Sei sulla pagina 1di 71

Natura

I glacionauti esplorano le grotte nella calotta che copre la

Groenlandia. In cerca di record e straordinarie forme di vita

Nelle viscere del ghiaccio

Preistoriche pareti
Linterno di un mulino glaciale (questo il nome delle grotte scavate nel ghiacciaio dalle acque in estate) in Groenlandia. Nella parte appena sotto la superficie molto grande: qui si studia la deformazione subita dal ghiaccio in epoca preistorica.

10

03/2002

03/2002

11

Sulle labbra del gigante


Un glacionauta si cala nella bocca di un gigantesco mulino. Queste grotte esistono anche sulle Alpi, ma sono pi piccole e meno profonde che in Groenlandia.

In cerca del buco


I membri di una spedizione esplorano la superficie della calotta groenlandese per individuare nuove aperture di grotte tra i crepacci.

Introdursi nelle grotte di ghiaccio pericoloso: a profondit

maggiori di 100 metri le pareti sono molli, come una granita

Dove si tuffa lacqua?


Uno dei fiumi che si formano in estate sulla superficie ghiacciata, spessa pi di tre chilometri. Lacqua scorre finch non trova un buco dove tuffarsi.

Su un letto freddissimo
Alle spedizioni in Groenlandia partecipano una quindicina di studiosi. Una delle tende il laboratorio per analizzare i campioni di ghiaccio.

12

02/2002

13

Gi, sempre pi morbido


Le grotte nel ghiaccio sono spesso verticali, specialmente nelle parti pi profonde. Dove la grotta supera i 50 metri di profondit la pressione comincia ad ammorbidire il ghiaccio.

In fondo, un pozzo
La discesa in un mulino glaciale: a sinistra, con le corde lungo la parete, sotto larrivo sul fondo della grotta, ancora occupato dallacqua. I mulini sono stati esplorati anche con attrezzature subacquee.

Per esplorare

le grotte occorre la muta da sub: sono spesso allagate


te dallacqua di scioglimento che circola sulla superficie della calotta ghiacciata. Lacqua forma fiumi che scorrono alla velocit di almeno un metro al secondo e, quando incontrano un crepaccio, scendono in profondit, scavando grotte dalle pareti tondeggianti che, oltre i 100 metri di profondit, diventano strettissime. I cunicoli sopravvivono al massimo unestate, ma possono restare aperti anche solo pochi giorni, dopodich il ghiaccio si salda di nuovo. Penetrarvi, quindi, molto rischioso. Eppure, ogni anno, decine di glacionauti ritentano limpresa, esplorando zone sempre diverse dellimmensa calotta groenlandese. Spirito di avventura? Non solo: anche ricerca scientifica. A queste profondit, infatti, sono state fatte scoperte sorprendenti. Vedere i ghiacciai da sotto permette infatti di verificare i modelli che i geologi hanno ideato in questi ultimi decenni per studiare il movimento delle lingue glaciali: i gla-

i, nel ventre del ghiaccio, per centinaia di metri. Si pu fare solo in Groenlandia, dove la coltre ghiacciata copre i 9/10 dellisola e arriva a 3 chilometri di spessore. E, per il freddo intenso, pi difficile che le pareti dei cunicoli collassino sotto il peso della massa soprastante.

I glacionauti rischiano la vita. Per sport? No: per la scienza


I glacionauti, cos si sono autobattezzati questi esploratori amanti dellestremo, qui sono arrivati a 200 metri di profondit (il record appartiene al francese Janot Lamberton con 202 metri) dove il ghiaccio diventa quasi fluido a causa della pressione. A fine estate, intorno a settembre, le spedizioni entrano nelle lunghe grotte scava14
03/2002

Uscita sommersa
I sommozzatori si calano sul fondo della grotta per scoprire in che direzione si ramificano le gallerie.

Acquario fossile
Raccolta di campioni di ghiaccio: contengono alghe ed esseri viventi ibernati da centinaia o migliaia di anni.

Gli abitanti di queste grotte vivono per migliaia di anni e sono pressoch invulnerabili
cionauti misurano il grado di deformazione subta dagli strati di ghiaccio profondi.

Acqua bollente, freddo intenso: niente pu uccidere un tardigrado


Ma le scoperte pi importanti riguardano le forme di vita che sono riuscite a sopravvivere nei millenni a queste condizioni estreme e che ancora oggi si possono osservare a decine di metri di profondit. Si tratta di creature visibili solo al microscopio, ma straordinarie. Innanzitutto i tardigradi, piccoli animali da 0,2 a 0,5 mm di lunghezza, capaci di rimanere ibernati anche per 70 mila anni. I tardigradi si disidratano completamente quando la temperatura diventa troppo bassa e poi resuscitano

se il termometro supera lo zero (hanno altre straordinarie caratteristiche: sopravvivono persino se immersi in acqua bollente, o dopo aver subto un raffreddamento a -273 C, vicino allo zero assoluto). I biologi studiano questi animali per capire come le loro cellule possano morire e poi tornare in vita: sarebbe molto utile per conservare gli organi umani destinati ai trapianti. Nelle grotte sono stati raccolti anche alcuni tipi di alghe microscopiche: secernono sostanze anticongelanti e potenti protettivi contro i raggi ultravioletti. Immerse nel ghiaccio restano in vita latente (anche per decine di anni) in un guscio che si rompe solo se esposto al sole. E c gi chi pensa di utilizzarle come ingrediente principale per creme di bellezza anti-invecchiamento. s Lorenzo D. Mariani

Schiacciami, resusciter Passaggio pericoloso


Sotto i 100 metri di profondit le grotte sono strettissime: qui il ghiaccio pu collassare su se stesso. Un tardigrado. Sopravvive nel ghiaccio delle grotte della Groenlandia. Gli scienziati lo studiano perch pressoch indistruttibile: resiste alla pressione e al freddo estremo.

16

03/2002

Speciale

Ora gli oggetti e gli organismi possono essere smontati e

studiati allinterno. Grazie a una nuova tecnica fotografica

Guardiamoci dentro
Le vecchie fotografie al microscopio erano piatte, o quasi. La raffigurazione volumetrica digitale, invece, mostra il mondo dellultra-piccolo come non lavevamo mai visto: a 3 dimensioni.

Lalbero sanguigno
Vaso sanguigno fotografato con il nuovo metodo (messo a punto da Russell Kershmann, statunitense) che ne evidenzia le diramazioni. Le immagini (poi assemblate al computer) si ottengono fotografando alla luce del laser almeno 1.000 sezioni delloggetto.

Nella coda del topo


Sezione della coda di un topolino da laboratorio: in verde sono i peli (si vede bene come si immergono sottopelle), al centro, in rosso e giallo, si vede losso della coda. Tra la pelle e losso, poi, le strutture e i vasi del tessuto connettivo.
03/2002

18

03/2002

19

Con foto come queste gli scienziati costruiscono i microrobot

Microfibre in macro
La struttura ultraingrandita di una microfibra tessile. Foto come questa servono a migliorare la qualit dei tessuti per renderli, per esempio, pi caldi, oppure traspiranti.

Cyberviti da laboratorio
Studiando la struttura di viti come queste, lunghe meno di 1 mm, gli scienziati tentano di migliorare la tenuta dei pezzi che formano i microrobot, congegni che presto potrebbero essere usati per curare luomo dallinterno.

Velcro a testa in gi
La parte ruvida del velcro, in blu, aderisce a quella morbida (in rosa). Prima di vedere questimmagine nessuno sapeva con esattezza in che modo si agganciano le due parti. Si cos scoperto che molte fibre del velcro in realt non fanno presa.

La trama sulla ferita


Le fibre che compongono la trama di una garza sterile, usata comunemente per le medicazioni. Immagini come questa si possono anche aprire per guardare dentro da punti di vista differenti.

Gratta, gratta...
Uno scovolino, simile a quelli usati per pulire linterno delle armi da fuoco. Si vedono bene (in verde) le finissime fibre di cotone che lo compongono e (in giallo) la punta dellanima in legno.

20

03/2002

03/2002

21

Storia

GLI ORDINI SONO ORDINI

Basta un comando oscuro o confuso per tramutare una battaglia in un disastro? S!


isguidi, fraintendimenti, malintesi, errori di valutazione: la vita quotidiana ne abbonda. Quando per sono i militari a non capirsi sul campo di battaglia, il risultato spesso un sanguinoso disastro. A innescarlo pu bastare un ordine poco chiaro, uninformazione inesatta, la faciloneria, lorgoglio, lincompetenza. O la pura e semplice ottusit.

Chickamauga 1863: lorgoglio ferito di Wood


Chickamauga, Fiume della Morte: questo il significato in lingua indiana del no22
03/2002

me del fiumiciattolo vicino al quale, da oltre 24 ore, si stanno affrontando larmata nordista del generale William Rosecrans e quella sudista del generale Braxton Bragg. il 20 settembre del 1863. Il primo giorno di combattimenti, per quanto sanguinoso, stato inconcludente. Poco prima delle 11 del mattino seguente, a Rosecrans viene riferito che una delle sue divisioni - quella di Reynolds - allo scoperto e rischia di essere attaccata sul fianco. Preoccupato, il generale ordina a unaltra divisione, quella di Wood, di spostarsi sulla sinistra in appoggio a Reynolds, ignorando che tra le due armate ce n unaltra: quella di Brennan.

Chickamauga
20 settembre 1863
Un rimprovero di troppo
Redarguito per inefficienza, un comandante di divisione nordista non os mettere in discussione un successivo ordine - sbagliato - del generale. Il risultato? Una disfatta. Barbuto. Nel disegno, il generale Rosecrans (di spalle, a cavallo) riprodotto sulla base di illustrazioni depoca, compreso il copricapo che indossava abitualmente sul campo.
v
03/2002

23

Gridando: Armistizio! le truppe napoleoniche entrarono

a Vienna senza colpo ferire: nessuno ordin di fermarle


Quando riceve lordine,Wood perplesso: si rende subito conto del pericolo di una simile manovra: dovrebbe uscire dalla prima linea, disporre i propri uomini in ordine di marcia, e sfilare dietro i soldati di Brennan, lasciando cos un vuoto di quasi mezzo chilometro nello schieramento. Gli basterebbe chiedere un chiarimento a Rosecrans, ma unora prima il generale lo ha violentemente e pubblicamente redarguito a causa di alcuni ritardi nelle operazioni di spiegamento. Con questa umiliazione ancora viva nella mente, il veterano Wood non osa mettere in discussione lordine. E mentre le truppe nordiste sono in movimento, i confederati attaccano, esattamente nel punto in cui si aperto il vuoto. Sul campo resteranno quasi 30 mila uomini tra morti e feriti e la carriera di generale di Rosecrans.
v

Ponte di Tabor, 1805: il grande bluff


Non sempre in guerra le incomprensioni sono frutto di errori: talvolta possono essere create ad arte per ingannare il nemico. il 12 novembre del 1805 quando le truppe napoleoniche, impegnate contro gli austriaci nella campagna di Austerlitz, raggiungono Vienna. A questo punto dovrebbero passare il Danubio, ma il vitale ponte di legno di Tabor guardato da un forte contingente austriaco, che si sta preparando a demolirlo. I francesi, comandati dai marescialli Lannes e Murat, devono a tutti i costi catturare intatto quel ponte e la chiave della vittoria non sar un feroce assalto, ma un bluff audace quanto incredibile. Ai picchetti austriaci si presenta uno spettacolo stupefacente: Lannes e Murat, con le loro vistose uniformi, avanzano lenti e maestosi allo scoperto, accompagnati unicamente dal loro stato maggiore. Nessuno sa cosa fare. Lannes e Murat gridano Armistizio! Armistizio! e chiedono di parlamentare con il comandante avversario, il vecchio conte Auersperg. Quando finalmente arriva Auersperg, Murat (che nellattesa si seduto con noncuranza su un cannone austriaco) lo convince che stato deciso un armistizio, e le ostilit sono dunque sospese. Il vecchio generale ci casca, e ordina ai suoi uomini di cedere le posizioni alle truppe avversarie.
03/2002

Ponte di Tabor
12 novembre 1805
Il trionfo della faccia tosta
Gioacchino Murat, con la mano alzata, convince gli austriaci che sia stato dichiarato larmistizio, conquistando un ponte senza combattere. Leopardato. Nella ricostruzione, molti particolari sono storicamente esatti: dalla coperta a pelle di leopardo sotto la sella, alle facce dei protagonisti, compreso il capitano Manhs, attendente di Murat (alle sue spalle).

24

03/2002

25

Una sconfitta inevitabile, ad Adua, si tramut in un massacro


La ricetta della vittoria: molto coraggio e lingenuit di un generale forse troppo anziano.
v

Adua, 1896: problemi di coordinamento


Gli tiriamo quattro granate ed fatta: questo lo spirito con cui lo stato maggiore del generale Oreste Baratieri si appresta a combattere le forze del negus Menelik per imporre il dominio italiano sullAbissinia. La verit che gli etiopi possono mettere in campo un esercito di quasi 200 mila uomini, discretamente armati, e avvantaggiati dalla perfetta conoscenza del territorio. Pressato dalla scarsit di viveri, Baratieri d ordine di far avanzare i suoi 18 mila soldati in colonne separate: sulla sinistra la brigata di ascari (truppe indigene) al comando del generale Albertone, la colonna del generale Arimondi al centro, e sulla destra la brigata del generale Dabormida. subito il caos: le colonne sbagliano strada, si intralciano lun laltra, poi perdono

Adua
1 marzo 1896
Il disastro dellAbissinia
Nella sconfitta subita dagli italiani ad Adua, in Abissinia, pesano in egual misura la sottovalutazione del nemico e la separazione delle forze in campo. Censura. Labbigliamento di etiopi e italiani riprodotto sulla base dei disegni pubblicati nel 1896 da LIllustrazione Italiana, nel descrivere la sconfitta del generale Dabormida (senza alcun cenno agli errori dei comandanti).
v

Russells Top
Australiani contro turchi

7 agosto 1915

Prima guerra mondiale. Qualcuno crede di vedere ununiforme australiana nelle trincee turche: la collina Russells Top pare quasi presa. Tutto falso. Linformazione sbagliata e gli anzac australiani (cavalleggeri, che per attaccavano a piedi) vengono massacrati.

26

03/2002

Spioenkop
24 gennaio 1899

Per uninformazione errata, gli anzac furono mandati allassalto non una, ma 4 volte
i contatti tra loro. Allalba del 1 marzo, Albertone convinto di avere raggiunto il suo obiettivo. Ma le mappe sono sbagliate: il generale, rimasto isolato, verr presto sconfitto. Nel frattempo, Baratieri ha ordinato a Dabormida di piegare sulla sinistra per andare in appoggio alla colonna centrale, ma questultimo si spinge invece sulla destra, aprendo tra le due colonne un varco di tre chilometri. In questo varco si riversano 30 mila guerrieri etiopi: a met mattinata, la brigata centrale di Arimondi annientata. La colonna di Dabormida, che si infilata in una stretta vallata, verr spazzata via entro il pomeriggio. tale. Lo scopo sottomettere limpero ottomano (alleato degli austro-tedeschi) e alleggerire la pressione sulla Russia, permettendo alle sue navi di mantenere i vitali collegamenti tra Mar Nero e Mediterraneo. Limpresa si dimostra tuttavia difficile, e a pagare un pesante tributo di sangue saranno soprattutto gli uomini del corpo darmata australiano e neozelandese (i cosiddetti anzac) inviati a combattere sui Dardanelli al fianco di britannici e francesi. Gli scontri tra gli anzac e i turchi si susseguono violenti sin da aprile, su un terreno difficile, brullo e inospitale. il mattino del 7 agosto quando agli australiani della 3a Brigata della Light Horse viene ordinato di andare allassalto di una postazione chiamata Russells Top, unaltura pesantemente difesa da trincee e nidi di mitragliatrici. Le cose vanno storte fin da principio: il bombardamento navale destinato ad ammorbidire le posizioni turche viene sospeso prima dellorario concordato. Gli australiani restano nel dubbio se lanciarsi subito allattacco o aspettare che il bombardamento riprenda, e cos i turchi hanno tutto il tempo di tornare nelle trincee. Quando finalmente parte la prima ondata, gli uomini vengono quasi tutti falciati dalle pallottole senza neanche arrivare alle linee avversarie. Nonostante latroce spettacolo cui ha appena assistito, una seconda ondata scatta poco dopo, con identici risultati. Qualcuno, infatti, ha riferito al colonnello Antill, responsabile delloperazione, di aver visto truppe australiane nelle trincee turche e che quindi bisogna insistere. In base a questa informazione sbagliata, partono un terzo e poi un quarto assalto. Alla fine, moriranno inutilmente tre quarti dei circa 600 uomini della brigata.
v

Gli ordini sono: Dovete restare l


Nel corso della guerra anglo-boera in Sudafrica, gli inglesi persero 350 uomini per difendere una postazione inutile e soprattutto indifendibile, sulla collina di Spioenkop. Ricostruzione. Il disegno qui sopra basato su una ricostruzione fotografica della battaglia realizzata molti anni pi tardi. Le foto sono oggi conservate nei Transvaal Archives, in Sudafrica.

Russells Top, 1915: il calvario degli australiani


La spedizione alleata nei Dardanelli nel 1915, durante la Prima guerra mondiale, nasce dal tentativo di superare la situazione di stallo creatasi sul fronte occiden28
03/2002

Spioenkop, 1899: abbandonati su una collina


Torniamo ora alla fine del secolo precedente, in Sudafrica, per

esaminare una delle pi note battaglie della guerra anglo-boera. Quando qualcuno chiese al generale britannico Sir Redvers Buller che cosa avrebbero dovuto fare le sue truppe una volta raggiunta la sommit della collina nota come Spioenkop, la sbalorditiva risposta fu: Devono restare l. Con una simile chiarezza di vedute tattiche, il 24 gennaio del 1899 vengono gettati i presupposti per una delle pi inutili carneficine della guerra anglo-boera. notte fonda e c nebbia quando i 1.700 soldati al comando del generale Woodgate arrivano sulla cima di Spioenkop. Nessuno si preoccupato di effettuare ricognizioni, per

A volte (ma raro) non eseguire gli ordini porta a inaspettate vittorie
cui gli inglesi non hanno idea di cosa ci sia lass.Woodgate ordina ai suoi di trincerarsi su quella che crede essere la posizione dominante, ma alle prime luci, quando la nebbia si dirada, scopre di aver commesso un errore: non si trova affatto sulla cresta della collina, ma su un pianoro un centinaio di metri pi in basso. Inoltre, davanti a lui e sulla destra ci sono altre due collinette da cui i boeri cominciano a bersagliare con i fucili e lartiglieria i suoi uomini (che non hanno neanche potuto scavare vere trincee, dal momento che il terreno roccioso). Alle 8.30 Woodgate viene ferito a morte, e il suo posto viene preso dal colonnello Thorneycroft. Giungono rinforzi, con lunico risultato di esporre ancora pi inglesi al fuoco boero. Nel frattempo un altro ufficiale, il generale Coke, sta salendo sulla collina, senza sapere che il comando gi stato passato a Thorneycroft. Coke ordina a un altro ufficiale, il colonnello Hill, di assumere il controllo delle truppe, e ridiscende. E, comunque, nessuno dei due comandanti sa quale sia esattamente il compito dei soldati inglesi su Spioenkop... a parte ovviamente restare l. Per lintera giornata Thorneycroft conduce assalti e contrattacchi sanguinosissimi. A sera, con i pochi sopravvissuti sfiniti dalla fatica e dalla sete, decide che lunica soluzione ritirarsi. Nellassoluta mancanza di obiettivi e ordini precisi, 350 inglesi sono morti e altri mille sono stati feriti senza una valida ragione. Intanto, il resto del contingente britannico, circa 20 mila uomini, rimasto a guardare. s Piergiorgio Molinari
v

Disobbedienti e (quasi) felici


primi anni N eitensione tra50, in un periodo di forte Israele e Giordania, il celebre comandante israeliano Moshe Dayan chiese un giorno ad Ariel Sharon (futuro premier israeliano) se fosse possibile catturare oltre confine un paio di soldati giordani da usare per uno scambio di prigionieri. Poche ore pi tardi, Sharon ritorn da Dayan tenendo sotto tiro due militari giordani. Gli avevo soltanto chiesto se fosse possibile comment poi esterrefatto Dayan. s Luomo che disobbed. Se quello di Sharon fu un gesto avventato pi che una disobbedienza, c anche chi, con successo, disobbed apertamente. Il 26 agosto 1914 il corpo di spedizione britannico in Francia era in crisi: in inferiorit numerica, rischiava di essere spazzato via dalle armate tedesche. Il comandante in capo, Sir John French, diede ordine di ripiegare. Ma il generale Horace Lockwood SmithDorrien, che comandava il II Corpo darmata, decise invece di fermarsi e resistere. 80 mila inglesi si opposero a 180 mila tedeschi nei pressi di Le Cateau, e lavanzata nemica venne arrestata. Il successo non imped che Smith-Dorrien passasse alla storia come luomo che disobbed.

Da bastian contrario a premier


A sinistra, Ariel Sharon, oggi premier israeliano. Sopra, con la benda nera, Moshe Dayan, che fu suo comandante.

Comportamento

Il 96,5% delle persone si mette le dita nel naso. In bagno, ma pure in ufficio e al semaforo. Perch?

Sei mai stato sorpreso?


Le dita nel naso sono un classico comportamento del personaggio dei film di Mr. Bean (nella foto). Secondo un sondaggio sul sito www.misterpoll. com il 35% delle persone stato sorpreso da un familiare, il 28% da un amico, il 15% da un collega, il 15% dal partner e il 5% dal capo. La maggioranza (38%) ha finto di grattarsi il naso.

molto probabile, almeno statisticamente, che nel corso delle ultime sei ore vi siate messi le dita nel naso almeno una volta. Giusto? Va be, non sentitevi troppo in colpa: uno studio scientifico appena pubblicato sul Journal of Clinical Psychiatry ha dimostrato che solo il 3,5% della popolazione esente da questa pratica. Gli altri, cio il 96,5% delle persone, vi si dedica in maniera tuttaltro che saltuaria. Lo studio ha infatti dimostrato che la frequenza media di questa pratica, quella che quindi si potrebbe definire di normale igiene, di circa 4 volte al giorno. Ma ci sono alcuni eccessi: il 7,6% della popolazione supera i 20 interventi al giorno, tanto da meritare la definizione di malati di una nuova mania psichiatrica, la rinotillexomania. q Sensi di colpa Si fa, ma finora nessuno lo aveva detto. Per colmare la lacuna, Chittaranjan Andrade, del National institute of mental health di Bangalore, India, ha chiesto a 200 studenti di 4 scuole superiori, appartenenti a diverse classi sociali, quali erano le loro abitudini in fatto di pulizia delle narici a dita nude, quello che viene volgarmente detto scaccolamento. Praticamente tutti gli studenti che abbiamo intervistato hanno ammesso di ricorrere a questa pratica dice Andrade. Non solo. Il 17% del campione da noi intervistato considerava il suo comportamento tanto grave da essere praticamente una patologia. In effetti la parola rinotillexo-

Cos fan tutti


q Come nasce la caccola Da dove vengono le caccole? Dal muco generato nei
Disegni di Jack Keely, tratti da Grossology (Penguin Putnam Books) di Sylvia Branzei.

mania errata. composta da quattro vocaboli greci:rino, cio naso, tillestei prendere, exis fuori, e mania ossessione. Ma tillestei significa prendere fuori, e quindi exo di troppo. La malattia si dovrebbe chiamare rinotillomania, ma ormai troppo tardi.

seni frontali e mascellari, che sono spazi vuoti situati dietro la fronte e gli zigomi, rivestiti di cellule a forma di calice che producono, appunto, muco dice Fabio Babiloni, ricercatore del dipartimento di fisiolo-

Normalmente il muco finisce in gola e nello stomaco. Ma se si secca nel naso...


gia umana e farmacologica dellUniversit La Sapienza di Roma. La produzione continua e funziona come una specie di scala mobile in cui il muco spinto avanti dalle ciglia di cui sono dotate le cellule che rivestono linterno del naso. Il muco avanza alla velocit di 3-12 mm al minuto e il suo flusso riveste e lubrifica tutte le superfici. Ognuno di noi inspira mediamente 9 mila litri daria al giorno, e con laria milioni di Una nuova corpi estranei: irritanti, allergemalattia ni, microbi, polChittaranjan veri. Questi, filAndrade, trati dai peli che del National ci sono nel naso, institute for mental health le vibrisse, vengono intrappodi Bangalore. lati dal muco vischioso che ricopre i 160 cm2 di tessuto ricco di vasi che riveste i turbinati, strutture interne del naso. Inglobati dal muco questi corpi estranei vengono spinti dalle cellule cigliate verso la gola, dove il muco viene inghiottito con quello che contiene e distrutto dagli acidi dello stomaco. Contemporaneamente, sempre nei turbinati, il muco cede allaria inspirata il 95% del suo peso, cio lacqua, umidificandola. Insomma, la fine naturale del muco in gola e poi nello stomaco. Se il muco perde la sua quota di acqua prima di completare il suo viaggio resta nel naso, si secca e aderisce alle narici. Quanto? In base ai parametri scientifici forniti da Albino Rossi, responsabile della divisione di pneumologia del Policlinico di Pavia, abbiamo calcolato che ognuno di noi produce pi di un bicchierino di caccole al mese. q Lancio del cappero Secondo i medici, per, non indispensabile toglierle.Tantomeno con le dita. Allora, perch lo si fa? Secondo le risposte degli intervistati, perch le croste di muco nel naso ostruiscono la respirazione, causano prurito, sono esteticamente brutte... Uno studio ha anche indagato sulluso finale delle cosiddette caccole (ma esistono altri termini dialettali o colloquiali per definirle, per esempio 34
03/2002

Quante volte, figliolo?

capperi). La loro sorte stata indagata da ricercatori Usa della Wisconsin University, con un questionario distribuito a mille abitanti della Dane County: il 90,3% finisce nel fazzoletto; il 28,6% viene lanciato o fatto cadere sul pavimento, ma il 7,6% trasferito su un mobile e addirittura l8% viene mangiato, contro il 4,3% dello studio indiano (erano possibili pi risposte, ndr). In fondo, hanno commentato i ricercatori, si tratta di una scorciatoia: il destino del muco proprio lo stomaco. E inoltre, secondo gli estimatori, intervistati dai ricercatori Usa, le caccole sarebbero saporite, leggermente salate. Forse proprio per il loro contenuto di potassio e sodio. Ma anche di calcio, cloro e acido carbonico, proteine, carboidrati e lipidi. Se proprio il naso vi prude, comunque molto meglio ricorre-

re alle gocce di soluzione salina, acquistabili in farmacia, che hanno il compito di riammorbidire il muco consiglia Maurizio Sampietro, primario otorinolaringoiatra dellospedale Humanitas di Milano. q Pratica non educata Perch va ricordato che Monsignor della Casa nel suo Galateo criticava addirittura chi soffiandosi il naso rimane poi a osservarne il contenuto come accade quando si valutano pietruzze preziose o gioielli.... Insomma, meglio non esagerare. O si rischia di fare la fine di quella signora di 53 anni che, mettendosi le dita nel naso un po troppo insistentemente, fin col perforarsi losso etmoide, quello che separa naso e cervello... s Amelia Beltramini

A lcuni dati dellindagine fatta in India su 200 ragazzi (erano possibili pi risposte).
s Quando 41,8% da 1 a 5 volte al giorno 31,8% oltre 5 volte al giorno 15,3% oltre 10 volte al giorno 7,6% oltre 20 volte al giorno 3,5% mai s Dove 36% anche in pubblico s Come Con le dita: 80,5%, di cui: 65,1% con lindice 20,2% col mignolo 16,4% con il pollice Con le pinzette: 6,5% Con la matita: 4,5% s Perch 34% per igiene personale 31,2% perch prude 28,6% per liberare le narici 22,5% per abitudine 12% per il piacere di farlo

Gusti da scimmie
Condividiamo usi e costumi delle scimmie.

Pulizie in coda al semaforo


Un sondaggio del sito Internet www.misterpoll.com rivela che il il 17% degli scaccolatori agisce in macchina e solo l8% in bagno.

Di diritto e di rovescio
Nel 25% dei casi, soprattutto nei bambini, la pulizia del naso con le dita causa epistassi, cio sanguinamento. Nel 17% dei casi infezioni nasali, nel 2% danno al naso pi grave del sanguinamento e nel 27,5%... imbarazzo.

Natura

Poi morir nellacquario


Un pescatore filippino estrae dallacqua un pesce ancora stordito dal cianuro. Da qui, una baia nei pressi di Coron, i pesci esotici verranno spediti a Manila e poi venduti in Occidente. Otto su dieci moriranno precocemente.

