Sei sulla pagina 1di 3

a cura di Antonio Gigliotti www.fiscal-focus.it www.fiscal-focus.

info

N. 83
I Casi

30.05.2011
Categoria Sottocategoria Irpef

Le risposte ai quesiti

Oneri deducibili e detraibili

Oggetto Domanda

Spese sportive per i ragazzi tra i 5 e i 18 anni Per la detrazione delle spese relative alla frequenza di attivit sportive di ragazzi tra i 5 e io 18 anni di et, nellipotesi in cui i comuni stipulino accordi con associazioni sportive, palestre, piscine, per la frequenza di tali attivit, ai fini della detrazione prevista, sufficiente il bollettino di c/c intestato direttamente al Comune e la ricevuta complessiva che rilascia lassociazione sportiva con lelenco dei ragazzi che hanno frequentato i corsi sportivi?

Risposta

In riferimento alle spese relative allattivit sportiva praticata dai ragazzi tra i 5 e i 18 anni, prevista la detrazione dimposta ai sensi del art., 15 comma 1 del TUIR. In generale si tratta delle spese sostenute nel 2010 per liscrizione annuale e labbonamento ad associazioni sportive, piscine palestre e altre strutture che sono destinate alla pratica sportiva dilettantistica. Sono

infatti esclusi dalla detrazione le spese per gli abbonamenti alle associazioni che non rientrano nella definizione di sportiva dilettantistica, o che praticano sport professionistico, oppure associazioni non sportive. Nel caso specifico, il Decreto Interministeriale del 28 marzo 2007, in riferimento alle spese sostenute per lattivit sportiva di ragazzi di et compresa tra 5 e 18 anni, ai fini del beneficio della detrazione del 19%, per un importo non superiore a 210 euro, ha individuato la documentazione idonea ad attestare il

Informat srl
Via Alemanni 1, 88040 Pianopoli (CZ) Via Vecchia Ferriera 13, 36100 Vicenza Tel. 0968.425805 - Fax 0968.425756 E-mail: info@fiscal-focus.it P. Iva 03046150797

sostenimento delle spese sostenute per liscrizione annuale e labbonamento ad associazioni sportive, palestre ecc. La spesa deve essere certificata dal bollettino bancario o postale, oppure dalla fattura, ricevuta o quietanza di pagamento rilasciata dalle strutture sportive, recante lindicazione: della ditta, denominazione o ragione sociale e della sede legale ovvero, se persona fisica, nome, cognome, residenza e codice fiscale delle associazioni sportive; della causale del pagamento; dellattivit sportiva esercitata; dellimporto corrisposto per la prestazione resa; dei dati anagrafici del praticante lattivit sportiva e del codice fiscale del soggetto che effettua il pagamento. In presenza di pagamenti effettuati nei confronti dei comuni che abbiano stipulato apposite convenzioni con strutture sportive, al fine di

beneficiare della detrazione in esame, necessario che la spesa sostenuta sia certificata nei modi indicati dalla norma in commento. Il bollettino bancario o postale intestato al comune, ovvero la ricevuta rilasciata

dallassociazione sportiva, deve riportare le indicazioni sopra elencate. Si ricorda che in Unico le spese per le attivit sportive praticate dai ragazzi, devono essere indicate nel quadro RP Oneri e Spese al rigo RP16 nella misura non superiore a 210,00 euro a ragazzo.

Oggetto Domanda

Calamit Naturali: contributi concessi da enti privati I contributi assistenziali erogati dalla Cassa previdenziale ai professionisti in attivit o in pensione, propri assicurati, qualora erogati per calamit naturali che hanno procurato danni ad immobili adibiti a prima abitazione o studio professionale, hanno natura di reddito?

Informat srl
Via Alemanni 1, 88040 Pianopoli (CZ) Via Vecchia Ferriera 13, 36100 Vicenza Tel. 0968.425805 - Fax 0968.425756 E-mail: info@fiscal-focus.it P. Iva 03046150797

Risposta

Le circolari n. 326 del 23 dicembre 1997 e n. 55 del 4 marzo 1999, hanno precisato che le prestazioni erogate da Enti o Casse previdenziali ai propri iscritti sono soggette a tassazione solo se classificabili nelle categorie di reddito previste dallart. 6 del TUIR. In particolare la nella circolare n. 326/E del 1997 stato precisato che il trattamento fiscale delle erogazioni effettuate dagli enti o dalle casse dovr essere determinato autonomamente in base ai principi generali che regolano l'imposizione sui redditi e, pertanto, dette prestazioni saranno assoggettabili a tassazione soltanto se inquadrabili in una delle

categorie di reddito previste nell'articolo 6 del TUIR. Conseguentemente, se la cassa di assistenza sociale eroga una indennit risarcitoria derivante da invalidit permanente o da morte, questa non va assoggettata a tassazione ai sensi del citato articolo 6, del TUIR, se corrisponde, ad esempio, una indennit in caso di matrimonio, questa non va assoggettata a tassazione in quanto non inquadrabile in una delle predette categorie di reddito, se, invece, la prestazione consiste in una indennit inquadrabile tra quelle sostitutive di reddito, questa sar assoggettata a tassazione con le stesse modalit previste per il reddito che va a sostituire. Peraltro, per evitare fenomeni di doppia imposizione, l'importo dell'indennit sostitutiva di reddito di lavoro dipendente da assoggettare a tassazione deve essere diminuito della quota di contributi assistenziali che, per lo stesso periodo d'imposta, ha concorso a formare il reddito imponibile del percettore. I contributi erogati dalla cassa previdenziale per i danni provocati da calamit naturali alla prima abitazione o allo studio professionale degli iscritti, non sono riconducibili ad alcuna categoria di reddito in quanto concessi

occasionalmente, per finalit assistenziali sulla base delliscrizione allente previdenziale di appartenenza. Tali prestazioni hanno natura esclusivamente previdenziale e ci esclude quindi la rilevanza degli stessi sia per i professionisti in pensione, che per quelli in attivit. Bisogna considerare poi, che se i contributi sono concessi per la ricostruzione dellimmobile strumentale, le spese sostenute dal professionista saranno deducibili dal reddito di lavoro autonomo, secondo le regole previste per tale categoria reddituale, al netto dei contributi percepiti, secondo quanto gi chiarito con risoluzione n. 163/E del 22 ottobre 2001 in tema di contributi ai lavoratori autonomi per il c.d. prestito donore di cui alla legge 28 novembre 1996, n. 608. - Riproduzione riservata Informat srl
Via Alemanni 1, 88040 Pianopoli (CZ) Via Vecchia Ferriera 13, 36100 Vicenza Tel. 0968.425805 - Fax 0968.425756 E-mail: info@fiscal-focus.it P. Iva 03046150797