Sei sulla pagina 1di 34

Giorgio Graffi Sergio Scalise

Le lingue e il linguaggio
Introduzione alla linguistica

In verde in ogni capitolo quel che ho tratto dal Nespor per integrare...

CAP I - CHE COS'E' IL LINGUAGGIO 1. La linguistica, il linguaggio e i linguaggi Linguaggio: sistema di comunicazione tra emittente e ricevente I diversi linguaggi (animale, computer, umano...) hanno una struttura specifica. La linguistica cerca leggi generali per questa struttura --> disciplina descrittiva e non normativa come la grammatica; descrive come effettivamente si esprimono le persone. 2. Caratter. proprie del linguaggio umano Discreto: i suoi elementi si distinguono gli uni dagli altri per limiti ben definiti (lettere distinte ecc). Quello animale (es. api) invece continuo, cio per cambiare messaggio non modifiche nette (cambio lettera) ma sottili e graduali. Doppia articolazione: pochi fonemi privi di significato proprio formano, se combinati insieme, un numero altissimo di segni (=entit con significante e significato). Nelle api invece ogni piccolo movimento ha un significato, e non composto da piccoli movimenti privi di significato. Si creano sempre parole nuove, a differenza che negli animali. Ricorsivit: frasi sempre nuove inserendo una frase nell'altra --> numero frasi possibili infinito. Non c' ricorsivit negli animali. Discretezza e ricorsitiv ci sono invece entrambe nel linguaggio informatico. Dipendente dalla struttura: complesse relazioni tra gli elementi di una frase, anche non direttamente adiacenti; se questi non sono ben sistemati la rendono agrammaticale. Il linguaggio informatico di solito indipendente dalla struttura, cio ogni elemento determinato solo da quelli adiacenti [...o.O ma non vero!!!] I tentativi di insegnare un linguaggio umano alle scimmie (usando quello per sordi, dato che l'anatomia non permetteva loro di articolare parole) sono falliti: comunicano s, ma non hanno ricorsivit e non imparano automaticamente come i bambini. 3. Il linguaggio e le lingue Linguaggio: sistema di comunicazione dotato delle caratteristiche di cui sopra Lingua: forma specifica che questo sistema assume nelle varie comunit. Gli umani hanno un linguaggio e tante lingue. Universali linguistici (=elementi comuni alle varie lingue): ricorsivit e dipendenza dalla struttura Differenze tra lingue: ordine delle parole CAP II - CHE COS'E' UNA LINGUA La lingua un sistema articolato in pi sistemi, livelli linguistici: dei suoni (fonologia), parole (morfologia), frasi (sintassi), significati (semantica). Ogni livello interdipendente con gli altri. 1. Parlato e scritto La linguistica privilegia la lingua parlata, perch: - ci sono lingue parlate e non scritte; la scrittura aspetto secondario - il bambino impara prima a parlare, e lo fa in modo naturale, non come per lo scrivere - la parlata cambia pi in fretta della scritta, che invece tende a mantenersi In pi gli alfabeti (che servono a scrivere) sono spesso incongruenti con i suoni (vedi inglese)

2. Astratto - concreto Ogni volta che parlando si ripete una lettera, questa diversa (per durata, altezza...); per ogni ripetizione ha qualcosa di "uguale" che la distingue da un'altra lettera. Su un livello astratto, c' una e una sola /a/, che si pu poi realizzare in n modi diversi su un livello concreto. La distinzione tra /a/ ed /e/ linguistica, quella tra le loro concretizzazioni no. 2.1 "Langue" e "parole" (Saussure) Parole: esecuzione linguistica concreta realizzata da un individuo. Langue: lingua della collettivit, sociale e astratta, che l'individuo non pu modificare da solo. La langue necessaria perch gli atti di parole siano intellegibili, la parole necessaria perch la lingua funzioni. 2.2 Codice e messaggio (Jakobson) Codice: insieme di potenzialit astratto tipo il punto e la linea del codice morse. Messaggio: atto concreto costruito sulle unit base fornite dal codice. 2.3 Competenza ed esecuzione (Chomsky) Competenza: ci che l'individuo sa della propria lingua, in astratto Esecuzione: ci che ne fa, in concreto Parole, messaggio ed esecuzione pi o meno si equivalgono; langue e competenza sono diverse (la prima sociale, la seconda individuale) 3. Conoscenze linguistiche di un parlante 3.1 fonologica Un italiano sa quali suoni sono della sua lingua e quali no; cambia automaticamente il suono della c passando da amico ad amici, ecc 3.2 morfologica Un italiano sa che quasi tutte le parole finiscono in vocale, possiede un certo vocabolario, in grado di formare parole nuove e applicare suffissi e prefissi, capendo quando non si pu fare 3.3 sintattica Costruiscono e capiscono senza problemi frasi nuove, capendo quando sono agrammaticali 3.4 semantica Riconoscono il significato, intuiscono la sinonimia e l'antonomia (sinonimi e contrari), interpretano frasi ambigue, colgono relazioni di significato tra le parole 3.5 la grammatica dei parlanti Costruita da fattori innati e acquisiti. Il bambino non sa regole ma le acquisisce a partire dai dati, costruendosi una grammatica. Quella dei libri un pallido tentativo di descrivere quella grammatica l! 4. Una lingua non realizza tutte le possibilit Ogni lingua non ha tutti i suoni possibili, n il lessico per descrivere ogni cosa specificamente, n realizza tutte le possibilit morfologiche (ad es non tutti i suffissi si possono applicare a tutte le parole), n sintattiche (ad es l'ordine delle parole non pu essere totalmente a caso) 5. Sintagmatico e paradigmatico Rapporti sintagmatici: i suoni sono influenzati da quelli adiacenti. Si hanno tra elementi in praesentia, cio co-presenti. Rapporti paradigmatici o associativi: esistono tra tutti i suoni che possono comparire nello stesso contesto (ad es stolto, sdoganare, scorta, sgombro...), ma solo in absentia, cio se c' un suono non pu esserci l'altro. Tutti i suoni che possono comparire nello stesso contesto hanno qualcosa in comune, ad es quelli elencati formano la classe di suoni occlusivi. Tali rapporti non ci sono soltanto tra suoni ma anche tra tutti gli elementi che sono reciprocamente condizionati (ad es "il questo" non si pu dire: o dici il o dici questo, quindi hanno un rapporto paradigmatico; in "il mio libro" le parole hanno un rapporto sintagmatico, perch si influenzano: non si potrebbe dire "il mia libro"). Le desinenze dei verbi hanno rapporti paradigmatici tra loro --> formano un paradigma di forme che si possono aggiungere (una ad esclusione dell'altra) alla stessa base. 6. Sincronia e diacronia Lo studio del cambiamento linguistico nel tempo diacronico; lo studio di una lingua senza considerare

il fattore tempo sincronico. 7. Il segno linguistico Una parola un segno. Un segno unione di significato e significante. Un segno ha: - distintivit: botte si distingue da notte ecc... - linearit: si estende nel tempo (se parlato) o nello spazio (se scritto) --> quindi c' un prima e un dopo - arbitrariet: l'accordo tra significante e significato convenzionale. Eccezioni all'arbitrariet sono le forme onomatopeiche, che fra l'altro evolvendosi possono perdere l'origine sonora e diventare convenzionali. I segni possono essere anche non linguistici (cartello stradale...). Linguistica: studia i segni linguistici Semiologia o semiotica: studia segni in generale 8. Le funzioni della lingua Secondo Jakobson, ci sono 6 componenti necessarie alla comunicazione linguistica. A ciascuna di esse corrisponde una funzione linguistica secondo questo schema: parlante - emotiva referente (ci di cui si parla) - referenziale messaggio - poetica canale (attraverso cui si comunica) - ftica codice - metalinguistica ascoltatore - conativa Descr delle funzioni: - emotiva: si realizza quando il parlante "esprime", pi che comunicare. Si realizza spt nella lirica. - referenziale: informare in modo neutro - poetica: il messaggio costruito in modo tale da costringere a ritornare sul messaggio stesso per apprezzarne il modo in cui formulato (suoni, parole...) - ftica: controllare se il canale aperto ("mi senti?") - metalinguistica: si parla del codice stesso (un libro di grammatica) - conativa: comando o esortazione rivolti all'ascoltatore perch cambi comportamento. Ogni tipo di testo realizza prevalentemente una delle funzioni jakobsoniane. 9. Lingua e dialetti italiano standard - italiano regionale (Nord-Centro-Sud) - dialetto locale. In realt la stratificazione pi complessa: italiano scritto - parlato formale - parlato informale regionale - dialetto di koin (regione dialettale, tipo veneto, lombardo...) - del capoluogo di provincia locale 10. Pregiudizi linguistici Non c'erano lingue semplici che poi si sono evolute: tutte le lingue hanno sistemi fonologici, morfologici e sintattici complessi. Tutte le lingue hanno una loro logica interna. I dialetti sono complessi come una lingua (tant' che le lingue nazionali spesso sono dialetti in origine). Le lingue sono facili o difficili da imparare a seconda della lingua di partenza [...ma va'???]

