Sei sulla pagina 1di 24

Belgique - Belgi P.P.

1000 Bruxelles 1 1/1605


Bureau de dpt: 1000 Bruxelles 1

chi dugnu chi sugnu!


Gennaio-Marzo Gennaio-Marzo 2006

www.laltrasicilia.org

Trimestrale - Anno VIII n.1 - Ed. responsable : Francesco Paolo Catania, Bd. De Dixmude 40 bte 5 - 1000 Bruxelles

ELEZIONI POLITICHE 2006

Circoscrizione Europa

DAI VOCE A CHI GLI STATA SEMPRE NEGATA

VOTA E FAI VOTARE

LIsola
no ntigrata bona e mala cumminata nta la nazioni taliana, quarchi dubiu ca stamu sbaghiannu ora e no li trimmila anni prima ligttimu. Ma ora c lEuropa, semu tutti Europei... LEuropa , nna lu stissu tempu, na granni civirtati e un matrimoniu di ntiressi. La Nazioni europea un ci a statu mai, ne mai ci putirr ssiri. Putemu ssiri daccordu ca ni cummeni falla sta Cundirazioni, ma chissu nutru discursu; in ogni casu - pi mia - si facemu bonu li cunti, la Sicilia, rigiuni perifrica senza rappresentanza perif diretta dintra a li Stituzioni Europei, ci perdi chiossai di chidhu chi ci vadagna a stari dintra a lEuropa. Ma, lassannu prdiri la storia, la giografa rdiri giograf e tutti ssutri discursi tnichi, pultichi, etc. a lattu prticu nun penzi ca lItalia cura bonu li ntiressi di la Sicilia? Assolutamenti No! Quarchi vota, pi sbaghiu, pi limsina, quarchi beni arriva nzinu a cca, ma sta sucit di lu nicu cu lu granni funziona n-modu ca li nostri esigenzi sunnu sempri lrtimi a passari; sintenzia la saggizza popolari: Quannu lu nicu cu lu granni si menti a mala banna li vrtuli appenni... Anzi, peju, lItalia a sempri cunzignatu lu guvernu e lu suttaguvernu di la Sicilia a na manata di latri e lagnusi chi pssanu pi classi dirigenti e chi srvunu a tniri bona la Sicilia: un ni scurdamu ca prima di lu 1860 la maa un esista e ca prima di lu esist 1816 mancu esistanu li pre-mai, di esist malantrini, spataioli, etc.. Vinennu a la cultura, tu penzi ca la Sicilia avi na cultura originali, tutta so? Certu, avi na lingua! La so lingua, parrata cu certi varianti macari in Calabria e nna lu Salentu, la chi granni dimostrazioni ca esisti un ppulu. Scusati, ma cmu fa a non ssiri un Ppulu cu na so cultura originali, chidhu Sicilianu, quannu certu ca avi na so lingua? E poi nun c sulu la lingua, ma li littri (in italianu e in sicilianu), larti, lu tiatru, lu manciari, lusanzi, li modi di diri, li gesti, nzumma... sulu cu nun lu voli vdiri nun li vidi cavemu na cultura nostra. Ma ssa cultura un po ssiri addinnuta e sviluppata dintra a lItalia? In teora s, in prtica li stituzioni taliani nnu teor fattu sempri tuttu pammucciari la Sicilia e lu Sicilianu a li Siciliani, pi frinni lu lavaggiu f di cirivedhu, pi frinni scurdari tuttu e f azzerari la nostra identitati, accuminciannu di la Scola, chi servi pi la formazioni di li novi generazioni, e arrivannu a la TV, chi trasi nna la nostra vita e nna la nostra menti senza mancu ca ni naddunamu. Ma propiu accuss mpurtanti parrari n-Sicilianu? Un putemu addifniri li addif nostri diritti lassannu prdiri sta diffcili rdiri diff redit? Cca fazzu rispnniri a Buttitta: UN POPULU E PERSU, PERSU PI SEMPRI, QUANNI CI LEVANU LA LINGUA ADDUTTATA DI LI PATRI. Ma voghiu jnciri un pinzeru miu: un tantu mpurtanti parrari nSicilianu, mpurtanti scrviri n-Sicilianu. scr Pi sculi li nostri avi parrvanu n-Sicilianu e si sfurzvanu di scrviri in italianu; ora vanu scr vinni lora di fari a riversa, picch la nostra storia dimostra ca lu scrittu, prima o poi, vinci supra a lu parratu. Nzumma, ma tu propiu un vo salvari nenti di stItalia? Ma ci sarr quarchi cosa bona ca ni ci ?... Certu, ci sunnu tri cosi ca nattccanu: - Primu, la lingua taliana macari nostra: taghiari la Sicilia di lItalia signca lassalla chi sula e poi li legami cu lItalia, specialmenti chidha meridionali e la Calabria sunnu troppu forti pi niscirinninni senza dannu morali e materiali; - Secunnu, bonu o malu, nzmmula a lItalia la Sicilia canuscu la libirt e la democraza, chistu un voli diri ca senza lItalia turnssimu a lAnticu Rigimi, ma certu ma ricansciri stu dbitu stricu; - Terzu, lu statu di fattu statu di fattu, cu voli canciari li conni di statu eversivu e terrorista, e ju nun mi la sentu di arrivari nzinu a chistu, lesempiu di lutu digi dimostra ca si po arristari dintra a un statu senza ssiri assimilati. Mi pari di capiri ca, a lurtimata, si autonomista, ma allura ti stannu boni li cosi comu su? No! Picch lAutonoma, accuss com, un lAutonom mabbasta e un serva nenti e poi picch chidha stissa chi c sulu nna la carta e un a statu mai appricata. Ma nzumma qual lu pobrema secunnu tia? Ju dicu ca la Sicilia avi na so identitati di Nazioni (o di quasi-nazioni si vuliti, ma cancia picca), ca avi ntiressi so, cuntrastanti assai spissu cu chidhi di lItalia, ca ci cummeni arristari sula picch chistu un a fattu mai mali a nudhu (utru chi ponti...), e, dunca, pi tuttu chistu, avi bisognu daviri risurvuta la so strica Custioni ca sutta a locchi di tutti, pi lu disagiu econmicu, sociali, culturali e pulticu chi ni veni...

Siparat Siparatsimu, malata nfantili di lu Siciliansimu malat Sicilian

lpoca doji si senti na granni cunfusioni quannu si parra di Sicilia e di Siciliansimu. C cu parra a propsitu e cui a spropsitu... Na vota li meghiu pultichi siciliani ranu quasi tutti daccordu supra a li coordinati principali di la Custioni Siciliana e di comu la Sicilia savissavutu a rappurtari a la Pensula taliana. Pi esempiu Michele Amari (oji ncinziatu macari di dhi ntillittuali mediocri cun nnu caputu quantu labbrazzu di lItalia a statu asssianti pi nuutri) pubricau un Catechsimu di li Siciliani unni la Custioni era simpricata cu dumanni e risposte fcili. f Ju nun mi sentu a lautizza di lu granni studiusu e stricu sicilianu, per mi sentu di dari un cuntributu, macari nicu, a livari quarchi cunfusioni di mezzu. Ci pruvamu. Poi, macari, cu leggi, senza ssiri daccordu dun tuttu cu mia po truvari utri risposti pirsunali a li stissi dumanni, e cu chistu avssimu fattu macari cosa tili pi fari chiarizza... Zoccu si tu? Innanzi tuttu sugnu citatinu di lu munnu e arrispettu tutti ma la Patria, la me vera Patria, la Sicilia. Picch dici ca la to Patria la Sicilia e no lItalia? LItalianu la secunna me lingua, sugnu citatinu di la Repbrica Taliana, ni rispettu la ligi e sentu ca la me identitati siciliana partcipa di na chi granni identitati cumuni cu lItalia, ma la Nazioni un un fattu sulu giur giurdicu, un fattu stricu e pi chistu mi sentu di fari parti di na nazioni minuritaria (la Sicilia) dintra n granni Statu (lItalia). Ma la storia di la Sicilia un na storia di na Rigiuni taliana? Ma quannu mai! Forsi di lu 1860 a oji, e pi chistu arrispettu lItalia, ma nzinu a tannu e di quannu la Sicilia trasu nni la storia scritta (734 a.C. funnazioni di Naxos) Idha ava statu sempri na Nazioni pi li so fatti, puru quannu ava accuminciatu a usari lItalianu comu lingua scritta nudhu pinzava ca la Sicilia puta ssiri na Rigiuni di nutru put statu: Ciceruni dica la Sicilia e lItalia e la Custituzioni di lu 1848 dica La Sicilia sarr sempri un statu ndipinnenti, puru ca gi la bannera era lu Triculuri talianu. Ma la storia cancia sempri. Un potti canciari macari chidha nostra? Certu ca cancia. Ma un si ponnu cancillari quasi trimmila anni comu si nenti fussi e, poi, vistu ca li risultati doppu 146 anni sunnu ca la Sicilia avi sempri na storia diversa,

