Sei sulla pagina 1di 120

Giulia

GiuliadedeSavorgnani
Savorgnani

Chiaro!
corso di italiano

Guida per l’insegnante A2 ALMA


Edizioni
Firenze
Chiaro! A2, Corso di italiano, Guida per l’insegnante

Autrice: Giulia de Savorgnani

Direzione del progetto: Giovanna Rizzo


Redazione: Anna Colella, Carlo Guastalla, Euridice Orlandino, Chiara Sandri
Progetto copertina: Lucia Cesarone, Sergio Segoloni
Illustrazioni interne: Virginia Azañedo
Progetto grafico: Büro Sieveking
Impaginazione: Andrea Caponecchia

Printed in Italy
ISBN 978-88-6182-148-4

© 2011 Alma Edizioni - Firenze


Prima edizione: agosto 2011

L’editore è a disposizione degli aventi diritto con i quali non è stato possibile comunicare nonché per
eventuali involontarie omissioni o inesattezze nelle citazioni delle fonti.
I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento totale o parziale,
con qualsiasi mezzo (compresi microfilm e copie fotostatiche) sono riservati per tutti i paesi.

Alma Edizioni
Viale dei Cadorna, 44
50129 Firenze
Tel. +39 055476644
Fax +39 055473531
alma@almaedizioni.it
www.almaedizioni.it
Indice
Introduzione
La guida didattica .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
Le coordinate di Chiaro! .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
La filosofia di Chiaro! .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
La struttura del volume . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
La struttura delle unità – in sintesi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
La struttura delle unità – in dettaglio .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
Ancora più chiaro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
L’eserciziario .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
I CD. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28
Prima di andare in classe .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28

Lezione 1 .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
Lezione 2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
Lezione 3 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
Lezione 4 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59
Ancora più chiaro 1 .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66

Lezione 5 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67
Lezione 6 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 75
Lezione 7 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 83
Ancora più chiaro 2 .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90

Lezione 8 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91
Lezione 9 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 101
Lezione 10 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 109
Ancora più chiaro 3 .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 119


Introduzione
LA GUIDA DIDATTICA Chiaro! si rivolge a studenti senza conoscenze
pregresse che vogliano raggiungere i livelli di
Questa guida didattica vi accompagnerà competenza A1, A2, B1 del Quadro Comune
nell’insegnamento dell’italiano con Chiaro! A2 Europeo: ogni volume è dedicato a un livello.
spiegandovi dettagliatamente come lavorare in
classe e suggerendovi accorgimenti atti a miglio- Chiaro! A2 conduce dunque al livello A2 ed è
rare la dinamica di gruppo e a promuovere la composto da
motivazione degli allievi. Qui di seguito troverete x un libro dello studente
dunque x un eserciziario integrato nel libro
dello studente
• un’introduzione alla metodologia del manuale x un CD audio per la classe (allegato al libro
• indicazioni metodologiche per ogni attività dello studente)
(concetto didattico, obiettivo e procedimento) x un CD ROM allegato al libro dello studente
• la trascrizione degli input orali con le soluzioni dell’eserciziario, i brani audio
• le soluzioni degli esercizi del manuale dell’eserciziario, gli esercizi di fonetica e
• informazioni di carattere socioculturale e geo- materiale utilizzabile per lo studio autonomo
grafico utili nel corso delle singole unità x un fascicolo con le soluzioni delle attività
• suggerimenti per attività supplementari e contenute nell’eserciziario
procedimenti alternativi x la presente Guida didattica.

Sul sito di Alma Edizioni (www.almaedizioni.it) è Chiaro! A2 offre materiale didattico per tre
inoltre presente una sezione dedicata a Chiaro! semestri di 15 settimane con una frequenza di
ricca di materiali supplementari che integrano 90 minuti settimanali. Il corso è però abbastanza
e ampliano le proposte contenute nella Guida e flessibile da consentire adattamenti in base alle
che possono essere scaricate gratuitamente da esigenze delle diverse istituzioni e al profilo degli
insegnanti e studenti. utenti.

Con questo pacchetto di proposte e strumenti il Avvertenza:


team di Chiaro! spera di fornirvi un valido aiuto e Le parti nuove dell’Introduzione che si
vi augura buon lavoro. ­riferiscono al livello A2 sono state evidenziate
mediante il simbolo .
LE COORDINATE DI CHIARO!

Chiaro! è un corso in 3 volumi ideato per adulti


che studiano l’italiano presso scuole di lingua,
istituti di cultura, università e istituzioni analo-
ghe in Italia e all’estero. La concezione e la veste
grafica lo rendono tuttavia adatto anche a un
pubblico più giovane, come quello delle scuole
superiori.

 5
LA FILOSOFIA DI CHIARO! C
(utente competente)
x Chiaro! e il Quadro Comune Europeo di riferi-
mento per le lingue C1 C2
Efficacia Padronanza
Chiaro! persegue gli obiettivi didattici previsti dal
Quadro Comune Europeo per i livelli di compe-
Chiaro! conduce quindi lo studente dal contatto
tenza A1, A2, B1. Ogni volume è dedicato ad un
iniziale con la lingua a una prima autonomia
livello.
d’uso.
Che cos’è il Quadro Comune Europeo di riferimento?
Come viene “misurato” il livello di competenza
dello studente?
È un documento elaborato dal Consiglio d’Europa
con l’obiettivo di
Il Quadro Comune Europeo contiene scale per
• agevolare la comparabilità della formazione
la valutazione delle competenze acquisite dallo
linguistica nei paesi europei
studente a conclusione di ogni livello. Ecco per
• agevolare il reciproco riconoscimento delle
esempio la scala globale per il livello A2:
certificazioni linguistiche nell’ambito dell’UE
• fornire una base comune per l’elaborazione di
A2 Riesce a comprendere frasi isolate ed espres-
programmi, linee guida curricolari, esami, libri
sioni di uso frequente relative ad ambiti di
di testo, ecc.
immediata rilevanza (ad es. informazioni di
base sulla persona e sulla famiglia, acquisti,
Come si raggiungono questi obiettivi?
geografia locale, lavoro).
Sa comunicare in attività semplici e di
• Il Quadro Comune Europeo descrive le cono-
routine che richiedono solo uno scambio di
scenze e le competenze che gli studenti devo-
informazioni semplice e diretto su argomen-
no acquisire per poter comunicare nelle lingue
ti familiari ed abituali.
europee.
È in grado di descrivere in termini sempli-
• Esso fornisce descrittori che definiscono i
ci aspetti del proprio vissuto e del proprio
diversi livelli di competenza e consentono di
ambiente ed elementi che si riferiscono a
valutare i progressi nel processo
bisogni immediati.
d’apprendimento.
(da: Quadro comune europeo di riferimento per le lingue,
Quali sono i livelli di competenza previsti dal La Nuova Italia, Oxford, 2002)
Quadro Comune Europeo?
Ogni volume di Chiaro! contiene una griglia di
Il Quadro prevede tre macro-livelli di competen-
comparazione tra le competenze previste dal
za, ognuno dei quali è a sua volta suddiviso in
Quadro Comune Europeo e i contenuti del libro
due sottolivelli:
(Chiaro! A2: pag. 205).
A B
x Chiaro! e il Portfolio Europeo delle Lingue
(utente basico) (utente autonomo)
Chiaro! si ispira, in tutta la sua concezione, anche
A1 A2 B1 B2
al Portfolio Europeo delle Lingue.
Contatto Sopravvivenza Soglia Progresso

 6
Che cos’è il Portfolio Europeo delle Lingue (PEL)? di livello elementare, ma sufficiente alla soprav-
vivenza. Le funzioni comunicative introdotte in
• Il PEL è uno strumento ideato dal Consiglio ogni unità sono perciò quelle indicate dal Quadro
d’Europa sulla base del Quadro Comune per il secondo sottolivello (waystage), mentre gli
Europeo. elementi lessicali e morfosintattici sono quelli di
cui una persona ha bisogno per realizzare appun-
• Consiste in una serie di documenti personali
to tali atti linguistici (di volta in volta esplicitati
(Passaporto linguistico, Biografia linguistica,
nella pagina di apertura dell’unità). A questo
Dossier) che consentono allo studente di rac-
livello, i domini (o ambiti d’azione) maggiormen-
cogliere tutte le informazioni relative al suo
te interessati sono quello privato – che prevede
apprendimento delle lingue straniere e alle
ad esempio la capacità di narrare esperienze e
sue esperienze interculturali.
confrontare stili di vita – e quello pubblico, con
• Ha lo scopo di: funzioni orientate prevalentemente ai contatti
– sostenere e promuovere l’apprendimento sociali, alle transazioni e ai servizi di utilità quo-
linguistico in un’ottica di progressiva auto- tidiana.
nomia dello studente Poiché l’obiettivo è quello di mettere lo studente
– documentare le competenze linguistiche in semplicemente in condizione di “cavarsela” (pur
modo trasparente e dunque comparabile a con aiuti) nel mondo dell’italiano, la progressio-
livello europeo ne è, in tutti i settori, volutamente “dolce”. Ciò
– promuovere il plurilinguismo, la pluricultu- non toglie, però, che la lingua e la cultura venga-
ralità e la mobilità delle persone nell’UE. no presentate in forme e contesti assolutamente
autentici.
In quali parti di Chiaro! si ritrovano i principi del L’incontro con l’italiano sulle pagine di Chiaro!
PEL? avviene quindi a tutto campo: pur se a un livello
elementare, si cura infatti lo sviluppo di tutte
• Nell’ultima pagina di ogni lezione del manua- e quattro le abilità linguistiche fondamentali
le, specificamente dedicata al Portfolio, con (ascoltare, leggere, parlare e scrivere), accom-
test di autovalutazione basati sui criteri del pagnato dall’apprendimento delle strutture
Quadro Comune (rubrica intitolata Cosa sai morfosintattiche. Si dedica inoltre particolare e
fare? poiché il principio-guida del Quadro e del sistematica attenzione ad una quinta abilità: la
PEL è quello del “saper fare”) e attività riser- capacità di imparare (saper apprendere).
vate alle strategie di apprendimento (Come Testi ed esercizi mirati promuovono infine lo
impari?). sviluppo della competenza interculturale.
Facendo propria la filosofia del Quadro Comune
• Nella pagina Culture a confronto, presente in
Europeo, Chiaro! adotta un approccio didattico
ogni lezione e specificamente dedicata allo
orientato all’azione privilegiando compiti che
sviluppo della competenza interculturale.
richiedano l’interazione e la collaborazione fra
• Nell’ultima pagina di ogni lezione dell’eserci- studenti, come si vedrà analizzando gli elementi
ziario, che contiene un’attività per il dossier chiave.
personale dello studente.
Gli input orali
x L’approccio didattico di Chiaro! alla luce del
Quadro Comune Europeo e del PEL La tipologia degli input orali è stata selezionata
in base alle indicazioni del Quadro Comune per
In armonia con le linee guida del Quadro Comu- il livello A2. Essi sono costituiti prevalentemente
ne Europeo, Chiaro! A2 si propone di fornire allo da conversazioni faccia a faccia, di tipo privato
studente una conoscenza della lingua italiana o formale, e telefonate. Sono stati registrati da

 7
persone di madrelingua alle quali è stato chiesto • lo scopo di quest’attività NON è quello di capi-
di parlare con un ritmo e una velocità normali. re tutto, primo perché non è possibile e secon-
Poiché gli speaker provengono da diverse do perché non è realistico: quando si assiste ad
regioni, lo studente avrà modo di sentire accenti una conversazione, anche nella propria lingua
e cadenze di diverso tipo, abituandosi così fin madre, è normale che sfuggano dei particolari
dall’inizio alla varietà che caratterizza l’italiano • lo scopo di quest’attività è quello di abituare
parlato. In tre casi, inoltre, compaiono estratti di l’orecchio e la mente ai suoni dell’italiano: solo
trasmissioni radiofoniche: nell’unità 3 una breve ascoltandoli spesso si potrà imparare a ricono-
intervista, nella 7 informazioni sul traffico e nella scerli e a conferire loro un senso. Si tratta di un
8 un notiziario. vero e proprio allenamento e l’obiettivo sarà
Nella maggior parte dei casi i dialoghi non sono raggiunto se ognuno si sforzerà di capire ogni
stati trascritti nel libro o ne è stata riportata solo volta un po’ di più
una parte con la quale gli studenti dovranno • per allenarsi bene è importantissimo non fidar-
lavorare. Questa scelta nasce dal fatto che le si esclusivamente dell’orecchio perché l’acu-
attività di ascolto devono simulare la vita reale, stica può sempre ingannare, è indispensabile
“immergendo” lo studente in situazioni analo- perciò mettere in gioco la propria esperienza
ghe a quelle in cui può trovarsi in Italia in modo di vita (domandandosi per esempio: di che
che pian piano impari ad orientarsi e a cavarsela situazione si tratta? Cosa si dice di solito in una
da solo. La trascrizione completa dei testi orali situazione del genere?) e la propria fantasia
si trova nella presente Guida ad uso esclusivo • altrettanto importante è utilizzare le informa-
dell’insegnante. Si raccomanda di non fornirla zioni raccolte come “appiglio” a cui appoggiar-
agli studenti. A quegli studenti che dovessero si per associare altre idee, come se si dovesse
richiederla si risponderà che in classe non po- comporre un puzzle
tranno leggere il testo esattamente come nella • nello svolgere quest’attività gli studenti non
vita reale non possono vedere ciò che le persone saranno mai soli perché sono previste fasi di
dicono. La mancanza della trascrizione non è interazione con i compagni: si scambieranno le
quindi una “cattiveria”, bensì un aiuto: finché si informazioni raccolte, si aiuteranno a scioglie-
rimane legati alla parola scritta, infatti, non si re i dubbi, potranno fare insieme delle supposi-
può imparare a decodificare i suoni perché il cer- zioni da verificare durante l’ascolto successivo.
vello umano li elabora diversamente dai segni.
Lo sviluppo della comprensione orale richiede Sugli input orali si basa, di regola, una sequenza
tempo, pazienza ed esercizio. Chiaro! A2 propone di attività che inizia con un esercizio di
un approccio graduale a questa competenza ac- pre-ascolto e si conclude con la riutilizzazione
compagnato, nel Portfolio, da una riflessione sul- delle strutture introdotte.
le strategie che possono favorirne l’acquisizione.
Si raccomanda di dare l’opportuno spazio a tali
momenti di riflessione e di incitare i discenti ad
esercitarsi autonomamente con il CD ROM. Per
vincere eventuali resistenze e prevenire la fru-
strazione, sarà comunque opportuno evidenziare
l’efficacia di quest’attività e tranquillizzare gli
studenti dicendo loro che:

 8
Comprensione globale
Al primo ascolto, spesso preceduto da un’attività
introduttiva, lo studente si limita a cercare di
capire in quale contesto si svolge il dialogo e a
immaginare la situazione. A volte c’è una foto o
un disegno che facilita il compito.

11 Al mercatino ascoltare
CD > 34 a Quale foto si riferisce al dialogo?
Ascolta il dialogo e scegli.
1

CD > 34 b Riascolta e completa.


z Poi confrontati con un compagno.

Comprensione più dettagliata Questo mercato:

Per giungere a una comprensione più dettaglia­


si svolge nel periodo di __________________________
si svolge a ______________________________________
ta lo studente dovrà ricavare dall’ascolto infor­
2
l’uomo ha un amico che _________________________

mazioni via via più precise. Il dialogo è stato CD > 35 c Ora ascolta la seconda parte del dialogo.
Che cosa compra la donna? 3

spesso “segmentato” in modo che a ogni ascolto sì no forse sì no forse


y y y y y y
ci sia qualcosa di nuovo da scoprire.
un paio di orecchini una collana
un braccialetto y y y un cappello y y y
un berretto y y y
Lingua
d Associa le espressioni della lista ai significati. Che misura/taglia? Che numero?

10
Come mi stanno? | Ti sta benissimo. | Posso provare?
Che misura porti? | Mi sta male. | Sono d’argento?

chiedere di provare ___________________________________________________________


chiedere informazioni sul materiale ____________________________________________
chiedere un parere ___________________________________________________________
esprimere un parere positivo __________________________________________________
esprimere un parere negativo _________________________________________________
Analisi delle funzioni comunicative chiedere un’informazione necessaria per l’acquisto _____________________________

Le funzioni comunicative non vengono fornite g 12 Il mercatino in classe parlare, scrivere, leggere
bell’e pronte dall’insegnante: sarà lo studente Organizza un mercatino nella tua classe con i tuoi compagni!

stesso a ricavarle dal dialogo, spesso lavorando a Dividetevi in gruppi e decidete in quale ordine i gruppi esporranno e venderanno la propria
“merce” (per esempio, assegnate i numeri 1, 2, 3, eccetera: il gruppo n. 1 espone per primo).

1
insieme a un compagno. b Ogni gruppo decide che cosa vendere alla sua bancarella: chi sa realizzare qualcosa con le sue
mani? Chi possiede oggetti in buono stato che non usa più? Parlatene e scrivete, per ogni oggetto,
un cartellino con il tipo, la forma, il colore e il nome della persona che lo vende. Infine mettete tutti
i cartellini su un tavolo (sarà la vostra bancarella).
Lingua
c In base all’ordine deciso al punto a, ogni gruppo
espone la sua “merce”. Tutti gli altri sono i “clienti”.
I clienti leggono i cartellini, decidono che cosa comprare
e si rivolgono alle persone indicate per chiedere altre
informazioni ed effettuare l’acquisto. Quando il primo
e 11–16 gruppo ha venduto tutto si passa al secondo e così via.
d’oro di pelle di cotone di lana

115

Produzione
Gli studenti vengono subito invitati a utilizzare
le espressioni e strutture appena “scoperte”,
dapprima in una produzione semplice e guidata,
poi in attività via via più libere e un po’ più
impegnative.

Procedimento Fase 1 – Comprensione globale


Per evitare che subentri la “noia da routine” e per Si ascolta il dialogo per cercare di capire in quale
promuovere la motivazione degli studenti, si è contesto esso si svolge (p. es. formale o infor­
cercato di variare la tipologia delle attività abbi- male), per immaginare la situazione e/o per rica-
nate agli input orali. Con le registrazioni si lavora vare alcune informazioni generali. Nel libro sono
comunque in due fasi ben distinte che prevedono sempre presenti dei compiti, spesso basati su
modalità di svolgimento diverse. Qui di seguito una o più immagini perché la filosofia di Chiaro!
vi forniamo, per entrambe le fasi, le linee guida prevede di mettere in gioco tutte le modalità
generali che andranno di volta in volta integrate con le quali normalmente si percepisce la realtà.
con le indicazioni contenute nelle consegne delle Tali compiti hanno lo scopo di mantenere viva
attività e con le precisazioni fornite nelle pagine l’attenzione stimolando la curiosità: è importante
della Guida dedicate alle singole lezioni. che lo studente abbia, ad ogni ascolto, qualcosa

 9
di nuovo da scoprire perché così ascolterà con linguistiche ancora modeste. Avvertiteli che se
interesse e ricaverà automaticamente maggiore per caso non riescono a risolvere qualche quesi-
vantaggio dall’attività. Ed è importante che voi to, non devono farsene un cruccio: l’orecchio e la
facciate leva su questi compiti per presentare mente si allenano lo stesso. Perciò se capita che
l’attività di ascolto come una sfida coinvolgente nessuno sappia rispondere a una certa domanda,
e gratificante: se vi sembra opportuno, dite pure dite che non importa: non è la soluzione che con-
agli studenti che in questo modo possono ta, ma lo sforzo compiuto per arrivarci. Comun-
prendersi delle libertà che normalmente può que non fornite voi le soluzioni, ma cercate di
prendersi solo un bambino, per esempio quella di ottenerle dagli studenti facendo esporre le varie
dedicarsi a una spensierata caccia al tesoro in cui ipotesi fino a giungere a una soluzione condi-
si può sbagliare strada, tornare indietro e cercare visa (se qualcuno fornisce subito quella giusta,
una nuova via. chiedete comunque agli altri se sono d’accordo,
Fate dunque aprire il libro per leggere le conse- prima di dire che siete d’accordo anche voi). Se
gne relative al primo compito (si coprirà con un un quesito rimane in sospeso, date la soluzione
foglio tutto il resto) e accertatevi che esso sia solo se richiesta dagli studenti.
chiaro. Fate ascoltare il testo, raccomandando Qualche volta potrà essere opportuno comin-
agli studenti di servirsi degli stimoli visivi presen- ciare con un primo ascolto a libro chiuso: nella
ti nel libro per immaginare la scena. Nei casi in Guida troverete in tal caso apposite istruzioni.
cui il libro non presenti stimoli visivi, invitate gli
studenti a immaginare la situazione “proiettan- Fase 2 – Comprensione più dettagliata
dola” nella mente come se fosse una scena di un Qui si passa dal generale al particolare: gli
film. Dopo aver avviato il lettore CD, spostatevi studenti ascolteranno di nuovo la registrazione,
in un angolo: è importante che i discenti si con- lavoreranno con il dialogo, per esempio ricostruen-
centrino sul loro compito e non vengano distratti done una parte, rimettendo in ordine le battute
dalla vostra presenza. o ricavando alcune informazioni particolari, e
Finito il dialogo, formate delle coppie e chiede- infine verificheranno la propria soluzione con
te agli studenti di scambiarsi le informazioni; un nuovo ascolto. Il brano così ricostruito servirà
invitateli a fare delle supposizioni su quello che come base per l’analisi linguistica.
hanno sentito ricorrendo anche alla fantasia ed • Fate leggere le consegne e dopo esservi ac-
alla propria esperienza di vita, riflettendo cioè su certati che il compito sia chiaro, avvertite gli
che cosa si potrebbe fare e dire nella situazione studenti che lo dovranno svolgere, in un primo
che gli pare di aver identificato. Fate poi ascolta- momento, da soli (in silenzio).
re di nuovo affinché gli studenti abbiano modo • Fate ascoltare la registrazione: gli studenti
di verificare le ipotesi appena formulate. svolgono il compito individualmente.
Seguendo le indicazioni delle consegne, alterna- • Dite agli studenti di confrontare le proprie
te ascolto e socializzazione (ogni volta con nuove soluzioni con quelle di un compagno.
coppie) finché notate che c’è uno scambio di in- • Alternate ascolto e confronto fra compagni
formazioni reale e proficuo. Ricordate, soprattut- (possibilmente cambiando le coppie) finché
to per le registrazioni più lunghe, di far ascoltare notate che c’è disaccordo sulle soluzioni e che
il testo tutte le volte che gli studenti vorranno lo scambio d’idee è proficuo.
verificare le loro ipotesi. Non chiedete mai che • In plenum cercate di giungere a soluzioni
cosa non hanno capito: questa domanda genera condivise facendovele dire dagli studenti e,
solo frustrazione rovinando tutto il vostro lavoro se possibile, trascrivendole su un lucido o alla
di motivazione. Al contrario, mettete in risalto lavagna. In caso di proposte divergenti (o se
ciò che hanno capito, facendo loro notare come c’è totale accordo su soluzioni sbagliate: in
ci siano riusciti pur disponendo di conoscenze tal caso direte che non siete d’accordo voi),

 10
guidate gli studenti nel ragionamento fino Gli input scritti
a farli giungere ad una versione condivisa e
Anche la tipologia delle letture è stata selezio-
corretta. Date voi la soluzione solo se proprio
nata in base alle indicazioni del Quadro Comune
nessuno riesce a fornirla.
Europeo per il livello A2. E anche in questo caso
• Concludete l’attività con un ultimo ascolto.
si presenta una sequenza di attività in cui al di-
scente spetta il ruolo di protagonista “in azione”.

Pre-lettura Comprensione globale


Spesso basata sull’attivazione del Prima lettura sempre abbinata a un compito
lessico tematico e sullo scambio di preciso e mirato alla comprensione generale
idee con i compagni. del testo.

2 Avventure in spiaggia leggere


a Una foto non va bene per nessuna notizia. Quale?
2
3
1

1
ALGHERO – Momenti di agitazione nel tardo pomeriggio di lunedì, quando un bimbo di 4 anni
si è perso tra i bagnanti. Il bambino giocava con la sabbia, ma poi ha deciso di effettuare un tour sul
litorale, tra ombrelloni e sedie a sdraio. Immediato l’allarme lanciato dai genitori.
Dopo una decina di minuti gli uomini della Guardia Costiera, impegnati insieme ai Carabinieri nelle
ricerche, hanno ritrovato il bambino, che è tornato sorridente fra le braccia della mamma, final-

6
mente rilassata.

Imprevisti delle vacanze Boca do Mar è il nome di questa labrador di 3 anni che ieri ha vissuto la sua prima esperienza di
salvataggio in mare vicino a Tarquinia, in un tratto di spiaggia libera in località Sant’Agostino, in
provincia di Viterbo. Boca do Mar era con il proprio conduttore della Scuola italiana cani salvatag-
gio. Il cane ha visto un uomo che sembrava in difficoltà a causa della corrente, ha raggiunto insieme
al conduttore il bagnante e ha trainato l’uomo a riva con un salvagente chiamato «Baywatch».
Si è poi scoperto che l’uomo non era in difficoltà, ma i cani-bagnino quando vedono qualcuno in
acqua che alza le mani, cercano subito di tuffarsi per andarlo a prendere. Il bagnante ha pensato a
un’esercitazione e si è lasciato «salvare».
lavorare con il lessico
In questa lezione impari a: b Rileggi le notizie e trova tutte le parole legate alla spiaggia.

* raccontare eventi imprevisti


accaduti in vacanza mare
* descrivere un malessere fisico
spiaggia
* sostenere una breve conversazione corrente
k 1 Per iniziare dal medico e 1–2

Vai volentieri al mare? Perché sì o perché no? * chiedere e dare consigli sulla
Che cosa ti piace fare in spiaggia? 3
Parlane con alcuni compagni e scopri se potete
salute k È successo anche a te? parlare
andare in vacanza insieme. E a te è mai capitato qualche imprevisto in vacanza?
* capire le informazioni principali
O è capitato a una persona che conosci? Parlane con alcuni compagni.
del foglietto illustrativo di un
prendere il sole fare il bagno medicinale
giocare a bocce costruire castelli di sabbia
fare immersioni
61 62

Comprensione più dettagliata e analisi Sistematizzazione


Rilettura e analisi delle strutture linguistiche, Nella trattazione del lessico
in questo caso elementi lessicali. si dà molta importanza alla
sistematizzazione poiché
facilita la memorizzazione
dei vocaboli.
Produzione
Gli studenti vengono subito invitati
a utilizzare le espressioni e strutture
appena “scoperte” tramite attività
via via più libere e articolate.

 11
Per la lettura valgono le considerazioni già fatte che cosa potrei aspettarmi di leggere in un
più sopra per l’ascolto. Tenete conto che davanti testo di questo tipo?
alla pagina stampata lo studente sarà più che • non è un aiuto, invece, il glossario che si trova
mai tentato di voler capire ogni parola: per evi- nel CD ROM: consultarlo eventualmente per
tare che ciò accada, sarà bene stabilire un tempo chiarire ogni parola nuova è anzi un errore che
massimo per lo svolgimento del compito (calco- lo studente commette a proprio danno, prima
lato di volta in volta in base alla lunghezza e alla di tutto perché la consultazione interrompe
difficoltà del testo nonché alle caratteristiche il flusso di lettura e quindi anche il processo
della classe, facendo in modo che gli studenti, mentale di comprensione, e poi perché in que-
pur leggendo senza stress, non abbiano tempo sto modo ci si autoimpedisce di sviluppare la
di soffermarsi sui singoli vocaboli). Occorrerà propria capacità di deduzione
preparare con cura gli studenti a quest’attività • fra le strategie di comprensione ha un ruolo di
facendo presente che primo piano la fantasia che, unita alla capa-
• lo scopo NON è quello di capire tutto, primo cità di deduzione, potrà aiutare lo studente
perché non è possibile e secondo perché non è a ricavare il significato di vocaboli ignoti con
necessario: per cogliere il significato generale l’ausilio del contesto in cui essi compaiono
di un testo non occorre identificare tutte le • esattamente come accade quando si legge
parole nella propria lingua madre, nel corso del tem-
• lo scopo di quest’attività è semplicemente po sarà necessario sviluppare strategie di com-
quello di abituare l’occhio e la mente a “distri- prensione diverse in base alle caratteristiche
carsi” fra i segni dell’italiano: soltanto mi- del testo: un depliant turistico, per esempio, si
surandosi con essi di frequente è possibile legge per scopi e con metodi differenti rispetto
sviluppare le strategie adatte a decodificarli. Si a un articolo di giornale
tratta quindi di un vero e proprio allenamento • anche per la lettura sono previste fasi di intera-
e l’obiettivo sarà raggiunto se ognuno si sfor- zione e perciò ogni studente potrà sempre
zerà di capire ogni volta un po’ di più contare sull’aiuto dei compagni.
• per allenarsi bene è importantissimo concen-
trare la propria attenzione innanzi tutto su ciò Lo sviluppo della comprensione della lingua scrit-
che si capisce e non su ciò che non si capisce. ta richiede tempo, pazienza ed esercizio. Chiaro!
Raccomandate dunque agli studenti di non A2 propone quindi un approccio graduale a que-
cominciare subito a sottolineare le parole a sta competenza e, nel Portfolio, riflessioni sulle
loro ignote (come fanno di solito): se proprio strategie che possono favorirne l’acquisizione.
vogliono sottolineare qualcosa, sottolineino
pure le parti che riescono a comprendere Procedimento
• altrettanto importante è utilizzare le informa- La tipologia delle attività abbinate agli input
zioni raccolte e le parole chiave che si scoprono scritti è varia; in Chiaro! A2 compare, fra l’altro, la
come “appiglio” a cui appoggiarsi per asso- lettura differenziata (p. es. Lez. 3, punto 5), che fa
ciare altre interpretazioni, come se si dovesse leva sul gap informativo per stimolare la curio-
comporre un puzzle sità e lo sforzo di comprensione. Compiti volti
• un ulteriore aiuto può venire dagli elementi a mantenere viva l’attenzione sono comunque
formali caratterizzanti: indicazioni relative alla sempre presenti e sarà importante sfruttarli per
fonte e all’autore, titoli e sottotitoli, intesta- aiutare gli studenti a diventare lettori sempre
zioni, ecc. È indispensabile mettere in gioco la più autonomi. Qui di seguito vi forniamo alcu-
propria esperienza di vita per cercare di iden- ne linee guida generali che andranno di volta
tificare, innanzi tutto, il genere di testo che si in volta integrate con le indicazioni contenute
dovrà affrontare e poi chiedersi per esempio: nelle consegne delle attività e con le precisazioni

 12
fornite nelle pagine della Guida dedicate alle formare ogni volta nuove coppie e di far chiu-
singole lezioni. dere il libro durante lo scambio) finché notate
• Riproducete l’attività di prelettura su lucido che c’è uno scambio di informazioni reale e
e proiettatela alla parete (o copiatela alla proficuo: ciò vale soprattutto per quelle lezioni
lavagna) affinché gli studenti si concentrino su in cui i testi sono un po’ più lunghi.
quest’attività a libro chiuso, evitando così che • Come nelle attività di ascolto, anche in questo
comincino già a leggere il testo. Oppure fatela caso evitate di chiedere agli studenti che cosa
svolgere dopo che gli studenti avranno coper- non hanno capito, bensì mettete in risalto ciò
to con un foglio tutto il resto. che hanno capito facendo notare come ci sia-
• Dite agli studenti che dovranno leggere un te- no riusciti pur disponendo di conoscenze lin-
sto, individualmente e in silenzio, per farsene guistiche ancora modeste e come, pian piano,
un’idea generale: sottolineate che si tratta di siano in grado di affrontare letture sempre più
concentrarsi esclusivamente sul contenuto impegnative e una gamma di generi testuali
e sul suo significato complessivo, lasciando sempre più varia. Non fornite voi le soluzioni,
perdere le parole e le forme nuove che even­ ma cercate di ottenerle dagli studenti facen-
tualmente si incontrano. do esporre le varie ipotesi fino a giungere a
• Se possibile, riproducete su lucido o sulla lava- una soluzione condivisa (se qualcuno fornisce
gna il primo compito affinché esso sia chiaro subito quella giusta, chiedete comunque agli
prima che gli studenti comincino a guardare il altri se sono d’accordo prima di dire che siete
testo. Quindi annunciate il tempo a disposizio- d’accordo anche voi).
ne.
• Invitate gli studenti ad aprire il libro e a legge- Le produzioni
re. Mentre lo fanno, tenete d’occhio l’orologio Come si è visto più sopra, ogni sequenza di
in modo da poter rispettare i tempi da voi stes- attività basata su input orali o scritti prevede
si stabiliti. momenti di produzione. Nell’ottica di un approc-
• Scaduto il tempo, dite agli studenti di chiudere cio didattico orientato all’azione, Chiaro! dedica
il libro (se qualcuno non lo fa, invitatelo gen- inoltre ampio spazio a compiti che prevedono
tilmente – magari scherzosamente – ma con l’interazione e collaborazione fra gli studenti e
fermezza a seguire l’esempio dei compagni). richiedono l’impiego di diverse abilità combinate
• Formate quindi delle coppie e chiedete agli fra loro.
studenti di scambiarsi le informazioni (sempre
in base al compito ricevuto); invitateli a fare
delle supposizioni ricorrendo anche alla
fantasia ed alla propria esperienza di vita, ma 4 Vorrei delle informazioni. scrivere

senza rileggere il testo (se cogliete qualcuno a


Vuoi affittare uno degli alloggi descritti a pagina 98.
Lingua
Scrivi un’e-mail e chiedi se l’alloggio è libero nel
casavacanza@info.it =
periodo che ti interessa. Chiedi inoltre informazioni
casavacanza – chiocciola – info –

sbirciare intervenite, anche in questo caso con


sui servizi e gli accessori importanti per te.
punto – i – ti
www.almaedizioni.it =

gentile – e magari scherzosa – decisione).


vu – vu – vu – punto – almaedizioni –
punto – i – ti

• Quando notate che alcune coppie hanno finito CD > 25


5 Aldo e Teresa
a Aldo e Teresa vanno in un’agenzia immobiliare.
ascoltare

di parlare, richiamate l’attenzione di tutti e


Perché? Ascolta il dialogo e scoprilo.
Compito
CD > 26
individuale/di coppia o mini-gruppo
b Adesso ascolta il dialogo completo e rispondi alle domande.

invitateli a leggere il testo ancora una volta Incentrato Qualidi solitodevesu


caratteristiche un’abilità
avere l’alloggio che cercanospecifica.
Aldo e Teresa? A conclusione di
Quale alloggio tra quelli a pagina 98 vogliono vedere? E quando vanno a vederlo?
una sequenza basata su un input scritto si ha di regola una
(fissando un limite di tempo), poi invitate gli produzione scritta
z 6 Le nostre esigenze(come in questo caso). Partendo da un
parlare

studenti ad un nuovo scambio di informazioni input orale si avrà invece una produzione orale.
In vacanza cerchi le stesse cose che hai a casa tua?
Cosa devono offrire l’alloggio e la località?
Parlane con un compagno e scopri se avete qualcosa in comune.

con il medesimo compagno (a libro chiuso). Silenzio | Servizio completo | Compagnia | Divertimento

• Seguendo le indicazioni delle consegne, alter- z 7 Le case? Le ho viste in agenzia. scoprire la grammatica

nate lettura e socializzazione (ricordando di


CD > 27 a Unisci le frasi di sinistra a quelle di destra. Poi confrontati con un compagno.
Alla fine ascoltate e verificate.

stabilire un tempo massimo per la lettura, di Per quest’anno teniamo la camera in albergo
Prima ho visto degli annunci,
li ho letti nella bacheca lì in vetrina.
quest’anno non l’abbiamo portato.
Vorremmo portare il cane, perché l’abbiamo prenotata.

b Osservate l’ultima lettera dei participi: con cosa concorda?


E che cosa notate a proposito dei pronomi lo, la, li ? Discutene insieme.


c Ora completate la regola.
Quando il passato prossimo si costruisce con avere e c’è un pronome come la, lo, li o le:
13
i pronomi lo e la diventano l’. y restano uguali. y
i pronomi li e le diventano l’. y restano uguali. y
l’ultima lettera del participio concorda con ____________________.

100
_______ armadio _______ armadi ______ casa quelle case
_______ tavolo _______ tavoli ______ uscita ______ uscite

e 12–13 _______ scaffale quegli scaffali

k 14 Che bella casa!

9
Bello funziona come quello: si dice, per esempio, un bel posto, una bella casa.
Lavora con alcuni compagni. Pensate a quello che si vede fuori e dentro una casa e fate dei
complimenti a catena: uno fa un complimento, il vicino lo ripete e aggiunge un complimento
diverso. Se si fa un errore o si ripete un complimento già fatto, si ricomincia da capo.
Quale gruppo riesce a fare la catena di complimenti più lunga senza errori?
Esempio:
e 14 A: Che bella casa! B: Che bella casa e che bel giardino!

15 Il mio profilo scrivere, leggere e parlare studente deve avere la possibilità di esprimersi
a Vuoi sperimentare anche tu il “couchsurfing”.
Prepara il tuo profilo per la pagina web. Compila le seguenti rubriche:
informazioni generali, descrizione personale, lingue, interessi, musica/libri/film, liberamente, senza sentirsi controllato o valutato
informazioni sul divano (e sulla casa).

e
g b Leggi i profili degli altri compagni: da chi vorresti andare?
Trova la persona adatta e chiedile più informazioni sulla sua casa.
dall’insegnante: solo così infatti troverà il corag-
gio di “fare esperimenti”, commettendo errori e
15–17

riformulando quanto detto. Sarà bene eviden-


ziare con chiarezza questo punto facendo una
netta distinzione fra le produzioni che richiedono
105
correttezza morfosintattica e prevedono dunque
una correzione “ufficiale” e le produzioni libere:
queste ultime non prevedono la partecipazione
Compito di gruppo
Incentrato sull’uso integrato di diverse abilità, richiede
dell’insegnante, che dovrà limitarsi ad organiz-
l’interazione e la collaborazione fra gli studenti e prevede la zare l’attività (per esempio formando le coppie
realizzazione di un “prodotto” comune. Un’attività di questo o i gruppi in maniera oculata), fissare il tempo
tipo conclude ogni lezione. Compiti di gruppo si trovano
inoltre nelle unità di ripasso (vedi sotto: Ancora più chiaro). per lo svolgimento e tenersi a disposizione come
consulente. Dopo aver dato il via all’attività,
provvederete perciò a sistemarvi in un punto
Produzione orale dell’aula che vi consenta di non disturbare il
La tipologia delle produzioni orali è stata selezio- lavoro degli studenti e di segnalare, nel contem-
nata in base alle indicazioni del Quadro Comune po, la vostra disponibilità a rispondere a qualsiasi
Europeo per il livello A2. Gli obiettivi comunica- domanda.
tivi previsti sono specificati nell’indice generale Per lo svolgimento seguite dunque le istruzioni

1
e nella prima pagina di ogni unità. Le produzioni del manuale e le indicazioni della presente
sono sempre contestualizzate, legate al tema Guida, ricordando di dire agli studenti che posso-
dell’unità e di tipo analogo all’input-modello. no rivolgersi a voi in qualsiasi momento a patto
Sulla base di un certo input si ha, di solito, prima che lo facciano in italiano.
una produzione guidata e controllata (o un
esercizio di tipo comunicativo) e più avanti una Produzione scritta
produzione libera vera e propria. Alcune hanno La tipologia delle produzioni scritte è stata
un’impostazione più pragmatica, come quando selezionata in base alle indicazioni del Quadro
si tratta per esempio di informarsi sugli orari Comune Europeo, che per questa competenza
ferroviari o di chiedere consigli per una gita prevede, a livello A2, obiettivi più modesti
fuori porta (lezione 2), altre invece coinvolgono rispetto a quelli previsti per la produzione orale.
lo studente in modo più personale, altre anco- Tali obiettivi sono specificati nell’indice generale
ra hanno una connotazione ludica. Si è cercato e nella prima pagina di ogni unità. Le produzioni
comunque di offrire una gamma abbastanza sono sempre contestualizzate, legate al tema
ampia di attività orali nella convinzione che sia della lezione e di tipo analogo all’input-modello.
necessario invitare lo studente ad esprimersi
fin dal principio nella lingua che sta studiando, Procedimento
per quanto scarse o addirittura minime pos- La produzione scritta chiede allo studente di
sano essere le sue conoscenze. Sarà, infatti, mettere in gioco le proprie conoscenze lin­
proprio lo sforzo che compirà per raggiungere guistiche con una precisione ed un’accuratezza
un determinato obiettivo comunicativo con i maggiori rispetto alla produzione orale. Essa ri-
suoi modesti mezzi a consentirgli di acquisire chiede anche un livello di progettazione più alto
progressivamente sicurezza e scioltezza nell’uso e dunque più tempo. Chiaro! A2 presenta perciò
della lingua. Per poter raggiungere tale scopo lo un approccio molto graduale a quest’attività e la

 14
propone spesso all’interno dei compiti di gruppo riassuntiva, perciò si trovano normalmente alla
(vedi sotto), in modo da sfruttare al massimo la fine della lezione e prevedono in genere due fasi
collaborazione fra compagni di corso. Questo di lavoro: prima la realizzazione di un “prodotto”
tipo di collaborazione può essere favorito svol- in gruppo e poi la presentazione del risultato in
gendo la correzione in classe con il seguente plenum. Per lo svolgimento seguite le indicazioni
procedimento: del manuale e della presente Guida avendo cura
• formate delle coppie, appena possibile (cioè di formare i gruppi in maniera oculata. Coordina-
appena cominciate a conoscere un po’ gli te i lavori con particolare puntiglio organizzando
studenti), non a caso: fate in modo di mettere anche lo spazio in maniera opportuna affinché
insieme due persone che si possano realmente tutti i gruppi possano lavorare alacremente sen-
aiutare (per esempio evitando eccessivi dislivel- za però disturbarsi a vicenda. Mentre gli studenti
li e tenendo conto della dinamica di gruppo) “producono” potrete mettere una musica di
• invitate i partner a leggere insieme i loro testi, sottofondo e vi sistemerete, come sempre, in un
prima uno e dopo l’altro punto dell’aula che vi consenta di non disturbare
• dite che ognuno ha il compito di fare delle pro- il lavoro e di segnalare, nel contempo, la vostra
poste per il miglioramento del testo scritto dal disponibilità a rispondere a qualsiasi domanda.
partner, il quale, a sua volta, dovrà riflettere Prestate poi particolare attenzione alla presenta-
per decidere se accettare o no tali proposte zione dei prodotti realizzati, secondo le modalità
• specificate che sono ben gradite vivaci discus- di volta in volta previste, tenendo debito conto
sioni sui consigli dati e che se i partner non della conformazione dell’aula e dedicando a
riescono a mettersi d’accordo possono inter- questa fase abbastanza tempo: per gli studenti
pellare voi come “arbitri” si tratta di un appuntamento fisso che segna il
• sistematevi in un punto dell’aula che vi con- raggiungimento di un traguardo nel processo
senta di non disturbare il lavoro delle coppie e d’apprendimento ed è importante che ciò venga
di segnalare, nel contempo, la vostra disponi- messo in evidenza. Fate dunque in modo che sia
bilità a rispondere a qualsiasi domanda. un momento di condivisione e di gratificazione
per il lavoro svolto, creando un’atmosfera rilas-
Le produzioni scritte individuali si potranno sata e sottolineando i progressi compiuti.
svolgere in classe o assegnare come compito a
casa. Seguite comunque le istruzioni del manua- La grammatica
le e le indicazioni della Guida tranquillizzando gli La progressione grammaticale di Chiaro! è
studenti circa il prodotto da realizzare: stanno “dolce” e prevede la trattazione dei temi a più
facendo degli “esperimenti linguistici”, ciò che riprese, in modo da garantire un ampliamento
conta è soprattutto lo sforzo volto ad attivare graduale e accessibile anche a studenti che non
tutte le proprie conoscenze per raggiungere un abbiano grande dimestichezza con lo studio
determinato obiettivo. In quanto esperimento, della grammatica. Le strutture morfosintattiche
il risultato non potrà essere perfetto, ma si può vengono presentate in forma contestualizzata,
imparare a scrivere solo scrivendo. Per favorire cioè partendo dai testi e tenendo conto delle
la distensione potrete mettere un sottofondo esigenze comunicative degli studenti.
musicale a basso volume, dopo aver chiesto agli Per questo motivo, alcuni elementi vengono pre-
studenti se non li disturba. sentati dapprima solo dal punto di vista lessicale,
in modo che gli studenti possano rapidamente
Compiti di gruppo impadronirsi di espressioni e funzioni utili alla
Le attività di questo tipo, che prevedono l’uso comunicazione.
integrato di diverse abilità, hanno una funzione

 15
Input
Si parte da un testo (in questo caso scritto).
8 Vorrei… scoprire la grammatica

Analisi funzionale
a Rileggi le seguenti frasi tratte dai messaggi. In quale frase:
1 si esprime un desiderio? 3 si chiede un consiglio?
Individuandone la funzione comunicativa, 2 si dà un consiglio? 4 si indica una possibilità/si fa un’ipotesi?

lo studente si concentra sugli elementi che Vorrei andare in Svizzera.


Dove potrei andare?
| Ti consiglierei di usare la carta di credito.
| Io andrei a Ginevra. | Mi consigliereste qualche posto carino?

poi verranno analizzati dal punto di vista


Potresti venire in Ossola. | Vorrei organizzare qualche gita. | E così faresti questo giro.
Potresti visitare Bellinzona.

grammaticale. z b Lavora con un compagno. Rileggete con attenzione i verbi del punto a e completate.
___________ andare ➞ ___________
___________ avere ➞ avrei
consiglier- ebbe dovere ➞ dovrei
prender- emmo potere ➞ ___________

Analisi grammaticale guidata


partir- ___________ essere ➞ sarei
ebbero fare ➞ farei
dare darei
Sempre in collaborazione con un compagno,

stare ➞ starei
venire ➞ verrei
lo studente analizza gli elementi evidenziati. volere ➞ ___________

z c Come si forma il condizionale presente dei verbi regolari? Che cosa noti a proposito dei verbi irregolari?
e 7–11 Discutine con un compagno.

Formulazione di una regola 9 In gita con la Vigezzina parlare

Sulla base dell’analisi precedente lo k Leggi i testi. Quale proposta preferiresti? Perché? Parlane con alcuni compagni.

studente formula una regola, seguendo Ferrovia panoramica Domodossola – Locarno

una traccia che lo guida. Lago Maggiore Express Madonna del Sasso

Fatevi coinvolgere dal In treno sino a Locarno e con


fascino del Lago Maggiore la funicolare al Santuario
e delle Centovalli della Madonna del Sasso

Applicazione pratica A piedi In bicicletta

Gli studenti vengono subito invitati a Passeggiate e facili


escursioni tra le stazioni
In treno sino a Camedo e
con la bicicletta scendere
mettere in pratica le strutture appena della ferrovia a Pontebrolla

scoperte in esercizi guidati di tipo 10 Mi daresti un consiglio? scrivere e leggere


comunicativo e/o ludico. a Un tuo amico italiano ha in programma un viaggio a tappe e vorrebbe fare una gita
di un giorno in una regione che tu conosci bene. Che cosa gli consiglieresti?
Pensa a una zona che conosci e scrivi le tue proposte (o un breve percorso).
g b Leggi ora le proposte dei tuoi compagni. Quale gita ti piacerebbe fare? Dillo alla classe.