Emersione a tappe

Per catturare preziosi pesci tropicali, nelle Filippine in corso la distruzione di un intero ecosistema

Lacquario al cianuro

La bottiglia fa da camera di decompressione per i pesci catturati sotto i 15 metri. Senza questo accorgimento, gli animali arriverebbero in superficie col ventre gonfio e gli occhi sporgenti, cio invendibili, anche se spesso ancora vivi.

03/2002

39

Presi senza fatica


I pesci intontiti dal veleno si lasciano facilmente catturare con un semplice retino. Si stima che questa attivit coinvolga circa 4 mila pescatori.

Rischia 20 anni di galera


Un sub spreme cianuro sul corallo per catturare i pesci, una tecnica illegale dal 1975.

Lo dicono i test sui pesci da esportare: 3 su 10 sono stati presi con il cianuro

cendono sottacqua tutti i giorni, muniti soltanto di pinne e occhialini da sub. E di una bottiglia piena di cianuro. Si avvicinano alla barriera corallina, spremono appena il flacone, e immediatamente gli abitanti della barriera si immobilizzano, diventando facili prede da catturare con una semplice reticella. q Barriera distrutta Pesci pagliaccio, piccoli gobidi, pesci farfalla, platax, sono tanti a finire nella rete tramortiti e intossicati dal cianuro. I pesci cos catturati vengono raccolti sulle barche e consegnati agli esportatori con base nella vicina Manila (Filippine). Ma i pescatori lasciano nella barriera una ferita fatta di pesci, coralli e invertebrati morti. Neanche ai pesci catturati va meglio: qualcuno muore immediatamente dopo la cattura e l80% degli animali consegnati agli esportatori morir di l a poco. I pescatori, pure loro, rischiano tutti i giorni la vita, ma questo non ha impedito alla pesca con il cianuro (illegale e punita col carcere fino a 20 anni) di diffondersi nelle Filippine, ma anche in Papua Nuova Guinea, in Vietnam, in Malaysia: iniziata negli anni 70, si stima che oggi coinvolga circa 4 mila pescatori. Organizzazioni come lIma (In-

ternational Marine Life Alliance, Alleanza internazionale per la vita marina) denunciano che nelle Filippine solo il 3% della barriera ancora intatto. Il problema stato sollevato per la prima volta proprio dallIma, che dal 1986 ha una sede anche nelle Filippine. Ma che cosa spinge migliaia di pescatori a rischiare il carcere, e ogni tanto a perdere la vita, scendendo anche in profondit col solo ausilio dellaria pompata attraverso un tubo da compressori di recupero piazzati sulla barca e spesso sullorlo di una rottura? La risposta prevedibile: lopportunit di guadagno offerta da questa attivit. Ma il metodo del cianuro, in particolare, imposto ai pescatori dai proprietari delle barche, che lo considerano il pi redditizio. Varie organizzazioni cercano di contrastare questa pratica sia attraverso controlli sistematici sui pesci stoccati presso gli esportatori, sia con un programma di formazione che introduca tecniche di cattura non distruttive. per necessario fornire ai pescatori, oltre alle informazioni, anche attrezzature adeguate, di cui generalmente non possono permettersi lacquisto sostiene Andrea Severati, biologo marino e curatore del parco marino Le Navi di Cattolica (Rn). Unaltra possibilit lincremento del turismo subacqueo

Controlli a campione
LIma, organizzazione per la difesa della vita marina, esegue test casuali cercando tracce di veleno nei pesci da esportare.

continua Severati. Il denaro portato dai turisti pu infatti servire a far accettare alla popolazione locale un concetto per loro nuovo: che il reef, la barriera corallina, una risorsa pi preziosa se viene conservata intatta. q Fegato intossicato Oltre tutto, gli esemplari pescati col cianuro non tornano affatto in buona salute, anche quando sopravvivono: Per quanto siano apparentemente sani il loro fegato non riesce pi a riprendersi dallintossicazione subita e i pesci so-

no destinati a una lenta agonia conferma Severati. Cos, pu accadere di veder morire inspiegabilmente il proprio esemplare appena arrivato dalla barriera corallina, nonostante la vasca curatissima, arredata con coralli e invertebrati. Contromisure? Gli esperti suggeriscono di tornare pi volte nel negozio per accertarsi che lo stesso pesce sia ancora vivo e in salute dopo alcune settimane. Oppure si possono acquistare pesci che ormai si riproducono bene in cattivit come gli Amphiprion, specificando che si desiderano esemplari di allevamento. s Giorgio Melandri

Per saperne di pi:


Su Internet: http://www.imamarine life.org Sito ufficiale dellIma, una delle organizzazioni che combattono la pesca col cianuro.

40

03/2002

Tecnologia

Stazioni eoliche in quota, treni transoceanici, citt

piramidali alte due km. Cos lingegneria diventa macro


o facevano gli antichi Egizi, i Romani, i Maya. E lo facciamo anche noi, oggi. Molti progetti moderni sono di dimensioni cos vaste che coinvolgono pi nazioni e, talvolta, tutto il pianeta: basti pensare alla Stazione spaziale internazionale, in orbita intorno alla Terra, o ai progetti sullinquinamento o sul clima. Pensare, e agire, in grande, diventata oggi una nuova scienza, che si chiama macroingegneria. Il suo capostipite Frank Davidson, del Massachusetts Institute of Technology, luomo che ha concepito (nel 1956) e realizzato il tunnel sotto la Manica. E che ora pensa a un collegamento ferroviario transatlantico iperveloce (v. pagina seguente). Ma che cos, pi precisamente, la macroingegneria? Una disciplina che ha a che fare tanto con lingegneria quanto con leconomia, lecologia, la storiografia, la sociologia risponde Davidson, lui stesso non ingegnere, bens avvocato. una branca dellingegneria dei sistemi, e sta diventando una disciplina fondamentale dellera della globalizzazione.

Prototipo di stazione eolica volante.

Progettare in grande
Centrali-elicottero
Doppie eliche: girano in senso opposto Le stesse eliche che producono energia mantengono le centrali in volo, a 4 km di quota, dove si trovano le correnti a getto. Cavi elettrici e di ancoraggio

q Acqua per tutti Uwe Kitzinger, presidente dellImes (International Association of Macro-Engineering Societies), enfatizza: Cos come una guerra

troppo importante per essere lasciata ai soli generali, cos la macroingegneria non pu essere affidata ai soli ingegneri. Io sono politologo, e i miei colleghi dellImes sono economisti, avvocati, ambientalisti, perch in queste aree che ci sono i rischi reali: mancanza di appoggio politico, sociale, o di rispetto per lambiente.Tra i progetti pi importanti dellImes, ci sono lo sfruttamento energetico di onde, maree e correnti marine, la discussa diga delle tre gole sul fiume Yangtze (Cina) e piani per la distribuzione dellacqua: Una risorsa che potrebbe essere trasportata nei Paesi aridi ricchi di petrolio, utilizzando gli oleodotti gi esistenti suggerisce Davidson. Ma i megaprogetti non si fanno solo allImes. Roberto Vacca, ingegnere, ce ne ha segnalati alcuni in cui potrebbe essere coinvolta lItalia: il piano Transacqua, unenorme via dacqua da Est a Ovest nellAfrica centrale (aprirebbe alla coltivazione circa 6 milioni di ettari di terreno) e una mega-diga sul fiume Congo capace di generare 30 miliardi di Watt per 8.000 ore lanno. Tra i tanti progetti esistenti, ve ne proponiamo alcuni tra i pi interessanti e innovativi. Si realizzeranno? s Andrea Parlangeli (ha collaborato Paolo Pontoniere)

PROGETTO ATLANTROPA
no Ututti dei pianifupi ambiziosi (e folli) di i tempi quello dellarchitetto tedesco Herman Srgel (1885-1952): Atlantropa. Era un progetto di prosciugamento parziale del mar Mediterraneo e di irrigazione del Sahara spiega Maria Grazia Sandri, docente di storia della citt e del territorio al Politecnico di Milano. Prevedeva una diga sullo stretto di Gibilterra, lunga 14 km e profonda 300 metri. Si sarebbe cos rubato al mare il 20% del territorio, pari a 576 mila chilometri quadrati. Eurafrica. LEuropa si sarebbe congiunta allAfrica, dove era prevista la creazione di immensi laghi artificiali. Lidea ebbe una certa risonanza, e Srgel fond listituto Atlantropa, che per fu chiuso dalla Gestapo subito dopo il 1940. E oggi? Di Atlantropa quasi nessuno sa pi nulla, ma c chi ha rispolverato lidea (v. http://2100.org/ text_Gibraltar.html, in inglese).

MULINI A VENTO VOLANTI


del futuro verr LenergiadallaltaRoberts, anche atmosfera, scommette Bryan ingegnere dellUniversit di Sydney, in Australia, e inventore di Gyromill, una stazione eolica volante che raggiunge i 4 km di quota. L circolano le correnti a getto spiega Roberts che sono molto pi forti e persistenti dei venti in superficie. Una stazione eolica potrebbe funzionare 6 giorni alla settimana e produrre, in un anno, 60 volte pi energia di una stazione a terra. I prototipi forniscono oggi poche decine di kilowatt, ma Roberts stima che sia possibile migliorare di circa mille volte. Legato a un filo. Gyromill rimane al suo posto, come farebbe un aquilone spiega Roberts. I rotori, allo stesso tempo, producono elettricit e forniscono una spinta sufficiente a tenere in sospensione lintero sistema, come un elicottero. Un cavo elettrico tiene il mulino in posizione e convoglia lelettricit prodotta. Se non ci fosse abbastanza vento, il cavo funzionerebbe al contrario, per fornire energia alle eliche e farle girare. Il passo successivo? Unintera stazione di una decina di mulini, nellAustralia del Sud. E poi, magari, in Italia. Da voi, le correnti a getto sono molto favorevoli suggerisce Roberts. Turbine subacquee. Se Roberts cerca di sfruttare le correnti in quota, c chi pensa a quelle sottomarine. In Florida, per esempio, allo studio la possibilit di sfruttare la corrente del Golfo, l molto intensa e vicina alla costa. La velocit dellacqua solo di 3-4 km/h, ma il suo peso elevato, e per ogni m2 di superficie ne passa una tonnellata al secondo (pari a 500 watt). Una fonte di energia illimitata? Roberto Vacca, ingegnere, scettico: Gli impianti dovrebbero essere giganteschi e sarebbero troppo costosi.

Cartina di Europa e Africa, secondo il piano Atlantropa.

42

03/2002

03/2002

43

Si potr forse fare il giro del mondo in treno, e da Londra a New York ci vorranno due ore
Fermare il deserto
Deserto Schema della muraglia verde: una serie di canali ferma lavanzata delle dune e raccoglie lacqua delle precipitazioni. Gli alberi fissano la sabbia su un terrapieno.

TRENO SOTTO VUOTO


grande ildinuovo, Davidsonprogetto Frank (v. introduzione): un collegamento ferroviario superveloce attraverso lAtlantico, di oltre 5.500 km, tra New York e Londra. Lidea fu del francese Jules Verne spiega Davidson e fu trasformata in progetto da Robert H. Goddard, il padre della missilistica statunitense. Fu lui il primo a immaginare una serie di treni supersonici che si muovono in tubi a vuoto per collegare tutte le citt del mondo. Missile. Pi che un treno tradizionale, quello in esame infatti un vero e proprio

TRANSATLANTICO
missile, che viaggia sospeso nellaria sfruttando il principio della levitazione magnetica: lo stesso, pi o meno, per cui due poli uguali di una calamita si respingono. I treni a levitazione magnetica, i maglev (anchessi previsti per la prima volta da Goddard) sono gi in sperimentazione in Giappone, e viaggiano a 500 km/h, spinti dagli stessi campi magnetici che li fanno galleggiare nellaria. Resistenza zero. Il maglev transatlantico, per, sar ancora pi veloce, perch eliminer tutti gli attriti: non solo quello con le rotaie, ma anche quello con laria, che il principale ostacolo per maglev e aerei. In altre parole, per questi treni superveloci, coster la stessa energia accelerare da 0 a 500 km/h e da 500 a 1.000 km/h. Il vuoto verr realizzato allinterno di tubi immersi a 50 metri di profondit nelloceano Atlantico, e ancorati al fondale. Lunico limite alla velocit raggiungibile dovuto allaccelerazione che i passeggeri possono sopportare. La prima generazione di treni, stando ai piani, viagger tra trentanni a 3.700 km/h. E la linea sar controllata da un supercomputer: a tali velocit, basterebbe un minimo contatto del treno con le pareti per generare un disastro. Giro del mondo in treno. Se poi verr realizzato anche il grande progetto di collegare la Siberia allAlaska con una linea ferroviaria e un tunnel che attraversi lo stretto di Bering (www.arctic.net/~snnr/ tunnel/intro.html), allora, per i nostri figli, sar addirittura possibile fare il giro del mondo senza mai scendere dal treno.

La scienza dei megaprogetti


Frank Davidson, avvocato e fondatore della macroingegneria. Il suo ultimo progetto, da 60 miliardi di euro, il treno iperveloce Londra-New York.

Londra Stretto di Bering

New York

Coltivazioni Alberi giovani Canali Ferrovia

Velocit 3.700 km/h


Possibile grazie alla totale eliminazione dellattrito: i treni galleggiano per repulsione magnetica e viaggiano in tubi sotto vuoto, senza la resistenza dellaria.

Profondit: 50 m

Tubi sotto vuoto

Conifere

LA GRANDE MURAGLIA VERDE


eri il nemico erano le popolazioni del Nord. E ci vollero secoli, a partire dalla dinastia Chin nel 220 a. C., per costruire la Muraglia Cinese, lunga 6.000 chilometri. Oggi, il pericolo un altro. E, per affrontarlo i cinesi hanno dato il via a unaltra muraglia che richieder almeno 50 anni per essere completata. Lunga 4.500 km, dovr fermare il deserto. Errori nel tipo di pastorizia e agricol-

tura, oltre a variazioni climatiche, hanno fatto s che il deserto di Gobi (in Mongolia) avanzasse verso sud e inghiottisse coltivazioni e case, coinvolgendo 400 milioni di persone e causando danni per 6,5 miliardi di euro. Baluardo di piante. La grande muraglia verde sar un tappeto di vegetazione largo da qualche decina a qualche centinaio di metri, in lieve salita su un dislivello di un paio

di metri. Sar formata da varie piante con radici superficiali, ma a veloce sviluppo, per creare una rete che impedisca alle dune di avanzare. Piante pi alte, invece, avranno il compito di frenare il vento, per impedirgli di spostare i granelli di sabbia. Lobiettivo proteggere pi del 60% delle aree agricole del Paese, pari a 133 milioni di ettari. Con questa grande impresa, entro i prossimi 10 anni

riavremo il controllo del 40% delle aree a rischio di desertificazione spiega Zhou Shengxian, responsabile dellamministrazione statale delle foreste. Ferrovia. Dove possibile, la muraglia verde affiancher unimportante ferrovia che corre da ovest a est. Nelle aree pi impervie, invece, il lavoro sar affrontato seminando dal cielo per mezzo di aerei.
Luigi Bignami

Treni a levitazione Ancoraggio sul fondale oceanico

44

03/2002

Chi (forse) la realizzer


Larchitetto italiano Dante Bini, incaricato di studiare la realizzazione di Try 2004.

Reticolo di tubi cavi


Trasporter persone, merci, energia. Sar sovrapposto a edifici tradizionali, terrazze e giardini pensili.

LA CITT PIRAMIDALE
suo confronto, la A lpiramide di Cheope sar un moscerino. Stando ai progetti (sospesi dopo l11 settembre), Try 2004 sar un edificio-citt colossale: una piramide alta 2.004 metri e capace di ospitare un milione di persone, concepita da Yasuyuki Miyatake, della Shimizu Corporation, per alleviare i problemi di sovraffollamento di Tokyo. Molleggiata. Il suo scheletro sar una rete tridimensionale di tubi in fibra di vetro e di carbonio, larghi 10-20 metri e lunghi 350. Nelle giunzioni, ci saranno dispositivi antisismici che smorzeranno le vibrazioni. Il vento passer attraverso la struttura, al cui interno troveranno posto grattacieli tradizionali, giardini pensili, impianti eolici. La principale fonte di energia sar il Sole, ma insieme allenergia eolica e a quella prodotta dallincenerimento dei rifiuti dice Akioto Manabu, direttore del dipartimento tecnologico della Shimizu Corporation. Sfere di cristallo. Tutto stato ottimizzato continua Manabu. Per illuminare uniformemente linterno della piramide, verranno usate sfere di cristallo di 50 metri di diametro, che ricevono la luce del giorno e la redistribuiscono per mezzo di fibre ottiche. Quanto ai tubi che compongono la piramide, conterranno la rete elettrica e idraulica, ascensori e una metropolitana che pu trasportare 120 mila persone allora. Il tempo richiesto per la costruzione (v. riquadro sotto) di 7 anni, e il costo stimato di 670 miliardi di euro.

Sar alta 2.004 metri e, almeno in parte, si autocostruir


grandi S e, in passato, leoggi opere mobilitavano intere popolazioni, gli edifici, o le citt, si possono autocostruire. Lo studio per la realizzazione di Try 2004, per esempio, stato affidato allarchitetto italiano Dante Bini (foto in alto), che utilizza metodi di edificazione automatica da lui ideati, i Binisystems (v. Focus n 57). Sono tutti basati sul concetto di autocostruzione strutturale spiega Bini. Diedi inizio a questa nuova filosofia costruttiva negli anni 60, ideando cupole di cemento armato che si sollevano pneumaticamente e, negli anni

COS GLI EDIFICI SI FANNO DA S

Dopo

Prima 70, inventando strutture in acciaio che si formano automaticamente. Hotel in orbita. In questultimo caso, per esempio, operai specializzati ancorano a terra particolari tendoni che sono coperti da una struttura metallica piana,

Tempo richiesto: tre ore. Esempio di costruzione automatica Binisystem: un capannone realizzato a Genova per i campionati mondiali di calcio del 1990.
la quale si riconfigura automaticamente fino ad acquisire la forma finale. I nuovi progetti di Bini, che anche conferenziere alla Nasa, includono basi lunari, hotel in orbita e satelliti artificiali che si costruiscono da s (v. www.binisystems.com).

46

03/2002

Lisola artificiale pi grande del mondo sar a forma di palma e si vedr dalla Luna
LISOLA INVENTATA
chi studia C comelevillaggi turistici, chi come aeroporti, e chi come citt protette da gigantesche cupole e alimentate sfruttando lenergia del mare (v. Focus 87). Una cosa certa: le isole artificiali stanno diventando un mezzo efficace per risolvere problemi di sovrappopolazione e mancanza di spazio. Tutti al mare. In Olanda, per esempio, in corso un progetto per espandere la citt di Amsterdam verso est: prevede, entro il 2004, 7 isole artificiali dotate di 18.000 appartamenti. E anche Israele ha approvato un piano per costruire isole in grado di accogliere un totale di 20 mila abitanti e, forse, un aeroporto. Proprio come in Giappone: nella baia di Ise stata creata, al ritmo di un ettaro al giorno, unisola di 8 km di diametro su cui sorger un nuovo scalo aereo. Palma da record. Nulla, in confronto a ci che sta facendo lo sceicco del Dubai: Mohamed bin Rashid al-Maktoum. Gi famoso per aver fatto realizzare la torta pi lunga del mondo (circa 3 km), adesso ha dato

Divertimenti
Ci saranno centri commerciali, campi da tennis e da golf, piscine, un maneggio.

Diciassette rami
In totale, offriranno 120 chilometri di costa per spiagge, ville, hotel. Ci sar anche un acquario sotto il livello del mare.

Il porto centrale
Potr accogliere 350 yacht. Lisola sar collegata anche con un ponte di 300 m.

Pronta fra tre anni


Lisola a forma di palma, in fase di costruzione, voluta dallo sceicco del Dubai. Il suo diametro sar di oltre 5 chilometri. vita a un altro megaprogetto: unisola a forma di palma, visibile anche dalla Luna. Si chiama Palm Island, in costruzione di fronte alle coste di Dubai e, per realizzarla, serviranno 80 milioni di metri cubi di terra e 30 miliardi di euro. Fra 3 anni, per, ospiter 120 km di spiaggia, 2.000 ville, 40 hotel di lusso, centri commerciali e il primo parco dei divertimenti acquatico del Medio oriente. Circondata da una barriera protettiva di 12 km, sar accessibile in auto, treno e barca, attraverso un ponte di 300 metri e due porti. Prenotazioni al sito www.palmisland.co.ae.
Brunella Begnini

Barriera frangiflutti

Tecnologia per spostare le spiagge. Lavori per


spostare sabbia e controllare lo sviluppo delle coste, nel nord della Germania. Queste tecniche, comuni pure in Olanda, sono anche usate per costruire isole artificiali.

MEGAPROGETTI STORICI, MA IRREALIZZATI, DEL 900


La torre alta un miglio
La concep Frank Lloyd Wright per Chicago, verso la met degli anni 50 del 900. Pi che un palazzo, era una sorta di citt verticale, dotata di 526 piani. tutti grandi N onSono iperconcretizprogetti si zano. questo meno importanti? No, perch hanno spesso ricadute di tipo tecnologico o concettuale. Lutopia ci spinge a superare i nostri limiti spiega Aldo Castellano, docente di Storia dellarchitettura contemporanea al Politecnico di Milano. Grattacieli. Gli esempi abbondano. Negli anni 50 del 900, larchitetto Frank Lloyd Wright immagin un grattacielo alto un miglio (1.609 metri) dice Castellano. Citt 3D. Larchitetto italiano Paolo Soleri, invece, ha immaginato una citt che si sviluppa nello spazio (e non sul piano) ed costruita in funzione del flusso di persone, merci, energia che la attraversa. Un habitat in cui si cerca di fondere lidea della comunit con quella dellambiente fisico spiega Castellano. Citt galleggianti. In quanto a progetti fantascientifici, Richard Buckminster Fuller non ha rivali: progett due citt, Triton City e Tetra, entrambe galleggianti su blocchi di cemento cavi. E perfino una citt che fluttuerebbe nellaria come un palloncino, avvolta in una sfera piena di unatmosfera surriscaldata. Ma Fuller ricordato soprattutto per le sue cupole geodetiche, come quella trasparente che avrebbe dovuto proteggere Manhattan. Parchi Usa. Castellano conclude: Fuller ebbe una grande intuizione: lidea di controllare e proteggere lambiente, senza toccare linsieme, lasciando che questo si sviluppi in maniera libera. Unidea che ha molto influenzato, tra laltro, la legislazione statunitense sui parchi naturali.

48

03/2002

Scienza
Uno zoom sulluniverso
Lammasso Abell 2218, situato nella costellazione del Drago. Oltre alle galassie che lo compongono, si notano 120 deboli archi, immagini ingrandite e distorte di galassie pi lontane (vedere schema a lato).

Cos funziona la lente gravitazionale Abell 2218

Lente gravitazionale
Abell 2218 un ammasso di galassie che dista dalla Terra 2 miliardi di anni luce.

Galassia lontana
Una galassia a circa 10 miliardi di anni luce da noi, esattamente in linea con Abell e la Terra.

Limmagine che vediamo


Contiene sia Abell 2218 sia limmagine ingrandita e distorta delle galassie lontane.

Telescopi sulla Terra


I raggi che ci raggiungono (grigio) sembrano giungere da unaltra direzione (rosso e arancio).

La gravit piega la luce


Traiettoria curva seguita dai raggi che partono dalla galassia alle spalle di Abell.

Illusione ottica
La galassia lontana viene proiettata nella direzione dei raggi apparenti (in rosso e arancio).

La materia attrae la luce. E, dove si addensa, crea lenti che

ingrandiscono, sdoppiano e distorcono le galassie lontane

Sotto la lente della gravit


l firmamento colmo di miraggi: stelle che appaiono dove non dovrebbero essere, immagini che si sdoppiano pi volte, galassie che si torcono e si assottigliano come fili. Come in un grande caleidoscopio o in una sala degli

specchi, il gioco delle immagini dipende infatti da come noi siamo allineati con le sorgenti lontane. Ma le illusioni, in questo caso, non sono create da lastre di vetro o lamine di metallo, bens dalla forza di gravit di stelle e galassie. Perch la gravit agisce an-

che sui raggi di luce, deviandoli come fa una lente. Questi fenomeni, detti di lente gravitazionale, fino a trentanni fa erano considerati curiosit teoriche. Oggi, invece, grazie a strumenti precisi come il telescopio spaziale Hubble e il telescopio

Cfht, nelle Hawaii, ne sono stati localizzati a centinaia. E sono utilissimi per studiare la distribuzione di materia e gravit nelluniverso.
q Effetto 1: Miraggi cosmici

Il fatto che la gravit potesse deviare la luce laveva in-

tuito gi lastronomo tedesco Johann Georg von Solder, nel 1801. Ma ci che prima di lui era unipotesi, per Einstein fu certezza: La materia esercita unattrazione gravitazionale che agisce anche sulla luce, curvandone il cammino spiega Mario Vietri, docente di

astrofisica teorica allUniversit di Roma III. La luce non ha un peso, ma ha energia. E su questa energia agisce la gravit. Il calcolo di Einstein prevedeva un effetto due volte pi intenso rispetto a quanto previsto dalla legge della gravitazione di Newton.

E si rivel esatto, come fu verificato per la prima volta nel 1919, in uno storico esperimento guidato da Arthur S. Eddington. La posizione delle stelle accanto al Sole, osserv Eddington durante uneclisse, leggermente alterata, perch la gravit della

nostra stella devia i raggi di luce che le passano vicino. In pratica si tratta di un miraggio come quelli che avvengono nel deserto, anche se l i raggi luminosi si piegano perch attraversano strati daria con temperatura e densit diverse.
03/2002

52

03/2002

53

E se a San Gimignano...
San Gimignano, in provincia di Siena, famosa nel mondo per le sue torri medievali.

...ci fosse un buco nero?


Ecco come apparirebbe la cittadina, se vista attraverso una stella infinitamente densa (un buco nero), che faccia da lente gravitazionale.

Nuovi telescopi a specchi liquidi


nidea potrebbe Uspecchisemplice telescopi, rivoluzionare lastronomia. Gli di molti precisissimi e costosi, potrebbero essere sostituiti da liquidi rotanti, riducendo il loro costo del 99%. Parabole. Per ben focalizzare le immagini, infatti, questi specchi devono avere una sezione a parabola, che costosissima da realizzare con la precisione richiesta. Ma esiste un metodo pi semplice: si costruisce una struttura a parabola, anche non perfetta, sulla quale si poggia un liquido riflettente, come il mercurio. Centrifuga. La struttura poi messa in rotazione, in modo che il mercurio si spalmi sulle pareti dando allo specchio lesatta forma richiesta. Specchi liquidi, anche per lo studio di lenti gravitazionali, esistono in Belgio, Canada, Usa.

Le lenti gravitazionali sono simili a bicchieri pieni dacqua, pi che a lenti dingrandimento
per questo che pu apparire limmagine di unoasi (che c, ma altrove) l dove invece c, per esempio, solo sabbia. accanto allimmagine di una galassia. Walsh cap che, in realt, si trattava di due immagini della stessa quasar, che lo raggiungevano attraverso due cammini ottici diversi: uno diretto, e uno deviato dalla gravit della galassia, che si trovava a distanza intermedia. la stessa cosa che si verifica quando si guarda un oggetto lontano con il bordo degli occhiali. Loggetto si sdoppia, perch la sua immagine ci raggiunge per due cammini diversi: uno diretto e uno attraverso la lente. Oggi, di lenti gravitazionali ne conosciamo centinaia, a volte spetUn controllo tecnico al Large Binocular Telescope, in Arizona (Usa).

tacolari, e capaci di raddoppiare, quadruplicare, sestuplicare limmagine delle sorgenti lontane. q Effetto 3: Zoom Come una brava lente ottica, anche una lente gravitazionale ingrandisce le immagini. E le rende decine, talvolta centinaia di volte pi luminose. Come nellammasso di galassie Abell 2218 (v. foto iniziale dellarticolo). Tra le varie immagini che appaiono nella foto, vi anche una debole sfumatura che stata decifrata soltanto pochi mesi fa, grazie anche ai telescopi dellosservatorio Keck, alle Hawaii: proviene da unantichissima galassia, che risale a quando luniverso aveva solo 600 milioni di anni det, e ci raggiunge dopo aver viaggiato nello spazio per 13,4 miliardi di anni. E dopo essere stata sdoppiata e ingrandita 30 volte da Abell. Senza laiuto della potente lente gravitazionale dice Richard Ellis del California Institute of Technology, Usa non avremmo potuto vedere la sorgente. Non sempre le lenti sono gigantesche. Recentemente, per esempio, un gruppo dello Space Telescope Science Institute (Usa) ha osservato un debole illuminamento di un gruppo di stelle nella no-

q Effetto 2: Vederci doppio La gravit del Sole, per, non sufficiente a creare effetti ottici spettacolari. La prima vera lente gravitazionale fu osservata e riconosciuta solo nel 1979 dallastronomo Dennis Walsh del Jodrell Bank Observatory, in Gran Bretagna ricorda Vietri. Egli vide due quasar (galassie lontane e luminosissime) vicine e apparentemente uguali, una delle quali era

Lo specchio liquido dell Universit Laval, in Canada.

stra galassia e ha attribuito il fenomeno al passaggio di un gruppo di pianeti. Se fosse vero, sarebbe la prima testimonianza di pianeti che circolano liberamente nei cieli, senza girare attorno ad alcun sole. q Effetto 4: Deformazione A questo punto sorge un dubbio: che differenza c tra una lente gravitazionale e una normale?

