Sei sulla pagina 1di 20

IL MASSAGGIO SHIATSU

Che cos' e a che cosa serve



Come nasce lo shiatzu come terapia manuale
Il massaggio sicuramente una delle forme pi antiche e naturali di terapia. L'azione di stimolare la
superficie cutanea con frizioni o pressioni esercita effetti immediati, come ognuno pu sperimentare
massaggiandosi energicamente su una contusione recente o, pi delicatamente, su un'articolazione dolente.
Gi nell'antichit il massaggio era stato sistematizzato con la codificazione di precise tecniche per rendere la
stimolazione pi efficace, e, nell'ambito della scienza medica cinese, erano state applicate ad esso le stesse
teorie energetiche sulle quali si fondano l'agopuntura, la dietetica e la fitoterapia.
Lo shiatsu una forma di terapia manuale nata in Giappone all'inizio del XXsecolo ad opera di maestri che
praticavano tecniche di massaggio tradizionale dette "anma" o "do-in", direttamente derivate dal massaggio
tradizionale cinese o "tuina".
In Giappone la medicina cinese approd con i monaci buddhisti attorno al 560 d.C. e venne rapidamente
assimilata e sviluppata con caratteristiche proprie dal popolo giapponese sino a farne una medicina quasi a
s stante. Anche il massaggio sub lo stesso destino. Durante l'epoca Edo (XVIIsecolo) nella istruzione dei
medici giapponesi era compreso l'anma, perch si riteneva che la conoscenza del massaggio fosse
indispensabile per capire la struttura del corpo umano e il percorso dei meridiani, nonch per trovare i punti
di agopuntura. Nei secoli per si perdette la capacit di usare appieno le potenzialit di queste tecniche, che
divennero appannaggio di terapisti minori, quasi sempre ciechi, sino a sfociare in un uso solo edonistico-
estetico. Agli inizi del Novecento per, parallelamente al manifestarsi di un atteggiamento modernista del
governo giapponese (restaurazione Meiji), fortemente ostile a tutta la tradizione medica non di stampo
scientifico occidentale, ci fu una riscoperta del massaggio terapeutico. Grazie all'opera di maestri che
unirono le conoscenze moderne con quelle tradizionali, si svilupp una tecnica di terapia manuale
caratterizzata dalla pressione statica su punti e su aree corporee e dalla mobilizzazione degli arti e della
colonna, che prese il nome di shiatsu.
Che cos'?
Esistono oggi diverse scuole di shiatsu nel mondo, che si
differenziano per i caratteri che i vari maestri hanno loro imposto.
Tuttavia si possono riconoscere in questa forma di terapia alcune
caratteristiche comuni.
Nello shiatsu, il terapista (shiatsuka) entra in relazione con il paziente
attraverso il contatto manuale in modo da percepire lo stato di
equilibrio energetico sul quale deve lavorare. Cos agendo, nel
momento in cui tratta il paziente, lo shiatsuka fa gi una diagnosi
energetica. Il rapporto terapista (tor) e paziente (uk) quindi
bidirezionale.
Nella pratica la seduta di shiatsu avviene in un ambiente calmo e
confortevole: generalmente il paziente disteso a terra su un tappeto imbottito (tatami) o a volte seduto su
una panca bassa o sdraiato su un lettino da massaggio, mentre il terapista pu restare inginocchiato o in
piedi. Esistono dei trattamenti completi costituiti da una sequenza di manipolazioni codificata (kat), ma pu
anche essere effettuato un trattamento specifico a seconda del problema.
La manipolazione in genere molto piacevole e rilassante e consiste di trazioni e pressioni mantenute per
alcuni secondi su aree precise, intercalate da mobilizzazioni dolci delle articolazioni. Non viene mai forzata la
mobilit naturale e non vengono "sciolti" con forza gli eventuali nodi di tensione (a differenza di quanto
avviene in alcune tecniche di massaggio tradizionale cinese e di massaggio terapeutico occidentale), ma si
opera sempre attraverso un bilanciamento graduale sino ad ottenere l'equilibrio.
La pressione pu essere esercitata con la punta delle dita, con le nocche, con la palma delle mani, con la
pianta dei piedi, col gomito o col ginocchio, a seconda della posizione e dell'intensit di stimolazione
ricercata. Usualmente si preferisce non operare direttamente sulla cute, perci il paziente indossa di solito
un vestito leggero o una tuta. Non vengono utilizzati quindi olii o creme, come invece avviene in altri tipi di
massaggio tradizionale (es. ayurvedico). Qualche shiatsuka abbina al trattamento alcune tecniche derivate
dalla medicina tradizionale cinese o giapponese, quali la moxibustione, che consiste nella stimolazione del
punto di agopuntura con il riscaldamento operato bruciando dei piccoli coni di polvere di artemisia essiccata
appoggiati sulla cute o avvicinando al punto la brace di un "sigaro" fatto con la stessa erba.

Quali sono le possibili applicazioni cliniche dello shiatsu?
Va detto innanzitutto che lo shiatsu una tecnica di riequilibrio molto potente. Sottoporsi periodicamente ad
un trattamento fatto da mani esperte quindi un eccellente modo di restare in salute. Risultati molto buoni
si ottengono in tutte le patologie dolorose, da quelle articolari (in particolare le lombalgie), alle cefalee.
Alcuni shiatsuka esperti possono trattare con successo anche disturbi gastroenterici, dismenorrea e disturbi
del ciclo mestruale, insonnia, asma. Certe tecniche specifiche sono inoltre utilizzate per la terapia di malattie
acute: forme da raffreddamento, infiammazioni, traumi acuti, ecc.
L'azione profonda del trattamento shiatsu, lo rende molto efficace in tutte le forme di stress e di tensione sia
psichica che muscolare. Personalmente ho riscontrato grandi benefici anche in forme di ansia e di
depressione. Attenzione per! Un trattamento shiatsu fatto in modo serio, pu modificare in modo molto
profondo lo stato emozionale del paziente: non raro avere come reazione manifestazioni emotive come il
pianto o il riso!
Come riconoscere un terapista qualificato?
In Italia esistono diverse scuole di shiatsu, associate in alcune organizzazioni di categoria. Queste
associazioni hanno stabilito un curriculum formativo basato su standard riconosciuti da numerosi paesi
europei e dalla Svizzera, consistente in un tirocinio teorico-pratico di almeno 600 ore accademiche in tre
anni, pi un anno di praticantato. Chi ha seguito questo iter formativo pu sostenere un esame di
qualificazione alla professione di terapista shiatsu presso una delle associazioni di categoria abilitate a
garantire la qualificazione degli operatori. Occorrono dunque non meno di quattro anni di formazione per
poter essere abilitati come operatori shiatsu.
Il terapista shiatsu qualificato non necessariamente un massofisioterapista o un fisiokinesiterapista, anche
se alcune scuole dalle quali provengono questi professionisti includono alcune ore di formazione sullo
shiatsu. In genere si tratta di persone in possesso di una licenza media superiore, qualificate specificamente
ad esercitare questa nuova professione.
Queste norme sono in fase di formalizzazione a livello di alcune regioni (Lombardia, Piemonte, Lazio,
Veneto) che stanno regolamentando le numerose professioni nate nel campo delle medicine naturali.
MASSAGGIO: UN'ARTE CHE SI PRATICA DA MILLENNI


