Sei sulla pagina 1di 6

Versione mobile Alimentazione e salute Allergie e intolleranze Allergia al latte Celiachia Intol leranza al lattosio Istamina negli alimenti

Latte di capra Dieta e salute Dieta e colesterolo Dieta e diabete Alimenti lassativi Dieta e gastrite Dieta e iperte nsione Malattie alimentari Aflatossine Botulino negli alimenti Epatite A Funghi velenosi Giardiasi In evidenza Alimentazione in gravidanza Alimentazione bambini Salute Malattie infettive Malattie veneree Dissenteria Epatite B Varicella Infl uenza Salute organi e apparati Salute dello stomaco Salute dell'intestino Salute del fegato Salute delle vie respiratorie Tumori Malattie del benessere Malattie cardiovascolari Obesit Colesterolo Ipertensione Diabete In evidenza Diabete Anal isi del sangue Salute donna Ginecologia Candida Pillola anticoncezionale Pap tes t Perdite vaginali Prurito vaginale Gravidanza e allattamento Esami in gravidanz a Peso in gravidanza Sintomi Ovulazione Alimentazione in allattamento Allattamen to al seno Menopausa Colesterolo in menopausa Osteoporosi in menopausa Sintomi m enopausa Secchezza vaginale Vampate di calore In evidenza Malattie veneree Mestr uazioni Salute uomo Salute degli organi genitali Sterilit maschile Antigene prost atico PSA Idrocele Sifilide Prostatite Disfunzione erettile Farmaci impotenza Ci alis Viagra Speciale prostata Priapismo Varie Andropausa Testosterone Erezione P reservativo Ginecomastia In evidenza Addominali Integratori e sport Temi vari Da lla sezione salute... Farmaci Psicologia Tossicologia Endocrinologia Esami diagn ostici ... Lavoro e salute Sport e salute Salute dell'anziano Salute del bambino Salute delle vie urinarie Forum Community Glicemia Dimagrimento Seleziona Analisi del Sangue Analisi del sangue Acido urico - uricemia ACTH: ormone adreno cortitotropo Alanina amino transferasi, ALT, SGPT Albumina Alfafetoproteina Alfa fetoproteina in gravidanza Aldolasi Amilasi Ammoniemia, ammoniaca nel sangue And rostenedione Antigene carcino embrionario - CEA - Antigene prostatico specifico PSA Antitrombina III Aptoglobina AST - GOT o aspartato aminotransferasi Azotemia Bilirubina (fisiologia) Bilirubina diretta, indiretta e totale CA 15-3: antigen e tumorale 15-3 Calcemia Ceruloplasmina Cistatina C Colesterolemia Colinesterasi (pseudocolinesterasi) Concentrazione plasmatica Creatinchinasi Creatininemia Cr eatinina Clearance creatinina D-dimero Ematocrito Emocoltura Emocromo Emoglobina Emoglobina glicata Emopessina Esami del sangue Esami del sangue, screening sind rome di Down Ferritina Fibrina e suoi prodotti di degradazione Fibrinogeno Fosfa tasi alcalina (ALP) GGT - Gamma-gt Gastrinemia GCT Glicemia Globuli rossi Immuno globuline INR Insulinemia Lattato deidrogenasi LDH Leucociti - globuli bianchi L infociti Lipasi Marker di danno tissutale MCH MCHC MCV Metanefrine Mioglobina Mo nociti MPV - volume piastrinico medio Natremia Neutrofili Omocisteina Ormoni tir oidei OGTT Osmolarit plasmatica PAPP-a Proteina Plasmatica A associata alla gra vidanza Peptide C Pepsina e pepsinogeno PCT - piastrinocrito od ematocrito piast rinico PDW - ampiezza di distribuzione dei volumi piastrinici Piastrine PLT - nu mero di piastrine nel sangue Preparazione agli esami del sangue Prist Test IgE t otalik Proteina C (PC) - Proteina C Attivata (PCA) Proteina C reattiva Proteinem ia Rast Test IgE specifiche Reticolociti Renina Sideremia Tasso alcolemico, alco lemia Tempo di protrombina Tempo di tromblopastina parziale (PTT) Tempo di tromb oplastina parziale attivata (aPTT) Testosterone Testosterone:frazione libera e b iodisponibile Tireoglobulina Transaminasi Transaminasi alte Transglutaminasi Tra nsferrina - TIBC - TIBC - UIBC - saturazione della transferrina Trigliceridemia Troponina e Troponine cardiache TRH - Test di stimolo al TRH TSH - Tireotropina Uremia Valori del fegato VES VDRL e TPHA: esami sierologici per la siflide Volem ia Conversione bilirubinemia da mg/dL a ?mol/L Conversione colesterolemia e trig liceridemia da mg/dL a mmol/L Conversione creatininemia da mg/dL a ?mol/L Conver sione glicemia da mg/dL a mmol/L Conversione testosteronemia da ng/dL - nmol/L C onversione uricemia da mg/dL a mmol/L Glicemia e dimagrimentoLa glicemia rapp resenta la quantit di glucosio presente nel sangue (mg/dl)

I valori glicemici a digiuno si attestano normalmente intorno a 60-75 mg/dl ment re nella fase postprandiale salgono a 130-150 mg/dl.

