Sei sulla pagina 1di 49

Università Campus Biomedico

Corso di Fenomeni di Trasporto


Ing. L. Turchetti

Bilanci locali di quantità di moto


L’esperimento di Reynolds

Luca Turchetti Fenomeni di Trasporto – 4. Bilanci locali di quantità di moto


Numero di Reynolds

Numero adimensionale che esprime il rapporto tra le forze


d’inerzia e quelle di attrito viscoso all’interno del fluido. In un
tubo cilindrico si ha

 kg m 
ρ v d v d F  3 m
Re = = =4 m s 
µ ν πdµ  kg 
 m s 

Dà informazioni sul regime di moto del fluido

Luca Turchetti Fenomeni di Trasporto – 4. Bilanci locali di quantità di moto


Regimi di moto

Moto laminare (Re<2100)


strati di fluido che scorrono ordinatamente gli uni
sugli altri. Tutte le componenti della velocità sono
costanti nel tempo.

Regime di transizione (2100<Re<4000)

Moto turbolento (Re>4000)


al moto di insieme del fluido si sovrappone un moto
disordinato. Le componenti della velocità variano
rapidamente nel tempo e si ha la formazione di vortici

I valori di Re si riferiscono a moto in un tubo cilindrico


Luca Turchetti Fenomeni di Trasporto – 4. Bilanci locali di quantità di moto
Moto turbolento in un tubo cilindrico
Andamento nel tempo della componente assiale e radiale della
velocità del fluido in un punto

1 t + ∆t 1 t + ∆t
vz =
∆t ∫ t
v z (t ) dt ≠ 0 vr =
∆t ∫ t
v r (t ) dt = 0

vz vr

Luca Turchetti Fenomeni di Trasporto – 4. Bilanci locali di quantità di moto


Moto laminare in una
fenditura sottile
Moto laminare in una fenditura sottile
Pout

Q
Pin
δ << B Effetti di bordo trascurabili
δ << L Moto tra due lastre piane indefinite

Luca Turchetti Fenomeni di Trasporto – 4. Bilanci locali di quantità di moto


Ipotesi preliminari

 Fluido incomprimibile
 Il sistema è indefinito nella direzione z:
 tutte le grandezze non variano lungo z
 le grandezze vettoriali non hanno componenti lungo z

 L’unica componente non nulla della velocità del fluido è vx


v = v x ( x , y )i
 La pressione è uniforme sulla sezione trasversale al flusso
P = P( x )

Luca Turchetti Fenomeni di Trasporto – 4. Bilanci locali di quantità di moto


Volume di controllo
y

∆y
∆z

∆x y

x
y

y + ∆y
y x

x x + ∆x x
Luca Turchetti Fenomeni di Trasporto – 4. Bilanci locali di quantità di moto
Bilancio di materia
y
y

∆y y + ∆y
∆z y
∆x

x x + ∆x x
x

(ρv x ∆ y ∆ z ) x − (ρv x ∆ y ∆ z ) x + ∆ x = 0

∂ (ρv x )
− =0
∂x
Luca Turchetti Fenomeni di Trasporto – 4. Bilanci locali di quantità di moto
Bilancio di materia
y
y

∆y y + ∆y
∆z y
∆x

x x + ∆x x
x

(ρv x ∆ y ∆ z ) x − (ρv x ∆ y ∆ z ) x + ∆ x = 0

∂v x
− =0 v x = v x (y)
∂x
Luca Turchetti Fenomeni di Trasporto – 4. Bilanci locali di quantità di moto
Bilancio di quantità di moto
y
y

∆y y + ∆y
∆z y
∆x

x x + ∆x x
x

( P∆ y ∆ z ) x + (ρv x v x ∆ y ∆ z ) x − ( P∆ y ∆ z ) x + ∆ x − (ρv x v x ∆ y ∆ z ) x + ∆ x

Luca Turchetti Fenomeni di Trasporto – 4. Bilanci locali di quantità di moto


Bilancio di quantità di moto
y
y

∆y y + ∆y
∆z y
∆x

x x + ∆x x
x

( τ yx ∆ x ∆ z ) + ( − τ yx ∆ x ∆ z )
y y + ∆y
Componente x della Componente x della
forza esercitata forza esercitata
dall’elemento giallo dall’elemento verde
su quello azzurro su quello azzurro

Luca Turchetti Fenomeni di Trasporto – 4. Bilanci locali di quantità di moto


Bilancio di quantità di moto

( P∆ y ∆ z ) x − ( P∆ y ∆ z ) x + ∆ x + ( τ yx ∆ x ∆ z ) − ( τ yx ∆ x ∆ z ) =0
y y + ∆y

