Sei sulla pagina 1di 11

Applicazioni degli integrali doppi:

esercizi svolti

Esercizio 1. Calcolare il baricentro (o centro di massa) dei seguenti insiemi:

a) una piastra omogenea con densità 1, delimitata da x = y 2 , x = y, x ≥ 0;

b) una piastra omogenea con densità 1, delimitata da y = x2 , x + y = 2;

c) il disco x2 + y 2 ≤ 4x, la cui densità in ogni punto è uguale alla distanza del punto dall’origine
degli assi;
n o
d) l’insieme D = (x, y) ∈ R2 : x2 ≤ y ≤ 1 omogeneo con densità 1;

e) il semicerchio omogeneo x2 + y 2 ≤ 1 con y ≥ 0, con densità 1.

Esercizio 2. Calcolare i momenti d’inerzia dei seguenti insiemi, supposti omogenei con densità 1,
sapendo che l’asse di rotazione rispetto al quale i momenti vanno calcolati è ortogonale al piano in
cui giace l’insieme e passa per il punto P indicato:

a) un disco circolare di raggio R, P appartiene alla circonferenza, ovvero al bordo del disco;

b) un disco ellittico di semiassi a, b, P è il centro dell’ellisse;

c) un quadrato di lato l, P è un vertice;

d) un rettangolo di lati 2l e 2m, P è il centro del rettangolo;

e) un triangolo isoscele di base 2b e altezza h, P è il vertice in cui si congiungono i lati congruenti


ed è opposto alla base;

f ) il triangolo di vertici A1 (0, 0), A2 (1, 1), A3 (2, 0), P coincide con A1 ;

g) il triangolo di vertici A1 (0, 0), A2 (0, 1), A3 (1, 0), P coincide con A3 ;

c 2018 Politecnico di Torino



2 Applicazioni degli integrali doppi: esercizi svolti

n o
h) l’insieme D = (x, y) ∈ R2 : x2 + y 2 ≤ 9, x2 + y 2 − 2x ≥ 0 , P coincide con l’origine degli
assi.

Esercizio 3. Calcolare il momento d’inerzia di un disco circolare omogeneo con densità 1 di raggio
R, che ruota attorno ad una retta del piano su cui giace il disco e ad esso tangente.

Esercizio 4. Sia D il disco circolare omogeneo di densità 1 avente centro in C(r, 0) e raggio r > 0.
Verificare che sussiste l’uguaglianza IO = IC + r 2 A, dove IO e IC sono i momenti d’inerzia di D
rispetto agli assi di rotazione passanti rispettivamente per O e C e ortogonali al piano in cui giace
D, e A è l’area di D.

c 2018 Politecnico di Torino



Applicazioni degli integrali doppi: esercizi svolti 3

SVOLGIMENTI

Esercizio 1. Ricordiamo che se D ⊆ R2 è una piastra di densità µ, dove µ : D → R è una funzione


continua, le coordinate del baricentro B di D sono:
Z Z
1 1
xB = x µ(x, y) dx dy, yB = y µ(x, y) dx dy,
M D M D
Z
dove M è la massa di D, data da M = µ(x, y) dx dy. In particolare se la piastra D è omogenea
D
di densità costante µ ∈ R, allora
Z Z
M= µ dx dy = µ 1 dx dy = µ Area(D)
D D

e quindi le coordinate del baricentro B sono


Z Z
1 1
xB = x dx dy, yB = y dx dy.
Area(D) D Area(D) D

1a) L’insieme D è compreso fra la parabola x = y 2 e le rette x = y, x = 0 e x = 1.


n o
Quindi D = (x, y) ∈ R2 : y 2 ≤ x ≤ y, 0 ≤ y ≤ 1 . Calcol- y

iamo l’area di D. Ne segue che


1
Z Z 1 Z y  Z 1 
Area(D) = 1 dx dy = dx dy = y − y 2 dy = D
D 0 y2 0

 1
1 2 1 3 1
= y − y = . O 1 x
2 3 0 6

Quindi
Z Z 1 Z y  Z 1 y Z 1
1 1 2 
xB = x dx dy = 6 x dx dy = 6 x dy = 3 y 2 − y 4 dy =
Area(D) D 0 y2 0 2 y2 0

 1
1 1 2
= 3 y3 − y5 = ,
3 5 0 5
Z Z 1 Z y  Z 1 Z 1
1 2 4
 
yB = y dx dy = 6 y dx dy = 6 y y −y dy = 6 y 3 − y 5 dy =
Area(D) D 0 y2 0 0

 1
1 1 1
= 6 y4 − y6 = .
4 6 0 2

Ne segue che il baricentro di D è B 52 , 12 .

