Sei sulla pagina 1di 8

2 02 3

n.-Apr.
N. 1 Ge

Anno LVIII - Periodico trimestrale - Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma 2, DCB Parma

amare per amare Domenica Guatteri pf

S e si volesse dare una luce di un nuovo giorno e


definizione un po’ strana che raccoglie tutti i tempi
alla Pasqua, al mistero nel Tempo che non ha
pasquale a ciò che Gesù inizio, né fine: il tempo
ha fatto e compiuto per la dell’esultanza e della gio-
salvezza di tutti noi, pos- ia, è per noi e vive di noi.
siamo dire che è proprio Gesù nella morte ha libe-
la strada dell’Amare per rato tutto e tutti, nella
Amare, del fare le piccole Risurrezione ha aperto la
cose, perché sono le gran- strada verso il cielo, per-
di cose dell’Amore. ché ognuno di noi possa
Sì, Gesù amava ed ama “gettarsi” nel suo amore
semplicemente. Lui era ed infinito.
è l’Amore. Ieri, oggi e do- “Della grazia del Signore
mani. Perché? “C’era una è piena la terra!” in Lui
volta uno stormo di uccel- ogni pienezza di vita, di
li, posati a terra desiderosi dono e di consolazione,
di volare verso il cielo. per tutti: per chi vive e
Ogni volta, che qualcuno muore nella esperien-
spiccava il volo, veniva re- za della guerra, per chi
spinto da una grande rete, piange e spera, quando e
scaraventato a terra. Uno dove la terra trema, per
di loro si fece coraggio. chi muore nel mare alla ri-
Voleva volare, essere libe- cerca di una nuova vita…
ro, si attaccò alla rete, a dal cuore di tutti sale una
forza di becco, di ali e di zampe fece un buco nella preghiera: “Proteggimi, o Dio, in te mi rifugio! Ha
rete. Tutto sanguinante volò verso l’infinito. Tutti sete di te, Signore, l’anima mia!”
gli uccelli, uno alla volta presero il volo”. La Pasqua è di tutti e per tutti. Nel sepolcro il buio
Il desiderio, la forza e si trasforma in luce, la morte in vita. “Cantiamo al
SOMMARIO
l’ardire di uno per tutti. Signore, stupenda è la sua vittoria!”
Uno per tutti e tutti per “Chi ci separerà dall’amore di Cristo? Forse la tri-
ES
2-3 BLOC-N ndo in città
OT uno. È la legge dell’amo- bolazione, l’angoscia, la persecuzione, la fame, il
- Missiona re. È l’Amore solidale, pericolo, la spada…in tutte queste cose noi siamo
mini
- Perù: Nuovi cam
che si dona, arricchisce e più che vincitori per virtù di Colui che ci ha amati…”
ITÀ DEL
4-5 CONGO: FECOND libera dal male. È l’Amo- (Rm 8)
CARISMA
ICALE re che consola, illumina,
6-7 ASSOCIAZIONE LA riscalda e dona la gioia
BLOC-NOTES Carissime lettrici e lettori,
- Non è un film e la luce di una nuova il Risorto sia PACE nelle vostre vite,
vita. nelle vostre case e in quelle di ogni casa
8 Emergenze / PROFILI
La Pasqua è la grande nel mondo.
notte che si apre alla

PICCOLE FIGLIE 1 GEN.-APR. 2023


missionando in città Franca Davighi pf e Lucia Martini pf

i motivi per vivere”. Un fruttiven-


dolo in attesa di vendere la sua
frutta: “Grazie, abbiamo bisogno
di ritornare a credere in Dio. ”
Una bimba riceve il foglietto con
l’invito ad ascoltare la voce di
Gesù. “Io ascolto la musica” …
È veramente un’esperienza che
ci conferma la necessità di uscire,
seminare, ascoltare. Il Signore apre
il loro cuore perché le persone
avvicinate scoprano in una parola,
Cronaca di quaresima. Da poco foglietti sono esauriti, rimane l’en- in un sorriso, quello di cui tutto
rientrate dalla missione del Perù, tusiasmo in cuore che conferma la il loro essere ha sete di sentire.
sr Lucia ed io siamo impazienti di missione del giorno come “cosa Non possiamo tacere quello che
ravvivare l’ardore dell’annuncio buona da farsi” abbiamo visto, udito e ricevuto.
del Vangelo che negli anni si è Non ci stupiamo se tra i tanti “gra- Lui cammina davanti a noi.
acceso dentro bruciando, e ora zie suora” incontriamo indifferen-
scalpita. Abbiamo improvvisato za e disinteresse con la pubblica
per il tempo di Quaresima, un dichiarazione: “io sono Ateo”. Tra Direttore Responsabile
modo semplice e “artigianale” di il cordiale saluto, il breve annun- Tilla Brizzolara pf

