Sei sulla pagina 1di 57

Liceo Paritario Cattolico

“Madonna della Neve”


Scientifico bilingue – Classico
Via Nigoline 2 – 25030 Adro (BS)
Tel 030.7357307 Fax 030.7450890
www.madonnadellaneve.it

PIANO OFFERTA FORMATIVA

SCIENTIFICO BILINGUE e CLASSICO


Anno scolastico 2008-2009
Liceo Paritario “Madonna della Neve” Piano dell’Offerta Formativa 2008/2009

-1- INDICE

-1- INDICE.................................................................................................................................................................................2

-2- PREMESSA..........................................................................................................................................................................5

-3- STORIA DELL'ISTITUTO “MADONNA DELLA NEVE”..........................................................................................6

-4- DATI DELLA SCUOLA.....................................................................................................................................................7

-5- LETTURA DEL TERRITORIO........................................................................................................................................8

-6- ISTITUZIONE SCOLASTICA..........................................................................................................................................9


6.1- SCEGLIERE IL LICEO..................................................................................................................................................9
6.2- CHE COSA VORREBBERO GLI ALUNNI..................................................................................................................11
6.3- PERCHÉ UNA FAMIGLIA SCEGLIE QUESTA SCUOLA?........................................................................................12
6.4- CINQUE PAROLE CHIAVE .......................................................................................................................................12
6.4.a- FORMAZIONE.....................................................................................................................................................12
6.4.b- AUTONOMIA......................................................................................................................................................13
6.4.c- LABORATORIO...................................................................................................................................................13
6.4.d- PROFESSIONE.....................................................................................................................................................13
6.4.e- TERRITORIO.......................................................................................................................................................13
6.5- IL DIPLOMATO DELL’ISTITUTO MADONNA DELLA NEVE.................................................................................14
6.6- I CURRICOLI...............................................................................................................................................................15
6.6.a- E IL NOSTRO LICEO SCIENTIFICO COSA PROPONE?................................................................................16
6.6.b- E IL NOSTRO LICEO CLASSICO COSA PROPONE?.....................................................................................18
6.7- LA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA.......................................................................................................................19
6.8- LA VALUTAZIONE.......................................................................................................................................................20
6.8.a- CRITERI DI VALUTAZIONE.............................................................................................................................21
6.8.b- ATTRIBUZIONE DEL CREDITO SCOLASTICO.............................................................................................22
6.8.c- PASSAGGIO ALLA CLASSE SUCCESSIVA....................................................................................................23
6.8.d- VOTO DI CONDOTTA .......................................................................................................................................24
6.8.e- L'ALFABETO DELLA VALUTAZIONE............................................................................................................26
6.9- AMPLIAMENTO DELL’OFFERTA FORMATIVA......................................................................................................26
6.10- TUTORING AL SUCCESSO FORMATIVO ..............................................................................................................28
6.10.a- PROGETTO ACCOGLIENZA...........................................................................................................................28
6.10.b- PROGETTO METODO DI STUDIO.................................................................................................................29
6.10.c- PROGETTO ORIENTAMENTO........................................................................................................................30
6.10.d- PROGETTO RECUPERO..................................................................................................................................31
6.11- COLLABORAZIONI...................................................................................................................................................32

-7- PROGETTI EDUCATIVI, DIDATTICI E CULTURALI:


OFFERTA FORMATIVA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA curricolare (obbligatoria) ed extracurricolare
(facoltativa)..............................................................................................................................................................................33
7.1- PROGETTO CAMBRIDGE
English as a Foreign Language...........................................................................................................................................34
7.2- PROGETTO CERVANTES
D.E.L.E Diplomas de Español como Lengua Extranjera....................................................................................................35

2
Liceo Paritario “Madonna della Neve” Piano dell’Offerta Formativa 2008/2009

7.3- PROGETTO COMPUTER GRAFICA..........................................................................................................................36


7.4- PROGETTO CONTINUITÀ D’ISTITUTO
(SCUOLA SECONDARIA I grado - SCUOLA SECONDARIA II grado)............................................................................37
7.5- PROGETTO ECDL (European Computer Driving Licence).......................................................................................38
7.6- PROGETTO OLIMPIADI DI MATEMATICA..............................................................................................................39
7.7- PROGETTO OPEN DAY (una scuola da provare)......................................................................................................40
7.8- PROGETTO ORIENTANDO JUNIOR.........................................................................................................................41
7.9- PROGETTO QUOTIDIANO IN CLASSE.....................................................................................................................42
7.10- PROGETTO STAGE E TERRITORIO........................................................................................................................43

-8- RISORSE DELL’ISTITUZIONE SCOLASTICA.........................................................................................................44


8.1- RISORSE UMANE .......................................................................................................................................................44
8.1.a- Il Padre Direttore ..................................................................................................................................................44
8.1.b- Il Dirigente scolastico ...........................................................................................................................................44
8.1.c- Il Collaboratore vicario .........................................................................................................................................44
8.1.d- I Coordinatori di classe .........................................................................................................................................44
8.1.e- I Docenti ...............................................................................................................................................................44
8.1.f- I Collaboratori amministrativi, di segreteria e personale ausiliario ......................................................................44
8.2- RISORSE STRUTTURALI ............................................................................................................................................45

-9- STATUTO DELLE STUDENTESSE E DEGLI STUDENTI.......................................................................................46


9.1- Art. 1 (Preambolo)........................................................................................................................................................46
9.2- Art. 2 (Diritti)................................................................................................................................................................46
9.3- Art. 3 (Doveri)...............................................................................................................................................................47
9.4- Art. 4 (Impugnazioni)....................................................................................................................................................47
9.5- Art. 5 (Disposizioni finali)............................................................................................................................................47
9.6- Criteri per le nuove norme............................................................................................................................................48

-10- REGOLAMENTO D’ISTITUTO..................................................................................................................................49


10.1- ORARIO DELLE LEZIONI.........................................................................................................................................49
10.2- USO DEGLI SPAZI ...................................................................................................................................................49
10.3- GIUSTIFICAZIONI PER ASSENZE - PERMESSI DI ENTRATA / USCITA FUORI ORARIO ................................49
10.4- NORME COMPORTAMENTALI ...............................................................................................................................50
10.5- ACCESSO ALLA SEGRETERIA ................................................................................................................................50
10.6- USO DELLE FOTOCOPIATRICI .............................................................................................................................50
10.7- ASSEMBLEE STUDENTESCHE ...............................................................................................................................50

-11- COME SI PARTECIPA ALLA VITA DEL LICEO...................................................................................................51


11.1- IL CONSIGLIO DI ISTITUTO ...................................................................................................................................51
11.2- IL COLLEGIO DEI DOCENTI ..................................................................................................................................52
11.3- IL CONSIGLIO DI CLASSE ......................................................................................................................................52
11.4- ASSEMBLEA DI CLASSE ..........................................................................................................................................52
11.5- ASSEMBLEE DI CLASSE DEGLI STUDENTI .........................................................................................................52

3
Liceo Paritario “Madonna della Neve” Piano dell’Offerta Formativa 2008/2009

11.6- ASSEMBLEA DI ISTITUTO ......................................................................................................................................53

-12- PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ.................................................................................................54


12.1- Vita della comunità scolastica....................................................................................................................................54
12.2- Diritti..........................................................................................................................................................................54
12.3- Doveri.........................................................................................................................................................................55
12.4- Disciplina....................................................................................................................................................................55

-13- F.A.Q. - DOMANDE FREQUENTI...............................................................................................................................56

4
-2- PREMESSA

Il Piano dell'Offerta Formativa (POF), previsto dal vigente regolamento dell'autonomia scolastica, è
il documento che costituisce la carta d’identità del Liceo “Madonna della Neve”.
Il POF, previsto dal vigente regolamento dell’autonomia didattica e organizzativa, presenta la
progettazione del curricolo (sia per la quota definita dal Ministero sia per quella definita dalla Scuola
stessa) e delle attività extracurricolari educative ed organizzative.

Il POF è quindi un documento di:


• Identità dell'Istituto che definisce il quadro delle scelte metodologiche e delle finalità educative
e di istruzione della Scuola
• Programmazione delle scelte culturali, formative e didattiche, nel quadro delle finalità del
sistema scolastico nazionale
• Progettazione di attività curricolari ed extra curricolari con progetti che mirino ad ampliare ed
arricchire l'offerta formativa aprendo la comunità scolastica alle famiglie e alle realtà
istituzionali del territorio
• Riferimento che regola la vita interna dell'Istituto ed organizza le proprie risorse di organici,
attrezzature e spazi
• Impegno di cui l'Istituto si fa carico nei riguardi del personale, delle famiglie e del Territorio
• Mediazione tra le prescrizioni a livello nazionale, le risorse della scuola e la realtà locale

Il POF è pertanto un documento espressione di tutte le componenti della comunità educante;


elaborato e arricchito annualmente, è il frutto di un lavoro che vuole rispondere alle domande educative
delle famiglie e degli allievi, nella linea della fedeltà all'ispirazione cattolica e carmelitana dell'Istituto.

5
-3- STORIA DELL'ISTITUTO “MADONNA DELLA NEVE”

Siamo impegnati in un processo educativo che pone al


centro la persona nella sua globalità, attenti all'unità,
unicità, bellezza e dignità dell'essere umano.
“Un solo pensiero dell'uomo vale più di tutto il mondo,
pertanto solo Dio ne è degno”
(S. Giovanni della Croce).

Nel 1984, i Padri carmelitani, in collaborazione con alcuni laici, decidono di dare vita ad Adro ad una
Scuola Media Cattolica, che prende il nome di Madonna della Neve per la vicinanza al Santuario
Carmelitano, centro di devozione mariana noto in tutta la Lombardia.
Nel 1991 nasce il Liceo Scientifico. Il crescente successo della proposta educativa rende necessario, tra
il 1995 e il 1997, l'ampliamento dell'edificio scolastico. In pochi anni le iscrizioni aumentano
sensibilmente: viene così aperta nel settembre del 1999 la seconda sezione del Liceo Scientifico e
nell'anno 2000 nasce il Liceo Classico.
Nel settembre dell'anno scolastico 2001 prende vita la Scuola Primaria e nel 2002 le nuove classi del
primo anno vengono coinvolte nel Progetto nazionale di sperimentazione. Nel corso del 2004 sono
portati a termine i lavori di costruzione di un nuovo edificio destinato ad ospitare i locali della Scuola
Primaria.
Le nostre istituzioni scolastiche fanno parte del S.N.I. (Sistema Nazionale Istruzione) in quanto Scuola
Paritaria.
Attualmente gli alunni dell'Istituto sono 950.

6
-4- DATI DELLA SCUOLA

ORDINE E GRADO DI SCUOLA Scuola secondaria superiore

Liceo Scientifico Madonna della Neve


Scuola paritaria
Via Nigoline 2, 25030 Adro (Brescia)
Tel. 0307357307
Fax. 0307450890
E-mail scientifico@madonnadellaneve.it
Sito internet www.madonnadellaneve.it

DENOMINAZIONE

Liceo Classico Madonna della Neve


Scuola paritaria
Via Nigoline 2, 25030 Adro (Brescia)
Tel. 0307357307
Fax. 0307450890
E-mail classico@madonnadellaneve.it
Sito internet www.madonnadellaneve.it

ALLIEVI 331
CLASSI 15
DATI SULLA SCUOLA INDIRIZZI 2
(Anno Scolastico 2008-2009) DOCENTI 36
UNITA' PERSONALE A.T.A. 7
TECNICI INFORMATICI 1

7
-5- LETTURA DEL TERRITORIO

Il Territorio all'interno del quale si colloca la nostra scuola presenta dei tratti piuttosto definiti e
omogenei.
Si tratta di una delle zone più industriose della provincia di Brescia denominata Franciacorta che si
estende a occidente della città, tra i fiumi Mella e Oglio, che la delimitano a est e a ovest.
A nord è circoscritta dalle colline di
Brione, Polaveno, Monticelli Brusati e
dal lago d'Iseo, mentre a sud si distende
l'alta pianura padana superiore. Tale area
è confinante con la provincia di Bergamo
ed è caratterizzata dalla presenza di
numerosi piccoli centri abitati, tutti in
progressiva espansione per l'afflusso di
nuovi nuclei familiari provenienti dalla
città e dalle province vicine.
L'impegno lavorativo spazia in tutti i
settori della produttività. Sono numerose
le aziende agricole dedite in special modo
alla coltivazione della vite e alla
produzione di vini selezionati. Esistono
numerose imprese artigianali, spesso a
gestione familiare e piccole industrie che
si qualificano per la specializzazione e
l'alta tecnologia del ciclo produttivo, intrattenendo rapporti di lavoro con mercati nazionali ed esteri.
Va incrementandosi lo sviluppo del settore terziario, in particolar modo nelle zone interessate da un
afflusso turistico che si fa sempre più consistente ed esigente.
Non esiste disoccupazione; i giovani hanno concrete possibilità di trovare impiego alla fine del ciclo
di studi.
Emergono inoltre tutti i disagi e i problemi delle società cosiddette avanzate: spreco del tempo
libero, mancanza di relazioni significative, individualismo, eccessiva attenzione alla moda del
superfluo, consumo di droga.
Innumerevoli le risorse ambientali e culturali di cui il territorio dispone. Dal punto di vista naturale
esistono molte possibilità di fruire di luoghi paesaggisticamente apprezzabili: il lago di Iseo, la
Valcamonica, la zona collinare, il Parco delle Torbiere. Dal punto di vista storico-artistico risultano
interessanti i numerosi monasteri e abbazie - tra gli altri San Pietro in Lamosa a Provaglio - e l'abbazia
olivetana di Rodengo Saiano, e la vicina città di Brescia e Bergamo con numerose occasioni di
interesse culturale ed artistico.

8
-6- ISTITUZIONE SCOLASTICA

Il Liceo Madonna della Neve si articola in due indirizzi:


• Liceo Scientifico Bilingue, con potenziamento dell’Area Matematica e Scientifica
• Classico, con curvatura Iconico-Linguistica.
Le attività si svolgono all’interno dell’Istituto Madonna della Neve che attualmente comprende una
Scuola Primaria con due sezioni e una Scuola Secondaria di I Grado con cinque sezioni.
Nello spazio che circonda gli edifici sorgono gli impianti sportivi esterni, il parco e i parcheggi.
La Scuola è facilmente raggiungibile ed è servita due linee pubbliche e una privata che raggiungono i
circa trenta paesi che usufruiscono del nostro Istituto Scolastico.

