Sei sulla pagina 1di 41

Metodo Bates

Il Palmeggiamento degli Occhidi Rishi Giovanni Gatti(*) Come ben sa chi ha letto i libri originali del Sistema Bates per la cura della vista mediante metodi naturali (senza occhiali, senza lenti a contatto e senza operazioni con il laser), il palmeggiamento degli occhi il metodo che se funziona garantisce la pi veloce cura completa e permanente. Sfortunatamente, molto improbabile che esso funzioni al primo tentativo, e spesso non funziona mai, perch il praticante, anzich riposarsi e vedere un campo perfettamente nero, continua a sforzarsi e vede in luogo del nero unassembramento di mille colori e macchie, strisce, fulmini e saette, tutto ci che serve per innervosirsi e costringersi ad abbandonare il trattamento nel giro di pochi minuti. Il Dott. Bates nel suo libro originale Vista Perfetta Senza Occhiali che vi raccomandiamo di acquistare su questo sito e leggere al pi presto, avvisa il lettore sul come evitare questa spiacevole evenienza, ma sarebbe come fargli un torto enorme tentare di sostituirci a lui e rivelare qui i suoi suggerimenti: in questo breve articolo intendiamo invece riportare alcune esperienze pratiche nelle quali il palmeggiamento, con il tempo, si rivela efficace anche nei casi in cui allinizio era fin troppo noioso e contro-producente. In particolare nellapprestarsi a palmeggiare occorre tenere in grande considerazione le condizioni al contorno nelle quali ci si trova, in modo da evitare distrazioni pericolose e ulteriori fonti di nervosismo. Serve dunque, specialmente allinizio, un ambiente protetto, nel quale sia possibile chiudere gli occhi e coprirli con i palmi delle mani e riposare senza dover spiegare niente a nessuno e senza che vi siano fonti di disturbo. molto consigliabile, in questa epoca di pazzi [dove] ci mancavano solo gli idioti dellorrore, procedere per gradi, e regolare un temporizzatore che lanci un segnale di avviso al tempo programmato, di modo da interrompere la pratica facilmente e senza preoccupazioni. Si pu iniziare anche soltanto con 2 minuti, per poi riaprire gli occhi e guardarsi in giro sbattendo le palpebre, e cos verificare se la visione sia migliorata, verificare se il ricordo del colore nero sia migliorato a occhi aperti rispetto a prima, eccetera. Poi si potr ricominciare a palmeggiare magari per 4 minuti, il doppio del tempo, e cos procedere aumentando sempre di pi il tempo dedicato. Se questa pratica riesce bene, si riscontrano tre effetti importanti: 1) il tempo del palmeggiamento sembra volare via e nel momento in cui il temporizzatore automatico ci segnala il termine della prova si vive una distinta sensazione di sorpresa; 2) risulta facile e rilassante osservare dietro le palpebre chiuse ogni sorta di immagini apparire e scomparire senza alcuna preoccupazione della loro nitidezza, ma verificando che il sottofondo di quelle immagini risulta assumere una qualit di nero sempre migliore; 3) al momento della riapertura degli occhi, la visione trova un netto, seppure momentaneo, miglioramento, con colori molto pi distinti e brillanti e una maggior capacit di discernere righe di lettere sulla tabella di controllo che prima erano indistinguibili.Per favorire al massimo il punto 3) di cui sopra, il consiglio che diamo, maturato sulle esperienze di pratica nei Gruppi di Studio gratuiti della Associazione Vista Perfetta (Perfect Sight Society) quello di palmeggiare nelle migliori condizioni luminose possibili, e cio allaperto in un giardino o in un parco, in

modo da creare un forte contrasto tra il buio delle mani che coprono gli occhi e la vivida luce del sole e del cielo che illumina il variopinto panorama che ci circonda. Cos facendo, ripetendo pi volte le pratiche aumentando gradualmente il tempo, si potr palmeggiare per lunghi periodi, anche due ore, senza mai annoiarsi e nel contempo constatando che questa una cura seria che d veri benefic e andrebbe esplorata in profondit, senza essere mai troppo trascurata. Combattere la concentrazioneRishi Giovanni Gatti 9 giugno 2009 Si potrebbe affermare che la radice fondamentale del problema della vista difettosa risieda nel vizio della concentrazione, mentale e letterale. Quando si fa il tentativo forzoso di tenere ferma lattenzione o il pensiero su un unico oggetto o su un suo particolare per pi di un istante, si fa una cosa sbagliata che contro-natura e, in ultima analisi, impossibile. Chiunque abbia vista normale e possa leggere la targa posteriore di una autovettura a pi di sessanta metri in ogni condizione di luce o possa ricordare indefinitamente un piccolo punto nero nella mente, sa perfettamente che la concentrazione mentale letterale impossibile e va evitata, nonostante il fatto che la nostra cultura, listruzione, leducazione, insegnino tutto il contrario, e cio di concentrarsi, di sforzarsi e di fare limpossibile per ottenere i propri obiettivi. Chiunque abbia vista difettosa, corretta con lenti o anche non corretta, pu facilmente accorgersi che il suo sguardo fissato su un unico oggetto nel tentativo invano di renderlo pi chiaro, concentrandosi su di esso a lungo e senza mai riuscire a farcela. Chi porta lenti correttive di qualsiasi tipo, o chi ha subto operazioni laser equivalenti, diventato totalmente alienato a questa sgradevole sensazione di sforzo causata dalla concentrazione e insiste a praticarla, ignorando che la vera causa del suo problema visivo. per questo motivo che nel Sistema Bates (Metodo Bates Originale) necessario eliminare permanentemente ogni tipo di lente correttiva se si vuole tornare a vedere naturalmente senza concentrarsi. La lente correttiva, infatti, agisce sulla rifrazione che stata scorretta dallo sforzo concentrativo inconscio riportandola alla sua giusta regolazione, non ostante locchio rimanga fuori fuoco, e permette al paziente di vedere sebbene sia costantemente concentrato e non muova mai lo sguardo, una condizione invece che nellocchio autenticamente ben regolato non esiste in natura. Fin tanto che si indossano lenti correttive e la vista sembra apparentemente normale (anche se non minimamente paragonabile alla vera vista perfetta dellUomo), impossibile per il paziente scoprire il suo errore e porvi rimedio. In particolare, quello che viene soppresso a livello mentale e cerebrale il meccanismo della centrale fissazione che nella rtina fisiologicamente rappresentato dalla macula lutea e della fovea centralis, la sede della vista pi acuta. A lungo andare, usando lenti correttive, il difetto visivo si incancrenisce e il paziente perde definitivamente la sana abitudine di spostare il suo sguardo sugli oggetti, sana abitudine sostituita dal vizio malefico di tentare di coglierne i dettagli tutti in una volta concentrandosi in modo innaturale. Per evitare quindi il vizio della concentrazione mentale necessario ritornare a vedere in modo naturale, e cio mediante centrale fissazione, come spiegato nei volumi editi da Juppiter Consulting Publishing Company dedicati alla Vista Perfetta Senza Occhiali secondo le pubblicazioni originali del Dott. William H. Bates di New York (1860-1931). Tra i tanti suggerimenti utili che si possono trovare nei libri originali del Dott. Bates ne suggeriamo due: a) imparare a vedere peggio dove non si guarda direttamente; b) imparare a immaginare di vedere cose che si possono

ricordare facilmente. Questi due semplici suggerimenti sono impossibili da dimostrare se non si sostituisce a livello mentale lo stato di concentrazione con quello di riposo o rilassamento. In queste poche righe ci impossibile approfondire ulteriormente questi concetti appena accennati, ma al lettore attento non sar sfuggita la loro ben chiara logicit e la nostra speranza che egli possa sentire il desiderio di provare nel concreto a dimostrarli per se stesso, preferibilmente in una condizione ambientale dove lo sforzo della vista difettosa sia meno opprimente, di solito in una stanza bene illuminata dalla luce del sole non filtrata da finestre chiuse. La Cura della Lucedi Rishi Giovanni Gatti - 14 maggio 2009 Senza fare niente, ma immersi nella luce, un altro approccio senza sforzo alla vera cura della vista del Dott. Bates! Ora che le giornate si sono ben allungate e ci avviamo verso il solstizio destate, sarebbe bene sfruttarle per abituare gli occhi alla piena luce del sole. La necessit di non provare alcun fastidio qualsivoglia emergendo, da una stanza buia o edificio chiuso, nel forte chiarore del sole oramai stata dimostrata come essenziale per la cura della vista secondo i metodi originali naturali del Dott. Bates. Di questi tempi, chiunque pu uscire dallufficio e stare, per quelle tre o quattro ore prima del tramonto, seduto su una panchina in un parco a non far nulla se non rimirare il cielo, le nuvole e la luce diretta del sole o la sua riflessione su specchi dacqua, vetri o altre adatte superficii. Meglio fare questo che magari correre in palestra o a giocare a calcetto al chiuso di un centro sportivo puzzolente e tetro. Meglio perdere tempo rimirando il sole, o il cielo, piuttosto che andare al bar a farsi quellaperitivo che ci avvelena (soprattutto perch viene condito dalle stupidaggini che si dicono e si ascoltano durante quelle penose circostanze)! Sebbene luso della lente solare del Dott. Bates possa essere di grande aiuto per velocizzare il trattamento, in verit la cura con la luce di solito un processo molto lento: prima di vedere dei risultati concreti sulla visione bisogna attendere alcuni giorni nei quali si stati come minimo tre ore con gli occhi al sole (cio nella piena luce del sole). Ma cosa si intende per risultati concreti? Si intende che per magia una volta tolti gli occhi dal cielo o dal sole per guardarsi intorno, la visione pi o meno normale, nitida, e non si ha il bench minimo senso di sforzo e non si fanno atti pi o meno coscienti per vedere bene o meglio le cose che ci circondano. In sostanza, sembra che le lunghe ore passate a far niente, senza cercare di vedere, ma semplicemente rilassandosi nella luce, siano pi che sufficienti per attenuare lo sforzo mentale e dare luogo a uno stato di coscienza che sia pi libero e meno assillato consapevolmente o meno dal problema della vista imperfetta. A differenza dellautunno e dellinverno, nella primavera e nellestate non abbiamo scuse per restare al buio: la luce c e va utilizzata per la cura della vista. Anche se ci fosse tempo nuvoloso o pioggia, nulla ci vieta di approfittare della corrispondente luce attenuata per fare la nostra pratica di osservazione del cielo; e in moltissimi casi proprio questa luce attenuata a darci un grosso aiuto e a prepararci a non soffrire fastidii quando torner la luce diretta del sole. Linvito per tutti i lettori quello di ritagliarsi due o tre o quattro ore per provare su se stessi quanto bene faccia lo stare tranquilli e immersi nella luce senza nessuna preoccupazione possibile. Abituarsi a questa grande luce serve anche per quando ritorner il buio: non soltanto esso ci far meno paura, ma saremo pi sensibili al

fatto che in ufficio o a scuola o sul posto di lavoro in generale la condizione di buio giudicata come fin troppo normale e dovrebbe essere invece dissipata al pi presto. Per concludere: il principio di fondo che ci muove quello del rilassamento. Dobbiamo evitare ogni sensazione di sforzo qualsiasi essa sia; ci significa che si deve trovare la condizione adatta per stare alla luce con la massima comodit possibile. Non ci si deve forzare a guardare direttamente il sole coi due occhi, in special modo se ci ci d noia, ma ci si deve arrivare nel modo giusto. Il modo giusto spiegato nelle pubblicazioni originali del Dott. Bates e nei var articoli che abbiamo pubblicato nelle pagine de il falco, a cui siamo costretti, per brevit, a rimandare tutti i lettori veramente interessati. Con il ritorno della bella stagione, molti di noi possono ricominciare la eccezionale pratica di guarigione denominata sun-gazing, ossia rimirare il soleRishi Giovanni Gatti 9 aprile 2008 Chi ha vista normale, o perfetta, o abbia gi iniziato il trattamento senza occhiali del Dott. Bates secondo i suoi metodi originali, potr osservare il sole senza particolari precauzioni, cominciando negli orari meno impegnativi, cio quando ancora piuttosto basso allorizzonte. Chi invece porta occhiali da vista o ha vista marcatamente difettosa, deve usare discrezione e cominciare, una volta rimossi gli occhiali, con pochi secondi, guardando lontano dal sole e col tempo avvicinandosi gradualmente, per poi attraversarlo velocemente, in modo da non rischiare mai di fermarci sopra lo sguardo per pi di un istante. Nelle persone allenate al sole, gli effetti del rimirarlo, anche dopo giorni o settimane o mesi di assenza, si notano immediatamente: un senso di maggior pace e tranquillit, la visione presto migliorata e pi serena soprattutto davanti al videoterminale, macchie solari praticamente inesistenti, se non in rapidissime apparizioni che coincidono ai momenti in cui involontariamente e inconsciamente si fissa lo sguardo su una cosa qualsiasi. Nelle persone che invece hanno paura di rimirarlo, il problema di fondo da affrontare non il sole di per s, ma le errate concezioni che se ne hanno, in particolare una errata concezione dei metodi di cura della vista basati sul rilassamento che leggiamo nei libri originali del Sistema Bates, o nei libri o nei siti fuorvianti che si ispirano solo nominalmente al medico americano ma propagandano altri metodi o terapie che nulla hanno a che fare con esso. Per riassumere, aver paura del sole e dei danni che esso pu fare allocchio significa non capire che l'occhio NON ha un grande ruolo nella visione. Credere che l'occhio faccia quasi tutto quello che c' da fare nel vedere credere in una cosa molto distante dalla verit, che ben diversa. La visione un fatto largamente mentale, e la visione difettosa un fatto che dipende dal livello di sforzo mentale che si esercita, inconsciamente e involontariamente, mentre si fa qualcosa pensando agli occhi. Se il sole d fastidio, allora significa che il livello di sforzo talmente elevato che per l'occhio impossibile muoversi e vibrare sufficientemente per evitare che la concentrazione danneggi la retina. Attenzione: la concentrazione non quella dei raggi solari che bruciano la retina, ma quella della mente, che tenta di pensare a un solo pensiero (la paura del sole) e di escludere tutti gli altri, cosa contraria alla fisiologia e alla psicologia dell'Uomo.

Per imparare ad evitare questa concentrazione sulla paura, necessario imparare a rimirare il sole. Solo quando saremo in grado di rimirare il sole a volont saremo capaci di esercitare il controllo mentale che mantiene perfetta la vista e sani gli occhi e il corpo nel suo insieme. Rinunciare a questa pratica significa rinunciare alla verifica definitiva e unica per sapere se una qualsiasi cura, non solo quella della vista, sta funzionando veramente oppure no: se il sole d fastidio, la cura non sta funzionando; se il sole d sempre meno fastidio, allora siamo sulla buona strada e ci conviene continuare. Ci che il praticatore deve imparare, e lo pu fare solo lui, nessuno glielo pu insegnare, il COME si possa rimirare il sole traendone beneficio rapidamente senza dover passare attraverso la fase della paura di bruciarsi la retina. Lautore di questo articolo ha raccolto, nei tanti anni di esperienza fatta, alcuni punti essenziali di seguito evidenziati: 1) usare discrezione 2) sbattere sempre le palpebre 3) non fissare mai il sole senza muovere lo sguardo, ma al contrario immaginarsi, PRIMA di guardarlo direttamente, che esso si muova, o dondoli come un pendolo o come un'altalena 4) rimirarlo regolarmente almeno ogni giorno 5) sostituirlo con una forte lampada a incandescenza se coperto dalle nuvole 6) in caso di presenza di macchie solari, scoprire come sia possibile farle sparire facilmente mediante altri metodi originali batesiani 7) notare che la vista migliora sempre dopo averlo rimirato in modo corretto. Per migliorare la pratica, ci sentiamo di offrire altri due suggerimenti: a) provare ad usare un occhio alla volta, coprendo laltro con la mano, specialmente all'inizio b) guardare in basso e sollevare le palpebre, ed eventualmente usare la Lente Solare , se il sole davvero spaventa e non ci si sente in grado di rimirarlo direttamente sin dal principio, pratica propedeutica consigliabile a tutti. Lautore di questo articolo sar lieto di offrire la sua collaborazione ed amicizia a chi, lettore, vorr sottoporgli delle domande o dei dubbi riguardo questa esperienza, semprech il lettore stesso abbia prima letto e studiato il testo fondamentale Vista Perfetta Senza Occhiali Bates pubblicato da Juppiter Consulting Publishing Company e ordinabile anche qui su Disinformazione.it. Ora che qualche scienziato comincia a pubblicare studi sulla vera e propria tossicit delluso degli occhiali da sole, in questo articolo pubblichiamo le istruzioni da seguire per poterlo rimirare direttamente e trarre cos il massimo del beneficio per la vista come per la salute generale Imparare a rimirare il Sole Rishi Giovanni Gatti 19 settembre 2007 Recentemente una importantissima notizia stata tenuta nascosta da quasi tutti i giornali (vedi box): luso degli occhiali da sole riduce la quantit di raggi solari che raggiungono la retina inibendo cos la produzione di melatonina e causando una maggiore predisposizione al melanoma, una malattia che solo lanno scorso negli Stati Uniti ha procurato un milione di casi. Tralasciando di approfondire il perch i massmedia abbiano censurato la notizia forse per non perdere i lucrosi contratti pubblicitari con le griffe della moda il nostro interesse offrire ai lettori i giusti strumenti informativi per utilizzare al meglio lenergia della luce diretta del sole per la cura della vista e di tutte le altre malattie secondo i princip della Naturopatia, dagli igienisti dellOttocento, a Ehret, a Shelton, a Sciascia e Finsen, e ovviamente a Bates, fino ad arrivare ai nostri giorni, con le esperienze dei sun-gazers di tutto il mondo.

