Sei sulla pagina 1di 181

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO

Facolt di Lettere e Filosofia


Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosofiche

Una concezione non-standard: largomento dindispensabilit

R e la to re : C h ia r.m o P ro f. P a o lo V A L O R E C o rre la to re : C h ia r.m a P ro f.s s a M iria m F R A N C H E L L A

T e s i d i L a u r e a d i: S te fa n o D A E L L I M a tr. n . 7 3 7 1 4 8

A n n o A c c a d e m ic o 2 0 1 0 - 2 0 1 1

World View (Abstruse Goose)

He says "One and one and one is three"


Abbey Road, The Beatles (1969)

Indice
INDICE ............................................................................................................................................... 5 1 INTRODUZIONE ....................................................................................................................... 9 1.1 UNO STUDIO DI FATTIBILIT: IL RUOLO DELLARGOMENTO DINDISPENSABILIT PER LA
CONCEZIONE NON-STANDARD ......................................................................................................... 10

1.2 PANORAMICA DEL PROGRAMMA DI LAVORO ....................................................................... 12 2 PREMESSE E STRUMENTI .................................................................................................. 17 2.1 PREMESSA GENERALE ........................................................................................................... 17 2.2 PRINCIPI PER LA NOSTRA ONTOLOGIA ................................................................................. 19 2.2.1 PRINCIPI ONTOLOGICI ......................................................................................................................... 19 2.2.1.1 Il principio di semplicit .......................................................................................................... 19 2.2.1.2 Il principio di economia ........................................................................................................... 21 2.2.1.3 Il principio del senso comune" ............................................................................................ 21 2.2.2 PRINCIPI METODOLOGICI ................................................................................................................... 23 2.3 CRITERI DI PRIMO E SECONDO LIVELLO ............................................................................... 25 2.3.1 CRITERIO DI PRIMO LIVELLO ............................................................................................................. 26 2.3.2 CRITERIO DI SECONDO LIVELLO ........................................................................................................ 27 3 REALT E TEORIA: DUE APPROCCI PER LONTOLOGIA .......................................... 31 3.1 LA CONCEZIONE STANDARD ................................................................................................... 32 3.1.1 FISICALISMO E RIDUZIONISMO .......................................................................................................... 38 3.1.2 PLATONISMO ........................................................................................................................................ 42 3.2 LA CONCEZIONE NON-STANDARD ......................................................................................... 44 4 UN CRITERIO PER LA NOSTRA ONTOLOGIA: LARGOMENTO DINDISPENSABILIT ................................................................................................................ 51 4.1 CINQUE TESI PER UNA METAONTOLOGIA QUINEIANA .......................................................... 53 4.1.1 ESSERE NON UNATTIVIT (TESI I) ............................................................................................... 55 4.1.2 ESSERE LA STESSA COSA DI ESISTERE (TESI II) .......................................................................... 55 4.1.3 ESSERE HA UN UNICO SENSO (TESI III) ........................................................................................... 56

4.1.4 LUNICO SENSO DI ESSERE O ESISTERE ADEGUATAMENTE CATTURATO DAL


QUANTIFICATORE ESISTENZIALE DELLA LOGICA FORMALE (TESI IV) ...................................................... 57

4.1.5 IL CRITERIO DELLIMPEGNO ONTOLOGICO (TESI V) ..................................................................... 58 4.2 TEORIA E REALT: LA CONCEZIONE NON-STANDARD ........................................................... 64 4.2.1 INVERTIRE LA RELAZIONE .................................................................................................................. 65 4.2.2 DUE QUESTIONI: RELATIVISMO E POTERE CREATORE .................................................................. 66 4.2.3 RESISTENZA EMPIRICA E REALT ..................................................................................................... 67 4.2.4 DISTINGUERE I PIANI: LE CONSEGUENZE DELLA CONCEZIONE NON-STANDARD ....................... 69 4.2.5 CONSEGUENZE E VANTAGGI DELLA CONCEZIONE NON-STANDARD ............................................. 73 4.3 LARGOMENTO DINDISPENSABILIT ................................................................................... 76 5 LARGOMENTO DINDISPENSABILIT .......................................................................... 79 5.1 INTRODUCENDO IA: UNA PRIMA FORMULAZIONE ............................................................... 84 5.2 PRIMA PREMESSA: NATURALISMO E OLISMO DELLA CONFERMA. ....................................... 85 5.2.1 OLISMO DELLA CONFERMA ................................................................................................................ 86 5.2.1.1 Vineberg: realismo e causalit .............................................................................................. 87 5.2.1.2 Sober: dispensabilit ed empirismo di contrasto ......................................................... 88 5.2.1.3 Chiarimento della dottrina dellolismo della conferma ............................................. 91 5.2.2 NATURALISMO ..................................................................................................................................... 92 5.2.2.1 Maddy e le tre critiche al naturalismo di IA .................................................................... 94 5.2.2.2 La risposta di Colyvan alle tre obiezioni di Maddy ...................................................... 98 5.3 SECONDA PREMESSA: INDISPENSABILIT DELLA MATEMATICA PER LA FISICA ............... 109 5.3.1 LOBIEZIONE NOMINALISTICA DI FIELD: LA DISPENSABILIT DELLA MATEMATICA ............ 111 5.3.1.1 Entit matematiche ed entit teoretiche: il Principio di Conservazione ......... 113 5.3.1.2 Lassiomatizzazione di Hilbert ........................................................................................... 116 5.3.1.3 Nominalizzare la fisica: il modello della geometria di Hilbert ............................. 118 5.3.1.4 La ragionevolezza del nominalismo ................................................................................ 120 5.3.2 ALTRE OBIEZIONI ALLA SECONDA PREMESSA .............................................................................. 121 5.3.2.1 Uso rappresentativo e uso indiretto della matematica: Peressini ...................... 122 5.3.2.2 Indispensabilit senza esistenza: Melia ......................................................................... 126 5.3.3 COSA FARE DELLA SECONDA PREMESSA? ..................................................................................... 130 5.4 LARGOMENTO DINDISPENSABILIT: UNA VERSIONE MINIMA ......................................... 135 5.4.1 DISPENSABILIT DELLOLISMO ...................................................................................................... 137 5.4.2 DISPENSABILIT DEL NATURALISMO ............................................................................................ 141

5.4.3 LA VERSIONE MINIMALE DI IA ....................................................................................................... 144 5.4.3.1 Sereni: un argomento minimale dindispensabilit .................................................. 145 5.4.3.2 Caratteristiche di IA minimale ........................................................................................... 146 5.4.3.3 Quattro versioni di IA minimale ........................................................................................ 148 5.4.3.4 IA minimale: condizioni sufficienti ma non necessarie ........................................... 150 6 CONCLUSIONE: ALLARGARE LO SGUARDO PER UNA CONCEZIONE NON- STANDARD ................................................................................................................................... 153 6.1 DALLA CONCEZIONE NON-STANDARD ALLA VERSIONE MINIMALE DI IA .......................... 154 6.2 IA A CONFRONTO CON I PRINCIPI ONTOLOGICI E METODOLOGICI .................................... 157 6.3 UNO SCHEMA ARGOMENTATIVO A SUPPORTO DELLA CONCEZIONE NON-STANDARD ....... 161 6.3.1 UN APPROCCIO RAGIONEVOLE .................................................................................................... 161 6.3.2 UNO SCHEMA ARGOMENTATIVO GENERALE: ALLARGARE LO SGUARDO ................................. 162 RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI .............................................................................................. 167 RIFERIMENTI SITOGRAFICI ................................................................................................... 171 RINGRAZIAMENTI .................................................................................................................... 173

1 Introduzione

Contrariamente a quanto consigliato ed consuetudine fare, vorremmo iniziare con una breve nota di carattere personale. Chi scrive ha sempre trovato molto affascinante che di un lavoro, lintroduzione fosse in realt lultima parte a essere scritta. Se paragonassimo un testo a un cammino, diremmo allora che il primo passo coincide in realt con lultimo. il motivo per cui questo primo passo propriamente il pi delicato (e il pi faticoso), perch sia conclusione sia preparazione del percorso che si apre davanti a noi.

1.1 Uno studio di fattibilit: il ruolo dellargomento dindispensabilit per la concezione non-standard

Ancor pi difficile far seguire unintroduzione a un titolo come quello scelto per il nostro lavoro. Il motivo dovuto, come vedremo, al fatto che parlare di concezione non-standard significa spalancare scenari vastissimi. Lespressione collegata, infatti, alle nozioni di realt, teoria, esistenza che per loro natura sono (nozioni) di apertura. Esse costituiscono le fondamenta non solo del discorso filosofico ma del pensiero razionale nel suo complesso. loro costituzione sfuggire a ogni tentativo di esser prese, isolate e studiate separatamente dal contesto, poich sono i fuochi attorno a cui gravitano un gran numero di assunzioni, conseguenze e nozioni correlate. Come in un sistema complesso, muovere anche uno solo di questi punti significa spostare dal loro equilibrio tutti gli elementi del sistema, che devono quindi ricollocarsi in una nuova configurazione; allo stesso modo discutere e criticare queste nozioni impone la riprogettazione di tutte le relazione e lapertura ad un nuovo mondo. Per queste ragioni, abbiamo scelto di non prendere direttamente come oggetto di studio la concezione non-standard: sarebbe stato impossibile adattare una trattazione esaustiva del quadro accennato poco sopra ai confini del presente lavoro. Ci non ci dispensa per dallesplicitare quale posizione assumiamo. La nozione di concezione non-standard trova dialetticamente il suo significato nella contrapposizione a quella che definiamo invece standard, ovvero lidea che la realt sia indipendente dalle teorie che la rappresentano. Chi scrive rifiuta questa concezione, sostenendo che al contrario la realt dipende dalle teorie e dalle descri-

10

zioni che ne diamo; e dunque questa che definiamo concezione non-standard. Coerentemente con quanto scritto poco sopra, cio di non sfidare a viso aperto questo tema, abbiamo preferito adottare una strategia pi moderata e impegnarci in uno studio di fattibilit di questa concezione. Che cosa vuol dire? Gi dalle poche righe che abbiamo speso per delineare la questione, chiaro come la concezione non-standard vada in (molta) parte contro il nostro senso comune e il nostro sistema di riferimento categoriale tradizionale. Con studio di fattibilit intendiamo quindi mostrare come la via delineata da questa concezione, anche se accidentata, tuttavia percorribile a certe non eccessive condizioni. Bench lidea fondamentale della concezione non-standard sia controintuitiva, il nostro proposito quello di arrivare a mostrare come non di meno possa essere validamente sostenuta senza conseguenze contraddittorie n costi insostenibili. A questo proposito entra la seconda parte del titolo del presente lavoro: largomento dindispensabilit. Questultimo un argomento ontologico a posteriori, poich sostiene che lammissione di entit dipendente dallo sviluppo del sapere e dalle sue necessit1. La linea argomentativa, anche se vedremo come nasconda delle insidie, molto semplice: se una teoria scientifica non pu che assumere certe entit lentit ! indispensabile alla teoria ! allora siamo impegnati a riconoscere lesistenza di queste entit. La sensazione che proviamo di fronte alla strategia di argomentazione, usata a favore dellesistenza di entit per lo meno controverse (le entit matematiche, come vedremo), la stessa che abbiamo appena sperimentato rispetto alla concezione non-standard. Il motivo
1

Valore (2008), p.275.

11

presto

detto:

largomento

di

indispensabilit

si

basa

su

questultima concezione, cio la dipendenza dellesistenza delle entit dalle teorie, pi correttamente dai loro requisiti. Abbiamo ora tutti gli elementi per chiarire meglio il senso dello studio di fattibilit. Il nostro oggetto di studio sar largomento dindispensabilit, di cui analizzeremo le premesse e le criticit per arrivare a una formulazione il pi possibile condivisibile che rimanga quindi valida. Essendo la concezione non-standard a sua volta indispensabile per largomento in questione, poter mostrare che un buon argomento vedremo ovviamente anche a che condizioni largomento dindispensabilit sia un buon argomento significherebbe anche provare la fattibilit della concezione da cui dipende. Chi scrive cosciente che tutto ci ben lontano dallessere una dimostrazione della concezione non-standard, e non nasconde neanche che se valessero le intenzioni, lobiettivo del presente lavoro sarebbe proprio quello. Tuttavia, data la complessit e controintuitiva dellargomento, una piccola vittoria ha gi il significato di una grande vittoria. con questo proposito che andiamo presentare i punti che si toccheranno nel corso di questa tesi.

1.2 Panoramica del programma di lavoro

Il capitolo [2] sar destinato a chiarire le premesse e dare gli strumenti di lavoro che saranno poi utilizzati nel corso dei capitoli successivi. Dopo una prima premessa molto generale [2.1] sul senso di fare ontologia saranno presentati due diversi tipi di prin-

12

cipi. I principi ontologici [2.2.1] sono quelli che, sulla base dei risultati che ci riconsegnano, guidano le nostre scelte allinterno e tra le differenti ontologie: questi tre principi sono il principio di semplicit [2.2.1.1], il principio di economia [2.2.1.2] e il principio del senso comune [2.2.1.3.]. Il secondo tipo di principi sono quelli metodologici [2.2.2], che riguardano direttamente il modo in cui si vuole fare filosofia, e sono quelli di manifestazione delle assunzioni di fondo e di esplicitazione dei costi. Questo capitolo terminer con unulteriore distinzione, quella tra criteri di primo e secondo livello [2.3], che delineano rispettivamente due diversi piani di lavoro. Il primo livello quello della teoria, per il quale tutto il lavoro svolto interno al quadro concettuale di riferimento scelto. Il piano di lavoro definito dai criteri di secondo livello costituito invece dai criteri stessi. La discussione riguarda quindi il quadro di riferimento, le assunzioni che presuppone e le conseguenze che generano. Nel corso del nostro percorso vedremo come questa distinzione sia fondamentale e simponga spesso alla nostra attenzione. Le concezioni standard [3.1] e non-standard [3.2] sono introdotte nel capitolo terzo, in cui si esaminano la due diverse rappresentazioni del rapporto realt-teoria. La seconda rappresenta il vero e proprio punto di riferimento di tutto quanto sar poi discusso nei capitoli che seguiranno. Per quanto riguarda la prima, sono analizzati i diversi approcci a questa concezione, con lo scopo di mostrarne sia i pregi che i limiti, in ragione dei quali sar poi introdotta quella non-standard. Il quarto capitolo [4] interamente dedicato a un approfondimento del nostro quadro di riferimento categoriale di cui fa parte la concezione non-standard [4.2]. In particolare sono elencate e discusse le cinque tesi metaontologiche di Quine (nellinterpretazione che ne d Van Inwagen [4.1]) e sar analizzata pi a fondo la

13

concezione non-standard, per capirne i vantaggi e svantaggi [4.2.5]. Il culmine di questo capitolo lintroduzione dellargomento dindispensabilit [4.3]. Il cuore del lavoro costituito dal quinto capitolo che ha come oggetto largomento dindispensabilit. La discussione partir da una prima formulazione generale dellargomento [5.1], scelta, tra quelle disponibili in letteratura, per il fatto di essere contraddistinta da tutti quegli elementi distintivi che si andranno poi a esaminare uno per volta. Pi nel dettaglio, questa prima formulazione pogger su due premesse che saranno entrambe analizzate separatamente poich in ognuna di esse entrano in gioco tesi e assunzioni particolarmente rilevanti e controverse. Sinizier allora concentrandosi sulla prima premessa [5.2], nella quale, a sua volta, sono implicate due tesi: la tesi dellolismo della conferma [5.2.1] e quella del naturalismo [5.2.2]. Per ciascuna di esse saranno quindi passate in rassegna le obiezioni pi interessanti presenti in letteratura: quelle di Vineberg [5.2.1.1] e Sober [5.2.1.2] per quanto riguarda lolismo della conferma e quella di Maddy [5.2.2.1] per il naturalismo. Per entrambe le tesi poi si cercher di rispondere a queste obiezioni - [5.2.1.3] e [5.2.2.2] senza per nascondere eventuali difficolt rimanenti. Lo stesso trattamento sar riservato anche alla seconda premessa, ossia lindispensabilit della matematica per la fisica [5.3]. La prima obiezione a essere considerata sar quella nominalistica di Field [5.3.1]. A seguire saranno introdotte anche altre obiezioni come quella di Peressini [5.3.2.1] e (ancora) di Melia [5.3.2.2]. La discussione di questa premessa si chiuder anche in questo caso con una valutazione delle obiezioni, delle risposte a queste e delle conseguenze [5.3.3].

14

Ricordiamo che lobiettivo che ci siamo dati quello di avere un argomento dindispensabilit il pi largamente condivisibile, ma che continui a rimanere valido. Facendo un bilancio complessivo delle obiezioni si vedr come per, anche scommettendo sulle risposte che si possono pensare per questultime, largomento continuerebbe, nella formulazione attuale, a rimanere esposto a pesanti critiche che lo allontanerebbero da entrambi i requisiti che stiamo cercando. Per questa ragione, nella sezione [5.4] si proporr una versione minima dellargomento. Lappellativo di minima far riferimento al fatto di fare a meno delle tesi che lo rendono pi vulnerabile: lolismo della conferma [5.4.1] e il naturalismo [5.4.2]. Di questa formulazione avremo, a nostra volta, quattro diverse versioni, che differiscono tra loro in base allapproccio che vorremo mantenere verso largomento dindispensabilit [5.4.3.3]. Come a questo punto avremo gi imparato, ogni scelta comporta anche un prezzo da pagare. La versione minimale, guadagnando sotto il profilo della condivisibilit, perch non gravata da assunzioni teoriche impegnative, perder sotto quello dellefficacia argomentativa. Quale prezzo ci sar da pagare per questa versione minimale lo si vedr in dettaglio in [5.4.3.4]; per adesso ci basti dire che per lesistenza delle entit matematiche non ci dar pi condizioni necessarie ma solo sufficienti. Per concludere, lultimo capitolo sar dedicato a ripercorrere la strada fatta e ad inquadrarla correttamente nel progetto complessivo che abbiamo descritto anche in questa introduzione [6.1]. Il punto darrivo dellargomento minimale dindispensabilit sar quindi messo a confronto con i criteri identificati nel secondo capitolo [6.2] per assicurarsi che siano rispettati pienamente e quindi possa essere considerato un buon argomento. Largomento

15

dindispensabilit si qualificher allora come un approccio ragionevole al realismo delle entit matematiche, per le quali appunto stato concepito [6.3.1], dimostrando la fattibilit della concezione non-standard. Nel finale sar chiarito che largomento dindispensabilit che abbiamo utilizzato, in realt solo un caso particolare di uno schema argomentativo pi generale [6.3.2]. Partendo dagli stessi presupposti anche questo schema richieder la concezione non-standard. A questo punto, il buon successo dellargomento dindispensabilit, nella versione che utilizzeremo, lascer ben sperare per lapplicazione di questo schema generale in ambiti anche lontani da quelli che noi invece saremo arrivati a sviluppare. Con ci, questo costituir un ulteriore piccolo apporto a sostegno della concezione non-standard.

16

2 Premesse e strumenti

2.1 Premessa generale


Capita spesso di arrivare a quelle ore che stanno tra pomeriggio e sera e di scoprirsi impreparati ad adempiere a tutta quella serie di convenzioni connesse al concetto di cena. La strategia che pi spesso si sente usare per uscire da questa impasse quella del ceniamo con quello che c nel frigorifero, che consiste nellaprirlo ed elencare tutto ci che contiene una mela, delle uova, latte a lunga conservazione, pancetta e cercare di configurare quello che si trovato in un quadro che sia il pi possibile coerente con la nozione che abbiamo di cena. Questo tipo di lavoro, a cui capitato sicuramente a tutti di misurarsi di volta in volta, tipicamente il lavoro dellontologo, ovvero

17

di colui il quale compila liste di cose che esistono perch si riesca a dare una resoconto esaustivo del mondo o del dominio a cui quella domanda che cosa c nel frigorifero? - fa riferimento2. Per rispondere adeguatamente a questa domanda dobbiamo quindi poter essere in grado di esibire un criterio secondo il quale ammettiamo certe cose e non altre; mele e yogurt per esempio, ma non i ripiani e i cassetti, perch questi non rientrano nel resoconto che abbiamo in mente di ricostruire quando ci poniamo la domanda da cui siamo partiti. Lattivit dellontologo primariamente ma come vedremo non unicamente questa, di sviluppare dei criteri e degli argomenti che ci consentano di stilare lelenco di tutte e sole le entit che siamo disposti ad ammettere nel nostro universo di riferimento, sia esso il mondo o una singola disciplina. Accanto a questattivit lo studioso chiamato anche a discutere e criticare i criteri che utilizza. Chi scrive lo fa nella convinzione che largomento (o criterio) conclusivo sia poco meno di una chimera, anche piuttosto superficiale; ma che tuttavia non si debba cedere alla tentazione di ridurre tutta lattivit filosofica a sterile contrapposizione di opinioni equivalenti. In filosofia, come in quella sua parte in cui cominciamo ad inoltrarci che lontologia, si danno buoni come cattivi argomenti, e parallelamente ontologie preferibili ed ontologie sconsigliate. Questa che potrebbe esser scambiata per scarsa efficacia in realt conseguenza diretta delle propriet degli oggetti dindagine caratteristici dellontologia, che costituiscono un terreno alquanto scivoloso per ogni tentativo di comprensione che si ponga appunto
2

Per unintroduzione che renda giustizia alla complessit e alla profondit

dellargomento rimandiamo a Valore (2008).

18

come conclusivo. Entit astratte, oggetti sociali ma gli stessi oggetti concreti, che in prima battuta difficilmente metteremmo in discussione hanno contorni quanto mai sfuggenti. Quindi, per limitare i rischi di questo scivolamento, crediamo sia importante fissare alcuni punti perch il discorso ma questo non valido solo per la filosofia possa procedere proficuamente. Innanzitutto, che cosa fa di un criterio un buon criterio? E in quale modo possiamo evitare di finire fuori dallo spazio razionale che vuole esser dellontologia? Cercare perci di rispondere a queste domande il passo preliminare per preparare un terreno comune e scongiurare quei rischi che abbiamo segnalato sopra. Come si pu notare, le due domande che ci stiamo ponendo raggiungono la questione da angolazioni differenti ma complementari; per i nostri scopi distinguiamo dunque tra due classi di principi: ontologici e metodologici.

2.2 Principi per la nostra ontologia


2.2.1 Principi ontologici

Per principi ontologici intendiamo quei criteri che ci permettono di valutare le diverse ontologie in base agli schemi concettuali che impongono.

2.2.1.1

Il principio di semplicit

Primo parametro di valutazione quello di (1) semplicit: propendiamo ad adottare quello schema concettuale che, a parit di

19

potenza esplicativa, il pi semplice. Come possiamo gi intuire un criterio di valutazione essenzialmente pragmatico. Confrontiamo unontologia strettamente fisicalista, per la quale non esistono altre entit oltre a quelle definite in termini spazio-temporali, con, ad esempio, quella radicalmente idealistica raccontata Borges3 per la cultura della regione immaginaria di Thln, secondo cui ci che si d sono solamente atti indipendenti, i cui resoconti linguistici sono aggregati di aggettivi coordinati. Quellentit fisica a cui la prima ontologia, quella fisicalista, si riferirebbe con il sostantivo luna, nellontologia di Thln sarebbe parafrasata come aereo-chiaro sopra scuro-rotondo, aranciato-tenue-dellaltoceleste, o un qualsiasi altro aggregato che renda conto delle esperienze sensoriali associate alla sua percezione. In una situazione come questa possiamo dire che la prima ontologia, anche se piuttosto riduttiva, sicuramente pi semplice di quella idealista pensata da Borges per il suo racconto. I limiti di questo criterio sono tuttavia evidenti gi in Quine4. In situazioni in cui sul tavolo della discussione troviamo alternative con vantaggi e costi che, nonostante siano ben distinguibili, si equivalgono, questo criterio si mostra un po in affanno. Stabiliamo quindi che se nel corso del lavoro incontreremo casi simili, questo sar affrontato di volta in volta, mentre per il momento ci riserviamo di lasciare aperta la questione.

Tln, Uqbar, Orbis Tertius in J. L. Borges, Finzioni (1944), trad. it. F. LucentiQuine (1953).

ni, Einaudi, 2005.


4

20

2.2.1.2

Il principio di economia

Un secondo criterio quello di (2) economia: a parit di capacit esplicativa prediligiamo il criterio che sottende lontologia per noi meno costosa in termini di entit ammesse. Si favorisce in questo senso la parsimonia ontologica5: la miglior descrizione del mondo quella che per esser costruita richiede il minor numero di elementi. Al netto dello schema concettuale che va ad identificare lontologia, quella strettamente fisicalista descritta per (1) pi economica di unontologia che accanto ad entit fisiche ammetta anche entit astratte (lumanit, il cerchio), teoriche (il bosone di Higgs) o addirittura contraddittorie (la celebre cupola sferico-quadrangolare). Anche in questo caso, abbiamo a che fare pi con una linea di condotta che non con una prescrizione normativa, al punto che possibile incontrare situazioni di non facile interpretazione, che richiedono uno specifico approfondimento.

2.2.1.3

Il principio del senso comune"

Proponiamo quindi un terzo principio, probabilmente il pi controvertibile e vago dei tre, che possiamo definire come un certo rispetto per quello che quotidianamente intendiamo con lespressione (3) senso comune. Come pu essere interessante un quadro concettuale che ci restituisca un mondo in cui ci impossibile riconoscere il nostro? La solidit di unopzione teorica deriva anche dalla capacit delle sue fondamenta di affondare e rendere conto del mondo cos com per noi. Per riprendere ancora un esempio gi accennato, pur con tutto il fascino letterario e filosofico che sa esercitare, per noi impossibile identificarsi negli abitanti del mondo di Thln. Tornando invece allontologia strettamente fi-

21

sicalista che abbiamo utilizzato come termine di paragone, questa ha superato brillantemente i tre criteri. Come abbiamo visto, pi semplice, economica e plausibile dellontologia di Thln. Cosa altro allora ci resta da dire, se non accettare questa ontologia? Il fatto che, come molto spesso vedremo, non possibile determinare questo tipo questioni in senso assoluto. Come in questo caso le nostre scelte e valutazioni sono sempre relative ai termini del discorso, al contesto in cui ci poniamo e ai nostri scopi. Questi tre principi sintrecciano in realt pi di quanto possa apparire ad un primo sguardo. Pi frequentemente saranno in competizione tra loro. Non occorre andare tanto lontano per averne un esempio: la scienza un prolungamento del senso comune ed anche un ampliamento dellespediente del senso comune, che amplia lontologia per semplificare la teoria6. Vediamo qui in azione tutti e tre i principi sopra descritti. Lorigine della scienza fisica risale al tentativo rendere conto in modo esaustivo della nostra intuizione del mondo (3). Nei suoi sviluppi per stata per stata costretta a rinunciare a qualcosa in termini di frugalit dellontologia (2) ammettendo tra le altre cose corpi, particelle e forze in cambio di una maggiore semplicit (1) della teoria. Quello che Quine qui descrive il compromesso che in molti contesti pu imporsi tra i due principi di semplicit ed economia: necessario sacrificarne uno e pagarne in un certo senso il prezzo per poter salvaguardare laltro. Alla fine della discussione di questi principi, con il presentarsi di questa tensione, troviamo lo spunto per aprire una riflessione su quei principi metodologici prima solo accennati.

Quine (1953), p. 63

22

2.2.2

Principi metodologici

Ricominciamo quindi da dove eravamo rimasti. Il campo di applicazione dei principi definiti nel paragrafo precedente interno ai criteri e alle ontologie prese in considerazione. La semplicit (1) pertanto uno dei parametri di valutazione dei criteri proposti sulla base dellontologia che ritagliano. Siamo per gi arrivati a toccare i primi nervi scoperti della questione. Nel momento in cui la discussione ci pone di fronte a dei compromessi, la valutazione non pu pi esser fatta, per cos dire, allinterno del framework, ma deve fare riferimento ad una cornice pi ampia costituita dalle nostre assunzioni, dai nostri obiettivi e dalle strategie argomentative. Questo passaggio pu non essere sempre indolore, poich una cattiva gestione di questi aspetti pu avere conseguenze sulla tenuta complessiva del modello concettuale che si vuole discutere. Lo scopo per cui andiamo a proporre questi principi quello di dare delle linee guida per riconoscere la giusta importanza al ruolo che ricoprono questi aspetti nelleconomia del lavoro teorico dellontologo. per questo motivo che definiamo i prossimi principi metodologici. Il primo introdotto a partire dalle considerazioni fatte per rilievo di Quine. Un compromesso ci pone davanti a due corni del problema che risultano esclusivi e vedremo nel corso del lavoro quanto sia tuttaltro che raro trovarsi in situazione come questa e ci obbliga dunque a scegliere cosa salvare e cosa abbandonare: ogni compromesso porta con s un prezzo da pagare nel momento in cui si compie questa scelta. Un prezzo va pagato anche nel momento in cui i presupposti teorici da cui partiamo ci precludono al-

23

cune vie in favore di altre. un buon principio metodologico quindi ammettere ed esplicitare i costi (4) delle nostre scelte e delle nostre assunzioni. Ad esempio, se rifiuto di ammettere come esistenti nella la mia ontologia entit sociali, dovr rinunciare a oggetti come le universit, le valute o le nazioni. Come potr per render conto degli esami universitari che uno studente chiamato a sostenere per conseguire il diploma di laurea addirittura, cos un diploma? , di quei rettangoli di carta colorata che porto nel portafogli e che devo scambiare con altri simili quando mi capita di viaggiare in luoghi distanti, o di sentimenti come quello patriottico? Ma se per questo, come posso dare un senso anche ad una manifestazione sportiva come i campionati mondiali di calcio? Questo criterio lungi dal vincolare la libert dellontologo di fronte alle possibile strade da intraprendere, vuole semplicemente sottolineare limportanza di chiarire le conseguenze in termini di costi per la nostra ontologia delle nostre prese di posizione. Il secondo principio legato a doppio filo al primo, suo complementare, e in un certo qual modo, ne la premessa, anche se per ragioni argomentative in questa sede proposto in seconda battuta. Come stato pi volte ribadito, la scelta di ci che teniamo a monte ha delle conseguenze dirette su quello che si trova a valle. Dal momento che proponiamo unontologia depurata da tutte le entit sociali, importante dichiarare sulla scorta di quali presupposti si arrivati a questa posizione; in questo caso ad esempio quella di un fisicalismo radicale, con il rifiuto di ogni entit che non pu essere ricondotta al dato fisico. Questo secondo principio metodologico raccomanda quindi la manifestazione delle assunzioni di fondo (5) che costituiscono la scenografia entro cui si muovono gli elementi teorici del discorso.

24

I principi guida (4) e (5) rappresentano lassicurazione per un discorso piano e aperto, che condizione sine qua non perch si possa avere un discussione produttiva e di reale valore in ontologia come pure in altri ambiti.

2.3 Criteri di primo e secondo livello


Chi scrive ha per il momento omesso di chiarire un aspetto fondamentale del discorso. questa la ragione per cui, in pi punti, il lettore ha come avuto la sensazione di vedere sovrapposte due partite, in verit giocate su piani distinti. Questo effetto non il risultato di una banale strategia della confusione, utilizzata con lo scopo di distogliere lattenzione dai problemi del discorso, quanto piuttosto, di un non corretto riconoscimento di questi due livelli e di conseguenza di una loro sovrapposizione. Le conseguenze di questo malinteso sono due; la prima la facilit con cui ci si espone alle critiche, laltra, di quella di compromettere la possibilit di dialogo e confronto tra diverse posizioni. Prima di andare avanti vogliamo fare presente come questa confusione di piani del discorso non sia caratteristica solo dello studio dellontologia, o della filosofia, ma la ritroviamo in moltissime altre situazioni, dal discorso politico, a quello sociale, da quello economico fino anche scientifico. Distinguiamo quindi due livelli di lavoro: il primo quello in cui si opera sulla teoria (A), dove il lavoro dellontologo essenzialmente quello di definire unontologia che rispetti i criteri scelti, il secondo invece quello che lavora sui criteri (B), i quali diventano a lo-

25

ro volta oggetto di discussione. La distinzione che si sta proponendo quella tra criteri di primo e secondo livello.

2.3.1

Criterio di primo livello

Se ci venisse chiesto di valutare, rispetto al criterio di sobriet ontologica introdotto prima (2), unontologia che, accanto agli oggetti fisici, ammettesse anche, per esempio, tante entit quanti siano gli stati mentali suscitati dalla percezione degli oggetti fisici, giudicheremmo questa opinione certamente poco raccomandabile. Con uno schema concettuale cos costruito la lista delle entit che saremmo costretti ad ammettere si allungherebbe a vista docchio e avremmo unesplosione ontologica impossibile da arrestare, per non parlare poi delle questioni ma che cos uno stato mentale? E queste menti cosa sarebbero? Chi sarebbe a percepire? di cui dovremmo comunque rendere conto. Questo un esempio di discussione che si pone sul primo livello dei criteri che utilizziamo per discutere le nostre teorie. La questione , per cos dire, interna al framework in cui abbiamo deciso di operare. Nella sezione precedente [2.2.1.] abbiamo proposto tre criteri guida per la valutazione di unontologia; possiamo utilizzare questi criteri per confrontare, soppesare, scartare, approvare delle teorie. Facendo ci rimaniamo dunque sempre allinterno del framework definito da questi criteri che abbiamo deciso di accogliere. In questo caso diventa fondamentale lappello ai principi metodologici [2.2.2.] suggeriti in alto, in particolare (5) che invita ad esplicitare le regole del gioco in cui si chiede lingaggio. Quando andremo ad analizzare largomento dindispensabilit rispetto alle entit matematiche, che introdurremo esplicitamente

26

solo pi avanti [cap. 5], vedremo come questo, nonostante si presenti sotto una forma semplice, lungi dallessere unammissione banale, porta con s un bagaglio pesantissimo. Il confronto deve quindi partire dallesplicitazione di questi presupposti, altrimenti il rischio quello di vedersi catapultare in men che non si dica in una tipica situazione tragicomica da teatro dellassurdo. Lautore gioca con i protagonisti facendoli bisticciare su un argomento, ma nascondendo lun laltro di stare in realt riferendosi a cose diverse; per un gran divertimento degli spettatori, ma scarso dei personaggi. Un dialogo filosofico impostato su queste premesse non pu che essere sterile e frustrante. Evitare confusione tra i piani di discussione il motivo principale dellinsistenza su questa distinzione. Non solo ogni discorso filosofico, ma ogni discorso razionale, deve poter partire dalla dichiarazione del framework concettuale a cui si fa riferimento.

