Sei sulla pagina 1di 3

IL PUNTO FERMO

Una societ e una politica di alto respiro producono arte e letteratura di alto respiro, una societ e una politica di basso profilo producono unarte e una letteratura conseguenti.

Mentre il cronista del telegiornale delle 19:00, Emilio Vespasiani, autore di libri di successo, ricordiamo tra i quali Come si firma un Contratto, Le Cento Bandierine dItalia o ancora Cavaliere, a cena porti pure il suo cavallo, uomo (si fa per dire) di fede democristiana e molto vicino agli ambienti vaticani non un caso che chi bazzica con la Chiesa finisca per fare carriera, indipendentemente dalla preparazione e dalle capacit passato coi socialisti qualche anno prima che il segretario Benito Bixio portasse il partito allo sfascio e quindi, dopo il crollo della Prima Repubblica e la fine dei partiti storici, riciclato nel partito dellattuale Premier quando questi, sentendo odore di manette e proprio per sfuggire alle maglie della Giustizia che di l a poco lo avrebbe perseguito per tutta una serie di reati legati ai rapporti con la mafia, allevasione fiscale e al riciclaggio di denaro sporco (che poi vuol dire denaro guadagnato in modo poco pulito, che un eufemismo per dire in modo disonesto ormai siamo sempre pi abituati ad usare ipocriti attenuativi, quali operatore ecologico per spazzino, o diversamente abile al posto di handicappato o ancora, per non uscire dallambito della politica, scudo fiscale anzich condono e regolarizzazione delle attivit finanziarie e patrimoniali illegalmente detenute allestero con lintento di non pagare le tasse in Italia) decise di darsi alla politica facile ncora di salvezza per disonesti, bagno pubblico per sporchi buzzurri e salone di bellezza per puttane, o escort come vengono oggi chiamate e fond il Partito della Libera Pagnotta (PDLP) raccogliendo i transfughi dei vari partiti (democristiani, socialisti, socialdemocratici, repubblicani, liberali e perfino qualche sedicente comunista che pensava di riempire meglio il proprio portafoglio salendo sul treno azzurro in partenza per la capitale, anzich rimanere a terra in attesa del traghetto rosso, rimasto sempre in rada per linettitudine e linsipienza del capitano e degli ufficiali i quali, a furia di guardare i propri scheletri nellarmadio, non avevano avuto mai il fegato n la capacit di aprire i cancelli dei vari camposanti e scoperchiare le migliaia di bare colme di ossa putrescenti che i vari partiti di governo avevano seminato in cinquantanni di politica e malaffare, perdendo cos, come suol dirsi, capre e cavoli e andando poi alla deriva nella disperata ricerca del consenso popolare) il bellEmilio, dunque, ingessato in un abito blu cielo di notte con camicia azzurra e cravatta bianca a pallini rossi e verdi, il microfono nella mano destra e nella sinistra un pacco di veline che era uso passargli il direttore di rete Minchiolini, posto a quellincarico direttamente dal Capo del Governo Minchioloni, perch confezionasse i telegiornali a suo uso e consumo, stava leggendo una notizia sul problema che da sempre era il chiodo fisso del Premier Minchioloni e da giorni veniva dibattuto in Parlamento riunito in seduta plein air, col risultato che il partito di maggioranza, il PDLP appunto, si stava spaccando perch, essendo stato fondato da due capretti, pardon capetti (un capetto in prima e uno in seconda, in terza non ci sono mai arrivati) e si sa che quando ci sono due galli in un

pollaio prima o poi si azzuffano e povere galline che aspettano di essere pizzicate e invece continuano a fare coccod-coccod-coccod senza che ci sia un gallo a dar loro retta, insomma questi due galli, assieme a tutte le galline del pollaio, pardon, del Parlamento, stavano discutendo sullapprovazione di una legge sulla Giustizia per mezzo della quale il Primo Ministro, il suddetto Minchioloni, inquisito da anni non solo per i reati di cui dicevamo ma anche per aver corrotto giudici avvocati e Guardia di Finanza affinch tacessero sui raggiri e gli imbrogli che aveva usato per diventare un imprenditore di successo, luomo pi ricco del mio stivale, pardon dello Stivale, il self made man che si vantava di essere, stava cercando disperatamente di farla franca, anche col consenso e lappoggio del partito della Curva Nord (PCN) il cui capo carismatico (con la plebe non difficile diventare capi carismatici: basta incendiare i cuori e gli animi con parole vuote e roboanti, esaltare gli istinti egoistici e promettere meno tasse e pi consumi e divertimenti) Bozzolo il duro, noto non solo per avere sposato contro il volere del padre una donna della curva sud, dalla quale avrebbe poi avuto un figlio somigliante in tutto e per tutto a una trota, ma anche per urlare peste e corna contro Roma ladrona e poi andare nella capitale a battere cassa non solo per s ma anche per la moglie la quale, essendo proprietaria di una scuola privata con sede a Varese (classi di 15 allievi e suddivisa in scuola per linfanzia, primaria e secondaria di primo grado, parificata a quelle statali) ha ottenuto dal Ministero del Tesoro un finanziamento di 800.000 (diconsi ottocentomila) euro in due anni, scuola che, tra laltro come dice il suo statuto basata sulla pedagogia del grana padano e d molta importanza alla conoscenza di quelle origini per costruire una identit ai giovani alunni, oltre che per avercela a morte, il suddetto Bozzolo il duro, con gli immigrati i quali il suo chiodo fisso vanno presi a colpi di bazooka quando ancora sono sui barconi per poterli buttare in mare e rispedirli a casa loro, tanto che per questa rabbia inconsulta, il Bozzolo era stato colto dallictus iracondiae, che lo aveva costretto per parecchi mesi in ospedale dove tutti gli ipocriti e i farisei si recavano a fargli visita, augurandogli una pronta e completa guarigione, mentre i suoi compagni di merende fatte di grana padano, una accolita di rozzi urlatori, dal Bozzolo ben addestrati, figli anche loro del dio Po, le cui acque inquinate ogni anno essi benedicono tra una marea di camicette verdi che, a cinquantanni di distanza, hanno sostituito le camiciole nere, sbraitavano affinch i soldi pagati per entrare allo stadio servissero essenzialmente a migliorare le strutture della curva nord, infischiandosene se la curva sud, la gradinata, la tribuna e lo stesso terreno di gioco potessero aver bisogno di interventi ordinari e straordinari {apro parentesi graffa, e subito si capir il perch per dire che non capisco come si possa stare dietro a tutti questi casini [ma forse, senza scomodare il segretario del Partito della Famiglia (PDF, che non un formato informatico) cos detto per lintresse principe che quel partito si propone, e cio salvaguardare questa secolare istituzione, anche a costo di separarsi, divorziare e risposarsi, sempre per col consenso di Santa Romana Chiesa Cattolica e Apostolica, sarebbe dunque il caso di parlare di minchiate, anche per rimanere nel tema della radice dei Minchiolini e dei Minchioloni] senza perdere la bussola e il cervello e senza perdere di vista la frase principale, che poi sarebbe quella che il Vespasiani stava leggendo una velina del Minchiolini sui voli pindarici del Minchioloni} mentre fuori, per le strade di questa povera patria come la definisce Battiato in una sua canzone, unItalia ormai persa, succhiata, addormentata, serva, come scrisse il Poeta, di dolore ostello, nave sanza nocchiere in gran tempesta, non donna di province, ma bordello, linfima plebaglia, come sempre disinteressata

