Sei sulla pagina 1di 4

Mondo antico Evento

1450 Rivoluzione della stampa 1450 Gutemberg inventa il Torchio tipografico a caratteri mobili e stampa la Bibbia

1550

1600 Prime gazzette (Anversa, Augusta, Strasburgo) Un decennio dopo anche a Amsterdam, Parigi, Vienna e Londra

1639 Prima Gazzetta genovese

1660 Primo Giornale a Lipsia TESTATA: Notizie fresche degli affari della guerra e del mondo

1665 Francia: Journal de Scavants a Parigi, rientra nella politica culturale di Re Sole: ragguaglio settimanale sui libri che si pubblicano in Francia

1668 Italia: Giornale dei letterati

Situazione:

Comunicazione parlata e visiva Comunicazione scritta (latino) riservata alla politica Successivamente, si scrive in latino e poi in volgare

In Europa: 100 mil di abitanti e 13 mila libri. Produzione in eccedenza di libri Rivoluzione sociale: si creano nuove professioni legate alla stampa Analfabetismo ancora molto diffuso

Gazzette: Giornali VENDUTI, il termine indica il prezzo. Formato B5 (15x23) 2 colonne, 2 o 4 pagine. No cronaca, si informazioni sugli avvenimenti e su fatti politici. Notizie scarne senza commenti (qualche illustrazione). Il gazzettiere non ha nessuna libert politica ma pu romanzare. - Senza titolo Notiziario locale Qualche notizia dall'estero - Frequenza 20 giorni Sovvenzioni, agevolazioni e monopolio dellinformazione politica Caso esemplare in Francia (Luigi XIV): La Gazette pubblicata a Parigi nel 1631 per volere di Richelieu Il compilatore Theophraste Renaudot che la arricchisce con supplementi dedicati ad eventi particolari e annunci commerciali

Giornali Periodici per i ceti colti. A differenza delle Gazzette, sono il frutto del lavoro sinergico di esperti che commentano i libri ed estensori che scrivono articoli

Gazzette: 8 pagine, frequenza bisettimanale, primi abbonati

Censura: Allinizio del Seicento: Numerose bolle papali emanate contro i gazzettieri Alla fine del Seicento e nella prima met del Settecento 1691 un bando accomuna i gazzettieri a giocatori, biscazzieri, meretirici e donne disoneste che vanno in carrozza aumenta la censura e si inventano altri interventi: il diritto di bollo che leditore deve pagare su ogni copia stampata

1702 Evento DailyCurrent (Londra) Primo giornale politico dura 33 anni Contenuti simili a un quotidiano moderno Diffusione favorita dallavvio del servizio postale

1709 Inghilterra: Prima legge sul diritto d'autore

1750 INGHILTERRA: Spectator: Si prefigura come un club virtuale dove sono coinvolte varie figure professionali che discutono di argomenti sociali diversi USA: Boston Newsletter di J. Campbell Boston Gazete di William Broker E in concorrenza: New England Current di James Franklin (senza autorizzazione, stile audace, informazione+satira+intrattenimento. Introduce il giornalismo d'inchiesta) Pensylvenia Gazzette (Philadelphia) di Benj. Franklin: Giornalismo di massa, con logo e vignette umoristiche

1760 Italia: Gazzetta Veneta di Gaspare GOZZI

1764 ( 1766) Il Caff a Milano (17641766) con Pietro e Alessandro Verri e Cesare Beccaria un foglio di stampa che si pubblicher ogni 10 giorni conterr Cose varie, disparatissime, inedite, fatte da diversi autori, dirette alla pubblica utilit Con ogni stile, che non annoi - riferimento per illuminismo, con toni cosmopoliti

1765 USA Rottura politica con GB, viene introdotta la tassa sull'informazione. Giornalismo politico per protesta (Tom Pain inventa il giornalismo di battaglia che invita a ribellarsi)

1776 USA Dichiarazione di indipendenza di Benj. Franklin LIBERTA' DI STAMPA IN USA

1789 FRANCIA (ITA) Rivoluzione francese

1796 ITA Napoleone in italia

Situazione:

Inizio '700 in ITALIA: Venezia e Roma i centri del giornalismo: Venezia il centro del commercio e roma il centro della cristianit Per lo pi ancora Gazzette