Trimestrale - Anno VIII n.1

Gennaio - Marzo 2006 Mar

www.laltrasicilia.org
E tu cmu facissi pi risrviri ssa Custioni? Intantu catalogannu li risposti. Ci sunnu, nfatti, li seguenti atteggiamenti: - unitariu, cintralista o rigiunista; - autonomista; - diralista; - cundiralista; - ndipinnentista; - siparatista. Tranni lu primu, tutti lutri sunnu formi ligeri o pisanti di Siciliansimu. Ci unitariu? Chidhu ca penza ca li pobremi di la Sicilia si risrvunu livannu a la Sicilia ogni spicialit: na vota statteggiamentu era cuntrariu macari a la stituzioni di li rigiuni, ora ca ci sunnu n-tutta Italia, saccttanu, ma menu cuntanu meghiu ... Pi tuttu chidhu ca dssimu lu ... d cintralsimu (ufciali prima di lu 1946, de facto doppu) servi sulu a tniri la Sicilia comu colonia di lItalia comu era a li tempi di la monarch monarcha di Savoia. Ci autonomista? Chihdu ca penza ca la Sicilia avi bisognu di nautonom nautonoma spiciali, ma lu penza suprattuttu pi frinari li tendenzi separatisti e pi lu restu saccuntenta di chidhu chi c. Ju penzu ca nAutonom nAutonoma accuss sulu un ostculu a lu sviluppu di la Sicilia. Ci diralista? Chidhu ca penza ca la Rigiuni sava chiamari statu e ca tutta lItalia sava organizzari daccuss. Di slitu, darreri a lu diralsimu (a lu Sud, almenu) ci sunnu cristiani ca vonnu veramenti fari funzionari lAutonoma. Ma lAutonom lu diralsimu, comu predicatu e praticatu oji, avi du punti dbuli: - ntantu, spissu macari si no sempri, na mscara pammucciari lu razzsimu nordista e legosimu contra a lu Sud, diralsimu senza ridistribuzioni di risorsi di li ricchi a li pviri peju di la ndipinnenza; - e poi lu diralsimu annulla la spicialit di la Sicilia e daccuss riporta competenzi a lu centru e un avemu nudhu vantaggiu di ssiri chiamati statu anzich rigiuni si poi li dicisioni chi cntanu si pighianu arreri a 1000, 1500 km di distanza di la nostra sula. Ci cundiralista? Ju sugnu cundiralista, e sugnu n-cumpagna bona (Ruggero Settimo, Francesco Ferrara, Michele Amari, Vito DOndes Reggio,...) ma accamora un voghiu parrrinni, jamu avanti. Ci ndipinnentista? Chidhu chi voli la ndipinnenza di lu Statu Sicilianu. Ela posizioni di lu Fronti Nazionali Sicilianu, di lu Partitu Nazionalista Sicilianu e dutri ntillittuali. Sunnu pirsuni serii, ma pi tuttu chidhu chi dssimu, oji sarra un d sarr erruri. Nun mi pari na strata chi spunta. Ci siparatista? Chidhu ca nun sulu voli la ndipinnenza, ma macari un voli aviri nenti a chi sprtiri cu lItalia. E chidhu chi odia lItalia, chi - si putissi - a lu Strittu ci mittissu lu lu spinatu, chi sonna na Sicilia nun sulu fora di lItalia, ma quasi fora di lu munnu, un portu OFF SHORE unni si po fari zoccheghi. Certuni di chisti, tantu sunnu disziati di lItalia ca mancu vonnu aviri la stissa riligiuni e pi chistu, macari, si fannu musulmani. E natteggiamentu chi nasci di lu sonnu e di la frustrazioni, nun manca di aviri spunti romntichi di riscattu, ma - pi daveru cu tuttu lu rispettu - fa chi malu chi bonu a la nostra granni causa. Anzi fussi na disgrazia si tutti chidhi ca crdunu nna la Sicilia fssiru cr f siparatisti: tannu, veru un ci fussi chi nenti di spirari. Ma ssu cundarilsimu esattamenti in ch cunzisti? E la risposta chi coerenti a la Custioni Siciliana. Sidhu esisti na specicit siciliana un si po chi ssiri Sicilianisti. Lu Siciliansimu ava ssiri la bannera cumuni di tutti, quali chi sia la nostra formazioni (socialista, virdi, cunzirvaturi, libirali, cattlicu militanti,...). Pi ssiri effettivu stu Siciliansimu ava ssiri amministratu di partiti siciliani. Lu peju erruri ca pttiru fari li Siciliani fu chidu di dri la propia autonoma (spiciali), n-manu ri autonom a partiti taliani chi pighianu rdini di fora; partiti ca ni fciru ligna... f Poi, la nostra Autonoma gi cundirali (ci Autonom manca lu nomu di Statu?, e mittemuccillu!) picch nascu dun pattu tra lu Ppulu Sicilianu e lItalia e picch disegna n ordinamentu rigiunali siparatu quasi dun tuttu rispettu a chidhu talianu. La Cundirazioni chidha unni lu Statu di Sicilia, guvernatu di partiti siciliani, duna quarchi cumpitenza a lu Statu talianu, secunnu una carta custituzionali ca puru un trattatu ntra du stati suvrani, e cu na corti terza ca dicidi quannu c cunfrittu tra la Sicilia e lItalia. E pi lu restu la Sicilia E LIBIRA! Po fari zoccu voli, po mttiri li tassi chi voli, si teni lu so pitroliu e lu so gassi, sorganizza la so scola, li so servizi pbrici, cummatti la dilinguenza e la maa, parra la so lingua, fa la so pultica nnustriali pi fari arristari in patria li Siciliani, ajuta la ricerca e luniversit, si junci direttamenti cu lutri paisi di lu munnu senza passari sempri di la Pensula, si fa li so banchi, la so bursa, li so arei e li so assicurazioni, senza f frisi pilotari di li lobby taliani, nzumma quasi ndipinnenti...

3
Ma c nassicura ca ssa Sicilia nun facissi la ni di chidha autnoma? La responzabilit. Di lu centru pcciuli un avissirad arrivari chi: sulu un funnu pi li diritti mnimi di cittadinanza e nutru pi li m nfrastrutturi (tipu chidhu di lart.39), a parti di quarchi accordu tranzitoriu pi la massa di li pricarii. Pi lu futuru la Sicilia ava caminari sula, ... per, sula, po fari zoccu voli, un sava ammiscari nudhu supra a li nostri ligi... mancu lEuropa. Anzi, macari, savissi a studiari si la Sicilia, la sola Sicilia, putissi nsciri di stu crciri e frisi na munita propia... rciri f E ch lassassi a lItalia? La difesa (cu li casermi), la granni pultica estera, lordinamentu di la poliza, la giustizia, li diritti funnamintali di lu citatinu, lordinamentu funnamintali di la scola e di quarchi utru sitturi mpurtanti, lu dirittu civili e picca utru. Nna lutri custioni, li diputati e li sinaturi eletti in Sicilia, mancavissira vutari. E allura sutta sutta un pocu siparatista ci si ?! No! Picch chidhi ca vonnu cosi cun si ponnu rializzari a la ni un nnu nenti e picch ju nun mi voghiu siparari di nudhu: ju voghiu beni a lItalia, a la so canzuna, a la so arti,... Lodiu nun sulu gnera viulenza ma puru marricorda li picciridhi: pidhi c sulu lu biancu e lu nuru, poi, quannu si crisci, si capisci ca la vita complessa e ca cu la complessit ma vviri e suffriri. Veramenti la veri rivoluzioni va fatta cu la testa e no sulu cu lu cori o cu li vrazza; pi chistu, parafrasannu un rivoluzionariu di lu Novicentu, pozzu cunchiiri dicennu ca Lu Siparatsimu la malata nfantili di lu Siparat malat Siciliansimu. Ci fssiru n saccu dutri cosi di diri ma f lu concettu funnamintali mi pari ca niscu di tuttu stu discursu. Accamora, Benedica a Tutti. Fidiricu dAragona (Palermu, 12/01/2006)

LISOLA
www.laltrasicilia.org Editore: LALTRA SICILIA Bvd. de Dixmude 40/bte 5 B - 1000 Bruxelles Direttore responsabile Francesco Paolo Catania fpcatania@yahoo.it Tel & Fax: 0032 2 2174831 Cell: 0032 475 810756 Gennaio - Marzo 2006 Mar

Trimestrale - Anno VIII n.1

LIsola

Trimestrale - Anno VIII n.1

Gennaio - Marzo 2006 Mar

www.laltrasicilia.org

Il patto Lombardo-Lega unaltra occasione perduta per la Sicilia

opo essere degenerato da movimento presunto sicilianista (ma noi non ci avevamo mai creduto) a movimento genericamente autonomista e meridionalista, adesso un partito nazionale, sia pure bisecato in due: a nord di Roma c la lega, a sud lMPA. Perch ce ne occupiamo allora? Per fare piazza pulita di un equivoco: per favore non chiamiamoli pi autonomisti! E lennesimo partito romano, nato in Sicilia, ma romano come e pi degli altri. Chiamiamoli trasformisti, gli si addice meglio. Una specie di Udeur che per non irta con Prodi e che vuole lucrare da una posizione equidistante dagli schieramenti ma priva di programmi (che non siano vaghi riferimenti ad

Il trasformismo del MPA ha raggiunto il culmine


una incerta scalit di vantaggio). Nessuna aspirazione ideale, nessun aggancio alla gloriosa tradizione politica siciliana e sicilianista. La base elettorale (quel famoso 20 % di Catania e il 7 % di Messina) data da clientele, solo clientele nel peggior vecchio stile democristiano. Lo diciamo a quanti, ancora no allestate scorsa, amici e conoscenti sicilianisti veri, vedevano in questa operazione il sole dellavvenire della Sicilia e ci invitavano ad aderire. Vi siete ricreduti ora? Lavete capito nalmente? Ora che siete alleati della Lega avete una sponda per realizzare il federalismo non solidale (che peggiore dellindipendenza perch ci consacra cittadini di serie B), la devolution che centralizza le competenze, annienta lautonomia siciliana ed arresta la redistribuzione perequativa delle risorse dalle

regioni pi ricche a quelle pi povere. Complimenti! Il leghismo non solo autonomista (anzi non lo affatto ma non luogo ora di dimostrarlo), ci che ci vedrebbe al suo anco, anche antimeridionale e razzista. Non dimentichiamolo! Non a caso gli amici autonomisti e nazionalisti sardi non sono mai scesi ad un dialogo con loro, ed abbiamo da imparare da un Popolo che lotta con pi maturit di noi per i suoi diritti... Riepilogando: lMPA di Lombardo a favore del ponte, contrario allautonomia speciale della Sicilia, favorevole alla centralizzazione a Roma delle competenze legislative ed al decentramento solo dei servizi alla cittadinanza ma senza redistribuzione di risorse, vuole per il sud una scalit di vantaggio che i suoi alleati della lega non permetteranno mai,.... chiamatelo come volete, ma per favore non chiamatelo pi autonomismo...

