Sei sulla pagina 1di 40

Manuale Utente Cittadino

ASSEGNO TEMPORANEO PER I


FIGLI MINORI
Manuale Utente Cittadino

Istituto Nazionale Previdenza Sociale

INPS
Direzione Centrale Sistemi Informativi e
Tecnologici

Versione 1.0

29/07/2021
Manuale Utente Cittadino

1. Sommario
INPS .......................................................................................................................................................... 1

1. Sommario ............................................................................................................................................... 2

2. Descrizione del documento........................................................................................................................ 3

3. Scopo dell’applicazione ............................................................................................................................. 3

4. Premesse ................................................................................................................................................ 3

4.1 Acquisizione domanda ......................................................................................................................5

5. Definizione e acronimi .............................................................................................................................. 6

5.1 Simboli usati e descrizione ................................................................................................................7

6. Primi passi .............................................................................................................................................. 8

7. Struttura grafica delle maschere ................................................................................................................ 9

8. Introduzione ......................................................................................................................................... 10

9. Homepage ............................................................................................................................................ 10

10. Informativa generale .............................................................................................................................. 11

11. Presentare nuova domanda ..................................................................................................................... 12

11.1 Inserimento Minori .................................................................................................................... 13

11.1.1 Domanda come genitore.......................................................................................................... 13

11.1.2 Genitore Affidatario................................................................................................................. 15

11.1.3 Tutore del minore ................................................................................................................... 16

11.1.4 Tabella riepilogativa dati richiesti per tipologia richiedente ........................................................... 16

11.1.5 Aggiungere più di un minore nella stessa domanda ..................................................................... 17

11.1.6 Eliminare una scheda minore ................................................................................................... 18

11.1.7 Principali errori all’inserimento di un minore ............................................................................... 19

11.2 Dati per il pagamento ................................................................................................................. 20

11.2.1 Accredito su conto corrente bancario o postale, Libretto postale, Carta prepagata con IBAN ............ 20

11.2.2 Conto corrente estero area SEPA .............................................................................................. 21

11.3 Dichiarazioni di Responsabilità ..................................................................................................... 21

11.4 Riepilogo ................................................................................................................................... 22

11.5 Invio Domanda .......................................................................................................................... 24

12. Salva in bozza ....................................................................................................................................... 26

13. Aggiungere altro minore dopo aver presentato già una domanda ................................................................. 28

14. Consultare e gestire le domande presentate .............................................................................................. 30

14.1 Visualizza dettaglio domanda ....................................................................................................... 31

14.2 Modifica modalità di pagamento ................................................................................................... 32

14.3 Rinuncia alla domanda ................................................................................................................ 33

14.4 Aggiungere allegati .................................................................................................................... 34

15. Completare le domande presentate dall’altro genitore ................................................................................ 35

16. Nuova domanda come tutore del genitore ................................................................................................. 37

17. Riepilogo – la domanda in 5 passi ............................................................................................................ 39

18. Faq ...................................................................................................................................................... 40

2
Manuale Utente Cittadino

2. Descrizione del documento


Questo documento spiega, nel modo più efficace e semplice possibile, come
effettuare domanda per beneficiare dell’assegno temporaneo per i figli minori.

Fornirà le informazioni sulle modalità per l’uso dell’applicativo in modo


corretto, conveniente e in condizioni di sicurezza. Proseguendo con la lettura
del documento, si viene a conoscenza e impariamo come muoversi all’interno
dell’applicativo.

Il documento, si avvarrà dell’utilizzo di immagini per semplificare la


spiegazione di alcuni passaggi e azioni che possono essere effettuate.

3. Scopo dell’applicazione
L’applicativo si occupa di rendere possibile al cittadino le seguenti operazioni:

Presentare domanda di assegno temporaneo per i figli minori;


Consultare le domande presentate;
Aggiungere uno o più minori ad una domanda già presentata;
Consultare le domande presentate dall’altro genitore;
Consultare l’informativa generale sull’assegno temporaneo per i figli
minori;
Completare le domande presentate dall’altro genitore.

4. Premesse
L’assegno spetta ai nuclei familiari con figli minori a carico che non hanno
diritto all’Assegno per il Nucleo Familiare (ANF):

lavoratori autonomi;
disoccupati;
coltivatori diretti, coloni e mezzadri;
titolari di pensione da lavoro autonomo;
nuclei che non hanno uno o più requisiti per godere dell’ANF.

L’assegno viene erogato in funzione del numero dei figli e in misura


decrescente all’aumentare del livello di ISEE (fino ad azzerarsi a 50.000 euro di
ISEE ).

3
Manuale Utente Cittadino

In particolare:

l’importo mensile spettante al nucleo familiare è differente a seconda che


nel nucleo siano presenti uno o due figli minori oppure almeno tre figli
minori. In quest’ultimo caso l’importo è maggiorato del 30%;
l’importo spetta in misura piena per ISEE fino a 7.000 (167,5 euro per
ciascun figlio, che diventano 217,8 in caso di nuclei numerosi) per
decrescere fino alla soglia massima di 50.000 euro di ISEE.

Gli importi dell’assegno sono inoltre maggiorati di 50 euro per ciascun


figlio minore con disabilità presente nel nucleo, così come classificata ai fini
ISEE (medio, grave e non autosufficiente).
Esempi:

nucleo familiare composto da due figli minori, con ISEE fino a 7.000
euro, l’importo spettante sarà pari a 335 euro (167,5 x 2);
nucleo familiare composto da tre figli minori, di cui uno disabile, con
ISEE pari a 15.000 euro, l’importo spettante complessivamente è pari a
376,7 euro [(108,9 x 3) + 50].

