Sei sulla pagina 1di 32

21 Febbraio 2022

Il testo della Sarti inizia con uno sguardo sui diseredati, che
vivono in una terra di confine. Basta un attimo per cadere in
questa fascia. Molti non hanno nemmeno un'abitazione, non
hanno fissa dimora, cercano di sopravvivere. Non abbiamo
statistiche, ma non c'è società europea di epoca moderna che non
abbia un'alta percentuale di diseredati. Anche oggi nelle grandi
città, nonostante la società evoluta e che spreca. Tra 500 e 600
massa enorme di persone che trascorrono la giornata in ricerca
di cibo, con piccoli furti, imbrogli ... E poi trovare rifugio. La
situazione si aggrava d'inverno. Girovaghi e altre figure,
mendicanti ... Altra categoria che contribuisce a incentivare a
periodi la categoria degli emarginati è i soldati, che assunti a
soldo, hanno imparato a saccheggiare, stuprare, sprecare i soldi
guadagnati al gioco ... Non omicidio ... Ma è gente che ottiene
un condono grazie all'arruolamento e quando si smette con la
guerra e vanno ad ingrossare le fila degli emarginati. I soldati
smobilitati sono particolarmente pericolosi. L'apparato
burocratico moderno non riusciva a controllare tutti. La società
moderna era estremamente violenta, specie da parte dei ceti
elevati, che avevano il permesso di portare le armi ... Mondi
picareschi spagnoli danno l'idea di cosa fosse questa mole di
esseri umani: vivevano nelle bettole ... Alcuni si arrichiscono. La
fascia più grande della popolazione viveva con la terra. Una
fascia più ristretta era composta da viaggiatori: conquistatores,
mercanti ... Il vagabondaggio era una piaga sociale non
risolvibile, specie nel 500. Già nel 400 colmati i vuoti provocati
dalla peste nera. Nel 500 crescita costante e sostenuta della
popolazione, crescita economica ma numero eccessivo di
persone da sfamare. L'età moderna è l'età del grano, poca carne a
disposizione di tanta popolazione. Non ci sono tecnologie
adeguate per sfamare. Aumento il numero dei vagabondi.
Esempio Napoli fine 700 numero della popolazione più preciso,
circa 400 mila abitanti (Londra, Parigi, Istanbul .. metropoli), un
quarto sono emarginati, dunque 100 mila. Si vive meglio nelle
campagne: il contadino ha anche una casa. Nel mondo urbano la
peste decima un 60 per cento, nelle campagne no, inoltre vi sono
più risorse a disposizione. I poveri strutturali sono un 4 o 8 per
cento. Problema è per chi ha lo stretto necessario per
sopravvivere e basta poco per farli diventare miseri. I contadini
sono indifesi, la forza del nobile è troppa. Più temute le rivolte
cittadine dove sono le sedi del potere (arcivescovo,
governatore ...) e per questo si privilegia l'approvvigionamento
di grano per le città. In Sardegna si accumulava il grano, come
in Spagna, per evitare le rivolte delle città. I depositi si
trovavano nelle città regie, non infeudate, come Cagliari,
Sassari, Iglesias, Castelsardo, Bosa, Oristano (la Frumentaria). Il
grano a prezzo calmierato. Il contadino veniva asservito alle
città. Tumulto a Sassari nel 700 per il pane. Fascia ampia che
dall'oggi al domani può cadere nella povertà, perché non c'erano
strumenti per impedirlo. I poveri strutturali erano i vecchi, i
disabili ... Pensiamo ai cantieri moderni, si moriva e si rimaneva
storpi, e si finiva in miseria con tutta la famiglia. Il lavoro
femminile era considerato come un accessorio a quello
maschile, pagamento molto inferiore (pare sia così anche oggi
nell'impiego pubblico). Si perde lavoro molto facilmente. La
malattia del capofamiglia porta alla miseria tutta la famiglia. In
alcuni casi anche il 70 per cento della popolazione delle città.
L'inflazione ha colpito l'Italia tra fine anni 70 e inizi anni 80. Se
si vive di poco, anche una piccola inflazione fa finire
nell'indigenza. Il mondo della miseria è terribile ma molto
affascinante. Piero Camporesi, storico e filologo, nel Pane
Selvaggio, si è interessato di questo mondo. Il capitolo è Il
mondo a capentino? Al contrario. Si ammala il corpo e la mente.
L'immaginario, i desideri, degli emarginati sono diversi. Tutte le
città cumuli di letame perché i mezzi erano i cavalli. Gli
emarginati si rotolavano nel letame. Ciclicamente occasioni per
lavoro, buona stagione aiuta per le malattie, e si tendeva a
rimuovere psicologicamente ma poi tutto da capo. Nell'età
moderna si mangia tantissimo, perchè si sa del pericolo di
tornare alla miseria, si aprofitta. La storiografia dell'Ottocento e
poi inizi 900 non ci si occupava di questo. Immaginario
collettivo, mentalità ... Grandi storici sanno intercettare la
mentalità del passato e Camporesi un maestro. L'uomo
sopravvive inventando un mondo ideale, che ribalta la realtà
atroce che si vive (ad esempio il paese della Cuccagna). In certe
realtà questa mentalità è sopravvissuta. Età media molto bassa,
27-35 massimo. Carlo V a 55 anni abdica e presenta il figlio, ha
la gotta, è come un vecchio decrepito, con bastone e poggia la
mano sulla spalla del figlio. Pensiamo ad un contadino. Pelle
cotta dal sole, parti candide quelle nascoste dal sole ... Duro
lavoro. Carlo V era un uomo potente, ben accudito. Nascevano e
morivano tantissimi bambini, non superavano i 7 anni, tante
donne incinte. Attaccamento ai bambini, specie dei padri. Guerra
nel 600: nascono i primi nuclei di soldati permanenti, guerre
devastanti anche per i civili, saccheggi ... Mentalità verso il cibo,
non c'è cosa più difficile che cambiare le abitudini alimentari.