Abbonarsi a LISOLA il mezzo migliore per aiutarci


Regalati e regala un abbonamento a un tuo amico
dalla incostituzionale e forzata soppressione dellAlta Corte, ha beffato un Popolo che pensava di aver visto nalmente riconosciuti i suoi diritti di Autogoverno, per i quali lottava da secoli, a prezzo di un ragionevole compromesso che non intaccasse i conni internazionali dello stato dominante. Italiani per forza dal 1860, emarginati dal contesto sociale nazionale, depauperati della propria cultura e della propria indipedenza economica, i Siciliani sono nei fatti colonizzati da uno stato che ha fatto di loro un popolo di sovvenzionati che produce solo, o quasi, voti in cambio di sussistenza. Oggi, lAltra Sicilia deve ringraziare

Se con il ponte arriva litalianit vuol dire che la Sicilia non Italia
Berlusconi per essersi lasciato sfuggire quello che tutti a Roma pensano ma che nessuno ha mai avuto il coraggio di dire: i Siciliani sono un Popolo a s e la Sicilia non Italia! Aggiungiamo solo - non ce ne voglia lattuale capo del governo italiano - che a noi non importa niente n del ponte, anzi ritenuto dannoso, n di diventare italiani al 100 % quando, no ad oggi, litalianizzazione della Sicilia ha rappresentato per noi solo unoccasione di degrado, di sottosviluppo e di emarginazione. Alle anime belle che gridano che lAutonomia sarebbe fallita, replichiamo che il risorgimento ad essere clamorosamente fallito e con esso una presunta unit dItalia con la sua antistorica annessione della Sicilia allItalia. Se vogliamo salvare qualcosa di ununione politica che pure uno stato di fatto di cui tenere conto, unione non priva di qualche vantaggio reciproco, rifondiamola sul riconoscimento dellidentit nazionale del Popolo Siciliano e sullesistenza di una grande irrisolta Questione Siciliana, altrimenti sar troppo tardi. ANTUDO (Bruxelles, 5 febbraio 2006)

inalmente si comincia a parlare apertamente della Questione Siciliana. Secondo lattuale Presidente del Consiglio, infatti, la Sicilia con la costruzione del ponte diventerebbe italiana al 100%; se cos si sta ammettendo nalmente, anche se in modo implicito, che il Popolo Siciliano ha conservato sinora, almeno in gran parte, una sua identit distinta dallItalia e che quindi ha una sua Patria anche se purtroppo sottomessa, con linganno e con la forza, allItalia stessa. LAutonomia ottenuta nel lontano 1946 e mai riconosciuta nei fatti dallo stato centrale, anzi, lentamente demolita a cominciare

Trimestrale - Anno VIII n.1

Gennaio - Marzo 2006 Mar

6
Finalmente c la nuova legge elettorale. Finalmente lItalia una vera dittatura o quasi. Non si eleggono pi deputati e senatori, n col voto di preferenza nel proporzionale (allantica) n col voto secco uninominale (che cera no ad ora); deputati e senatori sono nominati dallalto ed entrano nelle Camere secondo un complicato ordine di cui i cittadini non sanno niente. Alla Camera non ha importanza quanto piglia lo schieramento di maggioranza relativa: in ogni caso gli spetta il 54 % dei deputati, il 46 % agli altri (o allaltro, perch temibile lo sbarramento di coalizione al 10 %). La stessa cosa al Senato, ma su base regionale con lo sbarramento al 20 %! (s al 20 % non un refuso di stampa!). Ma non importa, tanto poi verr il senato federale non eletto neanche dai cittadini e voluto dalla devolution. Limportante che non nasca niente di nuovo nel paese... Infatti, per un partito fuori dalle due consorterie, lo sbarramento del 4 % alla Camera e dell8 % al Senato (ma su base regionale), se invece un partitino di regime basta solo il 2 % (anzi, di pi, viene ripescato quello che scende sotto ma il primo rispetto agli altri) alla Camera e il 3 % al Senato. In ogni caso per minoranze o partiti regionali non c spazio. Parlavamo in altro comunicato per scherzare dellassurda legge elettorale turca fatta apposta per evitare che i Curdi sedessero

LIsola
FINALMENTE LITALIA UNA DITTATURA !
al Parlamento di Ankara e il sig. Berlusconi ha fatto persino la gaffe, poi rimangiata, di dire che la legge elettorale turca sarebbe stata migliore... Pensiamo allautonomismo siciliano, per decenni represso ed ora rinascente. Lasciamo perdere le contraffazioni lombardiane che non ci interessano... Un partito autonomista siciliano, per eleggere un senatore deve - a prima consultazione in cui si presenta - superare l8 % in Sicilia. Che dire? La legge elettorale siciliana, che chiede il 5 % ma che, facendo perdere i resti delle province minori, di fatto chiede un quoziente maggiore nelle pi grandi, in confronto sembra un modello di democrazia. LOtto per cento! Per decenni i socialisti in Sicilia non sono mai arrivati a questa cifra e hanno ... governato (per non dire r...) come pochi altri... Solo la maa o i sindacati possono, a prima consultazione, ottenere tanto per un loro partito... Alla Camera poi neanche parlarne... Prendere il 4 % in Italia signica prendere pi del 40 % in Sicilia... Nemmeno la vecchia DC arrivava a tanto consenso... Certo ci si pu ... coalizzare. Ma bisogna inghiottire tutto quello che i partiti italiani preconfezionano per la Nostra Terra, cio bisogna tradire questa terra. E anche cos facendo otterremmo qualche senatore (il 3 % non poi un grande ostacolo) ma nessun deputato (il 2 % in Italia signica sempre pi del 20 % in Sicilia...). Solo la Lega, tra i partiti locali, se tale si vuole considerare, geogracamente in grado di superare queste soglie. In parole povere autoritarismo e ingovernabilit insieme. E vero! LItalia un paese in pieno declino in un continente in pieno declino... E in questo la Sicilia non che una povera appendice doltremare di questa nazione sghangherata e alla deriva... Ma, prima che per decreto ci dicano chi sono i deputati e i senatori, se tatticamente ci alleassimo con i meridionalisti veri (se esistono) per raggiungere insieme le soglie di sbarramento e poi ognuno portasse avanti le proprie battaglie? Forse allora ancora potremmo allentare (non togliere, non facciamoci illusioni) le catene che ci aggiogano allo stivale e giocare ancora qualche carta per la sopravvivenza del Nostro Popolo. O, al contrario, potremmo fare una seria campagna per il non voto, delegittimando sempre pi il regime che si sta instaurando in Italia... ANTUDO! LALTRA SICILIA Ufcio stampa (Bruxelles, 16 Dicembre 2005)

LAltra Sicilia lista fai da te? Ma ci facciano il piacere...

e dichiarazioni nervose e preoccupate dei rappresentanti dell unione di centro-sinistra per le elezioni allestero in merito a presunte liste fai da te che non permetterebbero al bipolarismo (asssiante) che domina in Italia di dispiegare la propria forza anche allestero meritano una replica. Le liste fai da te sono tradizionalmente liste di notabili senza partito trombati dai partiti italiani (anche di centro-sinistra) prive di riferimenti ideali ed espressione di pure clientele. Una tale espressione rivolta allassociazionismo estero sarebbe semplicemente offensiva per i cittadini residenti in Europa, innanzi tutto perch assolutamente priva di fondamento. In secondo luogo, visto che ad oggi sappiamo solo della nostra lista allinfuori dei due schieramenti, chiaro che si rivolgono a noi senza per avere il coraggio di nominarci per la paura che linsuccesso in vista assuma proporzioni allarmanti (per loro). LAltra Sicilia esiste dal 1998, non deve nulla alla nomenklatura ed alle burocrazie siciliana e romana, si basa solo sui contributi di siciliani residenti allestero che si sono fatti avanti col sudore della loro fronte, non si fa propaganda elettorale e viaggi a spese dei

contribuenti e soprattutto ha un programma politico-istituzionale noto a tutti e molto esplicito, molto chiaro, tuttaltro che qualunquistico come lor signori vorrebbero fare intendere... Non contenti di aver fatto o avallato una legge elettorale in cui per chi fuori dagli schieramenti quasi impossibile presentare una lista presentando le rme in tempo utile, vedendo che la mobilitazione spontanea riuscir a superare questo e altri tranelli poco seri e soprattutto poco democratici, si cominciano a lasciar scappare affermazioni dietro cui si coglie chiaramente il disagio per lo scollamento rispetto alle comunit reali di Meridionali e di Siciliani emigrati allestero. Ma c una spia che rivela meglio di ogni altra cosa latteggiamento di codesti rappresentanti allestero dei partiti italiani, una contraddizione lampante nelle loro argomentazioni: invocano il bipolarismo e, invece di attaccare quelli che dovrebbero essere i loro rivali naturali (laltro polo appunto), esordiscono la loro campagna elettorale attacando LAltra Sicilia - per il Sud. Chiara dimostrazione che i veri rivali del sistema siamo noi e che la lotta orchestrata a tavolino tra i due schieramenti non poi cos accesa. Ma lascino alle urne il diritto di dire da chi vogliono essere rappresentati i cittadini e parlino dei programmi, se ne hanno. LAltra Sicilia - Ufcio stampa

