Sei sulla pagina 1di 7

Collezionare lontano dalla “capitale”. Il caso di palazzo Descalzi a Chi

http://www.altritaliani.net/spip.php?article781

Voyages en ItalieS

Collezionare lontano dalla “capitale”. Il caso di palazzo Descalzi a Chiavari nel Settecento, di Raffaella Fontanarossa

Firenze, Edifir, 2011

sabato 18 giugno 2011 di Rino Vaccaro

Firenze, Edifir, 2011 sabato 18 giugno 2011 di Rino Vaccaro Collezionare lontano dalla “capitale” offre agli

Collezionare lontano dalla “capitale” offre agli amatori d’arte un’occasione unica e irripetibile: quella di entrare nelle sale del settecentesco palazzo Descalzi di Chiavari (Genova), scoprendo cosi’ uno dei tanti tesori nascosti della Liguria, regione sempre più soffocata dalla cementificazione edilizia.

Negli ultimi decenni sulla riviera ligure di levante si è consumata una grave alterazione ambientale. Spesso, e ciò avviene anche per i beni naturali e ambientali, un bene culturale o un semplice manufatto, testimonianza della cultura materiale di una località, viene distrutto perché semplicemente non se ne valuta l’importanza e il valore storico e umano; altrimenti non si spiegherebbe tanto accanimento nella distruzione della identità dei luoghi. A volte si salva fortunosamente il monumento emergente ma sparisce il contesto perché vengono stravolte e cancellate anche le testimonianze del passato: tracce sempre più labili e illeggibili.

Per questo leggere un testo come quello di Raffaella Fontanarossa, «Collezionare lontano dalla “capitale”. Il caso di palazzo Descalzi a Chiavari nel Settecento», che recupera alcune importanti testimonianze d’arte e architettoniche e che esprime al contempo passione civile e culturale, memoria e rigore filologico, desta davvero meraviglia.

memoria e rigore filologico, desta davvero meraviglia. è stato ignobilmente sacrificato che s’accompagna allo

è stato ignobilmente sacrificato

che s’accompagna allo smembramento degli apparati

] interventi di

restauro recenti ne hanno stravolto sia le caratteristiche esteriori sia le volumetrie degli interni arredi e

quadrerie». E ancora

immaginativo per guardare oltre l’inquinamento visivo prodotto dall’ondata cementifera a partire dagli

anni 60 del secolo scorso.»

«la ricerca di quest’ultima residenza comporta anche un notevole sforzo

Scrive ad esempio l’autore a proposito di Palazzo Torriglia: «[

all’attuale destinazione d’uso a pubblici uffici [

decorativi e delle collezioni d’arte». E più oltre a proposito di Palazzo Costa Zenoglio : «[

]

]

Trovo particolarmente meritevole recuperare testimonianze d’arte e di storia del passato: per capirci,

Collezionare lontano dalla “capitale”. Il caso di palazzo Descalzi a Chi

http://www.altritaliani.net/spip.php?article781

prima di quel devastante “urbicidio” che ha caratterizzato il secolo scorso.

Dopo due guerre mondiali e altre minori nel cuore del vecchio continente (ultima la Jugoslavia) che hanno distrutto e cancellato testimonianze irripetibili della cultura europea un bilancio non è stato fatto e non si sa se verrà fatto perché prevale l’agiografia e la retorica. Sarebbe invece importante, oltre la memoria delle troppe vite umane straziate, avvertire anche la devastazione insensata del patrimonio storico artistico dell’Europa; penso, per la sola Liguria, all’archivio genovese del trecento, alle bombe che hanno distrutto Santa Maria di Castello e l’intero centro storico a Genova, le cui macerie sono rimaste per decenni, in un degrado assurdo.

La cosidetta “ricostruzione” nel dopoguerra ha completato l’opera: ricordo le demolizioni insensate nel centro storico di Genova a partire dal teatro Carlo Felice e le nuove costruzioni come il grattacielo Carige o il palazzo color wurstel della Regione Liguria, per non parlare delle riviere (provate a fare un confronto con gli acquarellisti dell’800) per capire che cosa si è perduto con guerra e dopoguerra !

Spesso sono piuttosto musicisti, pittori, artisti e poeti a farci intendere il valore dei luoghi.

Fredde e tecniche relazioni urbanistiche infatti non colgono la qualità del territorio, spesso annullato nella sua valenza naturale - culturale e trasformato in una indifferenziata “area edificabile”, un vuoto che in realtà non esiste se non nella mente della speculazione immobiliare.

esiste se non nella mente della speculazione immobiliare. Palazzo Descalzi a Chiavari Il volume di Raffaella

Palazzo Descalzi a Chiavari

Il volume di Raffaella Fontanarossa approfondisce problemi peculiari di architettura e urbanistica: dalla cartografia settecentesca di Matteo Vinzoni alla evoluzione successiva della città, dalla demolizione dell’antica cinta muraria - con una schedatura delle dimore barocche cittadine - per poi approfondire singoli casi, quello in particolare di Palazzo Descalzi e delle sue collezioni d’arte nel contesto del rapporto con Genova ma non solo.