Tutti questi autori specificano nei loro testi lassoluta necessit della luce solare per ricuperare e mantenere la salute. In particolare, associando le pratiche regolari dellosservazione discrezionale del sole, dei bagni di sole e di una alimentazione prevalentemente fruttariana, gli igienisti ottengono grandi successi in tutto il mondo, nonostante le condizioni climatiche avverse, la propaganda terroristica delle istituzioni sanitarie, tutte contrarie al sole, e le cattive abitudini della vita moderna che ci costringono non solo a mangiare cibi tossici, ma anche a stare quasi sempre nella penombra di edifici oscuri, a fare lavori noiosi che aumentano il nervosismo e lo sforzo mentale ed oculare. Il Professor Arnold Ehret, pubblicando nel 1910 il suo libro Il Sistema di Guarigione della Dieta Senza Muco [potete ordinarlo alla Soce.Ser], nel raccomandare la transizione graduale ad una dieta di sola frutta e verdura per la guarigione di tutte le malattie, indica come perentorio anche il regolare svolgimento di bagni di sole di venti o trenta minuti al giorno ogni volta che la luce naturale diretta sia disponibile, avendo cura di esporre tutto il corpo, e procedendo con gradualit. Questo grande scienziato di origini austriache, ma vissuto a Los Angeles, avendo perfettamente ripulito il suo corpo dalle ostruzioni causate dalla cattiva alimentazione, era in grado di stare per parecchi giorni senza bisogno di mangiare nulla, assumendo lenergia necessaria per vivere e lavorare non solo dalla luce naturale del sole, ma anche dai profumi, dallesercizio fisico, e dalle componenti mentali del pensiero stesso che anima lessere umano. Gli episodi narrati nel suo libro sono molto indicativi e le testimonianze dei suoi pazienti altrettanto significative; vi rimandiamo ad essi e al sito www.arnoldehret.it per approfondire questo tipo di studio. Il Dottor Herbert M. Shelton nel suo libro del 1934 The Hygienic System dedica diversi capitoli allimpiego del bagno solare e su come esso sia benefico anche per gli occhi e la vista, consigliando di rinforzare gli occhi imparando a guardarlo senza paura. Cos scrive: Ho sempre vissuto senza copricapi per pi di quarantanni, e quasi tutto questo tempo lho passato in Texas, sotto a un sole sub-tropicale, e ci non mi ha mai causato danni. I miei pazienti non coprono la testa mentre fanno il bagno di sole e non ne vengono danneggiati. [] Gli occhi vengono beneficiati dalla luce e danneggiati da troppa oscurit. Rimirare direttamente il sole stato trovato di grande beneficio per la vista indebolita. I pesci che vivono in cave buie, dove non ricevono luce solare, sono sempre ciechi. [] Strizzare gli occhi non necessario, n uno ha bisogno di occhiali scuri per prevenirlo. Uno ha solo bisogno di smettere di strizzare gli occhi. Questo pu essere controllato dalla volont. possibile guardare direttamente nel sole di mezzogiorno senza strizzare le palpebre. Sembra che non ci sar bisogno di occhiali e creme oculari se uno semplicemente smette di strizzare. Strizzare gli occhi non ha nessuna utilit. Antonino Sciascia era un insigne medico siciliano, di Canicatt, di fine Ottocento. Egli curava le persone esponendole al sole, e concentrando la sua forte luce sulle parti da trattare mediante una enorme apparecchio costituito da lenti di ingrandimento, da lui denominato Fotocauterio, brevettato a Londra. Fototerapia era il nome da lui dato a questo suo metodo, i cui risultati erano sbalorditivi, perch riusciva a risolvere in uno o due mesi malattie gravissime come il carbonchio, la tubercolosi, il lupus, eccetera Purtroppo, come spesso accade nella scienza, le sue scoperte e i suoi successi, forse perch basati su soluzioni semplici, sono stati nascosti e addirittura usurpati da altri medici, tra i quali il danese Finsen, premio Nobel per la medicina nel 1903, a cui tutti attribuiscono la scoperta della fototerapia sciasciana. Segnaliamo ai lettori il sito Internet della Citt di Canicatt dove possibile leggere il libro di un

pronipote dello stesso Sciascia che narra tutta la storia di questo grande scienziaro: http://www.canicatti-centrodoc.it/. Il Dottor William H. Bates di New York, lo scopritore della vera cura della vista imperfetta con metodi naturali, senza occhiali e operazioni, stato il pi prolifico autore su questi argomenti, forte anche dellesperienza maturata con pazienti oculari in oltre cinquantanni di pratica clinica. Non solo Bates raccomandava luso della luce solare e di quella elettrica come sua sostituta nelle giornate nuvolose, ma incoraggiava i pazienti a guardare direttamente il sole per guarire i problemi degli occhi, non solo quelli pi banali, miopia e presbiopia, ma anche quelli gravi e gravissimi, come la cataratta e la cecit. In particolare, Bates aveva applicato il principio del Fotocauterio di Sciascia (ma non sappiamo se aveva veramente conosciuto il lavoro del ricercatore siciliano) direttamente sullocchio, e cio egli concentrava, durante il cosiddetto trattamento con il sole, la luce del sole sul bianco dellocchio, mentre il paziente guardava in basso e la palpebra superiore veniva tenuta alzata dal medico, che muoveva la lente solare velocemente da parte a parte per illuminare bene tutta la zona della sclera ed evitare qualsiasi accumulo di calore. Cos facendo, in pochi minuti anche i pi gravi pazienti fotofobici diventavano capaci di aprire ampiamente gli occhi al sole di mezzogiorno e di rimirarlo addirittura, allinizio per pochi istanti, e nel corso del tempo a volont. Il libro fondamentale di Bates, pubblicato nel 1920, e disponibile in italiano nel sito www.sistemabates.it, dal titolo Vista Perfetta Senza Occhiali, riporta tutta la conoscenza necessaria al lettore per guarirsi da solo usando la luce sugli occhi, con fotografie dellepoca in cui si illustra come guardare il sole a mezzogiorno e come usare correttamente la lente solare per concentrare i raggi sulla sclera. Luso della luce del sole come pura energia in grado di affrancare lessere umano dal bisogno di cibo una materia affascinante che va ben oltre i problemi di salute. I casi di cui si ha testimonianza certa sono molteplici. In Europa, la mistica cattolica Teresa Neumann (1898-1962) perse la vista in seguito ad un incidente nel 1918, ma nel 1923, in occasione della santificazione di Teresa di Lisieux, miracolosamente la riacquist, iniziando un percorso di elevazione spirituale che la port, pochi anni dopo, a non sentire pi lo stimolo della fame e a vivere di una sola ostia al giorno per oltre trentasei anni. Casi simili vengono riportati un po da tutto il mondo e da tutte le et, in maniera pi o meno credibile. Si dice che fosse addirittura il greco Socrate, nel quinto secolo prima di Cristo, a rimanere in osservazione del Sole e della Luna per giorni interi (dal Simposio di Platone). In tempi moderni, abbiamo gli insegnamenti del maestro bulgaro Beinsa Douno (m. 1947, scopritore della Paneuritmia), e degli indiani Acharya Jovel, Dimbeswar Basumatary, Sunyogi Umasankar, Hira Ratan Manek, nonch dellucraino Nikolay Nikolayevich Dolgorukiy, tutti osservatori regolari del sole, con risultati pi o meno eccezionali. La letteratura su questa materia infinita, e merita ulteriore approfondimento nei successivi numeri della nostra rivista. Come guardare il Sole Chi ha una vista normale e una mentalit ordinariamente rilassata pu in genere guardare il sole senza problemi a tutte le ore del giorno. Oggi per questi casi sono rari. In pratica, anche chi non usa lenti correttive ha senza dubbio subto loltraggio delle lenti scure da sole e ha disabituato gli occhi alla luce naturale. Chi invece ha vista difettosa, corretta o no da lenti, soffre grandemente la forte luce del sole, e deve riabituarsi ad essa se vuole sperare di poterla guarire senza occhiali. Il segreto fondamentale per arrivare a poter rimirare il sole di mezzogiorno senza problemi sta tutto nel procedere con discrezione, iniziando con pochi secondi al giorno allalba e al tramonto, (ma in caso di nuvole si pu fare anche quando il sole

pi alto, specialmente in inverno), e avendo cura di prevenire ed evitare il bench minimo fastidio, sbattendo velocemente le palpebre e muovendo sempre lo sguardo avvicinandosi e allontanandosi dal sole, facendolo muovere come un pendolo. anche possibile procedere con molta pi cautela usando un occhio alla volta e coprendo laltro con il palmo della mano. Lideale, per abbreviare questo periodo di lenta riabilitazione alla luce naturale diretta del sole, sarebbe luso della lente solare del Dott. Bates, per la quale rimandiamo al sito www.sistemabates.it Nei casi gravi di intensa fotofobia, sbagliato iniziare a guardare direttamente il sole senza prima aver abituato gli occhi, e la mente, alla luce del cielo, e nei casi veramente gravissimi anche la luce del cielo troppo forte e bisogna abituarsi ad essa osservandola ad occhi chiusi per lunghi periodi di tempo (unora o pi) seduti comodamente spalle al sole e avendo cura di dondolare leggermente il corpo o la testa, rilassandosi.Applicando questi princip di buon senso, ci rendiamo conto che losservazione diretta del sole non pu essere una fatica o un lavoro sul quale ci si debba concentrare e sforzare, ma una felice occasione per godere del profondo rilassamento che la Natura ci offre ogni giorno per garantirci il benessere e la vitalit. Chi non pu guardare il sole una persona nervosa, confusa e infelice. Chi pu guardarlo liberamente invece allegro, spensierato, e padrone delle sue azioni e della sua vita in generale. Imparando a guardare il sole, considerandolo una fonte di energia e di tranquillit, chiunque di noi pu non solo guarire la sua vista e la sua mente, ma anche accelerare e completare qualsiasi altra terapia naturopatica si stia effettuando, con benefici immediati e lampanti soprattutto sul piano della detossificazione da farmaci, metalli pesanti, cibi errati e inquinamento. OCCHIALI DA SOLE TOSSICI PER LA PELLE una notizia nascosta da tutta la grande stampa da www.ilmessaggero.it LONDRA (3 giugno) - Fanatici della tintarella attenti agli occhiali da sole. Se prima proteggendo i vostri occhi vi sentivate a posto con la coscienza e al sicuro per la vostra salute contro i danni provocati dal sole sulla pelle, adesso un medico britannico pronto a far crollare anche questa certezza. Il nostro cervello infatti ricevendo una luce meno forte grazie al filtro delle lenti scure manderebbe dei segnali per far produrre meno melatonina al nostro organismo, come in presenza di poco sole. Da qui il guaio per la salute. Nel libro "La sopravvivenza del pi ammalato", in uscita domani nelle librerie del Regno Unito, la dottoressa Sharon Moalem, dopo ricerche approfondite, parla di un vero e proprio inganno nei confronti dell'organismo da parte delle lenti da sole: indossando gli occhiali, infatti, il cervello registra una minore quantit di raggi solari, e il corpo indotto a produrre meno melanina (la sostanza che provoca l'abbronzatura per proteggere la pelle dai raggi solari): il risultato che la pelle meno protetta e aumenta il rischio di sviluppare il cancro. Questa teoria trae origine da una ricerca pubblicata sulla rivista scientifica "Journal of Investigative Dermatology", secondo la quale la luce percepita dagli occhi attiverebbe la produzione del cosiddetto ormone stimolatore dei melanociti. La percezione della luce fondamentale nello scatenare il processo naturale di autodifesa dell'organismo nei confronti del sole, spiega Sharon Moalem al tabloid domenicale "Sunday Express", pur ammettendo che la percezione ridotta non l' unica causa cancro alla pelle.La teoria ha riscosso ampi consensi da parte della comunit scientifica. John Hawk, esperto di melanomi presso la Fondazione britannica per la pelle afferma: La produzione delle sostanze stimolatrici dell'abbronzatura quasi certamente correlata alla luce percepita, mentre lo scienziato tedesco Sven Krengel, che ha svolto studi sull'argomento, ha concluso che indossare occhiali da sole spinge la gente a non

cercare riparo dal sole. Negli Stati Uniti, dove l'incidenza del cancro alla pelle in continua ascesa, i casi nell'ultimo anno stati oltre un milione. Sette Puntidi Rishi Giovanni Gatti 10 giugno 2007 In sette punti riassumiamo alcuni concetti fondamentali della cura della vista cos come viene praticata dai moderni ricercatori e studiosi delle opere originali del Dott. Bates. Cari lettori, allo studio approfondito delle pubblicazioni originali del Dott. Bates, si evince, a mio avviso, quanto segue: Primo. Il lettore DEVE scartare gli occhiali, se vuole seriamente star bene. Secondo. Il lettore deve smettere di cerecare altri metodi di cura, come la PNL , il Diksha, la dieta, eccetera, con leccezione di solo alcune terapie che sono collegate ad uno stile di vita naturale (Natures Path of Living). Mi riferisco ai trattamenti di detossificazione da aggressioni chimico-fisiche (amalgami dentari, farmaci, cibi sbagliati, eccetera) che rinforzano la salute senza pretendere minimamente di curare gli occhi, ma si limitano ad aiutare il corpo a seguire i suoi ritmi naturali. Praticando queste cure, non aspettatevi che succeda molto sugli occhi e sulla visione. Per quello, solo Bates ha qualche possibilit di aiutarvi. Terzo. necessario per il paziente capire che la cura della vista FACILE, e NON basata su tentativi e sforzi, e per questi motivi essa CONTRARIA ALLE COMPLICAZIONI nella vita. Una volta guariti, potrete affrontare la complicazioni usando la visione come sentinella che vi avvisa contro lo sforzo e le difficolt. Intendo dire, una volta guariti, se vedete la vista tentennare, allora significherebbe che vi state sforzando troppo per risolvere una questione complicata della vita e dovreste fermarvi per rilassarvi e giocare meglio. Quarto. A volte le persone mi dicono che non sono daccordo su quanto detto sopra. Esse dicono di conoscere persone molto indaffarate e sotto sforzo che hanno buona vista. Gli chiedo sempre di controllare le loro affermazioni perch quello che pensano della vista dei loro amici semplicemente errato. Se li mettete alla prova, forse sar che hanno buona visione per lontano, ma tentennano al punto prossimo, o se hanno buona visione per il punto prossimo e per lontano, allora tentennano in luce forte, eccetera. Con ci, intendo dire che la vista perfetta MOLTO DI PIU di quello che viene discusso da TUTTI quelli che si occupano di questo campo. Quinto. Vedo una forte differenza tra quello che succede con i lettori in Italia e quello che mi viene riferito dalle persone negli Stati Uniti, come coloro che sono iscritti al gruppo Perfect Sight su Yahoo! Sono stato testimone di risultati buonissimi con i miei clienti, intendo dire davvero cose meravigliose e guarigioni, mentre persone molto inteligenti doltreoceano sono bloccate, e anche se tolgono gli occhiali e stanno senza di essi, non sembra che facciano grandi progressi. La loro visione sempre imperfetta nelle situazioni in cui essi necessitano al massimo che sia buona. Questo un altro chiaro esempio dello sforzo mentale associato alla visione, che deve essere corretto se uno spera di ottenere il meglio. Come correggere lo sforzo mentale e riguadagnare un controllo della mente basato sul riposo e la gioia di vivere? La risposta nei metodi dello stesso Dott. Bates, praticati con un atteggiamento mentale

del tutto diverso. Sesto. Come praticare i meravigliosi metodi del Dott. Bates in uno stato mentale di riposo? Con pazienza, uno deve provare vari metodi, spingendosi verso le pi perfette condizioni nelle quali uno possa sperimentare, e quindi DARE CREDITO ai metodi e DARE DISCREDITO alle opinioni degli altri e ai cattivi giudizi che ci potranno arrivare addosso. Succeder presto che sotto tali particolari condizioni la vista sia buona di per s, non ostante il grado di cattiva visione o le condizioni passate. Allora, tutto si basa sulla volont del paziente di REPLICARE tali buone condizioni, SENZA LINTENZIONE DI VEDERE, ma solo con il sentimento di vivere senza sforzo, mediante riposo. Settimo. Una affermazione molto semplice del Dott. Bates da tenere a mente questa: avete lo stesso tempo per usare gli occhi male rispetto a quello che avete per usarli bene. Persino quando siamo sotto sforzo e non vediamo bene, siamo sempre liberi di ricordare questa affermazione e applicare velocemente qualche principio per essere pi rilassati e usare gli occhi correttamente. Tutti i metodi sono buoni, Palmeggiamento, Spostamento, Dondolamento, Memoria, Immaginazione, Sbattere le palpebre, Rimirare il Sole (il pi importante!), eccetera. Queste cose devono essere tenute a mente, consapevolmente tutto il giorno. Se fallite con uno qualsiasi di questi sette punti elencati, per favore chiedete aiuto a qualcuno di vista perfetta Stringere i tempi nella cura della vistadi Rishi Giovanni Gatti - www.SistemaBates.it Il Sistema di Cura della Vista che dobbiamo al Dott. Bates, come descritto nelle sue pubblicazioni originali, e come centinaia di praticanti stanno verificando in questi ultimi anni, scientifico e riesce. Persone qualsiasi dai pi disparati problemi visivi, semplici e complicati, leggeri o pesanti, sperimentano, gi dopo i primi minuti di autotrattamento senza occhiali, dei benefici spesse volte ritenuti insperabili. Persone con elevata miopia, superiore alle venti diottrie di prescrizione, hanno presto lampi di vista normale nei quali locchio si focalizza precisamente su un oggetto distante e lo riconosce, tra lo stupore generale. Persone con presbiopia consolidata dalluso decennale degli occhiali per leggere riescono a leggere caratteri piccoli, ma molto piccoli, dopo pochi minuti di rilassamento, e subito esplodono in grida di entusiasmo per aver riconquistato una facolt che da sempre stata ritenuta impossibile da ricuperare. Entrando in campi pi delicati, quelli delle malattie organiche dellocchio, per le quali i lettori sentono maggiormente la necessit di ricorrere alla medicina, ufficiale e non, abbiamo raccolto testimonianze di persone che stanno guarendo problemi come il nistagmo, la cataratta, le maculopatie, e altro, usando come strumento i metodi indicati da Bates tra i quali il controverso utilizzo della luce diretta del sole, o di forti sorgenti elettriche trovando non solo benefici fisici, ma anche mentali e psicologici. Fatta questa notevole premessa, rimane un dato di fatto: la lentezza della cura. La