P x −P τ yx − τ yx
x+∆x y y + ∆y
+ =0
∆x ∆y
dP dτ yx
− − =0
dx dy

dτ yx dP
=−
dy dx
Luca Turchetti Fenomeni di Trasporto – 4. Bilanci locali di quantità di moto
Bilancio di quantità di moto
dτ yx dP
=−
dy dx

f ( y ) = g( x ) = costante

dP ∆P Pin − Pout
− =− =
dx L L

dτ yx ∆P ∆P
=− = costante τ yx = − y + C1
dy L L

Luca Turchetti Fenomeni di Trasporto – 4. Bilanci locali di quantità di moto


Bilancio di quantità di moto
 Si è ottenuta un’equazione differenziale del primo ordine in τyx
(flusso diffusivo di quantità di moto)

 Se si conosce il valore di τyx per una posizione y (condizione al


contorno), si conosce τyx in ogni punto

 Se non si dispone di una condizione al contorno su τyx o se


comunque si è interessati al profilo di velocità, occorre introdurre
il legame tra τyx e la velocità del fluido

 Il risultato ottenuto fino a questo punto è indipendente dalla


natura del fluido

Luca Turchetti Fenomeni di Trasporto – 4. Bilanci locali di quantità di moto


Equazione costitutiva e profilo di velocità
 Se il fluido è newtoniano

dv x
τ yx = −µ
dy

dv x ∆P dv x  ∆P  1 C1
τ yx = −µ =− y + C1 = − −  y−
dy L dy  L µ µ

 ∆P  1 2 C 1
v x ( y ) = − −  y − y + C2
 L  2µ µ

Luca Turchetti Fenomeni di Trasporto – 4. Bilanci locali di quantità di moto


Condizione di aderenza (no-slip)

 La determinazione del profilo di velocità richiede due condizioni


al contorno (una delle due può essere posta su τ)

 In corrispondenza dell’interfaccia tra un solido ed un fluido si


assume comunemente che le due fasi abbiano stessa velocità

 La posizione delle condizioni al contorno richiede di fissare


l’origine del sistema di riferimento (per la formulazione
dell’equazione di bilancio è sufficiente l’orientazione)

Luca Turchetti Fenomeni di Trasporto – 4. Bilanci locali di quantità di moto


Condizione di aderenza (no-slip)
 ∆P  1 2 C 1
v x ( y ) = − −  y − y + C2
 L  2µ µ
Fissando l’origine (y=0) in corrispondenza del piano mediano della
fenditura:
 Sulla parete inferiore della fenditura (y=-δ)
 ∆P  1 2 C1
0 = − −  ( − δ) − ( − δ) + C 2
 L  2µ µ

 Sulla parete superiore della fenditura (y=+δ)


 ∆P  1 2 C 1
0 = − −  δ − δ + C2
 L  2µ µ
Luca Turchetti Fenomeni di Trasporto – 4. Bilanci locali di quantità di moto
Profilo di velocità
Vx
y

C1 = 0
x
 ∆P  1 2 0
C2 =  −  δ
 L  2µ −δ

 ∆P  1 2 2
v x (y) =  −  ( δ − y )
 L  2µ

 ∆P  δ  y   y2 
2 2
v x (y) =  −   1− 2  = v max  1 − 
 L  2µ  δ   δ2 
  

Luca Turchetti Fenomeni di Trasporto – 4. Bilanci locali di quantità di moto


Profilo degli sforzi di taglio
 Al di sopra del piano mediano gli
∆P elementi a y minore sono più veloci e
τ yx = − y
L trascinano quelli a y maggiore (τyx>0)
 Al di sotto del piano mediano gli elementi
di fluido a y minore sono più lenti e
∆P
τ yx =− δ frenano quelli a y maggiore (τyx<0)
y =δ L  Sul piano mediano lo sforzo di taglio è
nullo (e la velocità massima)
τ yx
y

Luca Turchetti Fenomeni di Trasporto – 4. Bilanci locali di quantità di moto


Alcune considerazioni

Ricapitolando:
 Per determinare il profilo degli sforzi di taglio è stato prima
ricavato il profilo di velocità, utilizzando 2 condizioni al contorno
(sulla velocità stessa)
 Per determinare il profilo degli sforzi di taglio sarebbe stata
sufficiente 1 condizione sullo sforzo stesso

Era possibile dedurre il valore di τ almeno in un punto senza dover


ricavare il profilo di velocità?

