Sei sulla pagina 1di 9

M ITALO SCROCCHIA, CELLULARE 3283892818- E-MAIL: wtkapuglia@live.

it

WTKA ITALIA KICKBOXING

REGOLAMENTO LIGHT CONTACT E KICK LIGHT


STATUS DELLATLETA Gli atleti di Kick Light con il tesseramento accettano in toto lo Statuto ed i Regolamenti della stessa. Essi si impegnano altres (su richiesta della Federazione) a mettersi a disposizione della stessa per l'effettuazione di gare di interesse federale a carattere regionale, interregionale, nazionale e internazionale. fatto obbligo a tutti gli atleti di presentarsi alle gare con il Passaporto Sportivo debitamente rinnovato, indicante il grado di cintura e con il certificato di idoneit alla pratica sportiva rilasciato da un centro di medicina sportiva, pena lespulsione dalla competizione. LUOGO DI GARA ART. 1 - Il luogo di gara dovr essere una superficie quadrata da un minimo di 6 ad un massimo di 8 metri di lato. La superficie dovr essere piatta e liscia, costituita di legno o materiale plastico o gommoso, non delimitata da corde. Se il combattimento avviene su di un ring, la superficie deve essere costituita da legno o materiale plastico o gommoso ricoperto di feltro e da un telo teso fino alla estremit dei bordi. Le corde dovranno essere quattro e tirate da tiranti collegati ai

pali. Le corde dovranno risultare orizzontali e sullo stesso piano. Le corde saranno avvolte per intero di stoffa liscia o di materiale equivalente. Possono essere collegate verticalmente mediante due strisce di tela forte collocate al centro di esse. I pali saranno imbottiti sulla sommit e in tutta la parte che sovrasta la corda superiore del quadrato. I pali possono essere di metallo o altro materiale. Comunque il ring deve essere del tutto simile per dimensioni e conformit a quello in uso nel pugilato. ABBIGLIAMENTO DEI COMBATTENTI ART. 2 - Gli atleti di Kick Light dovranno presentarsi alle gare federali muniti della divisa regolamentare, composta da pantaloncini e da una T-shirt. Gli atleti di LIGHT CONTACT dovranno invece indossare pantaloni lunghi che arrivino fino all'altezza del parapiede. L'uniforme pu portare il nome del club o dello sponsor del club, dovr essere pulita, non scucita e non strappata. ART. 3 - Gli atleti dovranno presentarsi al combattimento con tutte le protezioni indossate. Gli atleti indosseranno sotto i pantaloncini una conchiglia di materiale resistente. Il paratibia o il paratibia/calzare non pu contenere anime dure di plastica o di metallo, deve coprire almeno i tre quarti della parte dorsale del piede. Il paratibia il calzare o il paratibia/calzare dovranno essere di pelle, similpelle o plastica, morbida e liscia. Non consentito lutilizzo di paratibia o paratibia/calzare in stoffa. Le donne (dai 15 anni in su) dovranno portare il paraseno. Sia i maschi che le femmine dovranno portare obbligatoriamente il casco protettivo da gara (senza parazigomi). Per le categorie Baby e Speranze consigliato il caschetto integrale, con grata (facoltativo). obbligatorio per tutte le categorie indossare il paradenti. I guantoni dovranno essere a mano chiusa da 10 once, di pelle, similpelle o plastica, morbida e liscia, con imbottitura uniforme distribuito sul dorso e al livello del polso. I guantoni generalmente saldati ai polsi da materiale elastico protetto da pelle liscia, potranno ulteriormente essere assicurati alle mani da un giro di cerotto ma non di scotch o altro materiale plastico. L'arbitro dell'incontro, a suo insindacabile giudizio, ha sempre la facolt di ordinare la sostituzione dei guantoni nel caso risultassero troppo deteriorati o irregolari. Gli atleti hanno la facolt di provvedere al bendaggio alle mani. Esso potr essere formato da una garza oppure da una benda elastica della lunghezza di m. 2,50 e larghezza cm. 4,5.

