Sei sulla pagina 1di 64

262

MECCANICA DEI CONTINUI


264 A. Strumia, Meccanica razionale

MC. Meccanica dei continui deformabili

Cinematica

Un sistema di punti materiali in numero sufficientemente elevato da non


essere macroscopicamente distinguibili l’uno dall’altro, per rapporto ai mezzi
strumentali che si impiegano o all’interesse dell’indagine che si conduce, può
essere, in molti casi, descritto adeguatamente come una distribuzione di punti
che ha la potenza del continuo. In questo caso se non si sottomette il sistema
al vincolo di rigidità, si ha un sistema continuo deformabile.

La descrizione cinematica del continuo si può realizzare assegnando,


istante per istante, le coordinate dei suoi punti in funzione di una variabile
di evoluzione che, solitamente, è il tempo t. Si distinguono allora una
configurazione di riferimento, che descrive il continuo per un valore fissato
di t (generalmente l’istante iniziale t = 0) e una configurazione attuale,
corrispondente al valore attuale t del tempo.

P* P

x
X
C C
* O

Figura MC. 1: configurazione di riferimento e configurazione attuale

Scelta un’origine O si possono identificare i punti della configurazione di


riferimento C ∗ , mediante il loro vettore posizione:

X = OP ∗
meccanica dei continui 265

e i punti della configurazione attuale C mediante i corrispondenti vettori


posizione:

x = OP (t)

Le variabili attuali x verranno a dipendere sia dal punto P considerato,


che mantiene durante il moto la sua individualità fisica, sia dall’istante
considerato. Dunque si può scrivere:

x = x(X, t) (MC.1)

Punto di vista lagrangiano

Se si considera un punto particolare del continuo, cioè si fissa un valore


X̂, allora la:

x = x(X̂, t)

rappresenta una curva nello spazio, che è la traiettoria del punto X̂. Al
variare di X̂ si ha la famiglia di tutte le traiettorie dei punti del continuo.
Stiamo descrivendo l’evoluzione del continuo dal punto di vista lagrangiano.
266 A. Strumia, Meccanica razionale

P* P

^
X x(^
X , t)
C C
* O

Figura MC. 2: punto di vista lagrangiano

Punto di vista euleriano

Se invece fissiamo l’istante di tempo a un valore assegnato t̂, la funzione:

x = x(X, t̂)

rappresenta una legge di corrispondenza geometrica tra i punti della


configurazione di riferimento e quelli della configurazione attuale. Stiamo
adottando il punto di vista euleriano, dal momento che assegnamo la
legge di distribuzione dei punti del continuo nella configurazione attuale,
corrispondenti ai punti della configurazione di riferimento, assunta come uno
spazio di controllo.

• La condizione che garantisce che i punti mantengano la propria


individualità si traduce nella richiesta che la legge di trasformazione che
permette di passare dalla configurazione di riferimento alla configurazione
attuale sia biunivoca.
meccanica dei continui 267

P* P

Q
Q*
x(X , ^t)
C C
O
*

Figura MC. 3: punto di vista euleriano

Deformazione

Adottando il punto di vista euleriano possiamo mettere in evidenza


i mutamenti geometrici intercorsi nel passaggio dalla configurazione di
riferimento alla configurazione attuale. In particolare se è possibile trovare
un operatore di rotazione propria R
∼ tale che:

x=R
∼ X (MC.2)

diremo che il corpo ha compiuto una rotazione rigida; in caso contrario


diremo che esso ha subito una deformazione. In quest’ultimo caso la legge:

x = x(X) (MC.3)

sarà la legge di deformazione globale del corpo. Omettiamo la variabile


t che dal punto di vista euleriano è fissata. Facendo l’ipotesi che tale
legge sia rappresentata mediante una funzione differenziabile e passando ai
differenziali, otteniamo la legge di deformazione locale:

dx = F
∼ dX (MC.4)
268 A. Strumia, Meccanica razionale

La matrice F
∼ che rappresenta la matrice jacobiana della trasformazione
prende il nome di gradiente di deformazione. Si usa anche la notazione
equivalente:


dP = F
∼ dP (MC.5)

Poichè la legge di deformazione, in forma globale, è supposta biunivoca,


∼ è non singolare:
segue che la matrice F

∼ ) 6= 0
det(F (MC.6)

Infatti, scelti due punti vicini X 1 , X 2 in C ∗ segue che:

x1 − x2 = F
∼ (X 1 − X 2 ) + O(2)
Dovendo essere:

x1 − x2 = 0 ⇐⇒ X1 − X2 = 0

si ha, trascurando gli infinitesimi del secondo ordine, che:

∼ (X 1 − X 2 ) = 0
F ⇐⇒ X1 − X2 = 0

Quindi F
∼ non può avere autovettori corrispondenti ad autovalori nulli, e
dunque non può avere determinante nullo.

La deformazione del corpo viene caratterizzata dalla violazione della


condizione di rigidità, cioè, in termini locali, dal legame tra |dP ∗ |2 e |dP |2 .
Abbiamo:

 
2 ∗ ∗ ∗ T ∗
|dP | = F
∼ dP × F
∼ dP = dP × F ∼ dP
∼ F
meccanica dei continui 269

Matrice di deformazione di Green

Risulta naturale allora introdurre la matrice di deformazione di Green:

T
∼ =F
B ∼ F
∼ (MC.7)

dalla quale effettivamente dipende la deformazione, e riscrivere:

|dP |2 = dP ∗ × B
∼ dP

(MC.8)

La matrice B∼ è evidentemente non singolare, in quanto F


∼ è non
singolare, e gode delle seguenti due proprietà:

i) è simmetrica. Infatti:

 T
T T T
B
∼ = F
∼ F
∼ =F ∼ =B
∼ F ∼

ii) è definita positiva. Infatti si ha:

T 2
v×B
∼ v =v×F ∼ v×F
∼ v=F
∼ F ∼ v = |F
∼ v| > 0, ∀v 6= 0

∼ =∼
Osserviamo che se B I si ha la condizione di rigidità:

|dP |2 = |dP ∗ |2

cioè non c’è deformazione. Questa condizione si traduce, per il gradiente di


deformazione, nella condizione:

T
F ∼ =∼
∼ F I =⇒ ∼ ) = ±1
det(F
270 A. Strumia, Meccanica razionale

Ovvero la matrice F
∼ deve essere unitaria (ortogonale). Se il determinante
vale +1 la matrice rappresenta una rotazione propria; se vale −1 la rotazione
viene ad essere composta con una inversione spaziale. Dunque le matrici di
rotazione sono quelle che realizzano gli spostamenti rigidi del continuo.

• Ricordiamo che ogni matrice F


∼ non singolare si può rappresentare nella
forma polare, cioè come prodotto di una matrice di rotazione e di una matrice
2 T
∼ = R
simmetrica e definita positiva F ∼ A∼ , dove A∼ = F ∼ F ∼ . Allora la
matrice di deformazione di Green descrive l’effettiva parte di deformazione
del gradiente di deformazione, l’altra parte essendo una rotazione rigida del
corpo.

Matrice di deformazione di Cauchy

Si introduce anche la matrice di deformazione di Cauchy:

1
ε∼ = (B − I ) (MC.9)
2 ∼ ∼

Questa matrice è simmetrica , ma non è definita positiva. Si ha allora la


seguente scrittura per la legge di deformazione locale:

|dP |2 = |dP ∗ |2 + 2 dP ∗ × ε∼ dP ∗ (MC.10)

L’introduzione di questa matrice permette di separare il contributo dovuto


alla deformazione come addendo rispetto al contributo dovuto alla rotazione
rigida del continuo.

Scelta delle basi di riferimento: rappresentazione indiciale

Le equazioni espresse in forma assoluta possono essere opportunamente


proiettate, scegliendo le basi degli spazi ai quali riferire i vettori e
gli operatori. E’ opportuno considerare come distinti gli spazi della
meccanica dei continui 271

configurazione di riferimento e della configurazione attuale, scegliendo le


basi per ciascuno di essi. Abitualmente si denota con {ei } la base dello
spazio della configurazione attuale e con {eI } la base dello spazio della
configurazione di riferimento. Si ha allora, se le basi sono ortonormali:

ei × ek = δik , eI × eK = δIK (MC.11)

Si assume come regola che gli indici minuscoli si riferiscono alle


componenti relative alla base dello spazio della configurazione attuale, e le
lettere maiuscole si riferiscono alle componenti relative alla base dello spazio
della configurazione di riferimento. Le grandezze dotate di indici maiuscoli
prendono il nome di variabili lagrangiane, mentre quelle dotate di indici
minuscoli prendono il nome di variabili euleriane. Grandezze a più indici
possono presentarsi anche in forma mista lagrangiana ed euleriana, quando
possiedono indici maiuscoli e minuscoli.