strada verso una guarigione totale e permanente in quasi tutti i casi lunga, apparentemente tortuosa, irta di ostacoli. Per, non difficile. Ci sentiamo di dire che la guarigione permanente sempre a portata di mano, dietro langolo, dato che i lampi di vista normale, e in seguito i periodi di ore o giornate intere in cui gli occhi funzionano normalmente senza alcun intervento da parte nostra, si verificano sempre pi spesso, e le ricadute sono sempre pi facili da ricuperare, o sempre pi rare. Eppure molti lettori si sentono a disagio, perch la vista rimane sempre soggetta a variazioni indesiderate e la cura sembra sfuggire. Come ci suggerisce il Dott. Bates, la spiegazione di questi fenomeni deve essere trovata non ipotizzando teorie, ma analizzando i fatti. In tutti i casi in cui le ricadute continuano non ostante i continui progressi realizzati, si noter che ci accade perch il lettore, il praticante di vista perfetta, utilizza male i suoi occhi in qualche parte della giornata, e molto probabilmente anche durante il sonno. Utilizzare male gli occhi significa sforzarsi per vedere, cio fissare lo sguardo, concentrarsi, cercare di vedere diverse parti di un oggetto in una volta sola senza creare la senzazione di dondolo universale peculiare della vista normale. Lobiettivo della cura acquisire labitudine continua a non sforzarsi per vedere, e cio a non concentrarsi, mai, in nessun caso, a non fissare lo sguardo su alcunch, a rilassarsi nel dondolo universale senza alcun timore che questo strano fenomeno ci possa travolgere. Questa ultima affermazione merita di essere sviluppata: ogni volta che si lavora in favore di una crescita, di una evoluzione personale, si incontrano le resistenze opposte dal vecchio modo di pensare, dai vecchi vizi che la nostra mente non vuole abbandonare per paura di non essere in grado di affrontare la novit, lignoto, il futuro. lo stesso anche per la cura della vista: le vecchie abitudini di fissit dello sguardo e di sforzo e concentrazione, non vogliono andarsene, soprattutto perch, per farle andare via, si commette lerrore di usare metodi sbagliati, ci si concentra, ci si sforza, si fa della ginnastica per rinforzare i muscoli oculari, il che un controsenso. Non possibile usare sforzo per combattere lo sforzo. Lunica soluzione nel rilassamento, nel coltivare gentilmente, placidamente, un atteggiamento mentale rilassato, non-coinvolto, allerta e vigile, ma non condizionato dagli eventi, e quindi pronto e disponibile a rispondere alle sollecitazioni che arrivano, senza problemi. Per stringere i tempi nella cura della vista, esistono dei metodi di rilassamento mentale che sono formidabili, a patto che li si pratichi. In quasi tutti i casi, ci che serve un appuntamento quotidiano con una tabella di controllo di Snellen, di pochi minuti, per verificare il livello di sforzo per vedere di cui si afflitti in quel momento, e osservare se, cambiando la distanza, lilluminazione, il tipo di tabella, o praticando lo spostamento, luso della memoria e dellimmaginazione, la visione delle lettere cambi, in meglio o in peggio. Se la lettera migliora, se diventa pi nitida e iniziano a comparire righe pi piccole, e si diffonde nella testa e nel corpo una sensazione come di rilascio e di benessere, allora il metodo impiegato valido e va continuato. Vice

versa, il metodo sbagliato e va temporaneamente abbandonato per essere riprovato in seguito, se necessario. Per favorire, indirettamente, la visione della tabella di controllo di Snellen, che il vero test che garantisce la genuinit dei risultati, la nostra esperienza di questi anni di divulgazione del Sistema Originale Batesiano ci conferma la bont di alcune pratiche da non dimenticare mai. In primo luogo luso di luci forti in ogni dove, e specialmente nelle abitazioni, oltre che negli uffici. Troppo spesso gli ottimi risultati conseguiti allaperto e al sole, anche in casi di altissima miopia, vengono rovinati quando si rientra in abitazioni fin troppo buie e male illuminate, che mettono a dura prova il rilassamento guadagnato in condizioni di luce pi naturali. Questo forse lerrore pi comune fatto da tutti i praticanti della cura della vista, ma anche il pi facile da correggere: sufficiente dotarsi di ottime e potenti lampade moderne, possibilmente ad ampio spettro e alta temperatura cromatica, per illuminare non solo la tabella di controllo ma anche le zone dove si vive abitualmente. In particolare, tutte le zone dove ci si guarda allo specchio, il tavolo da cucina, il soggiorno dove si legge o si guarda la televisione. In secondo luogo importante abituarsi a non sforzarsi per vedere in condizioni difficili, cio in luce molto bassa, quasi assente, usando caratteri molto piccoli. Questa una pratica di beneficio universale, cio adatta a tutti i tipi di difetti, compresi quelli organici. Abituarsi a non perdere la calma e la rilassatezza anche quando non si vede niente, e poterlo fare in condizioni protette, dove non c nessuno che ci guarda, e non soffrendo condizionamenti esterni, di grandissimo aiuto soprattutto perch quando si ritorna a condizioni di luce pi normale e con caratteri pi facili la vista sempre molto migliorata se non normale. Osservare questo cambiamento, e rinnovare quotidianamente questa osservazione, la garanzia per il successo definitivo. Procrastinare queste dimostrazioni, pensare che la cura avverr da s in un domani indefinito, invece, garanzia di fallimento. Il vero motivo per il quale in pochi decidono di investire totalmente il proprio tempo nella cura della vista e vanno fino in fondo non accontentandosi mai dei risultati, ma trovando continuo divertimento nellapprofondire il proprio livello di rilassamento, ancora oggi non chiaro. Era uno dei crucci dello stesso Bates, quando scrisse che non sarebbe mai stato soddisfatto finch non avesse capito perch alcuni pazienti guarivano dalle pi difficili condizioni oculari in mezzora, e altri andavano avanti a trascinare il trattamento per molti mesi o anni pur partendo da un difetto di vista dei pi lievi. Oggigiorno, lasciando da parte analisi psicologiche che corrono il rischio di sviarci ancor di pi dalla pratica del trattamento, abbiamo potuto verificare che la possibilit di confrontare le proprie esperienze con quelle degli altri praticanti la cura pu funzionare da forte stimolo e catalizzatore. per questo che abbiamo fondato lAssociazione Vista Perfetta (Perfect Sight Society), dedicata esclusivamente a chi pratica lauto-trattamento, per mettere in contatto tra loro i soci che volessero insegnare, senza scopo di lucro, la loro esperienza, cos anche imparando meglio i segreti di questa profonda avventura spirituale.

Strategie agostane per la cura della vistadi Rishi Giovanni Gatti - 8 agosto 2006 ORIGINALE DEL DOTTOR BATES Riassumiamo qui, dallalto della nostra quinquennale esperienza di divulgazione della vera cura della vista, alcune strategie da applicare per favorire il buon esito dellautotrattamento secondo i metodi di rilassamento mentale scoperti da W. H. Bates. Eliminare gli occhiali da vista, da sole, e le lenti a contatto: questo lunico vero primo principio da attuare se si vuole ottenere un qualche risultato concreto. Non possibile praticare lauto-trattamento e nel contempo continuare con le lenti correttive. Prima si capisce e si accetta questo dato di fatto, prima si comincia il percorso di guarigione. Chi ha difetti lievi della visione, pu metterlo subito in pratica senza troppi fastidi. Chi ha difetti pi gravi, deve sottoporsi ad un periodo di transizione nel quale comincia a fare a meno delle stampelle ottiche in situazioni protette, ricorrendo di nuovo ad esse in tutti gli altri momenti della giornata. Vengono definite protette quelle situazioni nelle quali anche chi soffre di miopie elevatissime, superiori alle 15 diottrie, o ipermetropie serie, superiori alle 5 diottrie, pu tranquillamente stare senza occhiali e guardarsi intorno senza problemi. Ad esempio, il terrazzo di casa, se ben soleggiato, una volta tolte le lenti, non fa paura e garantisce la possibilit di un adattamento veloce alle nuove condizioni. Al contrario, uscire di sera una situazione assolutamente da sconsigliare, in questa fase preparatoria. Durante il periodo di transizione, la persona si osserva, vede come gli occhi tendono di per s ad avere momenti di miglioramento della visione, e quindi vede cadere proprio davanti ai suoi stessi occhi il tab medico/ottico che vuole la vista imperfetta essere incurabile se non attraverso mezzi rifrattivi, e cio essere inguaribile. Quando gli occhiali vengono indossati nuovamente, essi provocano subito fastidio e tensione, con dolori ai muscoli oculari, alle tempie, alla testa in genere, prova che nel periodo in cui gli occhi non sono stati sottoposti allo sforzo di dover guardare attraverso mezzi rifrattivi innaturali essi si sono rilassati e riposati, e sono ridiventati sensibili agli effetti della lente correttiva. Nelle persone intelligenti, questa semplice prova dovrebbe portare ad abbreviare velocemente il periodo di transizione per passare quindi al vero e proprio autotrattamento. Purtroppo, la quasi totalit dei casi impone invece di continuare ad usare queste stampelle perch vi la necessit di dover guidare lautomobile, e ci non pu essere fatto senza occhiali se vi lobbligo prescritto. qui che il Generale Agosto ci viene in aiuto: durante le vacanze sempre possibile sospendere la guida e potersi dedicare ad approfondire la cura della vista, nella speranza che al termine del periodo di ferie la persona abbia maturato la giusta esperienza per poter decidere che la priorit va data al trattamento e non alle altre cose. La guida va sospesa, come va pure sospesa la dannosa pratica di guardare la televisione o di perdere tempo davanti allo schermo del calcolatore. Queste pratiche allinizio sono in genere molto dannose anche se fatte senza occhiali perch lo sforzo per vedere che comincia ad affiorare una volta tolte le lenti non deve essere incoraggiato ma alleviato. Per alleviarlo, occorre muovere lo sguardo, continuamente, e preferibilmente in spazi aperti, per assorbire la benefica luce del sole o del cielo, durante lunghe passeggiate, o piacevoli e oziose soste a bordo di un dondolo, di una altalena, di unamaca che ondeggia tra due alberi in campagna, sospinta un po dai nostri muscoli e un po dal venticello estivo con il quale ci si pu sincronizzare. Il meglio possibile, secondo tutte le testimonianze raccolte in questi anni, sarebbe il vero dondolo del mare, sia a bordo di una barca, di un gommone o di

un lettino gonfiabile, direttamente galleggiando con il corpo immerso nella posizione del morto, lasciandosi portare dalla corrente, con tutte le precauzioni del caso. In agosto, il Sole non pi cos a picco come in giugno, e pu essere rimirato con pi facilit e in orari pi comodi sia allalba che al tramonto, aumentando la durata dellosservazione ad occhi aperti man mano che leffetto rilassante si approfondisce. Risulta anche facilitata lapplicazione del Trattamento con il Sole mediante la Lente Solare di W.H. Bates, nelle ore centrali della giornata, una vera e propria scorciatoia per imparare presto a lanciargli rapide occhiate anche a mezzogiorno senza averne nessun fastidio o danneggiamento. Nota: se il Sole procura danni, ci significa che si voluto fare di testa propria senza seguire le indicazioni fornite da Bates nel suo libro Vista Perfetta Senza Occhiali; il problema facilmente risolvibile, richiede del tempo aggiuntivo, e una certa maggior intelligenza, che tutte le persone hanno sempre a portata di mano, se solo volessero usarla. Anche il cinema allaperto un ottimo strumento per agevolare la transizione allabbandono degli occhiali. Ovviamente, non si deve pretendere di voler guardare perfettamente lo schermo e riconoscere attori e seguire la trama, con la vista imperfetta che ci si ritrova. Ma al contrario si dovrebbe spostare ritmicamente lo sguardo sulle varie parti dello schermo, che molto ampio, e anche in alto nel cielo, verso linfinito delle stelle, e gustarsi quella sensazione di abbandono che arriva dallaver rinunciato a volersi impegnare per vedere bene, a fare dei tentativi per mettere a fuoco, a seguire attentamente le macchie colorate che si susseguono tra luci guizzanti per cercare di capirne il significato mediante elucubrazioni mentali. Aver abbandonato questi tic, che hanno tutti, anche quelli che portano occhiali, il grande passo che vi consentir di procedere spediti nellauto-trattamento. Abbandonare un ticchio nervoso significa una cosa sola, rilassarsi. Abbandonare il ticchio di volersi sforzare per vedere, di fare dei tentativi per mettere a fuoco, significa rilassare la mente. Non importa se non si capir nulla della proiezione cinematografica, importa che si guadagni un po di rilassamento. Sulla spiaggia, oppure nei parchi in citt, o in montagna lungo i sentieri, o sul lago in barca a vela, vi sorprenderete di quanto facilmente locchio e la mente si rilassino e vadano a fuoco su oggetti inaspettati e divertenti, come il seno di una procace bagnante l distante, che salta fuori cos nitido e tridimensionale da sembrare a portata di mano, altro che occhiali!, oppure il volo di un gabbiano in alto e lontano nel cielo, oppure sul profilo di una minuscola casa dallaltra parte della valle, con le sue piccole finestre quadrate che non avevate mai visto prima, anzi mai nemmeno immaginato di poter vedere. Questi momenti di visione buona o assai migliorata sono davvero sorprendenti, e in genere spariscono cos come sono venuti, ma la visione successiva ad essi non mai cos scarsa come in precedenza: il processo di guarigione si avviato e non potr mai tornare indietro. Per quanto lento e incostante esso potr essere, fino a che non vengono rimessi gli occhiali correttivi, esso proceder sempre, e potr essere facilitato e abbreviato se la persona continuer con lesercitarsi con il rilassamento nei modi dovuti e consoni al suo stato individuale. Purtroppo il numero di persone che prosegue e approfondisce il suo trattamento per arrivare finalmente ad una guarigione che consenta poi di continuare verso ulteriori traguardi ancora troppo esiguo. Ma questo argomento verr affrontato in un prossimo articolo. Per ora ci basta sollecitare le persone che abbiano un qualche interesse ad investire i giorni delle vacanze per fare qualcosa di veramente anti-conformista: mettere da parte gli occhiali e rischiare

di imparare a vedere con i propri occhi. Un formidabile metodo per curare la miopia27 giugno 2006, di Rishi Giovanni Gatti www.SistemaBates.it Se avete nelle vicinanze della vostra abitazione una autostrada o una via a grande scorrimento e potete portarvi su un ponte che la attraversa, potete applicare il seguente metodo per la cura della miopia, o per la sua prevenzione:Scegliete il lato del ponte sotto il quale le automobili scorrono allontanandosi, e le targhe posteriori siano ben illuminate dal sole. Munitevi di cuffia antirumore e mascherina antismog, se necessario. Preparatevi mentalmente a passare una mezzora sul ponte a guardare il flusso delle automobili: deve essere chiaro che non ammessa la noia, quindi se per caso vi capita di provare questo sentimento, interrompete e rimandate ad unaltra occasione. Guardate verso il basso in attesa del transito di unautomobile, e appena ne sbuca una seguitela con lo sguardo fino a che non riuscite pi a distinguerla. In quel momento, tornate a guardare verso il basso, e aspettate che spunti unaltra vettura. In questa prima fase, diciamo per venti automobili, non dovrete fare alcunch, se non seguire genericamente la vettura fino a che non pi possibile distinguerla. Passate le prime venti vetture, per le successive venti occorre prestare maggior attenzione al vostro sguardo, e per ogni macchina osservata, ne dovrete rimirare continuamente uno dei due fanalini posteriori. Ci significa che se viene scelto il fanalino sinistro, quello bisogner continuare a rimirare fino a che la vettura non sar pi riconoscibile in lontananza. Per le successive altre venti vetture, seguite lo stesso metodo, ma alternate istantaneamente la centrale fissazione sui due fanalini posteriori, prima uno, poi laltro, e cos via. Al termine di questa terza fase, saranno passate in tutto sessanta vetture, e forse avrete impiegato cinque minuti, o dieci se il traffico lento. Ora potrete passare alla fase vera e propria del metodo di cura, perch questo test descritto solo il riscaldamento.Il metodo vero e proprio che migliora la vista concerne la lettura delle targhe delle automobili in movimento. Per chi ha problemi di vista e ha scartato le lenti correttive e sta praticando la Cura secondo lAutoTrattamento di W. H. Bates come spiegato nel suo libro Vista Perfetta Senza Occhiali (terza edizione, Juppiter Consulting, Milano, 2006), il solo pensiero di dover leggere una sconosciuta targa automobilistica, per giunto in movimento, fonte di ansia e di sforzo per vedere, e quindi di abbassamento della visione. Praticando questo metodo, non facciamo altro che abituarci intenzionalmente a rimirare la targa evitando consapevolmente di volerla leggere. Cos, non essendoci alcuna intenzione positiva di leggere la targa in esame, la mente si abitua a rimirare una scritta senza preoccuparsi di decifrarla n di compitarne le lettere verbalmente, essendo questultimo un pernicioso vizio che affligge tutti coloro che hanno vista imperfetta. Esercitandosi volontariamente a non voler leggere la targa in transito, il praticante di vista perfetta si abitua a rilasciare lo sforzo per vedere, e impara piano piano a non fare tentativi per riconoscere la scritta. Come per magia, dopo qualche minuto, inizierete a cogliere, inspiegabilmente, qualche cifra o lettera sulla targa, di solito la prima coppia a sinistra, a distanze che normalmente sarebbero impossibili. Il metodo prevede che nel momento in cui venga riconosciuta una qualche cifra, il praticante debba distogliere lo sguardo, cio scorrere lungo le altre cifre della targa,

