Sei sulla pagina 1di 14

ESERCIZI DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ

1) Si considerino due urne: la prima contenente 2 palline rosse e 8 verdi e la


seconda contenente 4 palline rosse e 6 verdi.
a) Si consideri un esperimento che consiste nell’estrarre con ripetizione
due palline dalla prima urna e si determini la probabilità che entrambe
le palline siano rosse.
b) Si consideri l’esperimento che consiste nell’estrarre una pallina dalla
prima urna, nell’inserirla nella seconda urna e nell’estrarre una pallina
dalla seconda urna. Determinare la probabilità che la pallina estratta sia
rossa.
c) Sapendo che la pallina estratta dalla seconda urna è rossa, calcolare la
probabilità che la pallina estratta dalla prima urna sia verde.

Soluzione
a) Indicati con
R1 l’evento “pallina rossa alla prima prova”
R2 l’evento “pallina rossa alla seconda prova”
la probabilità di estrarre una pallina rossa dalla prima urna è pari a 2/10
in entrambe le prove, dato che l’estrazione è con ripetizione, per cui gli
eventi sono indipendenti. Si ottiene quindi
1 1 1
𝑃(𝑅1 ∩ 𝑅2 ) = 𝑃(𝑅1 ) × 𝑃(𝑅2 ) = × = = 0.04
5 5 25

b) Indicati con
R1 l’evento “pallina rossa dalla prima urna”
V1 l’evento “pallina verde dalla prima urna”
le probabilità corrispondenti sono
1
𝑃(𝑅1 ) =
5
4
𝑃(𝑉1 ) =
5

La seconda urna può risultare composta da:


- 5 palline rosse e 6 verdi, se dalla prima urna sia stata estratta una
pallina rossa, per cui

5
𝑃(𝑅2 |𝑅1 ) =
11
1
- 4 palline rosse e 7 verdi, se dalla prima urna sia stata estratta una
pallina verde, per cui

4
𝑃(𝑅2 |𝑉1 ) =
11

Indicato con R2 l’evento “pallina rossa dalla seconda urna”, si ha

𝑅2 ≡ (𝑅1 ∩ 𝑅2 ) ∪ (𝑉1 ∩ 𝑅2 )

La probabilità di ottenere una pallina rossa dalla seconda urna risulta


quindi

𝑃(𝑅2 ) = 𝑃(𝑅1 ∩ 𝑅2 ) + 𝑃(𝑉1 ∩ 𝑅2 ) =


= 𝑃(𝑅1 ) × 𝑃(𝑅2 |𝑅1 ) + 𝑃(𝑉1 ) × 𝑃(𝑅2 |𝑉1 ) =
1 5 4 4 21
= × + × =
5 11 5 11 55

c) Si chiede di calcolare la probabilità 𝑃(𝑉1 |𝑅2 ).


Dalla formula di Bayes risulta

𝑃(𝑉1 ) × 𝑃(𝑅2 |𝑉1 ) 4/5 × 4/11 16


𝑃(𝑉1 |𝑅2 ) = = =
𝑃(𝑅2 ) 21/55 21

2
2) Di tutti gli ATM collocati in Toscana, il 45% non ha subito attacchi nel
periodo 2009-2011, il 75% non ha subito attacchi nel periodo 2012-2014,
il 60% non ha subito attacchi in nessuno dei due periodi. Si selezioni
casualmente un ATM.
Sia A l'evento che si verifica se l'ATM selezionato non ha subito attacchi nel
periodo 2009-2011 e B l'evento che si verifica se l'ATM selezionato non ha
subito attacchi nel periodo 2012-2014.
a) Calcolare P(B).
b) Sapendo che un ATM non ha subito attacchi nel periodo 2012-2014,
calcolare la probabilità che l’ATM non abbia subito attacchi nel periodo
2009-2011 (ovvero calcolare P(A|B)) e specificare se i due eventi sono
indipendenti.
c) Calcolare 𝑃(𝐴 ∪ 𝐵).