Nel caso in cui il nucleo familiare risulti già titolare di Reddito di


Cittadinanza, l’assegno temporaneo per i figli minori viene calcolato
sottraendo dall’importo teorico spettante la quota di Reddito di Cittadinanza
relativa ai figli minori che fanno parte del nucleo familiare.
L’assegno temporaneo per i figli minori è pagato mensilmente dall’INPS;
Il pagamento è effettuato al genitore richiedente che convive con il minore.
Nell’ipotesi di genitori separati legalmente ed effettivamente o divorziati con
affido condiviso disposto con provvedimento del giudice ai sensi della legge
54/2006, l’assegno può essere diviso al 50% tra i due genitori (salvo accordo
tra gli stessi per il pagamento dell’intero importo al genitore richiedente che
convive col minore). A tal fine l’altro genitore dovrà procedere al
completamento della domanda per indicare l’opzione scelta.
Il richiedente l’assegno temporaneo per i figli minori, al momento della
presentazione della domanda e per tutta la durata del beneficio, deve essere in
possesso di tutti i seguenti requisiti:

essere cittadino italiano o di uno Stato membro dell’Unione europea, o


suo familiare, titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno

4
Manuale Utente Cittadino

permanente, ovvero essere cittadino di uno Stato non appartenente


all’Unione europea in possesso del permesso di soggiorno UE per
soggiornanti di lungo periodo o del permesso di soggiorno per motivi di
lavoro o di ricerca di durata almeno semestrale;
essere soggetto al pagamento dell’imposta sul reddito in Italia;
essere residente e domiciliato in Italia con i figli a carico sino al
compimento del diciottesimo anno d’età;
essere residente in Italia da almeno due anni, anche non continuativi,
ovvero essere titolare di un contratto di lavoro a tempo indeterminato o
a tempo determinato di durata almeno semestrale;
essere in possesso di un indicatore della situazione economica
equivalente ( ISEE ) in corso di validità, calcolato ai sensi dell’articolo 7,
decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 5 dicembre 2013, n. 159
( ISEE minorenni).

4.1 Acquisizione domanda


La domanda on line può essere presentata a INPS sia direttamente dagli
interessati, sia dai patronati con apposita delega.

La domanda dovrà essere presentata sul sito web INPS, da soggetti


autenticati tramite una delle seguenti opzioni:

SPID;
CIE;
CNS;
PIN;

La domanda può essere presentata anche da dispositivi mobile e tramite call


center chiamando il numero verde 803.164 (gratuito da rete fissa) o il
numero 06 164 164.

La normativa prevede che l’assegno possa essere corrisposto,


separatamente, a tutti i soggetti che esercitano la responsabilità genitoriale.

5
Manuale Utente Cittadino

5. Definizione e acronimi
Nome Descrizione
ANF Assegno per il Nucleo Familiare è una
prestazione economica erogata dall’INPS.

ASSEGNO TEMPORANEO PER I Sussidio che può richiedere chiunque abbia figli
FIGLI MINORI minori di 18 anni.

CIE Carta di Identità Elettronica, strumento di


identità digitale riconosciuto anche in Europa.

CHECKBOX In informatica, un checkbox è un controllo grafico


con cui l’utente può effettuare selezioni multiple.
Solitamente sono mostrati come dei quadrati che
possono contenere spazio bianco, segno di
spunta o un quadrato.

CNS Carta Nazionale dei Servizi è una smart card o


una chiavetta USB che contiene un “certificato
digitale” di autenticazione personale, utile per
accedere ai servizi online della Pubblica
Amministrazione.

INPS Istituto Nazionale della Previdenza Sociale, è il


principale ente previdenziale del sistema
pensionistico pubblico italiano.

PEC Posta Elettronica Certificata, è un tipo particolare


di posta elettronica che permette di dare a un
messaggio di posta elettronica lo stesso valore
legale di una tradizionale raccomandata con
avviso di ricevimento.

TUTORE DEL GENITORE Un genitore che non sia capace di intendere e


volere quindi che non si trova nelle condizioni di
potersi occupare dei propri interessi viene
affiancato da un tutore nominato dal giudice

TUTORE DEL MINORE Quando un minorenne resta orfano, deve essere


nominato un tutore. Cioè la persona che si
prende cura del minore, ne amministri i beni e lo
rappresenti in tutti gli atti civili (art. 357 del
codice civile).

RADIO BUTTON In informatica un radio button è un controllo


grafico che consente all’utente di effettuare una
scelta singola esclusiva nell’ambito di un insieme
predefinito di opzioni o possibili scelte.

6
Manuale Utente Cittadino

RDC Reddito Di Cittadinanza, si tratta di un sostegno


economico ad integrazione dei redditi familiari
associato ad un percorso di reinserimento
lavorativo e sociale.

SEPA Single Euro Payments Area identifica una zona


nella quale è possibile effettuare e ricevere
pagamenti.

SPID Sistema di accesso che consente di utilizzare, con


un’identità digitale unica, i servizi online della
Pubblica Amministrazione e dei privati accreditati.

TEXT AREA In informatica una text area è un controllo grafico


che permette all’utente di inserire o editare
informazioni testuali che verranno utilizzare dal
programma.

5.1 Simboli usati e descrizione


SIMBOLO DESCRIZIONE
Avviso presenza di informazione utile per
la comprensione e l’utilizzo del
gestionale.

Avvisa che vi è un qualcosa per cui


bisogna prestare attenzione, un possibile
errore.