6.1- SCEGLIERE IL LICEO


“L'uomo, che negli anni successivi mi guidò negli studi,
mi accoglieva calorosamente nel suo appartamento e
quando eravamo seduti alla scrivania mi diceva con la
sua voce gentile: "Sii paziente, David. Il Midrash dice:
‘Gli inizi sono sempre difficili’. Non puoi inghiottire
tutto il mondo in una volta sola”.
(Chaim Potok, In principio)

Di fronte alla ricchezza e alla complessità del percorso liceale, crediamo che lo studente chieda di
essere aiutato ad affrontare e superare alcuni elementi di fragilità, per acquisire un possesso pieno delle
possibilità che gli vengono offerte e per valorizzare le proprie risorse. La nostra esperienza di vita
scolastica ci insegna infatti che, nonostante le attitudini personali e le capacità acquisite, molti studenti
presentano, all'inizio del Liceo, alcune caratteristiche che potrebbero tradursi in difficoltà relazionali o
di apprendimento.
Consapevoli delle differenze individuali, vogliamo curare nella proposta educativa l'attenzione a ciò
che potrebbe ostacolare il percorso di crescita e formazione:

9
• Gli studenti possono apparire intimoriti dalla nuova Scuola, pur avendo
un'immagine positiva di sé per aver superato il traguardo della Scuola
Consapevolezza
Secondaria di primo grado;
di sé
- • possono rivelarsi insicuri e istintivi di fronte a circostanze impreviste;
Strutturazione
• possono avvertire il bisogno di ripetute conferme da parte dell'adulto;
della personalità
• possono manifestare la tendenza a considerare ogni cosa come un diritto,
ottenibile senza sforzo.
• Gli studenti - pur avendo generalmente interiorizzato buoni rapporti con gli
adulti, dai quali ricercano conferma e fiducia - possono spesso limitarsi ad
una responsabilità solo formale;
Rapporti
• possono manifestarsi intimoriti di fronte ai compagni e rivelare problemi di
interpersonali
autostima;
• possono incontrare difficoltà nell'interiorizzazione consapevole di regole e
comportamenti.
• Gli studenti possono interiorizzare procedimenti prevalentemente in modo
meccanico;
• possono avere difficoltà a cogliere analogie e differenze tra situazioni
Possesso delle
condizioni per diverse;
l'apprendimento
• possono manifestare resistenza ad assumere responsabilità e ad affrontare la
fatica;
• possono non aver ancora elaborato un metodo organico di studio.
• Gli studenti possono incontrare difficoltà nella scelta di codici e registri
adeguati a situazioni e destinatari;
Padronanza
degli strumenti • possono rimanere ad un livello superficiale nella comprensione del
per la significato e del valore delle richieste che vengono fatte loro;
comunicazione
- • possono privilegiare il rispetto dei tempi a scapito della qualità della
Abilità produzione;
strumentali
• possono dipendere eccessivamente dall'adulto nella realizzazione dei
compiti scolastici e richiedere continuamente indicazioni operative.

10
6.2- CHE COSA VORREBBERO GLI ALUNNI
Guidare gli studenti in un percorso di crescita e formazione non può prescindere dalla considerazione
di particolari esigenze che progressivamente emergono nei ragazzi.

Come abbiamo potuto notare nel corso della nostra esperienza, gli studenti:

● vorrebbero avere, fin da subito, la chiarezza e la trasparenza delle indicazioni operative, metodo
logiche e di valutazione che i docenti intendono adottare;
● hanno bisogno di essere guidati e confermati nei percorsi didattici proposti perché i timori legati
alle novità non siano d'ostacolo;
● desiderano instaurare rapporti interpersonali leali e basati sulla reciproca fiducia;
● vogliono essere aiutati ad interiorizzare regole e comportamenti in termini di guadagno
formativo;
● desiderano crescere accompagnati da figure autorevoli che possano colmare eventuali
insicurezze;
● vogliono intraprendere percorsi di ricerca e valorizzazione della propria identità.

11
6.3- PERCHÉ UNA FAMIGLIA SCEGLIE QUESTA SCUOLA?
Dai colloqui con genitori ed alunni emergono speranze e motivazioni che possono indurre una famiglia
a scegliere la nostra Scuola:

● Sono fiduciosi in un'attenzione educativa globale;


● desiderano offrire ai propri figli un percorso di studi qualitativamente e
quantitativamente rilevante;
● confidano nella possibilità di trovare un luogo attento, che protegga dai
Genitori pericoli e situazioni preoccupanti (violenza, droga...);
● stimano la Scuola a partire da un'esperienza diretta o indiretta (sono
numerose, infatti, le iscrizioni di fratelli o sorelle di ex-alunni);
● credono nell'importanza e nell’attualità di un'educazione che tenga conto
della dimensione cristiana della persona.
● Sono desiderosi di partecipare ad un progetto educativo che li considera
interlocutori attivi;
● sperano di apprendere un adeguato metodo di studio, che li accompagni
per tutti i cinque anni e li predisponga ad affrontare gli studi universitari;
Alunni ● credono nelle possibilità offerte da un luogo stimolante, che dà
soddisfazione alle loro curiosità intellettuali e al loro desiderio di
sperimentare quanto appreso;
● desiderano condividere con i compagni attività extrascolastiche,
momenti di dialogo e solidarietà tra coetanei.

6.4- CINQUE PAROLE CHIAVE

6.4.a- FORMAZIONE
A scuola non conta soltanto dare informazioni: esse infatti si esauriscono nell'immediato e non
soddisfano pienamente i bisogni dell'adolescente.
Ciò che fa la differenza è la formazione: questi bisogni infatti, grazie all'opera degli educatori, ricevono
una risposta adeguata e la personalità del ragazzo prende compiutamente forma. In particolare, i
percorsi rappresentati dal Liceo Classico e Scientifico, ancorati ad una solida visione cristiana della
realtà, rappresentano una proposta di promozione umana adatta alle persone e alle circostanze.

12
6.4.b- AUTONOMIA
L’autonomia scolastica è introdotta dalla legge Bassanini (59/97 art. 21); essa permette di modulare
il percorso tradizionale di studi dando risposte alle esigenze del territorio. Già da anni il nostro liceo
articola il proprio percorso scolastico, cioè il suo curricolo, facendo interagire le consuete materie di
studio con altri percorsi operativi, integrando scuola ed extrascuola. E' cosi che una scuola autonoma
diventa scuola di progetto e che le diverse componenti (insegnanti, genitori ed alunni) s'impegnano a
definire il profilo del loro liceo.

6.4.c- LABORATORIO
Non si può imparare in modo efficace senza legare la teoria alla pratica, senza passare dalle nozioni
alle loro applicazioni. Per essere interessati e motivati allo studio i ragazzi non si accontentano delle
spiegazioni dell'insegnante: vogliono imparare a fare! Una volta imparato a fare, desiderano continuare
con sistemi e strumenti sempre più aggiornati, alla pari con i loro coetanei europei.
Per questo, le materie di studio prevedono molti momenti operativi e degli spazi attrezzati. Il nostro
liceo è dotato di numerose aule-laboratorio e si propone, in definitiva, come un organico laboratorio di
crescita.

6.4.d- PROFESSIONE
Non è corretto dire che la scuola è finalizzata alla professione, ma è altrettanto insensato pensare ad
una scuola che non tenga conto del futuro professionale dei ragazzi. Per questo il nostro liceo non
prepara ad una singola professione, ma promuove una cultura della professionalità: capacità di
aggiornarsi costantemente, assunzione di responsabilità, consapevolezza del proprio ruolo anche in
interazione con gli altri, attenzione alle nuove tecnologie.
E' a scuola, insomma, che i ragazzi progettano il loro futuro.

6.4.e- TERRITORIO
La nostra Scuola è fortemente radicata nel Territorio: ciò vuol dire amore per il paesaggio e per la
storia, rispetto delle tradizioni culturali ed umane, ma anche attenzione alle innovazioni ed al contesto
socio-economico.
Non dobbiamo però dimenticare che il territorio, per essere pienamente valorizzato, non può
chiudersi all'esterno: il liceo diventa così lo spazio privilegiato in cui la tradizione s'incontra con la
nuova dimensione europea.
In quest’ottica dal 2001 la nostra scuola è diventata Test Center per l'acquisizione della patente
europea del computer: i nostri ragazzi, i loro genitori o chiunque lo desideri possono frequentare corsi e
sostenere gli esami necessari per il conseguimento dell' ECDL (European Computer Driving Licence),
la cui certificazione assegna punteggio in concorsi pubblici e privati.
Sempre dal 2001 gli alunni sono preparati in ore curricolari ad affrontare le Certificazioni europee
Cambridge, Cervantes (PET, FIRST, DELE) per Inglese e Spagnolo.

13
6.5- IL DIPLOMATO DELL’ISTITUTO MADONNA DELLA NEVE
Il percorso educativo del Liceo vuole offrire alla persona, depositaria di un proprio irriducibile
patrimonio culturale, etico e religioso, un’esperienza ricca e significativa di approfondimento della
tradizione cristiano-occidentale e vuole valorizzare competenze quali:

● sapersi porre in un atteggiamento di disponibilità al confronto;


● saper collaborare con gli altri valorizzando le proprie ed altrui competenze;
● saper cercare percorsi di approfondimento e ampliamento dei propri interessi;
● saper valutare il proprio lavoro e quindi promuovere autonomamente la propria formazione in
un'ottica di professionalità;
● saper ricercare e sviluppare le proprie abilità;
● saper sviluppare creatività di fronte ai problemi posti dalla realtà circostante;
● sapersi proporre nella società come soggetti autonomi, consapevoli e attivi;
● sapersi orientare nelle scelte future di percorsi universitari e lavorativi;
● saper costruire un metodo di lavoro congeniale alle proprie capacità e funzionale rispetto ai
risultati da conseguire;
● saper applicare un metodo;
● saper condurre una ricerca sul significato di un testo;
● saper individuare gli elementi significativi in un percorso di ricerca e analisi e custodirli in
memoria;
● saper rintracciare collegamenti tra gli argomenti affrontati, ricercando analogie e differenze;
● saper applicare la teoria ad un esercizio pratico;
● saper affrontare un dibattito, utilizzando argomenti pro e contro una tesi;
● saper formulare ipotesi e, ove possibile, verificarle;
● saper individuare nel passato le radici della modernità;
● saper leggere ed interpretare la realtà contemporanea;
● saper comprendere la dimensione estetica nell'arte e nel pensiero;
● saper utilizzare strumenti e mezzi tecnologici appropriati, sfruttando le risorse disponibili.

14
6.6- I CURRICOLI
Il curricolo è l'architettura degli insegnamenti che, intersecandosi e sviluppandosi nella
progettualità, portano globalmente allo sviluppo di una ricchezza culturale e formativa degli alunni.
La parola curricolo deriva dal latino correre – currus.
Dal verbo correre si ha l’idea del percorso, del processo e dal sostantivo currus, il carro che
permette di traghettare da un luogo ad un altro, da una situazione ad un’altra.
Dunque la descrizione di un percorso che si vuole costruire ed accompagnare.
Il DPR 275/99 assegna alle Istituzioni Scolastiche il compito di determinare il curricolo,
integrando la quota nazionale, con la quota locale, per la quale, le scuole precisano le discipline, le
attività le scelte di flessibilità, garantendo il carattere unitario del sistema di istruzione e valorizzando il
pluralismo culturale e territoriale.
La determinazione del curricolo, deliberato dal Collegio Docenti, tiene conto delle diverse
esigenze formative degli alunni, della necessità di garantire efficaci azioni di continuità ed
orientamento, delle esigenze e delle attese espresse dalle famiglie, dagli Enti Locali, dai contesti
sociali, culturali ed economici del territorio.

15
6.6.a- E IL NOSTRO LICEO SCIENTIFICO COSA PROPONE?
Il nostro Liceo Scientifico unisce ad una impostazione tradizionale, che fornisce una solida
preparazione culturale di alto contenuto formativo, una dimensione innovativa che mira allo sviluppo
dello studente anche in termini di maggiore professionalità e spendibilità nel mondo del lavoro e
universitario.

Gli obiettivi generali di questo corso di studi costituiscono una sintesi organica delle due culture,
quella scientifica (con la sua dimensione umanistica nella storicizzazione e nella riflessione delle
problematiche universali) e quella umanistica (con la sua dimensione scientifica nel linguaggio e nella
metodologia). Esse implicano pertanto:
 un'ampia cultura generale imperniata prevalentemente sulle discipline scientifiche, e
finalizzata alla interpretazione dei fenomeni naturali, umani e artificiali, attraverso l'utilizzo di
tecniche e di linguaggi scientifici.
 un approfondimento delle conoscenze della matematica e delle scienze sperimentali con il
loro metodo di osservazione e di analisi .
 una preparazione orientata verso il proseguimento degli studi universitari, senza escludere la
possibilità di accesso ai corsi di specializzazione post-secondaria e alla attività produttiva

Durata degli studi: 5 anni.


Titolo finale: diploma di superamento dell'Esame di Stato di Liceo Scientifico.
Si può accedere a tutte le Facoltà universitarie e alle Accademie militari.

La legge sull’Autonomia ci dà la possibilità di modificare il monte-ore settimanale. Questa


flessibilità oraria, unita alla proposta che la nostra scuola offre di 32 ore settimanali, ci permette di
proporre:
 un curricolo potenziato in lingua straniera (inglese) attraverso un aumento quantitativo delle
ore curricolari e un miglioramento qualitativo dell'insegnamento basato su una didattica
aggiornata che prevede tra l'altro 1 ora di codocenza alla settimana con un docente
conversatore madrelingua dalla classe prima alla quarta per l'intero anno scolastico,
un'ulteriore ora di fonetica e conversazione con docente conversatore madrelingua in prima
liceo e la preparazione in orario curricolare alle certificazioni internazionali Cambridge (cfr.
Progetti) livelli PET e FCE.
 l’insegnamento di una seconda lingua straniera (spagnolo) nell'ottica di ottenere una
maggiore proiezione in un'Europa plurilingue con possibilità di accedere alle certificazioni
rilasciate dall'istituto Cervantes e riconosciute ovunque a livello europeo (cfr. Progetti)
 l’insegnamento opzionale di informatica al biennio in preparazione agli esami ECDL (di cui la
Scuola è sede riconosciuta) per l'acquisizione della Patente europea del computer (cfr.
Progetti).
 un ampliamento delle ore curricolari di matematica nelle classi seconde e quarte al fine di
potenziare e migliorare competenze specifiche dell’indirizzo e fornire una preparazione
qualitativamente migliore alla prova scritta dell’esame di Stato.