Nel volume non viene trascurata l’economia agricola con le colture dell’olivo, della vigna e del castagno,

] per esportare un

]si sono serviti

prezioso marmo dove dal porto di Chiavari, dove essi stavano per allestire il loro palazzo [

la via della seta o meglio l’arte della tessitura e anche il ruolo marinaro della città ( «[

Collezionare lontano dalla “capitale”. Il caso di palazzo Descalzi a Chi

http://www.altritaliani.net/spip.php?article781

di una nave dei Descalzo. La rotta seguita collegava Roma con la riviera ligure transitando per il porto di

Livorno»).

Viene analizzata l’architettura delle dimore storiche e dei giardini, il rapporto tra il palazzo urbano e la villa-dimora signorile in campagna.

Il sistema extra-moenia degli orti cittadini e, oltre il giardino il sistema irriguo dei pozzi per l’orto frutteto

agrumeto: la campagna non era così separata ed “entrava” in città. Il volume descrive il settecentesco palazzo Descalzi di Chiavari (Genova), le sue collezioni d’arte, mai, prima d’ora, fotografate e studiate. Nel contesto di un complesso monumentale (architettura, giardini, ma anche archivi e biblioteca) del tutto straordinario.

ma anche archivi e biblioteca) del tutto straordinario. Simone Barabino, Lo sposalizio della vergine, palazzo

Simone Barabino, Lo sposalizio della vergine, palazzo Descalzi

L’inventario della quadreria originale è composto da oltre un centinaio di dipinti riconducibili soprattutto

al barocco genovese ed europeo, si tratta di un centinaio di dipinti prevalentemente di epoca barocca e di

scuola genovese come, per esempio, la Contesa di Apollo e Pan di Giovanbattista Paggi, due tele di Simone Barabino, due di Domenico Piola, alcuni Gio Andrea De Ferrari. Giovanni Andrea Carlone, Cesare Corte e Giovan Battista Merano sono analogamente rappresentati. In ossequio alla migliore tradizione genovese, la raccolta schiera anche alcuni dipinti di matrice fiamminga e dispone di alcune eccellenti copie antiche tra cui spicca quella della Crocifissione di san Pietro di Caravaggio.

Collezionare lontano dalla “capitale”. Il caso di palazzo Descalzi a Chi

http://www.altritaliani.net/spip.php?article781

a Chi http://www.altritaliani.net/spip.php?article781 Copia antica della Crocifissione di san Pietro di Caravaggio

Copia antica della Crocifissione di san Pietro di Caravaggio

Nell’esiguo gruppo di sculture si distinguono, per la sorprendente qualità, due coppie di busti attribuibili rispettivamente a Pierre Puget e a Filippo Parodi. Si conserva anche una collezione di argenti “torretta”, il tipico marchio della Repubblica di Genova, corredata da punzoni datari che permettono di collocare l’intera serie intorno al 1762, ovvero agli anni cruciali per la formazione di tutta la collezione Descalzi.

Naturalmente i citati oggetti d’arte sono disposti secondo il gusto dell’epoca tra arredi, stucchi e specchiere, espressioni caratteristiche del cosiddetto barocchetto genovese.

Sul ritrovamento di un inventario antico dei dipinti poggia la ricostruzione filologica degli ambienti della residenza e del suo allestimento.

Collezionare lontano dalla “capitale”. Il caso di palazzo Descalzi a Chi

http://www.altritaliani.net/spip.php?article781

a Chi http://www.altritaliani.net/spip.php?article781 Specchiera rococo’ del salottino Descalzi Questo

Specchiera rococo’ del salottino Descalzi

Questo inventario fa parte dell’archivio storico privato della famiglia Descalzi che, come l’architettura del palazzo e come l’insieme dei suoi arredi, giunto fin qui inedito, oltre a rappresentare di per sé un bacino di particolare interesse storico-artistico, consente di ricostruire le vicende in seguito a cui, nel corso del sec. XVIII, questa casata va progressivamente affermandosi nel tessuto sociale e economico della città di Chiavari. Un’ascesa, quella dei Descalzi, che culmina proprio con la costruzione del palazzo di via Marinetti e con la formazione della relativa collezione: contenitore e contenuto costituiscono un complesso monumentale stilisticamente compatto e, di fatto, unico. Le classiche schede critiche, col catalogo ragionato delle opere d’arte della collezione Descalzi Gagliardo qui rese note per la prima volta, chiudono la ricerca. In assenza di letteratura specifica sul tema del collezionismo chiavarese in età barocca, la fortuita scoperta del palazzo e della raccolta dei Descalzo- Gagliardo, mai, prima d’ora, indagata, ha rivelato altri episodi di collezionismo chiavarese analoghi a quello di partenza.