CAP III - LE LINGUE DEL MONDO

Introduzione L'organizzazione Linguasphere ha classificato le lingue del mondo in 9 ordini di grandezza secondo il numero di parlanti. L'inglese ha pi di un miliardo di parlanti ed 9; l'italiano 7. La statistica tiene conto anche di chi parla una lingua come seconda lingua, e parte dal presupposto che tutti gli abitanti di un paese ne parlino la lingua (cosa che non vera ad es per gli anziani italiani che parlano solo

dialetto). Altre classificazioni, pi rilevanti dal punto di vista linguistico: Genealogica: due lingue sono parte dello stesso gruppo se derivano dalla stessa lingua originaria (o lingua madre, che diverso da madrelingua), ad es le lingua romanze hanno come lingua madre il latino, e fanno parte anche di una linea genealogica pi ampia, l'indoeuropeo, che una famiglia linguistica. Unit genealogiche dalla pi ampia alla pi ristretta: famiglia linguistica - gruppi (o classi) sottogruppi (o rami). Tipologica: due lingue sono tipologicamente collegate se hanno caratteristiche comuni. Non detto che ci sia anche un legame genealogico, anche se possibile. Areale: affinit tra lingue genealogicamente non collegate, ma che si parlano in luoghi vicini e quindi si sono influenzate. Lingue di questo tipo formano una lega linguistica. Ad es cinese e giapponese non hanno la stessa lingua madre, ma si sono influenzate; c' poi la lega linguistica delle lingue slave, appartenenti a gruppi diversi (pur avendo la stessa famiglia linguistica indoeuropea) ma con caratteri comuni.

1. Classificazione genealogica: le famiglie linguistiche Famiglie linguistiche principali: - indoeuropea - afro-asiatica (cui appartengono fra l'altro egiziano, arabo, ebraico) - uralica (finlandese, estone, ungherese...) - sino-tibetana (cinese mandarino, tibetano...) - nigerkordofaniana (lingue subsahariane come il swahili) - altaica (asia centrale: turco, mongolo...) Ci sono altre famiglie consistenti pi alcune minori, le quali comprendono ciascuna poche lingue ( il caso delle lingue amerindiane degli indiani d'america, molte e non collegate fra loro; oppure del basco in europa). Si pu dimostrare che due lingue sono apparentate, ma non che... non lo sono. Quindi anche lingue finora considerate divise potrebbero rivelare una comune origine.

2. La famiglia linguistica indoeuropea Intorno al 1830 si dimostr che sanscrito (antica lingua indiana) e lingue europee sono collegate --> da ci il termine famiglia linguistica indoeuropea. E' suddivisa nei gruppi: - indo-iranico: coi sottogruppi indiano (comprendente lingue antiche come sanscrito e vedico, e ancora parlate come hindi e urdu) e iranico, ulteriormente suddiviso in occidentale (persiano antico e moderno, curdo...) e orientale (afgano...) - tocario: rappresentato da due lingue estinte chiamate Tocario A e B

- anatolico: lingue estinte, come l'ittita - armeno - albanese - slavo: diviso nei sottogruppi orientale, occidentale, meridionale - baltico: lituano, lettone e varie lingue estinte - ellenico: greco - italico: suddiviso nei sottogruppi orientale (lingue poi estinte come osco, umbro, sannita) e occidentale (da cui deriva il latino e quindi le lingue romanze) - germanico: suddiviso in orientale (gotico), settentrionale (svedese, danese...), occidentale diviso in anglo-frisone (da cui l'inglese) e neerlando-tedesco (olandese, nederlandese, afrikaans parlato dai coloni in africa, yiddish dialetto degli ebrei tedeschi) - celtico: suddiviso in gaelico (irlandese, gaelico di Scozia) e britannico (gallese, bretone...)

Si nota che classificazione genealogica e geografica non coincidono.

3. La classificazione tipologica Pu essere morfologica o sintattica.

3.1 Tipologia morfologica Isolante: quasi totale mancanza di morfologia. I nomi non si distinguono n per caso, n genere n numero; i verbi non hanno differenze di persona, tempo, modo ecc. Per indicare le relazioni tra le parole si fa quindi grande uso di particelle. Funziona cos il cinese, ma anche un po' l'inglese (verbi indeclinabili...). Agglutinante: ogni parola contiene tanti affissi (cio forme da legare alla parola) quante sono le relazioni grammaticali che devono essere indicate; gli affissi si "sommano" tra loro. Flessiva: tipica delle lingue indoeuropee. Caratteristiche: - le relazioni grammaticali sono indicate da un unico suffisso. E' quel che accade in latino: -ibus indica sia ablativo sia plurale, mentre una lingua agglutinante come il turco avrebbe usato un suffisso per indicare l'ablativo e ci avrebbe attaccato un altro suffisso per indicare il plurale. - c' flessione interna: variazione della vocale radicale della parola (esco - uscii). Nelle lingue semitiche, a differenza che nelle indoeuropee, la flessione interna non riguarda solo alcuni verbi ma tutti, e allora si parla di tipo morfologico introflessivo. - si suddivide in sottotipo analitico (come in italiano, si possono usare anche pi parole per realizzare una relaz grammaticale: uscii/sono uscito), sintetico (si usa una sola parola, come in latino: exii) e polisintetico (un'intera frase si pu esprimere con una sola parola, come in eschimese)

Le lingue possono avere alcune caratteristiche riconducibili a una tipologia e altre a un'altra.

3.2 Tipologia sintattica Indaga l'ordine delle parole; in particolare: - se ci sono preposizioni o posposizioni (preposizioni messe dopo, es in giapponese si dice "cena dopo", non "dopo cena") - la posizione del verbo rispetto a soggetto e oggetto. I tipi di ordine dominanti sono SVO, SOV e VSO. - la posizione del complemento di specificazione (indicato dalla G di genitivo) rispetto al nome cui si riferisce - la posizione dell'aggettivo rispetto al nome cui si riferisce Esistono correlazioni sistematiche nelle varie lingue tra queste caratteristiche, e si possono riassumere negli universali implicazionali, cos detti perch si implicano a vicenda: 1) VSO/Pr/NG/NA 2) SVO/Pr/NG/NA 3) SOV/Po/GN/AN 4) SOV/Po/GN/NA In generale, si pu concludere che la differenza fondamentale tra ordine VO e OV (indipendentemente dal soggetto): VO preposizionale e mette sia aggettivo che genitivo dopo il nome; OV posposizionale e li mette prima. Chiaramente una semplificazione (ad es le lingue di tipo 4 sono OV ma mettono l'aggettivo dopo); ci sono anche lingue che non seguono nessuno di quei quattro schemi.

4. I sistemi di scrittura delle lingue del mondo Ideografico (o logografico): come quelli degli antichi egizi o sumeri, oggi dei cinesi. Ad ogni simbolo corrisponde un concetto. Ma poi sopraggiungeva un uso fonetico di questi simboli (detti ideogrammi): se due di essi, per un caso di omonimia, venivano pronunciati allo stesso modo, diventavano intercambiabili nella scrittura. Da ci nato il sistema sillabico. Sillabico: certi segni passano a indicare certi gruppi di suoni. Il numero di segni passa dalle migliaia del sistema ideografico al centinaio. Alfabetico: elaborato nella 2 met del II millennio a.C. da popolazioni semitiche; i Fenici non lo inventarono ma lo trasmisero ai Greci. A ogni suono corrisponde un segno, in teoria; in pratica non cos (ad es in inglese...), perch le lingue si sono evolute: una volta anche l'inglese si pronunciava

com' scritto, ma la forma grafica non stata al passo dei cambiamenti nella lingua parlata. I Greci adattarono l'alfabeto fenicio; da quello greco derivano l'alfabeto latino e il cirillico. Il sistema di scrittura non connesso all'apparentamento fra le lingue: lingue non apparentate possono usare lo stesso alfabeto e viceversa.

CAP IV - I SUONI DELLE LINGUE: FONETICA E FONOLOGIA

Introduzione Fonemi: suoni che funzionano linguisticamente, andando a formare parole. A volte si influenzano reciprocamente.