7
Manuale Utente Cittadino

6. Primi passi
Per accedere ai servizi online dell’INPS, nello specifico per fare domanda per
l’assegno temporaneo per i figli minori è necessario effettuare il login
inserendo le credenziali di accesso.

Le credenziali di accesso sono strettamente personali e il loro utilizzo non è


delegabile. Tutte le operazioni effettuate sono soggette a tracciatura ed
imputate al titolare dell’utenza, con le relative responsabilità civili e penali.

E’ possibile effettuare l’accesso ai servizi INPS in quattro differenti modalità:

PIN: rilasciato dall’istituto;


SPID: se in possesso di un’identità digitale, accedere con le credenziali
del gestore;
CIE: accedere mediante i codici PIN e PUK: la prima parte dei due codici
è nella ricevuta della richiesta CIE, la seconda parte viene consegnata
insieme alla CIE. È possibile accedere mediante pc con lettore RDIF,
oppure con smartphone o tablet attraverso l’app CieID;
CNS: Carta Nazionale dei Servizi, utile per accedere ai servizi online
della Pubblica Amministrazione.

ATTENZIONE: Se si cerca di accedere mediante


PIN dopo 10 tentativi consecutivi di accesso con un
PIN errato il sistema inibisce l’accesso utente per 5
minuti, ogni tentativo successivo richiederà l’attesa
di ulteriori 5 minuti.

8
Manuale Utente Cittadino

7. Struttura grafica delle maschere

1. Riepilogo: sempre disponibile e posizionato in alto, visualizza il


percorso della pagina, nome e cognome dell’utente, data e ora
dell’ultimo accesso effettuato;
2. Menu funzionale: sempre disponibile e posizionato in verticale sulla
sinistra, tramite di esso è possibile spostarsi velocemente tra le varie
funzionalità dell’applicativo (dall’alto verso il basso):
Home: si viene reindirizzati alla homepage (Pag. 10);
Info: si viene reindirizzati alla pagina dell’informativa (Pag. 11);
Nuova Domanda: si viene reindirizzati alla pagina per presentare
una domanda (Pag. 12);
Consulta domande: si viene reindirizzati alla pagina per la
consultazione e la gestione delle domande presentate (Pag. 30);
Completa domande presentate dall’altro genitore: si viene
reindirizzati alla pagina per la gestione delle domande presentate
dal secondo genitore (Pag. 35);
Nuova domanda come Tutore del genitore: si viene
reindirizzati alla pagina per presentare domande come tutore del
genitore (Pag. 37).
3. Area Dati: zona predisposta per la visualizzazione delle principali
funzionalità dell’applicativo oltre che per la visualizzazione e
l’inserimento di dati.

9
Manuale Utente Cittadino

8. Introduzione
Il documento inizia con la descrizione della Homepage del sito. Verranno
descritte e spiegate le varie azioni che possono essere effettuate da essa.
Proseguendo con la documentazione verranno spiegate, prese in esame e
analizzate nel dettaglio, tutte le sue funzionalità.

Il presente documento è diviso in capitoli e sotto capitoli in modo da


semplificarne la lettura.

9. Homepage
La HomePage è la prima pagina visibile dopo aver eseguito con successo il
login. Di seguito è possibile vedere come apparirà la Home dopo aver eseguito
l'accesso.

Dalla Homepage si può notare in alto sulla destra il nome dell’utente che ha
effettuato l’accesso (la parte offuscata), la data e l’ora in cui ha effettuato
l’ultimo accesso.

Da questa pagina è possibile effettuare le seguenti azioni:

Visualizzare l’informativa sull’Assegno Temporaneo per i figli minori


(Pag. 11);
Presentare una nuova domanda (Pag. 12);
Aggiungere un altro minore se già fatta domanda (Pag. 28);
Consultare e gestire le domande presentate (Pag. 30);
Completare le domande presentate dall’altro genitore (Pag. 35);

1
Manuale Utente Cittadino

Inviare una nuova domanda come tutore del genitore (Pag. 37);

10. Informativa generale


Mediante questa funzione è possibile visualizzare l’informativa generale
dell’assegno Temporaneo per i figli minori.

In breve, senza entrare nello specifico, vengono descritti:

Informativa domanda (Decreto legge);


I requisiti per presentare la domanda;
Le modalità di presentazione della domanda;
Le modalità di pagamento dell’assegno temporaneo per i figli minori.

1
Manuale Utente Cittadino

11. Presentare nuova domanda


Tramite questa funzione si può presentare domanda per richiedere l’assegno
Temporaneo

La presentazione di una domanda passa da questi principali stati:

1. Presentazione domanda;
2. Domanda in Istruttoria, viene verificato automaticamente:
Sussistenza autocertificazioni;
Eventuale fruizione RDC;
I dati dell’ISEE;
Composizione nucleo familiare;
Dati relativi IBAN, dichiarati alla presentazione domanda;
Coerenza delle domande inoltrate.
3. Comunicazione SMS per Accoglimento domanda;
4. Fasi di verifica pagamento: Controlli ripetuti ogni mese per verificare
che non venga perso nessuno dei requisiti;
5. Pagamento;

Dalla homepage cliccare su “CLICCA QUI PER PRESENTARE UNA NUOVA


DOMANDA DI ASSEGNO TEMPORANEO PER I FIGLI MINORI O PER
AGGIUNGERE UN ALTRO MINORE SE HAI GIA’ FATTO DOMANDA”, in
questo modo si viene reindirizzati alla pagina per presentare domanda.

Nel caso, precedentemente, si fosse già presentato domanda, non verrà creata
veramente una nuova domanda ma verrà data la possibilità di aggiungere un
nuovo minore (Pag. 28).

