometri di distanza, Osama bin Laden, uno dei disumani nani della politica che la Storia periodicamente produce, in grado di infiammare le masse , aveva deciso che, in tempo di pace, fosse giunto il momento di far vivere agli Stati Uniti una nuova Pearl Harbour, per mostrare quanto anche le grandi potenze possano essere fragili. World trade Center, codice 1076, fu l'annuncio diffuso via radio dalle centrali di polizia e vigili del fuoco alle 8,48 del mattino. L'allarme, decrittato, indicava che un violento incendio si era sviluppato in uno degli edifici alti 110 metri del WTO, frequentato ogni giorno da oltre cinquantamila persone. Pensare ad altro, fuori dalla logica degli incidenti, era quasi impossibile. La tremenda e diversa verit non avrebbe tardato ad emergere. Un aereo di linea dirottato aveva penetrato come il burro la parte intermedia di una delle due Torri gemelle, esplodendo al suo interno e minandone la struttura. New York era stata colpita al cuore dal terrorismo internazionale. Non una volta, ma due , si sarebbe scoperto qualche minuto pi tardi, quando un altro aereo di linea, condotto da altri dirottatori di origine islamica, andava a schiantarsi contro la seconda delle Twin towers. L'agonia di uomini e donne in trappola e degli edifici non sarebbe durata che alcune decine di minuti per il collasso delle strutture in acciaio non del tutto spiegato dalle inchieste a catena. Alcuni vi si erano sottratti scegliendo, con salti nel vuoto, il suicidio. Verso la morte sarebbero corsi molti dei soccorritori. Alle 2752 vittime dell'attacco contro le Torri gemelle vanno aggiunti 343 bravest, i vigili del fuoco che provarono a salvare molte vite per quanto sapessero che l'impresa fosse nei fatti impossibile. Ci sono tragedie che nonostante la loro dimensione vengono oscurate da altre. Accadde in quel giorno in America. Il World trade center si dissolveva tra le fiamme dietro una cortina di polvere e fumo mentre la sfida agli Stati Uniti veniva portata anche altrove. Il terrorismo di matrice islamica voleva colpire i simboli del potere oltre che quelli della potenza economica. In circostanze mai del tutto chiarite agli occhi dell'opinione pubblica cui, pur nell'era del tutto in tv, sono state negate immagini significative, un terzo aereo dirottato andava a schiantarsi su un'ala del Pentagono dissolvendosi con i suoi passeggeri nell'impatto, secondo la versione ufficiale. Altrove, nei cieli della Pennsylvania, il volo 93 della United Airlines diretto a Washington, caduto a sua volta nelle mani dei dirottatori, non sarebbe mai arrivato a destinazione. N avrebbe centrato l'obiettivo da distruggere. Rappresentava la bomba che Osama bin Laden aveva destinato alla Casa Bianca. Pur senza saperlo, passeggeri coraggiosi impedirono che il piano andasse in porto. L'aereo precipit, schiantandosi sulle verdi colline di Stanksville dove un modesto memorial esalta il tentativo di quanti a bordo, insorgendo, si opposero alla violenza del dirottamento. Voci ricorrenti ripropongono ancora, di quel dramma, una diversa versione. Il volo 93 della United Airlines potrebbe essere stato abbattuto dai caccia A della Air Force quando si sospett che avrebbe potuto raggiungere Washington e la residenza del presidente. Non tutto fu chiaro in quelle ore convulse. E molto ancora, a distanza di dieci anni, resta da chiarire. L'undici settembre, lAmerica, e con lei il mondo, si scopr molto pi vulnerabile di quanto non pensava di essere. Le sue agenzie non l'avevano protetta dalle infiltrazioni, la Cia aveva mostrate falle inspiegabili. Persino le prime analisi dei servizi non si rivelavano corrette, indicando una pista da seguire di facile impatto, ma assolutamente inesistente, che conduceva alle frange palestinesi pi intransigenti. Serviva a rimandare nel tempo spiegazioni destinate a creare, molto in alto, qualche imbarazzo. Il vero sospettato numero uno, il saudita di nobili origini, Osama Bin Laden, si era trasformato solo da qualche anno in nemico. Aveva avuto legami fruttuosi con gli Stati Uniti quando in Afghanistan c'era da combattere i russi; sulla via degli affari di famiglia nel settore delle costruzioni aveva incrociato l'entourage del presidente George W. Bush. Nell'America che si era blindata dopo la strage chiudendo le proprie frontiere e fermando il traffico aereo, c'erano conti che non tornavano e che forse ancora non tornano. Nei giorni dell'emergenza nazionale, un varco verso l'Arabia Saudita imboccato da familiari di Bin Laden era stato lasciato aperto, mentre una pericolosa ventata nazionalista attraversava il Paese. Essere musulmani negli Stati Uniti non veniva, d'improvviso, considerata una colpa, ma collocava nel girone dei cittadini da frequentare con riserva, se non da guardare con sospetto. Il rapido varo del Patriot act, quasi una legge speciale, molto privava gli stranieri di qualche garanzia, rendendo particolarmente difficile la vita agli immigrati di origine asiatica o provenienti dal Medio Oriente, destinati spesso a trascorrere molte ore nelle stazioni di polizia o a subire sempre pi severi controlli da parte dell'ufficio immigrazione. Pi che serpeggiante, dopo lo choc, andava rivelandosi la voglia di vendetta, dando vigore al sempre vegeto partito della guerra. Il mondo dei talebani dai turbanti neri