fare missione in città, qui a Parma. cio, il consenso unanime e lo sfogo In Redazione
Angela Giubertoni pf, Domenica Guatteri pf
Con un pacchetto di fogli illustrati della propria solitudine, rientria- Hanno collaborato a questo numero
a “vignetta”, in modo che risalti mo felici in comunità portando Franca Davighi pf
Lucia Martini pf
la Parola “chiave” del Vangelo alla preghiera gli incontri vissuti. Sofia Morales pf
Georgette Nzikoluriho pf
della domenica: è questa la forma Continuando ogni domenica arri- Emerence Katako pf
Libota Muzaliwa Immaculée pf
nostra di diffusione consegnata da veremo ad esplodere con grande Salome Sifa Mariane pf
persona a persona. Camminando e atteso annuncio pasquale; dopo Néstor Cabrera Mori
Maria Rosa Campolattano
tra la folla, a noi sconosciuta, ci di che si vedrà come uscire ad an- Rosanna Antonelli
“immischiamo” in questo movi- nunciare cosa inventa lo Spirito. Amministrazione
Parma - Piazzale S. Giovanni, 7
mento di persone, lasciandoci illu- Tel. 0521.280311
Fax 0521.235753
minare dallo Spirito, che ci accom- Guai a me se non annuncio. Aut. Trib. di Parma n. 387 del 21.1.1986
pagna con la sua Parola e che fa Sr Lucia riprende alcuni testi dalla Redazione:
Parma - Piazzale S. Giovanni, 7
breccia. Ci troviamo ora tra le ban- Evangelii Gaudium di papa Fran- e-mail: tilla@pfiglie.org
carelle del mercato o sotto i portici cesco che invita ad uscire dalle no- Progetto grafico:
Studio Zani (Parma)
di via Mazzini, stre chiese, dalle
Impaginazione e Stampa
poi entriamo in nostre comodità Tipografia Pubbliprint Grafica
un negozio… e a raggiungere Traversetolo (Parma)

e sostiamo sui le periferie. Poi


marciapiedi nei ci testimonia:
borghi e nelle Con il fuoco dello
piazze della città. Spirito è matu-
La nostra locan- rato il desiderio
dina è preziosa, di andare nella PER LE MISSIONI
INTESA SANPAOLO SPA - PR
ci apre la strada al breve dialogo semplicità, e nella povertà, a piazza Cesare Battisti
dopo ogni saluto: ora con i giova- seminare piccoli messaggi alle IT 77 S 03069 12765 100000002739
intestato a ISTITUTO PICCOLE FIGLIE
ni, ora con gli anziani… anche i persone: in città, nei borghi, nelle Causali da indicare: CONGO, CILE, PERÙ

venditori ambulanti che sbraitano piazze, ai bar, al mercato, sotto i


La Congregazione “Piccole Figlie”
i loro prodotti e perfino le fami- portici…è questa per noi oggi la esprime il suo più vivo ringraziamento
glie che passeggiano tranquille nostra “periferia”. Livio, seduto a tutti coloro (e sono tanti!) che hanno
inviato offerte per il presente Giornalino,
con i loro figli. Interessate sono le sul marciapiede con la sua chitarra l’Hospice, il Congo, il Perù e le tante
necessità a cui la carità ci spinge...
casalinghe affaccendate con i loro suona e riceve qualcosa per vivere.
carrelli, che sostano, ascoltano con Prende il messaggio, ringrazia. Con il tuo aiuto puoi
sostenere l’Associa-
l’orologio alla mano, poi sorridenti Dice: “Per me Dio è Amore”! Al zione “Amici delle
si immergono nuovamente nelle tavolino di un caffè, un papà con Piccole Figlie” che
raccoglie fondi per
loro cosa da “fare”. Il tempo pas- la sua ragazzina: “Grazie, c’è mol- l’Hospice - Cen-
tro Cure Palliative
sa dentro quelle vie e i borghi; i to bisogno di insegnare ai giovani Piccole Figlie, firmando per il 5 X 1000 nella tua
dichiarazione dei redditi.
Una semplice firma a costo zero per un importante
sostegno!
PICCOLE FIGLIE 2 GEN.-APR. 2023
il coraggio di nuovi cammini Sofia Morales pf