2.3.2

Criterio di secondo livello

Lesempio precedente servito a mostrare in cosa consiste il lavoro allinterno di un criterio: sulla base di (2) siamo arrivati per esempio a rifiutare lontologia degli stati mentali poich eccessivamente gravosa sul piano delle entit che dovremmo ammettere. Potremmo per chiederci: perch mai dovremmo discutere le nostre teorie sulla base della loro parsimonia ontologica? Perch unontologia sobria migliore di una che non lo ? Il dominio di queste domande, e delle loro risposte, del criterio di secondo livello. Con questa espressione si vuole indicare la discus-

27

sione dei criteri stessi o, pi in generale, del framework che implica le diverse assunzioni che premettiamo ad una teoria. Immaginiamo di incontrare un filosofo di nome Erre impegnato in un progetto riduzionista in favore di un fisicalismo radicale, secondo il quale ogni entit sospetta deve esser ricondotta ad un oggetto concreto. Per quanto ci riguarda, possiamo o accettare la sfida e seguire Erre nel suo lavoro, ragionando di volta in volta su quali entit eliminare e come ridurle ad oggetti fisici equivalenti, oppure fermarci e chiedere conto ad Erre delle sue scelte e delle conseguenze di queste. Potremmo decidere quindi che il prezzo che Erre deve pagare davvero troppo alto per noi. Finiremmo per rinunciare ad entit che, se anche in un impeto di fisicalismo potremmo ritenere sacrificabili, ci troveremmo poi sicuramente a rimpiangere, per via del ruolo fondamentale che ricoprono nel nostro resoconto del mondo. Un esempio di questo genere di entit sono le entit sociali7. Ad esempio potremmo cominciare a domandare ad Erre se sta bene a lui, riscrivendo in termini fisicalisti entit che dal punto di vista di Erre sono per solo apparenti come i social network, la squadra per cui tifa o la fondazione da cui riceve i fondi per la sua ricerca, perdere tutte quelle caratteristiche per cui noi di fatto introduciamo entit di questo tipo e vi ci riferiamo quotidianamente. Una fondazione non banalmente un edificio, n tanto meno una squadra di calcio pu essere identificata con i suoi giocatori che la compongono perch poi potremmo chiedere che cos un giocatore, o una persona, dal momento che non ammettiamo altro che oggetti concreti lo stadio in cui gioca, i suoi tifosi o addirittu-

Per lutilizzo che faremo di queste entit rimandiamo, come riferimento classi-

co, a Searle (1996).

28

ra la citt in cui risiede8. Erre a questo punto avrebbe a disposizione due strategie di uscita. Da una parte (1) mostrare che con questa riduzione si conservano tutte quelle caratteristiche per le quali noi oggi siamo affezionati a queste entit. Esiste, in altre parole, qualcosa con quelle caratteristiche ma niente che sia un oggetto sociale. Il nostro linguaggio dispone semplicemente di alcuni modi di dire che mimano entit fatte cos e cos, ma sono semplicemente delle abbreviazioni che ci consegnano un linguaggio pi maneggevole. Questi modi di dire ci han fatto credere che esistano cose del genere, ma quello che di fatto esiste sono solo oggetti fisici. Dallaltra (2) Erre potrebbe cercare di cavarsela dicendoci che non c niente che ci obbliga a voler qualcosa come gli oggetti sociali e che possiamo tranquillamente farne a meno, che, detto in modo pi formale, queste entit sono del tutto dispensabili dalle nostre teorie e quindi non c ragione per volerle ammettere a tutti i costi. Bene, in questo caso non dovremmo far altro che sederci, aspettare che Erre si contraddica e andare a batter cassa: chi ha predisposto i finanziamenti per la sua ricerca? Il presidente della fondazione? E che cosa sarebbe un finanziamento? Eliminare queste entit sempre unalternativa disponibile, ma quali sarebbero i costi?. Se un social network qualcosa che non esiste, un modo di dire del nostro linguaggio ma senza un riferimento oggettuale, come possiamo per render conto del fatto che Facebook sia valutato, nel momento in cui stiamo scrivendo, una cifra intorno ai cinquanta miliardi di dollari9? davvero una bella cifra per una cosa che non

Per una discussione approfondita delle difficolt e delle strategie riguardanti gli Nel momento in cui stiamo scrivendo Facebook la piattaforma on-line di so-

oggetti sociali rimandiamo anche a Valore (2011).


9

cial networking pi diffusa del pianeta, utilizzata da 600 milioni di persone. Sul finire del 2010 la banca daffari americana Goldman Sachs ed altri investitori, sia

29

esiste. Erre sta letteralmente dicendo non solo che una cosa che non esiste vale quella fortuna, ma anche che altri oggetti non esistenti (banche daffari, fondi dinvestimento, venture capitalist) hanno investito nella prima. Tuttavia potrebbe anche obiettarci che non vede il motivo per cui vorremmo salvare a tutti costi i nostri comportamenti comuni e comunque perch ci dovrebbe esser preferibile ad unontologia ripulita da entit non ben delimitate. Una possibile contro-obiezione che potremmo avanzare che senza questo tipo di entit difficilmente avremmo potuto anche solo iniziare una conversazione come questa, e tutto quanto detto fin qua sarebbe letteralmente nulla. Di fronte ad un quadro del genere, Erre il riduzionista, sulla base di questa discussione di secondo livello, dovrebbe quanto meno riflettere sui suoi presupposti ed eventualmente valutare se modificarli. Questo tipo di distinzione tra criteri di primo e secondo livello sar uno strumento utilissimo nel nostro lavoro e pertanto abbiamo voluto esplicitare fin da principio questa distinzione, sicuri del fatto che con questo primo sforzo molti altri potranno essere evitati.

pubblici che privati, hanno valutato il social network per una cifra che si aggira intorno ai cinquanta miliardi di dollari americani. http://dealbook.nytimes.com/2011/01/02/goldman-invests-in-facebook-at-50billion-valuation/?src=twt&twt=nytimesdealbook.

30

3 Realt e teoria: due approcci per lontologia


In questo capitolo nostra intenzione descrivere due possibili approcci allontologia che si rifanno alla distinzione tra standard e non-standard presente in Valore (2008). I due termini indicano altrettanti atteggiamenti rispetto al rapporto che intercorre tra il piano della realt e quello delle teorie10. Le due concezioni sono quindi rispettivamente definite in base a quale dei due termini assegnata una posizione di priorit allinterno della relazione.

10

Valore (2008), in particolare pp. 269-281.

31

3.1 La concezione standard


Quando nel capitolo precedente, per risolvere la questione della cena, abbiamo suggerito la strategia del quello che c nel frigorifero, stavamo dando per scontato un fatto che potrebbe anche non esserlo affatto; che quegli ingredienti che abbiamo cucinato per lomelette di salvataggio esistessero indipendentemente dal fatto che avessimo o meno aperto il frigorifero per controllare cosa rimanesse per cena, indipendentemente dalle nostre credenze su cosa riteniamo essere un cibo adatto per la cena, dalla tassonomia che utilizziamo per descrivere gli alimenti. Questo esempio volutamente paradossale ma ha lo scopo di introdurre, in modo improprio e semplicistico, la concezione che ora andremo a discutere. Definiamo standard la concezione secondo cui esiste qualcosa e questo qualcosa esiste indipendentemente da noi come soggetti di conoscenza e dalle nostre teorie con cui cerchiamo di darne una rappresentazione. chiamata standard perch in un certo senso lidea sottintesa alla maggioranza dei nostri resoconti sul mondo. Ancora, se sottoposti alla domanda di quale rapporto pensiamo ci sia tra teoria e realt, non crediamo che saremmo gli unici a scommettere prima facie sullesistenza di una realt precedente e al di l di qualunque rappresentazione che possiamo costruirci di essa. Pu sembrare scontato ora (ma presto vedremo che non lo affatto), che le entit siano date una volta per tutte, vedremo per, introducendo la concezione opposta (quella non-standard) che questo punto, apparentemente fuori di dubbio, pu essere ribaltato nel suo opposto. Allaltro capo della concezione standard che stiamo descrivendo, troviamo la nostra teoria, ovvero linsieme di quelle ipotesi ed

32

enunciati che costituiscono il nostro modello interpretativo dei fenomeni, o dei concetti, che ci poniamo come oggetto di studio. Secondo questa concezione, se un anello debole ci devessere, sar sicuramente da questa parte della staccionata, nel senso che il ruolo occupato dalle teorie ad essere pi critico: le entit, di qualunque tipo esse siano, sono date, mentre sono le nostre teorie a dipendere da esse. Ci fermiamo subito per sottolineare unimportante distinzione tra realt ed evidenza empirica, poich confonderli comprometterebbe irrimediabilmente il nostro discorso. Un conto la realt, in altre parole il catalogo complessivo di tutte le entit esistenti, di qualunque tipologia esse siano. Invece con evidenza empirica ci riferiamo alla resistenza che il mondo, nel suo aspetto concreto, offre alla nostra percezione e alle nostre teorie. Per quanto si possa pensare che identifichino la stessa cosa, non per nulla cos. Ci pu valere solo se la realt sia costituita da oggetti concreti, che unopzione teorica, ma non certo lunica. Altre tipologie di entit possono esistere entit astratte, sociali, teoriche e quindi essere reali, senza che per diano evidenza empirica. Quindi quando noi ci riferiamo allevidenza empirica non stiamo parlando della, o almeno di non tutta, la realt; viceversa levidenza empirica non la condizione necessaria di unentit per esistere. Non mancher di ritornare su questa distinzione, tuttavia utile chiarirla fin da principio. Questa per esempio limpressione di alcuni fisici, o in generale di alcuni scienziati. Il fisico sperimentale di professione si reca tutti i giorni in laboratorio per compiere degli esperimenti che abbiano lo scopo di mettere alla prova la sua teoria, al fine di confermarla o smentirla attraverso il confronto con la realt. Un primo tentativo dinterpretazione (I) che la teoria, quando giustificata, descriva

33

la realt. Nel 1909 Ernest Rutherford esegu un esperimento che gli consent di scartare il modello atomico a panettone (plum pudding model) in favore del modello planetario, caratterizzato dalla maggior parte della materia concentrata in un nucleo dal volume ridotto e da particelle rotanti intorno ad esso. Questo celebre esperimento compiuto con particelle alfa sparate contro una sottile lamina doro, confermerebbe lesistenza di qualcosa che abbiamo scoperto essere latomo come abbiamo descritto poco sopra. Se manteniamo linterpretazione (I), in questa come in altre situazioni di successo, allora crediamo che la fisica con le sue teorie riesca a colmare quel divario che c tra il dominio degli oggetti esistenti e le nostre teorie, e arrivi a descrivere cosa esista per davvero. Una posizione come (I) sicuramente ha un fascino notevole: ci tranquillizzerebbe sapere di possedere uno strumento, la fisica (o unaltra disciplina), sufficientemente potente non solo da spiegare e predire fenomeni, ma addirittura da dirci ci che effettivamente esiste. Ma, se recandoci ancora in laboratorio il giorno successivo, esiguissimo un esperimento che falsificasse la nostra teoria, subito questa interpretazione andrebbe rifiutata in toto. Che fine farebbe, infatti, lentit che prima avevamo inserito nel nostro catalogo ontologico ed ora non sembra pi trovarvi spazio? Dove finirebbe il nostro atomo nel momento in cui un altro esperimento ci suggerisse di introdurre orbite quantizzate per gli elettroni dellatomo11? Anche sollevando qualche dubbio sulla possibilit di avere esperimenti cruciali12, i limiti di questa prima interpretazione sono evidenti. Non possibile sostenere contemporaneamente che si dia

11

Nel 1913 il fisico danese Niels Bohr, al tempo collega di Rutherford, propose a

partire dal lavoro di questultimo un modello nuovo modello di atomo caratterizzato da orbite quantizzate assegnate agli elettroni rotanti intorno a nucleo.
12

Duhem (1906), pp. 211-212.

34

una realt indipendente dalla teoria, e che una teoria sia in grado di determinare una volta per tutte le entit della realt. Infatti sufficiente una sola mancata conferma empirica, o unaltra teoria che a parit di potere esplicativo suggerisca entit diverse, che subito questo ragionamento confutato: latomo di Rutherford chiaramente non pu apparire e sparire. Scartiamo quindi questa prima interpretazione perch inconsistente. Immaginiamo per di incontrare Beppe, un fisico che adotta uninterpretazione dellapproccio standard pi sofisticata (II) rispetto a quella precedente. vero, ci dice, che ci che intendiamo comunemente con il termine realt esiste indipendentemente dalle nostre teorie, ma questultime non hanno la capacit di dirci cosa esiste davvero. Continua spiegandoci che quello che lui fa con il suo lavoro di cercare di costruire dei modelli esplicativi della realt la teoria dei gas perfetti, la meccanica classica come quella relativistica, fino alla teoria delle stringhe per rispondere a determinate esigenze (accordo con i dati sperimentali, buon potere previsionale, eleganza esplicativa), senza per avere la pretesa di dirci che cosa c. Questi modelli aspirano a fornirci uninterpretazione della realt, cercando di raccontarla, di renderla maneggiabile. Il lavoro di Rutherford, Bohr e Sommerfeld sul modello atomico un lavoro costantemente in progress: non c alternativa al rifiutare quello che gi abbiamo, modificarlo, trovarne altri modelli altrettanto buoni o migliori sotto, ad esempio, laspetto del potere esplicativo o delleleganza. Ma lunica cosa che si d veramente il mondo, indipendente dalle nostre teorie, costituito da entit spazio-temporalmente determinate e causalmente efficaci: questo tutto ci che realmente esiste, anche se non abbiamo gli strumenti del descrivere queste entit una volta per tutte.

35

Secondo Beppe, le nostre teorie descrivono delle entit che, in fin dei conti, non esistono. Parliamo s di atomi, di cariche, di forze, ma propriamente non esiste niente di quello che noi intendiamo quando nelle nostre teorie parliamo di atomi, cariche e forze. Le teorie non hanno alcuna velleit ontologica, perch ci che esiste sempre e comunque posto indipendentemente da ogni resoconto che ne possiamo fornire. Gli oggetti delle nostre teorie sono solo un modo di rappresentare la realt e poterla quindi gestire. Le nostre teorie sul mondo cambiano, mutano dalletere si passa al vuoto, dagli emicicli alle traiettorie ellittiche ma perch non esiste una sola rappresentazione. Nessun modello pretende di dirci che cosa c e n vorrebbe farlo e possiamo averne di alternativi, che concorrono tra loro per essere il miglior modello del mondo per quelle che sono le nostre esigenze. Se ci mettiamo allora dalla parte di Beppe, quando Rutherford, dopo lesperimento citato in precedenza, propose un nuovo modello dellatomo, non intese certo dire che esiste per davvero qualcosa fatto cos e cos, ma che un oggetto con quella struttura e caratteristiche risponderebbe meglio alle nostre esigenze di accordarsi con i dati sperimentali, di dare previsioni pi precise e soddisfare anche un certo gusto estetico. Dire esistono gli atomi che sono fatti in questo modo un modo di dire che pu essere parafrasato cos: in laboratorio, in una situazione sperimentale controllata, abbiamo osservato dei fenomeni che possono essere spiegati meglio se supponiamo che tutti i corpi siano costituiti da atomi, che sono la pi piccola unit della materia, i mattoni che compongono questa materia; sono costituiti da un nucleo di dimensioni ridottissime, denso e molto pesante, e da particelle che ruotano, ad una distanza proporzionalmente considerevole, attorno a questo centro, con una conformazione che ri-

36

corda molto quella di un pianeta circondato da satelliti che ruotano attorno ad esso. Ma non solo, il modello che abbiamo descritto ci permette anche di fare previsioni su fenomeni che con altri esperimenti che abbiamo verificato, con risultati entro un buon grado in approssimazione. Se avessimo dei dati sperimentali in contrasto con la nostra teoria, e questi dati suggeriscano un modello differente, non ci sarebbe altro da fare che sostituire il secondo al primo. Questo possibile perch ontologia ed epistemologia corrono, per cos dire, su binari paralleli: le nostre teorie partono dal mondo, ma non ci dicono nulla del mondo. Crediamo che proprio questo sia il punto debole della seconda interpretazione. Se non esiste un unico modello e stando alle premesse non potrebbe che essere cos, pena il ricadere nei problemi di (I) e tra teorie e realt c uno iato non colmabile, dobbiamo rinunciare alla possibilit di conoscere la nostra ontologia. Limpresa scientifica ad esempio costruirebbe dei modelli interpretativi della realt ma, in fin dei conti, questultima rimane sempre al di fuori della nostra portata. Rispetto al primo approccio, il secondo guadagna certamente in verosimiglianza rispetto alla reale attivit scientifica ipotesi, dati sperimentali, confutazione, altre ipotesi, conferma e via discorrendo ma per certi versi ha qualcosa in meno. Lontologia ci come preclusa. Su queste premesse diventa complesso determinare lontologia delle nostre. A ci si aggiunge, e lo vedremo meglio pi avanti13, che anche fare esperienza non una un fatto neutro ma sempre inserito in un contesto teorico che lo condiziona. La relazione che ora si venuta a creare tra realt, esperienza e teorie la seguente: esiste una
13

Vedi 3.2.

37

realt che indipendente dalle nostre teorie, abbiamo le teorie che elaborano modelli per descrivere questa realt, e lesperienza ci guida nella costruzione delle teorie. Questo cosa comporta? Una volta ammesso che la realt si d indipendentemente dalle nostre teorie, e queste non hanno il potere di dirci cosa esiste, appunto, ma ne danno una rappresentazione, cosa ci rimane da poter dire della realt? Queste sono delle domande le cui risposte, come avevamo annunciato, sono tuttaltro che scontate. In ogni caso, per principio, una risposta definitiva non potr mai essere data, perch entrano in gioco assunzioni e fattori appartenenti al secondo livello di cui abbiamo parlato prima.

3.1.1

Fisicalismo e riduzionismo

Proponiamo di fermarci un attimo e mettere un po distanza tra noi e le questioni sollevate, per guadagnare una visione panoramica sulle due interpretazione della concezione standard che stiamo discutendo. Sia che le nostre teorie possano dire con sicurezza ci che esiste (I), sia invece che si possa darne sempre solo una descrizione approssimativa (II), riteniamo vi sia un comune denominatore ovvero la tendenza ad escludere dal catalogo delle entit tutte quelle non spazio-temporalmente determinate e causalmente inerti, in favore di entit concrete. Entrambe infatti le interpretazioni si fondano sul fatto che questa parte, la nostra, il dominio della teoria, dallaltra parte invece il mondo, che esiste indipendentemente da noi e dalle nostre teorie. Il mondo ha queste caratteristiche - spazio-temporalmente determinato ed efficaci causalmente pertanto le avranno anche i suoi oggetti, che sono gli unici ad essere propriamente esistenti.

38

Nei nostri discorsi parliamo di persone, chiese e nazioni ma sono da considerare alla stregua di scorciatoie linguistiche, perch esistenza si pu dire propriamente solo di oggetti ed entit concrete. Perci non si d realmente qualcosa come una persona, ma lunica cosa che c ad esempio, un aggregato di entit cellule accumunate dallo stesso DNA, che stanno tra loro in precisi rapporti, hanno ciascuna determinati compiti e che funzionano in questo e quellaltro modo. Parlare di persona al pi un modo per dire altro in maniera sintetica: come una sorta di variabile dappoggio, nulla che sia pi di un termine che impariamo a manipolare, ma che di per s privo di contenuto. Quello cui per davvero facciamo riferimento, altro, che esiste e non per finta. Ma tracciare il confine tra ci che concreto e ci che non lo , un compito tuttaltro che semplice. Il diretto delle 7.51 che prediamo ogni mattina per andare al lavoro un treno, questo certo, e possiamo concordare che si tratti quindi di un oggetto concreto. Fino a qua tutto chiaro. In realt per, per esempio, non abbiamo alcuna certezza che il treno diretto delle 7.51 sia sempre lo stesso tutti i giorni verosimile supporre un sistema di rotazione dei treni sulle tratte pi impegnative per ottimizzare lusura delle macchine ma allora il diretto delle 7.51 non sarebbe un oggetto concreto ma un abstracta, un classe di treni eppure ci comportiamo come se fosse sempre lo stesso oggetto concreto. Guardiamo la questione sotto un altro punto di vista. Ammettiamo pure per amore di discussione che ogni mattina sia sempre lo stesso treno (stesso codice identificativo della locomotrice e dei vagoni), sarebbe davvero esattamente lo stesso? Come abbiamo fatto notare, una questione ben diversa da quella precedente. Spieghiamo meglio; a giudicare dal numero e dalla frequenza di ritardi, guasti e ogni altro genere dinconveniente, il treno di cui stiamo raccontan-

39

do ha subito nel corso della sua esistenza (di qualunque tipo essa sia) numerosissime manutenzioni e moltissime sue parti sono state riparate o sostituite eppure mai sufficienti per evitare le seccature di cui sopra e garantire un minimo di puntualit a cui aggiungiamo un evidente stato di usura. Il diretto delle 7.51 sempre lo stesso anche dopo ogni riparazione, dopo ogni sostituzione di una sua parte, dopo che gli strati di atomi che formavano la verniciatura sono finiti chiss dove e la fodera dei sedili si consumata fino a lasciare poco pi dellimbottitura, mentre scritte e adesivi di ogni tipo oscurano i finestrini? Se consideriamo attentamente, il treno di oggi non come quello di ieri, tantissime cose sono cambiate. Se scegliamo di avere solo entit concrete, allora i due treni sono diversi; Non potremmo forse pensare che in realt ogni giorno passa letteralmente un treno diverso? Questo esempio, se vogliamo un po semplicistico, ma liberatorio per chi scrive, ha lo scopo di mostrare come gi appena scavando solo un poco sotto la superficie un oggetto concreto forse non , o non solamente, linsieme dei suoi atomi o di tutte le sue parti le cose si complicano in un baleno. Capiter di tornare su questo punto, tuttavia la ricchezza e la complessit del dibattito ci impediscono di approfondirlo con lattenzione necessaria, poich ci porterebbe troppo lontano dai nostri obiettivi, rischiando comunque di essere lacunosi ed inesatti. Per quanto riguarda noi e i nostri obiettivi, sufficiente la storia del diretto delle 7.51. Per ragionare ad un grado maggiore di generalit, scegliamo di utilizzare uno degli strumenti di lavoro che ci siamo dati fin da principio, ovvero ricorriamo alle nostra nozione intuitiva di oggetto ed entit concreta, che fa appello, in ultima analisi, al senso comune gi citato. Potremmo addirittura dire che per i nostri scopi sia, al contrario, pi interessante partire da cosa noi intui-

40

tivamente intendiamo per oggetti concreti. Quindi, come abbiamo gi fatto notare, ci che rende queste entit tali la possibilit per noi di farne esperienza, sia direttamente (con i nostri sensi) che indirettamente (con la strumentazione che appositamente abbiamo costruito, e che costituisce quasi un sorta di apparato sensoriale aumentato), e il fatto che siano causalmente efficaci, in altre parole che possano entrare in una sequenza causale di eventi che conduca ad un effetto, a sua volta oggetto della nostra esperienza. Lo spigolo del tavolo su cui stiamo scrivendo senza dubbio concreto, perch lo possiamo vedere, toccare e, quando accidentalmente ci picchiamo il gomito, ci causa un fastidioso dolore; cos come lo lapparato di Golgi, perch stato possibile osservarlo al microscopio e studiarne la sua funzione di trasferimento di prodotti della cellula da una sua parte allaltra. Una volta capito il trucco, il resto divetanta facile: la sedia su cui verosimilmente seduto chi sta leggendo concreta, concreta la pagina che sta tenendo in mano, concreto il computer con cui stata scritta. Eppure, se ci fermiamo ancora a considerare pi attentamente quanto abbiamo descritto, qualcosa sembra non tornare, perch questa pagina fa parte di una tesi di laurea in filosofia; stata scritta s con un computer ma attraverso un software di elaborazione di testi e sar giudicata, se tutto proceder secondo i piani, da una commissione convocata dallUniversit Statale degli Studi di Milano. Dal momento che, per ipotesi, esistono solo oggetti concreti, proviamo adesso a chiederci di nuovo se siamo davvero cos sicuri che questi di cui stiamo parlando lo siano per davvero? Se non altro questa domanda lascia pi di un sospetto.

41

3.1.2

Platonismo

Il riduzionismo fisicalista non per lunica strada che conduce ad (a): ammettere lesistenza di entit astratte ma mantenere una concezione standard la posizione comunemente indentificata con il termine platonista14. Sembrerebbe questa una strategia vincente sotto pi aspetti: ci accorgiamo che delle parti consistenti dei nostri comportamenti quotidiani non trovano alcun riscontro a partire da una posizione strettamente materialistica come render conto di cose come le persone, le idee, le istituzioni? Corriamo quindi ai ripari, ammettendo anche delle entit astratte su cui come se andassimo a scaricare il peso di tutti quei comportamenti che prima restavano in sospeso. Come in un gioco di prestigio, poich le entit concrete da sole non sono sufficienti, andiamo ad aggiungerne di altre, quasi come a ripianare un bilancio in passivo, e quelle situazioni in cui prima eravamo costretti ad ammettere di far finta ora assumono un significato del tutto differente. Nonostante il fascino che questa posizione continua ad esercitare, nel presente lavoro non abbiamo modo di approfondirne gli aspetti ad essa legata. Ci limitiamo a indicare brevemente come alcune delle obiezioni sollevate per (a) e (b); in particolare quelle di natura epistemologica, mantengono la loro efficacia anche se dirette a questultimo bersaglio. Come si pu esser sicuri di dire qualcosa di vero di queste entit indipendenti ed appartenenti ad un mondo separato da quello in cui noi viviamo? Il dubbio lecito perch non possiamo utilizzare gli strumenti tradizionali di conoscenza, come
14

Con il termine platonismo non si fa tanto riferimento allontologia propria di

Platone, quanto tutta una serie di posizioni che ammettono lesistenza di un universo indipendente di entit astratte.

42

lesperienza. Prendiamo ad esempio il concetto accennato prima di tesi, e che questo quindi sia esistente, in un modo del tutto indipendente da noi soggetti di conoscenza; anche ammettendo che abbia unefficacia causale, sembra a dir poco stupefacente il fatto di poter riuscire a dire qualcosa. Rimane appunto un mistero come si possa riuscire ad entrare in contatto con questo mondo in cui si trovano queste entit. Eppure, non neanche del tutto chiaro di che tipo di esistenza stiamo parlando, se entit concrete ed astratte risiedano sullo stesso livello, o se le prime esistano in modo maggiore rispetto alle seconde. Un altro punto critico anche cercare di comprendere che tipo di rapporto intercorra tra entit astratte e concrete. Abbiamo prima accennato allidea di persona: che rapporto c tra lentit sociale di persona e tutte le sue esemplificazioni concrete ma lo sono davvero concrete? che incontriamo per esempio in metropolitana allora di punta? Sia che si dica che lentit sociale persona esiste contemporaneamente in pi luoghi in questo caso tutti affollati intorno a noi sia che si sostenga che le entit, come persona, siano appunto solo del primo tipo e pertanto ci che troviamo spazio-temporalmente in pi luoghi sono solo delle sue esemplificazioni, la questione tuttaltro che trasparente. Il senso di queste obiezioni, solo abbozzate, mostrare come anche questapparente soluzione richieda numerosi compromessi per essere accolta. Si cercato di dare una panoramica il pi esaustiva possibile della concezione, o meglio della famiglia di concezioni, a cui ci siamo riferiti come standard. Anche se chi scrive conscio di tutti i limiti di questa ricostruzione, crediamo di aver, se non altro, ottenuto il risultato prefissato, ovvero daver rimesso in discussione una posizione, quella standard, che profondamente radicata nel nostro modo di pensare, al punto da esser considerata come un dato di

43

fatto, quindi incontrovertibile. Se non di dato di fatto stiamo parlando, possibile allora sostenere come questa sia solo una delle possibili alternative a nostra diposizione. allora giunto il momento di introdurre laltra possibilit, e per far questo inizieremo con il mescolare un po le carte.

3.2 La concezione non-standard


Per iniziare, proponiamo qualcosa di pi simile ad un gioco curioso che non ad un esperimento. Se durante il nostro corso di studi universitari abbiamo frequentato un corso di sociologia, sicuramente custodiamo ancora da qualche parte della nostra libreria, assieme ad un sacco di altri testi acquistati ma mai per davvero letti da cima a fondo, un qualche manuale o testo introduttivo a questa disciplina15. Prendiamo il capitolo iniziale, e scorriamo le prime venti pagine: le parole che ricorreranno con una frequenza maggiore delle altre saranno societ, cultura, individuo, stato e, anche se nel testo che abbiamo scelto ricorre con una frequenza minore, governo. Non nostra intenzione approfondire il significato dei concetti elencati, n tantomeno metterli in discussione, ma intendiamo, per cos dire, assumerli cos come sono. La domanda che ci interessa invece porci unaltra: quando pronunciamo frasi del tipo le prime societ di cacciatori-raccoglitori si sono sviluppate nel periodo paleotico, la terra propriet comune del villaggio oppure che quando la produttivit agricola cresce e vi formazione di surplus

15

Per questo piccolo esperimento ci siamo serviti in particolare di Bagnasco,

Barbagli, Cavalli (1997).

44

possibile che nella societ si formino dei gruppi che non partecipano direttamente alla produzione del cibo che consumano cosa intendiamo? Per lesattezza, da dove vengono le entit che gli autori del testo manipolano per comunicarci le loro teorie? Che la societ, se esistente, sia unentit sociale fuori di dubbio; sulla scia dei discorsi fatti in precedenza, una societ non banalmente la somma dei suoi individui giacch, a ben vedere, anche gli individui hanno poco a che vedere con linsieme degli atomi che li compongono ma qualcosa di diverso, unentit sociale appunto. Parlare di societ, di villaggi e gruppi ci stuzzica per una domanda: che statuto possono avere entit come la societ di cacciatori-raccoglitori senza che delle discipline la sociologia, lantropologia e letnografia ne parlino e ne facciano uso per le loro teorie? La strategia che ci proponiamo ora di seguire, fin dove ci condurr, quella di invertire la direzione del nostro discorso. Lesempio raccontato, del manuale di sociologia, stato scelto per facilitare questo ribaltamento: ammettendo che qualcosa come la societ di cacciatori-raccoglitori esista, sostenere che, secondo la concezione standard prima introdotta, quel qualcosa esiste indipendentemente dalle teorie che le descrivono, da immediatamente una situazione quasi di disagio. Senza andare a scomodare la definizione di societ di cacciatori-raccoglitori, intuitivamente possiamo dire che societ di cacciatori-raccoglitori si danno, o quantomeno si davano nel passato. Va notato che, tuttavia, quando noi pronunciamo una frase come quella sopra, il significato non si esaurisce nel riferimento a qualcuna delle sue esemplificazioni i pigmei o i boscimani africani o gli indios dellamazzonia ma c di pi. Non un gioco del far finta, e neanche un uso metaforico del linguaggio: che ci

45

piaccia o meno, intenzionalmente o no, in un testo di sociologia, quando troviamo scritto che se la societ accresce la sua produzione agricola, arrivando a creare un surplus, allora si possono formare dei gruppi di individui con altri compiti diversi da quelli legati alla produzione di cibo, stiamo facendo riferimento allentit nominata con il termine societ. Ma siamo disposti ad accettare che qualcosa come la societ si dia indipendente dalla disciplina che la definisce e la descrive? Possiamo accettare che la societ di cacciatori-raccoglitori sia qualcosa che esiste prima dalla disciplina che lo utilizza come modello interpretativo? Mettiamo da parte questapproccio ribaltandone i termini secondo la strategia che ci eravamo riproposti di seguire: definiamo nonstandard la concezione secondo la quale ci che esiste dipendente dalle teorie con cui cerchiamo di rappresentare il mondo. Lidea fondamentale che il piano ontologico, su cui poniamo le entit che ammettiamo come esistenti, non sia antecedente alle nostre teorie e le descrizioni del mondo, ma, al contrario, ne sia una conseguenza. Per riassumere con uno slogan, anche se un po austero, possiamo dire che lontologia definita dalle teorie, e sta a questultime stabilire di volta in volta che cosa effettivamente esista. La sensazione di perplessit che al termine di queste ultime righe ci fa alzare le sopracciglia quanto mai comprensibile, e, tutto sommato lobiettivo non dichiarato che si voleva raggiungere. pi che lecito trovarsi spiazzati di fronte ad unassunzione cos potente e, qua sta il punto, controintuitiva, perch altrimenti, se non lo fosse, si sarebbe perduto il senso del definirla concezione nonstandard. Il punto che questa idea cozza rumorosamente contro il nostro senso comune di cosa sia la realt, in base a tutto quello

46

che abbiamo detto riguardo alla concezione standard. Il punto di vista che qua adottiamo ci strania perch da leffetto quello di osservarsi attentamente allo specchio. E quindi, cosa pu voler dire che la realt non si d indipendentemente alla nostra descrizione del mondo? Che oggi esistono atomi, treni, tesi di laurea e societ di cacciatori-raccoglitori e domani forse no? S, la risposta cruda, tuttavia la questione va formulata con maggiore attenzione se si vuole che questa risposta non appaia assurda, ma, al contrario, dotata di senso. Prima facie corretto chiedersi come sia possibile che, dove oggi c un atomo, domani, in conseguenza di una nuova teoria aatomica, ci sarebbe invece un buco, uninterruzione nella continuit della realt, dovuta appunto allevaporazione misteriosa di questa entit che prima cera ed ora non c pi. quantomeno bizzarro pensare, per unentit ! di qualunque tipo, unesistenza che sia intermittente, a seconda che si scelga una teoria T1 anzich T2, tra le quali la differenza appunto una diversa presa di posizione riguardo lammissione di questa entit. Prendiamo ancora T1 e T2 e consideriamo che siano due teorie concorrenti, entrambe ugualmente coerenti ed eleganti, che si danno battaglia in un costante botta e risposta a colpi di conferme sperimentali; e fingiamo anche di tenere in mano, davanti a noi, un atomo, abbastanza grosso da poterlo vedere e sentirne il peso: dobbiamo pensare che a seconda della conferma del giorno ci sia o meno questo atomo che teniamo in mano? Dovremmo credere che il peso dovuto allatomo compaia e sparisca a seconda della teoria che quel giorno in vantaggio? I dubbi non sono solo comprensibili ma anche giustificati. Sganciarsi dal quadro teorico standard in cui abitualmente inquadriamo i nostri discorsi, richiede uno sforzo considerevole da non

47

sottovalutare; anche perch, tutto sommato, ci ha sempre assicurato un buon rendimento. Ecco allora spiegato perch abbiamo prima insistito a lungo nel discutere lidea secondo la quale si possa parlare propriamente di esistenza solo per gli oggetti concreti. Perch un conto dire che lItalia ha dei confini territoriali, tanto che si daccordo nel ritenere questi confini come ben esistenti, ma se parliamo di tavoli, sedie e boccali di birra, allora facilmente finiremmo col dire che non solo questi oggetti esistono, ma esistono in modo maggiore se paragonati ai confini dellItalia, la sua bandiera o la sua costituzione. Se questo il nostro punto di vista naturale che una concezione come quella ora proposta paia totalmente assurda: un tavolo non pu sparire-apparire a secondo che io abbia una teoria che parli di tavoli o meno. La sfida proprio questa, di riuscire a mettere tra parentesi la nostra abitudine a sovrapporre esistenza a esistenza concreta, tanto ben radicata quanto quindi difficile da mettere da parte, poich questa consuetudine che ci porta a credere che coincidano e siano sinonimi. Solo riuscendo a fare questo, il punto di vista proposto smetter di essere inammissibile, anche se rimarr non-standard. Lesistenza allora una funzione delle teorie, e sono queste che per davvero dicono cosa sia reale: il senso di dire che non si danno entit indipendenti dalla teoria. Non esiste nulla che sia un atomo indipendentemente dalla nostra teoria atomica (di Rutherford, di Bohr, o, perch no, di Democrito), e la stessa cosa vale ancora per i tavoli o in confini della nazione. Non va per frainteso quanto detto finora come una parafrasi un po pi sofisticata del celebre Martello di Maslow16; il piano su cui si sta lavorando infatti
16

It is tempting, if the only tool you have is a hammer, to treat everything as if

it were a nail Maslow (1966).