Scelte le basi nello spazio possiamo rappresentare il gradiente di


deformazione F
∼ . Abbiamo la rappresentazione indiciale della (MC.5):

dxi = FiK dXK

Ma:

∂xi
dxi = dXK
∂XK

Quindi risulta:

∂xi
FiK = (MC.12)
∂XK

Si ha allora anche la rappresentazione relativa della matrice di


deformazione di Green:
272 A. Strumia, Meccanica razionale

T
BIK = FIj FjK = FjI FjK (MC.13)

Notiamo come la matrice di deformazione sia lagrangiana, mentre il


gradiente di deformazione presenta una forma mista, in quanto lega le due
rappresentazioni.

Per la matrice di deformazione di Cauchy si ha:

1
εIK = (BIK − δIK ) (MC.14)
2

Coefficiente di dilatazione lineare

Consideriamo un vettore dP ∗ , di versore u∗ , nella configurazione di


riferimento C ∗ e il corrispondente vettore dP nella configurazione attuale C.
Si definisce coefficiente di dilatazione lineare nella direzione u∗ la quantità
adimensionale:

d`
δu ∗ = −1 (MC.15)
d`∗

dove:

d` = |dP |, d`∗ = |dP ∗ |

Tenendo presente la (MC.8) si ha:

r

d` = u∗ × B ∗
∼ u d`

E quindi segue l’espressione del coefficiente di dilatazione lineare:


meccanica dei continui 273

r
u∗ × B ∗ (MC.16)
δu ∗ = ∼ u −1

Notiamo che la radice è sempre definita in quanto la matrice B


∼ è definita
positiva.

In termini della matrice di deformazione di Cauchy si ha poi:

q
δu ∗ = 1 + 2 u∗ × ε∼ u∗ − 1 (MC.17)

Il coefficiente di dilatazione lineare dipende generalmente dalla scelta del


versore u∗ . In particolare la scelta di u∗ coincidente con uno dei versori degli
assi cartesiani fornisce i tre coefficienti:

q q q
δ1 = B11 − 1, δ2 = B22 − 1, δ3 = B33 − 1

Questo risultato permette di interpretare il significato degli elementi della


diagonale principale della matrice di deformazione di Green, in quanto legati
ai coefficienti di dilatazione lineare in direzione degli assi:

B11 = (1 + δ1 )2 , B22 = (1 + δ2 )2 , B33 = (1 + δ3 )2

Se i tre coefficienti sono uguali si ha una dilatazione lineare isotropa; se


solo due coefficienti sono uguali l’isotropia è limitata al piano dei versori degli
assi corrispondenti.

Per la matrice di Cauchy si ha poi:


274 A. Strumia, Meccanica razionale

1
ε11 = 2
[(1 + δ1 )2 − 1] = δ1 + 21 δ12

1
ε22 = 2
[(1 + δ2 )2 − 1] = δ2 + 21 δ22

1
ε33 = 2
[(1 + δ3 )2 − 1] = δ3 + 21 δ32

• Notiamo che per piccole deformazioni (teoria linearizzata), trascurando


i termini quadratici, i coefficienti di dilatazione lineare coincidono con gli
elementi della diagonale principale della matrice di deformazione di Cauchy.

P
P*
F dP
dP* ~

C* C

Figura MC. 4: dilatazione lineare

Deformazione angolare

La deformazione angolare di un continuo viene caratterizzata


considerando l’angolo fra due vettori dP ∗ e dP 0 ∗ , di versori rispettivi u∗ e
u0 ∗ , prima e dopo la deformazione.

Si ha allora:

∗ ∗
dP × dP 0 = F ∗
∼ dP × F
0∗ ∗
∼ dP = dP × B
0∗ ∗ 0 ∗
∼ dP = |dP ||dP | u × B
∼ u
0
meccanica dei continui 275

dP* P dP
P* ϑ* F ϑ
~
dP'
dP'*

C C
*
Figura MC. 5: deformazione angolare

Ma grazie ai risultati precedenti:

r r
0 0 ∗ 0∗
dP ×dP = |dP ||dP | cos ϑ = |dP ||dP | u∗ ×B
∼ u∗ u0 ∗ × B 0∗
∼ u cos ϑ

Di conseguenza rimane determinato il coseno dell’angolo tra i vettori


dopo la deformazione:

0∗
u∗ × B
∼ u
cos ϑ = r r (MC.18)
u∗ ×B
∼ u∗ u0 ∗ ×B
∼ u0 ∗

che si può riscrivere, mediante i coefficienti di dilatazione lineare, nella forma


più semplice:

0∗
u∗ × B
∼ u
cos ϑ = (MC.19)
(1 + δu∗ )(1 + δu0 ∗ )

L’introduzione della matrice ε∼ consente di far comparire cos ϑ∗ ,


ottenendo una relazione che lega direttamente gli angoli nelle due
configurazioni:
276 A. Strumia, Meccanica razionale

cos ϑ∗ + 2 u∗ × ε∼ u0 ∗
cos ϑ = (MC.20)
(1 + δu∗ )(1 + δu0 ∗ )

Si nota che se i due versori coincidono non c’è deformazione angolare, in


quanto i versori sovrapposti prima della deformazione rimangono tali anche
dopo la deformazione.

Se si scelgono i versori degli assi eI si ottengono i seguenti risultati:

BIK
cos ϑIK =
(1 + δI )(1 + δK )

δIK + 2 εIK
cos ϑIK =
(1 + δI )(1 + δK )

essendo δI i coefficienti di dilatazione lineare relativi ai versori degli


assi cartesiani e non essendoci somma sugli indici. Solo se I 6= K
si ha deformazione angolare; dunque gli elementi che non appartengono
alla diagonale principale delle matrici B ε
∼ e ∼ sono responsabili della
deformazione angolare:

BIK = (1 + δI )(1 + δK ) cos ϑIK

1
εIK = BIK , I 6= K
2

Le direzioni degli autovettori della matrice B


∼ , che sono anche autovettori
della matrice ε∼ , si dicono direzioni principali di deformazione. Se le
matrici di deformazione si presentano in forma diagonale i versori degli assi,
essendo autovettori, rimangono inalterati dopo la deformazione e non si ha
deformazione angolare relativamente alle loro direzioni.
meccanica dei continui 277

Coefficiente di dilatazione superficiale

L’analisi della deformazione di un elemento di superficie si può realizzare


considerando la trasformazione di un elemento dσ ∗ di C ∗ legato al prodotto
vettoriale di due vettori dP ∗ e dP 0 ∗ aventi origine comune in un punto P ∗ del
continuo.

dP* P dP
P* ~
F
dP'
dP'*

C C
*
Figura MC. 6: dilatazione superficiale

Si può allora scrivere:


dP ∗ ∧ dP 0 = n∗ dσ ∗ , dP ∧ dP 0 = N dσ

essendo n∗ , N i versori normali ai parallelogrammi dei vettori in C ∗ e in C.

Si definisce coefficiente di dilatazione superficiale la quantità


adimensionale:



δσ = ∗ − 1 (MC.21)

Ora dall’algebra delle matrici sappiamo che:


278 A. Strumia, Meccanica razionale

C
∼ a∧A
A ∼ b=A
∼ (a ∧ b)

Quindi:

∗ C ∗
dP ∧ dP 0 = F ∗
∼ dP ∧ F
0
∼ dP = F
∼ (dP ∗ ∧ dP 0 )

Segue allora:

C
N dσ = F
∼ n∗ dσ ∗


Notiamo che N differisce normalmente da n = F
∼ n.
Possiamo eliminare N e risolvere per dσ elevando al quadrato entrambi i
membri della relazione appena ottenuta, tenendo conto che N è un versore.
Abbiamo in tal modo:

 T
∗ 2 C ∗ C ∗ ∗ 2 ∗ C C
2
(dσ) = (dσ ) F
∼ n ×F
∼ n = (dσ ) n × F
∼ F
∼ n∗

Ora:

 T
C −1
F
∼ = det(F
∼ )F

Per cui si ha:

T
−1 T
  
C C h i2 −1 −1
F
∼ F
∼ = det(F
∼ ) F
∼ F
∼ =B

In conclusione:
meccanica dei continui 279

h i2 −1
(dσ)2 = (dσ ∗ )2 det(F
∼ ) n∗ × B
∼ n∗

Da cui, tenendo conto delle relazioni tra i determinanti:

r
∗ −1
|dσ| = |dσ | det(B ∗ n∗
∼ )n × B
∼ (MC.22)

Si ha allora il coefficiente di dilatazione superficiale:

r
−1
∗ n∗ − 1 (MC.23)
δσ = ∼ )n × B
det(B ∼

Si noti, come anche in questo caso non compare direttamente la matrice


∼ , ma la matrice B
F ∼ che contiene le sole informazioni sulla deformazione e
non è influenzata dalle eventuali rotazioni rigide.

