Sei sulla pagina 1di 89

e/aziendale: Fix 02.09.

04 Documentazione di rilascio

il mondo di e - Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

Rimini, 24 settembre 2009

ESA Software S.p.A.

13/10/2009

Pag. 1 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

INDICE
1 1.1 1.2 2 2.1 3 3.1 3.2 3.3 3.4 3.4.1 3.4.2 3.5 4 4.1 4.2 4.3 4.4 4.5 4.6 4.7 4.8 4.9 4.10 4.11 4.12 4.13 4.14 4.15 4.16 4.17 4.18 4.19 4.20 4.21 4.22 4.23 4.24 4.25 4.26 4.27 4.28 4.29 4.30 4.31 4.32 4.33 4.34 4.35 4.36 4.37 INFORMAZIONI IMPORTANTI........................................................................................................................ 4 INFORMAZIONI IMPORTANTI PER LINSTALLAZIONE DEL FIX 02.09.04.......................................................................... 4 INFORMAZIONI IMPORTANTI PER LUTILIZZO DEL FIX 02.09.04................................................................................... 5 ELENCO DELLE NOVIT ............................................................................................................................... 8 CONTENUTO DEL RILASCIO ................................................................................................................................... 8 NOTE DI INSTALLAZIONE ........................................................................................................................... 10 PRELEVAMENTO DEI FILE DAL SITO ESA (O DAL DVD DI AGGIORNAMENTO SE PRESENTE)........................................... 11 COPIA DI SALVATAGGIO COMPLETA DELLA BASE DATI DI E/ ................................................................................. 11 INSTALLAZIONE DEL FIX DI E/ SUL SERVER ............................................................................................................ 11 INSTALLAZIONE DEL FIX DI E/ SUI CLIENT .............................................................................................................. 22 Installazione fix di e/ tramite Console ........................................................................................................ 22 Installazione fix di senza Console (installazione Locale)........................................................................... 22 INSTALLAZIONE DEL FIX DEI MODULI AGGIUNTIVI .................................................................................................... 24 DETTAGLIO DEL CONTENUTO DEL RILASCIO ........................................................................................ 25 CERTIFICAZIONE SERVICE PACK 3 DI SQL SERVER 2005 ..................................................................................... 25 INTEGRAZIONE TRA E/AZIENDALE E/STUDIO ED ADEMPIMENTI24 BILANCI DEL SOLE24ORE................................... 25 AGGIORNAMENTO DELLA TABELLA DELLE LOCALIT ............................................................................................... 30 AGGIORNAMENTO DELLA TABELLA DELLE BANCHE/AGENZIE ................................................................................... 30 GESTIONE IVA PER CASSA ................................................................................................................................. 30 INTEGRAZIONE COGE-CODIR: IN VARIAZIONE DI PRIMA NOTA IL PROGRAMMA APRE LA FINESTRA CODIR SOLO PER LE RIGHE MODIFICATE ............................................................................................................................................ 54 STAMPA CONTABILE CESPITI PER ESERCIZIO: RIPORTO NELLA COLONNA AMMORTAMENTI SOLO CI CHE STATO ACCANTONATO NEL FONDO SOLO PER EFFETTO DEL CALCOLO AMMORTAMENTO (R.I. 494887C) ............................... 55 STAMPA REGISTRO CESPITI: ESPOSIZIONE DATI ALIENAZIONE ED ESCLUSIONE RIGHE CON IMPORTI A ZERO (R.I. 494976C E R.I. 512762C) ............................................................................................................................... 56 NOTA INTEGRATIVA E PARTI CORRELATE PER IL RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA CE 46/2006: MODIFICA A STAMPA MASTRINI ......................................................................................................................................................... 56 VISUALIZZAZIONE MASTRINI: AGGIUNTA LA POSSIBILIT DI MODIFICARE IL COLORE DELLO SFONDO ............................. 56 GESTIONE OUTPUT MULTIPLO IN STAMPA AVVISI DI PAGAMENTO .............................................................................. 57 CONVERTITORE: CAMBIO VALORE DELLINDICATORE DI PROPRIET IN CASO DI IMPORTAZIONE DA SPIGA-X III (R.I. 492189C) ....................................................................................................................................................... 57 SCHEDA DI TRASPORTO ..................................................................................................................................... 57 INTEGRAZIONE CON E/DMS: AVANZAMENTO DEGLI STATI DOCUMENTO DA DOCUMENTALE ........................................... 60 INTEGRAZIONE CON E/DMS: TIPI DOCUMENTO CON NUOVA KEY UNIQUE PER E/DMS ................................................ 60 BONIFICI ESTERI................................................................................................................................................ 61 FILE RID: GESTIONE DEL TIPO CODICE E NOME FILE .TXT ....................................................................................... 64 VISUALIZZAZIONE / STAMPA MASTRINI: ABILITAZIONE DELLINDICATORE STAMPA CONTI CLI/FOR PER TOTALE ANCHE PER LE AZIENDE DI LIVELLO E/IMPRESA-E/SIGIP (R.I. 513159C).................................................................................... 64 SELEZIONE PER DATA EVASIONE DI TESTATA IN VISUALIZZAZIONE CLIENTI E FORNITORI.............................................. 65 ANAGRAFICA ARTICOLO: INSERITO IL DEPOSITO SU CUI PROPORRE RDA (RICHIESTE DI ACQUISTO)........................... 65 GENERAZIONE CODICI AGGIUNTIVI PER LOTTO ...................................................................................................... 65 ABILITAZIONE DI MOVIMENTAZIONE MANUALE SUI MOVIMENTI DI COMMESSA ANCHE NEL CASO DI GESTIONE COMMESSE SULLARTICOLO ................................................................................................................................................. 66 POSSIBILIT ATTIVAZIONE DEL CONFIGURATORE ANCHE CON VARIANTI MULTIDIMENSIONALI ATTIVE SULLARTICOLO ...... 66 RIAPERTURA DEPOSITI ANCHE SE L'ESISTENZA TOTALE (SOMMA DI TUTTI I DEPOSITI) DELL'ARTICOLO UGUALE A ZERO 66 GESTIONE IVA A MARGINE ART. 36 SU CICLO ATTIVO (IMPLEMENTAZIONE PARZIALE) ............................................... 67 VALORIZZATO SUL DOCUMENTO IL CODICE AGGIUNTIVO DELLARTICOLO SELEZIONATO CON LA QUERY ARTICOLI + CODICI AGGIUNTIVI...................................................................................................................................................... 69 FATTURATO CLIENTI/FORNITORI ......................................................................................................................... 69 OTTIMIZZAZIONE ELABORAZIONE DOCUMENTI ...................................................................................................... 70 STAMPA AGING CON SUDDIVISONE PERIODI PARAMETRICA ................................................................................... 71 UNIT DI MISURA ALTERNATIVA SU LEGAME DIBA ................................................................................................. 71 STAMPA FABBISOGNO DA IMPEGNI: INDICATI, PER OGNI DISTINTA, I DOCUMENTI CHE COMPONGONO LA QUANTIT CHE VIENE RIPORTATA .............................................................................................................................................. 71 CREAZIONE VARIANTI PER CODICE ORDINAMENTO ................................................................................................. 71 GRIGLIA ORDINABILE IN GESTIONE CONFIGURAZIONI VARIANTI ................................................................................ 72 GRIGLIA ORDINABILE IN VARIANTI ARTICOLI CONFIGURATI ....................................................................................... 72 BUSINESS INTELLIGENCE: CUBO EDATAW AREHOUSE ALLINEATO AD ANALISYS SERVICES SQL SERVER 2005............ 72 BUSINESS INTELLIGENCE - OTTIMIZZAZIONE CUBO CODIR-CONFRONTO BUDGET / CONSUNTIVO ................................ 72 BUSINESS INTELLIGENCE - CUBO CODIR CONFRONTO BUDGET CONSUNTIVO - AGGIUNTA POSSIBILIT DI COMPRENDERE NEL CONFRONTO ANCHE LE RIGHE DI CONSUNTIVO PRIVE DI BUDGET ....................................................................... 73 13/10/2009 Pag. 2 di 89

ESA Software S.p.A.

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

4.38 4.39 4.40 4.41 4.42

RICHIESTE DI IMPLEMENTAZIONE RILASCIATE CON I FIX DI E/STUDIO ........................................................................ 74 ANOMALIE RILASCIATE CON I FIX DI E/STUDIO ........................................................................................................ 75 RICHIESTE DI IMPLEMENTAZIONE RILASCIATE CON IL FIX 02.09.04 .......................................................................... 77 ANOMALIE CORRETTE CON IL FIX 02.09.04 .......................................................................................................... 79 AGGIORNAMENTO DOCUMENTAZIONE .................................................................................................................. 89

ESA Software S.p.A.

13/10/2009

Pag. 3 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

1 Informazioni importanti
Il fix viene distribuito attraverso un file autoscompattante che assume il nome F020904.EXE. Questo file gestisce linstallazione del fix relativo a: versione base di e/aziendale Business Intelligence se presente Convertitore se presente e/add (Contabilit Direzionale / Tesoreria) se presente
(se necessario, laggiornamento della base dati deve comunque essere eseguita manualmente dallinstallatore; fare riferimento al capitolo Installazione del fix dei moduli aggiuntivi per i dettagli del caso)

e/prod (DiBa / Produzione) se presente e/CRM (Gestione dei rapporti con i clienti) se presente e/dettaglio (Server Casse) se presente

E possibile inoltre la presenza di altri che fanno riferimento a: ulteriori moduli aggiuntivi (e-Commerce, eJob, eSkipper, Basilea2, ecc.): se presenti, i moduli aggiuntivi vengono distribuiti anchessi attraverso dei file autoscompattanti raggruppati per moduli. Fare riferimento al paragrafo Installazione del fix dei moduli aggiuntivi per tutti i dettagli del caso moduli Redditi (F24-F23 e Comunicazione IVA, 770, ecc.): se presenti, i moduli relativi ai Redditi (validi per le configurazioni sia di e/aziendale che e/studio che Dichiarativi stand-alone) vengono distribuiti anchessi attraverso dei file autoscompattanti raggruppati per moduli. Fare riferimento al paragrafo Installazione del fix dei moduli aggiuntivi per tutti i dettagli del caso Tutti i file sono disponibili solo sul sito FTP Esa (www.esasoftware.com - ES@NET Area Riservata del portale ESA), nella cartella che identifica la release. In alcuni casi i fix fiscali per e/studio potrebbero essere distribuiti anche attraverso un dvd di aggiornamento che contiene sostanzialmente gli stessi file, suddivisi per release, presenti sul sito Esa.

Note
Prima di eseguire linstallazione del fix si consiglia di eseguire la copia di salvataggio completa degli archivi Durante linstallazione del fix nessun utente deve utilizzare e/

1.1

Informazioni importanti per linstallazione del fix 02.09.04

Il presente fix viene distribuito per risolvere alcune anomalie e/o aggiungere nuove funzionalit relative ai prodotti: o e/aziendale (e/uno, e/ready, e/impresa) allineato alla release 02.09.03 o superiori Il fix pu essere utilizzato anche come aggiornamento cumulativo rispetto alla master release 02.09. Questo significa che si pu aggiornare una installazione di e/aziendale allineata ad una qualsiasi versione a partire dalla 02.09 (02.09.00.01, 02.09.01, ecc.). N.B.: quanto indicato valido per e/aziendale, i moduli aggiuntivi e/prod ed e/dettaglio ed i moduli Redditi. Gli altri moduli aggiuntivi (Pratiche, Antiriciclaggio, ecc.) devono essere installati utilizzando i setup rilasciati con i vari fix della 02.09. Consigliamo di leggere attentamente tutte le Note di installazione prima di procedere operativamente. ATTENZIONE: prima di installare verificare la presenza di eventuali personalizzazioni e, se necessario, contattare il proprio rivenditore o chiamare la Filiale ESA a te pi vicina. Tabella di compatibilit tra e/ e/sigip e/crm e/dms wrapper di interfaccia Versioni di Versioni di Versioni di Versioni di Wrapper Wrapper e/ e/sigip e/crm e/dms specializzati framework ----------02.09 --------02.09.00.01 ------------02.09.01
ESA Software S.p.A. 13/10/2009

Wrapper framework ESA ------Pag. 4 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

02.09.01.01 02.09.01.02 02.09.02 02.09.03 02.09.03.01 02.09.03.02 02.09.03.03 02.09.03.04 02.09.03.05 02.09.03.06 02.09.03.07 02.09.03.08 02.09.03.09 02.09.03.10 02.09.03.11 02.09.03.12 02.09.03.13 02.09.03.14 02.09.03.15 02.09.03.16 02.09.03.17 02.09.04

------01.02.00 01.02.00 01.02.00 01.02.00 01.02.00 01.02.00 01.02.00 01.02.00 01.02.00 01.02.00 01.02.00 01.02.00 01.02.00 01.02.00 01.02.00 01.02.00 01.02.00 01.02.00 ---

------01.01.01 01.01.01 01.01.01 01.01.01 01.01.01 01.01.01 01.01.01 01.01.01 01.01.01 01.01.01 01.01.01 01.01.01 01.01.01 01.01.01 01.01.01 01.01.01 01.01.01 01.01.01 ---

------01.04.04 01.04.04 01.04.04 01.04.04 01.04.04 01.04.04 01.04.04 01.04.04 01.04.04 01.04.04 01.04.04 01.04.04 01.04.04 01.04.04 01.04.04 01.04.04 01.04.04 01.04.04 01.04.04

------03.00.00 03.00.00 03.00.00 03.00.00 03.00.00 03.00.00 03.00.00 03.00.00 03.00.00 03.00.00 03.00.00 03.00.00 03.00.00 03.00.00 03.00.00 03.00.00 03.00.00 03.00.00 3.4.0

------03.00.00 03.00.00 03.00.00 03.00.00 03.00.00 03.00.00 03.00.00 03.00.00 03.00.00 03.00.00 03.00.00 03.00.00 03.00.00 03.00.00 03.00.00 03.00.00 03.00.00 03.00.00 3.0.0.2

------03.00.00 03.00.00 03.00.00 03.00.00 03.00.00 03.00.00 03.00.00 03.00.00 03.00.00 03.00.00 03.00.00 03.00.00 03.00.00 03.00.00 03.00.00 03.00.00 03.00.00 03.00.00 3.4.0

1.2

Informazioni importanti per lutilizzo del fix 02.09.04

ATTENZIONE: come gi precedentemente comunicato (vedi IVA per cassa e Scheda di trasporto - chiavi di attivazione aggiornate per e/ - e/studio 2.9.4 del 07/09/2009 e ) si ricorda che il fix 02.09.04 funziona solo con una chiave di attivazione 02.09.04 o superiore. Le chiavi di attivazione aggiornate sono state generate e pubblicate nellarea riservata Clienti, es@net, del sito www.esasoftware.com Integrazione tra e/aziendale e/studio ed Adempimenti24 Bilanci del Sole24Ore Vengono forniti precaricati (e gestiti come archivi standard) i collegamenti, tra i conti del piano dei conti ed i conti di Adempimenti24 Bilanci (AD24), con i seguenti modelli di piano dei conti standard: - STD (Standard) - STDORD (Standard cont. Ordinarie) - STDSEM (Standard cont. Semplificate) - STDSOC (Standard societario) Gestione IVA per cassa Archivi dimostrativi Sono stati aggiornati gli archivi dimostrativi per le seguenti tabelle: Tabella Piano dei Conti Tabella Defaults Azienda Tabella Causali contabili Tabella collegamenti Pdc / bilancio CEE Tabelle Collegamenti Pdc / dichiarazioni fiscali Tutti i dettagli nel capitolo Gestione IVA per cassa pi avanti in questo stesso documento. Gestione IVA per cassa Ricostruzione Volume daffari Prima di attivare la gestione dellVA per cassa, si raccomanda di eseguire la ricostruzione del Volume daffari (da menu Utilit, Utilit azienda, Ricostruzioni) allo scopo di valorizzare il volume daffari sulla base dei documenti gi registrati in corso danno.
ESA Software S.p.A. 13/10/2009 Pag. 5 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

Bonifici esteri E stato aggiunto il codice tipo pagamento BE (Bonifico estero). Fra le opzioni del Comportamento effetto, lato passivo, stata aggiunta la voce Generazione file Bonifici estero. Per vedere il nuovo tipo pagamento necessario eseguire la Copia archivi standard. Business Intelligence: cubo eDataWarehouse allineato ad Analisys Services SQL Server 2005 Lallineamento del cubo eDataWarehouse allineato ad Analisys Services SQL Server 2005 ha comportato alcune modifiche alla procedura di installazione e configurazione del modulo di Business Intelligence. Si consiglia di consultare anche i documenti BI.pdf (per linstallazione / configurazione) e E-BI_guida.doc (guida allutilizzo) per maggiori dettagli. Integrazione con e/dms Stampa etichette barcode Con questa release viene rilasciato un report (dostetic_tlp2844.rpt) che si pu utilizzare per stampare le etichette barcode da utilizzare per lintegrazione con il documentale per le stampanti ZEBRA GK420t. Ottimizzazione report di stampa per i documenti di vendita fine funzionamento Con la release 02.02.00B era stato eseguito un intervento di ottimizzazione al fine di rendere sensibilmente pi veloce la stampa dei documenti di vendita. Lintervento consisteva su alcune modifiche alla base dati e sul rifacimento dei report (file BOLV.rpt, FATAV.rpt, FATIV.rpt, FATIV_temp.rpt e ORDIMP.rpt) per quanto riguarda il DDT, la Fattura e gli Ordini. Contestualmente erano state fornite delle note per chi volesse continuare ad utilizzare i report non ottimizzati con lindicazione che, nelle release successive, questi report continuavano ad essere adeguati (pur non facendo pi parte delle stampe standard). A partire da questa rilascio questi report non ottimizzati non vengono pi adeguati e supportati. Per comodit qui di seguito si riportano nel note distribuite in occasione del rilascio 02.02.00B che descrivevano la problematica: Al fine di rendere sensibilmente pi veloce la stampa dei documenti di vendita, oltre ad alcune modifiche alla base dati, sono stati rifatti i report (file .rpt) per quanto riguarda il DDT, la Fattura e gli Ordini. Nello specifico i report rifatti sono: o BOLV2.rpt o FATAV2.rpt o FATIV2.rpt o FATIV2_temp.rpt o ORDIMP2.rpt Questi file vengono copiati automaticamente con linstallazione normale del fix nella cartella dei report (\\nomeserver\Program Files\e\report nelle installazioni standard) ma non vengono attivati. Pertanto se non viene eseguita nessuna operazione di quelle pi avanti descritte, le stampe continuano a funzionare come prima. Per lutilizzo di questi nuovi report occorre: o Rinominare il vecchio report (prendendo come esempio il file BOLV.rpt, lo si rinomina in BOLV_sav.rpt) o Cambiare nome al nuovo report (il file BOLV2.RPT lo si rinomina in BOLV.rpt) Le operazioni di cui sopra devono essere ripetute, se utilizzati, anche per gli file indicati tenendo presente che, in pratica, il nome del report lo stesso, quello nuovo ha solo un 2 in pi. ATTENZIONE: se i report dei documenti di vendita sono stati personalizzati, e quindi il programma NON utilizza i file standard (per esempio BOLV.rpt per i DDT), per utilizzare i nuovi report occorre: o Rinominare il vecchio report personalizzato (prendendo come esempio un file BOLV_ESA.rpt, lo si rinomina in BOLV_ESA_sav.rpt) o Cambiare nome al nuovo report (il file BOLV2.RPT lo si rinomina in BOLV_ESA.rpt cio con lo stesso nome che conteneva la personalizzazione) o Modificare il nuovo report (cio BOLV_ESA.rpt) riportando la personalizzazione fatta in precedenza Le operazioni di cui sopra devono essere ripetute, se utilizzati, anche per gli file indicati tenendo presente che, in pratica, il nome del report lo stesso, quello nuovo ha solo un 2 in pi.

ESA Software S.p.A.

13/10/2009

Pag. 6 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

Infine si fa presente che con la prossima release master i nuovi report ottimizzati diventeranno i report standard. NOTA TECNICA: la lentezza delle stampe dei documenti di vendita era in parte dovuta allalto numero di tabelle che i report dovevano gestire; lottimizzazione eseguita stata quella di creare delle viste (VW_ST_TESTATA_DOC, VW_ST_TESTATA_DOC_IVA, VW_ST_TESTATA_DOC_TP, VW_ST_TESTATA_DOC_IVA_TP e VW_ST_TESTATA_ORD), nelle quali sono state raggruppate / organizzate le operazioni sulla base dati; stato quindi necessario adeguare anche i report che si provveduto a modificare per far si che utilizzassero queste viste evitando di referenziare un alto numero tabelle di database.

ESA Software S.p.A.

13/10/2009

Pag. 7 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

2 Elenco delle novit


Rispetto alla versione 02.09.03, il presente fix contiene gli interventi sotto riportati. Maggiori dettagli sono presenti nel capitolo Dettaglio del contenuto del rilascio pi avanti in questo stesso documento.

2.1

Contenuto del rilascio

Il fix 02.09.04 contiene: 1. Certificazione SQL Server 2005 SP3: a partire dalla presente release e/ certificato anche sul Service Pack 3 di SQL Server 2005. 2. Integrazione tra e/aziendale e/studio ed Adempimenti24 Bilanci del Sole24Ore: stata realizzata lintegrazione fra e/aziendale - e/studio ed Adempimenti24 Bilanci, la soluzione del Sole 24 Ore per la redazione guidata del Bilancio e altri adempimenti aziendali 3. Aggiornamento della tabella delle Localit: sono state inserite tre nuove provincie: si tratta di Fermo, Barletta - Andria - Trani, Monza e Brianza 4. Aggiornamento della tabella delle Banche/Agenzie: stata aggiornata la tabella con lelenco delle Banche / Agenzie aggiornato a Giungo 2009 5. Gestione IVA per cassa: stato adeguato il programma per il recepimento del D.L. n. 185/2008 convertito con modificazioni nella Legge n.2/2009 all'art. 7 che ha esteso, seppure con alcune particolarit, il meccanismo dell'Iva ad esigibilit differita gi previsto per le fatture emesse nei confronti di Stato, enti pubblici ed enti ad essi assimilati / equiparati. 6. Integrazione CoGe-Codir: in variazione di Prima nota il programma apre la finestra Codir solo per le righe modificate 7. Stampa contabile cespiti per esercizio: riporto nella colonna AMMORTAMENTI solo ci che stato accantonato nel fondo solo per effetto del calcolo ammortamento (R.I. 494887C) 8. Stampa Registro Cespiti: esposizione dati alienazione ed esclusione righe con importi a zero (R.I. 494976C e R.I. 512762C) 9. Nota Integrativa e Parti Correlate per il recepimento della Direttiva CE 46/2006: modifica a Stampa Mastrini 10. Visualizzazione Mastrini: aggiunta la possibilit di modificare il colore dello sfondo 11. Gestione output multiplo in stampa avvisi di pagamento: stata attivata la gestione degli output multipli allo scopo di consentire linvio automatico degli avvisi di pagamento ai diversi fornitori 12. Convertitore: cambio valore dellIndicatore di propriet in caso di importazione da Spiga-X III (R.I. 492189C) 13. Scheda di trasporto: al fine di favorire le verifiche sul corretto esercizio dellattivit di autotrasporto di merci per conto di terzi e di conseguire maggiori livelli di sicurezza stradale, lart. 7-bis del DLgs. n. 286/2005, inserito dallart. 3 del DLgs. n. 214/2008, ha istituito un documento di tracciabilit della merce in grado di identificare tutti i soggetti coinvolti nella filiera del trasporto, denominato scheda di trasporto 14. Integrazione con e/dms: avanzamento degli stati documento da documentale 15. Integrazione con e/dms: tipi documento con nuova Key Unique per e/dms; sono state fatte alcune modifiche perch essa diventi un criterio valido di ordinamento 16. Bonifici esteri: stata implementata la gestione dei bonifici esteri con generazione del relativo file di export per la banca scritto secondo lo standard CBI (R.I. 56149E e R.I. 333161C) 17. File RID: gestione del tipo codice e nome file .txt 18. Visualizzazione / Stampa Mastrini: abilitazione dellindicatore Stampa conti cli/for per totale anche per le aziende di livello e/impresa-e/sigip (R.I. 513159C) 19. Selezione per data evasione di testata in visualizzazione clienti e fornitori: sono state inserite nuove selezioni sulla data evasione di ordini e impegni (in aggiunta alle selezioni per data documento gi presenti) (R.I. 57225E) 20. Anagrafica articolo: inserito il deposito su cui proporre RDA (Richieste di Acquisto) 21. Generazione Codici aggiuntivi per lotto: stato realizzato un nuovo programma di utilit per generare in automatico un codice aggiuntivo per ogni lotto esistente 22. Abilitazione di movimentazione manuale sui movimenti di commessa anche nel caso di gestione commesse sull'articolo: stata sbloccata la funzionalit di inserimento/modifica di movimenti manuali in modo da, ad esempio, per spostare quantitativi di un articolo da una commessa ad unaltra (R.I. 456606C)
ESA Software S.p.A. 13/10/2009 Pag. 8 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

23. Possibilit attivazione del configuratore anche con varianti multidimensionali attive sullarticolo: ora possibile specificare se per larticolo si intende effettuare linput varianti multidimensionali oppure rinunciare a tale funzionalit a favore di una gestione della distinta base neutra senza limitazioni 24. Riapertura depositi anche se l'esistenza totale (somma di tutti i depositi) dell'articolo uguale a zero: il cambio esercizio permette, con apposita richiesta opzionale Saldi Iniziali sui singoli depositi anche con esistenza globale a zero, di riaprire i depositi con esistenza diversa da zero anche se l'esistenza totale di tutti i depositi dellarticolo uguale a zero (R.I. 444829C) 25. Gestione IVA a Margine Art. 36 su ciclo attivo (implementazione parziale): stata implementata lintegrazione fra il regime speciale IVA del margine e il ciclo attivo/passivo 26. Valorizzato sul documento il codice aggiuntivo dellarticolo selezionato con la query Articoli + codici aggiuntivi: la selezione di articoli dalla lookup articoli + codici aggiuntivi oltre a riportare il codice articolo riporta anche il codice aggiuntivo sullomonimo campo delle righe documento (RI 501052C) 27. Fatturato Clienti/Fornitori: stata potenziata la gestione dei dati di fatturato mensili dei clienti/fornitori 28. Ottimizzazione Elaborazione Documenti: lelaborazione dei documenti del ciclo attivo/passivo stata ottimizzata per ridurne la durata 29. Stampa AGING con suddivisone periodi parametrica: la Stampa scadenziario (AGING) stata modificata allo scopo di rendere parametrici gli scaglioni temporali in cui suddividere lo scaduto 30. Unit di Misura alternativa su legame diba: sulla distinta base, e in particolare sui dati del legame padre-figlio stata aggiunta la possibilit di indicare la quantit in una qualsiasi unit di misura alternativa dellarticolo figlio 31. Stampa fabbisogno da impegni: indicati, per ogni distinta, i documenti che compongono la quantit che viene riportata 32. Creazione varianti per codice ordinamento: nella creazione varianti il programma non ordinava le varianti in base al n. progressivo ordinamento ma in base al codice della variante: questo comportamento stato corretto (R.I. 503968C) 33. Griglia ordinabile in gestione configurazioni varianti 34. Griglia ordinabile in varianti articoli configurati 35. Business Intelligence: cubo eDataWarehouse allineato ad Analisys Services SQL Server 2005 36. Business Intelligence - ottimizzazione cubo Codir-Confronto Budget/Consuntivo: stata ottimizzata la generazione del cubo Codir Confronto Budget/Consuntivo, modificando la struttura della vista VWDW_CODIR_BUDCONS 37. Business Intelligence - cubo codir Confronto Budget Consuntivo: aggiunta possibilit di comprendere nel confronto anche le righe di consuntivo prive di budget 38. Richieste di implementazione rilasciate con i fix di e/studio - Con i fix di e/studio successivi alla release 02.09.03 sono state risolte alcune anomalie ora disponibili anche per i prodotti aziendali 39. Anomalie rilasciate con i fix di e/studio Con i fix di e/studio successivi alla release 02.09.03 sono state risolte alcune anomalie ora disponibili anche per i prodotti aziendali 40. Richieste di implementazione rilasciate con il fix 02.09.04 Sono state rilasciate alcune richieste di implementazione segnalate 41. Anomalie corrette con il fix 02.09.04 Sono state corrette alcune anomalie segnalate

ESA Software S.p.A.

13/10/2009

Pag. 9 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

3 Note di installazione
ATTENZIONE: prima di installare verificare la presenza di eventuali personalizzazioni e, se necessario, contattare il proprio rivenditore o chiamare la Filiale ESA a te pi vicina. Per installare il presente fix eseguire le operazioni indicate. Quanto di seguito elencato rappresenta una descrizione sintetica di tutte le operazioni da eseguire; una descrizione dettagliata comunque presente nei capitoli successivi. 1. prelevamento dei file dal sito ESA o dal dvd di aggiornamento (per lelenco dei file da prelevare fare riferimento alla Comunicazione inviata o al successivo capitolo Prelevamento dei file dal sito ESA o dal dvd di aggiornamento (se presente)) 2. copia di salvataggio COMPLETA della base dati di e/ 3. sul computer che svolge funzioni di Server (valido anche per Monoutente), oppure su un client qualsiasi della rete, eseguire la installazione del fix di e/ sul Server: a. eseguire il file F020904.EXE b. cliccare su OK e successivamente su Setup c. indicare il percorso (locale o di rete) in cui copiare i setup del fix da utilizzare per aggiornare in seguito i client della rete d. confermare la Richiesta di Conversione Archivi i. cliccare su Avanti> per accedere alla conversione della base dati ii. confermare (o modificare) i dati relativi al server database per la connessione alla base dati iii. confermare (o modificare) i dati relativi alle directory degli script e temporanea iv. confermare (o modificare) le aziende da convertire e la release v. confermare (o modificare) le utility di conversione vi. cliccare su Inizia per cominciare la conversione della base dati vera e propria vii. attendere la fine della conversione; al termine cliccare su OK sul messaggio di fine operazione e. se presenti, automaticamente parte lAggiornamento dei programmi di e/ f. se presenti, automaticamente parte lAggiornamento dei programmi di e/dettaglio (Server Casse) g. cliccare su Installazione terminata per concludere linstallazione del fix sul computer 4. in caso di configurazione di rete su tutti i computer che svolgono funzioni di Client eseguire la installazione del fix di e/ sui Client (aggiornamento dei programmi) a. installazione fix di e/ tramite Console i. avvio della Console di e/ ii. impostazione, se necessario, del percorso di installazione fix (percorso su cui risiedono i setup dei fix) iii. scansione della rete per determinare i client da aggiornare iv. avvio dellaggiornamento automatico dei client b. installazione fix di e/ senza Console (installazione Locale) i. con Esplora di Windows posizionarsi nella cartella \\nomecondivisione/MASTER_E per eseguire i singoli setup dei programmi ii. accedere alla sottocartella Fix_e_02090400 iii. eseguire il file (doppio clic) Setup.exe; automaticamente parte lAggiornamento dei programmi di e/ iv. se presente il modulo e/dettaglio, accedere alla sottocartella Fix_eDettaglio_020904 v. eseguire il file (doppio clic) Setup.exe; automaticamente parte lAggiornamento dei programmi di e/dettaglio; attendere il termine della installazione La corretta installazione del fix riscontrabile dal cambio del numero versione presente in alto a destra nella videata di richiesta login: 02.09.04.

ESA Software S.p.A.

13/10/2009

Pag. 10 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

3.1

Prelevamento dei file dal sito ESA (o dal dvd di aggiornamento se presente)

In caso di prelevamento dei file sul sito FTP ESA@NET - Area riservata, i file da prelevare sono quelli standard del fix vero e proprio: 1. F020904.exe (*) = per il fix e/aziendale vero e proprio 2. F020904_Azi.doc = documentazione note di installazione e utilizzo fix per e/aziendale 3. E-Elenco_Dispositivi.doc = documentazione - elenco dei dispositivi (registratori di cassa, lettori barcode, ecc.) certificati da ESA Software 4. NotaIntegrativa_Generale_2931.zip = documentazione Nota Integrativa - documenti generali che riepilogano gli interventi eseguiti e la struttura della Nota Integrativa fornita da ESA Software 5. NotaIntegrativa_Generale_2934.zip = documentazione Nota Integrativa - documenti generali che riepilogano gli interventi eseguiti e la struttura della Nota Integrativa fornita da ESA Software 6. E-Redditi_guida_2009.doc = documentazione - informazioni sullutilizzo dei moduli Redditi di e/studio per lanno 2009 (*) in alternativa, per installare il fix in maniera cumulativa (cio con tutti i programmi modificati rispetto alla master release 02.09), prelevare il file F020904_Cumulativo.exe A questi si aggiungono, a seconda delle esigenze, i seguenti files: 1. per il modulo Convertitore: a. E-Convertitore_guida.doc (documentazione) 2. per il modulo Business Intelligence: a. eDataWarehouse.abf (nella cartella Documentazione_BI) b. BI.pdf (documentazione)

3.2

Copia di salvataggio COMPLETA della base dati di e/

Prima di eseguire una operazione di aggiornamento, si consiglia di eseguire una copia di salvataggio COMPLETA (database di sistema e database aziendali) degli archivi. Questo a scopo precauzionale nel caso in cui per un qualsiasi motivo la procedura di conversione fallisse e indipendentemente dalle copie eventualmente schedulate e gestite automaticamente. Per eseguire questa copia una tantum utilizzare la procedura di Gestione copie di e/, presente nel men Programmi / ESA Software. Maggiori informazioni sullutilizzo del programma sono presenti nellhelp in linea di e/ attivabile con il tasto funzione F1.

