Sei sulla pagina 1di 2

PAESE :Italia AUTORE :Di Solidea Vitali R…

PAGINE :22
SUPERFICIE :44 %

14 settembre 2022 - Edizione Pesaro

In Oncologial’innovazione
può davverosalvarela vita
A Pesaroil 16 e 17 settembreun convegnoper condividerele ultime novità
nella curae diagnosi. «Passiavanti anche dal punto di vista burocratico»
di SolideaVitali Rosati quindi prenderele giuste deci-
In oncologia, l’innovazione ti sioni cliniche. Le terapie saran-
salva la vita. A Pesaro,il 16 e 17 no sempre più mirate e i farma-
settembre,ci saràun convegno ci personalizzatie questorichie-
di medici eprofessori universita- derà grandi risorse economiche
ed umane che saranno sosteni-
ria che da tutta Italia si riuniran-
bili solo se si interviene sul tu-
no per condividere esperienze
e le novità acquisite a Parigido- more nello stadio iniziale».
E’ quello di cui parlereteal
ve si è appenaconclusol’Esmo,
il congressointernazionale sul- Convegno dal titolo “ Ricerca,
cura e umanizzazionein onco-
le ultime scoperte scientifiche
nel settore.Rita Chiari, primario logia ?
«Sì. Con il mio intervento intro-
del reparto di Oncologia
all’ospedale di Pesaro, Azienda durrò questiaspetti che saran-
Marche Nord,starientrandodal- no trattati anchedal professore
Mauro Magnani dell’Università
la capitale francese,caricadi ri-
di Urbino. Sarà lui a spiegare
flessioni e pronta,venerdì, a fa-
“ Come nasceun farmaco onco-
re gli onori di casa. Dal podio
della sala Pierangeli in viale logico » .
Gramsci 4 a Pesaro,aprirà il con- Ma nonavevadettocheil con-
vegno di cui ha curatoimpianto vegno con un impianto divul-
e invitato una decinadi esperti. gativo avrebbe proposto an-
Dottoressacosaè,nel suoset- che aspetti importanti, com-
tore l’innovazione? plementari all’azione di cura?
«È importanteche i medici ac- «Siamo sempremedici – sorride
Chiari –, ma come dice il titolo
quisiscano una conoscenza più
profondadei processidi forma- del convegno oltre a “ Ricerca e
zione deivari tumori perchéstia- cura“ affronteremo il grandete-
mo entrandoin una fasein cui ma dell’umanizzazione».
sonostudiati per le loro caratte- Checosaintende?
«Guardareai processidi cura an-
ristiche molecolari e per il mec-
che dal punto di vistadel pazien-
canismo di progressione della
malattia ». te: eccoquindi chemolto si può
Tradotto per noi mortali? fare con la cultura della preven-
zione o persino agendosulla bu-
«I nuovi studi clinici e quindi i
nuovi farmaci affrontano questi è
rocrazia. Innovativo non solo
utilizzare i farmaci e i macchina-
meccanismi. Se un oncologo
ri di ultima generazione ma an-
non li capiscediventa difficile
che affrontare la malattia in mo-
senon impossibile comprende-
do multidisciplinare ».
re lo studio nel qualearruolare il Non sia mai che la semplifica-
paziente, l’uso del farmaco e
zione burocratica inizi dallo

Tutti i diritti riservati


PAESE :Italia AUTORE :Di Solidea Vitali R…
PAGINE :22
SUPERFICIE :44 %

14 settembre 2022 - Edizione Pesaro

studio di un oncologo... DALLA TEORIA ALLA PRATICA


«No, in questocaso la semplifi- «Porteremoal
cazione è merito della direzione convegno i risultati
di Marche Nord».
Di cheparliamo? legati alla migliore
«La direttrice, Maria Capalbo, alimentazione,
ha siglato un accordotra Mar- concludendocon un
che Nord e Inps per la tutela dei
pazienti: avranno, direttamente pranzodella salute»
dai loro specialisti, il rilascio del Rita Chiari, direttore del
certificato oncologico ».
Cheeffetto ha sulla vita del pa- jreparto di Oncologia
dell’azienda ospedaliera
ziente? Marche Nord. «Innovativo –
«E’ una svolta importante nel
percorsodi tutela dei pazienti utilizzare farmaci – non è solo
spiega l’oncologa
oncologici, che, grazieal proto- i ei
collo siglato dall’Azienda con macchinari d i ultima
Inps, potranno usufuire, in tem- generazionema anche
pi celeri, dei benefici giuridici, affrontare la malattiain modo
economici e di tuteladel lavoro multidisciplinare »
previsti dalla normativa».
Su cos’altro avetelavorato?
«L’Azienda ospedaliera Marche
Nord ha realizzato dei “ Percorsi
Diagnostici Terapeutici Assi-
stenziali ( PDTA) : diagnosi, cu-
ra, assistenza e riabilitazione fi-
no “ all’umanizzazione delle cu-
re che si prefiggedi soddisfare
i bisogni organici, psicologici e
relazionali del paziente».
Scendendonel dettaglio?
«Abbiamo promossoanche un
progetto di medicina narrativa:
al convegno racconteremoco-
me è nato“ Sei“, un libro di rac-
conti nato dalla collaborazione
di pazienti e scrittori. Non solo».
Prego.
«Il valore dello stile di vita in ter- MarcheNord
Rita Chiari, direttoredel repartodi Oncologia dell’azienda ospedaliera
mini di prevenzione porterà al
convegno i risultati legati alla
migliore alimentazione. Conclu-
deremo conun pranzo della sa-
lute, mettendo in praticale buo-
ne prassi,avvalorateda studi nu-
trizionistici legati alla condizio-
ne del malato oncologico».
Parlerete bene, spero, della
dieta mediterranea...
«Assolutamente sì. Consumata
tutti i giorni riduce del 10% la
mortalità per cancro» .

Tutti i diritti riservati

Potrebbero piacerti anche