Trimestrale - Anno VIII n.1

Gennaio - Marzo 2006 Mar

www.laltrasicilia.org

Passerella europea per la Borsellino e testimonianza de LAltra Sicilia

ioved ioved 8 febbraio a Bruxelles stata organizzata una manifestazione degli eurodeputati di centro-sinistra, i quali, con lobiettivo di ravvivare un po dentusiasmo nei confronti delle rispettive liste per le elezioni dei rappresentanti dei cittadini allestero, hanno invitato la loro candidata alla Presidenza della Regione, Rita Borsellino. Il nostro capolista de LAltra Sicilia - per il Sud, Francesco Paolo Catania, le ha in quelloccasione consegnato personalmente, prima che iniziasse il dibattito, la nostra lettera aperta gi pubblicata sul nostro sito e le ha rinnovato personalmente la nostra opinione secondo la quale una candidatura senza reale alternativa, senza programmi, senza novit, legata alle burocrazie di partito destinata alla scontta. E seguita una serie di interventi al cloroformio in cui si declinava in tutte le salse il solito adagio della Sicilia terra di maa che tanto ha fatto la fortuna di molti professionisti del settore quanto ha danneggiato nel mondo la nostra identit e non ha minimamente inciso sulle effettive strutture di potere siciliane. Fra questi interventi, privi di prospettive, di reale memoria storica, di corretta analisi sociale, in sostanza autoreferenziali oltre che autoagellanti si distinto particolarmente quello del quasi omonimo Giusto Catania di Rifondazione Comunista. A questo punto intervenuto, anzi ha tentato di intervenire, il nostro Francesco Paolo Catania, tentando di ricordare che la maa

- come sistema di potere - storicamente legato alloccupazione della Sicilia da parte dei Savoia e che, nella misura in cui c, un problema reale di dominazione italiana della Sicilia, di diritto Rita Borsellino negato alla cittadinanza, e che bisogna smetterla di appioppare a senso unico alla Sicilia unidentit che in buona sostanza dalla stessa subita, con lunico effetto di infamare la stessa e non chi c lha portata, lItalia, la quale invece vende nel mondo unimmagine pulita lasciando a noi Siciliani le lordure nazionali. Avrebbe voluto dire che il sistema geopolitico italiano che ha assegnato a noi il ruolo strutturale di latrina dItalia e che solo con una vera autonomia, con una vera identit distinta, potr esserci quello scatto dorgoglio che consegner malgoverno e malfattori alla storia (ma anche questi mediocri professionisti dellantimaa). Non c bisogno di dire che ha potuto appena cominciare a dire qualche parola che stato preso di peso e buttato fuori. Sul caso ha chiosato subito laltro Catania che il signore che appena uscito forse pensa ad una Sicilia di cannoli, maranzano, ... o qualcosa del genere... Subito un altro intervento dallaula ha evidenziato coraggiosamente che il signore non era uscito ma era stato buttato fuori per

aver tentato di dire che i Siciliani allestero non ne possono pi di questa infame identit. Ancora lo stesso ha chiesto alla Borsellino, oltre alla lotta alla maa, cosa intende fare per la Sicilia, in cosa consiste il suo misterioso programma: dallaltra parte ancora il silenzio... Insomma un vero boomerang per lUnione... Registriamo in chiusura, tuttavia, la correttezza delleurodeputato Cocilovo che ha ammesso che a fare della maosit e dellantimaosit un discrimine tra destra e sinistra si rischia limbarazzo di scoprire che, prima o poi, qualche maoso si trover sempre da tutte le parti. Noi de LAltra Sicilia - per il Sud, un programma labbiamo, sia per la Sicilia, sia per i Siciliani allestero, e gi vediamo qua e l tentativi di scopiazzamento. Ma del marasma che sta avvolgendo queste elezioni degli italiani allestero parleremo in altro comunicato. Intanto cogliamo loccasione per ringraziare quei politici siciliani che hanno avuto il coraggio di manifestare il loro esplicito sostegno per noi, ovvero gli amici Nino Maisano del Partito del Popolo Siciliano e Maurizio Cirignotta del Movimento per lAutonomia del Popolo Siciliano.

Antudo!
LALTRA SICILIA - Ufcio stampa (Bruxelles, 12 febbraio 2005)

UNISOLA VASTA QUASI COME IL BELGIO E CON UNA CIVILT PI ANTICA DI QUELLA DI ROMA DIVENTATA, PER EFFETTO DEGLI ORDINAMENTI POLITICOAMMINISTRATIVI INTRODOTTI DOPO IL 1860, UNA SEMPLICE ESPRESSIONE GEOGRAFICA Mario Scelba
(Cfr. Onello Onelli, Mario Scelba, Oltre il socialismo e il capitalismo (Roma 1955)

Ministro democristiano (e siciliano) dellInterno

Trimestrale - Anno VIII n.1

Gennaio - Marzo 2006 Mar

LIsola
Programma politico della lista LAltra Sicilia per il Sud
XIII. Il federalismo scale, padre di una vera autonomia e propulsore di sviluppo; Fuori dal precariato e dalla povert; Economia pubblica? Poca ma buona; Sosteniamo i punti di forza e i distretti industriali delleconomia isolana; 6. Sanit; 7. Equo sviluppo del Paese; 8. Societ; 9. Rinascimento culturale; 10. Informazione; 11. Ordine pubblico e giustizia; 12. Emigrazione dal nostro Sud immigrazione nel nostro Paese; 13. Educazione alimentare; 14. Energetica ed ecosistema. Anche in questo caso, fatte salve alcune peculiarit relative al territorio siciliano e sardo, si tratta di battaglie in larga parte comuni e condivisibili tra la parte continentale e quella insulare del Mezzogiorno. Le lievi differenze di ispirazione in politica economica (talvolta un po pi interventista tal altra un po pi liberista) sono per noi fattore di arricchimento culturale, da ascriversi pi che altro alla diversa tradizione politica delle diverse storie e parti del Mezzogiorno, le quali non intaccano il nucleo comune di una battaglia per il riscatto economico, politico e culturale del Sud nel quadro di un federalismo solidale. In tal senso i due movimenti prendono le distanze dal federalismo coloniale proprio della c.d. devolution che in realt accentra competenze a Roma e rallenta o addirittura preclude le perequazioni tra le diverse parti del Paese e declina pertanto ogni accordo o assimilazione a partiti o movimenti fondati sulla xenofobia antimeridionale. Il programma politico della lista LAltra Sicilia per il Sud, per quanto detto sin qui, articolabile pertanto in due parti: - una di interesse per lItalia intera; - una di interesse per i cittadini emigrati allestero. Per quanto riguarda lItalia intera si valuta che ad oggi non ci siano le condizioni per un allineamento con uno degli schieramenti in competizione perch in entrambi le ragioni del Mezzogiorno sono sottorappresentate. Cos la presenza in Parlamento sar orientata unicamente al superamento del dualismo economico, sociale e politico che lacera il Paese e che non offre ai suoi cittadini ed

Altra Sicilia e il Partito politico per il Sud hanno deciso di dar voce alla diaspora allestero di cittadini meridionali attraverso la presentazione di una lista comune per le elezioni politiche nella circoscrizione Europa. I due movimenti sono portatori entrambi di una propria storia e di un proprio progetto politico che in questa sede non vengono rinnegati ma di cui si vogliono valorizzare al meglio le convergenze in quanto, allestero, sono largamente conuenti le comunit di Siciliani e di Meridionali continentali (Abruzzesi, Molisani, Campani, Pugliesi, Lucani e Calabresi) e in quanto oggettivamente comuni sono molte delle speciche rivendicazioni. Pur in assenza di espliciti accordi con movimenti sardisti, la lista si presenta come punto di riferimento anche per i fratelli emigrati dellaltra grande isola mediterranea. LAltra Sicilia, espressione di un sicilianismo identitario, confederalista e democratico ha da tempo condensato il proprio programma nella propria Carta Politica che in questa sede pu essere solo evocata e richiamata nei suoi Venti Punti fondamentali: I. II. III. IV. UnAutonomia pattizia e confederale; Applicazione integrale dellAutonomia; I simboli dellidentit; Da piedistallo dello stivale a centro dellintegrazione euromediterranea; Gli insegnamenti siciliani a scuola; Una televisione siciliana; Uno sviluppo economico a livelli europei; Non solo sole, mare e grano; Mai pi fughe di cervelli; Per uneconomia aperta non solo alla Penisola; No al ponte e S alle vere infrastrutture; Autonomia imprenditoriale nei settori dei servizi pubblici essenziali e delle fonti di energia;

XIV. XV. XVI.

XVII. La Sicilia museo e giardino dellEuropa e del Mediterraneo: i beni culturali e ambientali nostro scrigno prezioso; XVIII. Mai pi viaggi della speranza; XIX. XX. Mai pi mancanza dacqua e disservizi indegni dun paese civile; La maa non cosa nostra.