alle cose della politica (ed per questo che chi sta al potere riesce a fare il bello e il cattivo tempo, oltre ai suoi interessi personali) in quanto essa (la plebaglia, intendo) crede che siano un argomento e un settore che non la riguardi (oh, poveracci! non sanno che la politica decide momento per momento come noi dobbiamo vivere, pensare e comportarci, come dobbiamo educare i nostri pargoli e quello che dobbiamo mangiare, bere e respirare, insomma, in poche parole la politica decide sulla vita e sul futuro nostro e dei nostri figli!) lignobile plebaglia, dicevamo, girava inebetita davanti alle vetrine illuminate a festa per la notte dei saldi per dare i propri soldi in cambio di roba da acquistare per il solo fatto di essere scontata e dunque, secondo la mentalit consumistica, conveniente, anche se alla fin fine non era strettamente necessaria e comunque, una volta presa, avrebbe lei s preso posto nei cassetti e negli armadi, detronizzando la roba acquistata coi saldi e coi soldi precedenti, perch pi di tanto un cassetto e un armadio non possono contenere, e quando hai qualche capo per girare in citt, per andare al lago, in montagna, al mare a mostrar le chiappe chiare e prendere il sole caldo di luglio e dagosto lungo le migliaia di chilometri di costa lambita dal Mediterraneo, mare nostrum a detta degli antichi romani, ma che di nostro ha ormai solo la puzza di fogna e linquinamento da idrocarburi, oltre alle chiacchiere che inondano sistematicamente le spiagge e le nostre giornate fatte di gratta e vinci, di lotterie milionarie, di schede e schedine varie, di innumerevoli giochi a premi che hanno sostituito i giochi che gli imperatori romani regalavano al popolo una volta allanno assieme alle pagnotte per tenerlo buono e poter fare indisturbati i loro comodi (date populo panem et circenses, dicevano) aiuto, mi sono perso! ma come si pu non perdersi senza un punto fermo: come se mancasse, come dice il solito Battiato un centro di gravit permanente, proprio come nel nostro sistema politico che, fin quando non sar basato (per quanto i begli ingegni si affannino a negarlo) sulla democrazia, quella vera, con la quale si intende che il popolo (demos in greco, appunto) conoscendo e partecipando, sceglie in modo cosciente e consapevole i suoi rappresentanti (i quali a quel punto sono solo dei semplici servitori della comunit) affinch amministrino la cosa pubblica (res publica in latino) nel nome del popolo e solo nei suoi interessi (che sono appunto gli interessi della comunit) ma, al contrario, finch il sistema politico sar basato come accade da sempre nelle societ occidentali moderne e come continua ad accadere da noi sulla volgocrazia, con la quale si intende che il popolo o, meglio, il volgo o plebe che dir si voglia, crede che la politica sia qualcosa di lontano, astratto, astruso e di cui solo i politici si debbano interessare e, di conseguenza, al momento del voto d la sua preferenza a quei personaggi che meglio avranno saputo abbindolarlo o pi forte avranno urlato, o ancora perch saranno apparsi pi sicuri e sorridenti o avranno indossato giacca e cravatta a pallini e che, tira e molla, andranno sempre al potere solo ed esclusivamente per fare i loro interessi, beh, sicuramente a queste e in queste condizioni, esisteranno sempre gli Emilio Vespasiani che leggeranno le veline dei Minchiolini i quali cercheranno di fare il tornaconto dei Minchioloni con linteressato e calcolato beneplacito delle curve nord, al fine di rendere le cose pi astruse e contorte (la qual cosa giova sempre al potere) ad onta della comprensibilit e della chiarezza che hanno sempre bisogno di un punto fermo. Punto.