Produzione libera
Le strutture trovano poi applicazione in 22

produzioni più libere.

Procedimento zialmente come agili strumenti di consultazione


Le fasi di lavoro appena illustrate vanno svolte per gli studenti (per esempio durante le produzio-
nell’ordine previsto, seguite perciò le indicazioni ni), NON come luogo deputato alla spiegazione
del libro tenendo conto delle precisazioni fornite delle regole.
dalla Guida nelle pagine dedicate alle singole Mettono a fuoco la grammatica anche la pagina
lezioni. Per la fase di formulazione di una rego- Grammatica e comunicazione alla fine di ogni
la invitate gli studenti a lavorare in coppia. Poi unità (vedi Struttura delle unità), la tabella verbi
fatevi dettare la soluzione e trascrivetela nel in terza di copertina e la grammatica sistema-
testo che avrete riprodotto su lucido (o copiato tica a pp. 188 – 204, dove la morfosintassi viene
alla lavagna). La classe intera avrà il compito trattata in modo “compatto”, cioè in base ai temi
di controllare la correttezza di ciò che si andrà e non in base all’ordine in cui essi compaiono
scrivendo. Chi non è d’accordo dovrà fare contro- nelle lezioni (cui però si rimanda con un apposito
proposte. Se ci sono divergenze (o se c’è totale simbolo): in tutti i casi si tratta di pagine desti-
accordo su soluzioni sbagliate: in tal caso direte nate essenzialmente alla consultazione e non al
che non siete d’accordo voi), guidate gli studenti lavoro in classe.
nel ragionamento fino a farli giungere ad una Ulteriori strumenti di lavoro per l’insegnante e
versione condivisa e corretta. Date voi la solu- per lo studente si trovano nel CD ROM (vedi I CD).
zione solo se proprio nessuno riesce a fornirla e
lodate lo sforzo compiuto anche nei casi in cui
vengano proposte soluzioni sbagliate.
Gli specchietti Grammatica, che evidenziano
elementi morfosintattici, sono concepiti essen-

 16
v Su quale tratta di autostrada del punto 7b erano in viaggio queste persone?
v Che cosa hanno fatto dopo aver sentito le notizie sul traffico?
v Dove sono adesso?

CD > 21 b Riascolta e segna le risposte corrette.


Le persone vogliono
denunciare
y il furto di uno zaino,
y lo smarrimento
y in un autogrill.
avvenuto y a un distributore di benzina.
y in un centro commerciale fuori dall’autostrada.
y in un parcheggio.
CD > 22 c Che cosa c’era nello zaino?
Ascolta la seconda parte del dialogo e segna gli oggetti citati.

Il lessico
Nell’ambito di una progressione “dolce”, Chiaro!
A2 dedica molto spazio ad attività incentrate sul
7 in fasi di ampliamento. Le attività di questo tipo,
hanno, di volta in volta, diverse funzioni. Per lo
lessico. Esse compaiono tanto in fasi di preascol- svolgimento seguite le indicazioni dellamanuale
scoprire grammatica e
to/prelettura quanto in fasi di analisi dei testi e della presente Guida.
b Completa la frase con la parola mancante.
Il ciambellone è un dolce semplice e buono. Il ciambellone va bene per la colazione.
Il ciambellone è un dolce semplice e buono ___________ va bene per la colazione.
«La moda anni ’70» | «TV a zampa d’elefante» | «La febbre del sabato sera»
c La parola che hai inserito è un pronome relativo. Evidenzia nei testi del
punto a tutti gli altri che e rifletti: a che cosa si riferisce questa parola in ogni frase?
B ________________________________________ e 3 Che funzione ha? E quale caratteristica particolare ha?

Chi non ha mai visto o comunque sentito parlare del mitico film «Saturday Night
9 fever»,
Com’è?la febbre del sabato sera?! John Travolta con i pantaloni stretti sopra e larghi
lavorare con il lessico 7 Di maiale o di vitello? lavorare con il lessico
sotto, i pantaloni a zampa, e la moda anni ’70 inizia proprio dai pantaloni a zampa a Inserisci nello schema le espressioni della lista.
a Associa le forme o caratteristiche agli oggetti nello zaino (punto 8c).
d’elefante… e ai pantaloni a zampa si aggiungono le gonne molto corte (mini-
gonne),
quadratoi miniabiti,
| tondo |ma anche le gonne
rettangolare molto lunghe.
| triangolare | ovale E| poi colori| forti
leggero e contra-
pesante | rigido | morbido prezzemolo | al forno | di manzo | in padella | zafferano
stanti fra loro e disegni geometrici, i fiori enormi oppure piccoli piccoli, i cerchi, origano | di vitello | in casseruola | rosmarino | di pollo
le linee… Un altro motivo era un disegno come una goccia d’acqua… Fra gli acces-
k b Lavora con alcuni compagni. Fate una lista di oggetti per ogni forma o caratteristica del punto a.
sori
Vincec’erano
il gruppoi mitici
con la occhiali a goccia oppure occhiali molto grandi, i foulard, gli
lista più lunga. semi di finocchio
e 6–8
orecchini a forma di cerchio. C’era poi la mania del Loden e, in contrasto, si vedeva
indosso ai giovani «alternativi» l’eskimo, il famoso cappotto in tessuto verde di maiale
militare… basilico aromi
75 carne

Far affiorare
c Rileggi ilconoscenze
tuo testo, poi lavora con unpregresse e sistematizzarle.
z b Parla con un compagno del tuo gruppo: avete scelto lo stesso titolo?
z compagno dell’altro gruppo:
di che cosa parla il suo testo?
z d Leggi l’altro testo e verifica le informazioni ricevute. cottura
Quali foto di pagina 27 assoceresti ai testi che hai letto? Parlane con un compagno. alla griglia

6 Stile anni Settanta lavorare con il lessico


z a Rileggi il testo B e completa la tabella insieme a un compagno.
scrivere e parlare

Ampliarepoi confrontati
e sistematizzare ilassaggiato
lessico tematico.
z b Conosci un altro piatto o prodotto italiano? Scrivi una breve definizione,
capi d’abbigliamento accessori colori fantasie con un compagno. Avete mai questa specialità?
e 4–5 Dove? Quando? Vi è piaciuta?
disegni geometrici

8 La panzanella lavorare con il lessico


a Come si possono utilizzare questi ingredienti?
Associa i verbi ai disegni. Ingredienti
z b Associate le espressioni della lista ai capi di abbigliamento.

chiaro | corto | (colore) forte | largo | (colore) pastello | scuro | stretto | lungo 12 fette di pane toscano (senza sale), scuro e
11 Che sole! Che mare! lavorare
raffermo, possibilmente con
cotto nel il lessico
forno a legna;
z 11 Un treno tutto rosso
pantaloni ____________________________________________________________ leggere
CD > 30 aceto
a Secondo te, quali espressioni della lista esprimono stupore etoscano (di vino);
quali dispiacere?
agonna
Lavora con un compagno. Che cos’è il “trenino rosso”? Fate delle ipotesi.
____________________________________________________________
Parlane con un compagno. Poi ascoltate e verificate. olio extravergine
z di oliva;
bcamicia/camicetta
Ora leggete e verificate. ____________________________________________________________
200 g. di pomodori rossi,
Che stretta questa strada! | Che bello! | Però, che panorama!
colore ____________________________________________________________
Un treno che fa 60 chilometri in due ore e mezza? Sì, è lento, ma per molti è il treno più bello del Ah, che meraviglia! | Mi dispiace. | Peccato… 1 cipolla rossa,
z mondo:
c Con glichi sale sudel
aggettivi questi vagoni
punto rossianon
b provate pensa
formare al tempo,
alcune coppiema a godersi il paesaggio. È il Bernina
di contrari.
Express, nato nel 1910 e familiarmente chiamato Trenino Rosso, che viaggia tra la Valtellina e i 1 cetriolo, basilico,
b Che cosa dici in queste situazioni? Reagisci con Mi dispiace,
Grigioni
__________________ ≠ __________________
lungo un percorso affascinante: __________________ ≠ __________________
sale, pepe.
Peccato o Che… + una delle parole della lista (o un aggettivo del punto 10b).
parte da Tirano (Sondrio), sale fi no
__________________ ≠ __________________
ai __________________ ≠ __________________ 54
boschi della Val Poschiavo, arriva ai ghiac- bello | brutto | grande | piccolo | meraviglia | peccato | panorama | vista
k ciai del Bernina
d Unitevi e poi
a un’altra scende nell’Enga-
coppia.
dina, fino a St.
Confrontate Moritz.
le liste È un mezzo
del punto diche
6a e 6b: tra-cosa va di moda anche oggi?
e 4–5
sporto perfettamente inserito nella natura v Vai a trovare un’amica che abita in Toscana, in un casale sulle colline in mezzo agli uliveti.
e perciò dal 2008 Patrimonio mondiale L’ amica ti mostra la casa.
30 dell’Unesco. Ed è il modo più bello di attra- v Hai trovato una casa per le vacanze che ti piace molto, ma il proprietario ti dice che è già
versare le Alpi: comodamente seduti nel
Introdurre lessico nuovo e sistematizzarlo.
prenotata per il periodo scelto.
vagone panoramico, magari di notte, con
la luna e con le guide che salutano perso- v Volevi andare a trovare un amico al mare, ma è successo un imprevisto e devi dirgli che
nalmente i turisti e raccontano le storie di rinunci.
queste montagne. È come andare a teatro v Hai prenotato un appartamento per le vacanze tramite Internet: in fotografia era molto bello.
e vedere uno spettacolo indimenticabile. e 11 Adesso arrivi e scopri che non ti piace.

9
12 Le parole… del treno lavorare con il lessico

2
12 Vacanze low cost parlare
a Senza guardare il testo del punto 11, associa i verbi alle espressioni.
Poi rileggi il testo e verifica la soluzione. Far riflettere
z
sull’uso contestualizzato di particolari
a Secondo te, che cosa potrebbe pubblicizzare questa foto? Discutine con un compagno.

__________________ sui vagoni


tra la Valtellina e i Grigioni arrivare
espressioni e formule.
__________________

__________________ da Tirano partire


attraversare
__________________ fino ai boschi
salire (2)
__________________ ai ghiacciai
scendere
__________________ nell’Engadina
viaggiare
__________________ le Alpi

z b Insieme a un compagno costruisci ora delle nuove espressioni con i verbi del punto a e le parole
della lista. Se necessario, usate a, da, fino a, in, tra, su (con o senza l’articolo).
Sono possibili vari abbinamenti, anche diversi da quelli del punto a.
Vince la coppia che formula più espressioni corrette in 5 minuti.

e gli Appennini | binario 2 | Cagliari | l’Italia e la Svizzera | treno | seconda classe | una valle
12

13 Un treno per due paesi parlare, scrivere e leggere

Farkriflettere su tuo collocazioni e problemi


a Conosci una ferrovia internazionale (o un altro percorso
originale) nel paese o in un altro paese? Parlane in gruppo. grammaticali
perfetto ➞ perfettamente annessi.
Lingua

Raccogliete informazioni e preparate un breve depliant turistico. comodo ➞ comodamente


g b Ogni gruppo presenta il suo prospetto e la classe sceglie quello veloce ➞ velocemente
più originale. familiare ➞ familiarmente
e 13-15 personale ➞ personalmente

Pur essendo concepite per assolvere di volta in solo così lo studente avrà la possibilità di crearsi
103
23

volta a una funzione specifica, le attività legate pian piano l’abito mentale adatto ad affrontare
al lessico hanno in comune un obiettivo a lungo il percorso. Le attività incentrate sul lessico non
termine: far sì che gli studenti si abituino a lavo- vanno dunque considerate singolarmente, ma
rare non su singoli vocaboli, ma su unità di signifi- come tessere di un mosaico che si estende lungo
cato, cioè combinazioni di parole che acquistano tutti e tre i volumi di Chiaro!. Lo studente potrà
un senso in base al contesto e al modo in cui inoltre costruirsi un percorso individuale usando
gli elementi vengono combinati. A tale meta il CD ROM (vedi i CD).
ci si avvicinerà a piccoli passi, ma è importante
mettersi in cammino sin dal principio perché
 17
Gli stimoli visivi
Chiaro! A2 è ricco di stimoli visivi (foto, disegni,
4 Il linguaggio dei treni
suggerimenti pratici si trova nel paragrafo dedi-
lavorare con il lessico
documenti autentici, pubblicità) che non hanno
Associa i simboli alle descrizioni corrispondenti.
8
cato alla pagina iniziale dell’unità (vedi Struttura

una pura funzione decorativa, 
ma
 sono conce- dell’unità).
1 Treno Eurostar Italia Alta Velocità
2 Treno Eurostar Italia
7 
3

Treno Espresso

piti come veri e propri strumenti didattici. Una Ulteriori indicazioni metodologiche per i singoli
4 Treno Regionale
9
5

Treno Intercity 6

3
6

Prenotazione obbligatoria 
­riflessione su questo tema corredata da alcuni casi si trovano nella guida didattica.
7 Servizio “periodico”
8 Si effettua nei giorni lavorativi (dal lunedì al sabato)


9 Si effettua nei giorni festivi
10 Carrozza letti
11
 
11 Carrozza cuccette 
12 Treno con ristorante


13 Treno con servizio bar
14 Treno con servizio di trasporto biciclette al seguito del viaggiatore
15 Servizio auto e moto al seguito 
5 L’ orario ferroviario leggere
Guarda l’orario. Quale treno prendi nelle situazioni sotto?
MEMORARIO m mmmmm mmmmm m mm 6 L’automobile lavorare con il lessico

2
4 a a 5 1 1 8
Firenze - Lucca 6602 11796 1792
23530
3044 11798 3046 6604 6606 11800 3048 6556 3050 6608 3052 6610 3112 11790 6378 3054
Trova nel testo a pagina 72 le parole che riguardano l’automobile
proviene da Arezzo Arezzo Arezzo Chiusi Arezzo e completa il disegno.
Firenze C.Marte * 6.48 7.02 7.17 7.39 7.48 8.15 10.16
Firenze S.M.N. ** 6.47 7.17 7.08 7.38 7.47 8.08 8.38 8.47 9.08 9.47 10.08 10.38 11.38
Firenze Statuto 6.53 7.21 7.44 7.53 8.20 10.21
Firenze Rifredi 6.53 6.58 7.25 7.15 7.26 7.45 7.52 7.53 7.58 8.15 8.24 8.45 8.53 9.15 9.53 10.15 10.28 10.44 11.45 cofano parabrezza volante sedile specchietto retrovisore finestrino
Firenze Castello 6.57 7.03 7.31 7.57 7.57 8.03 8.29 8.57 9.57 10.32
Zambra 7.00 7.34 8.00 8.00 8.06 8.32 9.00
Sesto Fiorentino 7.04 7.10 7.21 7.37 7.51 8.04 8.04 8.10 8.21 8.36 8.51 9.04 9.21 10.01 10.21 10.36 10.51 11.51
Il Neto 7.07 7.13 7.40 8.07 8.07 8.13 8.39 9.07
Pratignone 7.10 7.16 7.43 8.10 8.10 8.17 8.42 9.10
Calenzano 7.13 7.19 7.46 8.13 8.13 8.20 8.46 9.13
Prato Centrale 7.18 7.23 7.37 7.29 7.51 7.59 8.18 8.18 8.24 8.29 8.51 8.59 9.18 9.29 10.09 10.29 10.43 10.59 11.59
Prato P. al Serraglio 7.22 7.33 7.55 8.03 8.22 8.22 8.33 9.03 9.22 9.33 10.12 10.33 11.03 12.03
Prato Borgonuovo 7.25 8.25 8.25 9.25 10.16
Montale Agliana 7.31 8.01 8.08 8.31 8.31 9.08 9.31 10.22 11.08 12.08
Pistoia 7.38 7.45 8.08 8.17 8.38 8.38 8.45 9.17 9.38 9.45 10.30 10.45 11.16 12.17
Serravalle Pistoiese 8.21 9.21 12.21
Montecatini Terme
Montecatini Centro
8.02
8.05
8.29
8.33
9.02
9.05
9.29
9.33
10.02
10.05
11.02 12.29
paraurti
11.05 12.33
Borgo a Buggiano 8.38 9.38 12.38
Pescia 8.12 8.52 9.12 9.52 10.12 11.12 12.52
Montecarlo S. S. 9.02 10.02 13.02
Altopascio 8.20 9.07 9.20 10.07 10.20 11.20 13.07 targa
Porcari 9.12 10.12 13.12
Tassignano C. 9.16 10.16 13.16
Lucca 8.30 9.21 9.30 10.21 10.30 11.30 13.21
*Campo di Marte; **Santa Maria Novella

1 Sei a Prato, è martedì e vuoi andare a trovare un amico alle Terme di Montecatini.
Vuoi partire fra le 8.00 e le 9.00 da Prato Centrale. Che treno prendi? A che ora arrivi? e 3
sportello
2 Sei a Firenze per lavoro, è giovedì e devi incontrare dei colleghi a Prato. La riunione comincia alle 9.00
Documenti e deviautentici
scendere a Prato Borgonuovo. Da quale stazione di Firenze parti? A che ora?
7 In autostrada lavorare con il lessico
Aiutano ad orientarsi
Che treno prendi? e aoramuoversi con disinvoltura in
3 Sei a Pistoia, e vuoi fare una gita a Lucca. Vuoi arrivare entro le nove e mezzo per visitare la città in
giornata. A che arrivi? a Associa i simboli ai significati.

­situazioni
e 4 comunicative
Che treno prendi? A che ora arrivi?tipiche della vita quotidiana.
4 Sei in vacanza a Firenze, è domenica e degli amici di Altopascio ti hanno invitato a pranzo.
y entrata/uscita chiusa y vento 3
y frana y ghiaccio 1
2

y incidente y lavori in corso


19
y obbligo di catene y traffico intenso/coda
8
6
4 7

5
b Avete indovinato? Guardate la pubblicità e verificate. leggere
ascoltare
Chi legge, si vede. CD > 20 b Ascolta le notizie sul traffico: quali problemi ci sono? Dove?
Associa i simboli del punto a alle tratte autostradali.

___ A 4 Brescia-Padova ___ A 1 Milano-Bologna ___ A 1 Milano-Napoli ___ A 3 Napoli-Salerno

parlare
z c Che cosa fai quando incontri problemi di questo genere? Esci dall’autostrada?
e 4–5 Ti fermi a un autogrill? Ti metti in coda e cerchi di avere pazienza? Parlane con un compagno.

il miglior modo per non 74


il miglior modo per non
rimanere senza tiparole.
rimanere senza parole.
piace, arricchirti
Se leggi puoi svagarti con quello che Se leggi puoi svagarti con quello che ti piace, arricchirti
con quello che ti interessa e informarti con quello che
non sai. Perché tutte le persone parlano di cose e saperle
è meglio che non saperle.
con quello che ti interessa e informarti con quello che
non sai. Perché tutte le persone parlano di cose e saperle
è meglio che non saperle.

2 Chi legge, si vede. leggere Illustrazioni


Pubblicità
a Leggi le seguenti opinioni inviate al sito Internet di un quotidiano.
Qual è il tema della discussione? Disegni e foto forniscono la base per attività lessicali di
Consente un incontro
y Il quotidiano in classe
con l’italianità, stimola la fantasia e vario tipo.
favorisce un con
y Informarsi approccio “leggero” alla lettura.
il web o solo sul web?
y Giornali, quotidiani e periodici

29 aprile 2010 di Giovanni Frison


quotidiano
Secondo me, oggi il web è sicuramente molto più utilizzato di un
giornali, non si
cartaceo (nazionale o locale). Purtroppo, a parte i siti Internet dei
inserire notizie
sa mai esattamente se le notizie sono vere, perché tutti possono
il web è molto utilizzato per aspetti non da poco:
a volte anche false. Comunque
è gratis, comodo e pratico.

26 aprile 2010 di Tiziana Parisi


comprarsi
È giusto usare il web, però per informarsi su fatti importanti è meglio
in più e perdere
un quotidiano cartaceo che limitarsi a Internet, spendere un euro
sono
5 minuti per leggere vari articoli perché sulla stampa le informazioni
vario; ma alcune
strutturate in modo migliore. È vero che il web è più veloce e più
siti Internet
volte io preferisco far riferimento a un giornale che consultare vari
non conosciuti o poco attendibili.

86

 18
LA STRUTTURA DEL VOLUME tico e degli elementi morfosintattici introdotti
nell’unità
Ogni volume di Chiaro! contiene • ascolti supplementari
• regole di fonetica ed esercizi per la pronuncia
• 10 lezioni di 10 - 12 pagine ciascuna • dossier con attività ispirate ai temi della
• un eserciziario integrato lezione
• 3 unità di ripasso (Ancora più chiaro)
• 3 test Elementi grafici caratterizzanti
• una grammatica sistematica
• una griglia di comparazione fra il Quadro • I seguenti simboli aiutano ad orientarsi fra le
­Comune Europeo e i contenuti del libro varie parti del volume:
• un fascicolo con le soluzioni delle attività
­contenute nell’eserciziario CD > 01 rimanda alla registrazione da
• una tabella con le coniugazioni verbali. ascoltare nel CD audio

CD ROM >07 rimanda alla registrazione da
Chiaro! A2 contiene inoltre una pagina dedicata
ascoltare nel CD ROM
al lessico utile per la comunicazione in classe
(p. 8, Gli oggetti della classe). e 1 rimanda al punto corrispondente
dell’eserciziario
attività da svolgere in coppia
LA STRUTTURA DELLE UNITÀ – IN SINTESI
attività da svolgere in piccoli gruppi
Libro dello studente attività da svolgere con tutta la classe
Ogni unità è costituita da 10 - 12 pagine costante-
nella pagina Grammatica e comu-
mente articolate nel seguente modo:
nicazione rimanda alla grammatica
sistematica
• pagina iniziale con gli obiettivi didattici, una
foto e un’attività introduttiva nel Portfolio rimanda alle attività
• 6 - 8 pagine con input orali e scritti, esercizi di della lezione appena conclusa
fissaggio e attività comunicative
• pagina interculturale con attività dedicate al x Nelle unità del libro dello studente ricorrono
dialogo fra le culture inoltre i seguenti specchietti:
• pagina di sintesi delle strutture grammaticali
e funzioni comunicative Lingua
• pagina Portfolio con test di autovalutazione e Evidenzia particolarità lessicali.
strategie di apprendimento
Grammatica
Eserciziario Evidenzia particolarità
Ogni unità è costituita da 6 pagine che conten- morfosintattiche.
gono i seguenti elementi:

• numerosi e vari esercizi di consolidamento


delle funzioni comunicative, del lessico tema-

 19
LA STRUTTURA DELLE UNITÀ – IN DETTAGLIO

x La pagina iniziale

La prima pagina di ogni unità è costituita da quattro elementi:

una suggestiva foto, che


costituisce la base per
l’attività introduttiva

il titolo, che chiarisce il tema


centrale dell’unità L’Italia in festa 10
In questa lezione impari a:

* fare e ricambiare auguri

* parlare di feste e tradizioni gli obiettivi didattici


popolari
principali dell’unità, che
rendono lo studente fin
* invitare qualcuno a un evento
l’attività introduttiva k 1 Per iniziare
dall’inizio consapevole
* accettare o rifiutare un invito
abbinata alla foto, che Osserva la foto. Che cosa vedi?
Secondo te, di che cosa si tratta? Fai delle ipotesi e discutine
e fare controproposte

serve ad entrare in tema con alcuni compagni. * esprimere un’intenzione e partecipe del processo
* comprare vestiti o accessori
in un mercatino
di apprendimento. Essi
ricompaiono nel test di
autovalutazione alla fine
109
dell’unità, in modo da
chiudere il cerchio.

La pagina iniziale in classe Motivare


La pagina iniziale è concepita principalmente L’obiettivo primario è quello di favorire la moti-
come introduzione al tema dell’unità; ciò non vazione facendo appello ai fattori di carattere
toglie che la fotografia si possa usare anche più emotivo-affettivo che influenzano l’apprendi-
tardi, per esempio per ripetere il lessico o per mento, infatti
attività di produzione.
La foto, che occupa tre quarti della pagina, e • l’immagine permette allo studente di immer-
l’attività Per iniziare costituiscono un tutt’uno gersi in una atmosfera italiana
che persegue essenzialmente due obiettivi: moti-
• lo stimolo visivo, caratterizzato da colori e mo-
vare e facilitare.
vimento, libera la fantasia e aiuta così anche i
discenti tendenzialmente meno creativi

 20
• la foto e l’attività ad essa abbinata chiamano • l’attività introduttiva prevede spesso l’utilizzo
in causa l’esperienza di vita e la conoscenza della foto per l’attivazione di lessico rilevante
del mondo di cui gli studenti dispongono, costruendo così un “ponte” di passaggio verso
aumentando così il coinvolgimento personale l’attività successiva.
• la pagina iniziale, nel suo complesso, fornisce • la pagina iniziale offre dunque un ingresso arti-
implicitamente elementi di civiltà italiana che colato e graduale nell’unità che il docente potrà
accrescono l’interesse dello studente. ulteriormente arricchire “modellandolo” sulle
caratteristiche e sulle esigenze della classe.
Facilitare
Il secondo obiettivo è quello di facilitare l’ap- Procedimento
proccio al tema dell’unità e l’avvicinamento alle Esistono molti modi per utilizzare la foto e
nuove strutture linguistiche, infatti l’attività iniziale: potrete, per esempio, trasfor-
mare la foto in un puzzle (fotocopiandola e rita-
• l’atmosfera che si viene a creare contribuisce gliandola opportunamente) o in un indovinello
ad abbattere le “barriere”, a diminuire la paura per la classe (coprendola e mostrandola a pezzi);
del nuovo, cui si andrà incontro non con timo- oppure potrete fare perno sull’esperienza di vita
re ma con curiosità degli studenti e/o sui loro ricordi personali; o
ancora lavorare sulla fantasia e sulle libere asso-
• l’appello al vissuto e all’enciclopedia personale
ciazioni… Nelle pagine dedicate alle singole unità
del discente attiva un meccanismo mentale
troverete di volta in volta suggerimenti mirati,
che fa affiorare le conoscenze pregresse
ma nulla vi impedisce di inventare altri proce-
dimenti: l’importante è che teniate sempre ben
presenti i due obiettivi illustrati più sopra.

x Le pagine centrali

Le 6- 8 pagine successive a quella iniziale sviluppano il tema centrale considerandone almeno
due aspetti, che schematicamente possiamo riassumere in questo modo:

1 L’italiano è bello! Y Studiare l’italiano - La lingua italiana


2 Viaggiare in treno Y Viaggiare in treno - Il trasporto ferroviario
3 Epoche e mode Y La moda - Stili di vita del passato
4 Il ritmo della vita Y La musica - I sogni d’infanzia
5 Cibo come cultura Y Alimentazione e ritmi di vita
6 Imprevisti delle vacanze Y Al pronto soccorso - Eventi imprevisti
7 Vacanze in macchina Y In viaggio in auto - Al commissariato
8 E tu come ti informi? Y I mezzi d’informazione - Scenari futuri
9 La vacanza è di casa Y Affittare una casa per le vacanze - Tipologie di vacanze
10 L’Italia in festa Y Feste e tradizioni popolari - In giro per mercatini

 21
Queste 6 - 8 pagine • consentono di esercitare tutte e quattro le
• servono a introdurre, analizzare e riutilizzare il abilità linguistiche
lessico, le funzioni comunicative e le strutture • iniziano sempre con l’attività 2 e si concludono
morfosintattiche contestuali al tema centrale sempre con un compito finale, da svolgere in
e ai sottotemi trattati piccoli gruppi o con tutta la classe, che mira a
• presentano input orali e scritti opportunamen- riprendere e riutilizzare tutto ciò che si è impa-
te alternati rato nel corso dell’unità mettendo in gioco in
• contengono esercizi di fissaggio guidati, attivi- modo integrato diverse abilità linguistiche
tà comunicative libere, giochi • presentano una struttura che consente a do-
centi e studenti di orientarsi facilmente:

Orientarsi con i colori


Ogni lezione è caratteriz­
Indicazione del tipo di
zata da un certo colore z 11 Un treno tutto rosso leggere attività
che si ritrova non solo nel a Lavora con un compagno. Che cos’è il “trenino rosso”? Fate delle ipotesi.
Quest’indicazione:
riquadro con il numero b Ora leggete e verificate.

• conferisce ordine e
dell’unità al margine
Un treno che fa 60 chilometri in due ore e mezza? Sì, è lento, ma per molti è il treno più bello del

sistematicità alla
mondo: chi sale su questi vagoni rossi non pensa al tempo, ma a godersi il paesaggio. È il Bernina
Express, nato nel 1910 e familiarmente chiamato Trenino Rosso, che viaggia tra la Valtellina e i
della pagina, ma anche in Grigioni lungo un percorso affascinante:
parte da Tirano (Sondrio), sale fino ai struttura della lezione
tutti gli elementi grafici boschi della Val Poschiavo, arriva ai ghiac-
ciai del Bernina e poi scende nell’Enga-
• facilita l’orientamento
strutturanti (numerazione dina, fino a St. Moritz. È un mezzo di tra-
sporto perfettamente inserito nella natura
a docenti e studenti
delle attività, sottopunti, e perciò dal 2008 Patrimonio mondiale
dell’Unesco. Ed è il modo più bello di attra-
• rende trasparenti gli
simboli, ecc.). versare le Alpi: comodamente seduti nel

obiettivi didattici delle


vagone panoramico, magari di notte, con
la luna e con le guide che salutano perso-
nalmente i turisti e raccontano le storie di
queste montagne. È come andare a teatro
e vedere uno spettacolo indimenticabile.
singole attività e la
concatenazione delle
12 Le parole… del treno lavorare con il lessico attività nell’ambito della

2
Chiara strutturazione a Senza guardare il testo del punto 11, associa i verbi alle espressioni.

delle attività Poi rileggi il testo e verifica la soluzione. lezione


I sottopunti sono chiara­
__________________ sui vagoni
tra la Valtellina e i Grigioni arrivare
• rende lo studente con­
sapevole e partecipe del
__________________

mente indicati ed evidenziati __________________ da Tirano


attraversare
partire

tramite il colore.
__________________ fino ai boschi
ai ghiacciai
salire (2) processo d’apprendimento
• rende più semplice e
__________________
scendere
__________________ nell’Engadina
viaggiare
__________________ le Alpi
rapida la preparazione
z b Insieme a un compagno costruisci ora delle nuove espressioni con i verbi del punto a e le parole
della lista. Se necessario, usate a, da, fino a, in, tra, su (con o senza l’articolo). da parte del docente.
Sono possibili vari abbinamenti, anche diversi da quelli del punto a.

Modalità di lavoro e Vince la coppia che formula più espressioni corrette in 5 minuti.

forme di cooperazione e gli Appennini | binario 2 | Cagliari | l’Italia e la Svizzera | treno | seconda classe | una valle
12

Segnalazione dell’uso
Quest’indicazione: 13 Un treno per due paesi parlare, scrivere e leggere
integrato di varie abilità
• facilita al docente la
k a Conosci una ferrovia internazionale (o un altro percorso Lingua
originale) nel tuo paese o in un altro paese? Parlane in gruppo. perfetto ➞ perfettamente
È una caratteristica speci­
preparazione della
Raccogliete informazioni e preparate un breve depliant turistico. comodo ➞ comodamente
g b Ogni gruppo presenta il suo prospetto e la classe sceglie quello veloce ➞ velocemente
fica ma non esclusiva del
lezione e la gestione più originale. familiare ➞ familiarmente
e
compito finale.
13-15 personale ➞ personalmente

della classe. 23
• aiuta lo studente a
orientarsi anche in
caso di attività
movimentate. Compito finale
L’ultima attività della lezione è sempre costituita da un compito finale da
eseguire generalmente in due fasi: realizzazione in piccoli gruppi e successiva
Rimando all’eserciziario presentazione dei risultati all’intera classe. Qui gli studenti devono riutilizzare
Costante indicazione tutto ciò che hanno imparato nel corso dell’unità.
degli esercizi che si possono
svolgere fino a questo punto.

 22
x Culture a confronto culturali: lo studente potrà rapportare il proprio
“mondo” a quello degli italiani per riflettere su
Questa pagina è specificamente dedicata entrambi, rendendosi conto, fra l’altro, anche dei
all’interculturalità. Non si tratta, infatti, della reciproci stereotipi (consapevolezza intercultura-
classica rubrica che riguarda gli usi e i costumi le). La coscienza delle somiglianze e delle diffe-
d’Italia, ma di una serie di attività contestualiz- renze fra le due culture consentirà inoltre allo
zate che consentono allo studente di mettere studente di muoversi con maggiore disinvoltura
la cultura italiana in relazione con la propria in Italia evitando anche le tipiche “trappole” che
cultura d’origine al fine di individuare differenze lo possono indurre a comportarsi in modo ina-
e somiglianze. In questo modo si va oltre la pura deguato o a commettere una gaffe (competenza
trasmissione e conoscenza di informazioni socio- interculturale).

Contestualizzazione
Partendo dai temi trattati Culture a confronto
nell’unità, si mette a fuoco La lingua del corpo
di volta in volta un aspetto a Guarda i disegni e parlane con alcuni compagni. Insieme rispondete alle domande.

o una situazione rilevante Quali di questi comportamenti sono accettati e quali sono considerati scortesi nel vostro paese?
In quali situazioni?

dal punto di vista


interculturale.

b c

6 d
e f

Dialogo e confronto
Si invitano gli studenti a
Immagini discutere mettendo a
Disegni, foto e documenti confronto la cultura
autentici di altro tipo italiana con la cultura
facilitano la comprensione, d’origine. Quest’attività
g
liberano la fantasia, i
risulterà ancora più ricca
“sciolgono” la lingua e di spunti se in classe
h

favoriscono la b Secondo voi, ci sono delle differenze fra l’Italia e il vostro paese? saranno presenti persone
comunicazione. di diverse nazionalità.
68

Procedimento ecc. Poiché lo sviluppo della competenza inter-


Le attività verranno svolte dapprima dagli stu- culturale è parte integrante della formazione
denti, in coppia o in gruppo, seguendo le indica- linguistica, Chiaro! A2 propone queste attività in
zioni del manuale. Alla fine riprenderete la guida lingua italiana; spetterà tuttavia a voi valutare
della classe per concludere l’attività in plenum: la necessità di eventuali chiarimenti nella lingua
raccoglierete i risultati del lavoro di gruppo affin- madre degli studenti. Informazioni specifiche
ché diventi patrimonio comune (e magari fonte sui temi trattati si trovano in questa Guida nelle
di ulteriori discussioni e approfondimenti), chiari- pagine dedicate alle singole lezioni.
rete eventuali dubbi, fornirete altre informazioni,

 23
x Grammatica e comunicazione si trovano invece nella grammatica sistematica
alle pp. 188 - 204. All’inizio del corso informate
Questa pagina riassume schematicamente tutte dunque gli studenti che queste pagine sono
le strutture linguistiche comparse nel corso destinate principalmente allo studio autonomo e
dell’unità ed è concepita come strumento di ra- illustratene la struttura.
pida consultazione; le spiegazioni vere e proprie

Strutture morfosintattiche
Grammatica e comunicazione
Le tabelle presentano in for­ Bisogna + infinito ➞ 7.3 Volerci + indicazione di tempo ➞ 7.3
Per andare a Parma con l’Eurostar (non) bisogna Con il Frecciarossa ci vuole 1 ora.
ma compatta e schematica cambiare a Bologna. Con il regionale ci vogliono 3 ore.

tutti gli elementi morfosin­ Gli interrogativi ➞ 8 L’aggettivo qualche ➞ 5

tattici introdotti nel corso Rimando alla grammatica


Quanto ci vuole per arrivare a Napoli? Ho fatto qualche gita.
Da che binario parte il treno per Napoli? Mi puoi consigliare qualche posto carino?

della lezione. Qualche significa un po’ di/alcuni ed è invariabile.


Il sostantivo che segue qualche è sempre al
sistematica
Il condizionale presente ➞ 7.4.1
singolare. Consente agli studenti
forme regolari di trovare facilmente le
consigliare prendere partire finire (pres. -isc-)
(io)
(tu)
consiglierei
consiglieresti
prenderei
prenderesti
partirei
partiresti
finirei
finiresti
spiegazioni grammaticali
(lui, lei, Lei)
(noi)
consiglierebbe
consiglieremmo
prenderebbe
prenderemmo
prenderebbe
partiremmo
finirebbe
finiremmo
relative ai vari argomenti.
(voi) consigliereste prendereste partireste finireste
(loro) consiglierebbero prenderebbero partirebbero finirebbero

forme irregolari ➞ vedi tabella in terza di copertina

2
essere ➞ sarei andare ➞ andrei venire ➞ verrei
stare ➞ starei avere ➞ avrei volere ➞ vorrei
dare ➞ darei dovere ➞ dovrei
fare ➞ farei potere ➞ potrei

Gli avverbi in -mente ➞ 2.2


comodo ➞ comoda ➞ comodamente familiare ➞ familiar(e) ➞ familiarmente
perfetto ➞ perfetta ➞ perfettamente personale ➞ personal(e) ➞ personalmente
veloce ➞ velocemente

ottenere informazioni in stazione esprimere un desiderio

Funzioni comunicative Quando parte il prossimo treno per Venezia?


Da che binario parte il treno per Bologna?
Vorrei organizzare qualche gita fuori porta.

Qui si riassumono, con Quanto costa il biglietto di prima/seconda classe?


Quanto ci vuole per arrivare a Milano con
chiedere un consiglio

alcuni esempi, le funzioni


Mi consigliereste qualche posto carino?
l’ Eurostar?
dare un consiglio
comunicative presentate acquistare un biglietto allo sportello in stazione
v Un biglietto per Firenze, per favore.
Ti consiglierei di usare la carta di credito.

nel corso dell’unità. v Andata e ritorno?


v No, solo andata.
fare una supposizione
Io andrei a Ginevra.
E così faresti questo giro.

25

 24
x Imparare a imparare: la pagina Portfolio Qui lo studente è chiamato a fermarsi un attimo
per “fare il punto” sul suo processo di appren-
Nell’ultima pagina di ogni unità sono più evi- dimento prima di andare avanti. Ogni pagina di
denti che altrove le tracce del Quadro Comune questo tipo contiene due rubriche, ognuna delle
Europeo e del Portfolio Europeo delle Lingue. quali svolge una specifica funzione.

Autovalutazione
Qui vengono elencati gli obiettivi d’appren­ Portfolio
dimento più importanti di ogni unità in Ora sei in grado di... X Z V b

Cosa sai fare?


modo che lo studente possa valutare se li ha raccontare una disavventura
raccontare episodi della tua vita
6, 7
9, 11
raggiunti oppure no, documentando la sua capire un breve testo di memorie
descrivere abitudini passate
9
9
valutazione con una crocetta sotto l’apposita parlare dei tuoi sogni d’infanzia 9, 11

faccina. Nell’ultima colonna a destra, sotto il


indicare i tuoi gusti musicali 13

simbolo del libro, si trova il rimando all’attività Sistematizzare - Logica e grammatica


del manuale in cui viene trattato l’argomento In questa lezione hai imparato a parlare di situazioni ed eventi passati. Ecco qualche spunto di riflessione
per rendere questa attività meno difficile di quanto sembri.
in questione, in modo che lo studente possa a Pensa alle tue esperienze di vita o a quelle di qualcun altro e rispondi alle seguenti domande: che cosa è
ripeterlo, se lo ritiene opportuno. successo? Quando è successo? Che cosa hai/ha fatto? Scrivi ciò che ti viene in mente, senza fare attenzione
all’ordine cronologico. Annota soltanto le informazioni essenziali.

Come impari?
b Ora distingui le descrizioni delle situazioni dagli eventi veri e propri ordinandoli nello schema sotto.

da ragazzo...

Strategie di apprendimento
____________________

Questa rubrica è dedicata alla riflessione sulle Era così…

strategie e abilità di studio. Attraverso le 10 uni­


tà del volume si snoda così un’articolata rifles­
sione volta a sviluppare la capacità di imparare,
che è fondamentale ai fini dell’autonomia dello
È successo questo…
studente. In Chiaro! A2 tale riflessione è centrata
sulle intelligenze multiple. sono nato il... a...
Le attività si articolano in due fasi: c Esistono diverse strategie per affrontare lo studio della grammatica. Quando sistematizziamo delle
informazioni, utilizziamo prevalentemente la nostra intelligenza logico-matematica. Ci sono altre forme di
intelligenza a cui ricorri con maggiore frequenza rispetto alle altre (vedi il test a pagina 16)?
Cerca compagni con il tuo stesso profilo e insieme elaborate una lista di suggerimenti su come affrontare il
tema “imperfetto/passato prossimo”.

46

1) partendo da un esempio
pratico lo studente viene guidato
nella riflessione individuale su
una particolare strategia o abilità 2) lo studente viene invitato a confrontarsi
con i compagni al fine di ricevere consigli e
spunti per sperimentare nuove strategie.

Procedimento valutazione, non verrà commentata da nessuno,


Autovalutazione: spiegate bene la funzione di ma lo studente potrà, sulla base dei risultati e
queste attività perché è importante che non se lo vorrà, chiedere consigli all’insegnante (a tu
vengano vissute come un esame, ma come un per tu). Lasciate quindi agli studenti abbastanza
momento di crescita nell’apprendimento. Create tempo per pensare.
dunque un’atmosfera rilassata, magari con musi- Strategie: seguite le indicazioni del manuale
ca di sottofondo, e introducete l’autovalutazione, tenendo conto delle precisazioni che troverete di
sottolineando che ha lo scopo di aiutare il singo- volta in volta nelle pagine della Guida dedicate
lo studente a fare il punto della situazione, per alle singole lezioni. Dedicatevi tutto il tempo
verificare che cosa ha imparato finora e che cosa necessario a far sì che vengano svolte con tran-
sarebbe meglio ripetere. Dite che in quanto auto- quillità in un clima di condivisione e aiuto reci-

 25
proco. Prima di proporre questa pagina in classe, una musica di sottofondo.
riflettete voi stessi soprattutto sulle strategie per Prestate poi particolare attenzione alla presenta-
prepararvi a rispondere a eventuali domande e zione dei prodotti realizzati, secondo le modalità
a fornire, se necessario, ulteriori suggerimenti. di volta in volta previste, tenendo debito conto
Tenete presente che in Chiaro! A2 il filo condut- della conformazione dell’aula e dedicando a
tore di questa rubrica è quello delle intelligenze questa fase abbastanza tempo: per gli studenti
multiple: leggete dunque con particolare atten- si tratta di un appuntamento fisso che segna il
zione le pagine della Guida dedicate al Portfolio raggiungimento di un traguardo nel processo
della prima unità, che presenta un test specifico. d’apprendimento ed è importante che ciò venga
La pagina del Portfolio si può utilizzare anche messo in evidenza. Fate dunque in modo che sia
tramite il CD ROM (vedi I CD). un momento di condivisione e di gratificazione
per il lavoro svolto, creando un’atmosfera rilas-
sata e sottolineando i progressi compiuti.
Ancora più chiaro
• Nella seconda parte c’è un gioco da fare in
Chiaro! A2 presenta 3 unità di ripasso: dopo la
gruppo con pedine e dadi messi a disposizione
quarta, dopo la settima e dopo la decima lezione.
dall’insegnante. In Chiaro! A2 le indicazioni
Ognuna di esse si compone di due elementi: un
contenute nelle caselle prive di compito lingui-
compito da eseguire in piccoli gruppi o con tutta
stico sono ora formulate all’imperativo perché
la classe e un gioco.
questo modo verbale verrà introdotto nel cor-
so del volume. Il principio è quello classico del
• Nella prima parte c’è sempre un compito
gioco dell’oca, ma – come nella prima attività
(costituito da una sequenza di attività) con-
di ripasso – anche qui l’idea guida è quella del
testualizzato e legato ai contenuti delle unità
compito da eseguire per poter procedere e
precedenti. Qui gli studenti devono interagire e
raggiungere il traguardo: si avrà così una ripe-
collaborare – mettendo in gioco diverse abilità
tizione ludica delle strutture lessicali e morfo-
linguistiche “integrate” fra loro – per ottenere
sintattiche apprese nelle lezioni precedenti.
un risultato comune. In questo modo ripasse-
ranno non solo il lessico, le funzioni comunica-
Procedimento
tive e la grammatica apprese finora, ma anche
Dividete la classe in gruppi, consegnate dadi e
gli aspetti socioculturali trattati nelle lezioni di
pedine, fate leggere le regole accertandovi che
riferimento. A conclusione dell’attività si avrà un
siano chiare (sono sempre uguali) e dite agli
prodotto realizzato dal gruppo e scritto nell’ap-
studenti quanto tempo hanno a disposizione.
posita pagina, quale tangibile prova del lavoro
Sistematevi poi in un punto dell’aula che vi con-
svolto.
senta di non disturbare il gioco e di segnalare,
nel contempo, la vostra disponibilità a risponde-
Procedimento
re a qualsiasi domanda.
Seguite le indicazioni del manuale avendo cura
di formare i gruppi in maniera oculata. Coordina-
te i lavori con particolare puntiglio organizzando
anche lo spazio in maniera opportuna affinché
tutti i gruppi possano lavorare alacremente
senza però disturbarsi a vicenda. In questa fase
sistematevi in un punto dell’aula che vi consen-
ta di non disturbare il lavoro e di segnalare, nel
contempo, la vostra disponibilità a rispondere
a qualsiasi domanda. Se volete, potete mettere

 26
L’ESERCIZIARIO • Dossier
In linea con i principi del Portfolio Europeo delle
Dopo le 10 unità si trova l’eserciziario (pp. 124 -  Lingue, si invita lo studente a raccogliere i lavori
187), concepito essenzialmente per lo studio auto- che riesce a realizzare in lingua italiana. Questa
nomo a casa, ma adatto anche ad integrare le at- pagina propone a tal fine attività di vario tipo
tività svolte in classe. Nelle pagine del libro dello legate al tema centrale dell’unità. I riquadri
studente troverete costantemente i rimandi agli vuoti invitano alla scrittura, ma non offrono
esercizi da abbinare alle attività che state svol- spazio sufficiente: esortate perciò gli studenti ad
gendo. Ogni unità dell’eserciziario è costituita archiviare questi esercizi in un apposito quader-
da 6 pagine. Le prime 5 seguono la progressione no, meglio se ad anelli, e/o lavorando con il CD
della corrispondente unità del libro dello studen- ROM (vedi I CD). Ne uscirà un dossier personale
te presentando numerosi esercizi di consolida- che costituirà per lo studente una documenta-
mento delle funzioni comunicative, del lessico e zione cronologica dei progressi compiuti e quindi
degli elementi morfosintattici introdotti nell’uni- una prova tangibile dei piccoli e grandi successi
tà, nonché esercizi di lettura e di scrittura. Tutti conseguiti nell’apprendimento dell’italiano. Esso
gli esercizi sono concepiti in modo che lo studente potrebbe, inoltre, rivelarsi utile se uno studen-
li possa s­ volgere autonomamente a casa, correg- te vorrà presentare domanda per una borsa di
gendoli poi da solo grazie alle soluzioni presenti studio o un posto di lavoro poiché gli consentirà
nel CD ROM. La contestualizzazione e la varietà di dimostrare concretamente quali compiti sa
degli esercizi sono studiate per rendere piacevole svolgere in lingua straniera.
e motivante lo studio individuale a casa. L’eser- Il Dossier è previsto come compito da eseguire
ciziario offre inoltre la possibilità di esercitare la autonomamente a casa, per evidenziarne l’utilità
comprensione orale con alcune registrazioni che si potrà però chiedere agli studenti di portarlo
si possono ascoltare con il CD ROM; in questo caso poi in classe per correggerlo insieme a un compa-
lo studente ha a disposizione anche le trascrizioni, gno con il metodo illustrato in precedenza (vedi
che troverà sempre nel CD ROM. Produzione scritta).
L’ultima pagina di ogni lezione contiene due
rubriche: I test

• Fonetica Dopo la quarta, la settima e la decima lezione


Qui vengono trattati alcuni importanti feno- l’eserciziario presenta un test di ripasso che offre
meni della fonetica italiana, scelti fra quelli che allo studente l’occasione di mettersi alla prova
normalmente creano maggiori difficoltà agli e verificare le proprie conoscenze. Diversamen-
studenti stranieri e segnalati nell’indice genera- te da quanto avviene nelle unità di ripasso del
le. Gli esercizi proposti in Chiaro! A2, da svolgere libro dello studente (vedi Ancora più chiaro), qui
con il CD ROM, sono da intendersi come prose- è previsto che il singolo discente lavori in piena
cuzione del lavoro sulla pronuncia e sull’into- autonomia per cui si propone un test a scelta
nazione già avviato nel primo volume. Anche se multipla.
le attività che riguardano la fonetica si trovano
nell’eserciziario, nulla vi impedisce di utilizzarle Le chiavi
in classe nel momento che riterrete più oppor-
tuno. In ogni caso, prima di assegnare tali eser- Le soluzioni di tutte le attività e dei test si trova-
cizi, accertatevi che i vostri allievi capiscano la no nel CD ROM.
trascrizione di quei suoni per i quali si sono usati
simboli dell’alfabeto fonetico.

