Sei sulla pagina 1di 114

Appunti di

Corsi
orsi di laurea in Diritto ed Economia e in Giurisprudenza

a cura della Dott. Bernardina Algieri

Hai suggerimenti per migliorare gli appunti? Scrivi a b.algieri@unical.it

Maggio--Giugno 20
Maggio 2010
10
Appunti di Analisi Macroeconomica

Indice

PREMESSA ................................................................................................................................................ 4

INTRODUZIONE ..................................................................................................................................... 4

CAPITOLO I ............................................................................................................................................. 5

PRODUZIONE & REDDITO.................................................................................................................. 5


1.1 Il Prodotto interno lordo ........................................................................................................... 5
1.2 Definizioni e metodi di misurazione del PIL............................................................................. 7
1.3 PIL reale versus PIL nominale ................................................................................................ 13
1.4 Il tasso di crescita del PIL ....................................................................................................... 15
1.5 Il deflatore del PIL................................................................................................................... 16
1.6 Perché i Paesi hanno diversi tassi di crescita economica?....................................................... 17
1.7 Critiche al PIL......................................................................................................................... 18
1.8 L’equilibrio nel mercato dei beni e servizi ............................................................................... 19
Per Esercitarsi ..................................................................................................................................... 22

CAPITOLO II.......................................................................................................................................... 26

IL MERCATO DEL LAVORO............................................................................................................... 26


2.1 La disoccupazione.................................................................................................................... 26
2.2 La disoccupazione naturale e la disoccupazione strutturale ................................................... 32
2.3 Domanda di lavoro.................................................................................................................. 38
2.4 Offerta di lavoro ...................................................................................................................... 40
2.5 L’equilibrio fra domanda e offerta di lavoro nel modello classico ............................................ 43
2.6 La Rendita nel mercato del lavoro concorrenziale................................................................... 44
2.7 La rendita nel mercato del lavoro regolamentato .................................................................... 48
2.8 L’equilibrio nel mercato del lavoro con salari di efficienza...................................................... 51
2.9 La legge di Okun ..................................................................................................................... 53
Per Esercitarsi ..................................................................................................................................... 57

CAPITOLO III ........................................................................................................................................ 64

IL TRADE OFF di BREVE PERIODO FRA INFLAZIONE E DISOCCUPAZIONE..................... 64


3.1 Introduzione............................................................................................................................ 64
3.2 La curva di Phillips nella sua versione semplice ..................................................................... 65
3.3 La curva di Phillips aumentata delle aspettative..................................................................... 66
3.4 Curva di Phillips di lungo periodo.......................................................................................... 68
3.5 Disinflazione e tasso di sacrificio ............................................................................................ 69
3.6 Inflazione “ core” e “headline” e gli obiettivi di inflazione ..................................................... 72
Per Esercitarsi ..................................................................................................................................... 73

2
Appunti di Analisi Macroeconomica

CAPITOLO IV ........................................................................................................................................ 74

IL MODELLO DI DOMANDA E OFFERTA AGGREGATA ........................................................... 74


4.1 Introduzione............................................................................................................................ 74
4.2 Offerta aggregata .................................................................................................................... 74
4.3 Domanda aggregata ................................................................................................................ 77
4.4 Equilibrio di mercato............................................................................................................... 78

CAPITOLO V.......................................................................................................................................... 80

IL MODELLO IS-LM-FE ....................................................................................................................... 80


5.1 Il modello macroeconomico IS-LM-FE.................................................................................... 80
5.2 La curva IS e la sua costruzione.............................................................................................. 83
5.3 La retta di pieno impiego FE e la sua costruzione ................................................................... 83
5.4 L’equilibrio sui mercati dei beni e del lavoro ......................................................................... 84
5.5 Fattori che spostano la curva IS e la FE................................................................................. 85
5.6 Il mercato della moneta .......................................................................................................... 87
5.7 L’equilibrio nel mercato della moneta e la costruzione della LM .......................................... 91
5.8 Fattori che spostano la curva LM ........................................................................................... 92
5.9 L’equilibrio generale nel modello IS-LM-FE.......................................................................... 94
5.10 La politica monetaria nel modello classico: il caso di una politica monetaria restrittiva...... 94
5.11 La politica fiscale nel modello classico: il caso di una politica fiscale espansiva ................. 95
5.12 Un caso di mix di politica economica: l’Unificazione tedesca ............................................... 96

CAPITOLO VI ........................................................................................................................................ 99

LA FINANZA PUBBLICA: DEBITO & DEFICIT............................................................................... 99


6.1 Il Bilancio pubblico: deficit e avanzi........................................................................................ 99
6.2 Differenza fra debito pubblico e deficit pubblico.................................................................... 101
6.3 Perché gli Stati si indebitano? .............................................................................................. 103
6.4 L’andamento del rapporto debito/PIL e deficit/PIL ............................................................... 103
6.5 Perché si deve ridurre il debito .............................................................................................. 110
6.6 Strumenti per ridurre un debito pubblico elevato ................................................................ 110
6.7 Un caso di iperinflazione e deficit pubblico: la Bolivia.......................................................... 111

Bibliografia ............................................................................................................................................ 114

3
Appunti di Analisi Macroeconomica

PREMESSA

Nella presente dispensa sono raccolti appunti di macroeconomia con l’intento di


rendere più agevole l’approccio allo studio di alcuni aspetti della disciplina; la raccolta
è solo un sussidio e non può in nessun modo sostituire i testi suggeriti per il corso.

INTRODUZIONE

La macroeconomia è quella parte dell’economia che si occupa dei grandi aggregati di


un sistema economico e delle relazioni che intercorrono fra essi. Fra i grandi temi
macroeconomici bisogna annoverare l’andamento del reddito e della produzione
nazionale, il livello dei prezzi, la dinamica dei consumi, l’occupazione e la
disoccupazione, la produttività e il debito pubblico. Attraverso lo studio di questa
disciplina è possibile rilevare, oltre che il nesso fra le diverse variabili che governano
un sistema economico, anche le condizioni che permettono al sistema stesso di
raggiungere l’equilibrio e individuare eventuali possibili strategie per mantenerlo o
crearne di nuovi, tutto ciò con l’obiettivo di raggiungere l’allocazione ottimale delle
risorse.

4
Appunti di Analisi Macroeconomica

CAPITOLO I

PRODUZIONE & REDDITO

1.1 Il Prodotto interno lordo

Una delle variabili macroeconomiche che rende in maniera più immediata


l’attività economica di un paese è il PIL, prodotto interno lordo. Il PIL è “interno” in
quanto comprende il valore dei beni e servizi prodotti all'interno in un paese,
indipendentemente dalla nazionalità di chi li produce. Il PIL è “lordo” perché include
gli ammortamenti (cioè la misura del deprezzamento dello stock di capitale). Se
vengono esclusi gli ammortamenti cioè si tiene conto del deprezzamento, si parla di
prodotto interno netto (PIN). In breve PIN=PIL-ammortamenti.

Il PIL può essere riferito all’intero sistema economico, si parla di PIL


complessivo, oppure può essere riferito ai singoli individui, in questo caso si parla di
PIL in termini pro-capite (questo è calcolato dividendo il PIL per il numero di
abitanti). Il PIL complessivo esprime la misura della ricchezza nazionale, il PIL pro-
capite misura, invece, la ricchezza individuale e permette di quantificare il tenore di
vita1 di un dato paese. Se il PIL complessivo cresce a un tasso superiore a quello della
popolazione, il tenore di vita del paese (e quindi il PIL pro-capite) registra un
miglioramento, e viceversa.

Per confrontare i tenori di vita tra i diversi paesi, si può pensare di convertire il PIL pro
capite in un’unica valuta, per esempio esprimere tutto in dollari statunitensi. In altri
termini significherebbe utilizzare i tassi di cambio correnti per esprimere tutto in una
valuta internazionale come ad esempio il dollaro americano e poi procedere alla
comparazione. Questo metodo, tuttavia, non tiene conto delle differenze del costo della
vita nei vari paesi, (ad esempio il prezzo di un’abitazione di uguali caratteristiche non è
lo stesso fra i diversi paesi, così il prezzo per un taglio di capelli in India è molto
differente da quelli registrati in Italia o in Ingliterra) per cui molti economisti ritengono
opportuno tener conto dei prezzi interni di ciascun paese, quando ciò viene fatto il PIL

1
Accanto al semplice PIL pro-capite, un altro importante indicatore del tenore di vita di un Paese è
l’Indice di sviluppo umano (ISU), che è stato proposto per la prima volta nel 1990 dal Programma
delle nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP). L’indice si costruisce considerando il PIL pro capite,
l’alfabetizzazione della popolazione adulta e la durata media della vita.

5
Appunti di Analisi Macroeconomica

pro capite si dice che viene espresso in termini di parità dei poteri d’acquisto, o
semplicemente PIL alla PPP (“purchasing power parity”). I calcoli basati sulla PPP
sono misure più ragionevoli che cercano di trasformare una valuta in un’altra a un
tasso che preservi il potere d’acquisto medio e quindi tenga conto anche dell’inflazione.
La parità dei poteri d’acquisto, in altri termini, è un indicatore che elimina le
differenze fra Paesi nel livello generale dei prezzi permettendo confronti in volume del
Prodotto interno lordo. Il PIL pro capite alla PPP dà quindi una valutazione del tenore
di vita di un paese più rappresentativa rispetto al semplice PIL pro capite ai tassi di
cambio corrente. In base a dati relativi al 2007, il PIL pro capite italiano alla PPP è di
30.365 dollari statunitensi, quello del Giappone di 35.484,30, quello statunitense di
45.725. Le significative differenze di reddito fra le economie mondiali riflettono
differenze di produttività (efficienza), quest’ultima è definita come il rapporto fra la
produzione o PIL e il numero di lavoratori occupati. Nella seguente tabella è riportato
un confronto del reddito pro-capite lordo valutato alla parità dei poteri d’acquisto per i
27 Paesi dell’Unione Europea.

Fonte: ISTAT, 2009

Box 1. Esempio, parità dei poteri di acquisto

«PPP, chi era costui?», avrebbe detto don Abbondio. Ma ai suoi tempi le parità di potere
d'acquisto non esistevano. O, per meglio dire, avevano un'esistenza virtuale, nel senso che la
realtà statistica esisteva, e sarebbe stato anche interessante indagarla, quando l'Italia era divisa
in vari Stati con varie monete. Allora, che cos'è la PPP? Il concetto è semplice. Supponiamo di
dover confrontare lo stipendio di due postini, uno che vive a Milano e uno che vive a Matera.
Lo stipendio è eguale, ma i prezzi a Milano sono più alti che a Matera. Quindi lo stipendio del
postino lucano ha più potere d'acquisto di quello del postino milanese. Insomma, quando si
confrontano due quantità monetarie bisogna tenere conto di quello che si può comprare con
quei soldi, indipendentemente dal livello nominale dei redditi. Lo stesso principio vale per il
confronto fra i redditi medi – Pil pro-capite – di due diversi Paesi. Traducendo la moneta del
Botswana in euro, si vede che i redditi medi di quel Paese povero sono, mettiamo, un ventesimo
di quelli della Germania. Vuol dire che anche il potere d'acquisto degli abitanti del Botswana è
un ventesimo di quello dei tedeschi? No, perché in quel Paese africano la roba costa di meno.
Quindi, per fare un vero confronto bisogna adottare un particolare tasso di cambio, diverso da
quello di mercato: un cambio che prenda in conto la diversità del livello dei prezzi nei diversi
Paesi. Per fare questo bisogna rilevare i prezzi in moneta locale nei diversi Paesi e usare poi le

6
Appunti di Analisi Macroeconomica

quattro operazioni per calcolare questi particolari tassi di cambio: appunto, le parità di potere
d'acquisto. Glossario Sole24ore

1.2 Definizioni e metodi di misurazione del PIL

Esistono quattro modi equivalenti di definire e misurare il Pil di una economia:


1. Il PIL è il valore di mercato di tutti i beni e servizi finali nuovi prodotti in un
paese in un dato periodo di tempo generalmente l’anno o il trimestre (metodo del
prodotto)
2. Il PIL è la somma del valore aggiunto in una economia in un dato periodo di
tempo (metodo del valore aggiunto)
3. Il PIL è la somma dei redditi dell’economia in un dato periodo di tempo
(metodo del reddito)
4. 3. Il PIL è la somma della spesa aggregata dell’economia in un dato periodo di
tempo (metodo della spesa).

Il metodo del prodotto

Si analizzi la prima definizione: “Il PIL è il valore di mercato di tutti i beni e


servizi finali nuovi prodotti in un paese in un dato periodo di tempo”.
Per valore di mercato si intende il valore dei beni e i servizi misurato ai prezzi di
mercato, cioè ai prezzi a cui i prodotti vengono venduti sui mercati. Il vantaggio di
utilizzare il valore di mercato è che esso permette di sommare beni e servizi eterogenei.
Si immagini di voler misurare il prodotto di una economia che produce 3.000 scooter e
10.000 panini, i cui prezzi medi sono 2.000 euro per ogni scooter e 1 euro a panino il
valore del PIL ammonta a:

3.000*2.000 + 10.000*1=6.010.000 euro

Ossia il PIL è il risultato della somma del prodotto fra il prezzo dei beni e servizi
(P), e la quantità di essi scambiata (Q).

Il PIL include beni e servizi nuovi, vale a dire prodotti nel periodo considerato, e
finali, ossia quelli ottenuti nella fase terminale del processo produttivo. Le brioches
vendute da un bar sono beni finali, e vengono contabilizzati nel PIL, la farina, il lievito
e il burro impiegati per fare le brioches sono beni intermedi e per questo non inclusi
nel calcolo del PIL.

Box 2. Esempio, beni finali & beni intermedi

Si supponga che un allevatore di bovini venda una mozzarella a “Pizza Hut” per 1 euro e
che questa venda una pizza a 4 euro. Il computo del PIL dovrebbe includere sia la mozzarella
che la pizza per un totale di 5 euro o solo la pizza per 4 euro? Nel calcolo del PIL secondo il
metodo del prodotto vengono inclusi solo i beni e servizi finali, quindi viene considerata
esclusivamente la pizza e non la mozzarella: il PIL aumenta di 4 euro e non di 5 euro, perché il
valore del bene intermedio è già compreso nel prezzo di mercato del bene finale che ha
concorso a produrre. Aggiungere il valore del bene intermedio a quello finale significherebbe
effettuare una doppia contabilizzazione, cioè calcolare due volte il valore della mozzarella.

7
Appunti di Analisi Macroeconomica

I beni e servizi devono essere prodotti all’interno del paese per essere
contabilizzati nel PIL di quel paese. Il PIL italiano misura tutto ciò che è prodotto in
Italia, sia da italiani che da soggetti stranieri. Dal PIL italiano viene invece, escluso
quello che è prodotto da soggetti italiani all’ estero.

Ad esempio mentre il valore di mercato dei servizi venduti dal Club Med
(multinazionale francese) in Italia rientra nel calcolo del PIL italiano, il valore di
mercato dei beni prodotti da un italiano che ha una pasticceria in Francia, viene
contabilizzato nel PIL francese.

Accanto al PIL esiste un’altra variabile che permette di misurare la ricchezza


nazionale e che viene adottata dal sistema di contabilità nazionale dei paesi dell’ONU,
il Prodotto Nazionale Lordo (PNL). Il PNL valuta la ricchezza di un Paese (ad esempio
l’Italia) prendendo in considerazione la produzione realizzata dai cittadini di quel
Paese (gli italiani), indipendentemente dal fatto che essi si trovino nel Paese o all’estero
(nel caso dell’Italia è quindi il valore della produzione degli italiani). Nell’esempio
precedente, il valore di mercato dei gelati di un produttore italiano che ha una
pasticceria in Francia viene contabilizzato sia nel PNL italiano che nel PIL francese.

Si ribadisce che, bisogna valutare il PIL in un determinato arco temporale.

Il metodo del valore aggiunto

Secondo il metodo del valore aggiunto, il PIL è la somma dei valori aggiunti in
tutti gli stadi di produzione in una economia in un dato arco temporale. Il valore
aggiunto non è altro che il valore del prodotto finale meno il valore dei beni intermedi
utilizzati per produrlo.
Si riprenda l’esempio dell’allevatore di bovini che vende una mozzarella a “Pizza
Hut” per 1 euro e che quest’ultima venda la pizza prodotta a 4 euro. Nel caso della
mozzarella il valore aggiunto dell’allevatore è di 1 euro, supponendo che non abbia
acquistato alcun bene intermedio per produrla. Il valore aggiunto di “Pizza Hut” è di 3
euro (4 euro-1 euro). Il valore aggiunto totale è pari a 4 euro (ossia 1 euro + 3 euro).

Il metodo del reddito

Il PIL è dato dalla sommatoria di tutti i redditi generati nell’economia in un anno,


esso include:
i redditi da lavoro
i redditi da capitale o profitto
le imposte indirette

I redditi da lavoro sono i salari pagati ai lavoratori dipendenti; i redditi da


capitale o profitto sono quelli che rimangono alle imprese dopo avere pagato i
lavoratori; le imposte indirette sono quelle pagate al governo sotto forma di imposte
sulle vendite.

8
Appunti di Analisi Macroeconomica

Il metodo della spesa

Secondo il metodo della spesa il PIL (Y) o prodotto o reddito o offerta aggregata,
si compone di quattro elementi:

Y = C+I+G+NX (1)

dove C=consumi, I=investimenti, G=spesa pubblica, NX=esportazioni nette. La


sommatoria, C+I+G+NX rappresenta appunto la spesa aggregata. Si analizzino nel
dettaglio ciascuna delle componenti della spesa.

I Consumi

I consumi delle famiglie (C), rappresentano la spesa in beni e servizi finali,


dall’abbigliamento alle lezioni di tennis, effettuati sul territorio italiano. I beni e servizi
consumati possono essere stati prodotti nel paese o importati. Nei consumi italiani
sono inclusi anche i consumi dei turisti stranieri in Italia, mentre sono escluse le spese
per turismo all’estero degli italiani.

Il consumo è la componente più rilevante del PIL e in Italia contribuisce con più
del 60% alla sua formazione. Si possono individuare quattro tipologie di consumo:

1) beni durevoli, destinati ad un uso prolungato nel tempo, come ad


esempio automobili, mobili, televisioni;

2) beni semidurevoli, aventi di solito una durata media superiore all’anno,


ma di gran lunga inferiore a quella dei beni durevoli. Appartengono a
questo gruppo il vestiario e le calzature, la biancheria e gli pneumatici;

3) beni non durevoli, acquistati e consumati nel periodo di riferimento,


come generi alimentari, medicinali;

4) servizi come ad esempio i servizi finanziari, le spese per alberghi e


ristoranti.

Il reddito disponibile (che si indica con YD) è il fattore principale da cui dipendono le
decisioni di consumo degli individui. Esso è il reddito dopo avere pagato le imposte T,
per cui risulta in termini analitici, YD=Y-T. È possibile assumere che la forma
funzionale della relazione tra il consumo e il reddito disponibile sia lineare:

C = C + c ⋅ YD con C > 0 0 < c < 1 (2)

dove C è il consumo, C è la componente autonoma dei consumi2, YD il reddito


disponibile e c è la propensione marginale al consumo, ossia evidenzia di quanto varia

2
Una grandezza è detta “autonoma” quando non dipende dal reddito.

9
Appunti di Analisi Macroeconomica

il consumo in seguito ad una variazione unitaria di reddito. c rappresenta graficamente


l’inclinazione della funzione di consumo. La propensione marginale al consumo è
compresa fra 0 e 1, in quanto gli individui tendono ad aumentare i propri consumi
all’aumentare del reddito, ma non nella stessa misura in cui il reddito aumenta. Se un
soggetto guadagna un euro in più, normalmente ne consuma una parte e ne risparmia
la parte restante. L’equazione (2) è la funzione consumo di matrice keynesiana, ed
evidenzia la relazione positiva che sussiste fra consumo e reddito disponibile, ossia al
crescere di quest’ultimo i consumi aumentano, e viceversa. In un piano cartesiano la
funzione di consumo può essere rappresentata così:

Figura 1 La funzione consumo keynesiana

Funzione consumo, C = C + c ⋅ Y
c

Y reddito

Gli Investimenti

La componente “I” nella precedente relazione (1) rappresenta gli investimenti, questi si
distinguono in investimenti fissi delle imprese (ad esempio impianti, attrezzature e
fabbricati), investimenti residenziali (ad esempio immobili abitativi) e investimenti in
scorte, ossia beni rimasti invenduti. Generalmente per acquistare beni di investimento
le imprese prendono denaro in prestito. Maggiore è il tasso di interesse su tali prestiti,
minori sono i profitti che le imprese si aspettano di realizzare perciò minori sono i
capitali destinati all’acquisto di nuovi macchinari e fabbricati, e quindi inferiore sarà la
disponibilità a prendere a prestito per fare investimenti. Viceversa, in presenza di tassi
di interessi più bassi le imprese saranno maggiormente disposte ad investire.

Gli investimenti e il tasso di interesse

La funzione della spesa per investimenti (I) può essere espressa dalla seguente
relazione:

I = I −b⋅i b>0 (3)

dove la variabile i rappresenta il tasso di interesse, il coefficiente b misura la


sensibilità degli investimenti al tasso di interesse e la variabile Ī indica la spesa
autonoma in investimenti, ossia quella che non dipende né dal livello del reddito né
dal tasso di interesse. L’equazione (3) indica che quanto minore è il tasso di interesse,

10
Appunti di Analisi Macroeconomica

tanto maggiore è l’investimento; se il coefficiente b è grande, un aumento relativamente


modesto del tasso di interesse provoca una riduzione notevole della spesa in
investimenti.

La Figura 2, rappresentazione della curva di investimento espressa dall’equazione


(3), indica l’ammontare della spesa che le imprese programmano di destinare agli
investimenti in corrispondenza di ogni livello del tasso di interesse. La curva ha
pendenza negativa, a conferma dell’ipotesi secondo la quale una riduzione del tasso di
interesse porta le imprese a investire di più.

Figura 2 La curva di domanda per investimento

I, investimento

Bisogna notare che il tasso di interesse può essere nominale o reale: il tasso di interesse
nominale, si indica con i , include l’inflazione (π); il tasso di interesse reale si indica con
r ed è corretto per l’inflazione, per cui in termini analitici quest’ultimo è pari a r =i-π.
L’andamento del tasso di interesse in termini reali e nominali sui BOT a tre mesi in
Italia è riportato in Figura 3. Il confronto rende evidente il livello di inflazione.

Figura 3 Andamento dei tassi di interesse sui BOT a tre mesi.

Fonte: Istat, 2008

11
Appunti di Analisi Macroeconomica

Nella contabilità nazionale vengono inclusi esclusivamente gli investimenti in capitale


fisso (macchinari e infrastrutture), investimenti residenziali e scorte non vengono
considerati gli investimenti intangibili, ossia gli investimenti in R&D (research &
development), in software, in educazione, e le spese sostenute dalle imprese per
riorganizzare la produzione, migliorare un prodotto, portarlo sul mercato e
consolidarne la reputazione. Gli investimenti intangibili sono quella componente degli
investimenti che permette di accrescere il capitale umano. Studi economici recenti per
gli Stati Uniti e il Regno Unito indicano che da circa dieci anni l’accumulazione di
capitale “intangibile” ha superato o raggiunto per dimensioni gli investimenti in
capitale fisso. Si stima che essi abbiano superato il 10% del PIL, per cui le statistiche
ufficiali tenderebbero a sottostimare il quadro aggregato (il livello del reddito e il suo
tasso di crescita). È probabile che il peso degli investimenti intangibili sia cresciuto nel
tempo, insieme alla terziarizzazione delle economie avanzate. Quanto sono rilevanti gli
investimenti intangibili in Italia? Le stime non appaiono attendibili. Sembra tuttavia
che questi siano meno significativi nel nostro Paese rispetto ad altre economie.
Sommando spesa in R&D, software, istruzione avanzata in percentuale del reddito
nazionale, l’Italia è in fondo alla classifica dei Paesi OCSE, poco davanti al Portogallo e
Grecia (Tabellini, il Sole 24 ore, 6-5-2007).

La Spesa Pubblica

G esprime la spesa pubblica o consumi collettivi, ossia l’acquisto di beni e servizi


da parte dello Stato e degli Enti pubblici. In questa voce rientrano, quindi, i consumi
delle Amministrazioni pubbliche (dalla manutenzione delle strade agli stipendi dei
dipendenti pubblici) e delle Istituzioni sociali private (es. sindacati, partiti politici,
associazioni religiose). La voce principale di spesa pubblica italiana è costituita della
sanità, seguono la previdenza e le retribuzioni ai dipendenti pubblici.

Le Esportazioni Nette

NX sono le esportazioni nette (o saldo commerciale) ossia la differenza fra


esportazioni ed importazioni (E-M). Le esportazioni sono i beni e servizi prodotti in un
paese e venduti all’estero. Le importazioni sono i beni e servizi che un paese compra
dall’estero.

Se si verifica che le esportazioni superano le importazioni l’economia presenta un


avanzo commerciale. Viceversa se sono le importazioni a superare le esportazioni si è
di fronte a un disavanzo commerciale.

Il PIL misurato secondo i quattro metodi, ossia il metodo del prodotto, il metodo del
valore aggiunto, il metodo della spesa e il metodo del reddito deve coincidere. In altre
parole, a meno di problemi di completezza o errori nella trascrizione dei dati, i metodi
forniscono un’identica misura del livello dell’attività economica. Proprio per questo,
deve essere vero che in ogni specifico periodo di tempo,

prodotto totale=valore aggiunto totale=reddito totale=spesa totale (4)

dove prodotto, valore aggiunto, reddito e spesa sono misurati in termini monetari.
L’equazione 4 è detta identità fondamentale di contabilità nazionale.

12
Appunti di Analisi Macroeconomica

Nella seguente tabella si riportano le componenti del PIL italiano.


Le componenti del PIL in Italia nel 2009, contributi %

Consumi 60,9%

Spesa delle P.A. 21,8%

Investimenti fissi lordi 19,2%

Esportazioni nette -1,9%

PIL 100%

Fonte: Banca d’Italia, 2010

1.3 PIL reale versus PIL nominale

Come ogni variabile economica, il PIL può essere misurato in termini reali o
termini nominali. Il PIL nominale è il prodotto interno lordo a prezzi correnti, ossia
esso descrive l’andamento della produzione includendo sia le variazioni delle quantità
prodotte, sia le variazioni dei prezzi dei beni prodotti. Il PIL reale è calcolato a prezzi
costanti, ossia esso esprime l’andamento della produzione di beni e servizi frutto solo
delle variazioni delle quantità. Il PIL reale è quindi depurato dagli effetti delle
variazioni di prezzo (o inflazione). È una grandezza più significativa rispetto al PIL
nominale, perché esso misura la produzione in termini di effettivo potere d’acquisto
della collettività e valuta quindi, il benessere economico di un paese.

Secondo i dati ISTAT, nel 2006 il PIL reale dell’area Euro3 è stato pari a 13.000
miliardi di euro, i Paesi che hanno maggiormente contribuito alla sua formazione sono
stati, la Germania, la Francia, l’Italia e la Spagna (Figura 4).

3
L’Area euro dal 1° gennaio 2001 è costituita da Austria, Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Grecia,
Irlanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo e Spagna. Si aggiungono dal 1° gennaio 2007 la
Slovenia, dal 1° gennaio 2008 Cipro e Malta, dal 1° gennaio 2009 la Slovacchia. L’Unione europea è
costituita da 27 Paesi, i 16 dell’area euro e Bulgaria, Danimarca, Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia,
Regno Unito,Repubblica Ceca, Romania, Svezia e Ungheria.

13
Appunti di Analisi Macroeconomica

Figura 4 Contributi % dei Paesi alla formazione del PIL dell’area Euro, 2006

Francia
16%

Altri paesi
42%

Germania
20%

Spagna Italia
9% 13%

Fonte: ISTAT, 2008.

Per passare dal PIL nominale al PIL reale è necessario eliminare gli effetti dei
prezzi sulla produzione, ciò si fa selezionando un anno base, ossia un anno di
riferimento, e utilizzando poi i prezzi di quell’anno per valutare la produzione di beni
e servizi in altri periodi.

A titolo di esempio, si consideri un paese che produce quattro beni: pane, latte,
mele e barrette di cioccolata. Nella tabella sono riportate le quantità prodotte di ciascun
bene e i relativi prezzi nell’anno 1 e nell’anno 2. Supponendo l’anno 1 come anno base,
è possibile trovare il PIL nominale e reale nei due periodi.