3.3

Installazione del fix di e/ sul Server

File: F020904.exe (o, in alternativa, il file F020904_Cumulativo.exe per installare il fix in maniera cumulativa, cio con tutti i programmi modificati rispetto alla master release 02.09 indipendentemente dalla release installata). Lestrazione e la successiva installazione del fix di e/ permette la conversione della base dati comune e linstallazione dei nuovi programmi aggiornati (se presenti e se si sta eseguendo linstallazione locale cio non con la Console di e/) sul computer da cui si sta eseguendo loperazione. Per estrarre ed installare il contenuto del fix occorre: o Eseguire (doppio clic) il file F020904.EXE. Il file autoscompattante per cui non necessario che il pc su cui si sta eseguendo linstallazione sia dotato del software WinZip per la gestione dei files compressi. Cliccare su OK

ESA Software S.p.A.

13/10/2009

Pag. 11 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

Cliccare sul bottone Setup per iniziare lestrazione e la successiva installazione. In questa fase vengono anche copiati i file comuni (per le elaborazioni/stampe, script SQL, Nota Integrativa, ecc.) nei percorsi condivisi specificati durante linstallazione del master di e/

In caso di installazione LOCALE (o in caso di Installazione CENTRALIZZATA solo se il programma non riesce a trovare la cartella condivisa in cui stato ricopiato il dvd della master release) viene richiesto di specificare una cartella di scompattazione; il programma propone C:\Master_e o \\nomecondivisione\Master_e (si consiglia di confermare i valori proposti). Nella cartella indicata verranno ricopiati i setup veri e propri del fix: importante quindi che essa sia condivisa in lettura/scrittura per tutti i client che dovranno essere successivamente aggiornati. Da questa cartella infatti saranno prelevati (manualmente o tramite la Console di e/) e setup per laggiornamento dei client della rete.

In caso di installazione LOCALE viene quindi richiesto di eseguire la procedura di Conversione Archivi: la prima volta che si sta installando il fix bisogna rispondere Si; tutte le volte successive, quando cio la base dati gi stata aggiornata e si stanno aggiornando i client, rispondere No. Questa richiesta giustificata dal fatto che, dalla release 02.05, durante gli aggiornamenti, in caso di errore (tipicamente di conversione archivi) disponibile un meccanismo di ripristino automatico della situazione precedente. In questo caso infatti possibile, ripristinando manualmente (usando cio lapposito programma di Gestione Copie), la copia totale degli archivi copia eseguita immediatamente prima dellinizio della conversione come da note di installazione ricreare la situazione presente prima dellinizio di tutto il processo di conversione.

ESA Software S.p.A.

13/10/2009

Pag. 12 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

CASO PARTICOLARE. Nel caso in cui il fix disponga di una nuova versione per programma di installazione centralizzata (Console di e/) e non ne viene rilevata la presenza sul computer che su cui si sta installando, viene emesso un avvertimento dove viene evidenziata questa situazione. In caso di installazione LOCALE (quindi la Console non viene utilizzata) ignorare il messaggio e proseguire cliccando su OK. In caso di installazione CENTRALIZZATA significa che non possibile aggiornare il programma Console di e/: reinstallare il fix sul computer su cui stato installato tale programma

Viene quindi richiesto di procedere con laggiornamento della base dati. Confermare cliccando sul bottone Si (N.B.: se in questa fase non si converte la base dati scelta sconsigliata possibile eseguirla in un secondo momento utilizzando il programma Conversione archivi presente nel men Start / Programmi ESA Software di Windows). In caso di installazione LOCALE lato SERVER, rispondere Si alla richiesta di conversione archivi. In caso di installazione LOCALE lato CLIENT (* vedi nota), rispondere No alla richiesta di conversione archivi che gi stata eseguita in precedenza lato server (rispondere Si se la base dati non ancora stata convertita, perch per esempio si sta eseguendo laggiornamento di una intallazione DbServer con server dedicato in remoto da un client, e comunque SOLO quando la base dati non ancora stata allineata; tutte le volte succesive rispondere sempre No alla richiesta e proseguire con linstallazione dei programmi in locale). (* nota bene - installazione LOCALE lato CLIENT) pur essendo possibile utilizzare il file FXXXXXX.EXE, per eseguire laggiornamento del client SI CONSIGLIA di fare quanto descritto nel successivo paragrafo Aggiornamento dei programmi di e/ sui client: questo infatti il vero processo di aggiornamento da seguire.

Inizia cos la parte di conversione della base dati vera e propria o Cliccare su Avanti nella videata introduttiva

ESA Software S.p.A.

13/10/2009

Pag. 13 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

Inserire i parametri di connessione al server della base dati: o Server (nome del computer che svolge funzioni di server base dati); il programma propone in automatico il nome del computer specificato durante linstallazione della master release; si consiglia di non modificare i valori proposti; N.B.: si tenga presente che se linstallazione di SQL Server stata fatta su una istanza nominata e non sulla istanza di default, nel nome Server bisogna indicare nomeserver\nomeistanza per riuscire a connettersi al database o Autenticazione di Windows nel caso in cui ci si debba connettere a SQL Server utilizzando le credenziali di Windows (cio lutente di Windows con cui si si connessi al pc); tranne caso particolare preferibile non impostare questo indicatore ed utilizzare lutente supervisore sa di SQL Server o Utente amministratore del database (inserire sa, cio lutente amministratore di SQL Server) o Password per l'utente amministratore (cio la password immessa durante l'installazione di SQL Server 2005); N.B.: se si sta aggiornando una installazione fatta con una release precedente di e/ (fino alla release 02.08 esclusa) in maniera auutomatica con MSDE 2000, la password che stata inserita dbesa; se si sta aggiornando una installazione fatta con una release precedente di e/ (release 02.08) in maniera auutomatica con SQL Server 2005 Express Edition, la password che stata inserita esasoftware; se si sta aggiornando una installazione release 02.09 fatta in maniera auutomatica con SQL Server 2005 Express Edition, la password che stata inserita ESAsoftware01

ESA Software S.p.A.

13/10/2009

Pag. 14 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

Inserire quindi i percorsi relativi ai dati / script da eseguire. Viene richiesta: o Directory script: la cartella che contiene gli script necessari alla installazione della base dati (propone la directory degli script o di AggiornaDB). Si consiglia di non modificare il valore proposto o Directory temporanea: la cartella temporanea utilizzata internamente dal processo di installazione (propone la temp di Windows); in questa directory vengono salvati i file con le eventuali segnalazioni di errore; questi file, uno per ogni database, assume il nome Conv_xxxxx_yyyyy.Log dove xxxxx il nome del database aziendale e yyyyy il numero della release della conversione eseguita. Si consiglia di non modificare il valore proposto

ESA Software S.p.A.

13/10/2009

Pag. 15 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

Viene presentato lelenco delle aziende disponibili gi selezionate per laggiornamento. Si consiglia di mantenere tale selezione e di aggiornare TUTTE le aziende compreso le eventuali aziende dimostrative. La Release di aggiornamento Fix da selezionare in alto 02.09.04. Cliccare su Avanti per proseguire.

ESA Software S.p.A.

13/10/2009

Pag. 16 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

Selezionare le opzioni per controllare gli eventuali utenti connessi alla base dati e impostare alcune opzioni di conversione. In dettaglio: o Visualizza utenti connessi alla base dati permette di verificare eventuali utenti che stanno utilizzando la base dati oggetto di conversione. Premesso che, in fase di aggiornamento archivi, nessun utente deve utilizzare la procedura (e che la stessa, una volta partita, blocca in maniera esclusiva tutti i database), con questo bottone possibile avere lelenco degli utenti connessi e, se necessario, disconnetterli. In ogni caso linizio della conversione determina la disconnessione forzata degli eventuali utenti in uso in e/. ATTENZIONE: se si disconnettono gli utenti in questa fase, loperazione viene eseguita senza generare alcun avviso allutente connesso e con la perdita dei dati non salvati. Si consiglia pertanto di utilizzare questa procedura solo in casi estremi e principalmente come controllo: sicuramente pi consigliabile far uscire gli utenti da e/ con il metodo normale di uscita previsto da e/. Si ricorda anche che nellelenco appariranno anche gli utenti associati ai servizi di Background e CRM: anche in questo caso pur, essendo possibile disconnetterli, preferibile fermare i servizi (specialmente quello di Background) con lapposita procedura prima di eseguire la conversione o Cancellazione degli esiti delle elaborazioni/stampe (log): permette di cancellare gli esiti delle elaborazioni / stampe (log) che e/ genera automaticamente durante il suo normale utilizzo. Questi messaggi (log) vengono salvati in una tabella di sistema che, col tempo, pu diventare molto consistente. La cancellazione del contenuto di questa tabella, che altrimenti dovrebbe essere convertita, pu aumentare la velocit della conversione. (N.B.: gli esiti sono visibili ed eventualmente cancellabili anche da e/ con i programmi relativi disponibili nel modulo Utilit \ Gestione esiti) o Genera log dettagliato sui tempi di conversione permette la generazione di un file di log (file di testo) che conterr lindicazione dettagliata sui tempi di conversione. Queste informazioni possono essere utili per avere una idea sui tempi e quindi per organizzare le future conversioni delle prossime release
13/10/2009 Pag. 17 di 89

ESA Software S.p.A.

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

Al termine esegui attivit aggiuntiva di ottimizzazione database permette, dopo che gli archivi sono stati convertiti, di eseguire una ottimizzazione dei database (check correttezza del db, ricostruzione indici, aggiornamento statistiche, compattazione database). Lottimizzazione del database, oltre ad eseguire un controllo della base dati, consente un generale miglioramento delle prestazioni del sistema

Naturalmente queste ultime due operazioni aumentano il tempo di completamento della conversione degli archivi. Impostare o meno gli indicatori a seconda delle esigenze e cliccare Avanti per proseguire.

Confermare linizio della procedura di conversione della base dati cliccando sul bottone Inizia:

ESA Software S.p.A.

13/10/2009

Pag. 18 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

Al termine viene visualizzato un apposito messaggio di fine:

Inizia cos la parte di aggiornamento dei programmi vera e propria (se necessario) o CASO PARTICOLARE. Se per un qualsiasi motivo la base dati di e/ non stata aggiornata con successo, possibile non dare inizio al processo di installazione dei programmi rispondendo No alla domanda relativa

ESA Software S.p.A.

13/10/2009

Pag. 19 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

In questo caso linstallazione non quindi stata completata. Per ripristinare la situazione iniziale presente prima dellinizio di tutto il processo di conversione sufficiente eseguire il ripristino della copia di salvataggio degli archivi (che linstallatore ha eseguito prima dellaggiornamento come consigliato nelle note di installazione) mediante il normale programma di Gestione Copie o In caso di installazione CENTRALIZZATA non viene eseguita nessuna operazione perch laggiornamento dei programmi sui vari client della rete deve essere eseguita attraverso lutilizzo della Console di e/. Per luso della Console si rimanda alle istruzioni in linea disponibili con il programma. Se necessario, il programma stesso della Console viene aggiornato In caso di installazione LOCALE laggiornamento dei programmi sul computer su cui si sta installando, se necessario, parte automaticamente. Al termine viene visualizzato un apposito messaggio di fine:

In caso di installazione LOCALE e se sono presenti i moduli aggiuntivi e/add (Contabilit Direzionale e Tesoreria), e/prod (DiBa Produzione), e/CRM (Gestione dei rapporti con i clienti) o e/dettaglio (Server Casse) e se previsto il fix anche per essi, laggiornamento dei programmi sul computer su cui si sta installando parte automaticamente. Al termine cliccare su Fine Nel caso di e/dettaglio:

ESA Software S.p.A.

13/10/2009

Pag. 20 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

N.B.: attendere SEMPRE la videata di Installazione terminata (vedi immagine pi avanti) per avere conferma della installazione di tutti i fix previsti; non cliccare MAI sul bottone Cancel della videata di estrazione del fix a meno che non si voglia interrompere linstallazione o Al termine delle operazioni di estrazione e installazione del fix viene emesso un apposito messaggio di fine:

In caso di installazione LOCALE, se la procedura di installazione trova dei file in uso, necessario procedere con il riavvio del computer. La presenza di una apposta segnalazione indica questa necessit:

Cliccare su OK per riavviare il pc e concludere linstallazione. o In caso di installazione CENTRALIZZATA, se il computer su cui si sta installando contiene il programma della Console di e/, al termine viene automaticamente aperto tale programma per laggiornamento delle workstation. Per luso della Console si rimanda alle istruzioni in linea disponibili con il programma.
13/10/2009 Pag. 21 di 89

ESA Software S.p.A.

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

3.4

Installazione del fix di e/ sui Client

A seconda del tipo di installazione adottata durante linstallazione della release master di riferimento, si pu scegliere utilizzare la: o Installazione centralizzata (Console di e/) del fix che, dopo laggiornamento della base dati e dei file comuni (per le elaborazioni/stampe, script SQL., Nota Integrativa, ecc.), prevede laggiornamento automatico dei programmi su tutti i client disponibili sulla rete da ununica postazione o Installazione locale del fix che, dopo laggiornamento della base dati e dei file comuni (per le elaborazioni/stampe, script SQL, Nota Integrativa, ecc.), prevede laggiornamento dei programmi sui client della rete da eseguirsi localmente, cio procedendo con linstallazione dei programmi del fix su ogni postazione di lavoro disponibile Qui di seguito, suddivise per tipo di installazione le operazioni da eseguire.

3.4.1

Installazione fix di e/ tramite Console

Laggiornamento dei programmi di e/ e di alcuni moduli aggiuntivi (se presenti) sui vari client della rete gestiti dalla Console (*) avviene utilizzando lapposito programma. Per i dettagli operativi si rimanda quindi alle istruzioni in linea disponibili.
(*) la Console provvede ad aggiornare e/ ed i moduli aggiuntivi e/add, e/prod, e/CRM e e/dettaglio (se presenti). Per tutti gli eventuali altri moduli necessario utilizzare il metodo descritto per la installazione Locale

3.4.2

Installazione fix di senza Console (installazione Locale)

In una configurazione di rete i client di e/ devono essere aggiornati con la versione dei programmi disponibili con il fix. E necessario aggiornare i programmi di e/ (sia e/aziendale che e/studio) che i programmi di eventuali moduli aggiuntivi (e/add, e/prod, e/CRM e e/dettaglio) se rilasciati con il fix. Di seguito le operazioni da eseguire. Aggiornamento dei programmi di e/ (necessario) File \\nomecondivisione/Master_e/Fix_e_02090400/Setup.exe Per aggiornare ogni singolo client su cui installato e/ (si ricorda che sul primo computer, sia esso server o client, su cui viene scompattato ed installato il fix viene aggiornato automaticamente) eseguire il file Setup.exe presente nella cartella \\nomecondivisione/Master_e/Fix_e_02090400 dove stato scompattato il fix (vedi precedente paragrafo Installazione del fix di e/ sul Server). Linstallazione dei programmi parte automaticamente e al termine viene visualizzato un apposito messaggio di fine

ESA Software S.p.A.

13/10/2009

Pag. 22 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

se la procedura di installazione trova dei file in uso, necessario procedere con il riavvio del computer. La presenza di una apposta segnalazione indica questa necessit:

Cliccare su OK per riavviare il pc e concludere linstallazione. Aggiornamento dei programmi di e/dettaglio (se presente) File \\nomecondivisione/Master_e/Fix_eDettaglio_020904/Setup.exe Per aggiornare ogni singolo client su cui installato e/dettaglio (si ricorda che sul primo computer, sia esso server o client, su cui viene scompattato ed installato il fix viene aggiornato automaticamente) eseguire il file Setup.exe presente nella cartella \\nomecondivisione/Master_e\Fix_eDettaglio_020904 dove stato scompattato il fix (vedi il precedente punto Installazione del fix di e/ sul Server). Linstallazione richiede il percorso di installazione dei programmi:

ESA Software S.p.A.

13/10/2009

Pag. 23 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

Inizia poi linstallazione vera e propria; al termine viene visualizzato un apposito messaggio di fine:

3.5

Installazione del fix dei moduli aggiuntivi

Non ci sono moduli aggiuntivi; il fix del Dettaglio viene installato contestualmente al fix di e/ (vedi Installazione del fix di e/ sul Server e Installazione del fix di e/ sui Client per la parte relativa al Dettaglio).

ESA Software S.p.A.

13/10/2009

Pag. 24 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

4 Dettaglio del contenuto del rilascio


Qui di seguito il dettaglio del contenuto del rilascio.

4.1

Certificazione Service Pack 3 di SQL Server 2005

A partire dalla presente release e/ certificato anche sul Service Pack 3 di SQL Server 2005.

4.2

Integrazione tra e/aziendale e/studio ed Adempimenti24 Bilanci del Sole24Ore

Premessa
E stata realizzata lintegrazione fra e/aziendale - e/studio ed Adempimenti24 Bilanci (la soluzione del Sole 24 Ore per la redazione guidata del Bilancio e altri adempimenti aziendali). ATTENZIONE: per linstallazione di Adempimenti24 Bilanci eseguire il file Setup.exe presente nella cartella Adempimenti24 del dvd di aggiornamento; la documentazione per linstallazione disponibile nella cartella Adempimenti24 \ ProdottiVL \ Note \ ADNote.chm per lattivazione del prodotto inserire il Codice Utente e Password, quando richiesto, fornito da ESA Software (contattare il Call Center di ESA Software in assenza di tali informazioni) la documentazione per lutilizzo di Adempimenti24 Bilanci presente invece nel manuale in linea del prodotto consultabile dopo la sua installazione Le note che seguono descrivono lintegrazione per quanto riguarda e/aziendale - e/studio.

In generale
Loggetto dellintegrazione lesportazione verso Adempimenti24 Bilanci (AD24) dei saldi contabili di e/aziendale - e/studio al fine della redazione del bilancio in AD24. La funzione che realizza lesportazione viene richiamata direttamente da AD24 tramite la voce di men specifica Import da il mondo di e. La procedura, sulla base dei parametri ricevuti in input, consente di generare il file dei saldi contabili (con i collegamenti ai rispettivi conti di AD24) rispetto ad una determinata azienda. Il file generato viene poi automaticamente preso in carico da AD24 ed importato nei dati contabili di AD24. Per realizzare lintegrazione sono state implementate le seguenti funzionalit: Collegamento PdC-Conti AD24 Export dati Adempimenti 24

Collegamento PDC-Conti AD24


Questa funzione permette la gestione della tabella di collegamento tra i conti del piano dei conti ed i conti di Adempimenti24 Bilanci (AD24).

ESA Software S.p.A.

13/10/2009

Pag. 25 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

La testata contiene lindicazione del modello del piano dei conti, la descrizione a titolo informativo del collegamento ed alcune note di commento. Nel dettaglio, per ogni conto di e/-e/studio viene richiesta la duplice destinazione dei saldi contabili: il conto AD24 dare e quello avere. Allutente non consentito inserire le righe della griglia e per questo motivo lomonimo pulsante della barra dei bottoni disabilitato; pu invece cancellare la singola riga, ad esempio per eliminare il collegamento ad un conto di piano dei conti che intende cancellare o non gestire pi; per questo motivo lomonimo pulsante della toolbar abilitato. Il programma si comporta diversamente tra caricamento e variazione: dato che in caricamento abilitato il campo chiave del codice modello piano dei conti, ogni volta che si inserisce un nuovo codice la griglia viene automaticamente svuotata di tutti gli eventuali conti presenti e riempita con quelli relativi al modello selezionato. In variazione, non essendo abilitato il codice del modello, la griglia viene popolata con le righe salvate; per aggiornare con nuovi conti necessario premere il bottone Verifica conti P.d.C, che inserisce solo i conti che non sono gi presenti nella griglia. Al salvataggio viene dato un messaggio non bloccante che segnala la presenza di conti non agganciati ai conti di AD24. A differenza di quanto avviene per il collegamento PDC/CEE in e/, in questo caso la logica di collegamento molto pi semplice, infatti: - se stato indicato un solo conto AD24 di collegamento (o Dare o Avere) viene utilizzato quello indipendentemente dal segno del saldo contabile - se sono stati indicati sia la destinazione Dare che quella Avere, viene utilizzato il conto AD24 Dare se il saldo contabile positivo, il conto AD24 Avere se il saldo contabile negativo - indipendentemente dal conto di destinazione, il saldo contabile viene passato in valore assoluto e scritto sul file di trasferimento con segno D (Dare) se positivo, A (Avere) se negativo. Quindi rifacendosi agli esempi gi presenti per i collegamenti con il bilancio CEE:

ESA Software S.p.A.

13/10/2009

Pag. 26 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

Conto AD24 Dare 02.01.071 Fondo ammortamento 69 attrezzature industriali e commerciali 01.34.021 Titoli obbligazionari 234 01.35.001 Credito Romagnolo 243

Conto PdC

Descrizione

Des. Conto AD24

Conto AD24 Avere

Des. Conto AD24

(Fondi ammortamento)

Altri titoli Depositi bancari e postali 1093

02.04.001 Fondo T.F.R.

1042

Debiti verso banche Fondi di trattamento di quiescenza e obblighi simili

Il conto 02.01.071 - Fondo ammortamento attrezzature industriali e commerciali ha generalmente un saldo in AVERE; se il saldo in avere, anche se stata indicata la sola destinazione Dare,il saldo finale verr scritto sul file da trasferire ad AD24 in valore assoluto con segno AVERE sul conto di destinazione indicato Il conto 01.34.021 - Titoli obbligazionari ha generalmente un saldo in dare, anche in questo caso il saldo finale verr mantenuto in valore assoluto e manterr il segno DARE Il conto 01.35.001 - Credito Romagnolo pu avere saldo in dare oppure in avere, essendo indicata sia la destinazione dare che quella avere, se il saldo finale dare verr associato al conto AD24 dare 243 Deposito bancari e postali, viceversa se il saldo finale avere deve essere associato al conto 1093 Depositi verso banche; in entrambi i casi limporto verr scritto con valore assoluto e con segno DARE in un caso e AVERE nellaltro Il conto 02.04.001 - Fondo T.F.R. ha generalmente un saldo in avere; il saldo finale sul file ASCII da trasferire ad AD24 sar scritto in valore assoluto con segno AVERE

Per quanto riguarda i collegamenti occorre considerare quanto segue: - significativo collegare solo conti elementari (anche se per comodit di lettura vengono riportati anche i conti e/ di raggruppamento) - non vengono trattati i conti di riepilogo - il piano dei conti di AD24 memorizzato in una tabella di DB per la quale non esiste per un programma di gestione in quanto la codifica dei conti fissa e predefinita da AD24 - la lista dei conti di AD24 mostra tutti i conti presenti, anche quelli di raggruppamento, per consentire una maggior chiarezza, ma possibile scegliere come destinazione solo conti elementari. Vengono forniti precaricati (e gestiti come archivi standard) i collegamenti con i seguenti modelli di piano dei conti standard: - STD (Standard) - STDORD (Standard cont. Ordinarie) - STDSEM (Standard cont. Semplificate) - STDSOC (Standard societario)

Note archivi
Gli archivi proposti contengono i collegamenti che permettono la riclassificazione delle voci del Piano dei Conti di e/ nel modello di Bilancio AD24, avendo riguardo a quello che pu essere il pi probabile utilizzo della posta contabile in e/. Si invita quindi lutente a verificare se in concreto tale struttura possa essere coerente con la propria situazione. Ad ogni modo, per il Piano dei conti STDSOC, esistono alcune particolarit, dovute al differente impianto delle strutture di partenza ed arrivo collegate, che il caso di segnalare: Il conto 30PA.001.160 (Azioni di godimento), stato collegato con la voce AD24 1890 (Azioni Ordinarie); Fondi svalutazione immobilizzazioni materiali in corso e acconti(Da 33PB.004.800): in AD24 vengono direttamente portati in diminuzione della classe immobilizzazioni in corso/ acconti cui afferiscono; 34PB.002.300 (F.do Imposte per consolidato fiscale), stato collegato con la voce AD24 2196 (Altre imposte differite);
ESA Software S.p.A. 13/10/2009 Pag. 27 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

37PD.010.850 (Debito per consolidato fiscale): collegato con AD24 2824 (Altri debiti verso imprese collegate); 57CB.001 (Accantonamento al fondo imposte) e figli: collegato AD24 4890 (Imposte esercizi precedenti, nella voce 21 del C.E.) 81RA.007 (Contributi generici) e figli: collegato AD24 3662 (Contributi in conto esercizio)

Export dati Adempimenti24


La funzione consente di generare il file ascii al fine dellesportazione dei saldi contabili da e/ verso AD24

Viene richiamata in automatico direttamente da AD24 tramite la voce di men specifica Import da il mondo di e. Sulla base dei parametri ricevuti in input, consente di generare il file dei saldi contabili (con i collegamenti ai rispettivi conti di AD24) rispetto ad una determinata azienda. Il file generato viene poi automaticamente preso in carico da AD24 ed importato nei dati contabili della procedura. In particolare la funzione opera come segue: - Il nuovo eseguibile Export dati Adempimenti24 viene richiamato da AD24 dalla voce di men Import da il mondo di e ed opera come segue: - (condizione obbligatoria affinch lintegrazione possa avvenire, che sia stato codificato lutente adme) - nel caso di installazione di e/ con pi di un licenziatario, richiede in una maschera il licenziatario al quale collegarsi (proponendo la lista dei licenziatari possibili) - sulle tabelle opportune, ricerca lazienda alla quale collegarsi tramite la ragione sociale e la partita IVA dellazienda di AD24. La ricerca avviene selezionando le aziende aventi partita IVA uguale a quella presente in AD24 o Ragione sociale coincidente con quella dellazienda di AD24. Nel caso venga trovata una sola azienda, leseguibile si collega allazienda trovata ed opera su quella, altrimenti, in caso di recupero di pi aziende o di nessuna, richiede lazienda alla quale collegarsi
ESA Software S.p.A. 13/10/2009 Pag. 28 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

una volta lanciata, la funzione propone lesercizio sul quale lavorare, richiede eventualmente le date di inizio e di fine periodo da elaborare, lattivit contabile (se non specificato nulla vengono elaborate tutte) e le aree contabili/extracontabili da considerare determina i saldi contabili (rispetto ai parametri di input) di tutti i conti del modello di piano dei conti contabile per ogni conto determina il conto di AD24 nel quale far confluire il saldo, leggendo la nuova tabella di collegamento PDC-AD24 quindi scrive il file ascii con il contenuto dei dati elaborati a termine elaborazione (o eventualmente in caso di errore) segnala ad AD24 lesito delle operazioni affinch AD24 possa effettuare limport.

Per quanto riguarda i parametri di lancio, occorre considerare quanto segue: - Lesercizio proposto viene passato come parametro dalla funzione chiamante (ovvero da AD24) ma pu comunque essere modificato dallutente; nel caso in cui per lazienda alla quale si collegati lesercizio proposto/indicato non fosse presente, verr data opportuna segnalazione - Attivit: viene proposta quella principale; lutente ha comunque la possibilit di indicare quella su cui effettuare la selezione oppure svuotare il campo. In questultimo caso non verr operata alcuna selezione nella fase di recupero dei saldi dalla contabilit (ovvero verranno considerati i saldi contabili di tutte le attivit contabili presenti per lazienda) - Aree: la griglia delle aree viene popolata in automatico con lelenco di tutte le aree Contabili presenti per lazienda. Lutente pu decidere di eliminare dalla lista alcune aree o anche di aggiungerne di nuove per selezionare anche quelle extracontabili (almeno unarea dovr comunque essere indicata affinch il recupero dei saldi possa avvenire correttamente)

Note elaborazione
Vengono determinati i saldi contabili dei conti elementari del piano dei conti collegati ai conti di AD24. Per ogni conto con saldo viene determinato il conto di AD24 nel quale far confluire il saldo secondo la seguente logica: - se sulle tabelle di collegamento stato indicato un solo conto AD24 di collegamento viene utilizzato quello - se sono stati indicati sia la destinazione Dare che quella Avere, viene utilizzato il conto AD24 Dare se il saldo contabile positivo, il conto AD24 Avere se il saldo contabile negativo - indipendentemente dal conto di destinazione, il saldo contabile viene passato in valore assoluto e scritto sul file di trasferimento con segno D (Dare) se positivo, A (Avere) se negativo. Se lesercizio selezionato in input si trova in stato Nuovo, viene calcolato il risultato economico presunto al fine di trasferire anchesso ad AD24; in particolare - se il risultato calcolato risulta negativo, ovvero se si tratta di Perdita, questo viene trasferito sul conto AD24 2084 - (Perdite esercizi precedenti) - se il risultato calcolato risulta positivo, ovvero se si tratta di Utile, questo viene trasferito sul conto AD24 2082 Avanzo utili Viene cablato nel programma il trattamento del saldo dei conti 0101001 (Crediti vs soci per versamenti ancora dovuti) e 0101002 (Crediti vs soci per versamenti gi richiamati). In particolare il saldo contabile del conto 0101002 viene sempre sommato a quello del conto 0101001. Questo viene fatto in quanto il corrispondente conto di AD24 in cui confluisce il conto 0101002 (ovvero codice 42) un di cui del conto in cui confluisce il saldo del nostro 0101001 (quindi per far quadrare poi tutto in AD24 si reso necessario questo intervento) Esempio: conto pdc conto AD24 saldo contabile 0101001 40 100 0101002 42 (di cui) 60 Ai fini della scrittura del file ascii risulter: conto pdc conto AD24 saldo contabile 0101001 40 160
ESA Software S.p.A. 13/10/2009 Pag. 29 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

0101002 -

42 (di cui)

60

A termine elaborazione (a meno che non si siano verificati errori) i saldi contabili risultano gi trasferiti in AD24 e possono essere visualizzati e gestiti direttamente da li

4.3

Aggiornamento della tabella delle Localit

Sono state inserite tre nuove provincie: si tratta di Fermo, Barletta - Andria - Trani, Monza e Brianza. La creazione dei nuovi enti era stata prevista con Legge gi dal 2004 divenuta effettiva solo con le elezioni del Consiglio Provinciale del 2009. I capoluoghi di provincia sono: - Fermo (D542) per la provincia di Fermo; - Monza (F704) per la provincia di Monza e Brianza - per la provincia di Barletta - Andria - Trani, stato convenzionalmente indicato Barletta (A669); In realt i capoluoghi sarebbero 3 ma la cosa non ha alcun effetto sul funzionamento delle procedure dove la tabella CA_LOCALITA utilizzata Nella provincia di Monza e Brianza sono stati inseriti solamente i 50 Comuni indicati nella Legge del 2004; in realt sono in itinere per laggregazione allente anche i Comuni di Cornate dAdda, Busnago, Caponago e Roncello e Lentate sul Seveso. Essi non sono al momento inclusi. Questi i comuni inclusi nelle nuove province: Monza e Brianza (MB): Agrate Brianza Aicurzio Albiate Arcore Barlassina Bellusco Bernareggio Besana in Brianza Biassono - Bovisio Masciago Briosco Brugherio - Burago di Molgora Camparada Carate Brianza Carnate - Cavenago di Brianza - Ceriano Laghetto Cesano Maderno Cogliate Concorezzo Correzzana Desio Giussano Lazzate Lesmo Limbiate Lissone Macherio Meda Mezzago Misinto Monza Muggi - Nova Milanese Ornago Renate - Ronco Briantino Seregno Seveso Sovico Sulbiate Triuggio Usmate Velate Varedo Vedano al Lambro - Veduggio con Colzano Verano Brianza Villasanta Vimercate Fermo (FM): Altidona Aandola - Belmonte Piceno Campofilone Falerone Fermo - Francavilla d'Ete Grottazzolina Lapedona - Magliano di Tenna - Massa Fermana - Monsampietro Morico Montappone - Montefalcone Appennino Montefortino - Monte Giberto Montegiorgio Montegranaro - Monteleone di Fermo Montelparo - Monte Rinaldo Monterubbiano - Monte San Pietrangeli - Monte Urano - Monte Vidon Combatte - Monte Vidon Corrado Montottone Moresco Ortezzano Pedaso Petritoli - Ponzano di Fermo - Porto San Giorgio - Porto Sant'Elpidio Rapagnano - Sant'Elpidio a Mare - Santa Vittoria in Matenano Servigliano Smerillo - Torre San Patrizio Barletta Andria Trani: Andria Barletta Bisceglie - Canosa di Puglia - Margherita di Savoia Minervino Murge - San Ferdinando di Puglia Spinazzola Trani - Trinitapoli

4.4

Aggiornamento della tabella delle Banche/Agenzie

E stata aggiornata la tabella con lelenco delle Banche / Agenzie aggiornato a Giungo 2009.