48

non quello interpretativo della realt; il caso in discussione non riguarda lidea di interpretare tutta la realt come se fosse un chiodo, ma, per continuare ad utilizzare questa immagine, lidea che, poich possediamo un martello, esiste letteralmente solo il chiodo: lesistenza dellentit-chiodo dipendente dallavere una teoriamartello. Non se ne sta facendo una questione epistemologica; ovvero il punto critico non nella possibilit sarebbe meglio dire nella impossibilit - di conoscere il fatto bruto17. Cos facendo, infatti, si cadrebbe nel tranello di ammettere quello che qui vogliamo negare, cio proprio lesistenza del fatto bruto indipendente da tutto. La questione bens ontologica perch vogliamo sostenere che lesistenza in senso ontologico del dato, del fatto bruto, pre-teorico, un mito. Lobiezione che nasce spontanea, e quella cui pi difficile rispondere, dove vada a finire ci a cui prima ci riferivamo con il termine realt; ci di cui supponiamo di fare esperienza con i nostri sensi, su cui poggiano i nostri esperimenti, e, verrebbe da dire, di ci a cui ci riferiamo usualmente con lespressione mondo reale: il nostro chiodo sar pur fatto di qualche cosa, di un qualche cosa che dunque esistente ed esistente indipendentemente dal fatto che io abbia un martello. Sotto questaspetto, che io abbia un martello e quindi veda tutto come chiodi secondario. Ancora una volta, diversamente da come potremmo pensare, non siamo stati derubati di nulla, e non c nessun trucco, perch questo modo di ragionare sempre per citare Sellars semplicemente un mito, che non necessariamente un fatto negativo. Esso svolge invece

17

La questione anche in questo caso molto complessa e meriterebbe di essere

approfondita, tuttavia non pu essere oggetto in questo lavoro. Per una trattazione completa del rapporto tra dato ed interpretazione rimandiamo quindi al testo classico sullargomento Sellars (1956).

49

una

funzione

di

utilit;

infatti

lo

scenario

prospettato

da

questapproccio quello standard - sicuramente pi rassicurante di quanto stiamo raccontando ora. Per finire di rispondere alla nostra obiezione dobbiamo per ancora una volta tornare allidea che esistere non sia esser concreto, perch rispondendo cos siamo ancora vittime di quel fraintendimento. Le nostre teorie vengono prima di tutto e determinano le entit, perch lidea stessa di entit indipendente da una teoria contraddittoria: dalla sua descrizione e definizione da parte di una teoria che segue lesistenza di unentit, sia essa concreta o astratta, individuale come universale. Non esistono entit indipendenti dalle teorie.

50

4 Un criterio per la nostra ontologia: largomento dindispensabilit

Dopo aver inizialmente discusso i principi ontologici e metodologici per la nostra ontologia e tematizzato la distinzione tra criterio e meta-criterio; dopo aver proseguito con lanalisi dei due quadri di riferimento, quello standard e quello non-standard, che definiscono due punti di vista opposti riguardo alla relazione dordine che fanno intercorrere tra teoria e realt; possiamo ora finalmente tornare di fronte al frigorifero che avevamo aperto. Come abbiamo gi detto, il lavoro dellontologo essenzialmente quello di rispondere alla domanda che cosa c. Esistono cose come gli oggetti concreti, dai televisori ai ferma-porte, ai treni regionali?

51

Esistono cose come gli universali, le entit o quelle teoriche, come i fermioni o le stringhe; entit sociali come gli stati e le loro costituzioni? Che dire allora delle entit matematiche? 9, il numero primo pi grande di tutti, lunit immaginaria i, la funzione 91 di McCarthy o la trasformata di Fourier? Che cosa esiste davvero in questo caravanserraglio di entit o presunte tali? Nelle nostre premesse abbiamo voluto rilevare come crediamo non si dia alcun argomento che possa dirsi definitivo a favore di una come di unaltra tesi. Tornando al terreno dellontologia, pensiamo che anche per le risposte alle domande poste poco valga lo stesso lo stesso principio. La ragione di questa nostra convinzione viene dal fatto che ogni risposta sempre una risposta allinterno di una cornice teorica, che ne vincola le premesse, definisce le caratteristiche e dimensiona la portata: non esiste una risposta al di fuori di una cornice teorica, qualunque essa sia. Nel primo capitolo abbiamo lavorato per distinguere i diversi piani su cui si muove il nostro discorso, chiarire i diversi criteri, e i diversi gradi di questi, che entrano nella nostra metodologia di lavoro. In quello successivo abbiamo rappresentato quella che crediamo essere la concezione ontologica standard, a cui possibile far risalire programmi filosofici anche parecchio distanti tra loro, come il platonismo e il riduzionismo fisicalista. Accanto a questa stata introdotta una concezione, definita appunto non-standard, che ribalta i termini del discorso, anteponendo invece le teorie alla realt. Riassumendo, lo scopo di questo sforzo, per certi versi necessariamente lacunoso, era di dare i confini e predisporre un piano di lavoro che se non condiviso fosse quantomeno condivisibile.

52

Ci che ci proponiamo ora di fare invece , seguendo i principi metodologici gi spiegati, in particolare (5), d'esplicitare il nostro quadro concettuale di riferimento e quelle assunzioni che prendiamo con esso. Il motivo per cui prendiamo questulteriore spazio di riflessione sui presupposti che ci guidano non semplicemente per eleganza argomentativa; crediamo diversamente che abbia una vera propria valenza teorica. solo scoprendo le carte, mostrando la cornice in cui ci si muove, che il gioco del dare e ricevere ragioni conserva tutto il suo valore. Viceversa invece, si avrebbe un discorso tronco, incompleto, in cui con ogni affermazione sinsinuerebbe anche la minaccia del bluff. Restare senza una garanzia di simmetria informativa fa venir meno anche quella di onesta intellettuale. Non ci sorprende quindi che in condizioni simili una conversazione filosofica non possa che scadere in uno sterile scambio di opinioni, in cui un dialogo non neanche realizzabile, poich per essere esercitata, necessita, come ogni attivit sociale, di uno spazio comune.

4.1 Cinque tesi per una metaontologia quineiana


Quando poco fa abbiamo parlato del quadro concettuale di riferimento, non lo abbiamo collocato al livello dellontologia, in altre parole dello studio di ci che esiste. Lo scopo di unontologia , infatti, quello di interrogarsi sullessere e le sue categorie, in modo da specificare il catalogo delle entit esistenti. Diversamente, il nostro discorso si poneva, anche se implicitamente, su di un piano precedente a quello occupato dallontologia; un piano il cui oggetto di

53

studio consiste nellontologia stessa. Il livello cui ci stiamo riferendo quello della metaontologia, la quale pu essere definita come la teoria sulla particolare teoria che lontologia18. Siamo chiamati a fare delle scelte di campo gi a questo livello, ed ancora una volta importante specificarle perch inevitabilmente, data loro posizione, condizioneranno a cascata tutti i livelli sottostanti. Per questo lavoro abbiamo scelto una possibile metaontologia che andremo a illustrare brevemente nel paragrafo successivo. Questo per non significa che non potremo di volta in volta tornare indietro per discutere o criticare le tesi che ci apprestiamo a presentare, soprattutto qualora i costi di questa scelta diventassero per noi particolarmente onerosi. Il paradigma metaontologico di riferimento che abbiamo scelto, quello presentato da Van Inwagen nel suo celebre saggio Metaontology (1998), in cui propone attraverso cinque tesi, una risposta quineiana alla domanda che cosa ci stiamo chiedendo quando chiediamo che cosa c? ?19. Non faremo sempre riferimento a tutte e cinque queste tesi, tuttavia abbiamo scelto di proporle al lettore congiuntamente, perch ciascuna di esse intimamente connessa con le altre e assieme disegnano un framework compatto, che quello che stiamo scegliendo. Come si noter tra poco, alcune di queste sono gi state tenute in considerazione pi o meno tacitamente, ma crediamo che il proporle solo ora non abbia influito pi di tanto sulla chiarezza di quanto detto fin ora.

18 19

Valore (2008). Van Inwagen (1998), p.233.

54

4.1.1

Essere non unattivit (Tesi I)

Esistono attivit pi generali di altre: scrivere pi generale di scrivere una tesi di laurea, che a sua volta pi generale di scrivere una tesi di laurea con un personal computer. Essere pi generale significa che la correttezza della seconda (scrivere una tesi di laurea) implica la correttezza della prima (scrivere). Si sta negando che esistere sia unattivit, anche nel caso in cui sia lattivit pi generale di tutte. Riprendendo Austin, Van Inwagen ci spiega che quando diciamo che un oggetto , non stiamo utilizzando questo termine della lingua per descrivere un qualcosa che questoggetto continua a fare, come per esempio stare su una mensola, ma facciamo unaffermazione di altro tipo che in qualche modo metafisica. Ci non vuol dire che non esista unattivit generale che noi e i libri sparsi sulla nostra scrivania abbiamo in comune durare, perdurare, etc.: lattivit che si compie in virt di compiere qualsiasi altra attivit ma altra cosa rispetto al .

4.1.2

Essere la stessa cosa di esistere (Tesi II)

Questa seconda tesi consiste nel negare che ci sia una qualche differenza tra ci che sintende con le due espressioni c ed esiste; al contrario con esistono dei libri ci si riferisce alla stessa cosa che dire ci sono dei libri. Enunciati come ci sono un sacco di cose in cui credo che non esistono non smentiscono per niente questa tesi: nonostante le apparenze il senso che di quelle cose che credevamo esistenti in realt non esistono. Possiamo pensare

55

che la questione non sia per nulla ovvia e scontata cos come la stiamo ponendo, e per tanto sia difficile da inquadrare, tuttavia, in mancanza di un buon argomento a sostegno della tesi opposta, rimane se non altro vera.

4.1.3

Essere ha un unico senso (Tesi III)

difficile pensare che il numerale tre abbia un significato diverso a seconda che sia utilizzato per contare atomi, libri, pianeti, vertici di un poligono regolare o dimensioni dello spazio. Lefficacia dellaritmetica sta nella sua capacit permetterci di contare qualunque cosa. Dire ci sono tre paia di scarpe nuove nellarmadio e la molecola dellacqua composta da tre atomi, significa dire che il numero di paia di scarpe il numero degli atomi che compongono la molecola. Questo esempio serve a chiarire la tesi dellunivocit del significato di essere ed esistere. Il senso di essere se applicato a oggetti concreti come un libro o astratti come i vertici di una figura geometrica, non cambia. Lesempio del numerale quattro ci supporta anche nel dare una buona ragione a sostegno di questa tesi. Numeri ed esistenza sono intimamente collegati, dire che non esistono unicorni come dire che il numero di unicorni zero; dire che esistono funzioni ricorsive o ornitorinchi come dire che il numero di questi uguale o maggiore a uno. Come il nostro modo di contare univoco, anche essere ha un significato univoco, che non cambia a seconda della natura dellentit che si vuole ammettere come esistente.

56

4.1.4

Lunico senso di essere o esistere adeguatamente catturato dal quantificatore esistenziale della logica formale (Tesi IV)

Van Inwagen mostra come attraverso un set di semplici regole sintattiche 20 possibile riscrivere enunciati del linguaggio naturale come a. C almeno un libro sulla mia scrivania In un linguaggio abbreviato che utilizza quantificatori e variabili. Nel caso dellesempio precedente avremmo: b. x(Lx & Sx). I quantificatori e le variabili impiegati in questa riscrittura non hanno altro compito che irreggimentare gli enunciati del linguaggio naturale in uno che sia pi maneggevole e auto-esplicativo per i nostri scopi ontologici, senza che aggiungano nulla di estraneo alla prima formulazione. Le condizioni di verit, infatti, sono le stesse per i due enunciati a e di b. Ci su cui Van Inwagen pone l'accento che il significato degli enunciati non in alcun modo alterato dagli strumenti utilizzati in questa traduzione, ma deriva invece dallo stesso linguaggio naturale. La tesi che propone Van Inwagen, il quale a sua volta sinserirsi nel solco della metaontologia di Quine, che il senso di essere ed esistere, cos come lo intendiamo in frasi come ci sono dei libri sparsi sulla mia scrivania, esiste almeno

20

Van Inwagen (1998), pp. 239-240.

57

un numero primo minore di quattro perfettamente reso dal quantificatore esistenziale . La convinzione che, stando a quanto detto, lassunzione di questa quarta tesi dovrebbe essere altrettanto semplice come la tesi che il significato di somma di due o pi numeri sia adeguatamente rappresentato dal simbolo aritmetico +21. Chi scrive riconosce per che, al contrario, possano essere sollevati alcuni punti controversi; tuttavia gli scopi del presente lavoro non ci consentono di approfondire il discorso in questa direzione, poich una trattazione esaustiva richiederebbe un lavoro a parte e non le poche righe che possiamo qua impiegare. Tuttavia, come abbiamo anticipato, questa particolare tesi non torner frequentemente nella nostra argomentazione, pertanto scegliamo di lasciarla pi per completezza di esposizione che non per il suo effettivo utilizzo.

4.1.5

Il criterio dellimpegno ontologico (Tesi V)

La quinta e ultima tesi riguarda quella parte della metaontologia di Quine cui si fa riferimento con lespressione criterio dimpegno ontologico. Secondo Van Inwagen, questa tesi, non sempre correttamente compresa nel significato che Quine ne ha voluto dare, ma, al contrario, spesso occasione di fraintendimenti. Per questo motivo cominciamo quindi col precisare ci che questa tesi non . Data una teoria qualsiasi, il criterio dimpegno ontologico non la tecnica con cui svelare il contenuto ontologico di questa, in altre parole che traduca gli enunciati della teoria dal linguaggio naturale
21

Van Iwagen (1998), p.238.

58

in cui sono solitamente espressi, a quella forma di linguaggio esplicitamente quantificazionale 22 che abbiamo sommariamente descritto poco sopra, il quale ricorre, per compiere questa traduzione, a quantificatori e variabili vincolate. Quindi, dal momento che abbiamo ammesso che il quantificatore esistenziale sia in grado di catturare il senso di essere-esistere (tesi IV), allora questa tecnica ci consentirebbe di identificare lontologia sottintesa alla teoria presa ad esempio. Questa interpretazione si basa su due presupposti molto forti, ma, come stiamo per vedere, tuttaltro che scontati. La prima condizione necessaria che ci che noi chiamiamo teorie siano degli oggetti ben definiti. Per una teoria, essere un oggetto ben definito significa essere una classe di oggetti, a loro volta ben definiti, chiamati enunciati. Il rifiuto del primo presupposto parte dalla constatazione che questo non costituisce per niente un resoconto realistico di cosa sia una teoria veramente. Il funzionalismo sociologico, o la teoria dellinconscio di Freud due esempi presi tra tutti quelli possibili - non possono essere ricondotti ad classe di enunciati, perch per quanto la teoria sia consistente, non possibile esaurirne tutto il contenuto in un insieme finito di quelli. Venendo meno la condizione, viene meno pure la possibilit, anche solo teorica, di una riscrittura esaustiva della teoria nel suo complesso e non di solo alcuni suoi enunciati in forma quantificazionale, per esplicitarne limpegno ontologico. Questa conseguenza uno scacco matto alla tecnica perch impedisce di principio di ottenere ci per cui stata pensata. Una teoria, non potendo mai essere ridotta a una classe di enunciati, continuerebbe a sfuggire a ogni tentativo di trascrizione che si andasse a porre come definitivo.

22

Quine (1953; trad. it. 2004), p.162.

59

Ma mettiamo da parte questo primo motivo, accettando momentaneamente di avere teorie come oggetti ben definiti. Il secondo presupposto su cui si basa linterpretazione che si vuole rifiutare, la unicit della traduzione, in altre parole che, data una teoria, o meglio della classe degli enunciati che la determinano, ne esista solo ununica traduzione possibile nel linguaggio quantificazionale. Van Inwagen d due ragioni per rifiutare anche questo secondo presupposto. Il primo motivo che il linguaggio formalizzato non qualcosa in cui una frase si d o non si d, cos come una frase o non in italiano, ma si presenta invece in gradi diversi. In secondo luogo, anche qualora il linguaggio quantificatore-variabile non fosse diverso da un linguaggio naturale data una qualunque sequenza di sintagmi questa o non scritta in linguaggio quantificazionale per la traduzione esisterebbero comunque diverse alternative ugualmente percorribili. Proviamo a immaginare un esempio: a. Esistono uomini pi alti di due metri, b. x(x pi altro di due metri), c. x,y((x,y sono un uomo & y = due metri) x > y). Sia b sia c sono traduzioni di a nel nostro linguaggio formalizzato. Guardandoli notiamo che sono presenti entrambi i problemi evidenziati rispetto la questione della traduzione unica: b e c differiscono tra loro sia come strategia sia come diverso grado di traduzione di a. Per quale ragione per si hanno traduzioni plurime? Le lingue naturali, per esprimere il significato che nellidioma controllato dato dai quantificatori e dalle variabili, hanno a disposizione un ricco bagaglio di costrutti e dispositivi linguistici. Ciascuno di questi

60

rappresenta una sorta di affordance23 che la lingua naturale mette a disposizione per la traduzione: quando lavoriamo a questa riscrittura, ci che facciamo sostituire i primi ai secondi. Accade allora che ci potrebbe esser richiesto di compiere delle scelte rispetto quali affordances accettare e quali no, con la conseguenza che avremmo risultati differenti in base a quanto (e come) avremo scelto di tradurre la frase di partenza. Lintroduzione di quantificatori e variabili non quindi unoperazione meramente meccanica ma si basa su scelte, e richiede sempre una certa quantit di creativit, piccola o grande che sia. Quindi, anche su questo fronte, dobbiamo disattendere la prospettiva di avere una traduzione unica per i nostri enunciati. La discussione fatta ci ha condotto a dire che questo tipo di traduzione di cui abbiamo parlato non qualcosa che si d o non si d, ma procede per gradi, e che quando introduciamo in una frase quantificatori e variabili, stiamo scegliendo quale dei i diversi scenari messi a nostra disposizione stiamo realizzando: sulla base di queste considerazioni che rifiutiamo, con Van Inwagen, lidea che le teorie abbiano un impegno ontologico oggettivo ma nascosto, e che lomonimo criterio sia una procedura per smascherarlo. Bisogna allora spiegare quale significato Quine assegna a questa tesi. Il criterio dellimpegno ontologico una strategia, la pi vantaggiosa secondo Van Inwagen, per condurre il nostro linterlocutore a riconoscere il suo impegno ontologico verso le entit di cui parla. In altre parole, partendo dagli enunciati che il nostro

23

Il termine affodances stato introdotto per la prima volta da Gibson (1977)

per indicare il concetto di possibilit dazione che un oggetto offre alla persona che entra in relazione con esso allinterno di un contesto preciso. Ad esempio, il mouse dei nostri personal computer un oggetto appositamente progettato per suggerire nel modo pi esplicito possibile la sua modalit di utilizzo.

61

interlocutore accetta, si sostituiscono progressivamente i congegni linguistici della lingua di partenza litaliano con i congegni linguistici che ricoprono la medesima funzione nel linguaggio quantificazionale, cos come spiegato poco sopra. Questa semplice procedura permette, a partire dal suo primo enunciato, e per una serie di passaggi intermedi dedotti da questo, di arrivare ad una riscrittura dellenunciato originale che linterlocutore costretto a sottoscrivere e che lo impegna con quelle entit su cui lenunciato quantifica e che costretto suo malgrado ad ammettere perch questo sia soddisfatto. Per esempio, nel caso immaginato prima, la traduzione ci porta a doverci impegnare per lesistenza degli uomini, anche se fosse stato il caso che noi non avessimo avuto alcuna intenzione, pronunciando a, di ammettere qualcosa come un uomo; la nostra trascrizione ha evidenziato come il nostro enunciato in realt faccia riferimento agli uomini, e che dobbiamo riconoscerli come esistenti, pena la contraddittoriet della nostra posizione. Il senso di questa strategia che, con i nostri discorsi, spesso ammettiamo delle entit, che invece rifiutiamo quando siamo interpellati direttamente a riguardo. Il criterio dellimpegno ontologico ha quindi una funzione innanzitutto dialettica: far emergere le contraddizioni tra le nostre assunzioni teoriche esplicite e ci che invece assumiamo implicitamente con il nostro comportamento linguistico. Se durante una discussione ci troviamo, per via di questa teoria, a dover ammettere delle entit che altrimenti rifiuteremmo, subito ci saltano alla mente queste domande: per quale motivo dobbiamo sottostare a questo gioco? Perch non rifiutiamo le sue regole ed evitiamo cos di vederci costretti ad accettare lesistenza di cose che mai avremmo voluto accettare? Van Inwagen risponde che libert di ogni filosofo poter rifiutare qualunque strategia argomentativa, tuttavia evidenzia anche due ragioni per continuare a gioca-

62

re a questo gioco. La prima motivazione riguarda i casi pi semplici, in cui nessun tipo di creativit sembra coinvolta nellintroduzione dei quantificatori e delle variabili. Ad esempio, per una frase come esistono cigni bianchi, loperazione di riscrittura per giungere a d meccanica e non sembra avere particolari criticit: d. x(x cigno & x bianco). Lintroduzione dei quantificatori in questo caso lineare e sembra presupporre poca o nessuna creativit, pertanto rifiutare questo passaggio, sarebbe un comportamento poco giustificabile. interessante lesempio portato direttamente da Van Inwagen: come il simbolo essenzialmente labbreviazione delle espressioni italiane c o esiste cos il simbolo + lo di pi o somma di. Dal suo punto di visa quindi rifiutare d sarebbe tanto irragionevole come sostenere che due pi due uguale a quattro ed immediatamente dopo rifiutare la scrittura 2+2=4. Per i casi pi complessi - c un libro mancante nella mia libreria, tutti i libri della mia libreria sono rossi e cos via - rifiutare la sostituzione dei quantificatori e delle variabili, significa rendere difficoltosa la ricostruzione delle relazioni e delle inferenze che legano i diversi enunciati. Senza la simbolizzazione perdiamo uno strumento prezioso di chiarificazione della catena deduttiva, scoprendo il fianco a potenziali incomprensioni del discorso. Il senso di questultima tesi sta nellavvertimento finale di Van Inwagen; che una disputa ontologica in cui le persone coinvolte non rispettano il criterio dimpegno ontologico da guardare con sospetto, poich le oscurit, le contraddizioni, le conseguenze spiacevoli e quelle impreviste delle posizioni in gioco non avrebbero modo di essere esplicitate e messe allattenzione degli stessi partecipanti

63

alla discussione. Con questultimo punto terminiamo lesposizione della metaontologia che abbiamo scelto come nostro quadro concettuale, da cui partiremo e cui faremo riferimento quando, nel corso del lavoro, affronteremo questioni ontologiche.

4.2 Teoria e realt: la concezione nonstandard


Abbiamo ora chiarito la nostra metaontologia, quella parte della filosofia il cui oggetto dinteresse non lessere o un determinato tipo di entit, ma lontologia stessa. Questo per non basta a definire esaustivamente il nostro quadro concettuale. Come gi ricordato, il capitolo precedente stato dedicato alla presentazione di due concezioni opposte; opposte in base al tipo di relazione che fanno intercorrere tra i due oggetti in questione. Questi oggetti sono la realt da una parte, in altre parole ci che c, che esiste, e dallaltra le teorie, cio insieme di enunciati, il pi possibile consistenti tra loro, che hanno lo scopo di descrivere ed interpretare uno o pi aspetti della realt. La concezione che sposiamo quella che abbiamo definito come non-standard (cfr. 2.2.) che potremmo pensare di riassumere, anche se in un modo po spartano, con il seguente slogan: non si danno entit indipendentemente dalle teorie; lontologia a essere in rapporto subordinato alle nostre teorie e non viceversa. Lidea che non si dia realt indipendentemente dalle teorie va innanzitutto contro quello che il nostro modo comune di pensare, per cui da una parte c la realt, pi o meno raggiungibile (pi o meno direttamente), mentre dallaltra ci siamo noi, con le nostre teorie pi

64

meno efficaci nel dirci quello che c. Abbiamo gi detto anche di credere che questa concezione sia sottintesa in parte anche dalla pratica scientifica, nel lavoro del chimico come dello psicologo (come anche alle volte del filosofo). Proprio per via della sua vasta diffusione labbiamo appunto definita standard.

4.2.1

Invertire la relazione

Quello che facciamo con la concezione non-standard appunto ribaltare la relazione, dando precedenza rispetto allontologia alle nostre teorie. Queste vengono ad assumere il ruolo di quadro concettuale di riferimento entro cui possibile discutere e decidere delle questioni ontologiche (esistono i numeri?, esiste la coscienza?, esistono gli Stati?). La motivazione di questa scelta nella credenza che una domanda possa ricevere una risposta sensata solo quando venga posta allinterno di un sistema concettuale che ne specifichi il contesto, poich da questo che la domanda acquista il suo significato. La concezione non-standard rappresenta una terza via rispetto a due posizioni entrambe poco attraenti. Da una parte, come spiegato poco sopra, che esista un mondo con degli oggetti che si danno indipendentemente da tutto, con le teorie che osservano da spettatori passivi; dallaltra, lestremo opposto, data una scorretta interpretazione della concezione non-standard, che si diano solo teorie e nientaltro, e che gli oggetti e il mondo stesso siano solo unemanazione, un epifenomeno di quelle. Questa due posizioni non costituiscono unalternativa esclusiva, ma possibile invece una terza via, che quella che stiamo illustrando. Ci che faremo ora cercare di far chiarezza su alcune questioni che sono state ora sollevate.

65

4.2.2

Due questioni: relativismo e potere creatore

Quando invertiamo i termini della relazione teoria-realt, sostenendo che sono le entit a essere dipendenti dalla teoria, si pongono due questioni. Innanzitutto fa la sua comparsa lo spettro del relativismo. Se le entit dipendono dalla teoria, allora possibile dire che esiste qualunque cosa si voglia? Crediamo che la risposta sia negativa: una posizione che possa ammettere tutto poco difendibile oltre che per nulla attraente. Riconoscere lo statuto di esistenza a qualunque entit porterebbe immediatamente a uninflazione ontologica che invaliderebbe, di fatto, la nostra concezione: ammettere qualunque cosa di poco, anzi di nessun vantaggio per il lavoro dellontologo di specificare le categorie fondamentali dellessere; perch se pu esistere qualunque cosa, noi di cosa possiamo davvero esser sicuri? La conseguenza di questa interpretazione sarebbe la vacuit di ogni nostro discorso. Abbiamo dato per alla prima domanda possiamo dire di qualunque cosa che esista? una risposta negativa. Ci perch il fatto che ogni teoria definisca un sistema di coordinate per rispondere alla domanda ontologica che cosa c?, non ci autorizza a chiamare in causa il relativismo assoluto del esiste tutto quello che vogliamo. Al contrario, rimane salda lidea che dato un sistema di riferimento esiste una (sola) risposta a questa domanda. Non possibile rispondere ci che si vuole poich nonostante il sistema di riferimento dato dalla nostra teoria sia relativo, non lo la nostra risposta.

66

Veniamo quindi alla seconda questione, strettamente collegata alla prima, tanto da poter esser considerata come laltro lato della stessa medaglia. Dicendo che lesistenza delle entit dipende dalle teorie di riferimento, pu apparire di stare assegnando a questultime una sorta di potere magico in grado di donare lesistenza agli oggetti di cui parlano, siano essi elettroni, numeri primi o societ di cacciatori-raccoglitori. Anche in questo caso dobbiamo dire che le cose non stanno affatto cos. Nessuna teoria, per quanto coerente e completa possa essere, in grado di costruire la realt. Il significato della dipendenza delle entit dalla teoria, non sta nellidea che sia la teoria a creare le entit, ma che letteralmente non si possa rispondere alla domanda ontologica al di fuori della teoria. Da che parte sorge il sole? semplicemente una domanda priva di senso, cui impossibile dare una risposta, senza un sistema di punti cardinali che definisca il quadro di riferimento. Se un genio maligno, come quello che fece visita a Descartes24, visitasse anche noi e cancellasse di colpo tutte le nostre teorie, non vorrebbe dire certo che il mondo smetterebbe di esistere, facendoci piombare nel vuoto pi totale. Diversamente, la conseguenza di questevento sarebbe la nostra impossibilit di rispondere a ogni domanda ontologica, poich sprovvisti di un contesto entro cui determinare la risposta.

4.2.3

Resistenza empirica e realt

Vogliamo solo unultima volta insistere su questo punto per chiarirlo, cio sullimportanza di mantenere ben separate il piano

24

Decartes, (1641, trad. it. 1997), p.35 e segg.

67

dellesperienza da quello della realt. Quando diciamo che il piano delle entit a dipendere da quello delle teorie non stiamo dicendo che sono questultime a decidere dellesperienza. Ci sarebbe un errore gravissimo, poich staremmo sovrapponendo due piani altrimenti ben distinti. Nessuna teoria ha il potere di controllare lesperienza; al contrario, la sua funzione invece quella di organizzare la realt. Il punto irrinunciabile che si d resistenza empirica. Se cos non fosse, non solo ogni teoria sarebbe intercambiabile con le altre, ma anche nessuna potrebbe mai essere giustificata. Sovrapporre e confondere questi due termini porterebbe condurci ad attribuire alle teorie quellimplausibile potere creatore che, gi nel paragrafo precedente, abbiamo affermato essere una cattiva interpretazione della concezione. La evidenza empirica invece un aspetto portante anche della concezione non-standard: essa costituisce il banco di prova delle nostre teorie per rappresentare la realt, e quelle teorie che superano il test allora ci dicono quali entit ammettiamo come reali. Prendiamo come esempio la teoria delluniformitarismo di Hutton e Lyell, la quale spiega che i cambiamenti e la conformazione attuale della superficie terrestre il risultato non di eventi catastrofici violenti e di breve durata, ma dellincessante lavorio delle forze naturali deboli (vento, acqua, etc.) sempre presenti, i cui effetti sono percepibili solo su scala geologica. Ci che fa il geologo, nella sua attivit di scienziato, di mettere alla prova la teoria con lesperienza (analizzata la composizione del suolo, datati i reperti geologici, misurato il potere erosivo delle forze in questione e cos via). Se la teoria concorda con lesperienza, allora possiamo considerarla confermata25. il senso del rifiuto del relativismo assoluto
25

La teoria della conferma sperimentale non pu dirsi certamente esaurita da

queste poche righe e, in particolare, va segnalata lesistenza di un dibattito epi-

68

proprio questo, poich non tutto pu esser detto, e le teorie incontrano sempre una resistenza empirica che devono superare per esser confermate. La teoria di Hutton e Lyell nel momento in cui confermata, ci consente di ampliare la nostra ontologia, ammettendo nuove entit la cui esistenza per, in base alla nostra concezione non-standard, dipendente dalla teoria stessa. A questo punto, avendo lavorato su diversi piani del discorso pu esser utile avere un momento di riflessione su di questi.

4.2.4

Distinguere i piani: le conseguenze della concezione non-standard

Lobiettivo del paragrafo quello chiarire i diversi piani che si sono venuti a incontrare, per poi mostrare gli effetti sul nostro quadro concettuale dellassunzione della concezione non-standard. Se immaginiamo questa struttura come un edificio, il piano terra, quello pi a contatto con lesperienza, occupato delle nostre teorie. Questo piano quello in cui quotidianamente ci muoviamo e operiamo. A questo livello, ammettere una concezione che sia o non sia standard non comporta sostanziali differenze. ancora una volta una questione di sistema di riferimento. Capita alle volte di trovarsi su una carrozza del treno, fermi a un binario, e guardare fuori dal finestrino per vedere laltro treno allontanarsi senza riuscire a capire se sia il nostro o laltro treno a muoversi. In casi del genere solo un osservatore esterno, con un sistema di riferimento al-

stemologico ancora ampiamente in corso, con una ricchezza di posizioni teoriche che qua non possono trovare il giusto spazio. Riteniamo tuttavia che rispetto ai nostri scopi limitati sia sufficiente per il momento quanto poco detto finora.