Anno 1 Anno 2
quantità prezzo (euro/kg) quantità prezzo (euro/kg)
pane 100 1,20 pane 108 1,50
latte 80 1,30 latte 85 1,70
mele 120 0,90 mele 130 1,20
cioccolata 76 0,50 cioccolata 85 1,00

Il PIL nominale nell’anno 1 è 370 euro, ossia


100 *1,20 + 80 *1,30 + 120 * 0,90 + 76 * 0,50 = 370

Il PIL nominale nell’anno 2 è 547,50 euro, ossia


108 *1,50 + 85 *1,70 + 130 *1,20 + 85 *1,00 = 547,50

Il PIL reale nell’anno 1 è uguale al PIL nominale dell’anno 1, ossia


100 *1,20 + 80 *1,30 + 120 * 0,90 + 76 * 0,50 = 370

Il PIL reale nell’anno 2 è 399,60 euro, ossia


108 *1,20 + 85 *1,30 + 130 * 0,90 + 85 * 0,50 = 399,60

Dal confronto si rileva che il PIL reale nell’anno 2 è minore del PIL nominale
relativo allo stesso anno, questo perchè il PIL reale è privato dell’inflazione. Si

14
Appunti di Analisi Macroeconomica

ricava inoltre che nel passaggio dall’anno 1 all’anno 2 il PIL reale è aumentato:
l’economia presenta una crescita di produzione.

1.4 Il tasso di crescita del PIL

Quando si sente parlare ad esempio di aumenti del PIL dell’ 1,5% fra il 2003 e il 2004,
oppure si registra fra il primo e secondo trimestre del 2010 una contrazione dello 0,6%,
si sta argomentando di tassi di variazione o tassi di crescita (in positivo o negativo) del
prodotto interno lordo. L’utilizzo dei tassi di crescita è piuttosto efficace perché
permette di confrontare, in maniera immediata, l’attività economica di un paese in
momenti di tempo diversi. In termini analitici si ha:

Yt − Yt −1
Tasso di var iazione % = ⋅ 100
Yt −1

Il tasso di variazione percentuale può essere espresso in termini nominali e reali.


Il tasso di crescita o tasso di variazione nominale indica di quanto è cresciuto o
diminuito in termini nominali il PIL dal periodo t-1 al periodo t.

Il tasso di crescita o tasso di variazione reale denota di quanto è variato in termini


reali il PIL nell’arco temporale t-1, t.

La differenza tra i due tassi di crescita si spiega con la variazione nei prezzi intervenuta
tra i periodi considerati.

Qui di seguito si riporta il tasso di crescita reale del PIL italiano negli ultimi anni e le
previsioni per il 2010 e 2011.

Figura 5 Variazione % del PIL reale italiano.


3

2 2
1.5 1.6
1 1.1
0.7 0.8
0 0
2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011
-1 -1

-2

-3

-4

-5 -5.1
-6
Valori in %.
Fonte: IMF, WEO Aprile 2010. Previsioni per il 2010-2011

Si nota che il nostro Paese è stato colpito da una severa recessione fra il 2008 e la metà
del 2009. Nel primo semestre 2009 il prodotto interno lordo italiano ha segnato una
contrazione del 5,1 per cento, la più marcata del dopoguerra. Nel secondo semestre si è
avviata una moderata ripresa, soprattutto a seguito del graduale miglioramento delle
esportazioni (Banca d’Italia, 2010). Secondo le stime del Fondo Monetario

15
Appunti di Analisi Macroeconomica

Internazionale l’economia italiana faticherà a riprendersi dalla crisi e il PIL reale


crescerà dello 0,8% nel 2010 e solo nel 2011 salirà all’1,1%.

1.5 Il deflatore del PIL

Basandosi sulla doppia rilevazione a prezzi correnti e a prezzi costanti si può calcolare
un indice particolare, il deflatore del PIL. Esso è un indicatore dell’inflazione in quanto
evidenzia in che misura i prezzi aumentano. Il deflatore del PIL è dato dal rapporto fra
PIL nominale e PIL reale riferiti ad uno stesso anno. L’indice espresso in termini
percentuali è:

PIL nominale
Deflatore del PIL = ⋅ 100
PIL reale

Nell’esempio precedente il deflatore del PIL nell’anno 2 è pari a:

547,5
Deflatore del PIL anno 2 = ⋅ 100 = 137%
399,6

Essendo il deflatore del PIL nell’anno 1 pari a 100


370
( Deflatore del PILanno 1 = ⋅ 100 = 100% ) si può dire che fra l’anno 1 e l’anno 2 i prezzi
370
sono aumentati del 37%.

Il Deflatore viene utilizzato per deflazionare il PIL, cioè per depurare il PIL
dall’inflazione, infatti vale anche:

PIL nominale
PIL reale = ⋅ 100
Deflatore del PIL

PIL nominale e reale (in miliardi di euro) e Deflatore del PIL in Italia

AGGREGATI 2005 2006 2007 2008

Prodotto interno lordo ai prezzi correnti 1.423 1.486 1.545 1.572

var % 2,4 4,4 3,9 1,7

Prodotto interno lordo a prezzi costanti (anno 1.245 1.270 1.290 1.277
2000)
var % 0,1 2,0 1,6 -1,0

Deflatore PIL 114 117 120 123


var % 1,8 2,6 2,6 2,5
Fonte: ISTAT, L’Italia in cifre, 2009

16
Appunti di Analisi Macroeconomica

1.6 Perché i Paesi hanno diversi tassi di crescita economica?

Il livello del PIL e la crescita economica di un paese sono strettamente correlati alla
capacità produttiva del sistema economico del paese stesso. In altre parole, il tenore di
vita di una economia dipende dalla sua capacità di produrre beni e servizi. Più i paesi
sono produttivi, più sperimentano elevati tassi di sviluppo e ricchezza economica.
Produttività e crescita sono quindi strettamente legate.

Per produttività si intende la quantità di beni e servizi che un lavoratore può produrre in
un’unità di tempo.

La produttività dipende dalle seguenti determinanti:

capitale fisico: disponibilità di attrezzature e di strutture che vengono


utilizzate per produrre beni e servizi;
capitale umano: conoscenze e abilità che il lavoratore acquisisce attraverso
l’istruzione, l’addestramento e l’esperienza professionale. Specificatamente si
designa col termine di ‘capitale umano' la popolazione in età lavorativa di un
Paese e il complesso del "saper fare" (istruzione, abilità, formazione)
incorporato nei lavoratori. A differenza del capitale fisico, il capitale umano è
intangibile, ma non meno reale. Le moderne teorie dello sviluppo mettono
ormai l'accento sul capitale umano come fattore essenziale dello sviluppo,
man mano che il sistema economico si inoltra nell'"economia della
conoscenza". Risorse naturali e trasformazione grezza sono molto meno
importanti di prima (malgrado i vantaggi che oggi affluiscono ai Paesi
produttori di petrolio e altre materie prime) e i vantaggi comparati oggi
risiedono soprattutto nella qualità e nella quantità del human capital. Sistema
educativo, formazione sul luogo di lavoro, ricerca e sviluppo, e
riaddestramento di quanti sono costretti a passare da settori in declino a
settori in espansione sono i principali strumenti per il miglioramento del
capitale umano.
risorse naturali: i fattori della produzione di beni e servizi che vengono forniti
dalla natura, quali terra, fiumi, giacimenti minerari;
conoscenze tecnologiche: l’insieme di conoscenze di cui la società dispone
sulle modalità di produzione di beni e servizi.

I governi dei paesi possono intervenire per aumentare la produttività del proprio
sistema economico cercando di agire sulle determinanti della produttività. In
particolare, attraverso:

l’accumulazione del capitale: stimolando gli investimenti e la propensione al


risparmio;
l’accumulazione del capitale estero: stimolando gli investimenti esteri diretti
e gli investimenti esteri di portafoglio;
l’istruzione: provvedendo ad un buon sistema scolastico e incoraggiando la
popolazione ad utilizzarlo proficuamente;
i diritti di proprietà: proteggendo la possibilità da parte degli individui di
esercitare la potestà sulle risorse che loro appartengono;
la stabilità politica: garantendo un sistema giudiziario efficiente, stabile e non
corrotto;

17
Appunti di Analisi Macroeconomica

il libero scambio: favorendo la libera commercializzazione dei beni e dei


servizi;
la ricerca e lo sviluppo: promuovendo la ricerca tesa anche a favorire il
progresso in campo tecnologico.

1.7 Critiche al PIL

Tra gli indicatori economici più contestati vi è senz’altro il Prodotto Interno


Lordo. Il Pil fu l´unità di misura utilizzata per uscire dalla Grande Depressione del ‘29,
in un periodo in cui la produzione di acciaio veniva considerata un indicatore
universale di buona salute economica di un Paese. Il PIL risulta tuttavia un misuratore
impreciso in quanto, per esempio, mette all´attivo anche gli esborsi monetari per
riparare le catastrofi derivanti dal malgoverno del territorio o vede in un terremoto che
distrugge una città un arricchimento collettivo. Già nel lontano marzo del 1968 Robert
Kennedy pronunciava, presso l'Università del Kansas, un discorso nel quale
evidenziava -tra l'altro- l'inadeguatezza del PIL come indicatore del benessere delle
nazioni economicamente sviluppate. Tre mesi dopo veniva ucciso durante la sua
campagna elettorale che lo avrebbe probabilmente portato a divenire Presidente degli
Stati Uniti d'America.

“Non troveremo mai un fine per la nazione né una nostra personale soddisfazione nel
mero perseguimento del benessere economico, nell'ammassare senza fine beni terreni.
Non possiamo misurare lo spirito nazionale sulla base dell'indice Dow-Jones, nè i
successi del paese sulla base del Prodotto Interno Lordo. Il PIL comprende anche
l'inquinamento dell'aria e la pubblicità delle sigarette, e le ambulanze per sgombrare
le nostre autostrade dalle carneficine dei fine-settimana. Il PIL mette nel conto le
serrature speciali per le nostre porte di casa, e le prigioni per coloro che cercano di
forzarle. Comprende programmi televisivi che valorizzano la violenza per vendere
prodotti violenti ai nostri bambini. Cresce con la produzione di napalm, missili e
testate nucleari, comprende anche la ricerca per migliorare la disseminazione della
peste bubbonica, si accresce con gli equipaggiamenti che la polizia usa per sedare le
rivolte, e non fa che aumentare quando sulle loro ceneri si ricostruiscono i bassifondi
popolari.
Il PIL non tiene conto della salute delle nostre famiglie, della qualità della loro
educazione o della gioia dei loro momenti di svago. Non comprende la bellezza della
nostra poesia o la solidità dei valori familiari, l'intelligenza del nostro dibattere o
l'onestà dei nostri pubblici dipendenti. Non tiene conto né della giustizia nei nostri
tribunali, né dell'equità nei rapporti fra di noi.
Il PIL non misura né la nostra arguzia né il nostro coraggio, né la nostra saggezza né
la nostra conoscenza, né la nostra compassione né la devozione al nostro paese.
Misura tutto, in breve, eccetto ciò che rende la vita veramente degna di essere
vissuta.
Può dirci tutto sull'America, ma non se possiamo essere orgogliosi di essere
americani.”(Robert Kennedy).

Da tempo gli economisti cercano un’alternativa al PIL. Il dibattito ha fruttato una ricca
letteratura economica e si è ampliato con il diffondersi di movimenti no e new global a
cavallo del 2000. Le proposte lanciate sono state molte. L’unica alternativa che ha avuto
un vero successo è l’Indice di Sviluppo Umano che prende in considerazione la
speranza di vita, l’educazione e il Pil e che viene calcolato annualmente dalle Nazioni

18
Appunti di Analisi Macroeconomica

Unite. Nel gennaio 2008, il presidente francese Nicolas Sarkozy incaricò una
commissione, composta da una trentina di economisti di rilevanza mondiale e
presieduta dai premi Nobel Joe Stiglitz e Amartya Sen, di studiare e proporre
alternative al Pil. Il lungo rapporto conclusivo è stato presentato nel settembre 2009. Il
risultato è deludente per coloro che si aspettavano un nuovo indicatore sintetico che
sostituisse completamente il Pil. Le attese erano forse eccessive: ci si aspettava una
nuova misura semplice e diretta come il Pil ma allo stesso tempo più complessa, per
cogliere i tanti aspetti – prodotti e non prodotti – che influenzano il nostro benessere.
La commissione ha, invece, dato dodici raccomandazioni piuttosto generali: il
benessere materiale deve essere valutato al livello di nucleo familiare, tenendo in
considerazione il reddito e il consumo e non tanto la produzione come accade ora con
il Pil. Si deve dare una maggiore enfasi alla distribuzione del reddito, del consumo e
della ricchezza: un aumento medio non corrisponde per forza a un aumento per tutti,
come Trilussa già notava a inizio Novecento. La commissione chiede, inoltre, di
estendere la misura ad attività non di mercato. Questo punto riguarda il calcolo delle
attività e servizi in famiglia, per esempio la cura degli ammalati e degli anziani, un
tema sempre più di attualità. Raccomanda, inoltre, di prendere in considerazione la
multidimensionalità della misura del benessere che tocca le condizioni economiche ma
anche l’educazione, la salute, la qualità della democrazia, le reti sociali, l’ambiente, la
sicurezza. Una gran parte del rapporto si occupa poi delle questioni di sostenibilità
ambientale per misurare la crescita al netto della distruzione di risorse e i rischi del
cambiamento climatico.

La fondazione Symbola sta mettendo a punto un metodo che fotografa lo stato di


salute reale dell'economia estraendo dal Pil la sua essenza della qualità. Si tratta di un
indicatore integrativo denominato Prodotto Interno di Qualità (PIQ). Il PIQ si
configura come uno strumento che rileva quanta parte dell’economia nazionale,
misurata dal PIL, è di qualità. La contabilità nazionale viene analizzata attraverso
cinque fattori di analisi: competitività del mercato, posizionamento, innovazione
tecnologica e sociale, risorse umane e culturali e l’ambiente. IL PIQ è misurabile in
termini monetari e quindi comparabile con gli aggregati settoriali e di spesa pubblica e
si può considerare così uno strumento non alternativo ma complementare al PIL. Il
quadro emerso dal Rapporto PIQ 2007 ha evidenziato un’area di qualità pari ad 44,3 %
del PIL italiano per un valore non inferiore ai 628 miliardi di euro.

1.8 L’equilibrio nel mercato dei beni e servizi

In un’economia aperta vale la relazione per cui:

Y=C+I+G+E-M (5)
Da cui
Y+M= C+I+G+E (6)

dove la somma Y+M rappresenta le risorse, ossia le fonti da dove provengono beni e
servizi, mentre C+I+G+E sono gli impieghi, ossia il modo in cui vengono utilizzate le
risorse.

In un’economia chiusa, ossia senza commercio con l’estero, la domanda di beni e


servizi si divide in tre componenti:
1) la quantità di beni che le famiglie vogliono consumare (C);
2) la quantità di beni domandata per investimenti (I);

19
Appunti di Analisi Macroeconomica

3) la quantità di beni acquistata dal settore pubblico (G)

Y = C+I+G (7)
offerta domanda
aggregata aggregata

La produzione o PIL, indicata con Y, rappresenta l’offerta aggregata del sistema


economico, il secondo membro indica la domanda aggregata. L’equilibrio nel mercato
dei beni e servizi si ottiene quando la domanda aggregata è pari all’offerta aggregata
(equazione 7).

Fra le variabili capaci di influenzare la crescita economica di un paese ci si è soffermati


sull’importanza degli investimenti, e quindi sulla rilevanza nell’incentivare
l’acquisizione di beni capitali, scorte, strutture che saranno utilizzate per produrre altri
beni e servizi. Investire significa consumare di meno oggi per garantire dei consumi
maggiori nel futuro: se oggi si consuma di meno, significa che si sta risparmiando.
L’aumento degli investimenti è quindi in stretta correlazione con la propensione al
risparmio. L’equilibrio nel mercato dei beni e servizi si può ottenere considerando
queste due macrovariabili.

Partendo dall’uguaglianza Y = C + I + G e isolando il termine investimenti, si ottiene:

Y–C–G=I (8)

L’espressione Y-C-G può essere così interpretata: se dal reddito complessivo vengono
sottratte la spesa per i consumi correnti e la spesa pubblica (spesa corrente dello stato)
si ottiene il risparmio nazionale (S):

S = Y – C – G (9)

In un sistema economico in equilibrio il risparmio deve essere quindi uguale agli


investimenti

S=I (10)

L’equazione esprime la condizione di equilibrio nel mercato dei beni e servizi in


termini di risparmio e investimento. Le equazioni 10 e 7 sono, pertanto, due modi
equivalenti per formalizzare l’equilibrio macroeconomico di un paese in condizioni di
autarchia.

Box 3. Risparmio privato e risparmio pubblico

Per capire meglio la natura del risparmio è necessario distinguere fra risparmio privato e pubblico.
Partendo dalla definizione di risparmio S = Y – C – G, aggiungiamo e sottraiamo al secondo membro il
valore T, ossia l’ammontare delle tasse che gli individui privati pagano allo Stato, è possibile riscrivere la
definizione del risparmio in questo modo:

S = (Y – C – T) + (T – G)

(Y – C – T) é il risparmio privato: reddito che rimane agli individui dopo aver soddisfatto i propri bisogni di
consumo e aver pagato le tasse;

20
Appunti di Analisi Macroeconomica

(T – G) è il risparmio pubblico: differenza tra entrate pubbliche e la spesa pubblica, in particolar se T > G
avremo un avanzo pubblico (entrate maggiori delle uscite), se invece T < G avremo un deficit di bilancio
(uscite maggiori delle entrate).

21
Appunti di Analisi Macroeconomica

Per Esercitarsi

Esercizio 1. L’economia di un paese in assenza di scambi commerciali con l’estero è


sintetizzata dalle seguenti equazioni di comportamento:
C=160+0.6 YD; I=150; G=150; T=100
Si calcoli:
a) il prodotto interno lordo del paese;
b) il reddito disponibile;
c) la spesa per consumi;
d) il risparmio privato e pubblico

♠ Risultati
a) Y=1000
b) YD =900
c) C=700
d) Sprivato=200 Spubblico=-50

Esercizio 2. Si considerino i seguenti valori del PIL francese:

PIL reale Deflatore del PIL


(miliardi di €) (anno base 1995)
2003 1406,2 110,8
2004 1442,0 112,7

a) Di quanto è cresciuto il PIL reale dal 2003 al 2004?


b) Di quanto è cresciuto il deflatore del PIL nello stesso periodo?
c) Quale è il reddito nominale del 2003, misurato sulla base dei prezzi del 1995?
d) Quale è il reddito nominale del 2004, misurato sulla base dei prezzi del 1995?
e) La crescita del PIL nominale è stata inferiore o superiore a quella del PIL reale?
Spiegarne la ragione.

♠ Risultati
e) 2,54%
f) 1,7%
g) 1558,07
h) 1625,13

Esercizio 3. Si supponga che un’economia produca solo 3 tipi di beni: arance, vino e pasta. Nell’anno 1
la produzione e i prezzi erano:

Q1 P1
Arance 8000 casse 1 euro
Vino 10000 casse 5 euro
Pasta 7000 quintali 0,70 euro

Nell’anno 2 la produzione e i prezzi sono:

Q2 P2
Arance 9000 casse 1,20 euro
Vino 10000 casse 5,50 euro
Pasta 5000 quintali 1,10 euro

a) Quale è il valore del PIL nominale nell’anno 1 e nell’anno 2?


b) Di quanto è cresciuto il PIL nominale dall’anno 1 all’anno 2?
c) Quale è il valore del PIL reale nell’anno 1 e nell’anno 2?
d) Di quanto è cresciuto il PIL reale dall’anno 1 all’anno 2?

22
Appunti di Analisi Macroeconomica

e) Determinare il deflatore del PIL nell’anno 2


f) Determinare la variazione del deflatore del PIL fra anno 1 e anno 2

♠ Risultati
a) Anno 1 62900; Anno 2 71300
b) 13,35%
c) Anno 1 62900; Anno 2 62500
d) Il PIL è diminuito di -0,64%
e) 114,08%
f) 14,08%

Esercizio 4. Considerate i seguenti valori del PIL tedesco:

PIL nominale Deflatore del PIL


(miliardi di $) (anno base 2000)
2003 2129 103,9
2004 2168 105,2
Fonte: IMF

a) Indicare la variazione percentuale del PIL nominale fra il 2003 e il 2004


b) Il deflatore del PIL nello stesso periodo è aumentato o diminuito? e in che percentuale?
c) In base ai prezzi del 2000, calcolare il PIL reale del 2003 e del 2004
d) Determinare la variazione di PIL reale fra 2003 e 2004

♠ Risultati
a) 1,83%;
b) È aumentato del 1,25%
c) Nel 2003 il PIL reale è 2049, nel 2004 è pari a 2060,8
d) ((2060,8-2049)/2049)*100

Esercizio 5. Completa le seguenti affermazioni

a) Il deflatore del PIL nel 2011 è definito come il rapporto fra:

o PIL nominale nel 2011 e PIL reale nel 2010


o PIL nominale nel 2011 e PIL reale nel 2011
o PIL reale nel 2011 e PIL nominale nel 2010
o PIL reale nel 2011 e PIL nominale nel 2011

b) La scelta dell’anno base nel calcolo del PIL reale:

o Influenza sempre la misura del PIL


o Non influenza in alcun modo la misura del PIL
o Influenza la misura del PIL solo se si usano indici percentuali

♠ Risultati
a) seconda definizione esatta
b) prima definizione esatta

Esercizio 6. Si supponga che un’economia chiusa agli scambi con l’estero sia descritta dalle
seguenti equazioni:
C=400+0,5YD
T=400
I=200
G=600
1. Qual è il valore della propensione marginale al consumo e della propensione marginale
al risparmio?

23
Appunti di Analisi Macroeconomica

2. Calcolare il valore della domanda aggregata quando il reddito è pari a 0.


3. Il saldo di bilancio pubblico è in avanzo o disavanzo?

♠ Risultati
1) Propensione marginale al consumo=0,5 propensione marginale al risparmio=0,5
2) Domanda aggregata=800
3) Si registra un disavanzo pari a 200

Esercizio 7. Rispondi alle seguenti domande:

a) Qual è la differenza fra beni e servizi intermedi e beni e servizi finali?


b) Perché nel calcolo del PIL i beni e i servizi vengono valutati ai prezzi di mercato?
c) Perché è importante il PIL per un’economia?
d) Da cosa dipende il tenore di vita di un Paese?

Esercizi svolti

I. Si supponga che in America vi siano 160 milioni di persone che possono e vogliono lavorare
(forza lavoro), che ciascuno sia in grado di produrre beni per un valore di 30 mila dollari
all’anno, che il tasso di disoccupazione ritenuto “naturale”o fisiologico dalla Banca Centrale
americana (la Federal Reserve) sia il 5%.
1.a) determinare la produzione potenziale complessiva di “piena occupazione”:

160.000.000 * 0.95 * 30.000 = 4.560 miliardi di dollari

1.b) supponendo che non vi sia né spesa pubblica né tassazione, che tutto il reddito prodotto
venga distribuito alle famiglie, che la propensione marginale al consumo sia del 96 per cento e
non ci sia alcuna componente autonoma del consumo, determinare il valore del risparmio di
piena occupazione:

S=Y-C sapendo che C=cY => S=4.560- 0,96*4.560 = 182,4 miliardi di dollari

1.c) supponendo che la funzione di domanda aggregata di beni per investimenti sia lineare e
che la domanda sia pari 200 miliardi di euro quando il tasso d’interesse è zero, e a zero quando
il tasso d’interesse è del 40 per cento, determinare:
La curva di domanda di beni per investimenti:

I = 200 – (200/40)i; I = 200 – 5i

Il tasso d’interesse di piena occupazione:

Sapendo che in equilibrio I=S


200 – 5i = 182,4; 5i = 200 – 182,4; i = (200 – 182,4)/5 = 3,52%

1.d) Si supponga che, per effetto di un attentato terroristico, la propensione delle imprese ad
effettuare investimenti diminuisca, e che la nuova curva di domanda di beni per investimenti
sia: I = 180 – 5i, quale sarebbe il nuovo valore del tasso d’interesse di piena occupazione?

180 – 5i = 182,4; 5i = 180 – 182,4; i = (180 – 182,4)/5 = - 0,48%.

II. Si supponga che nell’Area Euro vi sia una forza lavoro pari a 200 milioni di persone, ogni
potenziale lavoratore sia in grado di produrre beni per un valore di 40 mila euro all’anno, che il
tasso di disoccupazione ritenuto “naturale”o fisiologico dalla Banca Centrale Europea sia l’8%.
2.a) determinare la produzione potenziale complessiva di “piena occupazione”:

24
Appunti di Analisi Macroeconomica

200.000.000 * 0.92 * 40.000 = 7.360 miliardi di euro

2.b) Ipotizzando una propensione marginale al consumo del 95% e che tutto il reddito prodotto
venga distribuito alle famiglie, determinare il valore del risparmio di piena occupazione in
assenza di spesa pubblica e tassazione:

7.360 * (1 – 0,95) = 368 miliardi di euro

2.c) Supponendo che la funzione di domanda aggregata di beni per investimenti sia lineare e
che la domanda sia pari 500 miliardi di euro quando il tasso d’interesse è zero, e a zero quando
il tasso d’interesse è del 20 per cento, determinare:
La curva di domanda di beni per investimenti:

I = 500 – (500/20)i; I =500 – 25i

Il tasso d’interesse di piena occupazione:

500 – 25i = 368; 25i = 500 – 368; i = (500 – 368)/25 = 5,28%

2.d) Illustrare come variano i risultati se la propensione al consumo aumenta al 96%.

Se la propensione al consumo aumenta al 96 per cento, il risparmio diminuisce a 7.360 *(1-0,96)


= 294,4 miliardi di euro.
Affinché la domanda aggregata di beni per consumi e per investimenti sia pari alla produzione
potenziale di piena occupazione è necessario allora che:
500 – 25 i = 294,4 => i= 8,22%
Quando aumenta la propensione al consumo il risparmio diminuisce, di conseguenza la
domanda di beni per investimenti deve pure diminuire, e ciò comporta un aumento del tasso
d’interesse di equilibrio.

25
Appunti di Analisi Macroeconomica

CAPITOLO II

IL MERCATO DEL LAVORO

2.1 La disoccupazione

La crescita economica di un paese è legata strettamente al livello di occupazione


in esso esistente. Un PIL elevato si riscontra, infatti, in quelle economie che riescono a
garantire la piena occupazione agli individui in età lavorativa.

Le persone occupate contribuiscono alla produzione di beni e servizi del sistema


economico, alla creazione della propria ricchezza e in relazione al reddito percepito,
domandano e consumano più o meno prodotti. Le imprese a loro volta sollecitate dalla
domanda sono incentivate a produrre di più e di conseguenza ad impiegare più
individui. Si alimenta così un circolo virtuoso che rende l’economia ricca e produttiva.

Uno dei problemi più seri che le economie moderne si trovano ad affrontare è la
disoccupazione (u). Per la maggior parte delle persone la perdita del lavoro significa
non solo un abbassamento del tenore di vita, ma anche un forte disagio psicologico. Per
l’intera economia il fenomeno determina una perdita di quota di produzione per cui se
un paese produce meno beni e servizi, il PIL reale si riduce e la crescita rallenta. Ciò
può portare ad una fase di recessione. La recessione è il periodo in cui si registrano un
basso reddito e un’alta disoccupazione. Tecnicamente c’è recessione quando per tre
trimestri consecutivi il PIL presenta un tasso di crescita negativo. Quando la recessione
è particolarmente grave e si prolunga nel tempo l’economia attraversa una fase di
depressione.

La disoccupazione implica minori entrate nelle casse dello Stato, e maggiori


uscite per l’erogazione di sussidi di disoccupazione. Elevati tassi di disoccupazione
possono alimentare inoltre fenomeni di criminalità (es. il quartiere di Scampia a Napoli
o lo Zen a Palermo) e di corruzione (es. scambi di voti politici). La disoccupazione
porta a condizionamenti e perciò limita la libertà individuale.

Il tasso di disoccupazione tende a variare nel tempo e da paese a paese. Il fenomeno


viene monitorato in America dal Bureau of Labor Statistics, in Europa dall’Eurostat e in
Italia dall’Istat (tramite interviste trimestrali a campioni di famiglie). Nel 2006 in Italia il
tasso di disoccupazione è stato del 6,8%; nei paesi dell’area Euro del 7,6%. In seguito
alla crisi economico-finanziaria innescata dai mutui subprime, il tasso di
disoccupazione nel 2009 e nel 2010 è aumentato in tutti i Paesi dell’Area Euro.

Secondo l’Istat ogni adulto (superiore ai 14 anni) viene classificato in una delle tre
seguenti categorie:

1) Occupati: sono coloro che hanno dichiarato di possedere un’occupazione


nella settimana di riferimento dell’indagine statistica, oppure se non si sono
dichiarati occupati hanno effettuato almeno 1 ora di lavoro nella settimana di
riferimento.