1. Fonetica Articolatoria: studia la produzione dei suoni. Acustica: studia la natura fisica e la propagazione dei suoni. Uditiva: studia la ricezione del suono.

1.1 L'apparato fonatorio Se l'aria esce solo dalla bocca si producono suoni orali, se anche dal naso suoni nasali.

1.2 Classificazione dei suoni Secondo tre parametri: modo di articolazione (come si posizionano gli organi della fonazione), punto di articolazione (dove si modifica il flusso d'aria: sulle labbra, denti, palato...), sonorit (se le corde vocali vibrano il suono sonoro, altrimenti sordo). Su questi parametri si basa l'alfabeto fonetico internazionale.

1.3. Classi di suoni Vocali: l'aria esce senza incontrare ostacoli. Sono sempre sonore. Consonanti: l'aria o momentaneamente bloccata o attraversa una fessura stretta. Sono sia sonore che sorde. Semiconsonanti: articolate come le vocali e sempre sonore, hanno anche caratteristiche delle consonanti (ad es non fanno nucleo di sillaba).

Sonoranti: raggruppa vocali, semiconsonanti, liquide e nasali. Si tratta di fonemi tutti sonori, il cui flusso d'aria esse abbastanza liberamente. Tutti gli altri suoni sono ostruenti; in cui il flusso d'aria incontra ostacoli.

2. I suoni dell'italiano Vedi schema pag 79. 2.1 Consonanti dell'italiano Vedi pag 80-81 [non riesco a trascrivere i simboli fonetici] 2.2 Vocali dell'italiano Sono sette [vedi schema pag 81-82] Si classificano secondo la posizione della lingua che le pronuncia, che pu essere: alta o bassa rispetto al palato anteriore o posteriore con labbra arrotondate o no 2.3 Combinazione di suoni Nessi consonantici: combinazioni di consonanti. Ci sono delle restrizioni (tipo in italiano se una parola inizia con tre consonanti, la prima per forza una s) Dittonghi: combinazioni di vocali e approssimanti (cio semiconsonanti/semivocali). Possono essere ascendenti (approssimante seguita da vocale accentata) o discendenti (vocale accentata seguita da approssimante) Iato: combinazione di due vocali appartenenti a sillabe diverse (idea, beato)

3. Suoni e grafia Un sistema grafico coerente quando a un suono corrisponde un solo segno e viceversa. In italiano ci sono alcune incoerenze: - due simboli diversi per un suono: cuore/quando - due suoni scritti con lo stesso simbolo: sera/rosa, razza/mezzo, cera/carta - due o tre simboli si uniscono per rappresentare un solo suono: legno, esci, che, aglio ecc. - simboli solo grafici, cui in quella parola non corrisponde alcun suono: la i in Giorgio o in scienza, la h

4. Trascrizione fonetica I suoni possono essere semplici o geminati (=raddoppiati, anche per le vocali).

La lunghezza si indica con : (i due punti) messi dopo il suono da allungare (nel caso delle affricate, che si scrivono foneticamente con due segni affiancati, : va messo dopo il primo segno). L'accento si indica con ' (l'apice) messo prima della sillaba accentata. Sui monosillabi si pu non indicare. Le maiuscole e gli apostrofi non si indicano.

4.1 Confini A volte si indicano i confini di sillaba (con un punto .), morfema (+) e parola (# a inizio e fine parola).

5. Fonetica e fonologia Fonetica: studia l'aspetto fisico dei suoni Fonologia: studia la funzione linguistica dei suoni, indagando: - quali sono i fonemi di una lingua, cio se a un diverso suono corrisponde un diverso significato (ad es in italiano pronunciare la r o la R moscia non cambia il significato della parola) - come si combinano i suoni fra loro - come si modificano combinandosi

5.1 Contesto Distribuzione di un suono: certi suoni possono comparire solo vicino a certi altri. Classi di suono simile hanno distribuzione simile.

5.2 Foni e fonemi Foni: suoni scelti da una lingua per usarli nel linguaggio articolato. Hanno valore linguistico se sono distintivi (differenziano il significato delle parole) Coppie minime: coppie di parole differenziate per un solo suono nella stessa posizione (premo/tremo) Fonemi: segmento fonico con: - funzione distintiva - non scomponibile in altri segmenti con funzione distintiva - definito solo da caratteri che abbiano valore distintivo I fonemi (indicati tra barre oblique) sono unit astratte, che si collocano a livello di langue, di

competenza; essi si realizzano nei foni (tra parentesi quadre), che sono invece al livello concreto di parole, di esecuzione. Suoni intercambiabili: possono trovarsi nel medesimo contesto (ad es /p/ e /b/ lo sono: pare e bare...)

5.3 Le regole di Trubeckoj Servono a stabilire se due foni abbiano valore distintivo e siano quindi fonemi di una certa lingua. [Per la definizione rigorosa delle tre regole vedi pag 89-90] Prima regola: se due suoni usati nello stesso contesto cambiano significato alla parola o la rendono irriconoscibile, sono realizzazioni di fonemi diversi. Seconda regola: ...viceversa ^^ Terza regola: se due suoni simili a livello articolatorio non si possono mai trovare nelle stesse posizioni, sono varianti combinatorie dello stesso fonema

La linguistica statunitense ha preferito i concetti di: distribuzione contrastiva (si ha quando due foni nello stesso contesto danno vita a parole di significato diverso --> e allora sono realizzazione di due diversi fonemi) distribuzione complementare (quando due foni non possono mai ricorrere nello stesso contesto, e tuttavia sono foneticamente simili --> allora sono due allofoni dello stesso fonema)

5.4 Allofoni Il fono [s] pu esserci solo in un certo contesto (iniziale di parola prima di vocale, finale di parola, prima di consonanti sorde), e [z] a sua volta solo in un contesto diverso da quello di [s] (tra due vocali o prima di consonanti sonore). Sono due foni che non possono ricorrere nello stesso contesto, per sono simili: ecco realizzate le condizioni di una distribuzione complementare. Si dir allora che c' un solo fonema, /s/, che a seconda del contesto si realizza come [s] o [z]. Analogamente, n velare e n labiodentale possono stare solo in contesti diversi e sono perci allofoni del medesimo fonema /n/.

5.5 Varianti libere Varianti libere: due foni possono trovarsi nello stesso contesto e non cambiano il significato della parola.

[molto utile schema pag 92]

5.6 Opposizioni fonologiche

da fare?

6. Tratti distintivi Binarismo: teoria di Jakobson secondo cui ogni fonema si pu definire dicendo se ha o meno un certo tratto distintivo, quindi per scelte binarie. Le caratteristiche considerate sono elencate a pag 95.

7. Regole fonologiche Fanno cambiare un suono in un altro a seconda del contesto (ad es la c che diventa velare o affricata a seconda della vocale che ha dopo). Si scrivono: A --> B/___C, cio: il suono A diventa il suono B quando vicino a C. Descrizione strutturale: la parte di regola che descrive la situazione esistente prima che si verifichi il fenomeno Cambio strutturale: la parte di regola.... dopo il fenomeno

7.1 Parentesi Nella scrittura delle regole fonologiche, le parentesi: tonde: racchiudono una condizione facoltativa, ad es se scrivo g(:) intendo "il suono g o il suono g raddoppiato..." graffe: racchiudono pi suoni fra i quali si pu scegliere, tutti ugualmente buoni per applicarci la regola in questione

7.2 Regole fonologiche espressi in tratti binari Le regole si possono esprimere indicando direttamente i fonemi coinvolti, ma anche scrivendo fra parentesi quadre un tratto distintivo che ne accomuna diversi. Se il tratto c' si fa precedere dal +, se no dal -.

8. Fenomeni fonologici e tipi di regole Le regole possono cambiare tratti distintivi, inserire o togliere segmenti (metatesi) o cambiarne l'ordine.

8.1 Assimilazioni Totali: il segmento assimilato sparisce (ad es in+ragionevole --> irragionevole)

Parziali: il segmento cambia (ad es in+probabile --> improbabile). L'assimilazione poi progressiva se il segmento che la provoca prima di quello che viene assimilato, altrimenti regressiva. Ci sono assimilazioni diacroniche, avvenute nell'evolversi delle lingue (ad es nel passaggio dal latino all'italiano: factum --> fatto). Dissimilazione: processo inverso all'assimilazione. Metafonesi: assimilazione che coinvolge due segmenti non adiacenti. Armonia vocalica (c' anche quella consonantica): in turco e ungherese, l'assimilazione avviene anche tra parole vicine.