 27
I CD PRIMA DI ANDARE IN CLASSE

A ogni volume di Chiaro! sono allegati 2 CD: un L’insegnamento di una lingua straniera vive
normale CD audio e un CD ROM. di comunicazione, che può essere influenzata
positivamente o negativamente da molti fattori.
x Il CD audio Gli studenti adulti, ad esempio, generalmente
arrivano al corso d’italiano dopo una giornata
Il CD audio (indicato nel libro come CD) contiene piena d’impegni e con la mente occupata da mil-
tutte le registrazioni delle lezioni del libro dello le pensieri, il che può facilmente indurli ad una
studente. Il simbolo CD x 15 in margine alla pagi- certa distrazione e passività, nemiche giurate
na rinvia al brano da ascoltare (nell’esempio: CD della comunicazione: il primo compito che dovre-
audio, brano 15). te affrontare all’inizio della lezione sarà dunque
quello di destare e catturare l’attenzione degli
x Il CD ROM per lo studente allievi “traghettandoli” verso i suoni e l’universo
della lingua italiana. Inoltre nel vostro corso po-
Il CD ROM (indicato nel libro come CD ROM) trebbero esserci persone che non hanno studiato
contiene: altre lingue straniere, persone che da tempo non
sono più abituate a studiare e a vestire i panni
• gli ascolti dell’eserciziario e gli esercizi di fo- degli allievi, persone che provengono da altri
netica: il simbolo CD ROM x 15 in margine alla corsi di italiano e devono integrarsi nel vostro
pagina rinvia al brano da ascoltare (nell’esem- gruppo, persone di età diverse, persone con mo-
pio: CD ROM, brano 15). Il CD ROM si usa in tal tivazioni e interessi molto differenti: va da sé che
caso come un normale CD audio. la comunicazione si potrà realizzare solo in un
• il glossario per lezioni (pdf) clima favorevole.
• il glossario alfabetico (pdf) Una buona dinamica di gruppo e una bella intesa
• le pagine Portfolio (pdf) fra docente e studenti è indispensabile anche
• le soluzioni dell’eserciziario perché Chiaro! invita gli studenti a collaborare fra
• le trascrizioni dei brani dell’eserciziario di loro e con l’insegnante per andare insieme alla
scoperta della lingua: se non funziona l’atmosfe-
Il CD ROM permette allo studente di organizzare ra, è difficile che funzioni l’apprendimento. È per-
lo studio dell’italiano in maniera flessibile e indi- tanto consigliabile dedicare costante attenzione
viduale. Egli infatti potrà: a questi aspetti, curando in modo particolare il
primo approccio con la classe all’inizio del corso e
• scaricare i testi audio per ascoltarli dovunque e le fasi di apertura e chiusura di ogni lezione.
in qualsiasi momento con un lettore MP3
• stampare i file in formato pdf per portare con Il primo approccio con la classe
sé anche singole pagine da studiare (in treno,
in autobus, dal medico…) Per i motivi appena illustrati, converrà investire
• archiviare le pagine del portfolio in un quader- del tempo per dare modo ai “vecchi” corsisti di
no che diventerà il suo dossier personale. riprendere i contatti e ai nuovi di orientarsi nel
gruppo, affinché la classe si amalgami e acquisti
Il CD ROM offre anche al docente la possibilità di la capacità di fare “gioco di squadra”: l’affiata-
realizzare attività supplementari (per esempio mento è la prima “garanzia di lunga vita” di un
esercizi per il consolidamento del lessico). corso. Curate dunque la disposizione dei banchi
in modo che tutti possano vedersi in faccia. Ini-

 28
ziate con un’attività rompighiaccio, cercando di Per concludere
non ripetere quelle che avete già svolto: potete,
ad esempio, scrivere il vostro nome alla lavagna È consigliabile programmare i tempi di lavoro
e poi rivolgervi agli studenti in italiano salutan- con una certa cura in base alle caratteristiche
doli e dicendo come avete trascorso il periodo di del gruppo in questione: si eviterà così di lascia-
pausa fra l’attuale corso e il precedente (basterà re delle attività in sospeso. Così come un’acco-
anche solo una breve frase tipo “Durante le va- glienza iniziale, sarebbe bene prevedere anche
canze sono andato...). Invitate quindi uno stu- un congedo, cioè una fase finale in cui si tirano
dente a fare la stessa cosa e precisate che dovrà le somme del lavoro svolto e si annuncia come si
scrivere il proprio nome utilizzando una lettera proseguirà la volta successiva.
del vostro. Così faranno via via tutti gli altri:
otterrete in tal modo una sorta di “cruciverba di L’italiano in classe
nomi” che simboleggia la volontà della classe di
lavorare unita. Presentate poi il manuale, il CD, In Chiaro! A2 le consegne delle attività sono
il CD ROM per lo studente, gli obiettivi didattici formulate in un italiano sintetico ed elemen-
perseguiti e la metodologia, senza dilungarvi tare, progressivamente sempre più complesso.
troppo nel caso in cui tutti abbiano già lavorato In alcune classi e soprattutto per le attività più
con Chiaro! A1. Se invece ci sono diverse persone articolate, potrebbe essere ancora necessario,
che non conoscono il testo, potete usare la prima per renderle più facilmente comprensibili, che
lezione per illustrare di volta in volta le modalità l’insegnante utilizzi gesti, disegni o, in ultimo ri-
di esecuzione e lo scopo delle singole attività: è corso, la lingua madre degli studenti o la lingua
fondamentale che gli studenti abbiano sempre franca che conoscono. L’importante è ovviamen-
chiaro che cosa devono fare e perché gli si propo- te che gli studenti capiscano il compito asse-
ne una certa attività. gnato, il che contribuirà a renderli consapevoli e
partecipi del processo di apprendimento.
Per iniziare l’ora Coloro che hanno già adoperato Chiaro! A1
avranno d’altronde già acquisito familiarità con
Per i motivi citati prima è importante concede- le espressioni italiane che ricorrono in tutto il
re ogni volta agli studenti qualche minuto per manuale e saranno già in grado di recepirne le
“arrivare” al corso d’italiano anche mentalmente. consegne senza troppi problemi: chi invece non
Questi minuti iniziali potranno essere dedicati, conoscesse già il corso, imparerà a “decifrarle”
per esempio, ad un’attività rompighiaccio e ad un progressivamente.
ripasso da fare in coppia in modo da riprendere Nelle prime quattro attività della prima uni-
il filo del discorso: gli studenti potranno rivede- tà, inoltre, tutti gli studenti avranno modo di
re insieme il contenuto dell’ultima lezione e gli ripassare alcune espressioni frequenti nelle
esercizi svolti a casa, sciogliendo eventuali dubbi, consegne. Va ricordato infine che, in un corso
eventualmente con l’aiuto dell’insegnante. Un per studenti che ancora non hanno raggiunto il
“effetto secondario” di quest’attività è che l’inse- livello A2 del Quadro Comune Europeo, è sicura-
gnante, rispondendo alle richieste d’aiuto degli mente accettabile che, di quando in quando, gli
studenti, può instaurare un rapporto più diretto studenti si esprimano ancora nella loro lingua
con i singoli anche se il gruppo è numeroso. A madre o in una lingua franca: starà a voi ridurne
seconda dei casi, si potranno anche formare delle l’uso in maniera oculata, cioè tenendo conto
coppie in cui uno studente presente all’ultima delle caratteristiche del gruppo e del contesto
lezione metterà al corrente un compagno assen- specifico.
te in quell’occasione.

 29
Le correzioni

“Sbagliando s’impara”: non è solo un modo di


dire, ma un dato ormai acquisito nell’ambito
della glottodidattica. Commettere errori, infatti,
è normale, anzi addirittura necessario perché
solo con la sperimentazione l’interlingua del-
lo studente – in continua evoluzione – potrà
svilupparsi. Molti discenti però – e gli adulti in
particolare – non amano quest’aspetto della
sperimentazione, soprattutto perché temono la
classica “brutta figura” (in primo luogo di fronte
a se stessi). È perciò importante evitare di correg-
gere immediatamente ogni singolo errore, anche
perché a livello A2, data la frequenza con cui gli
errori vengono ancora commessi, significherebbe
impedire che abbia luogo una reale comunicazio-
ne. Naturalmente si correggeranno gli errori in
quegli esercizi in cui è richiesta correttezza mor-
fosintattica perché tali attività sono mirate al
fissaggio delle strutture introdotte, ma lo si farà
possibilmente incoraggiando gli studenti ad au-
tocorreggersi. Durante la libera comunicazione
in plenum si correggeranno principalmente que-
gli errori che ostacolano la comunicazione stessa
e/o che si ripetono ostinatamente, sorvolando
sugli altri, e anche in questo caso con discrezione
e incoraggiando i discenti ad autocorreggersi.
Non si interverrà invece in alcun modo durante le
produzioni orali libere che gli studenti svolgeran-
no in coppia o in gruppo: lì dovrà regnare la più
assoluta libertà. In tutti i casi, si metterà sempre
in risalto ciò che gli studenti saranno riusciti a
fare bene, facendo propria la filosofia del “saper
fare” propugnata dal Quadro Comune Europeo e
recepita da Chiaro!

 30
L’italiano è bello!
Temi: studiare l’italiano, la lingua italiana
italiana.

Obiettivi comunicativi: fare unadibreve


parlare presentazione
sé; discutere su una persona;
sull’apprendimento descrivere(espe-
dell’italiano il
proprioabitudini,
rienze, percorso di apprendimento
preferenze); dell’italiano;
indicare indicare i esprimere
interessi personali; propri interessi; esprimere
e motivare un’opi-
un’opinione;
nione. motivare una scelta

Grammatica e lessico: ripasso delle seguenti


ripresa delle seguenti strutture:
strutture: piacere
piacere con
con verbi
verbi ee sostantivi,
sostantivi,
uso di per e perché per indicare causa e scopo, la preposizione da (temporale), pronomi prono-
indiretti
mi oggettoatoni e tonici;
indiretti strutture
atoni nuove:
e tonici; il verbo
strutture interessare;
nuove: gli interrogativi
il verbo interessare; temporali
l’interrogativo
Da quanto/quanti…?;
temporale di più/di meno;
Da quanto / quanti…?; gli aggettivi
gli aggettivi numerali
numerali ordinali
ordinali (1°- 10°);
(1°-10°); il superlati-
il superlativo
vo relativo
relativo.

Premessa: questa lezione dovrà fare da “ponte”


tra il primo e il secondo volume di Chiaro! ed è
quindi concepita in modo tale che la ripresa dei
contatti fra gli studenti e l’inserimento dei nuovi
partecipanti si intreccino armonicamente con
fate aprire il libro a p. 9 e invitate gli studenti a
intervistarsi vicendevolmente sui temi suggeriti
(visualizzati anche attraverso le foto), prenden-
do appunti per non dimenticare le informazioni
ricevute. Lasciate loro circa 5 minuti per parlare
1
la ripetizione e l’approfondimento delle strut- (ma se vedete che hanno molto da raccontarsi,
ture linguistiche. Trattandosi della prima unità allungate pure i tempi), magari con una musica
didattica che si svolge dopo una pausa di riposo, strumentale di sottofondo. Riportate poi l’attivi-
è volutamente “leggera” allo scopo di facilitare il tà in plenum e chiedete ad ognuno di presentare
riavvicinamento alla lingua italiana e alla meto- al gruppo il compagno intervistato.
dologia del corso. Se ci sono parecchie persone nuove, prima di pas-
sare alla prossima attività spiegate la funzione
del riquadro con gli obiettivi didattici (vedi p. 20,
1 Per iniziare La pagina iniziale), il che vi consentirà di passare
agilmente al tema del punto 2.
Obiettivo: riprendere i contatti, fare conoscenza
e attivare conoscenze pregresse.
2 Che corso hai fatto?
Procedimento: servitevi di quest’attività per (parlare)
passare in modo naturale dalla fase introduttiva
(vedi p. 29 della presente Guida) alla lezione vera Obiettivo: attivare conoscenze pregresse, eserci-
e propria. Dividete dunque la classe in coppie, tarsi a raccontare un’esperienza.

31
Procedimento: dividete la classe in piccoli grup- 4 Imparare l’italiano
pi diversi da quelli del punto 1, fate leggere il (parlare e scrivere)
compito e accertatevi che sia chiaro. Se sapete in
anticipo che gli studenti hanno alle spalle espe- Obiettivo: fare un “ritratto” della classe indivi-
rienze di studio analoghe (per esempio hanno duando punti forti e punti deboli, porre le basi
frequentato solo il vostro corso), dite loro che per lo sviluppo del processo d’apprendimento.
possono anche raccontarsi se, quando e come
hanno avuto occasione di esercitare la lingua al Grammatica e lessico: il verbo interessare; l’uso
di fuori del corso nonché parlare di esperienze re- di per e perché, la preposizione da (temporale),
lative ad altre lingue. Per lo svolgimento tenete l’interrogativo Da quanto/quanti…?
presente quanto detto a p. 14 dell’Introduzione
(Produzione orale). Procedimento: a. dividete la classe in gruppi e
invitate gli studenti a formulare alcune doman-
de sui temi suggeriti a p. 10 (almeno una per
3 Che cosa ti piace fare in classe? tema). Annunciate il tempo di lavoro e tenetevi a
disposizione per eventuali chiarimenti. Scaduto
(parlare)
il tempo, invitate gli studenti a porre ad almeno
tre compagni di altri gruppi le domande prepa-
Obiettivo: riprendere il discorso sugli stili di ap-
rate, annotandosi le risposte. Prima di dare il via
prendimento, esercitarsi ad esprimere e motiva-
alle interviste, fate notare i due specchietti di pa-
re preferenze.
gina 10, uno solo dei quali presenta un elemento
nuovo (il verbo interessare), mentre l’altro richia-
Grammatica: l’uso del verbo piacere (ripasso).
ma alla mente strutture introdotte nel corso del
primo volume. Mettete una musica di sottofon-
Procedimento: invitate gli studenti a riflettere
do e date alcuni minuti per le interviste.
sulle attività che si svolgono normalmente in
classe e a segnare con una crocetta quelle che b. Aumentate il volume della musica per an-
preferiscono. Sottolineate che si tratta di pensare nunciare la fine delle interviste e invitate gli stu-
a ciò che si fa volentieri, indipendentemente dal denti a ricomporre i gruppi originari per riferirsi
grado di utilità didattica, e che se si vuole, si può le informazioni raccolte. Se possibile, copiate su
aggiungere qualche voce in fondo alla lista. Date lucido o alla lavagna le domande guida di pagi-
un paio di minuti per svolgere il compito indi- na 11 in modo che gli studenti possano svolgere
vidualmente. Invitate poi gli studenti ad alzarsi l’attività a libro chiuso, evitando di guardare la
e ad intervistare i compagni per trovare quelli lettura successiva.
a cui piacciono le stesse attività. Prima di dare
c. Chiedete a un portavoce per gruppo di pre-
il via alle interviste, fate notare lo specchietto
sentare alla classe i risultati del sondaggio svolto
Ricordi? che richiama alla mente le strutture utili
e trascrivete su lucido o alla lavagna le attività
alla comunicazione. Annunciate quindi il tempo
citate dividendole in facili e difficili (oppure invi-
disponibile e mettete una musica di sottofondo.
tate gli stessi portavoce a trascriverle). Mettete
Mentre gli studenti lavorano, pianificate la com-
quindi in risalto tutto ciò che la classe trova
posizione dei gruppi per l’attività successiva.
facile, evidenziando i progressi compiuti finora,
e infine avviate la discussione sulle difficoltà
cercando di far sì che siano gli stessi studenti a
suggerire delle idee per superarle. Per prepararvi
al vostro ruolo di moderatori, passate in rasse-
gna le attività del Portfolio di Chiaro! A1, alle qua-

 32
li potrete fare riferimento per aiutare gli studenti to, in caso di necessità, per le attività successive.
a trovare soluzioni. Sarà in ogni caso importante Potete infine concludere con una rapida indagi-
condurre la classe ad affrontare le eventuali ne volta a stabilire quale coppia abbia stilato la
difficoltà con piglio deciso e spirito positivo, sot- classifica più simile a quella originale.
tolineando che lo sviluppo di adeguate strategie
di apprendimento continuerà sistematicamente Soluzione:
anche in Chiaro! A2. pizza 8 %; cappuccino 7 %; spaghetti 7 %

5 Così l’Europa parla italiano. 6 Superlativi d’Italia


(leggere) (scoprire la grammatica, parlare)

Obiettivo: a. prepararsi alla lettura usando Obiettivo: introdurre ed esercitare il superlativo


­l’immaginazione e la conoscenza del mondo; relativo.
b.   e c. sviluppare la comprensione della
­lingua scritta. Grammatica: il superlativo relativo.

Grammatica e lessico: le percentuali, gli aggettivi Procedimento: a. dite agli studenti di scorrere
numerali ordinali, il superlativo relativo. rapidamente il testo di p. 11 per rintracciare le
parole che mancano nello schema, nel frattempo

1
Procedimento: a. formate delle coppie, scrivete copiate le frasi alla lavagna. Fatevi poi dettare la
alla lavagna la domanda guida ed eventualmen- soluzione e chiedete come si forma e a che cosa
te stabilite il numero di parole da mettere in serve il superlativo relativo, procedendo come
classifica (per esempio le prime cinque). Date agli indicato a p. 16 dell’Introduzione (La grammati-
studenti alcuni minuti per discutere e mettersi ca – Procedimento).
d’accordo.
b. Formate delle coppie, fate leggere il compi-
b. Informate gli studenti che adesso potranno to, la lista di parole e l’esempio accertandovi che
verificare la correttezza delle loro ipotesi, fate tutto sia chiaro. Dite agli studenti che le doman-
aprire il libro a p. 11 e seguite le indicazioni del de formulate serviranno per l’attività successi-
manuale tenendo presente quanto detto nell’in- va e che dunque ognuno dovrà trascriverle sul
troduzione di questa Guida a p. 12 (Gli input proprio foglio (o memorizzarle). Date loro circa
scritti – Procedimento). 7 minuti per lavorare.
(Per vostra infomazione: la città raffigurata in
c. Dite agli studenti di scorrere rapidamente il
una delle foto è Lucca.)
testo per rintracciare le tre parole che mancano
nella classifica dell’UE e di trascriverle nello sche- c. Scaduto il tempo, formate dei gruppi unen-
ma. Verificate poi in plenum. Fate quindi notare do di volta in volta due coppie e invitate gli
lo specchietto Lingua in fondo alla pagina: i primi studenti a porsi vicendevolmente le domande e a
dieci numerali ordinali vengono qui presentati discutere sulle risposte.
come elementi lessicali utili alla comunicazione
nelle attività 5c, 7 e 8. Non saranno dunque og- Soluzione:
getto d’analisi: partendo dagli esempi, spiegate a. Le cento parole italiane più conosciute; la pa-
solo che normalmente stanno davanti al nome e rola più conosciuta; il risultato più sorprendente;
si comportano come normali aggettivi; dite poi i vocaboli più noti
che lo specchietto di p. 11 potrà essere consulta-

33
7 La parola più bella della lingua italiana do come indicato nell’Introduzione a p. 10 (Fase
(parlare) 2 – Comprensione più dettagliata).

Obiettivo: esercitarsi ad esprimere e motivare Soluzione:


un’opinione, riflettere sul proprio rapporto con la 1 amore; 2 mamma; 3 pace; 4 ciao; 5 felicità;
lingua italiana. ­6 ­Italia/vita/amicizia/famiglia/libertà/sole/figlio
(a pari merito)
Procedimento: a. ponete alla classe le doman-
de riportate nella consegna e accertatevi che il Trascrizione:
compito sia chiaro. Invitate poi gli studenti ad (Traccia 01)
intervistare quanti più compagni possibile entro v Mm, senti un po’…
un limite di tempo da voi stabilito. Mentre gli t Dimmi.
studenti si intervistano riflettete sulla composi- v Senti, per te qual è la parola italiana più bella?
zione dei gruppi per l’attività successiva. t Mah, non saprei… In che senso, scusa? Intendi
per il suono o per il significato?
b. Scaduto il tempo, formate dei gruppi e
v Mah, scegli tu, come preferisci: per il suono o
invitate gli studenti a riferirsi le informazioni
per il significato. O per tutti e due.
raccolte.
t Ma non è facile! Poi, così su due piedi…
v Beh, ma prova, dai! Per esempio?
t Mah, per esempio forse “armonia”. Sì, ecco,
8 Un sondaggio fra italiani “armonia” mi piace. Non so se… se è proprio
(parlare, ascoltare) la più bella, però... sì, mi piace. Per il suono, mi
piace per il suono questa parola. Ma... Senti,
Obiettivo: a. prepararsi all’ascolto riflettendo ma perché mi fai questa domanda? Ma come
sul rapporto fra gli italiani e la loro lingua; ti è venuta in mente?
b.  e c. sviluppo della comprensione auditiva. v Eh, perché ho appena letto un articolo che
parla di un sondaggio sulla lingua italiana,
Procedimento: a. formate delle coppie, fate anzi sugli italiani e la loro lingua. E fra le
leggere il compito, accertatevi che sia chiaro (si altre cose, hanno chiesto alle persone anche,
tratta di cambiare prospettiva rispetto al compi- secondo loro, qual è la parola più bella della
to precedente concentrandosi sul punto di vista lingua italiana.
degli italiani) e lasciate agli studenti qualche t Ah! E qual è? Voglio dire, qual è il risultato?
minuto di tempo per fare delle ipotesi. Mi fai vedere?
v Sì, ecco. Anzi, no, indovina!
b. Seguite le indicazioni del manuale e proce-
t Oddio…
dete come indicato a p. 9 dell’Introduzione (Fase
v E dai, prova!
1 – Comprensione globale).
t Mm… “Bellezza”? Ho indovinato?
c. Formate delle coppie e dite agli studenti v No, per niente: questa proprio non è in classi-
di stilare una classifica delle parole che hanno fica.
annotato, conservando la “prospettiva italiana” t Oh! Allora andiamo sul tradizionale: che mi
e servendosi tanto delle informazioni raccolte dici di “mamma”?
durante l’ascolto quanto della propria cono- v No. Cioè, fai progressi: “mamma” in classifica
scenza del paese. Date loro qualche minuto per c’è. Ma non è al primo posto.
mettersi d’accordo, poi fate ascoltare ancora t Ah. E a che posto è?
una volta per confrontare le classifiche stilate v Eh, lo vediamo dopo. Intanto fai un’altra
con quella reale. Verificate in plenum proceden- ­proposta…

 34
t E allora… “famiglia”? Se non è la mamma, è la 9 La parola del cuore
famiglia, scommetto. (parlare)
v Eh, no. Mi dispiace, ma non ci siamo. Anche
questa è in classifica, ma non è la prima. Obiettivo: sviluppo della competenza comuni-
t Veramente? E allora… allora “sole”? cativa orale, riflettere sul proprio rapporto con la
v Nemmeno: c’è anche “sole”, ma non è la lingua madre e/o con la lingua del paese in cui si
prima. vive.
t Eh… “mamma” no, “famiglia” no, “sole” no…
Beh, ma che parola è? Dai, dimmi solo le paro- Grammatica: pronomi oggetto indiretti atoni e
le in classifica senza l’ordine giusto, poi provo tonici (ripasso).
di nuovo a indovinare.
v OK, allora, oltre a “mamma”, “famiglia” e Procedimento: formulate la domanda iniziale
“sole”, ci sono anche: “Italia”, “figlio”, “ciao”… (punto a) in base alla composizione della vostra
t “Ciao”? classe. Evidenziate che bisogna cambiare nuova-
v Sì, “ciao”, e poi “pace”, “amicizia”, “amore”, mente prospettiva concentrandosi, questa volta,
“felicità”, “libertà” e “vita”. Allora, fra queste, sul proprio rapporto con la lingua materna (o con
secondo te qual è al primo posto? quella “adottiva”). Prima di dare il via all’attività
fate leggere gli esempi e mettete in risalto lo
specchietto (ripresa dei pronomi oggetto indiret-
(Traccia 02)
ti atoni e tonici) utile alla comunicazione. Seguite
t Ah beh, fra queste, “amore” naturalmente!
poi, per tutte le fasi, le indicazioni del manuale

1
v Esatto! “Mamma” è al secondo posto, al terzo
tenendo conto di quanto si dice nell’Introduzione
posto “pace”, al quarto “ciao”, al quinto “fe-
a p. 15 (Compiti di gruppo).
licità”. Poi ci sono “Italia”, “vita”, “amicizia”,
“famiglia”, “libertà”, “sole”, “figlio”, tutte
insieme.
t Ma pensa un po’, “ciao” prima di “felicità” e di
“famiglia”… Comunque hanno scelto le parole
più per il significato, non tanto per il suono
come ho fatto io.
v Sì, direi anch’io. Sono tutte parole “calde”, in
parte intime, che indicano rapporti tra le per-
sone…
t Eh sì, è vero, sì.

Scheda informativa
Informazioni sul sondaggio
Gli italiani e la “loro” lingua è un’indagine
eseguita da GfK Eurisko nel settembre 2007
su un campione di 1000 persone dai 14 anni in
poi. Nel commento alla scelta della parola più
bella lo studio mette in evidenza tre elementi
identitari degli italiani: emozione, relazionalità
e privato. Queste le percentuali ottenute dalle
parole scelte: 33  % amore, 10 % mamma, 4 %
pace, 4 % ciao, 2 % felicità, 1 % a testa per: Italia/
vita/amicizia/famiglia/libertà/sole/figlio.
35
Culture a confronto Strategie (Come impari?) – Obiettivo: riflettere
sul proprio modo di affrontare i “compiti” legati
allo studio.
Obiettivo: approfondire la conoscenza del mon-
Procedimento: dite che la riflessione sulle stra-
do italofono.
tegie di apprendimento proposta in Chiaro! A2
prosegue e approfondisce quella svolta nel primo
Procedimento: a. a libro chiuso, disegnate alla
volume. In particolare, si rifletterà su come sfrut-
lavagna un “sole” con diversi raggi; scrivete al
tare appieno le capacità della mente, evidenzian-
centro Qui si parla italiano e all’estremità di un
do quegli aspetti di cui spesso non ci rendiamo
raggio Italia. Chiedete poi alla classe in quali altri
conto anche se giocano un ruolo importante
paesi si parla italiano. Formate delle coppie o dei
nella nostra vita quotidiana. Per cominciare, sarà
gruppi e invitate gli studenti a fare delle supposi-
opportuno mettere in luce la varietà delle funzio-
zioni disegnando il proprio “sole dell’italofonia”.
ni di cui la mente è dotata.
b. Fate aprire il libro a p. 14 e invitate gli stu-
a. Leggete le definizioni dei diversi tipi di intel-
denti a verificare le loro ipotesi leggendo il testo.
ligenza a p. 37 e chiarite eventuali dubbi. Invitate
Procedete come indicato nell’Introduzione a p. 12
poi gli studenti a leggere le frasi sottostanti per
(Gli input scritti – Procedimento).
capire quale tipo di intelligenza entra in gioco
c. Formate dei gruppi e invitate gli studenti nelle situazioni descritte (che riguardano sia
a scambiarsi informazioni ed esperienze sulla la vita quotidiana sia il metodo di studio). Fate
base della traccia proposta dal libro. Concludete svolgere quest’attività individualmente, poi fate
facendovi dire che cosa è venuto fuori dal lavoro confrontare in coppia e infine verificate in ple-
di gruppo. num. Se notate che la classe è particolarmente
interessata al tema, potete approfondire trovan-
Per ulteriori informazioni sul tema potete consul- do insieme ulteriori esempi.
tare, per esempio, il sito web della Società Dante
b. Chiedete ora agli studenti di passare dal
Alighieri ( www.ladante.it ) o quello dell’Accade-
generale al particolare: invitateli a rileggere con
mia della Crusca (www.accademiadellacrusca.it ).
attenzione le frasi e a scegliere le affermazioni
che li riguardano.
c. Invitate gli studenti a cercare fra i compagni

Portfolio di classe quelli con i risultati più simili ai propri


per scambiarsi esperienze e suggerimenti. Per
concludere potete riportare il discorso in plenum
Autovalutazione (Cosa sai fare?) – Obiettivo: fare
e chiedere quali idee interessanti siano emerse
un bilancio della prima lezione.
dalla discussione di gruppo. Evidenziate che
Chiaro! propone stimoli utili a tutti i tipi di intelli-
Procedimento: procedete come indicato a p. 25
genza e che la riflessione su questo tema troverà
dell’Introduzione (Portfolio). Se nel gruppo
ampio spazio anche nel Portfolio delle successive
ci sono delle persone nuove, sarà opportuno
unità.
chiarire la funzione, la struttura e l’uso di questa
pagina.

Test: le “intelligenze multiple”

 36
Scheda informativa Intelligenza interpersonale: include la capacità
di comprendere intenzioni, motivazioni e sen-
Le “intelligenze multiple”
timenti di altre persone, consente di cooperare
La teoria delle “intelligenze multiple” si deve
con gli altri.
allo psicologo Howard Gardner (Università di
Intelligenza intrapersonale: è la capacità di
Harvard), il quale nega il concetto unitario di
riflettere su di sè, di comprendere i vari aspetti
intelligenza. Egli sostiene infatti che non esiste
della propria personalità e di utilizzare ciò che
“l’intelligenza” tout court: ciò che noi definia-
si deduce dall’autoriflessione per affrontare la
mo “intelligenza” è piuttosto un fenomeno
vita quotidiana.
complesso costituito da abilità ben distinte –
diverse intelligenze, appunto – che possono
Per un eventuale approfondimento si consi-
funzionare indipendentemente l’una dall’altra
glia: Howard Gardner, Forma mentis. Saggio
oppure interagire fra di loro. Secondo Gardner,
sulla pluralità dell’intelligenza, Milano, Feltri-
ogni persona dispone fondamentalmente di
nelli, 2002.
sette intelligenze – linguistica, logico-matema-
tica, musicale, spaziale, cinestetica, interperso-
nale e intrapersonale – di cui qui di seguito si
elencano, in estrema sintesi, le caratteristiche
principali.
Intelligenza linguistica: include la sensibilità
per la lingua parlata e scritta, la capacità di im-

1
parare le lingue e di usarle in maniera mirata
per determinati scopi (come fanno scrittori,
avvocati, oratori, insegnanti, ecc.).
Intelligenza logico-matematica: include la ca-
pacità di analizzare i problemi in modo razio-
nale, di fare calcoli matematici, di esaminare
questioni scientifiche, di sviluppare un ragio-
namento logico.
Intelligenza musicale: include la capacità di
conferire significato ai suoni (comprenderlo,
comunicarlo, crearlo): apprezzare un brano
musicale o una poesia, cantare, suonare, com-
porre una melodia, ecc.
Intelligenza spaziale: include la capacità di
orientarsi nello spazio e di utilizzare informa-
zioni visive per affrontare situazioni di diverso
tipo (leggere cartine, arredare una stanza, gio-
care a scacchi, eseguire un intervento chirurgi-
co, valutare le proporzioni di una statua, ecc.).
Intelligenza cinestetica: riguarda la capacità di
usare il corpo nelle più varie circostanze, anche
per risolvere problemi: fare sport, giocare,
ballare, comunicare con mimica e gesti, usare
la lingua dei segni, ecc.

37
Viaggiare in treno
Temi: viaggiare in treno, il trasporto ferroviario

Obiettivi comunicativi: chiedere informazioni su tariffe e collegamenti ferroviari; saper


leggere il tabellone degli orari dei treni; acquistare un biglietto allo sportello in
stazione; esprimere un desiderio o dare un consiglio in modo gentile

Grammatica e lessico: i verbi volerci e bisogna; forme e usi del condizionale presente;
l’aggettivo indefinito qualche; gli avverbi in -mente; treni e infrastrutture afferenti

2
1 Per iniziare 2 Alla stazione
(ascoltare, scoprire la grammatica)
Obiettivo: introdurre il tema “stazione” e alcune
parole chiave; prepararsi all’ascolto. Obiettivo: sviluppare la comprensione orale;
introdurre gli strumenti linguistici utili a chiedere
Procedimento: riproducete su lucido la p. 17 e informazioni.
proiettate l’immagine coprendo con un foglio sia
la piantina in alto a destra sia l’attività 1. Chiede- Grammatica e lessico: i verbi bisogna e volerci;
te agli studenti che cosa vedono nella foto, che vari tipi di treni.
edificio è quello raffigurato (che sia una stazione
lo indovineranno subito anche grazie al titolo Procedimento: a. dite agli studenti di rimanere
dell’unità: qui si tratta di Genova Brignole), che a p. 17 e invitateli a immaginare di trovarsi alla
cosa c’è e che cosa si può fare normalmente in stazione di Firenze. Annunciate che ascolteranno
un posto del genere. Fate quindi aprire il libro e dei mini-dialoghi e che il loro compito consiste
introducete l’attività 1: prima da soli e poi in cop- nel capire dove si svolgono: in sala d’attesa, alla
pia, gli studenti individueranno sulla pianta i vari biglietteria o allo sportello delle informazioni?
elementi e scriveranno la lettera corrispondente Scrivete alla lavagna le tre possibili risposte,
nelle apposite caselle. Seguirà, come al solito, poi fate ascoltare il brano 03 una volta e quindi
una verifica in plenum. formate delle coppie per un primo scambio di
idee. Infine verificate in plenum: se ci sono molte
Soluzione: divergenze, fare ascoltare ancora una volta con
la biglietteria Y d; la sala d’attesa Y h; il binario lo stesso compito, altrimenti fate aprire il libro a
Y i; il marciapiede Y b; lo sportello delle infor- p. 18.
mazioni Y g; la panchina Y a; il sottopassaggio
Y l; l’atrio Y e; il tabellone dell’orario Y f; le
toilette Y c
39
b. Seguite le indicazioni del manuale e pro- Gli Eurostar normali sono treni veloci a lunga
cedete come indicato nell’Introduzione a p. 10 percorrenza che viaggiano su linee tradizionali.
(Fase 2 – Comprensione più dettagliata). Veri- Gli Intercity collegano città grandi e medie,
ficate le soluzioni, evidenziate innanzi tutto i mentre i Regionali sono riservati ai viaggi
seguenti elementi lessicali: partire per + destina- all’interno di una regione e tra regioni confi-
zione, partire da + binario, il treno delle + orario, nanti.
arrivare a + meta. Passate allo specchietto Lingua
solo una volta giunti al punto 5: il verbo bisogna
viene qui introdotto come elemento lessicale uti- Trascrizione:
le alla comprensione e alla comunicazione (vedi (Traccia 03)
attività 3b); se lo ritenete opportuno, potete 1
individuare insieme agli studenti una struttura w Scusi, quando parte il prossimo treno per
analoga presente nella loro lingua madre, ma Venezia?
senza dilungarvi nell’analisi grammaticale. z Il prossimo? Dunque alle… 11:37 dal binario 8.
w Grazie.
c. Fate leggere il compito e accertatevi che sia
z Prego.
chiaro, poi procedete come indicato a p. 16 di
questa Guida (La grammatica – Procedimento). 2
z Prego, signora.
Soluzioni: x Senta, da che binario parte il treno delle 12:08
a. Allo sportello delle informazioni per Viareggio?
b. 1 alle 11:37; 2 dal binario 6; 3 3 ore e 16 minuti, z Dal binario 6.
63 euro e 70; 4 un’ora e trentasette minuti; x Va bene, grazie.
5 bisogna cambiare a Bologna
3
c. Ci vuole si usa con un’indicazione di tempo
z Buongiorno, mi dica.
al singolare (fino a un’ora e 59 minuti), ci voglio-
t Quanto ci vuole per arrivare a Napoli con il
no con un’indicazione di tempo al plurale.
Frecciarossa?
z Con il Frecciarossa… ci vogliono 3 ore e 16 mi-
Scheda informativa nuti.
t Ah, e quanto costa il biglietto di seconda
I treni italiani
­classe?
Le Frecce fanno parte dell’offerta Eurostar e
z 63 euro e 70.
sono i treni più veloci della flotta Trenitalia: i
t Va bene. Grazie.
Frecciarossa collegano Torino-Milano-Bologna-
z Prego.
Firenze-Roma-Napoli-Salerno, circolano su
linee ad Alta Velocità e normalmente viag- 4
giano a 300 km/h, ma possono raggiungere i z Prego.
360 km/h; i Frecciargento collegano Roma con v Senta, quanto ci vuole per andare a Roma?
Venezia, Verona, Bari/Lecce, Lamezia Terme/ z Beh, dipende dal treno. Con il regionale 3 ore
Reggio Calabria, circolano sia su linee ad Alta e 50…
Velocità che su linee tradizionali e raggiungo- v Oh, mamma mia…
no i 250 km/h; i Frecciabianca collegano Milano z Beh, invece con l’Eurostar ci vuole solo un’ora
con Venezia, Udine e Trieste, Genova e Roma, e 37.
la Riviera Adriatica fino a Bari e Lecce, utiliz- v Ah, bene. Grazie mille.
zano la linea tradizionale e raggiungono i 200
km/h.

 40
5 Soluzione:
t Buongiorno. a. Quando parte il prossimo treno per Vene-
z Buongiorno. zia?; Da che binario parte il treno per Viareggio?;
t Senta, per andare a Parma con l’Eurostar delle Quanto ci vuole per arrivare a Napoli?; Quanto
12:19 bisogna cambiare a Bologna? costa il biglietto di seconda classe?
z Sì, esatto. L’Eurostar arriva a Bologna alle
13:20 e per Parma si prende il regionale delle
13:30. 4 Il linguaggio dei treni
t OK, va bene, grazie.
(lavorare con il lessico)
z Prego.
Obiettivo: ampliare il lessico relativo ai treni;
familiarizzare con la simbologia usata dalle fer-
3 Scusi, vorrei un’informazione. rovie italiane.
(ascoltare, parlare)
Procedimento: per svolgere questo punto vi con-
Obiettivo: focalizzare l’attenzione sugli inter- verrà riprodurre su lucido l’attività. Per lo svolgi-
rogativi quando, quanto e da che…; esercitarsi a mento seguite le indicazioni del manuale. Fate
chiedere informazioni alla stazione. eseguire il compito dapprima individualmente,
poi in coppia e infine verificate in plenum, aiu-
Procedimento: a. seguite le indicazioni del ma- tandovi con il lucido.

2
nuale e procedete come illustrato a p. 10 dell’In-
troduzione (Fase 2 – Comprensione più detta- Soluzione:
4
gliata). In fase di verifica fate notare che quanto 8
14 15
si usa non solo in riferimento a una quantità di 7
oggetti o a una somma di denaro, come già visto
9 6 12
nella lezione 7 di Chiaro! A1, ma anche in riferi- 3
mento al tempo.
2 13
b. A libro chiuso, formate delle coppie, spiegate 11
1
agli studenti che faranno un gioco di ruolo e dite
loro di stabilire, innanzi tutto, chi è il viaggia- 10
5
tore (ruolo A) e chi è l’impiegato che lavora allo
sportello informazioni (ruolo B). Raccomandate
che ognuno legga esclusivamente le istruzioni
relative al proprio ruolo: A quelle a pagina 18,
B quelle a pagina 123 (per evitare che leggano
anche il resto potete preparare dei cartoncini 5 L’orario ferroviario
da distribuire in base ai ruoli). Fate quindi aprire
(leggere)
il libro, accertatevi che il compito sia chiaro e
procedete poi come indicato nell’Introduzione a
Obiettivo: sviluppare la capacità di leggere selet-
p. 14 (Produ­zione orale).
tivamente.

Procedimento: eventualmente potete riprodurre


su lucido l’orario, ingrandendolo. Se avete una
classe che ama giocare con le parole, potete
invitare gli studenti a riflettere sul nome Me-

41
morario per fare delle ipotesi: perché si chiama 6 Un biglietto, per favore!
così? Poiché il termine“memoria” si ritrova in (ascoltare, parlare)
numerosi vocaboli di varie lingue è possibile che
qualcuno trovi la soluzione, altrimenti dite che si Obiettivo: a. e b. sviluppare la comprensione
tratta di un servizio che Trenitalia offre in alcune orale; c. esercitarsi ad acquistare un biglietto
regioni e che prevede più treni con orari di facile ferroviario.
memorizzazione (vedi scheda informativa): nello
schema i treni in più sono contrassegnati dalla m Procedimento: a. seguite le indicazioni del ma-
in cima alla colonna, mentre gli altri sono treni nuale e procedete come illustrato a p. 9 dell’In-
e orari “normali”. Il Memorario con cui si lavora troduzione (Fase 1 – Comprensione globale).
in quest’attività riguarda una linea ferroviaria
b. Seguite le indicazioni del manuale e pro-
in Toscana. Dite quindi agli studenti di leggere
cedete come illustrato a p. 10 dell’Introduzione
le situazioni sottostanti e consultare l’orario per
(Fase 2 – Comprensione più dettagliata).
trovare, di volta in volta, le informazioni richie-
ste. c. Formate delle coppie diverse da quelle del
punto 3b e dite agli studenti di stabilire, innan-
Soluzione: zi tutto, chi è il viaggiatore (ruolo A) e chi è il
1 Il treno delle 7:59 che arriva alle 8:29 o il treno bigliettaio (ruolo B). Raccomandate che ognuno
delle 8:29 che arriva alle 9:02 oppure il treno legga esclusivamente le istruzioni relative al pro-
delle 8:59 che arriva alle 9:29. prio ruolo (anche in questo caso, potete prepa-
2 Partenza da Firenze Statuto alle 7:44. rare dei cartoncini per i diversi ruoli). Accertatevi
3 Il treno delle 7:45 che arriva alle 8:30 oppure il che il compito sia chiaro e procedete poi come
treno delle 8:17 che arriva alle 9:21. indicato nell’Introduzione a p. 14 (Produzione
4 Il treno delle 10:08 che arriva alle 11:20. orale).

Soluzioni:
Scheda informativa a. Oggi questo treno non viaggia.
Memorario è un servizio di Trenitalia che offre b. Il signore vuole andare a Sesto Fiorentino. Il
più treni con orari coordinati a cadenze rego- signore prende il treno delle 7:38.
lari e perciò facili da memorizzare. Prevede
missioni veloci, semiveloci e metropolitane, Trascrizione:
contraddistinte da colori diversi, ognuna con (Traccia 05)
fermate nelle stesse stazioni allo stesso minu- t Buongiorno.
to di ogni ora. Gli orari cadenzati cominciano w Buongiorno.
intorno alle ore 8 e finiscono intorno alle ore t Un biglietto per Sesto Fiorentino, per favore.
20 dei giorni feriali, lasciando inalterati colle- w Andata e ritorno?
gamenti e orari per il servizio normale. t No, solo andata. Senta, il treno delle 7:47 arriva
alle 8:04, no?
w Eh… Guardi che il treno delle 7:47 viaggia solo
nei giorni festivi. Se vuole partire adesso, deve
prendere quello delle 7:38.
t Oddio! Sono le 7:32! Ehm… Va bene, quant’è?
w Un euro e 10.
t Ecco a Lei.
w Ecco il biglietto e il resto.
t Grazie e arrivederci.

 42
7 Una gita oltre confine Soluzioni:
(leggere) a. “Sofia85” risponde a “marcello”, “SISSI” e
“Ariete 2010” rispondono a “88gio”.
Obiettivo: sviluppare la comprensione della lin- b.
gua scritta.

Grammatica: l’aggettivo indefinito qualche; il


condizionale presente.