Il ricorso al massaggio, per eliminare la fatica, alleviare il dolore, rilassare e consentire una pi facile
applicazione di oli e unguenti sulla pelle, si perde nella notte dei tempi. Probabilmente, rappresenta la pi
antica forma di trattamento medico.
I primi riferimenti si trovano in manoscritti cinesi che risalgono al 2700 a.C., ma anche nei testi di medicina
indiana, quasi 2000 anni pi tardi, questa tecnica viene consigliata per ritardare l'insorgere della fatica e,
ancora oggi, in India, praticamente chiunque in grado di eseguirla. Il massaggio, infatti, ha esercitato una
notevole influenza sulla medicina tradizionale di tutto l'Estremo Oriente.
Gli Egiziani all'epoca di Cleopatra, che amavano farsi massaggiare dai propri schiavi immersi in vasche di
acqua profumata, e gli stessi greci, risentirono di questi positivi influssi.
Per quanto riguarda i primi, il massaggio veniva considerato un'arte sacra al pari dei vari rituali religiosi e
divinatori.
Omero (poeta greco dell'VIII sec. a.C.) nell'Odissea, parla del massaggio come di un trattamento per il
recupero della salute dei guerrieri. Ippocrate, famoso medico ellenico vissuto nel primo secolo a.C. lo
definiva con il nome di "anatripsis" e lo consigliava come terapia fisica.
Ed proprio con i greci che si sviluppano due diverse tecniche di massaggio: la prima riguarda il massaggio
sportivo legato ai giochi, la seconda, invece, curativa e connessa alla medicina.
Il massaggio essenziale anche per i romani, basti pensare alle cure effettuate agli ospiti delle terme, dove
quest'arte viene utilizzata anche per il rilassamento e le cure di bellezza. Galeno, ad esempio, medico
dell'imperatore Marco Aurelio, dedic a questa tecnica una nutrita serie di testi.
Durante il Medioevo il massaggio viene abbandonato: ogni forma di palpazione del corpo viene, infatti,
considerata come peccaminosa. Verr "riscoperto" solo nel Rinascimento, per poi aumentare la sua
popolarit nel XVII secolo grazie all'intervento di un medico svedese Henrik Ling che decise di codificare le
diverse tecniche.
Verso la fine del XIX secolo la tecnica del massaggio cominci ad essere usata pressoch regolarmente
come trattamento medico, tanto che, nel 1894, otto professioniste fondarono la Society of Trained Masseurs,
in pratica l'antesignana dell'attuale Albo dei Fisioterapisti.
LE ZONE DA MASSAGGIARE

ADDOME
Grazie al massaggio all'addome e al torace, si ottengono benefici degli organi interessati alla digestione e
alla respirazione. Nel primo caso il massaggio addominale contribuisce con l'aumento dell'afflusso
sanguigno e l'eliminazione delle tossine, per quanto riguarda, invece, il secondo punto, il massaggio utile
sia per mantenere la salute dell'apparato respiratorio che per aumentarne la resistenza. Tra i vantaggi, oltre
quello di calmare i nervi e stimolare il sistema digestivo, c' anche quello di sciogliere i depositi di grasso
dalla parete addominale.
Posizione: consigliata quella supina con un piccolo cuscino o un asciugamano arrotolato sotto la testa.
Massaggio: i primi movimenti su addome e petto devono essere particolarmente lievi. Il massaggio lento,
le mani devono essere appoggiate vicine verso il basso dell'addome e le dita rivolte verso il collo: si
massaggia sulle costole mantenendo una pressione costante, poi si spostano le mani verso i lati e si
ridiscende. Anche per l'addome ottima la tecnica dell'impastamento applicata partendo da un'anca fino
all'altra. Si pu concludere con lo sfioramento, che ha un effetto calmante, massaggiando con le mani ai lati
della vita fino alla zona intorno all'ombelico.





Attenzione ai movimenti perch questa parte del corpo molto sensibile e i muscoli si contraggono pi
facilmente. E' opportuno, inoltre, non procedere al massaggio immediatamente dopo il pasto.
Sfioramento e impastamento sono ottimi anche per il massaggio al torace con una particolare attenzione se
il massaggiato una donna: in questo caso occorre esercitare una pressione minore e procedere dal centro
alle spalle, evitando i seni.
VISO E TESTA
Viso e Testa sono il nostro biglietto da visita e spesso diventano anche la parte del corpo che meglio
evidenzia stress e stanchezza. Occhi e bocca in caso di ansie e dolori tendono ad assorbirne i difetti
contraendosi e favorendo un prematuro invecchiamento del viso. Il massaggio pu restituire sensazioni di
leggerezza e serenit, ridonando al viso un colorito sano e lucente. Sul cuoio capelluto il movimento lento e
profondo rilassa totalmente, eliminando il pi delle volte mal di testa e ansie.
Posizione: sono consigliabili sia quella supina che da seduto.
Massaggio: Si parte da un lieve sfioramento alla base del collo in direzione del mento, e si prosegue lungo
tutto il viso. Sulla fronte, in particolare, si possono esercitare leggere pressioni con le dita spostandole dal
centro verso le tempie.