Gran parte di queste rivendicazioni, tolte quelle a carattere identitario o legate alla peculiarit istituzionali, storiche ed economiche della Sicilia (come ad esempio la straordinaria incidenza del lavoro precario), sono in gran parte estensibili allintero Meridione e non ostano quindi minimamente ad una pi generale intesa, alla sola condizione che non si mettano in discussione le secolari aspirazioni ad una speciale autonomia del Popolo Siciliano. Per il Sud ha da canto suo sintetizzato in un Manifesto le Idee forza che ispirano la propria vita politica. Esso un movimento meridionalista, democratico, indipendente dagli schieramenti nazionali e interessato soprattutto a garantire pari dignit e pari opportunit fra i cittadini delle diverse parti del Paese al ne di superare lassurdo e ignobile dualismo che ha caratterizzato la nostra storia sin dalla c.d. unicazione la quale, in realt, viene vista come unannessione coloniale che ha distrutto uneconomia e uno stato senza lasciare altro che oppressione e sottosviluppo. Anche in questo caso il programma pu essere soltanto evocato e richiamato nei suoi punti fondamentali: 1. LItalia in unEuropa dei Popoli; 2. Evoluzione delle istituzioni democratiche; 3. Economia; 4. Tutela dei lavoratori e delle aziende; 5. Benessere sociale;

V. VI. VII. VIII. IX. X. XI. XII.

Trimestrale - Anno VIII n.1

Gennaio - Marzo 2006 Mar

www.laltrasicilia.org
del Mezzogiorno altro sbocco che quello dellemigrazione o della vita in uneconomia di sussistenza e di consumo di beni prodotti altrove. Rinviando ai rispettivi progetti politici per gli aspetti pi concreti di tale politica si vuole qui ricordare come tratto comune sia quello di lavorare per una politica industriale che, per la prima volta nella storia dellItalia, tenda a fare creare e distribuire valore aggiunto nelle regioni meridionali con il mantenimento di istituzioni e infrastrutture produttive nei territori dellItalia meridionale. LAltra Sicilia per il Sud ritiene un non senso un paese che accentri le proprie competenze a Roma e che abbia la sua capitale morale a Milano; per lo meno a questa deve contrapporsi un altro polo peninsulare nel Sud (Napoli, se vogliamo proprio cercare unaltra capitale morale) ovviamente nel rispetto della pluralit dei centri, delle regioni, dei distretti industriali e delle aree metropolitane per non creare inutili nuovi centralismi. Le isole, naturalmente, pi che su di un improbabile centramento su di esse di imprese, istituzioni e servizi di interesse nazionale, avranno poi un modello di sviluppo alternativo fondato sulla maggiore autonomia dalla Penisola, sul maggiore contatto diretto con lestero, in particolare con larea mediterranea e, nel caso della Sicilia, sulla valorizzazione della radicale autonomia nanziaria prevista dallo Statuto del 1946 e mai coraggiosamente attuata nella direzione della costituzione di una zona economica speciale che faccia da traino per lintera economia meridionale. Il punto di forza deve, in breve, essere quello di ribaltare la concezione di unItalia a imbuto, proiettata unicamente verso lEuropa a nord e chiusa in un vicolo cieco a sud. LItalia, attraverso il Sud e la Sicilia, deve sfondare questo ideale vicolo cieco e comunicare, proprio attraverso le regioni meridionali, direttamente e nalmente con i paesi del Mediterraneo africani ed asiatici. Particolare interesse, poi, riveste il tema dellordine pubblico, attraverso le diverse mae che con lavallo esplicito o implicito dello Stato italiano frenano ogni possibilit di sviluppo nelle nostre regioni. La risposta dovr essere coraggiosa ma anche differenziata in funzione del diverso ruolo o retroterra culturale che tali forme malavitose assumono. Per quanto riguarda, inne, i compatrioti allestero, primi nostri elettori e perci nostro interlocutore privilegiato, la nostra campagna politica pu condensarsi nei seguenti cinque punti essenziali: 1. Facilitazione dei contatti e dei ritorni,

9
denitivi o temporanei, presso la terra di provenienza; 2. Superamento dellattuale sistema di voto per corrispondenza, facilmente esposto a brogli, e sostituzione con sistemi propri di paesi civili in cui la volont dei cittadini non possa essere alterata; 3. Facilitazione degli scambi economici tra le comunit regionali emigrate e quelle di provenienza, sia in termini di commercializzazione allestero di prodotti delle regioni meridionali sia in termini di investimenti diretti dallestero nelle regioni medesime; 4. Valorizzazione dellassociazionismo allestero e democratizzazione delle rappresentanze istituzionali presso le regioni e lo stato; 5. Valorizzazione della cultura meridionale presso le istituzioni estere di cultura italiana ed esplicita valorizzazione e tutela allestero delle culture e lingue minoritarie siciliana e sarda anche attraverso apposite istituzioni. Con lauspicio e con la ducia che questo programma sia lappello a cui risponderanno numerosi i fratelli della diaspora e con la consapevolezza di fare la storia con questa nostra scelta comune si lancia questo manifesto come guanto di sda alle corporazioni patronali che da sempre, non contente di aver sfruttato in Italia i meridionali, cercano di continuare a pilotarli e sfruttarli persino allestero.

Viva la Sicilia! Viva il Sud!

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO
Caro Mirko ti scrivo...
LA NOSTRA DELUSIONE SI CHIAMA RITA PAVONE Che peccato, caro Ministro Mirko Tremaglia, ho appreso dai giornali del tuo tradimento agli emigrati italici. Rita Pavone. Cos si chiama la nostra delusione. Quarantanni di impegno tuo e nostro, quarantanni di speranze, quarantanni di lotte, quarantanni di aspirazione gettati alle ortiche. Che delusione, che tradimento perpetrato nei confronti di tutti noi. Dove sono andati a nire i tuoi commilitoni di lotta? Sei riuscito ad azzerarci tutti. Non ci resta che constatare che a rappresentarci allestero per la Camera dei deputati un oscuro funzionario di partito che di residenza allestero ha solo lindirizzo, mentre e vive e pasce a Roma. Aldo Dibiagio lo potranno votare solo a Roma, e poi Rita. S, Rita pel di carota, per il Senato della Repubblica, che di emigrante ha solo la tessera e forse neanche quella. Certo, risiede a Lugano Rita Pavone, lo sempre stata, anche se poi, la vedi passeggiare per Via Condotti o a Piazza di Spagna, lei canta e poi canta e ancora canta. Ma che ne sa lei di emigrazione? mai entrata in unassociazione di italiani allestero? S, parlo di italiani che allestero ci sono andati per lavorare, per un pezzo di pane, per sopravvivere, a volte anche a morire in una miniera che te conosci bene caro Ministro, o su una diga, oppure in una galleria. No caro Mirko, la Pavone non mai stata in unassociazione di emigranti, non si mai neanche confrontata con un comitato genitori, a difendere i propri gli da una scuola che non li riconosceva. Non andata a lavorare in miniera o su una diga o in una galleria. Rita Pavone canta, magari belle canzonette, che sono solo belle canzonette e basta. Rita Pavone risiede in Svizzera, vero, ma solo per non pagare le tasse in Italia. Noi, invece, caro Mirko, i soldi in Italia ce li abbiamo mandati per far su casa, per i nostri gli, per i nostri parenti. No, caro Mirko, questa volta noi non ci stiamo, e non voteremo Rita Pavone, non voteremo la tua lista, perch a noi tutto ci suona falso. Con amara delusione, Cosimo Santalucia

Trimestrale - Anno VIII n.1

Gennaio - Marzo 2006 Mar

10

LIsola

Lo sapevate che

La Bandiera del Regno di Sicilia (1296-1816)

el 1296 Federico III, eletto dal Parlamento Siciliano Re di Sicilia, adott come bandiera del Regno la bandiera a strisce gialle e rosse con due aquile nere. Essa fu per pi di cinque secoli il simbolo glorioso della Sicilia. Fu abolita nel 1816, quando il Re Ferdinando di Borbone, IV di Napoli e III di Sicilia, fuse i due Regni nellunico Regno delle Due Sicilie. Dopo loccupazione piemontese della Sicilia del 1860, la politica del Regno dItalia, volta alla distruzione dellidentit siciliana, ha eliminato persino i ricordi di questa bandiera. Ma la Sicilia non morta ed anche la sua bandiera storica ritorna.
Docente di Storia Medievale dellUniversit di Palermo

Corrado Mirto

Trimestrale - Anno VIII n.1

Gennaio - Marzo 2006 Mar

www.laltrasicilia.org

11

LISOLA
La voglia di scoprire una Sicilia migliore.

Abbonati !

Trimestrale - Anno VIII n.1

Gennaio - Marzo 2006 Mar

12

LIsola

Trimestrale - Anno VIII n.1

Gennaio - Marzo 2006 Mar

www.laltrasicilia.org

13

COMUNICATO
Consolato dItalia Bruxelles

ELEZIONI DEL PARLAMENTO ITALIANO VOTO ALLESTERO PER CORRISPONDENZA

Con Decreto del Presidente della Repubblica in data 11 febbraio 2006 sono state indette per il 9 e 10 aprile 2006 le votazioni per lelezione della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica. In Italia le votazioni si svolgono presso i seggi istituiti nei Comuni di residenza nei giorni di domenica 9 aprile (dalle ore 8,00 alle ore 22,00) e di luned 10 aprile (dalle ore 7,00 alle ore 15,00) . Allestero, i cittadini italiani ivi stabilmente residenti, iscritti nelle liste elettorali della Circoscrizione estero, possono partecipare alle elezioni votando PER CORRISPONDENZA. Essi votano per le liste di candidati presentate nella rispettiva ripartizione della Circoscrizione Estero. A ciascun elettore residente allestero, che non abbia optato per il voto in Italia entro il 21 febbraio, il Consolato competente invia per posta, entro il 22 marzo, un PLICO contenente: un foglio informativo che spiega come votare, il certicato elettorale, la scheda elettorale (due per chi, avendo compiuto 25 anni, pu votare anche per il Senato), una busta completamente bianca, una busta gi affrancata recante lindirizzo dellUfcio consolare stesso, le liste dei candidati della propria ripartizione, il testo della legge sul voto allestero. Lelettore, utilizzando la busta gi affrancata e seguendo attentamente le istruzioni contenute nel foglio informativo, dovr spedire SENZA RITARDO le schede elettorali votate, in modo che arrivino al proprio Consolato entro - e non oltre - le ore 16 ora locale del 6 aprile. Il voto personale e segreto ed fatto divieto di votare pi volte e inoltrare schede per conto di altre persone. Chiunque violi le disposizioni in materia elettorale, sar punito a norma di legge. Lelettore che alla data del 26 marzo non avesse ancora ricevuto il plico elettorale, potr rivolgersi al proprio Consolato per vericare la propria posizione elettorale e chiedere un duplicato. A seguito dellentrata in vigore della legge 27 gennaio 2006 n. 22 consultabile sul sito www.esteri.it - possono votare per posta con le stesse modalit ed entro i termini suddetti anche alcune categorie di cittadini temporaneamente allestero per motivi di servizio o per missioni internazionali che si siano a tal ne registrati in appositi elenchi entro il 13 febbraio scorso.
GLI UFFICI CONSOLARI SONO A DISPOSIZIONE DEI CITTADINI PER QUALSIASI ULTERIORE INFORMAZIONE INFORMAZIONI DETTAGLIATE SONO INOLTRE DISPONIBILI SUL SITO www.esteri.it VOTO ALLESTERO O TRAMITE IL NUMERO 003906 97742103 CHE FORNISCE RISPOSTE PRE-DEFINITE GRATUITE.