Cancellazione: eliminazione di un segmento in certi contesti, ad es quando: - si aggiunge un suffisso a una parola e la vocale che lo precede viene cancellata. - la vocale finale cancellata sotto influsso della parola seguente (lo albero...) - troncamento: cancellaz facoltativa di una [e] o una [o] a fine verbo (andar..) Inserzione (o epentesi): pi rara della cancellazione, ad es in spagnolo davanti a sc si aggiunge una e ("escuola")

Riduzione: un segmento diventa meno forte, ad es per - degeminazione - coalescenza:fusione di due segmenti in uno unico, spesso per semplificare la strutt sillabica. - indebolimento consonantico come la c toscana... Rafforzamento: diventa pi forte, ad es per - geminazione - dittongazione: crea un dittongo da una vocale. Le sillabe non accentate tendono a subire fenomeni di riduzione, quelle toniche di rafforzamento.

9. La sillaba Def fonetica: "unit prosodica di foni agglomerati attorno a un picco d'intensit" Def fonologica: vede una correlaz tra sillaba e parola In italiano formata da un nucleo sillabico (costituito da una vocale o un dittongo), eventualmente preceduto da un attacco e/o seguito da una coda. Nucleo + coda formano la rima.

E' aperta se non ha coda, altrimenti chiusa. Aplologia: cancellazione di una sillaba quando due parole si uniscono a formarne una unica, quindi per composizione (cavalli+leggeri --> cavalleggeri)

10. Dalla parola ai tratti distintivi [schema inutile a pag 103]

11. Fatti soprasegmentali Finora abbiamo considerato fenomeni fonologici legati a segmenti, cio fonemi. Ma ce ne sono altri:

11.1 Lunghezza Durata temporale dei suoni. In italiano la lunghezza delle vocali non tratto distintivo (com'era in latino), quella delle consonanti s. 11.2 Accento Propriet delle sillabe e non dei segmenti. In italiano non ci sono regole che rendano prevedibile dove va l'accento. C' qualche regola ma di tipo morfologico (ad es i verbi al passato remoto 3 persona cant lod...). Nelle lingue con accento fisso, questo non pu essere ovviamente un carattere distintivo. Se una parola ha pi accenti, il primario indicato con l'apice e il secondario col pedice. 11.3 Intonazione Le dichiarative hanno curva melodica con andamento finale discendente, le interrogative ascendente. In italiano le interrogative si distinguono solo grazie all'intonazione. 11.4 Tono Una sillaba si pu pronunciare ad altezze diverse. In cinese tratto distintivo.

L'accento pu cambiare

nella derivazione (un primario pu diventare secondario). per l'esigenza di alternanza ritmica: come nel caso di aritmie, che si formano: affiancando due sillabe toniche (torner sbito --> trnerasbito) affiancando troppe sillabe atone (non so se te lo dar --> non s se t lo dar)

Neutralizzazione: ?!?!?!?!?

4.7 Naturalezza: un fenomeno fonologico presente in molte lingue pi naturale di uno sporadico.

12. Il sistema fonologico dell'inglese [...io propongo di ignorarlo.]

13. Diversit fonologica tra le lingue [idem]

CAP 5 - LA STRUTTURA DELLE PAROLE: MORFOLOGIA

Introduzione Morfologia: studio delle parole e delle forme che possono assumere. Le parole possono essere semplici, ad es [capo], o complesse (divise in prefissate [ex-capo], suffissate [capetto], composte [capostazione]). Entrambe possono essere flesse per genere, numero...

1. La nozione di parola Unit del linguaggio. Non possibile trovarne una definizione univoca, perch incerte lingue ci sono lunghissime parole composte, frasi concentrate in una parola unica... dove parola s'intende elemento tra due spazi bianchi - ma questa definizione vale solo per le lingue che hanno una scrittura! Parola fonologica (tutto ci che si raggruppa attorno a un accento primario), morfologica e sintattica sono diverse (ad es capostazione morfologicamente una parola, fonologicamente due perch ha due accenti...). Una possibile definizione considerare parola quell'unit che non pu essere interrotta dall'inserimento di altre unit.

1.1 Tema, radice e forma di citazione Lemma o forma di citazione: forma che si trova sul dizionario, non flessa. Un verbo ha una desinenza flessiva, tolta la quale resta il tema, che suddivisibile in una radice e una vocale tematica.

2. Classi di parole Nome, verbo, aggettivo, pronome, articolo, preposizione, avverbio, congiunzione, interiezione. Alcune classi sono variabili, altre invariabili; alcune chiuse (non si potranno aggiungere altri elementi), altre

aperte. Nome e verbo sono parti del discorso universali, ci sono in tutte le lingue; le altre no. Le parti del discorso si possono definire, pi che secondo criteri semantici, secondo pi precisi criteri distribuzionali, cio su come si "distribuiscono", si associano alle altre parti del discorso: non si possono mettere insieme a caso nomi, verbi, articoli ecc.

2.1 Categorie e sottocategorie Come nella fonologia, anche qui si possono distinguere tratti per distinguere ulteriormente in sottocategorie le parti del discorso (ad es nome: umano, comune, numerabile, animato, astratto). A ogni sottocategoria sono associabili solo determinati suffissi.

3. Morfema E' la pi piccola parte di una lingua dotata di significato. E' un segno linguistico, dotato di significante e significato. Tale significato pu essere: lessicale: che non dipende dal contesto; ad es libr- un morfema lessicale che significa insieme di fogli stampati grammaticale: esprime una funzione grammaticale e riceve significato anche dal contesto; ad es la -i di libri significa "plurale"; la preposizione di ha funzioni diverse a seconda del contesto.

3.1 Morfemi liberi e legati Liberi: possono stare da soli in una frase Legati: devono aggiungersi ad altre unit (ad es i morfemi flessivi, i suffissi, i prefissi)

3.2 Parola e morfema Le parole possono essere mono, bi, trimorfemiche e oltre.

3.3 Morfema e allomorfi Allomorfo: rappresentazione concreta di un morfema, che un'unit invece astratta. Di solito a ogni morfema corrisponde un allomorfo, ma in certi casi pi di uno: ad es gli articoli i e gli sono due allomorfi, la cui distribuzione determinata dal contesto fonetico.

4. Flessione, derivazione e composizione Derivazione: avviene con l'aggiunta di un affisso (prefisso, infisso o suffisso).

Composizione: forma parole nuove a partire da due esistenti. Flessione: aggiunge alla parola di base informazioni su genere, numero, caso, tempo, modo, diatesi, persona.

5. Morfologia come processo Una categoria lessicale pu nascere come tale o diventarlo a partire da una parola che faceva parte di una categoria diversa (centro (nome) --> centrale (agg)). Ci si pu chiedere come avvengono i processi di derivazione o di composizione. Composizione: combina due forme libere. Derivazione: combina una forma libera e una legata. Prefissazione: aggiunge un morfema a sinistra della parola, di norma non ne cambia l'accento n la categoria lessicale Suffissazione: aggiunge un morfema a destra, di norma cambia l'accento e la cat. lessicale: da nome a verbo o aggettivo (o a volte resta nome), da verbo a nome o aggettivo, da aggettivo a nome o verbo o avverbio.

5.1 Altri processi Conversione: cambiamento di cat. lessicale senza aggiunta di infissi (ad es vecchio --> il vecchio) Reduplicazione: raddoppiamento parziale o totale (di un segmento o di tutta la parola); pu avvenire in varie lingue in fase di composizione, derivazione o flessione. Parasintesi: verbale o aggettivale, unisce a una parola sia un prefisso sia un suffisso, ma la sequenza prefisso+base o base+prefisso, da sole, non hanno significato.

6. Allomorfia e suppletivismo Suppletivismo: c' quando in una serie morfologicamente omogenea si trovano radicali diversi, con evidenti rapporti semantici ma non formali (ad es vado - andiamo). Pu essere: - forte: l'intera radice diversa - debole: c' una base comune riconoscibile L'allomorfia si esprime attraverso un'alternanza motivata fonologicamente, il suppletivismo no. Ovvero: c' una regola per cui "corretto" diventa "correzione"; e si deduce dal fatto che ci vale per molti altri aggettivi simili: perfetto-perfezione, distratto-distrazione... perci "corretto" e "correzione" sono due allomorfi. Invece il passaggio da "Arezzo" a "aretino" tipico solo dei nomi etnici, non rappresenta una regola generale; perci si pu dire che un caso di suppletivismo (debole).

7. Parole semplici e parole complesse

Semplici: non derivate n composte; altirmenti sono complesse.

