Sei sulla pagina 1di 69

Set Domande

INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

Generato il 04/03/2019 11:53:25


N° Domande Aperte 109
N° Domande Chiuse 265
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

Indice
Indice Lezioni .......................................................................................................................... p. 2
Lezione 001 ............................................................................................................................. p. 4
Lezione 002 ............................................................................................................................. p. 9
Lezione 003 ............................................................................................................................. p. 11
Lezione 004 ............................................................................................................................. p. 14
Lezione 006 ............................................................................................................................. p. 15
Lezione 007 ............................................................................................................................. p. 16
Lezione 008 ............................................................................................................................. p. 17
Lezione 009 ............................................................................................................................. p. 21
Lezione 010 ............................................................................................................................. p. 22
Lezione 011 ............................................................................................................................. p. 23
Lezione 012 ............................................................................................................................. p. 24
Lezione 013 ............................................................................................................................. p. 25
Lezione 014 ............................................................................................................................. p. 26
Lezione 015 ............................................................................................................................. p. 29
Lezione 016 ............................................................................................................................. p. 32
Lezione 017 ............................................................................................................................. p. 35
Lezione 018 ............................................................................................................................. p. 36
Lezione 019 ............................................................................................................................. p. 37
Lezione 020 ............................................................................................................................. p. 38
Lezione 021 ............................................................................................................................. p. 39
Lezione 022 ............................................................................................................................. p. 40
Lezione 023 ............................................................................................................................. p. 42
Lezione 024 ............................................................................................................................. p. 43
Lezione 025 ............................................................................................................................. p. 44
Lezione 026 ............................................................................................................................. p. 49
Lezione 027 ............................................................................................................................. p. 50
Lezione 028 ............................................................................................................................. p. 51
Lezione 029 ............................................................................................................................. p. 52
Lezione 030 ............................................................................................................................. p. 53
Lezione 031 ............................................................................................................................. p. 54
Lezione 032 ............................................................................................................................. p. 55
Lezione 033 ............................................................................................................................. p. 56
Lezione 034 ............................................................................................................................. p. 57
Lezione 035 ............................................................................................................................. p. 58
Lezione 036 ............................................................................................................................. p. 59
Lezione 037 ............................................................................................................................. p. 61

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 2/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

Lezione 038 ............................................................................................................................. p. 62


Lezione 039 ............................................................................................................................. p. 63
Lezione 040 ............................................................................................................................. p. 64
Lezione 041 ............................................................................................................................. p. 65
Lezione 042 ............................................................................................................................. p. 66
Lezione 043 ............................................................................................................................. p. 67
Lezione 045 ............................................................................................................................. p. 68
Lezione 048 ............................................................................................................................. p. 69

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 3/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

Lezione 001
01. RAM è l'acronimo di:

Random Only Memory

Read Only Memory

Read Access Memory

x Random Access Memory


02. Quale tra questi non è un dispositivo di output?

Monitor

Stampante

Plotter

x Mouse
03. Ipotizzando come input A=5 e B=7, il seguente algoritmo che valore stampa al passo 7?

Passo 1 Leggi A,B


Passo 2 X=0
Passo 3 Se B>A allora esegui il passo 4
Passo 4 X=B
Passo 5 altrimenti esegui il passo 6
Passo 6 X=A
Passo 7 Stampa X

12

x7
0

04. Per il seguente algoritmo:

Passo 1 Poni contatore = 5


Passo 2 Ripeti i passi da 3 a 5 fino a che contatore > 22
Passo 3 Poni quadrato pari a contatore x contatore
Passo 4 Stampa i valori di contatore e quadrato
Passo 5 Aggiungi 1 a contatore
Passo 6 Stampa “Fine”

il tipo di istruzione presente al passo 2 è:

x un'istruzione condizionale
un'istruzione iterativa

un'istruzione di stampa

un'istruzione di uscita

05. Per il seguente algoritmo:

Passo 1 Poni contatore = 1


Passo 2 Ripeti i passi da 3 a 5 fino a che contatore > 5
Passo 3 Poni quadrato pari a contatore x contatore
Passo 4 Stampa i valori di contatore e quadrato
Passo 5 Aggiungi 1 a contatore
Passo 6 Poni risultato pari a quadrato + contatore
Passo 7 Stampa "Fine"

Il valore finale assunto dalla variabile "risultato" è:

30

35

25

x 31

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 4/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

06. Quale dei seguenti frammenti di pseudocodice seleziona il maggiore tra A e B e lo pone in X:

se B>A allora X=A altrimenti X=B;

X=A;
se A>B allora X=B;

x X=B;
se A>B allora X=A

se A>B allora X=B altrimenti X=A;

07. Per l'algoritmo fornito di seguito, qual è il valore assunto dalla variabile contatore quando l'algoritmo termina:

Passo 1 Poni il valore di contatore a 1


Passo 2 Ripeti i passi da 3 a 5 fino a che contatore > 10
Passo 3 Poni quadrato a contatore x contatore
Passo 4 Stampa i valori di contatore e quadrato
Passo 5 Aggiungi 1 a contatore
Passo 6 Stampa "Fine"

x 11
12

10

08. A quale numero binario corrisponde il numero decimale 104?

1101110

1110000

1111111

x 1101000

09. I registri sono:

x Celle di memoria
Dispositivi mobili

Hard Disk esterni

Piccoli dispositivi software

10. Un byte è:

Una sequenza di 100 bit

Una sequenza di 8 byte

Una sequenza di 10 bit

x Una sequenza di 8 bit

11. Qualsiasi algoritmo può essere rappresentato tramite:

Un diagramma relazionale

x Un diagramma di flusso
Un diagramma di stato

Un diagramma ER

12. Quale tra questi non è un software?

x Scanner
Microsoft Windows 10

Acrobat Reader

Microsoft Word

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 5/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

13. Cosa si intende con il termine hardware?

L’insieme dei programmi presenti in un calcolatore

Un calcolatore di vecchia generazione

L'insieme dei software e delle componenti fisiche di un calcolatore

x L’insieme delle componenti fisiche e meccaniche di un calcolatore


14. Quale tra questi non è un dispositivo di input?

Tastiera

Microfono

x Stampante
Mouse

15. Cosa si intende per Laptop?

x Un computer portatile
Un computer molto potente

Un tipo di mainframe

Uno smartphone

16. A quale funzione è adibita la ALU all’interno della CPU?

Coordinare lo scambio dei dati tra i diversi dispositivi

Eseguire il controllo sullo svolgimento dei diversi processi

Immagazzinare I dati durante l’elaborazione

x Eseguire i calcoli, le operazioni logiche e i confronti


17. La GUI:

x è l'interfaccia grafica di un software

è l'acronimo di Gun Unit Independent

è un'interfaccia hardware

è il componente software che permette l’avvio del computer

18. Per rappresentare in binario il numero decimale 256 sono necessari:

10 bit

8 bit

7 bit

x 9 bit
19. Il compito del chip BIOS è:

Governare l'accesso alle periferiche di I/O

Governare l'avvio del Sistema Operativo Windows

x Governare la procedura di avvio del computer


Governare l'accesso in lettura e scrittura alla memoria ROM

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 6/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

20. Quale dei seguenti componenti non è parte della CPU?

ALU

CU

x ROM
Registri

21. In quale tipo di memoria è salvato il Firmware?

x ROM

Registri della CPU

Hard Disk

RAM

22. Quale dei seguenti componenti è contenuto nel processore?

RAM

x ALU
Scheda Video

ROM

23. La CPU, comunemente denominata processore, è:

L'unità centrale di immagazzinamento dei dati

x L'unità centrale di elaborazione


L'unità centrale di memorizzazione dei dati

L'unità centrale di gestione delle periferiche

24. Dati due numeri interi (A,B), per calcolare il minimo (MIN) e il massimo (MAX) si può utilizzare il seguente codice?

Passo 1 Leggi A,B


Passo 2 Poni MAX=A
Passo 3 Poni MIN=B
Passo 4 Se B>A allora esegui i passi da 5 a 6
Passo 5 MAX=B
Passo 6 MIN=A
Passo 7 Stampa MIN, MAX

Non so

x Totalmente vero

Vero tranne il passo 4

Totalmente falso

25. L'attuale architettura di un elaboratore è organizzata secondo il modello:

x della macchina di Von Neumann


della macchina di Pascal

della macchina di Thomas Turing

della macchina di Harvard

26. La frequenza di clock viene misurata in:

WATT

x HERTZ
BYTE

VOLT

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 7/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

27. Avendo a disposizione 6 bit qual è il valore massimo rappresentabile?

65

64

63

x 32

28. Nell’ambito dei linguaggi di alto livello, un interprete è:

x Un programma
Un dispositivo hardware

Una periferica di elaborazione dati

Un componente hardware per lo sviluppo di applicazioni

29. Cos’è il bit?

E’ una sequenza di 8 bit

E’ una sequenza di 8 byte

x Rappresenta l'unità di misura della quantità d'informazione


E’ un multiplo di 1 KB

30. Quali sono le differenze tra Software di Sistema e Software Applicativo?

31. Quali sono le principali funzioni di un Sistema Operativo?

32. Quali sono le componenti hardware che compongono una CPU? Quali compiti sono deputati a svolgere?

33. Fornire una definizione di Algoritmo.

34. In merito ai linguaggi di programmazione, quali sono le differenze tra linguaggio di basso livello e linguaggio di alto livello?

35. Fornire una definizione di Informatica, intesa come scienza.

36. Cos'è una periferica? Fornire degli esempi di periferiche di input e di output.

37. Descrivere in maniera dettagliata i principali fattori che influenzano le prestazioni di un computer:

38. Cosa si intende con il termine "Ciclo di Vita del Software"? Elencare le diverse fasi.

39. Descrivere in maniera proficua le differenze tra una memoria di tipo RAM e una memoria di tipo ROM.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 8/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

Lezione 002
01. In una finestra dove è posizionata di norma la barra di scorrimento?