1789 DALLA RIVOLUZIONE FRANCESE Viene sancita la libert di stampa In Italia aumenta la diffusione e il numero dei lettori (grazie ai gabinetti di lettura) Nasce il giornalismo politico e si forma lopinione pubblica Le notizie sulla rivoluzione e gli eventi francesi si diffondono ampiamente Questa tolleranza si perde: A Milano nel 1790 il Consiglio di Governo ha la facolt di proibire qualsiasi pubblicazione Giornali di contrabbando francesi (Genova testa di ponte) e la Gazzetta di Lugano diretta da Giuseppe Vanelli

1796 1799 triennio revoluz. NAPOLEONE sulla sua scia esplode una grande fioritura di giornali Di qui partiranno i giornali e gli scritti di ogni genere che infiammeranno lItalia, dove la tensione al massimo Napoleone assicurava la LIBERTA' DI STAMPA IN ITALIA ma nel 97 stabili la consegna preventiva di 12 copie di ogni periodico e istitu un BOLLO

Inizio '700 in USA: Boston culla della comunicazione di massa: societ democratice, prosperit economica e porto. Prima i centri sono i CafHouse, poi si spostano nelle stazioni di posta (John Campbell il primo mastro, e fonda il Boston Newsletter)

Milano: nascono circa 40 giornali Genova: circa 20 Venezia, Roma e Napoli: circa 10 Compaiono i primi fogli quotidiani Nasce il giornalismo politico: spazio anche alle notizie italiane Temi dominanti: libert di stampa e movimento patriottico rivoluzionario

Pagina 1 di

Evento

1800 1803 Napoleone libera liguria, Decreto che sancisce la piemonte e lombardia CENSURA PREVENTIVA dagli austriaci ed entra trionfante a Milano

1806 Duplice incoronazione di Napoleone (1805 imperatore di Francia e 1806 re d'Italia)

--> 1812

DITTATURA Situazione: Le autorit impongono il BILINGUISMO censura in base a offese alla morale, religione di stato, ordine pubblico, rispetto delle forze di governo e delle autorit

Decreto FINE CENSURA Regime severo, tutti i giornali sono simili e seguono lo stampo francese Limite di un giornale per dipartimento, Crescono i periodici specializzati in economia, scienze, nascono giornali femminili. Nascono figure professionali Introduzione della stenografia Cresce il formato dei giornali: A3 (40x26) GIORNALE ITALIANO di vincenzo Cuoco: promuove l'orgoglio nazionale CORRIERE MILANESE di Francesco Pezzi

1813 1814-15 - Risorgimento Sconfitta di Napoleone a Lipsia CONCICLIO DI VIENNA (stabilita l'alleanza tra trono e corona) 1814 Lo zar di russia Alessandro I gli impone l'abdicazione totale (a favore dei Borboni) AUSTRIACI IN ITALIA 1816: Austriaci Promuovono a Milano la: BIBLIOTECA ITALIANA con lo scopo di attirare gli intellettuali. Direttore: Acerbi (Foscolo e Monti non accettarono)

1820 Moti Mazziniani

1820 Fallimento dei moti mazziniani Falliscono perch la gente non sa e non conosce

1818: alla Biblioteca Italiana si contrappone IL Cominciano a proliferare CONCILIATORE. quotidiani clandestini che Primo giornale di opposizione, fondato da giovani provocano insurrezioni che accolgono i grandi al loro interno (msg: c' posto per tutti) Espressione della generazione romantica Compilato da DeStael, Pellico e Borsieri, Berchet, Primo giornale Governativo, ha Confalonieri. l'intento di determinare consenso Nasce in una MILANO post-revoluzionaria e ha e di influenzare l'opinione statuto proprio: pubblica, dare aria di - vuole conciliare la vecchia e la nuova generazione indipendenza. - aspira ad un nuovo stato moderno, democratico e Giordani fa pubblicare Madame de libero (dall'Austria) Stael manifesto del - frequenza bisettimanale romanticismo - vengono scelti articoli che riscuotano consensi Percepito dal governo come MINACCIA e sottoposto a continua censura

Anni 20 e 30 in Italia: prodotto molto limitato: TROPPO ANALFABETISMO

Evento

1830 USA: NASCE LA PENNY PRESS

1833 New York Sun Fondato da Benj. HEINE - l'uomo al centro della notizia - Penny press (grande diffusione) -Comparsa della pubblicit (che copre i costi) - CRONACA LOCALE che introduce al -- GIORNALISMO D'INCHIESTA: il giornalista non passivo, ma esce dalla redazione per cercare la notizia. Compaiono le "bufale giornalistiche"