4.5

Gestione IVA per cassa

Introduzione
Il D.L. n. 185/2008 convertito con modificazioni nella Legge n.2/2009 all'art. 7 ha esteso, seppure con alcune particolarit, il meccanismo dell'Iva ad esigibilit differita gi previsto per le fatture emesse nei confronti di Stato, enti pubblici ed enti ad essi assimilati / equiparati. In che cosa consiste il meccanismo dell'Iva ad esigibilit differita in generale (denominato correntemente "Iva per cassa")? Si tratta del fenomeno per cui l'Imposta sul valore aggiunto relativa alle operazioni imponibili non esigibile al momento di emissione della fattura, bens al momento dell'effettiva riscossione del corrispettivo. Interessa le fatture emesse nei confronti di soggetti diversi da consumatori finali.
ESA Software S.p.A. 13/10/2009 Pag. 30 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

Entrata in vigore La norma entrata in vigore il 28 Aprile 2009. L'entrata in vigore stata subordinata a due adempimenti: - l'ottenimento della preventiva autorizzazione comunitaria (rilasciata nel mese di Marzo 2009); - l'emanazione di un decreto ministeriale da parte del Ministero dell'Economia e delle Finanze che deve individuare le categorie di contribuenti interessate (il decreto stato approvato il 26/03/2009 ed stato pubblicato nella G.U. n. 96 del 27/04/2009 con entrata in vigore dal giorno successivo alla sua pubblicazione). L'agevolazione in origine sperimentale divenuta permanente in sede di conversione in Legge della norma. Caratteristiche del regime Iva ad esigibilit differita di cui al D.L. n. 185/2008 L'Imposta sul valore aggiunto relativa alle operazioni imponibili non esigibile al momento di emissione della fattura: - bens al momento dell'effettiva riscossione del corrispettivo, - comunque entro 1 (uno) anno dal momento di effettuazione dell'operazione, - od al momento di assoggettamento del Cliente a procedure concorsuali (fallimento, concordato preventivo, ecc.), se tale assoggettamento si verifica prima di uno degli altri presupposti. Parimenti per colui che riceve la fattura con Iva ad esigibilita' differita, l'Iva a detrazione differita, cio deve essere detratta in liquidazione periodica Iva solo al momento del pagamento, e comunque entro 1 (uno) anno dal momento di effettuazione dell'operazione di acquisto. Ambito soggettivo attivo (emissione fatture) Sono interessate dall'agevolazione tutte le imprese e gli esercenti arti e professioni che rientrano nella categoria di contribuenti individuata dal decreto ministeriale che stato emanato dal Ministero dell'Economia e delle Finanze. Si tratta dei soggetti con volume d'affari modesto: inferiore a Euro 200.000,00, come definito nel Decreto 26/03/2009. Gli esercenti arti e professioni di fatto saranno meno interessati dall'agevolazione, in quanto tendenzialmente emettono fattura o parcella all'atto dell'incasso (e quindi di preferenza emetteranno documenti con Iva ad esigibilit immediata). Sono esclusi, prescindendo dal volume d'affari, i soggetti che si avvalgono di regimi Iva speciali (agenzie di viaggio, imprese agricole, ecc.) e quelli che applicano il reverse charge (ad esempio le imprese che operano in subappalto edile). Si deve per segnalare che per i soggetti che si avvalgono dei regimi speciali la Circolare Agenzia delle Entrate n.20/E del 30/04/2009 ha ridotto ulteriormente i casi di esclusione, rispetto all'ipotesi formulata in origine. Per fruire del beneficio i contribuenti interessati dovranno emettere le fatture con un'apposita dicitura di legge che indicher che trattasi di operazione con Iva ad esigibilit differita ai sensi dell'art. 7 D.L. n. 185/2008. I contribuenti potenzialmente interessati dal beneficio, potranno comunque emettere a loro scelta fatture con Iva ad esigibilit immediata oppure fatture con Iva ad esigibilit differita ai sensi del D.L. n. 185/2008 (anche nei confronti del medesimo soggetto Cliente). Si ritiene che l'Iva ad esigibilit differita possa interessare anche le note di variazione emesse con riferimento a fatture con Iva ad esigibilit differita. Ambito soggettivo passivo (ricevimento fatture di acquisto) Sono interessati tutte le imprese e gli esercenti arti e professioni che ricevono fatture di acquisto emesse con la dicitura che richiama il meccanismo di applicazione dell'Iva ad esigibilit differita di cui al D.L. n. 185/2008. Si ritiene che l'Iva a detrazione differita possa interessare anche le note di variazione ricevute con riferimento a fatture con Iva a detrazione differita.

Archivi dimostrativi
Tabella Piano dei Conti Sono stati aggiornati i Piani dei conti come illustrato sotto: per il modello Pdc STD sono stati introdotti i seguenti nuovi sottoconti: 01.33.060 Iva detr. per cassa acquisti 02.19.060 Iva esig. per cassa vendite per il modello Pdc STDORD sono stati introdotti i seguenti nuovi sottoconti: 01.33.060 Iva detr. per cassa acquisti 02.19.060 Iva esig. per cassa vendite
ESA Software S.p.A. 13/10/2009 Pag. 31 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

per il modello Pdc STDSEM sono stati introdotti i seguenti nuovi sottoconti: 01.27.040 - Iva detr. per cassa acquisti 02.11.020 Iva esig. per cassa vendite per il modello Pdc STDPRO sono stati introdotti i seguenti nuovi sottoconti: 01.20.050 IVA detr. per cassa acquisti 02.11.060 IVA esig. per cassa vendite per il modello Pdc STDSOC sono stati introdotti i seguenti nuovi sottoconti: 06AC.005.680 IVA detr. per cassa acquisti 37PD.010.680 IVA esig. per cassa vendite Tabella Defaults Azienda Sono stati aggiornati i Defaults Azienda delle seguenti aziende dimostrative: per lazienda demoo sono stati precaricati i seguenti sottoconti: per IVA detr. per cassa acquisti 01.33.060 - Iva detr. per cassa acquisti per IVA esig. per cassa vendite 02.19.060 - Iva esig. per cassa vendite per lazienda demop sono stati precaricati i seguenti sottoconti: per IVA detr. per cassa acquisti 01.20.050 - Iva detr. per cassa acquisti per IVA esig. per cassa vendite 02.11.060 - Iva esig. per cassa vendite per lazienda demos sono stati precaricati i seguenti sottoconti: per IVA detr. per cassa acquisti 01.27.040 - Iva detr. per cassa acquisti per IVA esig. per cassa vendite 02.11.020 - Iva esig. per cassa vendite per lazienda demo1 sono stati precaricati i seguenti sottoconti: per IVA detr. per cassa acquisti 01.33.060 - Iva detr. per cassa acquisti per IVA esig. per cassa vendite 02.19.060 - Iva esig. per cassa vendite per lazienda demo2 sono stati precaricati i seguenti sottoconti: per IVA detr. per cassa acquisti 01.33.060 - Iva detr. per cassa acquisti per IVA esig. per cassa vendite 02.19.060 - Iva esig. per cassa vendite per lazienda demo2R sono stati precaricati i seguenti sottoconti: per IVA detr. per cassa acquisti 01.33.060 - Iva detr. per cassa acquisti per IVA esig. per cassa vendite 02.19.060 - Iva esig. per cassa vendite per lazienda demoEL sono stati precaricati i seguenti sottoconti: per IVA detr. per cassa acquisti 01.33.060 - Iva detr. per cassa acquisti per IVA esig. per cassa vendite 02.19.060 - Iva esig. per cassa vendite Tabella Causali contabili E' stata aggiornata la tabella introducendo le seguenti nuove causali contabili dedicate allIva per cassa: modello Pdc: STD FEC Fattura emessa esig. per cassa FAE Fattura acq. detr. per cassa IEC Incasso esigibilit per cassa PAC Pagamento detrazione per cassa GIC Giroconto Iva esig. per cassa GIE Giroconto Iva detr. per cassa modello Pdc: STDORD FEC Fattura emessa esig. per cassa FAE Fattura acq. detr. per cassa IEC Incasso esigibilit per cassa PAC Pagamento detrazione per cassa GIC Giroconto Iva esig. per cassa GIE Giroconto Iva detr. per cassa
ESA Software S.p.A.

(gestione partite abilitata) (gestione partite abilitata) (gestione partite abilitata) (gestione partite abilitata)

(gestione partite NON abilitata) (gestione partite NON abilitata) (gestione partite NON abilitata) (gestione partite NON abilitata)

13/10/2009

Pag. 32 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

modello Pdc: STDPRO FEC Fattura emessa esig. per cassa FAE Fattura acq. detr. per cassa IEC Incasso esigibilit per cassa PAC Pagamento detrazione per cassa GIC Giroconto Iva esig. per cassa GIE Giroconto Iva detr. per cassa modello Pdc: STDSEM FEC Fattura emessa esig. per cassa FAE Fattura acq. detr. per cassa IEC Incasso esigibilit per cassa PAC Pagamento detrazione per cassa GIC Giroconto Iva esig. per cassa GIE Giroconto Iva detr. per cassa modello Pdc: STDSOC FEC Fattura emessa esig. per cassa FAE Fattura acq. detr. per cassa IEC Incasso esigibilit per cassa PAC Pagamento detrazione per cassa GIC Giroconto Iva esig. per cassa GIE Giroconto Iva detr. per cassa

(gestione partite NON abilitata) (gestione partite NON abilitata) (gestione partite NON abilitata) (gestione partite NON abilitata)

(gestione partite NON abilitata) (gestione partite NON abilitata) (gestione partite NON abilitata) (gestione partite NON abilitata)

(gestione partite NON abilitata) (gestione partite NON abilitata) (gestione partite NON abilitata) (gestione partite NON abilitata)

Tabella collegamenti Pdc / bilancio CEE Sono state aggiornate le tabelle Collegamenti Pdc / bilancio CEE per le seguenti situazioni (modello Pdc / modello bilancio CEE), introducendo i collegamenti per i conti Iva esig. per cassa vendite ed Iva detr. per cassa acquisti: Per il modello di bilancio CEE: BASIL2, per i modelli Pdc: STD, STDORD, STDSOC. Per il modello di bilancio CEE: FINESI, per i modelli Pdc: STDSOC, STDSEM, STDORD, STD, STDPRO Per il modello di bilancio CEE: FINLIQ, per i modelli Pdc: STDPRO, STD, STDORD, STDSEM, STDSOC Per il modello di bilancio CEE: IRAP, per i modelli Pdc: STDSOC, STDSEM, STDORD, STD, STDPRO Per il modello di bilancio CEE: IRAPRO, per i modelli Pdc: STDPRO, STD, STDORD, STDSEM, STDSOC Per il modello di bilancio CEE: STDACO, per i modelli Pdc: STD, STDORD, STDSEM, STDSOC Per il modello di bilancio CEE: STDCCO, per i modelli Pdc: STDSOC, STDORD, STD Per il modello di bilancio CEE: STDCOM, per i modelli Pdc: STD, STDORD, STDSOC Per il modello di bilancio CEE: STDABB, per i modelli Pdc: STD, STDSOC, STDSEM, STDORD

Tabelle Collegamenti Pdc / dichiarazioni fiscali Sono state inoltre aggiornate le tabelle Collegamenti Pdc / dichiarazioni fiscali per le seguenti situazioni (modello Pdc / tipo contabilit), limitatamente allanno 2008, introducendo i collegamenti per i conti Iva esig. per cassa vendite ed Iva detr. per cassa acquisti: STD / contabilit ordinaria / semplificata / professionisti STDORD / contabilit ordinaria / semplificata / professionisti STDPRO / contabilit ordinaria / semplificata / professionisti STDSEM / contabilit ordinaria / semplificata / professionisti STDSOC / contabilit ordinaria / semplificata / professionisti

Contabilit
Utilit Conversione IVA per Cassa
ESA Software S.p.A. 13/10/2009 Pag. 33 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

E' stata introdotta una funzione di utility multiaziendale che consente di adeguare gli archivi gi esistenti di ciascuna azienda selezionata al nuovo meccanismo Iva per cassa. Essa accessibile da Contabilit generale, Utilit. L'utility interessa le registrazioni contabili che sono state effettuate con causali contabili ad hoc anteriormente all'installazione della presente release, seguendo le istruzioni operative fornite con il Notiziario tecnico n.26/2009 del 10/04/2009 "e/aziendale - e/studio: IVA per cassa". N.B.: prima di lanciare l'utility si raccomanda di eseguire le copie di backup degli archivi. Nella maschera di selezione sono presenti le seguenti sezioni: - Parametri - Selezioni causali - Selezioni - Multi azienda Nella sezione Parametri devono essere indicate le seguenti informazioni: - Indicatore "Esegui ricostruzione Saldi Iva al termine dell'elaborazione". L'indicatore se valorizzato consente di ricostruire i saldi Iva al termine dell'elaborazione. Si consiglia di valorizzare l'indicatore. - Indicatore "Esegui ricostruzione fatturato clienti / fornitori"". L'indicatore se valorizzato effettua la ricostruzione del valore del fatturato presente nella Gestione Clienti / Fornitori. - Anno. Viene proposto di default "2009". Deve essere indicato l'anno oggetto della conversione. - Da periodo. Viene proposto di default "Gennaio". Deve essere indicato il mese che definisce l'estremo inferiore dell'intervallo oggetto di conversione. - A periodo. Viene proposto di default "Dicembre". Deve essere indicato il mese che definisce l'estremo superiore dell'intervallo oggetto di conversione. Nella sezione Selezioni causali devono essere indicate le causali contabili / Iva oggetto di conversione. La procedura elenca automaticamente tutte le causali contabili / Iva che presentano l'indicatore Tipo gestione Iva impostato a "Iva Esig. / detraib. differita" ed a "Inc. / pag. esig. differita", evidenziando anche il modello Pdc ed il codice causale. Attraverso il bottone "Carica causali" sempre possibile riaggiornare la lista. L'utente deve selezionare per la conversione, impostando a "S" l'indicatore "Da conv." tutte le causali contabili / iva che presentano l'indicatore Tipo gestione Iva impostato a "Iva Esig. / detraib. differita" ed a "Inc. / pag. esig. differita" e che sono state utilizzate per le registrazioni IVA per cassa (fatture / note ad esigibilita' / detrazione Iva per cassa, incassi / pagamenti esigibilit / detrazione Iva per cassa) come illustrato a suo tempo nel Notiziario tecnico n.26/2009 del 10/04/2009. NOTA BENE: non devono essere selezionate le causali contabili che presentano l'indicatore Tipo gestione Iva impostato a "Iva Esig. / detraib. differita" ed a "Inc. / pag. esig. differita", ma che sono state utilizzate per registrare operazioni nei confronti di Stato ed enti pubblici (esigibilit / detrazione differita in senso stretto). Nella sezione Selezioni sono presenti alcuni parametri che consentono ulteriormente di affinare le selezioni operate, attraverso la ragione sociale, il codice localit sede legale / residenza, la natura giuridica, il codice Ateco 2007, il codice Atecofin. Nella sezione Multi Azienda devono essere selezionate le aziende da elaborare. E' possibile definire un intervallo di aziende da elaborare, indicando il codice azienda iniziale e finale, e cliccando sul bottone Ricerca Aziende. Nella griglia esposta in basso possibile affinare la selezione, valorizzando / deselezionando l'indicatore "Seleziona". L'elaborazione opera come segue: aggiorna le causali contabili selezionate, che vengono ricondotte ai valori previsti per l'Iva per cassa, in particolare: - l'indicatore Tipo gestione Iva da "Esig. / detraib. differita" viene aggiornato a "Esig. / detraib. per cassa" - l'indicatore Tipo gestione Iva da "Inc. / pag. esig. differita" viene aggiornato a "Inc. / pag. esig. per cassa" ricostruisce i saldi Iva alla luce del nuovo valore dell'indicatore Tipo gestione Iva, se stato selezionato l'indicatore Esegui ricostruzione saldi Iva al termine dell'elaborazione" ricostruisce il fatturato clienti / fornitori, se stato selezionato l'indicatore Esegui ricostruzione Fatturato clienti / fornitori
ESA Software S.p.A. 13/10/2009 Pag. 34 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

segnala all'utente nella gestione Esiti la necessit di rilanciare le liquidazioni periodiche Iva interessate dall'aggiornamento dei saldi Iva (nel caso in cui siano gi in stato Definitivo o Stampato in definitivo), per il corretto aggiornamento degli archivi Iva per cassa presenti nella Gestione Liquidazioni periodiche

Parametri azienda Nella Gestione Parametri Azienda stata introdotta una nuova Sezione "Comuni (2)" che riporta una serie di informazioni relative al nuovo meccanismo dell'esigibilit / detrazione Iva per cassa. In particolare: Data inizio gestione Iva per Cassa fatture emesse La data definisce la decorrenza sull'azienda corrente degli automatismi della nuova agevolazione Iva per Cassa limitatamente ai documenti attivi (tra cui le fatture emesse). Il campo sempre abilitato e non obbligatorio. Deve essere valorizzata per attivare gli automatismi della nuova agevolazione. Indicatore Aggiorna Volume d'affari L'indicatore consente di selezionare se si desidera monitorare o meno il volume d'affari in automatico dai documenti (presenti in Prima Nota e/o ciclo attivo / parcellazione). Esso abilitato solo nel caso in cui la data inizio gestione Iva per Cassa fatture emesse valorizzata. E' stata inoltre introdotta una sottosezione dedicata all'aggiornamento del volume d'affari, il cui costante monitoraggio indispensabile per verificare la legittima emissione / registrazione contabile di fatture emesse con il particolare meccanismo dell'esigibilit Iva per cassa, nella quale sono previsti i seguenti campi: - Anno: nel campo viene indicato l'anno solare di riferimento per l'abilitazione o meno della gestione Iva per cassa. - Indicatore Iva per Cassa: lindicatore consente di selezionare se si desidera o meno attivare il regime Iva per cassa. La procedura esegue un controllo di coerenza tra il valore assunto da questo indicatore e la data di inizio gestione Iva per Cassa fatture emesse. - Volume d'affari: il campo viene valorizzato automaticamente con l'ammontare del volume d'affari dell'anno considerato, determinato computando le registrazioni di Prima Nota. Si ricorda che: o esso viene aggiornato in automatico se valorizzato l'indicatore Aggiorna Volume d'affari; o esso viene aggiornato in automatico se il codice IVA utilizzato ha lindicatore Interessa il volume daffari selezionato; o esso pu essere comunque aggiornato dalla procedura esterna di Ricostruzione volume d'affari azienda. Il campo non editabile. - Volume d'affari Non contabilizzato (N.C.): il campo viene valorizzato automaticamente con l'ammontare del volume d'affari dell'anno considerato, determinato computando le registrazioni i documenti emessi nel ciclo attivo e/o nella parcellazione. Si ricorda che: o esso viene aggiornato in automatico se valorizzato l'indicatore Aggiorna Volume d'affari; o esso viene aggiornato in automatico se il codice IVA utilizzato ha lindicatore Interessa il volume daffari selezionato; o esso pu essere comunque aggiornato dalla procedura esterna Ricostruzione volume d'affari azienda. Il campo non editabile. - Volume d'affari manuale: il campo viene valorizzato manualmente dall'utente. Esso viene utilizzato per indicare un eventuale volume d'affari pregresso ad esempio derivante da operazioni effettuate esternamente alla procedura. - Volume d'affari tot.: trattasi di un campo calcolato come somma algebrica dei valori presenti nei campi "Vol. d'affari", "Volume d'affari N.C.", "Vol. d'affari manuale". Non editabile dall'utente. - Limite volume d'affari: nel campo possibile indicare il volume d'affari in vigore per ciascun anno. Il campo non obbligatorio: se non viene valorizzato le procedure di controllo del superamento del limite del volume d'affari considerano il valore presente nei Parametri Generali, campo "Volume d'affari max Iva per Cassa". Il campo liberamente editabile. Nel piede della sezione sono infine previsti i seguenti campi: - Cliente corrispettivi: si tratta di una sorta di cliente fittizio sul quale far confluire lammontare dei corrispettivi totali incassati dallazienda. Questi corrispettivi verranno sommati al fatturato dei clienti reali allo scopo di determinare il fatturato complessivo dellazienda - Indicatore Aggiorna Fatturato clienti / fornitori: L'indicatore consente di selezionare se si desidera o meno aggiornare automaticamente il fatturato presente nell'Anagrafica Clienti / Fornitori sulla base delle registrazioni effettuate in Prima Nota. Viene proposto di default "Aggiorna fatturato"
ESA Software S.p.A. 13/10/2009 Pag. 35 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

Indicatore Aggiorna Fatturato non contabilizzato clienti / fornitori: l'indicatore consente di selezionare se si desidera o meno aggiornare automaticamente il fatturato N.C. presente nell'Anagrafica Clienti / Fornitori sulla base dei documenti emessi nel ciclo attivo/passivo e/o parcellazione. Viene proposto di default "Non aggiorna fatturato"

Parametri generali Nella Gestione Parametri Generali, nella sezione Contabilit, ed in particolare nella sottosezione Altri dati Iva sono stati previsti due nuovi campi: - Data decorrenza fiscale Iva per cassa: nel campo viene indicata la data dalla quale fiscalmente consentito avvalersi dell'agevolazione Iva per Cassa sia per i documenti attivi che per i documenti passivi. - Volume d'affari max Iva per cassa: nel campo deve essere indicato il limite di legge previsto affinch unazienda possa emettere fatture con IVA per cassa. Il limite riguarda il volume daffari (fatturato) ed fissato (ad oggi) a 200.000 Euro. Se nel corso dellanno solare si supera questo limite, da quel momento in poi non dovranno pi essere emesse fatture con IVA per cassa. Nota: il limite lo stesso per tutte le aziende. Per le aziende di livello e/uno, necessario eseguire la Copia archivi standard, selezionando la voce Parametri generali contabilit, per poter gestire liva per cassa. Parametri azienda contabilit Nella Gestione Parametri azienda contabilit sono stati introdotti alcuni nuovi indicatori. In particolare nel tab Dati per stampe bollati nella sezione Stampa Registri Iva sono stati aggiunti: - indicatore Stampa prospetti Iva per cassa: l'opzione permette di stampare, in coda ai registri Acquisti Vendite Corrispettivi Corrispettivi ventilazione, un prospetto esigibilit/detrazione IVA per Cassa ove vengono riportati in dettaglio gli incassi/pagamenti - avvenuti nel periodo oggetto di stampa - di fatture/note con Iva per Cassa - indicatore St. Iva cassa dopo salto pagina: L'indicatore consente di selezionare se si desidera che il prospetto esigibilit/detrazione IVA per Cassa sia stampato dopo un salto pagina (a se stante) oppure di seguito al registro cui si riferisce. E abilitato solo se l'indicatore Stampa prospetti IVA per Cassa valorizzato, altrimenti disabilitato e forzato a non valorizzato Nel tab Dati per stampe bollati (2) nella sezione Stampa / calcolo liquidazione Iva stato previsto: - indicatore St. prospetti Iva cassa: l'opzione permette di stampare, sulla liquidazione periodica IVA, le seguenti sezioni aggiuntive relative allIVA per Cassa: - sezione nella quale sono riepilogati, distinti per codice Iva, gli imponibili e le imposte delle fatture emesse con Iva per Cassa, emesse nel periodo oggetto di liquidazione; - sezione nella quale sono riepilogati, distinti per codice Iva, gli imponibili e le imposte delle fatture di acquisto con Iva per Cassa, registrate nel periodo oggetto di liquidazione; - sezione degli incassi delle fatture con Iva per Cassa in cui discriminare gli incassi delle fatture emesse nellanno, da quelli relativi a fatture emesse negli anni precedenti; - sezione dei pagamenti delle fatture con Iva per Cassa in cui discriminare i pagamenti delle fatture acquisti registrate nellanno, da quelli relativi a fatture acquisti registrate negli anni precedenti. Queste sezioni hanno carattere puramente informativo e quindi non incidono sul calcolo dellimposta a credito od a debito. Gestione clienti / fornitori Nella Gestione Clienti / fornitori sono stati previsti alcuni nuovi campi dedicati al meccanismo dell'Iva per cassa. In particolare nella sezione Generali stato introdotto l'indicatore tipo gestione Iva per cassa. L'indicatore consente di qualificare il tipo di gestione Iva per cassa ammessa per il singolo cliente / fornitore. Esso assume i seguenti valori: - Cliente / fornitore con Iva per cassa attivabile - Cliente / fornitore che non gestisce Iva per cassa (per politiche commerciali concordate, per la natura estera del soggetto, per l'assenza di Partita Iva, ecc.) - Cliente / fornitore che gestisce Iva per Cassa Viene proposto di default il valore "Cliente / fornitore con Iva per cassa attivabile", se l'indicatore "Tipo sogg. dich. Iva" uguale a Titolare di Partita IVA, altrimenti se lindicatore vale "Consumatore finale" viene proposto "Cliente / fornitore che non gestisce Iva per cassa".

ESA Software S.p.A.

13/10/2009

Pag. 36 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

Si consiglia alle aziende, che hanno la fondata probabilit di superare il limite di fatturato consentito per accedere all'agevolazione Iva per cassa durante l'anno, di impostare l'indicatore a "Cliente / fornitore con Iva per cassa attivabile", per evitare di dovere riaggiornare le singole anagrafiche poco dopo il superamento del limite di fatturato. Nella sezione Fatturato sono stati introdotti i seguenti campi: - Fatturato non contabilizzato: rappresenta il Valore del fatturato non contabilizzato per attivit, esercizio, anno e mese. Limporto comprensivo di IVA. Si tratta del fatturato risultante dal ciclo attivo/passivo, relativo alle sole fatture non ancora contabilizzate - Fatturato netto non contabilizzato: costituisce il Valore del fatturato netto (ricavo/costo) non contabilizzato per attivit, esercizio, anno e mese. Limporto del fatturato netto non contabilizzato deriva dal Fatturato non contabilizzato cui stata decurtata lIVA. Si tratta del fatturato netto risultante dal ciclo attivo/passivo, relativo alle sole fatture non ancora contabilizzate In merito al campo gi esistente "Fatturato" si precisa che si tratta del fatturato risultante dalla prima nota; nel caso si gestisca il ciclo attivo/passivo su questo campo saranno computate solo le fatture gi contabilizzate. Infine per quanto concerne il campo "Fatturato netto" si evidenzia che si tratta di quanto risultante dalla prima nota; nel caso si gestisca il ciclo attivo/passivo su questo campo saranno computate solo le fatture gi contabilizzate. Alla luce di quanto sopra il campo Fatturato totale, non editabile, calcolato come la somma di "Fatturato" e "Fatturato non contabilizzato"; mentre il campo Fatturato netto totale, non editabile, determinato come la somma di "Fatturato netto" e "Fatturato netto non contabilizzato". Nota bene: Dopo aver eseguito linstallazione del fix 02.09.04, si consiglia di effettuare la Ricostruzione fatturato clienti/fornitori presente sotto il men Utilit Utilit azienda Ricostruzioni. Gestione causali contabili Nella Gestione causali contabili sono state effettuate alcune modifiche per gestire alcuni automatismi connessi al meccanismo Iva per cassa, come riportate sotto nel dettaglio. Nell'indicatore "Tipo gestione Iva" sono stati aggiunti due nuovi valori: - Esig. / detraib. per cassa. Questo valore deve essere selezionato sulle causali contabili (contabili / Iva) da utilizzare per la registrazione delle fatture emesse (o delle note di variazione a cliente) con esigibilit Iva per cassa ovvero per la registrazione delle fatture di acquisto (o delle note di variazione da fornitore) con detrazione Iva per cassa. Inc. / pag. esig. per cassa. Questo valore deve essere selezionato sulle causali contabili (contabili / Iva) da utilizzare per la registrazione degli incassi delle fatture emesse con esigibilit Iva per cassa ovvero per la registrazione dei pagamenti delle fatture di acquisto con detrazione Iva per cassa. Parimenti questo valore deve essere selezionato per la registrazione dei giroconti Iva, quando l'Iva ad esigibilit per cassa o l'Iva detraibile per cassa devono concorrere alla liquidazione periodica Iva, prescindendo dal momento dell'effettivo incasso / pagamento delle fatture ( il caso ad esempio delle fatture non ancora incassate o pagate dopo il decorso dell'anno, delle fatture emesse nei confronti di clienti assoggettati a procedure concorsuali, delle fatture incassate mediante ri.ba, ecc.).

E' stato previsto un nuovo indicatore "Chiusura contabile cliente / fornitore". Esso abilitato solo se l'indicatore Tipo gestione IVA impostato a "Incasso/pagamento esig. Differita" oppure "Incasso/pagamento per Cassa". Se lindicatore viene selezionato, lincasso di una fattura con iva ad esig. differita oppure lincasso di una fattura con iva per cassa generer anche il giroconto di chiusura del cliente (o del fornitore) a cassa (modalit operativa di default). Se lindicatore viene deselezionato, lincasso di una fattura con iva ad esig. differita oppure lincasso di una fattura con iva per cassa non generer il giroconto di chiusura del cliente (perch gi chiuso in precedenza) limitandosi a girocontare liva. Se risulta attivata la Gestione partite questo indicatore viene forzato a "Chiusura contabile cliente / fornitore" = S e sar disabilitato. Infine stato introdotto un nuovo campo "Causale Iva per cassa", collocato nella sezione Rich. Prima Nota. Si tratta del codice di una causale relativa a fattura/nota con IVA per cassa, che viene associata ad una causale relativa ad una fattura/nota con IVA normale. Questa associazione consentir, in fase di emissione/ricezione fatture da ciclo attivo/passivo oppure da parcellazione ed anche nel caso di

ESA Software S.p.A.

13/10/2009

Pag. 37 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

registrazione diretta da prima nota, di sostituire automaticamente la causale in relazione a come stato classificato il cliente/fornitore dal punto di vista dellIVA per cassa: - se si tratta di cliente/fornitore per il quale lIva per cassa sempre attiva e si sta utilizzando una causale normale cui associata la causale iva per cassa, si effettua automaticamente la sostituzione della causale (la procedura formuler una richiesta di conferma prima di procedere alla sostituzione); - se si tratta di cliente/fornitore per il quale liva per cassa sempre NON attiva, questa causale non verr mai utilizzata; - se si tratta di cliente/fornitore per il quale liva per cassa attivabile opzionalmente, questa causale verr utilizzata solo dopo richiesta alloperatore. Il campo si abilita solo se la causale principale di tipo Contabile/IVA oppure solo IVA, presenta gli indicatori "Tipo operazione Iva" impostato a Fattura o Nota e "Tipo gestione IVA" valorizzato a "Normale". La causale associata deve avere il medesimo registro Iva della causale originaria, ed inoltre il suo indicatore "Tipo gestione Iva" deve essere valorizzato a "Esig. / detraib. per cassa". Quindi in sintesi per usufruire del nuovo meccanismo Iva per cassa necessario codificare causali contabili ad hoc, simili (ma NON uguali) a quelle utilizzate per lIVA ad esigibilit/detraibilit differita, riconoscibili dal fatto di avere impostati i seguenti indicatori: - Tipo gestione IVA = Esig. /Detraib. per cassa" (per le fatture / note di accredito) - oppure Inc./ Pag. esig. per cassa (per gli incassi/pagamenti) Le fatture emesse/ricevute registrate con causali contabili che presentano l'indicatore Tipo gestione IVA impostato a "Esig. / Detraib. per cassa" non vengono prese in considerazione ai fini della liquidazione IVA, nel senso che non concorrono alla determinazione dell'Iva a debito ovvero dell'Iva a credito del periodo liquidato. Gli incassi/pagamenti registrati con causali contabili (per le quali attivato l'indicatore Tipo movimento a contabile /IVA) che presentano l'indicatore Tipo gestione IVA impostato a "Inc. /Pag. esig. per cassa", generano nella sezione di Prima Nota relativa al Castelletto Iva righe IVA corrispondenti alle fatture che vengono poi considerate ai fini del calcolo della liquidazione IVA.

Gestione Prima Nota Nella Gestione Prima Nota sono stati operati alcuni interventi di adeguamento al nuovo meccanismo di esigibilit / detrazione Iva per Cassa. In particolare le principali modifiche sono le seguenti: - se la causale contabile presenta il Tipo Gestione Iva = Incassi / pagamenti esig. per cassa e l'indicatore "Chiusura contabile cli/for" non valorizzato, la procedura si limita a girocontare in automatico l'Iva (senza chiudere la posizione del Cliente o del Fornitore); stato previsto in questo caso un controllo ad hoc di quadratura Iva; - nel caso in cui si esegue lincasso di un documento iva per cassa senza lutilizzo della gestione partite/scadenze, prevista l'attivazione del tasto funzione F6 in cui sono listati solo i documenti con Iva per Cassa; se il tasto funzione F6 viene attivato su una registrazione di incasso / pagamento con esigibilit / detrazione differita vengono listati i soli documenti con esigibilit / detrazione differita; - se il tasto funzione F6 viene attivato su una registrazione di incasso / pagamento con esigibilit / detrazione differita vengono listati i soli documenti con esigibilit / detrazione differita. - sono stati introdotti alcuni controlli di coerenza tra i clienti / fornitori e le causali contabili utilizzate, con eventuale previsione della sostituzione automatica della causale contabile incompatibile. La sostituzione automatica opera solo nel caso di selezione di una causale contabile (fattura o nota di accredito) normale incompatibile con la gestione Iva per Cassa impostata sul Cliente (per il quale si scelto di attivare sempre la Gestione Iva per Cassa). Nel caso di selezione sul Cliente di eventuale Gestione Iva per Cassa (non sempre) la sostituzione automatica non opera e vale la causale contabile impostata dall'utente. - stato previsto un controllo non bloccante per il caso di registrazione di un documento che supera il limite del fatturato. Sono stati introdotti alcuni nuovi controlli al salvataggio della registrazione di Prima Nota: Controllo collegamento tra incassi / pagamenti e fatture - Se si sta registrando un incasso/pagamento esigibilit / detrazione Iva per Cassa e non stato fatto alcun collegamento ad una fattura/nota esigibilit / detrazione Iva per Cassa, al salvataggio viene segnalata la circostanza alloperatore;

ESA Software S.p.A.