Le garze o le bende debbono fasciare leggermente la mano ed essere fissate con opportuni accorgimenti perch non fuoriescono dai guantoni. E assolutamente vietato indurire il bendaggio oppure applicarvi fermagli, spille o unguenti. Le protezioni dovranno portare ben visibile il logo della ditta produttrice, e in ogni caso si possono utilizzare in gara solo materiale omologato Ogni atleta che si presenti sul quadrato non in regola con le norme degli art. 2, 3, 4 e 5 avranno un minuto e mezzo (90 secondi) di tempo per ovviare. Trascorso tale tempo se latleta non si ripresenter sul quadrato in ordine, verr squalificato. ART. 4 - Gli atleti avranno cura di tagliarsi le unghie dei piedi (pena l'allontanamento dalle competizioni). fatto divieto portare alcun oggetto metallico (catenine, orecchini, orologi, occhiali ecc.) che possono causare ferite a se o all'avversario. GARA ART. 5 - Il tempo di gara per le categorie baby e speranze di 2 riprese da 1,5 minuti con un intervallo di 1 minuto, in caso di parit verr effettuato un tempo supplementare (extraround) di 1 minuto finali comprese. Mentre di 2 riprese da 2 minuti ciascuna, con un intervallo di 1 minuto per tutte le altre categorie, per le finali 3 riprese da 2 minuti ciascuna, con un intervallo di 1 minuto. Se due atleti terminano l'incontro in parit, verr effettuato un tempo supplementare (extraround) di 1 minuto per le finali di 2 minuti. Nel caso gli atleti finissero nuovamente in parit, verr data la preferenza. Il tempo di gara potr essere modificato in base a esigenze organizzative e comunque comunicato prima dell'inizio del torneo. ART. 6 - I combattenti si fronteggeranno in piedi separati da circa due metri, al centro del quadrato di gara, e si scambieranno il saluto inchinandosi o toccandosi i pugni in segno di stretta di mano. Il combattimento potr iniziare subito dopo l'annuncio da parte dell'arbitro centrale di "Combattimento!" o " Fight!". Nelle gare a squadre gli atleti si saluteranno allo stesso modo e all'unisono. ART. 7 - Nella gara di Kick Light, si pu attaccare solo lo parte frontale e laterale del tronco e del viso, con colpi di pugno e di calcio. consentito attaccare le cosce dellavversario solo con calci circolari, con traiettoria interna o esterna. Ossia vietato attaccare la coscia con calci frontali o laterali o con qualunque altro tipo di calcio. Ogni tecnica di pugno e di calcio che tocca il bersaglio

deve essere controllata. Nella gara di light contact invece i calci dovranno essere portati AL DI SOPRA DELLA CINTURA. Al di sotto della cintura consentita solo la spazzata esterna. ART. 8 - Le spazzate vanno effettuate a favore dellarticolazione. Le spazzate sono valide solo se non sono al di sopra della caviglia (malleolo) e chi le esegue non tocca terra che con i piedi (non valido nessun altro tipo di appoggio a terra). Si considera atleta atterrato un atleta che tocchi terra con qualsiasi parte del corpo (fatta eccezione dei piedi). ART. 9 - Un incontro di Kick Light o light contact non pu terminare in parit. In caso di parit, il giudice dovr dare la vittoria ad uno dei due contendenti per preferenza in base ai seguenti criteri: -MIGLIOR TECNICA DI GAMBE (CALCI A SEGNO) MIGLIORE TECNICA GENERALE (COMBINAZIONI PRECISE ED EFFETTUATE CON CONTROLLO). - MAGGIORE INIZIATIVA ART. 10 - Quando il tempo terminato l'arbitro centrale dovr essere avvisato con un segnale acustico o altro mezzo. GIUDIZIO DI GARA ART. 11 - Le decisioni degli arbitri e dei giudici sono definitive e senza possibilit di appello. ART. 12 - La direzione dell'incontro spetta esclusivamente all'arbitro che in ogni momento deve vigilare affinch siano rispettate le regole di gara. Egli non pu tollerare alcuna infrazione al regolamento. ART. 13 - La vittoria decretata al termine di ogni incontro da 3 giudici che siedono intorno al quadrato e dovranno compilare un'apposita scheda. Al termine di ogni ripresa, ogni giudice dovr decretare la vittoria (di quel round) assegnando 10 punti al miglior atleta e 9 o 8 all'avversario (a secondo del divario riscontrato in quel round). Al termine delle riprese previste, il giudice annoter i punti totalizzati dagli atleti. Vincer l'atleta che avr totalizzato pi punti. ART. 14 - L'arbitro ha facolt di richiamare e squalificare i contendenti, richiamare o allontanare i secondi dei combattenti. Ha facolt di sospendere l'incontro quando la condotta del pubblico pregiudichi il regolare svolgimento della gara. Pu arrestare il combattimento qualora una protezione risulti fuori posto. ART. 15 - Durante lo svolgimento dell'incontro, l'arbitro far uso degli ordini di "stop",

