Sei sulla pagina 1di 3

La corretta alimentazione

Per poter parlare della corretta alimentazione per prima cosa bisogna definire cosa sia. Per corretta
alimentazione si intende quando un individuo apporta al proprio organismo le giuste combinazioni tra
macronutrienti e micronutrienti. Partendo dal principio che ogni persona è diversa si può affermare che la
corretta alimentazione è differente per ogni in dividuo. Essa è influenzata da tantissimi fattori, alcuni sono:
la componente genetica, le attività fisiche che si svolgono, la grandezza di un individuo (inteso alto o basso,
magro o in forma), nel luogo in cui vive (se si vive in luoghi freddi ci si dovrà nutrire in modo diverso rispetto
a chi vive in luoghi caldi), ecc.
Il cibo che introduciamo nel nostro organismo è suddiviso in due grandi insiemi i macronutrienti e i
micronutrienti.

I macronutrienti sono suddivisi in tre sottoinsiemi:


 Carboidrati.

 Grassi.

 Proteine.

La suddivisione di un alimento in uno dei tre gruppi è dovuta alla concentrazione più alta di uno dei tre, per
esempio la carne è classificata nelle proteine perché la loro concentrazione è maggiore rispetto agli altri
due elementi.

I carboidrati si dividono in semplici e complessi.


I carboidrati semplici sono gli zuccheri (glucosio, fruttosio, lattosio e saccarosio). Quelli complessi
invece sono dei polimeri che si formano dalla combinazione dei carboidrati semplici e prendono il
nome di amidi. I carboidrati hanno un ruolo molto importante nell’alimentazione in quanto ci
forniscono l’energia necessaria alle nostre cellule. In media bisogna assumere circa 300 – 350g di
carboidrati al giorno per garantire in giusto apporto energetico al nostro corpo.

I grassi si suddividono in saturi e insaturi.


I grassi saturi sono tutti quegli alimenti che a temperatura ambiente sono solidi mentre quelli
insaturi sono quelli liquidi. Nei grassi troviamo il lardo, lo strutto, i derivati del latte e i vari tipo di oli
che sono gli unici ad appartenere al gruppo dei grassi insaturi. I grassi sono la più grande fonte di
energia che possiamo introdurre nel nostro corpo. Quando si svolge un’attività fisica di media
intensità dopo circa venti minuti arrivano i primi segni di stanchezza, questo è dovuto al fatto che in
nostro organismo inizia a bruciare i grassi invece che gli zuccheri, portando nell’arco di pochi minuti
a una grande spinta energetica in quanto un grammo di grasso produce 9 calorie contro le 4
prodotte dagli zuccheri.I grassi dovrebbero comporre circa il 30% dell’alimentazione giornaliera.

Le proteine.
Le proteine sono il terzo elemento fondamentale dell’alimentazione. Si ottengono dalla carne ma
anche da uova latte e derivati e anche da alcuni tipi di verdure come i legumi. Le proteine sono
composte da aminoacidi, dodici sono prodotte in automatico del nostro organismo ma otto invece
devono essere introdotte dall’alimentazione e prendono il nome di aminoacidi fondamentali. Nel
nostro corpo è molto importante mantenere un delicato equilibrio nell’assunzione di proteine in
quanto avere degli scompensi o degli eccessi può causare diversi problemi. Mediamente una
persona dovrebbe assumere poco meno di un grammo di proteine per chilogrammo della propria
massa.
I micronutrienti sono suddivisi in due sottoinsiemi:
 Vitamine.

 Sali minerali.

Le vitamine
Esse non sono fonte di energia per il nostro corpo ma sono indispensabili per permettere le reazioni
chimiche che avvengono nel nostro corpo. Le vitamine si dividono in due grandi gruppi liposolubili
(assorbite dal grasso) e idrosolubili (assorbite dall’acqua). Le vitamine idrosolubili sono composte
dalle vitamine del gruppo B e del gruppo C. le vitamine liposolubili sono composte dal gruppo A, D,
E e K.

 Le vitamine del gruppo A regolano le funzioni dell’organismo.

 Le vitamine del gruppo B servono per lo più a sintetizzare i cibi che ingeriamo ma alcune
delle vitamine di questo gruppo servono anche alla produzione di globuli rossi e per la
divisione cellulare.

 Le vitamine del gruppo C fortificano il sistema immunitario.

 Le vitamine del gruppo D servono per l’assorbimento del calcio, la crescita delle ossa e la
funzione immunitaria.

 Le vitamine del gruppo E proteggono le cellule da possibili danni e concorrono


funzionamento al sistema immunitario.

 Le vitamine del gruppo K servono per la coagulazione del sangue e per lo sviluppo osseo.

Ogni vitamina è fondamentale per il corretto funzionamento del nostro organismo e devono essere
introdotte con l’alimentazione in quando in corpo non le produce in autonomia. Il fabbisogno di
vitamine sotto il punto di vista della massa è molto inferiore rispetto a quello dei macronutrienti in
quando le quantità da assumere sono nell’ordine dei centesimi di grammo se non dei millesimi.

I Sali minerali
Essi insieme al carbonio, l’ossigeno, l’idrogeno sono i componenti chimici che costituiscono il nostro
corpo. Nei Sali minerali sono racchiusi tutti quegli elementi come ferro, zinco, magnesio, calcio che
aiutano la fortificazione delle ossa e il funzionamento del nostro corpo. Sono contenuti in natura
negli alimenti che mangiamo.
Per concludere parlerei di due elementi che sono fortemente presenti negli alimenti
che causano notevoli problemi di salute che sono il glutine e lo zucchero.
Il glutine è una proteina presente nella maggior parte dei farinacei (prodotti a base di farina come pane e
pasta). La concentrazione di questa proteina all’interno degli alimenti in passato era in trono al 6% e non
causava grossi problemi in quanto la gente face dei grandi sforzi fisici e lo riusciva a smaltire. Ad oggi la
contrazione è salita a più del 20% e in concomitanza la gente fa molta meno attività fisica, questo ha
portato alla formazione di diverse patologie di intolleranza al glutine in quanto il nostro intestino fatica a
smaltire queta proteina. Nell’intestino risiede il 70% del sistema immunitario ed esso è messo a dura prova
dalla continua assunzione di glutine in quanto esso va ad asfaltare i vili intestinali portando una
predisposizione maggiore alle malattie.
Si è sempre detto che lo zucchero è l’alimento dal quale prendono energia i muscoli e il cervello ma in
realtà lo zucchero di cui veramente si parla non è quello da cucina il glucosio e il fruttosio due carboidrati
semplici. Lo zucchero raffinato non ha nessuna valenza energetica e alimentare ma solo una valenza
psicologica addolcendoci i cibi e quindi un’idea di addolcimento della vita. Lo zucchero in realtà fa male
all’organismo andando ad alimentare anche tumori e aumentando il rischio di carie nei denti. Per di più è
molto in eccesso allo zucchero che già si assume nella normale alimentazione. Un’indagine statistica ha
dimostrato che in America in media si mangiano 70kg di zucchero l’anno quando in realtà questa
assunzione dovrebbe tendere allo 0. Il problema non è il lasciarsi andare ogni tanto ma il consumarlo
sebbene in poche quantità ogni giorno.

In definitiva per una corretta alimentazione bisogna trovare il giusto equilibrio nell’assunzione dei macro e
micro nutrienti, limitare al massimo l’assunzione di zuccheri e di glutine e fare attività fisica per mantenere
in attività l’organismo.

Potrebbero piacerti anche