13/10/2009

Pag. 38 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

Controllo di ammissibilit con registrazioni in regime Iva Agenzie di Viaggio - Non fiscalmente consentito registrare una fattura / nota con esigibilit / detrazione Iva per Cassa codice Iva agenzie di viaggio; se si realizza l'ipotesi viene visualizzato un errore bloccante; Controllo di ammissibilit con registrazioni in regime Iva agricolo - Di norma non fiscalmente consentito registrare una fattura / nota con esigibilit / detrazione Iva per Cassa e codice Iva agricolo (ad eccezione di quanto previsto dalla Circolare Agenzia delle Entrate n.20/E del 30/04/2009), pertanto se il caso ricorre viene visualizzato un messaggio di avvertimento non bloccante: l'utente potr scegliere se continuare o meno nell'inserimento. Controllo di quadratura Iva tra righe Iva e righe contabili - in presenza di causale contabile che presenta l'indicatore Tipo Gestione Iva = Inc. / pag. esigib. / detraib. Iva per cassa e l'indicatore "Chiusura contabile cliente / fornitore" non valorizzato, non viene operato il controllo di quadratura righe Iva con righe contabili standard, ma viene controllato esclusivamente che la somma dell'Iva presente sulle righe del castelletto Iva sia uguale a quella indicata nelle contropartite Iva del castelletto contabile. Se non si verifica viene visualizzato un messaggio di errore bloccante o di avvertimento (in base al valore assunto dall'indicatore "Disattiva controllo quadratura Iva" presente nella causale contabile) che allerta l'utente della non coincidenza dell'Iva tra il castelletto Iva ed il castelletto contabile. Controllo superamento limiti fatturato Al salvataggio di qualunque registrazione di Prima Nota che costituisce operazione attiva (vendite, corrispettivi, ecc.) se la causale contabile presenta l'indicatore Tipo gestione Iva impostato a "Esigib. / detraib. Iva per cassa" viene verificato se si superato o meno il limite del volume d'affari previsto per l'anno considerato: Per il calcolo del limite del volume d'affari annuo si ricorda che: - se stato indicato un importo in corrispondenza del campo Limite volume d'affari presente nella sezione Volume d'affari della gestione Parametri Azienda per l'anno uguale a quello della data documento, viene considerato tale limite; - altrimenti viene considerato il valore del campo "Importo limite fatturato Iva per cassa" presente nei Parametri Generali. Il calcolo del volume d'affari totale effettuato come segue: - si aggiunge il volume d'affari contabilizzato dell'anno da Parametri azienda; - si aggiunge il volume d'affari non contabilizzato dell'anno da Parametri azienda; - si aggiunge il volume d'affari manuale dell'anno da Parametri azienda; - si sottrae il volume d'affari della registrazione prima della modifica; - si aggiunge il volume d'affari della registrazione prima della modifica. Se il valore totale del volume d'affari (ottenuto come sopra) supera il limite del volume d'affari viene visualizzato un messaggio di avvertimento: - se l'utente conferma il messaggio, verr salvata la registrazione (ovviamente il cliente deve essere compatibile con la causale contabile). E il caso in cui l'utente volontariamente ha scelto di "splafonare" rispetto al limite del volume d'affari; - se l'utente non conferma, deve procedere come segue: ripristinare la registrazione, inserire nuovamente la registrazione utilizzando una causale contabile normale (che non gestisce Iva esigibile per cassa) e selezionare un cliente che presenta l'indicatore "Tipo gestione Iva cassa" a "Iva per cassa ATTIVABILE". Si consiglia alle aziende, che hanno la fondata probabilit di superare il limite di fatturato consentito per accedere all'agevolazione Iva per cassa durante l'anno, di impostare preliminarmente l'indicatore a "Cliente / fornitore con Iva per cassa attivabile", per evitare di dovere riaggiornare le singole anagrafiche poco dopo il superamento del limite di fatturato. - Controllo coerenza causale contabile con tipo gestione Iva per Cassa impostata sul Cliente / Fornitore - Casi "Sostituzione automatica della causale contabile" L'attivazione di questi controlli richiede che sia stata preliminarmente valorizzata la data del documento oggetto di registrazione.

ESA Software S.p.A.

13/10/2009

Pag. 39 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

se nella Gestione Clienti / Fornitori il Cliente / Fornitore presenta l'indicatore Tipo gestione Iva per cassa impostato a "Cliente / fornitore che gestisce l'Iva per cassa" e sono verificate tutte le seguenti condizioni: - la data documento maggiore od uguale: rispetto alla data decorrenza fiscale Iva per cassa presente nei Parametri generali (che deve essere valorizzata) e (solo per i Clienti) rispetto alla data inizio gestione Iva per cassa fatture emesse presente nei Parametri Azienda (che deve essere valorizzata) e - l'indicatore Iva per Cassa presente nei Parametri Azienda impostato a "S" per l'anno uguale a quello della data documento - la causale contabile inserita presenta l'indicatore Tipo gestione Iva con un valore diverso da "Esig. / detraib. per cassa" ed ha il campo Causale Iva per cassa valorizzato

viene visualizzato un messaggio che enuncia la situazione di incoerenza. Se l'utente conferma, la procedura effettua la sostituzione automatica della causale contabile incoerente inserita con quella corrispondente presente nel campo Causale Iva per Cassa della Gestione Causali contabili e rilancia gli automatismi di Prima Nota legati al codice causale. Se invece il campo Causale Iva per cassa non fosse valorizzato la procedura fornirebbe un errore bloccante e non consentirebbe all'utente di salvare la registrazione di Prima Nota, in attesa che apporti le dovute modifiche. - Casi di NON sostituzione della causale contabile - Tipo Gestione Iva per cassa su Cliente / Fornitore non compatibile con la causale contabile IVA per Cassa L'attivazione di questi controlli richiede che sia stata preliminarmente valorizzata la data del documento oggetto di registrazione. - se nella Gestione Clienti / Fornitori il Cliente / Fornitore presenta l'indicatore Tipo gestione Iva per cassa impostato a "Cliente / fornitore che non gestisce Iva per cassa" e sono verificate tutte le seguenti condizioni: - la data documento maggiore od uguale: rispetto alla data decorrenza fiscale Iva per cassa presente nei Parametri generali (che deve essere valorizzata) e (solo per i Clienti) rispetto alla data inizio gestione Iva per cassa fatture emesse presente nei Parametri Azienda (che deve essere valorizzata) e - l'indicatore Iva per Cassa presente nei Parametri Azienda impostato a "S" per l'anno uguale a quello della data documento - la causale contabile inserita presenta l'indicatore Tipo gestione Iva = "Esig. / detraib. per cassa"; viene visualizzato un errore bloccante e non viene eseguito il salvataggio della registrazione. Sono stati previsti inoltre alcuni controlli su particolari campi della Gestione Prima Nota, come meglio descritti in dettaglio sotto: Controllo coerenza causale contabile e/o tipo gestione Iva per Cassa impostata sul Cliente / Fornitore con data documento In questi casi il Tipo Gestione Iva per cassa su Cliente / Fornitore risulta compatibile con la causale contabile IVA per Cassa, ma la data documento non risulta coerente con regime Iva per Cassa. L'attivazione di questi controlli richiede che sia stata preliminarmente valorizzata la data del documento oggetto di registrazione. - se nella Gestione Clienti / Fornitori il Cliente / Fornitore presenta l'indicatore Tipo gestione Iva per cassa impostato a "Cliente / fornitore che gestisce l'Iva per cassa" oppure a "Cliente / fornitore con Iva per cassa attivabile" e sono verificate tutte le seguenti condizioni: - la data documento minore: rispetto alla data decorrenza fiscale Iva per cassa presente nei Parametri generali (che deve essere valorizzata) oppure (solo per i Clienti) rispetto alla data inizio gestione Iva per cassa fatture emesse presente nei Parametri Azienda (che deve essere valorizzata) e - la causale contabile inserita presenta l'indicatore Tipo gestione Iva = "Esig. / detraib. per cassa";

ESA Software S.p.A.

13/10/2009

Pag. 40 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

viene visualizzato un messaggio di errore bloccante: in questa ipotesi non viene effettuato il salvataggio della registrazione e l'utente rimane fermo sulla videata di Prima Nota (in attesa che apporti le dovute modifiche). - Controlli su Causale contabile per Iva per cassa Sono stati introdotti i seguenti nuovi controlli: - Controllo su fatture emesse o note accredito emesse (e relativi incassi / pagamenti) - se il codice causale di tipo Fattura o Nota accredito presenta l'indicatore Tipo gestione Iva impostato a "Esigib. / detraib. Iva per cassa" oppure a "Incassi / pagamenti esigib. / detraib. Iva per cassa", ed interessa il registro Iva Vendite, Corrispettivi in scorporo o in ventilazione e - se la data decorrenza fiscale Iva per cassa presente nei Parametri generali non risulta valorizzata oppure (solo per i Clienti) la data inizio gestione Iva per cassa fatture emesse presente nei Parametri Azienda non valorizzata; - se l'indicatore Iva per Cassa presente nei Parametri Azienda impostato a "No" per l'anno pari a quello della data documento. viene visualizzato un errore bloccante e la procedura si arresta sul campo della Causale contabile. - Controllo su fatture di acquisto o note accredito ricevute (e relativi pagamenti / incassi) - se il codice causale di tipo Fattura o Nota accredito presenta l'indicatore Tipo gestione Iva impostato a "Esigib. / detraib. Iva per cassa" oppure a "Incassi / pagamenti esigib. / detraib. Iva per cassa", ed interessa il registro Iva Acquisti e - se la data decorrenza fiscale Iva per cassa presente nei Parametri generali non risulta valorizzata viene visualizzato un errore bloccante e la procedura si arresta sul campo della Causale contabile. - Controlli su Codice Cliente / Fornitore per Iva per cassa Sono stati introdotti i seguenti nuovi controlli: - Casi "Sostituzione automatica della causale contabile" - se nella Gestione Cliente / Fornitori il Cliente / Fornitore presenta l'indicatore Tipo gestione Iva per cassa impostato a "Cliente / Fornitore che gestisce Iva per cassa" e sono verificate tutte le seguenti condizioni: la data documento maggiore od uguale: o rispetto alla data decorrenza fiscale Iva per cassa presente nei Parametri generali (che deve essere valorizzata) oppure o (solo per i Clienti) rispetto alla data inizio gestione Iva per cassa fatture emesse presente nei Parametri Azienda (che deve essere valorizzata) l'indicatore Iva per Cassa presente nei Parametri Azienda impostato a "S" per l'anno pari a quello della data documento la causale contabile inserita presenta l'indicatore Tipo gestione Iva con un valore diverso da "Esig. / detraib. per cassa" ed ha il campo Causale Iva per cassa valorizzato viene visualizzato un messaggio di avvertimento che evidenzia l'incoerenza della causale contabile. Se l'utente conferma viene sostituita automaticamente la causale contabile incoerente con la causale Iva per cassa ad essa associata, in caso contrario la procedura si arresta sul campo Codice cliente / Fornitore, in attesa che l'utente decida come comportarsi (sostituendo ad esempio il codice cliente / fornitore, se errato). Il messaggio sar di errore bloccante e la sostituzione automatica non operer nel caso in cui oltre alla presenza di una causale contabile non coerente sia assente la causale Iva per cassa associata. - Casi di NON sostituzione della causale contabile A) Tipo Gestione Iva per cassa su Cliente / Fornitore non compatibile con la causale contabile IVA per Cassa - se nella Gestione Clienti / Fornitori il Cliente presenta l'indicatore "Tipo gestione Iva per cassa" impostato a "Cliente / Fornitore che non gestisce l'Iva per Cassa" e sono verificate tutte le seguenti condizioni: la data documento maggiore od uguale: o rispetto alla data decorrenza fiscale Iva per cassa presente nei Parametri generali (che deve essere valorizzata) oppure o (solo per i Clienti) rispetto alla data inizio gestione Iva per cassa fatture emesse presente nei Parametri Azienda (che deve essere valorizzata)
ESA Software S.p.A. 13/10/2009 Pag. 41 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

l'indicatore Iva per Cassa presente nei Parametri Azienda impostato a "S" per l'anno pari a quello della data documento la causale contabile inserita presenta l'indicatore Tipo gestione Iva impostato a "Esig. / detraib. per cassa". verr visualizzato un messaggio di errore bloccante che evidenzia l'incoerenza tra la causale contabile e la tipologia Gestione Iva per cassa indicata in corrispondenza del codice del Cliente / Fornitore inserito. B) Tipo Gestione Iva per cassa su Cliente / Fornitore compatibile con la causale contabile IVA per Cassa, ma data documento non coerente con regime Iva per Cassa - se nella Gestione Clienti / Fornitori il Cliente / Fornitore presenta l'indicatore Tipo gestione Iva per cassa impostato a "Cliente / Fornitore che gestisce l'Iva per cassa" oppure "Cliente / Fornitore con Iva per cassa attivabile" e sono verificate tutte le seguenti condizioni: la data documento minore: o rispetto alla data decorrenza fiscale Iva per cassa presente nei Parametri generali (che deve essere valorizzata) oppure o (solo per i Clienti) rispetto alla data inizio gestione Iva per cassa fatture emesse presente nei Parametri Azienda (che deve essere valorizzata) oppure l'indicatore Iva per Cassa presente nei Parametri Azienda impostato a "No" per l'anno pari a quello della data documento; la causale contabile inserita presenta l'indicatore Tipo gestione Iva impostato a "Esig. / detraib. per cassa". viene visualizzato un messaggio di errore bloccante che evidenzia l'incoerenza tra la causale contabile ed la tipologia Gestione Iva per cassa relativa al codice cliente / fornitore inseriti da una parte, e la data documento dall'altra. Aggiornamento fatturato da Prima Nota Dalla Prima Nota si attiva anche l'aggiornamento del fatturato clienti / fornitori. L'aggiornamento interessa le sole operazioni di tipo Iva e viene operato solo se nei Parametri Azienda stato valorizzato l'indicatore "Aggiorna volume d'affari". Si ricorda che se il registro IVA diverso da Corrispettivi verr aggiornato il fatturato relativamente al cliente/fornitore indicato nel castelletto IVA. Se il registro IVA di tipo corrispettivi in scorporo od in ventilazione laggiornamento verr effettuato sempre sul cliente fittizio per corrispettivi presente in Parametri azienda: se tale cliente non stato codificato non verr effettuato alcun aggiornamento. N.B.: la scelta di aggiornare sempre il Cliente corrispettivi dovuta al fatto che nella maggior parte dei casi la registrazione di corrispettivo non prevede linserimento di un cliente. La prima nota aggiorna i valori relativi al fatturato contabilizzato, in particolare: - il campo Fatturato con il Totale documento - il campo Fatturato netto (incremento/decremento) con limponibile iva Nel caso di corrispettivi in ventilazione, si segnala che non essendo nota a priori laliquota iva, il Fatturato netto viene aggiornato con il Totale documento; in questo modo il fatturato comprensivo anche dellIVA dei corrispettivi ventilazione. Recupero valori di default Piano dei Conti per conti Iva Per quanto riguarda le operazioni con esigibilita' / detrazione Iva per cassa, se il conto Iva non stato indicato sulla Causale contabile, viene recuperato dai Default Azienda, sezione Piano dei Conti, rispettivamente dai campi IVA c/acquisti detr. per Cassa e/o Costo per Iva c/acq. indetr., per i documenti di acquisto, dal campo Iva c/vendite esig. per cassa, per i documenti di vendita. Automatismi previsti sul campo Totale documento Se si registra un incasso/pagamento relativo a fattura/nota con esigibilit/detrazione Iva per cassa ed gi stato indicato il cliente o fornitore, sul campo Totale Documento si attiva una lista delle fatture/note con esigibilit/detrazione Iva per cassa che risultano ancora aperte. L'automatismo interessa solo i documenti generati da causali contabili/Iva che non gestiscono le partite (se sono gestite infatti le partite risultano gi operativi i meccanismi automatici del saldaconto). E ammessa la selezione multipla, ma in questa ipotesi non sono consentiti incassi / pagamenti di documenti gi parzialmente incassati / pagati e/o incassi / pagamenti parziali. Dopo avere eseguito la selezione la procedura riporta automaticamente sul campo Totale documento la sommatoria algebrica dei importi residui dei documenti selezionati. Il Totale documento pu essere
ESA Software S.p.A. 13/10/2009 Pag. 42 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

modificato, ma solo in diminuzione e solo nel caso di incasso/pagamento collegato ad un solo documento. Se l'importo non viene ridotto si realizza un caso di evasione totale del documento, altrimenti si avr evasione solo parziale. La procedura calcola in automatico le righe del castelletto Iva che saranno disabilitate. Si riportano sotto alcuni esempi per completezza espositiva: Determinazione dei valori da riportare nelle righe del castelletto IVA CASO 1: NO compensazione fatture/note CASO 1.A Evasione Totale Nel caso di Evasione Totale le righe iva vengono determinate per differenza fra le righe iva dei documenti evasi e le corrispondenti righe iva dei documenti collegati (*): ci garantisce sempre la quadratura iva fra le fatture/note ed i relativi incassi/pagamenti. (*) Possono esserci documenti collegati solo nel caso di evasione di un solo documento.
Esempio 1 E' stata evasa totalmente una fattura che ha totale documento = 36.000,00 e le seguenti righe iva: cod. iva cod. natura .. imponibile iva 20% AA 10.000,00 2.000,00 20% BB 20.000,00 4.000,00 Collegato ad essa c un precedente documento dincasso con totale documento = 14.400,00 e le seguenti righe iva: cod. iva cod. natura .. imponibile iva 20% AA 4.000,00 800,00 20% BB 8.000,00 1.600,00 Il presente incasso di 21.600,00 (evasione totale): verranno calcolate le seguenti righe IVA: cod. iva cod. natura .. imponibile iva 20% AA 6.000,00 1.200,00 20% BB 12.000,00 2.400,00 Esempio 2 Sono state evase totalmente due fatture che complessivamente hanno il totale documento = 47.000,00. La prima ha le seguenti righe IVA: cod. iva cod. natura .. imponibile iva 20% AA 10.000,00 2.000,00 20% BB 20.000,00 4.000,00 La seconda ha le seguenti righe IVA: cod. iva cod. natura .. 10% AA

imponibile 10.000,00

iva 1.000,00

Il presente incasso di 47.000,00 (evasione totale): verranno calcolate le seguenti righe IVA: cod. iva cod. natura .. imponibile iva 10% AA 10.000,00 1.000,00 20% AA 10.000,00 2.000,00 20% BB 20.000,00 4.000,00

CASO 1.B Evasione Parziale Nel caso di Evasione Parziale le righe iva vengono determinate su base percentuale fra limporto del presente incasso/pagamento e limporto originario della fattura/nota (n.b.: NON viene considerato limporto residuo visualizzato nella lista). N.B.: non ammessa levasione parziale nel caso di evasione di pi documenti.
Esempio 1 Una fattura ha totale documento = 36.000,00 e le seguenti righe iva: cod. iva cod. natura .. imponibile iva 20% AA 10.000,00 2.000,00 20% BB 20.000,00 4.000,00 Collegata ad essa c un documento dincasso con totale documento = 14.400,00 e le seguenti righe iva: cod. iva cod. natura .. imponibile iva 20% AA 4.000,00 800,00 20% BB 8.000,00 1.600,00

ESA Software S.p.A.

13/10/2009

Pag. 43 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

Il presente incasso di 10.800,00 (evasione parziale): tale importo il 30% del totale della fattura; vengono riportate le righe iva della fattura rideterminando gli importi sulla base di questa percentuale: cod. iva cod. natura .. imponibile iva 20% AA (30% di 10.000 = 3.000,00) (30% di 2.000 = 600,00) 20% BB (30% di 20.000 = 6.000,00) (30% di 4.000 = 1.200,00)

CASO 2: Compensazione fatture/note CASO 2.A Evasione Totale Nel caso di Evasione Totale le righe del castelletto Iva vengono determinate dalle righe iva dei documenti evasi.
Esempio 1 E' stato registrato un incasso effettuando contestualmente una compensazione fra fattura e nota accredito. La fattura ha totale documento = 36.000,00 e le seguenti righe iva: cod. iva cod. natura .. imponibile iva 20% AA 10.000,00 2.000,00 20% BB 20.000,00 4.000,00 La nota accredito ha totale documento = 14.400,00 e le seguenti righe iva: cod. iva cod. natura .. imponibile iva 20% AA 4.000,00 800,00 20% BB 8.000,00 1.600,00 Il presente incasso di 21.600,00 (evasione totale): verranno calcolate le seguenti righe IVA: cod. iva cod. natura .. imponibile iva 20% AA 6.000,00 1.200,00 20% BB 12.000,00 2.400,00

CASO 2.B Evasione Parziale Questo caso non al momento ammesso. Caso particolare incasso / pagamento Iva esigibilit /detrazione differita / esigibilit / detrazione Iva per cassa Di norma quando viene utilizzata in Prima Nota una causale contabile / Iva di tipo incasso / pagamento esigibilit /detrazione differita o esigibilit / detrazione Iva per cassa, la registrazione contabile movimenta una contropartita finanziaria (Cassa, Banca, ecc.), a chiusura parziale o totale della posizione verso il Cliente / Fornitore, ed inoltre viene generato il giroconto iva fra il conto transitorio dellIVA aperto allemissione della fattura/nota ed il conto definitivo dellIVA movimentato con lincasso/pagamento. A questo caso generale fa eccezione l'ipotesi in cui viene effettuato solo il giroconto dell'iva dal conto transitorio al conto definitivo. Questo caso particolare si realizza quando nella causale contabile/Iva utilizzata non viene valorizzato l'indicatore Chiusura contabile cliente / fornitore. La funzionalit che stata introdotta consente di gestire situazioni particolari, connesse in particolare all'agevolazione "Iva per Cassa": si tratta ad esempio degli incassi avvenuti tramite effetti (l'Iva per Cassa diventa esigibile solo al momento dell'effettivo incasso e quindi successivamente al giroconto tra il Cliente originario ed il conto relativo agli Effetti), oppure del caso del decorso dell'anno (l'Iva per Cassa diventa esigibile o detraibile al decorso dell'anno rispetto alla data di effettuazione dell'operazione, prescindendo dall'effettivo incasso o pagamento), ecc. Stampa brogliaccio prima nota errata La stampa brogliaccio prima nota errata ha subito una revisione dei controlli per tenere in corretta considerazione le operazioni con esigibilit / detrazione Iva per cassa. In particolare nei controlli di coerenza tra righe Iva e righe contabili sono esclusi i movimenti di incasso / pagamento con esigibilit / detrazione Iva per cassa. Gestione liquidazioni periodiche Nella Gestione liquidazioni periodiche stata introdotta una nuova sezione dedicata all'Iva per Cassa, che contiene le informazioni relative alle fatture emesse / ricevute nel periodo con esigibilit / detrazione Iva per Cassa e quelle inerenti gli incassi / pagamenti effettuati, con distinzione fra incassi / pagamenti relativi a fatture dell'anno e incassi pagamenti relativi a fatture degli anni precedenti. I bottoni a fianco dellattivit consentono di navigare tra le varie attivit (se sono pi di una). Tutti i dati visualizzati in questa sezione sono
ESA Software S.p.A. 13/10/2009 Pag. 44 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

disabilitati in quanto determinati in automatico dal calcolo liquidazione. I dati vengono presentati suddivisi e ordinati per Tipo IVA (Acquisti o Vendite) e per Codice IVA. Si espongono in dettaglio le informazioni visualizzate nella nuova sezione Iva per Cassa: Indicatore tipo Iva. Esso specifica il tipo IVA di riferimento. Sono ammessi i seguenti valori: Acquisto Vendita Si ricorda che nel caso delle vendite sono compresi anche i corrispettivi. Codice Iva. Rappresenta il codice IVA a cui si riferiscono i dati successivi. Imponibile fatture emesse/ricevute anno. Viene visualizzato limponibile delle fatture/note emesse o ricevute nel periodo corrente con Iva per cassa Imposta fatture emesse/ricevute anno. Viene visualizzata limposta delle fatture/note emesse o ricevute nel periodo corrente con Iva per Cassa Imponibile incassi/pagamenti di fatture emesse/ricevute nellanno. Viene visualizzato limponibile degli incassi/pagamenti del periodo corrente che si riferiscono a fatture/note emesse o ricevute nellanno secondo il meccanismo Iva per Cassa Imposta incassi/pagamenti di fatture emesse/ricevute nellanno. Viene visualizzata limposta degli incassi/pagamenti del periodo corrente che si riferiscono a fatture/note emesse o ricevute nellanno secondo il meccanismo Iva per Cassa Imponibile incassi/pagamenti di fatture emesse/ricevute in anni precedenti. Viene visualizzato limponibile degli incassi/pagamenti del periodo che si riferiscono a fatture/note emesse o ricevute negli anni precedenti secondo il meccanismo Iva per Cassa Imposta incassi/pagamenti di fatture emesse/ricevute in anni precedenti. Viene visualizzata limposta degli incassi/pagamenti del periodo che si riferiscono a fatture/note emesse o ricevute negli anni precedenti secondo il meccanismo Iva per Cassa L'elaborazione della liquidazione Iva stata adeguata per tenere in considerazione il nuovo meccanismo dell'esigibilit / detrazione IVA per cassa. Caso particolare: presenza di corrispettivi in ventilazione e fatture di acquisto beni destinati alla rivendita con detrazione Iva per cassa In assenza di chiarimenti ministeriali si precisa che in presenza di corrispettivi in ventilazione, nel Monte Acquisti ai fini della ventilazione dei corrispettivi sono computati tutti gli acquisti di beni destinati alla rivendita, anche se provenienti da fatture ricevute con detrazione Iva per cassa, in tutto od in parte non pagate. Non vengono invece computati nel Monte Acquisti i pagamenti delle fatture ricevute con detrazione Iva per cassa. Stampa liquidazioni periodiche Nella Stampa liquidazioni periodiche sono state introdotte le seguenti sezioni aggiuntive relative allesigibilit/detrazione Iva per cassa: - sezione nella quale sono riepilogati, distinti per codice Iva, gli imponibili e le imposte delle fatture con Iva ad esigibilit per Cassa, emesse nel periodo oggetto di liquidazione - sezione nella quale sono riepilogati, distinti per codice Iva, gli imponibili e le imposte delle fatture con Iva a detrazione per Cassa, registrate nel periodo oggetto di liquidazione - sezione degli incassi delle fatture con Iva ad esigibilit per Cassa in cui discriminare gli incassi delle fatture emesse nellanno, da quelli relativi a fatture emesse negli anni precedenti - sezione dei pagamenti delle fatture con Iva a detrazione per Cassa in cui discriminare i pagamenti delle fatture acquisti registrate nellanno, da quelli relativi a fatture acquisti registrate negli anni precedenti. Queste sezioni hanno carattere puramente informativo e quindi non incidono sul calcolo dellimposta a credito o a debito. L'elaborazione della stampa liquidazione Iva stata adeguata per tenere in considerazione il nuovo meccanismo dell'esigibilit / detrazione IVA per cassa. Stampa registri Iva Nella Stampa registri Iva stata prevista la possibilit di riportare, a seguito di esercizio da parte dell'utente di apposita opzione nei Parametri contabilit, i prospetti degli incassi delle fatture con esigibilit Iva per cassa e dei pagamenti delle fatture con detrazione Iva per cassa. Nella maschera di selezione della Stampa Registri Iva sono visibili le scelte effettuate in merito alla Stampa prospetti Iva per cassa ed all'eventuale salto pagina. Il prospetto degli incassi e/o dei pagamenti pu essere stampato infatti dopo un salto pagina oppure di seguito alla stampa del registro corrispondente in funzione dell'indicatore "St. Iva cassa dopo salto pagina"
ESA Software S.p.A. 13/10/2009 Pag. 45 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

modificabile su Parametri Contabilit Azienda. Si ricorda che se viene stampato dopo un salto pagina, il prospetto viene intestato come il registro IVA corrispondente. Il prospetto riguarda tutte le tipologie di registro (acquisti, vendite, corrispettivi,) e tutte le tipologie di contabilit (semplificata, ordinaria,..); viene stampato solo se il parametro Stampa prospetti Iva per Cassa valorizzato. Nel caso in cui non siano presenti dati da stampare, il prospetto verr stampato ugualmente con la dicitura Non ci sono dati da stampare. Se si sta stampando un registro con periodo=trimestre: - se il registro viene stampato in modo continuativo (tre mesi insieme) anche questo prospetto sar continuativo, ossia unico per il trimestre; - se il registro non viene stampato in modo continuativo (mesi separati), verr stampato un prospetto distinto per ciascun mese. La stampa dei prospetti organizzata su tre livelli: - dati generali del documento dincasso/pagamento Iva per Cassa - lista con estremi delle fatture/note oggetto dincasso/pagamento Iva per Cassa - dettaglio delle righe iva del documento dincasso/pagamento Iva per Cassa Stampa fatture ancora da incassare / pagare E' stata introdotta una nuova stampa, richiamabile da Contabilit generale, Attivit periodiche, che fornisce un utile strumento di controllo all'utente affinch possa monitorare periodicamente quali fatture soggette ai particolari meccanismi fiscali dell'esigibilit / detrazione differita ovvero dell'esigibilit / detrazione Iva per cassa, risultano ancora da incassare o pagare. Potr in futuro essere utilizzata anche per monitorare il decorso dell'anno in merito alle fatture emesse o ricevute con esigibilit / detrazione Iva per cassa, in tutto od in parte non ancora incassate / pagate. La stampa viene ordinata come segue: - stampa prospetto fatture Iva ad esig. / detr. per cassa ancora da incassare / pagare. - stampa prospetto fatture Iva ad esig. / detr. differita ancora da incassare / pagare. All'interno di ciascun prospetto viene rispettato il seguente ordinamento: - Attivit contabile; - Tipo soggetto (prima vengono riportati i Clienti, poi vengono riportati i Fornitori); - Data documento; - N documento. Si ricorda che la procedura non effettua l'ordinamento per serie documento. Nella maschera di selezione della stampa vengono richieste le seguenti informazioni: - da data: viene indicata la data che definisce l'estremo inferiore dell'intervallo di date che consente di individuare le fatture emesse e/o ricevute oggetto della stampa. Il valore inserito deve essere sempre minore od uguale a quello inserito nel campo "a data" altrimenti viene segnalato un errore bloccante. Il campo obbligatorio. Viene proposto "01/01/ anno di sistema" - a data: viene indicata la data che definisce l'estremo superiore dell'intervallo di date che consente di individuare le fatture emesse e/o ricevute oggetto della stampa. Il valore inserito deve essere sempre maggiore od uguale a quello inserito nel campo "da data" altrimenti viene segnalato un errore bloccante. Il campo obbligatorio. Viene proposto "31/12/ anno di sistema" - a data (registrazione): deve essere indicata la data che fissa il giorno entro il quale si intende effettuare il monitoraggio delle fatture ancora da incassare / pagare. Viene proposto di default "31/12/ anno di sistema". Il valore inserito deve essere sempre maggiore od uguale di quanto indicato nei campi "Da data" e "A data" altrimenti viene segnalato un errore bloccante. - Indicatore tipo: esso consente di selezionare se si desidera operare la stampa delle sole fatture emesse, delle sole fatture ricevute o di entrambe (= non definito). Viene proposto di default "Non definito" (Entrambe). - Indicatore Iva esig. / detr. Differita: consente di selezionare se si desidera o meno stampare il prospetto delle fatture Iva ad esig. / detr. differita ancora da incassare / pagare. Questo indicatore non escludente rispetto all'indicatore "Esig. / detr. Iva Cassa", pertanto possono essere valorizzati entrambi. Viene proposto di default non valorizzato. - Indicatore Esig. / detr. Iva Cassa: esso consente di selezionare se si desidera o meno stampare il prospetto delle fatture Iva ad esig. / detr. per cassa ancora da incassare / pagare. Questo indicatore non escludente rispetto all'indicatore "Iva esig. / detr. differita", pertanto possono essere valorizzati entrambi. Viene proposto di default non valorizzato. Trasferimento verso Comunicazione annuale dati IVA

ESA Software S.p.A.

13/10/2009

Pag. 46 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

Il trasferimento verso la Comunicazione annuale dati Iva stato adeguato per tenere in considerazione le operazioni con esigibilit / detrazione Iva per cassa. In particolare: - nel computo del Totale delle operazioni attive (rigo CD1) sono stati esclusi gli incassi delle fatture con esigibilit Iva per cassa, mentre sono ricomprese le fatture emesse con esigibilit Iva per cassa; - nel computo del Totale delle operazioni passive (rigo CD2) sono stati esclusi i pagamenti delle fatture con detrazione Iva per cassa, mentre sono ricomprese le fatture di acquisto con detrazione Iva per cassa; Stampa brogliaccio quadro VT E' stata adeguata la stampa brogliaccio quadro VT al fine di considerare in modo corretto le operazioni con esig. / detraib. Iva per cassa. In particolare saranno computate le fatture con esigibilit Iva per cassa e/o detrazione Iva per cassa, mentre saranno esclusi gli incassi con esigibilit Iva per cassa ed i pagamenti con detrazione Iva per cassa. Gestione Plafond La gestione Plafond stata adeguata al nuovo meccanismo Iva per cassa. Nel dettaglio si segnalano le seguenti modifiche: - nel computo del plafond utilizzato per gli acquisti interni, intracomunitari ed extracomunitari non vengono considerati i pagamenti delle fatture con detrazione Iva per cassa, alla stessa stregua dell'esclusione dei pagamenti delle fatture con detrazione Iva differita. - nel computo delle esportazioni non vengono considerati gli incassi delle fatture con esigibilit Iva per cassa, alla stessa stregua dell'esclusione degli incassi delle fatture con esigibilit Iva differita. - nel recupero dei Saldi Iva vengono considerati i documenti emessi con esigibilit Iva per cassa ed i documenti ricevuti con detrazione Iva per cassa.