A destra e/o in alto

Solo in basso

Solo a destra

x A destra e/o in basso


02. Se apro una cartella cosa visualizzo sulla barra del titolo della finestra?

Nulla

Nulla, la barra del titolo non esiste

Il percorso della cartella aperta

x Il nome della cartella aperta

03. Per assicurare una corretta protezione dai virus, in presenza di un antivirus è necessario:

Configurare in maniera adeguata il modem di accesso a Internet

Evitare di consultare siti web sospetti

Reinstallare frequentemente l’antivirus e la definizione dei virus

x Aggiornare regolarmente la definizione dei virus


04. Per controllare i file e le cartelle del computer alla ricerca di virus si effettua solitamente:

Un debug

Una deframmentazione

Una formattazione

x Una scansione
05. Dove è posizionato di norma l’orologio di sistema in ambiente Windows?

Sul desktop

x A destra, sulla barra delle applicazioni


Nel menu Start

A sinistra, sulla barra delle applicazioni

06. In un sistema Windows, nella barra del titolo di una finestra compaiono solitamente tre pulsanti:

Riduci a icona, sposta, chiudi

Minimizza, ingradisci, sposta

x Riduci a icona, ingrandisci, chiudi


Minimizza, sposta, ingrandisci

07. Quale delle seguenti affermazioni in merito alla modalità Sospensione di Windows è falsa?

In sospensione il computer deve sempre e comunque rimanere acceso

x In sospensione è possibile spegnere il computer


La sospensione mette il computer in uno stato di risparmio energetico

Quando si desidera riprendere la normale attività basta premere un tasto qualunque (ad esempio "Invio")

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 9/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

08. Cosa presenta il Task Manager di Windows?

x L’elenco dei processi e dei programmi in esecuzione, nonché prestazioni e utenti connessi
L’elenco delle periferiche installate sul PC, la loro configurazione e il loro stato

La potenza della CPU

L'elenco delle applicazioni installate nel computer

09. In un sistema operativo Windows, a cosa serve il Task Manager?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 10/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

Lezione 003
01. Cosa si intende con il termine backup, riferito a file e cartelle?

x La copia ai fini della sicurezza di dati e informazioni presenti in file e cartelle


La protezione di file e cartelle con tecniche sofisticate di crittografia

La procedura di masterizzazione di file e cartelle su supporti rimovibili

La procedura di controllo, verifica e correzione dei file corrotti

02. Il metodo più veloce per effettuare il backup di file e cartelle è:

Rinominare i file regolarmente

x Copiare file e cartelle su un supporto rimovibile


Copiare file e cartelle in una cartella del sistema protetta da password

Spostare file e cartelle in una cartella nascosta del sistema

03. Quale tipo di estensione tra quelle seguenti viene usata da MS Excel?

.exe

.sxc

.doc

x .xls
04. Quale tipo di estensione tra quelle seguenti viene usata da MS PowerPoint?

.ppx

.pp

x .ppt
.doc

05. I file in ambiente Windows sono strutturati in maniera:

x Gerarchica
A rete

Assiale

Lineare

06. Cosa si intende con il termine Path?

E’ la stringa di caratteri che permette di identificare un sito web in rete. Del tipo www.nomesito.it

Un dispositivo per la ricerca di Cartelle e File

E' il percorso per raggiungere una particolare periferica hardware

x E’ il percorso, quindi la sequenza di cartelle, per raggiungere un particolare file o cartella


07. Quale di questi programmi è utile a comprimere/decomprimere un file?

MS Word

WinRUR

x Winzip
Acrobat Reader

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 11/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

08. Cos’è un file compresso?

Un file o cartella che contiene al suo interno altri file

x Un file di dimensione minore rispetto all’originale


Un file che ha sempre estensione .rar

Un file allegato di posta elettronica

09. Quale tipo di estensione tra quelle seguenti viene usata da MS Word?

.xls

x .doc
.word

.txt

10. La frammentazione di un disco rigido è causata:

Da un malfunzionamento hardware

x Dalle frequenti scritture e rimozioni di file


Dall’usura del disco e da possibili guasti hardware

Dalla presenza di virus e file infetti

11. Se in un sistema Windows, per ricercare un file, seleziono la stringa *.mp3, cosa avrò come risultato?

x Tutti i file mp3 presenti


Tutti i file mp3 che iniziano con il carattere asterisco

Il file mp3 con nome *

La stringa contiene un carattere speciale, quindi non produce risultati

12. Per tagliare un file è possibile utilizzare la combinazione di tasti:

Ctrl - T

x Ctrl - X
Ctrl - F

Ctrl - C

13. Per incollare un file è possibile utilizzare la combinazione di tasti:

x Ctrl - V

Ctrl - I

Ctrl - X

Ctrl - C

14. La combinazione di tasti Ctrl-C dopo aver selezionato un file ne provoca:

x La copia
Lo spostamento

La cancellazione

Il taglio

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 12/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

15. Un file di sola lettura è:

Un file che può essere aperto solo dal proprietario

Un file che non può essere cancellato

Un file che non può essere copiato

x Un file che non può essere modificato

16. Un file con estensione .rar, indica:

Un file cifrato

x Un file compresso
Un file di Microsoft Access

Un file ottenuto da stampa unione di Word

17. Cos'è un Antivirus? Quali sono gli strumenti e le operazioni disponibili?

18. Cosa sono i virus informatici? Quali possono essere gli effetti che comportano?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 13/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

Lezione 004
01. In MS Word, la tabulazione serve per:

Tabulare i numeri per inserire delle formule

A creare degli elenchi puntati

A creare delle tabelle

x Ad incolonnare i dati e a dare un aspetto tabulare al documento


02. Qual è il vantaggio di un documento Word creato a partire da un modello?

Il documento finale occupa meno spazio sul disco

x La stesura del documento risulta più veloce e immediata


Il documento è facilmente importabile in altre applicazioni di Office Automation

Il documento può essere editato completamente dall'autore partendo da un foglio bianco

03. Per annullare le ultime operazioni compiute su un documento Word posso:

Premere la combinazione Alt - Canc

Premere la combinazione Ctrl – Y

Premere il tasto Backspace

x Premere la combinazione Ctrl - Z


04. Per ripristinare un'azione annullata su un documento Word posso:

Premere la combinazione Ctrl - X

Premere il Backspace

Premere la combinazione Ctrl - T

x Premere la combinazione Ctrl - Y

05. In MS Word, cos'è l'interlinea?

Lo strumento che permette di disegnare oggetti grafici (linee) in Word

x Lo spazio presente fra una riga di testo e la successiva


La linea utilizzata per sottolineare il testo

Lo spazio presente tra un carattere ed il successivo

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 14/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

Lezione 006
01. In MS Word la "stampa unione" è:

x Un procedimento con il quale, a partire da un documento e da una sorgente di dati, si ottengono una serie di documenti che hanno tutti la stessa struttura, ma ognuno di essi
ha dati diversi

Un procedimento con il quale, a partire da un documento e da una sorgente di dati, si ottengono una serie di stampe che hanno tutti struttura diversa, ma ognuno di essi ha
dati uguali

La modalità di stampa di un documento che include tutte le pagine del documento stesso

La modalità per stampare con un unico comando tutti i documenti word aperti in quel momento

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 15/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

Lezione 007
01. In MS Excel, una cartella di lavoro è composta da:

Più celle

Un sottoinsieme di cartelle di lavoro

x Più fogli di lavoro


Più file

02. In MS Excel, una cella viene identificata da:

Un numero per la riga e un numero per la colonna

Una lettera per la riga e un numero per la colonna

x Un numero per la riga e una lettera per la colonna

Una lettera per la riga e un progressivo per la colonna

03. La procedura per rinominare un foglio Excel è:

File – Salva con nome (e inserire nuovo nome)

1 clic sinistro sul nome del foglio quindi rinomina (e inserire nuovo nome)

Modifica – Rinomina foglio di lavoro (e inserire nuovo nome)

x 1 clic destro sul nome del foglio quindi rinomina (e inserire nuovo nome)
04. In MS Excel 2013/16, di default, quanti fogli sono presenti in una nuova cartella di lavoro?

x1
3

05. In un foglio di lavoro di MS Excel molto lungo è possibile bloccare la prima riga di intestazione?

x Sempre

Mai

No, è possibile bloccare solo la prima colonna

Dipende dalla lunghezza del foglio di lavoro

06. In MS Excel, per effettuare una selezione di più celle non contigue tra loro è possibile:

x Tenere premuto il tasto Ctrl e selezionare le celle una per volta


Tenere premuto il tasto Alt e selezionare le celle una per volta

Non è possibile selezionare celle non contigue

Selezionare con il mouse le celle tenendo premuto il tasto sinistro

07. In MS Excel, un foglio di lavoro è composto da:

Più cartelle di lavoro

Più documenti

Più fogli di lavoro

x Più celle
08. Come ed in che modo è possibile inserire, modificare e cancellare i dati in una cella Excel? Descrivere le azioni necessarie.

09. Descrivere le differenze che intercorrono tra una cartella di lavoro Excel e un foglio di lavoro Excel.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 16/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

Lezione 008
01. In MS Excel, la formula =SOMMA(a1:a4,b1:b16,c5):

Esegue la somma delle celle dalla a1 alla c5

Esegue la somma delle celle dalla a1 alla a4, della b1 alla b16, della c5

x E' errata

Esegue la somma delle celle dalla a1 alla b16 e della cella c5

02. In MS Excel, se A1=8 e A2=4 cosa restituirà l’espressione = SE(A1>5; A1/A2; A1 + A2)?

FALSO

x2
0

12

03. In MS Excel, se le celle da A1 a A20 contengono dei voti d'esame in trentesimi, indicare la formula che calcoli il numero di esami con voto maggiore di 24

x =CONTA.SE(A1:A20; ">24")

=SOMMA.SE(A1:A20; ">24")

=CONTA(A1:A20; ">24")

=A1:A20 ^ 24

04. In MS Excel, $A1 è un esempio di:

x Riferimento misto

Riferimento assoluto

Riferimento relativo

Riferimento associato

05. In MS Excel, una qualsiasi formula inserita nella barra della formula deve:

Essere preceduta dal segno di : (due punti)

Essere digitata direttamente (ad esempio SOMMA(A1:A10)...)

x Essere preceduta dal segno di = (uguale)


Essere preceduta dal segno di # (cancelletto)