Soluzione
Dal testo si ottengono le seguenti probabilità
P(A)=0.45
P(B)=0.75
𝑃(𝐴 ∩ 𝐵) = 0.60

a) La probabilità di B è fornita dal testo: P(B)=0.75

b) Per calcolare la probabilità P(A|B) si utilizza la legge delle probabilità


composte, per la quale risulta
𝑃(𝐴 ∩ 𝐵) 0.6
𝑃(𝐴|𝐵) = = = 0.8
𝑃(𝐵) 0.75

Dato che
𝑃(𝐴|𝐵) = 0.8 ≠P(A)=0.45
gli eventi non sono indipendenti

c) Dato che A e B sono compatibili, la probabilità della loro unione è


𝑃(𝐴 ∪ 𝐵) = 𝑃(𝐴) + 𝑃(𝐵) − 𝑃(𝐴 ∩ 𝐵) = 0.45 + 0.75 − 0.6 = 0.6

3
3) Si considerino due dadi: il primo è equilibrato, mentre il secondo è truccato
in modo che la probabilità che si verifichi una faccia contrassegnata da un
numero dispari è doppia della probabilità che si verifichi una faccia
contrassegnata da un numero pari.
a) Lanciando il secondo dado, calcolare la probabilità che esca una faccia
con un numero di punti superiore a tre.

Si consideri l’esperimento che consiste nel lanciare una moneta equilibrata.


Se esce la faccia croce si lancia il dado equilibrato, se esce testa si lancia il
dado truccato.
b) Calcolare la probabilità che esca la faccia con tre punti.
c) Sapendo che è uscita la faccia con tre punti, calcolare la probabilità che
sia stato lanciato il dado truccato.

Soluzione
a) Indicati con 𝜔𝑖 (per i=1, 2, …, 6) i possibili risultati sul secondo dado,
l’evento D “punteggio dispari” corrisponde a
𝐷 = {𝜔1 , 𝜔3 , 𝜔5 }

mentre l’evento 𝐷𝑐 “punteggio pari” corrisponde a


𝐷𝑐 = {𝜔2 , 𝜔4 , 𝜔6 }

Per ottenere le probabilità delle singole facce basta considerare il sistema


𝑃(𝐷) + 𝑃(𝐷𝑐 ) = 1
{
𝑃(𝐷) = 2𝑃(𝐷𝑐 )

da cui, sostituendo 2𝑃(𝐷𝑐 ) al posto di 𝑃(𝐷) nella prima uguaglianza si


ottiene
2𝑃(𝐷𝑐 ) + 𝑃(𝐷𝑐 ) = 1
e quindi
1
𝑃(𝐷𝑐 ) =
3

A ciascuna faccia pari è associata quindi una probabilità pari a


1
𝑃(𝜔2 ) = 𝑃(𝜔4 ) = 𝑃(𝜔6 ) =
9

Dato che le facce dispari hanno probabilità doppia si ottiene

4
2
𝑃(𝜔1 ) = 𝑃(𝜔3 ) = 𝑃(𝜔5 ) =
9

La probabilità dell’evento “faccia superiore a tre” corrisponde a


1 2 1 4
𝑃(𝜔4 ) + 𝑃(𝜔5 ) + 𝑃(𝜔6 ) = + + =
9 9 9 9

b) Indicando con
A l’evento “punteggio pari a 3” sul dado
T l’evento “faccia testa” sulla moneta
C l’evento “faccia croce” sulla moneta

l’evento A può essere scritto nella forma


𝐴 ≡ (𝐴 ∩ 𝑇) ∪ (𝐴 ∩ 𝐶)

per cui la sua probabilità è


𝑃(𝐴) = 𝑃(𝐴 ∩ 𝑇) + 𝑃(𝐴 ∩ 𝐶) = 𝑃(𝑇) × 𝑃(𝐴|𝑇) + 𝑃(𝐶) × 𝑃(𝐴|𝐶)
dove
1
𝑃(𝑇) = 𝑃(𝐶) =
2
dato che la moneta è equilibrata.
2
𝑃(𝐴|𝑇) =
9
dato che se esce testa si lancia il dado truccato
1
𝑃(𝐴|𝐶) =
6
dato che se esce croce si lancia il dado non truccato

Risulta quindi
1 2 1 1 7
𝑃(𝐴) ≡ × + × =
2 9 2 6 36

c) In questo caso si chiede la probabilità di (𝑇|𝐴), ossia la probabilità che la


faccia 3 del dado derivi da un lancio della moneta che ha fornito la faccia
testa.
Dalla formula di Bayes si ottiene

𝑃(𝑇) × 𝑃(𝐴|𝑇) 1/2 × 2/9 4


𝑃(𝑇|𝐴) = = =
𝑃(𝐴) 7/36 7

5
4) Si lancino due dadi di cui il primo perfetto e il secondo truccato in modo che
le probabilità che si verifichino le facce con 1 punto e con 2 punti siano
doppie rispetto alla probabilità di ciascuna delle altre facce.
a) Calcolare la probabilità che si verifichi l’evento “uscita di una faccia
dispari sul dado truccato”.
b) Calcolare la probabilità che si verifichi l’evento “uscita di una faccia
dispari su entrambi i dadi”.
c) Dato un esperimento con spazio fondamentale ={𝜔1 , 𝜔2 , 𝜔3 },
determinare la classe degli eventi