Per presentare la domanda, si devono effettuare cinque step:

1. Inserimento dei minori (Pag. 13);


2. Inserimento dati per il pagamento (Pag. 20);
3. Dichiarazioni di responsabilità (Pag. 21);
4. Riepilogo (Pag. 22);
5. Invia domanda (Pag. 24).

1
Manuale Utente Cittadino

Presentazione nuova domanda

11.1 Inserimento Minori


Il primo step per presentare domanda è l’inserimento dei dati del minore per
cui viene presentata la domanda.

È possibile presentare domanda come:

Genitore;
Genitore Affidatario/a (affido preadottivo);
Tutore del minore.

In base alla tipologia del richiedente indicata, sono richiesti più o meno
campi da compilare.

11.1.1 Domanda come genitore


Per presentare domanda come genitore, si deve selezionare l’opzione
Genitore dal radio button; in questo caso i campi da compilare sono:

1. Codice Fiscale Minore: text area dove inserire il codice fiscale del
minore per cui si vuole presentare domanda (*);

1
Manuale Utente Cittadino

2. Minore Disabile: radio button dove indicare se il figlio è disabile o


meno (*);
3. Genitore separato e/o divorziato con minore in affido
condiviso: radio button per indicare se viene presentata domanda
come genitore separato o no (*);
4. Codice Fiscale altro genitore: text area dove indicare il codice
fiscale dell’altro genitore (**);
5. Modalità di ripartizione dell’assegno tra i genitori: radio button
per indicare la percentuale di pagamento: l’intero importo può andare
al richiedente (100% al richiedente) oppure ripartito tra entrambi i
genitori (50% ad entrambi i genitori) (*).

Esempio Inserimento domanda come genitore separato e/o divorziato

Esempio Inserimento domanda come genitore non separato e/o divorziato

(*): CAMPO OBBLIGATORIO


(**): CAMPO OBBLIGATORIO SE GENITORE SEPARATO/DIVORZIATO

1
Manuale Utente Cittadino

Se viene presentata domanda come genitore non


divorziato e/o separato, il codice fiscale dell’altro
genitore non è obbligatorio e la modalità di ripartizione
dell’assegno viene impostata in automatico al 100%
Nota per il richiedente.

11.1.2 Genitore Affidatario


Per presentare domanda come genitore affidatario/a si deve selezionare
l’opzione Genitore affidatario/a (affido preadottivo) dal radio button; in
questo caso i campi da compilare sono:

1. Codice Fiscale Minore: text area dove inserire il codice fiscale del
minore per cui si vuole presentare domanda (*);
2. Minore Disabile: radio button dove indicare se il figlio è disabile o
meno (*);
3. Codice Fiscale altro genitore (se presente): text area dove
indicare il codice fiscale dell’altro genitore.

Esempio Inserimento minore come genitore affidatario/a (affido preadottivo)

(*): CAMPO OBBLIGATORIO

1
Manuale Utente Cittadino

11.1.3 Tutore del minore


Per presentare domanda come tutore del minore si deve selezionare
l’opzione Tutore del minore dal radio button; in questo caso i campi da
compilare sono:

1. Codice Fiscale Soggetto Tutelato: text area dove inserire il CF del


soggetto tutelato, ovvero del minore per cui si vuole presentare
domanda (*);
2. Soggetto Tutelato Disabile: radio button dove indicare se il
soggetto tutelato è disabile (*).

Esempio Inserimento domanda come tutore del minore

11.1.4 Tabella riepilogativa dati richiesti per tipologia richiedente

Genitore Genitore Affidatario Tutore del Minore


Codice Fiscale minore X X
Minore Disabile X X
Genitore separato e/o divorziato X
con minore in affido condiviso:
Codice Fiscale altro genitore X X
Modalità di ripartizione dell’assegno X
tra i genitori:
Codice Fiscale Soggetto Tutelato X
Soggetto Tutelato Disabile X

1
Manuale Utente Cittadino

11.1.5 Aggiungere più di un minore nella stessa domanda


Mediante questa funzione è possibile presentare domanda per più di un
minore.

Di seguito vengono elencati i passaggi per aggiungere più di un minore:

1. Inserire correttamente tutti i dati obbligatori per un minore;


2. Cliccare sul tasto “+ Aggiungi Minore” che compare dopo aver
completato correttamente il primo passaggio;
3. Inserire i dati per il nuovo minore.

Se vengono presentati più minori come genitore o genitore affidatario è


possibile disporre di un utile tasto per copiare il codice fiscale dell’altro
genitore dalla prima scheda inserita.

1. Schede minore – Ogni scheda è un minore inserito. In questo caso


viene presentata domanda per due minori. La scheda con sfondo blu
è quella attiva;
2. Tasto per aggiungere un minore, ad ogni click viene aggiunta una
nuova scheda. Il tasto viene visualizzato automaticamente quando la
scheda corrente è compilata in tutti i suoi punti;
3. Tasto per copiare all’interno della textbox il codice fiscale altro
genitore presente nella scheda del primo minore inserito.

ATTENZIONE: non inserire lo stesso


codice fiscale del minore in più schede. In
tal caso comparirà un messaggio di errore.
Non si può presentare domanda per lo
stesso minore più volte.
1
Manuale Utente Cittadino

11.1.6 Eliminare una scheda minore


Tramite questa funzionalità si può eliminare una scheda minore.

È possibile eliminare una scheda in due modi:

Tramite il tasto elimina “Elimina Scheda”;


Tramite l’icona a forma di X posizionata in ogni scheda minore.