26
Appunti di Analisi Macroeconomica

2) Disoccupati: sono le persone in età lavorativa prive di lavoro, ma che lo


cercano, e non hanno svolto neppure un’ora di lavoro nella settimana di
riferimento.

3) Non appartenenti alla forza lavoro: sono gli individui che hanno dichiarato
di non aver svolto alcuna attività lavorativa, né di aver cercato lavoro nella
settimana di riferimento. Le non forze lavoro comprendono le casalinghe, gli
studenti e i pensionati.

La somma fra gli occupati e i disoccupati costituiscono la forza lavoro.

Forza lavoro = occupati + disoccupati

Nella seguente figura vengono riportati i dati relativi alle tre categorie di
popolazione in Italia nel 2008.

Figura 6 I tre gruppi di popolazione adulta in Italia, 2008. Valori in milioni.

1.9
d is o cc upati

23.41

o c c upati

25.09

no n fo rz a la vo ro

0 5 10 15 20 25 30

Fonte: Elaborazione su dati Banca d’Italia, Relazione Annuale 2009.

Sulla base della classificazione della popolazione adulta è possibile individuare


una serie di tassi:

disoccupati
Tasso di disoccupazione = ⋅ 100
Forza lavoro

occupati
Tasso di occupazione = ⋅ 100
popolazione in età lavorativa

Forza lavoro
Tasso di partecipazione = ⋅ 100
popolazione in età lavorativa

27
Appunti di Analisi Macroeconomica

Si considerino i dati relativi all’Italia riportati in tabella 1.

Tabella 1 Statistiche italiane, 2008-2009


2008 Valori in 2009 Valori in
milioni milioni
Popolazione complessiva 58,13 60,387
Popolazione adulta 39,88 40,02
Forza lavoro 25,09 24,97
Occupati 23,41 23,025
Disoccupati 1,69 1,945
Fonte: Banca d’Italia, Relazione annuale, 2009-2010

Da essi è possibile quindi, ottenere le seguenti informazioni che permettono di


conoscere in maniera più immediata lo stato del Paese:
1,69
Tasso di disoccupazione 2008 = ⋅100 = 6,73
25,09

23,41
Tasso di occupazione 2008 = ⋅100 = 58,7
39,88

25,09
Tasso di partecipazione 2008 = ⋅100 = 62,9
39,88

Prima di analizzare nel dettaglio il mercato del lavoro italiano è opportuno presentare
un quadro di insieme del mercato del lavoro dei principali paesi europei. Nell’area
euro, il tasso di occupazione è passato dal 58,6% al 66,1% fra il 1997 e il 2008, in Italia
dal 51,3% al 58,7%, in Germania dal 63,7% al 70,7%, in Francia dal 59,6% al 65,2% nello
stesso arco temporale (Tabella 2). Il tasso di occupazione femminile del nostro Paese
risulta essere il più basso fra gli Stati dell’Unione Europea.

Sospinta dalla fase congiunturale positiva, nel 2006 la crescita dell’occupazione


nell’area dell’euro è accelerata di un 1,4 per cento, aumentando di quasi due milioni di
unità. In base ai dati dell’Eurostat il tasso di occupazione della popolazione in età
lavorativa è salito al 64,4 per cento, un punto percentuale in più rispetto all’anno
precedente; è ulteriormente cresciuta l’incidenza del lavoro a tempo parziale e di
quello a tempo determinato. L’aumento del tasso di occupazione è stato più accentuato
per le donne e per le persone con età compresa tra i 55 e i 64 anni. Secondo i dati di
contabilità nazionale, nel complesso del 2008 il numero di occupati nell’area dell’euro è
salito dello 0,8 per cento. Dall’estate ha tuttavia risentito pesantemente dell’aggravarsi
della recessione: nel secondo semestre si è registrato un calo dello 0,2 per cento rispetto
al periodo precedente. Il tasso di disoccupazione è progressivamente salito dal 7,3 per
cento del gennaio 2008 all’8,9 nel marzo 2009. Tra gli Stati membri, il più basso tasso di
disoccupazione è stato registrato nei Paesi Bassi (2,7%), i tassi più elevati in Spagna
(15,5%), Lettonia (14,4%) e Lituania (13,7%). In base ai dati dell’Eurostat sulle forze di
lavoro, nel 2008 il tasso di attività della popolazione in età da lavoro è cresciuto al 66,2
per cento, circa mezzo punto percentuale in più rispetto al 2007; l’aumento ha
riguardato più la componente femminile (al 58,8 per cento dal 57,8) che quella maschile
(al 73,5 per cento dal 73,3). Gli indicatori del mercato del lavoro dei paesi dell’area
dell’euro, pur progredendo, si discostano ancora dagli obiettivi dell’Agenda di Lisbona
per il 2010, che fissano il tasso di attività complessivo al 70 per cento, quello femminile
al 60 e quello della popolazione di età tra i 55 e i 64 anni al 50 per cento.

28
Appunti di Analisi Macroeconomica

Tabella 2 Tassi di occupazione valori %.

Countries
1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008

Euro area 58.6 59.3 60.6 61.7 62.2 62.4 62.7 63.1 63.8 64.8 65.7 66.1
Belgium 56.8 57.4 59.3 60.5 59.9 59.9 59.6 60.3 61.1 61 62 62.4
Denmark 74.9 75.1 76 76.3 76.2 75.9 75.1 75.7 75.9 77.4 77.1 78.1
Germany 63.7 63.9 65.2 65.6 65.8 65.4 65 65 66 67.5 69.4 70.7
Estonia : 64.6 61.5 60.4 61 62 62.9 63 64.4 68.1 69.4 69.8
Ireland 57.6 60.6 63.3 65.2 65.8 65.5 65.5 66.3 67.6 68.6 69.1 67.6
Greece 55.1 56 55.9 56.5 56.3 57.5 58.7 59.4 60.1 61 61.4 61.9
Spain 49.5 51.3 53.8 56.3 57.8 58.5 59.8 61.1 63.3 64.8 65.6 64.3
France 59.6 60.2 60.9 62.1 62.8 63 64 63.7 63.9 63.8 64.6 65.2
Italy 51.3 51.9 52.7 53.7 54.8 55.5 56.1 57.6 57.6 58.4 58.7 58.7
Netherlands 68.5 70.2 71.7 72.9 74.1 74.4 73.6 73.1 73.2 74.3 76 77.2
Austria 67.8 67.9 68.6 68.5 68.5 68.7 68.9 67.8 68.6 70.2 71.4 72.1
Poland 58.9 59 57.6 55 53.4 51.5 51.2 51.7 52.8 54.5 57 59.2
Portugal 65.7 66.8 67.4 68.4 69 68.8 68.1 67.8 67.5 67.9 67.8 68.2
Romania 65.4 64.2 63.2 63 62.4 57.6 57.6 57.7 57.6 58.8 58.8 59
Slovenia 62.6 62.9 62.2 62.8 63.8 63.4 62.6 65.3 66 66.6 67.8 68.6
Slovakia : 60.6 58.1 56.8 56.8 56.8 57.7 57 57.7 59.4 60.7 62.3
Finland 63.3 64.6 66.4 67.2 68.1 68.1 67.7 67.6 68.4 69.3 70.3 71.1
Sweden 69.5 70.3 71.7 73 74 73.6 72.9 72.1 72.5 73.1 74.2 74.3
UK 69.9 70.5 71 71.2 71.4 71.4 71.5 71.7 71.7 71.6 71.5 71.5
Fonte: Eurostat, 2009

Se si analizzano più da vicino le misure dell’occupazione in Italia fra il 1980 e


2009 (Figura 7), si nota che il numero degli occupati complessivi è aumentato fino al
2007 per poi contrarsi con il dispiegarsi degli effetti della crisi. Nello stesso periodo, il
numero di ore lavorate, che misura l’input effettivo di lavoro, è caduto a un ritmo
doppio.
Figura 7 L’occupazione

Fonte: Banca d’Italia, 2010. (1) Ore effettuate da lavoratori residenti e non residenti, regolari e non regolari, in imprese
residenti. (2) Occupati residenti e non residenti, regolari e non regolari, in imprese residenti. (3) Occupati residenti
iscritti nei registri anagrafici (esclusi quelli che vivono stabilmente in istituti).

Mentre nel 2006 l’occupazione si era ampliata sia per i lavoratori dipendenti, sia per la
componente autonoma (Relazione Annuale Banca d’Italia del 31/5/2007) come
conseguenza della legge Biagi (14/2/2003 n. 30) che introduceva una serie di strumenti
contrattuali per le imprese che hanno favorito più flessibilità nel mercato, negli anni

29
Appunti di Analisi Macroeconomica

successivi il quadro si è modificato. Nel 2009 in Italia, come negli altri paesi avanzati, si
sono pienamente manifestati gli effetti della crisi sul mercato del lavoro. Tra il picco
dell’aprile 2008 e il marzo 2010 l’occupazione residente si è ridotta di 815.000 unità,
ritornando sui livelli dei primi mesi del 2006; il numero di persone in cerca di lavoro è
aumentato di circa mezzo milione di unità. Vi hanno contribuito la contrazione del
numero di assunzioni e, in minor misura, i licenziamenti. Il tasso di disoccupazione, in
costante aumento dalla prima metà del 2007 ha raggiunto nel marzo 2010 l’8,8 per
cento, ritornando sui livelli del 2001 ed è salito di oltre due punti percentuali per i
giovani tra i 20 e i 34 anni. L’aumento della disoccupazione è stato attenuato dal calo
dell’offerta, riconducibile soprattutto a fenomeni di scoraggiamento. Una misura più
ampia del grado di sottoutilizzo dell’offerta di lavoro che includa i lavoratori
scoraggiati e l’equivalente delle ore di Cassa integrazione guadagni (CIG)
collocherebbe tale tasso al 10,6 per cento (Relazione Annuale del 29/5/2010).
La caduta della domanda di lavoro ha interessato esclusivamente il settore privato, con
ritmi e modalità difformi nei diversi comparti d’attività, riflettendo oltre al profilo
settoriale della crisi anche i diversi margini di aggiustamento consentiti dall’accesso
agli ammortizzatori sociali e dalla diffusione di forme contrattuali più flessibili. È stata
più intensa nell’industria in senso stretto (-4,6 per cento nel 2009; Tabella 3), più
sensibile al ciclo economico, e particolarmente marcata nei settori tradizionali del
tessile, dell’abbigliamento e conciario (-7,9 per cento); vi ha corrisposto un calo più che
doppio delle ore lavorate, in flessione già dall’anno precedente. Nel settore edile,
l’input di lavoro è caduto meno, sia in termini di occupati sia di ore lavorate,
riflettendo anche la più contenuta contrazione del livello dell’attività. Nei servizi
privati, ove minore è l’utilizzo della CIG e maggiore l’incidenza del lavoro a termine,
l’adeguamento dell’input è avvenuto soprattutto attraverso la riduzione del numero
degli occupati anziché delle ore pro capite (rispettivamente, -2,0 e -0,9 per cento). È
proseguita la tendenza negativa dell’occupazione agricola (Tabella 3).
Tabella 3

30
Appunti di Analisi Macroeconomica

Per quanto riguarda il tasso di disoccupazione, esso è sceso dall’11,3 per cento del 1998
al 6,1 nel 2007, per poi risalire al 6,7 per cento nel 2008 e al 7,8% nel 2009. Secondo le
stime del Fondo Monetario Internazionale il tasso è continuato a salire all’8,8% nel
marzo 2010 e secondo le previsioni si assesterà all’8,6% nel 2011 (IMF, WEO, Aprile
2010). L’aumento del tasso di disoccupazione ha interessato quasi tutti i gruppi
demografici e in particolare i cittadini stranieri. La crescita, più intensa tra i giovani
(oltre due punti percentuali nella classe di età 20-34 anni) per effetto dei tempi più
lunghi di assunzione, è stata significativa anche tra i lavoratori più anziani, soprattutto
nel Nord, e tra quelli più istruiti.

Tabella 4 Andamento del tasso di disoccupazione in Italia

Numerose ricerche hanno evidenziato come la condizione di disoccupazione tenda a


diventare persistente e si associ, soprattutto se vissuta nelle fasi iniziali della carriera
lavorativa o in presenza di livelli bassi di istruzione, a retribuzioni successive
permanentemente più basse. Vi concorrono sia l’erosione del capitale umano durante
la disoccupazione sia il fatto che un più lungo periodo di disoccupazione può essere
interpretato dai potenziali datori di lavoro, in mancanza di altre informazioni, come
indicazione negativa delle capacità. Questi meccanismi incidono prevalentemente sui
più giovani, che scontano la mancanza di esperienze lavorative che ne segnalino le
competenze, e sui più anziani, per i quali è più onerosa la perdita di conoscenze
specifiche accumulate nel corso della carriera lavorativa. Questi effetti negativi
tendono ad acuirsi nelle fasi recessive, soprattutto per quanto riguarda le retribuzioni
future.
L’aumento del tasso di disoccupazione è stato attenuato dal calo dell’offerta
complessiva di lavoro (-0,5 per cento; 127.000 unità in meno), di entità simile a quello
registrato durante la crisi degli anni novanta. Il tasso di attività dei cittadini italiani in
età da lavoro è diminuito al 61,6 per cento dal 62,3 nel 2008; dal 73,3 al 72,7 per cento
quello dei cittadini stranieri. La riduzione dell’offerta di lavoro dei cittadini italiani è
imputabile esclusivamente ai più giovani, per i quali hanno pesato soprattutto
fenomeni di scoraggiamento (Banca d’Italia, 2010). La Tabella 5 mette in evidenza il
forte divario nel tasso di disoccupazione e occupazione fra Mezzogiorno e Centro Nord
(Banca d’Italia, 2009).

31
Appunti di Analisi Macroeconomica

Tabella 5 Indicatori del mercato del lavoro per area geografica. Valori %

2.2 La disoccupazione naturale e la disoccupazione strutturale

In tutte le economie il tasso di disoccupazione non è mai uguale a zero, c’è infatti
sempre un livello di disoccupazione fisiologico al sistema, detto tasso di disoccupazione
naturale o frizionale. Il tasso naturale di disoccupazione che si aggira attorno al 5%-7%, è
una disoccupazione di breve periodo legata al fatto che generalmente trascorre un
naturale intervallo di tempo fra il momento in cui un individuo cerca un lavoro
consono alle sue aspirazioni e il momento in cui ottiene il lavoro stesso. In altri termini,
il tasso naturale di disoccupazione è il tasso corrispondente al livello potenziale
massimo di produzione e rappresenta quella componente della disoccupazione
ineliminabile e congenita ad ogni sistema economico.

Il tasso naturale di disoccupazione è chiamato anche NAIRU acronimo di “non


accelerating inflation rate of unemployment”, è un tasso di disoccupazione che
mantiene stabile il tasso d’inflazione. Un tasso di disoccupazione sotto quello naturale
determinerebbe una crescita dell’inflazione tale da danneggiare un’economia.

I tassi di disoccupazione diffusi dalle statistiche ufficiali rappresentano i tassi di


disoccupazione effettiva.

32
Appunti di Analisi Macroeconomica

Gli scostamenti fra la disoccupazione effettiva e la disoccupazione naturale


rappresenta la disoccupazione ciclica.

Mentre la disoccupazione naturale è una “disoccupazione buona” e di breve periodo,


ne esiste un’altra, quella strutturale, molto problematica e legata a squilibri profondi e
strutturali di una economia. La disoccupazione strutturale determina una serie di costi sia
in termini di perdita di quote di produzione che di costi psicologici a carico degli
individui e del Paese. Essa si lega alla discrepanza fra il numero di posti di lavoro
esistenti e il numero di persone che vorrebbero lavorare. Si tratta di una
disoccupazione di lungo periodo o cronica estremamente dannosa per i sistemi
economici.

Si ritiene che la disoccupazione strutturale sia legata all’esistenza di rigidità


salariali e causata quindi da interventi esterni al mercato del lavoro, quali:

a) leggi sul salario minimo;


b) forte potere contrattuale dei sindacati;
c) salario di efficienza

Leggi sul salario minimo

Il salario minimo è la più bassa paga oraria, giornaliera o mensile che i datori di lavoro
devono per legge corrispondere a impiegati e operai. Introdotte per la prima volta in
Australia e Nuova Zelanda alla fine del diciannovesimo secolo, le leggi sul salario
minimo sono state poi adottate da molti altri paesi, e sono oggi in vigore nel 90% degli
stati del mondo. Negli Stati Uniti, il salario orario minimo è fissato a livello federale: si
parla appunto di Federal minimum wage. A questo si possono aggiungere ulteriori
legislazioni a livello dei singoli stati, che innalzano ulteriormente il salario orario
minimo. In Italia esistono pensioni minime, mentre un livello di salari minimi non è
previsto da leggi nazionali, ma dalla contrattazione fra le parti sociali. Le leggi sul
salario minimo fissano un minimo legale ai salari che le imprese possono corrispondere
ai propri dipendenti. Poiché il minimo salariale è più elevato di quello di equilibrio, si
crea un aumento dell’offerta di lavoro, una contrazione della domanda e un
conseguente aumento della disoccupazione. Lo Stato crea dunque rigidità dei salari nel
momento in cui impedisce a questi di “aggiustarsi” cioè scendere fino all’equilibrio.
Bisogna comunque sottolineare che il salario minimo non è la causa predominante
della disoccupazione strutturale, per la maggior parte dei lavoratori esso non è
vincolante dal momento che i più specializzati percepiscono un salario più elevato del
salario minimo. Solo per i lavoratori meno qualificati e meno esperti il salario minimo
creerebbe effetti dannosi. Molti economisti, infatti, sottolineano che il salario minimo
ha un impatto particolarmente negativo sulla disoccupazione giovanile.

33
Appunti di Analisi Macroeconomica

Box 4. Studi sul Salario minimo.

I primi studi che si occuparono degli effetti prodotti da un aumento del salario minimo sull’occupazione
sono stati quelli di David Card, Alan Krueger e Katz (Card 1992; Card e Krueger 1994; Katz e Krueger
1992). In particolare, gli economisti analizzarono le conseguenze di due aumenti successivi del salario
minimo avvenuti nel 1990-1991 sull'occupazione giovanile in un'industria molto specifica, quella del fast-
food. Contrariamente a quanto previsto teoricamente, all'aumento del salario minimo corrispondeva un
lieve aumento dell'occupazione. Gli autori giunsero a questa conclusione dopo una serie di verifiche
empiriche in cui veniva messo a confronto l'andamento dei salari, comprensivi degli aumenti del salario
minimo, con il trend occupazionale in diversi Stati americani confinanti. Il risultato principale di questi
studi, ovvero l'assenza di effetti negativi sull'occupazione derivanti da un aumento del salario minimo,
venne confermato anche da un’analisi che utilizzava dati britannici, di Machin e Manning 1994.
Tali evidenze empiriche non vennero corroborate da studi successivi. Ad esempio, Deere, Murphy e
Welch 1995 dimostrarono che quando aumentava il salario minimo, l'occupazione dei gruppi
maggiormente interessati da questo aumento diminuiva sensibilmente. Essi avevano trovato un’elasticità
del prezzo del lavoro che variava da -0.12 a -0.56, ossia, un aumento del salario minimo del 10% provocava
una riduzione dell'occupazione fra l’1.2% e 5.6%. In particolare, il calo di occupazione riguardava i
lavoratori che non avevano terminato le scuole superiori, le donne e gli individui di colore. Lo studio di
Welch presenta una valenza più generale rispetto alle analisi di Card, Krueger e Katz, in quanto utilizza
dati che coprono l'intero territorio degli Stati Uniti e per un insieme generale di industrie.
In una serie di lavori pubblicati nel 2000, Burkhauser, Couch e Wittenburg portarono ulteriori prove
empiriche a sostegno dell'idea che un aumento del salario minimo induceva una diminuzione
dell'occupazione per i segmenti del mercato del lavoro direttamente interessati dall’aumento.
Specificatamente, Burkhauser, Couch e Wittenburg trovarono un'elasticità del prezzo del lavoro che
variava da -0.41 a -0.45. In uno studio successivo (2001), Couch e Wittenburg dimostrarono che oltre agli
effetti avversi sull'occupazione, un aumento del salario minimo provocava anche una riduzione delle ore
lavorate, soprattutto per i lavoratori giovani. L'elasticità di ore lavorate rispetto al salario minimo risultava
maggiore (in valore assoluto) di quella dell'occupazione: è infatti più facile per un datore di lavoro ridurre
le ore lavorate da un impiegato che si trova a dover pagare di più, piuttosto che licenziarlo.
Risultati simili vengono riportati nello studio di David Neumark (2004), in cui si prova che gli effetti di un
aumento del salario minimo sono concentrati nella zona della distribuzione dei redditi che è direttamente
interessata da tale aumento; gli effetti sono invece praticamente nulli in altre zone della distribuzione.
L'elasticità di ore lavorate è intorno allo -0.3, mentre quella dell'occupazione e' tra -0.1 e -0.2. Nel lavoro di
Chris Flinn (2006) vengono investigati gli effetti dell'imposizione di un salario minimo nel contesto di un
modello di "search" e "matching", ovvero di ricerca di lavoro da parte dei lavoratori e di contemporanea
decisione da parte dei datori di lavoro riguardo a quanti annunci pubblicare. Flinn sviluppa un modello
teorico di equilibrio generale del mercato del lavoro, in cui vengono studiati gli esiti prodotti dall’adozione
del salario minimo non solo su salari, occupazione e disoccupazione, ma anche sul benessere complessivo
dei lavoratori. I parametri del modello vengono poi stimati usando dati di diversa provenienza e vengono
utilizzati per calcolare un livello "ottimo" del salario minimo. Flinn dimostra che in seguito a un aumento
del salario minimo la disoccupazione generalmente aumenta, ma può aumentare anche il tasso di
occupazione, perché un aumento del salario minimo può far crescere gli incentivi alla ricerca di lavoro da
parte dei lavoratori. Il punto centrale di questo studio è che l'introduzione di un salario minimo può
aumentare il benessere dei lavoratori se aumenta il potere negoziale dei lavoratori portandolo più vicino a
quello "ottimo" in un modello di matching fra imprese e lavoratori. In genere, se il potere negoziale dei
lavoratori è molto basso in partenza, è piu' probabile che un aumento del salario minimo accresca il
benessere dei lavoratori. Il lavoro di Flinn chiarisce anche che, se uno studia gli effetti del salario minimo
in equilibrio parziale, senza tenere conto di come le imprese reagiscono all'imposizione del salario
minimo, allora le stime possono suggerire livelli ottimi del salario minimo anche superiori a quelli attuali.
Se però si considerano esplicitamente le decisioni delle imprese riguardo alla creazione di nuovi posti di
lavoro, allora il salario minimo ottimo (usando dati USA) è inferiore a quello attuale, e un aumento del
salario minimo induce maggiore disoccupazione, minore occupazione, e minore benessere per i lavoratori.
Sulla base dell’evidenza empirica si può intuire che l'imposizione di un salario minimo in Italia avrebbe
probabilmente effetti avversi su occupazione e ore lavorate, soprattutto per quelle fasce di lavoratori -
giovani, donne, lavoratori con bassi livelli educativi - che si vorrebbero maggiormente aiutare.

34
Appunti di Analisi Macroeconomica

Potere contrattuale dei sindacati

Un’ulteriore causa della rigidità salariale secondo molti è il forte potere


contrattuale esercitato dai sindacati. Il sindacato è una associazione di lavoratori che
contratta con i datori di lavoro il trattamento retributivo e le condizioni di lavoro
(orario, ferie, malattia, sicurezza sul lavoro, straordinari, piani di avanzamento carriera
ecc.). Esso si presenta come un “cartello di lavoratori”, protetto da una legislazione che
impedisce alle imprese di aggirarlo e che garantisce il diritto di sciopero, e altre norme
che tutelano i lavoratori sul posto di lavoro, quali ad esempio limitazioni alla
possibilità di licenziamento. Gli accordi mediante i quali vengono stabilite regole
generali a cui si devono uniformare le categorie prendono il nome di contrattazione
collettiva. In presenza di accordi sindacali, i salari sono fissati ad un livello superiore
rispetto a quelli di equilibrio, si stima di un 10%-20% in più rispetto a quelli stabiliti in
assenza di associazioni sindacali. Ne consegue un vantaggio per i lavoratori occupati
che ricevono un salario più elevato di quello concorrenziale e vedono garantite migliori
condizioni di vita, ma nel contempo uno svantaggio per i soggetti che rimangono fuori
dal mercato del lavoro e vanno ad incrementare le fila dei disoccupati strutturali.
Poiché, infatti, i lavoratori non possono essere assunti a un salario inferiore a quello
contrattato, le imprese assumeranno un numero inferiore di persone con retribuzioni
più elevate di quelle che si registrerebbero in un mercato concorrenziale.

Il potere contrattuale dei sindacati varia da paese a paese. Gli Stati Uniti si
caratterizzano per una bassa adesione ai sindacati e una contrattazione salariale a
livello di impresa, i Paesi europei invece mostrano tassi di sindacalizzazione maggiori,
eccetto la Francia, e contrattazione nazionale. Nel nostro Paese, il contratto collettivo
stipulato con i sindacati ha effetti vincolanti anche per i lavoratori non aderenti
all’associazione, negli Stati Uniti, invece, il contratto è valido solo per gli iscritti al
sindacato. Dalle statistiche sul lavoro risulta che i paesi meno sindacalizzati hanno tassi
di disoccupazione più bassi, quelli in cui agisce un sindacato forte, invece, registrano
tassi più elevati, fanno eccezione la Svezia, la Danimarca e la Finlandia che pur in
presenza di alta rappresentanza dei lavoratori evidenziano tassi di disoccupazione
molto contenuti. Il motivo va spiegato col fatto che la contrattazione nazionale svedese,
danese e finlandese fissa i salari molto vicini a quelli di equilibrio di mercato
concorrenziale.

Tabella 6 Adesione al sindacato in percentuale degli occupati


Lavoratori sindacalizzati % Lavoratori sindacalizzati % Lavoratori sindacalizzati %
Paese
1990 2000 2007
Svezia 84 82 73
Danimarca 75 76 71
Finlandia 73 76 72
Norvegia 58 57 56
Italia 47 35 33
UK 41 30 28
Australia 34 25 19
Canada 33 30 29
Germania 33 26 20
Olanda 28 25 20
Svizzera 28 22 19
Giappone 26 22 18
Stati Uniti 16 13 12
Francia 11 9 8
Fonte: OECD ed EIRO.

35
Appunti di Analisi Macroeconomica

La precedente tabella mostra che il sindacato in molti paesi europei ha subito


negli ultimi due decenni forti cali nel numero di iscritti. Non sempre il declino della
presenza organizzata dei sindacati si è tradotto in una riduzione della loro influenza sul
processo di determinazione dei salari e sulle opzioni di politica economica di grande
importanza per i lavoratori, quali il profilo e la generosità dei sistemi di protezione
sociale (Boeri e Checchi).
La discussione sul ruolo delle associazioni sindacali in economia è ampiamente
dibattuta, alcuni economisti sostengono che il monopolio sindacale è un danno per il
mondo del lavoro perché determina un livello di occupazione più basso di quello che si
avrebbe in loro assenza ed è iniquo poiché avvantaggia un gruppo di lavoratori, a
spese di un alto numero di soggetti che non riescono ad entrare nel mercato. Per altri
studiosi, invece la presenza sindacale sarebbe un antidoto allo strapotere dei datori di
lavoro, la loro azione eviterebbe lo sfruttamento dei dipendenti e garantirebbe
condizioni di lavoro migliori.

Salario di efficienza

Una terza causa della disoccupazione strutturale potrebbe essere attribuita alla
presenza del salario di efficienza. Secondo alcuni studiosi, il salario dei lavoratori
dovrebbe essere fissato ad un valore superiore a quello di equilibrio, per gratificare e
incentivare gli individui a lavorare meglio. In presenza di salario elevato quindi, i
lavoratori sarebbero più produttivi e contribuirebbero ad aumentare i profitti per
l’impresa. Ad un salario superiore al livello di equilibrio corrisponde però un tasso di
occupazione più basso e una disoccupazione strutturale più marcata.