16
 L’introduzione delle Scienze nel primo anno è una sperimentazione in ottica europea,
finalizzata a mantenere una continuità nello studio delle Scienze per l’intero quinquennio, a
dare un’impronta scientifica a questo corsi di studi e a fornire agli allievi gli strumenti e le
conoscenze di base, necessarie ad affrontare con l’adeguata preparazione le singole discipline
scientifiche, nei successivi anni di studio. Nella nostra Scuola abbiamo così voluto nel biennio
un approccio laboratoriale: infatti il supporto dell’esperienza pratica alla lezione teorica rende
gli alunni protagonisti del proprio percorso e del successo formativo, aiutando l’acquisizione di
un metodo di studio sempre più proficuo.
 un curricolo potenziato di arte e disegno con l’introduzione della computer grafica per
completare la preparazione artistico-tecnica degli studenti.
 un ampliamento dell’insegnamento della fisica di un’ora settimanale nelle classi terze per
valorizzare maggiormente la caratterizzazione scientifica del liceo e poter approfondire il
programma di fisica del terzo anno, i cui contenuti sono parte rilevante di esami di fisica in
molte facoltà scientifiche.

Il prospetto completo del curricolo proposto dal nostro Liceo Scientifico è il seguente:

1^ 2^ 3^ 4^ 5^
Italiano 4 4 4 3 4
Latino 3 4 3 3 3
Storia 3 2 2 2 3
Geografia 2 - - - -
Filosofia - - 2 3 3
Disegno e Arte 2 3 2 2 2
Matematica 5 5 3 4 3
Fisica - - 3 3 3
Scienze 2 2 3 3 2
Inglese 3 *
4 *
4 *
4 *
4*
Spagnolo 3* 3* 3* 2 2
Ed. Fisica 2 2 2 2 2
Religione 1 1 1 1 1
Opzionalità ** 2 2 - - -

TOTALE 32 32 32 32 32

Note esplicative:

*: ore di cui una in codocenza con docente conversatore madrelingua


**: le opzionalità per l’anno scolastico 2008-09 sono:
• in Prima: ECDL – ICONICO – VOLLEY (F) – RUGBY (M)
• in Seconda: ECDL – LABORATORIO DI SCIENZE

17
6.6.b- E IL NOSTRO LICEO CLASSICO COSA PROPONE?
Il nostro Liceo Classico si inserisce nella tradizione culturale europea, le cui radici affondano
nella cultura greca e latina, puntando ad un profondo rinnovamento in armonia con le esigenze poste
dalla modernità, nell'ottica di uno sviluppo della persona in termini di professionalità. Perciò esso
attribuisce particolare attenzione alle materie umanistiche, con la loro dimensione scientifica nel
linguaggio e nella metodologia, ma concede ampio spazio anche ai linguaggi del mondo moderno come
quello iconico dell'arte, quello informatico e l'inglese.

La formazione culturale di tipo classico implica:


 un'ampia cultura generale imperniata prevalentemente sulle discipline umanistiche,finalizzata
alla comprensione e interpretazione delle radici culturali del mondo contemporaneo
 un approfondimento delle conoscenze delle culture classiche, condotto con rigore critico,
finalizzato anche all'assimilazione di un metodo di analisi e di sintesi nella ricerca di
soluzioni
 una preparazione orientata verso il proseguimento degli studi universitari, senza escludere la
possibilità di accesso ai corsi di specializzazione post-secondaria e alla attività produttiva.

Durata degli studi: 5 anni.


Titolo finale: diploma di superamento dell'Esame di Stato di Liceo Classico.
Si può accedere a tutte le Facoltà universitarie e alle Accademie militari.
La legge sull'autonomia ci offre la possibilità di modificare il monte-ore settimanale. Questa flessibilità
oraria unita alla proposta di 32 ore settimanali per tutte le classi ci permette di proporre:
 un curricolo potenziato in Storia dell'Arte, attraverso un aumento quantitativo delle ore
curricolari
 l'insegnamento opzionale di Informatica al biennio in preparazione agli esami ECDL (di cui la
Scuola è sede riconosciuta) per l'acquisizione della Patente europea del computer (cfr.
Progetti)
 l'apprendimento per tutto il corso di studi della Lingua Inglese, venendo incontro ad
un'esigenza irrinunciabile della società contemporanea; gli alunni, utilizzando i laboratori e
usufruendo delle competenze di un docente conversatore madrelingua, si preparano inoltre in
orario curricolare alle certificazioni internazionali Cambridge (cfr. Progetti), livelli PET e
FCE.
 Un curricolo ampliato di storia in IV ginnasio per migliorare lo studio della storia greco-
romana che è parte caratterizzante dell’indirizzo.
 Un curricolo potenziato di matematica nella classe IV ginnasio per poter fornire solide basi in
questa disciplina.

Nel biennio (IV e V ginnasio) gli insegnamenti di italiano, latino, greco, storia e geografia, che
nell'organizzazione tradizionale sono assegnati ad un unico insegnante, sono invece affidati a più
docenti al fine di valorizzarne le specifiche competenze e favorire momenti di collaborazione.

18
Il prospetto completo del curricolo proposto dal nostro Liceo Classico è il seguente:

IV ginnasio V ginnasio I liceo II liceo III liceo


Italiano 4 4 4
6 6
Geografia - - -
Latino 5 5 4 4 4
Greco 4 4 3 3 3
Storia 3 3 3 3 3
Filosofia - - 3 3 3
Inglese 4* 4* 3* 3* 3*
Matematica 3 3 3 2 2
Fisica - - - 2 3
Scienze - - 4 3 2
Arte 2 2 2 2 2
Ed. Fisica 2 2 2 2 2
Religione 1 1 1 1 1
Opzionalità ** 2 2 - - -

TOTALE 32 32 32 32 32

Note esplicative:

*: ore di cui una in codocenza con docente conversatore madrelingua


**: le opzionalità per l’anno scolastico 2008-09 sono:
• In IV ginnasio: ECDL – ICONICO – VOLLEY (F) – RUGBY (M)
• In V ginnasio: ECDL – ICONICO

6.7- LA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA


La programmazione annuale degli insegnamenti viene prodotta in modo complementare ed organico
dal Collegio dei Docenti, dalle Aree disciplinari, dai Consigli di Classe e dai singoli Docenti.
La programmazione esplicita finalità generali, obbiettivi specifici sotto forma di competenze da
raggiungere, contenuti programmatici, modi e tempi delle verifiche e i criteri di valutazione, oltre alle
modalità di sostegno, recupero e potenziamento.

19
6.8- LA VALUTAZIONE
La valutazione è il momento in cui il percorso didattico definisce in modo visibile il proprio valore.
E’ messo al centro l’apprendimento da parte dello studente, non è un momento isolato e fiscale, ma un
processo sotto il segno della continuità controllata via via nel tempo e sistematicamente confrontata con
le acquisizioni precedenti, con l’efficacia degli interventi predisposti e con il raggiungimento o meno
dei traguardi assegnati.
A chi serve?
 AGLI STUDENTI: perché chiarisce loro il livello di preparazione raggiunto
 ALLA FAMIGLIA: perché può conoscere e seguire i progressi del percorso formativo
dell'alunno
 ALLA SCUOLA: per verificare la propria adeguatezza ai bisogni degli studenti e quindi
mettere in atto le strategie per migliorare le proprie proposte
E' quindi in questo momento fondante che il patto formativo alunni-genitori-insegnanti viene
fortemente valorizzato.
La scuola è garante di trasparenza rispetto ai criteri di valutazione e riservatezza rispetto ai progressi
dei singoli.
Per favorire un contatto costante tra famiglia ed insegnanti, dall'anno scolastico 2000/2001 è stata
offerta la possibilità di consultare via internet, attraverso il nostro sito, il quadro completo delle
valutazioni conseguite dagli studenti nelle singole discipline. Ogni genitore che desidera fruire di
questo servizio riceve una password a garanzia della riservatezza di questi dati.
La valutazione è di tipo :
 SETTORIALE, relativa a singole conoscenze
 FORMATIVA, mirante al recupero delle carenze attraverso l'analisi dell’errore, l’errata
applicazione della norma e la non conoscenza della norma stessa
 SOMMATIVA, funzionale alla valutazione finale della preparazione dello studente
Inoltre i colloqui settimanali e quelli generali quadrimestrali consentono un monitoraggio dei processi
di apprendimento dello studente.
Il Coordinatore di classe dopo i Consigli di classe informerà, in caso di necessità, le famiglie del
profitto e del comportamento del singolo alunno, evidenziando eventuali carenze, segnalando le
strategie più idonee volte all’ottimizzazione del processo formativo dello studente e l’eventuale
necessità della partecipazione alle attività di recupero.

Il Collegio dei Docenti del Liceo Madonna della Neve riguardo al numero minimo delle valutazioni ha
deliberato per quadrimestre:
 tre valutazioni scritte (se previste) per ogni disciplina e per ogni alunno;
 una valutazione orale per ogni disciplina;
 prove anche scritte per le discipline che non prevedono lo scritto, “purché non
sostitutive, ma integrative” di quella orale; ciò anche per avviare i ragazzi alla
pratica della futura terza prova d’esame di Stato, di cui alla L. 425/97;

20
 la correzione degli elaborati deve avvenire entro 15 giorni, accompagnata da una
griglia di valutazione in ordine alle conoscenze, competenze e capacità; gli
elaborati saranno offerti in visione agli interessati e alle famiglie;
 gli elaborati saranno sempre corretti dal docente, solo in caso di prove brevi (es:
15 min), e di tipo lessicale, verbale, di calcolo, oppure questionari “a crocette”
possono essere autovalutate dagli alunni ed in seguito viste dal Docente per la
valutazione finale;
 le interrogazioni (oltre le prove orali) saranno numerose e coinvolgeranno tutta
la classe, con un discorso coordinato e organico, serviranno anche da recupero in
itinere e, a giudizio del docente, saranno accompagnate da un giudizio di merito
(voto);
 si introdurranno gradualmente interrogazioni e prove di tipo multidisciplinare e
pluridisciplinare, oggettive, strutturate;
 la valutazione sarà espressa in voti da 1 a 10, senza decimali, registrata durante la
lezione e comunicata agli alunni che hanno il diritto di essere valutati con
trasparenza e comunicata ai genitori tramite il servizio voti on line offerto dalla
Scuola;
 la valutazione sommativa utilizzerà l’intera gamma decimale, si terrà conto della
situazione di ciascun alunno e del livello medio della classe, della capacità,
dell’impegno, della partecipazione e dell’interesse, del profitto, del rendimento e
del metodo di studio; del tipo di approccio didattico, dei ritmi e degli stili
cognitivi, degli aspetti affettivo-relazionali, delle conoscenze, delle capacità,
delle abilità e delle competenze acquisite;
 gli elaborati saranno consegnati agli alunni per essere visionati e firmati dai
genitori;
 durante le verifiche i dispositivi elettronici (cellulari, palmari, lettori mp3, i-
phone, i-pod…) dovranno essere spenti e custoditi nello zaino;
 L’utilizzo di sussidi (libri, fotocopie, riassunti, mappe, schemi, altro) non
autorizzato dal Docente equivale al rifiuto alla valutazione.

6.8.a- CRITERI DI VALUTAZIONE


I criteri di valutazione vengono declinati a livello europeo in termini di:
 CONOSCENZE: nozioni che lo studente apprende nei diversi campi del sapere (lo studente
impara a sapere) – possesso dei contenuti della disciplina
 ABILITA’: modi in cui dette nozioni diventano metodi di lavoro ( lo studente impara a fare)
– abilità espressive, di metodo e operative
 COMPETENZE: possibilità di spendere tali abilità nella quotidianità, anche in ambiti
extrascolastici (lo studente impara ad essere e ad interagire) – risorse attitudinali

21
La seguente griglia, spiegata e condivisa con gli alunni all’inizio dell’attività scolastica,
indica schematicamente i criteri di valutazione in base alle conoscenze, competenze e capacità

Valutazione Giudizio
Conoscenze Abilità Competenze
numerica sintetico
Esposizione esauriente e critica; piena
Approfondite, Critiche e creative,
padronanza dei registri linguistici
10 Eccellente integrate da ricerche con confronti
Impostazione del lavoro pienamente
e apporti personali interdisciplinari
autonoma, personale, efficace
Esposizione corretta, linguaggio specifico
Approfondite e chiarezza lessicale; comprensione Critiche e valutative,
9 Ottimo e con rielaborazioni completa di testi e documenti collegamenti
personali Originalità nell’applicazione di quanto interdisciplinari
appreso
Esposizione corretta e fluida; linguaggio Critiche e di sintesi,
Complete, puntuali e specifico appropriato collegamenti
8 Buono
consapevoli Impostazione del lavoro e applicazione nell’ambito della
precisa e personale disciplina
Esposizione corretta e fluida; utilizzo
pressoché costante del linguaggio Complete di analisi
Complete,
7 Discreto specifico e sintesi, ma solo
comprensione sicura
Impostazione del lavoro e applicazione parzialmente autonome
puntuale
Esposizione chiara e sufficientemente
Complete ma non
Adeguate fluida; linguaggio corretto anche se non
6 Sufficiente approfondite di analisi;
e pressoché complete sempre specifico
adeguate di sintesi
Impostazione di lavoro corretta
Esposizione incerta con frequenti
ripetizioni ed errori; linguaggio non
Elaborazione personale
Superficiali sempre specifico
5 Insufficiente limitata e non del tutto
e non complete Difficoltà di impostazione del lavoro e
corretta
lievi errori di applicazione anche per
semplici esercizi
Esposizione stentata, con improprietà e
gravi errori linguistici; utilizzo
Gravemente inadeguato del lessico specifico
4 Superficiali e lacunose Analitiche elementari
Insufficiente Gravi errori di impostazione del lavoro e
difficoltà marcate nell’applicazione di
quanto appreso
Mancanza di
Mnemoniche,
Totalmente Esposizione disordinata e confusa; comprensione delle
3 molto frammentarie
Insufficiente linguaggio molto scorretto richieste e degli
e assai lacunose
argomenti svolti
Totalmente Mancanza assoluta
2 Non emergono Non emergono
Insufficiente di preparazione
Totalmente Rifiuto di sottoporsi
1 Nulle Nulle
Insufficiente a verifica

6.8.b- ATTRIBUZIONE DEL CREDITO SCOLASTICO


Il Credito scolastico concorre a determinare il voto finale dell’Esame di Stato; è un patrimonio che ogni
studente costruisce ed accumula durante gli ultimi tre anni di studi e contribuisce fino ad un massimo di
25 punti su 100 a determinare il punteggio finale.
I crediti scolastici vengono attribuiti dai rispettivi Consigli di classe al termine dello stesso in base alla
seguente tabella:

22
TABELLA A
(sostituisce la tabella prevista dall'articolo 11, comma 2 del D.P.R. 23 luglio 1998, n. 323)

CREDITO SCOLASTICO

Media dei voti Credito scolastico (Punti)


I anno II anno III anno
M=6 3-4 3-4 4-5
6<M≤7 4-5 4-5 5-6
7<M≤8 5-6 5-6 6-7
8 < M ≤ 10 6-8 6-8 7-9

NOTA - M rappresenta la media dei voti conseguiti in sede di scrutinio finale di ciascun anno scolastico. Il credito scolastico, da attribuire
nell'ambito delle bande di oscillazione indicate dalla precedente tabella, va espresso in numero intero e deve tenere in considerazione,
oltre la media M dei voti, anche l'assiduità della frequenza scolastica, l'interesse e l'impegno nella partecipazione al dialogo educativo e
alle attività complementari ed integrative ed eventuali crediti formativi.

