Sei sulla pagina 1di 5

CICERONE TRA ORATORIA E POLITICA

Motivazione

La scelta del tema è legata prima di tutto al peso rivestito dall’ars dicendi nella vita e nella

produzione di Cicerone nell’ambito di una società come quella repubblicana in cui la

dimensione orale della comunicazione era prevalente, in secondo luogo al valore che

ancora oggi ricopre la parola pronunciata in pubblico soprattutto nella vita politica.

Finalità

- Sviluppare negli studenti la capacità di cogliere collegamenti tra l’autore studiato e

il contesto storico di riferimento;

- Promuovere negli alunni la consapevolezza degli artifici retorici sottesi ad un

discorso pubblico;

- Promuovere un approccio critico alla realtà.

Destinatari

Alunni II Anno II Biennio (Primo Quadrimestre)

Prerequisiti

- Conoscenza della vicende biografiche maggiormente significative di Cicerone;

- Conoscenza del contesto storico-culturale in cui si inserisce l’autore;

- Conoscenza dei principali generi letterari e delle loro caratteristiche fondamentali;

- Capacità di leggere e decodificare un testo in lingua latina;

- Conoscenza di nozioni di retorica e stilistica;

- Capacità di sintesi e di esposizione.


Obiettivi
Conoscenze

- L’oratoria e suoi generi

- L’oratoria a Roma

- Il pensiero politico di Cicerone

- Lo stile oratorio ciceroniano

Abilità
- Rafforzare la capacità di analisi e di sintesi in relazione al genere studiato.

- Risalire dall’analisi dei testi all’ideologia e agli intenti di Cicerone e al contesto

storico-politico.

- Rafforzare le abilità logico-riflessive in relazione al tema trattato.

- Sapere attuare il confronto tra le problematiche del passato con quelle del presente

e collocarle in una dimensione attualizzata con riferimento alla tematica proposta.

- Saper esporre le informazioni e i concetti in modo corretto e argomentato, usando

consapevolmente il lessico specifico della disciplina.

Competenze

- Saper analizzare testi letterari riconoscendo in essi gli elementi retorico-stilistici, i


nuclei tematici, le caratteristiche relative al genere di appartenenza.

- Individuare nei testi proposti la poetica, l’ideologia degli autori e gli elementi

riconducibili alla corrente di appartenenza.

- Contestualizzare i testi.

- Dimostrare proprietà nell’uso specifico del linguaggio letterario.

- Saper esporre le proprie conoscenze in modo corretto ed efficace sia nella

comunicazione scritta sia in quella orale.

- Maturare interesse personale per le problematiche di attualità.

- Formulare autonomi giudizi critici.

- Utilizzare le conoscenze del passato per interpretare il presente.


Contenuti
- L’oratoria e i suoi generi

- Funzioni e parti costitutive del discorso persuasivo

- L’oratoria a Roma

- La carriera oratoria di Cicerone e il corpus delle orazioni

- Il pensiero politico di Cicerone

- Le peculiarità stilistiche dell’autore

- Brutus 307-318 in traduzione

- Actio Secunda in Verrem 5, 161-163

- In Catilinam 1, 1, 1-3

- Pro Marcello 1-5 in traduzione

Tempi e spazi
Il tempo previsto per lo svolgimento di tale unità didattica è di 5 ore, nelle quali

però non è compreso il tempo delle verifiche. È di seguito fornita una ripartizione

di massima del tempo didattico considerato.

2h Oratoria e introduzione a Cicerone “oratore”

2h Lettura e analisi di brani esemplificativi

1h Lavoro di gruppo

Lo spazio da intendersi è quello dell’Aula di classe.

Mezzi e strumenti
- Manuale in adozione

- LIM

- Internet

- Power Point
Modalità e assetti
- Lezione frontale

- Analisi guidata di alcuni testi significativi

- Lavoro di gruppo

Conduzione della lezione con le TIC

Prima fase (5 min.):


Proiezione sulla LIM di un video reperibile in rete sui grandi oratori del passato, da

Cicerone a Martin Luther King, per far comprendere quanto sia attuale la tematica

proposta.

Seconda fase (30 min.):


Lezione frontale sull’oratoria nel mondo antico con il supporto di un PPT che

focalizzi l’attenzione su luoghi, protagonisti e occasioni dell’oratoria in Grecia e a

Roma.

Quarta fase (30 min.):


Lezione frontale sui generi dell’oratoria e sulle parti costitutive del discorso con la

creazione di schemi sulla LIM.

Quinta fase (15 min.):


Recupero, attraverso una serie di domande stimolo, delle conoscenze pregresse

relativamente al contesto storico-politico in cui visse e operò Cicerone e alle

vicende biografiche maggiormente significative e creazione di uno schema sulla

LIM.

Sesta fase (40 min.):


Introduzione alla carriera oratoria di Cicerone con la lettura in italiano di un passo

del Brutus proiettato sulla LIM e proiezione di una linea del tempo su cui

compaiano le orazioni datate e gli eventi storici più importanti.


Settima fase (2h):
Reperimento in una Banca Dati di testi classici, per esempio la Bibliotheca

Augustana, dei primi due brani proposti (Actio Secunda in Verrem 5, 161-163; In

Catilinam 1, 1, 1-3); introduzione con approccio frontale alle due orazioni e analisi

guidata sulla LIM dei brani scelti. L’ausilio della Lavagna Luminosa permetterà di

evidenziare direttamente sul testo gli artifici retorici adoperati e le parole chiave.

Ottava fase (1h):


Divisione della classe in gruppi e analisi di gruppo guidata da domande dei primi

cinque capitoli della Pro Marcello in traduzione ma con testo latino a fronte.

Il testo verrà fornito agli alunni mediante la classe virtuale precedentemente creata,

motivo per cui i ragazzi avranno bisogno almeno di un tablet per gruppo.

Le risposte alle domande dovranno pervenire sempre mediante la classe virtuale.

Verifica
Sono previste due verifiche: una orale, in itinere, volta a verificare l’apprendimento

dei contenuti specifici e la capacità di esposizione, l’altra scritta nella forma di

traduzione e analisi guidata di una sezione di una orazione ciceroniana della durata

di 3 ore. Il miglioramento delle capacità di analisi dei testi sarà verificata anche

durante la fase laboratoriale attraverso l’osservazione. Sarà inoltre oggetto di

valutazione il prodotto finale del lavoro di gruppo.

Potrebbero piacerti anche