Luca Turchetti Fenomeni di Trasporto – 4. Bilanci locali di quantità di moto


Condizione di simmetria
Il sistema è simmetrico Tutte le grandezze fisiche devono
 Geometricamente essere distribuite in modo speculare al
di sopra (y>0) e al di sotto (y<0) del
 Fisicamente
piano di simmetria (y=0)

Le forze tangenziali esercitate y



reciprocamente da due elementi di
fluido in corrispondenza del piano x
mediano devono essere 0

 uguali (simmetria)
−δ
 opposte (principio di azione e
reazione)
τ yx =0
y =0
Luca Turchetti Fenomeni di Trasporto – 4. Bilanci locali di quantità di moto
Bilancio macroscopico di QDM
Componente x della forza di Componente x della forza di
attrito esercitata dalla parete attrito esercitata dalla parete
superiore sul fluido inferiore sul fluido

Pin B2δ − Pout B2δ + Fatsup,x + Fatinf,x = 0


Per la simmetria del sistema

Fatsup,x = Fatinf,x = Fat , x


Fat , x = ( Pout − Pin )Bδ = ∆P B δ < 0
 ∆P 
Fat , x = τ yx BL ⇒ τ yx = − − δ
y =−δ y =−δ  L 
 ∆P 
Fat , x = − τ yx BL ⇒ τ yx =− δ
y =δ y =δ  L 
Luca Turchetti Fenomeni di Trasporto – 4. Bilanci locali di quantità di moto
Portata volumetrica

dQ = v x ( y ) B dy

 ∆P  δ 4
2
+δ 4
Q = B ∫ v x ( y )dy = v max Bδ =  −  Bδ
−δ 3  L  2µ 3
Q 2 2  ∆P  δ 2
v = = v max =  − 
2δB 3 3  L  2µ
Luca Turchetti Fenomeni di Trasporto – 4. Bilanci locali di quantità di moto
Resistenza idraulica

−∆P = R H Q

 ∆P  2 1 3
Q =−  Bδ
 L 3µ

3 µL
− ∆P = 3
Q
2 Bδ

3 µL
RH =
2 Bδ 3
Luca Turchetti Fenomeni di Trasporto – 4. Bilanci locali di quantità di moto
Potenza meccanica dissipata

Luca Turchetti Fenomeni di Trasporto – 4. Bilanci locali di quantità di moto


Potenza meccanica dissipata

Luca Turchetti Fenomeni di Trasporto – 4. Bilanci locali di quantità di moto


Potenza meccanica dissipata

dW = v x ( y ) ( Pin − Pout )B dy = − ∆P B v x ( y ) dy

Luca Turchetti Fenomeni di Trasporto – 4. Bilanci locali di quantità di moto


Potenza meccanica dissipata

δ δ
W=− ∫ −δ
∆P B v x ( y ) dy = ( − ∆P ) B ∫ −δ
v x ( y ) dy = ( − ∆P ) Q

Luca Turchetti Fenomeni di Trasporto – 4. Bilanci locali di quantità di moto


Analogia elettrica

Moto laminare in condotti Conduzione elettrica

−∆P = R H Q ∆V = R I

W = ( − ∆P ) Q = R H Q 2
W = ( ∆V ) I = R I 2

Luca Turchetti Fenomeni di Trasporto – 4. Bilanci locali di quantità di moto


Moto laminare in un
condotto cilindrico
Moto laminare in un condotto cilindrico

Pout
Pin
Q
L
r
z
R

Effetti di ingresso trascurabili


R << L Moto pienamente sviluppato

Luca Turchetti Fenomeni di Trasporto – 4. Bilanci locali di quantità di moto


Ipotesi preliminari

 Fluido incomprimibile
 Il sistema è radialmente simmetrico:
 tutte le grandezze non variano lungo ϑ
 le grandezze vettoriali non hanno componenti lungo ϑ

 L’unica componente non nulla della velocità del fluido è vz


v = v z (r , z ) k
 La pressione è uniforme sulla sezione trasversale al flusso
P = P (z )

Luca Turchetti Fenomeni di Trasporto – 4. Bilanci locali di quantità di moto


Volume di controllo

Luca Turchetti Fenomeni di Trasporto – 4. Bilanci locali di quantità di moto


Volume di controllo

∆z

∆r z

Luca Turchetti Fenomeni di Trasporto – 4. Bilanci locali di quantità di moto


Volume di controllo
r

r + ∆r
r ∆r

z z + ∆z z

Luca Turchetti Fenomeni di Trasporto – 4. Bilanci locali di quantità di moto


Corona circolare infinitesima

&
2 2
A = π[( r + ∆ r ) − r ]
2 2 2
r ∆r A = π( r + 2r∆ r + ∆r − r )
2
A = 2πr∆ r + π∆r
o( ∆r )