osservando come le cifre prima viste e riconosciute ora non interessino pi il campo della consapevolezza, cio non sono pi centralmente fissate. Perch accada questo, la persona deve essere rilassata. Se conserva ancora il bench minimo desiderio di ritenere le lettere riconosciute, non sar mai in grado di scivolare con lo sguardo sulle altre lettere e riconoscerle. Per rendersi conto di ci, sufficiente dimostrare praticamente il fatto, cio che impossibile tentare di leggere le ultime lettere senza dimenticarsi le prime, senza lasciarle andare. Quando il metodo riesce, e le targhe cominciano ad essere riconosciute spontaneamente, il praticante si accorge che il punto di centrale fissazione davvero molto piccolo. Sicuramente molto pi piccolo di quello che uno pensa che sia. Molto pi piccolo. Osservando, vettura dopo vettura, la verit di questa affermazione, il praticante di vista perfetta si accorge inoltre della qualit del nero delle lettere delle targhe: tale nero coincide con il nero del punto di centrale fissazione, e non importa quanto lontano esso sia, se sessanta metri o seicento, sei o seicento chilometri, esso sempre nero, esattamente dello stesso nero che uno dovrebbe vedere quando vengono chiusi e coperti gli occhi con i palmi delle mani (palmeggiamento). In sostanza, la targa non altro che uno specchio che rivela quanto piccolo e nero il punto che si in grado di immaginare alle varie distanze. Se il punto immaginato a grande distanza rimane piccolo e nero, e cio non si trasforma in un disco grigio, allora sar possibile leggere qualsiasi scritta a quella distanza. In genere, per, viene il momento in cui la macchina troppo lontana e il punto va perduto. Ci non importante. Lobiettivo finale del trattamento quello di abituarsi a rimanere rilassati sempre di pi, immaginando punti sempre pi piccoli e pi profondamente neri. Poich non ci sono limiti fisici a questa condizione della mente, che potremmo definire di libert spirituale, non ci sono limiti alle facolt visive dellUomo, e alla profondit del suo rilassamento mentale. Per questo motivo, la Cura della Vista secondo William H. Bates un metodo di trattamento universale che previene e guarisce tutte le malattie, non solo quelle dellocchio, e che andrebbe conosciuto da tutti i ricercatori della verit che non si accontentano delle convenzionali teorie accettate, sulla vista come sullo psicosoma umano nel suo complesso. La Cecit Notturnadi Rishi Giovanni Gatti - 10 aprile 2006 Nellambito della serie di articoli che dedichiamo alla divulgazione della Cura della Vista, esaminiamo in questo numero un sintomo molto curioso, quello della cecit notturna, del quale il Dott. Bates si occupa nel suo libro originale Vista Perfetta Senza Occhiali a pagina 281, dove si narra di un caso molto grave di vista imperfetta che non aveva tratto alcun beneficio n dalle lenti correttive, n da altre misure palliative come la vita in campagna, allaria aperta.La cecit notturna un difetto visivo per il quale con il calare della notte, e quindi in assenza di luce solare, la retina perde la sua peculiare sensibilit centrale ed uno costretto, se vuole vedere qualcosa di ci che ha davanti a s, ad usare una parte molto periferica del campo visivo, girando gli occhi da una parte, in uno sforzo assolutamente innaturale. Tale disturbo non si risolve con occhiali o lenti correttive, n con operazioni o altri trattamenti ortodossi, facendo parte di tutta quella collezione di malattie visive date per incurabili e senza speranza. Nel caso riportato da Bates, il paziente, dopo alcuni mesi di discussioni e rimostranze con il medico, si lasciato convincere che lunica soluzione al suo problema fosse quella di dedicarsi ai metodi di rilassamento per la cura della vista, che

fortunatamente egli riuscito a praticare con successo, arrivando alla guarigione completa e definitiva non solo di questo strano sintomo della cecit notturna, ma anche degli altri problemi di vista di cui soffriva, non solo di miopia ma anche di allucinazioni, attacchi di cecit improvvisa e altri sintomi nervosi. Oggigiorno il sintomo della cecit notturna estremamente comune, anche se in forma non cos grave da impedire totalmente la visione come nel caso citato, ed sempre molto fastidioso: la cosa che pi sccncerta le persone che ne sono affette che gli occhiali e le lenti a contatto sono inutili, giacch lapparente effetto benefico riscontrato con lacquisto di un nuovo paio svanisce nel giro di pochi giorni e al buio la visione peggiora ulteriormente molto presto. Non sembra quindi trattarsi di un problema di messa a fuoco, ma proprio di visione nel senso meno fisico del termine, cio pi mentale, laddove per visione intendiamo un processo di interpretazione dellimmagine che arriva sulla retina dellocchio, e non limmagine stessa.Chi soffre di questo disturbo capisce bene il significato di queste parole: di giorno, pu darsi che la visione sia normale, e i contorni degli oggetti ben definiti, e i particolari ben visibili; di notte, invece, tutto sembra magicamente sparire come nascosto dietro un velo grigiastro che impossibile da penetrare. possibile fare un semplice esperimento per rendersi conto dei fatti: chiudere gli occhi e coprirli con i palmi delle mani senza toccarli, e aspettare qualche minuto. Si noter che quel velo grigiastro l presente davanti agli occhi, cio, nella mente del soggetto, e non dipende dalla messa a fuoco n dalla prescrizione diottrica delle lenti correttive, dato che con gli occhi chiusi e coperti non arriva alcun raggio luminoso dallesterno, e il problema di vedere bene gli oggetti non si pone proprio. Quel velo un fatto puramente mentale, lo sforzo inconscio per vedere che non viene curato dagli occhiali, e che lunica vera sorgente del difetto visivo. Sostanzialmente, si tratta di mancanza di rilassamento mentale, o riposo.Come dice il Dott. Bates, la causa della cecit notturna, come di tutti gli altri problemi visivi, lo sforzo per vedere, ovvero, la mancanza del naturale rilassamento mentale e oculare che presiede la buona salute. Giocoforza, la cura da seguire non quella degli occhiali o delle operazioni chirurgiche, ma quella che porta a riguadagnare il corretto rilassamento mentale necessario alluso naturale degli organi della vista.Per entrare nei dettagli del trattamento necessario studiare il libro originale del Dott. Bates, ma in questa sede non possiamo non ricordare che a chi gli chiedeva quale fosse la cura per la cecit notturna, il medico americano rispose molto drasticamente con due parole: Sun-Gazing. Cio: Rimirare il Sole. Avete letto bene: la luce diretta del sole il miglior metodo di trattamento per guarire quei fenomeni di sforzo mentale che causano gli effetti strani e incurabili della cecit notturna. Naturalmente, bisogna usare discrezione, e non sarebbe corretto per nessuno iniziare a fissare il sole a mezzogiorno senza una adeguata preparazione, giacch ci causerebbe, come lo stesso Bates avverte nel suo libro originale, lerompere violento di un tale quantitativo di sforzo oculare capace in genere di produrre danni fisici allocchio, che, sebbene mai permanenti, sarebbero inutilmente molto fastidiosi.Ma lobiettivo corretto: chi scrive questo articolo ha iniziato a rimirare regolarmente il sole circa diciotto mesi fa, iniziando con brevi periodi, fino ad arrivare ad oltre quaranta minuti continui di osservazione, con enormi benefici sia sul piano della visione che del benessere generale.Alla luce di queste esperienze, che sono corroborate da testimonianze di decine di persone sullo stesso cammino sperimentale, appaiono davvero inopportune e fuori luogo le infinite raccomandazioni che ci arrivano

dalla scienza convenzionale, che invita a proteggersi il pi possibile da quella fonte di energia senza la quale la vita non sarebbe mai esistita, e senza la quale non sarebbe possibile alcuna visione, n difettosa, n buona. Lavorare davanti al video e curare la vista di Rishi Giovanni Gatti - gennaio 2006 Come conciliare la cura della vista e il lavoro davanti al video: un problema molteplice che per ha soluzioni semplici, da mettere in pratica intenzionalmente fino a che non saranno diventate spontanee e automatiche. Il problema pi grosso che un qualsiasi praticante del Sistema Originale di Bates per la Cura della Vista mediante autotrattamento mentale si trova ad affrontare il lavoro al video del calcolatore elettronico. Oramai questi schermi elettronici sono ubiquitari, e non ostanti i passi avanti fatti dalla tecnologia, che ci consegna ogni anno schermi sempre migliori, la difficolt di guardarli senza sforzare sempre enorme, specialmente per chi allinizio della cura ed ha da poco abbandonato definitivamente e permanentemente luso delle lenti correttive o dei dispositivi a foro stenopeico.Potremmo dire che le due attivit, la cura della vista e luso del videoterminale, siano due occupazioni che si elidono a vicenda, nel senso che se si persegue luna, ci a detrimento dellaltra e vice versa. Infatti la persona che ha una vista imperfetta sotto trattamento si trova a dover fronteggiare un problema per certi versi molteplice: 1. 2. 3. la caratteristica peculiare delle cifre e delle lettere generate sul video, come impulsi luminosi primari e non come mero riflesso secondario di una fonte luminosa terza, come quella della carta stampata dei libri di testo; la carenza di luce naturale nellambiente di lavoro e la insufficiente intensit del flusso della comune luce artificiale, nonch la sua scarsa qualit; la preoccupazione di dover essere produttivi, perch si ha poco tempo e si deve terminare il lavoro, e gli occhi si ribellano e ci vedono sempre peggio essendo sottoposti ad un conseguente e aumentato sforzo per vedere. Analizzando pi nel dettaglio le varie condizioni elencate, ci accorgiamo che alcuni rimedi esistono e si possono attuare con grande beneficio. In particolare: a) il video come la carta stampata Che le immagini video lettere e cifre siano costituite da pixel, composti ciascuno da tre sottopixel con i tre colori primari (rosso, verde e blu) in sintesi additiva, e separati tra loro da un microscopico contorno nero di sfondo, una verit che pochi lettori hanno realizzato. Prendere coscienza di questo fatto avvicinandosi al video o prendendo una lente da ingrandimento per capire bene il fenomeno una conditio sine qua non per attuare una strategia vincente di cura. Se non si conosce il problema quale , come possibile risolverlo, o dissolverlo? Il problema che le lettere e i numeri a video non sono reali, ma sono un semplice accostarsi di punti in una matrice prefissata, che il cervello si sforza di integrare, di rendere reale come il carattere stampato su carta. Lunico modo che il cervello ha per ovviare a questo problema sfocare leggermente locchio per creare una lieve sovrapposizione tra i pixel sfocati in modo tale che il carattere matriciale sembri costituito da un tratto continuo, come il carattere stampato. Questo meccanismo perverso si attiva inconsciamente e persiste fino a che non viene ripristinata la centrale fissazione dellocchio, e cio la capacit di discernere il singolo pixel, o meglio ancora il singolo sottopixel, che va a costituire insieme agli altri pixel o sottopixel la matrice sulla quale si ricava il simbolo a video.A dire il vero, lideale sarebbe riuscire a discernere, tramite centrale fissazione, una piccolissima parte dellinterspazio nero che costituisce lo sfondo sul quale i pixel si

accendono per formare il simbolo a video. Per farlo, sufficiente immaginare, mentre si usano gli occhi, questa piccolissima parte di interspazio nero presente ovunque sotto ai pixel, dimenticandosi di tutto il resto, e spostando lo sguardo sulle lettere, ricordandosi che non si tratta di lettere vere ma di pixel e sottopixel separati tra loro, e che assurdo cercare di vederli come un tratto continuo. b) luci forti La differenza tra lilluminamento che locchio umano troverebbe normalmente allaperto in una giornata serena di sole primaverile e lilluminamento di cui pu godere quando allinterno di un ufficio davanti al video del calcolatore dellordine delle decine di migliaia di lux. Cio, stare al chiuso e stare allaperto fa una grande differenza per locchio, che si vede depauperato, allinterno di una comune stanza, della quasi totalit del suo nutrimento fisiologico, cio la luce del sole. Per rimediare occorre agire lungo due direzioni: 1. riabituarsi gradualmente alla luce diretta del sole, imparando a guardarlo direttamente, nellarco di qualche mese di pratica quotidiana, usando anche la scorciatoia della Lente Solare del Dott. Bates; aumentare di pari passo il flusso luminoso che investe gli occhi quando si al lavoro davanti al video, utilizzando lampade elettriche di vario tipo, possibilmente ad ampio spettro (ad esempio quelle della ditta Biosystem Life Lite), alto rendimento e temperatura colore di almeno 5.500 K; per la pratica quotidiana con la Tabella di Snellen sarebbe opportuno, qualora non si possa usare la luce diretta del sole, utilizzare la forte luce concentrata dei proiettori a ioduri metallici e scarica di gas. Nellattuare queste due direttive bisogna sempre ricordarsi che ogni individuo un caso a s, non tutti vedono ugualmente bene nelle medesime condizioni luminose, e magari una luce che qualcuno potrebbe giudicare forte in realt per qualcun altro assai debole. In tutti i casi, secondo il Dott. Bates, tutti dovrebbero diventare capaci di poter guardare in alto il sole senza provare alcun fastidio o disagio. c) usare gli occhi razionalmente Sono due le trappole che costantemente il video del calcolatore ci tende mentre lavoriamo con esso: 1. nello spostare il puntatore (la freccia sul video che facciamo muovere spostando il mouse sulla scrivania), siamo tentati di guardare fissamente il punto di arrivo, loggetto su cui premere il pulsante, e seguire nel campo eccentrico il movimento, in genere a scatti, che il puntatore fa dietro nostro comando finch esso arriva a destinazione; una volta dato un comando qualsiasi, siamo tentati, mentre siamo in attesa della risposta del calcolatore, di fissare lo sguardo nel vuoto, al centro dello schermo, aspettando chiss che e perdendo tempo ed energia che sono invero assai preziosi. Queste due tentazioni sono infinitamente molto pi dannose per la vista di quelle elencate precedentemente perch vanno a minare alle fondamenta il funzionamento naturale della facolt visiva. perch usiamo gli occhi cos irrazionalmente che la mente va sotto sforzo e non lavora con la dovuta efficienza. Una mente inefficiente una mente che non ha gli occhi sotto il normale controllo, una mente che genera preoccupazioni e problemi, che a loro volta indeboliscono la vista e rinforzano il circolo vizioso dal quale uscire diventa sempre pi impegnativo. Fortunatamente il rimedio esiste:

2.

2.

1.
2.

seguire il puntatore immaginando che loggetto puntato si muova verso di esso, mentre si immagina che tutto lo sfondo, compreso loggetto verso il quale stiamo dirigendo il puntatore, si muova in senso contrario al movimento del puntatore; chiudere gli occhi quando si in attesa del responso del calcolatore, e riaprirli per una frazione di secondo ogni due o tre secondi, ripetendo il periodo di rilassamento fino allavvenuta risposta, per proseguire poi con il lavoro. Niente di pi facile. Allinizio, mettere in pratica questi suggerimenti coster molto in termini di produttivit, ma un investimento che vale la pena intraprendere. Gi nelle prime ore si scoprir che la visione sar molto migliore e la mente pi rilassata e libera. Tenere nei pressi dello schermo del calcolatore una Tabella di Controllo di Snellen sulla quale lanciare una rapida occhiata ogni tanto consentir di verificare i progressi minuto per minuto, oltre che essere una ulteriore fonte di riposo per gli occhi. Nel corso dei giorni o delle settimane, sar possibile rimpicciolire i caratteri comunemente usati a video e allontanare o avvicinare lo schermo per verificare come le condizioni che una volta erano assai sfavorevoli ora non lo sono pi cos tanto, si sono trasformate in condizioni nelle quali pi facile esercitarsi a vedere sempre meglio, e a pensare e lavorare in modo sempre pi riposato e tranquillo. LImmaginazione nella Cura della VistaA cura di Rishi Giovanni Gatti Laspetto sicuramente pi interessante e coinvolgente dello studio pratico del libro originale del Dott. Bates Vista Perfetta Senza Occhiali (2002-2005, Juppiter Consulting, Milano) quello relativo al ruolo della facolt psichica dellImmaginazione applicata alla memoria e alla visione. Per immaginazione intendiamo qui la facolt della mente umana di visualizzare immagini mentali ad occhi chiusi, come anche ad occhi aperti, il pi possibile simili o identiche a ci che si vede ad occhi aperti, o a ci che si ricorda di aver visto. Limmaginazione non perci astratta, ma d luogo a figure mentali ben chiare, vivide, lucide, ricche di dettagli e analizzabili con lo sguardo, con locchio della mente, mediante lo spostamento della centrale fissazione. Come dice il Dott. Bates, non pu esserci immaginazione se non vi anche visione e memoria. Le tre facolt sono distinte ma in realt coincidenti. Fare esperienza di questa verit molto importante nellambito della Cura della Vista: come possibile ricordare una cosa che non si mai vista? Come possibile immaginare una cosa di cui non si ha memoria alcuna? Come possibile vedere ci che non si in grado di figurarsi mentalmente? Rispondere filosoficamente a queste domande inutile, bisogna fare delle prove, condurre degli esperimenti con se stessi, passare allazione. Si tratta di riattivare le tre coincidenti facolt iniziando con il praticarne una, quella che riesce meglio, e verificare che anche le altre, se difettose, migliorano. Ad esempio, una persona miopica pu verificare che la sua vista, senza occhiali, molto buona al punto prossimo; perci potr usare questa buona visione per rimirare lungamente un piccolo punto stampato e rafforzarne il ricordo, ad occhi chiusi e poi a occhi aperti. Cos facendo, la persona vedr che, con la pratica continuata, non solo il ricordo del punto stampato arriver alla mente senza particolari difficolt, ma anche la sua immagine mentale, che dipende dalla facolt di immaginazione, sar sempre pi vivida e persistente. Una buona immaginazione mentale di immagini visive fondamentale per godere di vista perfetta e di ottima memoria. Infatti, nel saper immaginare mentalmente un oggetto, un colore, una scena, la mente trova sollievo, si rilassa, perde ogni tensione legata alla preoccupazione del vivere, si trova a suo agio. Questa sensazione di agio,