Procedimento: a. fate chiudere il libro e mo-


strate il titolo dell’attività, che avrete riprodotto
su lucido (o trascritto alla lavagna) coprendo
tutto il resto. Chiedete agli studenti come si può
fare una gita (andata e ritorno in giornata) oltre
confine partendo dall’Italia: da quale regione si
può partire? Dove si può andare? Raccolte alcune
idee, mostrate i messaggi di “marcello” e “88gio”
e invitate gli studenti a leggerli rapidamente © www.cartomedia-karlsruhe.de

per capire da dove vogliono partire e dove desi-


derano andare queste due persone. Se in fase di Scheda informativa
verifica qualcuno dovesse chiedervi delucidazioni

2
Il Lago Maggiore Express offre la possibilità di
sull’indefinito qualche, che compare in entrambi
percorrere un tragitto panoramico fra l’Italia
i messaggi, dite semplicemente che qualche gita
e la Svizzera viaggiando in treno e in battel-
significa “delle gite/più di una gita” e qualche
lo. L’escursione si può effettuare partendo
posto “dei posti/più di un posto”, senza dilungar-
da varie località e scegliendo tra un biglietto
vi in spiegazioni grammaticali: potrete riprende-
speciale con validità giornaliera e un biglietto
re il tema dopo l’attività di lettura sfruttando lo
valido per due giorni. Il territorio fra i due paesi
specchietto Lingua di p. 21. Esortate infine gli stu-
si attraversa per un’ora e mezza con la ferrovia
denti a leggere anche i messaggi successivi per
delle Centovalli e della Valle Vigezzo. La tra-
scoprire chi risponde a “marcello” e chi invece a
versata del Lago Maggiore in battello dura tre
“88gio”. Fate presente che il compito non è quel-
ore e consente di ammirare le isole Borromee, i
lo di comprendere tutto nei dettagli, ma soltanto
castelli di Cannero, le isole di Brissago.
stabilire qual è il destinatario di ogni risposta.
Procedete poi come illustrato nell’Introduzione a
Vigezzina: la Ferrovia internazionale elettrica
p. 11 (Gli input scritti).
Domodossola-Locarno – familiarmente chia-
b. Chiedete agli studenti di concentrarsi sul mata Vigezzina in Italia e Centovallina in Sviz-
messaggio di “Sofia85”, fate leggere il compi- zera – fu inaugurata nel 1923. Essa collega la
to e accertatevi che sia chiaro. Consigliate agli Val d’Ossola al Lago Maggiore con un percorso
studenti di segnare il percorso con la matita e la- fra boschi e paesi che, grazie a treni panora-
sciate loro alcuni minuti per lavorare individual- mici e tempi lenti, permette al viaggiatore di
mente. La verifica avverrà dapprima in coppia e immergersi nel paesaggio naturale della Valle
poi in plenum. Per quest’ultima fase vi converrà Vigezzo italiana e delle Centovalli svizzere.
riprodurre su lucido la cartina e chiedere a uno La ferrovia offre inoltre servizi di trasporto
studente di segnare con un pennarello l’itinerario pubblico per la comunità locale e di trasporto
proposto (oppure farvelo dettare e segnarlo voi internazionale di collegamento tra la linea del
stessi), in modo che tutti possano visualizzarlo. Gottardo e quella del Sempione.

43
8 Vorrei… c. Il condizionale presente dei verbi regolari si
(scoprire la grammatica) forma partendo dall’infinito, le desinenze sono
uguali per tutte e tre le coniugazioni; particolari-
Obiettivo: introdurre il condizionale presente ( a. tà: nei verbi in -are, la -a diventa -e.
individuare le frasi che lo contengono e dedurne I verbi irregolari si possono dividere in gruppi:
la funzione nel contesto dato; b. ricostruire le verbi che perdono la -e/-a dell’infinito (andrei,
forme; c. formulare la regola per la morfologia avrei, dovrei, potrei), verbi che perdono la -e e
dei verbi). raddoppiano la -r- dell’infinito (verrei, vorrei), ver-
bi in -are che conservano la -a dell’infinito (darei,
Procedimento: per tutte le fasi tenete conto di farei, starei). Nel verbo essere cambia completa-
quanto detto nell’Introduzione a p. 16 (La gram- mente la radice.
matica).
a. Invitate gli studenti a rileggere con attenzio-
ne le frasi concentrandosi sulla funzione comuni- 9 In gita con la Vigezzina
cativa di ciascuna di esse. Per la verifica proietta- (parlare)
te un lucido sul quale avrete riprodotto l’attività
(possibilmente ingrandita) e fatevi dettare le Obiettivo: esercitarsi ad esprimere un desiderio/
soluzioni. una preferenza.
b. Dite agli studenti che, come sicuramente
Procedimento: formate dei gruppi, fate leggere
avranno notato, le funzioni comunicative appena
il compito e accertatevi che sia chiaro. Procedete
individuate richiedono l’uso di una forma verba-
quindi come indicato nell’Introduzione a p. 14
le nuova: il condizionale. Formate quindi delle
(Produzione orale).
coppie e invitate gli studenti a ritrovare nelle
frasi le forme necessarie a completare lo schema
(dovranno dunque concentrarsi sulle desinenze). Scheda informativa

c. Fate lavorare le stesse coppie di prima in Santuario della Madonna del Sasso: si raggiun-
base alle indicazioni del manuale. Lasciate loro ge in treno (fino a Locarno) e con la funicolare
un po’ di tempo per discutere, poi sollecitateli a della Madonna del Sasso, ma si può visitare
suggerirvi le regole guidandoli a una soluzione anche a piedi, partendo da Locarno. Questa è
completa e condivisa. la tradizionale strada dei pellegrini, secolare
e un tempo molto conosciuta, e richiede circa
Soluzioni: un’ora di cammino.
a. esprimere un desiderio Y Vorrei andare
in Svizzera./Vorrei organizzare qualche gita.; Centovalli in bicicletta: si arriva con la Vigez-
chiedere un consiglio Y Dove potrei andare?/ zina fino a Camedo (oltre il confine italosviz-
Mi consigliereste qualche posto carino?; dare zero), si noleggiano le biciclette e si scende
un consiglio Y Ti consiglierei di usare la carta di per la strada Cantonale. Lungo il percorso si
credito./Io andrei a Ginevra./Potresti venire in può sostare in uno dei numerosi grotti (locali
Ossola./Potresti visitare Bellinzona.; indicare una tipici del Canton Ticino e dei Grigioni italiani,
possibilità/fare un’ipotesi Y E così faresti questo così chiamati perché originariamente ricavati
giro. da grotte naturali). Per il ritorno si riprende il
b. -ei/-esti/-ebbe/-emmo/-este/-ebbero; treno a Pontebrolla.
andrei/potrei/vorrei

 44
10 Mi daresti un consiglio? b. Fate aprire il libro a p. 23 e invitate gli stu-
(scrivere e leggere) denti a leggere il testo per verificare le loro
ipotesi. Procedete poi come illustrato nell’Intro-
Obiettivo: esercitarsi a dare consigli e fare propo- duzione a p. 12 (Gli input scritti).
ste per iscritto.

Procedimento: a. fate leggere il compito, Scheda informativa


accertatevi che sia chiaro e fatelo svolgere in- Il Bernina Express fa parte della Ferrovia Reti-
dividualmente tenendo presente quanto detto ca: le tratte del Bernina e dell’Albula collegano
nell’Introduzione a p. 14 (Produzione scritta). l’Europa settentrionale a quella meridiona-
Raccomandate agli studenti di tenere presente le e sono esempi di gestione innovativa del
in primo luogo l’obiettivo comunicativo (dare paesag­gio di montagna. La linea dell’Albula è
consigli, proporre un itinerario) e avvertiteli che stata completata nel 1903, quella del Bernina
i loro testi verranno “pubblicati” in classe, pre- nel 1910. La ferrovia del Bernina (St. Moritz –
gateli perciò di scrivere su un foglio a parte e Tirano) fu presa come modello per molte
con una grafia leggibile. Annunciate il tempo a ferrovie interregionali progettate e per alcune
disposizione e dite che potranno rivolgersi a voi realizzate. Oggi è unica al mondo: è infatti la
in qualsiasi momento per sciogliere gli eventuali trasversale alpina più alta d’Europa nonché
dubbi. una delle ferrovie ad aderenza naturale più
ripide al mondo. Dal 2008 è anche Patrimo-
b. Raccogliete i fogli e sistemateli in modo che
nio Mondiale dell’umanità ed è l’unico Sito

2
tutti li possano leggere (su un tavolo o alla pare-
­UNESCO trasnazionale italiano.
te). Calcolate il tempo necessario per la lettura in
base al numero dei testi e sottolineate che non
bisogna capire ogni parola, ma solo farsi un’idea
delle proposte per decidere quale si trova più 12 Le parole… del treno
interessante. Scaduto il tempo assegnato, ripor-
(lavorare con il lessico)
tate l’attività in plenum e chiedete agli studenti
di spiegare quale delle gite proposte desidere-
Obiettivo: riflettere sull’uso di arrivare, attraver-
rebbero fare e perché.
sare, partire, salire, scendere, viaggiare.

Procedimento: a. chiedete agli studenti di co-


11 Un treno tutto rosso prire con un foglio il testo del punto 11, poi invita-
(leggere) teli ad abbinare i verbi alle espressioni del punto
12 cercando di contare non solo sulla memoria,
Obiettivo: sviluppare la comprensione della ma anche sul ragionamento. Date loro un paio di
lingua scritta. minuti per lavorare, poi dite di confrontare le so-
luzioni con il testo originale. Prima di dare il via
Grammatica e lessico: avverbi in -mente; alcuni al controllo, dite che se si hanno delle soluzioni
verbi di movimento con preposizione. diverse da quelle del testo, se ne deve prendere
nota senza cancellarle perché magari potrebbero
Procedimento: a. a libro chiuso scrivete alla essere corrette; nel corso della verifica in plenum
lavagna “trenino rosso” e chiedete che cos’è. controllate se ci sono casi di questo tipo e discu-
Formate delle coppie e invitate gli studenti a fare teteli.
delle supposizioni.

45
b. Formate delle coppie, fate leggere il compi- 13 Un treno per due paesi
to e accertatevi che sia chiaro. Per verificare la (parlare, scrivere e leggere)
correttezza delle soluzioni potete farle elencare
in plenum oppure passare voi stessi di coppia in Obiettivo: ripassare funzioni comunicative,
coppia a controllare. Sarà comunque opportuno grammatica e lessico della lezione.
trascrivere alla lavagna almeno una soluzione
per caso in modo che le nuove espressioni diven- Procedimento: per tutte le fasi seguite le indica-
tino patrimonio di tutti. zioni del manuale tenendo conto di quanto si dice
nell’Introduzione a p. 15 (Compiti di gruppo).
Soluzioni:
a. salire sui vagoni; viaggiare tra la Valtellina e
i Grigioni; partire da Tirano; salire fino ai boschi;
arrivare ai ghiacciai; scendere nell’Engadina;
attraversare le Alpi; altre soluzioni possibili:
arrivare da Tirano, arrivare fino ai boschi, arrivare
Culture a confronto
nell’Engadina Obiettivo: confrontarsi sugli “usi e costumi ferro-
b. soluzione possibile: attraversare gli Appen- viari” di diversi paesi.
nini; partire dal binario 2; arrivare a Cagliari;
viaggiare tra l’Italia e la Svizzera; viaggiare in tre- Procedimento: a. a libro chiuso, ricordate agli
no/salire sul treno; viaggiare in seconda classe; studenti che nella lezione 10 del primo volume
scendere fino a una valle hanno già visto un biglietto ferroviario italiano,
dite loro che adesso ne vedranno un altro, un po’
Conclusa la verifica e prima di avviare l’attivi- più “complesso”, e che il loro compito consiste-
tà finale, proiettate un lucido sul quale avrete rà nel ricavarne le informazioni fondamentali.
riprodotto il testo sul trenino rosso. Sottoline- Sottolineate che per fare questo non è necessa-
ate l’avverbio familiarmente (r. 3), chiedete agli rio capire proprio tutto quello che è stampato sul
studenti di trovare nel testo altre forme simili a biglietto. Fate quindi aprire il libro a p. 24 e fate
questa (perfettamente, r. 9; comodamente, r. 12 e svolgere il compito in tre fasi: esecuzione indivi-
personalmente, r. 14 – 15) e di dirvi dove si trova- duale, confronto in coppia, verifica in plenum.
no in modo che possiate sottolinearle. Chiedete
b. Fate svolgere questo compito individual-
quindi come si formano questi avverbi e invitate
mente e poi verificate in plenum.
gli studenti a parlarne con un compagno, aiu-
tandosi anche con lo specchietto Lingua in fondo c. Formate dei gruppi, fate leggere le doman-
alla pagina. Lasciate loro un po’ di tempo per de e invitate gli studenti a discuterne insieme.
confrontarsi, poi riportate il discorso in plenum Potete concludere l’attività riportando il discorso
ed esortateli a formulare la regola (questi avver- in plenum per vedere quali analogie e quali diffe-
bi si costruiscono partendo dalla forma femmini- renze siano state individuate.
le dell’aggettivo corrispondente e aggiungendo
il suffisso -mente; se l’aggettivo termina in -re o Soluzioni:
-le, la -e finale cade). Non soffermatevi sulla dif- a. È un biglietto per due persone: n. 2 adulti;
ferenza fra avverbio e aggettivo perché questo Il biglietto è valido per due mesi: utilizzabile dal
tema verrà trattato al punto 13 della lezione 5. 07/04/09 al 06/06/09; Prima di iniziare il viag-
gio, all’andata e al ritorno, bisogna…: da convali-
dare; Una volta obliterato, il biglietto è valido 6
ore: vale 6h da convalida.

 46
b. 1 Y foto centrale (obliteratrice gialla); b. Fate svolgere questo compito individual-
2 Y foto a sinistra (con il disegno della biciclet- mente e poi verificate in plenum.
ta); 3 Y foto a destra (distributore automatico,
c. Formate dei gruppi e dite agli studenti di
con la scritta “biglietto veloce”)
discutere seguendo la traccia indicata dal libro.
Concludete riportando la discussione in plenum
per raccogliere le idee e dare ulteriori consigli.
Scheda informativa
Obliterare Soluzione:
Come si vede a p. 24, il biglietto va oblitera- b. studenti Y 3; insegnanti Y 1; genitori Y 2
to (cioè timbrato) due volte: all’andata e al
ritorno. Il controllo da parte del capotreno non
sostituisce l’obliterazione: chi viaggia con un
biglietto non obliterato rischia una multa sa­
lata (attualmente 50 euro).

Portfolio

2
Autovalutazione (Cosa sai fare?) – Obiettivo: fare
un bilancio della seconda lezione.

Procedimento: procedete come indicato a p. 25


dell’Introduzione (Portfolio).

Strategie (Come impari?) – Obiettivo: riflettere


sulle strategie di lettura, qui: lettura per consul-
tazione (scanning).

Procedimento: a. informate gli studenti che


la riflessione sulle strategie di lettura prosegue
e approfondisce il discorso avviato in Chiaro! A1
(v. lezione 8). Spiegate che tale riflessione, per
essere utile, dovrà essere svolta passo per passo,
seguendo esattamente le indicazioni del libro.
Precisate infine che – in armonia con il tema
della lezione – l’esercizio proposto nel Portfolio
risulta particolarmente utile come “allenamen-
to“ in vista di viaggio o vacanze in Italia. Formate
quindi delle coppie e fate leggere l’introduzione
e la consegna a. Lasciate quindi alcuni minuti per
lo scambio di esperienze.

47
Epoche e mode
Temi: la moda, stili di vita, abitudini e comportamenti del passato

Obiettivi comunicativi: descrivere l’abbigliamento; parlare di situazioni e stili di vita del


passato; confrontare comportamenti attuali e passati

Grammatica e lessico: le forme e l’uso dell’imperfetto; il comparativo (forme regolari);


capi d’abbigliamento, accessori, moda (sostantivi e aggettivi qualificativi)

1 Per iniziare a. Pregate gli studenti di coprire con un foglio il

3
punto 3, fate svolgere l’attività in coppia e verifi-
Obiettivo: introdurre il tema “moda” facendo cate in plenum.
leva sull’esperienza di vita.
b. Fate svolgere l’attività in coppia, poi fate
chiudere il libro, proiettate il lucido di pagina 28
Procedimento: formate dei gruppi e seguite le in-
(solo il punto 2) e verificate in plenum.
dicazioni del manuale, tenendo conto di quanto
Conclusa la verifica, servitevi nuovamente dei
detto nell’Introduzione a p. 14 (Produzione orale).
lucidi per rinfrescare la memoria riguardo ai
­colori, presentati nella lezione 7 del primo volume,
e introdurre i vocaboli che compaiono negli spec-
2 Vestiti e accessori chietti Lingua di pagina 29, senza tuttavia dover
(lavorare con il lessico) aprire il libro. A tal fine basterà porre semplici
domande come “Di che colore è il cappello?”.
Obiettivi: introdurre il lessico di base relativo Utilizzate dapprima le immagini di pagina 28,
all’abbigliamento, ricordare i colori. cominciando con il cappello – per il quale fornire-
te voi la risposta, in modo da presentare il termi-
Grammatica e lessico: i colori (ripasso); i capi ne marrone – e lasciando per ultima la cravatta,
d’abbigliamento; le espressioni a righe, a fiori, a che userete per introdurre l’espressione a righe.
quadri; un paio di Scrivete dunque alla lavagna quest’espressione,
poi aggiungete anche a fiori/a quadri e illustrate-
Procedimento: se possibile, riproducete su lucido ne il significato mostrando le immagini di pagina
a colori le pagine 27 e 28. Naturalmente potete 27. Infine invitate alcuni studenti a descrivere
lavorare anche con le pagine del libro, ma abbia- l’abbigliamento delle persone che si vedono nelle
te cura di coprire e di far coprire l’attività 3 i cui foto di questa pagina: chiedete per esempio “Che
disegni, costituendo la base di un gioco di memo- cosa porta la ragazza che guarda gli stivali?”. Po-
ria, non dovrebbero venir osservati in anticipo. trete così introdurre anche l’espressione un paio

49
di (la ragazza porta un paio di stivali marroni). La terza persona porta una maglietta/t-shirt
Se volete, potete ampliare quest’attività forman- gialla a righe bianche, una gonna arancione e un
do delle coppie e consegnando un’immagine in paio di sandali.
cui compaiano diverse persone (per esempio la
foto a p. 13 o i disegni a p. 103 di Chiaro! A1): a
turno, uno studente dovrà dire com’è vestita una 4 Che passione!
persona e l’altro dovrà indovinare di quale perso-
(parlare)
na si tratta. A questo punto, gli studenti saranno
pronti per svolgere il gioco del punto 3.
Obiettivi: riutilizzare il lessico nuovo in una pro-
duzione libera; esprimere preferenze.
Soluzioni:
a. pantaloni, gonna, scarpe, sandali, stivali,
Procedimento: ponete a voce la domanda conte-
cappotto, abito/vestito, guanti, cintura, borsa,
nuta nella consegna. Invitate quindi gli studenti
occhiali da sole
ad alzarsi e a intervistare i compagni annotan-
b. 1 cappello; 2 maglione; 3 cravatta; 4 camicia;
dosi le risposte. Se volete, potete mettere una
5 giacca; 6 sciarpa; 7 camicetta; 8 maglietta/
musica di sottofondo. Stabilite il tempo a dispo-
t-shirt
sizione, scaduto il quale segnalate la fine delle
interviste aumentando il volume della musica.
Concludete l’attività chiedendo agli studenti che
3 Come sono vestite queste persone? cosa sono riusciti a scoprire, per vedere se esiste
(gioco) una comune preferenza per un particolare capo o
accessorio o se ci siano in classe dei collezionisti
Obiettivo: memorizzare il lessico di base relativo di oggetti di moda.
all’abbigliamento.

Procedimento: a. a libro chiuso, dite agli stu- 5 Che tempi!


denti che vedranno dei disegni e che avranno
(leggere)
due minuti di tempo per osservarli attentamente
e memorizzare quanti più dettagli possibile. Fate
Obiettivo: sviluppare la comprensione della
aprire il libro a pagina 28 e cronometrate.
lingua scritta.
b. Scaduto il tempo, fate chiudere il libro e dite
agli studenti di scrivere, ognuno per conto pro- Grammatica e lessico: aggettivi per descrivere
prio, come sono vestite le persone. Come esempi, l’abbigliamento; l’imperfetto indicativo.
potete trascrivere alla lavagna le frasi di pagina
29. Date qualche minuto per eseguire il compito, Procedimento: quest’attività va preparata con
poi formate delle coppie e fate confrontare per cura perché – pur non essendo complicata – ri-
vedere chi è riuscito a formulare la descrizione chiede una regia particolarmente attenta: la
più completa: per verificare la correttezza, si po- classe si dividerà infatti in due gruppi (A e B),
tranno naturalmente guardare i disegni. ognuno dei quali lavorerà, dapprima, con un solo
testo (A o B); in un secondo tempo i due gruppi
Soluzione: si scambieranno le informazioni ricavate. Le con-
La prima persona porta una camicetta a fiori, segne sono riportate due volte in modo che ogni
una sciarpa blu, un paio di jeans/pantaloni blu e gruppo possa lavorare esclusivamente con la
stivali marroni. La seconda persona porta giacca propria pagina e conservare così il gap informati-
e pantaloni blu, camicia e cravatta azzurre, una vo. Per tutte le fasi tenete presente quanto detto
cintura marrone, scarpe marroni. nell’Introduzione a p. 12 (Gli input scritti).

 50
a. A libro chiuso, dividete la classe in due Soluzioni:
gruppi (A e B) e, se possibile, fateli sistemare in a.  e b. Testo A: “La febbre del sabato sera”;
due punti dell’aula ben separati, in modo che ­Testo B: “La moda anni ’70”.
ogni gruppo possa lavorare per conto proprio. d. La foto con i pantaloni a zampa d’elefante.
Annunciate poi che il gruppo A lavorerà con la
pagina 29 e il gruppo B con la pagina 30. Dite che
ogni studente dovrà leggere il proprio testo non Scheda informativa
per capire tutto quello che c’è scritto, ma solo per
Paolo Morando: giornalista, vive e lavora a
farsi un’idea generale del contenuto e sceglie-
Trento, dove è vicecaporedattore del Trentino,
re un titolo fra quelli proposti: non b ­ isognerà,
quotidiano del Gruppo Espresso. Docente di
perciò, soffermarsi a riflettere sulle parole sco-
giornalismo all’Università di Verona, ha scritto
nosciute o sulle forme nuove. Accertatevi che il
per la Repubblica e per la rivista trimestrale
compito sia chiaro, fate aprire il libro e date un
del Mulino Problemi dell’informazione. Nel suo
paio di minuti per una prima lettura.
Dancing Days Morando rievoca – attraverso
b. Formate ora delle coppie all’interno di cia- documenti inediti e testimonianze di giornali-
scun gruppo (o dei gruppi di tre, se gli studenti sti, intellettuali e artisti – il periodo in cui l’Ita-
sono dispari) e invitate i discenti a riferirsi quale lia è passata dall’esasperato impegno politico
titolo abbiano scelto e perché: in questo modo si degli anni Settanta alla “fuga nel privato” degli
scambieranno automaticamente anche le infor- anni Ottanta: dalla stagione dei movimenti per
mazioni che avranno capito. Date loro un paio di i diritti alla stagione degli yuppies.

3
minuti per parlare.
Eskimo: giaccone impermeabile lungo fino alle
c. Dite agli studenti di rileggere il proprio testo
ginocchia o a mezza coscia, munito di cap-
per approfondire la comprensione del contenuto.
puccio e di larghe tasche, con interno in pelo
Poi formate delle nuove coppie – unendo, questa
sintetico e cerniera lampo, diffuso soprattutto
volta, uno studente del gruppo A e uno studen-
in color verde militare. Pratico ed economico,
te del gruppo B (se gli studenti sono dispari, ci
quindi accessibile alle classi meno abbienti, as-
sarà un terzetto con due A o due B) – e dite che
sunse ben presto una valenza politica: a partire
si scambino informazioni sui testi letti e sui titoli
dal ’68 divenne simbolo del movimento stu-
scelti. Raccomandate di concentrarsi sul conte-
dentesco, che rifiutava il consumismo. Divenne
nuto generale, continuando ad ignorare le parole
poi una vera icona degli anni Settanta anche
e le forme sconosciute.
grazie a una canzone di Francesco Guccini, inti-
d. Dite agli studenti A di leggere il testo a pagi- tolata, appunto, Eskimo. Ancora nel 2010, in un
na 30 e agli studenti B di leggere quello a pagina sondaggio dell’Espresso sulle icone di quegli
29 per verificare le informazioni appena ricevute anni, ha ottenuto il maggior numero di voti.
dal compagno. Date un paio di minuti per la
lettura, poi formate delle coppie, riproponete la
foto (o il lucido) di pagina 27 e chiedete agli stu- 6 Stile anni Settanta
denti di discutere sulle immagini da abbinare a
(lavorare con il lessico)
ciascun testo. Concludete l’attività verificando la
scelta dei titoli e raccogliendo le proposte relati-
Obiettivi: introdurre espressioni utili a descrivere
ve alle foto.
l’abbigliamento, approfondire la comprensione
dei testi.

Grammatica e lessico: aggettivi per descrivere


l’abbigliamento.

51
Procedimento: a.  e d. seguite le indicazioni del un paio di minuti per la ricerca, poi fatevi dettare
manuale e fate svolgere i compiti in coppia. Prima i verbi trovati, sottolineateli e aggiungete quelli
di dare il via alla produzione orale del punto d, ve- che eventualmente sono stati tralasciati. Chie-
rificate solo le soluzioni dell’attività c; la verifica dete infine agli studenti a che scopo viene usato
dei due punti precedenti verrà fatta dagli studenti questo tempo e invitateli a scegliere una delle
stessi avvalendosi del testo B e del confronto con opzioni proposte (per farlo possono naturalmen-
i compagni previsto nell’ultima fase. Il controllo te scorrere di nuovo il testo). Verificate quindi in
in plenum si svolgerà soltanto alla fine e avrà lo plenum.
scopo di far sì che il lessico raccolto diventi, in tut-
b. Formate delle coppie, dite loro di cercare i
te le sue varianti, patrimonio comune della classe.
verbi all’imperfetto anche nel testo B e di com-
pletare la tabella nel riquadro azzurro di pagi-
Soluzioni:
na 31.
a. capi d’abbigliamento: pantaloni (a zampa
d’elefante), gonne, minigonne, miniabiti, Loden, c. Proiettate la tabella tramite lucido o trascri-
eskimo (cappotto); accessori: occhiali (a goccia), vetela alla lavagna. Chiedete innanzi tutto agli
foulard, orecchini; colori: colori forti e contra- studenti di aiutarvi a completarla. Poi formate
stanti; fantasie: disegni geometrici, fiori, cerchi, dei gruppi e chiedete loro di individuare i verbi
linee, goccia d’acqua regolari presenti nella tabella e di discutere su
b. pantaloni: corti, larghi, stretti, lunghi; come si formano. Riportate quindi il discorso in
gonna: corta, larga, stretta, lunga; camicia/ca- plenum e guidate la classe alla formulazione del-
micetta: corta, larga, stretta, lunga; colore: forte, la regola. Alla fine aggiungete che l’imperfetto
pastello, chiaro, scuro non ha l’ampliamento in -isc- e che dunque an-
c. chiaro ≠ scuro; corto ≠ lungo; forte ≠ pastel- che verbi come preferire, capire ecc. si coniugano
lo; largo ≠ stretto secondo il modello venire. Richiamate poi l’atten-
zione su un altro verbo irregolare – fare – la cui
coniugazione si trova nello specchietto più sotto.
7 Eravamo così. Se volete, per fissare le forme potete:
• dividere la classe in coppie e fornire loro un
(scoprire la grammatica)
dado da gioco: a turno, uno studente sceglie un
verbo e l’altro coniuga la forma “uscita” con il
Obiettivo: introdurre l’imperfetto indicativo (for-
dado (1 = io, 2 = tu, ecc.).
me e prima riflessione sull’uso).
• trasformare il cruciverba di pagina 138 in un
gioco. Dividete la classe in coppie: al via ogni
Procedimento: per tutte le fasi tenete conto di
coppia comincia a risolvere il cruciverba. La pri-
quanto si è detto nell’Introduzione a p. 16 (La
ma coppia che ritiene di aver finito dice “Stop!” e
grammatica – Procedimento).
detta le sue soluzioni, che potete riportare su un
a. Qui si tratta di spostare l’attenzione degli lucido. Se le soluzioni sono tutte giuste, la coppia
studenti dall’ambito lessicale a quello gramma- ha vinto, altrimenti il gioco continua. Oppure po-
ticale. Riproducete dunque su lucido il testo di tete far giocare una coppia contro l’altra: a turno,
pagina 29, sottolineate il verbo studiavo (riga 1) una coppia sceglie un verbo – dicendo per esem-
e chiedete agli studenti di fare altrettanto. Dite pio “3 orizzontale” o “1 verticale” – e l’altra deve
quindi che Dario Bramante usa verbi come que- coniugarlo: se la soluzione viene ritenuta giusta,
sto per parlare della sua vita: si tratta di un nuo- entrambe le coppie la inseriscono nello schema,
vo tempo verbale, l’imperfetto. Invitate dunque altrimenti la coppia avversaria ha il diritto di ten-
gli studenti a cercare e sottolineare tutti gli altri tare la correzione. Le soluzioni, contenute nel CD
verbi che secondo loro sono all’imperfetto. Date ROM, potranno essere consultate solo alla fine

 52
del cruciverba: ogni forma giusta vale un punto, 9 E tu com’eri?
vince la coppia che ne totalizza di più. (parlare)

Soluzioni: Obiettivo: esercitarsi a parlare della propria in-


a. Dario usa questo tempo per descrivere la sua fanzia/gioventù.
vita nel passato.
b. Procedimento: seguite le indicazioni del manuale
procedendo come indicato nell’Introduzione a
suonare  edere
v  enire
v p. 14 (Produzione orale).
suonavo vedevo venivo
suonavi vedevi venivi
suonava vedeva veniva
suonavamo vedevamo venivamo 10 Allora e oggi
suonavate vedevate venivate (leggere e parlare)
suonavano vedevano venivano
Obiettivo: confrontare stili di vita del passato con
avere essere quelli attuali.
avevo ero
avevi eri Grammatica e lessico: il comparativo (forme
aveva era regolari).
avevamo eravamo

3
avevate eravate Procedimento: dite agli studenti che è arrivato
avevano erano il momento di creare un ponte fra il passato, di
cui si è parlato finora, e il presente in cui viviamo.
c. Le forme regolari (qui: suonare, vedere, veni- Invitateli a leggere i mini-testi contenuti nelle
re, avere) si formano aggiungendo alla radice del nuvolette, dando circa un minuto di tempo, poi
verbo le desinenze dell’imperfetto. Il verbo essere evidenziate i comparativi che si trovano nello
è del tutto irregolare. specchietto Grammatica e sono tratti dal primo
testo a sinistra. Invitate quindi gli studenti a
cercare il comparativo che si trova nell’ultimo
8 Mi ricordo... testo a destra (alla gente piaceva di più) e infi-
ne chiedete loro come si forma il comparativo,
(scrivere e parlare)
limitandovi per ora a ricavare ciò che serve per
quest’attività: si forma con più/meno + aggettivo
Obiettivo: esercitarsi a descrivere usi e costumi
(senza speciali desinenze), con un verbo si usa di
del passato.
più/di meno. Questo tema verrà ripreso e appro-
fondito nella lezione 8.
Procedimento: a. formate delle coppie, fate
Formate quindi delle coppie, fate leggere le
leggere il compito e accertatevi che sia chiaro.
domande contenute nella consegna e invitate gli
Procedete quindi come illustrato nell’Introduzio-
studenti a discutere liberamente.
ne a p. 14 (Produzione scritta).
b. Formate delle nuove coppie e dite agli stu-
denti di confrontare i loro ricordi per vedere se ne
abbiano qualcuno in comune.

53
11 Intramontabili Soluzioni:
(ascoltare) a. Il tema dell’intervista è la moda.
b. Gli intramontabili. Mode, persone, oggetti
Obiettivo: sviluppo della comprensione orale. che restano. Si riusano le cose vecchie. Ha supe-
rato i 50 anni.
Procedimento: per tutte le fasi, tenete presente c. Le dieci mode più importanti del secolo
quanto detto nell’Introduzione a p. 7 (Input orali). scorso.
Fare ascoltare i testi tutte le volte che i corsisti d. Bikini, cerniera, collant, impermeabile, jeans,
vorranno verificare le loro ipotesi, ma evitate che minigonna, nylon, reggiseno, t-shirt, top-model
cerchino di capire ogni dettaglio perché non è e. Chiede quali sono le dieci mode che hanno
questo lo scopo dell’attività. segnato, fino a questo momento, l’inizio del
nuovo millennio.
a. A libro chiuso, informate gli studenti che
ascolteranno un estratto di una trasmissione ra-
Trascrizione:
diofonica e che il loro compito sarà quello di fare
(Traccia 06/07)
ciò che normalmente si fa ascoltando la radio:
z Adesso invece ci occupiamo di tutt’altro, ci
ricavare alcune informazioni (non certo capire
occupiamo di un libro scritto dalla semiologa
tutto). Aggiungete che si tratta di un’intervista
Patrizia Calefato che s’intitola Gli intramonta-
a una studiosa, Patrizia Calefato, e che dunque
bili. Mode, persone, oggetti che restano, pub-
per prima cosa bisognerà capire qual è il tema
blicato quest’anno da Meltemi. Allora, Patrizia
dell’intervista. Fate quindi partire il brano 06 e
Calefato, buon pomeriggio e benvenuta a
procedete come indicato nell’Introduzione a p. 9
“Fahrenheit”.
(Fase 1 – Comprensione globale)
x Grazie e buon pomeriggio a voi.
b. Fate aprire il libro, invitate gli studenti a z Gli intramontabili... Quindi parliamo, come Lei
leggere le domande e le soluzioni proposte per ha parlato spesso nei suoi libri, di moda. Parla-
verificare che sia tutto chiaro. Procedete poi re di mode intramontabili, Patrizia Calefato,
come indicato nell’Introduzione a p. 10 (Fase 2 – non è una specie di contraddizione in termini?
Comprensione più dettagliata). x Beh, diciamo che la crisi… Allora, la crisi cosa
impone? Impone un po’ il riutilizzo, il riuso
c. Trovato l’accordo sulle opzioni del punto b,
delle cose, il riuso dei materiali, dei vecchi
passate alla seconda parte dell’ascolto (brano 07)
abiti, delle vecchie borse. Il riuso anche di certe
e procedete come al punto precedente.
immagini che sono nella memoria, vivono un
d. Fate leggere il compito e accertatevi che po’ come dei classici, non classici molto distanti
sia chiaro, poi formate delle coppie e invitate gli da noi, classici vicini a noi – dieci, venti, trenta,
studenti a fare delle ipotesi. quarant’anni addietro e qua io mi pongo diret-
tamente in gioco come persona che, diciamo,
e. Dite agli studenti di ascoltare (brano 08)
ha superato il mezzo secolo e dunque può
per scoprire se hanno indovinato. Verificate in
anche giocare col tempo, no?, giocare un po’ a
plenum compilando la lista con l’aiuto di tutti.
ricordare certi intramontabili che hanno fatto
Fate quindi ascoltare un’altra volta il brano 08
anche parte della sua propria storia.
per capire che cosa chiede il conduttore agli
z Allora, adesso noi cerchiamo di giocare anche
ascoltatori.
con gli ascoltatori, oltre che con il tempo. Per-
ché? Perché Patrizia Calefato a un certo punto
del suo libro elenca le dieci parole, insomma
i dieci oggetti che hanno fatto la moda del
secolo scorso.

 54
(Traccia 08)
z Ve le leggo, sono: bikini, cerniera, collant,
Culture a confronto
impermeabile, e poi ancora jeans, minigonna,
nylon, reggiseno, t-shirt e top-model. Dunque
Obiettivo: riflettere su oggetti e/o prodotti che
le dieci parole che hanno fatto la moda del
hanno “fatto la storia” e sono rimasti nella me-
secolo scorso. Ma quello che vorrei chiedere
moria collettiva di diversi paesi.
agli ascoltatori è, secondo loro, quali sono,
invece, le dieci parole, i dieci oggetti, diciamo
Procedimento: a. dite agli studenti di guardare
meglio le dieci mode che hanno segnato, fino
le foto e chiedete loro se sanno come si chiama-
a questo momento, l’inizio del nuovo millen-
no i prodotti raffigurati (album di figurine Panini,
nio.
Fiat Cinquecento, Vespa, poltrona Sacco, moka/
caffettiera Bialetti). Poi formate delle coppie e
Scheda informativa dite loro di discutere sulla base delle istruzioni,
dopo esservi accertati che sia tutto chiaro.
Patrizia Calefato è semiologa, insegna Socio-
linguistica, Linguistica informatica e Analisi b. Formate ora dei gruppi e invitate gli studenti
socio-antropologica del prodotto di moda a confrontare le idee emerse, discutendo sulla
all’Università di Bari. Le sue ricerche vertono base delle istruzioni. Concludete questa fase rac-
sulla dimensione sociale del linguaggio, sulla cogliendo le idee in plenum e fornendo, se neces-
moda, sugli studi culturali e femministi. Fra i sario, ulteriori informazioni e chiarimenti.
suoi libri: Lusso (2003), Che nome sei? (2006),

3
Mass moda (2007), Manuale di comunicazione,
sociologia e cultura della moda, vol. V: Perfor- Le “icone” della nostra classe
mance (con A. Giannone, 2007). In Gli intra-
montabili (2009) si occupa degli “evergreen”: Obiettivo: riflettere su oggetti che hanno segna-
mode, persone, oggetti che restano nel tempo to la storia individuale degli studenti.
o ritornano, come “vintage”, dopo una fase di
relativo oblio. Procedimento: formate nuovi gruppi e invitate
gli studenti a discutere sulla base delle istruzioni.
Alla fine, chiedete a un portavoce per gruppo di
12 Il terzo millennio secondo noi riferire in plenum e costruite insieme alla classe
la “mappa” delle icone personali.
(parlare e scrivere)

Procedimento: per tutte le fasi, seguite le indi-


cazioni del manuale tenendo conto di quanto si
dice nell’Introduzione a p. 15 (Compiti di gruppo). Scheda informativa
Figurine Panini: alla fine del 1960 Giuseppe
Panini (che insieme al fratello Benito ha fonda-
to a Modena l’Agenzia Distribuzione Giornali
Fratelli Panini) trova, a Milano, un lotto di vec-
chie figurine sfuse, le acquista, le imbusta e le
mette in vendita a 10 lire l’una. È un successo:
3 milioni di bustine vendute. Nel 1961 nasce la
prima collezione Calciatori e con essa l’azienda
Panini, che fino al 1988 è gestita dalla famiglia

55
stessa. Dopo anni difficili, nel 1992 l’azienda si fa interprete della società italiana in conti-
viene acquistata da Bain Gallo Cuneo e dalla nua evoluzione: non rappresenta solo un modo
De Agostini. Cambia poi gestione e nel 1999 di spostarsi, ma un modo di essere, di pensare
torna di proprietà italiana. Il Gruppo Panini, e di esprimere se stessi. La Vespa ha un rappor-
con sede a Modena e con filiali in Europa, USA to molto stretto con il cinema: dal debutto del
e America Latina, è oggi leader mondiale nel 1953 in Vacanze romane (con Audrey Hepburn e
settore delle figurine adesive. Gregory Peck) a The American, thriller del 2010
con George Clooney, passando per Caro diario
Fiat Cinquecento: lanciata nel 1957, la Nuova di Nanni Moretti (1993), compare in moltissi-
500 è la legittima erede della Topolino (usci- mi film. Nel gennaio 2011 il Museo Piaggio ha
ta nel 1936). Con queste vetture di piccola perciò allestito una mostra intitolata appunto
cilindrata nasce il mito italiano dell’utilitaria: La Vespa e il cinema.
automobile di piccole dimensioni, pratica ed
economica, accessibile anche a classi socia- La poltrona Sacco è prodotta dall’azienda
li precedentemente escluse dall’acquisto di Zanotta di Nova Milanese (provincia di Monza
mezzi di trasporto individuali. La 500 diventa e Brianza), fondata nel 1954 da Aurelio Zanot-
ben presto il simbolo di un paese in crescita: ta. L’idea nasce nel 1968: i progettisti Franco
gli italiani usciti dalla guerra si godono con Teodoro, Piero Gatti e Cesare Paolini si ispirano
gioia e meraviglia il piacere di essere vivi, di a un tipo di materasso usato dai contadini e
contribuire allo sviluppo industriale traendone realizzato con un semplice sacco riempito di
al contempo beneficio, di potersi permettere – foglie di castagno. Per la poltrona, di cui ormai
pur con modesti stipendi – un po’ di benessere esistono 40 modelli, invece delle foglie si usa
e addirittura qualche minimo lusso come le il polistirolo espanso. La Sacco diventa così un
gite di famiglia fuori porta. Nel 1972 la 500 prodotto innovativo che non solo “riscrive” le
viene sostituita dalla 126, che però assume un regole del design, ma interpreta e rappresenta
altro ruolo sociale, quello di seconda macchina un’epoca. Entra infatti nell’immaginario col-
per uso urbano. Nel 1991 e nel 2007 sono usciti lettivo degli italiani grazie a Paolo Villaggio il
nuovi modelli di 500. quale negli anni Settanta e Ottanta interpreta,
prima in TV e poi al cinema, il personaggio di
La Vespa è prodotta dalla Piaggio, azienda di Fracchia, un ragioniere che, quando è convoca-
Pontedera (Pisa). Alla fine della seconda guerra to nell’ufficio del capo, deve prendere posto su
mondiale Enrico Piaggio affida a Corradino una poltrona Sacco e vi sprofonda perché non
D’Ascanio il compito di progettare un veicolo riesce mai a mantenere l’equilibrio.
semplice, robusto, economico ma elegante,
che possa essere guidato da tutti con facili- Moka Express Bialetti: macchina per caffè
tà, che non sporchi i vestiti del conducente e espresso ideata nel 1933 da Alfonso Bialetti,
consenta di trasportare un passeggero. I primi fondatore – nel 1919 – dell’omonima azienda
esemplari del prototipo MP6 escono dagli con sede a Crusinallo (Verbania) e immessa sul
stabilimenti nel 1945, il modello definitivo mercato a livello industriale dal figlio Renato
viene presentato nell’aprile 1946 con il nome nel dopoguerra. La Moka Express rivoluziona il
di Vespa. Questo nome si deve alla prima modo di preparare il caffè ribaltando il sistema
impressione che ne ha Enrico Piaggio, il quale, alla napoletana: mentre quest’ultimo prevede
notando la parte centrale molto ampia, con- la caduta dell’acqua bollente sulla polvere di
cepita per la comodità del guidatore, esclama: caffè, la caffettiera Bialetti fa salire l’acqua in
“Sembra una vespa!”. Rapidamente assurta a ebollizione e sotto pressione attraverso il caffè.
simbolo di libertà e di gioia di vivere, la Vespa Il nuovo metodo è più rapido e perciò molte

 56
famiglie sostituiscono la caffettiera napoleta- b. Formate dei gruppi e dite agli studenti di
na con la Bialetti. Prodotta in diverse misure discutere sulle strategie emerse dalla riflessione
(da una a 18 tazze), ha il corpo in alluminio e per individuare quelle che promettono il mag-
i manici in bakelite. Il nome deriva da quello gior successo. Riportate poi il discorso in plenum
della città di Mokha (Yemen), una delle prime per raccogliere le idee e dare ulteriori suggeri-
e più rinomate zone di produzione di caffè, menti. Preannunciate che questo tipo di ascolto
in particolare della pregiata qualità arabica. verrà esercitato, con trasmissioni di altro genere,
Simbolo della Bialetti è l’“Omino con i baffi”, anche in lezioni successive (7 e 8).
creato negli anni ’50 e protagonista degli spot
c. Invitate gli studenti ad esercitare l’udito con
pubblicitari di Carosello, in onda dal 1958 al
il memory qui suggerito, usando vecchie scato-
1968, che contribuiscono a diffondere il pro-
line da pellicola o involucri di altro tipo (l’impor-
dotto. Oltre alla Moka classica ci sono oggi
tante è che siano tutti uguali e non trasparenti)
modelli dal design inedito e dalle funzionalità
in cui si metteranno materiali di vario genere
più diverse, creati nell’intento di coniugare la
(come riso, cereali, lenticchie, fagioli, piselli,
tradizione alle esigenze della modernità.
chiodi, sassolini, ecc). Sul fondo del contenitore si
scriverà una cifra, numerando le scatoline a due
a due in base al contenuto: per esempio, quelle
Portfolio con il riso avranno entrambe il numero 1. Si può
giocare in gruppo secondo le classiche regole
del memory: ogni giocatore cerca, scuotendo le
Autovalutazione (Cosa sai fare?) – Obiettivo: fare

3
scatoline, di scoprire le coppie con identico con-
un bilancio della terza lezione.
tenuto e per verificare se ha indovinato guarda
sul fondo. Un secondo gioco consiste nel tentare
Procedimento: procedete come indicato a p. 25
di indovinare, sempre scuotendo le scatoline, che
dell’Introduzione (Portfolio).
cosa c’è dentro: per verificare si controlla su una
lista in cui sono elencati i materiali corrisponden-
Strategie (Come impari?) – Obiettivo: riflettere
ti alle cifre.
sulle strategie di ascolto più adatte a una tra-
Potete chiedere agli studenti di preparare il
smissione radiofonica.
memory e poi proporlo in classe, avendo cura di
indicare loro i nomi italiani dei materiali scelti e
Procedimento: informate gli studenti che la
di raccomandare che il gioco si svolga in italiano.
riflessione sull’ascolto qui proposta prosegue ed
approfondisce quella presentata nella lezione 7
del primo volume: qui ci si concentra, però, su un
caso particolare – ascoltare la radio – e si intrec-
cia la riflessione sulle strategie d’ascolto con
quella sulle intelligenze multiple.
a. Fate leggere innanzi tutto l’introduzione. Poi
invitate gli studenti a ripercorrere mentalmente
l’attività 11 di questa lezione, in tutte le sue fasi,
per rendersi conto di che cosa li ha aiutati a svol-
gerla. Nel libro sono elencate alcune possibilità,
ma ci sono anche delle righe vuote per aggiunge-
re appunti personali. Fate svolgere quest’attività
individualmente.

57
Il ritmo della vita
Temi: la musica, i sogni d’infanzia

Obiettivi comunicativi: raccontare una disavventura; raccontare episodi della propria


vita; descrivere abitudini passate; parlare dei propri sogni d’infanzia; indicare i propri
gusti musicali

Grammatica e lessico: l’uso del passato prossimo e dell’imperfetto; lessico di base re-
lativo alla musica (strumenti e alcuni verbi); la preposizione da in espressioni come da
bambino/da ragazzo; collocazioni con i verbi cantare, conoscere, entrare, fare, suonare,
studiare

1 Per iniziare
(entrare in tema, leggere)

Obiettivi: a. introdurre il tema “musica” facen-


do leva sulla fantasia; b. sviluppare la com-
prensione della lingua scritta.
b. Dite agli studenti di voltare pagina e leggere
il testo del punto 1b per verificare le loro ipotesi.
Per verificare la comprensione del testo basterà
chiedere agli studenti se hanno indovinato (ma-
gari anche solo in parte).
4
Soluzione:
Procedimento: a. chiedete agli studenti che Il manifesto pubblicizza il Maggio Musicale Fio-
cosa vedono nella foto; esortateli a descrivere rentino (73a edizione).
l’immagine con le parole che conoscono, anche
se non sono quelle esatte: per esempio, non
conoscono ancora violino ma forse ricordano 2 E da te?
l’espressione suonare uno strumento (v. Chiaro!
(parlare)
A1, lez. 7), non conoscono cuoco ma potranno dire
due persone lavorano in una cucina, ecc. Leggete
Procedimento: formate dei gruppi, accertatevi
poi a voce alta la consegna sotto la foto, formate
che il compito e le espressioni elencate siano
dei gruppi e lasciate loro alcuni minuti per fare
chiari e procedete come indicato nell’Introduzio-
delle ipotesi: esortateli a lavorare con la fantasia
ne a p. 14 (Produzione orale).
e badate che non voltino pagina. Infine, fatevi
dire quali ipotesi sono emerse, senza rivelare se
siano corrette o meno.