VUOI PASSARE UNA SERATA PIACEVOLE IN UN AMBIENTE ITALIANO ? ALLORA VIENI AL BALLO DI PRIMAVERA
organizzato da M.C.L. (Movimento Cristiano Lavoratori) e Associazione Siciliani CONCA DORO SALA COMUNALE DI LAEKEN (Bd. Emile Bockstael, 246 - 1020 Bruxelles) Animazione musicale: D.J. DANY PAF : in prevendita 6 - allentrata 7,50 Informazioni: MCL Belgio e Patronato SIAS Tel. 02/513.13.48 Trimestrale - Anno VIII n.1 Gennaio - Marzo 2006 Mar

SABATO 25 MARZ0 2006, ORE 20,30

14

LIsola
ELEZIONI POLITICHE 2006 - Circoscrizione Europa

DAI VOCE A CHI GLI STATA SEMPRE NEGATA

Sugnu Sicilianu e mi ni vantu

Francesco Paolo Catania

CHI CHI DUGNU, CHI SUGNU !


L i s t e v e re , l i s t e a r t e f a t t e e l i s t e c i v e t t a

Altra Sicilia rileva il fatto che alcune liste nazionali proposte per i residenti allestero hanno avuto candidati cancellati; candidati che hanno pensato di saltare no allultimo da una lista allaltra e che ora si sono rivelati per quel che sono, ovvero opportunisti senza scrupoli. Noi avevamo promesso una lista di Siciliani e Meridionali disposti a battersi per una campagna unica nel suo genere, labbiamo costituita e non ci sono stati transfughi o ripensamenti. Anche questo Trimestrale - Anno VIII n.1

un segnale di correttezza nel metodo politico adottato nel comporre le liste. Altri, ben pi blasonati di noi, hanno cercato di mettere insieme di tutto e alla ne non sono nemmeno riusciti ad avere liste complete. Altro capitolo ancora quello delle liste civetta. Ce n una per la ripartizione Europa presentata alla Camera di cui non si sa nulla: nessuno ne ha mai sentito parlare, non si sa da quale paese provengano i candidati e stranamente stata presentata solo per la Camera

quando la raccolta di rme praticamente identica per i due rami del Parlamento. Noi abbiamo le nostre idee al riguardo sugli autori di questa operazione diversiva, ma di una cosa siamo certi: tale lista serve solo per disorientare un elettorato che, evidentemente, si ritiene immaturo. Siamo certi che questa valutazione non corretta e che lelettore sapr bene distinguere le liste vere da quelle civetta. LAltra Sicilia - Ufcio stampa (Bruxelles, 13 marzo 2006) Gennaio - Marzo 2006 Mar

www.laltrasicilia.org
POLITICHE 2006/ LE LISTE DEFINITIVE PER LA RIPARTIZIONE EUROPA

15

Confermate nella ripartizione Europa 11 liste che concorreranno alla Camera e 10 al Senato. Il sorteggio avvenuto alla presenza di Pietro Perna per Amare lItalia, Amedeo Gentile per Forza Italia e Federico Guida per Laltra Sicilia-per il Sud per la scheda della Camera, e di Gentile e Guida per il Senato.

.Laltra Sicilia- per il Sud ha avuto il n 6 sia alla Camera che al Senato

(Camera dei deputati - Scheda grigia)

1. Metti una croce sul simbolo della lista con una penna nera o blu 2. Scrivi sulla riga il Cognome del candidato N.B.: Ricordati che si possono dare solamente due preferenze

1. Metti una croce sul simbolo della lista con una penna nera o blu 2. Scrivi sulla riga il Cognome del candidato N.B.: Ricordati che si possono dare solamente due preferenze

(Senato della Repubblica - Scheda celeste)

Trimestrale - Anno VIII n.1

Gennaio - Marzo 2006 Mar

16

LIsola
ELEZIONI POLITICHE 2006 - Circoscrizione Europa
interamente siciliani che possano favorire la promozione e la diffusione nel mondo del prodotto enogastronomico siciliano di qualit avvalendosi, nella scala della distribuzione commerciale, della mediazione offerta da imprese di Siciliani allestero, il tutto orientato a favorire la formazione di unimmagine specica internazionale della Sicilia come luogo deccellenza della qualit della vita e della salubrit dellambiente. 3. Siciliano bello: Apertura nel mondo degli Istituti per la promozione della lingua e della cultura Siciliana intestati ad un grande della cultura siciliana (Verga, Pirandello, Quasimodo, Sciascia) che promuovano la conoscenza nel mondo del tesoro culturale, letterario ed artistico della Terra Impareggiabile sia con le sue forti specicit allinterno della cultura italiana sia anche con riferimento alla promozione ed alla produzione della vera e propria lingua siciliana, oggi riconosciuta dallUNESCO ma non dallItalia, pur se lingua madre di almeno dieci milioni di persone nel mondo, oltre che in Italia. 4. Siciliano utile: Strutture di raccordo per le superiori attivit culturali, economiche, ricreative ed associative, saranno- nei nostri auspici - le Case Sicilia, non pi concepite come articolazioni burocratiche allestero della Regione Siciliana, ma come strutture associative (o, meglio, cooperative tra le associazioni di emigrati) autogestite dalle comunit e sottoposte al solo controllo esterno da parte della Regione. Questi nostri impegni saranno il campo di prova di una ben pi incisiva lotta che, questa volta, si condurr proprio sul terreno Siciliano. Siamo, infatti, convinti che dallestero verr il riscatto della Sicilia. Se i Siciliani saranno presenti nel Parlamento nazionale, proprio da Roma potranno chiedere di dare ai Siciliani allestero il diritto di voto nelle consultazioni regionali e, in tal modo, di poter contribuire attivamente allo sviluppo della Nostra Terra, al centro dellinteresse dei Siciliani della diaspora. Le tematiche ed i problemi del Sud italiano intero saranno continuamente sotto il nostro esame, nella convinzione che solo con uno sviluppo equilibrato del Mezzogiorno potremo sciogliere le troppe contraddizioni dellItalia, prestando cos particolare attenzione ai popoli del meridione dItalia - dal Salento al Tavoliere, dallAspromonte alla Maiella, senza limiti geograci esaustivi per - per i quali, secondo il principio di autodeterminazione dei Popoli, studieremo particolari forme di Autonomie, insieme al diritto alla salvaguardia della loro cultura, alla lotta strutturale alla maa ed al sottosviluppo economico. Citatini! U travaghiu un manca! Manca pi nuutri! Cancia la storia to, di to gghi e chiddha d Sicilia! d Con LAltra Sicilia - per il SUD per mandare a Roma i veri rappresentanti degli interessi e delle aspettative dellemigrazione, del meridione e de Laltra Italia, nora trascurata, e ...vidi ca poi nun ti ni penti! ANTUDO! LALTRA SICILIA Ufcio stampa (Bruxelles, 12 gennaio 2006)

LALTRA SICILIA per i Siciliani allestero

acendo seguito alla presentazione della lista - LAltra Sicilia - Per il Sud che concorrer alle prossime elezioni politiche nella circoscrizione Europa, LAltra Sicilia sottolinea qualche principio del proprio programma che presta particolare attenzione alle comunit siciliane sparse per il mondo. Laccordo con per il Sud ci impegna ad una comune azione, naturalmente, per il riscatto dellintero Mezzogiorno italiano e per la rappresentanza effettiva dei diritti e degli interessi di tutti i popoli del Sud Italia e delle Isole, condannati nora ad endemica marginalit, disoccupazione ed emigrazione ed il nostro impegno specico siciliano, nel quadro di una futura comune rappresentanza parlamentare per il sud, seguir una linea guida che si pu cos riassumere: 1. Siciliano facile: Facilitazione ai ritorni nella loro Isola dei Siciliani del mondo - ma anche ai soggiorni turistici o ai soggiorni di lunga durata - proponendo misure di agevolazione economica, identicando strutture di accoglienza e istituendo la creazione di una compagnia di trasporto di bandiera e, nellattesa, adoperandosi per abbassare i costi dei trasporti e dei titoli di viaggio in Sicilia, oggi assolutamente insostenibili e fonte di disagi umilianti, affrontati sempre con estrema dignit da tutti i Siciliani nel mondo. In questo intendiamo rappresentare e dare voce anche ai tanti Siciliani in Italia, nel Nord lontano o nella Capitale, pure se non direttamente contemplati nelle circoscrizioni estere. 2. Siciliano buono: Facilitazione degli investimenti produttivi, diretti ed indiretti, dei Siciliani in Sicilia, attraverso la creazione di una Banca ed un Istituto di credito e daffari