Rebirth la rinascita a Reggio


di PAOLO PETRONI DA sabato 10 a luned 12 settembre, tre giornidimusicae arteperricordareildecimo anniversario dell11 settembre e lanteprima italiana di un film dal titolo significativo, 'Rebirth', per una manifestazione che vuol sottolineare proprio il segno della rinascita, grazie allimpegno forte della gente comune colpita dalla tragedia, e ricordare quanto sia sempre pi importante celebrare la pace, come spiega Ludovica Rossi Purini, presidente della Compagnia per la Musica in Roma, rappresentante in Italia della Fondazione Usa September Concert. Tre giorni, grazie alla comunicazione emozionale della musica di Philip Glass e dellarte, per rileggere, approfondire e riflettere sottolinea Dino Gasperini, assessore alla cultura di Roma raccontando una tragedia che ha colpito, con i suoi attimi deternit scolpiti nella nostra memoria, il mondo intero, coinvolgendo gente di 90 paesi. 'Rebirth', frutto di dieci anni di riprese di vari cineasti americani e delle 14 telecamere costantemente puntate su Ground Zero a documentarne la ricostruzione, indaga con la regia di Jim Whitaker lesistenza e i sentimenti di cinque persone che raccontano come lattacco alle Torri abbia cambiato la loro vita, da uno dei pompieri che confessa il tormento del sopravvissuto allevidenza di un vuoto, dellassenza di una madre, un fidanzato, un fratello o un amico che fa dolere il cuore, da dentro, eppure spinge ad andare avanti, a rinascere come rinasce il World Trade Center, senza voler dimenticare mai quel che stato. Il film il 13 settembre sar proiettato anche al IX Laboratorio Internazionale di Architettura allUniversitdi ReggioCalabria. La proiezione del film, alla Sala Sinopoli del Parco della Musica domenica sera, sar preceduta da unesibizione del Coro femminile del ministero degli Affari esteri con una serie di canti ispirati alla convivenza dei popoli, mentre luned sar l'Orchestra del Teatro Petruzzelli di Bari, diretta da Alberto Veronesi con Francesco DOrazio solista, a eseguire il Concerto per violino di Philip Glass, compositore anche della colonna sonora di 'Rebirth'. Venerd le manifestazioni di SeptemberConcert sarannoaperteal Museocentrale Montemartini dallinaugurazione della mostra 'Cities of New York', curata da Mariateresa Cerretelli. Si tratta di un omaggio alla citt che da sempre al centro dellimmaginario mondiale, con foto di ieri e di oggi (l'11 settembre nelle storiche immagini di Allan Tannenbaum, come nelle elaborazioni artistiche di Michael Ackerman e Susan Crile, oltre che in uninstallazione di Angelo Bucarelli) con autori che vannoda Gabriele Basilico a Gabriele Croppi, da Franco Fontana a Moreno Gentili. Per loccasione Alessio Bax e Camille Chung suoneranno al piano musiche di Schubert e Lera Auerbach. Di film e documentari legati alla tragedia dell11 settembre ne sono stati realizzati a decine. Il pi atteso senz'altro quello che la regista premio Oscar Kathryn Bigelowdedicher al raiddei Navy Seal in cui rimastoucciso ad inizio maggio Osama Bin Laden, atteso nelle sale nel 2012, alla vigilia delle elezioni presidenziali americane. Ma ecco i pi celebri. A un anno esatto dallattacco alle Torri Gemelle, esce nelle sale e qualche giorno prima in anteprima mondiale come evento speciale alla Mostra del cinema di Venezia '11'0901', l'opera collettiva in cui, nella durata simbolica di undici minuti, nove secondi e un frame, undici registi raccontanola tragedia.Del 2004 inveceFahrenheit 9/11 di Michael Moore, Palma doro a Cannes. Nel 2006 Paul Greengrass scrive e dirige United 93, nominato agli Oscar e vincitore di un Bafta britannico. Il film viene presentato al Tribeca Film Festival dove passa anche 'SAINT 9/11', dedicato a Michael Judge, il cappellano dei vigili del fuoco della Grande Mela, che mor in una delle Torri per dare lestrema unzione a un pompiere ferito. Alla storia vera di due pompieri intrappolati sotto le macerie delle Torri Gemelle, il sergente John McLoughlin (interpretato da Nicolas Cage) e il suo collega Will Jimeno (Michael Pena), si ispira invece Oliver Stone per World trade center (2006).

Ground Zero dopo il crollo delle Torri gemelle. Oltre

3.000 furono le vittime

I musulmani cominciarono a essere guardati con sospetto

che, sotto la guida di Osama bin Laden aveva portato la guerra agli Stati Uniti e indirettamente all'Occidente, determinando anche una crisi economica non ancora smaltita del tutto, osservava compiaciuto lo scenario, che si andava delineando, dalle montagne inespugnabili dell'Afghanistan. Pensava, e con qualche ragione, che oltre all'obiettivo militare anche quello politico era stato raggiunto. Quasi si divertiva con i suoi ambasciatori a sfidare il mondo. Questione di bacino di riferimento. Non a caso le dichiarazioni di innocenza provenienti da Kabul erano volutamente poco convincenti, contenendo una studiata dose di ambiguit per incassare i dividendi che il sospetto procurava nell'ambito delle masse musulmane. L'ostilit nei confronti degli Stati Uniti, che con l'11 settembre si era materializzata, aveva creato sgomento in gran parte del mondo, ma poteva anche accrescere il consenso per una

causa ben pi generale elaborata nel nome di Allah. Dopo tutto erano bastati diciannove uomini disposti al martirio e poche decine di migliaia di dollari per mettere in ginocchio il grande Satana, facendo avvertire condizioni di insicurezza mai provate prima. Calcolo non del tutto sbagliato. Nei giorni in cui l'America, individuato il colpevole certo, ha cominciato a pianificare il rovesciamento della teocrazia di scarsa qualit insediatasi a Kabul e un tempo guardata con accondiscendenza, le strade di Islamabad e di molte capitali mediorientali, nord-Africa compreso, venivano attraversate da folle inneggianti a Bin Laden. N sono mancati volontari accorsi a difendere il sacro suolo afghano dall'ineluttabile attacco degli infedeli. Nulla che non fosse previsto da Osama che, attraverso il mullah Omar, operava da grande vecchiodei talebani e che a misure precauzio-

nali preventive aveva fatto ricorso nel delineare il suo progetto criminale, creando una ragnatela di complicit che avrebbe poi dovuto proteggerlo. Molto gli erano stati vicini - e probabilmente lo sono stati fino alla morte - gli ufficiali dell'ISI, i servizi segreti pachistani che per i chierici di Kabul e le loro scuole coraniche hanno sempre tenuto un occhio di riguardo. Forme di impunit, sfociate poi in protezione aperta venivano garantite nelle zone tribali di confine, da ambienti di Islamabad dalle connotazioni fortemente antiamericane. Nello stesso Afghanistan, tenuto sotto il tallone dell'oscurantismo religioso, erano state prese misure forti per mettere scompiglio nel campo della opposizione armata che provava da anni a rovesciare il regime, attraverso i vecchi signori della guerra tornati ad un ruolo attivo. Non un caso se da prologo all'attacco alle Torri gemelle aveva fatto l'attentato mortale a