Per massaggiare il cuoio capelluto si pu distendere la mano sulla testa facendo scivolare le dita nei capelli,
e, con la punta di queste, si descrivano piccoli cerchi sul cranio. La conclusione pu essere affidata ad
entrambi i palmi delle mani perch "accarezzino" in profondit zone pi ampie della cute.
SCHIENA
E' abbastanza comune soffrire di dolori alla schiena, anche se, spesso, non se ne conoscono le cause. Del
resto la regione dorsale quella che pi tende a subire la stanchezza e a fare male.
La schiena la parte pi muscolosa del nostro tronco ed ha la funzione di caricare il peso; il mal di schiena
si diffonde sia fra le spalle, che nella parte inferiore e, di solito, le fitte alla colonna vertebrale si attribuiscono
a posizioni scorrette, al peso eccessivo, allo stress.
Dunque, normale per molte persone, al termine di una giornata faticosa, avvertire disturbi di rigidit alla
base del collo e di difficolt nei movimenti della schiena.
A risentire immediatamente di questo stato di tensione, il trapezio, il muscolo che si trova alla base del
cranio.
Ma se da un lato la regione dorsale quella pi colpita dall'affaticamento, dall'altro sempre sulla schiena
che gli effetti rilassanti di un buon massaggio si sentono maggiormente.
Posizione: consigliata quella prona, con la testa rivolta da un lato e le braccia raccolte intorno alla testa o
abbandonate lungo i fianchi. E' utile stendere sotto l'addome un asciugamano arrotolato o un piccolo
cuscino, lo stesso anche sotto le caviglie.
Massaggio: si pu cominciare con la tecnica dello sfioramento sui muscoli posti ai lati della colonna
vertebrale, facendo avanzare le mani mantenendo le dita in direzione della stessa. Una volta terminato il
movimento da ripetere, questa volta partendo dalla base della colonna e con le dita rivolte verso l'esterno.
Lo sfioramento stimola la circolazione, scalda la zona trattata e consente di spalmare ulteriormente l'olio.
Successivamente si continua il trattamento applicando una frizione (figura) circolare all'osso sacro e si
passa, poi, all'impastamento.





Quest'ultimo propaga onde rilassanti a tutto l'organismo; si attua mettendosi di traverso rispetto al corpo da
massaggiare, partendo dall'anca e risalendo fino alla base del collo. Il movimento consiste nello stringere
una piccola parte di carne e spingerla verso l'altra mano, alternativamente.
Il massaggio pu essere concluso con la tecnica della percussione sia lungo le spalle che nella zona
lombare. Occorre per che i movimenti siano lievi ed effettuati con la punta delle dita.
PIEDI
Spesso i piedi fanno male per la stanchezza, e la fatica, oppure per problemi di circolazione: non raro,
infatti, sentirsi le estremit fredde. A questo proposito, niente, forse, pi rilassante di un buon massaggio,
grazie al quale l'intero organismo sembra rinascere. Del resto, la pianta del piede contiene migliaia di
terminazioni nervose che, opportunamente stimolate, contribuiscono a rinvigorire il corpo.
Posizione: consigliabile la posizione supina, il calcagno del piede deve restare a contatto del cuscino. E'
meglio utilizzare una modica quantit di olio per evitare che le dita, scivolando troppo, provochino il solletico.
Massaggio: un leggero massaggio per riscaldare il piede un ottimo inizio. Si pu, quindi, passare alla
pressione sulla pianta, - premendo con il pollice sia sull'avampiede che su una linea al centro - e allo
sfioramento della stessa.





Un ulteriore piacevole massaggio consiste nell'appoggiare le mani intorno alla caviglia e al calcagno,
stringendo le dita sul collo e i pollici sotto la pianta: le mani vanno fatte scivolare verso le dita del piede, dove
la pressione viene interrotta, per poi riprendere dalla caviglia.
COLLO E SPALLE
Una cattiva posizione guidando o, pi comunemente, stando seduti alla scrivania davanti ad un computer o
per studiare, porta ad un irrigidimento e alla tensione dei muscoli di spalle e collo. Uno stile di vita sedentario
e lo scarso esercizio fisico completano l'opera. Le spalle, soprattutto, rientrano tra le parti del corpo meno
curate, dove influiscono anche gli aspetti psicologici come ansie e frustrazioni. Il massaggio si rivela dunque
essenziale, per sciogliere queste tensioni e trasmettere serenit.
Posizione: sia la posizione sdraiata sulla schiena con un cuscino o un piccolo asciugamano arrotolato sotto
la testa, che quella prona con la fronte appoggiata sulle mani e un cuscino sotto l'addome possono andare
bene. Cos come non sconsigliata la posizione da seduti. La posizione deve essere scelta in base al tipo di
massaggio che si decide di applicare.




Massaggio: per rilasciare i muscoli contratti, impastare la muscolatura alla cima delle spalle, usando
entrambe le mani su un lato, per poi strizzare e lasciare alternatamene.
Si pu proseguire appoggiando le mani con le dita sulla schiena (i pollici sulla parte anteriore della spalla,
rivolti in direzione dei piedi) e massaggiando verso l'esterno fin sopra l'articolazione del braccio. Il movimento
continua, dopo aver invertito le mani (saranno le dita a trovarsi sulla parte anteriore della spalla) sino a
scivolare sul collo dove si pu utilizzare lo sfioramento.
BRACCIA E MANI
Sono tra le parti pi attive e utilizzate del nostro corpo. Soprattutto le mani si usano per qualsiasi azione, per
cui facile che si presentino rigide e stanche. Sono sempre le mani ad essere pi colpite da una cattiva
circolazione: l'effetto immediato che diventano fredde. Il segreto di un buon massaggio alle mani di fare
movimenti pi piccoli senza trascurare i dettagli.
Il massaggio agli arti superiori consente di rilassare sia spalle che braccia e, spesso, di vincere mal di testa,
dolori alla schiena e al collo. In questi casi, e per i dolori collegati ad attivit sportive, comunque meglio
rivolgersi ad un fisioterapista o ad un osteopata.
Posizione: per quanto riguarda il massaggio alle mani, non essendoci nessuna necessit di svestirsi, pu
essere effettuato ovunque; meglio, in ogni caso, rispettare sempre poche ed elementari regole necessarie
per la preparazione.
Per le braccia, invece, la posizione consigliata quella supina, possibilmente tenendo sollevata la testa e le
ginocchia, appoggiandole su di un cuscino o un asciugamano arrotolato.






Massaggio: per le braccia si pu cominciare con uno sfregamento dalla parte esterna fino alla zona spalla,
per poi continuare verso il basso lungo la zona interna del braccio verso il polso. Successivamente si
procede, attraverso una pressione moderata, a frizionare il braccio in direzione polso-spalla. Dal momento
che pi facile che sia la zona dell'avambraccio ad essere in tensione, si pu utilizzare la tecnica dell'
impastamento, lavorando dal polso al gomito e scivolando, poi, indietro per ricominciare. Anche il gomito
trae benefici dai massaggi effettuati attraverso lievi pressioni in movimenti circolari; per opportuno usare
molto olio perch questa zona tende ad essere piuttosto secca.
Anche le mani possono essere massaggiate grazie allo sfioramento con movimenti circolari e allo stiramento
alternato di un lato della mano.
Non si devono dimenticare i massaggi alle singole dita, passando prima delicatamente, dalla punta alla
nocca e poi con pressioni circolari intorno ad ogni articolazione, facendo ruotare il dito in ogni direzione.
GAMBE
Posizione: la posizione consigliata la medesima richiesta per il massaggio alla schiena, ma possibile
anche stendersi supinamente.
Massaggio: sfioramenti lunghi che arrivano all'altezza del sedere e pressioni pi lievi, nella fase di ritorno,
aiutano a spalmare l'olio lungo tutta la gamba.
Il massaggio pu cominciare attraverso una pressione delicata che assecondi con le mani il polpaccio, le
dita orientate in direzione opposta. Le mani devono scivolare sulla gamba, senza fare pressioni sulla parte
posteriore del ginocchio. Anche per il polpaccio ottima la tecnica dell'impastamento. E', comunque,
opportuno non eseguire il massaggio in questa parte del corpo se il paziente affetto da problemi cardiaci o
da disturbi minori come le vene varicose.