64

03/2002

Canguro ingrandito
Simulazione al pc: leffetto gravitazionale non uniforme e quindi deforma le immagini in modo non omogeneo.

Immagine originale

Schema delle masse che distorcono la luce

Immagine+schema delle masse

Risultato finale

Albert Einstein: previde le illusioni ottiche cosmiche qui a fianco.

Lanello di Einstein...
Si forma, come qui, in B1938+666, quando la lente (al centro) sferica e la sorgente (lanello) allineata.

Le lenti sono costituite in gran parte da materia oscura invisibile ai telescopi


Le lenti gravitazionali sono astigmatiche spiega Vietri e quindi distorcono molto le immagini e non focalizzano in un solo punto i raggi che le raggiungono. Pi che a una lente normale, una lente gravitazionale si pu perci paragonare a un calice pieno dacqua: anche in questo caso la focalizzazione non perfetta e, se si guarda vicino al fondo, si possono perfino vedere immagini multiple. Se la focalizzazione fosse perfetta conclude Vietri le lenti si comporterebbero come specchi ustori e vedremmo nel cielo sorgenti luminosissime. materia presente nella lente. Per questo continua Vietri il campo di ricerca pi attivo quello che studia le propriet delle lenti stesse. In tutti i casi noti, si visto che il 90% circa della materia che forma galassie e ammassi di galassie materia oscura. Risolto un problema, ne nasce un altro: la materia oscura, invisibile ai telescopi, si sa che c, ma non si sa che cosa sia. Non sarebbe nemmeno composta da atomi, ma da particelle ancora sconosciute (vedere Focus Extra n. 4 e Focus n. 99).
v

...e la sua croce


Se invece lallineamento non perfetto, si creano immagini multiple. Nella foto, la croce di Einstein G2237+0305.

E uno dei pi piccoli di cui si abbia testimonianza. q Universo a groviera Talvolta, le informazioni pi interessanti si traggono non dallo studio di una singola lente, ma da quello della loro distribuzione statistica. Grazie al conteggio degli eventi di lenti gravitazionali allinterno di un certo volume del cosmo spiega Carlo Baccigalupi, teorico della Sissa (Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati) di Trieste possibile risalire, con i modelli cosmologici noti, alla struttura geometrica delluniverso. I dati confermano che lo spazio si sta dilatando sempre pi velocemente, spinto dalla quintessenza, una forza antigravitazionale che nasce nello spazio vuoto intergalattico (v. Focus n. 107). Lo studio statistico delle lenti permette anche di determinare il modo in cui la materia distribui-

q Buco nero smascherato Sempre invisibili, ma di natura q Effetto 5: Rotazione diversa, sono i buchi neri, stelle coOltre a distorcere, le lenti fan- s dense che la loro luce non pu no anche ruotare le imfuggire allattrazione magini. Un effetto che gravitazionale. Vederli utile per ricostruire le direttamente impossipropriet della lente. bile. Lunica possibilit Quando si fa un modelquella di studiare gli eflo teorico di una lente fetti del campo gravitagravitazionale spiega zionale intorno a loro. Vietri bisogna tenere Come avvenne, pare, conto di tutti i fattori, e nel 1999, quando una soprattutto di distorsiolente gravitazionale inne, ingrandimento e rovisibile pass davanti a Esperto tazione che subiscono in materia unaltra stella, distorcentutte le immagini multidone limmagine. Gli Mario Vietri, ple di una stella lontana. scienziati pensano che si astrofisico: cos possibile dedurre tratti di un buco nero peGran parte in maniera molto precisante come 7 soli, uno della materia sa, con unincertezza del dei pochi a non trovarsi delluniverso oscura. 10-20%, la quantit di al centro di una galassia. 56
03/2002

ta nelluniverso. E non senza sorprese. Il cosmo non infatti composto da ammassi di galassie immerse nello spazio vuoto.Assomiglia piuttosto a una spugna in cui, tra la materia (composta da una rete di ammassi e materia oscura), si trovano enormi bolle di vuoto. Lo ha stabilito un recente studio sulla debole distorsione che questa rete produce sulle immagini delle galassie disseminate nello spazio. Confermando limpressione che luniverso, nel suo complesso, oltre che una sorta di groviera, sia un caleidoscopio gigante sempre in movimento. s Andrea Parlangeli

Per saperne di pi:


Su Internet: www.astro.uni-bonn.de/

~peter/Lensing.html Il sito dellastrofisico Peter Schneider. Bello, ma complesso. In tedesco e inglese. cfa-www.harvard.edu/castles/ Sito con simulazioni e immagini.

Cultura

Cardio-affreschi, ecografie dautore,

sculture di suoni, capolavori interattivi...

Ricci di petrolio
Protrude Flow, 2001 di Sachiko Kodama e Minako Takeno fluido U nmagnetizzato, il suono, immagini in movimento. Linstallazione Protrude Flow fa pensare a un origami a 3 dimensioni. Ricci o alieni? Non a caso Kodama una professoressa dellUniversit di Elettro-comunicazioni di Tokyo. Su impulso dei suoni e delle voci degli spettatori, elaborati da un computer (che trasforma le frequenze audio in segnali elettromagnetici), un liquido posto in una teca di vetro assume forme via via pi bizzarre, che ricordano piante grasse, anemoni, ricci, corpi extraterrestri. Passi e sbadigli. Il fluire delle forme viene proiettato su un mega-schermo. Un potente microfono, sul soffitto della stanza, raccoglie perfino il rumore dei passi del pubblico, il frusciare delle pagine del catalogo, gli sbadigli. E tutto si trasforma in movimento e forme: pi alto il suono, maggiore la trasformazione. Creatura vivente. Il liquido un mix di petrolio, isoparaffina e polvere di ferro magnetizzato superfine. Attraverso il computer dice Kodama il liquido si anima e comincia a muoversi come una creatura vivente. Che prende sempre nuove forme.
03/2002

Questa tecno

arte

Il rumore crea le forme


Come si creano questi strani ricci? Voci e rumori, elaborati dal computer, fanno prendere forma al liquido posto in una teca.

62

03/2002

63

Schiacciasassi volante
Preservativi inebrianti
Pendono dal soffitto, piene di spezie profumatissime, le calze del brasiliano Ernesto Neto. Sono in poliammide, lycra e tulle. The Flying Steamroller, 1996 di Chris Burden americano Lesagerare): Chris Burden (1946) (a conosciuto come un eccentrico non in una sua performance si anche fatto sparare. Cos non ha stupito nessuno che, per lultima Biennale di Venezia, abbia creato unopera che poi si rivelata troppo difficile e costosa da installare. Calabrone gigante. Ha preso un rullo compressore di 12 tonnellate attaccato al braccio di una apposita gru, con un peso per controbilanciarlo. Lo schiacciasassi, proprio uno di quelli che si usano nei lavori stradali, viene acceso e si muove alla massima velocit. Poich legato, ruota in circolo. Il gioco del contrappeso lo aiuta poi a sollevarsi e leffetto combinato gli permette di continuare a volare anche a motore spento. Fa pensare a un enorme calabrone giallo, a una fantastica macchina volante. Silenziosissima. Che poi, lentamente, atterra.

I visitatori interagiscono con lopera darte: questo lavoro di Neto, molle e profumato, da calpestare.

Calze da annusare
We fishing the time (warms holes and densities), 1999 di Ernesto Neto

Q ueste installazioni del brasiliano Ernesto Neto


fanno pensare a preservativi o a colonne di uno strano tempio. In realt sono enormi calze (fino a due metri daltezza per uno di diametro) di poliammide, lycra, tulle, riempite di pepe nero, chiodi di garofano, curry e spezie o erbe curative. Pendono dal soffitto, estese fino alla massima resistenza del tessuto. Sprofondati nellOriente. Oppure sono adagiate per terra come informi divani, in cui sprofondare in (e con) tutti i sensi, olfatto in primo luogo. Ma anche tatto e vista (le spezie sono colorate e le forme mutano toccandole). che respira. U na stanzatrentaduenneLidea venuta al artista milanese Loris Cecchini, pensando alla pena di morte. Gonfia-sgonfia. La Regione Toscana gli aveva chiesto unopera: il granduca Leopoldo di Lorena era stato il primo monarca europeo a cancellare la pena capitale, nel 1786, e si voleva celebrarlo. Risultato: una stanza

Lopera di Chris Burden.

La stanza che respira


BBBreathless, 2001 di Loris Cecchini grigia di gomma uretanica, esposta alla Biennale di Venezia, che si muove, si gonfia fino a quasi esplodere e poi si contrae come se espirasse violentemente. Claustrofobia. grande 3x3 m e ha un sistema molto complesso di compressori che la fanno, appunto, respirare. Il movimento e il rumore sono tali da rendere claustrofobici pure se si resta fuori.

Ricorda una cella carceraria e non un caso: la stanza che si espande e si comprime, dando unidea di soffocamento, ha per tema la pena di morte.

Ambienti che vengono modificati dal cuore del visitatore


arte ha sempre avuto bisogno della tecnologia. Dalle piramidi e dagli obelischi fino ai pennelli elettronici e ai capolavori interattivi di oggi, gli artisti, per stupire, hanno sempre dovuto ricorrere a gru e tralicci, hanno sfruttato e

talvolta scoperto nuovi materiali, hanno chiesto laiuto di scienziati e specialisti: chimici, ingegneri, tecnici del suono, persino alpinisti. q Torre di schermi Ma se storicamente il matrimonio fra tecnologia e arte ha avuto

due principali aspetti (applicazione di materiali nuovi e resistenti e uso di tecniche di costruzione avanzate), da qualche tempo la tecnologia spesso il contenuto stesso dellopera. C chi ha costruito intere torri fatte di monitor televisivi (un artista coreano, Nam June Paik,

ne ha messi ben 1.003 uno sopra laltro). E chi ha sostituito quadri e sculture con le pi sorprendenti immagini elettroniche. q Proiettori e sensori Adesso si fatto un passo in pi: arrivata larte interattiva. Ovvero

ambienti sensibili in cui i movimenti, la voce o il battito del cuore dello spettatore vengono trasformati in impulsi dal computer e addirittura in ordini che modificano lopera. Le immagini prendono vita grazie a proiettori, sensori e pc: cos il pubblico non solo si trova a interagire con le invenzioni, ma ne diventa parte. Per esempio, a Lucca

64

03/2002

Se ci sei... batti un colpo


Battendo le mani su questi 4 enormi tamburi si creano forme che diventano messaggi internet. Le risposte fanno suonare un quinto tamburo.

I colori del tuo cuore


Connected Es, 1998 di Piero Gilardi pozzo. Invece S embra uninterattiva. La unopera base costituita da una struttura di legno, simile a una vasca, un computer, tre sensori della frequenza cardiaca e del ritmo respiratorio, un sintetizzatore e un videoproiettore. Effetto doppio. Il lavoro, esposto di recente alla mostra Larte elettronica al Palazzo dei Diamanti di Ferrara, arte interattiva, ma non volontaria: i visitatori si applicano i sensori, si affacciano al pozzo, osservano le immagini e le modificano con il loro battito del cuore e col ritmo del respiro. Limpatto emotivo delle immagini, con forme imprevedibili e colori accesi, e il frastuono del cuore che arriva amplificato in cuffia, modificano a loro volta battiti e respiro. Lobiettivo, spiega il torinese Gilardi, creare un leggero stato di trance: intorno tutto buio, come per calarsi in un oceano primordiale e arrivare a una allucinazione collettiva lucida.

Si finisce in trance
In cuffia, amplificato, il battito del tuo cuore. Davanti a te, colori e forme generate dalle tue emozioni. Tutto al buio. Risultato? Uno stato di trance.

Sul pavimento, immagini di corpi che si muovono e si ribellano se vengono calpestati.

Una stanza che crea allucinazioni e un tappeto di corpi che si contorcono


Tam-tam via Internet
Tamburi a Sud, 2001 di Studio Azzurro Milano, nato nel 1982 e gi dal 1995 pioniere nellarte interattiva, ha presentato allIcc (Inter Communications Center) di Tokyo forse la prima opera al mondo che unisce linstallazione, linterattivit e Internet. Al centro, quattro enormi tamburi del diametro di due metri, realizzati dagli artigiani del tamburello di Napoli. Artigiani e cybernauti. Battendo sulle membrane e interagendo con le mani proiettate sui tamburi, si fanno apparire alcuni oggetti virtuali che, a loro volta, vengono spediti a una serie di indirizzi email. Chi riceve il simbolico dono pu rispondere con un breve messaggio o un disegnino, inviandolo al sito www.studioazzurro.com/ta mburiasud/. I messaggi di ritorno si trasformano in suoni su un quinto tamburo. Insomma il primo tam-tam dellera digitale (il sito costituisce il sesto tamburo), un network e al tempo stesso unopera darte che vorrebbe raccogliere messaggi da ogni parte del mondo.

Il capolavoro? Calpestatelo
Coro, 1997 di Studio Azzurro un I mmaginatefeltro tappeto di parzialmente srotolato. Decorato di immagini. Ci mettete il piede sopra e le immagini si muovono, reagiscono. Anzi, si ribellano. Premiato. Se nessuno ne calpestasse la superficie, Coro, lopera dello Studio Azzurro di Milano che ha vinto il Premio trasmediale a Berlino, non avrebbe vita. Carnefici. Che cosa fanno i visitatori quando questopera in mostra? Fa uno strano effetto passeggiare su corpi che dalliniziale posizione fetale, si contorcono, si distendono, si ribaltano, scivolano. Cos lo spettatore, che regista e anche un po carnefice, allinizio timido, poi, insieme agli altri visitatori, si ritrova a calpestare i corpi con un crescente fervore. Tutto si lega: pi si fa vorticoso il movimento dellopera (costituita da 9 videoproiettori, 18 diffusori audio, 9 videodischi e un pc), pi si agitano i visitatori e viceversa. Il gruppo di Fabio Cirifino e Paolo Rosa chiama queste opere ambienti sensibili.
03/2002

nel 1996, urlando e battendo le mani, il pubblico faceva scaturire dalle mura del Baluardo di San Paolino scene di battaglia sempre pi concitate a mano a mano che il rumore (raccolto da sensori acustici) aumentava. q Il museo... nel pc Oggi c chi sfrutta al meglio le capacit interattive di Internet, chi, come Nick Waplington, inventa finti siti: il nuovo quadro del

2002 una home page. O chi compie elaborazioni digitali di foto, sempre pi di moda, come la turca Murat Morova. q Filmati solari Lamericano Richard Ray Whitman considera invece arte il fermo-immagine di unecografia. Lultima frontiera ben rappresentata dallitaliana Alessandra Tesi, che ha messo a punto una tela per proiezioni il cui strato attivo

U
66

na specie di danza tribale dellera cyber: lo Studio Azzurro di


03/2002

67

Qualche volta il vero capolavoro il trasporto o il montaggio di opere colossali


Qui ci volle una ferrovia
Il difficile trasporto (a sinistra) dell opera di Chillida, ancora oggi affacciata sull oceano (sopra).

Tenaglie sulloceano
Peine del viento, 1977 di Eduardo Chillida pi celebre I lscultoreChillida spagnolo, Eduardo (1924), nel 1977 ha fatto installare tre blocchi di acciaio, di dieci tonnellate ciascuno, sugli scogli di Ondarreta, nei Paesi Baschi. Difficile trasporto. Per trasportarli Chillida aveva chiesto anche lausilio di un elicottero: risposta negativa, troppi pericoli. Si riusc a posizionarli solo grazie a un ingegnere locale, Jos Elsegui, che, sfidando le frequenti tempeste della zona, costru un pontile, proteso nel mare, su cui mettere dei binari. Le grandi tenaglie, alte 2,15 metri, arrivarono su chiatte e ci vollero una quindicina di uomini per issarle con catene sui carrelli che avrebbero corso sui binari fino allo scoglio definitivo. Lancoraggio ha funzionato: le sculture sono ancora l.

Navi, chiatte e gru per il trasporto delle spirali.

formato da sferette di vetro riflettenti e rifrangenti. Questo permette di proiettare video anche alla luce del sole. q Arte da brevettare Laspetto tecnologico dellopera ritenuto dallartista cos importante che, nella pagina di catalogo dedicata dalla Biennale di Venezia a ogni espositore, ha pi spazio il brevetto dinvenzione del contenuto dellopera. s Vittoria Rando

Che ci fa lui l?
Luomo sembra piccolissimo rispetto alla grandiosit delle spirali dacciaio di Richard Serra.

Per saperne di pi:


Cataloghi: Larte elettronica (Gallerie darte moderna e contemporanea). La Biennale di Venezia, 49 (Electa). Su Internet: www.labiennale.org Sito, costantemente aggiornato, con una panoramica sullarte nel mondo.

Navi e gru per mega-spirali


In/Out/Left/Right, 2001 di Richard Serra singole C on hanno unlastre lunghe anche 12 metri, diametro di 16 metri, superano i 4 metri di altezza e pesano 240

tonnellate. Le immense spirali di acciaio inossidabile del californiano Richard Serra fanno pensare a labirinti. In tre mosse. Per stupire i visitatori della

recente Biennale di Venezia, sono arrivate in nave dalla Germania, sono state scaricate sulle chiatte dalle gru, poi trasportate lungo la laguna e infine montate.

68

03/2002

s Van Gogh

durato 12 giorni tuttintorno a Sydney

Ma un quadro o un manuale di astronomia?


lolanT utti sanno cheVan Gogh dese Vincent (1853-90) era un grande pittore. Ma nessuno sospettava che nei suoi dipinti si nascondesse anche una sconfinata passione per lastronomia. Costellazioni. Un astronomo francese, Jean Luminet, ha infatti scoperto che nei quadri, a differenza di come pu apparire a prima vista (le stelle sono dipinte come gigantesche spirali di luce), Van Gogh rappresenta il cielo notturno con assoluta precisione. Per provarlo, Luminet ha

Ariete

Pesci

Luna

Lincendio del secolo


colossale nuvola di U naspazio. A provocarfumo, visibile anche dallo la, un incendio di proporzioni enormi che in 12 giorni (tanto durato) ha distrutto mezzo milione di ettari di foresta intorno alla citt di Sydney (Australia). Oltre 160 abitazioni sono state ridotte in cenere, complice il caldissimo clima australiano in quei giorni: secco e molto ventoso. Un danno calcolato in 36 milioni di dollari (oltre 39 milioni di euro). Piscine. Gli abitanti dei dintorni di Sydney non si sono arresi e hanno continuato a pompare sul terreno delle loro propriet lacqua delle piscine nella speranza di salvare qualcosa da quello che si rivelato il pi grande incendio mondiale del nuovo millennio (paragonabile solo ai roghi del Borneo, che nel 97 intossicarono 40 mila persone). Lincendio, che si sviluppato a Natale tuttintorno alla citt, stata una bravata adolescenziale: sono stati infatti arrestati 24 ragazzi, 15 dei quali al di sotto dei 16 anni di et. I presunti colpevoli sono stati portati dalle autorit nei reparti ospedalieri doverano ricoverati i feriti (quasi tutti vigili del fuoco) perch vedessero con i propri occhi le conseguenze del loro gesto. s

Venere

Pennellate stellari
Un dipinto di Van Gogh del 25/5/1889. Le costellazioni dei Pesci, dellAriete, la Luna e Venere erano esattamente l. ricostruito i cieli notturni della Provenza nei giorni in cui Van Gogh li dipinse cos come avrebbero dovuto essere visibili nella stessa prospettiva del pittore. Il risultato stato sorprendente: la posizione di stelle e costellazioni rispettata nei minimi dettagli.

s Elefanti/Riciclaggio

Gli alberi di Natale? Saporiti e lassativi


Colpa di 24 ragazzi
Il gigantesco incendio che ha devastato la regione di Sydney. stato provocato dalla bravata di 24 teenager, complice il clima torrido dellestate australiana. Gli elefanti dello zoo di Rostock riciclano alberi di Natale.

S onodidavvero finiteglile feste, anche per alberi Natale. Nello zoo


di Rostock (Germania) hanno quindi pensato di riciclare quelli rimasti invenduti come cibo per elefanti. I pachidermi divorano con gusto le conifere: in unora, possono spolpare un abete alto 2 metri e 1/2. Aghi per lintestino. Non bisogna stupirsi, visto che gli elefanti mangiano almeno 100 kg di vegetali di tutti i tipi al giorno. C poi un beneficio dalla dieta post-natalizia: gli aghi delle conifere, ricchi di olii, puliscono lintestino degli animali. Il riciclaggio non funziona per al 100%: a volte gli elefanti scartano interi rami.

s Realt virtuale 1

Un parabrezza per vedere oltre neve e nebbia...


V ifasiete mai chiesti comela uno spazzaneve a individuare con precisione
Il display che permette di vedere la strada come la vedono radar e satelliti, sovrapposta a quella reale. strada quando sommersa da 10-20 cm di neve? Spesso il guidatore usa come punto di riferimento appositi pali ai lati della strada. Ma loperazione non facile. Come non facile per unambulanza o un veicolo dei vigili del fuoco correre se c nebbia. Radar. Per risolvere questi problemi il Dipartimento dei trasporti del Minnesota (Usa) sta sperimentando un display da applicare sopra al

parabrezza, sul quale sono riprodotti, grazie a un radar e un sistema di posizionamento satellitare Gps, la strada, la sua direzione, la linea mediana e gli eventuali ostacoli. Strisce di luce. Guardando attraverso questo display si vedono le linee che delimitano le carreggiate come se fossero appena dipinte dice John Scharffbillig, capoprogetto della nuova tecnologia anche se la visibilit vicina allo zero.

s Realt virtuale 2

...e un paio di occhiali per vedere sotto terra


S apere esattamenteedove scorrono tubature cavi sotterranei spesso molto
importante. Pu servire a salvare vite umane, soprattutto in caso di scavi, di rotture o di incidenti. Per questo un gruppo di ricercatori britannici ha realizzato un dispositivo che consente ai tecnici di vedere le tubature sottoterra, come se avessero la supervista di Superman. Impenetrabile. In realt non si tratta di superpoteri e neppure di vista. Il dispositivo detto di realt

aumentata che stiamo provando spiega Bryan Denby, dellUniversit di Nottingham non permette propriamente di guardare attraverso il terreno. A 3D. Sfrutta piuttosto le informazioni memorizzate nei computer delle aziende che hanno posato le condutture e ne fornisce un diagramma, che, grazie a un paio di occhiali semitrasparenti simili a quelli della realt virtuale, appare ai tecnici sovrapposto al terreno reale.

Supervista via antenna


Un ricercatore con gli occhiali che permettono di vedere le tubature e i cavi sotterranei come se si trovassero sulla superficie del terreno reale.

72

03/2002

03/2002

73

Gli occhi gli permettevano di vedere le prede a riva rimanendo sottacqua

Aveva 100 denti lunghi 9-10 cm

Lungo come un autobus


Il modello del Supercroc col suo scopritore, Paul Sereno. Nel disegno, le sue dimensioni a confronto con i pronipoti di oggi. La pelle era coperta di squame durissime Gaviale 7m Coccodrillo 7m

Sarcosuchus Imperator supercroc 12 m

Alligatore 6m

Lenorme coccodrillo sgranocchiava dinosauri

Supercroc, linvincibile
U
n coccodrillo lungo 12 metri che doveva pesare pi di 9 tonnellate. Insomma: il coccodrillo pi grande di tutti i tempi. Lo hanno trovato fossile nel deserto del Niger i paleontologi del gruppo di Paul Sereno dellUniversit di Chicago. Denti da 10 cm. Il supercoccodrillo visse nel Cretacico inferiore, circa 110 milioni di anni fa, e probabilmente fu il primo coccodrilliforme a spingersi nei fiumi dellentroterra. Prima di lui, infatti, cerano solo specie di coccodrilli marini che si dedicavano alla cattura di pesci. I denti robusti del supercoccodrillo, lunghi 10 centimetri, fanno invece pensare che fosse capace di catturare ogni tipo di grosso animale terrestre. Dinosauri in ammollo. Secondo la ricostruzione dei ricercatori, il Sarcosuchus imperator (questo il suo nome scientifico) era in grado di catturare in prossimit dei fiumi anche molte delle specie di dinosauri che a quei tempi popolavano lAfrica occidentale. Con le sue potenti mascelle (soltanto la testa misurava 2 metri) poteva afferrare i dinosauri e ucciderli. Il problema semmai era che i suoi denti non erano molto taglienti. Per questo si pensa che dopo avere strappato la carne necessaria a un primo pasto, trascinasse le prede sul fondo dei fiumi e, prima di mangiarle, aspettasse che la loro pelle fosse ammorbidita dallacqua. Dominatore. Il ritrovamento di questo coccodrillo dimostra che 110 milioni di anni fa cerano rettili in grado di avere la meglio sui dinosauri, che allora dominavano la Terra. s Franco Capone

s Tecnologia

Una lampada liquida e ubiqua


lampade possono L eessere utiliComoda in molti posti diversi. quindi una lampada che possa adattarsi a molti usi e posizioni: come Balladeuse, la prima lampada liquida. In spalla. Ideata da Izumi Kohama e Xavier Moulin per Ixi, un centro di ricerca giapponese sul design (www.ixilab.com), Balladeuse per il momento solo un prototipo. La sua caratteristica di ospitare una lampadina fluorescente allinterno di una sacca di plastica piena di uno speciale gel. Pu cos essere appoggiata sul bracciolo della poltrona, sulla spalla di chi legge o sul battente di una porta aperta.

Tre usi possibili (disegni qui sopra) della lampada Balladeuse (a destra).

Poligami e polibirri
Perch averne solo una?: ecco come la pubblicit della birra Polygamy Porter attira lattenzione del 70% dei cittadini (mormoni, e quindi favorevoli alla poligamia) dello Utah (Usa).

74

03/2002

Colosso volante s Spazio


Aircrane, il pallone pi grande del mondo: ha un diametro di 61 metri e solleva 75 tonnellate.

Un cratere svela il segreto di Europa


profonda Q uanto oceani di la crosta di ghiaccio che ricopre gli Europa, satellite di Giove? Da tempo gli scienziati se lo chiedono: saperlo importante per progettare sonde in grado di penetrare fino allacqua e poi esplorarla, alla ricerca di vita. Buco con picco. Fino a oggi le stime oscillavano tra i 2 e i 30 km. Studiando le tracce lasciate dallimpatto delle comete sulla superficie, 2 ricercatrici, Elisabetta Peirazzo ed Elizabeth Turtle, dellUniversit dellArizona, sono arrivate alla conclusione che comunque pi spessa di 3-4 km. Altrimenti, spiegano, non ci sarebbero quegli strani monti al centro dei crateri.

Costruito un pallone aerostatico per trasporti pesanti

La palla pi grande del mondo


societ tedesca L agolifter, che ha inilCarprogetto di costruire pi grande velivolo del mondo, un megadirigibile lungo 260 metri e capace di sollevare fino a 160 tonnellate di carico (vedere Focus n 95) ha creato un altro colosso dei cieli. un superpallone, chiamato Aircrane, con un diametro di 61 metri, poco meno della larghezza di un campo di calcio. E pensa di utilizzarlo per trasporti pesanti a breve distanza. Ercolino volante. Lidea di creare un superpallone, raccontano alla Cargolifter, nata per caso: il prototipo era stato realizzato solo per fare esperienza con la gestione di grandi quantit di gas. Ma la verifica sul campo delle sue capacit ha fatto comprendere che poteva avere molte utili applicazioni. Il superpallone infatti in grado di sollevare in aria pesi di 75 tonnellate. E di adagiarli dolcemente in qualsiasi luogo. In citt. Potrebbe quindi essere il mezzo ideale per trasporti eccezionali su terreni difficili (per esempio nei centri urbani o in montagna, dove non esistono strade praticabili), per grandi macchinari o comunque carichi che occupano molto spazio (per esempio il sottomarino itaAircrane nellhangar della Cargolifter (a sinistra) e fuori.