Massoud, il leone d Panshir, considerato il pi adatto tra i comandanti militari afghani a condurre un attacco contro le roccaforti del potere talebano. Quanto l'ondata della destabilizzazione prodotta da Osama Bin Laden con l'11 settembre sia stata lunga lo dicono i fatti. Molte delle sicurezze occidentali, in economia come in altri campi, sono andate smarrite. Al suo atto di guerra ha corrisposto un conflitto che ormai sta per entrare nell'undicesimo anno e che, sempre all'America, oltre che ad altri , costato altre vite. Il primo maggio il presidente Obama ha potuto annunciare che la testa del drago era stata tagliata con un blitz, non lontano da Islamabad, dove si nascondeva in un compound abitato da molti militari. Ma che, sepolto Osama bin Laden, il livello delle inquietudini del mondo si sia davvero abbassato un dato ancora da verificare.

Salto nel vuoto

Pioggia di cenere

Un dolore immenso

Addio spensieratezza

Un uomo preferisce il suicidio

Superstiti si allontanano da Ground Zero coperti di cenere

Un vigile del fuoco piange i suoi colleghi rimasti uccisi

Un bimbo porta le croci per alcune delle vittime

52 Spettacoli e televisione
CATANZARO
di ALESSIA BURDINO BAND locali, rappresentazioni in vernacolo, musica raggae e spettacolo mimo per chiudere, in bellezza, con la regina del Piper, Patty Pravo. Il programma della seconda serata della Notte Piccante, a Catanzaro a partire da venerd fino a domenica, ricco di appuntamenti. Tutte le iniziative, inserite nella Notte music, dance, live sono state presentate ieri mattina nella sede dellassessorato comunale alla Cultura, alla presenza del titolare della delega, Nicola Armignacca e del promoter Maurizio Senese. Presenti alcuni dei protagonisti della serata, Mario Sei (Teatro 6), Elisa Condello (Teatro Incanto), Domenico Greco (Catanzaro Alleanza) e Claudio Battaglia (Associazione Quattroquarti). Il sabato sera pi lungo dellanno, per la citt di Catanzaro, si aprir alle 19.30 con lo spettacolo musico-culturale, al complesso monumentale del San Giovanni, a cura dellAssoformac con la cantastorie Francesca Prestia.

Mercoled 7 settembre 2011

Notte Piccante con la regina del Piper Spazio alle band locali, ai dj e ai cantastorie
Proseguir alle 21 con le rappresentazioni in vernacolo, in piazza Roma, a cura delle compagnie Teatro 6, Teatro Incanto, Teatro Hercules, Ottantotto 11 sensi artistici e Ichinen. Lungo corso Mazzini sar, invece, possibile assistere al suggestivo spettacolo del mimo clown comico dellattore Maurizio Scarpa ed il cabaret comico dellattrice Giuseppina Piazza. Spazio alla raggae night nella centralissima piazza Duomo dove i giovani delle associazioni Catanzaro alleanza, Catanzion e Kissusenti, proporranno il ritmo della musica popolare giamaicana con gli influssi R&B e soul nordamericani in voga negli Usa tanti anni fa. Ovviamente punta di diamante della serata sar il concerto di Patty Pravo. La cantante de La Bambola porter in scena, a partire dalle 22 in piazza Prefet-

Patty Pravo

tura, il suo nuovo spettacolo Nella terra dei Pinguini tour che prende il titolo dallalbum di inediti pubblicato a febbraio. La regina del Piper, allanagrafe Nicoletta Strambelli, preceduta dallesibizione di alcune band locali, sar, invece, accompagnata da sei musicisti: Michele Papadia, tastiere e piano, Adriano Logiudice al basso, Donald Renda alla batteria, Lapo Consortini e Edoardo Massimi alle chitarre e Gabriele Bolognesi al sax. Ma la serata continuer alle 23.30 con Crazyland, djset. Piazza Grimaldi ospiter, infatti, un djset (Anna Stefani e Massimo Di Lena) caratterizzato dal ritmo caldo della musica deep, dalla selezioni di musica Black, R&B, dalle hits del momento fino alle sonorit inconfondibili della house music. Il tutto in un susseguirsi di spettacoli, animazioni ed effetti speciali. Suoni coinvolgenti, ritmi incalzanti, immagini bizzarre, spettacoli memorabili, mainstage mai viste e scenografie pirotecniche, tutto in una notte. Incantata, ma sopratutto piccante.

Una storia ambientata a Napoli, tratta dal romanzo di Gensini

IN TV

I brutti ceffi di Gagliardi


Il regista di Tatanka al lavoro per un nuovo film
di SIMONA NEGRELLI CI ha preso gusto Giuseppe Gagliardi a raccontare le storie della Campania degradata, quella che si regge in equilibrio precario sul confine che separa legalit e criminalit. Cos, il regista di Saracena (Cs), fresco fresco di consensi per il film Tatanka, si rituffa nelle atmosfere da strada e pistola, popolate da brutti ceffi alla ricerca di un posto al sole. Mettendosi gi al lavoro per il suo nuovo film, anche stavolta tratto da un libro. Lautore non il celebrato Roberto Saviano (sebbene ambientazione e protagonisti ricordino il suo bestseller Gomorra), ma un outsider che di vita di strada, anche lui, ne ha conosciuto tanta. Giacomo Gensini , infatti, un ex poliziotto di 38 anni e il suo terzo romanzo, I milionari, uscito ad aprile di questanno, ha ispirato a Gagliardi la sceneggiatura del suo prossimo lavoro. Abbiamo letto il libro insieme ai produttori della Margherita film (che hanno gi finanziato Tatanka insieme a Minerva Production ndr) - racconta Gagliardi e ci piaciuto, abbiamo pensato che fosse una storia interessante. Abbiamo iniziato a scrivere la sceneggiatura con gli stessi sceneggiatori di Tatanka e lautore del libro. Ma il progetto ancora in fase embrionale. E i tempi di gestazione di un film, mette le mani avanti il regista, possono essere molto lunghi. Il film sar ambientato a Napoli, come il libro, e racconter un ventennio di storia italiana, dal terremoto degli anni Ottanta ai giorni nostri. In primo piano la vicenda di un uomo, vissuta tra borghesia e criminalit. Il libro di Gensini parte dalla met anni Settanta. Una banda di ragazzini, cresciuti nel quartiere di Secondigliano, inizia la carriera criminale tra piccoli furti e illegalit. Come tanti altri giovani di quegli anni, aspirano a imitare le gesta di Raffaele Cutolo, o Professore, il carismatico boss della nuova camorra organizzata. La loro ascesa sar irresistibile; in pochi anni, eliminati i rivali pi pericolosi, diventati adulti a forza di omicidi e rapine, raggiungeranno i vertici della camorra e faranno di Secondigliano la loro fortezza. Un libro che si inserisce nel fortunato filone del romanzo di camorra.
Il regista calabrese Giuseppe Gagliardi Dopo Tatanka, gi al lavoro per un nuovo film