Per massaggiare la parte posteriore della coscia vi si possono appoggiare i palmi delle mani spingendoli in
direzione opposta (destra verso l'interno, sinistra verso l'esterno) e esercitando pressioni energiche fino ad
ottenere una torsione dei muscoli. I movimenti devono essere ripetuti anche per il ritorno, in modo che le
mani si trovino alla posizione di partenza.
La parte anteriore della coscia pu essere massaggiata con la tecnica dello sfioramento e con quella
dell'impastamento, dal momento che le cosce sopportano anche movimenti decisi. E' possibile, dunque,
lavorare con forza sulla parte esterna, dove i muscoli sono larghi e pi dolcemente su quella interna.
LE DIVERSE "CATEGORIE" DI MASSAGGIO


Il massaggio rilassante aiuta ad alleviare stress e fatica e ci fa sentire accuditi e coccolati. Le zone del
corpo in cui si accumulano le tensioni possono essere molteplici: dalla testa al al collo, dalle braccia, alla
schiena, ai piedi. Grazie al massaggio aumenta la flessibilit del corpo, migliora la circolazione sanguigna,
stimola il flusso di energia e contribuisce a produrre una sensazione di intensa vitalit.
Il massaggio per lo sport viene considerato parte integrante dell'allenamento di ogni atleta. In particolar
modo a necessitare di cure sono gambe e piedi. Del resto le estremit inferiori lavorano duramente durante
tutto il giorno e, se non si dosano bene le forze, c' il rischio che questi muscoli accumulino tensioni.
Il massaggio riabilitativo consente di agevolare, dopo ferite o operazioni chirurgiche, la guarigione ed il
ritorno alla normalit. In questi casi comunque opportuno affidarsi alle cure di un fisioterapista.
Il massaggio estetico ammorbidisce la pelle e pu portare ad una riduzione della cellulite. Quest'ultima
dipende da uno scarso funzionamento del metabolismo che crea un gonfiore, cio un accumulo di grasso
localizzato soprattutto sulle gambe. Con il massaggio si pu agire sui vasi linfatici rendendo possibile l'uscita
della linfa che, per diversi motivi, si accumulata tra la pelle e il muscolo.







IL DRENAGGIO LINFATICO MANUALE
Il drenaggio linfatico manuale (DLM), ideato da Vodder intorno agli anni 20, agisce sui vasi linfatici
attivandone l'automatismo ed aiutando l'eliminazione del liquido interstiziale e della linfa.
Il drenaggio linfatico manuale rappresenta una tecnica efficace ed ormai diffusa in tutto il mondo.
Il concetto di "drenaggio" si riferisce alla messa in moto del liquido da una zona dove
si accumulato verso un punto di sbocco, mediante un appropriato sistema di
manovre opportunamente studiate e codificate, attraverso un naturale sistema di
conduzione: il sistema linfatico. Cos come l'agricoltore drena un campo inondato ed
elimina l'acqua stagnante mediante una rete di canali, nel nostro organismo esiste un
sistema tubulare formato dai vasi linfatici che rende possibile l'uscita relativamente
semplice del liquido interstiziale e della linfa che, per vari motivi patologici, si sono
accumulati in diverse parti del corpo, specialmente nella pelle o sotto di essa (fra
questa ed il rivestimento muscolare).
Le manipolazioni che si eseguono durante il drenaggio linfatico sono delicate, lente e
ripetitive ed esercitano un piacevole effetto antistress, perch attivano il sistema
nervoso vegetativo preposto al rilassamento (parasimpatico).
Le indicazioni del DLM sono numerose e viene proposto per la sua azione
antiedema, (le manipolazioni specifiche del DLM sono particolarmente efficaci per il trattamento del
linfoedema), l'effetto analgesico (sedativo del dolore), l'effetto sulle fibre muscolari lisce
Sulle fibre muscolari striate il DLM esercita un effetto rilassante quando questi muscoli sono tesi e ipertonici;
sulle fibre muscolari di tipo liscio (muscolatura viscerale) migliora ed attiva il loro automatismo; attiva la
risposta difensiva del sistema immunitario: attraverso il drenaggio linfatico, miglioriamo la risposta difensivo
immunitaria delle zone trattate.
La pratica del DLM non deve mai produrre arrossamento della pelle, espressione di un maggior apporto di
sangue e di maggior apporto di liquidi ad un tessuto. Al contrario, attraverso il DLM, favoriamo il
riassorbimento di liquidi in eccesso. Non si deve mai procurare dolore durante il drenaggio, perch in questo
caso i vasi linfatici smettono di funzionare correttamente per ch si collassano per via riflessa. Il ritmo delle
manipolazioni piuttosto lento, a differenza del massaggio manuale tradizionale, e le mani dell'operatore
devono lavorare con buona aderenza ai piani cutanei, senza l'ausilio di alcun prodotto (oli o creme) per
favorire l'attivazione della linfa e il convogliamento delle scorie e dei liquidi ristagnanti. Le pressioni delle
manipolazioni del drenaggio linfatico si eseguono tangenzialmente alla superficie cutanea e di solito sono di
30- 40 Torr (unit fondamentale di pressione), per cui risultano pi deboli e delicate di quelle utilizzate nel
massaggio manuale tradizionale, che sono di circa 70- 80 Torr. Ad ogni fase di pressione di spinta deve
seguire una fase di rilassamento, fase molto importante perch il liquido interstiziale e la linfa agiscono come
una massa liquida che si sposta lentamente.
Per ottenere un buon drenaggio, necessario eseguire manipolazioni lunghe e lente, rispettando i periodi di
pausa per la fase di rilassamento e di riempimento dei vasi linfatici.
Il DLM una tecnica efficace per prevenire ed attenuare l'inestetico aspetto a "buccia d'arancia " della
cellulite. Abitualmente, si suggerisce, di sottoporsi ad un ciclo di sedute frequenti (2-3 la settimana ) e ad una
terapia di mantenimento (2-4 sedute mensili), a seconda dell'importanza dell'inestetismo.
Nel trattamento di patologie (edema post-chirurgico, esiti cicatriziali), la prescrizione medica deve essere
specifica e personalizzata.
In questi casi la frequenza sar prescritta dal medico e sovente viene prescritto ogni giorno.
IL MASSAGGIO
E' una forma di terapia antica e anche uno dei gesti pi naturali che
compiamo quotidianamente, dal momento che istintivo frizionare una
spalla indolenzita, o sfregare quella parte del corpo che ci fa male.
In pratica un insieme di diverse manovre eseguite sul corpo per lenire
dolori muscolari o articolari, per tonificare il volume di alcuni tessuti, ma
anche per preservare e migliorare il benessere psichico, allentando
tensioni e fatiche.
Gli effetti positivi
Le "virt" del massaggio sono innumerevoli. Si pu cominciare dal rilassamento che, gi di per s, consente
al nostro organismo di rigenerarsi, riequilibrando il sistema nervoso e ormonale, per passare, poi, in
rassegna il lungo elenco di effetti positivi che questa tecnica apporta.
Tra i benefici, in primo piano ci sono:
Attenuazione dei segnali di tensione presenti sotto forma di crampi e spasmi muscolari.
Potenziamento del sistema immunitario, grazie al fatto che il movimento e le contrazioni muscolari
rappresentano un metodo efficace per far circolare il liquido linfatico (che elimina le tossine) all'interno
dell'organismo.
Miglioramento della circolazione, dal momento che i movimenti compiuti durante il massaggio consentono
di spingere il sangue in direzione del cuore. In pratica si favorisce lo scambio, a livello cellulare, del
sangue contenente le tossine, con sangue nuovo ricco di elementi nutritivi.
Eliminazione delle cellule morte e assorbimento di elementi che nutrono la pelle, rendendola vellutata e
aiutandola a respirare.
Produzione di una sensazione di benessere dovuta al fatto di sentirsi accarezzati e coccolati.
Qualche controindicazione
Solitamente questa tecnica non presenta particolari controindicazioni, tuttavia opportuno considerare che
in alcune situazioni, come in caso di lesioni e di patologie come stati febbrili, infiammazioni, cardiopatie,
malattie infettive, sia opportuno evitarlo. Per evitare inutili rischi, quando si tratta di massaggiare una
persona con un qualsiasi problema di salute , comunque, meglio sentire prima il parere del medico
curante.
La preparazione
Per eseguire correttamente un massaggio non si pu trascurare la fase di preparazione. Durante la seduta
vengono, infatti, coinvolti anche i sensi come l'olfatto, la vista e l'udito: per questo l'ambiente deve essere
spazioso, riscaldato (24-25) e comodo; una luce soffusa e, in sottofondo, una musica rilassante completano
l'atmosfera. Per il massaggio basta un lettino, ma si pu eseguire semplicemente anche a terra.
Candele profumate, infine, che emanano un riflesso che incanta e un odore coinvolgente o bouquet di fiori e
colori tenui contribuiscono a favorire il rilassamento.
Per rendere, poi, il massaggio pi fluido consigliabile usare oli e creme apposite, senza esagerare con la
quantit. Questi prodotti si trovano gi pronti, ma possono anche essere creati personalmente unendo a
poche gocce di un olio essenziale, scelti tra quelli usati in aromaterapia, ad un olio di base come quello di
germe di grano o di girasoli.