• Il secondo punto della fascia si attribuisce agli alunni che soddisfino almeno tre dei seguenti
requisiti:
− Frequenza assidua; il requisito si considera soddisfatto per un numero complessivo di
ore d’assenza inferiore a 50 per gli studenti dei licei. Oltre il suddetto limite il Consiglio
di Classe si riserva la facoltà di attribuire o meno il requisito della frequenza assidua
anche in relazione a particolari patologie o situazioni famigliari.
− Impegno e partecipazione all’attività didattica (valutati dai Consigli di Classe)
− Partecipazione certificata ad attività complementari ed integrative organizzate
dall’Istituto svolte con impegno e interesse.
− Partecipazione certificata a esperienze culturali, sportive, di volontariato o di
lavoro esterne all’Istituto qualificate e coerenti con gli obiettivi educativi e cognitivi
del corso di studi.
• Agli studenti dell’ultimo anno di corso che abbiano conseguito una media dei voti compresa tra
otto e dieci, il valore intermedio nell’ambito della banda di oscillazione in cui la media cade se
essa è compresa tra 8 e 8,4; se la media è maggiore o uguale a 8,4 il valore massimo
nell’ambito della banda di oscillazione in cui la media cade.
• Fermo restando il massimo dei 25 punti complessivamente attribuibili il Consiglio di Classe,
nello scrutinio finale dell’ultimo anno, può motivatamente integrare il punteggio complessivo
conseguito dall’alunno in considerazione del particolare impegno e merito scolastico dimostrati
nel recupero di situazioni di svantaggio presentatesi negli anni precedenti in relazione a
situazioni famigliari o personali purché oggettivamente rilevanti e idoneamente documentate.

6.8.c- PASSAGGIO ALLA CLASSE SUCCESSIVA


Premesso che la valutazione finale:
- consiste nella verifica in positivo della maturazione degli alunni e dei progressi avvenuti
nell’acquisizione di conoscenze, capacità e competenze;
- esclude la definizione e l’applicazione meccanica di criteri meramente quantitativi;

il Collegio docenti dei Licei “Madonna della Neve”, delibera i criteri e parametri di valutazione che
seguono:
1. la promozione per merito degli alunni che risultino sufficienti in tutte le materie e quindi
possiedano i requisiti intesi come conoscenze, competenze e capacità, tali da consentirgli una
23
positiva frequenza della classe successiva raggiungendo così gli obiettivi minimi disciplinari
definiti dal Consiglio di classe;
2. la “sospensione del giudizio” nello scrutinio finale in attesa di valutazione successiva al
percorso di recupero estivo proposto dal Consiglio di classe, per quegli alunni che al termine
dell’anno scolastico non hanno raggiunto pienamente gli obiettivi minimi in una o più
discipline, ma che nel corso dell’anno hanno partecipato attivamente ai percorsi di sostegno e
recupero proposti;
3. per gli alunni delle classi prime il Consiglio di classe porrà particolare attenzione alla possibilità
di una maturazione delle capacità ed al conseguente recupero delle lacune nell’arco del biennio;
4. la non promozione, in presenza di insufficienze nelle conoscenze, capacità e competenza
necessarie per affrontare la classe successiva in modo proficuo; carenze non recuperabili in
tempi brevi né in modo autonomo da parte dell’alunno, né mediante appositi interventi didattici
integrativi.

6.8.d- VOTO DI CONDOTTA


In data 01/09/2008 il Consiglio dei Ministri ha approvato il D.L. n. 137 che introduce il voto di
condotta come indicatore del progresso comportamentale, culturale e di partecipazione attiva e
consapevole alla vita scolastica, con ripercussioni sulla valutazione globale degli studenti e quindi
anche sulla promozione.
Il decreto stabilisce che:
• Il comportamento che deve essere valutato in sede di scrutinio intermedio e finale è quello
tenuto dallo studente “durante tutto il periodo di permanenza nella sede scolastica anche in
relazione alla partecipazione alle attività e agli interventi educativi realizzati dalle istituzioni
scolastiche anche fuori dalla loro sede”;
• La valutazione di tale comportamento deve essere espressa in decimi;
• Il voto di condotta attribuito dal Consiglio di Classe concorre alla valutazione formativa e
intende valorizzare gli studenti che con il loro comportamento complessivo hanno dimostrato
di partecipare in modo consapevole alla vita scolastica;
• Il voto di condotta insufficiente (inferiore a sei decimi), determina la non ammissione alla
classe successiva o all’Esame di Stato

I parametri per l’assegnazione del voto di condotta deliberati nel Collegio Docenti del 27/11/2008
saranno presi in considerazione da ogni Consiglio di Classe e sono i seguenti:
1. frequenza delle lezioni: lo studente deve essere consapevole dell’obbligo di frequenza e della
necessità di rispettare gli orari; è necessario usufruire di pochi ritardi e uscite anticipate; non si
devono fare assenze strategiche;
2. partecipazione al dialogo educativo:
3. impegno nello svolgimento dei compiti assegnati in classe e a casa (i compiti devono
essere svolti con regolarità rispettando le consegne; è necessario portare il materiale per
le lezioni e le esercitazioni; non sottrarsi alle verifiche e alle valutazioni)
4. rispetto degli impegni scolastici e della vita della Scuola ( partecipare con impegno e in
modo costruttivo a tutte le attività didattiche ed educative come progetti, interventi di
esperti, viaggi di istruzione, attività caratterizzanti di Istituto)
5. rapporti con i docenti, i compagni e qualsiasi persona (stabilire rapporti personali
corretti, collaborare nei lavori di gruppo, saper interagire nel gruppo)
6. rispetto del Regolamento d’Istituto

24
Per l’assegnazione del 9 / 10 sono necessari almeno 4 indicatori;
Per l’assegnazione dell’8 / 7 / 6 / 5 sono sufficienti 3 indicatori fatto salvo i punti vincolanti (sempre il
6°) relativi al 7 / 6 / 5 che implica necessariamente l’attribuzione del voto della fascia corrispondente

Voto Indicatori
1. Frequenza assidua
2. Partecipazione attiva al dialogo educativo
3. Impegno soddisfacente in classe e a casa
10
4. Preciso rispetto degli impegni scolastici
5. Rapporti costruttivi e collaborativi con i compagni e i docenti
6. Rispetto del Regolamento.
1. Frequenza assidua
2. Buona partecipazione al dialogo educativo
3. Impegno adeguato in classe e a casa
9
4. Occasionali inadempienze rispetto alle scadenze
5. Rapporti corretti e collaborativi con i compagni e i docenti
6. Rispetto del Regolamento.
1. Frequenza regolare senza assenze ingiustificate
2. Partecipazione discontinua e/o settoriale al dialogo educativo
3. Discontinuo impegno in classe e/o a casa
4. Osservanza non regolare delle norme relative alla vita scolastica (mancanza di
8 puntualità, più assenze in occasione di verifiche programmate, scarsa
partecipazione / disturbo ai momenti caratterizzanti la vita della Scuola)
5. Rapporti generalmente corretti con i compagni e i docenti
6. Fino a due tra richiami orali o un ammonimento scritto della Preside / Direttore per
il mancato rispetto del Regolamento.
1. Frequenza regolare con episodi di assenze ingiustificate
2. Partecipazione scarsa e di disturbo
3. Limitato impegno sia in classe che a casa
4. Disinteresse per le norme relative alla vita scolastica (mancanza di puntualità, più
7
assenze in occasione di verifiche programmate, scarsa partecipazione / disturbo ai
momenti caratterizzanti la vita della Scuola)
5. Rapporti generalmente scorretti con i compagni e/o docenti
6. Due o più ammonimenti scritti della Preside / Direttore. (VINCOLANTE)
1. Frequenza discontinua con ripetute assenze ingiustificate
2. Partecipazione discontinua e/o settoriale al dialogo educativo o con frequente
disturbo delle lezioni
3. Impegno scarso
6 4. Disinteresse per le norme relative alla vita scolastica (mancanza di puntualità, più
assenze in occasione di verifiche programmate, scarsa partecipazione / disturbo ai
momenti caratterizzanti la vita della Scuola)
5. Funzione generalmente negativa nel gruppo classe
6. Sanzione disciplinare con allontanamento dalle lezioni. (VINCOLANTE)

25
1. Frequenza discontinua con ripetute assenze ingiustificate
2. Partecipazione molto scarsa e di continuo disturbo al dialogo educativo
3. Impegno molto scarso
4. Scarsa capacità di autocontrollo
5
5. Funzione totalmente negativa nel gruppo classe
6. Ripetute sanzioni disciplinari scritte con allontanamento dalla Comunità Scolastica
o con l’esclusione dallo scrutinio finale o la non ammissione all’esame di Stato.
(VINCOLANTE)

Questa tabella approvata dal Collegio è ovviamente soggetta a variazioni conseguenti ad eventuali
modifiche/integrazioni della vigente normativa

6.8.e- L'ALFABETO DELLA VALUTAZIONE


Apprendimento: capacità di acquisire informazioni, di interiorizzarle, elaborarle e riferirle
all'esperienza.

Comportamento: disposizione alla collaborazione, ad accettare gli insegnamenti ed eseguire le


direttive.

Comprensione: capacità di cogliere con pertinenza le richieste dell'insegnante, le indicazioni di un


qualsiasi testo, i significati di un'esperienza laboratoriale.

Credito scolastico: patrimonio di punti che ogni studente costruisce durante gli ultimi tre anni di corso
e che contribuisce a determinare il punteggio finale dell'esame di stato.

Metodo di studio: è un'abilità che non s'insegna ma s'impara. E' lo strumento individuale, basato su
diverse tecniche di apprendimento, che consente un approccio adeguato alle discipline.

Motivazione: interessi, capacità di iniziative, impegno di applicazione allo studio ed al lavoro.

Profitto: risultati conseguiti concretamente nelle singole discipline.

Recupero: strategie messe in atto sotto la guida dell'insegnante per colmare lacune nella conoscenza ed
attivare competenze metodologiche nei casi in cui si siano verificati insuccessi nel
percorso formativo.

Verifica: prova scritta o orale volta a misurare le conoscenze, le competenze e le capacità.

Tipologie di verifica: La verifica scritta può essere strutturata o semistrutturata e prevedere tipologie
diverse quali la trattazione sintetica di argomenti, quesiti a risposta singola o multipla,
composizioni libere o guidate.

6.9- AMPLIAMENTO DELL’OFFERTA FORMATIVA


Attività didattiche: poiché il nostro bacino d’utenza si estende ad un Territorio di oltre 30 paesi da più
anni il Collegio Docenti ha deliberato all’unanimità ampliamenti dell’offerta formativa volti ad
approfondire alcune discipline curricolari.

26
Infatti tutti i nostri alunni all’atto dell’iscrizione optano per l’ampliamento dell’offerta formativa (oltre
alla significatività e alla qualità dell’esperienza didattica non indifferente importanza è il trasporto
effettuato da 12 linee pubbliche che vincola l’orario scuola per tutti i 950 alunni dell’istituto); i risultati,
dopo anni di esperienza, sono lusinghieri soprattutto nell’ottica dell’orientamento universitario e nel
relativo successo formativo.

− Viaggi d’istruzione in città italiane ed estere


− Scambi culturali con scuole estere
Attività − Visite guidate a mostre e iniziative artistico-storiche e scientifiche
culturali − Partecipazione a spettacoli teatrali e cinematografici
− Partecipazione a conferenze in campo umanistico e scientifico
− Stage
− Interventi di esperti su problematiche:
Educazione
− prevenzione delle dipendenze
alla
− educazione alla sessualità e affettività
Salute
− educazione al volontariato
− Partecipazione a concorsi
Attività
− Gare matematiche
competitive
− Gare sportive
− PET
Certificazioni − FIRST
Europee − DELE
− ECDL

27
6.10- TUTORING AL SUCCESSO FORMATIVO
Sono 4 i percorsi progettuali d’Istituto che aiutano le fasi formative degli alunni nel quinquennio:

6.10.a- PROGETTO ACCOGLIENZA


N. Indicazione Descrizione
Risulta evidente che l'impatto con un nuovo ambiente richieda
necessariamente un periodo di accompagnamento e di introduzione
Premessa alla nuova realtà in cui si verrà inseriti e che diverrà luogo di lavoro
1 e e di crescita. Il progetto si propone, quindi, in un clima di continuità
motivazione educativa, di favorire il passaggio al ciclo superiore, nell'ottica di
una promozione completa della persona e di un suo graduale
inserimento in una nuova realtà.
Socializzazione del gruppo.
Conoscenza dell'organizzazione scolastica (patto formativo coi
2 Finalità
docenti, il POF).
Condivisione e interiorizzazione delle regole.
Presentazione della scuola, della storia e della spiritualità del
Carmelo, del POF e del patto formativo.
Presentazione del regolamento della scuola.
Proposte cinematografiche: riflessione e rielaborazione.
Contenuti
Spazi di socializzazione.
3 e
Presenza di docenti disciplinari con competenze specifiche.
metodologia
Interventi trasversali.
Interventi individualizzati.
Lavori di gruppo.
Uso di metodologie didattiche
Responsabili del progetto e coordinatori dell'iniziativa sono le
Coordinatore prof.ssa Spatola, con il compito di organizzare, monitorare e
del valutare l'efficacia e la ricaduta del progetto. Docenti collaboratori
4
progetto presenti: gli insegnanti della quarta ginnasio e delle classi prime del
liceo scientifico.
Docenti / Formatori /
5 Docenti disciplinari dei consigli di classe.
Collaboratori
Alunni della quarta ginnasio e delle classi prime del liceo
6 Destinatari
scientifico.
Aule scolastiche, aula magna, area circostante, il santuario e tutta la
7 Luoghi e strumenti
strumentazione in possesso della scuola.
8 Tempi Prime due settimane di scuola.

