Sei sulla pagina 1di 25

Introduzione al Guru di Sesto San Giovanni

Questo libro nasce come manuale, la storia c per far capire come la vita quotidiana cambia in relazione alla crescita di coscienza, che spesso capita in seguito a incontri particolari. Per quanto le persone cerchino qualcosa che dia una spiegazione ai nonsensi del mondo in cui nostro malgrado ci troviamo, le crescite spirituali non dipendono dalle pratiche spirituali e lasciano il praticante sempre un po sorpreso o spaesato di fronte alle nuove prospettive che vengono assunte. Capita a questo punto che la mente, timorosa di perdere i punti di riferimento consueti, induca il praticante a rendersi parte di un gruppo ed assumendo i parametri del gruppo, cedendo il suo potenziale di crescita al gruppo, che lo usa per rendersi pi solido in quanto organizzazione. LIndividuo che coscienzialmente in crescita, preoccupa la mente, che trova vari modi per circuirlo e ricondurlo alle trappole che lo illudono di poter trarre vantaggi dalle sue azioni in questo universo. Un altro di questi modi farlo credere un eletto, la tentazione di utilizzare le conoscenze nuove dovute allesperienza mistica per diventare famoso o ammirato come maestro, lo ricondurr verso lillusione di agire in funzione del godimento che pu essere tratto dalle azioni stesse, ridistribuendo, nel mondo delle forme, lenergia che doveva servire per liberarsene. Il personaggio di questa storia vive seguendo il percorso, in uno dei modi che potrebbero essere rappresentativi della vita quotidiana di chi ha esperienze mistiche, in questo tempo di professionisti delle illusioni. Nello svolgersi della storia, cerca di darci anche piccoli consigli, per chiarire ai lettori il funzionamento di situazioni che possono avere conseguenze drammatiche per i malcapitati. Il nome del protagonista un riferimento a quello del mio Maestro di Aikido, che dopo quasi 50 anni di attivit e insegnamento, pu davvero essere considerato Maestro proprio per la coerenza che i suoi insegnamenti esercitano nel quotidiano e nella sfera personale, lato in cui la maggior parte dei maestri difettano e non possono essere presi ad esempio. I personaggi della storia sono quasi tutti veri, ad esclusione di quelli di Roma, e le situazioni di cui si parla sono quasi tutte vere o ispirate a fatti veri, per quanto romanzesche possano sembrare, sono sicuro che molti praticanti si riconosceranno in alcuni degli episodi vissuti dai protagonisti.

Che giornata di merda!


La radiosveglia suonava da cinque minuti e, come per tutte le stazioni radio dopo le 6 di mattina, stava trasmettendo pubblicit che sarebbero durate almeno dieci minuti. Per lesclamazione non era dovuta alla cacofonia della radiosveglia, a breve seguita da un notiziario che avrebbe vomitato pessime notizie per altri 300 secondi. Alzare la tapparella era stato troppo! Una pioggerella autunnale, di quelle che ti fanno pensare che il cielo sereno non lo rivedrai pi, se non nelle fotografie della settimana bianca quando eri alle scuole medie. Lo scintillio delle gocce sugli stop delle auto in coda su via Ercole Marelli, che si smuovono pastose come il sangue nelle arterie di un moribondo, avrebbe messo in crisi lottimismo di Tonino Guerra subito dopo la firma del contratto di pubblicit per lUNIEURO. Lespressione di scoraggiamento dipinta sul volto che ti guardava allo specchio, con laccompagnamento pubblicitario dellex Miss Italia e la suo voce da catechista impasticcata in estasi grazie al suo innato talento nel fare plin plin Che giornata di merda! Altro che plin plin Anche per me una giornata di merda Ma lho solo pensato! diceva guardandosi in giro quasi certo di aver sentito davvero pronunciare la frase anche per me una giornata di merda. Quella strana percezione lo aveva distratto abbastanza dalla rasatura della barba, con il rasoio multilama e il gel azzurro fluorescente, che si trasforma in una schiuma vellutata al solo contatto con lacqua tiepida. Per la prima volta, dopo un anno che usava quella marca, si accorgeva che il multilama passava sulla pelle senza incespicare nei peli e lasciando la pelle molto morbida, i puntini scuri dei peli sparivano completamente alla seconda passata rendendo evidente che le condizioni meteo dellinverno avevano indurito molto i polpastrelli, prima ignari della pelle vellutata.

Come si fa a rimanere per mesi senza accorgersi che i polpastrelli si sono asciugati ed induriti, tanto che non si era mai accorto che la pelle del viso fosse morbida? La voce che aveva pronunciato il commento sulla giornata aveva permesso un riconoscimento sensoriale rimasto sconosciuto per anni, anni nei quali le dita avevano solo consolidato il rapporto con la tastiera del PC. Sempre mentre correvano sulla tastiera, le stesse dita avevano spesso atteso di affondare nella pelle di altri corpi durante i rari, ma non troppo, e passionali, ma non troppo, incontri con partner occasionali. Mentre preparava la scodella e apriva il frigo per la consueta colazione con i cereali Non devi mangiare prima di esserti lavato. Stavolta lho proprio sentita, non come quando penso, stavolta sembra proprio qualcosa che entra dalle orecchie. La voce era un po metallica, quasi anziana, non forte ma abbastanza intensa da essere udibile sopra la radio. Avrebbe anche potuto essere la voce del DJ che parlava sopra la musica di una canzone di Kylie Minogue, ma era troppo poco giovane per essere una voce da DJ. In ogni caso, non era abbastanza minacciosa da poter interrompere i gesti meccanici che portavano alla consumazione del primo pasto, con cereali e zucchero di canna, senza nemmeno percepire il gusto, coperto da un turbine di pensieri relativi a desideri e progetti che promettevano di rendere migliore la vita se si fossero esauditi tutti. Per cui, dopo aver versato il muesli croccante, si accingeva ad aprire la confezione in cartone lucido del latte microfiltrato, quello che rimane fresco per 10 giorni Ti devi lavare prima di mangiare: Stavolta la voce esprimeva qualcosa di perentorio, che non dava adito a dubbi sul fatto che non era il caso di disattendere il consiglio. Solo una persona che sta annegando sulla mediocrit e nello squallore, riuscirebbe a non farsi prendere dal panico, o perlomeno dallinquietudine, nel sentire con le proprie orecchie una voce risuonare nel proprio bilocale, ma ce ne sono tanti cos. Ecco perch una giornata di merda anche per me! La voce sapeva bene che questa volta gli era toccato un caso difficile, di quelli che di solito vengono abbandonati a loro stessi perch troppo definitiva la loro scelta di vivere senza considerazione per il loro lato spirituale. Come un riflesso condizionato aveva posato il cartone del latte fresco di frigo, e percepito freddo dai polpastrelli, che dopo anni di ignavia avevano ricominciato a percepire. Non tua la voce che senti, deficiente! Lo sai che cose che abbiano senso per la tua salute, tu non le pronunci mai Chiunque a questo punto, avrebbe chiesto: chi sei e invece la mediocrit penetrata fino al midollo, gli aveva fatto rispondere: Perch non posso mangiare? Non ho detto che non puoi mangiareho detto che ti devi lavare prima di mangiare. La voce si era accorta che il caso difficile aveva una personalit amorfa, scialbo residuo di lunghi pomeriggi passati a completare schemi di vari ambienti ostili sulla Playstation 2. Il deficiente rispondeva: Ma perch mi devo lavare prima e intanto si avviava pigramente verso il bagno. Almeno non fa storie, pensava la voce. Vedendo che stava per lavarsi la faccia, e forse solo quella, pens di sottolineare: Tutto il corpo, non solo la facciaFatti la doccia! Finalmente il deficiente, pur laureato di primo livello in una famosa facolt di economia, ebbe un barlume di attivit psichica normale e chiese Chi sei?. Non c bisogno che mi parli con la voce caro, io sento i tuoi pensieri, quindi abituati a parlarmi che la mente, altrimenti la gente penser che sei pericoloso Disse ancora Ma tu. Intanto lavati! Le tue energie corporee e psichiche sono troppo sporche per poter capire alcunch di quello che ti dico!. E cos cominci a lavarsi, assaporando leffetto del sapone sulla pelle e il tocco dellacqua tiepida, cos distante dalla pioggia invernale che scintillava sui semafori dellincrocio sottocasa. Tutto questo grazie al senso del tatto che, dopo essere stato in Standby per un paio danni, era stato riattivato dalla voce quella mattina.

Dopo essersi lavato, mentre si dirigeva verso i vestiti usati il giorno prima, e forse quello prima ancora, ebbe una sensazione nuova, spontanea, non suggerita dalla voce, che quasi si commosse per quel lampo di genio del suo pupillo. Oggi mi metto vestiti puliti, visto che sono pulito. Vestiti puliti, non stirati, ma freschi di bucato. Si vede che non sono stirati, ma lultima cosa di cui si preoccupa una persona per cui il 90% delle relazioni sociali con laltro sesso passano attraverso i social network, che i suoi vestiti siano stirati, gi tanto se si accorge quando puzzano di quella intensa fragranza metropolitana composta da quel giusto melange di fast food, fumo altrui, vagoni di metropolitana e ristorante cinese. Invece era successo cos, inevitabile, quando qualcuno naviga sotto il livello minimo di levatura spirituale, basta un semplice contatto con creature dal livello coscienziale superiore e si innesca subito una attenzione al presente. Nel presente cera la voglia di avere vestiti puliti, ed era un desiderio realizzabile. La colazione ebbe tutto un altro sapore e anche la giornata, mentre si avviava verso la metropolitana avvolto da un impermeabile color tabacco con il bavero alzato e il cappello a tesa larga, era molto meno di merda del previsto. Il viaggio in metr, a quellora, quando la massa informe di pendolari entra ed esce dal biscione a due colori composto dai vagoni, come una densa secrezione di invertebrato, unavventura. Solo chi percorre quella strada tutti i giorni pu non accorgersi che una avventura, e poich decisamente una avventura poco gradevole, sicuramente, avere la mente altrove aiuta. Il deficiente, un po meno deficiente di quanto lo fosse prima dellincontro con la voce, per la prima volta guardava cosa succedeva intorno a lui. Le migliaia di persone viaggianti, sopportavano quella bolgia, immerse in pensieri che si riferivano a momenti diversi da quelli che stavano vivendo. Centinaia di riproduttori musicali di files compressi, giornali aperti, libri, per molte donne, sicuramente impiegate che andavano in ufficio. Uomini, che dopo aver notato qualche donna o ragazza attraente fuggivano da quel presente, immaginando di togliere loro proprio quei vestiti che avevano attirato la loro attenzione. E, tra tutte quelle persone, lui solo era in quel presente. Un presente che sembrava aprirsi e permeare le emozioni degli altri viaggiatori, ogni secondo era diventato intensissimo e carico di frustrazioni, di aspettative e desideri di timore di non essere allaltezza ma non erano sue erano le emozioni degli altri. Bastava respirare lentamente espandendo laddome verso il basso e guardare un ragazzo, con i jeans grigi e lo zaino in spalla, con il libro di principi di termodinamica aperto e la penna in bocca, per sentire la soddisfazione provata nel collegare gli argomenti di quel libro a quelli studiati per il precedente esame. Cose mai provate prima, come la trepidazione della moretta in tailleur nero e tacchi alti, scarpe laccate a punta media, piuttosto scomode e si vedeva che non era abituata a portarle; avrebbe anche azzardato che la moretta si sentiva in imbarazzo per le unghie lucidissime di smalto bordeaux, che sicuramente erano in linea con lo stile dellabbigliamento ma altrettanto sicuramente non erano in linea con il carattere di chi le portava. Cairoli! Mezzora di metro passata in un lampo e, mentre insieme al resto della secrezione multietnica scendeva dal vagone invertebrato, si sentiva curiosamente padrone della situazione e dellambiente. Salendo la scala si trov dalla parte sbagliata della piazza, uscendo di fronte alla facciata del Castello Sforzesco, con la torre del Filarete coperta di uno scintillante manto di addobbi natalizi. Mai sbagliato uscita in tre anni, e infatti mai visto che il Castello viene addobbato sotto Natale. Apprezzava questo sentirsi leggero, meno compresso dalla metropoli e dalle aspettative di una vita migliore, sensazioni opprimenti e colpevolizzanti nel caso in cui ogni risultato non d il livello di felicit atteso. Tornando verso Viale Dante, anche sul viale si sarebbe aspettato le solite luminarie che invece questanno erano state sostituite da degli oggetti marroni a forma di nuvole, stesi come panni a circa 6 metri da terra fino a Piazza Cordusio, a formare un anomalo cielo di nuvolette marroni. Il primo pensiero dove si espresse con personalit e sagacia, nuove per un professionista della mediocrit come era stato fino al giorno prima, fu : Sarebbe il cielo perfetto per una giornata di merda Ma era ormai chiaro che, grazie allintervento della voce non lo sarebbe stata. A proposito, dove era finita la voce ?