Coefficiente di dilatazione cubica

Le deformazioni dei volumi sono le più semplici da ottenere, in quanto


sappiamo che gli elementi di volume centrati in P, P ∗ si trasformano secondo
la legge:


dC = det(F
∼ ) dC

Di conseguenza il coefficiente di dilatazione cubica definito come:


dC
δc = −1 (MC.24)

dC ∗

280 A. Strumia, Meccanica razionale

è dato semplicemente da:

δc = | det(F (MC.25)
∼ )| − 1

• Notiamo che δc = 0 non solo per i corpi rigidi, ma più in generale


per i continui per i quali | det(F
∼ )| = 1, condizione molto più debole della
unitarietà della matrice. Tali continui si dicono incomprimibili.

P
P* F
~
dC*
dC
C C
*
Figura MC. 7: dilatazione cubica

Problema inverso

Finora ci siamo preoccupati di ottenere informazioni sulla configurazione


attuale di un continuo supponendo di conoscere la configurazione di
riferimento (problema diretto ). Ci chiediamo ora come si può ottenere
la configurazione di riferimento quando sia nota la configurazione attuale
(problema inverso ).

∼ =
Nel problema diretto tutte le deformazioni dipendono dalla matrice B
T
F
∼ F ∼ . Ci chiediamo ora da quale matrice di deformazione dipendono le
deformazioni nel problema inverso.
meccanica dei continui 281

F B
~ ~

F -1 C
C ~ ~ C
*
Figura MC. 8: problema diretto e problema inverso

Per rispondere partiamo dalla relazione:


dP = F
∼ dP

che risolviamo ora per dP ∗ :

−1
dP ∗ = F
∼ dP

Elevando al quadrato entrambi i membri otteniamo:

−1 T
 
−1 −1 −1
(dP ∗ )2 = F
∼ dP × F
∼ dP = dP × F
∼ F
∼ dP = dP × C
∼ dP

Calcoliamo esplicitamente la nuova matrice di deformazione:

−1
−1 T
  
−1 T
∼ = F
C ∼ F
∼ = F
∼ F

Osserviamo che:
282 A. Strumia, Meccanica razionale

 −1
T
∼ = F
C ∼ F
∼ (MC.26)

−1
non coincide con B
∼ come ci si sarebbe a prima vista potuti aspettare.
Introducendo:

−1 T
∼ =C
D ∼ =F
∼ F
∼ (MC.27)

possiamo confrontare D
∼ eB
∼ . Rappresentando F
∼ in forma polare possiamo
scrivere:

2 T
∼ =R
F ∼ ,
∼ A A
∼ =B
∼ , A
∼ =A

essendo R
∼ una rotazione rigida. Allora si può scrivere:

T  T 2 T
∼ =F
D ∼ F
∼ =R
∼ A
∼ R
∼ A
∼ =R
∼ A
∼ R

Quindi:

T T
∼ =R
D ∼ B
∼ R
∼ ⇐⇒ ∼ =R
B ∼ D
∼ R
∼ (MC.28)

Le due matrici risultano legate tra loro da una trasformazione di


similitudine che chiama in causa la rotazione rigida conglobata nel gradiente
di deformazione. Se F∼ è una deformazione pura, cioè se R ∼ =∼ I , le matrici
∼ eB
D ∼ coincidono.

Statica
Dopo l’analisi geometrica e cinematica delle deformazioni, per passare
alla statica e alla dinamica dei continui occorre introdurre una classificazione
meccanica dei continui 283

delle forze agenti sul continuo. Classifichiamo le forze in forze esterne e


forze interne al continuo o al tratto di continuo in esame.

Forze esterne

Le forze esterne possono agire su ogni elemento di volume del continuo


(come ad esempio il peso) e in questo caso vengono chiamate forze di massa
, e descritte mediante una legge di distribuzione del tipo:

dF massa = µ F dC (MC.29)

essendo µ la densità di massa per unità di volume, e F la densità di forza


per unità di massa, cosicchè µ F rappresenta la densità di forza per unità
di volume; µ F dC fornisce allora l’elemento di forza nella configurazione
attuale.

C
dC

µ F dC

Figura MC. 9: forze di massa agenti su un continuo

Un’altra classe di forze esterne è rappresentata dalle forze di superficie


le quali sono presenti solo sulla superficie esterna del continuo (o del tratto
di continuo considerato). Queste si descrivono mediante una legge di
distribuzione alla superficie, del tipo:
284 A. Strumia, Meccanica razionale

dF sup = f dΣ (MC.30)

essendo dΣ l’elemento della superficie esterna del continuo, e f la densità


di forza per unità di superficie. (Si escludono forze concentrate se si
vuole mantenere la continuità per passare dalla formulazione integrale alla
formulazione differenziale).

C
fdΣ

Figura MC. 10: forze di superficie in un continuo

Forze interne

Vi sono poi le forze interne che nascono come sforzi ai quali il materiale
è sottoposto, in reazione alle forze esterne, per realizzare l’equilibrio. Poichè
gli sforzi sono di natura interna, per evidenziarli occorre considerare un
sottosistema costituito da una parte interna al continuo. Tale tratto di continuo
sarà contenuto da una superficie che lo delimita. In ogni punto della superficie
consideriamo il piano tangente e il versore u, normale ad esso, uscente dalla
superficie, che è opposto alla normale geometrica n che, convenzionalmente
è scelta rivolta verso l’interno.

Denotiamo con dσ l’elemento d’area nel piano tangente e con:

dF cont = tu dσ (MC.31)
meccanica dei continui 285

la legge di distribuzione che dà l’elemento della forza interna, denominata


anche forza di contatto. In generale tu non avrà la direzione di u, ma una
direzione diversa che varia al variare di u, cioè della scelta della superficie,
che delimita il tratto di continuo che si prende in esame, e del punto
considerato. Il vettore tu prende il nome di sforzo specifico nella direzione
u.

tn dσ
n dσ
C

Figura MC. 11: forze di contatto in un continuo

Formula di Cauchy

Supposto l’equilibrio del continuo sussiste, come condizione necessaria,


la prima equazione cardinale della statica:

R(e) = 0

Sappiamo, infatti, che le equazioni cardinali sono condizioni sempre


necessarie per l’equilibrio di un corpo, e divengono sufficienti solamente
se il corpo è rigido. Su ogni tratto interno al continuo devono, perciò farsi
equilibrio le forze di massa e le forze di contatto. Le forze di superficie,
presenti sulla superficie esterna del continuo, non sono qui chiamate in causa,
perchè stiamo esaminando una parte interna del continuo, che non è delimitata
dalla superficie esterna.
286 A. Strumia, Meccanica razionale

Sono dunque presenti solamente le forze di massa e le forze di contatto.

La condizione di equilibrio del continuo è perciò data, in forma globale,


integrando sul dominio interno ∆C, che rappresenta un sottosistema rispetto
a tutto il continuo C.

Abbiamo:

Z Z
tn dσ + µ F dC = 0 (MC.32)
∆σ ∆C

essendo ∆σ = ∂∆C la superficie di frontiera del dominio ∆C.

Questa relazione specializza la prima equazione cardinale della statica per


il tratto interno al continuo ∆C.

In particolare, utilizzando il teorema della media, si può scrivere:

Z
µ F dC = µ̂ ^
F ∆C
∆C

da cui segue, nella (MC.32):

Z
tn dσ = − µ̂ ^
F ∆C
∆σ

essendo µ̂ ^
F il valore della funzione µ F calcolata in un punto opportuno del
dominio ∆C e:

Z
∆C = dC
∆C

la misura (volume) del dominio stesso.