olio propriet
Bergamotto
Antisettico, astringente, antidepressivo. Utilizzato per acne e capelli grassi. Sensibilizza la pelle ai
raggi ultravioletti.
Camomilla Ottimo per calmare i nervi e adatto per pelli sensibili. Decolora leggermente i capelli..
Cedro Riduce i liquidi nei tessuti ed ha un effetto diuretico. Riscaldante nei bagni.
Citronella Stimola la digestione, antisettico, efficace nella disintossicazione linfatica.
Eucalipto Antisettico e stimolante. Usato per curare tosse, raffreddore e malessere.
Geranio
Astringente, diuretico, antidepressivo.Tonifica la pelle e agisce come repellente per gli insetti, aiuta a
legare le fragranze.
Gelsomino Antidepressivo, afrodisiaco, rinvigorente. Ottimo per curare le depressioni post-parto.
Ginepro Eccellente calmante e purificante.
Incenso Ottimo per calmare i nervi e rilassarsi, cura problemi respiratori.
Lavanda
Antisettico, analgesico, calmante. Cura mal di testa, insonnia, depressione, malessere, dolori, ferite,
punture d'insetti.
Maggiorana
Analgesico, sedativo, confortante. Cura dolori periodici, insonnia, mal di testa. Favorisce la
circolazione periferica.
Menta piperita Stimola l'attenzione. Efficace per i mal di testa e i raffreddori.
Neroli
(fiore d'arancio)
Sedativo, calmante, afrodisiaco. Allevia l'ansia e l'insonnia. Adatto per pelli secche.
Petit Grain
(foglie d'arancio amaro)
Sedativo, calmante e rinfrescante.Cura ansia e insonnia. Conosciuto come "Neroli dei poveri".
Albero del t Antisettico, germicida, fungicida, calmante. Cura ferite, infezioni, foruncoli e punture,
Pino Eccellente antidolorifico. Deodorante naturale.
Rosa Eccellente antisettico, sedativo e antidepressivo.
Rosmarino
Stimolante, aiuta la memoria e chiarisce i pensieri. Cura dolori reumatici e fastidi dopo esercizi
ginnici. Scurisce i capelli.
Salvia Equilibra gli ormoni femminili. Efficace per i problemi al cuoio capelluto.
Sandalo
Antisettico, sedativo,calmante, afrodisiaco. Adatto per pelli secche e disidratante, antisettico: si pu
utilizzare per l'acne.
Vertiveria Eccellente sedativo e rilassante.
Ylang-Ylang Antidepressivo, sedativo, antisettico, afrodisiaco. Ottimo per problemi di pelle.

MASSAGGIO KUNDALINI
Kundalini in sanscrito significa "serpente". L'energia nervosa e psichica posta nel loto in fondo alla colonna
vertebrale, attraverso il massaggio si risveglia e sviluppa i poteri psichici risalendo tutti i chakra.
CHAKRA
La parola "chakra" deriva dal sanscrito e significa "cerchio", "movimento", ma anche "ruota". Ogni chakra un vortice di energia circolare che
ruota sotto l'influenza di una corrente positiva (detta "pingala") o negativa (detta "ida"). I chakra sono quindi centri di energia che si trovano tra
l'aura (il riflesso dello stato di energia dell'organismo) e l'esterno del nostro corpo. Teorici della filosofia orientale sostengono infatti che l'essere
umano fin dalla nascita possiede una sua fisiologia energetica che gli permette di entrare in relazione dinamica con il microcosmo che lo circonda
e con le sue forze elettromagnetiche. I chakra sono sette, divisi in tre superiori e quattro inferiori.
MULADHARA: sede di Kundalini e si trova nel coccige. E' rappresentato come un loto a quattro petali.
SVADHISISTHANA: si trova sopra gli organi genitali. E' rappresentato come un loto a sei petali.
MANIPURA: situato nel centro nervoso dell'ombelico. Loto a dieci petali
ANAHATA: il chakra del cuore. Loto a dodici petali.
VISHUDDHA: posizionato all'altezza della ghiandola tiroidea. Loto a sedici petali.
AJNA: si trova in mezzo alla fronte, tra le sopracilia. Loto a due petali.
SAHASRARA: la sede del Vishnu, il polo positivo. Loto a mille petali.