06. In MS Excel, il messaggio di errore #DIV/0 indica:

Che il risultato non entra nella cella

Che il riferimento di una cella non è valido

x Che si sta tentando di fare una divisione per zero


Che c'è un valore che non è disponibile per una certa formula

07. In MS Excel, il messaggio di errore ####### indica:

Che Excel non riconosce un parte del testo di una formula

Che c'è un problema con uno dei numeri di una formula

x Che il risultato non entra nella cella

Che è stato utilizzato un argomento di tipo sbagliato

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 17/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

08. In MS Excel, il messaggio di errore #N/D indica:

Tale messaggio di errore non esiste in Excel

x Che c'è un valore che non è disponibile per una certa formula

Che è stata specificata l'intersezione di due aree che non siintersecano

Che si sta cercando di fare una divisione per zero

09. In MS Excel, il messaggio di errore #NUM! indica:

Che il risultato non entra nella cella

Che il riferimento di una cella non è valido

Che Excel non riconosce un parte del testo di una formula

x Che c'è un problema con uno dei numeri di una formula o una funzione
10. In MS Excel, il messaggio di errore #VALORE! indica:

x Che è stato utilizzato un argomento di tipo sbagliato


Che si sta cercando di fare una divisione per zero

Tale messaggio di errore non esiste in Excel

Che Excel non riconosce un parte del testo di una formula

11. In MS Excel, qual è il significato di A1:A10 in una formula?

E’ evidentemente un errore

Divide il contenuto della cella A1 per la cella A10

Indica i valori delle due celle: A1 e A10

x Indica tutte le cella dalla A1 alla A10 (estremi compresi)


12. In MS Excel, quale delle seguenti formule è errata?

=SOMMA(A1:A5)

=SOMMA(A1)

x =SOMMA(A1, A5)

=A1 + A2 + A3 + A4 + A5

13. In MS Excel, se nelle celle da A1 ad A10 ho dei valori numerici positivi, quale delle seguenti formule non permette di calcolare correttamente il valore medio?

x = SOMMA(A1:A10)/CONTA.SE(A1:A10; "<10")
= SOMMA(A1:A10)/10

= MEDIA(A1:A10)

= SOMMA(A1:A10)/CONTA.SE(A1:A10; ">0")

14. In MS Excel le celle B1:B100 contengono dei valori numerici; qualora si volesse contare quante celle contengono un numero maggiore di 800 qual è la sintassi
corretta?

=conta.vuote(B1:B100; >800)

x =conta.se(B1:B100; ">800")
=conta.se(B1:B100 >800)

=conta(B1:B100; ">800")

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 18/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

15. In MS Excel, se nella cella A1 ho la formula = B1 + C$1 e copio/incollo A1 su A2, quale formula ritroverò nella cella A2?

= D2 + E$2

x = B2 + C$1
#N/D

RIF!

16. In MS Excel, quando si usa un riferimento assoluto?

Quando si vuole che la cella da esso individuata vari durante il trascinamento della formula che la contiene

Quando si vuole che la cella da esso individuata non vari durante il trascinamento della formula solo per riga o per colonna

Quando ci si vuole riferire alla formula contenuta in un diverso foglio di lavoro

x Quando si vuole che la cella da esso individuata non vari durante il trascinamento della formula che la contiene
17. In MS Excel, $A$1 è un esempio di:

Riferimento associativo

x Riferimento assoluto
Riferimento misto

Riferimento relativo

18. In MS Excel la formula "conta.numeri" serve per:

Contare le celle vuote in un'area di celle

La funzione conta.numeri non esiste

Contare le celle piene in un'area di celle

x Contare le celle che hanno dei numeri in un'area di celle

19. In MS Excel, se nella cella A1 ho il testo "New" e nella cella A2 ho il testo "York", quale formula dovrò inserire nella cella A3 per avere la scritta "New
York"?

x = A1&A2

= SOMMA(A1 : A2)

= A1 + A2

= A1 : A2

20. In MS Excel, A1 è un esempio di:

Riferimento misto

Riferimento generale

Riferimento assoluto

x Riferimento relativo
21. in MS Excel la formula "conta.vuote" serve per:

Contare quante celle vuote ci sono nell’area di celle non selezionate

Contare le celle che non contengono numeri ma solo testo in un'area di celle selezionata

x Contare le celle vuote in un'area di celle


Evidenziare la posizione della prima cella libera in un documento in cui molte celle sono occupate

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 19/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

22. In MS Excel, la formattazione condizionale si utilizza per:

Verificare la presenza di errori grammaticali

Calcolare i risultati delle formule presenti in opportune celle in base a criteri logico-matematici

Imporre delle condizioni sull'utilizzo della cartella di lavoro

x Formattare opportunamente le celle in base a condizioni scelte dall'utente

23. Quale delle seguenti formule di MS Excel presenta un errore di sintassi?

x =CONTA.SE(A1:A20)
=MEDIA(A1:A20)

=SE(A1>A2; "vero"; "falso")

=CONTA.VALORI(A1:A20)

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 20/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

Lezione 009
01. In MS Excel è possibile modificare il colore di sfondo di un grafico?

x Sì, agendo su "Formato area grafico…"


Sì, selezionando il grafico e modificando il colore del testo nel menù Home

Sì, scegliendo un nuovo grafico che abbia colori predefiniti differenti da quelli scelti in precedenza

Sì, cliccando su "Formato serie dati…" e poi sulla scheda "riempimento"

02. In MS Excel, come è possibile impostare il tipo di dato di una cella?

Home-Paragrafo-Formato celle….

Doppio click su una cella quindi Formato celle...

x Tasto destro su una cella-Formato celle….


Non è possibile poiché Excel lo fa in automatico

03. In MS Excel come è possibile inserire un grafico a partire da una tabella di dati? Descrivere i passaggi.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 21/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

Lezione 010
01. Quale delle seguenti formule di MS Excel consente di determinare le stringhe diverse di 11 lettere che si possono costruire anagrammando la parola
INFORMATICA?

x = FATTORIALE(11) / (FATTORIALE(2) * FATTORIALE(2))


= FATTORIALE(11) / (FATTORIALE(2) * FATTORIALE(1))

= FATTORIALE(11)

= FATTORIALE(11) / FATTORIALE(4)

02. Quale delle seguenti formule di MS Excel consente di determinare le stringhe diverse di 6 lettere che si possono costruire anagrammando la parola FISICA?

= FATTORIALE(6) / FATTORIALE(3)

= FATTORIALE(6) / (FATTORIALE(2) * FATTORIALE(2))

= FATTORIALE(6)

x = FATTORIALE(6) / FATTORIALE(2)

03. Quale delle seguenti formule di MS Excel consente di determinare le stringhe diverse di 5 lettere che si possono costruire anagrammando la parola ESAME?

= FATTORIALE(5) / (FATTORIALE(2) * FATTORIALE(0))

x = FATTORIALE(5) / FATTORIALE(2)
= FATTORIALE(5) / FATTORIALE(3)

= FATTORIALE(5)

04. Quale delle seguenti formule di MS Excel consente di determinare le stringhe diverse di 10 lettere che si possono costruire anagrammando la parola
STATISTICA?

= FATTORIALE(10) / (FATTORIALE(3) * FATTORIALE(1))

x = FATTORIALE(10) / (FATTORIALE(3) * FATTORIALE(2) * FATTORIALE(2) * FATTORIALE(2))


= FATTORIALE(10)

= FATTORIALE(10) / (FATTORIALE(3) * FATTORIALE(2))

05. Cos'è la MODA in MS Excel?

E' il dato che si ripete meno spesso all'interno di un insieme definito

E' il dato che si presenta in maniera più scostante rispetto ad un insieme definito

E' l’aspetto ed il comportamento di una comunità sociale secondo il gusto particolare del momento

x E' il dato che si ripete più spesso all’interno di un insieme definito

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 22/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

Lezione 011
01. Come si crea una nuova presentazione in PowerPoint?

File-Apri Nuova Presentazione

x File-Nuovo

Modifica-Nuova presentazione

File-Aggiungi presentazione

02. In PowerPoint quali sono i vantaggi della visualizzazione "Sequenza diapositive"?

Visualizza tutte le miniature delle diapositive e permette di modificare lo sfondo

Visualizza le diapositive secondo una sequenza casuale e consente di avere una visione completa delle animazioni

Nessuna tra quelle proposte

x Visualizza tutte le miniature delle diapositive in una sola pagina e permette un'idea d'insieme del lavoro che si sta facendo
03. La combinazione di tasti CTRL N in PowerPoint cosa permette di fare?

Cambiare il layout attuale

Creare una nuova diapositiva

Salvare la presentazione corrente

x Creare una nuova presentazione


04. In MS PowerPoint, le operazioni per inserire una casella di testo?

Formato -> Casella di testo

Disegno -> Casella di testo

Strumenti -> Casella di testo

x Inserisci -> Casella di testo

05. Per aggiungere del testo in una diapositiva di PowerPoint bisogna:

x Scriverlo in una casella di testo


Usare un layout della slide con solo il testo

Scegliere prima il comando Inserisci-->Testo

Scriverlo all'interno della slide

06. Come si salva una nuova presentazione in PowerPoint?

Modifica-Salva con nome

x File-Salva con nome


Home-Salva con nome

File-Aggiungi nuova presentazione

07. Che cos'è una presentazione PowerPoint e da quali elementi è caratterizzata?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 23/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

Lezione 012
01. Come si procede per cancellare testi e immagini da una diapositiva di PowerPoint?

x E' sufficiente selezionare ciò che si vuole cancellare e premere Canc da tastiera

Si deve cliccare due volte sull'oggetto che si vuole cancellare e premere Esc da tastiera

Si deve selezionare l'oggetto da cancellare, poi premere il tasto destro del mouse e scegliere Taglia

Si seleziona l'oggetto da cancellare e si preme Elimina

02. In PowerPoint è possibile inserire un grafico?

x Sì, attraverso i comandi Inserisci-Illustrazionie-Grafico


No, in Power Point si possono inserire solo immagini e testi

Sì, solo se il grafico è collegato ad una animazione

No, i grafici si possono inserire solo in Excell

03. In PowerPoint è possibile formattare il testo?

x Sì, attraverso la finestra Home Carattere


No, il testo è solo quellopredefinito

Sì, attraverso la finestra Modifica testo

Sì, ma solo dopo averne inserito le animazioni

04. In PowerPoint è possibile inserire un testo nel piè di pagina?

No, si possono inserire solo intestazioni di pagina e non piè di pagina

x Sì, scegliendo "inserisci-Testo-Intestazione e piè di pagina"

Sì, scegliendo "layout-Piè di pagina"

No, non esiste questo comando

05. E' possibile, in PowerPoint, spostare in secondo piano un oggetto rispetto ad un altro?

No, una volta inseriti gli oggetti non si può modificare l'ordine di visualizzazione

Sì, è sufficiente cliccare col tastro destro del mouse sull'oggetto da spostare in primo piano e scegliere Porta in secondo piano

x Nessuna tra quelle proposte


Sì, cancellando i due oggetti che si sovrappongono, quindi inserire prima quello in secondo piano, poi quello che si desidera in primo piano

06. Elencare e descrivere la procedura per inserire almeno tre differenti elmenti in una presentazione PowerPoint

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 24/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

Lezione 013
01. Come si possono stampare esclusivamente le diapositive 1,5,7,8,9,10 in una presentazione PowerPoint costituita da 15 diapositive?