..ci sono sempre, e anche io pensavo peggio vedi che lavarti la mattina ti ha fatto bene? Non rispondeva, si chiedeva come fosse potuto accadere che, per mesi, aveva fatto una doccia solo alla sera, anzi molto meno di una ogni sera. La sua mente stava riprendendo il controllo della situazione e lui stava nuovamente sentendo di annaspare nelle trappole delle aspettative non soddisfatte e dei desideri. Ora entrerai in ufficio RICORDA: NON SEI CHI PENSI! Il sentire qualcosa di superiore che d dei suggerimenti, gli dava una certa sicurezza ed entr in ufficio salutando e sbottonando il soprabito avana e appoggiando il cappello a tesa larga dopo averlo scosso dalle gocce che si erano accumulate sul tessuto. Decise di respirare con laddome, come aveva fatto sul metr e, sotto lattenta sorveglianza della voce, sent che se non poneva attenzione alle proprie emozioni, con cui reagiva ad un ambiente per averlo creduto ostile, sentiva le emozioni degli altri. Dietro il bancone dellatrio di ingresso, cera la scrivania dove le due segretarie tenevano in contatti telefonici. Cera sempre stato un rapporto un po freddo con le due ragazze, attribuito da entrambe le parti ad una scarsa stima reciproca. Di solito funziona cos. Soprattutto per luomo, ma anche per la donna traumatizzata, ci si comporta un po male con qualcuno, perch convinti che abbia di noi unopinione scarsa. Ma tutto parte da noi, perci, persino senza altri suggerimenti della voce sentiva che non cera nessun pregiudizio delle telefoniste e domand Come state ragazze?. Non era proprio il suo stile, ma era di sicuro meglio dello stile che aveva avuto il deficiente fino a quel momento. Le ragazze risposero in modo vago, ma senza nemmeno rendersi subito conto che era bastato quel chiedere in modo spontaneo, senza altri fini, loro notizie, per instaurare un rapporto pi complice, che avrebbe permesso anche di comunicare qualcosa di autentico. Ed entrato nel suo ufficio, tutto suo, occup la scrivania. Lufficio era tutto suo, anche se giovane di et e giovane nella ditta, ma era talmente piccolo che non doveva essere mostrato a nessun cliente. Ad ogni modo era intimo ed aveva una finestra su via San Giovanni sul muro. Il responsabile di Marketing di una Societ di Intermediazione Mobiliare, deve avere molta tranquillit per poter decidere strategie di gestione dei liquidi che i risparmiatori affidano allazienda, quindi nessuno si stupisce mai se per unora o due la porta rimane chiusa. Nella realt, in quasi nessuna societ di intermediazione mobiliare il responsabile di agenzia decide gran che, per questo che il deficiente passava almeno met del tempo in cui si fermava in azienda, a mantenere una fitta corrispondenza con i 1221 contatti a cui aveva concesso e richiesto lamicizia scambiandosi frasi convenzionali, ancorch in gergo giovanile, e prive di ogni significato e di ogni sostanza. Quel giorno si mise a lavorare sul serio e apr la videata su un foglio di Excel, dove cerano tutti i prodotti venduti dallazienda. Erano per lo pi fondi bilanciati, azionari, misti obbligazionari, in valuta estera di tutto il mondo. Non cera molto da decidere, perch la composizione di ogni fondo era gi stabilita dalla direzione dellazienda e ai venditori era affidato il compito di piazzare ai risparmiatori soprattutto i fondi che garantivano una perdita netta dell8% annuo, se tutti i parametri di crescita fossero stati favorevoli. Nella tabella di excel cera una colonna dove erano evidenziati i rendimenti presunti secondo il trend attuale, da mostrare ai clienti, e solo a seguito di attivazione mediante password del responsabile dellagenzia, i rendimenti netti, al netto delle commissioni di entrata e di uscita. Di solito il cliente si interessa dellandamento dei suoi titoli soprattutto nei primi mesi, il fatto che la commissione di entrata viene prelevata prima dellacquisto delle quote, abbassa il valore dei fondi di una percentuale compresa tra 1.5 e 2.5 %. Per cui non difficile mostrare al cliente il fatto che le 10000 quote da un euro (diminuite delle commissioni) valevano il 2.5% in meno allacquisto e valgono improvvisamente 10.000 euro dopo un mese dando limpressione di un aumento di valore. Il cliente non tiene conto che, se dovesse approfittare del falso incremento e venderle, le commissioni di vendita rosicchierebbero altre quote di falso utile. Era assolutamente una truffa, ma, quando un giovane laureato, viene ammaestrato a credere che il benessere del paese legato alla somma degli utili di ogni azienda, smette di preoccuparsi (se mai lha fatto prima) se lutile dellazienda semplicemente una inconsapevole donazione del cliente.

Mentre faceva questo ragionamento, che scaturiva spontaneamente ogni volta che visualizzava la colonna con i rendimenti netti dei fondi, quelli inaccessibili ai clienti la voce si rifece sentire. Non ti preoccupare: quasi tutti i vostri clienti investono da voi del denaro che non ha sostanza. In tutti gli esami di economia non si era mai sentito parlare di sostanza, e, anche se non attribuiva alla voce particolari conoscenze in ambito socio economico, decise di ascoltare con estrema attenzione un parere espresso con decisione, che giungeva in suo soccorso proprio nel momento in cui stava per nascergli un senso di colpa. il denaro acquisisce una valore nel mondo delle energie solo se nel guadagnarlo, la persona, ha portato un giovamento ad altri. Quindi mi vuoi dire che il denaro che guadagniamo noi senza sostanza? Sei stato pi veloce e pi acuto di quando avresti dovuto essere-considerando il tuo presente stato di ignoranza Cio? Cio quelli del tuo livello di solito ci mettono mesi a sviluppare un intuizione come quella che hai appena fatto per quello ho detto che anche per me era una giornata di merda, questa mattinaessere incaricati di svegliare uno come te una menata assurda! Era un po che voleva sapere con chi stava parlando ma temeva di essere diretto pensando quella domanda. E infatti non ha senso che tu mi domandi chi sono, per il momento il tuo concetto di chi non ti permetterebbe di comprendere la risposta. Comunque far meno fatica a spiegarti chi sono io, che non a farti realizzare chi sei tu stesso. Ma, tutti sentono la tua voce? No, solo tu mi senti, e forse qualche sensitivo, potrei parlarti anche nella testa e non nelle orecchie, ma tu non distingueresti i miei pensieri da quelli di alcune parti della tua frammentata psiche. Comunque la mia voce unillusione che io produco manipolando la tua mente di superficieso gi che anche se parti da un discreto livello di imbecillit non sei cos scemo da parlare ad altri della voce A quanti capita di avere questa voce? Tecnicamente non lo so, se tu ti immaginassi Milano come una citt con tutte le persone possibili, la risposta non avrebbe senso, se tu ti immagini solo la citt in cui vivi tu, con tutte le persone che esistono per te (che sono tutte quelle e solo quelle che hanno uninterazione seppur minima con la tua vita) allora le persone che ricevono suggerimenti da qualche tipo di voce sono una decina. Considera che le persone che si sono impegnate in un lavoro interiore, non vengono contattate in modo cos evidente, ricevono suggerimenti dagli eventi della vita in cui si imbattono, riconoscendo il loro percorso grazie allintuito. Cosa sei? Ormai era diventato spontaneo pensare una domanda e aspettare la risposta dalle orecchie. Abbastanza sicuro che nessuno lo avrebbe sentito non si sarebbe preoccupato della presenza di estranei, ma in un certo senso avrebbe voluto avere una conferma dellesistenza di quellessere che gli parlava da qualcun altro. Non sono nulla che tu possa assimilare a qualcosa che gi conosci per se hai voglia di ripensare a Guerre Stellari, che so che ti piaceva, tieni presente quello che succede a Yoda dopo la sua morte oppure al maestro Ken Obi. Obi Wan Ken Ecco! Sono una cosa del genere. Senza corpo, con una mente completamente asservita alla mia coscienza e con una scarsa identificazione nella mia attivit mentale e soprattutto senza aspettative relative ai risultati delle mie azioni. La parte razionale non poteva ovviamente accettare una situazione a cavallo tra la fiaba e la fantascienza, checch nei dicesse la voce che queste cose non erano poi cos eccezionali. Mi daresti una prova che non mi stai prendendo per il culo? Giusto per essere sicuro che non sto per finire al Paolo Pini 2 . Se vuoi una prova che quello che ti sta succedendo vero, hai sbagliato persona, in realt sono qui per renderti evidente che anche il resto del mondo un illusione in compenso non faccio nessuna fatica a dimostrarti che la mia presenza molto attinente agli eventi che tu consideri esterni. Il tipo di linguaggio che sentiva con le orecchie era diversissimo da quello che usava lui per pensare, perci non gli riusciva difficile considerarlo esterno a se stesso, inoltre la voce avrebbe saputo anche essere fantasiosa e capace nella sua opera di conduzione spirituale.

Prima delle 2 di oggi avrai una proposta a sfondo erotico. So che largomento ti interessa, ma non ti consiglio di accettare. Istintivamente, il meccanismo di desiderio si accese nel deficiente, che in 3 decimi di secondo mand a farsi benedire tutti i progressi spirituali realizzati nei vagoni del metr e nei saluti alle ragazze dellufficio. La sua mente fece una rapidissima scansione di tutte le donne tra i suoi contatti di face book e di meetic di cui sapeva abitassero a Milano. In realt di quei contatti non cera nulla di collegabile a donne reali: erano nomi, foto e descrizioni di s ma sappiamo bene tutti, e soprattutto lo sapeva la voce che la mente non ha bisogno che qualcosa esista davvero, per potergli costruire intorno un castello abbastanza grande da renderlo appetibile, anche se non esiste. Non su face book pirla! Di persona ! Avrai una proposta di personasu face book troppo facile e non sa di niente e non pensare alle ragazze della segreteria, che non ancora il momento. Chiss perch mi devo prendere del pirla cos a gratis. Te lo spiego io, io conosco tutto dei tuoi pensierie anche quelli degli altri e conosco anche il modo che devi usare per vivere un armonia con il tuo sentiero e come tu puoi usare lintuitoe quando invece ti comporti da pirla io ti tratto da pirla. Si rimise a mettere in ordine i dati degli esiti di fini trimestre dei fondi bilanciati, controllando che il programma segnalasse i clienti che avevano perso un po di meno degli altri e che grazie alle prodezze del programma risultavano in attivo. Di questi clienti, quelli che, grazie allelaborazione di quanto si evinceva dalla compilazione del profilo informativo, risultavano un po pi scemi, o pi disposti ad accettare consigli, sarebbero stati contattati per altre proposte pacco sulla destinazione dei loro risparmi. Completato un elenco di 20 nominativi, compreso di indirizzi e composizione del loro deposito titoli, indicante quote e aumento percentuale dei vari fondi ma non il valore assoluto del liquido destinato allacquisto in origine, decise che il lavoro compiuto era parecchio e ci si poteva godere una pausa caff. Spense il video del pc e si diresse allattaccapanni, buttando l qualcuno viene a prendere un caff?mentre indossava limpermeabile avana. Lesito era scontato, non per lo scarso ascendente che fino a quel giorno aveva avuto sulle ragazze, ma per il fatto che era la prima volta che accadeva. La mente delle segretarie, tra laltro impegnate al telefono, non era in grado di reagire in modo spontaneo a situazioni non preventivate, come del resto quasi tutte le menti Imbocc le scale mentre abbottonava il soprabito. Allora sei un maestro Jedi! Maestro lo puoi senzaltro dire E perch sei venuto, lo posso chiedere? Questa, dopo quello che hai provato stamattina, una domanda da deficiente E infatti lo era, non poteva fare a meno di accorgersi che quello che lui credeva essere la sua personalit era una specie di maschera, di ruolo che voleva riprendere il protagonismo nello spazio occupato dal suo corpo. Pi avanti, cosa che gli sfuggiva in questo momento, si sarebbe reso conto che quando la sua personalit, armata e composta dai ricordi, prendeva il comando della situazione, gli diventava impossibile vivere nel senso pi completo del termine. La pioggerellina, cos caratteristica della stagione di moda autunno inverno, non aveva deciso di demordere e lo accompagnava verso lincrocio con Via Dante con il suo cielo di nuvole di letame, fino allUNA Hotel e le sue vetrate scure, approfittando del semaforo di via Cusani per aggiustarsi il bavero nel tentativo di fermare lumidit che, come ben descrivono gli italiani del sud, entra nelle ossa passando dalla schiena. Attraversando foro Bonaparte entr al bar Olimpia salutando il proprietario, un uomo ben spallato ed elegante, che aveva appena convinto due turisti nord americani a prendere una cioccolata calda nella veranda esterna riscaldata. Due poliziotti in divisa antisommossa erano al banco, uno prendeva un the e uno una cioccolata, il pi anziano era amico del titolare che descriveva divertito ed orgoglioso come, avvalendosi delle conoscenze in lingua giapponese del poliziotto anziano, aveva preparato un cartello con il men degli aperitivi in giapponese.