28
6.10.b- PROGETTO METODO DI STUDIO

N. Indicazione Descrizione
Risulta evidente che l'impatto con un nuovo ambiente
richieda necessariamente un periodo di accompagnamento
e di introduzione alla nuova realtà in cui si verrà inseriti e
Premessa che diverrà luogo di lavoro e di crescita per diversi anni. Il
1 e progetto si propone, quindi, in un clima di continuità
motivazione educativa, di favorire il passaggio al metodo di studio
necessario per affrontare il ciclo di scuola superiore,
nell'ottica di una promozione completa della persona e di
un suo graduale inserimento in una nuova realtà didattica.
Approccio ad un adeguato metodo di studio e alle nuove
2 Finalità
modalità didattiche degli insegnanti.
Progetto dopo – scuola intensivo: attività preposte a
fornire, potenziare e consolidare le competenze per un
efficace metodo di studio.
Contenuti Presenza di docenti disciplinari con competenze
e specifiche.
3
metodologia Interventi trasversali.
Interventi individualizzati.
Lavori di gruppo.
Uso di metodologie didattiche.
Responsabile del progetto e coordinatrice dell'iniziativa è
Coordinatore la prof.ssa Moederle, con il compito di organizzare,
4 del monitorare e valutare l'efficacia e la ricaduta del progetto.
progetto Docenti collaboratori presenti: gli insegnanti della IV
ginnasio e delle classi prime del liceo scientifico.
5 Docenti/Formatori/Collaboratori Docenti disciplinari dei consigli di classe.
Alunni della IV ginnasio e delle classi prime del liceo
Destinatari
6 scientifico.
Aule scolastiche, aula magna, area circostante il santuario
7 Luoghi e strumenti
e tutta la strumentazione in possesso della scuola.
8 Tempi Fine settembre-ottobre

29
6.10.c- PROGETTO ORIENTAMENTO
N. Indicazioni Descrizione
Il liceo scientifico permette di accedere a tutte le facoltà
Premessa
universitarie. Si rende necessario, perciò, guidare gli alunni ad
1 e
una scelta consapevole che sia il frutto di un giudizio sereno
motivazione
sulle proprie potenzialità, limiti, capacità, attitudini.
Acquisire la capacità di progettare autonomamente nel tempo
la propria scelta professionale e il proprio percorso formativo.
Acquisire l'abitudine al giudizio sereno delle proprie
potenzialità, limiti e capacità.
2 Finalità Raggiungere la consapevolezza della necessità di un forte
impegno per la realizzazione degli scopi desiderati.
Appurare le proprie attitudini logiche;
Sondare le proprie risorse motivazionali;
Verificare l'efficacia del proprio metodo di studio.
Per gli allievi dell’ultimo anno viene organizzata la visita ad
Orientando, manifestazione nella quale le varie facoltà
universitarie e le agenzie formative del territorio presentano il
loro curricolo formativo. Per gli stessi alunni è prevista la
somministrazione del test di orientamento Magellano
commissionato dall'Università degli Studi di Brescia e
Contenuti
predisposto da agenzie specializzate, la cui esecuzione si terrà
3 e
nei laboratori di informatica di questo Liceo. In base ai
metodologia
risultati per ogni alunno viene stilato un profilo personalizzato
che suggerisce allo studente la facoltà universitaria ed il
percorso formativo a lui più indicati. Sempre organizzate
dall’Università di Brescia, sono anche previste visite guidate
all’interno dei vari Atenei e simulazioni di lezioni
universitarie tenute dai docenti titolari delle cattedre.
Coordinatore Responsabile del progetto e coordinatore dell'iniziativa è il
4 del prof. Enrico Lui, con il compito di organizzare, monitorare e
progetto valutare l'efficacia e la ricaduta del progetto.
5 Destinatari Alunni dell’ultimo anno del Liceo.
6 Luoghi e strumenti Aule scolastiche, laboratori e Atenei.
Il progetto occuperà l'intero anno scolastico e la sua scansione
7 Tempi dipenderà dal periodo in cui la Facoltà e gli Enti locali
allestiranno le varie iniziative.

30
6.10.d- PROGETTO RECUPERO
L’obiettivo del recupero si inserisce nel percorso di ogni alunno ed è volto a colmare le carenze di
apprendimento; è quindi parte integrante dell’attività didattica curricolare e della programmazione.
Gli interventi di recupero e sostegno, per avere successo, non devono essere procrastinati nel tempo,
ma grazie ad una flessibilità didattica devono rispondere con immediatezza ai bisogni dei singoli
studenti; infatti scadenze prefissate e distanziate produrrebbero l’effetto di far accrescere le carenze
accumulate.

Si ritiene pertanto veramente valida l’iniziativa di sostegno volta a prevenire l’insuccesso attraverso:

• Recupero in itinere
• Prove di livello requisiti minimi per eventuali interventi mirati di recupero
• Lavori di gruppo
• Peer education
• Percorsi di recupero domestico
• Compiti domestici personalizzati
• Sportello didattico (pomeridiano, intervento didattico disciplinare aggiuntivo)
• Sportello motivazionale (Tutor o Docente designato dal Consiglio, colloquio con l’alunno)
• Corsi di recupero (dopo prove di accesso e in casi eccezionali) con contributo da parte delle
famiglie

Si ribadisce che l’attività di recupero ha il momento più importante e decisivo nell’attività didattica in
itinere.
Tutte le iniziative di sostegno, compresi i compiti degli alunni, sono debitamente documentate e
valutate dal docente.

Criteri e modalità per l’organizzazione degli interventi

• Valutazione infraquadrimestrale di Novembre:


o in sede di Consiglio di Classe il Docente coordinatore programma interventi di sostegno
e/o recupero.
• Compiti delle vacanze di Natale:
o la sospensione dell’attività didattica durante il periodo di Natale è individuato come
momento di pausa per gli alunni, pertanto saranno assegnati pochi compiti e solo per
alcune discipline definite dal Consiglio di Classe;
o nel contempo i giorni lavorativi durante la pausa natalizia saranno utilizzati da parte
degli alunni che presenteranno insufficienze in una o più discipline (max. 3) per un
recupero di conoscenze imprescindibili attraverso la promozione dello studio
individuale, per poter colmare le lacune riscontrate alla data dell’ultima verifica;
• Scrutinio quadrimestrale: ogni Consiglio di Classe valuta il percorso di ogni alunno e quindi:
o programma interventi didattici mirati.
o saranno attivati in casi eccezionali corsi di recupero (previo test di accesso che dimostri
conoscenze acquisite) in orario extracurricolare per quegli alunni che presenteranno
lacune così gravi e tali da non poter essere colmate utilizzando altre strategie.
31
• Valutazione infraquadrimestrale di Marzo: in sede di Consiglio di classe il Docente
coordinatore programma interventi di sostegno e/o recupero e quindi:
o si terrà conto dei bisogni formativi dando priorità a quelle discipline per cui non sono
mai stati effettuati interventi.
• Per l’organizzazione di sostegno/recupero in orario aggiuntivo extra-curricolare sulla base delle
decisioni del Consiglio di Classe, si osservano i seguenti criteri:
o i moduli organizzativi sono di norma di due ore per materia;
o tutti gli interventi si concludono di norma entro il 10 maggio;
o gli interventi di corso di recupero avranno una durata non inferiore alle 15 ore e avranno
un contributo spese da parte delle famiglie.

Informativa alle famiglie

L’attività e l’organizzazione delle iniziative di sostegno e recupero è portata a conoscenza delle


famiglie dal Consiglio di Classe attraverso la figura professionale del Coordinatore di Classe.
Le famiglie possono non avvalersi dell’utilizzo delle iniziative che si svolgono in orario
extracurricolare.

6.11- COLLABORAZIONI
I licei Madonna della Neve collaborano con l’UNIVERSITÀ CATTOLICA E STATALE DI
MILANO E BRESCIA e offrono l’opportunità a docenti in formazione di svolgere il tirocinio presso
il proprio Istituto.
Inoltre sono interessanti le convenzioni che la Scuola ha costituito con la FONDAZIONE
POLIAMBULANZA, con l’Istituto UNICREDIT BANCA e con BRESCIA MUSEI, che
consentono ai nostri alunni delle classi quarte di sperimentare, attraverso stages che si tengono da metà
maggio a fine giugno, l’impatto con il mondo del lavoro.
Gli stages sono costantemente monitorati da un docente di Istituto.

32
-7- PROGETTI EDUCATIVI, DIDATTICI E CULTURALI:
OFFERTA FORMATIVA COMPLEMENTARE E
INTEGRATIVA curricolare (obbligatoria) ed
extracurricolare (facoltativa)

L'istituto, compatibilmente con le risorse economiche, intende organizzare progetti educativi


didattici e culturali idonei ad ampliare l'offerta formativa curricolare.

Elenco dei progetti previsti per l’anno scolastico 2008/09:


 Cambridge Certificate, English as a foreign language
 Cervantes, diplomas de Español como lengua extranjera
 Computer grafica
 Continuità Medie - Superiori
 ECDL - Patente Europea del Computer
 Olimpiadi della Matematica
 Open Day
 Orientamento in uscita
 Orientando junior
 Quotidiano in Classe
 Stage e Territorio

Indicazioni relative a ciascuno di questi progetti sono fornite nelle pagine seguenti.

33
7.1- PROGETTO CAMBRIDGE
English as a Foreign Language
N. Indicazione Descrizione
Riconoscendo alla lingua inglese il ruolo di lingua di comunicazione
transnazionale e di alfabeto delle nuove tecnologie, emerge con forza
l’idea che l’offerta dell’inglese debba essere generalizzata e
metodologicamente adeguata sia ai bisogni comunicativi sia alle
esigenze di utilizzo delle tecnologie informatiche e multimediali
Premessa ormai presenti in tutti i settori del lavoro e nella vita quotidiana.
1 e Attraverso il ricorso all’insegnante madrelingua si vuole potenziare
motivazione le capacità espositive della lingua inglese in termini di immediata
fruizione e spendibilità professionale. A tal fine la scuola propone il
conseguimento di certificazioni riconosciute a livello internazionale
che attestino i livelli di competenza raggiunti nella conoscenza della
lingua inglese misurati secondo il quadro di riferimento del Consiglio
d'Europa. L'ente certificatore è la University of Cambridge.
Potenziamento della lingua anche attraverso ricorso a risorse
professionali esterne (lettore e conversatore madrelingua);
conseguimento dei certificati rilasciati dall’univesità di Cambridge e
2 Finalità riconosciuti a livello internazionale nei livelli B1 PET (Preliminary
English Test) e B2 FCE (First Certificate in English). Questi
certificati costituiscono requisiti sempre più richiesti dal mondo del
lavoro e dalle Università.
La preparazione avviene in orario curricolare attraverso esercitazioni
Contenuti e di varia tipologia in classe e in laboratorio linguistico e
3 metodologia somministrazione di simulazioni d’esame. Un’ora alla settimana è
organizzativa dedicata alle lezioni in compresenza docente disciplinare e
conversatore madrelingua.
La responsabile del progetto è la prof.ssa Longhi con il compito di
4 Coordinatori organizzare, monitorare e valutare l'efficacia e la ricaduta del
progetto.
Docenti/Formatori/ I docenti disciplinari referenti con competenze specifiche e
5
Collaboratori l’insegnante madrelingua.
Alunni del Liceo Scientifico delle classi seconde, terze e quarte.
6 Destinatari Anche studenti di quinta liceo potranno comunque, su richiesta,
accedere alle certificazioni.
Aule scolastiche, laboratorio linguistico, gli spazi e le strumentazioni
7 Luoghi e strumenti
a disposizione della scuola
8 Tempi L’intero anno scolastico

34
7.2- PROGETTO CERVANTES
D.E.L.E Diplomas de Español como Lengua Extranjera
N. Indicazione Descrizione
L’introduzione di una seconda lingua straniera nel curricolo
della nostra scuola è motivato dalla convinzione che sia
Premessa
necessario attrezzare gli studenti per rispondere alle esigenze
1 e
di una società moderna e plurilingue aumentandone la loro
motivazione
professionalità e spendibilità nel mondo lavorativo e di studio
post-secondario.
Il progetto è finalizzato all’ottenimento di un certificato che
provi le effettive competenze acquisite dagli studenti. Nel
corso del quinquennio si prevede il raggiungimento dei
livelli: B1 Nivel Inicial (livello soglia)
B2 Nivel Intermedio (livello avanzato) secondo il Quadro di
riferimento europeo. Le certificazione vengono rilasciate
2 Finalità
dall’Istituto Cervantes di Madrid, l’ente pubblico che
promuove la lingua e la cultura spagnola nel mondo. Ne è
presidente onorario il Re di Spagna e ne fanno parte illustri
rappresentanti della cultura spagnola, delle Università, delle
Reali Accademie e di altre istituzioni culturali e sociali.

La preparazione avviene in orario curricolare attraverso


Contenuti e esercitazioni di varia tipologia (lezioni frontali, lavori di
3
metodologia organizzativa gruppo, conversazione) in classe e in laboratorio linguistico e
somministrazione di simulazioni d’esame.
La responsabile del progetto è la prof.ssa Crescini con il
4 Coordinatori compito di organizzare, monitorare e valutare l'efficacia e la
ricaduta del progetto.
Docenti/Formatori/
5 I docenti disciplinari referenti con competenze specifiche.
Collaboratori
Alunni del Liceo Scientifico delle classi prime, seconde e
6 Destinatari terze. In futuro anche studenti di quarta e quinta liceo
potranno comunque accedere alle certificazioni.
Luoghi Aule scolastiche, laboratorio linguistico, gli spazi e le
7
e strumenti strumentazioni a disposizione della scuola
8 Tempi L’intero anno scolastico

35
7.3- PROGETTO COMPUTER GRAFICA
N. Indicazione Descrizione
Integrare i giovani nella società in cui vivono e aiutare la
formazione di una solida conoscenza pratica; permettere alle
Premessa
nuove generazioni di avvicinarsi alle nuove tecnologie della
1 e
computer grafica nel modo più naturale possibile,
finalità
mettendole, così, nelle condizioni di crearsi un percorso
personale e creativo sulle nuove metodologie grafiche.
Il progetto si pone come obiettivo il conseguimento della
capacità di operare con un’adeguata competenza tecnica e un
certo grado di conoscenza della tipologia di rappresentazione
grafica 2D e 3D attraverso l’utilizzo del CAD (Computer
Aided Design), sviluppato accanto alle tradizionali materie
2 Obiettivi tecniche del disegno e della rappresentazione, permettendo
alle nuove generazioni di avvicinarsi alla comprensione delle
interfacce multimediali tridimensionali presenti nel loro
quotidiano, nel modo più naturale possibile, e mettere gli
studenti nelle condizioni di apprendere validi strumenti per
produrre elaborati grafici multimediali.
Computer grafica;
3 Contenuti logica progettuale ed operativa;
linguaggio specifico.
4 Destinatari Alunni di tutte le Classi del Liceo scientifico.
Responsabile del progetto e coordinatore dell’iniziativa è il
Coordinatore
5 prof. Salvatore Amato, con il compito di organizzare,
del progetto
monitorare e valutare l’efficacia del progetto.
Presenza di docenti disciplinari referenti; interventi
Metodologia
7 trasversali; gruppi di lavoro; uso di metodologie didattiche,
organizzativa
strumenti e tecnologie diversificati.
8 Luoghi e strumenti Laboratorio informatico del liceo scientifico.
9 Tempi Tre ore a settimana.