Scegliendo File-Stampa-Selezione 1-5-6-7,10

x Scegliendo file- stampa- Diapositive e indicando gli intervalli 1,5,7-10


Scegliendo File-stampa-Diapositive e indicando gli intervalli 1-5-7,8,9,10

Inviando 5 volte la stampa

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 25/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

Lezione 014
01. Quale dei questi non è un indirizzo web valido?

http://www.corrieredellasera.it/

x http://www.google/
http://www.repubblica.it/

http://www.uniecampus.it/

02. L'acronimo WWW sta per:

World Wind Web

World Were Web

x World Wide Web


West Wide World

03. In una ricerca Google, l'operatore " (doppi apici) permette di:

Effettuare ricerche più restrittive, imponendo di trovare tutte le parole racchiuse tra gli apici nell'ordine di importanza.

Effettuare ricerche più restrittive, imponendo di escludere tutte le pagine in cui le parole racchiuse tra apici compaiono nell'esatta sequenza in cui sono state scritte.

x Effettuare ricerche più restrittive, imponendo di trovare tutte le parole racchiuse tra gli apici nell'esatta sequenza in cui sono state scritte.
Effettuare ricerche imponendo di trovare tutte le parole precedute dall'apice nei primi risultati.

04. Un Client è un computer che:

Fornisce certi servizi ai computer della rete e gli altri computer

Permette lo smistamento dei dati sulla rete

x Fruisce dei servizi messi a disposizione dai Server


Non può essere collegato in rete

05. Un esempio di URL è:

Google

x http://www.uniecampus.it/ateneo/i-sistemi-informativi/index.html

tarm@unito.it

Nessuno tra quelli presenti

06. Che cos'è una Intranet?

x Una rete aziendale che usa tecnologia Internet


Una componente del protocollo TCP/IP

Una parte di Internet

Una rete aperta alla quale tutti possono accedere

07. Una Extranet è:

x Una rete privata aziendale che include particolari utenti esterni all'azienda

Un sistema di archiviazione di rete

Un sistema operativo di rete usato per monitorare e controllare il flusso di dati

Una rete mondiale di computer

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 26/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

08. Una rete peer-to-peer (P2P):

x E' caratterizzata da una architettura nella quale i nodi sono equivalenti e possono fungere sia da client che da server
E' caratterizzata da una architettura dove ciascun nodo comunica con un Server Centrale e scambia informazioni esclusivamente con esso

E' caratterizzata da un insieme di calcolatori centrali (Server) che smistano e rendono disponibili i servizi ai vari nodi (Peer)

E' caratterizzata da una architettura ad anello, tutti i nodi sono collegati con un ramo al nodo adiacente precedente e con un altro ramo al nodo adiacente successivo

09. La rete ISDN è:

Lo standard italiano per le reti locali (LAN)

Un protocollo di telefonia integrata proprietario proposto da Vodafone

Una tipologia di connessione a internet in fibre ottiche

x Un protocollo di telefonia integrata, che consente di effettuare tutti i servizi di telecomunicazione tramite una sola linea telefonica digitale
10. Per accedere ad una determinata pagina web mediante IE, dove bisogna scrivere l'URL?

Nella barra degli strumenti

Nella barra di navigazione

x Nella barra degli indirizzi

File-->Carica pagina

11. Con il termine HTTP si indica:

Il protocollo per la trasmissione dati in una rete LAN

x Il protocollo per la trasmissione di documenti su Internet

Il protocollo per il trasferimento di archivi e file

Il linguaggio di formattazione del testo per il web

12. Cosa si intende per URL?

x La modalità di indirizzamento alle risorse presenti su Internet


Il percorso che identifica univocamente una risorsa in una rete LAN

La barra degli indirizzi in Internet Explorer

Il path che identifica univocamente un file sul computer locale

13. Internet è:

Il browser predefinito di Windows

x La rete mondiale, formata da reti e computer interconnessi fra loro

Il protocollo di comunicazione utilizzato a livello internazionale

Un motore di ricerca mondiale, formato da computer interconnessi fra loro

14. Tra i vantaggi di una LAN c'è la:

x Possibilità di usufruire di accesso veloce alla rete


Possibilità di navigare gratis in internet

Possibilità di limitare la proliferazione di virus e file infetti

Possibilità di condividere risorse

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 27/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

15. Quale tra questi non è un protocollo di comunicazione?

TCP/IP

x PPT/IP
POP

SMTP

16. Quale dei seguenti non è un esempio di rete?

LAN

Ethernet

WAN

x HTTP

17. Cosa si intende con il termine Cookie?

I siti memorizzati dai Browser tra i Preferiti dall'utente

I siti web che trattano tematiche culinarie

I file di impostazione di Internet Explorer

x I file memorizzati dai browser durante la navigazione


18. Un dominio ".it" indica:

Un dominio per siti di e-commerce

x Un dominio appartenente ad un ente governativo italiano


Un dominio geografico italiano

Un dominio commerciale

19. In cosa consiste una rete di calcolatori? Quali sono i vantaggi? Elencare infine le diverse tipologie di rete viste a lezione.

20. A cosa serve un browser? Dettagliare la risposta descrivendo le funzioni principali.

21. Descrivere e confrontare una rete Client-Server con una rete Peer-to-Peer, evidenziando le differenze tra le due tipologie.

22. In merito ai comandi di ricerca in Google, descrivere le differenze che intercorrono tra l'utilizzo dell'operatore AND e l'utilizzo dell'operatore OR.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 28/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

Lezione 015
01. In un client di posta elettronica come Outlook, a che serve il tasto "Rispondi"?

x A rispondere al mittente del messaggio.


A rispondere solo ai destinatari del messaggio ma non al mittente.

Ad inviare il messaggio ad un altro destinatario.

A rispondere a tutti i destinatari del messaggio.

02. In un messaggio di posta elettronica a cosa serve il campo "CCN":

A inserire il titolo del messaggio.

A inserire il testo del messaggio.

A inserire gli eventuali file allegati al messaggio.

x A inserire i destinatari in copia nascosta del messaggio.


03. In un messaggio di posta elettronica è possibile allegare qualsiasi tipo di file?

No, si possono allegare solo i documenti di testo.

x Sì, è sempre possibile ma è meglio se di dimensioni limitate.


No, non è possibile aggiungere alcun tipo di allegato.

Sì, è sempre possibile ma è preferibile solo cartelle compresse.

04. In Microsoft Outlook è possibile aggiornare la rubrica con posta in arrivo?

x Sì, per aggiungere alla rubrica l'indirizzo del mittente di una email è necessario cliccare col tasto destro del mouse sul messaggio in questione e premere su "aggiungi a
contatti Outlook"

Sì, per aggiungere alla rubrica l'indirizzo del mittendte du una mail è sufficiente premere su "inserisci" e poi "aggiungi a rubrica"

No, non è possibile prelevare un inidirizzo se non è il mittente dell'email ad inserirlo tra i nostri contatti

Sì, selezionando l'indirizzo del messaggio in arrivo e inoltrandolo alla propria rubrica

05. E' possibile stampare un'email?

Sì, si deve copiare il suo contenuto in un classico file word per non perderne la formattazione, poi si procederò da lì alla stampa

Sì, bisogna cliccare su Home-invia a stampante e scegliere la stampante predefinita per le email

x Sì, dopo aver aperto il messaggio bisogna selezionare File-Stampa e in questo modo si aprirà la classica finestra di stampa su cui procedere con le varie impostazioni
Sì, basta cliccare su Home- stampa mail e procedere con le impostazioni della stampante

06. Come è possibile mandare una stessa email a più destinatari differenti?

Si deve inserire il primo destinatario nel campo contraddistinto da "A", i successivi devono essere inseriti nella barra dell'oggetto

Nel campo destinatari deve essere inserito ogni destinatario separato dal successivo tramite due punti (:)

x Nel campo destinatari deve essere inserito ogni destinatario separato dal successivo tramite punto e virgola (;)
Si deve procedere selezionando il tasto "inoltra", a questo punto verrà chiesto dal programma il numero dei destinatari a cui si vuole inoltrare il messaggio

07. Cos'è la netiquette?

x E' una serie di regole di comportamento valide per tutti gli utenti di internet

E' una modalità utile per etichettare le email e suddividerle per argomenti

E' una modalità di gestione della posta elettronica

E' un insieme di regole per l'invio di email alla Pubblica Amministrazione

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 29/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

08. In un messaggio di posta elettronica a che serve il campo "A"?

x A inserire l'indirizzo del destinatario del messaggio.


A inserire il testo completo del messaggio.

A inserire gli eventuali file allegati al messaggio.

A inserire l'indirizzo del mittente del messaggio.