Raffigurazione dei sette chakra

I chakra si trovano in corrispondenza di ghiandole endocrine e le energie dei chakra sembrano cos essere collegate con il sistema nervoso
parasimpatico e autonomo e con la regolazione degli ormoni.

Scopo del massaggio il bilanciamento tantrico.
Il massaggio pu richiedere due ore di sforzo focalizzato e concentrato. Prima che venga rilasciata l'energia
kundalini, le cinque regioni dell'asse vertebrale devono essere rilassate. Questo solitamente fatto
attraverso la manipolazione della muscolatura limitrofa alla spina dorsale.
Partendo dalla ragione inferiore, verso l'alto, la letteratura anatomica tantrica definisce le regioni dell'asse
vertebrale come: coccige (che consiste nell'osso sacro e le prime quattro vertebre incomplete), lombare (le
successive cinque vertebre), dorsale o schiena (12 vertebre) e cervicale o collo (sette vertebre). Queste
cinque regioni corrispondono rozzamente ai cinque centri chakra inferiori.
Da una prospettiva tantrica, si ritiene che il midollo spinale sia adagiato all'interno dell'asse vertebrale e si
estenda verso il basso dal quarto ventricolo del cervello fino alla regione del coccige, dove si restringe in uno
stretto finale simile a capelli chiamato "filum terminale". Il midollo spinale stesso formato da due met
simmetriche unite fra loro lungo una linea centrale. La stessa linea di giuntura un minuto condotto
chiamato "canalis centralis" o canale centrale (sushumna). E' attraverso questo passaggio che l'energia
kundalini, una volta rilasciata e guidata verso l'alto, pu vitalizzare i sei centri chakra lungo un invisibile
percorso fino al cervello.
Particolare attenzione deve essere posta nel rilassare i muscoli adiacenti alla spina dorsale, cosa che
preparer il canalis centralis per il flusso verso l'alto dell'energia kundalini. Una volta che schiena, spalle e
collo sono aperti, l'estremit inferiore della parte posteriore del corpo andr massaggiata vigorosamente,
gambe, piedi e natiche compresi, per rilasciare la tensione nelle estremit inferiori e preparare il filum
terminale ad incanalare il kundalini verso l'alto.
Con la parte posteriore del corpo rilassata, l'area pelvica inferiore preparata al rilassamento chakra e
all'apertura attraverso rotondi e penetranti colpi di massaggio nell'area sacrale e pelvica. Questo fatto per
purificare il nadis principale o canale astrale cos che le correnti kundalini possano fluire e unirsial Vishnu. La
linea di ascensione sempre dal basso su verso l'alto. Per questo motivo, il lavoro sul corpo comincia al
livello inferiore. Aprire i centri chakra e bilanciare deve essere fatto in ordine sequenziale, dalla radice, o
MULADHARA chakra, all'ins attraverso gli altri centri chakra fino al SAHASRARA. Questa apertura in
preparazione di ulteriori rilasci e movimenti di energia kundalini.
Mano a mano che la cavit pelvica inferiore inizia ad aprirsi grazie al massaggio profondo, i siti dei chakra
superiori si preparano per l'apertura con tocchi gentili lungo la spina in direzione de collo. Il chakra pi alto,
AJNA, e l'area SAHASRARA che si trova sulla sommit del capo, si preparano all'apertura attraverso un
bilanciamento energetico ottenuto senza il contatto con il corpo. L'apertura dei chakra successivi, che
vedremo ora, forniranno un passaggio che permetta alla forza kundalini di irradiarsi verso l'alto dentro a tutti
gli altri centri chakra. La parte di processo completata, con il cliente sdraiato col viso rivolto verso il basso,
in preparazione della seconda fase con il cliente sdraiato sulla schiena.
Una volta che i centri chakra sono vibranti e ardenti, l'energia kundalini contenuta nel chakra MULADHARA alla
base della spina dorsale delicatamente rilasciata.
L'energia kundalini, spesso chiamata "energia del serpente" a causa della sua forma quiescente, riposa
arrotolata alla base dell'asse vertebrale. Normalmente statica e sigillata alla base della spina dorsale,
appena oltre la punta dell'osso sacro. Attraverso il rilascio di quest'energia, la forza centripeta "Shakti" pu
essere indirizzata all'ins verso i chakra pi alti, per completare un'unione con l'energia centrifuga "Shiva", la
cui sorgente originaria il sole. Armonia e bilanciamento, secondo le credenze tantriche, vengono
dall'unione di queste forme di energia polarmente opposte.
A questo punto della procedura, il terapista del massaggio deve blandire l'energia kundalini dalla forma
serpentina per emergere ed innalzarsi attraverso la spina dorsale. Non c' a questo punto nessuna direzione
preferenziale per il lavoro sul corpo, dato che l'incanalamento ed il bilanciamento dei chakra sono difficili da
predire.
Spesso la mera esperienza del primo rilascio di energia kundalini cos drammatica che difficilmente
l'energia si innalza al di sopra del primo o secondo chakra. Dopo un po' di pratica, comunque, pu essere
raggiunta la completa esperienza yoga. Quando ci fatto, avviene il rilascio dell'energia kundalini matura, e
l'esperienza inimmaginabile. Fuoco liquido corre su lungo la spina dorsale, attraverso la testa e la sommit
del corpo con un'intensit incredibile. Il corpo umano diventa, per un istante, una barra incandescente posta
tra le due forze polarmente opposte della natura.
Durante questo processo di rilascio, e attraverso il successivo bilanciamento tantrico per riguadagnare
l'equilibrio, esiste una responsabilit condivisa tra il terapista massaggiatore e la persona che riceve il
trattamento terapeutico. Deve esserci un accordo per lavorare insieme in uno stretto legame di fiducia,
apertura e condivisione.
Dato che l'energia kundalini cos potente, fondamentale e radicato nella sessualit umana, di vitale
importanza un elemento di chiaro intento professionale e di rispetto. Se i partner sono amanti, allora gli
aspetti sessuali dello yoga tantrico possono essere esplorati per accentuare il flusso d'energia. Se,
altrimenti, non questo il caso, il terapista deve mantenersi intensamente concentrato per non deviare da un
trattamento professionale, anche se l'atmosfera carica dell'energia kundalini.
Preparazione per una sessione di bilanciamento tantrico
La letteratura tantrica afferma espressamente che "la vera liberazione pu avvenire solo attraverso
l'esperienza. Gli stati di coscienza non possono essere controllati e trascesi fino a quando e senza che essi
sono vissuti liberamente e nella pienezza del loro potere". Come ricevitore del bilanciamento tantrico, si
incoraggiato a partecipare attivamente al processo e ad avere un esperienza completa. Il respiro, i suoni e i
colori visualizzati giocano un ruolo importante nel muovere l'energia kundalini, cos come la limpidezza
emotiva. La risultante unione delle forze energetiche Shakti e Shiva all'interno del tuo corpo chiamata nei
testi tantrici samarasa.
La letteratura tantrica dice pure che " molto probabile che la pi grande potenza di trasformazione sia pi
nell'attitudine che altrove." Accettando la possibilit del cambiamento, il potenziale per la crescita, e la
capacit di vera integrazione, specialmente durante il potente rilascio e movimento dell'energia kundalini,
aiuter a guidare questa forza impressionante all'ins attraverso i centri chakra. Con un atteggiamento di
accettazione e positivo, "il bilanciamento tantrico pu muovere un individuo verso un piano di esistenza pi
soddisfacente"; uno dove c' pi amore, e in senso conclusivo, pi stabilit.
LE TECNICHE DI BASE