Questa arguzia, episodio di circa dieci anni prima, quando il signor Carlo aveva un bar in via Manzoni, gli aveva riempito il locale di giapponesi, che entravano convinti di trovare camerieri esperti nella loro lingua. Linterlocutrice era una ragazza cubana, che sfidando il freddo ed i suoi quaranta anni abbondanti, aveva lasciato che labbigliamento esibisse le sue forme proprio nelle parti che attirano di pi lattenzione dei maschi, Prima che al deficiente fosse possibile cercare di rendersi conto del motivo per cui lei fosse l e a che titolo bazzicasse il centro citt, la cubana si gir verso il deficiente rivolgendo complimenti sullo stile del soprabito. Durante la brevissima e cerimoniosa conversazione, con qualche ammiccamento civettuolo volto a verificare se il deficiente si fosse accorto che le lunghe mani di pelle ambrata continuavano a sistemarsi il colletto, in cotone bianco con lorlo arricciato, e non sicuramente per difendere i polmoni dal freddo. La breve conversazione correva sul fatto che a lei spiaceva, in inverno, limitare le amicizie ed i contatti e mentre lei era molto disinvolta, lui molto meno. Sicuramente un retaggio caraibico con la nota capacit di fare amicizia velocemente, infatti senza nemmeno rendersene conto, lei stava gi scrivendo il numero di cellulare sul retro di un biglietto da visita di un venditore dauto. Chiamami qualche volta che sei libero, ci vediamo dopo cena per un caff Anche se non ci aveva riflettuto moltissimo, la sua ipotesi del sangue caraibico che porta a fare amicizia cos velocemente, fu frantumata dal padrone del locale che, come per giustificare linteresse del deficiente per la bellezza delle antille, raccontava di quanto ancora era pi appariscente quando arrivava la primavera. Come se la cosa fosse cos evidente come i suoi lunghi capelli lucidi, accenn al fatto che faceva la escort e che allUna Hotel di fronte ci fossero molte riunioni di dirigenti dazienda provenienti da tutta Europa. Se, fino al momento prima, si era domandato se una tale sventola poteva davvero dare un numero di telefono senza chiederlo, ora non aveva dubbi sul fatto che il numero fosse giustonon erano ancora le 11 ed era gi successo quello che aveva detto il maestro, ma non cerano grandi motivi di rallegrarsene. Non aveva a che vedere con face book e nemmeno con le telefoniste del suo ufficio, ed era anche attinente il consiglio di non accettare. Usc dal bar senza nemmeno ricordarsi cosa avesse preso e girando a destra lungo i muri del Decathlon pensava rivolto al Maestro: Con una troia non c gusto. Guarda che non te la ho mica mandata io e poi un buon esercizio per tese la vuoi la chiami e la paghi, senza stare in ansia per sapere se ci sta e senza dovere inventare scuse per non starci, come fai tutte le volte che esci con quelle che incontri su meetic, e che prima degli incontri ti mostrano le foto ritoccate, poi ti accorgi che non sono cos belle come ti eri immaginato, e le mandi a quel paese dopo aver passato una serata squallida a parlare dei tuoi studi e delle vacanze. Impara a capire cosa vuoi veramente e cerca di agire di conseguenza, senza pensare a cosa potrebbero dire gli altri. Ma allora? Il deficiente si faceva assalire dai dubbi. Ti ho gi detto che non ti consiglio di accettarevoglio solo farti capire che la tua mente rimane protagonista anche quando sei frustrato. Sei uscito dallufficio che ti sentivi un figo, tanto che hai anche invitato Wilma e Stefi, non vorrai sentirti un pirla perch hai conosciuto una professionista del mestiere.. Il deficiente, anzi, la mente del deficiente, pensava :Ma ci sar ben un senso se ho incontrato quella donnao no? Certo che c, ma non quello di andarci a letto e neanche quello di farci una chiacchierata tra amici a parlare di cose intimemagari coltivando la remota possibilit di andarci a letto gratis. Ti faccio risparmiare su sacco di tempo e di pensieri, che sono entrambi molto preziosi, anche se quelli al tuo livello non lo sanno. Quella, se non la paghi, con te non ci viene! Lo so che non ti interessa pi di tanto e che nel tuo harem di facebook ha una discreta scelta di ragazze che possono garantirti un buon numero di squallide relazioni occasionali. Ma renditi conto da solo che, alla tua mente, non serve un motivo valido per sprecare energia in pensieri inutili, alla mente basta un pretesto e non solo alla tua, a quella di tutti basta un pretesto per trascinare te nel suo vortice di desideri di attrazione e repulsione.

Senti Maestro, possibile che quello che dici tu suona molto, ma molto meno educato di quello che dicono i maestri dei libri? Dalla dimensione dove mi trovo io, io parlo con archetipi, tu li senti, ma vengono tradotti dalla tua mente al livello coscienziale dove si trova lei con le sfumature attinenti alla situazione in cui ti trovi. Quando un maestro zen parla con il suo discepolo, anche se vuole dirti le stesse cose che comunico io a te, usa termini pi consoni al livello coscienziale del suo discepolo. Tra laltro, un maestro che abbia un corpo pu scegliere che termini usare io invece devo usare gli archetipi che danno a te le emozioni necessarie per liberarti dai meccanismi dovuti ai condizionamenti. La parte spirituale impara per emozioni, non per informazioni, il vero maestro deve mettere chi ascolta in condizione di provare le emozioni che gli servono per crescere. Le informazioni vengono accumulate negli archivi mnemonici e non hanno nessuna, ma proprio nessuna utilit spirituale, fino a che non vengono usate per compiere esperienza. Pi informazioni ci sono nel contenuto coscienziale e pi lindividuo invogliato ad identificarsi con il suo intelletto. Per solo le informazioni utilizzate nella vita fanno parte del bagaglio spirituale e si trasformano in saggezza. Questo il motivo per cui lesperienza degli altri non vale. Non vale perch stata usata da qualcun altro, il vero insegnante, se ci tiene che il suo allievo impari qualcosa che gli serve nella vita, mentre racconta, deve far immedesimare il discepolo nelle emozioni che lui stesso ha provato nellepisodio che lui racconta .3. Era gi tornato in ufficio, il lavoro era sicuramente andato avanti in qualche modoma dopo questa iniezione di materiale speculativo non fu pi in grado di rendersi conto di nulla fino alla mattina dopo.
2 3 (Ex ospedale psichiatrico di Milano) Per approfondimenti cerca su U-Tube Vedanta Mente limitante nel canale maestrodelnulla.

Gran giornata!
Aveva dormito come un sasso almeno nove ore, forse di pi, non ricordava niente, un po come il giorno dopo una festa a base di vodka e salatini ma era molto, molto pi riposato. Senza attendere che il riscaldamento centralizzato del condominio rendesse tiepido lambiente si diresse in bagno portando biancheria pulita e mettendo quella vecchia in lavatrice, anche quello di ieri e le altre T-shirt di Intimissimi, regalo di una conoscenza di face book, che non era poi risultata allaltezza di una relazione occasionale per carenza di canoni estetici. Guard lora, doveva decidere se con il lavaggio breve avrebbe sconfinato nella fascia costosa della tariffa bioraria. Era pure un single ma era anche laureato in economia. Le sei, le sei senza sveglia! Questo si che era un miracolo! Altro che il Maestro Jedi che parlava difficile senza farsi vedere e dandogli del pirla ogni volta che accennava a ragionare come gli altri 1.375.000 pirla che popolano Milano ed hinterland. Si lasci prendere da una strana urgenza e in un attimo era pulito, rasato e vestito con maglietta e tuta. Ma non aveva fame. La colazione lavrebbe fatta al solito orario e intanto sembrava il momento giusto per una mezzoretta di lettura. Non voleva rovinare la magia del momento con una occhiata alla posta elettronica, e cos, mentre si chiedeva se ci fosse qualche bel libro di quelli che si leggono proprio in quei momenti, senti il Maestro -Bevi un bicchiere dacqua, poi accendi una candela sul tavolino del salotto, se non hai altro mettici sotto un piattino da caff. Una candela cera, un Babbo Natale polveroso esito di chiss quale cena di fine anno, ma era meglio dargli una soffiata prima di accenderlo, giusto per non bruciare la polvere, che poi puzza. Adesso prendi un cuscino del divano e ti siedi sopra, la schiena deve stare dritta e lo sguardo senza mettere a fuoco quasi a tre metri per terra ora che sei seduto, per non perdere tempo prendo il controllo della tua muscolatura attraverso la mente di superficie, se ti spiegassi tutto a voce, useresti la parte mentale e non ce la caviamo piallora, se vuoi, mi devi dare il consenso a usare i tuoi muscoli cos impari prima la respirazione giusta.

Per iscritto? No basta che lo pensi ma, quando un entit prende il controllo di un corpo, se non ha il consenso, rischia di essere incenerita dalla coscienza, la tua coscienza non lo farebbe ma voglio che tu sia consapevole di cosa accade Le prime respirazioni non furono molto piacevoli, avendo ceduto il controllo al Maestro, cera un momento in cui aveva limpressione che i polmoni fossero vuoti, e invece il maestro lasciava che il torace si sgonfiasse lentamente fino al punto di minimo volume. Lui aveva fretta di inspirare, e, questa fame daria che lo assaliva ad ogni espirazione, dopo circa 10 secondi che laria aveva cominciato ad uscire, gli rimaneva anche dopo aver inspirato. Dopo circa 10-15 minuti, in cui soffriva di questo di questo senso di ansiosa mancanza daria, il suo corpo si rese conto che non cera affatto bisogno di inspirare spesso come avrebbe voluto e riusc finalmente ad accettare queste espirazioni, lunghe pi di mezzo minuto. 4 Dopo un'altra mezzora di respiri, tutti guidati dalla spirito Maestro, accadde una cosa strana, il presente della sala fu assorbito dalla fiamma della candela, che per un attimo era diventato anche il contorno della sala e dava limpressione di permettere al cuscino di galleggiare nello spazio. Il corpo non percepiva pi se stesso e, la mente, pi grande, in cui cerano tutte le informazioni del mondo, ma non condensate e riconoscibili, piuttosto stemperate, come la pasta di una torta ciambellone mentre la parte di pasta al cacao si mescola in quella alla vaniglia, e cos le informazioni erano mescolate le una alle altre e non riconoscibili. Il mondo di luce, crema, e le informazioni e la mente, si riassorb nel buio del salotto , dopo un altro paio di respiri fu chiaro che il momento di esclusione dal mondo normale era finito. Era il momento anche per la colazione e tutte le altre cose che fanno anche i 1.375.000 pirla di Milano e hinterland, le fanno, ma in modo meno consapevole. Appena apr il portone del condominio, il fresco dellaria carica di nebbia si appoggi sul viso rasato. Era gi sveglio e attento in un modo che solo un giorno prima sarebbe stato inimmaginabile, ma laria della mattina invernale, carica di goccioline di umido in sospensione, quando arrivava sulla faccia, dava limpressione di aggiuntivo vigore. Le persone che popolavano la secrezione metropolitana multietnica, questa mattina, erano proprio in difficolt. Un carico di frustrazioni, miste ad ansia di evadere impegni, sembrava trasudare da ognuno di quei corpi coperti di vestiti scelti in relazione ai diversi gradi di squallore che caratterizzavano la vita di ciascuno. Qua e l si coglievano evidenze di maggior evoluzione spirituale, che rendevano curiosi gli occhi delle persone, pi vitali ma insieme indifferenti agli eventi circostanti. Due persone con un intuito pi sviluppato, di solito si riconoscono guardandosi negli occhi, chiaramente solo quando il loro intuito non offuscato dalle loro attivit mentali. Anche quella mattina cenera qualcuno, ma non cera bisogno di attaccare bottone. La metropolitana era parecchio piena, anche perch senza saperlo aveva anticipato lorario e, la presenza degli studenti, aumentava di molto la media degli italiani. Quasi tutti gli studenti hanno trovato un inconsapevole modo di difendersi dalla secrezione multietnica, creandosi uno scudo magnetico fatto di vibrazioni musicali. Quando hanno le cuffiette e l I-Pod acceso sembra non debbano accorgersi nemmeno delleruzione del Vesuvio che ha sepolto Pompei e Ercolano. Nel metr non se ne accorgerebbero comunque, ma hanno laria di non essere capaci di percepire la differenza tra viaggiare in metropolitana e camminare allaperto, sarebbero la perfetta generazione per un esodo stellare. Allaperto cera un po di nebbia, non abbastanza da offuscare la vista del Castello con il suo scintillante velo da sposa natalizio. Largo Cairoli abbastanza spazioso per alleviare la sensazione ansiosa tipica dei milanesi che vanno al lavoro e proverbiale in tutta Italia, ma era comunque pieno di gente, i negozi non erano ancora aperti e, a breve, Via Dante si sarebbe popolata di clienti con vistose buste di carta e pacchetti. anche bella la nebbia che, cos famosa nella Milano industriale, sparita nella Milano pubblicitaria, dove si vendono quote di societ cha vendono quello che altri hanno intenzione di produrre (sempre che le previsioni sul trend consentano una valutazione favorevole sul rientro degli investimenti). La nebbia ti costringe a vedere solo quello che hai vicino, a muoverti con circospezione quando attraversi la strada e attenua i suoni lontani, rendendo il presente protagonista della tua vita, proprio come dovrebbe essere quando non c la nebbia.