09. Cos'è il Certificato Digitale di Sottoscrizione?

Un certificato di adesione ai servizi connessi all'acquisto di un pc

Un certificato di attestazione di originalità di programmi antivirus

Un documento che ciene rilasciato all'acquisto di qualunque software informatico

x Un file generato seguendo indicazioni di legge in cui sono contenuti, tra gli altri dati, anche quelli identificativi del mittente dell'email
10. Quale dei seguenti caratteri non è accettabile in un indirizzo e-mail?

x è

11. I protocolli per lo scambio di email sono:

Outlook, Thunderbird e Mail

x SMTP, POP e IMAP


HTTP, FTP e POP

DOC, XLS e POP

12. Cos'è la posta elettronica?

E' un servizio pubblico grazie al quale ogni utente può inviare o ricevere messaggi

E' unamodalità elettronica di trasmissione di informazioni tra enti pubblici

E' un servizio di controllo delle comunicazioni a livello mondiale

x E' un servizio internet grazie al quale ogni utente può inviare o ricevere messaggi

13. Un file con estensione .p7m indica generalmente:

Una presentazione in PowerPoint

Un file compresso tramite il programma Open Source 7-Zip

x Un file sul quale è stata apposta una Firma Digitale mediante apposito software
Il file ottenuto dall’esportazione di una mail in MS Outlook

14. Quale tra i seguenti è un indirizzo e-mail valido?

pinco.uniecampus.it

pinco_è_pallino@uniecampus.it

x pinco.pallino@uniecampus.it
uniecampus.it

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 30/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

15. In Outlook è possibile ordinare i messaggi per nome, per data, per contenuto e per priorità?

Nessuna tra quelle proposte

E' possibile ordinarli per nome e per data ma non per priorità e per contenuto

Sì si possono ordinare secondo nome, data, priorità econtenuto

x No, si possono ordinare per nome, data e priorità ma non per contenuto
16. Microsoft Outlook è:

Un protocollo di comunicazione

x Un client di Posta Elettronica


Un programma di gestione note e contatti

Un programma di videoscrittura simile a Word

17. Che cos'è la posta elettronica certificata e per cosa si differenzia dalla posta elettronica?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 31/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

Lezione 016
01. Il codice in materia di protezione dei dati personali intende con l'espressione "dato personale":

qualunque informazione relativa a persona fisica che si può rintracciare attraverso documento d'identità

qualunque informazione relativa a persona fisica e giuridica ma non riguardante enti e associazioni

qualunque informazione che identifichi univocamente una persona fisica

x qualunque informazione relativa a persona fisica, persona giuridica, ente od associazione

02. Con l'espressione cybersquatting si intende?

L'invio di grandi quantità di messaggi indesiderati (generalmente commerciali)

La modifica di un software atta a rimuoverne la protezione dalla copia, oppure per ottenere accesso ad un'area altrimenti riservata

x La registrazione di nomi di dominio corrispondenti a marchi o nomi altrui, effettuata da chi non ne abbia il diritto
La commercializzazione a fini di lucro di software non proprietario

03. Con il termine "spam" si intende generalmente:

x l'invio di posta elettronica non sollecitata, ossia senza il consenso del destinatario

l'invio di posta elettronica atto a richiedere informazioni personali del destinatario

l'invio di posta elettronica contenente virus

l'invio di posta elettronica con corpo del messaggio in lingua inglese

04. Nell'ambito dell'informatica giuridica, cosa sono le MTP?

Misure Teoriche di Protezione

Metodi Tecnici Pratici

Metodi Tecnologici di Prevenzione

x Misure Tecnologiche di Protezione

05. Da cosa dipende la ricezione di posta indesiderata?

x Aver fornito il proprio indirizzo in occasione di vendite o prestazione di un servizio

Attraverso i virus Troian

Per passa parola

Attraverso i Cookie

06. Cosa possiamo consultare andando al sito www.ancitel.it?

x Reperire gli indirizzi di siti web dei Comuni italiani


Reperire gli indirizzi di siti web di ogni Provincia italiana

Consultare gli elenchi telefonici degli utenti Telecom

Reperire gli indirizzi di siti web delle Regioni italiane

07. Che cos'è il Digital Copyright?

Nessuna delle precedenti

x Le norme che disciplinano il diritto d'autore in formato digitale

Le norme sul diritto d'autore

Il diritto d'autore che esclude le opere intellettuali

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 32/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

08. Come si distinguono le misure tecnologiche di protezione delle informazioni?

Si distinguono in controllo delle informazioni inviate e delle informazioni ricevute

x Si distinguono in due categorie: controllo sull'accesso delle informazioni e econtrollo sull'utilizzo delle informazioni

Si distinguono in due categorie: controllo sull'utilizzo delle informazioni e controllo sui dati personali

Si distinguono in tre categorie: controllo sull'utilizzo delle informazioni, controllo sull'accesso delle informazioni e controllo sui dati personali

09. La condivisione dell'informazione in Internet può avvenire:

Attraverso un'unica forma: verticale (da uno verso molti)

Attraverso due forme: orizzontale (da molti verso molti) e preferenziale (da uno verso alcuni predefiiti)

x Attraverso due forme: verticale (da uno verso molti) e orizzontale (da molti verso molti)
Attraverso un'unica forma: orizzontale (da molti verso molti)

10. Cosa si intende per P2P?

Una rete che due protocolli

Una Chat uno a uno

x Una condivisione di risorse dove ognuno fa server o da client


Un collegamento tipo Skype

11. Cosa si intende per dato sensibile?

I dati personali che toccano l'origine solo lo stato di salute o vita sessuale

I dati personali che toccano l'origine razziale o etnica, le convinzioni religiose o filosofiche o politiche o sindacali, lo stato economico e patrimoniale

x I dati personali che toccano l'origine razziale o etnica, le convinzioni religiose o filosofiche o politiche o sindacali, lo stato di salute o vita sessuale
I dati personali che toccano l'origine razziale o etnica, le convinzioni religiose o filosofiche o politiche o sindacali, il sesso

12. Quali sono le forme di comunicazione sostenute da Internet

File sharing e molti verso uno

Upload e download

Client server

x Una verso molti, molti verso molti


13. E' possibile visionare in internet tutta la documentazione inerente la legislazione nazionale?

No, non ci sono norme aggiornate dopo il 1996

Sì, attraverso il sito www.senatori.it

Sì, attraverso il sito internet www.legislazioneitaliana.com

x Sì, attraverso il sito internet www.normattiva.it

14. Il Copyright è:

un Istituto giuridico che governa solo la clonazioni di libri

x un Istituto giuridico che governa le problematiche inerenti il controllo di elaborazioni e diffusione delle creazioni intellettuali
un Istituto giuridico che governa le problematiche inerenti il controllo e la diffusione dei firmware

un Istituto giuridico che governa le problematiche inerenti il controllo dei download di musica e film

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 33/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

15. In materia di protezione dei dati personali, quali diritti non vengono riconosciuti agli utenti

Non far circolare i propri dati personali

Chiedere la cancellazione per trattamento illecito

x Rendergli i dati anonimi per alcuni siti

Controllarne l'utilizzazione

16. Quale legge italiana introduce i reati informatici?

Legge 128/2004

Testo Unico 47/83

Non esistono ancora leggi a riguardo

x Legge 547/93

17. Quale URL ci permette di consultare la Costituzione aggiornata

http://www.costituzione.it

http://www.parlamento.it

x http://www.cortecostituzionale.it
http://www.leggi.it

18. Quali sono le condotte che la legge 547/93 art. 615ter. considera reato:

Inviare Cookie

Infrangere il digital copyright

Inviare posta indesiderata

x Introdursi abusivamente in un sistema informatico protetto


19. Secondo il Codice in materia di protezione dei dati personali in vigore dal 1° gennaio 2004, cosa si intende per "dati anonimi"?

i dati incompleti, che dunque non consentono di chiarire in modo completo il tema cui si riferiscono

x i dati che non possono essere attribuiti a un interessato identificato o identificabile


i dati privi di recapiti telefonici validi

i dati che pur fornendo indicazioni sull'interessato, non ne contengono recapiti telefonici

20. Su quali tipi di aggressione non interviene la legge 547/93

Integrità dei dati

Riservatezza

Le frodi informatiche

x Rimborsi per acquisti on line di merce difettosa

21. In merito all'informatica giuridica, definire il concetto di "Copyright".

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 34/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

Lezione 017
01. Nella programmazione, fornire un esempio pratico di macchina virtuale:

Internet Explorer 11

Google Andorid

Apple iPhone

x la Java virtual machine


02. Chi fu ad introdurre il concetto moderno di memoria dinamica (DRAM)?

Blaise Pascàl

Konrad Zuse

Charles Babbage ed Ada Augusta Loveleace

x John Atanasoff e George Stibitz

03. Definizione di liguaggio di programmazione interpretato:

x il codice sorgente viene letto direttamente poiché scritto in linguaggio macchina.


il codice sorgente deve essere necessariamente compatibile con l'hardware in uso.

il codice sorgente viene tradotto in linguaggio macchina ogni volta che viene eseguito da un programma chiamato appunto interprete.

il codice sorgente è tradotto una volta per tutte nel ?linguaggio macchina? proprio di una certa famiglia di processori/sistemi operativi.

04. Definizione di liguaggio di programmazione tradotto o detto anche compilato:

il codice sorgente viene tradotto in linguaggio macchina ogni volta che viene eseguito da un programma chiamato appunto interprete.

il codice sorgente viene letto direttamente poiché scritto in linguaggio macchina.

x il codice sorgente è tradotto una volta per tutte nel ?linguaggio macchina? proprio di una certa famiglia di processori/sistemi operativi.

il codice sorgente deve essere necessariamente compatibile con l'hardware in uso.

05. La prima macchina calcolatrice costruita da Pascal poteva eseguire:

x solamente oprezioni elementari come somme e sottrazioni

operazioni come somme, sottrazioni, moltiplicazioni e divisioni.

sommare solo numeri pari

qualsiasi operazione aritmetica

06. Nell'evoluzione dei computer la generazione zero corrisponde alla generazione:

dei cosiddetti ubiquitous computer

dei computer a valvole

dei computer a transistor

x dei computer meccanici

07. Fornire una definizione generale di calcolatore digitale comprensiva delle tre caratteristiche fondamentali.

08. Descrivere nel modo più semplice possibile la differenza tra INTERPRETE e TRADUTTORE.

09. Cos?è una macchina virtuale? Perché è stato così importante introdurre questo concetto?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 35/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

Lezione 018
01. Quale fu la macchina(computer) che maggiormente influenzò la moderna concezione di computer?