23 Febbraio 2022

Il contadino ha sempre almeno una baracca, in città è difficile


anche trovare un riparo, quindi molti poveri sono senza fissa
dimora. Non esiste un lavoro libero, c'erano regole severissime,
anche all'interno della famiglia (lavori per mercanti, tessili).
Alghero e Sassari devastate dalla peste, mentre Cagliari riesce
ad organizzarsi, attuando il distanziamento sociale (necessario
avere molto cibo a disposizione), isolamento, medici e
medicinali, conforti religiosi ... Afflusso di nuove braccia
dall'Oristanese. Maggiore antichità sede vescovile di Sassari, in
competizione con Cagliari. Il processo di inurbamento fa
regredire l'agricoltura. La pastorizia, invece, viene incrementata,
quando gli uomini diminuiscono nelle campagne (serve solo una
sopraveste di lana di pecora sarda, bisaccia, pane raffermo e
formaggio). Basta perdere un membro importante della famiglia,
e si diventa miseri, si perde la casa. In Europa dopo l'Ottocento
non si riscontra più, se non in alcune ristrette zone, soprattutto
ad Est, anche oggi. Le donne senza marito spesso cadono nella
prostituzione, i bambini ingrossano le file dei vagabondi. Morti
bianche, sostanze tossiche i cui effetti non erano conosciuti
(conciatura delle pelli .. Una parte del confezionamento dei
capelli prevedeva il maneggiamento di certe sostanze con effetti
devastanti ... Matto come un capellaio). Mendicanti cacciati, se
non sono cittadini (nati nella città). In Sardegna la periodica
siccità, le cavallette ... distruggevano i raccolti e quasi
sicuramente qualche membro della famiglia contadina moriva di
fame. Tutto questo era dovuto all' instabilità del clima
mediterraneo. Pescatori francesi e baltici che ribaltavano
l'imbarcazione come riparo. Modernità spesso frutto della
miseria e delle attività che si svolgono. Occasioni di lavoro
stagionali, spesso in luoghi distanti da quello di residenza.
Momenti del raccolto, afflusso di persone dai paesi limitrofi. Si
scendeva da regioni impervie, ad esempio dalle aree del
bergamasco. Mercenari che hanno sconfitto Carlo il Temerario
estremamente richiesti, e quindi si spostavano spesso per essere
assoldati da questo o quel signore. Portoscuso, Perdas de
Fogu ... villaggi che nacevano quando si doveva lavorare per le
tonnare e poi si svuotavano, luoghi malfamati ... (bastrasciu).
Marchese di Villasor investe nelle tonnare. Siamo alla metà del
600. I catalani scalzati dagli aragonesi. Era necessario personale
specializzato, che proveniva dalla Sicilia e dalla Toscana. La
battaglia di Lepanto non è una vera vittoria, Filippo II si deve
occupare della rivolta delle Fiandre, grandi spese, gli ottomani
ricostituiscono in fretta la flotta, nel Mediterraneo le incursioni
piratesche sempre più frequenti. Il mare unisce, più difficile
superare le montagne.

28 Febbraio 2022

Problema del pauperismo nel XVI secolo. Casa e famiglia.


