Sei sulla pagina 1di 63

G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.

3 - 30 Aprile 2007

A-1






DISPENSE
DI
ELETTRONICA INDUSTRIALE

PARTE A



Giuseppe Capuano



G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-2
Indice
1. CONCETTI GENERALI E TERMINOLOGIA DEI SISTEMI DI MISURA E
CONTROLLO......................................................................................................................5
2. AMPLIFICATORI OPERAZIONALI..............................................................................7
2.1 Amplificatore Operazionale Ideale e configurazioni Fondamentali ................................. 8
2.1.1 Amplificatore invertente .................................................................................................. 9
2.1.2 Amplificatore non-invertente......................................................................................... 10
2.1.3 Linseguitore di tensione................................................................................................ 11
2.2 Parametri caratteristici dellamplificatore operazionale reale........................................ 12
2.2.1 Tensione di offset........................................................................................................... 12
2.2.1.1 Errori causati da Vos.................................................................................................. 13
2.2.2 Correnti di bias............................................................................................................... 13
2.2.2.1 Errori causati da Ibias e Ios........................................................................................ 15
2.2.2.2 Compensazione dellerrore globale di sbilanciamento .............................................. 17
2.2.3 Tensione di modo comune e CMRR.............................................................................. 19
2.3 Precisione dellamplificatore operazionale retroazionato................................................ 21
2.3.1 Configurazione non invertente....................................................................................... 21
2.3.2 Configurazione invertente.............................................................................................. 23
2.3.3 Dimensionamento dei resistori....................................................................................... 24
2.4 Alimentazione, output swing e PSRR................................................................................. 25
2.5 Risposta in frequenza........................................................................................................... 26
2.5.1 Slew rate......................................................................................................................... 29
2.5.2 Settling time ................................................................................................................... 30
2.6 Stabilit e Compensazione in frequenza............................................................................ 32
2.6.1 Retroazione Negativa..................................................................................................... 32
2.6.1.1 Vantaggi della retroazione negativa........................................................................... 35
2.6.2 Stabilit .......................................................................................................................... 36
2.6.3 Tecniche di compensazione ........................................................................................... 38
3. CIRCUITI LINEARI CON AMPLIFICATORI OPERAZIONALI ...................................41
3.1 Amplificatore sommatore.................................................................................................... 41
3.2 Amplificatore differenziale.................................................................................................. 42
3.3 Amplificatore per strumentazione...................................................................................... 49
3.4 Integratore ............................................................................................................................ 51
3.4.1 Configurazione ideale .................................................................................................... 51
3.5 Generatori di tensioni e correnti di riferimento................................................................ 54
3.5.1 Generatori di tensioni di riferimento a diodo zener ....................................................... 55
3.5.2 Generatori di correnti di riferimento.............................................................................. 58
G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-3
3.6 Convertitori tensione-corrente e corrente-tensione.......................................................... 60
3.6.1 Esempio di convertitori tensione corrente e corrente - tensione................................. 61
3.6.1.1 Trasmettitore 4-20mA................................................................................................ 61
3.6.1.2 Ricevitore 4-20mA..................................................................................................... 62

Indice delle Figure
Fig. 1 - Funzioni e flusso dei dati in un sistema di misura .................................................................. 5
Fig. 2 Sistema di Controllo di Processo............................................................................................ 6
Fig. 3 - Simbolo dellamplificatore operazionale e circuito equivalente............................................. 7
Fig. 4 - Circuito equivalente dellamplificatore operazionale ideale................................................... 9
Fig. 5 - Amplificatore operazionale invertente .................................................................................... 9
Fig. 6 - Amplificatore operazionale non invertente ........................................................................... 10
Fig. 7 - Inseguitore di tensione........................................................................................................... 11
Fig. 8 - Amplificatore reale schematizzato come un amplificatore operazionale privo di offset ...... 12
Fig. 9 Circuito per la determinazione sperimentale della tensione di offset................................... 12
Fig. 10 - Configurazione per la valutazione dellerrore causato da V
os
............................................. 13
Fig. 11 - Schema semplificato dell'aplificatore operazionale 741 ..................................................... 14
Fig. 12 - Correnti di bias .................................................................................................................... 14
Fig. 13 - Configurazione per la valutazione degli errori causati da Ibias e Ios ................................ 15
Fig. 14 - Impiego della rete di compensazione interna...................................................................... 18
Fig. 15 - Impiego di una rete di compensazione esterna.................................................................... 19
Fig. 16 - Amplificatore operazionale sottoposto ad una tensione di modo comune.......................... 20
Fig. 17a - Configurazione non invertente rimuovendo la condizione di corto circuito virtuale........ 21
Fig. 18b - Configurazione invertente rimuovendo la condizione di corto circuito virtuale............... 23
Fig. 19 - Risposta in frequenza dellamplificatore operazionale A741........................................... 26
Fig. 20 - Configurazione non invertente e sua risposta in frequenza................................................. 29
Fig. 21 - Esempio di distorsione da SR.............................................................................................. 30
Fig. 22 - Tempo di assestamento ts.................................................................................................... 31
Fig. 23 - Schema a blocchi di un sistema a retroazione negativa ..................................................... 32
Fig. 24a - La configurazione non invertente come sistema a retroazione negativa........................... 33
Fig. 25b - La configurazione invertente come sistema a retroazione negativa.................................. 34
Fig. 26 - Caratteristica di tensione ad anello aperto (sinistra) ed anello chiuso (destra) ................... 36
Fig. 27 - Schema a blocchi generale di un sistema retroazionato negativamente............................. 36
Fig. 28 - Caratteristica di tensione ad anello aperto........................................................................... 37
Fig. 29 - Risposte a loop aperto di un amplificatore internamente compensato (sinistra) e di un
amplificatore non compensato (destra) ...................................................................................... 38
Fig. 30 - Compensazione in frequenza per riduzione del guadagno danello aperto......................... 39
Fig. 31 - Compensazione per ritardo dingresso................................................................................ 40
Fig. 32 - Compensazione mediante polo dominante.......................................................................... 40
Fig. 33 - Amplificatore Sommatore ................................................................................................... 41
Fig. 34 - Amplificatore Differenziale ................................................................................................ 42
Fig. 35 - Instrumentation amplifier .................................................................................................... 49
Fig. 36 - Integratore in Configurazione ideale................................................................................... 51
Fig. 37 - Integratore in Configurazione reale Soluzione A................................................................. 51
Fig. 38 - Integratore in Configurazione reale Soluzione B................................................................. 53
Fig. 39 - Circuito equivalente della Soluzione B a frequenze di impiego elevate............................. 53
Fig. 40 - Caratteristica I-V generatori di tensione (a) e corrente (b) ................................................. 54
Fig. 41 - Caratteristica diodo zener (a) e circuito applicativo di base (b).......................................... 55
Fig. 42 - Generatore di tensione di riferimento basato su LM385 e amplificatore operazionale ...... 57
Fig. 43 - Generatore di tensione di riferimento autoregolato............................................................. 58
Fig. 44 - Generatore di corrente di riferimento.................................................................................. 59
G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-4
Fig. 45 - Convertitori tensione-corrente invertente e non invertente con carico flottante................. 60
Fig. 46 - Convertitore tensione-corrente invertente con carico a massa............................................ 60
Fig. 47 - Stadio di ingresso di un trasmettitore 4-20mA.................................................................... 61
Fig. 48 - Trasmettitore 4-20 mA....................................................................................................... 62
Fig. 49 - Ricevitore 4-20mA............................................................................................................. 63

Bibliografia di riferimento :
Sergio Franco, Amplificatori Operazionali e Circuiti Integrati Analogici, Hoepli Editore 1992
Ramon Pallas-Areny / John G. Webster,Sensors and Signal Conditioning, John Wiley & Sons
2001
Analog Devices, Linear Design Seminar, Analog Devices, Inc 1995



G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-5

1. Concetti generali e terminologia dei Sistemi di Misura e Controllo

Un sistema una combinazione di elementi diversi interconnessi allo scopo di raggiungere un determinato obiettivo.
Gli elementi possono essere singoli dispositivi (elettrici, elettronici, meccanici, etc..), o impianti (insiemi di apparati,
macchine, collegamenti elettrici, idraulici, etcc.) collegati in qualche modo alla materia, allinformazione, allenergia,
facendo s che essi subiscano un processo (trasformazione, elaborazione, etc..).
Lobiettivo pu essere il controllo della traiettoria o dellassetto di un veicolo spaziale, il monitoraggio di un processo
(ad esempio la misura del liquido contenuto in un serbatoio), il controllo di un processo chimico, etc..
La funzione del sistema di misura essenzialmente quella di ottenere le informazioni necessarie attraverso limpiego
di opportuni sensori e circuiti elettronici per il condizionamento e lacquisizione dei segnali di misura; i dati di misura
devono essere acquisiti in forma compatta ed affidabile in modo da essere adatti per essere registrati, trasmessi,
elaborati.
In un sistema di misura non previsto alcun intervento automatico sul fenomeno/processo in osservazione; i dati
acquisiti dopo un processing digitale preliminare per effettuare eventuali processi di filtraggio, conversione
ingegneristica, formattazione, etc. possono essere immediatamente presentati allutente, trasmessi, o memorizzati su
un dispositivo di memoria non volatile per una elaborazione successiva pi complessa e relativa alla specifica
applicazione. Le funzioni ed il flusso dei dati in un sistema di misura sono mostrate in Fig. 1.
Control analog Functions
Isolating gain scaling
filtering linearization
Addressing
enable
Sample&Hold
Convert Command
Status
HandShake
Digital Output
to Storage transmission
further processing
INPUT
TRANSDUCERS
ANALOG
SIGNAL
CONDITIONING
ANALOG
MULTIPLEX
SAMPLE
&
HOLD
A-D
CONVERSION
PROCESSOR

Fig. 1 - Funzioni e flusso dei dati in un sistema di misura


Il primo stadio, costituito da elettronica analogica di precisione ha lo scopo di effettuare un condizionamento dei
segnali analogici, provenienti dai trasduttori in modo tale che essi possano essere sottoposti con il minor errore
possibile alle successive operazioni presenti nella catena di acquisizione. Il primo stadio seguito da un Multiplexer
analogico a divisione di tempo che convoglia le uscite dei diversi canali di condizionamento secondo una certa
sequenza. L'uscita del multiplexer collegata ad un organo di campionamento e tenuta Sample&Hold che
"fotografa" l'uscita del multiplexer ad istanti predefiniti, mantenendo la sua uscita costante a tale valore per tutto il
tempo necessario al convertitore Analogico/Digitale per operare la conversione numerica del segnale.
G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-6
Allinterno della catena presente un processore digitale che oltre ad effettuare elaborazioni sui segnali viene
impiegato per controllare tutte le funzioni svolte dai componenti il sistema di misura ed acquisizione dati. Alla fine di
tale catena si ha pertanto la rappresentazione digitale desiderata dei segnali analogici forniti dai sensori.
In un sistema di controllo di processo lobiettivo primario assicurare che linsieme delle operazioni, costituenti il
processo, si svolga in modo predefinito, anche al variare delle condizioni ambientali o di parametri interni al processo
e questo pu essere ottenuto solo se si interviene sul processo; i dati acquisiti costituiscono i segnali di feedback
provenienti dal processo e sono elaborati in tempo reale dal controllore di processo che ha il compito di generare i
segnali di attuazione necessari ad ottenere per il processo landamento desiderato. Lacquisizione dei segnali di
feedback effettuata dal blocco acquisizione dati richiede, ovviamente, limplementazione di funzioni analoghe a
quelle presenti in un sistema di misura. Nella Fig. 2 riportato lo schema a blocchi di un sistema di controllo di
processo digitale.
Il controllore digitale riceve in ingresso gli obiettivi di controllo (ad esempio da un operatore attraverso una tastiera)
ed i dati relativi alle grandezze fisiche misurate dai sensori di feedback, e fornisce in uscita dati digitali in grado di
implementare le necessarie azioni di controllo. Infatti i dati di uscita del controllore digitale, vengono tipicamente
applicati ad un blocco di conversione D/A (digitale-analogico) i cui segnali vengono poi applicati agli attuatori di
potenza che agiscono sulle grandezze fisiche che controllano il processo.