Lima 11 febbraio 2023. Apriamo


nuovi cammini, il tema del ritiro
vocazionale del gruppo Berakha di Dio sono perfetti. Con Cristo e
che è stato organizzato in collabo- Maria tutto!”
razione con alcuni sacerdoti amici.
La giornata è iniziata alle 8 del Ana Cristina Alvarado Chaviguri
mattino, le ragazze sono arrivate “Come sono arrivata a vivere
puntualissime, ci ha raggiunto il questa esperienza? Un giorno sr
nostro relatore il salesiano Martin Katherina mi aveva inviato un
Cipriano, e con noi c’era anche un messaggio facendomi l’invito. Poi
seminarista che ci ha aiutato con alcuni giorni dopo, anche il mio
la animazione dei canti. Insieme parroco mi faceva lo stesso invito;
a noi undici ragazze della nostra allora ho cominciato a pensare che
diocesi, alcune di loro condividono forse questo era un cenno di Dio,
la propria esperienza con noi. che mi invitava ad interrogarmi
Leidy Brancacho Rivera “Il ritiro mi sulla mia vocazione e questa è
ha aiutato a rendermi conto che una inquietudine che ho da tanto
mi ero allontanata da Dio, che mi tempo. Così ho fatto la scelta di
sono lasciata trascinare dalle cose fatto il sacerdote della mia parroc- partecipare al ritiro e dedicare una
che erano nuove per me, ma che chia. Quando è arrivato il giorno giornata a questa incognita.
non davano un senso alla mia vita. del ritiro non avevo più paura, Quando è arrivato “il gran giorno”
Questa giornata è stata per me ho conosciuto a sr Katherina e sr non volevo avere delle aspettative,
un’opportunità per ricominciare, Sofía che ci hanno accompagna- solo viverlo con il cuore aperto. La
per rendermi conto che posso ave- to durante tutto il ritiro. Poi ho giornata è cominciata con un eser-
re delle cadute nel mio camino di conosciuto le altre 10 ragazze; cizio per poter ascoltare noi stesse,
fede, ma che non è mai tardi per eravamo diverse, ma sentivo che poi una condivisione di gruppo,
riprendere il cammino e guardare c’era qualcosa che ci univa: la gioia una meditazione, e già con questo
Cristo e correre verso di Lui, come di servire Dio, di adorarlo, di lodar- cominciavo ad avere delle piccole
una bimba attesa dal Padre a lo. Cantavamo insieme, ridevamo, inquietudini. Il pranzo è stato il
e godevamo insieme di migliore momento per conoscer-
quella giornata di ritiro. ci: abbiamo potuto condivivere
Abbiamo avuto un super un po’ delle nostre esperienze.
équipe con cui ho esperi- Nel pomeriggio abbiamo avuto
mentato ancora un’altra un’altra meditazione e la preghie-
volta il grande amore che ra del rosario. Ci siamo sentite
Dio ha per me attraverso accompagnate da Maria, nostra
i fratelli e le sorelle che Madre, e la sua presenza è stata
ho conosciuto in questo molto importante in questo ritiro;
incontro. recitare il rosario mentre cammi-
Durante il ritiro ho avuto navamo nel verde ci ha aiutato a
l'opportunità di fare un rimanere in un clima di preghiera.
viaggio nel mio intimo: Due momenti importanti di questa
ascoltandomi ma anche giornata sono stati la Santa Messa
ascoltando quello che Dio l’adorazione, nella quale ho potuto
voleva dirmi e i piani che parlare con Dio e lasciare nelle sue
ha per me; precisamente mani i miei dubbi, le mie inquietu-
braccia aperte. Inoltre, mi ha aiu- su questo sempre ho avuto ansia. dini che crescevano con lo svolgersi
tato ad avere il coraggio per sce- Finalmente, ho capito che Dio della giornata.
gliere Lui e accorgermi che le mie vuole che stia in pace e che è im- Dopo questa giornata mi sono resa
attese sono sempre superate dai portante che io apra il mio cuore. conto che questa inquietudine è
disegni che Dio ha verso di me”. Una delle frasi che ho sentito in ancora presente in me, ma è Dio
quel ritiro e che mi ha aiutato mol- che la custodisce, perché così io
Alessandra Yaya Zavala “Ho tissimo è stata: “Solo Dio sa dove possa scoprire la mia vocazione e
18 anni, e da quando ne avevo 7 e quando”. compiere la missione che mi affida.
partecipo alla vita della parrocchia. Dopo questa meravigliosa espe- È l’inizio di un cammino tra dubbi
Adesso sono nel servizio di Liturgia rienza nella mia vita, prego Dio e certezze, allora chiedo a Dio che
e faccio la catechista per i ragazzi che invii il suo Santo Spirito su di mi doni il coraggio per non chiude-
della cresima. Siccome era la pri- me e sulle mie sorelle, che guidi re i miei occhi, né le mie orecchie,
ma volta che partecipavo a una il mio cammino e metta in ordine ma per poter intraprendere la vo-
giornata vocazionale, avevo paura tutti i miei progetti secondo la cazione che Lui mi dona per tutta
ma ho risposto all’invito che mi ha sua volontà, perché so che i piani la mia vita”.

PICCOLE FIGLIE 3 GEN.-APR. 2023


LA FECONDITÀ DEL CARISM
LA FESTA DEL “PER SEMPRE” sorelle che oggi si consacrano definiti-
vamente al Signore.
Georgette Nzikoluriho pf
Desideriamo ricordare che sr Bernardet-
te Nabintu è della parrocchia di Cahi,
Cattedrale di Bukavu (RDC) alle ore una volta guidata dai padri saveriani
10:30, dal Vicario Generale. Hanno di Parma.
concelebrato una trentina di sacerdoti Lo facciamo con riconoscenza a loro,
missionari e diocesani di Bukavu, alcu- che hanno lasciato un’impronta inde-
ni sono venuti da Goma e Uvira, dove lebile, con la loro vita e animazione
sono presenti le nostre missioni. Tutta tipiche dei veri missionari del Vangelo.
la nostra famiglia religiosa ringrazia il Con l’occasione abbiamo celebrato il
Signore per il Sì totale
e generoso delle nostre
sorelle, che oggi hanno
accolto il dono gratuito
della chiamata nella
nostra famiglia religiosa.
È stato un momento
di grande gioia, inde-
scrivibile, nella grande
Bukavu, 8 Dicembre 2022. celebrazione dell’Im-
Benedetto sia Dio, Padre del nostro macolata Concezione.
Signore Gesù Cristo che ci ha benedet- Tutta la Chiesa celebra la
to con ogni benedizione spirituale nei solennità di Maria con-
cieli in Cristo (Ef 1,3-33). Queste parole cepita senza peccato in
di lode e di benedizione hanno accom- questo giorno, motivo in
pagnato le nostre sorelle: Mwajuma sr più per sentirsi famiglia di Dio attorno a giubileo dei 25 anni di presenza delle
Solange Kamundala di Goma; Katako Maria, madre e modello nel cammino di Piccole Figlie in questa parrocchia, ove
Lukundo sr Emerence di Bukavu/Bagira; fraternità per tutti noi e per le 3 sorelle tante sorelle sono state presenti con
Nabintu Kizenga sr Bernardette di in particolare. zelo apostolico testimoniando la Carità
Bukavu/Cahi che hanno celebrato la Tanti sono stati i cristiani venuti da operosa. Così ci vuole il Padre Fondato-
loro professione perpetua. Goma e Uvira, dove siamo presenti in re A. Chieppi: Maria sostenga la nostra
La Santa Messa è stata celebrata nella missione, per pregare insieme per le missione.