1835 New York Herald Fondato da BENNET Si stravolge il modo di intendere il concetto di NOTIZIA: --> capacit di capire cosa interessa al pubblico Bennet: editore, direttore, reporter e impiegato. Scopre il senso della notizia: precursore del MIELISMO (notizie frivole e importanti) - giornale rivolto a tutti, prevalentemente ceto medio - inventa ed. straordinare e ed. della domenica. - nel 1845 pubblica una illustrazione a tutta pagina. - incrementa due filoni: CORRISPONDENTI (fissi in altre sedi) e il GIORNALISMO D'INCHIESTA

1837 TELEGRAFO

1848 ITALIA: STATUTO ALBERTINO Carlo Alberto di Savoia Decreta la libert di stampa

Situazione:

Gli americani sono all'avanguardia, sono i maggior produttori di testate. Centro della diffusione e NewYork Le innovazioni portano nuovi giornali (NewYorkSun e NewYorkHerald) Compaiono gli strilloni Cambia il formato il TABLOID

In America c' un notevole sviluppo dell'editoria per: -- diffusione dei giornali -- capacit di produzione (fondi economici) -- grande alfabetizzazione e scolarizzazione delle masse. Cultura e masse entrano nell'economia e nella politica

Non una libert di stampa assoluta, ci sono dei limiti e delle zone d'ombra: -- obbligo di mettere il nome del tipografo e l'anno -- introduzione del GERENTE RESPONSABILE che firma -- i giornali dovevano essere quotidianamente presentati alla polizia

Pagina 2 di

Evento

1850 ~ 60 Milano: - gazzetta di milano (di Sonzogno) - La Lombardia - Il Pungolo (Leone Fortis - 4 pag di successo) - La Perseveranza, politico e moderato

Firenze: 1859: La Nazione (Ricasoli) Roma 1861: Osservatore Romano Torino 1861: La Stampa

1861 UNITA' D'ITALIA (Regno di Italia. Vitt. Emamuele II di Savoia)

1866 Milano: IL SECOLO (di Sonzogno) (di sinistra) - Politica (3 guerra di indipendenza): slancio patriottico - Informazione: poteznziamento cronaca locale - Variet: Romanzi a puntate Foilletton Primo giornale pre-industriale Figure: osservatori politici, esperti di guerra disegnatori. Impiego del telegrafo per i corrispondenti

1876 Per la prima volta, vince le elezioni politiche la Sinistra storica, che sale al governo dopo 15 anni ininterrotti di governo della Destra Storica. Primo ministro Agostino Depretis.

1876 Milano: CORRIERE DELLA SERA (di Eugenio Torrelli Voiller) Rivolto alla borghesia moderata, di centro. E' un prodotto dell'intelletto e dell'industria, e fatica a rimanere aperto. BENIGNO CRESPI, imprenditore, crede nel giornale e lo finanzia, snaturandolo poich non pi "puro". (a differenza dall'America, dove industria non finanzia l'informazione) nel 1882 Fine precariet

1882 DEPRETIS abolisce i giornali ufficiali e revoca loro l'appalto di pubblicazione delle leggi.

Dal 1887 1898 Primo ministro: CRISPI il governo guidato da Antonio di Rudin proclam Clima repressivo sulla lo Stato d'assedio e il libert di stampa, anche generale Bava Beccaris grazie al nuovo CODICE reprime e chiude decine di Si serve dei giornali PENALE ZANARDELLI testate. come stromento di (1889), che pur (usa cannoni a milano, potere accogliendo i principi dello facendo strage) statuto, non evita l'inasprirsi dei controlli di Cessato lo stato di i FONDI per il controllo dei giornali non sono solo polizia, dei sequestri di emergenza i giornali governativi, ma iniziano testate ritenute interdetti riprendono ad arrivare anche da sovversive. l'attivit. banche, immobiliari e affaristi. 1896: AVANTI! giornale Nuovo governo: primo min: socialista PELLOUX

Situazione:

Italia un paese agricolo; divario tra pianura padana e sud. -industria debole, trasporti lenti - malcontento generale e lotte politiche - cambia la figura del giornalista: colui che esercita una professione e percepisce uno stipendio - le notizie arrivano attraverso la stampa estera e le AGENZIE DI STAMPA. 1853 CAVOUR instituisce la "STEFANI"

Governi: 1891: Di Rudini 1892: Giolitti (primo governo) 1893: Crispi (II) 1896: Di Rudini (II) 1898: Pelloux

Pelloux restringe le pubbliche libert e aggrava le pene per i reati dei periodoci. - estende la responsabilit penale all'autore e quella civile allo stampatore - facolt all'aut. Giudiziarie di sospendere i periodici per 3 mesi. - istituzione del reato civile per notizie tendenziose. Perde elezioni nel 1901, battuto dalla sinistra storia

1900 Evento Situazione: Giornali: - Corriere della Sera: Muore Torrelli Voiller e il nuovo gerente ALBERTINI - il Secolo (Sonzogno) - La Tribuna (Roma) spariscono i fogli pi deboli Nuovo giornale del '900: - formato grande (5 colonne) - 6/8 pagine - alcune volte alla settimana - Direttore: monarca assoluto Argomenti: - cronaca cittadina, cronaca giudiziaria, notizie teatrali, notizie sportive - si riconosce il ruolo degli inviati speciali. Modelli: Times, LeMatin, Temps (seri e seriosi, in prima pagina solo politica espunto culturale)

1906 Governo Giolitti (III) Viene interdetta la possibilit di sequestro preventivo. Giolitti, indebolito dagli attacchi del Corriere, riprende i metodi di controllo della stampa Meno intimidatori, ma basati sulle sovvenzioni governative

1910 Destra storica al governo Viene costituita l'ASSOCIAZIONE NAZIONALISTA ITALIANA (anche D'Annunzio) La STAMPA NAZIONALISTA nega la democrazia, criticando l'Italia "pacifista e meschina" 1911: Governo GIOLITTI fino al 1914

1914 Governo Salandra (dx) Proclama la NEUTRALITA' nell'imminente scontro tra Francia-Russia contro Germania-austria (alleati) la stampa ha peso nello scontro tra Neutralisti e interventisti. Nel 1914 MUSSOLINI (direttore dell'Avanti dal 1912) fonda il POPOLO D'ITALIA (area interventista del PSI)

1915 Prima Guerra Mondiale L'avanti! Condanna la guerra tra le potenze con incertezza Corriere interventista Decreto 23/31915 vieta qualunque notizia di argom. Militare Decreto 23/5/1915 vieta qualunque notizia politica al di fuori dei comunicati ufficiali Gen. Cadorna: gli inviati non possono entrare nelle zone delle operazioni mil. CENSURA: prende di mira i giornali SOLCIALISTI (Avanti!) che sono messi al bando. FASCISMO: si formano i FASCI di Interventisti che combattono il socialismo Notizie schematiche: tentativo di ridurre l'eco delle parole di Benedetto XV. Si polemizza contro i fogli cattolici, si minimizza la disfatta di caporetto per tranquillizzare l'opinione pubblica. - GIORNALETTI PER SOLDATI

Pagina 3 di

Evento

1919 - Dopoguerra 1919: Fine Gov Orlando e trionfo dei Socialisti Nazionalisti (Gov. NITTI - PRadicale) Mussolini fonda i FASCI DI COMBATTIMENTO Aumento delle tirature grazie alla pubblicit Restrizioni e aumento dei costi di produzione Concessione a raddoppiare il prezzo ingresso dell'industria tra i finanziatori Corriere e Stampa

1920 Governo GIOLITTI

1922 MUSSOLINI RICEVE L'INCARICO DI FORMARE IL GOVERNO REGIME FASCISTA LA LIBERTA' DI STAMPA NON ESISTE PIU' Mussolini scrive sul Popolo d'Italia 3 articoli su: - Gerenza - Sequestri - Censura Istituisce il SINDACATO FASCISTA DEI GIORNALISTI che si oppone alla FNSI (Federazione Nazionale della Stampa Italiana)

Situazione:

Sedi dei giornali subiscono ASSALTI di SQUADRE FASCISTE lo stato TACE: non vuole rinunciare allo strumento di controllo sulla stampa (Fondi segreti del Min degli Interni) Governo boccia la riforma Modigliani per rendere pubblici i finanziamenti