di comodit, si trasmette automaticamente anche allocchio e a tutti gli altri organi del corpo, contribuendo a mantenerlo in buona salute e in perfetta vitalit. Di conseguenza, la vista si mantiene perfetta, e in questo stato genera il materiale visivo adatto per essere immagazzinato perfettamente nella memoria, pronto ad essere nuovamente immaginato. Tutti possono coltivare una buona immaginazione, ad occhi aperti e ad occhi chiusi, e con ci migliorare la memoria e la vista, e non importa quanto difettosa sia questa facolt allinizio della pratica dei metodi di rilassamento per la vista perfetta senza occhiali. I risultati che si sono ottenuti in passato, sia quelli pubblicati dal Dott. Bates che quelli odierni raccolti dai praticanti moderni del suo Sistema Originale, sono davvero molto incoraggianti. Ci sono persone che curando la propria vista imperfetta, praticando, per esempio, con la Tabella di Controllo di Snellen, hanno guarito la loro tendenza a mangiarsi le unghie. Altri hanno risolto problemi di emicrania o di sinusite cronica che li affliggeva da anni. Altri ancora hanno scoperto come interrompere un fastidioso singhiozzo con la semplice immaginazione mentale di un punto nero, oppure risolvere un attacco di starnuti o un raffreddore senza usare farmaci o altri rimedi. Ma se ci limitassimo ad illustrare questo utilizzo semplice della facolt di immaginazione, faremmo un torto a noi stessi e al Dott. Bates. Le implicazioni di questo tipo di pratica vanno molto pi in l. Hanno a che fare con piani di Realt che sfuggono alla nostra comprensione comune, a meno che non si accetti un cambio di paradigma e si cominci a realizzare che lesistenza umana pertiene ad un dominio psico-spirituale, che , per definizione, senza limiti. Mente e visioneTratto da Vista perfetta senza occhiali del Dottor W. H. Bates Si ammette che la vista povera sia una delle pi fruttifere cause di ritardo nelle scuole. Si stimato che pu ragionevolmente essere ritenuta responsabile di un quarto degli abituali alunni rimasti indietro, e si assume comunemente che tutto questo possa essere prevenuto mediante occhiali adatti. C molto di pi nella visione difettosa, per, della mera incapacit di vedere la lavagna o di usare gli occhi senza dolore o fastidio. La visione difettosa il risultato di unanormale condizione della mente, e quando la mente in una condizione anormale ovvio che nessuno dei processi educativi possa essere condotto con vantaggio. Mettendo gli occhiali ad un bambino potremmo, in qualche caso, neutralizzare leffetto di questa condizione sugli occhi, e rendendo il paziente pi a suo agio potremmo migliorare le sue facolt mentali fino ad un certo punto; ma non alteriamo la condizione fondamentale della mente, e confermandola in unabitudine cattiva potremmo renderla peggiore. Si pu dimostrare facilmente che tra le facolt della mente che vengono danneggiate quando la visione danneggiata vi la memoria; e dato che una larga parte del processo educativo consiste nellimmagazzinare dei fatti nella mente, e che tutti gli altri processi mentali dipendono dalla conoscenza che si ha dei fatti, facile vedere quanto poco si adempia meramente mettendo gli occhiali ad un bambino che ha problemi agli occhi. La straordinaria memoria delle genti primitive stata attribuita al fatto che a causa dellassenza di qualsiasi mezzo conveniente per fare registrazioni scritte essi dovessero dipendere dai loro ricordi, che venivano di conseguenza rafforzati; ma nellottica dei dati di fatto conosciuti sulla relazione tra memoria e vista pi ragionevole supporre che la memoria ritentiva delluomo primitivo fosse dovuta alla stessa causa della sua aguzza visione, una mente a riposo. La memoria dei primitivi, cos come la loro acutezza visiva, stata rilevata tra persone civilizzate; e se fossero stati fatti i necessari controlli si sarebbe senza dubbio

scoperto che esse occorrono sempre insieme (...) Quando la vista di due persone diversa si scoperto che la memoria differisce di pari grado. () Perfino quando la differenza nella vista tra i due occhi della stessa persona, si pu dimostrare, come stato indicato nel capitolo sulla Memoria come Aiuto alla Visione, che c una corrispondente differenza nella memoria, a seconda se entrambi gli occhi sono aperti, o se viene chiuso locchio migliore. Nel sistema educativo attuale si fanno continui tentativi forzosi per costringere i bambini a ricordare. Questi tentativi falliscono sempre. Essi guastano sia la memoria che la vista. La memoria non si pu forzare come non si pu forzare la visione. Ricordiamo senza fare tentativi forzosi, proprio come vediamo senza tentativi forzosi, e pi duramente tentiamo di ricordare o vedere e meno siamo in grado di farlo.Il tipo di cose che ricordiamo sono le cose che ci interessano, e la ragione per cui i bambini hanno difficolt nellimparare le loro lezioni che esse li annoiano. Per la stessa ragione, tra le altre, la vista viene danneggiata, e la noia una condizione di sforzo mentale in cui impossibile per locchio funzionare normalmente. () La ragione fondamentale, per la scarsa memoria e per la scarsa vista dei bambini scolari, in breve, il nostro sistema educativo irrazionale e non naturale. La Montessori ci ha insegnato che solo quando i bambini sono interessati che possono imparare. E ugualmente vero che solo quando sono interessati che possono vedere. ()Quando uno non interessato la mente non sotto controllo, e senza controllo mentale uno non pu imparare n vedere (...) Cosa ci fanno gli occhialiDott. W. H. Bates Trattamento senza occhiali, NY 1920 Fiorentini si erano senza dubbio sbagliati nel supporre che un loro concittadino (vedere pagina v) fosse l'inventore delle lenti ora cos comunemente indossate per correggere gli errori di rifrazione. Si discusso molto sull'origine di tali dispositivi, ma in generale si crede che fossero gi conosciuti in un periodo molto precedente a quello di Salvino degli Armati. I Romani dovevano come minimo conoscere qualcosa sull'arte di aumentare i poteri degli occhi, dato che Plinio ci racconta che Nerone era solito guardare i giochi nel Colosseo attraverso una gemma concava in un apposito anello. Se, comunque, i contemporanei di Salvino degli Armati credevano che egli fosse stato il primo a produrre questi aiuti alla visione, hanno fatto bene a pregare per il perdono dei suoi peccati; perch mentre vero che per qualcuno gli occhiali hanno procurato un miglioramento della visione e sollievo da dolore e fastidio, per altri sono stati solo una tortura aggiuntiva, procurando danni pi o meno gravi, ed al meglio non portano mai la visione alla normalit. Che gli occhiali non possano migliorare la vista al normale pu essere dimostrato molto semplicemente guardando un colore qualsiasi attraverso una forte lente concava o convessa. Si noter che il colore sempre meno intenso di quando viene visto ad occhio nudo; e poich la percezione delle forme avviene attraverso la percezione dei colori, ne consegue che sia i colori che le forme debbano essere visti meno distintamente con gli occhiali che senza. Persino le lenti piane abbassano la visione di colori e forme, come sa bene chiunque abbia mai guardato attraverso una finestra. Le donne che indossano occhiali per piccoli difetti visivi spesso osservano che con essi diventano pi o meno cieche ai colori, e in un negozio si pu notare che se li tolgono per confrontare campioni diversi. Se la vista risulta seriamente difettosa, i colori possono essere visti meglio con gli occhiali che senza. Che gli occhiali danneggino gli occhi evidente dai dati forniti nei precedenti capitoli. Non si pu vedere bene attraverso di essi se non si produce lo stesso grado di errore rifrattivo per correggere il quale sono stati fatti. Ma gli errori rifrattivi, nell'occhio lasciato a se stesso, non sono mai costanti. Se ci si assicura una buona visione con l'aiuto di lenti concave, convesse o astigmatiche, perci, significa che si sta

mantenendo costantemente un grado di errore rifrattivo che altrimenti non sarebbe rimasto costante. Ci si pu solo aspettare che questo peggiori la condizione, e che ci accada esperienza comune. Dopo che la gente comincia ad indossare occhiali la loro potenza, in molti casi, deve essere regolarmente aumentata in modo da mantenere il grado di acutezza visiva assicurato dall'aiuto dei primo paio. Persone con presbiopia che mettono occhiali perch non leggono la stampa fine troppo spesso scoprono che dopo averli indossati per un po' non possono, senza il loro aiuto, leggere i caratteri pi grandi che prima erano a loro perfettamente chiari. Una persona con miopia di 20/70 che mette occhiali che gli danno una visione di 20/20 pu scoprire che in una settimana la sua visione senza aiuti calata a 20/200, e abbiamo la testimonianza del Dott. Sidler-Huguenin, di Zurigo, che dice che la maggioranza delle migliaia di miopi da lui trattati peggiorarono regolarmente, a disprezzo di tutta l'abilit nel prescrivere loro i giusti occhiali. Quando gli occhiali si rompono e si sta senza di essi per una settimana o due, frequentemente si nota che la vista migliorata. E un dato di fatto che la vista migliori sempre, di un grado pi o meno rilevante, quando si eliminano gli occhiali, sebbene ci non sempre venga notato. Che l'occhio umano rifiuti gli occhiali un fatto che nessuno vorr tentare di negare. Ogni oculista sa che i pazienti devono "abituarsi" ad essi, e che a volte non riescono mai a farlo. I pazienti con un alto grado di miopia e di ipermetropia hanno grandi difficolt nell'abituarsi alla piena correzione, e spesso non sono mai capaci di farlo. Le forti lenti concave necessarie ai miopi di alto grado rendono gli oggetti molto pi piccoli di quello che sono in realt, mentre le lenti convesse li ingrandiscono. Queste sono cose spiacevoli che non si possono superare. I pazienti con un alto grado di astigmatismo soffrono delle sensazioni molto fastidiose quando indossano gli occhiali per la prima volta, e per questo motivo vengono avvertiti da uno degli opuscoli della "Conservazione della Visione" pubblicati dal Consiglio sulla Salute e l'Istruzione Pubblica dell'Associazione Medica Americana di abituarsi ad essi in casa prima di avventurarsi dove un passo falso potrebbe causare un incidente serio. Solitamente queste difficolt vengono superate, ma spesso non lo sono, e a volte succede che coloro che se la cavano bene con i loro occhiali durante il giorno non riescono ad abituarsi ad essi di notte.Tutti gli occhiali contraggono il campo della visione per un grado pi o meno alto. Anche con occhiali molto leggeri pazienti sono incapaci di vedere distintamente se non quando guardano attraverso il centro delle lenti, con le montature ad angolo retto rispetto alla linea della visione; e non solo la loro visione diminuisce se non fanno. Camminare per guarire la vistaA cura di Rishi Giovanni Gatti - tratto da www.ecplanet.com Nel libro Vista Perfetta Senza Occhiali Bates il Dott. Bates chiarisce che per guarire dalla vista imperfetta occorre esercitarsi con la Tabella di Controllo di Snellen per almeno un'ora al giorno ed esercitarsi con altri oggetti per ventitre ore al giorno. La prima parte di questa affermazione facile da capire: il Dott. Bates ci dice che la Tabella di Snellen un ottimo strumento per fare pratica, leggendone le righe senza sforzarsi di vedere, chiudendo frequentemente gli occhi e ricordando o immaginando il nero delle lettere sempre pi nero e il bianco dei bordi e dello sfondo sempre pi bianco. la seconda parte della sua affermazione che ci coglie impreparati e ci fa sobbalzare: come possibile esercitarsi per ventitre ore al giorno in una qualsiasi attivit? Semplicemente, il Dott. Bates dice questo per farci capire che l'unico modo per guarire la vista quello di smettere di sforzarsi per vedere, e quindi di ricuperare quello stato di rilassamento mentale naturale che avevamo prima di ammalarci di

vista imperfetta. Solo nel rilassamento infatti possibile esercitarsi 24 ore su 24 senza stancarci, e cio vivere una vita felice e piena. E questo esercitarsi in realt non altro che il funzionamento normale dell'organismo umano, del corpo e della mente, quando sono in stato di operosa quiete e non vi sono perdite di energie in sforzi inutili. Tra le tante attivit che si fanno durante il giorno vi il camminare. Il Dott. Bates ha inventato un metodo di rilassamento basato su questa semplicissima attivit umana: semplicemente si tratta di immaginarsi una linea mediana che parte dal centro del corpo, sul suolo, e si proietta in avanti in lontananza, all'infinito, come per dividere lo spazio in due settori, ciascuno in relazione ad un lato del corpo; mentre si cammina, si fa caso alla sensazione di dondolio che si percepisce osservando come lo sguardo si sposti da un settore all'altro, ogni volta che il piede pi avanzato tocca terra e cede il passo all'altro che si stacca e lo supera. In sostanza bisogna esercitarsi nell'osservare come l'alternarsi dei due piedi sul terreno corrisponda ad un naturale spostamento dello sguardo tra le due parti del paesaggio che scorre avanti all'osservatore.Se si riesce a mantenere questa sensazione di dondolo universale mentre si cammina, si possono percorrere distanze incredibili senza alcuno sforzo e senza precedente allenamento: un vero e proprio antidoto all'affaticamento e alla noia. Ovviamente le condizioni pi favorevoli per praticare il camminare sono quelle di una buona condizione luminosa (e cio il bel sole primaverile) e di uno scenario che sia interessante per il soggetto, come ad esempio un sentiero di campagna o di montagna, ma anche una via importante nel centro cittadino, con vetrine piene di oggetti colorati, persone che si incrociano, mezzi dei pi diversi in movimento, cartelli stradali e dei numeri civici sugli stabili e semafori, insegne luminose, manifesti pubblicitari, eccetera eccetera. Quanto detto finora ha un senso ed una utilit solo se viene praticato senza occhiali e lenti a contatto, e senza occhiali da sole. Chi miope e si sente in difficolt, deve solo fare un po' di pratica iniziale guardando oggetti vicini, evitando di guardare in lontananza all'orizzonte o dall'altro lato della strada, per non rischiare di aumentare lo sforzo per vedere. Con il tempo e la pratica quotidiana, ecco che la sensazione di dondolio si stabilisce con pi sicurezza e pi velocemente e sar possibile alzare un po' lo sguardo e scoprire che anche gli oggetti lontani si trovano incredibilmente a fuoco, prima solo se sono bene illuminati, e in seguito anche se sono in penombra.Chi scrive si trovato a percorrere in questo modo circa sette chilometri e mezzo lungo le vie di Milano, da Porta Venezia a via Rogoredo, in meno di un'ora e tre quarti, senza accusare il bench minimo fastidio. Anzi, il tempo volato e la vista si dimostrata normale e spesso addirittura perfetta (quindici o venti decimi), come dimostrato dal fatto di aver potuto leggere le scritte minuscole incise sul marmo dei cartelli delle strade ad oltre trenta metri, o l'orologio dell'ora elettrica a oltre centocinquanta metri. Chiunque pu dimostrare questi fatti, se abbandona gli occhiali correttivi per qualche giorno e sta alla luce del sole per qualche ora, a guardare lo scenario che scorre davanti a lui facendo bene attenzione a rinunciare allo sforzo che fa per vedere chi ha vista imperfetta. sufficiente avere un po' di pazienza e ricordare che il mondo si muove, grazie anche allo stratagemma della linea immaginaria di mezzeria che evita di fissare lo sguardo e aiuta a mantenere il dondolio. Rishi Giovanni GattiGiornalista, direttore responsabile de IL FALCO PER L'EDUCAZIONE ALLA VISTA PERFETTA, rivista periodica bimestrale esclusiva dedicata alla divulgazione delle pubblicazioni originali di William H. Bates, M.D., lo scopritore della cura della vista imperfetta mediante trattamento senza occhiali. Il Sistema Originale di Bates nel Ventunesimo SecoloA cura di Rishi Giovanni Gatti

Tratto da www.ecplanet.com

Quando, nellaprile del 1982, chiesi ingenuamente alla oculista di famiglia che mi aveva appena prescritto lenti concave da mezza diottria se non si potesse fare nientaltro che mettere gli occhiali, ed ella mi rispose No., accettai quello spietato verdetto con la triste rassegnazione di tredicenne che doveva dar retta agli adulti, specialmente a quelli che avevano studiato, ma sentivo dentro di me che cera qualcosa di storto, di sbagliato, anche perch quegli occhialetti, leggeri!, davano assai fastidio e distorcevano le cose, pur rendendole apparentemente nitide, e lidea che bisognava abituarsi a quel fastidio aggiungeva solo una sensazione di fregatura in pi, di sfortuna ingiusta aggiuntiva che non sentivo di meritare per nessuna ragione al mondo. Navigai cos i successivi anni della pubert e delladolescenza dietro a false risposte che non solo crescevano di intensit, fino ad arrivare a cinque diottrie complessive di astigmatismo per occhio, ma anche di scomodit e impaccio, impedendomi di divertirmi nel modo pi agevole e costringendomi a vedere ci che avevo davanti attraverso schermi appannati. Finch, dopo soli quattro anni, come andava di moda e come tutti i quattrocchi aspiravano, presi la promettente strada delle lenti a contatto, dato che la miopia si era stabilizzata, e la mia voglia di felicit era diventata pi forte. Indossai negli occhi quegli stupidi pezzetti di plastica azzurrina semirigida gas-permeabile per tre anni e mezzo, prima di capire quanto fossi stato stolto, e quanto mentalmente miope ero diventato per non essermi accorto ben prima del mio errore. Mi diedero la bastonata Zen due libri presi ad una bancarella della Macro Edizioni, nellestate 1989, il primo che ora giudico mediocre titolato Larte della vista, di A. Huxley, in una edizione un po sospetta fatta da dei tizi che poi mi spiegarono che lavevano dovuta fare cos perch chi era titolare ufficiale dei diritti non voleva ristampare il volume, ed il secondo che ora giudico assai scarso titolato Vedere bene senza occhiali, di C. Mar-kert. Quelli erano il bastone, mentre il Maestro Zen che lo agitava era un certo oftalmologo americano di nome Bates, di cui i due scrittori menzionati tessevano grandi lodi. Tolti occhiali e lenti, e rinunciato a molte cose che non potevo pi fare con la mia vista difettosa, provai a sperimentare, acquistando qualche mese dopo il libro di Bates disponibile a quel tempo in italiano, titolato Il metodo Bates per vedere bene senza occhiali che ora giudico scandaloso e ricevendone una impressione tanto entusiasmante da un lato, quanto deludente dallaltro. Il fatto era che i tre libri nel loro complesso dimostravano chiaramente che qualcosa si poteva fare per migliorare o risolvere i problemi della vista, ma nello stesso tempo non davano quella profondit, quella sicurezza, quel supporto, necessarie affinch il lettore potesse ottenere qualcosa di pi che un lieve miglioramento davanti alla tabella, seduti sulla sedia delloculista: dopo un anno di cattiva e mal consigliata pratica, la prescrizione era scesa di una diottria per occhio, cio di circa il 20%. I libri, in una parola, mancavano di motivazione per fare scattare quella scintilla, come imparai a conoscere dieci anni dopo, che accende la verit che c in ognuno di noi e ci fa compiere la nostra vita pi in armonia con lOrdine naturale delle cose. Negli Anni Novanta lascesa dei nuovi sistemi di comunicazione globale come Internet ha permesso, a noi che siamo persone intelligenti, di accedere direttamente alle fonti di informazione pi adatte, ed cos che sono venuto a conoscenza, circa due anni fa, di molte realt e molti fatti riguardo al ricupero della vista, prima fra tutte, e di importanza vitale, lesistenza di un libro del 1920, dal titolo Perfect sight without glasses lunico vero libro scritto, e prodotto, dallo stesso W.H. Bates, e lesistenza di una serie di 133 numeri di una rivista

