Sei sulla pagina 1di 2

!

Maccarese e Fregene
Nella zona fra il fiume Arrone e
La bonifica di Ostia
Ostia era una zona molto abitata al tempo
Le bonifiche di
l’aeroporto Leonardo Da Vinci
il territorio di bonifica è rimasto quasi dell’antica Roma e sfruttata a causa della Roma
intatto, si nota dalla permanenza posizione strategica.
dell’impianto di canali di irrigazione e A partire da fine ‘800, dopo che i braccianti La storia della bonifica delle paludi
drenaggio, della vegetazione, romagnoli realizzarono i primi lavori di romane.
dell’agricoltura e del sistema insediativo.
bonifica, giunsero in questa zona persone
La città di Fregene ancora oggi è in via di
sviluppo, a Fregene è in atto la da tutta Italia.
tendenza all’accrescimento di edilizia Prima di questo evento il territorio era
residenziale. inabitabile e infettato dalla malaria.
Le costruzioni moderne sono tuttavia Questa bonifica fu realizzata con tecniche
molto diverse rispetto a quelle dei centri
mai utilizzate a Roma.
di bonifica e hanno un rischio maggiore
di alterare i caratteri paesaggistici. A Ostia questi lavori continuarono per
Sempre in queste zone c’è la coltivazione diversi anni, contribuendo al fenomeno
di colture orticole, che però inquina a della migrazione interna.
causa dell’utilizzo di fitofarmaci.

L’Infernetto
Nel 600 la zona dell’Infernetto non aveva
ancora questo nome, ma era suddivisa in 5
aree.
Dal 1985 venne denominata “Infernetto” per
la grande quantità di carbonaie che creavano
un ambiente simile all’inferno e un’altra
ipotesi rimanda ai boschi di farnia.
Durante il corso degli anni sono stati ritrovati
molti reperti storici, appartenenti ad antiche 3C Liceo Democrito Roma 2021/2022
strutture romane.
Storia della bonifica Riserva Litorale Romano Purtroppo per l’elevata fatica,
L’attività della bonifica, in principio, era Quando Roma divenne capitale d’Italia la le condizioni di vita pessime e la
portata avanti solo dai contadini, con lo campagna romana era composta da pochi presenza della Zanzara anofele molti
scopo di dissodare e piantare terre abitanti, dominata dalle rovine e dagli lavoratori morirono di malaria.
abbandonate.
stagni paludosi. Le acque venivano incanalate in
Alla fine del ‘800 e all’inizio del ‘900
prende realmente corpo il concetto della Essendo Roma la capitale era importante un sistema di canali che poi le
bonifica di un territorio, con lo scopo di che anche il suo circondario avesse una convogliava a mare. Grazie a questi
costruirci strade e abitazioni. buona sistemazione idraulica. impianti di sollevamento delle acque, le
Provarono vari metodi per bonificare paludi vennero prosciugate.
il territorio ma la maggior parte portarono
a un esito negativo provocando molti danni
finanziari.
Nel 1880 però viene approvato un progetto
di bonifica per Maccarese, Ostia, Campo
Salino e Isola Sacra.
Nelle bonifiche impiegati i braccianti roma-
gnoli. Essi erano divisi in due gruppi, i
“terrazzieri” e gli “scariolanti”.
La zona dell’Agro Romano ad esempio non La bonifica di Maccarese
ha sempre avuto l’aspetto attuale. La bonifica idraulica di Maccarese avvenne
Originariamente era un luogo selvaggio e
fra il 1884 e il 1925; prima di essa
inospitale, con terreni paludosi e
maleodoranti. il territorio era un sistema lagunare e
La bonifica dell’Agro Romano dunque, acquitrinoso usato principalmente per il
iniziata nell’ottocento, fu portata pascolo. Oggi invece la fascia costiera è
a termine a metà degli anni Venti del formata da dune litoranee.
Novecento, come la bonifica di Maccarese,
La bonifica è avvenuta tramite sistemi di
Ostia e successivamente dell’Infernetto.
Negli anni trenta del novecento, invece, canali che permisero al terreno di drenare
la bonifica si estese all’Agro Pontino l’acqua in eccesso.
e nella Pianura Padana.

Potrebbero piacerti anche