Soluzione
Per il dado truccato conviene indicare con p la probabilità associata a
qualsiasi faccia compresa fra 3 e 6 e con 2p la probabilità associata alla
faccia 1 e alla faccia 2.
In questo modo, considerando l’evento corrispondente all’unione di tutti i
possibili risultati, che deve risultare pari a 1, si ottiene il valore di p

Dall’uguaglianza
8p = 1

si ottiene
1
𝑝=
8

a) Indicato con D1 l’evento “uscita di una faccia dispari sul dado truccato”,
questo evento corrisponde all’unione di tutti i punteggi dispari sul dado
truccato. Questi risultati sono incompatibili fra loro per cui
4 1
𝑃(𝐷1 ) = 𝑃{𝜔1 } + 𝑃{𝜔3 } + 𝑃{𝜔5 } = 2𝑝 + 𝑝 + 𝑝 = =
8 2

b) I risultati ottenuti sui due dadi sono indipendenti fra loro. Indicato
quindi con D2 l’evento “uscita di una faccia dispari sul dado perfetto”, si
deve calcolare la probabilità dell’evento
1 1 1
𝑃(𝐷1 ∩ 𝐷2 ) = 𝑃(𝐷1 ) × 𝑃(𝐷2 ) = × =
2 2 4

c) La classe degli eventi è costituita da 23 = 8 elementi


A= {∅, {𝜔1 }, {𝜔2 }, {𝜔3 }, {𝜔1 , 𝜔2 }, {𝜔1 , 𝜔3 }, {𝜔2 , 𝜔3 }, Ω}

6
5) Dato un esperimento con spazio fondamentale Ω, siano A e B due eventi,
entrambi sottoinsiemi di Ω, tali che P(A)=0.7 e P(A⋃B)=0.8.
a) Calcolare 𝑃(𝐴𝑐 )
b) Calcolare P(B) supponendo che A e B siano incompatibili
c) Calcolare P(B) supponendo che A e B siano indipendenti

Soluzione
a) L’evento 𝐴𝑐 è l’evento contrario di A, per cui la sua probabilità è
𝑃(𝐴𝑐 ) = 1 − 𝑃(𝐴) = 1 − 0.7 = 0.3

b) Se i due eventi sono incompatibili, la probabilità della loro somma è pari


alla somma delle probabilità associate ai due eventi. Pertanto
P(A⋃B) = P(A)+ P(B)

da cui si ottiene
P(B)=P(A⋃B) − P(A) = 0.8 − 0.7=0.1

c) Se i due eventi sono indipendenti, la probabilità del loro prodotto è pari


al prodotto delle probabilità associate ai due eventi. Pertanto
P(A∩B) = P(A)×P(B)

da cui si ottiene
P(A⋃B) = P(A)+ P(B) − P(A)×P(B)

Sostituendo le probabilità note, fornite dal testo, risulta


0.8=0.7+ P(B) − 0.7P(B)
0.3P(B) = 0.1

da cui si ottiene
1
𝑃(𝐵) =
3

7
6) Si lancino due dadi perfetti. Sia A l'evento che si verifica se la somma dei
punteggi sulle due facce è maggiore di dieci e sia B l'evento che si verifica
se sul primo dado è uscita una faccia dispari.
a) Calcolare 𝑃(𝐴𝑐 )
b) Calcolare P(A∩B)
c) Calcolare P(B|A) e dire se i due eventi sono indipendenti

Soluzione
Dato che la somma dei punteggi ottenuti sui due dadi è superiore a 10 se i dadi
presentano i risultati seguenti
𝐴 ≡ {(𝜔5 , 𝜔6 ) ∪ (𝜔6 , 𝜔5 ) ∪ (𝜔6 , 𝜔6 ) }
dalla definizione classica, la probabilità di A risulta
3
𝑃(𝐴) =
36
dato che i possibili risultati sono 62=36.
La probabilità di B, invece, è pari al rapporto fra il numero di facce pari sul
primo dado (uguale a 3) e il numero complessivo di facce (uguale a 6) e risulta
1
𝑃(𝐵) =
2
a) La probabilità 𝑃(𝐴𝑐 ) corrisponde alla differenza 1−P(A) per cui si ha
3 33
𝑃(𝐴𝑐 ) = 1 − =
36 36