Le manovre pi usate per massaggiare sono lo sfioramento, la frizione, l'impastamento e la percussione.

Sfioramento
Precede tutti i movimenti del massaggio. Le mani, con le palme rivolte
verso il basso, scorrono sulla pelle dandosi alternativamente il cambio, in
modo costante e in direzione della corrente venosa. I movimenti sono
lenti e particolarmente leggeri. Lo scopo della manovra quello di
instaurare con il proprio paziente un contatto psicofisico, migliorare la
circolazione e calmare i nervi in tensione.


Frizione
Rispetto allo sfioramento maggiormente energica. La sua azione
agisce in profondit ridando elasticit ai tessuti e riattivando il
riassorbimento venoso e linfatico. I movimenti sono lineari, lenti e
trasversali rispetto ai muscoli da trattare. Le dita toccano lo strato
superficiale della pelle, ma sono quelli inferiori a riceverne l'influsso
benefico.


Impastamento
Si effettua mediante una manovra che agisce sull'asse trasversale del
muscolo con movimenti alternati. Arriva in profondit per eliminare la tensione
e, contemporaneamente, stimola una vasta superficie dell'epidermide. Viene
praticato soprattutto nelle zone del corpo dotate di una massa muscolare
voluminosa come le cosce, i fianchi e i glutei. Durante questa fase si
eseguono numerose azioni che vanno dalla spremitura del muscolo al
rilassamento dello stesso, consentendo l'eliminazione delle scorie responsabili
dell'affaticamento.


Percussione
Si basa su una serie di colpi ravvicinati, ritmici, pi o meno rapidi. I movimenti
di percussione della cute possono avvenire in una zona fissa o con
avanzamenti delle dita e delle mani dell'operatore. Gli effetti sono soprattutto
stimolanti, dal momento che favorisce la vasodilatazione e l'aumento della
contrattilit muscolare. Solitamente si usa al termine del massaggio per ridare
tono.

LINFODRENAGGIO ENERGETICO

In una societ dove l'utilizzo di farmaci, rimedi chirurgici estetici e massaggi anti-stress prendono il
sopravvento, utile focalizzare l'attenzione su un tipo di massaggio che unisce la massima competenza
tecnica e medica ad una parte sicuramente importante della cultura orientale e indiana: Il Linfodrenaggio
Energetico.
La particolarit la troviamo nella tecnica di visualizzazione o meditazione che in quattro momenti differenti
del trattamento, viene effettuata da chi esercita il massaggio, e ricevuta dal paziente in maniera passiva ma
con il massimo beneficio.
Ma per comprendere i vantaggi di questa tecnica, necessario capire su cosa agisce e con quali intenti;
quindi iniziamo dal principio, ovvero, cos' la Linfa.
La funzione principale del sistema linfatico la produzione, mantenimento e distribuzione dei
linfociti che sono essenziali per la normale difesa dell'organismo. Queste cellule vengono prodotte
e mantenute all'interno di organi linfatici, come la milza, il timo ed il midollo osseo. Altre funzioni
sono il mantenimento del normale volume ematico e l'eliminazione di variazioni nella composizione
del fluido interstiziale che avvengono localmente.
Contrariamente alla circolazione sanguigna, quella linfatica ha solo l'andamento centripeto (dalla
periferia del corpo al centro) e non possiede una spinta come quella del cuore. Il movimento
linfatico permesso dai movimenti muscolari, dal sistema nervoso autonomo, dai movimenti
peristaltici dell'apparato gastroenterico e dalla respirazione diaframmatici.
Da questa descrizione appare evidente che una circolazione linfatica difficoltosa rende impossibile
un processo di nutrizione e smaltimento di tossine a livello cellulare; se questo ristagno linfatico
acuto i sintomi sono evidenti, poich i tessuti interessati da tale disfunzione si gonfiano e le
ghiandole linfatiche si ingrossano; se invece questa stasi avviene lentamente, fino a diventare
cronica, i sintomi risultano meno evidenti esteriormente, ma forse pi importanti per ci che
riguarda il funzionamento dell'organismo: in particolare le articolazioni vanno incontro ad artrosi, le
arterie si induriscono (arteriosclerosi), i vasi venosi perdono funzionalit con conseguenti varici agli
arti inferiori, emorroidi, ecc., i tessuti sottocutanei presentano inestetismi di ogni tipo, tra cui la
tanto temuta cellulite.
In casi di ristagno particolarmente grave e duraturo possono insorgere malattie di tipo
degenerativo, allergiche e autoimmuni, o persino tumori.

