A ≈ 2πr∆ r
∆r
2π r dA = 2πr dr
Luca Turchetti Fenomeni di Trasporto – 4. Bilanci locali di quantità di moto
Bilancio di materia
r

r + ∆r
r
z
∆z z z + ∆z

∆r

(ρv z 2π r ∆r ) z − (ρv z 2π r ∆r ) z + ∆ z = 0

Luca Turchetti Fenomeni di Trasporto – 4. Bilanci locali di quantità di moto


Bilancio di materia
r

r + ∆r
r
z
∆z z z + ∆z

∆r

∂v z
− =0 v z = v z (r )
∂z
Luca Turchetti Fenomeni di Trasporto – 4. Bilanci locali di quantità di moto
Bilancio di quantità di moto
r

r + ∆r
r
z
∆z z z + ∆z

∆r

( P 2π r ∆r ) z + (ρv z v z 2π r ∆r ) z − ( P 2π r ∆r ) z + ∆z − (ρv z v z 2π r ∆r ) z + ∆z

Luca Turchetti Fenomeni di Trasporto – 4. Bilanci locali di quantità di moto


Bilancio di quantità di moto
r

r + ∆r
r
z
∆z z z + ∆z
∆r

Forza esercitata Forza esercitata


dall’elemento giallo dall’elemento verde
su quello azzurro su quello azzurro

( τ rz 2π r ∆z ) r + ( − τ rz 2π r ∆z ) r + ∆ r

Luca Turchetti Fenomeni di Trasporto – 4. Bilanci locali di quantità di moto


Bilancio di quantità di moto
( P 2π r ∆r ) z − ( P 2π r ∆r ) z + ∆z + ( τ rz 2π r ∆z ) r − ( τ rz 2π r ∆z ) r + ∆ r = 0

2πr∆r ( P ) z − 2πr∆r ( P ) z + ∆z + 2π∆z ( τ rz r ) r − 2π∆z ( τ rz r ) r + ∆ r


=0
2πr ∆r ∆z

P z
−P z + ∆z 1 ( τ rz r ) r − ( τ rz r ) r + ∆ r
+ =0
∆z r ∆r

dP 1 d( τ rz r )
− =
dz r dr

Luca Turchetti Fenomeni di Trasporto – 4. Bilanci locali di quantità di moto


Bilancio di quantità di moto

dP 1 d( τ rz r )
− =
dz r dr

f ( z ) = g( r ) = costante

dP ∆P Pin − Pout
− =− =
dz L L

d( τ rz r ) ∆P ∆P C1
=− r τ rz = − r+
dr L 2L r

Luca Turchetti Fenomeni di Trasporto – 4. Bilanci locali di quantità di moto


Condizione di simmetria sull’asse
 Si è ottenuta un’equazione differenziale del primo ordine in τ
(flusso di quantità di moto)
 Se si conosce il valore di τ per una posizione r (condizione al
contorno), si conosce τ in ogni punto
 Si nota che C 1 ≠ 0 ⇒ τ rz r →0 → ∞
 Quindi si deve avere C 1 = 0
∆P
τ rz = − r
2L
 Questo risultato prescinde dalla natura e dal comportamento
reologico del fluido!

Luca Turchetti Fenomeni di Trasporto – 4. Bilanci locali di quantità di moto


Equazione costitutiva e profilo di velocità
 Se il fluido è newtoniano

dv z
τ rz = −µ
dr

dv z ∆P dv z  ∆P  1
τ rz = −µ =− r = − −  r
dr 2L dr  L  2µ

 ∆P  1 2
v z ( r ) = − −  r + C2
 L  4µ

Luca Turchetti Fenomeni di Trasporto – 4. Bilanci locali di quantità di moto


Condizione di aderenza (no-slip)
 ∆P  1 2
v z ( r ) = − −  r + C2
 L  4µ
 Sulla parete del tubo (r=R)
 ∆P  1 2
0 = − −  R + C2
 L  4µ

 ∆P  1 2 2
v z (r ) =  −  (R − r )
 L  4µ
2 
 ∆P  R  r
2   r2 
v z (r ) =  −   1− 2  = v max  1 − 
 L  4µ  R   R2 
  
Luca Turchetti Fenomeni di Trasporto – 4. Bilanci locali di quantità di moto
Portata volumetrica

dQ = v z ( r ) 2π r dr 0 dr R r

R πR  ∆P  R πR
2 2 2
Q = 2π∫ v z ( r ) r dr = v max =− 
0 2  L  4µ 2
Q 1 1  ∆P  R 2
v = 2 = v max =  − 
πR 2 2  L  4µ
Luca Turchetti Fenomeni di Trasporto – 4. Bilanci locali di quantità di moto
Equazione di Poiseuille
∆P 8 µ
− = 4
Q
L πR

Valida per
 Moto laminare
 Condotto cilindrico
 Fluido newtoniano incomprimibile

8µ L
−∆P = R H Q RH =
πR4

Luca Turchetti Fenomeni di Trasporto – 4. Bilanci locali di quantità di moto

Potrebbero piacerti anche