Sei sulla pagina 1di 4

LETTERA ALLE FAMIGLIE

D E L L U N I T A P A S T O R A L E D I

CAPEZZANO PIANORE - MONTEGGIORI


Via Sarzanese 147 - Tel. 0584 914007 - 347 64 66 961 e-mail: parrocchia.capezzano@alice.it

Visitateci sul Sito Internet: chiesacapezzano.altervista.org

N 517

28 AGOSTO 2011

XXII SETTIMANA DEL TEMPO ORDINARIO - LITURGIA DELLE ORE II SETTIMANA

IL CROCIFISSO, SEDUTTORE INNAMORATO


Domenica scorsa Pietro confessava Ges, oggi Ges sconfessa Pietro e tutta la nostra logica presentandosi in modo inaccettabile, come colui che deve molto soffrire. Ges sa che non saranno mai i potenti a risolvere le lacrime del mondo o gli errori del singolo. Il male si risolve solo portandolo. Sulla croce. Che cos la Croce, se non laffermazione che Dio ama altri, e me fra questi, pi della propria vita? La Croce labisso dove Dio diviene lamante. il segnale massimo lanciato da Dio alluomo, il punto ultimo in cui tutto si incrocia: le vie del cielo, della terra e del cuore. E la croce che il discepolo deve prendere? Per capire che cosa intenda Ges forse basta sostituire la parola croce con la parola amore: Se qualcuno vuol venire con me, prenda su di s tutto lamore di cui capace. La croce del discepolo non sono i disappunti quotidiani, le fatiche o le malattie: cose solo da sopportare. La croce vera, dice Ges, da prendere, non da sopportare. Da scegliere, come riassunto di un destino e di un amore: Scegli per te il giogo dellamore. Non amare solo un lento morire. Ricordati che il vero dramma delluomo non perdere la vita, ma non incontrare nessuno che valga pi della propria vita, non avere nessuno per cui valga la pena dare la vita. Tutti, io per primo, abbiamo paura del dolore, del sacrificio fino al dono di s; ci sia concesso per di non aver paura di amare. Non guardare il dolore, guarda lamore.

NOTIFICAZIONE DELLARCIVESCOVO
Carissimi, vi comunico che domenica prossima, 4 settembre, tutta la diocesi convocata alle ore 17.00 nella cattedrale di S. Martino a Lucca per la ripresa del cammino pastorale dellanno 2011-2012. Questo momento per nostra Chiesa ha molta importanza perch espressione visibile di unit di tutto il popolo di Dio corresponsabile dellunica missione della Chiesa nellannuncio del vangelo alluomo di oggi. Per poter rendere credibile lannuncio del vangelo necessario essere una Chiesa che vive con gioia il rapporto col suo Signore e la novit che ne deriva nella vita perch non si pu raccontare se non ci che si accolto con gioia n si pu tener per s ci che ha reso la vita pi bella. Riprenderemo il cammino, con lo scopo, di andare al cuore dellesperienza cristiana che richiede un sincero atteggiamento di ascolto. Mentre rinnovo linvito a partecipare, vi chiedo di pregare perch la nostra Chiesa sia sempre pi capace di testimoniare con gioia che Ges e il Signore e solo in Lui la pienezza della vita. Di cuore vi benedico Italo Castellani ARCIVESCOVO

UN PEZZO DI LEGNO
C' un uomo che tiene appeso in salotto, nel posto d'onore, uno strano oggetto. Quando qualcuno gli chiede il perch di quella stranezza racconta: Il nonno, una volta mi accompagn al parco. Era un gelido pomeriggio d'inverno. Il nonno mi seguiva e sorrideva, ma sentiva un peso. Il suo cuore era malato, gi molto malandato. Volli andare verso lo stagno. Era tutto ghiacciato, compatto! "Dovrebbe essere magnifico poter pattinare", urlai, "vorrei provare a rotolarmi e scivolare sul ghiaccio almeno una volta!". Il nonno era preoccupato. Nel momento in cui scesi sul ghiaccio, il nonno disse: "Stai attento...". Troppo tardi. Il ghiaccio non teneva e urlando caddi dentro. Tremando, il nonno spezz un ramo e lo allung verso di me. Mi attaccai e lui tir con tutte le sue forze fino ad estrarmi dal crepaccio di ghiaccio. Piangevo e tremavo. Mi fecero bene un bagno caldo e il letto, ma per il nonno questo avvenimento fu troppo faticoso, troppo emozionante. Un violento attacco cardiaco lo port via nella notte. Il nostro dolore fu enorme. Nei giorni seguenti, quando mi ristabilii completamente, corsi allo stagno e ricuperai il pezzo di legno. con quello che il nonno aveva salvato la mia vita e perso la sua! Ora, fin tanto che vivr, star appeso su quella parete come segno del suo amore per me! Per questo motivo noi cristiani oggi ci inginocchiamo dinanzi a quel legno, cui si appeso l'Amore-Ges; per questo teniamo nelle nostre case un "pezzo di legno" a forma di croce... Per ricordare come si ama, e a chi dobbiamo guardare per amare senza stancarci! Fermati Signore, ti prego e stai un po' di tempo con me! Fermati Signore, ti prego e spiegami cosa vuoi da me! Fermati Signore, ti prego e rendi visibile ai miei occhi il tuo progetto per me! Donami occhi per vedere la Tua strada, donami orecchie libere per sentire la Tua voce, donami piedi saldi per non stancarmi mai di seguirti, donami sapienza per comprendere la tua Parola, permettimi, o Signore di scegliere la salita perch quella che conduce a Te!

Piet Signore Ges, per tutte quelle volte che ti sono stato di scandalo, proponendoti progetti diversi da quelli pensati dal Padre per il bene comune. Piet Signore Ges, per tutte quelle volte che ho volutamente distolto lo sguardo dai tuoi pensieri, per portare avanti la realizzazione delle mie ambizioni, per raggiungere il successo personale ed il potere. Piet Signore Ges, per tutte quelle volte che non ho accettato le tue condizioni per diventare tuo discepolo, ho presentato le mie condizioni, pensando solo ai miei interessi non ho voluto caricarmi della croce del mio limite ed ho voluto salvare la mia vita dalle tue invasioni e da quelle di chi voleva aveva bisogno del mio amore. Grazie Signore Ges, perch mi fai comprendere che vera ricchezza una vita spesa con amore.
--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

SI SONO UNITI NEL SACRAMENTO DEL MATRIMONIO Ricci Michele e Bertola Elisa
----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

OFFERTE PER I BAMBINI BIELORUSSI 200,00 Dalla Famiglia Lavagnini 100,00 Da R. F. P. della famiglia Lombardi 100,00 Da A. O. della famiglia Vecoli 120,00 Da parte di alcune famiglie dell Acquarella 300,00 Da R. G. 50,00 In suffragio di Giancarlo. 200,00 In memoria di Giovanni 400,00 Dalla Confraternita San Vincenzo 150,00 Somma di altre offerte consegnate ------------------------------------------------------------------------------

ORARIO DELLE SANTE MESSE ORARIO DELLE SANTE MESSE Giorni feriali - Ore 8,30 Sabato - Ore 18 Festivi - Ore 7 - 9 - 11 - 18 (A Monteggiori)