8. Parole suffissate Classi di suffissi: Deverbali: formano nomi d'azione o deverbali astratti che rappresentano l'atto espresso dal verbo (ammirare --> ammirazione); in certi casi diventano concreti (costruire-->costruzione) prendendo il nome di nomi risultato. Uno stesso nome pu essere astratto e concreto a seconda del contesto. Agentivi: giornal-aio, post-ino... Valutativi: accrescitivi, peggiorativi, vezzeggiativi... Alcuni suffissi prediligono legarsi a certe basi piuttosto che ad altre.

9. Parole prefissate Soprattutto nomi e aggettivi, seguiti dai verbi. Alcuni sono specifici di ambiti particolari (scientifici...).

10. Morfologia e significato A significati diversi possono corrispondere suffissi diversi; altre volte lo stesso suffisso si usa per significati diversi (tipo -aio in genere chi vende qualcosa, ma orologiaio costruisce anche orologi...). La semantica di una parola complessa composizionale quando il suo significato pu essere tratto dall'analisi degli elementi che la compongono. A volte non possibile, se magari la parola nel lessico da molto tempo e ha assunto significati idiomatici non pi desumibili dai suoi componenti.

11. Composti dell'italiano In italiano la composizione forma essenzialmente nomi, tranne quando il composto formato da: - due aggettivi - un agg di colore pi un nome (giallo oro...)

11.1 Testa dei composti E' il costituente che condivide col composto la cat. lessicale e i tratti sintattico-semantici (il significato, il genere...). Ad es campo un nome, camposanto un nome anch'esso, allora campo la testa; capostazione un capo, non... una stazione, quindi capo la testa. 11.2 Ancora sulla testa dei composti In alcune lingue si identifica a seconda della posizione. In italiano di regola a sinistra, ma in casi di

calchi dall'inglese, residui latini e regole non pi produttive si trova anche a destra.

11.3 Composti e sintagmi Si distinguono dal fatto che: - un composto una parola, quindi non ci si pu inserire nulla in mezzo; un sintagma no. - i componenti di un composto sono invisibili alla sintassi, che invece considera tutto il composto nell'insieme (per cui ad es nella frase non ci si pu riferire con un pronome a un componente del composto da solo)

11.4 Altri tipi di composti Neoclassici: due forme legate di origine greca o latina. Incorporanti: si forma un verbo composto, il cui primo elemento il complemento oggetto (ad es to babysit) Sintagmatici: ad es "a pipe and slipper husband", "un marito pipa e pantofole". E' una costruz pi sintattica che morfologica, infatti si possono inserire altri elementi in mezzo Reduplicati: composti costituiti dalla stessa parola ripetuta. Troncati: composti il cui primo elemento viene troncato.

11.5 Composizione e flessione E' difficile prevedere la flessione di un composto, ci sono possibilit diverse tutte realizzabili (capistazione, ma capogiri e capimastri).

11.6 Composti endocentrici, esocentrici e dvanva [..o.O ma che cazzo !!!] Endocentrici: composti che hanno una testa. Esocentrici: senza una testa riconoscibile (ad es dormiveglia non n un dormire n una veglia...). Dvanva: tipici del sanscrito ma ci sono anche in italiano, hanno due teste (ad es cassapanca: una cassa, ma anche una panca, ed entrambi i nomi concordano con cassapanca)

12. Regole di riaggiustamento Quando in un composto ad es qualche suono viene cambiato o eliminato.

CAP VI - LESSICO E LESSICOLOGIA

Introduzione C' un lessico dei parlanti e uno dei dizionari. I morfemi (le parole semplici) di una lingua devono essere memorizzate per essere usate, non si deducono; le parole in gran parte si memorizzano e un po' si producono, le frasi si inventano seguendo regole.

1. Il lessico mentale I parlanti hanno conoscenza di un proprio dizionario mentale di parole, del loro funzionamento (declinazione dei verbi ecc) e di come si traducono i suoni in segni alfabetici. Non si sa bene se le forme flesse siano sempre derivate tramite regole o in parte memorizzate come sono (spec. le irregolari)

2. Dizionari Un dizionario si pone a livello della langue. E' formato da lemmi. Si costruisce a partire da corpora scritti (ad es tutto ci che ha scritto Dante). Un parlante non ne conosce tutte le parole, ma ne conosce altre che nel diz non ci sono.

2.1 Un esempio: la preposizione "a" [paragrafo inutile]

2.2 Lessicalizzazioni Espressioni il cui significato non desumibile dalle parti che lo compongono, ad es le espressioni idiomatiche, che infatti sono spiegate sul dizionario. Tale processo trasforma un gruppo di parole in un'unit lessicale che si comporta come una parola sola. Grammaticalizzazione: una parola perde il suo significato lessicale per assumerne uno grammaticale (ad es -mente da nome diventa suffisso)

2.3 Sigle e abbreviazioni Acronimo: formato dalle iniziali di ciascuna parola Parole-macedonia o incroci: ad es polfer da polizia ferroviaria

3. Stratificazione del lessico In ogni lingua il lessico ha diversi strati, ad es l'italiano ha uno strato di parole di origine latina, uno di origine greca, inglese, ecc.. Certi affissi preferiscono legarsi a parole di certi strati e non ad altri. A volte strati si mescolano in forme miste (ad es epatobiliare, dal latino e dal greco). 3.1 Stratificazione dell'italiano Calchi: interferenza tra sistemi linguistici diversi per cui, nel passaggio da una lingua all'altra, di una parola viene riprodotta la struttura morfologica, sintattica o semantica; Prestito: come il calco, ma la riproduzione pi centrata sul significante. Pu essere: - adattato: entrato nell'italiano in epoca remota, non pi riconoscibili come straniere. E' possibile formarne composti. - non adattato: non possibile formarne composti I dizionari distinguono anche stratificazioni di uso e registro stilistico (antico, dialettale, letterario...); alcuni segnano le parole anche come fodamentali (2000 parole frequentissime), ad alta disponibilit (legati a oggetti quotidiani) e ad alta frequenza.

4. Dizionari stilistici Ci sono dizionari monolingui, bilingui, plurilingui, etimologici, sinonimi e contrari... 4.1 Dizionari elettronici [paragrafo inutile] 4.2 Giochi [paragrafo inutile] 4.3 Dizionari inversi Ordinano le parole in ordine alfabetico non secondo la lettera iniziale, ma quella finale --> si ottengono liste di parole che terminano con lo stesso suffisso. 4.4 Dizionari di frequenza Lif: lessico di frequenza della lingua italiana contemporanea, mette le parole in ordine di frequenza, specificandone la frequenza nei diversi tipi di testi (teatrali, romanzi, cinematografici...). Pu servire per le lingue straniere, per privilegiare lo studio delle parole pi usate. Lip: come il lif, ma raccoglie campioni di parlato di 4 citt italiane. Ne emerge che le parole pi usate nel parlato sono quelle pi radicate nell'italiano, piuttosto che gli esotismi. 4.5 Concordanze Liste di testi in cui una parola appare.

CAP VII - LA COMBINAZIONE DELLE PAROLE: SINTASSI

Introduzione Ci sono frasi grammaticali e non. (Non detto che una frase grammaticale abbia anche senso). La sintassi cerca i motivi per cui una frase suona "ben formata" e un'altra no; anzi, il suo oggetto non solo la frase, ma anche le altre possibili combinazioni di parole (discorsi e testi, oppure sintagmi, cio gruppi di parole).

1. La valenza La valenza di un verbo il numero di elementi a cui quel verbo deve essere associato affinch abbia senso. Tali elementi si chiamano argomenti. Ci sono verbi: - avalenti: senza nessun argomento (es piovere) - monovalenti (es i verbi intransitivi, cui basta il soggetto) - bivalenti (es transitivi) - trivalenti: verbi "di dire" o "di dare" Oltre al verbo e ai suoi argomenti, in una frase ci sono elementi facoltativi detti circostanziali. A differenza degli argomenti, la loro collocazione nella frase pi libera.

2. I gruppi di parole Criteri per riconoscere un gruppo di parole (o sintagma): - movimento: le parole si spostano insieme - enunciabilit in isolamento: hanno senso anche non in una frase completa, se messi nel contesto opportuno. I sintagmi hanno una testa, ad es in "a mezzanotte" la testa a, in "il poliziotto" poliziotto. A seconda della testa, si distinguono sintagmi di tipo preposizionale, nominale, verbale, aggetivale. Coordinabilit: gruppi di parole di tipi diversi non sono coordinabili. [Per rappresentazione sintagmi in diagrammi ad albero e parentesi etichettate, vedi pag 168-169] I sintagmi sono i costituenti della frase, e possono essere sudidvisi in altri sintagmi pi piccoli, fino ai costituenti ultimi.