mensile dal titolo Better Eyesight che lo stesso Bates, insieme ai suoi collaboratori pi stretti, a cominciare dalla fedele assistente Emily C. Lierman, aveva pubblicato a New York dal 1919 al 1930. Sono state queste due letture ad aprire gli occhi del mio spirito e a finalmente raggiungere quella motivazione e quella comprensione che mi mancavano per cominciare veramente a capire di che cosa questo Sistema Bates si voleva occupare, insegnandoci ad usare mente e occhi senza sforzo e con il massimo beneficio non solo per la visione ma anche e soprattutto per il benessere generale dellorganismo, a beneficio anche di quellaspetto spirituale che in esso abita. Tanto grande era la forza di verit che trovavo nelle parole originali, vere, del fondatore Bates, quanto deboli, imprecise e fuorvianti erano le indicazioni, stupide e sbagliate nella quasi totalit dei casi, che si trovavano negli altri libri, scritti nel corso degli anni da oscuri e mistificanti epigoni del maestro, che ero andato acquistando nella speranza di chiarire le contraddizioni e le incongruenze, per non dire linconsistenza, che mi torturavano mentre cercavo di capire come mai non riuscivo a vederci bene non ostante fossi perfettamente convinto che questo era possibile. La verit era che quei lampi di visione perfetta che avevo cominciato a sperimentare spontaneamente una volta tolti gli occhiali parlo di visione assolutamente nitida e libera, centrale e ricca di contrasto, colore e dimensionalit accadevano soltanto per caso, e non avevo controllo su di essi, tanto che presto sparivano cos come erano apparsi, lasciandomi in uno stato di costernazione profonda e di sforzo aggiuntivo dato dal fatto che non ero in grado di replicarli a volont. Leggendo invece i testi originali, che ora, insieme alla Juppiter Consulting Publishing Company, abbiamo orgogliosamente pubblicato in italiano nel formato originario impegnandoci a conservarne durante la traduzione lo spirito ribelle e la completa portata terapeutica, ho capito dapprima come replicare a volont i momenti di visione nitida, e poi come accettare che essi si producano e si sostengano da soli, rendendomi capace di leggere i dieci decimi sulla sedia dellottico, o di guardare il sole senza disagio o di guidare di notte per molte ore di seguito senza accusare fatica e distrazioni. Solo nei testi originali si trova infatti quella motivazione e quella conoscenza che a ben guardare! consente a chiunque di capire cosa si deve fare, cosa non fare, e come procedere. Il danno che stato fatto in passato, e che noi con il falco vogliamo tentare di rimediare, stato quello di edulcorare e mistificare gli obiettivi originari del lavoro di Bates, quando leditore che subentrato nel 1943 ha tagliato la met dei contenuti del libro del 1920, sostituendo, in maniera criminale ed ingiusta, parole come guarigione e cura con miglioramento, dando limpressione di una condizione di vorrei dire ma non posso, come se lo stesso Bates si vergognasse a dire che lui i suoi pazienti li guariva veramente dai problemi funzionali ed organici degli occhi, come se non fosse giusto e leale offrire alla popolazione di vista difettosa la possibilit di imparare come si pu guarire senza luso degli occhiali, ma anzi approfittando di un trattamento di cura che non si limita a rimuovere sintomi e cause ma offre un vero e proprio percorso di crescita spirituale personale che regge il confronto con la meditazione, lo Zen, lo Yoga, il Tao, e tutte le altre discipline o scuole di pensiero orientale che la New Age e la Next Age ci hanno fatto conoscere in questi ultimi anni. Le scoperte di Bates davano molto fastidio allindustria degli occhiali, allora, e danno molto fastidio allindustria delle operazioni chirurgiche oggi, ma di pi davano e danno fastidio a chi dimostra di aver sepolto la propria intelligenza sotto tonnellate di conformismo, paura e rassegnazione. il caso dei cosiddetti insegnanti del Metodo Bates, altrimenti detti educatori visivi, o visual trainer. Sono queste le persone che hanno affossato definitivamente a partire dagli Anni Quaranta appunto la verit scoperta da Bates e ne hanno ucciso il pensiero. Quando nel 1989/90, agli inizi della mia ricerca, partecipai ad un corso sul Metodo Bates e vidi linsegnante

presentarsi con gli occhiali, ebbi subito un tonfo nel cervello, che mi riport proprio a quella sensazione sgradevole che mi procur il No. della oculista di famiglia, e spense quella debole luce di speranza che avevo allora, nellimmaginare che potessero esistere persone che il metodo lo conoscevano davvero e che potevano aiutarmi seriamente. Nel corso degli anni ho potuto verificare che queste persone non esistono, o se esistono sono molto discrete e non si palesano, proprio come fanno i veri illuminati, quelli che te li devi andare a cercare con il lanternino, come faceva Diogene, luomo della lampada, che insieme al suo cane fermava i passanti e gli gettava un fascio di luce sul viso e rispondeva Cerco lUomo a chi gli domandava il motivo del suo bizzarro comportamento. Come Diogene, abbiamo gettato luce sui visi di codesti professionisti, per scoprire che si dividono in due categorie: a) coloro che erano gravemente colpiti dalla vista difettosa, che hanno fatto un qualche corso gestito da altri personaggi simili, e che sono migliorati di qualche grado, ma che sono ancora ben difettosi dal punto di vista indicato da Bates; b) quelli che di problemi visivi non ne hanno mai avuti, che non portano occhiali e non ne hanno mai portati, ma che se interrogati sulla loro capacit di superare gli standard minimi, come Bates richiedeva per i suoi insegnanti, o di guardare il sole senza disagio, o leggere caratteri microscopici senza imbarazzo, evitano di rispondere, e se interrogati sugli aspetti pi importanti delle scoperte di Bates, circa labilit di silenziare il dolore ricordando perfettamente un piccolo punto nero dondolante nella mente, non sanno proprio di che cosa si sta parlando. Sono questi i fatti e le persone che hanno impedito alla gente di formarsi una opinione giusta su come si deve intervenire personalmente con lauto-trattamento mediante i metodi di rilassamento dei centri visivi del cervello sviluppati da Bates. E chiedere aiuto a persone che non hanno compreso questi fatti o a libri che trattano la questione solo con pressapochismo e superficialit, inutile e controproducente. Con il falco, la presente rivista, noi preferiamo ripartire dallinizio, a centanni di distanza dalle prime pubblicazioni, e costruire fedelmente un percorso personale che abbia chiari due requisiti essenziali: 1) se Bates ha ragione, come in realt , non c motivo per cui uno non possa guarire il suo difetto, qualsiasi esso sia, in durata e gravit, e proseguire con il trattamento per raggiungere standard visivi superiori al normale; 2) il fatto che il trattamento possa sembrare difficile, lungo, tedioso ed incerto, dimostra solo che la comprensione che ne abbiamo di esso sbagliata, imprecisa, non dimostrata, astratta, e bisogna agire di conseguenza per correggere queste aberrazioni. Di nuovo, ci che si deve coltivare una motivazione, basata su dati di fatto che devono essere dimostrati personalmente dal soggetto ma veramente, non per sentito dire o per averne meramente letto sui testi o su Internet che trover in certi casi comodo se non essenziale usufruire dellaiuto di qualcuno che abbia gi raggiunto una visione normale o perfetta, o che labbia conservata e coltivata intatta non ostante le sorgenti di sforzo e di tensione che la societ in cui viviamo, leducazione, la cultura, ci sottopongono. Con il falco, vogliamo rendere disponibili a tutti i lettori questi ferri del mestiere, e cio la possibilit di leggere le vere parole del Dott. Bates e del suo staff originario vere parole non mediate da alcuna influenza successiva, che le ha censurate, travisate e camuffate in modo indegno ma anche fare da punto di riferimento ufficiale, da veicolo giornalistico legato allattualit, per raccontare i progressi che molti di noi praticanti dei metodi originari di Bates fanno quotidianamente, e le guarigioni gi raggiunte, in modo da incentivare e stimolare quella motivazione a prendersi cura della propria facolt visiva seguendo semplicemente il buon senso, i modi della Natura, per scoprire che in realt il lavoro di ricerca personale basato sulla vista un vero e proprio percorso di guarigione

spirituale, dai significati ancora in gran parte non realizzati n immaginati. Rishi Giovanni Gatti il direttore responsabile de il falco. Cura con interesse e spirito critico la divulgazione delle formidabili scoperte di W.H. Bates, attraverso la Casa editrice da lui fondata, con lobiettivo di presentarle nel modo pi efficace, per consentire a chiunque di comprenderle ed utilizzarle come in realt esse veramente meritano. I Pericoli del Sole di Invernodi Rishi Giovanni Gatti (www.sistemabates.it) Nella stagione invernale la durata delle giornate molto inferiore rispetto al periodo estivo e in genere i nostri occhi vengono esposti assai raramente alla quantit di luce necessaria affinch essi possano esercitare il loro potere con il massimo del rendimento. Luso di luci artificiali di scarsa qualit e a basso indice di resa cromatica (come lo sono quasi tutte la lampade fluorescenti a risparmio energetico, dotate di uno spettro luminoso molto povero) costringe infatti gli occhi non perfettamente rilassati a fare degli sforzi per abituarsi a una condizione luminosa non adatta. Cos facendo, il difetto visivo, che sia corretto o meno dagli occhiali da vista o dalle lenti a contatto, tende sempre a peggiorare e con esso peggiora anche il rendimento mentale e il benessere generale della persona. La prova di questo aumentato disagio dovuto al buio invernale la si ha quando per caso, in una giornata magari fredda e ventosa, spunta il sole nel cielo limpido, e la sua luce ci appare inconsueta, troppo forte e fastidiosa. Il sole invernale molto basso allorizzonte e quando si sostituisce alla nebbia o alle nuvole o alla coltre grigia dello smog cittadino, ci coglie sempre alla sprovvista, fin quasi ad accecarci. Ecco quindi che le persone, anzich gioire per il lieto evento, si sentono sbito innervosire senza motivo, iniziano a strizzare le plpebre, soffrono di debilitanti mal di testa e altri dolori e malesseri di difficile eziologia, e corrono presto a rintanarsi in casa dietro alle tende, oppure, il che ancra peggio, indossano immediatamente degli orrendi occhiali neri alla moda, pensando di proteggersi e di eliminare il problema alla radice. Ma non certo questa la soluzione. Il problema del sole di inverno si pu risolvere mediante prevenzione intelligente, e cio modificando le condizioni di vita in ufficio e allinterno delle abitazioni, applicando su se stessi dei piccoli accorgimenti naturali, che andiamo a elencare: studiare la cura della vista secondo il sistema originario del Dott. Bates esercitandosi con tabelle di controllo da lontano e da vicino (vedi sito web www.sistemabates.it) praticare il trattamento con la luce, utilizzando una forte luce elettrica a ioduri metallici, ad alogeni o a LED di alta potenza di recente produzione (per informazioni scrivere a stronglight@sistemabates.it). Questo trattamento consiste nellabituarsi alle luci forti procedendo per gradi, cio prima rimirandole per lungo tempo a occhi chiusi, poi esponendo a esse la parte bianca dellocchio mentre si guarda in basso e si solleva la plpebra, e poi, alla fine e con grande discrezione, incominciando a sbirciare direttamente la fonte luminosa sbattendo le plpebre e guardando frequentemente altrove, notando poi che al termine dellesperimento la visione risulta nettamente migliorata rispetto a prima

sostituire tutte le lampade fluorescenti a basso consumo con lampade ad ampio spettro, sia fluorescenti che a LED (per informazioni scrivere a stronglight@sistemabates.it), in particolare in quei locali dove si passa il maggior numero di ore e, obbligatoriamente, alla scrivania, sia per lo studio che per il lavoro imparare a lggere caratteri piccoli in luce molto fioca, ma senza sforzo e solamente per rilassare gli occhi e non per capire quello che c scritto nel testo eliminare il pi possibile i cibi industriali e totalmente lo zucchero bianco e i farinacei raffinati; questo accorgimento necessario per evitare la comparsa di eritemi e arrossamenti e bruciature quando si va a sciare o quando si va al mare in primavera o estate. Seguendo questo semplice protocollo, ciascuno dei lettori potr verificare che la prossima volta in cui il sole di inverno ci sorprender spuntando improvvisamente dietro a una nuvola, noi saremo ben lieti della sua comparsa e ne apprezzeremo ampiamente i benefic, godendo a occhi bene aperti della sua energia e apprezzando ancra di pi la perfezione dei dettagli negli oggetti visti grazie allo splendore dei suoi raggi. Luci LED per abituare gli occhi al sole (estivo!) di Rishi Giovanni Gatti giugno 2010 Pochi giorni fa stato pubblicato lennesimo studio di una universit anglosassone che sfata il mito della pericolosit dellesposizione del corpo alla luce solare. Sembra che se la gente fosse meno timorosa di prendere una tintarella naturale, o anche solamente di fare semplici passeggiate con pochi vestiti addosso (senza cappello e senza occhiali da sole), si ridurrebbero di ben cinquantamila unit le morti per tumore nei soli Stati Uniti. Il beneficio che deriva dallesposizione al sole giustificato dai medici dal conseguente aumento della produzione di Vitamina D, che viene assunta dallorganismo normale dai cibi soltanto per il 10%. Meno luce si prende, quindi, meno Vitamina D si produce, pi si crea una carenza cronica e pi malattie ci affliggono con lavanzare degli anni, in particolare quelle legate alle ossa e alle articolazioni (per il depauperamento del Calcio). Recentemente sono state attribuite a una carenza di questa vitamina anche altre malattie degenerative come il diabete, i tumori, le cardiopatie, o la debilitante sclerosi multipla. Come al solito, gli autori degli stud che di volta in volta richiamano a una rivalutazione della Elioterapia ci avvisano che sono necessarie creme solari ad alta protezione per prevenire le scottature, dimenticando per di dirci che i componenti chimici contenuti in tali creme sono spesso tossici e rischiano di annullare i benefic dello stesso trattamento solare. Lunica soluzione seria, secondo il buon senso igienista, quella di procedere per gradi cercando di abituarsi gradualmente alla forte luce solare, 1) curando lalimentazione, che deve orientarsi alla frutta e alla verdura di stagione in modo quasi esclusivo, 2) assicurando il giusto apporto di acqua fresca (magari di sorgente o per lo meno vitalizzata attraverso var apparecchi oggi in commercio) per bilanciare la sudorazione, e sopra a tutto 3) prevenendo il fastidio agli occhi senza usare i dannosi occhiali da sole. Per i primi due punti test elencati rimandiamo ad altri articoli e/o testi presenti su questo sito che trattano ampiamente largomento. Per il terzo punto, offriamo una serie di suggerimenti operativi da applicare se interessati.

Spesse volte si ha paura che il sole ci bruci la pelle perch ci esponiamo a esso pur avendo un forte fastidio dato dalla luce, alla quale gli occhi non sono pi abituati per via delle lunghe ore di buio e/o penombra che la stagione invernale ci ha procurato, complice anche la necessit di vivere quasi sempre al coperto. Per evitare questi forti fastid sarebbe sufficiente allenarsi ogni giorno a guardare direttamente a occhi aperti (senza alcun tipo di occhiali) una forte luce elettrica per almeno cinque o dieci minuti al giorno durante la stagione invernale (iniziando da una certa distanza e una bassa intensit per poi aumentare nel corso delle settimane). Se questo non stato fatto, possibile rimediare in un tempo relativamente breve nella stagione estiva praticando alcune delle seguenti suggestioni: a) a occhi chiusi esporre per 5, 10, 15 o 30 minuti o pi a seconda della disponibilit, il viso al sole fresco del mattino o della sera, evitando il sole di mezzogiorno per la prima o le prime settimane b) superato questo stadio, il lettore sentir grandi benefic ma in particolare avr la necessit di goderne di pi, al che sar possibile sollevare la palpebra di un singolo occhio per esporne al sole la parte bianca mentre si guarda in basso il pi possibile; questo pu essere fatto per alcuni minuti alternando ogni occhio, per sessioni di dieci o venti minuti complessive, o anche di pi c)superato questo stadio, sar possibile provare a esporre i due occhi insieme sollevando entrambe le palpebre; se il fastidio era stato precedentemente eliminato, questa pratica si riveler eccezionalmente buona per gli occhi e per il benessere in generale ci)superato questo stadio, sar possibile iniziare a rimirare il sole direttamente, un occhio alla volta, lampeggiando le palpebre, per pochi minuti al mattino e alla sera; dopo alcuni giorni o settimane sar possibile farlo con i due occhi insieme e con il sole pi in alto nel cielo cii)quando il lettore consapevole di poter rimirare per alcuni minuti il sole di mezzogiorno con i due occhi insieme senza provare il bench minimo fastidio e sbattendo naturalmente le palpebre, egli sar dotato di una calma interiore e di un benessere psicofisico mai provato prima e la tintarella, nel frattempo, si sar formata automaticamente, o comunque la paura dellesposizione al sole sar completamente svanita; c da dire per che per arrivare a questo stadio molto probabilmente saranno stati necessar molti mesi di allenamento quotidiano, e cercare di accorciare questo tempo forzando losservazione del sole senza prima essersi preparati naturalmente conduce di solito a problemi organici degli occhi che preferibile evitare (pur essendo guaribili, questi danni causati dallo sforzo di guardare direttamente il sole senza essere naturalmente pronti a farlo sono fonte di preoccupazioni inutili che preferibile evitare sin dal principio). possibile per accorciare, almeno in parte, la trafila elencata sopra utilizzando una forte luce LED a fascio concentrato per eseguire questo trattamento in casa, a ogni ora del giorno (e della notte), per rinforzare gli occhi e renderli pronti per lesposizione estiva al sole. Si tratta di munirsi di una lampadina flashlight di almeno 3 watt di potenza, che abbia un flusso di almeno 150 lumen e la capacit di essere vista di notte ad almeno 250 metri di distanza. Con queste caratteristiche, possibile simulare blandamente lintensit della luce solare dirigendo il fascio sulla parte bianca dellocchio, mentre si guarda in basso e dopo aver sollevato la palpebra. La