Ma quel giorno non cera nebbia abbastanza per queste sensazioni, ormai risalenti a rare occasioni di anni orsono. Lufficio non era ancora riscaldato del tutto , Stefi non cera e persino Wilma aveva appena appeso il cappotto blu scuro, che, indossato al buio sotto quei capelli neri lisci, dovevano renderla ben poco visibile, considerato che sopra le scarpe lucide a tacco 8 infilava sempre collant blu. Il saluto era formale, ma scaldato da quella complicit professionale di chi sfida il freddo per aprire lufficio dimostrando efficienza. Tra qualche giorno, come chiusura dellanno, avrebbe dovuto mostrare gli esiti delle operazioni di vendita, che senzaltro erano andati meglio di come la ditta avrebbe meritato, ma valeva comunque la pena di stendere una bella relazione annuale, che ricordava alla direzione generale come lui fosse degno della loro stima e fiducia, dimostrando di saper descrivere in modo lusinghiero unattivit riprovevole come vendere quote di fondi con garanzia di perdita. Quello era il giorno giusto per mettersi a prepararla e predispose tutto quello che serve per lavorare bene : scrivania pulita bottiglina dacqua aria nuova nellufficio musica di sottofondo. Archivio di musica classica nella cartella preferiti e Studi per Piano di Chopin Op. 10. Decisamente poco attinente alla personalit del deficiente di un paio di giorni prima, li aveva scaricati un annetto fa per non sentirsi troppo da meno di una sociologa appassionata di pianoforte. La aveva invidiata solo per la sua capacit di riconoscere i pezzi di musica classica e lo stile dei compositori. Dopo un paio di ore di clausura, mentre si destreggiava con vocaboli tipo : rischio di liquidit, switch, performance, asset location o benchmark, la Stefi, che era arrivata in orario ma dopo di lui, lo chiamava per un importante avviso. Visita di due dei direttori generali in agenzia. Due direttori generali che vengono in agenzia, le agenzie che vengono sotto di loro, nel loro ramo, sono almeno 50, e, per muoversi necessario che sia qualcosa di importante. Una promozione era da escludere, un licenziamento non si pu mai escludere, con i tempi che corrono, la visita era fissata per le 11, rimanevano ancora 40 minuti abbondanti per sistemare al meglio le energie. Soprabito color tabacco, ..Ragazze esco un momento, torno subito.., nebbiolina invernale, portone, a sinistra via San Giovanni sul muro, 200 metri, corso Magenta, Via Nirone, cartoleria 2 euro 3 candele, in offerta : Vaniglia bianco avorio, lampone lilla e rosa .. rosa. Portacandele e una pilot a sfera, un po cara ma scrive che una meraviglia, quando nuova la sfera corre sul foglio come una teen ager sui rollerblades e lascia una traccia pi nera del cooper black grassetto. Tornato quasi subito.. rientro in ufficio per preparare larrivo dei due boss inviati dal Chief Executive Officier per dire chiss che cosa. Cambio di musica, casse da 20 Watt collegate al pc, musica con canti nepalesi, tamburi e fiati, atteggiamento aggressivo e attenzione viva alle correnti energetiche della vita. Il Maestro non parlava, lui stava usando lintuito ..e andava alla grande! Ore 10.50, Stefi chiama : ..Dottore..? Il Dr. Gizzi sta salendo !... Fallo entrare, ti spiacerebbe, pi tardi andare al bar a ordinare qualcosa per gli ospiti ? ..grazie, allora poi ti faccio sapere.. La candela andava gi da 5 minuti, su uno scaffale riempito a met da libri di economia, libri di fotografie incantevoli di vari posti del mondo, una Bibbia, un fumetto erotico di Manara, Storia delle Alfa Romeo e insegnamenti di Don Juan 5, di Carlos Castaneda. Era quella al lampone la candela che era accesa, quella rosa, troppo femminile, quella alla vaniglia, troppo diffusa: lampone, gradevole e non troppo simile agli arbre magiques. Il dottor Gizzi era biondino, grassottello, sguardo vivace dietro ad occhialini squadrati, accostamenti tra cravatta pantaloni e camicia audaci ma gradevoli, persona sicura di se stessa. Laltro dottore, giovane, ben vestito, con unaria sufficientemente spenta per diventare un buon burocrate. Il Dr. Gizzi era ingegnere gestionale, con piglio da bocconiano laureato negli anni 80, quando quella Laurea era garanzia di successo e guadagni, dopo un saluto affabile, uno sguardo allufficio modesto,

introdusse limportanza degli utili dallazienda con un atteggiamento come : tu che sei giovane come me e gi di esperienza, mi puoi capire. Venne subito al punto, i fondi dellazienda erano prodotti validi, per cerano ancora troppi clienti attaccati allabitudine di ricordarsi le date di ingresso in una speculazione. Del resto, se ai fondi non veniva data fiducia, il numero degli acquisti pi basso di quanto atteso, non avrebbe consentito un decollo delle vendite e, data la qualit dei prodotti sarebbe stato un peccato sfruttare solo parzialmente loperato dei ricercatori che avevano composto con tanta raffinatezza quei prodotti studiati con cura per ogni tipologia di clientela. Al termine del sermone si gir verso il suo allievo, controllando se la sua esibizione dialettica era stata apprezzata. Eccome se lo era stata ! Il suo scudiero, pi che confermare sottomissione, guardava oltre la scrivania per infondere ammirazione per il genio gestionale espresso dal dr. Gizzi con tanta eleganza. Tanta eleganza per, laveva anche lui e il Maestro osservava rasserenato che il suo intervento non fosse stato necessario per tanto tempo. ..e io come posso contribuire a questa mancanza di sintonia tra il ricercatore ed il cliente? .. La sicurezza con cui aveva risposto a quella ostentata dal Dr. Gizzi, messa insieme grazie a tanti corsi di management conditi con seminari avanzati di programmazione neuro linguistica, aveva creato un po di imbarazzo perch largomento che seguiva era un po spinoso e sarebbe stato meglio proporlo a qualcuno che, a seguito del sermone si fosse dimostrato meno brillante. Il succo del successivo discorso espresso con meno retorica, era questo : bisognava abbassare i benchmark. Se si finge che ogni prodotto lanno scorso fosse ad un livello pi basso, si mostra al cliente una crescita che non c stata. Poich le istituzioni di controllo verificano il livello del marker di ogni prodotto solo sui valori dellagenzia centrale, ogni manager delle filiali poteva decidere a sua discrezione e sotto la sua responsabilit, di quanto abbassarli. Va da s che ogni prodotto risulta associato a valori diversi a seconda dellagenzia che lha venduto, ma i valori della sede centrale sono gli unici su cui lazienda si assume le responsabilit in caso di controllo. Esempio : Compro un fondo spendendo 9.000 euro e compro 1.000 quote, ogni quota 9 euro. Lanno scorso ogni quota valeva 9 euro e non ci sono state crescite. Ma se io abbasso il livello dellanno scorso a 8 euro e 2 ( 8,2 euro) posso fingere che ogni quota si a salita di quasi un euro con previsione di guadagni enormi. Se il cliente ricorda quanto aveva investito in quel fondo, posso giustificare il calo fittizio dei valori dellanno prima con la necessaria diminuzione di quota capitale dovuta alla commissione dentrata presentando il fondo come in crescita tanto che allo stato attuale ha gi recuperato la diminuzione dovuta alla commissione dentrata. Nella realt la commissione di entrata viene prelevata prima di acquistare i fondi ed con il capitale gi diminuito di tale commissione che si acquistano le quote del fondo, ma questo ovviamente si spera sia stato dimenticato dal cliente. 6 Con un eloquio fortemente ostacolato dal fatto che stava suggerendo al dipendente di commettere un reato e, sopraffatto dallimbarazzo causato dal timore che venisse pronunciata la frase : ..dottor Gizzi..quello che mi sta dicendo illegale!.., il dr. Gizzi termin. ..Bene, se il dottor Gizzi ha finito, direi che possiamo offrirvi qualcosa, lo ordino subito! Ingegnere cosa prende, cappuccio e brioche o cioccolata ? ..Dottore ?... Mettendosi al telefono, intanto che arrivavano le risposte, ..Wilma, ce la fai a portarci un caff dorzo tazza grande, due cappucci e due cornetti marmellata per favore ? ..molto gentile, grazie... Il dr. Gizzi era esausto, il discorso era lo stesso che faceva sempre, la posizione dellinterlocutore era anche pi bassa del solito, ma il fatto di non trovarsi di fronte il deficiente che gli era stato descritto dalla direzione generale, aveva reso il dr. Gizzi uno straccio. Mentre aspettavano i cappucci, cominci a sfogliare un catalogo della Viaggi del Ventaglio, con laria di un febbricitante che fruga nellarmadio delle medicine per cercare la tachipirina. Dopo che furono andati, rimase a riflettere, non era un incontro che poteva essere ignorato. Fregare i clienti era quasi la norma, anzi, dal momento che un cliente varcava la soglia, era gi pronto a rinunciare a parte dei suoi risparmi a favore dellazienda. Se una S.I.M. deve aspettare per guadagnare, che i propri titoli salgano, praticamente chiude prima di nascere, si fanno utili sulle commissioni, ma violare la Legge per fingere di avere guadagnato, era qualcosa di un po troppo audace. Serviva un consiglio : ..Cosa faccio?, Perdere il lavoro per rimanere un cittadino onesto non ci penso nemmeno ....

Non c bisogno di giungere a risoluzioni cos radicali non prendertela se ti mostro che anche nel tuo campo conosco qualcosa in pi di te, Sai come si diventa Dirigente dazienda?.... Bisogna essere conosciuti e dare garanzia di affidabilit.. ..Esatto e se nessuno vuole raccomandarti e garantire per te ?.. ..Suppongo che non si diventa dirigenti, ho colto ?... ..Non esattamente, trovano il modo di farti un test da cui si evinca che tu non sia capace di gestire le informazioni in tuo possesso, Nessuno ti mette in posizioni di responsabilit con informazioni potenzialmente pericolose senza essere sicuro che tu sia incapace di gestirle da solo.. .Cio devo essere stupido ?.. e tutti i master e i voti alti alla laurea ?. La Laurea Cum Laude non garantisce che tu sia intelligente, garantisce che tu sia sufficientemente predisposto allobbedienza da riuscire per tutto il corso di studi ad assecondare i desideri e le aspettative che i docenti hanno sul tuo comportamento... Ma, tra tutti i laureati com laude, ci sono anche quelli che un carattere spiccato celhanno, o mi sbaglio?. Per quello ci sono i test! Proprio per impedire lacceso a posizioni di eccessivo rilievo, proprio a quelli con un carattere spiccato... Queste cose non le sapevo proprio, ma non vedo lattinenza con quello che potrei fare io.. Sono Dirigenti, sono stupidi! Loro vogliono che abbassi i benchmark per dimostrare che c stata una crescita, abbassare i benchmark vietato, tu dagli solo laumento percentuale... Apr il file di excel dove sulla prima colonna cerano i titoli, per ogni titolo che occupava una riga, nelle altre colonne il valore di ogni quota, il controvalore dei pacchetti, con sconti in relazione al numero acquistato giusto per rendere pi difficile avere un idea chiara, lequivalente delle quote in relazione allassorbimento delle commissioni di ingresso e infine, laumento percentuale ad oggi dal mark dellanno passato. A dare quel valore era una formula, non si scappava, e i valori erano tutti negativi o compresi, i migliori, tra lo 0% e l 1%. Abbassare i valori di riferimento dellanno prima, avrebbe peggiorato di molto i rendimenti dellanno precedente, ma migliorato molto quelli attuali. Non si poteva fare, allora annull la formula su quella colonna e mise valori percentuali positivi ad occhio, di modo che un cliente attento, vedendo che i valori di riferimento erano stabili o scesi, si sarebbe accorto che non poteva esserci una crescita del 4.7%. In Direzione invece, sapendo che ogni filiale fingendo di aver fatto di testa sua per non compromettere lazienda, avrebbero guardato solo se i responsabili di marketing fossero riusciti a far risultare positivi dei livelli di crescita scarsi, senza chiedersi come e senza stupirsi se le percentuali erano differenti da una filiale allaltra. Tanto bastava, secondo loro, per vendere a degli sprovveduti come i risparmiatori italiani. A tutti i prodotti fu inserito il loro bravo tasso di crescita percentuale, quasi con il gusto di scrivere qualcosa di incoerente con i valori delle caselle immediatamente a fianco e sperando che i clienti se ne sarebbero accorti. Se fossero calate le vendite sarebbe stata colpa dei venditori, che da lui non potevano certo pretendere un azione illegale, anzi non potevano chiedere di meglio, per un fondo che aveva guadagnato un misero 0.19%, che poter esibire un superbo 5.2%, messo a caso sulla colonna appropriata. Dopo aver concluso, chiam le telefoniste nel suo ufficio, le rese partecipi della proposta della direzione, al solo scopo di non tenerle completamente alloscuro nel caso qualcosa fosse andato storto e le rassicur che per quello che si sarebbe fatto in tal senso, la responsabilit sarebbe stata soltanto sua. Era un colloquio breve perch le telefoniste dovevano tornare dietro il bancone,il telefono avrebbe squillato a vuoto altrimenti. Subito fuori dallufficio, E cambiato il dottor Mattei.. disse Stefi, E vero! disse Wilma senza nessuna fretta di approfondire largomento. Quando chiam, per proporre alle ragazze di mangiare insieme, Wilma era gi organizzata con un amica, cui non poteva proporre linserimento di un intruso e Stefi rispose : ..io per so gi dove andare, se le pu andar bene qualcosa di speciale la posso portare... ..Basta che non sia grasso o fritture cinesi.. Stia tranquillo, alluna allora!.

Erano gi due giorni che non guardava la posta, pazzesco, ed infatti ce ne era parecchia, ma osservando bene, erano quasi tutte risposte a mail poco significative, mandate da lui ad amici e amiche, di posta vera non ce ne era mica tanta. I suoi contatti sui network per incontri, non avevano dato un gran riscontro, poche risposte e tutte piuttosto banali, non difficile rendersi conto che molte delle relazioni instaurate, se vengono valutate al netto degli interessi sessuali e degli altri scopi e secondi fini, potrebbero essere sicuramente abbandonate. Tutte le risposte alle sue precedenti mail finirono, dopo una rapida lettura, nel cestino senza ulteriori repliche. In nessuno di quei messaggi cera qualcosa che contenesse una relazione tra chi scriveva e il presente e, quindi, secondo le definizioni di chi compie ricerca spirituale, erano tutte inutili, tempo perso con chi non nato per avere qualcosa a che vedere con il tuo percorso, avrebbe detto il Maestro. Stefi si era gi vestita, anche buttare via due giorni di mail inutili, se hai lo scrupolo di aspettare di averle aperte per dar loro un occhiata, porta via del tempo, Wilma era gi scesa, e lui scese senza abbottonare il soprabito arriv al portone e poi si rese conto che linverno milanese, se non c sole, non perdona, e non era il caso di fare il figo. -Dove andiamo? Qual il posto speciale?. Guarda che molto speciale, ma non tutti sono in grado di apprezzare. !., butt l Stefi per inibire eventuali critiche. E un centro culturale dove cucinano seguendo i principi dei Veda, non rilevando cenni di comprensione, Stefi prosegu sperando di riscuotere maggior successo, s, seguono una alimentazione in accordo con gli insegnamenti di Krishna ... ..e tu segui gli insegnamenti di Krishna? interrog, in po desideroso di trovare qualcuno che fosse in grado di ascoltare senza pregiudizi alcuni cenni sulla situazione che lui stava vivendo in quei giorni. Veramente non li seguo, cio, quando sono in quel posto l, li seguo, ma dalle altre parti direi che non ho ancora cominciato niente carne, pesce, caff, altri eccitanti, niente consumi di alcolici in eccesso, soprattutto niente fumo ... Sar difficile seguirli adesso che arriva il Natale, con tutti i pranzi e le cene connesse. Non mi parlare del Natale!. Stefi aveva un odio viscerale per le feste, mentre percorreva Via Dante e il cielo di coprofanie (decorazioni di escrementi) volgeva al termine, laver toccato largomento e vedere le vetrine addobbate gettava benzina sul fuoco. E una festa falsa, le persone che non thanno mai cagato per tutto lanno, si sentono in dovere di farti un regalo, ma siccome non se ne fregano niente di te, ti regalano roba inutile, scintillante e inutile, magari anche molto personale e le devi anche ringraziare, e magari anche ricambiare per non parlare delle iniziative benefiche di raccolta fondi.. In che senso?. Nel senso che persone viscide, che di solito rubano o imbrogliano per vivere, chiamano dei personaggi dello spettacolo per convincere gli spettatori o i telespettatori, che stanno raccogliendo soldi per salvare dei bambini africani da chiss quale epidemia. Poi, quando hanno raccolto uno o due milioni di euro, non che gli danno da mangiare, o fanno dei pozzi per dargli lacqua, No, gli fanno 10.000 iniezioni usando dei vaccini che in Europa sono diventati fuorilegge perche li hanno preparati con il mercurio .. o altre porcherie del genere, come il vaccino e le cure per lA.I.D.S. e chiss cosaltro ...7 Scusa ma tu come fai a dire queste cose ?. .. Un anno ho fatto la contabilit in una iniziativa di quelle l, tailleur rosso, cartellino sul petto, badge di accesso agli studi tv, grandi strette di mano .. ho lavorato come una somara per una settimana, le mie ferie di Natale, come volontaria, gratis, hai capito ? Io gratis, e quel cocainomane del [ noto presentatore ] si preso 600 mila euro, e noi sceme a sorridere gratis, perch stavamo salvando i bambini negri!. E anche prima ti dava fastidio, il Natale?. Prima di meno, perch ero pi deficiente. Ma guarda che coincidenza, pens, e disse: anchio prima ero pi deficiente, e continu pensando per troppo poco che sto cercando di non esserlo, forse meglio che smetto qui senza approfondire. Ma Stefi, dopo aver aspettato buoni venti secondi per vedere se la frase continuava, incalz ..prima di cosa?.