36
7.4- PROGETTO CONTINUITÀ D’ISTITUTO
(SCUOLA SECONDARIA I grado - SCUOLA SECONDARIA II grado)

N. Indicazione Descrizione
Data la presenza nello stesso istituto della scuola media e dei Licei
Classico e Scientifico, il collegio dei docenti propone dall'anno
scolastico 2004 - 2005 attività comuni che coinvolgano le classi terze
Premessa della scuola media e le classi prime del biennio.
1 e Tali attività saranno programmate congiuntamente dal corpo docente
motivazione di entrambe le scuole e riguarderanno alcune aree di insegnamento.
Finalità generale del progetto è introdurre una continuità più marcata
e proficua tra l'ultimo anno della scuola media e il primo anno della
scuola superiore.
Con tali progetti ci si propone di sviluppare:
-la capacità di realizzare praticamente le ipotesi, di saper relazionare
su un'attività svolta (piano cognitivo);
2 Finalità
-la disponibilità al confronto, la capacità di ascoltare, chiedere,
esprimere il proprio parere, la capacità di chiedere opinioni (piano
comportamentale).
-Indicazioni da parte dei docenti del Liceo Classico e Scientifico e
attività esemplificative del metodo di lavoro di alcune discipline:
italiano, latino, lingua straniera, matematica;
-partecipazione dei ragazzi di terza media allo svolgimento di lezioni
Contenuti
del primo anno della scuola superiore e ad attività di gruppo;
3 e
-presentazione della realtà liceale da parte di alcuni studenti agli
metodologia
alunni di terza media.
Presenza di docenti disciplinari con competenze specifiche e docente
madrelingua.
Lavori di gruppo e uso di metodologie didattiche.
Responsabile del progetto e coordinatore dell'iniziativa è la prof.ssa
Coordinatore
4 Spatola, con il compito di organizzare, monitorare e valutare
del progetto
l'efficacia e la ricaduta del progetto.
Docenti/formatori/
5 Docenti disciplinari referenti con competenze specifiche.
collaboratori
Alunni delle classi delle terze della scuola media e del primo anno
6 Destinatari
dei licei classico e scientifico
7 Luoghi e strumenti Luoghi e strumenti scolastici.
8 Tempi II - III settimana di dicembre.

37
7.5- PROGETTO ECDL (European Computer Driving Licence)

N. Indicazioni Descrizione

Da diversi anni la nostra scuola è diventata test-center per


l’acquisizione della patente europea del computer: i nostri
Premessa ragazzi, i loro genitori o chiunque lo desideri possono
1 e frequentare corsi e sostenere gli esami necessari
motivazione per il conseguimento dell’ ECDL (European Computer Driving
Licence), la cui certificazione assegna punteggio in concorsi
pubblici e privati (secondo decreto del Consiglio dei Ministri).

Fornire le conoscenze necessarie per gestire adeguatamente i


2 Finalità principali programmi applicativi utilizzati attualmente in ambito
professionale, e certificare a livello europeo tali competenze.

Corsi specifici per ognuno dei sette livelli della patente europea,
3 Contenuti e metodologia
con la presenza dei docenti disciplinari referenti.
Responsabile del progetto e coordinatore dell'iniziativa, con il
4 Coordinatore del progetto
compito di organizzare e gestire il progetto, è il prof. Faini.
Docenti/ Formatori/
5 Docenti disciplinari referenti con competenze specifiche.
Collaboratori
Alunni della scuola e chiunque lo desideri, senza alcun
6 Destinatari
prerequisito.
Disponibilità di spazi e strumenti: due aule multimediali fornite
7 Luoghi e strumenti
di tutta la strumentazione informatica adeguata.
Corsi di durata variabile ed orari flessibili a seconda delle
8 Tempi
esigenze specifiche.

38
7.6- PROGETTO OLIMPIADI DI MATEMATICA
N. Indicazione Descrizione
L’istituto propone ai ragazzi del liceo scientifico la
partecipazione alle olimpiadi di matematica, una gara di
soluzione di problemi matematici elementari rivolta ai ragazzi
Premessa delle scuole superiori di tutto il mondo. In Italia, la
1 e manifestazione è curata dall'Unione Matematica Italiana, in
motivazione collaborazione con la Scuola Normale Superiore di Pisa. Le
Olimpiadi della Matematica si svolgono regolarmente in Italia
dal 1983, e sono quindi la più antica e seguita gara di
Matematica a livello nazionale.
Le Olimpiadi della matematica hanno come scopo principale
di avvicinare i ragazzi delle scuole superiori al mondo della
Matematica vera e di diffondere il gusto per la Matematica
2 Finalità semplice ed elementare ma intellettualmente stimolante: la
Matematica che viene fatta alle Olimpiadi spesso è molto
simile a quella che studiano gli studenti universitari ed i
matematici professionisti.
La prima fase si svolge in istituto chiamata Giochi di
Archimede: suddivisa in gara del Biennio e gara del Triennio,
Contenuti
costituite solitamente da 20 e 25 problemi a risposta multipla,
3 e
rispettivamente. Questa fase permette eventualmente di
metodologia
accedere alle fasi successive: provinciale, nazionale,
internazionale
Coordinatore Il coordinatore del progetto è la prof.ssa Criscuolo, docente di
4
del progetto matematica e fisica del liceo scientifico
Docenti/formatori/ Collaborano gli insegnanti di matematica e fisica del liceo
5
collaboratori scientifico.
6 Destinatari La proposta è aperta a tutti gli alunni del liceo scientifico
La prima fase avviene nelle aule dell’ istituto, le fasi
7 Luoghi e strumenti
successive avvengono in sedi definite dall’UMI
Giochi di Archimede: fine novembre
8 Tempi
Fase provinciale: fine febbraio

39
7.7- PROGETTO OPEN DAY (una scuola da provare)
N. Indicazione Descrizione
L'istituto "Madonna della Neve" intende offrire ai ragazzi delle terze
medie del territorio e ai loro genitori, interessati a conoscere meglio la
Premessa scuola, la possibilità di vedere dal vivo alcuni momenti della vita
1 e scolastica, di visitare i locali e gli ambienti della stessa, di incontrare gli
motivazione insegnanti e di confrontarsi direttamente con gli studenti liceali.
Tutto ciò ha la finalità di favorire un approccio diretto e concreto con la
scuola superiore.
Con tale progetto ci si propone di sviluppare:
- la disponibilità al confronto, la capacità di ascoltare, chiedere, esprimere
il proprio parere, la capacità di chiedere opinioni (piano comportamentale)
sia da parte degli studenti "visitatori" delle terze medie che degli alunni del
2 Finalità liceo classico e scientifico interessati da tali attività
- una maggiore e più approfondita conoscenza delle caratteristiche
dell'Istituto nei ragazzi di terza media
- una maggior consapevolezza delle caratteristiche dell'istituto negli alunni
che lo frequentano.
Contenuti:
- accoglienza dei ragazzi delle terze medie in classi del liceo classico e
scientifico
- assistenza dei ragazzi delle terze medie a lezioni del liceo
- conoscenza da parte dei ragazzi delle terze medie e dei loro genitori di
Contenuti alcuni docenti del liceo classico e scientifico
3 e - proposta di lezioni e/o attività preparate ad hoc da parte dei docenti e
metodologia degli alunni dei licei
- conoscenza dei locali e degli ambienti dell'istituto da parte dei ragazzi
delle terze medie e dei loro genitori.
Secondo un calendario fissato con un ragionevole anticipo, le classi del
liceo classico e scientifico sono a rotazione impegnate nell'attività di
accoglienza di cui sopra insieme con i docenti delle ore prestabilite.
Alunni delle classi delle terze della scuola media del territorio e i loro
4 Destinatari
genitori.
Responsabile del progetto e coordinatore dell'iniziativa è la prof.ssa
Coordinatore
5 Vezzoli, con il compito di organizzare, monitorare e valutare l'efficacia e
del progetto
la ricaduta del progetto.
Docenti/formatori/
6 Docenti disciplinari con la collaborazione delle classi liceali.
collaboratori
7 Luoghi e strumenti Luoghi e strumenti scolastici.
8 Tempi Fine novembre - dicembre.

40
7.8- PROGETTO ORIENTANDO JUNIOR
N. Indicazione Descrizione
Orientando junior è una manifestazione che vanta già quattro
edizioni e che consiste in una "vetrina" (articolata in stands)
degli Istituti di Istruzione secondaria della zona.
L’attività ha la finalità di presentare la propria offerta formativa
Premessa
al Territorio e ai suoi utenti, avvalendosi della collaborazione
1 e
attiva di alcuni studenti che, insieme ai docenti referenti,
motivazione
contribuiscono ad allestire e animare lo spazio riservato
all'istituto, divenendo così maggiormente protagonisti della vita
scolastica anche in un momento "alternativo" al regolare
svolgimento delle lezioni.
Con tale progetto si intende:
- rendere maggiormente consapevoli gli studenti delle
caratteristiche dell'istituto di cui fanno parte
2 Finalità
- creare un gruppo di lavoro vario e al contempo affiatato
- promuovere l'offerta formativa peculiare dell'istituto
all'interno del territorio.
Contenuti:
- conoscenza delle caratteristiche dell'istituto presentate nel
POF
Contenuti - allestimento dello stand
3 e - animazione dello stand.
metodologia - riunione di programmazione dell'attività con i ragazzi del
liceo classico e scientifico
- allestimento e animazione dello stand nell'istituto sede di
Orientando junior.
Responsabile del progetto e coordinatore dell'iniziativa è la
Coordinatore
4 prof.ssa Vezzoli, con il compito di organizzare, monitorare e
del progetto
valutare l'efficacia e la ricaduta del progetto.
Docenti eventualmente coinvolti per concordare un'efficace e
Docenti/formatori/
5 completa illustrazione di alcuni progetti dell'istituto che pare
collaboratori
opportuno presentare ai ragazzi delle terze medie del territorio.
- alunni delle classi delle terze delle scuole medie e degli I.C.
del territorio
6 Destinatari - alcuni alunni dei licei classico e scientifico, di varie classi,
scelti dalla docente referente del progetto come responsabili
dell'allestimento e animatori dello stand.
7 Tempi Fine primo quadrimestre

41
7.9- PROGETTO QUOTIDIANO IN CLASSE
N. Indicazione Descrizione
Integrare i giovani nella società in cui vivono e aiutare la
formazione di una solida coscienza critica; permettere alle
Premessa nuove generazioni di avvicinarsi alla lettura del giornale nel
1 e modo più naturale possibile, per metterli nelle condizioni di
finalità crearsi una loro opinione sui fatti della realtà che li circonda;
farsi carico in modo responsabile dell’area dell’interesse
pubblico.
Analisi puntuale degli elementi che costituiscono un giornale;
saper leggere il quotidiano; mettere in evidenza i diversi livelli
possibili di analisi del testo;
stimolare una lettura che vada oltre le righe e permetta ai
2 Obiettivi
ragazzi di cogliere i nessi, ma anche le distinzioni che vi sono
tra i fatti e le notizie;
sviluppare capacità di analisi e lettura critica;
stimolare la creatività attraverso esercitazioni attive.
Struttura e impaginazione del giornale;
caratteristiche della tipologia testuale dell’articolo di giornale;
Contenuti
linguaggio specifico.
3 e
Presenza di docenti disciplinari referenti; interventi trasversali;
metodologia
gruppi di lavoro; uso di metodologie didattiche, strumenti e
tecnologie diversificati.
Responsabile del progetto e coordinatore dell’iniziativa è il
Coordinatore
4 prof. Turelli con il compito di organizzare, monitorare e
del progetto
valutare l’efficacia del progetto.
Docenti disciplinari dei Consigli delle classi seconde e terze del
Docenti/Formatori/
5 liceo scientifico, quinta ginnasio e prima del liceo classico. È
Collaboratori
previsto l’intervento di un esperto esterno.
Alunni delle classi seconde e terze del liceo scientifico, di
6 Destinatari
quinta ginnasio e di prima liceo classico.
7 Luoghi e strumenti Ambienti scolastici.
Nel corso dell’anno sono individuati dai consigli di classe
8 Tempi momenti specifici da dedicare al progetto, in conformità con le
programmazioni didattiche degli insegnanti interessati.

42
7.10- PROGETTO STAGE E TERRITORIO

N. Indicazioni Descrizione

Il progetto nasce dalla necessità di collegare sempre più


strettamente l'attività scolastica al territorio in cui l'istituto si
Premessa
colloca, alle sue esigenze e alle sue opportunità
1 e
imprenditoriali. Per questo motivo, le attività qui previste
finalità
costituiscono parte integrante del progetto Orientamento.

Obiettivo del progetto è quello di offrire l'opportunità di visite


guidate a realtà aziendali locali e di organizzare incontri con
imprenditori che illustreranno le figure lavorative di cui le
2 Obiettivi
aziende stesse hanno bisogno. Nel caso ve ne sia
l'opportunità, il progetto prevede la possibilità di stages estivi
in alcune aziende del territorio.
Contenuti
Le iniziative si espliciteranno in visite guidate alle aziende ed
3 e
incontri con imprenditori.
metodologia
Responsabile del progetto e coordinatore dell'iniziativa è la
Coordinatore
4 prof.ssa Fogliata Rossella, con il compito di organizzare,
del progetto
monitorare e valutare l'efficacia e la ricaduta del progetto.
Alunni della classe 4^ del liceo scientifico e 2^ del liceo
5 Destinatari
Classico.
Luoghi e Gli incontri di cui sopra si svolgeranno nei locali del Liceo e
6
strumenti direttamente nelle aziende coinvolte.
Indicativamente il progetto si svolgerà in 3 grandi tappe: a
gennaio gli incontri con gli imprenditori, ad aprile-maggio le
7 Tempi
visite guidate alle aziende, dopo la fine della scuola e dove ve
ne sia l'opportunità, gli stages.

43
-8- RISORSE DELL’ISTITUZIONE SCOLASTICA

8.1- RISORSE UMANE

8.1.a- Il Padre Direttore


Ha la responsabilità dell'indirizzo generale della scuola, ne determina le scelte educative e culturali
fondamentali. È il garante del carisma carmelitano nella scuola. Sceglie gli insegnanti, in
collaborazione con il Dirigente scolastico, preoccupandosi che alla competenza professionale uniscano
la condivisione degli ideali che animano l'opera scolastico-educativa.
Incontra i genitori all'atto dell'iscrizione e ogniqualvolta se ne presenti la necessità. È un punto di
riferimento per tutte le componenti della scuola.

8.1.b- Il Dirigente scolastico


Ha la responsabilità dell'andamento educativo e didattico della scuola, nei confronti dei genitori e
del MIUR.
Presiede il lavoro collegiale dei docenti. Verifica la programmazione delle varie discipline e ne segue
lo svolgimento operativo. È informato del processo di apprendimento degli alunni e mantiene i contatti
necessari con le famiglie. Assume i provvedimenti disciplinari e correttivi che si rendono necessari.
Unitamente al Padre Direttore, propone iniziative culturali e formative rivolte a tutta la scuola.