Numero di persone senza abitazione molto elevate. Categorie di
persone che hanno la famiglia ma non abitazione e viceversa,
casi particolari come le barche usate come rifugio ... Molta
varietà. Inventari di Cagliari in catalano e di Bosa in sardo.
Signore deve tenersi in contatto con l'ambiente circostante,
fanno abusi ma non possono andare oltre certi limiti, i contadini
contrattano, dal loro lavoro dipende il reddito del signore ...
Mille facce, mondo legato alla terra, settore primario ... Massa di
forza lavoro si garantisce la sopravvivenza dei contadini, il
surplus per i ceti che non lavorano la terra e il commercio. Il
grano, la merce pesante, più conveniente trasporto via mare che
via terra, perché decine di buoi, carri, pericoli per brigantaggio
che diritto di asilo nei conventi ... Precarietà diffusa
dell'abitazione e delle famiglie. I più discrimanti coloro che
perdono il marito per un incidente del lavoro, stati depressivi,
ansia, perdita casa ... Prostituzione diffusissima, nelle città
europee. Sistema di aggregazione tra emarginati (in Sardegna
difficile), una sorta di famiglia. Matrimonio e convivenza,
concezione prima che si attenui la Riforma Protestante, che
diede uno scossono. L'Europa si spacca in due. Matrimonio è
uno dei momenti fondamentali della vita di una famiglia, in
particolare dei ceti elevati, che hanno un grande patrimonio, da
trasmettere per l'onore della famiglia, del casato. Politica
matrimoniale: figli bastardi, illegittimi, ai quali si potevano
lasciare dei beni, ma i diritt ereditari erano riservati solo ai
legittimi. I figli illegittimi erano tantissimi. Il matrimonio era un
affare, un contratto, non libera scelta, accordo tra famiglie. Nel
500 e 600 molti figli morivano, e allora si legittimavano quelli
illegittimi ... Casate non si estinguono. Legittimazione è materia
delicata, si mettono dei limiti e si cerca di evitarla. Matrimonio a
tappe, in momenti diversi a volte anche molto lontani nel tempo,
riti ... La componente maschile delle famiglie si accordava sugli
aspetti economici, impegno formale e promessa di matrimonio,
poi scambio degli anelli con impegno reciproco. Quando
maturità sessuale, le ragazzine chiuse e controllate, nell'Europa
meridionale, separazione dei sessi, meno nell'Europa
settentrionale. Cronache che riportano che i re Cattolici coppia
modello, caso fortunato. Affetto si cercava altrove: intere aree
segrete, per amanti. Lettere dei familiari di Carlo V: figlia
innamorata di un principe italiano, ma per Carlo V è
inconcepibile. La figlia è una pedina. Il ribelle tagliato fuori.
Scambio degli anelli in qualsiasi luogo: per i ceti inferiori, nella
taverna, nei campi ... Accordi dai notai, spesso: dote in caso di
vedovanza deve garantire la sopravvivenza della vedova.
Sistema economico fondato sulla discriminazione. Nozze e poi
trasferimento della sposa nella casa dello sposo. Anche
settimane di festa. Non sempre la benedizione del sacerdote
necessaria, fino alla Riforma protestante. Spesso matrimonio a
casa. Con la Controriforma si formano i sacerdoti, spesso senza
cultura, basso clero ... Più possibilità di incontrarsi tra giovani
nel nord Europa. Nel sud Europa si vuole conservare la purezza
della ragazza. Tempi differenziati della consumazione del
matrimonio: alcune aree si poteva arrivare a dei rapporti dopo le
nozze, dopo il consenso, anche ai fidanzati per vedere se si
andava d'accordo e se ci saranno dei figli ... Non sistema
pensionistico, e quindi avere figli era garantirsi un futuro.
Convivenze prematrimoniali, dopo la promessa ... Vairetà di
situazioni e di modi di concepire lo stato di celibe, moglie e
marito ... Stato da attribuire ai figli ... Non era cosa facile.
Regole molto varie in Europa. La Chiesa, già prima della
Riforma, matrimonio come sacramento, basato sul consenso dei
due fidanzati. Età e grado di parentela. Asburgo degli incestuosi,
matrimoni tra zio e nipote, cugini di primo grado, per
generazioni per tenere in piedi alleanza tra Spagna e Austria.
Una delle vittime è stato Carlo II d'Asburgo, il re maledetto,
cattive condizioni fisiche, non poteva avere figli, con il quale si
estinse la casata in Spagna. Casi di spose a 12 anni, dipendeva
dall'epoca storica. In età moderna punto di riferimento 14-15-16
anni per le ragazze. Gli uomini dovevano farsi una posizione: gli
aristocratici dovevano aspettare la morte del padre, altri mettere
da parte per fare una famiglia ... Avere la dote presupponeva
lunghi anni di lavoro, per le donne ... Stare a servizio dai signori,
dai 5 e 6 anni, e dopo 10 anni riuscire a mettere da parte per la
dote, se entrata nelle grazie della signora (regalo di somme di
denaro). Per i diseredati unioni libere diffuse. Garanzia di tetto e
figli la cosa importante. Per la Chiesa, matrimonio in chiesa, con
testimoni, consenso dei genitori. Anche matrimoni clandestini
ritenuti validi e vincolanti. Impegno reciproco implicito.
Matrimonio presunto, se prima rapporti sessuali. Vivere insieme,
mangiare insieme, questo basta per riconoscimento di un unione,
un matrimonio. Rapporti dopo promessa, consentiva di
pretendere legalmente l'adempimento dell'impegno. Se uomo
dimostrava che donna non vergine, poteva non sposarla.
Distinzione netta tra convivenza e matrimonio. Concubinato era
un reato. Casi senza permesso genitori, fondamentale perché
presupponeva l'accordo. Famiglie si scambiano le doti per
generazioni. Per Lutero matrimonio non è un sacramento. La
Chiesa cattolica per fronteggiare l'affermarsi della Riforma deve
dare delle regole più precise. Già prima spinte rinnovatrici.
Contrapposizione, controriforma. Riforma e controriforma nella
Chiesa cattolica. Concilio di Trento per 20 anni, serie di norme.
Si ribadisce il matrimonio come sacramento. Il Concilio
rivoluzione la vita della Chiesa e dei fedeli. Confermata la
validità matrimonio anche senza consenso, ma si mira estirpare
scambiarsi il consenso, indicare luoghi e momenti opportuni.
Disciplinamento della società, Chiesa e Corona vanno sempre
d'accordo. Società non capisce queste nuove regole, perché altre
per secoli. L'Inquisizione, basata sulla delazione: sei accusato
senza sapere di cosa e chi. Ma se sapevi o presupponevi la
persona che ti aveva accusato, questo aiutava. Sala del tormento.
Pochi arrivano al rogo. Persecuzioni di streghe a metà 700, in
Inghilterra ... Tutti credevano alle streghe ... Immaginazione
collettiva e inquisitori si rendono conto di questo e declassano
da stregoneria a superstizione. In Svizzera ultimo rogo a fine
700, mentre nei paesi del sud Europa no, forse solo per ebrei e
musulmani. Validità dell'unione se preceduta dalle
pubblicazioni, resa pubblica l'intenzione, se nessuno si
oppone ... Poligamia diffusa. Ci si spostava spesso, e potevano
fare promesse, figli e poi matrimonio con altri ... Unione
celebrata in presenza di sacerdote e testimoni, legale anche
senza permesso (Renzo e Lucia). Relazioni sessuali lecite solo
dopo matrimonio. Tutti i matrimoni contratti prima, con
convivenza, equiparati a concubinato, e quindi persone vivevano
nel peccato e ritenuto reato. Le concubine alla stregua della
prostitute. Anche in Sardegna, aree più isolate, fine età moderna,
con concubinati ufficializzati anni dopo tramite sacerdote.
Anche lo Stato introduce restrizioni sull'età minima e interviene
sulla validità dei matrimoni con consenso dei genitori.
Matrimonio civile introdotto tardi, nel 1782 da Giuseppe II, un
visionario che cerca di laicizzare l'Austria, e molte sue riforme
cancellate alla sua morte. Natura contrattuale del matrimonio
con Rivoluzione francese. Nell'Europa protestante, di fatto sono
le autorità secolari che si interessano del matrimonio, ma non
esclusivamente. I pastori si interessano perché il matrimonio
fondamentale per la stabilità della società. In Inghilterra
anglicanesimo nega la sacralità ma non stabilisce delle regole e
crea scompiglio. Basta il consenso degli sposi, le autorità civili
necessario la celebrazione dei pastori ... Solo a metà 700 si
stabilisce legalità se davanti ad un pastore con firma degli sposi
o dei genitori, per chi non ha compiuto 21 anni. Calvino
commissioni tra laici ed ecclesiastici ... Anche per i protestanti la
promessa è necessaria. Minorenni bisogno consenso dei genitori
e certo limite di età. Anche nel mondo protestante, si tende ad
eliminare la situazione caotica precedente, le libertà, promesse
private senza testimoni. Divorzio accettato dai protestanti, no dai
cattolici e anglicani. I cattolici prevedono solo l'annullamento,
per rapporti troppo stretti di parentela o adulterio o eresia o
grave violenza fisica. Pochi casi. Ebrei sono favorevoli al
divorzio, come ortodossi dei Balcani, Europa orientale... Ma
sempre più a favore degli uomini.