69

largato (la stazione), riuscirebbe ad avvertire immediatamente quale dei due treni stia lasciando la banchina. A questo primo livello la situazione pressappoco simile. Il piano della teoria la carrozza in cui ci troviamo, mentre la concezione di filosofia dellontologia come se fosse il resoconto dallosservatore esterno che guarda dalla banchina: come stando sul treno non potevamo avere coscienza del movimento, allo stesso modo, il rapporto tra teoria e realt non apprezzabile da questo punto di vista interno. Come ne abbiamo gi parlato26, una volta che ci troviamo a lavorare sul piano della teoria non possibile uscire da questo. La nostra attivit si svolge sempre dentro i suoi confini, poich non possibile alcun discorso se non allinterno di un quadro concettuale di riferimento. Perci, la scelta di una concezione piuttosto che dellaltra non modifica i nostri comportamenti a questo livello. Saliamo velocemente adesso al piano pi alto, occupato dalla metaontologia, che, come abbiamo visto, ha come oggetto di studio non le entit ma lontologia stessa; in altre parole, tenta di chiarire il significato dellontologia e riferirne il quadro concettuale per la sua interpretazione. Nel nostro caso, il quadro concettuale che abbiamo scelto quello riassunto dalle cinque tesi di Van Inwagen prima elencante. Poniamoci allora unaltra domanda: che conseguenza pu avere una concezione non-standard (piuttosto che standard) per la nostra metaontologia? Dovremo cambiarla secondo la nostra scelta di campo? Cos come abbiamo introdotto i diversi elementi, ci potrebbero essere delle incompatibilit? La risposta a questa serie di domande sempre negativa. La concezione nonstandard una posizione di filosofia dellontologia, non ha quindi alcuna conseguenza sulla nostra metaontologia molto semplicemente perch non sono in competizione, ma concorrono a definire
26

Cfr. 2.2, 3.2.2.

70

un quadro concettale unico. Per rimanere sicuri mettiamo alla prova questidea con un piccolo esempio. Consideriamo la terza tesi esposta poco sopra: Essere ha un unico senso 27 . Prendiamo adesso due enunciati: a. esiste un numero primo minore di 30 e maggiore di 25 b. esiste un libro sopra la scrivania Questi due enunciati ammettono ciascuno lesistenza di un tipo di entit ben diversa da quella che ammette laltro un numero, il primo, un oggetto concreto, il secondo tuttavia per entrambi (in base alla tesi accettata) il significato di essere lo stesso. A partire da queste premesse, avremmo qualche conseguenza se decidessimo anche di sostenere una concezione non-standard? Ancora una volta la risposta negativa. La nostra posizione non-standard (se confermata lesistenza dellentit tavolo cos come quella del numero "29" dipendente dalle classificazione categoriale della teoria di cui fanno parte) sarebbe perfettamente compatibile con la tesi che lesistenza di cui parliamo per il numero 29 la stessa esistenza di quella dellentit tavolo. Dallaltra parte non avrebbe neanche controindicazioni rifiutare la tesi numero tre, ma mantenere la nostra concezione di filosofia dellontologia: lesistenza del tavolo come del numero primo sarebbe dipendente dalle rispettive teorie, ma il modo di essere del primo diverso dal secondo. In altre parole, una cosa dire che esistere di tavoli lo stesso che esistere di numeri primi, unaltra dire che queste entit, se esistenti, non si danno che in dipendenza dalle nostre teorie. Le due posizioni teoriche non sono in concorrenza, come due partite giocate su campi diversi. Tuttavia, anche se il risultato di una non condiziona quello

27

Cfr. 3.1.3.

71

dellaltra, ci che rende importante esplicitarle, il fatto che sono entrambe necessarie per ricostruire il framework concettuale complessivo in cui si sceglie di muoversi, il quale specifica sia il significato di essere (la metaontologia) che il rapporto tra questo essere, la realt, e le nostre teorie. Nella fretta di arrivare in cima abbiamo per saltato un piano, prendiamo quindi la rampa di scale e torniamo a dove avevamo lasciato. Il secondo piano quello occupato dallontologia della teoria. Lontologia di una teoria il catalogo delle entit che la teoria ammette perch i suoi enunciati siano veri. Prendendo ad esempio linformatica, i sistemi operativi e i software sono delle entit che ammettiamo perch questa sia vera. Differenti posizioni di filosofia dellontologia avrebbero su questo piano che posizioni differenti di filosofia dellontologia (standard e non-standard) danno delle differenze. Riprendiamo proprio lesempio di prima: ammettere entit come i software e i sistemi operativi allinterno della concezione standard sicuramente diverso dallammettere lesistenza delle stesse entit con quella non-standard. Nel primo scenario lesistenza dellentit indipendente dalla teoria che la descrive, viceversa, dipendente essa: senza il secondo termine della relazione non avremmo alcuna entit poich non possibile ammettere lesistenza di oggetti senza un sistema di riferimento categoriale. Torniamo al primo scenario; Crediamo che sia comprensibile non sentirsi a proprio agio nel sostenere che lesistenza del software indipendente dalla teoria informatica. Una conseguenza spiacevole di questa posizione sarebbe quella di dover ammettere la sua esistenza anche nel caso in cui avessimo una teoria di riferimento differente. Tuttavia non siamo affatto obbligati a pagare questo prezzo qualora ci sembrasse eccessivo. Potremmo ad esempio scegliere di salvare la nostra concezione standard e la teoria dellinformatica,

72

la quale portano entrambe dei vantaggi a essere ammesse, ma rifiutare invece lesistenza di entit come i software, per il motivo che ci ci condurrebbe alla situazione poco confortevole di prima. Crediamo di poter dire che nel caso appena affrontato la concezione non-standard porti con s almeno un interessante vantaggio; certamente attraente la possibilit di avere un resoconto efficace dal punto di vista del potere esplicativo, ma che non sia troppo costoso in termini di plausibilit: possiamo mantenere la nostra teoria, l'informatica, e le sue entit, i software, senza che questa doppia ammissione ci crei particolari imbarazzi.

4.2.5

Conseguenze e vantaggi della concezione non-standard

Arrivati a questo punto, giunto il momento di tirare le somme di questa nostra ampia descrizione per capire quali implicazioni dia il sistema di riferimento che abbiamo scelto, e se soddisfi i criteri guida posti in apertura del lavoro. Il framework che abbiamo individuato porta con s principalmente due conseguenze, gi sintetizzate in Valore (2008) e che qua ripercorriamo per rispettare il nostro proposito di dare sempre massima visibilit alle assunzioni teoriche di fondo. La prima conseguenza la pluralit delle ontologie. Abbiamo ripetuto molte volte che si danno entit solo allinterno di uno schema concettuale, e che quindi ognuno di questi determina un piano ontologico. Avendo una molteplicit di schemi concettuali avremo di conseguenza altrettanti piani di realt, le cui rispettive entit possono anche non essere compatibili tra loro. Tuttavia non c alcuna

73

contraddizione in ci: quando rispondiamo a una domanda ontologica (esistono i numeri?, esistono gli elettroni?) lo facciamo sempre allinterno di un sistema di riferimento, il quale ammette una e una sola risposta28. Avremmo una contraddizione solo nel caso in cui ci fosse richiesto di ammettere entit incompatibili allinterno dello stesso quadro concettuale. Che si dia invece unentit A1 allinterno di uno schema S1 e unentit A2 per uno schema S2, tra loro incompatibili, non crea alcun imbarazzo, poich appartengono a due piani di realt ben distinti. La seconda conseguenza strettamente legata a quanto abbiamo appena detto. Ogni piano oggettuale dato in dipendenza di uno schema concettuale: il rapporto con il piano dellesperienza sempre mediato, mai diretto. Chiedersi allora quale piano oggettuale rispecchi meglio la realt una domanda priva di senso perch la risposta non pu che riguardare il sistema di riferimento scelto. Il criterio che va quindi utilizzato un criterio pragmatico di ordinamento: non possibile dire una volta per tutte quale teoria rispecchi meglio la realt, ma la risposta sempre determinata dallutilizzo che ne vogliamo fare. Cos pi reale, lelettrone o la trib? Cos formulata la domanda non pu aver risposta. Se quello che vogliamo fare descrivere il comportamento dei fenomeni elettromagnetici allora anteporremo il piano oggettuale e la teoria cui appartiene lelettrone; ma se il nostro scopo invece quello di descrivere i riti di passaggio delladolescente allet adulta, la fisica allora non ci potr essere di alcuna utilit, mentre sar fondamentale per linterpretazione della realt il sistema di riferimento categoriale definito dallantropologia culturale.

28

Cfr. 3.2.2.

74

Veniamo ora a considerare se il framework concettuale complessivo che abbiamo descritto soddisfi i principi guida scelti nel primo capitolo. Il primo criterio, quello di semplicit, certamente rispettato. Un vantaggio rilevante del pluralismo ontologico quello di mantenere uno schema concettuale con cui sia possibile maneggiare qualunque tipologia di entit: che siano entit matematiche o oggetti concreti non necessario elaborare particolari strategie ad hoc a seconda di quali terreno si stia affrontando. Il secondo criterio, quello di economia, pare anchesso soddisfatto. A conti fatti, dalle conseguenze sopra riportate possiamo dire che il nostro schema concettuale ci lascia s una pluralit di piani ontologici, ma al contempo, si pu dire, con il criterio pragmatico, di ammettere tutte e solo quelle entit di cui le nostre teorie (e di converso noi) hanno bisogno. Le entit di una teoria che non confermata e non spiega, semplicemente non esistono; esiste invece solo ci che utile alle nostre esigenze di organizzazione categoriale della realt. Si potrebbe obiettare che, per alcune teorie, potremmo dover ammettere delle entit di cui faremmo forse volentieri a meno, per esempio perch in contrasto con una qualche idea di senso comune. Tuttavia quando sottoscriviamo una teoria, lo facciamo solo perch questa ricopre un ruolo nel nostro resoconto del mondo. In questo senso la nostra posizione parsimoniosa: perch non ammette entit senza che ve ne sia la necessit, cio senza che vi sia una teoria a richiederle. Lultimo criterio quello legato al senso comune. In questo caso la situazione meno lineare e richiede un po pi di attenzione. Il nostro approccio ci conduce ad ammettere pi facilmente entit altrimenti controverse, come entit sociali, astratte ed universali, che non rientrano immediatamente nel nostro resoconto pre-filosofico

75

del mondo, che pi frequentemente tende ad essere pi fisicalista e riduzionista. Ma se sotto questaspetto potremmo trovare delle resistenze a riconoscere alla nostra concezione il rispetto del senso comune, per un altro verso potrebbe non esser cos. Il quadro concettuale che abbiamo descritto ha il merito di riconsegnare a ogni teoria un suo piano oggettuale, evitando di rendere vuoti i suoi enunciati. Sotto questaspetto possiamo dire che rispetti il senso comune, poich supporta lidea che quando parliamo i nostri enunciati non sia vuoti ma posseggono un riferimento. Possiamo dire quindi che il sistema di riferimento concettuale che abbiamo descritto porti con s dei vantaggi.

4.3 Largomento dindispensabilit


In questo capitolo abbiamo presentato il nostro quadro concettuale di riferimento, mostrando quali assunzioni richiede, la sua articolazione, le conseguenze, e, per finire, i vantaggi che questo framework possiede per linterpretazione degli impegni ontologici delle teoria con le quali costruiamo i nostri resoconti del mondo. Una volta accettato questo sistema di riferimento, necessario avere allora a disposizione uno strumento che sia in grado di mettere in relazioni le teorie con le rispettive ontologie, allo scopo di determinare il piano oggettuale determinato dalle prime. Chiamiamo a svolgere questo compito quello che in letteratura denominato argomento dindispensabilit, conosciuto anche come argomento di Quine-Putnam, dal nome dei due filosofi statuniten-

76

si29 che per primi lo hanno proposto nei termini e nella forma cui anche noi faremo riferimento. Lambito della filosofia per il quale inizialmente largomento dindispensabilit - da questo momento in avanti anche IA stato introdotto quello della filosofia della matematica30. Per prima cosa quindi proveremo a difendere la validit di IA come argomento a sostegno dellesistenza di entit matematiche. Daremo una prima definizione dellargomento e ne chiariremo i presupposti; discuteremo quindi le diverse obiezioni provando a dare delle risposte, per arrivare infine a una sua definizione il pi possibile condivisibile (rimanendo sempre allinterno del quadro concettuale che abbiamo definito), ma che conservi la sua efficacia argomentativa. In un secondo momento proveremo quindi a suggerire lapplicazione di IA anche al di fuori dellontologia della matematica. Ci che vogliamo mostrare, infatti, come lo schema argomentativo di IA possa essere un valido strumento al servizio dellontologo in tutti i campi dindagine ontologica.

29 30

Willard Van Orman Quine (1908 2000), Hilary Putnam (1926). Quine (1980).

77

78

5 Largomento dindispensabilit
Largomento dindispensabilit nasce allinterno della filosofia della matematica nellambito della controversia sullesistenza dellentit matematiche e si sviluppa come argomento a sostegno del realismo matematico. Lintroduzione dellargomento nel dibattito moderno dovuta principalmente a Quine (1953) e Putnam (1979), che, bench con delle differenze, sostengono entrambi lesistenza di queste entit. Lidea fondamentale su cui si basa IA quella che dobbiamo accettare lesistenza di quelle entit che sono indispensabili alle nostre migliori teorie scientifiche per esser vere; dato quindi che le entit della matematica sono indispensabili alla fisica, cos come a tutto il discorso scientifico tant che questultimo

79

irrimediabilmente impegnato verso oggetti astratti31 allora queste entit esistono. Gi da questo spunto iniziale possibile capire perch IA sia interessante per la concezione non-standard che vogliamo proporre. Abbiamo innanzitutto detto che IA un argomento a sostegno della tesi del realismo dell'entit matematiche. Putnam definisce riprendendo una definizione di Dummett la posizione del realismo32 rispetto una teoria come la tesi per cui: a. Gli enunciati della teoria sono o veri o falsi, b. Ci che rende veri o falsi questi enunciati lesistenza di una realt esterna leggi indipendente a noi. Come possiamo notare, in questa definizione torna lidea della realt come qualcosa dindipendente da noi (dai nostri dati sensoriali, dal nostro schema concettuale, dal linguaggio). Nel corso dei capitoli precedenti abbiamo per rifiutato questa interpretazione, in favore di quella opposta, ovvero della concezione non-standard per cui invece non si d esistenza indipendentemente dalle nostre teorie. Il nostro uso di realismo far invece riferimento alla definizione di realismo ontologico che ne danno Panza-Sereni (2011), cio la tesi secondo cui esistono quegli oggetti cui si riferiscono gli enunciati di una determinata classe. Crediamo che questa lettura sia pi in linea con il significato e lo scopo dellargomento dindispensabilit. A ben guadare, IA ci dice esattamente questo, che lesistenza della matematica dipende dal contesto teorico in cui ci si trova, ovvero di far parte delle nostre migliori teorie. Come non abbiamo mancato di far notare che non

31 32

Quine (1981), pp. 149-150. Putnam (1971), p.90.

80

ogni teoria pu essere una buona teoria non tutto indifferente poich ci che la rende tale laccordo con lesperienza e la capacit esplicativa e predittiva, la quale comunque rimane anchessa legata al quadro concettuale. Riteniamo quindi che IA sia un argomento a sostegno dellesistenza di entit matematiche e nel capitolo successivo proveremo a vedere se questo vale anche per altre tipologie di entit compatibile con il quadro concettuale non-standard. IA mostra come sia possibile, a partire da determinate premesse, riconoscere lesistenza di entit senza lobbligo di postulare degli oggetti antecedenti alla nostra teoria, alle categorie e al linguaggio, riuscendo ad evitare cos i problemi epistemologici legati ad una posizione realista nel senso primariamente indicato (una su tutte laccesso conoscitivo a queste entit). Linteresse per largomento dindispensabilit non per solo funzionale al sostegno della nostra concezione, ma ha anche un valore intrinseco rispetto allontologia. Da IA possiamo rispondere affermativamente a domande come esiste il numero 2?, riconsegnando alla disciplina il suo oggetto di studio ed evitando i problemi della posizione nominalista, ma senza esser costretti ad ammettere oggetti indipendenti da noi nel senso prima citato, particolarmente problematici nel caso della matematica. Se confermato, IA rappresenta una duplice buona notizia, perch il criterio di semplicit (1) che ci siamo dati in principio doppiamente rispettato. assicurata lesistenza delle entit matematiche senza costi sproporzionati in termini di semplicit del resoconto e, in seconda battuta, rende conto quindi delle entit matematiche allo stesso modo per esempio delle entit teoretiche della fisica. Questo un fatto positivo perch sicuramente desiderabile fornire per tutti i nostri discorsi, di cui la matematica uno di essi, una se-

81

mantica uniforme che permetta di semplificare il nostro resoconto complessivo (Colyvan, 2011). Per concludere, se questo doppio risultato di IA confermato sar allora possibile segnare un punto a favore della concezione nonstandard. Prima di introdurre la versione di IA da cui partiremo, vogliamo aggiungere un ultimo punto per precisare la nozione dindispensabilit. Qui facciamo nostra la descrizione che ne danno PanzaSereni (2011). Lindispensabilit (e di converso anche la nozione opposta di dispensabilit) riguarda il potere espressivo delle teorie, pi precisamente i significati linguistici che sono richiesti da una teoria perch questa sia in grado di dire ci che dice33. Per fare un esempio rispetto al nostro caso, dire che la matematica indispensabile alla fisica significa dire che non esiste un altro vocabolario oltre a quello della matematica che le consente di dire ci che dice. Quindi diciamo che la teoria D (ad esempio una teoria matematica) indispensabile a T (una teoria fisica) se e solo se: Dalla teoria T non possiamo ottenere una teoria T che impieghi il vocabolario di D (diverso da D) e tale che T sia equivalente a T. Tutto questo per a valle di tre condizioni che vanno rispettate: 1. Lequivalenza di T rispetto a T sia da considerare rispetto a una relazione r, 2. Che r sia una relazione di equivalenza specifica per un determinato aspetto della teoria, 3. T sia pi virtuosa di T.

33

Panza-Sereni (2011), p.12.

82

Le tre condizioni evidenziano come lindispensabilit, diversamente dal modo con cui viene comunemente considerata, non sia una nozione assoluta bens relativa. In primo luogo, per determinare lindispensabilit di una teoria necessario specificare rispetto a quale relazione di equivalenza vadano poi giudicate le due teorie T e T. Infatti, dalla definizione di dispensabile che abbiamo dato, ne consegue che T e T non possono essere equivalenti sotto tutti gli aspetti gi per il fatto di usare vocabolari differenti e quindi non poter avere gli stessi enunciati. Pertanto T e T stanno in una relazione di equivalenza ma relativa a un aspetto particolare, come il potere predittivo della teoria o il suo accordo con i dati sperimentali. Il secondo aspetto invece legato alla nuova teoria T che dovrebbe andare a colmare il vuoto lasciato da quella di partenza. Perch sia sostituibile, la prima deve essere pi, o per lo meno altrettanto, virtuosa della seconda (in altri contesti ci si riferisce anche con lespressione attraente). Anche questa nozione relativa, perch fa riferimento a un modo di esser virtuosa che da definire di volta in volta, in funzione degli obiettivi della teoria. Le virt che per ci interessano, nel nostro caso sono, di fatto, quelle che variamente sosteniamo nel quadro concettuale: la semplicit, la parsimonia ontologica, il rispetto dellevidenza empirica, la capacit predittiva e di dare un resoconto complessivo, e vi discorrendo. Dopo aver quindi chiarito la nozione dindispensabilit, possiamo dare una prima formulazione di IA su cui innestare la discussione sui suoi presupposti, le principali obiezioni e le risposte a queste.

83

5.1 Introducendo IA: una prima formulazione


Prima di discutere i presupposti teorici allargomento, non indugiamo oltre e presentiamo IA nella versione che d Colyvan (1998). In questa versione anche particolarmente evidente il riferimento al quadro concettuale e ad alcune delle tesi pi celebri di Quine. Vedremo nei prossimi paragrafi sia come queste diventino presto bersagli delle critiche, sia come possano essere anche dispensate senza compromettere largomento. Largomento ha due premesse. [1] Siamo impegnati ontologicamente verso tutte e solo quelle entit che sono indispensabili alle nostre migliori teorie scientifiche, [2] Le entit matematiche sono indispensabili alle nostre teorie scientifiche, [3] Siamo impegnati ontologicamente verso le entit matematiche. Sempre secondo Colyvan, strettamente parlando, largomento cos formulato non arriva a stabilire la realt delle entit matematiche, ma il suo obiettivo pi generalmente quello di creare imbarazzo a chi realista per le teorie scientifiche ma non per la matematica. Dal nostro punto di vista, ci coerente con la concezione nonstandard, perch limpegno ontologico dipendente dalle teorie: le entit cui siamo impegnati ontologicamente sono quelle che la nostra teoria descrive per dare un resoconto dellevidenza empirica; siamo quindi per anche impegnati ontologicamente verso le entit della matematica, perch indispensabili alla nostra teoria: senza

84

queste entit, la teoria scientifica non potrebbe pi ricoprire la sua funzione esplicativa/descrittiva/predittiva e perderebbe quindi il suo valore. Gi da questa prima formulazione possiamo notare come IA abbia buone possibilit di diventare uno strumento al servizio dellontologo che opera allinterno di una concezione nonstandard per compiere il suo lavoro di redazione delle entit esistenti. Come per ogni argomento, anche per IA rivestono grande importanza le premesse da cui questo si origina ed ovvio che da qui arrivino quindi i pericoli maggiori. Le obiezioni allargomento seguono principalmente due vie: una, indirizzata alla prima premessa, che implica le nozioni di naturalismo e olismo della conferma, laltra, diretta alla seconda, riguardo lidea che la matematica sia indispensabile alla scienza fisica. Andiamo quindi ad analizzare le due premesse, i loro presupposti, le obiezioni pi significative e tentare una risposta a queste.

5.2 Prima premessa: naturalismo e olismo della conferma.

Lo scopo della prima premessa quello allacciare un collegamento tra le nostre migliori teorie scientifiche, cio quelle che rispettano i criteri formali e pragmatici che abbiamo pi volte citato34, e le enti-

34

Cfr. p.73, la semplicit, la parsimonia ontologica, il rispetto dellevidenza em-

pirica, la capacit predittiva e di dare un resoconto complessivo, e vi discorrendo.

85

t verso cui queste teorie ci impongono di impegnarci ontologicamente. La partita si gioca sulle due direzioni implicate dallespressione tutte e solo le entit; da questa premessa siamo impegnati a credere allesistenza di tutte le entit indispensabili alla nostra teoria scientifica e solo a quelle35. Il primo verso di lettura, segnalato dal tutte, implica la tesi quineiana dellolismo della conferma; la direzione inversa invece, quella rappresentata dal solo, la tesi del naturalismo. Affrontiamo ora queste due tesi una alla volta.

5.2.1

Olismo della conferma

Lolismo della conferma una tesi di Quine, gi proposta da Duhem36, sul modus operandi con cui lesperienza conferma le nostre teorie. La tesi consiste nellidea che le nostre asserzioni sul mondo esterno affrontino il tribunale dellesperienza sensibile non individualmente, ma soltanto come un corpo unico37. Quando portiamo una nostra teoria al tribunale dellesperienza, il test cui la sottoponiamo non conferma (o smentisce) la singola ipotesi sperimentale, ma la teoria globalmente. Se una teoria riceve una conferma empirica, allora globalmente confermata in tutte le sue parti, anche quindi, di conseguenza, le teorie matematiche con cui formulata. La tesi dellolismo della conferma serve per giustificare il tutte della prima premessa: possiamo allora dire che, data una teoria scientifica, esiste un in-

35 36 37

Panza-Sereni (2011), p.26. Duhem (1906). Quine (1953), p.59.

86

sieme delle entit indispensabili (nel senso che abbiamo definito) alla teoria per dire ci che dice, e per la tesi dellolismo della conferma, siamo impegnati ontologicamente verso tutti gli elementi di quella classe.

5.2.1.1

Vineberg: realismo e causalit

Vineberg (1996) critica IA prendendo come bersaglio la tesi sullolismo della conferma, poich ritiene che la matematica non possa ottenere supporto empirico per il semplice fatto di fare parte di una teoria scientifica ben confermata. Il ragionamento di Vineberg parte da una lettura oggettiva del realismo, secondo cui gli enunciati delle teorie fisiche vanno interpretati letteralmente, poich ci dicono qualcosa di oggettivamente vero rispetto mondo fisico. Sotto questa prospettiva, la nostra conoscenza teorica conoscenza causale38, in altre parole, perch la teoria possa esser confermata, occorre che siano progettati degli esperimenti in grado di rendere evidente la relazione causale tra gli oggetti teorici e i fenomeni, escludendo contemporaneamente le alternative plausibili dei fenomeni studiati. Per il realista, a fornire prova della verit della teoria lefficacia nel rendere conto dei fenomeni, perch senza entit allora non ci pu essere una spiegazione causale dei fenomeni. Ma, dallaltra parte, le entit matematiche non giocano alcun ruolo causale nelle teorie scientifiche, quindi il motivo che ci spinge a credere alle entit teoriche non vale per quelle matematiche: levidenza che fornisce il supporto alle propriet causali delle entit teoriche non pu fornire un supporto simile alle entit della matematica. La considerazione di Vineberg39 si basa sullidea che le

38 39

Vineberg (1996), p.261. cit., pp.261-262.2

87

osservazioni empiriche non possono n confermare n confutare gli enunciati matematici che fanno parte di una teoria fisica. Questo accade perch non c alcuna relazione causale che colleghi levidenza osservata e gli enunciati matematici; da ci deriva allora che queste entit non siano giustificate e di conseguenza non siano esistenti.

5.2.1.2

Sober: dispensabilit ed empirismo di contrasto

Anche la critica di Sober (1993) allargomento dindispensabilit passa dal rifiuto della tesi dellolismo della conferma. Sober ritiene che senza dubbio la matematica giochi un ruolo indispensabile nella scienza moderna, ma che sia infondata lidea che gli enunciati della matematica possano essere veri e quindi le entit su cui quantifica esistenti solo perch indispensabili per la formulazione di queste teorie. Il punto di vista di Sober si allontana dal realismo scientifico per abbracciare quello che definisce empirismo di contrasto, basato a sua volta sul Principio di Verosimiglianza40: la verosimiglianza di unipotesi sperimentale rispetto ad un insieme di osservazioni la probabilit che lipotesi attribuisce a quelle osservazioni41. Prese due ipotesi scientifiche, quella che rende i fenomeni osservati pi verosimili, la teoria che riteniamo confermata. La conseguenza di questa versione dellempirismo che una teoria non sostenuta in modo assoluto, ma sempre relativamente ad altre; levidenza non mai un fatto di per s, bens rispetto alle altre teorie con cui in competizione.

40

Per un approfondimento sulla genesi e le caratteristiche del Principio si rimanSober (1995), p.38.

da a Edwards (1974).
41

88

Arriviamo ora al punto immaginando di avere due ipotesi I1 e I2 e che queste siano rispettivamente confrontate con losservazione sperimentale O; abbiamo detto che riterremo confermata quella che tra le due dia la spiegazione di O pi verosimile. Sober allora evidenzia42 che i soli enunciati che possiamo verificare sono quelli dispensabili; in altre parole, unipotesi per poter essere confermata deve poterla anche non essere, altrimenti chiaro che qualunque informazione sperimentale sia abbia questa non ci darebbe alcun argomento per discriminare. Quindi che la matematica sia indispensabile alla scienza lantitesi della conferma empirica, poich se essa implicata tanto nella nostra ipotesi I1 quanto in I2, losservazione empirica non ci dice nulla di essa, e tanto meno pu confermarla. La matematica fa parte di ogni ipotesi sperimentale e questo la rende indispensabile, ma questa indispensabilit un fatto a priori rispetto allosservazione sperimentale, e appartiene al quadro teorico entro cui scegliamo di lavorare. I quark e le altre particelle subatomiche sono anchesse indispensabili, ma solo in seconda battura, a posteriori: la loro indispensabilit deriva dal fatto che non si possono omettere quark senza che non si debba rinunciare alle nostre teorie scientifiche che meglio si accordano con i dati sperimentali. Proviamo a dare un esempio che illustri come gli enunciati della matematica non rientrino nella conferma empirica43: assumiamo lenunciato matematico 1. 2 + 2 = 4 e lipotesi:

42 43

Cit, p.44. Cit, p.49.

89

2. ci sono 2 + 2 mele sul tavolo. Se le mele sul tavolo fossero 4 potremmo confermare (2) e quindi, secondo una prospettiva olistica, anche (1). Se per le circostanze ci mostrassero che il numero di mele sul tavolo diverso da 4 cosa dovremmo concludere? Sober crede e anche noi che nessuno si azzarderebbe a sostenere che lipotesi (1) sbagliata, ma che sia semplicemente (2) a esserlo. Il fatto che una conferma empirica non possa gettare dei dubbi sulle regole dellaritmetica ci deve far dire che neanche possa confermarla: se la verit/falsit della matematica dipendessero dai riscontri empirici che le teorie che la impegnano ottengono, potremmo presto trovarci nella situazione imbarazzante di dover metter da parte 2 + 2 = 4. Questo ragionamento porta Sober a dire che il Principio di Verosimiglianza mostra dove lolismo epistemologico si sbaglia. Lesperienza non d giudizi sulle singole credenze o sullintero corpus delle credenze. [] Piuttosto, lesperienza risolve dei problemi di discriminazione. Dato un insieme dipotesi, lesperienza aiuta a determinare quale ipotesi, semplice o complessa, pi plausibile44. Per riassumere, IA criticato a partire dal fatto che nessuna conferma empirica pu estendere il suo effetto dalle ipotesi agli enunciati matematici impiegati nella formulazione dellipotesi. Enunciati matematici e teorie fisiche appartengono a due piani diversi, i primi a quello delle assunzioni a priori, non dispensabili e quindi non passibili di conferma (come di smentita), le seconde al piano del confronto entro cui si gioca la partita della conferma empirica.

44

Cit, p.54.

90

5.2.1.3

Chiarimento della dottrina dellolismo della conferma

Lidea che sia Vineberg che Sober rifiutano fondamentalmente quella che levidenza empirica da cui vengono confermate le ipotesi scientifiche possa estendersi anche agli enunciati della matematica con cui sono formulate queste ipotesi. Il rifiuto di Vineberg si basa sulla constatazione che gli enunciati in questione non svolgono alcun ruolo causale; quello di Sober invece sul fatto che data lindispensabilit della matematica nella formulazione dipotesi fisiche e ammettendo che possa ricevere conferma per il solo fatto di essere implicata nella formulazione delle ipotesi i suoi enunciati sarebbero ogni volta contemporaneamente sia confermati che rifiutati. Essendo evidente la contraddizione, se ne deduce che la matematica non pu ricevere conferma in questo modo, ma appartiene invece allinsieme delle nostre assunzioni di fondo. Partiamo da Sober per proporre una nostra difesa della tesi. Lempirismo di contrasto sicuramente una posizione con i suoi vantaggi, perch, nelle intenzioni dellautore, spiega bene come si arrivi a scegliere tra ipotesi concorrenti e come la loro evidenza sia sempre un fatto relativo passibile di revisione. Il fatto che questa lettura dellempirismo troppo ristretta e non rispecchia il reale funzionamento della scienza. Non possibile disarticolare unipotesi sperimentale dal framework di cui fa parte. Se pur vero che la matematica indispensabile alla nostra ipotesi allora questa una conferma di come le nostre teorie siano un corpus che si muove compatto, da cui non possibile mettere tra parentesi delle sue parti. Il punto non dire che le osservazioni scientifiche confermano una teoria e quindi, risalendo, anche gli enunciati con cui formulata, ma che ipotesi ed enunciati costituiscono ununica struttura, ed fuorviante considerarli come una serie fattori che possono

91

esser scomposti, raggruppati, semplificati. La nostra idea che la tesi dellolismo della conferma sia stata mal interpretata: la conferma sperimentale non mai alla singola, ma distribuita sulla teoria nel suo complesso; solo per opportunit e maneggevolezza facciamo risaltare alcune ipotesi che mettiamo a confronto dellesperienza, ma di fatto siamo sempre confrontando lintera teoria. Lappunto di Vineberg, che gli enunciati della matematica non hanno alcun ruolo causale, sicuramente vero, ma sorvola sul fatto che la conferma per lintero framework della teoria. La forza delle tesi di Sober e Vineberg sta nel fatto di darci unimmagine della scienza semplificata e quindi pi comprensibile; tuttavia la descrizione di enunciati sperimentali che si scontrano sul terreno dellesperienza per consegnarci il miglior resoconto possibile (Sober), e della causalit come unico nesso che tiene insieme nostre teorie e conferma sperimentale, pi romantica che realistica. A questo punto prendiamo atto delle obiezioni alla tesi dellolismo della conferma e di come noi crediamo debba esser interpretata per non offrire spazio a queste critiche. Passiamo per ora ad esaminare pi da vicino laltro pilastro su cui si regge la prima premessa, per delinearlo e presentarne lobiezione pi rappresentativa.

5.2.2

Naturalismo

Se il tutte della prima premessa affonda le sue radici nella tesi dellolismo della conferma, la giustificazione dellespressione solo fatta risalire ad unaltra famosa dottrina Quine, il naturalismo45.

45

Colyvan (1998), p.41.