Ferilli tra Anna e Sally


di NICOLETTA TAMBERLICH ALTERNA cinema dautore a cinepanettoni, tv e teatro, ma va molto fiera anche del suo doppiaggio di 'Sally', una vezzosa Porsche 911 del 2003 protagonista femminile di 'Cars Motori ruggent. Sabrina Ferilli, lattrice italiana 'nazional popolar per antonomasia, torna da oggi su Canale 5 con la seconda serie in sei puntate di 'Anna e i cinqu, per la regia di Franco Amurri, con Pierre Cosso, Riccardo Garrone, Andrea Ferreol, Massimo Ciavarro, Paolo Conticini e il gruppone dei ragazzini. E con lironia che la contraddistingue risponde senza filtri anche sulle domande di attualit. Lattrice nei prossimi giorni sar anche sul set del film di Natale della Filmauro, prodotto da Aurelio e Luigi De Laurentiis, diretto da Neri Parenti e cosceneggiato con i fratelli Vanzina, con Christian De Sica e Ricky Memphis. Ma la vedremo questo autunno anche sulla Rai in 'N con te n senza di t in cui uneroina ai tempi dellUnit dItalia, anche se a inizio 2012 come annunciato dal responsabile della fiction Mediaset Giancarlo Scheri Ferilli torner a girare una nuova serie per Canale 5 prodotta da Antonio Tarallo: Non possiamo dire di pi, ma un progetto importante su cui puntiamo molto, non potevamo certo farcela rubare dalla concorrenza. Tra i progetti anche uno spettacolo teatrale con Gigi Proietti. Per la seconda serie di Anna e i cinque, Mediaset ha tagliato di un milione e 200 mila euro il budget rispetto alla stagione precedente e di conseguenza anche Ferilli ha ridotto il suo compenso: Se si vuole mantenere la qualit di un prodotto bisogna tagliare i nostri budget, ma non una novit, questo succede gi da tempo e credo sia normale. In questo momento di crisi, ogni italiano sta facendo dei sacrifici, non posso lamentarmi, dice. In merito alla manovra finanziaria, l'attrice non la ritiene del tutto equa.

Nel frattempo, Tatanka continua a mietere consensi. Il film interpretato dal campione di boxe Clemente Russo ha appena ricevuto il premio per il miglior contributo artistico al Festival di Montreal, mentre stato chiuso il contratto per luscita del film in Francia. Il festival di Montreal ha aperto una prospettiva anche allestero - dice Gagliardi - siamo stati contattati anche da altri Paesi. E nellattesa di assistere in sala alla nuova pellicola, si potr rivedere, seduti sul divano, il debutto cinematografico del pugile di Marcianise. Tatanka, infatti, uscir a novembre in dvd, distribuito dalla Cecchi Gori home video.

Cerimonia di consegna a Gioia Tauro

Un premio per i calabresi pi meritevoli. In patria e allestero


di NICOLA ORSO LA scalinata di piazza Municipio di Gioia Tauro stata la suggestiva location che ha ospitato la sedicesima edizione del Premio CalabriaAmerica, un'iniziativa ideata e promossa dal pittore e scultore gioiese Mimmo Morogallo. Dopo i saluti del patron della manifestazione e del sindaco Renato Bellofiore, il microfono passato ai giornalisti Lucio Rodin ed Eva Saltalamacchia, anche loro premiati per la speciale sezione giovani, i quali hanno chiamato sul palco i destinatari del prestigioso riconoscimento. Per la sezione Calabresi che si sono distinti nella propria terra, premiato anche il governatore Giuseppe Scopelliti, il quale ha delegato l'assessore regionale alla Cultura, Mario Caligiuri. Questo riconoscimento a Scopelliti - ha detto l'assessore - certamente un premio per l'impegno, per la concretezza, per la missione del nostro Presidente. Per la stessa sezione gli altri premiati sono stati il sociologo AntonioMarziale, SantoAlfonsoMartorano, presidente dell'Automobile Club di Reggio Calabria, il tenore Francesco Anile, l'editore DomeniRubino , alla conduttrice televisiva Ornella Fado, all'associazione Calabria International Tours, allo chef Francesco Mazzei ed ancora all'associazione Mutuale e Culturale di Buenos Aires, costituita nel 1927. Alla cantante di Sydney, Angela Arduca, stato invece conferito un premio speciale nell'ambito della sezione giovani. Oltre all'assessore Caligiuri, hanno partecipato alla serata numerose personalit del mondo della politica e della cultura, tra cui il delegato regionale all'emigrazione Alfonsino Grillo e l'assessore della Provincia di Milano, Giovanni De Nicola. A rappresentare la Provincia di Reggio Calabria sono stati il vicepresidente della massima assise reggina, Giuseppe Saletta ed il consigliere Raffaele D'Agostino. La manifestazione, che si svolta con il patrocinio morale di Regione, Provincia e Comune, stata allietata da alcuni famosi brani eseguiti dalla Junior Band - Citt di Gioia Tauro e dall'orchestra giovanile Don Pietro Franco di Taurianova, dirette dal m Cettina Nicolosi, presidente del Conservatorio Francesco Cileadi Reggio Calabria.