2.1 Gli indicatori sintagmatici e lo "schema X-barra" da fare?

3. Le frasi 3.1 Frasi e gruppi di parole Qual la differenza tra frasi e gruppi di parole? Le frasi hanno un soggetto e un predicato, il cui rapporto di dipendenza reciproca (se c' uno serve l'altro e viceversa). Invece tra la testa del gruppo di parole e gli altri elementi (modificatori) non c' dipendenza reciproca. Quelle che genericamente chiamiamo frasi sono: - espressioni di senso compiuto che sono gruppi di parole con struttura predicativa (soggetto e predicato) - espressioni di senso compiuto che non sono gruppi di parole e non hanno strutt. predicativa - strutture predicative senza senso compiuto Proposizione: frase con struttura predicativa.

3.2 Tipi di frasi Semplice: non contiene altre frasi, viceversa complessa (o periodo). La frase semplice si pu classificare secondo il punto di vista della: - dipendenza: una frase semplice pu essere principale o dipendente; la principale pu essere o meno indipendente (se ha senso compiuto da sola). - modalit: dichiarative, imperative, interrogative (suddivise in interrogative s-no e interrogative wh, cio quelle che rispondono alle wh questions..), esclamative. - polarit: affermative e negative - diatesi: attive e passive - segmentazione: in una frase segmentata, un sintagma messo in rilievo rispetto agli altri (ad es "questo signore, Dio gli ha toccato il cuore") [utile schema pag 179]

3.3 Relazioni tra frasi di tipo diverso Trasformazioni: corrispondenza sistematica tra frasi di tipo diverso, per cui a una dichiarativa corrisponde un'interrogativa che ne differisce solo per l'intonazione; a un'affermativa una negativa che differisce solo per il non; ecc.. Grazie alla ricorsivit in teoria possibile costruire frasi con moltissime subordinate; frasi del genere per appartengono alla competenza del parlante pi che all'esecuzione concreta. Livello di rappresentazione: a un livello astratto, i vari sintagmi si troverebbero in una certa posizione, poi tramite un movimento arriverebbero dove li percepiamo [vedi esempio 49' pag 181]

3.4 Tipi di frasi dipendenti Argomentali: frasi che rappresentano argomenti del verbo della frase principale. Viceversa sono circostanziali. Frasi circostanziali: temporali, causali, concessive, finali, condizionali, concessive, comparative Frasi argomentali: completive (oggettive e nominali (costituiscono l'argomento di un nome e non di un verbo: il fatto che....) ), soggettive, interrogative indirette Frasi relative: restrittive (indica, nell'insieme a cui si riferisce, il sottoinsieme da considerare) e appositive (aggiunge informazioni). [utile schema pag 184] Considerando non la dipendenza ma la forma, le frasi si distinguono anche in esplicite (contenenti un verbo di modo finito) ed implicite.

3.5 Rappresentazione formale della struttura di una frase da fare?

4. Soggetto e predicato Le definizioni tradizionali sono corrette, ma parziali: non distinguono i diversi livelli di analisi della frase (sintattico, semantico e comunicativo). A livello sintattico: - il soggetto quell'argomento che ha obbligatoriamente stessa persona e stesso numero del verbo. - il predicato il verbo pi i suoi argomenti, ovvero il sintagma verbale A livello semantico: - meglio non parlare di soggetto ma di agente: "colui che compie l'azione" - non si parla di predicato ma di azione (o di stato, se la frase non esprime un'azione) - il soggetto sintattico chiamato esperiente A livello comunicativo: - non si parla di soggetto ma di tema, nel senso di tema da svolgere - al posto di predicato si dice rema

5. Categorie flessionali Genere, numero, caso, tempo, persona e modo.

Accordo: se due parole hanno le stesse categorie flessionali. Reggenza: se una parola ha una certa cat. flessionale perch le stata assegnata da un'altra parola, che ha cat. diversa (ad es un nome in un determinato caso perch retto da un certo verbo)

5.1 Genere, numero e persona Genere: non c' corrispondenza col sesso. Molte lingue hanno pi generi. Nelle lingue romanze c' accordo di genere tra nomi, aggettivi e predicati. Numero: in certe lingue c' il duale e il triale. In italiano tutti gli elementi di un sintagma sono accordati in numero con la testa del sintagma stesso. Persona: sono tre e si ripetono per ciascun numero (sing e plur in italiano). Il noi pu essere inclusivo o esclusivo del parlante, e in certe lingue le due forme sono distinte.

5.2 Caso Indica la relazione tra un elemento nominale e le altre parole della frase. Esiste in tutte le lingue, ma solo in alcune si esprime morfologicamente con una categoria flessionale (e allora si parla di casi morfologici). Il numero di casi morfologici varia a seconda della lingua. Il genitivo (espresso come caso morfologico o con preposizioni) esprime la relazione di un nome con un altro; pu essere soggettivo o oggettivo [vedi esempi pag 195]

5.3 Tempo e modo Il tempo cronologico diverso dal grammaticale (ad es in inglese si usano parole diverse, time e tense) e non c' per forza corrispondenza. Momento dell'enunciazione (quando si dice una cosa) e momento dell'evento (quando avvenuta/avverr) sono diversi; a volte c' anche un momento di riferimento, quello della frase principale, distinto dagli altri due (as es in "quando gianni era gi partito da tempo, Piero finalmente arriv" si distinguono i 3 momenti). Aspetto: pu essere imperfettivo (se il tempo imperfetto o trap pross, indica azione incompiuta) o perfettivo (pass pross e remoto, trap remoto, azione compiuta). Ma va precisato che pass pross descrive un evento passato i cui effetti si sentono ancora nel presente (si dice che compiuto), il pass remoto non ha pi rapporto col presente (quindi aoristico). Modo: atteggiamento del parlante rispetto all'evento descritto dal verbo: Modi finiti: - indicativo: constatazione - congiuntivo: desiderio o augurio - imperativo: ordine - condizionale: possibilit o irrealt

Modi non finiti (perch non distinguono le persone) - infinito, gerundio, participio

CAP 8 - IL SIGNIFICATO E L'USO DELLE PAROLE E DELLE FRASI: SEMANTICA E PRAGMATICA

Introduzione Semantica: studia il significato delle espressioni linguistiche. Pragmatica: studia il loro uso. Cos' il significato? Definirlo come "segmento di realt" cui una frase si riferisce sarebbe parziale, perch: - ci sono differenze nel modo in cui ogni lingua definisce la realt - eppure quella realt la stessa. Ad es, in inglese wood significa sia legno che bosco, ma non che un inglese non sappia distinguere i due concetti. - esistono relazioni di significato interne alla lingua, al di l del rapporto di una frase con la realt: "Gianni scapolo, ma sposato" si identifica subito come una contraddizione, anche se non sappiamo come sia effettivamente Gianni. - si usano spesso frasi in senso non letterale.

1. Significato, denotazione e riferimento Significato: modo di indicare la realt attraverso espressioni del linguaggio. Riferimento: realt denotata da tali espressioni. Alcuni parlano di denotazione (il lessema in quanto tale) distinta dal riferimento (ci a cui concretamente ci si riferisce in quella tal frase). Ad es le definizione del dizionario di "gatto" ne indica la denotazione, il "gatto" della frase "il gatto sta sulla poltrona" il riferimento. Il linguaggio umano si pu riferire non soltanto alla realt, ma anche a mondi possibili e inesistenti, cui noi possiamo riferirci come se esistessero; allo stesso modo, esistono parole astratte, di cui per si parla come di oggetti concreti.

2. Semantica lessicale 2.1 Ambiguit del significato: omonimia e polisemia Lessemi ambigui: hanno pi di un significato. Si pu trattare di: - polisemia: se i significati sono in qualche modo collegati (collo umano e di bottiglia, mano fisica e di vernice...) - omonimia: i significati non c'entrano nulla (spesso come frequentemente o grosso, vite che si avvita o

plurale di vita...)

2.2 Ancora sulla polisemia da fare?

2.3 Estensioni del significato, metafora e metonimia Metafora: uso traslato di una parola Metonimia: estende il significato di una parola a un altra connessa al prima da "contiguit"

2.4 Relazioni di significato: sinonimia, antonomia, iponimia, iperonimia Sinonimia: stesso significato Antonomia: significati opposti, che possono essere proprio contrari (nero/bianco) o contraddittori (scapolo/sposato) Iponimia: un significato contenuto nell'altro: uccello iponimo di animale Iperonimia: un significato contiene l'altro

2.5 Analisi del significato in tratti semantici da fare?

3. Semantica frasale Principio di composizionalit: il significato di una frase dipende dalla combinazione dei significati delle parole che la formano. Ci non vale sempre, ad es nel caso delle lessicalizzazioni.