92

Il naturalismo labbandono degli obiettivi della filosofia prima. (Il naturalismo) vede la scienza come unindagine sulla realt, fallibile e correggibile ma che non deve rispondere ad alcun tribunale al di sopra della scienza, e non ha bisogno di alcuna giustificazione oltre losservazione e il metodo ipotetico-deduttivo46. Il naturalismo47 essenzialmente una dottrina sulla metodologia scientifica ma ha delle importanti conseguenze ontologiche. Lunico contesto entro cui possibile porsi la domanda cosa esiste? quello della scienza, non possiamo appellarci a nessuna filosofia prima che ci dico cosa esista. Ogni risposta pu esser trovata solo allinterno delle nostre migliori teorie scientifiche, perch solo queste ci dicono cosa esiste. Noi quindi siamo giustificati ad accettare solo quelle entit confermate o verso cui simpegnano le nostre teorie. Lo scienziato studia e migliora il suo sistema di conoscenza, accordandolo con lesperienza, rimanendo sempre allinterno del sistema stesso, secondo la celebre immagine di Neurath dello scienziato come un marinaio su una barca in mare aperto, che anche Quine ricorda nel testo citato48. Il ruolo del naturalismo nelleconomia complessiva di IA quello di ancorare ogni giustificazione al terreno e solo quello - della scienza. La conseguenza per i nostri enunciati matematici quella che gli unici enunciati a poter essere giustificati saranno quelli che troveranno applicazione nelle teorie scientifiche. La matematica che si trova al di fuori dal campo dazione della fisica non pu godere del-

46 47

Quine (1981), p.72. Il dibattito intorno alla dottrina del naturalismo, che Quine stesso gi fa risalire

allantimetafisica di Comte, molto vario e non pu esser qui adeguatamente affrontato. Rimandiamo, per chiarezza e ricchezza dei riferimenti, a Papineau (2007).
48

Cit., p.73.

93

la protezione delle scienza che, proprio per ipotesi, lunica a poter dirci ci che esiste: nessun altro punto di vista consentito. immaginabile come questultima considerazione possa creare dei problemi allargomento dindispensabilit, lasciando spazio a una serie di critiche che ora stiamo per considerare, utilizzando in particolare il lavoro di Maddy (1992).

5.2.2.1

Maddy e le tre critiche al naturalismo di IA

Maddy porta nei confronti di IA tre critiche, tra loro indipendenti, ma che hanno una radice comune nellidea che largomento dindispensabilit fraintenda la pratica scientifica e quella matematica. I nodi della questione sono sia la tesi del naturalismo, ma anche la dottrina dellolismo, che abbiamo gi trattato poco sopra. Abbiamo tuttavia deciso di non separare i due nuclei tematici perch nellargomentazione di Maddy sono fortemente interconnessi tra loro; distinguerli ed affrontarli in due momenti avrebbe snaturato il suo pensiero, ovvero dellidea che queste dottrine siano inconciliabili tra loro e fraintendano il reale funzionamento della scienza. La prima obiezione49 (1) si rif ancora alla tesi dellolismo della conferma (lobiezione sulla pratica scientifica). Maddy ritiene che se anche logicamente ineccepibile, tuttavia la pratica scientifica di fatto lontana dal quadro che questa tesi descrive. Propone lesempio della teoria atomica, la quale era gi accettata nel 1860, ma si dovette aspettare fino agli inizi del novecento quando si progettarono degli esperimenti in grado di fornire una conferma diretta perch la comunit scientifica abbandonasse il suo e riconoscesse lesistenza degli atomi. Il significato di questo comportamento

49

Maddy (1992), p.280-282.

94

che latteggiamento degli scienziati non cos semplice come descritto dalla dottrina dellolismo. La conseguenza che Maddy ci richiede di ammettere la distinzione tra parti della teoria che sono vere, e parti che sono semplicemente utili. Dobbiamo anche permettere che le parti semplicemente utili siano di fatto indispensabili, nel senso che senza di esse non avremmo delle teorie altrettanto adeguate ai fenomeni50 . Se siamo disposti a concedere questo dobbiamo essere per pronti a pagarne il prezzo: il fatto che la matematica sia indispensabile a una teoria ben confermata non implica necessariamente che questa sia vera. Lobiezione del ruolo della matematica nella scienza 51 (2) segue dalla prima obiezione. Una volta che abbiamo operato la distinzione tra teorie utili e teorie vere (1), dobbiamo allora chiederci da che parte cada la matematica. Se la matematica cadesse sempre dalla parte delle teorie vere, non avremmo allora alcun problema, poich la matematica sarebbe confermata assieme a quelle teorie. Eppure, fa notare ancora Maddy, la matematica molto spesso applicata in teorie letteralmente false, come, ad esempio, per lanalisi della propagazione delle onde nellacqua si assume in maniera del tutto conscia che il fluido abbia una profondit infinita. Ovviamente questa matematica non di meno indispensabile alla teoria, tant che senza di essa sarebbe impossibile, nel caso citato da Maddy, studiare il comportamento di propagazione delle onde nei fluidi. Ma indispensabilit per queste teorie non comporta alcuna giustificazione. La conseguenza che questi enunciati della matematica non possono essere confermati perch utilizzati in quelle teorie scientifiche utili ma letteralmente false, che, anche se svolgono una
50 51

Cit. p.281. La denominazione per questobiezione stata suggerita da Colyvan (1998)

p.43.

95

funzione fondamentale per la scienza, non possono quindi avere lo statuto di verit. La matematica, o per lo meno quelle porzioni utilizzate in questo settore, meramente utile ma non verificata sperimentalmente52. La terza obiezione (3) chiamata da Maddy lobiezione della pratica matematica53 poich prende il via dallosservazione che il naturalismo di Quine, non sembra andare daccordo con il reale funzionamento della scienza. Da IA sembra conseguire, infatti, che solo quella matematica che trova applicazione nella scienza empirica giustificata, mentre la parte restante rimane, per cos dire, al di fuori del cordone protettivo della scienza. Il problema che Maddy solleva, che interi settori della matematica farebbero parte di questo secondo gruppo, e che, non avendo copertura empirica, resterebbero, di fatto, secondo largomento dindispensabilit, senza impegno ontologico. I problemi iniziano ora: diversamente da quanto prospettato, nella pratica noi crediamo, ad esempio, a molti teoremi senza che questi abbiano alcuna applicazione utile in una qualche teoria fisica. La spiegazione di Maddy che la nostra credenza verso questi teoremi non basata sul fatto di essere utili per delle applicazioni scientifiche, ma per essere dedotti da un insieme di assiomi che abbiamo accettato. Quella che pare aprirsi davanti a noi unalternativa: per mantenere IA dobbiamo davvero rigettare tutta quella matematica che non trova alcuna applicazione? Oppure possiamo conservarla cos com, pagando per il prezzo che labbandono del naturalismo ci richiede? Anzich essere costretti a questa scelta, Maddy propone una versione modificata dellargomento dindispensabilit, che raggiuge un duplice obiettivo: garantire alla matematica unontologia indipendente, e rispet52 53

Maddy (1992), p.282. Cit., p.286.

96

tare il metodo che effettivamente utilizzato per investigare lontologia di quella. IA modificato di Maddy54 [1] Le applicazioni della matematica che hanno avuto successo ci danno delle buone ragioni per credere che esistano le entit della matematica, [2] [3] Quindi le entit matematiche esistono, Il metodo della matematica il migliore per determinare precisamente gli oggetti della matematica e le loro caratteristiche, [4] Questo il metodo che ha prodotto tutta la matematica, comprese quelle parti che non trovano applicazione nella scienza empirica. Un esempio a conferma di quanto detto la giustificazione della teoria assiomatica degli insiemi di Zermelo-Fraenkel, la quale di per s non gode di alcuna applicazione diretta nel campo della fisica. Il percorso argomentativo descritto da Maddy parte dalla fisica e dalluso indispensabile che fa del calcolo. Lindispensabilit di questo giustifica non solo la nostra credenza per la teoria insiemistica del continuo, di cui il miglior resoconto a nostra disposizione, ma di conseguenza anche dei metodi insiemistici con cui labbiamo generata. Manca solo da compiere lultimo passo: estendiamo il metodo insiemistico utilizzato per la teoria del continuo in modo tale da giustificare la teoria assiomatica degli insiemi di ZermeloFraenkel. Il doppio mandato di partenza quindi rispettato: assegniamo alla matematica unontologia che sia indipendentemente

54

Cit., (1992), p.279-280.

97

dalle sue applicazioni nella fisica, e forniamo contemporaneamente un resoconto verosimile della sua epistemologia. Maddy ha sollevato tre questioni contro largomento dindispensabilit, legate in generale al rapporto tra la dottrina del naturalismo e quella dellolismo della conferma. La prima riguarda lerrata convinzione che lindispensabilit di una teoria implichi necessariamente la sua verit, perch i due piani non sono per niente assimilabili. Al contrario, si d anche il caso di teorie indispensabili ma letteralmente false: la pratica scientifica lontana dallimmagine che d di essa la tesi dellolismo. La seconda obiezione, prosegue la linea definita della prima, per porci davanti al fatto che avremo allora porzioni della matematica s indispensabili, ma senza che possano usufruire di alcuna giustificazione, poich impegnate in quelle parti della fisica false. Terza ed ultima, largomento dindispensabilit, nella forma presentata allinizio, non riesce a rendere conto di come per davvero si faccia matematica. Delle sue parti fondamentali restano senza alcuna applicazione ma non per questo le consideriamo false; la loro verit non deriva infatti da IA che fallisce per questo obiettivo sulla base delle precedenti obiezioni - ma dallessere dedotte correttezza del sistema di assiomi che abbiamo accettato.

5.2.2.2

La risposta di Colyvan alle tre obiezioni di Maddy

Affidiamo la risposta a queste tre obiezioni a Colyvan (1998). La sua riflessione parte per dalla constatazione che le riserve di Maddy trovano la loro forza anche sulla base di uninterpretazione della tesi del naturalismo che si allontana dalla lettura di Quine. Pertanto, utile soffermarsi fin da subito su questa discrepanza, poich

98

sostiene ancora Colyvan parte delle obiezioni di Maddy possono essere disinnescate facendo chiarezza su questo punto. Colyvan osserva che le rispettive posizioni di Quine e Maddy pongono come punto fermo il rifiuto per la filosofia prima, intesa come tribunale privilegiato da cui giudicare la scienza. Entrambi si pongono nei suoi confronti allo stesso modo, ritenendo che il filosofo non abbia alcuna autorit speciale per criticare la pratica della scienza naturale. Le due strade iniziano per a divergere subito dopo. Colyvan cita unosservazione di Maddy55 in cui essa sostiene che, nella situazione in cui filosofia e la pratica scientifica venissero in conflitto, dovrebbe esser la filosofia ad arrendersi. Prosegue inoltre sostenendo che questo stesso principio sia valido anche per la pratica matematica. Da questo punto di vista il comportamento di Quine di fronte a quantit matematiche che non trovano applicazione come ad esempio le successioni Beth per numeri cardinali sarebbe allora un errore, poich una cosa di rifiuto di una pratica matematica matematiche. Il secondo punto per cui la lettura di Maddy si distanzia da quella di Quine riguarda quindi il ruolo della filosofia. Se Colyvan, che si fa interprete del pensiero di Quine, disposto a sottoscrivere lidea che il filosofo non occupa alcuna posizione privilegiata, revoca invece la sua approvazione quando dal fatto precedente Maddy deduce che quando filosofia e pratica scientifica sono in disaccordo, la filosofia non pu far altro che ratificare le posizioni di questultima. Secondo Colyvan, la prima idea non implica per nulla la seconda, perch si assegnerebbe alla scienza quella posizione privilegiata che si appena revocata alla filosofia prima. Linterpretazione di Quine, infatti, non quella di una filosofia ancella della scienza,
55

accettata,

sulla

base

di

considerazioni

non-

Colyvan (1998), p.46.

99

perch ricadremmo immediatamente nello stesso schema di subalternanza che si vuole rifiutare, ma di una contiguit tra di esse. Nella sua visione, il ruolo del filosofo della scienza di contribuire alla discussione sul metodo scientifico come su quello dellimpegno ontologico, senza per poter avanzare alcuna autorit. Dallaltra parte per bisogna anche evitare un ribaltamento nel senso opposto, come invece si vede dalle parole di Maddy riportate da Colyvan: la filosofia non devesser relegata ad un ruolo burocratico, di certificazione dei risultati della scienza, se non addirittura neanche a quello56. Tuttavia, in altri lavori (Maddy 1995) questa posizione di fatto ridimensionata, poich specificato che alla filosofia prima quella che deve cedere il passo. Colyvan ritiene allora che la posizione di Maddy non sia cos lontana da quella di Quine, che lui sostiene poich implicata nella prima premessa di IA, ma il disaccordo si basi pi che altro sulla confusione tra filosofia e filosofia prima che si pu trovare nellargomentazione di Maddy. Veniamo ora alle tre risposte di Colyvan alle altrettante obiezioni prima descritte. La prima obiezione (1) suggeriva come nella pratica scientifica vi siano teorie vere e teorie utili (e letteralmente false), le cui entit comprese quelle matematiche anche se indispensabili non hanno alcuna conferma, e svolgono semplicemente un ruolo strumentale senza avere alcuno statuto ontologico. Secondo Colyvan ci sono essenzialmente due modi in cui questo tipo di entit sono intese. Il primo caso (a) rappresentato da entit come i gas perfetti e i fluidi incomprimibili considerate esplicitamente fittizie. La ragione principale che se queste entit esistessero allora renderebbero inconsistente la teoria in cui compaiono. Le caratteristiche che le definiscono sono infatti in aperta contrad56

Maddy (1996). p.321.

100

dizione con le ipotesi e i presupposti della teoria di riferimento o altre pi generali. Prendiamo proprio il caso dei gas perfetti: definiti per approssimazione, come gas costituiti da atomi puntiformi che si muovono privi di alcuna interazione tra loro e tra loro ed il contenitore; la loro esistenza contraddirebbe le leggi del moto, quella della gravit, le osservazioni sperimentali sul volume delle molecole e cos via. I gas perfetti sono quindi entit esclusivamente fittizie ed assolvono ad un ruolo puramente utilitaristico; nessun scienziato si permetterebbe di ammetterle come esistenti, poich il prezzo sarebbe una teoria inservibile. In conseguenza di ci, questa prima tipologia dentit ben lungi dallessere indispensabile alle teorie in cui compaiono, e anzi lascia presupporre a nuove teorie che quantificano su entit consistenti con essa. Questo prima tipologia di entit non crea particolari problemi nessun impegno ontologico richiesto ne accordato, non creano confusione, e assolvono esplicitamente un ruolo preciso e circoscritto, ovvero quello di riconsegnarci un modello semplificato ma maneggiabile. La seconda tipologia (b) quella pi problematica. Colyvan la analizza riprendendo lesempio dello statuto ontologico dellatomo a cavallo del diciannovesimo secolo57. In quel periodo gli scienziati, bench latomo fosse gi indispensabile alle loro teorie, trattavano ancora questa entit in modo strumentale. Secondo Maddy, ci prova che la scienza opera in modo del tutto diverso da quanto sostiene il naturalismo e che quindi questo vada abbandonato. Ci siamo per gi preoccupati di chiarire il senso della dottrina naturalistica e possiamo utilizzarla per depotenziare la minaccia di questobiezione. Scienza e filosofia lavorano allinterno dello stesso spazio, e vi tra loro non un rapporto subordinato ma di collaborazione. Il ruolo della filosofia quindi quello di dialogare con la
57

Cit. p.42.

101

scienza, per permetterle di chiarire il suo metodo e la sua ontologia. perci lecito, in una situazione come questa, il richiamo di Putnam allonest intellettuale: disonesto considerare indispensabili delle entit che utilizziamo nelle nostre teorie, ma al tempo stesso rifiutarsi di ammetterle58. Il filosofo naturalistico ha la facolt di sostenere che la parte di comunit scientifica che fino al 1913 si rifiutata di ammettere lesistenza degli atomi, era nel torto. Il punto per Colyvan che il naturalismo di Quine non solo descrittivo, ma in parte anche una dottrina normativa riguardo come dobbiamo decidere il nostro impegno ontologico []59. La scienza non necessariamente sempre in accordo con limmagine che il naturalismo d di essa, ma da ci non consegue necessariamente che la dottrina del naturalismo vada abbandonata. Anche la scienza, o meglio gli scienziati, possono essere in errore, e, quando il caso, anche compito del filosofo della scienza mostrare questo errore per permetterlo di superarlo. Come ricordiamo, la seconda obiezione (2) riguarda il ruolo della matematica nella scienza. La conclusione a cui il ragionamento di Maddy ci porta che gli scienziati non si curano dellimpegno ontologico della matematica che utilizzano, poich il loro unico paramento solamente quello della utilit nella formulazione delle teorie: uno scienziato impiega tutta la matematica di cui ha bisogno, senza porsi alcuno scrupolo sul versante ontologico. Anche in questo caso Colyvan distingue due casi. Il primo (c) rappresenta i casi in cui la matematica usata in ipotesi esplicitamente false, come quella dellinfinit profondit dellacqua60 . Le entit matematiche sono trattate alla stessa stregua delle entit fittizie in (a). Come in
58 59 60

Putnam (1971), pp.346-348. Colyvan (1998), p.50. Vedi lesposizione di (2) nel principio della sezione.

102

quel caso, le teorie in cui sono implicate sono considerate letteralmente false, e quindi non c bisogno di alcun trarre alcuna conclusione ontologica da queste. Su questo versante lobiezione non d alcun problema ed facilmente disarmata: se la teoria non giustificata non lo sar certo neanche la matematica che utilizza, n tantomeno potremmo pretenderlo. Da questo lato quindi non sincontrano difficolt. Il secondo caso (d) anche questa volta il pi complesso e, come per (c), ricalca il caso corrispondente della prima obiezione. Se la matematica implicata in teorie false non d alcun problema, che fare invece in quella utilizzata in teorie che sono ritenute vere? La tesi di Maddy che gli scienziati usano qualunque matematica sia (per loro) conveniente, senza alcun riguardo per i suo apparente impegno ontologico e, in particolare, senza affermare lesistenza delle entit che stanno utilizzando61. Questo pu voler dire solo due cose: che gli scienziati o non credono nella dottrina del naturalismo o vi credono ma non ritengono che li obblighi ad impegnarsi ontologicamente verso le entit. In entrambi i casi, il naturalismo va ritirato e di conseguenza anche la versione di IA che abbiamo dato in principio. Colyvan si trova ancora a dare la risposta che gi aveva dato per (b): il filosofo, pur non dovendo cedere alle sirene della filosofia prima, ha il compito di negare questo comportamento disonesto da parte dello scienziato. Colyvan distingue due tipologie di teorie matematiche, quelle gi ampiamente utilizzate, come la teoria delle funzioni a variabili reali, e quelle invece appena introdotte o ancora controverse. Per le prime ritiene che ci sia impegno ontologico, ma in un certo senso, si dia per acquisito in funzione del gi ampio utilizzo. Quando il fisico utilizza lanalisi reale senza far riferimento allimpegno ontologico,
61

Colyvan (1998), p.50.

103

non perch la sua unica preoccupazione sia la convenienza dellutilizzo di quella nellipotesi scientifica su cui lavora, ma perch onnipresente nella fisica moderna, quindi forse [] (il fisico) sta pensando che qualunque sia il carico ontologico che deriva dalluso dellanalisi reale gi lo stiamo portando62. Dallaltro lato abbiamo invece quelle teorie o entit introdotte solo di recente, che costituiscono un ulteriore banco di prova. Colyvan discute due esempi, la funzione delta di Dirac e lunit immaginari i. Approfondiamo ora solo il secondo. A partire dalla sua introduzione, per lungo tempo il numero complesso ! = 1 non stato considerato un numero a tutti gli effetti, ma un espediente per la risoluzione di equazioni polinomiali. Il sospetto che suscitava in matematici e scienziati come Descartes, Eulero e Newton, lungi dallessere dovuto alla mancanza di rigore, nasceva da preoccupazioni di carattere ontologico. Non un caso che Descartes chiamasse i numero immaginario, n che la diffidenza di Newton verso questi numeri fosse dovuta alla mancanza di un significato fisico delle radici complesse: in entrambi i casi limpegno ontologico sembra essere una tema primario, al contrario di quanto sostenuto da Maddy. Colyvan riporta infatti che bisogn aspettare fino al lavoro di Gauss sul teorema fondamentale dellalgebra, che costituisce unapplicazione intra-matematica, e alle prime applicazioni fisiche sviluppate sul finire del diciottesimo secolo per rimuovere i dubbi riguardo i numeri complessi. Da questi due soli esempi non ovviamente corretto inferire che in tutti i casi lassunzione di nuove entit e accompagnata da sospetti sullontologia di esse, ma un dato di fatto che ci siano alcuni casi in cui questo accade63. Lultimo spunto da (2) che se anche gli scienziati non riflettono sulle conseguenze ontologiche delle entit
62 63

Cit. p.51. Cit. p.52.

104

della matematica, ci non toglie che lo possano fare anche i filosofia della matematica, nellottica di collaborazione di cui abbiamo gi parlato ed evidenziato limportanza64. La terza obiezione di Maddy attaccava la dottrina del naturalismo di Quine perch non in grado di rendere ragione della reale pratica scientifica. La risposta di Colyvan di segno opposto poich ritiene che il naturalismo quineiano rispetti sia la pratica delle scienze empiriche, come discusso per lobiezione precedente, ma fornisce anche un resoconto legittimo della metodologia matematica. Non c quindi alcun motivo di preferire alla versione di Quine quella di Maddy della dottrina del naturalismo. Colyvan concorda con Maddy riguardo al fatto che i matematici, nella maggioranza delle occasioni, non si occupano delle applicazioni delle loro teorie matematiche. Essi credono alle loro teorie, ai loro teoremi, non sulla base del fatto che siano applicate in qualche contesto, ma perch sono provate da un insieme di assiomi. La verit degli enunciati una questione intra-matematica, che discende dalla corretta applicazione del metodo ipotetico-deduttivo. Che fine fare allimpegno ontologico? Colyvan sostiene che i matematici rimangono agnostici a riguardo, fino a che la teoria matematica non trova unapplicazione nella scienza empirica 65 . Non c quindi alcuna differenza rispetto al comportamento di altre scienze: i fisici teorici, nello sviluppare le loro ipotesi, non si preoccupano dellimpegno ontologico di queste. Solo nel momento in cui queste ipotesi acquisiscono le prime conferme empiriche, entra allora allordine del giorno la questione dellesistenza di queste entit. Il caso riguardante lunit immaginaria ci ha mostrato proprio quanto stiamo dicendo. I dubbi e le perplessit dei vari Newton, Eulero e
64 65

Ibidem. Cit. p.54.

105

Descartes non sono imputabili ad una mancanza di rigore della teoria. Nel momento in cui lunit immaginaria diventa uno strumento imprescindibile per la matematica, via via utilizzato anche in altri campi della disciplina (per arrivare anche allapplicazione fisica), si affaccia inderogabilmente la questione dellimpegno ontologico. Il caso riportato da Colyvan quindi non appare per nulla n uneccezione n unobiezione, ma pu essere ben inquadrato allinterno del quadro interpretativo del naturalismo. Ma che dire per di tutta quella matematica che rimane senza resoconto poich non trova unapplicazione nella scienza empirica? ancora la dottrina dellolismo della conferma a fare al caso nostro e di Colyvan. Le teorie matematiche ricevono conferma sia diretta che indiretta dal fatto che la scienza costituisce un corpo unico, in cui tutte le sue parti sono connesse tra loro in una rete di relazioni. Le parti pi astratte della matematica possono quindi sia essere utilizzate nella scienza empirica, ma anche applicate in altri rami della matematica; che a loro volta possono essere effettivamente coinvolte in una teoria scientifica oppure ancora applicate in un altro ramo. Tuttavia Colyvan (con Maddy e Quine) ammette che ci possono essere delle parti della matematica che, nonostante quanto detto, rimangono ancora senza applicazione. In base ad IA questa matematica non ha alcun impegno ontologico. Ci che sostiene Colyvan che questo non per niente in contraddizione a IA n tantomeno alla pratica scientifica, ma al contrario conveniente per il suo sviluppo. Continua dicendo cos che la matematica deve essere libera di investigare, per esempio, possibili sistemi di assiomi senza essere impegnata nelle entit risultanti.66: quella tipologia dattivit del matematico che Quine chiama ricreazione matematica. Il suo ruolo fondamentale perch si tratta di quella
66

Cit. p.56.

106

parte di matematica di frontiera da cui provengono tutti i suoi nuovi sviluppi. La mancanza dimpegno ontologico gioca quindi a vantaggio di questattivit, perch la alleggerisce di tutto il peso teorico che limpegno ontologico si porta dietro; il matematico invece ha cos assoluta libert nello spingersi in ogni direzione, completamente libero di non preoccuparsi delle ricadute ontologiche delle sue posizioni, avendo come unico mandato quello di essere internamente coerente alla matematica. Come gi detto, solo se e quando queste ipotesi saranno applicate alla scienza, si attiver il meccanismo di IA e si presenter il tema dellimpegno ontologico. La conclusione che Colyvan trae, e che facciamo nostra, che il naturalismo di Quine riesce a dare un resoconto esaustivo sia della scienza empirica che della matematica, e possiamo considerarlo al sicuro dalle obiezioni di Maddy. Con questo completiamo la nostra discussione della prima premessa di IA:
Siamo impegnati ontologicamente verso tutte e solo quelle entit che sono indispensabili alle nostre migliori teorie scientifiche.

Abbiamo iniziato con levidenziare che questa formulazione presuppone due dottrine filosofiche criticabili; lolismo della conferma che giustifica il tutte riferito alle entit verso cui siamo impegnati ontologica dalle nostre migliori, e il naturalismo nella formulazione i Quine a giustificazione del sole. Per quanto riguarda la dottrina dellolismo abbiamo passato in rassegna le obiezioni di Vineberg, incentrata sul ruolo delle relazioni di causalit nella conferma delle teorie in contrasto con il principio dellolismo, e di Sober, riguardante la verificabilit dei soli enunciati dispensabili, per arrivare quindi a chiarire quello che crediamo essere il senso dellolismo e

107

metterlo cos al riparo da quelle obiezioni. In un secondo momento abbiamo invece affrontato obiezioni di Maddy al naturalismo, che hanno lo scopo di mostrare come questo, unito anche allolismo della conferma, non riesca a fornire un resoconto esaustivo della pratica scientifica, e per tanto vada abbandonato. Sono state allora passate in rassegna le contro-argomentazioni di Colyvan, volte a mostrare come non solo non ci sia contraddizione nel mantenere contemporaneamente le due teorie, ma che addirittura restituiscono un resoconto esaustivo della scienza. Crediamo che la discussione della prima premessa sia riuscita, se non altro, a mostrare la sua complessit e ricchezza teorica, poich evidente che sia le obiezioni sia le risposte lascino molti punti aperti e ulteriori potenziali spazi di discussione. Dobbiamo per far tesoro dei risultati fin qua ottenuti e proseguire invece nellanalisi dellaltra premesse dellargomento dindispensabilit. Ci preme per motivare questa scelta. Il naturalismo e lolismo sono due dottrine con una lunga tradizione critica, che coinvolgono un gran numero di altre considerazioni, molto rilevanti non solo per largomento dindispensabilit, ma per lontologia e la filosofia nel suo complesso, e, per tutte queste ragioni, anche controvertibili. Di conseguenza, per essere trattati in modo esaustivo, richiederebbero un impegno e uno spazio che il presente lavoro non in grado di assicurargli. Possiamo per trarre unultima indicazione da queste considerazioni. Olismo e naturalismo sono due dottrine importanti, che portano indiscutibili vantaggi ad IA e non solo, ma, sulla scorta di quanto detto, sono ingombranti dal punto di vista teorico. Un argomento che le utilizzi ne pu guadagnare in un primo momento in solidit, ma non n agile n economico, perch richiede assunzioni onerose e che si debba sottostare a dei vincoli precisi. Le due dottrine

108

sono quindi dei bersagli molto grossi, difficili da sradicare, ma altrettanto facili da colpire. Vedremo se la loro difesa non sia lunica scelta che abbiamo a disposizioni per mantenere IA, e se al contrario sia possibile rinunciarvi. Il guadagno presto detto: una maggiore generalit dovuta ad una riduzione delle barriere dingresso, tale che accettarlo sia meno impegnativo, cos da raggiungere un pubblico pi ampio ed eterogeneo rispetto a quello che sarebbe disposto a sostenerlo con le due tesi in questione; e una maggiore difendibilit. Ovviamente tutto questo ha anche un rovescio della medaglia: largomento risulta meno efficace e stringente. Tutto ci lo si vedr per pi approfonditamente nella sezione 5.4. Ora invece ci dedichiamo alla seconda premessa di IA.

5.3 Seconda premessa: Indispensabilit della matematica per la fisica


Se il nostro obiettivo arrivare a giustificare lesistenza delle entit matematiche, una volta accettato il fatto di dover essere impegnati ontologicamente con quelle entit indispensabili a una nostra teoria fisica T, la strategia seguente molto chiara: dire che anche le entit della matematica sono indispensabili alla teoria alla stregua delle altre. La seconda premessa di IA adempie esattamente questa funzione. Osserviamola pi da vicino: Le entit matematiche sono indispensabili alle nostre teorie scientifiche. Nelleconomia dellargomento, la sua funzione di garantire che le entit implicate dagli enunciati della matematica, che compaiono nelle nostre migliori teorie scientifiche, facciano parte di tutte e solo quelle entit verso cui sia-

109

mo obbligati ad impegnarci ontologicamente per il fatto di essere indispensabili a queste teorie (premessa 1). Vogliamo proporre una rappresentazione insiemistica dellargomento, per chiarire i rapporti tra gli elementi che entrano in gioco in questargomento. 1. Sia T, una teoria scientifica valida e ben confermata, che rispetta cio tutti i requisiti che abbiamo pi volte menzionato67, 2. Sia E linsieme di tutte le entit indispensabili a T68, 3. Sia M linsieme delle entit implicate negli enunciati matematici della teoria, Allora: ! ! ! Le entit matematiche sono un sottoinsieme di quelle entit indi-

spensabili alla teoria e per tanto siamo impegnati verso ontologicamente con esse tanto quanto con le altre entit.

67 68

cfr. 5. Il concetto di indispensabilit spiegato in questi termini: non possibile tro-

vare una teoria T equivalente a T, che faccia a meno delle entit di E. Lequivalenza definita nei termini di conservazione del significato e condizioni di verit degli enunciati di T e T, equivalenza empirica e capacit esplicativa. Cfr. Sereni (2010), p.118.

110

Per questa premessa la questione si centra fondamentalmente su questunico punto, che le entit della matematica siano indispensabili alla scienza. Com facile pensare, la tesi sottostante alla seconda premessa pu esser oggetto di dure critiche. A questo proposito andiamo a presentare la posizione di Field, il filosofo pi rappresentativo per quanto riguarda proprio la critica allidea che la matematica, o, come abbiamo visto una sua parte, sia indispensabile alla scienza. Faremo riferimento per il pensiero di Field al suo lavoro in Science without numbers (Field, 1980).

5.3.1

Lobiezione nominalistica di Field: la dispensabilit della matematica

La critica allindispensabilit della matematica da parte di Field sinserisce allinterno del suo tentativo di difendere la tesi del nominalismo per lontologia delle entit matematiche. La sua tesi che numeri, funzioni, insiemi, non esistano69. Il ruolo e gli scopi della matematica possono essere mantenuti anche senza postulare queste entit. Tuttavia, negare che ci si possa legittimamente riferire a entit matematiche, o usare delle variabili che spaziano su di esse, crea dei problemi per il nostro resoconto del mondo, che non pu prescindere dalla teoria fisica, la quale a sua volta non sembra poter prescindere dallutilizzo della matematica. Stiamo subito evidenziando il punto debole di questo ragionamento: la matematica fa costantemente riferimento a quelle stesse entit che per un nominalista come Field vuole invece negare.

69

Field (1980), p.1.

111

La sua strategia per non consiste nel reinterpretare la matematica in termini nominalistici, ma per prima cosa mostrare che, perch la matematica possa essere applicata alla fisica, non occorre che sia vera: per spiegare delle applicazioni della matematica al mondo fisico anche molto complesse, non necessario assumere che la matematica applicata sia vera, (ma) necessario assumere che sia poco pi che consistente70. In seconda battuta la domanda che adesso dobbiamo porci : su che base diciamo che la matematica vera? Field non crede che sia sufficiente per accettarne la verit, il fatto che la matematica sia dedotta logicamente da un insieme apparentemente consistente di assiomi, ma abbiamo bisogno di un qualcosa in pi. Ha motivo di credere che lunico argomento valido per sostenere la verit della matematica sia il fatto di trovare applicazione nello studio del mondo fisico71. Caduto questo punto, cade il baluardo pi importante a sostegno della verit delle entit matematiche e quindi della loro esistenza. Se quindi riuscisse a rimuovere largomento quineiano per lesistenza delle entit matematiche, allora la posizione che ci sono entit come queste sembrerebbe un dogma ingiustificabile72. Date queste premesse, la strategia che persegue quella di provare che le entit matematiche sono teoreticamente dispensabili, che alla fisica non siano necessarie per fornire un resoconto della realt. In che modo fare questo? Mostrando la possibilit di riscrivere le teorie scientifiche cos che
70 71

Field (1980), p.VII e sgg. Cit. p.4. Field non crede che questo lunico argomento per giustificare che un

dato insieme di assiomi matematici sia vero sulla base delle sue applicazioni al mondo fisico; ad esempio possono valere considerazioni riguardo la semplicit e la coerenza allinterno della matematica. Tuttavia ritiene che largomento pi forte a sostegno rimanga comunque quello dellapplicabilit delle entit matematiche.
72

Cit. p.5.

112

non ci sia alcun riferimento o quantificazione sulle entit matematiche. Se le entit matematiche non sono pi indispensabili, largomento dindispensabilit diventa unarma scarica in mano al realista matematico. Ma che cosa ne allora della matematica? La prima conseguenza sulla matematica che non vera, cos come non falsa; latteggiamento che Field adotta quello finzionalista. Fingiamo che la matematica sia vera, e di quantificare su entit come le entit matematiche, per comodit. Di conseguenza, non essendo vera, non c la necessit di postulare delle entit che rendano veri i suoi enunciati, mettendo a tacere i problemi riguardanti lo statuto ontologico delle entit matematiche, e infine si risolvono anche i nostri problemi nel dare un resoconto della conoscenza della verit matematica. Cercheremo ora di ripercorrere, nel modo pi fedele possibile, il ragionamento di Field che lo porta a mostrare la dispensabilit delle entit matematiche, per rimuovere dal campo largomento dindispensabilit, negare lesistenza delle entit matematiche e quindi, indirettamente, sostenere la sua tesi nominalistica.