Prima di fare chiarezza sugli effetti di tale drenaggio e delle eventuali controindicazioni mediche, cerchiamo
di vedere come agisce in pratica questo massaggio e dove sono situate le quattro visualizzazioni di
meditazioni che cos tanto lo caratterizzano (anche se risulta impossibile descriverne ogni singolo passo a
causa della sua lunghezza e molteplicit di movimenti).
La tecnica
Il massaggio si sviluppa dalle parti alte del corpo verso quelle basse, lavorando prima quelle anteriori poi
quelle posteriori; mantenendo tale ordine, vengono prima massaggiate le principali stazioni linfatiche e
successivamente applicato un massaggio che veicoli la linfa verso tali punti nevralgici. A seconda della parte
del corpo di volta in volta trattata, si applicano diverse tecniche pi o meno forti (in accordo anche alla
patologia e alla necessit del paziente) come:
lo sfioramento

il movimento a cerchio fisso

il movimento di pompaggio

ognuna delle quali ha una sua funzione specifica e coinvolge differenti profondit del corpo.
Le visualizzazioni
Durante il percorso di tale massaggio avvengono le quattro visualizzazioni, momenti simili alla meditazione,
che vengono effettuati da chi opera il massaggio e "trasferite" al paziente tramite un contatto fisico a volte
molto leggero, a volte invece pi profondo perch parte integrante del massaggio.
La prima riguardala zona alta della testa e prevede tre immagini che possono essere scelte dall'operatore,
ma che devono rispecchiare specifiche sensazioni e che possiamo standardizzare (per comodit) in questo
modo:
a) partendo da un cielo grigio e denso di nuvole, respiro dopo respiro tali nuvole diventano prima bianche,
poi si diradano fino a lasciare un cielo limpido.
b) una spiaggia tropicale al tramonto caratterizzata da un forte silenzio e da colori intensi e luminosi
c) immagine di un bambino che ride in modo fragoroso e sincero.
Queste immagini (create in silenzio) trasmettono un senso di pienezza, di pace, di tranquillit e di
riappropriazione di se stessi.
La seconda visualizzazione riguarda il torace (parte anteriore):
a) una spirale di luce con la punta verso il cuore che si espande in grandezza ed in luminosit fino a
riempire, la stanza la citt e cos via
b) una rosa di color rosa pallido sul cuore che moltiplica i suoi petali fino a coprire tutta la persona.
Queste immagini vogliono restituire la "scintilla della vita" (o divina se preferiamo) per ricongiungere l'uomo
all'assolto.
La terza visualizzazione riguarda la pancia:
dalla parte inferiore dell'addome, un cordone di luce rossa si irradia per le gambe fino a raggiungere il
terreno, entrando nelle profondit della terra; il cordone si trasforma in radici e il corpo in tronco; nella parte
superiore del corpo nasce un a chioma d'albero di colore verde brillante con fiori e frutti.
Questa immagine cos poderosa vuole richiamare le nostre radici interiori, il nostro attaccamento alla vita e
alla natura come parte di essa quale siamo.
La quarta e ultima visualizzazione riguarda la schiena:
si cerca di riattivare degli zampilli d'acqua immaginari che sembrano essere troppo deboli; l'acqua riprende a
scorrere energicamente, pura e luminosa libera da ogni negativit.
In questo caso, la schiena il passato del paziente, e l'acqua il mezzo tramite il quale cerchiamo di
purificare tale passato per liberare la vita da ci che o stato negativo, e ottenere un approccio pi
positivo verso l'avvenire.
Conclusioni
Questa tecnica, unita al massaggio, risulta per molti alquanto insolita, tuttavia un grande numero di persone
ha potuto trarne diversi benefici pur non essendo avvezzo alla meditazione o ad altre tecniche di
autorilassamento di provenienza orientale o indiana.
Per quanto concerne un punto di vista pi specificatamente medico, gli effetti positivi del linfodrenaggio, in
senso generale, riguardano la riduzioni di edemi, gonfiori e cellulite dovuti al ristagno della linfa, lo stimolo
del sistema immunitario e quindi una guarigione pi rapida, specialmente in periodi post-operatori, per
evitare piaghe da decubito, ustioni, traumi o ulcere varicose, stimolo e rieducazione del microcircolo nei casi
di difetti della circolazione periferica, ringiovanimento dei tessuti, tonicit, relax e allontanamento da uno
stress cronico.
Va ricordato che le parti del corpo lese, o affette da eruzioni cutanee non vanno MAI direttamente trattate,
ma sempre lavorate nella zona circostante.
Proprio perch questo tipo di massaggio non un semplice trattamento estetico, ma ha un forte impatto
anche sulle parti pi profonde dell'organismo, alcuni medici lo sconsigliano nei soggetti portatori di alcune
patologie come: asma bronchiale, insufficienza cardiaca grave, ipertiroidismo, sindrome del seno carotideo,
radioterapia o tumori; nel caso di queste affezioni, tuttavia sempre consigliabile consultare un medico
prima di sottoporsi ai vari trattamenti e non considerare tali trattanmenti come una sostituzione della
medicina ufficiale.
MASSAGGIO CON PIETRE LAVICHE

Si tratta di una forma di massaggio molto particolare che si basa sullutilizzo di pietre laviche calde , con
numerosi effetti benefici localizzati e in grado di dare un grande senso di benessere e un profondo
rilassamento.
Il trattamento consiste nellapplicazione di pietre laviche riscaldate in varie parti del corpo, associata ad un
massaggio. Le pietre, per la loro inerzia termica, cedono il loro calore molto lentamente e le parti interessate
si riscaldano gradualmente.
In una interpretazione olistica, si pu dire che con questa tecnica si migliora il flusso di energia allinterno del
corpo. Le pietre in effetti vengono poste in corrispondenza dei Chakra, prima in posizione supina.

E poi ci si gira e vengono posizionate sulla parte posteriore del collo e della spina dorsale. La sensazione
di grande rilassamento e di allontanamento dello stress.

Lapplicazione di pietre laviche inoltre contribuisce al miglioramento di alcuni disturbi, quali:
Dolori muscolari
Mal di schiena
Dolori reumatici o artritici
Stress, insonnia e depressione
e al miglioramento della circolazione.
Il trattamento sconsigliato in caso di ferite aperte, lesioni cutanee, herper oppure in caso di disturbi quali
nausea, febbre, infiammazioni dei vasi linfatici.
Pietre laviche e aromaterapia
Questo tipo di trattamento pu essere associato con laromaterapia. Gli oli essenziali vengono applicati sul
corpo prima del trattamento con le pietre laviche e soltanto successivamente inizia il massaggio.
Pietre calde e fredde
In caso di trattamento di lesioni muscolari o infiammazioni, si possono utilizzare pietre laviche calde alternate
a pietre di marmo fredde. Questo trattamento provoca un tipo di "ginnastica vascolare" termo-terapeutica del
sistema circolatorio. Il caldo ha un effetto di vasodilatazione, il freddo di vasocostrizione. Lalternanza ha un
effetto sedativo sul sistema nervoso.
Le pietre fredde causano un restringimento dei vasi sanguigni, stimolando la circolazione interna. Ci
assicura che le cellule del corpo ricevano pi ossigeno e nutrienti e che pi tossine siano rimosse.