b) L’evento intersezione (A∩B) risulta composto dalle sole coppie di


risultati che appartengono sia a A sia a B. Dalla lista delle coppie che
costituiscono A (elencate in precedenza) risulta che solo la coppia
(𝜔5 , 𝜔6 ) appartiene a entrambi gli eventi, per cui
1
𝑃(𝐴 ∩ 𝐵) =
36

c) In base alla legge delle probabilità composte, la probabilità di (B|A)


risulta
𝑃(𝐴 ∩ 𝐵) 1/36 1
𝑃(𝐵|𝐴) = = =
𝑃(𝐴) 3/36 3

Dato che 𝑃(𝐵|𝐴) ≠ 𝑃(𝐵) si conclude che gli eventi A e B sono dipendenti
8
7) Si consideri un dado truccato in modo che le facce pari abbiano probabilità
tripla delle altre di verificarsi. Sia A l'evento che si verifica se esce una faccia
pari e B l'evento che si verifica se esce una faccia con numero di punti
inferiore o uguale a 2.
a) Calcolare P(A)
b) Calcolare P(A|B) e dire se i due eventi sono indipendenti, giustificando
la risposta.
c) Si lanci una moneta perfetta: se esce testa si lanci un dado perfetto
mentre se esce croce si lanci il dado truccato. Calcolare la probabilità che
esca la faccia con tre punti.

Soluzione
Ai risultati 𝜔2 , 𝜔4 e 𝜔6 è associata una probabilità tripla rispetto alla
probabilità associata 𝜔1 , 𝜔3 e 𝜔5 . Posta pari a p la probabilità associata a un
risultato dispari, la probabilità associata a un risultato pari è 3p.
La somma delle probabilità associate alle 6 facce del dado è sempre pari a 1,
per cui, facendo la somma delle probabilità associate a ciascun risultato si
ottiene

𝑃{𝜔1 } + 𝑃{𝜔2 } + 𝑃{𝜔3 } + 𝑃{𝜔4 } + 𝑃{𝜔5 } + 𝑃{𝜔6 } =


= 𝑝 + 3𝑝 + 𝑝 + 3𝑝 + 𝑝 + 3𝑝 = 1
da cui risulta
1
𝑝=
12

a) Dato che
𝐴 ≡ {𝜔2 , 𝜔4 , 𝜔6 }

la sua probabilità è
3 3 3 3
𝑃(𝐴) = 𝑃{𝜔2 , 𝜔4 , 𝜔6 } = + + =
12 12 12 4

b) In base alla legge delle probabilità composte si ha


𝑃(𝐴 ∩ 𝐵)
𝑃(𝐴|𝐵) =
𝑃(𝐵)

Tenendo presente che


𝐵 ≡ {𝜔1 , 𝜔2 }

l’intersezione fra A e B è costituita dal solo evento elementare 𝜔2 a cui è


associata una probabilità 3/12=1/4.
9
All’evento B è associata una probabilità
1 3 1
𝑃(𝐵) = 𝑃{𝜔1 , 𝜔2 } = + =
12 12 3

Pertanto la probabilità di 𝐴|𝐵 risulta


1/4 3
𝑃(𝐴|𝐵) = =
1/3 4

Dato che risulta


3
𝑃(𝐴|𝐵) = 𝑃(𝐴) =
4
gli eventi A e B sono indipendenti

c) Indicato con T l’evento “uscita della faccia testa” e con C l’evento “uscita
della faccia croce”, l’evento E l’evento “uscita della faccia 3 sul dado”
corrisponde
𝐸 ≡ (𝐸 ∩ 𝑇) ∪ (𝐸 ∩ 𝐶)

per cui la sua probabilità è


𝑃(𝐸) = 𝑃(𝑇 ∩ 𝐸) + 𝑃(𝐶 ∩ 𝐸) = 𝑃(𝑇) × 𝑃(𝐸|𝑇) + 𝑃(𝐶) × 𝑃(𝐸|𝐶)

Dato che la moneta è perfetta, si ha


1
𝑃(𝑇) = 𝑃(𝐶) =
2

Le probabilità condizionate sono


1
𝑃(𝐸|𝑇) =
6
perché se esce testa si lancia un dado perfetto,
1
𝑃(𝐸|𝐶) =
12
perché se esce croce si lancia il dado truccato

In conclusione, la probabilità richiesta è

1 1 1 1 3 1
𝑃(𝐸) = × + × = =
2 6 2 12 24 8

10
8) Si lanci un dado truccato in modo che la faccia contrassegnata da un punto
abbia probabilità doppia delle altre di verificarsi. Sia E1 l'evento che si
verifica se compare una faccia contrassegnata da un numero di punti
maggiore di 4 e E2 l'evento che si verifica se compare una faccia
contrassegnata da un numero pari di punti.
a) Calcolare 𝑃(𝐸1𝑐 ),
b) Calcolare 𝑃(𝐸1 |𝐸2 ) e dire se i due eventi sono indipendenti.
c) Calcolare 𝑃(𝐸1 ∪ 𝐸2 )