DAL PRIMO SÌ AL SÌ D’ARGENTO


Sandra Riquelme Galaz, pf

Bukavu 11 febbraio 2023, festa della Dopo la Messa, con lo stesso clima di
Madonna di Lourdes. Nella Chiesa par- gioia, di gratitudine e di festa, tutt’in-
rocchiale di Saint Pierre Claver a Ngu- sieme suore e invitati siamo andati a
ba, due novizie, Salomé e Immaculée continuare la festa con un rinfresco,
hanno emesso la prima professione musica e balli. Verso sera anche la no-
religiosa. Nella stessa celebrazione sr stra comunità del noviziato si è riunita
Brigitte Kifuvwe ha celebrato il suo 25° per festeggiare. Ringraziamo il Signore
nelle mani della madre vicaria Monica per il dono delle nostre tre suore che
Cognetti. La celebrazione eucaristica hanno detto il loro «sì» nella nostra
è iniziata alle 10.30 ed è stata presie- congregazione religiosa e per questa
duta dal vicario generale della diocesi gioia di famiglia condivisa con tutti. Il
di Bukavu. È stata una giornata di Signore sostenga ciascuna di noi nella
preghiera, grande gioia condivisa tra sua fedeltà affinché possiamo essere
suore, parenti, amici e conoscenti. Un testimoni del suo amore là dove la sua
momento di animazione vocazionale. provvidenza ci ha poste.

STORIA DELLA MIA VOCAZIONE Libota Muzaliwa Immaculée pf

Fin dall’inizio delle scuole sentivo il mio desiderio di vivere come loro. Poi, Piccole Figlie di Chai.
il desiderio di servire il Signore, ma quando frequentavo il terzo anno delle In questa tappa del cammino ho im-
un tale desiderio si è poi affievolito. superiori, una mia amica mi propose parato a riflettere attentamente sulla
Poiché partecipavo ai gruppi estivi, il di partecipare ad un ritiro organizzato mia vocazione per trovare il mio posto
modo di fare delle piccole figlie mi dalle saveriane. Aderii subito volentieri. nella Chiesa. Poco a poco l’opera di Dio
aveva particolarmente attirato. Ma ero […] In seguito, partecipai a dei Week cominciava a radicarsi in me e, da parte
troppo piccola… e tutti scoraggiavano end di preghiera nella comunità delle mia, gli lasciavo ampio spazio affinché

PICCOLE FIGLIE 4 GEN.-APR. 2023


MA IN TERRA CONGOLESE
crescesse in me secondo la sua volontà. a seguire Gesù e mi
Avevo continuato la mia corsa (come sostiene con la nostra
dice san Paolo) con un’altra esperienza Madre del Cielo, la Ver-
a Kalundu, nel 2018, con il desiderio gine Maria. […] Lungo
di fare di tutta la mia vita un dono al tutto il mio cammino ho
Signore. In quei giorni ho capito che il trovato, nella presenza
mondo ha sete di giustizia, di carità e della Vergine Maria, il
di speranza. Così ho potuto trovare il gusto e il desiderio di
coraggio di seguire e servire Cristo nella servire il Signore come
nostra Famiglia religiosa. Ho cercato e Piccola Figlia. Constato
trovato i mezzi che fanno crescere la che, se io amo la mia vo-
fedeltà alla vocazione: la preghiera, cazione, se comprendo
che mi fa comprendere che vale la che è un dono gratuito,
pena offrire la vita per il Signore e per se l’affido nelle mani di Maria, tutto va Per questo mi ha consacrato a Sé nella
il mondo; la vita comunitaria, nella da sé e non c’è nulla da temere. […] nostra Famiglia. Nel suo amore e nella
quale trovo la bellezza di condividere lo Ripercorrendo la storia della nostra sua fedeltà vuole che la mia vita sia un
stesso ideale; i diversi servizi apostolici Famiglia religiosa ho scoperto il patri- dono per lui e per i fratelli. Sì, ho fatto
(la catechesi… i bambini che mi hanno monio del carisma, della spiritualità, la mia professione con grande pietà e
dato la gioia della missione…l’insegna- delle opere che mi hanno dato slancio devozione, perché la sua misericordia è
mento in cui ho fatto conoscere l’amore per proseguire nella mia vocazione… un dono gratuito, non per qualche mio
di Dio). Attraverso queste esperienze io Il giorno della mia professione a Buka- merito, ma per grazia. […]
penso che la prossimità conduca sempre vu, giorno benedetto e felice, pieno Spero di avanzare, per la grazia di Dio
verso Dio e doni il suo profumo alla di grazia e gioia abbondante, ho visto e l’intercessione della Vergine Maria e
missione. che il Signore mi ama di un amore in- resa feconda dall’azione dello Spirito
Le tappe del Postulato e del Noviziato finito. Per questo, mi vuole felice, nel Santo, così da poter diventare una te-
sono state preziose per farmi crescere sì generoso che Egli mi ha messo in stimonianza che attiri altre giovani a
nella confidenza in Dio che mi chiama cuore, Lui Parola vivente e operante. consacrarsi al Signore.

