Sei sulla pagina 1di 3

ESERCIZI SULLA CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ

(1) Stabilire per quali valori di β ∈ R la seguente funzione è continua e derivabile in x0 = 0


2
 2
 log (1 + x) + 2 sin(x ) per x > 0,

fβ (x) = tan x
 √
 3
1 + βx − 1 per x ≤ 0.

(2) Determinare per α ∈ R e β ∈ R \ {0} le proprietà di continuità e di derivabilità in x0 = 0


della funzione
 x sin x − cos x + α per x > 0,


f (x) = eβx − 1
βx + αx2

per x ≤ 0.

(3) Determinare per α ∈ R e β ∈ R \ {0} le proprietà di continuità e di derivabilità in x0 = 0


della funzione  2 x 2
 x e√ + α + sin (x) per x > 0,

f (x) = 1 + βx − 1

2βx + 3αx2 per x ≤ 0.

Svolgimento
(1) Studiamo la continuità in x0 = 0. Osserviamo che fβ (0) = 0. Ricordando che
log(1 + x) = x + o(x) per x → 0,
sin x = x + o(x) per x → 0,
tan x = x + o(x) per x → 0,
abbiamo
log2 (1 + x) + 2 sin(x2 )
lim fβ (x) = lim
x → 0+ x → 0+ tan x
(x + o(x))2 + 2(x2 + o(x2 ))
= lim
x → 0+ x + o(x)
x + 2xo(x) + (o(x))2 + 2x2 + 2o(x2 )
2
= lim
x → 0+ x + o(x)
2
3x + o(x ) 2
= lim =0
x→0 + x + o(x)
e
p
3
lim fβ (x) = lim 1 + βx − 1 = 0 per ogni β ∈ R.
x → 0− x → 0−
Essendo fβ (0) = lim fβ (x) = lim fβ (x) per ogni β ∈ R, concludiamo che fβ (x) è continua in
x → 0+ x → 0−
x0 = 0 per ogni β ∈ R.
1
2

Per quanto riguarda la derivabilità in x0 = 0, osserviamo innanzitutto che


fβ (x) − fβ (0) log2 (1 + x) + 2 sin(x2 )
(fβ )0+ (0) = lim = lim
x → 0+ x x → 0+ x tan x
(x + o(x))2 + 2(x2 + o(x2 ))
= lim
x → 0+ x(x + o(x))
3x + o(x2 )
2
= lim =3
x → 0+ x2 + o(x2 )

e utilizzando (1 + x)α = 1 + αx + o(x) per x → 0, abbiamo



fβ (x) − fβ (0) 3
1 + βx − 1
(fβ )0− (0) = lim = lim
x→0 − x x → 0− x
1
βx + o(x) 1
= lim 3 = β.
x → 0− x 3
Pertanto fβ è derivabile in x0 = 0 quando (fβ )0+ (0) = (fβ )0− (0), ovvero se 13 β = 3 (β = 9).

(2) Studiamo la continuità in x0 = 0. Osserviamo che f (0) = 0. Ricordando che


1
cos x = 1 − x2 + o(x2 ) per x → 0,
2
ex = 1 + x + o(x) per x → 0,
abbiamo
x (x + o(x)) − 1 − 12 x2 + o(x2 ) + α

x sin x − cos x + α
lim = lim
x → 0+ eβx − 1 x → 0+ (1 + βx + o(x)) − 1
(α − 1) + 32 x2 + o(x2 )
= lim = `+ ,
x → 0+ βx + o(x)
da cui deduciamo che

3 2 2
 se α − 1 = 0 allora abbiamo che `+ = lim 2 x + o(x ) = 0 = f (0)

∀β ∈ R \ {0},
x → 0+ βx + o(x)
+

se α − 1 6= 0 allora abbiamo che ` = ∞ ∀β ∈ R \ {0}.