Prima di accorgermi che sto buttando via la vita a fare cose che non mi interessano, per per ora sono ancora un neofita principiante non deficiente... Erano gi in piazza San Sepolcro, davanti al Commissariato, in mezzo a tutte le auto parcheggiate con ordine, ma troppo abbondanti in numero per quella Piazza, una Volante aveva le portiere aperte, i due poliziotti, appena scesi, facevano scendere un ragazzo in giacca e cravatta, sbarbato carnagione scura, come fu a terra si mise in piedi, approfittando dellimpermeabile inscen una postura austera, cercando di nascondere le manette che aveva ai polsi, e avviandosi in modo deciso verso il portone del palazzo. Sembrava volesse mostrare che, essendo lui una brava persona, la Legge ci avrebbe messo poco a ridargli la libert. Il suo ottimismo era probabilmente suffragato dal fatto che la statistica sulle condanne per i reati contro il patrimonio, a Milano, tra le pi favorevoli (al reo) di tutto il pianeta. Uno dei poliziotti si accorse che larrestato stava recitando e si gir per cercare chi lo osservava, vedendo la coppia che transitava imboccando Via Valpetrosa. Lingresso del Centro Govinda era modesto, una porta da cui si intravedeva una piccola ma variopinta anticamera, con una piccola scrivania, allesterno si vedeva la scritta che indicava la presenza del locale, ma non era un posto che poteva essere trovato senza andarci di proposito. Luscio risuon di campanellini mentre si apriva e Stefi, quasi contemporaneamente al custode salut dicendo Hare Krishna!. Il custode, un uomo dallet indefinibile, aveva occhi piccoli dentro un viso rotondo, seppur di piccola corporatura, emanava una grande sensazione di conoscere il motivo per cui stava al mondo. La sua affabilit era un po frenata dallimbarazzo di dover chiedere al nuovo ospite di compilare la tessera di socio, pratica che comunque fu evasa in 3 minuti. Il profumo di un incenso delicato diffondeva nellingresso mescolandosi a quello delle vivande, peraltro molto insolito rispetto a quello delle altre cucine orientali. Il custode ringrazi e Stefi fece un paio di passi verso la sala. La sala era un locale rinascimentale, con due colonne in granito in fondo alla sala e volte ad archi, i tavoli erano grandi, forse ottagonali, con molte sedie, dove gli ospiti si sarebbero seduti accanto a commensali gi seduti. Sul fondo della sala, appoggiato al muro accanto alle finestre che lasciavano intravedere un cortile a chiostro, troneggiava un altare dedicato a figure che non era facile intendere se fossero umane o divine, rappresentative di quel culto. Stefi scelse due posti verso il muro, la sala era abbastanza piena, e gli altri commensali avevano laria di conoscersi tutti, almeno di vista, e tutti conoscevano le cameriere, tutte vestite con abbigliamento indiano a tinte molto delicate. Decise di lavarsi le mani, saggio proposito perch, se vero che le energie delle persone esistono, quelle dellingegner Gizzi, cui aveva dato la mano dovevano essere parecchio immonde, non voleva portarsele a tavola. Il bagno era letteralmente in cantina. Una scala ripidissima conduceva in un antico sotterraneo con muri in mattoni rossi, l cerano altri tavoli, il bagno, naturalmente, ma soprattutto un vero e proprio tempio con altare dedicato alla statua di Chaitaniya Mahaprabu, emanazione profetica di Krishna, fondatore della loro tradizione, con le braccia alzate verso lalto. La statua era in porcellana lucidissima, vestita con tessuti molto raffinati a tinte vivaci, non tanto per la statua, o forse anche, nella cantina vibrava un atmosfera di assoluta quiete che letteralmente invitava a sedersi in raccoglimento indipendentemente dal particolare credo praticato. Mentre tornava alla sala, non poteva ritrarsi dal pensare ..strane cose succedono ..ma dove ho vissuto fino ad adesso?. Stefi aveva gi ordinato, senza aspettarlo, tanto il men era uguale per tutti, sette ciottoline disposte lungo il bordo di un vassoio tondo, con il dolce in mezzo. A partire dallinsalata, il pranzo contemplava riso, zuppa, verdure cotte e cereali in diverse salse .. tutto senza carne, spezie piccanti, aglio, cipolla, pesce. Vedi, il cibo studiato per nutrirti senza agitare in te lenergia della passione e dellignoranza spiegava Stefi, con una pazienza cos inattesa dopo lo sfogo sullincoerenza del Natale. Ma io, parecchio che non sono agitato dalla passione .. Beh, la passione che intendono loro quella che ti fa decidere le cose in preda allurgenza di soddisfare i sensi ed i desideri.. di solito ti mette nelle rogne...

In quel momento si ricord di una delle ragazze dellanno prima, conosciuta su meetic e scelta per un paio di foto ose in cui la poveretta mostrava immagini di se in reggiseno e perizoma, omettendo di esibire il viso per questioni di privacy, ma anche perch molto meno appetibile del suo corpo procace. Era proprio quello il tipo di rogna causata dal desiderio, doversi trarre dimpaccio dallincontro con questa ragazza imbarazzata dalla sua timidezza, aumentata dal pensiero che il suo interlocutore conosceva gi di lei quello che di solito si mostra eventualmente alla fine. S, vero che la passione senza giudizio ti mette nei guai, come il sentimento senza controllo, la seconda frase non mia, ma non ricordo di chi ... Il pasto era molto rinvigorente e la bevanda, quel giorno preparata con mela e limone, sarebbe stata perfetta in primavera, ma era gradita anche quella volta. Al termine, la cameriera chiese se desideravano qualche bis. Era rimasta meno gente ed il custode, evidentemente pi libero, venne a sedersi accanto a Stefi, chiedendo per a lui: .. Sei gi stato qui altre volte? .. vedi, il cibo che serviamo qui cibo in virt, preparato invocando il Signore Krishna e contiene la Sua energia, se ti nutri di Krishna e offri a Krishna tutto ci che fai la tua vita assumer un significato.. Ma come faccio a offrirgli qualcosa se non so neanche chi ?. Ma tu non devi sapere chi perch lui dentro ogni creatura, tu continua a fare tutto quello che facevi prima, ma offrilo a Krishna, offri a Lui i godimenti dei frutti delle tue azioni e in questo mondo non sarai pi soggetto alle conseguenze del karma passato.. Il piccolo custode non mentiva, quando diceva di essere in pace spirituale, il suo amore per la manifestazione del Signore in cui credeva era autentico, ma forse, come primo incontro poteva bastare. Bast infatti, perch dopo un attimo, giunse un ragazzo, un suo amico dai capelli scomposti, laria infantile e un agitatissimo entusiasmo, che aveva lavorato come percussionista per Enrico Ruggeri. I discorsi musicali rapirono il custode che, curiosamente, faceva concerti rock come chitarrista, rock spirituale con testi ad argomento mistico. Il mondo fuori da internet veramente stravagante .. ma dove sono stato fino ad adesso ?. In tutto questo, Stefi non si rendeva conto del subbuglio che aveva involontariamente causato al suo responsabile di marketing. Per fortuna non erano i venditori ad aver fatto quella serie di esperienze, avrebbero dovuto cambiare lavoro subito dopo. La cassa era nellanticamera, allingresso, dove ora sedeva una bella donna di media statura, cui let aveva consolidato una tranquillit matura ma anche un efficace senso pratico. Accorgendosi del viso nuovo, chiese, con una voce sottile : Vi piaciuto? Se vi interessa qualche libro... Tra i capelli, una ciocca completamente bianca, accompagnava la tempia partendo dalla fronte e dal centro della testa, verso il punto in cui si raccoglieva con gli altri capelli e donava un senso di eleganza, tanto che non si capiva se fosse un simbolo religioso o solo un accorgimento estetico. Propose di comprare qualche incenso, aprendo qualche scatolina. Quasi per giustificare lentusiasmo di prenderne tre scatole disse: Questi sono proprio necessari per fare un po di pulizia dopo la visita del dottor Gizzi.8 Ripresero la via dellufficio camminando energicamente, lui ricaricato dal pasto e dalla nuova dose di insegnamenti, lei gongolante per essere stata compresa sulla scelta del luogo frequentato. Rientravano in ufficio alle 14.40, Wilma stava gi lavorando, anche una persona riservata come lei aveva un modo delicato di dire Dove eravate finiti?, salutando con la mano destra mentre la sinistra reggeva il telefono, guardava i due che rientravano da sotto le sopracciglia nere. Quando Stefi le fu seduta di fianco, in un momento di pausa dalle telefonate, le chiese : Il dottore ha gradito ?. Beh, sai che non me lo ha detto ? Per era molto interessato alla filosofia degli Hare Krishna, alla fine ha anche preso degli incensi.. Non avrei mai scommesso una cosa del genere, chiuse laconica Wilma che, essendo abituata a parlare poco, pesava i termini risultando incisiva. Chiss perch il ritorno a casa era talmente rapido che non si ricordava cosa succedeva durante il viaggio.
4 Questa respirazione, una volta padroneggiata, innesca la secrezione delle endorfine, stata sviluppata dallautore.

5 Il titolo originale del libro A scuola dalla stregone, un testo che sviluppa il tema degli stati di coscienza alterata, cui il protagonista accede anche con lutilizzo di sostanze psicotrope inserite in rituali sciamanici. 6 Per approfondire questa ed altre tecniche poco trasparenti, procuratevi il libro di Gianluigi De Marchi sopra la banca il bancario campa, sotto la banca il cliente crepa, contiene cose che decisamente alla facolt di economia non spiegano. In questo racconto per, gli artifizi della ditta in questione, sono stati in parte inventati. 7 Le inchieste che possono suffragare finte iniziative umanitarie sono innumerevoli, basta digitare sui siti non allineati il nome di una qualsiasi delle fondazioni regine del farmaco, per quanto riguarda il mercurio digitare tiomersal 8 Secondo la tradizione spiritualistica quando un ambiente contaminato da energie immonde, il bruciare erbe aromatiche per produrre fumi fragranti allontana le presenze fastidiose e prepara lambiente per la preghiera, nel mondo fisico tale attivit esercita unazione antisettica.