1b) L’insieme D è compreso fra la parabola y = x2 e la retta x + y = 2.

c 2018 Politecnico di Torino



4 Applicazioni degli integrali doppi: esercizi svolti

y
n o
Quindi D = (x, y) ∈ R2 : x2 ≤ y ≤ 2 − x, −2 ≤ x ≤ 1 . Cal-
coliamo l’area di D. Ne segue che
Z Z 1 Z 2−x  Z 1 
Area(D) = 1 dx dy = dy dx = 2 − x − x2 dx =
D −2 x2 −2
 1 D
1 1 9
= 2x − x2 − x3 = .
2 3 −2 2
−2 O 1 x

Quindi
Z Z 1 Z 2−x  Z 1
1 2 2 
xB = x dx dy = x dy dx = x 2 − x − x2 dx =
Area(D) D 9 −2 x2 9 −2
 
2 2 1 3 1 4 1
Z 1
2 2 3
 1
=
2x − x − x dx = x − x − x =− ,
−2 9 9 3 4 −2 2
Z 1 Z 2−x  Z 1 
1 2 2−x
Z
1 2 2
yB = y dx dy = y dy dx = y dx =
Area(D) D 9 −2 x2 9 −2 2 x2
 
1 3 1 5 1
Z
1 1 2 4
 1 2 8
= 4 − 4x + x − x dx = 4x − 2x + x − x = .
9 −2 9 3 5 −2 9

Ne segue che il baricentro di D è B − 21 , 89 .
p n o
1c) In questo caso la densità è µ(x, y) = x2 + y 2 . L’insieme D = (x, y) ∈ R2 : x2 + y 2 ≤ 4x
è il cerchio di centro (2, 0) e raggio 2.

Calcoliamo la massa M di D.
Passando in coordinate polari centrate nell’origine si ha che
Z Z p Z
M= µ(x, y) dx dy = 2 2
x + y dx dy = ρ2 dρ dϑ = y
D D D′
n o
dove D ′ = (ρ, ϑ) ∈ R2 : − π2 ≤ ϑ ≤ π2 , 0 ≤ ρ ≤ 4 cos ϑ

Z Z  Z  4 cos ϑ D
π
4 cos ϑ π
2
2 2 1 3
= ρ dρ dϑ = ρ dϑ =
− π2 0 − π2 3 0
b

O 2 4 x
Z π Z π
64 2 64 2 
= cos3 ϑ dϑ = 1 − sin2 ϑ cos ϑ dϑ =
3 − π2 3 − π2
 π
64 1 3
2 256
= sin ϑ − sin ϑ = .
3 3 −π 9
2

Passando in coordinate polari centrate nell’origine si ha che


Z Z p Z
1 9 9
xB = x µ(x, y) dx dy = 2 2
x x + y dx dy = ρ3 cos ϑ dρ dϑ =
M D 256 D 256 D′

c 2018 Politecnico di Torino



Applicazioni degli integrali doppi: esercizi svolti 5

n o
dove D ′ = (ρ, ϑ) ∈ R2 : − π2 ≤ ϑ ≤ π2 , 0 ≤ ρ ≤ 4 cos ϑ

Z π Z 4 cos ϑ  Z π  4 cos ϑ
9 2
3 9 2 1
= ρ cos ϑ dρ dϑ = cos ϑ ρ4 dϑ =
256 − π2 0 256 − π2 4 0

Z π Z π Z π
9 2
5 9 2
2
2 9 2 
= cos ϑ dϑ = 1 − sin ϑ cos ϑ dϑ = 1 − 2 sin2 ϑ + sin4 ϑ cos ϑ dϑ =
4 − π2 4 − π2 4 − π2

 π
9 2 3 1 5
2 12
= sin ϑ − sin ϑ + sin ϑ = .
4 3 5 −π 5
2

Infine, per la simmetria di D e della funzione integranda rispetto all’asse x si ha che

Z Z
1 9 p
yB = y µ(x, y) dx dy = y x2 + y 2 dx dy = 0.
M D 256 D

12

Ne segue che il baricentro di D è B 5 ,0 .