Francesco Rubino

co Laruffa, Santi Epasto, ingegnere chimico, lo scrittore Antonio Orso, Cesira Frangella, soprano, ed il pianista Aldo Pietramala. Per la sezione dedicata alle pi significative professionalit di quei calabresi cheoperano all'estero,i premisono andati al managerFrancesco Cesario, all'imprenditore Antonio Rummo, al ricercatore Francesco

Mercoled 7 settembre 2011

Spettacoli e televisione 53
FOTOGALLERY

Il regista presenta fuori concorso Il villaggio di cartone

La Chiesa solidale di Ermanno Olmi


di FRANCESCO GALLO NON bisogna inginocchiarsi davanti al crocifisso, che solo un simulacro di cartone, ma verso chi soffre come gli extracomunitari. Ermanno Olmi in conferenza stampa de 'Il villaggio di cartone, passato ieri fuori concorso alla Mostra Internazionale dArte Cinematografica di Venezia, nonostante i suoi toni miti si toglie pi di un sassolino dalle scarpe. Il film, che vede il suo ritorno alla fiction, racconta di una Chiesa appena dismessa, privata dagli orpelli che fino a poco prima la adornavano (in apertura viene tolto dal soffitto un enorme crocifisso di cartapesta), che trova la sua vera natura evangelica. Ovvero quella di accogliere, come far appunto il vecchio prete (Michael Londsale), una ventina di extracomunitari che a un certo punto pensano bene occuparla. Tra i miti extracomunitari c' per anche chi ha voglia di mettere una bomba. Il villaggio di cartone dice il regista che torna al Lido esattamente dopo 50 anni dal suo debutto con 'Il posto non affatto realistico -. Ogni presenza un simbolo, come appunto il ragazzo che aderisce a questa scelta e considera latto violento come un dovere. Non ci sono solo santi. Non volersi confrontare con gli altri e mettere le bombe una delle tante debolezze umane. Finche le Chiese e noi stessi non ci ribelliamo continueremo ad essere solo maschere e non ancora uomini aggiunge con passione Olmi che dice la sua anche sulla fede. Quando vero il peso dei dubbi deve essere anche superiore alla stessa fede. Occorre sempre avere un muro di dubbi. E facile chiedere come facciamo tutti nei momenti di disperazione: Dio dove sei?. troppo comodo. Dobbiamo rispondere noi stessi a questo appello. Siamo tutti fratelli. Se riusciamo oggi a ritrovare questa solidariet molti problemi del mondi si risolverebbero. La chiesa sconsacrata del vecchio parroco a un certo punto diventa come una specie di accampamento, dove le candele servono per scaldare e la fonte battesimale deposito dacqua da bere. Cosa c' pi importante dellaccoglienza, la sacralit dellaccoglienza tutto replica con forza il regista quando un giornalista gli ricorda come il Cristianesimo poggi
Lattrice Stefania Rocca

Il cantante Tony Renis Una scena del film

anche sulla figura umana e divina di Ges -. I simboli sono sempre ambigui. Quando il mio prete fa appello alla piccola scultura delle sacra famiglia che ha salvato dalla sua chiesa dice non a caso rivolto a Ges:'non riesco a pro-

vare piet perch tu e la tua sofferenza sono troppo lontan. E, infine, da Ermanno Olmi ancora una battuta critica: i cattolici si devono ricordare pi spesso di quanto facciano di essere cristiani.

Il film che ha nel cast anche Rutger Hauer e Alessandro Haber e come sottotitolo 'diabasis' (ovvero il pensiero che diventa atto), stato molto applaudito stamani alla prima stampa, sar in sala con la 01 dal 7 ottobre.

La scelta della regista Arnold per la versione cinematografica del libro della Bronte

Un attore nero per Cime tempestose


di ALESSANDRA MAGLIARO HEATHCLIFF nero. Per la prima volta, tra le numerose versioni cinematografiche del romanzo 'Wuthering Heights' (Cime tempestose) di Emily Bronte, per dare vita al protagonista che affida agli istinti pi animaleschi il modo di vivere lamore impossibile per Catherine, che non pu sposare per ragioni sociali essendo lui un trovatello cresciuto a violenza e odiato da tutti, stato scelto un attore nero. Una cosa voluta racconta la regista AndreaArnold un modo per sottolineare la diversit tra i due, nel romanzo della Bronte che ho riletto pi volte e che mi ha portato allossessione per Heathcliff, lui probabilmente uno zingaro, io ho scelto un attore nero per mostrare quello che la piccola comunit della brughiera mette in atto per tutta la vita di Heathcliff, ossia la caccia al diverso. Lui come un alieno arrivato in quei posti. Alla regista inglese, apprezzata dal pubblico per Red Road e Fish Tank con ambientazioni urbane contemporanee e ieri in concorso a Venezia 68, adattare Cime Tempestose sembrato proseguire un tema che sente molto: chi viene cresciuto in un modo molto rude e violento da bambino, che adulto sar?. Uno dei capisaldi della letteratura inglese, simbolo di tutte le storie damore impossibili che finiscono tragicamente, viene raccontato dallaArnold con originalit che oggi la platea stampa del festival ha apprezzato ma senza unanimit di giudizio innanzitutto raccontando a lungo ladolescenza dei due protagonisti: il trovatello Heathcliff accolto dal capofamiglia ma odiato da tutti tranne che dalla figlia Catherine, selvaggia come la natura che hanno intorno.
Lattrice Violante Placido

La locandina

CONTROCAMPO

Pasta nera, lItalia dellaccoglienza


Il documentario di Piva riporta alla luce una storia di solidariet degli anni Quaranta
LA Pasta nera era quella fatta con i pochi chicchi di grano che rimanevano a terra dopo la trebbiatura, un cibo da gente poverissima. Quell'alimento miserabile in contrasto con le tagliatelle emiliane il simbolo del toccante documentario di Alessandro Piva (il regista della Capagira) presentato ieri a Controcampo italiano, prodotto da Seminal Film, Rai Educational e Cinecitt Luce e distribuito da Cinecitt Luce. Il film riporta alla luce una straordinaria storia di solidariet italiana del primo dopoguerra: laccoglienza offerta tra il 1946 e il 1952 dalle famiglie del CentroNord a pi di 70.000 bambini del Sud, molto spesso orfani. Per quei bambini fu unesperienza fondante della vita: il primo treno, il primo piatto di pasta, il primo letto con le lenzuola. Piva andato a ritrovare quei bambini oggi cresciuti e quegli uomini e soprattutto donne che offrirono un esempio gratuito per ricostruire il Paese. Fu infatti lUdi, lunione donne italiane, lassociazione femminile della Sinistra italiana, a condurre questa catena di solidariet togliendo bambini laceri e denutriti dalle macerie meridionali per farli in qualche modo nascere di nuovo. Il documentario toccante, immagini in bianco e nero, bellissime e dure, con protagonisti ormai nonni, un cortocircuito di emozioni di unItalia che stata e che abbiamo dimenticato. a. m.