Ciclo attivo/passivo
Sui programmi del ciclo attivo/passivo sono stati effettuati diversi interventi di adeguamento, riconducibili ai seguenti punti: - Aggiornamento in tempo reale del volume daffari dellazienda - Emissione di fatture con Iva per cassa, con controllo su eventuale superamento del limite di volume daffari previsto dalla legge - Registrazione di fatture passive con Iva per cassa. Gli unici documenti interessati dalle modifiche sono quelli che presentano in testata una causale contabile, ossia le fatture e le note di credito: ordini e ddt non sono stati oggetto di modifica. Tipo documento Ai tipi documento di magazzino fattura e nota credito sar di norma associata una causale contabile con IVA normale (ossia immediata); a tale causale contabile andr associata la causale di tipo IVA per cassa (vedi modifiche apportate al programma di gestione delle causali contabili), il che consentir di effettuare la sostituzione automatica della causale laddove necessario in funzione di quanto stabilito sul cliente/fornitore (vedi quanto riportato di seguito relativamente a Fatture attive e passive). Nota: si consiglia quindi di non modificare i tipi documento, ma di intervenire solo a livello di causali contabili impostando lassociazione fra causale con IVA immediata e causale con IVA per cassa. Vediamo ora gli interventi effettuati programma per programma: Fatture attive Occorre differenziare il comportamento del programma a seconda che lIVA per cassa risulti o meno attiva. LIVA per cassa risulta attiva se: Data documento >= Data decorrenza fiscale IVA per cassa (Parametri generali) e Data documento >= Data inizio gestione IVA per cassa fatture emesse (Parametri azienda) e per lanno della Data documento risulta Ind. IVA per cassa = S (Parametri azienda) e si tratta di documento con associata una causale contabile (fattura/nota).
ESA Software S.p.A. 13/10/2009 Pag. 47 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

Nota: se anche una sola data dei parametri risulta non valorizzata, lIVA per cassa viene considerata non attiva. Da quanto sopra risulta chiaro che la modifica della data documento pu portare ad attivare/disattivare lIVA per cassa; tale modifica quindi far scattare una serie di controlli volti a mantenere la coerenza fra il cliente e la causale contabile, controlli il cui dettaglio riportato di seguito. Iva per cassa attiva Nel momento in cui si inserisce un cliente controparte possono verificarsi le seguenti situazioni: 1) Se il cliente non ha lIVA per cassa attivata (Tipo gestione IVA per cassa = Cliente che non gestisce IVA per cassa) e la causale contabile di tipo IVA per cassa (Tipo gestione IVA = Esigibilit/Detraibilit per cassa) viene fornita una segnalazione bloccante (La Causale di tipo IVA ad esigibilit per cassa mentre il Cliente non prevede lemissione di fatture con IVA per cassa) 2) Se il cliente ha lIVA per cassa attivata (Tipo gestione IVA per cassa = Cliente che gestisce IVA per cassa) e la causale contabile di tipo normale (Tipo gestione IVA = Normale), se risulta valorizzata la causale associata IVA per cassa (vedi quanto indicato nel programma di gestione Causali), viene fornito un messaggio davvertimento (La causale contabile inserita non coerente con la selezione Tipo gestione IVA per cassa del Cliente indicato. Sar pertanto sostituita dalla Causale contabile IVA per cassa associata.) e la causale attuale viene sostituita con la causale associata IVA per cassa, altrimenti viene fornita una segnalazione bloccante (La Causale non ad esigibilit IVA per cassa mentre il Cliente prevede sempre la gestione IVA per cassa) e loperatore dovr necessariamente sostituire a mano la causale contabile con una che prevede lIVA per cassa. 3) Se il cliente ha lIVA per cassa attivabile opzionalmente (Tipo gestione IVA per cassa = Cliente con IVA per cassa attivabile) qualsiasi causale contabile sar accettata; di fatto in questo caso compito delloperatore scegliere la causale opportuna in funzione del tipo di emissione che si intende effettuare. La modifica della causale contabile fa scattare i controlli di coerenza con il cliente: - non ammessa una causale contabile di tipo IVA per cassa se il cliente non ha lIVA per cassa attivata - non ammessa una causale contabile di tipo normale se il cliente ha lIVA per cassa attivata - se il cliente ha lIVA per cassa attivabile opzionalmente ammesso qualunque tipo di causale. Iva per cassa non attiva Se lIVA per cassa non attiva e si inserisce un cliente controparte che ha lIVA per cassa attivata (Tipo gestione IVA per cassa = Cliente che gestisce IVA per cassa): - se per lanno della Data documento risulta su Parametri azienda Ind. IVA per cassa = S (il che significa che lIVA per cassa non attiva per via della data documento che minore della data decorrenza fiscale e/o della data inizio gestione IVA per cassa), non viene data alcuna segnalazione e il cliente pu essere movimentato normalmente con una causale con IVA normale - se per lanno della Data documento risulta su Parametri azienda Ind. IVA per cassa = No, con la data documento che maggiore o uguale della data decorrenza fiscale e della data inizio gestione IVA per cassa, viene segnalato un errore bloccante (Cliente che gestisce IVA per cassa non ammesso). In questo caso, inoltre, non ammesso lutilizzo di una causale contabile IVA per cassa: viene fornita unopportuna segnalazione bloccante. Codici IVA non ammessi Su fatture con IVA per cassa non possibile utilizzare codici IVA relativi ad Agenzie di viaggio (errore bloccante). Sono invece ammessi codici IVA relativi ad attivit Agricole, anche se il programma fornisce in questo caso un messaggio davvertimento. Conto IVA per cassa dedicato In presenza di IVA per cassa il programma utilizza il nuovo conto del piano dei conti dedicato, definito sui Default azienda, al posto del conto IVA normale movimentato nel caso di IVA ad esigibilit immediata. Utilizza anche leventuale sottoconto IVA specificato nella causale contabile creata ad hoc per liva per cassa.

ESA Software S.p.A.

13/10/2009

Pag. 48 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

Emissione fatture: aggiornamento volume daffari Al salvataggio di un qualunque documento non contabilizzato, con controparte Cliente, se risulta attivo lapposito indicatore di parametri azienda (Aggiorna volume daffari) e risulta movimentato uno dei seguenti registri IVA: - V (Vendite) - C (Corrispettivi scorporo) - T (Corrispettivi ventilazione) - O (Margine analitico) - D (Margine globale vendite) viene aggiornato il volume daffari su Parametri azienda per lanno della data competenza IVA del documento. In particolare viene aggiornato il Volume daffari N.C. (non contabilizzato) con limponibile IVA delle sole righe del castelletto relative a codici IVA che risultano contrassegnati come di Interesse per volume daffari (vedi tabella dei Codici IVA). Nota: nel caso di registro Corrispettivi ventilazione (T), se Tipo operativit IVA = Corrispettivo o Storno corrispettivo tutti i cod. IVA verranno considerati indipendentemente dal valore assunto dallindicatore Interessa volume daffari. Naturalmente le fatture incrementano mentre le note di credito decrementano il volume daffari. N.B.: nel caso di corrispettivi ventilazione, non essendo nota laliquota IVA, limponibile IVA del castelletto comprende anche lIVA; in tal modo il volume daffari risulter gonfiato perch conterr anche lIVA dei corrispettivi ventilazione. ---- Stato documento ---Nella fase dinserimento vengono considerati solo documenti con stato documento diverso da sospeso. In variazione, se lo stato documento passato da sospeso ad altro stato, il documento che prima non aveva aggiornato il volume daffari andr adesso ad aggiornarlo. Nella transizione opposta (da stato diverso da sospeso a stato = sospeso) il volume daffari verr stornato. Emissione fatture IVA per cassa: controllo superamento limite volume daffari Al salvataggio di un qualunque documento attivo con IVA per cassa (questultima condizione desumibile dalla causale contabile), purch in stato diverso da sospeso, il programma controlla se il limite di volume daffari (definito in parametri generali / parametri azienda), considerando anche il documento corrente, stato superato nellanno in corso (lanno quello della data competenza IVA). In caso affermativo il programma torner un messaggio del tipo Il volume daffari ha superato il limite di legge previsto per lemissione di fatture con IVA per cassa. Confermando si forzer lemissione di fattura con IVA per cassa: prosegui ugualmente?. In caso di risposta affermativa tutto rimane invariato e si procede con il salvataggio del documento, altrimenti lelaborazione viene interrotta e loperatore dovr provvedere alla modifica manuale della causale contabile. Fatture passive In fase di registrazione manuale di fatture fornitore il programma effettua gli stessi controlli ed applica gli stessi automatismi visti in precedenza per le fatture attive; anche sul fornitore infatti presente lindicatore Tipo gestione IVA per cassa che determina il comportamento del programma per quanto concerne la registrazione di fatture con IVA per cassa. Le differenze rispetto alla fatturazione attiva, descritta in precedenza, sono: - sul ciclo passivo cambiano i controlli che portano a definire se lIVA per cassa attiva o meno. LIVA per cassa lato passivo risulta attiva se: Data documento >= Data decorrenza fiscale IVA per cassa (Parametri generali) e si tratta di documento con associata una causale contabile (fattura/nota). Nota: se la data dei parametri risulta non valorizzata, lIVA per cassa viene considerata non attiva. - non viene effettuato laggiornamento del volume daffari - non viene controllato il superamento del limite del volume daffari. Fatturazione differita La fatturazione differita manuale non ha richiesto particolari interventi in quanto viene immediatamente generata una fattura sulla quale sono presenti tutti i controlli e gli automatismi descritti in precedenza nel capitolo relativo alle Fatture attive.
ESA Software S.p.A. 13/10/2009 Pag. 49 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

Si viceversa intervenuti sulla fatturazione differita automatica, implementando alcuni automatismi volti ad evitare richieste alloperatore durante lelaborazione, nel caso in cui lIVA per cassa risulti attiva. Per prima cosa si controlla che la causale contabile richiesta nei parametri abbia valorizzata la causale contabile associata IVA per cassa; questo per consentire la sostituzione automatica della causale con IVA immediata con la causale con IVA per cassa nel momento in cui si emette fattura ad un cliente che ha lIVA per cassa attivata (il che equivale a dire obbligatoria). C poi il problema dei clienti che hanno lIVA per cassa attivabile opzionalmente per i quali stato aggiunto un apposito parametro: Trattamento clienti con IVA per cassa opzionale Emetti fattura con IVA per cassa: con tale impostazione, nel momento in cui si va a generare una fattura relativa ad un cliente che ha lIVA per cassa attivabile opzionalmente, il programma provveder automaticamente a sostituire la causale contabile dei parametri di lancio con la relativa causale contabile associata IVA per cassa; la fattura emessa risulter quindi di tipo IVA per cassa Emetti fattura con IVA immediata: con tale impostazione, nel momento in cui si va a generare una fattura relativa ad un cliente che ha lIVA per cassa attivabile opzionalmente, il programma utilizzer direttamente la causale contabile dei parametri di lancio; la fattura emessa risulter quindi di tipo IVA immediata. E stato infine aggiunto un altro parametro per gestire il problema del superamento del limite del volume daffari: Comportamento con superamento limite volume affari Emetti fattura con IVA immediata: con tale impostazione, nel momento in cui si sta per generare una fattura con IVA per cassa e il programma si accorge che si va a superare il limite del volume daffari (o che questo era gi stato superato), automaticamente verr ripristinata la causale contabile dei parametri (di tipo IVA immediata). Nota: se la fattura in questione era riferita ad un cliente con lIVA per cassa attivata (e quindi obbligatoria), in queste condizioni la fattura risulter non registrabile, con conseguente segnalazione derrore Emetti comunque fattura con IVA per cassa: con tale impostazione, nel momento in cui si sta per generare una fattura con IVA per cassa e il programma si accorge che si va a superare il limite del volume daffari (o che questo era gi stato superato), verr comunque emessa fattura con IVA per cassa; la cosa verr comunque segnalata fra i messaggi dellelaborazione La generazione di ogni fattura porta allaggiornamento del volume daffari dellazienda (su parametri azienda) secondo quanto definito nel capitolo Fatture attive. Evasione automatica impegni Sono stati implementati gli stessi automatismi realizzati in Fatturazione differita automatica, volti ad evitare richieste alloperatore durante lelaborazione, nel caso in cui lIVA per cassa risulti attiva. Generazione spedizioni Sono stati implementati gli stessi automatismi realizzati in Fatturazione differita automatica, volti ad evitare richieste alloperatore durante lelaborazione, nel caso in cui lIVA per cassa risulti attiva. Stampa fatture Sulle fatture con IVA per cassa viene riportata lapposita dicitura di legge (Operazione con imposta ad esigibilit differita ai sensi dellart. 7 D.L. 29/11/2008 n. 185 convertito Legge 28/01/2009 n.2); questa stata posizionata sotto lintestazione del cliente e prima dei dati di testata fattura. Elaborazione documenti attivi Nel momento in cui si contabilizzano le fatture e le note di credito del ciclo attivo con IVA per cassa, se risulta attivo lapposito indicatore di parametri azienda (Aggiorna volume daffari) e risulta movimentato uno dei seguenti registri IVA: - V (Vendite) - C (Corrispettivi scorporo) - T (Corrispettivi ventilazione) - O (Margine analitico) - D (Margine globale vendite)
ESA Software S.p.A. 13/10/2009 Pag. 50 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

viene aggiornato il volume daffari su Parametri azienda per lanno della data competenza IVA del documento. In particolare viene stornato il Volume daffari N.C. (non contabilizzato) e aggiornato il Volume daffari (doc. contabilizzati). Loperazione di storno da effettuare sul volume daffari con contabilizzato lopposta di quella effettuata in fase di salvataggio del documento (vedere capitolo Fatture attive). Quanto stornato sul volume daffari con contabilizzato va poi imputato al volume daffari risultante dai documenti contabilizzati. Se ad esempio si tratta di fattura cliente: - il salvataggio del documento ha incrementato il volume daffari non contabilizzato - la contabilizzazione del documento deve decrementare il volume daffari non contabilizzato e incrementare il volume daffari contabilizzato. Se ad esempio si tratta di nota credito cliente: - il salvataggio del documento ha decrementato il volume daffari non contabilizzato - la contabilizzazione del documento deve incrementare il volume daffari non contabilizzato e decrementare il volume daffari contabilizzato.

Partite/Scadenze
Ai fini del corretto funzionamento dellautomatismo di collegamento fra incassi/pagamenti e documenti IVA per cassa sono state poste le seguenti limitazioni: - non possibile lunificazione di scadenze che si riferiscono a documenti con IVA per cassa - non possibile operare con lo spostamento partite su documenti con IVA cassa. Saldaconto Il saldaconto eseguito da menu, ossia non richiamato da prima nota, non ammette lutilizzo di causali contabili di tipo IVA: ci significa che un Incasso/Pagamento IVA per cassa (trattandosi di operazione IVA) non potr essere registrato con queste funzioni. LIncasso/Pagamento IVA per cassa pu invece essere gestito con saldaconto partendo dalla funzione di prima nota, che a sua volta provveder a richiamare il saldaconto. Da questa release il saldaconto eseguito con normale causale Incasso o Pagamento (causale non IVA) consente la chiusura oltre che di scadenze relative a fatture con IVA immediata anche di scadenze relative a fatture con IVA ad esigibilit differita o IVA per cassa; in tal caso il saldaconto si limiter a chiudere la partita/scadenza e a generare la chiusura contabile del cliente/fornitore, senza fare nulla dal punto di vista IVA. Giroconto IVA Nel caso descritto sopra lIVA dovr poi essere movimentata manualmente dalloperatore con apposita registrazione che movimenta il castelletto IVA e opera un giroconto che chiude il conto IVA esigibilit/detraibilit differita (o IVA per cassa) e apre il conto IVA c/vendite (o c/acquisti); tale registrazione manuale deve essere di tipo Incasso/Pagamento IVA esigibilit differita (o Incasso/Pagamento IVA per cassa) ma la causale deve avere lindicatore Chiusura contabile cliente/fornitore = No (la chiusura del cliente/fornitore difatti gi stata eseguita dal saldaconto). Operativamente, allo scopo di chiudere il documento dal punto di vista dellIVA, sul castelletto IVA della prima nota si dovr utilizzare il tasto funzione F6 per visualizzare i documenti ancora aperti e selezionare quello da chiudere. Al cambio di cliente/fornitore (oppure al rientro in prima nota o al salva), se la causale incasso non di tipo IVA ed stata chiusa una scadenza relativa ad una fattura con IVA per cassa e/o con IVA ad esigibilit differita viene fornito un messaggio davvertimento: Attenzione, si stanno incassando/pagando scadenze con IVA per cassa (o IVA esigibilit differita). Non verr effettuato in automatico il giroconto della parte IVA Il saldaconto richiamato da prima nota, nel caso particolare di causale Incasso/Pagamento IVA per cassa, presenta una serie di limitazioni coincidenti con quelle che erano gi presenti per lIVA ad esigibilit differita riferita agli Enti pubblici. Tali limitazioni vengono riportate nel prospetto che segue:
Funzionalit Saldaconto con causale Incasso/Pagamento IVA per cassa Limitazioni Visualizza solo scadenze relative a documenti con IVA per cassa Consente di operare su un solo cliente o fornitore (non pi di uno come consente di fare normalmente), in quanto poi questo ESA Software S.p.A. 13/10/2009 Pag. 51 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

soggetto va riportato nel castelletto IVA della prima nota Incasso/pagamento di una sola fattura/nota Nessuna limitazione E consentito sia lincasso/pagamento parziale che totale Sono ammessi N incassi/pagamenti parziali Incasso/pagamento di pi fatture (multiplo) E consentito solo incasso/pagamento totale di tutte le fatture selezionate. Nessuna delle fatture selezionate deve esser stata oggetto in precedenza di pagamenti parziali (in questo caso obbligatoriamente occorre spezzare lincasso in pi incassi) E consentito compensare una o pi fatture con una o pi note credito; la somma degli importi delle fatture deve essere maggiore della somma degli importi delle note credito; sia la fattura che le note credito non devono esser state oggetto in precedenza di pagamenti parziali (in questo caso non si effettua pi la compensazione). Quando si compensa, lincasso/pagamento non pu essere parziale, ma solo a saldo. Esempio: fattura di 1000, nota di 600: posso registrare solo lincasso a saldo di 400. Diversamente effettuo due registrazioni contabili con diverse causali.

Incasso/pagamento con compensazione fattura/nota

Contabilizzazione effetti La contabilizzazione di effetti riferiti a fatture con IVA per cassa viene effettuata con causale Incasso di tipo normale, la stessa utilizzata per la contabilizzazione di effetti riferiti a fatture con IVA immediata. Ci significa che per le fatture IVA per cassa si avr la chiusura contabile del cliente ma non la chiusura IVA: questultima difatti andr effettuata solo al momento delleffettivo incasso della RIBA. Quando la banca comunica lesito della RIBA: - se lincasso andato a buon fine, andr registrato un giroconto manuale della parte IVA Giroconto IVA registrazione che movimenta il castelletto IVA, chiude il conto IVA per cassa e apre il conto IVA c/vendite; tale registrazione manuale deve essere di tipo Incasso/Pagamento IVA per cassa, ma la causale deve avere lindicatore Chiusura contabile cliente/fornitore = No (la chiusura del cliente/fornitore difatti gi stata eseguita dalla contabilizzazione effetti). Operativamente, allo scopo di chiudere il documento dal punto di vista dellIVA, sul castelletto IVA della prima nota si dovr utilizzare il tasto funzione F6 per visualizzare i documenti ancora aperti e selezionare quello che deve essere chiuso. - se siamo in presenza dinsoluto, registrare normalmente linsoluto e ricordarsi per che quando sincasser linsoluto (scadenza non pi legata direttamente alla fattura con IVA per cassa) andr sempre effettuato il giroconto manuale IVA descritto in precedenza volto a chiudere dal punto di vista IVA il documento dorigine. Contabilizzazione pagamenti Anche la contabilizzazione dei pagamenti automatici (Ritiro effetti, Bonifici) viene effettuata con causale Incasso di tipo normale. Ne consegue che, per i pagamenti che si riferiscono a fatture con IVA per cassa, si dovr procedere alla registrazione manuale del giroconto IVA, cos come descritto per la contabilizzazione effetti.

Parcellazione
Anche i programmi del modulo Parcellazione sono stati adeguati alle novit della gestione IVA per cassa. Gli interventi effettuati sono riconducibili ai seguenti punti: - Aggiornamento in tempo reale del volume daffari dellazienda - Emissione di parcelle/fatture con Iva per cassa, con controllo su eventuale superamento del limite di volume daffari previsto dalla legge Tipo documento Ai tipi documento della parcellazione sar di norma associata una causale contabile con IVA normale (ossia immediata); a tale causale contabile andr associata la causale di tipo IVA per cassa (vedi modifiche
ESA Software S.p.A. 13/10/2009 Pag. 52 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

apportate al programma di gestione delle causali contabili), il che consentir di effettuare la sostituzione automatica della causale laddove necessario in funzione di quanto stabilito sul cliente (vedi quanto riportato sul Ciclo Attivo/Passivo, programma Fatture attive). Nota: si consiglia quindi di non modificare i tipi documento, ma di intervenire solo a livello di causali contabili impostando lassociazione fra causale con IVA immediata e causale con IVA per cassa. Programmi coinvolti dalle modifiche: Parcelle Gli interventi effettuati sono sostanzialmente gli stessi descritti per il Ciclo Attivo/Passivo, programma Fatture attive, cui si rimanda per i dettagli. Evasione parcelle proforma Sono stati implementati gli stessi automatismi realizzati in Fatturazione differita automatica, cui si rimanda per i dettagli. Stampa parcelle Sulle parcelle con IVA per cassa viene riportata lapposita dicitura di legge Operazione con imposta ad esigibilit differita ai sensi dellart. 7 D.L. 29/11/2008 n. 185 convertito Legge 28/01/2009 n.2 ed stata posizionata sotto lintestazione del cliente e prima dei dati di testata parcella. Elaborazione (contabilizzazione) parcelle Gli interventi effettuati sono sostanzialmente gli stessi descritti per il Ciclo Attivo/Passivo, programma Elaborazione documenti attivi, cui si rimanda per i dettagli.

Dettaglio
Anche i programmi del modulo vendite al Dettaglio sono stati adeguati alle novit della gestione IVA per cassa. I programmi modificati sono i seguenti: Documenti vendita al dettaglio Fra i Dati documento stato aggiunto un indicatore IVA per cassa che viene attivato se il documento viene emesso con IVA per cassa. In particolare: se il cliente ha lIVA per cassa attivata (Tipo gestione IVA per cassa = Cliente che gestisce IVA per cassa), il documento viene marcato come documento con IVA per cassa e lindicatore viene disabilitato se il cliente non ha lIVA per cassa attivata (Tipo gestione IVA per cassa = Cliente che non gestisce IVA per cassa), il documento viene marcato come documento con IVA immediata e lindicatore viene disabilitato se il cliente ha lIVA per cassa attivabile opzionalmente (Tipo gestione IVA per cassa = Cliente con IVA per cassa attivabile), viene abilitato lindicatore IVA per cassa che consente di dire se il documento con IVA immediata (indicatore non selezionato) oppure con IVA per cassa (indicatore selezionato). Punto vendita remoto Non viene gestito il volume daffari in quanto risulta impossibile avere dati aggiornati in tempo reale; Non previsto quindi alcun controllo del superamento del limite volume daffari in fase di emissione documenti con IVA per cassa; Il volume daffari verr aggiornato sulla sede con lImport documenti da Dettaglio. In fase di trasferimento alla sede viene controllata la coerenza fra lindicatore Documento con IVA per cassa e la causale contabile associata al tipo documento, causale che in questa fase verr riportata sulla testata del documento del ciclo attivo: se documento con IVA per cassa e la causale contabile non con IVA per cassa, se risulta valorizzata la causale associata IVA per cassa, questa verr sostituita automaticamente alla causale dorigine, altrimenti viene fornito un errore bloccante (La Causale non ad esigibilit/detrazione IVA per cassa mentre il Documento prevede l IVA per cassa) se documento NON con IVA per cassa e la causale contabile con IVA per cassa viene fornito un errore bloccante (La Causale di tipo IVA ad esigibilit per cassa mentre il Documento non prevede l IVA per cassa).
ESA Software S.p.A. 13/10/2009 Pag. 53 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

Nota: nel caso di punto vendita non remoto, i controlli di cui sopra verranno effettuati al salvataggio del singolo documento; in questo caso verr anche effettuato immediatamente laggiornamento del volume daffari. Stampa documenti vendita al dettaglio Sui documenti con IVA per cassa viene riportata lapposita dicitura di legge. Documenti da scontrino Nel caso di fattura da scontrino, ai fini di un corretto aggiornamento del volume daffari occorre che lo stato documento per fattura differita che si trova su Parametri azienda non sia di tipo sospeso (ossia non aggiorna i progressivi e non evadibile); deve essere di tipo non evadibile, ma con aggiornamento dei progressivi.

Utilit
E stata prevista la ricostruzione del Volume daffari da menu Utilit, Utilit azienda, Ricostruzioni. Tale ricostruzione andr sicuramente eseguita allatto dellattivazione dellIVA per cassa su Parametri azienda, allo scopo di valorizzare il volume daffari sulla base dei documenti gi registrati in corso danno. Nota bene: la ricostruzione del volume daffari viene eseguita indipendentemente dal valore assegnato allindicatore Aggiorna volume daffari presente in parametri azienda; in tal modo un utente pu scegliere di non appesantire la fase di salvataggio dei singoli documenti con tale aggiornamento e poi eseguire la ricostruzione periodicamente.

Elenco delle operazioni da effettuare per gestire lIVA per Cassa


Qui di seguito riportato lelenco delle operazioni da effettuare, dopo linstallazione del fix 02.09.04, per poter attivare la gestione dellIVA per Cassa: compilare la data decorrenza fiscale iva cassa in Parametri generali per poter gestire (ossia registrare) fatture di acquisto iva per cassa ricevute. La data decorrenza fiscale iva cassa deve essere compilata anche per gestire le fatture di vendita iva per cassa emesse; compilare la data inizio gestione iva cassa e la griglia sottostante indicando Anno ed impostando IVA per cassa = SI; eseguire la Ricostruzione del Volume daffari totale per azienda annuale da men Utilit azienda Ricostruzioni per avere un corretto controllo del superamento del limite del Volume daffari; in base alle proprie esigenze aziendali, se necessario, impostare lindicatore Tipo gestione iva per cassa presente in Clienti/fornitori per quei clienti o fornitori che gestiscono sempre liva per cassa eseguire la copia archivi standard delle Causali contabili, del Piano conti e dei Default azienda, se lutente gestisce il piano conti standard. Altrimenti se il piano conti o le causali contabili sono personalizzate o comunque diverse rispetto allo standard, lutente deve creare una causale contabile con lindicatore Tipo gestione IVA = Esig./Detraib. Per Cassa per gli acquisti ed una causale con lo stesso indicatore per le vendite. Lutente deve anche creare una causale contabile per lincasso ed unaltra per il pagamento della fattura iva cassa. creare il sottoconto iva per cassa per gli acquisti ed il sottoconto iva per cassa per le vendite da indicare poi in Default azienda. Tale operazione deve essere effettuata nel caso in cui non si esegue la Copia archivi standard. per gestire liva per cassa dal Ciclo attivo/passivo necessario variare la causale contabile utilizzata solitamente per le fatture emesse e la causale contabile delle fatture ricevute, indicando la contro causale iva per cassa nellapposito campo.

4.6

Integrazione CoGe-Codir: in variazione di Prima nota il programma apre la finestra Codir solo per le righe modificate

Nella precedente versione, ad ogni modifica di una registrazione di prima nota avente pi righe contabili collegate alla Codir veniva aperta la finestra dei dati Codir per tutte le righe, anche per quelle non modificate. Nella versione attuale invece la finestra dei dati Codir relativa ad una determinata riga contabile si apre solo se si modifica uno dei seguenti dati di riga: - causale contabile
ESA Software S.p.A. 13/10/2009 Pag. 54 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

conto PdC importo descrizione aggiuntiva date inizio/fine competenza

Nota: la modifica di uno dei seguenti campi di testata comporter comunque lapertura della finestra dei dati Codir relativamente a tutte le righe: - data registrazione - num. registrazione - data documento - num./serie documento - num./serie protocollo - codice valuta e cambio

4.7

Stampa contabile cespiti per esercizio: riporto nella colonna AMMORTAMENTI solo ci che stato accantonato nel fondo solo per effetto del calcolo ammortamento (R.I. 494887C)

Ammortamenti
Stampa contabile per esercizio Segnalazioni nr. Numero AN-RI 494887C
Nella stampa contabile per esercizio nella colonna AMMORTAMENTI il programma riporta tutto ci che avviene nel fondo. Esempio: se si esegue un'alienazione il programma riporta il valore in negativo del fondo; stessa cosa per una eventuale svalutazione o rivalutazione, rendendo cos illeggibile il dato fondamentale, quando stato accantonato nel fondo dopo il calcolo ammortamento. Si richiede di riportare nella colonna AMMORTAMENTI solamente ci che stato accantonato nel fondo solo per effetto del calcolo ammortamento.

In seguito ai chiarimenti richiesti, lintervento stato mirato al solo layout Tipo di stampa = Ridotto della stampa contabile cespiti per esercizio, in quanto la RI era riferita soltanto ad esso e non al Tipo di stampa sintetica ed analitica. Per tale implementazione si modificata la formazione della tabella temporanea TP_AM_STCONT ed il report amstcontces.rpt In precedenza la tabella temporanea veniva formata prevedendo un singolo record che accoglieva tutti i movimenti salvati nel DB in campi intestati ad ammortamenti fiscali (ordinari, anticipati, accelerati, ritardati, fiscalmente indeducibili,), un analogo singolo record con i movimenti salvati nel DB in campi intestati ad ammortamenti fiscalmente indeducibili, ed un ulteriore singolo record con movimenti salvati nel DB in campi intestati ad ammortamenti civili. Come sottolineato, nella formazione dei record si aveva riguardo soltanto al campo in cui era prelevato il dato, che poteva essere quindi generato da un movimento effettivamente di ammortamento, ma anche da rettifiche o storni di valore. La nuova implementazione prevede che per ciascuno dei tre record, ne sia creato uno corrispondente, destinato ad accogliere in via residuale i restanti valori, che nel DB sono salvati in campi intestati ad ammortamenti, ma sono associati a causali non di tipo Ammortamento. Successivamente, nel report di stampa contabile ridotto, verr riportato solo il valore dei record associati alle causali Ammortamento, per differenza tra il vecchio record ed il corrispondente record residuale, in modo che siano evidenziati solo quei movimenti prelevati da campi del DB relativi ad ammortamenti ed associati a causali di tipo ammortamento; mentre per gli altri layout, nulla mutato, in quanto continua ad essere utilizzato il vecchio record, senza che sia impiegato il nuovo. Nel caso in cui lutente, nella maschera di selezione per la stampa ridotta, tra i parametri indicasse linclusione dei cespiti dismessi (Indicatore Considera cespiti dismessi selezionato) ed esistesse unanagrafica con quantit residua di cespiti pari a zero, per essa verrebbe esposto un valore storico pari a zero: infatti la stampa sintetica riporta tipicamente valori di tipo fondo (Consistenze a fine periodo) e non valori di tipo flusso (Variazioni nel periodo). Nel caso in oggetto, per chiarezza, viene comunque indicata la data di chiusura dellanagrafica cespite, per mancanza di consistenza quantitativa, prelevata dalla maschera esistente nella gestione Anagrafiche cespiti. Si ricorda che il dato relativo alla chiusura fornito solo per consistenze a fino periodo pari a zero, per cui con la stampa ridotta non sono restituite indicazioni relative alle variazioni quantitative che non portino alla completa dismissione, eliminazione o alienazione di tutti i cespiti presenti in ciascuna anagrafica. Lindicazione relativa alla data di dismissione fornita solo per anagrafica cespite e non per categoria, e dipende dalla presenza di una data nel campo Data chiusura nella gestione Anagrafica Cespiti, che deve essere impostata coerentemente
ESA Software S.p.A. 13/10/2009 Pag. 55 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

con le risultanze delle movimentazioni delle quantit nelle righe di dettaglio della gestione Movimenti Cespiti se si desidera che la stampa non restituisca dati contraddittori.

4.8

Stampa Registro Cespiti: esposizione dati alienazione ed esclusione righe con importi a zero (R.I. 494976C e R.I. 512762C)

Ammortamenti
Stampa registro cespiti Segnalazioni nr. Numero AN-RI 494976C
Con la rel. 02.09 la stampa del registro beni ammortizzabili stata completamente rifatta. Nei dati esposti attualmente in stampa non presente la data di vendita del cespite. e gli estremi del documento.

Per far fronte alla richiesta, stato aggiunto un nuovo parametro di lancio (Stampa dati alienazioni) che opzionalmente consente di stampare, dopo il prospetto del cespite, una o pi righe aggiuntive che riportano i dati dei movimenti di vendita avvenuti nellanno di stampa (le alienazioni potrebbero essere infatti pi di una). Le righe che vengono stampate hanno un layout simile al seguente:
Vendita del: gg/mm/aaaa Data doc: gg/mm/aaaa Num. Doc.: xxxxxxxx Cliente: xxxxxxxxxxxxxxxxxx Vendita del: gg/mm/aaaa Data doc: gg/mm/aaaa Num. Doc.: xxxxxxxx Cliente: xxxxxxxxxxxxxxxxxx . . . .

Ammortamenti
Stampa registro cespiti Segnalazioni nr. Numero AN-RI 512762C
Per semplificare ancora di pi il layout di stampa si chiede che le righe con importi completamente a zero non vengano stampate. All'utente risulterebbe ancora pi evidente eventuali casi particolari dell'anno.

Per far fronte alla richiesta, stato aggiunto un nuovo parametro di lancio (Non stampare righe con importi a zero) che opzionalmente consente di non stampare le righe del cespite con tutti gli importi a zero.