Alla pressione dell’icona oppure del tasto “Elimina Scheda” comparirà un


modale per confermare o meno la cancellazione della scheda desiderata.
Per evitare errori, come il cancellare una scheda rispetto ad un’altra, nel
modale viene visualizzato il codice fiscale del minore della scheda che si sta
per eliminare.

1
Manuale Utente Cittadino

11.1.7 Principali errori all’inserimento di un minore


Di seguito vengono mostrati ed elencati principali errori in quali si può
incappare al momento dell’inserimento dei dati di un minore:

Viene inserito un codice fiscale del minore uguale al codice fiscale del
richiedente;
La differenza di età tra il richiedente e il minore non è almeno di 10
anni;
Il minore è più grande del richiedente;
Viene aggiunto lo stesso codice fiscale minore in più schede minore;
Viene inserito un codice fiscale del minore uguale al codice fiscale
dell’altro genitore;
Viene inserito un codice fiscale dell’altro genitore uguale al codice
fiscale del richiedente;
Viene inserito un figlio maggiorenne;
La differenza di età tra il minore e l’altro genitore non è almeno di 10
anni;

In caso di errore durante l’inserimento dei dati di un minore, compare un


messaggio che specifica il tipo di errore e quindi non sarà possibile
continuare con l’inserimento dei dati del minore e di conseguenza con la
presentazione della domanda.

Esempio Messaggio di Errore.

1
Manuale Utente Cittadino

11.2 Dati per il pagamento


Una volta terminato l’inserimento dei minori, premendo sul pulsante
“Avanti” si può passare alla schermata successiva dove inserire i dati per il
pagamento, ovvero la modalità di pagamento.

Si può scegliere tra le seguenti modalità di pagamento:

Accredito su conto corrente bancario o postale;


Bonifico domiciliato presso lo sportello postale;
Libretto postale;
Conto corrente estero area SEPA;
Carta prepagata con IBAN.

Il tasto “Avanti”, per procedere alla pagina sulle dichiarazioni di


responsabilità, è disattivato fino a quando non viene indicata la modalità di
pagamento e non vengono inseriti correttamente i dati richiesti.

11.2.1 Accredito su conto corrente bancario o postale, Libretto


postale, Carta prepagata con IBAN
Se come modalità pagamento viene indicata una delle seguenti opzioni:

Accredito su conto corrente bancario o postale;


Libretto postale;
Carta prepagata con IBAN.

L’Unico dato obbligatorio da inserire è l’IBAN. In questi casi specifici si deve


inserire un iban italiano:

Ha una lunghezza di 27 caratteri di cui 3 lettere e 24 cifre;


La sigla iniziale indica la provenienza.

2
Manuale Utente Cittadino

Si deve inserire tutte le lettere e le cifre tranne la sigla iniziale “IT” che,
com’è possibile vedere dall’immagine a seguire, è già impostato di default.

11.2.2 Conto corrente estero area SEPA


Se come modalità di pagamento viene indicato Conto corrente estero area
SEPA, si deve prima selezionare dalla combo box il paese di provenienza
del conto corrente e poi inserire il codice IBAN.

Anche in questo caso si deve inserire tutte le lettere e le cifre dell’IBAN,


tranne la sigla iniziale che viene impostata in modo automatico in base al
paese selezionato.

Esempio modalità di pagamento Conto Corrente estero area SEPA

11.3 Dichiarazioni di Responsabilità


Dopo aver inserito correttamente i dati minore e i dati per il pagamento si
deve dichiarare:

2
Manuale Utente Cittadino

Le condizioni sul nucleo familiare;


Di aver letto e compreso l’informativa sulla privacy e acconsentire
al trattamento dei dati personali secondo le modalità e nei limiti
descritti nell’informativa.

Per proseguire con la domanda, e quindi abilitare il tasto “Avanti”, si deve


selezionare entrambi i Checkbox.

11.4 Riepilogo
Al termine dell’accettazione delle Dichiarazioni di responsabilità, premendo
sul pulsante “Avanti” è possibile visualizzare un resoconto dei dati inseriti;
utile per verificare, prima di inviare la domanda, se è stato inserito tutto
correttamente.

Il riepilogo è diviso in quattro sezioni per facilitarne la visualizzazione. Ogni


sezione contiene dei dati specifici:

1. Richiedente: Elenca i dati del richiedente della domanda


Codice Fiscale;
Email;
Numero di telefono.
2. Dati del minore: elenca i dati che inseriamo del minore
Codice fiscale;

2
Manuale Utente Cittadino

Presentata la domanda in qualità di;


Minore disabile;
Codice Fiscale altro genitore;
Genitore separato e/o divorziato;
Assegno corrisposto al.
3. Dati Pagamento: elenca la modalità di pagamento
Iban;
Paese
4. Dichiarazione e informativa privacy

Dopo aver verificato i dati inseriti è possibile, infine, inviare la domanda


cliccando sul tasto “Invia Domanda”.

I dati visualizzati nel riepilogo, possono cambiare


in base ai dati richiesti per i diversi tipi di
richiedente e per le diverse modalità di
pagamento.
Nota

2
Manuale Utente Cittadino

11.5 Invio Domanda


Dopo aver inviato la domanda, se tutto è andato bene, si viene reindirizzati
alla pagina di Conferma ricezione domanda. Adesso la domanda è stata
inviata e si trova in fase di istruttoria; se i dati inseriti vengono
correttamente verificati mediante i controlli interni, la domanda viene
accolta.