Lattore Rutger Hauer

Lattrice Irima Pino Viney

Unimmagine tratta dal documentario

54 Rubriche
lOroscopo
ARIETE
21/3 - 20/4

Mercoled 7 settembre 2011

ilMeteo
oggi domani dopodomani

Oggi siete insolitamente nervosi e il vostro cattivo umore rischia di rovinarvi del tutto la giornata! In campo affettivo desiderereste uno scenario fatto di gesti affettuosi.

TORO

21/4 - 20/5

La vostra solita vivacita' e' spinta al massimo dal benefico aspetto della Luna che, occhieggiando sorridente dal Capricorno, vi da' una marcia in piu'. Previsione per la Calabria. Previsione per la Calabria. Tempo: si intravedono poche variazioni. Il flusso d'aria fresca indurr una certa variabilit diurna, associata a qualche altro temporale pomeridiano. Visibilit: ottima. Venti: settentrionali. Temperatura: stabile Previsione per la Calabria. Tempo: pressione in rialzo, ci vuol dire che ci sar maggior spazio per cieli sereni o poco nuvolosi. Gli spunti temporaleschi pomeridiani saranno minori, ma non del tutto assenti. Visibilit: ottima. Venti: settentrionali. Temperatura: in lieve aumento.

GEMELLI

21/5 - 21/6

Ci sono tante piccole incombenze da sbrigare e qualche questione in sospeso da definire, prima di potervi godere in tranquillita' la serata, col partner e gli amici.

Tempo: l'afflusso d'aria fresca da nord si acuir, ma al contempo di registrer un netto miglioramento che vedr prevalere ampi spazi di sole. Le sole nubi significative coinvolgeranno le zone pi interne del Cosentino, ove non escluso possano verificarsi rari brevi acquazzoni. Visibilit: ottima, o localmente buona. Venti: moderati settentrionali.

CANCRO

22/6 - 22/7

Temperatura: caler ulteriormente, specie nel valore minimo.

Dal punto di vista astrale non avete seri motivi per lamentarvi. Il fatto e' che il vostro umore non e' un granche' e vi fa vedere tutto grigio, non pensateci e distraetevi.

LEONE

23/7 - 23/8

Amantea 11 nodi Bagnara Calabra 13 nodi Ciro' Marina 7 nodi

Crotone 7 nodi Lamezia Terme 11 nodi Reggio Calabria 13 nodi

Roccella Ionica 9 nodi Tropea 11 nodi Riace Marina 9 nodi

Fate in modo di trovare in questa giornata un po' di tempo da dedicare alle vostre occupazioni preferite o ad attivita' ricreative e spensierate.

VERGINE

24/8 - 22/9

Giornata super. Lo dicono una schiera di astri amici che vi sorridono dal segno del Toro e del Capricorno: viaggi, concorsi e lavoro promettono gratificazioni.

ilCruciverba

ilRebus

BILANCIA

23/9 - 22/10

Qualche grana sul lavoro ed ecco che subito mettete il broncio e vi rifugiate in un profondo mutismo. Ma la soluzione e' piu' semplice di quanto crediate.

SCORPIONE

23/10 - 22/11

Qualche bella novita' e alcune manifestazioni di amicizia sincera oggi saranno il piacevole leit motiv della vostra giornata: un'autentica meraviglia!

Soluzione _____________________________________

SAGITTARIO

ilSudoku
Completare lo schema inserendo in ogni casella vuota un numero da 1 a 9, in modo tale che ogni riga , ogni colonna e ogni riquadro di 3x3 caselle, contengano, in qualunque ordine, tutti i numeri dall 1 al 9.

di Pasquale Grande

23/11 - 21/12

Piccoli avvenimenti apparentemente di poco conto punteggiano la vostra giornata. In realta' vi si prepara una serata con i fiocchi! Non prendete impegni.

CAPRICORNO
22/12 - 20/1

Giornata ideale per mettere a frutto le vostre capacita' pratiche e per approfittare di qualche buona opportunita' in campo azionario. Agite, quindi! con metodo.

ACQUARIO
21/1 - 19/2

Non e' il caso di preoccuparsi se oggi non vi riesce di riprendere in mano i fili di una situazione assai ingarbugliata. Riposatevi: un po' di sano relax vi aiutera'.

leSoluzioni

PESCI

20/2 - 20/3

REBUS:

D eco; RA T; O redi; N Terni = Decoratore dinterni

Grinta e intraprendenza: questi sono i bei doni che oggi le stelle non vi faranno mancare. Sfruttateli bene! Troverete il coraggio di porre fine a una relazione.