Cratere nel ghiaccio di Europa. Al centro si vede il monte.

liano in disuso Enrico Toti, che aspetta ancora di essere portato da Cremona al museo della Scienza e della Tecnica di Milano). A rimorchio. Il superpallone non ha motore: viene trainato, a velocit che pu arrivare a 70 km/h, da automotrici, rimorchiatori navali o elicotteri. s

s Follie

Record: la filata pi lunga del mondo

STATISTICHE

Bicicletta batte auto 95 milioni a 40


mezzo di trasporto U neconomico, noto in tut-e efficiente non inquinante to il mondo come bicicletta in fase di grande rilancio di vendite dopo un periodo di crisi. Internazionale. Gli acquisti sono in aumento sia in Cina sia in Europa e negli Usa. Nel 1999 (ultimi dati disponibili) ne sono state vendute 95 milioni, rispetto a 40 milioni di auto. In crescita anche le biciclette con motore elettrico. Nel 99, ne sono state infatti comprate ben 1,1 milioni.

Penelope moderna
Ted Ford recordman mondiale nel filare la lana. Ha creato in 10 anni un filo lungo 16 km, che non ancora finito. Per mantenere a distanza un rivale australiano lavora 2 ore al giorno.

Unopera enorme, scavata per paura del mare


un canaS erselecostrunaviscrivele e sue lo attraversarono. Cos va il famoso storico greco Erodoto raccontando come la flotta persiana riusc a raggiungere Atene durante la seconda guerra persiana (480 a. C.). La maggior parte degli storici moderni finora riteneva che Erodoto lavesse sparata grossa, magari per rendere ancora pi temibile il nemico dei Greci. Scorciatoia. Invece Serse il canale lo costru davvero, esattamente come lo descriveva Erodoto: lungo 2 km, largo 32 metri (abbastanza per consentire il passaggio di due navi affiancate), profondo 4. Rendeva possibile evitare di percorrere il braccio di mare davanti al monte Athos, dove si scatenavano tempeste capaci di distruggere una flotta. Senza rischi. Proprio ci che era avvenuto 12 anni prima, quando le navi comandate dal generale persiano Mardonio, pronte a sconfiggere la Grecia, erano state affondate da una tempesta. Imparata la lezione, Serse non volle rischiare di nuovo e prima

Trovato il canale di Serse


Suez persiano
Nel disegno, i Persiani scavano il canale che permise alle navi di Serse di arrivare fino ad Atene (percorso nella cartina).

Flotta Fanteria Tracciato del canale Grecia Monte Athos Larghezza

di far partire una nuova offensiva fece lavorare i suoi uomini al canale di Suez dellepoca. Lo hanno scoperto i ricercatori dellUniversit di Glasgow (Sco-

zia), che studiando le onde sismiche hanno individuato il percorso dellantico canale, oggi pieno di sedimenti, alcuni metri sotto il livello del mare. s

s Tecnologia

Una piattaforma volante per vigili e ispettori


U nautomobile troppo poco. Un elicottero troppo. Per ispezionare o
effettuare controlli di vigilanza su una foresta, un complesso industriale, un quartiere, la soluzione migliore potrebbe essere una piccola piattaforma volante. Monoposto. La societ statunitense Flying platform ne ha realizzata appunto una che prevede di mettere in vendita a 50 mila euro (circa 97 milioni di lire). spinta da due motori che fanno girare due eliche da 2,5 metri di diametro poste sotto il carrello della struttura in alluminio. La piattaforma viene guidata da un operatore e pu portare un carico massimo di 180 chilogrammi (pilota compreso). Vola a bassa quota, ha unautonomia di 46 km e una velocit di crociera di 90 km allora.

s Genetica

Il maialino visibile anche di notte


topo D opo il hanno(vedere Focus n 112), gli scienziati ora creato anche il maiale luminescente. Loperazione, condotta dai ricercatori dellUniversit del Missouri (Stati Uniti), stata eseguita con le tecniche dellingegneria genetica, inserendo il gene che d la luminescenza ad alcune meduse nel Dna di due cloni di maiale. Prosciutto giallo. Ma lintervento ha avuto un effetto (del tutto innocuo) solo su uno dei due maialini. Accanto al gemellino rosa ora ce n quindi uno giallo fosforescente (foto a sinistra). Lo scopo? Secondo i ricercatori statunitensi, principalmente mettere alla prova le nuove tecniche di manipolazione del Dna. Ma c anche chi, scherzando, ha insinuato che lobiettivo sia riuscire a mangiare il prosciutto anche al buio.

Gemelli bicolori
I 2 maialini cloni. Quello a sinistra ha il gene della luminescenza.

Visione panoramica
La nuova piattaforma volante durante il decollo in un bosco.

78

03/2002

Ha unintelligenza non programmata

Lorango-robot autodidatta
Imparer tutto da sola
A sinistra, Lucy, il robot che impara da solo dalla vita. Sotto, lo scienziato britannico Steve Grand, creatore dellorango-robot.

piccolo robot-oranL ucyPerunora nonavrebbe noncago. parla e si muove, anche se le pacit tecnologiche per farlo. Ma nessuno glielo insegner: secondo il suo creatore, lo scienziato autodidatta britannico Steve Grand, esperto di intelligenza artificiale, dovr infatti impararlo da sola. Coscienza. Il progetto di Grand, molto ambizioso, infatti quello di ricreare in un robot i meccanismi di apprendimento dellintelligenza umana e di fare

cos sviluppare autonomamente una specie di macchina dotata di coscienza. In teoria, il robot orango Lucy imparer, reagendo a stimoli esterni casuali, a muoversi e, eventualmente, a comunicare. O rester un giocattolone? s
speciale tenda chiamata Hypoxic Tent System, che riproduce latmosfera, e quindi la quantit di ossigeno, presente alle varie quote. Monti al mare. Lallenamento in quota spesso scelto dagli atleti perch la presenza di poco ossigeno abitua lorganismo a usarne meno e quindi migliora le prestazioni a bassa quota. Ora si potr farlo anche al mare, in casa o, appunto, in palestra. Attrezzature da fitness sotto una Hypoxic Tent.

s Sport

Aria di montagna in palestra


in palestra potremo A ndandoscegliere anche laltipresto tudine a cui allenarci. Vogliamo fare una corsa a 3 mila metri di quota? Baster entrare in una

ESOFAGO

POLISACCARIDI (amidi) Idrogeno Ossigeno GLUCOSIO Carbonio

LA DIGESTIONE
A cura di Michele Scozzai

Lassalto degli enzimi


I polisaccaridi o idrati di carbonio sono fatti da lunghe catene di molecole di glucosio, che gli enzimi attaccano e scindono in singole molecole di glucosio.

Per molte ore al giorno, il nostro corpo impegnato in questa attivit. Che assorbe fino a un terzo dellenergia messa a disposizione dal cibo. Ma in che cosa consiste? In linea di massima nel trasformare grosse molecole organiche in molecole pi semplici, che il sangue possa assorbire e usare come nutrimento.

La scissione delle proteine


Cardias

proteina pepsina

peptide Contenuto gastrico STOMACO

Nello stomaco il cibo si riduce a bolo. Che passa, attraverso il muscolo ad anello del piloro, nel duodeno. Dove si conclude la sua demolizione. Piloro INTESTINO (Duodeno)

Carboidrati come quelli della pasta (sotto) vengono digeriti in circa unora.

I FONDAMENTI DELLA SCIENZA

La prima fase della digestione inizia con lazione di un enzima nella saliva, la ptialina.

I FONDAMENTI DELLA SCIENZA

Il percorso del cibo


Non tutto avviene nello stomaco: lattivit digestiva comincia gi a partire dalla bocca, con laggressione chimica della saliva. E lultimo smontaggio di molte molecole si svolge oltre lo stomaco: nel duodeno.
come un laboratorio chimico e meccanico, dove i cibi che ingeriamo sono trasformati in carburante per le cellule. Disseminato di ghiandole e terminazioni nervose, lapparato digerente umano un canale che raggiunge, negli adulti, i 10 metri di lunghezza, dalla bocca allintestino. In questo tubo si svolge la digestione, quel complesso di operazioni, in gran parte involontarie, che vanno dalla masticazione allevacuazione degli scarti attraverso le feci. Ma quali sono i meccanismi che permettono di ridurre una pizza o una bistecca in una poltiglia di zuccheri, acidi grassi, amminoacidi e sali minerali assimilabile attraverso il sangue? La digestione, in realt dice Mario La digestione F r e z z a , primario inizia ancor del Serviprima di ingerire cibo. zio di gastroenterologia degli Ospedali Riuniti di Trieste comincia ancora prima di sedersi a tavola. Basta infatti trovarsi di fronte a un piatto di spaghetti, o pi semplicemente sentirne il profumo, perch il nostro sistema nervoso inneschi un aumento della secrezione salivare e della produzione di succhi gastrici, preparando lorganismo ad accogliere il cibo. la fase cefalica della digestione.

Grasso da bruciare
I grassi appena digeriti entrano nel circolo sanguigno. In parte sono usati per costruire pareti cellulari o generare energia, in parte vanno al fegato che da essi ricava la bile.
DIA FR AM MA

Arteria

Vena CUORE Grassi

aumentarne la superficie di contatto con i succhi digestivi. La pappa che ne deriva prende il nome di bolo. Continua Frezza: Un enzima presente nella saliva, la ptialina, inizia a scindere le catene ammidiche dei carboidrati (pasta, pane eccetera), trasformandole in zuccheri semplici, come maltosio e destrina. Quindi, mescolato a una sorta di muco, che lo rende scivoloso, il bolo viene spinto dalla lingua prima nella faringe e poi nellesofago, un condotto che, 40 centimetri pi in basso, sbuca nello stomaco. Lesofago, largo 3-4 centimetri e composto da una triplice tunica mucosa, muscolare e sierosa, si contrae e si rilascia ciclicamente (movimenti di questo tipo si chiamano sempre peristaltici, a qualunque livello avvengano: esofago, stomaco o intestino), dando luogo a una sorta di onda che fa scorrere il bolo verso lo stomaco. Chi mangia in fretta, o privo di denti e inghiotte senza masticare, corre il rischio che i pezzi di cibo otturino questa prima parte del tubo digerente: nei casi pi gravi pu addirittura essere necessario un intervento medico che ne permetta lo sblocco. Tuttavia, una volta superato lesofago e il cardias, la porta superiore dello stomaco, il pericolo superato.

cuni enzimi contenuti nei succhi gastrici. Per capire come questi vengano prodotti, bisogna immaginare lo stomaco come una specie di sacco (un tempo si diceva che avesse la forma di una cornamusa) diviso in tre sezioni: il fondo, il corpo e lantro. Il fondo la parte superiore, quella collegata allesofago tramite il cardias, e le sue pareti sono cariche di
RIFLESSO PERISTALTICO

ghiandole che secernono un muco simile a quello salivare. la porzione meno importante dello stomaco: pu infatti essere asportata (per esempio, a causa di una malattia) senza che la digestione ne risenta. Nella sezione sottostante, il corpo, sono collocate invece alcune ghiandole ricche di cellule parietali, che secernono acido cloridrico, e una sostanza

detta fattore intrinseco: lacido contribuisce allulteriore sminuzzamento del cibo dice Frezza mentre il fattore intrinseco una proteina che, legandosi alla vitamina B12, ne permette lassorbimento da parte dellorganismo. La vitamina B12 contenuta negli alimenti di origine animale, interviene nel metabolismo cellulare e ne regola la crescita.
Tensione muscolare

Il fegato ricava la bile dal colesterolo.

FEGATO

1
STOMACO

CISTIFELLEA PANCREAS

Contrazione Distensione Movimento CHILO Distensione

ione Distens

Bile DUODENO

VASI LINFATICI AMMINOACIDI Lisina Gruppo amminico Alanina Acqua Gli enzimi scindono le proteine degli alimenti in peptidi e poi in amminoacidi che arrivano al circolo sanguigno attraverso lintestino.

Il pancreas produce ogni giorno circa 2 litri di secrezioni digestive per il duodeno. I suoi enzimi scompongono grassi, idrati di carbonio e proteine.

Spinto avanti a forza di muscoli


Dallo stomaco (1), il bolo alimentare (cibo gi in parte digerito e succhi gastrici), passa nellintestino tenue e procede (2) grazie alla peristalsi, contrazioni muscolari involontarie che si susseguono lungo lintestino. Vena porta: collegamento diretto al fegato.

Azoto Costruzione delle proteine

Legame peptidico PEPTIDE INTESTINO TENUE

CRAMPI, GASTRITE E MAL DI PANCIA


Dallulcera allachilia, ecco quali sono e a che cosa sono dovuti i principali disturbi che possono colpire il nostro delicatissimo sistema digerente. Un consiglio? Evitare lo stress e ogni tipo di eccesso.
13 N edisoffronoognimilioni italiani anno. Gastriti, ulcere, dispepsie, bruciori di stomaco, nausee: quelle dellapparato digerente sono fra le pi frequenti patologie nelluomo. Ecco le principali. Dispepsia. Difficolt digestiva dovuta, in genere, a una ridotta motilit dello stomaco. Si presenta dopo un pasto abbondante e pu essere accompagnata da senso di gonfiore, nausea, bocca amara, alitosi, sonnolenza, mal di testa. Stress e affaticamento le cause pi frequenti. In casi cronici, pu essere sintomo di gastriti o ulcere. Esofagite. Infiammazione della mucosa dellesofago, provocata da reflussi gastrici o dallingestione di sostanze caustiche. Gastrite. Infiammazione acuta o cronica della mucosa dello stomaco, con bruciore, senso di vuoto, nausea e vomito. Pu essere provocata da farmaci, stress o pasti troppo abbondanti. Di recente stato individuato un batterio, lHelicobacter pylori, presente nello stomaco di gran parte dei gastritici. Ulcera. una lesione della mucosa dello stomaco o del duodeno, il primo tratto intestinale. Pu essere dovuta a stress, gastriti non curate, farmaci, abuso di fumo e alcol. Se trascurata, pu portare a una perforazione degli organi interessati. Bruciore e crampi sono i sintomi pi comuni. Achilia. Assenza di pepsina e acido cloridrico nei succhi gastrici: causa difficolt digestive e pu avere origini neurovegetative, ma anche essere provocata da gastriti. LHelicobacter pylori, pu dare lulcera. Enterite e colite. Infiammazioni delle pareti intestinali. Possono avere molte cause: allergie e disordini alimentari, freddo o anche una forte emozione. Linfiammazione provoca in genere diarrea, febbre e, soprattutto, dolori addominali. Diarrea. Emissione frequente di feci liquide, causata dal mancato assorbimento dellacqua da parte del colon. Pu essere dovuta a uninfezione, allingestione di alimenti avariati, a uninfiammazione intestinale, a intolleranze alimentari o allassunzione di sostanze tossiche per lorganismo.
03/2002

Polipeptide Gli enzimi adatti scompongono le proteine

Enzima

Vasi sanguigni che vanno al fegato Villi intestinali Muscoli della mucosa intestinale Vasi linfatici Ramificazioni nervose Flusso sanguigno Assorbimento dei peptidi nel circolo sanguigno

LO STOMACO: ACIDI IN AZIONE


Nello stomaco, infatti, dove il bolo diventa chimo, anche una bistecca intera (se riuscisse a entrarvi) verrebbe sciolta. E questo accade grazie a un ambiente estremamente acido (il pH oscilla fra 1,5 e 3) e ad alPROTEINA Muscolatura involontaria

Verso il traguardo
Nellintestino tenue avviene la digestione delle proteine (3), poi quel che rimane nel cibo procede verso lintestino crasso (4).

LE DUE PRIME PORTE


Una volta in bocca, il cibo viene triturato attraverso la masticazione, cos da 86
03/2002

Le proteine (polipeptidi) non sono altro che lunione di pi peptidi.

87

I FONDAMENTI DELLA SCIENZA

I FONDAMENTI DELLA SCIENZA

MOLECOLE DA TAGLIUZZARE

Altre sostanze fondamentali per la digestione, e prodotte nel corpo grazie alle cosiddette cellule zimogene, sono i pepsinogeni e i bicarbonati. Il primo tipo di sostanza quello che, a contatto con lacido dello stomaco, permette la formazione della pepsina, un enzima capace di spezzare le catene proteiche degli alimenti: Unoperazione fondamentale spiega Frezza perch le molecole del cibo che ingeriamo sono in genere troppo grandi e complesse: per essere assorbite dal sangue, devono prima essere scomposte in sostanze pi semplici, con molecole pi piccole, e questa opera di demolizione viene appunto svolta da opportuni enzimi. Per questo, lazione degli enzimi rappresentata nei disegni da piccole forbici.

ne della malattia, lulcera pu addirittura perforare lo stomaco. Lantro, infine, la sezione di stomaco che, attraverso il piloro, in comunicazione con il duodeno, il primo tratto dellintestino. Le pareti dellantro sono caratterizzate dalla presenza di cellule G, che producono un ormone (la gastrina) che, tra laltro, comanda la produzione di acido cloridrico da parte delle pareti dello stomaco.

ACQUA Disgregate dai batteri, le sostanze alimentari vengono assimilate attraverso la parete intestinale. Nellintestino crasso i batteri sfruttano ulteriormente per lorganismo le sostanze alimentari, lasciandosi dietro solo sostanze inutilizzabili. RETTO

INTESTINO TENUE Lintestino tenue sfocia nel crasso (5) attraverso la valvola ileocecale, che impedisce il riflusso del contenuto intestinale, ancora ricco dacqua. Valvola ileocecale

Digestione batterica

INTESTINO CRASSO (COLON)

PANCREAS E FEGATO IN AZIONE


Quando il chimo, ormai liquefatto e pi volte rimescolato dai continui movimenti dello stomaco, pronto per passare nel duodeno, la gastrina attiva lapertura del piloro (un piccolo muscolo a forma di anello, attraverso il quale si passa dallo stomaco al duodeno). Qui agiscono la bile, proveniente dal fegato, e il succo pancreatico. La prima serve a emulsionare i grassi, ovvero a sbriciolarli in particelle minutissime, il secondo interviene completando la demolizione delle proteine (iniziata nello stomaco) e quella degli amidi (iniziata in bocca).

Sostanze inerti (fibre vegetali ecc.) INTESTINO CIECO

5
ILEO

SE LO STOMACO SI AUTODIGERISCE
Il bicarbonato, invece, un composto alcalino che serve a neutralizzare lacido cloridrico, proteggendo cos le pareti dello stomaco che, in caso contrario, finirebbe per digerire se stesso. Lulcera gastrica una lesione provocata da unalterazione di questa barriera. Di solito risanata nel giro di 2-3 ore, ma nel caso in cui ci sia una progressio-

BATTERI INTESTINALI

APPENDICE

Pi di 400 specie di batteri disgregano le sostanze indigeribili per luomo, come la cellulosa.

I batteri che demoliscono le proteine e la cellulosa si moltiplicano nellintestino cieco. In questo modo si rigenera la flora intestinale.

I RESIDUI? GLI INDIGERIBILI


A questo punto il chimo, trasformato in chilo continua Frezza passa nel

secondo tratto dellintestino (il tenue), le cui pareti hanno una superficie molto frastagliata. Queste sporgenze, i villi, si allungano durante la digestione,

assorbono le sostanze nutrienti contenute nel chilo e le riversano nel sangue. I primi a essere succhiati dai villi sono i sali minerali e lacqua, che deve

PASSO DOPO PASSO, LE CONQUISTE DEGLI STUDIOSI


I principali studiosi dellanatomia e del funzionamento dellapparato digerente.
Charles Estienne (1504-1564) Studioso francese, nel 1545 scopre il pancreas. Ma passer un secolo prima che se ne capiscano le funzioni. Jan Baptiste Van Helmont (1577-1644) Chimico belga, il primo a sostenere che nello stomaco agiscono, durante la digestione, un acido e un enzima. Ma non ne sa spiegare la provenienza. Pierre Dionis (1658-1718) Chirurgo francese, nel 1690 pubblica il primo libro di anatomia umana contemporanea, dove descrive le funzioni di stomaco e intestino. Lazzaro Spallanzani (1729-1799) Biologo italiano, scopre che la digestione un processo prevalentemente chimico e riconosce alla saliva un ruolo importante. William Beaumont (1785-1853) Noto chirurgo statunitense, studia i movimenti dello stomaCannon co e la digestione gastrica e ipotizza lesistenza di una stimolazione psichica. John Abercrombie (1780-1844) Medico e psichiatra scozzese, studia e descrive numerose affezioni dellapparato digerente e, in particolare, lulcera gastrica. Walter Cannon (1871-1945) Medico americano, studia ai raggi X latto della deglutizione nelle oche e, successivamente, analizza anche lapparato digerente umano.

idratare lorganismo (viene assorbita circa il 90 per cento di quella contenuta nel cibo). Quindi tocca ai carboidrati (sotto forma di monosaccaridi), alle proteine (scisse in amminoacidi) e ai grassi (ridotti ad acidi grassi). Ferro e calcio, infine, vengono assimilati per azione delle vitamine C e D. A questo punto sono rimaste solo sostanze indigeribili, come la cellulosa, le fibre, oltre a pochi residui non digeriti. I movimenti peristaltici spingono questa massa di scarti verso lintestino cieco e, successivamente, nellintestino crasso e poi nel retto, da cui esce sotto forma di feci. s

Per saperne di pi:


J. J. Coucheton, J. Guerre, H. Pequinot, Storia della gastroenterologia dallantichit ai giorni nostri (Editiemme).

Helmont

Spallanzani

Beaumont

88

03/2002

I FONDAMENTI DELLA SCIENZA

9 dubbi su stomaco e dintorni


Quanto bene conoscete il sistema digerente? Alla perfezione, se riuscirete a rispondere correttamente alle 9 domande che vi proponiamo in queste pagine.
proprio vero che, dopo mangiato, si devono aspettare tre ore per fare il bagno? E che non bisogna bere dun fiato una bibita ghiacciata? Abbiamo provato ad affrontare i pi diffusi luoghi comuni sulla digestione per confermarli o per smentirli.Approfittando delloccasione per farvi scoprire alcune caratteristiche del nostro stomaco che forse non conoscete ancora. Per esempio che si pu addirittura sopravvivere senza di esso, pur con molte difficolt.

Contro la gravit
Una lezione di yoga. La digestione prosegue anche a testa in gi, grazie alle contrazioni di stomaco e intestino.

cauzione per chi abbia subito un intervento di questo tipo di non esagerare a tavola.

Soltanto dopo 3 ore


Un bambino entra in acqua. Meglio farlo a digestione conclusa, cio da 2,5 a 4 ore dopo il pasto.

LE BIBITE GELATE FANNO MALE?


S, perch raffreddano lo stomaco e impediscono lafflusso del sangue. Con il freddo, anche i movimenti peristaltici e la secrezione dei succhi gastrici rallentano (o si interrompono del tutto) e la digestione non pu proseguire. Il corpo pu reagire rigettando ci che non riesce pi a digerire, ma lo shock pu anche provocare uno svenimento.

QUANTO TEMPO CI VUOLE A DIGERIRE?


Un pasto a base di carboidrati (per esempio, una porzione di pasta in bianco) esce dallo stomaco circa unora dopo lingestione. Per una bistecca serve almeno il doppio, mentre un pasto ricco di grassi pu richiedere fino a 4 ore di lavoro. Un pasto completo (un piatto di spaghetti e una fetta di carne ai ferri) digerito in circa due ore e mezzo: lavvertimento della nonna sul tempo da attendere prima del bagno, quindi, corretto.

SI PU DIGERIRE A TESTA IN GI?


S, perch a far andare il cibo dalla bocca allo stomaco (e dallo stomaco allintestino) non solo la forza di gravit, ma sono soprattutto i movimenti (detti peristaltici) del tubo digerente, una sorta di onda che si propaga alternando contrazioni e dilatazioni delle pareti. Tuttavia, per chi ha la digestione difficile, la forza di gravit aiuta. Ecco perch si consiglia di non coricarsi subito dopo i pasti, trascorrendo invece qualche decina di minuti in piedi o seduti.

SI PU VIVERE SENZA STOMACO?


Un antico proverbio cinese dice che con lo stomaco si vive, senza si muore. In realt, in numerose circostanze si dimostrato che anche senza stomaco una persona pu condurre una vita normale. Per esempio, per sconfiggere alcune forme tumorali al paziente viene completamente asportato lo stomaco. In questi casi lesofago viene collegato allintestino, che svolge, almeno in parte, le funzioni dellorgano rimosso. La presenza degli enzimi pancreatici, infatti, consente una discreta digestione anche nellintestino tenue. Lunica pre90
03/2002

I SUCCHI GASTRICI? FANNO PARTE DEL CIBO


Questa e altre credenze (come lidea che lo stomaco separasse le feci dal cibo utile) erano insegnate nelle scuole di medicina fino a un paio di secoli fa.
stomaco un L olone doveseparatopentoil cibo viene purificato e dalle feci, prima di essere spinto verso il fegato e quindi immesso nel sangue. Fino ai primi anni del XVII secolo, la maggior parte degli studiosi credeva che la digestione avvenisse cos: non era affatto chiaro come funzionasse lintestino e del pancreas non si conosceva neppure lesistenza. Daltronde, la medicina era piena di false convinzioni e solo la diffusione delle autopsie, nei primi anni del 1600, e la scoperta dei raggi X (1896) permisero di capire veramente come fosse strutturato il corpo umano e, dunque, il tubo digerente. s Precursore illustre. Fino ad allora, gran parte dei testi si basava sugli studi del medico greco Claudio Galeno (130-201), il quale, sorpreso dalla lunghezza delle viscere degli animali, era convinto che il fegato producesse il sangue e fosse lorgano da cui partivano le vene (un dogma che venne messo in forse solo nel 1500). Agli inizi del 1300, Henri de Mondeville, medico di Filippo il Bello, spieg che se laria che inspiriamo attraversasse gli organi digestivi verrebbe irrimediabilmente infettata: ecco perch, diceva de Mondeville, laddome posto sotto il torace. Quando poi, nel 1700, si scoprirono i succhi gastrici, si fatic a comprenderne lorigine, al punto che lipotesi pi accreditata era che fossero contenuti negli alimenti. Unaltra scuola di pensiero, fino al 1840, sosteneva che a digerire gli alimenti fosse lacido lattico, presente in grande quantit nello stomaco. E le feci? Nel XX secolo, in Occidente, si era ancora convinti che esse fossero non uno scarto della dige-

COSA SONO I CRAMPI ALLO STOMACO?


In genere sono dolori provocati da un eccessivo movimento peristaltico dello stomaco. Si possono presentare, per esempio, quando la digestione riprende dopo essersi interrotta (per lo stress, il freddo o lassunzione di sostanze tossiche) oppure quando si ottura il piloro (lorifizio che mette in comunicazione stomaco e intestino): in questi casi lo stomaco, come risposta, accelera la propria attivit, procurando fitte addominali.

Ritratto di Galeno, medico greco. stione, ma leliminazione di veleni interni. Per questo, fin dai tempi pi remoti, nelle persone malate vomito e diarrea venivano indotti a forza con vari preparati. s Saggezza dOriente. In India, dove pure si era compreso il ruolo dellintestino, per combattere coliti e diar-

Il colon ai raggi X. rea bisognava piangere in comunit. E le cose non andavano meglio in Cina, dove si riteneva che la cottura degli alimenti nello stomaco desse origine a un distillato vaporoso, il quale, risalendo nei polmoni, si trasformava infine in sangue.
03/2002

Non dal frigorifero!


Un improvviso ingresso di liquidi gelati nello stomaco pu rallentare o bloccare del tutto la digestione.
v

91

I FONDAMENTI DELLA SCIENZA

I FONDAMENTI DELLA SCIENZA

Abbinamento sconsigliato
La valdostana (come ogni accostamento tra la carne e il formaggio) sconsigliata dai dietologi: il formaggio, infatti, ingloba i frammenti di carne, rallentando la digestione.

Intolleranze e latticini
Non c nulla di strano nelle intolleranze ai latticini: quasi tutti gli animali bevono latte solo da cuccioli, poi non riescono pi a digerirlo. Luomo fa eccezione, ma non in tutti i casi.
v

QUANTO COSTA DIGERIRE


Lo sapevate che circa un terzo di ci che ingeriamo viene bruciato solo per digerire?

I ldifabbisogno energetico una persona adulta che trascorra 24 ore su


24 a letto di circa 1.200 chilocalorie al giorno (pi o meno, due porzioni di pasta alluovo condita). Metabolismo. Di queste, stato calcolato, circa 800 vanno bruciate per svolgere le normali attivit metaboliche dellorganismo (dalla respirazione al battito cardiaco, dal-

QUANTO SI DILATA LO STOMACO?