8.1.c- Il Collaboratore vicario


Il vicepreside collabora strettamente con il Dirigente e svolge compiti delegati.

8.1.d- I Coordinatori di classe


Sono scelti dal Dirigente. Hanno la funzione di monitorare l'andamento della classe e di coordinare
il lavoro dei colleghi. Curano le relazioni interpersonali all'interno della classe, il dialogo educativo e
didattico tra alunni e docenti, e le comunicazioni scuola - genitori.

8.1.e- I Docenti
Sono i responsabili delle scelte educative e didattiche. Concorrono alla formulazione della
programmazione generale di istituto e conseguentemente progettano il curricolo specifico. All’interno
della propria consapevolezza professionale verificano le scelte in un’ottica collegiale e deliberano
strategie idonee ai bisogni formativi degli alunni.

8.1.f- I Collaboratori amministrativi, di segreteria e personale ausiliario


Il Rappresentante Legale del Gestore ha il compito, in stretta collaborazione col padre Direttore e il
Dirigente di curare gli aspetti amministrativi, fiscali e legali della scuola.
Le Segretarie, coordinate da una Responsabile, svolgono tutte le mansioni di competenza didattica e
quelle amministrative delegate dal Rappresentante Legale.

44
Sono il tramite più immediato di contatto con le famiglie. Accompagnano quotidianamente lo
svolgimento delle pratiche relative al funzionamento dell'organizzazione del lavoro scolastico e
didattico.
Il personale ausiliario provvede a rendere funzionali i vari ambienti dell'istituto.

8.2- RISORSE STRUTTURALI


L'istituto, collocato in un edificio di recente costruzione, dispone delle seguenti dotazioni:
● 15 aule per la didattica normale
● laboratorio di fisica
● laboratorio di scienze
● laboratorio di informatica
● laboratorio multimediale
● laboratorio linguistico - informatico
● laboratorio audiovisivi
● Aula Magna
● sala riunioni
● biblioteca
● palestra di 900 mq
● 5 salette per colloqui
● 4 locali per Segreteria, uffici di Direttore, Dirigente scolastico e Collaboratori vicari
● campi polifunzionali per attività sportive
● mensa per 600 alunni
● bar-ristoro
● salone per conferenze

Le aule sono spaziose e luminose, e garantiscono un ambiente accogliente e confortevole per gli alunni
e gli operatori.
I laboratori sono moderni, ben attrezzati e costantemente migliorati.
I collaboratori scolastici garantiscono la pulizia e l'igiene dei locali e dei servizi.
La scuola dispone di un sito Web con il seguente indirizzo: www.madonnadellaneve.it
Il sito è curato da un Docente, coordinatore del gruppo Web della scuola.
Sono disponibili anche strutture audiovisive per tutte le discipline e postazioni video mobili da
utilizzare direttamente nelle aule normali.
Tutte le aule, i laboratori, gli uffici e i servizi sono a norma secondo gli adempimenti imposti dal T.U.
81 del 09/04/2008. È stato approntato il documento della valutazione dei rischi e predisposto un piano
di evacuazione affisso in ogni aula. Ogni laboratorio è dotato di un regolamento d'uso. Vengono
periodicamente effettuate prove di evacuazione della scuola e sia il personale che gli alunni vengono
annualmente aggiornati sulla normativa del suddetto T.U..
L'orario settimanale delle lezioni è consultabile all'Albo dell'Istituto e on-line.

45
-9- STATUTO DELLE STUDENTESSE E DEGLI STUDENTI

9.1- Art. 1 (Preambolo)


1. La scuola è luogo di formazione mediante lo studio, l'acquisizione delle conoscenze e lo sviluppo
della coscienza critica.
2. La scuola è una comunità di dialogo, di ricerca e di esperienza sociale, informata ai valori
democratici, nella quale ognuno, con pari dignità e nella diversità dei ruoli, opera per garantire la
formazione alla cittadinanza, la realizzazione del diritto allo studio, lo sviluppo delle potenzialità di
ciascuno e il recupero delle situazioni di svantaggio, in armonia con i principi sanciti dalla
Costituzione e dalla Convenzione internazionale sui diritti dell'infanzia e con i principi generali
dell'ordinamento italiano.
3. La comunità scolastica, interagendo con la più vasta comunità civile e sociale di cui è parte, fonda la
sua azione educativa sulla qualità delle relazioni insegnante-studente, contribuisce allo sviluppo
della personalità dei giovani, del loro senso di responsabilità e della loro autonomia individuale e
persegue il raggiungimento di obiettivi culturali e professionali adeguati all'evoluzione delle
conoscenze e all'inserimento nella vita attiva.
4. La vita della comunità scolastica si basa sulla libertà di opinione ed espressione, sulla libertà
religiosa, sul rispetto reciproco di tutte le persone che la compongono, quale che sia la loro età e
condizione, nel ripudio di ogni barriera ideologica, sociale e culturale.

9.2- Art. 2 (Diritti)


1. Lo studente ha diritto ad una formazione culturale e professionale qualificata che rispetti e valorizzi,
anche attraverso l'orientamento, l'identità di ciascuno e sia aperta alla pluralità delle idee. La scuola
persegue la continuità dell'apprendimento e valorizza le inclinazioni personali degli studenti, anche
attraverso la possibilità di formulare richieste e di sviluppare temi liberamente scelti.
2. La comunità scolastica promuove la solidarietà tra i suoi componenti e tutela il diritto dello studente
alla riservatezza.
3. Lo studente ha diritto di essere informato sulle decisioni e sulle scelte che regolano la vita della
scuola.
4. Lo studente ha diritto alla partecipazione attiva e responsabile alla vita della scuola. I dirigenti
scolastici e i docenti, con le modalità previste dal regolamento di istituto, attivano con gli studenti
un dialogo costruttivo sulle scelte di loro competenza in tema di programmazione e definizione
degli obiettivi didattici, di organizzazione della scuola, di criteri di valutazione, di scelta dei libri e
del materiale didattico. Lo studente ha inoltre diritto a una valutazione trasparente e tempestiva,
volta ad attivare un processo di autovalutazione che lo conduca a individuare i propri punti di forza
e di debolezza e a migliorare il proprio rendimento.
5. Nei casi in cui una decisione influisca in modo rilevante sull'organizzazione della scuola gli studenti,
anche su loro richiesta, possono essere chiamati ad esprimere la loro opinione mediante una
consultazione.
6. Gli studenti esercitano autonomamente il diritto di scelta tra le attività opzionali e tra le attività
facoltative offerte dalla scuola. Le attività didattiche, integrative e complementari sono organizzate
secondo tempi e modalità che tengono conto dei ritmi di apprendimento e di vita degli studenti.
7. La scuola si impegna a porre progressivamente in essere le condizioni per assicurare:
a) la disponibilità di un'adeguata strumentazione tecnologica;

46
b) la salubrità e la sicurezza degli ambienti, che debbono essere adeguati a tutti gli studenti, anche
con handicap;
c) servizi di sostegno e promozione della salute e di assistenza psicologica;
d) offerte formative aggiuntive e integrative, anche mediante il sostegno di iniziative liberamente
assunte dagli studenti e dalle loro associazioni.
8. La scuola garantisce e disciplina nel proprio regolamento l'esercizio del diritto di riunione e di
assemblea degli studenti, a livello di classe, di corso e di istituto.
9. I regolamenti delle singole istituzioni garantiscono e disciplinano l'esercizio del diritto di
associazione e del diritto degli studenti singoli e associati a svolgere iniziative all'interno della
scuola, nonché l'utilizzo di locali da parte degli studenti e delle associazioni di cui fanno parte. I
regolamenti delle scuole favoriscono inoltre la continuità del legame con gli ex studenti e con le
loro associazioni.

9.3- Art. 3 (Doveri)


1. Gli studenti sono tenuti a frequentare regolarmente i corsi e ad assolvere assiduamente agli impegni
di studio.
2. Gli studenti sono tenuti ad avere nei confronti del capo d'istituto, dei docenti, del personale tutto
della scuola e dei loro compagni lo stesso rispetto, anche formale, che chiedono per se stessi.
3. Nell'esercizio dei loro diritti e nell'adempimento dei loro doveri gli studenti sono tenuti ad mantenere
un comportamento corretto e coerente con i principi di cui all'art.1.
4. Gli studenti sono tenuti ad osservare le disposizioni organizzative e di sicurezza dettate dai
regolamenti dei singoli istituti.
5. Gli studenti sono tenuti ad utilizzare correttamente le strutture, i macchinari e i sussidi didattici e a
comportarsi nella vita scolastica in modo da non arrecare danni al patrimonio della scuola.
6. Gli studenti condividono la responsabilità di rendere accogliente l'ambiente scolastico e averne cura
come importante fattore di qualità della vita della scuola.

9.4- Art. 4 (Impugnazioni)


1. È istituito a livello provinciale un organo di garanzia composto da due studenti nominati dalla
consulta provinciale degli studenti e da due docenti. Il dirigente dell'amministrazione periferica
decide in via definitiva, acquisito il pareere obbligatorio dell'organo di garanzia, sui reclami contro
le violazioni del presente statuto.

9.5- Art. 5 (Disposizioni finali)


1. I regolamenti delle scuole e la carta dei servizi sono adottati o modificati previa consultazione degli
studenti.
2. Del presente regolamento e dei documenti fondamentali di ogni singola istituzione scolastica è
fornita copia agli studenti all'atto dell'iscrizione

47
9.6- Criteri per le nuove norme
Le nuove norme sulla disciplina saranno ispirate ai seguenti criteri:

1. I provvedimenti disciplinari hanno finalità educativa e tendono al rafforzamento del senso di


responsabilità ed al ripristino di rapporti corretti all'interno della comunità scolastica.
2. La responsabilità disciplinare è personale. Nessuno può essere sottoposto a sanzioni disciplinari
senza essere stato prima invitato ad esporre le proprie ragioni. Nessuna infrazione disciplinare
connessa al comportamento può influire sulla valutazione del profitto.
3. In nessun caso può essere sanzionata, né direttamente né indirettamente, la libera espressione di
opinioni correttamente manifestata e non lesiva dell'altrui personalità.
4. Le sanzioni sono sempre temporanee, proporzionate alla infrazione disciplinare e ispirate, per quanto
possibile, al principio della riparazione del danno. Esse tengono conto della situazione personale
dello studente. Allo studente è sempre offerta la possibilità di convertirle in attività in favore della
comunità scolastica.

48
-10- REGOLAMENTO D’ISTITUTO

10.1- ORARIO DELLE LEZIONI


● Al suono della campana delle 7,55 tutti gli alunni sono tenuti ad entrare nell’atrio della scuola
● L'inizio delle lezioni per tutti è alle ore 8.00 con il momento di preghiera.
● Il portone d'ingresso sarà tassativamente chiuso immediatamente dopo il suono della seconda
campana.

10.2- USO DEGLI SPAZI


● I locali e le attrezzature scolastiche devono essere rispettati.
● Le aule al termine della lezione vanno lasciate pulite e ordinate.
● Non è consentito agli alunni l'accesso alla sala insegnanti.
● Durante la ricreazione non è consentito agli alunni rimanere in classe, ma al suono della
campana devono recarsi al pianoterra e utilizzare i seguenti spazi: atrio di ingresso, atrio
segreteria, atrio presidenza, cortile rosso.
● Durante il cambio delle ore gli alunni devono attendere in classe l'arrivo del docente dell'ora
successiva.
● Durante la pausa pranzo agli alunni sono riservati appositi spazi, che verranno successivamente
definiti e quindi indicati.

10.3- GIUSTIFICAZIONI PER ASSENZE - PERMESSI DI


ENTRATA / USCITA FUORI ORARIO
● Gli alunni devono presentare le giustificazioni per assenza debitamente compilate sull'apposito
libretto all'insegnante della prima ora di lezione che, delegato dal preside, le controfirma e le
ripone all'interno del registro di classe.
● Gli alunni sono tenuti al rispetto del normale orario scolastico. Per ritardi dovuti al servizio
pullman non è richiesta giustificazione scritta.
● Permessi di entrata posticipata o di uscita anticipata saranno rilasciati dal preside o dal
vicepreside e saranno riportati sul registro di classe a cura degli insegnanti in servizio.
● L'entrata posticipata in classe potrà avvenire solo al termine, e non durante l'ora di lezione.
● Non saranno autorizzati ingressi dopo le ore 10.00 e uscite prima delle ore 11.00.

49
10.4- NORME COMPORTAMENTALI
● È richiesto un atteggiamento e un abbigliamento consono alla situazione di lavoro e di
apprendimento.
● A partire dall’anno scolastico 2008 – 2009, è obbligatorio, per gli alunni delle classi prime,
indossare l’abbigliamento sportivo di Istituto per le lezioni di Educazione Fisica. Per tutte le
altre classi è facoltativo
● Durante l'orario scolastico non è consentito l'uso di telefoni cellulari che se esibiti verranno
ritirati e depositati in Segreteria per una settimana. I dispositivi elettronici (cellulari, palmari,
lettori mp3, i-phone, i-pod…) dovranno essere spenti e custoditi nello zaino
● Durante l'orario scolastico è vietato fumare negli ambienti scolastici e in tutti gli spazi aperti
dell'Istituto.
● E' ammessa deroga in spazi aperti durante la pausa pranzo del giovedì.
● Gli alunni devono riconsegnare al docente le prove di verifica la lezione successiva a quella
della loro consegna; si tollera al più un ritardo che non vada oltre la seconda lezione successiva
alla consegna.
● Il mancato e reiterato rispetto di tale scadenza comporterà comunicazione alla famiglia e
provvedimenti in merito.

10.5- ACCESSO ALLA SEGRETERIA


● Gli alunni possono usufruire dei servizi della Segreteria solamente prima dell'inizio delle
lezioni, durante l'intervallo oppure al termine delle lezioni.

10.6- USO DELLE FOTOCOPIATRICI


● Gli alunni possono utilizzare le fotocopiatrici solamente durante l'intervallo.
● I docenti possono affidare ad un alunno il compito di fotocopiare materiale didattico con la
tessera di classe.

10.7- ASSEMBLEE STUDENTESCHE


● Gli alunni hanno diritto di riunirsi ogni mese in assemblea di Classe della durata di un'ora di
lezione.
● Gli alunni sono tenuti, previo accordo con i docenti interessati, a presentare al preside richiesta
scritta, firmata dai rappresentanti di Classe, con almeno tre giorni d'anticipo. Inoltre essi
dovranno presentare al coordinatore della classe l'ordine del giorno e il verbale di tale
assemblea.
● Gli alunni hanno diritto di riunirsi una volta a quadrimestre in assemblea d'Istituto. Gli alunni
sono tenuti a presentare richiesta scritta firmata dai rappresentanti d'Istituto e delle Classi al
preside e al direttore dell'Istituto con almeno quindici giorni d'anticipo.