La Cray-1 di Cray

La macchina di Von Neumann

La macchina di Turing

x La differential engine di Charles Babbage


02. Nell'evoluzione dei computer la prima generazione corrisponde alla generazione:

x dei computer a valvole


dei cosiddetti ubiquitous computer

dei computer a transistor

dei computer meccanici

03. Il primo elaboratore digitale della storia è stato:

la 6600 di Seymour Cray

il 7094 della IBM

x la macchina colossus di Alan Turing

la differential engine di Charles Babbage

04. Descrivere la figura di Ada Lovelace e la sua relazione con Babbage.

05. Perché John Atanasoff e John Von Neumann sono considerati i padri dei calcolatori moderni?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 36/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

Lezione 019
01. Nell'evoluzione dei computer la seconda generazione corrisponde alla generazione:

dei cosiddetti ubiquitous computer

dei computer meccanici

dei computer a valvole

x dei computer a transistor

02. Nell'evoluzione dei computer la terza generazione corrisponde alla generazione:

x dei computer a circuiti integrati


dei computer a transistor

dei computer a valvole

dei computer meccanici

03. Quale fu il computer dove venne programmato il primo videogioco?

La macchina colossus di Alan Turing

Il 6600 di Seymour Cray

Il 7090 della IBM

x Il PDP-1 della DEC


04. Citare almeno tre calcolatori digitali a circuiti integrati.

05. Citare almeno tre tipi di calcolatori digitali a transistor.

06. Qual è la differenza tra la tecnologia a valvole e quella a transistor? L'arrivo dei transistor che novità a portato nella costruzione dei calcolatori digitali?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 37/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

Lezione 020
01. Nell'evoluzione dei computer la quinta generazione corrisponde alla generazione:

dei computer a transistor

dei computer con tecnologia VLSI

dei computer meccanici

x dei cosiddetti ubiquitous computer


02. Nell'evoluzione dei computer la quarta generazione corrisponde alla generazione:

x dei computer con tecnologia VLSI

dei computer a transistor

dei computer meccanici

dei computer a valvole

03. Quale fu il primo computer ad avere una interfaccia grafica GUI simile ai sistemi operativi moderni?

Il pc IBM

Il PDP-1 della DEC

il 7094 della IBM

x Il Macintosh di Apple
04. Fornire una definizione generale di VLSI.

05. Perché l'INTEL 386 viene definito il primo Pentium della storia?

06. Il PDP-1: descriverne il funzionamento e le novità apportate ai computer digitali.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 38/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

Lezione 021
01. La nuova tecnologia di trasmissione dei dati alla base della nascita di Internet è il protocollo informatico:

SMTP

x TCP/IP
HTTP

FTP

02. Una delle concause della nascita di Internet è:

la necessità di inviare massivamente pubblicità

la necessità di navigare in internet

x la necessità di comunicare in maniera non intercettabile

la necessità di effettuare videochiamate

03. Una delle caratteristiche chiave del protocollo TCP/IP è quello di:

x permettere la comunicazione tra sistemi informatici diversi


raggiungere una risoluzione grafica migliore

migliorare la comunicazione telefonica

permettere di interagire vocalmente con il computer

04. La nascita di internet: la preistoria. Descriverne il periodo e le prime applicazioni.

05. Descrivere in generale il progetto ARPAnet.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 39/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

Lezione 022
01. Quale software è stato il primo a supportare tutti i protocolli (http, ftp etc.)?

Internet Explorer

x Netscape
Gopher

Mosaic

02. In che anno è stata dismessa ARPAnet?

1980

x 1990

2000

1970

03. Chi tra questi può essere considerato uno dei padri di Internet?

Seymour Cray

Alan Turing

Konrad Zuse

x Vinton Cerf
04. Cos'è l'HTML?

Un processore

Un protocollo

Un computer

x Un meta linguaggio

05. Cos'è l'HTTP?

Un processore

x Un protocollo
Un computer

Un meta linguaggio

06. Cos'è USEnet?

Un sistema operativo

x Un sistema di messaggistica distribuito


Un software per la navigaizione in internet

Un centro di ricerca

07. In che anno è nata la rete Internet?

1970

x 1990

2000

1980

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 40/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

08. Quale software è stato il primo a supportare il protocollo HTTP?

Internet Explorer

Netscape

x Mosaic
Gopher

09. Quale software introduce il concetto di link?

x Gopher

Archie

Internet Explorer

Netscape

10. USEnet, il primo sistema di messaggistica: per quale piattaforma era stato creato? Fornire esempi di sistemi di messaggistica contemporanei.

11. Gli anni '80: gli albori di internet e il protocollo TCP/IP. Esporre brevemente l'argomento.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 41/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

Lezione 023
01. Quali tra questi non rappresenta un nucleo tematico per la ricerca delle discipline informatiche?

Metodologie di rappresentazione e codifica dell'informazione pertinente

Le modalità di produzione, identificazione, manipolazione, gestione, distribuzione reperimento e conservazione nel tempo di tali informazioni

x Criteri di usabilità e accessibilità di prodotti multimediali e dei siti web

Associazione all'informazione di base delle opportune metainformazioni strutturali e descrittive

02. In merito all'informatica umanistica, quale delle seguenti effermazioni si può ritenere giusta?

x Studia l'impatto sociale, economico e politico delle nuove tecnologie dell0informazione e della comunicazione
Studia le caratteristiche degli strumenti software come Microsoft Word

Deriva dall'informatica base

Sviluppa i siti web delle discipline umanistiche

03. Cosa si intende per INFORMATICA UMANISTICA?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 42/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

Lezione 024
01. Cosa si intende con il termine Social Network?

Un sistema piramidale per guadagnare denaro

x Servizio informatico on line che permette la realizzazione di reti sociali virtuali

Il titolo di un famoso film americano

Un insieme di computer impiegati a risolvere problematiche sociali

02. Cosa sono i siti di dating online?

Siti internet per lo svolgimento di esami online

Siti internet dove poter inserire i propri appuntamenti/le proprie scadenze

Siti internet dove poter consultare archivi digitali

x Siti internet dove poter organizzare appuntamenti e incontri


03. L'acronimo IAD sta per:

x Internet Addiction Disorder

Intelligence Artificial Demo

Internet Algorithm Development

Institute American Design

04. Quale tra questi non è un social network?

www.twitter.com

www.facebook.com

x www.amazon.com
www.instagram.com

05. Qual è la sfida principale della Psicologia circa lo studio del mondo virtuale?

06. Perché i social network sono considerati terreno fertile per lo sviluppo di nuove dinamiche di relazione?

07. I social network: quale impatto hanno avuto sulle grandi masse?

08. Fornire una descrizione accurata dell'Internet Addiction Disorder: IAD.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 43/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

Lezione 025
01. Quale tabella di verità corrisponde alla funzione F = (A' + B) * (A * B')?

Nessuna tra le possibili opzioni

02. La seguente tabella di verità:

corrisponde all'operatore logico:

x OR

AND

NAND

NOT

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 44/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

03. Quale tabella di verità corrisponde alla funzione F = (A' * B) + B?

x Nessuna tra le possibili opzioni

04. Quale delle seguenti uguaglianze è sbagliata?

x (A * B)' + B = A
Nessuna tra le possibili opzioni

A+1=1

(A * B) + B = B

05. Quale funzione Booleana realizza il seguente circuito?

F = ((A + C')' * B') + B

F = ((A * C)' + B) + B

F = ((A + C')' * B') * B

x F = ((A * C')' + B') + B

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 45/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

06. Quale funzione Booleana rappresenta il seguente circuito?

F = ((A * B * C)' + B)

x F = (A * B * C)' + B'
F = (A * B * C) + B

F = (A + B + C)' * B'

07. Quale funzione Booleana realizza il seguente circuito?

F=0

F = ((A * B) + C') * A'

x F = ((A * B)' + C) * A'

F = (A * B +C) + A'

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 46/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

08. Quale funzione Booleana realizza il seguente circuito?

x F = (A' * C)' + B'

F=A+B

F = ((A' + C) + B')

F = (A' + C)' * B'

09. Quale funzione Booleana realizza il seguente circuito?

F = (A' * B) + (C' * B)'

x F = ((A' * B) + C') * B

F = ((A' + B) * C') B

F = A' * B

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 47/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

10. Quale funzione Booleana realizza il seguente circuito?

F = (((A' * B * C) + C) + A')

F = (((A' + B + C)' * C) * A')'

Nessuna tra le possibili opzioni

x F = (((A' * B * C)' + C) + A')'


11. Quale delle seguenti uguaglianze è quella giusta?

x (A * B)' = A' + B'


A + B = A' * B'

A=1

(A * B) = A' * B'

12. Quale funzione Booleana realizza il seguente circuito?

x F = (((B * C) + A')' * B * C)'


F = (((B + C) * A') * B + C)

Nessuna tra le possibili opzioni

F = (((B + C) * A')' * B + C)'

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 48/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

Lezione 026
01. L'obiettivo del Sistema Mycin era quello di:

x Identificare i batteri che causavano infezioni gravi e prescrivere la giusta cura medica

Indentificare, controllare e monitorare i valori di emoglobina nel sangue

Controllare i livelli di diabete nel sangue, in particolare il sistema era in grado di evidenziarne le cause

Simulare un intervento psichiatrico; in particolare il sistema Mycin poneva al paziente domande e in relazione alle risposte sottoponeva nuove domande

02. Con il termine "Intelligenza Artificiale" si intende:

Le tecniche per lo sviluppo di algoritmi che aiutino a risolvere, in maniera "intelligente", problematiche di tipo sociale

x La teoria e le tecniche per lo sviluppo di algoritmi che permettano alle macchine di mostrare un'abilità o un’attività intelligente
La teoria e le tecniche per lo sviluppo di apparecchiature software che permettano lo sviluppo e la crescita dell'intelligenza umana

L’insieme dei programmi e delle applicazioni software sviluppati nel corso degli anni che meglio descrivono l’evoluzione dell’intelligenza umana

03. In merito all’Intelligenza Artificiale, il Sistema Mycin è classificabile come:

Sistema a basi di dati

Sistema di Produzione

x Sistema Esperto
Rete Neurale Artificiale

04. Un Sistema Esperto è classificabile come:

Un insieme di un grande numero di unità elementari connesse tra loro su cui si distribuisce l’apprendimento

x Un programma che cerca di riprodurre le prestazioni di una o più persone esperte in un determinato campo di attività
La teoria che rappresenta meglio le modalità di acquisizione e conservazione delle informazioni sia dell'uomo che successivamente dell’elaboratore

Un programma che sfruttando un insieme di conoscenze organizzate in base di dati fornisce risposte a domande precise

05. In cosa consiste il gioco dell'imitazione proposto da Alan Turing?

06. Cos'è un sistema esperto? Per quali caratteristiche differisce da un sistema di produzione?

07. Spiegare perché un'applicazione di diagnostica medica è un classico esempio di sistema esperto.

08. Descrivere gli aspetti fondamentali del linguaggio LISP.

09. Cosa indica il termine "Intelligenza artificiale"?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 49/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

Lezione 027
01. Cosa si intende con il termine "Effetto Eliza"?