1d) Essendo D omogeneo e simmetrico rispetto all’asse y, l’ascissa del baricentro B è xB = 0.


n o
Calcoliamo l’area di D. Osserviamo che D = (x, y) ∈ R2 : x2 ≤ y ≤ 1, −1 ≤ x ≤ 1 .

y
Si ha che
1
Z Z 1 Z 1 
Area(D) = 1 dx dy = dy dx =
D −1 x2 D
Z 1  1
 1 4
= 1 − x2 dx = x − x3 = .
−1 3 −1 3 −1 O 1 x

Calciamo l’ordinata del baricentro. Si ha che

Z Z 1 Z 1  Z 1  1
1 3 3 1 2
yB = y dx dy = y dy dx = y dx =
Area(D) D 4 −1 x2 4 −1 2 x2

 
1 5 1
Z 1
3 4
 3 3
= 1−x dx = x− x = .
8 −1 8 5 −1 5


Ne segue che il baricentro di D è B 0, 53 .

c 2018 Politecnico di Torino



6 Applicazioni degli integrali doppi: esercizi svolti

n o
1e) L’insieme è D = (x, y) ∈ R2 : x2 + y 2 ≤ 1, y ≥ 0 , che è omogeneo e simmetrico rispetto
all’asse y. Quindi l’ascissa del baricentro B è xB = 0. L’area di D è π2 . Calcoliamo l’ordinata
del baricentro.
Si ha che
Z
1
yB = y dx dy = y
Area(D) D

passando in coordinate polari si ha


Z
2 D
= ρ2 sin ϑ dρ dϑ =
π D′

dove D ′ = [0, 1] × [0, π] −1 O 1 x


Z 1  Z π 
2 2 4
= ρ dρ sin ϑ dϑ =
π 0 0 3π

4

Ne segue che il baricentro di D è B 0, 3π .

Esercizio 2. Ricordiamo che il momento d’inerzia di una piastra D ⊆ R2 di densità µ, dove


µ : D → R è una funzione continua, rispetto ad un asse passante per un punto P è dato da
Z
I= µ(x, y) d2 (x, y) dx dy,
D

dove d(x, y) è la distanza del punto (x, y) ∈ D dal punto P . In particolare, se la densità µ è costante
e uguale a 1, allora Z
I= d2 (x, y) dx dy.
D

2a) Possiamo supporre che il punto P sia (R, 0). La distanza del generico punto (x, y) di D da P
p
è d(x, y) = (x − R)2 + y 2 .

Quindi il momento d’inerzia è y


Z Z
2
  R
I= d (x, y) dx dy = (x − R)2 + y 2 dx dy =
D D (x, y)
b
Z
 D
2 2 2
= x − 2Rx + R + y dx dy = P
b
D
O R x
passando in coordinate polari centrate nell’origine si ottiene
Z

= ρ ρ2 − 2Rρ cos ϑ + R2 dρ dϑ =
D′

dove D ′ = [0, R] × [0, 2π]

c 2018 Politecnico di Torino



Applicazioni degli integrali doppi: esercizi svolti 7

Z 2π Z R 
 3 4
= ρ3 − 2Rρ2 cos ϑ + R2 ρ dρ dϑ = πR .
0 0 2

p
2b) La distanza del generico punto (x, y) di D da P è d(x, y) = x2 + y 2 .

y
Quindi il momento d’inerzia è
Z Z
 b
I= d2 (x, y) dx dy = x2 + y 2 dx dy =
D D (x, y)
D b

passando in coordinate ellittiche centrate nell’origine con


b

semiassi a e b si ottiene P a x

Z

= abρ a2 ρ2 cos2 ϑ + b2 ρ2 sin2 ϑ dρ dϑ =
D′

dove D ′ = [0, 1] × [0, 2π]

Z 1  Z 2π 
3 2 2 2 2

= ab ρ dρ a cos ϑ + b sin ϑ dϑ =
0 0

 2π
1 1 2 1 2 1
= ab a (ϑ + sin ϑ cos ϑ) + b (ϑ − sin ϑ cos ϑ) = ab(a2 + b2 )π.
4 2 2 0 4