50
-11- COME SI PARTECIPA ALLA VITA DEL LICEO

● Le strutture di partecipazione mirano a creare le condizioni ideali per una sempre maggior
corresponsabilità della vita scolastica, incrementando la collaborazione tra docenti, genitori e
alunni.
● La descrizione seguente tiene conto di un possibile quadro generale, ispirato all'esperienza degli
anni scorsi. Tutta la materia riguardante gli organi collegiali è in fase di definizione da parte del
Ministero. Pertanto la nostra scuola si è impegnata ad attivare gli organi collegiali, nelle forme e
nei tempi che verranno ritenuti più idonei.

11.1- IL CONSIGLIO DI ISTITUTO


Il Consiglio di Istituto esplica funzioni di stimolo, verifica e organizzazione nel campo delle
problematiche e delle metodologie dell'educazione.
Ha una composizione adeguata alla comunità educativa, comprendendo, di diritto, secondo titolarità
di partecipazione distinte e complementari:
● il Padre Direttore
● il Dirigente scolastico
● il Rappresentante Legale (economo)
● i rappresentanti dei docenti (4)
● i rappresentanti dei genitori (3)
● i rappresentanti degli alunni (3)
● un rappresentante del personale A.T.A.
● eventuali personalità significative dell'ambito ecclesiale e del territorio.

Il Consiglio di Istituto, fatte salve le competenze del Collegio dei Docenti e del Consiglio di Classe,
interviene su quanto concerne l'organizzazione della vita e delle attività della scuola nelle seguenti
materie:
● adozione del regolamento interno dell'istituto (modalità del funzionamento e dell'utilizzo delle
risorse umane e materiali)
● adattamento del calendario scolastico alle specifiche esigenze locali
● criteri per la programmazione e l'attuazione delle attività parascolastiche ed extrascolastiche,
con particolare riguardo alle libere attività complementari, alle visite guidate e ai viaggi di
istruzione
● partecipazione ad attività culturali, sportive e ricreative di particolare interesse educativo

Inoltre il Consiglio di Istituto:


● indica i criteri generali relativi all'andamento dell'orario delle lezioni e delle altre attività
scolastiche
● esprime parere sull'andamento generale educativo e didattico dell'istituto

51
11.2- IL COLLEGIO DEI DOCENTI
● Risulta composto dal Padre Direttore e da tutti i docenti ed è presieduto dal Dirigente scolastico.
Può avvalersi della collaborazione dei responsabili di attività parascolastiche o extrascolastiche.
● Al Collegio dei Docenti compete la programmazione degli orientamenti educativi e didattici nei
loro momenti di proposta, discussione, decisione e verifica.
● Al suo interno viene incaricato un segretario che si occupa della stesura del verbale delle sedute,
da sottoporre all'approvazione.

11.3- IL CONSIGLIO DI CLASSE


● È composto dal Padre Direttore e dai docenti (nel Consiglio aperto sono presenti anche due
rappresentanti dei genitori e due rappresentanti degli alunni); è presieduto dal Dirigente che può
delegare ad altri il coordinamento. Può essere allargato alla partecipazione di collaboratori di
attività parascolastiche o extrascolastiche.
● È il luogo in cui viene monitorata la situazione della classe e si progettano le adeguate risposte
educative, culturali e metodologiche.
● Le competenze relative alla realizzazione dell'unità dell'insegnamento e dei rapporti
interdisciplinari nonché alla valutazione periodica e finale degli alunni spettano al Consiglio di
classe convocato con la sola presenza dei docenti.
● Un docente svolge il compito di coordinatore della classe, punto di riferimento tra gli insegnanti
per ogni attività e provvedimento, responsabile, in accordo col Dirigente, dei contatti con i
genitori. Un secondo docente assume di volta in volta l'incarico di segretario del Consiglio.

11.4- ASSEMBLEA DI CLASSE


● Può essere convocata dai docenti o dai rappresentanti dei genitori o dai rappresentanti degli
alunni, previa richiesta scritta al Dirigente.
● Ha come oggetto la conoscenza dell'andamento educativo degli alunni, particolari
problematiche emergenti, iniziative e proposte.

11.5- ASSEMBLEE DI CLASSE DEGLI STUDENTI


● Gli alunni hanno diritto di riunirsi ogni mese in assemblea di Classe della durata di un'ora di
lezione facendo richiesta scritta alla Preside almeno cinque giorni prima. Tale richiesta sarà
stesa dai rappresentanti di classe e controfirmata dalla Docente che mette l’ora a disposizione.
L’assemblea sarà presieduta dai Rappresentanti ed è dovere degli studenti parteciparvi con
ordine. In caso contrario l’insegnante di assistenza potrà interrompere l’assemblea.
● Gli alunni sono tenuti, previo accordo con i docenti interessati, a presentare al preside richiesta
scritta, firmata dai rappresentanti di Classe, con almeno tre giorni d'anticipo. Inoltre essi
dovranno presentare al coordinatore della classe l'ordine del giorno e il verbale di tale
assemblea.
● Gli alunni hanno diritto di riunirsi una volta a quadrimestre in assemblea d'Istituto. Gli alunni
sono tenuti a presentare richiesta scritta firmata dai rappresentanti d'Istituto e delle Classi al
preside e al direttore dell'Istituto con almeno quindici giorni d'anticipo.

52
11.6- ASSEMBLEA DI ISTITUTO
● Può essere proposta e organizzata, previa richiesta, dagli alunni rappresentanti di classe e/o dai
docenti.
● Ha come oggetto tematiche di interesse culturale in riferimento all’attualità. Può essere
autorizzato anche l’intervento di esperti.

53
-12- PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ

12.1- Vita della comunità scolastica


Il Liceo Madonna della Neve è luogo di formazione e di educazione integrale della persona attraverso
lo studio, la riflessione, l’acquisizione delle conoscenze e competenze e lo sviluppo della coscienza
critica.
È una comunità di dialogo, di ricerca, di esperienza umana e sociale, fondata sui valori cristiani e volta
alla crescita della persona in tutte le sue dimensioni. In essa ognuno, con pari dignità e nella
diversità dei ruoli, opera per garantire la formazione alla cittadinanza, la realizzazione del diritto
allo studio, lo sviluppo delle potenzialità di ciascuno e il recupero delle situazioni di svantaggio, in
armonia con i principi sanciti dalla Costituzione e dall’art. 14 della Carta dei diritti fondamentali
dell’Unione europea, confermata dal Trattato di Lisbona.
Il Liceo Madonna della Neve, pur operando per il conseguimento delle finalità specifiche degli
indirizzi (scientifico bilingue e classico) offre agli studenti che lo frequentano un curriculum di studi
più ampio rispetto alle discipline e all’orario previsti per il corso di liceo scientifico e classico.
Sono infatti state attivate da diversi anni iniziative legate all’autonomia e all’ampliamento dell’offerta
formativa che offrono percorsi didattici utili a formare diplomati non solo idonei ad affrontare gli studi
futuri, la nuova realtà dell’Europa e le innovazioni scientifico-tecnologiche, ma anche in grado di
seguire proprie attitudini e propri orientamenti culturali e professionali, coerentemente con le finalità
che si è data la scuola: fornire ai giovani del nostro territorio una formazione di orizzonte europeo,
fondata sulla tradizione culturale cristiana di orizzonte europeo valorizzando risorse umane,
tecnologiche e comunicative.
Il Liceo Madonna della Neve, nell’intento di valorizzare le competenze disciplinari, relazionali e
progettuali dei docenti, promuove l’autorevolezza e la collaborazione reciproca, la creatività personale,
l’aggiornamento, la ricerca e la comunicazione.
La Scuola da anni è impegnata, collaborando anche a realtà presenti sul Territorio a potenziare l’offerta
culturale e aggregativa, favorendo le iniziative formative per gli studenti e la collaborazione con le
famiglie.
Poiché è sempre più vasta la presenza di gruppi di studenti con diversi livelli di preparazione, la
nostra Scuola offre servizi di recupero, di prevenzione del disagio scolastico e della dispersione,
mirando al successo formativo.

12.2- Diritti
Lo studente ha diritto a una formazione culturale qualificata che lo rispetti e lo valorizzi.
Il Liceo Madonna della Neve persegue la continuità dell’apprendimento e valorizza le attitudini
culturali personali degli studenti.
La comunità scolastica promuove la solidarietà tra i suoi componenti e tutela il diritto dello studente
alla riservatezza. Lo studente ha diritto di essere informato sulle decisioni e sulle norme che
regolano la vita della scuola.
Lo studente ha diritto alla partecipazione attiva e responsabile alla vita della scuola.
Il Dirigente Scolastico e i docenti, con le modalità previste dal Regolamento di Istituto, attivano con gli
studenti un dialogo costruttivo sulle scelte di loro competenza in tema di organizzazione della scuola.

54
Lo studente ha inoltre diritto a una valutazione trasparente e tempestiva, volta ad attivare un processo
di autovalutazione che lo conduca a individuare i propri punti di forza, di criticità e di debolezza e a
migliorare il proprio rendimento.
Il Liceo Madonna della Neve si impegna a garantire:
• un ambiente favorevole alla crescita della persona e un servizio educativo-didattico di qualità
utilizzando l’area autonomia;
• iniziative concrete per il recupero, il consolidamento e il potenziamento;
• la decorosità, la salubrità e la sicurezza degli ambienti;
• un'adeguata strumentazione tecnologica;
• servizi di sostegno e promozione della salute.
Il Liceo Madonna della Neve garantisce e disciplina nel proprio Regolamento di Istituto l’esercizio del
diritto di riunione e di assemblea degli studenti, a livello di classe, di corso e di istituto.

12.3- Doveri
Gli studenti sono tenuti a:
• frequentare regolarmente i corsi e ad essere responsabili rispetto gli impegni di studio;
• rispettare il Direttore, la Preside, i Docenti, il Personale tutto della scuola e i loro Compagni;
• osservare le disposizioni organizzative e di sicurezza dettate dai Regolamenti
• utilizzare correttamente le strutture, le apparecchiature tecnologiche e i sussidi didattici e a
comportarsi nella vita scolastica in modo da non arrecare danni al patrimonio della scuola, con
particolare riferimento ai laboratori, alle palestre e agli spogliatoi, dove ogni eventuale danno
dovrà essere rifuso immediatamente dal responsabile o, nel caso in cui quest’ultimo non fosse
identificabile, dall’intero gruppo di studenti coinvolti. Gli studenti condividono la responsabilità
di rendere accogliente l’ambiente scolastico e averne cura come importante fattore di qualità
della vita della scuola.

12.4- Disciplina
I provvedimenti disciplinari hanno finalità educativa e tendono al rafforzamento del senso di
responsabilità ed al ripristino di rapporti corretti all'interno della comunità scolastica, nonché al
recupero dello studente attraverso attività di natura sociale, culturale ed in generale a vantaggio della
comunità scolastica.
Nel rispetto dello Statuto delle Studentesse e degli Studenti (come modificato dal DPR 21/11/2007 n.
293), il Liceo Madonna della Neve prevede due livelli di sanzioni disciplinari: la sospensione fino a
quindici giorni (sostituibile con attività di carattere sociale, culturale e a vantaggio della comunità
scolastica)e periodi di sospensione superiori ai quindici giorni fino all’esclusione dallo scrutinio finale
o la non ammissione all’Esame di Stato.
Contestualmente al perfezionamento dell’iscrizione, il Liceo Madonna della Neve fornisce una copia
del presente Patto educativo di corresponsabilità e ne richiede la sottoscrizione da parte dei genitori e
degli studenti

55
-13- F.A.Q. - DOMANDE FREQUENTI

È una scuola difficile?


E' un percorso di studi abbastanza impegnativo, che richiede uno studio quotidiano costante in
relazione alle potenzialità individuali.

È necessario essere bravi?


E' necessaria una certa attitudine per le materie caratterizzanti il corso di studi, una costanza
nell'impegno scolastico e domestico accompagnati da una sana curiosità.

È selettiva?
L'intento della scuola è quello di creare persone responsabili valorizzandone la professionalità
anche rispetto al territorio... questo richiede una certa selettività, non come aspetto punitivo, ma come
attenzione al percorso formativo.

Cosa offre la nostra Scuola oltre all’impegno del Liceo?


La Scuola offre proposte di volontariato, di vacanze-studio all'estero, di formazione spirituale, di
corsi di musica, teatro, rugby e volley e… quant’altro gli studenti di intelligente sappiano proporre.

È facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici?


Oltre alla normale disponibilità dei mezzi pubblici, l'istituto ha predisposto un servizio di trasporto-
alunni autonomo che copre un'ampia fascia di territorio.

56
Come sono gli insegnanti?
I nostri insegnanti sono costantemente a disposizione degli alunni durante la normale attività. Ogni
classe inoltre può fare riferimento per qualsiasi esigenza all’insegnante coordinatore.

È molto costoso?
L'istituto cerca costantemente di contenere i costi di frequenza per offrire il servizio ad un'ampia
utenza senza comunque penalizzare la qualità offerta (la retta di frequenza è la più contenuta fra le
scuole di questo livello sul territorio).

Si fanno gite?
Durante l'anno sono previste più visite d'istruzione, anche come approfondimento degli argomenti
trattati nelle varie discipline.

Per fare il liceo, bisogna solo studiare?


Certamente lo studio è importante in un percorso liceale, ma non ti mancherà il tempo per i tuoi
hobby ed anche, se sei un tipo “tosto”, lo spazio e il tempo per attività agonistiche.

Gli studenti devono sempre dire di “sì”?


La nostra Scuola, proprio perché cattolica, ama la libertà e desidera sempre poter affermare la
Verità: quindi ti sarà sempre offerta la libertà di dire “no” in modo educato e costruttivo

Se uno non è cristiano, può frequentare la Scuola?


Proprio perché è una Scuola cattolica, è aperta all’incontro con l’esperienza di ogni persona.,
ovviamente nel rispetto reciproco.

Che differenza c’è con la Scuola statale?


Assolutamente nessuna per i titoli scolastici, in quanto sia la Scuola statale, che la Nostra cattolica e
paritaria fanno parte del Sistema Nazionale dell’Istruzione.
La grande differenza sta nella motivazione di chi mette in piedi una Scuola esclusivamente per la
passione di un Ideale condiviso.

Quali prospettive future?


Lo sbocco naturale degli studi liceali è la formazione universitaria; ciò non toglie comunque che gli
studenti, preparati ad una cultura della professionalità, possano accedere al mondo del lavoro grazie
alle acquisite capacità di aggiornarsi e di rapportarsi alle varie problematiche del settore produttivo.

57