3.1 Tautologia, contraddizione, analiticit, presupposizione [Tautologia e contraddizione si sa cosa sono] Analiticit: si presenta in frasi la cui verit o falsit determinabile solo sulla base del significato dei connettivi frasali (e, o...). Presupposizione: frase che deve esser vera perch le frase conseguenti abbiano un valore di verit. Altrimenti, esse non sono n vere n false, ma inappropriate.

3.2 Frasi con quantificatori e pronomi Quantificatori: tutti, nessuno, qualche, ogni, uno... Portata del quantificatore: se ad es un pronome si riferisce a qualcuno che dentro al gruppo indicato dal quantificatore, allora nella sua portata. In "ogni ragazzo ama la sua ragazza", "sua" pu rientrare o meno nella portata di "ogni": se ci rientra, s'intende che ogni ragazzo ama la propria ragazza; se no, sua riferito a una persona al di fuori dell'ogni, la ragazza di qualcun altro. Nel primo caso "sua" legato, nel secondo libero. Un pronome personale non pu essere legato entro la frase semplici in cui si trova, un pronome riflessivo invece deve esserlo. In "Gianni lo ha ingannato", lo pu riferirsi a chiunque; in "Gianni ha ingannato se stesso", si pu riferire solo a se stesso.

4. Gli atti linguistici 4.1 Tipi di atti linguistici Locutori: pronunciare parole e sintagmi Proposizionali: riferirsi a determinate entit e dirne le propriet Illocutori: constatare, ordinare, consigliare, promettere, ecc Perlocutori: tentare di produrre un effetto sull'interlocutore (convincerlo...) In ogni atto linguistico questi atti sono compresenti; l'unico che non si realizza sempre il proposizionale. Le varie forme di atti illocutori non fanno confuse col le diverse modalit assunte da una frase: una domanda non per forza una frase interrogativa... in questi casi si parla di atti linguistici indiretti.

4.2 I performativi Certi atti illocutori contengono verbi performativi, cio che, nel momento stesso in cui si pronunciano, compiono un'azione (ad es "prometto che...")

5. Uso letterale e non delle espressioni linguistiche Secondo Grice, la conversazione regolata da massime, cio raccomandazioni al parlante, di 4 categorie: quantit: fornisci l'informazione necessaria, non scarsa n superflua; qualit: sii veritiero; relazione: sii pertinente alla conversazione; modalit: evita ambiguit, sii breve ed ordinato.

A volte queste regole sono violate dal parlante: in certi casi per la violazione solo apparente, perch il parlante voleva usare certe espressioni in modo non letterale, realizzando una implicatura conversazionale. "Qualche studente ha superato l'esame" avrebbe come implicazione logica che qualcuno, ma anche tutti, ha superato l'esame; invece l'implicatura che solo qualcuno l'ha superato, qualche altro no: infatti questa la conclusione che meglio segue la massima della quantit. Altre implicature ci sono quando si parla ironicamente o metaforicamente.

CAP 9 - SOCIOLINGUISTICA E DIALETTOLOGIA

Introduzione Stratificazione della lingua: Diastratica (o verticale): differenze tra strati sociali. Diatopica (o orizzontale): differenze dialettali. Diafasica: differenze di formalit. Diamesica: differenze legate al modo di comunicare (lettera, email..).

1. Linguistica teorica e sociolinguistica La prima si occupa di "idealizzazioni" e studia il linguaggio come capacit; la seconda considera l'uso effettivo della lingua.

2. Sociolinguistica Mentre la linguistica pone particolare attenzione alla distribuzione contrastiva (ad es quella di [p] e [b]), la sociolinguistica si fonda sull'ipotesi che la variante libera (ad es [r] e [R] moscia) non esista, perch tutte le volte che esistono due modi diversi di dire una cosa, significa che c' una scelta, e tale scelta pu essere correlata a fattori sociali. I modi diversi di dire una cosa non riguardano solo la fonologia, ma tutti i livelli linguistici [vedi esempi pag 225] 2.1 Centralizzazione a Martha's Vineyard da fare?

2.2 Comunit linguistica

Tutti quelli che parlano una certa lingua; ma non omogenea, bens stratificata. 2.3 Repertorio linguistico Insieme di codici e variet che un parlante sa padroneggiare. Quando un parlante dispone di pi variet (ad es italiano standard e regionale) pu passare da una all'altra: il code switching. 2.4 Competenza comunicativa Capacit dei parlanti di usare la lingua nei modi appropriati alle varie situazioni. E' un fatto individuale, non sociale. 2.5 Funzione di presentazione Parlando trasmettiamo inconsciamente informazioni su di noi (attraverso l'accento ad esempio)

3. Sociologia del linguaggio Studia la societ in rapporto con la lingua, su una scala pi ampia rispetto alla sociolinguistica: ad es si occupa di favorire o meno il bilinguismo in un'area, determina gli atteggiamenti verso le lingue minoritarie, le riforme ortografiche ecc..

4. Etnografia della comunicazione E' una sottodisciplina della sociolinguistica, in quanto si occupa di una particolare relazione tra linguaggio e societ: si fonda sull'ipotesi che l'interazione verbale sia il luogo principale della trasmissione di schemi culturali, quindi studia queste interazioni nella vita quotidiana. Osserva ad es chi apre e chiude una conversaz, cosa rappresenta il silenzio, come ci si scusa, ecc.. 4.1. I pronomi del potere e della solidariet Ci sono pronomi di cortesia (lei, voi) e di solidariet (tu); se entrambi gli interlocutori usano lo stesso c' simmetria, altrimenti asimmetria. A seconda dei paesi ci sono abitudini diverse, tipo in Olanda all'uni si danno tutti del tu.

5. Lingua e dialetto Ci sono numerosi criteri per distinguerli, ma non sempre danno soluzioni univoche; ci sono dialetti che vorrebbero essere riconosciuti come lingue. La differenza tra lingua e dialetto non "di sistema": sono entrambi sistemi linguistici a tutti gli effetti. La diff potrebbe stare nell'ampiezza lessicale, ma anche quella ampliabile.

5.1 Dialettologia e geografia linguistica Studio dei dialetti che si divide in: dialettologia diacronica: evoluzione, ad es, del latino in un certo dialetto

geografia linguistica: produce atlanti linguistici, spiegando come si dice ogni parola in ciascun dialetto.

6. Dialetti in Italia Dante fu il primo a individuarne 14, nel De vulgari eloquentia. Oggi la suddivisione in dialetti: settentrionali, divisi in gallo-italici (nordovest e emiliaromagna) e veneti (nordest) toscani centromeridionali, tutti gli altri tranne i meridionali estremi (salentino, calabr. meridionale e siciliano). [I fenomeni che li caratterizzano sono elencati a pag 235] Alloglossia: si parlano lingue straniere, ad es nelle zone di confine o immigrazione

7. Bilinguismo e diglossia Bilinguismo: tutti gli abitanti della zona padroneggiano le due variet; Diglossia: le variet sono usate in modo complementare, e una variet ha uno statuto socioculturale pi "alto" dell'altra. Le due situazioni possono esserci: entrambe: ad es sai bene sia italiano che dialetto, ma li usi in ambiti diversi solo diglossia: solo una parte della popolaz sa l'italiano, il resto solo il dialetto solo bilinguismo: sai italiano e dialetto ma non ne dividi gli ambiti nessuna: molto improbabile che si verifichi, perch ci sono sempre differenziazioni interne a una comunit.

8. Lingue pidgin e lingue creole Pidgin: lingua occasionale che nasce tra due gruppi di lingue diverse, che obbligati a comunicare ne inventano una che riprende lingua indigena e lingua sovraimposta (ad es da un colonizzatore), creando codici molto semplificati. Creole: lingua della nuova generazione nata da quelli che parlavano un pidgin. Si stabilizza e si crea delle regole.

CAP 10 - LA TRASFORMAZIONE DELLE LINGUE: LINGUISTICA STORICA

Introduzione Linguistica storica: studia il mutamento delle lingue nel tempo. Sviluppatasi dai primi anni dell'800, cerca di ricostruire i suoni originari, alla base delle lingue poi sviluppatesi, col metodo della

comparazione tra le lingue. Umanisti pre-ottocenteschi credevano che la lingua cambiasse solo per cause esterne (tipo invasioni barbariche), tranne Dante che sosteneva che il tempo fosse sufficiente a cambiarle: la posizione riconosciuta tutt'oggi come vera. Ogni bambino che impara la lingua dai genitori ne sviluppa una competenza propria, quindi diversa; differenze cos lievi, sommandosi nelle generazioni, provocano cambiamenti forti.