59
3 Due amici v Perché sei un ritardatario…
(ascoltare) t No, stavolta no. C’era un sacco di traffico, però
sono uscito di casa in tempo, ho preso un taxi
Obiettivo: sviluppare la comprensione orale. per non dover cercare un parcheggio, sono
arrivato addirittura in anticipo e sono già al
Procedimento: a. formate delle coppie e invi- binario.
tate gli studenti a guardare con attenzione le tre v Bravo, bravo… Oh, sono contenta che
fotografie per individuare somiglianze e diffe- quest’anno andiamo al Festival insieme.
renze. Lasciate loro qualche minuto di tempo, Tu l’anno scorso eri entusiasta.
esortandoli ad aguzzare la vista tenendo conto t Sì, guarda, veramente. E poi l’anno scorso
delle didascalie (nel caso del Festival Puccini non era anche una serata ideale per un concerto
si vedono i musicisti, ma basterà il nome per farsi all’aperto, d’estate: non faceva tanto caldo, si
un’idea), poi raccogliete le idee in plenum. stava benissimo, poi con questo lago intor-
no... Vabbe’, io e Cinzia avevamo dei posti in
b. Dite agli studenti di ascoltare la conversazio-
decima fila, non si vedeva proprio benissimo,
ne per scoprire in quale dei tre posti raffigurati
però… insomma...
vogliono andare le persone che parlano. Proce-
v E stavolta che posti abbiamo? Io non lo so
dete poi come indicato nell’Introduzione a p. 9
neanche…
(Fase 1 – Comprensione globale).
t Mah, questa volta ho comprato due biglietti
c. Fate lavorare le coppie del punto a: ponete per la seconda fila, posti centrali!
loro la domanda contenuta nella consegna e v Fantastico!
date un paio di minuti per fare supposizioni. Fate t Bravo, eh! … Oddio, ma…
infine ascoltare il brano 10 per verificare le ipote- v Cosa c’è?
si, procedendo come indicato nell’Introduzione a t Senti, Serena, ti devo lasciare. Ti richiamo
p. 9 (Fase 1 – Comprensione globale). dopo!

Soluzioni:
(Traccia 10)
a. Somiglianze: si tratta in tutti e tre i casi di
v Giacomo! Allora? Cosa c’è, cos’è successo?
eventi musicali. Differenze: in due casi (Festival
t È successo che ho perso il treno.
Puccini e Umbria Jazz) l’evento si svolge all’a-
v Come?! Ma se eri già in stazione! Anzi, al bina-
perto, nel terzo all’interno di un teatro; dei due
rio!
eventi all’aperto, uno (Umbria Jazz) si svolge nel
t Sì, ero al binario, sì. Quello sbagliato!
centro storico di una città, l’altro (Festival Pucci-
v Aspettavi al binario sbagliato?! Ma come?
ni) invece sulle rive di un lago.
t Eh… come… come… Ero lì, aspettavo, parlavo
b. Vogliono andare al Festival Puccini.
con te, a un certo punto ho sentito l’annuncio
c. Giacomo interrompe la telefonata perché
del mio treno in partenza da un altro binario.
sente annunciare la partenza del suo treno da un
Ho fatto una corsa, ho toccato anche con un
altro binario.
dito il pulsante di apertura della porta, però…
Niente… Il treno è partito.
Trascrizione:
v E adesso, come si fa? Tra l’altro, sei tu che hai
(Traccia 09)
i biglietti, quindi se non arrivi il concerto lo
v Ehi, ciao Giacomo, io sono già in treno. Sei in
perdo anch’io…
viaggio anche tu?
t Ma no no no no… Adesso cerco un altro treno,
t No, ancora no.
dai!
v Ah, e quando parti? Arrivi a Torre del Lago in
v Oh, ma tu guarda! Avevo ragione io. Vedi? Sei
tempo, no?
un ritardatario cronico!
t E perché non dovrei?

 60
Schicchi (opera in un atto), Turandot e numerose
Scheda informativa
composizioni per musica vocale e strumentale.
Maggio Musicale Fiorentino: fondato nel 1933
da Vittorio Gui, il Maggio Musicale Fiorentino Umbria Jazz è un evento musicale che ha
è il più antico e prestigioso Festival europeo, luogo dal 1973. Nato come festival itinerante e
insieme a Bayreuth e Salisburgo. Nato come gratuito – in linea con il clima politico e cultu-
manifestazione triennale, dal 1937 è divenuto rale degli anni Settanta – è oggi una manife-
un appuntamento annuale che prevede opere stazione a pagamento che si svolge nel centro
liriche, concerti, balletti e sezioni dedicate storico di Perugia. L’attuale formula prevede:
ai giovani (Maggio Bimbi e spettacoli per le le serate all’Arena Santa Giuliana, dove vanno
scuole). La scelta del periodo è legata alla tradi- in scena gli artisti più famosi; i pomeriggi e le
zione toscana del Calendimaggio, antica festa notti al Teatro Morlacchi e all’Oratorio Santa
della primavera che iniziava il primo giorno di Cecilia, dedicati al jazz più autentico nelle sue
maggio (calende di maggio) e si prolungava diverse espressioni; gli spettacoli all’aperto e
per tutto il mese. Sede del festival è il Tea- gratuiti, concepiti soprattutto per i giovani e
tro Comunale, che ha origine dal Politeama le famiglie, con generi musicali più popolari e
fiorentino progettato nel 1862 da Telemaco di richiamo più immediato. In alcuni locali del
Bonaiuti. Oggi il teatro ha una capienza com- centro, Umbria Jazz offre inoltre un intreccio
plessiva di 2003 posti a sedere (v. foto a p. 38). fra buona musica e buona cucina.
Accanto alla sala principale si trova il Piccolo
Teatro, un moderno “ridotto” che può acco-

4
gliere circa 600 spettatori. Il Festival occupa
i mesi di maggio e giugno, ma l’attività del 4 Che cosa faresti? Come reagiresti?
Teatro si estende per tutto l’anno e comprende (parlare)
anche spettacoli estivi nel Giardino di Boboli. Il
manifesto pubblicitario di p. 38 fa parte della Procedimento: formate delle coppie, fate leggere
campagna per il 73° Maggio Fiorentino, cioè il compito e accertatevi che sia chiaro. Procedete
per la stagione 2010. poi come indicato nell’Introduzione a p. 14 (Pro-
duzione orale).
Festival Puccini: nato nel 1930, si svolge a Torre
del Lago, località in provincia di Viareggio.
Ogni anno il Festival ospita 40.000 spettatori 5 Com’era bello!
nel suo teatro a pochi passi dalla villa dove
(ascoltare, scoprire la grammatica)
Giacomo Puccini visse e lavorò e dove adesso,
in una piccola sala trasformata in cappella,
Obiettivo: prima riflessione sull’uso dell’imper-
sono custodite le sue spoglie. Il Nuovo Gran
fetto e del passato prossimo.
Teatro nel Parco della Musica di Giacomo
­Puccini comprende un’arena a cielo aperto
Procedimento: tenete presente che l’uso dell’im-
da 3370 posti – sulle rive del Lago di Massaciuc-
perfetto – e in particolare il contrasto con il
coli – e un auditorium da 495 posti.
passato prossimo – può risultare ostico a non
pochi studenti perché in alcune lingue non esiste
Giacomo Puccini, compositore, nacque a Luc-
un tempo che corrisponda esattamente all’im-
ca il 22 dicembre 1858 e morì il 29 novembre
perfetto italiano, motivo per cui gli studenti
1924 in una clinica di Bruxelles. Fra le sue opere
saranno costretti a costruirsi una nuova cate-
ricordiamo: Manon Lescaut, La Bohème, Tosca,
goria mentale. Sarà bene avvertirli che questo
Madama Butterfly, La fanciulla del West, Gianni
processo richiede tempo, pazienza e soprattutto

61
molti contatti con la lingua italiana: proprio per 7 Ma che distratta!
questo si propone loro di lavorare a piccoli passi (parlare)
con molti esempi.
Obiettivo: esercitarsi a raccontare un episodio.
a. Fate ascoltare un paio di volte il dialogo
affinché gli studenti possano completarlo. Dopo
Procedimento: chiarite innanzi tutto il significato
ogni ascolto fate confrontare con un compagno
dell’aggettivo distratto. Formate poi delle coppie,
diverso. Alla fine verificate in plenum.
fate leggere il compito e accertatevi che gli stu-
b.  e c. Seguite le indicazioni del manuale pro- denti lo abbiano capito. Procedete poi come indi-
cedendo come illustrato nell’Introduzione a p. 16 cato nell’Introduzione a p. 14 (Produzione orale).
(La grammatica – Procedimento). Potete concludere l’attività facendovi raccontare
che cosa è successo, il che vi consentirà di scio-
Soluzioni: gliere eventuali dubbi (senza tuttavia dilungarvi
a. C’era; sono uscito; ho preso; sono arrivato; in spiegazioni grammaticali).
eri; era; faceva, stava; avevamo; vedeva
b. Si descrive una situazione nelle frasi A; si Soluzione possibile:
racconta che cosa ha fatto Giacomo nelle frasi B. (Riquadro 1) La ragazza era in stazione. Al tabel-
c. Per descrivere una situazione del passato si lone dell’orario ha controllato l’orario di partenza
usa l’imperfetto. del treno per Venezia e il binario: il treno partiva
Per raccontare che cosa è successo o che cosa ha alle 9:35 dal binario 4. (Riquadro 2) Aspettava al
fatto una persona nel passato si usa il passato binario e leggeva un sms, così è salita sul tre-
prossimo. no sbagliato al binario 5, era il treno delle 9:35
per Lecce. (Riquadro 3) Era in treno, ascoltava la
musica e non ha sentito l’annuncio della fermata
6 successiva per Parma. (Riquadro 4) Era in treno,
Cos’è successo?
leggeva un libro, a un certo punto ha sentito
l’annuncio della fermata successiva per Bologna.
Obiettivo: mettere in pratica la regola appena
(Riquadro 5) A Bologna è scesa dal treno, è anda-
scoperta.
ta alla biglietteria e ha fatto il biglietto per Vene-
zia. (Riquadro 6) È salita sul treno per Venezia.
Procedimento: fate svolgere questo esercizio in
tre fasi (esecuzione individuale, confronto con un
compagno, verifica in plenum tramite ascolto),
procedete come illustrato nell’Introduzione a 8 Mamma, ho perso l’aereo!
p. 16 (La grammatica). In fase di verifica eviden- (parlare)
ziate la funzione chiave dell’espressione a un
certo punto: introducendo un fatto nuovo – che Procedimento: formate dei gruppi, fate leggere
determina una svolta, un cambiamento nello il compito e accertatevi che sia chiaro. Procedete
svolgimento dei fatti – richiede qui l’uso del pas- poi come indicato nell’Introduzione a p. 14 (Pro-
sato prossimo. duzione orale).

Soluzione:
ho perso; eri; ero; Aspettavi; ero; parlavo; ho sen-
tito; ho fatto; ho toccato; è partito

 62
9 Non solo musica Soluzioni:
(leggere) a. La passione di G. Ardrizzi per la musica è
nata attraverso il padre, che a sua volta la amava;
Obiettivo: sviluppare la comprensione della lin- ha la passione per il mare e per la barca a vela.
gua scritta. b. ordine cronologico: d, e, b, a, c

Procedimento: per tutte le fasi tenete conto di


quanto si dice nell’introduzione a p. 11 (Gli input Scheda informativa
scritti).
Giorgio Ardrizzi è un musicista piemontese
a. A libro chiuso dite agli studenti che legge- nato nel 1955. Ha studiato il trombone al con-
ranno un testo in cui una persona racconta: il servatorio G. Verdi di Torino e dal 1977 al 1994
loro compito consisterà nel capire chi racconta e è stato 1° trombone nell’orchestra lirico-sinfo-
di che cosa parla in generale. Fate aprire il libro nica del Teatro Regio di Torino. Suona anche il
e date tre minuti per una prima lettura. Formate pianoforte e ora soprattutto il sassofono. Ha
quindi delle coppie e invitate gli studenti a scam- interpretato ogni genere musicale, dal classico
biarsi le informazioni. Riportate poi il discorso in al rock, ma predilige il jazz e la Bossa Nova. Da
plenum per trovare un accordo sulle risposte (a molti anni si dedica, con la moglie Mariolina, ai
raccontare è Giorgio Ardrizzi, torinese, che parla viaggi per mare in barca a vela: da quest’espe-
della sua gioventù e dei suoi studi). Chiarito rienza è nata la guida Patagonia & Tierra del
questo, leggete le due domande contenute nella Fuego.

4
consegna e date il via a una seconda lettura,
per la quale potrete dare due minuti di tempo. Il talento e la passione è una raccolta di intervi-
Seguirà un ulteriore confronto in coppia, con ste che Aldo Carboni ha pubblicato per circa tre
un compagno diverso da quello di prima, senza anni ogni domenica nella rubrica Italiani del
verifica in plenum. Sole 24 Ore, di cui è stato vicedirettore. In que-
ste pagine nomi conosciutissimi si alternano
b. Quest’attività è stata ideata per facilitare la
a nomi meno noti nell’intento di fornire una
comprensione del testo senza dover ricorrere alla
mappa dell’Italia contemporanea attraverso la
traduzione. Invitate perciò gli studenti a guar-
voce dei suoi cittadini, italiani per nascita o per
dare i disegni e a metterli in ordine cronologico
scelta.
scorrendo rapidamente il testo. Fate poi con-
frontare in coppia e infine verificate in plenum. Il
testo contiene alcune parole nuove: se lo ritenete
opportuno, potete dunque dire agli studenti 10 Fatti e situazioni
di leggerlo ancora una volta e di scegliere due
(scoprire la grammatica)
parole che li incuriosiscono particolarmente e che
proprio non riescono a decodificare (una potreb-
Obiettivo: proseguire la riflessione sull’uso
be essere cacciatore). A turno, ognuno doman-
dell’imperfetto e del passato prossimo.
derà poi (rigorosamente in italiano) che cosa
significano le parole scelte: prima di rispondere
Procedimento: si prosegue qui la riflessione
voi stessi, chiedete se per caso qualcuno in classe
iniziata con l’attività 5c, in cui è stato introdotto
lo sa. Tenete comunque presente che l’uso dei
l’uso dell’imperfetto per descrivere una situazio-
tempi verbali viene trattato ed esercitato ai punti
ne. Questo uso è contemplato nello schema del
10 – 11 per cui non è il caso di anticipare spiegazio-
punto b perché compare nel testo del punto 9,
ni in merito.
ma viene ora dato per scontato al fine di concen-

63
trare l’attenzione sugli usi dell’imperfetto che Procedimento: prima di dare il via all’attività
compaiono qui per la prima volta. chiedete se qualcuno sa spiegare il titolo: se
insegnate in un paese nel quale le note musicali
a.  e b. Seguite le indicazioni del manuale pro- sono trascritte con un sistema diverso, dite che si
cedendo come illustrato nell’Introduzione a p. 16 tratta delle prime cinque note musicali ed even-
(La grammatica). In fase di verifica evidenziate tualmente aggiungete le altre due (la, si).
come anche qui vi sia un’espressione chiave che
a. Fate svolgere quest’attività individualmente,
richiede l’uso di un determinato tempo: il sabato
poi verificate in plenum. Chiedete infine se qual-
e la domenica è, infatti, un’espressione che indica
cuno conosce il nome di altri strumenti.
un’abitudine (v. lezione 4 di Chiaro! A1) e dunque
richiede l’imperfetto. Evidenziate inoltre la forma b. Formate delle coppie, fate leggere il com-
irregolare diceva. pito e accertatevi che sia chiaro. Date un paio di
minuti di tempo, poi formate dei gruppi unendo
Soluzioni: di volta in volta due coppie e fate confrontare.
a. passato prossimo: è nato, è vissuto, ho Dite che se hanno dei dubbi circa la correttezza
studiato, ho fatto, sono entrato, è stata, sono di alcune soluzioni possono rivolgersi a voi. Con-
diventati, ho provato, è stata; imperfetto: era, cludete l’attività raccogliendo in plenum tutte
vendeva, conosceva, diceva, faceva, era, suonavo, le soluzioni in modo che diventino patrimonio
lavorava, ero, facevo, (mi) piaceva, stavo, raccon- comune.
tava, leggeva, sognava
b. imperfetto: per descrivere situazioni, per de- Soluzioni:
scrivere persone, per raccontare azioni abituali; a. clarinetto, corno, fagotto, flauto, oboe,
passato prossimo: per raccontare singole azioni piatti, tuba, tromba, trombone, viola, violino,
concluse/fatti compiuti violoncello
b. cantare: una canzone, a memoria un’opera,
in un coro, al conservatorio; conoscere: una can-
11 La vita è un sogno. zone, a memoria un’opera, un concerto, un pezzo
di jazz, il/la cantante; entrare: in un’orchestra, in
(parlare)
un coro, al conservatorio; fare: un concorso, un
concerto, il/la cantante; suonare: uno strumento,
Procedimento: formate dei gruppi, fate leggere il
in un’orchestra, a memoria un’opera, al conser-
compito e accertatevi che sia chiaro. Fate nota-
vatorio, un pezzo di jazz; studiare: uno strumen-
re l’uso della preposizione da evidenziato nello
to, a memoria un’opera, al conservatorio, un
specchietto Lingua. Procedete poi come indicato
pezzo di jazz
nell’Introduzione a p. 14 (Produzione orale).

13 Il ritratto musicale della classe


12 Do re mi fa sol…
(scrivere e parlare)
(lavorare con il lessico)
Procedimento: per tutte le fasi seguite le indi-
Obiettivo: introdurre e sistematizzare il lessico di
cazioni del manuale tenendo conto di quanto si
base relativo alla musica.
dice nell’Introduzione a p. 15 (Compiti di gruppo).
Per l’attività a potete fornire agli studenti la
Grammatica e lessico: strumenti musicali; collo-
scheda che trovate nel sito.
cazioni con verbi cantare, conoscere, entrare, fare,
suonare, studiare.

 64
Culture a confronto Portfolio
Obiettivo: riflettere sul ruolo della cultura nel Autovalutazione (Cosa sai fare?) – Obiettivo: fare
tempo libero. un bilancio della quarta lezione.

Procedimento: a. a libro chiuso, chiedete agli Procedimento: procedete come indicato a p. 25


studenti che cosa si può fare nel tempo libero dell’Introduzione (Portfolio).
e raccogliete alcune idee. Poi fate aprire il libro,
formate delle coppie e dite loro di discutere sulla Strategie (Come impari?) – Obiettivo: riflettere
base della traccia proposta, dopo esservi accerta- sulle strategie adatte a studiare la grammatica.
ti che sia tutto chiaro e aver fatto coprire con un
foglio il testo del punto b. Procedimento: dite agli studenti che la riflessio-
ne sulle strategie di apprendimento qui proposta
b. Dopo qualche minuto, dite agli studenti di
prosegue e approfondisce il discorso iniziato
verificare le loro ipotesi leggendo il testo.
nelle lezioni 3 e 6 di Chiaro! A1: qui ci si concentra
c. Formate ora dei gruppi, invitate poi gli però sulle modalità di sistematizzazione delle
studenti a confrontare i risultati della verifica regole, prendendo spunto da un tema piuttosto
discutendo sulla base della traccia proposta. ostico come l’uso dell’imperfetto e del passato
Concludete questa fase raccogliendo le idee in prossimo.
plenum.

4
a. Fate leggere le righe introduttive e il primo
compito. Raccomandate agli studenti di attivare
la memoria e/o la fantasia e lasciate loro alcuni
minuti per raccogliere e annotare le idee.
b. Fate svolgere il compito individualmente,
eventualmente fornendo agli studenti la pagina
che trovate nel sito in modo che abbiano più
spazio per scrivere.
c. Ricordate agli studenti il test sulle intelligen-
ze multiple svolto nella prima lezione. Invitateli
quindi a cercare fra i compagni di classe quelli
che in base a tale test gli assomigliano di più
per scambiarsi esperienze e suggerimenti. Per
concludere potete riportare il discorso in plenum
e chiedere quali idee interessanti siano emerse
dalla discussione di gruppo.

65
Ancora più chiaro 1
Obiettivo: ripassare funzioni comunicative,
lessico e grammatica delle lezioni 1 – 4.

Procedimento: seguite il procedimento illu-


strato nell’Introduzione a p. 26 (Ancora più
chiaro) integrandolo con le indicazioni specifi-
che del manuale. Se in classe ci sono studenti
nuovi, spiegate la funzione di queste attività
e guidate con particolare cura lo svolgimento
delle singole fasi.
Rispetto a Chiaro! A1, c’è una differenza: le
indicazioni contenute nelle caselle prive di
compito linguistico sono formulate all’im-
perativo perché questo modo verbale verrà
introdotto nel corso del volume: se qualcuno
dovesse chiedere come mai ai punti 9, 16, 27,
33 si trovino le forme torna e passa – al posto
di torni e passi (v. Chiaro! A1) – dite dunque
che mentre nel primo volume tali caselle si
limitavano a descrivere ciò che il giocatore
faceva, d’ora in poi esse contengono vere e
proprie istruzioni da eseguire e informate gli
studenti che la funzione comunicativa “dare
istruzioni” sarà oggetto di studio in Chiaro!
A2.

Test Unità 1 – 4


A pagina 149 si trova un test a scelta multi-
pla concepito come compito individuale da
svolgersi a casa. Le chiavi si trovano a pagina
4 del documento Soluzioni del CD ROM (vedi
sezione Eserciziario: audio e testi).

 66
Cibo come cultura
Temi: alimentazione e ritmi di vita

Obiettivi comunicativi: indicare se si ama o no una particolare attività e motivare la


propria opinione; raccontare un’esperienza piacevole; fare una breve descrizione di una
ricetta o di un alimento; capire una ricetta; parlare di stili di vita e abitudini alimentari

Grammatica e lessico: il passato prossimo dei verbi riflessivi; il pronome relativo che; il
superlativo assoluto; la differenza fra aggettivo e avverbio; prodotti alimentari, tipi di
cottura, lessico delle ricette

5
1 Per iniziare classe). Formate poi dei nuovi gruppi unendo
studenti provenienti da gruppi diversi, invitateli
Obiettivo: introdurre il tema “picnic”. a raccontarsi quello che hanno inventato e a sce-
gliere il “retroscena” più originale e/o divertente.
Procedimento: fate aprire il libro a pagina 51 (o, Per concludere fate svolgere, in coppia, l’attività
meglio ancora, proiettate un lucido a colori mo- del punto 1, seguendo le indicazioni del manuale.
strando la parte superiore dell’immagine, senza
il titolo), ponete a voce la domanda contenuta Se quest’attività viene svolta all’inizio di una le-
nella consegna e chiedete agli studenti di parlar- zione (cioè non subito dopo il compito di gruppo
ne in coppia. Dopo qualche minuto riportate il di Ancora più chiaro 1, che prevede l’utilizzo della
discorso in plenum e raccogliete le idee emerse pagina a fronte), potete optare per una procedu-
chiedendo sempre di motivare le proposte in ra alternativa. Per esempio una delle seguenti.
base all’immagine. • A libro chiuso: fotocopiate a colori l’immagine
Se avete una classe abbastanza creativa potete e ritagliate le singole persone in modo da otte-
invece procedere diversamente: innanzi tutto, nere delle figurine. Mettete poi le figurine ben
fotocopiate e ritagliate la parte superiore della mescolate in una busta: ci vorranno tante buste
foto (senza il titolo della lezione). A libro chiuso, con 5 figurine quanti saranno i gruppi o le coppie
consegnate un ritaglio a ogni coppia o gruppo di di studenti che deciderete di far lavorare. Conse-
studenti. Dite loro di lavorare con la fantasia per gnate dunque a ogni coppia/gruppo una busta: a
immaginare il “retroscena” e costruire una rete turno, gli studenti dovranno estrarre una figuri-
di rapporti fra queste persone: che relazione c’è na, descriverne l’aspetto esteriore (aspetto fisico
fra di loro? Come mai ci sono quattro donne, ma e abbigliamento) e poi fare insieme ai compagni
un solo uomo? Invitate gli studenti a sbizzarrir- delle supposizioni su quella persona: quanti anni
si il più possibile e assegnate loro cinque/dieci può avere, che lavoro fa, ha famiglia o no, ecc.
minuti di tempo (dipende dalla loquacità della Descritte tutte e cinque le persone, si ricomporrà

67
il “quadretto” e si faranno ulteriori supposizioni: il primo premio e perché. Fate infine ascoltare il
dove sono queste persone? Che cosa fanno? Che brano 15 per verificare chi ha indovinato.
rapporto c’è tra di loro? Assegnate per questo
lavoro circa dieci minuti, dopodiché riportate il Soluzioni:
discorso in plenum, dividete la classe in coppie o a. Anna è andata a una gara di picnic. Ci è
formate coppie diverse e fate svolgere l’attività andata con delle amiche. A lei piace fare picnic, al
1 con il supporto della foto (grazie alla quale si suo amico non tanto.
potranno verificare alcune ipotesi). b. La giuria ha valutato i picnic in base al menù,
• A libro chiuso: fotocopiate e ritagliate il profilo all’ambientazione, ma soprattutto in base alla
di gruppo con tovaglia (senza paesaggio), divi- simpatia (cortesia e calore nei confronti degli
dete gli studenti in gruppi o coppie e invitateli a ospiti).
fare delle ipotesi seguendo la traccia del “chi- c. Ha vinto il picnic che si vede nella foto n. 3,
cosa-come-dove-quando”: chi sono queste perso- realizzato da un gruppo di Prato.
ne, cosa fanno, dove potrebbero essere, che sta-
gione potrebbe essere, ecc. Fate poi aprire il libro Trascrizione:
e dividete la classe in coppie o formate coppie (Traccia 13)
diverse e fate svolgere l’attività 1 con il supporto z Oh, ciao! Chi si vede!
della foto (grazie alla quale si potranno verificare x Ciao! Ma… perché “chi si vede”?
alcune ipotesi). z Eh, perché ieri ti ho chiamato, ma non ti ho
trovato né a casa né al cellulare.
x Eh, il cellulare si è rotto, infatti ne ho appena
2 Una domenica speciale comprato uno nuovo, vedi? E... ieri sono anda-
ta a un picnic.
(ascoltare)
z A un picnic? Come ai tempi della nonna!
x Macché nonna e nonna, se lo facciamo ogni
Obiettivo: sviluppare la comprensione orale.
Pasquetta e ci vieni sempre anche tu!
z Sì, ma a Pasquetta è diverso…
Procedimento: a. fate ascoltare il brano 13 una
x Diverso… Quello di ieri era diverso: era una
prima volta a libro chiuso procedendo come in-
gara.
dicato nell’Introduzione a p. 9 (Fase 1 – Compren-
z Una gara? Una gara di che?
sione globale). Fate poi leggere individualmente i
x Come una gara di che? Era una gara di picnic!
compiti da risolvere (se qualcuno dovesse chie-
Eravamo in 400, tra famiglie, coppie, gruppi di
dere che cos’è la Pasquetta, limitatevi per ora a
amici… divisi in squadre.
dire che è il lunedì dopo Pasqua) e fate ascoltare
z Ah. Ma... Queste squadre si sono formate lì
una seconda volta, procedendo come indicato
per lì oppure vi siete proprio iscritti?
nell’Introduzione a p. 10 (Fase 2 – Comprensione
x No no, ci siamo iscritti. Io mi sono messa d’ac-
più dettagliata).
cordo con un gruppo di amiche e una di noi ha
b. Formate delle coppie, fate leggere il compito iscritto la squadra.
accertandovi che sia chiaro e invitate gli studenti z Ah, tutte donne…
a discutere. Per verificare se i criteri elaborati cor- x Sì, questa volta sì. E, insomma, ogni squadra
rispondono a quelli reali, si ascolterà il brano 14, si è preparata già a casa e poi lì ha presentato
procedendo come indicato nell’Introduzione a il suo picnic, proprio con il classico cestino di
p. 10 (Fase 2 – Comprensione più d ­ ettagliata). vimini, la tovaglia a quadretti sul prato, l’om-
brellone…
c. Dite agli studenti di guardare le foto e
z Ma “lì” dove?
chiedete loro a quale squadra assegnerebbero
x A Pratolino, nel parco di Villa Demidoff.

 68
z Ma va! Addirittura in un parco mediceo…
Scheda informativa
x Eh, sì.
z E la gara in cosa consisteva, scusa? Pasquetta: è il termine popolare con cui si
x Eh, c’era una giuria, che ha valutato i picnic in definisce il lunedì dell’Angelo, cioè il giorno
base a… dopo Pasqua, che prende il nome dall’incontro
dell’angelo con le donne giunte al sepolcro di
Gesù. In Italia il giorno di Pasquetta si trascor-
(Traccia 14)
re insieme a parenti e/o amici facendo una
x Eh, c’era una giuria, che ha valutato i picnic in
scampagnata, una gita con attività all’aperto,
base alla qualità del cibo, ma soprattutto in
una grigliata o un picnic sull’erba. Secondo
base all’affettuosità e all’accoglienza.
un’interpretazione legata allo spirito pasqua-
z “Affettuosità” e “accoglienza”? E, scusa, che
le, con la giornata fuori porta s’intenderebbe
significa?
ricordare il viaggio dei discepoli verso Emmaus,
x Eh, significa che non bastava preparare un
quando, il giorno stesso della Resurrezione,
menù buono e fantasioso, ma bisognava
Gesù appare a due di loro a pochi chilometri da
anche invitare le altre persone a mangiare.
Gerusalemme.
Ed essere cortesi con loro, simpatici, carini,
gentili…
Villa Demidoff: così viene chiamata oggi quella
z Con persone mai viste prima?
che un tempo era una villa fatta edificare a
x E certo, proprio qui stava l’accoglienza: essere
Pratolino (Firenze) da Francesco I de’ Medici
carini, addirittura affettuosi con persone mai
in una tenuta acquistata nel 1568. Nel 1822

5
viste prima. E i tre picnic “più affettuosi” han-
il palazzo fu demolito e nel 1937 la tenuta fu
no ricevuto come premio dei buoni spesa da
acquistata dal principe di origine russa Paolo
1000, 2000 e 3000 euro.
Demidoff. Dal 1981 il complesso è di proprietà
z Ah, però! Mica male!
dell’Amministrazione Provinciale di Firenze
x E no, per niente. Poi c’era anche un premio per
ed è destinato a parco pubblico. Qui, il 6 luglio
la simpatia, che è andato a un bambino.
2008, si è svolta la prima Festa nazionale a
z E che squadra ha vinto?
premi di picnic, cui hanno partecipato 400
(Traccia 15) persone divise in 112 squadre. Una giuria ha
x Ha vinto un gruppo di Prato che ha creato scelto i tre migliori picnic non solo in base alla
un’ambientazione marinara, come negli anni qualità, ma soprattutto in base al grado di
’30. E questo gruppo ha lavorato una settima- “affettuosità”.
na per preparare tutto a mano: costume da
bagno a righe, rigorosamente intero…
z Ma... C’erano anche uomini?
x Sì sì anzi, il caposquadra era proprio un uomo, 3 Divertente o noioso?
anche lui in costume intero e con la cuffietta (parlare)
in testa. Poi ombrellone blu e tovaglia bianca.
E grammofono in prestito. E menù toscano Procedimento: formate delle coppie, fate leggere
(finocchiona, panzanella, ciambellone, eccete- il compito e accertatevi che sia chiaro. Procedete
ra). Erano proprio carinissimi. poi come indicato nell’Introduzione a p. 14 (Pro-
z Mah… Comunque tu ti sei divertita, mi par di duzione orale).
capire…
x Sì! Noi non abbiamo vinto niente, ma ci siamo
divertite un sacco. Ma senti, perché mi hai
chiamato ieri?

69
4 Ci siamo divertite. Grammatica e lessico: prodotti alimentari, pro-
(ascoltare, scoprire la grammatica) nome relativo che.

Obiettivo: scoprire la regola relativa al passato Procedimento: a. fate svolgere quest’attività


prossimo dei verbi riflessivi. in tre fasi (esecuzione individuale, confronto a
coppie, verifica in plenum).
Procedimento: a. fate svolgere l’attività in-
b. Invitate gli studenti a rileggere la defini-
dividualmente, poi fate confrontare in coppia.
zione del ciambellone per poter completare la
Per la verifica si ascolterà il brano 16, dopodiché
frase. Chiedete quindi qual è la differenza tra la
gli studenti vi detteranno la soluzione che voi
definizione originale e quella riportata più sopra
trascriverete su lucido o alla lavagna.
(la definizione più sopra è formulata in due frasi
b. Procedete poi come illustrato nell’Introdu- con ripetizione della parola ciambellone, mentre
zione a p. 16 (La grammatica). quella originale è formulata con una sola frase
senza ripetere la parola ciambellone, al posto
Soluzioni: della quale c’è che).
a. sono; iscritti; siamo; messa; è
c. Dite agli studenti che quel che è un prono-
b. Il passato prossimo dei verbi riflessivi si for-
me relativo e chiedete loro di evidenziare nei
ma con pronome riflessivo + essere + participio
testi del punto a tutti gli altri che. Poi formate
passato del verbo principale. Poiché l’ausiliare è
delle coppie, fate leggere le domande e lasciate
sempre essere, la desinenza del participio concor-
qualche minuto per discutere. Riportate infine il
da con il soggetto.
discorso in plenum e procedete come illustrato
divertirsi Y (io) mi sono divertito/a, (tu) ti sei
nell’Introduzione a p. 16 (La grammatica).
divertito/a, (lui) si è divertito, (lei) si è divertita,
(noi) ci siamo divertiti/e, (voi) vi siete divertiti/e,
Soluzioni:
(loro) si sono divertiti/e
a. 1 panzanella; 2 ciambellone; 3 finocchiona
b. che
c. Nel primo testo che si riferisce a ciambellone,
5 Mi sono divertito un sacco! nel secondo a finocchiona, nel terzo una volta a
(parlare) panzanella e una volta a uomini. Il pronome rela-
tivo unisce due informazioni ed evita ripetizioni,
Procedimento: formate dei gruppi, fate leggere il può sostituire un soggetto o un oggetto diretto.
compito e accertatevi che sia chiaro. Raccoman- La sua caratteristica principale è l’invariabilità.
date ai gruppi di scegliere un portavoce che più
tardi dirà alla classe quale situazione è risultata
più divertente e/o originale. Procedete poi come Scheda informativa
indicato nell’Introduzione a p. 14 (Produzione Finocchiona: è la regina dei salumi toscani,
orale). tipica soprattutto del Chianti senese. I semi di
finocchio, che ancora oggi ne caratterizzano
l’aroma, si usavano un tempo non tanto per la
6 Che cos’è? conservazione, quanto per mascherare l’even-
tuale deterioramento della carne.
(lavorare con il lessico, scoprire la
­grammatica)

Obiettivi: imparare a spiegare in che cosa con-


siste un prodotto o una pietanza; introdurre il
pronome relativo che.
 70
7 Di maiale o di vitello? chiedete agli studenti come si forma il superlati-
(lavorare con il lessico, scrivere e parlare) vo assoluto e guidateli nella formulazione della
regola (si forma con la radice dell’aggettivo +
Obiettivi: a. ampliare il lessico di base relativo issimo/a, gli aggettivi in -e cambiano così desi-
a ingredienti e modalità di cottura; b. esercitar- nenza: grande Y grandissimo). Spiegate infine i
si a spiegare una pietanza e a parlare di cibo. termini eventualmente ancora oscuri cercando
di farlo il più possibile con l’aiuto dei disegni, di
Procedimento: a. fate svolgere quest’attività sinonimi o di perifrasi: tenete presente che ciò
in due fasi: esecuzione individuale e verifica in tornerà utile agli studenti per l’attività successiva
plenum. e che questa strategia di compensazione sarà
tematizzata nella pagina Portfolio.
b. Chiedete agli studenti di pensare a una
pietanza o a un prodotto e a scrivere una defini-
Soluzioni:
zione: ne basta una breve come quella del ciam-
a. a mescolare; b condire; c tagliare; d aggiun-
bellone e se non si conoscono piatti italiani se ne
gere; e mettere; f strizzare
può descrivere uno del proprio paese. Procedete
b. mettere, tagliare, strizzare, mettere, condire,
come illustrato nell’Introduzione a p. 14 (Produ-
mescolare, aggiungere, mettere
zione scritta). Poi formate delle coppie e invitate
gli studenti a confrontarsi sulla base delle do-
mande contenute nella consegna.
9 Un ospite italiano

5
Soluzione: (parlare)
a. carne: di manzo, di vitello, di pollo; aromi:
prezzemolo, zafferano, origano, rosmarino; Procedimento: a libro chiuso, dite agli studenti
­cottura: al forno, in padella, in casseruola di “trasferirsi” mentalmente in un ristorante
perché sarà lì che si svolgerà la prossima attività.
Pregateli di immaginarsi seduti a tavola con un
8 La panzanella amico: sono il signor A e il signor B. Fate leggere
le consegne, raccomandando che ognuno consi-
(lavorare con il lessico)
deri esclusivamente le proprie e invitate le coppie
a calarsi nella parte. Se volete, potete completare
Obiettivo: imparare a capire una ricetta.
l’ambientazione assumendo il ruolo del came-
riere e distribuendo dei menù locali per facilitare
Grammatica e lessico: il vocabolario della cucina
gli studenti meno fantasiosi. Accertatevi che il
(verbi, utensili e alcune espressioni d’uso fre-
compito sia chiaro e procedete poi come indicato
quente).
nell’Introduzione a p. 14 (Produzione orale).
Procedimento: a. fate svolgere quest’attività
individualmente, poi verificate in plenum even-
tualmente con l’aiuto di un lucido. 10 Gli italiani e la tavola
(leggere e parlare)
b. Svolgete quest’attività in tre fasi (esecuzio-
ne individuale, confronto a coppie, verifica in
Obiettivi: a. sviluppare la comprensione della
plenum). Evidenziate poi lo specchietto Gram-
lingua scritta; b. parlare di cibo e ritmi di vita.
matica ed eventualmente scrivete alla lavagna
due esempi già comparsi nel primo volume come
Grammatica e lessico: maggiore/la maggioranza,
elementi lessicali: “congratulazioni vivissime” (U
uso di alcuni verbi legati al cibo.
6) e “moltissime occasioni di svago” (U 10), quindi

71
Procedimento: riproducete su lucido la pagina 56. Soluzione:
occupare un posto; consumare un pasto; cucinare
a. A libro chiuso, mostrate il titolo Gli italiani e
per un’ora; assaggiare/consumare/cucinare una
la tavola e chiedete agli studenti che cosa sanno
pietanza; stare davanti ai fornelli; mantenere una
su questo tema: formate delle coppie e lasciate
tradizione
loro un paio di minuti per scambiarsi le informa-
zioni. Mostrate poi i titoli elencati ai sottopunti
1 – 5, chiarite eventuali dubbi lessicali e dite che il
compito consisterà nell’abbinare ogni titolo a un 12 L’italiano che è in noi
minitesto. Raccomandate agli studenti di proce- (scrivere e parlare)
dere come nel Portfolio della lezione 2: anche qui
si tratta di leggere rapidamente alla ricerca di pa- Procedimento: per tutte le fasi seguite le indi-
role e concetti chiave che consentano di scoprire cazioni del manuale tenendo conto di quanto si
il tema principale di ogni testo. Assegnate due dice nell’Introduzione a p. 15 (Compiti di gruppo).
minuti di tempo, fate aprire i libri e date il via
alla lettura. Scaduto il tempo, fate confrontare i
risultati in coppia, quindi controllate in plenum 13 È veramente buono!
facendovi dire le soluzioni. Seguirà una seconda
(scoprire la grammatica)
lettura con il compito di approfondire la com-
prensione generale dei testi.
Obiettivi: scoprire la differenza fra aggettivo e
b. Formate delle coppie e invitate gli studenti avverbio.
a confrontarsi sulla base della traccia contenuta
nella consegna. Concludete l’attività evidenzian- Grammatica e lessico: contrasto aggettivo/av-
do lo specchietto Lingua, senza tuttavia dilun- verbio; molto in funzione aggettivale e in funzio-
garvi in spiegazioni grammaticali (altre forme ne avverbiale.
irregolari del comparativo verranno trattate
nella lezione 8). Procedimento: a. e b. seguite le indicazioni del
manuale e procedete come illustrato nell’Intro-
Soluzione: duzione a p. 16 (La grammatica). Alla fine richia-
a. 3, 4, 1, 5, 2 mate l’attenzione sullo specchietto che evidenzia
la doppia funzione di molto: chiedete agli stu-
denti che cosa c’è di diverso fra un uso e l’altro
11 Vorrei assaggiare… (come avverbio molto è invariabile e termina
sempre in -o; come aggettivo concorda in genere
(lavorare con il lessico)
e numero con la parola a cui si riferisce).
Soluzioni:
Obiettivo: fissare alcune collocazioni con verbi
a. bene; certamente; certa
che si riferiscono al cibo.
b. L’aggettivo accompagna un sostantivo. L’av-
verbio accompagna un verbo o un aggettivo.
Procedimento: fate svolgere l’attività indivi-
dualmente, poi dite agli studenti di controllare
con l’aiuto del testo raccomandando loro di non
cancellare ulteriori soluzioni che gli sembrano
plausibili: potrebbero essere accettabili. Verifica-
te infine in plenum discutendo le varie combina-
zioni emerse.

 72
14 Una gara di picnic
Scheda informativa
(parlare e scrivere)
Carlo Petrini è il fondatore di Slow Food, as-
Procedimento: per tutte le fasi seguite le indi- sociazione no-profit nata nel 1986 a Bra che si
cazioni del manuale tenendo conto di quanto si propone di dare la giusta importanza al piacere
dice nell’Introduzione a p. 15 (Compiti di gruppo). legato al cibo attraverso l’educazione al gusto,
la lotta all’omologazione, la salvaguardia delle
cucine locali e dei prodotti tradizionali. Oggi
Slow Food conta 100.000 iscritti con sedi in

Culture a confronto Italia, Svizzera, USA, Francia, Giappone, Regno


Unito e aderenti in 130 paesi.

Couscous (o cuscus) di pesce alla trapanese:


Obiettivo: riflettere sulla cultura gastronomica di
è un piatto tipico di Trapani preparato con
vari paesi.
semola a grana grossa. La cucina siciliana è
influenzata da quelle dei vari dominatori stra-
Procedimento: a. a libro chiuso, ponete la do-
nieri che si sono succeduti nel corso del tempo
manda contenuta nella consegna, quindi forma-
e quindi anche dalla cucina araba, da cui viene
te delle coppie e invitate gli studenti a parlarne.
il couscous. La ricetta trapanese, però, prevede
Raccogliete poi le idee in plenum.
un condimento a base di pesce che rende la
b. Dopo qualche minuto, dite agli studenti di pietanza diversa da quella araba, preparata

5
verificare le loro ipotesi leggendo il testo. Racco- con carne e verdure.
gliete poi in plenum i risultati della verifica.
Mostarda di Cremona: è una specialità tipica
c. Fate svolgere questo compito in coppia,
della Lombardia e in particolare della città di
dopo esservi accertati che sia chiaro. Dite agli
Cremona, nota anche per il torrone. È prepa-
studenti di aiutarsi con la carta d’Italia che si
rata con frutta mista (mele, pere, albicocche,
trova all’interno della copertina. Verificate poi in
ciliegie), intera o tagliata a pezzi grossi, zuc-
plenum. Gli studenti noteranno così che i nomi
chero e senape. Ha un caratteristico sapore
di tutte le pietanze raffigurate nelle foto sono
dolce, ma leggermente piccante. Si abbina a
derivati da nomi di città, il che conferma la tesi
varie pietanze, per esempio al bollito di carne.
sostenuta da Carlo Petrini nel testo del punto a
Un tempo preparata nei monasteri locali, oggi
e dimostra come nella cultura gastronomica si
è soprattutto un prodotto industriale.
rispecchi, fra l’altro, l’antica storia e tradizione
comunale del nostro paese.
Risotto alla milanese: piatto tipico del capo-
d. Formate ora dei gruppi e invitate gli studenti luogo lombardo a base di riso, midollo di bue e
a discutere sulla base della traccia proposta. Con- zafferano. Quest’ultimo ingrediente gli confe-
cludete anche questa fase raccogliendo le idee in risce il caratteristico colore dorato.
plenum.
Prosciutto di Parma: prosciutto crudo prodotto
in un’area geografica che comprende il territo-
rio della provincia di Parma posto a sud della
via Emilia a distanza di almeno 5 km da questa,
fino ad un’altitudine di m. 900, delimitato a
est dal fiume Enza e a ovest dal torrente Stiro-
ne. L’intera lavorazione in questa zona tipica

73
garantisce il riconoscimento di Origine Protet-
ta. Nella provincia di Parma esiste un circuito
di Musei del cibo, di cui fanno parte il Museo
Portfolio
del Prosciutto (Langhirano), il Museo del Sala- Autovalutazione (Cosa sai fare?) – Obiettivo: fare
me (Felino), il Museo del Pomodoro (Giarola) e un bilancio della quinta lezione.
il Museo del Parmigiano Reggiano (Soragna).
Procedimento: procedete come indicato a p. 25
Saltimbocca alla romana: specialità culinaria dell’Introduzione (Portfolio).
romana consistente in una fettina di carne di
vitello tenera arrotolata con prosciutto e salvia Strategie (Come impari?) – Obiettivo: riflettere su
e fatta rosolare nel burro con una spruzzata di una strategia di compensazione: la perifrasi.
vino bianco. Il nome (sostantivo maschile inva-
riabile) deriva dall’espressione “salta in bocca”. Procedimento: a. a libro chiuso, fate notare agli
studenti quante parole nuove hanno incontrato
Fegato alla veneziana: pietanza tipica della in questa lezione e dite che ci vorrà probabilmen-
cucina veneta preparata con fegato e cipolle te un po’ di tempo prima che le abbiano memo-
bianche. rizzate stabilmente. È perciò importante dotarsi
di strategie utili a compensare l’eventuale man-
Bistecca alla fiorentina: è un taglio della lom- canza del vocabolo esatto in situazioni comuni-
bata di vitellone (in Toscana di razza chianina), cative: una di queste strategie è la perifrasi, già
ha nel mezzo l’osso a forma di “T”, con il filetto vista e messa in pratica in questa lezione. Si trat-
da una parte e il controfiletto dall’altra, ed è ta ora di rifletterci su per impadronirsene bene.
alta almeno 2 dita. Pesa 600 – 800 grammi. Fate dunque leggere l’introduzione e gli esempi
Si cuoce alla griglia, senza condimento, e va del punto a, accertandovi che siano chiari. Fate
servita al sangue o comunque poco cotta. poi una prova: mostrate agli studenti un foglio
su cui avrete scritto un vocabolo noto (o avrete
Pesto alla genovese: salsa fredda tipica della incollato l’immagine corrispondente) e chiedete
Liguria e in particolare di Genova. Si prepara “Che cos’è?”. Invitate quindi la classe a rispon-
con basilico, olio extravergine di oliva, formag- dere formulando il maggior numero di perifrasi
gio grattugiato (parmigiano e pecorino), aglio, possibile. Ripetete la prova un paio di volte.
pinoli o noci, sale grosso. Si usa per condire vari
b. Formate ora dei gruppi e dite agli studenti
tipi di pasta (trofie, trofiette, trenette).
di leggere la domanda e di raccogliere idee in
proposito.
Olive ascolane (o all’ascolana): sono il piatto
più rappresentativo della cucina marchigiana e c. Invitate infine la classe a mettere in pratica
in particolare di Ascoli Piceno. Si tratta di olive tutti i suggerimenti emersi con il gioco qui pro-
tenere, dalla polpa molto dolce, preparate con posto. Il vostro ruolo sarà quello dell’arbitro che
un ripieno di carne macinata, salumi e verdure, potrà essere interpellato per risolvere questioni
quindi impanate e soffritte in padella. controverse.