2 Marzo 2022

In campo protestante matrimonio non più sacramento e


ammissione del divorzio. Ortodossi ammissione del divorzio,
ma per le donne ci devono essere aggravanti. Sacerdozio
universale, nessuna differenza tra pastore e fedeli. Il pastore può
sposarsi e non richiesta la castità, anche se è un modello ideale,
non si può chiedere per obbligo. Vescovi e monaci ortadossi
devono osservare la castità, ma non i sacerdoti. Non c'è chiesa
che non si interessi delle questioni matrimoniali. Età precoce
anche per i riformati: sposarsi da giovani va meglio per
disciplinare, buon cristiano osservante e suddito fedele. Aspetto
della condizione economica della coppia: i governi cittadini
mettono un freno, non basta l'accordo, ma verificare condizioni
economiche per cui la coppia possa procreare. Una sorta di
ISEE. Salvaguardare i bambini e combattere il pauperismo. In
molte aree della Germania, cattoliche (Baviera). I gesuiti
baluardo della Controriforma, si stabilivano con missioni
interne, luoghi isolati dove precetti in secondo piano rispetto alla
tradizione e zone di confine (Fiandre, Polonia, ricattolicizzata in
modo radicale dai gesuiti. L'università di Sassari nasce come un
collegio gesuitico). Esclusi dal diritto della nuzialità: lavoratori
che non riescono ad avere stabilità economica, con salari molto
bassi, ad esempio i servi, i garzoni che diventeranno mai maestri
d'arte (dormono nella bottega) ... Esempio della Svizzera: pag.
23 del testo della Sarti. Dopo che tutti possono sposarsi, il
numero di bambini illegittimi crolla. Si cerca di dare ordine,
moralità, anche se i costumi tradizionali sopravvivono. I servi
sono tantissimi in tutte le realtà: anche artigiani e professionisti
li utilizzano. Società violente, soprattutto con le donne. Crescita
demografica del 500 innesca il pauperismo, vagabondaggio ...
Non ci sono gli strumenti adeguati per combattere questi
fenomeni. In Sardegna si usava Il padre d'Orfani, istituzione
catalana, per iniziativa del feudatario, nelle città: una persona
incaricata di assegnare balie ai trovatelli, le ragazze diventavano
serve e i ragazzi apprendisti. Via della ruota ad Alghero, nome
dal fatto che c'era una ruota. Balie ad Oristano prevalentemente
dei paesi vicini, specie Cabras. Alta mortalità tra i bambini.
Pochi strumenti e quasi sempre gli stessi: nel 1531 editto di
Gand che rappresenta bene le cause e rimedi per pauperismo in
età moderna. Depravazione e peccato in riferimento ai poveri, e
alle donne. Divieto di mendicare, esclusi i prigionieri (perché
non riceveva cibo), i lebbrosi .. Elenco dei poveri da parte
parrocchie, quelli abili costretti a lavorare. Mentalità cambia
perché i poveri sono troppi, visti come pericolo pubblico, mentre
nel medioevo visti come segno di Cristo. Romanzi picareschi
spagnoli danno spaccato di vita interessante, nonostante area
spagnola tra le più ricche ed evolute. Fenomeno così vasto da
creare un genere letterario. Quanti figli possono accedere al
matrimonio e quanti strada diversa. Molte figlie chiuse in
convento, per non spartire il patrimonio, l'onore della famiglia,
che deve ostentare la sua ricchezza. Molti si indebitano, e
finiscono a vivere in condizioni miseri. Nel 600 il latino quasi
scompare in Sardegna: lingua usata è il catalano e il sardo. Il
catalano sarà soppiantato dal castigliano e poi dall'italiano.
Verrebbe da credere che le figlie non chiuse nel mondo
protestante, ma non tutti i conventi femminili sono aboliti, aperti
esclusivamente per le figlie alle quali non concesso il
matrimonio. Mortalità alta ma anche figli sono numerosissimi.
In area cattolica i conventi erano numerosissimi, anche nei
piccoli centri. Per i figli maschi si può diventare sacerdoti o
carriera militare. I militari in genere non si sposavano. In
Catalogna il 20 o 25 %, ambienti milanesi tocca il 50%. In
Inghilterra aboliti gli ordini religiosi, ma alta percentule dei figli
non diritto di matrimonio, rimangono a casa ma diventati quasi
servi. Esclusi si assogettano volontariamente, fa parte della
mentalità. Per la società sono comunque in una posizione
privilegiata. Nel mondo cattolico vita familiare e religiosa
separazione netta, ma non spezzato il legame della famiglia,
anche se figlie in convento. Certa percentuale di resistenza.
Condotte in convento dalla zia, sorella maggiore ... Nuclei
familiari che vivono in convento per facilitare il passaggio e
l'espulsione dal nucleo familiare. Dote per le monache, molto
più bassa rispetto a quella del sacerdote, che poi ritorna alla
famiglia, alla morte delle monache o dei sacerdoti. Ancora
presente l'antico concetto di famiglia, insieme di tutti coloro che
dipendono da un signore. Già presente la famiglia nucleare e
mononucleare (i single). Famiglia come stirpe: sono un Mele
(cugini, zii ...), ad esempio, ancora in Sardegna. Tardi famiglia
come genitori e figli, anche se non condividono lo stesso tetto,
circa secondo 700, e si diffonde soprattutto in ambito borghese.
Ci si sposa e occorre capire dove si va a vivere: varietà di
soluzioni. Solitamente trasferimento dei beni della sposa nella
casa dove dovrà vivere la coppia. Ma molti casi di famiglie
multiple, diversi nuclei familiari (genitori, figli, nuore,
nipoti ... ), specie dove si pratica la mezzadria, ma oltre un certo
limite non si può andare perché terra non sufficiente per
garantire reddito minimo (Toscana o servi della gleba in Russia).
Il podere con l'abitazione e gli edifici di servizio (stalle,
granai ...) appartenevano al proprietario terriero, i mezzadri
dividevano a metà il frutto del lavoro. Stavano meglio di chi
dipendeva direttamente da un proprietario ma non potevano
diventare mai proprietari. Costume diffuso in Sardegna, Spagna,
paesi nordici come l'Olanda .... Spesso la sposa doveva
trasferirsi nella casa dello suocero, ma mai omogeneità. Città
sono calamita per sfuggire alla miseria della campagna, in
genere persone giovani o coppie di giovani, più possibilità di
mettere in piedi una famiglia nucleare. Famiglie contadine
necessario molte persone. Sempre una percentuale della
cittadinanza che adotta vecchio sistema, gli aristocratici
cittadini: grandi palazzi, servi. Eccezione che dimostra che a
volte tradizione non è come pensiamo: europa centrale a volte lo
sposo si trasferisce a casa della sposa, quando ereditiera (alta
mortalità, uomini in guerra). È l'uomo che deve portare la dote.
Si apre un altro grande aspetto, i corredi, specchio di tante cose:
livello di ricchezza e benessere, di visibilità sociale.