Diverse sono le interpretazioni della teoria del salario di efficienza, ognuna di


queste mette in evidenza come sia profittevole per l’impresa fissare un salario più
elevato di quello concorrenziale pur creando disoccupazione. Una di queste
(Leibenstein), che vale esclusivamente per i paesi in via di sviluppo, mette in relazione
la retribuzione con la sana alimentazione: lavoratori ben pagati possono seguire diete
alimentari più sane e equilibrate e di conseguenza sarebbero più produttivi per le
imprese. Una seconda teoria, che è ben consona ai paesi più ricchi, mette in evidenza
che i salari più elevati disincentivano il turn over, ossia il ricambio del personale. Si
tratta di soggetti che lasciano il posto di lavoro per accettare retribuzioni più
gratificanti presso altre imprese. Riducendo il turn over si riducono anche i costi per
l’impresa di selezione e di addestramento del nuovo personale. Una terza teoria è detta
della selezione avversa, questa postula che senza salari di efficienza i soggetti più bravi
e qualificati sono spinti a lasciare l’azienda presso cui lavorano e sono in grado di
trovare facilmente un lavoro altrove, i lavoratori meno bravi, invece, sono costretti a
restare. Retribuendo con un salario più elevato quindi, si migliora la qualità media
della forza lavoro e si aumenta la produttività. Una quarta interpretazione (non-
shirking models, Shapiro Stiglizt) mette in evidenza che con salari più elevati i soggetti
lavorerebbero di più, con più lena, per non rischiare il posto di lavoro e perdere i
benefici di cui godono. Lavoratori perciò con comportamenti più attivi e produttivi
incrementerebbero in buona misura i profitti dell’impresa.

36
Appunti di Analisi Macroeconomica

Box 5. Valori nominali e reali

In economia e finanza con valore nominale (ad esempio di un bene, di un titolo o di una valuta) è
indicato il valore teorico (o cartaceo) del medesimo bene, titolo o valuta, in contrapposizione al valore
reale (o di mercato) che tiene conto dell'influenza della domanda e dell'offerta del bene sul suo valore e,
se applicabili, degli aspetti monetari (svalutazione, inflazione e tasso di cambio).

Così, ad esempio, per valore nominale di un titolo di credito si intende l'importo riportato (stampato) sul
certificato del titolo stesso, in contrapposizione con il corso (valore di mercato) del titolo come
determinato da domanda ed offerta del titolo medesimo sul mercato borsistico.

Quando i valori nominali si riferiscono ad ammontari che sono pagati (o riscossi) in termini monetari la
correzione degli effetti indotti dall'inflazione su tali ammontari porta alla determinazione del valore
reale ovvero del valore in termini di potere d'acquisto delle grandezze nominali.

Esempi di valori espressi in termini monetari che presentano sia un aspetto reale che un aspetto
nominale possono essere dati dai salari, dai tassi d'interesse o di cambio così come dal Prodotto interno
lordo:

• il salario reale sarà il rapporto tra il salario nominale ed un numero indice di misura del livello
dei prezzi (quale, ad esempio, l'indice dei prezzi al consumo);
• il tasso d'interesse reale (r) può essere visto, in prima approssimazione, come differenza fra il
tasso d'interesse nominale (i) ed il tasso d'inflazione;
• per quanto riguarda il tasso di cambio si parla di tasso di cambio nominale in riferimento al
tasso al quale è possibile effettuare il cambio di un determinato ammontare di una valuta
nell'ammontare equivalente di un'altra valuta, mentre si definisce come tasso di cambio reale
il tasso al quale è possibile acquistare beni o servizi prodotti in un paese in termini di beni o
servizi di un diverso paese (ad esempio, posto che il prezzo di un bene cresca in Italia del 10%
e che vi sia, al contempo, un'incremento del tasso di cambio nominale tra sterlina ed euro
anch'esso pari al 10%: il consumatore italiano sperimenterà l'aumento del prezzo del bene,
mentre per il consumatore inglese - che acquista in sterline - tale prezzo rimarrà invece, ed a
meno dell'effetto di eventuali tariffe, invariato);
• il Prodotto interno lordo in termini reali sarà calcolato, in prima approssimazione, come somma
di tutti i beni e servizi prodotti in un determinato anno, ma calcolati ai prezzi (in base alla
media prevalente dei prezzi di ciascun bene o servizio) di un "anno-base"; in tal modo si
ottiene la crescita "reale" della produzione di beni e servizi del paese tra i due anni considerati
depurandola dalla crescita dovuta all'aumento dei prezzi per la svalutazione della moneta (ad
esempio il PIL italiano del 2007 calcolato ai prezzi del 2000 consentirà di determinare la
crescita economica in Italia tra i due anni al netto dell'inflazione).

37
Appunti di Analisi Macroeconomica

2.3 Domanda di lavoro

Il mercato del lavoro dipendente, come gli altri mercati che formano un sistema
economico, è regolato dalle forze della domanda e offerta.
La curva di domanda di lavoro QLD evidenzia la relazione esistente fra la quantità
di lavoro domandata dalle imprese (Q) e il prezzo del lavoro, ossia il salario (w). Il
salario viene espresso per unità di tempo, per esempio un’ora o un anno. Se la
relazione è lineare, la sua rappresentazione nel piano cartesiano è riportata in Figura 8.
La quantità domandata di lavoro è riportata lungo l’asse orizzontale e il salario
sull’asse verticale.

Figura 8 Curva di Domanda di Lavoro

Prezzo del lavoro


(o salario), w

w2

w1
QLD

Q2 Q1 Quantità di lavoro, Q

La funzione di domanda è inclinata negativamente perché le imprese sono solite


impiegare una quantità maggiore di persone per quanto più basso è il salario da
corrispondere. Analiticamente la funzione di domanda di lavoro DIRETTA viene
espressa come:

QD = a - b w

dove QD= la quantità di lavoro domandata


w=il prezzo del lavoro o salario
a,b= costanti positive

In particolare, a esprime la quantità massima di persone che le imprese


impiegano quando il salario è zero. -b indica l’inclinazione della retta, ossia la
sensibilità della quantità domandata di lavoro a variazioni unitarie del prezzo del
lavoro. Essa è negativa poiché fra salario e quantità domandata di lavoro c’è una
relazione inversa. L’inclinazione in modulo è data da:

38
Appunti di Analisi Macroeconomica

∆QD
=|-b|=b
∆w

La funzione di domanda INVERSA a partire dalla funzione di domanda diretta


si ottiene in modo immediato. Basta ricavare il salario wD in funzione della quantità,
per cui
a 1
wD = − Q D
b b

Dove, a/b è il salario massimo che l’impresa è disposta a pagare.

L’inclinazione della domanda di lavoro inversa in valore assoluto è data da:


∆w 1 1
=− =
∆QD b b

si osservi che l’inclinazione della funzione di domanda inversa è pari al reciproco


dell’inclinazione della funzione di domanda diretta.

Esempi:

1) Se QD = 100 – 5w è la funzione di domanda di lavoro diretta, la funzione di domanda


inversa è data da wD = (100 – Q)/5 da cui wD = 20 – Q/5.

2) Così se QD = 500 – 5w avremo wD = (500 – Q)/5 da cui wD = 100 – Q/5.

39
Appunti di Analisi Macroeconomica

2.4 Offerta di lavoro

La curva di offerta di lavoro QLS indica la quantità di lavoro offerta dai potenziali
lavoratori per ogni livello di salario di mercato. Anche in questo caso si ipotizza una
relazione lineare fra quantità di lavoro offerta e prezzo del lavoro (salario), perciò la
rappresentazione grafica è una retta (Figura 9).

La curva ha pendenza positiva perché più alto è il salario, maggiore è l’offerta


di lavoro da parte degli individui. In altri termini, i soggetti che vedono salire il salario
sono stimolati ad offrire più lavoro per aumentare il loro reddito disponibile e
viceversa in caso di diminuzione del w.

Figura 9 Curva d’offerta di lavoro

w2 QLS

w1

Q1 Q2 Q

Un curva di offerta di lavoro di tipo lineare può essere espressa analiticamente


attraverso la seguente equazione:

QS = c + d w (1)

Essa rappresenta la curva di offerta di lavoro diretta, ossia esprime la quantità di


lavoro offerta (Qs) dai potenziali lavoratori in funzione del salario (w). Si noti che il
termine noto “c”, che rappresenta la quantità minima di lavoro offerto, può assumere
valore negativo o può anche essere nullo. Nel primo caso avremo:

qS = -c + d w (2)
nel secondo:
qS = d w (3)

40
Appunti di Analisi Macroeconomica

Infine, la funzione di offerta può avere la forma

qS = c (4)

che interpreta il caso in cui l’offerta rimane costante qualunque sia il salario praticato.

La rappresentazione grafica della (1), (2), (3) e (4) è riportata in Figura 10.

Figura 10 Diverse curve d’offerta di lavoro


w w

0 c Q 0 Q

Funzione di Offerta Diretta QS = c + d w Funzione di Offerta Diretta QS = - c + d w

w w

0 Q 0 c Q

Funzione di Offerta Diretta QS = d w Funzione di Offerta QS = costante

L’inclinazione in modulo della curva d’offerta di lavoro diretta è data da:

∆Q S
=d
∆w

Essa indica la reattività della quantità di lavoro offerta dagli individui alle
variazioni di salario. Si noti che d è positiva perché fra quantità di lavoro offerta e
salario c’è una relazione positiva.

La curva di offerta inversa di lavoro esprime invece il salario in funzione della


quantità offerta e, pertanto, è indicata dalle seguenti equazioni ricavate rispettivamente
dalla (1) (2) e (3):

wS = -c/d + (1/d)QS
wS = c/d + (1/d)QS
wS = (1/d)QS

41
Appunti di Analisi Macroeconomica

E’ importante notare che c/d è il salario di entrata a partire dal quale gruppi di
individui sono disposti a lavorare.

L’inclinazione della curva di offerta è data da:

∆w 1
=
∆Q S d

42
Appunti di Analisi Macroeconomica

2.5 L’equilibrio fra domanda e offerta di lavoro nel modello classico

In un modello classico (o walrasiano), ossia in un mercato operante in condizioni


di concorrenza perfetta (Box 6) e con prezzi flessibili, c’è equilibrio ogni qual volta la
domanda e l’offerta aggregata di lavoro si uguagliano, ossia quando tutta la quantità di
lavoro offerta dai lavoratori viene assorbita dalle imprese. In equilibrio c’è piena
occupazione. Ciò comunque, non significa che non possono esistere disoccupati,
significa piuttosto che tali persone sono “disoccupati volontari”, ossia non sono
disposte a lavorare al salario corrente, o sono disoccupati “frizionali”, ossia quelli che
rientrano nel tasso naturale di disoccupazione.

Date la funzione di domanda di lavoro diretta QD = a - b W e la funzione di


offerta di lavoro diretta QS = c + d W, l’equilibrio sul mercato è dato dall’intersezione
fra domanda e offerta di lavoro aggregata. È così possibile determinare la quantità
d’equilibrio o quantità di pieno impiego QE e il salario di equilibrio WE tramite la
soluzione del seguente sistema:

QD = a - b W

QS = c + d W

QD=QS

Figura 11 Equilibrio fra domanda e offerta di lavoro

N. di disoccupati
salario

QS
W1

WE Equilibrio di pieno impiego a cui


corrisponde un tasso naturale di
disoccupazione

QD

Quantità di lavoro
QE

Se il salario è superiore a quello di equilibrio, ad esempio al livello W1


rappresentato in Figura 11, nel mercato del lavoro c’è eccesso di offerta, ossia gli individui
offrirebbero più di quanto i datori di lavoro sono disposti ad assumere. Il tratto
indicato in figura rappresenta appunto l’eccesso di offerta o numero di disoccupati.
Nei mercati di stampo classico, gli squilibri nel mercato del lavoro possono esistere, ma

43
Appunti di Analisi Macroeconomica

essi hanno natura temporanea. Grazie al meccanismo dei prezzi flessibili, infatti, si
raggiunge sempre l’equilibrio di pieno impiego. Si parla quindi di mercati che tendono
sempre all’aggiustamento (“clearing markets”).

Box 6. Caratteristiche del Mercato del Lavoro in Concorrenza Perfetta

Un mercato del lavoro è perfettamente competitivo quando la concorrenza fra gli agenti che vi
operano, lavoratori e imprese, tende ad esaurire tutte le possibilità di guadagno relativo esistenti. Un
mercato del lavoro perfettamente concorrenziale si distingue per una serie di caratteristiche, in
particolare:
i) esso è composto da un ampio numero di lavoratori e imprese, che considerano i prezzi
del fattore lavoro (salario) e i prezzi dei beni come dati, giacchè ritengono che gli
effetti dei loro comportamenti siano di dimensione trascurabile rispetto agli equilibri
di mercato (ipotesi di price-taking);
ii) chi offre lavoro e chi domanda lavoro ha perfetta informazione sulle opportunità
disponibili nel mercato;
iii) i lavoratori sono identici per quanto riguarda preferenze, competenze e produttività, e
le imprese offrono condizioni monetarie e non monetarie identiche ai dipendenti
(lavoro omogeneo);
iv) non esistono barriere di alcun genere alla mobilità dei lavoratori fra posti di lavoro
diversi e delle imprese fra aree produttive diverse. I costi di mobilità sono nulli;
v) non esistono vincoli di natura istituzionale che incidano sulla velocità di
aggiustamento dei prezzi relativi (la retribuzione reale) e delle quantità scambiate
(occupazione e/o ore lavorate totale).

2.6 La Rendita nel mercato del lavoro concorrenziale

I mercati concorrenziali permettono di allocare in modo ottimale le risorse, e perciò di


rendere massima la rendita complessiva del mercato del lavoro, ossia la somma della
rendita dei lavoratori e dei datori di lavoro. Si definisce rendita del lavoratori il
beneficio ottenuto dai lavoratori stessi al momento della stipula del contratto di lavoro;
essa è data dalla differenza fra il salario effettivamente percepito dai lavoratori e il
salario di riserva. Da un punto di vista grafico la rendita dei lavoratori è l’area
compresa fra il salario di equilibrio e la curva di offerta (Figura 12).

Figura 12 Rendita dei lavoratori con curva di offerta di lavoro lineare

w QLS

A
w* C

Rendita del lavoratori

Quantità d lavoro (n. lavoratori )

44
Appunti di Analisi Macroeconomica

Esempio. La funzione inversa di offerta di lavoro giornaliera in Veneto sia w=20 + 1/300 QLS. Calcolare la
rendita dei lavoratori sapendo che il salario giornaliero è uguale a w*=100 euro.

Figura 13 Visualizzazione dell’esercizio sulla rendita dei lavoratori

w in euro

QLS

C
w*=100

20
Rendita dei lavoratori

-6000 Q*=24000 Quantità di L

Soluzione:

Si rappresenta graficamente la funzione inversa di offerta ed il w*=100. Il punto A si ottiene ponendo w=0
e di conseguenza si ha QLS=-6000; il punto B si ricava ponendo QS=0 e quindi w=20. La rendita è data
dall’area del triangolo β. Si trovano le coordinate del punto C facendo il sistema fra w*=100 e w =20 +
1/300 QS. Si ottiene che 100=20 + 1/300 QS da cui QS=24.000. La rendita è data da 24.000*(100-
20)/2=960.000 euro, essendo 100-20 la differenza fra il salario effettivo e quello di riserva.

La rendita dei datori di lavoro è il beneficio realizzato in sede di stipula contrattuale,


per effetto della differenza fra il salario che essi erano disposti a pagare ai lavoratori e
quello che viene poi effettivamente loro corrisposto. Graficamente è data dall’area
compresa fra la curva di domanda e il salario di equilibrio.

Figura 14 Rendita del datori di lavoro con curva di domanda di lavoro lineare

w
Rendita dei datori di
B lavoro

A
w* C

QLD

quantità

45
Appunti di Analisi Macroeconomica

Esempio. La funzione di domanda di lavoro in Veneto sia QLD=2500 – 10 w. Determinare la rendita dei
datori di lavoro sapendo che il salario di equilibrio concorrenziale è uguale a w*=100 euro.

Figura 15 Visualizzazione dell’esempio sulla rendita dei datori di lavoro

w
in euro

Rendita del datori di


lavoro
250 B

w*=100 C

QLD

1.500 2500 quantità di L

Soluzione:

Si rappresenta graficamente la funzione di domanda ed il w*=100. Il punto A si ottiene ponendo w=0 e di


conseguenza si ha che il numero massimo di lavoratori impiegati è QD=2500 ; il punto B si ricava ponendo
QD=0 e quindi w=250. La rendita è data dall’area del triangolo α . Si trovano le coordinate del punto C
facendo il sistema fra P*=100 e QD=2500 – 10 P. Si ottiene che QD=1500. La rendita è data da 1500*(250-
100)/2=112.500 euro.

Il punto di equilibrio concorrenziale è detto anche punto di ottimo perché al


salario di equilibrio, la quantità di lavoro offerta dagli individui è uguale alla quantità
di lavoro richiesta dalle imprese. In Figura 16 è rappresentata la rendita del lavoratore e
del datore di lavoro in condizione di equilibrio concorrenziale. L’area compresa fra la
curva di domanda e quella di offerta rappresenta graficamente la rendita totale del
mercato del lavoro.

46
Appunti di Analisi Macroeconomica

Figura 16 Equilibrio di mercato e rendita del lavoratori e dei datori di lavoro

w Rendita dei datori di


lavoro
QS

w*

Rendita del
lavoratori
QD

Q*
Q

I mercati concorrenziali sono efficienti, il meccanismo dei prezzi permettendo di


raggiungere l’equilibrio fra la domanda e l’offerta garantisce, infatti, la
massimizzazione del benessere della collettività (la rendita totale di mercato).

Secondo la teoria classica formulata da Adam Smith i mercati (del lavoro e dei
beni) devono essere lasciati liberi di aggiustarsi alle pressioni della domanda e
dell’offerta perchè il meccanismo della “mano invisibile” permette di raggiungere
l’ottimo di equilibrio. Per questo Smith ritiene che l'azione dello Stato in fatto di
economia, vuoi regolamentando i processi produttivi e salariali, vuoi introducendo
restrizioni nella libertà di commercio, sia del tutto dannosa: essa rischia infatti di
compromettere quel vantaggio generale che necessariamente si acquisisce quando si
lascia che le cose seguano il loro ordinario corso naturale.

Esempio. Si considerino le funzioni di domanda giornaliera di lavoro, QD=2500 – 10 w e di offerta w=20 +


1/300 QS in Veneto. Trovare il salario di equilibrio e il numero ottimale di lavoratori impiegati in ipotesi
di equilibrio concorrenziale. Determinare infine, la rendita totale di mercato.

Soluzione:

L’equilibrio di mercato si determina ponendo QD = QS, ossia facendo il sistema fra la curva di domanda di
lavoro QD=2500 – 10 w e d’offerta w=20 + 1/300 QS. Si ottiene Q*=2226 w*=27,4. La rendita dei datori di
lavoro è pari a (2226*(250-27,4))/2=247753,8 euro e quella dei lavoratori a 7,4*2226/2=8236,2 euro. La
rendita totale di mercato è quindi data dalla somma della rendita dei lavoratori e dei datori di lavoro
247753,8+8236,2.

47
Appunti di Analisi Macroeconomica

Figura 17 Visualizzazione dell’esercizio sulla rendita totale di mercato

w in euro

250
QS
Rendita dei
datori di lavoro

27,4
Rendita dei
lavoratori

20
QD

2226 2500
Q

2.7 La rendita nel mercato del lavoro regolamentato

In diversi paesi industrializzati esiste un “salario minimo legale” al di sotto del


quale non è possibile retribuire i lavoratori. In altri termini, la legge e non il mercato,
stabilisce che, indipendentemente dalla qualifica o mansione svolta, a ciascun
lavoratore debba essere pagato almeno il salario minimo e a quel livello i datori di
lavoro sono tenuti ad adeguarsi.

Se nel mercato del lavoro viene imposto un salario diverso da quello di pieno
impiego (salario minimo o contratto collettivo stipulato dal sindacato) ci si allontanerà
dall’ottimo e varieranno, di conseguenza, anche la rendita del lavoratore e quella del
datore di lavoro. Se per esempio la contrattazione collettiva stabilisse un prezzo del
lavoro (W1) superiore a quello di equilibrio (W*), la quantità di lavoro offerta dagli
individui aumenterebbe da QL* a QLS1 (Figura 18). Si registrerebbe un eccesso di offerta
(pari al tratto QLS1 – QLD1) e quindi non tutti i potenziali lavoratori riuscirebbero ad
ottenere il posto di lavoro. Si genera disoccupazione.

In particolare il numero di lavoratori che riuscirà ad ottenere un impiego in


corrispondenza della nuova domanda di lavoro si individua nell’ascissa QLD1 del punto
A (Figura 18); mentre altri (Q L*– QLD1)saranno esclusi dal mercato.

48
Appunti di Analisi Macroeconomica

Figura 18 Mercato del lavoro regolamentato e rendita del lavoratore e datore di lavoro

W Rendita del datore di


D disoccupazione
lavoro

A Perdita Secca
W1

G
W* E

Rendita del
lavoratore

QLD1 QL* QLS1


QL

La rendita del lavoratore, in equilibrio di mercato è data dall’area del triangolo


EW*F, nelle nuove condizioni varierà. In particolare, corrisponde all’area del trapezio
ABFW1. In questa situazione ci sarà una parte di lavoratori che potrà ottenere il posto
di lavoro ad un salario maggiore rispetto a quello di equilibrio, si tratta di quei
lavoratori fortunati che si trovano lungo il tratto della curva di offerta FB, ed una parte
di lavoratori (tratto BE) che rimarrà insoddisfatta cioè senza lavoro. Se da un lato un
gruppo di lavoratori beneficerà di una rendita superiore rispetto a quella di libero
mercato pari all’area AG W*W1, dall’altro si verifica una perdita, detta perdita secca
del lavoratore pari al triangolo BEG. La variazione netta di rendita del lavoratore è
data dalla differenza fra l’area guadagnata AG W*W1 e l’area persa BEG.

∆ netta della rendita del lavoratore = + AG W*W1- BEG

Per quanto riguarda i datori di lavoro, la parte di imprese che è ancora sul
mercato e assume una quantità QLD1 deve corrispondere un salario più elevato per cui
avrà una riduzione di rendita. Più specificatamente, la rendita del datore di lavoro è
l’area compresa fra la curva di domanda di lavoro e il salario W1, cioè l’area del
triangolo ADW1. Il datore di lavoro perde sia l’area AG W1W*, che è trasferita al
lavoratore, sia l’area AEG, che rappresenta la perdita secca del datore di lavoro
dovuta, questa volta, al fatto che una parte di imprese è costretta ad uscire dal mercato
in conseguenza di un salario troppo elevato. La variazione netta in negativo di rendita
del datore di lavoro è data dalla somma delle due aree perse AG W1W* e AEG.

∆ netta della rendita del datore di lavoro = - AG W1W*- AEG

Si noti innanzitutto che i salari imposti si traducono in una perdita netta della
rendita totale (-AEG -BEG), la perdita secca complessiva. Inoltre, sebbene appaia che
una parte di lavoratori venga agevolata dal salario più alto, è probabile che il
49
Appunti di Analisi Macroeconomica

lavoratore per ottenere il posto di lavoro abbia dovuto sostenere dei costi sia in termini
di tempo ed energie impiegate (“concorsi, studio”) sia in termini strettamente
economici (spese per viaggio, domande). Se l’ammontare complessivo di questi costi
uguaglia o supera l’ammontare della rendita si dice che la rendita è stata dissipata. Ciò
significa semplicemente che il vantaggio ottenuto in seguito al salario maggiore (la
rendita) è stato completamente assorbito dai costi sostenuti dallo stesso lavoratore per
accaparrarsi la rendita.

In breve un intervento di politica economica mirato ad aumentare il prezzo del


lavoro al di sopra di quello di equilibrio sicuramente riduce o annulla la rendita dei
datori di lavoro, danneggia quella parte di potenziali lavoratori che non riesce ad
ottenere l’impiego, ed in ultima analisi, non è neppure utile per quei lavoratori
fortunati che hanno ottenuto il posto perchè lo avranno acquistato dopo “concorsi”,
spreco di tempo e fatica. L’intervento finirà per ridurre in ogni caso il benessere
collettivo rispetto a quello producibile in una situazione di libero mercato. La rendita
totale di un mercato regolamentato pari all’area ABFD è infatti inferiore alla rendita
totale in concorrenza perfetta data dall’area EDF (Figura 18).

50
Appunti di Analisi Macroeconomica

Box 7 Il Cuneo Fiscale

Il cuneo fiscale sul lavoro dipendente è la differenza tra:

costo del lavoro (per i datori di lavoro: salario al lordo delle tasse e dei
contributi previdenziali)
Salario netto percepito dal lavoratore (salario al netto delle tasse e delle
deduzioni previdenziali più gli eventuali trasferimenti)

In pratica è la differenza tra quanto pagato dal datore di lavoro e quanto incassato
effettivamente dal lavoratore, essendo il restante importo versato al fisco e agli enti di
previdenza. Formalmente può essere definito come il rapporto fra la somma delle imposte sul
reddito e dei contributi sociali e il costo del lavoro.

L'OECD, nell' annuale rapporto sul prelievo fiscale e sui salari, aggiornato al 2008, ha calcolato
che in Italia l' incidenza % sul costo del lavoro delle tasse personali sul reddito e dei contributi
sociali a carico del lavoratore e delle imprese si attesta al 46,5% collocando l'Italia al settimo
posto tra i 30 Paesi OECD, dopo Belgio, Germania, Ungheria, Francia, Svezia, Austria. Nei
paesi OECD il cuneo fiscale oscilla tra le percentuali superiori al 50% di Belgio, Germania,
Francia e Ungheria e quelle inferiori al 19% di Messico e Corea. Negli Stati Uniti, è pari al
29,1%.

Sempre dalla stessa fonte appare come il cuneo fiscale in Italia sia diminuito dal 46,4% del 2000,
al 45,2% del 2006 per poi aumentare nel 2007 e raggiungere il 46,5% nel 2008 (i dati riguardano
il caso di un lavoratore single senza figli che ha una remunerazione pari alla media nazionale).

Dall’esame comparato di questo indicatore emerge che l’Italia è in linea con la Francia e la
Germania, che presentano una struttura del welfare simile alla nostra; un valore nettamente
inferiore del cuneo fiscale si registra nel Regno Unito, dove però i lavoratori devono attingere
alla busta paga per finanziare privatamente tramite il mercato una parte di beni e servizi sociali
che i loro colleghi dell’Europa continentale ricevono dallo stato sociale.

Nel corso delle elezioni politiche italiane del 2006, è stata avanzata la proposta di diminuire di 5
punti percentuali il cuneo fiscale con l’obiettivo di generare più risorse a disposizione delle
imprese e dei consumatori, di ridurre i costi di produzione, di diminuire i prezzi e recuperare
in competitività. Con la Finanziaria 2007 e 2010 il Governo è però andato in direzione opposta.

2.8 L’equilibrio nel mercato del lavoro con salari di efficienza

Il persistere della disoccupazione a livelli molto elevati ha fatto ritenere che il


modello classico non fosse sempre idoneo, di conseguenza, sono state presentate
numerose ipotesi alternative per spiegare la disoccupazione involontaria come
fenomeno di equilibrio anziché come situazione transitoria. Si tratta dei modelli di
“non clearing markets” di matrice keynesiana, che operano in condizione di
concorrenza imperfetta e con prezzi viscosi, ossia prezzi che non si aggiustano
facilmente. Rientra in quest’ambito il modello del salario di efficienza, ossia il salario più
elevato di quello di equilibrio concorrenziale, che corrisponde al massimo profitto per il datore di
lavoro e al più alto livello di impegno per il lavoratore.

Nel modello classico del mercato del lavoro l’occupazione è determinata


congiuntamente dalla domanda e dall’offerta di lavoro. Al contrario nella teoria del

51
Appunti di Analisi Macroeconomica

salario di efficienza l’occupazione è determinata esclusivamente dal lato della


domanda. Graficamente avremo:

Figura 19 Equilibrio nel modello del salario di efficienza

D Equilibrio del salario disoccupazione


di efficienza

Eeffi
Wefficienza
Equilibrio
classico
Wclassico E

QLDefficienza QLclassica
QL

Mentre l’equilibrio del modello classico è caratterizzato da piena occupazione (c’è


esclusivamente disoccupazione naturale, punto E), l’equilibrio del modello dei salari di
efficienza è caratterizzato da disoccupazione involontaria, in quanto l’offerta di lavoro
eccede la domanda anche dopo il completo aggiustamento dei prezzi e salari. Nel
modello basato sul salario di efficienza i lavoratori disoccupati non riescono ad
influenzare il salario verso il basso, semplicemente perché le imprese non desiderano
impiegare una quantità di lavoratori superiori a QLefficienza. Le imprese, infatti, sanno che
un salario minore non indurrebbe nei lavoratori quell’impegno per unità di salario
reale che esse possono invece ottenere pagando un salario di efficienza. L’eccesso di
offerta è pertanto stabile e tende a persistere indefinitivamente.

Come viene stabilito il salario di efficienza

Il livello del salario di efficienza, come già detto, viene stabilito dalle imprese a un
livello superiore all’equilibrio di pieno impiego. Per il presupposto che la produttività
o l’efficienza dei lavoratori sia legato al salario percepito, questo diventa lo strumento a
disposizione delle imprese per spingere la forza-lavoro a impegnarsi.