Pastiera napoletana: è un dolce di pasta frolla


che non può mancare sulla tavola dei napole-
tani a Pasqua. Simbolo della primavera, ha
due ingredienti che la rendono inconfondibile:
l’acqua di fiori d’arancio e il grano cotto.
­Ulteriori ingredienti sono la ricotta di pecora,
il cedro, arancia e zucca canditi, il limone.

 74
Imprevisti delle vacanze
Temi: al pronto soccorso, eventi imprevisti

Obiettivi comunicativi: raccontare eventi imprevisti delle vacanze; descrivere un distur-


bo fisico; sostenere una breve conversazione dal medico; chiedere e dare consigli sulla
salute; capire le informazioni principali del foglietto illustrativo di un medicinale

Grammatica e lessico: il plurale irregolare di alcuni sostantivi; l’imperativo indiretto


(con Lei) (forma enunciativa e negativa); la posizione dei pronomi con l’imperativo indi-
retto; il corpo umano; collocazioni con i verbi mettere e prendere + medicinali

6
1 Per iniziare 2 Avventure in spiaggia
(leggere, lavorare con il lessico)
Obiettivo: introdurre il tema “vacanze e attività
da spiaggia”. Obiettivo: a. sviluppare la comprensione della
lingua scritta (notizie di cronaca); b. ampliare e
Procedimento: potete utilizzare la foto per sistematizzare il lessico tematico.
introdurre lessico “marinaro” utile che compa-
rirà, in parte, nel corso della lezione. Scrivete su Procedimento: a. lo scopo principale di
delle carte il nome di tutti gli elementi visibili quest’attività è, come al punto 10 della lezio-
nella foto di p. 61, ritagliate un set di carte per ne precedente, far sì che gli studenti scoprano
ogni coppia di studenti e mettete ogni set in una attraverso l’esperienza i vantaggi della lettura
busta. A libro chiuso, consegnate le buste e dite orientativa – cioè rapida, svolta con l’obiettivo di
alla classe che al vostro “via!” bisogna aprirle e farsi un’idea generale dell’argomento e basata
cercare di abbinare ogni espressione a un ele- sull’uso di parole chiave come “bussole” che con-
mento della foto di pagina 61 (rigorosamente sentono di trovare velocemente la strada anche
senza consultare il glossario, il dizionario o altro). in presenza di parole e/o forme sconosciute –
La prima coppia che pensa di avere finito dice rispetto alla tecnica del “capire tutto e subito”.
“stop!” e voi controllate gli abbinamenti: se sono Questo tipo di lettura è abbinato a un compito
tutti corretti la coppia ha vinto, altrimenti si preciso e chiaramente delimitato al fine di guida-
continua. Concludete questa fase con una veri- re su tale sentiero anche gli studenti più insicuri
fica in plenum. Passate poi al punto 1: formate e legati alla comprensione parola per parola. La
dei gruppi, fate leggere le domande e invitate gli “bussola” offerta in questo caso è costituita dalle
studenti a parlarne. immagini, i cui contenuti si ritrovano, verbaliz-
zati, nei testi che verranno letti. Pregate dunque
gli studenti di osservare bene le foto (ignorando

75
o meglio ancora coprendo i testi sottostanti) e 3 È successo anche a te?
immaginare la notizia di cronaca che ciascuna di (Parlare)
esse potrebbe illustrare. Date un minuto di tem-
po per aguzzare la vista e lavorare con la fanta- Procedimento: formate dei gruppi, fate leggere
sia, poi ponete a voce alta la domanda contenuta il compito e accertatevi che sia chiaro. Procedete
nella consegna e date il via alla lettura. Procede- poi come indicato nell’Introduzione a p. 14 (Pro-
te quindi come indicato nell’Introduzione a p. 12 duzione orale).
(Gli input scritti – Procedimento).
b. Seguite le indicazioni del manuale e svol-
gete l’attività in tre fasi (esecuzione individuale, 4 Bagnanti
confronto a coppie, verifica in plenum). Prima di (lavorare con il lessico, scoprire la
dare il via alla ricerca, raccomandate agli studen- ­grammatica)
ti di sottolineare non solo i vocaboli, ma anche i
loro articoli (laddove sono usati); in fase di veri- Obiettivi: a. introdurre e sistematizzare il
fica chiedete quale articolo bisogna aggiungere lessico di base relativo al corpo umano; b.  e c.
alle due parole già presenti nella mappa ed evi- tematizzare alcuni plurali irregolari. L’attività
denziate la differenza di significato fra bagnante serve anche come pre-lettura.
e bagnino. Per concludere, chiedete se qualcuno
conosce qualche altro vocabolo in tema e inseri- Procedimento: a. eventualmente riproducete su
telo nello schema. lucido il disegno di pagina 63. Fate svolgere l’atti-
vità individualmente, poi verificate in plenum.
Soluzioni:
b.  e c. Seguite le indicazioni del manuale e
a. L’intruso è la foto n. 2.
procedete come illustrato nell’Introduzione a
b. il bagnante/i bagnanti; la sabbia; (il) litorale;
p. 16 (La grammatica – Procedimento).
(gli) ombrelloni; (le) sedie a sdraio; (la) Guardia
Costiera; (il) salvataggio; (il) mare; i cani salva-
Soluzioni:
taggio/cani-bagnino; (la) corrente; (la) riva; (il)
a.
salvagente; (l’) acqua; tuffarsi; salvare

Scheda informativa

La Scuola Italiana Cani Salvataggio, fondata


nel 1989 da Ferruccio Pilenga, è la più gran-
de organizzazione nazionale dedicata alla
preparazione dei cani e dei loro conduttori,
le cosiddette Unità Cinofile. Il suo obiettivo b. Il nome al plurale è le braccia, che presenta
principale è l’addestramento al salvataggio due particolarità: al singolare è maschile, men-
nautico dei cani di tutte le razze, purché siano tre al plurale è femminile (come si evince dagli
docili e socievoli, amino l’acqua e abbiano un articoli) e prende la desinenza -a (non -i).
peso superiore ai trenta chili. L’Unità Cinofi- c. le dita, le ginocchia, le labbra
la è in grado di effettuare la rianimazione in
acqua, impossibile senza l’aiuto del cane. Oggi
la Scuola conta, oltre alla sede operativa di Mi-
lano Idroscalo, 10 sezioni autonome sparse sul
territorio nazionale e collabora con la Protezio-
ne civile.

 76
5 Che cosa è successo? b. il codice bianco
(ascoltare) c. Dialogo 1 (bambino) Y Deve prendere delle
gocce per bocca (tre volte al giorno). Dialogo 2
Obiettivo: sviluppare la comprensione orale. (uomo) Y Deve mettere delle gocce nelle orec-
chie (tre volte al giorno), evitare le immersioni,
Procedimento: a. Trascrivete su lucido o alla non prendere freddo
lavagna solo il primo compito (Queste persone
hanno dei problemi…), accertatevi che sia chiaro Trascrizioni:
e fate ascoltare il brano 17 una prima volta a libro (Traccia 17)
chiuso, procedendo come indicato nell’Introdu- Dialogo 1
zione a p. 9 (Fase 1 – Comprensione globale). Fate t Buongiorno.
poi leggere individualmente gli altri compiti da w Buongiorno, mi dica.
risolvere, chiarite eventualmente il lessico e fate t Senta, io ho fatto il bagno, mi sono tuffato
ascoltare una seconda volta, procedendo come e mi è entrata acqua nelle orecchie, credo,
indicato nell’Introduzione a p. 10 (Fase 2 – Com- perché adesso non sento bene e mi fa male
prensione più dettagliata). un orecchio.
w Quale?
b. Formate delle coppie, fate leggere il compito
t Mi fa male l’orecchio sinistro, però sento poco
accertandovi che sia chiaro e invitate gli studenti
anche con il destro. Ho anche un po’ di mal di
a discutere.
testa.
c. Invitate gli studenti a verificare la correttezza w Ho capito, va bene. Allora, si accomodi nella

6
delle loro ipotesi e fate ascoltare l’inizio del bra- zona di attesa. Deve aspettare un po’ perché
no 18 (fino a Il bambino è un codice verde. Abbia oggi ci sono diverse persone.
pazienza!). Giunti a una soluzione condivisa, fate t Ah. Va bene… Aspetto.
leggere l’ultimo compito, chiarite eventualmente il
Dialogo 2
lessico e procedete ad un ulteriore ascolto, tenen-
v Buongiorno.
do conto di quanto si dice nell’Introduzione a p. 10
w Buongiorno. Il bambino ha dei problemi?
(Fase 1 – Comprensione più dettagliata).
v Sì, una puntura di vespa qui sul piede, vede?
w Sì. Senta, suo figlio è allergico?
Soluzioni:
v No, non mi risulta. Ma l’irritazione è forte, si
a. Sono andate al pronto soccorso. Dialogo 1 Y
è gonfiata anche la caviglia… Per questo sono
un uomo, Dialogo 2 Y un bambino; Paziente 1
venuta qui al pronto soccorso.
Y mal d’orecchie e mal di testa, Paziente 2 Y
w Ha fatto bene a venire. Senta, il bambino re-
puntura di vespa
spira bene oppure ha avuto qualche problema
a respirare?
v No, non ho notato problemi.
w A parte l’irritazione ha altri disturbi?
v No, mi sembra di no. Adesso si è calmato un po’.
w Quanti mesi ha il bambino?
v 15, 15 mesi.
w Va bene. Allora, si accomodi anche Lei nella
zona di attesa.
v Va bene, grazie. C’è molto da aspettare? Sa, il
bambino…
w No, non si preoccupi. Comunque io ritorno a
controllare il bambino mentre aspettate.

77
(Traccia 18) Scheda informativa
Dialogo 1
I codici colore gravità (triage): il termine fran-
w Signora, venga!
cese triage deriva dal verbo trier (“smistare”) e
t Io sono arrivato prima.
indica il metodo di valutazione usato al pronto
w Sì, ma non importa: Lei è un codice bianco, il
soccorso per stabilire le priorità quando ci sono
meno urgente. Il bambino è un codice verde.
molti pazienti da curare. Il criterio di scelta è
Abbia pazienza!
la gravità dei sintomi, non l’ordine di arrivo. Il
z Buongiorno, signora. Ciao!
triage è svolto da infermieri esperti e specifica-
v Buongiorno.
tamente formati che, valutando i sintomi del
z Allora, vediamo questa puntura di vespa. È già
paziente, attribuiscono un codice di gravità al
successo altre volte?
fine di stabilire l’ordine di accesso alla visita
v Sì, una volta, ma è passato subito. L’irritazione
medica. I codici sono divisi in quattro catego-
non era così forte.
rie, ciascuna identificata da un colore, secondo
z E il bambino ha qualche allergia?
criteri definiti dal Ministero della Sanità nel
v No, non mi risulta.
1992: rosso (molto critico, pericolo di vita, prio-
z Ha altri problemi di salute, prende dei
rità massima, accesso immediato alle cure),
­farmaci?
giallo (mediamente critico, presenza di rischio
v No, è un bambino sano, non prende farmaci.
evolutivo, possibile pericolo di vita), verde
z … Non ha problemi di respirazione. Bene.
(poco critico, assenza di rischi evolutivi, presta-
Allora, signora, non si preoccupi: non ci sono
zioni differibili), bianco (non critico, pazienti
sintomi di allergia. Compri queste gocce e le
non urgenti). L’attribuzione del codice non è
dia al bambino tre volte al giorno, per bocca.
rigida perché le condizioni del paziente posso-
… E tu stai tranquillo, passa subito, sai?
no migliorare o peggiorare durante l’attesa: è
v Grazie. Arrivederci.
prevista perciò la rivalutazione periodica della
z Arrivederci.
congruità dei codici colore assegnati. L’infer-
Dialogo 2 miere di triage opera nella zona di accoglienza
z Buongiorno. Allora, Lei non sente bene e Le fa del pronto soccorso sotto la supervisione del
male l’orecchio sinistro. Da quanto tempo ha medico in servizio e secondo protocolli prede-
questo disturbo? finiti e approvati dal responsabile del pronto
t Da ieri sera. Nel pomeriggio ho fatto il bagno… soccorso o del dipartimento di emergenza-
z Si è anche tuffato? urgenza. Questo metodo è usato in molti paesi
t Sì, sì. E da ieri sera sento le voci lontane, ovat- europei, in Italia soprattutto nelle regioni del
tate… E mi sembra di avere ancora dell’acqua Nord e Centro-Nord nelle unità operative con
nelle orecchie. oltre 25.000 accessi per anno e nei presidi
z Ha avuto febbre? Mal di gola? che, pur essendo al di sotto dei 25.000 accessi,
t No, no, no. Ho solo questo disturbo alle orec- operano in condizioni di flussi periodicamente
chie, un leggero mal di testa. Per il resto mi elevati ed irregolari (turismo stagionale, fiere,
sento bene. manifestazioni, ecc.).
z Ho capito. Vediamo… Allora, Le do delle gocce
per le orecchie: le metta tre volte al giorno.
Per qualche giorno non faccia il bagno, o
almeno eviti le immersioni, e non prenda
freddo. Il disturbo dovrebbe passare con le
gocce. Se non passa, vada da uno specialista.
t Va bene, grazie. Arrivederci.
z Arrivederci.

 78
6 Farmaci e verbi possano verificare ed eventualmente completa-
(lavorare con il lessico) re la ricostruzione del testo. Controllate infine in
plenum e concludete questa fase con un ultimo
Obiettivo: ampliare il lessico tematico, eviden- ascolto affinché tutti possano convincersi che “è
ziare alcune collocazioni con i verbi mettere e proprio così”.
prendere + farmaco.
b.  e c. Seguite le indicazioni del manuale pro-
cedendo come illustrato nell’Introduzione a p. 16
Procedimento: fate svolgere l’attività in tre fasi:
(La grammatica).
esecuzione individuale, confronto in coppia, veri-
fica in plenum. d. Formate delle coppie e date un paio di mi-
nuti per la prima fase (scrivere una lista di verbi).
Soluzione: Unite poi le coppie a due a due e invitate gli
mettere: il collirio, le gocce (nelle orecchie), la studenti a giocare scambiandosi le liste e com-
pomata; prendere: lo sciroppo, le pastiglie/le pletandole con le forme dell’imperativo.
compresse, le gocce (per bocca)
Soluzioni:
a. 1. mi dica, Senta; 2. Si accomodi, non si pre-
7 La salute in vacanza occupi; 3. venga, Abbia; 4. Compri, dia; 5. metta,
non faccia, eviti, non prenda, vada
(parlare)
b.

6
Procedimento: formate dei gruppi, fate leggere verbi regolari
il compito e accertatevi che sia chiaro. Procedete
infinito i mperativo
poi come indicato nell’Introduzione a p. 14 (Pro-
evitare eviti
duzione orale).
comprare compri
accomodarsi si accomodi
preoccuparsi (non) si preoccupi
8 Non si preoccupi! prendere prenda
(scoprire la grammatica) sentire senta

Obiettivo: introdurre l’imperativo indiretto. verbi irregolari


infinito i mperativo
Procedimento: si è scelto di introdurre per prima
dire dica
la forma dell’imperativo indiretto a causa della
venire venga
frequenza d’uso nelle situazioni che gli studenti
fare faccia
si troveranno verosimilmente a “sperimentare”
andare vada
in Italia, come un caso d’emergenza che richiede
avere abbia
l’intervento di esperti (qui: personale del pronto
dare dia
soccorso).
a. Fate ascoltare i mini-dialoghi una prima
volta a libro chiuso, in modo da richiamare alla
mente ciò che accade. Poi invitate gli studen-
ti a completare i mini-dialoghi collocando al
posto giusto le espressioni elencate; seguirà un
confronto in coppia. Fate quindi ascoltare i testi
ancora una o due volte affinché gli studenti

79
c. Verbi regolari: l’imperativo indiretto si forma 10 Al centro di primo soccorso
aggiungendo alla radice del verbo le desinenze -i (parlare)
per i verbi in -are e -a per i verbi in -ere e -ire.
Verbi irregolari: l’imperativo indiretto si forma Obiettivo: esercitarsi a chiedere e dare consigli.
partendo dalla prima persona singolare del pre-
sente indicativo e sostituendo la desinenza -o con Procedimento: seguite le indicazioni del manua-
la desinenza -a (p. es. (io) dico Y (Lei) dica!). La le e procedete poi come indicato nell’Introduzio-
negazione si mette davanti al verbo. I pronomi si ne a p. 14 (Produzione orale). Se la classe non si
mettono davanti al verbo e nella forma negativa può dividere per 2, formate uno o più gruppi di
fra non e il verbo. 3 persone con 2 pazienti. Per assegnare i ruoli vi
converrà preparare dei cartoncini con le conse-
gne.
9 In farmacia

Obiettivo: mettere in pratica la regola appena 11 È un medicinale, usare con cautela!


scoperta. (leggere, lavorare con il lessico)

Procedimento: formate delle coppie, fate leggere Obiettivo: a.  e b. sviluppare la comprensione


il compito e accertatevi che sia chiaro facendo un della lingua scritta (foglietti illustrativi di medici-
esempio insieme a uno studente (voi sarete A e nali); c. sviluppare la comprensione del lessico
porrete la domanda, lo studente sarà B e darà un farmaceutico.
consiglio). Assegnate un tempo di lavoro indica-
tivo calcolato sugli studenti più lenti: se alcune Procedimento: i punti a – c vanno svolti tutti
coppie dovessero aver finito molto prima delle nella stessa lezione: se vi manca il tempo, sareb-
altre, dite loro di inventare nuove domande e be meglio rimandare quest’attività alla lezione
formulare risposte adeguate. Concluso il gioco, successiva.
sarà bene prevedere una fase di verifica in ple-
a. Fate svolgere quest’attività individualmente,
num per eliminare eventuali insicurezze circa la
poi verificate in plenum.
soluzione: evidenziate soprattutto la forma non
si dimentichi e dite che in questo modo funziona- b. Svolgete l’attività in tre fasi (esecuzione
no tutti i verbi in -care e -gare, come già visto per individuale, confronto in coppia e verifica in ple-
l’indicativo presente. num) evidenziando che nella vita quotidiana si
cerca di ricavare dai testi d’uso come questi solo
Soluzioni: ciò che interessa caso per caso.
1 Non resti al sole nelle ore più calde. Lo eviti
c. Fate svolgere il compito individualmente,
assolutamente.; 2 Indossi una maglietta e gli
poi verificate in plenum.
occhiali da sole. Non li dimentichi mai.; 3 Usi
creme solari ad alta protezione e le metta soprat-
Soluzioni:
tutto sulle mani, sul collo, sul viso.; 4 Non resti
a. composizione Y 1; forma farmaceutica Y 4;
sdraiato/a al sole per ore, ma si muova e faccia
indicazioni terapeutiche Y 2; precauzioni d’im-
attività fisica.; 5 Legga un bollettino dei pollini: si
piego Y 5; posologia e tempi di somministrazio-
ricordi che ogni regione è diversa.; 6 Chiuda por-
ne Y 3; effetti indesiderati Y 6
te e finestre e le lasci chiuse nelle ore più calde.;
7 Compri una mascherina e la metta sul naso e
sulla bocca.; 8 La prenda una volta al giorno.

 80
b. per il bambino del punto 5: farmaco B, 2/3
Scheda informativa
volte al giorno; per un bambino che ha la febbre
e pesa 27 Kg: farmaco A, 1 compressa da ripetere a.   e.   f. La distanza interpersonale da tene-
eventualmente dopo 6 ore (ma mai più di 4 volte re durante una conversazione varia molto nelle
al giorno); per un adulto con eritema solare: far- diverse culture. Ogni persona, però, percepisce
maco B 2/3 volte al giorno intorno a sé una sorta di “bolla” protettiva
c. antipiretico Y contro la febbre; affezione Y corrispondente alla distanza che le consente
malattia, problema di salute; analgesico Y con- di sentirsi al sicuro da attacchi esterni o di
tro il dolore; cefalea Y mal di testa; dermatologi- difendersi da essi: chi oltrepassa questo limite
co Y per la pelle; applicare Y mettere; friziona- mette a disagio l’interlocutore, anche se i gesti
re Y massaggiare; al dì Y al giorno che hanno portato all’invasione di campo nella
cultura del parlante non rappresentano aggres-
sività. In Italia il raggio della sfera intima corri-
12 Contro il mal d’amore Le consiglio… sponde più o meno alla lunghezza di un braccio
teso, ma si può ridurre nelle conversazioni fra
(parlare e scrivere)
amici. In tal caso anche il contatto fisico è più
frequente, soprattutto fra donne: gesti come
Obiettivo: riutilizzare in forma ludica la gramma-
quello di mettere una mano sulla spalla ven-
tica e il lessico della lezione.
gono interpretati come segno di confidenza. I
contatti fisici tra uomini sono meno frequenti:
Procedimento: per tutte le fasi seguite le indi-
abbracci e pacche sulle spalle sono tuttavia

6
cazioni del manuale tenendo conto di quanto si
diffusi nei saluti e per condividere un’emozione
dice nell’Introduzione a p. 15 (Compiti di gruppo).
(per esempio quella di un successo).
b. In Occidente guardare l’interlocutore negli
occhi – gesto che in certe culture, per esempio
Culture a confronto quelle asiatiche, può essere interpretato come
sfida – è considerato segno di franchezza.
Viceversa, volgere lo sguardo altrove durante
una conversazione viene inteso come segno
Obiettivo: riflettere sul linguaggio del corpo e
di disinteresse per l’interlocutore e per ciò che
sul suo significato nelle diverse culture concen-
dice.
trandosi su elementi diversi da quelli tematizzati
nella lezione 9 di Chiaro! A1. c. Gli italiani sono soliti parlare con un tono
di voce mediamente più alto di quello conside-
Procedimento: a. formate dei gruppi, fate leg- rato “normale” in molti altri paesi, per esempio
gere le domande e invitate gli studenti a discu- nel mondo anglosassone, dove un simile volu-
terne con l’aiuto dei disegni. Raccogliete poi le me si raggiunge solo in caso di litigio. Quest’a-
idee in plenum. bitudine – spesso accompagnata da sovrappo-
sizione di voci e interruzioni reciproche – viene
b. Formate dei gruppi diversi da quelli di prima
spesso interpretata come indice di aggressività
e invitate gli studenti a discutere sulla base della
perché il suono può arrivare lontano e penetra-
domanda contenuta nella consegna. Raccogliete
re nella sfera intima di persone anche distanti.
poi le idee in plenum.
Inoltre è frequente che una tranquilla conver-
sazione venga scambiata da uno straniero per
una lite.

81
d. Parlando gli italiani usano le mani per
rendere più efficace e “plastica” la comunica-
Portfolio
zione: visualizzano, per così dire, il messaggio –
Autovalutazione (Cosa sai fare?) – Obiettivo: fare
anche attraverso la mimica facciale – affinché
un bilancio della sesta lezione.
risulti più chiaro. L’intensità di questo compor-
tamento può variare da individuo a individuo.
Procedimento: procedete come indicato a p. 25
A causa di quest’abitudine gli italiani vengono
dell’Introduzione (Portfolio).
spesso giudicati esuberanti, teatrali o addirit-
tura invadenti e aggressivi (perché gesticolan-
Strategie (Come impari?) – Obiettivo: riflettere
do finiscono appunto per invadere il campo
sull’uso del corpo come strumento di comunica-
dell’interlocutore).
zione e di apprendimento.
g. In Italia i turni di parola durante una con-
versazione non vengono rispettati rigidamen- Procedimento: introducete l’argomento ricolle-
te: è normale che due o più persone parlino gandovi al Portfolio dell’unità precedente, in cui
contemporaneamente interrompendosi spesso si è riflettuto su una strategia di compensazione
a vicenda. Tali interruzioni – che nella maggior di tipo verbale: qui se ne tematizzerà un’altra,
parte delle altre culture vengono percepite basata sui gesti. Formate poi dei gruppi di sei
come un attacco personale scortese – costi- persone, fate leggere le regole e date il via al
tuiscono spesso una forma di collaborazione gioco. Se la classe è piccola si formeranno gruppi
con l’interlocutore, segnalano partecipazione e di quattro persone (due contro due) oppure si
urgenza di comunicare un determinato mes- dividerà la classe in due squadre che gioche-
saggio. La sovrapposizione di voci e il caos che ranno una contro l’altra: in quest’ultimo caso,
derivano da questo stile comunicativo fanno sì all’insegnante spetterà il ruolo di arbitro e crono­
che per alcuni stranieri abituati ad attendere il metrista.
proprio turno sia difficile inserirsi nella conver-
sazione. Procedimento: formate delle coppie e fate svol-
gere l’attività seguendo le indicazioni del ma-
h. In Italia la maggiore o minore accettazio-
nuale. Evidenziate che si tratta di una strategia
ne di effusioni in pubblico, che in alcuni paesi
utile per tutti, ma particolarmente adatta a quel-
sono proibite per legge, è una questione indi-
le persone nelle quali risulta molto sviluppata
viduale: dipende soprattutto dall’età dell’os-
l’intelligenza corporeo-cinestetica (vedi Portfolio
servatore e/o dalla sua formazione nonché
della prima lezione).
naturalmente dal grado di intimità esibito.
Passa quasi inosservato il tenersi per mano e
in genere non dà scandalo una coppia che si
abbraccia e/o si bacia purché lo faccia con un
certo “garbo”.
 i. In Italia indicare le persone con il dito è
considerato scortese ed è una delle prime catti-
ve abitudini che le mamme cercano di togliere
ai bambini. Negli adulti non è assolutamente
accettato.

 82
Vacanze in macchina
Temi: in viaggio in auto, al commissariato

Obiettivi comunicativi: parlare delle proprie abitudini di viaggio; capire e dare consigli
sul tema della sicurezza in viaggio; capire informazioni sul traffico trasmesse alla radio;
denunciare il furto o lo smarrimento di un oggetto; descrivere oggetti

Grammatica e lessico: l’imperativo diretto singolare e plurale (forma enunciativa e


negativa); la posizione dei pronomi con l’imperativo diretto; la congiunzione se; l’auto-
mobile; la sicurezza in viaggio; aggettivi qualificativi per descrivere oggetti

7
1 Per iniziare Procedimento: a. formate dei gruppi, fate
leggere il compito e accertatevi che sia chiaro.
Obiettivo: introdurre il tema della lezione facen- Procedete poi come indicato nell’Introduzione a
do leva sull’esperienza di vita. p. 14 (Produzione orale).
b. Dite agli studenti di leggere rapidamente
Procedimento: formate dei gruppi, fate leggere
tutto il testo: raccomandate loro di non soffer-
le domande e invitate gli studenti a parlarne
marsi sulle parole sconosciute – che verranno
con l’aiuto della foto e della propria esperienza.
analizzate più tardi – ma di farsi solo un’idea
Concludete in plenum raccogliendo le idee in una
generale dei consigli contenuti nei singoli para-
mappa concettuale.
grafi. Date un paio di minuti di tempo. Poi richia-
mate l’attenzione sui disegni di p. 73: dite agli
studenti di osservarli, di cercare nel testo le frasi
2 Partire per le vacanze corrispondenti e di trascriverle (o almeno eviden-
(parlare, leggere) ziarle). Seguiranno due verifiche: una in coppia e
una in plenum.
Obiettivi: a. esercitarsi a parlare delle proprie
abitudini in viaggio, prepararsi alla lettura; b. Soluzione:
sviluppare la comprensione della lingua scritta a Recatevi nella vostra officina di fiducia.; b Ca-
(testo regolativo). ricate i bagagli con coscienza.; c Allacciate le
cinture di sicurezza.; d Agganciate correttamente
Grammatica e lessico: imperativo (2a persona il seggiolino dei bambini.; e Fermatevi a riposare.;
plurale), campo semantico “automobile”. f Indossate il giubbino ad alta visibilità.

83
3 Allacciate le cinture 6 L’automobile
(scoprire la grammatica) (lavorare con il lessico)

Procedimento: formate delle coppie, fate leggere Obiettivo: sistematizzare il lessico di base relati-
il compito e accertatevi che sia chiaro. Procedete vo all’automobile.
poi come indicato nell’Introduzione a p. 16 (La
grammatica – Procedimento). Procedimento: fate svolgere l’attività individual-
mente, poi verificate in plenum.
Soluzione:
Verbi all’imperativo: programmate, chiedete, Soluzione:
allacciate, agganciate, mantenete, indossate, Da sinistra, in senso orario: luce (nel testo al plu-
allertate. Verbi all’imperativo negativo: non be- rale), motore, tergicristallo (nel testo al plurale),
vete, non ostacolate, non cercate. Verbi all’impe- bagagliaio, pneumatico (nel testo al plurale)
rativo + pronome: recatevi, fissateli, controllateli,
fermatevi.
Le forme dell’imperativo di 2a persona plurale 7 In autostrada
sono identiche alle corrispondenti forme del pre-
(lavorare con il lessico, ascoltare, parlare)
sente indicativo. La negazione si mette davanti
all’imperativo. I pronomi si uniscono all’impera-
Obiettivo: a. ampliare il lessico “stradale” e
tivo.
prepararsi all’ascolto; b. sviluppare la com-
prensione orale; c. parlare di esperienze di
viaggio, creare un collegamento con l’attività
4 Se… successiva.

Obiettivi: primo riutilizzo delle forme introdotte. Procedimento: a. fate svolgere l’attività in tre
fasi: esecuzione individuale, confronto in coppia,
Procedimento: fate svolgere l’attività individual- verifica in plenum.
mente, poi verificate in plenum.
b. Procedete come indicato nell’Introduzione a
p. 9 (Fase 1 – Comprensione globale).
Soluzione:
1 c; 2 e; 3 a; 4 b; 5 d c. Formate delle coppie, fate leggere il compito
e accertatevi che sia chiaro. Procedete poi come
indicato nell’Introduzione a p. 14 (Produzione
5 Viaggiate tranquilli orale).
(scrivere e parlare)
Soluzioni:
a. entrata/uscita chiusa Y 8; frana Y 6;
Obiettivo: esercitarsi a formulare consigli.
incidente Y 5; obbligo di catene Y 7; vento Y 2;
ghiaccio Y 4; lavori in corso Y 3; traffico inten-
Procedimento: per tutte le fasi procedete come
so/coda Y 1
indicato nell’Introduzione a p. 15 (Compiti di
b. A 4 Brescia-Padova Y 1; A 1 Milano-Bologna
gruppo). Invitate gli studenti a usare la propria
Y 1; A 1 Milano-Napoli Y 2; A 3 Napoli-Salerno
esperienza di vita per formulare il maggior nu-
Y8
mero possibile di consigli.

 84
Trascrizione: 8 Piccola odissea autostradale
(Traccia 20) (ascoltare)
Buongiorno a tutti da Biagio Ricciardelli. Traffico
ancora intenso sulla A 1 Milano-Bologna; coda tra Obiettivo: sviluppare la comprensione orale.
Fidenza e Fiorenzuola per lavori. Sulla A 1 Milano-
Napoli vento forte tra Orvieto e Orte. Sulla A 4, Procedimento: a. fate leggere le domande e
coda di 1 km in direzione Brescia, per un inciden- accertatevi che siano chiare, poi fate ascoltare
te fra Verona Est e Verona Sud. Sulla A 3 in dire- il dialogo (brano 21) e procedete come indicato
zione Reggio Calabria l’uscita di Pompei Ovest nell’Introduzione a p. 9 (Fase 1 – Comprensione
è chiusa al traffico fino alle 6:00 del 21 maggio, globale).
provenendo da Napoli, per lavori. Questo è tutto
b. Fate leggere i compiti, chiarite eventual-
da Autostrade per l’Italia. Vi auguro buon viag-
mente il lessico e fate ascoltare una seconda vol-
gio.
ta, procedendo come indicato nell’Introduzione a
p. 10 (Fase 2 – Comprensione più dettagliata).
Scheda informativa c. Passate alla seconda parte del dialogo (bra-
no 22), tenendo conto di quanto si dice nell’In-
Informazioni sul traffico: le principali
troduzione a p. 10 (Fase 1 – Comprensione più
stazioni radiofoniche che informano
dettagliata).
sulla viabilità sono: Radio RAI 1, 2, 3, con il
bollettino Onda verde trasmesso a partire
Soluzioni:

7
dalle ore 05:27; Isoradio, che segnala in
a. Erano in viaggio sulla A 4 Brescia-Padova.
diretta le informazioni sulla viabilità del
Sono usciti a Verona est. Adesso sono in un posto
gruppo Autostrade, della Società Auto-
di polizia (o dai carabinieri).
strade Valdostane, della Società delle
b. Vogliono denunciare lo smarrimento di uno
Autostrade di Venezia e Padova e anche
zaino avvenuto in un centro commerciale fuori
lungo la rete dell’Autostrada dei Fiori,
dall’autostrada.
trasmettendo in isofrequenza su FM 103.3
c. macchina fotografica, portafoglio (con i sol-
con possibilità di ascolto anche in galleria;
di), documenti, bottiglia di acqua minerale, mela,
RTL 102,5 Viaradio, che trasmette in tutta
guida turistica
Italia su un’unica frequenza: FM 102.5 (o
frequenze vicine).
Trascrizione:
(Traccia 21)
t x Buongiorno.
v Buongiorno.
x Senta, noi vorremmo fare una denuncia di
smarrimento. O furto.
v Eh… Smarrimento o furto?
x Be’, non siamo sicuri, ma io penso smarrimen-
to. Abbiamo perso uno zaino.
v E dove?
x Eh, è un po’ complicato. Forse – dico forse – al
centro commerciale Galassia. Però non siamo
sicuri. Perché noi in realtà siamo in viaggio
per la Germania ed eravamo in autostrada.
v Ah.

85
x Però ad un certo punto la radio ha detto che v Aspetti un attimo. … No no, non sono segnala-
c’era un incidente vicino a Verona e così sia- ti problemi. Traffico normale, signora.
mo usciti a Verona Est. E poi ci siamo persi, a x Va bene. Grazie. Arrivederci.
dire la verità. Per caso abbiamo visto questo t Arrivederci.
centro commerciale e abbiamo pensato di v Arrivederci e buon viaggio!
fare un po’ di spesa. Poi siamo ripartiti, ma
a un certo punto mio marito si è accorto che
mancava lo zaino e così siamo tornati al cen- 9 Com’è?
tro commerciale, che però ormai era chiuso.
(lavorare con il lessico)
v Ho capito. Ma lo zaino… lo avete usato per
fare la spesa?
Obiettivo: imparare a descrivere oggetti.
t Be’, l’ho portato con me perché lì dentro ave-
vo i soldi. Poi però non mi ricordo più… Perché
Grammatica e lessico: aggettivi qualificativi.
poi ha pagato mia moglie…
v Ah. Senta, allora facciamo una denuncia di
Procedimento: a. fate svolgere l’attività indivi-
smarrimento?
dualmente, poi verificate in plenum.
x t Sì, smarrimento.
b. Formate dei gruppi, fate leggere il compito,
(Traccia 22)
precisate che la lista potrà contenere cose di
v Va bene. Uno zaino… di che tipo? Grande o
qualsiasi tipo purché citate in italiano e stabilite
piccolo?
il tempo a disposizione. Scaduto il tempo, verifi-
t Piccolo, rosso.
cate quale gruppo ha la lista più lunga (somman-
v E di che marca?
do i vocaboli relativi a tutti gli aggettivi).
t Eh, non lo so, non mi ricordo…
v Che cosa c’era dentro?
Soluzione possibile:
t Mah… Una macchina fotografica, un portafo-
a. mela – tonda; tramezzino – triangolare, mor-
glio con i soldi, i miei documenti, una bottiglia
bido; specchio – ovale, duro; guida turistica – ret-
di acqua minerale e una mela nelle tasche
tangolare; macchina fotografica – rettangolare,
esterne… e basta, mi pare.
dura; bottiglia – pesante; asciugamano – rettan-
x No, anche la guida turistica.
golare, morbido; CD – quadrato, duro; paten-
t Ah!
te – rettangolare, leggera; carta d’identità – ret-
v Ok. Nient’altro?
tangolare, leggera; portafoglio – rettangolare;
x No, mi sembra di no.
soldi – leggeri
v Allora, guardi, scriva qui i suoi dati, per favore:
nome, cognome, indirizzo, e non dimentichi il
numero di telefono, mi raccomando.
t Sì. 10 Vorrei presentare una denuncia…
v Va bene. Se qualcuno ci consegna lo zaino, noi (parlare)
vi chiamiamo.
x Anche in Germania? Procedimento: seguite le indicazioni del manuale
v E certo, signora, anche in Germania. e procedete poi come indicato nell’Introduzione
x Perfetto, grazie mille. Senta, solo una doman- a p. 14 (Produzione orale). Per assegnare i ruoli
da, scusi. Noi dobbiamo prendere l’autostrada potete eventualmente preparare dei cartoncini
del Brennero, sa per caso se adesso il traffico è con le consegne.
scorrevole o se ci sono dei problemi?

 86
11 Consigli per chi viaggia 13 Muoviti un po’!
(leggere e parlare) (gioco)

Obiettivo: sviluppare la comprensione della lin- Obiettivo: esercitarsi a dare consigli.


gua scritta (testo regolativo).
Procedimento: formate delle coppie, fate leggere
Grammatica e lessico: imperativo diretto, lin- il compito e accertatevi che sia chiaro: chiarite
guaggio burocratico. il significato di alcuni vocaboli (p. es. sollevare,
inarcare, caviglie) e precisate che mantenere si
Procedimento: fate svolgere l’attività in cop- coniuga come tenere (v. punto 11), da cui deriva.
pia raccomandando di non lasciarsi bloccare Se la conformazione dell’aula e il temperamento
da parole o espressioni nuove. Verificate poi in degli studenti lo consentono, invitate la classe
plenum. a eseguire, nel limite del possibile, le istruzioni
ricevute. Mettete una musica di sottofondo e
Soluzione possibile: tenetevi a disposizione per eventuali richieste
frase 1 Y treno/aereo; frase 2 Y auto; frase 3 d’aiuto. Se alcune coppie dovessero aver finito
Y auto; frase 4 Y treno; frase 5 Y treno/aereo; molto prima delle altre, dite loro di inventare
frase 6 Y auto / treno/aereo; frase 7 Y treno/ nuovi consigli. Concluso il gioco, sarà bene preve-
aereo; frase 8 Y auto/treno/aereo dere una fase di verifica in plenum per eliminare
eventuali insicurezze circa la soluzione.

7
12 Fai così! Ma no, non fare così! Soluzione:
Bevi frequentemente, ma non bere alcolici; scegli
(scoprire la grammatica)
un posto vicino al corridoio e alzati spesso; cam-
mina lungo il corridoio; fai ginnastica; ruota la
Procedimento: a.  e b. procedete come indica-
testa lentamente a destra e a sinistra; alza il più
to nell’Introduzione a p. 16 (La grammatica – Pro-
possibile le spalle, ma resta seduto/a; solleva i
cedimento).
piedi e ruota le caviglie; inarca la schiena e man-
tieni le spalle appoggiate allo schienale; esegui
Soluzioni:
qualche esercizio durante le soste ai semafori; fai
a. sì: abbi, ricordati, evita, tieni, porta, rivolgi-
spesso una sosta e scendi dalla macchina; togliti
ti; no: non perderlo, non lasciare (2 volte), non
le scarpe e fai qualche passo a piedi scalzi.
accettare
b. Per i verbi in -are l’imperativo diretto singo-
lare si forma togliendo -re alla desinenza dell’in-
finito, per i verbi in -ere e -ire aggiungendo alla 14 Non sprecare un’occasione:
radice del verbo la desinenza -i; nei verbi in -ere viaggia e impara!
e -ire le forme dell’imperativo diretto singolare (parlare e scrivere)
sono perciò identiche alle corrispondenti forme
del presente indicativo; la forma negativa si Obiettivo: riutilizzare in forma ludica la gramma-
costruisce con non + infinito; i pronomi si uni- tica e il lessico della lezione.
scono all’imperativo (forma enunciativa) ovvero
all’infinito (forma negativa): in quest’ultimo caso Procedimento: per tutte le fasi seguite le indi-
l’infinito perde la -e finale. cazioni del manuale tenendo conto di quanto si
dice nell’Introduzione a p. 15 (Compiti di gruppo).

87
Culture a confronto istituzioni, partecipazione a operazioni mili-
tari in Italia e all’estero, operazioni di polizia
militare all’estero, funzioni di polizia militare
Obiettivo: riflettere sulle modalità di soccorso in
e sicurezza per le Forze Armate, funzioni di
diversi paesi.
polizia giudiziaria militare, sicurezza delle
rappresentanze diplomatiche e consolari ita-
Procedimento: a. a libro chiuso, formate delle
liane all’estero; b) di polizia: funzioni di polizia
coppie, ponete la domanda contenuta nella con-
giudiziaria e di pubblica sicurezza, sicurezza e
segna e invitate gli studenti a parlarne.
assistenza alle popolazioni in caso di calamità.
b. Ancora a libro chiuso, formate dei gruppi, I colori tradizionali dell’uniforme sono il nero e
ponete la domanda contenuta nella consegna e il rosso, il fregio distintivo è la fiamma.
invitate gli studenti a parlarne basandosi sulla La Polizia di Stato è un corpo di polizia a ordi-
conoscenza – diretta o indiretta – dell’Italia op- namento civile che svolge funzioni di pubblica
pure facendo semplicemente delle ipotesi. sicurezza, polizia giudiziaria e amministrativa,
ordine pubblico. Dipende dal Ministero dell’In-
c. Fate aprire il libro e invitate gli studenti a
terno, Dipartimento di pubblica sicurezza.
verificare le loro ipotesi completando le frasi:
Ha una struttura molto articolata con molti
ognuna di esse si riferisce a una fotografia nella
reparti fra cui ricordiamo la Polizia ferroviaria,
quale si trova il numero telefonico mancante.
stradale, scientifica, dell’immigrazione, delle
Concludete con una verifica in plenum.
comunicazioni, i NOCS (reparti speciali per
operazioni ad alto rischio), i reparti mobili che
Soluzione:
garantiscono l’ordine pubblico e la sicurezza
115; 112; 1515; 113; 1530; 118
durante manifestazioni politico-sindacali o
sportive, le Fiamme Oro (gruppo sportivo). La
Scheda informativa Polizia di Stato è rappresentata sul territo-
rio dalla Questura, dove si trovano anche le
Forze armate e forze dell’ordine
centrali operative: da qui partono le pattuglie
L’Arma dei Carabinieri è stata fondata nel 1814
volanti quando il cittadino chiama il 113. L’uni-
con la duplice funzione di difesa dello Stato e
forme tradizionale è composta da berretto e
di tutela dell’ordine e della sicurezza pubbli-
giubba blu, camicia azzurra, pantaloni grigio-
ca. Considerata primo Corpo dell’Armata di
azzurro con banda laterale color cremisi e cin-
terra sin dalle origini (carabiniere deriva infatti
turone bianco. Uno speciale Corpo di Polizia è
da carabina, arma usata da questo Corpo
la Guardia di Finanza, che dipende direttamen-
nell’­esercito sabaudo), dal 2000 ha una collo-
te dal ministro dell’Economia e delle Finanze e
cazione autonoma nell’ambito del Ministero
si occupa della prevenzione, ricerca e denuncia
della Difesa ed è una delle quattro forze arma-
delle evasioni e delle violazioni finanziarie e
te italiane (accanto all’Esercito, all’Aeronautica
della sorveglianza in mare per fini di polizia
militare e alla Marina militare). È Forza militare
finanziaria. L’uniforme è color grigio scuro, il
di Polizia a competenza generale e in servizio
fregio distintivo è la fiamma, da cui deriva la
permanente di pubblica sicurezza; dipende
definizione di Fiamme Gialle.
dal Capo di Stato Maggiore della Difesa per i
La Guardia Costiera è un Corpo della Marina
compiti militari e funzionalmente dal Ministro
militare. Fra i suoi compiti rientrano la ricerca
dell’Interno per quanto riguarda i compiti di
e il soccorso in mare, la sicurezza della naviga-
tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica. I
zione, la protezione dell’ambiente marino, il
compiti principali dell’Arma sono a) militari:
controllo della pesca marittima.
difesa della patria e salvaguardia delle libere

 88
Il Corpo forestale dello Stato, istituito nel I cellulari sono abilitati a effettuare chiama-
1822, è una forza di polizia a ordinamento te verso i numeri di soccorso (118, 112, 113, 115)
civile specializzata nella tutela del patrimonio anche se la scheda non ha più credito. Se si
naturale e paesaggistico, nella prevenzione e chiama da una cabina telefonica non sono
repressione dei reati in materia ambientale e necessarie né monete né le schede.
agroalimentare. Il Corpo forestale è preposto
alla sorveglianza dei Parchi, delle Aree Naturali
Protette e delle 130 riserve Naturali dello Stato,
dove svolge progetti di ricerca e conservazione
nonché attività di educazione ambientale.
Il 1515 è un servizio collegato alla Centrale Ope-
Portfolio
rativa Nazionale e a 15 sale operative regionali. Autovalutazione (Cosa sai fare?) – Obiettivo: fare
È lo strumento più immediato per segnalare un bilancio della settima lezione.
incendi boschivi, taglio illegale di piante, abu-
sivismo edilizio in aree protette, bracconaggio, Procedimento: procedete come indicato a p. 25
pesca illegale, fauna ferita, depositi di sostanze dell’Introduzione (Portfolio).
tossiche, smaltimento illecito dei rifiuti, casi di
pubblico soccorso e protezione civile (persone Strategie (Come impari?) – Obiettivo: introdurre
disperse, segnalazione di frane, valanghe e ed esercitare la mnemotecnica dei “loci”.
alluvioni).
Procedimento: a. introducete l’argomento a

7
Emergenze voce dicendo ciò che è scritto in grassetto. Invi-
I Vigili del Fuoco si possono contattare in tutta tate poi gli studenti a leggere l’esempio, osser-
Italia gratuitamente componendo il numero vando bene anche i disegni. Accertatevi poi che la
115: le richieste di soccorso giungono alla Sala procedura sia chiara.
Operativa del Comando Provinciale competen-
b. Invitate ora gli studenti a usare questa tecni-
te per il territorio. Il Corpo nazionale dei vigili
ca per memorizzare il lessico della lezione 7. Date
del fuoco è, dal 2006, una struttura dello Stato
loro un foglio in formato A 4.
a ordinamento civile, incardinata nel Ministero
dell’interno – Dipartimento dei vigili del fuoco,
del soccorso pubblico e della difesa civile.
Il 118 è il numero telefonico di riferimento in
tutte le situazioni in cui ci può essere rischio
per la vita o l’incolumità di qualcuno, come
nel caso di malori, infortuni, traumi, ustioni,
avvelenamenti, incidenti (domestici, stradali,
agricoli, industriali), annegamento, ecc.
Il 118 mette in contatto il cittadino con una
centrale operativa che riceve le chiamate e
invia personale specializzato e mezzi di soccor-
so adeguati alle specifiche situazioni di biso-
gno. La Centrale coordina il soccorso dal luogo
dell’evento fino all’ospedale più idoneo. Il nu-
mero 118 è gratuito, attivo su tutto il territorio
nazionale 24 ore su 24 e può essere chiamato
da qualsiasi telefono, fisso o cellulare.