COSA POSSO DIRTI SIGNORE SE NON GRAZIE? Salome Sifa Mariane pf

Il desiderio che ho sentito fin da se alcune mie compa-


piccola… si è riaffacciato al termine gne avevano deciso di
della Scuola secondaria, ed era necessa­ abbandonare il cammi-
rio capire come orientarsi, perché ormai no, cresceva in me la
avevo l’età per compiere una scelta. forza e la decisione di
Frequentavo una Scuola cattolica in continuare.
cui insegnavano le nostre suore. Una Dopo questa esperien-
in particolare mi ha attratto, per il suo za, ho iniziato il pre-
stile di vita, radicalmente semplice. noviziato a Bukavu,
Questa suora mi ha aiutato tanto nello per due anni. Ho così
scoprire la voce del Signore. Le sono avuto modo di soppe-
riconoscente per il tempo che mi ha sare i pro e i contro,
donato in modo che io potessi crescere; anche con l’aiuto di chi
per questo dico spesso, con fierezza, mi guidava. Mi sono lasciata aiutare e Signore è sempre stato presente nella
che io ho potuto beneficiare del nostro accompagnare, scoprendo i miei doni, mia vita, non mi ha mai lasciato sola,
carisma, attraverso la presenza delle i miei talenti e i miei limiti. Durante il mi ha cercato, mi ha parlato attraverso
sorelle nella pastorale scolastica. tempo del Noviziato, tempo meraviglio- le persone che mi hanno accompagnato
In seguito, la Congregazione mi ha so di intimità con il Dolce Gesù che mi ed oggi ha concretizzato il suo amore
proposto di iniziare la tappa del­ ha parlato anche con eventi della vita, per me. Per questo posso dire con san
l’aspirantato, che mi ha consentito di ho concretizzato la mia scelta, tenendo Paolo: “Per grazia sono quello che sono
frequentare le suore e di apprezzare la sguardo fisso su Gesù e Maria. Questa e la sua grazia in me non è stata vana”
la vita religiosa. La vita fraterna delle tappa mi ha donato una maggior gioia (1Cor 15,10). Con la tenerezza materna
sorelle mi ha colpito molto e ciò mi è di vivere come Piccola Figlia. Anche la di Maria, madre di tutte le vocazioni,
piaciuto davvero tanto! Sono poi par­ familiarità con le consorelle ha contri- io ho camminato e a lei mi sono ag-
tita per Uvira per vivere un’esperienza buito a far crescere la mia vocazione, grappata con la preghiera del Rosario,
comunitaria, durante la quale ho preso poiché ho scoperto la dolcezza del vi- perché mi aiuti a dire un sì gioioso e
coscienza che, solo con i miei sforzi vere insieme nella Casa di Maria. perpetuo. […] Lodo il Buon Dio per il
personali, non avrei realmente potuto Scoprendo il carisma della nostra fa- suo amore fedele verso di me, per la
scoprire la volontà del Signore. Per miglia religiosa ho potuto dire, con chiamata che mi ha rivolto e continue-
questo ho iniziato ad incontrami con il fermezza, al Signore: “Eccomi, fa’ di rò sempre ad abbandonarmi alle sue
Signore nell’adorazione: era veramente me ciò che vorrai!” Ed ecco giunto il mani affinché mi aiuti, giorno dopo
un tempo favorevole per incontrarmi giorno in cui ho emesso i primi voti… giorno, a dire “Eccomi”, sono la serva
con Lui e in Lui trovare la luce e la gioia Non so come esprimere la gioia che mi del Signore, come Maria e con lo stile
per consacrare la mia vita. Così, anche abita, perché la gioia è straripante. Il della Piccola Figlia.

PICCOLE FIGLIE 5 GEN.-APR. 2023


assemblea dell’associazione
laicale del perù Néstor Cabrera Mori

Huacho 25-26 febbraio 2023.