Il limite soggettivo. Tuttavia, in una persona adulta, lo stomaco pu espandersi fino a raggiungere, da 3-4 litri, una capacit di circa 10 litri. Anche se un caso piuttosto raro, pu capitare in caso di pasti molto abbondanti e digestione lenta. Oppure quando si abusa di bibite gassate: una lattina di birra da 33 cl, infatti, pu contenere fino a 1,5 litri di gas (a pressione atmosferica). Ma basta avere pazienza e, salvo complicazioni, nel giro di qualche ora lo stomaco si svuota e torna allo stato iniziale.

le funzioni nervose a quelle renali). Le restanti servono per digerire e assimilare gli alimenti. In un bambino di circa 10 kg, il fabbisogno calorico per sopravvivere, senza compiere nessuno sforzo, si abbassa a 170-200 chilocalorie giornaliere: su per gi, 300 grammi di latte intero, per smaltire i quali sono sufficienti 60 chilocalorie.

maco, del fegato e del pancreas. Se il pasto particolarmente abbondante (e ricco di grassi), anche lafflusso verso lapparato digerente maggiore. Tale fenomeno provoca una minore presenza di sangue anche a livello cerebrale, innescando una serie di effetti collaterali: sonnolenza, freddo, affaticamento, pesantezza e, spesso, un fastidioso cerchio alla testa.

PERCH ALCUNI NON TOLLERANO IL LATTE?


Perfino in una persona obesa lo stomaco, quando si svuota, torna alle dimensioni standard.

VERO CHE CERTI CIBI NON SI DEVONO ACCOSTARE?


S, secondo alcuni dietologi esistono accostamenti alimentari che andrebbero evitati. Per esempio, mangiare a breve distanza una bistecca e un pezzo di formaggio rischia di ritardare la digestione, poich i latticini, rapprendendosi, possono avvolgere le particelle di carne. Questultima 92
03/2002

andrebbe eliminata anche quando si prevede di consumare dolci, che hanno un effetto lievemente inibitore sui succhi gastrici. La frutta, invece, bisognerebbe mangiarla non ai pasti ma al mattino, perch favorisce lo svuotamento dello stomaco dagli eventuali residui del pasto serale.Vino

e birra, infine, sono sconsigliati con la pasta (e con gli amidi in generale).

MANGIARE TROPPO D IL MAL DI TESTA?


La digestione sottrae alla periferia dellorganismo una quantit di sangue non indifferente, che si concentra in prossimit dello sto-

Lorigine del problema un disaccaride (ovvero uno zucchero) contenuto nel latte. Questo disaccaride, chiamato lattosio, per poter essere assimilato nel sangue deve prima essere scisso nelle due molecole da cui formato: una di glucosio e una di galattosio.Tale operazione svolta dalla lattasi, un enzima delle cellule della parete intestinale. La lattasi presente in tutti i cuccioli dei mammiferi fino allet del-

lo svezzamento. Dopo di che scompare, rendendo il latte intollerabile agli esemplari adulti (una mucca, per esempio, lo vomiterebbe). Luomo fa eccezione, perch continuando a bere latte anche dopo lo svezzamento ha fatto s che la lattasi perdurasse (il che pi o meno quanto succede in molti gatti domestici, abituati a nutrirsi quotidianamente di latte). Lenzima per assente anche in alcuni esseri umani: talvolta per cause genetiche, altre volte, pi semplicemente, dopo un periodo passato senza ingerire latte (tant vero che le popolazioni orientali, che non lo bevono, manifestano pi frequentemente intolleranza al latte). Due le soluzioni: ricorrere a un preparato a base di lattasi, anche da mescolare con il latte stesso, o assumere quantit crescenti di latte giorno dopo giorno, per convincere lorganismo a riformare lenzima. s

COME FUNZIONA
Segni di un attacco
Queste pagine sono a disposizione dei lettori. Saranno privilegiati i quesiti di interesse generale. Le risposte sono preparate dalla redazione; quando si fatto ricorso a un esperto, il suo nome indicato. Non si danno risposte a lettere non firmate (o e-mail) di carattere privato. Scrivete a FOCUS: Domande & risposte, C.so Monforte 54 - 20122 Milano, o allindirizzo e-mail domande.focus@gujm.it

Il cannone sparaneve un grosso frullatore di aria e acqua


Motore che fa girare il ventilatore Luce di funzionamento Ventola

Che cosa succederebbe se la Terra si fermasse?


Mirko Pratissoli, via e-mail.

Conchiglie predate da molluschi della famiglia dei naticidi: i buchi sono praticati con un organo raschiatore, la radula.

Ugelli per la fuoruscita dellacqua

2 3

e la smettesse alStuttoTerrache vi ruotalimprovviso di re, ci sulla superficie continuerebbe la sua corsa. Proprio come accade agli oggetti e alle persone che si trovano allinterno di una macchina che sbatte contro un muro. Uomini, animali, piante, case, le acque degli oceani continuerebbero a muoversi seguendo la rotazione terrestre, per ricadere poi centinaia di chilometri pi avanti. E se nonostante levento, fossimo ancora vivi, dovremmo affrontare i venti dellatmosfera che per lo stesso motivo si for-

Perch alcune conchiglie sono bucate?


Domanda posta da Erasmo Labarile, Santeramo in Colle (Ba).

circolari e che spesso vedono I foriconchigliesichesvasati sulle si trovano nella sabbia sono un segno di predazione: sono stati fatti da molluschi della famiglia dei naticidi, che si sono nutriti di un altro mollusco, quello contenuto nella conchiglia. Il foro viene effettuato con la radula, un organo raschiatore a forma di nastro posto nella bocca del predatore e ricoperto di mi-

Un modello per studiare la rotazione terrestre.

nuscoli denti, che viene usato come una lima. E grazie anche a una secrezione molto acida che aiuta a corrodere la conchiglia. Il mollusco viene poi sminuzzato, e mangiato. I naticidi, in particolare Neverita josephinia e Natica stercusmuscarum, sono comuni nelle nostre acque e vivono nascosti nella sabbia tra 0 e 20 metri di profondit. Il loro cibo preferito sono telline e arselle, che hanno un guscio sottile.

Nuvole non ce n... e nevica


er Pmetricoprire una superficie di 60 per 60 (la met di un campo da calcio) con una coltre di neve alta 15 cm (per riuscire a sciare bene ci vogliono almeno due strati come questo), occorrono 566 m3 di neve, equivalenti a 283 m3 di acqua. Pochi ingredienti. Se le nuvole non provvedono a fornirli, non resta che ricorrere a un cannone sparaneve, un apparecchio capace di convertire enormi quantit di acqua (circa 500 tonnellate lora) in soffici fiocchi di neve usando ingredienti semplici: una temperatura esterna di almeno -2 C, aria compressa, elettricit e naturalmente acqua. Goccioline. In pratica, il cannone sparaneve non troppo diverso da un grosso frullatore: lacqua, a una temperatura di 3 C, entra nellapparecchio attraverso un tubo (1) e viene pompata verso la bocca del cannone, dove si trovano i forellini (gli ugelli, in genere quasi un centinaio; 2) da questi lacqua fuoriesce in gocce piccolissime, spinta da una pressione che supera i 12 bar (a spingere lacqua laria prodotta da un compressore). Fiocchi istantanei. Al centro della bocca del cannone le goccioline incontrano laria proveniente dal ventilatore (3) che si trova nella parte posteriore del cannone e, turbinando, si riuniscono in piccoli gruppi e ghiacciano istantaneamente, assumendo la forma di fiocchi di neve. La rotazione del ventilatore li spinge allesterno, a una distanza che arriva a superare i 40 m.

Tubo di ingresso dellacqua

Compressore

merebbero vicino alla superficie, venti che farebbero impallidire anche il pi catastrofico uragano che

pericoloso colpire la palla di testa?


Domanda posta da Filippo Pasti, Roma.

di testa, soprattutI colpieffettivamente cauto se sono ripetuti, possono sare nausea e cefalea. Se gli impatti sono molto violenti possono anche influire sulle abilit cognitive, in particolare sulle capacit di memorizzare e di mantenere lattenzione. Secondo uno studio recente dellUniversit scozzese di Dundee, i calciatori che pi frequentemente colpivano di testa hanno trovato difficile un gioco in cui le regole venivano cambiate senza preavviso, dimostrando cos minore agilit mentale. Pi a rischio sono i difensori, che respingono i potenti tiri diretti degli attaccanti e le alte rimesse del portiere, e i bambini. Unindagine condotta nel 1999 dallIn94
03/2002

A cura di Mariella Bussolati

stitute for Preventative Sports Medicine di Ann Arbor (Usa), lunica mai effettuata su ragazzi tra 11 e 14 anni, ha riscontrato una corrispondenza tra la frequenza dei colpi di testa e la presenza di fischi alle orecchie, nausea e cefalea. Per questo motivo gli esperti consigliano luso di palloni leggeri e caschetti finch i bambini non imparano a colpire la palla con la fronte, la parte meno delicata della testa, anzich con le tempie o la sommit del capo.
Un colpo di testa, per limitare i danni, va dato con la fronte.

ha mai percorso la Terra. Un semplice calcolo permette di stabilire che, poich il pianeta ha un raggio di 6.367 km e compie un giro completo attorno allasse in 23 ore, 56 minuti e 4 secondi, un oggetto che si trova allequatore, descrive una circonferenza a una velocit tangenziale di 1.674 km/h. Tale velocit diminuisce procedendo dallequatore ai poli, dove si azzera. Alla nostra latitudine, che si trova a circa 45 nord, la velocit tangenziale si aggira attorno agli 850 chilometri orari. Quella alla quale ci troveremmo se il nostro pianeta si fermasse di colpo.

Per saperne di pi:


http://www.fao.org/ docrep/x0169f/x0169fab. htm una pagina dedicata ai naticidi (in francese).

Centralina elettrica

Perch in alcuni Paesi non si usa il bidet?


Domanda posta da Pia Agnetti, Jesi (An).

Supporto

Il bidet, opera di Jean-Louis Forain (1880).

America e in InghilterI n(oggi le abitudini stanno ra il bidet era considerato cambiando) come un oggetto riservato alle prostitute. La cultura puritana anglosassone, che gi riteneva disdicevole il contatto con le parti intime del corpo, ha infatti sempre collegato il bidet a bordel-

li e meretrici (lappellativo chevalier du bidet veniva utilizzato come sinonimo di protettore). Lantenato del bidet, oggetto portatile per abluzioni parziali, risale allepoca dei Crociati. Il bidet vero e proprio nacque per a opera di mobilieri parigini allepoca di Luigi XV (XVIII sec.). Bidet in francese significava pony, poich si cavalcava. La prima attestazione del 1739, dove si cita Rmy Peverie, artigiano che lo produceva in Rue aux Ours a Parigi. Ritenuto indispensabile dalle dame e dai cavalieri della corte francese, il bidet venne bandito dopo il 1789 come simbolo della decadenza aristocratica. E sopravvisse per lungo tempo solo nelle case di piacere.

Quanto spazio fisico occupa un kilobyte su un cd-rom ?


Domanda giunta via e-mail.

Che lingua il Balaibalan?


Domanda posta da Daniele Morelli, via e-mail.

cd-rom I lnetipicomegabytecontie650 di dati, equivalenti a 665.600 kilobyte (1 Mb = 1.024 Kb). Lo spazio occupato da 1 kilobyte quindi 1/665.600 dellarea del cd utilizzata per i dati, ovvero circa 0,052 mm2 (considerando che i dati occupano pi o meno un terzo dellarea disponibile, vale a dire circa 34 cm2,

sui 100 di superficie del cd). Sono per diffusi anche i cd registrabili (cdR) che, nelle versioni pi avanzate, arrivano a contenere fino a 90 minuti di dati audio, pari a circa 790 Kb e i cd rewritable (cd-Rw), riscrivibili pi volte, che una volta formattati contengono circa 540 Mb di dati. In questi due casi, 1 Kb occupa rispettivamente 0,042 mm2 e 0,061 mm2.

Balaibalan un I lsacro sviluppatoidioma dalla setta dei dervisci hurufi intorno al XVI secolo.Viene considerata la prima lingua artificiale sviluppata consapevolmente dalluomo. Per lingua artificiale sintende una lingua o una scrittura sviluppata a tavolino (vedi Focus n 108) per i pi diversi scopi. Il Balaibalan era una lingua segreta, creata con lo scopo di non essere comprensibile, se non agli iniziati della setta. Del Balaibalan in realt si sa ancora molto poco,

Cerimonia della setta dei dervisci danzanti.

I byte in una immagine simbolica.

ma stato tramandato un testo religioso dal quale emerge un vocabolario originale, che stato per innestato su una sintassi del tutto analoga a quella della lingua araba.

Per saperne di pi:


http://www.geocities.com/ Athens/Agora/7070/lingart.htm un sito dedicato alla scrittura derviscia.
03/2002

95

COME SI DIVENTA
INGEGNERE GENETICO

Che origine hanno i mori veneziani?


Domanda posta da Alessia Mantovan, Mestre (Ve).

Cromosomi senza segreti


Domanda posta da Luca La Rosa, via e-mail.

el 1500, Repubblica Nallisola silaestendeva fiveneta no di Cipro. Lincontro con le popolazioni dellIslam, e in particolare quello con turchi e arabi, genericamente definiti mori, ebbe grande influenza sullarte veneziana. Limmagine del moro, per Venezia e i veneziani, rappresentava sia il nemico, sia lignoto, lesotico e il misterioso. In ogni caso il moro divent un elemento frequente nei pezzi di artigianato. I due mori pi famosi, le statue della Torre dellorologio di piazza San Marco, hanno per unaltra origine: rappresentano in realt due pastori. Sono stati realizzati in bronzo nel 1497 da Simone Campanato. A causa dellesposizione allaria aperta sono

I mori dellorologio di Venezia: in realt sono pastori.

coperti di una patina scura: e per questo sono stati chiamati mori dai cittadini veneziani.

Per saperne di pi:


http://www.orologeria. com/italiano/hj/hj8.htm, un sito dedicato alla Torre dellorologio di Venezia.

Gli aromi naturali, sono naturali o sintetici?


Domanda posta da Paola Farina, Premosello Chiovenda (Vb).

Che cos chiamato il Grande orecchio?


Domanda posta da Fabio Latina, via e-mail.

el linguaggio Nsi intendonocomune, per aromi naturali le sostanze ricavate dai vegetali o dagli animali. Sono aromi naturali gli oli essenziali di arancia e limone. Gli aromi artificiali o sintetici sono invece quelli che non esistono in natura, prodotti per sintesi chimica. Il pi comune letilvanillina, utilizzata nei dolci. Le cose si complicano per quanto riguarda le definizioni usate nelle etichette. Secondo la normativa in vigore, la scritta aromi naturali pu essere usata per indicare sia le sostanze di origine organica, sia quelle prodotte per via sintetica, ma ottenute in modo che la molecola sia identica alloriginale presente in natura. Gli aromi sintetici, del tutto nuovi e ideati allinterno dei laboratori chimici, la cui molecola non trova corrispondenti, vengono invece definiti sulle etichette col termine aroma.

attribuito il nome unprogettatoa Echelon, sistema di intercettazione e amministrato dalla National Security Agency Usa (v. Focus 68). Diversamente dalla maggior parte dei sistemi sviluppati durante la Guerra Fredda, non serve per controllare obiettivi militari, ma potenzialmente pu verificare tutte le comunicazioni (e-mail, fax, telex e telefonate) che intercorrono tra persone, organizzazioni, aziende o gruppi, sia fra uno Stato e laltro sia allinterno dello stesso Paese. Il contenuto dei messaggi che viaggiano sulla rete di telecomunicazioni mondiale non pu pi dunque essere ritenuto segreto. Il sistema si basa su una rete di strutture come satelliti e stazioni di rilevamento radio. Contemporaneamente, i 96
03/2002

computer posti in ogni stazione di Echelon cercano tra i milioni di messaggi intercettati quelli contenenti parole chiave (per esempio nomi, localit, argomenti) stabilite di volta in volta. Echelon stato oggetto di una interrogazione dellUnione europea, perch avrebbe consentito di usare informazioni commerciali riservate.

q Lingegnere genetico colui che lavora nel campo delle biotecnologie. In pratica, studia e analizza le caratteristiche biologiche e il patrimonio genetico degli organismi, ed eventualmente interviene su di essi modificandone le caratteristiche. Fino a qualche anno fa, ma il percorso pu essere ancora valido, i biotecnologi provenivano dalle facolt di agraria, biologia, medicina, farmacia, chimica e tecnologia farmaceutica. Alla laurea di tipo scientifico (5-6 anni) doveva in ogni caso seguire un dottorato di ricerca (3 anni) nel corso del quale venivano approfondite le materie dei campi nei quali si intendeva poi praticare: agroalimentare, farmaceutico, medico, ambientale. Con lavvento del nuovo ordinamento universitario, per, sono stati istituiti corsi di laurea triennali in biotecnologie, nei quali si affrontano esami di chimica, biologia molecola-

Un archivio di cellule congelate.

re, genetica. Luniversit di Milano, per esempio, ha ben 5 corsi con orientamento diverso: biotecnologie agrarie e vegetali, farmaceutiche, industriali e ambientali, mediche, veterinarie. Altri corsi si tengono a Torino, Napoli e Trieste.A queste lauree brevi possono seguire dottorati di ricerca e master specifici. Gli sbocchi professionali pi comuni sono nellindustria agro-alimentare e chimico-farmaceutica, o ancora nelle strutture pubbliche sanitarie e universitarie.
www.biotecnologi.org/ home_it.html un sito di coordinamento per gli studenti interessati alle biotecnologie.

Perch tra una generazione e laltra intercorrono 25 anni?


Domanda posta da Vincenzo La Rocca di San Sebastiano al Vesuvio (Na).

una convenzione anni basatovalore di statistica: il 25 sullet del primo parto. In Italia in realt questa et pi elevata, ed passata da 25,2 anni nel 1981 a 29 nel 2001. Il numero va per considerato come media relativa alla maggior parte della popolazione. Restano comunque differenze regionali e socioculturali che possono abbassare notevolmente o procrastinare let della prima gravidanza, cos accorciando o allungando lintervallo

Nel disegno, monitoraggio via satellite.

che intercorre tra una generazione e laltra. Nel sud Italia, per esempio, il primo figlio nasce intorno ai 27 anni di et, mentre al nord stanno aumentando in proporzione maggiore le donne che hanno la prima gravidanza oltre i 35 anni.

Sprint
Qual il principio su cui si basa il funzionamento degli aerei a reazione?
Domanda posta da Alessandro Renzi, Cesena.

principio dei I lreazioneilfucilemotorifaa quello che arretrare (reazione) quando viene sparata una pallottola (azione). In particolare, il motore a reazione degli aerei consiste in un tubo contenente una serie di ventole in rotazione (compressore). Quando laereo in volo, laria che entra nel tubo viene accelerata dalle ventole e portata ad alta pressione. In questo flusso daria (ancora allinterno del tubo) si immette combustibile che viene incendiato, provocando unulteriore espansione e quindi un aumento della velocit alla

Perch la fede nuziale viene messa sulla mano sinistra?


Domanda posta da Fabio Meazza, via e-mail.

La bandiera sulla Luna sventola?


Domanda via e-mail.

alcun moN onlaesiste deveper il tivo religioso quale fede essere portata sullanulare della mano sinistra. La tradizione dellanello, che gli sposi scambiano il giorno del matrimonio, di antiche origini germaniche ed poi passata nelle consuetudini romane. Solo nel tardo Medioevo per stata ufficialmente adottata nelle cerimonie nuziali. Lusanza di mettere lanello di fidanzamento e la fede nuziale proprio nel quarto dito della sinistra si dice invece che sia stata ispirata da una credenza popolare secondo la quale dallanulare scorre una vena, che veniva chiamata vena amoris, che conduce direttamente al cuore.

s Quella piantata da Neil Armstrong, comandante dellApollo 11, nel corso della prima missione sulla Luna, era una bandiera vera. Venne per inserita in un telaio rigido di metallo, per dare limpressione di essere tesa dal vento, nonostante sulla Luna non ci sia aria, quindi neppure turbolenze.

Spaccato di un motore a reazione.

Perch la foresta Umbra si chiama cos?


Laura Bolli, Roma.

quale laria fuoriesce allestremit del tubo. Una parte dellenergia della combustione viene recuperata da unaltra serie di ventole

(turbine) e utilizzata per mantenere in rotazione il compressore. Per la precisione, questo sistema prende il nome di turbogetto.
Un gesto che risale al Medioevo.

Gli animali, come gli uomini, circolano liberamente in Europa?


Domanda posta da Mariangela Fornari, Mezzenile (To).

nel N o. Portare conunscane nord Europa o un gatto richiede una serie di pratiche, ed necessario organizzarsi con alcuni mesi di anticipo. Ogni Paese ha una modulistica specifica e regole proprie, che possono inasprirsi nel caso di epidemie. Alla base di queste norme ci sono motivi igienico-sanitari: gli animali sono visti come potenziali portatori di malattie (per esempio la rabbia). In Inghilterra, dove le regole sono particolarmente restrittive, vige il Pets, Pet Travel Scheme (pet in inglese significa animale daffezione). I cani peri-

colosi (come i pit bull, il dogo argentino e simili) non sono mai ammessi. Se trovati vengono soppressi e il loro padrone denunciato. In Inghilterra e altri paesi, gli animali devono avere anche un microchip di identificazione e un certificato di espatrio rilasciato dal servizio veterinario della Asl, accompagnato da una dichiarazione del veterinario, che confermi lesecuzione di trattamenti contro pulci e vermi e la vaccinazione antirabbica, compreso il richiamo, confermata da due esami del sangue a distanza di sei mesi luno dallaltro.

s Il nome significa ombrosa, e non ha nulla a che fare con la regione Umbria. La foresta Umbra infatti una riserva naturale situata in Puglia, sul promontorio del Gargano (Foggia). In prevalenza costituita da faggi, con alberi centenari, un residuo di una selva millenaria. la pi estesa foresta di latifoglie italiana: 10.500 ettari.

vero che le cellule si suicidano?


Domanda posta da Rosa Alessandrini, via e-mail.

a prima Lapoptosidocumentazione del suicidio cellulare o (dal termine greco che indica la caduta stagionale delle foglie) risale al 1965. La cellula perde rapidamente volume, il nucleo si disgrega, i cromosomi si frammentano, e in meno di due ore si crea un grumo proteico che viene poi fagocitato dalle altre cellule. Inizialmente si riteneva che lapoptosi fosse dovuta esclusivamente a eventi traumatici. Si invece poi scoperto che ha un ruolo centrale nel ricambio cellulare. Ed molto im-

Favorisca i documenti
Un cane alla dogana. Gli animali subiscono severe restrizioni ai viaggi, per motivi igienico-sanitari.

portante nello sviluppo embrionale. Lembrione elabora la propria forma attraverso un procedimento paragonabile alla scultura: la morte di alcune cellule, per esempio, crea lo spazio che delinea le estremit degli arti. Lapoptosi riveste un ruolo anche nella formazione sia del sistema nervoso centrale sia del timo, un organo determinante per il funzionamento del sistema immunitario.

A cosa si riferiscono i gradi riportati sul vino?


Ariano Di Salvatore, Citt SantAngelo (Pe).

In grigio, cellule con apoptosi in corso.

s Il grado alcolico che viene scritto sulletichetta dei vini e dei liquori indica la percentuale di alcol etilico (etanolo) presente nel liquido, ovvero quanti millilitri o centimetri cubi di alcol etilico ci sono in 100 ml o cm3 di vino. Per esempio, in un vino a 11, c l11% di alcol etilico. Secondo la legge italiana, la gradazione alcolica minima dei vini messi in commercio di 10, ma per i vini Doc stabilita dai singoli disciplinari di produzione.

98

03/2002

Da che cosa deriva la parola lesbica?


Domanda posta da Simone Di Gesto, Napoli.

parola L aca derivalesbida Lesbo, lisola dellarcipelago greco dove, intorno al 630 a. C., nacque e visse parte della sua vita la poetessa Saffo. Nella sua casa, Saffo ospitava una comunit educativa e nello stesso tempo religiosa, artistica e omosessuale, formata da fanciulle in et prematrimoniale. Nellantica Grecia, istituzioni analoghe esistevano ed erano molto diffuse, anche se di solito erano riservate ai giovani maschi.
Il meeting Wto a Doha (Qatar).

Le sommeil (Il sonno) quadro di Gustave Courbet, 1866.

Saffo, secondo antiche fonti, fu sposata a un mercante ed ebbe dei figli. Secondo altri autori, tra i quali il poeta latino Ovidio, la poetessa si innamor del bellissimo Faone e, re-

spinta dal giovane, si uccise gettandosi dalla rupe di Leucade. Gli aggettivi saffico e lesbico, per definire lamore tra donne, vennero utilizzati a partire dal Rinascimento.

Quali sono le ruote del Super Enalotto?


Domanda di Giuseppe Sevidio, Rivara (To).

Cosa sono i Trips?


Domanda posta da Andreina Pizzi, Orvieto (Tr).

P er vincere al Superenalotto si deve indovinare


il primo numero estratto in 6 ruote del gioco del lotto. Quali siano, lo ha stabilito larticolo 3 del regolamento. La scelta stata condizionata dal desiderio di una distribuzione geografica omogenea: una al nord (Milano), due al centro (Firenze e Roma), due al sud (Napoli e Bari) e una nelle isole (Palermo). Per la vincita di seconda categoria (il 5+1) si deve indovinare il primo estratto della ruota di Venezia (ancora al nord), detto numero complementare insieme a 5 degli altri numeri estratti.

sulla proI Trattati Trips (Trapriet intellettuale noti come de-Related Aspects of Intellectual Property Rights) fanno parte degli accordi dellOrganizzazione Mondiale del Commercio (Wto), un organo nato con lobiettivo di abbattere ogni barriera al libero scambio di merci e servizi. I Trips coprono tutte le aree relative al commercio: software, marchi, disegni industriali, brevetti, e dovrebbero estendere il rispetto del pagamento delle royalties, i diritti dautore, a tut-

to il pianeta. La protezione prevista dai Trips, e quindi il pagamento delle royalties, non riguarda solo le invenzioni ma anche le scoperte come geni e cellule, che siano vegetali, animali o umane, cosa che ha provocato non poche contestazioni. Per saperne di pi:
Su Internet: www. wto.org/english/ tratop_e/trips_e/ tripfq_e.htm pagina di Faq (domande frequenti) sui Trips nel sito della Wto (in inglese).

Tecnologia
Nello spazio con un casco doro
incute L aspetto timore.un po di In realt il casco color oro serve a proteggere gli occhi (due telecamere) di Robonaut, il modello pi avanzato di robot costruito nei laboratori della Nasa, lente spaziale americano. La testa ricoperta di materiale acrilico, trattato per resistere a temperature molto basse, ma la parte pi tecnologica di Robonaut sono le mani (v. a pagina 110), dalle capacit quasi umane.

Le straordinarie capacit dei robot pi recenti: sorridono, avvitano bulloni, salgono scale, cantano...

Androidi neonati
106
03/2002 03/2002

107

Non sempre i nuovi robot hanno un corpo: a volte sono solo faccia, gambe o torso

Un sorriso... di silicone
el laboratorio Fumio NscienzedellUniversit Hara di di Tokyo, si tenta di dare ai robot un volto il pi possibile simile a quello umano. Questo prototipo di faccia-robot ha gi imparato a riprodurre sei espressioni: gioia, tristezza, disgusto, rabbia, paura e sorpresa. Le espressioni vengono disegnate al computer dagli studenti, che poi studiano i circuiti pi adatti a fungere da muscoli per muovere la pelle di silicone nel modo giusto.

Androide rockstar
Si chiama Pino, ed una rockstar: un piccolo robot, protagonista del video girato per promuovere lultimo 33 giri della cantante Hikaru Utada (il pi venduto nella storia del Giappone). Pino molto popolare in Giappone.

La faccia-nonna
Prototipo precedente della faccia realizzata allUniversit di Tokyo.

Modello ballerino
Il robot Wabian-rii stato realizzato allo Humanoid research lab dellUniversit di Tokyo. Serve per perfezionare la locomozione dei robot: infatti un esperto camminatore, tanto che riesce perfino a ballare. Lespressione impostata a mano sulla faccia-robot.

108

03/2002

03/2002

109

Cyber-operaio telecontrollato
sta per R obonautmesso a essere punto nei laboratori della Nasa. In questi mesi ha imparato a manipolare gli oggetti alla perfezione: riesce perfino a infilare una vite in un bullone. Sa usare il cacciavite e la pinza. I tecnici della Nasa sperano di poterlo usare entro un anno o due per le piccole riparazioni sulla Stazione spaziale internazionale. Robonaut ha le braccia ma non le gambe: in assenza di gravit non gli servirebbero. Il robot astronauta pu essere completamente guidato a distanza, anche dalla Terra.

Il cyberastronauta avvita e svita con dita pi sicure di quelle umane. Ma non ha gambe: nello spazio non servirebbero

110

03/2002

03/2002

111

Oggi i robot sanno correre e fare le scale. Eppure, per farli camminare, ci sono voluti decenni

Corri ragazzo, corri...