1. Il metodo comparativo e la ricostruzione delle lingue originarie 1.1 Caratteristiche del metodo comparativo Non vanno confrontate parole a caso per dimostrare che due lingue hanno un antenato comune, perch spesso le somiglianze sono dovute a prestiti. E' meglio confrontare parole "native", come quelle che indicano numeri, parti del corpo o nomi di parentela. Bisogna cercare corrispondenze sistematiche tra fonemi e morfemi in una certa lingua, ovvero scoprire che a determinati fonemi e morfemi in una lingua ne corrispondono certi altri in un'altra. Cos si potr dimostrare che anche parole apparentemente molto diverse hanno la stessa etimologia: il caso di piede e foot. Le corrispondenze devono trovarsi in molte parole native; va poi ricostruito il cammino che ha portato la parola a trasformarsi. Mentre per le lingue romanze abbiamo moltissimi scritti nella loro lingua originaria, il latino, per quelle germaniche non ne abbiamo nessuno, e tuttavia si pu ipotizzare una lingua originaria proto-germanica (o germanico comune). Le corrispondenze si cercano tra morfemi e fonemi, non tra parole.

1.2 L'albero genealogico delle lingue indoeuropee Confrontando le lingue pi strettamente apparentate, si ricostruisce una lingua originaria (tipo il germanico comune); confrontando le lingue orig. ricostruite per i vari gruppi linguistici si risale alla lingua orig. dell'intera famiglia (tipo indoeuropeo). Se ne pu disegnare un albero genealogico; alcuni lo criticano perch non prevede contatti tra i rami dell'albero; in pi un gruppo potrebbe avere alcune caratteristiche comuni con un gruppo A e altre comuni con un gruppo B. Cos stato ideato un altro modello, la teoria delle onde: alcuni fenomeni linguistici arrivano fino a un certo punto, altri si incrociano, ecc., come le onde. Le linee che li delimitano si chiamano isoglosse. L'albero utile a sottolineare le differenze tra i sistemi fonologico e morfologico di un gruppo di lingue; inoltre presenta l'indoeuropeo come lingua omogenea; Le onde rappresentano meglio l'estensione dei fenomeni in una famiglia, anche in senso cronologico, e distingue l'indoeuropeo in dialetti.

1.3 Un esempio di ricostruzione [paragrafo inutile]

2. Il mutamento fonetico e le "leggi fonetiche" Great Vowel Shift: "grande mutamento vocalico" nella lingua inglese, avvenuto all'inizio del '500, che ha segnato il passaggio dal middle al modern english. La grafia dell'inglese non ha seguito quasi mai i mutamenti fonetici; questi, operando con assoluta regolarit, sono stati definiti come legge fonetica. Tra fine 800 e inizio 900, i Neogrammatici sostennero che il mutamento fonetico fosse privo di eccezioni, perch queste ultime (che c'erano sempre) erano comunque dovute ad altri fattori anch'essi spiegabili. Oggi si conferma questa posizione. Una legge pu presentare eccezioni per motivi riassumibili in due gruppi: o fattori esterni alla legge fonetica in questione, o dal contatto con altre lingue.

[Riassumo qui in un paragrafo unico i par. dal 2.1 al 2.5]

Fattori del primo gruppo:

- Effetto di un'altra legge. Ad es, secondo una legge fonetica, il lat. vinco, lingua, familia doveva in italiano trasformare la /i/ breve in /e/. Ma secondo il fenomeno dell'anafonesi, la /e/ tonica italiana diventa /i/ davanti a nasale velare e a laterale palatale. - Contesto fonetico. Se certi fonemi sono adiacenti a certi altri, subiscono determinati cambiamenti diversi da quelli previsti dalla legge generale. - Analogia: un meccanismo che crea forme nuove sul modello di forme esistenti - quindi un fenomeno morfologico, ma crea apparenti eccezioni a leggi fonetiche. Ad es "io amavo" dovrebbe essere "io amava" dato che deriva da amabam, ma ha preso la desinenza o per analogia col presente "io amavo". La forza dell'analogia sta nell'amalgamare le varie forme in un'unica regolarit - e le lingue tendono sempre a regolarizzarsi, tranne che per le forme irregolari di uso molto comune. - Contaminazione: gli elementi di una forma si mescolano con quelli di un'altra, ma dove l'elemento di una non corrisponde a quello dell'altra in modo cos preciso come nell'analogia; pi una mescolanza. - Assimilazione e dissimilazione v. cap IV - Metatesi: cambia l'ordine dei segmenti, ad es crocodilus --> coccodrillo - Aplologia v. cap IV par 9

Fattori del secondo gruppo (contatto tra lingue):

Prestiti linguistici tra lingue: - culturalmente e cronologicamente sullo stesso livello: ad es. l'inglese pay dovrebbe essere fay secondo le leggi fonetiche, ma cos in quanto prestito dal francese paier.

- una morta e una parlata. Sono tantissimi in italiano i prestiti da latino e greco. Allotropi: coppie di parole italiane derivanti dalla stessa parola latina, ma una entrata in italiano secondo un mutamento fonetico "regolare", l'altra di "derivazione dotta", cio presa a prestito dagli eruditi in epoca successiva. Ad es dal plebem latino derivano l'italiano pieve (conforme a tutte le leggi fonetiche) e plebe, preso a prestito nel Due-Trecento. - un dialetto e una lingua standard.

2.6 Conclusione sulle leggi fonetiche Non sono state trovate reali eccezioni alle leggi fonetiche, ovvero casi in cui un suono A mutato, in una stessa lingua, a volte in B a volte in C; quando avviene per i motivi sopra spiegati. A differenza di quelle scientifiche, tuttavia, le leggi fonetiche hanno validit limitata nel tempo e nello spazio: sono corrispondenze sistematiche tra suoni in fasi storiche diverse di una stessa lingua. Qualunque ricostruzione etimologica che implichi corrispondenze diverse deve essere giustificata o dall'individuazione di un'altra legge, o da un particolare contesto fonetico, o da particolari fattori o dall'entrata nella lingua di prestiti.

3. Il mutamento morfologico Analogia (da "sviolinare" posso inventare "sviolinatore" per analogia con le parole che terminano in -tore) Retroformazione: fenomeno per cui B sembra derivare da A, ma in realt A che deriva da B. Spesso la confusione accade perch la vera parola base ha un suffisso in pi rispetto alla derivata. Grammaticalizzazione: un lessema si trasforma in un morfema legato. Ad es -mente in origine era l'ablativo di mens, e "sincera mente" significava "con mente sincera"; poi mente ha cominciato ad essere percepita come suffisso. Ricategorizzazione: per il passaggio dai tre generi latini ai due italiani. Di solito i neutri diventano maschili anche grazie al fatto che accusat neutro e maschile sono uguali; ma a volte no, come per "foglia".

4. Il mutamento sintattico Ne sono esempi il passaggio dal latino in cui c'era solo il perfetto agli italiani passato prossimo e remoto; la nascita degli articoli; in inglese, la divisione tra verbi lessicali (quelli... normali) e i modali (come can). Il latino una lingua prevalentemente OV (oggetto-verbo) anche se l'ordine delle parole non sempre fisso e non possiamo chiedere a un antico romano quale ordine gli sembri pi normale^^. Le lingue OV dovrebbero avere altre caratteristiche, come l'essere posposizionali, ma questo per il latino non del tutto vero, ha piuttosto molte preposizioni; quanto all'ordine NA, non certo fisso, anzi. L'italiano, invece, una lingua VO e ne possiede regolarmente tutte le caratteristiche.

5. Il mutamento lessicale e semantico

Mutamento semantico: in base alla definizione di significato, un mutamento semantico sar un cambiamento nel modo di indicare la realt. Il cambiamento pu avvenire per: restringimento del significato: ad es il fortuna latino significava sorte, in italiano solo buona sorte ampliamento del significato: ad es virtus indicava le qualit dell'uomo maschio, in italiano in generale qualit positiva metafora: capire viene da capere=afferrare, quindi la metafora afferrare con la mente metonimia: contiguit col significato precedente: da buccam=guancia a bocca sineddoche: parte per il tutto: l'inglese stove=stufa viene da stube che indicava stanza riscaldata iperbole: da un significato pi forte a uno pi debole litote: da un significato pi debole a uno pi forte degenerazione: parola che indicava una cosa di livello elevato passa a indicarne una di livello basso: facchino deriva dall'arabo faqih, originariamente "giureconsulto" innalzamento: il contrario. passaggio da significati concreti a astratti (l'inglese understand=staresotto passaggio da nomi propri a nomi comuni (il tedesco Kaiser=imperatore viene da Caesar)