La prima Assemblea dei Fratelli e
sorelle Laici si è tenuta presso la
casa delle nostre religiose, e aveva La domenica, riuniti in comunità,
lo scopo di valutare il lavoro che abbiamo pregato le Lodi, condiviso
abbiamo sviluppato durante l’anno la colazione, partecipato alla Santa
2022 e pianificare le attività per il Eucaristia, per poi svolgere la no-
2023. stra Assemblea. Dopo la verifica, ci
Per iniziare l’incontro ci siamo siamo proposti, per il nuovo anno,
recati alla sera di sabato, insieme di camminare sull’itinerario della
alle nostre sorelle religiose, in una sinodalità alla luce della spirituali-
spiaggia vicina per poter pregare tà di San Francesco di Sales, che è
i Vespri in riva al mare, cosa che patrono della Congregazione delle
abbiamo fatto con tanto amore e Piccole Figlie.
grande gioia per sentirci vicini al Abbiamo concluso questa Assem-
Signore attraverso la preghiera e blea dei Laici con l’Adorazione al
nell’ambiente sereno che la natura Santissimo Sacramento, per affida-
ci offriva. Dopo questa meravi- re a lui tutti gli impegni di questo
gliosa esperienza abbiamo potuto questa bella giornata, a casa ab- nuovo anno, e abbiamo chiuso così
vedere il tramonto e poi le stelle biamo condiviso una deliziosa cena, questa giornata che ha riaffermato
nel cielo azzurro che Dio ha donato preparata da alcune sorelle laiche la fraternità e l’impegno di ciascu-
a ciascuno di noi. Per concludere di Huacho. no di noi con Dio e tra di noi.

diventare tutti … fratelli e sorelle Maria Rosa Campolattano

Roma, 4-5 marzo 2023. proprio nel periodo della miei fratelli più piccoli, l’avete fat-
Ritrovarsi finalmente a pandemia del Covid-19, to a me” (Mt 25,40). Sono parole
Roma per uno degli ap- a causa delle difficoltà di conosciute, ma che ogni volta ri-
puntamenti annuali del risolvere alcuni problemi suonano nelle coscienze quando
cammino associativo, dopo che riguardano tutti, so- non si è stati capaci di riconoscere
la lunga pausa dovuta alla prattutto le relazioni tra Gesù nel povero, nel bisognoso,
pandemia, ha donato a i diversi Paesi nel mondo. nell’ammalato… in tutti coloro che
tutti noi grande gioia. Ri- Il modello ispiratore è San soffrono.
percorrere ancora le stra- Francesco, quando scri- Al cap. 2 dell’enciclica il Papa invita
de della città per visitare vendo le parole “Fratelli a riflettere sulla parabola del buon
alcune chiese (Madonna tutti”, si rivolgeva a tutti samaritano come modello di colui
in Campitelli, Santa Maria in Ara- i fratelli e le sorelle
coeli, San Marcello al Corso) dove per proporre loro
sono conservate alcune icone, che una forma di vita dal
ricordano come in passato i fedeli sapore del Vangelo e
pregavano intensamente perché riconoscere, apprez-
le epidemie non si diffondessero zare e amare ogni
e per la guarigione di tutti coloro persona superando
che ne erano colpiti, ci ha aiutato le barriere della geo-
a comprendere che la fede è quel- grafia e dello spazio.
la luce che sostiene e che invita a La vita è un cammi-
guardare al futuro con speranza. no dove la propria
Riflettere sull’enciclica “Fratelli strada incrocia tante
tutti”, di Papa Francesco, guidati strade simili e diver-
da don Carlo Maria Zanotti, ci ha se. In questo scambio
dato l’occasione per ripensare al di vite si incontrano
significato della fraternità e dell’a- affetti importanti che guidano, che sa “farsi prossimo”. Dio si è
micizia come valori sociali in una accompagnano e sostengono. Nel- fatto prossimo a tutti nell’Incarna-
realtà frammentaria e piena di le vicende della vita ci sono anche zione del Figlio che è entrato nel
contraddizioni come quella che si relazioni difficili che mettono alla mondo e ha condiviso totalmente
vive oggi. prova la propria capacità di amare la fragilità della storia umana.
Il Papa ha voluto la diffusione di sull’esempio di Gesù. “Tutto quello La vita offre l’occasione di essere
questa lettera all’inizio del 2020, che avete fatto a uno solo di questi come Gesù, il buon samaritano, che