Si indichi con e lo sforzo dei lavoratori e con w il salario. La funzione sforzo può essere
espressa da:

e=e(w)

52
Appunti di Analisi Macroeconomica

dal momento che il lavoratore aumenta il suo sforzo all’aumentare del salario la
funzione è crescente per cui la derivata prima è:

e’(w) >0

Bisogna però dire che lo sforzo non può crescere in maniera infinita, esso ha un limite
non superabile proprio per il carattere della natura umana.

Da un punto di vista grafico la funzione sforzo è così rappresentata:

Figura 20 Determinazione del salario di efficienza

wefficienza w

Dal grafico si rileva che per bassi salari i lavoratori si impegnano poco, all’aumentare
di esso l’impegno cresce più che proporzionalmente, ma non può superare un certo
livello. Il salario di efficienza è determinato dal punto di tangenza della funzione
sforzo con la retta più elevata uscente dall’origine.

2.9 La legge di Okun

La principale conseguenza della disoccupazione è la perdita di prodotto. Ciò comporta


una minore quantità di beni e servizi a disposizione della collettività. Negli anni ’60
Arthur Okun ha analizzato empiricamente la relazione fra disoccupazione e livello di
produzione evidenziando che esiste una relazione inversa fra le due variabili.
Analizzando l’economia americana, Okun rilevò che per ogni punto di aumento della
disoccupazione, il PIL diminuiva mediamente del 2%. Per ridurre la disoccupazione
ciclica di 1 punto percentuale era perciò necessario che il tasso di crescita del PIL reale
aumentasse di 2 punti percentuali.
La relazione relativamente agli USA è così espressa:

Y * −Y = 3% − 2 ⋅ (u − u*)

E più in generale la legge è così formalizzata:

53
Appunti di Analisi Macroeconomica

Y * −Y
= g ⋅ (u − u*)
Y*

dove Y*=produzione di pieno impiego (detta anche PIL potenziale), ossia il massimo
che il sistema può produrre
Y= produzione (PIL) effettiva;
u= disoccupazione effettiva;
u*= disoccupazione naturale;
g= coefficiente della legge di Okun che riflette l’assetto istituzionale di un Paese e
quindi la struttura della regolamentazione di assunzioni e licenziamenti.

La differenza u-u* è detta disoccupazione ciclica, ossia l’eccesso del tasso di


disoccupazione effettivo rispetto a quello naturale.
La differenza fra il PIL effettivo (o PIL reale) e il PIL di pieno impiego (o potenziale, o
trend), Y-Y*, è detta “output gap” (gap di produzione). Durante le recessioni il PIL
effettivo si colloca molto al di sotto del PIL potenziale (Y < Y*) (gap di recessione).
Durante le espansioni il PIL effettivo tende a avvicinarsi al PIL potenziale (Y → Y*) e
può talora, addirittura, superarlo (gap di espansione). Il gap di produzione è positivo e/o
si amplia in recessione, cala (o diviene negativo) in espansione.
In sintesi, se
Y -Y* <0 ciò implica che Y <Y* , ossia si ha un gap di recessione;
se
Y -Y* >0 ciò implica che Y> Y*, ovvero si è in presenza di un gap di espansione.
Entrambi gli output gaps sono visti negativamente dai policy makers, perché il primo
implica che l’economia non produce a sufficienza, il secondo perché comporta
inflazione. I policy makers tendono all’obiettivo del pareggiamento della produzione
effettiva con quella potenziale (Y*=Y) in quanto essa conduce all’uguaglianza fra tasso
di disoccupazione effettiva e quella naturale (u=u*).
Nel seguente grafico sono riportati Y e Y* per l’Italia, la distanza fra le due curve
rappresenta il gap.

Figura 21 Andamento del PIL effettivo (PIL reale) e del PIL di pieno impiego (trend) in Italia

Fonte: Istat, 2008.

54
Appunti di Analisi Macroeconomica

Se u=u* la produzione effettiva è uguale a quella di pieno impiego Y=Y*.

Alternativamente, la legge di Okun si può sintetizzare nel seguente modo:

∆Y ∆Y *
= − g ⋅ ∆u
Y Y*

∆Y/Y= è il tasso di crescita % del PIL


∆Y*/Y*=tasso di crescita % del prodotto di piena occupazione;
∆u=variazione della disoccupazione;

Da un punto di vista empirico è stato stimato che la legge di Okun per l’Italia negli
anni ’90-‘00 è:

∆Y
= 4% − 1,7 ⋅ ∆u
Y
Il valore di 1,7 indica che una crescita del tasso di disoccupazione effettiva dell’1%
superiore al valore naturale per un anno riduce la produzione italiana di 1,7 punti
percentuali. Se invece il tasso di disoccupazione effettiva e quello naturale sono uguali,
ossia si è in pieno impiego, il tasso di crescita della produzione è pari al 4%.

Graficamente la legge di Okun riferita all’Italia è espressa da:

Tasso di
crescita del PIL
reale
∆Y/Y

4%
∆Y
= 4% − 1,7∆u
Y

Variazione del tasso di


disoccupazione ∆u

Come è possibile notare dalla seguente tabella, il coefficiente g della legge di Okun è
diverso tra Paese e Paese e varia nel tempo.

Il coefficiente g della legge di Okun


Dal 1960 al 1980 Dal 1981 al 2006
Stati Uniti 3.9 4.2
Germania 2.0 2.9
UK 1.5 5.1
Giappone 0.2 1.1

55
Appunti di Analisi Macroeconomica

Esso è risultato piccolo in Giappone ed elevato negli Stati Uniti. Ciò perché le imprese
giapponesi offrono un alto grado di sicurezza dell’impiego, per cui le variazioni della
produzione hanno poco impatto sull’occupazione e quindi sulla disoccupazione. Un
coefficiente più elevato, invece, si registra in quei Paesi, come gli USA dove ci sono
pochi vincoli legali e sociali all’aggiustamento dell’occupazione da parte delle imprese.
Sempre le restrizioni legali ai licenziamenti –dall’indennità di licenziamento alla
necessità di ottenere l’autorizzazione legale dal governo per la rescissione del contratto
di lavoro– spiegano perché i coefficienti stimati per i due paesi europei siano compresi
tra quelli del Giappone e degli Stati Uniti.
La seconda colonna dà le stime basate sui dati dal 1981 al 2006. Il coefficiente è
ovunque più elevato, ad eccezione degli Stati Uniti dove è rimasto pressoché stabile, e
ciò è di nuovo coerente con quanto sappiamo circa il comportamento delle imprese e la
legislazione sul lavoro. La maggior concorrenza sui mercati reali registrata sin dai
primi anni Ottanta ha indotto le imprese, in gran parte dei Paesi, a ridurre il loro
impegno alla sicurezza dell’impiego. Inoltre, le restrizioni legali ad assunzioni e
licenziamenti sono state notevolmente allentate. Entrambi questi fattori hanno
provocato un aumento della risposta della disoccupazione alle fluttuazioni della
produzione, e quindi un maggior valore di g.

56
Appunti di Analisi Macroeconomica

Per Esercitarsi

Esercizio 1. Le funzioni di domanda e offerta di lavoro di un mercato perfettamente


concorrenziale siano date da QLD=20 –w e da QLS =10. Indicare il significato del termine
noto 20, della funzione di domanda e quello dell’inclinazione -1. Determinare l’equilibrio di
mercato del lavoro, la rendita dei lavoratori, dei datori di lavoro e la rendita totale di
mercato. Rappresentare graficamente l’equilibrio e indicare le rendite.

♠ Risultati: Q*=10, w*=10;


rendita del datori di lavoro=50;
rendita dei lavoratori=100;
rendita tot=150

Esercizio 2. Le funzioni di domanda e offerta giornaliera di lavoro per i “call-center” romani


siano date rispettivamente da QLD= 4000 –20w e
QLS=-1000+80w. Determinare l’equilibrio del mercato del lavoro, la rendita dei lavoratori,
dei datori di lavoro e la rendita totale di mercato. Rappresentare graficamente l’equilibrio e
indicare le rendite.

♠ Risultati: Q*=3000, w*=50;


rendita dei datori di L=225.000;
rendita dei lavoratori=56.250;
rendita tot=281.250

Se viene imposto un salario minimo di 60 euro quante persone verranno impiegate dai call-
center? Quante persone offriranno lavoro? Quante persone rimarranno disoccupate?

♠ Risultati: verranno impiegate 2800 persone


offriranno lavoro 3800 persone
disoccupati=1000;

Esercizio 3. Le funzioni di domanda e offerta giornaliera di lavoro siano QLD= 30 – w e QLS


=-10+w. Determinare l’equilibrio di mercato, la rendita dei lavoratori, dei datori di lavoro e
la rendita totale. Rappresentare graficamente l’equilibrio e indicare le rendite.

♠ Risultati: Q*=10, w*=20;


rendita dei datori=50;
rendita dei lavoratori=50;
rendita tot=100

Se viene imposto un salario di 25 euro, quante persone verranno assunte e quante


offriranno lavoro?

♠ Risultati: QD=5, QS=15;


disoccupati=10

Determinare infine la nuova rendita dei lavoratori, dei datori di lavoro e quella totale.

♠ Risultati: rendita del datori di lavoro=12,5;


rendita dei lavoratori=62,5;
rendita tot=75

Esercizio 4. Le funzioni di domanda e offerta di lavoro siano date QLD= 14000 –10w e QS = -
400+20w. Determinare l’equilibrio di mercato, la rendita dei lavoratori e dei datori di
lavoro. Rappresentare graficamente l’equilibrio e indicare le rendite. Se la contrattazione

57
Appunti di Analisi Macroeconomica

sindacale stabilisce un salario del 30% superiore a quello di equilibrio, in corrispondenza


del nuovo salario quale sarà la quantità di lavoratori impiegata dalle imprese e l’offerta di
lavoro da parte dei potenziali lavoratori? Determinare la rendita dei lavoratori e dei datori
di lavoro in presenza del nuovo salario. Confrontare le rendite totali in libero mercato e in
presenza di salario regolamentato.

♠ Risultati: w*=480, Q*=9200;


rendita dei lavoratori=2116000;
rendita dei datori=4232000; nuovo w’=624;
quantità offerta di lavoro al nuovo salario=12080;
quantità di lavoratori assunti al nuovo salario=7760;
rendita dei lavoratori al nuovo salario=3.181.600;
rendita dei datori di lavoro=3.010.880;
la rendita tot diminuisce in presenza di mercati
regolamentati.

Esercizio 5. Rispondi alle seguenti domande:

e) Quali sono le caratteristiche dei mercati del lavoro concorrenziali?


f) Che cosa è la perdita secca e in quale tipologia di mercato è riscontrabile?
g) Che relazione esiste fra la ricchezza di un paese e la disoccupazione?
h) Perché il mercato del lavoro è rigido?

Esercizi svolti

I. Le curve di domanda e offerta di lavoro dipendente pubblico in Calabria siano le seguenti:


QD = 200.000 –4 PL; QS = - 40.000 + 20 PL

1. Chi domanda lavoro dipendente pubblico?

Le pubbliche amministrazioni.

2. Chi offre lavoro dipendente pubblico?

I potenziali lavoratori che sono interessati a lavorare alle dipendenze delle pubbliche amministrazioni.

3. Ricavare la curva di domanda inversa e illustrarne sinteticamente il significato.

4PL = 200.000 – QD; PL = 200.000/4 – QD/4; PL = 50.000 – (1/4)QD

La curva di domanda inversa di lavoro permette di individuare il prezzo massimo che le pubbliche
amministrazioni sono disposte a pagare per successive unità di lavoro. Per esempio, 50.000 indica che in
nessun caso esse sono disposte a pagare un prezzo maggiore o uguale a 50.000 euro all’anno; assegnando
diversi valori a QD si ottiene il prezzo al quale le pubbliche amministrazioni sono disposte a domandare
quelle quantità di lavoro.

4. Illustrare sinteticamente il significato della curva di offerta di lavoro dipendente pubblico in


Calabria, e determinare il prezzo minimo di offerta di lavoro dipendente pubblico in
Calabria.

58
Appunti di Analisi Macroeconomica

La curva di offerta indica il prezzo minimo richiesto dai potenziali lavoratori per accettare di lavorare alle
dipendenze di una pubblica amministrazione in Calabria.
Ponendo QS = 0, si ottiene: 20PL = 40.000; PL =2.000; ciò significa che, nell’esempio, nessuno è disposto
a lavorare alle dipendenze di una pubblica amministrazione in Calabria per uno stipendio minore o
uguale di 2.000 euro all’anno.

5. Illustrare la nozione di equilibrio di un mercato concorrenziale, e determinare il prezzo di


equilibrio del lavoro dipendente pubblico in Calabria.

Un mercato concorrenziale è in equilibrio quando la quantità domandata è uguale alla quantità


offerta. Nell’esempio quando:

200.000 – 4PL = -40.000 + 20PL; 24PL = 240.000; PL = 10.000


al prezzo 10.000: QD = 200.000 –4*10.000 = 160.000
QS = -40.000 + 20*10.000 = 160.000

6. Determinare la quantità domandata e la quantità offerta di lavoro dipendente pubblico in


Calabria , nell’ipotesi che la contrattazione collettiva nazionale imponga in Calabria un
prezzo del 50 per cento più alto di quello di equilibrio.

Se si impone in Calabria un prezzo del lavoro uguale a 10.000* 1,5 = 15.000 euro;
QD = 200.000 –4*15.000 = 140.000 QS = -40.000 + 20* 15.000 = 260.000

7. Al prezzo di 15.000 euro all’anno, quante persone lavoreranno effettivamente alle


dipendenze delle pubbliche amministrazioni in Calabria?

Al prezzo di 15.000 euro all’anno le pubbliche amministrazioni calabresi decideranno di assumere


140.000 persone.
8. Ad uno stipendio di 15.000 euro all’anno, quante persone vorrebbero lavorare alle
dipendenze delle pubbliche amministrazioni in Calabria?

Ad uno stipendio di 15.000 euro all’anno 260.000 persone vorrebbero lavorare alle dipendenze delle
pubbliche amministrazioni in Calabria.

9. Dire che tipo di squilibrio si ha nel mercato del lavoro dipendente pubblico
in Calabria ad un prezzo di 15.000 euro all’anno, e indicarne la dimensione.

Al prezzo di 15.000 euro all’anno si ha un eccesso di offerta di lavoro dipendente pubblico in Calabria
pari a 260.000 – 140.000 = 120.000.

10. Con riferimento all’ipotesi che la contrattazione collettiva nazionale


imponga in Calabria un prezzo del 50 per cento più alto di quello di
equilibrio:

10 a. Determinare la rendita da impiego pubblico in Calabria.

59
Appunti di Analisi Macroeconomica

La rendita da impiego pubblico è data dall’area compresa fra la curva di offerta di lavoro e il nuovo
salario 15.000 euro, tenendo conto del fatto che solo 140.000 posti di lavoro sono disponibili.
Graficamente corrisponde all’area del trapezio la cui base maggiore è data da 13.000 (ossia, 15.000
(retribuzione max) – 2000 (retribuzione min)), la base minore pari a 6.000 (ossia, 15.000 – 9.000), e
l’altezza è uguale al numero di posti di lavoro disponibili, 140.000. L’ammontare della rendita è pari
dunque a (13.000+6.000)*140.000/2= 1.330.000.000 euro.

10 b. Illustrare il processo di dissipazione delle rendite generate dall’imposizione di un prezzo


maggiore di quello di equilibrio.

A un prezzo maggiore di quello di equilibrio, il numero di persone che in Calabria trovano


conveniente lavorare nella pubblica amministrazione supera significativamente il numero di persone
che le pubbliche amministrazioni sono disposte ad assumere. L’eccesso di offerta di lavoro dipendente
pubblico determina uno spreco di tempo e soldi in domande, concorsi ecc., In questo modo si ha una
dissipazione (anticipata) della rendita che i lavoratori potranno ottenere quando riusciranno ad essere
assunti nella pubblica amministrazione. Queste forme di dissipazione della rendita da parte dei
lavoratori non sembrano comportare alcun vantaggio per la collettività. Probabilmente, anzi gli
effetti sono addirittura negativi, sia per il maggior tempo e risorse che le pubbliche amministrazioni
calabresi devono dedicare all’espletamento dei concorsi, sia per le pressioni clientelari, sia per il fatto
che l’assunzione di persone con qualifiche elevate per svolgere funzioni semplici comporta
probabilmente una minore efficienza per carenza di motivazione delle persone.

II. Si supponga che in America vi siano 160 milioni di persone che possono e vogliono lavorare
(forza lavoro), che ciascuno sia in grado di produrre beni per un valore di 30 mila dollari
all’anno, che il tasso di disoccupazione ritenuto “naturale”o fisiologico dalla Banca Centrale
americana (la Federal Reserve) sia il 5%.

1.a) determinare la produzione potenziale complessiva di “piena occupazione”:

160.000.000 * 0,95 * 30.000 = 4.560 miliardi di dollari

1b) Calcolare il numero di disoccupati che vi sarebbero in America con un tasso di


disoccupazione del 5%:

0,05*160 = 8 milioni di disoccupati

1c) Perché la Banca centrale americana ritiene “naturale” o fisiologico che vi siano in America 8
milioni di disoccupati?

I disoccupati sono delle persone in cerca di lavoro. Considerato che i lavoratori hanno caratteristiche e
aspirazioni diverse, e che le imprese hanno esigenze differenti, può essere ritenuto fisiologico il fatto che
durante una vita lavorativa di circa 40 anni circa il 5% (2 anni) siano in media dedicati alla ricerca del
lavoro.

1d) Cosa si teme che si verifichi quando il tasso di disoccupazione diminuisce al di sotto del
suo livello “naturale”?

Il timore principale è che si inneschi una “spirale inflazionistica”, vale a dire un circolo vizioso che porti a
tassi d’inflazione sempre più elevati.

1e) Si è mai verificato qualcosa del genere?

Purtroppo si: in Italia l’inflazione arrivò nei primi anni ottanta al 20% all’anno; in Argentina, il prezzo
di un prodotto che costava un peso nel 1971, aumentò fino a 130 miliardi di pesos nel 1991. Una

60
Appunti di Analisi Macroeconomica

“iperinflazione” analoga a quella dell’Argentina si era verificata in Germania dopo la prima guerra
mondiale.

1f) Illustrare il significato di NAIRU:

NAIRU = “non accelerating inflation rate of unemployment”, vale a dire un tasso di disoccupazione che
mantiene stabile il tasso d’inflazione. Corrisponde al tasso d’inflazione naturale o fisiologico, se il tasso
corrente d’inflazione è quello desiderato.

III. Si ipotizzi che nei paesi dell’Area Euro la forza lavoro sia pari a 200 milioni di persone e che
ogni individuo sia in grado di produrre beni per un valore di 40 mila euro all’anno. Si supponga
inoltre, che la Banca Centrale Europea ritenga che il tasso di disoccupazione naturale sia
dell’8%.

1.a) Qual è la produzione potenziale complessiva di “piena occupazione”:

200.000.000 * 0,92 * 40.000 = 7.360 miliardi di euro

1b) Quanti disoccupati vi sarebbero in Europa ad un tasso di disoccupazione dell’8%:

0,08*200 = 16 milioni di disoccupati

1c) Cosa significa che Banca Centrale Europea ritiene naturale avere in Europa 8 milioni di
disoccupati?

Considerando che mediamente la vita lavorativa di ciascun individuo sia di 40 anni, la BCE ritiene
plausibile che l’8% di tempo (3,2 anni) sia dedicato alla ricerca di un lavoro consono alle sue aspirazioni.

1d) Quando può innescarsi una spirale inflazionistica?

Quando il tasso di disoccupazione effettivo scende al di sotto del tasso di disoccupazione naturale.

1e) Cosa è il NAIRU?

Il NAIRU = “non accelerating inflation rate of unemployment” è quel tasso di disoccupazione che
mantiene stabile il tasso d’inflazione. Corrisponde essenzialmente al tasso d’inflazione naturale o
fisiologico, se il tasso corrente d’inflazione è quello desiderato.

IV. Siano QD = 2.800.000 –50 PL e QS = -100.000 + 40 PL le curve di domanda e offerta di lavoro


dipendente pubblico nel Mezzogiorno.

1. Determinare la curva di domanda inversa e illustrarne il significato.


50PL = 2.800.000 – QD; PL = 2.800.000/50 – QD/50; PL = 56.000 – (1/50)QD
La curva di domanda inversa di lavoro nel Mezzogiorno permette di individuare il salario massimo che le
pubbliche amministrazioni del Mezzogiorno sono disposte a pagare per successive unità di lavoro. In
questo caso, nessuna impresa pagherà più di 56.000 euro all’anno. Inoltre, le imprese per assumere un
lavoratore in più abbasseranno il salario di 1/50 euro.

2. Ricavare il prezzo minimo di offerta di lavoro dipendente pubblico nel Mezzogiorno, e


illustrare il significato della curva di offerta.

Ponendo QS = 0, si ottiene: 40PL = 100.000; PL =2.500

61
Appunti di Analisi Macroeconomica

2500 è il salario minimo richiesto da un individuo per accettare il posto di lavoro. Lungo la curva di
offerta si collocano in ordine crescente dal punto di vista della retribuzione minima richiesta i potenziali
lavoratori pubblici.

3. Calcolare il salario e la quantità di equilibrio di un mercato concorrenziale.

Un mercato concorrenziale è in equilibrio quando la quantità domandata è uguale alla quantità


offerta. Nell’esempio quando:

2.800.000 – 50PL = -100.000 + 40PL; 90PL = 2.900.000; PL = 32.222,22


al prezzo 32.222: QD = 2.800.000 –50*32.222,22 = 1.188.890
QS = -100.000 + 40*32.222,22 = 1.188.890

4. Determinare il valore della rendita dei lavoratori dipendenti pubblici del Mezzogiorno,
nell’ipotesi di equilibrio concorrenziale.

La rendita varia da un massimo di 32.222,22 – 2.500 = 29.722,22 euro a un minimo di zero. Il suo valore
medio è di 29.722,22/2 = 14.861,11 euro; il suo valore complessivo è 14.861,11*1.188.890 = 17,668
miliardi di euro. Poiché in questo caso tutte le persone disponibili a lavorare per una pubblica
amministrazione per una retribuzione fino a 32.222,22 euro all’anno vengono assunti, non opera alcun
fenomeno di dissipazione di questa rendita.

5. Determinare la quantità domandata e la quantità offerta di lavoro dipendente pubblico nel


Mezzogiorno, nell’ipotesi che la contrattazione collettiva nazionale imponga nel Mezzogiorno
un prezzo del 30 per cento più alto di quello di equilibrio.

Se si impone un prezzo del lavoro uguale a 32.222,22* 1,3 = 41.889 euro;

QD = 2.800.000 –50*41.889 = 705.550 QS = -100.000 + 40* 41.889 = 1.575.560

6. Con riferimento all’ipotesi che la contrattazione collettiva nazionale imponga nel


Mezzogiorno un prezzo del 30 per cento più alto di quello di equilibrio:

6 a. Determinare la rendita da impiego pubblico nel Mezzogiorno.


La rendita da impiego pubblico è data dall’area compresa fra la curva di offerta di lavoro e il nuovo
salario 41.889 euro, tenendo conto del fatto che solo 705.550 posti di lavoro sono disponibili.
Graficamente corrisponde all’area del trapezio la cui base maggiore è data da 39.389 (ossia, 41.889
(retribuzione max) – 2500 (retribuzione min)), la base minore pari a 21.750,25 (ossia, 41.889 –
20.138,75), e l’altezza è uguale al numero di posti di lavoro disponibili, 705.500. L’ammontare della
rendita è pari dunque a (39.389 +21.750,25)* 705.500/2= 21.568.398.918,75 euro.

6 b. Illustrare il processo di dissipazione delle rendite generate dall’imposizione di un


prezzo maggiore di quello di equilibrio.

62
Appunti di Analisi Macroeconomica

A un prezzo maggiore di quello di equilibrio, il numero di persone che nel Mezzogiorno trovano
conveniente lavorare nella pubblica amministrazione supera significativamente la quantità
domandata. L’eccesso di offerta di lavoro dipendente pubblico determina uno spreco di tempo e soldi
in domande, concorsi ecc., che determina dal punto di vista dei lavoratori una dissipazione della
rendita che potranno ottenere quando riusciranno ad entrare nella pubblica amministrazione. Queste
forme di dissipazione della rendita da parte dei lavoratori non sembrano comportare alcun vantaggio
per la collettività. Probabilmente, anzi gli effetti sono addirittura negativi, sia per il maggior tempo e
risorse che le pubbliche amministrazioni del Mezzogiorno devono dedicare all’espletamento dei
concorsi, sia per le pressioni clientelari, sia per il fatto che l’assunzione di persone con qualifiche
elevate per svolgere funzioni semplici può comportare una minore efficienza per carenza di
motivazione delle persone. Il paradosso è che mentre la rendita potenziale dei lavoratori aumenta per
effetto di una retribuzione superiore a quella di equilibrio, quella effettiva è possibile che diminuisca;
rimane ovviamente il maggior costo per le pubbliche amministrazioni.

63
Appunti di Analisi Macroeconomica

CAPITOLO III

IL TRADE OFF di BREVE PERIODO FRA INFLAZIONE E


DISOCCUPAZIONE

3.1 Introduzione

Il tasso di disoccupazione e il tasso di inflazione sono due indicatori fondamentali


dell’andamento dell’economia di un Paese, e per questo motivo vengono
costantemente monitorati. Alcuni economisti hanno anche costruito il “misery
index” (indice di valutazione della miseria) come somma del tasso di
disoccupazione e del tasso di inflazione per misurare il grado di salute di una
economia.

In generale il tasso di disoccupazione dipende dalle caratteristiche del mercato del


lavoro: rigidità reali, presenza di salari di efficienza, non congruenza fra la
domanda e l’offerta di lavoro. Il tasso di inflazione, prevalentemente è un
fenomeno monetario, ossia dipende dalla quantità di moneta introdotta nel sistema
e controllata dalla Banca Centrale (BCE nell’area euro, Federal Reserve negli Stati
Uniti).

Un motivo che spinge a studiare la disoccupazione e inflazione congiuntamente è


l’idea che questi due fenomeni siano in qualche modo correlati. In un famoso
articolo pubblicato nel 1958, l’economista inglese Phillips esaminava i dati relativi
ai tassi di disoccupazione e tassi di variazione del salario nominale in Gran
Bretagna su un arco temporale di 97 anni, riscontrando che la disoccupazione era
tendenzialmente bassa in periodi caratterizzati da alte variazioni dei salari
nominali, mentre accadeva il contrario quando le variazioni salariali erano basse.
Dal momento che, in base al mark-up si poteva collegare la dinamica dei prezzi a
quella salariale si desumeva anche una relazione inversa fra tasso di
disoccupazione e il tasso di inflazione.

Il riscontro di una relazione inversa (trade-off) fra disoccupazione e inflazione, nota


come curva di Phillips, ha avuto un notevole impatto sia sullo sviluppo della teoria
economica , sia sulle scelte di politica economica. Inizialmente, la curva di Phillips
sembrava offrire ai policy-makers la possibilità di scegliere fra inflazione e
disoccupazione. Molti analisti ritenevano che infatti, permettendo un maggior tasso
di inflazione, i governi potessero aiutare i propri sistemi a ridurre i tassi di
disoccupazione. Negli anni 60 in molti paesi industrializzati, compresa l’Italia, il
tasso di disoccupazione era in costante diminuzione, mentre il tasso di inflazione
aumentava, proprio come nelle previsioni della relazione di Phillips. Tuttavia, nel
corso degli anni ’70, la relazione fra disoccupazione e inflazione sembrò non essere
più valida. Le economie attraversarono periodi di stagflazione, ossia periodi in cui
si registravano elevati tassi di inflazione e disoccupazione. Alla fine degli anni ’70,
l’Italia sperimentò tassi di disoccupazione dell’8% e tassi di inflazione del 20%.

64
Appunti di Analisi Macroeconomica

L’esperienza degli anni ’70 ha indotto grandi mutamenti in tutta la teoria


macroeconomica e ha portato ad una nuova interpretazione della relazione
empirica fra inflazione e disoccupazione.

3.2 La curva di Phillips nella sua versione semplice

Nella sua formulazione originaria la curva di Phillips può sintetizzarsi con la seguente
equazione:

π = −h ⋅ ( u − u * )

dove π rappresenta il tasso di inflazione, u il tasso di disoccupazione, u* il tasso


naturale di disoccupazione e h il coefficiente angolare che misura l’intensità della
relazione esistente tra il tasso d’inflazione e le deviazioni del tasso di disoccupazione
dal proprio valore naturale. Secondo l’equazione di Phillips il tasso di inflazione è
positivo quando la disoccupazione è al di sotto del proprio tasso naturale, ed è
negativo quando la disoccupazione è al di sopra del proprio tasso naturale.