7 Marzo 2022
Famiglie multiple. Non c'è una distribuzione, non tipologia
prevalente, in Sardegna, come in Toscana dove mezzadria e
famiglie numenorose. Europa occidentale e Russia. Famiglia
nucleare prevale in ambito urbano ma anche rurale di mezza
Europa. Nesso tra famiglia nucleare e bracciantato: non tutti i
contadini hanno una loro terra (in Francia piccola proprietà
molto diffusa, ma diventa un freno allo sviluppo, non capitali
necessari, ancora nel 900), non necessità di moltiplicare le
braccia per coltivare propria terra. Argomento dei corredi della
sposa. Grande varietà, da ceto medio o elevato: ci sono doti
favolose. Corredi poveri. Solitamente oggetti di uso quotidiano:
vesti, biancheria, corredi per neonati. Occorrente per filare,
tessere e cucire. I tessuti viaggiano, sono merce ricercata, e
costano, soprattutto quelli colorati. I ceti privilegiati si
riconoscono da questo. Ceti popolari vestivano con canapa e
cotone, lana non colorata, tessuti grezzi. In monte famiglie, nella
casa, un telaio (proto-industrializzazione), per fare tappeti ... Ore
libere da attività agraria sfruttate con lavoro a domicilio. Beni
trasportati nei cassoni, ceste ... Armadio solo fine età moderna.
Cassapanca sarda della nonna. Inventari: oggetti quotidiani,
alimenti ... nei cassoni si ammucchiava di tutto, con serratura per
proteggere documenti, gioielli ... Soprattutto biancheria. Velluti,
broccati, pagliuzze d'oro ... per ceti privilegiati, con indicazione
della provenienza. Inventari del 600: sedie genovesi. Inventari
del 700: sedie impagliate napoletane. Oggetto più importante era
il letto, come dote, attorno al quale ruota tutta la vita familiare:
si nasce, si dorme insieme (altrimenti letti fatti da sfoglie di erba
palustre, in Sardegna, stuoie, paglia ...). Più materassi
sovrapposti, baldacchini, seta ... La lana tende ad appiattarsi,
lavoro diffuso era il materassaio. Corredi pertinenza della
componente femminile. A volte piccole somme di denaro, poderi
... Dipende dall'area geografica e disponibilità economica. Dote
in sé fondamentale per sopravvivenza. Difficile lavare i pochi
indumenti, problemi di salute (pulci, cimici ...). Trincee prima
guerra mondiale. Chi dovere fornire la dote? Sposi o famiglia?
Chi è ricco, sarà la famiglia. Ceti popolari non possono dare
neanche minimo aiuto. Esempio pag. 53 del testo Sarti,
Sardegna. Si andava a servizio per tanti anni, per avere la dote, e
quindi età del matrimonio alta. Nelle campagne ereditato un
piccolo orticello già salto di qualità, in città garzoni ma anche
gente che vive alla giornata e guadagno solo per mangiare quel
giorno. Per sposarsi lavorato a lungo, in tutta Europa età media
27-28 anni per uomini e 24-25 anni per donne, ma si arrivava a
13 per bambine o 15 per ragazzini. Il celibato e nubilato molto
diffusi, nelle fasce povere (pochi documenti). Accidenti tipici:
carestie, peste, guerra, inflazione ... In Inghilterra da metà 600
celibato si arrivava da minimo 4 per cento fino al 24 per cento.
Crescita demografica, calo età del matrimonio. Diseredati
proibito sposarsi. Normale per tutti matrimonio concordato, che
più utile per sopravvivenza.