Obiettivi di
Controllo
CONTROLLORE
DIGITALE
CONVERSIONE
D/A
ATTUATORI
DI
POTENZA
PROCESSO
SENSORI/
TRASDUTTORI
ACQUISIZIONE
DATI

Fig. 2 Sistema di Controllo di Processo


G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-7

2. Amplificatori Operazionali

Lamplificatore operazionale un circuito integrato che viene utilizzato come componente generale
per la costituzione di circuiti elettronici analogici per le pi svariate applicazioni.
Il termine amplificatore operazionale stato coniato negli anni 40 per definire uno speciale tipo
di amplificatore che, impiegato in circuiti elettronici con specifiche configurazioni e componenti
addizionali, pu essere utilizzato per eseguire una variet di operazioni, come la somma, la
differenza, la moltiplicazione, derivazione, la integrazione.
I primi amplificatori operazionali furono realizzati con tubi termoionici (chiamati anche valvole) ed
impiegati inizialmente per la realizzazione di calcolatori analogici. Il primo amplificatore
operazionale a circuito integrato fu costruito nei primi anni 60 dalla Fairchild.
La figura che segue mostra il simbolo dellamplificatore operazionale. Il terminale di ingresso con il
segno positivo chiamato ingresso non-invertente mentre quello con il segno negativo chiamato
ingresso invertente.



Fig. 3 - Simbolo dellamplificatore operazionale e circuito equivalente


La differenza tra V
p
e V
n


detta tensione di ingresso differenziale,

V
d
V
p
- V
n
(2.1)

La tensione di uscita V
0
a vuoto (senza carico) vale,

V
0
= aV
d
= a(V
p
- V
n
) (2.2)

dove a lamplificazione delloperazionale ad anello aperto.






G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-8

2.1 Amplificatore Operazionale Ideale e configurazioni Fondamentali


Nella figura seguente mostrato un generico amplificatore di tensione collegato ad un generatore
reale V
s
con resistenza interna r
s
e ad un carico R
L
.

V
o
V
d
V
s
r
s
r
d
aV
d
r
0
R
L


La resistenza di ingresso r
d
esercita una azione di carico che comporta un attenuazione del segnale
V
s
pari a:

d s
d
s d
r r
r
V V
+
= (2.3)

mentre la resistenza di carico R
L
provoca un attenuazione del segnale di uscita V
0
sulla resistenza
interna r
0
dellamplificatore pari a:

L o
L
d o
R r
R
aV V
+
= (2.4)

Lamplificatore operazionale ideale pu essere visto come un amplificatore di tensione con una
resistenza di ingresso r
d
molto alta (idealmente infinita), una resistenza di uscita r
0
molto bassa
(idealmente nulla) in modo da minimizzare gli effetti di carico indicati nelle relazioni (2.3) e (2.4)
che, in tal caso, si riducono a:

V
d
= V
s
e V
0
= aV
d
(2.5)



ed inoltre

un amplificazione molto alta (idealmente infinita). In definitiva un amplificatore
operazionale ideale presenta le seguenti caratteristiche esterne:

r
d
= (2.6)

e di conseguenza anche

I
n
=I
p
=0 (2.7)

r
0
= 0 (2.8)

G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-9
a (2.9)


se a e V
0
presenta un valore finito allora dalla (2.2) si ha che:

V
d
0 (corto circuito virtuale) (2.10)

La (2.10) rappresenta il vincolo sulla tensione di ingresso e fa s che i terminali di ingresso possano
essere considerati in corto circuito tra di loro in termini di tensione, mentre la (2.7) rappresenta il
vincolo sulle correnti di ingresso e fa s che i terminali di ingresso possano essere considerati aperti
in termini di corrente.
Il circuito equivalente dellamplificatore operazionale ideale riportato nella figura seguente.



Fig. 4 - Circuito equivalente dellamplificatore operazionale ideale

Il corto circuito virtuale ovviamente solo un astrazione, ma la sua efficacia molto elevata perch
consente, come vedremo, di semplificare lanalisi dellamplificatore operazionale nelle sue diverse
configurazioni.

2.1.1 Amplificatore invertente

La configurazione invertente rappresenta la configurazione fondamentale impiegata fin dalla
nascita degli amplificatori operazionali; infatti nei primi tempi gli amplificatori avevano solo
lingresso invertente e quindi non era possibile utilizzarli in configurazione non-invertente.

V1
I1
I2
R1
R2
V2

Fig. 5 - Amplificatore operazionale invertente
G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-10

Assumendo ideale lamplificatore operazionale impiegato possiamo scrivere:

V
p
= V
n
= 0 e di conseguenza I
1
=
1
1
R
V
e
2
2
2
R
V
I =

I
n
=I
p
=0 e di conseguenza I
1
= I
2
da cui

2
2
1
1
1
R
V
R
V
I = =


1
2
1
2
R
R
V
V
=
(2.11)

2.1.2 Amplificatore non-invertente




Fig. 6 - Amplificatore operazionale non invertente

1 1 2 2 1 2
I R I R V V V
R R o
+ = + =

Assumendo ideale lamplificatore operazionale impiegato possiamo scrivere:

V
p
= V
n
e di conseguenza
1 1 1 1
I R V V V
R f
= = =


I
n
=I
p
=0 e di conseguenza I
1
= I
2
da cui


1 1 1 2
I R I R V
o
+ =

1
2
1 1
1 2 1
1
1
) (
R
R
I R
I R R
V
V
o
+ =

+
= (2.12)

R
1
R2
V
0
V
1
I
2
I
1
V
f
V
R1
V
R2
G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-11

2.1.3 Linseguitore di tensione


Ponendo nellamplificatore non invertente R
1
= e R
2
=0 si realizza un inseguitore di tensione
(chiamato anche buffer di tensione); infatti lamplificazione vale:

1 1
1
2
= + =
R
R
Vi
V
o
(2.13)


Fig. 7 - Inseguitore di tensione

Valgono inoltre le propriet dellamplificatore ideale quali:

R
i
= R
d
= e R
0
= 0

Linseguitore di tensione viene usato come elemento di separazione nei circuiti analogici, evitando
ad esempio leffetto di carico su un generatore reale, come accade per il circuito a sinistra nella
figura seguente.





Quando si connette un generatore reale ad un carico (circuito a sinistra della figura) la tensione sul
carico risente della caduta di tensione sulla resistenza interna R
s
del generatore; limpiego del buffer
consente di rendere trascurabile questa caduta di tensione perch la corrente interna al generatore
diventa trascurabile grazie alla resistenza dingresso elevatissima del buffer (circuito a destra della
figura) per cui la V
p
=V
s
. La corrente circolante nel carico R
L
sar erogata dallamplificatore
operazionale (il quale la preleva dal suo alimentatore) e non dal generatore che quindi non eroga
corrente.

G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-12

2.2 Parametri caratteristici dellamplificatore operazionale reale
2.2.1 Tensione di offset

Cortocircuitando tra loro gli ingressi di un amplificatore operazionale si dovrebbe ottenere 0 V in
uscita :
V
0
= aV
d
= a 0 = 0 [V] (2.14)

Un amplificatore operazionale reale, invece, a causa di inevitabili dissimmetrie dei circuiti che
elaborano V
p
e V
n
d come risultato in uscita una tensione non nulla, anche se gli ingressi sono
cortocircuitati tra loro.
Per tener conto della tensione di offset (tensione di sbilanciamento in ingresso indicata con V
os
), un
amplificatore reale pu essere schematizzato come un amplificatore operazionale privo di offset, ma
dotato di un piccolo generatore interno di tensione V
os
in serie con uno dei suoi terminali di
ingresso.

Fig. 8 - Amplificatore reale schematizzato come un amplificatore operazionale privo di offset

La tensione di offset pu essere anche considerata come quella tensione che va applicata in
ingresso alloperazionale a loop aperto per avere in uscita una tensione nulla.

Vo = 0
+

Fig. 9 Circuito per la determinazione sperimentale della tensione di offset

Valori tipici:

o chopper amplifier < 1V
o FET Op. amplifier 50 1000 V
o Bipolar Op. amplifier 10 25 V
G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-13

La scelta del tipo di amplificatore e quindi il valore di tensione di offset ammissibile dipende
dallapplicazione. Nel rivelamento di segnali a basso livello (segnali di termocoppie o di sensori
estensimetrici) il segnale utile pu essere di livello comparabile con il V
os
.

2.2.1.1 Errori causati da Vos

Analizziamo limpatto della V
os
sulluscita dellamplificatore operazionale retroazionato in
configurazione invertente o non invertente. Per poterlo valutare necessario cortocircuitare
lingresso; come si pu vedere dalla figura seguente, le due configurazioni invertente e non
invertente sono indistinguibili quando lingresso cortocircuitato.




Fig. 10 - Configurazione per la valutazione dellerrore causato da V
os


Applicando per semplicit la V
os
allingresso non invertente la valutazione delluscita immediata
perch pu essere vista come un segnale applicato ad un amplificatore non invertente e vale:

os
V
R
R
E
|
|
.
|

\
|
+ =
1
2
0
1 (2.15)

La V
os
dipende anche dalla temperatura e quindi i costruttori di operazionali forniscono non solo il
valore della V
os
alla temperatura ambiente normalizzata (25C), ma anche la dipendenza di V
os
dalla
temperatura ovvero V
os
/T; quindi per calcolare la tensione di offset ad una generica temperatura
T si user lespressione:

( ) ( ) ( ) C T
T
V
C V T V
os
os os

+ 25 25 (2.16)

2.2.2 Correnti di bias

Le correnti in ingresso ad un amplificatore ideale vengono considerate nulle ( I
n
=I
p
=0 ); gli
amplificatori operazionali reali, invece, assorbono (o erogano a seconda del tipo do amplificatore)
una piccola corrente ad entrambi gli ingressi che chiamata corrente di polarizzazione (bias).
Nella figura seguente riportato lo schema semplificato dellamplificatore operazionale 741.
G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-14



Fig. 11 - Schema semplificato dell'aplificatore operazionale 741

Come si pu vedere dal circuito, le correnti di polarizzazione del 741 rappresentano le correnti di
base necessarie a mantenere i due transistori Q
1
e Q
2
polarizzati nella regione attiva; per gli
amplificatori operazionali con transistori di ingresso npn (come il 741) le correnti di bias sono
entranti, mentre negli amplificatori operazionali con transistori di ingresso pnp (come il 358) le
correnti di bias sono uscenti.
Inoltre, a causa delle inevitabili differenze tra le amplificazioni in corrente delle due met dello
stadio di ingresso, anche le correnti di bias I
n
e I
p
risultano differenti.

In
Ip

Fig. 12 - Correnti di bias

La corrente di bias
bias
I definita come la media delle due correnti di bias I
n
e I
p
:


2
n p
bias
I I
I
+
= (2.17)
G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-15
mentre la differenza delle due correnti di bias I
n
e I
p
detta Offset (sbilanciamento) delle
correnti di bias:

| |
n p os
I I I = (2.18)

di solito I
os
un ordine di grandezza pi piccolo della I
bias
.
2.2.2.1 Errori causati da Ibias e Ios

Questa analisi viene condotta ovviamente non trascurando le correnti di bias (delle quali si vuole
valutare leffetto) ma mantenendo la condizione di corto circuito virtuale tra i morsetti di ingresso
delloperazionale (V
p
=V
n).
Nellintento di valutare gli errori causati da Ibias e Ios, necessario
cortocircuitare il segnale dingresso del circuito; quando si cortocircuita il segnale dingresso le due
configurazioni invertente e non invertente diventano indistinguibili, come si pu vedere nella figura
seguente.