Da questa pagina è possibile effettuare due azioni:

Scaricare la ricevuta: cliccando sul tasto “Scarica ricevuta”, viene


scaricato sul proprio dispositivo il file pdf con la dichiarazione di
conferma invio domanda. In tale documento è possibile visualizzare i
dati della domanda, i dati del richiedente e i dati del minore.

2
Manuale Utente Cittadino

Scaricare il riepilogo: cliccando sul tasto “Scarica Riepilogo”, viene


scaricato sul proprio dispositivo il file pdf con il riepilogo dei dati della
domanda effettuata. In tale documento è possibile visualizzare gli
estremi della domanda, i dati del richiedente, i dati per il pagamenti e i
dati dei minori inseriti.

2
Manuale Utente Cittadino

12. Salva in bozza


Mediante questa funzione, disponibile quando viene presentata una nuova
domanda e questa non è ancora stata inviata, è possibile salvare la domanda
per proseguire con l’inserimento dei dati in un secondo momento.

Premendo il tasto “Salva in bozza” viene salvata la domanda, ovvero i dati


finora inseriti. Adesso è possibile visualizzare la domanda in consultazione
domande presentate.

Esempio di come viene visualizzata in consultazione una domanda in bozza

Dalla consultazione è possibile continuare con l’inserimento della domanda da


presentare, cliccando sul tasto “Completa”. Dopo la pressione del tasto si
viene reindirizzati alla pagina di inserimento domanda dove si può visualizzare
i dati già inseriti precedentemente e proseguire con l’inserimento della
domanda.

2
Manuale Utente Cittadino

È possibile continuare l’inserimento di una domanda in bozza anche senza


cliccare sul tasto “Completa” dalla pagina di consultazione: dalla homepage,
infatti, basta cliccare sul pulsante per presentare una nuova domanda; in
questo caso si aprirà un modale che avvisa che una domanda in bozza è gia
presente e se si vuole continuare a modificarla.

Se viene confermato (SI) è possibile continuare la presentazione della


domanda salvata precedentemente; in questo caso troviamo i dati già inseriti
precedentemente.

Se invece non viene confermato (NO) allora i dati precedentemente salvati


verranno cancellati e si potrà procedere con l’inserimento partendo da zero.

2
Manuale Utente Cittadino

13. Aggiungere altro minore dopo aver presentato già una


domanda
Una volta presentato e inviato una domanda per uno o più minori è possibile
presentare ancora domanda per altri minori.

Prendiamo il caso che sia già stata presentata domanda per un minore. Dopo
aver cliccato, dalla homepage, sul pulsante per creare una nuova domanda, si
viene reindirizzati alla pagina per la presentazione della domanda. In questo
caso è possibile visualizzare i dati inseriti per il minore (o i minori) per cui era
stata presentata domanda in precedenza. Questi dati non saranno modificabili,
ma solo consultabili.

Per inserire il nuovo minore, basta premere sul pulsante “Aggiungi Minore”.

A differenza di quando viene presentata domanda per la prima volta,


premendo sul pulsante “Avanti” non verranno richiesti i dati relativi alla
modalità di pagamento, ma direttamente alla pagina delle dichiarazioni;
verranno utilizzati i dati di pagamento inseriti al momento della prima
presentazione della domanda.

Nella pagina delle dichiarazioni, devono essere nuovamente accettate le


dichiarazioni sulla privacy e sul nucleo familiare; infine verrà presentata la
maschera di riepilogo dove saranno presenti i dati dei minori aggiunti.

2
Manuale Utente Cittadino

All’invio degli aggiornamenti della domanda, mediante il pulsante “Invia


schede”, viene chiesto se si è sicuri di voler inviare le schede aggiunte; se
confermato viene presentata domanda per il nuovo/i minore aggiunto.

2
Manuale Utente Cittadino

14. Consultare e gestire le domande presentate


Mediante questa funzione è possibile visualizzare tutte le eventuali domande
presentate, visualizzarne il dettaglio, modificare la modalità di pagamento,
oppure rinunciare alla domanda.

Alla funzione si accede dalla homepage mediante il pulsante Consulta e


gestisci le domande che hai presentato.

I principali dati visualizzati nella pagina sono:

N° Domanda: il numero identificativo e univoco della domanda;


Presentata da: codice fiscale del richiedente;
Data presentazione: giorno in cui la domanda è stata presentata;
Minore: codice fiscale del minore per cui è stata presentata domanda;
Altro genitore: codice fiscale dell’altro genitore (se presente);
Stato scheda: stato attuale in cui si trova la scheda del minore.

1. (da Sx verso Dx): Tasto per visualizzare il dettaglio della domanda


e tasto per modificare la modalità di pagamento;
2. Tasto per rinunciare alla domanda presentata.

Lo stato della domanda può cambiare


in qualsiasi momento, anche dopo
esser stata accolta.
Nota

3
Manuale Utente Cittadino

14.1 Visualizza dettaglio domanda


Mediante questa funzionalità è possibile visualizzare il dettaglio di una
domanda presentata.

I Dati in questo caso sono suddivisi in cinque sezioni:

1. Dati domanda: contiene i dati del richiedente, la modalità di


pagamento, i dati del minore o dei minori inseriti, riepilogo delle
dichiarazioni;
2. Allegati: contiene eventuali allegati associati alla domanda;
3. Provvedimenti/Ricevuta: mediante questo tab è possibile
visualizzare e scaricare sul proprio dispositivo il pdf del riepilogo e la
ricevuta;
4. Comunicazioni: contiene le eventuali comunicazioni ricevute per
SMS;
5. Pagamenti: contiene un riepilogo dei pagamenti ricevuti.