Da completare con video

9 Marzo 2022
Assassionio don Francisco Malon, figlio unico dell'élite
mercantile in Sardegna. Valenciano. Tra 600 e 700 famiglia
diventerà burocrati al servizio (letrados, esperti di diritto) prima
degli spagnoli, poi asburgici e poi sabaudi. Corredo aspetto
essenziale per potersi sposare. Oggetto fondamentale il letto
coniugale. Pochi casi di spartizione egualitaria tra tutti i figli,
molti casi tra solo i maschi e privilegio del primo figlio maschio.
Sotto regime nazista accentuata l'abitudine dell'eredità nelle
mani del figlio maschio. Idea più egualitaria dopo l'Illuminismo.
Per i contadini, se proprietà piccola dividere in modo egualitario
non è furbo, perché si scivola in due generazioni nelle
condizioni di bracciante agricolo. Meglio avere qualcosa di
proprio, bestiame, qualche prodotto agricolo da vendere per
acquistare oggetti per il corredo o attrezzi agricoli. Non è detto
che l'escluso tacitato così facilmente. Tutta la famiglia deve
essere mantenuta ad un certo livello, per l'onore della famiglia,
ma questo trascina spesso alla povertà e si può ovviare con un
buon matrimonio. Potere politico risiede in città. I cadetti, anche
se subiscono l'ingiusta di non avere una quota egualitaria, hanno
la fortuna di accedere agli studi, anche nei ceti borghesi: il
primogenito eredita la bottega o nome e palazzo con patrimonio
della casata, non necessità di istruirsi. Società di ceti ma certa
osmosi c'è sempre ... Contadino diventa mercante, dopo
generazioni titolo nobiliare ... Processo lungo, ma potere del
denaro può tutto, specie nel 600 rendita feudale crolla e
impoverimento della nobiltà. Mentalità con diseguaglianza fatto
normale. Illuminismo mette in crisi questo sistema: non si può
fare la fortuna di uno sulla povertà degli altri. Ci si può sposare
liberamente: nobile Beccaria si sposa per amore, ghetizzato dalla
famiglia e rinuncia a gestire il patrimonio, diventa illuminista
più famoso d'Italia, Dei delitti e delle pene. Il contadino che
abbandona la famiglia diventa un bracciante. In Francia in
alcune aree si poteva lasciare la famiglia e ottenere dal padre
una somma. Al nord così, al sud, alla morte del padre, si ritorna
al padre e devi restituire e ripartire. Le donne sempre una quota
inferiore. Nei testamenti femminili gioielli. I terreni migliori ai
figli maschi, anche se spartizione tra tutti egualitaria, perché le
donne terreni come dote. Nell'Europa meridionale i diritti
femminili (antica Roma figlie non sposate alla morte del padre
stesso livello figli maschi) iniziano a cambiare nel secondo
millennio, con sistema che poi maturità in età moderna. Dote
una sorta di liquidazione. Confini labili delle proprietà.
Lettura di documenti Don Francisco Massidda dote per figlia...
Famiglia accantona dei beni che devono fruttare.
Doti di San Nicola a Sassari, articolo Nuova Sardegna. Ridurre
numero di poveri, generosità e aspetto legato al giovamento
della comunità.
Legami affettivi, lasciti per le serve (nobile di Bosa), più spesso
per i testamenti delle vedove. La gestione dei beni derivanti
dalla dote spetta al marito. Proprietaria a pieno titolo solo se
vedova, ma se muore senza figli la dote deve rientrare nell'asse
patrimoniale del padre. Si tende a trattenere la dote nel
patrimonio del marito perché sta emergendo il concetto moderno
di famiglia. Nei testamenti volontà del capofamiglia, ben
specificate. A volte donne non rinunciano e decidono di fare
testamento per decidere loro. Dal notaio, una donna deve avere
il consenso del marito e il permesso del giudice. Le vedove non
possono ereditare dai propri figli, per questo madri tutrici ideali
rispetto allo zio, che può avere interesse alla morte del figlio.
Forse ora si sviluppa amore totale e disinteressato delle madri.
Nelle famiglie aristocratiche il padre nessun contatto con i figli,
ma anche le madri pochi contatti. Molte madri morivano di
parto, solo la metà superava i primi sette anni. Sardegna
eccezione: matrimonio a sa sardisca, comunione di beni nelle
campagne e paesi, e sa pisanisca, in città (Porto Torres fine 700),
quello tradizionale con predominio del marito. Dote contributo
per mettere su una famiglia, anche in regime di comunione,
gestito dal marito ma poi si arriva alla divisione. Donne vivono
più a lungo e si sposano più giovani, da vedove ricevevano
quote dell'eredità. Senza comunione, le veniva restituita la dote.
Beni immobili e denaro nella dote preferibili alla terra,
contributo maschile. Significati simbolici delle nozze ancora
oggi sopravvivono: dote generosa punto di onore, sposo aveva la
possibilità di capire quale fosse il grado di rispetto per la sua
famiglia dalla dote, quanto valeva ... Considerazione sociale
dello sposo in base alla dote... Ostentazione per status. Si
contrattava per la dote, e poi dal notaio. Corredo ostentato: sorta
di cerimonia per trasferimento della sposa, su un carro con
esposizione capi di abbigliamento più preziosi. E poi il
banchetto, ci si indebita, senso augurale, benessere per sempre,
oltre ostentazione.
14 Marzo 2022
Cagliari ambiente dei mercanti. Tra 500 e 600 mutamento. Si
irrobustisce rapporto con la costa spagnola. Intreccio di famiglie
di piccola nobiltà. Barcellona in crisi e emergere Valencia.
Nuova aristocrazia. Presenza genoverse, Andrea Doria flotta di
galee al servizio di Carlo V, in vece del re di Francia. In
Sardegna si scalzano catalani e francesi, a fine 500 fatto
compiuto. A Cagliari alta finanza pugno di grossi mercanti di
origine ligure, in cambio dei prestiti acquisto titoli nobiliari,
gabbelle ... Gestori dell'economia, appalto in esclusiva del grano
sardo per un ventennio. Un valenziano, Malon, e ricco mercante
di Maiorca, catalano, unici non genovesi che operano nel 600.
Testamento e inventario. Come si trasmette il patrimonio e come
si vive, come è fatta l'abitazione dei ceti medio alti. Inizio del
600 fortuna del grano sardo: Filippo II odiatissimo bastione
della Controriforma da re d'Inghilterra e Olanda, burocrate, e i
suoi esperti si rendono conto che la Sardegna è grande quanto la
Sicilia, cercano di incentivare l'agricoltura. Costante entrata del
grano nei circuiti commerciali del Mediterraneo occidentale, ma
a volte carestie. Testamento in catalano, Canelles. Formule
rituali all'inizio. Salvezza anima. Lasciti per far celebrare messe,
anche migliaia. Uomini violenti ma quando si avvicina la morte,
si stava a letto per molto poco, si chiama il notaio e si pensa in
primo luogo alla propria anima. Spesso abbreviazioni, natl,
natural, nativo, di Maiorca. Cagliari è il castello. Lui si trova nel
quartiere della Marina, dei mercanti di secondo rango,
artigiani ... Sono malato ma mentalmente lucido e soprattutto
parla bene. Il curatore testamentario deve fare in modo che le
volontà siano rispettate in modo ferreo, ossia il genero Ferrari
(finisce la dinastia, figlia in moglie ad un mercante genovese), al
quale poteri per fare questo ... Si deve fare l'inventario ... Come
prima cosa ordina e comando che tutti i miei debiti dimostrabili
segnati nel mio libro mastro o altri documenti siano ripagati, dai
suoi beni (peccato grave). Luogo di sepoltura chiesa di Nostra
Signora del Gesù ... I francescani convento con chiesa dove c'è
fabbricato tabacchi, via Roma, da stazione dopo palazzo della
Regione, regine Margherita, a destra ... Per rinforzare un
bastione, abbattimento monumento dove sopra sviluppato un
complesso manifatturiero, nel 700. Corpo inumato in modo
semplice, abito del francescano ... Fa parte di una confraternita
(Madonna di Itria). Il giorno del funerale o il giorno dopo messe
nei vari conventi ... Rapporto con la moglie (in genere la moglie