89
Ancora più chiaro 2
Obiettivo: ripassare funzioni comunicative,
lessico e grammatica delle lezioni 5 – 7.

Procedimento: seguite il procedimento illu-


strato nell’Introduzione a p. 26 (Ancora più
chiaro) integrandolo con le indicazioni specifi-
che del manuale.

Test Unità 5 – 7


A pagina 169 si trova un test a scelta multi-
pla concepito come compito individuale da
svolgersi a casa. Le chiavi si trovano a pagina
6 del documento Soluzioni del CD ROM (vedi
sezione Eserciziario: audio e testi).

 90
E tu come t’informi?
Temi: i mezzi di informazione, scenari futuri

Obiettivi comunicativi: confrontare mezzi di informazione; capire le informazioni prin-


cipali di un giornale radio; annunciare eventi programmati; fare previsioni per il futuro;
selezionare e capire una trasmissione televisiva

Grammatica e lessico: che e di per introdurre il secondo termine di paragone; i compa-


rativi irregolari meglio e migliore; il futuro semplice; la forma progressiva stare + gerun-
dio, i mezzi di informazione

1 Per iniziare

Obiettivo: introdurre il tema della lezione facen-


do leva sulla fantasia.

Procedimento: a. se possibile, riproducete la


il testo pubblicitario, sul quale potrete torna-
re dopo il punto 3 per fornire ulteriori esempi
riguardo al comparativo.

Scheda informativa
8
pagina 85 su lucido o fotocopia a colori e mo- Chi legge, si vede è un’iniziativa lanciata dalla
strate soltanto la parte superiore dell’immagine, Federazione Italiana Editori Giornali (FIEG) e
escludendo il titolo dell’unità (per le fotocopie diretta a promuovere la lettura dei giornali e
basterà piegare il foglio). Formate dei gruppi, dite delle riviste. La campagna si è svolta nei mesi
agli studenti che la foto è tratta da una campa- di agosto e settembre 2010 sulle pagine dei
gna pubblicitaria e invitateli a fare delle ipotesi quotidiani e dei periodici e dai microfoni delle
sul prodotto pubblicizzato: si tratta di osservare radio controllate o partecipate dalle imprese
bene l’immagine e usare la fantasia. Concludete editrici associate nella Fieg.
in plenum facendovi riferire almeno alcune pro- La FIEG, fondata nel 1950, rappresenta le
poste emerse nei lavori di gruppo. aziende editrici di giornali quotidiani e perio-
dici e le agenzie nazionali di stampa. Alla FIEG
b. Invitate ora gli studenti a verificare le loro
aderiscono l’Associazione Stampatori Italiani
ipotesi voltando pagina e guardando la pubblici-
Giornali, la Federazione delle Concessionarie
tà completa. “Pilotate” la loro attenzione sulle tre
di Pubblicità a mezzo stampa e l’Associazione
parole principali – giornali, quotidiani e periodici –
Distributori Nazionali.
che sono sufficienti per rispondere alla domanda
del punto a. Non analizzate grammaticalmente

91
2 Chi legge, si vede. d. Seguite le indicazioni del manuale e proce-
(leggere, lavorare con il lessico, scoprire dete poi come indicato nell’Introduzione a p. 14
la grammatica, parlare) (Produzione orale).

Obiettivi: a. sviluppare la comprensione della Soluzioni:


lingua scritta; b. enucleare lessico tematico; a. Informarsi col web o solo sul web?
c. riflettere su alcuni comparativi irregolari; b. quotidiano, cartaceo, attendibili, punti di
d. esercitarsi a parlare dei media. vista/pareri
c. Meglio è il comparativo di bene, migliore è il
Grammatica e lessico: le forme meglio e migliore, comparativo di buono.
campo semantico “media” (stampa e web).

Procedimento: a. fate leggere il compito e Scheda informativa


accertatevi che sia chiaro. Raccomandate di Il Quotidiano in classe è un’iniziativa lancia-
procedere come per l’attività 10 della lezione 5 e ta nel 2000 dell’Osservatorio Permanente
seguite poi le indicazioni contenute nell’Introdu- Giovani-Editori e ha come obiettivo quello
zione a p. 12 (Input scritti – Procedimento). di avvicinare i giovani alla lettura critica dei
quotidiani. Il progetto prevede innanzi tutto il
b. Fate svolgere il compito in tre fasi (esecu-
lavoro in aula, con il giornale cartaceo, sotto la
zione individuale, confronto in coppia, verifica in
guida dell’insegnante. Inoltre, i quotidiani soci
plenum). In fase di verifica precisate il significato
dell’Osservatorio – fra cui il Corriere della Sera,
dei termini giornale, quotidiano e periodico che
La Nazione, Il Resto del Carlino, Il Giorno e Il Sole
compaiono nella pubblicità: giornale, derivando
24 Ore – mettono a disposizione degli studenti
da giorno, è in origine un sinonimo di quotidiano,
un’intera area del loro sito web, una “stanza
ma indica anche, per estensione, ogni pubblica-
virtuale” in cui i ragazzi possono dialogare con
zione periodica di varia attualità o specializzata
i giornalisti: ogni settimana un giornalista lan-
in una data materia; fra i tre è dunque il termine
cia un tema di attualità invitando gli studenti
più generico e onnicomprensivo. Per quotidiano
a commentarlo e discuterlo. Nell’anno accade-
s’intende una pubblicazione di carattere infor-
mico 2007 – 2008 è stata avviata in 74 univer-
mativo che esce ogni giorno, mentre un periodico
sità la sperimentazione del progetto Il giornale
è una pubblicazione di carattere informativo che
in Ateneo.
esce a intervalli regolari (ogni settimana, ogni
mese, ogni due mesi, ecc.).
c. Fate leggere il compito e accertatevi che sia
chiaro. Procedete poi come indicato nell’Introdu- 3 Che o di?
zione a p. 16 (La grammatica – Procedimento). In (scoprire la grammatica)
fase di verifica, fate notare la presenza di miglior
nella pubblicità di p. 86 e dite che questo agget- Procedimento: a.  e c. seguite le indicazioni del
tivo può anche precedere il nome e che spesso manuale e procedete come indicato nell’Intro-
perde la -e finale se il nome seguente inizia con duzione a p. 16 (La grammatica – Procedimento).
una consonante (per questioni di eufonia). Infine Conclusa la verifica, richiamate l’attenzione sullo
richiamate alle mente degli studenti l’analoga specchietto Grammatica, che riporta un’eccezio-
forma maggiore, comparsa nella lezione 5 (attivi- ne rispetto alla regola appena formulata. Infine
tà 10). Un quadro riassuntivo di queste forme si invitate gli studenti a trovare la frase compara-
trova a p. 191 (aggettivi) e p. 192 (avverbi). tiva presente nel testo pubblicitario di p. 86 (…

 92
e saperle è meglio che non saperle) e chiedete 6 La stampa in Italia
loro quali sono gli elementi paragonati in questa (parlare)
frase (due verbi: saperle e non saperle).
Obiettivo: a. farsi un’idea della stampa italia-
Soluzioni: na; b. esercitarsi a parlare della stampa facen-
a. di, che, che, di do confronti.
b. Il web è sicuramente molto più utilizzato di
un quotidiano.; Internet, purtroppo, è più pratico Procedimento: a. fate svolgere l’attività in cop-
che attendibile; Io preferisco far riferimento a pia, poi verificate in plenum.
un giornale che consultare vari siti Internet.; … io
b. Procedete come indicato nell’Introduzione a
uso Internet molto più di loro.
p. 14 (Produzione orale). Potete concludere l’atti-
c. Si usa di per paragonare fra loro sostantivi e
vità raccogliendo in plenum idee e impressioni.
pronomi. Si usa che in tutti gli altri casi.
Soluzione:
a. Quotidiani: La stampa, Corriere della sera, la
4 Paragoni Repubblica, Tuttosport, Corriere dello Sport, La
Gazzetta dello sport, Il Sole 24 ore. Settimanali:
Obiettivo: primo riutilizzo delle strutture intro- Grazia, Sorrisi e canzoni TV, L’espresso, Famiglia
dotte. cristiana. Sono dedicati a un solo tema: la Gaz-
zetta, Tuttosport, Corriere dello Sport (quotidiani

8
Procedimento: seguite le indicazioni del manua- sportivi) e Il Sole 24 ore (specializzato in econo-
le, stabilendo i tempi di lavoro per ciascuna fase. mia)
Specificate che non è necessario limitarsi a web
e giornali, ma ci si può riferire anche a radio e TV.
Se volete potete concludere l’attività facendovi Scheda informativa
riferire in plenum alcuni dei paragoni formulati. Quotidiani
Corriere della Sera: fondato nel 1876, è il quo-
tidiano più diffuso in Italia. Nel 1975 fu acqui-
5 Che ne pensate? stato dalla casa editrice Rizzoli, ora appartiene
alla società Rizzoli-Corriere della Sera (Rcs
(lavorare con il lessico, parlare)
MediaGroup) ed è pubblicato dal comparto
RCS Quotidiani. Il cuore del giornale è a Mi-
Obiettivo: a. fissare espressioni utili per espri-
lano, nella storica sede di via Solferino. Per il
mere un’opinione; b. esercitarsi a esprimere la
Corriere hanno scritto e scrivono molte gran-
propria opinione.
di firme del giornalismo italiano, come Enzo
Biagi, Indro Montanelli, Walter Tobagi, Piero
Procedimento: a. fate svolgere il compito in tre
Ottone, Beppe Severgnini. Fra gli editorialisti
fasi (esecuzione individuale, confronto in coppia,
si contano intellettuali e scrittori quali Pier
verifica in plenum). In tutte le fasi sarà opportu-
Paolo Pasolini, Italo Calvino, Leonardo Sciascia,
no fare riferimento ai testi del punto 2.
Claudio Magris, Sergio Romano. Sono abbinati
b. Seguite le indicazioni del manuale e proce- al quotidiano diversi supplementi settimanali,
dete poi come indicato nell’Introduzione a p. 14 fra i quali Sette (giovedì) e Io donna (sabato).
(Produzione orale). Per assegnare i ruoli potete L’edizione on line offre, tra l’altro, un archivio
preparare dei cartoncini con le consegne. storico con articoli a partire dal 1992.

93
la Repubblica è il secondo quotidiano italiano trasmette dagli studi di Milano e Roma in tutta
per diffusione. Fondata da Eugenio Scalfari nel Italia e ha un palinsesto di tipo generalista.
1976, ha sede a Roma ed è pubblicata dal Grup-
po Editoriale L’Espresso. Accoglie molte gran- La Gazzetta dello Sport: fondata a Milano nel
di firme come Giorgio Bocca, Miriam Mafai, 1896, è uno dei quotidiani più diffusi in Italia
Natalia Aspesi. Ha una parte nazionale e dieci ed è interamente dedicata allo sport. Appartie-
edizioni locali (Roma, Milano, Torino, Bolo- ne alla RcsMedia Group e si distingue per il co-
gna, Genova, Firenze, Napoli, Palermo, Bari e lor rosa della carta adottato a partire dal 1899.
Parma). Sono abbinati al quotidiano diversi Questo colore caratterizza anche la maglia del
supplementi settimanali e mensili, fra i quali primo classificato del Giro d’Italia, gara ciclisti-
il Venerdì (stili di vita e programmi TV), Affari ca annuale che la Gazzetta organizza sin dalla
& Finanza (Economia), D – La Repubblica delle sua istituzione nel 1909.
Donne (femminile e moda).
Il Corriere dello Sport – Stadio è uno dei tre
La Stampa è un quotidiano torinese a diffusio- principali quotidiani sportivi pubblicati in Italia.
ne nazionale. Fondata nel 1867 con il nome di L’attuale testata nasce dalla fusione del Corrie-
Gazzetta Piemontese, assunse l’attuale nome re dello sport, fondato nel 1924 a Bologna e poi
nel 1894. Nel 1926 fu acquistata dalla famiglia trasferito a Roma, con il bolognese Stadio e
Agnelli (Fiat) e perciò per molto tempo – distingue le edizioni del giornale tramite il
soprattutto negli anni Sessanta e Settanta, se- colore del titolo: al nord verde, nel centro-sud
gnati dal movimento operaio e studentesco – è rosso; la stessa “divisione cromatica” caratte-
stata considerata “la voce del padrone”. Oggi è rizza i due siti web. Oggi il quotidiano ha sede a
pubblicata dall’Editrice La Stampa, controllata Roma ed è pubblicato da SportNetwork.
dal gruppo Fiat. Tra le grandi firme ricordiamo
Norberto Bobbio, Alessandro Galante Garrone, Tuttosport è un quotidiano sportivo a diffusio-
Arrigo Levi, Alberto Ronchey. Nel 1975 nasce il ne nazionale con sede a Torino. Fu fondato nel
supplemento Tuttolibri. Dal 2010 il quotidiano 1945 ed è oggi pubblicato dalla Nuova Edito-
mette a disposizione sul sito web tutto l’archi- riale Sportiva. Dedica la maggior parte dello
vio storico della testata, a partire dall’anno di spazio al calcio e in particolare alle due squa-
fondazione. dre torinesi: la Juventus e il Torino.

Il Sole 24 ORE è il quarto quotidiano d’informa- Periodici


zione più venduto nel paese. La testata si oc- L’Espresso: settimanale fondato nel 1955, ha
cupa prevalentemente di economia e finanza, la redazione centrale a Roma e appartiene –
ma dal 1983 ha anche un inserto settimanale come la Repubblica – al Gruppo Editoriale
dedicato alla cultura che esce la domenica – L’Espresso, società quotata in borsa. Si occupa
quando i mercati finanziari sono chiusi – ed è di attualità, politica, cultura ed economia.
ormai uno degli inserti culturali più prestigiosi
della stampa italiana. Il Sole 24 ORE fu fondato Famiglia cristiana: settimanale fondato ad
nel 1865 e l’attuale testata nacque successiva- Alba nel 1931 da don Giacomo Alberione. Oggi
mente dalla fusione con il quotidiano 24 Ore. è pubblicato dalle Edizioni San Paolo, ha sede
Il giornale ha sede a Milano ed è edito dalla ad Alba e a Milano ed è uno dei periodici più
Confindustria (dal 1910 organo rappresentati- diffusi in Italia. Si propone di essere un mez-
vo degli imprenditori italiani), proprietaria del zo d’informazione nazionale che diffonde e
Gruppo 24 Ore. Dal 1999 il Gruppo 24 Ore gesti- sostiene l’impegno per la famiglia. Dà molto
sce anche l’emittente radiofonica Radio 24, che risalto a temi di attualità nonché all’­attività

 94
di associazioni e movimenti cattolici. Ciò Trascrizione:
nonostante, prende non di rado posizioni che (Traccia 23)
la Chiesa e il mondo cattolico giudicano poco È venerdì 11 giugno, buona giornata e ben ritro-
“ortodosse”. vati da Cristian Molinari. Ecco i nostri titoli.
In apertura, i Mondiali di calcio: è ormai tutto
TV Sorrisi e canzoni: settimanale dedicato pronto per la competizione. Ieri sera il grande
principalmente a musica, cinema e spettaco- concerto d’inaugurazione, oggi le prime due par-
lo. Contiene i programmi TV della settimana. tite. Gli azzurri intanto si allenano in vista della
Fondato nel 1952, negli anni Ottanta viene partita di lunedì.
acquistato dalla SBE (Silvio Berlusconi Editore), E passiamo all’economia: esportazioni in crescita
che confluisce poi nel gruppo Arnoldo Monda- e borse in rialzo. Il governatore di Bankitalia ha
dori Editore (azionista di maggioranza: Silvio detto che negli ultimi giorni i mercati finanziari
Berlusconi, presidente: Marina Berlusconi). si stanno calmando.
Torino. Presentato oggi, alla presenza del Capo
Grazia: settimanale femminile fondato nel dello Stato, il programma delle iniziative che si
1936, appartiene al gruppo Mondadori. Ha edi- svolgeranno il prossimo anno in Piemonte per
zioni anche in altri paesi, fra cui la Germania. celebrare il 150° anniversario dell’Unità d’Italia.
Comincia domani, invece, la 5a edizione della Set-
timana dell’alfabetizzazione digitale. L’iniziativa
“Nonni su Internet” sarà inaugurata a Roma.
7 Giornale radio Sempre domani si apre la stagione lirica all’Arena

8
(ascoltare, parlare) di Verona. Tutto esaurito per la prima dell’Aida.
Infine il tempo. Oggi tanto sole sull’Italia e caldo,
Obiettivo: a.  e b. sviluppare la comprensione ma nubi sul Piemonte e Alpi con rovesci
orale; c. parlare delle proprie abitudini nell’uso sull’ovest delle Alpi e poi sul Piemonte. Sole e
dei media (radio e TV). caldo altrove. Temperature massime fra i 32°C e
i 34°C.
Procedimento: a. fate leggere il compito e
precisate che non sempre è possibile inserire una
notizia in un’unica categoria ben determinata. 8 Nonni digitali
Procedete poi come indicato nell’Introduzione a
(ascoltare, scoprire la grammatica)
p. 9 (Fase 1 – Comprensione globale).
b. Procedete come indicato nell’Introduzione a Obiettivo: a. sviluppare la comprensione orale;
p. 10 (Fase 2 – Comprensione più dettagliata). b.  e d. riconoscere, analizzare e sistematizzare
le forme del futuro semplice.
c. Formate delle coppie, fate leggere il compito
e accertatevi che sia chiaro. Procedete poi come
Procedimento: a. ponete a voce la domanda
indicato nell’Introduzione a p. 14 (Produzione
contenuta nella consegna e fate ascoltare il bra-
orale).
no 24 a libro chiuso procedendo come indicato
nell’Introduzione a p. 9 (Fase 1 – Comprensione
Soluzioni:
globale).
a. cronaca, cultura, economia, sport, previsioni
del tempo b. Fate svolgere l’attività individualmente, poi
b. vero, falso, falso, vero fate confrontare in coppia. Per la verifica si ascol-
terà di nuovo il brano 24, dopodiché gli studenti
vi detteranno la soluzione che voi eventualmen-
te trascriverete su lucido.

95
c. Invitate gli studenti a ritrovare nelle frasi le gli studenti a realizzare un collage appendendo
forme necessarie a completare lo schema (do- le loro frasi alla parete.
vranno dunque concentrarsi sulle desinenze).
d. Formate delle coppie e dite agli studenti di
discutere sulla base delle domande contenute 10 GR di classe
nella consegna osservando con attenzione lo (scrivere e parlare)
schema dei verbi. Lasciate loro un po’ di tem-
po per lavorare, poi sollecitateli a suggerirvi le Obiettivo: redigere un testo di fantasia collabo-
regole guidandoli a una soluzione completa e rando con altri studenti; ideare una presentazio-
condivisa. ne di gruppo; curare la presentazione orale di un
testo.
Soluzioni:
a. Si tratta di un’iniziativa volta ad avvicinare Procedimento: tenete conto di quanto si dice
gli anziani all’uso delle tecnologie digitali (PC, nell’Introduzione a p. 15 (Compiti di gruppo) e cu-
Internet). rate in particolar modo la regia e la scenografia
b. Prenderà, si apriranno, Faremo, potranno, delle singole fasi.
partirà, raggiungerà, racconteranno, coinvolgerà
a. Ogni gruppo lavorerà come la redazione
c. -ò, -ai, -à, -emo, -ete, -anno; potere Y potrò,
di un’emittente radiofonica e dovrà redigere le
fare Y farò
notizie per un’edizione del giornale radio, sce-
d. Il futuro semplice dei verbi regolari si forma
gliendo una delle due varianti proposte. Pre-
partendo dall’infinito: si sostituisce la -e finale
parate dunque, se possibile, un tavolo per ogni
con le specifiche desinenze, che sono uguali per
“redazione”. Accertatevi che il compito sia chiaro
tutte e tre le coniugazioni; Particolarità: nei verbi
e informate le “redazioni” che sarebbe opportu-
in -are, la -a diventa -e.
no scegliere uno o due speaker ed esercitare la
I verbi irregolari si possono dividere in gruppi,
lettura delle notizie. Proponete anche di ideare
come nella tabella del manuale: verbi che per-
un nome per il notiziario (semplicemente GR 1,
dono la -e/-a dell’infinito (andrò, avrò, dovrò,
GR 2, ecc. o qualcosa di più originale). Stabilite
potrò), verbi in -are che conservano la -a dell’in-
il tempo a disposizione in base alla velocità di
finito (darò, farò, starò), verbi che perdono la -e e
lavoro della vostra classe.
raddoppiano la -r- dell’infinito (verrò, vorrò). Nel
verbo essere cambia completamente la radice. b. Preparate un tavolo che fungerà da “scriva-
nia-consolle” per gli speaker. Portate un micro-
fono oppure un oggetto adatto a simularlo e
9 Frasi interrotte un motivetto musicale da usare come sigla di
apertura e chiusura dei singoli GR. A turno, gli
(gioco)
speaker si siederanno alla “scrivania-consolle” e
leggeranno le loro notizie: stabilite all’inizio l’or-
Obiettivo: fissare le forme del futuro.
dine di “apparizione”, poi assumete il ruolo muto
di tecnico del suono. Solo alla fine riprendete in
Procedimento: fate leggere la consegna e accer-
mano la regia per organizzare la votazione. Se i
tatevi che le regole del gioco siano chiare. Stabili-
vostri studenti non amano parlare in pubblico,
te quindi la durata massima del gioco e tenetevi
potete anche limitarvi a far leggere le notizie re-
a disposizione per eventuali richieste d’aiuto.
datte (magari una a testa) concludendo comun-
Concludete l’attività riportando il discorso in ple-
que con la scelta del GR più originale.
num e facendovi dire quali siano state le frasi più
divertenti o sorprendenti. Se volete e se la con-
formazione dell’aula lo consente, potete invitare

 96
Attività supplementare: potreste registare i GR d. Formate delle coppie, possibilmente diverse
su nastro, riascoltarli a casa e trarne ispirazione da quelle del punto precedente, e invitate gli
per esercizi di intonazione e pronuncia realizzati studenti a discutere sulla base della traccia con-
su misura per la vostra classe. tenuta nella consegna. Potete concludere la fase
di comprensione riportando il discorso in plenum
e chiedendo che cosa pensa J. Wales dei giornali
11 Un’intervista sui media cartacei.
Il testo contiene alcune parole nuove: se lo rite-
(leggere e parlare)
nete opportuno, potete dunque dire agli studenti
di leggerlo ancora una volta e di scegliere due
Obiettivo: sviluppare la comprensione della lin-
parole che li incuriosiscono particolarmente e
gua scritta (testo giornalistico: intervista).
che proprio non riescono a decodificare (una
potrebbe essere utenti oppure donazioni). A
Grammatica e lessico: stare + gerundio, lessico
turno, ognuno domanderà poi (rigorosamente
dei media (tecnologia).
in italiano) che cosa significano le parole scelte:
prima di rispondere voi stessi, chiedete se per
Procedimento: in quest’attività giocheranno un
caso qualcuno in classe lo sa. Tenete comunque
ruolo chiave le aspettative e la capacità di dedu-
presente che il presente progressivo e l’uso del
zione degli studenti nonché la loro esperienza di
futuro semplice vengono trattati ed esercitati
vita: esortateli esplicitamente a servirsene come
ai punti 12 – 13 per cui non è il caso di anticipare
strumenti di comprensione.
spiegazioni in merito.

8
a. Ponete a voce le domande contenute nella
consegna. Senza attendere risposta, invitate gli Soluzione:
studenti a leggere l’introduzione all’intervista c. 1  b; 2 d; 3 a; 4 c
(p. 91) e a parlarne con un compagno sforzandosi
di non rispondere a monosillabi alle domande
contenute nella consegna, ma di descrivere la 12 State cercando una soluzione?
propria esperienza (p. es. se usano Wikipedia,
(scoprire la grammatica)
­dovrebbero dire con quale frequenza, a che
scopo, ecc.; se non la usano, dovrebbero spiega-
Obiettivo: a.  e b. tematizzare la forma pro-
re perché). Il testo servirà soprattutto ai meno
gressiva; c. fissare la struttura appena intro-
esperti di Internet per farsi un’idea.
dotta.
b. Riproducete la consegna e le domande su
lucido, oppure scrivetele alla lavagna. A libro Procedimento: a.  e b. procedete come indica-
chiuso, fate leggere le domande e accertatevi che to nell’Introduzione a p. 16 (La grammatica –
siano chiare. Poi invitate le coppie a fare delle Procedimento). Ricavata la regola per la forma-
ipotesi sulle risposte dell’intervistato. zione del gerundio, richiamate l’attenzione sulle
forme irregolari contenute nello specchietto
c. Fate aprire il libro, invitate poi gli studenti
Grammatica: nei verbi fare, dire e bere il gerundio
a leggere e completare l’intervista abbinando
presenta lo stesso tipo di irregolarità che si è già
ogni domanda a una risposta. Ricordate loro che
visto nell’imperfetto.
per far questo non sarà necessario capire tutte
le parole. Fate poi confrontare in coppia e infine c. Formate delle coppie, fate leggere il compi-
verificate rapidamente in plenum, limitandovi a to, accertatevi che sia chiaro. Prima di dare il via
controllare la correttezza degli abbinamenti. all’attività, annunciate il tempo a disposizione.

97
Soluzioni:
a. affrontiamo adesso Culture a confronto
b. affrontando, prendendo, seguendo
Obiettivo: imparare a orientarsi nei palinsesti TV
italiani e confrontare i programmi televisivi di
13 Che cosa succederà? diversi paesi.
(scoprire la grammatica)
Procedimento: a. fate leggere il compito e
accertatevi che sia chiaro. Fatelo quindi svolgere
Obiettivo: riflettere sugli usi del futuro.
dapprima individualmente e poi in coppia. Alla
fine potete chiedere agli studenti quali trasmis-
Procedimento: svolgere l’attività in tre fasi (ese-
sioni hanno scelto per la situazione numero 4 e
cuzione individuale, confronto in coppia, veri-
perché.
fica in plenum) tenendo conto di ciò che si dice
nell’Introduzione a p. 16 (La grammatica – Proce- b. Formate dei gruppi e invitate gli studenti a
dimento). Una volta stabilito quali funzioni del discutere sulla base della traccia proposta.
futuro si trovano nei testi letti e ascoltati finora, Concludete raccogliendo in plenum le idee emerse.
precisate che le altre funzioni elencate, anch’esse
tipiche del futuro, verranno trattate più avanti. Soluzioni possibili:
a. 1 Tg1 delle 13:30, TG3 delle 12, TG5 delle 13;
Soluzione: 2 La TV dei ragazzi (Rai 3 ore 15) 3 Meteo 5 (Canale
fare annunci/dare notizie (7, 8), fare previsio- 5, ore 20); 4 Scelta soggettiva
ni (11) b. In Italia la “prima serata” comincia alle
21:10/21:20.

14 Secondo me, in futuro...


(scrivere e parlare)
Scheda informativa
Obiettivo: riutilizzare la grammatica e il lessico
Reti televisive
della lezione.
RAI (Radiotelevisione Italiana): è l’ente ra-
diofonico e televisivo pubblico, una S.p.A. il
Procedimento: per tutte le fasi seguite le indi-
cui azionista di maggioranza è il Ministero
cazioni del manuale tenendo conto di quan-
dell’Economia e delle Finanze. Per usufruire
to si dice nell’Introduzione a p. 15 (Compiti di
dei programmi Rai l’utente deve pagare un
­gruppo).
abbonamento annuale (il canone televisivo).
L’azienda nasce nel 1924 come Unione Radio-
fonica Italiana (URI), nel 1928 diventa EIAR
(Ente Italiano per le Audizioni Radiofoniche) e
nel 1944 infine RAI (Radio Audizioni Italiane).
Le trasmissioni televisive regolari iniziano
il 3 gennaio 1954 con un unico canale. Rai 2
viene inaugurata nel 1961. Nel 1977 iniziano le
trasmissioni a colori e due anni dopo entra in
funzione Rai 3, progettata per la diffusione di
programmi su base regionale. Con il passag-
gio generalizzato al sistema di trasmissione
digitale terrestre (dall’autunno 2010) si sono
 98
moltiplicati i canali accessibili agli abbonati
Rai: Rai 4 (soprattutto film e serie TV), Rai 5 (so- Portfolio
prattutto cultura, reportage, documentari), Rai
News (informazione), Rai Sport 1 (solo sport), Autovalutazione (Cosa sai fare?) – Obiettivo: fare
Rai Sport 2 (sport minori), Rai Storia (canale un bilancio dell’ottava lezione.
tematico della struttura Rai Educational), Rai
Gulp (trasmissioni per bambini e ragazzi), Procedimento: procedete come indicato a p. 25
Rai Movie (dedicato al cinema), Rai Premium dell’Introduzione (Portfolio).
(dedicato alle fiction televisive Rai), Rai Yo Yo
(per i bambini in età prescolare). Alcuni canali Strategie (Come impari?) – Obiettivo: riflettere
sono disponibili solo tramite satellite, p. es. sui media come strumenti di apprendimento.
Rai Scuola (dedicato all’apprendimento delle
lingue e delle scienze). La Rai gestisce inoltre le Procedimento: a. introducete l’argomento a
tre emittenti radiofoniche pubbliche Radio 1, voce, poi fate svolgere il compito in coppia. Rac-
Radio 2, Radio 3. A molti programmi radio e TV cogliete infine le idee emerse e fornite ulteriori
si può accedere attraverso il sito web della Rai. informazioni.
b. Formate ora dei gruppi e invitate gli studenti
Mediaset: azienda privata (oggi Gruppo Media-
a formulare ulteriori proposte e suggerimenti
set) che opera nel campo dei media, fondata nel
per imparare la lingua italiana con l’ausilio dei
1978 da Silvio Berlusconi con il nome di Telemi-
media.
lano. Appartiene al gruppo Fininvest (Presiden-

8
te: Fedele Confalonieri, vicepresidente: Piersilvio
Berlusconi). Nel 1980 Telemilano diventa rete a
diffusione nazionale e viene ribattezzata Canale
5. Fininvest acquisisce poi i network Italia 1 Scheda informativa
(1982) e Rete 4 (1984). I tre canali Mediaset a
La lingua in rete
diffusione nazionale sono finanziati fondamen-
Accademia della Crusca: istituzione destinata
talmente con la pubblicità, gestita in esclusiva
allo studio e alla codificazione della lingua
dalla concessionaria Publitalia, che appartiene
italiana sorta tra il 1582 e il 1583 per iniziativa di
alla stessa holding. Sul digitale terrestre Media-
alcuni letterati fiorentini, tra i quali L. Salviati.
set è presente, tra l’altro, con i canali Iris (che
Il nome deriva dal termine cruscate (cioè cian-
trasmette soprattutto film, telefilm, documen-
ce, discorsi di scarsa importanza) usato dagli
tari) e La 5, nato nel 2010 e dedicato principal-
stessi fondatori per definire le riunioni dei pri-
mente a un pubblico femminile. Mediaset opera
mi tempi, animate da un certo spirito giocoso.
anche nel settore del cinema, tramite la società
Quando il gruppo di letterati si costituì in vera
di produzione e distribuzione cinematografica
e propria accademia, il nome venne interpre-
Medusa, e della pay-tv.
tato alla luce della volontà di separare il “fior
di farina” – cioè la buona lingua, identificata
La 7: canale televisivo privato che rappresenta
con il fiorentino del Trecento – dalla crusca (la
il cosiddetto “terzo polo” televisivo italiano.
lingua meno corretta). Il verso del Petrarca il
Nasce nel 2001 come “erede” di Telemontecar-
più bel fior ne coglie è tuttora il motto
lo, a sua volta fondata nel 1974 come derivazio-
dell’istituzione e il suo simbolo è il “frullone”,
ne italiana della rete monegasca Télé Monte
uno strumento che un tempo si usava per se-
Carlo. Attualmente appartiene a Telecom
parare il fior di farina dalla crusca. Nel 1612 uscì
Italia Media, società operante nel campo dei
la prima edizione del prestigioso Vocabolario
media di proprietà della compagnia telefonica
della Crusca. Dal 1923, liberata dall’impegno
Telecom Italia. Telecom Italia Media è anche
strettamente lessicografico, l’Accademia ha
azionista di maggioranza di MTV Italia.
99
ampliato la sua gamma di attività; oggi colla-
bora con il CNR (Consiglio Nazionale delle Ri-
cerche) ed è il più importante centro di ricerca
scientifica dedicato allo studio e alla promo-
zione dell’italiano: si propone soprattutto di
diffondere nella società italiana, in particolare
nella scuola, e all’estero la conoscenza storica
della lingua e la coscienza critica della sua evo-
luzione nel contesto internazionale. Il sito web
(www. accademiadellacrusca.it) è un portale
dedicato alla lingua italiana: nella sezione La
lingua in rete gli utenti possono anche porre
domande e ottenere consulenza linguistica.

www.repubblica.it: il sito web del quotidiano


la Repubblica contiene – nella sezione
Scuola & giovani – un forum dedicato alla lin-
gua italiana con servizio di consulenza lingui-
stica coordinato da specialisti.

www.rai.it: il portale della Rai consente di


accedere a numerosi programmi televisivi e
radiofonici di Rai 1, Rai 2 e Rai 3. Alcuni nuovi
canali (Web Radio) sono inoltre disponibili solo
in rete.

www.treccani.it: si segnala inoltre, benché


non raffigurato a p. 96, il portale dell’Istituto
dell’Enciclopedia Italiana (fondato nel 1925 da
Giovanni Treccani) che ha una sezione dedica-
ta alla lingua e consente, tra l’altro, di consul-
tare on line sia il vocabolario che le enciclope-
die.

 100
La vacanza è di casa
Temi: scegliere e affittare una casa per le vacanze, tipologie di vacanza

Obiettivi comunicativi: capire un annuncio immobiliare; chiedere informazioni su un’a-


bitazione; formulare esigenze; esprimere stupore e dispiacere; parlare di diverse opzio-
ni di alloggio in vacanza; fare i complimenti

Grammatica e lessico: i pronomi diretti con il passato prossimo; quello e bello + sostan-
tivo; campo semantico “casa’”; che + aggettivo/sostantivo

1 Per iniziare Procedimento: a.  e b. seguite le indicazioni del

9
manuale e procedete poi come illustrato nell’In-
Obiettivo: introdurre il tema della lezione facen- troduzione a p. 12 (Input scritti – Procedimento).
do leva sull’esperienza.
Soluzioni possibili:
Procedimento: invitate la classe a usare la foto di a. Tutti gli annunci offrono alloggi in località
p. 97 (in cui si vede Capo Palinuro) come “mezzo di mare; tutte le località si trovano sulla costa
di trasporto” per andare mentalmente in vacan- tirrenica: Massa Lubrense in Campania, Cersuta
za. Formate poi dei gruppi e dite agli studenti di di Maratea in Basilicata.
scambiarsi informazioni ed esperienze seguendo b. Mauro e Lucia: Villetta Annamaria; Guido
la traccia proposta dalla consegna. Accertatevi e Cristina: nessun alloggio è veramente adatto;
dunque che i vocaboli siano chiari (ostello e vil- Monika, Marion, Alexa e Claudia: appartamen-
laggio turistico compaiono qui per la prima volta) to di 4 locali a Massa Lubrense; Marco e Lucia:
e procedete poi come indicato nell’Introduzione a Villetta Annamaria.
p. 14 (Produzione orale).

Scheda informativa
2 Case per le vacanze
(leggere, parlare) Capo Palinuro è una località della Campania
le cui rocce cadono a picco nel Mar Tirreno. È
Obiettivi: a.  e b. sviluppare l’abilità di lettura immerso nel Parco Nazionale del Cilento. Sulla
per consultazione (scanning), introdurre il campo costa si alternano spiagge, calette e costa
semantico “casa”. alta, mentre sotto il livello del mare si trovano
32 grotte. Tra le rocce, sopra le quali svetta il
Grammatica e lessico: lessico di base relativo alla faro di Capo Palinuro, nidificano numerose
casa (ambienti). varietà di uccelli e crescono piante e fiori tipici

101
del clima mediterraneo. Palinuro e il Parco del c. Seguite le indicazioni del manuale e pro-
Cilento sono Patrimonio mondiale dell’umani- cedete come illustrato nell’Introduzione a p. 15
tà Unesco. (Compiti di gruppo). Prima di dare il via all’atti-
vità, ricordate che sarà possibile chiedere a voi
Il Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di qualsiasi termine utile ma ancora sconosciuto.
Diano, fondato nel 1991, comprende un territo-
rio molto esteso della Campania meridionale, Soluzioni:
delimitato a nord dalla piana di Paestum, a est a. terrazza camera matrimoniale
dal Vallo di Diano, a ovest e a sud dal Mar Tirre-
no. L’area del Parco è variegata: comprende sia
camera
ambienti montani, con cime che vanno dai 1898 da letto
m del monte Cervati ai 1130 del monte Stella,
sia ambienti collinari, sia ambienti marini di soggiorno
bagno
grande varietà, tra cui spicca il capo Palinuro.

Massa Lubrense è una cittadina di quasi 14.000


abitanti situata in Campania, in provincia di
cucina
Napoli. Si trova sulla propaggine estrema della
penisola sorrentina, la quale è bagnata dalle b. Da sinistra a destra, in alto: congelatore,
acque dei Golfi di Napoli e di Salerno: Punta ­ iano cottura 4 fuochi, forno, lavastoviglie,
p
della Campanella, che le separa, è proprio di ­riscaldamento/termosifone, climatizzatore,
fronte l’isola di Capri, distante 5 km. frigorifero; in basso: lavatrice, biancheria da ba-
gno/asciugamani, elettricità, pulizia finale, luce,
Maratea, sul Golfo di Policastro, è un comune biancheria da letto/lenzuola
di circa 5.200 abitanti in provincia di Potenza.
È l’unico comune della Basilicata ad affacciar-
si sul Mar Tirreno e una delle principali mete 4 Vorrei delle informazioni.
turistiche della regione. L’abitato di Maratea
(scrivere)
è sovrastato da Monte San Biagio, sulla cui
vetta si erge la Statua del Redentore. Cersuta
Obiettivo: esercitarsi a chiedere informazioni per
è il primo borgo che si trova a mezza costa in
iscritto.
direzione Nord, verso la Campania.
Procedimento: fate leggere il compito e accerta-
tevi che sia chiaro. Procedete poi come illustrato
nell’Introduzione a p. 14 (Produzione scritta).
3 Appartamento accessoriato
(lavorare con il lessico, parlare)
5 Aldo e Teresa
Obiettivo: ampliare il lessico di base relativo alla
(ascoltare)
casa (accessori cucina/bagno, servizi).
Obiettivo: sviluppare la comprensione orale.
Procedimento: a.  e b. seguite le indicazioni
del manuale e fate svolgere entrambe le attivi-
Procedimento: a. fate leggere il compito e
tà in due fasi: esecuzione in coppia e verifica in
accertatevi che sia chiaro. Procedete poi come
plenum.
indicato nell’Introduzione a p. 9 (Fase 1 – Com-
prensione globale).

 102
b. Procedete come indicato nell’Introduzione z Senta, scusi se la interrompo, ma io prima ho
a p. 10 (Fase 2 – Comprensione più dettagliata). visto degli annunci. Li ho letti nella bacheca lì
in vetrina.
Soluzioni: t Sì.
a. Perché il prossimo anno vorrebbero tornare z Eh… C’erano appunto degli appartamenti o
nello stesso posto, ma cambiare tipo di alloggio: delle case in cui si può portare un cane, se ben
non più un albergo, come adesso, ma un appar- ricordo…
tamento o una casa. t Sì, sì, dunque, per due persone abbiamo per
b. L’alloggio deve offrire spazio sufficiente per esempio un monolocale di 50 metri quadrati
due persone, avere del verde intorno e consenti- in una casa antica a 500 metri dal centro di
re di portare un cane di piccola taglia; vogliono Massa… Ecco, questa…
vedere il monolocale di Massa Lubrense (secon- v Ah, bella! Rustica, con terrazza panoramica…
do annuncio); vanno a vederlo oggi pomeriggio Senta, si può vedere quest’appartamento?
verso le 17:00. t E certo! Guardi, possiamo vederlo anche oggi
perché i nuovi ospiti arrivano dopodomani.
Trascrizione: Per esempio, oggi pomeriggio? Verso le
(Traccia 25) cinque? Così vi mostro tutto per bene?
t Buongiorno. v Sì, perché no. Tu che ne dici?
z v Buongiorno. z Sì, per me va bene.
z Senta, noi siamo qui in vacanza. Ci troviamo t Allora… ecco, guardi, questa è la descrizione
così bene che vorremmo tornare il prossimo dell’alloggio, così intanto vi fate un’idea. Poi

9
anno. ci vediamo qui alle cinque e andiamo insieme
t Oh, mi fa piacere. alla casa.
z Sì, ecco noi vorremmo cambiare un po’ siste- v Va bene, grazie, arrivederci.
mazione: attualmente abbiamo una camera z Arrivederci.
in albergo, però non siamo molto contenti. t Arrivederci.
Preferiremmo un appartamento o magari
anche una casa.
t Ho capito. Comunque si parla del prossimo 6 Le nostre esigenze
anno, vero? Per quest’anno tenete la camera
(parlare)
in albergo…
v Eh sì, l’abbiamo prenotata, siamo lì… e ormai
Obiettivo: esercitarsi a parlare delle proprie esi-
ci restiamo…
genze (qui: in vacanza).
(Traccia 26)
t Ho capito, va bene. Allora, per esempio Procedimento: formate delle coppie e procedete
­appartamenti, eh? Per due persone... come indicato nell’Introduzione a p. 14 (Produzio-
z Sì. Ecco, ci piacerebbe con del verde intor- ne orale). Potete concludere l’attività raccoglien-
no, anche perché vorremmo portare il cane. do le idee in plenum.
Quest’anno non l’abbiamo portato perché in
albergo non si può, ma la prossima volta…
t Un cane. E, scusi, che tipo di cane?
v Mah, è un cane piccolino, più o meno come un
bassotto.
t Ah, bene, bene. È già molto meno complicato.
Certo. E...

103
7 Le case? Le ho viste in agenzia. 9 Buongiorno, io vorrei…
(scoprire la grammatica) (scrivere e parlare)

Obiettivo: tematizzare l’uso dei pronomi oggetto Obiettivo: riutilizzare il lessico e le strutture sin
con il passato prossimo. qui introdotti.

Procedimento: a.  e c. procedete come indica- Procedimento: per tutte le fasi tenete conto di
to nell’Introduzione a p. 16 (La grammatica – Pro- quanto si dice nell’Introduzione a p. 15 (Compiti
cedimento) facendo svolgere i punti a e c in due di gruppo).
fasi (esecuzione in coppia e verifica in plenum);
a. A libro chiuso, dividete la classe in due grup-
per il punto b è invece prevista soltanto la discus-
pi (A e B) e, se possibile, fateli sistemare in due
sione in coppia.
punti dell’aula ben separati, in modo che ogni
gruppo possa lavorare per conto proprio. Annun-
Soluzioni:
ciate poi che il gruppo A lavorerà con la pagina
a. Per quest’anno teniamo la camera in alber-
101 e il gruppo B con la pagina 123. Dite quindi
go perché l’abbiamo prenotata.; Prima ho visto
che ognuno legga la propria consegna e accerta-
degli annunci, li ho letti nella bacheca lì in vetri-
tevi che il compito sia chiaro. Infine formate delle
na.; Vorremmo portare il cane, quest’anno non
coppie all’interno di ciascun gruppo (o dei gruppi
l’abbiamo portato.
di tre) e invitate gli studenti a svolgere il compito
c. I pronomi lo e la diventano l’; i pronomi li e
entro il limite di tempo da voi stabilito.
le restano uguali; l’ultima lettera del participio
concorda (in genere e numero) con il pronome b. Formate ora delle nuove coppie – unendo,
diretto che precede il verbo. questa volta, uno studente del gruppo A e uno
studente del gruppo B (se gli studenti sono
dispari, ci sarà un terzetto con due A e un B) – e
8 Come l’hai fatto? fate leggere la consegna accertandovi che anche
il nuovo compito sia chiaro. Procedete poi come
indicato nell’Introduzione a p. 14 (Produzione
Obiettivo: fissare la struttura appena introdotta.
orale).
Procedimento: a. fate svolgere l’esercizio in
due fasi: esecuzione individuale e verifica in
plenum delle frasi già date (per l’ultima frase 10 Una casa al mare
raccogliete alcuni esempi). (ascoltare)
b. Formate delle coppie, fate leggere il compito
Obiettivi: sviluppare la comprensione orale e
e accertatevi che sia chiaro. Procedete poi come
ampliare il lessico relativo alla casa (mobili).
indicato nell’Introduzione a p. 14 (Produzione
orale).
Procedimento: a. fate leggere il compito,
accertatevi che sia chiaro e procedete poi come
indicato nell’Introduzione a p. 9 (Fase 1 – Com-
prensione globale).
b.  e c.  Procedete come indicato nell’Introdu-
zione a p. 10 (Fase 2 – Comprensione più detta-
gliata).

 104
Attività supplementare: in un momento succes- v Beh, non importa, tanto noi verremo in
sivo potrete ripetere il lessico relativo alla casa ­macchina.
creando un memory immagine/foto – parola. z E la TV?
t E no, mi dispiace, non c’è.
Soluzioni: z Peccato…
a. sì v E vabbe’… Senta, per il cane ci sono spese sup-
b. La casa è accogliente, spaziosa, tranquilla, plementari?
luminosa, soleggiata. Nella casa ci sono: tavolo, t No, no, è compreso nel prezzo.
sedie, libreria, armadio. z E l’affitto è quello dell’annuncio?
c. sì, sì, no, no, no t Mah, questo dipende dal periodo. Comunque
sì, più o meno.
Trascrizione: v Che bella casa! Ma di quando è?
(Traccia 29) t Eh, del 1600, signora, ristrutturata nel 2003.
t Eccoci qua. v Senti, a me piace. Tu che ne dici?
z Eh, però, che stretta questa strada! z Eh, sì, anche a me. Senta, se magari ci può
t Sì, in effetti la strada di accesso è stretta, è spiegare i particolari riguardo al prezzo, alla
vero, però la posizione della casa è molto prenotazione per il prossimo anno…
tranquilla. t Sì, come no. Allora torniamo in agenzia e vi
v Sì, tranquillissima, guarda! E anche soleggia- spiego tutto.
ta, nonostante tutti questi alberi. Che bello! z Va bene.
Mi piace proprio. E l’appartamento qual è? v Sì.