(Advanced step A simogiocattolo della in innovative mobility) lultimo Honda: un robot che ha la taglia di un bambino di 7 anni e pesa solo 43 kg. Si comanda con un semplice joystick che permette di fargli cambiare rapidamente direzione e di fargli accelerare il passo. Ne esistono due esemplari, usati per studiare come si bilancia il peso del corpo del robot mentre cammina. Obiettivo: prevenire le cadute, che possono provocare danni gravissimi.

Allombra dei circuiti


gambe: T orsoeeha mossosii chiama M2 primi passi un anno fa. Cammina oscillando a destra e sinistra, come un pendolo. Le gambe (che nella foto stanno davanti a quelle del suo ideatore, Dan Paluska) sono dotate di uno scheletro in alluminio e fibra di carbonio, di un sistema nervoso, formato da sensori e circuiti elettrici, e di muscoli in acciaio. stato costruito al Mit Leg Lab (Usa), in futuro sostituir i soldati in missioni pericolose.

Programmato per salire


avanti, C ammina eindirobot aNon indietro lato. solo: lunico fare le scale con il passo svelto di un atleta. Si chiama H7 e lo hanno messo a punto allInoue-Inaba robot lab dellUniversit di Tokyo. H7 stupisce per la naturalezza con la quale muove i piedi: una capacit data quasi per scontata nelluomo, ma difficile da ottenere in un robot. H7 dotato di sensori che lo avvertono per tempo dellaltezza del gradino e della posizione dei piedi.

112

03/2002

Mondo

Singapore 3000
Non spegnete quelle luci
Singapore unisola grande 3 volte lElba. collegata con un ponte alla Malaysia, da cui compra persino lacqua. uno degli Stati pi ricchi del mondo ma la crescita economica, dal +9,9% del 2000 passata al +2,2% del 2001. Questanno si teme un -2%.

Singapore

Oggi la citt-Stato dei grattacieli e delle multe in crisi. Ma guarda avanti. Molto avanti
uando gli organizzatori del World Toilet Summit hanno deciso dove svolgere il primo convegno mondiale con i 500 massimi professionisti della pulizia dei bagni pubblici, non c stata discussione: Singapore. Conoscete un altro Paese dove di sciacquoni e luccichio delle piastrelle si discute in Parlamento? 16 marzo 2001: il ministro dellAmbiente Sidek Saniff annuncia ai deputati che il piano quinquennale Bagni pi puliti ha avuto successo. Lindice di soddisfazione, con voto da 1 a 10, passato dal 6,8 del 96 a un pi onorevole 8,3. Applausi, subito smorzati: Il governo si impegna a migliorare. q Pip e tigg Nei bagni di alcuni alberghi, come lAna Hotel, si trovano, dal basso verso lalto, orinatoio, tasto per lo scarico e tiv con la Cnn; le toilette nello zoo hanno invece muri in pietra e vegetazione per dare agli utenti la sensazione di stare nella natura. Bizzarrie? No,

Lo spillo indica Singapore, indipendente dalla Malaysia (in rosso) fin dal 1965.

c del metodo in questa follia tutta singaporiana di occuparsi di vespasiani, tecno-vespasiani ed ecovespasiani. Ordine e pulizia non sono un vezzo, ma ingredienti base della ricetta che ha portato unisola grande 3 volte lElba, e con il record di popolazione per km2 (14 volte quella del Sud Corea e 33 volte quella dellItalia), a essere la nazione dei primati. Dai bagni alle sale vip dellaeroporto, per tutto c una classifica. E lansia del miglioramento la dice lunga anche su quello che potr essere il futuro. Alle prese con la pi grave crisi della sua storia, la formica-Singapore vive infatti una fase cruciale. Da una parte lingresso nel Wto (Organizzazione mondiale del commercio) dellelefante-Cina pu portarla ancora pi in alto o schiacciarla. Dallaltra la caduta verticale della domanda di elettronica e semiconduttori, su cui ha fondato 10 anni di crescita a salti del +8% lanno, obbliga i governanti-manager di questo Statoazienda a trovare una nuova missione. Per sopravvivere.

Per ripartire: 1 Turismo...


Il mega acquario di Sentosa, una delle grandi attrattive turistiche.

2 Nuove meraviglie...
I padiglioni dellauditorium: sembrano occhi di una mosca.

3 Servizi deccellenza
284 banche, 70 grandi alberghi, 10 convegni mondiali ogni anno.
03/2002

114

03/2002

115

Nel 1819 cerano mille abitanti. Oggi sono 4 milioni


q Grattacieli naturali Molti aspetti dellaSvizzera dOriente divertono o scandalizzano gli occidentali.A partire dallurbanistica, rigidamente improntata assicurano - ai principi del Fengshui, la millenaria arte cinese della disposizione degli oggetti in armonia con gli elementi naturali. I grattacieli e le 284 banche del Business district sorgerebbero lungo la curva del fiume perch per i cinesi quella la pancia del pesce, sede della ricchezza. Limponente Ritz Carlton avrebbe tre archi alla base per deviare le energie negative della vicina superstrada, cos come le colonne a organo del Furama Hotel non avrebbero alcuna funzione estetica: semplicemente neutralizzerebbero linflusso nefasto del vicino tribunale. Quel che certo che migliaia di singaporiani, per decidere dove mettere un letto o una pianta, spendono patrimoni in consulenze di geomanzia, specie in uno dei 64 negozi della catena Way OnNet Group (opera anche via Internet in tutto il mondo per 2.360 , 4,5 milioni di lire, servizio completo). q Proteste registrate Stupiscono anche alcune caratteristiche del sistema politico-sociale, definito dai suoi dirigenti una democrazia adattata. Il Pap, al potere da sempre, alle ultime elezioni ha avuto il 75% dei voti, 82 seggi su 84 e in 55 collegi nessun rivale: per candidarsi bisogna pagare un deposito cauzionale di una ventina di milioni, restituiti solo se si raggiunge il 12,5% dei voti. Inoltre 8 giornali su 9 sono della Singapore Press Holdings, presieduta da un ex capo della sicurezza (il 9 della societ che ha tutte le televisioni); e se c come a Londra un Hyde Park corner dove chiunque pu dire ci che pensa, bisogna prima registrarsi nel vicino chiosco della polizia. Comunque niente impedirebbe ai singaporiani di votare per lopposizione, se lo volessero. Ma non sembrano interessati ha scritto il settimanale inglese The Eco116
03/2002

Arrivano 220 navi al giorno


Il porto di Singapore il primo al mondo per traffico: 80 mila navi e 67 milioni di container lanno.

Sensori e telecamere ovunque: c un Grande Fratello a dirigere il traffico


rete stradale L aporeintelligente di Singa presidiata dal sistema governato dalla Land Traffic Authority. Quasi ogni infrazione viene filmata e sanzionata: dopo 24 punti la patente sospesa. Sulle arterie extraurbane, auto e moto della polizia (spesso camuffate) fanno rispettare i limiti. s Meno auto private Per evitare congestioni, oltre alla tecnologia, Singapore fa ricorso ad altri 2 sistemi. Il primo: scoraggiare luso di auto. Per una di media cilindrata, solo il diritto di circolazione costa circa 15 mila (quasi 30 milioni di lire), con le tasse finisce con il costare oltre 50 mila (circa 100 milioni). s Pi mezzi pubblici Il secondo: taxi a buon prezzo, autobus frequenti e una metropolitana efficientissima. Non mai affollata e a bordo si pu normalmente telefonare.

Centrale di controllo. Cuore del sistema: con 26 monitor, da qui si governa la rete.

Segnali luminosi. Danno notizie di incidenti e indicano i tempi di percorrenza.

Cancelli elettronici. In centro nelle ore di punta si paga. Come il telepass, tutto via onde.

Sito internet. Sempre aggiornato, calcola anche i tempi di percorrenza previsti.

Semafori con telecamera. Una rete di telecamere sui semafori registra ogni infrazione.

Autobus. I bus hanno telecamere per filmare chi viaggia in corsie riservate.

Taxi. Alcuni taxi hanno un sistema Gps: la centrale sa che strada fanno e in quanto tempo. A Singapore i taxi sono economici.

Incroci sorvegliati. Sensori registrano il flusso e le code di auto ai semafori.

Comprare s, ma dove?
A sinistra, linterno di uno shopping center. Solo nella centralissima Orchard road ce ne sono un centinaio.

Chi annusa perduto


A destra, durian, il frutto locale (anchesso per importato) gradevole al gusto ma di odore davvero insopportabile.

nomist. Si occupa di tutto lo Stato: siamo come bambini troppo cresciuti di genitori iperprotettivi si legge in un sito Internet dellopposizione, pi volte intimorita con querele per diffamazione. q Chewing gum fuorilegge Infine, non possono che far sorridere i cartelli dei mille divieti ap-

pesi ovunque; stampati su adesivi e magliette sono i gadget pi richiesti dagli 8 milioni di turisti che visitano ogni anno the fine city (nel doppio significato citt bella e citt della multa). I singaporiani, per, riderebbero dei cartelli italiani dove scritto assolutamente vietato, rigorosamente vietato... Se vietato vietato.

Come ben sanno anche i dirigenti della multinazionale Pharmacia. Visto che a Singapore proibito fumare quasi ovunque (e buttare mozziconi o cartacce per terra pu costare 500 dollari locali, ossia 303 , oltre 600 mila lire), sembrava una buona idea vendere le gomme da masticare alla nicotina, utili per chi vuole smettere. Peccato

che dal 1992 a Singapore sia vietato importare e vendere chewing gum (1 anno di galera pi 6.072 , quasi 12 milioni di lire, di multa). q Sir Raffles e Mr Lee Pulizia, divieti, fustigazioni in piazza (lultima volta toccato a un inglese che rigava le auto con una chiave) e traffico iper-regolato

(vedi riquadro sopra) non sono che strumenti di un sistema che pone al primo posto lefficienza, che ha la competizione e il successo come marchio di fabbrica. Questa ex colonia britannica nacque con mille abitanti nel 1819 dallintuito di sir Stamford Raffles che mise gli occhi su una baia strategica per i commerci fin dai tem-

pi degli arabi, e poi dei mercanti portoghesi e olandesi di sete, broccati e spezie. Dellepoca, assieme alle case colorate che impreziosiscono Clarke Quay e Boat Quay, le passeggiate piene di ristoranti del lungofiume, si sono ereditate anche le regole. Ma con qualche scorciatoia. Ci si accorge che il chewing gum impiastriccia lasfal-

to e soprattutto le fotocellule allingresso della metropolitana? Ecco una legge che lo proibisce. La droga pu essere un cancro nella citt-ponte fra il Triangolo delloppio e il mondo? Semplice, noi i trafficanti li appendiamo dice la guida ufficiale del Tourist Board, indifferente lui, come il governo, agli appelli di Amnesty internatio03/2002

117

Il paradigma della poltrona


dordine: uscire dalla P arolacon investimentiinstraorcrisi una spinta avanti. Per questo, dinari, accordi con le multinazionali per nuovi prodotti e accelerazione delle opere pubbliche: lauditorium di fronte alla statua del Merlion (il leone-pesce simbolo della citt), il Terminal 3 dellaeroporto Changi (sempre 1 nelle classifiche di qualit), la nuova monorotaia di collegamento con lisola turistica di Sentosa, il dragaggio del fiume per far circolare motoscafi-taxi... Investimenti aerei. Insomma, proibito stare in poltrona. Eppure proprio una poltrona, quella per la business class della Singapore airlines (costa 54 mila , oltre 100 milioni, la fanno in Italia, a Latina), spiega bene la filosofia di Singapore e della sua compagnia di bandiera, un fiore allocchiello dello Stato. Le risposte al calo dei profitti dell88%, sono s prepensionamenti e taglio di rotte, ma anche investimenti in qualit (come il nuovo B777-200 sulla Roma-Singapore). Senza rinunciare al Dom Perignon (16 milioni di lanno), ai menu studiati da 8 chef internazioGettare nali e al video on rifiuti costa demand per tutti i molto caro. passeggeri.

Il bucato si stende cos


A sinistra, una strada dello storico quartiere di Chinatown: di origine cinese il 77% della popolazione. Sopra, uno dei palazzi costruiti dal governo. In appartamenti statali, comprati con mutui bassi, vive il 65% dei singaporiani.

proibito chiedere lelemosina: anche la beneficenza regolamentata dal governo


nal. Singapore oasi-felice potrebbe essere assaltata dai disperati dellAsia? Ospitiamo quasi 600 mila immigrati. Ma dei clandestini non ci interessa n da dove vengono n che problemi hanno: li arrestiamo e poi li rimpatriamo dice un funzionario del ministero del Lavoro (e meno male che addetto alle pubbliche relazioni!). q Soldati per sempre In sintesi, tutti gli stereotipi su Singapore sono veri. Ma innegabile anche che il pugno di ferro e la dittatura democratica imposta al Paese fin dal 1965 dal suo ri-fondatore Lee Kuan Yew hanno consentito indipendenza e sviluppo. Dal 1990, Lee Senior minister, in pratica un consigliere ascolta118
03/2002

tissimo del primo ministro Goh Chok Tong, considerato un abile segnaposto in attesa che salga al potere il primogenito di Lee, e da qualche mese non fa che parlare di come portar fuori la Repubblica dalla pi grave crisi della sua storia: giura che sar pronto anche a uscire dalla tomba per difendere la sua Singapore. Ossia un Paese di quasi 4 milioni di abitanti che non ha alcuna ricchezza naturale ma al quinto posto nella classifica mondiale del reddito pro capite, una citt tollerante dove convivono cinesi (77%), malesi (14%), indiani (7,6%), si parlano quattro lingue (inglese, mandarino, malese e tamil), ci sono 12 cucine nazionali. A 37 anni dallindipendenza, c Chinatown e Little India, la cu-

pola doro della Sultan Mosque e le coloratissime statuine sulla facciata del tempio ind. Ognuno conserva cibi, tradizioni e scuole ma tutti, apparentemente senza differenza, fanno i manager, i tassisti, i soldati. La leva dura 3 anni e

Lee, il pap di tutti


Lee Kuan Yew, il padre-padrone. Presto governer suo figlio.
v

Cabinovia con... cenetta


Sulla cabinovia di Sentosa si pu anche cenare.

3 chilometri 2 mondi
Johor Baharu, in Malaysia, vista dalla parte nord di Singapore. Un ponte lungo 3 km collega i due Stati. Il 99% di ci che si consuma nella citt-Stato viene importato. Poliziotti giocattolo: nel 2001 il crimine calato del 15%. Singapore Airlines, prima nella classifica di qualit di Altroconsumo.

Il vizio pi diffuso? Picchiare le 140 mila colf straniere


poi si viene spesso richiamati: suona un cicalino, in 24 ore si va in caserma per stare unora, un giorno o per essere spediti in addestramento in Australia.Altra curiosit: non avendo uno spazio aereo, ogni volta che un caccia decolla deve chiedere il permesso alla Malaysia. q La sfida dei servizi Di suo, Singapore esporta solo orchidee, eppure il porto, con 67 milioni di container lanno, dopo aver superato Rotterdam il pi 120
03/2002

trafficato del mondo. Non ha una goccia di petrolio, ma il secondo raffinatore del mondo. Lo Stato-mamma indirizza telecomunicazioni, trasporti marittimi e aerei, banche, propriet immobiliari, industrie tecnologiche, tutte controllate da gigantesche holding come la Temasek. E restando il meno corrotto dellAsia (5 volte meno di Hong Kong secondo lautorevole indice internazionale Perc) ha affrontato la recessione con

manovre fiscali, grandi opere pubbliche (v. riquadro nella pagina precedente), un programma di riqualificazione professioOpera teatrale a Singapore, dove ci sono festival tutto lanno.

nale per 1 milione di lavoratori e soprattutto lanciando una sfida. Singapore deve diventare la capitale asiatica delle arti, del turismo, dei servizi, di uneconomia basata sulla conoscenza, allavanguardia soprattutto nellalta tecnologia. In fondo una ricetta che rimbalza dallAmerica allEuropa, al Giappone. Su innovazione ed eccellenza, oltre che sui bagni, a Singapore per ci sanno fare. s Livio Colombo

Nuove malattie: la sindrome da sms

Sintomi: ipertrofia dellarto superiore e spasmi incontrollabili al pollice


03/2002

125

968,4 128 535,2 243 194,5 841,4 402,8 565,5 516,1 379,4

I confini invisibili
Stanno in Campania gli italiani pi litigiosi
Campania, Calabria, Basilicata e Puglia. Sono tutte al Sud le regioni in cui abitano gli italiani pi litigiosi. Un esame del numero di cause civili intentate nel 1998 in materia di lavoro, previdenza e assistenza ha permesso di stilare una graduatoria dellindice di rissosit degli italiani. I pi buoni sono risultati gli abitanti del Trentino - Alto Adige, con 128 controversie ogni 100 mila abitanti, molto poche paragonate alle oltre 2 mila di ciascuna delle 4 regioni pi litigiose. Tranquilli anche veneti, lombardi e friulani. In termini numerici, va sottolineato che il 41,2% dei procedimenti totali interessano Puglia e Campania, che contano solo per il 16,3% della popolazione complessiva.

491,2 1176,1

1175,1 508,1 2191,6 2657,4 563,3 2467,9

2619,2 1051,6

Rossi di rabbia
La cifra sulle regioni indica il numero di cause civili (in materia di lavoro, previdenza, assistenza) per 100 mila abitanti, il colore il quoziente di litigiosit.

Non avevano detto...


Nessun astrologo o veggente ha invece previsto: gli attacchi terroristici in Usa dello scorso 11 settembre e la conseguente guerra contro il terrorismo tuttora in corso; larresto di Slobodan Milosevic, ex presidente della Yugoslavia, la tragica vicenda di Erika e Omar,

500

1000

1500

2000

2500

11 settembre 2001. Le Twin towers colpite da 2 aerei dirottati.

La combinazione Daniela Ferolla, Miss Italia Marte-Saturno 2001. in data 11 settembre sembra influenzare lumore dellAmerica verso unampia e Miss Italia rasserenante sar Luciana possibilit di comprensione Campisi
Astra mensile di astrologia settembre 2001 Mago Bianco Oris La Sicilia, quotidiano 9 settembre 2001

Avevano detto...

la vittoria della Ferrari nel Campionato del Mondo di F1, la sorpresa del Chievo nel calcio, la scomparsa dellex-Beatle George Harrison.

126

03/2002

UNA LUCINA NEL BUIO


La luce emessa dalla lucciola si manifesta grazie allentrata in contatto di due sostanze. Per sapere quali sono, rispondete alle definizioni aiutandovi con i gruppi di lettere dati, e leggete poi le lettere nei cerchietti a zig zag.

IL PROVERBIO
Rispondete alle definizioni aiutandovi con i gruppi di lettere dati. Quindi leggete nelle verticali evidenziate con la doppia casella: apparir un noto proverbio. AN - IA - IS - LA - OM - ON - OP - PA - PA - PI - PR - RI - RO - SO - TO - TO DEFINIZIONI: 1. Citt della Cilicia dove Alessandro Magno vinse il re di Persia 2. Ognuno ha quello buono - 3. Costellazione dello zodiaco - 4. Fiume della Georgia russa - 5. Ubaldo pittore italiano 6. Era sostenuto dai guelfi - 7. Prima per il Carducci - 8. Mascate la sua capitale.

CA - CI - D - FA - FI - GO - L - LA - LE - M - NE - NU - O - O - OR - R - R - RI - RO - S - SO - TE - TO -TU - U - US - VA
DEFINIZIONI: 1. Il girino lo della rana - 2. Dinastia reale inglese - 3. Scrisse Lo straniero - 4. Fermo, stabile - 5. Orifizio di passaggio fra la bocca e la faringe... del leone - 6. Parte posteriore - 7. Passo delle Dolomiti - 8. Zona di una citt - 9. Uno sport.

BILABIRINTO
Questo un labirinto a due piani: quando si sui pallini grigi possibile salire o scendere, passando sul labirinto a fianco. Bisogna entrare dal lato in alto a sinistra e uscire da quello in alto a destra.

VENTINOVE FEBBRAIO
Chi nato il 29 febbraio invecchia meno degli altri perch compie gli anni di rado? Naturalmente no, ma vero che il 29 febbraio la data che si far attendere pi a lungo nel terzo millennio: ci sar da aspettare fino al 29 febbraio 2004. Il 29 febbraio 2004 cade di domenica, il 29 febbraio 2008 di venerd... Tenendo conto del giorno della settimana, qual il 29 febbraio che si far attendere di pi?

Che cosa ci aspetta?


q Sono interessato al futuro perch vi passer il resto della mia vita. Charles F. Kettering (18761958), inventore e uomo daffari americano. q Potete predire qualcosa solo dopo che successo. Eugne Ionesco (19121994), commediografo rumeno. un vuoto che non interessa nessuno. Lunico motivo per cui la gente vuole essere padrona del futuro per cambiare il passato. Milan Kundera (1929), scrittore ceco. q Per essere un profeta sufficiente essere pessimista. Elsa Trolet (1896-1970), scrittrice francese.
Eugne Ionesco

q Il futuro lunico tipo di propriet che i padroni concedono liberamente agli schiavi. Albert Camus (1913-1960), scrittore francese. q La pianificazione strategica va in crisi quando il futuro si rifiuta di assumere il ruolo assegnatogli dai pianificatori. Edward de Bono (1933), psicologo inglese. q Il guaio dei nostri tempi che il futuro non pi quello di una volta. Paul Valry (1871 -1945), Paul Valry poeta francese. q Un cinico non solo legge amare lezioni nel passato, ma anche prematuramente deluso dal futuro. Sydney J. Harris (1917-1986), giornalista e scrittore americano. q La miglior cosa del futuro che arriva un giorno alla volta. Abraham Lincoln (1809-1865), presidente degli Stati Uniti.

LINTRUSO A CENA
In ciascuna delle liste di formaggi, dolci, frutti e liquori sotto elencate c un intruso. Le prime due lettere di ogni parola clandestina, lette di seguito, formeranno il nome di un importante gruppo montuoso italiano. FORMAGGI: Castelmagno, Dozza, Murazzano, Robiola, Tamino. DOLCI: Cavalluccio, Loscione, Nevola, Plum Pudding, Zeppola. FRUTTI: Anacardo, Bacaco, Carruba, Litchi, Miasto. LIQUORI: Corfinio, Fiordalpe, Nocillo, Sassolino, Tirso.

q Se si sapesse di pi del futuro, il passato sarebbe ancora pi pesante. Elias Canetti (1905-1994), scrittore di lingua tedesca. q molto difficile prevedere, specialmente il futuro. Niels Bohr (1885-1962), fisico danese. q La gente ha sempre dichiarato di voler creare un futuro migliore. Non vero. Il futuro

q Il futuro lo conoscerete quando sar arrivato; prima di allora, dimenticatelo. Eschilo (525 ca.-456 a. C.), drammaturgo greco. q La cosa pi dolorosa che possa accadere a un profeta che qualcuno dimostri che ha torto. Al di l di questo, il peggio che possa capitargli che qualcuno dimostri che ha ragione. Aldous L. Huxley Aldous (1894-1963), scritL. Huxley tore inglese.

GIOCO DOPERAZIONI
Inserite opportunamente tutte le cifre da 1 a 9 in modo che eseguendo nellordine le operazioni indicate le tre uguaglianze abbiano come stesso risultato 1.

..... + ..... : ..... = 1 ..... x ..... : ..... = 1 ..... x ..... - ..... = 1


03/2002

129

I giochi sono a pagina 129

IL PROVERBIO

UNA LUCINA NEL BUIO

VENTINOVE FEBBRAIO
Il 29 febbraio che cade di marted: infatti ci sar solo nel 2028.

LINTRUSO A CENA
PIAZZA I DADI 2+1=6:2 4+5=3x3 5 1=2x2 Dozza + Loscione + Miasto + Tirso = DOLOMITI.

BILABIRINTO

TEST
Ogni termine della lista inizia con il nome di una diversa nota musicale: Dolores - Rebecca - Michela - Fabiana Solange - Laura - Silvana.

LOGICO-LINGUISTICO

WORDJAM
La parola : AMMASSATISSIMA.

LA STELLA DELLE PAROLE

GIOCO DOPERAZIONI
4 + 5 : 9 = 1 2 x 3 : 6 = 1 1 x 8 - 7 = 1

IL DISEGNO NASCOSTO
I N Q U AT T R O L I N E E

OPERAZIONI MULTIPLE
44 (44 x 3 x 7 x 9 = 8.316); 16 il quadrato di 4.

I NUOVI REBUS DELLAVVENIRE


In questa scala di note musicali non compaiono il MI e il LA; quindi, si pu scrivere: MI, LA? No! = Milano.

Il giro del mondo


Verne non avrebbe J ulesclic oggi possibile mai immaginato che con pochi realizzare quello che al protagonista di un suo celebre romanzo richiese 80 giorni: il giro del mondo. Qui ve ne proponiamo uno con un

in 15 clic (o in 15 mila, se volete): e tutto grazie alle webcam


occhio alle localit italiane, ma ciascuno pu organizzarsi il suo: basta collegarsi a uno dei tanti siti in cui vengono raccolte e catalogate le migliaia di webcam che trasmettono immagini da ogni parte del mondo. Voli senza prenotazione. Tra i pi noti e forniti ci sono www.earthcam.com e www.leonardsworlds.com/ camera.html, ma ne esistono anche altri. Www. steveweb.com/80clicks, per esempio, propone un tour gi organizzato in 80 clic in cui possibile in ogni momento consultare una mappa per vedere dove ci si trova; www. eurometeo.com/italian/web cam, invece, un motore di ricerca di webcam italiane ed europee che propone per ogni localit anche le previsioni del tempo, mentre www. camairlines.com/, una specie di agenzia di viaggi virtuale, offre le 240 migliori destinazioni del mondo: basta scegliere il volo preferito e si pronti a partire. Certo manca il suono (e gli odori), le immagini sono di qualit mediocre e spesso si aggiornano solo 2 o 3 volte al minuto. Con un po di immaginazione, per, tutto il mondo a portata di mano, anzi di mouse.

Trattamento di bellezza
Lo stesso viso virtuale elaborato usando i tradizionali algoritmi di computer grafica (met sinistra) e con il nuovo programma di Jensen (met destra), che calcola in modo pi preciso come la luce si diffonde sulle superfici come pelle, denti ecc.

1 Valtellina, Italia
Livigno e passo dello Stelvio. Si inizia con la neve.

2 Venezia, Italia
Canal Grande. Una finestra
sul canale 24 ore su 24.

3 Roma, Italia
Colosseo. Si pu controllare
a distanza la telecamera.

4 Napoli, Italia
Golfo e Vesuvio. Panorama dalla webcam di un ristorante.

5 New York, Usa


Time Square. Si pu muovere la telecamera.

http://webcam.popso.it/

turismo.regione.veneto.it/ webcam/body.htm

http://www.capitolium.org/ eng/virtuale/liveview.htm

www.ilnido.it/nidocam.htm

www.x-zone.canon.co.jp/WebVi ew-E/sites/java/nytimessq_j.htm

6 Niagara, Usa
Cascate del Niagara.
Da tutte le angolazioni.

7 San Francisco, Usa


Golden Gate. Uno dei
simboli dellAmerica.

8 Patagonia, Argentina
Ushuaia. La citt pi a sud
del mondo.

9 Antartide
Polo Sud. Leoni marini e spedizioni scientifiche.

10 Djuma, Sudafrica
Safari virtuale. Elefanti,
ghepardi e altri animali.

http://www.fallsview.com

http://www.mapwest.com/ ggbridgecamremote.html

http://www.tierradelfuego.org. ar/webcam/

http://www.antdiv.gov.au/ stations/macca/video.asp http://bat.phys.unsw.edu.au/~aasto/

http://www.djuma.co.za/

11 Londra, Gran Bretagna


Big Ben. Che ore sono a Londra? Guardatelo in diretta.

12 Parigi, Francia
Tour Eiffel. E una decina di celebri piazze parigine.

13 Mosca, Russia
Piazza Rossa. Con le schede che spiegano ogni monumento.

14 Gerusalemme, Israele
Muro del pianto. Lunica webcam sul Muro del pianto.

15 Tasmania, Australia
Clifton Beach. Per gli amanti
del surf sia virtuale sia reale.

Per riprodurre la pelle in modo pi realistico

http://www.camvista.com/engl and/london/bigben.php3

http://www.webcams-paris.com

http://www.kremlinKam.com/

http://aish.com/wallcam

http://www.coastview.com.au/ Clifton/clifton_camera.htm

CHIRURGIA ESTETICA DIGITALE


on le tecniche tradizionali di computer grafica (usate nella met a sinistra della foto qui sopra) era molto difficile riuscire a ricreare artificialmente pelle, denti, bocca e occhi in maniera realistica. Adesso,

Telefona la foto
una C ommunicamconsente piccola macchina fotografica che di scattare fino a 5 foto (con risoluzione 352 x 288 pixel) e poi inviarle attraverso un cellulare Gsm (la trasmissione dura circa 60) sotto forma di email. Funziona coi modelli Ericsson dotati di modem (dal T28 in su) e costa 232,41 (450 mila lire).