I
n
I
p
R
1
R
2
R
p
E
0
+
-
V
p
V
n
E
0
-V
n
I
1
I
2


Fig. 13 - Configurazione per la valutazione degli errori causati da Ibias e Ios

La funzione del resistore Rp (chiamato resistore zavorra) verr chiarito qui di seguito.


n
I I I = +
2 1
ed essendo
1
1
R
V
I
n
= e
2
0
2
R
V E
I
n

= si ha:

n
n n
I
R
V E
R
V
=

+
2
0
1
(2.19)

Considerando che V
p
=V
n
e che
p p p
I R V = si ha:

n
p p p p
I
R
I R E
R
I R
=
+
+
2
0
1
da cui
n
p p p p
I
R
I R
R
I R
R
E
+ =
2 1 2
0
(2.20)


G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-16
Seguono ulteriori semplici passaggi rivolti ad esprimere lerrore E
0
in una forma opportuna:

n p p
I
R R
I R
R
E
+
|
|
.
|

\
|
+ =
2 1 2
0
1 1



n p p
I
R R
R R
I R
R
E
+
|
|
.
|

\
|

+
=
2 1
2 1
2
0


2 2
2 1
2 1
0
R I R
R R
R R
I R E
n p p
+
|
|
.
|

\
|

+
=
2
1
2 1
0
R I
R
R R
I R E
n p p
+
|
|
.
|

\
| +
=

|
|
.
|

\
|
+

+
|
|
.
|

\
| +
=
n p p
I
R R
R R
I R
R
R R
E
2 1
1 2
1
2 1
0



( ) [ ]
n p p
I R R I R
R
R
E +
|
|
.
|

\
|
+ =
2 1
1
2
0
// 1 (2.21)

Applicando un segnale V
i
ad uno dei due ingressi si ha:

0
1
2
0
1 E V
R
R
V
i
+
|
|
.
|

\
|
+ = (2.22) se V
i
applicato allingresso non invertente e

0
1
2
0
E V
R
R
V
i
+ = (2.23) se V
i
applicato allingresso invertente

Lerrore E
0
pu essere minimizzato facendo in modo che:

( )
n p p
I R R I R
2 1
// (2.24)

una perfetta uguaglianza ovviamente non realisticamente ottenibile.

Se si pone ( )
2 1
// R R R
p
=

(2.25)


possibile far dipendere, come vedremo con i prossimi passaggi, lerrore E
0
solo dalloffset delle
correnti di bias.


Infatti, sostituendo la (2.25) nella (2.21), si ha:

( ) ( ) [ ]
p n
I I R R
R
R
E
|
|
.
|

\
|
+ =
2 1
1
2
0
// 1 ma essendo

G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-17


( )
os n p
I I I = si ha:


( ) [ ]
os
I R R
R
R
E
|
|
.
|

\
|
+ =
2 1
1
2
0
// 1 (2.26)

dove si ha una dipendenza di E
0
solo dalloffset delle correnti di bias; in questo caso se si assume
che la Ios sia nulla, anche lerrore in uscita sar nullo.

E interessante notare che se non si usa la resistenza zavorra R
p
si ha un errore significativamente
maggiore; allo scopo poniamo a zero la R
p
nella (2.21) ottenendo:

( ) [ ]
n
I R R
R
R
E
|
|
.
|

\
|
+ =
2 1
1
2
0
// 1 (2.27)

Considerando che solitamente Ios In >> , lerrore E
0
derivante dalla (2.27) risulta essere
sensibilmente maggiore dellerrore E
0
derivante dalla (2.26), e cio:

2 1
//
0
0
0
R R R R
p p
E E
= =
>>

2.2.2.2 Compensazione dellerrore globale di sbilanciamento

Gli effetti di V
os
e I
os
sono stati valutati separatamente, ma nella realt essi sono presenti
contemporaneamente; leffetto combinato pu essere valutato applicando il principio di
sovrapposizione degli effetti per cui considerando che:

os
V
R
R
E
|
|
.
|

\
|
+ =
1
2
0
1 (2.15) leffetto della tensione di offset,

( ) [ ]
os
I R R
R
R
E
|
|
.
|

\
|
+ =
2 1
1
2
0
// 1 (2.26) leffetto della corrente di offset,

leffetto combinato delle due componenti vale:

( ) [ ]
os os
I R R V
R
R
E
|
|
.
|

\
|
+ =
2 1
1
2
0
// 1 (2.28)

E importante far notare che i due effetti, sebbene sia presente nellespressione un segno negativo,
non necessariamente si sottraggono perch gli effettivi segni dipendono dallo specifico componente
e dal costruttore; necessario perci in generale applicare qualche metodo di compensazione dello
sbilanciamento. Lo sbilanciamento pu essere compensato o utilizzando una predisposizione
circuitale implementata dal costruttore internamente allamplificatore oppure agendo esternamente.
Quando si applica la tecnica di compensazione interna sufficiente collegare un potenziometro agli
appositi terminali, come indicato nella figura di seguito riportata.

G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-18

Fig. 14 - Impiego della rete di compensazione interna
E evidente che con questa tecnica lo sbilanciamento compensabile non pu superare i valori
previsti dal costruttore; ad esempio per il 741C possibile compensare fino a 15mV e
considerando che prevista una V
os
di 6mV(max), sono disponibili 9mV per compensare lo
sbilanciamento dovuto a I
os
. Questo significa che i resistori esterni devono essere scelti
attentamente; R
p
deve essere quanto pi possibile uguale a R
1
//R
2
ed i valori devono essere
sufficientemente bassi da avere:

( ) mV I R R
os
9 //
2 1
< oppure pi in generale per tener conto

dellerrore sulleguaglianza di R
p
con R
1
//R
2


( ) [ ] mV I R R I R
n p p
9 //
2 1
< +

La tecnica di bilanciamento esterna viene usata in alternativa a quella interna per i seguenti
principali motivi:

Quando lo sbilanciamento presenta valori non compensabili con la tecnica interna
I costruttori tipicamente non forniscono gli effetti dellimpiego della rete di compensazione
interna sulla deriva termica, sul CMRR e sul PSRR mentre la tecnica esterna non comporta
errori di questo tipo.
Alcuni amplificatori non dispongono della rete di compensazione interna


Nella figura seguente riportata, come esempio, la rete di compensazione esterna per un
amplificatore invertente.

G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-19

Fig. 15 - Impiego di una rete di compensazione esterna

dove:
- R
A
+R
p
= R
1
//R
2
per minimizzare lo sbilanciamento
- R
B
>>R
C
per minimizzare leffetto di carico su R
c

- R
A
<<R
p
per ottenere piccole tensioni regolabili finemente

Questa tecnica consiste nelliniettare una corrente nella resistenza R
A
tale da generare una tensione
ai suoi capi della stessa ampiezza dellerrore di sbilanciamento complessivo; questa tensione viene
applicata allingresso non invertente attraverso la resistenza R
p
.

2.2.3 Tensione di modo comune e CMRR

Un amplificatore operazionale ideale risponde solo alle differenze fra i suoi segnali di ingresso,
quali che siano le loro ampiezze e cio V
0
= aV
d
= a (V
p
- V
n
). Nella realt, facendo variare le
tensioni di ingresso della stessa quantit V
cm
(chiamata perci tensione di modo comune), pur
mantenendo costante la differenza V
d
, si sposta il punto di lavoro della tensione di ingresso,
generando cos una dipendenza tra tensione di offset V
os
e la tensione V
cm
. Questo significa che gli
amplificatori operazionali reali sono sensibili, non solo alla componente di modo differenziale, ma
anche alla componente di modo comune.
Il comportamento di un amplificatore operazionale in presenza di una tensione di modo comune
viene espresso per mezzo del rapporto di reiezione di modo comune (Common Mode Rejection
Ratio, CMRR):

cm
os
V
V
CMRR

= (2.29)

Questo coefficiente rappresenta la variazione in V
os
prodotta da una variazione di 1 V di modo
comune allingresso, e viene espresso o in Volt per Volt o in db.

G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-20
+
-

Fig. 16 - Amplificatore operazionale sottoposto ad una tensione di modo comune

cm
os
V
V
CMRR

= log 20 (2.30)

Nella documentazione tecnica fornita dai costruttori il valore del CMRR viene indicato in dB
omettendo il segno che negativo dal momento che
cm
os
V
V

<1. Ad esempio se consideriamo per


lamplificatore in figura un CMRR pari a 90db ed una tensione di modo comune pari a 9 V si ha:

db
V
V
cm
os
90 log 20 =


( )
6
20
90
10 6 . 31 10

= =


cm os
cm
os
V V
V
V

( ) V V
os
6 . 284 10 6 . 31 9
6
=



Aspetti da considerare relativamente ai valori di tensione di modo comune ammessi in ingresso ad
un amplificatore operazionale:

- I valori ammissibili variano sensibilmente in operazionali sviluppati per differenti
applicazioni.
- Il valore massimo tollerabile generalmente non pu superare la tensione di alimentazione.
- Il superamento del valore massimo ammissibile pu generare fenomeni di latch-up;
lamplificatore operazionale si blocca portandosi in uno stato anomalo al quale pu
corrispondere una dissipazione interna non accettabile. Questo stato anomalo pu essere
distruttivo per i circuiti delloperazionale; in ogni caso necessario rimuovere
lalimentazione per far sbloccare il dispositivo.


G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-21

2.3 Precisione dellamplificatore operazionale retroazionato
2.3.1 Configurazione non invertente

R
1
R
2
V
i
V
n
V
0
+
-
+
V
n
V
p

Fig. 17a - Configurazione non invertente rimuovendo la condizione di corto circuito virtuale

Per valutare la precisione di un amplificatore operazionale retroazionato dobbiamo rimuovere la
condizione di corto circuito virtuale in ingresso e quindi considerare V
n
V
p
.

i p
V V = (2.31a)

2 1
1
0
R R
R
V V
n
+
=

ponendo
2 1
1
R R
R
b
+
= (2.31b) si ha che:

2 1
1
0
R R
R
V
V
b
n
+
= = (2.31c)

Il termine b il rapporto tra la tensione riportata in ingresso e la tensione in uscita ed perci
chiamato fattore di retroazione dellamplificatore retroazionato.


1 0 < b

1 = b se lamplificatore lavora a guadagno unitario

0 b se lamplificatore lavora a guadagno molto elevato

Riscriviamo la (2.2)

( )
n p d o
V V a aV V = = (2.2)
G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-22
Sostituendo la (2.31a) e la (2.31c) nella (2.2) si ha:

) (
o i o
bV V a V =

o i o
abV aV V =

i o
aV ab V = + ) 1 (

ab
b
ab
ab
a
ab
a
V
V
A
i
o
1
1
1 1
1
1
1
+
=
+
=
+
= = (2.32)

Il termine A detto amplificazione danello chiuso mentre il prodotto ab detto
amplificazione danello e viene anche indicato con T. Se verificata la seguente condizione:

ab>>1 (2.33)

posso scrivere che:

ideale
A
R
R
R
R R
b
A + =
+
=
1
2
1
2 1
1
1
(2.34)

Negli amplificatori operazionali, come gi pi volte detto, lamplificazione danello aperto a
molto elevata (tipicamente 10
6
), ma questo non sufficiente a garantire una amplificazione danello
ab>>1; infatti se il guadagno a loop chiuso molto elevato 0
2 1
1

+
=
R R
R
b , la (2.33) non pi
vera e conseguentemente la (2.34) non pi valida per cui il guadagno reale dellamplificatore
dovr essere determinato utilizzando la (2.32). Lerrore che si commette utilizzando la (2.34) invece
della (2.32) pari a:

ab
b ab
b
ab
b ab
b b
r
1
1
1 1
1
1
1
1
1
1
1
1
1 1
1
1
1
1 1 1
+

+
=
+

+
=

ab
ab
ab
ab
ab
ab
r
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1 =
+

+
+
=
+

+
= (2.35)
e quindi il termine
ab
1
rappresenta lerrore che si commette utilizzando A
ideale
al posto di A.
Il guadagno non deve superare 10 per assicurare una buona precisione; infatti, anche nellipotesi di
aver utilizzato un amplificatore operazionale con guadagno a loop aperto non molto elevato e pari a
5
10 (tipicamente gli amplificatori operazionali garantiscono valori superiori), se il guadagno a loop
G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-23
chiuso 10 allora ab =
4 5
10
10
1
10 = e quindi lerrore che si commette di
10000
1
che pu essere
considerato accettabile anche per applicazioni che richiedono elevata accuratezza. Nel caso in cui,
invece con lo stesso amplificatore si cercasse di imporre un guadagno a loop chiuso pari a 1000
allora ab =
2
3
5
10
10
1
10 = e quindi lerrore che si commetterebbe sarebbe pari a
100
1
che risulta
non pi accettabile anche per applicazioni ordinarie.

2.3.2 Configurazione invertente

R
1
R
2
V
0
+
-
V
n
V
p
V
i
+


Fig. 18b - Configurazione invertente rimuovendo la condizione di corto circuito virtuale

Procedendo in maniera analoga alla configurazione non invertente si ha:


( )
n p d
V V a V a V = =
0


0 =
p
V
Per determinare
n
V applico il principio di sovrapposizione degli effetti, considerando cos
separatamente lazione di V
i
e V
0
.