2c) Consideriamo il quadrato di vertici (0, 0), (l, 0), (l, l) e (0, l). Prendiamo P nell’origine. La
p
distanza del generico punto (x, y) di D da P è d(x, y) = x2 + y 2 .

y
Quindi il momento d’inerzia è
Z Z
2

I= d (x, y) dx dy = x2 + y 2 dx dy =
D D l
Z l Z l  Z l l
 1 3 (x, y)
= x2 + y 2 dx x + xy 2 dy =
dy = b
D
0 0 0 3 0
Z l   l
1 3 1 3 1 2 b

= l + ly 2 dy = l y + ly 3 = l4 . P l x
0 3 3 3 0 3

2d) Consideriamo il rettangolo di vertici (l, m), (−l, m), (−l, −m) e (l, −m). Evidentemente P
p
coincide con l’origine. La distanza del generico punto (x, y) di D da P è d(x, y) = x2 + y 2 .

c 2018 Politecnico di Torino



8 Applicazioni degli integrali doppi: esercizi svolti

y
Quindi il momento d’inerzia è
m
Z Z
 (x, y)
I= d2 (x, y) dx dy = x2 + y 2
dx dy = b
D
D D
Z m Z l l Z m  b

 1 3 P l x
x2 + y 2 dx x + xy 2
−l
= dy =
dy =
−m −l −m 3 −l
Z m   m
1 3 1 1 4
=2 l + ly 2 dy = 2 l3 y + ly 3 = lm(l2 +m2 ). −m
−m 3 3 3 −m 3

2e) Prendiamo P nell’origine come in figura. 


La distanza del generico punto (x, y) di D da P è
p b b
d(x, y) = x2 + y 2 . Osserviamo che D = (x, y) ∈ R2 : 0 ≤ x ≤ h, − x ≤ y ≤ x .
h h

Quindi il momento d’inerzia è


Z Z
2

I= d (x, y) dx dy = x2 + y 2 dx dy =
D D y

Z Z ! b
h (b/h)x 
2 2
= x +y dy dx =
0 −(b/h)x b D
(x, y)
Z h (b/h)x
1 b

= x2 y + y 3 dx = P h x
0 3 −(b/h)x
Z h 
b 1 b3
=2 + 3
x3 dx = −b
0 h 3 h
    
b 1 b3 1 4 h 1 2 1 2
=2 + x = bh h + b .
h 3 h3 4 0 2 3

p
2f ) La distanza del generico punto (x, y) di D da P è d(x, y) = x2 + y 2 . Osserviamo che
n o
D = (x, y) ∈ R2 : y ≤ x ≤ 2 − y, 0 ≤ y ≤ 1 .

c 2018 Politecnico di Torino



Applicazioni degli integrali doppi: esercizi svolti 9

Quindi il momento d’inerzia è


Z Z

I= d2 (x, y) dx dy = x2 + y 2 dx dy = y
D D
Z 1 Z 2−y 

2 2
= x +y dx dy =
0 y A2
1 b

Z 1 2−y
1 3
= x + xy 2 dy = (x, y)
0 3 y
b

Z 1  D
8 8 A1
= − y 3 + 4y 2 − 4y + dy = b b

0 3 3 P A3 x
 
2 4 4 3 2 8 1 4
= − y + y − 2y + y = .
3 3 3 0 3

p
2g) La distanza del generico punto (x, y) di D da P è d(x, y) = (x − 1)2 + y 2 . Osserviamo che
n o
D = (x, y) ∈ R2 : 0 ≤ x ≤ 1, 0 ≤ y ≤ 1 − x .