In particolare, se α − 1 e β sono di segno concorde allora `+ = +∞ altrimenti `+ = −∞.


Inoltre, osservato che
lim βx + αx2 = 0 = f (0) per ogni β ∈ R \ {0},
x → 0−
deduciamo che f è continua in x0 = 0 se α = 1 e per ogni β ∈ R \ {0}.
Riguardo alla derivabilità in x0 = 0, abbiamo che la funzione non è derivabile se α 6= 1, non
essendo per tali valori continua. Per α = 1 verifichiamo che la funzione risulta derivabile cal-
colando, se esistono, la derivata destra f+0 (x0 ) e la derivata sinistra f−0 (x0 ) in x0 = 0 e verificando
che f+0 (0) = f−0 (0).
Abbiamo che
f (x) − f (0) x sin x − cos x + 1
f+0 (0) = lim = lim
x→0 + x x→0 + x(eβx − 1)
3 2
2x + o(x2 ) 3
= lim =
x → 0+ βx2 2
+ o(x ) 2β
3

e
f (x) − f (0) βx + x2
f−0 (0) = lim = lim =β ∀β ∈ R \ {0}.
x → 0− x x → 0− x
Quindi se f+0 (0) = f−0 (0), ovvero se3
2β = β, la funzione è derivabile in x0 = 0. Dunque f è
q
derivabile in x0 = 0 se α = 1 e β = ± 32 .

(3) Studiamo la continuità in x0 = 0. Osserviamo che f (0) = 0, inoltre


x2 ex + α + sin2 (x) x2 (1 + x + o(x)) + α + (x + o(x))2
lim √ = lim
x → 0+ 1 + βx − 1 x → 0+ 1 + 12 βx + o(x) − 1
x2 + x3 + o(x3 ) + α + x2 + 2xo(x) + (o(x))2
= lim 1
2 βx + o(x)
x → 0+

α + 2x2 + o(x2 )
= lim 1 = `+
2 βx + o(x)
x → 0+

da cui deduciamo che


2x2 + o(x2 )

se α = 0 allora abbiamo che `+ = lim 1 = 0 ∀β ∈ R \ {0},

x → 0+ βx + o(x)
2
se α 6= 0 allora abbiamo che `+ = ∞.

In particolare, se α e β sono di segno concorde allora `+ = +∞, mentre se sono di segno discorde
allora `+ = −∞.
Inoltre, osservato che
lim 2βx + 3αx2 = 0 per ogni β ∈ R \ {0},
x → 0−
concludiamo che f è continua in x0 = 0 se α = 0 e per ogni β ∈ R \ {0}.
Riguardo alla derivabilità in x0 = 0, abbiamo che la funzione non è derivabile se α 6= 0, non
essendo per tali valori continua. Pertanto studiamo la derivabilità di f in x0 = 0 per α = 0.
Mostriamo che la funzione risulta derivabile in x0 = 0 calcolando, se esistono, la derivata destra
f+0 (x0 ) e la derivata sinistra f−0 (x0 ) in x0 = 0 e verificando che f+0 (0) = f−0 (0).
Abbiamo che
f (x) − f (0) x2 ex + sin2 x
f+0 (0) = lim = lim √
x → 0+ x x → 0+ x( 1 + βx − 1)

x2 (1 + x + o(x)) + (x + o(x))2
= lim
x → 0+ x( 12 βx + o(x))
2x2 + o(x2 ) 4
= lim 1 2 2
= ∀β ∈ R \ {0},
x → 0+
2 βx + o(x )
β
e
f (x) − f (0) 2βx
f−0 (0) = lim = lim = 2β ∀β ∈ R \ {0}.
x → 0− x x → 0− x

Quindi se f+0 (0) = f−0 (0), ovvero se β4 = 2β, la funzione è derivabile in x0 = 0. Concludiamo che

f è derivabile in x0 = 0 se α = 0 e β = ± 2.

Potrebbero piacerti anche