Nessuna tra quelle presenti

Il fenomeno che si verifica quando un essere umano non riesce più a distinguere la differenza tra un calcolatore comandato da un umano ed un calcolatore che finge di
essere un umano

Il fenomeno che si verifica quando un calcolatore riesce a sostituire in tutto e per tutto le abilità e i ragionamenti tipici dell’essere umano

x Il fenomeno psicologico che si verifica quando, ad un computer, viene attribuita maggior intelligenza di quanto in realtà ne possegga
02. In cosa diverge l'intelligenza artificiale forte dall'intelligenza artificiale debole?

03. Dare una definizione del termine "robotica" e analizzare i motivi della sua espansione a livello industriale.

04. In merito all'Intelligenza Artificiale, cos’è una rete neurale?

05. In relazione a quale analisi nasce la logica Fuzzy?

06. Discutere del cosiddetto "effetto ELIZA", analizzando le riflessioni prodotte dall'autore J.Weizenbaum.

07. Come funzionava il famoso programma ELIZA degli anni '60?

08. Descrivere il funzionamento del sistema MYCIN.

09. Grazie a quali strumenti l’informatica aiuta psicologi e insegnanti nei disturbi dell’apprendimento?

10. Descrivere gli aspetti fondamentali della teoria HIP.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 50/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

Lezione 028
01. Quale delle seguenti affermazioni su un ipertesto è vera:

x L’ipertesto è un tipo di strutturazione delle informazioni in forma non necessariamente unilineare


L’ipertesto è un documento digitale contenente oltre al testo, immagini, video e suoni

La caratteristica principale di un ipertesto è che la lettura si può svolgere unicamente in maniera lineare

L'ipertesto è un tipo di strutturazione delle informazioni necessariamente lineare

02. Le tre tipologie di strutturazione di un ipertesto sono:

Lineare, ad Albero e a Rete

x Assiale, Gerarchica e Referenziale


Assiale, Lineare e Modulare

Lineare, Gerarchica e a Rete

03. La differenza principale tra un ipertesto a struttura gerarchica e un ipertesto a struttura di rete è:

In una struttura gerarchica i nodi si differenziano in nodi primari e nodi secondari, mentre nella struttura di rete i nodi sono posti sullo stesso livello

La struttura gerarchica è del tutto simile alla struttura a rete, l'unica differenza è che nella struttura a rete i nodi hanno connessioni multiple

x In una struttura gerarchica i nodi sono posti su più livelli, mentre nella struttura di rete i nodi sono posti sullo stesso livello

In una struttura gerarchica i nodi sono posti su due livelli differenti, mentre nella struttura di rete i nodi sono posti su più livelli

04. Il nodo ipertestuale è:

Uno spazio di informazione che contiene una rappresentazione grafica di tutti i documenti che compongono l'ipertesto

Una struttura di collegamento che unisce con estrema facilità e rapidità nodi diversi dell’ipertesto

Nessuna delle altre risposte disponibili

x Uno spazio di informazione che si identifica con lo schermo del computer e può contenere dati e informazioni di varia natura

05. Cosa si intende con "spazio logico" di un ipertesto?

06. In che modo e con quali strumenti è implementata una lettura di tipo non-lineare degli ipertesti?

07. Descrivere le diverse tipologie strutturali di ipertesto.

08. Descrivere le differenze sostanziali tra gli ipertesti e gli ipermedia.

09. Da quali elementi è composto lo spazio grafico-visivo di un ipertesto?

10. Cos'è una mappa di navigazione? Che ruolo riveste nella struttura generale di un ipertesto?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 51/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

Lezione 029
01. I sistemi di produzione seguono uno schema generale composto da tre elementi, quali:

Analisi, progettazione, test

x Regole di produzione, global database, interprete delle regole


Regole di produzione, definizione delle tabelle, definizione regole di output

Regole del database, definizione relazioni, interprete delle regole

02. Quale tra questi non è tra i principali vantaggi offerti dai sistemi a regole di produzione?

Facilità nell'aggiornamento

x Si utilizzano maggiormente quando ricade sul flusso della computazione


Alta modularità e Rapidità di costruire spiegazioni

Semplicità di lettura e l'esplorazione delle conoscenze

03. Fornire la definizione e la descrizione di un Global Database.

04. Descrivere brevemente il "Modus Ponens".

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 52/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

Lezione 030
01. Il collegamento "Is a":

È uno stato

x Costruisce gerarchie ereditarie

Costruisce la realtà

Costituisce lo stato futuro

02. Nella struttura a grafo cosa rappresentano i nodi e cosa rappresentano gli archi?

Gli archi gli oggetti i nodi i collegamenti

x I nodi rappresentano gli stati, gli archi le relazioni fra i nodi


I nodi rappresentano la convergenza degli oggetti, gli archi le relazioni fra i grafi

Gli archi sono particolari caratteristiche dei nodi

03. Quali sono i livelli in cui vengono usate le reti semantiche?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 53/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

Lezione 031
01. Cosa rappresentano gli attributi?

Specifiche dei report

Particolari caratteristiche dei record

x Dettagli riguardanti le informazioni sulle entità


Caratteristiche del database

02. Cosa si intende per cardinalità delle relazioni?

Il numero di campi che può avere un record

Il numero massimo di record di un database

Il numero di entità coinvolte in una associazione

x Il minimo e il massimo di associazioni che una occorrenza di una entità può avere con altre occorrenze di altre entità coinvolte nell'associazione
03. Nel modello E-R cosa sono le associazioni?

Un particolare database che accomuna stessa tipologia di dati

Relazioni fra record

x Legami fra due o più entità


Collegamenti fra dati uguali

04. Descrivere i concetti di: modello E-R, entità nel modello E-R, occorrenze, relazioni nel modello E-R.

05. Cosa si intende per studio di fattibilità di un database?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 54/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

Lezione 032
01. Quali sono le operazioni da fare per creare un nuovo database?

File - importa - nuovo database

File - nuovo - crea - database vuoto

x File - nuovo - database vuoto - crea


Inserisci - nuovo - database vuoto

02. Quali sono gli elementi da progettare che compongono un database con Access?

Tabelle, relazioni, query, maschere, report

Tabelle, sottotabelle, collegamenti, report

Fogli, grafici, stampa

Tabelle, relazioni, query, report

03. Quali delle funzioni sono nella scheda File in Microsoft Access 2010?

Elimina, modifica, database

Annulla, taglia, copia, incolla

Relazioni, filtro, macro

Nuovo, Apri, documenti recenti, stampa, salva i file e componenti aggiuntivi

04. Descrivere in maniera approfondita lo "studio di fattibilità" per la creazione di un database.

05. Spiegare quando e perché è consigliato l'utilizzo di Access al posto di Excel.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 55/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

Lezione 033
01. Le fasi di esistenza di un archivio sono:

Analisi, sviluppo, test

Di deposito, storica, futura

Raccolta, trascrizione, conservazione

x Una corrente, di deposito, storica


02. Quali sono le differenze tra archivio e biblioteca digitale?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 56/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

Lezione 034
01. Cosa rappresenta l'oPAC?

Accesso pubblico dell'amministrazione cataloghi

L'organizzazione e progettazione archivi privati

L'organizzazione per l'automazione dei pubblici cataloghi

x Il catalogo informatizzato delle biblioteche

02. Le componenti fondamentali di una biblioteca digitale sono:

Analisi, sviluppo e test

x Collezione, servizi di accesso, utente


Raccolta, trascrizione, conservazione

Collezione, gestione, profili di accesso

03. La Biblioteca digitale: compiti e scopi.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 57/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

Lezione 035
01. Un documento/file HTML deve essere salvato con estensione:

.htlm

.browser

.exe

x .html
02. In un documento HTML, il testo viene strutturato all'interno del tag:

x BODY

TITLE

META

HEAD

03. In HTML, i tag META vengono definiti:

Nel FOOTER

Nel BODY

x Nell'HEAD
Nel TITLE

04. Cosa si intende con il termine Html?

05. In merito al linguaggio HTML, cos'è un tag? A cosa serve un attributo?

06. In merito al linguaggio HTML, a cosa servono i tag META?

07. Scrivere un semplice documento HTML che visualizzi al centro della finestra il proprio nome e cognome.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 58/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

Lezione 036
01. In HTML, la differenza sostanziale tra un tag <DIV> e un tag <SPAN> è:

x Il DIV è un elemento di blocco mentre lo SPAN è un elemento inline

Il DIV è un elemento utilizzato per strutturare il documento mentre lo SPAN può contenere solo testo

Nessuna, il DIV e lo SPAN sono entrambi elementi di blocco

Il DIV è un elemento inline mentre lo SPAN è un elemento di blocco

02. In HTML, per dare una forte enfasi (rendere grassetto) un testo è necessario utilizzare il tag:

x <strong>

<p>

<em>

<font>

03. In HTML, l'unità di base entro cui è possibile suddividere il testo è:

x Il tag <p>

Il tag <span>

Il tag <h1>

Il tag <HEAD>

04. In HTML, per inserire un interruzione di riga, quindi un a capo, si può utilizzare il seguente tag:

x <br/>
<span></span>

<hr/>

<b>

05. In HTML, il paragrafo, definito dal tag <p>, è classificato come un elemento di che tipo?

x Elemento di blocco

Elemento di strutturazione

Nessuna tra le possibili risposte

Elemento inline

06. In HTML per definire l'apertura di un elenco puntato è necessario utilizzare quale tag?

<elenco>

<ol>

x <ul>

<li>

07. In HTML per definire l'apertura di un elenco ordinato è necessario utilizzare quale tag?

<li>

<lo>

<ul>

x <ol>

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 59/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

08. Quale tra i seguenti è un corretto esempio di commento nel codice HTML?

<comm>Questo è un commento in HTML</comm>

/* Questo è un commento in HTML */

## Questo è un commento in HTML ##

x <!-- Questo è un commento in HTML -->


09. Per inserire un paragrafo in un documento HTML si dovrà utilizzare il seguente tag:

x <p>

<par>

<pp>

<div>

10. Perché è opportuno prestare particolare attenzione, in termini di sicurezza, ai commenti che inseriamo nel codice HTML?