Il Tazzi
Era a casa e voleva trarre vantaggio dalla serata, da una parte avrebbe voluto socializzare o incontrare qualcuno con cui condividere il cambiamento, dallaltra, sapeva che pochi dei suoi amici avrebbero compreso che non lo stava facendo giusto per trombarsi qualche fanatica della New Age. Aveva riportato a casa le due candele avanzate e i pacchetti di incensi e decise che poteva usarli e provare a ripetere la respirazione che aveva gi praticato. Dopo essersi lavato e messo i vestiti comodi, prima di riuscire a sistemarsi per bene . Squillo del cellulare, la suoneria ..pazza inter amala !.., riusc a non farsi invadere dallimbarazzo perch era solo, suonerie da tifoso non ti danno una qualificazione culturale lusinghiera, - dovr sceglierne un'altra appena posso. In compenso, la suoneria, era vagamente profetica del livello spirituale di chi stava chiamando .. ciao tazzi !.. Come ti butta ? ... Davide Tazzelli era la tipica persona capace di rallegrarsi per te, senza essere invidioso, di tutte le conquiste fatte grazie al Web, e non avrebbe mai criticato il fatto che ti fossi concesso un amplesso in pi, con qualche lurida anche senza provare niente. Magari un giorno sei troppo vecchio perch ci stia anche una che un cesso, e non te la perdoni mai di non esserti scopato la cessa !. Questo riassumeva la sua filosofia di vita. Per lui, una buona conquista era una che in foto veniva bene, con un fisico troppo giusto, e non esisteva il fatto che emozionalmente non ti desse vibrazione: se una bella topa, bello anche il sesso .. e devi farle anche qualche foto nuda cos ti ricordi di quando te la sei fatta !. Sarebbe stato un bellesempio di persona sopraffatta dalla passione e dallignoranza, per dirla con le parole del custode del centro Govinda, ma era anche simpatico e di poche pretese come amico. Weh Ale, ci facciamo un paio di birre da me ? Ho comprato una cassa di Eku 28 e una di Bonne Esperance, ci stai dentro ?!. Guarda.. son qui tranquillo che mi sono gi lavato, ci stai a venir tu da me ? Ci vediamo un film di quelli giusti . Dai arrivo !. Cos gli erano rimasti 15-20 minuti e voleva usarli bene, candelina sul tavolino basso del salotto e accensione dellincenso, schiena dritta e sguardo basso sulla candela gli occhi si chiusero dopo pochi secondi, la respirazione stava gi facendo effetto dopo meno di mezzo minuto .. sent un senso di ovattamento sulla nuca e come se la testa si allontanasse dal divano, sentiva comunque il sedere sulle caviglie e la testa che si allontanava .. come una giraffa che diventava un grattacielo a 30 piani .. ora il corpo non aveva pi posizione nella sua saletta camera, occupava un crocevia di dimensioni diverse ognuna per un diverso grado di maturazione coscienziale, qualunque cosa ci potesse voler dire nel mondo da cui proveniva .. dopo un periodo indefinito senza i consueti contatti sensoriali e limpressione di essere pi affine alle nuvole che agli umani, un senso di urgenza lo riport nella saletta, e poco dopo suon il citofono. Bella l Ale ! Tieni le birre .. chai qualcosa da mangiarci insieme, che se no sono un po forti da bere a digiuno .. Guarda, ho un po di schiacciatine alle olive e crocchette, se vuoi ce le mangiamo con un po di salmone . Bella storia.. lo sapevo che ci stavi troppo dentro !... Davide era un amico di palestra e, curiosamente, per il profilo descritto fin ora, giocava molto bene a scacchi.

Come andata con la Sonia ?. Sonia ?! Ah, si ! Siamo usciti lultima volta un paio di settimane fa prima faceva la vaga e diceva che non era sicura, poi ha ammesso che le piace un tipo delluniversit, se dovesse andarle buca con quello, sicuramente mi messaggia, ma non credo che avr voglia di aspettare lei... Ale, cos sto odore ? disse Davide versando le birre, ..stavi aspettando qualcuna ? Cio, non menartela, se devo lasciarvi soli .. telo ! Senza scrupoli fratello ! .. Cio se ne aspettavi due era meglio ma se sola.. vai tranqui che smammo !. Non ti preoccupare non c nessuno e non ho sentito nessuno... E lincenso ? .. Hai deciso di diventare buddista ?. In effetti ho deciso di fare solo le cose che mi interessano, mi sono accorto che la maggior parte delle cose che facevo non le avevo decise io, ero abituato a farle perch le fanno tutti, sperando che mi piacessero, e cos quando riuscivo a farle.. certe volte non mi davano soddisfazione .. un po come se mi avessero imbrogliato. .. Ma .. sei Gay ?.. Cio, scusa se te lo chiedo , ma laltro mese mha chiamato mia zia che scopre che mio cugino gay cio, sai che menata ? Avevano gi preso la casa per andare a convivere con la tipa .. cio, ti immagini la botta per mia zia ?. Ma anche con le tipe, non che non mi piace, ma non ero pi capace di sapere se una tipa mi piace o no e .. anche le altre cose.. mi dici cosa ci stai a fare su facebook due ore a parlare a monosillabi a dire cagate, e dopo sei esattamente come prima, ma hai buttato via due ore!. In che senso come prima, ovvio che sei come prima! Come cazzo devi essere?. In questi giorni mi sono capitate cose.. che dopo sei diverso, vedi le cose in un altro modo, non capisci come facevano a piacerti alcune situazioni, poi ci pensi bene, e non che ti piacessero .. ci sono esperienze che ti fanno crescere, capisci che c un senso .. . Sai che parli come la sorella del Giuli ? Quella che stata in Turchia a fare volontariato coi curdi .. tornata che dice cose come le tue ... ..Magari me la fai conoscere... ..Contento tu ! Non cha un filo di tette .. cio, di viso anche carina, assomiglia a Claudia Gerini, per troppo smilza ... Prima della seconda birra scelse un dvd che aspettava loccasione giusta per vedere, Phenomenon, con John Travolta, che piacque molto anche al Tazzi, senza troppe pretese di capirlo. 9 Oh, Ale, mi sembra che sei strano, non andartene in sbattimento che la depressione una brutta roba, se non stai bene chiamami che ci facciamo un last minute a Bangkok, che vedrai che dopo due giorni ti ripigli! Buonanotte Tazzi, grazie della visita, porta i miei saluti alla sorella del Giuli. Vai facile fratello, come gi fatto!.
9 Phenomenon 1996, con John Travolta, nel ruolo di un artigiano che, colpito da un fulmine, sviluppa una malformazione al cervello che gli consente di percepire la struttura dellesistente oltre ogni facolt conosciuta.

Sabato solitario
Era Sabato mattina, il venerd sera sen era andato nello stesso modo in cui sen erano andati almeno altri 30 o 40 venerd sera degli ultimi 24 mesi. Erano quei venerd sera in cui non cera ne una partita di calcetto, n una sfida sui Mokart di Cinisello n un torneo di bowling e allora ci si perdeva in un pub in sei o sette, tre dei quali con le fidanzate, tiratissime, quasi da ultimo dellanno, eccezzion fatta per le minigonne, che per capodanno sono pi lunghe .. per anche con la solita gente non era stato sto grande spasso. Non che fosse noiosa la compagnia, non riusciva pi a sopportare di stare in un posto dove non ci fosse crescita per lui, la sensazione, pur non avendo nessuna aspettativa dalla serata, era simile a quella di quando si va ad una cena di amici col solo scopo di incontrare una ragazza, che poi arriva accompagnata e non ci si riesce a spiegare a cosa serva rimanere l. Comunque era passato e ora era sabato mattina. Lauto era rimasta parcheggiata in una strada a fondo cieco tra Viale Ercole Marelli e lo scalo di Milano Greco. Dalle grandi nevicate non era ancora stata mossa, non cera quindi la certezza aritmetica che sarebbe partita, e invece, dandole il tempo di scaldare le candelette, part senza fare una piega a dispetto dei meno 4 e dei venti giorni di abbandono completo.

Imbocc viale Sarca fino a Sesto zona stadio, al semaforo del parco Nord, gi illuminato dal un sole pallido non ancora offuscato dalle scie chimiche, che spesso danno una tregua nei week end, gir a destra vedendo di sfuggita il bianco che ricopriva alberi e collina del grande parco, era un bianco opaco che evidenziava che, a dare quella tinta, era brina e non neve. Viaggi senza cambiare strada n direzione meno di un ora di macchina, per poi uscire dalla statale a quattro corsie subito dopo la comparsa dei laghi di Annone e Oggiono e arrampicarsi prima un paio di minuti in macchina e poi a piedi. Camminava senza idea di dove arrivare, dopo essersi abituato alla fatica di camminare in salita respirando aria gelida, man mano che sentiva affievolirsi il rumore delle auto che percorrevano la statale. Dopo mezzora di cammino, non molto quindi, si gir verso la valle, una foschia polverosa e umida dinverno, impediva di mettere a fuoco le costruzioni e tutti gli oggetti del fondo valle che si erano ormai ridotti alle dimensioni di modellini chiss se a Dio piace il modellismo. Si vedeva per il lago gelato e disegni concentrici demarcavano i successivi stadi di congelamento, avvenuti in giornate diverse. Il lago a fianco, gelato anchesso, rifletteva il sole delle 11.00, basso com a dicembre e perci rendeva tutto il ghiaccio del lago una superficie lucente. Questo riverbero illuminava tutte le nuvole di nebbia che ammantavano dal basso la Brianza, permettendo solo alle cime di quei collinotti scuri, di avanzare oltre le nebbie, brillanti di luce propria. Tutto questo, come un osservazione dallalto, rimaneva per staccato, completamente sotto il controllo di uno sguardo attento senza relazioni con chi era nella valle. Invece, il silenzio che lo circondava aveva diverse componenti: cera il sibilo della solitudine conquistata grazie al sacrificio della fuga dalla citt e il rombo sommesso della civilt, che manifesta la sua presenza protestando per le contraddizioni del mondo e del sistema. Ma anche quella voce, cos simile allintricato e laborioso operato dei nostri pensieri, sembrava avere sempre meno influenza mano a mano che si saliva. Decise allora di salire abbastanza da non sentirlo pi quel brontolio, o almeno che fosse meno significativo del suono della solitudine. Dopo un'altra mezzora abbondante di sentiero stretto di pietre e ciottoli lungo il crinale, che sulla destra aveva un pendio in fondo a cui un piccolo torrente faceva sentire la sua voce modesta, torn ad essere in una zona abbastanza soleggiata per potersi sedere. Intorno, lerba giallastra aspettava il ritorno della primavera e, qua e l, i bucaneve davano il meglio di loro stessi, mostrando la loro forza proprio nella stagione fredda. Nelle zone di terra pi umide, le impronte di qualche animale, muflone o camoscio che fosse, erano il segno che finalmente era giunto in una parte di mondo dove le convenzioni, consuete e fastidiose per chi vuole crescere ed evolversi, non erano pi in vigore. Cera un sasso con una superficie piatta quasi orizzontale, il giusto pendio per sedersi appoggiando gli scarponcini pi in basso delle anche, sullerba, con le gambe leggermente incrociate ed il busto rivolto verso la valle, il sole e la civilt, lontana, che ormai aveva rinunciato a cercare di attirare la sua attenzione. Il suono del silenzio era ovunque, padrone dellaria intorno a lui, era un modo di mostrarsi della stessa energia che consente alle forme di manifestare un corpo. Tutto era collegato a quel suono vibrante del silenzio della montagna e, ogni albero, ogni ciottolo che rotolava, ogni filo derba brucato dai mufloni erano tutti in contatto con quel suono e chi lo sentiva poteva anche rendersi partecipe di tutte queste cose, anche se non poteva distinguerle luna dallaltra. Quando, dopo essersi ripreso dalla fatica della salita, la respirazione si regolarizz, decise di appoggiarsi a quel silenzio e, respirando in modo sempre pi lento, lasci che la vibrazione entrasse da dietro le orecchie .. il suono scese dietro la nuca, per il collo e verso la schiena, come a comporre un etereo vestito interno, che teneva pi caldo di quelli fisici. Lenergia di cui il suono era composto, comunicava con laria che avvolgeva le montagne in quello strano mezzogiorno di dicembre, le altre persone che salivano la montagna erano piccolissimi ed insignificanti ospiti della cui natura umana, in quella esperienza di coscienza alterata, non era pi consapevole. Indubbiamente si sentiva pi montagna che uomo, anzi, del fatto che il suo corpo fosse seduto su un sasso col viso al sole, non si ricordava per niente, n sentiva che gli altri camminatori, pi in alto di lui sul monte, avevano un corpo come il suo.

Questa sensazione di scarsa identificazione con il corpo, si alternava a tratti con nebulose percezioni di malessere corporeo, forse riferito alle difficolt del mondo e forse a suoi traumi del passato che riemergevano da un inconscio, che in quel momento si ritrovava inaspettatamente senza costrizioni. Non cera una parte razionale attiva a descrivere questo stato ma la sensazione era di espansione allesterno delle cose che di solito, stavano sepolte nelle profondit interiori. Questa volta le sofferenze, non le pi cupe, quelle medie che prendevano forma intorno a lui come nuvole e cespugli foschi e polverosi, recinti di muri poco consistenti ma comunque impenetrabili, circondavano la sua coscienza creativa impedendole una libera espressione e una comunicazione con le altre coscienze. Erano questi muri che vedeva adesso ad impedirgli una vita libera, o era la societ costrittiva con le sue rigide consuetudini e le strutture professionali, che assumeva quella forma nella sua mente? Anche la percezione della montagna era divenuta inaccessibile, per lopera di queste fosche nebulose di materiale psichico, risultato dai fastidi in cui aveva annaspato per tanto tempo. Mescolate a questi fumi pastosi, comparivano immagini di persone a lui conosciute e a lui accomunate dalla stessa angoscia, erano i volti reali o erano i simboli del sentimento di costrizione che lui aveva patito negli anni .. anche se conosceva quei visi, non era in grado di capire a chi associarli, come se i nomi e le immagini facessero parte di mondi diversi. In un momento cominci a domandarsi chi lui fosse, come in un effetto cinematografico, le nubi scure si dissolsero e la successiva immagine descriveva ci che lui stava vedendo da dentro il suo corpo normale. Lultima parte di esperienza non ordinaria gli aveva lasciato un po di amaro e nono voleva rimanere con quella sensazione. Decise allora di riprendere la respirazione che conosceva, ma non riusc ad alterare il suo stato di coscienza. Per lamplificazione percettiva delle cose che aveva intorno ripristinarono quello stato di convinzione e sicurezza che gli facevano apprezzare il momento in cui viveva. Si rialz in piedi, era gi passata unora e mezza e, trattandosi di Dicembre, poteva essere gi il momento giusto per ritornare, prima che scendesse il freddo. Mentre camminava in discesa sul sentiero sassoso concentrato sui passi, alcuni volti che prima erano comparsi mescolati alle nubi intrise di una densa e angosciosa foschia, furono associati a dei nomi. Uno era quello di Stefi. Verso valle, i laghi gelati, privi di riverbero, erano diventati grigi. Sulla lingua di terra che li divideva nel tratto pi vicino alla Statale, alcune persone si erano avventurate a giocare sul ghiaccio, quello era uno dei punti in cui si accedeva direttamente sul lago, dalle altre parti il lago di Annone era circondato dai canneti. Mentre tornava si rese conto che in tutta la sua passeggiata, in salita ed in discesa, non aveva ancora incontrato nessuno. Nemmeno il telefono era squillato ed era dalla sera prima che non pronunciava una parola, c sicuramente qualcosa di magico nel silenzio, soprattutto se non viene corrotto da un eccesso di pensieri sbagliati, e quella volta non cenerano stati. Se le circostanze glie lo avessero permesso avrebbe terminato la giornata nel silenzio, rispondendo al massimo alle telefonate con messaggi telefonici, ma non serv, perch nessuno tent di interrompere il suo raccoglimento interiore.