Di conseguenza in ogni punto P del dominio si ha, passando al limite:


meccanica dei continui 287

1 Z
lim tn dσ = − µ F (MC.33)
∆C→0 ∆C ∆σ

Questo risultato ci consente di stabilire il legame tra lo sforzo specifico


in una direzione qualunque e gli sforzi specifici nella direzione dei versori
degli assi ti . Infatti se consideriamo un dominio ∆C costituito da un tetraedro
che ha il vetrice in un punto P scelto come origine di un sistema di assi
cartesiani P x1 x2 x3 e la faccia obliqua rispetto agli assi normale al versore
u nella direzione del quale vogliamo calcolare lo sforzo specifico, avremo:

∆σ = σ1 ∪ σ2 ∪ σ3 ∪ σ

essendo σi le facce del tetraedro giacenti sui piani coordinati e σ la faccia


obliqua.

x 3

e
P 3
e
e
1 2 x2

x1

Figura MC. 12: tetraedro di Cauchy

Allora si ha:

Z Z Z Z Z
tn dσ = t1 dσ + t2 dσ + t3 dσ − tu dσ
∆σ σ1 σ2 σ3 σ
288 A. Strumia, Meccanica razionale

avendo tenuto conto che il versore u è rivolto verso l’esterno della superficie,
mentre i versori ei sono diretti verso l’interno; questo spiega il segno negativo
nell’ultimo integrale. Allora la relazione (MC.33) si specializza nella:

3
Z Z Z Z 
lim t1 dσ + t2 dσ + t3 dσ − tu dσ = − µ F
h→0 Ah σ1 σ2 σ3 σ

dove ∆C = 13 A h è il volume del tetraedro che ha base A e altezza h. Dal


momento che la quantità a secondo membro − µ F è limitata, mentre h1 → ∞
necessariamente deve essere zero il limite:

1
Z Z Z Z 
lim t1 dσ + t2 dσ + t3 dσ − tu dσ = 0
h→0 A σ1 σ2 σ3 σ

Applicando il teorema della media ai vari integrali possiamo ottenere:

1
lim ti − A^
(Ai^ tu ) = 0
h→0 A

essendo ^ti ,^
tu i valori medi degli sforzi sulle rispettive superfici e Ai , A le
aree delle rispettive facce del tetraedro. E’ facile verificare che, essendo σi le
proiezioni di σ sui piani coordinati, risulta:

Ai = A ui

dove le ui sono le componenti di u, cioè i coseni direttori della retta di versore


u. Allora si può riscrivere:

ti ui −^
lim (^ tu ) = 0
h→0

Da cui:
meccanica dei continui 289

tu = ti ui (MC.34)

Per esteso:

tu = t1 u1 + t2 u2 + t3 u3 (MC.35)

Questo risultato è noto come formula di Cauchy. Osserviamo che, dal


momento che gli sforzi in direzione degli assi non dipendono da u, la formula
di Cauchy viene a stabilire una dipendenza lineare dello sforzo specifico tu
dalle componenti di u. Utilizzando la rappresentazione indiciale possiamo
legare, allora, le componenti di tu alle componenti di u mediante la relazione
lineare:

ti u = tik uk (MC.36)

relazione che evidenzia il carattere matriciale della distribuzione degli sforzi


nel continuo. Introducendo la matrice degli sforzi:

t∼ ≡ ktik k (MC.37)

si può scrivere la relazione in termini simbolici, come:

tu = t∼ u (MC.38)

Principio di Pascal

Come applicazione della formula di Cauchy consideriamo il principio


di Pascal nei fluidi: tale principio afferma che in un fluido la pressione è
identica in tutte le direzioni.
290 A. Strumia, Meccanica razionale

La deduzione del principio di Pascal si può realizzare considerando, come


fece Cauchy, che la pressione in un fluido è uno sforzo che è sempre parallelo
al versore u, cioè:

tu = pu u, ∀u

In particolare nella direzione degli assi si ha:

t1 = p 1 e 1 , t2 = p2 e2 , t3 = p 3 e 3

Di conseguenza la formula di Cauchy diventa:

pu u = p1 e1 u1 + p2 e2 u2 + p3 e3 u3

Proiettando sui versori della base si ottiene:

pu = p1 , pu = p2 , pu = p3

Dunque la pressione in direzione degli assi è la stessa e si può indicare


semplicemente con p e uguaglia la pressione in qualsiasi direzione u. La
matrice degli sforzi, in un fluido, risulta allora essere una dilatazione isotropa:

t∼ = p ∼
I (MC.39)

Il risultato è ovvio dal punto di vista dell’algebra delle matrici, dal


momento che la condizione imposta da Cauchy che lo sforzo sia sempre
parallelo ad u si traduce nella richiesta per la matrice t∼ che il problema
agli autovalori:

(t∼ − λ ∼
I)u = 0
meccanica dei continui 291

sia soddisfatto da qualunque vettore dello spazio. Ma questo significa che la


matrice è necessariamente proporzionale all’identità e i suoi autovalori sono
quindi coincidenti.

• Un continuo la cui matrice degli sforzi ha la forma (MC.39) con p > 0


prende il nome di fluido perfetto.

Condizioni al contorno

Finora abbiamo esaminato il comportamento degli sforzi all’interno del


continuo. Ora coinvolgiamo anche la superficie esterna, occupandoci delle
condizioni al contorno. A questo scopo esaminiamo il bilancio delle forze su
un tratto del continuo, una faccia della cui superficie si trova adiacente alla
superficie esterna del continuo stesso. Consideriamo un cilindretto le cui basi
sono infinitesime, l’una delle quali, denotata con dΣ, appartiene alla frontiera
del continuo; mentre l’altra, denotata con dσ, è interna al continuo stesso.
L’elemento di volume del cilindretto elementare di base dσ e altezza dξ si
può allora scrivere:

dC = dσ dξ

Quindi l’elemento della forza di massa agente sul cilindretto elementare è


dato da:

µ F dC = µ F dσ dξ

Per cui integrando lungo l’altezza del cilindro di altezza finita `, si ottiene
il contributo delle forze di massa agenti su questo cilindro:

Z ` !
dF massa = µ F dξ dσ
0
292 A. Strumia, Meccanica razionale

dove abbiamo identificato con ξ = 0, ξ = ` le ascisse dei centri delle due basi
lungo un asse ξ diretto come l’asse di simmetria del cilindro. Sulla superficie
laterale del cilindro agiscono solo le forze di contatto il cui elemento vale:

tn0 dσ 0 = 2π tn0 dr dξ

essendo:

dσ 0 = 2 π dr dξ

l’elemento della superficie laterale del cilindro di raggio elementare dr; e


avendo denotato con n0 la normale alla superficie laterale. Integrando lungo
l’altezza abbiamo il contributo delle forze di contatto agenti sulla superficie
laterale del cilindro di altezza `:

Z ` !
dF lat = 2 π tn0 dξ dr
0

Rimane ancora il contributo delle forze di contatto sulla base interna, la


cui normale è N :

dF int = tN dσ

Il contributo della forze di superficie agenti sulla base esterna è dato invece
dall’espressione:

dF sup = f dΣ

Imponendo allora la prima equazione cardinale della statica, specializzata


per il cilindro considerato, otteniamo la condizione:
meccanica dei continui 293

Z ` ! Z ` !
µ F dξ dσ + 2 π tn0 dξ dr + tN dσ + f dΣ = 0
0 0

Applicando il teorema della media ai due integrali otteniamo:

µ̂ ^
F ` dσ + 2 π `^
tn0 dr + tN dσ + f dΣ = 0

Passando al limite per ` → 0 verso la superficie esterna rimane:

(tN + f ) dΣ = 0

dove abbiamo raccolto l’elemento di superficie comune che si identifica con


quello della superficie esterna. Si ottiene quindi:

tN + f = 0

Per quanto riguarda le normali abbiamo evidentemente:

N = −n

in quanto le due normali puntano verso l’interno del cilindro partendo dai
centri delle basi opposte. Si ottiene dunque la condizione al contorno:

tn = f (MC.40)

Mediante la formula di Cauchy questa condizione si esprime anche nella


forma:

ti ni = f (MC.41)
294 A. Strumia, Meccanica razionale

ovvero in termini della matrice degli sforzi:

t∼ n = f (MC.42)

δσ n
N
δΣ
σ'

Figura MC. 13: condizioni al contorno

Principio di indifferenza materiale

E’ noto che il lavoro delle forze interne in un corpo rigido è nullo, grazie
al principio di azione e reazione e alla legge di distribuzione degli spostamenti
rigidi. Si ritiene del tutto ragionevole, perciò, assumere che anche in un corpo
non rigido, qualora esso venga assoggettato a spostamenti rigidi, il lavoro
delle forze interne risulti nullo.