9
t È questo, guardi. Ecco, si entra di qui. (...) È un
monolocale, quindi qui abbiamo la stanza che
serve da camera da letto e da soggiorno… spa- 11 Che sole! Che mare!
ziosa, luminosa, con tavolo, armadio, libreria
(lavorare con il lessico)
con cassetti...
z Accogliente, sì.
Obiettivo: imparare ad esprimere meraviglia e
t E di qui si passa in cucina. E poi qui c’è il
rammarico.
bagno con doccia…
v Senta, la biancheria viene fornita? È compresa
Procedimento: a. fate svolgere il compito in
nel prezzo?
coppia. Per la verifica si ascolterà il brano 30 e
t Allora, lenzuola e asciugamani vengono
poi si discuteranno in plenum le soluzioni. In fase
forniti, ma non sono compresi nel prezzo. Si
di verifica ponete l’accento sull’intonazione che,
pagano extra, sul posto. Sono 5 euro a perso-
dal punto di vista comunicativo, “pesa” tanto
na.
quanto le parole.
v Ah, ho capito.
t Poi qui si esce sulla terrazza. b. Fate svolgere l’esercizio in coppia: uno
z Però, che panorama! studente sceglie una situazione e la legge a voce
v Ah, che meraviglia! Proprio bello… ma… ci alta, l’altro deve reagire in modo adeguato; poi
sono servizi nei dintorni? Per fare la spesa, si invertono i ruoli. Potete concludere con una
per esempio… rapida verifica in plenum.
t Sì, c’è un negozio di alimentari, poi un risto-
rante e anche la fermata dell’autobus a circa Soluzioni possibili:
500 metri. La stazione ferroviaria invece è più a. Le prime quattro espressioni esprimono stu-
lontana. pore, le ultime due esprimono dispiacere.

105
b. casa in Toscana: Che bello!, Che grande!, Scheda informativa
Che panorama!, Che vista!, Che meraviglia!; casa
Couchsurfing: sistema per trascorrere le va-
per le vacanze: Peccato!, Che peccato!; amico al
canze a basso costo ideato nel 2004 da un
mare: Mi dispiace, non posso venire.; apparta-
programmatore di computer americano che
mento prenotato tramite Internet: Che brutto!,
desiderava trascorrere un weekend in Islanda
Che piccolo!
spendendo poco e conoscendo persone nuove.
Inviò a numerosi studenti islandesi un’e-mail
in cui annunciava il proprio arrivo e chiedeva
12 Vacanze low cost ospitalità. Ricevette una cinquantina di rispo-
(parlare, leggere, lavorare con il lessico) ste: da quell’esperienza nacque un progetto
ormai diffuso in tutto il mondo.
Obiettivi: a. prepararsi alla lettura facendo
leva sulla fantasia; b. sviluppare la compren-
sione della lingua scritta (testo giornalistico:
articolo di cronaca); c. riflettere su alcune 13 Quel divano è comodo.
collocazioni; d. parlare di modalità di viaggio.
(scoprire la grammatica)
Grammatica e lessico: l’aggettivo quello.
Obiettivo: scoprire e fissare le forme dell’aggetti-
vo quello.
Procedimento: a. chiedete agli studenti che
cosa potrebbe pubblicizzare la foto di p. 103 e
Procedimento: a.  e c. procedete come indi-
invitateli a discuterne in coppia (eventualmente
cato nell’Introduzione a p. 16 (La grammatica –
riproducete la foto su lucido o fotocopia a colori).
Procedimento). I punti a e c verranno verificati in
b. Invitate ora gli studenti a verificare le loro plenum, mentre per il punto b è prevista soltanto
ipotesi leggendo l’articolo a pagina 104. Stabilite la discussione in coppia. Per visualizzare la regola
il tempo a disposizione per la lettura, scaduto formulata potete chiedere agli studenti di inseri-
il quale invitate gli studenti a confrontarsi con re nella tabella azzurra – fra parentesi e davanti
il compagno di prima. Concludete questa fase alle forme di quello appena inserite – l’articolo
chiedendo agli studenti se e in che misura le loro determinativo appropriato.
ipotesi fossero azzeccate e in che cosa invece no.
Soluzioni:
c. Svolgete l’attività in tre fasi (esecuzione
a. …e poi aspetta chi cerca il passaggio verso
individuale, confronto in coppia, verifica in ple-
quella destinazione; In quell’occasione migliaia di
num).
viaggiatori si sono organizzati con il nostro sito.
d. Formate dei gruppi e invitate gli studenti a b. La forma non è sempre uguale perché quello,
discutere sulla base della traccia contenuta nella in funzione di aggettivo, si comporta come l’arti-
consegna. Potete concludere l’attività in plenum colo determinativo.
con un rapido sondaggio volto a stabilire quanti
studenti siano attratti da modalità di viaggio
come couchsurfing.

Soluzioni:
b. Alla foto corrisponde il couchsurfing.
c. offrire un passaggio (anche: ospitalità, la
villetta al mare); scambiare la villetta al mare;
ricambiare l’ospitalità; mettere in comunicazione

 106
c.
Culture a confronto
quell’armadio quegli armadi
Obiettivo: riflettere sui diversi concetti di ospi-
quel tavolo quei tavoli talità e sulle regole di comportamento che ne
derivano.
quello scaffale quegli scaffali
Procedimento: fate svolgere l’attività dappri-
quella casa quelle case ma in coppia, poi raccogliete le idee in plenum.
­Aggiungete infine commenti e suggerimenti ad
quell’uscita quelle uscite
hoc tenendo conto del fatto che gli usi e i costu-
mi in fatto di ospitalità sono diversi nelle diverse
zone d’Italia.
14 Che bella casa!
Soluzione possibile:
a. In alcune culture, come quelle orientali e
Obiettivi: dedurre, per analogia, le forme di bello
dell’Europa del Nord, togliersi le scarpe prima
ed esercitare la struttura appena introdotta.
di entrare o appena entrati in casa è un gesto
del tutto naturale. In casa propria può indicare
Procedimento: evidenziate l’analogia fra quello
anche solo relax, a casa d’altri lo si fa in segno
e bello, poi invitate alcuni studenti a completare
di rispetto. In Italia invece non si usa. Al contra-
con la forma appropriata di bello alcune frasi

9
rio, è considerata mancanza di rispetto ricevere
formulate con parole note, tipo: Che ___ musica!,
un ospite scalzi o in ciabatte: gli italiani, perciò,
Che ___ scarpe!, Che ____ abito!, Che ___ viaggio!,
non solo non chiedono agli ospiti di togliersi le
Che ___ zaino!, Che ____ occhiali!, Che ___ stivali!
scarpe, ma sono loro a indossarle per accoglie-
Formate poi dei gruppi, fate leggere la consegna
re gli ospiti con i dovuti riguardi. Per lo stesso
e accertatevi che il compito sia chiaro. Annun-
motivo, si sentono imbarazzati quando vengono
ciate il tempo a disposizione, scaduto il quale
invitati a togliersi le scarpe a casa d’altri, a meno
chiederete a ogni gruppo di ripetere la propria
che non si tratti di persone con cui hanno molta
catena di complimenti più lunga e priva di errori.
confidenza.
Se volete, potete assegnare un premio al gruppo
vincitore. b. e d. Offrire e accettare sono ritenuti ge-
sti di rispetto. In Italia, tuttavia, è considerata
buona norma non accettare subito per segna-
15 Il mio profilo lare all’altra persona che non si vuole recarle
disturbo. A questo punto normalmente l’offerta
(scrivere, leggere e parlare)
viene ripetuta una o due volte e infine accettata.
Questo rituale può creare equivoci con persone
Obiettivo: ripassare funzioni comunicative, lessi-
appartenenti a culture, come quella anglosas-
co e grammatica della nona lezione.
sone in cui il no di cortesia può essere preso alla
lettera (situazione d) e l’insistenza nell’offrire
Procedimento: per tutte le fasi seguite le indi-
può essere giudicata invadente e imbarazzante.
cazioni del manuale tenendo conto di quanto si
Gli italiani, a loro volta, possono considerare
dice nell’Introduzione a p. 15 (Compiti di gruppo).
poco cortese chi non rinnovi l’offerta (situazione
d) e provare un certo dispiacere quando il rifiuto
è inteso realmente come tale (situazione b).

107
c. Nelle case italiane normalmente non esiste tempo per la ricerca delle parole – che non dovrà
un gabinetto separato e quindi molti italiani si essere casuale bensì mirata – e per la stesura
aspettano di trovare tutti i sanitari nella stanza della lista. Scaduto il tempo, dite agli studenti di
da bagno. In Italia esiste invece, nelle abitazioni piegare il foglio sul quale hanno scritto i vocaboli
signorili, il bagno degli ospiti, ambiente meno e consegnarlo al proprio vicino (se gli studenti
privato del bagno usato dai padroni di casa. sono dispari, si formerà un terzetto). Pregateli
poi di chiudere nuovamente gli occhi, “girare”
per la casa e “sistemare” ogni vocabolo in un
punto che gli sembra atto a favorire la memoriz-

Portfolio zazione di quello specifico termine. Date un paio


di minuti per svolgere questo compito, possibil-
mente con la stessa musica di sottofondo che
Autovalutazione (Cosa sai fare?) – Obiettivo: fare avete usato per l’attività a.
un bilancio della nona lezione.
e. Invitate ora gli studenti a lavorare con il
compagno al quale hanno consegnato il fogliet-
Procedimento: procedete come indicato a p. 25
to con i vocaboli: a turno, uno dei due dice quali
dell’Introduzione (Portfolio).
parole si ricorda e l’altro controlla con l’aiuto
della lista.
Strategie (Come impari?) – Obiettivo: a.  e c.
creare e descrivere immagini mentali; d.  e e.
riprendere il metodo dei loci introdotto nella
lezione 7 ed esercitarlo in altro modo.

Procedimento: a. mettete una musica stru-


mentale di sottofondo a basso volume e pregate
gli studenti di chiudere gli occhi e “accendere”
la fantasia. Con voce pacata dite ciò che trovate
nella consegna, facendo una breve pausa tra una
domanda e l’altra affinché gli studenti abbiano
tempo per lavorare con l’immaginazione.
b.  e c. Formate ora delle coppie e invitate gli
studenti a descriversi vicendevolmente l’abita-
zione che hanno immaginato poco prima. Chi
ascolta dovrà disegnarla senza che il compagno
la possa vedere. Precisate che è importante la de-
scrizione (cioè la verbalizzazione delle immagini
mentali), non tanto l’abilità artistica di chi dise-
gna. Solo quando entrambi gli studenti avranno
realizzato la pianta dell’abitazione descritta dal
compagno ci si potrà mostrare i disegni.
d. Richiamate alla mente il metodo dei loci
introdotto nella lezione 7 e fate leggere la prima
parte della consegna. Date qualche minuto di

 108
L’Italia in festa
Temi: feste e tradizioni popolari, in giro per mercatini

Obiettivi comunicativi: fare e ricambiare auguri; parlare di feste e tradizioni popolari;


invitare qualcuno a un evento; accettare o rifiutare un invito; fare una controproposta;
esprimere un’intenzione; comprare vestiti o accessori in un mercatino

Grammatica e lessico: le forme di buono; sapere e conoscere all’imperfetto e al passato


prossimo; l’uso transitivo e intransitivo di cominciare/iniziare e finire; campo semantico
“feste e tradizioni popolari”.

10
1 Per iniziare 2 Il calendario delle feste
(lavorare con il lessico)
Obiettivo: introdurre il tema “feste” facendo leva
sull’esperienza e sulla fantasia; (ri)attivare lessico Obiettivi: a.  e b. tematizzare le feste popolari
tematico. a livello nazionale; c. introdurre e sistematiz-
zare le forme di buono; d. esercitarsi a fare e
Procedimento: se possibile, riproducete la foto di ricevere auguri.
p. 109 su lucido a colori e mostratela a libro chiu-
so coprendo con una striscia di carta il titolo della Grammatica e lessico: l’aggettivo buono; festività
lezione. Chiedete agli studenti che cosa vedono religiose e civili.
e di che cosa si tratta, secondo loro: formate dei
gruppi e invitateli a fare delle ipotesi. Dopo qual- Procedimento: a. seguite le indicazioni del ma-
che minuto raccogliete le idee in plenum, senza nuale e svolgete l’attività in due fasi: esecuzione
tuttavia fornire la soluzione: dite soltanto che fra in coppia e verifica in plenum.
poco sarà possibile verificare chi ha indovinato.
b. Formate dei gruppi e procedete come indica-
La fase in plenum vi servirà per riattivare cono-
to nell’Introduzione a p. 14 (Produzione orale).
scenze lessicali pregresse (come arancia e cavallo,
usciti nella lezione 7 di Chiaro! A1) e introdurre i c. Svolgete l’attività in quattro fasi: esecuzio-
termini tirare e carro. ne individuale degli abbinamenti, confronto in
coppia, verifica in plenum degli abbinamenti,
formulazione della regola in plenum. In quest’ul-
tima fase aggiungete un esempio con buono (per
esempio buono studio).

109
d. Formate delle coppie, fate leggere la conse- Carnevale: il termine deriva dal latino tardo
gna e accertatevi che il compito sia chiaro. Prima càrnem levare (togliere la carne) e si riferisce
di dare il via all’attività, richiamate l’attenzione alle privazioni dell’imminente Quaresima. Il
sullo specchietto Lingua, che evidenzia alcune Carnevale è infatti la settimana che precede la
formule d’uso frequente. Quaresima e in cui si svolgono feste e manife-
stazioni di vario tipo, in particolare il giovedì e
Soluzioni: il martedì grasso.
a. Capodanno: 1° gennaio; Carnevale: variabile
(di solito a febbraio o a marzo); Epifania: 6 gen- Pasqua: nella religione cristiana, festa che
naio; Festa del Lavoro: 1° maggio; San Silvestro: commemora la resurrezione di Cristo. È una
31 dicembre; Ferragosto: 15 agosto; Pasqua: va- festa mobile che si celebra sempre di domeni-
riabile (di solito a marzo o ad aprile); Ognissanti: ca, fra marzo e aprile. In Italia si usa regalare
1° novembre; Natale: 25 dicembre; Festa della ai bambini un uovo di cioccolata che contiene
Repubblica: 2 giugno una sorpresa. È festa anche il giorno successi-
c. buon anno, buon divertimento; buona se- vo, chiamato Lunedì dell’Angelo o Pasquetta.
rata; buone feste, buone vacanze; buoni festeg-
giamenti; quando l’aggettivo buono precede il Anniversario della liberazione: il 25 aprile si
sostantivo, le forme del singolare corrispondono festeggia la fine dell’occupazione nazista, che
a quelle dell’articolo indeterminativo (un’amica prelude alla fine della seconda guerra mondia-
Y buon’amica, un viaggio Y buon viaggio) le. La data è legata a una serie di insurrezioni e
battaglie che si svolsero dal 25 al 30 aprile 1945
in molte città del Nord Italia.
Scheda informativa
Le feste Festa del lavoro o dei lavoratori: si celebra il 1°
Capodanno: (da capo d’anno) è il primo giorno maggio di ogni anno per ricordare le lotte per
dell’anno, tradizionalmente festeggiato con un la conquista dei diritti dei lavoratori. La scelta
pranzo in famiglia che prevede menu diversi a della data è legata ai gravi incidenti verificatisi
seconda delle regioni. nei primi giorni del maggio 1886 in occasione
di manifestazioni a Chicago (USA). In Italia la
Epifania: dal greco epipháneia (manifestazione festa, istituita nel 1891, fu soppressa durante
della divinità). Nella religione cristiana, la pri- il fascismo e reintrodotta dopo la seconda
ma manifestazione di Gesù, che avvenne da- guerra mondiale. Dal 1990 si svolge a Roma,
vanti ai Re Magi nella grotta di Betlemme. La in Piazza San Giovanni, il Concerto del Primo
festa del 6 gennaio ricorda la visita dei Magi, Maggio organizzato dai tre principali sindacati.
ma i bambini italiani attendono l’arrivo della
Befana, figura immaginaria di donna vecchia, Festa della Repubblica: il 2 giugno si festeggia
brutta e mal vestita ma buona che porta doni la nascita della Repubblica Italiana. La festa
scendendo dalla cappa del camino. A chi non è ricorda il referendum istituzionale in cui, il 2
stato buono la Befana porta il “carbone”, che giugno 1946, gli elettori dovettero scegliere tra
oggi in realtà è un dolce. La Casa della Befana monarchia e Repubblica. Tale referendum pose
si trova a Urbania, nelle Marche, dove dal 2 al fine al Regno d’Italia e alla breve sovranità di
6 gennaio ha luogo la Festa Nazionale della Alberto di Savoia, succeduto al padre Vittorio
Befana con l’obiettivo di riscoprire l’aspetto Emanuele III nel mese di maggio 1946.
pedagogico della festa e quello folkloristico,
legato alla tradizione – tutta italiana – della Ferragosto: festività popolare che in origine si
Vecchina. celebrava il 1° agosto e fu poi spostata al 15 del

 110
mese, giorno in cui la Chiesa cattolica celebra 3 Un evento particolare
l’assunzione al cielo della Vergine Maria (festa (ascoltare)
dell’Assunta). Il termine deriva dal latino fĕriae
Augŭsti (festa d’agosto), che risale a una festi- Obiettivo: sviluppare la comprensione orale.
vità istituita dall’imperatore Ottaviano Augu-
sto. Ferragosto rappresenta tradizionalmente il Procedimento: a. a libro chiuso, ponete agli
culmine delle ferie estive: a causa delle parten- studenti la domanda contenuta nella consegna
ze di massa per il mare o per la montagna nei e invitateli ad ascoltare il dialogo per scoprire
giorni precedenti il 15, i media italiani parlano la risposta esatta. Procedete poi come indicato
spesso di “esodo”. nell’Introduzione a p. 9 (Fase 1 – Comprensione
globale).
Ognissanti: festa cattolica di tutti i Santi, che
b. Fate leggere i compiti e accertatevi che siano
si celebra il 1° novembre. Il termine deriva dal
chiari, poi procedete come indicato nell’Introdu-
latino ecclesiastico omnes Sancti (tutti i santi).
zione a p. 10 (Fase 2 – Comprensione più detta-
Il giorno successivo la Chiesa cattolica comme-
gliata). Concludete questa fase con una breve
mora tutti i defunti.
indagine: quale gruppo si era avvicinato di più
alla realtà?
Immacolata Concezione: dogma della Chiesa
cattolica secondo il quale la Madre di Gesù è c. Seguite le indicazioni del manuale e pro-
immune dalla macchia del peccato originale cedete come illustrato nell’Introduzione a p. 10
sin dal suo concepimento. Il termine imma- (Fase 2 – Comprensione più dettagliata).

10
colato significa appunto “senza macchia”. La
­ricorrenza liturgica (festa dell’Immacolata) Soluzioni:
cade l’8 dicembre. a. Nel periodo di Carnevale.
b. È un evento che si svolge a Ivrea e ha carat-
Natale: ricorrenza della nascita di Cristo, che tere storico. Per evitare le arance bisogna indos-
si festeggia il 25 dicembre. Il termine deriva sare un berretto a forma di calza.
dal latino natālem (della nascita), a sua volta c. La mugnaia è il personaggio principale della
derivato da nātus, participio passato del verbo festa. le squadre a piedi rappresentano il popolo
nascor da cui l’it. nascere. In Italia alcune tradi- che si ribella. le squadre sui carri rappresentano i
zioni che riguardano il Natale possono variare soldati del tiranno. il berretto rosso rappresenta
da regione a regione. la partecipazione alla festa.

San Silvestro: notte del 31 dicembre, così Trascrizione:


chiamata dal nome del santo che si festeggia (Traccia 31)
quel giorno. In Italia si festeggia di solito in v Pronto.
compagnia e con una cena abbondante (detta x Ciao, Lucia, sono Laura.
per questo ‘cenone’). Le tradizioni legate alla v Laura! Ciao! Come stai?
fine dell’anno possono essere molto diverse di x Bene, bene, grazie. E tu, come va?
regione in regione. Il 31 dicembre in Italia è un v Eh, bene. Sono appena tornata da una piccola
normale giorno lavorativo. vacanza… un fine settimana…
x Ah, e dove sei andata di bello?
v A Ivrea.
x E come mai?
v Eh, per il Carnevale.

111
x Perché? C’è qualcosa di speciale? v Sì, esatto. Senti, ma… piuttosto tu mi chiama-
v Eh sì, c’è un Carnevale storico, in costume… vi per qualche motivo?
x Ah, non lo sapevo! x Ah, già, sì… ti volevo chiedere una cosa…
v Con la battaglia delle arance. ehm… cosa ti volevo chiedere? Boh… non mi
x Battaglia delle arance? E chi combatte? ricordo più…
v Eh, ci sono delle squadre. Ci sono le squadre
sui carri che combattono contro le squadre a
piedi. I carri attraversano i quartieri e la squa- Scheda informativa
dra del quartiere li attacca tirando le arance,
Il carnevale di Ivrea
nelle piazze.
Ivrea è una città del Piemonte, in provincia di
x Scusa, ma… queste arance sono proprio aran-
Torino. Il carnevale storico rievoca un episodio
ce vere?
che si fa risalire al medioevo: una leggenda che
v Sì, sì, sono vere. Sono tutti rossi… e c’è un pro-
affamava la città venne scacciato grazie alla
fumo!
ribellione della figlia di un mugnaio, la qua-
x Ma… e tu eri lì in mezzo? Ma non hanno colpi-
le non volle sottostare allo ius primae noctis
to anche te?
(diritto del feudatario di prendere il posto dello
v Eh no, perché avevo in testa il berretto rosso,
sposo, suo vassallo, nella prima notte di nozze)
un berretto a forma di calza. Chi lo indossa
e diede il via alla rivolta popolare. Il carnevale
non viene attaccato. Però, insomma… bisogna
è inteso dunque come festa civica durante la
anche stare un po’ attenti, eh...
quale Ivrea celebra la propria capacità di auto-
(Traccia 32) determinazione. I personaggi principali sono
x Ah, senti, ma tu hai detto che è un Carnevale la Mugnaia, il Generale, che fin dai primi anni
storico: e com’è la storia, la conosci? dell’Ottocento ha il compito di garantire un
v Beh, sì, un po’: ehm... c’era un tiranno che do- corretto svolgimento della manifestazione, e il
minava la città e un giorno la città si è ribellata. suo Stato Maggiore Napoleonico, composto da
x Ah, un classico… Ufficiali a cavallo e Vivandiere. Il momento cul-
v Beh, sì. E per prima si è ribellata la figlia di minante della festa è la battaglia delle arance,
un mugnaio. Per questo oggi la mugnaia è il che rievoca l’insurrezione popolare: gli aranceri
personaggio più importante della festa. a piedi, sprovvisti di qualsiasi protezione, com-
x Ah, quindi ci sono dei personaggi fissi… battono a colpi di arance contro le armate del
v Sì, esatto. Per esempio, le squadre a piedi, che feudatario, rappresentate da tiratori su carri
rappresentano il popolo, poi le squadre sui trainati da cavalli, i quali indossano protezioni
carri, che rappresentano i soldati del tiranno. e maschere che ricordano le antiche armature.
E il berretto rosso che rappresenta la battaglia Tutti possono prendere parte alla battaglia o in
per la libertà… cioè, oggi rappresenta la parte- una delle nove squadre a piedi oppure nell’e-
cipazione alla festa. quipaggio di un carro. In segno di partecipazio-
x Ah! Bello, interessante. Io non la conoscevo ne alla festa i cittadini ed i visitatori, a partire
proprio, questa festa. Ci sei andata apposta? dal giovedì grasso, indossano il berretto frigio,
v Beh, fino a pochi mesi fa non la conoscevo un cappello rosso a forma di calza che ricorda
neanch’io. Poi ho conosciuto una persona di quello anticamente usato in Frigia (regione
Ivrea che mi ha raccontato la storia e mi ha storica dell’Asia Minore) e poi adottato dai
invitato al Carnevale. rivoluzionari francesi e per questo divenuto
x Ah! Allora sei andata a trovare questa perso- simbolo di libertà. Esso serve inoltre a evitare
na… di essere colpiti dalle arance.

 112
4 Una volta ho visto… 6 Tris di Carnevali
(parlare) (gioco)

Obiettivo: esercitarsi a parlare di feste popolari. Obiettivo: fissare le strutture appena introdotte.

Procedimento: formate dei gruppi e procedete Procedimento: formate delle coppie, fate leggere
come indicato nell’Introduzione a p. 14 (Produzio- le regole e accertatevi che siano chiare.
ne orale). Prima di dare il via all’attività, precisate
che non ci si deve riferire necessariamente
all’Italia: si può parlare anche di altri paesi.
­Potete concludere l’attività raccogliendo le ­
informazioni in plenum. Scheda informativa
Carnevali
Sardegna: esistono tradizioni tramandate di
5 Lo sapevi? generazione in generazione in tutta l’isola.
Una delle più famose è la sfilata dei mamutho-
(scoprire la grammatica)
nes di Mamoiada (Nuoro), maschere di legno
indossate da uomini vestiti di pelli ovine che
Obiettivo: riflettere sull’uso di sapere e conoscere
portano sulla schiena mazzi di campanacci e
all’imperfetto e al passato prossimo.
si muovono in modo cadenzato per scrollare
la sonagliera. A Ottana (Nuoro) ci sono invece

10
Procedimento: a.  e c. seguite le indicazioni
le maschere di legno, intagliate a mano, che
del manuale e procedete come illustrato nell’In-
rappresentano animali, i cosiddetti sos boes (i
troduzione a p. 16 (La grammatica – Procedi-
buoi), sas baccas (le vacche), sos porcos (i maia-
mento). Per maggiore chiarezza potrebbe essere
li), eccetera.
opportuno chiedere agli studenti anche al punto
d quali verbi userebbero nella loro lingua madre
Cento si trova in Emilia-Romagna, in provincia
per tradurre sapere in frasi analoghe a quelle del
di Ferrara. Vi si celebra un Carnevale con sfilate
dialogo.
di carri allegorici di cartapesta costruiti dalle
associazioni carnevalesche. Dal 1993 il “Carne-
Soluzioni:
vale d’Europa” – uno dei più divertenti, spetta-
a. Ah, non lo sapevo!; non la conoscevo; non la
colari e trasgressivi Carnevali del continente –
conoscevo; ho conosciuto
è gemellato con quello di Rio de Janeiro.
c. Il verbo conoscere all’imperfetto significa
conoscere già qualcosa/qualcuno; al passato
Putignano si trova in Puglia, in provincia di
prossimo significa fare conoscenza di qualcosa/
Bari. La tradizione del Carnevale (motto: chi
qualcuno.
ride vive di più) risale al XIV sec. Momenti
d. sapevi; ho saputo
caratteristici sono l’estrema unzione, finta
processione che si svolge alla vigilia del mar-
tedì grasso, e il funerale del Carnevale, corteo
funebre al seguito del “defunto” rappresenta-
to da un maiale (metafora degli eccessi) che
viene bruciato in una piazza del centro storico.
È una sorta di rito purificatorio con cui si brucia
il materialismo in favore della spiritualità che
arriva con la Quaresima.

113
Il carnevale di Muggia (città del Friuli Venezia 7 Non solo Carnevale
Giulia in provincia di Trieste) trova origine (leggere, lavorare con il lessico, parlare)
nella tradizione veneziana, si apre il giovedì
grasso con il “Ballo della verdura” e prosegue Obiettivi: a. sviluppare la comprensione della
con numerose feste per adulti e bambini. La lingua scritta (informazioni turistiche);
domenica si svolge la sfilata di carri allegorici e b. collocare geograficamente alcune feste
gruppi in costumi con premiazione finale. ­tradizionali; c. comprendere lessico tematico;
d. parlare di feste tradizionali.
Fano è una città delle Marche in provincia di
Pesaro-Urbino. La sua tradizione del Carnevale Procedimento: a. seguite le indicazioni del
risale al XIV sec. I punti forti sono il getto di manuale e procedete come illustrato nell’Intro-
caramelle e cioccolatini, a quintali, dai carri duzione a p. 12 (Gli input scritti – Procedimento).
allegorici durante le sfilate e il caratteristico
b. Seguite le indicazioni del manuale e svol-
pupo detto vulon, caricatura dei personaggi
gete l’attività in due fasi: esecuzione in coppia e
più in vista della città.
verifica in plenum.
Venezia: si hanno ricordi delle festività del c. Svolgete l’attività in tre fasi (esecuzione
Carnevale fin dal 1094, sotto il dogato di Vitale individuale, confronto in coppia, verifica in ple-
Falier, in un documento che parla dei diverti- num). Il lessico qui tematizzato potrà essere utile
menti pubblici nei giorni che precedevano la per l’attività successiva, ma è mirato più alla
Quaresima. Il Carnevale divenne festa pubblica comprensione che all’uso attivo.
nel 1296 quando il Senato della Repubblica
d. Formate dei gruppi e procedete come illu-
dichiarò festivo l’ultimo giorno prima della
strato nell’Introduzione a p. 14 (Produzione orale).
Quaresima, ma ha tradizioni molto più antiche
Per concludere potete verificare in plenum quale
che rimandano ai riti di passaggio dall’inverno
sia la festa più gettonata.
alla primavera, presenti in molte società. Oggi
il Carnevale veneziano dura circa dieci giorni
Soluzioni:
nel periodo pre-pasquale ed è un happening
a. Carattere storico: Palio di Siena, Palio dei
che coinvolge grossi sponsor, le reti televisive,
Normanni, Palio delle Antiche Repubbliche Mari-
le Fondazioni culturali.
nare; Carattere religioso: Festa di San Valentino;
Carattere gastronomico: Aria di Festa
Viareggio è una città della Toscana, in provin-
b. Festa di San Valentino: Puglia; Palio di Siena:
cia di Lucca. La sfilata dei carri, che si svolge il
Toscana; Palio dei Normanni: Sicilia; Palio delle
martedì grasso, è una tradizione che risale al
Antiche Repubbliche Marinare: Campania (Amal-
1873, quando alcuni ricchi borghesi decisero
fi), Liguria (Genova), Veneto (Venezia), Toscana
di mascherarsi per protestare contro le tasse:
(Pisa); Aria di Festa: Friuli Venezia Giulia
nacque così l’idea di una parata di carrozze
c. addobbato Y decorato; agrumi Y frutti
con lo scopo di mettere a nudo e sbeffeggiare i
come l’arancia e il limone; conquista Y occu-
problemi della società. Dal 1954 la sfilata viene
pazione militare; contrada Y quartiere; fantino
trasmessa in TV.
Y persona che va a cavallo (per professione);
fiera Y mercato che si svolge per una festa o
ricorrenza; Mezzogiorno Y il Sud Italia; patrono
Y il santo che protegge una città; rievocare Y
ricordare eventi del passato

 114
Scheda informativa Soluzioni:
a. San Daniele, la Sagra del prosciutto/Aria di
Santi patroni
Festa; San Daniele
Nella liturgia cattolica, il patrono è il santo che
b. fare una proposta Y che ne dici di andare…?,
una comunità onora con speciale culto come
Potremmo…, Ti va?; esprimere un’intenzione: Y
suo protettore. Ogni città ha il suo santo pro-
Volevo…; accettare Y Sì, mi va di…; segnalare
tettore: il patrono di Milano è Sant’Ambrogio,
un problema Y però (domenica) non posso, mi
quello di Napoli San Gennaro, di Venezia San
dispiace; fare una proposta alternativa Y Perché
Marco, di Bari San Nicola e via dicendo. I patro-
non ci andiamo?
ni d’Italia sono San Francesco d’Assisi e Santa
c. hai voglia di… Y fare una proposta; d’accor-
Caterina da Siena.
do, per me va bene Y accettare; purtroppo... Y
Francesco d’Assisi, nato Francesco Giovanni
segnalare un problema
di Pietro Bernardone (ca. 1182-1226): dopo una
giovinezza dissipata abbandonò la casa del
padre, ricco mercante, per vivere in povertà.
Fondò l’ordine dei frati Minori. Scrisse il Canti- 9 Ti va di venire?
co delle creature, uno dei primi e più importanti (scrivere, leggere, parlare)
documenti della letteratura italiana. La Chiesa
cattolica ne celebra la memoria il 4 ottobre. È Obiettivo: esercitarsi a fare e ricevere inviti.
considerato anche patrono degli animali.
Caterina da Siena, nata Caterina Benincasa Procedimento: seguite le indicazioni del manua-

10
(1347-1380): fu una mistica italiana. Canoniz- le.
zata da papa Pio II nel 1461, è patrona d’Italia
e compatrona d’Europa. La ricorrenza di Santa
Caterina si celebra il 29 aprile. 10 La festa è cominciata.
(scoprire la grammatica)

8 Un invito Obiettivo: tematizzare l’uso dell’ausiliare con i


verbi cominciare e finire.
(leggere, lavorare con il lessico)
Procedimento: a. scrivete alla lavagna le frasi
Obiettivi: a. sviluppare la comprensione della
da completare e dite agli studenti di cercare nelle
lingua scritta; b.  e c. fissare espressioni utili
e-mail gli elementi mancanti, poi fatevi dettare
per formulare/accettare/rifiutare un invito,
le soluzioni. Invitate quindi la classe a rileggere
esprimere un’intenzione e proporre un’alterna-
con attenzione le frasi e chiedete che cosa si
tiva.
nota: gli studenti risponderanno probabilmen-
te che nelle quattro frasi compaiono gli stessi
Procedimento: a. seguite le indicazioni del
verbi – cominciare e finire – sempre al passato
manuale e procedete come illustrato nell’Intro-
prossimo, ma non sempre con lo stesso ausiliare
duzione a p. 12 (Gli input scritti – Procedimento).
(se nessuno dovesse arrivarci, sarete voi a por-
b. Svolgete l’attività in tre fasi (esecuzione re domande mirate: quali verbi ci sono? A che
individuale, confronto in coppia, verifica in ple- tempo sono usati?). Chiedete come ci si deve
num). regolare – quando si usa un ausiliare e quando
l’altro? – e invitate gli studenti a parlarne in
c. Seguite le indicazioni del manuale e svolge-
coppia. Lasciate loro un po’ di tempo per ragio-
te l’attività in due fasi: esecuzione individuale e
nare, poi raccogliete le idee e, procedendo come
verifica in plenum.

115
indicato nell’Introduzione a p. 16 (La grammati- b.  e c. Procedete come indicato nell’Introdu-
ca – Procedimento), guidateli alla formulazione zione a p. 10 (Fase 2 – Comprensione più detta-
della regola: i verbi cominciare e finire richiedono gliata).
l’ausiliare essere quando vengono usati intransi-
d. Svolgere l’attività in due fasi: esecuzione
tivamente (cioè senza oggetto diretto) e l’ausilia-
individuale e verifica in plenum. Alla fine richia-
re avere quando vengono usati transitivamente
mate l’attenzione sullo specchietto Lingua, che
(cioè con oggetto diretto) o con l’infinito. Ciò vale
amplia la gamma di possibilità per l’ultima fun-
anche per tutta una serie di altri verbi, fra i quali
zione comunicativa.
a questo livello è il caso di citare soltanto iniziare.
Fate notare, infine, che quando si usano con un
Soluzioni:
infinito cominciare e finire richiedono rispettiva-
a. la foto n. 3
mente la preposizione a e la preposizione di.
b. Questo mercato si svolge nel periodo di
b. Formate delle coppie e leggete con loro la Natale (le due settimane precedenti, soprattutto
prima parte della consegna (fino a “…inventare per il ponte dell’Immacolata); si svolge a Perugia;
tutto voi”). Accertatevi che il compito sia chiaro e l’uomo ha un amico che fa il medico e per hobby
assegnate circa dieci minuti per la realizzazione. realizza oggetti artigianali come anelli, collane,
Avvertite gli studenti che ciascuno dovrà tra- ecc.
scrivere la storia su un foglio o sul quaderno in c. La donna compra un braccialetto e forse un
modo da poterla raccontare anche senza l’aiuto cappello.
del compagno. Scaduto il tempo, unite le coppie d. chiedere di provare Y Posso provare?;
a due a due e dite agli studenti di scambiarsi le chiedere informazioni sul materiale Y Sono
storie per verificarne la correttezza linguistica e d’argento?; chiedere un parere Y Come mi
per vedere quale piace di più. stanno?; esprimere un parere positivo Y Ti sta
benissimo.; esprimere un parere negativo Y Mi
Soluzione: sta male.; chiedere un’informazione necessaria
a. La festa è cominciata ieri.; Ho cominciato a per l’acquisto Y Che misura porti?
studiare 5 minuti fa.; La festa è finita tardi.; Ho
finito l’esame 5 minuti fa. Trascrizione:
(Traccia 34)
w Allora, dove andiamo? Dove mi porti stamatti-
11 Al mercatino na?
z Ti porto alla Rocca Paolina.
(ascoltare)
w Eh, la conosco già! Ci sono già stata.
z Sì, però mai sotto Natale.
Obiettivi: a.  e c. sviluppare la comprensione
w Eh… no, in effetti no. Perché, cosa c’è sotto
orale; d. fissare alcune espressioni utili per
Natale?
fare acquisti.
z Un bellissimo mercatino. Cioè, “mercatino”…
è una mostra, una vera mostra dell’enoga-
Procedimento: a. seguite le indicazioni del
stronomia e dell’artigianato, la più grande qui
manuale e procedete poi come illustrato nell’In-
in regione.
troduzione a p. 9 (Fase 1 – Comprensione globale).
w Ah... No, non l’ho mai vista. Ma c’è già da mol-
to tempo?
z Mah… da una ventina d’anni, credo.
w E sempre in dicembre.
z Sì, le due settimane prima di Natale, più o
meno. Ma la gente viene soprattutto per l’Im-
macolata, quando c’è ponte e sotto Natale.
 116
w Ah. E cosa si compra?
Scheda informativa
z Beh, intanto un sacco di prodotti alimentari
tipici: salumi, olio, vino eccetera… Mercatino di Perugia
w Mmm… Natale in… è una fiera-mercato ad ingresso
z E poi prodotti artigianali come gioielli, borse, gratuito che viene organizzata, dal 1992, nel
cappelli e cose simili. E tra l’altro c’è un mio centro storico di Perugia durante il periodo
amico che vende degli oggetti che fa lui: anel- ­natalizio. Il cuore dell’iniziativa è la Rocca
li, collane... ­Paolina. Le aree espositive sono suddivise in
w Ah, fa l’orefice. due sezioni: artigianato artistico e prodotti
z Noo, è medico. Fa queste cose per hobby. agroalimentari tipici. Per entrambi i settori
Comunque lo conoscerai perché andiamo al Natale in... è la manifestazione più importante
suo stand. E scommetto che ti resta in mano in Umbria in questo periodo dell’anno e ha
qualcosa… visto crescere costantemente il numero di 
w No, dai no, io sto spendendo troppo qui a visitatori e di espositori.
Perugia.
z Scommettiamo? Perugia è un comune di oltre 160.000 abitan-
ti, capoluogo dell’omonima provincia e della
regione Umbria. Situata sulla sommità di una
(Traccia 35)
collina dominante la Valle Tiberina, conserva
w Bello, proprio bello qui! E molto carine le tue
ancora tratti di mura e porte di origine etrusca.
creazioni! Senti, consigliami qualcosa, dai!
Il centro storico ha monumenti che risalgono

10
t Beh… abbiamo collane, orecchini, braccialetti,
all’età comunale: il Palazzo dei Priori, la Fon-
anelli… Per esempio, questi orecchini… Che ne
tana Maggiore, il Duomo. È inoltre un polo eco-
dici? Ti starebbero bene…
nomico e culturale della regione, sede di due
w Carini, sì, però… non so... E invece questo
università: l’Università degli Studi, fondata nel
braccialetto mi piace molto. Oppure quello là.
1308, e l’Università per Stranieri, nata nel 1921.
Ehm, posso provarli tutti e due? Sono d’argen-
to?
Ponte: periodo di più giorni di vacanza (dal
t No, no, è bigiotteria. Ecco.
­lavoro o dalla scuola) ottenuto inserendo tra
w Belli! Come mi stanno?
due o più festività vicine ma non consecutive
t Eh, bene.
uno o più giorni feriali intermedi. Si usa so­
w E quanto vengono?
prattutto nelle espressioni fare ponte e ponte
t Questo viene 15 euro e questo 25.
di + nome della festa, p. es. ponte dell’Imma-
w Mmm, tu cosa dici: quale prendo?
colata.
z Mah… Non so… Secondo me, ti sta meglio
questo.
w Mmm, io invece… preferisco questo. Sì, pren-
do questo.
t Va bene.
z Che ti avevo detto?
w Eh… che ci posso fare. Brr… mamma mia che
freddo, non mi sono messa niente in testa.
z E allora vieni che compriamo un cappello!
w Un cappello? Ma no, mi sta male!
z Macché! Sono sicuro che ti sta benissimo. Dai,
su! Che misura porti?

117
12 Il mercatino in classe Scheda informativa
(parlare, scrivere, leggere)
a. Nei negozi italiani non si è soliti “trat-
Obiettivo: ripassare funzioni comunicative, lessi- tare”, ma è frequente che il cliente chieda lo
co e grammatica della decima lezione. sconto, cioè una riduzione del prezzo, spesso
usando il diminutivo (“Mi fa uno sconticino?”)
Procedimento: per tutte le fasi seguite le indi- e sorridendo per evitare che la richiesta risulti
cazioni del manuale tenendo conto di quanto si aggressiva. Ciò accade perlopiù nei negozi che
dice nell’Introduzione a p. 15 (Compiti di gruppo). si frequentano spesso perché lo sconto viene
Fissate con chiarezza un limite di tempo per ogni inteso dal cliente come “premio fedeltà”, men-
fase – in particolare per l’alternanza dei gruppi tre il commerciante lo può interpretare come
nella fase c – in modo che tutti abbiano la possi- mezzo per fidelizzare gli acquirenti. Sono tut-
bilità di “vendere” e di “comprare”. Per l’attività tavia sempre più numerosi i negozi che hanno
b potete fornire agli studenti dei fogli in formato solo un prezzo fisso, soprattutto nel settore
A 3 per una lista comune. della grande distribuzione. Diverso è il discor-
so per i mercatini, quelli rionali o settimanali
per esempio, dove c’è una maggiore libertà di
trattativa.

Culture a confronto b.  e c. Data l’importanza che il cibo assume


nella cultura italiana, resiste ancora l’abitu-
dine di fare la spesa con una certa cura e se
Obiettivo: riflettere sugli usi e costumi relativi
possibile sempre presso gli stessi rivenditori,
agli acquisti.
con i quali si instaura un rapporto di fiducia.
La domanda sulla freschezza della frutta,
Procedimento: a. formate dei gruppi e invitate
apparentemente retorica, si fonda appunto su
gli studenti a discutere sulla base degli spunti
questo rapporto: “se la frutta non è veramente
forniti dalle domande e dai disegni.
fresca, a me lo dirà, non tradirà la mia fiducia
b. Riportate il discorso in plenum, raccogliete le di affezionato cliente”, si pensa. Nei negozi di
idee emerse nei gruppi e ampliate la discussione salumi e formaggi la qualità della merce viene
seguendo la traccia fornita dalla consegna. Ag- spesso verificata con un assaggio e molte
giungete infine commenti e suggerimenti ad hoc persone, per ottenere esattamente ciò che
tenendo conto del fatto che gli usi e i costumi vogliono, sono disposte a investire del tempo
possono variare nelle diverse zone d’Italia. in minuziose descrizioni: non pochi commer-
cianti colgono quest’occasione per dimostrare
la loro professionalità e l’amore per il prodotto
in questione. I salumi vengono normalmente
tagliati al momento dell’acquisto in base alle
richieste del cliente, mai in anticipo come può
capitare in alcuni paesi.

 118
Portfolio Ancora più chiaro 3
Autovalutazione (Cosa sai fare?) – Obiettivo: fare
Obiettivo: ripassare funzioni comunicative,
un bilancio della decima lezione.
lessico e grammatica delle lezioni 8 – 10.
Procedimento: procedete come indicato a p. 25
Procedimento: seguite il procedimento illu-
dell’Introduzione (Portfolio).
strato nell’Introduzione a p. 26 (Ancora più
chiaro) integrandolo con le indicazioni specifi-
Strategie (Come impari?) – Obiettivo: riflettere
che del manuale.
sulle varie ­possibilità di imparare il lessico in
(Per vostra informazione: la foto raffigura la
maniera sistematica.
cattedrale di Palermo.)
Procedimento: a. scrivete alla lavagna la
Test Unità 8 – 10
parola festa. Dite quindi agli studenti di scrivere
A pagina 187 si trova un test a scelta multi-
al centro di un foglio il nome di una festa a loro
pla concepito come compito individuale da
nota e di annotare tutte le informazioni che
svolgersi a casa. Le chiavi si trovano a pagina
conoscono. Per aiutarli a ricordare, ponete a voce
7 del documento Soluzioni del CD ROM (vedi
le domande contenute nella consegna. Precisate
sezione Eserciziario: audio e testi).
che in questa fase si tratta solo di raccogliere le
idee e che quindi i dati vanno annotati così come

10
vengono in mente, senza un ordine preciso. Date
qualche minuto di tempo.
b. Scaduto il tempo, esortate gli studenti a fare
ordine nelle idee raccolte servendosi degli sche-
mi di pagina 118. Precisate che le frasi già iniziate
vanno completate e che il numero delle linee di
collegamento già tracciate non è determinante:
se ne possono aggiungere o togliere in base alla
necessità.
c. Formate ora dei gruppi. Dite agli studenti di
confrontare gli schemi realizzati e di discutere
sulla base della traccia indicata dal libro. Per con-
cludere riportate la discussione in plenum per
raccogliere le idee e dare ulteriori consigli.

119
Chiaro! A2
Esercizi supplementari

Questo libro, composto da dieci


lezioni, è pensato per gli studenti che
desiderano praticare ulteriormente
quanto appreso con Chiaro! A2. La
scansione degli esercizi segue infatti
di pari passo l’andamento delle
corrispondenti unità del libro dello
studente.
Funzione di questo eserciziario è
consolidare le abilità comunicative,
le strutture morfosintattiche e il
lessico acquisiti mediante Chiaro!
A2 valutando inoltre i propri
progressi.
La tipologia degli esercizi è varia:
sono infatti presenti attività di
completamento, abbinamento,
riflessione grammaticale,
trasformazione, riutilizzo delle
funzioni comunicative, ecc.
ti Nel CD audio allegato è inoltre disponibile
Cord era Alber
di Cinzia una selezione dei dialoghi presenti in
: 15x21 Chiaro! A2 con nuovi esercizi di ascolto.
pp 96 - f.to
Libro
Le attività sono pensate per
l’autoapprendimento e il lavoro
individuale, ma possono essere utilizzate
anche in classe durante la lezione.
Le soluzioni riportate in appendice
permettono di verificare l’esattezza delle
risposte fornite.

Potrebbero piacerti anche