Valori glicemia a digiuno (mg/dl) (mmol/L) NORMALE 70-99 3.9 - 5.5 Alterata (IFG) 100-125 > 5.5 - <7.0 Diabete >126 > 7.0 *IFG = alternata glicemia a digiuno

Glicemia dopo 120' dal carico orale di glucosio (OGTT) (mg/dl) (mmol/L) NORMALE < 140 < 7.8 Alterata (IGT) > 140 < 200 > 7.8 < 11.1 Diabete > 200 > 11.1 *IGT = alternata tolleranza al glucosio

L'organismo umano possiede un sistema di regolazione intrinseco che consente di mantenere relativamente costante la glicemia durante l'arco della giornata. La p resenza di glucosio nel sangue essenziale per la vita, esso infatti un nutriente essenziale per tutte le cellule dell'organismo.

In soggetti sani che seguono una dieta mista la glicemia si mantiene, durante la giornata, generalmente tra i 60 e i 130 mg/dl, con un valore medio di riferimen to di 90 mg/100 ml (5 mM) Mantenere costante la glicemia importante per assicurare il normale apporto ener getico al cervello. A differenza di altri organi e dei muscoli il cervello non i n grado di immagazzinare riserve di glucosio dalla cui disponibilit dipende diret tamente. Se si escludono le condizioni di digiuno prolungato, (vedi: chetoni) il glucosio ematico l'unico substrato energetico utilizzabile dal cervello. Inoltre sia valori troppo bassi di glicemia (ipoglicemia) che valori troppo alti (iperglicemia) sono potenzialmente pericolosi per l'organismo e, se protratti p er lunghi periodi. possono portare a conseguenze molto gravi (coma, e diabete )

Il sistema di regolazione della glicemia mediato principalmente dall'azione di due ormoni: l'insulina ed il glucagone.

L'insulina un ormone ipoglicemizzante perch promuove l'abbassamento della glicemi a, mentre il glucagone ha effetti contrari (iperglicemizzante). Dopo un pasto abbondante la glicemia tende a salire a causa delle grandi quanti t di glucosio che l'intestino riversa in circolo. Un innalzamento dei livelli glicemici stimola la secrezione di insulina, che con la sua azione riporta la glicemia a livelli normali (l'insulina facilita il pas saggio del glucosio dal sangue alle cellule, favorisce l'accumulo di glucosio so

tto forma di glicogeno ed aumenta l'utilizzo di glucosio da parte delle cellule) . Dopo qualche ora di digiuno la glicemia tende ad abbassarsi a causa del passaggi o del glucosio dal circolo ai tessuti. Un abbassamento dei livelli glicemici stimola la secrezione di glucagone, un orm one che riporta la glicemia a valori normali ( stimola la produzione di glucosio a partire dal glicogeno e favorisce l'utilizzo cellulare di grassi e aminoacidi , risparmiando glucosio).

IL MECCANISMO "PERVERSO" DELL'INSULINA La quantit di insulina riversata in circolo direttamente proporzionale al valore della glicemia, pi questa aumenta e maggiore quantit di insulina viene secreta. La glicemia si alza moltissimo quando un pasto composto principalmente da grossi quantitativi di carboidrati, specie se semplici (ad elevato indice glicemico), mentre aumenta pi gradatamente se i glucidi sono complessi ed associati a protein e, grassi e fibre (vedi: indice e carico glicemico). In generale l'incremento glicemico massimo per i carboidrati, medio basso per le proteine e minimo per i grassi. Quando grandi quantitativi di insulina vengono riversati in circolo la glicemia si abbassa rapidamente e scende sotto i livelli normali. Il repentino calo della glicemia, noto come ipoglicemia reattiva post-prandiale, viene captato dall'org anismo che aumenta la secrezione di glucagone. Questo ormone interviene rapidame nte stimolando il senso della fame per riportare nella norma i livelli glicemici . Si viene cos a creare un circolo vizioso e la maggior parte del glucosio introdot to nelle cellule finisce per essere trasformato in grasso. Inoltre l'aumentata richiesta di insulina porta a lungo andare ad un progressivo declino funzionale delle cellule del pancreas (deputate alla produzione di insu lina) con aumento della glicemia a digiuno (IFG). L'alterata glicemia a digiuno pone a sua volta le basi per la comparsa del diab ete di tipo II. CONTROLLO GLICEMICO E DIMAGRIMENTO Oggi, la maggior parte delle diete che provengono dagli Stati Uniti e che stanno riscuotendo grosso successo anche in Europa (dieta a zona, iperproteica, metabo lica ecc.), sono calibrate in modo da mantenere costanti i livelli glicemici. Il controllo glicemico molto importante poich: previene la comparsa del diabete di tipo II e delle sue complicanze; favorisce il controllo del peso corporeo; riduce la produzione endogena di colesterolo che rappresenta circa l'80% del col esterolo totale; migliora la capacit di attenzione e concentrazione; Un pasto ricco di grassi e proteine inoltre in grado di stimolare il rilascio di una sostanza chiamata colecistochinina (CKK) che favorisce il senso di saziet.