ha rivelato altri episodi di collezionismo chiavarese analoghi a quello di partenza. 5 de 7 21/07/2011

Collezionare lontano dalla “capitale”. Il caso di palazzo Descalzi a Chi

Il salone di palazzo Descalzi a Chiavari

*

http://www.altritaliani.net/spip.php?article781

a Chiavari * http://www.altritaliani.net/spip.php?article781 Il salone di palazzo Descalzi a Chiavari Il tema degli altri

Il salone di palazzo Descalzi a Chiavari

Il tema degli altri palazzi sei-settecenteschi della città viene a precisarsi e a svilupparsi solo in questa sede.

Per esempio con Palazzo Falcone Marana (Chiavari, via Raggio), eccezionalmente visibile solo recentemente e anch’esso miracolosamente integro dei suoi tesori d’arte fra cui i cicli decorativi dovuti al “fiorentino” Giuseppe Galeotti (1733-’47). La straordinaria occasione di accedere a quest’altra dimora privata di Chiavari garantisce un termine di paragone concreto che determina anche la valorizzazione del caso delle collezioni.

Quale modello di collezionismo a Chiavari nel Settecento, inoltre, l’insieme del palazzo, delle sue raccolte

e dei suoi giardini, è riconducibile alla complessa problematica metodologica espressa dal dualismo centro-

periferia, ovvero al rapporto tra questa particolare emergenza storico-artistica sita nella riviera ligure di levante e quelle presenti a Genova, “capitale” culturale della regione. In quest’ottica, il caso di palazzo Descalzi si può analizzare, più che nell’orbita di un centro (Genova), in una posizione ad esso complementare. Più in generale la storiografia di Genova e della Liguria, a lungo rubricata, per l’età moderna, sotto el siglo de los genoveses, sente ora il bisogno di una rilettura, soprattutto per vedere sotto una nuova luce, da una delle sue periferie più significative, il secolo successivo, il Settecento.

Il caso di palazzo Descalzi è inoltre l’occasione per presentare una prima rassegna di altri edifici barocchi

di Chiavari e rivelare il ruolo delle grandi famiglie e della borghesia tra settecento e ottocento.

— -

Rino Vaccaro

Raffaella Fontanarossa, "Collezionare lontano dalla “capitale”. Il caso di palazzo Descalzi a Chiavari nel Settecento", Firenze, Edifir, 2011. Prefazione di Mauro Natale, Università di Ginevra (Svizzera)

— -

Dans les librairies italiennes de Paris :

pour les lecteurs d’Altritaliani.net, réduction de 5% sur tous vos achats et commandes, même par correspondance, sur impression de cette page.

Collezionare lontano dalla “capitale”. Il caso di palazzo Descalzi a Chi

La Tour de Babeldalla “capitale”. Il caso di palazzo Descalzi a Chi 10, rue du Roi de Sicile, 75004

10,

rue du Roi de Sicile, 75004 Paris

tel

01 42 77 32 40

http://www.librairieitalienne.com/

La Libreriatel 01 42 77 32 40 http://www.librairieitalienne.com/ 89, rue du Fbg Poissonnière, 75009 Paris tel 01

89,

rue du Fbg Poissonnière, 75009 Paris

tel

01 40 22 06 94

http://www.libreria.fr/store/

http://www.altritaliani.net/spip.php?article781

Nota sull’autore:

Raffaella Fontanarossa (r.fontanarossa@libero.it) dopo la laurea in Storia dell’arte moderna all’Università

di Bologna (1996), un perfezionamento a Roma Tre in didattica generale e museale (1999), e

parallelamente alla specializzazione in Archeologia e Storia dell’arte all’Università di Firenze (2000) e al

dottorato, sempre in Storia dell’arte, a Ginevra (2009), svolge da oltre un decennio la sua attività

professionale nel settore dei beni culturali per cui, fra l’altro, è stata a lungo conservatore dei musei civici

di Chiavari (Genova). Negli ambiti della connoisseurship, della geografia artistica e della storia del

collezionismo conduce anche un’intensa attività di ricerca, parzialmente confluita in una quarantina di pubblicazioni. Giornalista pubblicista, ha al suo attivo oltre trecento articoli sulle politiche culturali, nonché recensioni di mostre, musei e libri. Attualmente è professore a contratto di Museologia all’Università di Roma