RESTAURANT - TRAITEUR

New Epsom
Roberto Ristuccia 330, Bd. Lambermont - 1030 Bruxelles Tel.&Fax +32 2 242 02 96
Trimestrale - Anno VIII n.1 Gennaio - Marzo 2006 Mar

www.laltrasicilia.org

17

LA POSTA IN GIOCO IN QUESTE ELEZIONI

i siamo chiesti perch pi del 90 % degli italiani residenti allestero sono meridionali (tutti, praticamente, a parte qualche veneto, discendente di emigrati di circa cento anni fa)? E perch fra questi, quasi la met sono Siciliani? Ci siamo chiesti perch tutti i politici siciliani, anche nelle competizioni allestero, oggi fanno professioni di fede di autonomismo e di identit siciliana? Ci siamo chiesti quali siano le prospettive che i due schieramenti nazionali che hanno lonore di tutte le tribune politiche assegnano al Nostro Mezzogiorno? Proviamo a mettere insieme questi dati ed a dare uninterpretazione che unichi fatti apparentemente indipendenti soprattutto con la nalit di mettere in guardia gli elettori siciliani (allestero) dalle manipolazioni in atto del loro consenso per nalit che nulla hanno a che vedere con gli interessi loro e della loro Terra. Cominciamo proprio dallultima domanda e focalizziamo lattenzione proprio sulla Sicilia. Il Centro-destra non promette nulla di diverso da quello che gi vediamo. Per Berlusconi lItalia va bene e chi ne parla male un disfattista. Che vada a dire che tutto va bene alle centinaia di migliaia di giovani che sono condannati a fare la valigia! Giovani che fra poco andranno ad ingrossare le la degli elettori allestero (perch se il Sud letteralmente sta morendo, anche il Nord del paese arranca, magari a spese del Sud di cui si fagocitano le ultime imprese sopravvissute). Che lo vada a dire alle centinaia di migliaia di precari e cassintegrati o anche semplici pensionati che non sanno nemmeno come arrivare a met mese... In realt la strategia elettorale ed economica in Sicilia del Centro-destra unaltra: tenerla nella totale depressione e nellabiezione per poi contrattare il consenso elettorale in cambio di qualche elemosina... Ma stiano attenti che le promesse sono cambiali e presto verr il giorno che il conitto sociale diverr insostenibile. Poi c il mito del ponte, segnale buono al Trimestrale - Anno VIII n.1

contempo per i gonzi che ancora credono nei miracoli e per gli speculatori che gi hanno la salivazione al solo pensiero. Il Centro-sinistra, invece, non ha semplicemente idea. La Borsellino, ancora, a circa due mesi dalle elezioni regionali, deve fare il programma con la gente.... Prodi, a Catania, ci ha detto che abbiamo il turismo e lagricoltura: ma bene, Signor Prodi, che scoperta! E col nostro petrolio come la mettiamo? Non che forse ha paura che uno spostamento deciso verso Sud della politica industriale nazionale faccia concorrenza alla decrepita industrietta padana? Ma non era a favore della concorrenza? Ah, gi, la concorrenza si invoca solo per fare chiudere le imprese siciliane e meridionali, e mai al contrario... Se proprio vogliamo far qualcosa possiamo esportare materie prime in cambio di prodotti niti (cio colonialismo da manuale). E il fantomatico terzo polo, quello dei sedicenti federalisti? E gi tutto nel simbolo il loro programma: luccello di Lombardo si ritagliato uno spazietto piccolo piccolo ai piedi dello spadone di Alberto di Giussano. Abbiamo capito: un Sud servo e clientelare ai piedi di un Nord sprezzante. Che dire? No grazie! In realt, per, questo realismo sulle politiche degli schieramenti nazionali non il solo elemento in gioco in queste elezioni. C una questione di democrazia in gioco e su questo il Centrosinistra sta ricattando gli elettori: saremo anche brutti, litigiosi, inconcludenti, ma preferite una quasi-dittatura personale? Su questo punto torneremo pi avanti.

Andiamo per ora allestero.


Qui il potere italiano, per fortuna, non arriva. Una legge demagogica si sta rivelando un boomerang per chi lha prodotta. C il rischio che gli emigrati rendano la pariglia alla loro patria-matrigna e decidano nalmente di contare. C da correre ai ripari. E qui si torna alla seconda domanda: perch tutti meridionalisti, quasi tutti sicilianisti? Perch gli emigrati conoscono la storia, conoscono la verit (anche se non tutti) e >>>

Gennaio - Marzo 2006 Mar

18
perci sono pericolosi. Bisogna - per dirlo con termine intraducibile dalla lingua siciliana - infruscarli nch si pu. Daltronde non un mistero che da quando esiste LAltra Sicilia, anche come semplice associazione, la politica siciliana ha dissotterrato lascia dellautonomismo, anche se brandita in modo per lo pi maldestro perch non realmente sentita. Ma in questoperazione ricordano quella favola del lupo che, per travestirsi da pecora, si limitava ad infarinarsi le zampe. Si riconoscono a vista. Si riconoscono gi dalle candidature. Se togliete i funzionari allestero, qualche ricco uomo daffari, qualche elusore scale che si porta allestero per comodit la residenza, l resta ben poco. Venite da noi per vedere che signica emigrante, emigrante con il sudore della propria fronte. La nostra lista ha il sapore e lodore di chi si rotto la schiena per un pezzo di pane e nulla ha a che vedere con i gurini tirati a lucido della destra o i funzionari sindacali e di partito della sinistra. E qui si pu tornare alla prima domanda: ma chi sono poi questi emigranti? Siciliani, siciliani propriamente detti o al di l del Faro o, al pi, siciliani in senso lato o al di qua del Faro. Lemigrazione la dimostrazione pi clamorosa della irrisolta

LIsola
questione meridionale e, al suo interno, della gravissima Questione Siciliana che somma alla discriminazione economica e sociale una irrisolta questione dai contorni etnici e politici. E il cadavere nellarmadio della storia italiana postunitaria e c il sentore che questi Meridionali e Siciliani della diaspora si sveglino e chiedano il conto di ogni discriminazione. Da qui pi facile perch non c il ricatto del bisogno che impera in Patria. E pi facile perch la legge elettorale sui generis e non schiaccia lelettore straniero nel bipolarismo asssiante e articioso che stato imposto in Italia. Qui il voto dato a LAltra Sicilia - per il Sud la migliore risposta per dare inizio ad una svolta storica, ad un nuovo Vespro che - Dio voglia - travolger una classe politica di ascari inetti e traditori. Sul territorio italiano no, non era opportuno e non labbiamo fatto. E qui torniamo a quanto abbiamo accennato sopra sulle passioni e sulla posta costituzionale in gioco che, unitamente ad una assurda legge elettorale, ci avrebbe tolto la possibilit di manifestare la nostra forza nella sua pienezza. Abbiamo assistito al gioco al massacro che ha portato, in Sicilia, le liste realmente siciliane a farsi la lotta persino nella raccolta di rme e che ha azzerato il potenziale elettorale. Sebbene dobbiamo riconoscere al Partito del Popolo Siciliano il tentativo generoso di raccogliere queste forze in un fronte unitario, forse, alla resa dei conti, non stato un male che nessuna forza realmente autonomista abbia oggi chance alla Camera o al Senato in queste elezioni. Per le ragioni dette bene che i nostri simpatizzanti in Sicilia votino secondo coscienza e che la partita Siciliana si giochi unicamente allestero. Qui la posta diversa: con gli emigrati, per i loro diritti, ma anche per la loro Terra. Non siamo cos miopi da credere che i Siciliani allestero siano interessati solo ad una politica corporativa in difesa dei loro interessi; sappiamo che il loro pi grande desiderio quello di veder riorire la Terra da cui sono stati espulsi e che, cos, possano sempre pi orgogliosamente dire nel mondo: Sono Siciliano e me ne vanto. E in questo non spezzeremo la solidariet con i Fratelli dellItalia meridionale pi o meno accomunati al nostro stesso destino. Come ai tempi del Vespro un solo grido ci accomuna: ANTUDO!
LALTRA SICILIA Ufcio stampa (Bruxelles, 13 marzo 2006)

LISOLALIBRI

La Sicilia libertata
Quando un popolo non avverte la necessit dessere liberato occorre chesso venga libertato: questo lincipit di un libro scritto da un vinto, un libertato, che pretende in copertina la statua duna libert lontana, alla perenne memoria di chi venne a libertarci ancora una volta per riconsegnarci mani e piedi a uno Stivale pronto a scalciare come un indo mulo. Lisola era la preda del desiderio di tutti: del Re, che non voleva perderla, del principe Umberto, chera pronto a staccarla dal resto dItalia, dagli Americani e dagli Inglesi che facevano nta di volerla, dei repubblicani che la guardavano con la stessa avidit dei Savoia, dai latifondisti, dai grandi amministratori, dagli stessi comunisti che tentarono la creazione Trimestrale - Anno VIII n.1

dun governomonarchico in esilio. E i Siciliani doverano? Questo non si sa, ma certo che 50 di loro, giovani idealisti, erano a San Mauro, nellagro caltagironese, dove vennero sopraffatti il 29 dicembre del 1945, sessantanni fa, dallesercito dello Stivale, con duemila e cinquecento uomini, mezzi pesanti, artiglieria egenerali. Una carrellata di memorie e condenze inedite rilasciate allautore dai protagonisti di quelle vicende, o dai loro congiunti, fanno di questo libro unopera unica, di velocissima lettura e di importante consultazione documentale.
La Sicilia libertata Giuseppe Villari 16x23, pagg. 312, ill. - Cod: 200515 15,00 / (L.29.044) Giuseppe Maimone Editore Via A. di Sangiuliano, 278 95124 Catania Italy Tel/Fax +39 95 310315 maimone@maimone.it

Gennaio - Marzo 2006 Mar

www.laltrasicilia.org

19

LISOLAATAVOLA

La pasta e i siciliani
Quanta e quale pasta tenere in casa? Certamente diversi chili perch, a prescindere dalla centralit di questo alimento nella dieta dei siciliani, sempre una risorsa visto che tanto a calare due li di pasta non ci vuole niente.