Mercoled 7 settembre 2011

Televisioni 55

15.00

SERIE TV Un medico in famiglia 6

11.25

TELEFILM Il nostro amico Charly

21.10

SHOW I migliori anni

13.40

SOAP Beautiful

14.05

RUBRICA Il tribunale di Forum

19.25

TELEFILM C.S.I. Miami

20.30

RUBRICA In Onda

06.10 -RubricaAspettando Unomattina 06.30 -TelegiornaleTG 1 06.45 -RubricaUnomattina Estate 07.00 -TelegiornaleTG 1 07.30 -TelegiornaleTG 1 L.I.S. 07.35 -RubricaTG Parlamento 08.00 -TelegiornaleTG 1 09.00 -TelegiornaleTG 1 09.30 -TelegiornaleTG 1 - FLASH 09.35 -RubricaLinea Verde Meteo Verde 09.55 -RubricaAppuntamento al cinema 10.00 -TelegiornaleTG 1 10.45 -TelefilmUn ciclone in convento 11.35 -Serie TvProvaci ancora Prof. 3 13.30 -TelegiornaleTelegiornale 14.00 -RubricaTG1 Economia 14.10 -ShowVerdetto Finale 15.00 -Serie TvUn medico in famiglia 6 16.50 -RubricaTG Parlamento 17.00 -TelegiornaleTG 1 17.10 -Previsioni del tempoChe Tempo 17.15 -TelefilmHeartland 17.55 -TelefilmIl Commissario Rex 18.50 -GiocoReazione a catena 20.00 -TelegiornaleTelegiornale 20.30 -QuizColpo d' occhio. L' apparenza inganna 21.20 -Film TvLa mia casa piena di specchi con Sophia Loren, Enzo De Caro, Gilda Lapardhaja, Nicola Di Pinto 23.45 -TelefilmNon colpevole 00.35 -Rubrica68^ Mostra del Cinema di Venezia 2011 01.05 -TelegiornaleTG 1 - NOTTE 01.35 -Previsioni del tempoChe Tempo 01.40 -RubricaAppuntamento al cinema 01.45 -RubricaSottovoce

06.00 -Prove Tecniche di Trasmissione 06.45 -RubricaRai Educational. Tracy & Polpetta 07.00 -RubricaCartoon Flakes 10.30 -RubricaTG2punto.it estate 10:31 - TelegiornaleTG 2 10.50 -RubricaTG2 Medicina 33 10.55 -RubricaAchab 11.10 -RubricaTG 2 Estate Costume 11.25 -TelefilmIl nostro amico Charly 12.10 -TelefilmLa nostra amica Robbie 13.00 -TelegiornaleTG 2- GIORNO 13.30 -RubricaTG 2 E...state Costume 13.50 -RubricaMedicina 33 14.00 -TelefilmGhost Whisperer 14.50 -TelefilmArmy Wives 15.35 -TelefilmSquadra Special Colonia 16.20 -TelefilmThe Good Wife 17.05 -TelefilmLife Unexpected 17.45 -TelegiornaleTG 2 Flash L.I.S 17.50 -RubricaRai TG Sport 18.15 -TelegiornaleTG 2 18.45 -TelefilmCold Case 19.35 -TelefilmSenza Traccia 20.30 -TelegiornaleTG2 - 20.30 21.05 -TelefilmSquadra Speciale Cobra 11 22.45 -Telefilm Supernatural 23.35 -TelegiornaleTG 2 23.50 -Show Base Luna Remix 00.25 -RubricaRai 150 anni 01.15 -RubricaTG Parlamento 01.25 -TelefilmAnna Winter - In nome della giustizia 02.15 -RubricaAppuntamento al cinema 02.20 -SportRai Sport. Reparto Corse

06.30 -RubricaIl caff di C. Mineo 08.00 -RubricaRai 150 anni. 09.00 -FilmErcole e la regina di Lidia con Steve Reeves, Sylva Koscina, Sergio Fantoni - regia di Pietro Francisci (Italia) - 1958 10.40 -RubricaCominciamo Bene 11.10 -TelegiornaleTG3 Minuti 12.00 -TelegiornaleTG3 12.25 -RubricaCominciamo Bene 13.00 -RubricaCominciamo Bene 13.10 -TelefilmLa strada per la felicit 14.00 -TelegiornaleTG Regione 14.20 -TelegiornaleTG3 14.50 -RubricaFIGU. persone notevoli 14.55 -TelegiornaleTG3 LIS 15.00 -TelefilmThe Lost World 15.45 -FilmThe Year of Getting to Know Uscon Jimmy Fallon, C. Ellison 17.20 -RubricaGEOMagazine 2011 18.55 -Previsioni del tempoMeteo 3 19.00 -TelegiornaleTG3 19.30 -TelegiornaleTG Regione 20.00 -RubricaBlob a Venezia 2011 20.15 -TelefilmSabrina vita da strega 20.35 -TelefilmUn posto al sole 21.05 -FilmI nuovi mostri 22.45 -TelegiornaleTG Regione 22.50 -TelegiornaleTG3 Linea notte 23.25 -Rubrica Alessandro Rebecchi presenta: DOC 3 00.20 -RubricaAppuntamento al cinema 00.25 -RubricaRai Educational - Gate C 01.00 -FilmQuerelle de jardins 01.15 -FilmFaux raccord Henry Alekan 01.25 -FilmLes divisions de la nature 01.55 -RubricaVent' anni prima

06.00 -TelegiornalePrima pagina 07.55 -NewsTraffico 07:57 -NewsMeteo 5 07:58 -NewsBorse e monete 08.00 -TelegiornaleTg5 - Mattina 08:50 -FilmL'eredita' 09:46 -NewsMeteo 5 09:48 - TelegiornaleTg5 - Ore 10 11.00 -RubricaForum 13.00 -TelegiornaleTg5 13:39 -NewsMeteo 5 13:40 - Soap OperaBeautiful 14.10 -Soap OperaCentovetrine 14:45 - Film TvLilly Schonauer - Il destino di Charlotte - Commedia 15.15 -TelegiornaleTgcom 15:16 - NewsMeteo 5 16.45 -FilmUn'estate a Citta' del Capo 17.30 -TelegiornaleTg5 - 5 minuti 17.35 -NewsMeteo 5 18.30 -GiocoAvanti un altro 19:44 - TelegiornaleTg5 - Anticipazione 19.45 -GiocoAvanti un altro 20.00 -TelegiornaleTg5 20:39 - NewsMeteo 5 20.40 -Show Paperissima Sprint 21.20 -Miniserie Anna e i cinque 2 23.30 -News Speciale Tg5