6 REGOLE D'ORO PER CONTROLLARE LA GLICEMIA ED IL PESO CORPOREO Limitare la quantit di carboidrati, soprattutto - ma non esclusivamente - quelli semplici (zucchero, dolci, cereali e derivati da farine raffinate). Limitare il consumo di snack, prodotti dolciari e bevande zuccherate Non eccedere con il consumo di carboidrati a medio indice e ad alto carico glice mico (pasta, pane, patate, cereali ecc.). Preferire alimenti integrali ricchi di fibre, come la frutta, la verdura ed i ce reali integrali. Ripartire uniformemente i nutrienti nei vari pasti evitando i pasti a base di so li carboidrati (per esempio 100 grammi di pasta in bianco aumentano di pi la glic emia rispetto a 80 grammi di pasta al tonno e pomodoro e sono anche meno saziant i) non fare pasti troppo abbondanti, ma suddividere l'apporto calorico in almeno qu attro/cinque pasti giornalieri; ricordiamo infatti che per tenere sotto controll o la glicemia molto importante non solo la qualit ma anche la quantit dei nutrient i assunti con la dieta (com' logico pensare un cucchiaino di zucchero, pur avendo un indice glicemico alto, causa un incremento glicemico inferiore rispetto a 10 0 g di pasta integrale) leggere sempre le etichette ed i valori nutrizionali, moderare l'utilizzo di cib i che contengono sciroppo di glucosio e/o sciroppo di fruttosio e/o amido di mai s. Annunci Google Perdere Peso Senza Dieta ZeroDiet: Efficace, Pratica, Sicura Risultati in poco Tempo Informati ! AutoTerapiaZeroDiet.com L'articolo utile? Clicca il pulsante per segnalarlo a tutto il mondo nei risulta ti di google Articoli correlati Rene e riassorbimento del glucosio Personal trainer e dimagrimento Numero di pasti e dimagrimento Curva glicemica OGTT Annunci Google Scopri come sei Stressata o Imperturbabile? Fai il test e su ZoviPoint.it www.ZoviPoint.it Sei a rischio diabete? Scopri se sei un soggetto a rischio in dieci domande

www.testsalute.it/diabete_test Annunci Google Perdere Peso Senza Dieta ZeroDiet: Efficace, Pratica, Sicura Risultati in poco Tempo Informati ! AutoTerapiaZeroDiet.com

Dal Blog Pilates e Respirazione fisiologica Postura Alterata e Stretching La Dieta Anti-Aging

Utility Valori nutrizionali Cocktail Del Giorno: French Connection Punch all'Uovo

Ultimi articoli Motivati nello sport, motivati nella vita Pillola del giorno dopo Eiaculazione precoce

Articoli simili Indice glicemico Indice glicemico degli alimenti Tabella indice glicemico Calcolo indice glicemico Carico glicemico Dieta e indice glicemico Indice glicemico di pane e pasta Basso indice glicemico? Approfondimento sull'indice glicemico Glicemia e dimagrimento Ipoglicemia Crisi ipoglicemiche o ipoglicemiche, come comportarsi? Carboidrati e glicemia Carboidrati e ipoglicemia

Dieta e diabete Carote e diabete Indice insulinico Smagliature: cause, prevenzione, trattamenti anti-smagliatureIN EVIDENZA Smagliature: la guida completa. Dalle cause di origine alle strategie per preven irne la comparsa, dai trattamenti cosmetici agli ultimi ritrovati della medicina estetica per attenuare il problema smagliature. Modellarsi in casaIN EVIDENZA La lezione di oggi rivolta a tutti quei soggetti che per varie ragioni non posso no pi allenarsi in palestra. Il motivo pu essere la mancanza di tempo e/o di denar o. Target ideale di questo mio lavoro sono uomini e donne di et compresa tra i 30 ed i 40 anni... Miochine: il ruolo endocrino del muscolo scheletricoIN EVIDENZA La scoperta che la semplice contrazione muscolare si traduce, non solo in una ri sposta biomeccanica, ma anche nella produzione di citochine anti-infiammatorie a pre, a nuovi paradigmi: il muscolo scheletrico un organo endocrino. Analisi del sangue ? Dimagrire ? Diabete - Torna ad inizio articolo: glicemia e dimagrimento http://www.my-personaltrainer.it/glicemia.htm Le indicazioni contenute in questo sito non devono in alcun modo sostituire il r apporto diretto tra professionista della salute e paziente. 2011 My-pers onaltrainer.it Mercoled, 27 luglio 2011 ore 21:28 Corrispondenze migliori per dieta glicemica In soggetti sani che seguono una dieta mista la glicemia si mantiene, durante la giornata, generalmente tra i 60 e i 130 mg/dl, con un valore medio di... Passa al testo Pi corrispondenze Meno corrispondenze