2 1
1
0
2 1
2
R R
R
V
R R
R
V V
i n
+
+
+
=

considerando che

2 1
1
R R
R
b
+
= rappresenta il fattore di retroazione dellamplificatore retroazionato

2 1
2
2 1
1 2 1
2 1
1
1 1
R R
R
R R
R R R
R R
R
b
+
=
+
+
=
+
=

( ) b V b V V
i n
+ =
0
1

( ) ( ) [ ] ( ) b V a b V a b V b V a V V a V
i i n p
= + = =
0 0 0
1 1
G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-24

( ) ( ) b V a b a V
i
= + 1 1
0



( )
( )
b a
b
b a
b
b
b a
b a
b a
b a
b a
b a
b a
V
V
A
i

|
.
|

\
|
=


=
+

= =
1
1
1 1
1
1
1
1 1
1
1
1
1
0
(2.36)

se ab>>1 (2.33) posso scrivere che:

ideale
A
R
R
R
R R R
R
R R
b
A =

=
+
=
1
2
1
2 1 1
1
2 1
1
1
1 (2.37)

Come per la configurazione non invertente, se la (2.33) non verificata, la (2.37) non pi valida e
quindi il guadagno reale dellamplificatore dovr essere determinato utilizzando la (2.36). Lerrore
che si commette utilizzando la (2.37) invece della (2.36) pari a:

ab
b ab
b
ab
b ab
b b
r
1
1
1 1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1 1
1
1
1
1
1 1
1
1
1
+

|
.
|

\
|

+

|
.
|

\
|
=
+

|
.
|

\
|

|
.
|

\
|

|
.
|

\
|
=

ab
ab
ab
ab
ab
ab
r
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1 =
+

+
+
=
+

+
= (2.38)
quindi anche per la configurazione invertente il termine
ab
1
rappresenta lerrore che si commette
utilizzando A
ideale
al posto di A.

2.3.3 Dimensionamento dei resistori
Il dimensionamento dei resistori necessari allimplementazione di un amplificatore invertente o non
invertente deve essere effettuato seguendo i criteri generali di seguito riportati:

R
1
+ R
2
: la resistenza somma deve essere sufficientemente elevata per non sovraccaricare luscita
dellamplificatore (valore tipico 10K);

R
1
, R
2
: ciascuna resistenza non pu essere troppo elevata altrimenti le capacit parassite
diventano significative (valore tipico 100K).

Nel caso dellamplificatore invertente deve essere considerata una condizione aggiuntiva su R
1
:

R
1
: deve essere sufficientemente elevata per non sovraccaricare la sorgente (valore tipico 5K).
G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-25

2.4 Alimentazione, output swing e PSRR

Lamplificatore operazionale ha bisogno di un alimentazione esterna che ha il duplice scopo di
polarizzare i circuiti interni (transistori, diodi ecc.) e di erogare la potenza che lamplificatore
operazionale deve fornire al carico esterno e alla rete di retroazione. Lamplificatore operazionale
dispone di due terminali di alimentazione che vanno connessi a due tensioni, la prima V
CC
positiva
(tipicamente +15 v) rispetto al riferimento di massa e la seconda V
EE
negativa (tipicamente 15 V).
Lescursione massima del segnale di uscita di un amplificatore operazionale, indicata con il termine
output swing non dipende solo dalla tensione di alimentazione ma anche dalla corrente di uscita e
dalla frequenza.
La variazione della tensione di alimentazione di un amplificatore operazionale reale provoca una
variazione dei punti di lavoro dei transistori interni con una conseguente variazione della V
OS
.
Il comportamento di un amplificatore operazionale in presenza di una variazione della tensione di
alimentazione viene espresso per mezzo del rapporto di reiezione delle variazioni
dellalimentazione (Power Supply Rejection Ratio, PSRR):

entazione a
os
V
V
lim
PSRR

(2.39)


Questo coefficiente rappresenta la variazione in V
os
prodotta da una variazione di 1 V della
tensione di alimentazione, e viene espresso o in Volt per Volt o in db.

entazione a
os
V
V
lim
log 20 PSRR

(2.40)

Valori tipici di PSRR cadono nellintervallo (80, 120) dB. Anche il PSRR, come il CMRR, viene
fornito dai costruttori in dB omettendo il segno negativo. La capacit di respingere le variazioni
nelle tensioni di alimentazione peggiora con la frequenza; il PSRR infatti si mantiene alto dalla
continua fino a qualche centinaia di hertz, dopo di che diminuisce al crescere della frequenza con la
pendenza di 20dB/decade. Quando lalimentazione non adeguatamente filtrata si ha una
variazione non trascurabile della V
os
che a sua volta viene trasferita in uscita amplificata.

G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-26

2.5 Risposta in frequenza

Lamplificazione ad anello aperto di un amplificatore operazionale reale non solo finita ma
diminuisce sensibilmente al crescere della frequenza. La figura seguente mostra la risposta in
frequenza dellamplificatore operazionale A741.


Fig. 19 - Risposta in frequenza dellamplificatore operazionale A741
Alle basse frequenze e fino alla continua lamplificazione realmente elevata (circa 200.000) ma
intorno ai 5[Hz] comincia a decrescere con una pendenza costante di 20dB/decade.
Infatti a 10[Hz] lamplificazione espressa in dB vale:

dB A
f
dB
100 10 log 20
5
10
10
= =
=


mentre a 100[Hz] vale:

dB A
f
dB
80 10 log 20
4
10
100
= =
=


A 1[MHz] lamplificazione vale 1 e perci il parametro frequenza ad amplificazione unitaria vale
1[MHz] e viene indicato con f
t
. Dalla caratteristica si vede poi che il prodotto amplificazione-
banda passante costante e vale 10
6
; ad esempio a 100[Hz] lamplificazione vale 10
4
mentre vale
100 a 10
4
[Hz]. La risposta in frequenza ad anello aperto di un amplificatore operazionale pu essere
considerata simile a quella di un filtro passa-basso del I ordine, e quindi pu essere espressa da:


( )
|
.
|

\
|
+
=
a
f
f
j
a
jf a
1
0
(2.41)

dove a
0
e f
a
sono rispettivamente lamplificazione in continua e la frequenza a 3dB ad anello
aperto. Per lamplificatore operazionale A741 posso quindi scrivere:

1 10
6
0
= =
t a
f a f

G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-27
La causa della diminuzione dellamplificazione a partire da frequenze cos basse dovuto alla
presenza nei circuiti delloperazionale di un condensatore da 30 pF che come vedremo
successivamente ha lo scopo di garantirne la stabilit. Per caratterizzare il comportamento dinamico
dellamplificatore operazionale in presenza di una tensione a gradino di ampiezza adeguatamente
piccola (per evitare i problemi di slew rate che analizzeremo successivamente) possibile usare un
espressione che fornisce un legame tra il parametro nel dominio della frequenza f
t
ed il parametro
del dominio del tempo t
r
(tempo di salita).

t
r
f
t
35 . 0
= (2.42)

Il tempo di salita t
r
il tempo necessario al segnale di uscita per passare dal 10% al 90% dellintera
transizione.
Determiniamo adesso la risposta in frequenza di un amplificatore operazionale ad anello chiuso in
configurazione non invertente, ed allo scopo riscriviamo lespressione (2.32) determinata nel
paragrafo 2.3.1.

ab
b V
V
A
i
o
1
1
1 1
+
= = (2.32)

La (2.32) esprime lamplificazione di amplificatore operazionale ad anello chiuso in configurazione
non invertente, considerando lamplificatore operazionale ideale dal punto di vista della risposta in
frequenza (a considerata costante al variare della frequenza).

Se invece consideriamo anche la dipendenza dalla frequenza della amplificazione a loop aperto la
(2.32) diventa:


b jf a
b
jf A
) (
1
1
1 1
) (
+
= (2.43)

Sostituendo la (2.41) nella (2.43) si ha:


( )
( )

+
+ +
=
+ +
=
+
+
=
+
+
=
1
) / (
1 1
1
) / ( 1
1 1
) / ( 1
1
1 1
) / ( 1
1
1
1 1
) (
0
0
0
0
0
0
0
b a
f f
j b a
b a
b
b a
f f j b a
b
b a
f f j
b
f f j
b a
b
jf A
a
a a
a

( )
( )

+
+

+
=
1
1
1
1
1
) (
0
0
0
b a f
f
j
b a
b a
b
jf A
a
(2.44)




G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-28
ponendo nella (2.44):

) 1 (
0
b a f f
a A
+ = (2.45) con

=
A
f frequenza a 3db ad anello chiuso

=
a
f frequenza a 3db ad anello aperto

ed inoltre:

( )
b a
b b a
b a
b
A
o
0
0
0
1
1
1 1
1
1
+
=
+
= (2.46)

2 1
1
R R
R
b
+
= si ha infine:


) ( 1
) (
A
o
f
f
j
A
if A
+
= (2.47)


Considerando poi, come gi visto nei precedenti paragrafi, che in un amplificatore progettato
correttamente 1
0
>> b a si ha che:

1
2
0
1
1
1
1
1 1
R
R
b
b a
b
A
o
+ =
+
= (2.48)

b a f b a f f
a a A
+ =
0 0
) 1 ( (2.49)

ma
t a
f a f =
0
(frequenza ad amplificazione unitaria ad anello aperto) e quindi

0
1
2
2 1
1
1
A
f
R
R
f
R R
R
f b f f
t t
t t A

+
=
+
= =

t A o
f f A = (2.50)


Lamplificatore in configurazione non invertente ha lo stesso prodotto amplificazione-banda
passante dellamplificatore operazionale di base e poich A
0
<< a
0
allora deve essere

f
A
>>f
a
(2.51)

G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-29



Fig. 20 - Configurazione non invertente e sua risposta in frequenza
Si consideri un 741 in configurazione non invertente con A
0
=10; il 741 caratterizzato da una
a
0
= 200000, f
a
=5[Hz], e quindi f
t
= a
0*
f
a
=10
6
per cui si ha che:


6
10 = =
t A o
f f A

essendo 10 1
1
1
2
= + =
R
R
b
A
o
si ha infine che:

5
6 6
10
10
10 10
= =
o
A
A
f


La retroazione negativa riducendo lamplificazione da 200000 a 10 fa aumentare la frequenza
a 3db da 5[Hz] a 100[KHz].


2.5.1 Slew rate

Per la caratterizzazione dinamica di un amplificatore operazionale non solo va considerato il
parametro f
t
(frequenza ad amplificazione unitaria) ed il parametro t
r
ma anche un ulteriore
parametro critico chiamato slew rate (indicato anche dallabbreviazione SR) che d un
indicazione sulla variazione delluscita in presenza di un grande segnale si definisce come la
massima velocit possibile di variazione della tensione di uscita e cio:

( )
max
0
|
.
|

\
|

dt
t dV
SR (2.52)


Il valore finito della SR responsabile dellinsorgenza di distorsione quando si cerca di superarlo.
La distorsione da SR mostrata nella figura seguente.

G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-30




Fig. 21 - Esempio di distorsione da SR

Assumendo che il segnale di ingresso sia pari a :


( ) ( ) ft V t V
m
2 sin
0 0
=

si ha che:

( ) ft fV dt dV
om
2 cos 2
0
=

( )
m
fV dt dV
0 max 0
2 =

Per evitare distorsione in uscita deve essere:

SR fV
m

0
2 da cui:


2 /
0
SR fV
m


Questa relazione indica che la frequenza del segnale che loperazionale pu trattare pu essere
aumentata diminuendo lampiezza; in altre parole loperazionale opera un compromesso tra
frequenza e ampiezza.


2.5.2 Settling time

Abbiamo presentato i due parametri t
r
e SR che forniscono un indicazione sul comportamento
delluscita di un amplificatore operazionale in presenza rispettivamente di un piccolo e di un
grande segnale applicato in ingresso. Un altro parametro importante il tempo di assestamento t
s

definito come il tempo necessario al segnale di uscita per assestarsi allinterno di uno specificato
intervallo di errore in presenza di un gradino in ingresso pari a 10[V].


G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-31

Fig. 22 - Tempo di assestamento ts

Luso di amplificatori con tempi di assestamento ridotti molto importante, come vedremo, nei
sistemi di conversione A/D e D/A ed in particolare negli amplificatori impiegati in uscita ai
multiplexers e ai D/A converters.