Tabella 7 La curva di Phillips come legame semplice fra inflazione e disoccupazione

disoccupazione inflazione
u=u* π=0
u >u* π <0
u <u* π >0

La curva semplice di Phillips è rappresentata in Figura 22, il tasso di disoccupazione


compare sull’asse orizzontale e il tasso di inflazione su quello verticale. Secondo
l’equazione la curva è inclinata negativamente, ad indicare che all’aumentare del tasso
di disoccupazione il tasso di inflazione deve diminuire. La curva interseca l’asse
orizzontale in corrispondenza del punto in cui u=u* poiché, come si nota
dall’equazione il tasso di inflazione è nullo solo quando il tasso di disoccupazione
corrisponde al proprio valore naturale.

Figura 22 La curva semplice di Phillips

Tasso di inflazione, π

π >0 prezzi in
aumento

π= 0

prezzi in
π< 0 diminuzione

u1 u2 u* Tasso di disoccupazione, u

65
Appunti di Analisi Macroeconomica

Sulla base di tale trade-off la politica economica poteva essere finalizzata al perseguimento
della situazione A piuttosto che la B o viceversa in relazione a motivazioni di carattere socio-
politico.

3.3 La curva di Phillips aumentata delle aspettative

A fine anni ’60 Friedman e Phelps hanno messo in discussione la logica della curva di
Phillips nella sua formulazione originaria. I due economisti sostenevano che il tasso di
disoccupazione doveva essere inversamente correlato con l’inflazione non anticipata,
non con il tasso di inflazione complessivo, così come prevedeva la curva di Phillips
fino a quel momento. La modifica apportata alla curva di Phillips ha tre implicazioni
rilevanti. In primo luogo tale modifica può spiegare fenomeni di stagflazione, cioè
della simultanea presenza di alta inflazione e alta disoccupazione. In secondo luogo,
essa implica che la relazione fra inflazione e disoccupazione non è una relazione
stabile, ma può modificarsi col tempo. Infine, essa implica che la curva di Phillips non
offre ai policy makers alcun trade-off fra disoccupazione ed inflazione, se non nel breve
periodo.

La relazione fra disoccupazione e inflazione nella versione estesa o aumentata delle


aspettative può così sintetizzarsi:

π t = π e − h ⋅ ( u − u* )

dove πe è il tasso di inflazione atteso e h misura sempre l’inclinazione della curva di


Phillips con h>0. Il tasso naturale di disoccupazione è influenzato dalle imperfezioni e
rigidità del mercato del lavoro: il ruolo dei sindacati, le tasse, i sussidi di
disoccupazione, la legislazione del mercato del lavoro. Si noti che quando πe =0 la
curva di Phillips aumentata delle aspettative coincide con la curva di Phillips semplice.

Tabella 8 La curva di Phillips aumentata delle aspettative

disoccupazione inflazione
u=u* π= πe
u >u* π < πe
u <u* π > πe

La curva di Phillips aumentata delle aspettative può essere graficata o considerando il


tasso di variazione dell’inflazione π -πe in funzione della disoccupazione oppure
esclusivamente l’inflazione π al variare del tasso di disoccupazione.

66
Appunti di Analisi Macroeconomica

Figura 23 La curva di Phillips aumentata delle aspettative

Tasso di variazione
dell’inflazione π- πe

prezzi in
aumento
0

prezzi in
diminuzione

u*=NAIRU Tasso di disoccupazione, u

Tasso di inflazione π

πe

u*=NAIRU Tasso di disoccupazione, u

L’equazione di Phillips aumentata delle aspettative è una relazione esclusivamente


valida nel breve periodo.

Cosa rappresenta l’inflazione attesa? Secondo l’ipotesi delle aspettative adattive, gli
individui si formano le aspettative di inflazione sulla base dei prezzi osservati
nell’anno passato, per cui:

πe =πt-1

In questo caso possiamo scrivere la curva di Phillips come:

π t = π t −1 − h ⋅ ( u − u * )

ossia l’inflazione dipende dall’inflazione del periodo precedente. Il termine πt-1 implica
che l’inflazione si trasmette per inerzia nel senso che l’inflazione continua a muoversi
finchè qualcosa non agisca in modo da fermarla.

67
Appunti di Analisi Macroeconomica

In una versione più moderna nell’equazione della curva di Phillips vengono aggiunti
anche gli shocks d’offerta. Questa inclusione è principalmente dovuta all’OPEC il
cartello dei paesi produttori di petrolio, per cui la curva viene sintetizzata secondo la
seguente formulazione:

π t = π t −1 − h ⋅ ( u − u * ) + v

dove v sono gli shock di offerta, in particolare causati da variazioni del prezzo del
petrolio. Il secondo termine, -h(u-u*), stabilisce che la disoccupazione ciclica determina
una pressione sull’inflazione, specificatamente se la disoccupazione effettiva è minore
di quella naturale, l’inflazione aumenta, si dice che l’inflazione è spinta dalla
domanda, perché è l’aumento della domanda aggregata che causa l’inflazione. Il
termine v implica che uno shock di offerta negativo, ossia un aumento del prezzo del
petrolio, spinge l’inflazione verso l’alto. Questo fenomeno è detto inflazione trainata da
costi.

3.4 Curva di Phillips di lungo periodo

La relazione inversa fra inflazione e disoccupazione esiste solo nel breve periodo, nel
lungo periodo infatti non c’è alcun trade-off e la disoccupazione tende a stabilizzarsi al
suo tasso naturale indipendente dal tasso di inflazione. Quindi, la curva di Phillips di
lungo periodo è una retta verticale in corrispondenza del tasso naturale di
disoccupazione u=u*. Il fatto che la curva Phillips di lungo sia verticale è connesso con
la neutralità della moneta nel lungo periodo, ossia variazioni di moneta non hanno
effetti di lungo periodo sulle variabili reali.

Figura 24 La curva di Phillips di lungo periodo

u* Tasso di disoccupazione, u

L’intersezione fra la curva di Phillips di breve e quella di lungo periodo indica il tasso
di inflazione attesa. La curva di Phillips si sposta a destra in seguito ad aumenti
dell’inflazione attesa o a shock d’offerta negativi (aumento del prezzo del petrolio). Si
sposterà verso sinistra come conseguenza di shock di offerta positivi (diminuzione del
prezzo del petrolio) o diminuzione dell’inflazione attesa.

68
Appunti di Analisi Macroeconomica

Figura 25 La curva di Phillips di breve e lungo periodo

L.P.
π

π eshock-

πe

π eshock+

0 B.P.

u* Tasso di disoccupazione, u

3.5 Disinflazione e tasso di sacrificio

La disinflazione è il processo che i responsabili di politica economica attuano per


ridurre il tasso di inflazione. La curva di Phillips evidenzia che in assenza di shock di
offerta, per contenere l’inflazione è indispensabile aumentare la disoccupazione e
quindi ridurre la produzione. Il tasso di sacrificio si può esprimere secondo due
accezioni strettamente legate, in termini di PIL e in termini di tasso di disoccupazione.
Nella prima accezione, il tasso di sacrificio indica la perdita percentuale di PIL reale
annuale necessario a ridurre l’inflazione di un punto percentuale. Nella seconda
definizione, il tasso di sacrificio indica il numero di punti annuali di eccesso di
disoccupazione necessario a ridurre dell’1% l’inflazione. La disinflazione può avvenire
in tempi molto rapidi (politica del pollo freddo, ipotizzata dai classici) o in tempi più
lunghi secondo i keynesiani.

Supponiamo che il tasso naturale di disoccupazione sia del 7% e che h=1. Se l’obiettivo
è una riduzione dell’inflazione dell’ 8%, raggiungerlo in un solo anno significa che la
disoccupazione deve salire del 15%:

π t = π t −1 − h ⋅ ( u − u * )
π t − π t −1 = h ⋅ ( u − u * )
−8% = −1 ⋅ (u − 7%)
15% = u

Per ridurre l’inflazione dell’8% bisogna sacrificare occupazione ed accettare un


aumento della disoccupazione del 15%.

Data la legge di Okun per l’Italia e supponendo un tasso di crescita del PIL potenziale
del 2% è possibile determinare il sacrificio in termini di perdita di prodotto effettivo:

69
Appunti di Analisi Macroeconomica

∆Y ∆Y *
= − 1,7 ⋅ ( u − u * )
Y Y*
∆Y
= 2% − 1,7 ⋅ (15% − 7%)
Y
∆Y
= −11,6%
Y

70
Appunti di Analisi Macroeconomica

Box 8 L’inflazione e il tasso di inflazione

L’inflazione è un aumento generalizzato del livello dei prezzi. Il tasso di inflazione indica la variazione percentuale (o
tasso di crescita) del livello dei prezzi da un periodo all’altro. Se si indica con Pt-1 il livello dei prezzi dell’anno t-1 e
con Pt il livello dei prezzi attuali, il tasso di inflazione relativo all’anno t può essere espresso da:

P − Pt −1
πt = t (a)
Pt −1
Con ̟t tasso di inflazione al tempo t. Ne segue, esplicitando il livello dei prezzi attuali, che quest’ultimo sarà pari al
livello dei prezzi dell’anno passato adeguato all’inflazione:

Pt = Pt −1 + π t ⋅ Pt −1 (b)

La dinamica dei prezzi e quindi dell’inflazione ha da sempre rivestito un interesse rilevante sia per il suo impatto
sulle aspettative di evoluzione dell’economia reale (occupazione, investimenti, consumi), che per la misurazione dei
meccanismi di trasmissione della politica monetaria, che infine, per il rapporto che un’economia ha con il resto del
mondo (tassi di cambio, integrazione economica). Recentemente sono stati introdotti concetti differenziati di tasso
di inflazione e si è aperto un vivace dibattito sull’adeguatezza degli indicatori tradizionalmente usati per misurarlo.
Innanzitutto, si distingue fra:

tasso di inflazione “headline” che rappresenta l’ πt complessiva (definizione classica (a)) che tiene
conto di tutte le fluttuazioni inflazionistiche transitorie e non delle economie.
tasso di inflazione “core” (di fondo) che cattura i trend (tendenze) di lungo periodo e le componenti
persistenti dell’inflazione, ed esclude i fattori e gli shock di natura temporanei dei prezzi, ossia tutte
le componenti volatili che causano disturbi transitori nell’andamento dei prezzi. La volatilità dei
prezzi è principalmente dovuta ai prezzi dei prodotti agricoli ed energetici, per cui il tasso di
inflazione core si calcola depurando l’inflazione headline di queste due categorie di prodotti.
L’inflazione core è considerata un buon indicatore dei trend futuri dell’inflazione headline.

L’inflazione può essere poi:

interna ossia causata da fattori interni all’economia stessa.

Come anche individuato dalla curva di Phillips aumentata dalle aspettative, le cause principali dell’inflazione
interna sono:
- un aumento dei costi di produzione. L'imprenditore per mantenere inalterato il proprio profitto (profitto =
ricavi - costi) aumenterà i prezzi di vendita. Ad esempio un aumento del prezzo delle materie prime (es. petrolio) o
dei salari verrà scaricato dal produttore direttamente sui prezzi dei prodotti (si parla di inflazione da costi);
- un eccesso di domanda che si verifica quando la domanda di beni e servizi è in sovrabbondanza rispetto
alle risorse del sistema economico (offerta). Tale meccanismo può essere messo in moto da uno degli elementi della
domanda aggregata (consumi, investimenti, spesa pubblica, esportazioni). Se per esempio i cittadini ottengono un
incremento di reddito, domanderanno una quantità maggiore di beni e servizi. Se non è possibile aumentare
l'offerta in uguale quantità, i prezzi tenderanno ad aumentare. I consumatori faranno a gara tra di loro per
accaparrarsi i pochi beni in circolazione e causeranno così un aumento dei prezzi (si parla di inflazione da domanda);
- un eccessivo aumento di moneta in circolazione rispetto ai beni e servizi da acquistare (si parla di inflazione
per eccesso di liquidità). Secondo l’economista Friedman l’inflazione è proprio un fenomeno monetario.

importata/esportata, se l'aumento dei prezzi in quel paese o area è dovuta ad un forte aumento
della domanda estera per beni e servizi interni (aumento delle importazioni da parte dell'estero). La
Cina per esempio da un lato importa carbone e petrolio dalla Russia dall’altro esporta tessili e
abbigliamento verso l’Area Euro. Importando carbone e petrolio fa aumentare i prezzi interni russi,
causa dunque inflazione in Russia (inflazione importata). La Cina d’altra parte poiché esporta beni
(calzature, abbigliamento) a buon mercato verso l’Area Euro si dice che la Cina esporta deflazione
nell’area Euro.

Forme di inflazione

Se l'aumento dei prezzi non è particolarmente elevato (2-4 %) si parlerà di inflazione strisciante. Mentre se il tasso
annuo supera il 5% ci sarà un'inflazione galoppante. Nel caso in cui il tasso aumenti del 50% al mese si parlerà di
iperinflazione.

71
Appunti di Analisi Macroeconomica

3.6 Inflazione “ core” e “headline” e gli obiettivi di inflazione

Il seguente grafico riporta l’andamento dell’inflazione mondiale distinguendo fra la


componente “headline” e quella “core” fra gli anni 2000-2007. È possibile notare che
l’inflazione headline tende ad essere maggiore di quella core, in quanto come
precedentemente menzionato, quest’ultima è depurata dai fattori di natura temporanei
che incidono sui prezzi.

Un’inflazione bassa e contenuta permette all’economia di raggiungere una sana


crescita di lungo periodo, per questo molte Banche Centrali mirano ad assicurare la
stabilità dei prezzi. Molte Banche Centrali hanno uno specifico “inflation targeting”
come evidenziato qui di seguito.

Targeting di inflazione
BCE FED Bank of England Bank of Japan Bank of Canada
Sotto, ma vicino al 2% 2% +/-1 definito 2% +/-1 (accordo
Senza obiettivo Senza obiettivo
(definito dalla BCE dal Governo Governo e Banca
prefissato prefissato
stessa) Britannico Centrale)
Bank of
Bank of Sweden Bank of Australia Bank of Israel Bank of Norway
Switzerland

2% +/-1 (accordo 2% +/-1 definito


2% +/-1 definito dal 2% +/-1 (scelta dal 2% +/-1 (scelta dal
Governo e Banca dal Governo
Governo Governo) Governo)
Centrale) Britannico

Box 9 Esempio, Iperinflazione

Raccontava John Maynard Keynes che ai tempi dell'iperinflazione tedesca (Repubblica


di Weimar, 1923) i bevitori di birra ne ordinavano molte all'inizio della serata, per
evitare che dopo mezz'ora i prezzi aumentassero, e finivano per bere le ultime a
temperatura ambiente. Questa è l'iperinflazione: un aumento smisurato e continuo dei
prezzi, che impoverisce l'economia perché i prezzi perdono la loro funzione di
segnalare, attraverso la scarsità, la migliore allocazione delle risorse. Un aumento che
impoverisce soprattutto i più deboli, perché nell'iperinflazione sono i più furbi ad
avvantaggiarsi. Il 15 novembre 1923 un dollaro americano comprava 4200 miliardi di
marchi, e per comperare un chilo di pane in Germania ci voleva più di un chilo di
banconote.
Nel dopoguerra ci sono stati alcuni episodi di iperinflazione, principalmente
nell'America del Sud (Brasile, Argentina, Cile, Perù), in Ungheria e in Jugoslavia. Oggi
l'esempio più conosciuto è quello dello Zimbabwe, dove il dollaro locale è sceso a fine
giugno 2008 al livello di 200 miliardi per un dollaro Usa.

72
Appunti di Analisi Macroeconomica

Per Esercitarsi

Esercizio 1. Si ipotizzi la seguente curva di Phillips di breve periodo π t = 7% − 1 ⋅ ( u − 5%)


a. spiegare il significato dei valori 7%; -1; 5%;
b. rappresentare la curva di Phillips di breve e lungo periodo;
c. far vedere come un aumento del prezzo del petrolio del 6% influenzi la curva di Phillips di
breve:

♠ Risultati: a) 7%=tasso di inflazione atteso,


-1=è il coefficiente della curva di Phillips
che lega inversamente tasso di inflazione
e tasso di disoccupazione;
5%=tasso di disoccupazione naturale
detta anche NAIRU;
c) π t = 13% − 1 ⋅ (u − 5%)

Esercizio 2. Si supponga che in una economia la curva di Phillips sia π t = π e − 0 ,5 ⋅ ( u − 6%)


a. quale è il tasso naturale di disoccupazione?
b. rappresentare graficamente la curva di Phillips di breve e lungo periodo sapendo che il
livello dei prezzi dell’anno passato è stato pari al 9%.
c. quanta disoccupazione si registra quando l’inflazione è al 4% e quando è al 10%?
Commentare.
d. Se nell’economia si verifica uno shock petrolifero che porta il prezzo del greggio ad
aumentare del 5% graficare ed esplicitare analiticamente la nuova curva di Phillips

♠ Risultati:
a. u*=6%
c. u=16%; u=4%
d. π t = 9% − 0 ,5 ⋅ ( u − 6%) + 5%

Esercizio 3. Si supponga che in una economia la curva di Phillips sia espressa dalla seguente
relazione π t = π e − 2 ⋅ ( u − 7%) ,
a. illustrare il significato delle grandezze che vi compaiono;
b. rappresentare graficamente la curva di Phillips di breve periodo sapendo che le persone
si attendono un’inflazione del 15%;
c. rappresentare graficamente la curva di Phillips di lungo periodo;
d. calcolare il tasso di disoccupazione effettivo sapendo che l’inflazione corrente si è
attestata al 7% (la disoccupazione è maggiore o minore del tasso naturale?);
e. quanta disoccupazione è necessaria per ottenere una riduzione dell’inflazione di 5 punti
percentuali?
f. che tasso di sacrificio in termini di perdita di quota di prodotto deve sopportare
l’economia?
g. cosa potrebbe determinare uno spostamento della curva di Phillips verso l’esterno?
h. riscrivere la curva di Phillips in presenza di uno shock negativo d’offerta valutato pari
al 5%;
i. trovare il nuovo valore dell’inflazione attesa

♠ Risultati:
d. u=11%;
e. 7% − 5% = 15% − 2 ⋅ ( u − 7%) => u=13,5%;
f. tasso di sacrificio=5*5=25%;
g. shock negativi d’offerta, aumenti dell’inflazione attesa
h. π t = 15% − 2 ⋅ ( u − 7%) + 5%
i. πe=20%

73
Appunti di Analisi Macroeconomica

CAPITOLO IV

IL MODELLO DI DOMANDA E
OFFERTA AGGREGATA

4.1 Introduzione

Il modello della domanda e offerta aggregata è lo strumento macroeconomico di base


per studiare le fluttuazioni della produzione, la determinazione del livello dei prezzi e
il tasso di inflazione. La curva di offerta aggregata esprime essenzialmente lo stesso
concetto macroeconomico della curva di Phillips. La curva della domanda aggregata,
che rappresenta le combinazioni del livello dei prezzi e del livello del reddito in grado
di assicurare il contemporaneo equilibrio nel mercato dei beni e nel mercato delle
attività (o della moneta), deriva direttamente dal modello IS-LM.

4.2 Offerta aggregata

L’offerta aggregata (AS) è la quantità di beni e servizi che il sistema è in grado di


produrre, date le risorse e la tecnologia disponibili. In altri termini la curva di offerta
aggregata indica la quantità di prodotto che le imprese sono disposte a offrire in
corrispondenza di ciascun livello dei prezzi. Essa è determinata da tutte le condizioni
di produzione presenti sul mercato, nello specifico: dalla quantità dei fattori produttivi,
in particolare del lavoro, dalla quantità delle risorse, dallo stato delle conoscenze
tecniche ed organizzative, dalle normative vigenti e così via.

Una delle questioni più controverse e dibattute in macroeconomia è l’inclinazione della


curva di offerta aggregata. Tuttavia si conviene che nel lungo periodo la curva è
verticale poiché essendo il mercato del lavoro in equilibrio, ossia in pieno impiego, il
livello di produzione non può essere aumentato (ipotesi classica). Nel breve periodo,
secondo i keynesiani, la AS è una retta orizzontale poiché i prezzi sono viscosi e il
mercato del lavoro, seppur in equilibrio, registra comunque un tasso di disoccupazione
involontario per cui è sempre possibile aumentare la produzione all’aumentare della
domanda di beni e servizi. Nel medio periodo l’offerta è inclinata positivamente, ossia
la quantità di prodotto offerto aumenta con l’aumentare dei prezzi. Andiamo ad
analizzare più in dettaglio quanto detto.

Il caso keynesiano

Nel caso noto in letteratura come keynesiano, la curva di offerta è orizzontale (Figura
26),
in termini economici ciò significa che le imprese, al livello dei prezzi esistente sul
mercato, offrono qualsiasi quantità di prodotto.

Una simile evenienza può essere giustificata soltanto dalla presenza nel mercato di
ampie sacche di disoccupazione. Le imprese assumendo lavoratori aggiuntivi possono

74
Appunti di Analisi Macroeconomica

portare sul mercato qualsiasi quantità di prodotto senza variazioni del livello dei
prezzi, impiegando il fattore lavoro al salario corrente, che non tende al rialzo
all’aumentare della domanda di lavoro. Il fatto che quantità incrementali del fattore
lavoro possano essere impiegate nella produzione senza che il costo del fattore (salario)
aumenti, dipende proprio dal fatto che nel sistema di partenza è presente un ampio
livello di disoccupazione.

Figura 26 La curva d’offerta aggregata keynesiana

Livello dei prezzi, P

P* AS

Produzione, Y

Il caso classico

Il caso classico propone una curva di offerta aggregata (AS) verticale (Figura 27) che
assume il seguente significato economico: il livello di produzione è al valore di pieno
impiego (Y*) che non può variare in alcun modo a meno di shock di produttività.
Pertanto variazioni della domanda aggregata avranno il solo risultato di spingere verso
l’alto il livello dei prezzi.

Alla base di questo modello c’è l’assunzione di un sistema di piena occupazione. In tale
ipotesi, tutti i lavoratori sono impiegati nella produzione e, pertanto, se le imprese
vogliono aumentare l’offerta a fronte di incrementi della domanda aggregata,
dovranno contendersi i lavoratori, facendo innalzare bruscamente il livello del salario.
Il salario più alto si ripercuoterà sui prezzi dei prodotti e vi sarà un rincaro che però
non si riflette sul livello di produzione.

Questo caso, quindi, rappresenta, nell’idea di base, l’esatto opposto di quello


precedente e la presenza o assenza di disoccupazione costituisce la discriminante
principale tra le due ipotesi.

Il prodotto di pieno impiego (o PIL potenziale) può crescere nel tempo, sia per
l’aumento delle risorse sia per il progresso tecnico, di conseguenza la curva di offerta
aggregata classica si sposta verso destra (Figura 27). È importante evidenziare che
seppur la curva di offerta si sposta verso destra le sue variazioni non dipendono dal
livello dei prezzi. Si dice che il PIL potenziale è esogeno rispetto al livello dei prezzi.

75
Appunti di Analisi Macroeconomica

Figura 27 La curva d’offerta aggregata classica

Livello dei prezzi, P AS AS’ AS’’

Y* Y’* Y’’* Produzione, Y

Il caso di medio periodo

Seppur gli studi sull’andamento della AS sono ancora in corso, si può ritenere che nel
breve-medio periodo la AS sia inclinata positivamente. L’inclinazione positiva, così
come la AS di lungo periodo, si può ricavare dalla curva di Phillips di breve (e di
lungo) e dalla legge di Okun (Figura 28).

Figura 28 Dalla curva di Phillips all’offerta aggregata

L.P. π L.P.
π Curva di Phillips (1) Offerta aggregata (4)

π2 B

π = π e − h ⋅ ( u − u*)

A
π1

u2 u* u1 u y1 y* y2 y
Quadrante di trasferimento
y Legge di Okun (2) y (3)

y2

y1

u2 u* u1 u y

76
Appunti di Analisi Macroeconomica

Si riportino la curva di Phillips di breve periodo nel primo quadrante e si consideri il


livello u1 di disoccupazione a cui corrisponde il tasso di inflazione π1, si riporti il tasso
di disoccupazione u1 nel quadrante della legge di Okun, a questo tasso corrisponde
una produzione y1, e quest’ultimo punto si riporta nel quadrante di trasferimento e
infine nel quarto quadrante in modo da ottenere il primo punto (A) della curva AS. Lo
stesso ragionamento si fa considerando un tasso di disoccupazione pari a u2, per avere
il secondo punto (B) della curva AS. Unendo A e B, si ottiene la curva AS di breve-
medio periodo. La curva AS di lungo si determina facendo la stessa costruzione, ma
considerando la curva di Phillips di lungo L.P.

La curva di offerta aggregata di breve-medio periodo è descritta dalla seguente


equazione:

Y = Y + α ⋅ ( P − Pe )

dove Y è la produzione effettiva, Y la produzione potenziale o produzione naturale


ossia la produzione di pieno impiego (con un tasso naturale di disoccupazione), P il
livello dei prezzi e Pe il livello dei prezzi atteso. Come nella curva di Phillips se il
livello effettivo dei prezzi è più elevato di quello atteso, la produzione è superiore al
suo livello naturale; se il livello effettivo dei prezzi è inferiore a quello atteso, la
produzione è inferiore al suo livello naturale (Figura 29).

Figura 29 La curva d’offerta aggregata di medio-breve e di lungo periodo

Livello dei prezzi, P ASlungo Asbreve-medio

P>Pe

P=Pe

P<Pe

Y* Produzione, Y

4.3 Domanda aggregata

La curva di domanda aggregata indica le combinazioni del livello dei prezzi e il


volume di produzione in corrispondenza dei quali i mercati dei beni e servizi e quello
della moneta sono contemporaneamente in equilibrio. Questa curva è inclinata
negativamente perché più elevato è il livello dei prezzi, più basso è lo stock di moneta
(M/P) e quindi minore è la domanda di beni e servizi. La curva della domanda
aggregata si ricava per costruzione dal modello IS-LM, oppure più semplicemente
dalla teoria quantitativa della moneta (vedere più avanti). Quest’ultima postula che la

77
Appunti di Analisi Macroeconomica

quantità di moneta per la velocità di circolazione della moneta è pari al Pil nominale.
Formalmente:

M ⋅V = P ⋅Y

dove P ⋅ Y è il PIL nominale, M l’offerta di moneta, ossia la quantità di moneta che la


Banca Centrale mette a disposizione del sistema e V indica la velocità di circolazione
della moneta, ovvero il numero di volte in cui un’unità monetaria passa di mano in
mano in un anno. Se poniamo l’ipotesi che la V sia costante, l’equazione si traduce in
una curva di domanda aggregata. Data l’offerta di moneta, qualsiasi aumento di Y
dovrà essere compensato da una riduzione di P e viceversa. La relazione inversa, fra il
volume di produzione e il livello dei prezzi spiega l’andamento decrescente della curva
AD. Un’espansione dell’offerta di moneta fa spostare verso l’alto la curva di domanda
aggregata in corrispondenza di qualsiasi valore di Y (Figura 30).

Figura 30 La curva di domanda aggregata

Livello dei prezzi, P


AD’
AD

Produzione, Y

4.4 Equilibrio di mercato

L’interazione della AD e AS permette di determinare l’equilibrio macroeconomico (E)


nel breve, medio e lungo periodo (Figura 31).

Figura 31 Equilibrio macroeconomico

AD AD’ (a) AD’ ASL.P (b) P AD’ (c)


P P ASM.P.
AD AD

E E E

ASB.P

YE Y’ Y Y Y

78
Appunti di Analisi Macroeconomica

Le fluttuazione delle economie sono dovute a shock di domanda e offerta. Gli shock
fanno spostare la produzione e l’occupazione dal loro livello naturale, per cui i
provvedimenti mirati a ridurre l’ampiezza delle fluttuazioni cicliche prendono il nome
di politiche di stabilizzazione. Considerando l’equilibrio di breve periodo (grafico a,
Figura 31), uno shock positivo della domanda implica un aumento della produzione da
YE a Y’che lascerà invariato il livello dei prezzi; in questa situazione si parla di “boom”
economico (infatti le imprese vendono di più, assumono di più, e producono di più).
Nel lungo periodo (grafico b) l’espansione della domanda aggregata conduce ad un
aumento del livello dei salari e quindi dei prezzi, ma lascia la produzione invariata.
Nel periodo intermedio, di transizione dal breve al lungo (grafico c), si registra sia un
aumento della produzione che dei prezzi.