In Rete ci si sposa. E poi, nel caso, si divorzia pure


Internet cyberS uinnamoratii possono convolare a finte nozze tramite siti come www.matrimonionline. com. Chi si sposa davvero a Las Vegas pu invece trasmettere la cerimonia agli invitati virtuali sparsi per il mondo attraverso una web cam (www.little chapel.com). Se funziona solo il modem ma non il matrimonio, www. CompleteCase.com mette a disposizione, per 249 dollari (circa 280 euro) un programma interattivo che permette di divorziare senza lintervento dellavvocato. Documenti. Forniti tutti i dati necessari, si stampano i documenti compilati, con tanto di somma calcolata per il mantenimento dei figli, e si presentano in tribunale. Il servizio per i casi di divorzio consensuale ed offerto per gli Stati di Washington, della California e della Florida.
Laura Lo Forti

per, Enrik Wann Jensen, un ricercatore della Stanford University (Stati Uniti), sembra aver risolto il problema. Luce diffusa. Ha infatti messo a punto un programma che calcola con estrema precisione il

modo in cui la luce si diffonde sulle parti traslucide del corpo umano, come la pelle, i denti, gli occhi. Per dimostrare la validit della sua tecnica alle principali case di effetti speciali sta anche cercando di costruire sul

proprio computer un Buddha interamente di giada, un materiale estremamente difficile da riprodurre. Nel frattempo, si pu gi vedere la differenza rispetto al passato (nella met a destra della fotografia qui sopra). s

La fotocamera da cellulare Communicam.

A destra in alto, il sito che trasmette le nozze via Internet. A lato, sito per il divorzio on line.

136

03/2002

3, Ci vogliono 5 secondi per estrarla...

Con il pannello che sta in una borsa

Pubblicit sprint
pi veloce pannelloI lpubblicitario delcomoda mondo? Si porta in una borsa e si monta in 15 secondi. Pu essere verticale o orizzontale con una superficie di 5,5 m2, oppure accoppiato a formare torri pubblicitarie alte 3 metri, o anche a forma di bandiera (ovale) appoggiata su uno stelo dacciaio e con una base che la mantiene in piedi. E con 4 fogli si pu fare un mini-stand. Cornice elastica. Lo si pu usare sullo sfondo in una presentazione al chiuso, o come boa di una gara di corsa allaperto o anche come insegna sul tetto di unauto. della tedesca Entdecker (e-mail info@ entdecker.com, tel. 0049/ 700/36833253, sito www. entdecker.com) sfruttando una cornice flessibile ed elastica che permette di piegare linsegna e che la apre automaticatamente appena estratta dalla borsa. Economica. Secondo Stefan Decker, titolare della societ, non c un prezzo fisso per il pannello flessibile: Facciamo un preventivo per ogni ordine in base alle dimensioni, che sono variabili, e alle immagini da stampare spiega. Quello che posso dire che costa meno di qualsiasi altra insegna. s

...e non pi di altri 5 per dispiegarla (foto 4). Foto 1 e 2, la borsa porta-insegna: pesa poco pi di 0,5 chilogrammi.

4 6
Dall este ro

5
...che pu essere montato da solo o con altri (foto 6). 5, la cornice elastica mette automaticamente in posizione il pannello...

Dallestero

Dallestero

Lo snowboard da salotto
on c neve? Fa troppo freddo? Non hai tempo o soldi per fare una settimana bianca? Nessun problema. Vai in salotto, attacca la tua tavola alla tv e vai. Con Play Tv Snowboarder della Radica (www.radicagames.com) la pista innevata diventa un optional. Slalom tra i divani. I movimenti del giocatore sulla tavola (foto a destra) sono interpretati da un computer che muove di conseguenza il suo corrispondente digitale sullo schermo, lungo quattro tipi di pista. Si pu partecipare a gare di slalom o di discesa libera.

Martello antiurto

4 ore di musica in 9 centimetri


piccolo C ercate il piapparece portatile chio per ascoltare musica? il nuovo Network Walkman Sony. Piuma sonora. Pesa solo 55 grammi, grande 9 centimetri per 2,5, pu immagazzinare 240 minuti di musica (con compressione Atrac3 o MP3). LNW-E10 ha 11 ore di autonomia e costa 462,23 euro (895 mila lire).
Mirko Mottin

Anche lo stile dello snowboarder viene valutato. Per tutti. Facile da installare (secondo i produttori) adatto dagli otto anni in su e costa 49,99 dollari, cio poco pi di 55 euro (107 mila lire).

A nche oggetti apparentemente


perfetti e immutati da decenni possono migliorare grazie alla tecnologia. Vibrazioni. Prendiamo per esempio il martello: il nuovo RoboHammer della Ridgid (www.ridgid.com/) riduce le vibrazioni grazie a un materiale antiurto inserito nella testa e ha limpugnatura ergonomica in 2 versioni: per destri o per mancini. In pi leggero: pesa meno di 230 grammi.

La lavapiatti diventa anche armadio


difetto delle L unicofanno risparmiareil lavastoviglie, che per resto ci fatica e tempo, che bisogna svuotarle. Prelevare piatti e pentole per metterli negli armadi un compito noioso, che capita spesso nei momenti meno indicati: per esempio quando bisogna mettere in lavapiatti una tazzina del caff e ci si accorge che nessuno lha svuotata. Da lasciare piena. Per risolvere il problema la Electrolux ha inventato Extreme (foto a destra) una rivoluzionaria lavapiatti-armadio. Ogni pasto, infatti, ha un cestello separato. E quando il contenuto lavato, pu rimanere l, perch Extreme anche un armadio. Purtroppo ancora solo un prototipo.

Arriva il quadriciclo a motore


marzo saranno D aomologati e(da Autodistribuiti anche in Italia espert, tel. 0372/37324, sito www.autoespert.com) i Bronco, piccoli veicoli (la definizione giusta dunebuggy) che vanno su qualsiasi terreno, consumano poco, si parcheggiano facilmente, si guidano senza patente (a 14 anni) e senza casco. Costeranno da 2.582 a 3.357 euro (5-6,5 milioni di lire).

03/2002

139

Modelli da carving, con sellino e griffati

Dall este ro

Rivoluzioni su slitta
ateriali hi-tech e design rivoluzionario. Come gli sci, anche la vecchia slitta cambia faccia. Dimenticate i modelli in legno: oggi si usano materiali allavanguardia, forme aerodinamiche e nuove soluzioni tecniche. Che curve! Snow Swinger C3 (informazioni: www.rudisport.de) per esempio un ibrido tra slitta e sci da carving (quelli sciancrati, che curvano pi facilmente). I suoi due pattini-sci sono mobili: possono scivolare in avanti uno rispetto allaltro. Il vantaggio? Si governa spostando il peso del corpo, permette di fare curve impossibili con una slitta tradizionale. Pesa 7 kg e costa 382 (circa 740 mila lire). In sella. Appoggia invece su un unico sci, creato con le tecnologie nate per il

carving, il sellino della tecnoslitta Balancer (informazioni: www.schlitten.ch): si pu piegare per il trasporto. Pesa 5 kg e costa 330 (639 mila lire). Se invece volete la slitta griffata, ecco la Porsche delle nevi. Dopo avere costruito per

decenni vetture di lusso, la casa automobilistica tedesca si cimentata infatti anche in uno slittino. in alluminio, leggerissimo e smontabile. Costa 228,27 (442 mila lire). Informazioni: tel. 049/8292911. s Giovanna Camardo
A destra, Balancer (330 ): met slitta, met snowboard. pieghevole e ammortizzata.

Cyberfascia
La fascia Reima con incorporato comunicatore Gsm. primo cybervestito in I lcommerciouna fascia con Smart 3305 della Reima, antenna e microfono incorporati sulla spalla: consente di sciare rimanendo in contatto, via Gsm, con gli amici. Costa 320 euro (620 mila lire).

2
Vado a sciare e sto seduto
Nella sequenza (1, 2, 3), una curva con Snow Swinger C3: fusione di sci e slitta. Si fanno curve spericolate, spostando il peso del corpo. Costa 382 .

Lo slittino griffato Porsche smontato (pi a sinistra) e montato. in alluminio, leggerissimo. Costa 228,27 .

Il monitor della scatola verde con le immagini delle 4 telecamere.

Un serpente boa in cucina poi, grazie Dora inserpente, Distribuito da Knzi a un (e-mail: info@
vandalici, per ricostruire la dinamica di incidenti, per vedere su tutti i lati durante manovre difficili. Il monitor pu essere usato anche per visualizzare navigatori, film e perfino la playstation. Prodotta dalla omonima societ (www.scatola verde.it), costa 1.187 euro (2,3 milioni di lire). non avrete pi bisogno del vicino forzuto per aprire un barattolo o avvitare il rubinetto che perde. Ci pensa Boa Constrictor, un piccolo strumento da cucina che avvolge tra le sue spire qualsiasi forma e materiale. La sua cinghia resiste a una trazione di 1.000 kg, ai solventi, agli oli e agli acidi.

La scatola nera per auto verde

kunzi.net), costa 7,75 (15 mila lire).

Mirko Mottin

e gli aerei hanno la scatola nera, le auto avranno la scatola verde: un sistema di sorveglianza basato su 4 telecamere che registrano, a motore fermo (in moto non ci sono limiti), fino a 6 ore di immagini e suoni sui 4 lati del veicolo. Anche film. Serve per individuare gli autori di atti
03/2002

Stringe, svita e avvita


Il Boa da cucina: per svitare tappi di barattoli (a sinistra) o avvitare rubinetti.

140

Comportamento

Si studia sempre, tutta la vita. Per questo serve un metodo.

Questi sono collaudati: danno risultati senza sprecare fatica...


Quattro passi nel fascismo
La cosiddetta tecnica dei loci consiste nel fissare nella memoria la successione dei luoghi di un percorso concreto e collegarli alle informazioni da ricordare. Questo esempio pu servire a memorizzare il periodo del fascismo. 1. Alla porta dingresso la foto del ritorno dei soldati dal fronte della guerra 15-18. 2. Allappendiabiti loccupazione delle fabbriche. 3. Al portascarpe la marcia su Roma. 4. Alla porta del soggiorno lassassinio di Matteotti. 5. Alla porta della cucina la centralizzazione della figura di Mussolini, insieme duce del fascismo e capo del governo con la delega ai ministeri chiave. 6. Sul frigo la guerra dAbissinia ricorda lavventura coloniale. 7.Sul fornello lAsse Roma-Berlino. 8. Nella spazzatura le truppe tedesche a Vienna... e cos via.

i comincia a studiare alle elementari, si continua alle medie, alle superiori, alluniversit. Credete di aver finito? Vi sbagliate: si studia tutta la vita. Per aggiornarsi, per imparare cose nuove, per cambiare lavoro, per prendere la patente, per far funzionare lultimo programma del computer. Ma nessuno insegna come studiare. Cio come prendere appunti (v. riquadro a pag. 150), come leggere quello che si deve studiare e come sottolineare (v. riquadro a pag. 148), come costruire una mappa per organizzare le idee (v. riquadro a pag. 147), quali strategie usare per memorizzare nomi e formule (v. riquadro a pag. 147). Ogni studente costretto a reinventare un metodo invece di migliorare e adattare a se stesso quelli gi esistenti e collaudati. Esistono infatti molti sistemi per migliorare il rendimento nello studio (e di conseguenza fare meno fatica). Ma bisogna adattarli alle proprie esigenze. Che possono essere diverse: c chi infatti ha bisogno di studiare un argomento in profondit (a loro dedicato larticolo a pag. 148) e chi invece ha solo urgente necessit di rimediare in tempi brevi a un quadrimestre di-

sastroso. Per esempio chi ha appena incassato una pagella da profondo rosso. Inutile perdersi danimo. Correre ai ripari possibile: ci vuole metodo e organizzazione. Ecco qualche esempio. q Tempi e metodi
v

1. Datevi delle priorit. La ma-

teria che vi piace meno e sapete peggio viene per prima. 2. Memori della prima legge di Parkinson, datevi dei tempi. La legge infatti recita: il lavoro si espande fino a occupare tutto il tempo disponibile. Dieci pagine si leggono in mezzora circa, ma se vi date due ore, le impiegherete tutte. Non fate neppure lerrore opposto: non presumete troppo dalle vostre forze. E allora come procedere? Con metodo. Segnate sul diario quando prevista linterrogazione (se fate luniversit segnate la data dellappello). Quante pagine dovete fare, e quanti giorni di studio avete? Dividete le pagine per i giorni: il risultato il numero di pagine da studiare ogni giorno. Potete studiarne di pi, non di meno. Evidenziate il pro-

Biennio rosso 2 4

5 3 Marcia su Roma Giacomo Matteotti

Mussolini Duce

Un buon metodo di studio consente di recuperare pi facilmente le insufficienze della pagella.

1 8 Invasione di Vienna Colonialismo 1915-1918 6

144

TECNICHE PER LO SPRINT FINALE


03/2002

Asse Roma-Berlino

03/2002

145

Scegliete la strategia pi adatta al vostro tipo di memoria


gramma sul diario e ripetete il procedimento per tutte le materie barcollanti, senza abbandonare quelle in cui andate bene. Quando esaurite il compito quotidiano, ricompensatevi. Per esempio con una serata al cinema o una partita a calcetto. q Fotografica o cinestesica?
3. Decidete qual il metodo di

LE MAPPE SERVONO A ORDINARE LE IDEE E A MEMORIZZARE


Vapore saturo Stati dell'acqua Brina Neve Vapore acqueo Gas Liquido Solido Ghiaccio
scrive largomento, per es. lacqua, ma pu essere anche la Rivoluzione francese o lInferno di Dante. Poi si aggiungono intorno le idee che vengono in mente: frutto di esperienza personale, letture, altre fonti, come fossero collegamenti di altrettante pagine web. Con lo studio la mappa avr sempre pi dettagli e per ripassare baster un veloce colpo docchio.

studio che pi vi si addice. Dipende dal tipo o dai tipi di memoria che avete sviluppato di pi. Per scoprirlo analizzate come prefe-

rite trascorrere il tempo libero. Tipo a. Amate guardare la tv, o i film, o mostre fotografiche? Se dovete cercare un indirizzo preferite leggerlo sulla cartina piuttosto che chiederlo a un passante? Se la risposta affermativa, allora molto probabile che la vostra memoria sia prevalentemente visiva, come per il 65% della popolazione. Vedete, leggete, visualizzate. Per voi sono ideali la tecnica dei loci (v. riquadro a pag. 145), le mappe, gli schemi, ma anche i diagrammi e le
Recitare, anche giocando, il ruolo dei personaggi studiati (qui il poeta tedesco Goethe) pu servire a farlo ricordare meglio.

foto. Ed importante come impaginato il libro di testo (titoli, sottotitoli e caratteri evidenziati). Tipo b. Ascoltate musica o la radio? Preferite farvi raccontare le storie piuttosto che leggerle? La vostra memoria ha componenti prevalentemente uditive, come il 30% della popolazione. Sfruttatele ascoltando le spiegazioni e le interrogazioni. Studiate con un compagno. Usate filastrocche, rime e anagrammi. Ripetete ad alta voce. Usate il registratore per registrarvi quando ripetete la lezione. Tipo c. Nel tempo libero siete un tipo attivo, fate sport o bricolage? Allora probabile che la vostra memoria cinestesica, cio legata al movimento, sia sviluppata, come nel 5% della popolazione: che preferisce muoversi, toccare, scrivere e fare. Sfruttatela: prendete appunti, fate sottolineature, schizzi, recitate interpretando i personaggi storici o letterari, e ripetete passeggiando. Ecco, di seguito, le tecniche pi efficaci per memorizzare meglio. q Tecnica dei loci forse la tecnica di memorizzazione pi antica. La utilizzavano persino Aristotele e Cicerone. Serve a ricordare la sequenza degli avvenimenti, i punti di un discorso, ma anche i capitoli di un libro, i fatti salienti della vita di un autore latino legandoli a punti nello spazio (v. esempio pratico sul fascismo nella pagina precedente). q Fate lattore Anche recitare aiuta a ricordare. Sempre partendo dallesempio

del fascismo usato per la tecnica dei loci. Con questa tecnica dovreste immaginare di essere voi quelli che tornano dal fronte della Prima guerra mondiale mutilati e senza lavoro. Ora andate nelle fabbriche, e fate gli operai che scioperano. Poi fate i fascisti della marcia su Roma con la camicia nera e un fare impettito. E sentite il pugnale che vi colpisce quando siete Matteotti e venite uccisi dai sicari fascisti. Interpretate quel ruolo finch vi entrato dentro con le sue emozioni, le braccia che si agitano, la scenografia intorno, e sfruttate le immagini del libro per ricostruire tutto quanto... q Gli acronimi Se dovete ricordare una sequenza di nomi senza senso, provate con la tecnica degli acronimi (v. riquadro nella pagina a lato). Una delle sequenze pi complicate e lunghe da ricordare quella delle Alpi da occidente a oriente. Vi ricordate lelenco: MArittime, COzie, GRAie, PEnnine, LEpontine, RETIche,Atesine, CArniche e GIUlie. Bene, se ve ne dimenticate sempre una, basta che vi ricordiate questa frase, trasmessa di generazione in generazione. MA COn GRAn PEna LE RETI Anna CAla GI E come ricordarvi la frase? Ovviamente immaginando unAnna (ne conoscerete una no?) con le mani doloranti che fa scendere le reti dalla sua barca. q Le associazioni ridicole Sono utili anche le associazioni di idee, e pi sono strampalate e ridicole, pi facilmente le ricorderete. Il lucumoLa quarta immagine per le Alpi Pennine, sono le penne del pappagallino (pennine) del nonno.

Memoria con emozioni


Per ricordare una sequenza di parole utile collegarle a immagini ed emozioni. Per esempio...

146

Il libro in una pagina


Una mappa grafica sugli stati dell acqua. 20 pagine stanno in una mappa. 200 in 10 mappe. Tutta la materia diventa unimmagine dice Mario Polito, psicologo che fa formazione agli insegnanti.

P er riassumere la la lezione, un libro, materia, lo strumento


Pioggia Nubi Nebbia Corso d'acqua Foschia
ideale la mappa, che sfrutta la memoria visiva e crea i collegamenti con le altre informaRugiada zioni presenti nel cervello. Gli studenti di Oxford che usano le mappe risparmiano due terzi del tempo e hanno voti pi alti. Al centro del foglio si

ne etrusco diventer un lumacone consiglia lo psicologo Mario Polito. Le Alpi Cozie? Una cozza! Pompeo fugge in Macedonia? Figuratevelo in costume da bagno che si tuffa in una tazza di frutta. Se immaginate Cesare che attraversa il Rubicone su un guado fatto di dadi da gioco formato gigante, vi ricorderete anche il dado tratto. I vostri stratagemmi possono anche essere a sfondo sessuale, tanto li sapete solo voi. In questo caso, fate attenzione a non rivelarli per sbaglio sotto interrogazione o peggio sotto esame. s
Se conoscete la battaglia di Lepanto, limmagine di una nave pu servire a ricordare le Lepontine.

Acronimi buoni per tutte le materie


isica VIVA LA REPUBBLICA ITALIANA cio V=RI, tradotto nella corrente elettrica, Voltaggio = Resistenza x Intensit. FORMA per ricordare che FORza = MAssa x Accelerazione. Energia = MARIA VERGINE al quadrato cio MAssa x VElocit

al quadrato. Francese Volete ricordare le consonanti che a fine parola sono mute? DePoSiTo GaZ X. Geografia Per ricordare i grandi laghi del Nord ci vuole MAGICO: Laghi MAggiore, Garda, Iseo, COmo.

Geometria FATTI VEDERE SABATO ALLE DUE: F+V = S+2. In ogni solido delimitato da facce piane, il numero delle facce sommato al numero dei vertici pari al numero degli spigoli pi 2. Scienze MAGROS sono i principali cereali: La settima immagine, un banco da macellaio, vi riporta alla mente le Alpi Carniche (carni-che).

Miglio, Avena, Grano (turco e saraceno), Riso, Orzo, Segale. Storia Per i presidenti della Repubblica: CASADEI: GROSSE SALE PER COSCACCIA (casa)De Nicola, EInaudi, GROnchi SEgni, SAragat, LEone, PERtini, COSsiga, SCAlfaro, CIAmpi. E lottava foto della sequenza, quella di tre ragazze di nome Giulia, per tenere a memoria le Alpi Giulie.

Il nome di Alpi Marittime deriva da mare: pensate allora alla spiaggia dove avete passato lestate.

Nel mare ci sono le cozze (e vi piacciono molto): ecco la seconda immagine per ricordare le Alpi Cozie.

Per ricordare le Alpi Graie potete pensare alla vostra compagna Gaia ( simpatica? Meglio).

La sesta immagine, un eretico sul rogo, ricorda le Alpi Retiche, cos come lateo le Alpi Atesine.

03/2002

I libri non bastano. Servono gli appunti, le sottolineature e...

FASE 2: LE REGOLE GENERALI

e per recuperare in poco tempo situazioni compromesse le tecniche di memorizzazione sono fondamentali, lideale per, se non ci sono emergenze, studiare regolarmente. E per riuscirci bisogna 1) non rimandare 2) essere motivati. E se non si vuole rimandare unattivit, il solo metodo farla subito scrivono Dianne Tice e Roy Baumeister della Case Western Reserve University. I due ricercatori hanno dimostrato che i procrastinatori hanno voti pi bassi e sono pi stressati, soprattutto nei periodi delle verifiche. Un buon metodo per non procrasti-

nare visualizzare passo per passo che cosa richiesto per raggiungere il risultato finale: in questo modo l80% degli studenti riesce a finire prima del previsto. Inoltre bisogna motivarsi allo studio non perch si obbligati o per far piacere ai genitori. Ma per interesse, per saperne di pi, per capire: Michael Berg dellUniversity of Massachusetts ad Amherst ha provato che si pi soddisfatti e si hanno migliori risultati. q A lezione Non bisogna confondere ascoltare con udire. Sono due cose diverse. Udire unattivit passiva,

Stare attenti e partecipare riduce la fatica dello studio.

ascoltare richiede lutilizzo del pensiero, una modalit attiva. Ascoltare non facile. labilit pi difficile da imparare a scuola dopo la lettura. Bisogna concentrare lattenzione su quello che viene detto e prendere appunti (vedere riquadro nella prossima pagina) sfruttando abbreviazioni, simboli, segni convenzionali.

q Quanto e quando studiare Ma attenti a non pretendere limpossibile. Se fate 10 ore di studio ininterrotto, renderete come se studiaste unora sola dice Ronald Blue dellIndiana University. Lattenzione pu restare concentrata da 20 a 50 minuti. Sfruttate questa scoperta e usate la sveglia: 50 minuti di studio, poi una pausa di 5-10 minuti, e riprendete. Verificate se la musica classica vi aiuta o vi distrae. Stu-

SI
Rubicone *** vedi geografia e percorso di oggi della via Emilia (console Emilio) ** Cleopatra vedi Focus n. 100

NO

Prima di leggere
Iniziate guardando immagini, figure, grafici e cartine. Poi leggete titoli, sottotitoli, didascalie, vocaboli in grassetto, capoversi. Riuscite a fare uno schema? Quali sono le idee principali? Potete fare collegamenti con altre materie?

Catone: v. Purgatorio di Dante e letteratura latina ***

Consigli su come sottolineare


da L a pagina deve studiare diventare una cosa tua, personale. Sottolineare unarte e serve a selezionare. Le prime volte evidenzierete l85% della pagina (v. qui sopra). Ma cos diventa di difficile rilettura. Dovete sottolineare solo le cose importanti, quelle che vi consentono di fare uno schema mentale. Usate il righello e sottolineate solo lo stretto necessario: ad es. soggetto e verbo della frase principale. Oppure le definizioni. A margine potete numerare le idee in sequenza, oppure creare gerarchie di importanza con gli asterischi. Tre asterischi (***) importante da sapere. Due asterischi abbastanza importante. Un altro simbolo, per esempio un @ pu segnalare un chiodo fisso dellinsegnante. E, per ripassare, rileggete solo le informazioni evidenziate.

148

03/2002

Prendere appunti allamericana


University A lla Cornellappunti americana hanno inventato gli ideali (qui sotto). La voce di chi spiega 4-5 volte pi veloce della penna: dovete selezionare. Preparatevi a fare uno schema se sentite primo, secondo, infine. Non scrivete se sentite in altre parole. Evidenziate se sentite in conclusione, in breve, per riassumere, questo importante, ricordate che. Saltate una riga quando si cambia argomento. Rileggete le note entro 2-3 ore e riassumetele nella colonna del ripasso.

21 cm 6 15 cm
1. colonna degli appunti: qui scrivete durante la spiegazione 2. colonna del ripasso: qui fate lo schema degli appunti 3. colonna idee: scrivete i collegamenti con altre materie

L80% di ci che volete da un libro nel 20% delle parole


diate nelle ore di luce: 60 minuti di studio diurno equivalgono a 90 di studio notturno. Dormite almeno 8 ore per notte: nel sogno memorizzerete ci che avete studiato legando i nuovi dati con quelli gi presenti nel cervello. q Cronometratevi Quanto ci mettete a studiare 10 pagine di storia? E 10 di italiano? C chi lepre in geografia e lumaca in biologia. Dipende dallinteresse, dallinsegnante e dalla conoscenza dei vocaboli che ha lo studente. Per scoprirlo cronometrate i vostri tempi. E scoprite anche quanto ci mettete a ripassare. Indicativamente ogni mezzora di spiegazione richiede unora di studio. Preparate un grafico dei voti e delle ore di studio per ogni mav

Registrare serve?
Riascoltare un ora di spiegazione registrata impegna unora. Meglio gli appunti. Registrate per la vostra ripetizione: riascoltarvi sostituisce lo studio di gruppo (foto sopra).

28 cm

2 1 3
2

teria: se voti e ore sono proporzionate, tempi e metodi sono corretti. q Come leggere Potete scegliere fra studiare in modo passivo o in modo attivo. Se studiate in modo passivo, cio leggete e rileggete il testo fino a infilarvelo nella zucca, ci mettete pi tempo e imparate meno. Due ricercatori svedesi,Terence Marton e Roger Saljo, dimostrarono nel 1976 che gli universitari non stavano imparando, si appiccicavano solo in testa formule e concetti. Chi va in profondit, cerca il senso di quello che sta studiando, riflette su quello che legge e collega i concetti nuovi con quelli precedentemente assimilati. Insomma, lapprendimento il lavoro
10 ore di studio senza pause rendono come 1 ora. Si devono fare 10 minuti di pausa ogni 50 minuti di studio.

di digestione della conoscenza in modo da modificare i modelli contenuti nel cervello che usiamo per interpretare il mondo. Se studiare vi annoia, vuol dire che state studiando passivamente. Come rendere attivo lo studio? L80% di ci che volete da un libro contenuto nel 20% delle parole: di ogni pagina vi servono solo le informazioni rilevanti. Il vostro compito farle saltare fuori prima ancora di leggere (v. riquadro a pag. 148). q Come ripetere Almeno il 50% del tempo dello studio deve essere dedicato alla rielaborazione attiva di quanto avete letto: chiudete il libro e cercate di ripetere lo schema mentale. Se non ricordate almeno l80% dei punti principali, vuol dire che avete letto troppo prima di ripetere. Verificate di non aver dimenticato parti importanti. Ora aggiungete particolari, pensate alle correlazioni con altri capitoli, altre materie, argomenti studiati gli anni precedenti, le implicazioni, lutilit, lesperienza personale, gli approcci alternativi. Si apprende personalizzando lo studio. Quando ripasserete, leggerete solo la parte evidenziata: dovrebbe bastare a richiamarvi alla memoria tutto quello che ormai sapete. Quante volte ripassare? E a distanza di quanto? Gli studi sul successo delle campagne pubblicitarie

dicono che lo spot va ripetuto spesso. Il giorno dopo il primo spot, se ne ricorda meno del 50%, e se non viene ripetuto sparisce. Se lo spot viene ripetuto 4 volte in un anno, se ne ricorda il 20%. Ma lunico modo per ricordare almeno il 50% del messaggio tutto lanno quello di sentire lo spot almeno una volta al mese. Insomma, per ricordare alcuni punti, bisogna rinfrescarli continuamente, altrimenti sono da ristudiare. q Interrogazioni Sfruttate le interrogazioni. Non sono tempo perso. Le domande che fanno gli insegnanti sono sempre le stesse: sono le cose che ritengono importanti, i loro pallini. Per assurdo, invece di stare attenti alle spiegazioni e di studiare, basterebbe imparare le risposte migliori date a quelle domande. Utilissime anche per il ripasso. s Amelia Beltramini

Per saperne di pi:


Mario Polito, Guida allo studio: la memoria (Franco Muzzio editore). Facile, parte di una serie che comprende metodo e tecniche. Su Internet:

http://www.iss. stthomas.edu/ studyguides/


in inglese.