G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-32

2.6 Stabilit e Compensazione in frequenza

2.6.1 Retroazione Negativa

Per analizzare il problema della possibile instabilit di un amplificatore operazionale retroazionato
negativamente opportuno innanzitutto fornire qualche esempio di applicazione delle metodologie
della teoria dei controlli automatici allamplificatore operazionale. Nella figura seguente riportiamo
lo schema a blocchi di un sistema a retroazione negativa.


Fig. 23 - Schema a blocchi di un sistema a retroazione negativa

Il termine a rappresenta lamplificazione danello aperto mentre b rappresenta la funzione di
trasferimento della rete di retroazione.

aV V
o
=

o fb
bV V =

o i fb i
bV V V V V = =



) (
o i o
bV V a V =

o i o
abV aV V =

i o
aV ab V = + ) 1 (

ab
b
ab
b a
a
ab
a
V
V
A
i
o
1
1
1 1
1
1
1
+
=
+
/
/
=
+
= = (2.53)

La (2.53) coincide con la (2.32); la (2.53) stata determinata considerando un generico sistema
retroazionato negativamente mentre la (2.32) stata determinata analizzando specificamente un
amplificatore operazionale in configurazione non invertente.
Il termine A detto amplificazione danello chiuso mentre il prodotto ab detto
amplificazione danello (perch rappresenta lamplificazione totale applicata ad un segnale che
percorre lanello) e viene anche indicato con T.
G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-33
Negli amplificatori operazionali, come gi pi volte detto, lamplificazione danello aperto a
molto elevata (tipicamente 10
6
) e la funzione di trasferimento della rete di retroazione tale che la
amplificazione danello chiuso ab>>1 per cui la (2.53) si riduce a:


b
A A
ideale
1
(2.54)

Lerrore che si commette utilizzando la (2.54) al posto della (2.53) stato gi determinato nel
paragrafo 2.3.
Analizziamo ora un amplificatore in configurazione non invertente come sistema a retroazione
negativa.


R
1
R
2
V
i
V
n
V
0
+
-
+



Fig. 24a - La configurazione non invertente come sistema a retroazione negativa

aV V
o
=

o n fb
bV V V = =

1
2 1
R
R R
V
V
o
n
+
=

2 1
1
R R
R
V
V
b
o
n
+
= =

( ) ) (
o i n i o
bV V a V V a aV V = = =



o i o
abV aV V =

i o
aV ab V = + ) 1 (


G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-34
ab
b
A
1
1
1 1
+
= se 1 >> ab

1
2
1
2 1
1
1
R
R
R
R R
b
A + =
+
= (2.55)

La (2.55) coincide con la (2.34) determinata nel paragrafo 2.3.1.

Analizziamo ora un amplificatore in configurazione invertente come sistema a retroazione

R
1
R
2
V
0
+
-
V
n
V
p
V
i
+ +
b-1
V
i
b
-
a
V
0
V'
i V


Fig. 25b - La configurazione invertente come sistema a retroazione negativa

aV V
o
=

( )
o i o i
bV V b bV V V = = 1 '



( ) [ ] ( )
0
1 1 abV V b a bV V b a V
i o i o
= =

( )
i o
V b a ab V = + 1 ) 1 (

( )
( )
ab
b
ab
b
b
ab
ab
b a
ab
b a
V
V
A
i
o
1
1
1 1
1
1
1
1 1
1
1
1
1
1
+

|
.
|

\
|
=
+

=
+

=
+

= = (2.56)

se ab>>1 (2.33)

posso scrivere che:

ideale
A
R
R
R
R R R
R
R R
b
A =

=
+
=
1
2
1
2 1 1
1
2 1
1
1
1 (2.57)

La (2.57) coincide con la (2.37) determinata nel paragrafo 2.3.2.



G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-35
2.6.1.1 Vantaggi della retroazione negativa

Valutiamo i vantaggi principali offerti dalla retroazione negativa, considerando in particolare
un amplificatore retroazionato non invertente:


desensibilizzazione dellamplificazione danello aperto

ab
a
A
+
=
1
(2.58)


( ) ( )
2 2
1
1
1
1
ab ab
ab ab
da
dA
+
=
+
+
= (2.59)


dalla (2.58) ( )
A
a
ab = + 1 che sostituito nella (2.59) ci d:



( )
( ) a ab
A
A
a
ab
da
dA
+
=
+
=
1
1
1
che infine pu essere posta nella forma:

a
da
ab A
dA

+
=
1
1
(2.60)


La (2.60) indica che la variazione relativa dellamplificazione danello aperto genera una
variazione relativa danello chiuso attenuata del fattore (1 + ab).



diminuzione della resistenza di uscita

ab
r
R
+

1
0
0
(2.61) dove r
0
la resistenza di uscita ad anello aperto


aumento della resistenza di ingresso


( ) ab r R
d i
+ 1 (2.62) dove r
d
la resistenza differenziale delloperazionale
ad anello aperto




G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-36
diminuzione drastica della distorsione



Fig. 26 - Caratteristica di tensione ad anello aperto (sinistra) ed anello chiuso (destra)



espansione della larghezza di banda, come gi visto nel paragrafo 2.5.



2.6.2 Stabilit

La retroazione negativa non comporta solo vantaggi ma pu causare anche instabilit nel circuito; in
certe condizioni infatti la retroazione da negativa pu diventare positiva e di ampiezza tale da
causare loscillazione del circuito.
Per studiare la stabilit di un amplificatore operazionale consideriamo di nuovo lo schema a blocchi
generale di un sistema retroazionato negativamente.



Fig. 27 - Schema a blocchi generale di un sistema retroazionato negativamente

Se teniamo collegato V
i
a zero ci aspettiamo che luscita V
0
sia zero; avremo quanto desiderato solo
se il circuito stabile. La insorgenza di un disturbo (ad esempio il transitorio di tensione causato
dallaccensione di un alimentatore) pu provocare un disturbo in uscita allamplificatore; in
condizioni di stabilit il sistema reagisce al disturbo, viene generato un segnale di errore che
costringe lamplificatore a riportare luscita a zero. Lanello ab del sistema introduce
inevitabilmente una sfasamento ed in generale esister una frequenza f
-180
tale per cui
ab(jf
-180
) = -180 ed in corrispondenza della quale il segnale di retroazione viene sommato
anzich sottratto; in altre parole in corrispondenza di f= f
-180
la retroazione da negativa diventa
positiva.

V a V
o
=
G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-37

) (
o i o
bV V a V =

o i o
abV aV V =

i o
aV ab V = + ) 1 (

ab
a
V
V
A
i
o
+
= =
1


per f= f
-180
il termine ab cambia segno e quindi si ha:

| | 1
) (
180
ab
a
if A

(2.63)
Dalla espressione di A(jf
-180
) si vede che se lamplificazione danello ab(
jf-180
) <1
lamplificazione ad anello chiuso A si mantiene finita (anche se maggiore dellamplificazione di
anello apertoa) per cui, considerando che abbiamo posto V
i
=0, luscita V
0
=AV
i
si mantiene a zero
ed il sistema stabile.
Se invece ab(
jf-180
) =1, lamplificazione ad anello chiuso A diventa infinito e di conseguenza ,
luscita V
0
=AV
i
pu assumere un valore non nullo anche se abbiamo posto V
i
=0; il sistema perci
in questo caso non stabile. In altre parole anche se lingresso mantenuto a zero, qualche forma di
rumore, inevitabilmente presente nel sistema, capace di generare ed autosostenere un oscillazione
proprio alla frequenza f
-180
in corrispondenza della quale ab(jf
-180
) = -180.
Per spiegare diversamente il perch loscillazione si autosostiene ad un valore costante supponiamo
che ad un certo istante di tempo loscillazione in uscita V
0
abbia un ampiezza pari a V
1
; questa
oscillazione viene riportata come retroazione positiva in ingresso, V= b*V
1
e quindi si ripresenta
di nuovo in uscita con il valore ab*V
1
che vale ancora V
1
(perch ab(
jf-180
) =1).
Quando si innesca la oscillazione il circuito diventa insensibile a qualsiasi segnale applicato in
ingresso. Vediamo infine che cosa succede quando ab(
jf-180
) >1. Supponiamo che ad un certo
istante di tempo loscillazione in uscita V
0
dovuta alla retroazione positiva abbia un ampiezza pari a
V
2
; questa oscillazione viene riportata come retroazione positiva in ingresso, V= b*V
2
e quindi si
ripresenta di nuovo in uscita con un valore ab*V
1
che maggiore di V
1
(perch ab(
jf-180
) >1).
Loscillazione quindi cresce in ampiezza finch lamplificatore di anello aperto a non comincia a
diminuire, a causa della sua non linearit, (come si vede dalla figura seguente) tale da avere
ab(
jf-180
) =1 con una conseguente stabilizzazione dellampiezza della oscillazione.


Fig. 28 - Caratteristica di tensione ad anello aperto

G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-38
Il progettista ha il compito di verificare la stabilit del circuito; si verifica innanzitutto se lanello
del circuito tale che si pu verificare la condizione:

ab(jf
-180
) = -180 (2.64)

in caso affermativo necessario determinare lampiezza dellamplificatore danello alla frequenza
f= f
-180
; se ab(
jf-180
)< 1 allora il circuito stabile, altrimenti bisogna ricorrere a qualche tecnica
di compensazione. E evidente che, per tener conto della possibile variazione dei parametri a e b
dovuti anche a processi di invecchiamento, consigliabile prevedere un certo margine assicurandosi
che ab(
jf-180
)sia sufficientemente al di sotto dellunit (questo margine chiamato margine di
guadagno). Analogamente viene definito margine di fase
m
lo scostamento del ritardo di fase
dellamplificazione di anello ab alla frequenza f
c
(in corrispondenza della quale ab(
jfc
)= 1)
rispetto a 180. La frequenza f
c
chiamata frequenza dincrocio (crossover frequency). In altre
parole deve essere ab(jf
c
) > -180 e

m
= 180 + ab(jf
c
) (2.65)

Un valore tipico del margine di fase 45 per cui deve essere ab(jf
c
) > -135.

2.6.3 Tecniche di compensazione

I costruttori di amplificatori operazionali forniscono amplificatori operazionali sia internamente
compensati che non compensati; questo perch la compensazione interna pu essere un vantaggio in
talune applicazioni, ma uno svantaggio in altre. Nella figura seguente sono riportate le risposte
danello aperto di un amplificatore internamente compensato e di un amplificatore non compensato.


Fig. 29 - Risposte a loop aperto di un amplificatore internamente compensato (sinistra) e di un
amplificatore non compensato (destra)
G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-39

Gli amplificatori internamente compensati assicurano che il ritardo di fase dovuto al solo
amplificatore non raggiunga mai 180; quindi assumendo limpiego di una rete di retroazione
puramente resistiva il circuito sar sicuramente stabile. Gli amplificatori internamente compensati,
come si pu vedere dalla figura sopra riportata, offrono tipicamente una larghezza di banda ad
anello aperto limitata se comparati a quelli non compensati e quindi non sono adatti ad applicazioni
ad alta velocit nelle quali necessaria un elevata amplificazione ad anello aperto anche a
frequenza elevata. I costruttori sono in grado di fornire, a costi maggiori, anche amplificatori
compensati internamente che offrono una banda pi ampia, ma per applicazioni ad alta velocit in
generale si tende ad usare amplificatori non internamente compensati ed impiegare una tecnica di
compensazione adatta per la specifica applicazione e basata sullimpiego di componenti esterni.
Esempi di tecniche di compensazione esterna sono:

Riduzione dellamplificazione danello aperto

Questa tecnica ha lobiettivo di introdurre una riduzione dellamplificazione di anello
aperto attraverso limpiego di una resistenza attenuatrice R
c
applicata in ingresso tra il
morsetto invertente e massa come si pu vedere nella figura seguente.


Fig. 30 - Compensazione in frequenza per riduzione del guadagno danello aperto
Lamplificazione di anello aperto diventa infatti (non vengono riportati per brevit i passaggi):

( ) ( )
2 1
//
'
R R R
R
jf a jf a
c
c
+
= (2.66)
poich il termine
2 1
// R R R
R
c
c
+
<1 si ottiene come effetto una traslazione verso il basso della
risposta in frequenza ad anello aperto come indicato nel grafico della figura precedente; si
sceglier quindi un valore di R
c
tale da avere alla frequenza f
c
in corrispondenza della
qualeab(
jfc
)= 1 un ritardo di fase ab(jf
c
) > -135. Questa tecnica, anche se semplice, viene
usata poco nella pratica perch introduce un attenuazione dellamplificazione ad anello aperto
su tutto lasse delle frequenze.