06.30 -TelefilmZorro 07.00 -TelefilmStarsky e Hutch 08.05 -TelefilmHunter 09.30 -TelefilmR.I.S. delitti imperfetti 10.50 -RubricaRicette di famiglia 11.25 -TelegiornaleAnteprima tg4 11.30 -TelegiornaleTg4 11:54 -NewsMeteo 11:58 - TelegiornaleTg4 12.00 -NewsVie d' Italia - Not sul traffico 12:02 - TelefilmDetective in corsia 13.00 -TelefilmLa signora in giallo 14.05 -Rubricail tribunale di Forum 15.10 -TelefilmHamburg distretto 21 16.15 -Soap OperaSentieri 16.35 -FilmUn maggiolino tutto matto con Dean Jones, Michele Lee, Buddy Hackett, David Tomlinson 17:12 - TelegiornaleTgcom 17.15 -NewsVie d' Italia - Not sul traffico 18.50 -TelegiornaleAnteprima tg4 18.55 -TelegiornaleTg4 19:19 - NewsMeteo 19:23 - TelegiornaleTg4 19.35 -TelefilmTempesta d'amore 20.30 -TelefilmWalker Texas Ranger 21.10 -FilmL.A. Confidential con Kevin Spacey, Russell Crowe, Guy Pearce, James Cromwell, Kim Basinger - regia di Curtis Hanson (U.S.A.) - 1997 21:52 - TelegiornaleTgcom 21.55 -NewsMeteo 00.05 -FilmLady in the water con Paul Giamatti, Bryce Dallas 01:33 - TelegiornaleTg4 night news 02.35 -FilmL'importante e' non farsi notare

06.00 -Sit ComDrake & Josh 06.40 -TelefilmBaywatch 08.20 -CartoniMy Little Pony l'amicizia e' magica 08.35 -CartoniL'ape maia 09.00 -CartoniSpank tenero rubacuori 10.00 -CartoniTom & Jerry 10.10 -CartoniZig & Sharko 10.25 -TelefilmNini' 11.25 -TelefilmUna mamma per amica 12.25 -TelegiornaleStudio Aperto 12:58 -NewsMeteo 13:02 -NewsStudio Sport 13.40 -CartoniDetective Conan 14.10 -TelefilmI Simpson 15.00 -Sit ComHow i met your mother 15.30 -TelefilmO.C. 16.20 -TelefilmO.C. 17.10 -Sit ComHannah Montana 18.05 -Sit ComLove Bugs 18:28 - TelegiornaleAnticipazioni 18.30 -TelegiornaleStudio Aperto 18:58 -NewsMeteo 19.00 -NewsStudio Sport 19.25 -TelefilmC.S.I. Miami 20.20 -Telefilm C.S.I. Miami 21.10 -Gioco The Cube, La sfida

06.00 -TelegiornaleTg La7/meteo/oroscopo/traffico - Informazione 06.55 -RubricaMovie Flash 07.00 -RubricaOmnibus 07.30 -TelegiornaleTg La7 09.45 -RubricaIn Onda - Estate R 10.25 -AttualitLe vite degli altri 11.25 -Telefilm Chiamata d'emergenza 12.30 -ShowCuochi e fiamme 13.30 -TelegiornaleTg La7 Informazione 13.55 -Film Bullseye! con Michael Caine, Roger Moore, Sally Kirkland, Deborah Moore regia di Michael Winner (GB/USA) - 1990 16.00 -RubricaMovie Flash 16.05 -DocumentarioLa7 Doc 17.00 -Telefilm L'ispettore Barnaby 19.00 -TelefilmRelic Hunter 20.00 -TelegiornaleTg La7 Informazione 20.30 -Rubrica In Onda 21.10 -Miniserie I Kennedy 23.40 -Telegiornale Tg La7 - Informazione

PRIMA SERATA

00.30 -TelegiornaleTg5 00:59 - NewsMeteo 5 01.00 -ShowPaperissima Sprint 01.35 -TelefilmTelefilm 04.00 -TelefilmTelefilm 05:31 - TelegiornaleTg5-notte-replica

00.00 -FilmGli scaldapanchina con Rob Schneider, D. Spade 00:58 - TelegiornaleTgcom 01:01 -NewsMeteo 01.45 -ShowPoker1mania 02.35 -TelegiornaleStudio Aperto

23.50 -Rubrica Movie Flash 23.55 -Telefilm N.Y.P.D Blue 02.05 -Rubrica La7 Colors

leTrame
CANALE 5 ORE 08.50 RETE 4 ORE 16.35

LEREDIT
con Meredith Baxter, Tom Ti, Cari Shayne regia di Bobby Roth (U.S.A.) - 1997 Edith Adelon una ragazza orfana cresciuta come una figlia dalla famiglia Hamilton, di cui si sente parte integrante. Fa da governante alla giovane Amy, che la considera una sorella, e in quell'ambiente caldo e rassicurante si sente perfettamente felice e realizzata, fin quando una serie di vicissitudini fa crollare questo equilibrio. Mr. Hamilton, morendo, rivela a Edith di essere in realt figlia di suo fratello John, e di esserne l'erede legittima. Ma dopo la morte...

UN MAGGIOLINO TUTTO MATTO


con Dean Jones, Michele Lee, Buddy Hackett, David Tomlinson, Joe Flynn - regia di Robert Stevenson (U.S.A.) - 1969 Jim ha perso la sua automobile in una gara e acquista da Peter, un altro pilota, un "maggiolino" per poter continuare a gareggiare. L'auto si comporta in modo strano. Jim convinto si tratti di problemi meccanici, ma in realt perch il mezzo ha un'anima. Solo col tempo Jim se ne rende conto. Nel frattempo i due a poco a poco fraternizzano e diventano compagni inseparabili di gare e di vittorie...

CANALE 5

ORE 14.45

RETE 4

ORE 21.10

IL DESTINO DI CHARLOTTE
con Julia Dietze, Patrick Rapold, Peter Weck, Johanna Mertinz - regia di Heidi Kranz (Germania) - 2007 La giornalista Charly Stein cresciuta senza conoscere i suoi genitori naturali. Quando, sfogliando il dpliant di un castello nobiliare, si imbatte nella foto di una donna che le somiglia incredibilmente, finge un interesse professionale per presentarsi ad Andreas Ehrenfals, proprietario del maniero...

L.A. CONFIDENTIAL
con Kevin Spacey, Russell Crowe, Guy Pearce, James Cromwell, Kim Basinger regia di Curtis Hanson (U.S.A.) - 1997 A Los Angeles, negli Anni 50, tre poliziotti molto diversi tra loro indagano su una sparatoria in un bar, che costata la vita a sei uomini. Sono il grintoso Bud, lintegerrimo Ed e lambiguo Jack. durante le indagini simbatteranno in Lynn, una squillo bellissima e misteriosa ...