Condizioni di equilibrio di un continuo

Per determinare l’equilibrio del continuo assumeremo che:

i) i vincoli siano lisci, in modo che il principio dei lavori virtuali


costituisca una condizione necessaria e sufficiente per l’equilibrio;
meccanica dei continui 295

ii) i vincoli siano bilaterali, in modo da avere solo spostamenti reversibili e


ottenere delle equazioni e non delle disequazioni. Questo è necessario perchè
le condizioni di equilibrio sono, per il continuo, delle equazioni differenziali
per le funzioni incognite e occorre escludere le configurazioni di confine dove
possono verificarsi delle discontinuità;

iii) valga il principio di indifferenza materiale per poter determinare il


lavoro delle forze interne.

Sotto queste ipotesi il principio dei lavori virtuali fornisce la seguente


condizione di equilibrio:

δL(e,a) + δL(i,a) = 0, ∀δx

Dal momento che il corpo non è rigido si avrà in generale:

δL(i,a) 6= 0

Mentre per un corpo rigido sappiamo che le forze interne sono tutte di
natura vincolare e compiono lavoro nullo, di conseguenza non c’è lavoro delle
forze interne attive perchè queste sono nulle.

Uno spostamento virtuale porta la configurazione attuale C nella


configurazione variata C + δC, agendo sulle variabili euleriane x. Per cui,
introdotte le variabili relative:

u=x−X ⇐⇒ ui = xi − ei × eI XI (MC.43)

si ha, essendo le X e le basi, fissate:

δx = δu

E’ conveniente, per semplicità, scegliere le basi in modo che ei ×eI = δiI .


296 A. Strumia, Meccanica razionale

C*
C P
P* u
δP

x
P+δP
X
x+δx
O
C+δC

Figura MC. 14: spostamento virtuale del continuo

Allora per il calcolo dei lavori virtuali abbiamo, integrando su un dominio


C che identifica un tratto del continuo:

—per le forze di massa:

Z Z
µ F × δx dC = µ F × δu dC
C C

—per le forze di superficie:

Z Z
f × δx dΣ = f × δu dΣ
∂C ∂C

essendo ∂C la superficie di frontiera del dominio C. D’altra parte le condizioni


al contorno ci forniscono l’informazione:

f = t∼ n

e dunque:

Z Z
f × δx dΣ = (t∼ n) × δu dΣ
∂C ∂C
meccanica dei continui 297

Ma:

(t∼ n) × δu = tik nk δui = (δu t∼ ) × n

Inoltre grazie al teorema di Gauss si ha:

Z Z
− (δu t∼ ) × n dΣ = ∇ × (δu t∼ ) dC
∂C C

Il segno negativo è dovuto al fatto che la normale è rivolta verso l’interno


del continuo, mentre la normale rispetto alla quale si calcola il flusso di Gauss
è uscente. In conclusione il lavoro delle forze di superficie è stato ricondotto
da un integrale di superficie a un integrale di volume:

Z Z
f × δx dΣ = ∇ × (δu t∼ ) dC
∂C C

Infine conviene esprimere anche il lavoro incognito delle forze interne


attive mediante un integrale di volume, introducendo la densità di tale lavoro
δ`(i,a) :

Z
δL(i,a) = δ`(i,a) dC
C

Dunque la condizione di equilibrio che richiede che il lavoro virtuale


delle forze attive sia nullo risulta essere, raccogliendo sotto un unico segno
di integrale:

Z h   i
µ F × δu − ∇ × δu t∼ + δ`(i,a) dC = 0, ∀δu (MC.44)
C

Tale condizione deve essere soddisfatta su qualunque tratto del continuo,


in quanto il continuo risulta essere in equilibrio se ogni suo tratto è in
equilibrio. Perciò dovrà risultare nulla la funzione integranda:
298 A. Strumia, Meccanica razionale

 
µ F × δu − ∇ × δu t∼ + δ`(i,a) = 0, ∀δu (MC.45)

Svolgendo la divergenza otteniamo:

  ∂ ∂tik ∂δui
∇ × δu t∼ = (δui tik ) = δui + tik =
∂xk ∂xk ∂xk

∂tT ∂δui
 
T  
= δui ki + tik = δu × ∇ t∼ + t∼ ∇ × δu
∂xk ∂xk

E quindi la condizione di equilibrio si riscrive:

 
T  
µ F − ∇ t∼ × δu − t∼ ∇ × δu + δ`(i,a) = 0, ∀δu (MC.46)

Ovvero, in termini indiciali:

!
∂tik ∂δui
δui µ Fi − − tik + δ`(i,a) = 0 (MC.47)
∂xk ∂xk

Il significato della scrittura simbolica è chiarito dalla scrittura indiciale.

Spostamenti rigidi

A questo punto occorre fare intervenire il principio di indifferenza


materiale; se la condizione di equilibrio deve essere soddisfatta per ogni
spostamento virtuale, essa deve sussistere anche per spostamenti rigidi del
continuo, in corrispondenza dei quali il lavoro virtuale delle forze interne
attive è nullo.

—In particolare cominciamo effettuando uno spostamento rigido


traslatorio arbitrario. In questo caso, per definizione di spostamento rigido
traslatorio, tutti i punti compiono lo stesso spostamento δu.
meccanica dei continui 299

δu

C
C+δC

Figura MC. 15: spostamento rigido traslatorio

Dunque δu è indipendente dal punto x, e quindi si ha:

  ∂δui
t∼ ∇ × δu = tik =0
∂xk

Per cui rimane nella condizione di equilibrio:

 
T
δu × µ F − ∇ t∼ = 0, ∀δu rigido traslatorio

E quindi segue l’equazione di equilibrio:

T ∂tik
µ F − ∇ t∼ =0 ⇐⇒ µ Fi − =0 (MC.48)
∂xk

—Ora consideriamo uno spostamento rigido rotatorio, che


rappresentiamo nella forma:

δu = δψ ∧ x = A
∼ x
300 A. Strumia, Meccanica razionale

∼ la matrice antisimmetrica di cui δψ rappresenta il vettore duale. I


essendo A
suoi elementi di matrice sono dati, allora, da:

Aij = − εijk δ ψk

Ora:

∂δui ∂
= (Aij xj ) = Aik
∂xk ∂xk

∼ non dipende da x. Dunque si ha:


in quanto A

  ∂δui  
t∼ ∇ × δu = tik = tik Aik = −tr t∼ A

∂xk

Tenendo conto della (MC.48), la cui validità ai fini dell’equilibrio non


dipende dal tipo di spostamento che si effettua, nella (MC.46) rimane allora:

    T
t∼ ∇ × δu = −tr t∼ A
∼ = 0, ∀A
∼ = −A

Risultato che conduce a concludere che la matrice euleriana degli sforzi


t∼ deve essere simmetrica.

In conclusione abbiamo ottenuto le due equazioni fondamentali della


statica dei continui:

T
µ F − ∇ t∼ = 0, t∼ = t∼ (MC.49)

avendo riscritto la prima tenendo conto della seconda.


meccanica dei continui 301

δu

C x
C+δC
x+δx

Figura MC. 16: spostamento rigido rotatorio

Dal momento che queste condizioni di equilibrio sono indipendenti


dal tipo di spostamento che si effettua esse devono sussistere anche
se si compiono spostamenti non rigidi. Di conseguenza, in tal caso,
essendo il lavoro delle forze interne non nullo, dalla condizione (MC.47)
resta determinato anche il lavoro delle forze interne attive, che assume
l’espressione:

!
1 ∂δui ∂δuk
δ`(i,a) = tik + (MC.50)
2 ∂xk ∂xi

avendo tenuto conto della simmetria della matrice degli sforzi e quindi
del fatto che la parte antisimmetrica del gradiente dello spostamento non
contribuisce al lavoro.