Compensazione con ritardo dingresso

G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-40
Questa tecnica, rappresenta una versione migliorata della precedente che introduce un
attenuazione che dipende dalla frequenza e che non viene applicata a bassa frequenza, ma solo
a frequenze pi elevate ma comunque inferiori alla frequenza di attraversamento f
c
. Questa
tecnica molto diffusa e non richiede piedini addizionali perch la rete di compensazione si
collegata semplicemente al morsetto non invertente.

Fig. 31 - Compensazione per ritardo dingresso

Compensazione con polo dominante

Questa tecnica si basa sullintroduzione di un ulteriore polo nella risposta ad anello aperto ad
una frequenza abbastanza bassa per assicurare una pendenza costante di 20db/decade e
quindi uno sfasamento di 90 fino alla frequenza f
c
. Questa tecnica, per essere implementata
esternamente allamplificatore, richiede la presenza di un piedino del circuito integrato
dedicato collegato, internamente, ad un punto del percorso del segnale che collega lo stadio di
ingresso al secondo stadio.


Fig. 32 - Compensazione mediante polo dominante
G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-41

3. Circuiti lineari con amplificatori operazionali

3.1 Amplificatore sommatore

R
n
R
0
R2
R
1
I
V
u
V
1
V
2
V
n

Fig. 33 - Amplificatore Sommatore
n
n
R
V
R
V
R
V
I + + + = ...
2
2
1
1


|
|
.
|

\
|
+ + + =
n
n
u
R
V
R
V
R
V
R V ...
2
2
1
1
0


|
|
.
|

\
|
+ + + =
n
n u
R
R
V
R
R
V
R
R
V V
0
2
0
2
1
0
1
... (3.1)
G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-42

3.2 Amplificatore differenziale

R
1
R4
R
2
V
1
R
3
V
2
V
0
V*

Fig. 34 - Amplificatore Differenziale

4 3
4 2 *
R R
R V
V
+

=

Applicando il principio della sovrapposizione degli effetti indichiamo con
2
V il contributo dato da
2
V in uscita quando
1
V non presente

1
2 1
4 3
4 2
2
R
R R
R R
R V
V
+

=
indichiamo poi con
1
V il contributo dato da
1
V in uscita quando
2
V non presente
1
2
1 1
R
R
V V =

1
2 1
4 3
4 2
1
2
1 2 1
R
R R
R R
R V
R
R
V V V V
o
+

+ = + = (3.2)
Ponendo nella (3.2)
1
2
1
R
R
A = (3.3a)

1
2 1
4 3
4
2
R
R R
R R
R
A
+

+
= (3.3b) ottengo:

2 2 1 1
V A V A V
o
+ = (3.4)

Nella (3.4) V
0
= f(V
1
, V
2
) mentre per lanalisi dellamplificatore differenziale

opportuno esprimere V
0
= f(V
d
, V
c
) dove:

1 2
V V V
d
= (segnale differenziale) (3.5)
G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-43
2
2 1
V V
V
c
+
= (segnale di modo comune) (3.6)
A tale scopo dobbiamo esprimere V
1
=f(V
d
, V
c
) e V
2
=f(V
d
, V
c
)

= +
=
c
d
V V V
V V V
2
2 1
1 2


Sommando membro a membro

c d
V V V V V V 2
2 1 1 2
+ = + +

2
2
2
c d
V V
V
+
=
(3.7)

Sottraendo membro a membro

c d
V V V V V V 2
1 2 1 2
=

2
2
1
d c
V V
V

=
(3.8)

Sostituendo la (3.7) e la (3.8) nella (3.4) si ha:


|
.
|

\
| +
+ |
.
|

\
|
=
2
2
2
2
2 1
c d d c
o
V V
A
V V
A V

c
d d
c o
V A
V A V A
V A V +

+ =
2
2 1
1
2 2


( )
2 1
1 2
2
A A V
A A
V V
c d o
+ + |
.
|

\
|
=

ponendo
d
A
A A
=

2
1 2
(3.9a) ed
c
A A A = +
2 1
(3.9b) si ha:

c c d d o
A V A V V + = (3.10)

I termini A
d
e A
c
sono detti rispettivamente amplificazione di modo differenziale e amplificazione
di modo comune.
Il rapporto A
d
/A
c
rappresenta una cifra di merito dellamplificatore chiamata rapporto di reiezione
di modo comune (Common Mode Rejection Ratio, CMRR) che di solito espressa in dB:

CMRR =
c
d
A
A
10
log 20 (3.11)
G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-44

Per far si che questa struttura funzioni da amplificatore differenziale puro (CMRR = ) necessario
che:

0 0
2 1
= + = A A A
c
(3.12)


0
1
2 1
4 3
4
1
2
=
+

+
+
R
R R
R R
R
R
R


4 3
2 1
4 2
R R
R R
R R
+
+
=

4
4 3
2 1
2
R
R R
R R
R
+
+
=
1
4
4 3
2
2 1
=
+
+
R
R R
R
R R


1
1
1
4
3
2
1
=
+
+
R
R
R
R
che vera se
4
3
2
1
R
R
R
R
= (3.13)

Abbiamo dimostrato che per avere una reiezione di modo comune infinita sufficiente che sia
verificata la (3.13) e non necessariamente che
3 1
R R = e che
4 2
R R = .
Se si desidera, in aggiunta alla reiezione di modo comune infinita, annullare anche loffset dovuto
alle correnti di bias necessario che siano verificate entrambe le seguenti condizioni:

= CMRR
R
R
R
R
4
3
2
1
(3.13)

0
2 1
2 1
4 3
4 3

=
+

Ibias
os
V
R R
R R
R R
R R
(3.14)


Poniamo la (3.14) nella forma seguente:

1 1
2
1
1
4
3
3
+
=
+
R
R
R
R
R
R
e tenendo presente la (3.13)
4
3
2
1
R
R
R
R
= otteniamo:

G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-45
1 1
2
1
1
2
1
3
+
=
+
R
R
R
R
R
R
che verificata se:

3 1
R R = (3.15a)

e di conseguenza
2 4
R R = (3.15b).

Se poniamo nella (3.2)
4
R =
2
R ed
3
R =
1
R si ha:

1
2
1 2
1
2 2
1
2
1
) (
R
R
V V
R
R V
R
R
V V
o
=

+ =
(3.16)



Consideriamo ora una situazione reale nella quale i rapporti dei resistori non sono uguali ed
indichiamo con la differenza relativa tra i due rapporti e cio:

( ) = 1
1
2
3
4
R
R
R
R
(3.17)


Analizziamo leffetto dello sbilanciamento dei resistori sul CMRR; per poterlo fare dobbiamo
determinare A
d
e A
c
come funzioni di R
1
,R
2
, .

Riscriviamo la (3.9a)

2
1 2
A A
A
d

= (3.9a)

Sostituendo nella (3.9a) le (3.3a) e (3.3b) otteniamo:

+
+

+
=
1
2
1
2 1
4 3
4
2
1
R
R
R
R R
R R
R
A
d
che pu essere posta nella forma:

+
+

+
=
1
2
1
2 1
3
4
3
4
1
2
1
R
R
R
R R
R
R
R
R
A
d
(3.18)

Sostituendo la (3.17) nella (3.18) si ottiene:

( )
( )

+
+

+

=
1
2
1
2 1
1
2
1
2
1 1
1
2
1
R
R
R
R R
R
R
R
R
A
d



G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-46


( )
( )

+
+

= 1
1 1
1
2
1
1
2 1
1
2
1
2
R
R R
R
R
R
R
A
d

=
( )( )
( )

+
+
+
1
1
1
2
1
2 1
2 1
1
2

R R
R R
R
R



A
d
=
( )( ) ( )
( )

+
+ + +


1
1 1
2
1
2 1
2 1 2 1
1
2
R R
R R R R
R
R
=
( )

+
+ + +


1 2
1
2 1
2 2 1 2 1 2 1
1
2
R R
R R R R R R R
R
R


A
d
=
( )

+
+


1
2 2 2
2
1
2 1
2 1 2 1
1
2
R R
R R R R
R
R
(3.19)

Riscriviamo la (3.9b)

2 1
A A A
c
+ =

(3.9b)

Sostituendo nella (3.9b) le (3.3a) e (3.3b) ottengo:

+
+ =
1
2 1
4 3
4
1
2
R
R R
R R
R
R
R
A
c

che pu essere posta nella forma:

+
+ =
1
2 1
3
4
3
4
1
2
1
R
R R
R
R
R
R
R
R
A
c
(3.20)



Sostituendo la (3.17) nella (3.20) si ottiene:


( )
( )

+

+ =
1
2 1
1
2
1
2
1
2
1 1
1
R
R R
R
R
R
R
R
R
A
c






( )
( )

+
+

+ =
1
2 1
1
2
1
2
1 1
1
1
R
R R
R
R
R
R
A
c

=
( )( )
( )

+
+
+

1
1
1
2 1
2 1
1
2
R R
R R
R
R

G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-47


A
c
=
( )( ) ( )
( )

+
+


1
1 1
2 1
2 1 2 1
1
2
R R
R R R R
R
R
=
( )

+
+ +


1
2 1
2 2 1 2 1 2 1
1
2
R R
R R R R R R R
R
R


A
c
=
( )

1
2 1
1
1
2
R R
R
R
R
(3.21)




1
2
1
2
1
2
1
2 1 2 1
1
2
1
2 2 2
2
1 R
R
R
R
R
R
R
R R R R
A
A
c
d
+

+
=

+
=
(3.22)




CMRR =

1
2
10 10
1
log 20 log 20
R
R
A
A
c
d
+
(3.23)

Indicando con p la tolleranza percentuale delle resistenze e p
r
la tolleranza relativa si ha:

d x
d x x
r
R
R R
p

=
(3.24))

100

=
d x
d x x
R
R R
p
(3.25)

dove R
xd
il valore desiderato del resistore ed R
x
il valore realmente disponibile (cio affetto da
errore) dello stesso resistore.
Per esempio per resistori all1% di tolleranza p=1 e pr=0.01)
Riscriviamo la (3.17)

( ) = 1
1
2
3
4
R
R
R
R
(3.17) che pu essere posta nella forma:

2
1
3
4
1
2
R
R
R
R
R
R

|
|
.
|

\
|
= (3.26)

Assumendo di voler fissare
4
R =
2
R =R
A
ed
3
R =
1
R =R
B
determiniamo il valore massimo di
considerando la condizione di massimo squilibrio delle resistenze che si verifica quando, per
esempio, il rapporto R
2
/R
1
assume il valore massimo nellintervallo di tolleranza ed il rapporto
R
4
/R
3
assume il valore il minimo.

G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-48
min
2
1
min
3
4
max
1
2
max
R
R
R
R
R
R

|
|
.
|

\
|
= (3.27)

Usando la (3.24) determiniamo R
A
in termini di R
Ad
, e p
r

d A r d A A
R p R R =

( )
r Ad A
p R R + = 1

Lo scostamento del valore vero da quello desiderato pu essere ovviamente positivo o negativo e
quindi:

( )
r Ad A
p R R + = 1
max

( )
r Ad A
p R R = 1
min


( )
( )
r Bd
r Ad
p R
p R
R
R

+
=
1
1
max
1
2

( )
( )
r Bd
r Ad
p R
p R
R
R
+

=
1
1
min
3
4


( )
( )
( )
( )
( )
( )
( ) ( )
( ) ( )
( )
( )
r Ad
r Bd
r r Bd
r Ad r Ad
r Ad
r Bd
r Bd
r Ad
r Bd
r Ad
p R
p R
p p R
p R p R
p R
p R
p R
p R
p R
p R
+

+
+
=
+


+
=
1
1
1 1
1 1
1
1
1
1
1
1
2 2
max



( ) ( ) ( )
2 2 2
2 2
max
1
4
1
4
1
2 2
r
r
r Ad
r Ad
r Ad
r Ad r Ad Ad r Ad r Ad Ad
p
p
p R
p R
p R
p R p R R p R p R R
+
=

+
+ + +
=


Considerando che p
r
<<1 si ha:

r
p 4
max
(3.28)

Lamplificatore differenziale basato sullimpiego di un singolo amplificatore operazionale presenta
i seguenti limiti di impiego:

Difficolt a garantire leguaglianza dei resistori; gli scostamenti nei valori dei resistori
penalizzano la reiezione di modo comune e la capacit di bilanciamento delloffset.
Necessit di imporre guadagni unitari o comunque vicini allunit; in questo modo diventa
pi facile garantire leguaglianza dei resistori. Infatti se i resistori sono uguali e sono stati
realizzati con un opportuno processo costruttivo (per elevate accuratezze i costruttori
prevedono anche una fase di verifica e selezione per ogni singolo elemento), anche in
presenza di variazioni della temperatura ambiente presenteranno il medesimo drift
garantendo differenze minime nei valori delle resistenze.
Se il guadagno unitario verranno riportati in uscita non amplificati tutti gli errori dovuti
alle imperfezioni delloperazionale (tensione di offset, offset delle correnti di bias, CMRR
delloperazionale) e agli scostamenti residui dei 4 resistori. Tali scostamenti generano in
ingresso alloperazionale tensioni differenziali indesiderate dovute alla insufficiente
compensazione delle correnti di bias e alla limitata reiezione delle tensioni di modo
comune (CMRR relativo al bilanciamento dei resistori); se invece il guadagno non
unitario tutte queste componenti derrore vengono riportate in uscita amplificate.
Impedenze di ingresso troppo basse per una connessione diretta con sensori e trasduttori.
G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-49

3.3 Amplificatore per strumentazione

Lamplificatore differenziale, analizzato nel precedente paragrafo, costituisce la base della maggior
parte di amplificatori differenziali per strumentazione (i cosiddetti instrumentation amplifier) che
consenteno di superare i problemi dellamplificatore differenziale basato su un solo operazionale.
Linstrumentation amplifier basato sullimpiego di tre amplificatori operazionali.