11. In HTML, a cosa servono le entità carattere? Perché è buona norma utilizzarle nella stesura di un testo?

12. In HTML quali tag sono necessari per definire un elenco puntato? E per un elenco ordinato? Fornire degli esempi di codice.

13. In HTML, a cosa serve il tag <hr>?

14. In HTML, quali sono le differenze tra un tag DIV e un tag SPAN? In quali casi è preferibile utilizzare uno piuttosto che l’altro?

15. Realizzare un documento HTML che contenga un titolo di livello 1 seguito da un paragrafo contenente testo semplice.

16. In HTML, a cosa serve il tag <br>?

17. In HTML, a cosa servono i tag da <h1> a <h6>?

18. Perché è utile indentare il codice HTML?

19. In cosa consiste la nidificazione dei tag HTML?

20. Qual è la sintassi da utilizzare per definire un commento all'interno del codice HTML?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 60/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

Lezione 037
01. In HTML, quale attributo permette di specificare in quale finestra (o tab) aprire un link?

title

alt

target

x href

02. I link HTML vengono -solitamente- evidenziati dal browser come:

Testo sottolineato in nero

Testo in corsivo

Testo di colore blu

x Testo sottolineato di colore blu

03. In HTML, per definire un collegamento (link) è necessario utilizzare il tag:

<li>

x <a>
<href>

<link>

04. In HTML, qual è la corretta sintassi per definire un collegamento multimediale?

<a src="pagina.html">Segui il link...</a>

In HTML non esistono collegamenti multimediali ma solo LINK

x <a href="pagina.html">Segui il link...</a>


<a link="pagina.html">Segui il link...</a>

05. Perché i link, detti anche collegamenti ipertestuali, sono essenziali nello sviluppo di documenti HTML?

06. Descrivere la sintassi di base necessaria a definire un link HTML. Fornire un esempio.

07. In HTML, qual è la differenza sostanziale tra un link interno e uno esterno?

08. In HTML, in quali casi è utile un link interno (segnalibro)?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 61/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

Lezione 038
01. In HTML, per definire un'immagine con larghezza 100px e altezza 400px, quale sintassi è corretta utilizzare?

<img src='immagine.jpg' width='100px' height='400px' alt='Testo alternativo' />

x <img src='immagine.jpg' width='400px' height='100px' alt='Testo alternativo' />


<image src='immagine.jpg' width='100px' height='400px' alt='Testo alternativo' />

<img src='immagine.jpg' left='100px' top='400px' alt='Testo alternativo' />

02. In HTML, per quale motivo è opportuno sempre definire l'attributo ALT di un'immagine?

Per permettere ai browser testuali (come Lynx) di visualizzare in maniera idonea l'immagine

x Per permettere a chi non possa visualizzare l'immagine di leggere un testo che ne spieghi il contenuto
Per definire un ritorno a capo (br) dopo l'immagine

Per permettere al browser di velocizzare l'operazione di rendering dell'immagine

03. In HTML, per definire un'immagine è necessario utilizzare il tag:

<src>

x <img>
<span>

<image>

04. In HTML, supponendo di voler utilizzare l'immagine "foto.jpg" come collegamento ipertestuale si potrà scrivere:

x <a href='index.html'><img src='foto.jpg' alt='Foto'/></a>


<a href='foto.jpg'>Link</a>

<a href='index.html'><image>foto.jpg</image></a>

<img src='foto.jpg' alt='Foto'><a href='index.html'>Link</a></img>

05. In merito all'HTML, spiegare come e perché è necessario attribuire un testo alternativo ad un'immagine.

06. Descrivere la sintassi di base necessaria a definire un'immagine in un documento HTML. Fornire un esempio.

07. In HTML, grazie a quale attributo è possibile scegliere il tipo di allineamento di un'immagine rispetto al testo che lo circonda? Fornire un breve esempio di
codice.

08. Grazie a quale combinazione di tag è possibile fare in modo che un'immagine diventi un link ipertestuale? Fornire inoltre un esempio tramite codice html.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 62/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

Lezione 039
01. In merito alle tabelle in HTML, qual è la differenza sostanziale tra un tag TD e un tag TH?

Il tag TD è generalmente utilizzato nel body delle tabelle, TH solo nel footer

x Il tag TD è utilizzato per definire una cella standard, TH per definire una cella di intestazione
Il tag TH è utilizzato per definire una cella standard, TD per definire una cella di intestazione

Il tag TD è utilizzato per definire una cella standard, TH non esiste

02. In HTML, per definire una tabella è necessario innanzitutto aprire il tag:

<tr>

<tbody>

x <table>
<td>

03. In HTML, per definire una riga all'interno di una tabella è necessario il tag:

<th>

x <tr>

<td>

<table>

04. In HTML, il tag che definisce una singola cella è:

x <td>
<colspan>

<tr>

<cell>

05. In merito alle tabelle in HTML, qual è la differenza tra l'attributo COLSPAN e l'attributo ROWSPAN?

ROWSPAN permette di unire più celle sulla stessa riga, COLSPAN più celle nella stessa colonna

COLSPAN permette di unire più celle sulla stessa riga, ROWSPAN non esiste

x COLSPAN permette di unire più celle sulla stessa riga, ROWSPAN più celle sulla stessa colonna

COLSPAN è utilizzato per annidare una tabella in una riga, ROWSPAN per annidare una tabella in una colonna

06. Realizzare una tabella HTML con 5 righe e 5 colonne ed allineare il contenuto di ogni cella al centro.

07. Descrivere la sintassi utile a definire una tabella in un documento HTML. Fornire un breve esempio.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 63/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

Lezione 040
01. La sintassi corretta per definire una TEXTAREA HTML è:

<input type='text' rows='3' cols='20' name='testo' />

<input type='textarea' rows='3' cols='20' name='testo' />

<form type='textarea'></form>

x <textarea rows='3' cols='20' name='testo'></textarea>

02. La sintassi corretta per definire un campo di input di testo semplice in HTML è:

x <input type='text' name='nome' value=''/>

<text type='input' name='nome' value=''/>

<input type='text' name='nome' value=''></input>

<form type='input' name='nome' />

03. In HTML, l'attributo ACTION in un form definisce:

x L'URL della pagina o del programma che processerà i dati del form
La finestra del browser nel quale aprire il form

Il metodo di invio dei dati al server (GET o POST)

L'azione da compiere per validare i dati immessi nel form

04. Enunciare alcuni esempi pratici in cui i form HTML risultano indispensabili. Descrivere la sintassi di base dei form.

05. In HTML, a cosa server un pulsante? Qual'è la differenza tra un pulsante di tipo Submit e di tipo Reset?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 64/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

Lezione 041
01. Quale elemento di un form HTML permette di effettuare una scelta singola?

INPUT

COMBOBOX

x RADIO
CHECKBOX

02. In HTML, per predisporre un menu a tendina in un form è necessario utilizzare il tag:

<option>

<input>

x <select>

<radio>

03. Descrivere le differenze, grafiche e di utilizzo, tra radio-button e checkbox HTML.

04. In HTML, a cosa serve un campo di input di tipo file? In che modo l'utente interagisce con esso?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 65/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

Lezione 042
01. In HTML, l'attributo fondamentale per definire lo stile in linea di un elemento è:

STILE

x STYLE
MAKESTYLE

CSS

02. I colori in HTML possono essere specificati o attraverso un nome (red, yellow, green, ecc..), oppure attraverso:

La notazione ottale

x La notazione esadecimale
La notazione binaria

Codice ASCII

03. In che modo è possibile applicare regole di stile ad un elemento HTML?

04. In merito all'HTML, quali sono le differenze tra la proprietà margin e la proprietà padding? Fornire un breve esempio html del loro utilizzo.

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 66/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

Lezione 043
01. In merito al linguaggio CSS, con quale regola è possibile applicare uno sfondo rosso a tutti i DIV di una pagina HTML?

02. A cosa serve il linguaggio CSS?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 67/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

Lezione 045
01. La definizione corretta di linguaggio Javascript è:

Javascript è un linguaggio di programmazione lato server che permette di aggiungere interattività alle pagine web

x Javascript è un linguaggio di programmazione lato client che permette di aggiungere interattività alle pagine web
Javascript è un linguaggio di formattazione del testo

Javascript è un linguaggio di markup che permette di aggiungere interattività ai documenti HTML

02. Per visualizzare a video una finestra di avviso contenete la frase "Controlla i dati immessi!", quale funzione Javascript è necessario utilizzare?

prompt('Controlla i dati immessi!');

dialog('Controlla i dati immessi!');

x alert('Controlla i dati immessi!');


echo('Controlla i dati immessi!');

03. Grazie a quali strumenti/linguaggi è possibile donare interattività ad una pagina HTML? In quali casi questa pratica risulta necessaria?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 68/69
Set Domande: INFORMATICA
SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Docente: Botteri Riccardo

Lezione 048
01. Il CMS che ha favorito la nascita di blog e quotidiani on-line negli ultimi anni è:

x Wordpress

HTML

Notepad++

Drupal

02. Cos'è un CMS?

Un sistema che permette la stesura di codice HTML

Un sistema per la gestione di una base dati

Un sistema di sviluppo di portali web

x Un sistema di gestione dei contenuti di un sito web


03. Perché, e in quali casi, è conveniente utilizzare un CMS?

04. Cos'è un CMS? A cosa serve?

© 2016 - 2019 Università Telematica eCampus - Data Stampa 04/03/2019 11:53:25 - 69/69
Powered by TCPDF (www.tcpdf.org)

Potrebbero piacerti anche