Stefi e il seminario di psicologia


Giunse il luned, nella notte si era reso conto che il personaggio che lui interpretava in molti dei suoi sogni era diventato molto pi consapevole di quanto non lo fosse solo poco tempo prima. Senza che ci fosse bisogno di sfuggire ad alcunch, il suo corpo allinterno del sogno, poteva essere spinto dalla sua volont al punto di volare a velocit prodigiose sfiorando il terreno o tra i palazzi di una citt o verso le colline, sentendo il suo corpo sibilare nellaria quando cambiava direzione per infilarsi sotto i ponti o a pelo dacqua. In quel mondo per, volare non era un prodigio straordinario, solo, rispetto agli abitanti normali dei suoi sogni, lui era considerato uno che pu volare.

A tratti, lui si rendeva conto di non essere nel solito mondo e si chiedeva se questa se questa sua acquisita capacit di volare avrebbe potuto essere spostata nella vita ordinaria. Appena sveglio i ricordi del sogno erano ancora freschi e il Maestro parl, erano un paio di giorni che non lo sentiva, sapeva per che avrebbe parlato in caso di necessit. I sogni sono illusione senza contributo della parte logica dellego, in quello che consideri stato di veglia, lemersione dellinconscio pi rara ma entrambi gli stati sono illusione, il confine non cos netto come sembra a te .. ti dico queste cose per esortarti a tenere presente quello che impari nei sogni anche quando sei sveglio. Molti sono i passaggi da una dimensione allaltra sia durante il sonno che durante la veglia, ma a certi livelli impari pi cose spirituali quando dormi o quando mediti, quindi, se ti rimane in mente qualcosa non buttare tutto alle ortiche. Erano le quattro e mezza e, anche con la doccia, la respirazione e la colazione arriv alle sei e mezza, era troppo presto per uscire, si addorment ancora sul divano, ascoltando Chopin per quasi un ora. Prima di addormentarsi cerc di rientrare nello stato semi ipnotico tipico della meditazione, rallentando i respiri e facendo quello che poteva per innescare i processi espiratori lenti anche se era sdraiato. Dopo qualche minuto la musica non passava pi attraverso i sistemi di decodifica, di solito usati per i suoni, e si trasformava in panorama. Stagni pittoreschi dentro a giardini liberty, fiori e farfalle che danzavano in mezzo a peschi e magnolie ricoperti dei petali di primavera, tutto questo prendeva forma dal trasformarsi della musica di Chopin, che a volte assumeva le sembianze di una fiaba raccontata senza capo n coda per ritrasformarsi di nuovo in paesaggio. Lui non sapeva abbastanza di musica e di meditazione per dare un significato a queste situazioni psichiche , non sapeva nemmeno che proprio questa sua ignoranza lo metteva al riparo dal volerle classificare e ripetere, situazione che avrebbe impedito che si verificassero. Anche dopo questo sonno arriv in ufficio prima di tutti, si chiuse in ufficio per inviare ai suoi superiori i famosi resoconti che avrebbero dovuto ricordare allazienda che lui conosceva i trucchi del mestiere ed era sufficientemente disonesto da poter essere considerato dei loro. Dopo un oretta di questo lavoro, strano come si riesca a ritagliare sempre del tempo per se stessi, quando lenergia buona, si mise a cercare sul web qualcosa di attinente alle perturbazioni dellenergia psichica a seguito dei condizionamenti ricevuti, trov una specie di corso on line denominato lo sfidante, che approfondisce gli studi della tradizione tolteca sui parassiti che dirigono le attivit psichiche, inducendo lospitante a produrre pensieri che generano emozioni fastidiose, della cui energia il parassita si nutre.10 Estremamente interessante, ma troppo lungo per poter essere guardato con calma durante il lavoro, tre ore e quaranta. Tra un attivit e laltra, dalla porta socchiusa dellufficio, sentiva le telefoniste, anzi sentiva Stefi che raccontava qualcosa di spiacevole a Wilma, sempre misurata nei discorsi, ma che sembrava pi coinvolta del solito. Quando fu il momento di scambiarsi informazioni professionali, Stefi present sul suo viso una stanchezza e una delusione che non erano assolutamente tipici del suo carattere, gli occhi erano rossi e le labbra rigide per trattenere emozioni che le causavano rabbia e angoscia. Con una scusa la invit in ufficio, i venditori non cerano, Wilma, con ogni possibilit sapeva gi tutto, chiudere la porta non era necessario e avrebbe imposto una intimit che non sarebbe stata ben accetta, forse. Ma i preamboli non furono necessari per avere una certa confidenza, al primo accenno di richiesta se ci fosse qualche problema, Stefi scoppi in lacrime. Lacrime che le impedivano di essere sciolta nel parlare. Dopo qualche secondo, Stefi inghiott e cerc di cominciare un discorso che, dallatteggiamento del viso sembrava dover essere abbastanza complesso, per poter far capire quale fosse il problema. Singhiozzi. Singhiozzi e singhiozzi ogni volta che cercava di aprire bocca. .Siediti Stefi, disse lui allungando con disinvoltura un pacchetto di fazzoletti di carta dopo averlo aperto. Stefi stava ancora singhiozzando, senza avere detto ancora nulla, quando si sent la porta dellingresso che si apriva, un venditore era rientrato e aveva salutato Wilma.

Velocemente si alz e chiuse la porta del suo ufficio, adesso un po pi di riservatezza serviva, tornando verso la sua poltrona chiese se fosse successo qualcosa a qualcuno, Stefi fece cenno di no col capo mentre si soffiava il naso. Sarebbe stato pi delicato avere una sedia accanto a quella dove stava seduta Stefi, piuttosto che rimanere separati dalla scrivania, ma non cera pi quella dove cera seduto lassistente del Dr. Gizzi. Intanto, almeno, non era morto nessuno, senza conoscere nulla di psicologia, seguendo lintuito, fece qualcosa che consent alla paziente di interrompere la corrente emotiva che la stava travolgendo e inser una distrazione. ..Stef, adesso accendo una candela ..cos miglioriamo le energie .. non c bisogno che mi dici adesso, non abbiamo fretta..., pens che, dopo tutto quel piangere a Stefi avrebbe potuto venire sete e cerc un bicchiere pulito, ma non serv, finalmente Stefi riusc a pronunciare le prime parole: altro che energie.. una bomba mi servirebbe.. da mettere sotto il culo a mio cognato .. mia sorella aveva chiesto un finanziamento per comprare la smart tre anni fa che non era fidanzata ancora e quel deficiente . Era evidente che mentre raccontava le tornava qualche pensiero che scatenava il risentimento, il discorso le si chiudeva in gola e ridava il via alle lacrime: .. quel deficiente di mio cognato .. quando sono andati a vivere insieme hanno preso il frigorifero duemila euro di frigorifero, che fa anche il ghiaccio, a rate hanno saltato due rate del finanziamento della smart, due anni fa .. quel deficiente, e anche quella imbecille di mia sorella... I singhiozzi erano ripresi, sembrava che prima di capirci qualcosa sarebbe stata lunga, ma era cos, quando ci si avventura sul percorso spirituale, capita spesso di trovarsi nella posizione di confidente. Una volta cerano i guru per questo, coloro che disperdono le altrui tenebre, consentendo loro di vedere chiaro nella propria psiche obnubilata.11 Per dire quel poco che aveva detto, le erano serviti cinque minuti buoni, tra un pianto e laltro, Stefi era una di quelle persone che, anche se piangono raramente, non riescono a parlare mentre piangono. Anche se la situazione sembrava essere gi stata descritta, non si vedeva il nesso tra le rate non pagate, il suo sgradito cognato e la rabbia di Stefi, perch tanto rancore per la sorella che non aveva pagato le rate ? Tua sorella ti ha chiesto di aiutarla?, chiese lui cercando di trovare quel nesso, Non mi ha detto niente, quella scema, niente ! lei se ne frega degli altri , quella scema, lei e quel deficiente con cui fa coppia. In un attimo di lucidit Stefi si accorse che il suo capo non capiva, e che in effetti al racconto mancava qualcosa di fondamentale. Nel minuto che segu prov tre volte a cominciare a parlare, ma il pianto resisteva allassedio e ricacciava le parole nella gola, fino gi allo stomaco, e tirarle fuori diventava ogni volta pi difficile ..Quella deficiente ..egoista, bambina viziata, ha usato il mio nome per la garanzia del prestito e poi salta le rate ... Ancora singhiozzi, venerd sono stata in banca per chiedere di cambiare il conto corrente e mi hanno richiamato sul cellulare per dirmi che sono stata interdetta alle operazioni di credito bancario tra le more e le penali devo dargli tremila e 900 euro entro tre mesi per farmi cancellare dal registro dei cattivi pagatori. Questa frase era riuscita a dirla tutta intera, ma al prezzo di altri singhiozzi subito dopo, per tre minuti abbondanti, proprio lei, che era cos attenta a non dare di s un opinione meno che positiva. Gli sarebbe piaciuto confortarla con un abbraccio, ma non si conoscevano ancora cos bene .. e poi sul lavoro, sembra anomalo, anche se con lui si era lasciata andare un po di pi. Mi spiace tanto Stefi, vuoi andare a casa?, lei scosse il capo, sicura che rimanere da sola senza distrazioni da quel problema sarebbe sicuramente stato peggio. Allora, senti, fammi fare un paio di telefonate che ti faccio sapere se posso aiutarti in qualche modo, se non ti dispiace... ..ma io non volevo disturbarti non volevo parlarne, ma mi viene una rabbia! ..una rabbia, che non riesco a ... Non ci pensare proprio, disse lui sperando di rallentare la cascata di lacrime, lasciami da solo che faccio un paio di telefonate e ti faccio sapere entro mezzora.. Stefi non piangeva di dolore o di delusione, piangeva di rabbia, rabbia perch non poteva prendersela con quella sorella minore irresponsabile e perch non poteva dare una lezione al cognato immaturo ed egoista, che per giocare decine di schedine superenalotto, tris, totip, gratta e vinci e scommesse combinate

varie, i soldi, presi dal suo stipendio di cassintegrato, non se li faceva mancare, mentre per pagare le rate dellauto comprata dalla moglie prima che lui ci fosse Effettivamente, cera motivo di farsi il sangue cattivo, cosa che per avrebbe solo peggiorato le cose senza permettere a Stefi di essere abbastanza lucida da risolvere il guaio. Una cosa per era rimasta, non ostante la rabbia, Stefi era una bravissima comunicatrice, aveva un po troppa dirittura morale per poter fare la venditrice, ma se avesse potuto piazzare prodotti davvero validi avrebbe avuto un successone. Certo, vendere fondi dinvestimento che si classificavano al confine tra il cattivo affare e la truffa le suscitava un certo ribrezzo, per cui occuparsi dei clienti per telefono era un modo di sfruttare, seppur in piccola misura, le sue doti di comunicatrice. Di questa dote erano al corrente sia lui che il Maestro, con cui stava aspettando di comunicare appena rimasto solo in ufficio. Organizza un seminario di Psicologia! gli disse la voce appena fu solo, grazie alla scusa delle telefonate, lo chiamerai : CHI TI STA FACENDO DEL MALE, dalla Autoanalisi ad un nuovo stile di vita, tenuto dal Dr. Alessandro Mattei, praticante di filosofia e psicologia del profondo. Per prepararti a parlare in pubblico, farai un ritiro di una settimana di cui due giorni in ufficio e cinque di isolamento, manca circa un mese e mezzo, i tempi sono giusti se partite subito!. Senza obiezioni, sicuro che il maestro stesse parlando con cognizione di causa, chiam Stefi e per comunicarle il progetto, assegnandole i compiti come se fossero attinenti al lavoro, riscosse il consenso di lei, che, da sola non si sarebbe mai imbarcata in unavventura organizzativa del genere. Primo passo, trovare il posto. La ricerca si svilupp sul web, dopo un lavoro molto metodico, valutando costi e dimensioni delle sale e, poi le telefonate per contattare chi gestiva le sale, ci si orient verso il teatro della Cooperativa Edificatrice Niguarda, capace di contenere oltre 150 posti, ma libero per quel week end di febbraio. Per il costo del biglietto erano orientati sui 14 euro, in modo che tolte le tasse varie potessero avere una decina di euro di utile a biglietto. Ambiziosissimo il proposito di permettere al pubblico di seguire anche un giorno alla volta, col rischio che gli insoddisfatti avrebbero evitato di seguire i due giorni successivi. Stefi cominci a chiamare i centri dove si pratica yoga e tutti i centri benessere offrendo loro un diritto di prevendita per i tre biglietti dellintero seminario. Tre euro per ogni biglietto venduto, incredibilmente proprio dai centri benessere pi alla moda la proposta fu accettata con entusiasmo, anche se nei week end, i loro clienti di solito lasciano Milano. Il primo week end di febbraio, dal venerd sera alla domenica, due ore per il venerd, due cicli di due ore il sabato pomeriggio e sera a uno per la domenica mattina. Stefi aveva cominciato gi da subito le sue ricerche sul Web, per individuare tutte le associazioni a cui avrebbe potuto interessare un seminario di quel tipo e ne individu un bel po. Questa attivit le era necessaria perch le permetteva di non farsi venire il magone, dovuto alla delusione che la sorella le aveva dato e per convertire la rabbia verso il cognato egoista in qualcosa di creativo. Riusciva curiosamente a mettere a fuoco il lavoro che stava facendo anche interrompendolo spesso, per le telefonate connesse allufficio e, per fortuna, nei primi mesi dellanno il lavoro di contatto con i clienti diminuiva al punto che lorganizzazione del seminario poteva essere seguito senza scaricare troppi contatti su Wilma, che, a suo modo e immersa nella sua consueta e proverbiale discrezione faceva la sua parte sobbarcandosi le telefonate verso lufficio quando Stefi era in piena attivit nelle risposte e nei solleciti di risposte di adesione dei centri benessere. Certo, se un centro sente che la segreteria organizzativa di un evento chiama con pi voci, attribuisce allevento una maggiore importanza e maggior fascino, se le telefoniste sono brave e, per dare a Cesare quel che di Cesare entrambe lo erano. Dopo un paio di giorni, Stefi, parlando come se fossero in ritardo su qualcosa di importante, si affacci allufficio dicendo: dobbiamo fare il volantino da inviare via Web alle palestre, ai centri benessere e alle associazioni studentesche.. Come se lidea fosse pronta da un po e gi in fase di realizzazione, rispose: ..Brava Stefi!.. Allora scarica dal Web 3 o 4 fotografie di nebulose e buchi neri, poi scarica un po di disegni di Folon dove c un uomo in piedi da solo. La scritta .Chi ti sta facendo del male la fai in Arial Black, allineamento centrato, corpo 32 scrivendo del Male a capo, corpo 36, sempre centrato, invece le altre