Quindi il momento d’inerzia è y


Z Z
 A2 b

I= d2 (x, y) dx dy = (x − 1)2 + y 2 dx dy =
D D
Z 1 Z 1−x 

2 2
= (x − 1) + y dy dx =
0 0 D
Z 1 1−x Z 1
1 4
= (x − 1)2 y + y 3 dx = − (x − 1)3 dx = (x, y)
0 3 0 3 0
b

 1
4 1 1 A1 A3
=− (x − 1)4 = . b b

x
3 4 0 3 P

p
2h) La distanza del generico punto (x, y) di D da P è d(x, y) = x2 + y 2 . Osserviamo che
n o
D = (x, y) ∈ R2 : 0 ≤ x ≤ 1, 0 ≤ y ≤ 1 − x .

c 2018 Politecnico di Torino



10 Applicazioni degli integrali doppi: esercizi svolti

y
Quindi il momento d’inerzia è
Z Z
2

I= d (x, y) dx dy = x2 + y 2 dx dy. D
D D
(x, y)
b

Osserviamo che D = A \ B, dove


b b
n o
P O 1 2 3 x
A = (x, y) ∈ R2 : x2 + y 2 ≤ 9 ,
n o
B = (x, y) ∈ R2 : (x − 1)2 + y 2 < 1 =
n o
= (x, y) ∈ R2 : x2 + y 2 < 2x .

Quindi Z Z Z
2 2
 2 2
 
I= x +y dx dy = x +y dx dy − x2 + y 2 dx dy =
D A B
passando in coordinate polari centrate nell’origine si ottiene
Z Z
= ρ3 dρ dϑ − ρ3 dρ dϑ =
A′ B′
n π πo
dove A′ = [0, 3] × [0, 2π] e B ′ = (x, y) ∈ R2 : 0 ≤ ρ < 2 cos ϑ, − ≤ ϑ ≤
2 2
Z π/2 Z 2 cos ϑ   3 Z π/2  
1 4 2 cos ϑ
Z 3
1
= 2π ρ3 dρ − ρ3 dρ dϑ = 2π ρ4 − ρ dϑ =
0 −π/2 0 4 0 −π/2 4 0
Z π/2 Z π/2
81 4 81
= π−4 cos ϑ dϑ = π−4 (1 − sin2 ϑ) cos2 ϑ dϑ =
2 −π/2 2 −π/2
Z π/2
81
= π−4 (cos2 ϑ − sin2 ϑ cos2 ϑ) dϑ =
2 −π/2
 π/2
81 1 1
= π − 4 (ϑ + sin ϑ cos ϑ) − (2ϑ + sin 2ϑ cos 2ϑ) = 39π.
2 2 16 −π/2

c 2018 Politecnico di Torino



Applicazioni degli integrali doppi: esercizi svolti 11

Esercizio 3. Consideriamo come asse di rotazione la retta x = −R. La distanza del generico
punto (x, y) di D da questo asse è d(x, y) = x + R.
Quindi il momento d’inerzia è
Z Z
2
I= d (x, y) dx dy = (x + R)2 dx dy = y
D D
R
passando in coordinate polari nel piano (x, y)
b b
Z
= ρ(ρ cos ϑ + R)2 dρ dϑ =
b
D′
−R O R x
dove D ′ = [0, R] × [0, 2π] D
Z 2π Z R 

= ρ3 cos2 ϑ + 2Rρ2 cos ϑ + R2 ρ dρ dϑ = asse
0 0
Z R  Z 2π  Z R
3 5 4
= ρ dρ cos ϑ dϑ + 2πR2
2
ρ dρ = πR .
0 0 0 4

p
Esercizio 4. La distanza del generico punto (x, y) di D da O è dO (x, y) = x2 + y 2 , mentre la
p
distanza del generico punto (x, y) di D da C è dC (x, y) = (x − r)2 + y 2
y

Il momento d’inerzia rispetto a O è


D
Z Z

IO = d2O (x, y) dx dy = x2 + y 2 dx dy (x, y)
D D b

mentre quello rispetto a C è b b

O C x
Z Z

Ic = d2C (x, y) dx dy = (x − r)2 + y 2
dx dy.
D D

Si ha che Z Z

d2O (x, y) dx dy =
IO = x2 + y 2 dx dy =
D D
Z Z
 
= (x − r + r)2 + y 2 dx dy = (x − r)2 + 2r(x − r) + r 2 + y 2 dx dy =
D D
Z Z Z
2 2
 2
= (x − r) + y dx dy +r dx dy +2r (x − r) dx dy = Ic + r 2 A,
D D D
| {z } | {z }
IC area di D
Z
essendo (x − r) dx dy = 0.
D

c 2018 Politecnico di Torino

Potrebbero piacerti anche