lampadina non deve restare mai ferma ma deve oscillare da parte a parte, a una distanza dallocchio di alcuni centimetri. Ovviamente, se si prova il bench minimo fastidio agli occhi, la lampadina va allontanata e la durata del trattamento non deve superare i pochissimi secondi per volta. Con la pratica, possibile continuare per uno o due minuti per occhio, alternando e muovendo il fascio su tutta la parte bianca, evitando di guardare direttamente la luce (questo potr essere fatto gradualmente nel tempo, prima con un occhio e poi con entrambi, senza mai fissare lo sguardo per pi di un istante e sempre sbattendo le palpebre continuamente). In questo modo, il lettore intelligente avr rapidamente superato la disabitudine alle luci forti e potr immergersi nel sole estivo senza soffrire eritemi alla pelle e senza doversi nascondere dietro a visiere, cappelli o lenti scure, procurandosi cos la giusta ricarica energetica che al tempo giusto si potr rivelare essere una forte carica spirituale per affrontare la vita di tutti i giorni oltre che per agevolare il cammino evolutivo che tutti gli esseri umani sono chiamati a fare nellesplorazione dei misteri dellEsistenza. Strumenti indispensabili (nella Cura della Vista)Rishi Giovanni Gatti 2 dicembre 2009 Nella stagione buia importante continuare il lavoro di riposo con le Tabelle di Controllo di Snellen secondo il Sistema originale del Dott. Bates, assicurandosi per la migliore qualit della luce elettrica utilizzata per illuminare lambiente e le tabelle stesse. Come gli affezionati lettori di questa rubrica gi sapranno, il Sistema Bates (Metodo Bates Originale) prevede alcuni strumenti indispensabili da utilizzarsi per dimostrare i princip fondamentali della Cura della Vista mediante Trattamento Senza Occhiali, che sono sostanzialmente due: 1) una serie di Tabelle di Controllo di Snellen, e 2) una buona fonte di illuminazione elettrica (in mancanza della luce solare). In particolare durante lautunno e linverno necessario dotarsi di adeguata luce elettrica per bilanciare leccessiva durata della parte buia del giorno di questo peculiare momento dellanno. Il fatto che chi ha vista imperfetta molto sensibile alle condizioni sfavorevoli e la mancanza di buona illuminazione la pi grave tra queste avverse condizioni, ed causa di ricadute e scoramenti nel corso della cura. necessario quindi, per il praticatore che vuole continuare a progredire nel suo percorso di auto-trattamento, non lasciare nulla al caso e attrezzarsi in modo serio. La prima cosa da fare procurarsi una serie completa di Tabelle di Controllo di Snellen originali, che consiste nei quattro tipi stampati in nero su bianco e in bianco su nero, da utilizzarsi a varie distanze, per lontano e per vicino. Da affiancare a questo essenziale strumento, secondo soltanto al libro originale Vista Perfetta Senza Occhiali dellEditore Juppiter Consulting di Milano (che trovate in vendita su questo sito), sono stati prodotti due Mazzi di Lettere di Snellen che consentono al praticatore di esercitarsi sia da vicino che da lontano con lettere sconosciute, cio estratte a caso, per verificare se il suo livello di rilassamento mentale conquistato mediante la pratica fedele dei var metodi originali del Dott. Bates possa essere mantenuto anche quando si guardano lettere non conosciute, e quindi di per s sfavorevoli. I Mazzi di Lettere di Snellen non sono altro che vere e proprie carte da gioco in numero di 36, stampate fronte e retro e plastificate, che riportano le dieci cifre e le ventisei lettere dellalfabeto, e che devono essere usate alla distanza di 5 metri e di 30 centimetri , a seconda se si stia verificando la visione distante o quella prossima.

Laltro passo importante da compiere dotarsi di una buona fonte luminosa, e qui la scelta deve ricadere su due possibili soluzioni: a) le lampade a risparmio energetico ad ampio spettro (come quelle prodotte dalla ditta veronese Bio System Italia srl, vedere sito www.biosystemitalia.com), oppure b) le lampade ad altissimo rendimento agli alogenuri metallici, con preferenza per la Osram Powerball da 150 watt in tonalit fredda 4200 K. I due tipi di lampade si bilanciano a vicenda e il loro uso alternato permette di coprire esigenze specifiche. Le lampade ad ampio spettro e risparmio energetico sono necessarie per lilluminazione continua della scrivania, delle stanze domestiche, degli uffici, eccetera, dove vi una lunga permanenza ed necessario godere di una luce il pi possibile simile a quella solare (indice di resa cromatica vicino al 98), garantendosi come minimo un illuminamento di almeno 500 lux sulla scrivania (meglio sarebbero i 1000 lux, che si potrebbero ottenere utilizzando due lampade da tavolo da 23 watt appese a circa un metro di distanza dal tavolo). Le lampade agli alogenuri metallici, dal costo molto pi elevato ma dal rendimento migliore in assoluto (circa 110 lumen per watt contro i 52 delle lampade fluorescenti ad ampio spettro), sono invece molto raccomandabili per essere usate nel lavoro con le Tabelle di Controllo di Snellen, in quanto consentono di godere di illuminamenti paragonabili alla luce solare (circa 10.000 lux di luce incidente sulla tabella stessa). Questi particolari elevatissimi valori di luce vengono ottenuti grazie alla particolare conformazione delle lampade che vengono di solito montate in proiettori dedicati, alimentati elettronicamente, che ne amplificano i rendimenti e ne concentrano il fascio di luce grazie alle ottiche impiegate. Utilizzando uno di questi proiettori, fornito con basetta basculante, siamo in grado di posizionare la fonte luminosa dove pi ci aggrada e poterla dirigere secondo vari angoli, puntandola direttamente sulla Tabella, oppure sul soffitto o su una parete, su uno specchio, eccetera, se vogliamo una illuminazione diffusa o pi attenuata. Non va trascurata inoltre la possibilit di usare questa forte luce come mezzo per il trattamento con il sole inventato dal Dott. Bates, che consiste nellimparare a guardare direttamente queste luci forti senza subire alcun danno ma al contrario aumentando il proprio grado di rilassamento. Nel corso dei Gruppi di Studio organizzati dalla Associazione Vista Perfetta facciamo uso di tutti questi strumenti e riscontriamo prontamente degli ottimi risultati in tutti i casi di vista imperfetta. I soci iniziano le sedute di condivisione ed esperienza diretta con le tabelle praticando i metodi di riposo e poi constatando i miglioramenti della visione osservando la Tabella Snellen da varie distanze, con diverse condizioni luminose, terminando poi lo studio imparando a lggere facilmente e senza sforzo anche le lettere sconosciute estratte a caso dal Mazzo Snellen. Fino a ora, nessuno ha mai terminato una riunione senza riscontrare immediati benefic nella propria acutezza visiva: sembra proprio che un regolare lavoro di gruppo sia una forte fonte di catalizzazione della cura, in quanto ci si sente incoraggiati e stimolati a fare sempre meglio, anche per non rimanere indietro rispetto ai progressi degli altri. Il fatto ancra pi strano e apparentemente contraddittorio che benefic ancra maggiori si riscontrano dopo, quando si ritorna alle proprie mansioni e si nota un forte miglioramento della visione di base. Per alcuni, questo si manifesta nel guardare la televisione, che stranamente appare perfettamente nitida; in altri casi, la visione da vicino a diventare molto netta e a consentire una lettura pi spedita e pronta; in altri casi ancra, il beneficio magari da riscontrarsi in una sensazione di migliorato benessere in tutto il corpo, con riflessi anche sulla qualit dellumore o del sonno. Sicuramente le ragioni profonde di questi benefic rimarranno misteriose per molti anni, dato che soltanto a pochi individui fuori dal comune cpita di occuparsi di questi fenomeni e la Scienza e la Medicina non sembrano intenzionate a occuparsene, ma pare proprio che gli effetti combinati della

luce elettrica di buona qualit e forte intensit, unita alla conoscenza delle formidabili scoperte del Dott. Bates su Mente e Visione, oltre che allo stato di rilassamento mentale che si raggiunge spontaneamente quando si in compagnia di persone che perseguono lo stesso obiettivo e non remano contro, siano di un valore inestimabile non soltanto per la cura della vista ma anche per la prevenzione dello stress e della depressione, malattie oramai croniche e ubiquitarie nella societ odierna. Mai senza occhiali (!!!)Giovanni Rishi Gatti - 29 luglio 2009 Solo il 60% degli italiani usa gli occhiali da sole in estate, tutti gli altri sembrano poco interessati alla salute degli occhi. Cos attacca un articolo di Paola Trombetta su Io Donna, il femminile del Corriere della Sera, riportando una indagine di una sedicente Commissione Difesa Vista che molto allarmatamente denuncia, nelle parole di Francesco Loperfido (sic) del Servizio di Oftalmologia dellOspedale San Raffaele di Milano: Lesposizione ai raggi solari [] pu causare infiammazione della cornea e favorire malattie degenerative come cataratta e maculopatie. [] Gli occhiali da sole sono indispensabili, anche quando il cielo nuvoloso: l80% delle radiazioni UV passa attraverso le nubi. Linvito quindi quello di colmare la grande lacuna del 40% degli italiani che ancora mostrano una qualche residuit di intelligenza, per convincerli a correre sbito ai ripari, senza ovviamente recarsi presso le bancarelle dei cinesi per strada bens dal proprio ottico di fiducia, che sapr consigliare la giusta gradazione, il giusto colore, la giusta prolarizzazione, e il giusto suo guadagno dalla vendita di questi oggetti terribili, che gi nel 1928 il Dott. Bates aveva definito letteralmente ingiuriosi. Il lettore mi perdoner se uso questo spazio per dilungarmi ancora su questi disgustosi argomenti, ma capitato che leggessi larticolo di cui sopra dopo aver passato cinque magnifiche giornate allaperto nelle fantastiche strutture ricettive della Tenuta Monte Volparo in Umbria (www.montevolparo.com) dove lAssociazione Vista Perfetta (www.vistaperfetta.it) ha organizzato e svolto un Gruppo di Studio Residenziale per lapprofondimento della Cura della Vista Imperfetta secondo i metodi naturali del Dott. Bates, sfruttando al massimo la possibilit di esercitarsi e riposarsi con le tabelle di controllo di Snellen nella pi assoluta tranquillit e nella pi piena luce del sole. Ebbene, abbiamo potuto constatare e verificare ancra una volta che la verit direttamente contraria a quanto viene sostenuto dai propugnatori degli occhiali da sole: non soltanto locchio si riposa e migliora la sua visione quando viene esposto alla luce naturale, ma nel fare ci il benessere generale della persona viene di molto amplificato, grazie al contatto continuo con circostanze e situazioni pi naturali e lontane da fatica, rumore e stress dovuti alla vita di citt, con il traffico rumoroso, le scadenze pressanti, il pericoloso inquinamento, eccetera eccetera. I signori della Commissione Difesa Vista dovrebbero spiegarci perch se il sole cos dannoso come loro sostengono la visione della tabella di Snellen in piena luce migliora grandemente(1), consentendo di vedere, anche a chi ha portato occhiali per la miopia per trenta o quarantanni, la riga dei venti piedi a venti piedi di distanza (cio con vista normale) a occhio nudo, migliorando al contempo la propria capacit di ricordare le singole lettere a occhi chiusi(2), e riuscendo anche a immaginare di vedere i centri bianchi delle lettere quali la C o la O ben pi bianchi del resto della tabella, una illusione(3) ben nota ai seguaci del Trattamento Senza Occhiali del Dott. Bates. In particolare queste due ultime caratteristiche non hanno apparentemente nulla a che fare con gli occhi, n con i dannosi raggi UV, n con lintensit dei raggi solari,

ma sono la semplice indicazione del grado di riposo mentale necessario che presiede la vista normale. Ci significa che la luce del sole favorisce il rilassamento, e una mente rilassata consente la vista normale e consente anche di evitare lo sforzo e laffaticamento (mentali prima che fisici) che sono la vera causa delle spaventose malattie di cui veniamo minacciati secondo i venditori delle lenti colorate. Ma dove vogliono arrivare questi professionisti della sventura, che non perdono occasione per seminare il panico nella popolazione tentando di convincerla a rifuggire il pi possibile dalla unica fonte di energia primaria senza la quale nulla sarebbe vivo sulla Terra, e cio il sole? A cosa aspirano questi signori? A vedere sul naso del 100% della popolazione i loro begli occhialoni firmati, che gli garantiscono il fatturato a scpito della nostra salute? Non gli basta aver gi condannato quel cospicuo 60% che di loro si fidato e ha adottato queste protezioni solo per verificare, nel tempo, che la radiazione solare naturale che in passato poteva essere ampiamente ben tollerata ora fortemente fastidiosa, e locchio, abituatosi al buio, trova impossibile ogni tipo di condizione luminosa che non sia la penombra, nella quale la visione giocoforza pi scarsa?(4) Giusto di recente ci capitato di incrociare, camminando per la pubblica via, una giovane neo-mamma ben imbacuccata nei suoi preziosi occhiali neri allultima moda che spingeva il suo passeggino iper-tecnologico, di quelli con tre ruote enormi di cui la prima, allanteriore, addirittura sterzante, dove era alloggiato un piccolissimo bimbo la caratteristica pi evidente del quale non era il viso paffuto, i capelli fini e colorati o la pronta risata con le fossette sulle guance rosee, ma il suo bel paio di elegantissimi occhialetti neri che gli donavano unaria di sfida come se fosse stato un astronauta in procinto di lanciarsi alla conquista di Marte. La improvvisa vista di questo povero bambino ci ha procurato una distinta scossa che sentiamo attiva ancra adesso, dopo alcune settimane, e alla luce di quanto detto sopra quel dispiacere diventa ancra pi grande mentre pensiamo a quale disgraziatissimo karma o cattiva azione passata il malcapitato deve rendere omaggio per essere costretto oggi a subire il grandissimo fastidio della privazione della normale luce del sole. Che male potr aver mai fatto quel piccolo bimbo per meritarsi questo? E sopra a tutto, potr mai salvarsi da questo infame tormento? Non cmpito nostro addentrarci oltre, non potendo fare altro che lasciare ai posteri una cos ardua sentenza. Prima di terminare larticolo desideriamo per fornire al lettore alcune semplici indicazioni per debellare con fiducia e beneficio ogni dubbio qualsivoglia riguardante la falsit delle preoccupazioni date dagli illustri professionisti del settore di cui sopra, elencando alcuni brevi appunti su come utilizzare la luce solare per la salute degli occhi.La luce del sole essenziale per la vista: senza luce non vi visione. Il buio dannoso per la vista, e se la vista, che il pi delicato dei sensi, si danneggia, ci significa che il benessere generale del corpo e della mente parimenti danneggiato; di conseguenza stare sempre al buio e in penombra, al riparo dai raggi UV fisiologici una ingiuria per lessere umano, e andrebbe evitata con ogni mezzo. Chi si abituato al buio e alla penombra trova la luce del sole improvvisamente disturbante e fonte di fastidio, ma la soluzione a questo problema non pu certo essere quella di difendersi al 100% dalla luce, in quanto tale rimedio sarebbe addirittura peggiore del male che si vuole curare. Ri-abituarsi alla piena luce del sole pu essere un procedimento lento e da svolgere con la massima discrezione, ma lunica soluzione seria al dramma delle maculopatie, delle infiammazioni della cornea, delle congiuntiviti, eccetera, ed un

requisito essenziale per la pratica fruttifera della Cura della Vista come spiegata nel Sistema Bates (Metodo Bates Originale), dopo aver tolto permanentemente ogni tipo di occhiale. Lobiettivo finale del trattamento con il sole (scoperto dal Dott. Bates) la capacit di poter rimirare il sole a volont in ogni condizione, senza subire alcun tipo di danno qualsivoglia ma al contrario verificando che la visione, dopo questa pratica, ne viene ulteriormente beneficiata. Tale capacit pu essere ottenuta esclusivamente mediante riposo mentale, e non con tentativi o atti forzosi durante i quali ci si costringa a guardare il sole controvoglia, con lunico risultato di danneggiarsi la rtina e procurarsi cos inutili fastidi, sebbene temporanei. Imparando gradualmente a guardare il sole a occhi aperti e verificando giorno per giorno come questa pratica raffini la capacit visiva migliorandone sia lacutezza in piena luce che la sensibilit in penombra, chiunque di noi potr cos effettuare una vera e propria opera di prevenzione e salvaguardia degli occhi dalle malattie degenerative che li affliggono, e cos facendo le minacce millantate sulla pericolosit di questa antica pratica millenaria svaniranno nel nulla come tutte le altre falsit di fronte alla forte luce della verit. Due semplici strumenti aiutano il lettore in queste pratiche; essi sono la Lente Solare e lo Specchio Solare, la prima dettagliatamente illustrata nelle pubblicazioni originali del Dott. Bates, a cui rimandiamo, il secondo una applicazione da lui solo accennata laddove consigliava di limitarsi a osservare una riflessione del sole stesso su una superficie comoda invece di guardare in alto nel cielo se ci dovesse procurare il bench minimo fastidio. In particolare, usare losservazione del sole quando esso basso allorizzonte, e cio allalba e/o al tramonto, verificando sbito dopo pochi minuti il livello di visione con una tabella di controllo di Snellen, il metodo migliore per garantirsi il massimo successo senza alcun rischio di errore, e farlo in posti da sogno come la Tenuta Monte Volparo in Umbria dove si ha la possibilit di godere del sole dal momento in cui sorge al momento in cui tramonta senza avere ostacoli che ne impediscano la visione una occasione che ogni serio praticante del Sistema originale del Dott. Bates non dovrebbe lasciarsi sfuggire! Ma anche chi vive in citt pu sempre essere in grado di organizzarsi la possibilit di passare le giornate sotto condizioni luminose pi cnsone alla natura umana, attrezzando la sua casa o il suo ufficio con lampade elettriche ad ampio spettro e, quando possibile, aprendo le finestre per fare entrare la luce naturale non filtrata dai vetri, magari direzionandola opportunamente installando degli specchi spostabili alla bisogna. NOTE

(1)

da scartare qui leffetto dellaumento della profondit di campo dovuto alla contrazione delliride, in quanto il miglioramento della visione davanti alla tabella di controllo avviene a parit di condizioni luminose e in conseguenza del migliorato riposo mentale, ferme restando le condizioni del sistema ottico-diaframmatico dellocchio. (2) Si veda Vista Perfetta Senza Occhiali Bates edito da Juppiter Consulting Publishing Company e acquistabile su questo sito. (3) ibidem. (4) Al contrario, alcuni lettori hanno potuto constatare in diversi casi gravi di miopie progressive superiori alle 15 diottrie, con diagnosticata maculopatia e minaccia di cecit, la guarigione del fondo oculare danneggiato grazie alla cessazione delluso delle lenti correttive e alla rinnovata abitudine alluso della piena luce solare nella vita di tutti i giorni. Purtroppo queste testimonianze non hanno alcun valore

scientifico essendo basate su casi aneddotici, per quanto certificati dagli sbalorditi professionisti del settore che li hanno osservati, e devono essere intese qui come semplice stimolo per ulteriori approfondimenti, non avendo noi la possibilit di organizzare n di finanziare studi di lungo periodo con numerosit statisticamente rilevanti per la scienza medica. (2)

alviamoci dai consigli degli esperti sulluso del videoterminale Giovanni Rishi Gatti* Con il presente testo desideriamo confutare i contenuti di un articolo comparso su Repubblica.it che riprende, tra laltro, una ricerca della Stellenbosch University di Tygerberg, in Sud Africa. Sotto accusa il lavoro al videoterminale, che costringe alla fissit moltissime persone anche per 10 o 12 ore al giorno. I problemi di salute segnalati sono: i dolori al collo e alla testa, soprattutto in coloro che stanno davanti allo schermo del calcolatore elettronico tra le 25 e le 30 ore a settimana. Anche lIstituto italiano di medicina sociale segnala problematiche simili, indicando che il 46% dei lavoratori dellUnione europea presta la sua opera in condizioni dolorose o stancanti. AllUniversit degli Studi di Bari hanno stabilito che i pericoli della postura fissa sono lipercifosi dorsale, lepicondilite, linfiammazione dei tendini, la sindrome del tunnel carpale. Fino a qui, non abbiamo nulla da ribattere; il bello viene quando dobbiamo discutere su come fare ladeguata prevenzione. Qui si cita il Decreto Ministeriale 2/10/00 e le sue Linee guida duso dei videoterminali, e c da mettersi le mani nei capelli per il contenuto potenzialmente dannosissimo delle regole proposte, che andiamo ad elencare: 1) postura corretta di fronte al video; secondo il Legislatore questa postura corretta si ottiene a) tenendo i piedi ben appoggiati al pavimento, b) la schiena ben assestata nel tratto lombare allo schienale della sedia, c) regolandone altezza e inclinazione; posizionamento dello schermo; deve essere di fronte, con lo spigolo superiore mai pi alto della linea degli occhi, a una distanza di circa 50- 70 cm ; tastiera davanti allo schermo insieme al mouse (il dispositivo di puntamento); il motivo di ci che a) devono essere facilmente raggiungibili, b) gli avambracci siano appoggiati alla scrivania per alleggerire la tensione di muscoli e spalle; evitare posizioni fisse per tempi prolungati; addirittura viene consigliato dagli esperti di fare frequenti esercizi di rilassamento a collo, schiena, braccia e gambe.