5.3.1.1

Entit matematiche ed entit teoretiche: il Principio di Conservazione

Nella scienza fisica utilizziamo asserzioni che fanno riferimento a entit teoretiche (particelle subatomiche), e asserzioni che fanno riferimento a entit matematiche (funzioni, prodotti, quozienti, quantit). Entrambe sono impiegate perch utili alla scienza. La differenza per Field sta nel fatto che le entit matematiche sono strutturalmente diverse da quelle teoretiche, rispondendo ad un diverso tipo di utilit. Le entit teoretiche sono utili in due modi (a) ricoprono un ruolo nelle teorie da cui deduciamo la nostra spiegazione dei fenomeni rappresentati, e (b) non si conoscono teorie alternati-

113

ve che senza ricorrere a entit simili riescano a spiegare gli stessi fenomeni. Da (a) e (b) pu concludere che queste entit sono teoreticamente indispensabili e ci costituisce un buon argomento per la loro esistenza73. Se stiamo stati attenti, noteremo che non altro che una parafrasi della prima premessa di IA. Field sta cos sottoscrivendo la prima parte dellargomento; ci che invece rifiuta appunto la seconda delle due premesse. Le entit matematiche non sono teoreticamente indispensabili: anche se giocano un ruolo nelle teorie della fisica moderna, noi (Field) daremo una riformulazione attraente di queste teorie in cui la matematica non gioca alcun ruolo74 Che cosa rende utili le entit matematiche? La spiegazione risiede proprio nella differenza che separa le entit matematiche ed entit teoretiche della scienza, e che rende le seconde indispensabili a dispetto delle prime. Le entit teoretiche sono indispensabili per formulare enunciati genuinamente nuovi sulle entit osservabili. La teoria T, con le sue entit, indispensabile per avere questi enunciati. Al contrario, ci non accede per le teorie matematiche: le conclusioni cui arriviamo, utilizzando una teoria matematica, non sono dipendenti da essa, ed possibile raggiungerle ugualmente da premesse, anche se attraverso un percorso pi lungo. La peculiarit della matematica consiste nel soddisfare la propriet di conservazione:

73 74

Cit. p.8. Ibidem.

114

Principio C 75 (per conservazione): sia ! unasserzione nominalisticamente stabile76, e ! un insieme di queste asserzioni; e sia ! una qualunque teoria matematica. Allora, ! non una conseguenza di ! !! + ! + ! !(!) a meno che ! non conseguenza di !. ! ! un predicato ad un posto il cui significato x unentit matematica, quindi lespressione ! !(!) applicata ad N d come risultato una teoria nominalisticamente stabili, perch lespressione la restringe eliminando tutte le espressioni che quantificano entit matematiche. Field deriva questo principio da un altro che ritiene esser pi ovvio: Principio C: sia ! una qualsiasi asserzione nominalisticamente stabile, e ! un insieme di queste asserzioni; Allora ! non una conseguenza di ! !! + ! a meno che non sia conseguenza di ! da sola. La giustificazione di questo principio si base di due argomenti di teoria degli insiemi e teoria della dimostrazione che qua non riprenderemo, e sulla considerazione che se la matematica non fosse conservativa allora bisognerebbe rinunciare allidea della verit a priori della matematica o dellesser vera in tutti i mondi possibili, il quale non un problema per Field, ma per i realisti. La differenza allora tra la matematica e le teorie puramente fisiche la conservativit, poich le teorie fisiche sulle entit non osservabili sono certamente non-conservative, (poich) esse danno vita a genuine nuove conclusioni sulle entit osservabili77.
75 76

Cit. p.11. Con lespressione nominalistically-stable Field intende che il contenuto forCit. p.14.

male di N non si sovrapponga con la teoria matematica introdotta. Vedi. p.108.


77

115

5.3.1.2

Lassiomatizzazione di Hilbert

Il passo successivo di Field consiste nel mostrare due esempi di applicazione della matematica allaritmetica dei numeri naturali e luso dei numeri reali in geometria78 che non pretendono la sua verit. In particolare, molto interessante la sua illustrazione dellassiomatizzazione della geometria euclidea per opera di David Hilbert79, poich costituisce il modello esemplare del progetto di Field di nominalizzazione della scienza. La formulazione della geometria euclidea che Hilbert d non implica numeri reali, dal momento che quantifica sopra le regioni dello spazio fisico80. Hilbert definisce un insieme di nozioni primitive, compresi i predicati stare in mezzo e congruenza per punti, segmenti e angoli. Non possibile definire nozioni quantitative allinterno dei confini della teoria, come quelle di distanza e ampiezza, poich per questo scopo sono necessari i numeri reali, sui quali per la teoria, per sua costruzione, non pu quantificare. Sembrerebbe questo un problema significativo per il lavoro di Hilbert, poich dovremmo lasciare fuori dal resoconto della teoria delle nozioni fondamentali per lo sviluppo della geometria. Come, infatti, Field stesso suggerisce, molti teoremi fondamentali, come quello di Pitagora, hanno bisogno delle nozioni di lunghezza di segmenti o ampiezza di angoli. Per risolvere questo problema Hilbert dimostra il Teorema di Rappre-

78 79

Vedi rispettivamente Field (1980), pp. 20-23, 24-29. Per un approfondimento del lavoro di Hilbert sullassiomatizzazione della geo-

metria euclidea rimandiam a D. Hilbert, Fondamenti della geometria. Con i Supplementi di Paul Bernays, 1899, trad. it P. Canetta, Milano, 2010 e R. Hartshorne, Geometry: Euclid and Beyond, Springer, 2000.
80

Field (1980), p.25.

116

sentazione81 (cos com chiamato da Field) che dice che, in una teoria matematica, dato un qualsiasi modello del sistema degli assiomi dello spazio, si hanno delle funzioni in grado di mappare i punti del piano dello spazio nellinsieme dei reali non-negativi; queste funzioni, soddisfando delle condizioni di isomorfismo, ci permettono di rappresentare le nozioni di distanza ed ampiezza. Si cos raggiunto lobiettivo prefissato: possibile utilizzare i numeri allinterno della geometria, ma senza che sia necessario quantificare su queste entit. Ci che interessa a Field dimostrare la possibilit di utilizzare le entit matematiche come abbreviazioni per un discorso nominalista. Il passaggio da premesse a conseguenze nominalistiche rimane sempre valido, anzi lunico possibile, tuttavia le entit matematiche si rivelano un espediente utile ma non vero per semplificare il nostro lavoro teorico. Le entit matematiche non sono altro che controparti astratte di enunciati puramente geometrici, e lequivalenza delle controparti astratte con ci di cui una controparte astratta stabilit nella pi vasta teoria matematica82. Utilizzare i numeri reali ci consente di fare inferenze, tra gli enunciati che li menzionano, pi rapidamente e facilmente rispetto a quanto potremmo fare senza chiamare in causa i numeri reali. Inoltre le inferenze compiute in questo modo hanno la sicurezza di essere sempre corrette. Field ci mette in guardia dal credere la propriet dei numeri reali di preservare la verit sia una prova del fatto che sia vera; perch, come spiegato, sufficiente assumere che sia conservativa.

81 82

Cit. pp.26-27. Cit. p.27.

117

5.3.1.3

Nominalizzare la fisica: il modello della geome- tria di Hilbert

Lassiomatizzazione della geometria da parte di Hilbert dimostra che non sia necessario quantificare sui numeri reali per sviluppare una teoria dello spazio. Il risultato che si ottiene una teoria nominalistica, libera dalle entit matematiche. Lidea di Field che sia possibile fare lo stesso anche per le teorie fisiche, cio mostrare che il loro riferimento alle entit matematiche, utile, ma certamente non necessario, alla stregua appunto di quanto stato mostrato per la geometria. Sorge allora spontanea una domanda, per quale motivo dovremmo darci la pena di imbarcarci in un lavoro simile? Il vantaggio di un simile approccio quello di mostrare che sia possibile una spiegazione puramente intrinseca, che non rimandi a entit estrinseche e causalmente irrilevanti
83

. Facciamo un esempio, eliminare le enti-

t teoretiche della fisica, come gli elettroni, un fatto impossibile senza che si sia costretti a ricorre a stratagemmi bizzarri la giusta osservazione di Field poich gli elettroni sono appunto causalmente rilevanti per i fenomeni che sono chiamati a spiegare84. Questo tuttavia non vale per i numeri, i quali sono entit causalmente irrilevanti per gli stessi fenomeni: il motivo per cui noi utilizziamo i numeri reali, come il valore della costante gravitazionale, per spiegare la caduta dei gravi, non deriva dal fatto che questi numeri svolgano un ruolo causale nella spiegazione85; sono inerti, e il ruolo che svolgono estrinseco al processo che spiega, un entit connessa (al processo che spiega) solo per via di una sua fun83 84 85

Cit. p.42. Ibidem. Cfr. lobiezione di Sober (1993) in 5.2.1.2.

118

zione86. Il motivo per cui la matematica introdotta che costituisce un dispositivo ausiliario che aiuta a fare le nostre inferenze dal corpo della teoria. Torniamo allora a un punto gi toccato pi volte: il fatto che sia utile non ci giustifica a ritenere questo dispositivo ausiliario vero. Field crede che una buona ragione per perseguire questa strada stia nel principio metodologico che alla base di ogni buona spiegazione estrinseca c una spiegazione intrinseca87. Le spiegazioni estrinseche sono insoddisfacenti quindi perch ridondanti, dispensabili, e per il fatto di essere arbitrarie. Lesempio che propone Field quello della definizione di distanza adottata dalla geometria euclidea, che solo una tra le tante che possono esser adottate. A questo punto sono chiari i vantaggi dellapproccio di Hilbert alla geometria. Field non solo crede che sia possibile fare lo stesso per la fisica, ma sviluppa in prima persona un trattamento nominalistico analogo per la gravitazione newtoniana (GN), per arrivare a mostrare che vale per la fisica ci che vale per la geometria, ovvero che il riferimento alle entit matematiche non necessario. Il suo progetto di nominalizzazione di GN prende avvio dallapproccio di Hilbert allo spazio per estenderlo alla dimensione dello spaziotempo indispensabile per la fisica; il secondo passo quello di rendere in termini nominalistici le entit che esistono nello spazio tempo; per concludere con la completa nominalizzazione della teoria. La formulazione di GN in termini nominalistici di Field molto dettagliata e la cura a considerarne tutti gli aspetti la continuit, il confronto di prodotti e rapporti, le propriet delle funzioni scalari, derivate di primo grado e superiori, la definizione di campo vetto86 87

Ibidem. Cit. p.44.

119

riale88 rappresenta una sfida per lautore, come per il lettore. Non entreremo nel merito di questo lavoro per due ordini di motivi, il primo che dato il tecnicismo richiesto dalla riscrittura di GN, unanalisi accurata richiederebbe uno sforzo che andrebbe oltre le possibilit di questo lavoro; il secondo, e pi decisivo, che le risposte che proveremo a dare allobiezione di Field prescindono dallaccertamento della consistenza del lavoro di riscrittura di GN. Pertanto arriviamo alla conclusione del lungo argomento a confutazione della seconda premessa sullindispensabilit della matematica per la fisica.

5.3.1.4

La ragionevolezza del nominalismo

Lintenzione di Field, ben esplicitata, non quella proporre un argomento positivo a favore del nominalismo, ma di eliminare quellargomento lindispensabilit della matematica per la fisica che ritiene essere lunico valido per sostenere lesistenza delle entit matematiche. Lobiettivo di Field non mai stato quindi quello di rimpiazzare una teoria platonistica con una teoria nominalistica. La sua idea, se vogliamo, pi circoscritta, ed quella di provare che se avessimo una teoria nominalistica, allora sarebbe legittimo introdurre come un dispositivo ausiliare che aiuti a trarre le inferenze la matematica; [] (eppure) la sua utilit (della matematica) come strumento non offre nessun motivo per credere che sia vera89. Arriva a mostrare con la riscrittura di GN in termini nominalistici che in certe teorie fisiche (teorie di campo in uno spazio tempo piatto) si possa sviluppare un analogo del calcolo su variabili reali che non

88 89

Cit. cap.8, in particolare pp. 61-64. Cit. p.41.

120

quantifica su numeri reali o funzioni di questo tipo90: una versione nominalista che conserva per la potenza esplicativa della versione realista. Immaginiamo allora di trovarci di fronte ad un bivio; siamo quindi chiamati a decidere noi quale strada scegliere. Qual la strada pi breve? Qual la via pi sicura per non smarrire la direzione? Qual il percorso pi facile da percorrere? Abbiamo scelto di riportare interamente la considerazione finale91 di Field con cui motiva sulla ragionevolezza del nominalismo come dottrina ontologica per le entit matematiche:
Una piccola dose in pi di logica ci risparmia dal dover credere a un gran numero di entit aggiuntive gratuite, entit che sono molto diverse dalle altre entit in cui crediamo (dovuto per esempio al loro isolamento causale da noi e da tutto quanto noi facciamo esperienza), e che solleva delle perplessit filosofiche sostanziali in ragione di queste differenze.

Passiamo ora a discutere brevemente altre due posizioni critiche nei confronti dellindispensabilit della matematica a e tentare di rispondere a questi ragionamenti.

5.3.2

Altre obiezioni alla seconda premessa

Lobiezione di Field rappresenta un duro colpo per largomento dindispensabilit, perlomeno nella versione che abbiamo dato

90 91

Cit. p.2. Cit. p.98.

121

allinizio di questo capitolo. Da nominalista, il suo obiettivo dichiarato quello di smantellare lunico argomento che ritiene valido a sostegno delle entit matematiche, largomento dindispensabilit, che si fonda appunto sulla premessa che le entit matematiche siano indispensabili alla scienza. La strada che percorre quella di mostrare come sia possibile ricostruire una teoria fisica indipendentemente dalla quantificazione su entit matematiche, che rispetti per determinate caratteristiche: la nostra teoria T nominalizzata ha la stessa capacit descrittiva e lo stesso potere predittivo della teoria T, che quantifica sulle entit matematiche, da cui siamo partiti92. Le due versioni della teoria (in questo caso la gravitazione universale), quella realista rispetto le entit matematiche e quella nominalista, sono quindi tra loro equivalenti, perci non c indispensabilit della matematica alla fisica. Cade la premessa fondamentale, cade largomento dindispensabilit, il nominalismo si propone come una tesi del tutto ragionevole. Per quanto il lavoro di Field possa essere considerato lobiezione forse pi temibile per largomento dindispensabilit, non certamente lunica. Cerchiamo ora di approfondire due altre obiezioni alla premessa dellindispensabilit della matematica, ad opera di Peressini (1997) e Melia (2000).

5.3.2.1

Uso rappresentativo e uso indiretto della ma- tematica: Peressini

Peressini costata che, da Galileo in poi, la matematica entrata a far parte della pratica della fisica al punto che oggi, agli occhi dello scienziato, il mondo irrevocabilmente matematico93; Questo in-

92 93

Panza-Sereni (2011), p.12. Peressini (1997), p.210.

122

treccio tra matematica e scienza cos robusto da far dire a Putnam che molte delle nostre migliori teorie scientifiche non possono nemmeno esser dette senza la matematica. Peressini di differente avviso o, se non altro, vuole assicurarsi di aver ben compreso cosa ci significhi, prima di correre a questa conclusione. Prima di rispondere alla domanda se la matematica sia dispensabile\indispensabile, occorre dare un resoconto esaustivo di cosa voglia dire che la fisica usa la matematica. A questo riguardo possiamo rintracciare principalmente due tipologie di uso94. Rispetto alluso che le teorie matematiche fanno della fisica, una prima tipologia quella rappresentativa. Riportiamo qui il caso esemplificativo che Peressini propone95: in meccanica quantistica lo stato del sistema rappresentato da un vettore sul piano di Hilbert !! ! e le entit osservabili sono rappresentate da operatori hermitiani, per i quali linsieme degli autovalori delloperatore coincide con linsieme dei possibili valori che la misurazione pu assumere. Sintuisce quindi il perch di rappresentativo: il vocabolario della teoria matematica interpretato come rappresentante delle propriet fisiche della teoria. Per apprezzare al meglio il senso di questuso introduciamo anche il secondo caso. Luso indiretto96 della matematica: vettori, funzioni e operatori sono utilizzati senza pensare che abbiano una corrispondenza con la realt fisica. Lunico utilizzo che ne fatto quello strumentale. Questo ad esempio il caso di
94

In realt Peressini non cos netto, accanto alluso rappresentativo e quello

indiretto ammette delle zone grigie che rientrano nella la tipologia definita come di supporto, nel cui caso luso della matematica non certo rappresentazionale ma neanche puramente strumentale. Tuttavia ai fini del ragionamento sufficiente la distinzione pi netta tra rappresentativo e indiretto. Vedi cit. p.218-219.
95 96

Ibidem. Ibidem.

123

equazioni che, utilizzate per risolvere problemi di natura fisica, non possono essere risolti analiticamente ma solo numericamente per approssimazione. La contrapposizione tra rappresentativo e indiretto ora pi chiara: se per questultimo la matematica utilizzata solo come aiuto alla teoria per esprimere il resoconto della realt fisica che ne vuole dare, nel primo sono le stesse entit della matematica a fungere da resoconto. Quindi, ammettere che la matematica possa esser confermata dallindispensabilit del suo utilizzo nelle teorie scientifiche dipende da quale senso di uso intendiamo. Per quanto riguarda luso indiretto poco probabile che questo possa reggere come conferma. Il fatto che la matematica sia utile per la formulazione della teoria, semplificandone la struttura logica e rendendola pi maneggiabile, non necessariamente sinonimo dindispensabilit. Questa infondo lidea di Field che abbiamo gi affrontato: non nega che luso indiretto sia utile, ma nega che sia indispensabile, perch possibile ricostruire una teoria equivalente che non faccia ricorso allentit della teoria matematica. Ci ovviamente non ha conseguenze sulle nostre possibilit dutilizzo, poich, proprio come sostiene Peressini uno strumento non deve esser vero perch se ne possa spiegare lutilit97. invece sicuramente luso rappresentativo quello che, in questo senso, sembra darci maggiori sicurezze: la conferma della teoria sembra comportare strettamente la conferma della matematica utilizzata in base al modello rappresentativo. Tuttavia, restringere i casi di utilizzo della matematica che contano come conferma, ha anche un rovescio della medaglia: inevitabilmente la matematica confermata di meno, perch non tutti i casi di utilizzo della matematica sono rappresentativi98.
97 98

Cit. p.220. Ibidem.

124

A questo punto si apre unaltra domanda, ovvero che cosa confermato quando un parte della matematica usata in modo rappresentativo indispensabile? Nel caso citato della meccanica quantistica, sono indispensabili solo gli operatori hermitiani o anche gli operatori unitari usati per tradurre le predizioni per un esperimento da un sistema di riferimento ad un altro? Questi ultimi non sono utilizzati in modo rappresentativo non corrispondono a nessun aspetto della realt fisica ma dopotutto concorrono ad uno stesso resoconto scientifico in cui parte della matematica usata, lo in modo rappresentativo. Che dire allora della descrizione hilbertiana dello spazio? E gli assiomi che la definiscono, possiamo anche dir di loro che sono indispensabili? La posizione di Peressini che le uniche parti confermate sono quellindispensabili, quelle parti della teoria che non sono (indispensabilmente) utilizzate non sono neanche confermate. Sintroduce qua il concetto di unit dellindispensabilit: a che livello si pone lindispensabilit?, che cosa esattamente deve essere indispensabile? Gli assiomi, il corpo della teoria o qualcosaltro ancora?99: solo rispondendo a questa domanda, si pu rispondere anche a quella su che parte della matematica confermata. In funzione quindi di quale unit di misura per lindispensabilit si sceglie (gli assiomi, la teoria nel suo complesso, o qualcosaltro ancora) sapremo quanta parte della matematica confermata. Il ragionamento di Peressini non vuole essere una critica frontale al concetto dindispensabilit, n vuole rifiutare in toto la premessa per IA. La sua conclusione che non altro poi una nuova apertura che lindispensabilit non pu essere affrontata come un corpo monolitico, ma una questione sfaccettata. Occorre quindi dare innanzitutto, data una teoria fisica, un resoconto esaustivo sul tipo di utilizzo della matematica, se co99

Cit. p.223.

125

me oggetto di studio o come utensile teorico 100 . Non tutte le strade sono percorribili se si vuole salvare lindispensabilit della matematica per la scienza, alcune (Field) sembrano cancellare questa possibilit, altre invece offrono maggiori probabilit di successo, a patto di comprendere che cosa confermato quando una parte della matematica che utilizziamo indispensabile. In conclusione, Peressini, senza portare unobiezione definitiva alla seconda premessa, lascia per poco spazio allindispensabilit, confinandola a solo determinati casi, che a loro volta non ci assicurano la conferma di tutta quella matematica che noi invece vorremmo vedere confermata.

5.3.2.2

Indispensabilit senza esistenza: Melia

Laffondo di Melia alla seconda premessa di IA, e di conseguenza alle tesi del realismo delle entit matematiche, si allontana in parte dalla via gi seguita da Field o Peressini. Melia ritiene che la strategia anti-realista di dispensare le teorie scientifiche dal quantificare sulle entit matematiche, rimpiazzando quindi una teoria platonista con una sua versione nominalista, non sia vincente per due ordini di ragioni. La prima, pi pragmatica, dipende dal fatto che, per quanto impegno si profonda nel riscrivere in termini nominalistici la Relativit Generale o la Gravitazione Newtoniana101, ovvero senza implicare lesistenza delle entit matematiche, il comportamento dei fisici di professione non cambia: continueranno ad usare e quantificare sullapparato di entit astratte (le entit matematiche) su cui si sono formati, che gli familiare

100 101

Cit. p.225. Vedi sezione 5.3.1.3.

126

per la loro attivit ed utile per le loro teorie102. Sembra un punto un po debole, soprattutto alla luce di quanto detto prima (Peressini 1997), tant che lo stesso Melia a segnalarci che questa obiezione non per nulla conclusiva, poich non esiste alcuna ragione per credere che il semplice utilizzo di una teoria ne giustifichi la verit103. La seconda obiezione punta invece dritto al cuore della questione. Vengono proposte due teorie mereologiche del primo ordine, per mostrare come non ci sia garanzia che il contenuto nominalistico di una teoria (nominalistica) riesca ad esaurire il contenuto di quella teoria realista - realista rispetto alle entit matematiche di cui la prima la riscrittura104. La peculiarit della posizione di Melia che la sua obiezione alla seconda premessa passa dallammissione dellindispensabilit della matematica: con la matematica possiamo dire delle cose sul mondo che con il solo vocabolario nominalistico non sarebbero esprimibili. La quantificazione sulle entit astratte, se si vuole continuare a dare un resoconto del mondo almeno altrettanto valido come quello che ne diamo ora, quindi indispensabile per le nostre teorie fisiche. Se accettiamo una teoria scientifica, allora dobbiamo essere anche pronti ad accettare il fatto che la matematica utilizzata sia indispensabile. La differenza, per Melia, sta nel fatto che ci non ci impone nessun obbligo sul piano dellontologia, e possiamo sostenere entrambi i punti (indispensabilit della matematica e non-esistenza delle sue entit) senza per questo andare incontro ad una contraddizione. Come possibile avere una teoria che ammette unentit ! e dire che non si crede allesistenza di !? Che motivo c di sostenere una teoria

102 103 104

Maddy (2000), p.457. Ibidem. Per approfondire gli aspetti tecnici legati a queste due teorie mereologiche

vedi pp 459-463.

127

ma non volerne sottoscrivere le conseguenze105? Melia propone un esempio per mostrare come non ci sia alcuna contraddizione. Il protagonista di questo esempio Joe, il quale crede che la sua teoria T non catturi completamente la verit riguardo le somme e gli atomi. Per questo motivo Joe sceglie una nuova teoria T* che implica lesistenza di altre tipologie di somme e atomi che T non prevedeva. Tuttavia T*, assieme a questi atomi, porta con s anche un altra tipologia di entit che lui non aveva preso in considerazione: gli insiemi. La reazione di Joe che se T* vera rispetto a certi aspetti (gli atomi e le somme) si sbaglia su altri (gli insiemi), e quindi nega lesistenza di queste entit. Secondo Melia questa una situazione paradigmatica: Joe utilizza T* perch gli consente di comunicare limmagine del mondo che ha in mente, ma per quanto riguarda gli insiemi la ritiene errata. Non c nulla di contraddittorio in questo comportamento perch le due credenze non sono tenute simultaneamente, ma rappresentano due momenti distinti del processo di comunicazione. Ad esempio, possiamo dire, senza rischio di cadere in contraddizione, un enunciato come: !, ! ! (!" !") Lo stesso deve valere anche per lesempio di Joe. Come quando raccontiamo una storia, aggiungiamo man mano nuovi particolari, cos anche lecito tornare sui propri passi. Utilizziamo T* perch ci permette di dire ci che abbiamo in mente, la nostra visione del mondo che per essere espressa non pu fare a meno di quella ma una volta che il ponte stato costruito, limpalcatura pu essere rimossa106. Per Melia continua a non esserci contraddizione
105 106

Cit. p.467. Cit. p.469.

128

perch questo un comportamento comune, infatti, se la maggior parte degli scienziati quantifica sui numeri per formulare le proprie teorie, altrettanti negano che esista qualcosa come gli oggetti matematici. Non si tratta di fare il doppiogioco ma di utilizzare un approccio puramente utilitaristico, che ha come unico fine quello di fornire un resoconto semplice, economico ed elegante del mondo107. La tesi finale di Melia proprio questa: come se stessimo raccontando una storia che riguarda il mondo, se abbiamo il permesso di aggiungere dettagli che in una prima fase del nostro racconto abbiamo omesso, cos potremo anche ritirare quei dettagli che prima abbiamo incluso nel resoconto108. Il personaggio di Joe non ha infranto alcuna regola della razionalit, ma ha introdotto delle entit fittizie al solo scopo di fornire alla teoria tutti gli strumenti di cui ha bisogno. Ci possono essere casi in cui questa strategia pu essere evitata (Field), altri invece in cui non c possibilit di eliminare questappello senza ricadute per la teoria (luso rappresentativo definito da Peressini), ma per entrambi non si commettendo nulla di contraddittorio. Concludendo, lattacco di Melia alla premessa che stiamo analizzando, non arriva quindi come per Field, e in parte per Peressini, dalla dispensabilit della matematica, ma dal fatto che per la matematica lindispensabilit non garanzia di conferma e quindi di esistenza. Possiamo essere indispensabilisti e nominalisti allo stesso tempo senza cadere in contraddizione; avere contemporaneamente i benefici dellutilizzare la matematica per le nostre teorie scientifiche, senza dover postulare entit matematiche, come invece facciamo per quelle della fisica109. La differenza sta nella differente funzione delle due: lutilit di po107 108 109

Cit. p.472. Cit. p.470. Cit. p.472.

129

stulare entit matematiche cosa ben diversa dallutilit per cui si postulano le entit teoretiche della fisica. Questultime semplificano il nostro resoconto del mondo, e per questo motivo dobbiamo a loro lesistenza: rappresentano il mondo. Ci invece non avviene per le entit matematiche, le quali si limitano a semplificare formalmente le nostre teorie. Possono esserci anche casi in cui lutilit della matematica va oltre a quella meramente strumentale, ma, come anche sostiene Peressini, questi casi vanno mostrati e discussi singolarmente, e quindi per il momento va lasciato come punto di discussione aperto.

5.3.3

Cosa fare della seconda premessa?

Le obiezioni alla seconda premessa di Field, Peressini e Melia, pure avendo un obiettivo ed alcuni tratti in comune, divergono per le differenti strategia utilizzate. Field ha puntato sulla possibilit di mostrare che la matematica dispensabile alla fisica: possibile reinterpretare la teoria della gravitazione universale di newton senza dover quantificare su entit matematiche. Melia sceglie quasi una strada opposta, si accetta lindispensabilit della matematica, ma questa non ci obbliga ad ammettere le sue entit nella nostra ontologica. Lintuizione su cui si basa questa tesi che lindispensabilit delle entit teoretiche della fisica altra cosa rispetto a quella della matematica, la prima, perch ci dice qualcosa del mondo, ci obbliga a fare delle assunzioni nella nostra ontologia, ma non la seconda, poich la sua influenza limitata alla teoria. Peressini invece coglie entrambe le anime con la distinzione di uso rappresentativo e uso indiretto della matematica, dove se il primo caso si avvicina alla posizione di Melia, in secondo pi a Field.

130

Se considerassimo conclusive queste obiezioni, dovremo allora rinunciare alle seconda premessa di IA, ma cadendo questa premessa cadrebbe anche largomento dindispensabilit. Infatti, anche accettando di impegnarci verso tutte e solo le entit indispensabili alle nostre migliori teorie scientifiche, non potremmo allargare questa copertura fino ad arrivare a comprendere le entit matematiche, che, di conseguenza, non otterrebbero alcun riconoscimento teorico. Proviamo ora a proporre alcune possibile risposta alle obiezioni sopra delineate, ma prima di fare questo evidenziamo un aspetto interessante. Le tre obiezioni di Field, Peressini e Melia non sono del tutto consistenti tra loro: in altre parole, non possibile reggerle tutte contemporaneamente. Le possibili risposte che stiamo per dare non sono quindi altro che riproposizioni di temi gi introdotti qua sopra, reindirizzati per verso non la premessa in questione, ma le altre obiezioni. chiaro che con questa scelta argomentativa il nostro obiettivo non pu essere tanto quello di scongiurare ogni pericolo per la seconda premessa, quanto mostrare che cos come ora formulata, un terreno di discussione molto scivoloso su cui facile cadere. Lobiezione pi valida alla premessa rimane tuttavia quella di Field. Una prima scappatoia la distinzione, proposta da Peressini, tra uso rappresentativo e uso indiretto della matematica nelle teorie fisiche. Solo con il primo si pu aspirare ad avere un uso indispensabile della matematica, poich in questi casi le entit osservabili della fisica sono rappresentate dalle entit della matematica110. Essendo questultime a costituire il resoconto del mondo che d la teoria, non vi si pu rinunciare senza anche rinunciare a dire quel qualcosa del mondo. Una strategia, dei cui limiti per ci rendiamo
110

Nellesempio in 5.3.2.1. erano operatori hermitiani.

131

immediatamente conto, quella di unire a questo punto la tesi dellolismo della conferma. In questo caso, la conferma di quelle parti di matematiche usate in modo rappresentativo si potrebbe estendere a tutta la matematica, rendendo valido largomento. Tuttavia questa contro-obiezione debole innanzitutto perch chiama in causa una tesi che abbiamo gi visto essere controversa, quella dellolismo della conferma, ma soprattutto non sempre chiaro sempre come si gi visto - cosa rende indispensabile luso rappresentativo, se le entit particolari coinvolti o gli assiomi e la teoria matematica di cui fanno parte. Una seconda questione, strettamente legata alla precedente, che la prova di nominalizzazione fornita da Field non ci assicura la copertura totale per tutti i casi di utilizzo della matematica. Il fatto di riuscire a riformulare una teoria (o dieci o cento) non ci assicura di poter fare la stessa cosa per ogni teoria. Se lindispensabilit per la matematica non pu essere mantenuta, regge per la possibilit di avere casi il cui utilizzo indispensabile. Anche senza necessariamente tornare alla distinzione di Peressini, si possono avere casi il cui utilizzo della matematica dispensabile e in questi la teoria pu essere reinterpretata secondo il modus operandi di Field, o di un altro equivalente ed altri invece in cui il ricorso indispensabile e per quelli vale quanto detto sopra. I punti di forza e debolezza vanno sostanzialmente a combaciare con quelli della distinzione tra uso rappresentativo e indiretto, anche perch va riconosciuto che le due risposte sono strettamente imparentate tra loro, e tendono, di fatto, a sovrapporsi. Per finire riprendiamo un punto che gi stato segnalato da Melia: anche se un filosofo riesce a trovare una riformulazione della Relativit Generale che non implica lesistenza delle entit astratte, la

132

prassi del fisico improbabile che cambi111. Possiamo allora immaginare di riuscire con molto tempo a disposizione a riformulare in termini nominalistici tutte le nostre migliori teorie scientifiche, ma ci che Melia sostiene che questo non toglie che nel nostro contesto della scienza, la matematica continui ad essere indispensabile. Possiamo pensare di rappresentare questa situazione attraverso lo strumento concettuale dei mondi possibili112, immaginando una distinzione tra diverse modalit dellindispensabilit sul calco di quella dellessere. Se accettiamo per un attimo di assimilare la nozione di quadro concettuale a quella di mondo possibile, allora la modalit dindispensabilit dellenunciato della seconda premessa (Le entit matematiche sono indispensabili alle nostre teorie scientifiche) pu essere interpretato come: () in tutti i mondi possibili le entit matematiche sono indispensabili alla nostre migliori teorie scientifiche. Il lavoro di Field su GN prova che () falsa, perch un suo controesempio. Ci non impedisce che possa essere vera: () in almeno un mondo possibile le entit matematiche sono indispensabili alla nostre migliori teorie scientifiche. () uninterpretazione pi debole di (), ma sufficiente a rendere conto e giustificare la pratica scientifica che quella effettiva degli scienziati. Quello che stiamo facendo qui non altro che ampliare la nozione dindispensabilit di Panza e Sereni, che abbiamo posto

111 112

Melia (2000), p.457. Vedi Lewis (1968) e Valore (2008)

133

in cima al capitolo113, al quadro concettuale in cui poi giacciono le nostre teorie e le relazioni. Lindispensabilit non una nozione assoluta ma relativa al nostro quadro di riferimento concettuale: ci che indispensabile in un contesto non detto che lo sia anche in uno differente. Potremmo allora dire che, piaccia o meno, per il nostro quadro concettuale che determina la pratica in cui sviluppiamo le nostre migliori teorie fisiche la matematica indispensabile: finch vorremo rimanere allinterno di questo perimetro non potremo farne a meno. La trascrizione di Field non appartiene al nostro quadro di riferimento e prova correttamente che ci possono essere anche sistemi di riferimento in cui la matematica non indispensabile. Tuttavia rimane intatto il fatto che nel nostro sistema di riferimento la matematica indispensabile per la pratica scientifica. A voler adottare una posizione radicale, potremmo addirittura dire che lunica indispensabilit che ci interessa quella relativa al quadro concettuale in cui effettivamente ci muoviamo, e tanto basta perch IA funzioni. A questultima considerazione si potrebbe obiettare con quanto gi detto con le parole di Quine durante la discussione della tesi del naturalismo. Non c alcuna ragione valida per ritenere che la prassi scientifica abbia precedenza su ogni altra considerazione. La filosofia ha invece il diritto di segnalare incongruenze ed errori di questa. Sotto questaspetto lobiezione di Field risulta conclusiva, poich dobbiamo rinunciare alla scappatoia offerta dai differenti modi di indispensabilit. Come per le tesi del naturalismo e olismo della conferma, possiamo fare un discorso analogo per la premessa dellindispensabilit della
113

In questo lavoro abbiamo accolto lidea di Panza e Sereni dellindispensabilit

come nozione relativa. Vedi cap.5 e Panza-Sereni (2011), p.12.