Dinamica

Il passaggio dalla statica alla dinamica si può realizzare, in modo diretto,


tramite il principio di D’Alembert. Basta sostituire, nella condizione di
302 A. Strumia, Meccanica razionale

equilibrio (MC.46), il lavoro virtuale delle forze perdute a quello delle forze
attive, cioè aggiungere la quantità:

Z
− µ a × δu dC
C

che si congloba con la prima equazione fondamentale, che si ottiene


imponendo uno spostamento rigido traslatorio. Si ottiene allora, in luogo della
condizione di equilibrio, la prima equazione fondamentale della dinamica dei
continui, mentre la seconda equazione rimane inalterata. Si hanno allora le
due equazioni fondamentali della dinamica dei continui nella forma:

T
µ a = µ F − ∇ t∼ , t∼ = t∼ (MC.51)

L’accelerazione è definita mediante la derivata della velocità rispetto al


tempo:

dv
a=
dt

Equazioni di bilancio

• Le equazioni della meccanica dei continui si possono esprimere, in


forma integrale, come equazioni di bilancio, cioè equazioni che esprimono
una legge di conservazione.

• Si assume, in accordo con l’esperienza, che le equazioni di bilancio


valgano localmente oltre che globalmente. Ciò significa che esse
devono essere verificate in ogni tratto del continuo e non solo sull’intero
sistema. Dunque esse devono essere soddisfatte in qualunque dominio C di
integrazione.
meccanica dei continui 303

Bilancio della massa

Il primo bilancio di cui ci occupiamo è quello della massa: la massa si


conserva durante il moto e la deformazione.

—Dal punto di vista lagrangiano si dovrà avere che, per qualsiasi


dominio, la massa di un certo tratto di continuo resti inalterata nel passaggio
dalla configurazione di riferimento ad una configurazione attuale (deformata).

F
~

M *= M

C* C

Figura MC. 17: conservazione della massa dal punto di vista lagrangiano

Ora nella configurazione di riferimento C ∗ si ha il valore della massa di


un tratto di continuo C ∗ :

Z

M = µ∗ dC ∗
C∗

Mentre nella configurazione attuale si avrà:

Z
M= µ dC
C

Ora il legame tra gli elementi di volume è dato da:

dC = D dC ∗ , D = | det(F
∼ )|
304 A. Strumia, Meccanica razionale

Per cui effettuando un cambio di variabili si può scrivere in termini delle


variabili lagrangiane:

Z
M= µ D dC ∗
C∗

La conservazione della massa impone che le masse prima e dopo la


deformazione siano immutate e quindi, identificando i rispettivi integrali si
ha:

Z
(µ∗ − µ D) dC ∗ = 0, ∀C ∗
C∗

Perciò si ha la legge di bilancio della massa in forma lagrangiana:

µ∗ = µ D (MC.52)

—Dal punto di vista euleriano il bilancio della massa si studia


esaminando la massa che entra e quella che esce da un certo dominio C della
configurazione attuale, assunto come spazio di controllo.

C
∂C

Figura MC. 18: bilancio della massa dal punto di vista euleriano
meccanica dei continui 305

Possiamo stabilire l’uguaglianza tra la variazione della massa al variare


del tempo e il flusso di massa attraverso la superficie di frontiera di C:

∂M
=Φ (MC.53)
∂t

Dove:

Z
M= µ dC
C

Mentre il flusso entrante è:

Z
Φ= µ v × n dσ
∂C

essendo n la normale rivolta verso l’interno del dominio.

Come si vede facilmente v × n dσ è il volume attraversato, nell’unità di


tempo, dalle particelle del continuo che transitano attraverso la superficie dσ.

δσ

v×n

Figura MC. 19: volume attraversato nell’unità di tempo

Per il teorema di Gauss si ha:


306 A. Strumia, Meccanica razionale

Z Z
µ v × n dσ = − ∇ × (µ v) dC
∂C C

Quindi sostituendo nella legge di bilancio (MC.53) si ottiene:

Z " #
∂µ
+ ∇ × (µ v) dC = 0, ∀C
C ∂t

Di conseguenza si ottiene la legge di bilancio della massa (equazione di


continuità) in forma euleriana:

∂µ
+ ∇ × (µ v) = 0 (MC.54)
∂t

che si può anche riscrivere:


+ µ∇ × v = 0 (MC.55)
dt

avendo denotato con:

d ∂
= +v×∇
dt ∂t

la derivata lagrangiana o totale rispetto al tempo.

Notiamo che la conservazione della massa si può anche formulare


richiedendo che la derivata totale della massa sia nulla, e cioè:

dM
=0
dt
meccanica dei continui 307

Allora si può scrivere:

!
d Z d Z Z
dµ dD
µ dC = µ D dC ∗ = D+µ dC ∗ =
dt C dt C ∗ C∗ dt dt

!
Z
dµ 1 dD
= + µ dC
C dt D dt

Da cui, per l’arbitrarietà del dominio segue l’equazione di continuità nella


forma:

dµ 1 dD
+µ =0
dt D dt

Il confronto fra le due forme dell’equazione di continuità porta a


concludere che sussiste la relazione:

1 dD
=∇×v (MC.56)
D dt

Teorema del trasporto

Grazie al risultato precedente possiamo esprimere la derivata totale di


qualunque grandezza Ψ :

Z
Ψ= ψ dC
C

nel modo seguente:

!
d Z Z
d(ψ D) ∗
Z
dψ 1 dD
ψ dC = dC = +ψ dC
dt C C∗ dt C dt D dt
308 A. Strumia, Meccanica razionale

E grazie alla (MC.56):

!
d Z Z

ψ dC = +ψ∇×v dC (MC.57)
dt C C dt

Questa scrittura prende il norme di teorema del trasporto.

Posto che sia presente una sorgente all’interno della superficie:

Z
S=− s dC
C

e un extraflusso attraverso la superficie esterna:

Z Z
Φ= φ × n dσ = − ∇ × φ dC
∂C C

siamo in grado di scrivere la legge di bilancio di una grandezza qualunque Ψ


nella forma:

!
Z

+ ψ ∇ × v − ∇ × φ − s dC = 0
C dt

Da cui si ha la legge di bilancio locale:


+ψ∇×v = ∇×φ+s (MC.58)
dt
ovvero:

∂ψ
+ ∇ × (ψ v) = ∇ × φ + s (MC.59)
∂t

che esprime il bilancio di Ψ .


meccanica dei continui 309

Bilancio della quantità di moto

La prima equazione fondamentale della dinamica dei continui si può allora


rappresentare come legge di bilancio della quantità di moto:

Z
Q= µ v dC
C

Infatti la prima delle (MC.51) si può riscrivere nella forma:

d
(µ v) + µ (∇ × v) = µ F − ∇ t∼
dt

che rappresenta la legge di bilancio di Q essendo s = µ F la sorgente di


quantità di moto dovuta alle forze di massa e φ = − t∼ l’extraflusso di

quantità di moto attraverso la frontiera. Si può anche riscrivere la legge di
bilancio locale della quantità di moto nella forma equivalente:


(µ v) + ∇(µ v ⊗ v + t∼ ) = µ F (MC.60)
∂t

Bilancio del momento della quantità di moto

Come conseguenza delle equazioni fondamentali della dinamica dei


continui e dell’equazione di continuità della massa, si ottiene anche la legge
di bilancio del momento della quantità di moto.

Infatti, partendo da:

µ a = µ F − ∇ t∼

e moltiplicando vettorialmente a sinistra per x − x0 , essendo x0 le coordinate


euleriane di un polo (fisso) di riduzione per il calcolo dei momenti, si ha:
310 A. Strumia, Meccanica razionale

(x − x0 ) ∧ (µ a) = (x − x0 ) ∧ (µ F ) − (x − x0 ) ∧ (∇ t∼ )

Integrando sul volume C segue:

Z Z Z
(x − x0 ) ∧ (µ a) dC = (x − x0 ) ∧ (µ F ) dC − (x − x0 ) ∧ (∇ t∼ ) dC
C C C

Esaminiamo questi tre integrali.

—Abbiamo per il primo integrale:

Z
(x − x0 ) ∧ (µ a) dC =
C

Z ( )
d
= [(x − x0 ) ∧ (µ v)] + (x − x0 ) ∧ (µ v) (∇ × v) dC
C dt

come si verifica tenendo conto dell’equazione di continuità della massa. Di


conseguenza, per il teorema del trasporto, si ha alla fine:

Z
d Z dK 0
(x − x0 ) ∧ (µ a) dC = (x − x0 ) ∧ (µ v) dC =
C dt C dt

Il primo termine della relazione da cui siamo partiti rappresenta allora la


derivata del momento della quantità di moto.