2)

3)

4)

Leggendo questi quattro punti non possiamo fare a meno di notare la confusione totale in cui esperti e Legislatore versano inconsapevolmente. evidente da s che il punto 4) la negazione dei punti 1), 2) e 3): non possibile evitare posizioni fisse se

si vuole realizzare una postura corretta e se si vuole posizionare bene lo schermo e la tastiera! In particolare, tenere i piedi ben appoggiati a terra significa condannarsi per tutto il giorno alla rigidit, che la vera causa del malessere davanti allo schermo! La soluzione non potr mai essere nella postura, perch postura significa desiderare di rimanere stabili, fissati, e lorigine del problema proprio in questo desiderio pernicioso e innaturale. Desideriamo fare notare che gli stessi problemi, se non in forma pi acuta, vengono sofferti dagli automobilisti, che sono proprio costretti per forza di cose a sedersi nella postura obbligata della guida, tenendo lo sguardo fisso davanti, e con ci anchilosando i muscoli e le articolazioni non soltanto della schiena ma anche del collo e delle spalle. Chi di noi non si mai affaticato dopo appena poche decine di minuti di guida in autostrada, su percorsi semplici e a velocit costante, incolonnati, senza scampo? Questa la controprova che i consigli dati sopra sono tutti sbagliati! Larticolo pubblicato su Repubblica.it continua citando uno studio svedese che tenderebbe a dimostrare lerompere di vere e proprie malattie come la rosacea, la dermatite seborroica, l'eritema aspecifico e l'acne, per colpa dellesposizione del lavoratore ai campi elettromagnetici dei videoterminali. La correlazione tra schermi e disturbi viene stabilita con la formula del pi soggetto, che significa, tradotto in parole povere, non sappiamo n il perch e n il percome, ma sembra che su cento pazienti videoterminalisti controllati rispetto a altri cento non videoterminalisti, qualcuno dei primi si ammala di pi di certe patologie rispetto agli altri. Ma non viene specificato quali cause reali stiano alla base della anomalia statistica. A parere nostro, a prescindere dai guasti causati dallalimentazione inappropriata e dalla vita generalmente sedentaria, i difetti di salute manifestati dai videoterminalisti in generale sono dovuti dalla mancanza di esposizione alla luce naturale del sole. Il resto sarebbero cause secondarie e non determinanti. Ai lettori lasciamo il beneficio della sperimentazione pratica e la verifica nel loro caso personale della bont della nostra esperienza. Per concludere, affrontiamo finalmente largomento che pi ci sta a cuore: il parere degli oculisti.Secondo loro, lutilizzo del computer non provoca un peggioramento delle nostre capacit visive. Questa affermazione ci colpisce! Vengono a cadere tutte le premesse riportate sopra, e cio che il videoterminale sia dannoso! Per gli oculisti, non cos. Le capacit visive non peggiorano per colpa del computer. In realt, esso invece affatica gli occhi e fa perdere al nervo ottico elasticit. Quindi, non vero quanto appena detto, la vista non peggiora ma gli occhi si affaticano. Noi abbiamo sempre saputo che un occhio affaticato ha sempre un calo della visione, cos come ogni organo affaticato ha un calo della sua funzionalit. Per gli oculisti non c da preoccuparsi. Gli eventuali peggioramenti della vista, per i quali bisogna farsi nuove lenti correttive ogni tanto, o magari una bella operazione risolutiva al laser, non dipendono dal lavoro al VDT, n dalla postura, n dai campi elettromagnetici. Possiamo stare tranquilli. I consigli forniti per ovviare a queste piccole scomodit di affaticamento oculare, comunque non pericolose per la vista, sono per pronti alluso: 1) 2) utilizzare un coprischermo anabbagliante; tenere la stanza ben illuminata;

3)

usare occhiali riposanti, consigliati dall'oculista;

Desideriamo confutare totalmente questi tre pericolosissimi consigli oculistici. Per il primo punto, il coprischermo anabbagliante una sciocchezza storica che non usa oramai pi nessuno! pur vero che in qualche caso, alcuni decenni fa quando i primi schermi a tubo catodico di bassa qualit mostravano sfarfallamenti e potenzialmente fastidiose riflessioni, alcuni di questi schermi potevano mostrarsi confortevoli per lutente, ma oggigiorno con i nuovi schermi a cristalli liquidi a matrice attiva o i pi moderni a LED, non vi pi bisogno di alcuno strumento simile.Per il secondo punto, una stanza bene illuminata sempre di beneficio per il semplice fatto che di giorno il sole illumina la nostra esistenza in modo naturale, e stare chiusi in un ufficio magari senza finestre una tortura per il nostro organismo indipendentemente dalluso di schermi video. Il problema per pi complicato: poich sempre di pi le persone non amano stare al sole perch la luce d fastidio agli occhi disabituati a essa, e tendono quindi a usare sempre i cos detti occhiali da sole, sar ben difficile che si accetti di illuminare bene la stanza dove si lavora. Ma ci detto, la quantit di luce disponibile nella migliore stanza possibile sar sempre infinitamente pi bassa della quantit di luce naturale di cui possiamo godere durante una passeggiata allaria aperta, non soltanto nel pieno dellestate ma anche in una nuvolosa giornata invernale. Anche il secondo consiglio cos senza alcuna possibilit di riuscita. Per il terzo punto, semplicemente lo ignoriamo, perch i nostri commenti qui sarebbero da codice penale, e quindi preferiamo lasciare allintelligenza del lettore la comprensione del perch questo consiglio sia il pi deleterio e criminale di tutti (indizio: avete mai sentito parlare di un occhiale da riposo che non si trasformi entro qualche mese in vero e proprio occhiale correttivo???)Siamo quasi arrivati alla fine, e dobbiamo affrontare il problema dei terminali portatili (notebook), che vengono citati nellarticolo. Secondo gli esperti, il problema che i caratteri dei portatili siano troppo piccoli, e se sono inferiori ai tre millimetri, occorre dotarsi di un monitor aggiuntivo esterno. Questo consiglio totalmente errato per un motivo molto semplice: i caratteri sotto ai tre millimetri non sono piccoli, perch il terminale viene di solito guardato ad una distanza breve dagli occhi, e in queste condizioni il carattere piccolo di beneficio alla vista. Non forniremo qui i motivi psico-fisici che giustificano la nostra affermazione, ma invitiamo il lettore a fare una prova da s. Gli ultimi due consigli forniti nellarticolo sono apparentemente i pi corretti. Vediamo di confutare anche quelli, per non toglierci il gusto dellargomentazione pi apparentemente inverosimile ma vera.Larticolista di Repubblica.it propone di spegnere il calcolatore o di distogliervi lo sguardo ogni due ore. Niente da dire, ma chi farebbe il lavoro al nostro posto? Il consiglio di guardare altrove ogni due comunque sbagliato, perch che si fa nelle due ore tra una pausa e laltra? Si continua a subire i dannosi effetti dello schermo? Non sono certo quei pochi istanti in cui si distoglie lo sguardo che ci potranno salvare! Ci viene poi proposto di dare un po' di sollievo agli occhi con il cosiddetto palming: appoggiare i gomiti sulla scrivania a 10- 15 centimetri di distanza l'uno dall'altro, chiudere le mani a conchiglia e appoggiarle sopra gli occhi, sostenendo leggermente la fronte con le dita. Questa citazione a proposito del pi importante metodo di riposo mentale scoperto dal Dott. Bates tutto quello che serve per distruggerne definitivamente i suoi profondi significati e banalizzarlo per renderlo totalmente inefficace.Largomento estremamente delicato.

Il palming correttamente inteso (in italiano abbiamo coniato la parola palmeggiamento per distinguerci da chi usa il termine originario senza conoscerne il vero significato) non un modo per dare un po di sollievo agli occhi, ma un metodo di cura della vista estremamente potente e risolutivo in quei pochi e rari casi in cui funziona presto e bene. Il Dott. Bates riferisce nelle sue pubblicazioni originali che con questo solo mezzo si sono ottenute in pochi minuti o poche ore delle guarigioni complete e permanenti di malattie visive anche decennali. Purtroppo, questi casi sono rari, e il beneficio ottenuto da un paziente medio molto limitato, soprattutto allinizio, e scoraggia la continuazione della pratica, portando a un abbandono. Il fatto risiede nella completa mancanza di comprensione di una sola unica verit: gli occhi non si affaticano mai per il loro uso; ci che si ammala e si sforza la mente che costringe locchio a comportarsi in modo innaturale. Il palmeggiamento, se ben compreso, il pi semplice metodo per riposare la mente, e fornisce le condizioni per eliminare ogni stimolo sensoriale visivo esterno, permettendo al paziente di confrontarsi direttamente con i fantasmi interiori dello sforzo mentale individuale, coltivato in tanti anni di vita innaturale e costrizioni e condizionamenti a cui non si stati capaci di ribellarsi.Alla luce di quanto detto test, suona quindi assurdamente beffarda la chiusa dellarticolo citato, che dice: O, altrimenti, uscire fuori casa o dall'ufficio con una scusa qualsiasi e fare una passeggiata. Siamo perfettamente daccordo con questo consiglio, peccato per che la grandissima massa della popolazione non lo possa mettere in atto, se non andando contro violentemente al sistema sociale in cui abbiamo dovuto giocoforza aderire sin dal giorno della nostra nascita. La soluzione dei problemi e dei malesseri del lavoro al videoterminale non sta nei consigli dati dallarticolista, ma in una profonda presa di coscienza generale dellindividuo che deve riconsiderare se stesso e il suo ruolo, sia nel campo vasto delle sue scelte esistenziali, che in quello pi ristretto e forse pi abbordabile della Cura della Vista secondo i metodi naturali di riposo mentale e di massima efficienza psicofisica che troviamo nelle pubblicazioni del Dott. Bates. A esse rimandiamo il lettore, lieti di poter segnalare che centinaia di persone, se non migliaia, sono stati in grado di applicare i princip corretti della Vista Perfetta senza ricorrere a oculisti o specialisti, ma applicando il semplice buon senso comune, non viziato da interessi contrari alla natura umana. Il tedio della vista perfettaDi Rishi Giovanni Gatti - www.SistemaBates.it. Sono passati molti anni da quando abbiamo cominciato lopera di divulgazione del Sistema originale del Dott. Bates per la cura della vista mediante trattamento senza occhiali. Tutto iniziato infatti nel settembre del 2002 con la pubblicazione in italiano del suo libro Vista Perfetta Senza Occhiali in versione integrale e fedele nei minimi termini a quello comparso in lingua inglese a New York nel 1920, per opera dello stesso Bates che lo stamp a sue spese fondando una specifica Casa editrice, la Central Fixation Publishing Company. Diverse centinaia di copie sono state vendute, e siamo giunti nel 2008 alla quarta edizione del volume, nella quale la traduzione stata perfezionata e la qualit stessa delle riproduzioni fotografiche ulteriormente elevata grazie ai progressi della tecnologia in campo editoriale. Molte di queste copie sono state acquistate da persone davvero intelligenti, che ne hanno fatto un uso formidabile, avendo infine

riscontrato dei benefici cos netti ed innegabili per la propria vista che i professionisti chiamati a verificarli non hanno potuto fare altro che certificarli. Abbiamo riportato alcuni di questi casi nella nostra rivista trimestrale IL FALCO PER LEDUCAZIONE ALLA VISTA PERFETTA, disponibile in abbonamento postale su questo sito. Altre copie sono state acquistate da persone meno convinte della sua efficacia o magari del tutto impossibilitate a rinunciare alluso delle lenti correttive e i benefici ottenuti sono stati minori, o del tutto assenti. Nel bene e nel male, tutti i lettori si sono cimentati ad affrontare un sentimento peculiare e inaspettato in questo campo del pensiero umano che la mera cura della vista difettosa con metodi naturali: il TEDIO. Sullo Zingarelli (Decima Edizione) il tedio viene spiegato cos: senso di profonda noia e dolorosa stanchezza. Il lettore si domander immediatamente: Cosa centra la noia profonda e la stanchezza dolorosa con la vista perfetta?. Ebbene, lostacolo alla diffusione capillare e ben riuscita del Metodo Originale del Dott. Bates tutta qui: il lettore non pu prescindere dal dover affrontare e risolvere il tedio che affiora nella lotta vittoriosa contro la vista imperfetta e per la conquista della vista perfetta, la quale, essendo naturale, s immune sia alla noia che alla stanchezza, ma si ritrova contrastata e sconfitta dalla sua nemica, che invece produce questi sintomi, e viene rinforzata dalluso cronico di lenti correttive. necessario quindi affrontare il tedio, se si vuole guadagnare la vista perfetta e si desidera continuare a migliorarla prevenendo le ricadute. In termini pratici, le cose sono molto semplici: si tratta di modificare una dannosa abitudine inconscia, acquisita in passato senza accorgersene, e ribadita dalluso di cattivi e dannosi strumenti correttivi completamente fuori luogo. Una abitudine inconscia sempre radicata nella mente, e deve essere eliminata ricorrendo ai mezzi di guarigione pi efficaci che esistano in natura, e cio, il riposo, il rilassamento e la cessazione di ogni tentativo che viene fatto per confermare tale inconscia abitudine. Relativamente al problema della vista imperfetta, labitudine inconscia da sradicare banale: si tratta di eliminare il vizio di guardare a un oggetto grande sforzandosi di vederlo tutto ugualmente bene in una volta. Un concetto assai semplice da comprendere in teoria, ma che sfugge quasi sempre quando si tenta di metterlo in pratica, perch nel tentare di farlo si utilizzano gli stessi strumenti che alimentano il difetto da correggere, e cio la forza di volont, gli atti muscolari intenzionali, i tentativi forzosi di replicare una condizione che invece pu accadere solo spontaneamente. Siamo cio di fronte a un paradosso: non possibile intenzionalmente sconfiggere la vista imperfetta, come non possibile intenzionalmente combattere il tedio che affiora quando si comincia a praticare i metodi di cura. Ovvero, nel momento in cui si tolgono gli occhiali correttivi e si comincia a ricuperare dallo sforzo a essi associato, ecco che con i primi, timidi risultati tangibili (una lettera della Tabella di Controllo di Snellen improvvisamente compare dietro a una nuvola grigia che prima la obnubilava totalmente) affiora anche il tedio, la sensazione dolorosa che questa cura troppo lenta e impossibile, e la noia di doversi continuamente ripetere che non ci sono alternative e bisogna continuare in questa strana pratica, raffinando la nostra intelligenza e la nostra comprensione di guerrieri spirituali allopera. Per dare una idea pi precisa al lettore di questo articolo, che vuole capirci qualcosa di pi di quello che lo attende prima di acquistare e leggere il volume originale del Dott. Bates, lesempio presto fatto: siete capaci di leggere una frase qualsiasi di questo

stesso articolo, riguardando nei minimi dettagli ciascuna lettera di ciascuna parola, procedendo in modo estremamente lento, senza prendere in considerazione il significato di ci che leggete, ma solo limitandosi a godere del nero della stampa, paragonandone il contrasto con il bianco sullo sfondo, e comparandone lintensit con lo sfondo del nero pi nero che dovrebbe comparire nella mente del soggetto a occhi chiusi e coperti? Se dentro di voi che leggete presente anche solo una piccola residua scintilla di quella idiosincrasia ribelle che considera luso delle lenti correttive una vera tortura, allora non perdetevi loccasione di potere iniziare a capire seriamente che cosa succede ai vostri occhi quando essi rimangono fuori fuoco e non vi consentono di vedere chiaramente. Acquistate e leggete il libro originale del Dott. Bates disponibile su questo sito, e conoscerete non solo lopera cristallina di un grande scienziato visionario, ma potrete entrare a fare parte di un gruppo di ricercatori del vero che hanno scoperto un metodo autentico e senza senza fronzoli, concreto e senza prezzo, per il proprio benessere, qualcosa che va ben oltre il mero ripristino della vista normale, ma lambisce quegli stati di consapevolezza propri di quegli esseri umani che hanno deciso di vivere veramente, e non solo sopravvivere nascosti dietro un paio di stupidi occhiali.