Si consideri un unico grafico (Figura 32) in cui sono riportate la AS di breve e di lungo e
la AD, e si ipotizzi uno shock di domanda aggregata, dovuto per esempio ad un
aumento della velocità di circolazione della moneta che faccia spostare la AD verso
l’alto. L’economia che si trova inizialmente nel punto E, in seguito allo shock si porterà
in E’, dove il prodotto è a un livello superiore a quello di pieno impiego. In seguito
all’aumento progressivo dei prezzi, l’economia si sposta da E’ a E’’. Un intervento di
stabilizzazione potrebbe essere quello per cui la Banca Centrale, per mantenere il
prodotto aggregato vicino a quello di pieno impiego o naturale, decida di contrarre
l’offerta di moneta proporzionalmente all’aumento della velocità di circolazione, così
da ridurre la domanda aggregata e far tornare l’economia nel suo punto iniziale E.

Figura 32 Politica di stabilizzazione in seguito a uno shock di domanda aggregata

ASL.P

P
E’’

E’

ASB.P
E

AD’
AD

YE Y’ Y

Esercizio. Partendo da una situazione di equilibrio E come quella individuata in Figura


32,far vedere gli effetti prodotti da uno shock di offerta negativo sull’economia e
individuare quale possibile intervento di stabilizzazione può essere intrapreso dai
policy makers.

79
Appunti di Analisi Macroeconomica

CAPITOLO V

IL MODELLO IS-LM-FE

5.1 Il modello macroeconomico IS-LM-FE

Il modello IS-LM-FE fu introdotto più di 60 anni fa dal premio nobel Sir John
Hicks e divenne la struttura base dell’analisi macroeconomica. Esso permette di
studiare l’equilibrio simultaneo nei tre mercati rilevanti: il mercato reale (o mercato dei
beni e servizi), il mercato del lavoro e quello delle attività finanziarie. Nel modello si
ipotizza infatti, che le categorie di agenti economici (le famiglie, le imprese, il settore
pubblico) interagiscono nei tre mercati. L’interesse per questo modello
macroeconomico è dato dal fatto che esso permette di studiare l’impatto del tasso di
interesse sull’equilibrio, attraverso il meccanismo di propagazione degli effetti, dal
mercato della moneta al mercato reale e del lavoro. Il modello IS-LM-FE sintetizza il
funzionamento del sistema economico, in termini di due variabili cruciali: il livello del
reddito Y e il livello del tasso di interesse i.

Abbiamo visto che in una economia chiusa il mercato dei beni e servizi è in equilibrio
quando la quantità offerta (o prodotto interno lordo) Y è uguale alla quantità di beni e
servizi domandata C+I+G, ossia quando vale la relazione:

Y=C+I+G

Dove, ricordiamo, C esprime gli acquisti dei consumatori, I gli investimenti e G la


spesa pubblica.
Un modo alternativo di descrivere l’equilibrio del mercato dei beni e servizi può essere
espresso dalla seguente uguaglianza:

S=I

ossia in equilibrio, il risparmio nazionale desiderato (S) è uguale all’investimento (I).

80
Appunti di Analisi Macroeconomica

Le determinanti del risparmio desiderato

Il risparmio nazionale S è uguale al prodotto totale del sistema meno il consumo, meno
la spesa pubblica, cioè Y-C-G.
Gli individui risparmiano oggi per poter vivere meglio in futuro, o mantenere un certo
tenore di vita anche nell’eventualità di una diminuzione dei propri redditi o un
aumento delle spese. L’idea di base, secondo cui gli individui risparmiano oggi a
fronte di consumi futuri, permette di identificare i fattori che influiscono sul risparmio
desiderato che si estrinsecano nel reddito corrente, reddito futuro atteso, tasso di
interesse e spesa pubblica.

Reddito corrente (Yt↑ S↑)

Generalmente un incremento di reddito fa aumentare sia il consumo totale sia il


risparmio. Infatti, se un individuo riceve un aumento di stipendio corrente, egli si sente
in una condizione economica più solida e acquista più beni e servizi, allo stesso tempo
può garantirsi un futuro più tranquillo risparmiando parte del suo reddito.
La riduzione del reddito corrente, invece, fa diminuire sia i consumi che i risparmi.

Reddito futuro atteso (Yet+1↑ S↓)

Un individuo che sa per certo che il suo reddito futuro avrà un incremento, è portato a
contrarre il suo risparmio corrente: infatti sapendo che la sua posizione economica
migliorerà sente meno il bisogno di risparmiare per il futuro e si permette un consumo
maggiore oggi. Un aumento del reddito futuro atteso provoca quindi, un aumento dei
consumi odierni e una diminuzione dei risparmi.

Tasso di interesse reale (r↑ S↑)

Il tasso di interesse reale r è dato dal tasso di interesse nominale (i) depurato degli
effetti dell’inflazione (π):

r = i −π

un tasso di interesse più elevato agisce sulle scelte di risparmio in due modi
contrapposti: da un lato stimola l’individuo al risparmio in quanto il montante futuro
in termini di beni e servizi sarà più elevato. Dall’altro un tasso di interesse reale più
remunerativo significa che oggi occorre risparmiare meno per raggiungere lo stesso
obiettivo in termini di risparmi futuri. Poiché la teoria non è in grado di dire se
prevarrà l’effetto negativo o positivo di un aumento del tasso di interesse reale sul
risparmio, una conclusione ampiamente accettata è che un incremento del tasso di
interesse reale provoca un aumento del risparmio, ma in misura contenuta.

La spesa pubblica (G↑ S↓)

In generale un incremento della spesa pubblica corrente G, a parità di spesa pubblica


futura, incide negativamente sul risparmio nazionale, poiché i consumatori possono
temere che in futuro ci saranno imposte più elevate. D’altra parte poiché il risparmio
nazionale è pari a S=Y-C-G, un aumento di G implica una riduzione di S.

81
Appunti di Analisi Macroeconomica

Le determinanti dell’investimento

I principali fattori che influenzano gli investimenti sono il tasso di interesse, la


tassazione (T) e la produttività marginale del capitale (MPK).

Un maggior livello del tasso di interesse si associa a un minor livello di investimento


nell’economia, perché gli imprenditori con un costo del denaro più elevato sono più
restii a tradurre in esborsi di capitale le idee innovative degli inventori specialmente
quando le prospettive di redditività sono modeste.

Gli alleggerimenti fiscali (T↓) rendono invece gli investimenti più profittevoli perciò in
presenza di defiscalizzazioni il loro livello sale, un carico fiscale più elevato, invece,
porta il livello degli investimenti verso il basso.

Conoscendo le determinanti degli investimenti e dei risparmi possiamo rappresentare


l’equilibrio del mercato dei beni e servizi.

Figura 33 L’equilibrio sul mercato dei beni

Tasso di interesse reale r

r* E

I=S Risparmio S, Investimento I

Sull’asse delle ordinate è riportato il tasso di interesse reale, risparmio e investimento


nazionale vengono misurati in ascissa. La curva di risparmio S rappresenta la relazione
fra il risparmio nazionale e il tasso di interesse reale. L’inclinazione positiva riflette il
fatto che un maggior r fa aumentare il risparmio nazionale. La curva d’investimento I
ha pendenza negativa perché un maggior tasso di interesse reale riduce l’investimento.
L’equilibrio nel mercato dei beni è rappresentato dal punto E dove il risparmio è
uguale all’investimento. I fattori determinanti dei risparmi e degli investimenti diversi
dal tasso di interesse comportano spostamenti delle curve verso destra o sinistra.

82
Appunti di Analisi Macroeconomica

5.2 La curva IS e la sua costruzione

IS è l’acronimo delle parole inglesi investimento e risparmio (“investment”, “saving”).


La curva IS descrive il comportamento del mercato dei beni e servizi ed esprime le
combinazioni di livello di prodotto Y e di tasso di interesse reale r che assicurano
l’equilibrio sul mercato reale. Perciò, lungo tutti i suoi punti , l’investimento desiderato
I è uguale al risparmio desiderato S.

La derivazione della curva IS è rappresentata in Figura 34, dove sull’asse delle ascisse è
riportato il prodotto Y e sulle ordinate il tasso di interesse reale.

Figura 34 Derivazione della curva IS

Graf. (A) Graf. (B)


r r

S
S1

S2
E E’
r*
E’1
r1
E1
r2 E’2
E2
I

I=S S, I Y(1000) Y(1200) Y(1500) Y

Si supponga che inizialmente un’economia si trovi in equilibrio nel punto E (graf A) a


cui corrisponde un livello di reddito pari a 1000 (graf B). In seguito ad un incremento
di reddito che porta lo stesso a 1200, si verifica un aumento dei risparmi, e perciò uno
spostamento della S in S1 (graf A) e uno spostamento dell’equilibrio in E1 (graf A) che
trasferito sul grafico di destra permetterà di costruire un secondo punto E’1 della IS.
Infine un ulteriore aumento del reddito a 1500 sposterà la S1 in S2 (graf A) e un nuovo
equilibrio E2 che trasferito sul grafico B permetterà di ottenere un altro punto E’2 della
IS. Risulta evidente che ad ognuno dei tre livelli di prodotto corrisponde un diverso
tasso di interesse reale di equilibrio. Poiché una quantità di prodotto più elevata
implica un aumento del risparmio desiderato e quindi una diminuzione del tasso di
interesse reale di equilibrio, la curva IS è inclinata negativamente.

5.3 La retta di pieno impiego FE e la sua costruzione

La curva IS da sola non può individuare il livello di prodotto corrente. L’output


corrente dipende da quanto prodotto le imprese vogliono offrire, e quindi dal prodotto
di pieno impiego. Si ricordi che il prodotto di pieno impiego Y* (o PIL potenziale) è
quel livello di produzione offerto quando il mercato del lavoro è in equilibrio (La
funzione di produzione di pieno impiego Y* dipende dalla produttività (A) ed è
funzione del capitale e della quantità di lavoro di equilibrio (QL*). Essa è sintetizzata da
Y*=Af(K,QL*)). In un grafico come quello della curva IS, con il prodotto in ascissa e il

83
Appunti di Analisi Macroeconomica

tasso di interesse in ordinata, il prodotto di pieno impiego Y* è indicato dalla retta di


pieno impiego FE (dall’inglese “full employment”) in Figura 35. Poiché il prodotto di
pieno impiego non dipende dal tasso di interesse reale, ma solo dai livelli correnti di
produttività totale, capitale e lavoro, la retta FE è verticale.

La retta di pieno impiego FE descrive il comportamento del mercato del lavoro.

Figura 35 L’equilibrio sul mercato del lavoro, la retta di pieno impiego FE

Tasso di interesse reale r


FE

Y* Y

5.4 L’equilibrio sui mercati dei beni e del lavoro

Tutti i punti della curva IS sono punti di equilibrio del mercato dei beni e servizi. Tutti
i punti della FE sono punti di equilibrio sul mercato del lavoro. Mettendo insieme la
curva IS e la retta FE nello stesso grafico si possono evidenziare gli equilibri simultanei
del mercato dei beni e del mercato del lavoro. Il punto E indica l’equilibrio simultaneo
dei due mercati. L’equilibrio economico si modifica quando si verificano cambiamenti
nei valori dei fattori che influenzano la curva IS e la FE causando slittamenti dell’una o
dell’altra curva.

Figura 36 L’equilibrio simultaneo sul mercato dei beni e del lavoro

Tasso di interesse reale r


FE

IS

Y* Y

84
Appunti di Analisi Macroeconomica

5.5 Fattori che spostano la curva IS e la FE

Dato il prodotto ogni variazione che riduce il risparmio fa aumentare il tasso di


interesse reale che porta in equilibrio il mercato dei beni e quindi sposta la curva IS
verso l’alto. Allo stesso modo variazioni che provocano un incremento del risparmio
desiderato rispetto all’investimento desiderato, riducendo il tasso di interesse di
equilibrio, spostano la curva IS verso il basso. Una lista con i potenziali fattori che
possono far spostare la IS viene presentata in Tabella 9.

Tabella 9 Fattori che provocano uno spostamento della IS


Un ↑ di Sposta la IS perchè
Prodotto atteso (Yet+1) alto Riduce il risparmio e aumenta il tasso
di interesse reale di equilibrio sul
mercato dei beni
Spesa pubblica (G) alto Riduce il risparmio e aumenta il tasso
di interesse reale di equilibrio sul
mercato dei beni
Imposte sulle imprese (T) basso Riduce l’investimento e abbassa il
tasso di interesse reale di equilibrio
sul mercato dei beni
Produttività marginale del capitale alto Aumenta l’investimento desiderato e
(MPK) il tasso di interesse reale di equilibrio
sul mercato dei beni

Si ricordi che la politica fiscale è la linea d’azione adottata dal governo riguardante
l’entità della spesa pubblica per beni e servizi, l’ammontare dei trasferimenti e il
sistema fiscale. Gli interventi di politica fiscale possono essere restrittivi e espansivi.

Riduzione di (G-T) ⇒ stretta fiscale

Aumento di (G-T) ⇒ espansione fiscale

Come esempio, si supponga che il governo attui una politica fiscale restrittiva,
realizzata attraverso una riduzione della spesa pubblica.

Figura 37 Effetti di un taglio temporaneo della spesa pubblica

r S’’ r
FE

S’
r3

IS’’

r1 E E1

r2 IS

I IS’

I,S Y* Y

85
Appunti di Analisi Macroeconomica

Partendo da una situazione di equilibrio nel mercato dei beni (punti E ed E1),
l’intervento di riduzione di G ha l’effetto di aumentare il risparmio nazionale, con
conseguente spostamento della curva S verso destra in S’, e di ridurre il tasso di
interesse da r1 a r2. A parità di produzione di pieno impiego la curva IS si sposta verso
il basso in IS’. Viceversa, un aumento della spesa pubblica fa diminuire i risparmi
nazionali (S=Y-C-G) col conseguente spostamento della curva S in S’’; allo stesso tempo
la politica fiscale espansiva fa spostare la curva IS verso l’esterno (IS’’), in questa
situazione ad un livello di produzione di pieno impiego Y*, il tasso di interesse (r3)
risulta maggiore rispetto a quello di equilibrio iniziale r1.

Ogni variazione che influisce sul livello di prodotto di pieno impiego fa spostare la FE.
I fattori che producono uno slittamento della retta di pieno impiego sono
principalmente shock di offerta positivi e negativi. Un incremento dell’occupazione di
equilibrio o uno shock d’offerta positivo aumentando la produzione potenziale (Y*) fa
spostare la FE a destra. Una caduta dell’offerta di lavoro o uno shock d’offerta
negativo, invece, contraendo la produzione di pieno impiego sposta la FE verso
sinistra. La seguente tabella sintetizza quanto detto:

Tabella 10 Fattori che provocano uno spostamento verso l’esterno della FE

Fattori di spostamento Sposta la FE perchè


Shock d’offerta positivo destra Può essere prodotto più output, e
cresce l’occupazione
Maggiore offerta di lavoro destra Cresce il livello di occupazione che
innalza il livello del prodotto di pieno
impiego

Figura 38 Esempio, effetto di un aumento dell’occupazione

Tasso di interesse reale r


FE
FE’

E
r

E’

r’
IS

Y1* Y2* Y

Allo stesso modo, shock di produttività negativi causano uno spostamento della retta
di pieno impiego verso l’interno.

Tabella 11 Fattori che provocano uno spostamento verso l’interno della FE

Fattori di spostamento Sposta la FE perchè


Shock d’offerta negativo sinistra Una minore produttività implica una
minore produzione e una contrazione
di occupazione
Minore offerta di lavoro sinistra Diminuisce la richiesta di lavoratori
sul mercato e decresce il livello del
prodotto di pieno impiego

86
Appunti di Analisi Macroeconomica

Figura 39 Esempio, effetto di uno shock petrolifero

Tasso di interesse reale r


FE’ FE

r’ E’

E
r

IS

Y2* Y1* Y

Un temporaneo shock di offerta negativo, come ad esempio un aumento del prezzo del
petrolio (Figura 39) abbassa il livello del prodotto di pieno impiego e sposta la FE a FE’.
La curva IS non si muove (una variazione del prodotto implica un movimento lungo la
curva e non uno spostamento della curva). Il punto di equilibrio simultaneo dei
mercati dei beni e servizi e del lavoro si sposta da E a E’, dove il livello di prodotto è
più basso e il tasso di interesse più alto.

5.6 Il mercato della moneta

Per definire la curva LM, la cui sigla simboleggia le parole inglesi liquidità e moneta
(“liquidity”, “money”), bisogna considerare la domanda e l’offerta di moneta nel
mercato finanziario. Quest’ultimo, detto anche financial market, è il mercato in cui si
scambiano capitale e credito; le principali componenti del mercato finanziario sono: il
mercato monetario (che riguarda gli scambi a breve termine), il capital market (è il
mercato finanziario in senso stretto riguarda gli scambi a medio e lungo termine di
capitali e titoli rappresentativi di capitale), il mercato azionario (o equity market dove
si effettuano le contrattazioni di titoli azionari) e quello dei cambi (o foreign exchange
market dove sono quotate e trattate le valute estere. Più in generale, esso indica le
transazioni che hanno corso legale in paesi stranieri).

La domanda di moneta proviene dalla collettività e secondo la teoria economica


quest’ultima è la risultante di 3 motivazioni:

1) Domanda transazionale. E’ la domanda di moneta legata alla necessità di avere una


certa liquidità per compiere le normali transazioni quotidiane, cioè gli acquisti
desiderati. Essa è direttamente proporzionale al reddito, perché è plausibile ipotizzare
che l’aumento del reddito disponibile comporti una maggiore spesa in beni di
consumo.

2) Domanda precauzionale. E’ la domanda di moneta legata agli acquisti eccezionali


che potrebbero sorgere all’improvviso ed inaspettatamente. Anch’essa è legata in
maniera diretta al reddito.

87
Appunti di Analisi Macroeconomica

3) Domanda speculativa. È la domanda di moneta derivante dalla volontà di detenere


in portafoglio una certa somma, da utilizzare qualora si presentasse l’occasione di
acquistare un titolo particolarmente fruttifero d’interessi. In altre parole, s’ipotizza che
un individuo medio detenga una somma di denaro sempre pronta ad essere investita
in speculazioni, nel caso in cui l’interesse di un titolo di credito diventi particolarmente
vantaggioso. In questo caso, la domanda di moneta è in relazione inversa col tasso
d’interesse (i), perché maggiore è il tasso d’interesse, maggiore sarà l’acquisto
speculativo di titoli e, di conseguenza, minore sarà la liquidità tenuta in tasca (la
domanda speculativa di moneta).
La domanda di moneta può essere espressa in termini nominali e in termini reali. La
domanda nominale di moneta (M) è la domanda di un certo ammontare monetario da
parte di un individuo. La domanda reale di moneta rappresenta la domanda nominale
M
di moneta divisa per il livello dei prezzi, ossia , e viene anche chiamata domanda di
P
saldi reali. La domanda reale di moneta è funzione del reddito (Y) e del tasso di
interesse nominale (i) :

M
= f (Y ; i )
P

In termini espliciti essa è data dall’equazione:

M
= k ⋅Y − h ⋅i
P

Con questa relazione si vede in maniera immediata che la preferenza per la liquidità è
una funzione diretta del reddito, attraverso il coefficiente k, e al tempo stesso che esiste
una dipendenza negativa dal tasso di interesse nominale, con il coefficiente h.
Possiamo approssimativamente identificare la componente kY con la domanda per
motivi transazionali e la componente hi come la domanda per motivi speculativi. I
parametri k e h esprimono rispettivamente la sensibilità della domanda di moneta al
livello del reddito e al “costo opportunità” insito nel detenere moneta.

Dato che il tasso di interesse nominale i è dato dalla somma del tasso di interesse reale
(r) più il tasso d’inflazione (π), la precedente equazione si può scrivere come:

M
= k ⋅Y − h ⋅(r + π )
P

All’aumentare del tasso di inflazione la domanda reale di moneta si contrae. La Figura


40 illustra la curva di domanda nominale di moneta per due livelli di reddito Y1 e Y2
con Y1<Y2; quanto più è elevato il livello del reddito, tanto maggiore è la domanda di
moneta e tanto più a destra si colloca la relativa curva (Figura 40).

88
Appunti di Analisi Macroeconomica

Figura 40 La domanda nominale di moneta

M
= k ⋅ Y2 − h ⋅ i
P

M
= k ⋅ Y1 − h ⋅ i
P

Quantità di moneta

L’offerta di moneta è la quantità o stock di moneta presente all’interno di un’economia.


Essa è misurabile ufficialmente dagli aggregati monetari, in particolare
nell’Eurosistema si distinguono: un aggregato monetario ristretto (M1), un aggregato
intermedio (M2) e un aggregato ampio (M3). Essi differiscono per il grado di liquidità:

1) M1 = circolante + C/C

Oltre alla moneta in circolazione (banconote e monete metalliche), l’offerta di moneta


M1 comprende tutti i depositi a vista, ossia C/C bancari e postali

2) M2 = M1 + DR

M2 identifica lo stock di moneta, aggiungendo alla componente M1 i depositi a


risparmio (DR) con durata prestabilita fino a due anni o rimborsabili con preavviso
fino a tre mesi.

3) M3 = M2 + strumenti negoziabili emessi dalle IFM

La liquidità (M3) è definita aggiungendo a M2 alcuni strumenti emessi dalle istituzioni


monetarie finanziarie (IFM), ossia le operazioni pronti contro termine, le quote e
partecipazioni in fondi comuni monetari e i titoli con scadenza fino a due anni.

Detta M l’offerta nominale di moneta determinata dalla Banca Centrale, dividendo M


M
per il livello dei prezzi si ottiene l’offerta reale di moneta . Graficamente l’offerta di
P
moneta è rappresentata da una retta verticale in quanto è fissata dalla Banca Centrale e
non dipende dal tasso di interesse.

89
Appunti di Analisi Macroeconomica

Figura 41 L’offerta reale di moneta

Tasso di interesse
reale, r

M2 M M1 Quantità di moneta
reale
P2 P P1

Poichè la politica monetaria di un Paese è sotto il controllo della Banca Centrale,


quando si verifica una riduzione dell’offerta di moneta si parla di contrazione
monetaria (o politica monetaria restrittiva). Se invece c’è un aumento dell’offerta di
moneta siamo di fronte ad un’espansione monetaria.

Gli strumenti principali attraverso cui la Banca Centrale controlla l’offerta di moneta
sono:

operazioni di mercato aperto


modificazioni dei requisiti della riserva obbligatoria per le banche
modificazioni del tasso di sconto

Le operazioni in mercato aperto sono le operazioni di acquisto o vendita di titoli del


debito pubblico. Quando la Banca Centrale vuole aumentare lo stock di moneta in
circolazione acquista titoli di Stato dal pubblico. Quando invece desidera ridurre
l’offerta di moneta, vende al pubblico parte dei titoli di Stato che possiede in cambio di
moneta. Una volta ricevuta dal pubblico la valuta, l’offerta di moneta è più bassa.

La Banca Centrale può influenzare l’offerta di moneta attraverso la riserva obbligatoria,


ossia la percentuale minima che deve essere accantonata dalle banche senza che possa
essere concessa in prestito. Un aumento del tasso di riserva obbligatoria fa diminuire
l’offerta di moneta e analogamente una sua riduzione la fa aumentare. La Banca
Centrale ricorre solo raramente alla modifica del tasso di riserva obbligatoria per
evitare di interferire eccessivamente con l’operatività del sistema bancario.

L’ultimo strumento del quale la Banca Centrale dispone è il tasso di sconto, ovvero il
tasso di interesse che si applica ai prestiti concessi alle banche. Le banche ricorrono ai
prestiti della Banca Centrale quando ad esempio devono far fronte ad un’ondata di
prelievi. Quando la Banca Centrale concede un prestito a una banca, il sistema bancario
aumenta il volume delle riserve e, quindi aumenta la sua capacità di creare moneta.

90
Appunti di Analisi Macroeconomica

Tuttavia, ad un tasso di sconto più elevato i prestiti della Banca Centrale diventano più
costosi e quindi si crea un disincentivo a prendere a prestito e di conseguenza l’offerta
di moneta si riduce. Al contrario, un tasso di sconto più basso crea un incentivo ad
ampliare le riserve e di conseguenza l’offerta di moneta aumenta.

M M1
Aumenti dell’offerta di moneta spostano la retta a destra ( in Figura 41), mentre
P P1
M2
riduzioni di stock monetari fanno slittare la retta a sinistra ( in Figura 41)
P2

5.7 L’equilibrio nel mercato della moneta e la costruzione della LM

L’equilibrio del mercato monetario si ha quando la domanda di moneta uguaglia


l’offerta di moneta. Il grafico in Figura 42 presenta il tasso di interesse reale (r) in
ordinata e la quantità di moneta in ascissa, in equilibrio il tasso di interesse reale è r*.

Figura 42 L’equilibrio sul mercato della moneta


r

M
= k ⋅Y − h ⋅i
P
r*

M Quantità di moneta
P

In assenza di equilibrio, se il tasso di interesse è al di sotto di r*, la quantità di moneta


domandata eccede lo stock monetario offerto, quindi le banche per attrarre fondi
devono alzare il tasso di interesse. Viceversa, se il tasso di interesse è al di sopra di r*,
l’offerta di saldi reali supera la domanda di moneta, quindi la banca per stimolare gli
individui a detenere più moneta abbassa il tasso. In questo modo viene ad essere
ripristinato l’equilibrio.

Dall’equilibrio del mercato della moneta è possibile derivare la curva LM (Figura 43).
Si ipotizzi che l’equilibrio iniziale, con curva di domanda di moneta  
M
, sia r1, a
 P  dom1
questo tasso corrisponde un prodotto pari a Y1 (ad esempio 1000) e il punto E’1 nel
grafico B. Se il prodotto aumenta a Y2 (ad esempio 1500) viene domandata più moneta
e quindi la   si sposta in  
M M
(graf. A). Il nuovo equilibrio E2 è caratterizzato
 P  dom1  P  dom2

91
Appunti di Analisi Macroeconomica

da un tasso di interesse più elevato a cui corrisponde nel garfico B al punto E’2 .
Unendo i punti E’1 e E’2 si ottiene la curva LM.

Figura 43 Costruzione della curva LM

(A) (B)
r M  r
 
 P  dom 2

E2 E’2
r2

M 
 
r1  P  dom 1
E1
E’1

M M Y1(1000) Y2(1500) Y
Quantità reale di moneta,
P P

La curva LM, quindi, mostra le combinazioni di tassi di interesse e livello di


produzione per cui la domanda e l’offerta di moneta sono uguali. Essa è sempre
inclinata positivamente perché al crescere dell’output anche il tasso di interesse di
equilibrio del mercato finanziario sale.

5.8 Fattori che spostano la curva LM

A parità di prodotto, ogni fattore che riduce l’offerta di moneta rispetto alla domanda
provoca un aumento del tasso di interesse reale di equilibrio sul mercato delle attività,
con conseguente spostamento della curva LM verso l’alto. Allo stesso modo, dato il
prodotto, ogni fattore che produce un aumento dell’offerta di moneta rispetto alla
domanda contrae il tasso di interesse reale di equilibrio e sposta la curva LM verso il
basso. La lista dei fattori che influenzano la LM sono riportati nella seguente tavola.

Tabella 12 Fattori che provocano uno spostamento della LM


Un ↑ di Sposta la LM perchè
Offerta di moneta nominale (M) basso Aumenta l’offerta reale di moneta e
riduce il tasso di interesse reale di
equilibrio
Prezzo (P) alto Riduce l’offerta reale di moneta e
aumenta il tasso di interesse reale di
equilibrio
Tasso di inflazione (π) basso Riduce la domanda reale di moneta e
abbassa il tasso di interesse reale di
equilibrio
Efficienza del settore finanziario per alto se la domanda nominale di Aumenta la domanda reale di moneta
innovazioni finanziarie moneta (Md) cresce, basso se Md cala e aumenta il tasso di interesse reale di
equilibrio; viceversa se la domanda
cala

Si supponga che l’equilibrio iniziale del mercato delle attività sia E1, dove l’offerta di
moneta MS1, uguagli la domanda MD1. Se la Banca centrale attua una politica
monetaria espansiva, l’aumento dell’offerta di moneta provoca uno spostamento della

92
Appunti di Analisi Macroeconomica

curva MS1 verso destra, in MS2 (Figura 44). Dato un livello di prodotto costante ( Y ), il
tasso di interesse di equilibrio si riduce da r1 a r2. Sul grafico B è riportato l’effetto
dell’aumento dell’offerta reale di moneta sulla curva LM (Figura 44). A parità di
prodotto ( Y ), il calo del tasso di interesse di equilibrio, fa spostare la curva LM verso
l’esterno in LM1.