—Il secondo integrale è il momento risultante delle forze di massa, e nel


bilancio, rappresenta una sorgente di momento della quantità di moto:

Z
M0 = (x − x0 ) ∧ (µ F ) dC
C
meccanica dei continui 311

— Per interpretare l’ultimo integrale cominciamo con l’osservare che,


per avere il bilancio corretto del momento della quantità di moto, l’ultimo
integrale dovrebbe risultare uguale al flusso entrante del momento della
quantità di moto attraverso la frontiera del dominio C:

Z Z
Φ= (x − x0 ) ∧ f dσ = (x − x0 ) ∧ (t∼ n) dσ
∂C ∂C

grazie alle condizioni al contorno. Per il teorema di Gauss si ha:

Z Z h i
(x − x0 ) ∧ (t∼ n) dσ = − ∇ × (x − x0 ) ∧ t∼ dC
∂C C

Ovvero mediante la rappresentazione indiciale:

Z Z

− εijk (xi − x0 i ) tj` n` dσ = εijk [(xi − x0 i )tj` ] dC
∂C C ∂x`

Rimane dunque da valutare il termine:

∂ ∂ ∂
εijk [(xi − x0 i ) tj` ] = εijk tj` (xi − x0 i ) + εijk (xi − x0 i ) tj` =
∂x` ∂x` ∂x`


= εijk (xi − x0 i ) tj` + εijk tji
∂x`

in quanto, essendo x0 i costante, si ha:


(xi − x0 i ) = δ`i
∂x`

Inoltre, grazie alla seconda equazione fondamentale della dinamica dei


continui, la matrice degli sforzi è simmetrica, e questo comporta l’annullarsi
312 A. Strumia, Meccanica razionale

del termine εijk tji . Per cui, in conclusione il bilancio del momento della
quantità di moto viene soddisfatto:

dK 0
= M0 + Φ
dt

Bilancio dell’energia

Come conseguenza delle equazioni del moto, in un continuo puramente


meccanico (cioè nel quale non entrano in gioco le funzioni di stato
termodinamiche), partendo dalla prima equazione fondamentale si ottiene
anche il bilancio dell’energia meccanica. Infatti, moltiplicando la:

µ a = µ F − ∇ t∼

scalarmente per v otteniamo:

v2
!
d
µ = µ F × v − v × (∇ t∼ )
dt 2

Integrando:

v2
!
Z
d Z Z
µ dC = µ F × v dC − v × (∇ t∼ ) dC
C dt 2 C C

—L’integrale a primo membro, tenendo conto che µ D = µ∗ e dC =


D dC ∗ si riscrive:

v2 v2
! !
Z
d Z
d
µ dC = µ∗ dC ∗ =
C dt 2 C ∗ dt 2
meccanica dei continui 313

2
d Z ∗ v ∗ d Z v2 dT
= µ dC = µ dC =
dt C ∗ 2 dt C 2 dt

essendo l’energia cinetica del continuo data da:

Z
v2
T = µ dC
C 2

—L’ultimo integrale a secondo membro si riscrive riaggiustando


l’argomento:

∂ ∂ ∂
v × (∇ t∼ ) = vi tji = (tji vj ) − tji vi =
∂xj ∂xj ∂xj

∂ ∂ h i
= (tji vj ) − tij vi = ∇ × (t∼ v) − tr t∼ (∇ ⊗ v)
∂xj ∂xj

dove si è tenuto conto della simmetria di t∼ .

Dunque:

Z Z Z h i
v × (∇t∼ ) dC = ∇ × (t∼ v) dC − tr t∼ (∇ ⊗ v) dC
C C C

—Mediante il teorema di Gauss il primo integrale a secondo membro si


scrive poi:

Z Z Z
∇ × (t∼ v) dC = − v × tn dσ = − f × v dσ
C ∂C ∂C

Introducendo allora la potenza esplicata dalle forze di massa e dalle forze


di superficie:
314 A. Strumia, Meccanica razionale

Z Z
P = µ F × v dC + f × v dσ
C ∂C

e la potenza esplicata dagli sforzi interni:

Z h i
W = tr t∼ (∇ ⊗ v) dC
C

si ottiene il bilancio dell’energia meccanica:

dT
=P +W
dt

• Notiamo che per continui che non sono descrivibili in termini puramente
meccanici, ma che richiedono una descrizione termodinamica, l’equazione di
bilancio dell’energia non include la sola energia meccanica, ma tiene conto
anche dell’energia interna del continuo e degli eventuali scambi di calore. In
questo caso la legge di conservazione dell’energia non è più una conseguenza
delle equazioni della meccanica dei continui, ma è una legge ulteriore che
costituisce il primo principio della termodinamica.

Equazioni costitutive

Ora dobbiamo occuparci del problema fondamentale della meccanica


dei continui, che consiste nella determinazione del moto. Le incognite
del problema che caratterizzano l’evoluzione del continuo sono le quattro
funzioni:

x = x(X, t), µ = µ(X, t)

Le equazioni a disposizione sono:


meccanica dei continui 315




 µ a = µ F − ∇ t∼





T
t∼ =T (MC.61)


 ∼



 dµ
+ µ∇ × v = 0

dt

Notiamo che si hanno quattro equazioni nelle incognite x, µ. Il problema


può essere risolto a condizione che siano note le forze di massa e sia nota
la matrice degli sforzi t∼ . Ora le forze di massa sono forze esterne e
si può supporre di riuscire a conoscerle; mentre gli sforzi nascono dalle
forze di contatto che sono interne al continuo e sono, perciò, generalmente
sconosciute. L’unica informazione che abbiamo relativamente alla matrice
degli sforzi è che essa è simmetrica. Una matrice simmetrica ha 6 elementi,
dunque ci mancano altre 6 relazioni per determinare il problema.

Per determinare il problema occorre aggiungere un gruppo di 6 condizioni


che forniscano il legame tra sforzo e deformazione:

t∼ = t∼ (ε∼ ) (MC.62)

Queste relazioni prendono il nome di equazioni costitutive.

• Dal punto di vista fisico il fatto che la matrice t∼ non sia


automaticamente determinata dalle equazioni fondamentali della meccanica
dei continui e dall’equazione di continuità, ma vada assegnata in funzione
della matrice di deformazione, rende conto del fatto che i materiali hanno
proprietà meccaniche differenti e queste sono caratterizzate dalle equazioni
costitutive. Diversamente tutti i materiali avrebbero esattamente lo stesso
comportamento, contrariamente a quanto è noto dall’esperienza. Si possono
perciò classificare vari tipi di materiali, in ordine alle caratteristiche delle loro
equazioni costitutive.
316 A. Strumia, Meccanica razionale

Fluidi

Come si è già visto si dicono fluidi perfetti i continui la cui matrice degli
sforzi ha la forma:

t∼ = p ∼
I

essendo p > 0 la pressione. Le equazioni della dinamica dei fluidi si


ottengono, allora, specializzando le equazioni dei continui:



 µa = µF − ∇p
(MC.63)
 dµ

dt
+ µ∇ × v = 0

Si hanno 4 equazioni nelle 5 variabili µ, v, p. Di conseguenza occorre


una relazione costitutiva per determinare il problema. La relazione costitutiva
che caratterizza le proprietà del fluido lega la pressione alla densità:

p = p(µ) (MC.64)

Fluidi incomprimibili

In alternativa, anzichè assegnare la pressione come funzione costitutiva


della densità, si può fissare il valore della densità ad un valore costante,
ottenendo, in questo modo la riduzione a 4 del numero delle incognite. Fluidi
di questo tipo si dicono incomprimibili o ideali. Essi sono definiti dalla
condizione di incomprimibilità:

µ = µ∗ ⇐⇒ D=1 (MC.65)
meccanica dei continui 317

Per i fluidi incomprimibili le equazioni della dinamica divengono, di


conseguenza le seguenti:

µ∗ a = µ∗ F − ∇ p



(MC.66)
∇×v =0

Si ha così un sistema di 4 equazioni per le 4 incognite v, p. In questo caso


p è una variabile indipendente, mentre la relazione costitutiva è stata imposta
alla variabile µ richiedendo che sia una costante del problema, caratteristica
del fluido esaminato.

• La condizione di incomprimibilità rappresenta un vincolo interno al


fluido. Viene naturale domandarsi, in presenza di un vincolo quale sia
la variabile che gioca il ruolo di reazione vincolare. Possiamo rispondere
interpretando la prima equazione fondamentale della dinamica come prima
equazione cardinale della dinamica:

µ∗ a = µ∗ F + φ

Si vede allora che:

φ = −∇p

In sostanza, in un fluido incomprimibile la pressione gioca un ruolo


legato alla reazione vincolare che nasce dalla presenza del vincolo di
incomprimibilità.