1924 Delitto Matteotti (PSI) Nasce L'UNITA' per volere di GRAMSCI. Diretto da OTTAVIO PASTORE. Nasce L'ISTITUTO LUCE

1925 MUSSOLINI Instaura la DITTATURA: arresti di massa

DEVE: 1. mettere a tacere il CORRIERE --> Diffida Albertini e i f.lli Crespi fanno cadere il contratto 2. Sospende la STAMPA ocn un pretesto (e Salvatorelli se ne va) 3. impossessarsi della FNSI

GIORNALI FILOFASCISTI: CORRIERE - IL SECOLO - GIORNALI D'ITALIA QUOTIDIANO FASCISTA: IL POPOLO D'ITALIA Molti stampatori credono nella rigidit del fascismo come soluzione ai disordini. MUSSOLINI appoggiato dalla Stampa Cattolica 1926: FASCISTIZZAZIONE TOTALE istituzione del GRAN CONSIGLIO del FASCISMO - SOLO I FIDUCIATARI DI Mussolini diventano Direttore Responsabile (al Corriere: Croci, Ojetti, Maffii). - il SECOLO viene chiuso - tatto con la Stampa Cattolica (che appoggia il regime) - Conciliazione Chiesa-Mussolini - Uniformit culturale - aumenta la cronaca nera la STAMPA ha la missione di modellare lo spirito fascista e aumentare il consenso. (crescce il divario con la stampa dei paesi pi moderni) 1930 ARRIVO DELLA RADIO - Mussolini ha il monopolio dell'EIAR (ne percepisce le possibilit, ma privilegia la stampa) - i messaggiradiofonoci diventano appuntamenti regolari (notiziario delle 20). - Istituisce una commissione di vigilanza per verificare l'ufficiosit e la correttezza delle informazioni. - Pone il genero Galeazzo CIANO a capo del controllo su giornali, radio e cinema - modello tedesco - INTRODUZIONE DEL ROTOCALCO

i giornali liberali Corriere e Stampa denunciano le contraddizioni interne del Fascismo, diviso in MODERATI e OLTRANZISTI

Evento

1933 - 42 1933: Discorso del Duce al sindacato dei giornalisti che devono essere un blocco solo. 1934: nasce IL BERTOLDO di Rizzoli 1937: il ministero diventa della CULTURA POPOLARE (MIN.CUL.POP) 1939: - Primato del CORRIERE - IL TEMPO (Mondadori) da alle imagini una funziona formativa: nasce il FOOREPORTER

1943 25/7: IL GRAN CONSIGLIO DEL FASCISMO DESTITUISCE MUSSOLINI E LO FA ARRESTARE --> GOVERNO GENERALE BADOGLIO. Sgomento tra i giornali: - Morgagni (Presidente della STEFANI) si toglie la vita - Ultimo numero del Popolo d'Italia viene bloccato dal prefetto - il CORRIERE scrive: difficile fare un giornale, dopo che per 20 anni stato dettato. - I nuovi direttori sono uomini meno compromessi al Corriere: JANNI (liberalconservatore) - Mussolini (liberato dai tedeschi) parla da Radio Monaco ed annuncia la costituzione del Partito fascista repubblicano

Situazione:

Evento

Situazione:

1944 il PWB (Psychological Warfare Branch) organismo del Governo militare angloamericano incaricato della gestione dei mezzi di comunicazione. Gli accordi erano: - la sospensione della libert di stampa: tutte le iniziative a stampa sarebbero state soggette ad autorizzazione del Comando alleato; - la cessazione di tutti i giornali compromessi col fascismo: gli stabilimenti sarebbero stati sequestrati in attesa dell'epurazione. - Costituzione della RAI (26/04/1944) - ANSA

1945 EPURAZIONE della Stampa. Potevano stampare le testate che davano segno di un taglio netto con il passato. Molti giornali cambiano nome (Corriere della sera in Corriere d'Informazione) Fine del Governo Militare, al governo, prima PARRI e poi DEGASPERI scelti dal CLN

1946 FINE DEL PWB

1947 ART. 21 DELLA COSTITUZIONE: LIBERTA' DI ESPRESSIONE

1948 LEGGE 47 PRIMA LEGGE SULLA STAMPA

Pagina 4 di