Misteri

Un rettile alato abbattuto dai soldati nordisti? Ecco la foto, scoperta 4 anni fa

Nei cieli del Cretaceo era il re


Qui sotto, Pteranodon sternbergi. Avevano unapertura alare di 9 metri: circa 100 milioni di anni fa erano lequivalente dellalbatros.

Lultimo pterodattilo

Insolita preda. Comparsa nel 1998, questa foto ritrae soldati della guerra di secessione Usa con una singolare preda: uno pterodattilo.
avvero sono estinti da milioni di anni? Gli scienziati giurano di s, e daltra parte appare impensabile tenerne segreta lesistenza. Nonostante questo, molte persone sono convinte che qualche esemplare di dinosauro sia davvero sopravvissuto - chiss come - fino ai nostri giorni. Lesempio tipico quello del mostro di Loch Ness, che in base ai presunti avvistamenti dovrebbe essere un plesiosauro, un rettile acquatico estinto 70 milioni di anni fa. Da qualche tempo, per, unaltra creatura anacronistica ha fatto il suo ingresso nel campo della

criptozoologia (la disciplina che verifica, o smentisce, la reale esistenza di animali mitologici, preistorici o leggendari). Si tratta dello pterodattilo, il gigantesco rettile volante visto finora soltanto nei suoi resti fossili o nelle ricostruzioni cinematografiche. q Anche due cowboy... La vicenda degli ultimi anni, ma le sue origini risalgono a pi di un secolo fa: esattamente al 26 aprile 1890, quando il giornale di un paesino dellArizona, lEpitaph, pubblic una notizia sensazionale: Mostro alato scoperto e ucciso nel deserto di Huachuca!

Nellarticolo si parlava di uno strano volatile, simile a un enorme alligatore, con una coda lunghissima e unapertura alare di circa 9 metri, trovato da due cowboy che, spaventati, gli avrebbero sparato. Non rimasero resti delluccello o prove che documentassero lepisodio, eppure nei decenni successivi si accumularono le dichiarazioni di persone convinte di aver visto, se non luccello vero e proprio, almeno una fotografia che lo ritraeva, con le ali aperte e inchiodate a un muro, e con sei persone in posa di fronte a lui. La ricerca di questa fotografia dura da oltre ottantanni ma, a

tuttoggi, non ha prodotto risultati. La maggior parte dei testimoni sostiene di avere visto questa fotografia in libri o riviste che, per, nessuno mai riuscito a trovare. Mark Hall, uno studioso inglese da anni alla ricerca di prove su misteriose creature alate, si mostra scettico: Non importa quante persone dicano di avere visto la fotografia di uno pterodattilo morto. Se non si riesce a trovarla, non pu che significare che la foto non esiste. noto che i ricordi sono imprecisi. Magari qualcuno ha visto la fotografia di un uccello morto, con le ali tenute aperte, e i ricordi si sono confusi con la fantasia. Gli
03/2002

155

Un falso dautore: la foto appariva ingiallita e piegata


esempi di fotografie che avrebbero potuto trarre facilmente in errore, infatti, abbondano. q La preda dei nordisti Eppure, una scoperta fatta di recente ha sconvolto il piccolo mondo dei criptozoologi. Su un sito Internet (www.freakylinks.com), nel luglio 1998, comparsa una fotografia spettacolare. Il gestore del sito, Derek Barnes, ha affermato di averla trovata infilata tra le pagine di un libraccio sul paranormale, comprato in un negozio di libri usati. La foto, antica allapparenza, rovinata e strappata in alcuni punti, ritrae un gruppo di soldati dellesercito americano nordista, in posa intorno alla carcassa di... uno pterodattilo! Un esperto avrebbe identificato le uniformi dei soldati come tipiche del periodo 1861-1862, mentre un altro avrebbe dichiarato che
v

Uccello o rettile?
Ricostruzione della presunta foto dello pterodattilo moderno, fatta dalla rivista Strange nel 1997.

nessuno a quellepoca poteva essere al corrente dellesistenza degli pterodattili, visto che il primo fossile di questo animale fu trovato nel Nord America soltanto nel 1871. Dunque la foto autentica? E forse proprio la tanto ricercata foto delluccello abbattuto in Arizona? N luna n laltra, purtrop-

Un modellino di Pteranodon longiceps in grandezza naturale vola sul Kansas 65 milioni di anni dopo la sua estinzione.

Prima di estinguersi erano cos


nome pterodattilo significa I ldita animali perchmembrane alate, le ali di questi erano che univano le dita degli arti anteriori, raggiungendo unapertura che andava da 50 cm a 12 m. Colonia segreta. Gli pterodattili non erano n uccelli n dinosauri, ma enormi rettili alati, che vissero tra 144 e 65 milioni di anni fa, comparendo nel Giurassico per estinguersi nel Cretaceo. La loro struttura era particolarmente adatta al volo: avevano ossa cave e leggere, un corpo lungo e sottile e ali resistenti ed elastiche. Avevano anche unottima vista, indispensabile per localizzare il cibo. Lidea di trovarne uno vivo, o almeno ritratto in fotografia, certamente suggestiva ed emozionante, ma difficilmente una colonia di animali di quelle dimensioni avrebbe potuto sopravvivere e passare inosservata per 65 milioni di anni.

po. Per quanto ben fatta, la foto- cata a fenomeni misteriosi e paragrafia un falso. Innanzitutto, la normali e collegata a un sito interpostura dei soldati troppo natu- net falso dallinizio alla fine. Si rale e disinvolta, per essere una fo- cos venuti a sapere che lo pteroto ottocentesca, e le uniformi sono dattilo altro non era che un attreztroppo nuove e pulite. Le fotogra- zo di scena della casa di produziofie di quel periodo, infatti, mostra- ne Fox, che Derek Barnes era il no atteggiamenti ed nome del personagespressioni completagio interpretato nel mente diverse nei telefilm dallattore soggetti fotografati Ethan Embry e che i (non dimentichiamo vari esperti citati nel che la fotografia era sito non esistevano. per quellepoca una Una curiosit: gi pratica nuovissima, nel 1995 la rivista di capace di intimorire criptozoologia Stranchiunque). ge Magazine, alle Ma, soprattutto, ci prese con una preche ha fatto pensare sunta foto di pterofin dallinizio che la dattilo inviata da un Burle svelate foto fosse una beffa lettore, ne scopr la il fatto che i soldati ri- La pagina della rivista falsit identificando Strange Magazine tratti sono tutti in l lenciclopedia da cui con gli anni e sovrap- di che svel la falsit una precedente foto. era stata tratta limpeso, mentre durante magine del volatile la guerra civile americana, il sol- preistorico (detto anche thunderdato tipico era un ragazzo sui 19 bird), poi aggiunta elettronicaanni. Le persone ritratte appar- mente a uno sfondo moderno. tengono probabilmente a un club Lennesima delusione per chi di appassionati della guerra civile, continua a sperare che la vera come ce ne sono a migliaia in foto salti fuori. Come Mark Hall, America e tra i quali la percentua- che conclude: Ho passato tantisle di individui grassi e anziani sime ore a cercarla e continuer a preponderante. farlo. Chiunque legga di questa fotografia fantasma, alla fine, prova il q Attrezzo di scena desiderio irresistibile di vederla Gli ultimi dubbi si sono dissolti con i propri occhi. s quando si scoperto, poco tempo Massimo Polidoro fa, che il sito internet che ospitava la foto faceva parte di un progetto Per saperne di pi: televisivo ideato dai creatori del G. Mondelli, Il grande libro dei dinofilm The Blair Witch Project. Si sauri (Fabbri). trattava infatti di una serie televi- Su Internet: http://www.geocities.com siva, intitolata Freaky Links, dedi- /monsterfreaks/thunderbird.html

156

03/2002

Economia

Sempre pi, attraverso i prodotti, noi compriamo

soprattutto sogni. Per i no global un inganno. vero?

Ma decidiamo noi o
l film di fantascienza Blade Runner, del 1982, prospettava uno scenario in cui immagini pubblicitarie dei marchi sono proiettate di continuo, ovunque. Guardatevi intorno: non forse la realt di oggi? Non tanto le rclame dei prodotti quanto i marchi dei produttori invadono la nostra vita e rendono quasi uniforme il paesaggio urbano di Milano, New York, Shanghai, Lagos. Ogni tappa stata bruciata: nel 1989 a Toronto (Canada) diversi edifici sono stati interamente ricoperti da pubblicit di Coca-Cola, Warner Brothers e Calvin Klein; alla fine del 1990 Times Square, a New York, sino a quel momento accesa soprattutto dalle luci al neon dei sexy shop, si riempita dei loghi pi innocenti, Disney compreso;

nel Natale 1997 Yves Saint Laurent ha finanziato le decorazioni di Londra in cambio del permesso di avere il suo nome, illuminato, sparso per la citt. Oggi il marchio ovunque (muri e autobus, giornali, discoteche, persino ospedali - ultimo tab crollato in Italia -) e la sua potenza tale che attraverso

pubblicit e sponsorizzazioni accompagna qualsiasi cosa, dalle ricerche universitarie al Festival di Sanremo, dalle mostre darte alle Olimpiadi. q Quote di cervello I marchi occupano le nostre citt perch devono occupare la nostra mente. E non un modo di dire. Il successo della marca nella conquista di quote di mente dei consumatori prima che di quote di mercato. Le aziende sono concentrate in un piccolo spazio della testa dei clienti, e non c posto per tutte di-

ce Jean Louis Dumeu, presidente di Landor Europa, colosso mondiale nella consulenza sulla marca. Aggiunge Marco Lombardi, vicepresidente della Young & Rubicam Italia, societ specializzata nelle indagini di mercato: Anche nel caso di acquisti di impulso, fatti secondo stimoli del momento, alcune marche rientrano nellagenda del consumatore, altre no. Sono favorite le marche che vengono in mente senza sollecito: in genere non pi di 2 o 3. Per entrare in questo numero (e rimanervi) serve anche

la pubblicit lontana dai punti vendita. q Sogni in vendita Quando trova posto nella testa dun cliente, il marchio suscita fiducia e lealt, crea un legame damicizia, d emozioni perch ha una personalit e un carattere, impone uno stile di vita. Ed proprio uno stile di vita, un mondo immaginario, un sogno ci che le grandi aziende vendono attraverso magliette, scarpe, orologi, borse spesso assolutamente simili ai modelli dei concorrenti. Inoltre, pi gli acquisti sono mossi

da desideri e non da reali bisogni, pi c lesigenza di dare forza al marchio. Si innesca un circolo commercialmente virtuoso: pi un marchio forte, pi si smaterializza, cio si allontana dalla propria categoria merceologica per diventare un modo di essere(Benetton, per esempio, molto pi che un maglione). Se ben governato, il processo porta alla brand extension (la marca - brand in inglese - si allarga nel mercato offrendosi come garanzia per prodotti simili: per esempio, lAdidas dalle scarpe alle magliette)

Cera una volta...


1850
Alcuni prodotti cominciano ad avere il marchio dimpresa: in questa fase certifica solo che il prodotto esiste. Solo a fine secolo, con il diffondersi della produzione in serie, il marchio del produttore serve a valorizzare la sua merce, ossia a distinguerla da quella, quasi uguale, di unaltra azienda. Vengono dati nomi propri anche a prodotti generici come zucchero, farina, sapone, cereali, fino ad allora venduti sfusi.

A sinistra, manifesto pubblicitario del 1913. Gi allora comprare una bevanda era anche scegliere uno stile di vita. negoziante, fino ad allora unico garante della qualit dei prodotti. Usa, zuppe Campbell, sottaceti H.J. Heinz, cereali Quaker Oats) per suscitare familiarit e fiducia nel cliente. Il marchio sostituisce il

Electric in qualcosa di personale, caldo, umano.

La vita del marchio


Bambino
Nei primi anni di vita il marchio forma il proprio carattere distintivo: fondamentale imporre il logo, che devessere subito riconoscibile. ma soprattutto di valori: generosit, speranza, avventura, intelligenza, tecnologia, forza...

1950
Nelle scelte dacquisto, il marchio gi importante quasi quanto il prodotto.

1988
La Philip Morris compra la Kraft per 12,6 miliardi di dollari, sei volte il valore dellazienda. Il valore del marchio conta pi del patrimonio aziendale e di vendite e profitti.

Adulto
Per difendere la sua amicizia col cliente, il marchio introduce novit, investe molto per dimostrare di essere sempre forte e spesso ci apre il suo mondo, cio mega-negozi e parchigioco.

1920
I marchi diventano amici: il pubblicitario americano Bruce Barton trasforma i marchi General Motors e General

1880
Si introducono loghi aziendali per merci prodotte in serie (negli

Adolescente
ll marchio diventa familiare al consumatore, un amico capace di provocare emozioni. simbolo di un prodotto

Tutti in vendita
Con i loghi Wind, Nike, Coca-Cola, Timberland, Ford e Michelin, ecco personalizzato il signor Marchio, personaggio del sito brandman.tv. Che fa ironia sui consumatori schiavi dei marchi.

Che cos...
Un marchio
un segno (un disegno, un nome, oppure la forma stessa della merce o del contenitore) che distingue un prodotto da un altro.

una garanzia data da chi fabbrica a chi compra. Per esempio, il marchio Nutella.

Una marca
lazienda che fabbrica un prodotto e che attraverso il marchio (segno distintivo del

prodotto) crea un legame di fedelt con il cliente. Per esempio, la marca Ferrero. Ultimamente diventato sinonimo del mondo immaginario proposto al consumatore.

Un logo
la forma grafica di un

marchio: pu essere un testo oppure un segno (disegno, lettera o cifra). Tecnicamente indica solo i caratteri con cui scritto il nome del prodotto, oggi si usa anche per indicare il disegno che completa il nome di una marca (per esempio, il baffo della Nike) o la marca stessa.

A destra, due loghi della Barilla, il primo su una confezione odierna, il secondo in un manifesto pubblicitario di Erberto Carboni del 1954.

158

03/2002

03/2002

159

Il marchio quasi tutto per birre, profumi, elettronica


e al brand stretching (la marca si allunga al di l del suo territorio riconosciuto: per esempio, la Ferrari dalle auto ai profumi). Conclusione: pi il marchio si diffonde come uno stile di vita ben identificato e attraente, pi catturer consumatori.
v

q Rossi corporation La forza del marchio oggi considerata un tangibile patrimonio aziendale in ogni settore. Gli esperti riescono anche a calcolarne il valore (v. tabella a destra) e gli incrementi. Nel 2001, per esempio, chi cresciuto di pi Starbucks, dietro cui stanno 3.300 locali, caff, cappuccino e frappuccino (caff freddo), ma soprattutto la promessa (di cui il marchio garante) di trovare in tutto il mondo la stessa atmosfera accogliente. C di pi: si spendono milioni di dollari per cambiare il proprio nome e renderlo adatto ai tempi. il caso di Accenture, lex societ di consulenza Andersen Consulting, o di Altria Group, lex multinazionale del tabacco Philip Morris che ha comprato Kraft (alimentari) e Nabisco (biscotti). E valorizzano il marchio anche universit, enti pubblici, singoli individui: il giocatore di basket Michael Jordan o la pop star Madonna non sono oggi anche un marchio? Nel libro Brand yourself, gli esperti di marketing David Andrusia e Rick Haskins arrivano a insegnare come ognuno deve valorizzare se stesso per fare carriera come fosse un marchio di pannolini. Insomma, in ufficio limpiegato Mario Rossi deve saper vendere se stesso. 160
03/2002

Marchiati e contenti...
Nel disegno, unimmagine dei consumatori felici di vivere in un mondo di marche. In Italia, sono di marca 3 acquisti su 4.

...o ribelli del no-logo?


A sinistra, Naomi Klein durante la presentazione del suo libro a Milano. La scrittrice canadese accusa i marchi di strapotere.

che dominano il 60-70% delle vendite spiega Enrico Valdani, docente di marketing della Bocconi e presidente della societ di consulenza Valdani Vicari & Associati. Il consumatore compra quella data marca perch sente che non rischia.

Classifica mondiale
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Azienda Valore del marchio Coca-Cola 68,9 Microsoft 65,1 Ibm 52,8 GE 42,4 Nokia 35,0 Intel 34,7 Disney 32,6 Ford 30,1 McDonalds 25,3 At&t 22,8

q Marche amiche... Centromarca, associazione q ...marche nemiche La marca tre cose: un dei produttori di marca. E i marchi globali? contratto, perch linduIn Italia, ogni 4 prodotti Diffondono in ogni naziostria ha delle responsabi- venduti 3 sono di marca. ne le stesse merci e gli steslit verso il consumatore; E, per ogni tipo di pro- si valori: forza, coraggio, unindicazione, perch mo- dotto, le 2-3 principali mar- volont dovrebbero essere stra al cliente la via migliore per soddisfare le sue esigenze; un legame, perch la fi- Il valore di un marchio si misura in statura (indica la stima e e forza (indica ducia e la fedelt la familiarit di cui gode nei consumatori)concorrenti). la percezione della sua diversit rispetto ai si conquistano nel tempo spiega I marchi pi forti I marchi pi amici Ernesto Illy, pre99,91 sidente dellomo1. Barilla 99,91 1. Ferrari 2. Ferrero 99,53 2. Parmigiano Reggiano 99,44 nima societ che 99,16 3. Mulino Bianco 99,44 3. Foppa Pedretti esporta in 70 Pae98,51 4. Algida 99,16 4. Valentino si soprattutto 97,86 5. Parmigiano Reggiano 99,07 5. Barilla lidea del caff italiano e presi- Fonte: Young & Rubicam Italia (valori da 1 a 100) dente anche di

LItalia ama la sua rossa

Fonte: BusinessWeek

I valori (in miliardi di dollari) indicano quanto stimata, per i guadagni attuali e futuri, la pura forza del marchio. Quello Coca-Cola vale 78,14 miliardi di , circa 150 mila miliardi di lire. In pratica, 10 volte il valore di Borsa della Fiat o il costo per fare 13 ponti sullo Stretto di Messina. Fra i 100 in elenco, 3 sono italiani: Gucci (50), Armani (91), Benetton (100).

Donne in carta e ossa


Donne a New York, in strada e sui manifesti pubblicitari. Secondo gli esperti, i loghi devono stare fissi in mente.

Gucci? Be, assomiglia... con punte S econdo lUnion des contraffatti,(abbiglia-beniin Fabricants, associaCampania zione internazionale che mento, tecnologia,
combatte la contraffazione, ogni anno le aziende titolari del marchio perdono 100 miliardi di dollari (112 miliardi di , quindi ben oltre 200 mila miliardi di lire) a causa dei falsi. Tarocchi asiatici. Gucci, Prada, Lacoste, Adidas... Su 100 oggetti venduti, 5 sono taroccati (soprattutto moda, orologi, farmaci, profumi, software). Il 70% circa della produzione mondiale di contraffazioni proviene dal Sud-Est asiatico. LItalia, per, terza nel mondo, dopo Corea del Sud e Taiwan, e prima in Europa sia come produttore sia come consumatore di beni di largo consumo), Toscana, Lazio e Marche (pelletteria), Nord Ovest e Nord Est (tecnologia e orologeria). Consumatori-complici. Spiega Carlo Guglielmi, presidente Indicam, istituto per la lotta alla contraffazione: In 10 anni, la contraffazione cresciuta di 12 volte. In Italia il giro daffari delle produzioni illegali di 710 mila miliardi di lire lanno. Ma il danno non solo economico: evasione fiscale, sfruttamento del lavoro nero, schiavismo (per esempio fra i lavoratori cinesi), riciclaggio di denaro sporco... Ogni acquisto rafforza unattivit criminale.

Virgin: dalla musica agli aerei, alle assicurazioni, preservativi inclusi


(secondo il produttore) i valori di chi calza scarpe Nike; calore umano e simpatia quelli di chi mangia hamburger McDonalds; classe la caratteristica di chi guida una Mercedes... Il marchio-amico ci accoglie a casa sua nei negozi monomarca, ci fa divertire nei suoi parchi-gioco (Disney, Legoland, Kelloggs Cereal Ciy, Sony Metreon), ci parla direttamente con le sue riviste (Colors di Benetton, Room di Ikea...). Per il movimento noglobal, le multinazionali sono per ormai diventate il vero potere, sono pi forti dei governi, sfruttano la manodopera nei Paesi in via di sviluppo e, proprio grazie al fascino di marchi potentissimi, impongono a tutto il mondo una sola cultura: la loro. Nelle 424 pagine del suo libro bestseller No-logo, la scrittrice Naomi Klein riunisce uninfinit di casi che dimostrerebbero la stessa tesi: La dittatura del marchio riduce il prodotto a un accessorio fortuito del business. Scarpe, computer o hamburger possono anche essere di pessima qualit. Contano solo le idee, lidentit culturale del marchio, che sviluppa un rapporto talmente predatorio con i suoi clienti da ridurli alla dipendenza assoluta. Per vendere di pi, le multinazionali si appropriano delle nostre stesse idee e ce le ripropongono nella pubblicit, occupando sempre nuovi spazi. q Battaglia etica Sociologi esperti come Vanni Codeluppi e Giampaolo Fabris sostengono che finora la ribellione al marchio ha contagiato solo unlite giovanile, non la massa dei consumatori. Eppure nel mondo delle aziende c chi pensa che quella dei no-logo sia una sfida temibile. Anche perch ogni crisi locale, per esempio il caso della Coca-Cola avariata in Belgio nel 1999, ha ripercussioni mondiali. Dice Valdani: La strategia per difenv

Orly (Parigi): a fuoco false Lacoste e altra merce illegale.

dersi responsabilit nel comportamento, qualit dei prodotti, attenzione ai desideri del consumatore. una sfida etica: se il consumatore sente che limpresa porta valori positivi, comprarne i prodotti sar sentito come utile alla collettivit. s Alessandro Ascione

Per saperne di pi:


Vanni Codeluppi, Il potere della marca (Bollati Boringhieri); Naomi Klein, No Logo (Baldini&Castoldi). Su Internet: http://www. brandforum.it, osservatorio italiano sul mondo delle marche.

Cos Nike tornata in gioco di pi fare della T alvolta bastadiuna foto cercmairesistere eallaanti- col compito di delluomo, per cambiare lintera massiccia campagna Nike la societ pi rispetorganizzazione una logo lanciata al tosa dei diritti
multinazionale. successo alla Nike. La sua immagine fu colpita al cuore nel 1996 da una foto (a sinistra) pubblicata sul settimanale Life e dalle conseguenti accuse di sfruttamento del lavoro minorile. Per mesi il fondatore e presidente Phil Knight boicottaggio di molti consumatori, indignati dal fatto che il contratto annuo del testimonial Michael Jordan valesse 44.492 anni di lavoro di un operaio indonesiano della Nike, forse bambino. Ripari. Poi Knight cedette. Cre un dipartimento da 100 persone impose nelle 600 fabbriche di tutti i fornitori asiatici e sudamericani garanzie minime sullet, il salario, la sicurezza dei lavoratori, collabor con lOnu, si impegn in una gigantesca controcampagna informativa. Risultato: marchio salvo.

1996: un bambino pakistano cuce palloni Nike.

162

03/2002

Animali

Si proteggono a vicenda, si aiutano a tenersi puliti, scambiano cibo. E cos vivono meglio e pi a lungo
Piattaforma per la caccia
Una lucertola Tropidurus sulla testa di una iguana marina delle Galpagos: il miglior terreno di caccia alle mosche e agli altri insetti di cui si ciba.

Amici

BESTIALI
Escrementi preziosi
Formiche che allevano afidi. Le formiche mungono lano degli afidi per nutrirsi delle loro escrezioni zuccherine, aiutandoli cos a defecare.

Dentista subacqueo
Un ippopotamo apre la bocca per consentire a un gruppo di labridi di procedere alla pulizia dei canini. Lippopotamo si sottopone volentieri al trattamento, che gli consente di mantenere i denti sani. Si scoperto tra laltro che in questi momenti completamente rilassato.
03/2002

Dermatologo volante
Ippopotami con alcune bufaghe, uccelli che mangiano le larve carnivore che si trovano nei noduli sulla pelle di mammiferi (v. anche foto grande nell ultima pagina dellarticolo) e coccodrilli.

164

03/2002

165

Alcune specie hanno iniziato il sodalizio migliaia di anni fa, e senza il compagno non sono pi in grado di sopravvivere

La solitudine non fa per loro


Un pesce pilota accompagna uno squalo. Questo tipo di pesce non sta mai da solo e nuota allaltezza delle pinne dorsali e ventrali di squali e mante. In caso di pericolo si pu addirittura nascondere nella loro bocca. Per ringraziare della protezione ottenuta, fa il maquillage della pelle dei giganti che accompagna.

Convenienza reciproca
Un gambero pagliaccio nuota nei pressi di un anemone. Come i pesci pagliaccio, che hanno gli stessi colori, anche il gambero approfitta dei tentacoli urticanti dellanemone per mettersi al riparo dai predatori. E ricambia pulendoli dai rifiuti e dalla sabbia.

Nuoto sincronizzato con un killer invisibile


Il piccolo pesce trombetta vive a stretto contatto con il pesce angelo faccia blu: nuota sopra di lui per poter meglio sorprendere le sue prede. Per rendersi ancora meno visibile, cambia colore e assume quello della livrea del compagno, scivolando dal suo dorso di sorpresa quando avvista la vittima.
03/2002

166

03/2002

167

Problema: come eliminare i parassiti che vivono sulla pelle

se non si hanno mani? Basta offrirli come pranzo a un amico

Unenorme fonte di cibo


Una manta con la bocca spalancata. Affida la pulizia delle branchie a tre specie diverse di pesci pulitori. I pesci trovano cos cibo abbondante. La manta non li mangia: si nutre solo di plancton. In compenso si libera di scorie e rallenta il processo di invecchiamento.

Assicurazione sulla vita


Un pesce labride sul dorso di una murena: passa la maggior parte del suo tempo a brucare la pelle del predatore, liberandolo da detriti e parassiti. In cambio ottiene unassicurazione contro i nemici. Questo tipo di rapporto reciproco uno dei pi diffusi nel mondo animale.

Cappello con sorpresa


Un granchio spugna indossa una attinia a mo di cappello. In questo modo si proteggono a vicenda: lattinia urticante, e il granchio dispone di chele robuste. Simbiosi come questa sono facoltative: i due organismi sopravvivono anche da soli, ma insieme vivono meglio e pi a lungo.
03/2002

168

03/2002

169

Estetista a domicilio
Una bufaga, parcheggiata sulla fronte di un impala, ne pulisce la pelle dalle larve. Gli animali comunicano tra loro per segnalare lintenzione di effettuare e di accettare il trattamento.

Associazioni casuali? No: gli animali comunicano tra loro e dimostrano la disponibilit reciproca

Lacrime di coccodrillo: una delizia da offrire agli ospiti pi cari


Una vespa si nutre delle secrezioni dellocchio di un caimano brasiliano. Pu provocare qualche fastidio, ma in realt svolge un compito importante: molti animali non possono compiere gesti articolati e precisi. Per svolgere operazioni delicate, come la pulizia di un occhio, meglio dunque affidarsi alle cure di un altro animale, e permettergli di rimuovere un liquido che viceversa si pu infettare.

Solo per pochi intimi


Pesci pagliaccio nei pressi di unattinia. I tentacoli urticanti non provocano alcun fastidio a questi pesci. Sono infatti ricoperti da una sostanza mucosa che li protegge. Ma non basta: lattinia deve riconoscere gli ospiti e deve accettarli, altrimenti li attacca con il liquido urticante e li uccide.
03/2002

171

Simmetrie 1

Altro che Maverick e Goose, i protagonisti del film Top Gun. I due piloti dei caccia Thunderbird dellaeronautica militare Usa, decollati dalla base di Fort Lauderdale in Florida, danno una dimostrazione talmente perfetta di volo acrobatico che a prima vista sembra che laereo sia solo uno, riflesso in un impossibile specchio...
03/2002

177

Simmetrie 2

I casi sono due. O cera penuria di piante acquatiche dove deporre le uova o cera sovrabbondanza di damigelle, insetti della stessa specie delle libellule. La simmetria casuale, la strana posizione delle coppie no: con la coda, il maschio tiene la femmina per il collo per assicurarsi che deponga le uova che lui ha fecondato. Solo dopo la lascer libera.
03/2002

179

Simmetrie 3

Due torrenti che nascono sui versanti opposti della stessa valle, e finirebbero per scontrarsi frontalmente, danno invece vita a uno spettacolare faccia a faccia: cascate gemelle che si gettano nello stesso fiume. Questo incredibile esempio di simmetria in natura una delle attrattive del Glacier National Park, in Montana (Stati Uniti).
03/2002

181

Potrebbero piacerti anche