PICCOLE FIGLIE 6 GEN.-APR. 2023


offre le sue cure amorevoli per soc- ciascuno è figlio di un Padre che Chieppi che, in una lettera scritta
correre chi soffre, stargli accanto, perdona e accoglie tutti, anche il 21 luglio 1866 alla contessa Anna
prendersene cura. Può capitare che con le loro diversità, non giudica Simonetta Pallavicino, scriveva:
la malattia o la sofferenza incroci le proprie mancanze e i fallimenti; “Vorrei che in tutta la sua vita altro
il proprio cammino e ci si trovi a considera in particolare ogni tenta- non spirasse che amore verso i no-
vivere l’esperienza dell’abbando- tivo fatto lungo la strada del bene. stri fratelli. I suoi occhi si atteggias-
nato, di colui che subisce il dolore, Il Papa si sofferma su tre parole sero ad amore, la sua voce, le sue
che incontra l’indifferenza della per indicare tre atteggiamenti che parole fossero piene di dolcezza
fretta quotidiana della vita, la qualificano il cristiano e che carat- che solo vi si leggesse amore; i suoi
mancanza di sensibilità degli altri. terizzano lo stile fraterno: La gen- pensieri, nel prevenire i bisogni del
È proprio in quel momento, men- tilezza, la tenerezza e la speranza prossimo, fossero così pronti che
tre si sperimenta la solitudine e la In queste parole risuonano quelle fossero solo figli d’amore; lo spirito
sofferenza, a causa del dolore, che del nostro fondatore Agostino di sacrificio fosse così grande da
si scopre la forza e la luce della far vedere che tutto è spinto
fede… Dio cammina accanto dall’amore”.
a ciascuno, sostiene il dolore Invochiamo l’aiuto di Dio
della propria vita con il suo Durante la Celebrazione Padre in questo cammino di
amore totale, che si fa prossimo Eucaristica, don Carlo apertura verso “tutti i fratelli”
e prende su di sé tutte le soffe- Maria ha benedetto i con le parole di Papa France-
renze umane. crocefissi che abbiamo sco pregando così: “Signore e
Questo aiuta a non sentirsi soli portato come ricordo. Padre dell’umanità… infondi
e a rileggere la propria vita con La Croce dell’amicizia per nei nostri cuori uno spirito
uno sguardo nuovo, trasfigura- un mondo che sempre fraterno…Ispiraci il sogno di
to; invita a rialzarsi, a non te- più, sente il bisogno di un nuovo incontro, di dialogo,
mere, a guardare oltre il limite fratellanza e di compren- di giustizia e di pace… Dona-
del dolore che chiude in se stes- sione per essere più uniti ci l’amore che traspariva nei
si e fa vivere nel buio, nella tri- in un arcobaleno di colori. gesti di Gesù… Concedi a noi
stezza e nello scoraggiamento. (Rosanna) cristiani di vivere il Vangelo e
L’incontro con il Signore Gesù di riconoscere Cristo in ogni
dona la vera gioia perché essere umano…Amen”.

non è un film Solange Mwajuma pf

Come canta Fiorella Mannoia non Non è un film, è


è un film, lo posso dire anche io pura realtà, a cui
che quello che si vive in Congo la Chiesa si è sem-
Rdc, non è un film, ma è la vita, la pre fatta vicina, ha
vita umana in ginocchio. Per alcuni sempre fatto suoi
è una realtà molto lontana, che il grido dei più
sembra una fiction o telenovela deboli. In Congo i
eppure alcuni bambini non sanno vescovi della CEN-
cosa sia la scuola; infatti, nati nella CO hanno inviato
foresta con la musica delle bombe, infiniti messaggi,
correndo e sperando di trovare un e ultimamente la
altrove migliore, ormai si accetta Lettera che i vesco-
che in Congo ci sia un genocidio vi di Bukavu hanno
che dura da più di venti anni. scritto denuncian-
Questa è la realtà che si vive so- do la sofferenza
prattutto nella parte Est della Rdc, e la miseria che sta attraversando aiuto, riscatterà i congolesi dalla
nei villaggi non c’è più vita ci sono la popolazione; invitando il Pre- violenza e dal sopruso il loro san-
tanti rifugiati nella città dispersi in sidente della repubblica a lottare gue è prezioso ai suoi occhi (Sl 71)
tanti campi di accoglienza, soffren- per l’unità nazionale; richiamando Tu Dio pastore del Congo ascolta.
do fame, sete… soprattutto i cristiani cattolici a Risveglia la tua potenza e vieni in
Può sembrare un film se si pensa non essere complici del male ma a nostro soccorso. Rialza il Congo,
un po’ alla grandezza, alla bel- lottare per la giustizia. Stimolando Signore Dio nostro, fa’ risplendere
lezza, ma ancor di in più alla ric- alla vigilanza i vescovi ci invitano il tuo Volto e i congolesi saranno
chezza che questo Paese ha, si può anche a pregare perché venga la salvi.
chiamare un gioiello. Il pellegrino pace, la pace, quella vera che viene Dio degli eserciti, volgiti guarda dal
della pace “Papa Francesco” nel dal Signore e che la vergine Maria, cielo e vedi il Congo la tua vigna
suo discorso al corpo diplomatico regina della pace interceda per i che hai piantato. (Sal 79)
del Congo ha parlato di questa suoi figli congolesi. Il Signore nostro soccorso si ricorde-
ricchezza come di un diamante; ha Invitiamo tutti i lettori a pregare rà del Congo e ci benedirà.
aggiunto che la storia non è stata per la pace nel mondo e soprattut- Speriamo che la visita del Papa che
generosa con noi: guerra dopo to per il Congo: ci ha fatto tanto bene, porti frutti
guerra, tristezza e miseria come un Egli libererà il povero del Congo di riconciliazione in Cristo e con
tunnel senza fine. che invoca e il misero che non trova Cristo.

PICCOLE FIGLIE 7 GEN.-APR. 2023


EMERGENZE DALLE NOSTRE MISSIONI
Goma: migliaia di sfollati ….
Goma, Lunedì 6 marzo. Le suore della comunità di Goma e alcune altre, si sono
recate a portare aiuti alimentari agli sfollati che si trovano periferia della città.
Sono migliaia gli sfollati venuti dal Nord Kivu dove infuriano le violenze e al-
cune zone sono ormai sotto il controllo dei ribelli M23 (Movimento 23 Marzo).
I campi di sfollati in periferia di Goma sono almeno cinque. In quello presso la
parrocchia Santa Teresa Kanyaruchinya, le suore hanno portato riso e fagioli
per circa 150 famiglie. In alcune zone gli sfollati non hanno neanche una tenda
in cui abitare, né mezzi di sostentamento, sono esposti alle piogge torrenziali e
al caldo tropicale. Al dramma della guerra si è aggiunta, lunedì 13 marzo, una
eruzione del Vulcano Nyamulagira nel Parco di Virunga.