break, contact o "fight" e "tempo": Break per far s che i contendenti si separino; Contact o Fight per far riprendere o cominciare il combattimento; Stop perch interrompono, in qualunque momento, la loro azione. Tempo per arrestare il combattimento fermando il cronometro. ART. 16 - L'arbitro deve arrestare l'incontro in caso di fallo, o quando uno o entrambi i contendenti siano rei di colpi proibiti, in questo caso dovr: richiamare verbalmente il colpevole; penalizzarlo di un punto segnalandolo ai giudici; squalificarlo. L'arbitro potr adottare uno di questi provvedimenti a seconda della gravit del fallo. ART. 17 - Per impartire le pene di cui all'art. 17, l'arbitro dovr interrompere l'incontro con l'ordine di stop e si rivolger al tavolo della giuria con l'ordine di tempo. Richiamer ad alta voce il colpevole ricorrendo a segni appropriati in modo che anche il pubblico capisca ci che sta avvenendo, assegner la penalizzazione e se sar il caso far riprendere l'incontro con l'ordine di "fight" o "contact". L'intervento dell'arbitro dovr essere tempestivo. ART. 18 - Quando i due contendenti sono in fase di "clinch" l'arbitro dovr interrompere il combattimento con l'ordine di "break" battendo nel contempo leggermente la spalla degli atleti con una mano. Gli atleti dovranno indietreggiare di un posso a quest'ordine e riprendere a combattere. L'arbitro non dovr mai passare tra i contendenti. ART. 19 - La gara deve essere arbitrata da un arbitro centrale e tre giudici. L'arbitro centrale non ha diritto di giudizio, a meno che non venga deciso diversamente dal C. di R. ART. 20 - L'arbitro, ogni volta che coglie una scorrettezza da parte di un combattente, deve intervenire per reprimere e richiamare il colpevole a parole oppure penalizzandolo di un punto. L'arbitro ha altres l'autorizzazione ad arrestare il combattimento se attorno al quadrato di gara avvengono assembramenti che impediscano il regolare svolgimento della competizione, oppure se i secondi degli atleti in gara si comportano scorrettamente, parlando o incitando ad alta voce il

proprio atleta o peggio se mancano di rispetto all'arbitro e ai giudici. In questo caso l'arbitro ha la facolt di squalificare l'atleta. ART. 21 - L'arbitro pu arrestare l'incontro indicando al tavolo della giuria di fermare il tempo quando: un atleta a terra ferito oppure colpito da malore; quando il pavimento sia troppo bagnato; quando il combattente esce dal luogo di gara; quando a un combattente richiesto di riassettare luniforme; quando lo ritenga opportuno per qualsiasi ragione. ART. 22 - In caso di incidente, l'arbitro fermer il tempo e chiamer il medico di servizio. Spetter al medico decidere se l'atleta potr o non potr continuare l'incontro nel tempo massimo di due minuti. Se entro tale tempo latleta trattato dal Medico non in condizioni di riprendere il combattimento non potr pi combattere. ART.23 - Nel caso in cui un atleta mandi KO il suo avversario, anche involontariamente (colpo dincontro), latleta verr squalificato. Latleta che subisce il KO, pur vincendo lincontro per squalifica dellavversario, non potr proseguire il torneo solo se il KO infertogli alla TESTA. AZIONI PROIBITE ART.24 - Sono ritenute proibite le seguenti azioni: a) colpire, senza controllo alcuno, di calcio e di pugno; b) attaccare con la testa, con le ginocchia, con i gomiti; c) attaccare o simulare un attacco agli occhi; d) mordere e graffiare; e) colpire la gola, la nuca, la parte superiore del capo; f) attaccare sotto la cintura (testicoli, pancia, ecc.) ad eccezione delle cosce; g) eseguire leve articolari; h) eseguire spazzate in senso contrario all'articolazione; i) vietato il pugno girato (Spinning back fist); j) non si pu colpire a mano aperta, ma solo a mano serrata con la parte delle nocche;