R
3
V
1
V
0
R
1
R
3
V
2
R
1
R
2
A
Rx
B
V
1
V
2
R
2

Fig. 35 - Instrumentation amplifier
Determiniamo
2
V e
1
V applicando il principio di sovrapposizione degli effetti (V
2
attivo e V
1

cortocircuitato e viceversa).

(3.29)

x x
R
R
V
R
R
V V
3
2
3
1 1
1
|
|
.
|

\
|
+ = (3.30)

Vediamo come un segnale differenziale viene amplificato dai due amplificatori di front-end
determinando dalle (3.29) e (3.30) il segnale differenza
2
V -
1
V

x x x x x x x x
R
R
V
R
R
V V
R
R
V
R
R
V V
R
R
V
R
R
V
R
R
V
R
R
V V V
3
2
3
1 1
3
1
3
2 2
3
2
3
1
3
1
3
2 1 2
1 1 + + = +
|
|
.
|

\
|
+
|
|
.
|

\
|
+ =

|
|
.
|

\
|
+ =
|
|
.
|

\
|
+
|
|
.
|

\
|
+ =
x x x
R
R
V V
R
R
V
R
R
V V V
3
1 2
3
1
3
2 1 2
2
1 ) (
2
1
2
1 (3.31)

x x
R
R
V
R
R
V V
3
1
3
2 2
1
|
|
.
|

\
|
+ =
G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-50
Vediamo come un segnale di modo comune viene amplificato dai due amplificatori di front-end
determinando dalle (3.29) e (3.30) il segnale di modo comune
2
V +
1
V


= +
1 2
V V
x x x x
R
R
V
R
R
V
R
R
V
R
R
V
3
2
3
1
3
1
3
2
1 1
|
|
.
|

\
|
+ +
|
|
.
|

\
|
+
1 2
3
2
3
1 1
3
1
3
2 2 1 2
V V
R
R
V
R
R
V V
R
R
V
R
R
V V V V
x x x x
+ = + + + = + (3.32)

Come chiaramente visibile il terzo operazionale implementa un amplificatore differenziale di base
e quindi possiamo scrivere:

( )
1
2
1 2 0
R
R
V V V = (3.33)

Sostituendo la (3.31) nella (3.33) si ottiene:

1
2 3
1 2 0
2
1 ) (
R
R
R
R
V V V
x

|
|
.
|

\
|
+ = (3.34)


Caratteristiche dellamplificatore per strumentazione

Elevata impedenza di ingresso ( i segnali dingresso sono applicati entrambi al morsetto
non invertente)

Possibilit di imporre un guadagno anche molto elevato (tipicamente fino a 1000) e
affidando la maggior parte di esso ai due amplificatori di front-end che consentono peraltro
di modificarlo agendo su un singolo elemento Rx; il terzo operazionale implementa un
amplificatore differenziale di base e come gi visto precedentemente dovr operare
preferibilmente con guadagno unitario o comunque vicino allunit

Abbattimento degli offset: i due operazionali dello stadio di ingresso sono simmetrici e
quindi si pu assumere che Voffset
1
Voffset
2
; facendo lavorare loperazionale dello stadio
di uscita a guadagno unitario eventuali piccoli scostamenti tra Voffset
1
e Voffset
2
non
saranno riportati in uscita non amplificati; la CMRR dello stadio di uscita pu essere
utilizzata per abbattere leffetto degli offset dello stadio di ingresso che rappresentano per
lo stadio di uscita un segnale di modo comune

Reiezione di modo comune: affidata solo alloperazionale dello stadio di uscita che
lavora in una configurazione tale da offrire la migliore reiezione. Infatti dalla (3.30) si vede
che la tensione di modo comune applicata allo stadio di ingresso dellamplificatore per
strumentazione (costituito dai due amplificatori di front-end) viene trasferita inalterata in
ingresso allo stadio di uscita.




G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-51

3.4 Integratore

3.4.1 Configurazione ideale

C

Fig. 36 - Integratore in Configurazione ideale


Loperazionale lavora a loop aperto per le componenti continue. Dal momento che
6
10 = a
bastano 10V in ingresso per produrre in uscita (a regime) 10V; nella realt Vi>10V (basti
pensare alla tensione di offset delloperazionale, ad una possibile componente continua della
sorgente, ecc..) e quindi in poco tempo avr lintegratore saturato.

Sono di seguito presentate due possibili implementazioni di integratori, in grado di funzionare bene
a frequenze sufficientemente alte, mentre a basse frequenze (al di sotto delle centinaia di Hertz)
necessario utilizzare un integratore numerico.


Soluzione A

C
R
1
R

Fig. 37 - Integratore in Configurazione reale Soluzione A
G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-52
R
C
R
C
R
A

1
1
1
1
+

= (3.35)

lintegratore funziona correttamente per frequenze tali che:

1
1
R
C
<<

(3.36)

infatti in questo caso la (3.35) diventa

CR R C
A

1 1 1
= = (3.37)

Pi in generale questo integratore funziona bene solo se sono valide tutte e tre le seguenti
condizioni:

C
R

1
1
>> (3.38a)

R R
1
(3.38b)

0 //
1
R R (3.38c)


(3.38a) Questa condizione facilmente valida solo per alte frequenze; per basse frequenze vale solo
con valori di resistenza R
1
molto elevati.

(3.38b) Questa condizione serve ad imporre il minimo guadagno possibile per evitare valori elevati
delle tensioni di offset in uscita.

(3.38c) Questa condizione serve a minimizzare la tensione di modo comune che presente sui
morsetti di ingresso delloperazionale a causa delle correnti di bias; infatti la tensione di modo
comune V
cm
fa aumentare la tensione di offset V
os
perch la CMRR delloperazionale non infinita.

La condizione (3.38c) in contrasto con linsieme delle condizioni (3.38a e 3.38b).Per abbassare la
frequenza di funzionamento devo impiegare un operazionale con basse correnti di bias
(operazionale a FET); in questo caso possibile non rispettare la condizione (3.38c).
Infatti se il parallelo R
1
//R deve essere piccolo ed R R
1
, allora sia R
1
che R devono essere piccole
e quindi la condizione (3.38a) pu essere verificata solo a frequenze elevate.
In definitiva dunque la soluzione A non in grado di offrire buone prestazioni neanche se ci si
limita ad operare a frequenze non basse perch per assicurare un comportamento da integratore
devo far valere la (3.38a) e questo significa che R
1
deve essere di valore elevato, devo mantenere
basso il parallelo R
1
//R per minimizzare gli effetti delle correnti di bias e questo significa che R
deve essere di basso valore; di conseguenza si costretti ad operare con un guadagno in continua
almeno pari a 100, e questo implica un amplificazione per lo stesso fattore delloffset trasferito in
uscita.
G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-53

Soluzione B
La configurazione presentata nella soluzione B pu operare da integratore sempre solo a frequenze
non basse ma, rispetto alla soluzione A, non richiede limpiego di un valore elevato per il resistore
(R/2 +R/2) in parallelo a C.


Fig. 38 - Integratore in Configurazione reale Soluzione B
Infatti se si assume che per le frequenze di impiego 0
1
1

C
il circuito diventa il seguente :
C
R
R/2
R/2
R/2

Fig. 39 - Circuito equivalente della Soluzione B a frequenze di impiego elevate

Considerando che:

La R/2 riportata in ingresso non ha nessun effetto in quanto in essa non circola corrente.

La R/2 in uscita (in parallelo al carico) se non eccessivamente bassa non sovraccarica
luscita.

Posso scegliere una resistenza R di valore piuttosto basso; ad esempio se scelgo R=10K la R/2 in
uscita sar pari a 5 K e quindi sar un carico tollerabile. In questo modo loperazionale in
continua lavora a guadagno unitario e la V
cm
in ingresso alloperazionale derivante dalle correnti di
bias assume bassi valori.
Il circuito funziona a frequenze non basse da integratore (in accordo alla relazione
CR
A

1
= )
anche per valori non elevati di R/2; con questa configurazione posso quindi ridurre a sufficienza il
valore di R in modo da non avere problemi di offset.
C
R/2
R
R/2
C1
R/2
G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-54

3.5 Generatori di tensioni e correnti di riferimento

Tutti i circuiti elettronici richiedono limpiego di generatori di tensioni e correnti continue
stabilizzate non solo per lalimentazione dei dispositivi elettronici (come gli amplificatori
operazionali che tipicamente richiedono una tensione duale +/-15V) ma anche per la generazione di
tensioni o correnti di riferimento che consentono si effettuare operazioni di condizionamento dei
segnali come ad esempio la correzione di un offset di tensione o corrente.
Un generatore ideale di tensione deve essere in grado di fornire un tensione costante per qualunque
valore della corrente e questo comporta che la caratteristica I-V deve essere una retta parallela
allasse I (Fig. 40a); applicando il teorema di Thevenin si ha che il circuito equivalente ha una
impedenza serie nulla.
Un generatore reale di tensione continua stabilizzata presenta una caratteristica I-V che si avvicina a
quella del generatore ideale di Fig. 40a solo per un intervallo limitato del valore di corrente che
chiamato range di correnti ammesse dal generatore reale di tensione.
Un generatore di corrente ideale deve essere in grado di fornire una corrente costante per qualunque
valore della tensione e questo comporta che la caratteristica I-V deve essere una retta parallela
allasse V (Fig. 40b); applicando il teorema di Norton si ha che il circuito equivalente ha una
impedenza parallela infinita.
Un generatore reale di corrente continua stabilizzata presenta una caratteristica I-V che si avvicina a
quella del generatore ideale di Fig. 40b solo per un intervallo limitato del valore di tensione che
chiamato range di tensioni ammesse dal generatore reale di corrente.


Fig. 40 - Caratteristica I-V generatori di tensione (a) e corrente (b)

Consideriamo un generatore di tensione che riceve in ingresso una tensione di linea V
i
che deve
generare una tensione costante V
0
sul carico sostenendo una corrente I
L
.

V
o
Generatore
di
Tensione
V
i
I
L


Le prestazioni del generatore di tensione sono valutate attraverso i seguenti parametri:

Regolazione di linea
Vi
V

0
(3.39)

G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-55
Regolazione di carico
L
I
V

0
(3.40)

Coefficiente di temperatura
T
V
TC

0
(3.41)

Stabilit a lungo termine che espressa solitamente in ppm/1000ore



3.5.1 Generatori di tensioni di riferimento a diodo zener

Il metodo pi semplice per generare una tensione relativamente stabile a partire da una non stabile
quella basato sullimpiego di un diodo zener con una resistenza in serie come mostrato nella figura
seguente.