4.9

Nota Integrativa e Parti Correlate per il recepimento della Direttiva CE 46/2006: modifica a Stampa Mastrini

E stata introdotta la possibilit di selezionare le sole parti correlate allazienda (vedi norma IAS 24: Informativa di bilancio sulle operazioni con parti correlate). Per parte correlata si intende un conto elementare generico, un cliente oppure un fornitore cui associato (nella sua anagrafica) un Tipo parte correlata. In aggiunta possibile applicare un altro filtro allo scopo di selezionare solo le operazioni con parti correlate dichiarate rilevanti, tramite apposizione di relativo indicatore in prima nota. Nella stampa dei movimenti relativi a parti correlate, qualora sia presente sulla riga di prima nota, verr riportata anche una descrizione di specifica ulteriore, richiesta in prima nota solo nella movimentazione con parti correlate. Fra i Parametri sono stati aggiunti i due indicatori: Stampa solo parti correlate Stampa solo operazioni rilevanti

4.10 Visualizzazione Mastrini: aggiunta la possibilit di modificare il colore dello sfondo


E' stato modificato il colore di sfondo delle griglie relative ai movimenti e dettagli movimenti, che ora sempre bianco. Coloro che intendessero personalizzare tale colore potranno farlo dalla gestione dei Parametri di Sistema di e/. Infatti stato creato un nuovo parametro "coloresfondo_vis_mastrini" (modificabile anche per utente e azienda) per il quale si pu impostare una stringa che indica il codice RGB. Di seguito vengono riportati alcuni esempi di codice RGB impostabili: Grigio 162, 162, 162 Verde 0,255,0
ESA Software S.p.A. 13/10/2009 Pag. 56 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

Giallo Azzurro

255,255,0 0,255,255

4.11 Gestione output multiplo in stampa avvisi di pagamento


E stata attivata la gestione degli output multipli allo scopo di consentire linvio automatico degli avvisi di pagamento ai diversi fornitori.

4.12 Convertitore: cambio valore dellIndicatore di propriet in caso di importazione da Spiga-X III (R.I. 492189C) Convertitore
Convertitore Segnalazioni nr. Numero AN-RI 492189C

In SPIGA XIII i depositi fino al 99 sono per forza di propriet aziendale, ma vengono esportati con il valore uguale a null e importati in e/ senza flag selezionato.

In Spiga XIII i depositi fino al 99 (depositi che sono sempre di propriet aziendale) vengono esportati con l'indicatore di propriet a NULL. Con questa release, in caso di valore NULL, nel campo di Indicatore di propriet il convertitore ora pone il valore a "propriet nostra".

4.13 Scheda di trasporto


Al fine di favorire le verifiche sul corretto esercizio dellattivit di autotrasporto di merci per conto di terzi e di conseguire maggiori livelli di sicurezza stradale, lart. 7-bis del DLgs. n. 286/2005, inserito dallart. 3 del DLgs. n. 214/2008, ha istituito un documento di tracciabilit della merce in grado di identificare tutti i soggetti coinvolti nella filiera del trasporto, denominato scheda di trasporto. Successivamente, con il DM 30.6.2009, pubblicato sulla G.U. 4.7.2009 n. 153, ed entrato in vigore il 19 luglio 2009 sono state emanate le disposizioni attuative della suddetta scheda di trasporto.

Definizioni
Vettore: l'impresa di autotrasporto iscritta all'albo nazionale delle persone fisiche e giuridiche che esercitano l'autotrasporto di cose per conto di terzi, ovvero l'impresa non stabilita in Italia, abilitata ad eseguire attivit di autotrasporto internazionale o di cabotaggio stradale in territorio italiano che e' parte di un contratto di trasporto di merci su strada. Committente: l'impresa o la persona giuridica pubblica che stipula o nel nome della quale e' stipulato il contratto di trasporto con il vettore. Caricatore: l'impresa o la persona giuridica pubblica che consegna la merce al vettore, curando la sistemazione delle merci sul veicolo adibito all'esecuzione del trasporto. Proprietario della merce: l'impresa o la persona giuridica pubblica che ha la propriet delle cose oggetto dell'attivit di autotrasporto al momento della consegna al vettore.

Sintesi dellimplementazione
La scheda di trasporto stata gestita sui DDT e sulle Fatture accompagnatorie. I dati della scheda vengono gestiti su finestra a parte richiamabile dal documento con apposito bottone posto nella cartella Dati accompagnatori. Attivazione gestione scheda di trasporto E stato aggiunto un indicatore Gestione Scheda trasporto in tabella Mezzi di trasporto; nota: il mezzo di trasporto associabile al cliente. Analogo indicatore stato aggiunto sul documento (in cartella Dati accompagnatori), ove pu essere attivato in modo del tutto manuale oppure proposto dal Mezzo di trasporto (la proposta viene effettuata solo in presenza di un vettore). Sul documento il pulsante per aprire la scheda di trasporto si attiva solo se lindicatore gestione Scheda trasporto stato attivato.
ESA Software S.p.A. 13/10/2009 Pag. 57 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

Definizione tipologia merce trasportata Per la compilazione automatica della sezione Dati merce trasportata stata introdotta la nuova tabella dei Tipi merce scheda trasporto (vedere menu Tabelle di Magazzino) nella quale possibile codificare le tipologie merce secondo quanto previsto ai fini della compilazione della scheda. Il tipo merce andr poi associato allarticolo di magazzino (vedi Anagrafica articoli, cartella Altri dati). Stampa scheda di trasporto Per la stampa della scheda possibile adottare una delle seguenti soluzioni: - utilizzare i report standard modificati (BOLV.rpt, FATAV.rpt) che prevedono la stampa della scheda di trasporto immediatamente di seguito al DDT o alla fattura accompagnatoria, su nuova pagina; - continuare ad utilizzare i report utilizzati fin qui (che non stampano la scheda di trasporto) e stampare a parte le schede di trasporto con apposito programma; le schede di trasporto contengono il riferimento al documento, il che consente di associare anche in un secondo momento la scheda al documento. Nota: sulle stampanti ad aghi possibile adottare solo la seconda soluzione in quanto la prima mal si adatta ai moduli continui prestampati che si utilizzano con le stampanti ad aghi, dal momento che non consentono di ampliare larea di stampa su cui far rientrare i dati della scheda di trasporto.

Programmi
Parametri azienda Fra i parametri dellazienda, nella cartella Vendite, stato aggiunto il soggetto Compilatore che, se valorizzato, verr proposto su tutte le schede di trasporto. Il compilatore il soggetto che sottoscrive la scheda in nome e per conto del committente: possibile che sia sempre la stessa persona, per cui pu tornar comodo inserirla a livello di parametri azienda. Naturalmente possibile non valorizzare questo parametro ed inserire poi i dati del compilatore di volta in volta su ciascuna scheda di trasporto. Mezzi di trasporto Nella tabella dei Mezzi di trasporto stato aggiunto lindicatore Scheda di trasporto che verr proposto sul DDT o sulla Fattura accompagnatoria; in questo modo possibile abilitare la gestione della scheda sui documenti in funzione della modalit di trasporto prevista. Nota: il mezzo di trasporto pu essere indicato direttamente sul documento, ma pu anche essere associato al cliente e da questo proposto sul documento. Lindicatore abilitato solo se Mezzo di trasporto = Vettore o Non definito; la scheda di trasporto infatti non va prodotta se il trasporto viene effettuato direttamente dal mittente o dal destinatario della merce. Vettori Nella tabella dei Vettori sono stati aggiunti il numero e la data di iscrizione allAlbo degli autotrasportatori (solo il n. iscrizione un dato obbligatorio sulla scheda di trasporto). Abbiamo colto loccasione per allungare il campo Targa, in modo che possa contenere sia la targa della motrice che quella del rimorchio (la targa non un dato richiesto sulla scheda di trasporto). Tipi merce scheda trasporto E stata introdotta la nuova tabella dei Tipi merce scheda trasporto (vedere menu Tabelle di Magazzino) nella quale possibile codificare le tipologie merce secondo quanto previsto ai fini della compilazione della scheda. Il tipo merce andr poi associato allarticolo di magazzino (vedi Anagrafica articoli, cartella Altri dati). In presenza di questa associazione Articolo-Tipo merce, il programma di gestione della scheda di trasporto sar in grado di generare il contenuto della sezione Dati merce trasportata. Ad ogni tipo merce possibile associare un vocabolo di tabella lingue, in base al quale costruire in automatico le descrizioni da riportare nella sezione Dati merce trasportata; se non si specifica niente il programma utilizzer il vocabolo 400, definito appositamente per questo scopo nel modo seguente: @1 @2 @3 kg. @4 dove: @1 = descrizione tipologia merce @2 = unit di misura @3 = quantit @4 = peso in Kg Se ad esempio nel DDT presente un articolo di magazzino che ha associato il Tipo merce Fusti di acido, con U.M. = N., movimentato per una quantit = 50, con un peso lordo unitario di 25 Kg (da anagrafica articoli), nella sezione Dati merce trasportata otteniamo la seguente descrizione: Fusti di acido N. 50 Kg. 1.250 Se il vocabolo fosse definito cos: @1 @2 @3, avremmo Fusti di acido N. 50
ESA Software S.p.A. 13/10/2009 Pag. 58 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

Se il vocabolo fosse definito cos: @1 Kg. @4, avremmo Fusti di acido Kg. 1.250 Da notare che il vocabolo che definisce la descrizione pu essere diverso da tipo merce a tipo merce il che consente di riportare, ad esempio: su tipologie di materiali sfusi, solo il peso in Kg su tipologie di materiali imballati, solo unit di misura e quantit. Questo formato libero consente alloperatore di intervenire per aggiungere eventuali costanti oppure per mettere eventuali separatori di campo espliciti (da riportare nella descrizione generata). Nota: le descrizioni allinterno della sezione Dati merce trasportata verranno generate a partire dalle righe documento (si considerano solo righe di tipo articolo, non i forfait e i fuori magazzino), raggruppando per codice Tipo merce e Unit di misura. DDT e Fatture accompagnatorie di vendita Nella cartella Dati accompagnatori stato aggiunto lind. Scheda di trasporto che, se attivato, abiliter il pulsante che effettua lapertura della finestra aggiuntiva che contiene i dati della scheda. Lindicatore Scheda di trasporto si abilita solo se stato valorizzato il campo Vettore 1. Sullindicatore viene proposto il valore indicato sul Mezzo di trasporto. Gestione Scheda di trasporto La gestione della scheda di trasporto pu essere richiamata direttamente dal DDT o dalla Fattura accompagnatoria; esiste comunque anche una gestione a s stante allinterno del menu Vendite che consente di accedere direttamente alle schede gi registrate (*) senza dover per forza riaprire il documento cui si riferiscono. (*) Le schede di trasporto quando gestite vengono registrate al salvataggio del documento. Nota: il programma di Gestione delle schede presente a men consentir visualizzazione/modifica dei dati delle schede di trasporto, ma non il loro inserimento solo la

La finestra di gestione della scheda di trasporto strutturata nel modo seguente: Testata Contiene i dati principali del documento (cliente, tipo, numero e data documento) cartella Vettore/Committente Contiene i dati identificativi del Vettore e del Committente. I dati del vettore vengono solo visualizzati e coincidono con quelli del Vettore 1 del documento. Come committente viene proposta lazienda di lavoro; possibile la modifica; viene accettato un qualunque codice dellanagrafica comune. cartella Caricatore/Proprietario/Dichiarazioni Contiene i dati identificativi del Caricatore e del Committente; contiene anche le eventuali dichiarazioni da compilare solo nei casi previsti dalla normativa. Come caricatore viene proposta lazienda di lavoro; possibile la modifica; viene accettato un qualunque codice dellanagrafica comune. Come proprietario della merce viene proposta lazienda di lavoro; possibile la modifica; viene accettato un qualunque codice dellanagrafica comune. cartella Dati merce/Luogo carico e scarico Contiene i dati che identificano la merce trasportata, il luogo di carico e quello di scarico della merce. I Dati merce trasportata vengono proposti a partire dalle righe documento come gi descritto in precedenza su Tipi merce scheda trasporto. Ogni modifica alle righe documento si ripercuote automaticamente sul contenuto descrittivo di questo campo, a meno che non si indichi di voler passare alla gestione manuale, attivando lapposito indicatore. La gestione manuale consente di modificare il contenuto proposto e di aggiungere nuove righe: con la gestione manuale viene disattivato il meccanismo di modifica automatica del contenuto del campo. Luogo di carico: utilizziamo lindirizzo del deposito movimentato (Deposito presente nella cartella Dati doc. del documento) che gi oggi viene stampato fra i dati accompagnatori (Luogo inizio trasporto). Dato non modificabile. Luogo di scarico: coincide con lindirizzo del destinatario della merce oppure con lindirizzo delleventuale destinazione diversa. Dato non modificabile. cartella Istruzioni/Dati compilazione Contiene le eventuali Istruzioni fornite al vettore e i dati relativi alla compilazione della scheda di trasporto stessa. La data di compilazione viene fatta coincidere con la data del documento: non modificabile Come luogo di compilazione proponiamo la citt (pi la provincia) del deposito di movimentazione: modificabile.
ESA Software S.p.A. 13/10/2009 Pag. 59 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

Il soggetto compilatore viene proposto da Parametri azienda: modificabile; viene accettato un qualunque codice dellanagrafica comune. Stampa DDT e Fatture accompagnatorie di vendita Utilizzando i nuovi report standard (BOLV.rpt, FATAV.rpt), dopo la stampa del DDT o della Fattura accompagnatoria verr stampata, su nuova pagina, la relativa scheda di trasporto. Nota: come gi detto questa modalit non disponibile per i report delle stampanti ad aghi. Stampa schede di trasporto Le schede di trasporto possono essere stampate direttamente con questo programma (menu Vendite, voce Schede trasporto); ci consente di continuare ad utilizzare i vecchi report di DDT e Fatture accompagnatorie (che non stampano la scheda di trasporto) e di stampare a parte le schede di trasporto: le schede di trasporto contengono il riferimento al documento, il che consente di associare anche in un secondo momento la scheda al DDT/Fattura accompagnatoria. Nota: allinterno della scheda, dopo il luogo di scarico, viene stampata una sezione vuota di intestazione Osservazioni, da compilare a cura del vettore o suo conducente qualora si verifichino variazioni rispetto alle indicazioni originarie contenute nella scheda di trasporto stessa.

4.14 Integrazione con e/dms: avanzamento degli stati documento da documentale


E disponibile una nuova azione che permette di far avanzare un documento in e/. Il documento opportunamente creato da e/ pu avere il proprio workflow e ad una determinata azione in e/dms (tipicamente ad un cambio di stato), sar possibile comunicare ad e/ il passaggio di stato allinterno del gestionale e impostare lo stato cui si vuole far arrivare il suddetto documento. Maggiori dettagli e informazioni sono disponibile nel documento Manuale eDms.doc disponibile nella cartella Documentazione del dvd del prodotto e/dms rel. 01.04.04.

4.15 Integrazione con e/dms: tipi documento con nuova Key Unique per e/dms
Considerato che la Key Unique (*) diventata il codice primario dei documenti in e/dms, sono state fatte alcune modifiche perch essa diventi un criterio valido di ordinamento. Nello specifico: - Formato dei campi: i campi alfabetici vengono inseriti allineati a sinistra e privati degli spazi inutili a destra; i campi numerici indicanti un progressivo (come ad esempio i numeri documento) vengono formattati con allineamento a destra e completati con zeri a sinistra - Separatori: Per migliorare la visibilit della Key Unique, al posto del separatore pipe '|' viene adottato l'underscore '_', in questo modo aumenta la separazione fra i campi. (*) - La Key Unique (chiave unica di accesso ad un oggetto documento) quella che il gestionale usa per dialogare con il documentale. Ogni gestionale gestisce i propri documenti secondo le sue caratteristiche, per quando invia e richiede i documenti al documentale deve utilizzare un codice che sia interpretabile da tutti gli ambienti. Per far ci occorre che la chiave unica sia priva di riferimenti specifici interni (GUID) ma contenga solo dati condivisi (date e protocolli documenti, codice cliente, azienda, ecc). La Key Unique deve essere assolutamente univoca (non ci devono essere 2 documenti con la stessa) e inalterabile (es: la fattura n X di NNNN del DDD deve avere la Key Unique identica anche se variandola su gestionale cambia la chiave principale del gestionale stesso o la chiave del db). La Key Unique deve essere ricostruibile da qualsiasi punto del gestionale (es. dal mastrino, dove magari ignota la chiave del db della fattura, ma sono noti n X di NNNN del DDD). Esempio: Azienda: esa7 Cliente: 1230001 Registro documento: VEN Serie documento: 2 Progressivo documento: 1765 Key Unique risultante: @esa7_1230001_VEN_2_0000001765

ESA Software S.p.A.

13/10/2009

Pag. 60 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

4.16 Bonifici esteri Effetti


Stampa Pagamenti Segnalazioni nr. Numero AN-RI 333161C

Con il modulo pagamenti fornitori di e/tre possibile presentare con flusso CBI i bonifici italiani. Si richiede la possibilit di poter gestire allo stesso modo i bonifici ESTERI

E stata implementata la gestione dei bonifici esteri, con generazione del relativo file di export per la banca scritto secondo lo standard CBI. Le Disposizioni di bonifico estero sono utilizzabili per ordini di pagamento in euro o in divisa verso beneficiari allestero e per ordini di pagamento domestici in divisa. Vediamo in dettaglio quali programmi sono stati modificati/aggiunti. Valute E stato aggiunto il codice ISO della valuta, indispensabile per poter effettuare bonifici esteri. Causali valutarie Si tratta di un nuovo programma di codifica delle causali valutarie. Le causali valutarie sono richieste sui bonifici estero solo a fronte di determinate tipologie di operazioni. Fornitori Sullanagrafica dei fornitori, cartella Pagamenti, sono stati aggiunti 2 nuovi campi inerenti la gestione dei bonifici estero e in particolare: - Tipo CVS (tipo comunicazione valutaria statistica): indica la tipologia di comunicazione valutaria statistica da associare al fornitore estero, in base al tipo di merci/servizi che ci fornisce. Valori ammessi: Non definito Operazione mercantile non soggetta CVS Emissione e regolamento di CVS Inferiore a limite CVS Soggetto non residente Sola causale valutaria Cessione divisa tra residenti - Causale valutaria: richiesta solo se Tipo CVS diverso da Non definito e da Operazione mercantile non soggetta CVS. Il valore inserito in questi due campi verr riportato su tutte le scadenze del fornitore e sar modificabile sia da Gestione Documenti (partite/scadenze) che dalla gestione della Distinta pagamenti (bonifici estero). Nella cartella Banche stata inoltre aggiunta la visualizzazione del codice BIC dellagenzia bancaria (sia su banca primaria che secondaria); tale codice (BIC = Bank Identifier Code) coincide con il codice SWIFT che identifica la banca del beneficiario estero. Tipi pagamento E stato aggiunto il codice tipo pagamento BE (Bonifico estero). Fra le opzioni del Comportamento effetto, lato passivo, stata aggiunta la voce Generazione file Bonifici estero. Per vedere il nuovo tipo pagamento necessario eseguire la Copia archivi standard. Nota: la distinta di pagamento di tipo bonifici estero prender in considerazione solo scadenze con tipo pagamento BE. Gestione documento partite/scadenze Per la gestione dei Bonifici estero sono stati introdotti alcuni nuovi parametri a livello di scadenza; tali parametri possono essere valorizzati su questa gestione (e poi riportati in automatico sulla distinta) ma anche direttamente in fase di compilazione della distinta dei bonifici estero. Si tratta di: - Data valuta debitore (valorizzata in alternativa a Data valuta beneficiario) - Data valuta beneficiario (valorizzata in alternativa a Data valuta debitore) - Tasso di cambio da utilizzare per laddebito in c/c quando si contabilizza la distinta di bonifico estero. Il valore proposto zero; se non valorizzato con valore diverso da zero si contabilizza con il tasso di cambio del documento della scadenza. Significativo solo su documenti in valuta estera
ESA Software S.p.A. 13/10/2009 Pag. 61 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

- Tipo CVS (Comunicazione Valutaria Statistica) - Codice causale valutaria. Il Tipo CVS e il Codice causale valutaria vengono valorizzati dallanagrafica fornitore, qualora si tratti di scadenza passiva (importo negativo) riferita a tipo pagamento che prevede la generazione del file bonifici estero. Tali nuovi dati sono significativi solo su scadenze di fatture riferite a fornitori, con tipo pagamento che prevede la generazione del file bonifici estero. Queste informazioni verranno utilizzate per la scrittura del file bonifici estero, ad eccezione del tasso di cambio che verr utilizzato in fase di contabilizzazione della distinta. Gestione distinta pagamenti Generazione distinta pagamenti Nella testata della distinta, alla data valuta beneficiario, gi presente per i bonifici domestici, stata aggiunta la data valuta debitore e il tasso di cambio: - la data valuta debitore potr essere valorizzata in alternativa alla data valuta beneficiario - il tasso di cambio servir per la contabilizzazione dei pagamenti. I due nuovi campi saranno abilitati solo se tipo distinta = Bonifici estero. Questi dati di testata distinta verranno proposti sulle righe delle scadenze con possibilit di modifica riga per riga. Inoltre, per la gestione della Comunicazione Valutaria Statistica (CVS), sono stati aggiunti altri due dati a livello di riga scadenza: Tipo CVS e Codice causale valutaria. Nota: tali informazioni sono obbligatorie per determinate operazioni a superamento di un importo di soglia. Tutti i dati aggiunti a livello di riga scadenza sono in linea generale opzionali: quando valorizzati verranno riportati sul file Bonifici estero e salvati sullarchivio scadenze. Vediamo alcuni dettagli in pi relativamente ai campi di testata: - Data valuta beneficiario: significativa solo per bonifici (sia Italia che estero), in quanto verr utilizzata esclusivamente nella scrittura dei file corrispondenti. Questo dato a differenza di prima non viene pi memorizzato sulla distinta e serve solo come proposta per le righe di scadenza. Va valorizzata in alternativa a Data valuta debitore. Se viene valorizzata e sulle righe della distinta esiste almeno una scadenza avente la data corrispondente gi valorizzata, alluscita dal campo viene segnalato Si desidera sovrascrivere questa data sulle scadenze che ce lhanno gi valorizzata ? S/No. In ogni caso questa data verr impostata su tutte le scadenze della distinta che hanno data valuta beneficiario e data valuta debitore non valorizzate: inoltre verr sovrascritta sulle scadenze che hanno la data valuta beneficiario gi valorizzata ma solo se loperatore ha risposto affermativamente al messaggio precedente. - Data valuta debitore: significativa solo per bonifici estero, in quanto verr utilizzata esclusivamente nella scrittura del file corrispondente. Questo dato non viene memorizzato sulla distinta e serve solo come proposta per le righe di scadenza. Va valorizzata in alternativa a Data valuta beneficiario. Se viene valorizzata e sulle righe della distinta esiste almeno una scadenza avente la data corrispondente gi valorizzata, alluscita dal campo viene segnalato Si desidera sovrascrivere questa data sulle scadenze che ce lhanno gi valorizzata ? S/No. In ogni caso questa data verr impostata su tutte le scadenze della distinta che hanno data valuta debitore e data valuta beneficiario non valorizzate: inoltre verr sovrascritta sulle scadenze che hanno tale data gi valorizzata ma solo se loperatore ha risposto affermativamente al messaggio precedente. - Tasso di cambio: significativo solo per bonifici estero, in quanto verr utilizzato esclusivamente nella contabilizzazione della distinta corrispondente. Abilitato solo su distinte in valuta estera. Questo dato non viene memorizzato sulla distinta e serve solo come proposta per le righe di scadenza. Se viene valorizzato e sulle righe della distinta esiste almeno una scadenza avente il tasso di cambio gi valorizzato (diverso da zero), alluscita dal campo viene segnalato Si desidera sovrascrivere il tasso di cambio sulle scadenze che ce lhanno gi valorizzato ? S/No. In ogni caso il cambio verr impostato su tutte le scadenze della distinta che hanno tasso di cambio = zero: inoltre verr sovrascritto sulle scadenze che hanno tale cambio gi valorizzato ma solo se loperatore ha risposto affermativamente al messaggio precedente. Nota su contabilizzazione distinta E prevista una doppia modalit di contabilizzazione: B) al cambio della scadenza (come accade da saldaconto se indico valutario): in questo caso non si valorizza il tasso di cambio e non vengono rilevate differenze cambio; C) al cambio effettivo comunicato dalla banca: in questo caso si pu contabilizzare solo in presenza del tasso di cambio sulla riga scadenza e vengono rilevate le differenze cambio.

ESA Software S.p.A.

13/10/2009

Pag. 62 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

Vediamo adesso alcuni dettagli in pi relativamente ai campi di riga: - Data valuta beneficiario, Data valuta debitore e Tasso di cambio: di questi si gi detto parlando degli omonimi campi di testata - Tipo CVS (Indicatore tipo Comunicazione Valutaria Statistica): significativo solo per bonifici estero, in quanto verr utilizzato esclusivamente nella scrittura del file corrispondente. Va indicata una tipologia CVS solo nel caso in cui il pagamento in oggetto si riferisca ad operazione soggetta alla Comunicazione Valutaria Statistica - Causale valutaria: significativa solo per bonifici estero, in quanto verr utilizzata esclusivamente nella scrittura del file corrispondente. Abilitato solo in presenza di un Tipo CVS diverso da Non definito e diverso da Operazione mercantile non soggetta CVS. Nota: questi campi di riga sono presenti sulle scadenze e da queste vengono proposti con possibilit di modifica; al salvataggio della distinta tali dati verranno salvati sulle scadenze - Indicatore scadenza chiusa: indica se la scadenza risulta incassata/pagata (non correlato allimplementazione dei bonifici estero) La distinta dei bonifici estero consente di selezionare solo scadenze di fatture riferite a fornitori, con tipo pagamento che prevede la generazione del file bonifici estero: vengono scartate le scadenze riferite a note credito. Stampa pagamenti fornitori Questo il programma che consente di generare larchivio (file) dei bonifici estero: nel campo Tipo distinta stata aggiunta la nuova opzione. Il nome dellarchivio (file) generato viene composto in questo modo: BNE_Num.Distinta_Num.File.txt Nota: nel campo Percorso export (indica la cartella in cui verr memorizzato il file dei bonifici estero) viene proposto il valore dal parametro generale path_export_cbi (in precedenza chiamato path_export_riba), valorizzabile da Gestione parametri del menu Utilit. Lista campi obbligatori e messaggi forniti su generazione file Bonifici estero: Campo Codice SIA dellazienda mittente Codice ABI della Banca ordinante Divisa in cui espresso limporto, secondo la codifica ISO Coordinate IBAN Ordinante Nome della banca del beneficiario Localit dello sportello bancario Ragione sociale fornitore Indirizzo fornitore Piazza fornitore Descrizione documento su scadenze unificate Codice identificativo del documento, su scadenze non unificate Data del documento Codice paese del beneficiario Messaggio Codice SIA della Banca di presentazione non presente Codice ABI della Banca di presentazione non presente Codice ISO della valuta della distinta non presente Coordinate IBAN della Banca di presentazione non presenti Descrizione banca beneficiario non presente Localit sportello della banca beneficiario non presente Ragione sociale del fornitore non presente Indirizzo del fornitore non presente Localit del fornitore non presente Scadenza unificata: descrizione del documento non presente Scadenza non unificata: numero documento non presente Scadenza non unificata: data documento non presente Codice UIC della nazione del fornitore non presente

Stampa distinta pagamenti La stampa stata adeguata ai nuovi dati aggiunti sulle righe della distinta, in particolare alle due date di valuta. Nella versione Definitiva disabilitava lanteprima: ora sempre abilitata. La contabilizzazione adesso pu essere effettuata anche nel caso di Ristampa. E prevista una doppia modalit di contabilizzazione dei bonifici in valuta estera:
ESA Software S.p.A. 13/10/2009 Pag. 63 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

A) al cambio della scadenza (come accade da saldaconto se indico valutario): in questo caso non si valorizza il tasso di cambio e non vengono rilevate differenze cambio; B) al cambio effettivo comunicato dalla banca: in questo caso si pu contabilizzare solo in presenza del tasso di cambio sulla riga scadenza e vengono rilevate le differenze cambio. Nomi degli archivi (files) generati Con limplementazione dei Bonifici estero si colta loccasione per rendere pi standard i nomi dei files generati dalla Stampa distinta. RIBA - in precedenza il nome era composto in questo modo: Num.distinta_Num.file.RIB - adesso il nome composto in questo modo: RIB_Num.distinta_Num.file.txt. RID - in precedenza il nome era composto in questo modo: Num.distinta_Num.file.RID - adesso il nome composto in questo modo: RID_Num.distinta_Num.file.txt. File Personalizzato - in precedenza il nome era composto in questo modo: Num.distinta_Num.file.PER - adesso il nome composto in questo modo: PER_Num.distinta_Num.file.txt. BONIFICI ITALIA - in precedenza il nome era composto in questo modo: Num.distinta_Num.file.BNF - adesso il nome composto in questo modo: BNI_Num.distinta_Num.file.txt. BONIFICI ESTERO - il nome composto in questo modo: BNE_Num.distinta_Num.file.txt.

4.17 File RID: gestione del tipo codice e nome file .txt
Nel record 10 il campo Codice cliente debitore (posizione 98-113) veniva sempre valorizzato con il codice del cliente: non era possibile utilizzare (come previsto, in alternativa) il codice fiscale del cliente stesso. Alcuni istituti bancari stanno chiedendo la presenza del codice fiscale anzich quella del codice cliente; per consentire ci nella Stampa effetti, in caso di RID, viene richiesto un nuovo campo Tipo codice (presente sul tracciato in posizione 97) che consente di selezionare fra i seguenti valori: - codice cliente: il campo Codice cliente debitore verr valorizzato con il codice cliente - codice fiscale: il campo Codice cliente debitore verr valorizzato con il codice fiscale del cliente - codice utenza: il campo Codice cliente debitore verr valorizzato comunque con il codice cliente. E stata modificata la composizione del nome dellarchivio (file) che viene generato: - in precedenza il nome era composto in questo modo: Num.distinta_Num.file.RID - adesso il nome composto in questo modo: RID_Num.distinta_Num.file.txt. In tal modo viene utilizzata lestensione standard .txt

4.18 Visualizzazione / Stampa Mastrini: abilitazione dellindicatore Stampa conti cli/for per totale anche per le aziende di livello e/impresa-e/sigip (R.I. 513159C) Contabilit Generale
Stampa Mastrini Segnalazioni nr. Numero AN-RI 513159C

Si richiede la possibilit di stampare e visualizzare il mastrino clienti e fornitori anche per il totale, senza la distinzione per cli/for, come era possibile fare in exploit e come gi possibile fare per gli e/studio nella release 02.09.

Visualizzazione Mastrini Per le aziende di livello e/impresa ed e/sigip, stata aggiunta la possibilit di visualizzare un conto del tipo Cliente/ Fornitore includendo la totalit dei codici anagrafici dei clienti o fornitori che lo compongono, senza doverne necessariamente selezionare uno singolo. Tale modalit affianca quella gi esistente, che continua ad essere operativa. La funzionalit era gi presente per le aziende di livello e/studio. Lutente pu accedere alla nuova funzionalit selezionando lindicatore Stampa conti cli/for per totale.

ESA Software S.p.A.

13/10/2009

Pag. 64 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

Questo rende non necessaria lindicazione del codice anagrafico del cliente/fornitore, la cui mancanza restituisce altrimenti un errore bloccante qualora sia stato inserito un conto non generico o in tipo cliente fornitore non sia stato valorizzato non definito. Stampa Mastrini Per le aziende di livello e/impresa ed e/sigip, stata aggiunta la possibilit di stampare un conto del tipo Cliente/ Fornitore senza che per lo stesso siano creati ordinamenti che lo suddividano nei diversi sottoconti dei singoli clienti/ fornitori, raggruppati per codice. Tale modalit affianca quella gi esistente, che continua ad essere operativa. La funzionalit era gi presente per le aziende di livello e/studio. E possibile accedere alla nuova funzionalit attraverso la selezione di stampa A Scelta, Clienti oppure Fornitori, selezionando il nuovo indicatore Stampa conti cli/for per totale.

4.19 Selezione per data evasione di testata in visualizzazione clienti e fornitori Magazzino
Visualizzazione clienti Segnalazioni nr. Numero AN-RI 57225E
Nella visualizzazione clienti non permette di selezionare il deposito. Per un cliente che ha due sedi fondamentale poter vedere i documenti separatamente.

Sono state inserite nuove selezioni sulla data evasione di ordini e impegni (in aggiunta alle selezioni per data documento gi presenti); il filtro opera sulla data evasione di testata per quanto riguarda il contenuto della cartella Ordini/Impegni mentre opera sulla data evasione di riga per quanto riguarda il contenuto della cartella Ordini/Impegni righe. Inoltre stato aggiunto il tab Selezioni che consente di eseguire altre selezioni a scelta utilizzando il Query Builder. NOTA: i parametri di selezione di questo nuovo TAB operano sia sui documenti di vendita/acquisto che sugli ordini/impegni.

4.20 Anagrafica articolo: inserito il deposito su cui proporre RDA (Richieste Di Acquisto)
Nella Generazione Ordini a fornitori del modulo RDA (Richieste di Acquisto) stato inserito un nuovo campo parametrico da query builder Forza deposito dellarticolo che si abilita solo in presenza del modulo e/sigip. Se settato, come deposito di partenza verr utilizzato il deposito eventualmente presente su Articoli dati Diba (se lindicatore non viene settato oppure se su Articoli - dati diba non stato indicato alcun deposito tutto resta come prima).

4.21 Generazione Codici aggiuntivi per lotto


E stato realizzato un nuovo programma di utilit per generare in automatico un codice aggiuntivo per ogni lotto esistente. Il programma richiede il parametro Generazione codici di tipo lotti per generare un codice aggiuntivo di tipo Articolo (default) oppure di tipo Lotto (vedi indicatore Classe Alias su Codici aggiuntivi). Il nuovo programma si trova nel menu Magazzino/Barcode alla voce Genera barcode. NOTA: il programma analogo a quello gi esistente Genera barcode per matricole: su questo stato introdotto il parametro Generazione codici di tipo matricola, con significato analogo a quello di generazione barcode lotti.

ESA Software S.p.A.