e prime tracce della pasta emergono sotto forma di strumenti per la fabbricazione e la cottura, in una tomba etrusca. Gi nei primi anni dopo Cristo il cuoco Apicio parla nel suo libro di cucina di qualcosa di simile alle lasagne e intorno allanno Mille abbiamo la prima ricetta documentata di pasta, nel libro De arte Coquinaria per vermicelli e maccaroni siciliani, scritto da Martino Corno, cuoco del potente Patriarca di Aquileia.

messi ad essiccare sulle canne. Lo spaghetto veniva spezzato a met perch altrimenti era scomodo da mangiare. Gli spaghetti spezzati per la pasta coi tenerumi o con le lenticchie o coi fagioli, venivano rotti dai bambini che attuavano alla pasta una prima rottura. Poi con la mappina Nella dispensa di una brava femmina chiusa a fagotto si ottenevano pezzetti pi di casa era sempre possibile trovare : piccoli. spaghetti, bucatini e bucato grosso ( il maccheroncino) nello scaffale della I diversi formati di pasta erano poi pasta lunga. Poi cavatoni, penne e ditali obbligatoriamente usati per specici in quello della pasta corta. E inne condimenti. piccolissimi per le minestre (quando Spaghetti: con la salsa di pomodoro Di certo la pasta era ben conosciuta nei non si usa lo spaghetto spezzato). anche nella variante con melenzane fritte paesi arabi, dove ancora oggi si parla di e ricotta salata; con le vongole; in bianco makkaroni. con olio e parmigiano; con laglio e lolio; alla carrettiera; con il sugo e la carne Dai paesi arabi arriv in Grecia e in Sicilia capoliata; con la glass; (allora colonia araba). Difatti Palermo storicamente la prima vera capitale Margherita (una lasagna stretta arricciata della pasta, perch qui si hanno le prime dai due lati): pasta con lanciova e la testimonianze storiche di produzione mollica atturrata; di pasta secca a livello artigianaleMaccheroncino: di assoluto rigore nella industriale. pasta coi broccoli arriminati e nella pasta con le sarde Cavatoni: con i sughi di carne Nel 1150 il geografo arabo Al-Idrisi riferisce che a Trabia, a 30 km da Palermo, Normalmente tutta la pasta che si rompeva ma anche con la salsa e le melenzane si fabbrica tanta pasta in forma di li, non veniva gettata via, ma era utilizzata per ma a sformato, magari destinato a [tria in arabo], che viene esportata in ottime minestre di legumi, famosissima una incasciata nel forno o destinato tutte le parti, nella Calabria e in tanti paesi rimasta quella di S. Giuseppe, offerta allasporto nei camillini (in spiaggia, ai poveri tuttoggi nel giorno in cui si per esempio); musulmani e cristiani anche via navi. festeggia il santo patrono dei falegnami. Spaghetto spezzato: con tenerumi, La pasta rappresenta da tempo un ideale A Palermo tanti anni fa cera il mulino zucchina lunga, fave, ori di zucca, brodo punto di incontro tra fame e scarse risorse economiche familiari. Lontani Virga in corso dei Mille, dal quale di carne; dal desiderio peccaminoso di cibi costosi, uscivano grossi carri strascini pieni di Anelletti: Monouso, pasta col forno. la povera gente si rifocillava con un bel balle di ogni tipo di pasta diretti verso i Discutibile alternativa: bucatini o, piatto di pasta, in bianco, col cacio o punti vendita chiamati pastari. addirittura, penne lisce o rigate; con altri elementi (per chi se lo poteva Venduta sfusa, a peso e contenuta in Lasagne. Non quelle tradizionali di permettere) che arricchivano il principale grandi cassetti, simboleggiava (per chi ne forma quadrata. un tipo di pasta lunga, e a volte unico pasto della giornata. aveva una buona quantit) ricchezza. La (segue a pagina 22) >>> Il rapporto tra i siciliani e la pasta merce veniva avvolta in grandi cos stretto che difcile decidere da fogli di carta grossa di colore dove cominciare a narrare di questo blu avion che in casa veniva conservata perch era ottima per incommensurabile amore. foderare gli stipetti della cucina Allora partiamo dallunit di misura e o il fondo degli armadi. dalle scorte. Lo spaghetto era il tipo pi Lunit di misura era il lemmo, una sorta usato in casa. La lunghezza era di zuppiera svasata il cui sottomultiplo era di mezzo metro, anzi il doppio, u limmicieddru che era comunque pi solo che erano ripiegati a U grande di un piatto cupputo. perch al pasticio venivano Trimestrale - Anno VIII n.1 Gennaio - Marzo 2006 Mar

20

LIsola
ELEZIONI DEL PARLAMENTO ITALIANO
ISTRUZIONI PER RESTITUIRE LE SCHEDE
RIPARTIZIONE EUROPA COMPRESI I TERRITORI ASIATICI DELLA FEDERAZIONE RUSSA E DELLA TURCHIA VOTO ALLESTERO PER POSTA

Trimestrale - Anno VIII n.1

Gennaio - Marzo 2006 Mar

www.laltrasicilia.org

21

Trimestrale - Anno VIII n.1

Gennaio - Marzo 2006 Mar

22

LIsola
Ritagli di un fumetto che fu (3)

Il Cavaliere Solitario
come Cavaliere Solitario. Tra i fumetti di genere western, stato quello che ha riscosso la maggiore popolarit e, il suo successo editoriale lo pone come precursore di tutti i personaggi western che dal dopoguerra hanno accompagnato diverse generazioni di lettori. Vi sintetizzo qui di seguito la fumettograa scorazzavano nella prateria. Il suo salvatore, lindiano Tonto, diverr il suo fedele e inseparabile compagno. Lone Ranger, nelle sue avventure per perseguitare gli avversari adoperava una pistola fornita di proiettili dargento e il suo cavallo, guarda caso, si chiamava Silver, cio Argento. Negli Stati Uniti la popolarit di questo eroe stata cos grande che il suo grido di guerra Hi-yo Silver away nellattaccare i fuorilegge, fu adottato persino dai marines nelle pi cruente battaglie della seconda guerra mondiale nel pacico. Nel 1948, con lapparizione nelle edicole di personaggi western made in Italy come Tex disegnato da Aurelio Galleppini, inizi un rapido declino del Cavaliere Solitario e le ultime pubblicazioni edite dalla Vallecchi e dalla Nerbini cessarono denitivamente verso la met del 1949. Oggi, il tempo trascorso e le poche pubblicazioni uscite nel periodo dal 1939 al 1949 (tenendo presente che nel corso della seconda guerra mondiale tutte le pubblicazioni, specie quelle di importazione dagli Stati Uniti erano state bloccate dalle autorit italiane) ne hanno fatto un punto di riferimento per il collezionismo del fumetto dannata. I prezzi gi alti nel recente passato, stanno lievitando notevolmente anno dopo anno considerandone anche la difcile reperibilit.

untuale al nostro appuntamento, vi racconto un personaggio forse poco conosciuto per la sua breve apparizione in Italia (1939 - 1940 e 1948 1949) ma che ritengo piuttosto importante per la storia del fumetto internazionale. Il Solitario della Foresta, Lone Ranger, creato nel 1933 da Francis H. Striker come

personaggio di una serie di trasmissioni radiofoniche (1934-1941), approd nel mondo del fumetto nel 1939 per opera del disegnatore Ed Kressy e successivamente da Charles Flanders. Pubblicato in Italia nello stesso anno (1939) dalla Editrice Nerbini, Lone Ranger venne ribattezzato in modi diversi: il Cavaliere Solitario, il Re della Prateria, Il Solitario della Foresta, ma rimane soprattutto noto >>> (segue da pag.19)

di questo protagonista. In una imprecisata localit del Texas, sei cow-boy caddero in un agguato teso loro dalla banda di Butch Cavendish e soltanto uno di loro, per lappunto Lone Ranger, riusc a salvarsi grazie allaiuto fornitogli da un indiano di nome Tonto. Questa sua triste esperienza lo porter a dedicare la sua esistenza a combattere e perseguitare i cattivi e i malfattori che La pasta rappresenta da sempre elemento irrinunciabile , non a caso il contadino in campagna. (se la loro abitazione non era molto distante) incaricava le glie piccole di portargli la pasta in un contenitore coperto da un piatto e avvolto nella mappina.

Edoardo Puglisi Il primo fascicolo (racconto completo) de Il Solitario della Foresta del 1 giugno 1940 edito dalla casa E.Nerbini di Firenze. - Formato 31 x 21,4 - pagine 12 - prezzo di copertina L.1. Ormai la pasta si mangia dappertutto,ma la sicurezza del suo futuro e abbondante consumo legato alla voglia dei siciliani che restano sempre fedeli alla tradizione e alla bont del grano mediterraneo. Mariano Carbonetti
(www.retesicilia.it)

La pasta e i siciliani
utilizzata nella ricetta delle lasagne cacate, un nome non bello per un eccellente piatto: sugo di carne di maiale stracotta (con cotenne) con laggiunta di ricotta fresca e parmigiano. Trimestrale - Anno VIII n.1

Gennaio - Marzo 2006 Mar

Vieni in Sicilia
www.laltrasicilia.org

Trimestrale - Anno VIII n.1

te ne innamorerai !

23

Gennaio - Marzo 2006 Mar

Calascibetta (Panorama) - foto di Angelo Savoca

24

Trimestrale - Anno VIII n.1

IMPORTAZIONE DIRETTA DALLITALIA

GARANZIA 5 ANNI

LIsola

388, Ch.e de Louvain 1030 Bruxelles

(Di fronte Pasticceria Giovanni)

Fratelli LO VERDE

Gennaio - Marzo 2006 Mar

Tl. 02 733 72 68 GSM 0475 63 28 86

action ! tre satisf Pour vo