Soluzione
In analogia a quanto visto nel precedente esercizio, posta pari a p la probabilità
associata alle facce 2, 3, 4, 5 e 6 del dado, sarà 2p la probabilità associata alla faccia
1.
Dall’uguaglianza
𝑃{𝜔1 } + 𝑃{𝜔2 } + 𝑃{𝜔3 } + 𝑃{𝜔4 } + 𝑃{𝜔5 } + 𝑃{𝜔6 } =
= 2𝑝 + 𝑝 + 𝑝 + 𝑝 + 𝑝 + 𝑝 = 1
si ottiene
1
𝑝=
7

a) Osservando che
𝐸1 ≡ {𝜔5 , 𝜔6 }
per cui
2
𝑃(𝐸1 ) =
7
si ottiene
2 5
𝑃(𝐸1𝑐 ) = 1 − =
7 7

b) Dalla legge delle probabilità composte risulta


𝑃(𝐸1 ∩ 𝐸2 )
𝑃(𝐸1 |𝐸2 ) =
𝑃(𝐸2 )

Dato che
𝐸2 ≡ {𝜔2 , 𝜔4 , 𝜔6 }
3
𝑃(𝐸2 ) =
7

11
L’evento intersezione
𝐸1 ∩ 𝐸2 = {𝜔6 }
ha probabilità
1
𝑃(𝐸1 ∩ 𝐸2 ) =
7
per cui risulta
1/7 1
𝑃(𝐸1 |𝐸2 ) = =
3/7 3

Dato che
1 2
𝑃(𝐸1 |𝐸2 ) = ≠ 𝑃(𝐸1 ) =
3 7
i due eventi sono dipendenti

c) In base alla legge delle probabilità totali per eventi compatibili risulta
2 3 1 4
𝑃(𝐸1 ∪ 𝐸2 ) = 𝑃(𝐸1 ) + 𝑃(𝐸2 ) − 𝑃(𝐸1 ∩ 𝐸2 ) = + − =
7 7 7 7

12
9) Si lancino 2 dadi perfetti.
a) Calcolare la probabilità dell'evento A che si verifica se la somma dei punti
apparsi sui due dadi è 9.
b) Sia B l'evento che si verifica se sul primo dado compare una faccia
dispari. Calcolare P(B) e dire se i due eventi A e B sono indipendenti.
c) Sapendo che la somma dei punti è 9, calcolare la probabilità che su uno
dei due dadi sia apparsa la faccia con 5 punti.

Soluzione
a) Le coppie di risultati possibili lanciando due dadi sono 62=36. Fra questi,
le coppie che costituiscono l’evento A sono
𝐴 ≡ {(𝜔3 , 𝜔6 ), (𝜔4 , 𝜔5 ), (𝜔5 , 𝜔4 ), (𝜔6 , 𝜔3 )}

per cui
4 1
𝑃(𝐴) = =
36 9

b) La probabilità di B è
3 1
𝑃(𝐵) = =
6 2

Considerando le coppie di eventi elementari che costituiscono A risulta che


l’intersezione fra A e B risulta
𝐴 ∩ 𝐵 ≡ {(𝜔3 , 𝜔6 ), (𝜔5 , 𝜔4 )}
per cui
2 1
𝑃(𝐴 ∩ 𝐵) = =
36 18

Gli eventi A e B, quindi risultano indipendenti, in quanto


1 1 1
𝑃(𝐴 ∩ 𝐵) = = 𝑃(𝐴) × 𝑃(𝐵) = ×
18 9 2

c) Indicato con C l’evento “uno dei due dadi presenta la faccia 5” a


probabilità richiesta è 𝑃(𝐶|𝐴).

Dalla legge delle probabilità composte si ottiene


𝑃(𝐶 ∩ 𝐴)
𝑃(𝐶|𝐴) =
𝑃(𝐴)

Considerando le coppie di eventi elementari che costituiscono A risulta che


l’intersezione fra A e C risulta
13
𝐴 ∩ 𝐶 ≡ {(𝜔4 , 𝜔5 ), (𝜔5 , 𝜔4 )}
per cui
2 1
𝑃(𝐴 ∩ 𝐶) = =
36 18

Risulta quindi

1/18 1
𝑃(𝐶|𝐴) = =
1/9 2

14

Potrebbero piacerti anche