k) non si pu proiettare lavversario a terra con le braccia oppure fare sgambetti; l) gridare senza ragione, fare gesti irriguardosi verso l'avversario o verso gli arbitri; m) venire meno in qualsiasi momento all'etica sportiva; n) perdere volutamente tempo, quindi evitare volutamente il combattimento; o) uscire deliberatamente dal luogo di gara: 1 uscita richiamo, 2 uscita richiamo, 3 uscita meno un punto, 4 uscita meno un punto, 5 uscita squalifica; p) mettersi a posto l'uniforme e le protezioni senza autorizzazione dellarbitro; q) parlare durante l'incontro; r) legare deliberatamente le braccia dell'avversario; s) trattenere colpi di braccia o di gamba dellavversario; t) buttarsi a terra senza ragione; u) non eseguire immediatamente gli ordini dell'arbitro; v) buttarsi a terra o cadere per evitare lattacco avversario; w) girare la schiena su azione dellavversario; x) lanciare tecniche cieche (si intende per tecnica cieca una tecnica di pugno o di calcio in cui lo sguardo o la fronte non siano diretti contro il bersaglio); y) commentare, anche solo con gesti o espressioni del viso, loperato degli arbitri. Quando l'arbitro coglie una di queste azioni deve intervenire immediatamente. ART. 25 - Un atleta pu in ogni momento, ritirarsi dalla competizione alzando il braccio in segno di resa. In quel caso, l'arbitro chiamer vicino a se l'altro atleta e gli lever il braccio al cielo proclamandolo ''Vincitore per Abbandono''. GIUDIZIO DEL COMBATTIMENTO ART. 26 - Quando il combattimento giudicato da tre giudici, l'arbitro centrale dovr fermare l'incontro con l'ordine di stop al segnale acustico di fine tempo, invier i combattenti ai propri angoli, raccoglier i fogli dei punti stilati dai giudici e dopo aver controllato che siano stati compilati in ogni parte e firmati, li consegner al tavolo della giuria. Si porter al centro del quadrato di gara con a fianco i combattenti, li afferrer per i polsi, attender il verdetto dal tavolo della giuria e alzer il braccio del vincitore pronunciando la parola "Vince".

TG: Tavolo Giuria A: Arbitro G: Giudice AN: Angolo Neutro AR: Angolo Rosso AB: Angolo Blu ART. 27 - Nel caso un incontro venga giudicato da due giudici l'arbitro centrale ha diritto di giudizio. Questi, al termine del combattimento, dovr fermare l'incontro con l'ordine stop, invier gli atleti al proprio angolo e compiler il proprio cartellino quindi raccoglier i fogli dei punti dai due giudici e dopo averli controllati li consegner al tavolo della giuria. Si porter al centro del quadrato di gara con a fianco gli atleti, attender il verdetto della giuria e alzer il braccio del vincitore pronunciando lo parola Vince. ART. 28 - I giudici siederanno ai limiti del quadrato di gara, uno per ogni lato del quadrato e mai davanti al tavolo della giuria, avranno il compito di giudicare l'incontro con la massima imparzialit, correttezza e professionalit (vedi schema). ART. 29 - In caso che per un giudice l'incontro finisca in parit, dovr assegnare la vittoria per preferenza, cio dovr segnare il punteggio totale di parit e sotto dovr segnare con un 1 il vincente e con un 0 il perdente. Nellassegnare la preferenza, il giudice dovr tenere conto della qualit tecnica espressa, dello stato psico-fisico generale, delle abilit offensive e difensive, della strategia generale utilizzata dagli atleti. AZIONI VALIDE ART. 30 - I giudici dovranno giudicare un incontro di Kick Light o di Light contact in base alla validit delle tecniche e cio: a) quando la tecnica lanciata con forma corretta; b) quando la tecnica corretta nelle distanze; c) quando la tecnica dinamica, contiene cio decisione, velocit, precisione e richiamo; d) quando la tecnica controllata a bersaglio; e) se sono state usate in proporzione tecniche di braccia e di calcio. Nel valutare l'incontro il giudice deve tener conto della difesa (se attiva o passiva) delle parate, delle

schivate e dell'attacco (se composto o scomposto). N.B. Gli atleti di Kick Light e Light Contact, sono chiamati a rispettare la regola che prevede di lanciare almeno 6 tecniche di calcio a ripresa. LE CATEGORIE DI PESO ART. 31 - Le categorie di peso per la Kick Light e/o light contact si suddividono in: Baby Maschili (da 10 a 12 anni) KG. -30 -35 -40 -45 -50 -55 -60 -65 -70 -75 -80 -85 +85 Baby Femminili (da 10 a 12 anni) KG. -30 -35 -40 -45 -50 -55 -60 -65 -70 +70 Speranze Maschili (da 13 a 15 anni) KG. -30 -35 -40 -45 -50 -55 -60 -65 -70 -75 -80 -85 +85 Speranze Femminili (da 13 a 14 anni) KG. -30 -35 -40 -45 -50 -55 -60 -65 -70 +70 Donne: KG. -50 -55 -60 -65 -70 +70 Juniores (dai 16 ai 18 anni): KG. -55 -60 -65 -70 -75 -80 -85 -90 +90 Seniores (dai 19 ai 40 anni): KG. -55 -60 -65 -70 -75 -80 -85 -90 +90 LE CATEGORIE POSSONO ESSERE MODIFICATE IN BASE ALLA GARA ORGANIZZATA.

Interessi correlati