3
Manuale Utente Cittadino

14.2 Modifica modalità di pagamento


Tramite questa funzione è possibile modificare la modalità di pagamento
inserita al momento della presentazione della domanda.

Per accedere a questa funzione, si deve cliccare sul tasto “Modifica


modalità di pagamento” presente in Consulta e gestisci le domande che
hai presentato. Dopo aver cliccato il tasto, si viene reindirizzati alla pagina
per la modifica modalità pagamento; in questo caso sono visibili i dati
precedentemente inseriti alla presentazione della domanda.

Da qui possiamo modificare:

La modalità di pagamento;
Iban.

Una volta modificato la modalità di pagamento, si deve cliccare sul tasto


“Salva” per confermare le modifiche.

ATTENZIONE: se viene cliccato il tasto


“Indietro” senza prima aver salvato, si
perde le eventuali modifiche effettuate alla
modalità di pagamento

3
Manuale Utente Cittadino

14.3 Rinuncia alla domanda


Mediante questa funzione si può rinunciare alla domanda per un determinato
minore.

Una volta cliccato sul tasto “Rinuncia” compare un modale dove si deve
specificare, tramite una Combo box, per quale motivo rinunciamo alla
domanda per quel determinato minore.

I motivi di rinuncia presenti nella Combo box del modale sono due:

Perdita del diritto: si rinuncia alla domanda perché sappiamo di


averne perso il diritto. In questo caso, uno dei motivi, può essere la
perdita della residenza in Italia;
Specificare il motivo: se viene selezionato questo motivo compare
una text area dove si deve inserire una descrizione sul motivo per
quale si rinuncia alla domanda per quel minore.

Esempio modale di rinuncia

Una volta selezionato il motivo di rinuncia e l’eventuale descrizione del


motivo rinuncia, cliccare sul tasto “Conferma” del modale per confermare la
rinuncia alla domanda.

Una volta confermata la rinuncia è possibile verificarlo dalla pagina


consultazione domande presentate, controllando lo stato della domanda

3
Manuale Utente Cittadino

La seconda domanda come possiamo notare dallo stato è rinunciata

14.4 Aggiungere allegati


Mediante questa funzione è possibile aggiungere, ad esempio, un documento
sentenza di affido (Documento sentenza d’affido rilasciato dal tribunale)
richiesto quando viene presentata domanda come genitore affidatario/a o
tutore del minore oppure un documento di sentenza in cui si riconosce che il
richiedente è tutore del genitore, richiesto quando viene presentata
domanda come tutore/rappresentante legale/amministratore di sostegno del
genitore

Tali documenti devono essere allegati esclusivamente dal richiedente.

Dopo aver cliccato sul tasto “Aggiungi Allegati” si viene reindirizzati alla
pagina dove allegare i documenti richiesti.

3
Manuale Utente Cittadino

Cliccare su “Scegli file” per aggiungere il documento richiesto. Una volta


selezionato il file dal pc cliccare su “Salva Allegati” per salvare
correttamente l’inserimento del file.

L’allegato viene richiesto dal sistema,


nel caso l’atto legale non venisse
trovato in archivio.
Nota

ATTENZIONE: se viene cliccato il tasto


“Indietro” senza prima aver salvato,
l’allegato non verrà caricato.

15. Completare le domande presentate dall’altro genitore


Tramite questa funzione si può completare la domanda presentata dall’altro
genitore. In questo caso non si è il richiedente, ovvero colui che presenta la
domanda per l’assegno, ma il secondo genitore.

La principale funzionalità che si può effettuare come altro genitore, oltre a


quella di consultare i dati della domanda, è quella di aggiornare la modalità di
pagamento, ovvero è possibile decidere se confermare o no le richieste di
ripartizione dell’assegno fatte dal richiedente.

Dopo aver cliccato sul tasto “Aggiorna modalità di pagamento” si viene


reindirizzati alla pagina per la modalità di pagamento dell’altro genitore.

3
Manuale Utente Cittadino

Se il richiedente richiede l’assegno al 100%, come altro genitore è possibile


confermare la richiesta, selezionando SI, altrimenti si può non confermare
selezionando NO.

Se non viene confermata la richiesta, allora si dovrà inserire la modalità di


pagamento selezionando dove e come voglia essere pagati.

Se il richiedente richiede l’assegno al 50% per entrambi i genitori, allora è


possibile inserire solo la modalità di pagamento.

3
Manuale Utente Cittadino

16. Nuova domanda come tutore del genitore


Mediante questa funzione è possibile presentare domanda come tutore del
genitore.

Quando viene presentata domanda come tutore del genitore occorre allegare la
sentenza in cui si riconosce che il richiedente è il tutore del genitore (verrà
richiesta dal sistema una volta che la domanda è stata inviata ed elaborata).

Anche in questo caso, come quando viene presentata domanda come genitore,
genitore affidatario o tutore del minore, si devono effettuare 5 principali step:

1. Inserimento minore (Vedi Pag. 13);


2. Dati per il pagamento (Vedi Pag. 20);
3. Dichiarazioni di responsabilità (Vedi Pag. 21);
4. Riepilogo (Vedi Pag. 22);
5. Invia domanda (Vedi Pag. 24).

