Sei sulla pagina 1di 1

10MAGGIO2022

CINEMA

Nouvelle Vague_1960/Free Cinema in Inghilterra molto prima-rabbia e voglia di rivoltarsi:


Critici francesi che diventano registi
Sostengono una rivolta nei confronti dei padri del cinema francese
Si ispirano al neorealismo, soprattutto Rossellini, e prendono l'immediatezza e la
spontaneità tralasciando tutto l'aspetto di finzione del cinema che snaturalizza l'espressione
immediata
La tecnica non è fondamentale, neanche i soldi per la produzione, ma l'idea e ciò che si ha
da dire [Bertolucci e Bellocchio in Italia_"I pugni in tasca" rivolta al passato a partire dalla
famiglia, trattenere la rabbia stringendo i pugni nelle tasche per nascondere]
Si ispirano anche a Hitchcock che, pur essendo in un cinema commerciale e di genere
thriller, è un autore con una visione del mondo espressa con continuità in ogni film
costruendo una poetica (elementi stilistici formali ed espressivi che ricorrono in un autore)
[Intervista di Truffaut a Hitchcock]
Politica degli autori: il film è del regista!
"La Nuova Onda", coniato da un cronista di Express, 1957. Parla con gli adolescenti e gli
chiede cosa pensano del mondo, cosa fanno, che interessi hanno e ritrae una nuova
generazione completamente distaccata da quella del dopoguerra.
Dialoga con la storia del cinema, come Godard che prendere references anche dal cinema
gangster americano, e si contamina con altri generi (postmodernismo)

Truffaut è il più sentimentale "i 400 colpi" 1959 primo film (contemporanea a Hiroshima Mon
Amour e Fino All'ultimo Respiro), molto autobiografico; Antoine Guanelle che ritorna con lo
stesso attore-bambino perciò si vede crescita- in altri film, è il suo alter ego. Cinema come
camera-stilo, cinema come scrittura (no soldi e immediatezza). Ispirato da Bazin (critico,
cos'è il cinema?) e Rossellini_CUORE
Godard è più sperimentale e modernista, riflette sul cinema e sulla rottura con le convenzioni
(si ispira a Brecht e rompe la quarta parete, non illude come Fellini)_CERVELLO

Potrebbero piacerti anche