Fig. 41 - Caratteristica diodo zener (a) e circuito applicativo di base (b)

Dalla caratteristica del diodo zener, mostrata in Fig. 41(a), si vede che aumentando la tensione di
polarizzazione inversa di un diodo zener si raggiunge un valore V
zk
in corrispondenza del quale la
corrente inversa aumenta rapidamente portandosi da valori bassissimi (ordine del pA o nA) a valori
significativi (decine di mA) dipendenti dal resistore R
s
di limitazione. La caratteristica I-V in questa
regione (detta di scarica inversa) quasi rettilinea e molto ripida assicurando cos piccole variazioni
della tensione ai capi del diodo zener anche in presenza di significative variazioni della corrente;
questa caratteristica viene utilizzata per ottenere tensioni stabili.
Per ottenere una tensione perfettamente stabile la caratteristica dovrebbe essere perfettamente
verticale; infatti in tal caso si avrebbe sempre la stessa caduta di tensione ai capi del diodo per
qualunque valore di corrente. La caratteristica reale ha invece una pendenza finita pari a:

z
z
I
V

= r
z
(3.42)

la (3.42) ci dice che la V
z
non costante ma dipende dalla corrente I
z
e dalla resistenza dinamica r
z
del diodo zener; quanto pi r
z
piccola tanto pi il comportamento si avvicina a quello di un diodo
ideale (valori tipici vanno da qualche decina a qualche centinaia di ohm.
La caratteristica del diodo zener nella regione di scarica inversa pu essere espressa come:

G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-56
z z zk z
I r V V + =
(3.43)

I diodi zener sono specificati con un valore V
z
che il dispositivo presenta quando dissipa una
potenza che tipicamente il 50% di quella nominale dissipabile. Il diodo zener per offrire una bassa
resistenza dinamica deve essere percorso da una corrente inversa sufficiente a garantirne il
funzionamento sempre allinterno della regione di scarica inversa; questa condizione non pu essere
rispettata facilmente con il circuito di Fig. 41(b) perch la corrente nel diodo zener dipende non solo
dalla tensione di ingresso V
i
ma anche dal carico, la cui impedenza non necessariamente costante.
Sar quindi necessario scegliere una resistenza R
s
allinterno di un range opportuno.
In particolare R
s
dovr avere un valore massimo tale da assicurare la circolazione nel diodo di una
corrente non inferiore a quella minima I
zmin
quando V
i
al minimo e I
L
massima (minima
impedenza di carico) e quindi R
smax
dovr essere pari a:

max min
min min
max
L z
z z zk i
s
I I
I r V V
R
+

= (3.44)

Il valore minimo di R
s
dovr invece essere determinato considerando V
i
al valore massimo, una
corrente di carico nulla, e una corrente nel diodo zener pari alla massima ammessa.

max
max max
min
z
z z zk i
s
I
I r V V
R

= (3.45)

Per valutare le prestazioni del circuito di fig. 41(b) necessario determinare la V
0


L s z s i
I R I R V V =
0
(3.46)

considerando che
z
zk
z
r
V V
I

=
0
(3.47) sostituendo la (3.47) nella (3.46) si ha:

L s
z
zk
s i
I R
r
V V
R V V
|
|
.
|

\
|
=
0
0


L s
z
zk
s i
z
s
I R
r
V
R V
r
R
V + =
|
|
.
|

\
|
+ 1
0


L
s z
z
s
s z
z
z
zk
s
s z
z
i
I
R r
r
R
R r
r
r
V
R
R r
r
V V
|
|
.
|

\
|
+

|
|
.
|

\
|
+
+
|
|
.
|

\
|
+
=
0


( )
L s z zk
z s
s
i
z s
z
I R r V
r R
R
V
r R
r
V //
0

+
+
+
= (3.48)



Regolazione di linea
Vi
V

0
=
z s
z
r R
r
+
(3.49)

G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-57

Regolazione di carico
L
I
V

0
= -
s z
R r // (3.50)

Non si riesce ad avere allo stesso tempo una buona regolazione di carico e di linea; infatti se
diminuisco R
s
miglioro la regolazione di carico ma peggioro quella di linea. Inoltre se scelgo un
valore pi basso per R
s
avr correnti maggiori nel diodo zener.
Questo circuito non offre buone prestazioni soprattutto quando il carico richiede una potenza non
bassissima e caratterizzata da grosse variazioni; infatti per avere una buona regolazione di carico,
come indicato dalla (3.50), la R
s
deve essere la minima possibile e questo comporta, in
corrispondenza di un carico non trascurabile e variabile, anche notevoli variazioni della corrente
circolante nel diodo zener con conseguenti variazioni significative della sua temperatura e quindi
della V
z
; inoltre bassi valori di R
s,
come si pu vedere dalla (3.49), penalizzano la regolazione di
linea.
Limpiego di un amplificatore operazionale, come nel circuito mostrato nella figura seguente,
consente di migliorare notevolmente le prestazioni del circuito di Fig. 41(b).



Fig. 42 - Generatore di tensione di riferimento basato su LM385 e amplificatore operazionale
Loperazionale impiegato in configurazione non invertente consentendo cos di disaccoppiare
perfettamente il circuito di stabilizzazione dal carico; la regolazione di carico del generatore di
tensione complessivo coincide con limpedenza di uscita dellamplificatore operazionale ad anello
chiuso che vale:

Regolazione di carico
ab
z
+

1
0
(3.51)


Dove z
0
ed a sono rispettivamente limpedenza duscita e lamplificazione ad anello aperto e
b=R
1
/(R
1
+R
2
).
Modificando il guadagno dellamplificatore si ha la possibilit di variare il valore della tensione in
uscita al generatore di riferimento; ad esempio il guadagno nel LM385 pari a 4 e questo consente
di avere in uscita una V
0
pari a 10V con un diodo di riferimento di 2.5V.
G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-58
Per migliorare anche la regolazione di linea si pu utilizzare il circuito della figura seguente dove il
diodo viene alimentato non dalla V
i
ma dalla tensione stabilizzata V
0
; in questo modo si evita che le
variazioni di V
i
abbiano un effetto su V
z
.




Fig. 43 - Generatore di tensione di riferimento autoregolato
E interessante vedere come questo circuito si inizializza correttamente. Essendo il terminale 4 di
alimentazione negativa dellamplificatore operazionale connesso al potenziale di massa, il terminale
6 di uscita si trova allaccensione del circuito ad una piccola tensione (100200mV) sopra il
potenziale di massa e questa piccola tensione corrisponde alla tensione di saturazione dello stadio di
uscita. Questa piccola tensione non sufficiente a portare il diodo zener nella regione di scarica
inversa e quindi la tensione V
p
sul terminale 3 coincide con la tensione V
0
. La tensione V
n
sul
terminale 2 invece minore di V
0
perch 1
2 1
1
<
+ R R
R
e quindi V
0
= aV
d
= a(V
p
- V
n
) tende a salire
e sale fino a quando
z
V
R R
R
V =
+

2 1
1
0
ossia fino a quando
1
2 1
0
R
R R
V V
z
+
=

3.5.2 Generatori di correnti di riferimento

Un generatore di corrente di riferimento pu essere ottenuto, come indicato nella figura seguente,
impiegando un generatore di tensione di riferimento, un resistore di precisione, ed un inseguitore di
tensione.

G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-59

Fig. 44 - Generatore di corrente di riferimento
Linseguitore di tensione consente di tenere il morsetto comune del generatore di riferimento di
tensione al potenziale del terminale di uscita del resistore ma nello stesso tempo assicura che la
corrente nel resistore coincida con quella nel carico. Questo si traduce nel poter scrivere la seguente
relazione:

R
V
I
rif
=
0
(3.52)

La I
0
dipende solo da V
rif
e da R e non dal carico; se varia limpedenza di carico varia
conseguentemente la V
p
dellinseguitore di tensione che a sua volta fa traslare in alto o in basso la
tensione di uscita del generatore di riferimento , assicurando una tensione costante e pari alla
tensione del generatore di riferimento ai capi della resistenza R. Questo generatore di corrente di
riferimento non pu ovviamente funzionare per qualsiasi valore del carico; la resistenza di carico
infatti non pu crescere oltre un determinato valore che dipende dalla corrente I
0
, da V
rif
, e dalla
tensione di alimentazione V
i
. Ad esempio se V
i
=15V, V
rif
=10V e la resistenza di carico e la I
0
sono
tali da dover avere una V
p
pari a 6 V, il generatore di tensione non pu funzionare correttamente
perch dovrebbe generare 10V con un alimentazione di 9V.

G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-60

3.6 Convertitori tensione-corrente e corrente-tensione

Il convertitore tensione-corrente (convertitore V-I), detto anche generatore di corrente controllato in
tensione, fornisce una corrente in uscita I
0
in corrispondenza di una tensione in ingresso V
i
. Una
versione molto semplice del convertitore tensione-corrente quella con carico flottante (riportata
nella figura seguente); questa configurazione non pu essere adottata quando uno dei terminali del
carico gi vincolato.



Fig. 45 - Convertitori tensione-corrente invertente e non invertente con carico flottante


Una configurazione molto nota del convertitore tensione-corrente quella riportata nella figura
seguente che consente il pilotaggio di un carico con uno dei terminali a massa.

R
2
V
i
Rc
V
0
V
L
R
3
R
4
R
L
V
L
I
0
R
1

Fig. 46 - Convertitore tensione-corrente invertente con carico a massa

0
I R V V
C o L
= (3.53)

G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-61
3
4
0
4 3
3 0
4 3
3
1
) ( ) (
R
R
I R V
R R
R I R V
R R
R V
V
c o c o L
L
+

=
+

=
+

= (3.54)
|
|
.
|

\
|
+
+

+ =
1
2
3
4
0
1
2
0
1
1
) (
R
R
R
R
I R V
R
R
V V
c o
i


se
3
4
1
2
R
R
R
R
= si ha:


0 0
1
2
0
I R V
R
R
V V
c i
+ =

|
|
.
|

\
|
=
c
i
R R
R
V I
1
1
2
0
(3.55)


La resistenza R
c
pu essere scelta sufficientemente piccola in modo da dover dissipare una potenza
accettabile.

3.6.1 Esempio di convertitori tensione corrente e corrente - tensione
3.6.1.1 Trasmettitore 4-20mA

1K
V
2
10V
V
1
REF-01
12.5K
50K

Fig. 47 - Stadio di ingresso di un trasmettitore 4-20mA


1
3
3
1
3
3
2
08 . 0 2 . 0
10 5 . 12
10
10 50
10
10 V V V =

=

G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-62
1K
V
2
10V
V
1
REF-01
12.5K
50K
R
2
Rc
V
0
V
L
R
3
R
4
R
L
V
L
I
0
R
1

Fig. 48 - Trasmettitore 4-20 mA
|
|
.
|

\
|
=
c
R R
R
V I
1
1
2
2 0
e ( )
1 2
08 . 0 2 . 0 V V + =

( )
|
|
.
|

\
|
+ =
c
R R
R
V I
1
08 . 0 2 . 0
1
2
1 0
se 1
1
2
=
R
R
e = 50
C
R
( )
1
3 3 1
0
10 6 . 1 10 4
50
08 . 0 2 . 0
V
V
I + =
+
=




3.6.1.2 Ricevitore 4-20mA

Una soluzione tipicamente impiegata per il ricevitrore 4-20 mA quella basata su un amplificatore
differenziale a guadagno unitario che legge la tensione ai capi di un resistore di precisione
attraverso il quale viene fatto circolare il segnale 4-20 mA proveniente dal trasmettitore.

G. Capuano - Dispense di Elettronica Industriale Ver. 1.3 - 30 Aprile 2007

A-63
Vo
25K
25K
25K
25K 100
100
4-20mA
transmitter

Fig. 49 - Ricevitore 4-20mA
Il secondo resistore da 100 inserito in serie al resistore da 25K ha lo scopo di evitare uno
sbilanciamento dovuto alle correnti di bias dellamplificatore operazionale. Per valutare leffetto
della rete di resistori sullo sbilanciamento dellamplificatore necessario applicare il principio di
sovrapposizione degli effetti interrompendo la corrente 4-20mA e considerando solo le correnti di
bias; in questo modo infatti si pu vedere che il resistore da 100 in serie al resistore da 25K
consente di bilanciare le impedenze viste dai due morsetti dellamplificatore. Lassenza del secondo
resistore da 100 comporterebbe invece una impedenza vista dal morsetto invertente pari a
25K//25K diversa da quella vista dal morsetto non invertente che pari a (100 + 25K)//
25K.


100
0
= I V
V V
mA I
2
20 0
=
=