Per quanto riguarda l’inserimento dei dati del minore i campi da inserire sono:

1. Codice Fiscale Genitore: text area dove inserire il codice fiscale del
minore per cui stiamo presentando domanda;
2. Codice Fiscale Minore del Soggetto Tutelato: text area dove inserire
il codice fiscale del minore;
3. Minore del Soggetto Tutelato Disabile: radio button dove indicare se
il minore del soggetto tutelato è disabile o no;
4. Genitore separato e/o divorziato con minore in affido condiviso:
radio button dove indicare se il genitore per il quale presentiamo
domanda come tutore è separato e/o divorziato;
5. Codice Fiscale altro genitore (se presente): text area dove indicare
codice fiscale dell’altro genitore;
6. Modalità di ripartizione dell’assegno tra i genitori: radio button
dove indicare la percentuale di pagamento. Come richiedenti vogliamo il
pagamento al 100% per noi oppure al 50% con l’altro genitore (*).

3
Manuale Utente Cittadino

Per quanto riguarda l’inserimento della modalità di pagamento (Pag. 20), essa
è identica a quando viene presentata domanda come genitore, genitore
affidatario/a o come tutore del minore, ad eccezione del fatto che si deve
anche indicare l’intestatario dell’IBAN, ovvero se il pagamento viene effettuato
sull’iban del genitore (tutelato) oppure del richiedente (cioè del tutore).

Una volta indicata la modalità di pagamento, si deve confermare la lettura


dell’informativa e della dichiarazione, dopodiché è possibile inviare la domanda
e scaricare il riepilogo e la ricevuta.

In consulta e gestisci le domande presentate si può vedere la domanda


presentata come tutore del genitore.

La domanda sopra selezionata è una domanda presentata come tutore del genitore

Come si può notare quando viene presentata domanda come tutore del
genitore, a differenza di quando presentiamo domanda come genitore,
genitore affidatario o tutore del minore, per aggiungere un minore si deve
cliccare sul tasto “Aggiungi Minore” disponibile in consultazione domande.

3
Manuale Utente Cittadino

17. Riepilogo – la domanda in 5 passi


Come specificato e visto nel dettaglio nei capitoli precedenti, per presentare
domanda sono sufficienti 5 passi. La domanda per l’assegno ai figli deve essere
presentata da un genitore oppure un tutore nei casi previsti dalla legge.

1. Nella prima pagina si deve indicare tutti i dati del minore o dei minori
presenti nel nucleo familiare;
2. Nella seconda pagina si deve indicare le informazioni per il pagamento
dell’assegno;
3. La terza pagina è dedicata alla dichiarazione di responsabilità con cui il
richiedente attesta la veridicità dei dati riportati nella domanda;
4. Nella quarta pagina vengono riepilogate le informazioni inserite e infine è
visibile il tasto per inviare la domanda;
5. Pagina per scaricare ricevuta e riepilogo della domanda.

- I DATI SUI MINORI


Si deve inserire tutti i dati dei minori. Il dato principale da inserire è il codice
fiscale e si deve indicare se il minore è affetto da qualche tipo di invalidità così
da rendere possibile all’INPS il calcolo di un’eventuale maggiorazione. Si deve
specificare se i genitori sono separati o divorziati con affido condiviso. Si deve
indicare se nel nucleo è presente un altro genitore, e nel caso indicarne il
codice fiscale. In fine, si deve indicare se l’assegno deve essere ripartito in
misura uguale al 50% tra i due genitori. Nel caso di ripartizione al 50% il
secondo genitore deve integrare la domanda presentata dal primo genitore
inserendo i propri personali dati di pagamento.

- INFORMAZIONI SUL PAGAMENTO

L’assegno è cumulativo per tutti i minori presenti nel nucleo familiare, quindi le
informazioni devono essere inserite una sola volta. Per l’accredito la procedura
consente di scegliere tra pagamento in conto corrente bancario o postale,
libretto postale, conto corrente estero area SEPA o carta prepagata con iban.

- PRIVACY

Si deve dichiarare della presa visione dell’informativa sul trattamento dei dati
inseriti ai fini della privacy.

- DOMANDA RICEVUTA

Dopo aver inviato la domanda sarà possibile scaricare e stampare il riepilogo e


la ricevuta della domanda presentata.

3
Manuale Utente Cittadino

La procedura è resa tale da rendere facile muoversi all’interno


dell’istanza anche ai meno esperti. Viene consentita la
navigazione tra le diverse pagine, ovvero tornare alle pagine
precedenti e modificare eventuali errori o salvare la domanda
Nota in bozza prima dell’invio.

18. Faq

Da cittadino quali domande posso visualizzare?

Ogni cittadino può visualizzare e consultare solamente le domande da lui


presentate, presentate dal patronato oppure le domande presentate da un
altro genitore in cui il cittadino compare come secondo genitore.

Quali sono le condizioni reddituali per poter richiedere l’assegno?

Possesso di un indicatore ISEE che non supera i 50.000 euro. L’Isee deve
essere in corso di validità e non deve essere allegato alla domanda, la verifica
viene effettuata dall’INPS in automatico dopo la presentazione della domanda.
Qualora l’Isee non fosse presente o non valido si riceve un messaggio
trasmesso ai recapiti telematici.

Misura dell’assegno?

La misura dell’assegno varia al variare del livello ISEE e del numero dei figli
minori. L’importo assegnato viene maggiorato del 50% per ciascun figlio con
disabilità.

Compatibilità dell’assegno?

L’assegno è compatibile con il reddito di cittadinanza, con la fruizione di altre


misure economiche in favore devi figli erogate da regioni, Province di Trento e
Bolzano ed enti locali, nonché, fino all’attuazione dell’assegno universale (L.
46/21), con le misure ex art., c.1, lett. a) e b) della L.46 (assegno nuclei
familiari con almeno tre figli minori; premio alla nascita; bonus bebè;
detrazioni fiscali ex L.917/86). L’assegno temporaneo per i figli minori NON è
compatibile con l’ANF (L.153/88).

Potrebbero piacerti anche