Fluido ideale pesante in quiete

Vediamo un’applicazione di tipo statico: l’equilibrio di un fluido


incomprimibile soggetto alla forza peso.
318 A. Strumia, Meccanica razionale

O
y

Figura MC. 20: equilibrio di un fluido ideale pesante

Immaginiamo che z = 0 rappresenti l’equazione del piano che delimita


superiormente il fluido. La distribuzione delle forze di massa è quella delle
forze peso:

µ∗ F = µ∗ g

Allora la condizione di equilibrio del fluido:

µ∗ F − ∇ p = 0

che si ottiene dalla corrispondente equazione della dinamica del fluido,


annullando il termine cinetico, si specializza nella condizione:

µ∗ g − ∇ p = 0 (MC.67)

Risulta chiaro che il gradiente della pressione gioca il ruolo di una


reazione vincolare che si oppone alla forza attiva (peso). Proiettando sugli assi
cartesiani, scelti come in figura (MC. 20), si ottengono le seguenti equazioni:
meccanica dei continui 319

 ∂p

 ∂x
=0





∂p
∂y
=0





 ∂p
= µ∗ g

∂z

Integrando questo sistema con una condizione al contorno del tipo:

p|z=0 = p0

dove p0 si può interpretare, ad esempio, come la pressione atmosferica sulla


superficie del fluido, si ottiene che la pressione è indipendente da x, y e
dipende dalla quota z secondo la legge:

p = p0 + µ∗ g z (MC.68)

relazione che esprime la nota legge della proporzionalità diretta tra la


pressione e la profondità.

Teorema delle tre quote

Esaminiamo ora la dinamica del fluido ideale pesante. L’equazione del


moto si scrive:

µ∗ a = µ∗ g − ∇ p

Moltiplicandola scalarmente per v otteniamo il teorema dell’energia:

µ∗ v × a = µ∗ v × g − v × ∇ p
320 A. Strumia, Meccanica razionale

Ora si ha per ciascun termine:

v2
!
∗ dv d ∗ ∗
µ v×a=µ v× = µ
dt dt 2

dz d
µ∗ v × g = − g = (− g z)
dt dt

avendo scelto, in questo caso l’asse z orientato verso l’alto, in modo che
g = −g e3 .

Nell’ipotesi di flusso stazionario, cioè quando si assume che la pressione


dipenda dal tempo soltanto tramite il moto delle particelle, cioè che non
dipenda esplicitamente dal tempo, si ha anche:

dp ∂p dxi
p = p(x) =⇒ = = v × ∇p
dt ∂xi dt

Allora il bilancio dell’energia in forma locale si scrive:

v2
!
d ∗
µ + p + µ∗ g z = 0
dt 2

Da cui si ricava:

1 ∗ 2
µ v + p + µ∗ g z = E (MC.69)
2

essendo E la costante dell’energia. Si può riscrivere anche nella forma:

v2 p E
+ ∗ + z = h0 , h0 = (MC.70)
2g µ g µ∗ g
meccanica dei continui 321

nella quale i singoli addendi hanno le dimensioni di una lunghezza. La


(MC.70) prende il nome di teorema delle tre quote, dal momento che le tre
lunghezze in questione sono interpretabili come quote di interesse fisico:
2
—quota cinetica: 2v g E’ l’altezza dalla quale occorre lasciar cadere , nel
vuoto, una massa in caduta libera, perchè raggiunga il suolo con velocità v;

—quota piezometrica: µ∗p g E’ la quota alla quale il fluido in equilibrio


sarebbe soggetto alla pressione p, a causa del suo peso, se la pressione in
superficie, alla quota z = 0, fosse nulla;

—quota reale: z E’ la quota reale alla quale viene considerato il fluido


soggetto alla pressione p e caratterizzato dalla velocità v delle particelle. Il
valore di h0 viene valutato mediante le condizioni al contorno, cioè per z = 0:

v02 p0
h0 = + ∗
2g µ g

Lavoro delle forze interne

Ci occupiamo ora, per concludere del lavoro delle forze interne attive,
espresso dalla (MC.50); espressione che vale in generale per spostamenti
qualunque e non solo per gli spostamenti virtuali, e quindi, in particolare vale
per gli spostamenti effettuati durante il moto:

!
(i,a) 1 ∂dui ∂duk
d` = tik +
2 ∂xk ∂xi

del quale cerchiamo un’espressione specializzata per i fluidi e per i solidi.


322 A. Strumia, Meccanica razionale

A) nei fluidi

In un fluido la matrice degli sforzi si caratterizza mediante gli elementi:

tik = p δik

Quindi otteniamo la seguente specializzazione del lavoro delle forze


interne attive:

∂d ui
d`(i,a) = p = p∇ × du
∂xi

Tenendo conto che durante il moto si ha:

d u = v dt

si ottiene:

d`(i,a) = p ∇ × v dt

Tenendo poi conto dell’equazione di continuità della massa ricaviamo


l’espressione finale:

p
d`(i,a) = − dµ (MC.71)
µ

• Notiamo che se il fluido è incomprimibile abbiamo d µ = 0 e quindi il


lavoro delle forze interne risulta nullo come in un corpo rigido.

B) nei solidi

Per il fluido, grazie alla particolare forma isotropa della matrice degli
sforzi, è possibile esprimere, come si è visto, il lavoro delle forze interne
meccanica dei continui 323

in termini delle variabili µ, p, eliminando le variabili cinetiche v. Nel caso di


un continuo che non sia un fluido (solido) non si può ottenere lo stesso tipo di
risultato mantenendosi dal punto di vista euleriano.

Nell’espressione del lavoro per eliminare la velocità bisogna passare alle


variabili lagrangiane. A questo scopo osserviamo che:

∂ ∂XJ ∂ −1 ∂ 1 C ∂
= = FJk = FkJ
∂xk ∂xk ∂XJ ∂XJ D ∂XJ

Abbiamo così la regola di passaggio da operatori di derivazione euleriani


a operatori di derivazione lagrangiani:

∂ 1 C ∂
= FkJ (MC.72)
∂xk D ∂XJ

Nell’espressione del lavoro si ha allora:

1 C ∂dui
d`(i,a) = tik FkJ
D ∂XJ

Viene allora naturale introdurre la matrice non simmetrica:

C
TiJ = tik FkJ (MC.73)

che prende il nome di matrice non simmetrica di Piola-Kirchhoff. Si può


allora scrivere il lavoro nella forma:

1 ∂dui
d`(i,a) = TiJ
D ∂XJ

in cui compaiono le derivate rispetto alle variabili lagrangiane in luogo di


quelle euleriane. Questo è vantaggioso in quanto ui non dipende dalle
324 A. Strumia, Meccanica razionale

XJ , mentre dipende dalle xk . Ciò significa che mentre non è possibile


scambiare gli operatori d e ∂x∂ k , è invece possibile scambiare gli operatori
d e ∂X∂ J . Questo è il vantaggio che nasce dall’uso delle variabili lagrangiane.
Effettuando lo scambio si ottiene:

!
(i,a) 1 ∂ui
d` = TiJ d
D ∂XJ

Ricordiamo che:

ui = xi − δiI XI

E quindi:

∂ui
= FiJ − δiJ
∂XJ

Di conseguenza possiamo esprimere il lavoro delle forze interne nella


forma in cui non compaiono le velocità:

1
d`(i,a) = TiJ dFiJ (MC.74)
D
Questa formulazione ha ancora l’inconveniente di coinvolgere delle
matrici in forma mista, con un indice lagrangiano e un indice euleriano;
possiamo evitare questo introducendo la matrice degli sforzi completamente
lagrangiana e simmetrica:

1 C
T̂IJ = FIi−1 TiJ = C
F tik FkJ (MC.75)
D Ii
che prende il nome di matrice simmetrica di Piola-Kirchhoff. Esprimendo il
lavoro delle forze interne attive in termini di questa nuova matrice possiamo
scrivere la sua espressione in forma completamente lagrangiana:
meccanica dei continui 325

1
d`(i,a) = FkI T̂IJ dFkJ
D

Ora:

1 1 
T

T̂IJ FkI dFkJ = (FkI dFkJ + FkJ dFkI ) = TIJ d FIk FkJ
2 2

grazie alla simmetria di T̂IJ .

Quindi si ottiene la forma completamente lagrangiana del lavoro delle


forze interne attive:

1 1
d`(i,a) = T̂IJ dBIJ = T̂IJ dεIJ (MC.76)
D D

Potrebbero piacerti anche