13/10/2009

Pag. 65 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

4.22 Abilitazione di movimentazione manuale sui movimenti di commessa anche nel caso di gestione commesse sullarticolo Magazzino
Commesse Segnalazioni nr. Numero AN-RI 456606C

Si richiede, anche nel caso di gestione commesse sull'articolo, di poter inserire sull'anagrafica commesse delle righe di movimento per poter spostare dei quantitativi di commessa da una commessa ad un'altra.

Nel caso di commessa gestita a livello di articolo (ossia Articolo con indicatore Gestione commessa attivato a livello di anagrafica) non era possibile da gestione commesse intervenire sui movimenti di commessa, n modifica, n inserimento. Lintervento che stato fatto appunto quello di sbloccare tali funzionalit di inserimento/modifica di movimenti manuali che potranno servire, ad esempio, per spostare quantitativi di un articolo da una commessa ad unaltra.

4.23 Possibilit attivazione del configuratore anche con varianti multidimensionali attive sullarticolo
Nella precedente release, lattivazione delle varianti multidimensionali (o lattivazione del modulo Fashion) limitava le funzionalit del configuratore della distinta base neutra, in modo indifferenziato su tutti gli articoli. Tramite un indicatore ora possibile specificare se per larticolo si intende effettivamente effettuare linput varianti multidimensionali oppure rinunciare a tale funzionalit (*) a favore di una gestione della distinta base neutra senza limitazioni.
(*) La rinuncia della funzionalit riguarda solo quei programmi in cui abilitato il configuratore della distinta base neutra, ossia il programma di gestione Impegni e Movimenti di magazzino.

Pi in dettaglio gli interventi hanno riguardato: Gestione articoli di magazzino: nella finestra Articoli Dati DIBA, richiamabile dallanagrafica articoli e dalla gestione della distinta base, stato aggiunto un indicatore Disabilita Input varianti multidimensionali in ambito Diba neutra, richiesto solo se per larticolo attivo lindicatore Configurazioni varianti e risulta abilitato il modulo Fashion e/o il sottomodulo Input varianti multidimensionali Gestione distinta base neutra: il programma gestir il configuratore nella modalit completa su quegli articoli che hanno il nuovo indicatore attivato Configuratore Diba (programma del menu Distinta base): il programma gestir il configuratore nella modalit completa su quegli articoli che hanno il nuovo indicatore attivato Ordini/Impegni e Movimenti di magazzino: sugli articoli che hanno il nuovo indicatore attivato non si aprir la finestra di input varianti multidimensionali, mentre per contro si avranno a disposizione le funzionalit complete del configuratore Diba Altri documenti: sui documenti in cui non attivabile il configuratore della distinta base neutra, si continua ad operare con linput varianti multidimensionali, indipendentemente dal valore del nuovo indicatore

4.24 Riapertura depositi anche se l'esistenza totale (somma di tutti i depositi) dell'articolo uguale a zero Magazzino
Cambio Esercizio Segnalazioni nr. Numero AN-RI 444829C

Attualmente la procedura non riapre i depositi se l'esistenza totale (la somma di tutti i depositi) dell'articolo uguale a zero. Ci non corretto in quanto si possono avere al 31/12/2007 il deposito principale 001 per l'articolo X con esistenza -2 e il deposito 110 raggruppamento fornitore (sempre merce di propriet aziendale) per l'articolo X con esistenza 2. Quindi il totale generale (somma di tutti i depositi) dell'articolo X come esistenza zero. In questo caso, facendo il cambio esercizio, per questo articolo non viene eseguito nessun movimento di saldo iniziale e quindi all'01/01/2008 non viene riportato nessun saldo per nessun deposito. Con la produzione questo caso pu capitare e quindi la procedura va cambiata di conseguenza, in quanto molto importante che tutti i depositi con esistenza maggiore e/o minore di zero vengano riaperti e venga portato il saldo/giacenza iniziale sull'anno aperto.

ESA Software S.p.A.

13/10/2009

Pag. 66 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

Il programma di cambio esercizio permette con apposita richiesta opzionale Saldi Iniziali sui singoli depositi anche con esistenza globale a zero di riaprire i depositi con esistenza diversa da zero anche se l'esistenza totale di tutti i depositi dellarticolo uguale a zero. In questo caso le giacenze iniziali vengono valorizzate a zero.

4.25 Gestione IVA a Margine Art. 36 su ciclo attivo (implementazione parziale)


In questa release stata implementata lintegrazione fra il regime speciale IVA del margine e il ciclo attivo/passivo. Per far s che dalla contabilizzazione delle fatture attive/passive possano essere generati correttamente tutti i dati per la gestione IVA a margine si intervenuti sui seguenti programmi: Codici IVA - E stato implementato un collegamento fra il codice IVA che si utilizza per lacquisto/vendita dei beni usati (non imp. art. 36) e il cod. IVA imponibile da riportare sui movimenti di carico/scarico beni usati, ai fini del calcolo dellIVA; tale collegamento verr utilizzato anche nella scrittura dei movimenti di carico/scarico da prima nota - Il nuovo codice IVA viene richiesto in una nuova cartella IVA margine. Articoli di magazzino - Nella cartella IVA margine vengono richiesti i seguenti nuovi parametri: ind. bene usato, natura del bene e qualit del bene - In sostanza i beni usati vanno codificati come articoli di magazzino; vanno quindi marcati come tali con il nuovo indicatore ed infine opzionalmente va loro associata la natura e la qualit del bene, informazioni che serviranno per la successiva generazione dei movimenti di carico/scarico dei beni usati. Gruppi tipi documento e Tipi documento di magazzino - I gruppi tipi documento di magazzino gestiti finora facevano riferimento solo a registri IVA acquisti, vendite o corrispettivi; sono quindi stati creati quattro nuovi gruppi tipi documento per gestire i registri IVA del margine globale e analitico: 'MAA' - 'Fattura acq. marg. Analitico' 'MAG' - 'Fattura acq. marg. Globale' 'MVA' - 'Fattura vend. marg. Analitico' 'MVG' - 'Fattura vend. marg. Globale' - Loperatore deve codificare appositi tipi documento che fanno riferimento a tali gruppi e che si collegano alle causali contabili che movimentano i registri IVA del margine. Ciclo passivo - Acquisti - Deve essere utilizzato un tipo documento specifico che richiama una causale contabile che movimenta un registro dellIVA a margine - Sulle righe vengono visualizzati i nuovi campi dellarticolo (natura e qualit del bene). Ciclo attivo - Vendite - Deve essere utilizzato un tipo documento specifico che richiama una causale contabile che movimenta un registro dellIVA a margine - Sulle righe vengono visualizzati i nuovi campi dellarticolo (natura e qualit del bene). Elaborazione fatture - La contabilizzazione delle fatture su uno dei registri IVA del margine provvede anche alla scrittura dei movimenti di carico/scarico beni usati. Vengono rielaborare le righe fattura e: si riportano i singoli beni usati (articoli di magazzino opportunamente contrassegnati) se si tratta di IVA a margine analitico oppure se si tratta di IVA a margine globale ma con richiesta dettaglio beni usati (come definito su Parametri regime a margine); si riportano righe riepilogate per natura/qualit del bene se IVA a margine globale senza richiesta dettaglio. se larticolo non gi presente nellanagrafica dei beni usati, viene inserito un nuovo bene usato avente per codice il codice dellarticolo e per descrizione la descrizione dellarticolo - se articolo con varianti, nel codice viene riportato anche il codice variante e nella descrizione viene riportata anche la descrizione della variante
ESA Software S.p.A. 13/10/2009 Pag. 67 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

se il codice articolo numerico, al codice stesso viene anteposto ART_ per evitare incompatibilit con la gestione del progressivo automatico gestito sul codice bene usato. viene assegnato il codice IVA per IVA a margine collegato al codice IVA indicato sulla riga documento se allarticolo non stata associata la natura del bene, sul campo Descrizione natura verr riportata la dicitura Natura non valorizzata se allarticolo non stata associata la qualit del bene, sul campo Descrizione qualit verr riportata la dicitura Qualit non valorizzata. Nota: nel caso di acquisti, se la riga di fattura che si sta considerando relativa a un bene usato ed dichiarata di tipo Spese documentate, lindicatore Tipo carico verr valorizzato a Spese accessorie. Prima nota Quando da prima nota, in base alla causale contabile, viene richiamato il programma di gestione dei movimenti di carico/scarico dei beni usati, viene applicato lautomatismo di sostituzione del codice IVA cos come avviene nella fase di contabilizzazione delle fatture. LIMITAZIONI Sono presenti le seguenti limitazioni: 1) Lintegrazione Ciclo attivo/passivo Iva a margine riguarda la casistica di documenti di acquisto/vendita contenenti solo beni usati, senza gestire la casistica mista nuovo/usato. 2) Lintegrazione Ciclo attivo/passivo Iva a margine presenta delle limitazioni per quanto riguarda la gestione delle spese accessorie, sia che si tratti di spese relative a servizi di vendita che di spese di riattazione del bene usato (vedi dettagli riportati di seguito). Seguono alcune specifiche relative alle spese associate ai beni usati. Le spese che si configurano come servizi di vendita (ad esempio il premio assicurativo pagato per la concessione della garanzia temporale sul bene usato) non sono soggette allart. 36 regime Iva a margine, ma sono imponibili Iva (non rientrano quindi nella gestione dellIva a margine). Le spese che si configurano come spese di riattazione del bene usato sono invece soggette allart. 36 (iva a margine). Le spese di trasporto ad esempio sono da ritenersi servizi di vendita e come tali sono da ivare (soluzione pi corretta, in deroga al principio generale secondo il quale le spese sono da ripartire sulle stesse aliquote delloperazione principale): per farlo si potrebbero inserire tali spese a livello di riga documento, attivare lindicatore Spese documentate e valorizzare opportunamente il codice IVA. Questo per genera un problema in fase di contabilizzazione in quanto le spese soggette ad IVA devono confluire nel registro Vendite mentre tutto il resto deve confluire nel registro del Margine: attualmente questa casistica non gestita automaticamente dalle ns. procedure di contabilit, il che comporterebbe un intervento manuale di rettifica a posteriori (andrebbe registrata 2 volte la stessa fattura, su entrambi i registri, e poi andrebbero effettuate operazioni di storno). Questa casistica per quanto riguarda le vendite andr gestita con emissione di due fatture: una relativa ai beni usati su registro del margine e una relativa alle spese soggette ad IVA sul registro Vendite. Nel caso in cui si volessero invece far confluire le spese di trasporto (o altre spese accessorie) nel valore del bene usato (e quindi sul registro del margine) occorrerebbe valorizzare in fattura la riga del bene con un importo che comprenda gi le spese di trasporto; si potrebbe poi aggiungere una riga descrittiva del tipo Spese trasporto incluse. In presenza invece di spese di riattazione del bene usato si presentano due casi: 1) con margine globale Sia nel caso di spese inserite nella stessa fattura in cui presente il bene usato che nel caso di spese su fattura a s stante: la spesa pu essere codificata come articolo di magazzino, con una sua natura/qualit (che forniranno la descrizione specifica della spesa) in fattura si inserisce questo articolo e si setta lindicatore spese documentate la scrittura movimenti di carico valorizzer Tipo carico = Spese accessorie 2) con margine analitico Caso di spese inserite nella stessa fattura in cui presente il bene usato:

ESA Software S.p.A.

13/10/2009

Pag. 68 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

lunico modo per far confluire il valore della spesa sul bene usato quello di includere tale valore nel valore del riga del bene usato stesso, con aggiunta di descrizione specifica su riga seguente del tipo Spese xxxxxxxxxxxxxxxx per importo yyyy incluse Caso di spese su fattura a s stante: non c modo di far confluire in modo automatico il valore della spesa sul bene usato: occorre intervenire manualmente sui movimenti di carico/scarico IVA a margine.

4.26 Valorizzato sul documento il codice aggiuntivo dellarticolo selezionato con la query Articoli + codici aggiuntivi Ordini/Impegni
Impegni cliente Segnalazioni nr. Numero AN-RI 501052C

Si eseguo F6 su codice articolo su impegno cliente. Si seleziona larticolo dalla query articolo + cod. agg. ma non viene valorizzato il campo codice aggiuntivo.

La selezione di articoli dalla lookup articoli + codici aggiuntivi (richiamata dai programma di gestione Documenti ciclo attivo e passivo, Ordini/Impegni/Preventivi) oltre a riportare il codice articolo riporta anche il codice aggiuntivo sullomonimo campo delle righe documento.

4.27 Fatturato Clienti/Fornitori


E stata potenziata la gestione dei dati di fatturato mensili dei clienti/fornitori. Tali dati, presenti sullanagrafica Clienti/Fornitori (cartella Fatturato), erano riferiti solo a quanto registrato in prima nota ovvero alle fatture contabilizzate; da questa release sono stati aggiunti anche i dati del fatturato non contabilizzato, riferiti cio alle fatture emesse/ricevute che risultano registrate sul ciclo attivo/passivo ma non ancora contabilizzate. In tal modo i dati di fatturato risulteranno aggiornati allultima fattura emessa/ricevuta. In aggiunta a questo, poich il programma non considerava i corrispettivi, si pensato di utilizzare ma solo opzionalmente un generico Clienti corrispettivi su cui totalizzare tutte le vendite per corrispettivo. Vediamo pi in dettaglio quali programmi sono stati modificati: Parametri azienda Nella cartella Comuni (2) stato aggiunto un raggruppamento di campo che riguarda laggiornamento del fatturato clienti/fornitori e in particolare: Cliente corrispettivi: si tratta di una sorta di cliente fittizio sul quale far confluire lammontare dei corrispettivi totali incassati dallazienda Indicatore Aggiorna Fatturato clienti / fornitori: l'indicatore consente di selezionare se si desidera o meno aggiornare automaticamente il fatturato presente nell'Anagrafica Clienti / Fornitori sulla base delle registrazioni effettuate in Prima Nota. Viene proposto attivo. Nella precedente release tale aggiornamento veniva effettuato sempre: adesso, se non interessano i dati di fatturato mensile per cli/for, possibile indicare di non effettuare tale aggiornamento, velocizzando di conseguenza il salvataggio della prima nota. Indicatore Aggiorna Fatturato non contabilizzato clienti / fornitori: l'indicatore consente di selezionare se si desidera o meno aggiornare automaticamente il fatturato non contabilizzato presente nell'Anagrafica Clienti / Fornitori sulla base dei documenti emessi nel ciclo attivo/passivo e/o parcellazione. Viene proposto disattivo: se si desidera questo nuovo aggiornamento occorre attivare lindicatore. Nota: possibile attivare uno di questi indicatori in un qualsiasi momento ed allineare la situazione del fatturato tramite lutilit di Ricostruzione Fatturato clienti/fornitori. Anagrafica Clienti/Fornitori Nella sezione Fatturato sono stati introdotti i seguenti campi: Fatturato non contabilizzato: rappresenta il Valore del fatturato non contabilizzato per attivit, esercizio, anno e mese. Limporto comprensivo di IVA. Si tratta del fatturato risultante dal ciclo attivo/passivo, relativo alle sole fatture non ancora contabilizzate.
ESA Software S.p.A. 13/10/2009 Pag. 69 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

Fatturato netto non contabilizzato: costituisce il Valore del fatturato netto (ricavo/costo) non contabilizzato per attivit, esercizio, anno e mese. Limporto del fatturato netto non contabilizzato deriva dal Fatturato non contabilizzato cui stata decurtata lIVA. Si tratta del fatturato netto risultante dal ciclo attivo/passivo, relativo alle sole fatture non ancora contabilizzate. In merito al campo gi esistente "Fatturato" si precisa che si tratta del fatturato risultante dalla prima nota; nel caso si gestisca il ciclo attivo/passivo su questo campo saranno computate solo le fatture gi contabilizzate. Infine per quanto concerne il campo "Fatturato netto" si evidenzia che si tratta di quanto risultante dalla prima nota; nel caso si gestisca il ciclo attivo/passivo su questo campo saranno computate solo le fatture gi contabilizzate. Alla luce di quanto sopra il campo Fatturato totale calcolato come la somma di "Fatturato" e "Fatturato non contabilizzato"; mentre il campo Fatturato netto totale determinato come la somma di "Fatturato netto" e "Fatturato netto non contabilizzato". Tutti i campi sono stati resi non editabili. Prima nota L'aggiornamento del fatturato clienti/fornitori interessa le sole operazioni di tipo Iva e viene operato solo se nei Parametri Azienda stato valorizzato l'indicatore "Aggiorna volume d'affari". Si ricorda che se il registro IVA diverso da Corrispettivi verr aggiornato il fatturato relativamente al cliente/fornitore indicato nel castelletto IVA; se il registro IVA di tipo corrispettivi in scorporo od in ventilazione laggiornamento verr effettuato sempre sul cliente fittizio per corrispettivi presente in Parametri azienda: se tale cliente non stato codificato non verr effettuato alcun aggiornamento. N.B.: la scelta di aggiornare sempre il Cliente corrispettivi dovuta al fatto che nella maggior parte dei casi la registrazione di corrispettivo non prevede linserimento di un cliente. La prima nota aggiorna i valori relativi al fatturato contabilizzato, in particolare: il campo Fatturato con il Totale documento il campo Fatturato netto con limponibile iva. Nel caso di corrispettivi in ventilazione, si segnala che non essendo nota a priori laliquota iva, il Fatturato netto viene aggiornato con il Totale documento; in questo modo il fatturato comprensivo anche dellIVA dei corrispettivi ventilazione. Fatture emesse/ricevute (ciclo attivo/passivo) e Parcelle (parcellazione) Al salvataggio di un qualunque documento non contabilizzato, che in testata abbia valorizzato il registro IVA, il programma se risulta attivo lapposito ind. di parametri azienda provvede ad aggiornare il fatturato cliente/fornitore per quanto concerne i progressivi non contabilizzati. Se il registro IVA diverso da Corrispettivi verr aggiornato il fatturato relativamente al cli/for indicato in testata. Se il registro IVA di tipo corrispettivi (scorporo o ventilazione) laggiornamento verr effettuato sempre sul cliente fittizio per corrispettivi presente in Parametri azienda: se tale cliente non stato codificato non verr effettuato alcun aggiornamento. Nel caso di corrispettivi in ventilazione, si segnala che non essendo nota a priori laliquota iva, il Fatturato netto non contabilizzato viene aggiornato con il Totale documento; in questo modo il fatturato comprensivo anche dellIVA dei corrispettivi ventilazione. Contabilizzazione fatture/parcelle La contabilizzazione delle fatture storna il fatturato non contabilizzato ed aggiorna il fatturato contabilizzato, lasciando comunque inalterato il totale del fatturato. Ricostruzione fatturato Lutilit di ricostruzione fatturato provvede a ricostruire anche il fatturato non contabilizzato: la ricostruzione del fatturato (contabilizzato e non contabilizzato) viene eseguita solo se sono attivi i due indicatori di parametri azienda.

4.28 Ottimizzazione Elaborazione Documenti


Lelaborazione dei documenti del ciclo attivo/passivo stata ottimizzata per ridurne la durata; in particolare, soprattutto in presenza di acconti/pagamenti contanti, i tempi di elaborazione risultano essersi ridotti di circa il 40%.

ESA Software S.p.A.

13/10/2009

Pag. 70 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

4.29 Stampa AGING con suddivisone periodi parametrica


La Stampa scadenziario (AGING) stata modificata allo scopo di rendere parametrici gli scaglioni temporali in cui suddividere lo scaduto. Tali scaglioni erano prima valorizzati in modo fisso a 30, 60, 90, 120, 150 gg. Per consentire la modifica di tali scaglioni necessario creare una nuova query dello stesso programma, indicando nella sezione Parametri i valori desiderati degli scaglioni temporali; anche possibile indicare che gli scaglioni temporali debbano essere richiesti nella fase di lancio della stampa (attivare lind. Richiesto). Nota: il 5 scaglione al momento non ha una sua col onna dedicata in stampa (per motivi di spazio) e gli importi che riguardano questo scaglione vengono conglobati nellultima colonna disponibile (a xxx giorni e oltre).

4.30 Unit di Misura alternativa su legame DiBa


Sulla distinta base, e in particolare sui dati del legame padre-figlio (cartella Dati generali) stata aggiunta la possibilit di indicare la quantit in una qualsiasi unit di misura alternativa dellarticolo figlio. Linserimento di una quantit in UM alternativa comporta il ricalcolo della quantit espressa nellUM principale (o UM per produzione) e viceversa. Nota: in tutti i programmi di elaborazione e stampa continuer ad essere utilizzata la quantit nellUM principale (o UM per produzione).

4.31 Stampa fabbisogno da impegni: indicati, per ogni distinta, i documenti che compongono la quantit che viene riportata
Nella cartella Stampa stato aggiunto il parametro Raggruppa articoli su pi righe impegni che di norma risulta posto uguale a SI per mantenere inalterato il comportamento precedente. Ponendo lindicatore a NO e premendo poi il bottone Carica distinte da impegni si apre una nuova finestra con il dettaglio delle righe degli impegni da cui deriva il quantitativo totale riportato nella cartella Generale. Su tale finestra anche possibile effettuare una selezione parziale delle righe impegni, in base alla quale verr aggiornato il quantitativo complessivo di cartella Generale.

4.32 Creazione varianti per codice ordinamento Magazzino


Varianti Segnalazioni nr. Numero AN-RI 503968C

Si crea un tipo variante ad esempio colore inserendo questo ordinamento: 1 rosso 2 blu 3 arancione Si crea la configurazione variante con tale tipo variante e vado a creare tutte le varianti. Alla creazione viene assegnato alle varianti un progressivo articolo e le varianti vengono create in ordine di codice variante e non in ordine ordinamento, quindi come segue: 1 arancione 2 blu 3 rosso Nel caso in cui si va nella configurazione a creare manualmente le varianti nell'ordine che si desidera, al salvataggio vengono comunque ordinati per codice variante e quindi con i progressivi articolo non consecutivi. Nel caso di pi tipi varianti associati ad un'unica configurazione il problema lo stesso; la creazione delle varianti avviene in ordine di codice variante creando cos disagi nel caso in cui si abbia necessit di inserire diverse informazioni per ogni variante in quanto l'operatore, non essendo ordinate come ci si aspetta, deve procedere alla ricerca della varie varianti all'interno della griglia. Si richiede quindi che la creazione delle varianti avvenga non per codice variante per codice ordinamento indicato sul tipo variante.

Nella creazione varianti il programma non ordinava le varianti in base al n. progressivo ordinamento ma in base al codice della variante: questo comportamento stato corretto.

ESA Software S.p.A.

13/10/2009

Pag. 71 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

4.33 Griglia ordinabile in gestione configurazioni varianti


Sul programma di gestione Configurazioni varianti del modulo Magazzino sono stati effettuati i seguenti due interventi migliorativi: - stata inserita la possibilit di ordinare le righe delle Varianti in base ad un qualsiasi campo - vengono ora visualizzati anche i campi liberi precedentemente caricati sullanagrafica varianti.

4.34 Griglia ordinabile in varianti articoli configurati


Nel programma Varianti articoli configurati (Magazzino, Articoli) stata inserita la possibilit di ordinare le righe della cartella Varianti in base ad un qualsiasi campo.

4.35 Business Intelligence: cubo eDataWarehouse allineato ad Analisys Services SQL Server 2005
E stato allineato il data base di Analisys Services eDataWarehouse.CAB alla versione SQL Server 2005 Service Pack 3 (era fermo a SQL Server 2000). La nuova versione del cubo EDATAWAREHOUSE utilizzabile solo se installato il componente Analysis Services di SQL Server 2005. Per verificare la sua presenza, provare a collegarsi allistanza Analysis Services tramite SQL Server Management Studio (dopo essersi accertati che il relativo servizio sia attivo dal pannello di SQL Server Configuration Manager). In caso il componente di Analysis Services non sia installato, occorre aggiungerlo a partire dal dvd di installazione di SQL Server 2005. Al termine dellaggiornamento, applicare anche lultimo il Service Pack 3 disponibile. Nota: lutente che lancia il programma Esacubi deve avere i privilegi di amministratore della computer (affinch venga eseguito con successo il programma ascmd che lancia la process dei cubi). Procedura di installazione: 1) entrare in Analisys Services tramite SQL Server Management Studio ed effettuare il restore del file eDataWarehouse.abf rilasciato con il presente fix 2) aggiornare il nome del server in cui risiede il DB SQL eDataWarehouse nel Data Source (sostituire DBSERVER con <nome server>). 3) a questo punto possibile lanciare il programma Esacubi.exe (prsente nella cartella di installazione di e/ - C:\Programmi\e\exe nelle installazioni standard), che va a popolare il datawarehouse e lancia la process del cubo Analisys Services presente sul server OLAP. Nota: maggiori dettagli su tutta la procedura di installazione della Business Intelligence sono disponibili nel documento BI.pdf allegato al presente fix.

4.36 Business Intelligence - ottimizzazione cubo Codir-Confronto Budget / Consuntivo


E stata ottimizzata la generazione del cubo Codir Confronto Budget/Consuntivo, modificando la struttura della vista VWDW_CODIR_BUDCONS. Come procedere Lunica operazione richiesta il ripristino del file di definizione dei cubi, cubi.def, utilizzando il bottone Inizializza/Resetta Componenti BI presente sulla videata iniziale lanciata dal programma Esacubi.

ESA Software S.p.A.

13/10/2009

Pag. 72 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

4.37 Business Intelligence - cubo codir Confronto Budget Consuntivo - aggiunta possibilit di comprendere nel confronto anche le righe di consuntivo prive di budget
E stata data la possibilit di comprendere, nel confronto fra budget e consuntivi, anche i movimenti Codir effettuati senza che fosse stato caricato il relativo Budget. Per generare il cubo in questa modalit necessario attivare lindicatore della casella: Genera confronto anche dei consuntivi privi di budget, contenuta nelle Selezioni relative alla Contabilit Direzionale del programma Esacubi.

ESA Software S.p.A.

13/10/2009

Pag. 73 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

Lasciando vuota la casella, il programma continuer a generare il cubo del confronto budget-consuntivo, come di consueto, ovvero selezionando i soli movimenti Codir a fronte dei quali stato preventivamente caricato un valore di Budget.

4.38 Richieste di implementazione rilasciate con i fix di e/studio


ATTENZIONE: Con i fix di e/studio successivi alla release 02.09.03 (fix 02.09.03.01 e 02.09.03.02, ecc.) sono state rilasciate alcune richieste di implementazione ora disponibili anche per tutti i prodotti aziendali Archivi dimostrativi per Nota Integrativa (fix 02.09.03.01) Alla luce delle modifiche normative apportate dal D. Lgs. n. 32/2007 agli articoli del Codice Civile che disciplinano la redazione dei documenti da allegare al bilancio CEE, tenendo conto anche dei documenti emanati dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti ed Esperti contabili sia in tema di Relazione sulla Gestione che di principi di revisione (n. PR 001 e PR 002) da applicarsi alla Relazione di controllo contabile sono stati adeguati i capitoli dei seguenti documenti: - Nota Integrativa (nelle forme ordinaria e abbreviata) - Relazione sulla Gestione - Relazione del Collegio Sindacale (limitatamente alla versione preceduta dai codici RV) Gli aggiornamenti hanno interessato in particolare le tabelle: Capitoli documento e Struttura documento aziendale. Gli utenti potranno usufruire dei template aggiornati avvalendosi della consueta Copia archivi standard. Nel file NotaIntegrativa_Generale_2931.zip ( lo stesso file distribuito con il fix 02.09.03.01) sono invece disponibili dei documenti generali che riepilogano gli interventi eseguiti e la struttura della Nota Integrativa fornita da ESA Software. Il file, che contiene solo documentazione da consultare, pu essere scompattato in una cartella qualsiasi del proprio pc.

ESA Software S.p.A.

13/10/2009

Pag. 74 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

Archivi dimostrativi per Nota Integrativa (fix 02.09.03.04) Nota Integrativa versione abbreviata: stato fornito precaricato un nuovo capitolo specifico (NB_12_01) Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti (diverso da quello previsto per la versione ordinaria). Nel file NotaIntegrativa_Generale_2934.zip ( lo stesso file distribuito con il fix 02.09.03.04) allegato al presente fix, sono invece disponibili dei documenti generali che riepilogano gli interventi eseguiti e la struttura della Nota Integrativa fornita da ESA Software. Il file, che contiene solo documentazione da consultare, pu essere scompattato in una cartella qualsiasi del proprio pc.

4.39 Anomalie rilasciate con i fix di e/studio


ATTENZIONE: Con i fix di e/studio successivi alla release 02.09.03 (fix 02.09.03.01 e 02.09.03.02, ecc.) sono state risolte alcune anomalie ora disponibili anche per tutti i prodotti aziendali

Ammortamenti
Anagrafica cespiti Segnalazione nr. Numero AN-RI 490184C Nei dati contabili dell'attivit presente l'esercizio 2008 con date 01/01/07- 31/12/07 e l'esercizio 8002 con 01/01/08- 31/12/2008. Si carica un cespite con data di acquisto 2008. Il calcolo dell'ammortamento per l'esercizio 8002 crea la riga AOR ma i valori sono a zero. Il problema dipende dal codice dell'esercizio Spese MART Segnalazione nr. Numero AN-RI 371764C Si gestisce un cespite per il quale consentito il calcolo delle spese MART. Il cespite ha i seguenti movimenti: Data mov. Caus. Man. Sim. Q.t Valuta Valore Mov. 01/01/06 ACQ No No 1,00000 000 10.000,00 01/06/07 INC No No 0,00000 000 100,00 31/12/07 NAF No No 0,00000 000 50,00 03/03/08 INC No No 0,00000 000 200,00 Il cespite ha un periodo di esclusione per il calcolo delle spese MART dal 01/01/07 al 31/12/07. Quando si lancia il calcolo delle spese MART per l'anno 2007, il programma non considera tale periodo di esclusione ed utilizza i movimenti dell'anno 2007 ai fini del calcolo. Segnalazione nr. Numero AN-RI 506034C Se si imposta lindicatore di esclusione Spese MART e si lancia la funzione calcolo/stampa spese mart non esclude dal calcolo i cespiti materiali che hanno l'indicatore sopra indicato.

Archivi Base
Tipi Documentale Segnalazione nr. Numero AN-RI 520373C Integrazione e/ - e/dms: nella keyunique dei ddt d'acquisto non viene passato il numero documento. Questo significa che non possibile recuperare/visualizzare in i DDT dacquisto archiviati nel documentale con versioni superiori alla 02.09.00. ATTENZIONE Per risolvere il problema del recupero/visualizzazione dei DDT dacquisto archiviati nel documentale con versioni superiori alla 02.09.00, dopo aver installato il presente fix, occorre entrare in e/ ed utilizzare il programma Conv. Documentale da 2.9.0 a 2.9.3 (presente nel men Utilit). Per maggiori informazioni fare riferimento anche al documento Conversione_docum_290_293.doc (vedi comunicazione OGGI NEL MONDO DI E n. 47/2009 - GIALLO - Allineamento integrazione tra e/ e documentale del 28 maggio 2009)

ESA Software S.p.A.

13/10/2009

Pag. 75 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

Bilancio CEE
Voci bilancio CEE Segnalazione nr. Numero AN-RI 503879C Per le voci che non sono formula il campo Stampa riga totale a video giustamente Non definito ma sul db salvato un valore diverso da Null (nd_riga_totale). Stampa bilancio CEE Segnalazione nr. Numero AN-RI 520468C Azienda con multiattivit contabile (due attivit); situazione contabile CEE anno 2009 senza l'indicazione dell'attivit (quindi viene calcolata la somma dei saldi delle due attivit). Lanciando la Stampa situazione contabile CEE con Dettaglio conti associati, viene segnalato l'errore: Il codice inserito e' gia' esistente (Violazione chiave primaria) -Errore nativo (Violation of PRIMARY KEY constraint 'XPKTP_BC_SALDI_DET'. Cannot insert duplicate key in object 'dbo.TP_BC_SALDI_DET'.). RISOLUZIONE: Nel caso in cui non viene indicata la attivit in corrispondenza del conto viene indicata la somma dei saldi delle singole attivit.

Contabilit Generale
Prima nota Segnalazione nr. Numero AN-RI 505557C Aprendo una scrittura di prima nota con numerose righe (sopra il centinaio), il programma risulta particolarmente lento. Segnalazione nr. Numero AN-RI 512178C Integrazione con documentale: si crea una Prima nota di tipo Giroconto; alla causale contabile si abilita l'archiviazione documentale impostando un tipo documentale di tipo "no_iva". Quando si salva la prima nota viene segnalato l'errore: 2147221598 : Invalid use of Null (ESAFzDocument). Visualizzazione Mastrini Segnalazione nr. Numero AN-RI 503497C Eseguendo lExport griglia CSV il programma esporta sempre la pagina Dettagli movimenti nonostante il focus sia posizionato in Movimenti. Stampa Bilancio a sezioni Segnalazione nr. Numero AN-RI 514629C In caso di perdita, se la stampa del bilancio viene fatto arrotondato all'unit di euro viene segnalata una squadratura.

Convertitore
Convertitore Segnalazione nr. Numero AN-RI 498093C Con la versione 020902 non funziona pi l'import del piano dei conti. Viene dato il seguente errore Runtime errore 91 object varible with block set.

Elenchi INTRA
Presentazione elenchi Segnalazione nr. Numero AN-RI 506936C Nella stampa Presentazione elenchi intra, nella colonna unit supplementare gli importi devono essere arrotondati. Attualmente viene stampato con 5 decimali.

ESA Software S.p.A.

13/10/2009

Pag. 76 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

Nota integrativa Bilancio CEE


Dizionario dati Segnalazione nr. Numero AN-RI 510285C Il capitolo NB_12_01 collegato al capitolo NO_13_01 dove le informazioni circa Parte gi richiamata (voce A1) presente solo nel modello STDCOM invece del STDABB. Si richiede di sdoppiare i capitoli per i due modelli distinti.