Il ciclone Yaku flagella il Perù


Nelle ultime settimane l’intera costa peruviana è stata
colpita da diverse alluvioni e smottamenti dovuti all’au-
mento delle precipitazioni sulle Ande (siamo all’inverno
altiplanico) e al ciclone Yaku che sta colpendo il Paese. I Ringraziamo chi ci aiuta.
senzatetto, finora, sono circa 49.000 e i morti sono già 59. Indicare la causale desiderata:
Anche la nostra diocesi di Lima-Carabayllo è stata col- SFOLLATI A GOMA
oppure ALLUVIONATI IN PERÙ
pita, soprattutto dallo straripamento del fiume Chillón,
• conto corrente postale 87615472
che l’attraversa. La Caritas diocesana, con cui anche noi codice IBAN da utilizzare per predisporre
suore collaboriamo, è impegnata in una campagna di i versamenti sul c/c postale tramite banca
IT 79 N 07601 12700 000087615472
distribuzione di vestiario e cibo, come primo soccorso alle Intestato a Istituto Piccole Figlie
famiglie colpite, per il quale ogni donazione sarà molto
• INTESA SANPAOLO SPA (PR)
apprezzata. La stessa situazione drammatica si verifica a Piazza Cesare Battisti
Huacho, dove molte persone hanno perso tutto. IT 11 S 03069 12765 100000002739
Intestato a Istituto Piccole Figlie

SR BRUNA BEGATTI come “maestra di vita per pregato sulla sua tomba. Anche le
Concordia (MO) 01.01. 1918 tanti bambini”. Il sindaco molte sorelle, con cui ha condiviso
> Parma 03.03.2023
di allora - Antoniucci - ne la vita comunitaria, la ricordano
Il 5 marzo scorso, all’età parla come di “donna dal “come persona sempre serena,
di 105 anni, sr Bruna Be- grande spessore umano”, una presenza positiva, non si la-
gatti ha lasciato la vita ne ricorda l’attività nella mentava e non brontolava, con la
terrena, che ha vissuto Scuola materna comuna- battuta sempre pronta…Era aper-
molto intensamente, rea- le (1977-1988) che non le ta, moderna, si adattava ai tempi.
lizzando la sua vocazione impediva di essere anche: Tipo gioviale e allegra. Una piccola
di donna e di religiosa “in costante contatto con donna dal grande cuore; una suora
Piccola Figlia. Era nata il i poveri, con gli ammalati tanto cara per tutto il bene che ci
01-01-1918 a Concordia con quanti avessero biso- ha dato…”
di Modena, sesta di otto fratelli da gno di una parola di conforto, ave- Sr Bruna è stata una vera Piccola
una famiglia di contadini. Una sua va un bellissimo e aperto contatto Figlia, piccola nell’umiltà della vita
sorella era entrata nelle Suore Ca- con i giovani che cercava di inte- quotidiana, Figlia nell’amore verso
nossiane. Sr Bruna ha conosciuto la ressare al rispetto reciproco e all’a- il Padre, sorella nel dono di sé ai
nostra famiglia religiosa a Concor- more verso la natura…” Prosegue fratelli e alle sorelle…
dia, dove le suore erano presenti tratteggiando la figura di sr Bruna Al momento delle esequie, quando
nella scuola materna e nell’ospe- come capace di collaborazione sia viene tracciato un breve profilo
dale. È entrata in congregazione il con i preti della parrocchia che con della vita, sr Bruna ha lasciato scrit-
2 gennaio 1937. l’amministrazione e la gente del to di non dire nulla… 87 anni di
Nella sua lunga vita ha prestato paese. Per questo, al momento del vita religiosa, racchiusi nel silenzio
servizio e svolto attività pastorale commiato, l’Amministrazione le delle parole per aprirsi alla Parola!
come educatrice nelle scuole ma- conferì un riconoscimento da parte Ha chiesto solo il canto “Gloria te,
terne, come collaboratrice nelle di tutti. Con grande lucidità, come Cristo Gesù”! Una vita racchiusa
parrocchie. In tutti luoghi dove è fece anche quando chiese di poter in quel canto, un indicare a tutti il
vissuta ha lasciato un ricordo po- andare alla Casa di riposo, sr Bruna segreto della sua vita.
sitivo della sua vita, donata nella riconobbe che la sua missione era
gioia, a tanti fratelli. finita: faceva un passo indietro, ABITARE IL CIELO
A Sant’Angelo in Vado, dove ha anche se avrebbe desiderato morire > 20.01.2023 ARBORE LUIGI, fratello laico
prestato servizio per quasi trent’an- ed essere sepolta a Sant’Angelo, si- > 07.03.2023 AMORETTI GRASSI ADA, sorella laica
ni, il quotidiano locale la ricorda cura che qualcuno avrebbe sempre

PICCOLE FIGLIE 8 GEN.-APR. 2023

Potrebbero piacerti anche