134

matematica. La versione di IA che abbiamo dato non pu prescindere da questa premessa. Rinunciarvi significa rinunciare a IA, il quale e su questo punto concordiamo con Field rappresenta largomento pi valido a sostegno dellesistenza delle entit matematiche. tuttavia evidente come questa premessa costituisca un terreno fertile per lo scontro, su cui difficile arrivare ad un punto di sintesi. Lidea generale che queste premesse (naturalismo, olismo della conferma, indispensabilit della matematica per le nostre migliori teorie scientifiche) siano molto forti ma rendano IA come un pugile che per caricare il sinistro-destro da fuori combattimento costretto ad abbassare la guardia e lasciarsi scoperto ai colpi dellavversario. Se riesce a mandare a bersaglio i suoi colpi allora il match si pu considerare chiuso, ma il rischio che finisca prima lui al tappeto alto! Di l dallesempio che volutamente esasperato, i temi implicati nelle premesse sono tanto forti, se accettati, quanto degli ostacoli difficili da sormontare, se messi in dubbio. Cercheremo ora di capire se siano a loro volta indispensabili a IA, o se sia possibile salvare largomento tutto o almeno in parte ridimensionandone limpiego o rinunciandovi del tutto.

5.4 Largomento dindispensabilit: una versione minima


In questultima parte affronteremo largomento dindispensabilit da unaltra prospettiva: quali sono i requisiti minimi sufficienti ad avere una formulazione di IA la pi economica possibile? In particolare, possibile avere un argomento dindispensabilit che non richieda le tesi dellolismo e del naturalismo? Lobiettivo di arrivare ad avere una versione di IA le cui premesse siano condivisibili da

135

chiunque, o il pi possibile tali, ma preservando le medesime conclusioni? Prima di entrare nello specifico vogliamo chiarire una distinzione importante riguardo alla nozione di realismo. Il realismo semantico la tesi secondo cui gli enunciati di una classe sono veri, senza per alcun impegno su ci che li rende veri. Dallaltro lato abbiamo il realismo ontologico, per cui invece esistono gli oggetti che si riferiscono a quella classe degli enunciati. Unaltra distinzione che vale la pensa affrontare quella tra le diverse tipologie di conclusioni dellargomento114. Distinguiamo non-epistemico da epistemico rispetto al fatto che sia intesa in termini di verit degli enunciati o esistenza di entit (epistemico), oppure di giustificazione nel credere che esistano (non-epistemico) 115. Queste due distinzioni ci potranno tornare utili pi avanti, ma adesso riassumiamo velocemente i requisiti su cui si fonda la versione IA che di Colyvan che abbiamo discusso fino a questo momento. (a) (b) (c) (d) (e) Criterio dell'impegno ontologico Nozione dindispensabilit Indispensabilit dellolismo della conferma Indispensabilit della tesi del naturalismo Indispensabilit della matematica per la scienza

(a) un elemento fondamentale della metaontologia quineiana che abbiamo scelto come nostro quadro concettuale di riferimento, e quindi della concezione non-standard di cui IA vuole essere un argomento a supporto. Rispetto invece ad IA vedremo come non si possa prescindere da (a) per tenere salvo largomento, anche nella
114 115

Sereni (2010), p.117. Panza-Sereni (2011), p.3.

136

sua formulazione pi minimale, finanche a rimanere il suo unico requisito, a patto di essere disposti a sacrificare parte dellefficacia dellargomento. Per quanto riguarda (b) abbiamo gi discusso la nozione dindispensabilit allinizio del capitolo ed stata ripresa in [5.3.3], ma recuperiamo anche qui i punti rilevanti. Lindispensabilit una nozione relativa perch, data una teoria D, una volta stabilito per chi sia indispensabile, ad esempio unaltra teoria T, allora definiamo D indispensabile per T come il fatto che non sia possibile costruire una teoria T* equivalente a T che per non impeghi D. La nozione dindispensabilit, per quanto importante ai fini dellargomento, non richiede assunzioni teoriche particolarmente costose - anzi non richiede nessuna assunzione extra. Per questo motivo continuer a far parte anche requisiti dei versione minima di IA che proporremo. Se di (c), (d) ed (e), nei paragrafi precedenti, abbiamo discusso i punti di forza e di debolezza, quello che cercheremo ora di fare capire se siano dispensabili e che aspetto abbia la versione di IA che faccia a meno di essi.

5.4.1

Dispensabilit dellolismo

La tesi dellolismo della conferma riconosciuta da pi parti essere la meno essenziale per IA, poich, per la validit dellargomento o meglio di una versione di questo non indispensabile il richiamo alla conferma. A tal proposito Panza e Sereni riportano lopinione di Colyvan che largomento pu esser fatto per stare in piedi senza lolismo della conferma: solamente pi sicuro con

137

lolismo116. In altre parole, anche se questa tesi, se utilizzata, rafforza IA, tuttavia non indispensabile alla buona riuscita dellargomento. In particolare Resnik (1995) ha lavorato in questa direzione, dando una formulazione alternativa di IA che non fa appello allolismo. Questa particolare versione chiamata Argomento Pragmatico dIndispensabilit117: [1] Nellaffermare le sue leggi e trarre le sue conseguenze, la scienza assume lesistenza di molti oggetti matematici e la verit di molta matematica [2] Queste assunzioni sono indispensabili per gli scopi della scienza, inoltre, molte tra le pi importanti conclusioni tratte da e dentro la scienza non potrebbero essere tratte senza accettare per veri gli enunciati matematici [3] Quindi siamo giustificati a trarre conclusioni da e dentro la scienza solo se siamo giustificati a considerare vera la matematica usata nella scienza. Come facile notare, la caratteristica di questa versione appunto quella di non far alcun riferimento n alla verit n alla conferma delle nostre migliori teorie scientifiche. Senza per lappello alla nozione di conferma, cade anche quello per la tesi di olismo (delle conferma). Labbandono della tesi dellolismo centrale invece per la versione di Colyvan si manifesta allora nella mancanza della rivendicazione che levidenza della scienza sia anche evidenza per la matematica. Il ruolo nella versione standard (di Colyvan) di IA della tesi dellolismo proprio questa: dopo esserci assicurati della
116

Panza-Sereni (2001) p.11 e M. Colyvan, The indispensability of mathematics, Resnik (1995), pp. 169-170.

Oxford University Press, Oxford, 2001, p.37.


117

138

conferma/verit delle teorie scientifiche, trasferiamo questa conferma/verit alla matematica. Allora siamo quindi impegnati ontologicamente, se sono indispensabili, anche alle entit della matematica; queste entit sono indispensabili (II premessa), e quindi siamo impegnati ontologicamente verso le entit matematiche. Anche la versione di Resnik (API) si fonda su due premesse118. Alla base della premessa [1] si trova il criterio dimpegno ontologico di Quine che ci permette di dire che quando gli scienziati manipolano quantit reali e equazioni essi sono impegnati ad ammettere lesistenza dei numeri reali. La premessa [2] quella che concerne lindispensabilit della matematica per la scienza. Questa formulazione lascia spazio ad una doppia interpretazione, pratica e teoretica, che possono essere ricondotte alle versioni che ne abbiamo dato attraverso la nozione di mondi possibili, e quindi rispettivamente () e (). Abbiamo visto che se la prima difficilmente pu venir messa in dubbio anche perch unassunzione pi debole e tutto sommato circostanziale - per quanto riguarda la versione teoretica rimandiamo ancora alla discussione che abbiamo del lavoro di Field. Anche concedendo che largomento non definitivo, rimane il fatto che rappresenta unobiezione che non possibile sottovalutare. Pertanto chi voglia accettare la versione di Resnik dovr anche prepararsi a rispondere alle obiezioni sollevate dalle tesi di Field. Il riferimento di Colyvan a che, rinunciando alla tesi dellolismo, si finisca per avere qualcosa in meno si chiarisce in [3]; da [1] e [2] deriva che siamo solamente giustificati ad accettare che la matematica sia vera, poich le premesse non sono sufficienti per a garantirci la sua verit. per possibile aggiungere ad API una seconda parte di argomento che ci permetta di giustificare la verit della matematica che la
118

Cit. pp.170-171.

139

scienza usa a partire dalla giustificazione della nostra pratica scientifica. Questa seconda parte di API cos strutturata119: [4] [5] [6] Siamo giustificati a fare scienza, Lunico modo che conosciamo per fare scienza implica trarre conclusione da e dentro di essa, Siamo giustificati a trarre conclusioni da e dentro la scienza solo se siamo giustificati a considerare vera la matematica che usiamo, [7] Allora siamo giustificati a considerare la matematica vera, [8] Quindi la matematica vera.

Il passaggio cruciale, quello che poi giustifica questaggiunta ad API, quello tra [7] e [8], cio tra essere giustificati a credere qualcosa e che questo qualcosa sia vero, ovvero tra: I. II. Essere giustificati che p p

La giustificazione che d Resnik120 parte dalla constatazione che non c alcuna incoerenza nel dire che siamo giustificati a credere p, ma c nulla come p. Tuttavia saremmo incoerenti se fossimo giustificati a credere p ma lo negassimo. Il passaggio tra [7] e [8] quindi giustificato in negativo: poich sarebbe una contraddizione tenere contemporaneamente [7] e la negazione di [8], ed essendo per le altre premesse giustificati a credere [7], allora non possiamo che ammettere [8].

119 120

Cit. pp.171-172. Cit. p.172.

140

Abbiamo perso qualcosa rispetto alla versione di Colyvan? Ci che abbiamo perso la direzione del tutte che era sostenuta dallolismo. Possiamo avere un argomento che sta in piedi con le proprie gambe; non abbiamo per pi a disposizione lo strumento teorico che ci permette di trasferire facilmente la giustificazione delle teorie scientifiche, data dal confronto con le esperienze, alla matematica che utilizzata in queste teorie. Per stessa ammissione di Resnik121, i principali problemi di API si hanno in relazione alle parti delle matematica pi teoretiche, poich difficilmente sono utilizzate allinterno delle nostre migliori teorie scientifiche, che sono tali proprio perch giustificate. Perci chi vorr accogliere API dovr tener subito conto di queste criticit.

5.4.2

Dispensabilit del naturalismo

Il passaggio pi significativo della versione di Resnik quello tra il [7] e [8], in cui, dalla giustificazione della matematica si passa alla sua verit. Questo passaggio giustificato dalla tesi del naturalismo, la quale permette di creare un ponte tra la giustificazione di una teoria e la sua verit. Per questa sua funzione, la tesi del naturalismo considerata quasi unanimemente indispensabile122 a IA. Ad esempio, la critica di Baker allargomento dindispensabilit123 nasce dalla costatazione della potenza della tesi del naturalismo. Da una parte largomento indispensabilit non in grado di assicurare lesistenza delle entit

121 122 123

Cit. p.174. Baker (2003), Colyvan (1998, 2006), Resnik (1995), Vineberg (1996). Baker (2003, pp.62-66).

141

matematiche senza questa tesi; dallaltra, il naturismo, secondo Baker, forte abbastanza da supportare lesistenza delle entit matematiche senza ricorrere allo schema argomentativo di IA, in quanto ci permette di scavalcare la premessa dellindispensabilit della matematica per la scienza. In altre parole, essendo lobiettivo quello di giustificare lesistenza delle entit matematiche, IA non pi indispensabile: anche se largomento dindispensabilit sufficiente a stabilire un platonismo in piena regola, tuttavia non necessario per questo compito124. Anche noi, per ragioni argomentative, in [5.2.2] abbiamo approcciato la tesi del naturalismo come indispensabile per IA. Tuttavia vedremo che cos almeno secondo Panza e Sereni non , e anche il naturalismo pu, sotto certe condizioni, essere dispensabile dallargomento dindispensabilit. Sempre in [5.2.2], durante la discussione della direzione del solo della prima premessa, quella sostenuta dalla tesi del naturalismo, abbiamo solo incidentalmente accennato ma sostanzialmente trascurato una distinzione che ora riprendiamo. La distinzione cui facciamo riferimento quella tra naturalismo metodologico e naturalismo ontologico125. Con naturalismo metodologico ci si riferisce allaffermazione che ogni nostro discorso sulle caratteristiche della realt non pu prescindere dalle scienze empiriche e dal metodo scientifico. Sono queste che ci rappresentano il mondo. La conseguenza di questa posizione da cui deriva lo slogan di Quine del naturalismo come abbandono della filosofia prima che i filosofi non possono criticare i risultati le scienze empiriche sulla base di assunzioni filosofiche a priori, e neanche proporre delle tesi filosofiche apertamente in contrasto con i risultati confermati della scienza. Abbandono della filosofia
124 125

Baker (2003), p.64. Panza-Sereni (2011), pp.17-19.

142

prima significa quindi abbandono dellidea che vi possa essere un tribunale filosofico superiore alla scienza. Come Panza e Sereni riteniamo che questa interpretazione di naturalismo sia condivisibile senza richiederci assunzioni troppo costose. Ben altro sforzo ci richiede invece il naturalismo ontologico, che ci richiede di ammettere che sia compito delle scienze empiriche determinare che cosa esista: dobbiamo credere allesistenza di solo quelle entit di cui le scienze empiriche danno delle ragioni per crederci. Secondo questa interpretazione, lunica risposta consentita alla domanda Che cosa c? quella data dalla scienza: le uniche entit che possono essere considerate esistenti sono quelle oggetto di studio della scienza; di conseguenza, entit che non possono essere conosciute in questo senso, come le entit astratte, non potranno comunque essere comprese nel catalogo di quelle esistenti. Ci come dire che perch le entit possano essere esistenti necessario che siano non-causalmente inerti o, come secondo PanzaSereni126, che esistono solo entit causalmente attive o localizzate spazio-temporalmente. La prima osservazione che possiamo trarre da questa distinzione che questa versione del naturalismo incompatibile con IA. Infatti il suo significato in netta contraddizione con la conclusione a cui largomento vuole arrivare. Non possibile costruire un argomento che arrivi a sostenere lesistenza delle entit matematiche da una premessa che nega proprio lesistenza di questo tipo di entit (causalmente inerti, non localizzate spazio-temporalmente). Il realismo dellentit matematiche e il naturalismo ontologico non sono due assunzioni che possono essere tenute assieme senza incappare in evidenti contraddizioni. Per quanto riguarda invece il naturalismo che viene nella sua interpretazione metodologica, sicuramente
126

Cit. p.18.

143

una posizione meno forte e che non entra in contraddizione con le altre premesse e gli obiettivi di IA. A essere impiegata in IA versione metodologica ed quindi di questa che dobbiamo mostrare la dispensabilit per IA. Il tentativo di mostrare la dispensabilit della tesi del naturalismo da IA ci porta ora a fornire una versione minimale dellargomento dindispensabilit che sar largomento della prossima sezione.

5.4.3

La versione minimale di IA

Che cosa sintende con versione minimale? Allinizio di 5.4 abbiamo elencano i requisiti della versione di IA di Colyvan che abbiamo scelto come standard. Con versione minimale intendiamo un argomento che faccia utilizzo di solo un sottoinsieme di quei requisiti, innanzitutto il criterio dellimpegno ontologico (a) e la nozione dindispensabilit che abbiamo definito in principio di [5]. A questo sottoinsieme appartiene anche la tesi dellindispensabilit della matematica (e). Nella sezione [5.3] ci siamo a lungo soffermati su questa tesi, sulle sue obiezioni e i problemi che porta con s. La versione minimale dellargomento che Sereni (2010) d e che adesso andiamo a presentare continua ad utilizzare (e). Dopo lesposizione e delle quattro versioni di Panza-Sereni (2011) ritorneremo su questo punto per riflettere se (e) possa essere dispensato dalla formulazione minima o se sia effettivamente necessario ad IA, poich in questo caso sapremo gi di doverci preparare a rispondere alla critiche gi conosciute che trascina con s. Ci che escludiamo sono invece (c) e (d) le due tesi che caratterizzano maggiormente la versione standard. Ricordiamo che lobiettivo per il quale si vuole arrivare a una versione minimale quello di avere

144

un argomento che si basi su poche premesse e la pi condivisibile possibile, cos che largomento stesso a sostegno delle entit matematiche sia a sua volta il pi possibile condivisibile. Per questo motivo le tesi del naturalismo e dellolismo della conferma sono alla stregua di vittime designate: con esse che si tracciano i confini tra i diversi schieramenti teorici; sono le tesi rispetto a cui si creano distinzioni piuttosto che delle basi condivise. Possiamo ora arrivare allenunciazione di IA minimale.

5.4.3.1

Sereni: un argomento minimale dindispensabilit

Riportiamo lesposizione dellargomento minimale dindispensabilit di Sereni127. Siano T e M rispettivamente la teoria scientifica e quella matematica, siano obj-M gli oggetti di M; allora: [1] [2] Vi sono teorie scientifiche vere [T una teoria scientifica vera] Tra queste alcune ricorrono indispensabilmente a teorie matematiche [T ricorre a M in modo indispensabile] [3] Queste teorie scientifiche sono vere solo se sono vere quelle teorie matematiche [T vera solo se M vera] [4] Una teoria vera solo se esistono i suoi oggetti matematici [M vera solo se esistono obj-M] [5] Esistono gli oggetti delle teorie menzionate in [2] e [3]

127

Sereni (2010), p.116.

145

5.4.3.2

Caratteristiche di IA minimale

La prima caratteristica da evidenziare che in questa versione non c alcun appello alle nozioni epistemiche sia di giustificazione sia di conferma. Le direzioni di tutte e solo della versione standard non sono pi presenti. Il proposito di dispensare dalla formulazione dellargomento la tesi del naturalismo e dellolismo della conferma quindi rispettato pienamente. Passiamo ora in rassegna i diversi punti. Perch si possa accettare la premessa [1] dobbiamo accettare la tesi del realismo scientifico. Il risultato che otteniamo una versione di IA non-epistemica, in altre parole non si fa riferimento a nozioni di giustificazione; le teorie scientifiche sono considerate in termini di verit e non di giustificazione a credere che siano vere. La premessa [2] ricopre una funziona particolarmente importante la tesi dellindispensabilit della matematica perch consente di collegare la verit delle teorie scientifiche ([1]), al fatto che una teoria T vera solo se vera anche la matematica che usa ([3]), un punto che come vedremo fondamentale per la validit dellargomento. Il ruolo che gioca questa tesi molto importante poich ci permette di dedurre la verit delle teorie matematiche da quella delle teorie scientifiche che le impiegano: sappiamo da [1] che ci che le teorie scientifiche dicono vero, [2] ci dice quindi che per dire ci che dicono la matematica indispensabile; da qui poi potremo arrivare ad ammettere anche la verit di questa. Rinunciare a [2] allora significherebbe rinunciare allargomento stesso. chiaro che se non pi possibile assicurarci la verit della matematica, sono basse le probabilit di approdare allesistenza delle sue entit matematica, a meno di non ricorrere a salti azzardati, e soprattutto ingiustificabili. La partita si gioca su questo punto poich senza il passaggio da verit della teoria fisica a verit della matematica la nozione dimpegno ontologico

146

non ha nulla su cui appigliarsi. Perch limpegno ontologico svolga il suo compito nelleconomia dellargomento assicurarci che data la verit della teoria matematica siamo allora ontologicamente impegnati verso quelle entit su cui quantifica la teoria necessario che la teoria sia vera e senza [2] la strada per assicurare la verit della matematica piuttosto accidentata. Rinunciare a questa tesi significherebbe avere un dispositivo teorico mancante di una sua parte fondamentale perch possa funzionare correttamente. Nelleconomia complessiva di IA un altro ruolo fondamentale, nel suo schema argomentativo, quello svolto da [4]. Che risultato avremmo se eliminassimo questa premessa? La prima cosa importante da notare che IA continua ad essere un argomento valido. Ci che cambia che la conclusione a cui arriviamo non pi quella dellesistenza degli oggetti delle teorie menzionate in [2] e [3], ma in certo senso qualcosa di meno, ovvero che le teorie matematiche menzionate in [2] e [3] sono vere128. Chiaramente non solo una differenza non solo lessicale, ma cambia in modo sostanziale il contenuto filosofico. Con questa premessa la versione di IA porta a una conclusione platonista esistono le entit della matematica mentre senza [4] si ottiene, come abbiamo detto, un argomento ugualmente valido, ma che a favore di quello che definito realismo semantico, cio la tesi secondo cui le teorie matematiche sono vere, ma senza che si specifichi che cosa le rende vere; nessun riferimento viene quindi fatto alla necessit di assumere lesistenza di oggetti particolari perch la matematica possa essere vera. evidente come questa conclusione sia da un punto di vista ontologico meno forte. Non stiamo ammettendo lesistenza di entit matematiche, ma limitandoci a dire che la matematica sia vera.
128

Cit. p.116-117.

147

La versione minimale dellargomento data da Sereni mantiene sicuramente la promessa di mostrare la dispensabilit per largomento dindispensabilit della tesi dellolismo della conferma e del naturalismo. Contemporaneamente per mostra come lindispensabilit della matematica sia una premessa che per quanto contestabile fondamentale nelleconomia dellargomento non si pu avere IA senza premessa [2]. Infine abbiamo intravisto la possibilit che quella data non sia lunica versione possibile di IA minimale. infatti possibile dare di IA una versione non-platonista (realista) che sia ugualmente valida. Abbiamo notato anche come [1] porti ad avere una versione dellargomento non-epistemica che cio non faccia riferimento alla giustificazione. immaginabile quindi pensare di darne anche una versione epistemica che faccia riferimento a questa nozione.

5.4.3.3

Quattro versioni di IA minimale

Nella sezione precedente sono emerse due coppie concettuali: realismo/platonismo ed epistemico/non-epistemico. Panza e Sereni (2011), incrociando queste due dimensioni, sono arrivati a proporre quattro formulazioni minimali alternative di IA: la versione realista e quella platonista, ciascuna poi nella doppia versione epistemica e non-epistemica. Le quattro formulazioni condividono tuttavia un nucleo fondamentale di premesse e seguono lo stesso schema argomentativo. Proponiamo una matrice riassuntiva dei quattro argomenti minimali di IA date da Panza-Sereni che renda anche visualmente la composizione delle diverse versioni incrociando le due coppie individua-

148

te129. Per ragioni di sintesi adottiamo le abbreviazioni introdotte in [5.4.3.1]. Realismo Platonismo

[1] T vera [2] M indispensabile a T [3] T vera solo se M


Nonepistemico

[1] T vera [2] M indispensabile a T [3] T vera solo se M vera [4] M vera solo se objM esistono

vera

[4] M vera

[5] Obj-M esistono [1] Siamo giustificati a credere T sia vera [2] M indispensabile a T [3] T giustificato solo se M giustificato
Epistemico

[1] Siamo giustificati a credere che T sia vera [2] M indispensabile a T [3] T giustificata solo se M giustificata [4] M vera solo se ObjM esistono

[4] M vera

[5] Siamo giustificati a credere che Obj-M esistono Anche in queste versioni non c traccia delle due direzioni della prima premessa di Colyvan tutte e solo - ma ci non ci stupisce pi di tanto poich sono derivate direttamente dalla versione
129

Panza-Sereni (2011), pp-24-25.

149

minimale sempre di Sereni, la quale gi non faceva pi alcun riferimento alla tesi dellolismo della conferma e del naturalismo. Non si fa menzione di alcun obbligo a credere a tutte le entit indispensabili alle nostre migliori teorie scientifiche, n allobbligo di credere allesistenza di solo quelle entit130. Il nucleo fondamentale di queste versioni costituito essenzialmente dal set minimo di premesse come indicato in [5.4] anche se con alcune differenze. Le versioni non-epistemiche, rispetto alle altre due, richiedono una sorta di realismo semantico (come gi evidenziato poco sopra) in modo da giustificare la prima premessa circa la verit delle teorie scientifiche. Tuttavia se la nozione indispensabile oltre a quella di realismo semantico di indispensabilit, limpegno ontologico non gioca alcun ruolo131.

5.4.3.4

IA minimale: condizioni sufficienti ma non ne- cessarie

Non rimane che da chiederci se la versione minimale di IA un buon argomento dindispensabilit. A questa domanda ci sentiamo di rispondere positivamente. Le formulazioni cui siamo arrivati rispondono allesigenza di partenza di supportare lontologia delle entit matematiche. In questo senso possiamo essere soddisfatti del risultato ottenuto. La versione platonista sicuramente pi forte ma al contempo ci richiede uno sforzo maggiore in termini di ammissioni teoriche, dallaltro lato abbiamo delle premesse pi snelle ma un risultato pi debole, riuscendo a portare a casa la verit della matematica senza alcun riferimento diretto alle sue entit. Nel corso della discussione abbiamo per sollevato anche

130 131

Cit. p.26. Cit. p.27.

150

unaltra necessit, quella di ridurre al minimo limpegno teorico per le premesse allargomento. Anche sotto questaspetto possiamo essere soddisfatti perch ci che richiede la versione minima, come abbiamo appena mostrato, in alcuni casi poco pi del criterio quineiano dellimpegno ontologico, che non abbiamo mancato di chiarire e inserire nel quadro concettuale in cui a nostra volta ci inseriamo. Tuttavia rinunciare alla tesi del naturalismo, non una scelta indolore, infatti se il naturalismo lasciato fuori dal quadro [] largomento da solo condizioni sufficienti ma non necessarie per lesistenza degli oggetti matematici 132 . Come abbiamo visto in [5.2.2], la tesi del naturalismo che nella versione di Colyvan ricordiamo essere rappresentata nella clausola solo ci permetterebbe di ancorare gli enunciati della matematica ad un terreno molto solido come quelle della scienza, le cui teorie sono giustificate dal confronto con lesperienza. Senza questa tesi per non pi possibile richiamarsi allutilizzo da parte delle teorie scientifiche come giustificazione diretta della matematica. Allora, come detto con le parole di Panza-Sereni, largomento risultante anche se rimane valido non ci pu pi dare delle condizioni necessarie perch le entit della matematica esistano. Per concludere, la questione pi controversa rimane ancora quella dellindispensabilit della matematica. La sezione [5.3] stata spesa proprio nella discussione della premessa sullindispensabilit, ma allo stato attuale non sembra essere percorribile la strada della dispensabilit di questa premessa. Il progetto lanciato in [5.3.3] di un IA non appesantito da queste premessa in un certo senso naufragato, ma ci non significa che questa sia necessariamente una sconfitta. Possiamo immaginare che lindispensabilit della matematica sia un prezzo necessario da pagare e complessivamente
132

Panza-Sereni (2011), p.30.

151

ragionevole. Il pagamento che si ottiene non trascurabile, considerando anche le premesse da cui si parte: un argomento robusto a sostegno delle entit matematiche. Allinterno della filosofia della matematica largomento dindispensabilit risulta essere un buon argomento a sostegno del realismo delle entit matematiche.

152

6 Conclusione: allargare lo sguardo per una concezione non-standard


In questultimo capitolo cercheremo di inquadrare il lavoro svolto sullargomento dindispensabilit rispetto agli obiettivi del presente elaborato. In [2] e in [3] abbiamo descritto e discusso quella che abbiamo chiamato concezione non-standard della realt, che pu essere definita come la concezione secondo la quale ci che esiste dipendente dalle teorie con cui cerchiamo di rappresentare il mondo 133 . Il primo atto del nostro lavoro stato innanzitutto quello di presentare la concezione, evidenziarne le differenze rispetto alla concezione standard [3.1], e mostrare la sua conse-

133

Vedi la sezione 3.2.

153

guenza di questa concezione nei termini della pluralit delle ontologie [4.2.5]. Quindi la ragione per la quale siamo arrivati ad occuparci dellargomento dindispensabilit stata quella di mostrare come vi possa essere uno strumento teorico in grado di mettere in relazioni le teorie con le rispettive ontologie, allo scopo di determinare il piano oggettuale imposto dalle prime; uno strumento che apra una via che porti da ci che diciamo a ci che c134. Abbiamo individuato un potenziale candidato per il ruolo descritto qua sopra nellArgomento dIndispensabilit, conosciuto in letteratura anche come Argomento di Quine-Putnam, dal nome dei due filosofi statunitensi che per primi hanno utilizzato questa strategia argomentativa per sostenere lesistenza delle entit matematiche. Riteniamo per che il valore di IA vada ben oltre il significato in s dellargomento o il fatto che possa essere davvero un buon argomento a favore di queste entit; provare che IA un argomento valido, e di conseguenza anche il suo schema argomentativo, significa provare la consistenza della concezione non-standard. per questo motivo che abbiamo intrapreso la discussione di questargomento.

6.1 Dalla concezione non-standard alla versione minimale di IA


Il capitolo cinque stato interamente dedicato allargomento dindispensabilit. Abbiamo discusso IA in relazione alla questione

134

Valore (2008), p.98.

154

dellontologia delle entit matematiche, poich stato proposto per la prima volta, e in seguito sviluppato da altri autori, proprio entro i confini di questo dibattito. Il nostro metodo di lavoro stato quello di dare una prima formulazione dellargomento dindispensabilit135 che fosse la pi possibile rappresentativa dello spirito di IA e che racchiudesse sia i lati positivi che gli aspetti negativi della questione. La versione da cui siamo partiti molto diretta ed efficace, ma fin da subito stato chiaro come le sue due premesse si trascinassero dietro tutta una serie di obiezioni che nelle sezioni successive abbiamo analizzato: se siamo impegnati ontologicamente verso tutte e solo quelle entit che sono indispensabili alle nostre migliori teorie scientifiche, e se le entit matematiche sono indispensabili a queste nostre teorie scientifiche, allora siamo impegnati ontologicamente verso le entit matematiche136. Il passo successivo, ovvero affrontare le principali obiezioni allargomento, si scelto un approccio che in letteratura, limitatamente alle nostre conoscenze, non era ancora stato utilizzato in modo cos esteso. La versione di IA di partenza basata su due premesse a loro volta sono giustificate da delle tesi filosofiche controverse. La prima premessa si poggia sulla tesi del naturalismo [5.2.1] e quella dellolismo della conferma (5.2.2), la seconda invece sullindispensabilit della matematica per le teorie fisiche [5.3]. La nostra strategia espositiva stata quindi quella di scomporre le premesse nei suoi nuclei teorici e discutere le obiezioni allinterno dello schema argomentativo di IA, per comprendere il loro impatto.

135 136

Vedi 5.1. Colyvan (1998).

155

La discussione delle obiezioni ai nuclei teorici su cui si basano le premesse della prima versione di IA che abbiamo dato, hanno portato a riflettere sulla ingombranza di queste assunzioni teoriche. Le tre tesi sopra enunciate sono facilmente vittime di obiezioni, che, anche se non sono fatali, minano la validit e la condivisibilit dellargomento. Perci, per mettere al riparo IA da queste obiezioni si studiato il lavoro di Panza e Sereni per una versione minimale di IA. Con versione minimale sintende appunto un argomento costruito a partire da un insieme ridotto di requisiti. Il vantaggio duplice: un argomento pi leggero e quindi pi facilmente difendibile, e in seconda battuta, che discende direttamente dalla precedente constatazione, il fatto di esser maggiormente condivisibile poich non assume nozioni come quella di naturalismo o olismo della conferma su cui tipicamente si dividono gli studiosi; tutto questo per a patto che largomento resti valido. La versione di IA di Panza e Sereni raggiunge questobiettivo poich svincolata sia dalla tesi del naturalismo che da quella dellolismo, e per rimanere valida richiede poco pi della nozione di impegno ontologico di Quine (e per alcuni casi particolari che abbiamo segnalato anche quella di realismo scientifico). In realt IA minimale non viene a noi in ununica versione, bens quattro versioni appartenenti alla stessa famiglia minimale, frutto dellincrocio delle coppie concettuali platonico\realista e epistemico\non-epistemico che si riferiscono alle caratteristiche dellargomento, ovvero se si arrivi ad ammettere la verit della matematica o anche lesistenza dei suoi oggetti oppure se si utilizzi o meno nozioni epistemiche come la giustificazione. Quindi, i risultati che otteniamo con la versione minimale di IA sono quelli auspicati? La risposta positiva, anche se con delle restrizioni. Se da una parte largomento "ridotto al minimo ma pur sem-

156

pre valido, dallaltra paga lessenzialit dei requisiti con una minore forza argomentativa. Soprattutto la rinuncia alle tesi del naturalismo comporta anche la rinuncia a un legame diretto tra la giustificazione delle teorie scientifiche da parte dellesperienza e quella delle teorie matematiche. Il risultato che otteniamo con la versione minimale di IA che largomento condizione sufficiente per supportare esistenza delle entit matematiche, ma non del tutto necessaria.