Procedure fiscali
Delega di pagamento F24 Segnalazione nr. Numero AN-RI 515195C Trasferimenti delega F24: il programma di trasferimento si blocca e non esce la gestione esiti. E necessario chiudere l'applicativo dal task manager.

Regime IVA A Margine


Liquidazione IVA Margine Segnalazione nr. Numero AN-RI 505438C Liquidazione iva a margine gennaio 2009: in fase di generazione di prima nota viene segnalato: 2147224769 : Impossibile trovare l'oggetto nell'insieme corrispondente al nome o al numero richiesto. (ADODB.Fields). Segnalazione nr. Numero AN-RI 491012C Se si hanno pi aziende con causali contabili uguali del margine, con lo stesso codice e con l'indicatore tipo movimento diverso, nel calcolo della liquidazione annuale del margine cancella le righe in quanto prende la prima causale senza guardare il modello piano dei conti.

4.40 Richieste di implementazione rilasciate con il fix 02.09.04


Nota: alcune delle R.I. qui di seguito indicate sono descritte pi in dettaglio nei precedenti capitoli (sfondo giallo).

Ammortamenti
Stampa contabile per esercizio Segnalazioni nr. 497712C, 513444C, 502136C, 500990C, 497721C, 506619C Numero AN-RI 494887C Si richiede di riportare nella colonna Ammortamenti ci che stato accantonato nel fondo solo per effetto del calcolo ammortamento. Stampa registro cespiti Segnalazioni nr. 495185C, 498112C, 495578C, 508636C, 504168C Numero AN-RI 494976C Nella stampa del registro beni ammortizzabili si richiede linserimento della data di vendita del cespite e degli estremi del documento. Segnalazione nr. 512763C Numero AN-RI 512762C Per semplificare il layout di stampa si richiede che le righe con importi completamente a zero non vengano stampate.

Contabilit Generale
Prima Nota Segnalazioni nr. Numero AN-RI
ESA Software S.p.A.

381743C
13/10/2009 Pag. 77 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

Si chiede come ottenere un elenco stampato di tutte le fatture con iva esigibilit differita ancora in archivio e che devono essere incassate. Si prenda ad esempio la query attivabile con il tasto F6 sul campo totale documento. Quanto richiesto si ottiene con la Stampa fatture da incassare/pagare che prevede la distinzione tra IVA esig. per cassa ed IVA esig. differita Stampa Mastrini Segnalazioni nr. 527660C, 513160C Numero AN-RI 513159C Si richiede la possibilit di stampare e visualizzare il mastrino clienti e fornitori anche per il totale, senza la distinzione per cliente/fornitore.

Convertitore
Convertitore Segnalazione nr. 486326C Numero AN-RI 492189C In SPIGA XIII i depositi fino al 99 sono per forza di propriet aziendale, ma vengono esportati con il valore uguale a null e importati in e/ senza lindicatore di Merce di propriet dellazienda. Si richiede che vengano esportati e importati con il valore corretto.

Effetti
Stampa Pagamenti Segnalazioni nr. 489674C, 382172C, 333163C, 325507C Numeri AN-RI 333161C, 56149E Si richiede la possibilit di poter gestire i bonifici esteri.

Magazzino
Cambio Esercizio Segnalazioni nr. 477594C, 468635C, 451101C, 444830C, 444622C Numero AN-RI 444829C Si richiede che in fase di cambio esercizio il programma riapre i depositi anche se l'esistenza totale (la somma di tutti i depositi) dell'articolo uguale a zero. Varianti Segnalazione nr. 504197C Numero AN-RI 503968C Si richiede che nelle Configurazioni varianti, la creazione delle varianti avvenga non per codice variante ma per codice ordinamento indicato sul Tipo variante. Visualizzazione clienti Segnalazione nr. Numero AN-RI 57225E Nella visualizzazione clienti si richiede di poter selezionare i documenti per singolo deposito.

Ordini/Impegni
Impegni cliente Segnalazione nr. 504825C Numero AN-RI 501052C Quando si seleziona un articolo dalla lookup (F6) e la query utilizzata Articolo + codice aggiuntivo, si richiede che il programma riporti sulle righe il relativo codice aggiuntivo. Tipi ordini/impegni Segnalazione nr. Numero AN-RI 513341C Il programma non controlla lannidamento delle causali. ovvero l'associazione con pi richiamate tra un tipo impegno. quindi possibile creare questi tipi impegno, ma poi non possibile eseguire la cancellazione dei movimenti fatti. Si richiede di poter eseguire la cancellazione di questi movimenti.
ESA Software S.p.A. 13/10/2009 Pag. 78 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

4.41 Anomalie corrette con il fix 02.09.04 Acquisti


Fatture da DDT acquisti Segnalazione nr. 512920C Numero AN-RI 512511C Se si cerca di fatturare un ddt di acquisto appartenente ad un esercizio chiuso, il programma non salva la fattura restituendo il messaggio bloccante Esercizio gi chiuso.

Ammortamenti
Stampa contabile per esercizio Segnalazioni nr. 360724C, 447720C, 329459C, 527280C, 386766C, 399935C, 488081C, 476470C, 528277C, 401731C, 423178C Numero AN-RI 212912C Se si esegue la stampa ridotta e si considerano anche i cespiti dismessi, per i cespiti dismessi il programma riporta il valore di storno solo nel campo del fondo e non in tutti gli altri campi dando una visione parziale della situazione del cespite. Stampa registro cespiti Segnalazione nr. 490644C Numero AN-RI 490533C In fase di stampa il valore dellammortamento ridotto non viene riportato nella sezione ammortamento ordinario ma tra le variazioni. Segnalazione nr. Numero AN-RI 527668C Se nelle Opzioni internazionali e della lingua si imposta come numero decimali 9, eseguendo la stampa affianco il campo Stato, nel margine destro, si vedono dei caratteri ###.

Archivi Azienda
Clienti/Fornitori Segnalazione nr. Numero AN-RI 504030C Se si varia la data documento di una registrazione di prima nota cambiando mese, il programma sbaglia a calcolare l'imponibile fatturato sull'anagrafica cliente/fornitore perch storna il totale documento ma non l'iva che la storna invece nel nuovo mese della data documento. Piano dei conti Segnalazione nr. Numero AN-RI 480241C La procedura non consente di accedere al piano dei conti aziendali dando un messaggio di errore.

Barcode
Genera barcode Segnalazione nr. Numero AN-RI 499406C Non funzionano pi i codici in-store con codice lotto.

Business Intelligence
Cubi per codir Segnalazione nr. 526643C Numero AN-RI 526626C La creazione cubi codir segnala degli errori bloccanti.
ESA Software S.p.A. 13/10/2009 Pag. 79 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

Cubi per magazzino Segnalazione nr. 475088C Numero AN-RI 474421C I cubi hanno dei nomi differenti se generati con il DWH.

Codir - Generale
Funzionalit generali Segnalazione nr. 492637C Numero AN-RI 491527C Registrare in prima nota una fattura ricevuta con numero 2008-FI-0000135 e trasferirla in codir. Provando a richiamare da Movimenti COGE trasferiti in CODIR questa fattura il programma da un errore bloccante. Il problema dato dal numero 2008-FI-0000135.

Contabilit Generale
Liquidazioni IVA Segnalazione nr. 500579C Numero AN-RI 500053C In unazienda con contabilit presso terzi eseguendo la contabilizzazione di settembre (su agosto) viene segnalato lerrore Impossibile trovare l'oggetto nell'insieme corrispondente al nome ed al numero richiesto. Prima nota Segnalazioni nr. 355481C, 466869C, 348046C, 357456C, 495137C, 347686C, 441033C, 348374C Numero AN-RI 193341C Caricando un risconto attivo in prima nota il programma nella riga contabile non compila il campo Tipo rateo/risconto. Segnalazioni nr. 424895C, 421423C, 509747C, 497326C, 525286C Numero AN-RI 421403C Esistono problemi con la registrazione di fatture con autofattura e iva indetraibile al 100%. Caso 1 Fattura reverse charge Acquisto 100% indetraibile Autofattura detraibile Inserita FAI che deve attivare anche i cespiti Generando la parte contabile e il programma riporta la riga del fornitore in avere e la riga del sottoconto del cespite in dare, salvando il viene segnalato il seguente messaggio Autofattura: La somma dell'IVA delle righe contabili non coincide con quella delle righe IVA. Caso 2 Fare una fattura acquisto CEE inserendo un codice iva 20% indetraibile al 100%,dove l'iva indetraibile viene assegnata al costo. L'autofattura dovr essere invece generata con il codice iva 20T. I corrispondenti codici iva sono stati inseriti sulle causali contabili FAI (cod. iva 20L) e AUI (cod. iva 20T). Al salvataggio della fattura di acquisto viene segnalato l'errore Generazione autofattura impossibile: conto di costo per Iva indetraibile non definito nei default o nella causale. Segnalazione nr. 524757C Numero AN-RI 524756C In fase di export file xml per il documentale, non vengono riportati ragione sociale, codice iva, partita iva ed email. Segnalazione nr. Numero AN-RI 535306C Caricare una fattura emessa in prima nota con data registrazione e data documento 27/07/09. Fare Salva + Nuovo. Caricare un giroconto con data registrazione 10/07/09. In fase di salvataggio il programma segnala un errore bloccante: La data documento deve essere minore o uguale alla data di registrazione. Essendo un giroconto, il campo Data documento disabilitato e non valorizzato (sul data base sar presente la data documento della scrittura di prima nota precedente, cio della fattura).
ESA Software S.p.A. 13/10/2009 Pag. 80 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

Stampa Conto economico fiscale Segnalazione nr. Numero AN-RI 501042C Eseguire la stampa del bilancio fiscale senza indicare il codice attivit e lesercizio, indicando un intervallo di date e selezionando lindicatore Stampa importi allunit di euro il programma segnala lerrore "Object variable or With block variable not set". Stampa Distinte RSM Segnalazione nr. 426077C Numero AN-RI 425498C Visto merci telematico RSM \ Stampa frontespizio visto merci RSM La stampa richiede il gruppo merceologico, ma non disponibile un elenco dei gruppi e non possibile crearne di nuovi (neanche da una gestione esterna). Stampa Libro Giornale Segnalazione nr. 403717C Numero AN-RI 403662C Richiamare un movimento di prima nota che stato gi stampato nel libro giornale. Il programma permette di modificare la data di registrazione variando lanno con quello successivo alla data ultima stampa libro giornale , senza dare alcuna segnalazione. Stampa Mastrini Segnalazioni nr. 502574C, 541654C, 484485C, 487921C, 509072C, 467801C, 499997C Numero AN-RI 467728C Lopzione Stampa data di stampa non funziona. La data infatti viene sempre riportata indipendentemente dal valore che assume tale parametro. Stampa Registri IVA Segnalazione nr. 355306C Numero AN-RI 354806C Se la liquidazione annuale del periodo precedente in stato definitivo, ma non stata ancora stampata in definitivo, eseguendo la stampa dei registri iva il programma segnala Liquidazione del periodo precedente non ancora definitiva". Modificare il messaggio indicando Liquidazione del periodo precedente non ancora stampato in definitiva.

Convertitore
Convertitore Segnalazione nr. 379094C Numero AN-RI 378376C Selezionando l'import testate e righe DDT con l'opzione sovrascrivi, in realt il programma accoda sempre i movimenti; sovrascrive solo se nel tipo documento selezionato lindicatore di Controlla numerazione doppia. In questo caso l'opzione sovrascrivi non dovrebbe essere selezionabile. Segnalazione nr. 497713C Numero AN-RI 497422C La conversione delle scadenze fatta in prova le importa ugualmente. 535845C, 501317C, 515759C, 498095C, 530644C, 517066C, 503924C, 524727C, 513356C, 497919C, 511250C, 525239C, 532069C, 532135C, 530369C, 538776C, 504406C, 542164C, 505674C, 502125C, 530239C Numero AN-RI 498093C Non funziona l'import del piano dei conti. Segnalazione nr. 503371C Numero AN-RI 501501C Non funziona limport dei default aziendali. Segnalazione nr. 513077C Numero AN-RI 512523C In fase di import movimenti da duemila vengono importati anche i movimenti annullati, questi dovrebbe
ESA Software S.p.A. 13/10/2009 Pag. 81 di 89

Segnalazioni nr.

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

essere scartati. Segnalazione nr. 516116C Numero AN-RI 516000C I clienti obsoleti importati da duemila vengono importati come validi, nonostante lindicatore di obsolescenza nel file di export sia valorizzato . Segnalazione nr. 517892C Numero AN-RI 517534C Anche se presente nel file ascii la conversione fattura non imposta la data competenza Iva. Segnalazione nr. 518334C Numero AN-RI 517611C Facendo limport ammortamenti da Duemila per le categorie che contengono una percentuale ammortamento base del 12% e una percentuale ammortamento ridotto del 6%, il programma sbaglia a riportare i valori nella sezione dei dati fiscali del cespite, di conseguenza il calcolo ammortamento calcola l'ammortamento ordinario al 6% pi l'ammortamento ridotto al 6%. Segnalazione nr. 529700C Numero AN-RI 529072C Effettuando l'import diba segnala La quantit sfrido non pu essere > = quantit legame. Funzionalit Generica Segnalazione nr. Numero AN-RI 209393C L'importazione distinta base, anche se si seleziona l'opzione sovrascrivi, accoda le distinte senza neanche avvertire che la sovrascrittura non e' ammessa.

Diba Nativa
Calcolo livello minimo Segnalazione nr. 497590C Numero AN-RI 503917C Il calcolo livello minimo risulta essere troppo lento. Caratteristiche Segnalazione nr. 507599C Numero AN-RI 505653C Se in una caratteristica si inserisce una condizione If Then Else End if e al suo interno c unaltra caratteristica che ha la stessa condizione, il programma non riesce ad esplodere la caratteristica e restituisce lerrore Valore caratteristica non definito - Impossibile assegnarlo al legame. Errore durante la generazione di una DiBa da una DIBa neutra. Segnalazione nr. 514314C Numero AN-RI 514270C Nell'espressione della Caratteristiche non accetta nessuna caratteristica che inizia con i caratteri EL TH O ES Lerrore nel controllo di sintassi della Caratteristica confonde i caratteri iniziali con gli operatori Else Then. Configuratore DiBa Segnalazioni nr. 525949C, 516665C Numero AN-RI 513829C Se si utilizza il configuratore creato con passi che si rimandano l'uno con l'altro e con almeno 5 scelte viene restituito errore Indice non compreso nell'intervallo. Distinta base Segnalazione nr. 532029C Numero AN-RI 531779C Creare un semilavorato con i seguenti componenti: -componente1 - a quantit 1 con costo 10 -componente 2 - a percentuale 3% = per cui qt (nei documenti)riporta 0,03 con costo 20
ESA Software S.p.A. 13/10/2009 Pag. 82 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

Per fare un semilavorato il prezzo sar 10 + 0,60, costo 10,60 euro. Se si esegue un movimento. di carico di produzione con quantit semilavorato 100 sul movimento di scarico il programma riporta correttamente:componente1 qt 100 e componente2 quantit 3. Sul movimento di carico il prezzo unitario calcolato per il finito sbagliato, il programma riporta 70 anzich 10,60. Distinta base neutra Segnalazione nr. 501237C Numero AN-RI 500106C Inserire nell'impegno un prodotto finito, larticolo ha le variati, e un configuratore che ha solo una caratteristica. Dopo aver fatto la scelta nel configuratore quando si preme su Fine il programma restituisce un errore. Segnalazione nr. 509135C Numero AN-RI 508818C Creare una diba neutra con una caratteristica, se il calcolo della caratteristica, porta ad avere un risultato con quantit zero, tale componente non deve essere riportato sulla diba effettiva. Segnalazione nr. Numero AN-RI 516058C Il programma non crea i dati gestionali in e/sigip per articoli che vengono creati dalla diba neutra. Segnalazione nr. Numero AN-RI 523609C Fashion non attivo. Inserire una diba neutra con una caratteristica con quantit proposta 10. Nei parametri diba si ha l'indicatore Crea nuovo art. da diba neutra con varianti selezionato. Negli impegni inserire il codice diba per la variante X lasciando invariata la qta della caratteristica, il programma crea un nuovo codice padre XXX. Inserire il codice diba per una variante diversa Y lasciando invariata la qta della caratteristica, il programma utilizza il codice padre XXX creato in precedenza. Inserire il codice diba per la prima variante X modificando la qta caratteristica mettendo 1, il programma crea un nuovo codice padre YYY. Inserire il codice diba per una variante diversa Y modificando la qta caratteristica mettendo 1, il programma crea un nuovo codice Padre ZZZ invece dovrebbe utilizzare quello creato in precedenza YYY. Segnalazione nr. 539893C Numero AN-RI 538749C Creare una distinta base neutra della tuta composta da maglia e pantalone. A loro volta la maglia e il pantalone hanno la distinta base neutra composta dal tessuto. Maglia e pantalone sono dei semilavorati e la tuta il prodotto finito. Il Tessuto lo stesso sia per la maglia che per il pantalone. La variante colore COL usata per la maglia, per il pantalone e per il tessuto la stessa. Quindi per i semilavorati maglia e pantalone vale la regola implicita. La variante della tuta la variante combinazione tute COT. Per il prodotto finito tuta sono state fatte regole che collegano la varianti COT alla variante COL per la maglia e il pantalone. Regola 1: figlio nessuno - COT T01 - COL rosso figlio nessuno - COT T02 - COL giallo Regola 2: figlio PANTALONE - COT T01 - COL nero figlio PANTALONE - COT T02 - COL nero Significa che la tuta T01 fatta con la maglia rossa e il pantalone nero e la tute T02 fata con la maglia gialla e il pantalone nero. Nella regola 1 non si indica il figlio in quanto la stessa regola vale per pi tute fatte da maglie diverse, mentre il pantalone sempre lo stesso. In tale situazione, quando si inserisce un impegno l'articolo tuta T01 il programma non segnala niente e prosegue, ma in realt ha creato una diba effettiva T01 con maglia rossa e pantalone nero (bene) e la diba del pantalone nero fatta dal tessuto rosso (errore) come la diba per la maglia che invece corretta. Se poi si inserisce nell'impegno il pantalone nero il programma va in errore dicendo che non riesce a caricare la diba perch trova una regola che va in conflitto gi applicata in precedenza.

Effetti
Stampa Effetti Segnalazione nr. 355560C Numero AN-RI 352959C File generato con CILME/CBI
ESA Software S.p.A. 13/10/2009 Pag. 83 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

Il tracciato cilme cbi non rispetta lo standard CBI in quanto durante linvio telematico viene restituito il seguente errore Errore riga 1 rec. IB Valore non corretto per il campo Centro Applicativo trovato 00000 mentre il controllo prevede NULL.

Elenchi INTRA
Documenti dettaglio Segnalazione nr. 501568C Numero AN-RI 500914C Creare una fattura con riga omaggio imponibile +IVA. Nell'elenco intra viene riportato un valore pari a zero, invece deve riportare il valore del bene, in quanto l'elenco non pu essere presentato a zero. Presentazione elenchi Segnalazione nr. 507374C Numero AN-RI 506936C Nella stampa Presentazione elenchi intra, per la colonna unit supplementare gli importi devono essere arrotondati, e non riportare sempre 5 decimali

Fatturazione
DDT Segnalazioni nr. 500251C, 402139C, 539806C, 540708C, 502287C, 364676C, 536915C, 534663C, 351645C, 510472C, 540076C, 532084C Numero AN-RI 236923C La ricerca intelligente sul cliente non funziona se presente lapostrofo. Descrizione applicativa non prevista. Lo stesso problema presente in come il giroconto. 518937C, 533730C, 534160C, 502401C, 497275C, 520512C,

Il programma restituisce lerrore prima nota con causali contabili

Segnalazione nr. 457667C Numero AN-RI 457076C In un articolo con lotti, utilizzando un codice aggiuntivo di classe Articolo e con una quantit per confezione, importando larticolo da lettore B30 il programma riporta la quantit corretta sullarticolo ma dentro il dettaglio lotto la quantit errata in quanto non tiene conto della quantit confezione. Segnalazione nr. 507612C Numero AN-RI 507464C Importando le righe da lettore b30 il programma non riporta i dati codir indicati in testata. Documento unico vendita Segnalazione nr. Numero AN-RI 498054C Facendo l'import delle fatture da SDK e valorizzando nelle righe del documento la contropartita, non viene valorizzato correttamente al salvataggio il codice natura iva. Segnalazione nr. Numero AN-RI 511654C Le righe Fuori magazzino relative ai contributi (CONAI - RAEE) devono essere al lordo degli eventuali sconti di Testata. Il Val merce doc risulta essere al netto degli sconti. Il totale del documento comunque corretto. Elaborazione documenti Segnalazioni nr. 528696C, 343497C, 448357C Numero AN-RI 342763C In fase di elaborazione con trasferimento in codir il programma elabora in prima nota ma non trasferisce in codir quelle fatture che hanno data successiva a quella odierna. Segnalazione nr. 510259C Numero AN-RI 505681C Velocizzare lelaborazione dei documenti.

ESA Software S.p.A.

13/10/2009

Pag. 84 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

Funzioni d'ambiente
Funzionalit generali Segnalazione nr. 511924C Numero AN-RI 511258C Eseguendo la duplicazione azienda tramite il programma EsaXCopiaAzienda di un'azienda che ha anche la codir, lasciando lindicatore di copia archivi di eadd restituisce un errore.

Installazione
Installazione Segnalazioni nr. 508552C, 542269C Numero AN-RI 508419C Un utente normale non deve poter modificare le query personalizzate. Attualmente il problema si presente quando in visualizzazione di una query, dopo aver fatto una modifica, lutente fa File/Apri query; in questo caso il programma chiede se si vuole salvare, consentendo allutente di salvare la modifica.

Magazzino
Archivio inventari Segnalazioni nr. 494983C, 539946C Numero AN-RI 466246C Non funziona F7 sul campo Quantit rilevata Articoli Segnalazioni nr. 530021C, 481994C, 542695C, 516229C, 482005C Numero AN-RI 481298C Creare un articolo obsoleto con un articolo alternativo. Inserendo l'articolo obsoleto in un documento viene indicato che l'articolo obsoleto e viene richiesto se si vuole proseguire. Rispondendo di No viene proposta la videata con l'articolo alternativo, e una volta confermato con ok viene segnalato un errore bloccante. Cambio Esercizio Segnalazione nr. Numero AN-RI 454175C Anche nel cambio esercizio come per l'inventario deve essere possibile valorizzare gli articoli ad Ultimo costo anche se non si gestisce lo storico prezzi (cio nei Parametri azienda l'indicatore Gestione storico ultimi costi di acquisto non stato selezionato). Abilitare l'opzione ed eseguire la valorizzazione prendendo il costo dalla contabile articoli. Codici aggiuntivi Segnalazione nr. 514741C Numero AN-RI 500241C Se da lettore barcode con memoria si importano dei codici aggiuntivi inesistenti e dal programma di creazione codici aggiuntivi si associa un articolo, uscendo dal programma vengono caricate delle righe di Fuori magazzino. Commesse Segnalazioni nr. 458562C, 508458C, 542961C Numero AN-RI 456606C Si richiede anche nel caso di gestione commesse sull'articolo di poter inserire sull'anagrafica commesse delle righe di movimento per poter spostare dei quantitativi di commessa da una commessa ad un'altra. Generazione inventari Segnalazione nr. Numero AN-RI 461487C L'icona di Inventari sotto Attivit periodiche di Magazzino la sfera e non quella del magazzino. Segnalazione nr. 512900C Numero AN-RI 497418C Se si inserisce una riga e nella colonna codice articolo si inserisce il codice aggiuntivo, questo non viene tramutato nellarticolo e quando si salva viene dato un errore.
ESA Software S.p.A. 13/10/2009 Pag. 85 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

Movimenti magazzino Segnalazione nr. 534402C Numero AN-RI 534339C Quando si inseriscono le note il programma non consente di andare a capo e quando si arriva alla fine della riga va sempre avanti a scrivere sulla stessa riga. Visualizzazione articoli Segnalazione nr. 506724C Numero AN-RI 505925C Creata un nuovo articolo e fare una bolla di vendita. Entrare nella visualizzazione articolo, modificare l'esercizio di analisi e con F6, visualizzare i movimenti di scarico, cliccare in un punto del record (esempio deposito, cliente/fornitore, data documento) e fare F8, il programma non apre il documento, occorre cambiare la query che filtra la lista valori. Questo accade solo la prima volta, se dopo aver modificato la query si reimposta quella predefinita la problematica non viene pi riscontrata.

Ordini/Impegni
Evasione Impegni Segnalazione nr. 518305C, 525124C Numero AN-RI 516456C Eseguendo la generazione di fatture da evasione automatica impegni, con l'impostazione sui clienti del controllo insoluti non bloccante in evasione, dopo una prima fattura generata con stato 'sospeso' perch il cliente ha importi scaduti, vengono poste in sospeso tutte quelle che seguono anche se per gli altri clienti non risultano scadenze scadute e/o insoluti. Segnalazione nr. Numero AN-RI 531914C Se si evade un impegno e si richiama l'articolo con il tasto F8, dopo aver fatto una finta modifica, al ritorno il programma visualizza il messaggio "Attenzione selezionando lo stato No ordine la riga documento verr staccata dall'ordine/impegno. Vuoi proseguire?". Impegni cliente Segnalazioni nr. 413260C, 343108C Numero AN-RI 343077C Creare due tipi impegni. In quello di default impostare come deposito da proporre uno di tipo raggruppamento, nel secondo invece indicare un deposito normale. Quando si apre la maschera degli impegni il programma propone il tipo documento di default, con relativo deposito, essendo questo di tipo raggruppamento il programma abilita sulla testata il campo codice cliente/fornitore. Modificare il tipo documento mettendo quello che movimenta il deposito normale, sulla testata viene disabilitato il codice cliente/fornitore, ma se si inserisce una riga articolo il campo cliente/fornitore riferito al deposito abilitato e non permette di salvare il documento. Segnalazione nr. 493956C Numero AN-RI 493714C Attivare la Diba di eProd. Fare un impegno con un prodotto finito e con limpegno componenti. Modificando la quantit da produrre il programma segnala errore. Tipi ordini/impegni Segnalazione nr. 528297C Numero AN-RI 528276C Creare un nuovo ordine/impegno con articoli collegati a commessa, dopo linserimento dellarticolo il programma apre in automatico la finestra con il Dettaglio Commesse, fare F8 per crearne una nuova, al ritorno nel Dettaglio Commesse modificare la quantit e ritornare sulla gestione ordini/impegni, a questo punto il programma restituisce il messaggio "Import righe in esecuzione. Impossibile chiudere il programma".

Palmari off-line
Pocket e/ Segnalazione nr. 523354C Numero AN-RI 522145C Creare un articolo con un prezzo di listino con sconti. Sul palmare fare un impegno, il programma riportato il
ESA Software S.p.A. 13/10/2009 Pag. 86 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

prezzo gi scontato, aggiungere unulteriore sconto e salvare. Quando limpegno viene riportato in e/, si perdono gli sconti aggiuntivi caricati sul palmare in quanto il programma riporta lo sconto associato al prezzo di listino.

Partite
Documento Scadenze Segnalazione nr. 524313C Numero AN-RI 524120C Aggiungendo un campo relativo alla anagrafica clienti nei parametri di selezione, il programma va in errore. Stampa Estratto conto Segnalazioni nr. 410487C, 448884C, 425515C, 434386C, 443645C, 493356C, 447835C, 410587C, 468802C, 425592C, 429671C, 402968C Numero AN-RI 402954C Inserire documento partita di fattura emessa con indicazione di un agente, incassare la partita, stampare l'estratto conto mettendo anche la data di riferimento ed indicando da agente ad agente. La partita incassata viene riportata come aperta.

Prezzi
Aggiornamento righe contratto Segnalazione nr. 496944C Numero AN-RI 496889C Non funziona la variazione per gruppo merceologico, in quanto richiede obbligatoriamente il sottogruppo.

Provvigioni
Stampa Provvigioni Segnalazione nr. 457942C Numero AN-RI 457541C Un agente dal 1/11 ha cambiato la ragione sociale Se unagente ha cambiato ragione sociale, effettuando la stampa provvigioni in data antecedente a quella di variazione il programma non riporta la vecchia ragione sociale dellagente, viene stampata sempre quella nuova.

Ratei e Risconti
Contabilizzazione ratei e risconti Segnalazione nr. 512153C Numero AN-RI 512130C In anagrafica ratei e risconti, se il conto rateo o risconto non associato al costo o ricavo e non presente nei default azienda il programma permette il salvataggio dell'anagrafica senza tale informazione (che invece necessaria in fase di contabilizzazione). Segnalazione nr. 512432C Numero AN-RI 512337C Caricare unanagrafica Rateo/Risconto, senza indicare il conto di Rateo/Risconto. I default azienda sono compilati. Eseguendo la contabilizzazione di periodo (extracontabile) segnala errore: Utilizzo non valido di Null.

Richieste di acquisto
Proposte riordino Segnalazione nr. 512525C Numero AN-RI 511926C Inserendo un codice aggiuntivo nel campo codice articolo il programma non decodifica il codice articolo ma riporta solo la descrizione. Segnalazione nr.
ESA Software S.p.A. 13/10/2009 Pag. 87 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

Numero AN-RI 515468C Disabilitare la cancellazione di RDA di righe che hanno gi generato un ordine.

Ritenute
Stampa certificazione ritenute Segnalazione nr. 496294C Numero AN-RI 495768C Eseguendo la stampa certificazione con Raggruppamenti per anno senza dettaglio e tipo certificazione Stampa globale, il programma non riporta un'unica riga relativa al 2008 con la somma delle certificazioni, ma riporta le dodici certificazioni presenti in gestione nonostante abbiano la stessa causale ritenuta (il problema dovuto alla diversa data di versamento presente nella sezione Pagamenti della scheda percipienti). Facendo la stampa certificazioni con Raggruppamenti per anno senza dettaglio e tipo certificazione Distinta per causale, il programma non crea pi certificazioni, una per ogni causale ritenuta.

Solleciti
Solleciti Segnalazioni nr. 537929C, 522149C Numero AN-RI 521846C Creare un nuovo sollecito, nelle selezioni inserire il cliente, premere su data scadenza, il programma restituisce lerrore Il codice inserito gi esistente.

Utilit
Ricostruzioni Segnalazione nr. 402705C Numero AN-RI 402687C Se il modulo Vendite non attivo, manca lindicatore di Ricostruzione fatturato.

Vendita al dettaglio
Import dati base Segnalazione nr. 480878C Numero AN-RI 480877C Sulla sede inserire per larticolo A un codice aggiuntivo di tipo cliente\fornitore, esportarlo ed importarlo sul punto vendita remoto. Sulla sede cancellare tale codice aggiuntivo dall'articolo A e reinserirlo identico sull'articolo B, esportarlo ed importarlo sul punto vendita remoto, in questo fase sul punto vendita remoto il programma restituisce lerrore Violazione indice unico. Import Scontrini Segnalazione nr. 498721C Numero AN-RI 497725C Utilizzare la cassa Dataprocess (Vandoni) DT200S in modalit attiva. Creare uno scontrino con sconto a percentuale e sconto a valore sul subtotale. Importando lo scontrino, questo risulta errato in quanto il totale documento pari a zero. Il problema replicato quando la quantit superiore ad una unit. Segnalazione nr. 507746C Numero AN-RI 507225C Utilizzare la cassa Dataprocess (Vandoni) 200SE in modalit attiva. Digitare uno o pi articoli sulla cassa, premere Subtotale, per errore inserire un importo inferiore al totale, a questo punto ripremere il tasto Totale. Lo scontrino compare con due righe di contanti, ma importandolo il programma riporta il primo totale come abbuono. Il programma dovrebbe unificare i due importi ed impostarli come acconto. Vendita al dettaglio Segnalazione nr. 504310C Numero AN-RI 504309C Impostare il parametro dettag_fido_cliente uguale a 1, quando si inserisce il cliente che ha un controllo fido bloccante o non bloccante, il programma restituisce pi alcun messaggio di errore o avvertimento per il superamento fido, il controllo viene fatto solo al salvataggio.
ESA Software S.p.A. 13/10/2009 Pag. 88 di 89

e/aziendale: Fix 02.09.04 Documentazione di rilascio

Segnalazione nr. Numero AN-RI 532342C Cancellando una riga documento dopo che il programma ha restituito un messaggio di warning e al messaggio si risposto di non proseguire, la griglia restituisce un messaggio di errore.

4.42 Aggiornamento documentazione


Insieme al fix disponibile anche la seguente documentazione: E-Redditi_guida_2009.doc = fornisce le informazioni sullutilizzo dei moduli Redditi di e/studio per lanno 2009. Sono state inserite le note relative ai moduli Redditi rilasciati (vedi capitolo Elenco moduli Redditi disponibili nel documento stesso). E-Convertitore_guida.doc = guida all'uso del Convertitore (importazione da altri prodotti ESA verso e/). Sono stati eseguiti modifiche varie in conseguenza di alcune anomalie corrette e lintroduzione della Gestione IVA per cassa. E-BI_guida.doc = guida all'uso della Business Intelligence. Sono state modificate le note di utilizzo in conseguenza allallineamento del cubo eDataWarehouse ad Analisys Services di SQL Server 2005. BI.pdf = fornisce le note di installazione del moduli Business Intelligence. Sono state modificate le note di installazione in conseguenza allallineamento del cubo eDataWarehouse ad Analisys Services di SQL Server 2005. E-Elenco_Dispositivi.doc = fornisce lelenco dei dispositivi (registratori di cassa, lettori barcode, ecc.) certificati da ESA Software. E stata descritta in maniera diversa lintroduzione alla tabella dei registratori di cassa certificabili a richiesta.

ESA Software S.p.A.

13/10/2009

Pag. 89 di 89