aspetta la dote o garantita la restituzione della dote ... Pochi casi
di contrasti familiari). Riconosce alla ch, carissima, Francisca
Canelles in Sala, la moglie (inizia il concetto di famiglia di oggi,
cognome del marito prima di quello d'origine), dalla quale
ricevuto in dote la quantità di 5000 lire, medio alta borghesia,
compresa una casa davanti a quella dove abita. Mercante
accorto. Non ricordo se firmarono i capi prematrimoniale o se
firmato una ricevuta dotale, per tutelare la moglie, dichiaro che
la dote è stata ricevuta. Nessuno deve contestare, stretto legame
coniugale. Ci sono anche diritti e altre concessioni legati alla
dote, non obbligo di restituirli. Dopo la mia morte velocemente
celebrate per Dio e per la mia anima 2250 messe recitate (missa
resadas), non cantate (vocabolario sardo italiano di don Casu,
termine sardo resadas) e indica dove, nel convento di san
Francesco dove verrà tumulato , del Carmine, S. Trinità ... fino a
San Domenico dove viene sepolto don Francesco Malon e fatta
autopsia. Istituisce dei censi, dei prestiti, 1500 lire, ad un
convento e poi interesse annuale utilizzato per fare le messe
(alcuni aristocratici lasciano grandi prestiti per messe perenni ...
Dopo una o due generazioni si cercava di smettere, ma
documenti esistevano e quindi chiese si fanno avanti per
continuare a ricevere). Lascia una certa somma, 100 scudi, per la
fabbrica e convento di Santa Maria ... Per lavori da fare. (lira
sarda moneta di conto, non coniata. Tutte le monete usate nel
Mediterraneo, ottomane, spagnole ... Lira suddivisa in 20 soldi e
i soldi in 12 denari. Scudo spagnolo valeva 2 lire e mezzo).
Lascito per fabbrica di un altro convento ... Lascito alla
confraternita di Nostra Signora di Itria, 100 lire ...Voglio e
ordino che sia pagata la servitù, le bambine portate a servizio ...,
Joanna Maria e Teresa, non citato il cognome, sono serve, vuole
bene e lascia denaro. Documento ci dice tante cose anche se non
dichiarate apertamente. Lascia loro ciò che spetta loro secondo
la carta (l'incartamento, il contratto. Non sempre succede.
Accolti in casa con un contratto ma spesso nessun contratto.
Affidamento e sfruttamento, perché famiglie poverissime) e
oltre a ciò lascio per il loro amore e volontà altre 10 lire, lascio a
Giovanna Angela, altra serva mia, per tutti gli anni che mi ha
servito, altre 100 lire, nonostante non ci fosse stata la carta.
Certo affetto ma non sappiamo di quale tipo. Con quella somma
possibilità di sposarsi e avere figli, che potrebbero accudirla
(non sposarsi rischio prostituzione e vagabondaggio). Somma
concessa quando si sposa o non si sposa. Certa sensibilità
rispetto alla media dell'epoca. Lascio a Giuseppa Ferrera, figlia
del fu Ferrer, altre 100 lire, magari socio o amico, se si sposasse.
Lascio all'opera del santissimo sacramento della parrocchia di S.
Eulalia 10 lire ... In ragione del tempo che mi ha servito lascio al
giovane Giacomo Giraldo, genovese, uomo di bottega, figlio di
mercante probabilmente, per fare esperienza, per il salario, in
quantità di 150 lire l'anno, accordo tra noi, qualcosa ho
anticipato (tessuti di Napoli, olive di Maiorca, cordame di Sicilia
.... In Sardegna non colture specializzate, materiale semi
lavorato, canna da zucchero ... Non si riesce ad innescare un
progresso qualitativo di agricoltura) per ogni anno in cui è stato
al mio servizio. Un collaboratore fidato, se avanza qualcosa, sia
preso dalla mia eredità. Francisco Amigo, un altro servo, ma è
maschio e quindi cognome, per tutto il tempo di servizio,
alimentato e vestito, ospitato, dato 120 scudi e un' altra somma
di cui non mi ricordo ... Deve il valore di altri beni che
consegnato, due coperte buone, pesanti, e dei grembiuli di
Maiorca (in Sardegna si producono vestiti per i ceti bassi. Si
cerca di portare tessitori valenciani, agricoltori maiorchini nel
basso Campidano ma non si riesce ... Terre gestite dai feudatari
che vogliono fare cassa subito. I contadini abituati da secoli a
lavorare in un certo modo ... Alti funzionari riducono alla fame
la Sardegna, speculazione). Pochi beni vanno scontati. Tutto
quello che rimane, mobili e immobili, voglio che siano lasciati
alla mia carissima figlia Joanna, erede universale. Non vuol dire
parità di genere: se figlia ha figli, preferenza per i maschi
primogeniti. Inusuale parlare della carissima suocera. Peregrina
in Sala. Famiglia molto unita. Garantita una rendita fino alla
morte, minimo di agiatezza. Moglie deve gestire l'eredità,
restituita la dote, abitare nella casa, ma clausola della castità e
non nuovo marito, in questo caso solo la dote. Donna come
proprietà. Se la figlia morisse con figli legittimi avuti da
legittimo matrimonio ... Caso di testamento, suoi diritti ma al
figlio maschio maggiore .... Preferito il maschio alla femmina, e
il maggiore al minore. Serie di clausole ... Se figlia femmina
(nipote) che andrà in moglie e cognome del marito, non tollera
che suo cognome termini, mutamento dinastico, deve mantenere
il suo cognome ... Regolare minuziosamente le successioni e
messe ... Revoca qualsiasi testamento o codicillo (molti
testamenti per i mercanti, che si imbarcavano ma grandi pericoli,
pirati barbareschi, tempeste ... Fortune di mare: navi cariche di
grano che da Cagliari deve raggiungere Maiorca, dove si
produce olio, maestrale e spinti fino coste del Nord Africa. Chi
ha denaro riscattato o ordini preposti. Buttano a mare cose
inutili, cordame, il grosso recipiente di metallo che serve per
cucinare ... Tutti d'accordo ci si libera del carico, nessun reato e
assicurazione obbligata a risarcire ... Paga il capitano se qualche
marinaio dice qualcosa di diverso). Anche i sacerdoti per andare
a Roma per ricevere una bolla fa testamento.
Inventario. Giovanni Stefano Ferrari, genero e mercante
genovese, incaricato di accompagnare il notaio che prende nota
di tutti gli oggetti della casa. Acquistato la casa del suocero.
Casa e cortile. Suocera probabilmente in casa con loro (non ci
sono numeri civici, ma indicazione vicino a casa di ... nei pressi
casa di ... ) Cita i confinanti. Nella camera grande dove è morto
si trova un letto di noce, semplice, con testiera dorata con tre
materassi di lana sardesca, coperte, due di tela bianca molto
usati, una cortina di filambua, usata, una coperta bianca di
Maiorca, di buona qualità, usata, e quattro cuscini usati, nella
testata del letto una cortina verde, sottile, con sua frangia ...
Quadri con cornice di ebano, tafettà, effigi di nostro signore, un
piccolo contenitore di argento per l'acqua benedetta, che pesa
un'oncia e mezzo, una sedia di genova, dorata e usata, quattro
quadri di Napoli, altri tre quadri senza cornice, una cassa di
tavola dipinta di verde con due chiavi dove si sono trovati (nelle
camere decine di quadri con santi e madonna. Nel 700 qualche
paesaggio, motivi floreali ... E tante sedie. Vita sociale, 18 sedie
napoletane, 10 ...) 509 pezzi da otto di stampa vecchia, 780
denari ... Furto notato, non è facile scamparla ... 800 in altro
sacchetto di tela, in un altro 1000 scudi .... Due piatti d'argento,
piccoli, una scatoletta di velluto dove una gioia d'oro con
diamanti del marchese di Laconi che aveva necessità di soldi in
prestito, saliera d'argento, oggetto d'oro pegno di Bartolomeo
Giordano ... Altre stanze come un suo ufficio con scrittoio, libri
di conto, contratti stipulati, affari non ancora conclusi, in corso
con Alessandria d'Egitto (spezie, uva passa, vini dolci ...). Piano
terra, stalla e finimenti e schiavo magrebino, in particolare
algerini (ordine di Santo Stefano da Pisa o ordine di San
Giovanni armano imbarcazioni per depredare coste magrebine e
fare schiavi), Amed o Alì.