6.2 IA a confronto con i principi ontologici e metodologici


Nel capitolo [2] abbiamo elencato una serie di principi guida per il nostro lavoro, che abbiamo classificato in base al conteso in cui si applicano: ontologici [2.2.1] e metodologici [2.2.2]. In questa sezione vogliamo mettere a confronto la versione minimale di IA con questi principi guida. Il primo il principio di semplicit [2.2.1.1]. Rispetto allargomento dindispensabilit possiamo considerare questo principio sotto due aspetti, uno intra-argomentativo che si riferisce alla struttura dellargomento, e laltro invece extra-argomentativo che si riferisce al risultato di IA sul piano ontologico. Per quanto riguarda il primo aspetto, perch stato proprio questo a ispirarci la strada per la formulazione minimale di IA: restringere linsieme dei requisiti dellargomento salvandone per la potenza esplicativa. Abbiamo rinunciato ai due punti cardine della prima versione, le tesi del naturalismo e dellolismo della conferma, mantenendo poco pi della nozione dimpegno ontologico. Abbiamo visto per come

157

questa riduzione rilevante non impedisca di arrivare a costruire un argomento valido per lesistenza delle entit matematiche. A parit di risultato quindi il quadro teorico di IA minimale, rispetto alla prima, come pure altre versioni di IA, pi semplice e quindi il principio mantenuto. Laltro aspetto quello della semplicit sul piano ontologico del risultato di IA. Anche in questo caso crediamo che il principio sia rispettato. Lontologia di una teoria che IA ci riconsegna quella delle entit indispensabili a questa teoria. Essendo un criterio essenzialmente pragmatico, la semplicit di IA sta nel fatto di ammettere solo le entit che effettivamente sono funzionali alla nostra teoria. Quindi anche per laspetto extraargomentativo possiamo dire che il principio rispettato. Il secondo principio [2.2.1.2] quello di economia: a parit di capacit esplicativa prediligiamo il criterio che sottende lontologia per noi meno costosa in termini di entit ammesse. Questo punto strettamente unito a quanto abbiamo appena detto. Si potrebbe pensare che IA sia un argomento che non rispetti questo principio, poich ci fa ammettere entit come quelle matematiche che, probabilmente, non avremmo altrimenti messo nel nostro catalogo ontologico. Crediamo invece che la questione vada guardata da un altro punto di vista. Con IA ammettiamo sole le entit che sono indispensabili alle nostre migliori teorie; restituendoci quindi esclusivamente quelle entit indispensabili alla nostra teoria, non c rischio di ammettere entit superflue, a meno che noi stessi non decidiamo di fare ricorso ad assunzioni o premesse extra. Solo in questo caso avremmo unontologia poco parsimoniosa, perch ammetteremmo entit senza che ve ne sia la necessit137. IA apre s la strada a una pluralit di piani ontologici, ma le entit sono
137

voluto il richiamo al celebre principio di Ockham Entia non sunt multipli-

canda praeter necessitatem.

158

comunque quelle indispensabili alle teorie che gi accettiamo. Perci possiamo ritenere soddisfatto anche questo principio. Lultimo di questi principi quello che abbiamo descritto come un certo rispetto di quello che intendiamo come senso comune. Di l delle difficolt date dalla poca precisione della definizione, una volta inteso il significato, lobiezione che nasce quasi spontanea coglie immediatamente il nodo cruciale. IA sembrerebbe costringerci ad ammettere una tipologia di entit, quelle matematiche, che comunemente non ammetteremmo nel nostro catalogo delle entit. Vale quindi la pena soffermarci un attimo a riflettere su questo punto. Sforziamoci di abbandonare momentaneamente i panni dei filosofi o degli ontologi e indossare i nostri indumenti comuni e con essi la griglia categoriale con cui comunemente organizziamo il mondo. Riteniamo che sia una peculiarit del nostro quadro concettuale comune quello di proclamare esplicitamente una concezione standard e in gran parte riduzionista della realt, ma dallaltra parte far emergere dai propri discorsi ben altro punto di vista: ci riferiamo infatti costantemente ad entit sociali, astratte, matematiche e via discorrendo. Quanti di noi, in una situazione comune, risponderebbero positivamente alla domanda se esiste qualcosa come le entit sociali? Crediamo che pochi lo farebbero. Eppure basta prestare solo un attimo attenzione a nostri discorsi per notare come si faccia costantemente riferimento e come le si manipoli in modo esperto questo tipo di entit. Sarebbe affascinante capire i motivi di questo doppiogioco ma la discussione ci allontanerebbe troppo dal motivo per cui abbiamo introdotto questo esempio. Rimaniamo quindi al fatto che, bench difficilmente inseriremo questo tipo di entit nel catalogo ontologico, in realt le teorie con cui comunemente rappresentiamo la realt le utilizzano. Sotto queste condizioni possiamo dire che IA rispetti il terzo princi-

159

pio ontologico. Lo schema argomentativo di IA ha il merito infatti di riconsegnare alle teorie un proprio piano oggettuale, evitando cio che i loro enunciati siano vuoti. Rispetto alle entit della matematica, nei nostri discorsi ricorriamo frequentemente a riferimenti a queste entit; IA ci permette allora di assegnare a questi discorsi un piano ontologico che ne costituisca una base solida. Destiniamo le ultime parole di questa sezione a considerare brevemente il lavoro svolto in relazione al metodo adottato. In ogni passaggio abbiamo cercato il pi onestamente possibile di mostrare i costi delle nostre scelte e delle diverse assunzioni (5). Contemporaneamente, di volta in volta stata fatta massima attenzione anche alla presentazione di tutte le nostre assunzioni (4). Non crediamo certamente che questo sia un elemento di originalit. Gi durante la discussione abbiamo, infatti, sostenuto come il rispetto di questi principi possa portare grande valore non solo alla filosofia, ma ad ogni discussione: siamo fiduciosi che il presente lavoro li abbia rispettati. In particolare ci sentiamo di dire che stata dedicata particolare attenzione a quei passaggi che, bench di grande interesse, per necessit pratiche, non sono stati approfonditi e lasciati invece da esplorare. Un altro esempio la discussione in [5.3] riguardo lindispensabilit della matematica e il suo ruolo seconda premessa della versione di IA di Colyvan. Abbiamo terminato quella sezione rilevando, infatti, lindispensabilit di quella tesi per la validit di IA non possiamo pensare un IA senza di essa ma senza nascondere che sia una posizione piena di difficolt. Le obiezioni a questa posizione, infatti, sono robuste anche se non conclusive e quindi crediamo, in ultima analisi, che il modo migliore per favorire la discussione sia non celare ma disporre ordinatamente i vantaggi e i costi in modo da dare a chiunque tutti gli elementi per scegliere se avallare o no questa posizione.

160

A questo punto, dopo aver discusso la consistenza dei risultati con i principi adottati, ritorniamo ad IA e al il suo rapporto con alla concezione non-standard.

6.3 Uno schema argomentativo a supporto della concezione non-standard

6.3.1

Un approccio ragionevole

Torniamo quindi a dove eravamo rimasti. IA rappresenta un argomento a favore dellontologia delle entit matematiche. Siamo arrivati a una formulazione minimale, di cui si possono distinguere quattro differenti versioni a seconda se si voglia utilizzare la nozione di giustificazione e che tipo di risultato che si vuole ottenere (realismo/platonismo). Se lecito esprimere una preferenza, la nostra va alla versione Realista-Epistemica (RE): [1] [2] [3] [4] Siamo giustificati a credere T sia vera M indispensabile a T T giustificato solo se M giustificato M vera

Il motivo della preferenza che riteniamo questa versione essere la pi minimale delle quattro. A differenza delle due versioni Nonepistemiche, infatti possibile fare a meno anche della tesi del realismo semantico. Il risultato un argomento che richiede poco pi del criterio dellimpegno ontologico e di quella dellindispensabilit

161

della matematica. Di conseguenza anche il risultato meno conclusivo: non arriviamo a provare lesistenza degli oggetti della matematica, ma ci limitiamo a provarne la verit. Riteniamo che ci, considerato tutto, sia un buon compromesso: rispettato il proposito di ridurre al minimo la distanza tra le premesse che lantirealista disposto a concedere e i requisiti minimi a cui il realista non vuole rinunciare. Fin dal principio non abbiamo fatto mistero di ritenere largomento conclusivo una chimera filosofica [2.1], e di essere convinti che il compito del filosofo, perch si faccia buona filosofia, sia quello di lavorare per un buon argomento, e per far ci dobbiamo prendere coscienza dei compromessi che lontologia (e in generale la filosofia) ci impone di affrontare. Per questo motivo crediamo di poter dire che lo schema a posteriori di IA, nella versione RE cos come nelle altre, sia un buon argomento: a partire da pochi presupposti, costituisce un approccio ragionevole al realismo delle entit matematiche.

6.3.2

Uno schema argomentativo generale: allargare lo sguardo


IA un argomento a posteriori a sostegno dellontologia della matematica e dal nostro lavoro possiamo dire che sia un buon argomento. Lo studio dellontologia della matematica non per il nostro obiettivo ultimo. Linteresse verso IA strumentale a un pi ampio discorso sulla concezione non-standard. Come fanno correttamente notare Panza e Sereni, IA un caso particolare di un pi generale schema argomentativo che giustifica

162

lapplicazione del criterio dellimpegno ontologico di Quine138. Questo criterio pu essere applicato quando si profili una situazione di questo tipo: [1] [2] [3] [4] Il discorso A sufficientemente strutturato per essere considerato una teoria, Abbiamo ragioni indipendenti per credere alla verit di A, Il discorso B ugualmente strutturato per essere considerato una teoria, Il discorso B indispensabile alla formulazione di A [5] Ne consegue la verit di B

Guardando questo schema argomentativo evidente come la matematica e le teorie scientifiche siano un caso ideale di applicazione. Tuttavia largomento dindispensabilit non va ristretto alla sola filosofia della matematica, ma pu essere considerato pi generalmente [] come uninferenza per la migliore spiegazione che traferisce levidenza da un insieme di enunciati ad un altro139. Marcus propone una distinzione tra argomento dindispensabilit inter-teoretico e intra-teoretico. Nel primo caso levidenza attraversa i confini delle teorie, nel secondo invece trasferita allinterno della teoria. Un esempio indispensabilit intra-teorica quella della giustificazione alla nostra credenza nellesistenza degli atomi. Noi non abbiamo esperienza diretta degli atomi, questi per ricoprono giocano un ruolo indispensabile nella teoria atomica140 la quale fa accurate predizioni che si estendono al mondo osservabile e ci
138 139 140

Panza-Sereni (2011), p.28. Marcus (2010). Ibidem, anche per virgolettati successivi.

163

conduce a una comprensione pi profonda del mondo cos come a future ricerche di successo. Secondo la teoria atomica allora gli atomi esistono. Invece IA che abbiamo discusso, trasferisce levidenza dalla scienza naturale alla matematica, pertanto un esempio del primo caso. Marcus spiega che possibile applicare lindispensabilit inter-teoretica anche in altre aree. Propone a riguardo un esempio divertente: si potrebbe argomentare che dovremmo credere nel campo gravitazionale (fisica) perch questo ineliminabile dalla nostra spiegazione del perch le zebre non volano via nello spazio (biologia)141. Rimane ovviamente aperta la discussione se e come le leggi della biologia possano essere ridotte a quelle della fisica, o se siano indipendenti; per resta che le nostre credenze nella fisica sono indispensabili alle altre scienze. Possiamo allora supporre di utilizzare questo schema per restituire un piano oggettuale a quelle teorie la cui esistenza delle rispettive entit controversa: non solo la matematica allora, ma la sociologia, il diritto, la biologia, leconomia, la letteratura. Questo il dato fondamentale cui volevamo arrivare e che compie il presente lavoro. Nel presente lavoro abbiamo mostrato la validit di IA nel caso particolare della filosofia della matematica, ma il risultato principale il successo dello schema argomentativo generale. Il corollario filosofico che lontologia decisa sulla base della corretta formulazione di teorie vere142: sono le nostre teorie che determinano, se verificate, la nostra ontologia. Questa non altro che la concezione non-standard che abbiamo voluto proporre e sostenere. Con il caso particolare di IA abbiamo mostrato la percorribilit di questa strada. Ancora una volta, non pu esser considerato un argomento
141 142

Ibidem. Panza-Sereni (2011) p.29.

164

conclusivo a favore della concezione non-standard, ma dimostra la ragionevolezza di una concezione che in principio pareva lungi dallesserlo. Vorremmo chiudere con unultima considerazione. Chi scrive consapevole dei limiti e delle criticit di questo lavoro, poich solleva forse pi dubbi di quanti n riesca a togliere. Non era inoltre n nelle intenzioni n nelle nostre capacit sostenere frontalmente la concezione non-standard; al tempo stesso per, la strada che abbiamo percorso non dovuta a un atteggiamento rinunciatario. Si scelto consapevolmente di entrare in un tema di tale fascino e complessit dalla porta di servizio, ingaggiandolo da un aspetto forse marginale, per portare un contributo che, anche se piccolo, aggiungesse valore allo scenario complessivo. Il meglio che auguriamo a questa tesi quindi quello di poter stimolare nel lettore il principio di una riflessione sui rapporti tra realt e teoria.

165

166

Riferimenti bibliografici
Azzouni 1997 J. Azzouni, Applied mathematics, existential commitment and the Quine-Putnam indispensability thesis, in Philosophia Mathematica, 5, 1997, pp. 193-209. A. Bagnasco, M. Barbagli, A. Cavalli, Sociologia, cultura e societ. I concetti base, il Mulino, Bologna 1997. A. Baker, The Indispensability Argument and Multiple Foundations for Mathematics, in The Philosophical Quarterly, Vol. 53, No. 210, 2003, pp. 49-67. J. L. Borges, Finzioni (1944), trad. it. F. Lucentini, Einaudi 2005. M. Colyvan, In Defence of Indispensability, in Philosophia Matematica, 6, 1998, pp. 39-62. M. Colyvan, Scientific Realism and Mathematical Nominalism: A Marriage Made in Hell, in Rationalitiy and Reality, 2006, pp. 225-237. R. Descartes, Meditazioni Metafisiche, trad. it. Sergio Landucci, Editori Laterza, Bari, 1997 (2005) P. Duhem, La thorie physique: son object et sa structure, Chevalier et Rivire, Paraigi, 1906, trad. it. La teoria fisica: il suo oggetto e la sua struttura, Il Mulino, Bologna, 1978. A. W. F. Edwards, The History of Likelihood, in International Statistical Review /Revue Internationale de Statistique, Vol. 42, No. 1 (Apr., 1974), pp. 9-15. H.H. Field, Science without numbers: A defence of nominalism, Blackwell, Oxford 1980.

Bagnasco-BarbagliCavalli 1997 Baker 2003

Borges 1944 Colyvan 1998

Colyvan 2006

Descartes 1641

Duhem 1906

Edwards 1974

Field 1980

167

Gibson 1977

Maddy 1992

Maddy 1995

Maddy 1996

Melia 2000

Searle 1996 Sellars 1956

Panza-Sereni 2011

Peressini 1997

Putnam 1971 Putnam 1975

Quine 1953

Quine 1981

J.J. Gibson, The Theory of Affordances, in R. Shaw & J. Bransford (Eds.), Perceiving, Acting, and Knowing: Toward an Ecological Psychology, Hillsdale, NJ 1977. P. Maddy, Indispensability and Practice, in The Journal of Philosophy Vol. 89, No. 6, 1992, pp. 275-289. P. Maddy, Naturalism and Ontology, in Philosophia Mathematica, vol. 3, 1995, 248-270. P. Maddy, Ontological commitment: between Quine and Duhem, Nos, Vol. 30, 1996, pp. 317-341. J. Melia, Weaseling Away the Indispensability Argument, in Mind New Series, vol. 109, No. 435, 2000, pp. 455-479. J.R. Searle, La costruzione della realt sociale, Edizioni di Comunit, Milano, 1996. W. Sellars, Empirismo e filosofia della mente (1956), trad. it. E. Sacchi, Einaudi, Torino 2004. M. Panza, A. Sereni, On the Indispensable Premises of the Indispensability Argument, IHPST, CNR Paris 2011. A. Peressini, Troubles with indispensability: applying pure mathematics in phisical theory, in Philosophia Mathematica, 5, 1997, pp. 193-209. H. Putnam, Philosophy of Logic, Harper and Row, New Youk, 1971. H. Putnam, Che cos la verit matematica?, in H. Putnam, Matematica, materia e metodo, tr. it. di Giovanni Criscuolo, Adelphi, Milano 1993, p. 80-98. W. V. Quine, Da un punto di vista logico, saggi logico-filosofici (1953), a cura di P. Valore, Raffaello Cortina Editore, Milano 2004. W.V. Quine, Theories and Things, Harvard

168

Raley 2007

Resnik 1995

Sober 1993

Valore 2008

Valore 2011 Van Inwagen 1998 Vineberg 1996

University Press, Cambridge (Mass.) 1981. Y. Raley, Ontology, Commitment and Quine's Criterion, in Philosophia Mathematica, 15, 2007, pp. 271-290. M. Resnik, Scientific VS mathematical realism: The indispensability argument, in Philosophia Mathematica, 3, 1995, pp. 166-174. E. Sober, Mathematics and Indispensability, in The Philosophical Review, Vol. 102, N. 1, 1993, pp. 35-57. P. Valore, Linventario del mondo: guida allo studio dellontologica, Utet, Torino 2008. P. Valore, Philosophy of Social Object, Italy, 2011. P. Van Inwagen, Meta-Ontology, Erkenntnis, 48.2, Marzo 1998, pp. 233-250. S. Vinebreg, Vol. Confirmation and the Indispensability of Mathematics to Science, in Philosophy of Science, Vol. 63, Supplement. Proceedings of the 1996 Biennial Meetings, University of Chicago Press, Chicago 1996, pp. 256-263.

169

170

Riferimenti sitografici
Abstruse Goose Abstruse Goose, World View, http://abstrusegoose.com/275, rilasciato sotto licenza Attribution-NonCommercial 3.0 United States (CC BY-NC 3.0), 2010. M. Colyvan, Indispensability Arguments in the Philosophy of Mathematics, in The Stanford Encyclopedia of Philosophy http://plato.stanford.edu/entries/mathphil -indis/, 16 maggio 2010. R. Marcus, Indispensability Arguments in the Philosophy of Mathematics, http://www.iep.utm.edu/indimath/#SH2c, 16 maggio 2010. D. Papineau, Naturalism, in The Stanford Encyclopedia of Philosophy, 2007, http://plato.stanford.edu/entries/naturalis m/ A. Sereni, Argomenti dindispensabilit in Filosofia della Matematica, in Aphex, portale italiano di filosofia analitica, 1, 2010, http://www.aphex.it/public/file/Content20 100621_sereniconpagine.pdf, 2010.

Colyvan 2011

Marcus 2010

Papineau 2007

Sereni 2010

171

172

Ringraziamenti
Vorrei confidare a te che stai leggendo un piccolo segreto ma se un po mi conosci, ci non ti suoner poi pi di tanto un segreto che questo che hai davanti non n il primo, n il terzo, e neanche lottavo attacco che ho iniziato a scrivere per questi ringraziamenti (in tutto cuore, credo di averne sperimentati, tra rifacimenti vari, almeno una dozzina); ma arrivato molto pi in l, un po per testardaggine, un po per disperazione, finalmente con quel retrogusto di appagamento dai contorni arrotondati che ci si aspetta da un attacco come si deve. Per ogni altro tentativo, la sorte stata sempre la stessa, quella di finire immancabilmente abbandonato a met, riletto pi e pi volte a voce alta e cancellato senza appello, per lasciare il posto donore ad uno nuovo, poi ad un altro, e un altro ancora, fino a questo, che per lo meno a riga tredici gi quat-

173

tordici, e quindi, in un modo o nellaltro, lattacco labbiamo scritto e possiamo andare avanti senza pi guardarci indietro. Arrivati a questo punto, il filo dei pensieri dovrebbe oramai stendersi velocemente e le parole venire senza sforzo, scaricate come sono dal peso della filosofia che hanno portato lungo tutto il tragitto compiuto, come le gambe indurite dalla fatica nel giro donore a fine gara. Cos non . Perch le gambe ancora tremano. Laurearsi non parlare davanti ad una commissione delle ore di sonno che sono diventate ragionamenti e pagine di tesi, e nemmeno la conclusione di un percorso di studio s, vero, poi c chi come me a questo percorso si cos affezionato da prolungarlo e prolungarlo e prolungarlo o comunque non solo questo. una di quelle strettoie della vita che, per esser attraversate, occorre rallentare, in alcuni casi addirittura fermarsi, e voltarsi per considerare il carico che siamo stati in grado di accumulare fino a questo punto, forse senza neanche rendercene conto. Non penso sia esagerato dire che il senso di una tesi di laurea sia anche quello di fornire lalibi per registrare il bilancio di persone, di fatti, di esperienze e ringraziare chi ha lasciato la sua impronta in questa prima parte ditinerario. Rimane giusto lo spazio per due ultime considerazioni. Per quanto ci si possa sforzare di non farlo, inevitabilmente quanto scriviamo siamo condizionati dal qui e ora. Ma va bene cos, non vedo lora di rileggere queste righe avendo passato tutto quello che sta per succedere. Per finire, i ringraziamenti non possono che essere sempre qualcosa di parziale, riduttivo, incompleto. Inutile dire che anche questi non fanno eccezione alla regola, tanto pi che ci troviamo a pagina centosettantaquattro di una tesi che verosimilmente in pochi () leggeranno. Qua di seguito ne scriviamo qualcuno, senza pretendere di dire tutto quello che ci sarebbe a dire, n di non di-

174

menticare nessuno, o di usare le parole giuste. Rimangano invece come promemoria, perch ogni giorno, ogni volta che si presenti, non si perda mai loccasione di dir grazie. Ringrazio il Professor Paolo Valore, che se la parte di questi ringraziamenti dovuta agli insegnamenti, ai corsi, agli spunti, agli appunti, (ai voti), allispirazione, ai consigli, alle correzioni anche molto pedanti grandissima, tuttavia piccola rispetto quella dovuta per la comprensione e la gentilezza, ma soprattutto per avermi fatto scoprire una filosofia che sarebbe poi diventata la mia filosofia, con una passione per linsegnamento capace di trasmettersi come passione per lo studio. Ringrazio la Professoressa Miriam Franchella per la disponibilit, i preziosi suggerimenti, la cordialit e la serenit contagiosa. Ringrazio il Dipartimento di Filosofia, cui la mia riconoscenza e gratitudine non va certo per i trecento crediti che sono riuscito a racimolare di qua e di l. Le idee pi belle qui le ho incontrate, mi hanno modellato, e ne porter sempre il segno di qualunque forma diventer. Ringrazio anche lUniversit statale degli Studi di Milano. Perch rifarei ancora le stesse scelte, cambiando forse tutto. La ringrazio e conserver un ricordo nostalgico della sua burocrazia, dellabbandono delle aule, dei bagni mal frequentati, delle biblioteche sovraffollate e rumorose, delle lezioni per terra e di quelle negli sgabuzzini, delle documentazioni che si perdono e spariscono, della segreteria di facolt (che dio li abbia in gloria), degli studenti fuori corso per scelta, perch ne han fatto uno stile di vita, degli ordinari evanescenti e degli assistenti con la schiena spezzata, degli orari che non sincastrano mai, ma davvero mai, dei questionari di valutazione, dei chiostri con sempre le stesse facce, delle matricole che

175

via via hanno iniziato a somigliare sempre di meno a me, della mensa, dei giornalini che non legge mai nessuno, del SIFA, che giurerei sia stato progettato dal demonio in persona. Per tutto questo e per tanto altro dico grazie. Ringrazio i miei genitori, Giovanni ed Elena, per avermi sempre supportato e guidato in tutte le scelte che ho fatto, anche le pi difficili, anche le pi rischiose, e per avermi lasciato sbagliare quando era il momento di farlo. Tante volte avete mi avete appoggiato, per altrettante volte non avete capito, ma non importato perch non di meno mi siete stati vicini; tante volte vi siete sacrificati, tante volte avete pagato per colpe che non erano vostre, tante volte avete pagato e basta; ma quello che voglio che rimanga scritto, che se siamo qua oggi perch avete fatto un lavoro straordinario e ne dovete essere orgogliosi: daltronde basta guardarmi ed ascoltarmi. Ringrazio mia sorella Sara, che col tempo ha perso l-ina, perch oramai gli anni son ventidue. Potrei fare una lista lunghissima del perch la ringrazio, ma finirei con il mancare il centro. Non sempre facile capirsi, e ascoltarsi, e so quanto pu essere difficile starmi intorno. Non siamo fatti di grandi gesti e slanci, non fa parte di noi, ma nelle piccole cose che ci rendiamo complici. Il pi grande onore stato poterti vedere da vicino crescere e diventar oramai una donna, e crescere a mia volta cercando di essere il miglior esempio da poter dare. Spero di esserci almeno un po riuscito. Ringrazio i miei nonni, Virginia, Teresina e Franco. a loro che pi di tutti dedico non tanto questa tesi, che sarebbe davvero troppo poco, ma tutti i miei sforzi per arrivare a ora. Sono i miei esempi di eroismo quotidiano e le mie radici pi profonde. Il mio desiderio pi grande renderli orgogliosi e so che anche per loro non ci sarebbe

176

regalo pi grande. Continuer a lavorare perch lo possano scartare il pi presto possibile. Ringrazio le mie zie, Daniela e Laura, i miei zii Mauro, Paolo e Tonino, e le mie cugine Giulia e Debora per esser sempre stati parte e partecipi, avermi dimostrato quanto bene mi volessero e anche un po coccolato. E prometto che questo inverno si va per davvero a sciare! Arrivo agli amici. Voglio ringraziare lLPG. Quando si sta su un materassino in riva al mare, se non si sta attenti, c il rischio di finire al largo in un battibaleno e perdere di vista il proprio ombrello, il proprio punto di riferimento. Sono stai anni faticosi, travagliati e a tratti dolorosi. Ne abbiamo passate tante, alcune molto belle e indimenticabili, altre meno, ma siamo ancora qua. Vi ringrazio perch a volte occorre prendere strade pi lunghe di altre, basta poi darsi appuntamento. Vi ringrazio perch siete gli amici di sempre, per sempre. Ringrazio Cano che il nostro schema su calcio dangolo calcisticamente larma pi devastante dopo i cross deliziosi di Orazio, Carlo che non vedo lora di creare tutta una linea di abbigliamento con i tuoi versi, Gallo che dobbiamo assolutamente portare avanti seriamente il nostro progetto pop, e non si scappa, e Vito che sono oramai ventanni che ti conosco e come mi fai ridere tu non mi fa ridere nessuno. Ringrazio i lumini, che di nota in nota siamo diventati una famiglia. Siamo diventati grandi assieme e suonare assieme ogni volta bello come lultimo giorno di scuola. Sono convinto che siamo bravi e siamo speciali e spero si siano altrettante note e di pi belle ancora da suonare. Ringrazio Paolo perch non pi solo un amico e un confidente, ma a tutti gli effetti un Maestro. Fabrizio che anche

177

pi vecchierello di me e rimane la nostra guida e la nostra saggezza, anche se deve imparare a suonar piano. Che la stessa cosa che vale poi per Fabrizio jr; ancora non ho capito da che parte sei atterrato, ma sei un pazzo scatenato con un talento smisurato. I Cinisello Boyz sono tanti, ma li voglio ringraziare di cuore. Innanzitutto lingegner Crippa, che mi deve dare ancora la liberatoria per pubblicare Cripfield e fare i milioni, e a cui va tutta la mia stima per aver saputo trasformare la fatica di inventar scuse in una arte sublime. E quindi Rossella, che basterebbe anche solo il fatto che stare con un albero, ma soprattutto per farmi sentire sempre un bambino tanto speciale. Fabrizio, che prima o poi devo convincerti a lavorare con me, che dobbiamo fare un sacco di cose, e la Betty, che una antipatica di prima categoria, ma ce la dobbiamo tenere e quindi le vogliamo bene lo stesso, Limu, non solo un amico, ma una vera leggenda planetaria, dallo stop di schiena alle tre ore e quaranta che ci metti per bere una piccola. Ringrazio Daniele, per i tuoi ricci, per come sai amministrare, controllare e finanziare, per le canottiere e per il tuo sorriso che risolve, anche seno?!?. Infine Vito, se fosse stato per te non mi sarei mai laureato, mai, dico davvero, mai. Ti ringrazio comunque perch mi tratti sempre troppo male ma solo perch mi vuoi sempre troppo bene, e ti scuso, perch ti voglio bene pure io. E come tu mi ha sempre spronato per tante cose, vorrei poterti ripagare facendo il tifo per te, per tutti i tuoi gol e per la tua incontenibile passione per larmonica a bocca. Ringrazio Accenture, per tutto quello che mi ha dato e insegnato, per tutto quello che mi ha tolto e fatto dimenticare. Ma senza quellopportunit difficilmente oggi sarei qui. Ringrazio oggi pi che mai Orange, perch meno di sei mesi fa la mia vita ha iniziato a cambiare, e mi piace il modo in cui lo sta fa-

178

cendo. Per questo ringrazio in particolare la mia compagna di banco Gaia, che non mi fa concentrare mai, ma mi fai anche tanto pensare; Claudio, per la fiducia che mi stai dando e che voglio ripagare, e per tutto che dobbiamo fare; e Dino, per essersi fidato e aver perso, a suo bene, una piccola scommessa e averne accettata subito unaltra (un anno, s, ho detto un anno), per accogliere con benevolenza i miei messaggi agli orari pi inappropriati, per sapermi ascoltare ed esser stato comprensivo come non avrei mai sperato, e perch il meglio deve ancora venire, questo sicuro. Poi, non so se ve lho gi detto, ma cintura arancione di jiu jitsu. Voglio ringraziare il Collegio di Milano perch rappresenta i tre anni pi intensi, formativi e stancanti della mia vita. Gli ho dato molto, ho ricevuto tanto, e forse stato un mio errore essermene aspettato troppo. Il collegio un posto di persone, di relazioni, e per queste che lo voglio ringraziare. Sono tante, tantissime, alcune occasionali, altre solide e che mi accompagneranno ancora a lungo; allinterno di queste poi, ce ne sono alcune davvero speciali. Ringrazio Giuseppe per le enlightening discussions, per condividere tante passioni, per avermi fatto dormire per terra e soprattutto per avermi mostrato cosa significhi essere davvero splendido. Ringrazio anche Aurelio e Claudio, per tutte le birre e i discorsi e le birre e poi altri discorsi, che si finiva sempre a pugni sul muro. Quando si lontani tutto pi complicato, ma sono certo che il futuro si divertir a far intrecciare ancora le nostre strade. Ringrazio Emanuele Seghetti per il supporto bibliografico. Ringrazio Raffaele, per avermi insegnato il vero significato della sincerit, della fiducia e dellamicizia. Non ti ringrazier mai abbastanza. Spero solo di potermi sdebitare un giorno.

179

Ringrazio Federico, Francesco, Giuliano e Matteo, perch un po abbiamo scherzato, ma adesso ora di iniziare a fare sul serio, e non riesco a immaginare persone migliori con cui farlo. Un ringraziamento speciale va a Giulia, che assieme ne abbiamo abbastanza viste di tutte colori. Con te ho condiviso i momenti pi belli e molti di quelli pi brutti. Non sempre stato facile, anzi, il pi delle volte molto complicato. Laugurio che faccio per noi di lasciarci il tempo per riposare e capire. Ringrazio Fanny, senza aggiungere nullaltro. Parliamo troppo, anche se non ne avremmo bisogno. E certe cose, ma non vogliamo ammetterlo, rimarranno per sempre. Ringrazio Enrico; vorrei scrivere cose belle come quelle che mi hai scritto tu, ma non so da che parte cominciare. Parto allora dal finale. Avremo fatto una strada lunghissima, faticosa, ma saremo stanchi, soddisfatti e felici. Questo vuol dire che non siamo che allinizio. E ringrazio anche Federica, che poco conosco, ed come se non avessi visto che il pianerottolo, ma la tua dolcezza mi ha gi conquistato. Ringrazio Elisabetta, perch se sono riuscito a laurearmi a lei va gran parte del merito. So che questi ringraziamenti non saranno riscossi, ed giusto che sia cos, ma voglio scriverli comunque, perch il minimo che possa fare. Dovrei dire grazie per migliaia di cose, forse anche qualcuna di pi, ma ne scelgo intanto una. Delle cose che sono, quelle buone me le hai insegnate tu, con lintelligenza, la dolcezza e la pazienza che sono tue. Ma non mai troppo tardi per dire grazie. Sono stati due anni crudi, duri, da custodire per. Questi due anni chiamano quindi dei ringraziamenti speciali. Ringrazio Chiara e Paolo. Li ringrazio assieme perch assieme mi hanno dato forza e

180

amicizia com difficile chiedere, e ancor di pi ottenere. Ringrazio Chiara per essere la miglior padrona di casa che abbia mai provato, per la premura, la saggezza precoce e i consigli di notte, e per le traduzioni che presto avr modo di godermi. Ringrazio Paolo per il suo accento, per i suoi principi, e i suoi proverbi, per non rispondere mai al cellulare, per le sue manie buffe, per i telefilm, ma soprattutto per capirmi, rispettarmi e sapermi parlare. Ringrazio finalmente Loretta. Per la maggior parte del tempo sei stata solo voce, qualche pixel traballante e poco altro, ma mi hai ascoltato quando cera da ascoltarmi e mi hai parlato quando cera da parlarmi. Se sono rimasto a galla merito tuo. Se posso anche portare a stampare questa tesi merito tuo. Se da gioved la strettoia finita merito tuo che mi ci ha condotto fuori. Perch non bastata unintelligenza mondiale, e temo non baster anche in futuro. Non un debito che si ripaga in poco tempo, ma di quelli che ci vuole tutta una vita. Sar un onore e un privilegio poterlo fare. Rimane solo un ultimo ringraziamento e lo voglio tenere per me. Riga dopo riga, passo dopo passo, giorno dopo giorno, anche quando sembrava tutto superfluo, fino ad arrivare fino a qua. Avrei tantissime cose da scrivermi, ma sufficiente questo. Mi voglio ringraziare perch lunico regalo che vale davvero la pena di ricevere: ritrovare se stessi. Dedico questo lavoro a chi non c pi, a chi rimasto, a chi ci sar.

181