Figura 44 Effetto sulla LM di un aumento dell’offerta reale di moneta

(A) (B)
r r
MS1 MS2

MD LM

E1
r1

E2 LM1
r2

M1 M2 M Y Y
Quantità reale di moneta,
P1 P2 P

Si ipotizzi che ad un livello di prodotto costante Y e per una data offerta di moneta
(MS), l’equilibrio iniziale del mercato delle attività sia E1 (Figura 45). Se si registra una
diminuzione del tasso di inflazione attesa, la domanda reale di moneta tende ad
aumentare con il conseguente spostamento di MD1 in MD2 . In questa nuova posizione,
il tasso di interesse di equilibrio è cresciuto da r1 a r2. Data la produzione Y , in
conseguenza dell’aumento della domanda reale di moneta, e quindi del tasso di
interesse, la curva LM si sposta verso l’alto da LM a LM’.

Figura 45 Effetto sulla LM di un aumento della domanda reale di moneta

MS (A) (B)
r MD2 r
LM1
E2
r2

MD1
LM
E1
r1

M M Y Y
Quantità reale di moneta,
P P

93
Appunti di Analisi Macroeconomica

5.9 L’equilibrio generale nel modello IS-LM-FE

L’economia è nel punto di equilibrio generale quando in tutti i mercati le quantità


offerte sono uguali alle quantità domandate. Il punto di equilibrio generale E giace
sulla curva IS, LM e sulla retta FE. Così solo nel punto E, il mercato dei beni, il mercato
delle attività e il mercato del lavoro sono simultaneamente in equilibrio.

Figura 46 L’equilibrio generale del modello IS-LM-FE

Tasso di interesse reale r


FE

LM

E
IS

Y* Y

Dei tre mercati del modello IS-LM-FE, il mercato delle attività rappresentato dalla LM
è senza dubbio quello che si aggiusta più velocemente in caso di squilibri, in quanto i
mercati finanziari rispondono molto velocemente a variazioni delle condizioni
economiche. Il mercato del lavoro, rappresentato dalla FE, è invece quello che
probabilmente si aggiusta più lentamente, perché per trovare lavoro occorre tempo e i
salari vengono negoziati solo periodicamente. La velocità di aggiustamento del
mercato dei beni e servizi, la curva IS, si situa a metà strada fra i due.

5.10 La politica monetaria nel modello classico: il caso di una politica


monetaria restrittiva

Gli effetti della politica monetaria nella versione classica del modello IS-LM-FE
dimostrano che le variazioni dell’offerta di moneta sono neutrali. Una variazione
dell’offerta nominale di moneta M, provoca una variazione del livello dei prezzi P nella
medesima proporzione, lasciando invariate le variabili reali, come il prodotto,
occupazione e tasso di interesse. La Figura 47 illustra perché la moneta è neutrale. Si
ipotizzi che l’equilibrio iniziale sia rappresentato dal punto E e che la Banca Centrale
riduca l’offerta di moneta. La diminuzione dell’offerta di moneta sposta la LM verso
l’alto, da LM a LM’. Questa politica monetaria restrittiva non ha alcun effetto sulla IS e
la FE perché il mercato dei beni e quello del lavoro non dipendono dall’offerta di
moneta. Dopo la diminuzione dell’offerta di moneta, il punto di intersezione fra la IS e
la LM’ (F) giace a sinistra della retta FE, e quindi nel sistema economico vi è un eccesso
di offerta aggregata (Y*) sulla domanda aggregata (Y’). Questo eccesso di offerta riduce
il livello dei prezzi, che aumenta l’offerta reale di moneta, spostando la LM verso il
basso. Il livello dei prezzi continua a diminuire fino a quando l’offerta reale di moneta
non è tornata al suo livello iniziale e l’economia si trova di nuovo nel punto di

94
Appunti di Analisi Macroeconomica

equilibrio iniziale E. La riduzione dell’offerta di moneta non ha avuto quindi effetti


reali (la moneta è neutrale). Proprio per questo nel modello classico la politica
monetaria non può essere usata quale strumento per la stabilizzazione economica,
anche nel caso in cui questo obiettivo fosse desiderabile. Tuttavia, variazioni
dell’offerta di moneta influenzano il livello dei prezzi, pertanto gli economisti classici
suggeriscono una lenta crescita dell’offerta di moneta ad un tasso costante, in modo da
mantenere un tasso di inflazione basso e stabile.

Figura 47 La neutralità della moneta nel modello classico

Tasso di interesse reale r


FE
LM’

LM

IS

Y’ Y* Y

5.11 La politica fiscale nel modello classico: il caso di una politica fiscale
espansiva

Secondo gli economisti classici le variazioni della politica fiscale sono un’importante
fonte di fluttuazione ciclica all’interno delle economie. Per mostrare gli effetti di una
politica fiscale nel modello IS-LM-FE si consideri un aumento temporaneo della spesa
pubblica. Come conseguenza dell’incremento di spesa pubblica, i lavoratori si
aspettano un carico fiscale corrente e/o futuro maggiore, per cui saranno portati ad
offrire più lavoro con il conseguente aumento di produzione oltre il livello di pieno
impiego. La retta FE si sposta quindi a destra in FE’. Lo spostamento tuttavia non sarà
particolarmente elevato poiché l’aumento della spesa pubblica è temporaneo e quindi
si può supporre che l’offerta di lavoro aumenti, ma non eccessivamente. Oltre a far
spostare la FE verso destra, la politica fiscale espansiva fa spostare anche la IS. Infatti,
un aumento temporaneo di G riduce il risparmio nazionale desiderato, aumentando il
tasso di interesse reale in modo coerente con l’equilibrio sul mercato dei beni. Pertanto
la curva IS si sposta in alto verso IS’. La curva LM, invece, non è influenzata da una
variazione della politica fiscale. La curva IS’, la LM e la nuova FE’ non hanno un punto
di intersezione in comune. Per ristabilire una situazione di equilibrio economico
generale i prezzi devono aggiustarsi, spostando la LM sino al punto F. I prezzi
dovranno aumentare o diminuire? L’aumento di spesa pubblica ha prodotto sia un
aumento dell’offerta aggregata (tramite la FE) sia di domanda aggregata (tramite la IS),
tuttavia poiché l’effetto dell’aumento temporaneo di G sull’offerta aggregata è più
contenuto (la retta FE non si sposta molto verso destra) rispetto a quello sulla domanda
aggregata, si può considerare che l’effetto complessivo di un aumento temporaneo di

95
Appunti di Analisi Macroeconomica

spesa pubblica sia quello di creare un eccesso di domanda. Nella Figura 48 il punto H
evidenzia infatti che la domanda aggregata è maggiore dell’offerta aggregata. Pertanto
il livello dei prezzi aumenterà, spostando la LM verso sinistra in LM’ e ripristinando
così l’equilibrio generale (punto F). Nel punto F sia il prodotto che il tasso di interesse
sono maggiori rispetto all’equilibrio iniziale E.

Figura 48 Politica fiscale espansiva nel modello classico

Tasso di interesse reale r


FE FE’
1 LM’

r2 F 3
LM
r1

H
E
r IS’
2

IS

Y* Y’ Y

In sintesi un aumento della spesa pubblica aumenta il prodotto, l’occupazione, il tasso


di interesse reale e il livello dei prezzi. Poiché l’aumento dell’occupazione è il risultato
di un aumento dell’offerta di lavoro piuttosto che un aumento di domanda, i salari
reali diminuiscono. La diminuzione dei salari reali e l’aumento corrente o atteso delle
imposte peggiorano effettivamente le condizioni dei lavoratori, a meno che i benefici
derivanti dall’aumento della spesa pubblica non siano capaci di compensare la perdita
dei lavoratori in termini di minore salario netto.

5.12 Un caso di mix di politica economica: l’Unificazione tedesca


Il mix di politica economica è la combinazione di politiche fiscali e politiche monetarie
utilizzata per raggiungere determinati obiettivi economici interni ed esterni. Un caso di
mix di politica economica fu attuato in Germania durante la riunificazione. Nel 1990 la
Germania occidentale e la Germania orientale sono diventate di nuovo un unico paese.
Se prima della Seconda guerra mondiale le due Germanie si trovavano ad un livello di
sviluppo economico simile, nel 1990 non era più così. La Germania occidentale, infatti,
era molto più ricca e produttiva della Germania orientale. L’unificazione ha avuto
numerosi effetti; qui ci concentreremo solo sulle conseguenze di politica fiscale e
monetaria. Al momento dell’unificazione, è risultato chiaramente che la maggior parte
delle imprese nei Länder orientali non era affatto competitiva. Molte imprese
dovevano quindi essere chiuse parzialmente o totalmente; altre avevano bisogno di
attrezzature più moderne. È diventato presto ovvio che la transizione avrebbe richiesto
un forte aumento della spesa pubblica in direzione di nuove infrastrutture, di
riparazioni dei danni ambientali, di sussidi di disoccupazione ai lavoratori che
avevano perso il lavoro, e di trasferimenti alle imprese per consentire loro di

96
Appunti di Analisi Macroeconomica

continuare a produrre anche nella fase di transizione. Di fronte a questo aumento dei
trasferimenti e della spesa, il governo tedesco ha deciso di ricorrere in parte
all’aumento delle imposte (politica fiscale restrittiva) e in parte al disavanzo di bilancio.
La tabella qui sotto riporta i dati principali di alcune variabili macroeconomiche dal
1988 al 1991 (solo per la Germania occidentale).

Variabili macro per la Germania ovest 1988 1989 1990 1991


crescita del PIL (%) 3,7 3,8 4,5 3,1
crescita degli Investimenti (%) 5,9 8,5 10,5 6,7
bilancio pubblico (% del PIL) -2,1 0,2 -1,8 -2,9
Tasso di interesse di breve periodo 4,3 7,1 8,5 9,2

I dati mostrano che già prima dell’unificazione la Germania sperimentava una forte
espansione. La crescita del Pil nel 1988 e nel 1989 era vicina al 4%. Anche gli
investimenti erano in espansione. Dato che il gettito dipende dal livello di attività
economica, la forte crescita del Pil era fonte di significative entrate del governo, per cui
nel 1989 l’avanzo fiscale era pari allo 0,2% del Pil.

Figura 49 Il mix di politica monetaria e fiscale nella Germania unificata.

r
Espansione fiscale LM’ post-unificazione

A’ Stretta monetaria

r’ LM

A
r IS’ (post-unificazione)

IS

Y Y’ Y

In seguito all’unificazione si è registrato un ulteriore aumento della domanda. Nel


1990, infatti, il tasso di crescita degli investimenti era ancora più elevato che nel 1989. A
causa dell’aumento della spesa e dei trasferimenti, la posizione fiscale della Germania
occidentale è passata da un avanzo di bilancio nel 1989 a un disavanzo dell’1,8% del Pil
nel 1990. In termini del modello IS-LM, il 1990 è stato caratterizzato da un brusco
aumento della spesa pubblica, che ha spostato la IS verso destra, da IS a IS' nella figura
1. Di fronte a questi sviluppi, la Banca Centrale tedesca (la Bundesbank) ha temuto che
la crescita fosse troppo elevata e che il risultato sarebbe stato un aumento
dell’inflazione. Per questo ha deciso di rallentare la crescita dell’economia. Quindi,
nonostante il tasso di interesse fosse già salito dal 4,3% del 1988 al 7,1% del 1989, la
Bundesbank ha optato per una politica monetaria restrittiva: nel 1991 il tasso di
interesse è aumentato ulteriormente e ha raggiunto il 9,2%. In termini del modello IS-
LM della Figura 49, la Bundesbank ha spostato la LM verso l’alto, allo scopo di
rallentare l’attività economica.

In sintesi, uno degli effetti dell’unificazione tedesca è stato una combinazione di


espansione fiscale e stretta monetaria. Il risultato è stato una crescita elevata (a causa

97
Appunti di Analisi Macroeconomica

dell’espansione fiscale) e alti tassi di interesse (a causa della stretta monetaria). Gli
elevati tassi di interesse hanno avuto importanti conseguenze non solo per la
Germania, ma per tutta l’Europa. Essi sono, infatti, considerati una delle principali
cause della recessione avvenuta in Europa all’inizio degli anni Novanta.

98
Appunti di Analisi Macroeconomica

CAPITOLO VI

LA FINANZA PUBBLICA:
DEBITO & DEFICIT

6.1 Il Bilancio pubblico: deficit e avanzi

Il bilancio pubblico è il documento giuridico contabile che evidenzia il bilancio


(entrate verso uscite) di tutti gli enti e le amministrazioni pubbliche (Stato, Regioni,
Province e Comuni). Come tutti i bilanci, quello pubblico è costituito da:

– Entrate
– Uscite
– Saldo

Le entrate del bilancio sono suddivise in tre categorie:

Imposte dirette, ossia le imposte prelevate sul reddito e sul patrimonio, si


applicano

-sul reddito delle persone fisiche (Irpef)


-sul patrimonio delle imprese (Irap)

Imposte indirette, sono commisurate alla produzione e al consumo di


particolari beni e servizi, sono costituite principalmente

- dalle imposte sul consumo (Iva)


- dalle imposte sulla produzione (Accise)

Contributi sociali (che rappresentano circa 1/3 del totale entrate) sono dei
tributi pagati dai lavoratori e dai datori di lavoro per finanziare il sistema di
sicurezza sociale (pensioni, sussidi di disoccupazione e assegni familiari).

Figura 50 Pressione Fiscale in alcuni Paesi Europei. Anni 2003-2007, incidenza percentuale sul PIL

Fonte: ISTAT, 2009.

99
Appunti di Analisi Macroeconomica

Tra le voci in uscita rientrano:

la spesa pubblica
i trasferimenti
gli interessi

La spesa pubblica (G) consiste nelle spese sostenute per la produzione di servizi
pubblici non destinabili alla vendita, quali l’istruzione, la sanità, la difesa nazionale, e
la spesa per stipendi pagati ai dipendenti pubblici. In questa categoria di uscite sono
inclusi anche gli investimenti pubblici (opere stradali, dighe, porti e ponti).

I trasferimenti sono pagamenti effettuati dallo Stato a favore di famiglie e imprese, in


cambio dei quali le pubbliche amministrazioni non ricevono alcun bene o servizio. Le
principali componenti della spesa per trasferimenti sono le prestazioni sociali ossia
l’erogazione di pensioni, interventi di sostegno al reddito, sussidi di disoccupazione,
assegni familiari.

Gli interessi sono quelli che si formano sul debito pubblico, che devono essere pagati
dallo Stato ai detentori di titoli di debito pubblico. La spesa per gli interessi corrisposti
ai detentori dei titoli statali viene indicata come servizio del debito.

Il saldo del bilancio pubblico è la differenza fra entrate ed uscite. Da esso si rileva la
situazione dei conti pubblici, per cui se:

uscite pubbliche > entrate pubblichelo Stato presenta un deficit o disavanzo

uscite pubbliche < entrate pubbliche lo Stato presenta un avanzo o surplus

Fra le uscite non vengono contabilizzati i trasferimenti (TR) che vengono direttamente
decurtati dalle tasse.

In termini ufficiali si distingue fra il deficit in senso stretto dato da:

deficit = uscite − entrate = spesa pubblica + interessi nominali sul debito passato - entrate = G + i ⋅ Bt -1 − T > 0

E il deficit primario, ossia il disavanzo che non include gli interessi nominali sul debito
passato:

deficit primario = spesa pubblica - entrate = G − T > 0

I due concetti di deficit forniscono informazioni differenti: il deficit primario ci dice se


le amministrazioni pubbliche sono in grado di far fronte al costo dei propri programmi
correnti di spesa. Il deficit in senso stretto, includendo i pagamenti per interessi,
presenta sia la situazione delle spese correnti che di quelle passate finanziate con
l’indebitamento.

Per valutare la situazione effettiva delle finanze pubbliche bisogna distinguere fra i
deficit causati da andamenti sfavorevoli del ciclo economico (deficit congiunturali) e i
deficit di natura strutturali vale a dire i disavanzi che l’economia registra in condizioni
di pieno impiego. Mentre i primi rappresentano un problema meno grave, i secondi, se
elevati, costituiscono un serio pericolo per le economie.

100
Appunti di Analisi Macroeconomica

6.2 Differenza fra debito pubblico e deficit pubblico

Fra debito pubblico e deficit pubblico esiste una importante distinzione, il deficit
pubblico (che è una grandezza di flusso) è la differenza fra le uscite e le entrate delle
amministrazioni pubbliche in un dato anno. Il debito pubblico (che è una grandezza di
stock) è il debito dello Stato nei confronti di altri soggetti, individui, imprese, banche o
soggetti stranieri, che hanno sottoscritto obbligazioni (come BOT e CCT) destinate a
coprire il fabbisogno finanziario statale. In breve, il debito è rappresentato dal valore
dei titoli emessi dalle amministrazioni pubbliche ed è costituito dalla somma del deficit
di bilancio del periodo attuale più gli interessi che si stanno pagando per i titoli emessi
nei periodi precedenti allo scopo di finanziare i precedenti disavanzi di bilancio.
L’eredità dei disavanzi del passato quindi consiste in un maggior debito corrente. Il
debito pubblico in Italia viene contratto a livello nazionale dal Governo Centrale, a
livello locale dagli organi amministrativi regionali, provinciali e comunali.

Appare chiaro che, se anno dopo anno, il bilancio dello Stato chiude sempre con un
deficit, ossia le uscite (spesa pubblica) superano sempre le entrate (essenzialmente
gettito fiscale), alla fine viene a realizzarsi una situazione insostenibile, pari a quella di
un individuo che sistematicamente spende più di quanto guadagna ed è quindi costretto
ad indebitarsi con un meccanismo a spirale.

In termini analitici, il deficit relativo ad un qualsiasi anno equivale alla variazione del
debito registratosi in quello stesso anno rispetto all’anno precedente. Se definiamo con
Bt4 il debito pubblico nell’anno t e con Bt-1 il debito pubblico nell’anno t-1, il deficit è
dato dalla variazione fra il debito nei due periodi:

Deficit = Bt − Bt −1 = ∆Bt

per cui possiamo riscrivere l’equazione del deficit come:

B − Bt − 1 = Gt − Tt + i ⋅ Bt − 1
1t424 3 1
424 3 123
deficit deficit primario int eressi sul debito (5.1)

Spostando il termine Bt-1 sul lato destro dell’equazione otteniamo il livello del debito
pubblico corrente:

Bt = Gt − Tt + ( 1 + i ) ⋅ Bt − 1
{ 1
424 3 14 4243 4
debito deficit primario debito passato + int eressi sul debito (5.2)

Box 10 L’inflazione e il calcolo del disavanzo di bilancio

Le misure ufficiali del disavanzo di bilancio sono costruite (omettendo gli indici temporali) come la
somma degli interessi nominali, iB, più la spesa pubblica in beni e servizi, G, meno le imposte al netto dei
trasferimenti, T:

misura ufficiale del disavanzo = iB + G – T

4
B deriva dall’inglese “Bond”. Il bond è un’obbligazione, un titolo emesso da persona giuridica
che contrae un prestito per un ammontare e data determinati, garantendo un rendimento a chi
lo acquista e la restituzione della somma alla scadenza.

101
Appunti di Analisi Macroeconomica

Questa è una misura della variazione del debito nominale. Se è positiva, il governo sta spendendo più di
quanto incassa, e deve pertanto emettere nuovo debito. Se è negativa, il governo rimborsa parte del debito
esistente. Ma questa misura non va bene per misurare la variazione del debito reale, cioè la variazione di
quanto il governo dovrà ripagare in termini di beni, anziché di moneta. Per capirne la ragione,
supponiamo che la misura ufficiale del disavanzo sia uguale a zero: il governo non emette né rimborsa
titoli del debito pubblico. Supponiamo che l’inflazione sia positiva e uguale al 10%. In questo caso, alla fine
dell’anno, il valore reale del debito sarà diminuito del 10%. Quindi, se definiamo – come dovremmo – il
disavanzo come la variazione del valore reale del debito, il governo di fatto registra un avanzo di bilancio
uguale a

0,10*Bt-1

cioè al 10% del valore iniziale del debito. In generale: se B è il debito e π l’inflazione, la misura ufficiale del
disavanzo sovrastima la misura corretta di un ammontare pari a πB. La misura corretta del disavanzo
infatti è uguale a:

misura corretta del disavanzo = iB + G – T –πB = (i –π)B + G – T = rB + G – T

dove r = i –π è il tasso di interesse reale. La misura corretta del disavanzo è quindi uguale agli interessi
reali più la spesa pubblica meno le imposte al netto dei trasferimenti, cioè la misura che abbiamo usato nel
testo.
La differenza tra la misura ufficiale e quella corretta è uguale a πB. Questo significa che quanto maggiore è
il tasso di inflazione (π) o il livello del debito (B), tanto più imprecisa sarà la misura ufficiale del disavanzo.
Nei paesi in cui l’inflazione e il debito sono entrambi molto elevati, la misura ufficiale potrebbe indicare un
disavanzo molto grande, anche in presenza di un debito reale decrescente. Per questo motivo dovremmo
sempre tener conto dell’inflazione ogni qual volta deriviamo conclusioni sull’andamento della politica
fiscale.
La figura 1 mostra la misura ufficiale e la misura corretta per l’inflazione del disavanzo degli Stati Uniti
nel periodo 1968-2001. La misura ufficiale mostra un disavanzo in tutti gli anni tranne che nel 1969 e dal
1998 al 2000. La misura corretta, invece, mostra un’alternanza di avanzi e disavanzi fino alla fine degli anni
Settanta. Tuttavia, entrambe le misure mostrano il forte peggioramento avvenuto dopo il 1980.

Oggi, con un’inflazione tra il 3 e il 4%, e un rapporto debito/PIL pari a circa il 50%, negli Stati Uniti la
differenza tra le due misure è circa uguale a 3-4% per 50%, cioè a un valore compreso tra l’1,5 e il 2% del
PIL. In altre parole, un disavanzo ufficiale compreso tra l’1,5 e il 2% del PIL corrisponde in realtà a un
bilancio in pareggio.

Consideriamo ora il caso dell’Italia, un paese con debito pubblico elevato e che in passato ha avuto anche
un’inflazione particolarmente elevata. La tabella 1 mostra le due serie, il disavanzo ufficiale e quello
corretto per l’inflazione, negli ultimi vent’anni. Si vede chiaramente come l’inflazione portasse a
sovrastimare il disavanzo reale negli anni in cui l’inflazione era elevata. Ora la differenza tra le due misure
del disavanzo è diventata più piccola.

102
Appunti di Analisi Macroeconomica

Tratto da Blanchard, Macroeconomia, 2006

6.3 Perché gli Stati si indebitano?

Storicamente gli Stati si sono indebitati per finanziare le guerre, ad esempio nel 1800 la
Francia si indebitò per sostenere le spese belliche napoleoniche, in Italia il debito
crebbe nella seconda metà dell’ ‘800 per realizzare l’unificazione del 1861, e proprio in
quel periodo venne stilato il Grande Libro del Debito Pubblico in cui si riportavano le
posizioni debitorie italiane. Gli Stati si sono indebitati inoltre per effettuare spese
straordinarie, ossia finanziare grandi opere pubbliche. Il debito moderno è causato
prevalentemente da spese ordinarie, scarso rigore delle Amministrazioni Pubbliche che
causa significativi sprechi, evasione fiscale, costi della politica e sostegno delle aziende
in crisi (caso Alitalia). Le conseguenze del debito sono notevoli in quanto si riducono
le risorse per finanziare scelte strategiche quali investimenti in ricerca, scuola,
infrastrutture, aumenta la pressione fiscale, si registra un possibile calo nel rapporto
quantità/qualità dei servizi erogati, peggiorano le valutazioni delle agenzie di rating,
aumenta la disoccupazione (↓S → ↓I → ↓Y→ ↑u), il debito rappresenta inoltre un onere
a carico delle generazioni future.

6.4 L’andamento del rapporto debito/PIL e deficit/PIL

Dal momento che i paesi caratterizzati da un reddito nazionale più alto dispongono di
maggiori risorse con cui far fronte al proprio debito pubblico e ai pagamenti per
interessi su di esso, un’utile misura dello stato di indebitamento di un paese è il
rapporto fra lo stock di debito pubblico e il prodotto interno lordo (PIL). Questo
permette di rilevare in maniera più immediata se il debito pubblico è troppo elevato.
Infatti se due paesi, A e B, registrano lo stesso livello di debito es. 15 milioni di euro,
ma PIL differenti ad esempio PILA=300 milioni di euro e PILB=10 milioni di euro i
rispettivi rapporti debito/PIL percentuali sono 5% e 150%, per cui mentre il debito del
paese A è contenuto quello del paese B è eccessivo. Allo stesso modo è più utile
valutare il rapporto deficit/PIL rispetto al solo livello del deficit. L’andamento dei
rapporti debito/PIL e deficit/PIL è stato alla base della definizione dei criteri di
Maastricht.

103
Appunti di Analisi Macroeconomica

In particolare il Trattato di Maastricht del 1992 stabiliva che per entrare a far parte
dell’Unione monetaria i paesi dovessero avere un rapporto debito/PIL inferiore al 60%
e allo stesso tempo un rapporto deficit/PIL sotto il 3%. Successivamente col trattato di
Amsterdam del 1997 e l’adozione del Patto di Stabilità, i due criteri che si
configuravano come condizioni di entrata sono diventati condizioni vincolanti che
devono essere rispettate in maniera permanente. Ai paesi che superano il limite del 3%
e non attuano rapidamente misure correttive si applicano le sanzioni previste
dall’Ecofin5. Queste consistono in un deposito infruttifero pari allo 0,5% del PIL. Se la
violazione perdura per oltre due anni il paese perde definitivamente il deposito. Le
sanzioni non si applicano solo se il paese supera il limite del 3% a seguito di una
recessione particolarmente grave.

Per valutare analiticamente il rapporto debito/PIL, dividiamo entrambi i lati


dell’equazione 5.2 per la produzione reale Yt, si ottiene:

Bt G − Tt ( 1 + i ) ⋅ Bt − 1
= t + (5.3)
Yt Yt Yt

moltiplicando e dividendo per il PIL dell’anno passato, Yt-1, l’ultimo termine della (5.3)
si ottiene:

Bt G − Tt Y ( 1 + i ) ⋅ Bt − 1
= t + t −1 ⋅ (5.4)
Yt Yt Yt − 1 Yt

Yt − 1 1
Indicando con g il tasso di crescita della produzione, può essere scritto come .
Yt 1+ g
1+ i
Inoltre, utilizzando l’approssimazione =1+ i − g possiamo scrivere l’equazione
1+ g
precedente come:

Bt G − Tt B
= t + ( 1 + i − g ) ⋅ t −1 (5.5)
Yt Yt Yt − 1

Questa equazione indica i fattori che influenzano il debito pubblico: il disavanzo


primario (se G-T>0, il debito pubblico aumenta, se invece G-T<0 il debito pubblico

5
Con il termine Ecofin si indica il Consiglio Economia e Finanza formato dai Ministri
dell'Economia e delle Finanze dei 27 stati membri dell' Unione Europea riuniti in seno al
Consiglio dell'Unione Europea. L'Ecofin si riunisce una volta al mese a Bruxelles o a
Lussemburgo; e inoltre si riunisce in via informale, una volta ogni sei mesi nel paese che in quel
momento detiene la presidenza del Consiglio dell'UE. L'Ecofin ha il compito di preparare e
adottare ogni anno, insieme al Parlamento europeo, il bilancio dell'Unione europea e inoltre si
occupa di monitorare le politiche di bilancio e le finanze pubbliche dei Paesi membri,
coordinare le politiche economiche, sorvegliare la situazione economica e l’andamento dei
mercati finanziari e, infine, si occupa delle relazioni economiche con i paesi terzi.

104
Appunti di Analisi Macroeconomica

diminuisce); il tasso di interesse (i) sul debito passato (tassi di interessi più elevati
rispetto al tasso di crescita del PIL implicano un aumento del debito corrente); il tasso
di crescita della produzione (maggiore è il tasso di crescita del PIL, g, rispetto ad i,
minore è il debito corrente).

Box 11 Il debito e deficit pubblico in Italia

L’Italia ha registrato tre periodi di debito pubblico elevato. Negli ultimi decenni dell’ ‘800 il
debito (in rapporto al PIL) fu alimentato dallo sforzo dell’unificazione dell’Italia (1861), ma in
seguito, la rapida crescita economica degli anni dei governi Giolitti lo ridusse rapidamente. Il
debito crebbe di nuovo durante la 1a guerra mondiale e poi durante la 2a e in effetti i debiti sono
stati storicamente causati dai conflitti bellici, proprio per le ingenti spese di guerra e in
armamenti sostenute. Negli ultimi anni 70’ il rapporto debito/PIL italiano crebbe di nuovo
raggiungendo anche valori del 120%, questa volta però il debito fu causato da un aumento della
spesa sociale (pensioni, sanità, istruzione) non finanziato da un parallelo aumento delle
imposte. È necessario il trattato di Maastricht nel 1992 e la pressione esercitata dalle condizioni
di ammissione all’Unione economica e monetaria, perché il debito ri