16 Marzo 2022
Morte John Elliott, quasi tutti studi su Spagna. Smontato la
leggenda della Spagna del 600 arretrata e in decadenza.
L'universo mentale di Herman Cortès. Imperi dell'Atlantico,
raffronto tra Spagna e Inghilterra. Testo sulla successione
catalana, uno dei motivi della disfatta della guerra e parallelo
con gli scozzesi.
Bene fondamentale la casa: prima cosa indicata nel testamento.
Storia di famiglia legata all'edificio.
Altro tema fondamentale le abitazioni: quelle rurali in età pre-
industriale la maggior parte. Si vive per lo più in campagna. In
Italia sopravvivenza in parte rete di insediamenti di epoca
romana e quindi più città (anche Fiandre). Si viveva di
agricoltura prevalentemente. Mondo contadino è molto vario.
Una grande distinzione riguarda i tempi e i modi in cui il
servaggio feudale superato, precocemente nell'Europa centrale
(ma allo scoppio della Rivoluzione francese ancora milioni di
servi della gleba), Occidente dell'Elba. Sistema feudale di
importazione catalana in Sardegna, dove i contadini non sono
servi . Nel 600 in Europa dell'Est nuovo servaggio per
regressione della rendita feudale. Guerra dei contadini tedeschi
(prima avvisaglia di lotta di classe per Engels), pochi anni dopo
la diffusione del luteranesimo. Almeno 100000 contadini uccisi,
reparti scelti dei lanzichenecchi rientrati dopo la vittoria sulla
Francia. I contadini si ribellano per la fame, per il ripristino di
usi antichi, per abolire i privilegi non dovuti (palude fonte di
ricchezza), diritti repressi ... Lutero vuole mantenere l'ordine
sociale, la sua opera di riforma è indirizzata solo alla Chiesa. I
calvinisti invece usano le armi per imporre le loro convinzioni,
anche contro il potere. Lutero si appoggia al potere costituito.
Francia paralizzata dagli ugonotti.
Nell'area dell'Europa occidentale inizio dell'abolizione del
servaggio nel medioevo e matura in età moderna, ad eccezione
della Francia. 1861 abolizione in Russia. In Sardegna nessuna
conquista francese, fallisce la sarda rivoluzione per la divisione
del fronte (chi fa le scarpe a Giovanni Maria Angioy sono ceti
dirigenti sardi). Pagamento di tributi per una ventina d'anni ai
signori feudali per risarcirli per ciò che è stato tolto loro, per
ordine dei sabaudi. Nel ducato di Savoia ridotto il potere dei
feudatari già tra 600 e 700, forte potere centrale. (detto ti corra
zu buziu, non c'entra il Bogino, che fece riforme caute, ma è
catalano e vuol dire boia. Sorta di sindaco che da voce abitanti
del villaggio, per ridurre lo strapotere del feudo).
Le famiglie contadine non vivono esclusivamente del lavoro
agricolo: telaio in casa per produrre indumenti, o integrare il
reddito. Si deve aspettare le piogge, che spunti il grano per
estirpare le erbacce, ci sono tempi morti. Sistemare gli attrezzi,
allevare del bestiame. Bambini, uomini e donne lavorano.
Nell'europa più sviluppata mercante paga e porta via le pezze
lavorate dai contadini (canapa .. ). Ancora case contadine dove si
lavora la seta, nonostante ci siano già fabbriche specializzate
(oggi paesi dove basso salario producono tessuti che poi
rivenduti in Occidente). Quante pezze e per quanti anni,
standard di qualità e prezzo basso.
Autoconsumo e protoindustrializzazione.
Emigrazione stagionale per integrare reddito. Soprattutto aree
montane. Bergamaschi, lanzichenecchi (veterani mantenuti in
armi), Pirenei, Alpi, massiccio centrale francese ... Villaggio non
formato solo di contadini, ma anche calzolai, fabbri, qualche
ricco proprietario, sacerdote, pastore, mugnaio ... Società meno
articolata di quella urbana. Già nel medioevo inizia espansione
demografica e abitate aree dell'habitat disperso.
In Sardegna quattro angoli svuotati ma sfruttati per il pascolo
(Iglesiente, Nurra, Sarrabus ...). Vicino alle coste è pericoloso.
Diverse tipologie dell'abitazione rurale: quasi tane con coperture
di vegetali, canne, paglia, piccolo camino (Polonia, Ungheria ..),
vani ricavati nella roccia (sassi di Matera), pavimento di terra
battuta, senza finestre (legname e vetri troppo costosi), focolare
al centro, pieno di fumo, pareti piene di fuliggine.
Da 40 minuti a 44 minuti
Grande stufa di ghisa o altro, da inserire nella parete tra due
ambienti, emana più calore e non disperde. Panche laterali o
piano sopra la stufa dove si dorme (Cina, con clima continentale,
estati calde e inverni freddi).
Camino compare nel XII secolo, forse Venezia. Prime stufe sulle
pendici meridionali delle Alpi. Dalla seconda parte del 900
cucine economiche: acqua calda, sopra ghisa pentola, sotto
legna. Stufa più nelle regioni più fredde, ghisa o ferro, a volte
opere d'arte (Praga). Vetri erano un lusso. Si inizia a Venezia
(Murano e Burano), in Italia, nelle città più ricche. Maestri
vetrai veneziani segreto. Focolare, piccola lampada a olio o
candela. Freddo presenza costante, piaga, anche per i ceti elevati
(grandi camere mai riscaldate bene). Grande forza fisica.
Secondo ottocento in inghilterra minimo di dignità operai e
quartieri operai, case mattoni.
Uso degli animali per riscaldarsi (Albero degli zoccoli di Olmi).
Dormire nella stalla. Piano dove animali inferiore, così che
defluissero i liquidi.
Acciarino e selce, scaturire la scintilla, pezzetto di straccio o
paglia asciutta, funghi secchi ... Per accendere il fuoco lavoro
difficile, grande manualità. Cera al posto del fiammifero (primi
ottocento invenzione del fiammifero). Alcuni lasciavano il fuoco
tutta la notte. Prestito della brace ancora negli anni 60.
Case in muratura o legname, tra due pareti intercapedine di
argilla e paglia. In germania e olanda contadini che rasentano il
lusso. Domus de janas per bestiame e uomini. Villaggi nuragici
smantellati per uso delle pietre. Alghero, bastione di Montalban,
demolito tra 800 e 900, in una sua parte, per costruire il palazzo
Sartore.
Baracche in Russia. Tribù di seminomadi in Siberia. Capacità
incredibile di adattamento. Convivenza di uomini e animali, in
spazi ristretti. Fumo per far asciugare il granaio, lino e canapa
devono asciugare. Letto costava quanto una mucca. Un solo
letto grande spesso. Su un materasso, panche, vegetali ... Sa
stoia, con erbe palustri (pieno 900 utilizzata in Campidano).
Rare anche le botti. Per conservare il vino nuovo si doveva
buttare quello vecchio in Sardegna. Si è sempre al limite della
povertà assoluta. Tavoli molto pochi.
Precoce sviluppo in Inghilterra: tra 600 e 700, piatti con lega di
stagno e piombo (peltro), ancora scodelle di legno, poche
tovaglie e stoviglie (si mangia con le mani)

21 Marzo 2022
Da sbobinare
23 Marzo 2022
Da sbobinare
30 Marzo 2022
Da sbobinare
4 Aprile 2022
Da sbobinare

Potrebbero piacerti anche