didascalie le fai sempre centrate in Cooper Black corpo 22, i programmi delle giornate li fai allineati su tre colonne e metti : Venerd : presentazione ed introduzione alla psicologia del profondo Sabato : la ricerca del s e i falsi percorsi di autorealizzazione Domenica : i processi parassitari e gli esempi pratici degli stili di vita liberati. Metti un contatto web per le informazioni e decidi tu gli orari che ti sembrano pi consoni. Quelluomo era una montagna di sorprese, sembrava che avesse fatto volantini di presentazione tutti i giorni, e in un minuto aveva pensato ad un volantino che avrebbe potuto andare bene anche cos, senza altri ritocchi. Restava solo da scegliere lo sfondo tra quelli che erano stati da lui suggeriti, ma era meno influente essendo le tre scelte abbastanza simili nello stile. Prima ancora di sedersi al suo pc, Stefi pens che era necessario inviare ai centri benessere un profilo del relatore, si riaffacci allufficio: Doc, cominci a pensare un profilo del relatore... Questalternanza tre il discorso con il lei e il tu era divertente, rispetto al lei imposto dalla sede aziendale, e menzionato addirittura nel contratto di lavoro, e al tu che si usava per i discorsi che riguardavano emozioni e situazioni pi intime, il misto lei tu sembrava suonare come : se ci si capisce a livello emotivo, possiamo usare la forma che vogliamo senza regole. Il profilo del relatore fu pensato senza riferirsi alla lunghezza cronologica dellesperienza di vita spirituale, che era cortissima e non poteva essere oggetto di vanto, era degradante confessare di aver cambiato stile di vita negli ultimi 15 giorni.
Prima di avere esperienze di coscienza alterata e contatti con le dimensioni superiori, il Dr.Mattei era immerso nella mediocrit della vita di tutti i giorni. Sopraffatto dal sistema si illudeva di rendersi speciale collezionando relazioni occasionali contattate sui social network. Dopo aver primeggiato per diversi mesi nei tornei di PlayStation e giochi di ruolo, grazie allintervento di un amico ha invertito questo percorso di degenerazione interiore, decidendo di rivolgere alla parte pi intima di se stesso tutte quelle attenzioni che prima aveva rivolto a cose inutili. Ha approfondito le degenerazioni psichiche che pongono un disturbo al ritmo respiratorio e alla possibilit di una vita serena, ricevendo, da dimensioni meno compromesse con lidentificazione corporea, i metodi che consentono la reversibilit dei processi involutivi ed autodistruttivi.

Volantino e profilo del relatore erano pronti, cera anche un indirizzo a cui chiedere eventuali informazioni pi puntuali, magari per decifrare il linguaggio del profilo del relatore, ostico ai non avvezzi alla speculazione filosofica, era il momento per una pausa. Per chi naviga su un percorso spirituale, quando il momento per fare una cosa, il momento e basta, salut le ragazze e, dimenticandosi dei venditori, prese al volo il soprabito e lo infil mentre scendeva le scale diretto al Bar Olimpia. Il proprietario era occupato, non si accorse nemmeno del suo ingresso, cerano invece due poliziotti in divisa antisommossa, uno era quello che, la volta che aveva incontrato la cubana, parlava del volantino scritto in giapponese. Ora che non era distratto dalla cubana e dal vedi non vedi del colletto fru fru della sua camicia bianca, ebbe modo di osservare meglio i due poliziotti. Quello anziano, sui quaranta, taglio di capelli tipo marine, aveva un volto magro, naso e ossa pronunciate, occhi un po meno bovini di quelli di Jean Ren, bocca sottile e un pizzetto molto curato, lo sguardo era fermo e maturo e anche il tono della voce, per quanto molto tranquillo e socievole aveva un ch di energico da cui si intuiva non ci fosse molto spazio per obiezioni a quello di cui stava parlando, e infatti, laltro, obiezioni non ne faceva, ascoltava invece con estremo interesse largomento, intervenendo con naturalezza e competenza per chiedere conferme o riferire sue esperienze personali attinenti al discorso. Erano entrambi alti almeno un metro e 85, snelli e molto atletici, nessun dubbio che fossero ben allenati entrambi, forse proprio per via del reparto di cui indossavano la divisa. Il pi giovane, aveva un aspetto meno curato, barba incolta, occhi azzurrissimi e un atteggiamento molto cinematografico, stile Alessandro Gassman o Raul Bova nei film in cui ricoprono quel ruolo. Per nel suo caso era molto spontaneo, per niente impostato sulla divisa. Dopo qualche minuto che li ascoltava, riusc finalmente a decifrare largomento, che con latteggiamento dei poliziotti dei film non centrava nulla.

Stavano parlando di ricerca interiore, quello anziano, in particolare, stava contestando i principi della Programmazione Neuro Linguistica, secondo cui, la padronanza dei segnali inconsapevolmente emessi da un corpo, consentirebbe la decodifica dello stato emotivo dellinterlocutore. Il celerino con la barba curata, alla P.N.L., contrapponeva invece una attivit di raccoglimento grazie alla quale la percezione del proprio stato interiore, consente di percepire senza errore anche lo stato intimo altrui. Si introdusse nel discorso dei due uomini in uniforme. Sai, anche io mi occupo di questo tipo di ricerche ?... Ti trovi con quello di cui stavo parlando ? ripose quello anziano senza convenevoli, come se si conoscessero da anni. Si scambiarono qualche considerazione sulla respirazione, il poliziotto giovane era al secondo anno di un corso per istruttori di yoga, laltro trattava ogni argomento con tale confidenza e sicurezza da sembrare presuntuoso. Il fatto che stesse percorrendo una via spirituale, gli impediva di essere prevenuto, se invece lo fosse stato, avrebbe pensato che era improbabile che uno specialista antisommossa conoscesse davvero i percorsi di autorealizzazione pi diffusi in Europa e in India, chiss se stava bluffando. Il pi giovane invece si dimostr molto interessato al seminario in programma per febbraio, si appunt gli estremi e promise di farlo sapere anche nella facolt che frequentava. Strani poliziotti, decisamente da quando sono su questa via, il mondo non smette di meravigliarmi!. Vedrai il resto !, disse il Maestro confermando con quella frase che quello era il modo giusto di percorrere il mondo. I preparativi febbrili e il lavoro da affrontare in modo sempre meno consono alla visione corrente, stavano dando anche a Wilma il pretesto per mettere un po di entusiasmo nello studio di come una visione non condizionata, consente una vita in modo completo. Come sempre, Wilma non commentava, ma ogni tanto azzardava alcune citazioni senza dire dove le aveva prese e che sempre pi spesso avevano uno sfondo ironico. Stefi, stai facendo un grande lavoro per questo seminario, ti interesserebbe praticare qualcosa anche su te stessa?. Veramente, sto gi facendo qualcosa su me stessa.., Stefi andava al Govinda qualche volta in pi del suo capo, e non lasciava passare sera senza studiare qualche pagina della Bhagavad Gita. Per, non riusciva a far passare le cose che imparava, dalle nozioni allo spirito e al comportamento, che tutto sommato il problema di quasi tutti, anche di chi le insegna. Per quel tipo di sviluppo, certo, non avere una guida spirituale che comunica con un'altra dimensione, rallenta moltissimo il percorso e pu causare anche un sacco di errori di percorso, ma, come si sa, la volont aiuta tantissimo a procedere lungo la via. A Stefi, mancava un po la disciplina, del resto non era avvezza a doversi difendere da un mondo avverso. Se hai tempo di ascoltarla, ti faccio una spiegazione registrata su file audio, poi provi a respirare in quel modo l e mi dici se ti trovi bene... Quella fu la prima lezione di respirazione, anche se preparata su formato digitale per un allievo assente, ma, di aver avuto quellonore, Stefi non lo seppe mai. Una delle prime mail di richiesta informazioni sul seminario allindirizzo di posta preparato appositamente per levento, fu proprio quella di Luca, il poliziotto giovane del bar Olimpia, assetato di conoscenze e alle prese con il problema di districarsi, con tutte le informazioni relative alle varie discipline che stava aveva approfondito negli ultimi anni. Accumulava informazioni che, nellultimo periodo, provenivano dai corsi di yoga, dalluniversit e dalla gnosi. E, per non tradire appunto la sua sete, chiedeva se cera del materiale consigliato sul web o qualche dispensa introduttiva in formato pdf. Stefi e Wilma tenevano i contatti e, ogni tanto, si divertivano ad inventarsi risposte sibilline che contribuissero a dare al loro capo un alone di mistero, ma a domande cos puntuali, come quelle che faceva Luca, non si sentivano di rispondere senza indicazioni del capo.

Lindicazione che dovevano tenere presente fu che il materiale era inedito e sarebbe stato disponibile solo al seminario, alle altre domande puntuali si sarebbe data risposta, in modo da rendere pubblica ogni informazione, su una pagina che si apriva da una finestra nel volantino di presentazione. Nella prima settimana, cerano solo tre richieste, Wilma invent altre 12 richieste in modo da simulare un maggior numero di visite. Dopo 15 giorni di bombardamento a tappeto di tutti i siti di :centri benessere, centri massaggi, scuole di lingue, scuole di cucina, ballo da sala, salsa e merengue, arti marziali, religioni orientali, centri gnostici, scuole di pittura, scultura, taglio e cucito, estetica, associazioni culturali, e di volontariato, le richieste cominciavano ad arrivare. Un centro termale di Monticello Brianza chiese del materiale informativo promettendo 30 adesioni se il seminario avesse trattato anche largomento il rapporto della donna con il suo corpo. Venne risposto che conviene prima conoscere il lato oscuro di se stessi, prima di suggerire alla donna di identificarsi con il suo corpo, sano o malato che fosse. Questo ridusse le loro adesioni a 9, ma erano comunque parecchie. Subito dopo le feste, le prenotazioni erano gi a 60, qualcuna anche da fuori regione, ma le prevendite rimanevano nella dozzina, intanto si profilava la necessit di preparare del materiale audiovisivo da distribuire a chi avesse partecipato ad una sola delle giornate. Una delle prime cose fatte, fu un collage di brani di film famosi in cui, nascosti nella trama, ci sono insegnamenti iniziatici, di approfondimento interiore. Il tutto fu condito da sottotitoli per rendere un po pi incisivo il messaggio, generalmente inserito senza essere evidente al grande pubblico. Erano abbastanza gradevoli da guardare e furono messi su U tube, in modo da renderli accessibili con un link dal volantino.. si chiamavano Perla primissima e perla seconda. Nel tempo che intanto passava, si present uno studente di scienze politiche che si offr di fare prevendita, chiedendo il 30% sulle vendite. Era una buona partenza, commercialmente parlando, anche se lattivit di P.R. non ha nulla a che vedere con lo spirito. A questo si aggiunse il contributo del Maestro, che per bocca del relatore innesc una crescita di coscienza nel povero studente, dopo che ebbe la brillante idea di chiedere al relatore un incontro privato. Una bella mattina di pioggia dei primi giorni di gennaio, tale Silvano Maiocchi, si present allufficio del Dr. Mattei. Porta chiusa, lo studente aveva un atteggiamento tipico di chi, abbastanza consapevole degli sforzi fatti, della propria cultura e della padronanza maturata grazie ad essi, desidera che tale perizia gli sia riconosciuta. Dalla bocca del Dr. Mattei, il Maestro produsse un elenco abbastanza dettagliato dei fallimenti che il povero Maiocchi aveva collezionato, al termine del quale gli venne chiesto : Lo sai che quello che cerchi nella vita non si pu trovare nel mondo intorno a te?. Tanto bast per dare al Maiocchi limpressione che non stava vendendo biglietti, in realt vendeva possibilit di accesso ad un progetto di evoluzione universale.
10 Lo_Sfidante Sul sito di marenectaris. Un documentario che approfondisce come la mente di superficie viene gestita a beneficio di meccanismi psichici parassitari che sopravvivono proprio grazie alla cessione di energia del soggetto che prova emozioni frammentative, tipicamente sentimenti spiacevoli. 11 Guru In sanscrito tra i vari significati, vuol dire : che disperde le tenebre, il pianeta Giove, in sanscrito Guru, in effetti lunico che emette pi energia di quanta non ne riceva dal sole.

Interessi correlati